Sei sulla pagina 1di 109

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

FACOLT DI INGEGNERIA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA





DOTTORATO DI RICERCA XVIII CICLO



COMPOSIZIONE CHIMICA E
CARATTERISTICHE DI COMBUSTIONE DEI
LIQUIDI DERIVATI DA PIROLISI DI BIOMASSE


Comitato scientifico:
Prof.ssa Colomba Di Blasi
Universit degli Studi di Napoli Federico II
Prof. Antonio DAlessio
Universit degli Studi di Napoli Federico II

Dott. Patrizio Massoli
Istituto Motori IRC Napoli

Candidata:
Ing. Paola Giudicianni


1
CAPITOLO 1
Introduzione

1.1 Principi generali sulle biomasse
Le biomasse sono combustibili solidi costituiti da tre componenti principali: fibre di cellulosa
(ca.50%) immerse in una matrice di emicellulosa (ca.25%) e lignina.
La cellulosa un polimero lineare con un grado di polimerizzazione superiore a 10000 unit
di glucosio anidro, contenente il 49% wt di ossigeno. Lemicellulosa chimicamente simile
alla cellulosa, ma ha un grado di polimerizzazione pi basso compreso fra 100 e 200 unit in
cui si alternano zuccheri anidri a 5 e a 6 atomi di carbonio. Inoltre ha un contenuto di
ossigeno pari al 54% wt. La lignina un polimero tridimensionale costituito principalmente
da fenoli il cui contenuto di ossigeno compreso fra il 12% e il 29% wt (Bridgwater et al.,
1999).
Lelevato contenuto di ossigeno fa s che il potere calorifico delle biomasse sia piuttosto basso
(19-20 MJ/Kg su base secca) rispetto a quello dei combustibili fossili (40-44 MJ/Kg). Il
confronto appare sfavorevole anche in termini volumetrici, 4.8 GJ/m3 contro 34 GJ/m3
(Bridgwater et al., 1999).
Nellambito della ricerca di fonti energetiche alternative ai tradizionali combustibili fossili,
sono state investigate varie tecnologie per lutilizzo delle biomasse. La combustione diretta
pone problemi pratici relativi al fatto che un combustibile solido sicuramente meno
maneggevole di un combustibile liquido. Il suo basso contenuto energetico su base
volumetrica e il suo significativo contenuto di potassio, causa di deposizione di ceneri durante
la combustione, rendono la combustione diretta ancora meno attraente.
Sono state sviluppate tecnologie di trasformazione delle biomasse in combustibili gassosi o
liquidi pi pregiati. A tale scopo possono essere impiegati processi termochimici o biochimici
(Maggi ed Elliot, 1997). I processi termochimici pi utilizzati sono essenzialmente due: la
pirolisi, impiegata con elevate velocit di riscaldamento per la produzione di liquidi, e la
gassificazione, per la produzione di miscele gassose combustibili.

1.2 Prodotti della pirolisi di biomasse
La pirolisi una tecnologia per mezzo della quale la biomassa viene portata ad alta
temperatura in assenza di ossigeno. In queste condizioni essa si decompone producendo
essenzialmente vapori, aerosol e piccole quantit di gas lasciando un residuo solido ricco in
2
carbonio (char). In seguito ad un processo di raffreddamento e condensazione i composti
organici condensabili formano una fase liquida scura (bio olio o tar) che ha un potere
calorifico pari a circa la met di quello dei combustibili convenzionali.
Variando le condizioni sperimentali del processo, possibile realizzare tre diversi tipi di
pirolisi: pirolisi lenta, pirolisi convenzionale, pirolisi veloce (Bridgwater et al., 1999).
La pirolisi lenta caratterizzata da velocit di riscaldamento del combustibile molto basse,
con temperature di reazione anchesse piuttosto basse (200C 350C) e con tempi di
residenza molto lunghi. Questo particolare tipo di pirolisi pu essere impiegato per produrre
elevate quantit di char (oltre il 30%).
La pirolisi convenzionale pu essere realizzata mediante moderate velocit di riscaldamento
( 20C/s) ed altrettanto moderate temperature di reazione (minori di 600C), con tempi di
residenza variabili da 10 s a 10 min. Questo secondo tipo di pirolisi d luogo a quantit
comparabili di char, gas e liquido.
La pirolisi veloce, infine, caratterizzata da velocit di riscaldamento molto alte (dell'ordine
di 100C/s), che possono essere raggiunte mediante unalimentazione a granulometria molto
fine, da tempi di residenza della fase gas molto brevi (<2 s) e da rese molto basse di char.
Le rese di gas e liquido dipendono, oltre che dal tipo di biomassa, dal tempo di residenza e
dalla temperatura allinterno del reattore (Di Blasi et al., 1999; Di Blasi et al., 2001). Si
riscontrano differenze quantitative nella resa dei prodotti tra hardwoods, softwoods e residui
agricoli. Le differenze osservate fanno dedurre che la distribuzione dei prodotti di pirolisi e la
composizione della fase gassosa sono influenzate dalla composizione chimica della biomassa
piuttosto che dalle sue caratteristiche strutturali. Mentre le propriet fisiche della biomassa
(densit) influenzano le velocit di riscaldamento e di conseguenza i tempi di conversione (Di
Blasi et al., 2001).
Il tempo di residenza influisce sul grado di avanzamento delle reazioni secondarie che portano
ad una diminuzione della resa di liquido a favore della formazione di volatili e char
secondario.
Per quanto riguarda la dipendenza dalla temperatura, la resa di liquido mostra un andamento
non monotono caratterizzato dalla presenza di un massimo intorno ai 750-800 K. Il liquido
costituito da una frazione organica e da acqua; la resa della frazione organica raggiunge un
massimo a circa 700 K (Aguado et al., 2000). Il residuo solido, invece, diminuisce
velocemente per portarsi ad un valore che si mantiene costante alle alte temperature. Un
incremento della temperatura di pirolisi determina un aumento nel contenuto di carbonio fisso
3
e ceneri e una diminuzione di materia volatile nel residuo solido (Encinar et al., 1996). Infine,
la resa della fase gassosa tende ad aumentare con la temperatura. Questo andamento dipende
dal fatto che inizialmente c una certa competizione fra le reazioni di charring e quelle di
devolatilizzazione che prendono il sopravvento ad alta temperatura. Ne segue che le rese in
liquido e gas aumentano con la temperatura, mentre diminuisce quella in char. A temperature
prossime a 750 K hanno inizio le reazioni di degradazione secondaria dei vapori di tar con
produzione di specie gassose. Questo spiega landamento costante della resa in char
riscontrato per temperature al di sopra di 750 K.

1.3 Liquidi di pirolisi
La comprensione dei meccanismi di reazione e del comportamento dei bio oli in combustione
non pu prescindere da una caratterizzazione chimico-fisica degli stessi. Sono stati condotti
numerosi studi finalizzati allanalisi chimica dei liquidi di pirolisi e alla loro caratterizzazione
molecolare in funzione della temperatura. La maggior parte di essi espone i risultati di
unanalisi puramente qualitativa che evidenzia una notevole complessit chimica.
Complessivamente sono state identificate circa 300 specie, ma solo poche di esse sono
riportate da tutti gli autori. Importanti risultati in questo senso sono stati ottenuti da Milne ed
Evans (1987) utilizzando la tecnica MBMS (Molecular Beam Mass Spectrometry), una
tecnica di analisi diretta degli effluenti gassosi e liquidi della pirolisi. La configurazione
dellapparato sperimentale permette di separare bene le zone di reazione (pirolisi primaria e
degradazione secondaria) in modo tale da poter osservare le principali trasformazioni che
avvengono nelle classi di prodotti al variare della temperatura e del tempo di residenza.
Sono state individuate tre zone di reazione, primaria, secondaria e terziaria; le variazioni nella
temperatura e nel tempo di residenza mostrano una transizione omogenea fra quattro classi di
prodotti (Evans e Milne, 1997). In fig. 1.1 riportato landamento della resa delle classi di
prodotti in funzione della temperatura di pirolisi.
1. Prodotti primari derivanti dalla degradazione della cellulosa, emicellulosa e lignina.
2. Prodotti secondari, principalmente fenoli e olefine.
3.a Prodotti terziari alchilici che includono derivati metilici di composti aromatici.
3.b Prodotti terziari condensati quali benzene, naftalene, acenaftilene, antracene e pirene.

4

Fig.1.1 Distribuzione delle classi di prodotti in funzione della temperatura di pirolisi (Evans e Milne, 1997).

Il cracking dei composti primari si traduce in un aumento della resa dei prodotti secondari e
terziari alchilici. Al crescere della temperatura, reazioni di condensazione portano alla
formazione dei condensati terziari che, in condizioni di reazione pi severe, tendono a dare
composti pi pesanti precursori del particolato.
Dallanalisi delle singole componenti della biomassa risulta che i prodotti principali della
degradazione primaria della cellulosa sono levoglucosano e idrossiacetaldeide. Il primo un
prodotto della condensazione molecolare delle unit glicosidiche formatesi in seguito alla
depolimerizzazione della cellulosa (transglicosilazione). Il meccanismo di formazione
dellidrossiacetaldeide (Antal, 1983) prevede la decomposizione dei monomeri della cellulosa
in frammenti a due e a quattro atomi di carbonio e il riarrangiamento dei frammenti a due
atomi per dare idrossiacetaldeide. Lidrossiacetaldeide ha resa elevata ad alta temperatura e
cio la sua formazione caratterizzata da unelevata energia di attivazione (Piskorz et al.,
1988). Inoltre, la produzione di glicolaldeide limitata nelle condizioni che determinano
unelevata resa di char, favorita dalla presenza di composti ionici, al contrario si ritrovano
elevate rese nelle condizioni di massimizzazione della resa di liquido e cio ad alta
temperatura dove le reazioni di rottura delle unit di glucosan sono essenzialmente di natura
omolitica.
Nella pirolisi di biomassa comunque la resa in levoglucosano bassa nonostante la
percentuale di cellulosa sia pari a ca. il 50%. Infatti la presenza di composti alcalini, anche in
piccole quantit, inibisce la formazione di levoglucosano (Piskorz et al., 1988) favorendo la
formazione di derivati del furfural, composti carbonilici a basso peso molecolare (acetaldeide
e acetolo), specie condensate ad alto peso molecolare.
I due meccanismi, transglicosilazione e rottura glicosidica, interessano anche i carboidrati
derivanti dallemicellulosa. Gli altri prodotti primari identificati (isoeugenolo, vanillina,
5
vinilguaiacolo, metil guaiacolo, guaiacolo e catecolo) sono il risultato della degradazione
primaria della lignina (Evans e Milne, 1987a).
La formazione dei prodotti primari seguita da una seconda fase caratterizzata dal cracking
dei vapori primari. Dalla decomposizione di levoglucosano si formano furano, benzene,
toluene e fenolo. I prodotti secondari della lignina sono essenzialmente aromatici a basso peso
molecolare derivanti dal cracking di metossi fenoli a pi alto peso molecolare (Evans e Milne,
1987a).
I prodotti terziari infine (aromatici pesanti) sono il risultato delle reazioni di polimerizzazione
dei composti insaturi derivati dalla olocellulosa o degli aromatici leggeri presenti fra i prodotti
primari della lignina (Evans e Milne, 1997).
Lo studio condotto da Milne ed Evans (1987b) d indicazioni sulla natura delle specie e sulle
variazioni da esse subite al variare delle condizioni sperimentali, ma presenta dei punti deboli
per quanto riguarda sia lanalisi qualitativa che quantitativa. I composti vengono inviati allo
spettrometro di massa senza essere separati, di conseguenza non possibile individuare gli
isomeri di uno stesso composto che, a causa di differenze strutturali, potrebbero essere
coinvolti in differenti meccanismi di reazione. Inoltre lidentificazione di composti simili
rappresentati da ioni di eguale peso molecolare affetta da un discreto margine di incertezza.
Infine la mancanza di calibrazioni con standard di composti noti non permette di effettuare
unanalisi quantitativa essenziale per uno studio sistematico della dipendenza della
composizione chimica dei liquidi dalle condizioni di pirolisi (temperatura, tempo di residenza,
alimentazione).
Le tecniche gascromatografiche accoppiate alla spettrometria di massa hanno consentito uno
studio sistematico sulla composizione dei bio oli portando allidentificazione di circa 300
specie (Aguado et al., 2000; Meier e Oasmaa, 2002). Per alcuni composti stato studiato
landamento quantitativo della resa in funzione della temperatura di pirolisi (Aguado et al.,
2000) per altri stata effetuata una quantificazione solo nelle condizioni tipiche della pirolisi
veloce (Meier e Oasmaa, 2002). Uno studio dettagliato della dipendenza della composizione
dei liquidi di pirolisi dalla temperatura di reazione lo si ritrova nel lavoro di Branca et al.
(2003). Anche in questo caso ci si avvalsi della tecnica GC/MS. E stato studiato
landamento delle rese in funzione della temperatura di reazione di circa 40 specie fra le 300
identificate che, insieme allacqua, costituiscono il 62-65% del liquido totale. Le specie
quantificate sono state raggruppate in sei classi: carboidrati maggiori, carboidrati minori e
furano derivanti dalla degradazione dellolocellulosa, guaiacoli, siringoli e fenoli prodotti
6
dalla degradazione della lignina. In fig.1.2 si riporta landamento della resa delle classi di
composti in funzione della temperatura.
550 650 750 850 950
0.0
0.3
0.6
0.9
1.2
1.5
1.8
Phenols
Furans
Major carbohydrates
Guaiacols
Syringols
Minor carbohydrates
y
i
e
l
d
s
,

%

w
t
T
r
[K]
5
7
9
11
13
15
y
i
e
l
d
s
,

%

w
t

Fig.1.2 Resa delle classi di prodotti nei liquidi di pirolisi in funzione della temperatura (Branca et al., 2003).

Inizialmente la resa di tutti i prodotti aumenta con la temperatura come conseguenza delle
reazioni di degradazione primaria delle componenti del legno. Le specie pi abbondanti sono
acido acetico, idrossipropanone, idrossiacetaldeide, levoglucosano, acido formico, siringolo e
2-furaldeide. La resa di idrossiacetaldeide e levoglucosano, entrambi provenienti dalla
degradazione della cellulosa, aumenta con la temperatura e dal confronto fra queste due
specie si vede che in condizioni di temperatura pi severe predomina la formazione di
idrossiacetaldeide. Questo andamento una dimostrazione della validit dei due meccanismi
competitivi proposti per la degradazione della cellulosa, rottura glicosidica (Richards, 1987) e
transglicosilazione (Shafizadeh e Chin, 1977; Shafizadeh, 1983). Il primo favorito in
condizioni di alta temperatura. Accanto a queste due specie si evidenzia la presenza di furani,
acidi carbossilici a basso peso molecolare (acido acetico e formico) e chetoni (acetolo),
prodotti di reazioni di deidratazione ed eliminazione, la cui resa aumenta fino a che non
sopraggiungono le reazioni di degradazione secondaria. Anche la resa di siringoli e guaiacoli
presenta un massimo (a circa 800 K), prova del fatto che essi rappresentano specie intermedie
soggette a degradazione secondaria. I fenoli invece costituiscono sia un prodotto primario che
secondario infatti la loro resa aumenta con la temperatura.
Questi risultati sono stati ottenuti dallanalisi di liquidi prodotti in condizioni di pirolisi
convenzionale e sono stati successivamente confrontati con i liquidi ottenuti da pirolisi veloce
forniti dal Network PyNe e gi studiati nei test Round Robin (Oasmaa e Meier, 2002). Anche
se i liquidi sono stati prodotti con tecnologie differenti, il parametro pi influente sembra
essere la natura della biomassa alimentata. La differente struttura della lignina negli
7
hardwoods e nei softwoods implica due diversi meccanismi di degradazione che portano ad
una resa maggiore di siringoli nel caso degli hardwoods e di guaiacoli nel caso dei softwoods.
Inoltre i prodotti derivanti dalla lignina sono presenti in quantit maggiore laddove,
dallanalisi elementare, risulta maggiore il contenuto di carbonio. La discrepanza fra i risultati
ottenuti e quelli pubblicati in Oasmaa e Meier (2002) dovuta allo scarso grado di
accuratezza delle quantificazioni effettuate nel secondo caso e allassenza di una tecnica
standard utilizzata dai 12 laboratori coinvolti.
Da unosservazione preliminare comunque stato possibile fare un primo confronto
sullinfluenza che il processo di produzione ha sulla composizione dei liquidi di pirolisi. La
velocit di riscaldamento pi bassa, tipica della pirolisi convenzionale, determina temperature
di reazione inferiori che favoriscono le reazioni di deidratazione e eliminazione a danno della
transglicosilazione. Il basso contenuto di idrossiacetaldeide associato allelevata resa di
char.
La tecnica di analisi GC/MS non consente lidentificazione di alcuni composti per cui la
caratterizzazione fin qui esposta non completa. La frazione non quantificata costituita
probabilmente da composti non volatili (Meier e Oasmaa, 2002), caratterizzabili con HPLC
(cromatografia liquida ad elevate prestazioni), e da lignina pirolitica, quantificabile mediante
estrazione con acqua.
La tecnica HPLC applicata allanalisi dei liquidi di pirolisi non ancora ben consolidata. Per
il momento, infatti, solo Piskorz et al. (1988) hanno utilizzato questo strumento per i liquidi
prodotti in un reattore a letto fluido in condizioni di pirolisi veloce a temperatura variabile fra
450 e 550 C. Lo studio mirava a valutare linfluenza di un pretrattamento acido della
biomassa sulla resa di solido, liquido e gas, e sulla composizione del liquido. Questo lavoro
d una prima indicazione sulle tecniche di preparazione, analisi e quantificazione del
campione liquido utilizzato. Il bio olio viene frazionato in una fase acquosa e una organica. La
fase acquosa viene quindi filtrata ed iniettata in colonna. E stato possibile individuare
composti come cellobiosan, glucosio, fruttosio, glyoxal, metil glyoxal, glicol etilenico,
formaldeide e xilitolo, non identificabili mediante GC/MS.
Quando la biomassa viene sottoposta a pirolisi veloce, circa l80% della lignina depolimerizza
e si presenta in soluzione con la fase liquida (Scholze e Meier, 2000). Tale frazione
contribuisce enormemente allinstabilit dei liquidi di pirolisi. Essa viene separata
aggiungendo olio di pirolisi ad acqua distillata in rapporto volumetrico 6:100 in un turrax
raffreddato con ghiaccio per evitare che laumento della temperatura non consenta la
8
dissoluzione completa della lignina. La parte idrofobica precipitata viene filtrata, risospesa in
acqua, lentamente miscelata per 4 ore, rifiltrata ed essiccata sottovuoto a 298 K.
La resa di lignina pirolitica negli oli analizzati varia fra 13.5 e 27.7% su base di liquido secco
e dipende dalla natura della biomassa. Lanalisi, effettuata mediante diverse tecniche, ha
messo in evidenza differenze sostanziali fra lignina estratta dalla biomassa e lignina pirolitica.
Questultima presenta un maggiore contenuto di C e un minore contenuto di O e
conseguentemente ha un potere calorifico maggiore.
Le percentuali di vanillina e siringaldeide sono ridotte mentre sono assenti alcool coniferilico,
coniferilaldeide, alcool sinapilico e sinapil aldeide a causa della rottura, durante la pirolisi,
della catena laterale propilica presente sullanello aromatico. Lanalisi dei gruppi metossilici,
idrossilici e carbonilici ha rivelato che un elevato contenuto di ossigeno favorisce la presenza
di gruppi carbonilici, mentre ininfluente nei confronti dei gruppi idrossilici e metossilici.
Questi ultimi durante la pirolisi subiscono una degradazione che li converte in metanolo, per
cui il contenuto di gruppi metossilici nella lignina pirolitica risulta minore che nella lignina
estratta da biomassa.
Il peso molecolare medio della lignina estratta 10 volte superiore rispetto a quello della
lignina pirolitica e ci dipende dallalto grado di depolimerizzazione termica che la lignina
subisce durante la pirolisi.
Dallanalisi elementare stato anche possibile ottenere una formula dellunit base della
lignina pirolitica e della lignina estratta costituita rispettivamente da 8 e 9 atomi di C. Il peso
molecolare della formula C
8
(fenil etano) maggiore negli hardwoods che nei softwoods. Il
rapporto fra il peso molecolare medio e il peso molecolare dellunit C
8
fornisce il grado di
polimerizzazione che compreso fra 4 e 9; in particolare quello dei softwoods maggiore di
quello degli hardwoods.

1.4 Combustione dei liquidi di pirolisi
I bio oli possono essere utilizzati in luogo di oli combustibili e diesel in molte applicazioni
industriali statiche per la generazione di energia elettrica quali caldaie, fornaci, motori e
turbine. Il vantaggio nellutilizzo dei bio oli consiste nel fatto che la loro combustione
produce una minore quantit di NO
x
rispetto ai combustibili tradizionali, sebbene le emissioni
di particolato siano maggiori. Gli oli a pi elevato contenuto dacqua, cio quelli meno
viscosi, determinano una maggiore produzione di fuliggine e di particolato anche se questo
aumento compensato da un basso contenuto di solido nel bio olio di partenza e una minore
produzione di NO
x
(Oasmaa e Czernik, 1999).
9
Essi hanno caratteristiche molto diverse dai tradizionali combustibili fossili. Le differenze
principali vanno ricercate nellelevato contenuto di composti ossigenati ed acqua e nella
distribuzione di pesi molecolari molto ampia. La diversa composizione chimica determina
sostanziali differenze nelle propriet fisiche quali elevata densit, viscosit e tensione
superficiale, basso pH e potere calorifico ed un intervallo di evaporazione molto ampio. Non
trascurabile la presenza nei bio oli di char e metalli alcalini (Bridgwater et al., 2002).
Le particolari propriet chimico-fisiche di questi oli determina un diverso comportamento in
combustione. Sono stati condotti vari studi sulla reattivit di tali oli in aria sia in condizioni di
controllo cinetico, sia in sistemi pi simili a quelli reali di combustione in cui la resistenza al
trasporto di calore era lo stadio limitante. In realt, attualmente mancano dati cinetici che
permettano di elaborare un modello di combustione che tenga conto sia dei meccanismi
cinetici che dei fenomeni di trasporto.
1.4.a Reattivit in aria in condizioni di controllo cinetico
Studi termogravimetrici sulla reattivit dei liquidi di pirolisi in aria sono stati condotti su
liquidi di pirolisi convenzionale prodotti al variare della temperatura di pirolisi (Branca et al.,
2005) e su liquidi di pirolisi veloce prodotti da quattro impianti commerciali (BTG,
Dynamotive, Ensyn e Pyrovac) (Branca et al., 2005). In condizioni di temperatura controllata
i liquidi di pirolisi vanno incontro ad una serie di trasformazioni che prevedono
l'evaporazione delle specie volatili con rilascio e formazione di gas e la formazione di un
residuo solido. La combustione del residuo solido non pu avvenire in condizioni di
temperatura controllata. In ogni caso stato visto che la temperatura di pirolisi non influisce
in maniera rilevante sulla dinamica della perdita di peso e sulla resa di residuo solido finale
(ca. 20% del liquido su base secca) a causa delle sottili differenze esistenti fra la
composizione di tali liquidi. Dalle curve di perdita di peso, sebbene il contenuto rilevante di
acqua mascheri le differenze nel contenuto degli altri composti a volatilit simile, stato
possibile ricavare un modello di devolatilizzazione costituito da 3 reazioni del primo ordine in
parallelo che rappresentano la devolatilizzazione di tre differenti classi di composti liquidi a
differente volatilit. Tale modello stato successivamente arricchito nel caso dei liquidi di
pirolisi veloce. In questo caso le curve termogravimetriche evidenziano sei diverse regioni
corrispondenti ad altrettante classi di composti caratterizzate da una diversa volatilit. Il
processo di produzione dell'olio induce differenze significative nella composizione chimica
dei liquidi e ci influenza la dinamica della perdita di peso e le rese di char secondario.
Quest'ultime risultano maggiori nei liquidi con pi elevato contenuto di carbonio. Anche il
char secondario, prima di ignire, subisce uno stadio di devolatilizzazione. In ogni caso la sua
10
struttura compatta, caratterizzata da pori di dimensioni notevoli, determina una reattivit
minore di quella osservata per il char primario che, invece, caratterizzato da una
microporosit molto elevata. Il modello elaborato per i liquidi di pirolisi veloce prevede tre
reazioni in parallelo associate all'evaporazione di tre classi di composti con temperatura di
evaporazione simile a quella dell'acqua, tre stadi successivi in serie rappresentativi della
devolatilizzazione dei composti pi pesanti e della formazione di char secondario e due stadi
finali associati alla devolatilizzazione e combustione del char secondario.
1.4.b Combustione
Lutilizzo dei liquidi di pirolisi nei tradizionali sistemi di combustione presenta alcuni
inconvenienti. I principali problemi riscontrati riguardano la minore efficienza e i danni al
sistema di iniezione. La minore efficienza in parte dovuta allelevata viscosit del bio olio
che determina una cattiva atomizzazione. Poich lelevata temperatura causa una
degradazione del bio olio non possibile ridurre la viscosit con un semplice riscaldamento,
pertanto si pensato di diluire il bio olio con metanolo o etanolo (Lopez e Monfort, 2000)
ottenendo buoni risultati per la combustione in turbina. Nei motori diesel sono state invece
testate emulsioni di bio olio prodotto da processi industriali (Enel e Dynamotive) in diesel
(Baglioni et al., 2001). In questo caso si sono resi necessari interventi al sistema di iniezione
(ago e foro) in quanto laccumulo di depositi causava il blocco dellago, mentre la corrosione
del foro era responsabile di una cattiva alimentazione e di conseguenza di una riduzione
dellefficienza della combustione. Poich questi fenomeni erano probabilmente dovuti alla
presenza di reazioni di polimerizzazione/carbonizzazione il problema stato attenuato
mediante un sistema di raffreddamento nella zona delliniettore.
E stato inoltre osservato che la combustione dei bio oli, contrariamente a quella del diesel,
avviene in un unico stadio ed pi lenta. Probabilmente ci dipende dalle pi basse
temperature locali dovute allelevato calore di vaporizzazione richiesto dal bio olio per la
vaporizzazione di un notevole contenuto di acqua (Shihadeh e Hochgreb, 2000).
In conclusione gli studi condotti negli ultimi anni sono indirizzati verso lupgrading dei bio
oli piuttosto che verso modifiche sostanziali dellimpianto di combustione, in modo tale da
poter ottenere prestazioni convincenti utilizzando impianti gi esistenti parzialmente
modificati. Questo obiettivo pu essere perseguito solo a valle di uno studio approfondito sui
meccanismi che intervengono nel processo di combustione e sulle propriet che ne
influenzano levoluzione.
A tale scopo sono stati effettuati test su singola goccia (300-450 m) in flusso laminare
valutando linfluenza di tre differenti parametri: il grado di cracking, determinato dalla
11
temperatura di pirolisi e dal tempo di residenza (Shaddix e Huei, 1997), il tipo di biomassa
(Wornat et al., 1994) ed il contenuto di char nel bio olio (Shaddix e Tennison, 1998). I test
sono stati effettuati utilizzando lo stesso apparato sperimentale. La temperatura allinterno del
reattore variava da 1600 K (alla sommit) a 1500 K (al fondo). Il contenuto di O2 nel gas
esausto pari al 24% molare. La velocit della goccia tale da avere un Re circa uguale a 2 al
fine di limitare gli effetti della convezione sul trasporto di materia e calore durante la
combustione (la convezione induce una diminuzione delle lunghezze e dei tempi caratteristici
del trasporto di calore e materia sia in fase gas che in fase liquida).
In ogni test sono stati osservati 4 successivi stadi di combustione:
-combustione quiescente accompagnata da fiamma blu;
-microesplosione con fiamma ad intensa luminosit;
-combustione disruptiva delle goccioline rimanenti;
-formazione di residui solidi e ossidazione.
Nello stesso apparato, una goccia di combustibile fossile brucia in modalit quiescente
producendo una fiamma blu che successivamente diventa gialla indicando la presenza di
fuliggine.
Effetto del grado di cracking (Shaddix e Huey, 1997)
E stata confrontata la velocit di vaporizzazione di un olio combustibile e di tre bio oli con
differente grado di cracking. In fig. 1.3 si riporta landamento di D
2
contro il tempo.


Fig. 1.3 Regressione superficiale della goccia in funzione del tempo di residenza (T=1600K, C
O2
=24% molare)
(Shaddix e Huey, 1997).

12
Landamento lineare osservato nel caso di oli combustibili convenzionali tipico di un
processo di combustione di una goccia a singolo componente, controllato dalla velocit di
trasferimento di calore dal fronte di fiamma alla goccia e quindi dalla velocit di
evaporazione. Landamento lineare del quadrato del diametro si ottiene considerando un
processo quasi stazionario e cio considerando la regressione della superficie talmente lenta
da poter essere suddivisa in una successione di processi stazionari. Di conseguenza lo stadio
controllante la vaporizzazione e non la diffusione in fase liquida (in fase gas lo stadio
limitante la diffusione e non la cinetica). Infatti, dopo un certo periodo di tempo, si osserva
un aumento del diametro della goccia coincidente con un restringimento della fiamma seguito
da una variazione della pendenza della retta: essendo la goccia costituita da pi componenti,
esiste una fase di riscaldamento intermedio fra levaporazione di componenti a differente
volatilit. La durata della fase quiescente e della microesplosione dipende dallorigine del bio
olio. I test mostrano un notevole effetto delle condizioni di cracking nel reattore di pirolisi
sulla fase di microesplosione. Si riscontra che un maggiore grado di cracking ritarda la fase di
microesplosione rendendo latomizzazione ad essa successiva pi efficace. Un debole
cracking determina invece una fase di quiescenza molto breve, la microesplosione genera
gocce piuttosto grandi che danno una fiamma fuligginosa e portano alla formazione di
particelle solide di coke. Le condizioni termiche, che determinano il contenuto di ossigeno
organico e di acqua, influenzano la fenomenologia della microesplosione. Lelevato contenuto
di ossigeno organico, rappresentativo di un cracking pi modesto, favorisce alle temperature
tipiche del processo di pirolisi reazioni di polimerizzazione che portano ad un aumento della
viscosit dellolio. Lelevata viscosit si oppone ad una microesplosione efficace, infatti la
bolla interna di volatili non riesce a rompere il guscio viscoso esterno. Daltra parte per le
reazioni di polimerizzazione provocano un aumento della temperatura superficiale della
goccia accelerando la microesplosione. Un maggiore contenuto dacqua determina un
aumento della velocit di combustione che segue alla microesplosione. La presenza di acqua
(maggiore nel caso di cracking pi avanzato) se da un lato riduce la viscosit dellolio
(rendendo la microesplosione pi efficace), dallaltro causa un aumento del tempo di
vaporizzazione e di conseguenza del tempo necessario al raggiungimento di una temperatura
sufficiente alla microesplosione. Non neanche trascurabile il contributo della tensione di
vapore dellacqua alla pressione della bolla interna di vapori che espandendo causa la
microesplosione. Dallanalisi dellandamento del quadrato del diametro della goccia in
funzione del tempo si nota che, dopo una prima fase in cui la diminuzione del diametro
dovuta alla vaporizzazione compensata dal rigonfiamento della goccia dovuto al
13
riscaldamento, il diametro diminuisce linearmente ed il coefficiente angolare della retta
rappresentativa di questo andamento subisce una variazione apprezzabile. Tale variazione non
si osserva laddove lolio sia stato sottoposto a condizioni di cracking pi blande. Anzi, in
questo caso, appena prima dellesplosione si registra un aumento del diametro forse dovuto ad
una evaporazione interna alla goccia. Allaumentare del tempo di residenza in condizioni di
alta temperatura si registra un avanzamento del grado di cracking termico che trasforma i
prodotti primari della pirolisi come levoglucosano e alcol coniferilico e sinapilico in CO2,
idrocarburi leggeri, acqua, furfural, acetaldeide, alcoli aromatici leggeri (fenoli e guiacoli),
aromatici ossigenati pi grandi. Ci si traduce in un aumento della produzione di acqua, in
una diminuzione di ossigeno nella materia organica e in una maggiore uniformit nella
distribuzione dei pesi molecolari. Da ci si pu dedurre che la pendenza costante che si
osserva nellandamento di d
2
vs t nel caso di bio oli sottoposti ad un minore grado di cracking
non riconducibile alla distribuzione dei pesi molecolari.
Gli studi effettuati propongono un confronto sulla velocit di burnout effettiva valutata come
rapporto fra il quadrato del diametro iniziale e il tempo di vita della goccia (dato che questo
pochi millisecondi pi lungo del tempo di microesplosione). Calcolata in questo modo, la
velocit di burnout dei bio oli maggiore di quella dellolio convenzionale.
Effetto del tipo di biomassa (Wornat et al., 1994)
Dallanalisi finora esposta, risulta abbastanza chiaro che un parametro importantissimo e
determinante nellevoluzione di una goccia di bio olio in combustione la viscosit. Essa,
oltre ad essere influenzata dal grado di cracking a cui il bio olio viene sottoposto fortemente
dipendente dal tipo di biomassa. Nel caso di miscele molto viscose, come nelcaso di bio oli, il
trasporto di massa nella goccia lento (alti valori di Pe e Le) e, a causa del basso valore di Re,
il ricircolo limitato. Le sacche di vapore migrano verso la superficie della goccia con
difficolt per cui, quando la tensione superficiale non riesce pi a bilanciare la pressione
differenziale sulla superficie, essa subisce un rigonfiamento con conseguente
microesplosione. In questa fase si osserva una distribuzione irregolare delle dimensioni delle
goccioline risultanti, che presentano allinterno sacche di vapore che migrano in superficie
con difficolt. Bruciando un olio con viscosit minore, le sacche di vapore sono pi grandi
perch, grazie alla minore viscosit, coalescono pi facilmente e migrano pi facilmente in
superficie. Questo si traduce in una microesplosione pi efficace. Sospensioni e soluzioni si
comportano diversamente nei confronti dello swelling, pi accentuato nel primo caso. A volte
per, a temperatura ambiente un olio pu apparire come una sospensione di particelle, mentre
a temperatura maggiore tende a comportarsi come una soluzione. Dopo la microesplosione, le
14
gocce pi piccole coalescono in una goccia non sferica che brucia producendo una fiamma
blu. Nel caso di oli meno viscosi, queste gocce subiscono una seconda microesplosione che
copre un intervallo di tempo piuttosto ampio, a conferma del fatto che le gocce risultanti dalla
prima microesplosione non sono identiche. La combustione termina con una fiamma gialla
che indica la presenza di fuliggine. Riducendo la percentuale di O
2
, tutte le fasi del processo
sono ritardate e nel reattore si ritrovano residui solidi. Sono stati osservati due tipi di residui
solidi: sfere dense e vetrose, cenosfere sottili e fragili. Le prime contengono molte cavit di
piccole dimensioni che indicano la presenza di sacche di volatili durante lindurimento. Sono
costituite da C e O in rapporto 4 a 1. Sono quasi completamente solubili in metanolo; ci
significa che hanno conservato la natura polare e che sono scarsamente interessate dal
processo di carbonizzazione. Le cenosfere invece hanno un rapporto C/O pari a 9/1 e sono
quindi frutto di un processo di carbonizzazione pi avanzato. Ci significa che vengono
prodotte in uno stadio della combustione pi avanzato rispetto alle sfere vetrose. A riprova di
ci sta il fatto che la sfera vetrosa in fase di combustione tende ad assumere la struttura tipica
della cenosfera. Le cenosfere sono molto fragili a causa della loro parete esterna molto sottile
strutturata in celle. Lorigine delle celle pu essere attribuita alla presenza di gradienti di
tensione superficiale dovuti alla natura multicomponente della goccia e al processo di
carbonizzazione presente nella fase finale della combustione.
La membrana centrale delle celle risulta pi ricca in O ed la parte interessata per prima dalla
combustione; il contorno invece pi ricco di C e risulta simile alle sfere vetrose. La
combustione di cenosfere e sfere vetrose non lascia residui in quanto non ci sono componenti
inorganici nelle sfere di partenza. E interessante notare che le strutture solide ottenute dalla
combustione dei bio oli sono differenti dalle particelle di coke ottenute dalla combustione di
oli combustibili tradizionali.
Effetto del contenuto di char (Shaddix e Tennison, 1998)
Il char prodotto durante la pirolisi non viene completamente catturato dai filtri presenti a
monte dei condensatori per cui lo si ritrova negli oli. La sua presenza influenza le propriet
dellolio e ne accelera il processo di invecchiamento; inoltre i composti alcalini in esso
presenti sono causa della deposizione di ceneri in fase di combustione. Il char favorisce la
nucleazione delle sacche di vapore mentre rende la microesplosione meno efficace. Questo si
spiega col fatto che, in presenza di char, la nucleazione avviene in superficie e non al centro
della goccia. Inoltre, gli oli ad alto contenuto di char sono pi viscosi perch hanno subito un
cracking pi blando e la viscosit reale, al momento della microesplosione, maggiore di
quella della goccia iniziale che, nel frattempo, ha perso i componenti pi volatili e meno
15
viscosi ed andata incontro a reazioni di polimerizzazione. La velocit di crescita della
viscosit risulta maggiore per gli oli a pi alto contenuto di char in quanto la sua presenza
favorisce le reazioni di polimerizzazione.

1.5 Analisi termo-ottica della combustione di gocce di bio olio
Lanalisi termo-ottica della combustione di una goccia di bio olio permette una descrizione
pi accurata della fase antecedente alla microesplosione della goccia anchessa influenzata dal
tipo di biomassa di partenza. Massoli et al. (1998) hanno effettuato uno studio su piccole
gocce (50-100 micron) e su gocce di dimensioni maggiori (300-600 micron). Le gocce di
dimensioni 50-100 micron sono state iniettate in una fornace tubolare realizzata con moduli
cilndrici riscaldati indipendentemente in modo tale da poter riprodurre allinterno della
fornace stessa il gradiente di temperatura presente in una camera di combustione. I test su
gocce di dimensioni maggiori sono stati effettuati sospendendo la goccia a fibre di quarzo o al
giunto caldo di una termocoppia in un ambiente a 400-1200 C.
Lanalisi delle gocce di maggiori dimensioni stata fatta diagrammando levoluzione
temporale della temperatura della termocoppia contro il tempo. Si individuano due zone di
crescita della temperatura, separate da un plateau intorno ai 100 C, rappresentativo della fase
di evaporazione dellacqua e di composti a temperatura di ebollizione simile. Lalta
temperatura determina la formazione di composti pi pesanti. Le dimensioni della goccia
rimangono pressoch costanti, mentre la sua forma si fa sempre pi irregolare. Dopo un
secondo plateau a 500 C, dovuto allevaporazione dei composti formatisi in seguito al
riscaldamento, la temperatura continua a crescere in modo pulsante. Il diametro della goccia
cresce e si nota al suo interno unintensa attivit di bubbling. Segue la microesplosione, dopo
la quale compare una fiamma blu sferica (T=500C), che ingloba la goccia circondata da una
fiamma gialla conica (T=600C), che diventa via via pi predominante rispetto a quella blu.
In questa fase il rigonfiamento della goccia ridotto mentre evidente lespulsione di
frammenti che bruciano. A questo punto, in corrispondenza del massimo di temperatura, si
osserva solo una fiamma gialla che, intorno ai 1000 C, si estingue lasciando un residuo
solido che si consuma perdendo frammenti. Gli oli meno viscosi presentano unattivit di
bubbling pi intensa e danno unesplosione pi rapida e pi efficace. La natura dellolio di
conseguenza influenza enormemente la fase pulsante che a sua volta determina il
comportamento della goccia nella successiva fase di combustione. Infatti nel caso di oli pi
viscosi le sacche di vapore rimangono intrappolate in sottili membrane, mentre quelli meno
viscosi portano alla formazione di sfere piene di char le cui dimensioni sono confrontabili col
16
diametro iniziale della goccia. Lanalisi del residuo solido alluscita della fornace fornisce due
differenti strutture equivalenti a quelle individuate nello studio di Wornat et al. (1994). La
combustione del char segna la fine del processo
.
1.6 Upgrading dei bio oli
Nel processo di combustione dei bio oli importante ottenere una microesplosione veloce ed
efficace in modo tale da avere unelevata velocit di vaporizzazione e quindi di combustione.
Per questo motivo stata vagliata la possibilit di utilizzare additivi semplici per migliorare le
prestazioni del bio olio. Shaddix e Tennison (1998) hanno studiato la combustione di gocce di
olio di pioppo in soluzione con metanolo o acqua.
E stato visto che laggiunta di acqua o metanolo favorisce, dopo la fase di combustione
quiescente, la formazione di ununica bolla centrale che successivamente si disintegra. Questo
avviene in corrispondenza di una temperatura caratteristica. Poich sia lacqua che il metanolo
sono pi volatili della maggior parte dei componenti del bio olio, ci si aspetterebbe una
microesplosione pi immediata. Ci si verifica per il metanolo, ma non per lacqua in quanto,
a causa dellelevato calore di vaporizzazione, la goccia staziona per un tempo pi lungo alla
temperatura di vaporizzazione dellacqua. Daltra parte il metanolo non aumenta lefficacia
della microesplosione mentre lacqua ha un effetto positivo anche se, nel primo caso, la
viscosit dellolio viene ridotta.
Ci si spiega con la grande variazione di volume specifico dellacqua nel passaggio liquido-
gas che aumenta la velocit di espansione delle bolle. In ogni caso, lelevato contenuto di
acqua non sufficiente ad amplificare notevolmente lefficacia della microesplosione, esso
deve essere accompagnato da un alto contenuto di volatili favoriti dal cracking secondario.
Non bisogna infine dimenticare che il cracking riduce la resa di liquido e il suo potere
energetico (i composti organici si decompongono producendo CO).

1.7 Piano generale della tesi
La caratterizzazione chimico-fisica dei liquidi di pirolisi necessita di un maggiore
approfondimento. Come gi osservato precedentemente, i composti quantificati costituiscono
con lacqua circa il 65% del liquido raccolto. Il lavoro di Branca et al. (2003) fornisce un
analisi definitiva della dipendenza della resa da tali composti dalla temperatura per ci che
permesso dalla tecnica di analisi GC/MS. Tale studio necessita di essere completato con
lausilio delle tecniche GPC e HPLC.
17
La metodologia analitica proposta per lanalisi con HPLC (Piskorz et al., 1988) presenta
numerose carenze. Infatti, i bio oli, essendo costituiti da composti organici polari, devono
essere necessariamente separati facendo uso di una colonna cromatografica che presenti una
fase stazionaria apolare e una fase mobile polare (colonna a fase inversa). Nello studio di
Piskorz et al. (1988) come fase stazionaria stata scelta una resina polimerica resistente in un
ampio range di pH, mentre come fase mobile stata usata acqua leggermente acidificata con
H
2
SO
4
0.005M per aumentare lefficienza di separazione della colonna. Per evitare che il
campione precipiti in colonna necessario che esso sia completamente solubile nella fase
mobile. Conseguentemente conviene che prima di essere iniettato in colonna esso venga
diluito in essa. Il problema consiste nel fatto che il bio olio non completamente solubile in
acqua, anzi nel momento in cui viene posto a contatto con essa con un rapporto di
concentrazione 1:2 si separa in due fasi una acquosa e una organica. Solo la fase acquosa pu
essere analizzata in HPLC. Per cui la prima carenza la si ritrova proprio nellignoranza che
rimane sulla frazione organica. Inoltre, dopo la separazione, la fase acquosa, che presenta
particelle in sospensione, deve essere filtrata e successivamente iniettata in colonna. I processi
di separazione e filtrazione fanno si che la successiva analisi quantitativa dei composti
separati soffra di errori piuttosto rilevanti.
Gli studi finora condotti sono carenti anche per ci che riguarda linfluenza sulla
composizione dei liquidi di altri importanti parametri operativi quali la natura
dellalimentazione, il tempo di residenza e la velocit di riscaldamento. In particolare la
diversa natura delle biomasse di partenza (composizione e reattivit intrinseca) influenza i
meccanismi di degradazione durante la pirolisi e di conseguenza la distribuzione dei prodotti
e la composizione delle specie gassose e liquide.
Non bisogna dimenticare, infine, che il liquido raccolto costituisce circa l80-88% del liquido
totale prodotto durante il processo di pirolisi per cui resta ancora ignota la composizione di
una percentuale non trascurabile di liquido non raccolto.
Per quanto riguarda la combustione di bio oli, dai risultati precedentemente esposti si evince
come gli studi effettuati finora si fermano ad unosservazione qualitativa del processo.
Laspetto quantitativo viene trattato solo nel lavoro di Shaddix e Huey (1997), ma, in modo
discutibile in alcuni punti. Il confronto fra le velocit effettive di evaporazione piuttosto
grossolano in quanto tale parametro funzione del diametro iniziale della goccia. Le gocce
confrontate sono state generate nelle stesse condizioni ambientali e con lo stesso meccanismo
di conseguenza esse avranno dimensioni differenti a seconda delle specifiche propriet fisiche
(tensione superficiale). Volendo confrontare le caratteristiche di combustione di differenti bio
18
oli sarebbe pi opportuno partire da gocce di uguale dimensione. Inoltre la velocit cos
calcolata d unindicazione globale che non tiene conto della variazione della velocit di
evaporazione.
Da quanto esposto finora risulta evidente come gli studi sulla caratterizzazione chimica dei
bio oli e sul loro comportamento in combustione siano ancora indipendenti luno dallaltro:
stata effettuata un analisi fenomenologica del processo di combustione, ma per il momento
non esiste ancora una correlazione fra gli eventi che si susseguono durante tale processo e la
composizione dei bio oli.
Lo scopo di questa tesi di dottorato stato quello di mettere in relazione i due aspetti
precedentemente discussi, composizione chimica dei liquidi di pirolisi e comportamento in
combustione.
Per quanto riguarda la caratterizzazione chimica si ritenuto opportuno affiancare alla tecnica
gascromatografica, la cromatografia liquida ad elevate prestazioni (HPLC), perfezionando la
tecnica di analisi utilizzata negli studi precedenti.
Lo studio analitico stato effettuato su bio oli di diversa origine allo scopo di valutare gli
effetti delle propriet del campione utilizzato e di eventuali pretrattamenti. Sono stati
effettuati test di pirolisi in un reattore a letto fisso alimentando biomasse differenti (softwood,
hardwood e residui agricoli) e i singoli componenti della biomassa (cellulosa, e lignina)
nellottica di risalire allorigine dei composti che si ritrovano nel bio olio in modo tale da
poter pilotare il processo di pirolisi, sia dal punto di vista delle condizioni operative, sia dal
punto di vista di eventuali pretrattamenti della biomassa, a seconda di ci che si vuole
ottenere.
Infine, in questa attivit di ricerca, stato condotto uno studio sistematico della combustione
dei bio oli valutando linfluenza della composizione chimica degli stessi in condizioni di
controllo cinetico e in condizioni di controllo dei fenomeni di trasporto. In particolare nel
secondo caso stata valutata linfluenza della composizione chimica sulla resa di char
secondario.
19
CAPITOLO 2
Materiali e metodi di analisi

2.1 Caratteristiche delle biomasse studiate
Sono stati effettuati test di pirolisi in un reattore a letto fisso su scala da laboratorio alla
temperatura di 800 K utilizzando differenti tipi di biomasse:
sei variet di legno: abete (softwood), faggio, pioppo, ulivo, ciliegio e vite (hardwoods);
sei residui agricoli: gusci di nocciole, sansa, paglia, vinaccia, bucce darancia e steli di
carciofo;
corteccia di cerro;
due componenti della biomassa: cellulosa e lignina.
I campioni di legno, di corteccia e di steli di carciofo sono stati tagliati in cubetti di
dimensione caratteristica pari a 0.5 cm. Per studiare leffetto della densificazione due
campioni di legno, un hardwood e un softwood, sono stati alimentati in pellets di dimensione
caratteristica pari a 0.6 cm. Faggio e abete sono stati ottenuti dal tronco degli alberi, mentre
pioppo, ulivo, cilegio e vite sono stati ottenuti da residui di potatura. Per facilitare
lalimentazione e rendere uniforme la pezzatura del campione i gusci di nocciole sono stati
sminuzzati, le bucce darancia tagliate in parallelepipedi 0.50.50.1 cm, mentre vinaccia,
cellulosa e lignina sono stati polverizzati (diametro dei granuli<80m), amalgamati con acqua
ed essiccati sottoforma di cubetti di 0.5 cm di lato.
Due delle biomasse studiate, abete e gusci di nocciole, sono state sottoposte a test di pirolisi
anche dopo aver effettuato un ciclo di estrazione con acqua finalizzato all'abbattimento del
contenuto di ceneri. L'estrazione stata eseguita immergendo 100 g di campione in 1 l di
acqua distillata a 60C per 2 ore.
I campioni, prima di essere alimentati al reattore di pirolisi, sono stati essiccati in forno per 12
ore a 100 C, ad eccezione di cellulosa e lignina per le quali stata impostata una temperatura
minore (60 C) per evitare degradazione del campione. I dettagli riguardanti le propriet
fisiche e la composizione chimica dei campioni utilizzati saranno presentati successivamente,
nel capitolo 3, per una migliore comprensione dei risultati ottenuti. Di seguito si riportano,
brevemente, i metodo usati per la determinazione del contenuto di ceneri, estrattivi e lignina
delle biomasse studiate.

20
Determinazione del contenuto di ceneri
La segatura di legno (> 80 m) viene essiccata a 100 C per 12 ore. Il campione viene pesato
(1g) e posto in un crogiuolo ceramico che viene esposto alla fiamma per 2 ore.
Successivamente si posiziona il crogiuolo in modo tale da esporre alla fiamma le pareti su cui
sono depositati i composti condensati. Il crogiuolo viene prelevato e raffreddato in presenza
di gel di silice per evitare che le ceneri assorbano umidit. Al termine del raffreddamento il
campione viene ripesato e il contenuto di ceneri determinato.
Determinazione del contenuto di estrattivi
Il meccanismo di estrazione basato sul principio Soxhlet. Due campioni di 1 g ciascuno di
segatura di legno (< 80 m) vengono inseriti in due ditali, mentre 60 ml di acetone tecnico
vengono versati in due bicchieri. La temperatura dello strumento settata a 90 C. I ditali
vengono posizionati nello strumento sospesi ad una calamita e immersi nei bicchieri con
acetone. Nella prima fase (90 min) i ditali sono immersi nel solvente che dissolve la maggior
parte del materiale solubile, nella seconda fase (20 min) il campione viene innalzato al di
sopra del battente di solvente e lavato dallacetone che evapora, sale verso il condensatore,
condensa e ricade lavando il campione. Lacetone condensato in parte attraversa il campione,
quello in eccesso ricade nei bicchieri. Alla fine dellestrazione le valvole dei condensatori
vengono chiuse e i campioni vengono essiccati mediante una corrente d'aria per 20 minuti.
Infine i campioni vengono essiccati per 6 ore a 100C. La differenza fra peso iniziale e finale
dei campioni restituisce il contenuto di estrattivi.
Determinazione del contenuto di lignina
Il metodo utilizzato in questo lavoro il metodo Klason perfezionato mediante il quale si
cerca di portare in soluzione la cellulosa e lemicellulosa mediante l'ausilio di soluzioni acide
e di ottenere come residuo insolubile la lignina.
Determinazione del contenuto di olocellulosa
Il contenuto di olocellulosa stato determinato per differenza rispetto al contenuto di ceneri,
estrattivi e lignina.

2.2 Descrizione dell'impianto ed esecuzione di un esperimento di pirolisi
2.2.a Impianto di pirolisi
Limpianto, schematizzato in fig. 2.1, costituito da un reattore cilindrico in acciaio
(diametro interno 6.3 cm, lunghezza 45 cm) posto al centro di un forno, anchesso cilindrico,
che fornisce calore al processo. Durante gli esperimenti di pirolisi dallalto del reattore viene
21
alimentato azoto che fluisce attraverso unintercapedine esterna in cui viene riscaldato.
Lingresso nel reattore avviene dal fondo attraverso una piastra di acciaio forata che funge da
distributore di flusso e da sostegno del letto. Gli esperimenti di pirolisi sono stati condotti con
flusso di azoto pari a 8 l/min che corrisponde a tempi di residenza nominali pari a 3.5 s.














Fig. 2.1 Schema dellimpianto di pirolisi.

Sei termocoppie, poste a 1, 5, 10, 15, 20 e 25 cm dal fondo del reattore lungo lasse,
registrano la temperatura nel letto di particelle e nella zona superiore del reattore. La
temperatura del forno regolata da un controllore PID. La zona inferiore (15 cm) pu essere
considerata isoterma, mentre la zona superiore presenta significativi gradienti di temperatura
che, comunque, assume valori tali da evitare condensazione dei volatili o reazioni di
degradazione secondaria nella parte superiore del reattore. I campioni di biomassa (180 g),
preventivamente essiccati, vengono introdotti nel reattore dopo aver atteso il tempo
necessario al raggiungimento di condizioni termiche stazionarie. La durata dell'alimentazione
circa 30 s. La densit e laltezza del letto allinterno del reattore al momento
dellalimentazione sono indicate nel capitolo 3 al fine di facilitare la discussione dei risultati.
I volatili prodotti durante la degradazione termica passano attraverso un condotto riscaldato a
200C per evitare reazioni di cracking secondario. Successivamente, per consentire la raccolta
del liquido, passano attraverso un treno di condensazione costituito da due air pin raffreddati
ad acqua, 2 ampolle di raccolta immerse in un bagno termostatico a 0 C, due scrubber e
quattro trappole (tre con cotone, una con gel di silice). A valle dell'impianto, prima
Aria compressa
Azoto
Valvola di
sicurezza
Stabilizzatore di
pressione (3 bar)
Flussimetro
Camino
Asametro
Ampolla
Silica gel
Scrubbers
Prelievo
Deminsters
Filtro
Reattore
Fascetta
Air pins
22
dell'ingresso al camino, vengono effettuati i campionamenti della fase gassosa che viene
successivamente analizzata.
2.2.b Esecuzione di un esperimento di pirolisi
Per l'esecuzione di un esperimento di pirolisi necessario rimuovere dall'impianto tutte le
parti che sono attraversate dalla corrente di gas e vapori condensabili prima che essa,
completamente depurata di quest'ultima frazione, venga inviata al camino. Ogni parte rimossa
deve essere pesata prima dell'esperimento. Infatti, nonostante la presenza delle due ampolle di
raccolta, i vapori condensabili si depositano in quantit non trascurabili all'interno degli air
pins e dei tubi di collegamento fra le varie parti dell'impianto. Inoltre negli scrubbers i
composti solubili in acqua si disciolgono in essa, mentre quelli insolubili si depositano sulla
superficie della soluzione acquosa. Infine i deminsters trattengono tracce di vapori ancora
presenti nella corrente gassosa all'uscita degli scrubbers, mentre la trappola di gel di silice
assorbe il vapore acqueo in essa presente. La trappola con gel di silice viene pesata pochi
istanti prima dell'inizio dell'esperimento in quanto, se pesata con eccessivo anticipo, il suo
contenuto iniziale di umidit potrebbe variare. L'operazione di pesata va effettuata anche alla
fine dell'esperimento: la differenza fra il peso delle parti rimosse alla fine e all'inizio della
prova di pirolisi fornisce la massa di liquido prodotto, mentre la frazione raccolta nelle
ampolle fornisce la massa di liquido raccolto che verr successivamente analizzata. Il reattore
viene portato alla temperatura di esercizio (800 K) inviando una corrente d'aria
nell'intercapedine fra forno e reattore. In genere, il tempo richiesto per tale operazione pari a
circa 3 ore. A questo punto all'interno del reattore, viene fatto fluire azoto per 10 minuti in
modo tale da rendere l'ambiente completamente inerte. Durante l'alimentazione la portata di
azoto viene abbassata al valore di 1 ml/min per minimizzare la fuoriuscita del gas che si
sviluppa, dopodich viene riportata al valore di esercizio (8 l/min). Nel corso della prova
vengono effettuati i campionamenti della fase gassosa. Per ogni prova sono stati effettuati 15-
17 prelievi di un volume della fase gassosa compreso fra 40 e 60 ml. I campioni gassosi sono
stati analizzati mediante il sistema Autosystem XL della Perkin Elmer costituito da un
gascromatografo accoppiato ad un deterctor a conduttivit termica (GC/TCD). Quando la
temperatura misurata dalle termocoppie ritorna al valore stazionario iniziale il forno viene
spento e il flusso di azoto interrotto. Tutte le parti rimovibili dell'impianto vengono smontate
e pesate e contemporaneamente il reattore viene tappato ermeticamente prima dell'ingresso
agli air pins per impedire l'entrata di aria, che, a contatto con il solido residuo nel reattore
ancora caldo, ne causerebbe la combustione. Solo quando il reattore sar completamente
23
freddo, il solido residuo che costituisce la frazione denominata char, verr prelevato mediante
un sistema di aspirazione e pesato.

2.3 Dinamica degli esperimenti di pirolisi
La dinamica degli esperimenti di pirolisi nell'impianto precedentemente descritto stato
oggetto di uno studio precedente (Branca et al., 2003). In questa tesi se ne riportano solo gli
aspetti essenziali. Nelle figure 2.2-3 sono rappresentati, come esempio, le temperature
registrate dalle termocoppie poste lungo l'asse del reattore durante l'esperimento di pirolisi del
faggio e le concentrazioni delle specie gassose all'uscita dell'impianto in corrispondenza dei
tempi di campionamento. Le temperature devono essere considerate una media fra la
temperatura del letto e quella del gas interparticellare, per distanze inferiori allaltezza del
letto di biomassa, e dei volatili, per distanze superiori.













Fig. 2.2 Profili di temperatura durante l'esperimento di pirolisi di pellets di faggio (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa
alimentata M
I
=180 g). I numeri in corrispondenza delle curve indicano la distanza in cm della termocoppia dal
fondo del reattore.









0 200 400 600 800 1000
500
600
700
800
1
h=25cm
20
15
10
5
T

[
K
]
t [s]
24















Fig. 2.3 Dinamica della fase gassosa all'uscita dell'impianto relativa all'esperimento di pirolisi dei pellets di
faggio. Le concentrazioni volumetriche delle singole specie sono normalizzate rispetto alle concentrazioni di
azoto.

Al momento dellalimentazione viene introdotta biomassa a temperatura ambiente di
conseguenza si osserva una brusca diminuzione della temperatura. Data la breve durata
dell'alimentazione corretto affermare che la biomassa si trova immediatamente esposta in un
ambiente ad elevata temperatura e ci permette l'avvio della degradazione delle diverse
componenti. Inizialmente avviene la degradazione endotermica di estrattivi, emicellulosa e
cellulosa, quando la temperatura raggiunge valori sufficientemente alti inizia la degradazione
esotermica della lignina. Il processo di pirolisi ha luogo a temperature via via crescenti e
risulta terminato prima che le temperature raggiungano nuovamente il valore stazionario
iniziale. Di conseguenza il rilascio di gas e volatili avviene in condizioni termiche dinamiche
per cui la reale temperatura di pirolisi e la velocit di riscaldamento delle particelle durante la
degradazione sono difficili da determinare. Una valutazione approssimata della velocit di
riscaldamento del sistema in esame, fatta in riferimento al tempo impiegato dalla temperatura
a raggiungere un valore pari al 90% di quello stazionario, fornisce valori pari a circa 1K/s
(pirolisi convenzionale).



0 200 400 600 800 1000
0.00
0.05
0.10
0.15
0.20
CO
CH
4
CO
2
C
O
2
,

C
O
,

C
H
4

t [s]
25

2.4 Liquidi di pirolisi studiati
2.4.a Liquidi di pirolisi convenzionale
Sono stati studiati liquidi di pirolisi convenzionale ottenuti nellimpianto descritto nel par. 2.2
mediante due differenti set di esperimenti:
esperimenti di pirolisi effettuati variando la biomassa alimentata; tali esperimenti sono
stati condotti nella presente attivit di ricerca e sono stati descritti nei paragrafi
precedenti.
esperimenti di pirolisi del faggio precedentemente condotti (Branca et al., 2003) al
variare della temperatura del reattore.
2.4.b Liquidi di pirolisi veloce
I liquidi di pirolisi veloce sono stati prodotti in impianti commerciali e le loro caratteristiche
sono sintetizzate nelle tab. 2.1-3.

Produttore Alimentazione Tipo di reattore Temperatura di
pirolisi [K]
BTG, Olanda Miscela di softwood;
Umidit: 10-12%;
Particelle: 0.8 -1.1 mm
Cono rotante
150 kg/h
773
Dynamotive,
Canada
85% pino, 15% abete;
Umidit: 7%
Letto fluido
400 kg/h
733
Ensyn, Canada Miscela di hardwood

Letto trasportato
circolante; 650 kg/h
---
Pyrovac, Canada Corteccia di softwood,
tracce di corteccia di
hardwood;
Umidit: 12%
Letto mobile
sottovuoto
3500kg/h
783

Tab.2.1 Caratteristiche dellalimentazione e del tipo di reattore con cui sono stati ottenuti i liquidi di pirolisi
veloce (Bridgwater e Peacocke, 2002).





26

Liquido di
pirolisi
Contenuto di
acqua [%wt]
Lignina pirolitica
[%wt]
Contenuto di
solido [%wt]
Viscosit @ 20C
[cSt]
Dynamotive 21.1 25 0.1 30
BTG 30.4 8 0.08 11
Pyrovac 15.7 44 1.02 206
Ensyn 20.3 54 0.43 226

Tab.2.2 Caratteristiche fisiche dei liquidi da pirolisi veloce; contenuto dacqua determinato con il metodo di
titolazione di Karl-Fisher, contenuto di solido ottenuto come frazione non solubile in etanolo (Oasmaa e Meier,
2002).

Liquido di
pirolisi
C [%wt] H [%wt] N [%wt] O [%wt]
Dynamotive 44.7 7.2 0.1 48.1
BTG 37.1 7.6 0.1 55.1
Pyrovac 51.4 7.0 0.3 41.6
Ensyn 47.2 6.9 0.1 45.6

Tab. 2.3 Analisi elementare dei liquidi da pirolisi veloce (Oasmaa e Meier, 2002).

2.5 Metodi di analisi dei liquidi di pirolisi
La caratterizzazione chimica dei liquidi di pirolisi stata effettuata utilizzando due differenti
tecniche analitiche complementari, gascromatografia accoppiata a spettrometria di massa
(GC/MS) e cromatografia liquida ad elevate prestazioni (HPLC), mentre il contenuto dacqua
stato determinato col metodo di titolazione di Karl-Fisher (ASTM E203-96). La tecnica
GC/MS per lanalisi dei liquidi di pirolisi una tecnica gi consolidata per cui la metodologia
di analisi era gi nota (Branca et al., 2003); di seguito se ne discutono le caratteristiche
essenziali. Tale tecnica stata utilizzata per lanalisi dei liquidi ottenuti al variare della
biomassa alimentata. Diversamente, per lanalisi mediante HPLC, descritta nel paragrafo
seguente, si reso necessario uno studio preliminare finalizzato alla scelta delle condizioni
operative ottimali per lanalisi dei liquidi di pirolisi. La tecnica HPLC stata impiegata per
completare la caratterizzazione GC/MS dei liquidi di pirolisi convenzionale (Branca et al.,
2003) ottenuti al variare della temperatura e dei liquidi di pirolisi veloce (BTG, Dynamotive,
Ensyn e Pyrovac).
27
I liquidi di pirolisi sono stati conservati a 277 K e prima delle analisi sono stati miscelati per
10 min allo scopo di rendere il liquido omogeneo e filtrati con microfiltri da 0.45 m (Millex-
Gx).
Lanalisi GC/MS stata eseguita con un gascromatografo Focus GC (Thermo) che ospita una
colonna capillare DB-1701, accoppiato ad uno spettrometro di massa DSQ (Thermo)
equipaggiato con un detector a quadrupolo. Per la preparazione del campione i liquidi di
pirolisi sono stati diluiti in acetone in concentrazione pari a 4.5% in peso, miscelati per 5
minuti e conservati a 4 C fino al momento dellanalisi. Liniezione del campione stata
eseguita manualmente con una siringa in vetro della Hamilton da 10l utilizzando la 'hot
empty needle technique'. Lanalisi qualitativa prevedeva lacquisizione del campione in
modalit full scan per un range di m/z (massa atomica su carica dello ione) compreso fra 30 e
300. In questo modo sono stati ottenuti i cosiddetti cromatogrammi in cui ad ogni picco
(rappresentativo di un composto) associato uno spettro di massa. Essendo gi nota dalla
letteratura la composizione chimica del liquido pirolisi del faggio, lanalisi qualitativa stata
condotta utilizzando come riferimento il cromatogramma relativo a tale liquido ed effettuando
un confronto dei tempi di ritenzione e degli spettri associati ad ogni picco noto con i
cromatogrammi rappresentativi dei liquidi di pirolisi delle altre biomasse. Trentasette
composti sono stati identificati e quantificati. L'analisi quantitativa stata effettuata
scegliendo, per ogni picco, tre ioni rappresentativi del composto da quantificare. Per la
quantificazione stato adottato il metodo dello standard interno utilizzando fluorantene in
concentrazione pari a 0.25 mg/mg
acetone
. Le rette di calibrazione sono state costruite
raggruppando i composti in 17 miscele standard. Sono state inizialmente preparate una
soluzione madre (SM) e due sue diluizioni. Successivamente per alcuni composti il range di
diluizioni stato ampliato nelle zone di interesse.

2.6 Analisi HPLC
La frazione polare a bassa volatilit dei liquidi di pirolisi stata caratterizzata con HPLC.
Come stato gi detto, sono stati condotti studi preliminari finalizzati alla messa a punto di
una tecnica ottimizzata per i liquidi in esame.
Il sistema HPLC (Agilent, serie 1100) comprende ununit di degasaggio delleluente, una
pompa quaternaria che preleva la fase mobile e assicura il flusso in colonna, un forno
termostatato che ospita una colonna cromatografica impaccata e due rivelatori in serie, DAD
(Diode Array Detector) e RID (Refractive Index Detector). La colonna cromatografica
28
provvede alla separazione del campione nelle sue componenti; il rivelatore DAD fornisce lo
spettro di assorbanza del campione separato nel campo di lunghezza donda 190-400 nm; il
rivelatore RID fornisce un cromatogramma basato sulla differenza di indice di rifrazione dei
composti che attraversano la cella di rivelazione rispetto ad un riferimento rappresentato dalla
fase mobile pura. Affinch la separazione sia completa necessario che la fase stazionaria
della colonna abbia unadeguata selettivit nei confronti delle diverse specie presenti nel
campione in modo tale che ad ogni sostanza corrisponda un tempo di ritenzione
sufficientemente diverso dalle altre. Daltra parte una buona selettivit non garantisce una
completa separazione dei picchi (risoluzione): necessario che la colonna abbia unelevata
efficienza (capacit di fornire picchi stretti) per evitare la sovrapposizione fra le code di
picchi adiacenti. Selettivit, efficienza e risoluzione, data la colonna, dipendono da diversi
fattori quali tipo di fase mobile, temperatura della colonna e flusso delleluente che
influenzano i fenomeni di trasporto di materia che intervengono nel meccanismo di
separazione. Sono state utilizzate tre configurazioni di colonna cromatografica:
a) Colonna Aminex HPX87H Biorad specifica per la separazione di acidi e carboidrati.
b) Colonna Aminex HPX87P della Biorad specifica per la separazione carboidrati.
c) Colonne Aminex HPX87H e 87P in serie.
La scelta delle condizioni operative ottimali per le prime due configurazioni stata effettuata
mediante unanalisi di sensitivit della separazione nei confronti di temperatura del comparto
termostatato, flusso e pH delleluente.
2.6.a Scelta delle condizioni operative
a) Colonna Aminex HPX87H
Allo scopo di analizzare lintero campione di liquido e non solo la sua frazione idrosolubile ci
si concentrati sulla scelta della fase mobile. Il campione completamente solubile in un
solvente organico polare (metanolo o acetonitrile), ma il tipo di colonna consente lutilizzo di
unanaloga fase mobile in concentrazione volumetrica non superiore al 40%. Inoltre lutilizzo
di una fase mobile organica polare riduce notevolmente la risoluzione in quanto minimizza la
differenza fra fase stazionaria e fase mobile. Daltra parte non possibile utilizzare come
solvente lacetonitrile e come fase mobile lacqua in quanto il contatto fra campione e acqua
determinerebbe un frazionamento del campione in una fase organica idrofobica e in una
idrosolubile allinterno della colonna. Poich stato osservato che il campione sembra
completamente solubile in una soluzione di acetonitrile in acqua al 40%, per ovviare a questi
inconvenienti stata tentata uneluizione in gradiente sciogliendo il campione in acetonitrile e
29
utilizzando una fase mobile a concentrazione variabile nel tempo: inizialmente la fase mobile
era costituita esclusivamente da acqua; dopo un primo step la composizione della fase mobile
veniva modificata aggiungendo acetonitrile la cui concentrazione variava con velocit
costante da 0 a 40%. Il verificarsi di sovrapressioni in colonna, per, ha fatto supporre che in
alcuni punti ci fossero comunque delle precipitazioni del campione. Ci spiegabile col fatto
che la colonna non un sistema a perfetta miscelazione e conseguentemente localmente la
concentrazione di acetonitrile pu raggiungere valori inferiori al 40%. In conclusione non
esiste un eluente che, compatibilmente con i limiti imposti dalla colonna, consenta unanalisi
del liquido di pirolisi nella sua interezza. Di conseguenza si deciso di analizzare con HPLC
solo la frazione idrosolubile dei liquidi di pirolisi utilizzando acqua come eluente.
Inizialmente le condizioni operative sono state suggerite dagli studi sui liquidi di pirolisi della
cellulosa precedentemente effettuati da Piskorz et al. (1988):
-fase mobile: soluzione di H
3
PO
4
in H
2
O 0.07N;
-T colonna= 65C;
-flusso della fase mobile= 0.72ml/min.
In fig. 2.4 si riportano i cromatogrammi ottenuti con i detector DAD e RID del liquido BTG.
Il cromatogramma DAD riferito ad una lunghezza donda pari a 194 nm.
Fig. 2.4 Cromatogrammi del liquido BTG analizzato con colonna Aminex HPX87H (condizioni operative
utilizzate da Piskorz et al. (1988)) ottenuti con i detector DAD e RID.

min 0 5 10 15 20 25 30 35
Norm.
0
50000
100000
150000
200000
250000
DAD1 B, Sig=194,4 Ref=360,80 (PAOLA\PROVET~1\87H_H3~1\BTG072.D)
RID1 A, Refractive Index Signal (PAOLA\PROVET~1\87H_H3~1\BTG072.D)
_ _ _ _ RID
_____ DAD
30
Entrambi i cromatogrammi danno una risoluzione molto scarsa. Infatti i composti presenti nei
liquidi di pirolisi hanno uno spettro di assorbanza simile (monotono decrescente
nellintervallo 190-400 nm) per cui non possibile individuare una lunghezza donda nel
campo dellultravioletto che consenta una differenziazione dei composti.
Al fine di ottenere una separazione migliore stata effettuata unanalisi di sensitivit rispetto
a pH della fase mobile, temperatura della colonna e flusso delleluente. I risultati di tale
analisi hanno mostrato che la risoluzione migliora allaumentare della temperatura, mentre
per il flusso necessario individuare un valore ottimale. Per valutare linfluenza del pH
stato effettuato un confronto fra leluente utilizzato da Piskorz et al. (1988) (soluzione di
H
3
PO
4
in H
2
O 0.07N) e quello consigliato dal fornitore della colonna (soluzione di H
2
SO
4
in
H
2
O 0.005M). Al termine di questa indagine sono state scelte le seguenti condizioni
operative:
-fase mobile: soluzione di H
3
PO
4
in H
2
O 0.07N;
-T colonna= 60C;
-flusso della fase mobile= 0.3ml/min.
In fig. 2.5 sono riportati due cromatogrammi del liquido BTG, rispettivamente ottenuti con le
condizioni operative utilizzate da Piskorz et al. (1988) e con quelle scelte in questo studio.
Dal confronto risulta evidente che nel secondo caso la separazione dei composti migliore

Fig. 2.5 Confronto fra i cromatogrammi del liquido BTG analizzato con colonna Aminex HPX87H utilizzando
due differenti set di condizioni operative ottenuti con il detector RID.
min 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90
Norm.
0
50000
100000
150000
200000
250000
300000
350000
RID1 A, Refractive Index Signal (PAOLA\PROVET~1\87H_H3~1\FLUSSO03\BTG.D)
*RID1 A, Refractive Index Signal (PAOLA\PROVET~1\87H_H3~1\BTG072.D)
_ _ _ _ Piskorz et al. (1988)
_____ condizioni operative scelte
31

b) Colonna Aminex HPX87P
Inizialmente sono state sperimentate le condizioni operative consigliate nel manuale della
colonna:
-fase mobile: H
2
O;
-T colonna= 80C;
-flusso della fase mobile= 0.6ml/min.
Lanalisi di sensitivit ha permesso di stabilire che esse fornivano la migliore separazione
possibile. In fig. 2.6 si riporta il cromatogramma ottenuto con i detector DAD e RID del
liquido BTG.



Fig. 2.6 Cromatogrammi del liquido BTG analizzato con colonna Aminex HPX87P ottenuti con i detector DAD
e RID.

c) Colonne Aminex HPX87H e 87P in serie
Poich la risoluzione di alcuni picchi non era ancora accettabile si pensato di sovrapporre
leffetto delle 2 colonne 87P e 87H. Le colonne sono state montate in serie e raccordate con
un tubo in PEK di lunghezza pari alla minima consentita in modo da minimizzare il
rimescolamento delle sostanze gi separate dalla prima colonna. Le condizioni operative sono
state ottimizzate rispettando i limiti delle 2 colonne:
min 0 10 20 30 40 50
Norm.
0
25000
50000
75000
100000
125000
150000
175000
200000
*DAD1, Sig=190.00, 1.00 Ref=off, EXT of BTG06N.D
RID1 A, Refractive Index Signal (PAOLA\PROVET~1\87P_H2~1\BTG06N.D)
_ _ _ _ RID
_____ DAD
32
-fase mobile: H
2
O;
-T colonna= 60C;
-flusso della fase mobile= 0.3ml/min.
I risultati migliori sono stati ottenuti con la serie 87H-87P. In fig. 2.7 si riporta il
cromatogramma del liquido BTG ottenuto con il detector RID.

min 0 20 40 60 80 100 120 140 160
nRIU
0
25000
50000
75000
100000
125000
150000
175000
200000
RID1 A, Refractive Index Signal
(PAOLA\BTGHP D)


Fig. 2.7 Cromatogramma del liquido BTG analizzato con le due colonne Aminex HPX87H e 87P ottenuto con il
detector RID.

Le condizioni operative adottate nelle tre differenti configurazioni (colonna 87H, colonna
87P, serie 87H-87P) sono riassunte in tabella 2.4.

Configurazione
colonna
Fase mobile

T colonna
[C]
Flusso fase mobile
[l/min]
87H soluzione H
3
PO
4
in H
2
O 0.07N 60 0.3
87P H
2
O 80 0.6
87H-87P H
2
O 60 0.3

Tab. 2.4 Condizioni operative del sistema HPLC nelle tre configurazioni.


33

2.6.b Preparazione dei campioni per le analisi
I liquidi di pirolisi, prima di essere iniettati, sono stati agitati per 10 min e filtrati con filtro
0.45 m. Dopodich il campione stato preparato miscelando liquido di pirolisi e H
2
O in
rapporto ponderale 1:2. La soluzione stata agitata per 5 min per separare al meglio la fase
idrosolubile da quella idrofobica. La fase idrosolubile stata successivamente filtrata con
filtro 0.45 m e iniettata in colonna.
2.6.c Analisi qualitativa
Lanalisi qualitativa stata finalizzata allidentificazione dei composti presenti nei liquidi di
pirolisi non rilevabili con GC/MS. Le acquisizioni sono state effettuate con detector RID
capace di dare una migliore risoluzione dei picchi rappresentativi di ogni composto.
Lidentificazione avvenuta mediante confronto dei tempi di ritenzione dei picchi incogniti
con quelli di composti standard noti. Infatti la somiglianza degli spettri di assorbanza dei
composti dei liquidi di pirolisi rende inutile luso DAD. Fissate le condizioni operative,
ciascuno standard ha un tempo di ritenzione caratteristico. Tali composti, se presenti nei
liquidi di pirolisi, verranno rilasciati nello stesso tempo; in questo modo il confronto fra i
tempi di ritenzione ha consentito lidentificazione dei picchi ignoti. In tabella 2.5 riportato
un elenco dei composti standard iniettati e il corrispondente tempo di ritenzione misurato
nella colonna 87H. Gli standard sono stati scelti fra i composti gi identificati con HPLC dai
laboratori Round Robin presenti in quantit significativa nei liquidi di pirolisi veloce. Inoltre
sono stati iniettati anche gli standard delle specie gi identificate e quantificate con la tecnica
GC/MS (Branca et al., 2003). Avendo verificato che nelle tre configurazioni scelte
lintervallo temporale di interesse per i nostri studi si esauriva dopo 52 minuti la durata la
durata delle analisi stata fissata a 60 minuti. Per questo motivo in tabella i composti
corrispondenti ai picchi con tempo di eluizione superiore a 60 minuti sono classificati come
composti assenti nella zona di interesse (A).
ID N Compound Formula M
W
RT 87H
[min]
RT 87P
[min]
RIF
1 Cellobiose 16.466 1,2
2 Glucose 19.361 1,2
3
Xylose
20.53 1
4 Fructose 20.702 2
5 Oxobutanoic Acid 21.346 1
6 Glyoxal 21.493 1,2
7 Xylitol 23.205
34
ID N Compound Formula M
W
RT 87H
[min]
RT 87P
[min]
RIF
8 Gliceraldehyde 23.435
9
Methylglyoxal
24.783 2
10 Levoglucosan 24.799 3
11 anhydroglucose 24.915
12 Furfuryl alchool 24.953 3
13 Hydroxyacetaldehyde 25.473 3
14 Formic Acid 27.566 1,2
15 Formaldehyde 27.689 1,2
16 Furantetrahydro-2,5-
dimethoxy (cis)
28.669 3
17 5-Methyl-2-furaldehyde 29.708 3
18 Acetic acid 29.93 3
19 Levulic Acid 30.94 1
20 -angelicalactone 31.671 3
21 Ethylen glycol 32.29 2
22 Acetol 33.741 3
23 Acetoxyacetone 34.116 3
24 Propionic acid 34.364 3
25 Acetaldehyde 1
26 Acrylic Acid 37.721 1
27 Furantetrahydro-2,5-
dimethoxy (trans)
37.928 3
28 Methyl alchool 37.944 1
29 1-Hydroxy-2-butanone 39.63 3
30
Ethyl alchool
42.74 1
31 Acetone 42.826 1
32 2-Propanol 46.519 1
33 2-Furoic Acid 49.004
34 2-Buthanone (MEK) 52.005 1
35 (5H)-Furan-2-one 52.633 3
36 Hydroquinone 53.982 3
37 5-Hydroxymethyl-2-
furaldehyde
56.171 3
38
Phenol
A 3
39 Guaiacol A 3
40 o-Cresol A 3
41 p-Cresol A 3
42 m-Cresol A 3
43
4-Methyl guaiacol
A 3
44 2,5-Dimethyl phenol A 3
45 2,4-Dimethyl phenol A
46 3,4-Dimethyl phenol A 3

35
ID N Compound Formula M
W
RT 87H
[min]
RT 87P
[min]
RIF
47 4-Ethyl guaiacol A 3
48 Eugenol A 3
49 Syringol A 3
50 Isoeugenol (cis) A 3
51 Isoeugenol (trans) A 3
52 4-Methyl syringol A 3
53 4-Aceton guaiacol A 3
54 Syringaldehyde A 3
55 Acetosyringone A 3
56 2-Acetylfuran A 3
57 2-Methyl-2-
cyclopentenone
A 3
58
Buthanol
A 1
59 Furan A 3
60 3ethyl-2hydroxy-
2cyclopenten-1-one
A 3
61 2-Furaldehyde A 3
62 3-Methyl-2-
cyclopentenone
A 3
63
Vanillin
A 3

Tab. 2.5 Tempi di ritenzione dei composti sandard analizzati con colonna Aminex 87H.

2.6.d Analisi quantitativa
Tra le specie identificate solo quelle non individuate nella precedente analisi GC/MS sono
state quantificate. Il requisito fondamentale che un composto identificato deve aver per poter
essere quantificato la accertata purezza del picco che lo rappresenta. Non tutte le specie di
interesse soddisfano questa condizione, alcune infatti coeluiscono e poich hanno uno spettro
di assorbimento abbastanza simile non possono essere isolate mediante lanalisi spettrale.
Sono stati quantificati otto composti utilizzando, per ognuno di essi, la configurazione di
colonne che forniva la risoluzione migliore. La quantificazione stata effettuata col metodo
dello standard esterno e per minimizzare lerrore dovuto alla sovrapposizione delle code di
picchi adiacenti si ritenuto opportuno effettuare una taratura basata sulle altezze dei picchi.
Per ogni composto stata costruita una retta di taratura con 4 punti ipotizzando un legame
lineare fra altezza dei picchi e concentrazione dei composti.
L'intervallo di diluizioni stato ottenuto per successive approssimazioni in modo tale che
fosse limitatamente ampio e che contenesse i risultati delle quantificazioni. Di seguito (tab.
36
2.6) riportato un elenco delle specie quantificate e delle diluizioni utilizzate per la
costruzione delle rette di taratura.

N Composto Colonna Dil1 Dil2 Dil3 Dil4
1 Glucosio H 4.90e-3 2.61e-3 1.66e-3 4.04e-4
2 Xylosio serie H_P 4.95e-3 9.99e-4 7.01e-4 3.46e-4
3 Fruttosio P 3.90e-3 1.87e-3 8.92e-4 3.38e-4
4 Glyoxal serie H_P 2.00e-2 9.83e-3 1.00e-3 3.50e-4
5 Gliceraldeide H 1.04e-2 6.01e-3 2.99e-3 5.81e-4
6 Glicol
etilenico
H 1.08e-2 4.84e-3 3.09e-3 1.21e-3
7 Acetaldeide H 1.80e-2 1.41e-2 7.49e-3 4.44e-3
8 2-Butanone P 4.36e-3 2.09e-3 9.98e-4 3.77e-4
Tab. 2.6 Diluizioni utilizzate per la costruzione delle rette di taratura.

Per verificare la riproducibilit dellanalisi ogni campione stato iniettato due volte. Il
metodo di quantificazione fornisce la concentrazione del composto nel campione iniettato.
Per ottenere la concentrazione su base di liquido totale necessario conoscere la frazione di
liquido analizzata che, come detto precedentemente, costituisce solo la parte idrosolubile del
liquido totale. Nei liquidi di pirolisi convenzionale tale frazione pu essere considerata
unitaria (la percentuale di lignina pirolitica trascurabile). Per quanto riguarda i liquidi da
pirolisi veloce, invece, stato utilizzato il valore medio del contenuto di lignina pirolitica
calcolato dai laboratori Round Robin (Oasmaa e Meier, 2002). Ovviamente in questo caso si
supposto che lefficienza dellestrazione della fase idrosolubile con acqua fosse unitaria.
Riassumendo, per ogni campione:
C
L
=fC
HPLC
/C
S

con
f= (C
S
-1
+1-X)/(C
S
-1
+1)
dove
C
L
: concentrazione del composto nel liquido totale;
C
HPLC
: concentrazione del composto nel campione ottenuta dal metodo di quantificazione;
C
S
: concentrazione del liquido totale nel campione iniettato;
C
S
: concentrazione del liquido totale in H
2
O nel campione iniettato;
X: valore medio del contenuto di lignina pirolitica calcolato dai laboratori Round Robin
(Oasmaa e Meier, 2002) espresso come frazione ponderale sul liquido totale.

37
2.7 Sistema termogravimetrico per lo studio della reattivit in aria dei liquidi di pirolisi
I liquidi di pirolisi convenzionale prodotti in questattivit di ricerca sono stati studiati in un
sistema termogravimetrico allo scopo di studiarne la reattivit in aria in condizioni di
controllo cinetico. Il set di esperimenti stato condotto utilizzando i liquidi raccolti nelle
ampolle (frazione A) e negli scrubbers. In particolare, delle due fasi presenti negli scrubbers,
stata considerata solo la frazione idrofobica (frazione S). Sono stati esclusi dal set di
esperimenti liquidi aventi composizione simile della frazione A e liquidi con contenuto
d'acqua elevato (>65%) in quanto poco attraenti dal punto di vista energetico. La frazione S
relativa al liquido derivato dalla paglia non stata sottoposta ad esperimenti
termogravimetrici in quanto si presentava contaminata da segatura di legno non pirolizzato. Il
liquido raccolto negli scrubbers nel caso della pirolisi della cellulosa, invece, si presentava
sottoforma di un'unica fase acquosa. Di seguito verranno date sintetiche informazioni sul
sistema termogravimetrico utilizzato descritto in dettaglio in Branca et al. (2005). Esso
costituito da una camera di riscaldamento radiante, un reattore di quarzo, un controllore PID,
un sistema di alimentazione di aria (portata volumetrica=77ml/s), una bilancia analitica e un
sistema di acquisizione dati. Il sistema di riscaldamento un forno radiante capace di
generare una zona uniformemente riscaldata in cui posto il reattore di quarzo. Il campione
(40 mg), depositato in un cestello semisferico (D
i
=10mm, H=5mm, S=1mm) di quarzo,
posizionato al centro della zona uniformemente riscaldata su un supporto portacampione
solidale alla bilancia analitica. Ci permette di monitorare in continuo la perdita di peso del
campione durante l'esperimento. Al fine di condurre un processo termicamente controllato,
l'intensit del flusso di calore stata scelta come variabile manipolabile sulla base della
differenza fra temperatura desiderata e temperatura reale misurata da una termocoppia posta a
contatto col campione in prossimit della base del cestello. Il protocollo sperimentale, definito
in un precedente studio sui liquidi di pirolisi (Di Blasi et al., 2005 a), prevedeva due stadi: la
devolatilizzazione dei liquidi e la combustione del residuo solido (char secondario). Nel
nostro caso stato trattato solo il primo stadio imponendo una velocit di riscaldamento di 5
K/min e una temperatura finale di 600 K. Monitorando la perdita di peso del campione stata
seguita l'evoluzione nel tempo della frazione di massa, Y, definita come rapporto fra il peso
attuale e il peso iniziale del campione. L'opposto della derivata temporale, -dY/dt, rappresenta
la velocit di perdita di peso del campione.


38
2.8 Sistema di combustione di singola goccia
I liquidi di pirolisi veloce, le cui caratteristiche essenziali sono indicate nel par.2.4, sono stati
testati in un sistema di combustione di singola goccia. Lapparato sperimentale, descritto in
dettaglio in Massoli et al. (2005), costituito da una camera di combustione con aria
stagnante dotata di 4 finestre di accesso in quarzo: due finestre laterali, un accesso anteriore
per lintroduzione del campione e per lacquisizione video del processo e una finestra
posteriore per lilluminazione della camera. La goccia del campione viene sospesa al giunto
di una termocoppia (tipo K, cromo-alluminio, d=75 mm), mentre una serpentina, attraversata
da corrente e posta alla base del sistema di sospensione della goccia, fornisce calore per
consentirne l'ignizione. La tensione di alimentazione della serpentina sincronizzata con il
sistema di acquisizione video e l'oscilloscopio preposto alla registrazione del profilo termico.
Sistema di acquisizione e di registrazione presentano un ritardo compreso fra 1 e 8 ms per una
velocit di acquisizione video compresa fra 1000 e 125 frames/s. Poich la goccia non ha
simmetria sferica, ma assume una forma ellissoidale stato scelto, come dimensione
caratteristica, il diametro equivalente D
E
= (D
X
2
+ D
Y
2
)
0.5
, dove D
X
e D
Y
sono gli assi
dell'ellissoide di rotaziozione rappresentativo della goccia. Il diametro cos definito coincide
con il diametro di una sfera avente lo stesso volume dell'ellissoide. Le dimensioni, misurate in
pixels, sono state convertite in mm mediante una calibrazione basata sula dimensione nota dei
fili della termocoppia. L'evoluzione del campione durante il processo stata seguita mediante
un sistema di acquisizione digitale (Motionscope della Redlake). La velocit di acquisizione
inversamente proporzionale al tempo massimo di acquisizione per cui essa stata scelta sulla
base della durata del processo. In tutti i casi esaminati stata impostata una velocit pari a
125 frames/s ad eccezione del caso dell'olio Ensyn per il quale stata impostata una velocit
inferiore, pari a 50 frames/s. La velocit di acquisizione dell'oscilloscopio era invece
rispettivamente pari a 200 e 100 punti/s. La camera di combustione schematizzata in fig.
2.8.






Fig.2.8 Schema della camera di combustione.
Sorgente
luminosa
Sistema di
acquisizione video
39
CAPITOLO 3
Pirolisi di biomasse e caratterizzazione chimica dei liquidi prodotti

3.1 Presentazione dei risultati
Sono stati condotti esperimenti di pirolisi in un reattore a letto fisso (vedi Cap. 2) utilizzando
una temperatura di 800 K. Allo scopo di valutare l'influenza di alcuni parametri importanti,
quali propriet fisiche e composizione chimica, sulle rese e sulla composizione dei prodotti di
pirolisi sono stati utilizzati differenti tipi di legno. Gli esperimenti sono stati eseguiti in modo
tale da mettere in evidenza l'effetto separato delle variabili di interesse:
natura e composizione chimica del campione: in questo caso sono stati confrontati
legno di softwood e legno di hardwood in pellets di densit paragonabile;
densit del letto di biomassa: a tale scopo sono stati condotti esperimenti su legno di
faggio alimentato in pellets e in cubetti. Data la stessa composizione chimica i due
tipi di campioni consentivano di ottenere letti di biomassa a differente densit.
L'influenza combinata di questi due fattori stata successivamente studiata confrontando
cinque differenti tipi di legno in cubetti appartenenti alla categoria degli hardwoods aventi
differenti propriet fisico-chimiche: faggio, pioppo, ulivo, ciliegio e vite. Tutti i campioni
studiati, ad eccezione della vite, sono stati preventivamente privati della corteccia. Inoltre, il
faggio stato ottenuto dal tronco dell'albero, mentre gli altri campioni rappresentano residui
di potatura.
La composizione chimica e la natura delle componenti della biomassa, rivestono un ruolo
fondamentale nella determinazione dei prodotti di pirolisi. Le reazioni di decomposizione,
inoltre, sono notevolmente influenzate dalla presenza di composti alcalini presenti nelle
ceneri. Allo scopo di studiare l'effetto di questi due fattori la biomassa stata sottoposta a due
tipi di pretrattamenti:
frazionamento: gli esperimenti di pirolisi sono stati condotti utilizzando corteccia di
(hardwood) precedentemente separata dal tronco e i prodotti ottenuti sono stati
confrontati con quelli tipicamente ottenuti dalla pirolisi di hardwoods;
estrazione con acqua: legno di abete e gusci di nocciole sono stati alimentati al
reattore di pirolisi dopo aver subito un processo di estrazione allo scopo di ridurre il
contenuto di ceneri. L'estrazione stata eseguita immergendo 100 g di campione in 1 l
di acqua distillata a 60C per 2 ore.
40
La composizione chimica e la natura delle componenti del legno variano a seconda della
categoria di legno considerata, inoltre le loro caratteristiche sono influenzate dalla tecnica
utilizzata per la loro separazione. In ogni caso la conoscenza dei loro meccanismi di
degradazione molto importante per la comprensione del comportamento pirolitico del legno.
In questo studio sono stati condotti esperimenti di pirolisi su cellulosa e lignina che
costituiscono due delle principali componenti del legno.
In letteratura esiste un'ampia trattazione sulla pirolisi di differenti categorie di legno
sottoposte a processi di pirolisi veloce in letti fluidizzati o di pirolisi convenzionale di singoli
campioni di grandi dimensioni o di letti impaccati. Scarse informazioni, invece, si hanno sulla
pirolisi dei residui agricoli; solo pochi residui sono stati studiati e nella maggior parte dei casi
l'attenzione stata posta sul comportamento termogravimetrico e sulla modellazione cinetica.
In questo studio sono stati condotti esperimenti di pirolisi convenzionale su sei differenti tipi
di biomasse classificabili come residui agricoli tipici dei Paesi appartenenti all'area
mediterranea: gusci di nocciole, paglia, sansa, vinaccia, bucce d'arancia e steli di carciofo. I
residui agricoli sono stati confrontati con campioni di legno di faggio.
Lo studio comparato della pirolisi delle diverse biomasse stato effettuato utilizzando le
seguenti variabili:
profilo termico durante la pirolisi, misurato dalle termocoppie poste lungo l'asse del
reattore a diverse altezze dal fondo (1, 5, 10, 15, 20, 25 cm);
temperatura media, definita come media temporale dei profili termici misurati dalle
termocoppie di cui sopra calcolata su un tempo pari al tempo di conversione (t
C
);
tempo di conversione (t
C
), definito come tempo necessario al rilascio del 90 % della
fase gassosa;
rese dei prodotti; con il termine 'gas' stato indicato l'insieme dei prodotti non
condensabili, mentre le specie condensabili depositate nella parte dell'impianto
compresa fra l'ingresso degli air-pins e l'uscita del primo deminster stata indicata
come 'liquido'; infine il residuo solido all'interno del reattore stato indicato come
'char';
composizione della fase gassosa; le principali specie gassose prodotte sono state
identificate e quantificate mediante GC/TCD; queste misure sono state utilizzate per la
valutazione della resa della fase gassosa;
composizione della fase liquida; 36 delle principali specie liquide identificate nei
liquidi di pirolisi sono state quantificate mediante GC/MS. La fase liquida analizzata
corrisponde a quella raccolta nelle ampolle di condensazione che non costituisce la
41
totalit della fase liquida prodotta considerata nel calcolo della resa totale. In
particolare, alluscita dalle ampolle di condensazione la corrente gassosa attraversa
una serie di due scrubbers contenenti acqua nei quali deposita i vapori condensabili
che ancora contiene. In tutti i casi studiati, alla fine delle prove, negli scrubbers si
raccoglie un liquido bifasico costituito da una frazione acquosa di specie idrosolubili
estremamente diluita e una frazione insolubile in acqua di consistenza melmosa
costituita da specie pi pesanti. Queste due frazioni, a causa di problemi connessi alla
separazione delle due fasi, non sono state quantificate.
Infine la tecnica HPLC stata utilizzata per la caratterizzazione di liquidi di pirolisi
convenzionale prodotti a diverse temperature (600-900 K) (Branca et al., 2003) e liquidi
di pirolisi veloce, ottenuti mediante differenti processi produttivi (Oasmaa e Meier, 2002),
precedentemente caratterizzati mediante GC/MS (Branca et al., 2003). Lapplicazione di
tale tecnica ha permesso lidentificazione di composti polari presenti nei bio oli non
rilevabili mediante GC/MS. Tuttavia, la scarsa efficienza di separazione delle colonne per
HPLC utilizzate per i liquidi di pirolisi fornisce risultati affetti da un margine di errore
non valutabile. Inoltre le quantificazioni effettuate sono affette da un errore aggiuntivo
dovuto alla difficolt nella determinazione del contenuto di lignina pirolitica nei liquidi di
pirolisi. Basti pensare alle rilevanti differenze osservate nei risultati forniti dai diversi
laboratori del Round Robin (Oasmaa e Meier, 2002) sui liquidi di pirolisi veloce. Queste
considerazioni unite alla constatazione dellesiguo apporto fornito dalla tecnica HPLC alla
caratterizzazione dei liquidi di pirolisi osservato nel caso dei liquidi gi disponibili ci
hanno spinto a non utilizzare tale tecnica nella caratterizzazione dei liquidi prodotti in
questa attivit di ricerca.

3.2 Influenza della composizione chimica e della pellettizzazione sui prodotti della
pirolisi del legno
3.2.a Influenza della composizione chimica
Le biomasse sono costituite principalmente da cellulosa, emicellulosa e lignina. Inoltre
contengono i cosiddetti estrattivi, miscele di zuccheri a basso peso molecolare, e ceneri. Le
componenti principali, in un processo di pirolisi, degradano producendo differenti prodotti,
pertanto il loro contenuto nella biomassa iniziale influisce notevolmente sulla resa dei
prodotti e sulla loro composizione. Inoltre, le stesse componenti a seconda della categoria di
legno considerata hanno differente struttura e di conseguenza sono soggette a differenti
meccanismi di degradazione. Infine anche all'interno della stessa categoria esistono variet di
42
legno che presentano deviazioni notevoli dalle propriet standard della categoria di
appartenenza.
In questo studio gli effetti della composizione chimica della biomassa sono stati investigati su
due variet di legno rappresentative delle categorie hardwood e softwood. La composizione
chimica e le propriet fisiche sono riportate nelle tab.3.1-2.





Tab.3.1 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.





Tab.3.2 Composizione chimica dei pellets di hardwood e di softwood. Il contenuto di olocellulosa stato
calcolato per differenza.

I profili termici registrati durante le prove, come si osserva dalla fig.3.1.a, sono
qualitativamente simili, in particolare nella fase iniziale sono perfettamente sovrapponibili, in
quanto la temperatura dettata prevalentemente dal trasporto di calore quindi dalle propriet
fisiche del legno e principalmente dalla densit del letto. Quando la temperatura raggiunge
valori sufficientemente alti da consentire l'inizio delle reazioni di degradazione i profili
termici dei due legni si discostano a causa della diversa natura e composizione chimica delle
componenti.









Hardwood (pellets) 0.6 0.65 1.04 9.8
Softwood (pellets) 0.6 0.67 1.14 9.5
densit
pellet
[g/cm
3
]
biomassa
densit
letto
[g/cm
3
]
altezza letto
[cm]
dimensione
pellet
[cm]
Hardwood (pellets) 2.0 23.0 75.0 0.4
Softwood (pellets) 3.8 29.0 67.0 0.2
ceneri
[%wt]
biomassa
estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
43













Fig. 3.1.a Profili di temperatura durante l'esperimento di pirolisi di pellets di hardwood e softwood (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). I numeri in corrispondenza delle curve indicano la distanza in cm
della termocoppia dal fondo del reattore.

Dalla fig. 3.1.b, in cui riportato anche il profilo termico lungo lasse del reattore nelle
condizioni stazionarie prima dellalimentazione, si evince che il letto di biomassa in entrambi
i casi contenuto nella zona isoterma del reattore a temperatura pi alta. Come si vede le
temperature medie relative ai due tipi di pellets sono simili a causa della similitudine fra
propriet fisiche del letto.












Fig.3.1.b Temperatura media lungo lasse del reattore in funzione della distanza dal fondo. Il caso stazionario si
riferisce a temperature reali mentre negli altri casi le temperature rappresentano la media temporale integrale su
un tempo pari a t
90
.
Le rese dei prodotti di pirolisi e i tempi di conversione sono riportati in tab.3.3.
0 200 400 600 800 1000
450
550
650
750
850
Pellets hardwood
Pellets softwood
15
10
z=5cm
T

[
K
]
t [s]
0 5 10 15 20 25
550
650
750
850
950
Pellets hardwood
Pellets softwood
Stazionario
T

[
k
]
z [cm]
44




Tab.3.3 Tempo di conversione e rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di
alimentazione secca (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

I pellets di softwood sono caratterizzati da tempi di conversione maggiori probabilmente a
causa della diversa reattivit intrinseca di estrattivi, emicellulosa (bassa T) e lignina (alta T).
Nonostante le differenze nella composizione chimica della biomassa, le rese dei prodotti sono
confrontabili. Le rese delle specie gassose sono riportate in tab. 3.4.




Tab.3.4 Rese delle specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

Le specie pi abbondanti sono CO
2
, CO e CH
4
, gli idrocarburi a due atomi di carbonio (etano
ed etilene) sono presenti in quantit limitata, mentre lidrogeno presente solo in tracce. Le
basse rese di idrocarburi a 2 atomi di carbonio testimoniano la limitata attivit delle reazioni
di degradazione secondaria nelle condizioni termiche esaminate. In tali condizioni la
produzione di CO
2
e CO dovuta essenzialmente alla degradazione dellolocellulosa
(emicellulosa prima e cellulosa poi) (Di Blasi, 1993; Antal e Varhegyi, 1995). I pellets di
hardwood danno una resa di CO
2
maggiore dei pellets di softwood in accordo col pi elevato
contenuto della frazione olocellulosica. Le rese di CO e CH
4
sono paragonabili.
La composizione della fase liquida (tab. 3.5-6), che costituisce in entrambi i casi circa il 70%
del liquido prodotto, qualitativamente simile per entrambi i campioni studiati. Il confronto
stato effettuato su 36 composti suddivisi nelle 6 classi indicate nel lavoro di Branca et al.
(2003): carboidrati maggiori, carboidrati minori, fenoli, guaiacoli, siringoli e furani.





Hardwood (pellets) 24.3 12.3 54.4 762
Softwood (pellets)
24.1 11.4 56.2
954
biomassa
[%wt biomassa]
char liquido gas t
c
[s]
Hardwood (pellets) 7.69 3.81 0.71 0.05 0.06 tracce
Softwood (pellets) 6.63 3.92 0.75 0.03 0.11 tracce
biomassa
[%wt biomassa]
CO
2
CO
H
2
CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
45






















Tab.3.5 Composizione dei liquidi di pirolisi di pellets di hardwood e softwoods (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa
alimentata M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.







Tab.3.6 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi di pellets di hardwood e softwoods (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido
raccolto.

Glicolaldeide 8.41 13.63
Acido acetico 17.48 8.77
Acetolo 2.57 4.29
Levoglucosano 2.17 3.79
Fenolo 0.11 0.12
Acido propionico 0.44 0.43
Guaiacolo 0.54 0.84
4Metilsiringolo 0.54 0.06
Idrochinone 0.12 0.11
o-Cresolo 0.09 0.10
m,p-Cresolo 0.13 0.16
Furantetraidro-2,5dimetossi (trans+cis) 0.07 0.05
Acetosiringone 0.19 0.00
2Acetilfurano 0.09 0.09
3Etil-2Idrossi-2Ciclopentenone 0.23 0.19
4Etilguaiacolo 0.22 0.34
4Acetonguaiacolo 0.16 0.26
Siringaldeide 0.15 0.00
2Etilfenolo 0.01 0.00
2Metil-2ciclopentenone 0.09 0.08
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.05 0.07
Isoeugenolo (trans+cis) 0.34 0.61
Vanillina 0.10 0.20
4Metilguaiacolo 0.62 1.42
Eugenolo 0.06 0.10
Siringolo 0.93 0.00
3Metil-2Ciclopentenone 0.11 0.10
2(5H)Furanone 0.55 0.62
5Metil-2Furaldeide 0.26 0.31
2Metossi-4propilfenolo 0.06 0.08
1Idrossi-2butanone 0.95 0.88
3,4Dimetilfenolo 0.01 0.02
Acetossiacetone 0.24 0.22
2Furaldeide 1.08 0.73
Tot 39.16 38.65
Composto
[%wt liquido]
Pellets softwood Pellets hardwood
Carboidrati maggiori 30.6 30.5
Carboidrati minori 2.1 1.9
Fenoli 0.6 0.7
Guaiacoli 2.1 3.8
Siringoli 1.8 0.1
Furani 2.2 2.1
Acqua 39.1 40.4
Tot 78.4 79.4
Classi di composti
[%wt liquido]
Pellets hardwood Pellets softwood
46
Dal punto di vista qualitativo la composizione dei liquidi si presenta molto simile. I composti
principali sono glicolaldeide, levoglucosano, acetolo e acido acetico, tutti derivati dalla
degradazione della frazione olocellulosica. In termini quantitativi la composizione dei liquidi
si presenta piuttosto differente probabilmente a causa della differente natura chimica
dell'emicellulosa. Infatti, l'emicellulosa degli hardwood costituita da xilano, mentre quella
dei softwood da glucomannano (Theander, 1985), pertanto questi due diversi tipi di
carboidrati potrebbero dar luogo a differenti meccanismi di degradazione come gi osservato
in precedenti studi termogravimetrici (Gronli et al., 2002). Il liquido derivato da hardwood ha
un minore contenuto di glicolaldeide, levoglucosano e acetolo a fronte di un contenuto
maggiore di acido acetico. Il contenuto di acqua simile in accordo con le rese di char.
L'emicellulosa potrebbe essere responsabile delle differenze osservate fra i due liquidi
relativamente al contenuto di acidi carbossilici (Murwanashyaka et al., 2001). Come gi noto
in precedenza il liquido di pirolisi degli hardwoods, caratterizzato da un contenuto di
guaiacoli inferiore al liquido ottenuto da softwood, mentre il contrario si osserva per i
siringoli. In questo caso la spiegazione va ricercata nella natura della lignina. La lignina degli
hardwoods tende a degradare producendo sia guaiacoli che siringoli, mentre quella dei
softwoods fornisce come prodotti di degradazione unicamente guaiacoli (Greenwood et al.,
2002). In generale si osserva che nonostante il pi elevato contenuto di lignina dei softwoods,
il contenuto dei prodotti da essa derivati simile per i due liquidi esaminati (rispettivamente
3.86 e 3.83 %wt) a testimonianza del fatto che la lignina dei softwoods caratterizzata da una
minore reattivit.
3.2.b Effetto della pellettizzazione
Il processo di pellettizzazione largamente utilizzato per molti tipi di biomassa e presenta
l'indubbio vantaggio di disporre di un combustibile solido pi maneggevole e pregiato rispetto
alla biomassa di origine. Risulta, infatti, facilitato sia lo stoccaggio, sia l'alimentazione di
fornaci e reattori e si registra un notevole aumento del contenuto energetico su base
volumetrica. Dal punto di vista dei processi di conversione termochimica della biomassa, la
pellettizzazione induce un aumento della densit del letto presente nei reattori di conversione
incidendo notevolmente sul profilo termico allinterno del letto e quindi sulla temperatura
reale di processo.
L'effetto della pellettizzazione stato studiato utilizzando legno di faggio e le caratteristiche
chimico fisiche dei due campioni sono riportate nelle tab.3.7-8.


47





Tab.3.7 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.




Tab.3.8 Composizione chimica del faggio (cubetti e pellets). Il contenuto di olocellulosa stato calcolato per
differenza.

Nelle figure 3.2.a-b sono riportati i profili termici e le temperature medie durante il processo,
mentre gli effetti della pellettizzazione sulla resa dei prodotti e delle principali specie gassose
sono mostrati nelle tab.3.9-10.











Fig. 3.2.a Profili di temperatura durante l'esperimento di pirolisi di cubetti e pellets di faggio (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). I numeri in corrispondenza delle curve indicano la distanza in cm
della termocoppia dal fondo del reattore.






Faggio (cubetti) 0.5 0.32 0.69 20.3
Faggio (pellets) 0.6 0.65 1.04 9.8
altezza letto
[cm]
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
Faggio (cubetti) 3.0 22.0 74.5 0.5
Faggio (pellets) 2.0 23.0 75.0 0.4
ceneri
[%wt]
biomassa
estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
0 200 400 600 800 1000
450
550
650
750
850
20
Cubetti
Pellets
10
5
15
15
10
z=5cm
T

[
K
]
t [s]
48















Fig.3.2.b Temperatura media lungo lasse del reattore in funzione della distanza dal fondo per cubetti e pellets di
faggio. Il caso stazionario si riferisce a temperature reali.





Tab.3.9 Tempo di conversione e rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di
alimentazione secca (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).





Tab.3.10 Rese delle specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

La minore velocit di riscaldamento indotta dalla maggiore densit del letto determina tempi
di conversione pi lunghi, nonostante il letto sia compreso all'interno della zona inferiore del
reattore a temperatura pi elevata. Il letto di faggio in cubetti, invece inizialmente esposto
parzialmente a temperature pi basse, ma, come si deduce dall'elevata temperatura registrata
dalla termocoppia posta 20 cm dal fondo del reattore (fig. 3.2.a), il restringimento del letto
molto veloce e tale da esporre immediatamente tale termocoppia alla fase gassosa. Di
0 5 10 15 20 25
550
650
750
850
950
Cubetti
Pellets
Stazionario
T

[
k
]
z [cm]

Faggio (cubetti)
24.0 12.8 55.7 444
Faggio (pellets) 24.3 12.3 54.4 762
t
c
[s]
biomassa
[%wt biomassa]
char gas liquido
Faggio (cubetti)
8.08 3.88 0.67 0.05 0.09
tracce
Faggio (pellets) 7.69 3.81 0.71 0.05 0.06 tracce
H
2
biomassa
[%wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
49
conseguenza la maggiore altezza del letto di faggio in cubetti non ha influenza rilevante sul
suo tempo di conversione. Gli effetti dovuti alla maggiore velocit di riscaldamento del
faggio in cubetti e all'estensione parziale del letto al di sopra della zona isoterma del reattore
sembrano compensarsi relativamente alle rese dei prodotti di pirolisi e delle specie gassose
comparabili per i due legni esaminati. Al contrario sembrano influire notevolmente sulla
composizione dei liquidi (tab.3.11-12). La frazione analizzata corrisponde al 77-72% del
liquido prodotto rispettivamente dai cubetti e dai pellets.





















Tab.3.11 Composizione dei liquidi di pirolisi di cubetti e pellets di faggio (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa
alimentata M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.





Glicolaldeide 6.78 8.41
Acido acetico 12.27 17.48
Acetolo 2.15 2.57
Levoglucosano 1.35 2.17
Fenolo 0.06 0.11
Acido propionico 0.41 0.44
Guaiacolo 0.33 0.54
4Metilsiringolo 0.55 0.54
Idrochinone 0.10 0.12
o-Cresolo 0.03 0.09
m,p-Cresolo 0.05 0.13
Furantetraidro-2,5dimetossi (trans+ 0.08 0.07
Acetosiringone 0.15 0.19
2Acetilfurano 0.08 0.09
3Etil-2Idrossi-2Ciclopentenone 0.18 0.23
4Etilguaiacolo 0.13 0.22
4Acetonguaiacolo 0.09 0.16
Siringaldeide 0.13 0.15
2Etilfenolo 0.03 0.01
2Metil-2ciclopentenone 0.06 0.09
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.02 0.05
Isoeugenolo (trans+cis) 0.23 0.34
Vanillina 0.07 0.10
4Metilguaiacolo 0.27 0.62
Eugenolo 0.04 0.06
Siringolo 0.92 0.93
3Metil-2Ciclopentenone 0.11 0.11
2(5H)Furanone 0.42 0.55
5Metil-2Furaldeide 0.08 0.26
2Metossi-4propilfenolo 0.04 0.06
1Idrossi-2butanone 0.44 0.95
3,4Dimetilfenolo 0.01 0.01
Acetossiacetone 0.19 0.24
2Furaldeide 0.94 1.08
Tot 28.78 39.16
Faggio
(pellets)
Composto
[%wt liquido]
Faggio
(cubetti)
50







Tab.3.12 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi di cubetti e pellets di faggio (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido
raccolto.

Infatti, ad eccezione dei siringoli che presentano un contenuto simile in entrambi i casi
(faggio in cubetti e in pellets), il contenuto delle altre classi risulta maggiore nel caso dei
pellets a causa dei minori tempi di residenza dei vapori nel reattore. In particolare
glicolaldeide, levoglucosano e acido acetico mostrano una contenuto notevolmente superiore.
Sembra pertanto prevalere l'effetto dovuto al restringimento del letto e quindi all'esposizione a
temperature mediamente pi alte, sempre comunque inferiori alle temperature di
degradazione secondaria. Anche il contenuto di acqua maggiore in accordo con la maggiore
attivit delle reazioni di deidratazione il cui prodotto principale acido acetico.

3.3 Prodotti della pirolisi di differenti tipi di legno
Generalmente le diverse variet di legno differiscono sia per la composizione chimica che per
le propriet fisiche. In questo studio sono stati confrontati 5 tipi di legno: faggio, pioppo,
ulivo, ciliegio e vite le cui caratteristiche chimico fisiche sono indicate nelle tab.3.13-14.







Tab.3.13 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.
Carboidrati maggiori 22.5 30.6
Carboidrati minori 1.4 2.1
Fenoli 0.4 0.6
Guaiacoli 1.2 2.1
Siringoli 1.7 1.8
Furani 1.7 2.2
Acqua 34.6 39.1
Tot 63.5 78.4
Faggio (pellets)
Classi di composti
[%wt liquido]
Faggio (cubetti)
Faggio 0.5 0.32 0.69 19.9
Pioppo 0.5 0.18 0.51 35.4
Ulivo 0.5 0.39 0.87 16.4
Ciliegio 0.5 0.26 0.60 24.2
Vite 0.5 0.25 0.47 26.0
altezza letto
[cm]
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit
letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
51







Tab.3.14 Composizione chimica dei legni. Il contenuto di olocellulosa stato calcolato per differenza.

Come gi detto precedentemente, al diminuire della densit del letto aumenta la velocit di
riscaldamento, ma aumenta la porzione di letto che si estende nella zona del reattore a
temperatura mediamente pi bassa e ci influisce sensibilmente sulle temperature medie di
pirolisi. In fig.3.3 sono rappresentate le temperature medie registrate durante gli esperimenti
di pirolisi.











Fig.3.3 Temperatura media lungo lasse del reattore in funzione della distanza dal fondo.

Nella zona inferiore del reattore (fino a 15 cm dalla base) le temperature medie sono
abbastanza simili, ma leggermente pi alte laddove i letti sono caratterizzati da una minore
densit. Inoltre esse diminuiscono lungo l'altezza del reattore fino ad una distanza dal fondo
di 15 cm. Per distanze maggiori le temperature medie sono pi alte in quanto dopo l'inizio del
processo le termocoppie ad esse associate, a causa del restringimento del letto, misurano la
temperatura della fase gassosa. Ci non accade nel caso del pioppo in cui le termocoppie
risultano immerse nel letto per tutta la durata della prova e infatti la temperatura media da
esse misurata diminuisce all'aumentare della distanza dal fondo fino a raggiungere
temperature pi basse rispetto agli altri casi studiati. In conclusione si pu dire che per tutte le
0 5 10 15 20 25 30
550
650
750
850
Faggio
Pioppo
Ulivo
Ciliegio
Vite
T

[
k
]
z [cm]
Faggio 3.0 22.0 74.5 0.5
Pioppo 5.9 26.7 66.3 1.0
Ulivo 7.5 20.8 71.1 0.6
Ciliegio 6.3 18.2 75.2 0.3
Vite 7.1 26.7 63.3 3.0
ceneri
[%wt]
biomassa estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
52
variet di legno prese in esame, eccetto il pioppo, il letto di biomassa si pu ritenere
contenuto nella zona isoterma del reattore per la maggior parte della durata della prova,
mentre per il pioppo, per tutta la durata della prova, una buona parte del letto risulta esposta a
temperature pi basse. Le differenti condizioni termiche e velocit di riscaldamento a cui le
biomasse sono sottoposte a causa della diversa densit del letto, ma anche la loro
composizione chimica influenzano i tempi di conversione, le rese dei prodotti di pirolisi e la
composizione della fase gassosa e liquida come si pu osservare nelle tabb.3.15-18.







Tab.3.15 Tempi di conversione e rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di
alimentazione secca (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).






Tab.3.16 Rese delle specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

Il pioppo, che ha una densit del letto notevolmente minore degli altri legni, presenta un
tempo di conversione simile a quello della vite e minore degli altri legni. Rispetto agli altri
legni, il pioppo caratterizzato da temperature medie leggermente superiori, ma l'esposizione
di una buona parte del letto a temperature mediamente inferiori attenua l'influenza delle
maggiori velocit di riscaldamento sul tempo di conversione. E' doveroso infine sottolineare
che i campioni di pioppo, cos come quelli di ulivo, ciliegio e vite sono stati ottenuti da
residui di potatura dei corrispondenti alberi, mentre quelli di faggio e abete dal tronco.
Probabilmente le propriet fisiche del legno variano a seconda della parte dell'albero presa in
esame. Sembrerebbe, osservando i tempi di conversione, in particolare quelli di ulivo e faggio
Faggio 24.0 12.8 55.7 444
Pioppo 21.1 11.9 57.6 306
Ulivo 24.1 14.2 54.4 366
Ciliegio 24.0 13.3 53.4 324
Vite 29.0 14.9 46.3 288
t
c
[s]
Biomassa
[%wt biomassa]
char gas liquido
Biomassa
[% wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
H
2
Faggio 8.08 3.88 0.67 0.05 0.09 tracce
Pioppo 7.29 3.95 0.62 0.01 0.04 tracce
Ulivo 9.37 4.00 0.69 0.01 0.10 tracce
Ciliegio 8.69 3.86 0.65 0.00 0.09 tracce
Vite 10.70 3.42 0.59 0.04 0.14 tracce
53
che hanno la stessa densit, che tali propriet determinino una riduzione dei tempi di
conversione nel caso dei residui di potatura.
Osservando le rese dei prodotti di pirolisi si nota che il pioppo, nonostante l'elevato contenuto
di lignina d una resa di char bassa rispetto agli altri legni. Questo comportamento pu essere
dovuto alle maggiori velocit di riscaldamento e alle minori temperature della parte alta del
letto che deprimono le reazioni di formazione di char primario e secondario. Parallelamente si
osserva una maggiore resa di liquido e una minore resa di gas e di acqua come conseguenza
della minore attivit delle reazioni secondarie. Linfluenza delle propriet del letto e quindi
delle temperature medie di pirolisi sui prodotti di pirolisi, sembra prevalere sulleffetto della
composizione chimica. Fra gli hardwoods, la vite d la maggiore resa di char in accordo col
suo pi elevato contenuto di lignina. Inoltre bisogna tenere presente che la vite
caratterizzata anche da un elevato contenuto di ceneri che favoriscono le reazioni di charring,
accompagnate da produzione di acqua, rispetto a quelle di devolatilizzazione determinando
rese pi elevate di char e gas a danno del liquido. In accordo con quanto detto si osserva che
la vite presenta la maggiore resa di acqua. Anche l'elevato contenuto di estrattivi contribuisce
a ridurre la resa di liquido (Di Blasi et al., 1999). Faggio e ulivo danno rese di char minori
della vite e confrontabili fra loro. Ci in accordo con la similitudine fra le caratteristiche
fisiche del letto e fra le composizioni chimiche. In particolare il faggio ha un contenuto
maggiore di lignina, ma minore di ceneri. Anche in questo caso il maggior contenuto di
estrattivi dell'ulivo incide negativamente sulla resa di liquido a vantaggio della resa di gas. Il
ciliegio presenta una resa di char minore di quella osservata per la vite, nonostante abbiano
densit del letto simili, a causa del suo minore contenuto di lignina. In accordo con le
differenze osservate nella composizione chimica, anche la resa di gas e acqua minore a
fronte di una maggiore resa di liquido. Le differenze fra le rese dei prodotti di ciliegio e
faggio sembrerebbero essere in disaccordo con le loro composizioni chimiche. In realt va
ricordato che i due campioni provengono da differenti parti dell'albero e ci potrebbe essere
causa di una differente natura delle loro componenti.
Anche in questo caso i prodotti principali della fase gassosa sono CO
2
, CO e CH
4
. Differenze
quantitative si riscontrano tra le rese di CO
2
e CH
4
, mentre la resa di CO appare confrontabile
per tutti i legni esaminati. In particolare la vite presenta la pi elevata resa di CO
2
seguita da
ulivo, ciliegio, faggio e pioppo. La maggiore resa di CO
2
della vite rispetto al faggio pu
essere legata alla diversa natura di questo legno. Il campione indicato come vite, infatti,
stato ricavato da tralci e contrariamente agli altri campioni non stato separato dalla corteccia
e, come vedremo successivamente, la degradazione della corteccia produce una resa di CO
2

54
maggiore di quella tipicamente associata agli hardwoods. L'elevata resa di CO
2
dell'ulivo e
ciliegio rispetto a faggio e pioppo legata probabilmente sia al maggiore contenuto di
estrattivi e olocellulosa sia alla diversa natura di tali componenti che costituiscono i principali
responsabili della produzione di CO
2
a bassa temperatura. Il pioppo, rispetto agli altri
hardwoods studiati, presenta la minore resa di CO
2
in accordo col basso contenuto della
frazione olocellulosica, mentre potrebbero compensarsi gli effetti termici dovuti alla minore
densit del letto. Le rese di CH
4
sono confrontabili. La vite, caratterizzata da un maggiore
contenuto di lignina d rese pi elevate di C
2.

Nelle tab. 3.17-18 si riporta il confronto fra i liquidi derivati dai legni studiati. La frazione
analizzata costituisce il 71-83% del liquido prodotto.























Tab.3.17 Composizione dei liquidi di pirolisi di cinque differenti tipi di legno (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa
alimentata M
I
=180 g). Le composizioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.




Composto
[%wt liquido]
Faggio Pioppo Ulivo Ciliegio Vite
Glicolaldeide 6.78 7.66 4.75 5.18 3.50
Acido acetico 12.27 8.90 10.31 12.89 12.68
Acetolo 2.15 2.65 1.84 2.19 1.74
Levoglucosano 1.35 3.38 1.92 1.37 0.71
Fenolo 0.06 0.70 0.06 0.07 0.11
Acido propionico 0.41 0.31 0.52 0.45 0.51
Guaiacolo 0.33 0.33 0.25 0.21 0.22
4Metilsiringolo 0.55 0.61 0.54 0.50 0.17
Idrochinone 0.10 0.10 0.15 0.12 0.13
o-Cresolo 0.03 0.04 0.03 0.03 0.03
m,p-Cresolo 0.05 0.05 0.05 0.06 0.05
Furantetraidro-2,5dimetossi (trans+cis) 0.08 0.06 0.09 0.08 0.05
Acetosiringone 0.15 0.18 0.22 0.21 0.05
2Acetilfurano 0.08 0.05 0.07 0.06 0.05
3Etil-2Idrossi-2Ciclopentenone 0.18 0.18 0.22 0.23 0.19
4Etilguaiacolo 0.13 0.15 0.09 0.09 0.07
4Acetonguaiacolo 0.09 0.16 0.10 0.09 0.08
Siringaldeide 0.13 0.12 0.10 0.11 0.03
2Etilfenolo 0.03 0.03 0.03 0.03 0.02
2Metil-2ciclopentenone 0.06 0.05 0.05 0.06 0.05
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.02 0.03 0.02 0.03 0.02
Isoeugenolo (trans+cis) 0.23 0.39 0.16 0.16 0.08
Vanillina 0.07 0.09 0.03 0.03 0.03
4Metilguaiacolo 0.27 0.42 0.15 0.15 0.09
Eugenolo 0.04 0.07 0.02 0.03 0.01
Siringolo 0.92 0.75 1.14 0.89 0.48
3Metil-2Ciclopentenone 0.11 0.06 0.07 0.07 0.07
2(5H)Furanone 0.42 0.50 0.32 0.35 0.24
5Metil-2Furaldeide 0.08 0.10 0.12 0.06 0.04
2Metossi-4propilfenolo 0.04 0.04 0.03 0.02 0.02
1Idrossi-2butanone 0.44 0.40 0.38 0.47 0.42
3,4Dimetilfenolo 0.01 0.01 0.00 0.01 0.00
Acetossiacetone 0.19 0.14 0.18 0.17 0.16
2Furaldeide 0.94 0.63 0.60 0.59 0.27
Tot 28.78 29.34 24.66 27.05 22.36
55






Tab.3.18 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi di cinque differenti tipi di legno (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). Le composizioni sono espresse come percentuale del liquido raccolto.

In tutti i casi esaminati, i prodotti principali della degradazione dell'olocellulosa sono
glicolaldeide, levoglucosano, acido acetico e acetolo. Il prodotto principale delle reazioni di
deidratazione l'acido acetico. Contrariamente a quanto precedentemente osservato nel
liquido derivato da softwood, i liquidi derivati dai legni esaminati (hardwoods) presentano un
maggiore contenuto di acidi carbossilici a causa della diversa natura dell'emicellulosa,
principale responsabile della produzione di tali composti. Il liquido derivato dalla vite
presenta un contenuto minore di tutte le classi di composti, inoltre caratterizzato da un
elevato contenuto di acqua in accordo con lelevata resa di char. Le cause di questo
comportamento vanno ricercate probabilmente nella natura del campione costituito da tralci
completi di corteccia. I liquidi derivati da pioppo, faggio, ulivo e ciliegio presentano
concentrazioni decrescenti dei prodotti di derivazione ligninica (fenoli, guaiacoli e siringoli)
in accordo con il loro contenuto di lignina. Il contenuto dei carboidrati minori confrontabile,
mentre rilevanti differenze si osservano fra i carboidrati maggiori. Le maggiori concentrazioni
di glicolaldeide, acetolo e levoglucosano osservate nel liquido di pirolisi del pioppo sono da
attribuire probabilmente alle maggiori velocit di riscaldamento e temperature medie alle
quali esso sottoposto durante la pirolisi. In ogni caso va ricordato che le differenze osservate
fra i liquidi derivati da legni sono ascrivibili anche alla diversa natura dei campioni utilizzati.

3.4 Effetti di alcuni pretrattamenti sui prodotti della pirolisi del legno
I principali pretrattamenti generalmente praticati sulla biomassa da sottoporre a processi di
pirolisi sono 3:
frazionamento;
estrazione con acqua;
essiccamento.
Classi di composti
[%wt liquido]
Faggio Pioppo Ulivo Ciliegio Vite
Carboidrati maggiori 22.5 22.6 18.8 21.6 18.6
Carboidrati minori 1.4 1.1 1.4 1.4 1.4
Fenoli 0.4 1.0 0.4 0.4 0.4
Guaiacoli 1.2 1.6 0.8 0.8 0.6
Siringoli 1.7 1.7 2.0 1.7 0.7
Furani 1.7 1.4 1.2 1.1 0.6
Acqua 34.6 28.3 38.6 33.4 50.5
Tot 63.5 57.7 63.3 60.4 72.8
56
In questo studio sono stati trattati solamente i primi due pretrattamenti, in quanto l'effetto del
contenuto di umidit sui prodotti di pirolisi della biomassa gi stato ampiamente trattato in
letteratura.
3.4.a Frazionamento
L'effetto del frazionamento stato studiato effettuando la pirolisi di corteccia di cerro.
Osservando le propriet chimico fisiche di tale biomassa (tab 3.19-20) si nota che essa




Tab.3.19 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.




Tab.3.20 Composizione chimica della corteccia e dei pellets di faggio. Il contenuto di olocellulosa stato
calcolato per differenza.

presenta densit simile a quella del faggio, ma un contenuto di lignina molto pi elevato
rispetto ad un tradizionale hardwood. Anche le ceneri e gli estrattivi sono presenti in quantit
rilevanti, maggiori rispetto a quelle osservate generalmente in un hardwood. Data la densit
della corteccia, il letto di biomassa giace interamente nella zona isoterma del reattore e i
profili di temperatura durante la prova sono qualitativamente simili a quelli osservati nel caso
di hardwood di densit comparabile (es. faggio). D'altra parte l'elevato contenuto di lignina, la
cui degradazione esotermica, dovrebbe determinare temperature di pirolisi mediamente pi
alte. Ci nonostante, il tempo di conversione della corteccia notevolmente superiore a
quello osservato negli altri hardwoods. In questo caso la diversa natura delle componenti della
corteccia pu essere la causa di una cinetica di degradazione pi lenta. Nelle tab. 3.21-22 si
riportano le rese dei prodotti e la composizione della fase gassosa.




Tab.3.21 Rese dei prodotti di pirolisi espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca (T=800
K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

Corteccia di cerro 34.37 14.9 44.02 586
Faggio 24.0 12.8 55.7 444
t
c
[s]
Biomassa
[%wt biomassa]
char gas liquido
Corteccia cerro 0.5 0.340 0.780 18.7
Faggio (cubetti) 0.5 0.32 0.69 19.9
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit
letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
altezza letto
[cm]
Corteccia cerro 8.2 51.5 31.1 9.30
Faggio (cubetti) 3.0 22.0 74.5 0.5
biomassa estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
ceneri
[%wt]
57




Tab.3.22 Rese delle principali specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca
(T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

La lignina responsabile dell'elevata resa di char, nettamente superiore a quella osservata
normalmente per il legno. Inoltre va ricordato che le ceneri favoriscono le reazioni di charring
rispetto a quelle di devolatilizzazione determinando un aumento della resa di char e una
riduzione della resa di liquido. L'elevato contenuto di estrattivi contribuisce a dare rese di gas
piuttosto elevate a danno della resa di liquido. Infatti la resa di gas simile a quella osservata
per gli hardwoods con il pi alto contenuto di estrattivi (vite e ulivo), mentre quella di liquido
molto pi bassa rispetto ai tradizionali hardwoods. La corteccia presenta una distribuzione
dei prodotti simile alla vite e infatti fra i legni studiati il campione di vite era l'unico ad essere
stato alimentato completo di corteccia. La natura delle componenti della corteccia tale da
determinare come principali prodotti gassosi di degradazione CO
2
e CO probabilmente anche
a causa delle temperature medie maggiori determinate dalla presenza di una rilevante
componente ligninica. A conferma di quanto detto nel paragrafo precedente relativamente
all'influenza della corteccia nel campione di vite sui prodotti di pirolisi, si nota che la resa di
CO
2
osservata nel caso di pirolisi di corteccia e di vite simile. La resa di CH
4
risulta, al
contrario, inferiore a quella mediamente osservata per il legno.
Nelle tab. 3.23-24 riportata la composizione del liquido di pirolisi della corteccia di cerro
confrontato con quello di faggio. Come si pu osservare, essa produce un liquido con elevato
contenuto di acqua in accordo con l'elevata attivit delle reazioni di charring.










Biomassa
[% wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
H
2
Corteccia di cerro
10.16 4.19 0.40 0.02 0.12 tracce
Faggio 8.08 3.88 0.67 0.05 0.09 tracce
58






















Tab.3.23 Composizione dei liquidi di pirolisi di corteccia di cerro e faggio (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa
alimentata M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.







Tab.3.24 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180
g). Le concentrazioni sono riportate come percentuale in peso del liquido raccolto.

Nel confronto fra corteccia di cerro e faggio va osservato che il liquido raccolto nel caso della
corteccia rappresenta solo il 56% del liquido prodotto in quanto una buona parte del liquido si
deposita negli air pins, mentre nel caso del faggio tale frazione molto pi alta (76%).
Composto
[% wt liquido]
Corteccia
cerro
Faggio
Glicolaldeide 2.70 6.78
Acido acetico 10.42 12.27
Acetolo 1.32 2.15
Levoglucosano 1.33 1.35
Fenolo 0.05 0.06
Acido propionico 0.40 0.41
Guaiacolo 0.21 0.33
4Metilsiringolo 0.17 0.55
Idrochinone 0.06 0.10
o-Cresolo 0.02 0.03
m,p-Cresolo 0.03 0.05
Furantetraidro-2,5dimetossi (trans+cis 0.04 0.08
Acetosiringone 0.05 0.15
2Acetilfurano 0.03 0.08
3Etil-2Idrossi-2Ciclopentenone 0.08 0.18
4Etilguaiacolo 0.07 0.13
4Acetonguaiacolo 0.10 0.09
Siringaldeide 0.03 0.13
2Etilfenolo 0.01 0.03
2Metil-2ciclopentenone 0.03 0.06
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.01 0.02
Isoeugenolo (trans+cis) 0.03 0.23
Vanillina 0.05 0.07
4Metilguaiacolo 0.16 0.27
Eugenolo 0.01 0.04
Siringolo 0.31 0.92
3Metil-2Ciclopentenone 0.05 0.11
2(5H)Furanone 0.17 0.42
5Metil-2Furaldeide 0.05 0.08
2Metossi-4propilfenolo 0.02 0.04
1Idrossi-2butanone 0.37 0.44
3,4Dimetilfenolo 0.00 0.01
Acetossiacetone 0.15 0.19
2Furaldeide 0.43 0.94
Tot 18.94 28.78
Classi di composti
[% wt liquido]
Corteccia
cerro
Faggio
Carboidrati maggiori 15.8 22.5
Carboidrati minori 1.1 1.4
Fenoli 0.2 0.4
Guaiacoli 0.6 1.2
Siringoli 0.6 1.7
Furani 0.8 1.7
Acqua 57.9 34.6
Tot 76.9 63.5
59
Probabilmente nel liquido da corteccia il contenuto di composti pesanti, che condensano a
temperatura maggiore di quella presente nelle ampolle, maggiore. Nel liquido raccolto nelle
ampolle la frazione organica risulta nettamente inferiore rispetto a quella osservata per un
tradizionale hardwood a causa della diversa composizione chimica. Il basso contenuto di
carboidrati maggiori e minori associato al basso contenuto di frazione olocellulosica.
Contrariamente a quanto si osserva per il legno la presenza di ceneri non sembra inibire il
meccanismo di formazione del levoglucosano in quanto la riduzione percentuale della resa di
glicolaldeide nel liquido derivato da corteccia rispetto a quello derivato dal legno (26-84%)
risulta essere molto maggiore quella osservata per il levoglucosano (19-69%). Stranamente,
anche la frazione di composti derivati dalla lignina minore di quella osservata nel liquido di
faggio, ma probabilmente ci dovuto al fatto che i prodotti pi pesanti derivati dalla
degradazione della lignina si raccolgono negli air-pins. Anche per la composizione del liquido
si osserva una similitudine fra corteccia di cerro e vite per i motivi gi ampiamente discussi in
precedenza.
3.4.b Estrazione con acqua
L'estrazione con acqua costituisce un trattamento molto blando di estrazione di sali
inorganici; pi forti risultano i trattamenti con soluzioni di acido solforico o acido cloridrico
(Piskorz et al., 1988). Nel nostro studio sono state sottoposte ad estrazione due biomasse,
abete e gusci di nocciole, le cui caratteristiche sono riportate nelle tab.3.25-26. Le propriet
fisiche dei campioni estratti coincidono con quelle dei campioni non estratti.

Tab.3.25 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.






Tab.3.26 Composizione chimica di abete e gusci di nocciole. Il contenuto di olocellulosa stato calcolato per
differenza.
Le variazioni nel contenuto di ceneri risultanti da tale pretrattamento sono minime, inoltre le
caratteristiche fisiche del letto restano inalterate pertanto i profili termici, le temperature
Abete 0.5 0.176 0.392 36.2
Gusci di nocciole 0.1-0.2 0.446 0.893 14.3
altezza letto
[cm]
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit
letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
Abete 2.6 30.9 66.0 0.50
Abete estratto 2.6 30.9 66.0 0.43
Gusci di nocciole 9.2 33 56.4 1.4
Gusci di nocciole estratti 1.95 33 63.4 1.65
ceneri
[%wt]
biomassa estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
60
medie (qui non riportate, per brevit) e i tempi di conversione non risultano alterati. Anche le
rese dei prodotti e la composizione della fase gassosa (tab. 3.27-28) non sembrano esserne
influenzate o comunque l'effetto dell'estrazione tale da provocare variazioni dell'ordine
dell'errore dei metodi di quantificazione utilizzati.







Tab.3.27 Rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca
(T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).






Tab.3.28 Rese delle principali specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca
(T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

Anche i liquidi (tab.3.29-30) ottenuti da abete e gusci di nocciole estratti presentano una
composizione molto simile a quelli ottenuti dalle stesse biomasse non trattate. Tale risultato
da ricondurre al blando trattamento effettuato.












Abete 22.8 11.5 59.4 582
Abete estratto 22.1 10.9 62.1 555
Gusci di nocciole 30.7 14.3 50.0 354
Gusci di nocciole estratti 29.1 13.9 48.4 334
t
c
[s]
Biomassa
[%wt biomassa]
char liquido gas
Biomassa
[% wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
H
2
Abete 6.31 4.17 0.83 0.07 0.10 tracce
Abete estratto 6.10 3.89 0.77 0.06 0.09 tracce
Gusci di nocciole 9.55 3.68 0.87 0.07 0.13 tracce
Gusci di nocciole estratti 9.01 3.98 0.81 0.07 0.11 tracce
61
























Tab.3.29 Composizione dei liquidi di pirolisi (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). Le
concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.









Tab.3.30 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180
g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.

Composto
[% wt liquido]
Abete
Abete
estratto
Gusci di
nocciole
Gusci di
nocciole
estratti
Glicolaldeide 11.31 7.76 2.96 1.48
Acido acetico 4.55 4.47 14.20 7.10
Acetolo 3.44 1.96 1.52 0.76
Levoglucosano 3.70 4.03 0.75 0.38
Fenolo 0.07 0.05 0.08 0.04
Acido propionico 0.27 0.26 0.57 0.29
Guaiacolo 0.61 0.57 0.69 0.34
4Metilsiringolo 0.04 0.00 0.08 0.04
Idrochinone 0.07 0.06 0.10 0.05
o-Cresolo 0.04 0.04 0.04 0.02
m,p-Cresolo 0.07 0.08 0.06 0.03
Furantetraidro-2,5dimetossi (cis+tra 0.04 0.02 0.06 0.03
Acetosiringone 0.00 0.01 0.01 0.01
2Acetilfurano 0.06 0.04 0.04 0.02
3Etil-2Idrossi-2Ciclopentenone 0.14 0.11 0.13 0.07
4Etilguaiacolo 0.27 0.18 0.22 0.11
4Acetonguaiacolo 0.20 0.25 0.18 0.09
Siringaldeide 0.00 0.00 0.01 0.00
2Etilfenolo 0.04 0.00 0.03 0.02
2Metil-2ciclopentenone 0.05 0.04 0.05 0.02
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.03 0.03 0.03 0.01
Isoeugenolo (trans+cis) 0.50 0.60 0.24 0.12
Vanillina 0.18 0.21 0.15 0.07
4Metilguaiacolo 1.10 0.84 0.53 0.27
Eugenolo 0.12 0.12 0.05 0.02
Siringolo 0.00 0.00 0.18 0.09
3Metil-2Ciclopentenone 0.05 0.04 0.06 0.03
2(5H)Furanone 0.48 0.37 0.20 0.10
5Metil-2Furaldeide 0.08 0.17 0.04 0.02
2Metossi-4propilfenolo 0.08 0.07 0.04 0.02
1Idrossi-2butanone 0.55 0.38 0.37 0.18
3,4Dimetilfenolo 0.01 0.00 0.01 0.01
Acetossiacetone 0.15 0.11 0.17 0.08
2Furaldeide 0.50 0.48 0.48 14.69
Tot 28.81 23.37 24.32 26.61
Classi di composti
[% wt liquido]
Abete
Abete
estratto
Gusci di
nocciole
Gusci di
nocciole
estratti
Carboidrati maggiori 23.0 17.5 19.4 21.4
Carboidrati minori 1.2 0.9 1.3 1.4
Fenoli 0.4 0.3 0.4 0.4
Guaiacoli 3.0 2.7 2.0 2.5
Siringoli 0.0 0.0 0.3 0.3
Furani 1.2 1.3 0.9 1.2
Acqua 30.1 29.7 42.2 45.3
Tot 58.9 52.4 66.6 72.5
62
In entrambi i casi, la frazione di liquido raccolta dalla pirolisi del campione pretrattato e non
rappresenta una percentuale confrontabile del liquido prodotto. Differenze si osservano nella
resa dei composti principali. In particolare il ridotto contenuto di ceneri dell'abete estratto
responsabile del minore contenuto di glicolaldeide, mentre la concentrazione di
levoglucosano resta inalterata. I gusci di nocciole estratti non presentano lo stesso
comportamento, infatti mostrano una riduzione percentualmente simile (ca. 50%) del
contenuto di glicolaldeide e levoglucosano. Probabilmente questo risultato indice di un
diverso meccanismo di degradazione dell'olocellulosa di biomasse derivate da residui
agricoli. Infine l'estrazione con acqua sembra favorire la produzione di furani, prodotti di
degradazione dell'emicellulosa, sia nel caso dell'abete che dei gusci di nocciole.

3.5 Prodotti della pirolisi delle componenti del legno
Come noto, le principali componenti del legno sono cellulosa, emicellulosa e lignina. La
cellulosa e l'emicellulosa sono polimeri lineari, ma la prima ha un grado di polimerizzazione
superiore, tuttavia esse sono chimicamente simili. La lignina, invece, un polimero
tridimensionale costituito principalmente da fenoli. In quest'attivit di tesi stata studiata la
pirolisi della cellulosa e della lignina. L'emicellulosa stata tralasciata sia a causa della
similitudine con la cellulosa, sia a causa dell'impossibilit di ottenere da essa un campione
qualitativamente omogeneo agli altri due. Infatti, sia cellulosa che lignina, commercializzati
sottoforma di polvere fine, sono stati miscelati con acqua, sagomati in parallelepipedi e fatti
essiccare in forno a 70 C. I parallelepipedi risultanti sono stati successivamente ridotti in
cubetti di dimensione caratteristica pari a 0.5 cm in modo tale da ottenere campioni
qualitativamente simili a quelli di legno. Lo stesso trattamento non poteva essere adoperato
per l'emicellulosa in quanto essa viene commercializzata sottoforma di cristalli. In tab. 3.31
sono riportate alcune propriet fisiche dei due campioni.






Tab.3.31 Densit e dimensioni caratteristiche dei pellets e del letto.



Cellulosa (Avicel PH 105) 0.5 0.300 0.39 21.2
Lignin alkali (Sigma Aldrich) 0.5 1.35
altezza letto
[cm]
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit
letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
63
I profili termici e di conseguenza le temperature medie del processo (fig. 3.4) sono molto
differenti.











Fig.3.4 Temperatura media lungo lasse del reattore in funzione della distanza dal fondo.

nei due casi esaminati. Nel sistema di pirolisi utilizzato per i test le propriet fisiche del
campione sembrano avere un ruolo predominante rispetto alla sua natura chimica. Infatti, pur
essendo la degradazione della cellulosa endotermica e della lignina esotermica, le temperature
medie pi basse si registrano nel caso della lignina. Questo comportamento dovuto
all'elevata densit del letto di lignina che riduce notevolmente la velocit di riscaldamento. Le
basse temperature medie raggiunte nella pirolisi della lignina e la sua natura chimica sono
responsabili del pi elevato tempo di conversione (tab. 3.32). Infatti, dalla letteratura
precedente noto che la pirolisi della cellulosa della lignina avviene in un intervallo di
temperatura molto pi ampio rispetto a quello tipico della cellulosa e raggiunge il massimo
della velocit di degradazione a temperature pi alte. Di conseguenza nelle condizioni
termiche esaminate la lignina caratterizzata da una velocit di degradazione pi bassa. Nelle
tab. 3.32-33 sono riportate le rese dei prodotti di pirolisi e la composizione della fase gassosa.





Tab.3.32 Rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca
(T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).



0 5 10 15 20 25 30
450
550
650
750
850
Cellulosa
Lignina
T

[
K
]
z [cm]
Cellulosa (Avicel PH 105) 17.03 8.22 65.49 1105
Lignin alkali (Sigma Aldrich) 46.87 6.86 38.1 2376
t
c
[s]
Biomassa
[%wt biomassa]
char gas liquido
64





Tab.3.33 Rese delle principali specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca
(T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

La pirolisi della cellulosa produce essenzialmente una fase liquida con elevato contenuto di
acqua date le condizioni di temperatura non sufficientemente rigide. Nelle condizioni di
temperatura tipiche del nostro sistema la resa di char non trascurabile, ma comunque
inferiore a quella osservata nel caso dei legni. L'assenza di ceneri nel campione di cellulosa
considerato incide sulla riduzione della resa di char a vantaggio della fase liquida. La lignina,
invece, d come principale prodotto di pirolisi il char, mentre liquido e gas hanno una resa
nettamente inferiore e ci giustificato sia dalla naturale tendenza della lignina a degradare
producendo char, sia dalle basse velocit di riscaldamento e temperature medie di pirolisi
osservate. In realt va sottolineato che la resa di gas stata stimata per difetto a causa dello
scarso numero di prelievi nella zona di maggiore rilascio delle specie gassose. Il char raccolto
dalla pirolisi della lignina, contrariamente a tutti gli altri casi esaminati, non conserva la
struttura macroscopica del campione iniziale: durante la fase di riscaldamento il campione
alimentato passa attraverso una fase fusa trasformandosi in un unico blocco solido.
La resa delle specie gassose si presenta molto differente nei due casi esaminati, infatti, mentre
la fase gassosa ottenuta dalla cellulosa costituita principalmente da CO
2
e CO, la lignina
fornisce una fase gassosa costituita prevalentemente da CO e CH
4
, mentre la resa di CO
2

molto bassa. Questo risultato in accordo col fatto che nelle condizioni termiche esaminate la
cellulosa la maggiore responsabile della produzione di CO
2
. Il metano, invece, come pure
gli idrocarburi C
2
rappresentano un tipico prodotto della degradazione della lignina e i
risultati ottenuti sulla loro resa confermano questa affermazione. In ogni caso va ricordato che
le basse temperature di pirolisi raggiunte nel caso della lignina non favoriscono la formazione
di C
2
. Nelle tab. 3.34-5 riportata la composizione della fase liquida ottenuta da cellulosa e
lignina che rappresenta, rispettivamente, il 70 e l'88% del liquido prodotto.




Biomassa
[% wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
H
2
Cellulosa (Avicel PH 105) 5.60 3.94 0.46 0.07 0.08
tracce
Lignin alkali (Sigma Aldrich) 0.56 5.60 1.14 0.00 0.23 tracce
65





















Tab.3.34 Composizione dei liquidi di pirolisi (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g). Le
concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.






Tab.3.35 Classi di composti identificati nei liquidi di pirolisi (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180
g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.

Glicolaldeide e levoglucosano rappresentano le specie pi abbondanti nel liquido di pirolisi
della cellulosa. In particolare la resa di glicolaldeide raggiunge valori tipicamente osservati
per i liquidi provenienti da hardwoods, mentre la resa di levoglucosano molto pi elevata,
contrariamente a quella di acido acetico e acetolo le cui rese sono confrontabili. I risultati
Composto CellulosaLignina
[% wt liquido]
Glicolaldeide 5.28 0.07
Acido acetico 1.04 0
Acetolo 1.05 0
Levoglucosano 8.80 3.37
Fenolo 0.03 0.72
Acido propionico 0.53 0.01
Guaiacolo 0.03 4.02
4Metilsiringolo 0.04 0.10
Idrochinone 0.05 0.00
o-Cresol 0.02 0.31
m,p-Cresol 0.02 0.38
Furantetraidro-2,5dimetossi (trans+cis 0 0
Acetosiringone 0.01 0
2Acetilfurano 0.10 0
3Etil-2idrossi-2Ciclopentenone 0.07 0
4Etilguaiacolo 0.02 0.13
4Acetonguaiacolo 0.02 0.11
Siringaldeide 0 0
2Etilfenolo 0.01 0.09
2Metil-2Ciclopentenone 0.02 0.03
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.01 0.21
Isoeugenolo (trans+cis) 0 0.08
Vanillina 0.01 0
4Metilguaiacolo 0 0.23
Eugenolo 0 0
Siringolo 0 0.01
3Metil-2Ciclopentenone 0.04 0.12
2(5H)Furanone 0.27 0
5Metil-2Furaldeide 0.23 0
2Metossi-4Propilfenolo 0.01 0.03
1Idrossi-2butanone 0 0
3,4-Dimetilfenolo 0 0.06
Acetossiacetone 0.05 0
2Furaldeide 1.05 0
Tot 18.80 10.08
Classi di composti Cellulosa Lignina
[% wt liquido]
Carboidrati maggiori 11.3 3.0
Carboidrati minori 0.5 0.1
Fenoli 0.1 1.6
Guaiacoli 0.1 4.0
Siringoli 0 0.1
Furani 1.1 0
Acqua 37.6 -
Tot 33.2 3.4
66
ottenuti per la cellulosa, da punto di vista qualitativo, confermano quelli ottenuti in condizioni
di pirolisi veloce in studi precedenti (Piskorz et al., 1988). A tal proposito va ricordato che nel
campione di cellulosa utilizzato il contenuto di ceneri era nullo, di conseguenza, in tali
condizioni, la formazione di levoglucosano favorita, mentre risultano sfavorite le reazioni di
deidratazione tipicamente associate alla produzione di char. In ogni caso un fattore
determinante nei meccanismi di degradazione della cellulosa la sua natura, intesa come
composizione chimica e morfologia. In particolare quest'ultima influenza i meccanismi di
formazione del levoglucosano favorito in condizioni morfologiche caratterizzate da un minore
grado di polimerizzazione. La resa di furani leggermente superiore a quella tipicamente
osservata nel caso dei liquidi derivati da legno, mentre la resa di fenoli, guaiacoli e siringoli
praticamente trascurabile in accordo con la loro origine ligninica. Dai risultati ottenuti sul
liquido di pirolisi della lignina si osserva che i carboidrati (maggiori e minori) e i furani sono
praticamente assenti. In realt un precedente studio condotto su lignina estratta da Douglas fir
(Greenwood et al., 2002) annoverava il levoglucosano fra i prodotti della degradazione della
lignina, ma ci era probabilmente dovuto a contaminazioni della frazione olocellulosica
comunque presenti nel campione di lignina estratta. Simili considerazioni giustificano la
presenza di acido acetico nei prodotti di degradazione della Kraft lignin studiata da Caballero
et al. (1996). Nel nostro caso il campione di lignina non ottenuto per estrazione, ma per
sintesi a partire da formaldeide e solfito disodico, per cui la sua struttura e composizione
chimica potrebbe essere diversa da quella della lignina presente nelle biomasse, ma
sicuramente non contiene contaminazioni della frazione olocellulosica. I guaiacoli sembrano
essere il maggiore prodotto liquido della degradazione della lignina, seguiti dai fenoli. Una
tale distribuzione di prodotti coerente con la struttura della lignina assimilabile ad un
polimero fenolico tridimensionale. I siringoli, invece, hanno resa trascurabile come accade nei
liquidi di degradazione dei softwoods. Ci fa pensare che la natura della lignina studiata sia
simile a quella presente nei softwoods. In ogni caso va ricordato che le basse rese dei
composti derivanti dalla lignina sono riconducibili anche alle basse temperature medie
registrate durante il processo di pirolisi.

3.6 Prodotti della pirolisi dei residui agricoli
I residui agricoli sono caratterizzati da una composizione chimica e da una reattivit
intrinseca molto diversa da quella tipica dei legni e di conseguenza diverso anche il loro
comportamento pirolitico (rese dei pprodotti, composizione della fase gassosa e della fase
liquida). Le caratteristiche chimico fisiche dei residui presi in esame sono riportate nelle tab.
67
3.36-37. Va ricordato che i campioni prima di essere alimentati al reattore sono stati essiccati
in forno a 100 C per 12 ore. Bucce d'arancia e steli di carciofo sono stati precedentemente
posti in forno ventilato per 2 ore a 60 C per eliminare la maggior parte dell'umidit in essi
presente. Entrambi hanno rivelato un contenuto di umidit pari a ca. il 70% del peso iniziale,
mentre gusci di nocciole, paglia, sansa e vinaccia possedevano un contenuto di umidit
inferiore al 10%.








Tab.3.36 Densit e dimensioni caratteristiche dei campioni e del letto.








Tab.3.37 Composizione chimica dei campioni. Il contenuto di olocellulosa stato calcolato per differenza.

La componente indicata come lignina costituisce il residuo solido ottenuto sottoponendo i
campioni al processo di estrazione dell'olocellulosa noto come 'metodo di Klason
perfezionato'. In realt, in alcuni casi, tale residuo non si identifica con la lignina
propriamente detta, comunque in seguito ci riferiremo ad esso indicandolo come lignina. I
residui agricoli, rispetto al legno, sono cartterizzati da un contenuto di ceneri ed estrattivi
maggiore. Inoltre, escludendo la paglia, anche il loro contenuto di lignina maggiore di
quello tipicamente osservato nei legni appartenenti alla categoria degli hardwoods, mentre si
avvicina al contenuto di lignina dei softwoods. Va sottolineato che nel caso di paglia e
vinaccia, per ottenere densit del letto comparabili con gli altri residui agricoli e per evitare
problemi durante la fase di alimentazione i campioni sono stati preventivamente ridotti in
pellets. Tutti i residui agricoli sono caratterizzati da un letto di densit inferiore rispetto ai
Faggio (pellets) 2.0 22.8 74.8 0.4
Gusci di nocciole 9.2 33.0 62.0 1.4
Paglia (pellets) 4.9 22.8 66.1 6.2
Sansa 8.7 28.0 60.8 2.5
Vinaccia (pellets) 8.0 30.4 52.0 12.1
Bucce d'arancia 18.7 20.8 58.7 1.8
Steli di carciofo 6.8 34.0 50.4 8.8
ceneri
[%wt]
biomassa estrattivi
[%wt]
lignina
[%wt]
olocellulosa
[%wt]
Faggio (pellets) 0.6 0.65 1.04 9.8
Gusci di nocciole 0.1-0.2 0.45 0.89 14.3
Paglia (pellets) 0.5 0.37 0.88 17.0
Sansa 0.1-0.3 0.42 1.22 15.3
Vinaccia (pellets) 0.5 0.45 0.72 14.2
Bucce d'arancia 0.1-0.2 0.28 0.53 22.7
Steli di carciofo 0.5 0.33 1.01 19.3
altezza letto
[cm]
biomassa
dimensione
particella
[cm]
densit
letto
[g/cm
3
]
densit
particella
[g/cm
3
]
68
pellets di faggio. Ad eccezione delle bucce d'arancia e degli steli di carciofo, in tutti gli altri
casi esaminati il letto di biomassa giace nella zona isoterma del reattore. I profili termici
registrati durante le prove sono qualitativamente simili a quelli ottenuti nel caso dei legni. In
fig. 3.5 sono state confrontate le temperature medie del processo. In accordo con la minore
densit del letto, i residui agricoli sono caratterizzati da temperature medie pi elevate
rispetto ai pellets di faggio. I residui che presentano densit del letto confrontabile, vinaccia,
sansa, nocciole e paglia, sono caratterizzati da temperature medie simili, per distanze dal
fondo <= 5 cm, per distanze maggiori le temperature medie si differenziano, probabilmente a
causa delle diverse velocit di regressione del letto di biomassa che causano l'esposizione
delle termocoppie a 10 e 15 cm alle temperature pi alte della fase gassosa in tempi diversi.
Gli steli di carciofo, che presentano una minore densit del letto, sono caratterizzati da
velocit di riscaldamento e quindi da temperature medie pi elevate. Le bucce d'arancia,
invece, nonostante abbiano densit del letto inferiore a quella degli steli di carciofo,
presentano temperature medie minori. Questo comportamento pu essere dovuto a diversi
fattori sia fisici che chimici. Innanzitutto i due residui agricoli sono strutturalmente molto
diversi e di conseguenza possono presentare propriet fisiche di trasporto differenti; in
secondo luogo, le bucce d'arancia presentano un contenuto di estrattivi, componenti che
degradano a bassa temperatura, molto elevato e un contenuto di lignina, le cui degradazione
esotermica, pi basso delle altre biomasse considerate.











Fig.3.5 Temperatura media lungo lasse del reattore in funzione della distanza dal fondo. Le temperature
rappresentano la media temporale integrale su un tempo pari a t
90
.
Le rese dei prodotti di pirolisi e i tempi di conversione sono riportati in tab.3.38.



0 5 10 15 20 25 30
550
600
650
700
750
800
850
Faggio (pellets)
Gusci di nocciole
Paglia (pellets)
Sansa
Vinaccia (pellets)
Bucce d'arancia
Steli di carciofo
T

[
k
]
z [cm]
69









Tab.3.38 Tempo di conversione e rese dei prodotti della pirolisi espresse come percentuale in peso su base di
alimentazione secca (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

I residui agricoli, ad eccezione dei pellets di vinaccia, hanno tempi di conversione inferiori
rispetto ai pellets di faggio a causa della minore densit del letto. I pellets di vinaccia,
nonostante abbiano densit del letto paragonabile con gli altri residui, presentano un tempo di
conversione nettamente superiore e paragonabile a quello dei pellets, probabilmente a causa
della loro minore reattivit intrinseca gi osservata in un precedente studio (Di Blasi et al.,
1999). Sansa e gusci di nocciole hanno tempi di conversione simili in accordo con la
similitudine fra le propriet dei corrispondenti letti. La paglia, invece, ha una densit del letto
simile a quella del faggio e minore di quella dei gusci di nocciole e della sansa, eppure
presenta un tempo di conversione maggiore in contrasto con la dipendenza quasi lineare del
tempo di conversione dalla densit del letto (Di Blasi, 1997; Kanury, 1999). In realt la
lignina presente nella paglia degrada molto pi lentamente di quella presente nel legno
(Bilbao et al., 1990) e ci spiega il maggiore tempo di conversione. Steli di carciofo e bucce
darancia sono caratterizzati da densit del letto simile, minore rispetto agli altri residui, ma
da un tempo di conversione maggiore di sansa e gusci di nocciole e ci potrebbe essere indice
di una diversa reattivit intrinseca. Inoltre, bisogna ricordare che il loro letto si estende in una
zona del reattore a temperatura leggermente inferiore. Come abbiamo visto in precedenza, le
caratteristiche di riscaldamento di questi due residui sono differenti. Nonostante ci i tempi di
conversione sono simili fra loro suggerendo una maggiore reattivit intrinseca delle bucce
darancia. Le rese dei prodotti sono molto differenti fra i vari residui agricoli. In ogni caso,
comunque, elevate rese di char e gas sono associate a basse rese di liquido. In generale i
residui agricoli danno rese di char pi elevate a causa del loro maggiore contenuto di lignina e
di ceneri. In particolare, leffetto catalitico delle ceneri evidente nel caso dei pellets di
vinaccia, i quali presentano un contenuto di lignina elevato, ma inferiore a quello dei gusci di
Faggio (pellets) 24.3 12.3 54.4 762
Gusci di nocciole 30.7 14.3 50.0 348
Paglia (pellets) 28.6 15.4 47.8 499
Sansa 29.5 13.5 48.8 386
Vinaccia (pellets) 41.9 15.9 35.0 764
Bucce d'arancia 26.4 15.0 53.1 419
Steli di carciofo 33.7 16.8 39.8 435
t
c
[s]
Biomassa
[%wt biomassa]
char gas liquido
70
nocciola e al contrario di quanto ci si aspetterebbe danno una resa di char molto pi elevata
associata ad una bassa resa di liquido. Paglia, sansa, nocciole e steli di carciofo danno una
resa di char crescente in accordo con il loro contenuto di lignina. Le bucce d'arancia, fra tutti i
residui agricoli, presentano il minore contenuto di lignina, e infatti, danno una resa di char
minore. Alcuni residui agricoli, quali bucce d'arancia e steli di carciofo hanno una natura
molto diversa dal legno, pertanto un confronto sistematico dovrebbe tenere in considerazione
anche questa variabile, oltre che la composizione chimica e la densit del letto. Ad esempio la
natura della frazione olocellulosica delle bucce d'arancia alquanto diversa da quella del
legno in quanto contiene una frazione non trascurabile di pectina. La pirolisi della pectina
(Sharma et al., 2001) ha mostrato che essa d rese di char prossime a quelle del legno e una
fase gassosa composta essenzialmente da CO
2
e CO. Ci potrebbe fornire una spiegazione
all'elevata resa di char osservata per le bucce d'arancia.
Le rese delle specie gassose sono riportate in tab. 3.39.








Tab.3.39 Rese delle specie gassose espresse come percentuale in peso su base di alimentazione secca (T=800 K,
Q
N2
=8l/min, massa alimentata M
I
=180 g).

Le specie gassose coincidono con quelle osservate nei prodotti di pirolisi del legno. Tutti i
residui agricoli, in particolare steli di carciofo, vinaccia e bucce d'arancia mostrano una resa
di CO
2
maggiore rispetto al legno, probabilmente perch le maggiori rese di char conducono
simultaneamente ad un aumento di CO
2
e vapor d'acqua (Di Blasi et al., 1999). Inoltre, va
ricordato che le temperature medie registrate nel caso degli steli di carciofo sono pi elevate.
A fronte di una minore resa di CO
2
, rispetto agli altri residui agricoli, paglia, gusci di nocciole
e sansa danno una maggiore resa di CO. In particolare la vinaccia d la resa di CO pi bassa
in accordo con precedenti studi (Di Blasi, 1999). A causa del maggiore contenuto di lignina
dei residui agricoli, le rese di C
2
sono maggiori di quelle tipicamente osservate per i legni.
Lidrogeno presente solo in tracce.
La fase liquida (tab. 3.40-41) analizzata costituisce il 69-79% del liquido prodotto, ad
eccezione del caso della vinaccia in cui il liquido raccolto corrisponde ad una esigua frazione
Biomassa
[% wt biomassa]
CO
2
CO CH
4
C
2
H
4
C
2
H
6
H
2
Faggio (pellets) 7.69 3.81 0.71 0.05 0.06 tracce
Gusci di nocciole 9.55 3.68 0.87 0.07 0.13 tracce
Paglia (pellets) 10.35 4.12 0.69 0.10 0.17 tracce
Sansa 9.29 3.29 0.78 0.05 0.11 tracce
Vinaccia (pellets) 13.53 1.45 0.55 0.07 0.23 tracce
Bucce d'arancia 11.92 2.28 0.58 0.01 0.17 tracce
Steli di carciofo 13.82 2.04 0.61 0.07 0.24 tracce
71
del liquido prodotto (40%). In questo caso, una rilevante frazione del liquido viene raccolta
negli scrubbers come fase insolubile in acqua che generalmente si identifica con composti
ossigenati di elevato peso molecolare derivanti dalla depolimerizzazione della lignina
(Scholze et al., 2001). In generale la fase liquida raccolta nel caso dei residui agricoli
qualitativamente simile a quella ottenuta dai legni.





























72





















Tab.3.40 Composizione dei liquidi di pirolisi dei residui agricoli (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata
M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.







Tab.3.41 Classi di composti identificati nei liquidi dei residui agricoli (T=800 K, Q
N2
=8l/min, massa alimentata
M
I
=180 g). Le concentrazioni sono espresse come percentuale in peso del liquido raccolto.

La frazione analizzata corrisponde al 65-84% del liquido raccolto. Rispetto al legno, i liquidi
ottenuti dai residui agricoli, in particolare steli di carciofo e vinaccia, presentano un contenuto
d'acqua nettamente superiore, a fronte di un contenuto minore della frazione organica. Questo
risultato in sintonia con le maggiori rese di char osservate. Nel caso di vinaccia e steli di
Composto
[%wt liquido]
Faggio
(pellets)
Gusci di
nocciole
Sansa
Paglia
(pellets)
Vinaccia
(pellets)
Bucce
d'arancia
Steli di
carciofo
Glicolaldeide 8.41 2.96 2.00 4.29 0.02 1.96 0.11
Acido acetico 17.48 14.20 13.86 11.34 1.56 6.18 1.66
Acetolo 2.57 1.52 1.51 3.07 0 1.66 0
Levoglucosano 2.17 0.75 0.37 0.24 0.09 0.33 0.01
Fenolo 0.11 0.08 0.07 0.10 0.08 0.08 0.30
Acido propionico 0.44 0.57 0.72 0.88 0.27 0.45 0.36
Guaiacolo 0.54 0.69 0.43 0.24 0.07 0.06 0.05
4Metilsiringolo 0.54 0.08 0.19 0.07 0.04 0.04 0.04
Idrochinone 0.12 0.10 0.12 0.14 0.02 0.10 0.77
o-Cresol 0.09 0.04 0.03 0.03 0.01 0.02 0.04
m,p-Cresol 0.13 0.06 0.05 0.04 0.03 0.03 0.07
Furantetraidro-2,5dimetossi (cis+trans 0.07 0.06 0.05 0.04 0 0.03 0
Acetosiringone 0.19 0.01 0.05 0.04 0 0 0
2Acetilfurano 0.09 0.04 0.04 0.07 0.02 0.07 0
3Etil-2idrossi-2Ciclopentenone 0.23 0.13 0.17 0.27 0 0.09 0.14
4Etilguaiacolo 0.22 0.22 0.11 0.06 0.02 0.02 0.02
4Acetonguaiacolo 0.16 0.18 0.12 0.06 0 0.02 0.02
Siringaldeide 0.15 0.01 0.05 0.02 0 0 0
2Etilfenolo 0.01 0.03 0.02 0.02 0.01 0.01 0
2Metil-2Ciclopentenone 0.09 0.05 0.04 0.07 0.01 0.04 0.09
2,5-2,4Dimetilfenolo 0.05 0.03 0.02 0.01 0.01 0.01 0.01
Isoeugenolo (trans+cis) 0.34 0.24 0.13 0.02 0.01 0 0.01
Vanillina 0.10 0.15 0.06 0.06 0 0 0
4Metilguaiacolo 0.62 0.53 0.20 0.05 0.01 0.01 0
Eugenolo 0.06 0.05 0.02 0 0 0 0
Siringolo 0.93 0.18 0.54 0.31 0.12 0.11 0.01
3Metil-2Ciclopentenone 0.11 0.06 0.06 0.08 0.03 0.07 0.11
2(5H)Furanone 0.55 0.20 0.17 0.28 0 0.21 0.11
5Metil-2Furaldeide 0.26 0.04 0.02 0.03 0 0.20 0.26
2Metossi-4Propilfenolo 0.06 0.04 0.02 0.01 0.01 0 0.01
1Idrossi-2butanone 0.95 0.37 0.35 0.39 0 0.28 0.16
3,4-Dimetilfenolo 0.01 0.01 0.01 0 0 0.00 0.01
Acetossiacetone 0.24 0.17 0.17 0.26 0 0.22 0.18
2Furaldeide 1.08 0.48 0.28 0.33 0 0.47 0
Tot 39.16 24.32 22.04 22.96 2.44 12.78 4.65
Composto
[%wt liquido]
Faggio
(pellets)
Gusci di
nocciole
Sansa
Paglia
(pellets)
Vinaccia
(pellets)
Bucce
d'arancia
Steli di
carciofo
Carboidrati maggiori 30.6 19.4 17.7 18.9 1.7 10.1 1.8
Carboidrati minori 2.1 1.3 1.5 2.0 0.3 1.2 1.1
Fenoli 0.6 0.4 0.3 0.4 0.2 0.3 1.2
Guaiacoli 2.1 2.0 1.1 0.5 0.1 0.1 0.1
Siringoli 1.8 0.3 0.8 0.4 0.2 0.2 0
Furani 2.0 0.8 0.6 0.8 0 1.0 0.4
Acqua 39.1 46.2 50.1 42.2 77.6 65.4 79.1
Tot 78.3 70.5 72.1 65.2 80.0 78.2 83.7
73
carciofo la frazione organica irrisoria e lunico carboidrato presente in quantit rilevanti
lacido acetico. Se si esclude il caso della vinaccia, nei liquidi ottenuti dai residui agricoli il
rapporto fra la concentrazione di glicolaladeide e levoglucosano, compreso fra 3.9 e 17.7,
nettamente superiore a quello osservato nel legno di faggio (3.8) a causa dell'elevato
contenuto di ceneri dei residui agricoli. In particolare il contenuto di glicolaldeide
nettamente superiore nel liquido di pirolisi della paglia in accordo con il suo notevole
contenuto di ceneri. Lacido acetico risulta essere il principale prodotto delle reazioni di
deidratazione seguito dallacetolo che presente in quantit rilevante nel liquido di pirolisi
della paglia. Il contenuto di fenoli comparabile nei liquidi esaminati, mentre guaiacoli e
siringoli sono pi abbondanti nei residui caratterizzati da un maggiore contenuto di lignina, ad
eccezione degli steli di carciofo. Sembra che la lignina contenuta negli steli di carciofo
degradi producendo essenzialmente fenoli, piuttosto che guaiacoli e siringoli.

3.7 Influenza della temperatura di pirolisi sulla composizione dei liquidi
Linfluenza della temperatura sulla composizione dei liquidi di pirolisi convenzionale stata
studiata mediante GC/MS nel lavoro di Branca et al. (2003). In questa tesi lanalisi
gascromatografica stata integrata utilizzando la cromatografia liquida ad elevate prestazioni
(HPLC). In fig. 3.6 riportato un esempio di cromatogramma relativo alla frazione acquosa di
un campione liquido prodotto dalla pirolisi del faggio nel reattore a letto fisso operante a
T=800 K e analizzato con colonna Aminex HPX87H.

mi n 15 20 25 30 35 40 45 50 55 60
nRIU
0
25000
50000
75000
100000
125000
150000
175000
200000
225000
1
2
,
3

5
4
17
18,19
2
0
,
2
1
,
2
2

26
9
,
1
0
,
2
3

6
,
1
6

8
7
13,14,15
24
12,25
11

Fig.3.6 Cromatogramma della frazione acquosa di liquido ottenuto dalla pirolisi del faggio analizzato con
colonna Aminex HPX87H (T
colonna
=60C, portata eluente=0.3ml/min).

74
I numeri indicati sui picchi corrispondono ai composti identificati e riportati in tabella 3.42
nella quale specificata lorigine indicando con C i composti derivanti dalla cellulosa, con H
quelli derivanti dallemicellulosa e con L quelli derivanti dalla lignina. Come si osserva dal
cromatogramma in figura sono presenti molti picchi e questo riflette la complessit chimica
dei liquidi di pirolisi.
IDN Composto
Formula
chimica
PM
[g/mole]
RT 87H
[min]
Origine
1 Glucosio C
6
H
12
O
6
180 19.361 C-H
2 Xylosio C
5
H
10
O
5
150 20.53 C-H
3 Fruttosio C
6
H
12
O
6
180 20.702 C-H
4 Glyoxal C
2
H
2
O
2
58 21.493 C
5 Gliceraldeide C
3
H
6
O
3
90 23.435 C
13 Levoglucosano C
6
H
10
O
5
162 24.799 C
14 Alcol furfurilico C
5
H
5
O
2
97 24.953 C
15 Glicolaldeide C
2
H
4
O
2
60 25.473 C
16 Acido formico CH
2
O
2
46 27.566 C
6 Formaldeide CH
2
O 30 27.689 C
17 Furantetraidro-2,5-dimetossi (cis) C
6
H
12
O
3
132 28.669 C
18 5-Metil-2-furaldeide C
6
H
6
O
2
110 29.708 C
19 Acido acetico C
2
H
4
O
2
60 29.93 C
7 Acetaldeide C
2
H
4
O 44 30.126 C
8 Glicol etilenico C
2
H
6
O
2
62 32.29 C
20 Acetolo C
3
H
6
O
2
74 33.741 C
21 Acetossiacetone C
5
H
8
O
3
116 34.116 C
22 Acido propionico C
3
H
8
O 60 34.364 C
9 Acido acrilico C
3
H
4
O
2
72 37.721 C
23 Furantetraidro-2,5-dimetossi (trans) C
6
H
12
O
3
132 37.928 C
10 Alcol metilico CH
4
O 32 37.944 C
24 1-Idrossi-2-butanone C
4
H
8
O
2
72 39.63 C
11 Acido furoico C
5
H
4
O
3
112 49.004 C
12 2-Butanone (MEK) C
4
H
8
O 72 52.005 C
25 (5H)-Furan-2-one C
4
H
8
O
2
88 52.633 C
26 5-Idroxymetil-2-furaldeide C
6
H
6
O
3
126 56.171 C

Tab.3.42 Composti identificati con HPLC nei liquidi di pirolisi del faggio.

Fra i composti identificati 12 rappresentano specie non rilevate con GC/MS. In particolare
glucosio, xilosio e fruttosio hanno temperature di evaporazione molto alte per cui non
vaporizzano nella zona di iniezione del gascromatografo e non vengono rilevati dallo
spettrometro di massa.
Otto composti, fra quelli appena elencati, sono stati quantificati e landamento delle loro rese
stato studiato in funzione della temperatura del reattore. In fig. 3.7 si mostrano i risultati di
75
tale studio. Tutti i composti, eccetto glucosio e glioxal, mostrano un andamento non
monotono della resa in funzione della temperatura con un massimo per temperature comprese
fra 650 e 750 K. La resa di glucosio invece costante. Diversamente la resa di glioxal
funzione crescente della temperatura.
A bassa temperatura il meccanismo di transglicosilazione, che d come prodotto principale il
levoglucosano (0.2-0.8 %wt) (Branca et al., 2005), favorisce la formazione di zuccheri quali
fruttosio, xilosio e glucosio e gliceraldeide la cui resa complessiva compresa fra 0.58 e 0.88
%wt su base di alimentazione secca. A temperature pi alte invece la resa pressoch
costante a conferma della notevole stabilit termica di questi composti.
La resa di glicol etilenico, prodotto da reazioni di deidratazione ed eliminazione (Piskorz et
al., 1988), riproduce qualitativamente landamento delle rese di acetolo e acido acetico
provenienti dallo stesso meccanismo di reazione. La resa di glicol etilenico, compresa fra 0.39
e 0.65 %wt, lo rende comunque un composto minore rispetto ad acetolo e acido acetico
caratterizzati da rese pi elevate (5.9-7.1 %wt) (Branca et al., 2005). La presenza di un
massimo nella sua resa indice di una certa attivit delle reazioni di degradazione secondaria.
La formazione di glioxal favorita ad alta temperatura e in particolare landamento della sua
resa qualitativamente simile a quello della resa dellidrossiacetaldeide (0.7-2.3 %wt)
(Branca et al., 2005), prodotto principale del meccanismo di degradazione della cellulosa
mediante rottura glicosidica.
Dal confronto fra landamento delle rese di zuccheri e glioxal risulta evidente, come gi da
studi precedenti, come la temperatura costituisce il parametro discriminante fra i due
meccanismi di degradazione della cellulosa, rottura glicosidica e transglicosilazione, il primo
favorito ad alta temperatura.
76

550 650 750 850 950
0.0
0.1
0.2
0.3
0.4
0.5
0.6
0.7
Glucosio
Glioxal
Xilosio
Gliceraldeide
Fruttosio
Glicol etilenico
R
e
s
e

[
%
w
t
]

T
r
[K]
Fig.3.7 Rese dei composti identificati nella frazione acquosa del tar da faggio rilevabili con HPLC. Le rese sono
riportate come percentuale in peso su base di biomassa secca alimentata.

I composti polari quantificati con HPLC possono essere considerati carboidrati minori e
apportano alla resa totale di questa classe di composti un contributo compreso fra 1.03 e
1.64% (fig. 3.9).

77

550 650 750 850 950
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
2.5
3.0
3.5
Carboidrati minori-GC/MS
Carboidrati minori-HPLC
Carboidrati minori-TOT
R
e
s
e

[
%
w
t
]

T [K]

Fig.3.9 Resa globale dei carboidrati minori (somma di quelli quantificati con GC/MS e HPLC). Le rese sono
riportate come percentuale in peso su base di biomassa secca alimentata.

3.8 Analisi di liquidi ottenuti da impianti su scala industriale
Sono state condotte analisi su quattro liquidi prodotti in impianti su scala industriale per la
produzione e commercializzazione dei bio-oli (BTG, Dynamotive, Ensyn e Pyrovac). Anche
in questo caso la caratterizzazione mediante GC/MS era gi stata effettuata (Branca et al.,
2003) ed in quetso studio stata integrata mediante HPLC (tab. 3.43). L'analisi mostra la
presenza, in questi liquidi, degli stessi composti ritrovati nei tar di pirolisi convenzionale.
I liquidi di pirolisi veloce, contrariamente a quanto si verifica per i liquidi di pirolisi
convenzionale, presentano una frazione idrofobica (lignina pirolitica) non trascurabile per cui
i risultati in tabella sono stati riportati come percentuale in peso su base di liquido totale
considerando per ogni liquido il valore medio del contenuto di lignina pirolitica calcolato dai
laboratori Round Robin. La riproducibilit con i risultati ottenuti dai laboratori Round Robin,
verificabile solo per acetaldeide, 2-butanone e glioxal, alquanto scarsa probabilmente a
causa dellassenza di una procedura standard di analisi dei liquidi di pirolisi con HPLC.
La percentuale dei composti quantificati via HPLC varia significativamente nei diversi tipi di
liquido. Nel liquido di pirolisi Ensyn la percentuale totale dei composti quantificati (4.65%)
minore di quella osservata negli altri liquidi commerciali. Precedentemente anche lanalisi
GC/MS (Branca et al., 2003) aveva registrato per il tar Ensyn un contenuto minore dei
78
composti di origine cellulosica rispetto agli altri liquidi commerciali. Questo comportamento
correlato probabilmente alle condizioni termiche pi severe in cui il liquido viene prodotto.
Ci spiegherebbe anche lelevato contenuto di lignina pirolitica.
La percentuale totale dei composti quantificati nel liquido di pirolisi Pyrovac (5.29%) risulta
minore di quella relativa ai tar BTG e Dynamotive (7.88-7.77%) probabilmente a causa del
metodo di raccolta.
Confrontando il liquido di pirolisi veloce Ensyn e quello ottenuto da pirolisi convenzionale si
nota che, a parit di tipo di biomassa alimentata (rispettivamente miscela di hardwoods e
hardwood), velocit di riscaldamento e quindi temperature di reazione pi basse favoriscono
le reazioni di eliminazione e deidratazione piuttosto che le reazioni di transglicosilazione e
rottura glicosidica, in accordo con quanto osservato precedententemente. Infatti il liquido
ottenuto da pirolisi convenzionale mostra una percentuale pi alta di glicol etilenico, mentre
minore la percentuale di glioxal e di zuccheri (1.65% nel tar da pirolisi convenzionale contro
2.28% nel tar Ensyn). Infine velocit di riscaldamento e temperature di reazione pi alte
favoriscono la formazione di composti carbonilici a basso peso molecolare quali 2-butanone e
acetaldeide, presenti solo in tracce nei liquidi di pirolisi convenzionale, probabilmente
derivanti dalla rottura dei monomeri della cellulosa. In particolare lassenza dellacetaldeide
in alcuni liquidi di pirolisi pu essere dovuta alleccessiva volatilit di questo composto
(T
e
=294 K a P atmosferica) che non ne consente la raccolta in fase liquida.

Composto
Faggio
(T=800K)
[%wt]
BTG
[%wt]
Dynamotive
[%wt]
Ensyn
[%wt]
Pyrovac
[%wt]
Glucosio 0.285 0.715 0.817 0.324 0.000
Xylosio 0.792 1.352 1.599 1.502 0.683
Fruttosio 0.575 0.827 0.689 0.459 0.503
Glioxal 0.520 0.876 0.790 0.550 0.504
Gliceraldeide 0.441 1.043 1.300 0.484 1.152
Glicol etilenico 1.065 1.823 1.348 0.594 1.251
Acetaldeide 0 1.172 0.828 0 0
2-Butanone 0 1.245 1.230 0.738 1.194
Totale 4.348 7.882 7.770 4.649 5.286

Tab.3.43 Concentrazione dei composti identificati rilevati con HPLC nella frazione acquosa dei liquidi di
pirolisi. Le concentrazioni sono riportate come percentuale in peso su base di liquido totale.



79
CAPITOLO 4
Devolatilizzazione in aria dei liquidi di pirolisi

4.1 Introduzione
I liquidi di pirolisi convenzionale di differenti biomasse prodotti nell'impianto su scala da
laboratorio descritto nel Cap. 2 sono stati testati in un sistema termogravimetrico allo scopo di
valutarne la reattivit in aria. L'impianto utilizzato per gli esperimenti di pirolisi dotato di un
sistema di raffreddamento della fase vapore che, generalmente, permette di raccogliere una
frazione superiore all'80% dei vapori condensati, con punte massime del 90%. La raccolta
avviene in maniera frazionata in un sistema di due ampolle seguito da una serie di due
scrubbers. La frazione contenuta nelle ampolle che costituisce, ad eccezione di casi
particolari, il 70-83% del liquido prodotto stata quantificata e caratterizzata chimicamente
mediante GC/MS. La frazione depositata negli scrubbers si presenta sottoforma di liquido
bifasico: una fase acquosa, contenente tracce di composti idrosolubili, e una fase non solubile
(lignina pirolitica) caratterizzata da una consistenza melmosa. Purtroppo queste due fasi non
possono essere adeguatamente separate e quantificate, anche se da un'analisi puramente visiva
evidente che la fase melmosa costituisce la frazione preponderante per cui da ora in poi
parleremo di liquido raccolto negli scrubbers intendendo la sua frazione idrofobica. Essa
costituisce il 10-14% del liquido prodotto. In ogni caso, i liquidi di pirolisi prodotti a scopo
commerciale contengono in un'unica fase sia la frazione raccolta nelle ampolle (in seguito
indicata come frazione A) sia quella raccolta negli scrubbers (in seguito indicata come
frazione S) e il loro comportamento in combustione dipende dalla natura di entrambe. Sono
stati pertanto effettuati esperimenti termogravimetrici in condizioni di controllo cinetico su
entrambe le frazioni atti a valutare la reattivit in aria e le caratteristiche di degradazione di
liquidi ottenuti da differenti biomasse. Va ricordato che, nel caso della cellulosa, non si
ottiene una frazione S negli scrubbers a conferma del fatto che tale frazione costituita da
prodotti di degradazione della lignina. Per meglio chiarire l'andamento delle curve di perdita
di peso delle frazioni A e S si riportano in tab.4.1 le composizioni della frazione A dei diversi
liquidi studiati e della frazione S relativa al faggio. Riprendendo lo schema utilizzato in
Branca et al., 2005 b i composti quantificati sono stati suddivisi in 3 gruppi corrispondenti ad
altrettanti intervalli di temperatura di evaporazione. Gli estremi di tali intervalli sono stati
scelti sulla base dei risultati ottenuti sul liquido di faggio studiato nello stesso sistema
80
termogravimetrico in Branca et al. (2005 a). In tab. 4.2 si riporta il confronto fra frazione A e
frazione S relative al liquido ottenuto da faggio effettuato sulla base dell'analisi GC/MS.






Tab.4.1 Composizione chimica dei liquidi studiati in condizioni di controllo cinetico.






Tab.4.2 Composizione chimica delle frazioni A ed S del liquido di pirolisi del faggio. Risultati ottenuti con
analisi GC/MS.

Le caratteristiche di combustione degli oli di pirolisi veloce, di maggiore interesse pratico,
sono state studiate sottoponendo i liquidi a test di combustione di singola goccia in una
camera di combustione in ambiente quiescente. Quattro liquidi derivati da pirolisi veloce su
scala industriale (Dynamotive, BTG, Ensyn e Pyrovac), aventi differenti propriet chimico
fisiche, sono stati studiati a parit di condizioni iniziali della camera di combustione (velocit
di riscaldamento e temperatura di plateau a vuoto) rappresentate in fig.4.1, al variare del
diametro iniziale della goccia. Come possibile osservare le condizioni di riscaldamento a
vuoto sono rimaste immutate durante l'intero set di prove.








Composto Faggio Faggio Abete
Gusci di
nocciole Sansa Paglia Cellulosa
Corteccia
cerro
(A) (S) (A) (A) (A) (A) (A) (A)
Gruppo I (323-358 K) 0.424 0.164 0.481 0.198 0.172 0.284 0.271 0.173
Gruppo II (358-432 K) 50.322 7.162 38.701 58.920 62.770 65.666 40.281 70.462
Gruppo III (432-533 K 12.646 28.403 19.678 7.410 5.323 7.057 15.782 6.247
TOT 63.392 35.729 58.860 66.528 68.265 73.007 56.334 76.882
Classi di composti
Faggio
(A)
Faggio
(S)
Carboidrati maggiori 22.55 1.44
Carboidrati minori 1.39 1.22
Fenoli 0.35 2.56
Guaiacoli 1.15 15.16
Siringoli 1.74 12.84
Furani 1.69 2.45
81













Fig.4.1 Profili di temperatura registrati dalla termocoppia centrale posta nella camera di combustione all'inizio e
alla fine del set di prove di combustione di singola goccia.

La velocit di riscaldamento media a vuoto (calcolata come media integrale sul tempo
necessario a raggiungere le condizioni stazionarie) fornisce un valore pari a 177 K/s, mentre
la temperatura della camera allo stazionario nella posizione occupata dalla termocoppia pari
a 910 K. I test effettuati erano finalizzati allo studio dell'influenza della composizione chimica
iniziale dell'olio di pirolisi e del diametro iniziale della goccia sul suo comportamento in
combustione (swelling, microesplosione). Sono stati inoltre confrontati alcuni parametri
caratteristici del processo quali tempo e temperatura di inizio evaporazione o tempo di
nucleazione (t
r
, T
r
), tempo e temperatura di ignizione (t
i
, T
i
), durata della combustione
omogenea (t
O
), resa volumetrica del residuo solido (Y
V
), durata della combustione
eterogenea (t
E
) e temperatura massima del processo. Poich il residuo solido caratterizzato
da una struttura porosa, la resa volumetrica definita come il rapporto fra il volume apparente
della cenosfera e il volume iniziale della goccia. La caratterizzazione chimica degli oli
oggetto di studi precedenti (Oasmaa e Meier, 2002), ma ai fini di una migliore comprensione
dei risultati si riportano di seguito (tab.4.3) i risultati ottenuti suddividendo le specie
identificate e quantificate secondo lo schema suggerito in Branca et al. (2005 b).



0 1 2 3 4 5 6
273
473
673
873
1073
Blank inziale
Blank finale
T

[
K
]
t [s]
82







Tab.4.3 Rese dei gruppi di composti degli oli di pirolisi veloce definiti in Branca et al. (2005 b).

4.2 Reattivit dei liquidi di pirolisi convenzionale
Di seguito sono presentati i risultati ottenuti dagli esperimenti effettuati sulle frazioni A e S).
Il set di esperimenti condotto sulla frazione A mostra che le dinamiche di perdita di peso,
come si pu osservare nelle figure 4.2-3, sono qualitativamente simili.













Fig. 4.2 Frazione di massa, Y, della frazione A dei liquidi di pirolisi (velocit di riscaldamento=5 K/min,
temperatura finale=600 K).






T
b
[K]
BTG
[%wt]
Dynamotive
[%wt]
Ensyn
[%wt]
Pyrovac
[%wt]
Gruppo 1 300-360 7.86 7.75 3.96 4.48
Gruppo 2 360-400 44.42 33.16 30.59 22.42
Gruppo 3 400-450 6.51 8.37 5.39 5.39
Gruppo 4 450-500 1.57 2.86 2.54 2.57
Gruppo 5 500-550 3.08 4.66 3.49 3.25
Gruppo 6 >550 4.93 7.22 4.04 4.89
0 1000 2000 3000 4000
-0.4
-0.2
0.0
0.2
0.4
0.6
0.8
1.0
Gusci nocciola
Sansa
paglia
Abete
Faggio
Cellulosa
Corteccia hardwood
Y
t [s]
83















Fig.4.3 Velocit di perdita di peso (-dY/dt) della frazione A dei liquidi di pirolisi (velocit di riscaldamento=5
K/min, temperatura finale=600 K).













Fig. 4.4 Frazione di massa, Y, e velocit di perdita di peso (-dY/dt) della frazione S dei liquidi di pirolisi
(velocit di riscaldamento=5 K/min, temperatura finale=600 K).

Osservando le curve termogravimetriche relative alla frazione A, in tutti i casi esaminati, la
perdita di peso ha inizio a basse temperature per la presenza di composti altamente volatili
(formaldeide, acetaldeide, acetone, metanolo, etanolo, propanolo, acido formico, acetolo,
0 1000 2000 3000 4000
-0.4
-0.2
0.0
0.2
0.4
0.6
0.8
1.0
Gusci di nocciola
Sansa
Abete
Faggio
Corteccia hardwood -
d
y
/
d
t

x
1
0

3

[
s
-
1
]
Y
t [s]
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
0 1000 2000 3000 4000
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
Gusci nocciola
Sansa
Paglia
Abete
Faggio
Cellulosa
Corteccia hardwood
-
d
y
/
d
t
x
1
0
3

[
s
-
1
]
t [s]
84
acido acetico, butanolo). Le curve termogravimetriche presentano zone a differente pendenza
e la velocit di perdita di peso assume un andamento non monotono con un massimo attorno
ai 350 K, temperatura prossima a quella di evaporazione dell'acqua. Ad eccezione del caso
dellabete in cui la riduzione della velocit di perdita di peso pi graduale, negli altri casi
essa decade bruscamente fino ad una temperatura pari a circa 400 K, intervallo in cui si ha
l'evaporazione di acidi carbossilici, furani leggeri e glicolaldeide. A temperature pi alte la
velocit di perdita di peso, associata all'evaporazione di fenoli e metossifenoli e allemissione
di specie gassose dovute alle reazioni di cracking, tende lentamente a 0 per temperature
prossime a 600K. Coerentemente con quanto era stato osservato in studi precedenti su liquidi
di pirolisi convenzionale (Di Blasi et al., 2005), possibile individuare tre gruppi di composti
a diversa volatilit. Si nota che l'andamento relativo della perdita di peso dei vari liquidi
qualitativamente congruente con l'ammontare dei tre gruppi. Dal punto di vista quantitativo,
in riferimento al primo e secondo gruppo, non si riscontra accordo fra perdita di peso e
ammontare dei composti quantificati dei corrispondenti intervalli di temperatura. Ci
dovuto principalmente alla notevole presenza di acqua, formalmente appartenente al secondo
gruppo, che in realt copre un intervallo di temperatura molto ampio mascherando le
differenze di volatilit fra primo e secondo gruppo. Di conseguenza il massimo della velocit
di devolatilizzazione associato principalmente all'evaporazione dell'acqua e in misura
minore dei composti con temperatura di evaporazione simile. Per quanto riguarda il terzo
gruppo, invece, relativo ad un intervallo di temperatura in cui l'acqua pu considerarsi
completamente evaporata, si osserva un buon accordo quantitativo soprattutto nel caso di
cellulosa, abete, corteccia e paglia in cui c' una perfetta corrispondenza fra perdita di peso e
ammontare dei composti quantificati. Contrariamente a quanto accade per la frazione A, le
curve di velocit di perdita di peso relative alla frazione S (fig. 4.4) presentano un massimo a
bassa temperatura, ad eccezione del liquido ottenuto da sansa e faggio, e diverse spalle o
massimi relativi a temperatura pi alta evidenziando una composizione dei liquidi pi
omogenea. In particolare la velocit di perdita di peso dei liquido ottenuto da sansa e
corteccia presenta un massimo a temperature maggiori a testimonianza del fatto che in essi il
contenuto di frazione pesante superiore a quello degli altri liquidi. In tutti i casi esaminati,
comunque, contrariamente a quanto accadeva per i liquidi raccolti nelle ampolle, ad alta
temperatura la velocit di perdita di peso si mantiene attorno a valori mediamente pi alti e
solo per temperature prossime a 600 K tende a 0. In tab. 4.4 si riporta la frazione di massa in
85
corrispondenza del massimo a bassa temperatura della velocit di perdita di peso per le
frazioni A e S.





Tab. 4.4 Frazione di massa in corrispondenza del massimo della velocit di perdita di peso a bassa temperatura
delle frazioni A e S (velocit di riscaldamento di 5 K/min).

La frazione A dei liquidi derivati da paglia, sansa, gusci di nocciole e corteccia di hardwood,
caratterizzata da un maggiore contenuto di acqua, mostra, in corrispondenza del massimo,
maggiori velocit di perdita di peso rispetto ai liquidi con contenuto d'acqua inferiore. Le
differenze osservate fra le frazioni di massa in corrispondenza del massimo della perdita di
peso sono ascrivibili al diverso contenuto dacqua e di composti volatili dei liquidi esaminati.
La frazione S dei liquidi esaminati mostra valori pi bassi del massimo della velocit di
perdita di peso a bassa temperatura a testimonianza dello scarso contenuto d'acqua di questa
frazione. Tutti le biomasse danno una frazione S in cui i composti pi pesanti risultano pi
abbondanti. Dal confronto fra la composizione chimica delle due frazioni del liquido di
pirolisi del faggio (tab.4.2) si nota come anche nella frazione S si ritrovino i composti tipici
della frazione A che non sono stati trattenuti in tale frazione sia per problemi di solubilit in
acqua, sia per problemi di condensazione dovuti al fatto che spesso tali composti non si
presentano sttoforma di vapori, bens di aerosols. E' comunque evidente una netta
predominanza dei composti di origine ligninica nella frazione S. I composti non identificati
nella frazione S sono probabilmente estrattivi (Oasmaa et al., 2003) e lignina pirolitica.
Durante il processo di evaporazione, l'aumento della temperatura promuove reazioni di
polimerizzazione che portano alla formazione di char secondario. In tab. 4.5 si riporta la resa
di residuo solido per i le due frazioni A e S dei diversi liquidi analizzati.




Tab. 4.5 Resa di char secondario delle frazioni A e S dei liquidi di pirolisi (velocit di riscaldamento di 5
K/min).

Faggio Abete
Gusci di
nocciole
Sansa Paglia
Corteccia
cerro
Cellulosa
Y Amax 0.69 0.80 0.64 0.61 0.57 0.78
_
(dY/dt) Amax
x10
-3
[s
-1
] 1.12 0.74 1.51 1.57 1.61 0.96
Y smax - 0.91 0.91 0.98 - -
_
(dY/dt) Smax
x10
-3
[s
-1
] - 0.65 0.54 0.13 - -
1.85
0.53
0.24
0.98

Composti Faggio Abete
Gusci di
nocciole
Sansa Paglia
Corteccia
cerro
Cellulosa
Y AF 0.10 0.14 0.09 0.09 0.07 0.25
Y SF
0.31 0.24 0.28 0.33 - -
0.07
0.26
86

Come si nota dal confronto proposto, la resa di char secondario della frazione A maggiore
nei casi in cui il contenuto di frazione non caratterizzata chimicamente (estrattivi e lignina
pirolitica) maggiore e ci in accordo con la letteratura che individua nella lignina pirolitica
la principale responsabile della formazione di char secondario. A conferma di tale ipotesi si
osserva che la resa di char secondario della frazione S, costituita principalmente da lignina
pirolitica, maggiore rispetto a quella della frazione A. La sansa fornisce la resa pi alta
seguita da faggio, gusci di nocciole, corteccia di cerro e abete riproducendo il trend delle
velocit di perdita di peso nella zona di alta temperatura associata ai composti pi pesanti.
Dalla tab. 4.3 emerge, per, che la pi alta resa di char secondario si ritrova nella frazione A
del liquido di pirolisi della cellulosa che, certamente, non contiene lignina pirolitica. Questo
risultato sembra smentire quanto detto in studi precedenti in cui la formazione di char
secondario , generalmente attribuita alla sola lignina pirolitica. Anche i composti derivanti
dalla degradazione dell'olocellulosa partecipano a tale processo. In particolare, confrontando
la composizione della frazione A, emerge che il liquido derivato da abete, contenente una
percentuale pi elevata di zuccheri, di cui il levoglucosano il maggior esponente, d una
resa maggiore di char secondario. I risultati ottenuti, quindi, permettono di affermare che non
solo la lignina pirolitica, ma anche gli zuccheri derivanti dalla degradazione dellolocellulosa,
partecipano alla formazione di char secondario e conseguentemente devono essere tenuti in
considerazione nella formulazione del meccanismo di formazione di questultimo.

4.3 Comportamento in combustione dei liquidi di pirolisi veloce
Nelle fig.4.5.a-b rappresentata l'evoluzione del profilo termico della goccia durante i test di
combustione dei diversi bio oli a parit di diametro iniziale (D
E
0
=1.630.13 mm) e i profili
termici registrati nei test di combustione dell'olio Dynamotive al variare del diametro iniziale
della goccia. Da un punto di vista qualitativo, le variazioni osservate nel profilo termico, al
variare del diametro iniziale della goccia, sono simili in tutti i bio oli. Da una semplice
osservazione del processo di combustione possibile individuare 4 fasi scandite da altrettante
zone del profilo termico: riscaldamento, devolatilizzazione, combustione omogenea,
combustione eterogenea.




87















Fig.4.5.a Profilo di temperatura registrato durante i test di combustione di gocce dei quattro bio oli esaminati
(Dynamotive, BTG, Ensyn, Pyrovac) a parit di condizioni inizali (T
P
=910 K, D
E
0
=1.63 mm).











Fig.4.5.b Profili di temperatura registrati durante i test di combustione di gocce di olio Dynamotive al variare del
diametro iniziale della goccia nel range 0.991-1.698 mm (T
P
=910 K).


In fig.4.6 rappresentata l'evoluzione del diametro della goccia nel caso di olio Dynamotive
nelle fasi di riscaldamento e devolatilizazione. Non stato possibile seguire l'evoluzione del
diametro durante la combustione omogenea in qaunto la goccia risultava completamente o
parzialmente mascherata dalla fiamma.
0 1 2 3 4 5 6
273
473
673
873
1073
1273
1473
Dynamotive
BTG
Ensyn
Pyrovac
T

[
K
]
t [s]
0 1 2 3 4 5 6
273
473
673
873
1073
1273
1473
Dynamotive
D
E
0
=1.698 mm
1.499
1.076
0.991
T

[
K
]
t [s]
88












Fig.4.6 Diametro equivalente adimensionalizzato rispetto al diametro iniziale della goccia di bio olio
Dynamotive (T
P
=910 K, D
E
0
=1.698 mm) fino al momento dell'ignizione.

L'evoluzione della goccia durante la combustione corrisponde a quanto gi descritto nella
letteratura precedente (Wornat et al., 1994).
4.3.a Fase 1: riscaldamento
La fase di riscaldamento sembra essere simile per tutti i bio oli esaminati. Inizialmente la
goccia conserva le sue dimensioni iniziali (D
E
/D
E
0
=1) per un intervallo di tempo t
r
in cui la
temperatura si porta ad un valore tale da consentire l'inizio dell'evaporazione e la velocit di
riscaldamento si mantiene ragionevolmente costante. In fig.4.7 si riportano i tempi e le
temperature di riscaldamento al variare del diametro iniziale della goccia per i quattro bio oli.
Sia i tempi che le temperature di riscaldamento seguono una regressione lineare al variare del
diametro iniziale della goccia.









0 1 2 3 4 5 6
0
1
2
3
4 3
2
1
Dynamotive
D
E
/
D
E
0

t [s]
89














Fig.4.7 Tempi e temperature di riscaldamento ottenuti per i 4 oli esaminati (Dynamotive, BTG, Ensyn, Pyrovac)
al variare del diametro iniziale della goccia (T
P
=910 K).

La temperatura di riscaldamento, sempre inferiore a 450 K, simile per gli oli esaminati,
differenze maggiori si registrano per diametri piccoli. La nucleazione delle sacche di vapore
non dipende tanto dalla temperatura di evaporazione dei composti, ma dalla loro temperatura
di surriscaldamento (Shaddix e Tennison, 1998). Poich l'acqua caratterizzata da un'elevata
temperatura di surriscaldamento la nucleazione delle sacche di vapore fortemente
dipendente dal suo contenuto nell'olio e in maniera minore dal cotenuto degli altri composti
volatili (T
e
<450 K). I risultati ottenuti sono in accordo con quanto detto, infatti l'olio BTG ha
lo stesso contenuto di frazione volatile dell'olio Dynamotive, ma un maggiore contenuto
d'acqua e in corrispondenza presenta una temperatura di nucleazione maggiore. Gli oli
Pyrovac e Ensyn, pur essendo caratterizzati da un basso contenuto d'acqua, presentano una
temperatura di nucleazione maggiore dell'olio Dynamotive a causa del loro pi basso
contenuto di composti volatili. Le differenze fra i tempi di nucleazione sono in accordo con le
differenze osservate sulla temperatura. Per l'olio BTG bisogna tenere presente che la
nucleazione pu essere ritardata dal fatto che la sua minore viscosit rende pi efficiente il
trasporto diffusivo e convettivo di materia in fase liquida. Sembrerebbe che le velocit di
riscaldamento siano simili per i vari bio oli data la simile densit (probabilmente le differenze
nel contenuto di solido non sono tali da comportare differenze apprezzabili nella densit degli
oli e nella conducibilit termica). Il tempo di riscaldamento aumenta linearmente con D
E
0
e
0.5 0.8 1.1 1.4 1.7 2.0
0
1
2
3
4
T
r

[
K
]
Dynamotive
BTG
Ensyn
Pyrovac
t
r

[
s
]
D
E
0
[mm]
273
323
373
423
473
523
90
ci fa pensare che per il range di diametri considerati la resistenza al trasporto di calore sia
per lo pi esterna.
4.3.b Fase 2: evaporazione e polimerizzazione
La fase di riscaldamento termina con la nucleazione delle prime sacche di vapore che danno
vita ad un'evaporazione tumultuosa dei composti volatili e acqua. Inizialmente si osserva per
tutti i bio oli un rigonfiamento accompagnato da microesplosioni responsabili
dell'oscillazione del diametro della goccia attorno a valori maggiori di quello iniziale. In
questa fase si osserva una zona di plateau della temperatura dovuta prevalentemente
all'evaporazione dell'acqua e di specie con volatilit simile seguita da una crescita lenta fino
al momento dell'ignizione. Si osserva che per gocce di piccolo diametro iniziale (<1 mm) la
crescita di temperatura dopo il plateau pi veloce di quella registrata durante la fase di
riscaldamento. Ci si spiega osservando che la riduzione della massa liquida, dovuta
all'evaporazione dell'acqua e composti volatili e alla perdita di liquido per microesplosione,
lascia il giunto della termocoppia coperto da una sottile pellicola di liquido. Inoltre
osservando le immagini si nota che queste gocce nella fase immediatamente antecedente
all'ignizione si ritirano al di sopra del giunto della termocoppia che rimane completamente
esposto all'ambiente circostante misurando la temperatura pi alta della fase gassosa. In ogni
caso in condizioni di controllo dei fenomeni di trasporto, nella fase di evaporazione, non pi
possibile individuare separatamente l'evaporazione dei 6 gruppi di composti a volatilit simile
osservate in condizioni termogravimetriche (Branca et al., 2005 b). Nella stessa figura
rappresentato il tempo di ignizione decurtato del tempo di riscaldamento per i 4 oli studiati al
variare del diametro iniziale della goccia. In questa fase le gocce raggiungono la loro
dimensione massima e ci in accordo con l'elevato coefficiente di espansione dell'acqua nel
passaggio liquido-gas (Shaddix e Tennison, 1998). L'evaporazione accompagnata da
reazioni di polimerizzazione in fase liquida responsabili della formazione di char secondario.
Entrambi i processi inducono un aumento della viscosit del campione; mentre il limitato
aumento della temperatura in questa fase ha un effetto blando su tale parametro. Come
possibile osservare dalla fig.4.4 l'entit dello swelling si riduce enormemente pochi istanti
prima dell'ignizione in quanto l'aumento della viscosit riduce i fenomeni di coalescenza delle
sacche di vapore; inoltre, l'evaporazione della frazione volatile si avvia a conclusione e la
pressione interna delle sacche di vapore non pi sufficiente a far rigonfiare la goccia.
4.3.c Fase 3: combustione omogenea
In corrispondenza dell'ignizione, fortemente esotermica, la velocit di riscaldamento subisce
91
un brusco aumento fino al raggiungimento di un massimo coincidente con l'estinzione della
fiamma. La temperatura della goccia in corrispondenza dell'ignizione (fig.4.6) simile per i
differenti bio oli e non sembra essere influenzata dal diametro iniziale della goccia e ci si
spiega considerando che l'ignizione avviene quando si raggiunge una temperatura e
concentrazione di combustibile adeguati in fase gas. Il tempo di ignizione (fig.4.8) varia per i
diversi oli esaminati e mostra una dipendenza non chiara dal diametro iniziale della goccia.











Fig.4.8 Tempi e temperature di ignizione per i 4 oli esaminati (Dynamotive, BTG, Ensyn, Pyrovac) al variare del
diametro iniziale della goccia (T
P
=910 K).

Per spiegare questo comportamento necessario ricordare che l'evaporazione affidata
principalmente alla migrazione delle sacche di vapore dall'interno della goccia verso la
superficie e alla possibilit che esse hanno di coalescere. Mentre nel caso di test in condizioni
di controllo cinetico (Branca et al., 2005 b) era stato riscontrato che la velocit di
evaporazione era maggiore negli oli con maggiore contenuto d'acqua, in questo caso i
meccanismi controllanti sono diversi: da un lato un minore contenuto d'acqua dovrebbe
accelerare i tempi di evaporazione data l'elevata temperatura di surriscaldamento dell'acqua,
dall'altro i liquidi con minore contenuto d'acqua hanno una viscosit pi elevata e ci
determina un rallentamento del processo di evaporazione a causa della maggiore difficolt
nella coalescenza delle sacche di vapore e nella loro migrazione verso la superficie della
goccia. Infatti gli oli BTG e Dynamotive, che hanno una viscosit pi bassa, durante la fase di
evaporazione hanno un comportamento pi tumultuoso per un intervallo di tempo maggiore,
anche se sono caratterizzati da un fattore di swelling minore, infatti la minore viscosit
0.6 0.9 1.2 1.5 1.8
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
T

[
K
]
Dynamotive
BTG
Ensyn
Pyrovac
t
i
c

[
s
]
D
E
0
[mm]
373
473
573
673
773
873
92
favorisce la coalescenza delle sacche di vapore e i fenomeni di esplosione della goccia con
successiva perdita di frammenti liquidi. Nel caso degli oli Ensyn e Pyrovac invece i fenomeni
di microesplosione sono molto pi blandi. Quanto osservato permette di affermare che non
sempre, conoscendo la frazione di volatili e di acqua presente nei bio oli, possibile
prevedere la durata della fase di evaporazione e quindi del raggiungimento nell'ambiente
circostante della concentrazione di volatili sufficiente all'innesco della fiamma, in quanto, se
da un lato il loro maggiore contenuto allunga i tempi di evaporazione, dall'altro esso riduce la
viscosit del liquido favorendo le microesplosioni con perdita di liquido e riducendo i tempi
di evaporazione della goccia madre. Le stesse difficolt si incontrano nella valutazione
dell'influenza del diametro iniziale della goccia sui tempi di ignizione. Infatti, mentre in
alcuni casi stato osservato unrapporto di proporzionalit diretta fra diametri e tempi di
ignizione (Ensyn e BTG), in altri casi (Pyrovac e Dynamotive) il diametro sembra un
parametro ininfluente. Osservando le immagini si visto che nel primo caso l'entit dei
fenomeni di microesplosione non varia al variare del diametro, pertanto un aumento del
diametro iniziale della goccia comporta un allungamento dei tempi di evaporazione. Nel
secondo caso invece stato notato un aumento dell'entit delle microesplosioni e quindi una
maggiore perdita di liquido dalla goccia madre all'aumentare del diametro della goccia che
tenderebbe ad attenuare la dipendenza dei tempi di evaporazione dal diametro iniziale della
goccia. Queste differenze sono state monitorate calcolando il diametro minimo della goccia
adimensionalizzato rispetto al diametro iniziale in funzione del diametro iniziale della goccia.
Tale parametro d un'indicazione sul liquido perso sia per evaporazione che per
microesplosione. Nel nostro caso, gli oli Ensyn e BTG danno un risultato pressocch costante
all'aumentare del diametro iniziale (0.78-0.88) mentre l'olio Pyrovac (1.07-0.85) e
Dynamotive (1.13-0.7) danno un valore decrescente all'aumentare del diametro iniziale in
accordo con le osservazioni visive.
Oltre alla viscosit, altri fattori influiscono sul rigonfiamento e sull'esplosione della goccia
quali la tensione superficiale e la natura del bio olio (emulsione o soluzione) (Wornat et al.,
1994). In genere le emulsioni hanno uno swelling molto pi blando dei liquidi che si
presentano come soluzioni, ma probabilmente, almeno in condizioni di alta temperatura, i
liquidi in esame si comportano come una soluzione. Il processo di evaporazione
accompagnato da reazioni di polimerizzazione della lignina pirolitica e, come abbiamo
osservato dagli studi termogravimetrici sui liquidi di pirolisi convenzionale, anche degli
zuccheri derivanti dalla degradazione dell'olocellulosa. Le reazioni di polimerizzazione, gi
93
attive in fase di evaporazione, diventano predominanti durante la combustione omogenea
quando le temperature raggiunte sono pi elevate e l'evaporazione della frazione volatile si
avvia a conclusione. In corrispondenza dell'ignizione il repentino aumento della temperatura
esalta nuovamente l'evaporazione e l'entit dello swelling. Appena dopo l'innesco la velocit
di riscaldamento subisce una riduzione testimoniata dalla presenza di una spalla nel profilo
termico. Nel caso dell'olio BTG questa spalla appena percettibile. Dall'analisi delle
immagini si osserva che la spalla si manifesta nel momento in cui la fiamma, inizialmente
azzurra e sferica (indice dell'emissione di radicali OH dovuta alla combustione di composti
leggeri (Massoli et al., 2001)), inizia a diventare gialla a causa della formazione di fuliggine
(testimoniata dal residuo lasciato dai gas di fiamma sui fili della termocoppia) e assume una
forma allungata. Inoltre all'aumentare del diametro iniziale della goccia la spalla diventa
sempre pi accentuata. Sembra quindi che essa coincida col passaggio da fiamma
premiscelata a fiamma a diffusione e che all'aumentare del diametro della goccia l'effetto del
passaggio da un regime di combustione all'altro sulla temperatura della goccia sia sempre pi
marcato. L'olio BTG anche durante la combustione omogenea continua ad essere soggetto a
microesplosioni accompagnate da espulsione di materiale liquido a causa dell'evaporazione
ancora tumultuosa di materia volatile. Inoltre grazie al suo minore contenuto di lignina
pirolitica e di zuccheri (levoglucosano) l'attivit delle reazioni secondarie minore rispetto
agli altri bio oli e quindi si registra un minore aumento della viscosit che ostacolerebbe la
microesplosione. In fig.4.9 mostrata la durata della combustione omogenea per i 4 oli al
variare del diametro iniziale.










Fig.4.9 Durata della combustione omogenea per i 4 oli esaminati (Dynamotive, BTG, Ensyn, Pyrovac) al variare
del diametro iniziale della goccia (T
P
=910 K).
0.5 0.8 1.1 1.4 1.7 2.0
0.0
0.3
0.6
0.9
1.2
Ensyn
BTG
Dynamotive
Pyrovac

t
O

[
s
]
D
E
0
[mm]
94

La durata della combustione omogenea dipende dal contenuto di materia volatile organica nel
liquido iniziale che evapora dalla goccia prima dell'innesco della fiamma e durante la
combustione. I risultati ottenuti sono in accordo con questa affermazione infatti il contenuto
di composti volatili maggiore nell'olio Dynamotive, seguito dagli oli BTG, Ensyn e Pyrovac
(42.9, 38, 29.7, 27.3 (Oasmaa e Meier, 2002)). L'olio BTG, per, durante l'evaporazione e la
combustione omogenea a causa delle microesplosioni perde una quantit di liquido
notevolmente superiore rispetto agli oli Ensyn e Pyrovac pertanto la quantit effettiva di
comoposti organici evaporata potrebbe essere inferiore a quella teorica. Ovviamente la durata
della combustione omogenea aumenta all'aumentare del diametro iniziale della goccia.
4.3.d Fase 4: combustione eterogenea
Al termine della combustione omogenea la goccia lascia un residuo solido, la cenosfera. In
realt, si osserva che mentre le goccie di olio BTG e Dynamotive induriscono al momento
dell'estinzione della fiamma (15-25 ms prima) quelle degli oli Ensyn e Pyrovac induriscono
prima (60-90 ms) probabilmente a causa della maggiore attivit delle reazioni di
polimerizzazione. Responsabile, in questo caso, l'elevato contenuto di lignina pirolitica degli
oli Ensyn e Pyrovac rispetto all'olio BTG e Dynamotive. Nelle fig.4.10-11 sono riportati
rispettivamente la resa volumetrica di char secondario (Y
V
) per i quattro oli analizzati al
variare del volume iniziale della goccia e la durata della combustione eterogenea per i quattro
bio oli al variare del volume iniziale della cenosfera. Poich durante l'evaporazione si
verificano microesplosioni accompagnate dalla perdita di materiale liquido, la resa finale di
residuo solido dipende, oltre che dal contenuto iniziale di lignina pirolitica e zuccheri nell'olio
anche dall'efficacia delle microesplosioni. I risultati ottenuti per l'olio Pyrovac non sono stati
commentati in quanto fortemente influenzati dal comportamento microesplosivo di quest'olio
e quindi non confrontabili con gli altri oli








95
.











Fig.4.10 Resa volumetrica di char secondario (Y
V
) per tre dei quattro oli analizzati (Dynamotive, BTG, Ensyn)
in funzione del volume iniziale della goccia (T
P
=910 K). Il volume definito a meno del fattore /6.











Fig.4.11 Durata della combustione eterogenea per tre dei quattro oli analizzati (Dynamotive, BTG, Ensyn) in
funzione del diametro della cenosfera (T
P
=910 K).

Per tutti gli oli studiati l'effetto del diametro sulla resa volumetrica del char secondario
blando. Le differenti condizioni di riscaldamento che si osservano al variare del diametro
della goccia in questo regime non influenzano il rapporto fra volume della cenosfera e volume
iniziale della goccia. Dalla letteratura noto che sia in condizioni di controllo cinetico
(Branca et al., 2005 b) che in condizioni in cui il trasporto di calore lo stadio controllante
(Wornat et al., 1994), la struttura della cenosfera prevede la presenza di cavit di dimensioni
0 1 2 3 4 5
0.0
0.5
1.0
1.5
2.0
2.5
3.0
Ensyn
BTG
Dynamotive
Y
V
(D
E
0
)
3
[mm
3
]
0.5 1.0 1.5 2.0
0.0
0.3
0.6
0.9
1.2
1.5
Ensyn
BTG
Dynamotive

t
E

[
s
]
D
C
[mm]
96
apprezzabili e l'assenza di microporosit. Sembra plausibile supporre che in un limitato
intervallo di variabilit del diametro della goccia (come accade nel nostro caso) per uno stesso
olio il grado di vuoto della cenosfera non vari con il diametro iniziale della goccia. Di
conseguenza, a meno della densit dell'olio e della cenosfera, per uno stesso olio, la resa
volumetrica, Y
V
, coincide con quella massica, Y
wt
. Quindi si pu concludere che la resa del
residuo solido in questo regime non influenzata dal diametro della goccia ovviamente nei
casi in cui il diametro iniziale della goccia non influenza molto il comportamento
microesplosivo in fase di evaporazione. Nel confronto fra i diversi bio oli bisogna ricordare
che le densit sia del liquido che della cenosfera sono differenti, quindi i dati in fig.4.8
devono essere interpretati tenendo conto anche del tempo di combustione eterogenea. Ad
esempio, gli oli BTG e Dynamotive a parit di volume di cenosfera hanno una durata della
combustione eterogenea molto simile per cui si pu supporre che la densit del residuo solido
sia simile ed estendere i risultati ottenuti per Y
V
a Y
wt
. In quest'ottica gli oli BTG e
Dynamotive danno una resa simile contrariamente a quanto era stato osservato in condizioni
di controllo cinetico (Branca et al., 2005 b), nonostante l'olio Dynamotive abbia un contenuto
di lignina pirolitica e zuccheri maggiore. In realt bisogna tenere presente che le basse rese
osservate per gli oli BTG e Dynamotive non sono solo frutto della composizione chimica
degli oli di partenza, ma anche della maggiore entit dei fenomeni microesplosivi ai quali
sono sottoposti questi due oli. L'olio Ensyn d valori di Y
V
maggiori e poich anche i tempi di
combustione eterogenea sono maggiori si pu dire che effettivamente tale olio d una resa di
residuo solido maggiore, probabilmente a causa del maggiore contenuto di lignina pirolitica.
La resa di char secondario maggiore per gli oli che presentano un contenuto di carbonio
maggiore e di ossigeno organico minore, come era gi stato osservato in condizioni di
controllo cinetico (Branca et al., 2005 b). Al contrario i risultati ottenuti sono in disaccordo
con quanto osservato da Shaddix e Huey (1997) in relazione all'influenza del contenuto di
ossigeno organico nell'olio iniziale. E' da notare che al contrario di quanto accadeva nella
combustione omogenea, l'influenza del diametro della cenosfera sul tempo di combustione
eterogenea piuttosto blanda.
Durante la combustione eterogenea la temperatura raggiunge il massimo che aumenta
all'aumentare del diametro della cenosfera nell'intervallo 1280-1380 K, mentre non sembra
essere influenzato dal tipo di olio. Probabilmente le differenze nella composizione del char
secondario derivato dai quattro bio oli, relativamente al contenuto di carbonio e idrogeno,
sono tali da non influire sul calore da esso sviluppato durante la combustione.
97
CONCLUSIONI

In questa tesi stata trattata la pirolisi di differenti tipi di biomasse con particolare attenzione
all'effetto che le loro propriet chimico fisiche hanno sulla composizione della fase liquida. I
due aspetti sono stati trattati prima indipendentemente al fine di poter agevolare lo studio di
casi reali in cui tali fattori agiscono in concomitanza. A tale scopo sono stati condotti
esperimenti di pirolisi in un reattore a letto fisso su scala da laboratorio in condizioni di pirolisi
convenzionale (T=800 K, velocit di riscaldamento1 K/s). Il liquido prodotto stato raccolto
in maniera frazionata; il 70-83% del liquido prodotto stata quantificata e caratterizzata
chimicamente mediante GC/MS. La frazione depositata negli scrubbers si presenta sottoforma
di liquido bifasico: una fase acquosa, contenente tracce di composti idrosolubili, e una fase non
solubile caratterizzata da una consistenza melmosa. Purtroppo queste due fasi non possono
essere adeguatamente separate e quantificate.
E' stato osservato che le differenze nella composizione chimica di hardwoods e softwoods
hanno blandi effetti sulle rese dei prodotti e la composizione della fase gassosa, mentre
inducono differenze rilevanti sui tempi di conversione maggiori per i softwoods, e sulla
composizione dei liquidi. Il liquido derivato da hardwoods ha un minore contenuto di
glicolaldeide, levoglucosano e acetolo a fronte di un contenuto maggiore di acido acetico.
L'emicellulosa, avendo una differente natura negli hardwoods e nei softwoods, potrebbe essere
responsabile delle differenze osservate fra i due liquidi relativamente al contenuto di acidi
carbossilici. La lignina degli hardwoods tende a degradare producendo sia guaiacoli che
siringoli, mentre quella dei softwoods fornisce come prodotti di degradazione unicamente
guaiacoli.
E' stato osservato che la pellettizzazione induce un aumento dei tempi di conversione a causa
delle ridotte velocit di riscaldamento. Nelle condizioni esaminate una maggiore densit del
letto corrisponde all'estensione dello stesso in una zona del reattore a temperatura maggiore.
Tale condizione compensa l'effetto della ridotta velocit di riscaldamento relativamente alla
resa dei prodotti e alla composizione della fase gassosa. I minori tempi di permanenza dei
vapori all'interno del reattore nel caso di letti caratterizzati da maggiore densit determina un
aumento del contenuto di carboidrati, fenoli, guaiacoli e furani.
Le conclusioni messe in luce dallo studio separato dell'influenza delle prorpiet fisiche e della
composizione chimica della biomassa sui prodotti di pirolisi sono state utili nella
comprensione del comportamento pirolitico di differenti variet di legno e di residui agricoli.
98
Tale studio ha messo in evidenza che, oltre alla densit del letto, anche altre propriet fisiche
(quali conducibilit termica e calore specifico) sono importanti nella determinazione dei tempi
di conversione. In particolare, stato osservato che le propriet fisiche dei campioni di legno
ottenuti da residui di potatura determinano tempi di conversione minori. Ad eccezione di casi
particolari (pioppo) in cui, a causa della bassa densit del letto, una notevole frazione di
biomassa si estende in zone del reattore a temperatura minore, la composizione chimica
sembra avere un ruolo predominante sulle caratteristiche di riscaldamento relativamente alle
rese dei prodotti di pirolisi. La lignina risulta essere la maggiore responsabile della produzione
di char la cui formazione favorita dalla presenza di ceneri. Le elevate rese di char sono
associate a basse rese di liquido a vantaggio della formazione di specie gassose permanenti, in
particolare CO
2
, e vapor d'acqua. La presenza di corteccia nel campione favorisce la resa di
char e di CO
2
. Inoltre un elevato contenuto di estrattivi determina un aumento della resa di gas
a danno del liquido. I liquidi analizzati, tutti provenienti da hardwoods, presentano un elevato
contenuto di acidi carbossilici e in particolare, il contenuto di acido acetico prevale su
glicolaldeide e levoglucosano, contrariamente a quanto accade per i liquidi ottenuti dai
softwoods probabilmente a causa della diversa natura dell'emicellulosa. I legni soggetti a
maggiori velocit di riscaldamento (pioppo) producono liquidi con un maggiore contenuto di
glicolaldeide, acetolo e levoglucosano. Un elevato contenuto di lignina responsabile di
elevate rese di guaiacoli e siringoli. Infine va ricordato che le differenze osservate fra i liquidi
derivati da legni sono ascrivibili anche alla diversa natura dei campioni utilizzati (tronco
dell'albero o residui di potatura).
I residui agricoli hanno una composizione chimica molto diversa da quella tipica dei legni a
causa del loro maggiore contenuto di lignina e di ceneri. Alcuni residui, inoltre, quali ad
esempio bucce d'arancia e steli di carciofo hanno una struttura non legnosa lasciando
ipotizzare una diversa natura delle componenti. Per cui un adeguato confronto fra residui
agricoli e legno deve tener conto della composizione e della natura della biomassa. I residui
agricoli, ad eccezione dei pellets di vinaccia, hanno tempi di conversione inferiori rispetto ai
pellets di faggio a causa della minore densit del letto. E' possibile suddividere i residui
agricoli in due categorie: una, costituita da gusci di nocciole e sansa, caratterizzata da un
comportamento pi simile al legno; l'altra, che comprende vinaccia, paglia, steli di carciofo e
bucce d'arancia, caratterizzata da una reattivit intrinseca molto diversa che spesso prende il
sopravvento sulle propriet fisiche. In generale i residui agricoli danno rese di char pi elevate
del legno a causa del loro maggiore contenuto di lignina e di ceneri. A tal proposito va
ricordato che il char ottenuto dalle bucce d'arancia dovrebbe essere messo in relazione alla
99
natura delle sue componenti, in particolare alla presenza di pectina, appartenente alla frazione
olocellulosica, che, come emerso da studi precedenti (Sharma et al., 2001) responsabile di
una elevata resa di char. Tutti i residui agricoli mostrano una resa di CO
2
maggiore rispetto al
legno, probabilmente perch le maggiori rese di char conducono simultaneamente ad un
aumento di CO
2
e vapor d'acqua. Infatti, rispetto al legno, i liquidi ottenuti dai residui agricoli,
in particolare steli di carciofo e vinaccia, presentano un contenuto d'acqua nettamente
superiore, a fronte di un contenuto minore della frazione organica il cui composto principale
l'acido acetico. Se si esclude il caso della vinaccia, nei liquidi ottenuti dai residui agricoli il
rapporto fra la concentrazione di glicolaladeide e levoglucosano, compreso fra 3.9 e 17.7,
nettamente superiore a quello osservato nel legno di faggio (3.8) a causa dell'elevato contenuto
di ceneri.
Fra i vari pretrattamenti tipicamente praticati sulla biomassa sottoposta a pirolisi in questa tesi
stato studiato l'effetto del frazionamento, utilizzando come campione corteccia di cerro, ed
estrazione con acqua, confrontando legno di abete e gusci di nocciole con gli stessi campioni
sottoposti ad estrazione. E' stato osservato che la corteccia ha una diversa reattivit intrinseca
che induce, rispetto al legno, tempi di conversione maggiori a parit di condizioni di
riscaldamento. Per quanto riguarda la distribuzione dei prodotti, la composizione del gas e il
contenuto di acqua nel liquido restano valide le considerazioni fatte sui legni a proposito
dell'effetto di un elevato contenuto di lignina, ceneri ed estrattivi. Degno di nota il fatto che,
contrariamente a quanto si osserva per il legno, la presenza di ceneri non sembra inibire il
meccanismo di formazione del levoglucosano.
L'estrazione con acqua costituisce un trattamento molto blando di estrazione di sali inorganici.
Le variazioni nel contenuto di ceneri sono minime, inoltre le caratteristiche fisiche del letto
restano inalterate pertanto i tempi di conversione non ne risultano influenzati. Anche le rese
dei prodotti e la composizione della fase gassosa. Differenze si osservano nella composizione
della fase liquida. In particolare il ridotto contenuto di ceneri dell'abete estratto responsabile
del minore contenuto di glicolaldeide, mentre la concentrazione di levoglucosano aumenta in
accordo con la letteratura precedente (Piskorz et al., 1998.). I gusci di nocciole estratti non
presentano lo stesso comportamento, infatti mostrano una riduzione percentualmente simile
(ca. 50%) del contenuto di glicolaldeide e levoglucosano probabilmente a causa della natura
delle ceneri in essi contenute.
La pirolisi delle componenti del legno mostra differenze nei tempi di conversione ascrivibili
alla diversa reattivit dei campioni. Infatti, dalla letteratura precedente noto che la pirolisi
della cellulosa inizia in maniera significativa a circa 573K e procede molto rapidamente al
100
crescere della temperatura raggiungendo la massima velocit di perdita di peso 630K
(Shafizadeh e Fu, 1973). Diversamente, la lignina degrada in un intervallo di temperatura
molto pi ampio e raggiunge il massimo della velocit di degradazione a temperature pi alte e
ci in accordo con il maggiore tempo di conversione osservato. La pirolisi della cellulosa
produce essenzialmente una fase liquida, anche se le rese di char e gas non sono trascurabili.
La lignina, invece, d come principale prodotto di pirolisi il char, mentre liquido e gas hanno
una resa nettamente inferiore e ci giustificato sia dalla naturale tendenza della lignina a
degradare producendo char, sia dalle basse velocit di riscaldamento e temperature medie di
pirolisi osservate. Il char raccolto dalla pirolisi della lignina, contrariamente a tutti gli altri casi
esaminati, non conserva la struttura macroscopica del campione iniziale. Esso si presenta come
un unico blocco solido con superficie lucida. Probabilmente durante la fase di riscaldamento il
campione alimentato passa attraverso una fase fusa trasformandosi in un unico blocco solido.
La resa delle specie gassose si presenta molto differente nei due casi esaminati, infatti, mentre
la fase gassosa ottenuta dalla cellulosa costituita principalmente da CO
2
e CO, la lignina
fornisce una fase gassosa costituita prevalentemente da CO e CH
4
, mentre la resa di CO
2

molto bassa. Glicolaldeide e levoglucosano rappresentano le specie pi abbondanti nel liquido
di pirolisi della cellulosa, mentre i carboidrati (maggiori e minori) e i furani sono praticamente
assenti nel liquido di pirolisi della lignina costituito principalmente da guaiacoli e fenoli. Una
tale distribuzione di prodotti coerente con la struttura della lignina assimilabile ad un
polimero fenolico tridimensionale. I siringoli, invece, hanno resa trascurabile come accade nei
liquidi di degradazione dei softwoods. Ci fa pensare che la natura della lignina studiata sia
simile a quella presente nei softwoods.
La caratterizzazione dei liquidi di pirolisi, in alcuni casi, stata effettuata sia con la tecnica
gascromatografica che con la cromatografia liquida HPLC. Quest'ultima tecnica ha richiesto
limplementazione di un metodo di analisi (scelta della colonna cromatografia e delle
condizioni operative) ottimizzato per i liquidi di pirolisi, ma i risultati ottenuti hanno mostrato
che le colonne per cromatografia liquida attualmente in commercio non forniscono una
separazione adeguata di miscele cos complesse come gli oli di pirolisi incidendo
negativamente sull'accuratezza delle quantificazioni.
Dopo l'estensivo studio effettuato sui liquidi di pirolisi sono stati effettuati studi di
combustione cercando di mettere in relazione le caratteristiche di combustione dei liquidi con
la loro composizione chimica.
Dagli studi termogravimetrici emerso che nella frazione leggera dei liquidi di pirolisi
convenzionale la presenza di elevate quantit di acqua determina le velocit di
101
devolatilizzazione nella fase antecedente alla formazione di char secondario. La
devolatilizzazione avviene in un intervallo di temperatura piuttosto stretto e spostato nella zona
di bassa temperatura in accordo con il contenuto di frazione volatile di tali liquidi. La frazione
pesante di tali liquidi (frazione S), raccolta separatamente, pur presentando un massimo della
velocit di devolatilizzazione a bassa temperatura, continua a perdere una discreta frazione di
volatili devolatilizza a temperature pi alte. La resa di char secondario della frazione leggera
maggiore nei casi in cui il contenuto di composti volatili minore e ci fa ipotizzare, in
accordo con la letteratura, che la frazione non quantificata di tali liquidi sia costituita da
lignina pirolitica coinvolta nelle reazioni di formazione char secondario. Dagli studi effettuati
emerge un importante risultato sull'origine del char secondario. Infatti, la maggiore resa di char
secondario si ritrova nel liquido di pirolisi della cellulosa che, certamente, non contiene lignina
pirolitica. Questo risultato sembra smentire quanto detto in studi precedenti in cui la
formazione di char secondario , generalmente attribuita alla sola lignina pirolitica. Anche i
composti derivanti dalla degradazione dell'olocellulosa partecipano a tale processo. In
particolare sembra che anche gli zuccheri derivanti dalla degradazione dellolocellulosa
partecipino alla formazione di char secondario.
Quattro liquidi di pirolisi, pi attraenti dal punto di vista energetico rispetto ai liquidi di pirolisi
convenzionale, veloce sono stati studiati in un sistema di combustione di singola goccia. Da un
punto di vista qualitativo, l'evoluzione della goccia durante la combustione corrisponde a
quanto gi descritto nella letteratura precedente (Wornat et al., 1994). E' possibile individuare
4 fasi scandite da altrettante zone del profilo termico: riscaldamento, devolatilizzazione,
combustione omogenea, combustione eterogenea. Sia i tempi che le temperature di
riscaldamento seguono una regressione lineare al variare del diametro iniziale della goccia.
Poich l'acqua caratterizzata da un'elevata temperatura di surriscaldamento la nucleazione
delle sacche di vapore fortemente dipendente dal suo contenuto nell'olio e in maniera minore
dal contenuto degli altri composti volatili (T
E
<450 K). Durante l'evaporazione si osservano
ripetuti rigonfiamenti della goccia seguiti da altrettante contrazioni e accompagnti da
microesplosioni. In questa fase si osserva una zona di plateau della temperatura dovuta
prevalentemente all'evaporazione dell'acqua e di specie con volatilit simile seguita da una
crescita lenta fino al momento dell'ignizione. La temperatura della goccia in corrispondenza
dell'ignizione simile per i differenti bio-oli e non sembra essere influenzata dal diametro
iniziale della goccia. Il tempo di ignizione varia per i diversi oli esaminati e mostra una
dipendenza non chiara dal diametro iniziale della goccia. Non sempre, conoscendo la frazione
di volatili e di acqua presente nei bio-oli, possibile prevedere la durata della fase di
102
evaporazione e quindi del raggiungimento nell'ambiente circostante della concentrazione di
volatili sufficiente all'innesco della fiamma, in quanto, se da un lato il loro maggiore contenuto
allunga i tempi di evaporazione, dall'altro esso riduce la viscosit del liquido favorendo le
microesplosioni con perdita di liquido e riducendo i tempi di evaporazione della goccia madre.
La durata della combustione omogenea maggiore nei casi in cui il contenuto di materia
volatile organica nel liquido iniziale pi elevato. Poich durante l'evaporazione si verificano
microesplosioni accompagnate dalla perdita di materiale liquido, la resa finale di residuo
solido dipende, oltre che dal contenuto iniziale di lignina pirolitica e zuccheri nell'olio anche
dall'efficacia delle microesplosioni. Le differenti condizioni di riscaldamento che si osservano
al variare del diametro della goccia in questo regime non influenzano il rapporto fra volume
della cenosfera e volume iniziale della goccia. In realt bisogna tenere presente che le basse
rese osservate per gli oli BTG e Dynamotive non sono solo frutto della composizione chimica
degli oli di partenza, ma anche della maggiore entit dei fenomeni microesplosivi ai quali sono
sottoposti questi due oli. L'olio Ensyn d rese volumetriche di char secondario maggiori e
poich anche i tempi di combustione eterogenea sono maggiori si pu dire che effettivamente
tale olio d una resa ponderale di residuo solido maggiore, probabilmente a causa del maggiore
contenuto di lignina pirolitica. La resa di char secondario maggiore per gli oli che presentano
un contenuto di carbonio maggiore e di ossigeno organico minore, come era gi stato osservato
in condizioni di controllo cinetico (Branca et al., 2005). Durante la combustione eterogenea la
temperatura raggiunge il massimo che aumenta all'aumentare del diametro della cenosfera
nell'intervallo 1280-1380 K, mentre non sembra essere influenzato dal tipo di olio.
Probabilmente le differenze nella composizione del char secondario derivato dai quattro bio-
oli, relativamente al contenuto di carbonio e idrogeno, non sono tali da influire sul calore da
esso sviluppato durante la combustione.

103
BIBLIOGRAFIA


1) R. Aguado, M. Olazar, M.J. San Jos, G. Aguirre and J. Bilbao, Pyrolysis of
sawdust in a conical spouted bed reactor. Yields and product composition, Ind. Eng.
Chem. Res 2000, 39, 1925.

2) M. J. Antal, Advances in solar energy, American solar energy society, K. W. Boer,
J. A. Duffie (Eds.), 1983, 61, 111.

3) M. J. Antal, G. Varhegyi, Cellulose pyrolysis kinetics: the current state of
knowledge, Ind. Eng. Chem. Res 1995, 34, 703.

4) P. Baglioni, D. Chiaramonti, M. Bonini, I. Soldaini, G. Tondi Bio-crude-oil/diesel
oil emulsification: main achievements of the emulsification process and preliminary
results of tests on diesel engine, Progress in thermochemical biomass conversion,
2001, 1525.

5) R. Bilbao, A. Millera, J. Arauzo, Kinetics of wight loss by thernal decomposition of
different lignocellulosic materials. Relation between the results obtained from
isothermal and dynamic experiments, Thermochim. Acta, 1990, 165, 103.

6) C. Branca, P Giudicianni, C. Di Blasi, GC/MS Characterization of liquids generated
from low-temperatures pyrolysis of wood, Ind. Eng. Chem. Res 2003, 42, 3190.

7) C. Branca, C. Di Blasi, C. Russo, Devolatilization in the temperature range 300-600
K of liquids derived from wood pyrolysis and gasification, Fuel 2005, 84, 37.

8) C. Branca, C. Di Blasi, R. Elefante, Devolatilization and heterogeneous combustion
of wood fast pyrolysis oilsin the temperature range 300-600 K of liquids derived
from wood pyrolysis and gasification, Ind. Eng. Chem. Res 2005, 44, 799.

9) A. Bridgwater, S. Czernik, J. Diebold, D. Meier, A. Osama, C. Peacocke, J. Piskorz
and D. Radlein in Fast pyrolysys of biomass: a handbook, 1999, 1, 1.

10) A. V. Bridgwater, S. Czernik, J. Piskorz, The status of biomass fast pyrolysis, Fast
pyrolysis of biomass: a handbook, 2002, 2, 1.

11) J. A. Caballero, R. Font, A. Marcilla, Study of primary pyrolysis of Kraft lignin at
high heating rates: yields and kinetics. J. Anal. Appl. Pyrolysis 1996, 36, 159.

12) R. Calabria, F. Chiariello, V. De Bellis, P. Massoli, Combustion behaviour of
pyrolysis oil/diesel oil emulsion, Combustion in urban area, XXVIII event of the
italian session of combustion institute, Naples, 2005, VI, 14,1.

13) D. Chiaramonti, M. Bonini, E. Fratini, G. Tondi, K. Gartner, A. V. Bridgwater, H.
P. Grimm, I. Soldaini, A. Webster, P. Baglioni, Development of emulsion from
biomass pyrolysis liquids and diese and their use in engines-Part II: tests in diesel
engines, Biomass and Bioenergy, 2003, 25, 101.
104

14) J. DAlessio, M. Lazzaro, P. Massoli, V. Moccia, Thermo optical investigation of
buening biomass pyrolysis oil droplets, , XXVII Symposium on combustion, 1998,
1915.

15) C. Di Blasi, Modeling and simulation of combustion processes of charring and
non-charring solid fuels Prog. Energy Combust. Sci., 1993, 19, 71.

16) C. Di Blasi, Influences of pyisical properties on biomass devolatilization
characteristics, Fuel 1997, 74, 957.

17) C. Di Blasi, G. Signorelli and G. Portoricco, Countercurrent fixed-bed gasification
of biomass at laboratory scale, Ind. Eng. Chem. Res 1999, 38, 2571.

18) C. Di Blasi, G. Signorelli, C. Di Russo, and G. Rea, Product distribution from
pyrolysis of wood and agricultural residues, Ind. Eng. Chem. Res 1999, 38, 2216.

19) C. Di Blasi, C. Branca, A. Santoro and E. Gonzalez Hermandez, Pyrolytic
behaviour and products of some wood varieties, Combustion and Flame 2001, 124,
165.

20) J. Diebold and A. Bridgwater Overview of fast pyrolysis of biomass for the
production of liquid fuels, Fast Pyrolysis of biomass: a handbook 1998, 1, 14.

21) J.M.Encinar, F.J.Beltrn, A.Bernalte, A.Ramiro and J.F.Gonzalez, Pyrolysis of two
agricultural residues: olive and grape bagasse.Influence of particle size and
temperature, Biomass and Bioenergy 1996, 11, 397.

22) R.J. Evans and T.A. Milne, Molecular characterization of the pyrolysis of biomass.
1. Fundamentals, Energy & Fuels 1987, 1, 123.

23) R.J. Evans and T.A. Milne, Molecular characterization of the pyrolysis of biomass.
2. Applications, Energy & Fuels 1987, 1, 311.

24) R.J. Evans and T.A. Milne, Chemistry of tar formation and maturation in the
thermochemical conversion of biomass, Proc. of Int. Conf. On Advances in
Termochemical Biomass conversion, 1997, 803.

25) P.F. Greenwood, Laser micropyrolysis GC-MS of lignin, J. Anal. Appl. Pyrolysis
2002, 62, 65.

26) M.G. Gronli, Thermogravimetric analysis and devolatilization kinetics of wood, Ind.
Eng. Chem. Res, 2002, 41, 4201.

27) A.M. Kanury, Combustion characteristics of biomass fuels, Combust. Sci. Technol.
1999, 97, 469.

105
28) G. Lopez Juste, J. J. Salva Monfort, Preliminary test on combustion of wood derived
fast pyrolysis oils in a gas turbine combustor, Biomass and Bioenergy, 2000, 19,
119.

29) R. Maggi, D. Elliot, Upgrading overview in Developments in thermochemical
biomass conversion, A. Bridgwater, D. Boocock(Eds.) Blackie A. & P., 1997, 575.

30) J.N. Murwanashyaka, H. Pakdel, C. Roy, Step-wise and one step vacuum pyrolysis
of birch derived biomass to monitor the evolution of phenols, J. Anal. Appl.
Pyrolysis, 2001, 60, 219.

31) A. Oasmaa and S. Czernik, Fuel oil quality of biomass pyrolysis oils- State of the art
for the end users, Energy & Fuels 1999, 13, 914.

32) A. Oasmaa and M. Kyto, K. Sipila, Pyrolysis oil and combustion tests in an
industrial boiler, Progress in thermochemical biomass conversion, 2001, 1468.

33) A. Oasmaa C. Peacocke, A guide to physical property charcterization of biomass-
derived fast pyrolysis, 2001.

34) A. Oasmaa and D. Meier, Prolysis Liquids Analyses. The Results of IEA-EU Round
Robin, In: Fast Pyrolysis of Biomass: a Handbook 2002, 2, 41.

35) A. Oasmaa, D. Meier, Analysis, characterization and test methods of fast pyrolysis
liquids, Fast pyrolysis of biomass: a handbook, 2002, 2, 23.

36) A. Oasmaa and E. Kuoppala, S. Gust, Y. Solantausta, Fast pyrolysis and forestry
residue. 1. Effect of extractives on phase separation of pyrolysis liquids, Energy &
Fuels 2003, 17, 1.

37) J. Piskorz, D. Radlein, D.S. Scott, On the mechanism of rapid pyrolysis of cellulose,
J. Anal. Appl. Pyrol. 1986, 9, 121.

38) J. Piskorz, Desmond St.A.G., D.S. Scott, S. Czernik, Liquid products from fast
pyrolysis of wood and cellulose, Proc. Of Research of thermochemical biomass
conversion, A. Bridgwater and J. L. Kuster (Eds.) Elsevier, 1988, 557.

39) G. N. Richards, Glycolaldehyde from prolysis of cellulose, J. Anal. Appl. Pyrol.
1987, 10, 251.

40) D.S. Scott, J. Piskorz, D. Radlein, Liquid products from the continuous flash
pyrolysis of biomass, Ind. Eng. Chem. Processes Dev. 1985, 24, 581.

41) C. R. Shaddix, S. P. Huey, Combustion characteristics of fast pyrolysis oils derived
from hybrid popla, in Developments in thermochemical biomass conversion, A. V.
Bridgwater Ed., CPL Press, Newbury, 1997, 1.

106
42) C. R. Shaddix, P. J. Tennison, Effects of char content and simple additives on
biomass pyrolysis oil droplet combustion, XXVII Symposium on combustion, 1998,
1907.

43) F. Shafizadeh, P. P S. Chin Termal deterioration of wood, ACS Symp. Ser., 1977,
43, 57.

44) F. Shafizadeh, Thermal conversion of cellulose materials to fuel and chemicals, in
Wood and agricultural residues: research on use for food, fuel and chemicals1983,
415.

45) R.K. Sharma, J.B. Wooter, V.L. Baliga, M.R. Hjaligol, Characterization of chars
from biomass derived materials: pectin chars, Fuel, 2001, 80, 1825.

46) A. Shihadeh, S. Hochgreb, Diesel engine combustion of biomass pyrolysis oils,
Energy and Fuels, 2000, 14, 260.

47) B. Scholze, D. Meier, Characterization of the water-insoluble fraction from fast
pyrolysis liquids (pyrolitic lignin) Part I. PY-GC/MS, FTIR,and functional groups,
Journal of analytical and applied pyrolysis, 2000, 58-59, 387.

48) B. Scholze, C. Hanser, D. Meier, Characterization of the water-insoluble fraction
from fast pyrolysis liquids (pyrolitic lignin) Part II. GPC, carbonyl groups and C-
NMR, Journal of analytical and applied pyrolysis, 2001, 60, 41.

49) O. Theander, Cellulose, hemicellulose and extractives in Foundamental of biomas
thermochemical conversion (R.P. Overend, T.A. Milne and L.K. Mudge Eds.),
Elsevier, London, 1985, 35.

50) M. J. Wornat, B. G. Porter, N. Y. C. Yang, Single droplet combustion of biomass
pyrolysis oils, Energy and Fuels, 1994, 8, 1131.


INDICE
CAPITOLO 1 Introduzione pag.
1.1 Principi generali sulle biomasse 1
1.2 Prodotti della pitolisi di biomasse 1
1.3 Liquidi di pirolisi 3
1.4 Combustione dei liquidi di pirolisi 8
1.4.a reattivit in aria in condizioni di controllo cinetico 9
1.4.b Combustione 1
1.! "nalisi termo#ottica della combustione di gocce di bio#olio 1!
1.$ %pgrading dei bio#oli 1$
1.& Piano generale della tesi 1$
CAPITOLO 2 Materiali e metodi di analisi
2.1 Caratteristic'e delle biomasse studiate 19
2.2 (escrizione dell)impianto ed esecuzione di un esperimento di pirolisi 2
2.2.a *mpianto di pirolisi 2
2.2.b +secuzione di un esperimento di pirolisi 22
2.3 (inamica degli esperimenti di pirolisi 23
2.4 Liquidi di pirolisi studiati 2!
2.4.a Liquidi di pirolisi convenzionale 2!
2.4.b Liquidi di pirolisi veloce 2!
2.! ,etodi di analisi dei liquidi di pirolisi 2$
2.$ "nalisi -PLC 2&
2.$.a .celta delle condizioni operative 28
2.$.b Preparazione dei campioni per le analisi 33
2.$.c "nalisi qualitativa 33
2.$.d "nalisi quantitativa 3!
2.& .istema termogravimetrico per lo studio della reattivit in aria dei liquidi di pirolisi 3&
2.8 .istema di combustione di singola goccia 38
CAPITOLO 3 Pirolisi di biomasse e caratterizzazione chimica dei liuidi deri!ati
1&
3.1 Presentazione dei risultati 39
3.2 *n/luenza della composizione c'imica e della pellettizzazione sui prodotti della 41
pirolisi del legno
3.2.a *n/luenza della composizione c'imica 41
3.2.b +//etto della pellettizzazione 4$
3.3 Prodotti della pirolisi di di//erenti tipi di legno !
3.4 +//etti di alcuni pretrattamenti sui prodotti della pirolisi del legno !!
3.4.a 0razionamento !$
3.4.b +strazione con acqua !9
3.! Prodotti della pirolisi delle componenti del legno $2
3.$ Prodotti della pirolisi dei residui agricoli $$
3.& *n/luenza della temperatura di pirolisi sulla composizione dei liquidi &3
3.8 "nalisi di liquidi ottenuti da impianti su scala industriale &&
CAPITOLO " #eatti!it$ in aria dei liuidi di %irolisi
4.1 *ntroduzione &9
4.2 1eattivit dei liquidi di pirolisi convenzionale 82
4.3 Comportamento in combustione dei liquidi di pirolisi veloce 8$
4.3.a 0ase 12 riscaldamento 88
4.3.b 0ase 22 evaporazione e polimerizzazione 9
4.3.c 0ase 32 combustione omogenea 9
4.3.d 0ase 42 combustione eterogenea 94
CONCL&'IONI 9&
(I(LIO)#A*IA 13
18