Sei sulla pagina 1di 3

musica

da new orleans a chicago


A New Orleans, che era colonia francese e spagnola prima di passare agli Stati Uniti, il numero degli schiavi era elevato, cos come quello dei creoli (nati da padre bianco e madre india o di colore). Questi, riuniti in bands o da soli come pianisti ragtime, suonavano nei numerosi locali anche malfamati (bar, case da gioco, case di prostituzione) concentrati nel quartiere di Storyville. Altre bands, costituite da musicisti di colore che suonavano a orecchio, si esibivano sui battelli che solcavano il Mississippi, oppure in occasione di cerimonie (matrimoni, funerali, feste, parate). E a loro che si deve la nascita del primo vero stile del jazz, quello che sar definito New Orleans, molto vivace, espressivo e caldo. Pi raffinato e controllato era il dixieland, molto simile al New Orleans ma suonato dai bianchi: quando una band bianca e una nera sincontravano per strada, nascevano vere e proprie gare di abilit con vincitori e vinti. Nel 1917 il quartiere di Storyville fu chiuso dal Comando dalle Marina, preoccupato per i troppi casi di cronaca nera in cui venivano coinvolti i soldati. I musicisti dovettero cercare lavoro altrove Questo altrove fu soprattutto Chicago, dove molti operai erano stati attratti dalla possibilit di ottenere un lavoro alla Ford ma dove, in piena era del Proibizionismo, si scatenavano anche lotte tra gang rivali per il controllo del mercato nero degli alcolici e delle distillerie clandestine. E proprio a Chicago che il grande trombettista-cantante Louis Armstrong, detto Satchmo (cio bocca a portone), proveniente da New Orleans, fond i suoi primi gruppi, gli Hot Five e gli Hot Seven. Egli, a detta di molti, rappresenta lessenza stessa della storia del jazz.

Luis armstrong
Louis Daniel Armstrong, trombettista jazz, uno dei massimi esponenti di questo genere di musica e colui che ha dato un'impronta del tutto nuova alla musica afroamericana. Per quanto concerne la sua nascita vi un piccolo retroscena che definisce anche un piccolo giallo. Armstrong ha sempre dichiarato di essere nato il 4 luglio (giorno di festa nazionale negli Stati Uniti) del 1900 ma, in realt, studi recenti hanno dimostrato che il grande trombettista nato il 4 agosto del 1901. In particolare, sono da segnalare le ricerche sovvenzionate proprio da New Orleans, la sua citt natale, ed effettuate da Tad Jones, il quale sembra che abbia trovato i certificati originali di battesimo del "re del jazz". Secondo questi atti, "Satchmo" (questo il soprannome che gli verr affibbiato: significa, grosso modo, "bocca a sacco"), si era invecchiato di un anno e un mese, forse per risolvere alcuni problemi legati ai suoi esordi giovanili a Chicago e New York, dove non voleva sembrare pi giovane di quello che era. Louis Armstrong ebbe un'infanzia travagliata. I genitori si separano poco prima della sua nascita e il piccolo viene affidato alla nonna materna Josephine, mentre la madre, con tutta probabilit, si prostituiva.

Le sue giornate trascorrono in bilico fra l'emarginazione e la delinquenza anche se, fortunatamente, un grande interesse nasce dentro di lui, un antidoto capace di allontanarlo da pericolose deviazioni e nello stesso tempo di "sollevarlo" da quello squallido ambiente: la musica. Ancora troppo giovane per suonare la tromba o per apprezzarne potenzialit e sfumature, si limita in quel periodo a cantare in un gruppo locale assai peculiare, dato che come palcoscenico aveva unicamente le strade. La pratica estemporanea, il canto di getto e a squarciagola gli permettono comunque di sviluppare un'ottima intonazione e un notevole senso dell'improvvisazione, e non dimentichiamoci che di fatto quest'ultima la caratteristica principe che distingue il jazz. Ma la vita di strada pur sempre la vita di strada, con tutti i pericoli e i disagi che essa comporta. Louis, pur volendo, non pu del tutto estraniarsi da quel contesto. Un giorno viene addirittura sorpreso a sparare con un revolver sottratto ad uno dei compagni della madre, per festeggiare la fine dell'anno. La conseguenza che viene trasferito in un riformatorio per circa due anni, anche perch il tribunale aveva riconosciuto la madre inabile alla crescita della prole. Da ci nasce forse l'ansia d'amore che contrassegna la sua vita, che vedr scorrere davanti a s due mogli e moltissime relazioni. Anche in riformatorio Louis Armstrong trova il modo di far musica: entra a far parte prima del coro dell'istituto e successivamente della banda, dove inizia suonando il tamburo. Prende anche le prime lezioni di cornetta. Il merito tutto del suo maestro, Peter Davis, che gli d l'opportunit di studiare i rudimenti di questa sorta di "succedaneo" della tromba. La banda dell'istituto molto amata dagli abitanti e gira le strade suonando melodie in voga all'epoca come la celeberrima "When the Saints Go Marchin'in" che, recuperata parecchi anni dopo, diventer uno dei suoi cavalli di battaglia. Uscito dal riformatorio inizia a frequentare pub e locali nella speranza che gli si presenti la possibilit di suonare in qualche orchestra. In uno di questi vagabondaggi serali incontra Joe Oliver, considerato il migliore cornettista di New Orleans (gi chiamato "King Oliver"). Tra i due s'instaura un ottimo rapporto, tanto vero che Oliver, in procinto di trasferirsi, chiede a Kid Ory (altro celebre trombettista del jazz) di essere sostituito proprio da Louis. Solo dal novembre del 1918, incentivato dal lavoro sui "riverboats" (i battelli che navigavano sul fiume Mississippi), Armstrong impara a decifrare le partiture, diventando in questo modo un musicista completo. Dopo qualche anno di questo regime non proprio riposante (lavorare sui battelli era molto faticoso), nel 1922 si trasferisce a Chicago, lasciando una New Orleans che, gradualmente, "corrompeva" sempre di pi il suo gusto musicale, fino a rispolverare un vetusto e annacquato folclore. Armstrong in quel momento della sua maturazione artistica stava invece seguendo un'altra strada, completamente diversa, improntata sul rigore polifonico delle linee musicali e, per altri versi, sul tentativo di conferire al solista un ruolo insieme egemone e integrato nel tessuto musicale. Fortunatamente viene ingaggiato da King Oliver nella sua "Creole Jazz Band", nella quale ha la possibilit di proporsi come solista e di far spiccare l'estremo virtuosismo che ormai ha acquistato con il suo strumento. E' infatti opinione comune di appassionati e storici, affermare che "Satchmo" avesse inventiva, fantasia ritmica e melodica, unite ad un'impressionante volume sonoro e ad un'inconfondibile timbro. Dopo una serie di tourn, si arriva al 1924, anno particolarmente importante per "Satchmo". Si sposa, lascia l'orchestra di Oliver ed entra nella big Band di Fletcher Henderson, un colosso del jazz che disponeva di una delle migliori orchestre del tempo, zeppa di solisti di pregio. Come riprova del salto di qualit, Armostrong ha l'opportunit di incidere brani con Sidney Bechet, Bassie Smith e molti altri. Successivamente decide di intraprendere la carriera da solista. Registra "Hot Fives and Hot Sevens" trasformando cos il jazz in una delle pi alte espressioni della musica, con la sua tromba chiara e brillante e la sua voce sporca pescata direttamente dal fondo della gola.

Da allora solo un susseguirsi di successi, all'ombra per di alcune voci critiche che denunciano limiti e scadimenti del fenomeno Armstrong. Louis viene addirittura accusato di essere uno zio Tom a causa dell'ambiguit verso i fratelli neri. Ma proprio per la sua presenza carismatica contribuisce a rompere ogni barriera razziale diventando una delle prime star di colore nella musica. La sua vita, oltre ai concerti dal vivo e alle tourne, si arricchisce di collaborazioni (ad esempio con Zilmer Randolph), e comincia anche ad aprirsi al cinema, apparendo in alcune pellicole; tra queste ne ricordiamo una, "Alta societ" (High society) del 1956, di Charles Walters, con Grace Kelly, Bing Crosby e Frank Sinatra, in cui il musicista introduce e conclude la prima e l'ultima scena del film.