Sei sulla pagina 1di 57

GEOGRAFIA DELLECONOMIA MONDIALE CAPITOLO 1

SPAZIO GEOGRAFICO & SPAZIO ECONOMICO 1.1 Le relazioni geografico-spaziali e lorganizzazione del territorio La Geografia si occupa delle relazioni che legano tra loro i singoli oggetti (fiumi, citt, prodotti ecc.) sulla superficie della terra . Tali oggetti non vanno presi singolarmente, ma hanno significato geografico solo quando li si considera in relazione agli altri, ad esempio la posizione che una citt occupa rispetto al mare, alle altre citt, ecc. Linsieme di questi rapporti lo spazio geografico. Per comodita' dividiamo i rapporti in relazioni orizzontali (relazioni geografico-spaziali che intercorrono tra soggetti, come scambi di merci, informazioni, ecc.) e relazioni verticali (rapporto delle attivit economiche con il luogo in cui hanno sede: clima, risorse naturali, ecc.). Larticolazione geografica delleconomia dipende sempre da molteplici condizioni: Relazioni verticali Caratteristiche naturali o socioculturali Condizioni ambientali di ogni luogo Sono relazioni che legano i diversi soggetti economici con le caratteristiche proposte dei diversi luoghi. Relazioni orizzontali Scambi, movimenti di persone, informazioni, capitali Sono relazioni che legano i diversi soggetti economici tra di loro.

Nella geografia economica questi due tipi di relazioni sono sempre presenti contemporaneamente. L'insieme delle relazioni orizzontali e verticali e degli oggetti e soggetti legati da tali relazioni prende il nome di territorio.. L'organizzazione territoriale e' l'ordine complessivo che queste relazioni assumono in un territorio.

Le strutture territoriali sono pi localizzazioni legate tra di loro da relazioni orizzontali e verticali: complessi di attivit di ricerca e industria (Tecnopoli) Diverse strutture territoriali formano organizzazioni territoriali. Leconomia di un territorio dipende dallordine spaziale degli impianti della produzione e degli scambi. Le strutture territoriali e la loro organizzazione sono loggetto principale della geografia economica. Lorganizzazione territoriale viene analizzata considerando tre elementi: le differenti condizioni naturali dei vari luoghi e regioni le condizioni ereditate dal passato, sia quelle materiali (strade e impianti), sia quelle culturali e socio-economiche lorganizzazione attuale. Nel passato venivano stabiliti rapporti di causa-effetto tra la distribuzione dei climi e quella delle forme di economia. Secondo il pensiero positivistico dell800 la distribuzione geografica degli insediamenti, delle attivit umane e i caratteri stessi della popolazione dipendono dai fatti naturali. La corrente di pensiero detta del Determinismo geografico affermava che leconomia di una regione fosse determinata dalle sue condizioni e risorse naturali. Questa interpretazione venne superata dal Possibilismo geografico, agli inizi del 900, dava maggiore spazio e importanza allazione umana nellorganizzazione del territorio, vedendo i caratteri naturali come possibilit offerte alluomo. Regioni con caratteristiche naturali analoghe possono ospitare gruppi di uomini con attivit economiche e generi di vita completamente diversi. Generi di vita: insieme di abitudini e tradizioni consolidate nel tempo che portavano ogni gruppo umano a utilizzare certe condizioni locali piuttosto che altre. Negli ultimi 30 anni si data sempre pi importanza ai fattori funzionali che spiegano le relazioni orizzontali. Oggi sono soprattutto i rapporti di scambio che determinano il valore dei vari attributi dei luoghi. Es. un giacimento minerario diventa miniera solo quando il pezzo del minerale compensa i costi di estrazione e di trasporto, e il prezzo la conseguenza di relazioni orizzontali di scambio che avvengono su scala internazionale. La geografia economica odierna, che ha rifiutato il determinismo ambientale, vede le caratteristiche naturali dei luoghi, come il clima, la dotazione mineraria, la marittimit come semplici condizioni potenziali, che in presenza di altre condizioni di ordine storico-culturale (la tradizione religiosa, lideologia dominante, ecc.) politico sociali e di ordine economico, possono di volta in volta spiegare l' organizzazione geografica dei fatti economici. 1.2 Il valore economico del territorio Nelle societ pre-industriali il territorio non era considerato come un bene che si potesse vendere o acquistare, ma come un mezzo indispensabile per la vita degli abitanti (nutrirsi, vestirsi, ecc.). Nella societ capitalistica che prese lavvio in Europa, il terreno ha normalmente un valore di scambio. Prima dipendeva dalla maggiore o minore fertilit del suolo poi sempre pi dalla posizione. La possibilit di vendere i prodotti spinse, chi poteva coltivare un terreno adatto, a produrre pi del necessario per accumulare denaro. Il denaro accumulato costituiva un capitale. Laccumulo di capitale in agricoltura ha per dei limiti.

Il suolo utilizzabile limitato, inoltre esso non pu essere reso produttivo oltre un certo limite. Inoltre il mercato dei prodotti agricoli si satura in fretta in quanto soddisfa una domanda di consumi alimentari che non si possono moltiplicare allinfinito. Nellindustria laumento della produttivit del lavoro umano sembrava invece non avere limitazioni. La produzione industriale in grado di soddisfare sempre nuovi consumi. Il modo di produrre capitalistico-industriale ebbe come principale conseguenza la concentrazione dello sviluppo economico in pochi paesi. Costi di produzione e valore del prodotto non sono uguali dappertutto: ci sono luoghi che permettono di accrescere i profitti (vicini alle risorse ad esempio). Lo stesso vale per il lavoro: chi ha bisogno di personale qualificato ha convenienza a localizzare lazienda vicino ad aziende simili o in grandi citt. Chi non necessita di lavoro specializzato si posizione dove la manodopera costa meno Inoltre i costi decrescono se il lavoro viene diviso in tante operazioni affidate a lavoratori diversi (catena di montaggio). Economie di scala: La vicinanza di pi imprese pu generare economie di scala e quindi risparmi di costi (es nei trasporti, nei rifornimenti di energia) Solo chi concentra lavoro e macchine in grandi stabilimenti potr ottenere questi vantaggi, di cui non disporr invece chi opera in piccole unit sparse sul territorio. 1.3 Economie esterne e infrastrutture Economie esterne (esternalit positive): Vantaggi che limprenditore ottiene localizzando le sue attivit economiche in determinati luoghi: Sono effetti utili che la singola impresa non pu produrre da sola al suo interno, ma pu ricevere dallesterno; Determinano le diverse localizzazioni: vicino alle materie prime, vicino ai mercati, nei paesi, lungo le strade, vicino alle imprese A indicare questo termine fu Marshall, un economista del 1890 Per contro si parla di diseconomie esterne o esternalita negative quando una localizzazione si presenta dannosa pre le imprese o per gli abitanti. Economie esterne: economie esterne allimpresa, effetti utili che essa non produce direttamente, ma pu utilizzare. Sono dei doni della terra ad uso di chi ne sappia approfittare senza pagarli o pagandoli meno dei vantaggi che ne ha. Nella maggior parte dei casi le economie esterne sono il risultato dellattivit umana. Economie di agglomerazione: gli incrementi di produttivit che le imprese realizzano concentrandosi in certe aree. Sono componenti di una vasta famiglia di economie esterne le economie di urbanizzazione: Opere di urbanizzazione primaria (strade, fognature, acqua) che consentono linsediamento delle imprese Facilit di scambi di merci Formazione di un mercato della forza lavoro a cui le imprese possono attingere Presenza di servizi pubblici (case popolari, scuole, trasporti) Servizi per le famiglie e per le imprese Importante e la presenza di infrastrutture, realizzate dallo Stato o enti pubblici, che rendono un ambito territoriale idoneo a svolgere funzioni economiche

Infrastrutture materiali o tecniche (impianti stradali, linee delle telecomunicazioni, condotti per lacqua, gas) Infrastrutture sociali(ad uso collettivo: scolastici, scambi culturali) Infrastrutture economiche(le imprese pubbliche che svolgono funzioni essenziali per il funzionamento delleconomia nazionale e non possono essere svolte da imprese private: lindustria elettrica, le comunicazioni, chimica di base) Infrastrutture dellinformazione e della ricerca (in parte non possono essere svolte da imprese private) Le infrastrutture sono: strutture territoriali: la loro distribuzione non uniforme beni non escludibili: ritenuti necessari al funzionamento della societ e delleconomia beni pubblici indivisibili: producono utilit collettive, vantaggi per la collettivit non danno profitti: nessun capitale privato viene investito Scheda 1.1 Il paradosso del territorio Le infrastrutture territoriali sono una condizione necessaria perch i capitali privati producano valore, ovvero perch esista il mercato. I soldi che lo stato spende nelle infrastrutture non danno profitti diretti ma si trasformano in Economie esterne: Valori duso che le imprese utilizzano per realizzare i profitti. E lamministrazione pubblica che decide come distribuire sul territorio linfrastruttura. 1.4 La rendita del suolo Il valore del suolo dipende: dalle caratteristiche tecniche o dalle sue condizioni naturali (fertilit, clima, ecc.) vale soprattutto per lagricoltura dal valore della posizione, vale per le agglomerazioni Lutile che ricava chi possiede il suolo o il sottosuolo si definisce rendita agraria o mineraria. Nelle agglomerazioni e nelle regioni urbane il valore della posizione, visto come reddito del proprietario del suolo, si definisce rendita urbana (o immobiliare se si tratta di edifici). 1.5 Le regioni geografiche Per regione geografica si intende una porzione della superfice terrestre e costituita da luoghi contigui, che hanno qualche caratteristica comune e si differiscono in modo piu o meno netto dai luoghi circostanti. Questo concetto e diverso da quello di regione che intendiamo comunemente, una regione geografica puo essere una radura in un bosco, occupata da terreni coltivati (carattere comune e differenziante rispetto alla regione boscosa circostante). La regione nord-atlantica ad esempio comprende Europa nord occidentale e America settentrionale, legate da caratteri politico culturali e relazioni di scambi particolarmente fitte. Per quanto riguarda la gerarchia territoriale possiamo distinguere: microregioni: dimensioni di uno o pochi comuni mesoregioni: dimensioni intermedie, come le nostre regioni istituzionali macroregioni: interi paesi o ad esempio la regione alpina megaregioni: intero continente o anche piu di uno

Scheda 1.2 tipi di regioni Inoltre possiamo trovare altre classificazioni: regione politico amministrativa (in base ad una suddivisione operata politicamente, comune, provincia, regione) regione naturale (in base alla caratteristiche fisiche, pianura padana ad esempio) ecoregione (intero ecosistema) regione storica (legata ad un tipo di cultura e storia) regione culturale (lingua, religione, usi e costumi) regione economica 1.6 regioni economiche formali e funzionali Le regioni economiche possono essere individuate in 2 modi: regioni formali (dette anche omogenee) in base a certi attributi (colture, industrie, turistiche) regioni funzionali, i cui luoghi sono connessi da relazioni orizzontali (Hinterland del porto, ovvero area legata da vari scambi e servizi) Le regioni funzionali si possono inoltre distinguere in monocentriche (se le relazioni spaziali convergono in un unico centro) o policentriche (non ce un solo centro ma ognuno ha una funzione particolare). Esistono anche le regioni complesse, che presentano entrambe le caratteristiche (megalopoli nordatlantica degli Stati uniti: formale per quanto riguarda clima, stile di vita, industrializzazione di vecchia data ma funzionale per le forti interazioni che esistono tra le sue citt) Un tipo particolare di regione complessa e la regione programma, che corrisponde allambito territoriale entro cui si svolgono interventi programmati 1.7 Regioni gerarchiche e polarizzate Le regioni monocentriche possono essere: gerarchiche (la distribuzione dei servizi varia a seconda della gerarchia del centro: piu servizi = livello piu alto) polarizzate Lo spazio gerarchizzato stato studiato dal geografo tedesco Christaller, tramite il suo modello delle localita centrali, a forma di esagono, con un centro di livello piu alto degli altri, che gravitano intorno ad esso. La teoria christalleriana si basa sullassunzione che esista un centro urbano per lo scambio di beni e servizi (o, appunto, localit centrale) che deve produrre od offrire beni o servizi alla popolazione spazialmente dispersa su un territorio omogeneo e isotropo intorno a essa. Lobiettivo del modello quello di comprendere come prodotti o servizi, ed in particolare funzioni terziarie, si organizzino sul territorio dando vita a una gerarchia urbana. In uno spazio teorico come questo i centri si disporrebbero a distanze regolari, si formerebbero citt con un determinato numero di abitanti, lintero territorio assumerebbe uno sviluppo omogeneo ed equilibrato. Nella realt ci non avviene perch lo spazio geografico non omogeneo ma differenziato dalla natura e dalla storia. Si formano citt che si estendono enormemente, creando vaste regioni funzionali senza altri centri di livello gerarchico intermedio. I fenomeni di squilibrio sono determinati soprattutto da processi di agglomerazione dovuti al fatto che le attivit economiche hanno dei vantaggi a localizzarsi le une vicine alle altre. Uno sviluppo regionale di questo tipo si dice Polarizzato. E la regola nei paesi di sviluppo. La struttura polarizzata crea squilibrio territoriale tra la regione centrale polarizzante e le regioni periferiche. Il caso dellUE dove si ha unarea centraleil pentagono europeoLondra Parigi Milano Monaco Amburgo.

Leccessiva concentrazione di attivit in un polo pu provocare delle diseconomie di agglomerazione che: respingono nuove attivit influiscono negativamente su quelle gi presenti Si avvertono nei servizi pubblici (ospedali scuole trasporti) che sono sempre meno efficienti, crescono costi di abitazione e dei servizi. Il costo della vita cresce con la dimensione urbana. Laccentuarsi di questo processo puo portare allarresto della crescita polarizzata e fasi di depolarizzazione, in cui la popolazione, attivit economiche e servizi si ridistribuiscono prima nei dintorni del polo e poi con raggio sempre piu vasto. Approfondimento tratto dalle slides: La struttura delle regioni gerarchiche stata descritta dal geografo tedesco Walter Cristaller con il modello delle localit centrali Con questo nome si intendono i centri di offerta di servizi che servono ciascuno un area circostante, la cui ampiezza dipende dal numero e dalla rarit dei servizi offerti del centro. La gerarchia delle localit centrali genera perci una gerarchia di regioni funzionali corrispondenti a aree di gravitazione di diversa ampiezza, inscatolate le une dentro le altre. LA TEORIA DELLE LOCALITA CENTRALI Spiega la distribuzione dei centri grandi e piccoli in funzione dei servizi da essi offerti. Fondamentali nel modello sono i concetti di: CENTRALITA: una "localit centrale" quella che offre beni e servizi per i consumatori abitanti nel territorio circostante PORTATA: la distanza massima che un cliente disposto a percorrere per accedere ai beni e servizi della localit centrale. A mano a mano che aumenta la distanza dalla localit centrale il costo di trasporto incide sempre pi fino al punto in cui si annulla la convenienza; Il raggio massimo dellarea di mercato entro la quale egli in grado di attrarre clienti. SOGLIA GEOGRAFICA: la portata che corrisponde al numero di consumatori minimo necessario perch il fornitore di beni e servizi riesca a coprire i costi e ottenga un normale margine di profitto

1.8 Deconcentrazione e nuove strutture regionali a rete Queste due strutture rappresentano le forme tipiche della prima parte del XX secolo quando il fattore economico trainante era la grande industria manifatturiera con grandi masse di lavoratori. Paesi di vecchia industrializzazione furono investiti da notevoli trasformazioni economiche. Le grandi agglomerazioni industriali si frazionarono in pi sedi e in pi impianti anche molto distanti

tra loro. In un territorio dotato di buone comunicazioni (relazioni orizzontali, autostrade, ferrovie a grande velocit) le diverse fasi dei cicli di lavorazione potevano distribuirsi su un vasto territorio. Si formata una struttura regionale a rete, nella quale la popolazione e le diverse attivit si distribuivano in vari centri minori che sommati equivalgono al vecchio centro polarizzante. Oggi gli operatori di borsa di New York, Tokyo, Londra e Parigi in quanto collegati per rete telematica sono molto pi vicini tra loro di quanto non lo siano rispetto a operatori di altri settori presenti nella loro stessa citt. 1.9 Sistemi territoriali locali La rete locale, si forma quando i soggetti (pubblici o privati) che la formano si comportano come un attore collettivo combinando risorse locali e risorse globali. Il sistema territoriale locale una regione programma, una costruzione volontaria che esiste solo se e quando certi soggetti attivano certe relazioni (orizzontali) tra loro e altre (verticali) con il milieu territoriale in cui operano. Il concetto di Milieu territoriale, rappresenta una specie di patrimonio comune di un'area (quindi le potenzialit naturali, economiche e sociali) su cui una comunit pu basarsi per creare sviluppo. Nei tempi della globalizzazione le unit territoriali per conservarsi devono reagire alla frammentazione cio creare al loro interno una trama di relazioni cooperative pi forte di quelle che spingono i loro soggetti a collegarsi con lesterno (reti globali). Scheda 1.4 Lo sviluppo locale e anche globale I soggetti locali devono collegarsi in rete tra loro e far valere le risorse del milieu locale attivando cos il sistema territoriale locale. Le reti globali hanno bisogno dei sistemi locali. Dal loro punto di vista i milieu locali sono i simboli potenziali delle esternalit. I soggetti locali possono: Fungere da semplici mediatori passivi, limitarsi a favorire linsediamento di un suolo nel proprio territorio, denominato giochi a somma zero, il vantaggio per la societ locale si limita alleventuale bilancio tra ricadute positive e quelle negative. (il piccolo comune vicino alla metropoli che attira il centro commerciale guadagnando occupazione ma ricevendo traffico e inquinamento) Svolgere una funzione attiva tra le condizioni del milieu locale e le reti globali. Ci avviene quando i soggetti locali si comportano come lattore collettivo formando una rete locale. Si parla quindi di giochi a somma positiva che portano allo sviluppo locale. Linvestitore esterno non esaurisce i vantaggi offerti dal milieu, ma al contrario alimenta il processo di sviluppo e di creazione di nuove esternalit perche entra a fare parte della rete locale. I sistemi territoriali che riescono ad attivare processi di sviluppo locale autorganizzato hanno buone prospettive di mantenere la loro identit nellinterazione con le reti globali, mentre quelli che si limitano a offrire esternalit e risorse generiche (terreni, forza lavoro, infrastrutture) sono maggiormente esposti al rischio di frammentarsi e di perdere cos la propria specificit e identit. Il passaggio da strutture territoriali gerarchizzate a strutture reticolari riguarda le aree pi sviluppate dei paesi industrializzati nelle quali si concentra la maggior parte delle attivit economiche e della popolazione. Accanto ad esse esistono territori che hanno avuto uno sviluppo meno intenso: Regioni periferiche Le parti settentrionali della Scozia Alcune regioni mediterranee come il nostro mezzogiorno I paesi del Sud del Mondo Cause: Emigrazione della popolazione pi giovane e attiva verso le aree pi forti Scarsa strutturazione regionale, paesi del Sud del Mondo, africa

CAPITOLO 2 IL SISTEMA MONDO Con globalizzazione si intendono una serie di processi che hanno determinato, e ancora oggi determinano, profondi mutamenti nelle relazioni umane e geografiche. Soggetti e societa sono sempre piu interconnessi in reti e sistemi di portata globale. La globalizzazione tende a ridurre limportanza della distanza, poiche fatti che prendono forma dallaltra parte del pianeta possono avere conseguenze anche sulla nostra quotidianita. La pax britannica, periodo di pace in Europa e grande traffico commerciale, viene vista coma una prima forma di globalizzazione. In campo economico la globalizzazione indica la progressiva abolizione delle barriere commerciali, ovvero l'aumento dei volumi del commercio internazionale, dei flussi internazionali dei fattori della produzione e dei lavoratori e la crescente integrazione economica dei paesi. Con la stessa parola ci si riferisce anche l'affermazione del fenomeno delle imprese multinazionali nello scenario dell'economia mondiale: in questo ambito si fa riferimento sia alla delocalizzazione di una o pi fasi produttive che alla tendenza delle stesse ad ampliare i propri mercati di sbocco. Le relazioni globali sono fenomeni e insiemi di relazioni orizzontali che si estendono a tutta la superficie terrestre: la circolazione atmosferica, il trasporto aereo, il mercato del petrolio Le relazioni locali interessano solo una parte della superficie terrestre, clima locale, rete di trasporto locale, sviluppo locale Negli ultimi decenni le relazioni a scala planetaria si sono estese e intensificate a tal punto da superare ogni confine fisico, culturale, politico. Non esiste pi nessun ambito geografico locale che sia al riparo da influenze dirette da parte di forme che operano a livello globale. La globalizzazione e unesperienza sociale. Harvey ha introdotto lespressione compressione spazio-temporale. La rapida accelerazione nei tempi delleconomia, affari, produzione, consumo, scambi provoca un accorciamento della vita media dei prodotti e un maggiore dinamismo nel mercato. La moda e levoluzione tecnologica rendono i nostri oggetti obsoleti in tempi molto ristretti rispetto al passato. Scheda 2.1 Neoliberismo Neoliberismo un termine usato dagli appartenenti al liberalismo economico (liberismo), una dottrina economica che ha avuto grande impulso a partire dagli anni ottanta, soprattutto ad opera di Margaret Thatcher e Ronald Reagan. Essa sostiene la liberazione dell'economia dallo Stato, la privatizzazione dei servizi pubblici, la liberalizzazione di ogni settore non strategico e la fine di ogni chiusura doganale. Secondo i critici, il neoliberismo non ha portato benessere a tutta l'umanit, ma ha accentuato le disuguaglianze fra le differenti classi sociali all'interno dello stesso Paese e le sperequazioni esistenti tra i paesi ricchi ed il "sud" del mondo. Ovvero aumentata la ricchezza di alcuni paesi e delle multinazionali a scapito della maggioranza delle popolazioni. A questo punto il liberismo puo essere visto come una nuova forma di colonizzazione che utilizza strumenti legati alleconomia e al consumo piuttosto che la tradizionale subordinazione politica. Scheda 2.2 Il fallimento Argentino Sino a pochi anni fa lArgentina era considerata un paese modello, in via di sviluppo. A seguito dei piani di riforma strutturali proposti dal Fondo Monetario Internazionale (privatizzazione delle imprese statali, liberalizzazione del commercio) il paese sperimenta negli anni novanta elevati livelli di occupazione, crescita dellinvestimento dallestero e rapporto peso dollaro quasi paritario. Allinizio degli anni 2000 il debito estero ammontava a 140 miliardi di dollari. Per

limitare la fuga di capitali il presidente Duhalde limito laccesso ai depositi bancari e svaluto la moneta locale, che aveva ora un valore di un terzo inferiore al dollaro. Mando in fumo i risparmi di migliaia di famiglie. Daltro canto i membri dellelite economica locale, sapendo in anticipo cosa stava per succedere, spostarono i loro capitali allestero, lucrando grazie alla manovra finanziaria. Negli anni piu recenti la crescita e ripresa ma con inflazione altissima. Secondo alcuni studiosi il caso argentino sarebbe lesempio del fallimento della politica liberista, ma in realta le cause sono da ricercarsi nella cattiva attuazione di tale politica, nel regime politico corrotto e poco attento al sociale e legato a strategie monetarie poco oculate. 2.2 Molteplici aspetti della globalizzazione: tecnologico-economica: si formano reti globali dimprese che connettono tra loro le migliaia di luoghi in cui sono insediate commerciale: lorganizzazione mondiale per il commercio (WTO) che tende alla libera circolazione delle merci. del sapere scientifico-tecnologico: la competizione economica sempre pi dipendente dalle innovazioni tecnologiche, si forma cos un sapere tecnologico-scientifico globale ambientale (global change):leffetto serra che porte allinnalzamento della temperatura media dellatmosfera e a vari squilibri climatici come conseguenza delle emissioni di CO2 metano e altro culturale: fenomeni di omologazione dovuti alla mondializzazione dei media e alla scomparsa dei modi di vita locali che porta alla perdita di tradizioni lingue dialetti ecc. geopolitica: interdipendenza delle decisioni e degli avvenimenti politici dei diversi paesi e il crescente controllo di alcuni di essi sugli altri, capacit delle grandi potenze (usa) di intervenire militarmente in qualunque momento in ogni parte del pianeta. Debole o quasi inesistente la globalizzazione del mercato del lavoro: le grandi diversita nella tutela (orari, eta, previdenza) rendono il costo della manodopera enormemente variabile e dipendente dalle condizioni locali (vedi Cina) 2.3 Lidea di un sistema-mondo e la vecchia divisione internazionale del lavoro Nella tradizione economica si auspicava che ogni paese si specializzasse nella produzione rispetto alla quale risultava naturalmente incline (per via delle materie prime possedute) e grazie al libero commercio, ognuno avrebbe contribuito con quel che produceva. Questo concetto e denominato divisione internazionale del lavoro: La divisione internazionale del lavoro dovuta alla specializzazione produttiva dei vari paesi. Ogni paese si specializza nelle produzioni in cui le proprie capacit produttive (anche quelle dei lavoratori) sono pi alte. Detti paesi non producono ci che gli necessario ma ci che viene loro richiesto dal mercato e si procurano il necessario scambiando le eccedenze di beni e servizi con quelle degli altri paesi. Lo studioso statunitense Wallerstein ci illustra attraverso la sua teoria come la divisione internazionale del lavoro non e destinata a produrre equita e sviluppo ma crei ulteriori divari. Cosa allora un Sistema Mondo per Wallerstein? Si tratterebbe di un insieme di meccanismi che ridistribuiscono le risorse economiche del pianeta a partire da un centro verso delle periferie. Il centro del sistema sono i Paesi pi sviluppati e la periferia quelli meno sviluppati. Le semiperiferie comprendono le aree di recente industrializzazione o caratterizzate da situazioni di transizione economica. Mentre il centro sviluppa la ricchezza attraverso lindustrializzazione, la periferia acquista importanza soltanto come luogo delle materie prime. In questo meccanismo di distribuzione ineguale il mercato e le sue leggi diventa il mezzo con il quale il centro sfrutta a suo vantaggio la periferia.

2.4 La nuova divisione internazionale del lavoro Negli ultimi decenni, mentre i paesi del centro (con economie sviluppate) hanno basato sempre pi la loro produzione sulle alte tecnologie e i servizi avanzati, un numero crescente di attivit produttive (calzaturiera, tessile, alimentare, automobilistica, elettronica e altre) stato delocalizzato, ossia trasferito, dai paesi del centro a quelli della semiperiferia (con economie in via di sviluppo o in transizione). I paesi in via di sviluppo e con economie in transizione, nei quali vengono delocalizzate attivit produttive dai paesi sviluppati, sono quelli che offrono ai gruppi transnazionali le condizioni pi favorevoli alla massimizzazione dei profitti: una base industriale e infrastrutture sufficientemente sviluppata; disponibilit di forza lavoro qualificata a basso costo; esenzioni fiscali e altre agevolazioni; accesso a mercati e materie prime locali; possibilit di costituire joint-venture o di rilevare quote azionarie o lintera propriet sia di aziende private sia di aziende pubbliche privatizzate. Scheda 2.3 La filiera produttiva Per filiera produttiva si intende la catena di passaggi produttivi esistenti dalla creazione della materia prima, allarrivo della merce su scaffale nel negozio. La creazione di un cellulare tipo Iphone comprende numerosissimo passaggi (design, software, assemblaggio, marketing ecc.). Da un punto di vista geografico lorganizzazione delle filiere produttive in reti di portata globale non contribuisce a un maggiore equilibrio: le attivit piu banali saranno meno retribuite e svolte in paesi come la Cina, la progettazione e il software invece prodotti in California, con retribuzioni totalmente diverse. 2.5 Flussi e reti Le dinamiche della globalizzazione hanno modificato i flussi e le strutture delleconomia. Il ruolo dellagricoltura nella ricchezza mondiale e diminuito ovunque, e salito invece il valore dei prodotti minerari (tra cui il petrolio). Cresce anche la manifattura, localizzata sempre piu nelle regioni povere. I flussi commerciali piu intensi avvengono nella cosiddetta triade: Usa, Europa, sud-est Asiatico. L'Europa da sola controlla il 40% delle esportazioni, e la Germania svolge un ruolo sempre pi principale in questo senso. L'intero Sud del Mondo gestisce solo il 30% degli scambi mondiali e tra quegli stessi paesi la percentuale di scambi ancora minore. In generale, negli ultimi anni si sono rafforzati i flussi finanziari tra i poli centrali e le economie sviluppate, sono invece diminuiti quelli destinati al Sud del Mondo. 2.6 Attori e poteri nel sistema-mondo Il processo di funzionamento della globalizzazione non e naturale ma politicamente guidato. A partire dal secondo dopoguerra ci sono alcune trasformazioni di rilievo nel piano economico internazionale. Alla conferenza di Bretton Woods nel 1944 vengono poste le basi per la creazione di tre importantissimi organismi internazionali. Le istituzioni di Bretton Woods erano state pensate per creare un sistema di coordinamento e controllo delle politiche economiche degli Stati a livello internazionale che evitasse il ripetersi di disastrose crisi economiche come quella del 1929. In particolare il Fondo Monetario doveva occuparsi di economia monetaria e la Banca Mondiale di ricostruzione e sviluppo. oggi si occupa per lo pi di concedere prestiti agli Stati membri in caso di squilibrio della bilancia dei pagamenti. Il FMI si occupa anche della ristrutturazione del debito estero dei paesi del cosiddetto Terzo Mondo. Il FMI impone di solito a questi Paesi dei "piani di aggiustamento strutturale" come condizioni per ottenere prestiti o condizioni pi favorevoli per il rimborso del

debito che costituiscono l'aspetto pi controverso della sua attivit. Questi piani sono infatti modellati su una visione neoliberista dell'economia e sulla convinzione che il libero mercato sia la soluzione migliore per lo sviluppo economico di questi paesi. Tra i punti principali essi di solito comprendono la svalutazione della moneta nazionale, la riduzione del deficit di bilancio da conseguire con forti tagli alle spese pubbliche e aumento delle imposte (e quindi privatizzazioni massicce), l'eliminazione di qualsiasi forma di controllo dei prezzi. La Banca Mondiale stata creata principalmente per aiutare Europa e Giappone nella loro ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, ma con il movimento della decolonizzazione degli anni sessanta, i paesi da finanziare aumentarono, occupandosi quindi dello sviluppo economico dei paesi dell'Africa, dell'Asia e dell'America Latina. Inizialmente, la Banca mondiale ha finanziato principalmente progetti di grandi infrastrutture (centrali elettriche, autostrade, aeroporti); con il recupero economico di Giappone ed Europa, la Banca Mondiale si concentrata esclusivamente sui paesi in via di sviluppo. Dal 1990, si occup anche dei paesi post-comunisti. Il terzo organismo e il WTO. In origine era ITO (organizzazione internazionale per il commercio) ed era preposta alla liberalizzazione del commercio attraverso rimozione di dazi e restrizioni alle importazioni. Nel 48 venne sostituito dal GATT e nel 95 dal WTO (organizzazione mondiale per il commercio), preposto per la regolazione del commercio mondiale. Oggi il WTO e riconosciuto in tutto il mondo, e dotato di poteri nella risoluzione delle controversie internazionali con la possibilita di infliggere sanzioni. Il GATT copriva il commercio dei beni, il WTO ora copre anche il settore dei servizi e delle propriet intellettuali. Lidea di base resta la stessa, ovvero la liberalizzazione degli scambi tramite abolizione di dazi, lotta contro la limitazione delle importazioni o la discriminazione di determinati prodotti o paesi. Le critiche al sistema: squilibri della globalizzazione: estrema povert denuncia cattivo funzionamento del sistema pericoli del liberismo: i piani di aggiustamento strutturale spingono la liberalizzazione del commercio e lapertura agli investimenti esteri (ad esclusivo vantaggio delle multinazionali), privatizzazione dei servizi pubblici, erosione dello stato sociale. Le decisioni sono prese solo dai paesi dominanti, come nel G8, e presentano nelle discussioni piani precedentemente progettati. Erosione del diritto alla citt: il popolo non puo esprimere opinioni in quanto non si tratta di rappresentanti eletti (WTO e FMI) e le loro decisioni incidono cmq sulla vita delle persone Mancanza di controllo sulloperato degli attori economici Prevalere di ragioni economiche su questioni come ambiente, pace, diritti civili Emerge quindi una geografia della responsabilita, ovvero la presa di coscienza di come i meccanismi del lavoro e del consumo possano avere ripercussioni sulleconomia di luoghi e persone distanti. Questo porta cmq a movimenti di protesta che, in occasione delle riunioni del G8 o del WTO, diventano spazi di antagonismo, manifestazione e scontri in opposizione a decisioni ed eventi che condizionano la nostra vita ma sono del tutto al di fuori del nostro controllo. Approfondimento slides: Cosa sono le agenzie di rating? Sono imprese che danno un voto al rischio creditizio di un titolo obbligazionario o di unimpresa. Il mercato richiede un premio pi alto per i titoli con un rating peggiore: dunque lemittente di un titolo con basso rating dovr promettere una remunerazione pi elevata rispetto ad un titolo equivalente, ma con rating superiore. Le agenzie di rating pi famose sono tre: Standard&Poors, Fitch, Moodys. Sono societ che realizzano ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni Moody's Corporation una societ con base a New York che esegue ricerche finanziarie ed analisi su attivit commerciali e governati statali. L'azienda realizza un omonimo rating per le attivit che analizza. Un indice che ne misura la capacit di restituire i crediti ricevuti in base ad una scala standardizzata e suddivisa tra debiti contratti a medio termine e a lungo termine.

Standard and Poor's Corporation (S&P), una sussidiaria di McGraw-Hill, una societ che realizza ricerche finanziarie e analisi su titoli azionari e obbligazioni, fra le prime tre al mondo insieme a Moody's e Fitch Ratings. ben nota per i suoi indici di borsa: S&P 500 per gli Stati Uniti e S&P 200 per l'Australia. Fitch Ratings, Ltd., un'agenzia internazionale di valutazione del credito, con due quartier generali, a New York City e a Londra. Scheda 2.4 il diritto alla citt Il concetto di diritto alla citt, introdotto da Lefebvre nel 1968 non e solamente legato allambito urbano ma tratta del diritto da avere voce in capitolo su tutte le scelte che hanno concrete ripercussioni sulla vita quotidiana. In un regime democratico un abitante dovrebbe poter aver voce in capitolo su tutte le scelte che lo riguardano e riguardano lambiente in cui vive. Quale possibilita ha il popoli di poter influenzare le scelte dei grandi organismi internazionali e delle multinazionali? La campagne statunitensi per il salario minimo, appoggiate da sindacati, comunita locali e gruppi religiosi, sono state viste come tentativo di riappropriazione del diritto alla citt . Naturalmente attivismo e politica del diritto alla citt non garantiscono una forma perfetta di giustizia ma mirano a una politica maggiormente democratica. CAPITOLO 3 ECONOMIA E AMBIENTE NATURALE Il termine Ambiente indica il sistema di relazioni dirette e indirette che intercorrono tra esseri umani, altri esseri viventi e mondo inorganico. E un sistema in continua evoluzione. L ecosistema terrestre e il sistema degli organismi sulla terra con le loro relazioni reciproche e le relazioni che li legano allambiente fisico del pianeta. Anche il sistema economico mondiale un sottosistema dellecosistema terrestre, con cui ha intense relazioni in entrata (produzioni alimentari, materie prime fonti energetiche) e in uscita (trasformazioni della biosfera, crescita demografica, ecc.) Il sistema economico alimenta una circolazione di materia, energia e informazione che tende a modificare il resto dellecosistema, provocando alterazioni che possono essere reversibili o irreversibili. Da qui deriva il problema ecologico, il pi grande che lumanit ha incontrato nel suo lungo cammino storico. Ha assunto proporzioni sempre maggiori a partire dalla rivoluzione industriale. Scheda 3.1 I cicli del geosistema Pur formando un unico sistema dinamico, il geosistema si articola in diversi cicli: Ciclo delle rocce Ciclo dellacqua Ciclo del carbonio Ciclo dellazoto Questi cicli non sono altro che trasformazioni a catena, che mantengono il sistema in condizioni di equilibrio. 3.2 Le alterazioni dellecosistema e limpronta ecologica Leconomia mondiale degli ultimi venti anni ha provocato squilibri di tipo globale che minacciano lintero pianeta. Questo cambiamento e definito Global change. I casi di Cernobyl e Fukushima sono solo esempi eclatanti.

Linquinamento, la quantita sempre maggiore di rifiuti prodotti, gran parte della quale non riciclabile naturalmente (materie plastiche), lemissione di gas nellatmosfera, le polveri sottili, sono tutte minacce moderne al geosistema. Leccessivo consumo di risorse naturali, dovuto allaumento della produzione e dei consumi non porta a nulla di buono. E infatti un ciclo senza fine, nuove produzioni spingono nuovi consumi e richiedono ancora piu materie prime, con conseguenze sullintero geosistema. Il problema sorge principalmente dalla diversa scala temporale dei processi: i consumi e prelievi avvengono in tempi economici (brevi), il ripristino e riequilibrio delle risorse in tempi geologici (lunghi). Tra gli effetti piu conosciuti il global warming (riscaldamento globale dovuto al CO2) e la perdita della biodiversita (estinzione di specie animali e vegetali). 3.3 Leffetto serra e il global warming L'effetto serra il fenomeno di riscaldamento globale e del surriscaldamento climatico (detto global warming) provocato dalla presenza di alcuni gas presenti nell'atmosfera (detti gas serra) che ostacolano la fuoriuscita del calore proveniente dalla superficie terrestre causando il riscaldamento del pianeta. L'effetto serra ha due origini: Effetto serra naturale. L'effetto serra naturale un sistema che consente la regolazione della temperatura media del pianeta intorno ai 15 C. Il calore proveniente dalla superficie della Terra (radiazioni infrarosse) viene parzialmente assorbito e riflesso verso il basso dai gas serra. Senza questi ultimi la temperatura media del pianeta scenderebbe ai -18C. Effetto serra antropico. L'effetto serra di origine antropica causato dalle attivit umane (industria, agricoltura, allevamento, ecc.) che rilasciano nell'atmosfera dei gas serra (es. anidride carbonica e metano). Le emissioni dei gas serra antropici contribuiscono a rendere pi forte l'effetto serra naturale aumentano ulteriormente la temperatura media del pianeta Questo provoca situazioni quali: Scioglimenti dei ghiacci polari, aumento livello del mare, deviazioni correnti marine Forte siccit Intense precipitazioni Fattori catastrofici : frane, terremoti, alluvioni

3.4 Leconomia e il problema ambientale Tutte le risorse indispensabili per la vita umana provengono dalla terra e dallenergia solare. Sono considerate rinnovabili le risorse che quando vengono consumate si riformano (acqua, vento, risorse agricole) e non rinnovabile quelle che non si riformano o richiedono tempi geologici per farlo (il carbone si riforma in milioni di anni). Per fattore terra si intende linsieme delle risorse (suolo, materie prime, varie forme di energie utilizzabili), dei servizi naturali e in genere quanto il sistema economico preleva del geosistema, eccetto il lavoro umano. Gli uomini hanno sempre cercato di aumentare la produttivit del proprio lavoro attraverso una crescente mobilitazione del fattore terra, senza accorgersi che provocavano la progressiva riduzione della produttivit del fattore terra. Ogni abitante della terra, pur lavorando mediamente meno dei nostri antenati in epoca pre-industriale ha in media a sua disposizione una maggior quantit di beni e di servizi ma dispone anche di sempre minori riserve naturali e ambientali. Lefficienza del sistema produttivo dal punto di vista puramente economico cresciuta, ma si ridotta quella del sistema ecologico. Il sistema economico mondiale non e in grado di porre rimedio a questa perdita di produttivita del sistema terrestre. Da un punto di vista ecologico sarebbe auspicabile una riduzione dei consumi (solo per i paesi ricchi), e intervenire con interventi correttivi per la salvaguardia del geosistema.

Scheda 3.2 i tempi dei cicli del geosistema I diversi cicli del geosistema si compiono in scale temporali diverse: Ciclo delle rocce tempi geologici, decine o centinaia di milioni di anni Evoluzione biologica milioni di anni Ciclo dellacqua, anni Ciclo materia organica, anni o decenni I tempi delle societa umane: Tempi lunghi della storia: max alcune migliaia di anni Tempi delle grandi trasformazioni ambientali: 2 secoli ! Tempi vita umana e delle imprese su cui si fonda leconomia di mercato: relativamente brevi Dal contrasto tra i tempi lunghi dei cicli ambientali e quelli brevi dei cicli legati alleconomia nasce il problema ambientale. Il geosistema terrestre non e in grado di riequilibrare le trasformazioni indotte dal sistema economico ne di seguire i suoi ritmi. 3.5 Limpronta ecologica Il consumo delle risorse e diseguale tra i vari paesi a livello mondiale. I maggiori utilizzatori sono i paesi industrializzati e ricchi. Limpronta ecologica e il rapporto tra larea del fattore terra e di mare necessari a produrre tutte le risorse che un paese consuma e per assorbirne i rifiuti che produce. In pratica l'impronta ecologica un indicatore utilizzato per valutare il consumo umano di risorse naturali rispetto la capacit della Terra di rigenerarle. Per calcolare limpronta ecologica di un paese si sommano le produzioni interne con le importazioni, si sottraggono le esportazioni, tenendo conto anche del bilancio energetico (energia prodotta e consumata). Lunita di misura e in ettari, ovvero quanto si produce con un ettaro di terreno. Dividendo il risultato per il numero di abitanti di un paese si ottiene limpronta ecologica media di quella popolazione. Limpronta ecologica media di una popolazione viene poi confrontata con terra produttiva procapite disponibile nel paese stesso. Ogni italiano consuma in media tre volte quello che gli spetterebbe. Il deficit lo si colma con le importazioni, scegliendo quelle a basso costo dei paesi del Sud del Mondo, come lAngola: la sua impronta ecologica non supera la sua disponibilit. 3.6 Lo sviluppo sostenibile La definizione di Sviluppo sostenibile viene per la prima volta proposta da un rapporto dellONU, noto come rapporto Brundtland. Per sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la capacit delle generazioni future di soddisfare i propri. E un concetto di sviluppo che tiene conto non soltanto del reddito economico e della quantit dei beni prodotti, ma anche della qualit dellambiente e quindi della qualit della vita. Tre principi fondamentali: lintegrit del sistema: si tratta di non alterare la capacit degli ecosistemi di mantenersi in equilibrio; limitare prelievi ed emissioni inquinanti, evitare ogni alterazione irreversibile. Efficienza economica: garantire il massimo della produzione e di consumi compatibili con gli equilibri ecologici, permettendo di mantenere costanti nel tempo le potenzialit dellambiente. Lequit sociale: Intra-generazionale (allinterno di ogni comunit umana in un determinato momento storico) - Consiste nella possibilit di accedere alle risorse equamente ma anche come diritto di ogni persona alla propria cultura, religione, idea politica, ecc., Inter-generazionale (riferita alle generazioni future) consiste nelloperare senza precludere alle generazioni future la fruizione dellecosistema e delle sue risorse, almeno nella stessa misura e negli stessi termini con cui ne fruiscono le presenti generazioni.

Esistono due interpretazioni del principio di equita intergenerazionale: sostenibilit forte ritiene che si debba lasciare alle generazioni future lintero stock di capitale naturale, che non pu essere sostituito da quello prodotto artificialmente dalluomo; sostenibilit debole ritiene che esisterebbe una possibilit di sostituire tra capitale naturale e capitale prodotto dalluomo; ogni generazione potrebbe impoverire gli ambienti naturali purch compensi tale degrado accrescendo il valore e la qualit dellambiente prodotto artificialmente (es. la citt). Il concetto stesso di sostenibilita e molto ampio: Sostenibilita ambientale: integrita dellecosistema terrestre e qualita dellambiente, che vanno difesi limitando i rifiuti, gli sprechi e utilizzando tecniche pulite Sostenibilita economica: raggiungere lefficienza economica attraverso attenta gestione delle risorse non rinnovabili, sviluppo che regoli vita e lavoro con obiettivi di equita intragenerazionale , sostenibile nel lungo periodo Sostenibilita demografica: popolazione in grado di vivere in maniera accettabile allinterno di un territorio Sostenibilita sociale: si basa sul concetto di equita sociale. Non deve esistere sviluppo con condizioni sociali drasticamente diverse (ricchezza estrema e poverta estrema ad esempio) Sostenibilita geografica: evitare squilibri territoriali nella distribuzione della popolazione, attivit economiche, sfruttamento del suolo e delle risorse. Fa parte della sostenibilita geografica la politica delle aree protette per la conservazione delle biodiversita Sostenibilita culturale: sviluppo che rispetti le diverse culture e le preservi. 3.7 Gli interventi a livello globale La prima conferenza mondiale delle Nazioni Unite sui problemi dellambiente si tenne a Stoccolma nel 1972. I vari paesi si erano resi conto che il degrado ambientale derivante da uno sviluppo incontrollato stava diventando insostenibile. Il problema pi trattato fu quello dellinquinamento, che rivel il contrasto tra i paesi industrializzati e quelli del Sud del Mondo. I primi volevano porre un freno ai danni allambiente e chiedevano ai secondi di adottare anchessi misure adeguate. Nel complesso prevalse il concetto della riparazione piuttosto che della prevenzione. Nel 1992 si tenne la conferenza di Rio de Janeiro. Si approfond il contrasto tra i paesi del Nord del Mondo, la cui preoccupazione maggiore consisteva nellevitare squilibri ambientali e inquinamenti, e quelli del Sud del Mondo che non volevano vedersi imporre sacrifici prima ancora di avere raggiunto livelli economici e di vita soddisfacenti. Ai paesi pi ricchi spettava il compito di aiutare finanziariamente quelli pi poveri. Gli stessi paesi industrializzati dovevano accettare di riconvertire il loro processo produttivo in una prospettiva di rispetto ambientale. La conferenza si concluse con la stesura dellAgenda 21 che contiene il programma dazione del XXI secolo nei riguardi dellambiente.. I principali campi dazione a livello internazionale: i consumi la distribuzione del reddito la sostenibilit dellagricoltura la protezione delle foreste la conservazione del patrimonio genetico gli aiuti ai paesi pi poveri la gestione delle acque la regolazione delle emissioni gassose che influiscono sul clima

Era un documento di grande importanza perch, oltre ad illustrare la situazione generale di ogni problema, indicava anche come affrontarlo e con quali mezzi. Il suo limite stava nel fatto che non poneva nessun obbligo preciso e nessuna sanzione per i paesi che non lo applicano. A seguito della conferenza mondiale numerosi sono stati i convegni e i dibattiti a livello regionale. Tra questi di particolare importanza la conferenza della Convenzione sul clima tenuta a Kyoto nel 1997, che si conclude con la stesure del protocollo di Kyoto, con il quale i paesi firmatari si impegnavano a ridurre lemissione dei principali gas serra. E entrato in vigore nel 2005. Oggi i paesi firmatari sono 170 e si sono impegnati a ridurre del 5,2%, nellarco di 10-12 anni, le emissioni di C02. LUE ha stabilito una riduzione dell8% e i ministeri europei dellambiente hanno distribuito le quote tra i vari paesi: allItalia tocca una riduzione del 0,5%. Oggi molti enti locali applicano lagenda 21 nella pianificazione territoriale locale Nel 2009 a Copenaghen si e tenuta la conferenza sul clima dellONU, alla quale hanno aderito 193 paesi. Le aspettative erano alte ma il risultato e stato un deludente documento finale generico e senza precisi impegni da parte dei singoli paesi. Si concorda sulla necessita di contenere entro i 2 gradi laumento della temperatura entro il 2050 ma senza specificare le quantita di Co2 che ogni paese deve evitare di immettere nellaria. 3.8 La green economy La necessita di una green economy, una economia verde, che proponga un nuovo tipo di rapporto tra attivit economiche e ecosistema naturale, nasce dallesistenza di problemi ambientali dovuti soprattutto allandazzo tenuti delle economie piu ricche nel corso di questi ultimi 2 secoli. Non si tratta di ridurre i consumi ma di produrre in modo diverso. Leconomia verde prende in considerazione tutti i danni provocati dalla filiera produttiva (anche gli effetti sul turismo ad esempio). Propone misure economiche, legislative, tecnologiche e di educazione pubblica . Opera partendo dal livello locale , tutelando e valorizzando le risorse nellambito globale. Crea nuovi posti di lavoro (settore ambientale). Leconomia verde propone un nuovo stile di vita: usare meno lautomobile, ridurre gli sprechi, acquistare prodotti locali (meno trasporti), valorizzare il proprio territorio. Nel complesso la green economi e in grado di creare imprese piu competitive, prodotti piu appetibili e maggiore occupazione, uno slancio per un nuovo tipo di sviluppo CAPITOLO 4 LA POPOLAZIONE 4.1 La crescita della popolazione mondiale TASSO DI CRESCITA: la differenza tra il tasso di natalit e il tasso di mortalit. Quando il numero delle nascite supera il numero delle morti ,il tasso di crescita positivo e la popolazione aumenta. La popolazione del pianeta nel 2012 ha raggiunto i 7 miliardi . Lumanit arrivata molto tardi allattuale livello di popolamento, in passato epidemie, carestie e guerre decimavano la popolazione in maniera periodica. Raggiunto il primo miliardo in seguito alla rivoluzione industriale nell 800, ci volle circa un secolo per raddoppiare tale numero una prima volta (1920) e poi soli 50 anni per raddoppiarlo una seconda volta (4 miliardi nel 1975). Questo aumento fu denominato ESPLOSIONE DEMOGRAFICA. Negli ultimi decenni il tasso di crescita ha cominciato a

ridursi. La popolazione mondiale molto giovane: un terzo degli abitanti del pianeta ha meno di 15 anni. Negli ultimi decenni notiamo un aumento del tasso di mortalita, causato dal declino della fertilit, Aids, guerre e genocidi. La crescita inoltre non uniforme in tutto il pianeta: da una parte i paesi sviluppati con crescita demografica debolissima come lEuropa (unico continente con saldo naturale negativo), daltra parte i paesi del Sud del Mondo: i principali protagonisti dellaumento demografico. Scheda 4.2 La transizione demografica I tassi di mortalit sono legati al tenore di vita e allefficienza del sistema comunitario mentre i tassi di natalit paiono legati al modo di vita e al sistema sociale: sono infatti pi alti tra le popolazioni con modelli di vita agricoli tradizionali, pi bassi in quelle urbanizzate e industriali. Essi variano nello spazio e anche nel tempo. Per spiegare questa differenza stata elaborata la teoria della transizione demografica che prevede un regime demografico antico e uno moderno ,separati da uno stadio di transizione. Il regime demografico antico: tipico delle societ preindustriali, elevati tassi di natalit, alti tassi di mortalit, il tasso naturale prossimo allo zero, la crescita della popolazione lenta e irregolare a causa di epidemie ,guerre e carestie. Lo stadio di transizione si divide in due fasi: 1.fase: Si riduce la mortalit grazie alle migliori condizioni di vita e allintroduzione delle cure mediche, mentre la natalit rimane ancora alta. La crescita si accelera a causa del saldo fortemente positivo. il regime demografico moderno : il tasso di natalit diminuisce ancora fino ad eguagliare quello di mortalit, il livello della crescita zero per passare poi in alcuni periodi anche a un saldo negativo.

2.fase: Riduzione del tasso di natalit come conseguenza della mutata situazione sociale(inurbamento, maggior costo per leducazione dei figli),si ha un rallentamento nella crescita demografica.

Attualmente in Europa lo stadio di transizione quasi ovunque terminato e i paesi europei sono entrati nel regime moderno, con saldo che a livello continentale negativo. Tutti gli altri paesi si trovano in fasi diverse dello stadio di transizione. La crescita maggiore si ha nei paesi in cui si la transizione appena iniziata, quasi tutti i paesi dellAfrica, dellAsia meridionale e della Bolivia. Altri paesi come la Cina stanno invece uscendo dallo stadio di transizione per raggiungere quello moderno. (anche con metodi discutibili quali pianificazione familiare forzata) 4.2 La distribuzione della popolazione mondiale. La distribuzione dellumanit sulla superficie terrestre molto ineguale. Esistono parti della Terra completamente disabitate (dette anecumene) come lAntartide, il Canada settentrionale, gran parte della Groenlandia, la Siberia ecc. La restante superficie delle terre, stabilmente abitata, detta ecumene e presenta densit di popolazione fortemente variabili. Il continente pi densamente popolato lAsia seguita dallEuropa, i meno densamente popolati sono Oceania e America meridionale. La vasta regione Asiatica ospita quasi met della popolazione mondiale. La densit in questarea favorisce unagricoltura di tipo intensivo (manodopera a basso costo). Le grandi aree industriali urbane sono densamente popolate. In Europa: Inghilterra, regione parigina, Francia orientale, Italia e Germania. Negli Stati Uniti :larea dei Grandi Laghi, California. Asia orientale: Giappone, regioni costiere della Cina. Al di fuori di queste regioni il popolamento molto discontinuo e concentrato soprattutto nelle aree urbane.

4.3 Le migrazioni La popolazione di un territorio varia oltre che per movimento naturale anche per movimento migratorio. La fine del XX secolo e l inizio del XXI sono stati caratterizzati da un notevolissimo incremento dei fenomeni migratori. Nel 2008 nel mondo vi erano 200 milioni di migranti, il 3% della popolazione mondiale. I fattori generali sono tre: - la transizione demografica accanto ai paesi nel regime moderno che crescono poco ve ne sono altri in fase di transizione e forte crescita. Si pu parlare di transizione migratoria: i principali flussi migratori si verificano dalle zone pi povere(Africa, America latina, parte dellAsia), a quelle ricche(Europa e America settentrionale) quasi tutte ormai in regime demografico di tipo moderno. - differenza nel reddito: qualit della vita differente dal proprio paese, speranza di una vita migliore. (cinesi) - mondializzazione dei trasporti e delle comunicazioni: riduce le distanze non solo chilometriche ma culturali; grazie alla televisione ciascuno pu conoscere e paragonare i paesi del mondo e scegliere dove dirigersi. (albanesi che vedevano lItalia come lAmerica). In forte crescita negli ultimi anni i rifugiati politici, che abbandonano il loro paese a causa di guerre o motivi politici, e i profughi ambientali, che emigrano a causa di alluvioni, catastrofi ecc. Un tipo particolare di migrazione e la fuga dei cervelli, ovvero scienziati, ricercatori che si trasferiscono in paesi dove le loro capacita possano essere messe a frutto. Se a questo corrisponde un flusso analogo in entrata possiamo parlare di brain exchange. L Europa dopo essere stata per secoli il principale focolaio di emigrazione sta ora ricevendo forti flussi di immigrazione. LEuropa diventata, da alcuni decenni, uno dei principali poli di immigrazione: nel 2000 ospitava un terzo di tutti i migranti del mondo. Si osservano flussi migratori non solo verso gli Stati Uniti, ma anche verso il Giappone. Altri flussi da Africa a Europa, da America latina a America settentrionale e infine da Africa a merio oriente (paesi ricchi di petrolio). La categoria piu rappresentativa di immigrati sono quelle degli emigranti per lavoro, temporanei o definitivi. La migrazione internazionale per lavoro e vista dai paesi poveri come rimedio contro la disoccupazione, a cui si aggiunge il vantaggio delle rimesse degli emigranti e il fatto che molti rientrano in patria dopo aver accumulato denaro e investono in attivit locali. Gli immigrati dal sud rappresentano una manodopera poco costosa per i paesi industrializzati, adatta a fare lavori poco piacevoli o faticosi, rifiutati dai lavoratori locali (raccolta pomodori in puglia) Lintensificarsi dei flussi in arriva crea forti preoccupazioni nei paesi di accoglienza, per cui alcuni paesi adottano manovre restrittive, evidenziando il fatto che il flusso in entrata e maggiore della possibilita di accoglienza. Scheda 4.2 Le rimesse degli emigranti Si tratta del denaro guadagnato dagli emigranti allestero e inviato in patria. Per molti paesi rappresentano un notevole contributo alleconomia nazionale (Pakistan, Burkina Faso, Egitto e Turchia). E un flusso importante, per cui limmigrazione viene considerata un fattore di sviluppo. Scheda 4.3 Limmigrazione in Italia Nel 19 e inizi del 20 secolo lItalia fu esportatrice di manodopera. Le mete dei nostri lavoratori erano comunque i paese europei piu vicini (Francia, Germania, svizzera, paesi bassi) o Stati Uniti e Canada. Negli anni novanta invece si sono intensificati i flussi migratori da Africa e Europa dellEst verso lItalia. Tra i motivi la posizione favorevole e le coste sul mediterraneo (sbarchi in puglia e Sicilia) e la differenza socioeconomica tra Italia e loro paese di origine (speranza di miglioramento della qualita della vita). La meta degli stranieri in Italia proviene dallest europeo, il 62 % risiede al nord, il 25% al centro e solo il 12% al sud.

4.4 La popolazione come forza produttiva La popolazione di un paese pu essere considerata una risorsa economica di fondamentale importanza, indicata come capitale umano. Si definisce popolazione attiva, linsieme delle persone in et lavorativa che lavorano o che cercano un lavoro. La percentuale degli attivi legata alla struttura per et: nei paesi giovani ridotta dallalto numero di bambini e in quelli vecchi dai numerosi pensionati. Non tutta la popolazione attiva realmente occupata, essa comprende anche quanti, pur essendo in et lavorativa, non hanno lavoro (disoccupati). La disoccupazione un fenomeno diffuso sia nei paesi ricchi che in quelli poveri. Nei paesi industrializzati una percentuale di disoccupati del 3-4% fisiologica, in quanto sempre presente, anche in periodi di crescita economica. Naturalmente i dati spesso sono falsati dal lavoro sommerso (o lavoro nero) e dal lavoro dei bambini, (Asia e africa) dove essi rappresentano anche il 10% della forza lavoro. 4.5 Caratteristiche sociali della popolazione Due caratteristiche della popolazione che hanno notevole importanza sono la sanit e listruzione. Oltre il 60% della popolazione del Sud del Mondo dispone oggi di assistenza sanitaria. La speranza di vita media nel Sud del Mondo aumentata di un terzo: i tassi di mortalit infantile si sono dimezzati. Ci non toglie che esistano ampie zone dove la situazione ancora precaria. Di fondamentale importanza per leconomia di un paese inoltre listruzione . In una societ moderna un certo grado di istruzione richiesta a tutti per partecipare alla vita civile politica, inserirsi nel lavoro. Tuttavia non sempre laccesso a questo servizio possibile per lintera popolazione: in molti paesi del Sud del Mondo lanalfabetismo raggiunge l80% , nel nord il 2% ( Italia1,4%). Il tasso discrizione a universit solo l8% nel Sud del Mondo contro il 37% dei paesi del Nord del Mondo. Scheda 4.4 La poverta e il problema alimentare Lentita degli squilibri economici mondiali appare chiara se si considera che al mondo circa 1 miliardo e 200 mila persone hanno un reddito inferiore ad 1 dollaro al giorno. Gli squilibri maggiori soprattutto nei paesi poveri (Africa sub sahariana e Asia meridionale) dove sono presenti poche persone ricchissime, un numero modesto di famiglie agiate (funzionari statali per lo piu) e una massa al limite della sussistenza. Una delle piu gravi conseguenza dello squilibrio tra redditi e la fame e la malnutrizione. Benche grazie a nuove tecnologie sia aumentata la disponibilita alimentare (miglioramento tecniche agricole e cereali ad alta resa) la situazione di sottoalimentazione e peggiorata, soprattutto per 3 motivi: In ambiente rurale si utilizzano ancora tecniche agricole obsolete e quindi si pratica agricoltura di sussistenza. In ambiente cittadino molte persone sono troppo povere per acquistare alimenti, anche se essi sono disponibili; 30 milioni di persone soffrono fame e carestie a causa delle guerre e dipendono percio dagli aiuti internazionali. 4.6 Lindice di sviluppo umano Lindice di sviluppo umano (ISU) e un parametro che permette la misurazione della qualita della vita. calcolato annualmente da una commissione dellONU. L'Indice di sviluppo umano, tiene conto di differenti fattori: PIL procapite, alfabetizzazione e speranza di vita. La scala dell'indice in millesimi decrescente da 1 a 0 e si suddivide, in base ai quartili (dal 2010), in quattro gruppi: paesi a molto alto sviluppo umano, paesi ad alto sviluppo umano, paesi a medio sviluppo e paesi a basso sviluppo umano.

4.7 Le regioni culturali Una caratteristica che differenzia la popolazione mondiale e il tipo di cultura ( insieme di conoscenze, credenze religiose, istituzioni, abitudini, stili di vita, espressioni linguistiche e artistiche). Possiamo quindi tracciare i confini di alcune regioni culturali: LEuropa, nonostante sia divisa in 30 stati e 50 lingue diverse, appare culturalmente omogenea (prevalenza di governi democratici, notevole sviluppo industriale, livello di vita medio alto, tasso di scolarita elevato). La civilta europea e multietnica e complessa ed e stata per secoli protagonista della storia mondiale (colonizzazione). LAmerica anglosassone (America del Nord ad esclusione del Messico): la popolazione locale originaria e quasi scomparsa e con essa la sua cultura. Alle popolazioni anglosassoni colonizzatrici se ne mescolarono altre (africani, Asiatici, latino americani) che portarono con se cultura e tradizione, creando una identita del tutto nuova e originale. Oggi questa regione e divisa solo in 2 parti, Stati Uniti e Canada ed ha raggiunto e superato la madrepatria Europa per sviluppo economico e tecnologico, il suo modo di vita e modello per il resto del mondo. America Latina, comprende Messico, America centrale e quella del sud. Fiorivano antiche civilta, sterminate dagli europei ma opponendosi ai conquistatori riuscirono a mantenere una parte della loro identita culturale e linguistica. Nella regione, divisa in 35 stati, convivono bianchi, neri, mulatti e indios. La condizione generale e la marginalita economica, forti tensioni sociali, guerriglie e colpi di stato. Elementi di coesione la lingua spagnola e la religione cattolica. Area dellIslam: si estende dallafrica settentrionale (o africa bianca) a parte dellAfrica subsahariana, allIndia e Indonesia, lungo la fascia tropicale e subtropicale. La sua popolazione conta 800 milioni di persone e comprende popoli diversi: arabi, berberi, turchi, persiani, curdi Uniti dalla religione musulmana. Asia meridionale e orientale: essendo rimaste a lungo isolate non hanno risentito dellinfluenza europea, conservando tradizioni, cultura e religioni. Vi si parlano diverse lingue e si praticano diverse religioni: islamica, buddismo, induismo, confucianesimo, scintoismo. Dal punto di vista economico presenta grandi contrasti tra poche aree intensamente industrializzate (Giappone, Corea del Sud, grandi citt della Cina e India, Hong Kong, Singapore, Taiwan) e altre ancora legare allagricoltura, ma quasi tutte in via di industrializzazione. Continente Africano e sud del Sahara (africa nera): isolato dalle altre culture fino alleta moderna in quanto la colonizzazione araba e europea si limitava alle coste. Nonostante la penetrazione della regione musulmana conservo per lungo tempo le antiche tradizioni di tipo tribale e religioni animiste. Nel secolo scorso gli europei estesero i domini anche nella parte interna del continente, delimitando i confini delle colonie senza tener conto delle etnie che ci abitavano. Insieme alle loro lingue portarono anche la religione cristiana. Con la decolonizzazione vennero a formarsi stati privi di unita etnica e sociale, soggetti a contrasti interni e rivalita tribali, accomunati solo dalla lingua dei colonizzatori. Nell Africa australe si e formata una regione multirazziale, con maggioranza nera ma elevato numero di bianchi. Entrambi parlano inglese ma sono differenziati dalle condizioni sociali e il tenore di vita Australia e Nuova Zelanda, ex colonie inglesi e avvenuta una fusione tra la cultura e istituzioni dei colonizzatori e cio che restava del retaggio locale. Questo soprattutto a causa della lontananza fisica dall Europa e quindi dalla bassa influenza che deriva da questa condizione. Accanto alle attivit economiche importate dai colonizzatori (miniere, piantagioni) sussistono lingua, forme di pesca e agricoltura di tipo tradizionale.

CAPITOLO 5 Lorganizzazione territoriale degli spazi agricoli 5.1 Lattivit agricola Lagricoltura comprende, in senso lato, le coltivazioni, lallevamento, leconomia forestale e la pesca. Solo un terzo delle terre emerse e coltivato, un altro terzo e ricoperto da foreste e il restante terzo e improduttivo. Le condizioni naturali (clima, rilievo e qualit del terreno) esercitano un influenza tale da poter rendere impossibile o limitare lattivit agricola su determinati territori. Ma la dipendenza dellattivit agricola dai fattori naturali non mai diretta ma sempre mediata da scelte e da interventi umani, per questo parliamo di condizioni ambientali. Lo spazio coltivato procapite si e ridotto negli ultimi decenni, a causa dellaumento della popolazione mondiale, del fenomeno della desertificazione e dellaumento della superfice occupata da costruzioni umane. La produzione agricola e comunque aumentata ma non e solo destinata alla sussistenza: si posso utilizzare terreni per la produzioni di biocarburanti Questo sottrae alimenti alla popolazione mondiale, e alcuni stati del Sud del Mondo hanno tentato di porre rimedio deforestando, riducendo quindi il polmone verde della terra. Lagricoltura una delle attivit economiche piu diffuse, e fonte di sostentamento di circa la meta della popolazione del Sud. Qui una grande contraddizione: nel Sud del Mondo l80% della popolazione e dedito allagricoltura e sussistono problemi di carenza di cibo. In altri paese basta solo il 2-3% di addetti per coprire il fabbisogno alimentare ed esportare leccedenza 5.2 Le condizioni ecologiche ambientali Gli agricoltori moderni sono in grado di combattere le avversita ambientali con lutilizzo della tecnologia. Il progresso tecnologico in agricoltura si manifesta nella crescente capacita di controllo e trasformazione delle condizioni ambientali (fertilizzanti, irrigazione, bonifiche). I fattori fisico-ambientali che condizionano lagricoltura sono tre: 1) Il clima e le acque. Una temperatura mensile media di 10 C condizione essenziale per il periodo vegetativo. Questa condizione nelle zone intertropicali dura tutto lanno, nelle zone subpolari solo per periodi molto brevi. Sono necessari almeno 250mm di pioggia allanno ma distribuita in maniera regolare. Le zone tropicali ad esempio hanno solo la stagione delle piogge e non sono molto adatte allagricoltura. Da considerare anche la latitudine: a causa della temperatura media richiesta, il grano non piu essere coltivato al di sopra del 63 parallelo, il mais e il cotone ancora meno. 2) Il suolo: Il suolo un insieme dei detriti minerali misti a sostanze organiche che riveste la crosta terrestre sulla quasi totalit delle terre emerse e costituisce il substrato indispensabile per le coltivazioni. Il suolo agrario e la sua composizione e fertilit possono essere modificati. - unagricoltura predatoria che sfrutta i suoli senza curarsi di rinnovarli, li impoverisce fino a renderli improduttivi .E il caso delle monocolture delle piantagioni. - in un sistema agricolo razionale, i suoli non soltanto vengono reintegrati ma vengono continuamente migliorati mediante lavorazione profonda, alternanza di colture e correttivi. NellAsia orientale e in Europa i lunghi secoli di agricoltura intensiva hanno favorito la formazione di suoli particolarmente fertili, in grado di fornire le rese per ettaro pi alte del mondo. 3) Il rilievo. Modifica localmente le condizioni climatiche, dal momento che allaumentare dellaltitudine diminuisce la temperatura, aumentano le precipitazioni e si intensifica lazione dei venti. La pendenza del terreno incide significativamente sui tipi e sui metodi di coltura sia per i rischi di erosione del terreno sia per le difficolt di impiegare macchine pesanti. Terrazzamento oggi utilizzabile soltanto per colture altamente redditizie (il vigneto pregiato dellarea alpina).

I diversi tipi di suolo unite ai diversi tipi di clima permettono di individuare i seguenti tipi di regioni agricole naturali: regioni equatoriali : clima caldo-umido ,fitta vegetazione forestale in parte utilizzata per la produzione di legname. In alcune regioni si produce caucciu (Malaysia, Indonesia e Amazzonia), cacao (Ghana e Congo), in altre solo agricoltura di sussistenza. regioni della savana: situata nella zona intertropicale a stagione secca, allinterno dei continenti. Temperature elevate e la stagionalit delle precipitazioni, economia pastorale ( nomade come la Nigeria e Zambia o di tipo sedentario estensivo come l Australia).E specializzata nella monocoltura commerciale di caff, cotone, canna da zucchero e frutta(Brasile e Africa centromeridionale). Regioni desertiche: Lestrema aridit dei suoli consente a mala pena lallevamento nomade come nel Sahara (capre, pecore, cammelli). Le oasi costituiscono le uniche zone irrigue in cui pratiche intensive permettono la coltivazione di mais, cotone, canne da zucchero, palma. Regioni monsoniche: Temperature elevate e forti precipitazioni stagionali, queste regioni dellAsia meridionale possiedono una fitta vegetazione naturale. Il manto vegetativo originario stato sostituito da unagricoltura intensiva di riso e spesso, nelle stagioni secche si possono coltivare barbabietole, miglio o fagioli. Regioni mediterranee: Estati calde, inverni miti con precipitazioni concentrate nei mesi invernali. Sono presenti tutti i tipi di coltura agraria che non necessitano di molta acqua (agrumi, olivo, vite, grano duro). Ad eccezione delle aree di latifondo, la propriet agricola tendenzialmente piccola e coltivata intensamente. Sono regioni a clima mediterraneo: le regioni dellEuropa meridionale e delle coste settentrionali dellAfrica e del Vicino Oriente, quelle del Mar Nero, la California e il Giappone centro-meridionale. Regioni temperate: Comprendono le principali aree agricole del pianeta sia perche corrispondono ai paese piu stabili economicamente sia per il clima temperato: agricoltura commerciale, realizzata intensivamente su appezzamenti di dimensioni medio-piccole in cui predominano allevamento, ortaggi destinati ai mercati urbani e cereali (grandi pianure statunitensi, steppa russa e gran parte dellargentina). Regioni della taiga e del freddo: Grandi boschi e foreste, inverni rigidi e estati brevi consentono soltanto unagricoltura rarefatta condotta con tecniche di sussistenza (serre). Prevale: pastorizia nomade, caccia e pesca. 5.3 Sistemi colturali e societ rurali Storicamente ciascuna delle grandi aree climatiche ha formato un definito sistema colturale basato sullassociazione di due o pi variet vegetali (riso, piante leguminose nella zona monsonica, grano, vite e ulivo nella zona mediterranea), Questo legame e denominato rapporto tra uomo e ambiente. Nel tardo Medioevo nellEuropa laratura profonda, la sostituzione del cavallo con il bue determinarono la rapida crescita della produzione agricola. Ci consent di alimentare una popolazione sempre pi numerosa, fra il XVIII e il XIX secolo le produzioni agricole trovarono pi ampi sbocchi di mercato. A partire dalla prima met del XX secolo il diffondersi di fertilizzanti chimici pesticidi, la selezione scientifica delle piante coltivate e la crescente sostituzione dellenergia umana e animale con quella delle macchine determinarono unulteriore trasformazione dellagricoltura. Attualmente lagricoltura ancora lattivit economica pi diffusa sulla superficie terrestre ma essa occupa meno del 6% della popolazione attiva nei paesi sviluppati ed la principale fonte di sostentamento per pi del 60% della popolazione del Terzo Mondo. Di regola nella sua forma pi moderna presuppone la separazione fisica tra luogo di produzione e luogo di consumo per cui necessita di propri sistemi commerciali e reti di trasporto dei prodotti. Le aree maggiormente produttive non corrispondono necessariamente ai pi alti livelli di produttivit biologica. Due sono le forme di organizzazione economica dellagricoltura:

intensiva: volta ad ottenere la massima produttivita tramite lutilizzo intenso del terreno, di solito situato in aree ad elevata densita di popolazione. Parliamo di agricoltura intensiva moderna se si utilizzano capitali investiti in tecnologie moderne di meccanizzazione (fertilizzazione e irrigazione) e infrastrutture agricole (magazzinaggio, conservazione e distribuzione). Questo tipo di agricoltura si pratica in Europa, Giappone e Israele, territori con poca superfice agraria rispetto alla popolazione. Lagricoltura intensiva e tradizionale se si ottengono alte rese per ettaro con pochi capitali e poca tecnologia. E unagricoltura poli colturale e diffusa in regioni Africane, gran parte dellAsia e America meridionale. Estensiva: nella versione moderna tende a ottenere il massimo di produzione per persona impiegata, utilizza grandi appezzamenti (Canada, Australia e Stati uniti) e elevato livello di meccanizzazione, si applica in genere ai cereali. Nellagricoltura estensiva tradizionale si fa scarso uso di macchinari e investimenti minimi. E lagricoltura meno redditizia, i suoli sono estesi ma a volte adibiti a pascolo o riposo. Scheda 5.1 Agricoltura transgenica e biologica Linnovazione in agricoltura si muove su 2 fronti opposti: Studi genetici: biotecnologie che modificano il patrimonio genetico delle specie per produrre nuove specie immuni dai parassiti o a elevata resa, piu nutrienti o resistenti. Riso e mais transgenici rendono il 40% in piu. Tecnologie usate in Usa, Canada, India, Cina, Brasile e Argentina. Le principali coltivazioni OGM sono soia, mais, cotone e colza ma anche papaia, pomodoro, patata, riso e tabacco. In Europa le piu grandi avversita per questo tipo di colture che non sono viste come naturali, non se ne conoscono gli effetti sulla salute umana e questo porta alla nascita del secondo fronte, ovvero Agricoltura biologica: non utilizza sostanza chimiche e utilizza metodi relativamente tradizionali. Si pratica in Finlandia, Svezia, Germania e Italia. I prodotti hanno un prezzo superiore ma incontrano il favore dei consumatori (anche se spesso nascondono truffe: prodotti normali venduti come biologici). 5.4 Superfici aziendali, proprieta della terra e riforme agrarie In Europa bastano 50 ettari di terreno per essere considerati come grande impresa, in USA 500 ettari, in Argentina ci sono appezzamenti anche di 10.000 ettari. Ma valgono molto piu 3 ettari di vigneto nella Champagne francese che migliaia di ettari coltivati a cereali. Lineguale distribuzione della proprieta fondiaria e tipica del Sud del Mondo. Deriva dal colonialismo ma provoca ancor oggi grossi squilibri sociali (pochi ricchi e molti poveri). A partire dallultimo dopoguerra in molti paesi del mondo si assistito a una trasformazione relativamente profonda del regime di propriet terriera in risposta a molteplici fenomeni: la decolonizzazione, laccresciuta pressione demografica e linstaurarsi di nuovi regimi politici. Si posto il problema di una riforma agraria. Riforma agraria: una trasformazione sistematica delle strutture fondiarie di uno stato o di una regione da realizzarsi tramite la divisione delle terre in piccole e medie propriet, gestite direttamente da contadini, allo scopo di migliorare le tecniche colturali, accrescere la produzione agricola ed eliminare le cause della conflittualit sociale (nel terzo mondo soprattutto). La riforma agraria si realizza attraverso lespropriazione da parte dello stato della grande propriet terriera e la sua ripartizione in fondi di minor dimensione. Questi sono poi assegnati alle famiglie coloniche che poi le coltiveranno in proprio oppure unendosi tra loro in forma cooperativa. Lespropriazione pu avvenire a titolo oneroso, ovvero al vecchio proprietario viene versato un indennizzo calcolato sulla base del valore commerciale dei terreni, oppure attraverso confisca ( senza corrispettivo) come si verificato in Cina, in Unione Sovietica o in alcuni paesi dell Est europeo.

NellEuropa settentrionale dove l emigrazione contadina verso i centri urbani ha portato alla drastica riduzione della superficie coltivata e della popolazione rurale, le riforme hanno riunito le piccole propriet favorendo la formazione della media impresa agricola. La riforma agraria in Italia: avviata nel 1950 dal ministro dellagricoltura Medici. La riforma tenta di risolvere i sintomi patologici dellagricoltura contadina. Gli interventi di riforma interessarono il 28% circa della superficie terrestre privilegiando il sistema latifondista diffuso soprattutto nel sud e nelle isole dove prevaleva una delle pi elevate concentrazioni di popolazione rurale dellEuropa occidentale. Le terre furono espropriate dietro indennizzo versato ai proprietari sotto forma di buoni del tesoro. Il relativo miglioramento delle colture si accompagn ad un risultato economico modesto sia perch la crescita della produzione fu inferiore a quella prevista sia perch la sua incidenza su scala mondiale risult limitata. 5.5 Il commercio dei prodotti agricoli Il consumo alimentare, soprattutto nei paesi sviluppati, ha subito nellultimo secolo profondi cambiamenti. La popolazione dei paesi sviluppati vive di una dieta varia, aumenta quindi la domanda di prodotti nuovi (come alcuni tipi di frutti tropicali) e prodotti di sostituzione, come oli vegetali che hanno sostituito i grassi animali. Nei paesi del Sud del Mondo la componente cerealicola della dieta e aumentata, mentre il consumo di carne e pesce e cresciuto solo nelle aree a economia emergente ( Cina, India, Brasile). I flussi commerciali mondiali sono caratterizzati da derrate agricole destinate ai paesi del Nord (compresi prodotti tropicali come caffe, cacao, frutta, ecc.). Verso i paesi del sud ci sono flussi meno consistenti e riguardano soprattutto cereali, la componente principale della loro dieta. Il commercio di prodotti tropicali ha avuto effetto sugli equilibri dei paesi del sud, Costa dAvorio e Ghana sono grossi esportatori di cacao. Avendo un solo prodotto da esportare sono fortemente influenzati dalla domanda e dai prezzi sui mercati mondiali. Una riduzione della domanda o dei prezzi (operata dai paesi ricchi: a New York la borsa del caffe, a Londra del the) puo causare crisi economica nei paesi trasportatori. In generale i cereali costituiscono la quota principale del commercio mondiale di prodotti agricoli. I maggiori esportatori sono Usa, Canada, Francia, Australia, Thailandia e Argentina. I grandi flussi commerciali di prodotti agricoli sono gestiti da grandi imprese come Carrefour (Francia), Metro (Germania), Wal-Mart (USA) e Tesco (UK) che da sole commercializzano una quota significativa dei prodotti europei e statunitensi. Vi sono tentativi di accordo tra i paesi del Sud e Nord del Mondo, volti soprattutto allabbassamento dei dazi. LEu non vede di buono occhio la diminuzione dei dazi per paura degli effetti che i prodotti provenienti da Sud potrebbero avere sulla produzione interna Eu. Mentre negli anni passati i flussi commerciali erano in prevalenza Nord-Nord e Sud-Nord, ora e in crescita il flusso Sud-Sud, come nel caso del Brasile che si rivolge anche a paesi africani, Asiatici o latino-americani. Una nuova tendenza e chilometri zero, ovvero lacquisto degli alimenti di produzione locale per evitare inquinamento e surriscaldamento del globo (riducendo i trasporti si risparmia inoltre in carburante, emissioni di Co2). In Usa e Europa questa tendenza prende lentamente piede, tramite istituzione di mercati gestiti da imprenditori agricoli locali, il che permette anche un controllo sulla qualita del prodotto. 5.6 Le strutture territoriali dellagricoltura contemporanea Nelle agricolture tradizionali le relazioni verticali sono dominanti (dipende da condizioni naturali) mentre nelle agricolture moderne o capitalistiche sono piu influenti le relazioni orizzontali (investimenti, andamento del mercato). Per risolvere il problema della fame non e auspicabile applicare i criteri di agricoltura moderna al Sud del Mondo (vista la mancanza di capitali e mezzi) ma cercare di incentivare la produzione locale di tipo tradizionale. Le forme principali di organizzazione degli spazi agricoli sono 4, due tipiche del Sud e due del Nord del Mondo.

5.7 Agricoltura di sussistenza Agricoltura di sussistenza: sistemi agricoli naturali ad alta intensit di lavoro manuale, prevalenza di policoltura (piu prodotti nella stessa area), generalmente non prevedono scambi di prodotti. Sotto questa forma la si ritrova attualmente solamente presso remote comunit dellAmazzonia, dellAfrica e della Nuova Guinea dove ristretti gruppi tribali sopravvivono in un isolamento stabile. Il fenomeno della miseria rurale qui diffuso e lagricoltura di sussistenza associata spesso a forme di sottoalimentazione. Tre sono i tipi di agricoltura di sussistenza: 1) lagricoltura di sussistenza intensiva, presente dove le colture predominano sullallevamento e il territorio tuttavia esiguo se rapportato allelevata densit della popolazione. Cina meridionale, Sud-est Asiatico e lungo le coste indiane. In alcune regioni si sta evolvendo verso una forma commerciale, con la vendita di parte del prodotto in mercati locali, anche se la maggior parte e consumata dallagricoltore e dalla sua famiglia. 2) lagricoltura di sussistenza itinerante (del ladang) : la tipica forma di agricoltura tropicale umida, il tipo di insediamento umano seminomade basato su colture agricole realizzate con il metodo del disboscamento .La foresta ,una volta bruciata lascer il posto alle colture; dopo la coltivazione la foresta si riformer per essere dopo alcuni anni nuovamente incendiata e coltivata. Foresta equatoriale e monsonica: lAfrica centrale, lIndonesia, lAmazzonia. Sebbene definita itinerante, questa agricoltura non esclude linsediamento stabile, la popolazione vive concentrata in villaggi di discreta dimensione e adibisce di volta in volta i terreni circostanti a coltivazione. Questa viene fatta ruotare intorno al villaggio trasferendo ogni due o tre anni le colture(soprattutto mais, manioca, miglio, patata) su nuove porzioni di terreno. 3) lagricoltura di sussistenza delle zone semiaride (delle oasi): spazialmente ristretta e quantitativamente poco significativa irrigua dal momento che tende a sfruttare le zone umide allinterno di regioni aride (Sahel, a sud del Sahara), Asia centrale ( Turkmenistan, Kazakhistan)le valli del Nilo, le piccole oasi del deserto del Sahara. Scheda 5.2 La rivoluzione verde Realizzata dalla FAO (organizzazione ONU per alimentazione e agricoltura), la rivoluzione verde consiste in una serie di misure tese a intensificare la produzione agricola nei paesi del Sud del Mondo, attraverso uso di concimi, irrigazione e cereali a elevata resa. Purtroppo i benefici auspicati non si sono verificati. Benche la produzione sia aumentata ci sono stati una serie di effetti collaterali dubbi. I vari interventi hanno favorito un numero ristretto di grandi e medi agricoltori che si trovavano nelle condizioni di adottare le innovazioni tecniche e acquistare macchinari, fertilizzanti e sementi transgeniche, mentre si sono intensificate la denutrizione e la migrazione dai campi verso i centri urbani. La motorizzazione dellirrigazione ha spesso prodotto linaridimento delle falde superficiali, con conseguenze drammatiche per i piccoli contadini. Solo nella pianura indo-gangetica lintroduzione del grano americano ha permesso di attenuare il livello di sottoalimentazione. 5.8 Lagricoltura di piantagione nei paesi del Sud del Mondo Agricoltura speculativa di piantagione: altamente specializzata nella coltivazione di prodotti tipici delle regioni a clima tropicale umido ( America centrale e insulare, sud-est del Brasile, Indonesia). E unagricoltura votata interamente allesportazione, predilige la localizzazione lungo le coste e le vie navigabili interne (modello di sfruttamento coloniale del passato). Prodotti: caff (America latina, costa davorio, brasile), Th (Sri Lanka), cacao (Africa), zucchero di canna, caucci e olio di palma (in Malaysia), cacao (costa davorio), il cotone. E unagricoltura che fornisce un numero limitato di prodotti, localizzata in alcune grandi regioni altamente specializzate. Se lagricoltura di piantagione si era sviluppata gi in epoca coloniale, gli anni successivi al secondo conflitto mondiale hanno alterato profondamente lorganizzazione dello sfruttamento agricolo della regione intertropicale. Inizi in questi anni un intensa attivit di

investimento con la costruzione di ponti, opere irrigue e la rivoluzione verde ( che mirava a intensificare lutilizzo della terra mediante la meccanizzazione, nuovi programmi irrigui, la diffusione dei pesticidi e soprattutto lintroduzione di nuove variet di cereali ibridi a elevata resa e con un alto contenuto proteico da destinare allalimentazione della popolazione locale). Una volta ottenuto il controllo dei terreni la grande impresa straniera poteva modificare i regimi colturali, introdurre gamme di prodotti pi sofisticati provocando cambiamenti radicali lungo la costa occidentale dellIndia, nel Messico, in Colombia e in America centrale. Strategia dimpresa in due diverse forme di intervento: 1) il coinvolgimento della societ contadina indigena nel sistema produttivo (particolari legislazioni nazionali prevengono la grande impresa capitalistica dal diventare proprietaria di terreni); limpresa si limita a controllare indirettamente la produzione dei piccoli proprietari locali, i quali diventano la figura sociale dominante sebbene dipendente dal sistema agroindustriale. Limpresa si trova comunque in una condizione di quasi monopolio e intere regioni si trasformano in senso mono produttivo (tabacco in Thailandia, arachidi in Africa). 2) presuppone lappropriazione fondiaria da parte della grande impresa: la pi diffusa e che meglio risponde alla logica dellagricoltura speculativa di piantagione, lingresso massiccio del capitale esterno, lintroduzione di tecnologia avanzata. Le conseguenze principali sono state: migrazioni su vasta scala: la popolazione si sposta per lavorare nel nuovo settore agricolo. Si passa dal 15 al 50% di immigrati in Costa dAvorio, ad esempio. Lagricoltura speculativa ha quasi annientato lagricoltura tradizionale provocando migrazione interna dalle campagne alle citt con conseguente esplosione demografica. Trattandosi di un sistema votato interamente allesportazione esso necessita di strette connessioni con i mercati di destinazione dei prodotti. Elementi portanti di queste relazioni sono i centri di commercio, rappresentato solitamente dal grande posto specializzato (Dakar in Senegal specializzata nellesportazione di prodotti oleaginosi, Santos in Brasile per il caffe, Singapore per il caucciu).

5.9 Lagricoltura capitalistica dei grandi spazi E unagricoltura specializzata, altamente speculativa e caratterizzata dalla grande distanza che separa i luoghi di produzione dai centri di mercato e di consumo dei prodotti. Al pari dellagricoltura di piantagione il suo funzionamento non puo essere capito se non nel pi ampio contesto internazionale; tuttavia si differenzia dalla precedente per via della localizzazione in regioni a clima temperato scarsamente abitate (le grandi pianure degli USA e del Canada, la Pampa argentina, Australia Nuova Zelanda). Si distingue per il suo carattere estensivo (basso rendimento per unit di superficie), la scarsa quantit di mano dopera impiegata e lalta intensit di capitale investito. Dalle coltivazioni di queste regioni agricole totali provengono enormi quantit di cereali e prodotti dellallevamento. La diffusione delle tecniche di trasporto, i macchinari agricoli, bassi costi di produzione e dei terreni posero i produttori di queste regioni nelle condizioni di competere con successo con quelli delle vecchie regioni agrarie europee. La disponibilit quasi illimitata di spazio un fattore essenziale per il funzionamento di questa agricoltura. Ci consente di adeguare lofferta al variare della domanda: se questultima diminuisce, la superficie coltivata viene rapidamente ridotta per ritornare a estendersi non appena il mercato ritorna ai livelli precedenti. Inoltre e possibile adattarsi rapidamente alle nuove tecniche (dry farming, tecnica che non consente evaporazione dellacqua e che ha consentito negli Usa di conquistare vaste distese aride). Nelle grandi pianure basta un solo agricoltore meccanizzato per 100 ettari di terreno. Anche se la resa e bassa, la vastita dellazienda permettera alto reddito e competitivita. Scheda 5.3 Limpresa agroindustriale La grande impresa agroindustriale rappresenta la specializzazione e razionalizzazione piu' elevata delle attivit collegate alla terra e allevamento e forma un sistema complesso che collega agricoltura allindustria e al settore dei servizi. Il sistema agroindustriale prevede: Stretta integrazione tra agricoltura, industria e commercio alimentare: le imprese controllano tutto il ciclo produttivo fino alla commercializzazione Domino crescente dellindustria su agricoltura: lindustria fornisce i mezzi (macchinari, fertilizzanti e antiparassitari) quindi la maggior parte del valore del prodotto finale proviene dallindustria e non dallagricoltura. Tutte le fasi produttive avvengono allinterno dellazienda stessa, che realizza profitti altissimi. Limpresa agroindustriale rappresenta un insieme di attivit legate direttamente allagricoltura e stimola comunque leconomia (aziende fornitrici di mezzi industriali, settore chimico, ricerca agronomica e zootecnica, sviluppo di Ogm ecc.). 5.10 Lagricoltura commerciale contadina E una forma di agricoltura presente in paesi ricchi e densamente popolati, come Giappone, costa orientale degli USA e paesi dellEuropa. E intensiva, spesso condotta a livello familiare, ha progressivamente sostituito le forme di produzione agricola tradizionali; in gran parte specializzata e legata alla meccanizzazione e alladozione di nuove tecniche colturali; carattere scientifico dello sfruttamento dei terreni, linseparabilit tra economia agricola ed economia urbana,, caratterizzata dal particolare rapporto tra produzione e consumo ( i suoi prodotti sono destinati a mercati urbani, regionali o nazionali, relativamente vicini al luogo di produzione). Caratteristiche dellagricoltura contadina della zona temperata: elevato prezzo dei terreni in prossimit dei centri urbani. essa concorrenziale con le altre attivit, prima fra tutte lindustria. Storicamente i salari pi elevati offerti dall industria e dalle altre attivit urbane hanno attratto quote cospicue di popolazione agricola determinando un diffuso esodo rurale. crescente specializzazione, tale da permettere rese produttive elevate e rispondere alla domanda di mercato; la concentrazione produttiva, lorganizzazione razionale delle colture, un adeguato sistema di trasporti.

CAPITOLO 6 LA PRODUZIONE MINERARIA ED ENERGETICA Introduzione Le materie prime minerarie ed energetiche sono alla base di gran parte delle attivit produttive e il loro possesso considerato da millenni un fattore strategico per la potenza economica di un paese. Il loro sfruttamento su larga scala inizio con la rivoluzione industriale, caratterizzata da un uso massiccio del ferro come materia prima e del carbone come fonte di energia. Lorigine del primo conflitto mondiale dovuta alla spartizione ineguale dei domini coloniali e delle loro risorse che favori Francia e Inghilterra a scapito della Germania. E allo stesso modo loffensiva militare Giapponese del 1941 trova origine nella strategia di estendere il proprio controllo sulle fonti minerarie per la propria industria. Lo Sviluppo industriale fu strettamente associato alla capacit e alle forme di utilizzo dellenergia. Una seconda rivoluzione coincise con la scoperta di nuove fonti di energia, pi facilmente trasportabili, immagazzinabili e convertibili: limpiego del petrolio e del gas naturale in sostituzione del carbone, pi recentemente la parziale introduzione di una risorsa fossile ,luranio, in sostituzione del petrolio e di altre fonti energetiche ha diffuso in molti paesi dellutilizzo dellenergia nucleare. 6.1 Le materie prime minerarie Classificazione materie prime minerarie: minerali metallici (ferro, rame, zinco, piombo, alluminio, oro, argento, tungsteno). minerali non metallici o industriali (potassio, zolfo, sale, fosfati, nitrati, diamanti e gemme) minerali energetici (carbone, gas, petrolio, uranio) I minerali si trovano in giacimenti, ovvero accumuli di minerali utili di dimensioni e forme diverse, di facile sfruttamento, la cui estrazione viene denominata a cielo aperto. Si definisce quindi risorsa mineraria la quantit di minerali scoperti il cui volume stato stimato e il cui sfruttamento economicamente e tecnologicamente possibile (si tratta di quella parte di stock totale di minerali esistenti sulla crosta terrestre che stata individuata e dal cui utilizzo si pu trarre un vantaggio economico). Un materiale entra a far parte delle risorse soltanto quando acquista un utilit economica e sociale. Ad esempio, quando nel 1847 venne introdotta sul mercato la prima modesta quantit di petrolio estratto negli Stati Uniti, questo faceva parte dello stock di materiali presenti sulla crosta terrestre ma non ancora delle risorse. Si definisce riserva solo quella parte delle risorse che sono effettivamente disponibili, per le quali esistono le condizioni tecnologiche, economiche e politiche per il loro immediato sfruttamento. Le riserve costituiscono solo una parte delle risorse. Le risorse non sono infinite per cui in questi ultimi anni si e posta lattenzione sul problema del riciclaggio, ovvero il riutilizzo di materiali. Questo concetto s sposa bene con i minerali metallici, quali piombo, nickel, cobalto, cromo, rame ecc. Le aziende trovano ancora conveniente utilizzare materiali nuovi, sia a causa della difficolta di riutilizzare materiali gia precedentemente trattati, sia a causa dei costi di riciclaggio. Ancora oggi la strategia dominante delle imprese minerarie consiste nella diffusione dellattivit estrattiva nello spazio geografico, in regioni inesplorate e difficilmente raggiungibili. Grazie alla moderna tecnologia e possibile rilevare i materiali ferrosi trami utilizzo dei satelliti, anche nelle profondita marine. La geografia degli spazi minerari e fortemente selettiva, ed esiste una netta separazione tra luoghi di estrazione e luoghi di trasformazione e produzione industriale. Il 40% dei giacimenti di materie prime e in paesi a economia avanzata (Usa, Canada, Europa occidentale, Giappone, Sudafrica e Australia). Il 25% si trova in Russia e Cina, il resto nei paesi del

Sud del Mondo. Oltre alla distribuzione diseguale notiamo profondi squilibri anche nei livelli di consumo: gli Usa consumano un quarto dei minerali mondiali, il Giappone il 10%. La Russia e invece esportatrice. In riguardo alla geografia mineraria possiamo distinguere 4 grandi tipologie regionali: regioni geografiche altamente consumatrici: Europa occidentale e Giappone, scarsamente dotate di materie prime, si approvvigionano rispettivamente in Africa e Australia. Regioni geografiche altamente consumatrici ed esportatrici di determinati materiali: America settentrionale , si rifornisce prevalentemente in America latina. Regioni esportatrici: Russia e Est europeo, lesportazione di materie prime e circa i due terzi di tutte le esportazioni. Riforniscono anche Europa occidentale e Giappone. Esportatori del Sud del Mondo: solo pochi paesi (stagno in Bolivia, rame in Cile, ferro in Brasile e India). Scheda 6.1 Lindustria dei gioielli e la depoliticizzazione del consumo Spesso la strategia promozionale tende a legare a determinati prodotti limmagine di un certo luogo geografico (moda italiana, orologi svizzeri). Il mercato dei gioielli e uno dei pochi in cui si tende a rimuovere i riferimenti geografici, soprattutto per quanto riguarda lorigine della materia prima (oro o diamanti), spesso legata a condizioni disumane, a guerre sanguinose o sfruttamento del lavoro dei bambini. Lunico riferimento che a volte resta e quello del designer o del rivenditore finale (anello comprato a Parigi), mai comunque quello dellimportatore o del luogo di estrazione. 6.2 Il settore minerario In linea di massima per i depositi minerari valgono le stesse regole di mercato tradizionali: sono piu remunerativi quelli vicini alle vie di comunicazione, da cui si estrae con meno sforzo. Il materiale utile estratto e mescolato a ganga, materiale inutile. Per questo si parla di contenuto in percentuale. I depositi ferrosi di Kiruna in Svezia si trovano in luoghi inospitali (oltre il circolo polare artico). E stata lalta concentrazione di minerale metallico a far si che risultasse conveniente estrarre, anche e stata costruita appositamente una ferrovia per il trasporto. Lo sfruttamento dei giacimenti della Lorena francese, anche avendo basso contenuto minerale (30%) sono convenienti perche vicini ai maggiori centri europei. La massa mineraria, il suo tasso di materiale utile, la posizione geologica del giacimento (profondita) e la posizione geografica (rispetto ai mezzi di trasporto) sono le principali condizioni che influenzano la geografia mineraria. La nuova tecnologia ha abbattuto i costi dei trasporti (navi + grandi ad esempio), quindi la tendenza e labbandono dei giacimenti nelle vecchie regioni industriali (Francia, materiale 33% ferroso) e lo sfruttamento di giacimenti piu fruttiferi situati in altri continenti (Liberia, materiale 65% ferroso). Laumento della domanda e la riduzione dei costi di trasporto hanno avuto leffetto di allargare larea di estrazione e accrescere la resa dei giacimenti minerari marginale e piu lontani dalle aree di consumo. Su scala geografica ristretta bisogna comunque considerare limpatto dellattivit mineraria sullorganizzazione economico sociale e sullambiente. La regione mineraria e appunto unarea di esportazione di materiali utilizzati altrove, per cui la sua organizzazione territoriale poggia su un efficiente sistema di trasporti e infrastrutture specializzate per avviare i minerali estratti verso le aree industriali. Primo aspetto da considerare e lo sviluppo delle sistema di trasporti e infrastrutture specializzate (porti e magazzini, macchinari per carico e scarico), la crescita demografica squilibrata dovuta arrivo di manodopera. Quando le risorse finiscono la popolazione puo azzerarsi in poco tempo (Klondyke in Canada per loro, citt di 40.000 sono divenute di poche centinaia in poco tempo). Lattivit mineraria naturalmente produce danni al paesaggio e allambiente, sotto forma di impianti e linee ferroviarie dismesse, aree disboscate e superfici piene di detriti, inquinamento dei corsi dacqua e dellaria, distruzione dellecosistema.

6.3 Le risorse energetiche Distinguiamo in fonti energetiche rinnovabili e non rinnovabili. Fonti energetiche: fonti usate come combustibili, ne fanno parte i combustibili minerali fossili (produzione termoelettrica),carbone, idrocarburi. Fonti di energia naturali (rinnovabili): acque correnti, irradiamento solare, venti, maree Fonti non rinnovabili: usano risorse minerarie e producono scorie e inquinamento Fonti rinnovabili: usano la biomassa e le fonti energetiche naturali senza inquinare. La maggior parte dellenergia proviene da fonti non rinnovabili. Il petrolio, fra tutte le altri fonti energetiche, si caratterizza per superiore flessibilit di fronte alla variazione di domanda dei mercati, minore mano dopera richiesta nella produzione, lentit degli investimenti e pi brevi tempi di redditivit. Il petrolio facilmente trasportabile, le altre fonti sono presentano vincoli di locazioni. Lenergia nucleare molto costosa, sia per il problema sicurezza sia per la limitatezza delle risorse di uranio. Il gas naturale, necessita di complesse infrastrutture di trasporto (metanodotti, gasdotti) che raddoppiano i costi. Le forme di produzione energetica basate su fonti rinnovabili hanno registrato uno sviluppo a livello di popolarit ma non di utilizzo, solo lo 0,5% della produzione globale. Fonti energetiche alternative A secondo del tipo di risorsa utilizzata si dividono in : Energia ottenuta dal calore: solare: radiazione solare accumulata in genere da pannelli geotermica: utilizzo del calore interno alla terra emesso in superficie tramite acqua o vapore a temperatura elevata. Energia ottenuta da movimenti naturali: eolica: utilizzo dei venti. marina: utilizza l alternanza delle maree. Energia contenuta nella biomassa vegetale e animale. La biomassa cio la materia organica che ha la sua origine nella fotosintesi vegetale trasformata in energia mediante due processi: il primo consiste nel recuperare i residui vegetali non utilizzati e il biogas dei liquami animali il secondo nel coltivare le piante destinate alla produzione energetica (canna da zucchero: ricavare alcool per motore o come combustibile). Fino al 1973, anno in cui aumentarono notevolmente il prezzo delle materie prime, le societ industrializzate non avevano alcuna misura che potesse in qualche modo limitare lutilizzo massiccio e indiscriminato dei materiali esistenti. Si imposto il concetto di esauribilit cio la quantit di tempo necessario a consumare una quota notevole di un prodotto, di solito 80%. Questo incentiva politiche di risparmio, riciclaggio e sostituzione di risorse minerarie. In realt la strategia delle imprese minerarie ha continuato a indirizzarsi verso lattivit estrattiva che ha preso forma nella ricerca e nello sfruttamento di risorse localizzate in zone inesplorate e difficilmente raggiungibili. Lo sviluppo tecnologico determina da un lato la capacit di utilizzo di un determinato materiale (fino a pochi anni fa luso del plutonio era impensabile) e la capacit di sfruttamento di un materiale raggiungibile in qualsiasi posizione si trovi. Il carbone che nei primi decenni del secolo prima copriva il 60% del consumo totale, stato sostituito dal petrolio e dal gas naturale e in alcuni casi dallenergia nucleare. La crescita del prezzo del petrolio e la riduzione delle riserve negli ultimi trentanni hanno portato un calo della

percentuale di petrolio utilizzato sul totale delle fonti di energia(quota sostituita per met dallenergia nucleare da met dal gas naturale). La rapida evoluzione dei consumi ha determinato un modello di sviluppo economico a consumo energetico esclusivo caratterizzato da: unespansione industriale basata su settori a elevato consumo energetico (siderurgia e petrolchimica). una rapida diffusione di beni di consumo altamente consumatori di energia (automobili, elettrodomestici) un sistema di trasporti in cui il mezzo privato si sviluppato pi rapidamente di quello pubblico e quello su strada pi intensamente di quello su rotaia. un modello residenziale basato sulla casa unifamiliare e sulla diffusione suburbana delle residenze che ha prodotto crescite esponenziali dei consumi energetici per spostamenti e riscaldamento. Si prevede che i paese sottosviluppati, con una crescita demografica spettacolare, aumenteranno nei prossimi decenni la quota di consumi totali. Nei paese sviluppati si assister a un rallentamento delle crescita dei consumi di energia (grazie a nuove tecnologie nellindustria e nei trasporti e alla diffusione dei trasporti pubblici). 6.4 Gli spazi dellenergia Lenergia idroelettrica caratterizza i paesi e le regioni maggiormente ricche di fonti idriche: Austria, Svezia, Norvegia, dove questo tipo di energia prioritario rispetto ad altre fonti. Gioca un ruolo decisivo soprattutto in regioni scarsamente popolose: il Qubec e lOntario canadesi sono le aree di maggiore produzione mondiale il 70% della produzione energetica del Canada. Lenergia nucleare. Per la sua produzione si utilizzano minerali di uranio e torio, i cui atomi hanno la caratteristica di emettere energia in un processo naturale definito come decadimento radioattivo. Questultimo nei reattori viene accelerato con conseguente emissione di energia in notevole quantit. Il ciclo completo prevede varie operazioni di trasporto i cui costi sono proporzionati al livello di pericolosit dei materiali e alla distanza da coprire. Nella fase di costruzione ogni impianto esige unelevata quota di addetti che scende bruscamente quando la centrale diventa operativa. La scelta dei siti: aree isolate, poco popolose, non sismiche e prossime ad un corso dacqua o sul mare per assicurare il raffreddamento. Viene espulsa acqua calda, oltre i 30 gradi e questo produce alterazioni degli ecosistemi. Ancora piu gravi i problemi relativi allo smaltimento delle scorie e al rischio di fughe radioattive. I tempi eccezionalmente lunghi per lentrata in funzione delle centrali (negli USA trascorrono solitamente una decina di anni) unitamente ai rischi ambientali e ai costi di costruzione hanno indotto molti paesi alla cancellazione di molti progetti e alla chiusura delle centrali gi funzionanti. Nel caso di energia da carbone, nonostante i vantaggi dati dal costo relativamente basso del materiale, diversi fattori hanno impedito di fare del carbone la fonte energetica principale: i tempi lunghi di attivazione dei giacimenti ed adeguamento dei sistemi di trasporto. lelevato inquinamento ambientale il minor contenuto calorico rispetto ad altre fonti. Per questi motivi lutilizzo del carbone ad uso energetico dipende dalla localizzazione dei giacimenti, ed e per lo piu una forma duso regionale. E possibile individuare alcune regioni tipiche: Cina il principale produttore al mondo (47%). India terzo posto, Australia quarto Stati Uniti, secondo posto, 17% mondiale e detengono l80% delle riserve del mondo occidentale. Il carbone copre a mala pena il 20% della produzione energetica. in Russia, la Siberia centrale fornisce oltre il 40% del carbone prodotto in tutte le repubbliche dellex Unione Sovietica.

vecchie aree carbonifere dellEuropa occidentale dove il parziale esaurimento dei depositi di superficie e lalto costo di estrazione nei piccoli giacimenti di profondit limita limpiego del carbone come fonte energetica sostitutiva. il Giappone importa in misura crescente: ci spiega laumento della produzione sudcoreana e australiana. Lenergia da idrocarburi: le aree di estrazione degli idrocarburi si sono notevolmente diffuse sulla superficie del globo in seguito al perfezionamento delle tecniche di prospezione e perforazione che hanno consentito lo sfruttamento dei giacimenti sempre pi profondi. Presenti in rocce porose (sabbie, rocce salifere) o in scisti (dette rocce magazzino), il petrolio e il gas naturale sono spesso estratti congiuntamente. Mentre il primo gi facilmente immagazzinabile gi sul luogo di estrazione e trasportabile con una pluralit di mezzi, il gas naturale presenta notevoli difficolt di immagazzinamento ed trasportabile soprattutto mediante tubazioni. La rete di gasdotti (la met localizzata negli Stati Uniti e Canada e un quarto fra Russia e Ucraina) sovente utilizzato in aree relativamente vicine ai luoghi di estrazione. Per questi motivi, la quota di gas sul totale dei consumi mondiali di energia primaria non molto elevata (il 21%).In Europa occidentale la scoperta di giacimenti consistenti(nei Paesi Bassi e nei Pirenei francesi) hanno fatto s che il consumo di gas naturale sia molto cresciuto negli ultimi trentanni diventando parzialmente sostituito dal petrolio. Diversa la geografia del petrolio. Nonostante la crescita sensibile dei prezzi energetici, il consumo mondiale non diminuito .La grande distanza che separa i centri di estrazione dalle principali aree di consumo alimenta flussi di scambio internazionali di ampio raggio. Alcune grandi regioni geografiche: il Medio Oriente fornisce quasi il 30% del petrolio e possiede 2/3 delle riserve (di cui il 23% lArabia Esaudita ). Soprattutto dopo il 1973, lafflusso finanziario seguito allesportazione petrolifera ha prodotto una trasformazione delleconomia di questi paesi: la crescente immigrazione e lesplosione dellurbanizzazione ha qui portato alla crescita di un settore terziario abnorme. I paesi costieri del Mediterraneo costituiscono unimportante area di importazione e trasformazione del greggio di provenienza mediorientale. La capacit di raffinazione dei paesi sul mediterraneo, in particolar modo dellItalia, superiore rispetto alle esigenze dei mercati nazionali, alimentando il flusso di esportazione del prodotto raffinato verso le aree industrializzate dellEuropa centrale. Gli Stati Uniti, con il 4% delle riserve denunciando una costante riduzione del loro ruolo di produttori. la Russia il secondo produttore mondiale. I giacimenti in Siberia occidentale costituiscono la maggior riserva del pianeta, mentre i giacimenti della Yakutia rimangono da sfruttare interamente. In Europa: lestrazione rilevante soltanto nel Mar del Nord. Sono giacimenti sfruttati da Gran Bretagna e Norvegia e pongono entrambi questi paesi nella posizione di esportatori. Si stima lesaurimento di questi giacimenti nellarco di ventanni. le restanti regioni del pianeta producono proporzionalmente alle proprie risorse. Il continente africano (Libia, Nigeria, Algeria) fornisce complessivamente il 10% della produzione mondiale, lAmerica Latina l8,8%, lArea del Pacifico 4%,la Cina il 4,4%
Scheda 6.2 Le enclave dellindustria estrattiva in Africa Il settore trainante delleconomia dellAngola e di molti paesi dellAfrica subsahariana e costituito dallindustria estrattiva e dal settore del petrolio. In questa industria trova posto solo poca manodopera specializzata, rappresentata spesso da tecnici provenienti da altri paesi. Spesso la realta locale e dilaniata da contrasti e guerriglie interne. I locali che vengono utilizzati come manovalanza a basso costo sono rinchiusi in villaggi isolati, sorvegliati militarmente e separati dal resto del territorio. In Angola il villaggio principale si chiama Malondo ed e circondato da campi minati, per cui i lavoratori sono trasportati con aerei e elicotteri. I luoghi di estrazione sono egualmente recintati e sorvegliati. Non a caso lUNICEF definisce questi paesi poverissimi come il peggior paese dove essere bambino.

6.5 Prezzi, mercati, manovre speculative Ogni decisione di investimento nel settore minerario deve prevedere una relativa incertezza in quanto la realizzazione dei profitti inevitabilmente procrastinata nel tempo e dipende dalla domanda e dalle fluttuazioni del prezzo future. Negli anni precedenti e durante lultimo conflitto mondiale i prezzi sui mercati internazionali erano relativamente elevati. Il dopoguerra ha invece inaugurato una fase, protrattasi fino agli anni 60,in cui i prezzi reali delle materie prime ed energetiche rimasero costantemente bassi. Cosa che port a unintensificazione dei flussi di minerali verso i paesi industrializzati e a un utilizzo estensivo delle risorse stesse. Le variazioni di prezzo incidono ovviamente sulla scelta di porre a sfruttamento un deposito anzich un altro. Attualmente la struttura del commercio e dei mercati mondiali significativamente differente per i diversi minerali. Per i materiali ferrosi, la concorrenza tra i paesi esportatori, data la diffusione del materiale e le abbondanti riserve, relativamente poco aspra. Alcuni prodotti minerali (uranio, nichel, tungsteno) possiedono tuttavia una rilevante importanza strategica, sia perch essenziali i alcune produzioni(industria militare) sia in quanto prodotti da un numero esiguo di paesi, spesso nel Sud del Mondo. Relativamente alle materie prime energetiche fino agli anni 70 poche grandi imprese, in cui prevaleva il capitale anglosassone, ne dominavano le prospezione, lestrazione e la commercializzazione. Gli elevati costi per la valorizzazione dei giacimenti i tempi relativamente lunghi per il ritorno dei capitali investiti richiedevano unanticipazione finanziaria possibile solo alle imprese maggiori. Il settore petrolifero quello che meglio illustra la formazione di un sistema di quasi monopolio, dominato nel dopoguerra da 7 grandi imprese altamente integrate verticalmente, chiamate le sette sorelle: Texaco, Exxon, Standard Oil Of California (meglio nota come Chevron), Gulf, Mobil, Royal Duch-Shell e British Petroleum. Il ciclo produttivo di queste imprese prevede lestrazione, la trasformazione e la distribuzione dei prodotti petroliferi. Fra gli anni 60 e 70 la situazione mut sensibilmente. Molte imprese di stato sia dei paesi produttori sia di quelli consumatori (lAgip in Italia) iniziarono a negoziare accordi di prospezione e di fornitura. Cominci ad affermarsi il principio della sovranit degli stati e le priorit del capitale nazionale sulle proprie riserve e, nel campo petrolifero, prese vigore lazione dellOpec, l organizzazione dei paesi esportatori. LOPEC raggruppa oggi 14 dei maggiori produttori mondiali di greggio cio IRAN, IRAQ, ARABIA ESAUDITA, KUWAIT, QATAR, EMIRATI ARABI UNITI, ALGERIA, ANGOLA, LIBIA, NIGERIA, INDONESIA, ECUADOR, GABON E VENEZUELA. L industria petrolifera, da settore dominato dal capitale privato, si trasform in un settore misto in cui il capitale pubblico controlla una quota dellindustria estrattiva e di prima trasformazione. LOpec, a partire dal 1973, riusc ad imporre una politica di prezzi alti. Per tutti gli anni 70 e la prima met del decennio successivo gli elevati prezzi del petrolio costrinsero i paesi importatori e gli stessi Stati Uniti a ridurre i consumi e a sfruttare fonti di approvvigionamento ad alto costo sia petrolifere (come i giacimenti del mar del nord) sia di altra natura (nucleare, solare). La strategia delle imprese minerarie e petrolifere si modificata consentendo il controllo della tecnologia per la prospezione e lestrazione, esse hanno continuato a giocare un ruolo decisivo come prestatori di servizi, consulenza tecnica e macchinari.

Scheda 6.3 La geopolitica cinese del petrolio in Africa A prima vista il continente Africa non sembra cosi interessante dal punto di vista petrolifero, detiene solo una piccola parte della produzione mondiale. Ma visto il bassissimo consumo interno (solo 3,6%) e la scoperta di nuovi giacimenti, lAfrica rappresenta un ottimo fornitore mondiale. La forte industrializzazione Cinese ha fatto crescere in maniera esponenziale il fabbisogno energetico, la Cina diviene quindi un forte importatore. Il 25% delle importazioni cinesi di petrolio proviene dallAngola, nel frattempo grandi imprese cinesi hanno acquistato i diritti di prospezione e sfruttamento di parecchi stati africani. Linteresse cinese al continente africano non e limitato alle fonti di approvvigionamento ma anche allallargamento dei mercati di esportazione e allinvestimento in infrastrutture. La Cina fornisce consistenti aiuti ai governi Africani, a tassi di interesse vantaggiosi, senza vincolarli a norme esterne (rispetto dei diritti umani o politiche neoliberiste). Questa corsa cinese allaccaparramento delle risorse Africane influisce sulla geopolitica Statunitense, che sfrutta linstabilita politica per controllare petrolio e materie prime. Inoltre la dipendenza delleconomia dal petrolio e dalle esportazioni dello stesso causa facili crisi in relazione allabbassamento dei prezzi, come gia successo nel 2008 in Nigeria e Angola. CAPITOLO 7 Le filiere industriali 7.1 Le relazioni industriali La nascita della manifattura non fu un evento improvviso ma venne preceduta da altre trasformazioni economiche, sociali e tecnologiche che la resero possibile. Lattivit industriale non si estende uniformemente sulla superficie del pianeta, ma presenta uno sviluppo squilibrato e discontinuo. Per via degli stretti legami che instaura con gli altri comparti delleconomia (lagricoltura, il commercio, i trasporti ecc.), lattivit manifatturiera estremamente importante in tutti i sistemi economici moderni. Lindustria sinonimo di settore secondario, cio linsieme delle attivit manifatturiere di trasformazione di prodotti primari (dellagricoltura, minerari, forestali..) in beni destinati al consumo. Lattivit manifatturiera comprende tre fasi distinte: Lapprovvigionamento di una o di svariate materie prime o semilavorati, che vengono riuniti in un determinato luogo dove si procede alla loro trasformazione La produzione -> la trasformazione delle materie prime e dei componenti nel prodotto finito. Pi lunga e complessa la trasformazione subita dal materiale originario, pi ampia sar la differenza fra il valore iniziale del materiale e il valore del prodotto finito. Questa differenza viene indicata come valore aggiunto (il valore che il prodotto acquisisce nel corso del processo produttivo; include costi sostenuti dallimpresa: salari, quello dei macchinari acquistati, tasse ecc.) Queste voci hanno un peso differente a seconda che si tratti di : industrie o settori produttivi a prevalente intensit di lavoro, ovvero basate sul lavoro della mano dopera (industria tessile, dellabbigliamento) per cui il costo del lavoro copre una quota elevata del valore aggiunto, industrie a prevalente intensit di capitale-> basate sullutilizzo di macchinari costosi (la trasformazione primaria dei metalli e degli idrocarburi) La distribuzione del bene prodotto sul mercato dei consumatori finali se limpresa produce un prodotto finito (unautomobile) oppure sul mercato delle imprese stesse (un semiprodotto).

Lindustria opera nel sistema economico non isolatamente, bens instaura un indispensabile fascio di reazioni funzionali che si fanno pi complesse man mano che procede lo sviluppo industriale. Si distinguono tre tipi di rapporti tecnico funzionali: verticali -> quando nella trasformazione della materia prima in prodotto finito una serie di processi produttivi sono legati luno allaltro in successione. Nellindustria siderurgica una prima fase di lavorazione del ferro seguita dalla sua fusione, quindi dalla sua trasformazione in acciaio e da successive svariate fasi per la produzione di altri prodotti (tubi). Quando le successive fasi sono realizzate da differenti imprese o impianti si parler di disintegrazione verticale di un settore industriale; si parler invece di integrazione verticale quando lintero ciclo produttivo si realizza allinterno di un unico impianto o fra impianti appartenenti a una stessa impresa. laterali -> quando le imprese producono certi componenti o servizi destinati a convergere verso ununica impresa di assemblaggio ( rapporti tra le imprese automobilistiche e imprese fornitrici di parti e componenti) di servizio -> quando le imprese utilizzano un processo o servizio comune fornito in una determinata area Le relazioni funzionali, fattori essenziali di localizzazione e di organizzazione del territorio, sono pi complesse e numerose al crescere della dimensione e del livello tecnologico dellimpresa. Il processo produttivo comprende una pluralit di imprese e di settori fra loro complementari. In un dato territorio si realizza la rete, pi o meno fitta, di interscambi necessari sia per il reperimento dei diversi fattori di produzione sia per la distribuzione e la vendita dei prodotti. Le diverse fasi non si svolgono necessariamente nella stessa localit: la localizzazione dei giacimenti di materiali spesso separata dagli impianti destinati alla loro lavorazione, cos come questi ultimi non operano necessariamente presso il mercato verso il quale sar poi distribuito il prodotto. Una razionale catena di relazioni rende maggiormente efficiente la produzione: consente la riduzione dei costi e il miglioramento delle condizioni di funzionamento. Linsieme di questa complessa rete di relazioni che interessa varie imprese allinterno di uno o piu settori economici si definisce FILIERA, ovvero una catena produttiva che genera valore. Una "filiera industriale" linsieme delle fasi del processo di produzione che va dalle materie prime fino ad arrivare alla soddisfazione del bisogno del cliente finale sia questo un bene materiale o un servizio. La filiera perci composta da una serie di imprese che si caratterizzano come clienti o fornitori in base alla loro posizione a monte o a valle rispetto alle altre imprese. 7.2 Lattivit industriale nello spazio geografico Al contrario dello spazio agricolo, dove le colture si distribuiscono in modo relativamente continuo sul territorio, lo spazio industriale uno spazio discontinuo, uno spazio di relazioni tra molteplici elementi variamente localizzati. I primi addensamenti industriali, che si formano nel XVIII secolo, consistevano soprattutto in manifatture tessili e impianti per la lavorazione dei metalli. La localizzazione di quei primi distretti industriali era orientata verso i giacimenti minerari e le fonti di energia. Il carbone fossile rappresent la principale fonte di energia, per cui favor la concentrazione delle manifatture ne pressi dei centri di estrazione. La formazione dei primi distretti industriali fu quindi di un rapporto diretto con le risorse naturali locali. Il problema era quello di ridurre il costo del trasporto. Ben presto i primi distretti industriali attirarono consistenti flussi migratori provenienti dalle campagne, favorendo la concentrazione della popolazione, in gran parte scarsamente qualificata. Presenza di materie prime ed energetiche, bacini di forza lavoro e mercati sui quali commercializzare i prodotti, costituivano le tre condizioni generali di localizzazione delle imprese nei primi due secoli di sviluppi industriale. Quella prima fase di industrializzazione favor laffermazione delle prime potenze industriali : Gran Bretagna, Francia, Germani, Stati Uniti. Con lultimo secolo, e soprattutto a partire dal secondo dopoguerra, lo sviluppo industriale

si diffuse in altre regioni e paesi. Il processo di localizzazione industriale opera con un certo grado di inerzia, nel senso che le aree nelle quali si erano concentrati i primi fenomeni industriali hanno sovente continuato ad attrarre successivi investimenti. Possiamo distinguere due tipi di economie (vantaggi): interne o esterne allimpresa. Allinterno della singola impresa, la riduzione dei costi di produzione avviene aumentando la dimensione degli impianti (standardizzazione e produzione di massa). La produzione di uno o pochi prodotti da parte di unimpresa industriale consente un notevole risparmio in termini di costo (investimento in attrezzature e macchinari specializzati e una divisione del lavoro fra i diversi reparti e fra gruppi di lavoratori). I vantaggi derivanti, o economie interne: crescente specializzazione, interdipendenza fra i reparti, concentrazione di capitali e di popolazione verso le aree in via di industrializzazione, formazione nei pressi delle imprese di un ampio mercato del lavoro. Allesterno dellimpresa, lintensificarsi delle relazioni tra pi imprese localizzate in una stessa area produce vantaggi collettivi, o economie di agglomerazione: entrando a far parte di unagglomerazione industriale la singola impresa usufruisce di condizioni favorevoli che non potrebbe trovare se operasse isolatamente. Agglomerandosi, le imprese possono realizzare risparmi di costo, o economie esterne, riconducibili alle seguenti tipologie: Linstaurarsi di relazioni di scambio fra imprese in uno stesso ciclo produttivo consente di realizzare una divisione del lavoro fra le diverse unit produttive (si creano rapporti di fornitura di semilavorati e parti di prodotto). Definito come decentramento produttivo, quando viene praticato sistematicamente su larga scala questo processo porta alla disintegrazione verticale del ciclo produttivo, il quale viene cos suddiviso tra i produttori autonomi. La possibilit di utilizzare, da parte di pi imprese, un unico sistema di infrastrutture e di servizi (reti stradali, ferroviarie ecc.) La particolare atmosfera industriale presente in una determinata area (la rivalit fra le imprese stesse stimola il processo innovativo). La reputazione acquisita dai prodotti provenienti da una determinata localit stimola fra i consumatori la domanda (vini italiani). Quando lagglomerazione industriale si sviluppa entro unarea urbana di medie o grandi dimensioni, le imprese insediate ricevono a loro volta alcuni vantaggi aggiuntivi, o economie di urbanizzazione: un mercato del lavoro differenziato per et, sesso, specializzazioni un pi vasto mercato di sbocco per i prodotti una dotazione di infrastrutture e servizi collettivi di livello superiore unampia gamma di servizi per la produzione; ricerca e consulenza tecnico scientifica Sullo spazio terrestre, le pi estese, pi grandi, pi significative regioni industriali sono concentrate in un numero ristretto di paesi e, allinterno di questi, in aree piuttosto limitate che corrispondono spesso ai vecchi bacini carboniferi (quello della Ruhr, della Pennsylvania) e alle grandi aree metropolitane e portuali (Parigi, Londra, New York). Scheda 7.1 Il fordismo Lorganizzazione produttiva dominante il XX secolo tradizionalmente definita come fordtaylorista: il termine fordismo fa riferimento alle modalit organizzative introdotte per la prima volta da Henry Ford nei suoi impianto automobilistici presso Detroit; esse si fondavano sulla grande dimensione degli impianti, lintegrazione verticale del ciclo produttivo, elevati livelli di occupazione e di produzione di beni standardizzati. Con il termine taylorismo si intende lorganizzazione del lavoro e dei cicli di produzione che consentiva a quel tipo di impresa di espandersi e di diventare il soggetto dominante

delleconomia; sono i principi introdotti da Frederick Taylor, un sociologo industriale americano, che prevedevano la scomposizione in segmenti separati del processo produttivo allinterno dellimpresa e la parcellizzazione delle mansioni fra gruppi di lavoratori. Le grandi imprese iniziarono a concentrare in misura crescente le proprie funzioni nei pressi delle grandi agglomerazioni e a instaurare rapporti con gli altri produttori. Lespansione delle grandi imprese automobilistiche americane (General Motors, Ford, Chrysler) si accompagn alla drastica riduzione del numero degli altri produttori di automobili e allaffermazione della pi grande metropoli industriale del mondo: Detroit. Limpresa era spinta a internalizzare funzioni crescenti al proprio interno allo scopo di realizzare sia economie di scala (la produzione di massa e standardizzata che riduce i costi di produzione), sia economia di variet (imprese impegnate su pi prodotti; i costi diminuiscono). Allo stesso modo anche la Fiat nel torinese produsse effetti analoghi: la polarizzazione delle strutture produttive allinterno di unarea ristretta e la concentrazione della produzione in pochi grandi impianti verticalmente integrati. Questo modello di organizzazione aveva alcuni svantaggi: produzione di massa poco differenziata, modifiche nella catena produttiva lente e difficili, gestione della grande impresa verticalmente integrata difficile e inefficiente. Questo porto negli anni 70 alla paralisi del sistema, in particolare dopo la comparsa delle innovazioni elettroniche, nelle telecomunicazioni, nellinformatica che mutarono completamente lo scenario industriale del fordismo, aprendo la strada verso la formazione di filiere globali assai piu complesse.

7.3 La dispersione dellindustria nello spazio geografico: decentramento e processi diffusivi Esistono profonde differenze fra le diverse forme di sviluppo industriale del mondo contemporaneo. Lindustria un settore notevolmente dinamico, che si trasforma continuamente al suo interno e al tempo stesso si diffonde nello spazio. Ma i processi di concentrazione delle strutture industriali non si riproducono allinfinito. La continua addizione di unit produttive in uno spazio ristretto pu tradursi infatti in una serie di costi che annullano i vantaggi iniziali ( traffico, inquinamento, perdita di efficienza dei servizi, la competizione fra imprese fa crescere il prezzo del suolo). Questo pu far s che i vantaggi derivati dalla concentrazione si traducano in diseconomie che danno poi origine a processi di deglomerazione (certe imprese sono spinte a ricercare altre localizzazione esterne ai centri urbani). Questi processi possono assumere forme diverse: rilocalizzazione (o decentramento territoriale): le imprese, di fronte allaumento dei costi nelle aree urbane, spostano la sede della propria attivit produttiva nelle aree suburbane oppure in regioni pi lontane (verso centri di modesta dimensione o aree periferiche non ancora urbanizzate; in alcuni paesi sottosviluppati a basso costo del lavoro). Se il decentramento avviene nelle aree periferiche delle grandi agglomerazioni si parla di suburbanizzazione, un fenomeno tipico di tutte le economie industriali; la ricerca di costi di insediamento meno elevati, e nel contempo la conservazione dei vantaggi derivanti dalla prossimit al vecchio centro urbano, dove rimangono localizzate altre funzioni, meno consumatrici di spazio, ma indispensabili (istituti finanziari, centri di ricerca). Parliamo di rilocalizzazione di ampio raggio se lunita produttiva si sposta lontano dallarea di agglomerazione originaria o delocalizzazione se scompaiono dagli spazi originarie e si spostano ad esempio nel Sud del Mondo. decentramento produttivo: si ha quando le imprese non trovano pi governabile o conveniente la grande dimensione degli impianti: pu verificarsi ad esempio quando un rapido progresso tecnologico rende obsolete le strutture produttive dellimpresa. Il ciclo produttivo viene cos scomposto in segmenti, assegnati ad altre imprese di pi modesta dimensione, non necessariamente presenti nella stessa area geografica, che poi inviano parti e componenti allimpresa principale, la quale provvede allassemblaggio. Il decentramento produttivo porta

alla formazione di imprese di piccola e media dimensione, che forniscono una maggiore flessibilit rispetto alla grande impresa. Formazione di sistemi industriali periferici: si sviluppano in parte come conseguenza di processi di decentramento, ma anche seguendo logiche proprie, dettate dalle condizioni della societ, delleconomia e del organizzazione territoriale periferica (regioni dellItalia centrale e nord-orientale come esempi di crescita industriale autonoma: si sono formati i distretti industriali, ovvero agglomerati di piccole e medie imprese che rispondono a domande di mercato specifiche e segmentate.) Scheda 7.2 Le zone economiche speciali in Asia e America Latina La massiccia crescita economica del Sud-Est Asiatico non e avvenuta in maniera omogenea ma solo in un ristretto numero di aree economiche speciali. Sono aree in cui, grazie a politiche pubbliche, le imprese hanno a disposizione infrastrutture, regime fiscale agevolato, consulenza e marketing territoriale. Questi spazi vengono chiamati triangoli e in genere sono al confine con paesi differenti, il che permette di operare in spazi ristretti ma in paesi differenti, magari caratterizzati da un diverso costo del lavoro In Cina le industrie si concentrano sulla costa, dotate di adeguate infrastrutture ed economia di agglomerazione. Questo modello e stato imitato anche dalle maquiladoras messicane, aree speciali dove le imprese (in genere statunitensi) possono rilocare parti del processo produttivo in un regime di duty free, sfruttando il basso costo della manodopera messicana ed essendo comunque vicini agli Usa. 7.4 Le dimensioni delle imprese e le strutture reticolari Limpresa volta al perseguimento della riduzione dei costi e alla generazione del profitto coordina attivit e funzioni che acquisisce allesterno (manodopera, materiali, servizi e semilavorati) e che, al termine del ciclo di produzione, riconsegna al mercato sotto forma di prodotti. Grandi e piccole imprese hanno diverse le capacit di organizzare il proprio ciclo di produzione. La grande impresa potendo acquisire consistenti vantaggi sui mercati, nellaccesso allinformazione e nella capacit di elaborare le proprie decisioni (decide un gruppo di individui), in grado di instaurare rapporti di dominanza con altri soggetti e imprese Unimpresa di piccole dimensioni possiede modeste potenzialit tecnologiche e finanziarie e ha una pi limitata capacit di azione strategica nei confronti del mercato e di altri soggetti; le decisioni vengono assunte da un unico soggetto, il proprietario imprenditore Entrambi questi gruppi di imprese sono sempre presenti nel mondo industriale contemporaneo. Secondo la classificazione adottata dallOCSE (LOrganizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) si individuano: Imprese grandi, con oltre 500 addetti Imprese medie, fra i 50 e i 500 addetti Imprese piccole, con meno di 50 occupati Il sistema industriale ha teso a essere sempre pi dominato dallimpresa di grandi dimensioni, la quale ha finito spesso per assumere unorganizzazione nazionale o multinazionale. Questo tipo di impresa, con rilevanti capacit manageriali e competitive, un fenomeno abbastanza recente. Comparsa sul finire dellOttocento, con la Prima guerra mondiale si era gi imposta in tutti i paesi industrializzati. Volte al controllo di crescenti segmenti delleconomia, queste imprese hanno teso a concentrare al loro interno, cio internalizzare, il maggior numero possibile di funzioni, allo scopo di accrescere la loro capacit di coordinamento e controllo sui mercati, risorse, tecnologie ecc. La grande impresa assume tipicamente una struttura reticolare, coordinando le attivit di piu stabilimenti industriali distribuiti su scala regionale nazionale o sovranazionale, realizzando una divisione funzionale del lavoro tra le varie sedi. Spesso avviene una divisione spaziale del lavoro, ove funzioni diverse sono demandate a regioni e paesi differenti:

Le funzioni di decisione, pianificazione strategica, ricerca e sviluppo sono concentrate in un numero ristretto di grandi centri metropolitani dei paesi industriali avanzati (la sede centrale) Altre funzioni produttive che richiedono lavoro qualificato e la presenza di infrastrutture specifiche (trasporti, energia) sono localizzate in aree gi dotate di una base industriale consolidata; centri di media ma anche di grande dimensione ( impianto semiperiferico) Le produzioni standardizzate e a basso contenuto tecnologico che necessitano di mano dopera abbondante ma di qualificazione inferiore ( impianto periferico ) 7.5 Le imprese industriali multinazionali E difficile dare una corretta definizione di impresa multinazionale. Da un punto di vista geografico si tratta di unorganizzazione economica che ha il potere di controllare e coordinare operazioni in piu di un paese. La sua peculiarita e data da tre caratteristiche: Il coordinamento e il controllo di varie fasi della catena di produzione localizzate in differenti paesi La capacita di trarre vantaggio dalle differenze geografiche nella distribuzione dei fattori di produzione (manodopera in Cina ad esempio) e nelle politiche nazionali (tasse, dazi, ecc.) La potenziale flessibilita, ovvero la capacita di mutare o intercambiare forniture e operazioni tra varie localita geografiche Il fenomeno multinazionale e antico, gia nel colonialismo venivano reperite le materie prime per le imprese del Nord del Mondo. A partire dagli anni sessanta il fenomeno prende piede, con linvestimento da parte di Ford, General Motors e General Electric nel mercato europeo. La nascita del Fmi e del GATT favorirono la penetrazione delle multinazionali statunitensi in Europa. In secondo luogo lorganizzazione di tipo fordista ha fatto si che fosse richiesta manodopera non qualificata, il contemporaneo aumento della tecnologia nei trasporti e comunicazioni rendevano insignificante la distanza fisica. Tutto questo ha reso possibile il decentramento industriale verso i paesi del Sud del Mondo. Il periodo doro della grande impresa va dalla fine degli anni 40 fino alla crisi petrolifera del 73. Con gli anni 80, in conseguenza delle rapide trasformazioni tecnologiche e della concorrenza internazionale, ce stata una profonda mutazione. Gli investimenti sempre piu elevati nel settore ricerca e sviluppo, la crescente integrazione tra tecnologie differenti (informatica e microelettronica), il progressivo accorciamento della vita media dei prodotti hanno posto le imprese dinanzi a nuove esigenze e alla necessita di ridefinire le proprie strategie relativa allampliamento e differenziazione dei settori di attivit, alla penetrazione in nuovi mercati e ricerca di alleanze a partnership. Assistiamo quindi alla nascita dellimpresa multinazionale globale, sempre piu geograficamente differenziata e incentrata sulla ricerca di alleanze e stipulazione di accordi di cooperazione con altri soggetti in svariate parti del pianeta. Le filiali straniere non si limitano piu alloperativita nello stesso settore ma in produzioni ampie e diversificate, adattate alle esigenze locali, per la conquista di nuovi mercati stranieri. Da un punto di vista geografico notiamo che le sedi centrali tendono ad essere sempre concentrate nelle regioni del Nord del Mondo. Le maggiori imprese sono localizzate nellAmerica settentrionale, Europa e Giappone.
Scheda 7.3 Gli spazi dellalta tecnologia Linnovazione tecnologica rappresenta il cuore delle trasformazioni dello spazio economico, cosi come la capacita di generare innovazione il fulcro delle strategie di molte imprese. Per innovazione si intende limmissione di rilevanti novita nella tecnologia esistente. Le innovazioni posso riguardare beni o servizi, nuovi modelli di organizzazione o produzione. Le innovazioni piu importanti sono definite radicali (la macchina a vapore, la rivoluzione informatica). Dal punto di vista geografico e rilevante la presenza di universita, centri di ricerca, vicinanza ad imprese innovative nello stesso settore o assunzione di lavoratori specializzati che portano con se un nuovo Know how. Non a caso la Silicon Valley raccoglieva le imprese innovative e laboratori di ricerca. Oggi questi fenomeni si possono osservare in diverse parti del pianeta: nuova silicon valley a Bangalore, India o Cyber Corridor nelle Filippine.

7.8 La globalizzazione delleconomia e larticolazione dello spazio mondiale Lespressione Global commodity chain si riferisce alle complesse ramificazioni in cui una moltitudine di attivit prendono parte al processo di circolazione del capitale, come ad esempio le attivit di servizio (assistenza post-vendita), quelle dei fornitori e sub-fornitori, attivit di logistica e distribuzione, servizi finanziari, manutenzione impianti, fornitori di tecnologie e cosi via. Le suddette relazioni industriali posso assumere una ramificazione planetaria. Il coordinamento di una filiera produttiva cosi ramificata e spesso organizzato da imprese multinazionali di grande dimensione che strutturano la filiera e il processo industriale (producer-driven chain) soprattutto nel caso di beni complessi, come lindustria automobilistica. La sede centrale della multinazionale presenta cosi unelevata capacita di controllo sulle relazioni industriali, inclusi fornitori, subfornitori e distributori finali. In altri casi il coordinamento e guidato da imprese che si limitano ad acquistare merci (buyerdriven chain), come nel caso di grandi sistemi di distribuzione (Auchan, Carrefour) o marchi che si limitano a fornire il brand (Adidas, Nike): si tratta di una forma organizzativa comune nel caso di prodotti ad alta intensita di lavoro, come indumenti, giocattoli e scarpe, merci che provengono in genere dallAsia orientale. Il prezzo di un prodotto riflette il costo di una serie di fattori produttivi (costo del lavoro, macchinari, energia, organizzazione della filiera, ecc) ma non dice nulla delle relazioni sociali che sono occorse per la produzione e i quadri istituzionali connessi alla transazione. Scheda 7.4 Perche investire in Cina? La Cina rappresenta il cuore degli attuali processi di decentramento e localizzazione multinazionale. E stata protagonista di una rapidissima ascesa economica, soprattutto per le seguenti ragioni: Ha aperto le porte al mercato esterno solo da pochi anni. Quindi oggi ce esplosione degli investimenti perche prima non era possibile. Il basso costo della manodopera, basso costo delle materie prime e leggi particolarmente permissive. In relazione alle altre realta del Sud del Mondo i livelli di scolarizzazione sono elevati Spazi tecnologici di primo piano si localizzano allinterno delle principali aree metropolitane e numerose multinazionali localizzano attivit di ricerca e sviluppo (Microsoft, Dell) Popolazione che sfiora 1,5 miliardi, non e solo un posto dove produrre a basto costo ma anche un potenziale mercato La popolarita degli investimenti in Cina e altissima, quasi una moda. Questo comporta forte crescita di economie di agglomerazione CAPITOLO 8 I trasporti e le comunicazioni 8.1 Le arterie del territorio Levoluzione tecnologica ha permesso una rapida evoluzione anche del settore dei trasporti, sia di merci che di persone, capitali e informazioni. Questo ha provocato una diminuzione dellattrito della distanza (ostacolo che distanza oppone alle comunicazione e scambi), avvicinando molte aree del mondo, producendo il fenomeno definito convergenza spazio-temporale, da cui e derivato in collegamento piu rapido tra mercati e zone di produzione anche molto distanti tra loro. Anche se alcune zone del Sud del Mondo sono divenute esportatori globali, ci sono zone che sono state marginalizzate ulteriormente, formando il Quarto mondo, ovvero le zone economicamente piu marginalizzate del pianeta. Quando si parla di distanza non si deve solamente considerare quella fisica ma anche laspetto funzionale (tempi di percorrenza e costi di percorrenza). Le variabili che incidono sui tempi e costi non solo tecniche e economiche ma anche politiche (confini politici chiusi, leggi doganali restrittive).

Le vie di trasporto sono il tramite attraverso il quale si effettuano relazioni tra localita, soggetti e imprese insediati in aree diverse. Il trasporto e quindi elemento essenziale dellorganizzazione del territorio, in quanto forma le maglie connettive del territorio stesso. La distribuzione delle strutture di trasporto sul territorio e detta localizzazione a rete, sulla quale si inseriscono dei nodi; sulla rete circolano flussi di traffico di diversa intensita, che determinano limportanza del nodo. Le linee di trasporto piu importanti vengono definite assi di trasporto, i piu frequentati chiamati corridoi o direttrici. 8.2 Le politiche dei trasporti Dallinizio della rivoluzione industriale i trasporti furono gestiti per la maggior parte da compagnie private che, lavorando secondo le regole del profitto dimpresa, costruivano le reti solo dove risultasse conveniente farlo. Dal novecento si impose in Europa il concetto di trasporto come servizio collettivo, di interesse pubblico. Lintervento dello Stato si intensifico rapidamente, con conseguente nazionalizzazione delle compagnie private e costruzione di vie di comunicazione in determinate aree per incidere sullo sviluppo economico di una regione e attenuare gli squilibri territoriali (politica delle infrastrutture). Naturalmente la politica territoriale non rafforza solo le aree bisognose ma mira a creare una migliore integrazione tra reti internazionali e locali, realizzando ad esempio collegamenti ad alta velocita e infrastrutture di scala regionale. In molti paesi del Nord e in atto una deregolamentazione (deregulation), che si manifesta con una minor presenza dello Stato nella gestione e proprieta dei vettori, porto e aeroporti. Cio ha fatto emergere grandi imprese multinazionali che disciplinano i flusso globale di trasporti di ogni tipo, facendo si che la concorrenza facesse abbassare i costi. Gli obiettivi geostrategici sono rilevanti: il controllo dei trasporti, delle vie di comunicazione, sono di importanza strategica per ogni stato, non solo dal punto di vista economico ma anche militare. Gangli strategici sono i canali di Panama e Suez. Il canale di Suez (tra Egitto e Israele) permette di raggiungere lAsia attraverso il mar Roso senza circumnavigare lAfrica. E unarteria petrolifera, controllato dallEgitto che ne assicura il libero transito. Il canale di Panama e dal 1982 sotto il controllo dello stato di Panama, ma gli USA assicurano la difesa e il funzionamento del canale. Una tendenza e quella della differenziazione selettiva: accanto alla crescita della rete ferroviaria ad alta velocita e in generale di alcuni assi centrali si sta assistendo allo sfoltimento delle linee secondarie, ritenute antieconomiche, concentrando il traffico sulle maggiori arterie. Scheda 8.2 Le reti transnazionali dellUnione Europea Uno degli strumenti dellUE per il raggiungimento di uno sviluppo economico equilibrato e la coesione tra gli stati membri e lo sviluppo delle reti di trasporti e telecomunicazioni. Il progetto trans-Europenan transport Networks (ten-t) consiste in fasci di reti di trasporto e telecomunicazione su traiettorie privilegiate, definiti anche Corridoi Europei. Lo scopo principale e colmare i vuoti tra regioni centrali e occidentali, periferiche e centrali. Le congestioni, lentezza nelle costruzioni dei corridoi europei ha portato a dare priorita ad una serie di progetti: le autostrade greche, la tratta Berlino-Verona (corridoio 1) e Lione-Torino-Trieste (corridoio 5) 8.3 Le innovazioni tecnico-organizzative e la scelta del mezzo di trasporto I vantaggi che possono offrire i diversi tipi di trasporto sono: rapidita, economicita, sicurezza, capillarita e portata. I singoli modi non competono solamente tra loro ma si integrano e si completano, grazie al due innovazioni organizzative, lintermodalita e la logistica. La prima grande invenzione e luso del container, che permette il trasporto su nave, treno, autocarro e aereo, con costi e tempi molto ridotti. Cio ha portato alla crescita delle infrastrutture dedicate, dai porti attrezzati per gli spostamenti dei container alle navi portacontainer, protagoniste dellincremento dei traffici marittimi. Unaltra forma, poco diffusa, e il roll-on/roll-off che consente di trasportare ad esempio un intero mezzo di trasporto (un tir) su un altro mezzo (una nave) per poi scaricarlo a

destinazione. Rispetto ai container si occupa piu spazio. La diminuzione dei costi di trasporto e dei tempi di viaggio ha permesso una maggiore interazione tra luoghi distanti ma ha accentuato la differenziazione economica tra regioni, alcune diventano sempre piu importanti, altri marginali. 8.4 La logistica e lorganizzazione territoriale hub&spoke Una grande innovazione e lorganizzazione geografica dei flussi di merci e persone. Gran parte dei porti costituisce una piattaforma dinterscambio, dove i container possono essere trasferiti su tir o treni e raggiungere la destinazione. La logistica ricopre quindi un ruolo strategico, che partecipa alla competitivita ed efficienza del sistema produttivo , tramite un sistema integrato di servizi e infrastrutture, di manipolazione e deposito merci. Molte aziende (Toyota) non hanno scorte di materiali per la produzione ma le ricevono tramite ordini computerizzati nel momento in cui servono (per la Toyota 2 volte al giorno, nella misura necessaria alla produzione giornaliera). Le giacenze quindi vengono ridotte, gli ordini effettuati in base alle prospettive di vendita (calcolate monitorando le vendite tramite terminali e studiandone landamento). In Europa operano diversi network logistici di portata internazionale, in particolare nei paesi sedi di grandi porti (Francia, Paesi bassi, Belgio e Germania). Una delle regioni meglio organizzate e nelle Fiandre, con i porti di Anversa e Zeebrugge: qui e localizzato il primo Centro di Distribuzione Europeo, che offre inoltre servizi di trasformazione, etichettatura, smistamento, pezzatura e controlli di qualita. Questo sistema, denominato hub&spoke, struttura i maniera gerarchica i flussi aerei. In Europa, aereoporti come Amsterdam, Londra, Parigi e Francoforte fungono da hub nei confronti delle altre destinazioni. Le reti di trasporto veloci sono organizzate quasi tutti nello stesso modo: hanno nodi centrali, le piattaforme di interconnessione (hub) ovvero centri che grazie alla contemporanea presenza di terminal aerei, ferroviari e stradali e alla possibilita di rapidi spostamenti tra un mezzo e laltro, fungono da nodo per tutta la rete mondiale dei trasporti. In Europa, gli aeroporti di Parigi e Francoforte fungono da piattaforme per i voli intercontinentali. Le nuove piattaforme logistiche e di interconnessione da un lato migliorano le relazioni tra sistema locale e ambito globale, dallaltro stanno accelerando i divari regionali, tra territori ben collegati e aree marginali. Scheda 8.3 I gateway portuali I porti si configurano come gateway (punto di entrata-uscita), svolgendo la funzione di nodo organizzatore di intere regioni. Grazie allavvento di navi sempre piu grandi, richiesta di attrezzature specializzate (per lo spostamento container), il numero di porti polifunzionali si e ridotto a una decina circa. Questi porti sono adibiti al traffico di svariati tipi di merce, ognuna delle quali hanno banchine specifiche e sistemi di movimentazione specializzati. In alcuni casi si e assistito alla creazione di sistemi portuali, integrazione tra piu porti della stessa fascia litoranea, ognuno specializzato in una o piu funzioni. Altri porti si sono invece specializzati nel trasporto di poche tipologie di prodotti. I porti di trasbordo ad esempio smistano i container dalle navi interoceaniche a quelle di minore portata che si occuperanno della consegna (Gioia Tauro principale porto di trasbordo del mediterraneo). Grazie ai commerci con lAmerica e soprattutto lAsia (prima tra tutte la Cina), il ruolo del trasporto via mare e in crescita continua: il 95% delle merci viaggia via mare. Un aspetto importante per la fortuna economica dei porti e la presenza di un vasto e ricco retroterra economico. La zona del porto, arricchita di industrie manifatturiere, ha allargato il proprio raggio di influenza a tutta la regione retrostante e lungo i litoriali, fungendo da stimolo alla crescita economica. Queste situazioni interessano i porti dei paesi del Nord del Mondo, che gestiscono il 60% del traffico mondiale. I porti dei paesi del Sud del Mondo sono quasi sempre specializzati nellimbarco di uno o pochi tipi di merce: Dubai per il petrolio, Tubarao (Brasile) per il ferro, Rangoon (Birmania) per il riso e Accra (Ghana) per il cacao. Un caso a parte e quello dei porti cinesi, che hanno negli ultimi anni accresciuto in maniera esponenziale le esportazioni e scalato la classifica dei porti mondiali (Shanghai e il primo al mondo, Ningbo il 4).

8.5 I trasporti nel mondo Il principale flusso di traffico si svolge tra Europa occidentale e America settentrionale. Il trasporto marittimo unisce le due coste per quasi tutto il traffico merci, che poi prosegue via terra attraverso importanti corridoi di traffico. Le rotte aeree su questa direttrice sono le piu frequentate al mondo. Grande importanza ha assunto recentemente la direttrice di traffico che collega Usa e paesi Asiatici, Giappone e Cina in primo luogo. Anche in questo caso il trasporto marino si collega con il terrestre. La terza grande direttrice e quella che dallEuropa occidentale, attraverso il medio oriente (canale di Suez) e lAsia meridionale, raggiunge Cina e Giappone. In questa direttrice prevale il trasporto marittimo, caratterizzato dalle rotte del petrolio e solo secondariamente quello aereo. La quarta grande direttrice va da Giappone e Cina, attraverso la Russia e Europa orientale, verso Europa Occidentale. Asse coperta da rotte aeree e terrestri, ferrovie, gasdotti (linea ferroviaria Pechino-Amburgo). In queste grandi direttrici ritroviamo i nodi strategici del trasporto mondiale. Nel Sud del Mondo notiamo la quasi assenza di reti di trasporto, sviluppati solo sulle aree costiere. Le aree interne sono raggiungibili solo con aereo o su piste sterrate. 8.6 Le telecomunicazioni nelleconomia globale Ruolo centrale nelleconomia e ricoperto dalla circolazione delle informazioni, sotto forma di dati, notizie, suoni ed immagini. Da questi flussi dipendono le attivit economiche, la cultura, la politica e la vita quotidiana delle persone. Anche i capitali circolano in maniera telematica, senza trasferimento materiale delle banconote. Linformazione diviene quindi fattore di produzione, alla stregua delle materie prime. Attorno alle telecomunicazioni si ste formando una filiera produttiva che crea il 10% del PIL mondiale. I protagonisti sono: Costruttori di reti e/o apparecchi per telecomunicazioni (fibre ottiche, pc, telefoni, satelliti, ecc.) Imprese che gestiscono i media (editoria e reti televisive) oppure reti di comunicazione (telefonia, radiotelevisiva) Imprese che offrono attivit di servizio per utilizzo delle reti e telecomunicazioni (ISP che forniscono accesso ad internet) Questi soggetti tendono a creare alleanze strategiche tra loro per rafforzare la capacita di penetrare in un mercato globale in forte espansione. Anche le reti telematiche hanno nodi di smistamento, a cui sono connessi gli ISP, che forniscono poi il servizio ai cittadini. Nel settore telecomunicazioni avanzate e forte la concorrenza tra stati. Il sistema GPS (27 satelliti per rilevamento globale) e di proprieta degli USA ma verra affiancato presto da un sistema simile, GALILEO (30 satelliti), di proprieta UE. Scheda 8.4 Levoluzione delle telecomunicazioni Possiamo riassumere levoluzione delle comunicazioni nel tempo secondo questo elenco: Posta o segnali (fumo o tamburi) Telegrafo (1837), telefono (1871) e radio (1887) 1948 scoperta del transistor: al via la rivoluzione delle telecomunicazioni. Nellultimo ventennio si e sviluppato il trasporto delle informazioni numeriche (codice binario, alla base dellinformatica), la comunicazione tramite telefoni mobili, permettendo di rimpicciolire le distanze mondiali. Oggi linformazione viene trasferita principalmente in due modi: via cavo: tramite rame o fibre ottiche (soppiantano il rame). Fibre ottiche sono posate sui fondali sottomarini tra Europa e USA. Via onde radio: radio, tv e comunicazioni cellulari. Frenate dalla necessaria presenza di ripetitori di segnale. Le comunicazioni vai satellite sono ritardate di circa 1,25 secondi Lo sviluppo della tecnologia punta verso il terminale unico, che riunisce telefono, internet e tv in un unico apparecchio. Da menzionare i programmi con interesse geografico come Google Earth o Google maps.

Scheda 8.5 la rivoluzione delle-commerce Le-commerce e un fenomeno che riguarda per la maggior parte il commercio tra imprese (business to business) ma caratterizzato da una forte crescita del settore diretto al consumatore finale (business to consumer). La contrattazione avviene tramite mercati virtuali e intermediari come Ebay. Oggetti acquistati preferibilmente online sono libri, videogames, musica, ma anche biglietti aerei, vestiario, strumenti elettronici e computer, cellulari. In crescita lacquisto di servizi, quali assicurazioni, viaggi. In Italia il fenomeno e limitato ma in forte ascesa. Le ragioni del successo sono due, la possibilita di risparmiare e la varieta dellofferta, i principali rischi riguardano la sicurezza delle transazioni e la possibilita di verificare la merce sono dopo averla acquistata. Limpatto di questo fenomeno sulla geografia del commercio e ancora non prevedibile ma si preavvisa rivoluzionario. Naturalmente i rapporti diretti (face to face) sono ancora alla base dellinterazione tra persone e imprese. 8.7 Telecomunicazioni e territorio: il digital divide Il digital divide, o divario digitale, il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione (in particolare personal computer e internet) e chi ne escluso, in modo parziale o totale. I motivi di esclusione comprendono diverse variabili: condizioni economiche, livello d'istruzione, qualit delle infrastrutture, differenze di et o di sesso, appartenenza a diversi gruppi etnici, provenienza geografica. Oltre a indicare il divario nell'accesso reale alle tecnologie, la definizione include anche disparit nell'acquisizione di risorse o capacit necessarie a partecipare alla societ dell'informazione. Il divario pu essere inteso sia rispetto a un singolo paese sia a livello globale. Per stimare le dimensioni del fenomeno possiamo analizzare alcuni dati: Il numero di computer, dato difficilmente rilevabile, si basa sulle stime delle vendite e importazioni di pc. Rapporto tra abbonamenti telefonici (e quindi internet) e numero di abitanti. In africa un abbonamento ogni 10 abitanti contro i 2 o 3 ad abitante nei paesi ricchi Utilizzo di internet: 1,5% in africa, 10% America latina, oltre i 50% nei paesi ricchi Grazie alle nuove tecnologie il digital divide si sta progressivamente riducendo, anche se in maniera lenta. Necessaria una crescita delle infrastrutture nel territorio, volte ad eliminare o ridurre le zone di ombra (non raggiunte da servizi telematici). La riduzione del digital divide e essenziale in quanto legata allo sviluppo equilibrato e stabile della popolazione. CAPITOLO 9 Gli Spazi Del Turismo 9.1 Unattivit globale, in continua crescita Secondo la definizione dellorganizzazione mondiale del turismo (OMT), il turismo e praticato da chi si sposta dal luogo abituale di vita e di lavoro verso unaltra localita, per almeno una notte e non piu di un anno, con lo scopo di arricchire le proprie conoscenze, migliorare la propria salute, divertirsi o evadere dai normali comportamenti della vita quotidiana. Dal punto di vista geoeconomico il turismo consiste in un flusso di persone e capitali verso localita e regioni turistiche, dotate di servizi e strutture apposite. Lacquisto di tali servizi e gestito da imprese specializzate. Questo flusso di persone e capitali si inserisce nel processo di globalizzazione in corso. Si distingue il turismo nazionale o internazionale, in quanto il secondo porta nuovi capitali e genera flussi economici nuovi. Le origini del turismo risalgono al 18 secolo, quando la nobilta europea ambiva viaggiare in localita relativamente esotiche e ricche di arte (Italia). I protagonisti dei viaggi erano spesso nobili, studiosi o borghesi nati dallindustrializzazione. Il fenomeno del turismo di massa lo ritroviamo solo a partire dagli anni 50 del 900, interessate soprattutto le localita balneari. Le aree interessate dal turismo sono soprattutto quelle del Nord del Mondo, sia come destinazioni che come aree di partenza (motivo legato al tenore di vita).

9.2 Sviluppo economico e mobilita turistica la gran parte della mobilita turistica si genera e si svolge allinterno delle aree piu ricche e negli immediati dintorni. LEuropa occidentale, Usa e Canada ricevono il 60% del flusso turistico. Il turismo e legato allo sviluppo economico e sociale, sia nella domanda che sulla capacita di offerta, quindi possiamo affermare che esso e presente solo al di la di certe soglie di ricchezza. Tra i fattori della domanda hanno forte incidenza i fattori culturali, il reddito, la disponibilita di tempo libero e infine i fattori climatici. Gran parte di queste variabili deriva dallurbanizzazione, da cui dipende la maggior esigenza culturale, lo stress i fattori imitativi. Dal lato dellofferta la soglia di sviluppo economico e sociale richiesta e piu bassa, ma tale da garantire infrastrutture, servizi e sicurezza accettabili. In minoranza il caso dei paesi del Sud del mondo in cui il turismo e organizzato da imprese e soggetti provenienti dai luoghi in cui si forma la domanda (villaggi turistici in luoghi esotici, safari). Molti sono cmq i paesi del sud del mondo che hanno sviluppato un minimo di imprenditorialit e infrastrutture per far fronte alla domanda turistica (Asia orientale e America Latina). 9.3 I flussi turistici mondiali Negli ultimi decenni i flussi turistici internazionali sono cresciuti notevolmente, tranne in occasione di alcuni eventi che hanno frenato la tendenza (guerra del golfo, torri gemelle, attentati vari). Su scala internazionale il principale flusso turistico e fra paesi ricchi in particolare Usa e Europa occidentale. Il flusso verso i paesi del sud del mondo occupa circa il 30%, quello dai paesi del sud verso il nord del mondo solo il 10%. Larea mediterranea rappresenta il massimo afflusso turistico. Tra i paesi europei prima la Francia, seguita da Spagna e Italia. Per quanto riguarda lAmerica, le mete ambite sono USA, Canada e Messico, poi i Caraibi (Cuba e Rep. Dominicana) e Brasile. Crescita dei flussi in Asia orientale (Cina, Malaysia, Singapore e Thailandia). In Africa mete abituali Egitto, Tunisia e Marocco, poi viene Sudafrica. In Asia occidentale prima Turchia poi Arabi Saudita (per la mecca). Su scala mondiale il turismo fa registrare una crescita ineguale, i primi 15 paesi detengono infatti il 70% del movimento totale. La vicinanza geografica e un fattore di sviluppo turistico, favorito comunque dallabbassamento dei prezzi e dallaumento di frequenza dei trasporti aerei. Buona parte dei flussi e gestita dai tour operator, agenzie specializzate che predispongono viaggio, soggiorno e itinerario. Alcune di esse sono multinazionali (Club mediterranee, Alpitour, ecc.). 9.4 Lorganizzazione delle regioni turistiche. Nel nord del mondo vi sono regioni turistiche specializzate. Sono aree monoproduttive, basate su una attivit economica prevalente. La Costa Azzurra, la riviera romagnola, i distretti alpini (Courmayeur o Cortina), Venezia, Las Vegas, Lourdes hanno ad esempio uneconomia basata sul turismo. Questo e sia un punto di forza (alta specializzazione) che di debolezza (risentono facilmente degli effetti della concorrenza). Leconomia dellarea turistica puo essere separata o collegata rispetto al territorio di cui fa parte. Resta separata se ha pochi rapporti economici con il resto della regione, che e solo di passaggio. Spesso anche il personale delle attivit turistiche non e di provenienza locale (Sardegna e Kenya). Quando larea turistica e collegata con il resto della regione si sviluppano invece flussi economici di vario tipo, nella riviera romagnola il personale delle strutture ricettive, gli artigiani, i commercianti sono tutti locali, buona parte della regione beneficia di questa attivit. Per molte aree del mondo il turismo e stato il motore di sviluppo. Ma come tutti i prodotti molto spesso le attivit turistiche hanno fasi di crescita, saturazione e declino, a meno che si attui uno sviluppo qualitativo e non solo quantitativo, una sorta di turismo sostenibile, che fidelizzi i turisti e li leghi al luogo.

9.5 La scelta della meta turistica I flussi e le mete turistiche sono soggette a variazioni nel tempo. I fattori determinanti sono: Laccessibilit, ovvero la posizione rispetto allarea di provenienza della domanda. La distanza, oltre che fisica, e anche psicologica: gli Usa sono piu vicini (piu conosciuti e familiari) di India e Mongolia. La presenza di attrattive, di carattere naturale (sole, mare, monti), di carattere storico-artistico (musei, ecc.), di tipo urbano e grandi eventi (shopping, divertimenti, spettacoli). Anche le strutture ricettive possono essere considerate attrattive Limmagine e lo status symbol della localita (Sardegna) In crescita le mete che valorizzano ambiente e beni culturali (Europa occidentale) Il costo della vita (se il potere di acquisto e piu alto i turisti sono attratti, ad esempio Spagna e piu economica dellItalia). Questo non succede nel turismo gestito da imprese multinazionali che standardizzano i prezzi. La situazione geopolitica: i paesi a rischio come Libano e le aree di terrorismo sono disertate. Scheda 9.1 Il turismo dei grandi eventi: le Olimpiadi Gli eventi sportivi, economici e culturali di rilevanza mondiale (Olimpiadi, Campionati di calcio, esposizioni e mostre, concerti di rilevanza mondiale) sono sempre unoccasione di sviluppo turistico per la regione che li ospita. Per un certo periodo questi luoghi vengono esposti in vetrina e attraggano turisti che normalmente non li frequentano. Questo puo divenire base per un afflusso turistico duraturo. Barcellona ha ospitato le Olimpiadi nel 92. In tale occasione la citt e stata ripulita e valorizzata, ha costruito nuove strutture ricettive e il turismo da allora di e decuplicato (da 100mila a un milione allanno). Le Olimpiadi invernali del 2006 hanno permesso a Torino di rinnovare la sua immagine. Un piano di valorizzazione del patrimonio artistico, potenziamento delle infrastrutture e trasporti hanno permesso un maggiore afflusso turistico, che non ha deluso le aspettative, passando da 750mila del 1998 a 1400.000 nel 2007. Lolimpiade, grazie al grande successo organizzativo, ha generato anche linteresse di imprese e investitori di settori diversi da quello turistico e ha quindi stimolato il senso di appartenenza al territorio da parte dei suoi abitanti. 9.6 Gli effetti negativi del turismo Il turismo un importante elemento del processo di globalizzazione, partecipa allincremento delle relazioni tra territori diversi. Il contatto tra culture diverse certamente un aspetto positivo se realizzato nel rispetto reciproco. Tra gli effetti negativi del turismo il contatto tra culture diverse se realizzato con atteggiamento di tipo coloniale: il turista del Nord del mondo in visita nei paesi del Sud del mondo potrebbe tendere a ritenere il suo stile di vita migliore di quello degli indigeni che verranno quindi criticati e disprezzati. Questo potrebbe portare ad una dipendenza culturale e tendenza allimitazione da parte della popolazione locale, che tende ad emigrare nei paesi di provenienza dei turisti (vedendo gli americani che spendono e spandono in Messico, i poveri messicani emigrano x unaspettativa di una vita migliore). Secondo problema dipende dal fatto che nel caso di turismo nel sud del mondo, i vantaggi per leconomia locale sono spesso modesti. Spesso i servizi sono offerti da imprese multinazionali autosufficienti. I contatti con la realt locale sono limitatissimi (mercatini, spettacoli), forniture alimentari, manodopera non qualificata (pulizie, facchinaggio). Da non trascurare il possibile impatto distruttivo che il turismo ha sullambiente, sia dal punto di vista edile (costruzione selvaggia di strutture e appartamenti) sia da quello della flora e fauna (forte presenza di turisti pu portare ad inquinamento). Spesso i locali abbandonano le attivit come agricoltura e artigianato per dedicarsi alla pi redditizia attivit turistica (anche se c controtendenza: il turista richiede prodotti tipici locali).

9.7 Turismo sostenibile e viaggiatori responsabili LEU ha predisposto la Carta del turismo sostenibile, che dichiara principi e linee guida per un turismo e unorganizzazione degli spazi turistici che rispetti e preservi lambiente e le risorse culturali dei luoghi. Le iniziative di ecoturismo si stanno diffondendo su scala mondiale, promosse anche dallorganizzazione mondiale del turismo. In Italia sorgono ecomusei, (Ciminiere a Ct) che riutilizzano strutture del passato, in Africa parchi dove possibile praticare safari fotografici e attivit nel pieno rispetto della natura. In Guatemala, a Mirador, hanno sfruttato gli aspetti dellecoturismo per speculare: hanno costruito complessi nei pressi della foresta tropicale e delle rovine maya. Anche il turista deve essere un viaggiatore responsabile. Dovrebbe organizzare il viaggio in modo da integrarsi con la cultura locale, non incidere in modo negativo sullambiente e sui luoghi visitati, fornire ai locali e ricevere dallesperienza un arricchimento umano e culturale.

CAPITOLO 10 LE CITT, CENTRI DELLECONOMIA 10.1 Le citt: spazi fisici e attori economici A partire dagli ultimi due secoli, forme e dimensioni delle citt sono variate enormemente, rendendone i confini sempre meno netti. La grandi citt divengono quindi dei veri sistemi territoriali articolati in una rete di centri vicini, legati tra loro da forti relazioni orizzontali. Quando parliamo di citt quindi intendiamo il sistema territoriale urbano attorno al comune che le da il nome. Milano ha un comune centrale di 1,3 mln di abitanti e un sistema metropolitano di circa 4 mln di abitanti, che comprende parecchie decine di comuni. Questi fenomeni risalgono alla rivoluzione industriale (accanto alla citt nascono agglomerati che poi si fondono con la citt stessa) e continuano ancora ora nel sud del mondo, dove poche grandi citt attraggono folle di immigrati dalle campagne. Shanghai, Mumbay, Citt del Messico e San Paolo hanno circa 20 mln di abitanti cadauna. Alla suburbanizzazione (insediamenti a cintura intorno ad un centro) segue la periurbanizzazione (distribuzione della popolazione e delle attivit economiche nelle strade e villaggi circostanti). Queste strutture urbane sono a volte molto vaste e il problema di governarle potrebbe essere risolto con listituzione di aree metropolitane, enti amministrativi (previsti dal nostro ordinamento ma non ancora attuati). Queste aree non sono solo enti, ma regioni funzionali urbane connesse tra loro da relazioni orizzontali (pendolari x lavoro e studio, flussi di semilavorati, ecc.). Aree di questo tipo le ritroviamo nelle grandi citt (Roma, MilanoCatania). Altre grandi citt come Palermo, Messina, Trieste sono invece con struttura pi agglomerata. Le megalopoli sono territori fortemente sviluppati dove presente una rete di aree metropolitane e citt minori fortemente connesse fra loro anche se separate da ampi spazi rurali. Lesempio pi noto la costa nord orientale degli USA, da Boston a Washington, comprendente le metropoli di New York, Filadelfia, Baltimora e centinaia di altre citt. In Europa ritroviamo la megalopoli renana (da Rotterdam a Zurigo), in Italia la megalopoli padana. Se consideriamo le citt come attori, va tenuto presente che sono i luoghi dove si concentrano e si interconnettono i nodi di una grande quantit di reti: trasporti, energia, telecomunicazioni, filiere produttive, commerci, finanza, informazione, cultura, ecc. Nell grandi citt si elaborano nuove idee e mode, vi risiedono inoltre le sedi centrali e organi di comando di tutte le grosse imprese private e istituzioni pubbliche. Le attivit che permettono alla citt di svolgere queste azioni sono dette funzioni urbane. Anche le citt sono collegate tra loro da ina rete, si parla quindi di reti urbane. Dal punto di vista geografico sono grandi infrastrutture connettive che svolgono due funzioni essenziali: Valorizzare le risorse locali di un territorio pi o meno vasto. Unificare i circuiti regionali e nazionali e connetterli con quelli internazionali.

Dal punto di vista economico si ottengono migliori risultati nei paesi dove esistono sistemi territoriali policentrici, con citt numerose, ben distribuite e connesse tra loro e con grandi centri urbani. In pratica dove ci sono strutture che corrispondono al modello di megalopoli, intervallate da spazi rurali e riserve naturali. 10.2 Le funzioni delle citt: tipi e portata la citt una infrastruttura complessa che nel suo insieme offre a abitanti e imprese le economia esterne denominate economie di urbanizzazione. Le funzioni urbane possono essere classificate combinando due criteri, il tipo di attivit e il raggio dazione territoriale. Funzioni culturali (scuole, biblioteche, musei, religiose, organi della comunicazione) Funzioni direzionali: attivit di gestione della vita politica, sociale e economica (istituzioni pubbliche, partiti, sindacati, esercito, polizia, borse merci, borse valori) Funzioni produttive: imprese manifatturiere, energetiche, edili, agricole periurbane, ecc. Funzioni distributive: trasporti e logistica, poste e telecomunicazioni, commercio internazionale, locale , ingrosso e dettaglio, artigianato, ecc. Servizi sociali e ambientali: welfare, ospedali, servizi ricreativi, nettezza urbana e smaltimento rifiuti, parchi e giardini Funzioni ricettive e turistiche: strutture ricettive, ristorazione, pubblici esercizi, manifestazioni, congressi. Direttamente legate alleconomia le funzioni di servizio, direzionali e produttive industriali. Le funzioni industriali, dopo essere state il motore dello sviluppo urbano moderno per gli ultimi 150 anni, cambiano qualitativamente: diminuiscono le tute e aumentano i camici bianchi. In buona sostanza si sviluppano attivit produttive pi qualificate (elettronica, informatica, telecomunicazioni, biotecnologie, nanotecnologie, chimica). Per quanto riguarda la portata delle funzioni urbane possiamo distinguere quattro raggi di influenza: Microregionale (da un quartiere ad una provincia) Mesoregionale (una regione o pi: Napoli influenza Campania ma anche parte di Molise, Basilicata, Puglia e Calabria) Macroregionale (dimensioni statali: Roma e Milano hanno questo tipo di influenza, Mosca anche) Globale (le citt metropoli globali svolgono un insieme di funzioni che riguardano lintero pianeta. Esempi New York, Londra, Tokyo, Parigi, Shanghai). Ci sono anche citt specializzate in singole funzioni (le capitali dellautomobile: Detroit, Torino, Stoccarda le capitali della scienza: Oxford, Boston, Cambridge del cinema: Hollywood e Mumbay). 10.3 Le citt come centri di servizi e di comando. Distinguiamo le funzioni urbane di servizio in tre categorie: Servizi per le famiglie: si distribuiscono nelle citt in modo gerarchico (In piccole citt pochi servizi, in citt grosse pi servizi). Dipendono dal reddito e ricchezza, maggiori saranno questi e maggiore sar la domanda, con conseguente maggiore offerta. La distribuzione geografica della domanda e offerta sono analizzabili con il modello di Christaller (cap.1, par. 7). Servizi per la collettivit: sono quelli gratuiti (scuole dellobbligo) o che hanno prezzi inferiori al loro costo (ticket sanitario). Varia da paese a paese (welfare europeo pi di quello USA), nel loro insieme costituiscono linfrastruttura sociale, rispondono ad una esigenza etica e civile. Dovendo servire tutta la popolazione sono geograficamente equilibrate, soprattutto nel nord del mondo: anche i luoghi sperduti hanno nelle immediate vicinanze scuole, caserme, ospedali, trasporti. Servizi per le imprese: si distribuiscono anchessi in modo gerarchico, non seguono la domanda ma tendono a stimolarne di nuova (le imprese si stabiliscono dove ci sono i servizi). Si

concentrano quindi nel nord del mondo, nelle metropoli, spesso in base alle specializzazioni locali (Milano per la moda, Torino e Detroit per lauto). Il settore quaternario comprende tutte le imprese di servizio ad elevato valore aggiunto e tecnologico. In pratica riguarda il controllo e l'elaborazione delle informazioni a livello globale, ossia delle multinazionali. In conclusione, non comprende nuovi servizi alla persona e alle imprese: sono gli stessi del terziario, ma sono molto pi complessi ed intrecciati. Infatti, solamente gli Stati avanzati hanno gi attivit che rientrano nel settore quaternario, mentre del Sud del mondo non ne hanno oppure ne posseggono uno dipendente da quello dei Paesi sviluppati. Negli USA il quaternario articolato tra una decina di metropoli come New York (finanza, grandi imprese, media e cultura), Washington (potere politico, media), Boston (ricerca). Nei paesi europei spiccano Londra e Parigi, Roma, Milano, Torino, il Vaticano, Berlino, Bonn ecc.

10.4 La citt creativa e lindustria culturale La conoscenza e linnovazione sono alla base dellattivit economica. Mentre in alcuni casi possibile trasferire alcune tipologie di conoscenze (dati, informazioni, protocolli) in altri il trasferimento complesso o impossibile (abilit manuali, artistiche, il know how, la creativit). Molte qualit collegate alla capacit apprendere e produrre conoscenza restano radicate in specifici luoghi, indicati come milieu innovatori. La conoscenza un bene comune, le citt vengono quindi considerate come macchine complesse che raccolgono, condensano o elaborano conoscenza, funzionando come nodi di scambio tra il territorio e ci che circola nelle reti globali. La creativit urbana sempre stata alla base dellinnovazione economica, tecnologica e organizzativa. Il milieu creativo urbano un ambiente stimolante, che si ritrova nelle grandi citt, sede di competizione, rischi voluti e possibili fallimenti. Lo spazio urbano deve essere fisicamente predisposto alla mobilit delle conoscenze, tramite sedi e spazi adeguati per le universit, centri di ricerca, imprese innovative e istituzioni che producono e diffondono culture a tecnologia. La cultura una fonte di risorse intangibili, nonch materia prima dellindustria culturale (editoria, librerie, media, musei, manifestazioni ecc.) che sfrutta la cultura per trarne profitto. 10.5 La crescita delle citt: il moltiplicatore urbano La dinamica urbana si occupa dello studio di come le citt crescono ed evolvono nel tempo. La causa principale delladdensarsi della popolazione in determinati luoghi il concentrarsi di certe attivit o funzioni e il loro crescere nel tempo. Occorre distinguere le due componenti delloccupazione urbana: - Attivit di base o esportatrici: quelle rivolte a soddisfare una domanda di beni e servizi esterni alla citt; - Attivit locali o al servizio della citt: quelle che producono beni e servizi per la domanda interna. Queste due diverse componenti sommate insieme formano loccupazione totale della citt. Il moltiplicatore della popolazione urbana dato da: Popolazione Urbana fratto lOccupazione Totale della citt. Nelle diverse realt urbane i valori di m, il moltiplicatore urbano, possono variare di parecchio, in relazione soprattutto al tasso di attivit della popolazione, cio al rapporto tra popolazione totale e occupata, ai tassi di disoccupazione o sottoccupazione locale, alla pressione migratoria esterna. Il moltiplicatore per pu anche funzionare in negativo, nei casi di crisi, in cui si riduce loccupazione nelle attivit di base. Il calcolo del moltiplicatore ha funzione di previsione, considera solo le traiettorie lineari e reversibili (come una locomotiva che pu avanzare o indietreggiare sullo stesso binario) ma non tiene conto delle biforcazioni e traiettorie irreversibili (fasi critiche).

Supponendo costante nel tempo loccupazione totale (D), le attivit di base (A,B,C) si alternano nelle diverse fasi storiche come motori dello sviluppo urbano (p. es nel caso di una citt in cui lindustria cotoniera A ha ceduto il passo a quella meccanica B e questa sta ora riducendosi a vantaggio dellelettronica (C)

Scheda 10.2 Le fasi di crisi: catastrofi, biforcazioni, autopoiesi Le principali strade seguite per formalizzare i processi evolutivi delle citt sono : Teoria delle catastrofi: offre interpretazione del fenomeno della rottura della traiettoria lineare di un sistema. Ad esempio una funzione urbana come luniversit (che richiede una certa dimensione di fruitori locali) pu apparire improvvisamente al raggiungimento di una soglia di popolazione esistente. Ci modificher la struttura funzionale e potr indirizzare lo sviluppo della citt verso nuove direzioni, stimolate ad esempio dal fatto che luniversit pu fornire ricerca e formazione utili alle imprese. Teoria dellauto organizzazione (Soudy): al crescere della dimensione urbana, si supereranno certe soglie che garantiscono lefficienza di certe funzioni o tipi di attivit, e quindi le condizioni della loro possibile comparsa. Ad ogni intervallo di dimensione efficiente certe attivit, e con esse la citt, crescono secondo il meccanismo del moltiplicatore. Quando le dimensioni divengono tali da frenare la crescita si verificheranno delle biforcazioni: se la citt sapr accogliere nuove attivit motrici crescer, altrimenti entrer in una fase di declino.

CONCETTO OSCURO: Nei sistemi autopoietici il sistema produce continuamente se stesso, in una tale "chiusura operativa" linput esterno e solo perturbazione. Ci nel senso che il sistema , a partire dai suoi elementi di base (non ulteriormente scomponibili), totalmente determinato dalle sue proprie strutture. BOH! 10.6 Valore e uso del suolo urbano Dal punto di vista della rendita urbana, valore condizionato anche dalla posizione, chiaro che tutti i soggetti urbani vorrebbero stare al centro, dato che il valore diminuisce allontanandosi da esso. La geografia della rendita urbana si occupa dei valori del suolo e degli immobili secondo il criterio dellaccessibilit (utilit della posizione). Le imprese saranno disposte a pagare un prezzo proporzionato alla posizione (centralit o meno) ed ai vantaggi che ne ricaverebbero: Effetti dellaccessibilit sui risultati economici dellattivit (banche e negozi di lusso sono pi interessati alla posizione centrale rispetto ai magazzini di legname). Quantit di spazio necessario (gioielliere richiede piccoli spazi, venditore di mobili spazi maggiori) Nel caso delle famiglie si considerano due parametri: la vicinanza al centro e la dimensione dellabitazione. Meglio acquistare una casa grande in periferia (con costo al metro quadro inferiore) o al centro (meno spazio e pi caro)? I valori che influiscono sul prezzo del suolo, e quindi da considerare sono anche i caratteri ambientali (parchi, colline, lungomare), caratteri storico-architettonici o al contrario degrado, segregazione etnica (Chinatown) o inquinamento atmosferico. Secondo la teoria dello sviluppo a settori, formulata da Hoyt, i canoni di affitto e il livello socioeconomico degli abitanti variano da un settore urbano all'altro: l'evoluzione progressiva si attuerebbe in ogni settore per slittamento radiale dal centro alla periferia. Gli americani Harris e Ullman hanno avanzato la teoria dei nuclei multipli, secondo la quale le citt presentano zonizzazioni sia concentriche che a settori e hanno diversi centri o nuclei secondari, che nel loro sviluppo interferiscono con l'espansione del nucleo centrale. Il centro resta con valore pi alto e vi si concentrano banche, grandi imprese, immobiliari ecc., formando il Central business district (come la City di Londra).
Modello di Hoyt, settori radiali Modello Harris-Ullman cerchi, settori, nuclei

CAPITOLO UNDICI Le politiche dello sviluppo economico 11.1 Gli obiettivi delle politiche di sviluppo: crescita, decrescita, sostenibilit Il concetto di sviluppo si riferisce al miglioramento e progresso di una societ, al passaggio verso forme migliori di vita comune. Il dibattito teorico sulla natura del concetto di sviluppo particolarmente intenso, aperto a molteplici interpretazioni critiche. La critica agli approcci puramente economici articolata in direzioni molto differenti: Critica marxista: analizza i meccanismi di squilibrio (materiale e ideologico) legati al modo di regolazione della societ capitalista. Sviluppo sostenibile: ricomprende tematiche ambientali, sociali ed economiche differenti. Critiche di derivazione religiosa: contro una visione materialistica dominata dal primato dello sviluppo economico. Gli approcci al post sviluppo: superare lidea di sviluppo, aprendosi a concetti provocatori come la decrescita, intesa come radicale cambiamento di tendenza rispetto al modello di economia oggi in atto. Lo sviluppo deve essere inteso in termini qualitativi, non quantitativi. La crescita del PIL ottenuta distruggendo lambiente non sviluppo. La politica per lo sviluppo del territorio comprende ogni azione strumentale a un miglioramento qualitativo della societ insediata in un determinato spazio geografico: miglioramento infrastrutture, supporto alloccupazione, lotta al degrado e allemarginazione. Sviluppo pu significare cose diverse per soggetti differenti, la concreta definizione di qualsiasi obiettivo di sviluppo del territorio strettamente politica. In linea di principio, parlando del diritto alla citt, dovrebbe spettare alla popolazione definire gli obiettivi, le strategie e le priorit e non ai poteri alti, spesso esterni al territorio (concetto di sviluppo dal basso). Tuttavia questo genera parecchi problemi (troppa frammentazione, inefficacia dello strumento voto per le questioni globali, punti di vista differenti tra popolo e organizzazioni internazionali). Scheda 11.1 Amartya Sen: lo sviluppo come libert Il premio Nobel per leconomia Amartya Sen ha una prospettiva differente riguardo il concetto di sviluppo: Sviluppo imperniato sulla libert dazione; Opportunit legate alla salute e alleducazione aiutano a produrre libert in campo politico ed economico; Molte libert economiche sono strumentali allo sviluppo: libert di vivere senza razzismo, fame, analfabetismo, etc. Leconomista indiano propone di abbandonare lanalisi della povert attraverso gli strumenti tradizionali (PIL) e osservare la possibilit di vivere in maniera adeguata: rispetto, partecipazione alla vita politica, parit per le donne,. Lo sviluppo diviene una questione di capabilities: la libert di poter scegliere fra differenti traiettorie per la propria vita. Non c crescita senza democrazia. 11.2 Politiche a scala globale: lazione delle grandi organizzazioni internazionali Lo scenario globale di oggi frutto di trasformazioni politiche e istituzionali che partono dalla fine della Seconda guerra mondiale. Gli Usa erano i principali vincitori, lEuropa era disseminata di morte e distruzione: lasse degli equilibri mondiali si sposta definitivamente in America. Per evitare lisolamento economico degli Usa fu indetta la conferenza di Bretton Woods nel 1944. Parteciparono delegati di 45 paesi, con esclusione della Germania e suoi alleati. La Conferenza di Bretton Woods ha avuto quali caratteristiche principali lobbligo per ogni paese di adottare una politica monetaria tesa a stabilizzare il tasso di cambio ad un valore fisso rispetto al dollaro, che veniva cos eletto a valuta principale. Pose inoltre le basi per listituzione di tre grandi organismi internazionali: il Fondo monetario internazionale (FMI), la Banca mondiale e lOrganizzazione mondiale per il commercio (OMT).

Il FMI aveva il compito di regolare i fenomeni di natura monetaria attraverso un sistema di cambi fisso noto appunto come sistema Bretton Woods. Con la soppressione del sistema nel 1971 il ruolo dellFMI divenuto quello di concedere prestiti a lungo termine agli Stati membri in caso di squilibrio. Il fondo dispone di un capitale messo a disposizione dagli Stati membri, il voto ha un peso diverso a seconda dei capitali versati. La strategia di sviluppo del FMI stata aspramente criticata in quanto legata al debito estero che affligge molti paesi del Sud del mondo. Inoltre gli stati bisognosi dovevano sottostare a dei Piani di aggiustamento strutturale (privatizzazioni, svalutazione moneta locale, liberalizzazioni, tagli allo stato sociale e politiche liberiste in genere) in modo da migliorare lassetto finanziario del paese e produrre pareggio in bilancio, trascurando o peggiorando i gi gravi problemi sociali. In paesi poverissimi la riduzione dei servizi pubblici e il taglio dei programmi sociali ha causato estrema povert, criminalit e aumento del divario sociale (famosissimo caso Argentina, poi anche Zimbawe, Somalia, Haiti, Uganda, Costa dAvorio, Russia). Fortissime le critiche dai no global tra cui il premio Nobel Stiglitz, che li ha accusati di aver prestato denaro per rimborsare i creditori occidentali e non per migliorare le economie. Il denaro dato ai paesi ex-comunisti, privi delle istituzioni necessarie, sono finiti nelle tasche dei politici corrotti, i cittadini sono stati danneggiati. I risultati migliori li hanno ottenuti Polonia e Cina che non hanno seguito le indicazioni del FMI. Inoltre i prestiti hanno avvantaggiato gli affari dei capitalisti del Nord del mondo a scapito delle popolazioni del Sud (neoliberismo contro la volont popolare, governi obbligati a riforme non eque). Per questo sono state avviate campagne per la cancellazione del debito. Scheda 11.2 La cancellazione del debito: il programma HIPC L'iniziativa Heavily Indebted Poor Countries (HIPC, "nazioni povere pesantemente indebitate") ha lo scopo di aiutare i paesi pi poveri del mondo portando il loro debito pubblico a un livello sostenibile, sotto la condizione che i loro governi dimostrino di raggiungere determinati livelli di efficienza nella lotta alla povert. Il programma fu iniziato nel 1996, congiuntamente dal Fondo Monetario Internazionale (International Monetary Fund, IMF) e della Banca Mondiale (World Bank. Il programma HIPC ha identificato 41 nazioni particolarmente bisognose, di cui 35 nell'Africa subsahariana. Due sono le fasi: prima fase applicazione dei programmi di riforma previsti dal FMI e Banca Mondiale e preparazione di un programma per la riduzione della povert. In questa prima fase ricevono una riduzione del debito, in modo che divenga sostenibile. Nella seconda fase si applicano ulteriori riforme strutturali e se hanno conseguito una politica di riduzione della povert per almeno un anno ottengono cancellazione del debito. Il programma HIPC stato oggetto di critiche rispetto ai criteri eccessivamente restrittivi per l'ammissione delle nazioni povere, e per il fatto che alcune delle misure che le nazioni devono adottare per essere ammesse al programma, secondo alcuni, contribuiscono all'impoverimento di tali nazioni. Le riforme obbligatorie spesso sono poco compatibili con la riduzione della povert: la privatizzazione da in mano a imprese estere servizi essenziali come lacqua e ci porta alla miglioria del servizio ma a costi pi alti. La Banca mondiale nasce con il nome di banca per la ricostruzione e sviluppo, con lobiettivo di favorire la ricostruzione post-bellica. Negli anni 60 si dedicata al finanziamento di progetti ritenuti utili per lo sviluppo in paesi del sud del mondo. Come per lFMI i fondi della Banca mondiale sono versati dai paesi membri, e concessi in prestito per la realizzazione di opere significative. Prima del prestito vengono analizzate fattibilit e rimunerativit (utilit economica). Anche la Banca Mondiale ha ricevuto pesanti critiche riguardo il suo operato (esempio le dighe in Pakistan e India che causarono espulsione di centinaia di migliaia di povera gente dalle proprie terre). Si recentemente concentrata sulla riduzione della povert, abbandonando l'obiettivo unico della crescita economica. Supporta inoltre la creazione di imprese molto piccole. Ha sostenuto l'idea che l'acqua potabile, l'educazione e lo sviluppo sostenibile sono la chiave per la crescita economica, e ha cominciato a investire massicciamente in tali progetti. In risposta alle critiche, la Banca

Mondiale ha adottato una serie di politiche a favore della tutela ambientale e sociale, per garantire che i loro progetti non peggiorino la situazione delle persone nei paesi di accoglienza. A dispetto di queste politiche, i progetti della Banca mondiale sono spesso criticati dalle organizzazioni non governative (ONG) di non lottare efficacemente contro la povert, e trascurare gli aspetti sociali e ambientali. Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development) delle Nazioni Unite sono otto obiettivi che tutti i 191 stati membri dell'ONU si sono impegnati a raggiungere per l'anno 2015. La Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel 2000, impegna gli stati a: 1. Sradicare la povert estrema e la fame 5. Migliorare la salute materna 2. Rendere universale l'istruzione primaria 6. Combattere AIDS, la malaria ed altre malattie 3. Parit dei sessi e l'autonomia delle donne 7. Garantire la sostenibilit ambientale 4. Ridurre la mortalit infantile 8. Sviluppare un piano mondiale per lo sviluppo L'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), conosciuta anche World Trade Organization (WTO), un'organizzazione internazionale creata allo scopo di supervisionare numerosi accordi commerciali tra gli stati membri. L'OMC stata istituita il 1 gennaio 1995, alla conclusione dell'Uruguay Round, i negoziati che tra il 1986 e il 1994 hanno impegnato i paesi aderenti al GATT. L'OMC ha assunto, nell'ambito della regolamentazione del commercio mondiale, il ruolo precedentemente detenuto dal GATT: di quest'ultimo ha infatti recepito gli accordi e le convenzioni adottati con l'incarico di amministrarli ed estenderli: GATT: accordo su tariffe doganali e commercio GATS: accordo su commercio di servizi TRIPS: commercio dei diritti di propriet intellettuale. A differenza del GATT, che non aveva una vera e propria struttura organizzativa istituzionalizzata, l'OMC prevede invece una struttura comparabile a quella di analoghi organismi internazionali. Obiettivo generale dell'OMC quello dell'abolizione o della riduzione delle barriere tariffarie al commercio internazionale; a differenza di quanto avveniva in ambito GATT, oggetto della normativa dell'OMC sono, per, non solo i beni commerciali, ma anche i servizi e le propriet intellettuali. Alla fine degli anni novanta l'OMC diventato il principale oggetto delle critiche e delle proteste del movimento no-global. L'OMC promuove la globalizzazione dell'economia ed il commercio libero, da alcuni considerati problematici per le conseguenze sui mercati del lavoro e sull'ambiente. I trattati che furono raggiunti in ambito GATT sono stati accusati di privilegiare le multinazionali e le nazioni sviluppate. Pur essendo la partecipazione all'OMC da parte delle nazioni un atto volontario e non obbligatorio i critici sostengono, inoltre, che la mancata partecipazione di uno stato a tale organizzazione si sostanzierebbe, nella pratica, in un embargo il che crea un sistema internazionale di regole economiche rigide che non incoraggiano in alcun modo il cambiamento e la sperimentazione. Problema comune a tutti e tre gli organismi: mancanza di democrazia. Anche il processo decisionale dell'organizzazione stato fatto oggetto di critiche: i "tre grandi" membri dell'OMC (Stati Uniti, Unione europea e Giappone) sono stati accusati di utilizzare l'OMC per esercitare un'eccessiva influenza sugli stati membri pi deboli. Biopirateria nei confronti dei Paesi che non possono sostenere i costi necessari per brevettare le proprie conoscenze (riso Basmati in India, brevettato da multinazionali del Nord del mondo).
Scheda 11.3 I Millenium development Goals come questione politica Questi obiettivi sono formalmente ineccepibili ma specialmente riguardo al problema sviluppo non si tratta di traguardi definiti dai paesi del Sud ma dai paesi del Nord del Mondo. Quindi gli interventi non sono neutrali ma implicano una precisa prospettiva politica e ideologica di stampo neoliberista.

Principali critiche. Essere troppo ristretti, e tralasciare le priorit di sviluppo come il sistema di go- verno forte, laumento delloccupazione, lassistenza medica legata ai problemi della riproduzione e la riforma istituzionale del sistema di governo globale. Basarsi su indicatori ristretti come i divari nelle iscrizioni scolastiche quale indicatore del progresso nelluguaglianza di genere o i numeri di apparecchi telefonici per valutare laccesso alla tecnologia. Essere irrealistici e preparare il terreno al- lo sconforto e utilizzati per additare e svergognare i paesi che non li raggiungono. Alterare le priorit nazionali, indebolendo in qualche modo la leadership locale attraverso la promozione di un programma dallalto verso il basso, spesso guidato dal donatore al prezzo di approcci partecipativi nei quali le comunit e i paesi fissano le loro priorit .

Governo e governance: governo listituzione in se stessa, la governance il processo, quindi anche gli accordi, i negoziati. 11.3 Le politiche di sviluppo regionale europee e la loro evoluzione Esistono in tutto il mondo aggregazioni di paesi, spesso fra loro vicini (macroregioni), che perseguono politiche comuni, Questo fenomeno di denomina regionalismo (internazionale). Ad esempio la NAFTA (accordo economico tra USA, Canada e Messico), CARICOM (tra paesi caraibici) e AFTA (nellEst asiatico). Vanno dalle semplici aree di libero scambio a unioni economiche e politiche economiche comuni. I vantaggi sono molteplici, come ad esempio laumento del proprio potere sui mercati (OPEC), affrontare problemi comuni, negoziazioni ordinate in seno ai grandi organismi internazionali. LUE coordina le politiche di 27 stati membri, con profondi effetti sul territorio, quindi un organismo macroregionale. Le sue azioni possono essere di natura settoriale (se hanno finalit di intervento su specifici ambiti dellorganizzazione economica e sociale, come politica agricola, trasporti, tecnologia) o di natura orizzontale (o trasversale, se hanno effetti in svariati ambiti, come le politiche di coesione o le politiche ambientali, che influenzano ambiente, attivit economiche, infrastrutture, ecc.). Le politiche regionali sono il principale strumento per ridurre i divari economici nellUE. Sono incentrate sul miglioramento delle regioni in ritardo di sviluppo o con marcati problemi del lavoro. Si pone tre obiettivi: La convergenza: promuovere le condizioni per la crescita economica delle regioni, riducendo le differenze La competitivit e occupazione: migliorare le performance economiche e lattrattivit delle regioni europee tramite programmi di sviluppo a supporto dellinnovazione e miglioramento tecnologico e aggiornamento delle risorse umane La cooperazione territoriale: tra regioni, attraverso promozione di iniziative locali e regionali Alla base di questi obiettivi levidente squilibrio economico che caratterizza lo spazio europeo: anche la distribuzione del PIL le evidenzia. Mentre le regioni del centro Europa sono economicamente pi forti, le periferiche (est e sud, compreso il mezzogiorno italiano) sono deboli. Le politiche europee tendono a voler risolvere questa situazione tramite azioni volte allo sviluppo in ambito territoriale, tenendo conto delle problematiche locali.
Scheda 11.4 Gli strumenti della politica regionale europea Allo scopo di perseguire gli obiettivi della politica regionale, LUE ha previsto una serie di strumenti politici: Il fondo europeo di sviluppo regionale (FERS): (convergenza, competitivit e occupazione, cooperazione territoriale) intervento economico pi rilevante, finanzia direttamente le imprese (medio-piccole) a supporto di incrementi occupazionali o sviluppo tecnologico, fornisce strumenti per lo sviluppo economico e regionale (esempio turismo, ambiente) Il fondo sociale europeo (FSE): (competizione, occupazione e cooperazione territoriale). Le azioni

supportate dal FSE comprendono il miglioramento del capitale umano (attivit di formazione), laccesso allimpiego di categorie deboli (disoccupati da lungo tempo, immigrati), il miglioramento dei sistemi educativi. Fondo di coesione: (convergenza) destinato ai paesi il cui PIL inferiore al 90% della media europea (i paesi pi poveri) con lobiettivo di stabilizzare le loro economie. (Romania, Grecia, ecc.). Finanziati in particolar modo importanti progetti infrastrutturali identificati dallUE e iniziative nel campo dellambiente e risparmio energetico.

11.4 Politiche di sviluppo a scala nazionale Lo stato Nazionale lunit geografica naturale per i discorsi e le analisi di vasta scala. La globalizzazione tende a privare il mondo di confini, in quanto i confini nazionali non rivestono pi particolare significato. Gli organismi sovranazionali come FMI e UE tendono a ridurre lo spazio dazione dei governi nazionali. Si parla quindi di crisi dello stato nazionale: la sua rilevanza come strumento di organizzazione della societ fortemente diminuita negli ultimi anni. Nel caso dellItalia, nel quadro strategico nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 si evince questo concetto: gli enti istituzionali inferiori (comuni, province, regioni) devono collaborare con i superiori (Unione europea) per il raggiungimento dellequilibrio in tutti i territori regionali. Il quadro ha individuato 10 priorit: Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca, dellinnovazione e competitivit Energia e ambiente: uso sostenibile e efficiente delle risorse per lo sviluppo Inclusione sociale e servizi per la qualit della vita e lattrattivit territoriale Valorizzazione delle risorse naturali e culturali Reti e collegamenti per la mobilit Competitivit dei sistemi prodotti e occupazione Competitivit e attrattivit delle citt e dei sistemi urbani Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse. Governance, capacit istituzionali e mercati concorrenziali ed efficaci. Lo sviluppo un obiettivo diversificato nello spazio, pu essere priorit per una regione e non per unaltra, non significa solo ricchezza ma anche occupazione, ambiente, qualit della vita, sicurezza e benessere sociale. 11.5 Le politiche di sviluppo locale Spesso le politiche liberiste e gli interventi dei grandi organismi internazionali si occupano troppo di perseguire trasformazioni delleconomia (industrializzazione) e non si occupano dei problemi sociali delle popolazioni. Il dibattito sui bisogni essenziali va via via prendendo piede sia in seno agli organismi internazionali (Banca mondiale si dedica alla povert) sia nel mondo accademico. si devono applicare politiche di sviluppo dal basso, legati alla popolazione, teso a soddisfarne i bisogni essenziali. In ambito di sviluppo locale c opposizione tra sviluppo dallalto (top-down) di tipo macroeconomico , e sviluppo dal basso (bottom-up) basato sulla partecipazione popolare supporto allagricoltura, microcredito. Questo approccio ha preso due direzioni differenti: Maggiore sensibilit alla problematiche quali scolarizzazione e riduzione della povert. Affermazione delle organizzazioni non governative (ONG) che operano a contatto con la realt locale, fornendo servizi pi appropriati alle reali necessit. Esistono ONG di piccole dimensioni e di carattere locale, affiancate da strutture multinazionali quali Save the Children e World Vision (che ha un budget superiore al PIL di alcuni paesi del sud del mondo). Viene promossa la cooperazione decentrata: si supera il centralismo e lassistenzialismo e si cerca di coinvolgere la societ civile del nord e sud del mondo per progettare e implementare progetti di sviluppo. Opposizione alle politiche di modernizzazione: lo sviluppo deve avvenire con forse endogene al territorio stesso, ricercare una effettiva equit, non in termini economici ma qualit di vita, benessere sociale, solidariet e capacit decisionale locale (sviluppo umano in senso ampio.)

Le politiche di sviluppo locale consistono in azioni volte a incentivare e capacitare i soggetti che vivono in questi sistemi locali affinch diventino attori del proprio sviluppo. Naturalmente questo porta a lottare con due tendenze: La finanza globale investe solo se ci sono prospettive di profitti e rendite, anche a discapito di uno sviluppo sostenibile. Atteggiamento difensivo delle popolazioni (soprattutto del nord del mondo) che temono di perdere il benessere raggiunto e quindi ci li rende incapaci di elaborare e attuare insieme nuovi progetti di sviluppo. Questo porta a sempre maggiore chiusura e declino e successivo rischio di colonizzazione da parte di capitali esterni (che finiscono per gestire poi a loro piacimento) Questo non un tema legato esclusivamente ai paesi del sud del mondo, ma applicabile in molti casi al nostro stesso paese. Il governo italiano, stimolato dallUE si progressivamente avvicinato alle logiche di sviluppo locale basato. Esperienze sperimentate negli ultimi decenni: Programmazione negoziata: i patti territoriali, accordi promossi da enti locali riguardanti lattuazione di un programma di interventi volti allo sviluppo locale; contratti daerea, volti al sostegno delloccupazione; contratti di programma volti allo sviluppo dei distretti industriali Programmi di riqualificazione urbana, eliminazione di aree marginalizzate e degradate Contratti fiume, ovvero interventi ai bacini fluviali Piani integrati di sviluppo territoriale: rivolti a soggetti pubblici e privati, li incentiva ad unirsi in sistemi locali e progettare e attuare strategie di sviluppo Piani strategici territoriali
Scheda 11.5 Il marketing territoriale e i piani strategici delle citt Una delle idee pi diffuse riguardo lo sviluppo urbano si riferisce allipotesi di una competizione crescente tra citt, per lattrazione di turisti, investimenti, eventi, scelte di localizzazione di imprese multinazionali. Lo studioso Harvey pone evidenza il passaggio, nella politica urbana dellultimo ventennio, da un approccio manageriale nella gestione dei servizi pubblici delle citt a politiche imprenditoriali (le citt sono aziende e devono avere successo sul mercato). Si afferma il marketing territoriale, volto a valorizzare le potenzialit di sviluppo e a incentivare l'imprenditorialit del territorio attraverso regole di marketing, soprattutto con l'aiuto della tecnologia: informatica e web, tv e mass media. Oggi anche le aree geografiche sono in competizione fra loro. Spesso anche in televisione vediamo campagne pubblicitarie dedicate a regioni specifiche o a zone ( Sicilia, Sardegna, trentino, Egitto). Uno strumento utilizzato quello dei piani strategici, ovvero strumenti di negoziazione e governance tra i possibili attori pubblici e privati dello sviluppo urbano e rappresentanti degli interessi locali. Il Piano strategico ha come finalit la costruzione di un documento di previsione che individui i problemi, le opportunit, gli obiettivi e gli scenari di sviluppo del territorio. Si costruisce una rete dei soggetti locali e la si fa lavorare come attore unico. Le maggiori citt hanno un piano strategico per il loro sviluppo (di maggior successo Barcellona, Stoccolma, Torino) Scheda 11.6 Il microcredito e la Grameen Bank Il microcredito uno dei pi importanti strumenti nella lotta alla povert, ideato dal Nobel per la pace Yunus nel 2006. Nel 75 il Bangladesh fu colpito da grave carestia, Yunus oltre a prestare i suoi soldi si fece garante con le banche per piccoli prestiti ai poveri, generalmente ritenuti inaffidabili. Ma lanno successivo i debitori cominciarono a rimborsare i prestiti, incoraggiando lattivit di Yunus che fond la Grameen Bank (Grameen significa contadino). Vengono forniti piccoli prestiti, sullordine di alcune centinaia di dollari, sufficienti per avviare linizio di unattivit o lacquisto di attrezzature. La Grameen Bank oggi ha 1.084 filiali in cui lavorano 12.500 persone. I clienti in 37.000 villaggi sono 2.100.000, per il 94 per cento donne. L'organizzazione non in perdita: il 98 per cento dei prestiti viene restituito. La banca, inoltre, raccoglie depositi, fornisce altri servizi, e gestisce varie attivit economiche finalizzate allo sviluppo, tra cui societ commerciali, telefoniche e nel settore dell'energia. Naturalmente gli operatori finanziari tradizionali sono contro questo tipo di finanziamento.