Sei sulla pagina 1di 1

via Plinio Frammento di rilievo in pietra

via Icco 2 Corredo della tomba

1 2

Il percorso del metanodotto con gli assi viari romani (Strada A in blu, Strada B in rosso) rinvenuti presso Masseria Minerva. Planimetria di scavo con lipotesi ricostruttiva dei tracciati viari romani (Strada A in blu, Strada B in rosso). Veduta della pista del metanodotto con i saggi di scavo e lipotesi di percorso degli assi viari romani (Strada A in blu, Strada B in rosso, in entrambi i colori evidenziata larea di collegamento del bivius-diverticulum Strada A dalla via Strada B ). Veduta del Settore I con i vari saggi di scavo. Tratto relativo alla Strada A nel Saggio 2. Saggio 13/14, veduta dallalto del punto di immissione della Strada A in Strada B; si notino le US 114 e 115 quali blocchi della crepidine meridionale della Strada B; con US 4 indicato il primo blocco della crepidine settentrionale della Strada A. Strada B, veduta dallalto del Saggio 15.

3
3

4 5 6

7
Nellambito dei lavori di realizzazione del Metanodotto Massafra Biccari della Snam Rete Gas, in localit Minerva, indagini archeologiche condotte nel 2011 hanno messo in luce un sistema viario con intersezione fra due strade glareate di epoca romana, indicate, in ordine di rinvenimento, come Strada A (bivius o diverticulum) e Strada B (via principale) (1-4). Pi estesamente indagata perch rientrante pienamente nellambito della pista del metanodotto, la Strada A (5) stata intercettata in pi punti per una lunghezza totale di circa 230 metri, con una larghezza massima di m 4,20 circa, comprese le crepidines o margines. Dal punto di vista costruttivo, risultata conforme al tipico sistema a strati, con lo statumen ai livelli pi profondi, costituito di elementi lapidei di grosse dimensioni e livellato da letti a matrice limo-argillosa con tracce di ghiaia nella parte superiore; il rudus o ruderatio, che prevede la messa in posa di un livello di schegge e ciottoli fluviali calcarenitici e radi frammenti laterizi; il nucleus di pietrisco e ghiaia grossa, che doveva assumere, originariamente, la tipica conformazione a schiena dasino in modo che le acque piovane defluissero nelle canalette di scolo che correvano ai lati della strada marginati da crepidines. La Strada B (7), intercettata su una lunghezza totale di 108 metri, stata messa in luce per una quarantina di metri circa, senza che per se ne potesse rilevare la larghezza. A tale struttura sembra legarsi la Strada A (6), quale suo diverticolo: nella ricostruzione degli allineamenti dei tratti viari, la confluenza sembra essere stata realizzata in una fase cronologica successiva con lazzeramento e linglobamento di taluni blocchi della crepidine meridionale della Strada B nel rudus e nel nucleus della Strada A. In base ai dati archeologici, si potrebbe ipotizzare lidentificazione del sistema viario rinvenuto in localit Minerva con un tratto della Via Appia, il cui percorso nel territorio in esame ancora poco noto e discusso. La viabilit antica ricostruibile per questarea contrassegnata dalla presenza di tracciati preclassici e preistorici rintracciabili nei tratturi. Il territorio preso in esame attraversato dal Tratturo Tarantino che da Laterza, entrando a Castellaneta, giunge nei pressi della localit Minerva per proseguire in direzione Palagiano, Taranto e oltre. Su questa viabilit si impostarono i percorsi rettilinei, lastricati e ristrutturati dei Romani, tra cui la via Appia, che anche sulla cartografia dellIstituto Geografico Militare (IGM) indicata come Via Tarentina o Via Appia Antica.

SC

65

Palagianello

5 SP1

SS7
SP13

Contrada Minerva

SP14

Via A

ppi

A14

Castellaneta

Castellaneta

Mottola Palagianello Massafra Palagiano Statte Crispiano

SP13

Ceglie Messapica

San Michele Salentino

Montemesola

Villa Castelli Grottaglie


Francavilla Fontana Latiano

castellaneta
Contrada Minerva
Progettazione ed esecuzione delle attivit archeologiche: archeoRes s.r.l. di Avezzano (LAquila) (sotto la direzione tecnica di Roberta Cairoli) Archeologi: Roberta Cairoli, Angela Stanco, Marco DOnofrio, Serena De Simone, Francesca Delle Grazie, Alessandro Marsilio Rilievi e documentazione grafica: Alessandro Lupi e Raffaella Guerrieri Committente: Snam Rete Gas e Tre Colli SpA Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia Direzione scientifica: Teresa Schojer; Assistenza tecnica: Sandro Spinazzola

Monteiasi Taranto

Oria

San Giorgio Carosino Jonico San Marzano di San Giuseppe Roccaforzata Monteparano Fragagnano Faggiano Sava Manduria Pulsano Lizzano Leporano Torricella Maruggio Avetrana