Sei sulla pagina 1di 1

1

Saggio 2. Fotopiano delle strutture murarie. Fase di imposta della struttura su un livello limo-sabbioso corrispondente al piano di calpestio originario. Strato di sistemazione antropica allinterno dellambiente I, con lo scopo di innalzare e regolarizzare la superficie, probabilmente in funzione della realizzazione della pavimentazione vera e propria. Strato di sistemazione antropica dello spazio esterno al fine di regolarizzare il piano di calpestio. Particolari del muro di delimitazione dellambiente I (verso est). Struttura realizzata a secco con pietre irregolari di piccole e medie dimensioni. Grosso blocco in pietra calcarea, sullestremit N del muro, probabilmente allangolo dellambiente. La fattoria oblitera un precedente impianto agricolo. Particolare della sovrapposizione tra muro e fossa agricola di fase precedente. In base alla tipologia dei riempimenti e dei tagli delle strutture agricole che si sviluppano immediatamente a sud della struttura, possibile inoltre ipotizzare che in parte il sistema agricolo pertinente ad una fase pi antica sia stato riutilizzato nella fase di vita della struttura. Materiale dalla preparazione della pavimentazione dellambiente I. Frammento di metopa di probabile naiskos (III secolo a.C.) in calcare. Statuetta votiva in argilla.

2a

2b

2a
3a

2b

3b

3b

5a 5b

3a

In localit Masseria Nisi, nel corso dei lavori per la integrazione e normalizzazione dellalimentazione idrica degli abitati di Leporano, Pulsano e delle rispettive marine per conto dellAcquedotto Pugliese, al limite del territorio comunale di Taranto, in uno dei saggi stratigrafici stata messa in luce ed indagata, per unestensione di 130 mq ca., una struttura, interpretabile come fattoria. Ledificio definito da almeno quattro setti murari a secco tra loro ortogonali, che delineano un ambiente interno, uno spazio esterno e un probabile secondo ambiente interno (1). I muri, di cui si conserva solo la fondazione, sono poggiati su uno strato limo-sabbioso corrispondente al piano di calpestio originario. Tale strato appare parzialmente rimaneggiato e regolarizzato artificialmente al fine di creare un piano orizzontale che colma le naturali irregolarit del substrato calcarenitico sottostante, per limposta della struttura (2). Allinterno dellambiente I (3), si rinviene un potente strato di preparazione, costituito da grossi frammenti di tegole, coppi, pietre, frammenti di intonaco ed elementi architettonici; in quantit inferiore rispetto al materiale laterizio, sono i frammenti di ceramica acroma e a vernice nera. La stessa tipologia di materiale presente nello spazio, interpretato come esterno: anche in questo caso sembra esserci stata una sistemazione antropica al fine di regolarizzare una superficie naturalmente irregolare e creare un piano di calpestio. I lavori agricoli moderni hanno intaccato fortemente la struttura, per cui non possibile escludere che tali sistemazioni fossero coperte da pavimentazioni. Il materiale ceramico, proveniente prevalentemente dalla preparazione della pavimentazione, attribuibile ad una fase compresa tra IV e III secolo a.C., sembra essere ascrivibile ad un contesto di tipo funerario/cultuale e proveniente dallo smantellamento e riutilizzo di edifici funerari e/o di culto presenti nelle vicinanze della struttura (5). Sulla base di questi elementi si ipotizza che la struttura sia stata edificata tra la fine del III e linizio del II secolo a.C. I rapporti stratigrafici tra la fattoria e il sistema di canalizzazioni agricole, permettono di individuare almeno due fasi duso delle strutture agricole. Ledificio infatti copre ed oblitera alcune canalette della fase precedente (4). In base alla tipologia dei riempimenti e dei tagli delle canalizzazioni che si sviluppano immediatamente a sud della struttura, possibile ipotizzare che il sistema agricolo, pertinente almeno in parte ad una fase pi antica sia stato riutilizzato nella fase di vita della struttura.

5a

5b

taranto

Castellaneta

Mottola Palagianello Massafra Palagiano Statte Crispiano

Ceglie Messapica

San Michele Salentino

Montemesola

Villa Castelli Grottaglie


Francavilla Fontana Latiano
1 SP 06

Masseria Nisi

Monteiasi Taranto

Oria

Masseria Nisi Masseria Fica Piccola PIccola


Faggiano
7

San Giorgio Carosino Jonico San Marzano di San Giuseppe Roccaforzata Monteparano Fragagnano Faggiano Sava Manduria Pulsano Lizzano Leporano Torricella Maruggio Avetrana

SP10

Progettazione ed esecuzione delle attivit archeologiche: Associazione Ark di Sandra Sivilli e Maria Lucrezia Rinaldi Archeologi: Giuliana Carluccio, Daniela Citro, Giacomo DElia, Patrizia Guastella, Daria Ruggeri, Sandra Sivilli, Francesco Solinas Rilievi e documentazione grafica: Daniela Citro Analisi archeobotaniche: Francesco Solinas (Laboratorio di Archeobotanica e Paleoecologia Universit dellUniversit del Salento) Committente: Acquedotto Pugliese S.p.A. Direzione Lavori AQP: Emilio Tarquinio, Gaetano Barbone, Rosario Esposito Impresa esecutrice: ATI Simeone Salvatore & figlio s.r.l. (capogruppo) Impresa scavi archeologici: Geo.GA s.r.l. Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia Direzione scientifica: Antonietta DellAglio; Assistenza tecnica: Piero Angotti

SP

11

SP
SP1 10d ir

11

Leporano

1 SP 08

Pulsano

SP1

12