Sei sulla pagina 1di 1

3

Via Rintone. La tomba ancora chiusa, con i lastroni in situ, ma interessati in passato dall'interventi distruttiva di scavo clandestino. Via Padre Morone. La tomba ancora chiusa, con i lastroni di copertura in situ. Via Liside. La sepoltura in fase di scavo, con il defunto in posizione supina. Via Liside. Particolare della sepoltura con il corredo: un anello digitale in argento, un alabastron in alabastro e uno strigile in metallo. Via Padre Morone. Anello digitale in oro con castone a scarabeo mobile in corniola. Sulla faccia piana della corniola inserita nella verga di oro inciso un oplita con lancia, scudo, elmo con cimiero, schinieri e mantello drappeggiato sul braccio destro. Via Padre Morone. Particolare del corredo, con una tazza biansata a vernice nera e anello digitale di oro con castone mobile in corniola.

2 3 4

5b
5a 5b

5a

Le attivit di scavo connesse alla posa di condutture idriche dellAcquedotto Pugliese hanno interessato brevi tratti di diverse vie dei quartieri, consentendo di indagare punti diversi della necropoli di et classica ed ellenistica. Via Rintone. Tomba a semicamera, scavata nella calcarenite, coperta da due lastroni in carparo a doppio spiovente con incastro centrale (1). La sepoltura, databile in base alla tipologia al III-II secolo a.C., non ha restituito materiali di corredo, in quanto gi precedentemente violata. All'interno sono stati rinvenuti solo pochi frammenti di ossa. Via Liside. Le indagini hanno permesso di individuare una tomba a sarcofago monolitica, coperta da lastroni in carparo, che conteneva lo scheletro dell'inumato e il corredo: un anello digitale in argento, un alabastron in alabastro e uno strigile in metallo (3-4), databili tra la fine del V e gli inizi del IV secolo a.C. Tali elementi riconducono allesercizio in vita di attivit da palestra, tipiche delle classi emergenti. Corso Italia. Area archeologica articolata in un muro in pietrame informe tagliato da una tomba a fossa terragna che ha restituito oggetti di corredo (due unguentari ed una coppetta) di et ellenistica ed alcuni frammenti ossei di un individuo inumato. Via Padre Morrone. La posa delle tubature dellimpianto idrico ha consentito lo scavo stratigrafico di una sepoltura (tomba a semicamera scavata nella calcarenite, coperta da due lastroni in carparo con dente d incastro) (2), relativa ad una inumazione supina, inquadrabile tra fine IV inizi del III secolo a.C. La tomba ha restituito un corredo costituito da quattro tazze biansate a vernice nera (6) o sovraddipinte, due oinochoai sovraddipinte, una lucerna, un guttus, un chiodo. Alla mano sinistra, il defunto indossava un anello di oro con scarabeo mobile in corniola (5a), su cui incisa una figura stante, probabilmente un oplita, con lancia, scudo, elmo con cimiero, schinieri e mantello drappeggiato sul braccio destro (5b). Allesterno della tomba stata rinvenuto un frammento di cornice modanata, forse pertinente al segnacolo funerario.

taranto

Castellaneta

Mottola Palagianello Massafra Palagiano Statte Crispiano

Ceglie Messapica

San Michele Salentino


Via An d ronico
Via P

Montemesola

Villa Castelli Grottaglie


Francavilla Fontana Latiano

Taranto

Montegranaro - Salinella Tre Carrare - Solito

Via Rintone
Via Da n te
Via Icc o

late

ja

Monteiasi Taranto

Oria

San Giorgio Carosino Jonico San Marzano di San Giuseppe Roccaforzata Monteparano Fragagnano Faggiano Sava Manduria Pulsano Lizzano Leporano Torricella Maruggio Avetrana

Via Morone
Via Plin io

Via Da n

te

Via Liside Corso Italia


Via Um b ria

Progettazione ed esecuzione delle attivit archeologiche: Societ Cooperativa Novelune - Taranto Archeologi: Evelyn Fari, Cosimo Pace, Stefania Valenti Coordinamento operativo: Francesco Zerruso Rilievi e documentazione grafica: Daniele Biffino, Paolo Agusto Assistenza tecnica ed informatica: Giulio Calculli Committente: Acquedotto Pugliese S.p.A.
rso Co

Via Pio X

II

Via Alto Adige

Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia: Direzione scientifica: Antonietta Dell'Aglio; Assistenza tecnica: Piero Angotti; Giuseppe Bagordo (foto anello)

Via

rc Ma

he

Via Tren ti

no

Ita lia