Sei sulla pagina 1di 3

Anamnesi

Raccolta dalla viva voce del paziente della storia clinica relativa alla malattia in atto e degli eventi fisiologici e patologici pi significativi antecedenti alla malattia stessa. il primo sospetto diagnostico su cui ci orientiamo Deve essere convalidato dallesame obiettivo e dalla conseguenti indagini (laboratorio) Anamnesi+esame obiettivo= diagnosi ( lanamnesi si concretizza con la realizzazione della cartella clinica) Regole e consigli 1. colloquiare in modo e luoghi che tutelino la privacy 2. atteggiamento n troppo serio n troppo amichevole ( farsi rispettare, il paziente deve stare al suo posto) 3. rispetto e cortesia nella visita, e pretenderlo 4. inizialmente farlo parlare a ruota libera 5. identificare qual il disturbo principale! Regole particolari 1. non usare termini medici, e discorsi complessi, la terminologia medica solo nella redazione della cartella ( con il paziente semplificare la medicina) 2. farlo parlare di tutte le malattie senza concentrarsi solo su una che lui pensa. 3. paziente tende ad associare il sintomo alla sede, quindi lo assocer soltanto ad altri eventi occorsi in sedi vicine ( paziente non in grado di mettere in relazione quali malattie sono correlate a quel sintomo) NB paziente ignorante quindi valutare sempre tutto NB il metodo deve essere preciso allinizio usare sempre il metodo di base poi se mai alla fine iniziate a fare i dott House intuitivi Flow-chart di base (mix anamnesi prossima e successive) 1. Sintomo (da quando?) 2. Valutare sintomi o segni concomitanti che il paziente ritiene di non dovervi dire, per prevalenza del dolore principale NB Alla fine di questa fase si fa la localizzazione anatomica (poi sulla base della localizzazione del dolore su base anatomica si fanno domande in base a questo) 3. Risposta ai farmaci (se hanno gi assunto medicine) 4. Patologie concomitanti (prende medicine per qualcosa, c una patologia che ci deve riferire?, es. bradicardia ipotiroidismo) 5. Fattori di rischio (fumo, bere, ipertensione, diabete, cardiopatie, et) 1 e 2 sono lanamnesi prossima Lanamnesi 1. Familiare (fratelli e genitori, stato attuale decicedute? Cause?), malattie in famiglia simili?, malattie ereditarie? 2. Personale (professione e rischi connessi? Farmaci assunti? Nella donna domande sul ciclo, gravidanze o aborti? Fumo? Alcol? Altro tipo droghe? Viaggi allestero? 3. Patologica remota (malattie dinfanzia? Malattie e ricoveri? TVP o embolia polmonare? Asma o BPCO, che la prima causa di ricovero qui? Traumi o sequele posttraumatiche? Interventi chirurgici ed eventuali complicanze?

4. Patologica prossima che la prima da fare rispetto alle altre!!!!! (inzio dei sintomi? Modalit dinsorgenza? Sintomi associati? Presentazione del sintomo, se tanto, poco, continuo? Eventuale rapporto con atti fisiologici, deambulazione, urina, defecazione? Eventuali terapie prescritte? Poi partiremo con tutto il resto! Dolore Dolore il primo sintomo fondamentale (per del tutto soggettivo, quindi dipende dalla sopportazione del dolore) per non basarsi perch essendo soggettivo ogni paziente per la stessa cosa reagisce in modo diverso. Sintomo dallarme. NB Esame obiettivo anche se sei uno specialista dovrebbe essere fatto sempre completo, come un internista., perch ti permetter di valutare situazioni diverse che sono simili tra loro Tipo (somatico o viscerale,) Sede (localizzato, diffuso, irradiato) Insorgenza (spontaneo, provocato) Durata (dolore toracico si definisce acuto nelle 24 ore) Tipo (lacerante, tipo aneurisma; infarto urente; frattura gravativo; pulsante tipo ascessi ecc.) Altre situazioni e sintomi Febbre Insorgenza e durata brividi o sudorazione segni di accompagnamento (astenia, dispnea, dolore, lesioni cutanee) patologie concomitanti (BPCO, malattie autoimmuni) fattori di rischio (viaggi, sesso-relativi, procedure chirurgiche, punture dinsetto) Dispnea insorgenza e durata (esempio emoglobina calo rapido, o lento in mesi vd leggero sanguinamento intestinale) da sforzo, notturna ( chi ha le crisi notturne, asmatici, obesi ecc.),in ambienti particolari (es per allergie) segni di accompagnamento (dolore, febbre ecc) patologie concomitanti fattori di rischio Lombalgia insorgenza e durata rapporti col movimento sintomi associati Linfoadenomegalia insorgenza sintomi associati fattori di rischio sede dolorabilit (tumore non c dolore es, infiammazione s) NB se uno ha sentito una massa ingrossata, se ha dolore della ghiandole

PRATICA Caso 1 (doc di ruscio e ubaldo) Nn sto bene da 5 6 giorni, mal di gola Diarrea nn vuol dire che le feci sono liquide ma dalle scariche!! Il segno di Lasgue un segno caratteristico, Viene messo in evidenza con la flessione della coscia sul bacino a gamba estesa: il malato avverte un dolore vivo provocato dallo stiramento del nervo sciatico che si irradia alla colonna vertebrale. Esso pu essere indicativo anche di irritazione meningea. NB il paziente nel parlare dei tumori cerca sempre di sviare! Quindi chiederlo Dolore toracico 10 15min sotto questo angina, pi a lungo si pu pensare a infarto Segno di Babinski