Sei sulla pagina 1di 8

LA SALIVA UN TESORO IN BOCCA Da sempre conosciuta come elemento indispensabile per la prima digestione viene secreta dalle ghiandole

salivari, ma molte altre sono le sue propriet e se ne scoprono sempre di nuove. Le principali ghiandole esocrine secretrici sono: - le parotidi, in numero di due: una a destra ed una a sinistra della branca montante della mandibola, - le sottomascellari, due, simmetriche, situate nella zona mandibolare della branca orizzontale - le sottolinguali, a destra e sinistra del frenulo ed altre intraorali che sono molto pi piccole sparse in tutto l' epitelio della bocca. La loro anatomia costituita da unit secernenti a forma di acini e da dotti escretori. Immagine ghiandole salivari

Il colore verde contrassegna la gh. parotide che riversa il suo secreto nella cavit orale per il tramite del dotto di Stenone In azzurro la sottomascellare con il dotto escretore di Wharton In rosso la sottolinguale col dotto di di Bartolino. Le ghiandole sono simmetriche 3 a destra e 3 a sinistra La loro secrezione sierosa o mucosa: - la prima secreta dalla parotide, - le sotto linguali sono a secrezione prevalentemente mucosa, - le sottomascellari sono a prevalenza sierosa - le salivari minori che sono sparse in tutta la bocca sono a secrezione mucosa pura. La saliva costituita prevalentemente da acqua in cui sono contenuti enzimi, elettroliti, disinfettanti ed elementi antibatterici. La quantit di saliva escreta nelle 24 ore pu raggiungere il litro, litro e mezzo. Il ph della saliva si aggira sul valore 7.4, ma influenzato da fattori morbosi, igiene, tipo di alimentazione: una saliva acida fattore predittivo di cariogenicit. La secrezione influenzata dal ritmo circadiano, dall' et, dal sistema nervoso, da varie patologie che interessano le ghiandole stesse o altri distretti dell' organismo. Riflesso di Pavlov: gli studi sul cane del premio Nobel per la medicina nel 1904

dr. Pavlov, fondatore dell' Accademia delle Scienze dell' URSS, hanno dimostrato che nell' animale la secrezione della saliva influenzata dalla vista del cibo, quindi si determina un riflesso fisiologico, ma se a quella visione veniva associato il suono di un campanello, in seguito si dimostr sufficente il suono del campanello per determinare l' aumento della secrezione salivare: cio uno stimolo associato al cibo determinava la risposta. Questa risposta fu definita 'riflesso condizionato' e non era presente nel cane decerebrato, il che lo indusse ad asserire che, per avere il riflesso condizionato, era necessaria la presenza della corteccia cerebrale. Il sistema nervoso simpatico ha potere di vasocostrizione, il parasimpatico di vasodilatazione. La parotide innervata dal glossofaringeo tramite le fibre post-gangliari del ganglio otico. Le sottolinguali e sottomascellari ricevono fibre provenienti dai gangli omonimi di pertinenza dell' intermedio del facciale, che controlla sia componenti sensitive che escretorie salivari. Enzimi: -- amylasi che scinde i polisaccaridi (carboidrati) in zuccheri semplici indispensabile una buona masticazione affinch il bolo sia completamente imbevuto di questo enzima il cui Ph 7.4 -- lipasi linguale -- lisozima la cui funzione di lisi batterica perci ha funzione disinfettante, antibatterica -- altri enzimi sono rappresentati dalla: -- fosfatasi acida, -- da N-aceylmutamy.-L- alanina amidasi -- deidrogenase-chinone -- lactoperossidasi -- superossidodismutasi -- glutatione transferase -- aldeide deidrogenasi -- glucosio-6-fosfato isomerasi -- callicreina tissutale Elettroliti: -- sodio 2-2.1 mmg/l. inferiore alla percentuale presente nel sangue -- potassio 10-36 mmg/l. superiore a quello del sangue -- calcio 1.2-2.8 mmg/l. -- magnesio 0.08-0.5 mmg/l. -- cloro 5-40 mmg/l. inferiore a quello contenuto nel sangue -- bicarbonati 25 mmg/l superiore a quello sanguigno -- fosfati 1.4-39 Il muco costituito da mucopolisaccaridi e glicoproteine , tra queste la mucina, proteina O-glicosata che facilita la bioadesione ed quindi responsabile della placca. Gli antibatterici oltre il lisozyma sono rappresentati da tiocianati, perossido di idrogeno, glicoproteine e immunoglobuline. La ptialina, un enzima che favorisce la digestione degli amidi, polisaccaridi complessi che vengono scissi in zuccheri semplici. La mucina che ammorbidisce il bolo e lo rende vischioso ed ingloba gli elementi antibatterici che posssono cos giungere in tutti i recessi della bocca. Sono presenti cellule umane e batteriche e prodotti batterici che talora possono determinare 'alitosi' la quale, comunque, pu esssere causata da

molti altri fattori: denti cariati, placca, tartaro, tonsilliti croniche, problemi gastrici, popolazioni fungine sulla lingua (candida), Herpes, classica la flora micotica sulla lingua dei fumatori, nelle forme di tossicodipendenze, negli anziani portatori di protesi. La saliva pu essere di ausilio per la ricerca di numerose forme patologiche, dosaggio degli ormoni, con un prelievo semplice non invasivo, gradito ad adulti e bambini: - ormai ben noto ai fans di serie televisive il prelievo di saliva per la ricerca del DNA - col prelievo di saliva si possono dosare gli estrogeni (ridotti in menopausa del 50%), - il cortisolo - Dhea - progesterone - 17 beta estradiolo - estriolo - testosterone Dagli studi del metodo polarografico, misurazione dei livelli ionici, del ceco dr. Jaroslav Heyrovsky ( Premio Nobel 1959 ) un piccolo apparecchio per uso personale che dal dosaggio degli estrogeni presenti nella saliva, individua l' inizio del periodo di ovulazione. - della saliva ci pu interessare il ph il cui variare in situazioni infiammatorie o virando verso l' acidit crea problemi allo smalto dentario:la saliva costituisce un sistema tampone che corregge l' acidit che si pu instaurare nella bocca a causa di particolari alimenti o bevande. - il dosaggio del cortisolo e citochine salivari ci possono indicare il livello di stress - nella saliva si possono ricercare antigeni e isolare vari virus: -- Citomegalovirus (HCMV), -- Herpes simplex, -- H.Varicella, -- H. zoster -- Papilloma virus -- Meningocci Studi portati avanti da D.Wong - DMD,DMSc della Ucla School of Dentistry e dal Centro Jonsson, per lo studio del cancro, preconizzano la possibilt di diagnosticare dall' esame della saliva il cancro del collo e della testa. Sono in corso studi per diagnosticare altres il tumore della mammella. John Mendelsohn, MD, president of the University of Texas M.D. Anderson Cancer Center in Houston, definisce questi studi molto incoraggianti. le notizie provengono dal sito http://www.foxnews.com/ a firma Charlene Laino, reviewed by Brunilda Nazario, MD Per mezzo della saliva possiamo testare la presenza di amfetamine, methanfetamine, marijuana, cocaina ed altri oppiacei, cos come caffeina, ed altri prodotti psicomimetici, nicotina. Ricercatori del St. Richards Hospital di Chichester stanno studiando la possibilit di diagnosticare stati di pre-eclampsia in gravidanze a rischio. La notizia dal sito:<http://www.infoniac.com/science/ Traduco una comunicazione sulla calcitonina da studi dei drs: C.W. BASSIM, D.J. DENUCCI, R.S. REDMAN, K.L. BECKER, and E.S. NYLE Washington DC, Veterans Afairs Medical Center, DC, USA Procalcitonina: un nuovo marker salivare per MTC (medullary thyroid carcinoma) carcinoma midollare della tiroide, sepsi e periodontite. Traduco il seguente studio americano:

Una ricerca del N.I. Dental e Craniofacial Research ha messo in luce la possibilit di analizzare proteine, Rna, (del Dna si gi detto): i pi recenti studi hanno dimostrato l' alfabeto diagnostico del proteoma e dei transcrittomi per cui si pu effettuare una diagnosi estremamente precisa di vari processi morbosi. I dri D.Vong e A. Segal (UCLA) hanno sfruttato questi elementi per diagnosticare con certezza il cancro orale distinguendolo dalla sindorme di Siogren. Il dr. Vong afferma che le applicazioni sono molteplici e spaziano dal riconoscimento delle patologie orali ai disordini sistemici (cancro, malattie metaboliche, disordini neurologici) alle applicazioni farmaco-genomiche e farmaco-proteomiche con possibilit di personalizzare le terapie La saliva un' utile fluido diagnostico per la ricerca degli ormoni quali aldosterone e cortisolo. La calcitonina (CT), un' ormone tiroideo inibisce gli osteoclasti in presenza di ipercalcemia: la procalcitonina (CTpr) prodotta esclusivamente nella gh. tiroide. Ambedue la CT e la CTpr sono prodotte in eccesso nel carcinoma midollare della tiroide (MTC) e il dosaggio della calcitonina sierica utile per monitorare il tumore. CTpr prodotto in altri tessuti nelle infezioni severe 'sepsi' divenendo cos uno specifico marker per particolari gravi stati settici. La regolazione dell' apposizione ossea di CT e la sovraproduzione di CTpr suggeriscono che le sostanze possono essere usate nello studio delle periodontiti. Lo studio pertanto ha lo scopo non solo di studiare CT e CTpr nel carcinoma tiroideo, nella sepsi, ma anche nelle periodontiti. Nell' ecosistema orale, come in altri distretti del nostro corpo, albergano colonie batteriche utili che concorrono a mantenere il sistema in equilibrio, vedasi l' importanza dei batteri nell' ecosistema intestinale; a questo proposito sono in corso studi finanziati dal National Institute of Dental and Craniofacial Research, per ora solo sugli animali, ma con buoni risultati dopo introduzione nelle tasche parodontali di batteri utili selezionati, per cui si ha una ricolonizzazione di batteri utili con riduzione di segni di parodontiti. (J.Dent Res.2007;(11):1078-82 'Guiding periodontal pocket recolonization: a proof of concept' - S. mutans - S. Sanguinis - Enterococchi - Spirochete - Vibrioni - B. Melanogenicus Nella bocca dei bambini prima dell' eruzione dentaria il 98% della flora rappresentato dallo S. salivarius. Lo Streptococco mutans sintetizza acido lattico o formico, che distrugge i tessuti duri del dente l'idrossiopatite dello smalto. Ricerche recenti hanno scoperto antibiotici naturali: - defensine isolate dall' epitelio linguale - istatine con notevoli propriet antimicotiche - nell' epitelio stratificato della bocca sono presenti le beta-defensine 1 e 2 - alfa-defensi e e catelicidine nei leucociti polimorfonuclesti che migrano attraverso la giunzione epiteliale, nel tessuto normale, e in quello infiammato. Le defensine possono essere utili per il trattamento delle malattie periodontali e per la

prevenzione di carie e periodontiti. Non mancano antibiotici naturali che sinergizzano la lactoferrina ed il lysozima e sono le IgA, IgG, IgM. Secondo gli studi del dr. Bobek dell' Universit di New York, in vitro si ottenuta la distruzione di colonie di: - candida, - escherichia coli - porphiromonas, - streptococco mutans. Recentissima la scoperta, a seguito di studi all' Istituto Pasteur di Parigi, di una molecola antidolorifica presente nella saliva a cui stato dato il nome di 'opiorfina' La scoperta della dott.ssa C.Rougeot e la notizia stata resa nota sul sito: ''Procedings of the National Academy of science''. La sua azione si esplicherebbe rinforzando e prolungando l' effetto delle encefaline, molecole naturali ad effetto antidolorifico che attivano i recettori cerebrali degli oppiacei. Fonte: Wisner A, Dufour E et al. Human Opiorphin, a natural antinociceptive modulator of opioid-dipendent pathways. PNAS 2006; DOI:10.1073/pnas.0605865103.caterina visco. Vorrei spendere qualche parola in pi riguardo la presenza nella saliva del Papilloma virus la cui presenza pu determinare l insorgere di forma neoplastiche (carcinoma spino-cellulare), o forme a rischio di metaplasie (leucoplachia, lichen orale) nel distretto della bocca, apparato di pertinenza della Odontoiatria. Appartengono alla famiglia della Papillomaviridae, sono a replicazione intracellulare; mediante la biologia molecolare se ne sono isolati 100 gentotipi (http://:hpv-lanl.web.gov). Pech il virus attecchisca necessaria la presenza di soluzioni di continuo: nel num.6 giugno 2007 della rivista Torino Medica un esauriente articolo a firma: Di Fede O.- Di Liberto C. - Panzarella V. - Termine N. - CampisiG. Settore Medicina Orale - Dip. Scienze Stomatologiche - Universit di Palermo 6000 mila le persone colpite in un anno in Italia con un tasso di mortalit a 5 anni di oltre il 70%: la prevenzione e la precoce diagnosi possono salvare molte vite: l' ottava forma tumorale pi diffusa nel mondo. Un fumatore-bevitore 20 volte pi esposto alla malattia. L Associazioni Nazionale dentisti Italiani 'ANDI' ha stabilito che il 10 ottobre 2007 nell' ambito del Mese della Prevenzione sar il 'Oral Cancer Day' Un test salivare permetter di individuare le tipologie del Papilloma virus. Studi recenti della dott.ssa Donna Mager ricercatrice del Dana-Faber Cancer Institute di Boston (USA) pubblicata sul Journal of Translational Medicine ha scoperto che dallo studio di 6 specie di batteri, presenti nella saliva, in numero aumentato nel caso del carcinoma squamoso, da tre in particolare, possibile sviluppare un test diagnostico per la ricerca del carcinoma squamoso del cavo orale; in particolare la presenza di: -- Prevotella melaninogenica -- Capnocytophaga gingivalis -- Streptococcus mitis permettono di diagnosticare l' 80% dei casi. Ogni anno quattrocentomila nuovi casi di carcinoma a cellule squamose si

registrano e la possibilt di diagnosi precoce influenza positivamente la terapia. L' esame semplice, non invasivo. La saliva una delle vie di eliminazione dei principi attivi dei farmaci dopo che questi hanno svolto il loro compito nell' organismo: ricordiamo l' acido salicilico, la chinina e l' atropina. La saliva viene inghiottita e passa nello stomaco, per cui si stabilisce una circolazione bucco-gastrica del medicamento,continua attraverso il sistema digerente e torna nella saliva attraverso il torrente sanguigno che irrora le gh. salivari. L' omeopatia prescrive che i rimedi vengano posti sotto la lingua perch la mucosa della superficie inferiore della lingua e del pavimento della bocca molto vascolarizzata: attraverso i capillari dell'area sublinguale i rimedi raggiungono la vena giugulare e la vena cava, quindi il cuore e la circolazione sistemica. La via orale passa nell' ambiente gastrico che pu gi creare delle modifiche, o addirittura inattivare il rimedio, quindi nel fegato.... Del resto anche nella medicina allopatica medicinali coronaro-dilatatori ed alcuni fans vengono prescritti per via sublinguale. Patologie delle ghiandole salivari - Cisti: - ranula una cisti da ritenzione di per cui la saliva per impedimenti nel dotto escretore non pu furiuscire - Scialoadeniti: - forme infiammatorie con componente infettiva virale come la parotite epidemica (spesso concausa di problemi alle gonadi maschili) o con componente batterica. - Scialolitiasi: - presenza di calcoli all' interno della ghiandola o nei dotti escretori - Scialoadenosi (morbo di Sjogren) La teoria attualmente pi accreditata quella autoimmunitaria, suggerita dallo stesso dr. Sjogren nei suoi ultimi lavori (1968, 1971). Il sistema immunitario riconosce come estranei alcuni antigeni "denaturalizzati" da influenze ormonali, termiche, virali, tossinfettive o altro, comportando danni organici. Colpito per lo pi il sesso femminile: essa caratterizzata da una progressiva fibrosi delle ghiandole esocrine. -- La secchezza oculare, determinata dalla mancata produzione di lacrime, responsabile di bruciore e di frequenti infezioni degli occhi; -- La carente produzione di saliva determina secchezza delle fauci, cattiva digestione e stomatiti, carie dentarie; -- La secchezza vaginale provoca dolore durante il rapporto sessuale ed infezioni sovrapposte. Nella Sindrome gli antigeni attaccati sarebbero principalmente antigeni epiteliali di acini e dotti delle ghiandole esocrine. E' presente un' anomala attivazione delle cellule immunitarie con infiltrato di linfociti T a livello salivare e un'attivazione policlonale dei linfociti B con ipergammaglobulinemia con immunocomplessi circolanti. La depressione dei linfociti T- suppressor consentirebbe l'iperattivit dei linfociti B che, in ultima analisi, determinerebbe la distruzione delle ghiandole esocrine: pertanto si manifesta localmente con secchezza delle fauci per ipoproduzione di saliva (sindrome sicca) con conseguenti carie dentarie, impossibilit alla preparazione del bolo alimentare, disfagia, secchezza delle congiuntive ed caratterizzata anche dalla presenza di manifestazioni extraghiandolari come artrite, m.di Raynaud, linfoadenopatie,

linfoma, nefriti, polmoniti interstiziali. Tipica la presenza di autoanticorpi (ANA, FR, Anti -Ro, anti-LA). All' inizio della malattia pu presentarsi la tumefazione monolaterale della parotide che diviene poi bilaterale. La diagnosi differenziale va fatta escludendo la xerostomia, neoplasie, conseguenze di radioterapia, endocrinopatie quali diabete mellito, uso di terapie antiipertensive, e parasimpaticolitiche. Gli esami diagnostici sono: - scintigrafia, - scialografia dei dotti escretori, - biopsie, - misurazione della quantit di saliva escreta nell' unit di tempo. Drosos AA, Andonopoulos AP, et al. Prevalence of Primary Sjogrens Syndrome in an elderly population. Br J Rheumatol. 1988; 27: 123-7. La saliva pu essere anche un elemento utile a diagnosticare i nostri stati d' animo: - iposecrezione = paura - ipersecrezione = attesa del cibo In Medicina Tradizionale Cinese (MTC) il sudore, le lacrime e la saliva sono considerati fra i Liquidi Chiari (Jin), che veicolano Energia Difensiva (Weiqi), verso la cute ed i muscoli. I liquidi sono prodotti dal TR-Medio, circolano velocemente in superficie assieme all'Energia Difensiva, sono sotto il controllo del Polmone (che li raffredda, abbassa, distribuisce e purifica) e del TR-Superiore (che li atomizza e li fa circolare) . Tutti i Liquidi sono sotto il controllo del Qi di Milza, Reni, Polmone e Triplice Riscaldatore (Ling Shu cap. 36), inoltre gli Jin sono controllati prevalentemente dal Grosso Intestino. La saliva fluida sotto il controllo della milza, quella densa sotto il Rene (Su Wencap. XXIII5). In gran conto era tenuta la secrezione salivare nella medicina dell' antico Egitto al tempo dei Faraoni: dallo studio del geroglifico saliva, si evince che essa era considerata la materializzazione del mondo astrale che si concretizzava e si manifestava nel mondo terreno. Per chi si diletta di astromedicina possiamo dire che, riportando, mediante le melotesie, i segni zodiacali ed i pianeti sul corpo umano, il Toro presiede alla bocca, la gola, l' alimentazione, in esso ha signoria Venere, dea dell' amore, del piacere materiale...quindi gola anche come golosit. Una nota doverosa a conclusione: fino ad oggi abbiamo sempre e solo cercato di disinfettare il cavo orale con colluttori antimicrobici, antiplacca.... finalmente si pensato di potenziare la flora batterica utile che veniva distrutta sconsideratamente ed in toto dal nostro intervento ed ora abbiamo probiotici utili a ricostituire l' omeostasi fisiologica della bocca. Dr. Emma Castagnari odontostomatologo

Bibliografia Quando le notizie provengono da siti web segnalato in corsivo. Journal of Translational Medicine. Tavole di anatomia umana Giunti (Marzocco) Firenze Traetta Luigi . Storia del riflesso condizionato dalla fisiologia alla psicologia Ed. Progedit 2006 MaciociaG. The foundation of Chinese Medicine, Churchill-Livingstone.ED 1989

Neu Jing Ling Shu (trad.Ming Wong) ed.Masson Paris 1987 Abiko Y et al. Defensins in saliva and the salivary glands. Med Electron Microsc. 2003 Dec;36(4):247-52

____________________________________________________________ No virus found in this incoming message. Checked by AVG Free Edition. Version: 7.5.503 / Virus Database: 269.16.12/1162 - Release Date: 30/11/2007 21.26