Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLX n. 149 (48.473) Città del Vaticano venerdì 3 luglio 2020
.

Preoccupazione della Santa Sede su iniziative unilaterali che potrebbero mettere ulteriormente a rischio la pace in Medio oriente In una lettera inviata al fratello Benedetto XVI

Israele rinvia Il cordoglio di Francesco


per la morte
le annessioni dei Territori
di Georg Ratzinger
TEL AVIV, 2. Il Governo israeliano lagher, segretario per i Rapporti con bilità che la sovranità israeliana ven- zioni Unite, è un elemento indispen-
ha annunciato il rinvio delle annes- gli Stati, era stato raggiunto telefoni- ga applicata unilateralmente a parte sabile affinché i due popoli possano
sioni di parte dei Territori palestine- camente da Saeb Erekat, capo nego- di dette zone, cosa che compromet- vivere fianco a fianco in due Stati,
si. Fonti dell’Esecutivo hanno reso ziatore e segretario generale dell’O r- terebbe ulteriormente il processo di con i confini internazionalmente ri-
noto che nei prossimi giorni avranno ganizzazione per la liberazione della pace». Anche in quell’occasione, la conosciuti prima del 1967».
luogo delle consultazioni con l’am- Palestina, che aveva informato la Santa Sede aveva ribadito «che il ri- La dichiarazione di applicare la
ministrazione statunitense. Forte Santa Sede «circa i recenti sviluppi spetto del diritto internazionale, e sovranità israeliana su parte dei Ter-
preoccupazione su possibili azioni nei territori palestinesi e della possi- delle rilevanti risoluzioni delle Na- ritori palestinesi sarebbe dovuta es-
unilaterali che potrebbero mettere sere stata annunciata tra ieri e oggi,
ulteriormente a rischio la ricerca del- ma, come accennato, il primo mini-
la pace fra israeliani e palestinesi, e stro israeliano Benjamin Netanyahu
la delicata situazione in Medio ha deciso di posticiparla. «Nei pros-
oriente, è stata nel frattempo espres-
simi giorni — ha fatto sapere l’ufficio
sa dal segretario di Stato, Cardinale
del premier — ci saranno ulteriori di-
Pietro Parolin. Il 30 giugno, incon-
scussioni» con l’amministrazione sta-
trando separatamente sia l’Ambascia-
trice degli Stati Uniti d’America che tunitense, depositaria del piano del
presidente, Donald Trump, sulla cui Appresa la notizia della morte Sempre uniti nell’adesione al
l’Ambasciatore dello Stato di Israele, del fratello di Benedetto XVI, Cristo risorto, sorgente di speranza
il porporato — come segnalato da un scia Israele si è mosso riguardo al
monsignor Georg Ratzinger e di pace.
comunicato della Sala stampa della controverso progetto di annessione,
— avvenuta mercoledì 1° luglio — Filialmente e fraternamente
Santa Sede — ha ribadito che lo Sta- che ha provocato forti proteste an-
Francesco ha inviato
to d’Israele e lo Stato di Palestina che in Europa.
al Papa emerito la lettera FRANCESCO
hanno il diritto di esistere e di vivere Le annessioni «accresceranno le
che pubblichiamo di seguito.
in pace e sicurezza, dentro confini minacce nei confronti di Israele», Dal Vaticano, 2 luglio 2020
riconosciuti internazionalmente. hanno scritto in una lettera gli am-
Parolin ha perciò fatto appello al- basciatori a Tel Aviv di Italia, Ger- A Sua Santità
le parti affinché si adoperino a ria- mania, Francia e Spagna. Anche il Benedetto XVI PAGINA 8
prire il cammino del negoziato diret- premier britannico, Boris Johnson, Papa emerito
to, sulla base delle rilevanti risolu- ha auspicato «da entusiasta difenso-
zioni dell’Onu, facilitato da misure re e amico di lunga data» di Israele, Lei ha avuto la delicatezza di co-
che servano a ristabilire la fiducia re- che le annessioni non vadano avanti. municarmi per primo la notizia del
ciproca e abbiano, come disse Papa
Francesco l’8 giugno 2014 nell’Invo-
Nel confermare il rinvio delle annes-
sioni, il Likud — il partito di Neta-
decesso del suo amato fratello
Mons. Georg. Desidero rinnovarLe
NOSTRE
cazione per la pace in Terra Santa,
«il coraggio per dire sì all’incontro e
nyahu — ha detto che è «necessario
avere l’appoggio pieno degli Stati
l’espressione del mio più sentito
cordoglio e della spirituale vicinan-
INFORMAZIONI
no allo scontro; sì al dialogo e no al- Uniti», mentre a Gaza e in Cisgior- za in questo momento di dolore.
la violenza; sì al negoziato e no alle dania, i palestinesi nuovamente han- Nomina
Assicuro la mia preghiera di suf-
ostilità; sì al rispetto dei patti e no no manifestato contro l’iniziativa
alle provocazioni; sì alla sincerità e Un murale contro le annessioni dipinto a Rafah (Afp)
fragio per il compianto defunto, af- di Visitatore Apostolico
israeliana. finché il Signore della vita, nella
no alla doppiezza». In quello storico Il Santo Padre ha nominato
incontro, il presidente israeliano Pe- sua bontà misericordiosa, lo intro-
duca nella patria del cielo e gli
Visitatore Apostolico per i fe-
res ed il presidente palestinese Ab- deli etiopi di Rito Alessandri-
bas erano stati invitati dal Santo Pa- conceda il premio preparato per i
fedeli servitori del Vangelo. no Ge’ez residenti negli Stati
dre in Vaticano per invocare, tutti
Uniti e Canada il Reverendo
insieme, la pace e il dialogo. Netta vittoria del sì nel referendum promosso da Putin E prego anche per Lei, Santità,
Il 20 maggio scorso, la Sala stam- invocando dal Padre, per interces- Sacerdote Tesfaye Woldema-
riam Fesuh, del clero dell’Ar-
pa della Santa Sede aveva reso noto
che l’arcivescovo Paul Richard Gal- Modificata la Costituzione della Russia sione della Beata Vergine Maria, il
sostegno della speranza cristiana e
la tenera consolazione divina.
cieparchia Metropolitana di
Addis Abeba (Etiopia).

MOSCA, 2. La Russia volta pagina e I cambiamenti costituzionali Infine, si afferma che la Russia è
dopo quasi trent’anni si avvia ad aprono la strada all’estensione del l’erede dell’Urss e si legittimano co-
Governo del presidente Putin fino
ALL’INTERNO archiviare la Costituzione post-so- sì le mire del Cremlino sullo scac-
vietica, simbolo dell’era targata
Boris Eltsin. Il referendum costitu-
al 2036, ma non solo. Alcuni emen-
damenti ridisegnano in parte le
chiere internazionale. C’è poi una
terza categoria di emendamenti che
LABORATORIO
competenze dei vari organi statali
L’Onu invita a riflettere zionale — voluto dal presidente,
aumentando di fatto i poteri del ca-
riguardano il benessere socio-eco- D OPO LA PANDEMIA
prima di condividere post sui social Vladimir Putin, per legittimare le nomico: introducono nella Costitu-
modifiche alla Carta fondamentale po dello Stato. Altri danno invece zione l’indicizzazione delle pensioni
valore costituzionale al patriottismo Conversazione con François Ost
Una “pausa” contro e consolidare per sempre la sua ere-
e ai principi conservatori promossi
e vietano che gli stipendi siano in-
le fake news dità politica — è arrivato alla sua fa-
se conclusiva, dopo una settimana
da Putin.
feriori al minimo di sussistenza, per
ora fissato a 135 euro al mese.
Beni comuni e i diritti della natura
Nella legge fondamentale dello
di voto diffuso nel Paese. Stato, inoltre, si vieta di sminuire il Riguardo l’assetto istituzionale, il
ANNA LISA ANTONUCCI A PAGINA 2
I dati vanno nella direzione indi- contributo sovietico nella lotta al capo dello Stato potrà adesso im- Un’economia della “casa comune” per riscoprire un mondo più desidera-
cata dal Cremlino: affluenza alta nazismo e di cedere ad altri Paesi porre il proprio candidato primo bile per tutti. Questa la ricetta proposta da François Ost, giurista, profes-
L’opera della Commissione Soccorsi (oltre il 64 per cento) e vittoria net- parti del territorio russo: un modo ministro anche senza sciogliere la
sore di filosofia del diritto a Bruxelles. Con lui abbiamo cercato di capire
nei documenti dell’Archivio Vaticano ta dei sì con il 77,9 per cento. Lo ri- quest’ultimo, indicano gli analisti, Duma (il Parlamento) nel caso in
quali sono le principali sfide poste dalla pandemia oggi, sul piano politi-
ferisce l’agenzia di stampa russa In- per ribadire che Mosca non intende cui questa respinga tre volte la per-
co e giuridico.
La carità di Pio XII terfax, che cita fonti dell’autorità fe- restituire all’Ucraina la Crimea, an- sona scelta dal presidente per gui-
come risposta al male derale elettorale di Mosca. nessa di fatto dalla Russia nel 2014. dare l’Esecutivo. LUCA POSSATI A PAGINA 3

PAGINA 4

L’arcivescovo di Algeri
LETTERE DAL DIRETTORE
Precedenza
alla vita umana
sull’economia l 19 giugno è uscito l’ultimo album di e fanno inorridire, che finiscono solo per ecci-

GIORDANO CONTU A PAGINA 7 I Bob Dylan, Rough and Rowdy Ways, che
sta facendo parlare molto di sé, anche
perché ha subito scalato tutte le classifiche di
tare verso la depressione o l’esaltazione smo-
data. Viene in mente la metafora usata di re-
cente dal regista Francis Ford Coppola (classe
ascolti. Qualche giorno prima il cantautore 1939, Dylan è del 1941) per esprimere la sua
San Tommaso apostolo premio Nobel ha rilasciato una lunga intervi- preoccupazione sull’attuale produzione cine-
sta al «New York Times» piena di spunti matografica: è come se l’industria farmaceuti-
Il «gemello» di ogni molto interessanti. C’è un passaggio in parti- ca producesse solo Viagra e Valium. Parole
colare che per chi opera, da cristiano, nel
uomo in cerca di Dio mondo della comunicazione, non può passare
toste. La volontà quindi è quella eccitare e, al
contrario, rassicurare, sedare. Una schizofre-
inosservato. L’intervistatore gli chiede di Lit- nia segnata da una coincidenza degli opposti.
PAGINA 8 tle Richard, il famoso cantante rock scompar- Il cinema, come la comunicazioni, insieme
so il 9 maggio scorso, molto amato da Dylan,
uniti in un’operazione di violenta manipola-
e la domanda è sul perché non si sia prestata
zione della coscienza e della sensibilità del
più attenzione alla musica gospel di questo
grande pubblico, della massa degli spettatori

racconto’
grande protagonista del panorama rock. La ri-
sposta è molto densa: «Probabilmente perché e dei destinatari dell’informazione.
Inquietante, come sempre, la parola di
y(7HA3J1*QSSKKM( +z!z!/!"!%!

la musica gospel è la musica delle buone noti-


L A PAROLA DELL ANNO zie e in questi giorni non ce n’è proprio nes- sul significato della parola “gospel” che indica maggior parte delle persone non è importan- Dylan, che pone una seria questione di re-
sponsabilità morale per chi voglia lavorare nel
suna. Le buone notizie nel mondo di oggi so- sia il genere musicale ma che significa Vange- te. Le loro vite sono vissute troppo veloce-
Il dovere del sapiente no come un fuggitivo, trattato come un teppi- lo e quindi “buona parola, buon notizia”. mente. Troppe cattive influenze. Sesso, politi- campo della comunicazione e debba al tempo
sta e messo in fuga. Castigato. Tutto quello «D’altra parte, le notizie del Vangelo sono ca e omicidio sono la strada da percorrere se stesso annunciare una, “la”, buona notizia.
Storie all’altezza che vediamo è una notizia buona a nulla. E esemplari. Possono darvi coraggio. Si può si vuole attirare l’attenzione della gente. Ci Dovrò ascoltare di nuovo il suo nuovo album
dobbiamo ringraziare l’industria dei media adattare la propria vita di conseguenza, o cer- eccita, questo è il nostro problema». e specialmente quel brano intitolato False pro-
della Storia per questo. Stimola la gente. Pettegolezzi e care di farlo, in ogni caso. E puoi farlo con Le buone notizie sono trattate come un phet, sembra che ne siamo circondati, come in
biancheria sporca. Notizie oscure che ti depri- onore e principi. Ci sono teorie, ragionamenti fuggitivo, dice Dylan, sono messe in fuga; e ogni epoca storica peraltro.
MARCO RONCONI A PAGINA 5 mono e ti fanno inorridire». Poi Dylan gioca sulla verità nella musica gospel, ma per la invece c’è l’ingorgo di notizie che deprimono A.M.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 3 luglio 2020

Le autorità sanitarie chiedono di evitare assembramenti per il 4 luglio e Trump consiglia la mascherina

Nuovo record di contagi


negli Stati Uniti
WASHINGTON, 2. Nuovo record gior- ste parole, Trump, in un’intervista a
naliero di contagi al nuovo coronavi- Fox business, ha ammesso l’impor-
rus negli Stati Uniti. Ieri sera la tanza di copririsi naso e bocca, tra le
John Hopkins University ha reso prime e più importanti misure di
noto che il Paese ha fatto registrare precauzione stabilite dall’O rganizza-
52.982 nuovi casi positivi, portando zione mondiale della sanità (Oms)
il dato complessivo a 2.682.270 con- per fronteggiare la diffusione del co-
tagiati. Il numero di morti registrate vid-19.
nelle ultime 24 ore è stato di 706 In passato spesso il presidente è
unità, per un totale di 128.028 deces- apparso poco incline a indossare la
si. mascherina, malgrado abbia sempre
La continua crescita dei casi avvie- dichiarato di essere pronto a farlo in
ne dopo che nei giorni scorsi il dot- caso di necessità. «Me la metterei se
tor Anthony Fauci, massima autorità fossi in una situazione ristretta» con
degli Stati Uniti in materia di malat- altre persone, ha affermato l’inquili-
tie infettive e figura di spicco della no della Casa Bianca, aggiungendo
task force contro il coronavirus, ha tuttavia di non aver bisogno di farlo L’Onu invita a riflettere prima di condividere post sui social
avvertito sul rischio di raggiungere i perché tutte le persone che entrano
100.000 contagi giornalieri, se i foco-
lai attuali non saranno arginati e
non si invertirà la rotta per il contra-
in contatto con lui vengono prima
testate. Alla domanda se fosse pron-
to a indossare una mascherina in
Una “pausa” contro
sto alla pandemia. «Non possiamo
concentrarci solo su quelle aree che
stanno avendo un’impennata di casi,
pubblico, Trump ha risposto di
«non aver problema» a farlo.
Ma il presidente continua a mo-
le fake news
a rischio è l’intero Paese» ha dichia- strarsi a volto scoperto, strizzando,
rato Fauci. in qualche modo, l’occhio a quella di ANNA LISA ANTONUCCI ta dall’Onu, per «Pause» sono già
Di fronte al nuovo balzo dei casi parte del suo elettorato che non stati reclutati i “primi soccorritori”
di coronavirus, che lascia presagire vuole metterla. Negli eventi pubblici ontro le false notizie che im- la cui missione è quella di contra-
l’arrivo di una seconda ondata, in al-
cuni Stati sono state reintrodotte mi-
sure restrittive, anche in vista del 4
non ha mai chiesto ai presenti di in-
dossarla e nel corso dell’intervista
non si è spinto comunque a dire che
C pazzano in rete, specialmen-
te in tempi di pandemia, le
Nazioni Unite hanno lanciato la
stare le notizie false.
Più di 10.000 persone lavorano
già per la campagna, e vanno da
luglio, festa dell’Indipendenza Usa. le mascherine dovrebbero essere ob- campagna «Pause» che invita gli alcuni investigatori in Colombia ai
Per l’occasione le autorità sanitarie bligatorie, dichiarando che in alcune utilizzatori dei social media a fer- giovani giornalisti nel Regno Uni-
nazionali hanno invitato la popola- parti degli Stati Uniti le persone marsi e riflettere prima di condivi- to, ad un numero crescente di vo-
zione a evitare gite, feste, assembra- abitano «a gran distanza» le une dere i messaggi o i post. Lo scopo lontari che aumenta ad un tasso di
menti per i tradizionali fuochi d’arti- Dipendenti di un ristorante a Inglewood, in California, prendono ordini per cibo da asporto (Afp) dalle altre. è quello di utilizzare un momento circa il 10 per cento ogni settimana,
ficio. In California, Stato con l’au- di riflessione prima di rilanciare un secondo quanto riferisce il Diparti-
mento maggiore dei contagi, il go- messaggio che potrebbe essere non mento delle Nazioni Unite per le
vernatore Gavin Newsom ha ordina- fondato, che non ha nulla a che fa- comunicazioni globali.
to a bar e ristoranti di chiudere le re con la scienza o la realtà e «che «Siamo preoccupati per i danni
loro attività all’interno e limitarsi a può impedire un dialogo sereno sul
servire i clienti solo all’esterno.
Mentre nei Balcani aumentano i casi di coronavirus causati dalla creazione deliberata e
tema di cui c’è estremo bisogno dalla circolazione di informazioni
Diverse contee nel sud dello Stato per contrastare efficacemente il co-
hanno già ordinato la chiusura delle
spiagge per il fine settimana lungo
del 4 luglio e stanno valutando
Si tratta sul Recovery fund vid-19».
Si tratta, sostiene l’Onu, di pren-
false o manipolate relative alla pan-
demia — sottolineano i rappresen-
tanti delle Nazioni Unite —. Chie-
dere le distanze, le stesse che siamo diamo ai Paesi di adottare misure
l’ipotesi di sospendere i tradizionali stati costretti ad adottare fisicamen-
spettacoli pirotecnici per evitare as- che, in modo oggettivo e nel ri-
BRUXELLES, 2. Il negoziato sul Re- seppe Conte, mentre il ministro per mento di nuovi casi. Cifre significa- te, dalle false notizie che girano sui
sembramenti. covery fund passa ufficialmente nel- gli Affari Ue, Vincenzo Amendola, tive sono state registrate in diverse spetto della libertà di espressione
social. «Uno dei metodi con cui la
Mentre negli Stati Uniti la situa- le mani della presidenza tedesca di si è recato nei Paesi Bassi, per cer- nazioni della regione, dall’Ucraina dei cittadini, contrastino la diffu-
disinformazione si propaga — ha
zione del contagio appare sempre turno dell’Unione europea, e quin- care di mantenere intatta «l’ambi- alla Bielorussia, passando per Mol- sione di queste informazioni erra-
dichiarato Melissa Fleming respon-
più drammatica, si continuano a le- di in quelle di Angela Merkel. Il zione di partenza» della proposta davia e Romania. Rimane comun- te».
sabile del Dipartimento della co-
vare voci, anche fra i repubblicani, cancelliere tedesco però già invita della Commissione. Si riapre però il que a macchia di leopardo il bilan- Anche diverse importanti società
municazione globale dell’Onu — è
affinché il presidente, Donald alla cautela, perché — afferma — le dibattito sul ripristino del Patto di cio dell’epidemia nell’Europa cen- come le persone diffondono in rete di media in tutto il mondo hanno
Trump, dia il buon esempio indos- posizioni dei governi «sono ancora stabilità, che da sempre divide l’Eu- tro-orientale e nei Balcani. In Ser- le false notizie». «L’idea della cam- iniziato a distribuire i contenuti
sando la mascherina in pubblico. molto lontane». ropa, ma le cui sorti andranno deci- bia si registrano 272 casi, con 281 pagna “Pause” è far passare il mes- della campagna «Pause» sui loro
«Sono per tutte le mascherine. Pen- Dal primo luglio è iniziato il se- se a partire dall’autunno. Il Patto di decessi. In testa alla classifica dei saggio che prima di condividere canali, online e via sms. «L’obietti-
so siano una buona cosa». Con que- mestre di presidenza della Germa- stabilità e le sue regole, che vincola- Paesi con più contagi per milione un’informazione è necessario fare vo di tutti è quello di aiutare a fer-
nia al Consiglio europeo e ora le no la spesa pubblica, sono state so- di abitanti nell’area è la Bielorussia, attenzione». Un po’ come dire mare la diffusione di informazioni
priorità di Berlino si concentreran- spese all’inizio della pandemia per quasi 6.500 casi negli ultimi giorni. «prendetevi un momento per ac- inesatte sul covid-19 sui social me-
no sulla risposta comunitaria alla permettere ai governi di sostenere Fra gli Stati più colpiti, anche la cendere il cervello». La realtà infat- dia — ha detto ancora Fleming —
crisi economica innescata dalla pan- l’economia. Merkel si dice, nel frat- Moldavia (4.028), seguita dalla Re- ti, ha aggiunto il funzionario delle ma solo le piattaforme come Face-
demia. In particolare, sul raggiun- tempo, consapevole che saranno pubblica di Macedonia del Nord Nazioni Unite, non è mai o bianca book o Twitter possono effettiva-
Messico: commando gimento di un accordo entro l’esta- «ancora necessari molti colloqui» (2.933). Alti i numeri anche in Ger- o nera e «chi comunica in maniera mente fermare la diffusione virale
te. Per i prossimi 17 e 18 luglio è, per preparare il Consiglio europeo mania, Serbia e Austria. A causa responsabile e scientifica usa i toni di notizie false».
irrompe in centro difatti, previsto un Consiglio euro- del 17 luglio. dell’andamento in ascesa, Vienna ri- del grigio». Per questo funzionari del Palaz-
peo straordinario per trovare un’in- Contestualmente, i contagi da chiude a sei Paesi dei Balcani: Bo- Per fare un esempio pratico, e al- zo di Vetro hanno avviato un dia-
per tossicodipendenti tesa. covid-19 tornano a destare preoccu- snia Erzegovina, Serbia, Albania, lo stesso tempo di grande pericolo, logo con queste aziende mentre già
Margini di trattativa vengono, pazioni nei Balcani, dopo un perio- Kosovo, Macedonia del Nord e Fleming ha sottolineato come i molte altre piattaforme social me-
Ventiquattro vittime nel frattempo, esplorati dall’Italia do di calo progressivo. Ampie aree Montenegro. Nelle ultime ore sono gruppi no vax si stiano già prepa- dia si sono impegnate a promuove-
«con un’intensa attività diplomati- relativamente risparmiate dalla pri- stati registrati 107 nuovi casi. At- rando a contestare il futuro vaccino re «Pause», raddoppiando gli sfor-
ca», fa sapere il presidente del ma ondata del virus in primavera, tualmente si contano 600 contagi, anti covid. Nell’ambito della più zi per fermare il flusso di disinfor-
CITTÀ DEL MESSICO, 2. Un attacco Consiglio dei ministri italiano Giu- sono ora all’apice in Europa per au- mentre due settimane fa erano 400. vasta campagna «Verificare» lancia- mazione.
armato avvenuto ieri in un centro di
trattamento della tossicodipendenza
a Irapuato, nello stato di Guanajua-
to, nel Messico centrale, ha causato
la morte di almeno 24 persone e il
ferimento di altre sette. Secondo la
ricostruzione del funzionario della
Sale la tensione in Etiopia per l’omicidio Guterres a colloquio con Haftar
pubblica sicurezza di Irapuato, Pe-
dro Cortés, il gruppo armato avreb- di un attivista dell’etnia Oromo Nessuna soluzione militare alla crisi libica
be costretto le vittime a sdraiarsi a
terra e poi avrebbe aperto il fuoco.
Lo stato di Guanajuato, uno dei ADDIS ABEBA, 2. Ondata di vio- pia — erano stati la colonna sono- TRIPOLI, 2. «Non esiste una solu- comandante dell’autoproclamato Il segretario generale ha aggiunto
principali centri industriali del Mes- lenze in Etiopia, dove è salito a 81 ra delle proteste che hanno provo- zione militare al conflitto in Libia». Esercito nazionale libico (Lna). Al che la soluzione «può essere solo
sico, dove operano le fabbriche dei il bilancio delle persone rimaste cato la caduta del Governo di È quanto ha ribadito il segretario centro del colloquio, gli attuali svi- politica, libica e guidata dai libici»,
principali produttori di automobili, uccise durante le proteste seguite Hailemariam Desalegn, nel 2018. generale dell’Onu, António Guter- luppi della situazione in Libia, se- sottolineando il «pieno impegno
è stato duramente colpito dalla vio- all’omicidio del cantante, Hachalu Subito dopo, il nuovo primo mini- res, durante una telefonata intercor- condo una dichiarazione pubblicata dell’Onu a dialogare nell’ambito
lenza legata alla criminalità organiz- Hundessa, simbolo dell’etnia Oro- stro Abiy Ahmed, di etnia Oromo, sa con il generale Khalifa Haftar, sul sito delle Nazioni Unite. della commissione militare congiun-
zata. Il cartello Jalisco Nueva Gene- mo. Lo rendono noto le autorità ha inaugurato una stagione di ri- ta libica 5+5». Per quanto riguarda
ración e il cartello Santa Rosa de Li- locali, precisando che tra le vitti- forme e dialogo interetnico, riu- invece gli sforzi per riavviare la pro-
ma sono attivi nello stato, dove svol- me ci sono anche tre membri delle scendo a siglare anche la pace con duzione e l’esportazione di petrolio
gono attività illecite come l’estorsio- forze speciali. I morti si riferisco- l’Eritrea, che gli è valso il premio libico, Guterres ha affermato il suo
ne, il rapimento e il furto di carbu- no alle proteste scoppiate nella re- Nobel. Malgrado ciò, lo scontento «impegno nel contribuire a trovare
rante, oltre al “consueto” traffico di gione della capitale e nella vicina fra gli Oromo ha ripreso a cresce- una soluzione per riaprire i termina-
droga. Le autorità locali il 21 giugno O romia. re. L’uccisione di Hachalu Hun- li e i giacimenti petroliferi», chiusi
scorso avevano annunciato l’arresto Diverse persone sono rimaste dessa — ha affermato Ahmed — «è da gennaio.
di 26 persone sospettate di apparte- ferite negli scontri. Distrutte anche un atto commesso e ispirato da In precedenza, Guterres ha avuto
nere al cartello di Santa Rosa de Li- molte proprietà, con negozi incen- nemici interni e stranieri per de- un colloquio telefonico anche con il
ma. La notizia ha però innescato diati. Intanto, nel Paese è stato stabilizzare la nostra pace e impe- premier libico, Fayez al-Serraj, il
azioni ritorsive come blocchi stradali chiuso internet. La polizia locale dirci di realizzare quello che ab- quale ha manifestato il suo impegno
e incendi di veicoli nelle città di Ce- ieri ha arrestato almeno 35 persone biamo iniziato a fare». Nel frat- a favore del dialogo all’interno della
laya, Salamanca e Villagrán. durante la protesta, fra cui Jawar tempo, due persone sospette sono Commissione congiunta e il suo in-
Irapuato è considerata una delle Mohammed, importante esponen- state arrestate. Ad aggravare ulte- teresse per una soluzione politica
cinque città più pericolose al mon- te politico Oromo. riormente le tensioni politiche nel basata sulle elezioni. I due hanno
do, e Guanajuato, nel 2019, è stato Hundessa, 34 anni, è stato ucci- Paese è stato, in particolare, il rin- affrontato anche la questione del
dichiarato lo stato del Messico con so a colpi di arma da fuoco, spara- vio sine die delle elezioni di fine greggio. Guterres ha poi espresso il
più omicidi intenzionali: da gennaio ti da sconosciuti, ad Addis Abeba agosto, a causa dell’emergenza co- suo «shock per la scoperta di fosse
a maggio di quest’anno sono stati lunedì notte. Le sue canzoni sui ronavirus. Intanto, in tutto il mon- comuni», affermando che l’Onu è
registrati 1.903 omicidi, praticamente diritti del popolo Oromo — il do si assiste alle proteste di citta- pronta ad assistere negli sforzi per
una media di 12 uccisioni al giorno. maggior gruppo etnico dell’Etio- dini etiopi di origine Oromo. garantire la responsabilità.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: redazione.vaticano.or@spc.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: redazione.internazionale.or@spc.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: redazione.cultura.or@spc.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria.or@spc.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: redazione.religione.or@spc.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione.or@spc.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
venerdì 3 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Contro la nuova legge sulla sicurezza


LABORATORIO «Per chi è responsabile la domanda ultima non è: come me la cavo eroicamente in quest’affare,

Proteste e arresti D OPO LA PANDEMIA ma: quale potrà essere la vita della generazione che viene» (D. Bonhoeffer)

ad Hong Kong
Conversazione con il giurista François Ost

Diritti della natura, riscoperta dei beni comuni


e un’informazione responsabile
di LUCA POSSATI sistemi di previdenza sociale, la co-
struzione dell’Europa, la decoloniz-
Un’economia della “casa comune” zazione, la governance dell’O rganiz-
per riscoprire un mondo più deside- zazione delle Nazioni Unite. Sul cli-
rabile per tutti. Questa la ricetta ma, le buone idee non mancano;
proposta da François Ost, giurista, possiamo indicare ad esempio in
professore di filosofia del diritto alla Francia il documento recentemente
Université Saint-Louis Bruxelles, au- prodotto dalla Convenzione cittadi-
tore di molti volumi dedicati all’am- na per il clima. Queste idee però
bientalismo, alla traduzione, al sen- non potranno realizzarsi se non ci
so del diritto nella società attuale. sarà la connessione tra un forte cam-
Con lui abbiamo cercato di capire biamento delle mentalità, cui l’enci-
quali sono le principali sfide poste clica Laudato si’ contribuisce enor-
dalla pandemia oggi, sul piano poli- memente, e un reale movimento po-
HONG KONG, 2. Mentre ad Hong to gas lacrimogeni, cannoni ad ac-
tico e giuridico. E soprattutto quali polare; la mobilitazione dei giovani
Kong proseguono gli scontri di qua e spray urticante.
sono le prospettive del “dopo” che e il loro desiderio di un cambiamen-
piazza, già circa 400 gli arresti, ne- Proteste amplificate dalla ricor- to immediato dello stile di vita sono
egli vede all’orizzonte di un mondo
gli Stati Uniti passa al vaglio del renza, proprio ieri, del 23° anniver- sempre più dominato dalla violenza segnali incoraggianti a tal proposito.
Senato la proposta che autorizza sario del ritorno di Hong Kong e dalla paura. Al cuore di questa trasformazione
sanzioni contro le banche che fanno sotto la sovranità di Pechino. «È un deve esserci l’idea di responsabilità,
affari con i funzionari cinesi coin- giorno di grande significato stori- La pandemia trasforma il mondo che che è al crocevia tra l’ispirazione eti-
volti nella nuova legge per la sicu- co», ha commentato, invece, il capo conoscevamo. Lei crede che le misure ca, la pratica politica e la tecnica
rezza nazionale nella ex colonia bri- Esecutivo dell’ex colonia britannica, prese dai governi per far fronte alla giuridica. La posta in gioco deve es-
tannica. Legge che, però, non sem- Carrie Lam, in occasione del tradi- crisi sanitaria avranno un’incidenza sere quella di trasformare le molte
bra preoccupare la Borsa, che ha zionale alzabandiera commemorati- sui programmi per la protezione dichiarazioni di responsabilità limi-
aperto stamane in rialzo. vo. «Si tratta di un punto di svolta dell’ambiente? La pandemia è l’occasio- tata, che spesso conducono a una ir-
Ieri, poche ore dopo l’entrata in per portare Hong Kong fuori ne giusta per trasformare i nostri siste- responsabilità illimitata, in una reale
vigore della nuova norma, migliaia dall’impasse attuale e per ripristina- mi di produzione e renderli più rispet- assunzione di responsabilità in ter-
di persone si sono riversate a Cau- re la stabilità e l’ordine», ha dichia- tosi dell’ambiente? mini giuridici.
seway Bay e Wan Chai, sfidando i rato Lam. L’Ordine degli avvocati
È possibile mostrare che esiste un
divieti a manifestare e le nuove, pe- ha però messo in guardia dal peri- I diritti della natura sono uno dei suoi
forte legame strutturale tra la crisi relative ai diritti. La natura è accet- un passo nella buona direzione. La
santi sanzioni previste. Per disper- colo di perdita dell’autonomia giu- temi di ricerca privilegiati. Come ripen-
ambientale e la crisi sanitaria del co- tata come un interlocutore vero, una
dere i manifestanti, gli agenti in as- diziaria e delle libertà finora garan- sare questa nozione alla luce della capacità di tassazione è sempre stata
vid-19, e questo soprattutto a causa persona autentica.
setto antisommossa hanno utilizza- tite. pandemia? una delle principali prerogative dei
della coabitazione non naturale tra
Poco tempo fa era ancora un te- poteri pubblici nella storia; poiché
umani e animali selvaggi, e anche a Il tema del rispetto della “casa comu-
causa dell’intensificazione massiccia ma marginale ed esotico. La riven- oggi la società è sempre più mon-
ne” è particolarmente caro a Papa dializzata, è necessario che la gover-
degli spostamenti sul pianeta. Ideal- dicazione della personalizzazione Francesco. Che lezione possiamo trarre
mente, si potrebbe dunque credere della natura e il riconoscimento dei nance, a cominciare dalle forme di
dalla «Laudato si’», secondo lei, per tassazione, cambi anch’essa. L’alter-
Almeno 113 morti che le risposte alla crisi sanitaria diritti ai suoi componenti conosce far fronte alla crisi attuale? In altri
debbano anche favorire la lotta in oggi un’ascesa spettacolare, soprat- nativa è la guerra di tutti contro tut-
termini, il capitalismo occidentale è og- ti. L’economia neo-liberale parlava
favore dell’ambiente. Ma temo che tutto con importanti consacrazioni
Frana in una miniera questo argomento non regga. Se i
governi hanno reagito in modo così
in Nuova Zelanda e Colombia. In
passato ho a lungo combattuto que-
gi di fronte a una sfida senza prece-
denti: come cambierà?
Il tema della “casa comune” trova
di “tragedia dei beni comuni”, per
cui tutto quel che è gestito in comu-
forte e le popolazioni si sono gene- sta idea pensando che la natura ne è destinato a distruggersi; l’attua-
di giada in Myanmar ralmente ben adattate a misure tanto
restrittive delle nostre libertà, questo
considerata come “soggetto” non ci
facesse in realtà uscire dal dualismo
un prolungamento diretto nella no-
zione giuridica di “beni comuni”,
lità però dimostra il contrario, alme-
no in certi settori vitali.
è avvenuto, mi sembra, per tre ra- classico il cui altro polo è la natura oggi sottolineato da molti giuristi.
gioni molto lontane dalla virtù am- “oggetto”, quella che sfruttiamo a Come nella vecchia nozione di “pa- La pandemia pone anche un altro pro-
NAYPYIDAW, 2. Tragedia in Myan- che le conseguenze possano essere bientalista: erano in gioco la nostra oltranza. Preferivo un modello più trimonio”, si tratta di accordare uno blema: quello della buona informazio-
mar. Sono almeno 113 i morti per molto più gravi. salute e la nostra sopravvivenza, un dialettico; la natura pensata come statuto particolare a risorse che sono ne. Lei crede che il mondo post-pande-
una frana che ha colpito una minie- La regione è stata teatro nel 2016 pericolo vicino, immediato e concre- un “progetto” che implica una gran- il prolungamento o la condizione mico sarà un mondo più cosciente della
ra di giada nella regione di di un’altra grave frana in una mi- to; tutti erano ugualmente minaccia- de responsabilità, pur preservando della personalità umana; delle risor- distinzione tra buona e cattiva infor-
Hpakant, nel nord del Paese asiati- niera costata la vita a 116 persone. se preziose, di cui è permesso di mazione?
co. Lo riferisce il dipartimento dei Decine di minatori muoiono ogni consumare i frutti, ma di cui anche
vigili del fuoco. anno nelle miniere di giada, alta- bisogna trasmettere il “capitale”. Ad Le fake news, il complottismo e il
I minatori sono stati travolti da mente redditizie, ma con scarse e esempio, l’Antartico, i grandi fonda- cattivo storytelling creavano scompi-
un’ondata di fango che ha invaso la inadeguate misure di sicurezza. li marini, ma anche tutto quel che glio già prima dell’epidemia di co-
miniera dopo le forti piogge. In queste miniere spesso vengo- decidiamo di sottrarre al diritto di vid-19. Basti pensare a tutti i discor-
no impiegati migranti a basso red- dilapidare e distruggere, che è anco- si degli scettici sul cambiamento cli-
Discordanti le notizie sui soccor-
dito e comunità etniche povere per ra un attributo della proprietà. Pen- matico. Ne conosciamo la causa
si, che sarebbero ancora in corso
estrarre la preziosa gemma. so soprattutto alle risorse naturali principale: il predominio dei social
per portare in salvo eventuali so- che sono oggetto dell’“uso civico” in
Lo stato di Kachin si trova al network fa sì che le persone si infor-
pravvissuti nella miniera situata nel confine con la Cina. I minatori cer- Italia (legge del 20 novembre 2017). mino cercando soprattutto di trovare
villaggio di Sate Mu, nella munici- cavano le pietre preziose in terreni Con la nozione di “beni comuni” conforto alle loro paure, soddisfazio-
palità di Hpakant, stato di Kachin. montuosi già indeboliti da prece- l’accento quindi si sposta dalla ap- ne per i loro desideri e fantasmi, e
Fonti di polizia, citate dai media denti scavi. propriazione esclusiva all’uso e alla questo su siti che confermano i loro
locali, sostengono invece che le Il commercio di giada nel Paese gestione collettiva. Possiamo pensa- pregiudizi. Questo fenomeno è stret-
operazioni sono state sospese a cau- del sudest asiatico vale più di trenta re all’open source in materia culturale
tamente legato alla perdita di credi-
sa del maltempo. I feriti sarebbero miliardi di dollari all’anno. e all’economia collaborativa delle
bilità delle istanze ufficiali della pro-
decine e non c’è chiarezza sul nu- A Hpakant, in particolare, si tro- enciclopedie come Wikipedia, ma
anche, in materia naturale, alla ge- duzione del sapere dovuta a interes-
mero dei dispersi, che potrebbe es- va la più grande miniera di giada
stione collettiva delle zone di pesca, si finanziari e/o geopolitici. È dun-
sere intorno ai 200. Si teme, quindi, del mondo. que un compito politico essenziale
delle foreste e di molte altre risorse
come quelle studiate dal premio No- quello di realizzare meccanismi di
bel per l’economia E. Ostrom. critica dell’informazione. Questo si-
L’economia dei “beni comuni” espri- gnifica: educazione ai media, regola-
me dunque la solidarietà del vivente mentazione dei social, siti di discus-
Usa, giudice La polizia di cui parlavamo prima; essa genera
pratiche generative più che predatri-
sione pubblica delle affermazioni dei
politici. Questa etica della semplice
blocca di Seattle ci ed estrattive. Essa insiste sul fare
più che sull’avere e dona un senso a
fattualità è essenziale, ma non è ab-
bastanza. Bisogna essere coscienti
le limitazioni sgombera molte delle nostre pratiche quotidia-
ne: produzione, consumo, sposta-
del fatto che l’essere umano, essen-
do in primo luogo un essere di im-
per richiedenti asilo la Chop zone mento, tempo libero, eccetera. Noto
anche che questo tipo di economia
maginazione, un homo fabulans, è
spinto ad accordare la sua preferen-
dei “beni comuni” è la faccia opera- za anzitutto a una credenza e non a
WASHINGTON, 2. Il giudice della WASHINGTON, 2. Almeno 32 per- ti, anche i dirigenti e i privilegiati; la specificità della condizione degli tiva della personalità della natura un fatto, a un racconto piuttosto che
Corte distrettuale del Distretto di sone sono state arrestate a Seat- infine, la propagazione del virus è umani responsabili. Oggi confesso poiché ci rendiamo conto che que- a una dimostrazione. Non potendo
Columbia (Washington), Timothy tle dopo che, su ordine del sin- stata fulminea, anche se la sua letali- che sono molto meno reticente ri- st’ultima si realizza concretamente verificare da soli e subito l’essenziale
Kelly, ha annullato la decisione daco, Jenny Durkan, la polizia tà non era poi così eccezionale. La spetto a questa idea di una persona- soltanto attraverso pratiche collabo- dell’informazione, siamo inclini a
dell’amministrazione Trump che ha dato il via alle operazioni di “crisi”, nel doppio senso di prova e lizzazione della natura e quindi il rative di coloro che occupano questi credere a quel che meglio corrispon-
di scelta, ci pone di fronte a un’al- conferimento ad essa e ai suoi com- spazi.
impone ai migranti che cercano di sgombero della Chop zone, la de ai nostri pregiudizi e fantasmi.
entrare negli Stati Uniti di chiedere cosiddetta zona autonoma della ternativa: la continuazione del mon- ponenti di specifici diritti. Questo Questo vale anche per gli scienziati;
do di prima, leggermente modifica- soprattutto per ragioni pragmatiche: Ci può dare un esempio concreto di
prima asilo nei paesi che attraversa- città, istituita nelle settimane questo modello economico? le ricerche non sono mai neutrali.
no mentre si recano al confine me- scorse vicino al Congresso dai to, ad esempio nel senso di una rilo- è un’idea che dà molti risultati sul Con Habermas, dobbiamo ricono-
ridionale. manifestanti, che protestavano calizzazione della produzione delle piano della ricerca. Tuttavia, an- Questo paradigma dei “beni co- scere che la scienza persegue diversi
Secondo il giudice, nominato per l’uccisione di George Floyd, medicine essenziali e la rivalorizza- ch’essa pone dei problemi: i diritti muni” dovrebbe essere applicato “interessi di conoscenza”; al minimo
dallo stesso Trump, la Casa Bianca contro il razzismo e la brutalità zione degli “invisibili” riscoperti in della natura e dei suoi componenti concretamente allo statuto delle me- un interesse “tecnico” e un interesse
questa occasione: il personale sanita- possono sempre entrare in conflitto dicine essenziali che occorrerebbe
ha dichiarato che il divieto, che è della polizia. “emancipatorio”. Se questo è vero,
rio, gli assistenti a domicilio, eccete- con quelli degli esseri umani. Inol- sottrarre alla logica privatistica dei
stato pubblicato il 16 luglio 2019, I fermi sono avvenuti per il allora una nuova priorità s’impone,
ra; oppure, la scelta di cambiare pa- tre, le azioni in giustizia della natu- brevetti. Ad esempio, questo do-
senza un tipico periodo di preavvi- mancato rispetto dell’ordine di accanto alla critica dell’informazione
radigma. A sostegno della prima ra dovranno sempre essere compiute vrebbe accadere con il futuro vacci-
so, non ha rispettato la legge sulla disperdersi, resistenza e assalto a di cui parlavo prima. Questa nuova
ipotesi, è molto probabile che la cri- da uomini e donne, e anche questo no contro il covid-19. Certo, non bi-
procedura amministrativa che disci- pubblico ufficiale, e detenzione si economica che si annuncia (falli- pone dei problemi. Vorrei sottoli- priorità è la produzione di uno sto-
sogna scoraggiare lo spirito di im-
plina le modalità di attuazione del- illegale di armi. Tramite l’ac- menti a catena, perdite di lavori, ab- neare il pericolo di esacerbare la lo- presa. Occorre invece colpire il capi- rytelling che dia senso alla nostra
le regole da parte delle agenzie, count Twitter, la polizia ha di- bassamento del potere di acquisto) gica individualista soggiacente alla talismo finanziario che ne deforma epoca. Abbiamo bisogno di racconti
«promulgando illegittimamente» la chiarato che il fine dell’operazio- susciti una reazione limitata: le rivendicazione di diritti soggettivi; lo spirito trasformandolo in una lo- che siano capaci di affrontare le
norma senza dimostrare che era ne è stato quello di proteggere la preoccupazioni della fine del mese quando leggiamo attentamente i te- gica di accaparramento suicida. A paure collettive evocando prospetti-
nell’interesse pubblico, per bypassa- popolazione: «Da quando sono avranno la meglio sulle preoccupa- sti dei pensatori sudamericani della tal proposito, i governi dovrebbero ve solidali, esigenti e mobilizzatrici.
re l’Administrative Procedure Act. iniziate le dimostrazioni nell’area zioni della fine del mondo. A soste- Pachamama (dea della fertilità vene- velocemente dotarsi di una forma di Delle prospettive che rendano que-
Il Dipartimento di giustizia ha di- dell’East Precinct, l’8 giugno — si gno dell’ipotesi ottimista, invece, si rata da indigeni andini, ndr) ci si prelievo fiscale in grado di combat- sto mondo desiderabile al prezzo di
chiarato che la sentenza del giudice legge nel tweet — due adolescenti può ricordare che all’indomani della accorge che le idee centrali sono tere il capitalismo finanziario; una sacrifici importanti e di uno stravol-
è basata su rivendicazioni procedu- sono stati uccisi ed altre persone seconda guerra mondiale c’è stata quelle della solidarietà del vivente, tassa globale sulle “gafa” (le grandi gimento dei nostri modi di vita. Un
rali e non sulla sostanza della poli- sono rimaste gravemente ferite una grande ondata di idee nuove e dell’armonia delle creature, così co- aziende tecnologiche, ndr) e sulle testo come la Laudato si’ risponde
tica. durante sparatorie notturne». generose, come l’organizzazione di me i doveri e le responsabilità cor- transazioni finanziarie sarebbe già proprio a questa esigenza.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 3 luglio 2020

L’opera della Commissione Soccorsi (1939-1958) nei documenti dell’Archivio Vaticano

La carità di Pio XII


come risposta al male
molteplici associazioni e comitati in- gnazione di fondi per costruire nuo- tutela e conservazione del patrimo-
ternazionali. I principali interlocuto- ve chiese e oratori, la concessione di nio documentario per garantire la
ri della Commissione Soccorsi erano libri ai seminari, carceri e ospedali, e salvaguardia della verità storica. Co-
comunque i nunzi, i delegati aposto- l’assegnazione di messe, stoffe e tala- sì si esprimeva lo stesso Montini in
lici e i vescovi, i quali svolgevano ri al clero italiano bisognoso. Ogni un appunto, lucido e lungimirante,
anche il ruolo di esecutori materiali intervento di soccorso era ispirato e del 20 gennaio 1945 al suo collabora-
dell’opera benefica dell’ufficio. Di alimentato dalla profonda e nel con- tore Brini: «Mi pare sempre che toc-
essi si possono leggere rapporti di- tempo riservata generosità di Papa chi a noi promuovere una raccolta
plomatici, relazioni sui campi di pri- Pacelli ed era elargito a tutti senza della documentazione spirituale del-
gionia, dettagliati promemoria sulle differenze di religione, stato sociale la guerra. Chi vi pensa? Domani
condizioni politiche, religiose, sani- e provenienza geografica. una letteratura ansiosa e arbitraria
tarie delle città, soprattutto italiane
distrutte dai bombardamenti.
Interessanti sono pure le carte re-
lative alle cronache di guerra con re- «Mi pare sempre che tocchi a noi promuovere
soconti di violenze e saccheggi subiti una raccolta della documentazione spirituale della guerra
dalle popolazioni civili, quelle ri-
guardanti le trattative con i comandi — scrive Montini nel gennaio del 1945 —
militari di entrambi gli schieramenti Chi vi pensa? Domani una letteratura arbitraria
per la dichiarazione di “città aperte”
Presentazione di richieste di soccorso
o “città ospedaliere” e per la salva- darà al dramma ogni più losca interpretazione»
guardia di località, opere d’arte e in-
l 2 marzo 2020 è stata aperta I volumi, aperti da un’introduzio- delle varie attività caritative del Papa signi monumenti minacciati dai

I alla libera consultazione degli ne che ricostruisce la storia della indussero Montini, il 12 novembre combattimenti.
studiosi la documentazione Commissione dalle sue origini trac- 1941, a invitare ufficialmente i monsi- Un aspetto che si evince dalla let- L’inventario descrive l’archivio darà al grande dramma ogni più
archivistica attinente al ponti- ciando il processo di formazione gnori Paolo Giobbe, Carlo Chiarlo, tura dei volumi è l’assistenza offerta suddiviso in sei sezioni originarie strana e losca interpretazione; le pa-
ficato di Pio XII (marzo 1939 dell’archivio, presentano nel corpo Antonio Riberi e Luigi Centoz «a dalla Commissione ai profughi e ai classificate in Italiani, Stranieri, Raz- gine vere, buone, pie, salutari, moni-
- ottobre 1958) custodita negli archi- centrale un’analitica descrizione del- dare la loro opera a questa Commis- rifugiati in Italia in generale, e in za, Varia, 1949, 1950, per un totale di trici, di questa storia saranno ignora-
vi storici della Santa Sede. L’evento le singole pratiche trattate dall’uffi- sione per i Soccorsi» con l’aiuto di particolare agli studenti e ai semina- 586 unità archivistiche che contengo- te, perché disperse… noi che sappia-
era stato già annunciato da Papa cio, e sono corredati da un prospetto don Mario Brini come segretario; a risti. Essa, inoltre, riceveva molte ri- no la documentazione sistemata in mo esser la storia una vicenda prov-
Francesco il 4 marzo 2019 durante numerico iniziale e da un circostan- essi in seguito si aggiunsero i monsi- chieste di aiuto per espatriare verso fascicoli. videnziale, che cosa facciamo per
un’udienza concessa agli officiali ziato indice dei nomi e dei luoghi, gnori Clemente Micara, Ettore Feli- paesi neutrali quali la Spagna, il Certamente questi volumi dei Col- raccogliere i più genuini frammenti
dell’Archivio Apostolico Vaticano ri- consultabile, come indicato, online ci, Filippo Cortesi, Gustavo Testa, Portogallo e l’America Latina, e coa- lectanea Archivi Vaticani offrono alla del suo significato spirituale? E non
cevuti nella sala Clementina del Pa- sul sito dello stesso Archivio Aposto- Angelo Rotta, Gennaro Verolino, diuvata dalla nunziatura in Svizzera comunità scientifica numerosi e di- sarebbe bello che proprio vicino al
lazzo apostolico. Nel cospicuo mate- lico Vaticano. Egano Righi Lambertini, Lino Zani- metteva a disposizione ingenti som- versi spunti di indagine storica per grande Pastore delle anime queste
ni, Giuseppe Micossi, Alfredo Zan- me di denaro per far ottenere visti di la possibilità di approfondire e spie- testimonianze avessero paziente ed
chi, Giuseppe Caprio, Paolino Li- transito e assistere gli esuli. Molte gare aspetti ancora poco o parzial- accurato rifugio? Non riusciremo a
mongi, Renato Ausiello Lanteri, pratiche raccontano l’opera di me- mente conosciuti di quei difficili an- fare tutto, e forse nemmeno molto;
L’ufficio comincia la sua funzione nel settembre 1939 Giovanni Battista Scapinelli di Lé- diazione svolta dalla Commissione ni e testimoniano l’importanza della ma qualche cosa, perché no?».
quando iniziarono a giungere alla Santa Sede guigno, Emilio Rossi, Francesco Soccorsi tra le popola-
Cherubini. Accanto a questi prelati zioni emigrate e i loro
richieste di aiuto da parte della popolazione polacca di solida preparazione e provata connazionali rimasti
prima vittima del conflitto che in poco tempo esperienza diplomatica lavoravano nei paesi colpiti dal
anche gli addetti e gli impiegati del- conflitto. Numerosa
dilagò in molti altri Paesi di tutti i continenti la Segreteria di Stato sotto la vigile e documentazione è de-
quotidiana supervisione del sostituto dicata ai problemi del
Montini, il quale il 21 dicembre 1949 dopoguerra, come l’as-
così si complimentava: «Vedo molto sistenza alle grandi
riale documentario reso oggi dispo- L’ufficio comincia la sua funzione lavoro e bene eseguito. Mi congratu- masse di sfollati, il ri-
nibile alle ricerche storiche dall’Ar- nel settembre 1939, quando iniziaro- lo, e raccomando di non stancarsi!». spetto delle vittime e
chivio Apostolico, le carte della no a giungere alla Santa Sede richie- Dalla lettura dei documenti de- dei cimiteri di guerra,
Commissione Soccorsi spiccano per ste di aiuto da parte della popola- scritti nell’inventario emerge che la la derequisizione di
la loro vasta consistenza, l’estensione zione polacca, prima vittima del finalità essenziale di questo ufficio istituti, case, strutture
era la distribuzione dei “soccorsi”, religiose e laiche, la
cronologica compresa, la ricchezza e conflitto che in poco tempo dilagò
ovvero di contributi in denaro ma trasformazione delle
varietà di argomenti trattati. in molti altri paesi di tutti i conti-
anche di aiuti materiali in medicina- funzioni della Pontifi-
Di esse, nella collana dei Collecta- nenti. Subito, all’interno della secon- cia Commissione assi-
li, alimenti, indumenti, libri, oggetti
nea Archivi Vaticani, è stato da poco da sezione degli Affari Ordinari del- di uso personale destinati alle popo- stenza, l’appello in fa-
pubblicato l’inventario in due volu- la Segreteria di Stato, si riunì spon- lazioni civili colpite dalla guerra e ai vore dell’infanzia ab-
minosi tomi (L’Archivio della Com- taneamente un gruppo di prelati reclusi nei campi di prigionia sparsi bandonata, la distribu-
missione Soccorsi (1939-1958). Inven- coordinato da monsignor Giovanni in tutto il mondo. Per fare questo la zione di medicinali,
tario, I-II, a cura di Francesca Di Battista Montini, allora sostituto, i Commissione si avvaleva della coo- l’erogazione di sussidi
Giovanni e Giuseppina Roselli, Cit- quali cominciarono a occuparsi delle perazione diretta o indiretta della per la costruzione di
tà del Vaticano, Archivio Apostolico domande e delle istanze di aiuto e Croce rossa, della Pontificia Com- orfanotrofi, asili nido,
Vaticano, 2019, pagine XXVII, 2132, soccorso presentate sia da privati che missione assistenza, dell’Ente per la villaggi del fanciullo,
euro 65); il terzo volume, che contie- da enti ed istituzioni. distribuzione dei soccorsi in Italia, abitazioni per i senza-
ne l’Indice di nomi, è solo in forma- Le accresciute esigenze burocrati- dell’Opera nazionale assistenza reli- tetto, l’allestimento
to elettronico e può essere scaricato che determinate dal moltiplicarsi giosa e morale agli operai, dell’O pe- dei refettori del Papa,
gratuitamente dal sito dell’Archivio delle richieste e la necessità di rego- ra San Raffaele dei padri Pallottini, l’organizzazione di co-
Smistamento e invio di libri destinati a prigionieri di guerra dalla sede centrale romana di Piazza S. Agostino
Vaticano. lamentare un organo coordinatore delle varie Caritas nazionali e di lonie estive e l’asse-

di SILVIA GUIDI L’esperienza dell’amore nella poesia di Enrico Nicolò sai, ed è incompatibile con la nostra osses-
sione per il controllo. L’esperienza dell’amo-

«F
uggevole turchese» la chiamava lo
scrittore noir Andrea Pinketts:
una bellezza (con la b maiuscola
Il coraggio del volo re rende vulnerabili, apre una ferita che non
si rimargina, una domanda che neanche la
presenza fisica della persona amata riesce a
o minuscola poco importa) inaspettata che colmare: «Se per un attimo mi guardassi /
passa, brucia il cuore, lo segna per sempre non potrei soffrire la tua assenza» (Non fe-
con il suo mistero inesplicabile, e se ne va rirmi con la tua presenza). Ma quando tutto
senza avvertire, come senza preavviso era ar- sparisce, non c’è traccia di ironia, nei versi di abbassato le chiuse della diga; «Ghiaia e pie- con una qualsiasi forma di espressione arti- sembra avviarsi verso un cupio dissolvi senza
Nicolò. trisco / e sabbia / Ma infiltrazioni ovunque stica) il lavoro per gettare «il ponte», come
rivata. Di «fuggevole turchese» sono piene
Quello che sembrava in grado di aprire / al suono dei tuoi passi». Come nelle cele- scrive Victor Hugo in una sua famosa poe-
le fotografie di Enrico Nicolò, anche (e forse
un varco, si rivela improvvisamente, effimero berrime Forse un mattino andando e In limine sia, a centinaia e migliaia di arcate tra la
soprattutto) quando sono in bianco e nero:
momenti “perfetti” catturati in uno scatto,
«come soffioni al primo vento». Si chiude di Eugenio Montale, anche per l’autore della sponda umana e la stella lontana. La ricerca incessante si declina
sullo spiraglio di luce intravisto, torna l’opa- raccolta la realtà è una misteriosa “finzione” Osa perfino usare il termine “fatale”, l’au-
promemoria di un’armonia misteriosa desti-
cità del reale, la coltre dell’abitudine che de- da cui fuggire per mezzo di un varco, «una tore del volume A sera prenderò per te una nel ritmo dei versi
nata a svanire, lasciando però dietro di sé
una scia di domande, una richiesta pressante
posita la sua polvere su tutto: «Con me, maglia rotta nella rete / che ci stringe» (In stella; una parola impegnativa, ma da inten- in attesa di un’illuminazione
vecchi attrezzi per il volo». Echi «che non limine). dere nel senso letterale di “che ha a che fare
di significato. La ricerca, la domanda incessante («Il col fato”, con il destino, con lo svelamento tanto folgorante quanto passeggera:
«Solo seguo le lamelle diffuse / ed entro varco è qui? La casa dei doganieri») si decli- del significato di tutto. alberi, case e colli proiettati
nella bruma lucente / fendendo la caligine na nella cadenza dei versi, in attesa di un’il- Il luogo comune del safe love così comune
sospesa» scrive Nicolò, stavolta scegliendo la La donna torna a essere luminazione tanto folgorante quanto passeg- e dato per scontato nella nostra epoca, si come su uno schermo
forma della parola scritta, e l’austero bianco gera: alberi, case e colli proiettati come su svela per quello che è, una contraddizione in
e nero delle parole nelle pagine di A sera icona di bellezza nella sua visibile uno schermo. Continua così per il poeta (e termini. L’amore autentico è “pericoloso”
prenderò per te una stella. Poesie, canti, ballate manifestazione suprema per il fotografo, e per chiunque “combatta” per definizione, perché ti porta dove non
(Modena, Palombi editore, 2020, pagine 127, redenzione, ecco affacciarsi la possibilità di
euro 14). In copertina, una donna vista di
E l’autore configura intenzionalmente una salvezza in precedenza solo intravista.
spalle che guarda fuori dalla finestra mentre cadenze di ballate Una luce radiosa che conduce alla certez-
si lega i capelli con un fermaglio, con un ge- za di una rinascita e di un riscatto dalla sof-
e di danze popolari ferenza, forte di quella fiducia che sgorga
sto semplice, domestico, ma carico di fasci-
no; messaggera inconsapevole della profon- dalle sorgenti stesse della vita.
dità misteriosa del reale. I desideri ci portano dove non sappiamo,
«La tua presenza mi ha donato le vele» ma sono anche una segnaletica che indica
tornano / rimbalzi che non avvengono / ri-
scrive l’autore in Quando; grazie all’esperien- la strada, che promette la gioia di un appro-
flessi che affievoliscono e muoiono / repli-
za dell’amore, della vita condivisa, «di paro- che che non sorgono / ritorni che non acca- do. «Fino ad oggi nessuno ha visto gli
le ho caricato la mia flotta». La donna torna dono». uccelli migratori dirigersi verso sfere più
ad essere icona di bellezza, nella sua visibile Le incombenze della quotidianità incalza- calde che non esistono — scrive Karen
manifestazione suprema e Nicolò «non ha no, sempre uguali e apparentemente senza Blixen in un bellissimo passaggio del
paura di configurare intenzionalmente, qua e senso, e il ritmo si fa concitato: «Suonano suo Capricci del destino — o fiumi dirottare
là perfino cadenze di danza popolare, di alla porta / ci sono altre cose da fare»; attraverso rocce e pianure per correre in un
ballata medievale e di canto stilnovistico» «Scusi quanto c’è per la prossima fermata?». oceano che non può essere trovato. Perché
come nota l’editore nella prefazione «registri La spaccatura che si allarga improvvisamente Dio non crea un desiderio o una speranza
e ritmi questi sovente sostenuti dall’uso di tra chi si ama è più esplicita in Guardo i tuoi senza aver pronta una realtà che la esaudi-
ritornelli e da una particolare ricerca iterati- occhi; «Ma il battito di ciglia / che modula il sca. Il nostro desiderio è la nostra certezza, e
va della rima, anche in chiave vagamente tuo sguardo / mi svela in codice il tuo ad- beati siano i nostalgici perché torneranno a
ironica». Ma quando la “luce” delle cose dio». Lasciando il passo alla nostalgia in Ho Un particolare della copertina del libro fotografico «Sull’orlo dell’infinito» di Enrico Nicolò casa».
venerdì 3 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

ra cconto
LA PAROLA DELL’ANNO
«Desidero dedicare il Messaggio di quest’anno al tema della narrazione
perché credo che per non smarrirci abbiamo bisogno di respirare la verità delle storie buone:
storie che edifichino, non che distruggano;
storie che aiutino a ritrovare le radici e la forza per andare avanti insieme»
(Papa Francesco per la giornata delle comunicazioni sociali 2020)

Il dovere del sapiente

Storie all’altezza
della Storia
di MARCO RONCONI to è vanità» o «nulla di nuovo sotto il so-
le» non sono il problema da risolvere, ma il
umanità merita rac- luogo da abitare (anche «tuo padre era un

«L’ conti alla sua altez-


za», scrive il Papa
nel suo Messaggio
per la 54a Giornata
per le comunicazioni sociali. Non sembri
una domanda oziosa, ma qual è il livello di
altezza dell’umanità? L’essere umano può
arameo errante» e «io sono il Signore tuo
Dio», a dire il vero, sono dati e non pro-
blemi, ma lasciamo stare). Dato che la real-
tà è ambigua e complessa, i sapienti, di
preferenza, raccontano: «Meglio essere in
due che uno solo (...) Infatti, se cadono,
l’uno rialza l’altro» (Qoelet 4, 10). Non è né
sprofondare negli abissi di perdizione più giusto né sbagliato, è semplicemente così.
profondi — lo ha fatto, lo ricordiamo e lo Nei racconti dei sapienti ci sono uomini
raccontiamo — oppure può innalzarsi ai cie- giusti che diventano ciechi per il capriccio
li più alti. Ci sono casi di ascese e precipizi — anche un po’ umiliante — di uccelli sui
nella stessa biografia, nella stessa memoria, rami, mali che si accaniscono su spose in-
nello stesso racconto, pure tra quelli men- nocenti, pellegrini accompagnati da ange-
zionati come esemplari dal Papa nel Mes- li… insomma c’è un po’ di tutto. Certo, di
saggio, senza contare le moltissime vie di fronte alle realtà più spigolose, il sapiente
mezzo. Se «l’umanità merita racconti alla combatte, si ribella, giudica, benedicendo e
sua altezza», la questione degli strumenti di anche maledicendo. Se non può fare altro,
misurazione diventa seria. Il Papa, sempre anche definendo e insegnando. Ma non è
nello stesso Messaggio, ne propone tre, an- mai l’unica possibilità, come per lo stolto. Antonio de Pereda, «Allegoria della vanità» (1634)
zi quattro perché l’ultimo è doppio: uno Di fronte alla realtà, a volte si può solo ac-
sguardo sapienziale sull’umanità; il corag- cettarne i misteri e limitarsi a nominarli:
gio di combattere il male e la menzogna; la «Tre cose sono troppo ardue per me, anzi to è esattamente la reazione che ognuno inaspettata e della tradizione ricevuta, ri-
pazienza e il discernimento per cucire le fe- quattro che non comprendo affatto: la via dovrebbe meritarsi quando pone la sua schiando per la sua parte, affidandosi dove Il compito della letteratura
rite e non confondersi. In realtà ce ne sa- dell’aquila nel cielo, la via del serpente sul- bocca al servizio degli empi. Nelle storie e non può fare altro, un passo alla volta. Pa-
rebbe un quinto, ma lo terrei per il finale. la roccia, la via della nave nell’alto mare, la
via dell’uomo in una giovane donna» (Pro-
nelle parole non c’è solo una luce che rive-
la, ma anche un’ombra che copre. A volte
zienza e discernimento hanno il ritmo lento
della terra e humus, non a caso, è radice
Avere compassione
verbi 30, 18-19). Potrebbe essere l’esergo di
una tetralogia di Thomas Mann, ma anche
le ombre sono necessarie — non foss’altro
per un tempo di riposo, che sempre vita è
comune a humanitas e humilitas. Alcuni pa-
dri latini, Leone Magno ad esempio, le usa-
e comprensione
La sapienza
di riconoscere l’umanità
la battuta di un personaggio scombicchera-
to come quelli dei film di Radu Mihailea-
— ma altre volte diventano tenebre. Esiste
cioè un modo di raccontare storie che leni-
vano quasi come sinonimi, giocando sulla
variazione di suono, perché i racconti sono
dei personaggi
nu. Ti viene voglia di ascoltare che cosa sta sce senza curare, copre per soffocare e non anche questione di ritmo e di musica. A
Per racconti all’altezza dell’umanità, oc- prima di quella frase e come continua la vi- per riscaldare, rimuove senza nessuna atten- volte temo che solo gli stolti, poveri in hu-
corre in primo luogo un tipo particolare di ta di chi la pronuncia. Tornando allo stolto, zione per le radici, e si potrebbe continua- manitas, possano illudersi che l’humilitas sia
sguardo, quello che nella Bibbia è attribui- egli pensa che, se Dio è entrato nella storia, re. Papa Francesco parla del «coraggio di una conquista ascetica. L’umiltà è semplice- di ANNIE PROULX
to alla Sapienza. Ora cercherò di descriver- occorre sviscerarne le modalità, farle pro- respingere i racconti falsi e malvagi». Come mente la nostra condizione di uomini: non ome autrice di narrativa, nel

C
lo, ma va premesso che si tratta di uno prie e mettersi in caccia dell’identico possi- si riconoscono? È difficile perché si camuf- siamo Dio, siamo fatti di terra, esposti alle corso degli anni ho
sguardo — un punto di vista — che si impa- bile, per fissarlo. Se Elia fosse stato così, fano. Tutti noi, ad esempio, ci raccontiamo intemperie, in grado di ospitare vita, gene- imparato che ogni racconto,
ra solo per contagio: si può vedere così, so- sull’Oreb avrebbe riconosciuto Dio nel fuo- storie per alleggerire il peso del vivere. rare frutti ed essere persino curati. Umiltà sia esso complesso e ampio
lo se si è stati visti così. Lo sguardo del sa- co, molto più simile al roveto ardente ap- «Com’è andata oggi?», «bene»: è una sto- — oggi va molto di moda la variante «vul- o fortemente condensato e
piente è il contrario di quello dello stolto. parso a Mosè, che in un mormorio di vento ria; lunga solo due frasi, ma è una storia nerabilità» — è uno dei nomi dell’umanità. ripiegato su se stesso, contiene la
La differenza tra i due non è nella quantità leggero. (Lo so, Elia era un profeta, non un per lo più inverosimile, a prenderla alla let- L’umiltà non è una conquista di nessuno propria verità. E molte verità sono
di cose che sanno, ma nell’uso che ne fan- sapiente in senso tecnico, ma chi di noi è tera. Ripeterla ci aiuta, per questo lo faccia- perché la possediamo già tutti. La conqui- travestite da narrativa. Un racconto
no. Esistono stolti eruditissimi, ad esempio, una cosa sola?). I sapienti sanno che Dio è mo. Ma non si può sempre. Viene il mo- sta, semmai, è la sua accettazione, per la prende vita attraverso i suoi personaggi,
e sapienti illetterati. Il sapiente è tale per- entrato nella storia e quindi scrutano i frut- mento, vengono quegli occhi, viene quella quale servono tempo e uno sguardo plura- ma non è vero che quei personaggi sono
ché, di fronte a un problema, lo vede per ti maturi e il volo degli uccelli, le viscere lacrima o quel sorriso, viene quel vuoto e le: servono cioè pazienza e discernimento, e i burattini dell’autore. Una volta messo
ciò che è e, se possibile, lo risolve con ciò della nascita e il rantolo della morte, non quel dolore, viene quel respiro profondo di il secondo non è mai una abilità individua- su carta, una volta che è dentro la storia
che sa: può usare anche una teoria, ma non disdegnando una moneta o un bicchiere di vita che quando ti è chiesto «com’è andata le. La responsabilità è sempre personale, e influenza gli altri personaggi e la
è l’unico strumento a sua disposizione. Lo ma il discernimento può essere solo comu- forma della narrativa, ogni personaggio
stolto, al contrario, è troppo appesantito ne e, da quel poco che so di tradizione cri- esiste come qualcosa che va oltre
dalle sue dottrine e norme — il numero non stiana, mi sembra sia sempre stato così, sal-
Se «l’umanità merita racconti alla sua altezza» l’invenzione letteraria. Il personaggio
importa — per trovarsi a suo agio nella vita, vo sprazzi di storia aridi di racconti sapien- diventa sia un messaggio sia un
soprattutto quella che non si lascia incastra- la questione degli strumenti di misurazione diventa seria ziali. Pazienza e discernimento sono il terzo messaggero il cui minimo gesto si
re nelle teorie e nelle abitudini. Il problema (e il quarto) strumento. Ma c’è un ma, co-
serio è che la vita è il luogo in cui ci è pos- Francesco ne propone tre inserisce nella trama del racconto.
me in ogni narrazione che si rispetti, prima L’autore può ritenere che il personaggio
sibile incontrare Dio: per questo la Sapien- anzi quattro perché l’ultimo è doppio del finale. esista solo per fare andare avanti la
za è gradita a Dio, che invece non sa pro-
prio cosa fare con gli stolti. Se provassero a
Uno sguardo sapienziale sull’umanità storia — in genere si pensa che sia
questo il compito del personaggio. Ma
stare nella vita senza avere l’ossessione di il coraggio di combattere il male e la menzogna
controllarla, almeno, Dio potrebbe farli in- La misura del Figlio di Dio
contrare con la Sua grazia, ma gli stolti so-
la pazienza e il discernimento per cucire le ferite e non confondersi
no troppo impegnati a negarsi la sorpresa «Il Vangelo di Giovanni ci dice che il
di un dono, a confondere il corretto con il Narratore per eccellenza — il Verbo, la Pa-
bene, a giustificare e giustificarsi invece che vino, perché hanno udito il racconto oggi?» deglutisci e inizi: «Se hai dieci mi- rola — si è fatto narrazione: “Il Figlio uni-
vivere di misericordia, ricevuta e data. Tipo dell’ingresso di Dio nella storia e sono di- nuti, Ti racconto». E non è facile fare veri- genito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è
gli amici di Giobbe, per dire. I sapienti, in- sposti a scommettere che non è certo finita tà su di sé, figuriamoci sul mondo che è lui che lo ha raccontato” (1, 18). Ho usato
vece, sono realisti, nel senso che accettano quel giorno, la storia. Anzi, ogni storia è entrato a fare parte di noi. Figuriamoci su- il termine “raccontato” — spiega il Papa —
la realtà per quello che è e non per quello diventata parte di quella di Dio e ad ascol- gli altri. Eppure i racconti all’altezza perché l’originale exeghésato può essere tra-
che dovrebbe essere: «vanità di vanità, tut- tarle bene, se ne può sentire l’eco. Qualcu- dell’umanità esigono questo coraggio. E so- dotto sia “rivelato” sia “raccontato”. Dio si
na si può addirittura lo chi ha sperimentato orecchie misericor- è personalmente intessuto nella nostra uma-
raccontare. Intendiamo- diose che hanno vagliato la pula delle no- nità, dandoci così un nuovo modo di tesse-
ci bene, il sapiente non stre parole, impara poi a riconoscere il sin- re le nostre storie. La storia di Cristo (…)
è un guardone; ha una cero dal vero, il menzognero dal falso. Non ci mostra che Dio ha preso a cuore l’uomo,
vita da mandare avanti, diventa proprietario di qualcosa, ma distin- la nostra carne, la nostra storia, fino a farsi
ma ci sono alcuni casi gue senza confondere, articola senza so- uomo, carne e storia. Ci dice pure che non
in cui non può evitare vrapporre. Solo chi ha visto crollare catte- esistono storie umane insignificanti o picco-
di prendere la parola: se drali di storie che si è raccontato per rinvia- le. (…) Ogni storia umana ha una dignità
qualcuno ha bisogno, re la vita a un domani remoto, può sedersi insopprimibile. Perciò l’umanità merita rac-
oppure se vuole alleg- accanto a un letto, una sera, e, davvero, ob- conti che siano alla sua altezza, a quell’al-
gerirsi le tasche condivi- bedire alla richiesta: «Papà, mi racconti tezza vertiginosa e affascinante alla quale
dendo eredità. Il sa- una storia?». Perché sa distinguere le storie Gesù l’ha elevata». Dio ha elevato ogni
piente sa misurare l’al- che salvano, nel senso che permettono di storia umana facendo violenza non all’uma-
tezza dell’umanità: è il vivere anche il sonno, da quelle che rivesto- no, ma al divino, dilatato fino alla discesa
luogo che Dio ha ini- no di tenebre i passi di ogni giorno. Davi- agli inferi. Dio ha assunto l’umanità per ciò
ziato ad abitare e, per de raccontava storie meravigliose, tali da al- che è e non per ciò che dovrebbe essere, fi-
quanto ne sappiamo, leviare la follia di Saul, ma fu per una sua no alla morte. Lo ha fatto chiamando per
non ha ancora smesso. tremenda storia smascherata dal profeta nome gli uomini e le donne che ha incon-
Un racconto all’altezza Nathan, che perse tra lacrime impotenti il trato, i luoghi in cui è vissuto, i tempi che
dell’umanità ha come figlio di Betsabea, mentre restava il più ha trascorso; con il coraggio esemplare di Annie Proulx
prima misura uno grande re, dalla cui stirpe sarebbe nato il distinguere il peccato dal peccatore, per
sguardo sapienziale. Messia. Davide fu un uomo capace di un non confondere e non confondersi. Lo ha
coraggio all’altezza della vita che ebbe in una volta che quel personaggio
fatto con la pazienza che ha imparato dal
sorte. Ecco la seconda misura. compare, ha un’esistenza che l’autore
Padre, coinvolgendo nel suo discernimento deve rispettare. Se al personaggio si
anche coloro con cui ha condiviso la strada: impone un’azione che non corrisponde
Il coraggio «Donna, che vuoi da me?» (Giovanni 2, 4); a un suo modo autentico e naturale di
del fallimento La pazienza e il discernimento «Credete che io possa fare questo?» (Mat- comportarsi, il racconto perde forza.
teo 9, 28); «E voi, chi dite che io sia?» (Lu- L’autore deve sviluppare comprensione
Come distinguere un L’ultimo strumento di misurazione sono ca 9, 20); «Simone, mi ami?» (Giovanni 21, e compassione per i personaggi e deve
sapiente che racconta due: la pazienza e il discernimento. C’è una 16); «Che cosa sono questi discorsi che sta- riconoscere le loro verità individuali
da uno stolto che va- parola greca che le raccoglie entrambe: ma- te facendo?» (Luca 24, 17). Si è fatto carne oltre che la loro funzione all’interno
neggia? Non è facile. In crothymia, ossia quella particolare virtù perché la carne umana fosse capace di Dio. dell’ingranaggio della storia. Allora, la
italiano, ad esempio, dell’agricoltore, in cui si miscelano pazien- Si è fatto storia perché la storia umana fos- verità complessiva della storia attirerà
l’esclamazione «non za, costanza, esperienza e speranza. È la se abitata da Dio. Si è fatto racconto per- tutti i personaggi dentro di sé e dirà il
raccontarmi storie!» perizia di chi legge i segni del tempo atmo- ché l’umanità meritava racconti che fossero suo messaggio direttamente al nostro
Julius Kronberg, «Davide e Saul» (1885) detta da un amante feri- sferico e del terreno dissodato, della novità alla sua altezza. orecchio.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 3 luglio 2020

Chiavi di lettura del libro di Giorgio Feliciani «Papato, episcopati e società civili»

Un’intensa indagine
tra diritto, storia e teologia
di ROBERTO CARLO DELCONTE Vita e Pensiero, 2012, pagine 452, eu- sono sentiti non «adeguatamente tu- cazione dei suoi simboli nella scuola
ro 28), che copriva il periodo dal telati nella loro legittima autono- pubblica. In tale prospettiva è inne-
eggere (e talvolta rileggere) la 1982 al 2012. mia». Di certo — come saggiamente gabile come esso contenga quelle

L raccolta di saggi contenuta in


queste pagine è stata per me
un’esperienza molto utile ma anche
Ottima la scelta di suddividere i
saggi in tre sezioni — “percorsi stori-
ci”, “diritto canonico” e “diritto ec-
ci insegna Papa Francesco — al di là
delle singole tappe evolutive, la col-
legialità episcopale cum Petro et sub
«idee di tolleranza, eguaglianza e li-
bertà che sono alla base dello Stato
laico moderno e di quello italiano in
emozionante, in quanto mi ha ricor- clesiastico” — perché consente non Petro è un nodo centrale nella vita particolare», costituendo dunque
dato il mio corso di laurea in giuri- soltanto una loro più ordinata pre- della Chiesa. «Chiesa e Sinodo sono una delle nobili radici di quei princi-
sprudenza a Pavia, dove insegnava a sentazione, ma riesce subito, a prima sinonimi»: ricordando questa espres- pi costituzionali a cui si vuole fare
quei tempi, una quarantina di anni vista, a rendere l’idea della ricchezza sione di san Giovanni Crisostomo, il riferimento. «Sarebbe quindi sottil-
fa, il professor Giorgio Feliciani che e varietà dei temi scientifici oggetto Papa rilancia continuamente la sino- mente paradossale escludere un se-
fu anche preside di facoltà. Ricordo di indagine. Proprio per tali ragioni dalità come dimensione costitutiva gno cristiano da una struttura pub-
con piacere le sue appassionate le- — varietà degli argomenti e ricchezza della Chiesa. blica in nome di una laicità, che ha
zioni, ed un corso seminariale che di contenuti — in queste brevi note Per il diritto ecclesiastico (trala- sicuramente una delle sue fonti lon-
ebbi la fortuna di seguire diretta- mi sarà possibile soltanto soffermar- sciando altri importanti temi, dalla tane proprio nella religione cristia-
mente nel suo studio, in pochissimi mi su qualche parziale aspetto che libertà religiosa al regime giuridico na» (pag. 376). Rispetto, infine, alle metodi nacque la cosiddetta “scuola italiana la Chiesa costituisce uno
“eletti”. Il presente volume — ottima- spero tuttavia contribuisca ad offrire dei luoghi di culto), mi piace soltan- valutazioni di alcuni importanti opi- italiana” di cui anche il nostro auto- “Stato” peculiare, ed il suo ordina-
mente curato dal professor Michele uno stimolante invito alla lettura per to richiamare, sulla questione italia- nionisti sulla presenza o meno del re può considerarsi autorevole espo- mento giuridico non può essere una
Madonna (degno successore alla cat- ulteriori e più approfondite, perso- na del crocifisso nelle scuole — evi- crocifisso nelle scuole, interessante il nente. realtà essenzialmente diversa da
tedra pavese di Feliciani e poi del nali riflessioni. Sul versante storico, tando altri spazi pubblici di cui si fatto che, a giudizio del portavoce Come Vincenzo Del Giudice ebbe quella degli altri Stati.
professor Luciano Musselli) e dal si- mi limito ad osservare l’interesse per parla nel volume —, alcuni orienta- nazionale dell’Unione delle comuni- a dire vi è l’esigenza che anche il di- Tuttavia, non va di certo trascura-
gnificativo titolo Papato, episcopati e alcune posizioni dei cardinali Pietro menti giurisprudenziali che felice- tà islamiche d’Italia, «togliere il cro- ritto canonico sia studiato col meto- to lo spirito a cui si informa il dirit-
società civili – Nuove pagine di diritto Gasparri prima e Bonaventura Cer- mente il nostro autore riesce a sinte- cifisso non è un segno di rispetto do proprio degli ordinamenti giuri- to della Chiesa, per cui il canonista
canonico ed ecclesiastico (Venezia, retti dopo sulla linea evolutiva e sul tizzare. Partendo dal parere del 27 per noi mentre è un’offesa per la tra- dici. Analogamente Orio Giacchi, il deve necessariamente avere una per-
Marcianum Press, 2020, pagine 455, regolamento delle Conferenze epi- aprile 1988 n. 63 del Consiglio di dizione italiana» (pag. 386). grande maestro dell’Università Cat- sonale formazione e sensibilità non
euro 29), con prefazione del canoni- scopali, da sempre oggetto di ricerca Stato, adunanza sezione seconda, si Per il diritto canonico, invece, pur tolica a cui è dedicato l’ultimo con- solo giuridica, ma anche al tempo
sta nigeriano professor Benedict del nostro autore, a cominciare riconoscono ancora operanti i regi trattando la presente raccolta que- tributo della sezione storica, affermò stesso teologica, per non precludersi
Ndubueze Ejeh, preside della Facol- dall’opera Le Conferenze episcopali, decreti degli anni Venti del Nove- stioni di grande rilevanza scientifica che, dal punto di vista giuridico for- la possibilità di penetrare «lo spirito
tà di diritto canonico San Pio X di (Bologna, il Mulino, 1974). cento, sulla base di considerazioni di ed ecclesiale (dalla codificazione per male, «non vi è alcuna effettiva dif- animatore dell’ordinamento e di
Venezia ove insegna adesso Feliciani Il favore del Gasparri per le Con- carattere sia sostanziale che formale. la Chiesa latina, ai diritti e doveri ferenza tra diritto canonico e diritti comprendere quello ius divinum su
dopo un lungo periodo di insegna- ferenze, per i tempi non così sconta- Sotto il primo profilo si avverte che dei laici, dal rapporto tra diritto ca- laici», dovendosi usare le stesse re- cui è fondato» (pagine 331-332). An-
mento all’Università Cattolica di to, è dovuto agli scopi che egli attri- il crocifisso «a parte il significato nonico e missione al sinodo minore gole fisiche e architettoniche «per la che Orio Giacchi, pur riconoscendo
Milano, il quale, tra l’altro, ha rin- buisce a questi organismi, per pro- per i credenti, rappresenta il simbolo della diocesi di Milano, dal diritto costruzione degli edifici sacri e di allo “spirito” a cui si informa il dirit-
graziato Feliciani per la generosa do- muovere la mutua conoscenza fra i della civiltà e della cultura cristiana, pubblico ecclesiastico al problema quelli profani» (pag. 325). In tale to canonico un elemento di grandis-
nazione dei propri libri e documenti vescovi e per cercare insieme i mezzi nella sua radice storica, come valore delle migrazioni nei primi cinque prospettiva il diritto della Chiesa simo valore sostanziale, lo qualifica
sul processo di codificazione del 1917 più efficaci per affrontare le necessi- universale, indipendente da specifica anni di pontificato di Papa France- viene presentato e legittimato con la come un elemento “metagiuridico” e
alla Facoltà veneta — raccoglie alcu- tà della Chiesa nella nazione: «Il confessione religiosa». sco), vorrei brevemente lasciare qual- famosa formula ubi societas ibi ius.
ni scritti scelti del noto canonista Gasparri, dunque, assegnando alle Di conseguenza non pare che la che annotazione sull’ultimo paragra- per così dire “politico”; conseguente-
Pertanto la Chiesa è per volontà di
che, ricordiamo, è anche consultore conferenze compiti di natura essen- sua esposizione nei luoghi pubblici fo di questa sezione, dedicato al di- mente il giurista deve tenerne conto
Cristo una società — essendo nella
del Pontificio Consiglio per i testi zialmente pastorale, propone una e, in particolare nelle aule scolasti- ritto canonico nelle università non esclusivamente «nell’interpretare
sua essenza una sola complessa real-
legislativi, pubblicati dal 2012 al nozione di conferenza che per certi che, possa costituire motivo di co- ecclesiastiche. Premesso che risale a norme dubbie o nell’indagare quale
tà, risultante di un duplice elemento,
2019, completando così la rassegna aspetti precorre quella che sarà adot- strizione della libertà individuale in poco dopo il 1873, per lo spirito an- sia la ratio di una singola disposizio-
umano e divino, come insegna la co-
antologica dei suoi migliori contri- tata dal concilio e poi recepita nel materia religiosa sancita dalla nostra ticlericale del tempo, la sostanziale ne o nel salire ai principi generali»
stituzione del Vaticano II Lumen gen-
buti scientifici iniziata con un prece- can. 447 del Codice di diritto cano- Costituzione che, comunque, non soppressione dell’insegnamento acca- (pag. 329). Del resto anche d’Avack
tium, n. 8 — e come tale «si presenta
dente volume dal suggestivo titolo nico» (pag. 38). contiene alcun divieto al riguardo demico del diritto canonico, esso fu — nella sua intransigente difesa
e si è sempre presentata, dunque le
Le pietre, il ponte e l’arco, (Milano, Il cardinale Cerretti, invece, sul (pag. 375). Anche il Tar del Veneto, reintrodotto nel 1924 presso l’Uni- dell’autonomia della scienza canoni-
sue norme sono da considerarsi giu-
problema, ad esempio, della parteci- con la sentenza del 17 marzo 2005, versità Cattolica di Milano finché ridiche» (pag. 326). Inoltre, ad avvi- stica — non giunge mai a negare
pazione dei nunzi alle assemblee n. 1110, afferma come il crocifisso co- nel 1936 la materia venne ufficial- so di Pietro Agostino d’Avack, an- ogni funzione della teologia nello
delle Conferenze episcopali ritiene stituisca «anche un simbolo storico- mente inserita tra quelle non obbli- che nella Chiesa cattolica «ricorrono studio di questa nobile disciplina.
che il rappresentante pontificio non culturale […] dotato di valenza gatorie della Facoltà di giurispru- tutti e tre gli elementi costitutivi del- Pertanto, non è nella negazione delle
debba essere nemmeno invitato, pro- identitaria riferito al nostro popolo», denza (pag. 322). Tralasciando altre lo Stato: territorio, popolo e sovrani- basi teologiche del diritto canonico
† prio per sottolineare il loro carattere in quanto «rappresenta in qualche motivazioni storiche presenti nel te- tà», risultando perciò «un ordina- che si può “garantire” la giuridicità
Il Comitato Scientifico, il Consiglio di di “ritrovo confidenziale” dei vescovi modo il percorso storico e culturale sto, mi preme richiamare come il fat- mento giuridico originario», che dif- della disciplina; ma semmai, è pro-
Amministrazione e il personale della privo di precise formalità (pag. 67). caratteristico del nostro Paese e in tore principale per legittimare questo ferisce dagli altri Stati effettivi solo prio partendo da questa intrinseca
Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger Non va però dimenticato che, se da genere dell’Europa intera e ne costi- “diritto di cittadinanza” acquisito per questa ragione: «Mentre questi “teologicità” e dalla suprema finalità
– Benedetto XVI esprimono con affetto un lato, le Conferenze episcopali tuisce una efficace sintesi». nelle università italiane sia da rico- ultimi si propongono il raggiungi- della salus animarum che si realizza
al Papa emerito Benedetto XVI la più la funzione, la peculiarità e il fascino
hanno posto talora delicati problemi, Sotto, poi, lo specifico profilo reli- noscere nel fatto che quanti vi inse- mento di fini temporali e agiscono
sentita vicinanza spirituale in occasione
della dipartita del suo carissimo fratello come organi di decentramento, di gioso del cristianesimo, il tribunale gnavano la materia avevano adottato quindi in ordine temporali, la Chiesa di questo particolare diritto — anche
salvaguardia dell’unità della Chiesa, ritiene necessario indagare come il una impostazione metodologica è diretta al conseguimento di un fine dal punto di vista comparativistico —
Monsignor dall’altro esse hanno svolto una fun- cristianesimo si ponga rispetto ai va- nuova e originale prettamente giuri- spirituale e ultraterreno e opera per- che sa cogliere la sfida di disciplina-
zione di “accentramento” nei con- lori sanciti dalla Costituzione, per dica e di elevato livello scientifico ciò in ordine spirituali» (pag. 326). re rapporti umani e sociali in un am-
GEORG RATZINGER fronti dei singoli vescovi, i quali si valutare la compatibilità della collo- (pag. 323). E da questi concetti e Dunque, per la scuola canonistica bito squisitamente spirituale.
unendosi nella preghiera di suffragio e
nella speranza, affidandolo all’amore
misericordioso del Padre al termine del
suo lungo e fecondo cammino sacerdo-
tale e artistico.

Città del Vaticano, 2 luglio 2020


Con gli occhi di Marcellino
† Raccolti in un volume testi di don Giussani dei primi anni ’90
Il Decano, Ambasciatore George Pouli-
des, unitamente a tutto il Corpo Diplo-
matico accreditato presso la Santa Sede
esprime le più sentite condoglianze per di FABRIZIO CONTESSA seppure inconsapevolmente atteso, che arriva, tivismo che scivola quasi inarrestabile verso un
la recente scomparsa di tocca il cuore e spariglia le carte dell’esistenza nichilismo paralizzante non ci sono espressioni
na voce inconfondibile. E non solo per umana. Anche della persona apparentemente velenose di condanna, di astio o di lamento.
Monsignor
GEORG RATZINGER U il registro sonoro. Quando ormai sono
trascorsi quindici anni abbondanti dal-
la morte di don Giussani l’eco della sua voce
più distante da ogni di “discorso” di fede.
Non una novità, o una invenzione di Giussani,
ovviamente. Ma Giussani, nel contesto eccle-
Viene qui in soccorso una pagina tratta da Vé-
ronique di Charles Péguy, uno tra gli autori
preferiti dal prete lombardo. Scritto che pro-
Il corpo Diplomatico si stringe attor- resta certamente non convenzionale. Una voce siale della seconda metà del Novecento, è for- prio in quegli anni fu scelto anche come testo
no al Santo Padre Emerito Benedetto che conserva idealmente integra tutta la sua se tra i pochi a sottolinearlo con lucida insi- per un Volantone: «C’era la cattiveria dei tem-
XVI in questo momento di grande lut- attualità. Forza trascinante, acutezza di giudi- stenza e, soprattutto, a trarne delle conseguen- pi anche sotto i Romani. Ma Gesù venne. Egli
to. zio, ragionamenti mai banali e spesso e volen- ze dal punto di vista pastorale. non perse i suoi anni a gemere e interpellare
tieri anche spiazzanti ma sempre dispiegati, e E di carte Giussani nel corso del suo mini- la cattiveria dei tempi. Egli taglia corto. In un
questo è il dato essenziale, all’ombra della stero ne ha sparigliate veramente tante. A li- modo molto semplice. Facendo il cristianesi-
† semplicità della tradizione cristiana. A resti- vello ecclesiale, e non solo. E tuttavia, conser- mo. Egli non si mise a incriminare, ad accusa-
George e Monica Poulides certi della tuirci una porzione, piccola ma non trascura- vando sempre con i superiori rapporti impron- re qualcuno. Egli salvò. Non incriminò il
Misericordia del Padre si stringono a bile, della freschezza degli insegnamenti – se è tati ad un sentimento di leale e filiale obbe- mondo. Egli salvò il mondo».
Sua Santità Papa Benedetto XVI in que- lecito chiamarli così – di questo prete, che per dienza. Il libro in questione lo “sorprende” in È la semplicità disarmante del fatto cristia-
sto momento di profondo dolore per la più di una generazione è stato (e giocoforza azione all’inizio degli anni Novanta. Anni in no. Osserva don Carrón: «Sorprende vedere
recente scomparsa dell’amato fratello continua a essere) maestro e testimone della cui, sia ricordato per inciso, la figura esile di ancora una volta come Giussani avesse colto
fede, è adesso il libro Un avvenimento nella vita questo prete dalla voce roca, non fu certo irri- in anticipo sui tempi il dramma della nostra
Monsignor dell’uomo (Mondadori - Bur, Milano, 2020, pa- levante. Sono gli anni della prima guerra del epoca. La sua capacità di intercettare il punto
GEORG RATZINGER gine 304, euro 14) curato da don Julián Car- Golfo, con le sue catastrofiche conseguenze in cui ognuno di noi si incaglia gli ha consen-
rón, il sacerdote spagnolo che ne ha raccolto anche per i nostri giorni, gli anni della fine tito di affrontare la sfida in prima persona».
l’eredità alla guida di Comunione e liberazio-
dell’impero sovietico, di Bill Clinton alla Casa Giussani usa spesso delle immagini per cor-
ne.
† Un volume che già dal titolo suggerisce una
Bianca, del Trattato di Maastricht in Europa,
dell’inchiesta mani pulite in Italia. E sulle
roborare il suo ragionamento. E per sottoli-
neare una delle insidie più ricorrenti, allora
Il Rettore, i Prorettori, il Senato Acca- delle impronte fondamentali per don Giussani: Pablito Calvo in «Marcellino pane e vino»
sponde cielline sono anche gli anni ruggenti di come oggi, per la vita cristiana – quella cioè
demico, il Consiglio di Amministrazio- la fede, la novità della fede cristiana concepita di Ladislao Vajda (1955)
non come pensiero, sentimento, regole, dottri- due riviste, “Il Sabato” e “30Giorni”, che certo di concepire la fede come un “museo dei ri-
ne, il Direttore Amministrativo, l’Assi-
stente Ecclesiastico Generale, i Docen- na ma in primo luogo come “avvenimento”. E non si nascondono nel dibattito pubblico, cordi”, un fatto del passato che non riguarda
ti, il Personale, i Laureati e gli Studenti “avvenimento” totalizzante. Perché, come ama- giornali che Giussani esplicitamente invita a il presente, che non accade ora – ricorre più
costanze sono normalmente la modalità con
dell’Università Cattolica del Sacro va spesso ripetere prendendo in prestito le pa- leggere e a sostenere. volte a quella del bambino. Il bambino che
Cuore accompagnano con la preghiera E, ancora, il 7 dicembre 1990 Giovanni Pao- cui il Mistero si presenta e urge alla libertà non si accontenta di essere stato “già” preso
role di Romano Guardini, «nell’esperienza di dell’uomo. In proposito è interessante rilegge-
il ritorno alla casa del Padre di lo II aveva promulgato uno dei documenti in- in braccio, nel passato, anche solo un momen-
un grande amore tutto ciò che accade diventa re oggi alcuni giudizi di Giussani, di solito
un avvenimento nel suo ambito». Concetto es- giustamente oggi tra i meno ricordati, l’encicli- to fa. Il bambino che insomma reclama di es-
Monsignor ca Redemptoris missio, dedicata alla «missione fuori dal coro. Come quello relativo all’inchie- sere abbracciato dalla madre “adesso”. «Il
senziale che suggerisce anche un passaggio di sta mani pulite, in un clima, è bene ricordarlo,
GEORG RATZINGER un testo fondamentale di Papa Francesco, in di Cristo redentore, affidata alla Chiesa». Es- bambino — dice Giussani — è un’affermazione
sa, considerata «la magna charta del cristiane- di impressionante furore giustizialista, con tan- amorosa della madre che nell’istante è presen-
cui emerge con esplicita chiarezza tutta la con-
ed esprimono la loro affettuosa e filiale simo del terzo millennio», fu scelta in quei to di tintinnare di manette e quotidiano bollet- te». E suggerisce di guardare la realtà con gli
vicinanza a Sua Santità, il Papa Emeri- tinuità con il magistero del predecessore:
«Non mi stancherò di ripetere quelle parole di mesi come tema delle meditazioni degli eserci- tino di suicidi più o meno eccellenti. Ed è al occhi pieni di stupore di Marcellino, il giova-
to Benedetto XVI per la scomparsa ter- pari tempo interessante immergersi di nuovo
rena dell’amato fratello sacerdote, insi- Benedetto XVI che ci conducono al centro del zi spirituali ciellini. Proprio i testi – lezioni, ne protagonista (Pablito Calvo) di un film che
gne musicista e musicologo. Intensa- Vangelo: “All’inizio dell’essere cristiano non dialoghi, omelie - di questi esercizi, che ogni nel clima di polemiche, forse talvolta finite so- fece epoca negli anni Cinquanta (Marcellino
mente impegnato nel servire la Chiesa, c’è una decisione etica o una grande idea, ben- anno in primavera per tre giorni radunano a pra le righe, sull’attualità di due antiche eresie, pane e vino, di Ladislao Vajda). «Nell’istante
annunciando il Vangelo di Gesù, Egli sì l’incontro con un avvenimento, con una Rimini migliaia di aderenti alla Fraternità di pelagianesimo e gnosticismo, che ancora oggi, dobbiamo essere disponibili, cioè abbandonati
si è particolarmente distinto, con la Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e, Cl, costituiscono l’ossatura del libro. Ed ogni come bene ha più volte messo in luce Papa come un bambino tra le braccia della madre,
Sua arte e la Sua cultura, per la capaci- con ciò, la direzione decisiva”» (Evangelii gau- incontro, dal 1991 al 1993, viene introdotto da Francesco, rappresentano una allarmante ridu- come poveri che non hanno nulla da difende-
tà di evocare quella forma di bellezza zione e un tradimento del messaggio cristiano.
dium, 7). una sintetica e opportuna cornice storica che re di fronte a ciò che il destino fa accadere,
che avvicina l’anima a Dio.
Dunque, ecco su cosa si basa la scelta cri- ne rinfresca il contesto. Anche perché, come E tuttavia quelle di Giussani non sono certo con gli occhi di Marcellino». Un suggerimen-
Milano, 2 luglio 2020 stiana: un fatto sperimentabile e imprevedibile, amava ripetere spesso Giussani, proprio le cir- le parole di un fustigatore. Di fronte a un rela- to che sembra scritto oggi.
venerdì 3 luglio 2020 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Il tempo di pandemia visto dall’arcivescovo di Algeri, Paul Desfarges

La vita umana
ha avuto la precedenza sull’economia
di GIORDANO CONTU tre giorni per la Pentecoste, sempre Ramadan ha provato particolarmen- anche una maggiore tensione all’in-
via internet. Alcuni parroci hanno te tante famiglie algerine, non solo terno dei gruppi di persone confina-
on la fine dell’isolamento proposto delle meditazioni quotidia- per la mancanza della festa e degli ti insieme, il che è inevitabile. Il cor-

C l’Algeria si proietta nel post-


pandemia. Già all'inizio di
giugno il Paese è entrato in una fase
ne e dei momenti di adorazione. Per
raggiungere gli studenti alcuni cap-
pellani hanno promosso degli incon-
incontri familiari serali, ma anche a
causa della mancanza di denaro. Lo
Stato algerino ha svolto la sua parte.
so frenetico della vita ha come preso
una pausa, ha fatto una messa a
punto, rimettendo al centro l’essen-
di deconfinamento progressivo che tri su Facebook, WhatsApp, Insta- Nella nostra Chiesa siamo stati in ziale. Presto potremo vedere dei
coincide con una maggiore libertà di gram e dei tempi di adorazione su grado di partecipare alla solidarietà frutti nella nostra quotidianità rin-
movimento e con la ripresa delle Zoom. Durante il mese di maggio, con vari aiuti. Certamente è difficile novata.
prime attività economiche come ogni sabato, abbiamo potuto prega- dirlo, ma abbiamo capito che molte
agenzie di viaggi, parrucchieri, arti- re insieme il Rosario via Zoom, an- famiglie avevano fame, specialmente La pandemia ci aiuterà a rimettere le
giani, pasticcerie, ristoratori e tassi- che oltre i confini della diocesi. Il i nostri fratelli migranti. Caritas, le persone al centro o ritroveremo quella
sti. Le moschee e le chiese, invece, canale televisivo Kto e il portale Va- conferenze di San Vincenzo de’ Pao- normalità che esisteva prima della crisi
sono ancora chiuse. A oggi il bilan- tican News hanno aiutato molte per- li e l’associazione Rencontre et Dé- sanitaria?
cio della pandemia da covid-19 regi- sone, comunità e famiglie. Papa veloppement sono stati capaci di di- Ciò che è iniziato potrà prosegui- Il Consiglio delle Chiese del Sud Sudan sull’instabilità del Paese
stra oltre 14.000 contagi, circa 9.000 Francesco ha svolto il suo ruolo di stribuire oltre mille ceste di cibo a re e approfondirsi, nel senso, per
guariti e più di 900 decessi, ma ha parroco del mondo con la messa individui e famiglie. Per quanto ri-
segnato anche un cambio di menta-
lità. «Il corso frenetico della vita ha
mattutina a Santa Marta e altre ceri-
monie in mondovisione. La cateche-
guarda i migranti, siamo in contatto
con le ong internazionali Oim,
esempio, di una maggiore prossimità
con le persone vicine e di un più
grande sentimento di solidarietà glo-
Pentimento
come preso una pausa, ha fatto una si è continuata all’interno delle fami- Unhcr e Médecins du monde. I
messa a punto, rimettendo al centro
l’essenziale», dichiara a «L’O sserva-
glie per preparare la prima comu-
nione che speriamo ancora di poter
cappellani non hanno potuto visita-
re i nostri fratelli e sorelle in prigio-
bale. La presa di coscienza della ne-
cessità di una transizione ecologica,
economica e sociale è stato un fatto
e riconciliazione
tore Romano» l’arcivescovo di Alge- organizzare. L’esperienza della co- ne, ma c’era un telefono che i dete- significativo qua e là, ma non ovun-
ri, monsignor Paul Desfarges, presi- munione spirituale ha aumentato la nuti potevano utilizzare una volta que. In ogni caso, per la prima volta
dente della Conferenza episcopale sete spirituale. Molti hanno pregato ogni due settimane. Attualmente, NAIROBI, 2. Delle violenze com- Nella nota si rivolge poi un acco-
dopo molto tempo, la tutela della rato appello anche alla popolazio-
regionale del Nordafrica. «Per la di più da soli o da sole, in comuni- Caritas ha avviato anche una bella messe, in un’escalation che ha ri-
vita umana ha avuto la precedenza ne, la quale viene invitata alla «coe-
guardato quasi tutti gli stati del
sull’economia, talvolta con alcuni sistenza armoniosa, perché siamo
Sud Sudan, bisognerà rendere con-
eccessi di protezione. tutti legati dal destino e dall’amore
to a Dio: è il monito lanciato nei
giorni scorsi dal Consiglio delle reciproco in questa nostra amata
Nel settimanale diocesano «Rencon- terra». È da qui che deve nascere
Chiese del Sud Sudan (Sscc) in
tres», lei hai scritto che la grave crisi quel sentimento di pentimento col-
una nota diffusa e condivisa
che stiamo vivendo risveglia le inevita- lettivo per una guarigione delle fe-
dall’Amecea (Associazione dei
bili domande: dov’è Dio, cosa sta fa- rite del passato: «Chiediamo al po-
membri delle Conferenze episcopali
cendo Dio? Qual è la risposta? polo del Sud Sudan di pentirsi dei
dell’Africa orientale). Nel testo si è
Non ho risposta. Però so che in espressa preoccupazione e dolore propri peccati, di perdonarsi l’un
ogni situazione, anche le più tragi- per «l’aggravarsi delle perdite di vi- l’altro e riconciliarsi con Dio». Un
Nella foto in basso passo doveroso, questo, per dare
che, è possibile scegliere di amare. te umane e la distruzione di pro-
l’arcivescovo di Algeri spazio alla speranza di un paese
e presidente della
Ora, Dio è sia quando amiamo che prietà appartenenti a popolazioni
quando ci amiamo. I nostri dician- già impoverite da precedenti con- migliore, senza conflitti e divisioni,
Conferenza episcopale
nove fratelli e sorelle martiri d’Alge- flitti». Episodi drammatici che «rat- consapevoli della vicinanza dei loro
regionale del
ria, testimoni del più grande amore, tristano profondamente» e davanti pastori. Da parte delle Chiese, in-
Nordafrica, Paul
beatificati l’8 dicembre 2018 ci han- ai quali non si può restare indiffe- fatti, viene assicurata la fedeltà al
Desfarges
no mostrato il cammino. Di recente renti, consapevoli che «Dio ci guar- proprio «ministero di riconciliazio-
ho scritto che Dio non vuole il ma- da e ci riterrà responsabili della ne» che si esplica nella preghiera e
le, Dio non invia prove ardue per mancanza di rispetto nei confronti nel continuare «a lavorare per il
giocare con le nostre libertà o per della sacralità della vita». Sud Sudan perché crediamo che ci
punirci. Le prove arrivano secondo sia ancora speranza. Non arrendia-
È quindi fondamentale il concor-
le leggi della natura, a causa degli moci», hanno concluso i leader cri-
so di tutti, forze religiose, civili e
errori umani e talvolta per le man- stiani.
politiche, ha sottolineato l’organi-
canze e per la malvagità degli uomi- Oltre all’instabilità politica e so-
smo ecumenico, per porre freno a
ni. Ma Dio non è mai assente dalle ciale il paese dell’Africa orientale è
una situazione insostenibile «di vio- costretto a fronteggiare la pandemia
conseguenze di tutto ciò. Egli volge lenza devastante e molteplice» e
tutto a nostro beneficio. Il suo desi- di coronavirus che ha aggravato la
contribuire così alla «costruzione cronica emergenza della mancanza
derio d’amore, il solo e unico propo- della pace». Particolarmente impor-
prima volta da molto tempo la tute- tà, in famiglia, in comu- sito, è una volontà salvifica. Lui è di cibo. «La malattia infettiva ha
la della vita umana ha avuto la pre- nione con la Chiesa uni- tante viene ritenuto l’apporto devastato tante famiglie — ha detto
all’opera all’interno dei cuori e delle dell’esecutivo di transizione e delle
cedenza sull’economia». versale. padre James Oyet Latansio, segre-
coscienze per adeguarci e sintoniz- opposizioni, in modo da fermare
zarci alla sua gloria, vale a dire al tario generale del Consiglio delle
Arcivescovo qual è la situazione in Al- Come è cambiato il rapporto gli scontri in corso e far sì che la Chiese del Sud Sudan, in una di-
peso del suo amore. Il nostro Dio è gente abbracci la via della riconci-
geria? con Dio e la preghiera? chiarazione ripresa nel sito del
un Dio dentro di noi nella sua crea- liazione. Formatosi il 22 febbraio di
La situazione sanitaria sembra ab- Difficile dirlo con preci- Consiglio ecumenico delle Chiese
zione e nelle sue creature. quest’anno, il governo di transizio-
bastanza sotto controllo. Le cifre sione e in modo generale (Cec) — creando una “tripla pande-
ne per l’unità nazionale è definito mia” composta dal covid-19, dalla
quotidiane riguardo le persone infet- perché le realtà sono mol- Quali sono le prospettive per l’Algeria anche “rivitalizzato” poiché ripro-
te da coronavirus, i decessi e i guariti to diverse a seconda delle violenza di genere e dalla fame»
dopo la pandemia? pone in parte quello del 2011, pre-
sono incoraggianti. Dalle informa- persone e delle situazioni. che colpisce «luoghi per i quali il
Come altri Paesi, l’Algeria dovrà sieduto da Salva Kiir e con il suo Programma alimentare mondiale
zioni fornite, i pazienti con covid-19 Tuttavia, possiamo parlare diretto rivale, Riek Machar, tra i vi-
di una forma di intensifi- probabilmente attraversare una si- già aveva previsto grandi difficoltà
sono curati con idrossiclorochina e cepresidenti. Lo scontro tra i due
cazione, di una maggiore tuazione economica e sociale diffici- alimentari riguardo a circa 43 milio-
con trattamenti di profilassi per evi- leader ha provocato, nel 2013, lo
autenticità e probabilmen- le. Ho fiducia nella solidarietà fami- ni di persone nei prossimi tre me-
tare situazioni che avrebbero potuto
liare, sociale e statale. Però, avremo scoppio di una guerra civile protrat- si». Una situazione davanti alla
essere difficilmente gestibili. Come te di sobrietà. L’incertezza della si- attività di produzione di mascheri-
imparato a consumare meno? O in tasi per diverso tempo, anche a quale le Chiese del Sud Sudan si
altrove, il Paese era stato messo in tuazione, che si è gradualmente ne.
modo diverso? L’essere umano e le causa del riacutizzarsi di tensioni sono attivate con consegne di ali-
lockdown e ora alcune attività eco- estesa, ha destabilizzato le persone e
persone più fragili continueranno ad etniche e tribali menti e generi di prima necessità
nomiche sembrano riprendere gra- le ha spinte a scavare più in profon- La pandemia e l’isolamento hanno
attirare la maggior parte della nostra Rivolgendosi ai leader politici, il per alleviare le difficoltà causate
dualmente. A eccezione della città di dità, nella loro fede, ma anche nelle cambiato le relazioni sociali e in che
attenzione e a mobilitare i nostri Consiglio delle Chiese del Sud Su- dalle misure per contrastare il con-
Blida, non c’è stato alcun isolamento loro relazioni, percependo meglio modo?
sforzi? La nostra casa comune ricor- dan ha espresso l’auspicio di «esse- tagio. Queste ultime hanno com-
totale. A seconda dei centri abitati il ciò che è più solido e più concreto Non abbiamo assistito a una cre- derà che questa casa è nostra, di tut- re fedeli agli accordi e alle dichiara- portato la perdita di posti di lavoro
confinamento era più simile a un co- in questi tempi incerti. Come conse- scita del ripiegamento su di sé, al ti, e che deve organizzarsi per favo- zioni che hanno firmato e assicurar- e l’interruzione di catene di approv-
prifuoco che andava dalle 17 o dalle guenza di una certa privazione nelle contrario. Mi sembra che grazie al rire un miglioramento della salute di ne la piena e tempestiva attuazione. vigionamento alimentare e della di-
19 alle 7 di mattina. Adesso, viviamo relazioni, ecco dunque un più inten- telefono, a WhatsApp, a Skype o ad ciascuna persona. La salute dell’es- Facciamo appello a loro, in nome stribuzione, l’unico modo per far
con delle restrizioni di spostamento so rapporto con Dio e la preghiera. altri mezzi, si è sviluppata una vera sere umano e quella del creato van- di Dio — è scritto — affinché valo- fronte ai bisogni dei nuclei familia-
e di assembramento imposte da que-
attenzione verso gli altri e gli anzia- no avanti insieme. Le sfide sono da- rizzino il popolo al di là del potere ri. «Abbiamo messo al centro delle
sta situazione. I trasporti pubblici In che modo la Chiesa locale è vicina
ni. Sto parlando dei legami nella co- vanti a noi. Nel Paese ho percepito e degli interessi di partito. Pertanto, nostre azioni — ha affermato il pri-
sono fermi e molti negozi sono an- alle persone in difficoltà?
munità cristiana, ma anche delle re- una maggiore consapevolezza di chiediamo l’immediata cessazione mate della Chiesa anglicana del Ke-
cora chiusi, ma il rifornimento di ci-
Da subito si è sentita l’urgenza di lazioni con i nostri vicini e amici di queste sfide e un desiderio di andare delle ostilità e la formazione di go- nya, Jackson Ole Sapit — il soste-
bo non è mai mancato. È sempre
aiutare i più soli e i più poveri. Il tutta la società algerina. C’è stata avanti. verni provinciali». gno ai deboli, agli orfani, ai poveri
stato possibile uscire in auto e spo-
delle città, ai più sofferenti della
starsi a piedi per fare la spesa o per
nostra società e in particolare a co-
commissioni amministrative.
loro che hanno bisogno di cibo»,
elogiando l’operato delle congrega-
Chiese e luoghi sacri sono chiusi. In
zioni religiose invitate a continuare
che modo la comunità cristiana vive I vescovi chiedono di utilizzare la stessa fermezza impiegata per arginare il coronavirus a fornire sostegno ai più vulnerabili
queste restrizioni?
durante il periodo di restrizioni so-
Rendo grazie alla creatività pasto-
rale che ha permesso di vivere que-
Unire le forze contro la violenza di genere in Sud Africa ciali.

sto momento di chiusura dei luoghi


di culto non come un momento di
JOHANNESBURG, 2. «Dobbiamo combattere la sti corpi rimangono preziosi. Dio è profonda- A sostegno dei vescovi anche il presidente,
isolamento, ma come un tempo che
consente di sperimentare una reale violenza sessuale come stiamo combattendo il mente addolorato quando infliggiamo violenza Cyril Ramaphosa, che ha definito la violenza di
covid-19», ne sono convinti i vescovi del Sud di genere a chiunque. Riteniamo che il recupero genere una «seconda pandemia». «Come Paese,
prossimità della Chiesa. Il desiderio
Africa che hanno fermamente condannato senza delle persone violente sia possibile. Il cambia- ci troviamo in mezzo non a una, ma a due, de-
Lutto nell’episcopato
di riunirsi per celebrare tutti insieme
è grande. Manca davvero lo stare as- riserve l’ondata crescente di violenze di genere e mento è possibile. Dobbiamo anche lavorare per vastanti epidemie. Anche se molto diverse nella
femminicidi, specialmente da quando il Paese è Monsignor Pedro Ronchino, vesco-
sieme e il nostro senso di apparte- la guarigione delle vittime. Il nostro lavoro — loro natura e causa — ha detto — possono en-
entrato nella terza fase di confinamento per il vo emerito di Comodoro Rivadavia
nenza ecclesiale è cresciuto. Posso sottolineano — deve essere quello di educare e trambe essere superate se lavoriamo insieme, se
coronavirus. (Argentina), è morto nelle prime
parlare di un approfondimento spiri- prevenire la violenza di genere. Noi come Chie- ognuno di noi si assume la responsabilità perso-
La commissione episcopale giustizia e pace ri- ore di mercoledì 1° luglio.
tuale. Il sentire interiore di una co- sa abbiamo contribuito a questo flagello attra- nale delle proprie azioni e se ognuno di noi si
tiene fondamentale il coinvolgimento di diparti- Il compianto presule era nato il
mune appartenenza alla stessa uma- verso la nostra negazione, il nostro silenzio, la prende cura l’uno dell’altro». Il capo dello Stato
menti governativi, settore economico, società ci- 14 giugno 1928 a Rosario e, dopo
nità fragile e unita. L’essere umano nostra resistenza e la nostra mancanza di prepa- si è detto profondamente dispiaciuto per l’ucci-
nella sua sofferenza, nella sua gene- vile e cittadini comuni per combattere questo essere entrato nella società religiosa
razione» sione di donne e bambini «da parte degli uomi- fondata da san Giovanni Bosco, era
rosità, nel dono di sé, alla fine si è turpe fenomeno, così come è stato fatto per im-
Prima della pandemia di covid-19, la violenza ni del nostro Paese. Come uomo, come marito e stato ordinato sacerdote il 1° agosto
rivelato a tutti come ciò che ci uni- pedire il diffondersi del virus. «Siamo del parere
— affermano i presuli — che sia possibile che un domestica in Sud Africa era già a livelli altissi- come padre, sono sconvolto da ciò che non è al- 1954. Eletto alla Chiesa residenziale
sce e ci rende fratelli e sorelle. Una
simile approccio possa essere utilizzato nella lot- mi. Nella prima settimana del blocco, la polizia tro che una guerra. In un momento in cui la vescovile di Comodoro Rivadavia il
bella esperienza di prossimità, di
ta alla violenza di genere e al femminicidio» e si ha ricevuto oltre 87.000 denunce di violenze di pandemia ci ha lasciato tutti vulnerabili e incer- 30 gennaio 1993, aveva ricevuto l’or-
compassione per tutti, di fraternità
universale. I mezzi di comunicazio- dicono convinti che la Chiesa deve fare la sua genere. Forzare vittime e carnefici a rimanere ne- ti, la violenza — ha concluso — viene scatenata dinazione episcopale il 19 marzo
ne e i social network hanno rivelato parte. Per questa ragione hanno invitato tutte le gli stessi confini fisici ha fatto aumentare il nu- su donne e bambini con una brutalità che sfida successivo. Il 19 febbraio 2005 ave-
poco alla volta tutta la loro utilità e parrocchie a predicare il messaggio chiaro che mero, la frequenza e l’intensità di episodi di vio- la comprensione. Questi stupratori e assassini va rinunciato al governo pastorale
fecondità. Sono state organizzate Dio dice «no» alla violenza inflitta dagli uomini lenza domestica e di abusi. Almeno una ventina camminano in mezzo a noi. Sono nelle nostre della diocesi. I funerali vengono ce-
con successo delle giornate di for- a donne e bambini. «Dio ha creato tutto il no- di donne e di bambini sono stati assassinati in comunità. Sono i nostri padri, i nostri fratelli, i lebrati giovedì 2 luglio nella cap-
mazione online, un ritiro di otto stro essere: cuore, mente e corpo. Quei corpi Sud Africa durante il confinamento, cinque dei nostri figli e i nostri amici; uomini violenti senza pella di Casa Zatti del collegio Pio
giorni prima di Pasqua e un altro di che vengono assaliti sono amati da Cristo. Que- quali nell’ultimo mese. alcun riguardo per la santità della vita umana». X di Córdoba.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 3 luglio 2020

Il 3 luglio la Chiesa celebra la festa di san Caravaggio


Tommaso apostolo. Alla figura di questo grande «Incredulità di san Tommaso» (1601-1602)
santo martire, secondo la tradizione evangelizza-
tore della Siria, della Persia e dell’India, è le-
gato l’episodio evangelico dell’apparizione nel ce- Come possiamo vederlo? Come i discepo-
nacolo di Gesù risorto che mostra le sue ferite e li: attraverso le sue piaghe. Guardando lì, es-
dell’“incredulità” dell’apostolo che poi libera il si hanno compreso che non li amava per
suo cuore nella celebre affermazione di fede: scherzo e che li perdonava, nonostante tra
«Mio Signore e mio Dio!» (Giovanni 20, 26- loro ci fosse chi l’aveva rinnegato e chi l’ave-
28). Sin dall’inizio del Pontificato, e poi più va abbandonato. Entrare nelle sue piaghe è
volte nel corso degli anni, Papa Francesco si è contemplare l’amore smisurato che sgorga
soffermato su questo momento centrale nella vita dal suo cuore. Questa è la strada. È capire
della Chiesa nascente. Di seguito pubblichiamo che il suo cuore batte per me, per te, per
alcuni passaggi di queste sue meditazioni. ciascuno di noi.(...) Dal cuore commosso di
Tommaso sgorga la risposta: «Mio Signore e
esù non abbandona il testardo Tom- mio Dio!». Entrando oggi, attraverso le pia-

G maso nella sua incredulità; gli dona


una settimana di tempo, non chiude
la porta, attende. E Tommaso riconosce la
ghe, nel mistero di Dio, capiamo che la mi-
sericordia non è una sua qualità tra le altre,
ma il palpito del suo stesso cuore. E allora,
propria povertà, la poca fede. «Mio Signore come Tommaso, non viviamo più da disce-
e mio Dio»: con questa invocazione sempli- poli incerti, devoti ma titubanti; diventiamo
ce ma piena di fede risponde alla pazienza anche noi veri innamorati del Signore!
di Gesù. Si lascia avvolgere dalla misericor- (Messa della domenica
dia divina, la vede davanti a sé, nelle ferite della Divina Misericordia, 8 aprile 2018)
delle mani e dei piedi, nel costato aperto, e
ritrova la fiducia: è un uomo nuovo, non più Il Risorto è il Crocifisso, non un altro.
incredulo, ma credente. Nel suo corpo glorioso porta indelebili le
(Messa di insediamento sulla cattedra piaghe: ferite diventate feritoie di speranza.
di San Giovanni in Laterano, 7 aprile 2013) A Lui volgiamo il nostro sguardo perché sa-
ni le ferite dell’umanità afflitta.
Gesù ritorna a presentarsi in mezzo ai (Messaggio Urbi et orbi
suoi e si rivolge subito a Tommaso, invitan- 12 aprile 2020)
dolo a toccare le ferite delle sue mani e del
suo fianco. Viene incontro alla sua increduli- Torniamo ai discepoli. Avevano abbando-
tà, perché, attraverso i segni della passione, San Tommaso apostolo nato il Signore durante la Passione e si sen-
possa raggiungere la pienezza della fede pa- tivano colpevoli. Ma Gesù, incontrandoli,

Il «gemello» di ogni uomo


squale, cioè la fede nella risurrezione di Ge- non fa lunghe prediche. A loro, che erano
sù. feriti dentro, mostra le sue piaghe. Tommaso
Tommaso è uno che non si accontenta e può toccarle e scopre l’amore, scopre quanto
cerca, intende verificare di persona, compie- Gesù aveva sofferto per lui, che lo aveva ab-
bandonato. In quelle ferite tocca con mano

in cerca di Dio
re una propria esperienza personale. Dopo
le iniziali resistenze e inquietudini, alla fine la vicinanza tenera di Dio. Tommaso, che
arriva anche lui a credere, pur avanzando era arrivato in ritardo, quando abbraccia la
con fatica, ma arriva alla fede. Gesù lo at- misericordia supera gli altri discepoli: non
tende pazientemente e si offre alle difficoltà crede solo alla risurrezione, ma all’amore
e alle insicurezze dell’ultimo arrivato. sconfinato di Dio. E fa la confessione di fe-
toccare quella piaga, accarezzare quella pia- ha trovato in Gesù il tutto della vita, il suo ma pone al centro l’unico che può sanare le
(Regina Caeli, 12 aprile 2015) de più semplice e più bella: «Mio Signore e
ga e anche abbassare la testa e lasciare che Signore; gli ha detto: «Mio Signore, mio ferite e che ha un nome: Gesù Cristo.
(Viaggio in Cile e in Perú, Santiago mio Dio!» (v. 28). Ecco la risurrezione del
gli altri accarezzino le nostre piaghe. Dio» (v. 28). Ci farà bene, oggi e ogni gior-
Gesù ci invita a guardare queste piaghe, ci del Cile, 16 gennaio 2018) discepolo: si compie quando la sua umanità
(Veglia di preghiera alla vigilia della festa no, pregare queste splendide parole, con cui
invita a toccarle, come ha fatto con Tomma- fragile e ferita entra in quella di Gesù. Lì si
so, per guarire la nostra incredulità. Ci invi- della Divina misericordia, 2 aprile 2016) dirgli: sei l’unico mio bene, la strada del mio
Nonostante la sua incredulità, dobbiamo dissolvono i dubbi, lì Dio diventa il mio
ta soprattutto ad entrare nel mistero di que- cammino, il cuore della mia vita, il mio Dio, lì si ricomincia ad accettare sé stessi e
Nel suo dubbio e nella sua ansia di voler tutto. ringraziare Tommaso, perché non si è accon-
ste piaghe, che è il mistero del suo amore tentato di sentir dire dagli altri che Gesù era ad amare la propria vita.
misericordioso. capire, questo discepolo, anche piuttosto (Viaggio in Polonia, Cracovia
vivo, e nemmeno di vederlo in carne e ossa, (Messa per i vent’anni dall’istituzione
(Messa per i fedeli di rito armeno ostinato, un po’ ci assomiglia e ci risulta an- 30 luglio 2016)
ma ha voluto vedere dentro, toccare con ma- della domenica della Divina Misericordia
basilica vaticana, 12 aprile 2015) che simpatico. Senza saperlo, egli ci fa un
no le sue piaghe, i segni del suo amore. Il 19 aprile 2020)
grande regalo: ci porta più vicino a Dio, Gesù Cristo non si presenta ai suoi senza
perché Dio non si nasconde a chi lo cerca. Vangelo chiama Tommaso «Didimo» (v. 24),
Tommaso era un testardo. Non aveva cre- piaghe; proprio partendo dalle sue piaghe Egli stesso ha offerto le sue mani e il suo
cioè gemello, e in questo è veramente nostro
duto. E ha trovato la fede proprio quando Gesù gli mostra le sue piaghe gloriose, gli fa Tommaso può confessare la fede. Siamo in- costato ferito come una via di risurrezione.
fratello gemello. Perché anche a noi non ba-
ha toccato le piaghe del Signore. Una fede toccare con mano l’infinita tenerezza di Dio, vitati a non dissimulare o nascondere le no- Non nasconde né dissimula le sue piaghe;
sta sapere che Dio c’è: non ci riempie la vita
che non è capace di mettersi nelle piaghe i segni vivi di quanto ha patito per amore stre piaghe. Una Chiesa con le piaghe è ca- un Dio risorto ma lontano; non ci attrae un anzi, invita Tommaso a toccare con mano
del Signore, non è fede! Una fede che non è degli uomini. pace di comprendere le piaghe del mondo di Dio distante, per quanto giusto e santo. No: come un costato ferito può essere fonte di
capace di essere misericordiosa, come sono Per noi discepoli, è tanto importante met- oggi e di farle sue, patirle, accompagnarle e abbiamo anche noi bisogno di “vedere Dio”, Vita in abbondanza.
segno di misericordia le piaghe del Signore, tere la nostra umanità a contatto con la car- cercare di sanarle. Una Chiesa con le piaghe di toccare con mano che è risorto, e risorto (Lettera ai preti di Roma
non è fede: è idea, è ideologia. La nostra fe- ne del Signore, cioè portare a Lui, con fidu- non si pone al centro, non si crede perfetta, per noi. 31 maggio 2020)
de è incarnata in un Dio che si è fatto carne, cia e con totale sincerità, fino in fondo,
che si è fatto peccato, che è stato piagato quello che siamo. (...) L’apostolo Tommaso,
per noi. Ma se noi vogliamo credere sul se- alla fine della sua appassionata ricerca, non
rio e avere la fede, dobbiamo avvicinarci e è solo giunto a credere nella risurrezione, ma

Quando Georg Ratzinger raccontava la sua vita e il suo legame con il fratello Joseph momenti tristi, della condivisione
del dolore, quando nel 1959 morì pa-

Nella famiglia le radici di una fede comune pà Joseph, quando, dopo le soffe-
renze della malattia, nel 1963 fu la
mamma a essere chiamata dal Signo-
re e quando scomparve l’amata so-
rella nel 1991.
di MAURIZIO FONTANA questi fossero di poco conto durante 1994, del coro della cattedrale di Ra- E quando poi, il fratello divenne
l’infanzia, ci sentivamo sempre pro- tisbona, i Regensburger Domspatzen. Benedetto XVI, fu Georg a raggiun-
e c’è una parola per descrivere tetti da lei». Georg ricordava con limpidezza

S
gerlo più volte in Vaticano o a Ca-
il legame che per un’intera vita O come quando, a Natale, i fratel- l’emozione di quando, nel 1941, in- stel Gandolfo. Come sempre, cuore
ha tenuto uniti i fratelli Rat- li uscivano con lo slittino sulla neve, sieme al fratello raggiunse in bici- a cuore, condividendo la gioia e la
zinger, quella parola è famiglia. mentre la mamma Maria addobbava cletta Salisburgo per ascoltare i Re- ricchezza di essere famiglia. E pre-
L’immagine del Papa emerito, pro- l’albero. Dopo la recita del rosario gensburger Domspatzen che eseguiva- gando insieme. Raccontava Georg
vato dagli anni, che nei giorni scorsi in cucina, il suono di una campanel- no alcuni brani del Requiem di Mo- sempre nel 2011: «Guida lui la pre-
ha voluto con tutte le sue forze rag- la li chiamava in soggiorno e lì c’era zart: «Eravamo entusiasti, la musica ghiera: dopo la messa del mattino,
giungere il capezzale del fratello per un piccolo abete rosso e sul tavolo i era stupenda. In quel momento non di pomeriggio i vespri e la sera la
stargli accanto nell’ultimo tratto del regali: «Questa scena — diceva — ci potevo certo immaginare che venti- compieta, perché io non riesco più
lora non avevamo ancora provato. sciare definitivamente la Germania,
suo percorso terreno, è stata solo il colpiva sempre molto, anche grazie tré anni dopo sarei stato io il re- da solo. Prima di coricarci, a volte
Eravamo stati costretti a vivere in un destinazione Roma.
sigillo, l’espressione visibile a tutti di alla luce creata dalle candele che dif- sponsabile di quel gruppo, ma fu mi chiede di eseguirgli qualche bra-
fondevano un profumo meraviglioso proprio quello che accadde». mondo che prima ci era completa- Ma sempre quel filo tenace che li
un filo d’amore che anche nelle cir- mente ignoto e che non avremmo univa, quel sentirsi “famiglia” anche no al pianoforte. Scelgo canti reli-
costanze meno note ha sempre in- (...) Poi papà leggeva il vangelo che E anche la vocazione sacerdotale giosi o popolari, come Im schönnsten
raccontava della natività secondo dei due fratelli ha visto intrecciarsi mai immaginato così brutale. Aveva- a centinaia di chilometri di distanza,
trecciato le loro esistenze. E quel fi- Wiesengrund, ma anche brani come
Luca e intonavamo alcuni canti di strettamente i loro percorsi. «Non so mo letteralmente visto la morte in li ha richiamati spesso per trascorre-
lo, che anche oggi — dopo la morte Der Mond is aufgegangen oppure
Natale (...) Una volta, nel 1936, — ricordava Georg — se in qualche faccia. Tutto questo ci aveva cambia- re del tempo insieme. Erano i mo-
di monsignor Georg, avvenuta mer- Adieu zur guten Nacht, molto sempli-
quando ero già al liceo, scrissi io modo io sia stato di esempio per ti profondamente, facendoci com- menti in cui si rivedevano per qual-
coledì 1° luglio — continua nella fede ci. Invece nel periodo dell’Avvento,
stesso una piccola composizione. La mio fratello. Sicuramente egli vedeva prendere l’importanza di molte cose che giorno di vacanza: lunghe pas- com’è normale, prediligo inni natali-
a unire strettamente i due fratelli, si
eseguimmo in tre, mia sorella all’ar- nella mia esperienza quella che sa- che prima consideravamo ovvie e seggiate e chiacchierate nella natura. zi».
chiama appunto famiglia.
monium, mio fratello al pianoforte e rebbe stata la sua, quando decise, di confermandoci sempre più nella no- Erano le feste, come il Natale, da Come tanti anni prima ad Aschau,
Una vicinanza intima e discreta
io con il violino. La mamma si com- sua volontà, di seguirmi su questa stra intenzione di diventare sacerdo- passare tutti insieme, rivivendo in fa- quando fuori c’era la neve, loro reci-
che si comprende riandando alle ra-
mosse fino alle lacrime e anche papà via». Una vocazione comune che ti». miglia gesti e devozioni depositati tavano il rosario e mamma Maria
dici della loro storia comune e delle
rimase colpito da quell’esibizione, rinsaldò, ancora di più, nella solida- Ripresero tutti e due gli studi filo- nei ricordi bambini. Erano anche i addobbava l’albero.
loro scelte di fede.
sebbene in modo più sobrio». rietà l’intera famiglia, costretta a non sofici a Frisinga, dove i compagni, li
Georg, nato nel 1924, era più
Le radici della loro fede erano pochi sacrifici per garantire ai due chiamavano significativamente l’uno
grande di tre anni, non tanti da im-
proprio in questa quotidianità sem- gli studi in seminario. Bucher-Ratz (“il Ratz dei libri”) e
pedire di condividere il proprio cam-
plice, sostenuta da un forte senso di L’esperienza della guerra interrup- l’altro Orgel-Ratz (“il Ratz dell’orga-
mino con Joseph sin dalla fanciul- comunità domestica. In famiglia si pe il percorso di formazione in semi-
lezza. Gli anni della loro prima in- no”). Poi, completati i corsi di teolo-
fanzia a Tittmoning, in Baviera, e
pregava insieme tutti i giorni prima
e dopo ogni pasto, ma soprattutto
nario. E i due fratelli dovettero ri-
spondere in modi diversi agli eventi
gia (per questi Joseph si trasferì a
Monaco), arrivò il giorno più impor-
Nomina episcopale
poi ad Aschau sono densi di ricordi, dopo pranzo, quando ognuno pote- che precipitavano. Nel 1942 Georg
di tanti momenti di condivisione fa- tante della loro vita, vissuto uno ac-
va esprimere le proprie richieste par- venne arruolato nelle Reichsarbeit- canto all’altro. Il 29 giugno 1951 i
miliare, di piccoli “rituali” che scan- ticolari. E si invocava anche san Di- sdienst, e in seguito nella Wehrmacht, Tesfaye Woldemariam Fesuh, visitatore apostolico
divano i giorni e le ricorrenze. Come due fratelli vennero ordinati sacerdo- per i fedeli etiopi di rito Alessandrino Ge’ez
sma, il “buon ladrone” che si pentì con la quale combattè anche in Ita- ti nella cattedrale di Frisinga dal car-
quando papà Joseph li portava, in- sulla croce e chiese perdono: si rivol- lia. Catturato dagli Alleati nel marzo residenti negli Stati Uniti d’America e Canada
sieme alla sorella Maria, al santuario dinale Michael von Faulhaber. Una
gevamo a lui come patrono dei mal- 1945, resta prigioniero a Napoli per
della Madonna Nera di Altötting: festa alla quale partecipò tutta la cit-
fattori pentiti, perché proteggesse alcuni mesi prima di essere rilasciato È nato il 15 maggio 1961 in Alitena-Tigray. Dopo aver completato gli stu-
«Quelle visite — raccontava Georg tà. «Non appena entrammo nel duo-
papà Joseph durante lo svolgimento e di poter far ritorno in famiglia. di di Filosofia e Teologia nell’istituto di San Francesco ad Addis Abeba
nel 2011 nel libro intervista Mio fra- del suo lavoro di gendarme. Un’esperienza che incise sui due mo, l’organo iniziò a suonare, men- nel 1988, è stato ordinato sacerdote nello stesso anno. Negli anni 1989-
tello Papa, scritto con Michael Hese- Più grandicelli, i due fratelli servi- fratelli, non solo per la lontananza tre il coro cantava. La nostra liturgia 1994 è stato insegnante e rettore del seminario minore di San Frumenzio,
mann — fanno parte dei ricordi più vano insieme all’altare come chieri- fisica cui furono costretti, ma che li ci regala davvero momenti meravi- sempre nella capitale etiope. Nel 1995 è arrivato a Roma per studiare alla
belli della nostra infanzia. L’atmo- chetti. Furono anni — quelli che pre- segnò anche in quello che potremmo gliosi! (…) In noi si rinforzò la cer- Pontificia università di San Tommaso d’Aquino, dove ha conseguito la li-
sfera così pregna della presenza divi- cedettero lo scoppio della guerra definire il loro “cammino condiviso”. tezza che con l’imposizione delle cenza in Teologia morale nonché il grado di magister negli studi ecume-
na grazie alle preghiere incessanti mondiale — ricchi di spensieratezza, Georg ne parlava così: «L’aver supe- mani cominciava un nuovo capitolo nici (1998). Ritornato in patria, ha insegnato Teologia morale nell’istituto
dei fedeli ha sempre affascinato mol- di passatempi semplici e di passione rato senza conseguenze le brutte della nostra esistenza, che sarebbe di San Francesco, essendo amministratore del seminario minore e cancel-
to mio fratello e me: essere cresciuti per la musica. Una passione che li esperienze della guerra rafforzò in stata colma della presenza di Dio e liere nella curia arcieparchiale. Nel 2001 si è recato negli Stati Uniti
respirando quel clima ha avuto un ha accompagnati fino alla vecchiaia, me e in mio fratello la convinzione ricca di benedizioni». d’America, dove ha svolto il servizio pastorale nella comunità dei fedeli
ruolo importante nella nostra vita e con quel talento speciale di cui che Dio avesse dei progetti per noi. Dopo l’ordinazione, i percorsi dei etiopi a Washington. Ha partecipato alla organizzazione e all’unificazione
nella nostra formazione. Potevamo Georg godeva e che segnò la strada Le disavventure di quegli anni ci due fratelli imboccarono direzioni dei cattolici africani in questa zona. Negli anni 2007-2011 è stato assisten-
sempre confidare a Maria le nostre della sua vita nella quale brilla la di- avevano fatto confrontare con la decisamente differenti, con Joseph, te pastorale nel santuario Most Blessed Sacrament Parish a Washington.
paure e i nostri bisogni e sebbene rezione, per trent’anni, dal 1964 al paura, un sentimento che fino ad al- addirittura, portato nel tempo a la- Dal 2015 è protosincello e cancelliere dell’arcieparchia di Addis Abeba.