Sei sulla pagina 1di 89

lOMoARcPSD|1022231

Riassunto "L'età Moderna. Dalla scoperta dell'America alla


Restaurazione" di Francesco Benigno
Storia Moderna (Università degli Studi di Teramo)

StuDocu is not sponsored or endorsed by any college or university


Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)
lOMoARcPSD|1022231

Riassunto di Storia Moderna


“L’Età moderna. Dalla scoperta dell’America alla Restaurazione” – F. Benigno

1. Il sogno dell'impero, la realtà di monarchie e repubbliche


All'inizio del XVI secolo il sovrano Carlo d'Asburgo riunisce un insieme di possedimenti molto
vasto. Dal padre Filippo I d'Asburgo (detto il Bello) ereditò i domini della casata d'Asburgo, ovvero
l'Austria (ereditata da suo padre Massimiliano I) insieme alle Fiandre (ereditate da sua madre Maria
di Borgogna) e dalla madre Giovanna (detta la Pazza perché molto gelosa dei presunti tradimenti
del marito), figlia di Isabella di Castiglia e Ferdinando d'Aragona che unirono le due corone nel XV
secolo, i regni di Castiglia e Aragona (quest'ultimo includeva anche la Sardegna, la Sicilia, il regno
di Napoli e le nuove colonie americane). Inoltre Carlo V divenne imperatore nel 1519, acquisendo
un controllo indiretto sui principati tedeschi (che nonostante la loro autonomia riconoscevano
l'autorità imperiale come potere di indirizzo e coordinamento dell'impero) e concentrando nelle sue
mani il governo di un grande ed eterogeneo conglomerato di territori. Dopo la caduta dell'impero
romano d'occidente il ricordo di un'entità politica capace di imporre universalmente la fede cristiana
e la propria autorità non svanì: essa fu ripresa dai carolingi e poi dagli svevi. Il titolo di imperatore
conferiva ancora una teorica superiorità rispetto agli altri sovrani. Tuttavia il Sacro Romano Impero,
sin dalla sua nascita, era stato un impero debole e le sue sorti legate alle capacità dell'imperatore.
L'ascesa di Carlo V ridiede nuovo vigore all'idea di una possibile rinascita dell'impero e del suo
ritorno agli antichi fasti. Tuttavia anche lui fallì nel progetto di ridare vigore all'idea imperiale,
riconoscendo l'incapacità di superare le difficoltà legate alla complessità della politica europea e di
tenere uniti possedimenti acquisiti trasmettendoli ad un unico erede. Alla sua morte, infatti, lascia
l'Aragona, la Castiglia, le Fiandre e i possedimenti italiani al figlio Filippo II, mentre garantisce la
successione al trono imperiale e al fratello Ferdinando (che ereditò l'Austria e acquisì la Boemia e
l'Ungheria). Nacquero, quindi, due rami dinastici distinti, nonostante l'alleanza e la parentela, e
guidati da diversi interessi dinastico-territoriali. In questo modo tramontò la prospettiva di un unico
impero cristiano europeo, sconfitta dai nuovi processi che investirono l'Europa tra il XV e il XVI
secolo (la fine dell'unità religiosa cristiana, i nuovi equilibri territoriali dati dall'espansione
ottomana, lo sfruttamento del nuovo continente e il consolidamento di forti monarchie in grado di
estendersi su vasti territori).
L'elemento più importante delle società europee all'inizio dell'età moderna è la formazione di forti
poteri monarchici grazie alla creazione di strutture burocratiche per il controllo della vita civile e
religiosa, della giustizia, della fiscalità e dell'esercito. Questo sviluppo comporta una trasformazione
del ruolo della monarchia e dei sovrani: tradizionalmente essi venivano considerati come i detentori
della giustizia (ci si rivolgeva a loro in caso di controversie tra sudditi) e allo stesso tempo anche
come i dispensatori di benefici e privilegi. Il sovrano era colui che puniva e premiava per
conservare l'armonia sociale, per questo le sue qualità principali erano considerate l'equanimità e la
magnanimità. Tra il XV e il XVI secolo, i sovrani si attribuirono anche altre prerogative
conseguenti all'aumento del controllo sui territori (in particolare l'aumento della capacità di prelievo
fiscale, vincolato, però, all'assenso delle rappresentanze politiche dei territori all'interno dei
parlamenti; è proprio attraverso le tasse che i sovrani potevano finanziare apparati burocratici stabili
e gli eserciti, che iniziarono ad essere pagati anche in tempi di pace). L'aumento del loro potere
portò i sovrani a liberarsi delle altre strutture, come i domini dei grandi feudatari e le città
autonome, che minacciassero le prerogative regie. L'esigenza di tenere a freno i processi spontanei
di frammentazione del potere rendeva necessario estendere il raggio d'azione della giustizia del re,
tuttavia per fare ciò serviva un apparato burocratico piuttosto costoso e i fondi venivano dalle tasse,
la cui efficienza era legata al controllo che il sovrano aveva sul territorio: questo processo circolare
condizionò la politica delle monarchie anche nei secoli successivi. Un altro effetto della crescita del
potere regio fu la loro tendenza a porre la loro sovranità come indipendente da altri poteri esterni
1

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

(cioè che non riconosce alcun potere terreno superiore al proprio) e voluta direttamente da Dio. A
farne le spese fu l'impero, che perse la sua teorica supremazia per il mancato riconoscimento da
parte degli altri monarchi, e il papato, che perse la sua capacità di influenzare i sovrani con i vincoli
che derivavano dalla sua supremazia spirituale. I sovrani, quindi, cercarono di subordinare le
strutture ecclesiastiche al loro controllo e in alcuni casi, dopo la riforma protestante, si separarono
dalla Chiesa di Roma. Il rafforzamento dei poteri monarchici comportarono la diffusione dell'idea
di appartenenza ad un unico organismo politico vincolato alla continuità di proprie tradizioni e
costumi comuni nonostante le differenze regionali (gli storici le definiscono “identità
protonazionali”). I sovrani europei della prima età moderna erano portatori di diversi diritti di
successione sui diversi territori che facevano parte dei loro domini e non si fondevano in superiori
unità politiche, giuridiche e amministrative (rimanevano regni diversi ma con lo stesso sovrano):
questo agglomerato politico-territoriale si definisce “monarchia composita”. La razionalizzazione
amministrativa e politica, quindi, non venne subito effettuata. La guerra dei cent'anni consentì alla
Francia di creare un ambiente di unità in tutto il regno contro la minaccia inglese. I sovrani della
casa Valois si preoccuparono di eliminare i domini feudali autonomi come il Ducato di Borgogna
(che comprendeva la Borgogna e le Fiandre, la cui corte era famosa per splendore e mecenatismo).
Il re Luigi XI riuscì ad annettere alla Francia altri territori francesi che però sfuggivano al suo
controllo. Il suo successore Carlo VIII riuscì a portare sotto il suo controllo anche la Bretagna
grazie al suo matrimonio con Anna di Bretagna. Questa aggregazione territoriale fu resa possibile
grazie al rafforzamento dell'esercito, sostenuto con le tasse, al crescente controllo sugli ecclesiastici
e dalla creazione di un'amministrazione stabile che riformò anche gli apparati giudiziari. I
successori di Carlo VIII (Luigi XII, Francesco I ed Enrico II) tentarono di seguire la stessa strada
ma in un contesto internazionale mutato a causa dell'ascesa degli Asburgo e della riforma
protestante. In Inghilterra, dopo la sconfitta contro la Francia nella guerra dei cent'anni, si estinse la
dinastia dei Plantageneti e scoppiò una lotta per la successione al trono tra la casata degli York e
quella dei Lancaster, nota come la guerra delle due rose, che durò trent'anni. In questo periodo la
monarchia inglese fu fortemente influenzata dall'aristocrazia, dal clero, dalle città e del Parlamento.
Nel 1485 salì al trono la dinastia Tudor con Enrico VII, erede dei Lancaster e marito di Anna di
York. La monarchia inglese ritrovò una propria capacità di azione politica: venne riorganizzato il
sistema fiscale e venne istituito un tribunale (la Camera stellata) direttamente dipendente dal re e
che gli permetteva di giudicare i reati di natura politica. Il suo successore, il figlio Enrico VIII
riprese questa strategia, puntando anche all'espansione commerciale e marittima mediante il
rafforzamento della flotta. Enrico VIII fece dell'Inghilterra una delle grandi protagoniste dello
scenario europeo e si staccò dalla Chiesa di Roma dando vita alla Chiesa anglicana, posta sotto il
suo stretto controllo. Il processo di ricomposizione politico-territoriale si verificò anche nella
penisola iberica. Il Portogallo, sotto la dinastia degli Aviz, intraprese delle esplorazioni per scopi
commerciali nella costa atlantica e in Africa, dando vita a una rete marittima di scambi tra Africa e
Europa occidentale. I regni di Aragona e Castiglia si unirono con il matrimonio tra Ferdinando II
d'Aragona e Isabella di Castiglia (conosciuti come “i re cattolici”): nonostante il mantenimento di
leggi e istituzioni distinte, l'unione dinastica garantì la coesione tra i due regni. Questa unione
permise di organizzare un potente esercito comune per portare a termina la reconquista. Nel 1492,
dopo la caduta del regno di Granada e la definitiva cacciata dei musulmani dalla penisola, i re
cattolici si ritrovarono a governare su una popolazione molto eterogenea dal punto di vista culturale,
etnico e religioso (oltre ai cattolici c'erano ebrei e islamici). I due sovrani, sfruttando l'Inquisizione
spagnola (un tribunale ecclesiastico al servizio della corona spagnola, la cui creazione fu concessa
dal papa), imposero l'uniformità religiosa cristiana combattendo le minoranze etnico-religiose anche
con l'uso della forza. A questo scopo vennero espulsi gli ebrei dai domini dei re cattolici e di
convertire forzatamente i musulmani alla fede cristiana. L'alta presenza dei “marranos” (ebrei
convertiti) e dei “moriscos” (musulmani convertiti) alimentarono l'odio religioso e la
discriminazione. Da quando Ferdinando II ottenne gran parte del regno di Navarra, spartito con la
Francia, la penisola iberica (ad eccezione del Portogallo) fu dominata da un'unica entità dinastico-
2

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

territoriale chiamata Spagna.


Mentre si affermavano le grandi monarchie di Francia, Inghilterra e Spagna, il continente era
dominato da realtà politiche con un minor tasso di innovazione istituzionale e territorialmente meno
vaste. Si tratta di un insieme di regni, principati indipendenti, città autonome e repubbliche ma
anche dai territori soggetti all'autorità del Sacro Romano Impero o dello Stato della Chiesa. A
differenza delle grandi monarchie, che tentarono di imporre il loro controllo sul territorio e di
omogeneizzarlo, il restante universo delle organizzazioni statuali appare frammentato e multiforme.
Il territorio germanico, ancora sottoposto all'autorità formale dell'impero (che non costituiva
un'entità statuale vera e propria), era formato da città-stato e grandi principati. Le differenze tra
l'impero e le grandi monarchie erano due: il carattere elettivo e non ereditario del titolo imperiale
(secondo la bolla d'oro di Carlo IV l'imperatore veniva scelto da sette grandi elettori) e l'esistenza
nel regno dell'impero di poteri autonomi formalmente soggetti all'autorità imperiale ma in sostanza
svincolati dal suo potere, che consisteva per lo più in una serie di funzioni simboliche di prestigio e
in una funzione di coordinamento tra le varie entità politiche presenti sul territorio imperiale.
Tuttavia la carica imperiale da elettiva diventò pian piano ereditaria: dal 1438 l'imperatore venne
eletto sempre fra i membri della dinastia degli Asburgo, signori d'Austria. Massimiliano I, grazie al
matrimonio con Maria di Borgogna, riesce ad acquisire il controllo delle Fiandre. Nel corso del XV
secolo la politica degli Asburgo si concentrò sul mantenimento del titolo imperiale all'interno della
propria dinastia (nonostante il meccanismo fosse di tipo elettivo), sul rafforzamento dei poteri di
coordinamento legati ala carica di imperatore e sull'accrescimento del proprio potere all'interno dei
loro domini diretti, cercando talvolta anche di espandere i territori. Con un'accorta politica di
alleanze matrimoniali gli Asburgo riescono ad acquisire le corone di Boemia e Ungheria, creando
un forte blocco territoriale nell'Europa centro-orientale in grado di mettere un freno all'espansione
ottomana verso occidente e a contrastare il peso politico-economico di Venezia sull'Italia
meridionale. Nel XV secolo nacque anche l'impero russo, sotto la guida di Ivan III che si definì
czar (da Cesare, l'appellativo con cui ci si rivolgeva agli imperatori romani) dato che la sovranità
dell'impero romano d'occidente era sopravvissuta nell'impero bizantino, alla cui caduta, da parte del
sultano ottomano Maometto II, i sovrani russi ne rivendicarono l'eredità indicando nella capitale
Mosca l'erede sia di Roma che di Costantinopoli (ribattezzata Istanbul dagli ottomani). Dopo la
caduta dell'impero bizantino, gli ottomani edificarono un vasto aggregato statuale che si estendeva
dai Balcani al Mediterraneo orientale e comprendeva al suo interno dei regni in parte autonomi ma
dipendenti dal sultano per quanto riguarda la fiscalità e la fornitura dell'esercito. L'impero ottomano
era di fede musulmana ma venivano tollerati religioni e culti differenti. La presenza, all'interno del
territorio, di popoli di diversa radice etnica, culturale e religiosa (comprese le varianti di una stessa
confessione) fu un grande elemento di debolezza strutturale comune al Sacro Romano Impero e
all'impero ottomano. Oltre agli imperi, la maggioranza dei poteri pubblici europei sono organizzati
in regni o principati. In molti regni non si verificò il processo di rafforzamento dell'autorità regia
che si verificò nelle grandi monarchie: in alcuni casi, come in Polonia, il titolo di re non divenne
ereditario e rimase elettivo (quindi la monarchia era molto più debole e condizionata dai suoi
elettori, i grandi nobili), mentre in altri casi, come in Svezia e Norvegia (le cui corone vennero
riunite in un solo regno sotto il dominio danese ma successivamente si separarono per dar vita a
regni autonomi), il processo di aggregazione dinastica non fu accompagnato da un radicamento di
sentimenti e interessi comuni. Molti signori europei alla guida di stati di medie e piccole dimensioni
non potevano neanche fregiarsi del titolo di re, ma solo quelli di principe, duca o marchese. Nella
pratica, però, questi principi esercitavano nei propri domini gli stessi poteri che un re esercitava in
una grande monarchia. In alcuni casi i principati e le signorie (i potentati italiani autonomi privi
della figura del re, che solo il papa o l'imperatore potevano istituire) raggiunsero dimensioni
territoriali di scala regionale. Queste entità politiche potevano consistere in città indipendenti che si
reggevano in forma di repubblica (forma di governo ereditata della stagione dei comuni e rinata nel
medioevo ispirandosi alla Roma prima dell'impero). I governanti delle repubbliche cittadine erano
eletti da liste di cittadini più o meno ampie che non comprendevano tutta la popolazione ma solo gli
3

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

strati superiori, la parte più ricca e prestigiosa. In Italia le repubbliche più importanti furono la
repubblica di Venezia (che costruì un vasto impero commerciale e allargò i propri confini verso la
Lombardia), la repubblica di Firenze (che realizzò in Toscana uno stato regionale) e Genova (che
creò una serie di basi commerciali sparse nel Mediterraneo ma, a differenza di Venezia, non le
trasformò in veri e propri domini, ad eccezione della Corsica). Al di fuori della penisola italiana, si
formò la confederazione svizzera in forma repubblicana, che si rese indipendente dal Sacro Romano
Impero. La forma repubblicana favorì la partecipazione collettiva (almeno quella degli strati più
abbienti della società) alla vita pubblica e ha prodotto politiche più attente alla difesa degli interessi
economici, alla crescita della ricchezza collettiva e alla competizione dinastico-militare per
l'accrescimento territoriale.
La potenza e l'efficacia del modello delle nuove monarchie rispetto alle vecchie realtà statuali si
vide durante le guerre d'Italia, un cinquantennio in cui la penisola italiana fu un vero e proprio
campo di battaglia, sia per i potentati italiani che per gli stati europei. Furono i primi conflitti in cui
si venne a creare un sistema diplomatico europeo basato su alleanze e schieramenti. A quel tempo
l'Italia non era solo la nazione più ricca e colta d'Europa ma anche il luogo di residenza del papa,
massima autorità spirituale del mondo cristiano: dominare la penisola avrebbe significato, quindi,
conquistare l'egemonia sull'intero continente. Dopo una lunga fase di guerre, i maggiori stati della
penisola nel 1454 firmarono la pace di Lodi, che prevedeva il rispetto del principio dell'equilibrio,
cioè del mantenimento dello status quo. Alla fine del XV secolo l'Italia era divisa in numerosi stati
di medie e piccole dimensioni, incapaci di assoggettare gli altri ma abbastanza robusti da resistere ai
tentativi di espansione degli stati vicini: il Ducato di Savoia (comprendente la Savoia e il Piemonte),
la repubblica di Genova (comprendente la Liguria), il Ducato di Milano (comprendente la
Lombardia e guidato prima dai Visconti e poi dagli Sforza), la repubblica di Venezia
(comprendente il Veneto), la signoria di Firenze (comprendente la Toscana e guidata dai Medici,
che instaurarono un governo formalmente repubblicano ma in sostanza principesco), lo Stato della
Chiesa (comprendente il Lazio, l'Umbria, le Marche e l'Emilia-Romagna), il regno di Napoli
(comprendente l'Italia meridionale e guidato da un ramo autonomo della dinastia aragonese) e i
regni di Sicilia e Sardegna (dipendenti direttamente dal re d'Aragona). La pace si interruppe nel
1494: Ludovico Sforza (detto il Moro) signore di Milano chiese l'intervento militare di Carlo VIII re
di Francia per risolvere alcuni contrasti interni. Il sovrano francese scese in Italia non incontrando
alcuna resistenza e occupò il regno di Napoli rivendicandone il possesso in quanto erede dell'estinta
dinastia angioina. La schiacciante forza dell'esercito di Carlo VIII e la mancata opposizione alla
discesa dei francesi dimostrò la debolezza degli stati della penisola. Tuttavia il papa Alessandro VI
(appartenente alla famiglia spagnola dei Borgia) promuove un'alleanza antifrancese tra Venezia,
Milano, l'impero e la Spagna che costringe i francesi a ritirarsi dalla penisola. La spedizione di
Carlo VIII fu solo la prima di una lunga serie, favorita dall'instabilità dei potentati italiani causata
dall'azione di Ludovico il Moro, che chiese aiuto al re di Francia per contrastare il nipote Gian
Galeazzo Sforza, e dalla spregiudicatezza del papa Alessandro VI, che tentò di creare una propria
dinastia aiutando suo figlio Cesare Borgia (detto il Valentino) a costruirsi un principato tra
Romagna e Marche (tentativo fallito a causa della morte di Alessandro VI, a cui succedette Giulio II
della famiglia dei Della Rovere, rivale dei Borgia). A Firenze, dopo la morte di Lorenzo de' Medici,
il potere della dinastia regnante divenne sempre più fragile fino al rovesciamento del potere da parte
del frate domenicano Girolamo Savonarola, che riformò la società e le istituzioni civili ed
ecclesiastiche in senso repubblicano proponendo un sistema più egualitario che si rifacesse agli
ideali evangelici. La scomunica da parte di Alessandro VI gli fecero perdere l'appoggio delle
autorità cittadine, che lo fecero condannare al rogo come eretico, e venne restaurata la signoria dei
Medici. Gli elementi di conflittualità e di debolezza interna degli stati della penisola si fusero con le
vicende delle guerre d'Italia. Luigi XII, nuovo re di Francia, occupò il Ducato di Milano
rivendicandone il possesso a causa della sua discendenza dai Visconti e strinse un accordo con
Ferdinando II d'Aragona per la spartizione del regno di Napoli. Ben presto, tuttavia, scoppiò la
guerra fra i due sovrani che terminò con la vittoria degli spagnoli nella battaglia di Garigliano: il
4

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

regno di Napoli passò nelle mani di Ferdinando d'Aragona e i francesi dovettero rinunciare alle
pretese sul regno. Nel XVI secolo, dopo il fallimento del progetto dei Borgia, il papa Giulio II tentò
di riaffermare il potere territoriale del papato, minacciato dall'espansionismo di Venezia verso la
Romagna e dalla formazione di piccole signorie che tentarono di acquisire l'indipendenza. Egli,
quindi, diede vita alla lega di Cambrai con l'imperatore Massimiliano I d'Asburgo e Ferdinando
d'Aragona riuscendo a sconfiggere le forze veneziane nella battaglia di Agnadello. Sventata la
minaccia veneziana, il papa cambiò strategia e costituì la lega santa, una nuova alleanza tra potenze
italiane ed europee per scacciare i francesi dalla penisola. Luigi XII, sconfitto, dovette abbandonare
Milano. Il suo successore, Francesco I, tentò di riconquistare Milano, considerata un obiettivo
primario per la sua posizione strategica in Italia. Dopo la battaglia di Marignano, in cui il re di
Francia sconfisse gli Sforza, nel 1516 venne siglato il trattato di Noyon tra Francesco I, Carlo
d'Asburgo (nuovo sovrano di Castiglia e Aragona) e il papa: Milano sarebbe andata alla Francia e
Napoli alla Spagna. Nel 1521, però, Carlo venne eletto imperatore (prendendo il nome di Carlo V) e
mosse di nuovo guerra alla Francia: con la vittoria a Pavia gli spagnoli catturarono Francesco I e lo
costrinsero a firmare il trattato di Madrid con cui rinunciò ad ogni pretesa sull'Italia e cedette le
Fiandre (che erano state annesse alla Francia nel secolo precedente) a Carlo V, che le rivendicò
come propria eredità familiare. Il papa Clemente VII, resosi conto che il pericolo maggiore per la
libertà d'azione dei potentati italiani non era più costituito dai francesi ma dal potere di Carlo V,
operò un rovesciamento delle alleanze che però non diede i risultati sperati. La coalizione
antiasburgica con Francia, Venezia, Milano, Genova e Firenze (lega di Cognac) non fu in grado di
contrastare l'esercito imperiale, che irruppe in Italia e arrivò ad occupare Roma, costringendo il
papa a rifugiarsi a Castel Sant'Angelo. In questo contesto si resero protagonisti i lanzichenecchi,
ovvero i mercenari tedeschi di fede protestante al servizio dell'impero: essi si resero artefici di un
sacco di Roma che suscitò orrore e sconcerto in tutta l'Europa. Questo episodio provocò un nuovo
rovesciamento del governo dei Medici a Firenze, dove venne ripristinata la repubblica, e
l'abbandono di Genova dell'alleanza con la Francia per allearsi con Carlo V. Con la pace di Cambrai
nel 1529 Francesco I dovette accettare il ritorno degli Sforza a Milano (come beneficio concesso
dall'imperatore) e riconoscere la cessione del regno di Napoli e delle Fiandre a Carlo V. Questo
accordo sancì l'affermazione dell'egemonia spagnola in Italia. Carlo V e il papa si accordarono
perché l'impero ripristinasse la signoria dei Medici a Firenze in cambio del riconoscimento papale
dei titoli di re di Boemia e di Ungheria a Ferdinando d'Asburgo, fratello di Carlo V. Nonostante la
pace, i conflitti continuarono: Francesco I acquisì nuovi territori in Savoia ma perse definitivamente
il Ducato di Milano, che tornò sotto il diretto controllo dell'impero con l'estinzione della dinastia
Sforza. Il nuovo re francese Enrico II intraprese un'altra campagna contro Carlo V alleandosi con i
principi protestanti tedeschi ma venne sconfitto (anche a causa dei problemi economici del regno di
Francia) e fu costretto a firmare la pace di Chateau-Cambrésis nel 1559, che chiuse la stagione delle
guerre d'Italia. I francesi furono definitivamente espulsi dalla penisola italiana. Filippo II, figlio di
Carlo V e erede dei troni spagnoli, governò direttamente Milano (in quanto venne nominato duca
dall'imperatore), il regno di Napoli, la Sicilia e la Sardegna ed esercitò una grande influenza su tutta
la penisola, con l'alleanza del Ducato di Savoia e del Ducato di Toscana. Le guerre d'Italia, oltre a
rappresentare la fine delle libertà italiane, rappresentarono anche un momento fondante del sistema
diplomatico-militare delle potenze. Emerse la sproporzione tra le forze che le grandi monarchie
erano in grado di mobilitare e quelle delle vecchie realtà statuali. L'egemonia politico-militare
spagnola in Italia durò circa due secoli.
Carlo V venne eletto imperatore con il voto dei sette grandi elettori. Egli dovette affrontare
l'agguerrita competizione di Francesco I re di Francia, che sostenne la necessità di non concentrare
troppo potere nelle mani di un solo sovrano. La disputa si risolse con l'acquisto dei voti dei grandi
elettori: Carlo V, mobilitando i più ricchi banchieri d'Europa (tra cui i Fugger) riuscì a offrire una
somma maggiore rispetto al rivale. Con l'elezione a imperatore, però, egli si ritrovò a governare un
insieme assai vasto ed eterogeneo di territori. In Spagna l'ascesa al trono suscitò timori e resistenze
da parte di coloro che temevano l'emarginazione degli interessi spagnoli da parte di un sovrano nato
5

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

e residente nelle Fiandre. In Spagna scoppiò una guerra civile tra gli oppositori al nuovo sovrano (le
città, organizzatesi nella “confederazione dei comuneros”) e i suoi sostenitori di Carlo V
(l'aristocrazia, che temeva che le città ne avrebbero messo in pericolo la rappresentatività) che fu
vinta da questi ultimi e l'ordine fu ristabilito. Una volta stabilizzata la situazione in Spagna, dopo
aver sconfitto i francesi in Italia ed essere stato incoronato imperatore dal papa, Carlo V sembrò in
grado di instaurare un ordine imperiale europeo ispirato all'impero romano e a quello carolingio ma
anche segnato dall'impronta degli Asburgo, che si consideravano i fautori di una missione
universale voluta da Dio. Questo progetto venne contrastato dall'espansionismo ottomano (sotto la
guida del sultano Solimano I detto il Magnifico, gli ottomani realizzarono un'offensiva nei Balcani,
conquistando i territori asburgici fino a gran parte dell'Ungheria, e sostennero la pirateria barbaresca
del Nord Africa che minacciò i territori di Carlo V nel Mediterraneo; nonostante l'impegno diretto
dell'imperatore, visto come il caposaldo del cattolicesimo nella lotta ai musulmani, non vi furono
vittorie importanti; nel 1536 Solimano si alleò con Francesco I contro Carlo V, che viene sconfitto
in battaglia nonostante l'alleanza con il papato, Genova e Venezia; la presenza di un avversario
potente come l'impero ottomano assorbì risorse finanziarie e militari dell'impero e impedì a Carlo V
di concentrarsi nella guerra contro la Francia, il principale ostacolo al progetto di egemonia
continentale dell'impero) e dalla nascita e dalla diffusione della riforma protestante in Germania,
che provocò una dura conflittualità politica e religiosa (l'alleanza politico-militare dei principi
protestanti tedeschi rappresentò una minaccia per la politica di Carlo V, soprattutto in seguito alla
loro alleanza con i sovrani francesi; l'imperatore non riuscì a sconfiggere la coalizione nemica). Di
fronte a quella situazione Carlo V si rese conto dell'impossibilità di realizzare l'egemonia
continentale dell'impero. L'ipotesi di lasciare tutti i suoi domini a un unico erede, suo figlio Filippo
II, trovò l'opposizione del fratello Ferdinando d'Asburgo (a cui i principi tedeschi avevano
promesso la successione al soglio imperiale) e dei principi stessi, preoccupati di consegnare
l'impero nelle mani di un sovrano troppo potente dopo l'alleanza con i francesi. Nel 1555 venne
siglata la pace di Augusta, che sancì la convivenza di cattolicesimo e luteranesimo nell'impero.
Poco prima di morire, Carlo V cedette al figlio Filippo II le Fiandre (territorio particolarmente caro
a Carlo V perché c'era nato e perché era una regione molto ricca ed economicamente fiorente), la
Castiglia, l'Aragona e i domini italiani (Milano, regno di Napoli e Sicilia), mentre al fratello
Ferdinando, già re di Boemia e Ungheria, attribuì la carica di re.

2. Ordini, ceti e forme della rappresentanza politica


Agli inizi dell'età moderna nell'Europa cristiana l'universo naturale era considerato predisposto da
Dio. Ne consegue che anche il mondo sociale (visto come parte integrante dell'universo, dovesse far
parte di un disegno divino. Dalla dottrina filosofica dell'organicismo (secondo cui la realtà poteva
essere interpretata come un organismo vivente) scaturì la tendenza a immaginare la società divisa in
tre parti disposte in maniera gerarchica ma dipendenti l'una dall'altra: il clero, la nobiltà e il resto
della popolazione. Il clero, ovvero l'ordine formato dagli ecclesiastici, aveva il primato (ovvero la
funzione sociale più importante) e doveva garantire all'intera comunità la benevolenza da parte di
Dio e di permettere agli esseri umani di poter accedere alla vita ultraterrena. Il riconoscimento del
primato del clero comportava delle conseguenze: gli ecclesiastici dovevano essere mantenuti a
spese della società ma soprattutto erano loro riconosciuti una serie di dignità e privilegi. Nella
società europea occidentale di antico regime, quindi, il clero era il Primo Stato. Gli ecclesiastici non
si limitavano alla cura delle anime: oltre alla sfera sacra, basata sull'amministrazione dei sacramenti
e sulla predicazione, il clero amministrava ingenti patrimoni, era titolare di poteri pubblici (gli
ecclesiastici governavano città e territori), gestivano istituzioni educative, sanitarie e assistenziali e
facevano da consiglieri ai sovrani. Queste funzioni garantirono al clero la rappresentatività nelle
principali istituzioni politiche rappresentative dei ceti. Molto importante era anche il ruolo dei nobili
(che formavano il Secondo Stato), che svolgevano attività militari di protezione dei beni e delle vite
6

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

di tutti mediante l'uso delle armi. Anche ai nobili, data l'importanza della loro funzione sociale,
venivano riconosciuti una serie di privilegi. Tuttavia, a differenza del clero, la nobiltà poteva
riprodursi e quindi era in grado di perpetuare i propri beni e privilegi ma anche il ricordo delle
proprie genealogie (fatte risalire, miticamente, ad antichi progenitori).
Anche la nobiltà affiancò al proprio ruolo originale le funzioni di direzione politico-amministrativa.
Si trattava di un delega da parte del sovrano di funzioni politiche, amministrative e giudiziarie
prevalentemente connessa alla concessione di un beneficio. La delega finì per diventare perpetua,
costituendo la base di un ordinamento quasi separato che limitava i poteri del sovrano. Il beneficio
non era una proprietà privata del vassallo ma nel corso del medioevo i nobili acquisirono la facoltà
di trasmetterlo in via ereditaria. Inoltre, all'interno dell'universo nobiliare di affermò lentamente una
scala gerarchica basata sui titoli feudali concessi dal sovrano. L'universo nobiliare non è mai stato
completamente a disposizione del potere del re e la legittimazione, la forma e la disposizione di
questo gruppo sociale non sono stati sempre del tutto dipendenti dal volere dei sovrani (nonostante
questi potessero concedere e creare nuovi titoli, elevare alcune famiglie ai titoli nobiliari e
contrastare l'ascesa di altre famiglie). Tra le più prestigiose famiglie nobiliari si coltivava l'ideologia
della comune discendenza dai conquistatori barbari, che comportava l'idea di un sovrano
considerato come un primo tra gli uguali (veniva meno il carattere di supremazia del sovrano, visto
come una semplice guida). Inoltre il carattere di nobiltà di una famiglia poteva essere misurato in
base all'antichità della propria discendenza. La nobiltà non nasceva solo dalla concessione di un
titolo da parte del sovrano, a anche dall'esercizio concreto del potere signorile (delegato
formalmente o meno dal sovrano) e da processi di selezione delle famiglie più importanti nelle città.
La nobiltà poteva nascere, quindi, anche in realtà che potevano sfuggire al potere dei sovrani.
L'ordine nobiliare non era un gruppo chiuso e impermeabile: si poteva diventare nobili attraverso
lente pratiche sociali che conferivano un carattere di nobiltà, come l'esercizio di cariche pubbliche,
oppure attraverso l'arricchimento. A partire dal XVI secolo, data la crescita dei bisogni finanziari
degli apparati burocratici statali, i sovrani iniziarono a vendere titoli nobiliari. Essere nobili voleva
dire non solo avere un ruolo di preminenza all'interno della società, ma anche attribuirsi di un
carattere di distinzione che consente di discriminare tra nobili e non nobili, ponendosi in un gradino
più alto della scala sociale.
Le città dell'antico regime erano popolate da gruppi definiti in base alle professioni. Molto
importante è il ruolo sociale ed economico delle corporazioni, che nacquero e si svilupparono a
partire dalla seconda metà dell'XI secolo. L'origine di tali associazioni era legata al desiderio degli
artigiani o dei mercanti di uno stesso settore produttivo di unirsi per difendere i loro interessi
comuni, tentando di acquisire il monopolio dei vari ambiti manifatturieri o commerciali ai danni dei
concorrenti che non facevano parte delle corporazioni. Esse divennero istituzioni in grado di
controllare i loro settori di attività nei minimi dettagli attraverso regole ben precise che regolavano
la produzione e la vendita delle merci. Le corporazioni erano distinte in base all'importanza e al
prestigio economico-sociale dei mestieri. A partire dalla seconda metà del XIV le corporazioni
subirono un irrigidimento delle normative di accesso causato dalle difficoltà degli apprendisti di
raggiungere il rango di maestri in quanto privi del denaro necessario per aprire una propria bottega,
che veniva spesso impiegato per pagare le tasse, sempre più elevate. La struttura interna delle
associazioni corporative era di tipo rigidamente gerarchico, al cui vertice c'era la direzione
collegiale composta dai maestri. Le corporazioni acquistarono un notevole grado di controllo sulle
attività produttive e sul mercato del lavoro. Inoltre esse assumevano spesso funzioni di difesa delle
città da pericoli esterni e compiti di tutela dell'ordine pubblico, o viceversa potevano essere
potenziali motori di rivolte. Esse organizzavano, distinguendola e gerarchizzandola, una parte
consistente dello spazio sociali dei non nobili e non ecclesiastici.
Alla funzione religiosa e militare corrispondevano gruppi sociali separati che facevano riferimento
rispettivamente al potere religioso (il papa) e al potere politico (il sovrano). A questi gruppi
venivano attribuiti specifici ruoli, risorse simboliche e materiali e specifiche rappresentanze nei
massimi organismi politici. Il cosiddetto Terzo Stato era diviso in base al ceto di appartenenza,
7

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

ovvero in base allo specifico gruppo sociale, giuridicamente riconosciuto, creato per svolgere una
particolare funzione (i gruppi artigianali suddivisi in corporazioni, i titolari di professioni, i titolari
di cariche pubbliche e i mercanti). Solo l'appartenenza a un ceto conferiva il diritto di praticare
legittimamente un mestiere e di partecipare alla vita pubblica. Le qualità connesse a un corpo, dette
privilegi, rivestivano anche i suoi membri. Il privilegio era ciò che contraddistingueva i diritti dei
vari corpi sociali e li distingueva tra loro. I ceti privilegiati per eccellenza, ovviamente, erano il
clero e la nobiltà. I privilegi potevano essere di diverso tipo: giurisdizionali (cioè attinenti alle
caratteristiche, ai confini e ai limiti di estensione dell'autorità giudiziaria) o economici (esenzione o
limitazioni della tassazione). In ogni caso i privilegi contribuivano a determinare il rango di un
gruppo sociale, ovvero la sua posizione nella scala sociale in rapporto agli altri gruppi: per questa
ragione una parte importante della conflittualità dell'antico regime fu originata dalla volontà di
difendere i propri privilegi. Questa conflittualità riguardava anche gli individui tra loro:
l'appartenenza a un ceto sociale doveva accompagnarsi ad una corrispondente reputazione, ovvero
doveva essere riconosciuta come legittima. Il nobile doveva comportarsi in base a ciò che riteneva
essere un comportamento da nobile. Per le donne era importante la virtù di tipo sessuale, per gli
uomini era importante la virtù di tipo virile (la bravura nel proprio mestiere e la capacità di
mantenere la propria famiglia) unita al gioco sociale della reputazione. Questi comportamenti
determinavano l'onore dei nobili. Con la tendenza dei sovrani a vendere i titoli nobiliari si avvertì la
necessità di distinguersi: il rango era determinato, infatti, anche dalla rarità del titolo nobiliare
posseduto. Per distinguere la nobiltà più antica da quelle di più recente formazione, assunsero un
grande ruolo le onorificenze (riconoscimenti che distinguevano solo i più degni di essere onorati) e
gli ordini militari e cavallereschi. Questi ultimi, sorti durante il medioevo, nell'età moderna vennero
utilizzati per creare una sorta di aristocrazia internazionale. Tra il XVI e il XVII secolo le
monarchie europee si dotarono di nuovi ordini militari e cavallereschi o utilizzarono quelli già
esistenti per soddisfare le richieste di distinzione dei gruppi aristocratici.
La società dell'antico regime, che pensava se stessa come parte di un ordine immutabile in quanto
dato da Dio, si rappresentava secondo forme prestabilite che prevedevano la partecipazione alla vita
politica degli individui come parte di un ordine o ceto (organismi sopraindividuali detentori di
propri diritti e organizzati in funzione dei fini collettivi di loro competenza). La società politica
nasceva dalla composizione dei corpi sociali, disposti su scala gerarchica ma funzionalmente legati
l'uno all'altro in modo da creare un organismo unitario. Nelle monarchie europee questo modo di
rappresentare la realtà portò alla presenza, a fianco del sovrano, di corpi rappresentativi più o meno
ampi: il re era affiancato da un'assemblea di rappresentanti del regno non elettiva, composta da
rappresentanze di ciascun ordine, che svolgeva la funzione di fornire un consiglio al sovrano per la
sua azione politica e ha l'importante prerogativa di poter autorizzare o meno l'imposizione di nuove
tasse. Il sovrano decideva sulle questioni più importanti solo dopo aver ascoltato il parere dei
rappresentanti del regno. In Scozia, nel regno di Napoli, in Sicilia e in Inghilterra l'assemblea si
chiama Parlamento. Nel caso inglese il Parlamento era diviso nella camera dei lord (o dei pari, detta
anche camera alta), non elettiva, dove sedevano i signori che avevano ricevuto il titolo di nobili dal
sovrano, insieme ad alcuni ecclesiastici, e nella camera dei commons (o dei comuni, detta anche
camera bassa) dove sedevano i rappresentanti delle città. In Francia e nei Paesi Bassi l'assemblea si
chiamava Stati Generali ed era divisa nei tre ordini. In Francia, oltre agli Stati Generali (che
venivano convocato molto raramente), erano presenti delle corti di giustizia chiamate Parlements,
tra le quali c'è quella di Parigi, la più importante, che ha il privilegio di verificare la conformità
delle leggi del sovrano con la tradizione giuridica del regno e quindi di effettuare o negare la loro
registrazione fra le leggi ufficiali (tuttavia il sovrano poteva presentarsi di persona al Parlement di
Parigi obbligandolo a registrare le leggi). In Castiglia e in Aragona l'assemblea si chiamava Cortes.
In Castiglia era composta solo dai rappresentanti delle città e il sovrano non era obbligato a
convocare anche i nobili e il clero, mentre in Aragona l'assemblea era divisa secondo i tre ordini.
Nei territori del Sacro Romano Impero l'assemblea che approvava le leggi si chiamava Reichstag (o
dieta imperiale) e vi partecipavano il sovrano, i sette principi elettori, i rappresentanti delle città e
8

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

vari signori ed ecclesiastici. Tutte queste assemblee non si riunivano periodicamente ma veniva
convocate su richiesta del sovrano. In queste riunioni i rappresentanti dei ceti avevano la facoltà di
presentare le loro richieste e rimostranze al sovrano, mentre quest'ultimo poteva chiedere
l'autorizzazione per imporre nuove tasse (molti monarchi europei potevano aumentare le tasse
esistenti ma per imporne di nuove dovevano ottenere l'approvazione delle assemblee
rappresentative). In cambio di queste concessioni, dette “donativi”, i rappresentanti si appellavano
alle caratteristiche del sovrano della munificenza, ovvero il potere di concedere titoli,
riconoscimenti e privilegi (immaginando il sovrano a somiglianza di Dio, come un generoso
elargitore di grazia terrena), e della giustizia, ovvero la capacità di modificare gli atti che violavano
i privileggi, le consuetudini o le leggi naturali e divine (sempre a somiglianza di Dio, il sovrano era
visto come il garante dell'equità e colui che poteva ripristinare l'ordine voluto da Dio). Queste
procedure comportavano un lavoro di mediazione tra il sovrano e le rappresentanze che allungavano
di molto le sedute parlamentari. Per questo motivo i sovrani cercarono di convocare le assemblee il
meno possibile e solo in caso di necessità, tentando di trovare i mezzi finanziari necessari alla loro
politica facendo a meno dei parlamenti.
Durante le riunioni il re sedeva sul trono, una sedia addobbata e posta in una posizione sopraelevata
che simboleggiava la superiorità, designata da Dio, di colui che era legittimato a sedervisi. Seduto
sul trono a capo coperto, il re riceveva le richieste, i consigli e le proposte dei rappresentanti, in
piedi e a capo scoperto. Anche in assenza del sovrano il trono rimaneva nell'aula a simboleggiare la
presenza della monarchia. L'uso di questo simbolo mostra come i sovrani dell'antico regime
legittimavano il proprio potere con l'idea che fosse Dio ad aver scelto un determinato esponente di
una certa famiglia regnante per guidare il regno. Da ciò derivava la tendenza delle monarchie a fare
del re l'immagine del potere pubblico (a differenza delle repubbliche, nelle quali il potere non era di
persone determinate ma di cariche pubbliche che potevano essere rivestite da diversi individui). La
tendenza all'innalzamento sacrale della dinastia aveva lo scopo di evitare l'affermarsi di una
monarchia elettiva, cioè di impedire ai nobili di acquisire la facoltà di eleggere il sovrano (come
invece accadeva per l'imperatore e per il papa). La costruzione di una legittimità dinastica, sottratta
all'incertezza dell'elezione e stabilmente fissata, fu accompagnata dall'idea che Dio avesse scelto di
affidare le sorti di un regno ad una dinastia per il benessere dei sudditi e la difesa della fede. A ciò
contribuì anche la concezione, diffusasi già in epoca medievale e ripresa all'inizio dell'età moderna,
del potere taumaturgico dei sovrani (ovvero la credenza che il tocco della mano del re potesse
guarire dalla scrofola). Secondo la teoria dello storico Ernst H. Kantorowicz, il sovrano era visto
come una figura dalla doppia natura (a imitazione di Cristo): da una parte il corpo fisico e mortale,
dall'altra la figura del re che incarnava simbolicamente un corpo immateriale che abbracciava tutto
il regno. Esso rappresentava l'eternità del potere monarchico e la funzione semidivina di garante
dell'ordine terreno. Questo secondo corpo abbracciava tutta la comunità politica, che trovava in esso
un principio di unità e un sentimento di continuità e identità.
d'Austria favorendone l'elezione a imperatore.

3. La scoperta dell'America e gli imperi coloniali


Nel XV secolo si intensificarono i traffici fra i maggiori centri mercantili del tempo, Venezia e
Genova, e i porti dell'Europa settentrionale, favorendo lo sviluppo di alcune città iberiche affacciate
sull'Oceano Atlantico. Le navi genovesi e veneziane, infatti, seguivano le rotte vicine alle coste
atlantiche della penisola iberica. Durante il XII e il XIII secolo si inserirono nelle rotte commerciali
anche i mercanti portoghesi (molto attivi nell'esportazione di vini, olio e sale, mentre importavano
tessuti, metalli preziosi, cereali e corallo) e catalani. Questi ultimi, come anche i genovesi,
intrapresero, tra XIII e XIV secolo, una serie di esplorazioni cercando invano un modo per
circumnavigare l'Africa evitando la zona del Medio Oriente dove era molto forte la presenza
commerciale dei veneziani e si facevano sentire le tensioni politiche fra i diversi regni musulmani.
9

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Gli esploratori trecenteschi tentarono anche di spezzare il monopolio dell'oro dei mercanti arabi
dell'Africa settentrionale. Nella prima metà del XIV secolo i genovesi scoprirono le Canarie ma non
riuscirono a trasformarle in un insediamento a causa della peste; tuttavia la zona fu assoggettata alla
Castiglia agli inizi del XV secolo. La navigazione nell'Oceano Atlantico fu resa possibile dallo
sviluppo delle tecniche navali e degli strumenti di navigazione. Nel XV secolo vennero introdotte
delle innovazioni provenienti dall'Europa settentrionale, come la velatura composta (basata
sull'utilizzo di più un albero e più di una vela e che sostituì la tradizionale navigazione a remi) e il
timone unico dritto di poppa. Queste innovazioni resero più manovrabili e governabili le
imbarcazioni. I navigatori genovesi furono i primi a rendersi conto che per affrontare le onde
oceaniche trasportando pesanti carichi di merce occorreva disporre di navi più grandi e più sicure.
Grazie all'innesto degli elementi per la navigazione sulla costa atlantica nelle navi mediterranee
vennero concepiti nuovi tipi di imbarcazioni (come la caravella o il galeone) fornite di un
complesso sistema di vele, armate di cannoni per difendersi dai pirati e dotate di grandi capacità di
carico. Allo sviluppo della navigazione contribuirono anche la diffusione di strumenti come la
bussola (un ago magnetico che indica il Nord) e il perfezionamento dell'astrolabio (serve a misurare
l'altezza della stella polare o del sole rispetto all'orizzonte per stabilire la latitudine). Tuttavia queste
innovazioni provocarono un cambiamento nel modo di affrontare i viaggi marittimi da parte dei
naviganti: la pratica della navigazione atlantica pose il problema di abbandonare le stime delle
distanze basate sull'esperienza adottando una metodologia basata su calcoli e misurazioni (la
bussola, ad esempio, indica il Nord magnetico e non il Nord geografico e la traiettoria deve essere
corretta con i calcoli). Anche lo sviluppo della cartografia fu un fenomeno rilevante: l'avvio delle
esplorazioni atlantiche produsse una vera e propria domanda di rappresentazioni efficaci di terre e
rotte, nonostante fossero ancora rudimentali e poco precise. Grazie alla cartografia fu possibile
stabilire il percorso più breve da seguire per giungere fino alle Indie (ovvero i territori dell'Estremo
Oriente ricchi di spezie).
In Portogallo la crisi demografica dovuta alla peste e alle guerre civili nella seconda metà del XII
secolo favorì l'ascesa sociale dei mercanti ai danni dell'aristocrazia feudale. La dinastia degli Aviz
nel XV secolo promosse attività commerciali ed esplorazioni per curare i propri interessi economici.
Vennero colonizzate le isole di Madera (dove i portoghesi introdussero la coltivazione della canna
zucchero, considerata una spezia esotica molto preziosa; a quel tempo veniva importata in Europa
dai veneziani, che lo acquistavano dai mercanti arabi), Porto Santo e le Azzorre. L'attività di
esplorazione delle coste africane era legata alla necessità di approvvigionarsi di oro e di schiavi
africani. Le navi portoghesi si spinsero sempre più a Sud, approdando alle isole di Capo Verde, in
Sierra Leone e nel golfo di Guinea (dove venne fondata una stazione commerciale da cui i
portoghesi riuscirono ad attingere al mercato dell'oro in Africa). L'idea di circumnavigare il
continente africano, nonostante le sue dimensioni fossero ancora sconosciute, cominciò a sembrare
possibile. Nel corso delle loro spedizioni lungo le coste dell'Africa, i portoghesi fondarono basi
commerciali che fungevano anche da punti di rifornimento per le navi lontane dalla madrepatria.
Date le difficoltà del ritorno in Europa a causa dei venti contrari e delle bonacce stagionali essi si
convinsero che per tornare in Portogallo le navi dovessero sfruttare un percorso diverso da quello
dell'andata, compiendo un'ampia svolta verso Nord-Est. L'esperienza accumulata nel corso delle
esplorazioni consentirono alla marineria portoghese di raccogliere informazioni nautiche e
geografiche che resero possibile il progetto di circumnavigazione dell'Africa per arrivare alle Indie
dove avrebbero dovuto impadronirsi del commercio delle spezie: il navigatore Bartolomeo Díaz
arrivò alla punta meridionale dell'Africa, ribattezzandola Capo di Buona Speranza e alla fine del
XV secolo Vasco da Gama riuscì ad approdare a Calicut, in India. La presenza di popolazioni di
religione musulmana e dei mercanti arabi che avevano saldamente in mano il commercio delle
spezie mettono fine alla speranza di aggirare l'intermediazione con i mercanti arabi. A differenza
che in Africa, nelle Indie i portoghesi avevano ben poco da offrire in cambio delle merci preziose e
l'unico mezzo di pagamento accettato dai mercanti orientali era l'argento o il corallo. In questo
contesto i portoghesi misero a punto una tecnica aggressiva che venne in seguito ripresa dai
10

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

conquistatori europei: essi approfittarono dei contrasti politici ed economici fra i principi della zona
riuscendosi ad insediare nelle città rivali. All'inizio del XVI secolo Calicut venne bombardata e il
sovrano venne obbligato a vendere le spezie solo al Portogallo ad un prezzo prestabilito. I
portoghesi crearono anche una serie di stazioni commerciali fra le coste dell'Africa orientale e
quelle dell'India occidentale, cercando di controllare le rotte commerciali dell'Oceano Indiano e
ritenendo inutile e costosa l'occupazione territoriale diretta, limitandosi, invece, alla creazione di
basi fortificate nei pressi delle città costiere. Cercarono anche di bloccare le vie commerciali che
portavano le spezie dal Mar Rosso e il Golfo Persico al Medio Oriente: questa mossa scatenò la
reazione militare dell'Egitto, che intervenne per tutelare gli interessi dei mercanti arabi gravemente
colpiti dalla politica portoghese, con l'aiuto anche della repubblica di Venezia. La vittoria sulla
flotta egiziana garantì al Portogallo il controllo del porto di Hormuz, di grande importanza
strategica. L'insediamento di basi portoghesi fu parte di una strategia economica e militare mirata ad
imporre il monopolio portoghese nel commercio delle spezie. A differenza della politica
commerciale veneziana, basata sulla vendita a prezzi alti, quella dei portoghesi si caratterizzava per
i prezzi competitivi che assicuravano ugualmente un ottimo margine di profitto, anche grazie
all'imposizione di bassi prezzi ai venditori asiatici e all'eliminazione dell'intermediazione dei
mercanti arabi. La strategia d'impedire con la forza il commercio delle spezie lungo la via che
conduce al Mediterraneo orientale smise di sortire gli effetti desiderati a causa dell'espansionismo
degli ottomani: essi conquistarono la Siria e l'Egitto e strinsero un alleanza con Venezia. Questi
sviluppi resero sempre più difficile ai portoghesi il controllo delle tradizionali rotte delle spezie.
Essi dovettero rinunciare al controllo del Golfo Persico e consentire la ripresa degli affari degli
arabi con l'India.
Alla fine del XV secolo la Castiglia, dopo aver portato a termine la reconquista, promosse una
spedizione nell'Oceano Atlantico. Il navigatore genovese Cristoforo Colombo (dopo aver ricevuto il
rifiuto dal re del Portogallo) propose alla regina Isabella di Castiglia di finanziare una spedizione
navale per arrivare in Cina, terra ricca di spezie e sete molto preziose, navigando verso occidente
con la convinzione della sfericità della Terra. Ottenuto il denaro necessario dalla regina e dei
mercanti genovesi, Colombo salpò con tre caravelle e il 12 ottobre 1492 sbarcò su un'isola delle
Bahamas che chiamò San Salvador prendendone possesso a nome della Castiglia. Fino alla sua
morte il navigatore fu convinto si essere sbarcato nel Cipango (come veniva chiamato il Giappone).
Si aprì la fase delle esplorazioni delle terre a Ovest dell'Oceano Atlantico. La scoperta delle nuove
rotte pose ai portoghesi e ai castigliani il problema della delimitazione dei rispettivi diritti. Essendo
l'espansione della fede cristiana la motivazione ufficiale delle spedizioni, si fece ricorso al papa
Alessandro VI, che cercò di eliminare le ragioni della contesa fra Portogallo e Castiglia stabilendo
una linea di demarcazione: le terre a Ovest di tale linea sarebbero dovute essere attribuite alla
Castiglia e quelle a Est della linea al Portogallo, ma le due parti, non soddisfatte dalla decisione del
pontefice, si accordarono per spostare la linea di demarcazione. Con questo atto, il trattato di
Tordesillas, i due regni si arrogarono il diritto di sovranità sulle nuove terre senza tener conto delle
popolazioni autoctone. Nel XVI secolo, nonostante il Brasile spettasse alla Castiglia, una flotta
portoghese venne spinta dai venti sulle coste brasiliane e ne prese possesso. Solo con il viaggio
compiuto da Amerigo Vespucci prese corpo l'idea che le terre scoperte da Colombo facessero parte
di un nuovo continente. I navigatori castigliani, allora, ripresero la ricerca di una rotta per l'oriente:
il navigatore Ferdinando Magellano, al servizio dell'imperatore Carlo V, si cimentò nella
circumnavigazione dell'America e scoprì le Filippine ma la spedizione si rivelò un fiasco perché,
secondo il trattato di Tordesillas, le isole produttrici di spezie rientravano nell'area spettante ai
portoghesi. Nel frattempo i castigliani cominciarono a sfruttare le nuove terre americane. Lo
sfruttamento e le malattie sconosciute nel nuovo mondo e giunte con gli europei provocarono un
netto crollo della popolazione autoctona. Nelle Antille, esauritesi le risorse d'oro, vennero
impiantate le coltivazioni di canna da zucchero, la cui manodopera venne data dall'acquisto di
schiavi neri dopo il crollo demografico delle popolazioni autoctone. Nei secoli successivi il mercato
degli schiavi assunse grandi dimensioni. L'ulteriore espansione dei castigliani nel continente venne
11

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

data dalla ricerca d'oro. Mentre in Asia i portoghesi incontrarono civiltà con cui avevano rapporti da
secoli, in America i castigliani entrarono in contatto con civiltà assolutamente sconosciute e diverse
fra loro per livelli di sviluppo: in alcune zone gli indigeni vivevano organizzati in tribù (praticando
la caccia e la pesca e coltivando il mais, un cereale sconosciuto agli europei la cui coltivazione si
rivelò meno impegnativa e più redditizia del grano), mentre in altre erano presenti civiltà molto
evolute sul piano politico e organizzate in imperi. Gli imperi azteco e inca, tuttavia, non
disponevano di tecnologia sufficiente a resistere all'urto della civiltà europea. Le armi da fuoco,
infatti, diedero ai conquistadores una superiorità schiacciante. Nel 1519 una spedizione in Messico
guidata da Hernán Cortés spazzò via gli aztechi. Nel 1532 un'altra spedizione, guidata da Francisco
Pizarro, annientò gli inca in Perù. L'arrivo dei conquistadores venne interpretato dagli indigeni
come il concretizzarsi di antiche profezie secondo cui i loro regni sarebbero caduti in seguito
all'arrivo delle divinità. Questa credenza condizionò l'atteggiamento iniziale degli aztechi e degli
inca e rappresentò il tentativo di spiegare un fatto imprevedibile (come l'esistenza di altre civiltà più
evolute) da parte di popolazioni vissute in un isolamento secolare. I motivi per cui pochi
conquistadores riuscirono a sconfiggere intere popolazioni americane, tuttavia, sono altri. Infatti i
maya, gli aztechi e gli inca presero velocemente coscienza della natura umana e aggressiva degli
aggressori. Neanche la superiorità tecnologica degli europei (dotati di armi da fuoco e di cavalli,
sconosciuti in America) è una spiegazione soddisfacente, in quanto gli indigeni riuscirono presto ad
adattare i propri metodi di combattimento. Altri fattori molto più rilevanti furono alla base della
vittoria degli europei: le malattie arrivate dall'Europa (che decimarono le popolazioni autoctone in
poco tempo a causa dell'assenza di difese immunitarie), la diversa concezione della guerra (per gli
indigeni l'obiettivo della guerra era quello di catturare il nemico, mentre i conquistadores
sterminarono i nemici), le differenze culturali nella dominazione (gli indigeni sottomettevano le
altre popolazioni obbligandole al pagamento di un tributo ma concedevano il mantenimento degli
usi e dei costumi tradizionali, mentre i conquistadores saccheggiarono e annientarono il nemico) e
le divisioni e i conflitti politici all'interno degli imperi (che i conquistadores seppero sfruttare a
proprio vantaggio). L'obiettivo principale dei conquistadores fu la ricerca d'oro: essi si dedicarono
alla sistematica e violenta spoliazione di città e popolazioni, riducendo molti indigeni in schiavitù
nelle miniere d'oro. Più tardi anche il Portogallo intraprese la colonizzazione del Brasile:
inizialmente vennero soltanto fondate delle basi commerciali ma l'interesse di mercanti privati di
varia provenienza spinse il re portoghese ad allontanare possibili rivali e ad avviare la
colonizzazione.
La conquista provocò la distruzione dell'universo religioso e culturale delle popolazioni americane:
la sconfitta militare dei loro regni ad opera di semplici esseri umani mise in dubbio il potere e
l'esistenza delle divinità considerate fondatrici e tutrici dei loro popoli. L'azzeramento delle
credenze religiose fu un vero e proprio trauma psicologico per le popolazioni, private di ogni punto
di riferimento religioso e culturale. Al saccheggio e allo sterminio si aggiunse l'azione della Chiesa
di evangelizzazione degli indios, estirpando le credenze tradizionali e imponendo valori religiosi e
culturali europei. Le popolazioni americane furono vittime non solo di uno sfruttamento spietato ma
anche di uno stravolgimento del mondo sociale, dei valori e della mentalità. Nonostante all'interno
della Chiesa ci fosse chi denunciava l'illegittimità dell'espropriazione delle terre degli indios e il non
rispetto dei loro diritti umani (come il sacerdote Bartolomé de las Casas, che arrivò anche ad essere
favorevole all'importazione di schiavi africani pur di tutelare gli indios) i conquistatori, animati da
cospicui interessi economici, li destinarono ugualmente al lavoro forzato nelle miniere e nelle
piantagioni. Dopo la fase delle esploratori e della conquista, iniziò il consolidamento della sovranità
castigliana con la creazione di istituzioni che governassero gli immensi territori dell'America
centrale e meridionale. Lo sfruttamento delle risorse naturali cominciò a perdere i tratti di mero
saccheggio per trasformarsi in un'attività organizzata in cui erano coinvolti sia i privati che la
corona. La diminuzione demografica degli indios spinse i castigliani a deportare i superstiti nei
villaggi e vendere le loro terre ai coloni. Il lavoro forzato degli indigeni venne utilizzato nelle
grandi fattorie dove, oltre all'allevamento, veniva praticata la coltivazione delle banane, del tabacco,
12

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

del caffè e della canna da zucchero. A differenza dei portoghesi, i conquistadores cercarono di
importare l'organizzazione del territorio castigliana nelle terre di nuova conquista: vennero
organizzate città, villaggi e municipi che, data la distanza dalla madrepatria, assunsero notevoli
poteri. Per porre un freno ai conflitti fra i conquistadores per lo sfruttamento delle ricchezza
americane nacque l'istituto dell'encomienda: esso consisteva nell'affidamento, da parte del sovrano,
di un numero di indigeni americani ad un colono. In cambio dell'evangelizzazione gli indios erano
tenuti a lavorare nelle case, nelle miniere e nelle terre dei coloni. Lo sfruttamento degli indigeni
ebbe alcune analogie con il feudalesimo europeo: il lavoro era obbligatorio e non retribuito e i
coloni, nonostante non avessero la proprietà della terra, stabilirono il proprio dominio sui territori. I
coloni erano anche tenuti a prestare servizio militare per la corona. L'encomienda divenne oggetto
di tensioni fra la società coloniale e il sovrano, che temeva la nascita di un'aristocrazia nel nuovo
mondo (dove l'autorità regia è molto debole). Ferdinando II d'Aragona, reggente al trono di
Castiglia dopo la morte di Isabella, promulgò le leggi di Burgos con le quali accettò l'encomienda
ma sottolineò la dipendenza diretta degli indios dal sovrano. Le terre conquistate erano sotto il
controllo dei conquistadores e dei loro discendenti; Carlo V tentò di riaffermare l'autorità regia in
America ma fallì a causa dell'opposizione delle città coloniali, che insorsero; nonostante i successivi
tentativi di Carlo V e del figlio Filippo II di ridurre il ruolo delle encomiendas, esse rimasero il
fulcro della società coloniale fino alla fine del XVI secolo, quando gli indigeni si estinsero a causa
delle malattie e delle pessime condizioni di vita. Per quanto riguarda i rapporti economici tra la
madrepatria e le colonie, venne istituita la Casa de Contratación, un ufficio che aveva il compito di
organizzare i traffici commerciali con le colonie, esigendo le imposte sulle merci in partenza e in
arrivo dal nuovo mondo. La corona e i gruppi mercantili castigliani instaurarono un regime
monopolistico di commercio con il nuovo mondo. La principale merce di esportazione dall'America
fu l'argento, mentre dalla Castiglia venivano importati i manufatti di qualità. Tuttavia le manifatture
castigliane non furono in grado di far fronte alla crescente domande di merci e si affermò il
contrabbando da parte dei mercanti portoghesi, francesi e inglesi che violarono il monopolio
castigliano del commercio con le colonie. La scoperta del nuovo mondo segnò l'affermarsi di nuove
rotte che misero il quelle mediterranee in una posizione di secondo piano.

4. Umanesimo e Rinascimento
Umanesimo e rinascimento furono momenti successivi di uno stesso processo culturale che nacque
e si sviluppò in Italia fra il XIV e il XV secolo e nel XVI secolo si diffuse in tutta Europa.
L'umanesimo fu un movimento intellettuale caratterizzato dalla riscoperta del mondo antico (Grecia
e Roma antiche), considerato un modello ineguagliabile di cultura a cui ispirarsi. L'iniziatore di
questo movimento può essere considerato il poeta Francesco Petrarca, che invitò allo studio dei testi
latini. Nel corso del XV secolo molti uomini di cultura raccolsero questo appello riscoprendo le
opere degli autori famosi dell'antichità. Uno degli scopi di questo movimento era quello di ridare
lustro alla lingua latina attenuando le differenze tra il latino parlato dagli antichi e quello
tramandato nel corso del medioevo, causate dagli errori di trascrizione. A questo scopo nacque la
filologia, la disciplina che aveva l'obiettivo di riparare a questi errori. Fu grazie al metodo filologico
che Lorenzo Valla riuscì a dimostrare che il documento che sarebbe stato scritto dall'imperatore
Costantino nel quale avrebbe ceduto Roma e il Lazio alla Chiesa, favorendone la nascita del potere
temporale, fosse in realtà un documento falso. Si occupò di filologia anche Erasmo da Rotterdam,
che, auspicando un ritorno al cristianesimo evangelico delle origini, denunciò gli errori contenuti
nella vulgata (ovvero nella traduzione latina della Bibbia). Con l'umanesimo si verificò il ritorno
della lingua greca in Europa, dalla quale era scomparsa nel corso del medioevo.
Un ruolo fondamentale nella diffusione e nella circolazione delle idee ebbe l'invenzione della
stampa a caratteri mobili. Prima di essa la produzione libraria era costituita da testi realizzati a
mano dagli amanuensi ma questo metodo non consentiva alte tirature rendeva i libri molto costosi.
13

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

A partire dal XIV secolo la carta, che arriva in Europa tramite i mercanti arabi e molto economica,
abbassa il prezzo dei libri. La tradizione leggendaria vuole che la stampa a caratteri mobili sia stata
inventata da Johann Gutenberg. L'adozione di un nuovo metodo di stampa si era già affermato, in
un periodo antecedente all'attività di Gutenberg, presso alcuni artigiani olandesi: con un metallo
duro si fabbricava un punzone che recava all'estremità una lettera o un simbolo, questo punzone
veniva poi schiacciato su una superficie di metallo più morbido dove si formava la matrice incavata
che permetteva di realizzare i caratteri dove la lettera o il simbolo era in rilievo. Il risultato venne
ulteriormente migliorato con l'adozione di un inchiostro ricavato dalla miscela di pigmento nero con
olio di lino. Grazie all'attività degli stabilimenti tipografici, dove si realizzava in poche ore ciò che
prima richiedeva mesi di lavoro, aumentò la quantità di libri prodotti e si abbassò notevolmente il
loro prezzo, facilitandone la circolazione e la vendita. Si formò, così, una comunità di intellettuali i
cui componenti, nonostante la distanza, potevano dialogare leggendo gli stessi scritti. Divenne
molto più facile la diffusione pubblica del proprio pensiero.
La riflessione sui testi antichi comportò l'elaborazione di una visione del mondo molto diversa da
quella medievale, dove la centralità della figura di Dio aveva condotto all'ideale di una vita ascetica
(caratterizzata dalla vita contemplativa e ritirata dal mondo, dalla rinuncia ai beni terreni e dal
distacco dalle passioni umane). L'influenza della classicità riportò alla luce l'importanza
dell'individuo e delle sue azioni. Viene sottolineata la dimensione pubblica, sociale e politica in cui
si doveva svolgere l'esperienza umana: in contatto con i propri simili, nell'esercizio di varie attività
(politiche, militari, culturali e ludiche) che sviluppano le qualità proprie della sua natura, l'uomo
rinascimentale era artefice del proprio destino e delle proprie fortune, anche materiali. Nel mondo
rinascimentale un ruolo privilegiato spettava all'artista, che conquistò rispetto e prestigio all'interno
della società. In precedenza l'attività artistica, ovvero lo svolgere un lavoro manuale, era considerata
avvilente e raramente un giovane di buona famiglia poteva intraprendere una tale carriera. L'artista,
che in precedenza lavorava nelle botteghe, nel XVI secolo iniziò a lavorare in solitudine. Il lavoro
dell'artista venne visto sotto un'altra luce e considerato di alto valore intellettuale. I motivi di questo
cambiamento possono essere individuati in un nuovo modo di istruire gli apprendisti, a cui si
trasmettevano i valori umanistici, oltre ai rudimenti dell'arte da loro scelta, e nella sempre maggiore
competenza necessaria per concepire e realizzare le opere desiderate dai grandi mecenati. Filippo
Brunelleschi applicò le regole della prospettiva matematica e della proporzionalità per progettare le
sue opere: egli elaborò la prospettive, cioè rese possibile la rappresentazione della tridimensionalità
all'interno di uno spazio bidimensionale.
Il quadro politico all'interno del quale si sviluppa il rinascimento è caratterizzato da notevoli
tensioni e conflitti, che fa apparire il forte contrasto tra i valori politici dell'antichità e la realtà del
tempo. Niccolò Machiavelli fece delle riflessioni su come conquistare e conservare uno stato. Nei
Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio fece un confronto con il passato: nonostante le cose siano
cambiate, lo studio degli eventi passati aiuta ad interpretare il presente e può fornire soluzioni ai
problemi che si presentano; inoltre tutti gli stati, a prescindere dalla loro forma politica, vanno
incontro a processi di decadimento. Ne Il principe esaminò le modalità che rendono possibile ad un
signore di conquistare uno stato e di governarlo: egli sottolineò che il principe, per giungere al
potere, deve essere furbo come una volpe e spietato come un leone, in modo da non farsi travolgere
dalla “fortuna” (intesa come l'insieme degli eventi casuali); il punto di riferimento di quest'opera di
Machiavelli fu Cesare Borgia, figlio del papa Alessandro VI, che riuscì a formare un'ampia signoria
territoriale tra Romagna e Marche (grazie ad un'azione politica e militare molto efficace) ma che
non riuscì a conservare a causa della morte di Alessandro VI: secondo Machiavelli l'uomo non può
opporsi totalmente alla casualità, sebbene possa cercare in qualche modo di limitarne gli effetti.
Francesco Guicciardini, autore della Storia d'Italia, fece un'analisi delle vicende storiche del suo
tempo, rappresentando i personaggi come degli uomini spinti dall'interesse personale nonostante
l'apparente nobiltà delle loro azioni: secondo l'autore l'azione umana è sempre indirizzata alla
ricerca del proprio tornaconto.
I centri da cui si irradiò la cultura rinascimentale furono le corti principesche italiane. Anche i
14

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

pontefici svolsero un'intensa opera di mecenatismo e furono committenti di molte opere d'arte tra il
XV e il XVI secolo. All'interno delle corti si elaborò la figura umana del cortigiano: secondo
Baldassarre Castiglione, autore dell'opera Il cortegiano, il vero gentiluomo di corte è colui che sa
consigliare al meglio il suo signore, oltre a saper praticare in maniera esemplare tutte le attività che
si svolgevano a corte senza mai lasciar trasparire la fatica che gli costa l'esercizio.
Nella visione cristiana medievale la natura era vista come la raffigurazione della potenza e della
volontà di Dio, una realtà da ammirare per cogliere i segni della sua ira che si manifestava
attraverso eventi straordinari di grande portata. Con l'umanesimo si fece strada una visione diversa
della natura, vista come un soggetto relativamente autonomo e dotato di proprie regole su cui gli
uomini potevano indagare. Nonostante l'umanesimo e il rinascimento siano state culture che
anticiparono la rivoluzione scientifica seicentesca, molti intellettuali rinascimentali furono attratti
da materie come l'astrologia (lo studio degli astri con l'obiettivo di cogliere la loro influenza sugli
eventi), la magia (la tecnica di manipolazione degli eventi con la volontà), l'alchimia (l'arte di
manipolare pietre e metalli che si riteneva avere virtù magiche, terapeutiche o spirituali) e la
qabbalah (una dottrina derivata dall'ebraismo che esaminava la possibilità dell'uomo di tornare a
Dio attraverso molteplici mediazioni), tutte discipline che si proponevano di acquisire i segreti della
natura per consentire la manipolazione umana della realtà, ma prive di fondamento.

5. Solo la grazia salva: la Riforma protestante


Nei primi decenni del XVI secolo si diffusero in Europa delle idee cristiane molto diverse da quelle
insegnata dalla Chiesa cattolica. Già nei secoli precedenti la Chiesa dovette fare i conti con
l'esistenza di dottrine ispirate al messaggio cristiano ma che si discostavano in diversa misura da
quella ufficialmente affermata dalla Chiesa. I sostenitori di tali idee, chiamati eretici, venivano
solitamente sottoposti a scomunica (venivano cioè espulsi dalla comunità dei fedeli e additati come
nemici della fede) e perseguitati dalle autorità civili in nome della difesa delle fede ortodossa. Il
sorgere di dottrine eterodosse, che nonostante fossero basate sugli stessi testi sacri della Chiesa
cattolica non si conformavano alla dottrina ortodossa, aveva origine nella grande distanza tra la
visione del mondo proposta dai testi sacri e il comportamento della Chiesa (Gesù Cristo proponeva
un'etica della donazione e del sacrificio molto lontana dalla tendenza all'accumulazione dei beni
materiali e di potere del papato). Da questa tensione nasceva il frequente richiamo da parte di
piccoli gruppi di intellettuali a una riforma della Chiesa che la facesse tornare ai valori evangelici
del cristianesimo delle origini. La riforma cristiana non conduceva necessariamente all'eresia ma
alla base della formazione di dottrine che in seguito vennero definite eretiche c'era una volontà
riformatrice: si voleva fare in modo che la Chiesa si conformasse alla volontà espressa dal suo
fondatore Gesù Cristo e che sia il comportamento sia le teorie della Chiesa rispecchiassero il
messaggio evangelico. Le prime dottrine eterodosse e riformatrici sorsero nel XIV secolo basandosi
sulla critica alla ricchezza della Chiesa e al potere temporale dei papi. Il pensatore umanista Erasmo
da Rotterdam, nel XV secolo, scrisse L'elogio della pazzia in cui criticò aspramente la corruzione e
l'immoralità della Chiesa e l'eccesso di potere del papa, che non solo si comportava da sovrano nei
suoi domini ma pretendeva anche di influenzare la vita civile degli altri stati. Nel 1517 un monaco
agostiniano, Martin Lutero, diffuse novantacinque tesi teologiche fortemente contrastanti con
l'ortodossia cattolica. Tuttavia la Chiesa di Roma non si allarmò, contando in una possibile
ravveduta del monaco o nell'intervento dell'Inquisizione.
Le novantacinque tesi, invece, sconvolsero il mondo cattolico distruggendo per sempre l'unità della
Chiesa. Le idee di Lutero, quindi, non furono una semplice eresia destinata ad estinguersi con la
repressione, ma una spaccatura profonda nell'Europa cristiana, che da allora fu divisa tra cattolici
(fedeli alla Chiesa di Roma) e protestanti (appartenenti a una delle tante Chiese originate dalla
critica al cattolicesimo). Alla base della riflessione teologica di Lutero c'era il confronto tra la
lettura dei testi sacri e la dottrina ortodossa della Chiesa. Lutero si accorse che i testi sacri
15

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

affermano che la salvezza per l'uomo discende dalla grazia divina, da una concessione volontaria di
Dio ai singoli. La Chiesa, invece, non svolge alcun ruolo e la presenza del papa non viene neanche
menzionata. Mettere in evidenza questi aspetti significava additare come inutile (o addirittura
dannosa) l'opera di mediazione fra l'uomo e Dio svolta dalla Chiesa. Secondo il tradizionale
insegnamento cattolico, la struttura ecclesiastica deve affiancare costantemente il credente,
aiutandolo a ad evitare gli errori e a resistere alle tentazioni dei beni materiali attraverso
l'amministrazione dei sacramenti e indirizzandolo a una vita spirituale fatta di opere di bene. Anche
dopo la morte del fedele la Chiesa si incarica di mediare tra l'uomo e Dio, garantendo la salvezza
grazie alle preghiere dei parenti rimasti in vita. La Chiesa si avvale anche dell'intercessione dei
santi, personaggi dalla vita e la fede esemplari. I fedeli possono, quindi, godere della cooperazione
terrena della Chiesa e di quella ultraterrena dei santi. Secondo la dottrina cattolica, l'anima dei
defunti passerebbe per un luogo di sofferenza temporanea necessaria a liberarsi dai peccati, il
purgatorio. Si tratterebbe di un luogo dove l'anima si libera lentamente dei peccati, che vengono
scontati e annullati con il tempo. Una vita passata rispettando gli insegnamenti della Chiesa
garantirebbe, secondo l'ortodossia, che la permanenza nel purgatorio duri il più breve tempo
possibile, permettendo all'anima di accedere al paradiso. L'esperienza del purgatorio potrebbe essere
ulteriormente abbreviata svolgendo opere di carità o facendo offerte in denaro alla Chiesa. Nei
primi anni del XVI secolo si diffuse la pratica delle indulgenze, ovvero la compravendita degli
sconti di pena validi per i defunti nel purgatorio: grazie a questa pratica la Chiesa poté accumulare
ulteriore denaro per le sue casse. Secondo la posizione di Lutero, invece, soltanto la grazia
salverebbe l'uomo: il fedele non avrebbe bisogno, quindi, di compiere azioni particolari per cercare
la salvezza eterna, ma dovrebbe soltanto avere fede. Solo la fede sottrarrebbe l'uomo alla schiavitù
del peccato originale. Secondo Lutero, la sorte dell'anima era, quindi, immodificabile e
imprevedibile, decisa solo da Dio. All'interno delle tesi luterane le indulgenze assunsero un
carattere di impostura: esse vennero additate come mercimonio di un bene divino, la grazia, che
veniva invece donata liberamente all'uomo. Venne sottolineata anche l'inutilità delle preghiere
indirizzate ai santi, che come la Chiesa non possono intercedere per l'anima del fedele, e venne
aspramente criticato il culto delle reliquie. La messa in discussione del ruolo della Chiesa fu alla
base delle tesi di Lutero.
Le novantacinque tesi erano un testo per soli dotti, scritto in latino. Grazie alla stampa e alla
traduzione in tedesco ebbero una straordinaria circolazione in Germania. La rapida diffusione e il
grande successo riscosso dalle idee luterane non furono dati soltanto dal loro carattere radicale e
rivoluzionare ma anche dal fatto che esse interpretarono bisogni largamente diffusi nella società
cinquecentesca. La dottrina luterana promosse un rinnovamento morale e religioso, nonché la
protesta nei confronti del clero corrotto. Essa attirò, perciò, tutti coloro che sostenevano l'esigenza
di un rinnovamento spirituale e materiale della vita religiosa e degli ordinamenti ecclesiali. Inoltre,
eliminando l'intermediazione della Chiesa tra l'uomo e Dio e favorendone il rapporto diretto, la
teologia luterana rappresentò un passo importante verso una religiosità più popolare e meno
misteriosa grazie al libero accesso ai testi sacri. Alcuni sovrani trovarono nelle idee luterane la
possibilità di ridurre l'influenza spirituale, sociale, economica e politica della Chiesa e di assumere
il controllo delle chiese locali impadronendosi degli ingenti beni del clero. Anche molti gruppi
sociali furono attratti dalla dottrina di Lutero, vista come lo strumento religioso e culturale che
poteva scardinare l'ordine politico-sociale esistente: esse vennero lette come la possibilità di
abbattere il potere della Chiesa svincolando la società dalle sue norme, portando maggiore libertà
per tutti. Secondo Lutero l'unica fonte autentica della parola di Dio, l'unica autorità a cui il cristiano
deve fare riferimento nella sfera religiosa, erano i testi sacri. Egli quindi considerava inutile la
pretesa della Chiesa cattolica di essere l'unica interprete della parola divina e di mediare fra uomo e
Dio. Queste idee comportavano la negazione del valore della tradizione teologica cattolica e del
ruolo del sacerdozio. Inoltre veniva affermato il principio della libera interpretazione dei testi sacri
da parte del cristiano. Inizialmente le idee luterane sembrarono un problema secondario, un
semplice contrasto teologico e culturale tra il frate agostiniano e la tradizione ortodossa. Lutero
16

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

venne chiamato a Roma per essere processato ma Federico il Saggio, duca di Sassonia e principe
elettore dell'impero, offrì protezione al monaco. Successivamente il papa Leone X condannò
esplicitamente la dottrina di Lutero. In altri suoi scritti, Lutero affermò che il papa non poteva
considerarsi al di sopra dei testi sacri, riprendendo il pensiero di Erasmo da Rotterdam secondo cui
si doveva tornare ai valori del cristianesimo delle origini e alla conoscenza della Bibbia. Egli criticò
anche i sacramenti previsti dal cattolicesimo (gli unici che riconosceva erano il battesimo,
considerato non più il rito della cancellazione del peccato originale ma il momento di ingresso del
cristiano nella comunità, e l'eucaristia, negando però il valore della dottrina cattolica della
transustanziazione, secondo cui pane e vino si trasformerebbero nel corpo e nel sangue di Gesù
Cristo, e considerando il sacramento come la presenza divina nella comunità) e la figura del
sacerdote, inutile perché ogni cristiano è chiamato al rapporto diretto con Dio. Lutero si schierò,
quindi, a favore dell'abolizione della struttura gerarchica del clero e a sostegno della dottrina del
sacerdozio universale, secondo la quale tutti i fedeli possono amministrare i sacramenti e predicare.
Lutero attaccò l'avidità del papa e la sua autorità terrena, negando la legittimità della sua
imposizione di tasse ai fedeli. A questa critica aggiunse anche quella al celibato degli ecclesiastici.
Per queste sue idee Lutero venne ufficialmente scomunicato, tuttavia egli poté contare sulla
protezione di Federico il Saggio e le idee luterano conobbero una notevole diffusione e un gran
successo in tutta la Germania. Carlo V, per evitare una traumatica rottura all'interno della Chiesa e
della politica tedesca, si fece promotore di una conciliazione tra le due parti. Convocato davanti alla
dieta imperiale riunitasi a Worms, però, Lutero si rifiutò di modificare la propria posizione e
l'imperatore fu costretto a dar seguito alla scomunica bandendo il monaco dai territori dell'impero.
Tuttavia Federico il Saggio offrì rifugio e protezione a Lutero, che si dedicò alla traduzione della
Bibbia in tedesco, sostituendo la Vulgata nella tradizione culturale tedesca e estendendo alla
maggioranza della popolazione la possibilità di avere accesso ai testi sacri (dato che il latino era una
lingua poco conosciuta anche dai pochi che erano in grado di leggere e scrivere). Rendendo
disponibile a tutti la lettura diretta della Bibbia, Lutero mirava a scardinare il sistema tradizionale.
La rapida divulgazione delle sue idee ebbe un effetto dirompente nella realtà tedesca: in molte città i
fedeli chiesero a gran voce l'applicazione della riforma, spesso appoggiati anche dai principi e dai
governi cittadini, che aderirono alla riforma con l'intento di incamerare e vendere i beni della
Chiesa. Le idee luterane si diffusero anche nelle campagne. Tuttavia ci fu anche un episodio
piuttosto oscuro: l'esplosione di una rivolta contadina a Baden, che mirava a recuperare i diritti
comuni sulle terre tolte ai contadini da parte dei feudatari invocando la comunanza dei beni e una
redistribuzione su base egualitaria del potere attraverso la lotta armata contro i principi, a cui
parteciparono anche gli anabattisti (coloro che negavano il valore al battesimo ricevuto in età
infantile, in quanto non era frutto della fede e della conversione), venne repressa nel sangue dai
principi e dai poteri dominanti con il pieno appoggio di Lutero.
Con la presa di distanza dalle interpretazioni radicali del suo pensiero, Lutero conservò l'alleanza
con i principi e i ceti dominanti tedeschi. Nel frattempo iniziò a strutturarsi una vera e propria
Chiesa luterana. L'imperatore Carlo V inizialmente ebbe un atteggiamento cauto nei confronti della
riforma: per non inasprire i già difficili rapporti con i numerosi principi tedeschi che appoggiarono
la riforma e per non impegnare le proprie risorse militari in Germania, data la guerra contro francesi
e ottomani, egli decise di tentare nuovamente la via della mediazione, complici le difficoltà di
immaginare l'universo cristiano definitivamente diviso in due confessioni e la diffusione dell'ideale
del ritorno all'unità cristiana. Costretto dall'emergenza bellica a concentrarsi sui conflitti contro la
Francia e l'impero ottomano, Carlo V dovette trattare con i principi riformati e concedere una
temporanea tolleranza nei confronti del culto luterano. Qualche anno dopo, migliorata la situazione
internazionale, cercò di ricondurre i territori imperiali all'unità religiosa ma numerosi principi e città
rifiutarono di sottomettersi all'autorità di Carlo V (per questo vennero detti protestanti tutti coloro
che abbracciarono le nuove visioni teologiche di Lutero). Ci furono altri tentativi di dialogo tra le
due parti ma la prospettiva di un accordo sembrò allontanarsi sempre di più. I principi protestanti,
preoccupati dalla potenza dell'esercito imperiale spalleggiato dai principi tedeschi cattolici,
17

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

formarono la lega di Smalcalda. Nel 1547 l'esercito imperiale sconfisse la lega di Smalcalda a
Mühlberg ma non fu una vittoria decisiva a causa dell'alleanza della Francia con i principi
protestanti tedeschi. Nel 1555, dopo anni di conflitti, si giunse alla pace di Augusta, con la quale
l'impero autorizzò la professione del culto luterano nei territori dell'impero in cui i principi ne
professassero il credo. Si affermò, in questo modo, il principio della cuius regio eius religio:
ciascun suddito avrebbe dovuto professare la religione scelta dal proprio sovrano, avendo come
unica alternativa l'emigrazione in un luogo governato da un sovrano della medesima religione. Si
trattò di una soluzione non completamente tollerante, tuttavia essa pose termine per un certo
periodo alla guerra civile religiosa nei territori dell'impero.
La diffusione del protestantesimo nelle città libere in cui vigevano princìpi di autogoverno e
tradizioni di tipo repubblicano, comportò la maturazione degli elementi democratico-religiosi
impliciti nell'impostazione luterana contro i quali lo stesso Lutero si schierò, preoccupato degli
effetti di insubordinazione sociale. Nacquero, dunque, forme di organizzazione confessionale basate
non solo sulla scomparsa del clero come ordine separato dalla comunità dei fedeli, ma anche
sull'abolizione della struttura gerarchica ecclesiastica. A Zurigo, il riformatore Ulrich Zwingli
promosse una trasformazione della città in una sorta di democrazia a base teocratica, in cui le
strutture ecclesiastiche svolgevano un'azione di sostegno, controllo e direzione di quelle politiche
per creare una città in cui tutta l'attività umana sia regolata da valori cristiani. Tuttavia il progetto di
Zwingli fallì a causa dell'ostilità delle città cattoliche vicine, preoccupate dall'espansione protestante
nella confederazione elvetica. Successivamente venne esteso il principio del cuius regio eius religio
anche in questi territori, facendo formalmente parte dell'impero. Un'altra corrente protestante fu
quella degli anabattisti, che sostenevano il valore del battesimo come scelta adulta e consapevole e
non come atto sacro da amministrare ai neonati. Gli anabattisti furono un movimento pacifista,
tuttavia le persecuzioni a cui furono soggetti (in quanto venivano visti, sia dai cattolici che dai
luterani, come sovvertitori dell'ordine sociale) spinsero alcuni di loro ad essere favorevoli alla lotta
armata. A Ginevra operò il riformatore francese Giovanni Calvino: il suo pensiero era fondato sul
luteranesimo ma accentuava il valore dell'idea della predestinazione. Secondo il calvinismo soltanto
Dio conoscerebbe quali anime devono essere salvate e quali no e agli uomini non resterebbe che
avere fede e dimostrare, tramite il buon esito delle loro azioni (e non tramite opere di bene
occasionali) di essere predestinati alla salvezza. Dopo un periodo di dispute e conflitti, Ginevra
divenne un esempio di città cristiana per tutti i protestanti di lingua francese, regolata secondo
l'organizzazione civile ed ecclesiastica elaborata da Calvino: si realizzò la fusione tra potere civile e
quello religioso che trovò la sua massima espressione nel Concistoro, un'istituzione formata dai
magistrati del consiglio cittadino e dai pastori (uomini devoti che, oltre a svolgere la loro normale
attività lavorativa e di capifamiglia, amministravano il culto riformato e predicavano).
L'organizzazione teocratica della società ginevrina pensata da Calvino non ebbe interesse per la
tolleranza e il dibattito: i dissenzienti e gli eterodossi venivano espulsi dalla comunità o, nei casi
peggiori, condannati a morte. In questo modo le Chiese riformate riprodussero la stessa intolleranza
contro la quale si erano originariamente battute. Nella prima metà del XVI secolo la diffusione del
movimento protestante in Europa centro-settentrionale fu molto rapida. Le idee di Calvino, grazie
alla spinta del nuovo messaggio riformato e all'intensa attività di proselitismo, riscosse molto
successo anche fuori Ginevra: il calvinismo si diffuse in Francia (dove i calvinisti venivano
chiamati ugonotti), nei Paesi Bassi, in Polonia e in Scozia.
Nonostante il successo della riforma, nessuno dei maggiori regni d'Europa cattolica abbracciò suito
il protestantesimo. Enrico VIII re d'Inghilterra si schierò apertamente contro le idee luterane,
guadagnandosi il titolo onorifico di defensor fidei (difensore della fede) dal papa Leone X. Tuttavia
il re inglese colse ben presto l'opportunità di ridurre l'influenza del papato sulla politica e sulla
società inglese. Uno degli ambiti in cui essa si esprimeva era la politica matrimoniale della dinastia:
il divieto di divorziare o di sposare consanguinei permetteva alla Chiesa di esercitare un controllo
sulla sfera privata e familiare dei monarchi, influenzandone la politica dinastica. Alla richiesta di
Enrico VIII di annullare le nozze dalla moglie Caterina d'Aragona (zia di Carlo V), dalla quale il re
18

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

temeva di non ricevere un erede maschio, il papa Clemente VII assunse una tattica attendista,
temendo che l'approvazione al divorzio potesse scatenare l'ostilità di Carlo V. Il re inglese ne
approfittò per rompere il legame di sudditanza spirituale alla Chiesa di Roma. Enrico VIII, oltre a
risolvere il problema matrimoniale divorziando da Caterina d'Aragona e sposando Anna Bolena, nel
1534 emanò l'Atto di supremazia, mediante il quale si proclamò unico capo della Chiesa
d'Inghilterra (o Chiesa anglicana), assegnando il governo degli affari ecclesiastici all'arcivescovo di
Canterbury. Per la prima volta un sovrano riunì nelle sue mani sia il potere politico che l'autorità
religiosa. Da un punto di vista dottrinale la Chiesa anglicana non conobbe innovazioni. La
rescissione del legame con la Chiesa di Roma, però, consentì alla monarchia di sopprimere gli
ordini religiosi, procedendo alla vendita dei loro beni e delle loro proprietà terriere. Questa mossa
permise di rimpinguare le casse reali, duramente provate dalle guerre con la Francia, e favorì la
formazione di un ceto di piccoli e medi proprietari terrieri leali alla corona e sostenitori della nuova
confessione religiosa. Enrico VIII mantenne la gerarchia ecclesiastica come ordine separato ma la
trasformò in uno strumento utile al rafforzamento della monarchia. Durante il regno del re Edoardo
VI venne redatto il Book of common prayer, un libro di preghiere che avvicinò la Chiesa anglicana
al protestantesimo. Curiosamente, il movimento protestante, che nacque dal basso e si nutrì di
adesioni spontanee, si affermò in uno dei più importanti regni del continente a partire da una
decisione presa dall'alto, da un sovrano, per ragioni politiche ed economiche. La frattura
protestante, indebolendo la presa politico-sociale e istituzionale della Chiesa, rese la sfera religiosa
un ambito aperto allo scontro politico.

6. La frontiera mediterranea e l'impero ottomano


L'espansione ottomana sul Mediterraneo, iniziata nel 1453 con la conquista di Costantinopoli, si
concluse a metà del XVI secolo. Grazie all'azione militare dei sultani Maometto II, Bayezid II e
Solimano il Magnifico, il dominio dell'impero ottomano si estese dai confini col Marocco ai confini
con la Persia e nei Balcani fino alle rive del Mar Nero. L'impero ottomano si mostrò come una
grande potenza sia dal punto di vista territoriale che politico e militare. Al suo interno si trovavano,
infatti, i territori che mettevano in contatto il Mediterraneo con l'Oceano Atlantico, importantissimi
dal punto di vista commerciale, e quelli che collegavano l'Asia centrale con il Mediterraneo. Agli
occhi degli occidentali la potenza ottomana suscitava ammirazione ma anche timore a causa della
loro religione musulmana. Al vertice dell'impero c'era il sultano, che rappresentava una guida in
ogni ambito, tranne quello religioso (in cui vigeva la legge del Corano). Nella sua reggia, il palazzo
Topkapi a Istanbul (il nuovo nome di Costantinopoli), si riuniva il grande consiglio dell'impero.
Esso era presieduto dal gran visir, una figura scelta personalmente dal sultano, che deteneva gli
stessi poteri del sovrano (fin quando il sultano non decideva di destituirlo o di ucciderlo). Attorno
alla figura del gran visir c'erano i funzionari, ai quali era affidato l'incarico di gestire un singolo
settore di governo. Anch'essi partecipavano al gran consiglio imperiale, insieme al grande
ammiraglio della flotta e al capo dei gianizzeri, il più importante corpo di fanteria dell'esercito
ottomano. A livello locale l'organizzazione militare era basata sulle terre affidate ai cavalieri perché
ne riscuotessero le tasse e organizzassero la difesa schierando alcuni soldati. Essendo la religione
musulmana (in maggioranza sunnita) la religione ufficiale dell'impero, la base del diritto era
costituita dal Corano. I magistrati si formavano in scuole specializzate e avevano il compito, oltre a
far rispettare la legge coranica, di vigilare nella sfera civile, sulla legalità del commercio, sui
mercati e sul rispetto della moralità. Nonostante la dinastia regnante fosse musulmana e la vita
pubblica fosse regolata dalla legge coranica, all'interno dell'impero vigeva una grande tolleranza
religiosa: i governanti ottomani non nutrirono mai interesse nella conversione di chi professava fedi
diverse e non cancellarono mai le peculiarità delle diverse popolazioni sottomesse, permettendo
loro di conservare lingua, religione e tradizioni. La società ottomana era divisa in due gruppi: il
primo era formato da tutti coloro che esercitavano una funzione militare, civile o religiosa ed era
19

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

esente dal pagamento delle tasse; il secondo era formato dai contadini, dagli artigiani, dai mercanti
e dai non musulmani.
Mentre l'impero ottomano completava la sua espansione territoriale, l'idea di impero universale di
Carlo V tramontò definitivamente. Tuttavia la casa d'Asburgo continuò ad essere una delle più
potenti d'Europa: i domini di Carlo V vennero suddivisi tra il fratello Ferdinando, che già re di
Boemia e d'Ungheria al quale vennero affidati i territori dell'area austriaca e la successione
imperiale, e il figlio Filippo II, che ereditò la Castiglia (insieme alle colonie americane), l'Aragona
(insieme alla Sardegna), la Sicilia, il regno di Napoli, Milano e le Fiandre. Filippo II si ritrovò,
quindi, a regnare su una vasta aggregazione di territori non contigui fra loro e molto diversi per
leggi, lingua, tradizioni e consuetudini. Questa monarchia composita trovò i suoi unici elementi
comuni nel sovrano e nella religione cattolica (la monarchia di Filippo II è infatti detta monarchia
cattolica), professata con grande fervore dal monarca. Dopo la pace di Chateau-Cambrésis nel 1559,
che sancì la pace con la Francia e il passaggio della penisola italiana della sfera d'influenza
asburgica, la lotta all'eresia protestante fu l'obiettivo principale di Filippo II. Essendo la fede
cattolica il cardine della sua monarchia, l'ortodossia religiosa era un carattere imprescindibile per la
fedeltà al sovrano. Lo strumento primario per la lotta alla diffusione delle idee riformate fu
l'Inquisizione spagnola (operante in Castiglia e Aragona), che aveva al proprio vertice un
inquisitore eletto non dal papa ma dal sovrano. L'inquisizione spagnola rappresentò un importante
strumento giuridico indirizzato al controllo delle coscienze e del comportamento dei sudditi. Filippo
II cercò di introdurre l'Inquisizione spagnola anche negli altri territori da lui controllati, provocando
la durissima opposizione delle istituzioni locali, provocando delle crisi nei rapporti tra il sovrani e le
aristocrazie locali (questo episodio contribuì ad alimentare le agitazioni che condussero alla
ribellione nelle Fiandre contro la corona spagnola). Filippo II si avvalse dei “consigli”, organismi
composti da aristocratici, ecclesiastici ed esperti di diritto e amministrazione, che forniscono al re i
loro pareri sulle diverse questioni. I consigli che si articolarono durante il regno di Filippo II si
distinguevano in base alle materie di competenza (come il consiglio di stato, che consigliava sulle
questioni politiche, il consiglio di guerra, che consigliava sulle questioni militari, e il consiglio di
finanza, che consigliava sulla questioni finanziarie) o in base ai territori (come il consiglio di
Castiglia, il consiglio d'Aragona, il consiglio d'Italia, il consiglio delle Fiandre e il consiglio delle
colonie). Il meccanismo di funzionamento di queste istituzioni prevedeva che esse stilassero un
parere articolato sulle singole questioni, chiamato consulta. Questo documento veniva inviato al
monarca, che lo esaminava e prendeva la sua decisione, annotandola in calce. Quindi veniva
rimandato al consiglio da cui proveniva, che provvedeva a redigere un decreto o un ordine che
veniva poi inviato, a seconda dei casi, a sovrani e ministri dei regni stranieri oppure ai governatori,
ufficiali, istituzioni locali o ai singoli sudditi. A differenza del padre, Filippo II fissò la propria sede
a Madrid, dove, dall'interno della reggia dell'Escorial, governò il suo regno con un'attenzione e una
circospezione tali da guadagnarsi la definizione di “re prudente”. Questo sistema, tuttavia, aveva
delle falle: i lunghi tempi richiesti dalla circolazione delle comunicazioni, sommati ai tempi richiesti
dai consigli per la discussione delle singole questioni e ai tempi necessari perché il sovrano
prendesse una decisione, rendevano piuttosto complessa l'azione politica della maggiore potenza
europea del XVI secolo. La penisola italiana fu il bastione della monarchia spagnola nello
scacchiere del Mediterraneo. Il sovrano mirò a garantire la stabilità politica e sociale e la sicurezza
militare dei territori da lui governati ma anche a tutelare i propri interessi nei rapporti con gli stati
della penisola che conservarono la propria indipendenza. Per fare ciò, Filippo II ricorse a una
strategia che ispirò anche i suoi successori, basata sulle pressioni militari e diplomatiche, sugli
accordi e sulla concessione di titoli e onorificenze molto gradite dai principi e dai gruppi
aristocratici italiani. Il motivo per cui Filippo II tentò di assicurare la pace nella penisola fu lo
scoppio della rivolta nelle Fiandre, da cui prese avvio un lungo conflitto. In questo contesto il
Ducato di Milano costituì un'importante base logistica per l'invio di truppe e comunicazioni nel
Nord Europa. La presenza spagnola in Italia si configurò, quindi, non come un regime di
occupazione ma come una sorta di sistema di stati che riconoscono il proprio legittimo sovrano in
20

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Filippo II, conservando la propria struttura istituzionale e sociale. Su questa propensione alla
stabilità e al rispetto delle consuetudini e delle leggi delle varie realtà politico-territoriali si
concentrarono le priorità della monarchia spagnola.
La pace conclusa sul continente europeo consentì a Filippo II di concentrarsi sul bacino del
Mediterraneo. L'impero ottomano proseguì con la sua politica espansionistica, appoggiato dalle
flotte della pirateria nordafricana. Filippo II aprì i conflitti con la pirateria, uscendone sconfitto. Le
forze ottomano avviarono la conquista dell'isola di Cipro scacciandone i veneziani. Questi
avvenimenti destarono preoccupazione in tutta l'Europa cristiana, che vide nell'avanzata ottomana
una minaccia all'esistenza stessa della religione cattolica. Il papa Pio V lanciò un appello ai principi
cristiani perché avviassero una crociata contro i turchi ottomani, creando un'alleanza che potesse
schierare una potente flotta. Nonostante l'appello del pontefice, Filippo II si mostrò restio ad
intraprendere una simile impresa: per la politica militare spagnola era più conveniente concentrare
le forze contro la pirateria del Nord Africa piuttosto che muovere guerre ad un nemico potente come
l'impero ottomano; l'esplosione della rivolta nelle Fiandre, poi, spinse il sovrano a privilegiare lo
scacchiere dell'Europa settentrionale; oltre ai motivi politici e militari c'erano le ragioni
economiche: la guerra aveva costi molti elevati. La presenza in Spagna dei moriscos, i discendenti
delle popolazioni musulmane costretti a convertirsi al cristianesimo, continuò a generare allarmi tra
le autorità politiche ed ecclesiastiche. Nonostante la conversione forzata ci erano parecchi dubbi
circa la loro effettiva assimilazione alla cultura e alla religione cattolica (e quindi circa la loro
fedeltà al sovrano); inoltre, la loro grande concentrazione nella parte meridionale della penisola,
faceva temere un loro possibile legame con la pirateria nordafricana. Filippo II cercò di impedire
l'uso della lingua araba e di cancellare gli elementi della religione musulmana dalla cultura dei
moriscos, provocando la loro rivolta. Il sovrano decise, allora, di procedere alla loro deportazione e
alla loro dispersione in tutto il territorio della Castiglia, cercando di aumentare la sicurezza della
costa meridionale ma non riuscì a cancellare la minoranza culturale e religiosa. In seguito venne
stipulata l'alleanza (detta lega santa) tra Filippo II, il papa Pio V, Venezia, Genova, Savoia e
Toscana contro gli ottomani. La Francia, alleata dell'impero ottomano, non vi aderì.
La lega santa intraprese la guerra navale contro gli ottomani, guidati dal sultano Selim II. La flotta
guidata da Giovanni d'Austria, fratellastro di Filippo II, sconfigge quella ottomana a Lepanto nel
1571. Nonostante l'esultanza del mondo cattolico, che esaltò la vittoria dei cristiani contro i
musulmani a fini di propaganda politica e religiosa, la vittoria non fu sfruttata dai membri della
lega, che si sciolse subito dopo a causa delle divergenze dei diversi interessi strategici: Venezia
scelse di concludere una pace separata con gli ottomani, rinunciando a Cipro in cambio di garanzie
per la sicurezza dei propri commerci, mentre Filippo II dovette abbandonare la guerra contro gli
ottomani per concentrare le forze sul conflitto nelle Fiandre. Nonostante la vittoria, la fine del
conflitto nel Mediterraneo fu dovuto ad altri fattori: lo sciogliersi della lega santa e lo scoppio di
nuovi conflitti tra l'impero ottomano e la Persia, che spinse anche i musulmani a spostare le proprie
risorse militari. Nel 1581 Filippo II e il sultano Selim III siglarono una tregua. L'attenzione di
Filippo II si rivolse al tentativo di acquisire la corona del Portogallo e ai conflitti in Europa
settentrionale: a tal fine sostenne la costruzione della Invencible armada, una poderosa e
costosissima flotta realizzata per invadere l'Inghilterra di Elisabetta I (l'invencible armada, però,
subì una pesante sconfitta nel 1588). Il Mediterraneo tornò ad essere il mare dei commerci e della
pirateria, praticata sia dai musulmani che dai cristiani. Le città barbaresche continuarono ad
affidarsi all'attività dei corsari (pirati al servizio di un regno) per arricchirsi ai danni dei commerci
europei. Le attività di corsa avevano lo scopo di acquisire beni materiali e di prigionieri da destinare
alla schiavitù. Dalla fine del XVI secolo e per tutto il secolo seguente il Mediterraneo non fu più
teatro di grandi scontri fra europei e ottomani. Nonostante i piccoli conflitti e la diffidenza generata
dalle differenze religiose, la tradizionale fitta rete commerciale rimase intatta. Si diffuse, però,
anche il fenomeno delle conversioni dei cristiani all'islam: accadeva, infatti, che gli schiavi europei
preferivano convertirsi e mettersi al servizio dei sultani piuttosto che affrontare una vita di schiavitù
in terra ottomana.
21

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

7. La Chiesa in armi: l'Europa della Controriforma


Uno dei modi in cui la Chiesa tentò di risolvere il problema della riforma protestante fu la
convocazione di un concilio ecumenico. Nella Chiesa delle origini il concilio, ovvero la riunione
straordinaria di tutti i vescovi, costituiva la massima autorità ecclesiastica. Con il successivo
prevalere dell'autorità del papa, tuttavia, i concili diventarono sempre meno frequenti. Nel XV
secolo si erano diffuse le dottrine conciliariste, che sostenevano la supremazia del concilio
sull'autorità papale: queste dottrine furono combattute dal papa, che riuscì a prevalere. Tuttavia, nel
periodo della diffusione del protestantesimo, si fece strada la convinzione che il concilio
rappresentasse l'unica istanza in grado di porre fine ai dissidi religiosi e a ricomporre l'unità del
mondo cristiano. Carlo V propose sin dall'inizio della riforma luterana di convocare un concilio, ma
i papi Leone X e poi Clemente VII rifiutarono temendo la rinascita del conciliarismo. Fu il papa
Paolo III ad annunciare un concilio a Mantova, ma esso fu rinviato varie volte. Nel 1544 il concilio
fu convocato a Trento: la scelta di questa sede del concilio fu data da motivi politici (si trattava di
una città italiana all'interno del territorio del Sacro Romano Impero e governata da un vescovo:
questi fattori fornivano garanzie sia al pontefice che all'imperatore) e geografici (la vicinanza di
Trento ai paesi di lingua tedesca fu un segno di apertura al dialogo con il mondo protestante). Gli
obiettivi di Paolo III e di Carlo V erano molto diversi: il papa vedeva nel concilio la sede in cui
intraprendere la restaurazione dell'autorità della Chiesa e la lotta contro gli eretici, mentre
l'imperatore sperava nel compromesso con i protestanti al fine di salvaguardare la propria autorità in
Germania. Al concilio partecipò anche alcune personalità laiche ed ecclesiastiche che auspicavano
una riforma della Chiesa e una ricucitura della frattura del mondo cristiano. Il concilio venne
interrotto più volte e si svolse in maniera non continuativa. All'apertura del concilio la maggioranza
degli ecclesiastici che vi parteciparono erano italiani e l'assemblea fu saldamente sotto lo stretto
controllo del papa. La prima fase del concilio si caratterizzò per il contrasto tra la linea imperiale e
quella pontificia. La speranza di Carlo V era quella che si affrontassero per primi i problemi della
disciplina del clero e si rinviassero le questioni teologiche ad un secondo momento (non voleva
precludere la possibilità di un compromesso religioso con i principi protestanti tedeschi, una volta
ristabilita la sua autorità in Germania e che il concilio avesse avviato la riforma della vita
ecclesiastica). Il papa, invece, non aveva alcuna intenzione di concedere alcunché ai riformati e,
nonostante l'opposizione dell'imperatore, riuscì ad affrontare alcune questioni teologiche di
fondamentale importanza, criticate o completamente rifiutate dai protestanti. Per assumere ancora
più controllo sul concilio, Paolo III decise di spostare la sede a Bologna, città appartenente allo
Stato della Chiesa, suscitando l'opposizione di Carlo V. Il concilio venne interrotto. Nel 1551 il
nuovo papa Giulio III riportò il concilio a Trento e invitò i rappresentanti riformati che però
rifiutarono di parteciparvi. Nella seconda fase venne esaminata la questione dell'eucaristia. Il
concilio venne di nuovo interrotto dalla guerra tra Carlo V e il re di Francia, Enrico II, alleato dei
protestanti tedeschi. Nel 1560 il papa Pio IV riconvocò il concilio di Trento in un periodo in cui il
contesto internazionale era mutato: il conflitto franco-asburgico era concluso e il re di Francia
stesso sollecitò la ripresa del concilio, sperando di contrastare la diffusione del calvinismo nel
proprio territorio. Nella terza fase venne trattata la questione dell'obbligo di residenza dei vescovi
nelle loro diocesi. Il papa impose ai vescovi l'obbligo di risiedere nella loro diocesi ma ribadì la sua
facoltà di concedere le esenzioni. Sul piano dottrinale l'obiettivo del concilio fu quello di fare
chiarezza sui punti basilari della teologia cristiana, dei quali i protestanti denunciarono la poca
chiarezza e l'incoerenza. Contro la dottrina protestante del libero accesso ai testi sacri il concilio
ribadì il ruolo della Chiesa come unica depositaria della lettura e dell'interpretazione della parola
divina attraverso l'unica versione della Bibbia autorizzata, la Vulgata. Contro la dottrina protestante
della salvezza mediante la sola grazia venne riaffermato il principio della mediazione della Chiesa
tra uomo e Dio e l'importanza delle opere di carità: ne conseguì, quindi, la riaffermazione di
22

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

pratiche e credenze tradizionali che furono tra i principali bersagli della riforma protestante, come
l'esistenza del Purgatorio, il culto dei santi e delle loro reliquie, i sette sacramenti e la capacità della
Chiesa di ridurre le pene ultraterrene tramite le indulgenze. Per diffondere la riaffermazione delle
verità stabilite dal concilio tridentino fu avviata un'opera di divulgazione attraverso alcuni scritti
propagandistici destinati agli ecclesiastici. Il concilio rivolse grande attenzione al clero, stabilendo
l'esigenza di una rigida separazione dal resto della società per mezzo dell'aspetto (con l'obbligo di
indossare l'abito talare) e del comportamento (con una moralità che prevedeva l'obbligo alla castità
e al celibato). I vescovi vennero obbligati anche ad istituire periodiche assemblee delle diocesi
(dette sinodi). Per contrastare l'ignoranza del clero, spesso incapace di controbattere alle
argomentazioni dei protestanti, il concilio decise di creare dei seminari per formare gli aspiranti
sacerdoti. Il concilio di Trento ebbe un ruolo molto diverso da quello auspicato dai molti che
speravano in una riappacificazione tra cattolici e protestanti: esso, infatti, fu uno strumento in mano
alla Chiesa di Roma che venne usato per rafforzare le sue strutture e ribadire la propria posizione. I
risultati del concilio tridentino, insomma, riflettevano la volontà del papa di opporsi con tutte le sue
forze alla diffusione del protestantesimo, rivendicando il titolo di unica guida della cristianità. Tale
scelta ebbe delle conseguenze di enorme portata sugli eventi europei dei secoli successivi, portando
dei cambiamenti sia nella struttura ecclesiastica che nella vita dei fedeli. La Chiesa, da istituzione
certa del proprio primato, iniziò a combattere con il proprio potere politico e spirituale le idee
ritenute eretiche (anche con l'uso delle armi). Le decisioni del concilio di Trento dimostrarono come
la Chiesa cattolica non accettasse la presenza di altre confessioni cristiane e come promosse
un'imponente reazione religiosa, politica e militare che gli storici hanno chiamato controriforma.
Nella penisola italiana fu strutturata una rete di polizia della fede colta alla repressione delle idee
riformate ed eterodosse. Il papa Paolo III riorganizzò l'Inquisizione ponendola sotto il controllo di
una struttura centralizzata, la Congregazione dei cardinali del Sant'Ufficio, con autorità di
commissari e inquisitori generali. Questa istituzione si incaricò fu incaricata di dar vita a una rete di
tribunali per la repressione delle eresie e il controllo delle coscienze e dei comportamenti. Il raggio
d'azione della nuova Inquisizione era limitato all'Italia (ad eccezione della Sardegna e della Sicilia,
dove operava l'Inquisizione spagnola). Si formò, in questo modo, un solido impianto istituzionale
poliziesco a giudiziario che rappresentava l'unica autorità che poteva decidere in materia di polizia
della fede. Una caratteristica dell'Inquisizione era quella di raccogliere denunce anonime e di
indagare in segreto, sottoponendo l'imputato a un processo senza che questi potesse conoscere i
nomi dei suoi accusatori né i capi d'accusa. Lo scopo del tribunale era quello di infondere il
pentimento dell'eretico fino all'abiura delle sue convinzioni. A questo scopo si ricorreva a violenza
psicologiche e torture fisiche. In caso di recidività, l'imputato veniva condannato a morte. Nei primi
decenni di vita l'Inquisizione agì con estrema spietatezza. Famoso è il caso di Galileo Galilei, padre
della scienza moderna, processato e costretto all'abiura per aver sostenuto idee eretiche come la
teoria eliocentrica copernicana (secondo la quale la terra è rotonda e gira intorno al sole) a
sostituzione di quella geocentrica tolemaica (secondo la quale il sole gira intorno alla terra che è
piatta ed è al centro dell'universo) sostenuta dalla Chiesa. Si diffuse la pratica del nicodemismo,
ovvero la tecnica di dissimulazione ideologica che porta a nascondere le proprie reali convinzioni
dietro un'apparente accettazione delle idee dominanti. Una particolare attenzione fu posta al
controllo e alla repressione della circolazione delle idee: venne redatto l'indice dei libri proibiti,
ovvero un elenco di opere che dovevano essere escluse dai centri d'insegnamento e di cui divenne
vietato il possesso da parte dei fedeli. Queste misure di censura ecclesiastica ebbero un effetto
depressivo sulla vita intellettuale. L'Inquisizione condannò anche le pratiche religiose e magiche
ritenute non ortodosse e culti, feste e riti di origine pagana che erano sopravvissuti dai tempi antichi
(soprattutto nelle campagne). Oggetto di repressione furono anche alcune manifestazioni pubbliche
(come il teatro) sospettate di favorire la nascita di comportamenti immorali e in contraddizione con
l'ortodossia.
L'applicazione delle riforme tridentine incontrò l'atteggiamento diffidente del clero, a causa della
rigidità dei comportamenti richiesti, e dei sovrani cattolici (Filippo II autorizzò i decreti del concilio
23

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

con una clausola di salvaguardia a favore della sovranità regia e il re di Francia si rifiutò di accettare
le riforme appellandosi alle “libertà gallicane”, le condizioni di autonomia del clero francese dalla
Chiesa, derivate dalla tradizione). Ci furono contrasti e resistenze provenienti dall'interno delle
società cattoliche europee, costrette a mutare comportamenti e pratiche ben radicati e a subire un
crescente rafforzamento del potere della Chiesa e dei suoi rappresentanti. I sovrani videro nelle
riforme approvate dal concilio la tendenza a un rafforzamento del potere papale sulle istituzioni
ecclesiastiche delle diverse realtà dell'Europa cattolica, manifestatasi con il rafforzamento della
struttura gerarchica della Chiesa. All'interno del clero cattolico ci fu chi non gradì la crescente
ingerenza del papato nella vita delle chiese locali. Tuttavia le riforme tridentine portarono ad un
nuovo dinamismo nell'attività della Chiesa, dato da una nuova generazione di vescovi che iniziò a
modellare la vita religiosa delle diocesi sulla base dei decreti della controriforma. Gran parte
dell'azione più influente e innovativa, però, fu svolta dal clero regolare (quello che vive secondo
una regola), organizzato in ordini religiosi. A partire dal XIII secolo si svilupparono gli ordini
mendicanti. La presenza degli ordini era molto radicata grazie alle opere caritatevoli e assistenziali
da loro promosse. Negli ultimi anni del XV secolo alcuni gruppi di laici ed ecclesiastici, spinti
dall'esigenza di rinnovamento spirituale, intrapresero un percorso di preghiera ascetica e di
apostolato sociale per mezzo di opere di carità. Questi gruppi diedero vita a confraternite dedite ad
attività assistenziali, dette Oratori del divino amore. Sulla base di queste esperienze, nella prima
metà del XVI secolo nacquero gli ordini dei chierici regolari, gruppi di preti basati su una regola
comune e l'obiettivo di predicare e assistere i bisognosi. Essi si contraddistinguevano per
un'organizzazione gerarchica più rigida rispetto agli ordini mendicanti e per una vocazione orientata
all'assistenza, all'attività di predicazione, all'azione missionaria e all'istruzione primaria. Il più
importante ordine di chierici regolari fu la Compagnia di Gesù (o ordine dei gesuiti), fondato da
Ignazio di Loyola, un nobile spagnolo che abbandonò l'attività militare per abbracciare quella
religiosa. Nel 1540 il papa Paolo III riconobbe ufficialmente la costituzione dell'ordine dei gesuiti,
che prevedeva, oltre ai tre voti comuni a tutti gli ordini del clero regolare (povertà, castità e
obbedienza), il giuramento di dipendenza diretta dal papa. Una struttura fortemente gerarchizzata e
un livello estremamente elevato di preparazione intellettuale fanno dei gesuiti il più importante
ordine missionario, dedito ad attività di evangelizzazione che spaziano dall'America Latina
all'Estremo Oriente. I gesuiti indirizzarono la loro azione al fine di occupare stabilmente il centro
della vita sociale e di influenzare, attraverso l'istruzione, i comportamenti delle classi dirigenti.
L'ordine si occupò soprattutto della rieducazione cristiana delle élites del mondo cattolico dopo la
controriforma.

8. Cristianesimo lacerato: l'età delle guerre di religione

In seguito al concilio di Trento, la riscossa della Chiesa si manifestò in uno scenario che vide acuirsi
le tensioni religiose e politiche. Filippo II, erede di Carlo V nei domini spagnoli e nelle Fiandre,
elaborò una visione del proprio ruolo sulla scena europea come difensore della vera fede. Suo padre
fu costretto a mediare con i principi protestanti tedeschi e si rese conto dell'impossibilità di
ricomporre la frattura religiosa e di riportare l'autorità del papato in molti territori dell'Europa
centro-settentrionale. Egli, inoltre, mantenne separate la causa della riunificazione della fede
cristiana e quella dell'egemonia dinastica degli Asburgo nella prospettiva di un ordine universale
imperiale. La monarchia di Filippo II, invece, per quanto composita e comprendente una pluralità di
territori diversi, aveva il suo cuore in Castiglia. Dopo due secoli di guerra i castigliani riuscirono a
portare a termine la reconquista (sconfiggendo i musulmani) e si prefissarono l'obiettivo di
difendere la cristianità dalla minaccia ottomana e dalla diffusione delle dottrine protestanti. Il
programma politico di Filippo II si basò, quindi, su ragioni religiose e dinastiche: i suoi obiettivi
erano la ricongiunzione al mondo cattolico dell'Inghilterra (che in passato era stata alleata della
Castiglia) superando lo scisma anglicano ed estendo a quell'area l'egemonia asburgica, il sostegno
24

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

dei principi cattolici e il ramo austriaco degli Asburgo nei conflitti contro i principi protestanti e gli
ottomani, la formazione in Francia di una controparte assolutamente cattolica che fosse ostile agli
ugonotti (i calvinisti francesi) ma evitando di rafforzare la monarchia francese e il controllo degli
orientamenti della Chiesa mediante l'elezione di papi favorevoli alla politica spagnola. Per
realizzare questi progetti, Filippo II poteva contare sulle ingenti risorse economiche derivanti
dall'oro e dall'argento provenienti dalle colonie americane. Inoltre, egli riuscì ad ampliare i propri
domini ottenendo la corona del Portogallo: sfruttando abilmente una crisi dinastica, egli si assicurò
l'appoggio dell'aristocrazia e dell'alto clero portoghesi e invase il regno facendosi incoronare re
(Filippo II era figlio di una principessa portoghese e nipote del defunto sovrano). Anche in questo
caso non si verificò l'unione politica del regno ma fu una semplice unione dinastica e vennero
mantenute le istituzioni portoghesi. Ad ostacolare la politica di Filippo II, però, concorsero vari
fattori: l'insostenibilità di un impegno militare contro gli ottomani (sia nel Mediterraneo che nei
Balcani) uniti a quelli contro il protestantesimo sparso un po' ovunque nella parte centro-
settentrionale dell'Europa, il policentrismo geopolitico europeo (che rese difficile unire le forze
cattoliche contro obiettivi comuni) e il radicalizzarsi delle posizioni religiose (che facilità
l'espansione del calvinismo, una fede protestante molto più combattiva e agguerrita del
luteranesimo). Da questi fattori derivarono grandi problemi di coesione politico-sociale e contrasti
con le autorità in tutte le aree di propagazione del calvinismo, tra cui le Fiandre, governate da
Filippo II. Il risultato di questi contrasti fu una guerra civile che dilaniò l'Europa a partire dalla
seconda metà del XVI secolo.
Alla morte del re Enrico VIII, in Inghilterra scoppiò una crisi dinastica. Nel 1553 salì al trono Maria
Tudor (figlia di Caterina d'Aragona, la moglie che Enrico VIII ripudiò per sposare Anna Bolena).
La salita al trono di una regina cattolica suscitò la reazione degli anglicani (anche a causa del suo
matrimonio con Filippo II) e in particolare dei puritani (ovvero i calvinisti inglesi). Questi ultimi
sostennero, invece, l'ascesa al trono dell'altra figlia di Enrico VIII, Elisabetta (figlia di Anna
Bolena). La regina, consapevole del pericolo rappresentato dalla sorellastra, la fece rinchiudere
nella Torre di Londra e tentò di imporre un ritorno al cattolicesimo attraverso una dura repressione
delle fedi protestanti (per questo si guadagnò il soprannome di Maria la Sanguinaria). La morte
prematura della regina, dopo soli quattro anni di regno, fece fallire il progetto. Scoppiò una nuova
crisi dinastica: le due pretendenti al trono furono Elisabetta e Maria Stuart (regina di Scozia e
cugina di Enrico VIII), che sostenne l'illegittimità della pretesa di successione di Elisabetta per
l'illegittimità del matrimonio da cui era nata. Il Parlamento inglese, tuttavia, si espresse in favore di
Elisabetta I, nuova regina d'Inghilterra dal 1558. La sua politica riguardo le dispute religiose fu
inizialmente prudente: conoscendo i rischi che avrebbe corso favorendo una delle due confessioni
religione in conflitto a discapito dell'altra e sapendo che la minoranza puritana era molto influente
tra le classi dirigenti, la regina decise di puntare su una Chiesa anglicana rinnovata ma saldamente
controllata dalla corona. Elisabetta I promulgò l'Atto di uniformità che rese obbligatorio l'uso del
Book of common prayer nella liturgia e con un nuovo Atto di supremazia riaffermò la figura
sovrana come capo della Chiesa anglicana. Riformò, inoltre, la Chiesa anglicana tramite un
compromesso: la liturgia e l'organizzazione ecclesiale rimase simile al cattolicesimo, mentre sul
piano teologico si avvicinò fortemente al protestantesimo. La regina evitò di sposarsi con un
principe cattolico o protestante (l'immagine della “regina vergine” acquistò grande popolarità e
consenso nel regno) mentre a piccoli passi cercò di riformare ulteriormente la Chiesa anglicana in
senso protestante. Non esitò a reprimere le congiure cattoliche tramate da Maria Stuart, che fu
incarcerata in seguito a una rivolta puritana in Scozia. Elisabetta I fu molto attenta a favorire il
commercio inglese e a sviluppare la marineria e la flotta militare: in particolare fece largo uso
dell'attività dei corsari inglesi (di cui il più famoso fu Francis Drake), che praticarono azioni di
pirateria nei confronti delle navi spagnole. Sul piano diplomatico internazionale crebbe l'ostilità
inglese nei confronti della potenza spagnola, innalzando l'Inghilterra al ruolo di massima potenza di
opposizione alla Spagna e al cattolicesimo. Filippo II decise di muovere guerra all'Inghilterra,
facendo allestire l'Invencible armada, la più grande flotta militare mai vista fino ad allora. Tuttavia
25

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

la decisione di invadere l'isola, data dalla volontà di mettere fine al sostegno inglese nei confronti
dei protestanti in Europa e all'azione di disturbo dei corsari inglesi al commercio spagnolo, fu
seguita da un grande fallimento: la flotta spagnola venne in parte dispersa a causa delle condizioni
atmosferiche avverse e venne poi vinta dalla flotta inglese, più piccola ma meglio organizzata e
spalleggiata dalle navi olandesi. Il conflitto religioso in Inghilterra rimase aperto ma i cattolici
furono ridotti a una minoranza e non poterono ribaltare la situazione. Dopo la scoppio della guerra
tra Spagna e Inghilterra, inoltre, essi finirono per rappresentare uno spauracchio collettivo,
considerati come possibili alleati della monarchia di Filippo II.
In seguito alla pace di Chateau-Cambrésis nel 1559, che decretò la consegna dell'Italia al controllo
della corona asburgica e la fine delle ambizioni francesi nella penisola, la Francia entrò in una grave
crisi politica. Alla morte del re Enrico II, la monarchia fu guidata dalla vedova Caterina de' Medici,
in reggenza del figlio Carlo IX (in quanto la legge salica non permetteva alle donne di salire al trono
di Francia). Il problema principale che dovette affrontare Caterina fu, oltre alle ambizioni di potere
dei grandi aristocratici del regno (che tentarono di prendere la corona approfittando della reggenza),
la diffusione del calvinismo. Nonostante fossero una minoranza, gli ugonotti erano ben radicati
nella parte Sud-orientale del regno e raccoglievano vaste adesioni tra i ceti artigiani e aristocratici.
La famiglia ugonotta più importante era quella dei Borbone, imparentata con la famiglia reale dei
Valois, mentre la famiglia più importante tra quelle cattoliche era quella dei Guisa, molto influente
a corte e dalle posizioni molto radicali. Lo scontro religioso si legò alle tradizionali rivalità nobiliari
(furono proprio queste rivalità a spingere i Borbone ad abbracciare il calvinismo, come segno
distintivo nei confronti dei rivali), rendendo molto precaria la posizione dei sovrani minorenni sotto
la tutela di Caterina. I protestanti, preoccupati dall'educazione cattolica del giovane sovrano,
tentarono di allontanare la reggente con una congiura ma il tentativo fallì. Pur di pacificare il paese,
Caterina concesse una limitata libertà di culto agli ugonotti ma tale decisione scatenò la reazione dei
cattolici: essi, sotto la guida dei Guisa, si resero artefici di un eccidio di un gruppo di ugonotti
(massacro di Vassy). Caterina evitò di schierarsi a favore di uno o dell'altro fronte in lotta ma tentò
sempre di aizzarli l'uno contro l'altro per difendere l'autorità della corona, che comunque si mostrò
sempre più debole. Carlo IX divenne maggiorenne e salì al trono. Le tensioni religiose aumentarono
e nel 1567 scoppiò una vera e propria guerra civile. Per cercare di appacificare cattolici e ugonotti
venne organizzato un matrimonio tra Enrico di Borbone e Margherita di Valois (sorella del re). Per
evitare la ripresa della guerra civile, Caterina e Carlo IX decisero di aderire al piano dei Guisa per
eliminare gli ugonotti in un sol colpo: la notte di San Bartolomeo furono uccisi i maggiori esponenti
della nobiltà ugonotta (circa 2300 morti in una notte; nei giorni successivi la notizia si sparse nelle
altre zone del regno, dove vennero massacrati altri ugonotti). Iniziò la fase più violenta della guerra
di religione, che trasse alimento dalla morte di Carlo IX nel 1574 e dall'ascesa al trono di Enrico III,
altro figlio di Caterina. Il nuovo sovrano era considerato dai Guisa debole e arrendevole nei
confronti degli ugonotti, ai quali egli concesse libertà di culto. I cattolici si organizzarono, perciò, in
una lega cattolica capeggiata da Enrico di Guisa. Nel 1584 si verificò una nuova crisi dinastica:
Enrico III non aveva eredi e, con la morte di un altro figlio di Caterina, il parente maschio più
prossimo alla famiglia dei Valois era Enrico di Borbone. Le forze in mano ad Enrico III si unirono
alla lega cattolica di Enrico di Guisa, che venne sconfitta dagli ugonotti (questa fase è passata alla
storia come la guerra dei tre Enrichi). Tuttavia i Guisa erano diffidenti nei confronti del sovrano e
tentarono di prendere il potere fomentando una rivolta a Parigi. A quel punto Enrico III fece
uccidere Enrico di Guisa. Il re di Francia, a sua volta, venne ucciso nel 1589 per mano di un frate
domenicano. Il regno di Francia passò in mano a Enrico di Borbone, che prese il nome di Enrico IV
e inaugurò il regno della dinastia borbonica. Sconfitta la lega cattolica, egli si ritrovò a governare un
regno segnato dalla guerra contro la Spagna e spaccato al suo interno. Per mettere fine alle guerre di
religione, il sovrano rinnegò la propria fede calvinista e si convertì al cattolicesimo (dato che non
avrebbe potuto governare stabilmente un regno la cui maggioranza professava una fede diversa
dalla sua). In seguito a questo atto anche i membri della lega cattolica riconobbero la sua sovranità.
Anche il papa Clemente VIII riconobbe la legittimità del suo regno, riammettendolo ufficialmente
26

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

all'interno della Chiesa cattolica (nonostante fosse la seconda volta che Enrico IV si convertiva al
cattolicesimo; la prima conversione fu un tentativo di scampare alla strage di San Bartolomeo). Le
vittorie militari del nuovo re di Francia portarono anche alla pace con la Spagna, duramente provata
dal dissesto delle proprie finanze. Enrico IV emanò l'editto di Nantes, che dichiarò il cattolicesimo
religione ufficiale del regno riconoscendo la libertà di culto agli ugonotti in luoghi prestabiliti (e
concedendo loro alcune piazzeforti all’interno del regno). Concluso il capitolo delle lotte religiose
Enrico IV poté dedicarsi al risanamento delle finanze e al ristabilimento della situazione economica
del regno, logorate da trent'anni di guerre civili. Nonostante il successo della sua politica economica
e il raggiungimento della pace religiosa, Enrico IV continuò ad essere visto dai cattolici più radicali
come un sovrano opportunista, non mosso da sinceri ideali cattolici (date le sue numerose
conversioni). Inoltre fu sospettato di voler stringere alleanze in funzione antiasburgica con i principi
protestanti tedeschi per creare un fronte europeo contro la monarchia cattolica spagnola. In questo
clima, Enrico IV venne ucciso nel 1610 da un estremista cattolico.
Durante e subito dopo le guerre di religione, due sovrano francesi, Enrico III ed Enrico IV, vennero
assassinati. La divisione religiosa dissolse l'aura sacrale che i sovrani costruirono attorno alla
propria persona. Un sovrano considerato nemico della vera fede non era più il rappresentante di Dio
in terra ma un pericolo per la comunità: di conseguenza la resistenza al suo potere e, nei casi limite,
la sua uccisione vennero assimilate alla legittima difesa. Si affermò il tema della liceità
dell'uccisione di un sovrano eretico come forma estrema di lotta politica nota come monarcomachia.
Secondo l'aristotelismo politico la monarchia tende, secondo un processo naturale, a diventare un
regime di tirannia (così come l'aristocrazia sfocia nell'oligarchia e la democrazia sfocia in oclocrazia
e demagogia). Secondo i monarcomachi, l'obbedienza al sovrano è condizionata al mantenimento di
una condotta ritenuta consona alla regalità: si pretende che il re sia magnanimo con i sudditi e che
ristabilisca l'armonia della società. Ma se un re, invece, perseguita i suoi sudditi e si fa difensore di
uno schieramento nei confronti dell'altro invece di cercare la pacificazione tra le due parti, allora
diviene un tiranno a cui non si deve più obbedienza e, anzi, è giusto resistergli. Una simile
impostazione, che condiziona la libertà d'azione del sovrano e la vincola al rispetto di un patto
implicito con i suoi sudditi, mina il fondamento sacro dell'autorità regia. Nella Francia delle guerre
di religione si affermò anche una teoria politica che consente al sovrano di sottrarsi allo scontro
religioso. I sostenitori di questa visione, definiti politiques, sostengono il rafforzamento dell'autorità
regia e la concessione di una certa libertà di culto come unico rimedio alla divisione ideologica
religiosa. Il più importante esponente di questa teoria fu Jean Bodin, che nel 1576 scrisse i Sei libri
sulla repubblica. Secondo la sua teoria politica, la sovranità dello Stato è per sua natura unitaria,
indivisibile e perpetua; inoltre, gli unici limiti a cui è sottoposto il potere sovrano, nel realizzare un
ordine equo e giusto, sono dati dalle leggi di natura, dalle leggi divine, dalle leggi fondamentali
dello stato e dal rispetto della proprietà privata dei sudditi. Il principe, secondo Bodin, deve essere
legibus solutus, ovvero sciolto dalle leggi a cui egli stesso dà vita. Il diritto di resistenza, e ancora
meno di uccidere il sovrano, non è assolutamente tollerato. La teoria di Jean Bodin aprì la strada
alla teorizzazione del potere assoluto dei sovrani.

9. La rivolta dei Paesi Bassi e la nascita delle Province Unite


I Paesi Bassi erano una terra fiorente, con un'agricoltura ricca e un artigianato florido (specializzato
nella manifattura tessile). La parte più ricca erano le Fiandre, con l'importante piazza commerciale e
finanziaria di Anversa (soprattutto dopo la creazione della borsa valori nel 1531). L'inserimento
nella monarchia di Carlo V fu un grande vantaggio per i Paesi Bassi: nonostante egli fosse un
sovrano viaggiatore, che si spostava spesso tra i suoi domini, la sua corte poliglotta e cosmopolita
risiedeva a Bruxelles. A metà del XVI secolo la prosperità, tuttavia, subì un improvviso arresto, a
cui fecero seguito alcuni segni di crisi. Il commercio risentì della concorrenza inglese e della
crescente importanza delle nuove rotte commerciali atlantiche. Le regioni meridionali dei Paesi

27

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Bassi soffrirono anche la concorrenza interna data dallo sviluppo delle regioni settentrionali,
specializzatesi nell'agricoltura di tipo intensivo (grazie al miglioramento delle tecniche di bonifica e
alla creazione dei polders, terre sottratte al mare con un sistema di drenaggio e di dighe). Dal
commercio del grano, gli olandesi estesero le proprie reti commerciali ai traffici del vino, dei
tessuti, dei metalli e del sale. Altre difficoltà insorsero anche sul piano politico: i Paesi Bassi erano
formati da diciassette province, ognuna delle quali con ordinamenti e consuetudini propri. Un ruolo
importante avevano le assemblee provinciali dei ceti e gli Stati Generali. Una grande influenza
politica era esercitata dalla grande aristocrazia. Durante il regno di Carlo V la nobiltà e gli Stati
Generali godettero di grande rilievo politico. L'ascesa al trono di Filippo II, tuttavia, fece temere ai
ceti dominanti dei Paesi Bassi una loro possibile esclusione dalla vita pubblica: questo timore si
rivelò fondato quando il sovrano abbandonò Bruxelles per non farvi più ritorno, stabilendo la
propria corte in Castiglia. Alle tensioni commerciali e politiche si unirono anche quelle religiose:
nei Paesi Bassi iniziarono a diffondersi le dottrine luterane. Carlo V intraprese una ferma lotta
contro gli eretici protestanti, condannando le idee riformate e cercando di bloccare la diffusione
delle idee protestanti (che rimasero presenti solo nei settori marginali della società). L'attività
dell'Inquisizione, inoltre, condusse a frequenti controversie giurisdizionali con la classe dirigente
locale, educata in senso umanistico sulla base delle riflessioni di Erasmo da Rotterdam.
Nella seconda metà del XVI secolo si verificarono delle trasformazioni nei Paesi Bassi. Penetrò il
calvinismo, favorito dal radicalizzarsi delle posizioni teologiche in seguito alla repressione.
L'esplosione delle guerre di religione in Francia, inoltre, contribuì ad alimentare la propaganda
calvinista (portata avanti anche dagli esuli ugonotti). Il calvinismo si diffuse prima tra i ceti artigiani
delle città meridionali, colpiti dalla crisi della manifatture e dei commerci, e nella piccola nobiltà
settentrionale e riuscì a estendersi anche ai gruppi sociali dei mercanti e degli uomini d'affari. A ciò
si unirono la disoccupazione e il malcontento provocati dalla guerra commerciale con l'Inghilterra,
l'interruzione dei traffici baltici dovuti ad alcuni conflitti in quell'area e ad alcuni cattivi raccolti.
Un'ulteriore elemento di instabilità fu dato dalla grande influenza che acquistò la politica castigliana
sugli equilibri di potere nei Paesi Bassi e dalle difficoltà di relazione tra la corte di Filippo II e
l'aristocrazia dei Paesi Bassi, che aveva il suo massimo esponente in Guglielmo d'Orange (detto il
Taciturno). Egli si sforzò di trovare degli interlocutori nella corte del sovrano che potessero
rappresentare i propri punti di vista, sintetizzabili nelle richieste di abolire il carico finanziario delle
province per le truppe della corona stanziate in territorio olandese, di nominare meno spagnoli nel
consiglio di stato e più rappresentanti dei Paesi Bassi e di moderare la repressione delle idee
riformate. Le proteste trovarono ascolto, all'interno della corte spagnola, nella fazione guidata da
Ruy Gómez de Silva, principe di Eboli. La pressione dei nobili dei Paesi Bassi condusse al ritiro
delle truppe ma nel 1565, con l'ascesa di Fernando Álvarez de Toledo, duca d'Alba, a ruolo di
massimo consigliere di Filippo II, la politica spagnola nei confronti dei Paesi Bassi cambiò: il
sovrano si rifiutò di mitigare la repressione dell'eresia e, anzi, tentò di impiantare l'Inquisizione
spagnola nei suoi domini del Nord Europa. La linea conciliatoria apparve sconfitta e il gruppo
dirigente della nobiltà fiamminga insorse.
L'opposizione alla politica religiosa della corona si fece più intensa. La piccola nobiltà si unì per
ottenere l'espulsione dell'Inquisizione spagnola dai Paesi Bassi, riunendo una folla davanti al
palazzo della governatrice Margherita d'Austria, sorellastra di Filippo II, per chiedere
l'annullamento delle disposizioni volute dal sovrano e una convocazione degli Stati Generali per
rivedere tutta la politica religiosa (in questa occasione pare che uno dei consiglieri di Margherita,
alla vista della folla in attesa di essere ricevuta dalla governatrice, abbia definito “pezzenti” i piccoli
nobili; l'epiteto venne accettato diventando un popolare segno distintivo degli oppositori dei Paesi
Bassi al governo spagnolo). Per evitare che la situazione peggiorasse, Margherita cedette e
promulgò l'editto di moderazione, con il quale invitò le autorità ad attenuare la repressione. Il
successo dell'iniziativa originò un clima di effervescenza in tutto il paese e i protestanti ne
approfittarono per predicare pubblicamente le proprie idee, mutando il clima sociale: si accese la
furia iconoclasta nei confronti delle immagini sacre dei luoghi di culto cattolici. La perdita di
28

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

consensi da parte del governo spagnolo aggravò la crisi. Guglielmo d'Orange, a differenza degli
altri grandi nobili che preferirono schierarsi dalla parte di Margherita e aiutarla a riprendere il
controllo, si schierò dalla parte dei protestanti. Il consiglio di stato si trovò diviso tra i “falchi”
capeggiati dal duca d'Alba, che invocarono l'intervento militare a una dura repressione, e le
“colombe” del principe di Eboli, che proposero al sovrano di riportare l'ordine in maniera pacifica
sfruttando la sua autorità e il suo prestigio. Filippo II decise di affidare al duca d'Alba il comando di
un esercito che inviò nei Paesi Bassi, costringendo Guglielmo d'Orange a rifugiarsi in Germania. La
repressione esercitata dal duca d'Alba andò a colpire i settori della classe dirigente locale a cui
Margherita si era appoggiata per guadagnarsi il consenso in nome della corona: Margherita dette le
dimissioni e il duca d'Alba venne nominato nuovo governatore. La nomina del duca d'Alba fu un
evento molto significativo: in precedenza, il ruolo di governatore dei Paesi Bassi fu sempre
ricoperto da un membro della famiglia reale; la nomina di un grande nobile di Spagna rese la carica
simile a quella di un normale viceré, relegando i Paesi Bassi al ruolo di semplice provincia della
monarchia cattolica. Il governo del duca d'Alba si caratterizzò per la violenza della repressione
posta in atto. I motivi della resistenza da parte dei pezzenti furono dati anche dall'aumento delle
tasse causato dai costi del mantenimento dell'esercito del duca d'Alba (le casse spagnole fecero
fatica a far fronte alle spese, visti gli impegni militari nel Mediterraneo e la rivolta dei moriscos in
Spagna). L'azione di opposizione dei pezzenti, motivata con il diritto di resistenza al sovrano
tiranno, si organizzò in atti di pirateria (mediante i quali riuscirono a conquistare alcuni porti
olandesi) e nei tentativi degli eserciti di Guglielmo d'Orange (che dalla Germania organizzò
l'invasione della parte orientale dei Paesi Bassi) e suo fratello Luigi di Nassau (che tentò di
occupare la parte meridionale con l'appoggio degli ugonotti francesi, indeboliti dopo il massacro
della notte di San Bartolomeo). Guglielmo d'Orange venne nominato governatore dalle province di
Olanda e Zelanda, che gli fornirono i mezzi per la guerra e si unirono per difendere la propria
autonomia e libertà di culto. I rapporti tra ugonotti francesi e calvinisti olandesi erano molto stretti
grazie alla fitta rete di conoscenze di Guglielmo d'Orange, che oggi è considerato il padre della
patria olandese, il punto di riferimento di una rivoluzione condotta in nome della difesa delle libertà
costituzionali e del diritto a praticare la propria fede.
Nel 1575, a causa dell'impossibilità di sostenere le spese di tutti gli impegni militari, Filippo II
dichiarò la bancarotta. Il fallimento del duca d'Alba di riportare l'ordine nelle province ribelli spinse
Filippo II a richiamarlo in Spagna, ponendo fine alla politica di terrore. Tuttavia anche nelle
province fedeli alla corona i gruppi dirigenti locali esercitarono la loro opposizione nel tentativo di
riguadagnare la posizione di potere che avevano perduto: a tale scopo convocarono gli Stati
Generali e intrapresero le trattative con le province ribelli per un accordo di espulsione dai Paesi
Bassi di tutte le truppe straniere (questo accordo prese il nome di pacificazione di Gand). Il sovrano
decise di inviare un membro della famiglia reale come governatore, Giovanni d'Austria (fratellastro
di Filippo II, vincitore della battaglia di Lepanto), che concesse alle province il ritiro delle truppe in
cambio del riconoscimento del cattolicesimo come religione ufficiale. Le province ribelli, dove i
calvinisti erano la maggioranza, reagirono rifiutando la decisione degli Stati Generali (da cui
ritirarono i propri rappresentanti) e non riconobbero Giovanni d'Austria come governatore. La
guerra riprese e in molte città meridionali esplosero delle rivolte calviniste che le fecero passare in
mano a Guglielmo d'Orange nonostante le classi dirigenti delle province meridionali temessero
fortemente che il calvinismo potesse portare a un mutamento dell'ordine sociale. I Paesi Bassi si
trovarono divisi in due aree: le province ribelli (unione di Utrecht), calviniste e guidate dall'Olanda,
e le province fedeli alla corona (unione di Arras), cattoliche. Nel 1581, in nome del diritto di
resistenza al sovrano tiranno, gli Stati Generali dichiararono Filippo II decaduto. Con l'assassinio di
Guglielmo d'Orange da parte di un fanatico cattolico, le province cercarono di darsi un nuovo
sovrano: dopo il fallimento di Francesco d'Angiò (che perse le città meridionali, riconquistate, alla
morte di Giovanni d'Austria, dal nuovo governatore Alessandro Farnese, duca di Parma e nipote di
Filippo II) e del duca di Leicester (le cui azioni militari furono un insucccesso), gli Stati Generali
siglarono un'alleanza con Elisabetta I regina d'Inghilterra in funzione antispagnola e decisero di
29

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

trasformare le sette province ribelli in una repubblica. Nacque la repubblica delle Province Unite,
guidata dagli Stati Generali come autorità suprema.
Negli anni successivi, nelle Province Unite (in cui si affermò sempre di più l'egemonia dell'Olanda,
la provincia più ricca e più popolosa) prese corpo una forma di stato più repubblicano. Gli Stati
Generali si trasformarono da ampia assemblea dei ceti a ristretto organo di rappresentanza in cui
ogni provincia godeva di un solo voto (a prescindere dal numero dei rappresentanti). Dopo aver
siglato una tregua con la Spagna, all'interno delle Province Unite scoppiò una disputa religiosa tra i
fautori di una versione tollerante e razionalista del credo calvinista, promossa da Giacomo Arminio,
e i sostenitori intransigenti guidati da Francesco Gomar: la polemica si concluse con la condanna
delle dottrine arminiane. Nonostante la disputa, le Province Unite trovarono una propria stabilità
all'inizio del XVII secolo. Nel 1621, all'interno della guerra dei trent'anni, si riaprirono i conflitti
con la Spagna: le Province Unite andarono a colpire la monarchia cattolica nei suoi possedimenti
coloniali. Con il trattato di Münster nel 1648 la Spagna rinunciò definitivamente alle pretese di
sovranità sulle Province Unite. Il trattato venne presentato agli Stati Generali lo stesso giorno in cui,
ottant'anni prima, il duca d'Alba fece giustiziare i conti di Egmont e Hornes, alleati di Guglielmo
d'Orange.

10. Economia e finanze nel secolo dei genovesi


Nella seconda metà del XV in alcune zone europee (e dal XVI secolo in quasi tutto il continente) si
avvertirono i primi segnali di ripresa demografica dopo gli sconvolgimenti prodotti dalla peste nera.
Crebbe la popolazione urbana, grazie all'afflusso di persone dalle campagne e allo sviluppo di nuovi
centri. Le città in cui prosperavano le attività manifatturiere e commerciali aumentarono la loro
popolazione fino a diventare grandi metropoli. All'origine della ripresa demografica e della crescita
cinquecentesca vi furono due fattori: l'abbassamento della diffusione e della mortalità delle
epidemie e l'aumento della natalità accompagnato da una minore mortalità in età infantile (che fece
sì che più persone raggiungessero l'età adulta e, quindi, potessero procreare). Si abbassò anche l'età
media del matrimonio, allungando l'arco di tempo che le donne avevano a disposizione per generare
figli. La crescita demografica, tuttavia, comportò anche l'incremento della domanda di derrate
alimentari, che determinò una crescita dei prezzi dei prodotti agricoli (soprattutto dei cereali, che
erano alla base della dieta della grande maggioranza degli europei). Il settore agricolo venne quindi
sollecitato a produrre di più, in special modo i cereali. Le superfici coltivate, che a causa della peste
del XIV secolo conobbero una forte riduzione, tornarono ad ampliarsi. Furono portate avanti molte
opere di bonifica delle zone paludose. I progressi della cerealicoltura furono dati in gran parte
dall'aumento delle superfici coltivate: le rese agricole aumentarono di poco rispetto ai livelli del
secolo precedente. La precarietà dell'equilibrio demografico e dell'agricoltura cinquecentesca
emerse con chiarezza dalla carestia causata da un peggioramento generale del clima che colpì i
paesi dell'area mediterranea a partire dal 1590. La carestia innescò una vera e propria crisi di
sussistenza segnata dall'aumento della mortalità e della caduta del numero di nascite. Inoltre, tra la
fine del XVI secolo e l'inizio del XVII secolo, la peste tornò ad aumentare il tasso di mortalità.
Nel XVI secolo anche la produzione manifatturiera attraversò una fase di espansione: essa riguardò
i settori tessile, minerario ed edilizio. Lo sviluppo delle armi da fuoco e le esigenze della
raffinazione dei metalli diede un impulso alla metallurgia. In Italia centro-settentrionale, l'area
economicamente più avanzata del continente insieme ai Paesi Bassi meridionali, nella seconda metà
del secolo crebbero le manifatture laniere: quest'area del continente si specializzò nella produzione
di tessuti di alta e altissima qualità. A trarre vantaggio dalla domanda di tessuti di media e bassa
qualità (proveniente da chi non poteva permettersi i tessuti di lusso italiani), invece, furono le
manifatture inglesi.
Il bacino del Mediterraneo, nonostante il progressivo affermarsi delle rotte atlantiche, rimase il
cuore dei commerci cinquecenteschi, che beneficiarono dell'aumento della domanda di merci e
30

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

derrate agricole. Il grano, le spezie, le materie prime e i manufatti tessili e metallici furono i prodotti
maggiormente commercializzati nel continente europeo. Crebbe il volume e il valore degli scambi
che coinvolsero l'Europa settentrionale: nelle Fiandre, Anversa divenne la principale piazza
finanziaria e commerciale del continente europeo, attirando mercanti di tutti i paesi per l'acquisto e
la vendita di ogni genere di mercanzie, e vi sorsero le prime due borse internazionali, una per la
quotazione delle merci e l'altra per la regolazione delle transazioni finanziarie. Un ruolo di primo
piano nella crescita del volume dei traffici commerciali che interessò le aree del Mare del Nord e
del Mar Baltico nella prima metà del XVI secolo fu ricoperto dai mercanti delle città costiere dei
Paesi Bassi. I marinai e i trasportatori della provincia settentrionale dell'Olanda furono protagonisti
di un'importante ascesa economica nella seconda metà del secolo, quando la prospera zona
meridionale del paese fu scossa dalla rivolta contro la corona castigliana e le città mercantili della
parte settentrionale cominciarono a sostituirsi nella gestione dei traffici con i porti del Baltico,
avviando uno sviluppo i cui esiti furono visibili nel XVII secolo.
A partire dalla seconda metà del XV secolo, in tutta Europa, si registrò una tendenza all'aumento
della pressione fiscale. Ciò fu dovuto alla crescita dei prezzi, che spinse i pubblici poteri ad
adeguare le proprie entrate all'inflazione, e alle crescenti spese militari, causate sia dall'aumento dei
conflitti che dai mutamenti nelle tecniche militari (l'introduzione delle armi da fuoco e
l'ampliamento numerico degli eserciti; le truppe, che fino alla seconda metà del XVIII furono
formate da soldati mercenari, non solo dovevano essere pagate ma anche equipaggiate). Per far
fronte ai problemi economici le autorità ricorsero a due strumenti: l'incremento della tassazione
straordinaria e l'indebitamento. L'aumento della pressione fiscale dovette fare i conti con
l'opposizione delle popolazioni, dei ceti privilegiati, delle istituzioni e dei corpi territoriali. Inoltre,
l'arretratezza degli strumenti di accertamento della ricchezza (pochi e quasi mai aggiornati erano i
registri dei redditi da tassare) minavano pesantemente l'efficienza dei sistemi fiscali. I governi
furono obbligati a ricorrere alle compagnie bancarie: in cambio della cessione dei proventi di una o
più tasse, i banchieri fornivano alle casse pubbliche il denaro necessario. Nel XIII e nel XIV secolo
si diffuse la prassi dei sovrani di contrarre prestiti a breve scadenza con le compagnie di banchieri
(in particolare quelli fiorentini). I tassi d'interesse erano molto elevati a causa del rischio che
comportavano simili prestiti: era molto facile che i sovrani non rimborsassero le somme prestate e
mandassero in fallimento i banchi. Nei comuni dell'Italia centro-settentrionale, delle Fiandre e della
Germania nacque il debito pubblico consolidato, basato sull'emissione di titoli pubblici a lungo
termine su cui i cittadini avrebbero investito e che avrebbero dato diritto alla restituzione del valore
dei titoli e alla riscossione di interessi. Nel corso del XVI e del XVII secolo si diffuse il debito
pubblico fluttuante, basato sulla concessione da parte dei banchieri di prestiti a breve termine, con
un importo che varia col tempo, che i sovrani avrebbero dovuto rimborsare con l'aggiunta di
interessi. Durante l'arco di questi due secoli l'indebitamento degli stati crebbe a dismisura (Filippo
II, impossibilitato a rimborsare i banchieri, dichiarò bancarotta per ben tre volte e anche i successivi
sovrani della Castiglia furono costretti a sospendere i pagamenti; la stessa cosa successe in Francia,
la cui corona fu soggetta ad un indebitamente sempre maggiore). Per far fronte alle crescenti spese,
i sovrani ripresero la pratica della venalità degli uffici, ossia la vendita di incarichi militari,
amministrativi e finanziari. Nel caso di uffici tradizionalmente appannaggio di nobili, l'acquisto
conferiva titolo di nobiltà: la nobiltà acquisita tramite il denaro (la nobiltà di toga) rimase distinta
dalla nobiltà militare (nobiltà di spada).
Grazie ai cospicui prestiti concessi ai monarchi di tutta Europa, furono numerosi i banchieri, i
mercanti e gli appaltatori (anche di umili origini) che riuscirono a salire nella scala sociale
acquistando feudi e titoli nobiliari. Il funzionamento della fiscalità e delle finanze pubbliche era
strettamente legato all'attività di banchieri e finanzieri privati, che dovevano avere grandi
disponibilità di denaro liquido, la capacità di raccoglierlo da molteplici soggetti per poi convogliarlo
dove richiesto e la fiducia dei clienti e degli altri finanzieri, indispensabili per muovere denaro da
un luogo all'altro tramite la lettera di cambio. Quest'ultimo consisteva in un accordo privato con il
quale un soggetto poteva pagare un altro soggetto ottenendo una promessa di pagamento dal
31

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

banchiere a cui aveva affidato i contanti e riscuoterli presso un altro banchiere affiliato, un'altra città
e in un'altra valuta. Oltre a rendere possibile a mercanti, banchieri e semplici viaggiatori di
trasportare il denaro senza il rischio di essere depredati lungo il viaggio, la lettera di cambio
nascondeva spesso operazioni di prestito a interesse, vietate dalla Chiesa bollandole come peccato
di usura. Dal XV secolo, grandi compagnie bancarie (come i Medici a Firenze e i Fugger ad
Augusta) crearono una solida rete di agenzie autonome in molte parti d'Europa. Durante il XVI
secolo si istituzionalizzò una rete europea del cambio mediante lettera: cominciarono a tenersi delle
fiere dei cambi, i cui centri erano l'unico luogo in cui era possibile intrattenere relazioni cambiarie
dirette (tutte le lettere proveniente da un'altra città dovevano necessariamente passare per una fiera).
Nei primi anni del secolo la maggiore fiera del tempo si tenne a Lione, che beneficiava di una
collocazione geografica posta al crocevia fra la Castiglia, la penisola italiana e l'Europa
settentrionale. Tuttavia, Lione subì ben presto gli effetti della concorrenza dei mercanti-banchieri di
Genova: dopo aver perso la sfida con Venezia per il controllo dei traffici mediterranei con il Medio
Oriente, il ricco ceto mercantile genovese impiegò le proprie navi e i propri capitali nei traffici
commerciali con la Spagna, la Francia e l'Europa settentrionale (Genova concedeva cospicui prestiti
all'alleata monarchia francese ma dal 1528, quando la repubblica di Genova abbandonò l'alleanza
con la Francia per schierarsi dalla parte dell'imperatore Carlo V, i mercanti e banchieri genovesi
orientarono verso la Spagna non solo gli investimenti ma anche i capitali). Il XVI secolo si
caratterizzò per il primato genovese nel commercio del denaro in Europa: per questo motivo è stato
definito “il secolo dei genovesi”. Tuttavia, le frequenti bancarotte del regno di Castiglia finirono per
incrinare la fiducia degli investitori e al crollo dell'egemonia dei banchieri genovesi.
La crescita dell'importanza dei banchieri e del mercato creditizio fu legata anche alla maggiore
disponibilità di metalli preziosi: dalle colonie americane arrivarono ingenti quantità d'oro, che dalla
Castiglia venne distribuito verso le altre aree d'Europa a causa della necessità di acquistare
manufatti, che le manifatture castigliane non sempre erano in grado di produrre, e dalle spese
politiche e militari.

11. L'affermazione del barocco


Tra il 1580 e il 1680 in Europa (a partire dall'Italia) si sviluppò il movimento culturale del barocco,
caratterizzato dall'irregolarità, l'infrazione a regole date, la ricerca dell'insolito e la volontà di
stupire. Il barocco investì tutti gli ambiti: dalle arti visive alla letteratura e alla musica, a anche la
religiosità, la politica, la filosofia e i costumi. In una società sempre più autoritaria e rigida che
mirava al mantenimento dell'ordine costituito, il principale imperativo estetico era quello che spinge
alla ricerca della trasgressione, della stranezza e della maestosità: una prassi tollerata e incoraggiata
in ambito artistico e letterario dai sovrani, dall'aristocrazia e dalla Chiesa cattolica (tutti soggetti che
si opponevano ai tentativi di eversione in ambito religioso, politico, filosofico e scientifico).
L'obiettivo principale dell'artista era quello di stupire i fruitori delle sue opere. La qualità
maggiormente richiesta dall'artista divenne l'ingegno, la dote intellettuale che consiste nel saper
trovare nuove forme e contenuti, che in epoca barocca si tradusse spesso nell'accostamento di
oggetti apparentemente inconciliabili attraverso l'uso della metafora. Il linguaggio che venne
elaborato dagli artisti era costellato di simboli e altri elementi in grado di compendiare una
molteplicità di significati e di favorire i legami di senso. Questo tentativo di favorire molteplici
interpretazioni era legato alla sensazione angosciosa dell'uomo barocco di vivere in un periodo di
crisi, contraddistinto dalla messa in discussione di valori ritenuti inattaccabili, e il bisogno di
contrastare la perdita dei propri punti di riferimento. La Chiesa, dopo la controriforma, cercò di
controllare la produzione culturale mediante la censura e la committenza.
L'intervento del potere politico nella sfera della cultura era finalizzato a ottenere il consenso dei
sudditi. Sia i sovrani che i pontefici si rivelarono dei committenti molto raffinati. In epoca barocca
si prediligevano oggetti artistici che impressionavano per la loro magnificenza, secondo la tendenza

32

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

alla ricerca della meraviglia. Grande rilievo assunse il teatro, frutto dell'armonica sinergia fra più
arti (la pittura, la scultura e l'architettura collaboravano per costruire la scenografia; la letteratura
forniva il testo recitato dagli attori; la musica accompagnava l'azione scenica). La spettacolarità
divenne un elemento imprescindibile della vita pubblica: divennero momenti spettacolari, in grado
di coinvolgere tutti gli astanti, non solo le rappresentazioni teatrali (sacre e profane) ma anche le
processioni, le prediche, i cortei, i tornei, i trionfi, ecc. L'intera città divenne teatro e gli interventi
urbanistici iniziarono ad essere realizzati al fine di modellare lo spazio per migliorare la resa visiva
delle feste pubbliche, che acquistarono sontuosità grazie all'esuberanza decorativa delle facciate
degli edifici ecclesiastici e civili. Fra il XVI e il XVII secolo, nelle corti delle monarchie europee,
iniziarono ad essere organizzati in maniera pubblica e rituali i distinti momenti della vita del
sovrano: non solo quelli più importanti, come l'incoronazione, le nozze, i battesimi degli eredi, i
successi militari e i funerali, ma vennero solennizzate con cerimonie pubbliche (cui assistevano
folle di sudditi) anche i diversi momenti della vita quotidiana, disciplinati e in alcuni casi resi
pubblici. Gli aristocratici che vivevano a corte ricoprivano mansioni domestiche per il re,
rispettando una gestualità rituale dettata dalla sacralità del corpo del re.
La Chiesa cattolica, nel corso del XVII secolo, svolse anche un'importante ruolo pedagogico nel
plasmare le coscienze della maggioranza analfabeta della popolazione (per mezzo delle arti visive),
ma anche degli alfabetizzati (con numerosi collegi e istituti d'istruzione e l'uso della censura). Una
delle grandi innovazioni nate dall'esigenza di contrastare la diffusione delle idee riformate fu la
creazione di istituzioni educative. Tra i vari ordini che si occuparono di formazione, il più
importante fu quello della Compagnia di Gesù. L'iniziativa dei gesuiti, infatti, riscosse enorme
successo grazie alla domanda di istruzione da parte dei ceti elevati e grazie all'elaborazione di un
nuovo modello pedagogico (basato sulla divisione degli alunni in classi di apprendimento, sulla
progressione degli studi e sul rigore disciplinare, per inculcare la dedizione e l'obbedienza,
esercitato con un sistema di premi e punizioni) per lo studio del latino e del mondo classico da parte
degli esponenti delle più alte fasce sociali. I gesuiti divennero una presenza costante nelle cerchie
aristocratiche e nelle élites di governo dei paesi cattolici. Accanto ai collegi, sorsero anche delle
scuole per nobili: l'esigenza dei sovrani di contare su una nobiltà a loro fedele e quella degli
aristocratici di dare ai propri figli una formazione atta a farli accedere alle più alte cariche pubbliche
(attraverso l'istruzione classica ma anche con l'insegnamento delle attività praticate a corte, come la
scherma, l'equitazione, la danza e le lingue moderne) favorì il successo anche di queste istituzioni.
In alcuni casi i collegi dei gesuiti vennero riconosciuti come università (a volte l'ordine prese il
controllo delle università presenti).
In seguito ai cambiamenti dati dai conflitti politici e religiosi e dalla controriforma, si formò un'idea
di politica che tenga conto del ruolo del sovrano nel mantenere l'ordine sociale e religioso. Giovanni
Botero, autore de Della ragion di stato, sostenne l'idea della ragion di stato teorizzata da
Machiavelli (ovvero l'insieme di tutti gli strumenti e i mezzi per la conservazione dello stato) ma si
distaccò dalle idee di quest'ultimo dando notevole importanza alla morale cristiana: il principe, in
sostanza, deve essere un ottimo cristiano ma deve riuscire a coniugare i princìpi religiosi con il
rigore (che però sono spesso inconciliabili).

12. Un mondo di numeri: la nascita della scienza moderna


Fino ai primi del XVI secolo la visione del cosmo comunemente accettata fu quella del
geocentrismo, fondata sulla centralità della Terra, immobile al centro dell'universo (teorie di
Aristotele unite al modello matematico di Tolomeo). Nel XIII secolo, essa divenne la dottrina
ufficiale della Chiesa. I molti problemi matematici lasciati irrisolti dal sistema aristotelico-
tolemaico spinsero l'astronomo Niccolò Copernico a formulare nuove ipotesi sulla struttura
dell'universo: ispirato alla teoria astronomica di Pitagora, egli teorizzò che al centro dell'universo vi
fosse il sole e la Terra ruotasse attorno ad esso e al proprio asse. L'opera di Copernico innescò un

33

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

processo rivoluzionario che venne concluso con l'opera di Isaac Newton. La rivoluzione
copernicana ebbe forti ripercussioni nel dibattito filosofico e teologico del tempo: il sistema
aristotelico-tolemaico era alla base della concezione del mondo politico e dell'esperienza religiosa
immobilistica e rigidamente gerarchica. Sovvertire il modello cosmologico dominante fu
interpretato come un tentativo di eversione a cui si opposero sia il cattolicesimo che il
protestantesimo. Un'ulteriore scossa al sistema aristotelico-tolemaico fu data da Keplero, che scoprì
che le orbite dei pianeti sono ellittiche (e non circolari, secondo la concezione aristotelica di
“universo perfetto”).
In Italia le teoria di Copernico e Keplero trovarono un sostenitore in Galileo Galilei, docente di
matematica all'università di Pisa. Nonostante insegnasse le teorie aristoteliche, egli si occupò di fare
ricerche sulla fisica interessandosi alla teoria copernicana. Secondo Galilei la natura deve essere
studiata analizzando le caratteristiche quantificabili matematicamente. Mette a punto, quindi, un
metodo di ricerca basato sulla formulazione di un'ipotesi matematica e la sua verifica sperimentale.
La tecnologia del tempo non consentiva a Galilei di disporre di strumenti adatti per per delle
corrette rilevazioni numeriche. L'invenzione del cannocchiale da parte di un fabbricante di occhiali
olandese gli consentì di migliorare lo strumento adattandolo per l'osservazione dei corpi celesti
(inventò il telescopio), rendendo possibile fare delle metodiche osservazioni astronomiche. Le
scoperta delle macchie solari e l'osservazione della superficie della Luna rafforzano la sua
convinzione della falsità delle teorie aristoteliche, secondo le quali i corpi celesti sono incorruttibili
e perfetti. La stima per Galilei crebbe. Egli affermò che la Bibbia aveva il primato in ambito
religioso e morale ma la natura deve essere studiata tramite la matematica e l'esperienza, scatenando
l'intervento dell'Inquisizione: la teoria copernicana venne ufficialmente condannata, in quanto
contraria alla verità biblica, e Galilei venne ammonito ad attenersi all'insegnamento delle dottrine
aristoteliche. Nel 1632 Galilei pubblicò il Dialogo sopra i massimi sistemi del mondo, copernicano
e tolemaico, in cui tentò di offrire delle prove fisiche in favore delle teorie copernicane. Galilei
venne denunciato per aver sostenuto idee ritenute eretiche e l'Inquisizione lo condannò all'abiura
(venne costretto a rinunciare alle sue tesi).
Tra il XVI e il XVII secolo si ebbero nuove scoperte anche in campo medico, grazie alla riscoperta
delle opere antiche di Galeno. Grazie all'osservazione diretta dei cadaveri, Andrea Vesalio poté
innovare notevolmente le conoscenze ereditate dall'antichità. Girolamo Fabrici d'Acquapendente
creò il teatro anatomico stabile, un'aula a forma di tronco di cono nella quale si compivano le
dissezioni dei cadaveri sotto gli occhi degli studenti seduti sulle tribune. Questo metodo di studio
portò presto alla scoperta del meccanismo di circolazione sanguigna. William Harvey fu in grado di
spiegare con grande precisione il funzionamento del cuore.
Le esperienze compiute in campo fisico, astronomico e medico e l'attenzione per i dispositivi
meccanici portarono alla nascita del meccanicismo, una concezione del mondo (in contrasto sia con
l'aristotelismo che con il naturalismo) secondo cui l'universo poteva essere spiegato semplicemente
con la conoscenza delle leggi del moto. Le proprietà basate sulle sensazioni vennero messe da parte,
in quanto soggettive, per privilegiare lo studio delle proprietà reali, in quanto misurabili
matematicamente. Secondo il meccanicismo, l'intero universo è costituito da corpi in movimento
sulla base di leggi matematiche, quindi è lo studio matematico dei movimenti a far comprendere la
struttura cosmologica. L'universo è visto dai meccanicisti come un'enorme macchina costruita da
Dio e i suoi ingranaggi sono considerati tutti ugualmente importanti e necessari. Cartesio delineò la
struttura del mondo naturale, composto da materia in movimento. La materia coincide con lo spazio
geometrico che occupa; non esiste spazio senza materia. Quindi, l'universo cartesiano si qualifica
come uno spazio dove i corpi si urtano continuamente. Il sistema concepito da Cartesio non era
frutto di un metodo induttivo ma di deduzione logica a partire da presupposti filosofici che egli
credeva indubitabili. Thomas Hobbes fu un importante filosofo del materialismo (pensiero derivato
dal meccanicismo), secondo cui i concetti morali di bene e male non derivano dai comandamenti
divini ma sono il frutto del movimento dei corpuscoli materiali che, incontrandosi con il corpo
umano, generano le passioni del piacere (concetto di bene) e del dolore (concetto di male). La
34

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

nascita di un'idea comune di bene e male, secondo Hobbes, discende dalla forza dello stato (che si
forma con un contratto fra gli individui) che impone a tutti determinati comportamenti. Un altro
materialista fu Baruch Spinoza, secondo il quale Dio si identifica nella legge che governa il mondo:
la religione, quindi, assume il valore di conoscenza della realtà e non di pura e semplice obbedienza
a comandamenti imposti dalle diverse confessioni. Il più importante meccanicista fu Isaac Newton,
che sostenne che il compito della filosofia non è quello di studiare la causa del moto ma analizzare
il modo in cui una forza opera e descriverla in termini di leggi matematiche. Egli elaborò la legge di
gravitazione universale, riunendo una volta per tutte la fisica terrestre e la fisica celeste, cancellando
la separazione tra cielo e terra tipica del pensiero aristotelico-tolemaico. L'universo iniziò ad essere
concepito come totalmente indipendente dall'ordine divino.
Sin dalle sue origini l'università rappresentò il principale luogo di trasmissione dell'alta cultura nel
continente europeo. Nel XVII secolo era ancora il latino la lingua con cui si trasmetteva il sapere.
Nonostante molti intellettuali cinquecenteschi e seicenteschi insegnassero nelle università, il loro
rapporto con l'istituzione era abbastanza formale: l'università era, in genere, poco amata dagli
scienziati, poiché al suo interno non vi si faceva attività di ricerca ed era un luogo dove essi
lavoravano per guadagnarsi da vivere. Il luogo del vero confronto intellettuale era l'accademia, una
struttura nata nei primi anni del XVI secolo che raccoglieva appassionati di una determinata
disciplina che si incontravano per discutere singole questioni. Al suo nascere era una struttura
informale ma successivamente le accademie si dotarono di un nome, di un regolamento e di una
propria con un motto (che rispecchiava il fine che si proponevano i suoi membri, i quali
utilizzavano nomi fittizi durante le sedute; all'interno delle accademie non esistevano gerarchie e
tutti gli uomini erano uguali). In Italia, le accademie più importanti fu l'Accademia dei Lincei (di
cui fece parte anche Galilei). In generale, in ambito italiano, la fragilità dell'esistenza delle
accademie fu dovuta al fatto che vennero promosse da singoli mecenati, incapaci di assicurare una
duratura continuità all'accademia e una protezione dalla vigilanza dell'Inquisizione contro ogni
forma di sapere che potesse apparire eversivo dell'ordine sociale e religioso. In Francia, per volere
del re Luigi XIV, nacque l'Académie royale des sciences, i cui componenti percepivano un salario
dalla corona per dedicarsi alla sperimentazione in diverse discipline e venivano chiamati alla corte
di Versailles per prestare la loro opera al servizio del re per la progettazione e realizzazione di opere
di pubblico interesse.

13. Tra guerra e rivolta: la crisi politica di metà Seicento


Verso la metà del XVII secolo le principali monarchie europee dovettero affrontare dei gravi
problemi politici. In Spagna il re Filippo IV si vide costretto a fronteggiare una serie di rivolte che
interessarono alcuni regni della sua monarchia composita: alla ripresa della guerra contro le
Province Unite si aggiunsero, nel 1640, le ribellioni secessioniste della Catalogna e del Portogallo e,
nel 1647, anche quelle in Sicilia e nel regno di Napoli (dove la rivolta portò alla proclamazione
della repubblica napoletana in Italia meridionale). In Francia Anna d'Austria, la moglie del defunto
Luigi XIII e reggente del figlio Luigi XIV, dovette fare i conti con una rivolta generale, chiamata
Fronda, che fu capeggiata dal Parlement di Parigi insieme alla nobiltà e fu indirizzata ad allontanare
il cardinale Giulio Mazzarino dalla sua posizione di governo. In Inghilterra, la tendenza del re Carlo
I a governare dispoticamente (introducendo nuove tasse senza il consenso del Parlamento) e alcune
sue modifiche negli equilibri politico-religiosi in senso filo-cattolico condussero il Parlamento a
opporsi al sovrano e a capeggiare una grande insurrezione che terminò con la proclamazione della
repubblica e la decapitazione del re. Queste crisi politiche ebbero dei tratti comuni.
Nonostante la pace di Augusta firmata nel 1555, il Sacro Romano Impero cominciò a essere
attraversato da profondi conflitti religiosi. Grazie all'azione dei gesuiti, che si occuparono di
formare le élites in senso cattolico e di fare da guida spirituale a principi e aristocratici, la Germania
centro-meridionale rimase in maggioranza cattolica, mentre in Germania centro-settentrionale si era
35

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

ormai diffuso il luteranesimo. A rendere più instabile la situazione fu la diffusione del calvinismo,
confessione religiosa non prevista dagli accordi della pace di Augusta. L'aggressività dell'azione dei
gesuiti e il consolidarsi dell'orientamento filo-cattolico della famiglia imperiale spinsero i principi
luterani e calvinisti a organizzarsi in un'alleanza difensiva, l'Unione evangelica. La reazione dei
principi cattolici fu quella di formare la Lega cattolica. L'imperatore Mattia d'Asburgo attenuò la
politica di pacificazione dei suoi predecessori cercando di limitare la libertà di culto. La crescente
tensione fu alimentata anche dal problema della successione al soglio imperiale, dato che
l'imperatore non aveva eredi e il successore designato, Ferdinando II, era un cattolico intransigente.
Al tentativo dell'imperatore di limitare la libertà del culto calvinista aprendo la strada al suo
successore, nel 1618 la città di Praga insorse: venne preso d'assalto il castello e furono gettati dalla
finestra i due rappresentanti imperiali che vi si trovavano (l'episodio è come la “defenestrazione di
Praga” e diede inizio alla guerra dei trent'anni). Alla morte di Mattia d'Asburgo, i boemi si
rifiutarono di riconoscere l'autorità di Ferdinando II e scelsero come sovrano Federico V del
Palatinato, nuovo capo dell'Unione evangelica. Le truppe imperiali, appoggiate dalla Lega cattolica
e dalla Spagna, riconquistarono la Boemia, dove venne imposto il cattolicesimo. La crescente forza
militare degli Asburgo preoccupò le potenze europee di orientamento protestante, che temerono di
fare la stessa fine della Boemia e scesero in campo contro i due rami d'Asburgo (quello imperiale e
quello spagnolo) in un conflitto che ebbe come teatro principale la Germania. Tuttavia si ebbero
degli scontro anche in altri paesi: la confederazione elvetica, grazie all'appoggio francese, riuscì a
respingere l'attacco spagnolo proveniente dall'Italia (la conquista del territorio svizzero avrebbe
facilitato gli spostamenti delle truppe spagnole verso la Germania); la Danimarca, luterana, fu
battuta dall'esercito cattolico; la Svezia, anch'essa luterana, venne sconfitta dall'impero. La
sostanziale affermazione delle truppe asburgiche provocò un mutamento nell'equilibrio religioso dei
territori dell'impero, regolato da più di mezzo secolo dalla pace di Augusta. L'imperatore
Ferdinando II emanò l'editto di restituzione senza il consenso della dieta imperiale: esso prevedeva
la restituzione dei beni ecclesiastici confiscati da parte dei principi protestanti. Il tentativo
dell'imperatore di governare senza il consenso della dieta e di rafforzare il proprio potere spinse i
principi cattolici tedeschi a protestare: essi subordinarono la loro fedeltà alla rinuncia al
rafforzamento dell'autorità imperiale. I principi protestanti, invece, ottennero l'abrogazione
dell'editto di restituzione. Nel momento in cui sembrava che gli Asburgo avessero ottenuto
l'egemonia europea, la Francia intervenne militarmente e il conflitto assunse una dimensione
geografica maggiore. Gli equilibri militari mutarono a sfavore degli Asburgo, fino alla vittoria dei
francesi: nel 1648 si giunse alla pace di Vestfalia, che delineò importanti cambiamenti
nell'equilibrio politico europeo. La pace sancì il tramonto dell'egemonia asburgica e del progetto di
riportare al cattolicesimo l'Europa centro-settentrionale. La Spagna fu costretta a rinunciare alla
riconquista delle Province Unite; nel Sacro Romano Impero venne ridimensionato il ruolo
dell'imperatore, costretto a riconoscere ai principi e alle città piena autorità politica e religiosa e
venne frammentato il territorio in varie entità geopolitiche diverse per dimensione e confessione
religiosa; la confederazione elvetica ottenne l'indipendenza dall'impero. Le clausole della pace di
Augusta, inoltre, vennero estese anche alle altre confessioni protestanti (oltre al luteranesimo). Il
conflitto tra la Francia e la Spagna continuò fino alla battaglia delle Dune, in seguito alla quale fu
siglata la pace dei Pirenei nel 1659 (la Francia ottenne alcune piazzeforti nelle Fiandre e nel
Lussemburgo. Con la pace dei Pirenei anche la Spagna accettò la fine del proprio progetto di
egemonia europea. Non solo la corte del re di Francia divenne il cuore della diplomazia europea,
emarginando quella di Madrid, ma con la fine del predominio spagnolo iniziò il periodo
dell'egemonia francese, cui sfuggirono solo le grandi potenze navali e commerciali: le Province
Unite e l'Inghilterra.
Le spese della guerra dei trent'anni, cui parteciparono quasi tutti i maggiori paesi, costrinse ovunque
le finanze statali a una disperata ricerca di denaro. L'urgenza finanziaria spinse le corone a usare
metodi non tradizionali per l'esazione dei tributi, ricorrendo a finanzieri in grado di anticipare il
denaro, eludendo le approvazioni delle assemblee rappresentative e creando nuove imposizioni. Su
36

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

scala europea, la lotta tra cattolici e protestanti costituì un crinale ideologico decisivo, rispetto al
quale si orientarono i comportamenti politico-diplomatici e le conseguenti azioni militari. Non fu
sol il fiscalismo a condurre le popolazioni alla ribellione, ma la legittimità, le modalità d'esazione e
l'uso che si fece dei soldi che venivano raccolti. Non tutti i conflitti che si aprirono a metà del XVII
secolo riguardarono gli scontri religiosi e la libertà di culto, mentre tutti furono accomunati dalla
condanna dei metodi assolutistici e dispotici dei governi. Verso la fine del XVI secolo nelle grandi
monarchie si fece costante la figura del favorito, una persona che gode di particolare fiducia da
parte del sovrano e riceve, in cambio dei suoi consigli, speciali onori. In precedenza vi era la prassi
diffusa da parte dei sovrani di non concedere troppo potere a un singolo individuo, preferendo
controbilanciare le fazioni cortigiane dando a ognuna un po' di riconoscimento. Tale prassi venne
modificata da Filippo III re di Spagna (successore di Filippo II), che concesse al suo favorito,
Francisco Gómez de Sandoval duca di Lerma, il potere di governare al suo posto. Questa decisione
rese possibile un governo maggiormente consensuale (i sudditi non potevano contestare la politica
dei sovrani e con la nomina dei favoriti poterono manifestare il proprio dissenso evitando di
accusare direttamente il re, rappresentante di Dio). Tutte le classi dirigenti aristocratiche videro in
questa delega di potere la possibilità di influenza politica e del suo riconoscimento sociale e
simbolico, la fine del potere autocratico dei sovrani che crebbe nell'epoca delle guerre di religione.
L'esempio spagnolo venne imitato anche dalle altre potenze. (in Inghilterra, al fianco del re
Giacomo I, si installò stabilmente George Villiers duca di Buckingham, mentre in Francia la regina
Maria de' Medici, vedova di Enrico IV e reggente del figlio Luigi XIII, nominò favorito Concino
Concini). L'altra faccia della delega al potere emerse subito: la creazione di un sistema politico
cortigiano dominato da una fazione unica, quella guidata dal favorito. Il controllo da parte di una
sola persona che non è il re tendeva a polarizzare il sistema politico in due fronti: da una parte il
favorito e la sua rete clientelare, dall'altra gli aristocratici esclusi dal potere, che iniziarono a
coalizzarsi per cercare di prendere il posto del favorito, opponendosi tramite atti di resistenza
passiva volti a rendere più difficoltosa l'azione politica del favorito, dimostrando al sovrano la
necessità di una mutazione di governo.
L'ascesa al potere del duca di Lerma costituì una svolta nella politica europea seicentesca. Un
ulteriore mutamento si ebbe alla morte di Filippo III, quando salì al trono Filippo IV: egli si
circondò di uomini intenzionati come lui a salvare la monarchia da ciò che sembrava essere un
declino e nominò come proprio favorito Gaspar de Guzmán conte-duca di Olivares. Quest'ultimo si
propose di ripristinare la superiorità spagnola rinvigorendone l'attitudine bellica, sull'esempio della
politica estera di Filippo II. Uno dei primi atti del nuovo favorito fu quello di non rinnovare la
tregua con le Province Unite, riprendendo la guerra nei Paesi Bassi e sostenendo militarmente gli
Asburgo d'Austria nella guerra dei trent'anni. Per sostenere questa ambiziosa ma onerosa politica, il
conte-duca di Olivares lancia un piano volto a rendere la monarchia spagnola più efficiente nella
raccolta dei tributi: esso prevede una redistribuzione del peso finanziario delle spese militari, che
fino ad allora era gravata essenzialmente sulla corona di Castiglia, sugli altri territori della
monarchia. Il fallimento di tale manovra fu dato dalla resistenza del ceto dirigente spagnolo,
preoccupato che la partecipazione alle spese degli altri territori potesse portare anche alla
spartizione degli onori. Per ovviare agli ostacoli dell'opposizione al suo governo, il conte-duca di
Olivares ricorse sempre più frequentemente a mezzi straordinari, con lo scopo di eludere
l'opposizione politica annidata nei consigli e per assumere rilevanti scelte economiche e finanziarie
senza alcun controllo. A tal fine il favorito creò dei luoghi decisionali straordinari diversi da quelli
normalmente previsti, ovvero delle giunte speciali di ministri che dovevano decidere su una
specifica questione. Allo stesso tempo collocò in tutti gli snodi decisionali degli uomini a lui fedeli
per assicurarsi che le decisioni prese venissero effettivamente rispettate. Alla fedeltà al sovrano,
dunque, si aggiunse anche quella al favorito e alla politica da lui condotta. Dalla condivisione del
potere estesa tutta un'élite aristocratica si passò alla concessione a un gruppo politico del potere
derivante dal controllo della macchina statale liberata dai suoi tradizionali vincoli: il favorito fu
visto come la controfigura del tiranno, detentore di un potere dispotico affermatosi grazie al plagio
37

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

della volontà sovrana. Tale trasformazione, ovvero l'affermazione di un governo straordinario e di


guerra che fu comune a tutte le grandi monarchie europee, imposto da un favorito dotato dei poteri
del sovrano, venne bollato come arbitrario e illegittimo. In Inghilterra il duca di Buckingham
divenne il favorito anche del re Carlo I (dopo la morte di Giacomo I), suscitando preoccupazione
per la sua costante presenza al governo (venne definito “una stella fissa nella politica inglese”). Egli
fu accusato di essere un usurpatore e sospettato di voler introdurre innovazioni dispotiche nello stile
di governo inglese, oltre che di favorire mutamenti nella Chiesa anglicana in senso filo-cattolico. In
Francia Luigi XIII nominò suo favorito il cardinale Richelieu, che poté coniugare il primato
derivante dalla supremazia religiosa alla delega di potere politico. Muovendosi lungo una linea di
rafforzamento dell'autorità sovrana, Richelieu si impegnò a togliere agli ugonotti le piazzeforti
assegnate dall'editto di Nantes, pur riconfermando la libertà di culto. A livello internazionale reagì
al tentativo egemonico degli Asburgo appoggiando le forze protestanti nella guerra dei trent'anni.
Sul piano della politica interna, preoccupato dell'avversione che una parte dell'aristocrazia francese
nutriva per il suo regime, utilizzò ogni possibile strumento repressivo. Grazie a una rete di legami
personali e familiari (istituì gli intendenti, uomini di sua fiducia inseriti nelle istituzioni locali per
controllare l'operato e la fedeltà dei funzionari regi), Richelieu riuscì a governare con efficacia,
giovandosi della teorizzazione del potere assoluto del re risalente agli anni delle guerre di religione:
in circostanze speciali egli si sentì legittimato a violare i normali vincoli posti alla sua azione,
esercitando un potere assoluto. Tale teoria offrì la legittimazione per una serie di misure
straordinarie che divennero potenti strumenti di azione nelle mani del gruppo di potere strettosi
attorno al favorito. Fu così che Richelieu decise l'incremento della pressione fiscale, introducendo
nuovi prelievi e imponendo nuove tasse senza convocare gli Stati Generali. Di fronte alle numerose
rivolte scatenate da queste misure, venne impiegato l'esercito.
Pratiche di governo di questo tipo provocarono effetti comuni: la resistenza di coloro che non
approvavano tali metodi, la pressione dei grandi nobili sul sovrano per la rimozione del favorito e la
ribellione popolare. Tutte queste conseguenze si verificarono in Europa a metà del XVII secolo. Nei
territori iberici della monarchia cattolica l'ostilità nei confronti del conte-duca di Olivares divenne
tanto diffusa nell'aristocrazia da indurla a cospirare contro di lui e mettere in atto uno sciopero della
presenza a corte, in modo da manifestare al sovrano la profonda disaffezione che la politica del
favorito provocava al paese. Si ebbero delle rivolte in Catalogna e in Portogallo: entrambe le regioni
accusarono il favorito di violare continuamente i privilegi e le consuetudini. In Catalogna, sulla base
dell'esempio olandese, i catalani dichiararono rotto il vincolo di fedeltà che li univa agli Asburgo,
cercando protezione nel re di Francia, ma le truppe di Filippo IV posero fine alla ribellione. Il
Portogallo, invece, si richiamò alla dinastia precedente all'incoronazione di Filippo II (quella degli
Aviz) a causa dell'incapacità della corona asburgica di difendere gli interessi portoghesi (l'Olanda
penetrò in Brasile, la maggiore colonia portoghese) e dichiarò la propria indipendenza. I tentativi di
secessione spinsero Filippo IV ad allontanare il conte-duca di Olivares dal potere. Tuttavia la
pressione fiscale fiscale continuò a crescere e il sistema politico non fu in grado di percepire il
rischio di rottura dei legami di fedeltà: scoppiarono, infatti, altre insurrezioni nel regno di Sicilia e
nel regno di Napoli (dove la rivolta fu capeggiata dal pescivendolo Masaniello, che contestò
duramente i ministri spagnoli accusandoli di aver violato il patto implicito tra governanti e
governati). La rivolta nel regno di Napoli si estese fino alle campagne e raggiunse le province più
lontane del regno. La fedeltà alla corona venì definitivamente meno quando la flotta spagnola
bombardò Napoli. La proclamazione della repubblica napoletana durò soltanto pochi mesi: la
pressione militare e le trattative contribuirono alla riconquista della capitale, mentre nelle campagne
il baronaggio attuò una spietata repressione. Mentre nella monarchia spagnola il dissenso provocò
delle rivolte popolari dal basso, in Francia le insurrezioni partirono dall'alto e si verificò una grave
crisi politica. Il ministro favorito nominato da Anna d'Austria, vedova di Luigi XIII e reggente del
figlio Luigi XIV, fu il cardinale Giulio Mazzarino, che ereditò dal predecessore Richelieu i metodi
di governo straordinario e di guerra. La direzione della resistenza ai metodi considerati dispotici fu
il Parlement di Parigi. Le modalità di governo adottate vennero considerate un tentativo di minare le
38

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

fondamenta del regime esistente, una deviazione rispetto alle antiche consuetudini del regno di
Francia. I Parlements si unirono e decisero l'abolizione delle manovre decise da Mazzarino e dal
suo predecessore. I rivoltosi furono definiti con disprezzo dagli ambienti cortigiani frondeurs (i
ragazzini che fanno giochi pericolosi con la fionda; i rivoltosi fecero proprio questo epiteto,
paragonandosi a Davide che uccide il gigante Golia proprio con la fionda). La reazione di
Mazzarino, fuggito con la reggente e il re minorenne dalla capitale messa a ferro e fuoco dai
rivoltosi, fu quella di inviare l'esercito a ristabilire l'ordine. Iniziò una lunga guerra civile. La firma
della pace di Vestfalia e l'allontanamento del favorito dal regno non furono sufficienti a placare
l'animo dei ribelli. La guerra civile terminò nel 1653, grazie alla maggiore potenza dei mezzi di
Mazzarino e all'incapacità dei vari strati sociali della ribellione di acquisire una certa coesione per
convocare gli Stati Generali. Le rivolte del XVII secolo dimostrarono che l'uso del potere arbitrario,
specie se esercitato da un'autorità ritenuta illegittima, aveva un preciso limito, oltre il quale sarebbe
inevitabilmente scoppiata la rivolta dei sudditi.

14. La rivoluzione inglese


Alla morte senza eredi di Elisabetta I, nel 1603, si estinse la dinastia dei Tudor e la corona inglese
passò al nipote Giacomo I della dinastia degli Stuart. Egli, già re di Scozia, era il figlio di Maria
Stuart: si ritrovò, quindi, a sedere sul trono che fu di colei che appoggiò la rivolta scozzese contro
la madre e la tenne prigioniera finché non venne giustiziata sotto accusa di complotto. Il nuovo re fu
educato alla fede protestante. La Scozia e l'Inghilterra, i due regni di Giacomo I, erano molto
diversi: il primo era un vasto paese scarsamente popolato, basato soprattutto sull'allevamento e
guidato da un parlamento e da una Chiesa calvinista; il secondo, invece, era un paese in crescita,
con un'agricoltura e un allevamento ricchi, un artigianato attivo e un commercio marittimo in
notevole espansione e il Parlamento, diviso in due camere, aveva una solida tradizione di intervento
nella politica del regno. La Chiesa anglicana, di cui il sovrano era il capo supremo, costituì un
fondamentale caposaldo del potere della corona, che ne nominava i vescovi. Elisabetta I mise in atto
un compromesso che delineò una Chiesa anglicana dalle basi teologiche protestanti ma dalla liturgia
cattolica e successivamente la riformò sempre più in senso calvinista.
L'uniformità religiosa era considerata, a quel tempo, uno degli obiettivi principali di un sovrano. Si
pensava, infatti, che la compresenza di diverse fedi portasse alla distruzione dei regni. Giacomo I,
tuttavia, si dimostrò piuttosto guardingo nei confronti del conflitto ideologico in materia religiosa ed
evitò di aprire un contenzioso in materia, tollerando le forme di culto eterodosse. Oltre al problema
religioso c'era anche il carattere composito della monarchia: Inghilterra e Scozia, infatti, furono due
regni distinti uniti solo dall'unione dinastica. La proposta del re di fondere i due regni unificando le
istituzioni venne respinta dal Parlamento. Tra Giacomo I e il Parlamento vi furono molti contrasti: il
re godeva di scarso consenso tra i sudditi inglesi (a causa della distanza tra la realtà scozzese, da cui
il sovrano proveniva, e quella inglese che si vide soprattutto negli aspetti culturali e
comportamentali considerati poco regali) ed aveva l'attitudine a spendere senza controllo, causando
spesso delle voragini nel bilancio statale. Al rigore finanziario di Elisabetta I si sostituì la
propensione del suo successore alla spesa incontrollata. La vendita di uffici, onori e titoli nobiliari
costituì un rimedio parziale, che pose riparo al deficit statale solo in tempo di pace. In caso di guerra
o di necessità particolari, invece, il Parlamento poteva concedere l'utilizzo di misure straordinarie
per coprire le maggiori spese. Prima di approvare una proposta, tuttavia, il Parlamento aveva il
diritto di presentare al sovrano delle rimostranze e delle richieste che fungevano da garanzia e
controllo considerate parte del diritto dei sudditi a consigliare e indirizzare la politica regia. Per tale
39

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

ragione i sovrani tentarono di convocare il meno possibile il Parlamento e solo quando strettamente
necessario. Per imporre nuove tasse, quindi, Giacomo I fu obbligato a chiedere l'approvazione del
Parlamento, che però si mostrò restio a concederle a causa dei contrasti con il re e dalla diversa
visione che egli aveva del ruolo della nazione nella politica europea. Con Elisabetta I l'Inghilterra
divenne il paese protestante più importante d'Europa e rappresentò il maggiore ostacolo
all'egemonia asburgica, in aiuto alla resistenza anticattolica, mentre Giacomo I, invece, ambiva a
fare dell'Inghilterra un elemento di mediazione e pacificazione nella scena politica europea (a causa
del risorgere di una polarizzazione politica tra Spagna e Francia e dell'editto di Nantes in Francia
lasciò intravedere la possibilità di una convivenza tra sudditi di confessioni religiose diverse).
L'indirizzo politico del re non fu condiviso dal Parlamento, propenso a riformare ulteriormente la
Chiesa anglicana in senso protestante e a un più netto impegno anticattolico in politica estera. Gli
avvenimenti della guerra dei trent'anni suscitarono una forte eco in Inghilterra, proprio mentre si
avvicinava la scadenza della tregua di dodici anni tra la Spagna e le Province Unite. A promuovere
apertamente la campagna anticattolica furono dei gruppi di calvinisti, detti “puritani” (il termine
indicava coloro che volevano purificare la Chiesa anglicana da tutti gli elementi derivati dal
cattolicesimo). L'intenzione di Giacomo I era quella di promuovere un'alleanza cattolica con un
matrimonio tra il suo erede Carlo I e una principessa spagnola; nonostante il fallimento della
trattativa, l'alleanza cattolica fu siglata con la Francia: Carlo I sposò la sorella del re di Francia,
Enrichetta Maria. Questa scelta introdusse un ulteriore elemento di scarsa sintonia con gli umori
della nazione espressi in Parlamento.
Le tensioni aumentarono notevolmente a causa dell'ascesa a corte di George Villiers, un nobile
minore divenuto rapidamente duca di Buckingham e nominato favorito grazie al favore del sovrano.
Analogamente a quanto avvenuto nelle altre monarchie europee, anche in Inghilterra emerse un
sistema cortigiano dominato da un'unica fazione dominante ma trovò l'opposizione del Parlamento,
diviso tra filocattolici e filoprotestanti. Alla morte di Giacomo I salì al trono il figlio Carlo I. Le
inquietudini suscitate dalla prospettiva di un trionfo cattolico nella guerra dei trent'anni si
accompagnarono alla crescente avversione per lo strapotere del duca di Buckingham, che continuò a
svolgere un ruolo-guida nel regno anche con il nuovo sovrano. La politica inglese si concentrò
sull'appoggio ai principi protestanti tedeschi e agli ugonotti, mentre l'opinione maggioritaria in
Parlamento era favorevole a una guerra antispagnola. Il ruolo del duca di Buckingham divenne il
centro delle polemiche e nel 1626 Carlo I si trovò costretto a sciogliere il Parlamento a causa degli
attacchi al proprio favorito. Il duca di Buckingham tentò allora di aggirare l'opposizione
parlamentare ricorrendo a prestiti imposti ai sudditi. Il 1628 il Parlamento fu riconvocato e i
rappresentanti chiesero al sovrano di firmare una petizione che avrebbe proibito i prestiti forzosi e
altre misure non autorizzate dal Parlamento e in violazione della legge. La situazione precipitò
quando il duca di Buckingham venne assassinato, provocando manifestazioni di gioia in tutto il
paese. Il modello di governo assolutistico sembrò dissolversi con l'eliminazione del favorito,
considerato responsabile di aver importato un sistema dispotico estraneo alle libertà inglesi. Il
sovrano prese in mano le redini del governo: di fronte ai primi contrasti con il Parlamento, nel 1629
lo sciolse con l'intenzione di non riconvocarlo.
Durante gli anni del governo diretto di Carlo I si verificò una grande trasformazione del clima
politico inglese. Il sovrano, cercando di evitare di convocare il Parlamento, si affidò ai mercanti-
banchieri e reperì le risorse attraverso l'imposizione di tasse non autorizzata, reprimendo le proteste
dei sudditi. I contrasti tra il paese e la corte riguardarono soprattutto l'orientamento religioso. Carlo
I tentò di imporre la dottrina arminiana (giunta in Inghilterra dalle Province Unite), che
rappresentava una versione moderata del protestantesimo, a tutto il suo regno e adottò misure
repressive contro gli altri culti. Egli nominò arcivescovo di Canterbury, la più elevata carica della
Chiesa anglicana, un prelato di orientamento arminiano. Si interruppe il processo iniziato con
Elisabetta I di evoluzione della Chiesa anglicana in senso protestante: i gruppi che non tollerarono il
mantenimento di elementi derivanti dal cattolicesimo (soprattutto i puritani) fuoriuscirono
dall'anglicanesimo e alla crescita della non conformità alla religione imposta si aggiunse la
40

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

radicalizzazione della predicazione, il proliferare di sette e la tendenza a emigrare in America


settentrionale. La polarizzazione della scena politica durante la guerra dei trent'anni scaldò
ulteriormente gli animi. L'adozione dell'arminianesimo venne considerato come un allarme per una
possibile politica filospagnola, che avrebbe rovesciato il tradizionale appoggio alle Province Unite e
ai principi protestanti tedeschi su cui si fondava la politica del regno. Inoltre, il tentativo di Carlo I
di intervenire sulle Chiese di Irlanda e Scozia, riformandole sulla base di quella anglicana, scatenò
forti proteste nei confronti della politica religiosa della corona. Il re reagì inviando l'esercito,
finanziato con metodi straordinari e senza l'approvazione del Parlamento. La sconfitta dell'esercito
inglese e la volontà degli scozzesi di respingere le riforme e mantenere la struttura presbiteriana
obbligò il sovrano a riconvocare il Parlamento nel 1640.
I deputati chiesero al sovrano di discutere prima le proprie lamentele sulla direzione del regno e poi
le richieste finanziarie per la guerra agli scozzesi. Dopo anni di mancata convocazione del
Parlamento, tale proposta avrebbe significato un lungo ritardo nell'approvazione della manovra
finanziaria. Il sovrano allora decise di sciogliere il Parlamento dopo sole tre settimane (perciò è
conosciuto come short Parliament). Alcuni leader dell'opposizione parlamentare vennero arrestati.
Nel frattempo l'assemblea del clero inglese fissò nuovi canoni per la Chiesa anglicana: essi parvero
un ulteriore passo verso la riforma in senso cattolico. Le trattative avviate per una pacificazione con
gli scozzesi non diedero risultati positivi e questi ultimi pretesero un elevato risarcimento
finanziario per far fronte alle spese sostenute per la guerra. Carlo I si vide costretto a riconvocare di
nuovo il Parlamento nel 1640 (conosciuto come long Parliament perché non venne più sciolto).
L'azione parlamentare di opposizione alla politica del sovrano venne appoggiata da una campagna
popolare per la purificazione della Chiesa anglicana. Il Parlamento fece approvare un atto che
impediva lo scioglimento non consensuale del Parlamento, ribadì il carattere anticostituzionale e
illegale della tassazione senza il consenso parlamentare e smantellò l'apparato di governo volto alla
repressione. Mentre in Parlamento vi fu un ampio accordo sulla necessità di eliminare gli elementi
avvertiti come eversivi del sistema politico tradizionale (paragonabili, cioè, ad un tentativo di
eccessivo rafforzamento del potere del sovrano), sulle prospettive del governo del paese si
confrontarono due diverse opinioni: alcuni proposero un ritorno alla normalità dei ruoli (lasciando il
governo al re e ai suoi consiglieri e limitando l'azione del Parlamento alle funzioni di controllo e
avviso), mentre altri sostennero la necessità di aumentare i poteri e le prerogative parlamentari per
difendersi da un sovrano che aveva dimostrato più volte la sua propensione all'autoritarismo e la sua
inclinazione filocattolica. Improvvisamente scoppiò una rivolta cattolica in Irlanda. Mentre si
votava riguardo le tasse per finanziare la repressione, la maggioranza in Parlamento approvò un
testo noto come la “Grande rimostranza”, che ricapitolava tutti gli elementi di dissenso, spiegando e
articolando le posizioni parlamentari. Si trattò di un testo propagandistico, infatti venne stampato e
distribuito. Quest'atto fu interpretato dal re come un invito nei confronti del popolo al sostegno
dell'opposizione parlamentare e, quindi, alla rivolta contro di lui. La reazione di Carlo I fu una
prova di forza: egli irruppe improvvisamente in Parlamento con un gruppo di soldati per arrestare i
leader dell'opposizione. Questi ultimi, avvertiti in tempo, riuscirono a fuggire ma il tentativo del
sovrano fu una prova evidente della sua intenzione di piegare la volontà del Parlamento anche a
costo di violarne l'immunità. A questo gesto seguirono proteste e manifestazioni contro il sovrano,
che costrinsero quest'ultimo alla fuga da Londra. Inizio la guerra civile, che fu uno scontro sia
militare che propagandistico: da un lato il re, che reclutò un esercito per porre fine alle rivolte e
riprendere il potere, e dall'altra il Parlamento e i suoi sostenitori. Le regioni del Nord e del Sud-
Ovest del paese si schierarono in maggioranza con il sovrano, mentre le regioni a Est e Sud-Est si
schierarono in maggioranza con il Parlamento. A rimanere fedeli al re furono i grandi nobili e la
piccola nobiltà rurale, mentre a sostenere il Parlamento furono le corporazioni artigianali e i ceti
professionali. Vi furono, dunque, molti scontri militari tra i due schieramenti.
Il Parlamento organizzò un novo tipo di esercito, il New Model Army, guidato da Oliver Cromwell.
Esso era costituito sulla base di una partecipazione volontaria ma retribuita ed era attraversato da un
forte senso di corresponsabilità e di impegno in una missione ritenuta voluta da Dio. La ridotta
41

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

presenza nobiliare all'interno dei ranghi favorì la promozione di piccoli proprietari e artigiani a ruoli
di comando. L'esercito regio venne sbaraglio e il re si arrese alle truppe scozzesi, che lo
consegnarono al vittorioso schieramento parlamentare. Il panorama politico, tuttavia, era assai
diverso rispetto all'inizio della guerra civile: la scena politica non era più racchiusa né nella corte né
in Parlamento e si andò affermando il ruolo dell'esercito come soggetto politico. Dato il crollo
dell'autorità regia e di quella religiosa anglicana, iniziarono a formarsi dei gruppi radicali non
conformisti: tra i soldati e gli artigiani si iniziò a discutere liberamente della forma del governo
politico, della natura dei rapporti tra Chiesa e Stato, delle radici e della legittimità dell'autorità.
Sulla sorte della Chiesa anglicana si confrontarono tre principali posizioni: vi erano coloro che
sostennero la purificazione dei residui cattolici nella liturgia e difesero la struttura ecclesiastica
(lungo linee elisabettiane), coloro che proposero un'omologazione della Chiesa anglicana al
modello scozzese e coloro che sostenevano la necessità di lasciare spazio di autonomia alle libere
assemblee di fedeli. Quest'ultima corrente di pensiero fu sostenuta da chi non sentiva rappresentato
dalla Chiesa anglicana e auspicava la libertà di culto: questa posizione era quella dei separatisti,
ovvero i gruppi non conformisti che si proclamarono autonomi dalla Chiesa anglicana. I separatisti
propugnarono atteggiamenti religiosi antitetici rispetto alla visione tradizionale. Muovendo da
posizioni separatiste si costituirono gruppi radicali che proposero non solo un'ampia tolleranza
religiosa, ma anche l'elezione del Parlamento a suffragio universale maschile e la proclamazione
della repubblica (sull'esempio delle Province Unite). Il più importante di questi fu il gruppo dei
levellers (livellatori): essi proposero delle riforme economico-sociali e politiche per instaurare dei
valori democratici, egualitari e antiautoritari. La difesa della sovranità popolare portò i livellatori a
scontrarsi anche con il Parlamento, accusato di accentramento decisionale e di involuzione
oligarchica. Essi furono perseguitati a causa delle loro idee democratiche e si rivolsero direttamente
al popolo assumendo atteggiamenti di sfida nei confronti dell'ordine costituito, contrapponendo la
gente e l'autorità parlamentare. Si affermò anche il gruppo radicale, detto degli indipendenti, che
chiese lo scioglimento del Parlamento, la sua radicale riforma. Nel contesto di una crescente
effervescenza popolare che vide la nascita di tutti questi gruppi, il Parlamento tentò di riconciliarsi
con Carlo I e l'esercito venne sciolto. Tale decisione provocò la reazione delle truppe, che vennero
capeggiate da Cromwell (appartenente al gruppo degli indipendenti) in una serie di proteste. Egli
dovette impiegare le proprie forze per frenare la spinta democratica presente tra le truppe, favorita
dall'influenza dei soldati livellatori, che rivendicavano una sorta di democrazie militare: egli
combatterono contro il dispotismo e avanzarono proposte come il suffragio universale maschile per
l'elezione dei rappresentanti, la sovranità del popolo, il mandato temporaneo e controllato dei
rappresentanti, la limitazione dei poteri del re e l'abolizione della camera dei lord. Queste idee
vennero raccolte in uno scritto chiamato Agreement of the people, che invocava un accordo tra
l'esercito e il popolo per la riforma del sistema politico. Dall'idea di democrazia nella Chiesa (per la
libertà di culto e la tolleranza religiosa), si arrivò a un'idea generale di democrazia politica. La fuga
di Carlo I pose fine al dibattito e il Parlamento ristabilì il controllo sull'esercito, sventando un
tentativo di rivolta dei livellatori, avviati verso il declino. Nel 1648, durante alcune insurrezioni in
favore del re nel Galles e nel Sud-Est, la Scozia invase l'Inghilterra. Alla ripresa del conflitto, una
sorta di seconda guerra civile, l'esercito e il Parlamento giunsero a un accordo. Sconfitte le forze
scozzesi, tuttavia, tornarono a riproporsi le divergenze politiche: l'esercito chiese che il re fosse
processato, mentre il Parlamento cercò ancora una via di mediazione. Le richieste dell'esercito
venne infine ascoltate e il sovrano venne decapitato nel 1649. Subito dopo la camera dei lord fu
abolita e venne proclamato il Commowealth, la repubblica.

15. Il Seicento fra crisi e trasformazioni


Alla fine del XVI secolo, in Europa continentale il processo di espansione delle superfici coltivate,
che aveva portato all'aumento demografico cinquecentesco, entrò in crisi: una serie di cattivi
42

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

raccolti causò una carestia che alzò il tasso di mortalità e abbassò quello di natalità. Le epidemie di
peste e altre malattie, mai scomparse, contribuirono ad aggravare la crisi demografica. Lo scoppio
della guerra dei trent'anni, con il suo seguito di devastazioni, carestie ed epidemie, costituì lo
scenario di una serie di crisi demografiche nel XVII secolo. A metà secolo, nuove pestilenze
colpirono anche i paesi dell'area mediterranea. I vuoti che si crearono nella popolazione non
vennero rapidamente colmati: per tutto il secolo si registrò una diminuzione o una stagnazione
demografica. L'unica eccezione fu costituita da alcune aree dell'Europa settentrionale (le isole
britanniche, i paesi scandinavi e le Province Unite), dove invece la popolazione continuò ad
aumentare. La stagnazione demografica, oltre a guerre, carestie ed epidemie, fu data anche
dall'aumento dell'età media del matrimonio, con la conseguente riduzione dell'arco di tempo nel
quale le donne potevano procreare. Tale fenomeno fu dato dal peggioramento generale delle
condizioni di vita: il matrimonio e la procreazione cominciarono ad essere rimandati in attesa di
tempi migliori. Il meccanismo demografico basato sull'alta natalità che compensa l'alta mortalità,
che caratterizzò i movimenti naturali della popolazione europea fino alla rivoluzione industriale tra
XVII e XVIII secolo, si inceppò.
Le vicende dell'agricoltura europea dell'antico regime sono state interpretate e analizzate per molto
tempo in base a una visione meccanica dei processi economici e demografici. L'economista inglese
Thomas Robert Malthus mise in evidenza i limiti dell'agricoltura estensiva: la crescita delle risorse
agricole cresce secondo una progressione aritmetica, mentre la popolazione cresce secondo una
progressione geometrica. Questo squilibrio causerebbe le carestie e gli abbassamenti demografici
che servono a ristabilire l'equilibrio, fino alla crisi successiva. Gli studiosi neomalthusiani
individuarono nell'arretratezza delle conoscenze tecniche e nella scarsità di terre di buona qualità
l'origine della crisi, sostenendo l'incapacità dell'agricoltura estensiva di sostenere la domanda di
cibo una volta messe a coltura tutte le terre. Questa interpretazione fu criticata da altri studiosi, che
dimostrarono la crisi si ebbe nonostante la presenza di altre terre disponibili per la coltura e
nonostante in Europa orientale la densità della popolazione era molto più bassa dell'area occidentale
e che gli aspetti più importanti dell'agricoltura intensiva si svilupparono nel tardo medioevo ma si
diffusero solo tra XVIII e XIX secolo. Alla base della mancata crescita della popolazione ci furono
anche fattori di natura sociale e culturale. La ricchezza si concentrò nelle mani di gruppi sociali che
si rivelarono molto meno inclini all'investimento. L'aumento dei prezzi agricoli agli inizi del XVI
secolo favorì, soprattutto nell'area mediterranea e in Europa orientale, il predominio della
cerealicoltura. Le popolazioni furono costrette a spendere buona parte dei loro redditi per
alimentarsi. L'impoverimento di ampi strati della popolazione europea e il calo demografico
provocarono un calo della domanda di derrate agricole, contraendo gli spazi di mercato e
provocando un ritorno all'autoconsumo degli abitanti delle campagne. Queste difficoltà
rappresentarono un inventivo per chi possedeva capitali a non investirli nel miglioramento
qualitativo della produzione agricola. La preponderanza assunta dalla cerealicoltura rispetto alle
altre coltivazioni più resistenti al freddo, aumentò il rischio di danni derivanti dal clima. La
diminuzione dell'allevamento comportò la riduzione del concime disponibile per i campi,
aumentando il rischio che i terreni si impoverissero ulteriormente, nonostante le rotazioni triennali.
In questo contesto, il raffreddamento del clima, durato in Europa dal 1590 alla seconda metà del
XIX secolo, contribuì a rendere più frequenti le cattive annate agricole. La combinazione fra
l'assenza di investimenti nella diffusione di tecniche intensive e il peggioramento delle condizioni
climatiche spiega il fatto che le rese agricole rimasero stazionarie o diminuirono.
Nel corso del XVII secolo si assistette a un importante mutamento negli equilibri economici
europei. La diminuzione della domanda e della quota di reddito che la gran parte degli abitanti del
continente poterono indirizzare all'acquisto di manufatti mise in serie difficoltà tutte le realtà
produttive del tempo. Le gravi turbolenze del secolo causarono una selezione delle realtà
economicamente più robuste, in grado di superare i numerosi periodi critici: quelle più solide
resistettero, mentre quelle meno solide perirono. Si affermarono i panni di lana inglesi e olandesi,
leggeri e di basso prezzo, che ottennero grande successo nei mercati mediterranei, sbocco
43

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

tradizionale della produzione di alta qualità delle città italiane centro-settentrionali. La produzione
laniera in Nord Italia , che a partire dal XIV secolo fu uno degli assi portanti dell'industria tessile
europea, subì un vero e proprio tracollo. Le ragioni della crisi furono la diminuzione della quota di
reddito che le famiglie abbienti potevano destinare all'acquisto di pani di alta qualità di
fabbricazione italiana (che ne determina la contrazione di domanda) e il crescente impoverimento di
ampi strati urbani della popolazione (che contribuì a indirizzare la domanda di tessuti verso panni di
bassa qualità e prezzo contenuto). Anche le manifatture seriche entrarono ovunque in grave crisi.
Lo sviluppo delle manifatture inglesi e olandesi e la crisi di quelle fiamminghe e italiane
comportarono l'avvio di un processo di cambiamento nelle gerarchie economiche internazionali.
Nel caso italiano non si trattò di un tracollo improvviso, ma di una progressiva perdita di un primato
produttivo e commerciale esercitato sin dal medioevo. L'area del Mediterraneo vede ridursi il suo
ruolo propulsivo negli scambi a lungo raggio. L'Europa Nord-occidentale, nonostante fosse stata
colpita anch'essa da carestie ed epidemia, vide crescere la sua popolazione e il tasso di
urbanizzazione. Il calo della popolazione registrato nelle città dell'area mediterranea comportò una
contrazione della domanda urbana di derrate agricole e una riduzione del volume degli scambi
commerciali (dato che gli abitanti delle città sono orientati all'acquisto di generi alimentati e di
manufatti sul mercato). A uscire penalizzate dagli eventi seicenteschi furono le grandi città
commerciali italiane. La concorrenza dei manufatti inglesi e olandesi (trasportati su navi proprie)
mise in crisi le esportazioni italiane, che venivano condotte con la costosa intermediazione delle
navi genovesi e veneziane. Venezia perse la sua centralità nel traffico delle spezie con il Medio
Oriente quando i mercanti inglesi e olandesi cominciarono a percorrere le rotte di
circumnavigazione dell'Africa per raggiungere l'India e l'Estremo Oriente. Il colpo di grazia a
Venezia giunse con la guerra dei trent'anni, che bloccò l'arrivo sui porti veneziani di merci e argento
tedeschi: Venezia perse progressivamente il proprio vantaggioso ruolo di intermediazione tra
Europa continentale e Mediterraneo orientale. Anche Genova subì gli effetti della stagnazione dei
commerci mediterranei. In maniera progressiva, il ruolo dei gruppi mercantili italiani s'indebolì di
fronte alla concorrenza di olandesi, inglesi e francesi. Le maggiori città della penisola, un tempo
esportatrici di manufatti, specialmente tessili, e intermediatrici fra Europa nord-occidentale e
mondo mediterraneo divennero importatrici dei prodotti delle manifatture di Olanda e Inghilterra.

16. Divisione dei poteri, libertà, ricchezza: il modello di società


olandese e inglese
Tra il 1566 e il 1648 la monarchia degli Asburgo di Spagna dovette affrontare la rivolta delle
province settentrionali dei Paesi Bassi. La sconfitta degli Asburgo segnò la fine delle loro ambizioni
egemoniche europee e la conferma dell'impossibilità di imporre con la forza il ritorno alla fede
cattolica. Mentre in Francia si tentò di rafforzare le prerogative regie, di imporre l'uniformità
religiosa di stampo cattolico, di incrementare la fiscalità e di centralizzare l'amministrazione, nelle
Province Unite l'organizzazione dei poteri pubblici rimase saldamente ancorata a princìpi
tradizionali di organizzazione compartecipazione alle decisioni politiche delle élites locali e al
mantenimento dei corpi rappresentativi (gli Stati Provinciali e gli Stati Generali). La nuova
repubblica si costruì sull'esempio delle repubbliche cittadine protestanti (prendendo spunto in
particolare da Ginevra) e delle confederazioni cui esse danno luogo. Fu soprattutto la lunga guerra
contro la Spagna a far nascere un forte sentimento antidispotico e con esso emersero anche un
nuovo principio di sovranità (espresso nella forma repubblicana) e un senso di partecipazione alla
vita pubblica, cui si affiancò la crescente affermazione del principio di tolleranza religiosa. A metà
del XVII secolo nacque anche la repubblica inglese, dopo una guerra civile in cui si scontrarono la
monarchia degli Stuart e il Parlamento. Tale evento segnò per la prima volta l'instaurazione di un
sistema repubblicano per via violenta in un grande paese europeo. Nonostante la repubblica venga
presto interrotta con la restaurazione della monarchia degli Stuart, la difesa delle prerogative delle
44

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

istituzioni rappresentative produsse un'opposizione all'incremento dei poteri del monarca e il


riconoscimento della necessità di un nuovo equilibrio tra i poteri per la salvaguardia dei diritti
fondamentali dei sudditi. Prese forma una sorta di diarchia, un potere diviso tra il sovrano e il
Parlamento, fino a giungere al riconoscimento della centralità dell'istituzione parlamentare come
cuore del potere legislativo.
La repubblica delle Province Unite e quella inglese ebbero alcuni tratti in comune. In entrambe le
repubbliche, a fianco dell'organo rappresentativo (Stati Generali e Parlamento) emerse un potere
esecutivo fondato sulla forza militare. Nelle Province Unite la carica di statolder (la massima carica
militare e politica) passò a Federico Enrico d'Orange (figlio di Guglielmo d'Orange), che tentò di
rafforzare il proprio potere ma trovò l'opposizione degli Stati Generali. I dissidi sfociarono in un
conflitto: dopo che nel 1648 la monarchia spagnola riconobbe l'indipendenza delle Province Unite,
gli Stati Provinciali della provincia d'Olanda sciolsero l'esercito e lo statolder Guglielmo II
d'Orange, succeduto al padre, sfruttò l'ostilità delle altre province nei confronti dell'egemonia
olandese per invadere l'Olanda con il consenso degli Stati Generali. Egli procedette a epurare i
reggenti delle città e i membri degli Stati Provinciali d'Olanda a lui avversi ma non riuscì a
consolidare il suo potere in senso monarchico a causa della sua morte nel 1650. L'Olanda poté
convocare un'assemblea di delegati delle varie province che decise di lasciare vacante la carica di
statolder. Il ruolo chiave nella scena politica delle Province Unite fu rivestito dal gran pensionario
d'Olanda, carica assunta da Johan de Witt. Il periodo di egemonia politica di de Witt, nonostante
l'assenza di uno statolder, non fu un periodo privo di conflitti. La compresenza di due poteri che
esprimevano due tendenze ideologiche e religiose differenti (protestanti moderati e calvinisti), due
diversi interessi geografici (interessi olandesi e interessi delle altre province) e due diversi
radicamenti sociali (reggenti cittadini avversi alla politica bellica degli Orange e nobiltà rurale
insieme alla plebe urbana che invece li sostenevano) manifestò la forza del modello monarchico
anche in un contesto repubblicano, che tuttavia riuscì a garantire una partecipazione politica che una
monarchia avrebbe impedito. In Inghilterra, nel 1653 venne sciolto il long Parliament per far posto
al cosiddetto “Parlamento dei santi”, in cui vennero eletti molti esponenti del radicalismo religioso
settario, benvisti dal gruppo dirigente stretto attorno a Cromwell. Quest'ultimo guidò la repressione
di un'insurrezione cattolica e filomonarchica in Irlanda e si fece eleggere lord protettore della
repubblica. Si formò, così, un equilibrio piuttosto precario tra il potere legislativo del nuovo
Parlamento e quello esecutivo di Cromwell: il nuovo Parlamento, eletto su base censitaria ristretta,
puntò a ridurre i poteri del lord protettore e quest'ultimo non esitò a scioglierlo. Nonostante fosse
legata alla personalità carismatica di Cromwell, la carica di lord protettore mancava di una vera
legittimità. Nel 1658 Oliver Cromwell morì e la carica di lord protettore passò al figlio Richard. Nel
1660 l'esercito reinsediò il long Parliament e aprì la strada alla restaurazione della monarchia
inglese, sentita come più legittima. Nello stesso anno venne incoronato re Carlo II Stuart, che
inaugurò un regime di compromesso: venne restaurata la monarchia e i suoi attributi e vennero
reistituite la camera dei lord e la Chiesa anglicana ma sopravvissero anche alcune conquiste
rivoluzionarie: il Parlamento venne riconosciuto come organo garante e di controllo e venne sancita
la sua competenza in materia fiscale. Sul piano religioso venne promulgato l'”Atto di uniformità”,
che tentò di riportare omogeneità di culto entro la Chiesa anglicana, imponendo l'uso del Book of
common prayer (pena l'esclusione dalla Chiesa anglicana). Venne emanato anche il cosiddetto
Codice Clarendon, una serie di leggi che limitarono la libertà di culto per le sette più estremiste,
considerate pericolose per il mantenimento dell'ordine. L'idea di una Chiesa anglicana che
raccogliesse tutti i sudditi, tuttavia, tramontò definitivamente. Come nelle Province Unite il sistema
repubblicano come garanzia di partecipazione politica riuscì a sopravvivere alle spinte autoritarie,
così in Inghilterra, entro la cornice monarchica, cominciò a farsi lentamente strada un sistema di
divisione dei poteri incardinato sulla rappresentanza parlamentare.
A partire dalla tregua durata dodici anni, firmata agli inizi del XVII secolo, nelle Province Unite si
verificò una grande crescita economica che rese il paese la maggiore potenza marittima e
commerciale europea. Il territorio delle Province Unite comprendeva i delta di tre importanti fiumi
45

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

dell'Europa nord-occidentale: la Schelda, la Mosa e il Reno. Questi corsi d'acqua rappresentarono


(sin dal medioevo) arterie di comunicazioni e di traffici di grande rilevanza fra i territori tedeschi,
francesi e fiamminghi, il Mare del Nord e il Mar Baltico. La povertà del suolo contribuì a spingere
gli abitanti alla pesca e ai commerci fluviali e marittimi. L'importanza del mare diede grande
impulso allo sviluppo della cantieristica navale: la costruzione del primato delle Province Unite fu
legata alla sua flotta. Grazie alle maestranze artigiane e alla disponibilità di legname a buon mercato
proveniente dal Mar Baltico, i cantieri olandesi divennero i più all'avanguardia d'Europa. Nel Mar
Baltico le Province Unite ebbero una vera e propria egemonia commerciale: verso quest'area
venivano esportati pesce, vini, sale e prodotti coloniali e venivano importati legname e grano, che
venivano a loro volta riesportati con cospicui guadagni verso le zone interne del continente. Questa
operazione di riesportazione di quanto importato da altre zone, unita all'esportazione di manufatti e
prodotti locali, fece la fortuna dei mercanti olandesi. Il mercato interno si caratterizzò per un alto
livello di monetizzazione (i pagamenti in natura assunsero un ruolo marginale). Grazie alle
importazioni di grano dal Mar Baltico, gli agricoltori delle Province Unite poterono dedicarsi alle
colture specializzate. Il sistema finanziario e creditizio costituì un altro punto di forza del primato
economico delle Province Unite: l'alta disponibilità di denaro mantenne basso il suo costo. Nacque
la Borsa (quella di Amsterdam raggiunse una posizione di preminenza negli scambi commerciali
internazionali) e la Banca dei cambi. Anche in ambito manifatturiero si verificarono grandi
progressi: ci fu un grande sviluppo alla produzione di tessuti di lana, prosperarono le manifatture
seriche grazie alla materia prima importata dalla penisola italiana, i giacimenti di torba fornirono
energia a basso costo a saline, saponifici, fabbriche di mattoni e di pipe, mentre segherie, oleifici e
cartiere vennero alimentate dall'energia eolica fornita da centinaia di mulini a vento (che diedero
un'impronta inconfondibile al paesaggio). Grazie alle possibilità offerte dallo sviluppo commerciale
dei piccoli centri urbani, le città dei Paesi Bassi settentrionali conobbero un notevole incremento
demografico. L'aumento della popolazione fu anche il risultato di un notevole flusso migratorio: i
protestanti dei Paesi Bassi meridionali (rimasti sotto il controllo spagnolo), puritani inglesi e
ugonotti francesi in fuga dai loro paesi trovarono rifugio nelle Province Unite. Non fu solo un
apporto di manodopera qualificata, ma anche di conoscenze tecniche, imprenditoriali, finanziarie e
mercantili.
Alla fine del XVI secolo le navi olandesi cominciarono a spingersi nel Mediterraneo per esportare
in Italia il grano importato dalla Polonia. Nella prima metà del secolo successivo i mercanti delle
Province Unite furono protagonisti di una rapida penetrazione economica in Medio Oriente,
danneggiando gravemente il commercio dell'Italia centro-settentrionale. Tuttavia, la svolta nella
storia mercantile delle Province Unite si ebbe con il commercio delle spezie orientali: alla fine del
XVI secolo Filippo II tentò di escludere i gruppi mercantili olandesi (in quanto ribelli alla corona
spagnola) dal commercio delle spezie che arrivavano grazie alle rotte commerciali portoghesi e, per
questo motivo, le Province Unite promossero la creazione di un'unica compagnia per i commerci
con l'Estremo Oriente. Dalla fusione di diversi gruppi commerciali, quindi, nacque la Compagnia
delle Indie Orientali. Il governo concesse alla compagnia non solo il monopolio dei commerci delle
Province Unite nell'area fra Africa e Asia, ma anche il privilegio di poter esercitare in quelle zone
un'autorità politica e militare. Fu una novità significativa perché una società per azioni ottenne il
potere di creare e amministrare insediamenti coloniali, di costituire una forza militare con cui
tutelare i propri interessi e di stringere accordi con i principi dei territori in cui si insediava. Il
successo della Compagnia delle Indie Orientali fu notevole. Una caratteristica di questa compagnia
fu data dalla volontà di stabilire un saldo controllo sulla produzione e sul commercio delle spezie.
Nell'arcipelago indonesiano, dove sorsero i suoi principali insediamenti coloniali, venne imposta
una specializzazione delle colture, che andò a penalizzare le popolazioni indigene ridotte in
schiavitù per lavorare nelle coltivazioni che arricchivano gli azionisti. Nei confronti della
concorrenza europea, la Compagnia delle Indie Orientali agì con estrema aggressività: grazie alla
fondazione di basi commerciali e militari in oriente, la compagnia poté ricorrere alla forza per
cercare di allontanare i competitori. La penetrazione commerciale olandese in Estremo Oriente
46

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

riprodusse i meccanismi di intermediazione commerciale già sperimentati con successo in Europa.


Con la fine della tregua di dodici anni e la ripresa del conflitto, la Spagna riuscì a rendere più
efficace l'embargo economico e commerciale nei confronti delle Province Unite, causandone la
mancanza di argento. Per risolvere altri problemi di approvvigionamento, il governo delle Province
Unite istituì la Compagnia delle Indie Occidentali, con lo scopo di condurre un'aggressiva politica
di espansione commerciale e coloniale a danno della monarchia spagnola in Africa e in America. La
compagnia diede inizio ad una guerra di corsa contro i galeoni spagnoli e conquistò buona parte
delle colonie portoghesi in Brasile e altri possedimenti portoghesi in Africa. Grazie a queste
conquiste fu possibile realizzare un progetto di commercio triangolare che fece sì che le navi non
viaggiavano mai vuote: dai Paesi Bassi venivano trasportate le merci europee in Africa, dove si
faceva il carico di schiavi che venivano portati in America, per poi tornare nei Paesi Bassi con i
prodotti delle colonie. Tuttavia, con il distacco del Portogallo dalla monarchia spagnola nel 1640, la
situazione si rovesciò: i portoghesi riuscirono a riconquistare tutte le colonie e la Compagnia delle
Indie Occidentali entrò in un periodo di crisi che terminò con il suo scioglimento nel 1674.
Alla base del successo economico delle Province Unite vi fu una società piuttosto diversa da quella
dell'Europa del tempo, con un'aristocrazia locale che non costituiva il fulcro della vita sociale, ruolo
esercitato invece dalle ricche borghesia cittadine in ascesa. Prevalevano rapporti sociali, giuridici ed
economici fondati su una sorta di contrattualismo: predominava il metodo degli accordi tra soggetti
autonomi che riconoscono nell'altro una controparte di pari livello e non un subordinato. Nel corso
del XVII secolo la società delle Province Unite appariva aperta e tollerante. Era guidata da una
classe dirigente imperniata sulle comunità cittadine di mercanti, dalle cui fila provenivano gli
amministratori locali e i deputati degli Stati Provinciali. Gelosa delle proprie tradizioni di
autonomia (risalenti al medioevo), questa classe dirigente seppe contemperare particolarismi e
privilegi con la necessaria apertura al mercato. Gli interessi commerciali, infatti, giocarono un ruolo
fondamentale nelle scelte politiche e negli orientamenti ideali della repubblica. Ne è un simbolo
l'opera Mare liberum scritta da Ugo Grozio nel 1609, in cui egli sostiene che la libertà di
navigazione, di commercio e di pesca costituisce un diritto originario e naturale delle nazioni.
Sostenere la libertà di navigazione e di commercio significava minacciare gli interessi coloniali
spagnoli e ribadire i propri diritti nei confronti della vicina Inghilterra, con cui le Province Unite
ebbero numerosi battibecchi sulle politiche commerciali. Ciononostante, gli inglesi guardarono alle
Province Unite con un misto di gelosa ammirazione e di irritata invidia. William Temple, nell'opera
Osservazioni sulle Province Unite, sostenne che il segreto della ricchezza olandese stava nella
sobrietà e nell'attitudine al risparmio. Bernard de Mandeville, invece, sostenne che, al contrario,
l'opulenza olandese era data dal consumo (soprattutto quello di lusso). In entrambe le tesi c'era del
vero: da una parte nelle Province Unite esisteva uno stile di semplicità e non ostentazione del potere
e della ricchezza, dall'altra vi era un'ampia fascia sociale capace di sostenere acquisti di lusso. Nel
XVII secolo, in Olanda, si verificò una grande esplosione della pittura, alimentata da una
committenza socialmente diffusa. Oltre alla pittura, si diffusero anche la scienza e le conoscenze
tecniche: alle innovazioni degli strumenti si aggiunse lo sviluppo scientifico promosso nelle
università. L'apertura alla cultura internazionale fu favorita dal ruolo delle Province Unite come
centro di diffusione della cultura e delle notizie su scala continentale e mondiale. L'industria della
stampa fu fiorente in Olanda, che rappresentava il più importante mercato librario europeo del
tempo. Inoltre si pubblicava una notevole quantità di opuscoli e gazzette (gli antenati dei giornali),
che godevano di enorme risonanza. Le Province Unite furono la culla del giusnaturalismo moderno,
che si distingue dalla tradizionale lettura del diritto naturale in quanto offre una nuova visione della
natura, non intesa più in senso tomistico come catena dei gradi della perfezione, ma come natura-
ragione. Il giusnaturalismo moderno nacque con Ugo Grozio e la sua opera Diritto della guerra e
della pace del 1625, in cui l'autore sostiene l'esistenza di alcuni diritti naturali innati, antecedenti
alle leggi dell'uomo, e gli individui formano lo stato mediante un contratto. Nel Trattato teologico-
politico del 1670, Baruch Spinoza, altro giusnaturalista, sostiene l'identificazione della religione con
la legge naturale della libertà e della giustizia, che garantisce la libertà di coscienza e i diritti
47

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

individuali.
Con la seconda metà del XVII secolo, le Province Unite cominciarono a risentire della concorrenza
dell'Inghilterra. Quest'ultima, tra XVI e XVII secolo attraversò un periodo di crescita manifatturiera
e commerciale, soprattutto grazie alla produzione di tessuti di lana di bassa qualità, che
conquistarono mercati del Mediterraneo. Inoltre, nacquero la Compagnia del Levante (per il
commercio nel Mediterraneo) e la Compagnia delle Indie Orientali: si trattava di società appoggiate
dalla corona inglese, che concesse loro il monopolio del commercio con determinate aree del globo
nella speranza d'incrementare le entrare doganali grazie alla loro attività d'importazione. A metà del
XVII secolo diventarono delle società per azioni. Nel 1651 il governo repubblicano di Cromwell
promulgò gli “Atti di navigazione”, una serie di leggi che ebbero lo scopo di favorire lo sviluppo
della marina e dei traffici inglesi e di colpire la posizione egemonica delle Province Unite. Gli atti
di navigazione stabilirono che tutte le merci importate in terra inglese dovevano essere trasportate
da navi battenti bandiera inglese e riservarono il monopolio nei commerci con le colonie inglesi alle
navi della madrepatria. In tal modo si cercò di evitare il transito delle merci attraverso porti di altri
paesi. Tali provvedimento diedero origine a ripetuti conflitti bellici con le Province Unite. In questo
contesto nacque il mercantilismo, l'insieme di riflessioni sulla ricchezza e i modi per incrementarla,
garantendo ai sovrani le risorse per finanziare la loro politica di potenza e alle popolazioni il
benessere e la prosperità (riflessioni sviluppate da diversi autori fra la fine del XVI secolo e l'inizio
del XVII secolo). Le misure dei pubblici poteri volte a proteggere gli spazi interni dalla concorrenza
estera e quelle volte a promuovere lo sviluppo economico rappresentarono il denominatore comune
di un'azione che cercò di coniugare politica di potenza e benessere della comunità. Le politiche
mercantiliste messe in atto da Francia e Inghilterra crearono seri problemi all'economia olandese:
nella seconda metà del XVII secolo le attività industriali urbane delle Province Unite conobbero una
netta contrazione. Il paese diventò maggiormente vulnerabile all'ondata protezionistica europea, a
cui si adeguò anche la repubblica stessa. A danneggiare l'economia olandese furono anche le gravi
turbolenze politiche: l'espansionismo di Luigi XIV re di Francia verso i Paesi Bassi spagnoli spinse
i gruppi dirigenti delle Province Unite ad abbandonare l'orientamento filofrancese e a formare
un'alleanza con Svezia e Inghilterra nel 1668. Nel 1672 la Francia invase le Province Unite, dove
esplosero rivolte contro il governo: Johan de Witt venne assassinato e Guglielmo III d'Orange
(figlio di Guglielmo II) venne nominato statolder.
La struttura della società inglese era più complessa di quella olandese. Al vertice c'era un'articolata
nobiltà, i gentlemen, che detenevano la ricchezza da dedicare allo svago e al servizio della
comunità. Nelle campagne, al di sotto della nobiltà, vi erano i proprietari non nobili e i piccoli
proprietari. Ancora più in basso c'erano i lavoratori agricoli e i servi. Nelle città esistevano forti
comunità mercantili e professionali, i cui membri potevano diventare gentlemen, e un complesso e
combattivo universo artigianale. La tradizionale omogeneità dei gruppi dirigenti cominciò ad
incrinarsi nella seconda metà del XVII secolo, con il manifestarsi di una distinzione tra gli interessi
terrieri rurali e quelli commerciali urbani. Alla radice di questa opposizione ci furono le
trasformazioni subite dall'Inghilterra: l'enorme trasferimento di terra messo in moto dalla
rivoluzione di metà secolo (la vendita dei possedimenti della corona e della Chiesa anglicana, unita
all'abolizione delle corti penali centrali, che avevano cercato di porre un freno ai processi di
recinzione delle terre comuni) incrementò la mobilità sociale nelle campagne, allargando il ceto dei
grandi e medi proprietari e rendendo più difficile la vita dei piccoli proprietari. Venne introdotta una
tassazione sulla terra relativamente pesante e omogenea, che svolse un ruolo di selezione
dell'investimento terriero (facendo sopravvivere solo gli investimenti migliori). La crescita della
ricchezza e dello status di coloro che avevano interessi commerciali e manifatturieri andò di pari
passo con l'espansione ni campo navale. La crescita dei porti fece crescere anche le città, dove si
rafforzarono i ceti professionali e mercantili. La piccola nobiltà terriera iniziò ad elaborare un
modello di vita caratterizzato da uno stile rurale ma più simile a quello dei gentlemen. Il ventennio
rivoluzionario (1640-1660) costituì per la società inglese uno spartiacque: la rottura degli schermi
autoritari e delle rigidità sociali che si produsse in quegli anni ebbe effetti di lungo periodo. Si
48

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

affermò la lingua inglese al posto del latino nella lettura della Bibbia, nelle leggi e nella prosa
scientifica: questo contribuì all'ampliamento delle possibilità di lettura, anche grazie alle gazzette. Il
clima dell'Inghilterra della seconda metà del secolo favorì anche importanti sviluppi nella filosofia e
nella scienza. Lo stesso atteggiamento utilizzato dagli scienziati nell'osservazione del mondo
naturale venne applicato anche alla sfera sociale. Il giusnaturalista Thomas Hobbes, fuggito
dall'Inghilterra durante la guerra civile, nel 1651 scrisse Il leviatano: in quest'opera applica la teoria
contrattualistica (che i calvinisti elaborarono a sostegno del diritto di resistenza ai sovrani tiranni)
per rifondare il concetto di autorità. Per Hobbes, lo stato si fonda sul monopolio della forza che i
cittadini cedono all'autorità in cambio della difesa delle proprie vite e dei propri beni. In questo
modo l'assolutismo perse il suo fondamento sacrale ma acquistò una giustificazione razionale.

17. La monarchia di Luigi XIV: l'Europa all'epoca della


preponderanza francese
Dopo la morte del cardinale Mazzarino, Luigi XIV re di Francia decise di governare direttamente,
senza più delegare il proprio potere a un ministro favorito. Questa scelta segnò la fine di una pratica
di governo durata oltre mezzo secolo. La decisione di Luigi XIV venne presto imitata dalle altre
grandi monarchie. La crisi politica che investì i grandi paesi a metà del XVII secolo mostrò i danni
che la creazione di un regime a fazione unica, autorizzato a farsi scudo dell'assolutezza della
volontà regia, poteva comportare (da bambino, Luigi XIV fu costretto a fuggire da una Parigi in
rivolta durante la Fronda). Il regno del nuovo sovrano durò mezzo secolo. In questo periodo
vennero forgiati un sistema di governo e un equilibrio di poteri basati sul tentativo di utilizzare in
maniera più appropriata la teoria della potenza assoluta della volontà del sovrano, formando il
sistema di potere noto come assolutismo. La cesura costituita dalla scelta di Luigi XIV di
abbandonare il sistema di governo tramite un ministro favorito fu solo una delle tante novità
introdotte dal nuovo sovrano.
Al centro della politica di Luigi XIV ci fu il tentativo di sostituire l'egemonia asburgica con quella
francese, facendo della fede cattolica il principale elemento di legittimazione dell'azione
internazionale (proprio come fecero gli Asburgo). Per portare a termine questo progetto venne
creato un esercito stabile, ben armato ed equipaggiato, per conquistare nuovi territori e per stroncare
ogni tentativo di ribellione da parte dei sudditi. Il compito di riformare l'esercito venne affidato al
ministro della guerra, François Michel Le Tellier marchese di Louvois: egli riorganizzò il sistema di
reclutamento sottraendolo al controllo dei nobili, inquadrò gerarchicamente le truppe e rifondò le
milizie imponendo l'arruolamento ai giovani nelle campagne (aumentarono i casi di diserzione a
causa della necessità di manodopera nei campi). Sfruttando il desiderio della popolazione di uscire
dai lunghi anni di devastazione prodotti dalla guerra civile e orchestrando un'abile campagna
propagandistica di glorificazione dei successi della dinastia, il sovrano riuscì ad attrarre a sé un
ampio consenso tra i ceti dirigenti per una pacificazione interna del paese e un'espansione militare,
nonostante gli alti costi finanziari e di vite umane di tale progetto, causando un sempre più gravoso
carico fiscale sulla popolazione. L'espansionismo della Francia fu rivolto verso Est, con l'obiettivo
di allargare i confini del regno fino al Reno, e verso Nord-Est, per conquistare i Paesi Bassi
spagnoli e le Province Unite. L'esercito francese si avvalse delle fortificazioni ideate dall'ingegnere
Sébastien Le Prestre marchese di Vauban, che offrivano la possibilità ai soldati di difendersi e al
tempo stesso organizzare gli attacchi. I rapporti tra Luigi XIV e la monarchia degli Asburgo di
Spagna furono molto complessi. Il re francese rivendicò il proprio diritto di successione al trono
asburgico, in quanto figlio di Anna d'Austria (la sorella di Filippo IV re di Spagna) e marito di
Maria Teresa d'Austria (figlia del re di Spagna). L'obiettivo della successione borbonica al trono
spagnolo segnò gran parte delle mosse compiute da Luigi XIV sulla scena internazionale. Le
pretese del sovrano francese iniziarono alla morte di Filippo IV, a cui succede Carlo II sotto la
reggenza della madre Marianna d'Austria (per la minore età dell'erede). La regina spagnola affidò il
49

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

governo a dei favoriti, mentre cresceva la popolarità di Giovanni d'Austria (figlio illegittimo di
Filippo IV), che godeva del prestigio di essere riuscito a riconquistare Napoli nel 1648. Luigi XIV
approfittò di questo stato di debolezza interna della monarchia spagnola per dare il via alla
cosiddetta “guerra di devoluzione”: la Francia tento di occupare i Paesi Bassi spagnoli, appartenenti
alla monarchia cattolica, con la giustificazione che gli Asburgo non avevano versato la dote di
Maria Teresa d'Austria e che nei Paesi Bassi vigeva una norma (diritto di devoluzione) che
riservava la successione dei beni dei genitori solo ai figli di primo letto (Maria Teresa d'Austria era
figlia di primo letto, mentre Carlo II era figlio di secondo letto). Le Province Unite, guidate da de
Witt, però, non poterono accettare un'espansione francese ai loro confini meridionali e formarono
un'alleanza con Inghilterra e Svezia, costringendo Luigi XIV a firmare la pace di Aquisgrana nel
1668, con cui rinunciò alle sue pretese sulle Province Unite in cambio di alcuni territori delle
Fiandre. L'espansionismo francese diede vita a un meccanismo di reazione internazionale simile a
quello scatenato nei secoli precedenti dagli Asburgo. A causa dei dissidi in materia commerciale, la
Francia tornò a minacciare militarmente le Province Unite: l'esercito francese tentò di invadere il
paese, che si salvò solo ricorrendo alla rottura delle dighe e all'allagamento di ampie aree per
impedire il passaggio delle truppe nemiche. Nel 1678 venne firmata la pace di Nimega, grazie alla
quale le Province Unite conservarono la propria indipendenza, mentre la monarchia spagnola
dovette cedere a Luigi XIV alcune città lungo il confine con i Paesi Bassi spagnoli. Tuttavia le mire
espansionistiche di Luigi XIV si spinsero oltre: il sovrano, giovandosi delle sentenze delle “camere
di riunione” (appositi tribunali creati per rivendicare i diritti della corona francese), attuò una serie
di annessioni dei territori confinanti sfruttando la debolezza dell'impero, minacciato dagli ottomani
che arrivarono molto vicini alla capitale dell'impero, Vienna. Luigi XIV fece bombardare Genova e
la costrinse a dichiararsi neutrale e a interrompere il sostegno finanziario alla monarchia spagnola.
Nel 1685 si formò la Lega di Augusta, un'alleanza antifrancese formata dall'impero, la Spagna,
alcuni principi tedeschi, la Svezia, le Province Unite, l'Inghilterra e il Ducato di Savoia. La guerra
che si scatenò si concluse nel 1697 con la pace di Ryswick, con la quale la Francia fu obbligata a
cedere i territori annessi sfruttando le camere di riunione ma riuscì a mantenere Strasburgo. Il
meccanismo di reazione internazionale all'espansionismo francese si ripeté nel 1700, quando
scoppiò la guerra di successione spagnola: Carlo II morì senza eredi e il re di Francia riuscì a
insediare sul trono di Spagna suo nipote Filippo V. Iniziò anche in Spagna il governo della dinastia
dei Borbone. I costi della politica di potenza di Luigi XIV e delle sue guerre imposero un enorme
sforzo economico alla Francia. Il sovrano affidò al ministro delle finanze, Jean-Baptiste Colbert, il
compito di razionalizzare e di riorganizzare il sistema finanziario e tributario del regno. Non si
trattò solo di ridurre l'enorme debito pubblico ma anche di aumentare il prelievo fiscale. Colbert
non poté fare a meno del sistema degli appalti delle imposte, aumentando la pressione fiscale
soprattutto sui contadini (clero e nobiltà conservarono le loro esenzioni). Le guerre volute dal re
aumentarono in maniera massiccia le spese, rendendo sempre più difficile la situazione delle
finanze statali francesi. In ambito economico Colbert mise in pratica una politica mercantilistica
(definita come colbertismo) basata sulla concessione di monopoli con cui creare e rafforzare settori
strategici. Secondo il ministro, la potenza di una nazione dipende dalla sua ricchezza monetaria e
questa si raggiunge tassando le merci provenienti dall'estero, in modo da scoraggiare l'importazione
di costosi prodotti lavorati e privilegiando, invece, grazie a una riduzione dei dazi doganali,
l'importazione di materie prime con cui produrre prodotti da esportare, ottenendo metalli preziosi. Il
principale obiettivo di Colbert fu il raggiungimento dell'autosufficienza economica, tentando di
scardinare l'egemonia che le Province Unite esercitavano negli scambi internazionali. Colbert
promosse l'adozione di tariffe doganali per alzare il prezzo delle merci importate, e per aumentare le
entrate delle casse regie. Nel settore manifatturiero, Colbert accompagnò le misure protezionistiche
con l'istituzione di manifatture regie che, oltre a servire i bisogno della corte e degli apparati
pubblici, consentivano di evitare acquisti all'estero. Un altro obiettivo fu quello di portare la
produzione manifatturiera francese a livelli di eccellenza in Europa: vennero redatti dei regolamenti
per disciplinare la produzione e garantire la qualità dei prodotti ma i risultati ottenuti non furono
50

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

quelli sperati. Molte manifatture subirono un rapido declino, mentre altre ebbero gravi difficoltà.
Colbert promosse lo sviluppo del settore navale, mercantile e militare e la creazione di compagnie
commerciali. Venne creata una marina in grado di competere con quella olandese e quella inglese
per portare la Francia a un primato nei traffici internazionali. Nacquero la Compagnia delle Indie
Orientali, con il monopolio del commercio nelle zone a Est del Capo di Buona Speranza, e la
Compagnia delle Indie Occidentali, con il monopolio del commercio in Canada, nelle Antille, in
America meridionale e in Africa occidentale. Anche le compagnie francesi ottennero il diritto di
concludere accordi diplomatici e di svolgere azioni militari ma si differenziarono dalle altre
compagnie europee per il fatto che erano direttamente controllate dalla corona (il sovrano, i membri
della famiglia reale, i ministri e gli aristocratici erano tra i maggiori azionisti).
Luigi XIV propagandò, anche per mezzo di artisti, scultori e intellettuali al suo servizio, la sua
immagini di re guerrieri circonfuso da un'aura di vittoria. Alla costruzione della sua immagine di Re
Sole, soprannome derivato dal fatto che era considerato il centro della monarchia attorno al quale
ruotavano tutti gli altri, contribuì anche la sua politica religiosa, volta a restaurare una completa
identificazione tra potere politico e potere religioso (rendendo il sovrano anche il capo della Chiesa
gallicana). La riscoperta della tradizione sacra dei sovrani di Francia, riaffermando i loro poteri
taumaturgici, significò restituire al trono una fonte di legittimazione di grande importanza. Luigi
XIV si mostrò intenzionato a non accettare alcuna subordinazione al papato riguardo le questioni
delle istituzioni ecclesiastiche francesi, causando duri contrasti con il papa. Il re convocò un sinodo
gallicano che approvò la Dichiarazione dei quattro articoli, che stabiliva che il sovrano i suoi
funzionari non erano soggetti all'autorità del papa nelle questioni temporali, che le decisioni dei
concili erano superiori alla volontà del papa (come affermò anche il concilio di Costanza nel 1414),
che il papa doveva rispettare le libertà gallicane (secondo cui la Chiesa cattolica in Francia era
indipendente dal papato) e che le decisioni del papa dovevano ottenere l'approvazione di tutta la
Chiesa per poter essere valide. La conflittualità tra Luigi XIV e il papa Innocenzo XI riguardò
anche la contesa delle immunità giurisdizionali dei diplomatici francesi a Roma. Questi contrasti
portarono il papa a scomunicare Luigi XIV ma nel 1692 venne raggiunto un compromesso tra il re
di Francia e il nuovo papa Innocenzo XII, senza che il primo rinunciasse a tutte le sue pretese.
L'importanza della questione religiosa per il sovrano si manifestò con una politica antiprotestante: il
sovrano iniziò a perseguitare gli ugonotti con una serie di soprusi, come l'esclusione dagli uffici
pubblici e l'alloggiamento forzato delle truppe nelle case dei sudditi di fede non cattolica, per
costringerli a riconvertirsi al cattolicesimo. Infine, nel 1685, venne revocato l'editto di Nantes
(promulgato da Enrico IV nel 1598 al termine delle guerre di religione), che riconosceva agli
ugonotti libertà di culto. Questo provvedimento causò l'esilio di moltissimi ugonotti verso l'Olanda,
sottraendo alla Francia un cospicuo numero di artigiani e professionisti che portarono via con sé la
loro capacità professionale e creativa, appesantendo ulteriormente la situazione economica del
regno. Venne portata avanti anche la lotta a una corrente religiosa interna alla Chiesa gallicana, il
giansenismo (derivante dalle idee di Cornelio Giansenio). Questa dottrina predicava il ritorno a una
spiritualità personale e intima, antigerarchica e nutrita dalla lettura diretta dei testi sacri. Pur
rimanendo all'interno della fede cattolica, i giansenisti auspicavano un rinnovamento interiore per
un ritorno ai valori del cristianesimo delle origini e proponendo una riforma della Chiesa in senso
conciliarista. Luigi XIV si occupò di combattere la diffusione di queste idee; successivamente il
giansenismo venne condannato come movimento eretico.
Luigi XIV si occupò di eliminare i poteri che minacciarono l'autorità sovrana: il ritorno al governo
diretto del re comportò la fine delle pretese di compartecipazione al potere da parte dei cortigiani,
che vennero integrati in maniera diversa con la concessione di cariche militari e amministrative. Per
volere del re venne edificata la reggia di Versailles, vicino Parigi, che divenne un polo di attrazione
per tutti i nobili, sia per cercare di entrare nelle grazie del sovrano che per influire sui processi
decisionali. Luigi XIV riuscì a ottenere il consenso dei nobili cercando di dosare le varie
concessioni in maniera equilibrata tra le varie fazioni. Inoltre egli ricompensò con titoli nobiliari le
famiglie borghesi dedite da generazioni al servizio della corona, più affidabili rispetto ai clienti di
51

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

un grande nobile. Lo stesso atteggiamento fu riservato ai territori che mantennero la loro autonomia
e al Parlement di Parigi: anziché annullare le autonomie e sottomettere i territori a nuovi regimi
fiscali, Luigi XIV cercò di garantire i privilegi locali e di contrattare di volta in volta le nuove
imposizioni fiscali; egli privò il Parlement di Parigi del diritto di rifiutare la registrazione degli
editti regi ma, a parte questo, adottò una strategia di mediazione. Tuttavia, in presenza di atti di
insubordinazione, non esitò a prendere provvedimenti molto severi. Il modello di monarchia
realizzato in Francia dal Re Sole venne imitato da altri sovrani, in particolare i monarchi di Prussia
e Russia. Il Ducato di Prussia sorse nel 1525 dalla laicizzazione dei domini dell'Ordine dei cavalieri
teutonici da parte del gran maestro Alberto di Hohenzollern, che aderì alla riforma protestante.
Sotto la dinastia degli Hohenzollern, il ducato era formato da due territori distinti e non contigui.
Nel XVII secolo il duca Federico Guglielmo intraprese una strada simile a quella della Francia: egli
riformò l'esercito permanente coinvolgendo gli junker (i nobili terrieri) nell'esercizio delle armi e
nel rafforzamento degli apparati statali. La stessa tendenza si verificò sotto il regno del figlio
Federico, che nel 1701 ottenne il titolo di re di Prussia dall'imperatore. In Russia, dopo le rivolte
(come quella dei cosacchi del Volga) e da guerre civili legate a contese dinastiche, seguì una fase di
rafforzamento dell'autorità sovrana intrapresa dallo zar Pietro I (detto il Grande) della dinastia dei
Romanov. Dopo aver visitato la Francia, egli si sforzò di applicare gli strumenti della monarchia
francese alla realtà russa. Vennero, quindi, rafforzati l'esercito e la marina. Sul piano interno lo zar
cercò di coinvolgere l'aristocrazia nell'esercizio delle armi e nell'apparato statale, rafforzato e reso
più efficiente. Lo zar cercò anche di controllare la Chiesa ortodossa, allontanando e perseguitando i
religiosi che non si sottomisero all'autorità del monarca.

18. La seconda rivoluzione inglese e l'affermazione della potenza


britannica
A partire dalla seconda metà del XVII secolo, in Inghilterra, si manifestarono nuovi contrasti tra il
sovrano, Carlo II, e il Parlamento. Al centro delle tensioni vi sono ancora una volta dei motivi
religiosi e politici. Nel 1670 il re stipulò con Luigi XIV re di Francia un trattato segreto che
prevedeva il ritorno dell'Inghilterra al cattolicesimo. Inoltre, Carlo II sposò una principessa
portoghese di fede cattolica e il fratello Giacomo duca di York, l'erede al trono più probabile perché
il sovrano non aveva figli, si convertì al cattolicesimo. Nel 1672 il Parlamento cominciò a mostrare
i primi segni di scarso appoggio alla politica del re, quando l'Inghilterra dichiarò guerra alle
Province Unite a seguito degli accordi con la Francia. Il sovrano emanò la Dichiarazione di
indulgenza, con cui eliminò ogni contenuto penale dalla legislazione religiosa, permettendo ai
cattolici (ma anche alle sette protestanti non conformiste) di praticare privatamente il loro culto.
Questo provvedimento, tuttavia, dovette essere revocato su pressione dell'opposizione parlamentare.
Il Parlamento approvò il Test act, una legge che escluse i cattolici da tutte le cariche civili e militari.
Un'altra legge approvata dall'opposizione parlamentare, inoltre, tolse ai cattolici la possibilità di
sedere in Parlamento. La paura per una restaurazione del cattolicesimo in Inghilterra produsse
un'accentuazione delle tensioni: venne scoperta una presunta congiura papista per assassinare il
sovrano e assicurare l'ascesa al trono del fratello, che fu abilmente sfruttata per accrescere l'odio nei
confronti dei cattolici da parte dei whigs (termine che originariamente indicava i presbiteriano
scozzesi che si opponevano agli Stuart e successivamente usato per definire i progressisti di fede
puritana che si opponevano al governo di Carlo II, che poté contare sui tories, ovvero i conservatori
di fede cattolica). A fronte della repressione delle forme di dissenso religioso e delle pratiche di
culto non conformiste, il Parlamento chiese il rispetto delle libertà personali e approvò una legge
che vietò l'arresto arbitrario dei sudditi inglesi, garantendo loro il diritto ad un regolare processo.
Nel 1683 venne scoperta un'altra congiura, stavolta orchestrata dai whigs, per assassinare Carlo II e
suo fratello: questa scoperta offrì il pretesto per attuare una dura repressione nei confronti degli
oppositori della politica del re. Nel 1685 salì sul trono il fratello di Carlo II, Giacomo II. Egli violò
52

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

il Test act e mostrò di voler governare senza il Parlamento, puntando a rafforzare l'esercito per
imporre la propria volontà, seguendo l'esempio assolutistico francese. I grandi nobili puritani e la
maggioranza della camera dei comuni si schierarono all'opposizione: tutto questo accadde mentre in
Francia venne revocato l'editto di Nantes, atto che avviò una nuova fase del conflitto religioso su
scala europea. Nel 1687 il nuovo re abolì il Test act e riaffermò la Dichiarazione di indulgenza,
provocando la definitiva rottura fra corona e Parlamento: i deputati si rifiutarono di accettare la
decisione di Giacomo II, che reagì sciogliendo il Parlamento e cercando di far applicare ugualmente
i suoi provvedimenti. Il ricorso a pratiche di governo assolutistiche spinse sia i whigs che i tories a
chiedere l'intervento dello statolder d'Olanda, Guglielmo III d'Orange (marito di Maria Stuart, figlia
di Giacomo II ma di fede protestante), che nel 1688 sbarcò in Inghilterra a capo di un esercito.
Giacomo II fuggì in Francia e Guglielmo III venne accolto trionfalmente e incoronato nuovo re
d'Inghilterra: la nuova rottura della legittimità dinastica venne giustificata dalla maggioranza
parlamentare con la motivazione che il sovrano aveva violato la costituzione inglese violando il
contratto tra monarchia e popolo e che, allontanandosi dal territorio inglese, aveva abdicato e
lasciato il trono vacante. Contestualmente all'accettazione della corona, il re Guglielmo III e la
regina Maria Stuart dovettero accettare l'emanazione del Bill of Rights (Dichiarazione dei diritti),
che indicò il Parlamento come organo rappresentativo del regno e unico detentore del pieno potere
legislativo e della facoltà esclusiva d'imporre tasse. Appena salito al trono, il nuovo sovrano dovette
affrontare un'insurrezione dei seguaci di Giacomo II in Scozia e una rivolta cattolica in Irlanda, che
furono entrambe facilmente represse, dimostrando la stabilità della nuova monarchia. La seconda
rivoluzione inglese è stata definita “gloriosa” per enfatizzare il carattere relativamente non violento
del cambio di dinastia e l'inaugurarsi di una fase di espansione senza precedenti della potenza
inglese.
Con la seconda rivoluzione inglese in Inghilterra si stabilizzò l'idea di un potere condiviso tra il
popolo, fonte primaria della sovranità e che esprime la sua volontà attraverso il Parlamento, e il
sovrano, che venne privato della facoltà di sciogliere arbitrariamente le camere. Tramontata la
teoria di sovranità per diritto divino e di potere assolutistico, si affermò l'idea di un contratto tra il re
e i cittadini inglesi: esso prevedeva la separazione del potere legislativo da quello esecutivo, la
garanzia delle libertà di parola, di stampa e di culto (tranne per i cattolici), l'inammissibilità di un
esercito permanente in tempo di pace e l'inviolabilità della proprietà privata. La corona conservò il
diritto di veto sulle leggi del Parlamento, il quale, però, iniziò ad esercitare un controllo mediante
l'approvazione del bilancio statale. Il sovrano mantenne la direzione della politica estera ma venne
inaugurata la prassi di informare il Parlamento del contenuto dei trattati diplomatici. La nomina dei
ministri rimase una prerogativa regia ma essi erano soggetti al giudizio politico del Parlamento.
Maria Stuart e Guglielmo III non ebbero figli; per escludere le pretese al trono del cattolico
Giacomo Francesco Edoardo (figlio di Giacomo II), il Parlamento proclamò l'esclusione dei
cattolici dalla successione dinastica e designò come erede al trono Anna (altra figlia di Giacomo II)
e dopo di lei Sofia (nipote di Giacomo I e moglie del principe elettore tedesco Giorgio di
Hannover). In questo modo ebbe termine la dinastia degli Stuart e salì al trono quella degli
Hannover. Nel 1715, Giorgio I dovette affrontare l'insurrezione della Scozia: gli scozzesi
approfittarono della successione per mettere in dubbio la legittimità dinastica e il nuovo assetto
costituzionale realizzato con l'Union act, che fuse i regni di Scozia e Inghilterra formando il Regno
Unito (fu più che altro un'incorporazione della Scozia, già unita da un punto di vista dinastico
all'Inghilterra dal 1603, ma non da un punto di vista istituzionale). Una volta repressa la rivolta
scozzese, i whigs si trovarono in condizione di notevole vantaggio politico rispetto ai tories, la cui
fedeltà al nuovo re apparve dubbia. Ebbe inizio il periodo di predominio dei whigs. Giorgio I,
estraneo alla vita politica, agli usi e ai costumi dell'Inghilterra, inaugurò la prassi di delegare
largamente il potere esecutivo a un gruppo di ministri, scelti fra gli esponenti dei whigs. Il gabinetto
dei ministri cominciò a riunirsi non più alla presenza del sovrano, ma sotto la presidenza di un
ministro (il cosiddetto primo ministro), il solo contatto fra il monarca e gli altri ministri, così da
poter costringere alle dimissioni e congedare i ministri che dissentivano dalla sua linea politica. Il
53

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

governo divenne gradualmente un'istituzione distinta dal re: responsabile di fronte al sovrano, che
ne mantenne il diritto di nomina, ma anche di fronte al Parlamento, che doveva votargli la fiducia. Il
primo ministro, quindi, non fu più solo un amico personale del sovrano o una persona degna della
sua fiducia (come accadeva per i favoriti), ma divenne anche il capo della maggioranza
parlamentare. La nuova articolazione dei poteri vide, a fianco del re, un Parlamento in carica per
sette anni, detentore del potere legislativo, e un governo detentore del potere esecutivo. Alcuni
ministri erano a capo di dicasteri responsabili di particolari rami dell'amministrazione statale. Al
sovrano rimase l'influenza sulle scelte più importanti, soprattutto in politica estera, e il ruolo di
garante delle istituzioni e simbolo dell'identità della nazione: un re che regna ma non governa. Nel
corso del XVIII secolo i whigs e i tories cominciarono ad alternarsi alla guida del governo. Si
trattava di raggruppamento politici non ben definiti, che si diversificavano soprattutto per gli
interessi economici che andavano a tutelare (i whigs erano interessati ai traffici commerciali e
godevano dell'appoggio dei ceti più dinamici, mentre i tories tutelavano i gruppi dell'aristocrazia
fondiaria più tradizionali e meno coinvolti nelle trasformazioni economiche in atto). Il diritto di
voto era assai ristretto, essendo su base censitaria, secondo la concezione per cui solo chi possiede
un certo reddito è sufficientemente indipendente da poter partecipare in piena libertà alla vita
politica. In questo contesto si innescò il processo di formazione della dialettica parlamentare
moderna: vennero definiti il ruolo decisivo degli elettori nel determinare la composizione del
Parlamento e la prevalenza di uno dei due schieramenti, il diritto e dovere della maggioranza
parlamentare di scegliere il primo ministro e il governo (in accordo con il sovrano) e il ruolo di
opposizione della minoranza come funzione di controllo. Inoltre, i membri della fazione contraria
cominciarono ad essere visti come avversari, non più come nemici, e si cominciò ad accettare
l'ascesa dell'altra fazione e il proprio passaggio all'opposizione.
Alla giustificazione razionale dell'assolutismo, teorizzata da Thomas Hobbes a metà del XVII
secolo, si contrappose la teoria di John Locke. Egli, nel 1690 (all'indomani della seconda
rivoluzione inglese) pubblicò i Due trattati sul governo, in cui teorizzò uno Stato dai poteri
strettamente limitati. Secondo Locke, le leggi dello Stato devono limitarsi a tutelare i diritti naturali
da chiunque cerchi di violarli. Per Locke, l'assolutismo infrange le leggi di natura e costituisce un
pericolo contro il quale i sudditi sono tenuti a ribellarsi. Per evitare tale rischio, i poteri devono
essere divisi in una serie di funzioni che, poste in mani diverse, si contrappongono e si bilanciano.
Si affermarono concezioni razionalistiche anche per quanto riguarda la religione, come quella del
deismo. In nessun altro paese europeo esisteva una dialettica politica come quella inglese e nel
corso del XVIII secolo l'Inghilterra apparve agli occhi dell'opinione pubblica di tutto il continente
come un modello cui guardare con ammirazione, soprattutto nei paesi soggetti a monarchie di
diritto divino e di stampo assolutistico. Il fascino esercitato dalla Gran Bretagna aumentò
notevolmente quando all'ammirazione per il sistema politico si affiancò il primato commerciale,
marittimo e militare. Nel resto del continente europeo la partecipazione politica continuò ad
avvenire nelle corti e attraverso le carriere al servizio della corona. A causa del disuso delle
assemblee rappresentative dei ceti, a cui i sovrani cercarono di non ricorrere, la pressione
dell'opinione pubblica cominciò a farsi sentire in modo indiretto attraverso i libri, le gazzette e i
pamphlets (fogli a stampa volanti, anonimi e in grado di sfuggire alla censura). La discussione
politica avveniva in luoghi informali, nei caffè e nei salotti, segno di una crescente difficoltà di
stabilire punti di contatto tra il sistema decisionale politico e le opinioni dei gruppi sociali. Il
prendere parte a meccanismi decisionali attraverso le carriere negli organi statali e la discussione
informale in sedi non pubbliche, si incontrarono nell'attività delle società segrete e della massoneria.
Quest'ultima nacque in Inghilterra nella prima metà del XVIII secolo, richiamandosi alla tradizione
gerarchica delle corporazione di mestiere medievali e alla disciplina dell'obbedienza degli ordini
religiosi. Essa rifiutava discriminazioni basate sul privilegio di nascita, si ispirava a idee di pace, di
fratellanza universale e di tolleranza religiosa e praticava una mutua solidarietà tra i propri membri.
Divisa in varie sette, spesso con caratteristiche e ideologie differenti, la massoneria era accomunata
da rituali di stampo parareligioso e dall'ideale di un sapere esoterico che veniva trasmesso
54

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

all'interno dell'associazione e a cui si accede per diversi gradi di iniziazione, il cui percorso era
riservato a pochi. La massoneria ebbe larghissima diffusione nel corso del XVIII secolo: si aprirono
logge massoniche nelle principali città europee e nelle colonie americane. Potevano far parte di una
loggia uomini di diversa estrazione, sia nobili che non, liberi professionisti, funzionari statali ed
ecclesiastici. A causa della mancanza di libertà di stampa e di associazione, la sua attività si svolse
in maniera nascosta: la massoneria venne a volte repressa, più spesso tollerata e in alcuni casi anche
sfruttata dalle autorità per creare consenso a politiche di riforma degli assetti politico-sociali.

19. Il gioco delle dinastie: i nuovi assetti politici europei nella prima
metà del Settecento
Il XVIII secolo si aprì con una lunga serie di conflitti bellici, aventi come scopo non più
l'annientamento del nemico ma il mantenimento dell'equilibrio fra le diverse potenze. Ogni volta
che una di esse tentò di accrescere il proprio potere, le altre intervennero per ridimensionarla e
salvaguardare i propri interessi. Le guerre settecentesche risentirono sempre meno di motivazioni
religiose e servirono sempre di più a difendere o stabilire interessi territoriali e dinastici.
L'instabilità politica della prima metà del secolo fu data da tre motivi: la preponderanza francese
(sostituitasi all'egemonia continentale della Spagna, che subì un declino sociale e morale nella
seconda metà del XVII secolo, in seguito alla pace dei Pirenei e all'ascesa al trono di un sovrano
debole e senza eredi come Carlo II d'Asburgo), l'ascesa di nuove aggressive potenze (l'Inghilterra, le
Province Unite, la Russia, la Svezia e la Prussia) e il tentativo dei sovrani di imporre un governo di
stampo assolutistico (che implicava la violazione dei tradizionali limiti e privilegi) nonostante la
dubbia legittimità dinastica, scatenando le resistenze dei poteri territoriali. Giovandosi della
teorizzazione assolutistica e del principio di legittimità dinastica, i sovrani si sentirono
maggiormente in grado, rispetto al passato, di intervenire sui propri complessi dinastici e di
modificarne le istituzioni. Questi tentativi, tuttavia, scatenarono l'opposizione dei corpi territoriali,
avvezzi a vedere rispettate le proprie prerogative. Non si trattò solo di un'avversione alle novità
(nonostante fosse presente nella cultura del tempo): lentamente si fece strada l'idea di un nuovo tipo
di legittimità, non meramente dinastica, ma protonazionale (l'idea che un sovrano, anche se nato in
territori estranei al suo regno, dovesse rispettare i costumi e le usanze del suo popolo).
Alla fine del XVII secolo, Carlo II re di Spagna era privo di eredi. Le potenze europee tentarono di
accordarsi per una possibile spartizione della monarchia spagnola (con tutti i territori annessi) ma
riuscirono a trovare un accordo. Luigi XIV riuscì a far designare suo nipote come successore al
trono. Il nuovo sovrano di Spagna, Filippo V, salì al trono nel 1700 con la clausola di non riunire i
due regni e i Borbone realizzarono un asse franco-spagnolo che minacciava di sottomettere l'intera
Europa. L'imperatore Leopoldo I, intenzionato a rivendicare la corona spagnola in virtù dei legami
familiari con il ramo spagnolo degli Asburgo, convinse le Province Unite, l'Inghilterra, la Prussia, il
Portogallo, il Ducato di Savoia e vari principi tedeschi a formare la Grande coalizione dell'Aja,
un'alleanza antiborbonica contraria all'insediamento di Filippo V sul trono di Spagna. Le operazioni
militari volsero a favore della coalizione. In Spagna scoppiò una rivolta in Catalogna: la
popolazione si rifiutò di riconoscere Filippo V come sovrano, indicando come legittimo successore
Carlo VI, figlio dell'imperatore. Nel 1705 divenne imperatore l'altro figlio di Leopoldo I, Giuseppe
I. In Italia gli austriaci riuscirono a strappare Milano, Napoli e la Sardegna ai franco-spagnoli,
mentre gli inglesi occuparono Gibilterra e l'isola di Minorca. La guerra sembrò destinata ad essere
persa dai Borbone ma la morte di Giuseppe I, nel 1711, fece sì che venne eletto imperatore Carlo
VI, che la coalizione voleva insediare sul trono spagnolo. Tuttavia, le potenze alleate contro i
Borbone non vollero più continuare a sostenere l'ascesa al trono di Carlo VI per non favorire il
riformarsi di un potere troppo potente come fu quello di Carlo V nel XVI secolo. Le potenze alleate,
dunque, conclusero con i Borbone il trattato di Utrecht; l'impero e la Spagna, poi, firmarono il
trattato di Rastadt. Questi trattati ridisegnarono la carta europea: la Spagna (con le colonie
55

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

americane) venne assegnata a Filippo V; l'Inghilterra ottenne Gibilterra e Minorca (importanti


piazzeforti commerciali per la penetrazione nel Mediterraneo), importanti territori in America
settentrionale e l'appalto esclusivo del commercio degli schiavi nelle colonie spagnole; ai domini
imperiali si aggiunsero i Paesi Bassi meridionali, il Regno di Napoli, il Regno di Sardegna e Milano
(al quale si aggiunse il Ducato di Mantova); ai Savoia andarono alcuni territori dello stato di
Milano, ridimensionato, e il Regno di Sicilia (che permise alla dinastia di fregiarsi del titolo di re).
Questi trattati segnarono la fine dell'egemonia spagnola in Italia e l'inizio della presenza austriaca.
Si trattò di una scolta radicale che divise profondamente le aristocrazie e i ceti dirigenti della
penisola italiana: la lealtà verso gli spagnoli andò in contrasto con la fedeltà agli Asburgo, dati che
la dinastia legittima di Spagna era quella dei Borbone, acerrimi nemici della dinastia austriaca. Nel
1717 Filippo V lanciò un progetto di riconquista dei territori italiani perduti: la Spagna occupò la
Sardegna e la Sicilia ma le potenze che sconfissero i Borbone nel precedente conflitto tornarono a
schierarsi contro la monarchia spagnola. Filippo V dovette firmare la pace dell'Aja nel 1720: essa
ribadì i precedenti accordi, fatta eccezione per la Sicilia, assegnata all'imperatore a causa
dell'incapacità dimostrata dai Savoia di difenderla, ai quali venne ceduta, in cambio, la Sardegna
(più vicina al Piemonte e maggiormente controllabile).
La rivolta in Catalogna durante gli anni della guerra di successione spagnola, mostrò come a
radicali contrapposizioni dinastiche, che mettevano in gioco la lealtà dei sudditi, si aprivano nuove
possibilità alla resistenza dei corpi territoriali tradizionali. La riconquista in armi dei territori persi,
rese possibile una riconfigurazione dei loro assetti giuridici e la riorganizzazione politica e
amministrativa. Uno Stato conquistato con le armi consentiva al principe, almeno in linea teorica,
una maggiore libertà di intervento: il diritto di conquista, di cui i sovrani si avvalevano per
legittimare i propri atti, li esimeva dal dovere di rispettare le autonomie e i privilegi concessi dai
suoi predecessori. Tutto il sistema delle immunità e dei monopoli poteva essere rivisto, e insieme ad
esso anche la scala degli onori nobiliari, grazie ai vuoti lasciati dai membri dei gruppi dirigenti che
si rifiutarono di giurare fedeltà al nuovo sovrano. In Spagna Filippo V decise di avviare un processo
di riorganizzazione amministrativa che ebbe come scopo l'unificazione giuridica e amministrativa
delle corone di Castiglia e Aragona. Venne varata, quindi, una serie di riforme amministrative che
tesero a fare della Spagna un regno più unito, annullando o riducendo il grado di autonomia dei
singoli regni. Prese avvio un processo di differenziazione politica delle classi dirigenti spagnole: le
élites castigliane sostennero l'idea di uno stato centralizzato, mentre i gruppi dirigenti provinciali si
orientarono verso la tutela delle autonomie locali. In Inghilterra, con l'ascesa sul trono della regina
Anna Stuart, venne avviato il processo di integrazione di Scozia e Inghilterra, unificando i due regni
in uno solo, chiamato Gran Bretagna. Tale unificazione fu più che altro un'annessione della Scozia,
che perse la tradizionale autonomia giuridica e amministrativa (compreso il Parlamento scozzese).
Una parte dell'alta nobiltà scozzese poté entrare nel Parlamento britannico, mentre una parte degli
scozzesi trovò inaccettabile questo atto: la Scozia si ribellò due volte nel giro di trent'anni (1714 e
1745), rivendicando la legittimità del regno degli Stuart dopo l'ascesa degli Hannover in Inghilterra.
Anche in Irlanda si verificarono delle ribellioni contro un sovrano tedesco che non parlava inglese
ed esaltava un principio dinastico completamente svincolato da logiche di identificazione nazionale.
Queste rivolte finirono per nutrire, sia nell'immaginario collettivo che nella coscienza dei due
popoli, l'idea di un'identità separata rispetto a quella inglese (nel XIX secolo in Irlanda nacque il
movimento indipendentista).
La lotta per l'egemonia riguardò anche il controllo del Mar baltico, importante snodo dei traffici
commerciali via mare dell'Europa nord-orientale. In seguito alla prima guerra del Nord nel 1655,
l'egemonia all'interno dell'area fu assunta dal Regno di Svezia, sotto la dinastia Vasa. Per opporsi
all'egemonia svedese, Pietro I (detto il Grande) zar di Russia, su alleò con Danimarca e Polonia per
contrastare la Svezia, approfittando dei suoi problemi interni legati alla giovane età del sovrano
Carlo XII e dei contrasti tra corona e nobiltà. La Svezia, con il sostegno delle Province Unite e
dell'Inghilterra, costrinse la Danimarca alla pace e invase la Polonia: il sovrano Augusto II fu
deposto e venne insediato al trono un monarca filosvedese, Stanislao Leszczyński. L'espansionismo
56

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

svedese, tuttavia, venne fermato dalla potenza militare russa, aiutata dal rigido inverno. L'esercito
russo riuscì a penetrare nell'area del Baltico e la seconda guerra del Nord terminò con la pace di
Nystadt: la Svezia dovette cedere i suoi possedimenti in Germania alla Prussia e alla Danimarca e
riconoscere la conquiste territoriali russe, mentre in Polonia venne restaurato il regno di Augusto II.
La Russia entrò a far parte a pieno titolo delle grandi potenze europee, mentre la Svezia vide svanire
il suo controllo del Baltico e la sua egemonia nell'area. A causa dell'instabilità creatasi dopo la
guerra, scoppiò la guerra di successione polacca: alla morte di Augusto II, Stanislao Leszczyński
rivendicò il trono, appoggiato dalla nobiltà polacca e dalla Francia (sua figlia era la moglie del
sovrano francese Luigi XV), ma dovette scontrarsi con le pretese di successione di Augusto III,
figlio del defunto sovrano, sostenuto dall'impero e dalla Russia. Quest'ultima invase la Polonia e i
Borbone (sia francesi che spagnoli) dichiararono guerra agli Asburgo. La Francia occupò la Lorena
e Milano, mentre la Spagna invase la Sicilia e Napoli. Nel 1738 venne firmata la pace di Vienna,
che stabilì una significativa variazione della mappa politica europea: il trono polacco venne
attribuito ad Augusto III, mentre a Stanislao Leszczyński venne riconosciuto il Ducato di Lorena,
con la clausola che alla sua morte il territorio sarebbe passato alla corona francese; Francesco I,
marito di Maria Teresa d'Austria (figlia dell'imperatore Carlo VI), ottenne il Granducato di Toscana
(dove si estinse la dinastia dei Medici) come contraccambio per essere stato spodestato dal Ducato
di Lorena; il Regno di Napoli e il Regno di Sicilia passarono in mano a Carlo III di Borbone,
succeduto al padre Filippo V in Spagna; il Ducato di Parma e Piacenza, dopo l'estinzione della
famiglia Farnese, venne attribuito all'imperatore, che conservò lo Stato di Milano.
Gli equilibri politici continentali sanciti dalla pace di Vienna non durarono a lungo. Dopo soli due
anni scoppiò la guerra di successione austriaca, in seguito alla morte senza eredi dell'imperatore
Carlo VI. Egli designò Francesco I a succedergli al trono emanando la Prammatica sanzione, un
editto la cui legittimità venne subito messa in discussione. Esso andò a modificare la legge di
successione privilegiando la discendenza diretta, anche se femminile: in tal modo una figlia
femmina poteva succedere, in mancanza di eredi maschi, al posto del fratello del sovrano. Salì al
soglio imperiale il marito della figlia Maria Teresa d'Austria, Francesco I, e fu estromesso Carlo
Alberto duca di Baviera, marito della figlia del fratello del defunto imperatore. Questi ultimi
avanzarono le loro pretese sui territori austriaci con l'appoggio di Francia, Spagna, Prussia e
Sardegna. L'offensiva prussiana nei territori asburgici portò all'occupazione della Slesia, mentre le
truppe francesi e bavaresi invasero la Boemia. Maria Teresa d'Austria trattò la pace con Federico II
re di Prussia, a cui cedette la Slesia, e riuscì ad attirare dalla propria parte la Gran Bretagna, le
Province Unite e il Regno di Sardegna grazie ad un'abile politica diplomatica. Forte di queste nuove
alleanze e della sostanziale tenuta dei suoi domini austriaci e ungheresi, Maria Teresa d'Austria
attuò una serie di campagne militare coronate da successi in Germania e nei Paesi Bassi
meridionali. In Italia, il Regno di Sardegna dovette fronteggiare l'attacco della Francia e la
repubblica di Genova, alleata con i francesi, venne occupata militarmente dalle truppe austriache.
Questa invasione, tuttavia, produsse una grande rivolta da parte della popolazione, che cercò di
resistere al processo di aggregazione e disgregazione territoriale causato dall'alta instabilità politico-
diplomatica e riuscì a scacciare gli austriaci. L'instabilità fu la diretta conseguenza dei tentativi di
ricerca dell'equilibrio a cui aspirarono le principali potenze europee e che consisteva nell'esigenza di
bilanciare e controbilanciare continuamente le forze dei contendenti, in modo da evitare che una
singola potenza prendesse il sopravvento sul continente. La pace di Aquisgrana nel 1748 sancì la
conquista prussiana della Slesia, assegnò il Ducato di Parma e Piacenza al secondogenito di Filippo
V, sancì una piccola espansione del Regno di Sardegna e riconobbe la successione di Maria Teresa
d'Austria ai domini asburgici e l'elezione del marito Francesco I al soglio imperiale. La rivolta
genovese mostrò come le logiche dinastiche fossero contrastanti con l'identificazione delle
popolazioni in istituzioni territoriali e poteri tradizionali. Esse finirono per innescare processi che
attivarono una sorta di consapevolezza diffusa della diversità territoriale, processi che alla lunga
costituirono fattori decisivi nella formazione della coscienza nazionale.

57

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

20. L'espansione europea e le nuove gerarchie economiche


internazionali
A partire dalla fine del XVII secolo e per tutto il XVIII secolo, oltre alle Province Unite, si
affermarono le potenze di Francia e Inghilterra, le cui compagnie commerciali cominciarono ad
avere interessi su scala mondiale. Tra inglesi, francesi e olandesi ci fu una concorrenza sempre più
agguerrita nonostante il comune intento di scardinare il monopolio spagnolo e portoghese negli
scambi con gli imperi coloniali. Nella seconda metà del XVIII secolo scoppiò la guerra dei sette
anni, un confronto militare tra inglesi e francesi scatenato dalla concorrenza in India e America
settentrionale. In palio ci fu il primato coloniale e commerciale mondiale, ottenuto dalla Gran
Bretagna in seguito alla vittoria: essa divenne la dominatrice dei mari grazie alla potenza della sua
marina mercantile e da guerra. Tali conflitti portarono all'affermazione del dominio politico-
territoriale delle compagnie commerciali europee nelle aree su cui gravitavano i rispettivi interessi
economici: mutarono le forme della presenza europea negli altri continenti, con l'aumento degli
insediamenti coloniali, l'intensificazione delle relazioni economiche fra i paesi europei e il resto del
mondo e l'aumento del volume degli scambi. Non si trattò di rapporti paritetici: queste relazioni si
caratterizzarono per la dominazione economica, politica e umana dell'Europa sugli altri continenti,
che andò a formare una gerarchia mondiale che nel XIX secolo diede origine al colonialismo.
Nella seconda metà del XVII secolo, Spagna e Portogallo risentirono del declino delle rispettive
corone sulla scena politica europea e della crescente concorrenza delle compagnie commerciali
inglesi, francesi e olandesi. Nel 1662 il Portogallo siglo un'alleanza politica ed economica con
l'Inghilterra: la base commerciale a Bombay, in India, venne ceduta agli inglesi come dote della
principessa portoghese che andò in sposa al re Carlo II. La progressiva contrazione del ruolo del
Portogallo nell'area asiatica venne in parte compensato dai successi che il paese ottenne nell'Oceano
Atlantico: venne ripreso il controllo dell'Angola e del Brasile, che divenne la nuova frontiera
dell'espansione commerciale portoghese con la fondazione della Compagnia generale del
commercio del Brasile. La presenza portoghese cambiò rispetto al passato: partendo dalle stazioni
commerciali situate sulla costa si cominciò a colonizzare il territorio brasiliano e a sfruttarne gli
ampi spazi: nella parte settentrionale del paese l'agricoltura divenne la principale attività (con la
coltivazione della canna da zucchero, del cotone e del tabacco), mentre nella parte meridionale si
sfruttarono i giacimenti d'oro e di diamanti, che portarono ad un incremento del traffico di
manodopera e dell'afflusso di coloni. Per entrambe le attività non erano sufficienti gli indigeni
sopravvissuti ai massacri dei conquistadores e si ricorse all'importazione di schiavi dall'Africa
occidentale. Grazie alle miniere d'oro, il Brasile poté acquistare merci europee (in particolare i
manufatti tessili provenienti dall'Inghilterra). A partire dal 1703 i gruppi mercantili inglesi
avviarono un'opera di penetrazione economica, sia ricorrendo al contrabbando ai danni del
monopolio commerciale della madrepatria esercitato sulla colonia, sia avvalendosi del trattato di
Methuen, secondo il quale il Portogallo si sarebbe schierato contro i Borbone nella guerra di
successione spagnola e in cambio avrebbe ricevuto dei privilegi nell'importazione di tessuti inglesi.
Dopo il 1766, in seguito al calo della produzione delle miniere d'oro brasiliane, le esportazioni
riguardarono soprattutto le colture specializzate del Brasile. Tali prodotti alimentarono i traffici con
la Gran Bretagna, maggior alleato politico e partner commerciale del Portogallo, che importava
grano, tessuti e manufatti inglesi pagandoli con oro e derrate agricole. L'impero coloniale spagnolo
si concentrava soprattutto in America centrale e meridionale. Formalmente la monarchia spagnola
esercitava il monopolio dei traffici con le sue colonie ma le grandi distanze tra esse e la
madrepatria, gli attacchi di pirati e corsari nemici, le debolezze strutturali dell'economia spagnola
(che sin dalla fine del XVI secolo si dimostrò incapace di produrre i manufatti richiesti dalle società
coloniali, rendendo necessaria l'importazione dagli altri paesi europei pagando con l'argento
americano) e l'attività di contrabbando permisero l'arrivo di merci non spagnole nelle colonie
americane. In particolare, gli inglesi riuscirono a penetrare con i loro manufatti grazie alla
58

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

complicità del Brasile, mentre i francesi inviavano flotte cariche di prodotti europei molto richiesti
dalle colonie. Per quanto riguarda gli schiavi, sin dal XVI secolo la Spagna attribuiva il compito
della tratta di schiavi a singoli mercanti o compagnie commerciali. Nel 1700, con l'ascesa di Filippo
V al trono spagnolo, i Borbone acquisirono il monopolio della tratta di schiavi con le colonie
spagnole (che si aggiunse al monopolio della Francia nel commercio di schiavi nella sua colonia
delle Antille) ma nel 1713 il trattato di Utrecht consegnò questo monopolio nelle mani della Gran
Bretagna: fu un primo passo verso l'apertura dell'impero coloniale spagnolo agli scambi
commerciali internazionali. L'America spagnola, come quella portoghese, divenne pian piano una
meta privilegiata per il commercio inglese.
Nel XVIII secolo l'Inghilterra divenne la prima potenza commerciale del mondo. Gli Atti di
navigazione favorirono lo sviluppo di una florida industria navale e una potente marina, sia
mercantile che militare. Grazie a tali strumenti le compagnie commerciali inglesi poterono erodere
l'egemonia degli olandesi nei traffici internazionali, nell'intermediazione e nel trasporto di merci. A
fine secolo la Gran Bretagna esercitò il monopolio mondiale di tutti i servizi marittimi. Anche la
Francia, dopo essersi liberata della dipendenza dalle importazioni dalle Province Unite, conobbe
una grande crescita dei traffici ma dovette subire la supremazia della Gran Bretagna. L'espansione
degli scambi fu legata al mercato coloniale americano e alla crescita delle importazioni di prodotti
che vennero poi riesportati nel resto d'Europa. La Compagnia delle Indie Orientali francese riuscì a
soppiantare gli olandesi nel monopolio commerciale con le colonie francesi delle Antille. Dalla
colonia del Canada, invece, giungevano ai porti francesi pellicce, derrate agricole, pesce, ferro e
legname. Durante la prima metà del XVIII secolo, la politica inglese è dominata dai whigs (il cui
maggiore esponente è il primo ministro Robert Walpole): essi puntarono al mantenimento della
pace per difendere la potenza economica inglese, mantenendo le distanze dai conflitti continentali.
Successivamente, gli stessi gruppi mercantili e industriali che appoggiarono Walpole gli voltarono
le spalle, ritenendo più proficua una politica estera aggressiva nei confronti di Spagna e Francia.
Dopo le dimissioni di Walpole, nel 1746 salì al governo William Pitt detto il Vecchio, che
rappresentava gli interessi dei settori della società inglese che chiedevano l'espansione dei
possedimenti coloniali. Da questi orientamenti scaturì la partecipazione inglese alla guerra dei sette
anni nel 1756: ad essa parteciparono, per motivi diversi, la Gran Bretagna e la Prussia alleate contro
la Francia, l'Austria e la Russia. Per l'Inghilterra si trattò di un conflitto per contrastare la
concorrenza francese nell'espansione coloniale in America settentrionale e in India. Nel continente
americano i coloni inglesi e francesi si scontrarono più volte a causa dell'espansione territoriale, i
primi muovendosi dalle tredici colonie lungo la costa atlantica e i secondi a partire dai loro
possedimenti nel Canada. La guerra dei sette anni si concluse con la pace di Parigi: l'Inghilterra
ottenne il Canada, importanti piazzeforti francesi in America centrale e la Florida. La cartina
politica dell'America venne ridisegnata in favore dell'Inghilterra. Il continente americano, nel XVIII
secolo, divenne il principale mercato di sbocco per le merci europee, dopo l'Europa e il
Mediterraneo. Nel continente americano crebbe la popolazione (sia per l'aumento della natalità che
per l'immigrazione di europei e schiavi africani) e aumentò la domanda di prodotti importati
dall'Europa e che non venivano prodotti nelle colonie (le potenze coloniali evitarono di far nascere
attività produttive per impedire che le colonie potessero fare concorrenza ai commerci della
madrepatria). Dalla metà del secolo la Gran Bretagna conobbe un grande boom delle esportazioni
(soprattutto tessili). Le compagnie commerciali britanniche organizzarono una vasta rete di
commerci fra le varie parti del mondo: dalla Gran Bretagna partivano armi, oggetti metallici,
manufatti indiani in cotone e alcolici inglesi verso l'Africa occidentale, dove le merci venivano
scambiate con oro, avorio e schiavi che venivano portati in America centrale e meridionale e
scambiati con zucchero, legnami pregiati, tabacco e cotone grezzo che venivano portati in Estremo
Oriente per acquistare tessuti di seta e cotone, tè, caffè e spezie che venivano spediti in Inghilterra
per essere commercializzati in tutta Europa. Nella madrepatria i mercanti inglesi acquistavano
merci che in Inghilterra non venivano prodotte ma richieste dal mercato interno o che servivano per
essere riesportate. Con la crescita delle piantagioni, che divennero delle vere e proprie aziende
59

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

agricole, crebbe anche il fabbisogno di manodopera servile. Il commercio di schiavi neri, che
nacque nel XVI secolo e crebbe notevolmente nel XVII secolo, nel XVIII secolo rappresentò una
delle direttrici dei commerci triangolari fra Europa, Africa e America. L'abolizione della tratta dei
neri nelle colonie britanniche arrivò solo nel 1808 e, nel resto d'Europa, durante il XIX secolo.
Tra XVII e XVIII secolo i rapporti economici delle compagnie commerciali europee con i mercati
asiatici conobbero alcuni cambiamenti. Si ridusse il valore delle importazioni di spezie e aumentò
quello dei manufatti (soprattutto tessili). La Compagnia delle Indie Orientali inglese riuscì a battere
la concorrenza degli olandesi e a mettere le mani per primi sulla produzione di cotone del Bengala
(regione dell'India situata a Nord-Est). Gli inglesi si rivelarono più abili nel costruire rapporti
proficui con i mediatori locali. Per evitare la continua uscita di metalli preziosi verso l'Asia, le
compagnie europee ricorsero sempre di più ai commerci triangolari. Un ruolo fondamentale fu
giocato dal tè cinese, un prodotto che i mercanti britannici introdussero in Europa e che riscosse
grande successo nel XVIII secolo. Per poterlo acquistare dalla Cina, dove l'unica moneta di scambio
accettata era l'argento, la Compagnia delle Indie Orientali britannica cominciò a pagare il tè con il
contrabbando dell'oppio. In tal modo la compagnia riuscì ad assumere il controllo del redditizio
commercio del tè dalla Cina. In India la compagnia penetrò nella vita politica per tutelare meglio i
propri interessi economici e per contrastare la nascente concorrenza della Compagnia delle Indie
Orientali francese (direttamente dipendente dalla corona di Francia, a differenza delle altre che
erano società indipendenti di mercanti), che stabilì una base commerciale nel paese. Nel 1744 la
rivalità economica tra Francia e Inghilterra si trasformò in scontro aperto nel quale furono coinvolti
anche i principi indiani: mentre in Europa si combatteva la guerra di successione austriaca, il
conflitto in India proseguì anche dopo la pace siglata nel vecchio continente. L'India fu un altro
scenario bellico in cui, durante la guerra dei sette anni, si scontrarono le due potenze. Il trattato di
pace stabilì la definitiva affermazione dell'egemonia britannica in India e da quel momento la
Compagnia delle Indie Orientali britannica assunse l'amministrazione del territorio del Bengala e
divenne padrona dell'economia. La compagnia francese, invece, subì un declino che terminò nel
1790 con la sua soppressione. Grazie al controllo economico e politico del territorio, l'Inghilterra
poté fare a meno di pagare i prodotti indiani con l'argento: essi cominciarono ad essere scambiati
con merci europee a prezzi fissati dalla compagnia commerciale, che divenne erogatrice di servizi ai
principi indiani (come le forniture di soldati e prestiti in denaro) fino ad assumere il controllo della
riscossione delle imposte e dell'amministrazione delle finanze locali. Gli operai tessili e i produttori
di seta grezza si videro costretti per legge a fornire alla compagnia gran parte della loro produzione
a prezzi da essa stabiliti. I mercanti indiani, che fino a quel momento avevano svolto una proficua
intermediazione con gli europei, vennero sostituiti da funzionari inglesi. Questo fu il primo passo
verso la nascita del sistema coloniale britannico in India. Nella seconda metà del secolo, la
madrepatria pose un governatore a capo della colonia e, dopo un ulteriore conflitto con la Francia, i
territori direttamente controllati dalla compagnia aumentarono. A quel punto il monopolio esercitato
dalla compagnia suscitò forti discussioni in Inghilterra: nel 1784 il Parlamento decise di porre le
attività della compagnia sotto il controllo politico, finanziario e militare della madrepatria e nel
1813 di abolirne il monopolio del commercio con l'India.
Nel corso del XVIII secolo il Mediterraneo cessò di essere l'area degli scambi commerciali più
intensi e profittevoli. I traffici dell'Atlantico divennero i più importanti e sulle rotte che collegano
Europa, Asia, America e Africa comparvero nuove mercanzie di cui i paesi del Mediterraneo erano
semplici acquirenti. Anche le realtà che fino al XVII secolo furono all'avanguardia nella produzione
manifatturiera e nei commerci internazionali (come l'Italia centro-settentrionale e la penisola
iberica) videro declinare le proprie attività economiche e persero il controllo della
commercializzazione dei loro prodotti. Nel XVIII secolo le flotte olandese, inglese e francese
dominarono gli scambi nel bacino del Mediterraneo con la vendita di prodotti coloniali e europei,
aumentando le esportazioni di uva passa, frutta secca, vino e olio da parte dei paesi mediterranei.
Nonostante la crescita degli scambi a lungo raggio, mantennero una certa floridezza anche le
correnti di traffico a breve distanza. L'Italia meridionale dovette subire la penetrazione economica
60

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

britannica. In Italia settentrionale, invece, aumentò l'esportazione di seta greggia e filo di seta per le
manifatture della Francia, della Germania meridionale e dell'Inghilterra. Dalla fine del XVII secolo,
inoltre, si diffuse la coltivazione del gelso nelle campagne italiane. La differenza tra Nord e Sud
dell'Italia riguardò anche la produzione serica: a Nord crebbe notevolmente (l'Italia centro-
settentrionale si specializzò nella produzione di semilavorati che venivano trasformati in prodotti
finiti nei setifici francesi), mentre a Sud i progressi furono più contenuti (l'Italia meridionale si
dedicò soprattutto all'esportazione di seta greggia).

21. Vita urbana e mondo rurale


Alla fine del XVI secolo le popolazioni europee conobbero un peggioramento delle proprie
condizioni di vita. La crescita demografica produsse una notevole richiesta di terra da coltivale da
parte delle famiglie contadine, dove un maggior numero di componenti implicò la crescita
dell'autoconsumo. Allo stesso tempo vi fu un'ampia domanda di prodotti agricoli destinati alla
vendita. L'incremento demografico e della domanda di derrate alimentari spinse i proprietari terrieri
ad accrescere le proprie entrate aumentando la produzione con l'agricoltura estensiva e mantenendo
bassi i salari dei braccianti (che a causa degli alti prezzi agricoli persero sempre di più il loro potere
d'acquisto, ovvero il loro valore reale in rapporto al costo della vita). Il peggioramento delle
condizioni nelle campagne fu dato anche dalla progressiva eliminazione della piccola proprietà
contadina: a causa dell'aumento demografico, la terra posseduta da una famiglia veniva distribuita
fra un numero sempre maggiore di eredi, formando dei poderi sempre più piccoli che non erano in
grado di soddisfare le esigenze alimentari minime dei nuclei familiari. A causa dei prezzi sempre
più alti e dei salari sempre più bassi, i contadini furono costretti a indebitarsi con i grandi proprietari
e spesso l'insolvenza portava al sequestro o alla vendita dei terreni. Nel mondo rurale, quindi,
crebbe il peso della media e grande proprietà fondiaria e si diffuse la pratica del lavoro salariato e
degli affitti. A metà del XVII secolo ci fu una svolta nell'economia delle campagne europee.
L'evoluzione delle diverse realtà produttive e demografiche cominciò a differenziarsi a seconda
delle aree geografiche, pur tuttavia conservando alcuni elementi comuni. Le condizioni di vita delle
popolazioni contadine, generalmente, non migliorarono.
Le vicende dell'agricoltura europea si differenziarono in base all'adozione di un'agricoltura
estensiva o intensiva. La decisione di estendere il suolo coltivabile risultò prevalente nell'area del
Mediterraneo, dove predominava l'autoconsumo ed esisteva un quadro giuridico che ostacolava la
compravendita della terra e l'attuazione di migliorie per renderla più produttiva. L'esportazione di
derrate agricole da queste aree agli inizi del XVIII secolo fu possibile grazie all'estensione delle
terre coltivate e alla ridotta domanda interna legata alla stagnazione demografica. In Catalogna e in
Italia centro-settentrionale si cercò di migliorare la produttività delle terre, investendo capitali nei
miglioramenti agricoli e sfruttando la maggiore disponibilità di acqua, che rese possibile realizzare
importanti opere di canalizzazione. Inoltre si puntò sulla rotazione continua e sull'integrazione fra
agricoltura e allevamento. In Germania la situazione fu molto diversa da regione a regione. In
Russia non fu alcun progresso tecnico: le pianure rimasero il regno del latifondo dedito alla
cerealicoltura estensiva mediante tecniche assai arretrate (quasi identiche a quelle medievali). I
pochi tentativi d'innovazione per aumentare la produttività si tradussero in un aumentato
sfruttamento della servitù della gleba, la manodopera servile a cui è proibito allontanarsi dalla terra
che lavora. Nelle Province Unite venne adottata la rotazione triennale. Per aggirare l'impoverimento
del suolo da parte delle coltivazioni e per rigenerarne la fertilità ripristinandone la capacità
produttiva, si fece ricorso a nuove tecniche agricole basate sull'utilizzo di grandi quantità di
concime animale, che rese necessario produrre molti alimenti per il bestiame. La stretta connessione
fra agricoltura e allevamento portò molti benefici: i terreni diventarono più fertili e il bestiame fu
allevato in maniera più razionale (aumentando la produzione di latticini, carne e concime). Le
campagne olandesi, tuttavia, non raggiunsero il tasso di sviluppo che caratterizzò l'Inghilterra nel
61

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

corso del XVIII secolo. Il rendimento dei terreni non aumentò in maniera significativa e anche il
livello della produttività nelle Province Unite non fu paragonabile a quello inglese.
L'Inghilterra sfruttò meglio le tecniche adottate dai Paesi Bassi. Già dalla seconda metà del XVII
secolo i proprietari terrieri inglesi cominciarono a puntare sul miglioramento dell'allevamento. Nel
XVIII secolo vennero adottate delle tecniche di rotazione continua (il sistema ideato nelle
campagne fiamminghe, che in Inghilterra prese il nome di “sistema di Norfolk”) che prevedevano la
divisione dei terreni in quattro parti, in cui si alternava la coltivazione di grano, rape, orzo e
trifoglio. In questo modo aumentò la superficie coltivabile senza interruzioni (grazie alla scomparsa
del maggese) e venne ricostituita la fertilità dei campi grazie alle piante foraggiere (che allo stesso
tempo fornivano nutrimento per il bestiame). Gli animali, a loro volta, fornivano letame da usare
nella concimazione. L'adozione su larga scala delle nuove tecniche aprì la strada a una crescita dei
rendimenti. Per la prima volta, allevamento e agricoltura furono strettamente integrati e
l'ampliamento delle terre coltivabili non avvenne a scapito di quelle destinate all'allevamento e
viceversa. I profitti ottenuti con il commercio vennero reinvestiti nell'ampliamento delle proprietà e
nel miglioramento delle coltivazioni. Le conoscenze alla base di questo sviluppo erano presenti da
tempo anche in altre realtà europee ma in Inghilterra presero piede più rapidamente e produssero un
grande sviluppo grazie alla presenza di un quadro sociale, economico e politico favorevole. Nel XV
secolo prese avio il fenomeno delle enclosures, ovvero le recinzioni dei terreni comuni. Il principale
ostacolo allo sviluppo di un'agricoltura progredita fu dato dalle forme tradizionali di sfruttamento
della terra su base comunitaria: i terreni agricoli europei erano aperti, cioè non possedevano forme
di separazione che ne indicassero l'appartenenza ad un privato. Sui terreni comuni gravavano i
diritti collettivi di cui godevano i membri della comunità (dai terreni comuni i piccoli contadini
potevano ricavare risorse per la sussistenza, unite alle derrate delle proprie coltivazioni). Nel XVIII
secolo, con la recinzione delle terre comuni (che resero impossibile ai piccoli contadini di attingere
ad altre risorse), le proprietà private cominciarono ad essere sentite sempre più come una
limitazione intollerabile esercitata dai medi e grandi proprietari terrieri inglesi. Il processo di
recinzione contemplò l'accorpamento delle proprietà, con la conseguente abolizione dei diritti
collettivi, e la distribuzione delle terre comuni. Intere proprietà vennero recintate e da esse nacquero
aziende agricole che potevano essere gestite direttamente dal proprietario o date in affitto. Il
Parlamento concesse il diritto di procedere alle recinzioni ai proprietari che possedevano la
maggioranza del valore delle terre. Dal punto di vista economico, la principale conseguenza delle
recinzioni fu la creazione di condizioni ottimali per la formazione di aziende agricole di ampie
dimensioni, dedite alla produzione per la vendita sul mercato (grazie all'impiego di nuove tecniche
agricole) e non più per l'autoconsumo. Grazie agli elevati rendimenti che l'impiego della rotazione
continua e l'integrazione fra agricoltura e allevamento su ampia scala garantirono alle grandi
aziende agricole, l'Inghilterra della prima metà del XVIII secolo poté permettersi non solo di
sfamare una popolazione in crescita, ma anche di esportare cereali nel resto d'Europa. Dal punto di
vista sociale, le recinzioni causarono una grande riduzione del ceto dei piccoli proprietari e dei
coltivatori diretti. Ancora più drammatiche furono le conseguenze per le frange sociali che non
possedevano appezzamenti di terra e che sopravvissero grazie alle terre comuni. Per coloro che
vennero espulsi dalle campagne recintate si aprirono tre strade: l'impiego come braccianti nelle
nuove aziende agricole, la migrazione verso le città alla ricerca di migliori condizioni di vita e la
riduzione in stato di povertà.
L'abbandono della cerealicoltura estensiva, fonte di scarsi rendimenti, avvenne in alcune regioni
europee a vantaggio dell'introduzione di nuove colture provenienti dall'America che modificarono
le abitudini alimentari e di consumi degli europei. Il mais ebbe un rapido successo nel XVIII secolo,
grazie a suoi notevoli rendimenti. Ben presto cominciò a diventare la base alimentare per buona
parte della popolazione contadina. Per quanto riguarda le città, invece, solo le più piccole e le più
povere ricorsero in misura sempre maggiore al mais, mentre le più grandi e le più ricche
continuarono ad affidarsi al grano. L'introduzione della patata fu più lenta, nonostante il rendimento
assai maggiore del grano. Essa si diffuse con lentezza a partire dal XVII secolo e nella seconda
62

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

metà del XVIII secolo cominciò ad entrare a pieno titolo nelle abitudini alimentari del Nord Europa,
a causa di alcune cattive annate dei cereali. L'affermazione definitiva della coltivazione della patata
nel resto del continente avvenne nel XIX secolo. Cominciarono ad affermarsi anche altri prodotti
agricoli coloniali, come il tabacco, il cacao, il caffè e il tè. Questi ultimi tre prodotti si diffusero tra
il XVII e il XVIII secolo in Europa e venivano consumati dalle fasce più agiate della società, sotto
forma di bevande (la diffusione di prodotti che richiedevano l'ebollizione dell'acqua per la loro
preparazione portò anche ad un miglioramento delle condizioni igieniche e di salute). Tra gli strati
meno abbienti, invece, crebbe il consumo di alcolici (vino, rum, vodka, acquaviti e birra). Il
consumo di carne poté aumentare nelle zone europee dove si verificò un miglioramento e la
razionalizzazione delle tecniche di allevamento. Lo stesso discorso può essere fatto per il pesce.
Dal basso medioevo fino alla rivoluzione industriale del XVIII secolo e alla diffusione di processi
di industrializzazione tra XIX e XX secolo, ci furono tre tipologie di produzione manifatturiera
nelle varie aree d'Europa: l'industria domestica, quella artigianale e quella accentrata. L'industria
domestica rappresentò la forma di produzione di manufatti rivolta all'autoconsumo familiare e, in
caso di necessità, alla vendita. La produzione manifatturiera di tipo artigianale fu quella più diffusa.
Essa avveniva nelle botteghe ad opera di lavoratori specializzati ed era diretta alla vendita sul
mercato. Nei centri urbani il mercato sul quale era possibile vendere i manufatti era ben più ampio,
data la domanda più elevata e la maggiore facilità di approvvigionamento di materie prime (poiché
alle città faceva capo la maggior parte dei traffici commerciali). Nelle città c'era una popolazione
più numerosa che poteva fornire manodopera salariata, indispensabile al funzionamento delle
botteghe. All'interno del mondo della produzione manifatturiera erano presenti diversi strati sociali,
che andavano dal piccolo artigiano al proprietario di una grande officina con diversi salariati.
Un'evoluzione della forma produttiva di tipo artigianale fu quella nota come industria a domicilio,
in cui la separazione fra attività artigianale e quella commerciale era assai netta. Essa si articolava
in varie fasi: il mercante-imprenditore acquistava le materie prime, i lavoratori salariati le
trasformavano in semilavorati all'interno delle proprie abitazioni, nelle botteghe i semilavorati
venivano trasformati in prodotti finiti grazie al lavoro di specialisti e il mercante-imprenditore si
occupava della vendita dei prodotti. Nel medioevo l'industria a domicilio era prevalentemente
urbana. Tuttavia, nell'Inghilterra della seconda metà del XIV secolo, ci fu una ridislocazione delle
manifatture nelle aree rurali. Nel XV secolo altre regioni conobbero una diffusione delle industrie a
domicilio nelle campagne. In diverse parti dell'Europa centrale e settentrionale tale processo
raggiunse la sua pienezza tra XVII e XVIII secolo. Una tipologia produttiva minoritaria fu quella
dell'industria accentrata, nella quale la manodopera salariata si concentrava in un solo luogo sotto
un'unica direzione. Questo modo di produrre venne adottato prevalentemente nei settori in cui era
difficile o pressoché impossibile lo spostamento delle materie prime e dei semilavorati (ad esempio
per la costruzione di imbarcazioni).

22. Famiglia, genere, individuo


La prima area di socialità di un individuo è costituita dalla famiglia (termine ambiguo: può indicare
un gruppo di persone che risiedono sotto lo stesso tetto o un insieme di relazioni di parentela,
ovvero un gruppo di persone che non necessariamente vivono insieme ma sono legate da rapporti
giuridici ed emozionali). Il concetto di famiglia dipende solo in parte dalle norme giuridiche o
dall'assetto dei valori tradizionali incorporati in consuetudini accettate: la decisione di allargare o
meno la sfera della coresidenza a parenti viene decisa a seconda della convenienza. La famiglia è
anche il luogo dove si strutturano le prime differenza che fondano l'identità individuale. L'identità
sessuale, cioè l'essere nati maschi o femmine, viene inserita in un contesto culturale che spiega a
quali ruoli diversi (e in parte contrapposti) dà origine. Si strutturano due identità diverse, che sono
alla base di ruoli sociali distinti, che vengono oggi chiamate identità di genere. La famiglia, infine, è
il luogo che riproduce i valori gerarchici che fondano le strutture sociali. In esse, infatti, si ritrovano
63

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

insieme individui adulti già formati e individui da formare alla vita sociale. Durante l'antico regime,
la Chiesa cattolica e le Chiese nate in seguito alla riforma protestante, svolsero una fondamentale
funzione di direzione e controllo, proponendo norme comportamentali e verificandone la messa in
pratica. A partire dal tardo XVII secolo, tuttavia, alcune importanti trasformazioni iniziarono a
modificare le strutture della vita familiare.
Nel caso di una famiglia composta da una coppia con figli, si parla di famiglia nucleare. Se insieme
ad essa convivono anche uno o più familiari, si parla di famiglia allargata. In età moderna, le forme
di famiglia sono state varie, anche se a partire dal XVIII ci fu un aumento delle famiglie nucleari.
Le differenze si spiegano in relazione ai contesti economici e culturali con cui le famiglie
interagivano. In generale, nell'Europa di antico regime erano le famiglie ricche a essere più
complesse, mentre le famiglie degli strati popolari risultavano più nucleari. Le famiglie mutavano
col tempo: con l'arrivo della prole di una coppia si verificava una crescita numerica; con il
matrimonio dei figli adulti la famiglia decresceva numericamente; infine, essa si disgregava con la
morte di uno dei due membri della coppia, con la possibilità dell'altro di essere ospitato in un altro
nucleo familiare. Erano le famiglie più ricche a costruire e coltivare importanti reti di relazioni
parentali. Tra le famiglie nobili, poi, c'era l'usanza di coltivare il mito delle origini familiari, da
ricondurre a un passato il più possibile più antico (non importa se accertato o inventato): nell'antico
regime, infatti, veniva assegnata la supremazia a ciò che durava nel tempo rispetto a ciò che
mutava. Il matrimonio, per le famiglie nobili, significava affermare relazioni di alleanza.
Mentre in epoca precristiana il matrimonio era un semplice contratto privato, nella società europea
di antico regime era un sacramento, un rito sociale dominato da un motivo religioso. La Chiesa
esercitò per secoli un'influenza decisiva sulla vita familiare, imponendo un modello preciso di
matrimonio: esso era monogamico, eterosessuale, indissolubile, esogamico (cioè contratto al di
fuori della sfera dei parenti) e libero dall'assenso della famiglia d'origine (sulla base della teoria
dell'amore). Le nozze esogamiche e la libertà di scelta furono principi storicamente contestati dalle
famiglie. La logica familiare tradizionale considerava il matrimonio essenzialmente come
un'alleanza e si preferiva ripetere nel tempo le nozze con famiglie conosciute e alleate. Le famiglie
si trovarono a dover progettare alleanza con famiglie sconosciute, con cui non vi erano state
precedenti unioni matrimoniali. Sull'aspetto gerarchico e della divisione di genere dei ruoli sociali,
invece, le famiglie trovarono nella Chiesa un forte sostegno: venne sancito il dovere di ubbidienza
dei figli verso i padri e il riconoscimento della subordinazione della femmina al maschio. Ai maschi
venivano riservate le attività lavorative più rilevanti, lasciando alle donne l'educazione dei figli, la
cura della casa e altri lavori considerati secondari. La donna, tuttavia, poteva comprare, vendere ed
ereditare: oltre all'importanza politica (data dall'alleanza matrimoniale) la donna era importante
anche sul piano patrimoniale.
Nel XVIII secolo, gli assetti familiari mutarono anche a causa degli equilibri demografici. Alla fine
del XVII secolo iniziarono a scomparire progressivamente le grandi epidemie, grazie ai progressi
della medicina (invenzione della vaccinazione contro il vaiolo e sistemi di contenimento del
contagio) e a una migliore nutrizione. La mortalità infantile cominciò a ridursi, con il conseguente
rialzo dell'età al matrimonio delle donne. Si diffusero anche delle tecniche anticoncezionali. Un
regime a bassa pressione demografica (ovvero con bassi tassi di natalità e mortalità) sostituì un
regime ad alta pressione demografica (con alti tassi di natalità e mortalità), producendo una
maggiore capacità delle famiglie di accumulare capitali e di metterli a disposizione dei propri
membri. Questa trasformazione fu possibile grazie all'aumento delle risorse disponibili (fenomeno
quest'ultimo legato alla diffusione di conoscenze e tecniche agricole), all'ampliamento dei
commerci e al miglioramento delle condizioni igieniche e sanitarie.
Nel XVIII secolo, nelle aree protestanti (soprattutto in quelle calviniste) la religione, per ragioni
dottrinali, cominciò ad addossare all'individuo la responsabilità delle proprie scelte, affermando
l'idea che ciascun individuo deve modellare la propria vita e quindi la scelta del coniuge. In
Inghilterra nacque il romanzo sentimentale, incentrato sulla liberazione del legame amoroso da ogni
vincolo o pregiudizio sociale.
64

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

23. Diradare le tenebre: il mondo al lume della ragione


Il XVIII secolo fu segnato da un fermento intellettuale nuovo, chiamato illuminismo, che
rappresentò un grande cambiamento: alle tenebre della superstizione religiosa, dell'ignoranza e del
clericalismo si oppose il lume della ragione. Si trattava di un diverso stile di pensiero che si affermò
a scapito delle visioni del mondo più tradizionali, improntate all'osservanza dei dogmi religiosi. Si
impose lentamente una diversa atmosfera intellettuale nemica del principio di autorità. Questo
mutamento fu reso possibile da formazioni statuali (come l'Inghilterra e le Province Unite)
caratterizzate da una relativa tolleranza religiosa, un incoraggiamento della ricerca scientifica e il
dibattito e una grande circolazione di libri e giornali. Queste realtà politico-sociali basate sulla
divisione dei poteri contrastavano con la legittimazione sacrale, la teorizzazione assolutistica e la
prassi dispotica della maggioranza delle monarchie europee settecentesche: la loro esistenza
permise di pensare una perfettibilità dei sistemi sociali, sia sul piano politico (con il rafforzamento
della rappresentatività) che sul piano economico (con una crescita della ricchezza collettiva). Non a
caso, proprio in Inghilterra e nelle Province Unite nacquero i due filoni intellettuali del XVII secolo
che pose le basi dell'illuminismo: il giusnaturalismo (Ugo Grozio criticò il fondamento biblico
dell'autorità politica: da qui deriva la critica della commistione del potere sacrale con quello statale,
l'affermazione del principio della libertà di coscienza e la definizione dello Stato come istituzione
sociale che riconosce e garantisce il diritto naturale da parte di John Locke) e il deismo (ovvero la
contestazione del concetto di religione rivelata, e perciò imposta dall'alto, a favore dell'idea di una
religione naturale che va scoperta e analizzata alla luce della ragione). Il mondo naturale e il mondo
sociale divennero terreni autonomi di ricerca intellettuale: la ragione deve prendere il posto della
rivelazione e i filosofi devono sostituirsi ai teologi.
Tra il XVII e il XVIII secolo cominciò a verificarsi una trasformazione degli orientamenti culturali
e degli stili di vita (lo studioso francese Paul Hazard ha parlato di “crisi della coscienza europea”).
Una società basata sul principio di autorità e sulla deferenza verso il potere politico e religioso
venne sostituita da una società fondata sul diritto, la tolleranza, l'indipendenza della morale dalla
religione e la libera ricerca scientifica. Questo diverso atteggiamento verso il nuovo fu ben riassunto
dalla discussione iniziata in Francia (e perciò chiamata querelle) sulla superiorità degli antichi
rispetto ai moderni. Il mondo classico, fin dai tempi dell'umanesimo e del rinascimento, aveva
rappresentato per la cultura europea una fonte di autorità preziosa e alternativa a quella biblica e da
allora non fu mai posta in discussione la superiorità del mondo antico. Tuttavia, si iniziò a dubitare
della superiorità delle conoscenze degli antichi rispetto a quelle dei moderni: questi ultimi, anche se
individualmente inferiori ai grandi pensatori e artisti classici, ne conoscono i testi e le opere (i
moderni erano dei nani sulle spalle di giganti, erano messi in condizione di vedere più lontano). Si
iniziò ad elaborare anche una diversa idea della storia. Fino ad allora le vicende dell'umanità si
lessero sulla base di uno schema ciclico (un'idea mutuata dall'osservazione del succedersi delle
stagione e del moto rotatorio dei pianeti), mentre in epoca illuministica cominciò a farsi strada una
concezione evolutiva di tipo lineare e cumulativo della storia umana, attraversata da un processo di
accrescimento qualitativo e quantitativo chiamato progresso. Tale visione progressiva identifica
così una tendenza evolutiva indirizzata al miglioramento delle condizioni di vita, delle istituzioni
politico-sociali e delle creazioni artistiche e letterarie. La ricerca morale individuale, svincolata
dalla religione tradizionale, caratterizzò il filone intellettuale del libertinismo. Esso nacque
all'interno della riforma protestante e originariamente identificava un atteggiamento individuale che
rifiutava l'obbedienza a ogni Chiesa e soggetto solo alla devozione dello Spirito santo. Criticato e
combattuto da Giovanni Calvino, il libertinismo si estinse per dar luogo a un atteggiamento più
complesso: con il termine “libertini” cominciarono ad essere identificati gli spiriti liberi che,
sostanzialmente atei, non mancavano tuttavia di possedere e praticare una propria etica. Il
libertinismo veicolò un atteggiamento elitario ed esoterico che non maturò una critica dell'ordine
65

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

costituito: esso si mantenne come un orizzonte individuale di libertà interiore. Nella Francia
settecentesca, tuttavia, finì per influenzare i costumi di vita, estremizzandoli alla ricerca di un
piacere svincolato dalle norme religiose e dal costume sociale. In seguito prese a identificare, nel
linguaggio comune, un individuo dedito a comportamenti licenziosi ed estranei alla morale corrente.
Dopo la morte di Luigi XIV la Francia visse un'epoca di allargamento degli orizzonti culturali
grazie agli intensi rapporti con la Gran Bretagna. La maggiore libertà di stampa consentì la
diffusione di idee eterodosse, mentre la congiuntura politica favorì la conoscenza del modello
politico-istituzionale, ma anche socio-culturale inglese. Dall'Inghilterra e dalle Province Unite
giunsero testi di autori deisti e libertini, come La favola delle api di Bernard de Mandeville, in cui
vengono esaltati i vizi privati perché, secondo l'autore, possono trasformarsi in pubbliche virtù.
L'attrazione per l'Inghilterra divenne un vero e proprio stile intellettuale in Francia, carico di
evidenti significati politici antidispotici. Nelle Lettere persiane di Montesquieu, in cui l'autore
immaginò che tre viaggiatori persiani avessero visitato Parigi e avessero fatto commenti e
descrizioni epistolari di ciò che avrebbero visto, vennero criticate le istituzioni e i costumi della
nazione e denunciate le condizioni di arretratezza della Francia. Lo stesso autore, nelle
Considerazioni sulle cause della grandezza dei romani e sulla loro decadenza, analizzò gli
avvenimenti storici facendo una ricostruzione razionale della catena di cause degli eventi
escludendo il caso o l'azione della provvidenza, mentre ne Lo spirito delle leggi descrive tre
universi politico-sociali (monarchia, repubblica e dispotismo) analizzando la loro natura in rapporto
a precisi principi dinamici che li animano e all'influenza di vari fattori. Animato da una prospettiva
scettica e pessimistica sulla natura delle passioni umane, Montesquieu finì per proporre la divisione
dei poteri come strumento fondamentale per la conservazione della libertà: egli prese come
riferimento la monarchia parlamentare e costituzionale inglese. Con le Lettere inglesi di Voltaire, in
cui l'autore descrisse la società inglese (durante un esilio dal suolo francese causato dal suo stile di
vita libertino), la Gran Bretagna divenne per i francesi un vero e proprio modello alternativo.
L'Inghilterra descritta da Voltaire era ciò che la Francia poteva essere ma non era: un paese libero a
tollerante, aperto alla discussione filosofica e alle nuove teorie newtoniane, prospero e lontano dalla
rigidità di ceto della società dell'antico regime. I philosophes, ovvero gli illuministi, ebbero opinioni
differenti ma furono accomunati dalla tendenza a contrapporsi alla tradizionale visione parareligiosa
del mondo sociale, dalla fiducia nella ricerca intellettuale, dalle radici culturali libertine e dalla
volontà di esercitare un'influenza sulle scelte dei governi attraverso l'opinione pubblica. Voltaire
divenne per alcuni il mentore e il consigliere di Federico II re di Prussia, per questo chiamato il “re
filosofo”. Con Voltaire la storia cessò di essere incentrata sul mondo antico: egli si dedicò anche
allo studio dei popoli dell'Asia e delle Americhe, con le loro religioni diverse dal cristianesimo.
Inoltre lo sguardo di Voltaire non si soffermò solo sugli avvenimenti bellici e le vicende dinastiche,
ma si allargò a comprendere fenomeni sociali complessi.
Nonostante fosse una corrente di pensiero eterogenea, l'illuminismo trovò due elementi di coesione:
da una parte il fatto che le idee illuministiche furono minoritarie, in un contesto intellettuale ancora
dominato da dottrine teologiche e metafisiche, dall'altro la creazione dell'Encyclopédie. Essa fu
un'immensa opera, scritta da Denis Diderot e Jean-Baptiste Le Rond d'Alembert con il contributo di
altri grandi autori del tempo, che ebbe come obiettivo quello di raccogliere tutto il sapere in
un'unica opera. Fu la progenitrice delle moderne enciclopedie ma anche un manifesto ideologico del
pensiero illuministico, con il tentativo di scardinare i dogmi fondati su elementi metafisici e
teologici (basandosi sulle opere di Pierre Bayle e Voltaire). Composta di 17 volumi e 11 tavole
illustrate, l'Encyclopédie venne pubblicata per la prima volta nel 1750. La pubblicazione
dell'Encyclopédie fu ostacoata dalla condanna di papa Clemente XIII e dalla resistenza dei valori
intellettuali radicati nella società. Venne data grande attenzione alla scienza e alle tecniche: in un
mondo vagliato alla luce della ragione solo il pensiero scientifico-matematico poteva addentrarsi nei
misteri della natura alla scoperta delle leggi che ne regolano la vita. Il XVIII secolo vide un rapido
sviluppo delle discipline scientifiche: nelle scienze naturali ci fu la classificazione delle specie
vegetali e animali e l'analisi dei microrganismi grazie al lavoro svolto da Georges-Louis Leclerc di
66

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Buffon, Lazzaro Spallanzani e Linneo; la chimica fece grandi passi avanti grazie agli studi di
Antoine-Laurent Lavoisier; gli studi fisici si dedicarono al problema di riconoscere e riprodurre le
correnti elettriche, a cui si dedicarono Benjamin Franklin e Alessandro Volta. Questo atteggiamento
di fiducia nelle capacità della ragione si estese anche all'analisi del mondo umano. Si diffusero
concezioni filosofiche come il sensismo (la tendenza a ricondurre la conoscenza umana ai dati dei
sensi e dell'esperienza), cui diedero grande visibilità l'abate di Condillac e David Hume, e il
materialismo (una visione di tipo meccanicistico della natura e dell'umanità che esclude i
presupposti dogmatici, come l'esistenza dell'anima o di Dio).
Buona parte dello sforzo intellettuale dei philosophes fu diretto a fondare su basi nuove, libere
dall'impostazione che fa discendere l'organizzazione sociale dalla volontà divina, la visione della
società puntando a stabilire la morale collettiva su presupposti diversi. La corrente dell'utilitarismo
(i cui padri sono Claude-Adrien Helvétius e Jeremy Bentham) si fonda sulla convinzione che
l'uomo vada guardato per ciò che è e non per ciò che dovrebbe essere: occorre prendere atto che le
sue azioni non sono mosse dal desiderio di aiutare il prossimo ma da quello di massimizzare il
proprio utile e il proprio piacere e valorizzare questo atteggiamento a vantaggio del benessere
collettivo, piuttosto che demonizzarlo. Anche la realtà sociale venne immaginata come intelligibile
alla luce di leggi e regole naturali feree che regolano nascostamente il comportamento umano:
l'atteggiamento intellettuale razionalistico e scientista delle discipline scientifiche e filosofico-
morali si estese a quelle economico-sociali. Secondo François Quesnay, padre della fisiocrazia,
l'economia va studiata come una formazione naturale dotata di sue proprie leggi: la natura è ciò che
conferisce valore alle merci, mentre le successive trasformazioni in manufatti non aggiungerebbero
nulla in termini di valore. Queste teoria ritiene del tutto preminente il ruolo dell'agricoltura,
considerata la grande madre della ricchezza di un paese, rispetto all'industria e al commercio (settori
tradizionalmente al centro delle pratiche mercantilistiche). Per i fisiocratici il meccanismo
economico deve svilupparsi con la massima naturalità e libertà d'azione: le derrate agricole devono
poter circolare liberamente (da qui l'espressione “laissez faire, laissez passer”, slogan di questa
prima dottrina economica dichiaratamente liberista). Il padre dell'economia politica moderna fu
Adam Smith, autore del trattato Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni.
Convinto anch'egli dell'esistenza di leggi naturali che esprimono il processo naturale di creazione
della ricchezza, Smith si basò sul pensiero utilitaristico che vede nei comportamenti individuali,
ispirati dall'egoismo, la base del benessere sociale. Secondo Smith, ciò che rende utili
collettivamente le azioni egoistiche degli individui è l'esistenza del mercato, un meccanismo astratto
che agisce come una mano invisibile che regola, ordina e distribuisce la ricchezza secondo la legge
della domanda e dell'offerta. Quanto più si lascia al mercato la possibilità di esprimere la coerenza e
l'efficienza del suo meccanismo, tanto più si rende possibile accrescere la ricchezza della nazione.
Data la diversità della corrente illuministica, ci furono anche teorie che offrirono una visione meno
ottimistica del vincolo sociale: mentre per Smith la divisione sociale del lavoro (ovvero la
suddivisione fra lavoratori dotati di diverse mansioni specifiche) era la chiave di volta del progresso
umano, per Jean-Jacques Rousseau esso era il segno di un grave arretramento, una caduta dell'uomo
dalla felicità dello stato di natura (secondo il mito del buon selvaggio) iniziata con l'instaurarsi della
proprietà privata, da cui derivò la disuguaglianza sociale. Nella sua opera Il contratto sociale,
Rousseau pensa al superamento delle singole volontà individuali dando vita alla volontà generale,
ovvero la volontà dell'intera collettività che agisce in un sistema di democrazia diretta.
L'illumnismo, più che un movimento, fu la rottura di un universo mentale dogmatico ancora
largamente dominante e l'apertura di un'originale fase di critica degli ordinamenti esistenti, dei
saperi consolidati e delle autorità stabilite. Cesare Beccaria, nell'opera Dei delitti e delle pene,
criticò il carattere irrazionale e inumano di pratiche giudiziarie allora assai diffuse, come la tortura e
la pena di morte, proponendo di considerare la pena non come una vendetta sociale ma come una
misura di correzione.

67

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

24. Il dispotismo riformatore


Nella seconda metà del XVIII secolo ci fu un'alta tendenza dei sovrani a modificare gli assetti
giuridici, economici e politico-sociali dei loro regni. Questa propensione alla riforma costituì una
novità: per molto secoli il sovrano venne pensato come il difensore degli equilibri stabili, colui che
doveva intervenire per ripristinare l'antico ordinamento voluto da Dio, non come qualcuno cui tocca
il compito di modificare lo stato delle cose. La tendenza dei sovrani settecenteschi all'innovazione
fu dato soprattutto dalla necessità di migliorare l'efficienza della macchina statale a fini bellici:
ciascun sovrano pensava di dover ingrandire i propri domini per rendere gloriosa la propria dinastia,
ai danni di quelle concorrenti e dei paesi vicini. Dato che la guerra si combatteva con truppe
mercenarie, la potenza dell'esercito dipendeva dalla capacità dell'apparato fiscale di prelevare
somme sempre maggiori di denaro dai sudditi. Le popolazioni opposero resistenza al prelievo, sia
perché nell'antico regime l'imposizione di nuove tasse era vincolato al consenso delle assemblee
rappresentative, sia perché molte città, regioni e ordini privilegiati, col tempo, ricevettero
l'esenzione dal prelievo fiscale. Spesso, per comprare i voti dei rappresentanti nelle assemblee,
occorreva fare delle concessioni che in termini monetari si rivelavano maggiori di quanto si riusciva
ad ottenere con le tasse: questo alimentò la propensione dei sovrani europei a governare senza
convocare gli organi rappresentativi dalla metà del XVII secolo. Ai sovrani, dunque, non rimaneva
che aggirare il vincolo all'imposizione delle tasse mascherando la loro natura facendole passare
come tasse lecite (aumentando il le tasse esistenti), ricorrendo all'aperta violazione dei privilegi dei
sudditi (superando con la forza o con la mediazione la resistenza dei ceti e gruppi privilegiati) e
ottimizzando i redditi derivanti dai loro beni privati (rendendo profittevoli al massimo i beni privati
della corona). Durante il XVII nei domini asburgici nacque la corrente di pensiero chiamata
cameralismo, specializzata nell'avanzare proposte per il miglioramento dell'efficienza delle rendite
imperiali: le scienze camerali (l'economia, la scienza delle finanze e la scienza
dell'amministrazione) tentarono di migliorare l'amministrazione dei domini dinastici connettendo la
politica economica e fiscale e la modificazione degli apparati statali. Anche nella Spagna degli
Asburgo era diffusa l'abitudine da parte di studiosi e intellettuali di fornire al sovrano delle proposte
per migliorare lo stato delle finanze pubbliche e le condizioni del regno, sollecitati dall'acuta
percezione del declino rispetto alle potenze concorrenti. Nel corso del XVII secolo crebbe la
consapevolezza che la potenza politica e militare fosse legata alla forza economica degli Stati,
misurabile in termini di capacità di prelievo fiscale, di possedere raccolti in grado di sfamare la
popolazione, di avere una bilancia commerciale attiva, solide manifatture e una popolazione in
crescita. Questa prospettiva subì un'evoluzione nel secolo successivo.
Le rivoluzioni a metà del XVII secolo costituirono una fase di dibattito sulle questioni fondamentali
della vita pubblica e a tale dibattito parteciparono anche strati sociali che non avevano mai preso
parte a discussioni politiche (nella società di antico regime la partecipazione al dibattito politico era
limitata ai gruppi dirigenti). Superata la crisi politica di metà secolo si assistette in tutta Europa a un
ridimensionamento del dibattito: si riaffermò la politica intesa come scienza del dominio e
disciplina riservata a pochi. A causa della censura dell'informazione ci fu una notevole crescita delle
gazzette, che raccontavano i principali avvenimenti della politica europea fornendo descrizioni,
relazioni e racconti che non avevano un'immediata rilevanza politica ma che indirettamente
offrivano spunti di riflessione sulle caratteristiche e i difetti della vita collettiva. I sovrani
tradizionali non avevano bisogno di giustificare, dato che la loro legittimità derivava dalla
presunzione che fosse Dio a volerli sul trono (di conseguenza le loro azioni dovevano rispettare le
leggi divine). Nel tardo XVII secolo si affermarono teorie secondo cui i sovrani hanno a
disposizione una potestà straordinaria, un potere assoluto e svincolato da qualsiasi norma che
poteva essere sfruttato in circostanze particolari (a somiglianza di Dio, che oltre alle leggi naturali
ha a disposizione la facoltà di compiere miracoli). A differenza di Dio, però, i sovrani erano
obbligati a spiegare ai sudditi il motivo delle misure straordinarie; in mancanza di tali spiegazioni il

68

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

sovrano correva il rischio di essere percepito come tiranno. Si forgiarono concetti nuovi come
l'utilità per il maggior numero di persone e la pubblica felicità. A differenza dei concetti tratti dalla
Bibbia, le motivazioni fornite dai sovrani erano maggiormente opinabili; esse, inoltre, andavano in
contraddizione con il fondamento della sovranità, rimasto ancorato al concetto di diritto divino. La
rottura della concezione negativa dell'innovazione, vista precedentemente come un pericolo per
l'assetto tradizionale, comportò anche l'apertura di un nuovo terreno di discussione pubblica: dato
che il mondo politico ed economico-sociale poteva essere riformato per renderlo più efficiente, si
cominciò a guardare agli esempi stranieri e confrontare i risultati delle diverse politiche adottate
dagli Stati. Si affermò una nuova figura di consigliere, non reclutato necessariamente nelle cerchie
cortigiane, ma che si offriva spontaneamente di mettersi al servizio del principe e proveniva dalle
file dell'opinione pubblica colta. Nacque, così, la figura dell'intellettuale come consigliere del
principe. Questi personaggi provenivano da diversi ceti ma erano sempre persone culturalmente
influenti, che guardavano alla potestà assoluta del sovrano come a uno strumento per scardinare
l'ordinamento esistente. L'accoglimento o meno delle proposte dipendevano dalla volontà sovrano
ma le sue decisioni erano influenzate dalle fazioni cortigiane: c'era, quindi, una contraddizione tra le
potenzialità inespresse delle proposte di un'opinione pubblica che iniziò a sentirsi la vera depositaria
del bene comune e il carattere ormai superato e autoreferenziale della vita politica.
La cosiddetta guerra dei sette anni, iniziata nel 1756, non fu solo il primo conflitto bellico di
dimensione planetaria, ma anche la presa d'atto di un mutamento irreversibile dei rapporti di forza
tra le potenze europee. I due secoli precedenti si caratterizzarono per la rivalità tra gli Asburgo (con
il ramo austriaco e quello spagnolo, prima che i Borbone si insediassero sul trono di Spagna) e i
sovrani di Francia. Nonostante l'ascesa di potenze come l'Inghilterra, le Province Unite, la Russia e
la Prussia, il principale ostacolo all'egemonia francese rimase la casa d'Asburgo. Nella guerra dei
sette anni, tuttavia, la Francia e l'impero si trovarono nello stesso schieramento per interessi diversi.
All'origine del conflitto ci furono diverse ragioni politico-diplomatiche: la rivalità tra Francia e
Inghilterra per i possedimenti coloniali in America settentrionale e in India e quelle tra l'impero e la
Prussia per il possesso della Slesia (occupata dalla Prussia durante la guerra di successione
austriaca). Nel 1756 si formarono due schieramenti a scopo difensivo: da una parte Francia, impero,
Russia e Svezia; dall'altro Inghilterra e Prussia. Fu Federico II re di Prussia a dichiarare guerra
all'impero. Nonostante le sue prime vittorie militari, la preponderanza militare degli avversari si
fece sentire e la Prussia venne invasa per essere liberata dall'esercito imperiale solo in seguito
all'uscita dalla guerra di Russia e Svezia. In India e in America settentrionale, invece, il conflitto
volse a favore della Gran Bretagna nonostante l'entrata in guerra della Spagna a fianco della
Francia. La pace di Parigi nel 1763 stabilì che la Slesia dovesse rimanere alla Prussia e la Gran
Bretagna ottenne l'India e il Canada ai danni dei francesi e la Florida ai danni degli spagnoli. In tal
modo venne sancita la nascita di due nuove potenze militari, ma anche il ruolo egemonico di due
modelli politici: la Gran Bretagna, prima potenza navale e coloniale europea, che estendeva il suo
dominio a tutti i mari del pianeta unendo alla preponderanza militare il successo commerciale e un
modello unico di governo monarchico-parlamentare; la Prussia, che grazie alla forza del suo
esercito terrestre divenne la prima potenza militare continentale e che aveva un sistema di governo
di tipo assolutistico e dispotico ma venato di una forte spinta riformatrice.
Il re di Prussia, Federico II detto il Grande (che governò dal 1740 al 1786), rappresentò il modello
del sovrano assolutistico sensibile alla cultura illuministica e propenso a intervenire sulla realtà
sociale ed economica con piani di riforma. Da giovane si interessò alle lettere e alla musica e si
circondò di intellettuali illuminati (tra cui Voltaire). Divenuto sovrano, tuttavia, proseguì lungo le
tradizionali direttrici assolutistiche, incentrate sulla politica di potenza e sul rafforzamento
dell'economia e dell'esercito (che divenne presto uno dei più potenti d'Europa, grazie al
coinvolgimento della piccola nobiltà rurale prussiana e all'istituzione delle accademie per addestrare
le truppe). Federico II si definì il primo servitore della Prussia: il suo scopo fu quello di sostituire il
vecchio concetto di fedeltà nei confronti di un sovrano con la devozione nei confronti dello Stato.
Egli costruì la sua immagine di sovrano tollerante, protettore dei commerci e delle manifatture,
69

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

permissivo nei confronti della stampa, attento a favorire la diffusione dell'istruzione e nemico della
tortura e della pena di morte. La grande maggioranza delle sue azioni furono dirette a migliorare la
vita economica ottimizzando il funzionamento dell'apparato fiscale e proteggendo la produzione
agricola con misure protezionistiche (per ottenere questi risultati, necessari per una politica di
potenza, Federico II rafforzò notevolmente gli apparati statali). Tali politiche permisero al sovrano
di proseguire l'allargamento territoriale dei confini prussiani verso Est: alla morte di Augusto III re
di Polonia, Federico II si accordò con la Russia per scegliere il nuovo sovrano e, in seguito alla
guerra civile della Polonia nel 1772, promosse un accordo con l'impero a la Russia per la
spartizione della Polonia (la Russia ottenne la Bielorussia e parte della Lituania, l'impero si annesse
la Galizia e la Prussia ottenne la Prussia occidentale). Altre due spartizioni della Polonia segnarono
la scomparsa del paese come entità politica autonoma. Alla base della fama di Federico II ci fu
soprattutto la costruzione, ancora approssimativa, dell'identità protonazionale prussiana: le sue
grandi doti di condottiero e stratega fecero da contorto alla sua azione svolta per la costruzione del
senso di appartenenza a una comunità nazionale. Un altro esempio di sovrano illuminato fu la zarina
di Russia, Caterina II detta la Grande (che governò dal 1762 al 1796): di origini tedesche, sposò
l'erede al trono russo Pietro III ma lo spodestò e lo fece uccidere con un colpo di stato. Educata ad
una cultura illuministica, Caterina II guardò ai paesi occidentali più sviluppati come modelli da cui
trarre esempio per le riforme economiche e sociali da attuare in Russia. Il più corposo intervento
della sovrana fu dedicato a smantellare il grande potere e la ricchezza della Chiesa ortodossa: a
causa delle spese sostenute durante la guerra dei sette anni, la zarina confiscò le proprietà
ecclesiastiche e assoggettò il clero russo trasformando i sacerdoti in stipendiato dello Stato. Tuttavia
gli interventi di Caterina II furono ispirati solo in parte dalle teorie illuministiche. Infatti fu
rafforzato il potere dei nobili sulle popolazioni rurali, con il divieto ai contadini di appellarsi alla
giustizia del regno contro le prepotenze dei signori e il peggioramento delle condizioni delle
comunità contadine, vincolate alla terra da legami servili e sfruttate al limite delle possibilità umane
dai proprietari terrieri. Il malcontento nelle campagne russe esplose nel 1773, in una rivolta guidata
da Emel'jan Pugačëv (che dichiarò di essere Pietro III tornato in vita): i contadini si ribellarono in
massa, costringendo la sovrana a usare l'esercito per reprimere nel sangue l'insurrezione. Caterina II
promosse degli interventi diretti a introdurre l'istruzione elementare gratuita (solo nelle città),
garantire una minima libertà di stampa e stabilire norme per l'autogoverno locale. Nel 1785 emanò
la Carta della nobiltà, con la quale aumentò le esenzioni e le garanzie del ceto nobiliare. Con lo
scoppio della rivoluzione francese, decise di orientare la propria politica culturale in senso
tradizionalistico abbandonando ogni idea di riforma. In politica estera portò avanti una campagna di
espansione verso Sud per restaurare l'impero romano d'Oriente (di cui i sovrani di Russia si
consideravano eredi) a spese del decadente impero ottomano: la Russia ottenne parte delle regioni
che si affacciano sul Mar Nero e la penisola di Crimea.
Nell'impero asburgico gli interventi di riforma politica, sociale ed economica furono promossi da
Maria Teresa d'Austria, che nonostante fosse cattolica e distante dalla cultura illuministica aveva
ereditato l'idea che la crescita economica fosse alla base della politica di potenza. Perciò si impegnò
ad accrescere l'efficienza del prelievo fiscale e a migliorare la macchina statale con le scienze
cameraliste. Sotto la guida del cancelliere Wenzel Anton von Kaunitz, l'impero ricevette un forte
impulso alla razionalizzazione: si tentò di uniformare gli ordinamenti dei domini diretti della corona
asburgica (Austria e Boemia, mentre l'Ungheria mantenne un'ampia autonomia) e si emanarono
provvedimenti incisivi per assoggettare la nobiltà al pagamento delle tasse. L'istruzione fu posta
sotto il controllo diretto dello Stato, sottraendola alla Chiesa, e resa obbligatoria. Vennero portati
avanti degli interventi nei campi dell'assistenza sociale e della sanità. Questa volontà di riforma
crebbe ulteriormente con il regno di Giuseppe II, figlio di Maria Teresa d'Austria. Egli, divenuto
imperatore nel 1780, operò uno smantellamento dell'universo ecclesiastico tradizionale
assoggettando il clero (sacerdoti e vescovi divennero stipendiati dello Stato) e incamerando i beni
ecclesiastici (che vennero venduti ricavandone un'enorme somma che permise di ripianare il debito
creati dai conflitti militari). Vennero emanati dei provvedimenti a garanzia dei diritti delle persone:
70

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Giuseppe II concesse agli ebrei il godimento degli stessi diritti di tutti i sudditi dell'impero,
concesse la libertà di culto per le professioni di fede cristiana non cattoliche e abolì la tortura e le
discriminazioni di ceto di fronte alla legge. La libertà di stampa, tuttavia, rimase molto limitata.
Questi provvedimenti racchiusero una nuova prospettiva di riconoscimento di diritti da parte del
sovrano, che decise di limitare spontaneamente la propria potestà assoluta, ma ma rimase la
contraddizione tra il riconoscimento di diritti immuni dal potere della corona e la tendenza del
sovrano a regolamentarli in modo autocratico, senza una mediazione o impostazione di tipo
contrattualistico con forme di rappresentanza della società. Altri interventi di Giuseppe II furono
mossi dal fascino esercitato dal modello statale prussiano, ma che si scontrarono con le difficoltà a
competere con esso: l'imperatore era un sovrano formale, che dipendeva in gran parte dal potere dei
principi tedeschi e i tentativi condotti da Giuseppe II per accrescere il proprio potere imperiale si
scontrarono con la resistenza dei corpi territoriali, che lo costrinsero ad abbandonare i suoi progetti.
L'imperatore cercò di proteggere le manifatture e l'agricoltura, sulla base di idee mercantilistiche.
Nei territori asburgici venne abolita la servitù della gleba (ovvero il vincolo dei contadini di
risiedere nella loro terra), venne introdotto il catasto (una mappatura precisa delle proprietà terriere)
e venne emanato un provvedimento che abolì l'obbligo per i contadini di fornire prestazioni
lavorative gratuite nelle terre dei feudatari. Queste misure scatenarono la dura opposizione dei ceti
aristocratici e la richiesta da parte dei contadini della completa abolizione degli obblighi verso i
signori. Alla morte di Giuseppe II, però, il suo successore Leopoldo II annullò tutte le riforme e
ripristinò la situazione precedente.
Gli interventi di riforma dei sovrani, nella seconda metà del XVIII secolo, si ispirarono al
giurisdizionalismo, ovvero all'idea che il potere politico dovesse intervenire negli ambiti
dell'ordinamento ecclesiastico non connessi alle questioni religiose e dogmatiche. Una vicenda di
grande rilievo fu quella della Compagnia di Gesù: con il tempo i gesuiti divennero un potente
strumento di intromissione del papato negli affari di Stato. I gesuiti erano ricchissimi grazie ai
lasciti testamentari, culturalmente molto influenti grazie al loro ruolo nell'istruzione superiore e
politicamente potentissimi grazie alla benevolenza dei sovrani di cui erano i confessori e consiglieri
spirituali. Il fatto che la Compagnia di Gesù rappresentasse il nerbo culturale dell'opposizione agli
interventi giurisdizionalistici e che fossero alle dirette dipendenze del papa, ne fecero un perfetto
bersaglio delle critiche illuministiche e delle politiche riformatrici. Il Portogallo fu il primo ad
espellerla: lo scopo fu quello di accaparrarsi le ricchezze fondiarie dei gesuiti e di portare avanti una
politica di riforme volta al rafforzamento del potere statale e al ridimensionamento di quello del
clero e dei nobili. L'esempio portoghese fu seguito anche dalla Francia, dalla Spagna, dal Regno di
Napoli, dal Regno di Sicilia e dagli altri stati della penisola italiana. I gesuiti divennero il simbolo di
tutto ciò che si tentava di riformare: furono il simbolo della superstizione contrapposta alla ragione,
della soggezione dei poteri statali al papato, dell'improduttività di immensi patrimoni fondiari
(peraltro esenti dalla tassazione), del monopolio clericale dell'istruzione e della soggezione della
potestà sovrana all'oscura influenza dei confessionali. Alcune di queste critiche, tuttavia, erano
ingiuste: i patrimoni terrieri dei gesuiti erano molto ben amministrati e la Compagnia di Gesù svolse
un'importante azione nell'istruzione pubblica. L'accusa principale rivolta ai gesuiti fu quella di
essere portatori di una doppia fedeltà (al sovrano e al papa), ma tale accusa poteva essere rivolta a
qualsiasi ecclesiastico. Le ragioni per cui i gesuiti vennero espulsi da molti stati, quindi, furono più
probabilmente date dal riassestamento interno alla Chiesa, entro la quale si fecero strada idee di
riforma simili a quelle degli stati europei. Nel 1773, a conclusione di questo processo, il papa
Clemente XIV decise di sciogliere la Compagnia di Gesù. I gesuiti, tuttavia, riuscirono a rimanere
in Svizzera, in Austria e in Prussia (dove il re Federico II li prese sotto la propria ala protettrice).
Nel 1814, in un nuovo clima culturale creato dalla rivoluzione francese, il papa Pio VII ripristinò la
Compagnia di Gesù.
L'orientamento riformatore di Maria Teresa d'Austria e Giuseppe II produsse profondi effetti in
Italia, favorito dalla diffusione nella penisola di idee illuministiche. La Lombardia austriaca fu una
sorta di laboratorio per la sperimentazione delle nuove politiche pubbliche, prima che esse venissero
71

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

adottate nei domini ereditari degli Asburgo: venne introdotto il catasto, un mezzo conoscitivo
fondamentale del territorio ma anche strumento per una più equa distribuzione del carico fiscale, e
vennero adottate politiche giurisdizionalistiche limitando e smantellando le esenzioni fiscali dei
beni della Chiesa. A Giuseppe II nel 1790 successe Leopoldo II, nuovo imperatore ma anche
granduca di Toscana (dove si chiamava Pietro Leopoldo). Egli, nonostante nei suoi domini si
premurò di annullare tutte le riforme dei suoi predecessori, in Toscana avviò importanti riforme
economiche e giuridiche. Pietro Leopoldo fu il primo principe europeo ad abbandonare le
tradizionali politiche di stampo mercantilistico e protezionistico per adottare, in ossequio alla
dottrina fisiocratica, un orientamento favorevole al libero scambio. Venne liberalizzato il
commercio interno ed esterno dei grani, vennero soppresse le corporazioni e furono abolite le
dogane interne. Inoltre, il granduca si preoccupò di promuovere la diffusione della piccola proprietà
terriera e lo sviluppo agricolo della Toscana, concedendo in affitto perpetuo le terre confiscate e i
beni privati della dinastia: tale tentativo, però, fallì poiché i grandi proprietari riuscirono ad
accaparrarsi gli appezzamenti messi all'asta. Venne anche riformato il codice penale, ispirandosi
alle idee di Cesare Beccaria, stabilendo, per la prima volta in Europa, l'abolizione della pena di
morte e della tortura e introducendo misure di parziale riconoscimenti dei diritti individuali. La
sperimentazione riformatrice di Pietro Leopoldo si spinse a promuovere la redazione di una
costituzione (mai attuata) che avrebbe previsto l'istituzione di un'assemblea legislativa (formata su
base rappresentativa e non più di ceto) senza il cui consenso il sovrano non poteva governare.
Mentre in Lombardia e in Toscana le riforme ebbero grande successo, in altri stati italiani come nel
Regno di Sardegna, esse si mossero su binari più tradizionali, ispirando politiche di stampo
mercantilistico. Nel Regno di Napoli e nel Regno di Sicilia si cercò di limitare il potere nobiliare ed
ecclesiastico ma il tentativo fallì a causa delle enormi resistenze dei poteri locali.

25. Niente tasse senza rappresentanza: la nascita degli Stati Uniti


d'America
La rivolta delle colonie americane contro il dominio britannico, da cui ebbero origine gli Stati Uniti
d'America, fu uno degli eventi centrali della storia mondiale. Per la seconda volta nella storia della
civiltà occidentale (dopo la rivolta dei Paesi Bassi), una popolazione soggetta condusse una guerra
vincente per l'autodeterminazione e scelse liberamente il proprio sistema di governo. Questa rivolta
fu condotta sulla base di princìpi repubblicani, fondati sull'idea che l'origine della sovranità risieda
nel popolo. La rivoluzione americana condusse a un inedito assetto politico-istituzionale di stampo
liberal-democratico, che implicava il riconoscimento dei diritti individuali e del principio di
uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge (per cittadini, tuttavia, si intendevano solo i maschi
bianchi). La costituzione scritta garantì la divisione dei poteri e regolò l'equilibrio tra i vari Stati nati
dalle ex colonie e il nuovo governo federale di tipo presidenziale, formato dall'unione dei singoli
Stati. Questo inedito assetto socio-politico era molto diverso e lontano da quello prevalente
nell'Europa settecentesca (terra di monarchie, ceti, privilegi, retaggi feudali e assenza di libertà). Gli
USA furono l'esempio di una società in cui la ricchezza era molto più livellata, la giustizia meglio
distribuita, le opportunità offerte a tutti, le libertà garantite e gli interessi sociali bilanciati e difesi.
L'esito del lungo e articolato conflitto politico produsse una compagine politico-sociale che nel XIX
assunse un ruolo di primo piano sulla scena mondiale.
In America settentrionale la penetrazione inglese comportò la creazione di una serie di basi
commerciali lungo la costa atlantica, dedite agli scambi con i nativi dell'entroterra e legate per via
marittima alla madrepatria. Questa caratteristica differenziava le colonie inglesi da quelle spagnole
nella parte centrale e meridionale del continente (che si estendevano verso le parti interne). La base
sociale degli insediamenti inglesi era formata essenzialmente da mercanti, artigiani e uomini in
cerca di una migliore sorte economica rispetta a quella che avevano lasciato in Europa. Insieme a
loro vi erano anche nuclei di deportati, criminali e indesiderati che la Gran Bretagna allontanava
72

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

dalla madrepatria. Era una popolazione giovane, in costante crescita, fortemente attratta dalle
ricchezze naturali e dalla possibilità di acquisire terre in America. Al primo gruppo di colonie
settentrionali (il cosiddetto New England) si affiancò un altro gruppo di colonie (legato alla
formazioni di alcuni grandi centri commerciali e portuali, come New York e Philadelphia) con
universo sociale più articolato grazie alla presenza di componenti migratorie olandesi e tedesche,
più un terzo gruppo di colonie lungo la parte Sud della costa atlantica, che si specializzò nell'attività
agricola condotta attraverso piantagioni in cui venivano adoperati come forza lavoro gli schiavi neri
deportati dall'Africa. Rispetto alla società inglese, loro punto di riferimento, le colonie americane
furono una società meno legata alla tradizione e all'antichità e meno deferente nei confronti delle
gerarchie, caratteristiche tipiche delle società europee. Vi era una forte presenza comunitaria
organizzata, derivante sia dall'essere le prime colonie costituite essenzialmente da mercanti che dal
loro essere puritani: la loro fede diffuse la convinzione che l'affermazione personale sul piano
economico e lavorativo fosse il segno della benevolenza divina e attribuì grandi responsabilità alla
comunità, che tendeva a regolare i comportamenti dei singoli e l'intera vita sociale. Le colonie
americane furono il punto di approdo di tutti coloro che ritenevano inadeguata la Chiesa anglicana
(soprattutto puritani), troppo simile al papato romano: le terre americane costituirono per molti il
luogo dove costituire la comunità di coloro che sarebbero stati salvati. L'individualismo e il
comunitarismo si mescolarono: nelle città prevalevano comportamenti più liberi, che permettevano
il dispiegarsi delle capacità economiche di ciascuno, mentre nelle campagne le comunità religiose
tendevano a mantenere sotto controllo la vita collettiva. La forte presenza comunitaria, unita
all'origine essenzialmente commerciale degli insediamenti, fece sì che le colonie godessero di ampi
margini di autonomia, incentrati sulla presenza di assemblee rappresentative elettive locali. Il
controllo esercitato dal governo inglese sull'amministrazione locale era indiretto e guidato da
preoccupazioni di tipo meramente economico. Gli Atti di navigazione obbligarono le colonie a
commerciare esclusivamente con la madrepatria, sottoponendo sia le merci in entrata che in uscita
dalle colonie a tassazioni decise dal Parlamento inglese. A parte per l'ambito fiscale, gli spazi di
autogoverno affidati ai gruppi dirigenti locali erano notevoli. La conflittualità fra i governatori e le
assemblee delle singole colonie mantenne toni contenuti grazie a soluzioni di compromesso ma
nella seconda metà del XVIII secolo l'equilibrio si ruppe.
All'origine dei dissidi fra le colonie e la madrepatria ci furono interessi economici e fiscali. Il
governo poteva tassare le merci provenienti in entrata e in uscita dalle colonie e pose dei vincoli
allo sviluppo economico delle colonie americane per tutelare la supremazia della madrepatria. Tra i
gruppi mercantili nord-americani cominciò a crescere il malcontento per la disparità di trattamento
tra le imprese della madrepatria e quelle coloniali. La ragione del contrasto, però, fu di natura
politica e ruotava attorno all'estensione della partecipazione popolare alle scelte governative e ai
limiti al potere del sovrano. Nella discussione sulla composizione della rappresentanza, i whig
sostenevano il diritto a partecipare al governo del paese da parte di coloro che pagavano le tasse,
eleggendo i propri rappresentanti in Parlamento. Lo statuto delle colonie, però, escludeva questa
possibilità, assoggettando i sudditi americani alle decisioni del Parlamento inglese. I limiti posti al
potere regio riconobbero l'esistenza di diritti naturali che nemmeno il monarca poteva mettere in
discussione ma il rapporto di forza tra colonie e madrepatria sembrò consentire l'imposizione di
misure di natura giuridica e discale non contrattate con le assemblee locali. La vittoria della Gran
Bretagna nella guerra dei sette anni rappresentò un punto di svolta: grazie alle favorevoli clausole
del trattato di Parigi del 1763, il paese si trovò a decidere sul modo di governare non più un insieme
di colonie disposte lungo la costa atlantica nord-americana, ma un vero e proprio impero coloniale.
Le colonie americane, tuttavia, compresero di avere interessi propri, diversi da quelli britannici.
Iniziò a crearsi un'identità nord-americana diversa da quella inglese originaria. La madrepatria, poi,
aveva il problema di ripartire i costi sostenuti durante lo sforzo militare che affermò l'egemonia
inglese nella parte settentrionale del continente americano, da cui furono scacciati i francesi.
Vennero varati dei provvedimenti che interruppero la tradizionale politica di scarsa interferenza
nella vita delle colonie e che apparvero, agli occhi dei coloni inglesi, come l'intenzione del governo
73

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

della madrepatria di mutare a suo favore l'equilibrio politico e amministrativo: i territori dell'Ovest
vennero posti sotto il diretto controllo della corona (con il divieto di crearvi nuovi insediamenti),
aumentò la presenza militare britannica (il cui mantenimento era a spese dei coloni), vennero
approvate misure volte a garantire meglio i monopoli britannici e la riscossione dei dazi doganali,
venne proibita l'emissione di cartamoneta o di titoli nelle colonie e venne istituita la corte del
viceammiragliato (un tribunale speciale con giurisdizione sul commercio e la navigazione, privo di
giuria popolare e per questo percepito dai coloni come uno strumento repressivo del governo). Non
solo venne accresciuto il prelievo fiscale, ma nel 1765 venne introdotta un'apposita tassa con cui
finanziare i costi dell'amministrazione coloniale della madrepatria, lo Stamp act. Secondo la
tradizione inglese, l'introduzione di tasse senza l'approvazione dei rappresentanti del regno era
considerata dispotismo, un attacco alle libertà e alle proprietà dei sudditi: nonostante la tassa fosse
stata votata dal Parlamento, il problema consisteva nel fatto che lì non sedesse alcun rappresentante
dei coloni in America. Inizialmente la protesta si concentrò sulla tassazione, con atti di resistenza al
pagamento della nuova tassa, la crescita dell'evasione fiscale e la dichiarazione di illegalità delle
imposte votate senza la rappresentanza delle colonie. Il motto che emerse nei dibattiti pubblici fu no
taxation without representation (niente tasse senza rappresentanza). La mobilitazione nelle colonie,
appoggiata da alcuni esponenti whig in madrepatria, produsse l'abrogazione dello Stamp act ma il
Parlamento approvò una legge che affermava la legittimità delle leggi approvate in qualsiasi caso
per le colonie. A causa di nuove imposizioni fiscali nelle colonie esplosero nuove tensioni. Nel
1773 il governo inglese, per salvare la Compagnia delle Indie Orientali dalla bancarotta, le assegnò
il monopolio nel commercio del tè nelle colonie americane. A causa di questo ennesimo atto
ritenuto arbitrario e lesivo degli interessi dei mercanti americani, si verificò l'episodio conosciuto
come Boston tea party: un gruppo di coloni travestiti da nativi, gettarono in mare il carico di tè di
una nave della compagnia commerciale ancorata nel porto di Boston. Fu il primo segnale che
l'agitazione contro la politica fiscale si stava trasformando in agitazione politica. La reazione del
governo inglese fu durissima: il porto di Boston venne chiuso, le assemblee locali vennero
trasformate da elettive in organismi di nomina regia (con ampi poteri in mano ai governatori).
Venne approvato anche il Quebec act, una legge che istituì nell'ex colonia francese del Quebec un
governo senza rappresentanza locale, procedure giudiziarie prive di giuria e concesse libertà di culto
ai sudditi cattolici. Il provvedimento venne avvertito come una violazione del patto implicito tra
colonie e Gran Bretagna, sia perché il mantenimento di una forte comunità cattolica avrebbe evitato
l'assimilazione del territorio alle colonie puritane, sia perché la tolleranza non era ritenuta
accettabile per i cattolici (considerati sostenitori del potere assoluto dei sovrani e nemici delle
libertà dei popoli; la protezione ai cattolici sembrò far rinascere l'alleanza tra potere monarchico
dispotico e Chiesa anglicana filopapista contro cui i puritani combatterono nel XVII secolo). La
reazione dei coloni fu quella di convocare, nel 1774 a Philadelphia, un congresso dei rappresentanti
delle tredici colonie nel quale prevalse una linea moderata favorevole alla conciliazione e che
prevedeva azioni di boicottaggio delle norme commerciali e fiscali e la richiesta al sovrano di
abrogare le leggi vessatorie per poter trovare un compromesso sulle principali questioni. Giorgio III
re d'Inghilterra, però, decise di reagire con la forza a quella che egli giudicò come un'aperta
ribellione: nel 1775 iniziò la guerra d'indipendenza con gli scontri armati fra l'esercito inglese e le
milizie del Massachussets. Un secondo congresso continentale stabilì di organizzare un esercito
comune guidato da George Washington. L'esercito inglese, più esperto e organizzato, in un primo
tempo ebbe la meglio e arrivò ad occupare New York e Philadelphia. Tuttavia, a causa delle
difficoltà dei collegamenti nei grandi spazi americani e dell'ostilità della popolazione, che prestò
aiuto agli insorti, le sorti della guerra cominciarono a mutare. L'opinione pubblica europea,
sensibilizzata dalla propaganda organizzata dall'inviato delle colonie ribelli Benjamin Franklin,
seguì con partecipazione la vicenda e alcuni volontari europei si unirono agli insorti americani. Il 4
luglio 1776 il congresso approvò, nonostante i contrasti, la Dichiarazione d'indipendenza stilata da
Thomas Jefferson. In essa le ragioni della ribellione vennero definite a partire dal riconoscimento
del diritto naturale dei popoli alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità: se un governo
74

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

ostacolava tali diritti (come nel caso di quello britannico), allora doveva essere abbattuto. Nel 1777
l'esercito americano conseguì la sua prima vittoria a Saratoga. Grazie agli aiuti militari e ai
rifornimenti giunti da Francia e Spagna, i ribelli sconfissero definitivamente l'esercito inglese nella
battaglia di Yorktown. Con il trattato di Versailles del 1783, la Gran Bretagna riconobbe
l'indipendenza delle sue ex colonie americane, che presero il nome di Stati Uniti d'America.
Nel 1781, sotto la spinta delle esigenze belliche, vennero approvati gli Articoli di confederazione
proposti nel 1778, che stabilirono la formazione di una confederazione dei tredici Stati sorti dalle ex
colonie britanniche, superando la resistenza di coloro i quali erano restii a cedere parte della propria
sovranità ad un governo centrale di tipo confederale. Ogni stato era rappresentato da un delegato
all'assemblea confederale, chiamata Congresso, e manteneva ampie prerogative. Il governo centrale
rivestiva solo un ruolo di coordinamento fra i vari Stati in materia di economia, affari esteri e difesa.
Questa impostazione privò la neonata repubblica americana di una coerente direzione politica e
apparve a molti del tutto insoddisfacente. Mentre le assemblee dei singoli Stati procedettero a darsi
un nuovo assetto costituzionale, il dibattito sulla forma definitiva da dare agli USA si fece acceso: si
sviluppò un movimento d'opinione, detto federalista, che invocava la creazione di una federazione e
un deciso rafforzamento del governo centrale. Si andò affermando, così, l'idea di dotare gli USA di
una vera e propria costituzione scritta. Nel 1787 si riunì a Philadelphia un'assemblea appositamente
convocata per redigere la costituzione: dopo aspri dibattiti, venne approvato un testo breve ma
efficace. Gli USA divennero una repubblica di tipo federale, con un forte potere centrale dotato di
una propria sovranità, parallela a quella dei singoli Stati. Due camere formarono il Congresso: la
Camera dei rappresentanti, eletta direttamente dai cittadini sulla base di una ripartizione dei seggi
proporzionale alla popolazione dei singoli Stati, e il Senato, composto da due rappresentanti
nominati da ogni singolo Stato. Venne, quindi, raggiunto un compromesso tra i federalisti e i singoli
Stati (quelli più piccoli e meno popolosi ottennero la garanzia di non venire schiacciati dal peso di
quelli più grandi e più popolosi). L'equilibrio e la separazione dei poteri, secondo la teorizzazione di
Montesquieu, erano parti fondanti del nuovo sistema istituzionale. Il potere legislativo federale
garantiva l'autonomia legislativa dei singoli Stati; il potere esecutivo era incentrato sulla figura del
presidente; il potere giudiziario era indipendente, articolato su due distinti ambiti, quello federale e
quello dei singoli Stati. A difesa della costituzione venne posta la Corte suprema. A completamento
della carta costituzionale venne approvata una carta dei diritti che ribadì la volontà del potere
federale di rispettare i diritti individuali. I nativi, gli schiavi africani e le donne, però, rimasero del
tutto esclusi dai diritti di cittadinanza.

26. La rivoluzione francese


Tra il 1789 e il 1799 la Francia conobbe la più grande trasformazione politica mai realizzata fino a
quel momento in Europa occidentale. L'universo politico tradizionale, chiamato dai rivoluzionari
“antico regime”, venne spazzato via per far spazio ad una nuova cultura politica, che ancora oggi è
alla base della società contemporanea. La società di ordini e ceti venne sostituita con una società,
almeno idealmente, democratica ed egualitaria. La concezione del diritto fondato sul privilegio
venne sostituita dall'idea dell'uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. Il potere
monarchico, infine, venne travolto e sostituito da un potere repubblicano esercitato da
rappresentanti eletti che interpretano il sentire comune del nuovo soggetto sovrano: il popolo come
nazione. Questa trasformazione, che è uno dei pilastri su cui venne costruita la società del XIX e
XX secolo, fu possibile grazie al processo, iniziato in Francia in quegli anni, di allargamento della
partecipazione politica, di polarizzazione ideologica e di radicalizzazione.
Il sistema politico assolutistico creato da Luigi XIV presentava dei grandi limiti che furono evidenti
nel XVIII secolo. Il primo era la decisione di non convocare più gli Stati Generali (l'ultima
convocazione risaliva al 1614), che privò la monarchia di un'istituzione utile a cogliere gli umori
dei sudditi e gli orientamenti delle dei ceti dirigenti del paese, interpretati solo in minima parte dalle
75

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

fazioni cortigiane. La mancanza di un canale di collegamento adeguato tra la corte e la società


francese, articolata e complessa, finì per consentire ai Parlements (specialmente quello di Parigi) di
assumersi il compito di rappresentare moralmente gli interessi del paese. La loro natura di corti
giudiziarie, che non erano assemblee rappresentative, fece sì che esse potevano modificare gli
orientamenti politici dell'esecutivo ma non di avanzare proposte. Inoltre, il Parlement di Parigi,
attraverso le rimostranze, ovvero la possibilità di rifiutare la registrazione degli atti del sovrano
ritenuti contrari alle leggi fondamentali del regno, partecipava in modo indiretto alla dialettica
politica (che aveva i suoi punti di riferimento nelle dispute tra cattolici oltranzisti e giansenisti e
negli scontri tra fazioni cortigiane). Il Parlement di Parigi, più che un'istituzione capace di dare voce
alla società francese, finì per diventare un prolungamento dell'arena cortigiana. Un altro limite fu
dato dagli ostacoli all'incremento della tassazione, nonostante Luigi XIV riuscì, durante il suo
regno, ad aumentare il prelievo fiscale senza il consenso dei rappresentanti. La nobiltà godeva di
immunità fiscali e i beni ecclesiastici erano esenti dal prelievo fiscale. I progetti di riforma della
fiscalità si scontrarono con la dura opposizione del Parlements, della Chiesa e delle fazioni
dominanti a corte. La mancanza di istituzioni capaci di instaurare un collegamento fra il governo e
la realtà del paese e la difficoltà nel riformare il sistema fiscale erano tra loro connesse: una parte
della nobiltà, che maturò posizioni antiassolutistiche in seguito alla Fronda e al regno di Luigi XIV,
ammetteva l'ipotesi di essere soggetta a carico fiscale, ma solo in cambio di partecipazione al
processo decisionale (prospettiva che i sovrani esclusero fermamente). Dopo la morte di Luigi XIV
le speranze di vedere allentato l'autoritarismo monarchico visse una breve stagione di gloria: il
reggente del minorenne Luigi XV, Filippo d'Orléans (fratello del defunto sovrano), tentò di
allargare la partecipazione politica delle élites aristocratiche. Tuttavia tale politica, realizzata con
l'allargamento delle strutture cortigiane e non mediante il recupero degli Stati Generali, si esaurì
rapidamente. Vi fu anche il tentativo da parte del finanziere John Law di risanare le finanze statali
attraverso l'emissione di cartamoneta. Egli avanzò idee innovative, tra cui la rinuncia alla
convertibilità in oro delle banconote e la conversione di parte del debito pubblico in azioni della
banca di emissione e della Compagnia delle Indie Occidentali (che aveva il monopolio dello
sfruttamento della Louisiana). Per aiutare la corona nella sua opera di consolidamento del debito
pubblico, Law accettò titoli di stato al loro valore nominale invece del loro valore di mercato (che
era estremamente più basso del valore nominale) come pagamento per l'acquisto delle azioni della
compagnia commerciale. Si scatenò, quindi, un'autentica corsa all'acquisto delle azioni, perché tutti
i detentori di titoli preferivano convertirli in azioni della compagnia commerciale. Nel 1720 la
Compagnia delle Indie Occidentali, però, annunciò bassissimi dividendi per i suoi investitori, segno
di un cattivo andamento: l'intera architettura di Law andò in rovina, con ripercussioni in tutta
Europa. Mentre il finanziere fuggiva dal paese, la banca dichiarò la bancarotta e la compagnia
venne sciolta. Nel segno di questo doppio fallimento iniziò il regno di Luigi XV, durante il quale
non emersero soluzioni atte ad allargare la partecipazione politica e a risolvere la penuria di mezzi
finanziari delle casse statali. Nonostante la politica espansionistica del suo predecessore fu sostituita
da una strategia di contenimento delle potenze emergenti (Prussia e Russia) e di mantenimento
dell'egemonia francese nel teatro europeo e coloniale, le spese militari continuarono ad essere
ingenti. Anche il nuovo sovrano tentò di risolvere i problemi finanziari del regno con misure
autoritarie, dopo una consultazione limitata a ristretti ambienti cortigiani e ad alcuni funzionari:
queste misure, però, trovarono l'opposizione del Parlement di Parigi. Anche quando venne proposto
di istituire un catasto fondiario per tassare tutta la proprietà terriera, anche quella esente, i
Parlements si fecero promotori dell'opposizione alla politica del sovrano. Di fronte a tali difficoltà
venne proposta una riforma giudiziaria che avrebbe ridotto il ruolo dei Parlements, accompagnata
dalla promessa di tornare a convocare gli Stati Generali. Questo tentativo, con cui si cercò di colpire
una delle istituzioni portanti della monarchia, rappresentò la più diretta manifestazione della volontà
di applicare concretamente la teorica assolutezza del potere sovrano. L'ascesa di Luigi XIV nel
1774, però, interruppe questo tentativo e ripristinò il tradizionale potere dei Parlements. Con la
crescita di un'opinione pubblica che, in mancanza di libertà di stampa, cominciò a ad esprimersi
76

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

attraverso gazzette e pamphlets anonimi, il nuovo sovrano decide di non insistere con metodi
autoritari che rischiavano di spaccare il paese. La soluzione del difficile problema del disavanzo del
bilancio statale venne affidata a intellettuali riformatori come Jacques Turgot e Jacques Necker (le
loro idee erano ispirate alle teorie di Montesquieu, si rifacevano al pensiero dei filosofi illuministi,
guardavano con ammirazione al modello inglese di monarchia parlamentare ed appoggiavano i
ribelli nord-americani nella guerra d'indipendenza).
Dopo la guerra delle farine, una serie di sommosse popolari causate dalla carestia e dalla
liberalizzazione del mercato dei grani voluta da Turgot, e dell'aumento del debito pubblico causato
dall'appoggio francese ai ribelli nord-americani contro la Gran Bretagna, Turgot venne sostituito da
Necker. Egli cercò un più ampio consenso alle istanze riformatrici tra i gruppi dirigenti e l'opinione
pubblica per poter portare avanti i progetti di riassetto delle finanze regie. Nel 1781, il ministro
decise di rendere pubblico il disastrato bilancio statale (considerato tradizionalmente un segreto di
stato), un atto clamorosa che spinse i settori più conservatori della corte a invocare (e ottenere) le
sue dimissioni. Negli anni successivi la crisi politico-finanziaria si aggravò. Il paese si divise tra chi
puntava alla trasformazione della monarchia in senso costituzionale e i settori più conservatori della
nobiltà e del clero che videro l'indebolimento della monarchia come un'occasione per redistribuire il
potere a vantaggio degli ordini privilegiati. Nei suoi attacchi, il Parlement di Parigi denunciò con
forza il dispotismo dei ministri e l'eccessiva pressione fiscale gravante soprattutto sulle spalle dei
ceti meno abbienti. Di fronte all'impossibilità di trovare una soluzione non conflittuale alla crisi, i
sovrani e i suoi ministri presero la disperata decisione di convocare gli Stati Generali, l'unica
istituzione in grado di autorizzare l'imposizione di nuove tasse, per il mese di maggio del 1789. Gli
Stati Generali francesi erano divisi in tre ordini, che si riunivano in camere separate: il clero, la
nobiltà e il Terzo Stato (che comprendeva i rappresentanti della stragrande maggioranza della
popolazione). Convocati saltuariamente dai sovrani per ottenere l'assenso del regno al loro indirizzo
politico e per approvare l'imposizione di nuove tasse, gli Stati Generali erano privi di una chiara e
codificata normativa che ne definiva con precisione i caratteri giuridici e le modalità d'azione. Nella
primavera del 1789 si mise in moto un complicato sistema elettorale per la nomina dei rappresentati
dei tre ordini, al quale si accompagnò la redazione dei cahiers de doléances, documenti politici,
anch'essi divisi per ordini, contenenti l'elenco dei problemi del paese e delle rivendicazioni per i
quali ci si attendeva provvedimenti adeguati dagli Stati Generali. Le elezioni dei rappresentanti si
svolsero in un clima di grande incertezza: erano più di centosettantacinque anni che l'istituzione non
veniva convocata e ci fu un dibattito molto acceso sulla composizione e sul ruolo della
rappresentanza. In particolare vi fu grande incertezza su due punti: sul numero di rappresentanti da
attribuire al Terzo Stato e sulle modalità di voto (cioè se si dovesse votare per ordine, concedendo
un solo voto per ogni ordine, o se si dovesse votare per testa, concedendo un voto a ciascun
deputato). Una parte della nobiltà francese, di orientamento liberale, propose agli Stati Generali un
modello di monarchia parlamentare simile a quello inglese. Il suo rappresentante più influente fu
Luigi Filippo duca d'Orléans, che promosse la formazione di un gruppo politico con lo scopo di
acquisire la maggioranza agli Stati Generali: ciò, tuttavia, era possibile solo in caso di voto per
testa. I settori più conservatori della nobiltà e del clero, tra cui spiccava Carlo di Borbone conte di
Artois, fratello del re, cercarono di acquisire la maggioranza tra il clero e i nobili, con lo scopo di
mantenere il tradizionale voto per ordine (che avrebbe garantito una maggioranza di due voti su tre
negli Stati Generali). Tra i due schieramenti il debole Luigi XVI oscillò in modo politicamente
incoerente, spesso trascinato dall'influenza della moglie Maria Antonietta (figlia di Maria Teresa
d'Austria). La stessa regina, in quanto austriaca, per le sue discusse amicizie fu al centro delle
polemiche da parte della stampa, contribuendo al discredito della monarchia. Le scelte ondivaghe
del sovrano, che richiamò Necker per poi licenziarlo nuovamente e che concesse il doppio del
numero dei deputati al Terzo Stato ma mantenne il voto per ordine (vanificando la precedente
concessione, facendola anzi apparire una beffa) aggravarono una situazione già caotica. Il 5 maggio
1789 a Versailles si riunirono gli Stati Generali e si impegnarono a sciogliere il problema della
modalità di votazione, senza raggiungere l'accordo. Il 17 giugno, rifiutando il voto per ordine, i
77

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

rappresentanti del Terzo Stato (a cui si unirono alcuni esponenti del clero) si proclamarono
Assemblea nazionale, ossia rappresentanza della nazione. Per evitare che la maggioranza degli Stati
Generali, su iniziativa dei nobili liberali, procedesse a deliberazioni, il re ordinò di sbarrare la porta
della sala dove si tenevano le sedute e iniziò a correre la voce che volesse anche sciogliere
anticipatamente gli Stati Generali. I deputati del Terzo Stato, il 20 giugno, si riunirono nella sala
della pallacorda e furono artefici di un atto chiaramente eversivo: essi si proclamarono Assemblea
nazionale costituente e giurarono di non sciogliersi finché non avessero dato una costituzione alla
Francia. Luigi XVI tentò di ricucire lo strappo istituzionale invitando anche la nobiltà e il clero a
partecipare alla discussione dell'assemblea.
Nei giorni immediatamente successivi alla nascita della costituente, voci insistenti circolarono a
Parigi circa un possibile colpo di stato architettato dal sovrano per stroncare il nascente regime
rappresentativo. Il timore (fondato) provocò un'insurrezione del popolo di Parigi, che il 14 luglio
attaccò e devastò la Bastiglia, carcere simbolo del potere monarchico. Per la prima volta si
manifestò uno degli aspetti caratterizzanti della rivoluzione: il protagonismo popolare. La diffusione
di temi politici era organizzata da gruppi, detti club, presenti nell'assemblea. Si formò un'opinione
pubblica molto più estesa e informata di quella precedentemente esistente: nelle strade e nei locali
pubblici ampie quote della popolazione discuteva degli avvenimenti e delle questioni, prendendo
parte alle vicende politiche. Tutto ciò fu possibile grazie al tracollo degli apparati di repressione e di
censura, ma anche dalla rapida radicalizzazione della discussione politica. I nobili reazionari
fuggirono da Parigi e formarono una vera e propria fazione di emigrati, fortemente legato agli
ambienti di corte. Ciò provocò un clima di sospetto che coinvolse direttamente la figura del
sovrano, che apparve politicamente tentennante e incerto sulla propria strategia, tanto da stimolare
continue illazioni su un complotto volto a stroncare il nascente regime costituzionale. Venne
costruita l'immagine dell'aristocratico privilegiato che trama nell'ombra per difendere l'antico
regime dispotico, vizioso e corrotto, che si contrappose all'immagine del patriota rivoluzionario, che
combatte apertamente per la libertà l'uguaglianza e la fratellanza tra i cittadini. A Parigi si insediò
un nuovo governo municipale (la Comune), espressione del movimento rivoluzionario, dotato da
una milizia armata (la guardia nazionale) e guidato dall'aristocratico liberale Marie-Joseph de
Motier marchese di La Fayette. Nelle campagne, complice la scarsità di informazioni provenienti da
Parigi (non si sapeva chi era insorto e contro chi) si diffuse un'ondata di sommosse contadine (detta
“grande paura”) diretta a sventare sul nascere la reazione aristocratica: in tutto il paese i contadini
assaltarono i castelli, bruciarono i documenti relativi ai diritti signorili e distrussero i simboli del
potere feudale. La nobiltà liberale guidò l'Assemblea nazionale a proclamare l'abolizione del regime
feudale e dei diritti gravanti sulle persone e relativi privilegi. Le decisioni dell'assemblea furono
condizionate da ciò che succedeva nel paese e viceversa. I principali club che organizzavano le
correnti presenti in assemblea godevano di seguito popolare ed erano, quindi, capaci di organizzare
manifestazioni a sostegno delle loro posizioni. Si creò un sistema politico che, oltre ai due fuochi
rappresentati dall'Assemblea nazionale e dalla corte, ne aveva un terzo rappresentato dalla piazza,
ovvero l'azione (spesso violenta) delle masse popolari. La piazza, inizialmente pilotata dai gruppi
politici presenti in assemblea, diventò sempre più autonoma: strati sociali normalmente esclusi dalla
partecipazione politica impararono a influenzare con la propria azione il quadro politico. In
particolare, a Parigi si formò un autonomo soggetto popolare, i sanculotti (da sans-culottes,
chiamati così perché indossavano i pantaloni lunghi e non i pantaloni corti e aderenti, le culottes
indossate dall'aristocrazia). L'assemblea svolse un enorme lavoro legislativo diretto a smontare le
fondamenta dell'antico regime per costruire un nuovo equilibrio costituzionale; la corte fu incapace
di assumere la guida del processo e fu tentata da ipotesi di colpo di stato; la piazza intervenne
duramente più volte per difendere la rivoluzione e imporre forti accelerazioni al processo di
mutamento istituzionale. Il 29 agosto venne proclamata la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del
cittadino, con la quale (per la prima volta dopo l'analoga dichiarazione americana) vennero
riconosciuti come naturali e imprescrittibili i diritti individuali e sancita l'uguaglianza di tutti i
cittadini di fronte alla legge. Tale decisione avvenne in un clima di sostanziale concordia ma le
78

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

scelte successive iniziarono a dividere l'assemblea. Ci furono divisioni sul ruolo del sovrano nella
nuova costituzione e sull'opportunità di concedere al monarca il diritto di veto sulle leggi
dell'assemblea. Molto difficile fu l'assunzione di provvedimenti volti a risolvere la grazie situazione
finanziaria, mediante la confisca dei beni del clero. Vennero approvate drastiche riforme: vennero
soppressi i Parlements, venne separato il potere giudiziario dall'esecutivo e dal legislativo, venne
suddiviso il paese in 83 dipartimenti e venne redatta una costituzione civile del clero (che obbligò i
religiosi a prestare giuramento di fedeltà al nuovo regime e delineò una Chiesa francese autonoma
dal papato). Molti altri aristocratici e religiosi decisero di unirsi agli emigrati: gli ecclesiastici che
decisero di non giurare fedeltà al nuovo regime vennero chiamati “refrattari”. Nel giugno del 1791
Luigi XVI fuggì da Parigi con la famiglia per raggiungere gli emigrati, sperando nella solidarietà
delle altre dinastie regnanti europee, anch'esse interessate a schiacciare il processo rivoluzionario
che rischiava di espandersi all'intero continente. La carrozza su cui il sovrano viaggiava in incognito
venne intercettata a Varennes e il re fu ricondotto a Parigi. Nonostante le richieste dei membri più
radicali dell'assemblea, la maggioranza decise per il mantenimento della forma di governo
monarchico-costituzionale. Una manifestazione di ispirazione repubblicana, il 17 luglio, venne
brutalmente repressa dalla guardia nazionale, provocando ulteriori divisioni nell'assemblea.
Quest'ultima, a conclusione del proprio lavoro, a settembre proclamò la costituzione. La Francia
divenne una monarchia costituzionale in cui al sovrano spettava il potere esecutivo (attraverso la
nomina dei ministri) e il potere legislativo toccava a una camera eletta con un sistema elettorale a
doppio livello (gli aventi diritto al voto eleggevano speciali elettori che avrebbero poi eletto i
deputati dell'Assemblea legislativa; il suffragio era su base censitaria).
I tumultuosi eventi dei primi due anni della rivoluzione videro una serie di importanti mutamenti
nel sistema politico francese. La corte cessò progressivamente di essere un luogo di proposta
politica. Con l'emigrazione di molti esponenti dell'aristocrazia e del clero, il sovrano si vide sempre
più isolato, costretto a sperare nell'aiuto delle potenze straniere: il fratello del re e i circoli dei nobili
emigrati tentarono di coinvolgere l'imperatore Leopoldo II e Federico Guglielmo II re di Prussia in
una coalizione militare volta a soffocare la rivoluzioine e a restaurare l'antico regime in Francia:
l'alleanza fu siglata a Pillnitz ad agosto. Nell'Assemblea legislativa dominò la Società degli amici
della costituzione, meglio conosciuto come il club dei giacobini (perché i membri si riunivano
nell'ex convento domenicano dei frati giacobini), il gruppo politico che raccolse subito il meglio
della nobiltà liberale. I giacobini assunsero via via posizioni più rigide, che condussero a una
scissione e all'emarginazione del duca d'Orléans e del marchese di La Fayette: quest'ultimo si mise
a capo di un gruppo più moderato, il club dei foglianti (i membri si riunivano nell'ex monastero
dell'Ordine dei foglianti). Sia all'interno che all'esterno dei gruppi giacobini emersero posizioni
repubblicane (un altro club repubblicano fu quello dei cordiglieri, guidato da Georges Danton).
Nonostante nell'Assemblea legislativa la maggioranza fosse di orientamento moderato, le posizioni
repubblicane (tra le quali c'erano i deputati girondini, proveniente dal dipartimento della Gironda)
diventarono sempre più influenti. Nell'aprile del 1792m dopo accesi dibattiti, l'assemblea dichiarò
guerra al nuovo imperatore Francesco II d'Asburgo, sotto la spinta dei moderati, che auspicavano un
rafforzamento del nuovo regime. La situazione, tuttavia, si fece subito drammatica: gli eserciti
imperiale e prussiano invasero il suolo francese e la rivoluzione sembrò sul punto di essere spazzata
via. A quel punto la piazza determinò un'accelerazione del processo rivoluzionario: la folla di
Parigi, il 10 agosto, sotto la spinta dei gruppi più radicali, assalì il palazzo reale delle Tuileries e
costrinse l'Assemblea legislativa a ordinare la deposizione e l'arresto di Luigi XVI, con l'accusa di
tradimento della patria. Venne formato un Comitato esecutivo provvisorio guidato da Danton e
venne stabilita l'elezione a suffragio universale maschile di una nuova assemblea costituente, la
Convenzione, che aveva il compito di dare alla Francia una nuova costituzione (repubblicana e non
più monarchica). Questi eventi determinarono un cambio nei gruppi dirigenti dela rivoluzione,
sostituiti rapidamente da elementi più giovani e meno compromessi nei rapporti con la corte: la
nuova generazione di rivoluzionari non era di nobile estrazione ed esercitava professioni liberali.
Maximilien de Robespierre assunse la guida dei giacobini, mentre il leader dei girondini divenne
79

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Jacques-Pierre Brissot. Il nuovo gruppo dirigente fu capace, in un momento di assoluta emergenza,


di riorganizzare l'esercito, fronteggiare i problemi alimentari, espellere i preti refrattari e confiscare
i beni degli emigrati. In un clima di enorme tensione, mentre la folla assaltava le carceri per
uccidere i presunti nemici della patria, vennero istituiti dei tribunali rivoluzionari, per processare
coloro che si riteneva tramassero alle spalle della rivoluzione. Queste misure, unite alla leva
obbligatoria di massa, resero possibile la vittoria militare di Valmy del 20 settembre contro
imperiali e prussiani. La vittoria fu accolta con grandi manifestazioni di gioia in tutto il paese: si
trattò della vittoria di un esercito raccogliticcio e male addestrato contro un esercito esperto e
superiore numericamente e la patria sventò, almeno per il momento, il pericolo di un'invasione
straniera. Due giorni dopo la Convenzione proclamò la Prima Repubblica francese. Il 21 gennaio
1793, Luigi XVI venne processato e giustiziato.
La morte di Luigi XVI spinse le potenze europee alla formazione di una vasta coalizione
antifrancese. Contemporaneamente, la situazione interna del paese si fece ancora più drammatica: in
una Parigi in mano ai sanculotti si registrò ormai una continua e insostenibile pressione sulla
Convenzione da parte delle masse popolari. Nella regione della Vandea, il rifiuto della coscrizione
di massa, unito alla predicazione degli ecclesiastici refrattari e all'avversione alla rivoluzione della
nobiltà locale, produsse una rivolta generale di stampo monarchico e cattolico. La situazione sfuggì
di mano alla maggioranza girondina che guidava la Convenzione, stretta dalla pressione esercitata
dalla fazione più radicale dell'assemblea, quella della Montagna (formata da giacobini, cordiglieri e
le fazioni più estremiste degli arrabbiati e degli hebertisti, seguaci di Jacques-René Hébert), e dalla
temibile agitazione di piazza dei sanculotti. Grazie al sopravvento preso dai gruppi montagnardi, il
24 giugno la Convenzione approvò la costituzione dell'anno I, assai avanzata in senso democratico
(prevedeva la divisione dei poteri, il suffragio universale maschile e il riconoscimento del diritto al
lavoro e all'assistenza), ma non entrò mai in vigore. Mentre le forze della coalizione antifrancese
invasero il paese, in diverse province esplosero sollevazioni girondine contro il potere dei giacobini.
Il potere venne saldamente assunto dal Comitato di salute pubblica, un organo straordinario formato
da 12 membri formato da esponenti montagnardi (fra i quali Robespierre e Louis Antoine Saint-
Just), affiancato da un Comitato per la sicurezza generale, incaricato della polizia politica.
Dichiarando di voler arginare la guerra civile e la disgregazione della repubblica, questo organo
decise l'eliminazione fisica, sistematica e senza possibilità di difesa, di tutti gli avversari politici,
dando inizio alla fase del “terrore rosso”. Dopo essere stati sottoposti a processi sommari dai
tribunali rivoluzionari, sotto i colpi della ghigliottina (la macchina per la decapitazione inventata dal
medico Guillotin) caddero esponenti del passato regime, come la regina Maria Antonietta,
aristocratici liberali (tra cui il duca di Orléans), intellettuali e famosi leader della rivoluzione come
Brissot, Danton ed Hébert. Oltre ad essi vennero giustiziati migliaia di veri o presunti avversari del
regime. Il regime rivoluzionario adottò un nuovo calendario (a contare dall'instaurazione della
repubblica); esponenti radicali lanciarono campagne di scristianizzazione, con la creazione del culto
della Ragione e di quello dei martiri rivoluzionari. La pesante situazione economica venne arginata
drasticamente con misure di calmiere dei prezzi e di controllo della produzione. Lo strapotere
arbitrario e repressivo del Comitato di salute pubblica trovò l'avversione della maggioranza dei
membri sopravvissuti della Convenzione: approfittando dell'importante vittoria riportata
dall'esercito francese nella battaglia di Fleurus nel giugno del 1794 e facendosi forte di un'opinione
pubblica stanca del clima di terrore e intimorita dalla mancanza di garanzie giuridiche individuali,
organizzarono un colpo di stato con la complicità di alcuni esponenti del Comitato di salute
pubblica. Nella notte tra il 26 e il 27 luglio la Convenzione ordinò l'arresto di Robespierre e Saint-
Just, che vennero ghigliottinati. Il comitato venne gradualmente sciolto, le leggi speciali sui sospetti
e i tribunali rivoluzionari furono abrogate, vennero riammessi nella Convenzione i deputati
girondini espulsi e vennero epurati i sostenitori di Robespierre. L'eliminazione della classe politica
radicale fece riapparire sulla scena i filomonarchici, che si dedicarono a una serie di cruente
vendette personali contro esponenti giacobini e sanculotti: fu il periodo del “terrore bianco”. La
Convenzione procedette allo smantellamento delle norme di protezione sociale, come il calmiere
80

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

dei prezzi, creando grande scontento fra la popolazione. Le difficoltà economiche fecero esplodere
la rivolta del popolo parigino, che venne però repressa nel sangue e segnò la definitiva caduta dei
giacobini. In questo clima, il 22 agosto 1795, venne proclamata la nuova costituzione dell'anno III,
improntata all'esigenza sia di sottrarre l'attività legislativa alla pressione delle masse popolari sia di
evitare una restaurazione realista. La costituzione, di orientamento molto moderato, con norme che
limitavano la libertà di stampa e di associazione, cercò, attraverso la reintroduzione del voto per
censo a doppio livello e l'istituzione di un Parlamento bicamerale, di restituire sicurezza all'organo
legislativo. La nuova costituzione assicurò la continuità repubblicana e assegnò il potere esecutivo a
un Direttorio, composto da cinque membri.

27. L'erede imperfetto: Napoleone Bonaparte


Napoleone Bonaparte fu un grande condottieri, un abile politico ed eccellente stratega. Inaugurò un
periodo di preponderanza francese sulla scena politica e militare del continente europeo (a cui
sfuggì solo la Gran Bretagna, in virtù della propria supremazia economica e navale). L'aspetto
straordinario di napoleone fu la sua irresistibile ascesa al potere: egli non nacque sovrano di
Francia, e proveniva da una famiglia di classe media. Con lui, per la prima volta dopo Oliver
Cromwell, un generale di modeste origini acquistò un potere monocratico che si trasformò in potere
monarchico. Entrambi i personaggi dovettero la loro ascesa a sconvolgimenti politici di vasta
portata, gli unici nella storia europea che portarono alla condanna a morte di un sovrano. Napoleone
doveva ricevere la necessaria legittimazione a governare: si fece incoronare imperatore dei francesi
e non della Francia, a indicare che la sua legittimità derivava dal consenso popolare e non dalla
successione dinastica garantita dalla volontà divina. Da una parte, egli fu l'erede della rivoluzione
francese: contro le potenze europee legittimiste, che tentarono di imporre il ritorno in Francia dei
Borbone, egli riaffermò il diritto del popolo francese a scegliere il proprio governo e di mantenere
alcune conquiste rivoluzionarie (come la concezione di cittadinanza e, almeno in teoria,
l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge). Dall'altra,egli rappresentò la forza di un potere
monarchico che, dopo la rivoluzione, riacquistò influenza e prestigio. Per molti francesi, stanchi
della guerra civile, si trattò di affidare il governo a un uomo forte, in grado di imporre il proprio
potere anche alle due posizioni estreme presenti nel paese: i filomonarchici (che auspicavano il
ritorno dei Borbone e la restaurazione dell'antico regime) e i giacobini (i quali volevano formare
una salda repubblica che incarnasse i princìpi della rivoluzione). Napoleone riuscì a farsi accettare
dagli uni e dagli altri presentandosi, in maniera ambigua ma efficace, come erede della monarchia
assoluta e della rivoluzione allo stesso tempo.
L'entrata in vigore della costituzione dell'anno III nel 1975 non risolse i problemi di ordine pubblico
in Francia. Una volta nominato il primo Direttorio, formato da repubblicani, esso dovette affrontare
una situazione molto difficile. Nonostante i successi militari (che portarono alla pace con Prussia e
Spagna e alla trasformazione delle Province Unite nella repubblica batava controllata dai francesi),
la Francia rimase in guerra con la Gran Bretagna, l'impero e il Regno di Sardegna. Sul piano interno
il Direttorio assunse misure repressive nei confronti dei monarchici e dei giacobini (i repubblicani
radicali), che non si rassegnarono a una normalizzazione in senso moderato degli assetti politici: nel
1796 il Direttorio sventò a Parigi la cosiddetta “congiura degli eguali”, una cospirazione di stampo
democratico-egualitario capeggiata da Gracco Babeuf e Filippo Buonarroti. Le emergenze belliche
e interne vennero risolte con una soluzione militare. Venne attuato un attacco all'impero e al Regno
di Sardegna su due fronti: l'armata principale avrebbe dovuto varcare il Reno mentre un'armata
secondaria, guidata dal generale Napoleone Bonaparte, avrebbe dovuto invadere il Piemonte e
minacciare gli Asburgo da Sud. L'attacco principale fallì, mentre invece le truppe napoleoniche
ottennero una serie di successi che portarono all'invasione del Piemonte, della Lombardia e dello
Stato della Chiesa (schierato con la coalizione antifrancese). Napoleone conquistò Milano e
Mantova, minacciando di raggiungere Vienna da Sud, ma nel 1797 firmò il trattato di
81

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Campoformio: l'impero riconobbe la sovranità francese sui Paesi Bassi e sulla Lombardia, mentre
ottenne i territori della Repubblica di Venezia (che terminò la sua lunga storia di indipendenza). La
Francia si trovò ad esercitare un netto predominio sulla penisola italiana. L'egemonia non fu data
solo dall'uso dalle armi, ma anche dall'appoggio che buona parte degli italiani mostrò per gli ideali
repubblicani, con la speranza di liberarsi delle strutture dell'antico regime. Si formò la Repubblica
Cispadana (che adottò il tricolore italiano), che in seguito divenne la Repubblica Cisalpina grazie
all'annessione della Lombardia; la Repubblica di Genova divenne la Repubblica Ligure; nel 1798 lo
Stato della Chiesa venne invaso dall'esercito francese e trasformato nella Repubblica Romana.
Inoltre, in seguito al tentato intervento di Ferdinando IV re di Napoli, a favore del papa, anche il
Regno di Napoli venne occupato e nacque la Repubblica Partenopea (il re si rifugiò in Sicilia,
protetto dalla flotta inglese). Sconfitto l'impero, rimase solo la Gran Bretagna ad opporsi alla
Francia. Per minacciare i commerci britannici con l'India e l'Estremo Oriente, il Direttorio promosse
una spedizione militare in Egitto, guidata da Napoleone. Egli sconfisse l'esercito egiziano nella
battaglia delle Piramidi, ma la flotta francese venne sconfitta da quella inglese comandata
dall'ammiraglio Horatio Nelson nelle acque di Abukir. Il Direttorio cercò di risolvere militarmente
anche i problemi politici: le elezioni del 1797 furono vinte dai monarchici e il Direttorio reagì con
un colpo di Stati annullando i risultati elettorali ed epurando i filomonarchici; l'anno dopo le
elezioni furono di nuovo annullate a causa della vittoria dei giacobini. Nel 1799 Napoleone rientrò
in Francia e rovesciò il governo con un colpo di stato ordito insieme all'abate Emmanuel-Joseph
Sieyès (un rivoluzionario famoso per aver scritto Che cos'è il Terzo Stato? nel 1789). Il Direttorio
venne sciolto e il potere assunto da tre uomini che si autoproclamarono consoli della repubblica:
Sieyès, Napoleone e Roger Ducos. Nelle intenzioni di Sieyès il consolato avrebbe dovuto garantire
stabilita e ordine pubblico alla Francia, grazie alla preminenza dell'esecutivo sul potere legislativo;
tuttavia tale preminenza era fondata sulla forza delle armi, che erano controllate da Napoleone:
secondo la nuova costituzione dell'anno VIII, egli si proclamò primo console, assicurandosi un
sostanziale predominio.
La scelta di affidare la guida della repubblica a un uomo forte e che gode della fiducia dell'esercito,
poggiava su due ragioni: l'incapacità del Direttorio di assicurare la stabilità politica e l'emergenza
bellica creatasi con la formazione della seconda coalizione antifrancese (formata da Gran Bretagna,
Russia, impero, Prussia, impero ottomano, Svezia e Regno di Napoli), decisa a stroncare l'egemonia
francese. Le repubbliche fondate da Napoleone vennero abbattute con l'invasione della coalizione in
Italia, agevolata dai cattolici tradizionalisti che si organizzarono nell'esercito “sanfedista” (sostenuto
anche dagli inglesi), così chiamato perché devoto alla “santa fede” e alla causa dei Borbone: i
liberali che guidarono le sorti delle repubbliche vennero giustiziati in maniera drammatica. Le
sollevazioni sanfediste, cominciate a Napoli, si estesero in tutta Italia e facilitarono il compito alla
coalizione, che pose termine alle esperienze repubblicane. Tuttavia, Napoleone scese di nuovo in
Italia e la riconquistò. Venne firmato un concordato con il papa, in base al quale quest'ultimo
riconobbe la repubblica francese in cambio del riconoscimento del cattolicesimo come religione
della maggioranza dei francesi. Consolidata la propria posizione, grazie alla fine della guerra e al
concordato con la Chiesa, nel 1802 Napoleone si fece proclamare console a vita (atto legittimato
grazie a un plebiscito): fu un primo passo verso la trasformazione del consolato in monarchia.
Ulteriori decreti incrementarono i suoi poteri, fra cui anche il diritto di designare il proprio
successore. A coronamento di tale processo, venne approvata una nuova costituzione dell'anno XII,
ratificata da un nuovo plebiscito, che trasformò la carica di primo console in quella, ereditaria, di
imperatore dei francesi. La Francia passò da una repubblica a un impero, una scelta benedetta dal
papa Pio VII, che nel corso di una solenne cerimonia nella cattedrale di Notre Dame di Parigi,
consacrò Napoleone porgendogli la corona di imperatore che egli stessi si mise sul capo. La ricerca
della legittimazione passò anche attraverso la creazione di una nuova aristocrazia che, pur non
godendo di privilegi, rappresentò una base di consenso al nuovo regime. Vennero creati nuovi titoli
nobiliari, ridisegnando l'élite sociale francese e assegnando tali titoli a militari e funzionari fedeli
all'imperatore. Napoleone si impegnò per una riforma della vita associata: vennero riordinate le
82

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

finanze pubbliche e il sistema giudiziario e venne promossa una fondamentale opera di


codificazione del diritto. Furono promulgati il codice civile (che riassumeva molte conquiste
rivoluzionarie, come la libertà individuale, la laicità dello Stato, l'uguaglianza dei cittadini e
l'abolizione del feudalesimo), il codice di commercio e il codice penale. Vennero anche rafforzati
gli apparati di sicurezza, con l'istituzione di una potente polizia (comandata da Joseph Fouché) che
si dedicò alla tutela dell'ordine pubblico per dare sicurezza alle attività economiche e commerciali,
ma anche alla repressione di ogni forma di dissenso, anche grazie alla censura.
Con Napoleone si realizzò per la prima volta nella storia europea un regime di un uomo che fonda il
proprio potere sul controllo dell'esercito e che si preoccupa di legittimare il proprio ruolo tramite il
consenso popolare, espresso tramite i plebisciti (questo modello venne imitato, a partire dal 1851,
da Luigi Napoleone, divenuto l'imperatore Napoleone III, che organizzò un colpo di stato, sancito
solo successivamente da un plebiscito). Questo modello è stato definito dagli storici come
cesarismo, in riferimento alla dittatura militare di Giulio Cesare, che pose fine all'esperienza
repubblicana dell'antica Roma. Napoleone rappresentò la certezza della fine dei contrasti politici
interni, una normalizzazione che promise di conservare una parte delle conquiste realizzate dalla
rivoluzione. L'ordine politico e sociale costruito da Napoleone era molto diverso da quello della
monarchia dei Borbone: si realizzò, infatti, la rottura dei poteri e privilegi di antico regime che la
politica assolutistica non riuscì a scardinare. Il cuore del mutamento introdotto da Napoleone fu la
riforma amministrativa, impostando la macchina statale in modo strettamente gerarchico e
sottoponendo i dipartimenti nel territorio francese ad un intenso lavoro di raccolta di informazioni e
statistiche necessarie all'azione di un governo centralizzato. Il controllo sulle realtà locali venne
realizzato attraverso la scelta governativa degli amministratori e dalla presenza in ogni dipartimento
di prefetti. Lo Stato iniziò ad avere un ruolo sempre più incisivo: ci fu un miglioramento delle
condizioni sanitarie, dei livelli di istruzione e dell'efficienza dell'amministrazione e delle finanze
statali, ma anche la sottomissione della società agli ordini emessi dal potere e la tendenza delle
autorità a porre vincoli all'attività individuale (mediante il controllo poliziesco). Il potere esecutivo
di ispirazione militaresca, pur riconoscendo alcune conquiste rivoluzionarie, se ne servì per
legittimare la propria gestione autoritaria. Ci fu una razionalizzazione delle strutture statali
(ricostruite secondo una logica piramidale) e venne formato personale addestrato a lavorare nelle
nuove strutture pubbliche, che poteva godere di salario e un corrispondente ruolo sociale, ovvero la
considerazione pubblica per chi ha un impiego statale e che si vede titolare della missione di
rappresentare e servire lo Stato di fronte ai bisogni dei cittadini. Lo Stato assunse sempre più la
forma anonima e imperscrutabile di un catena di comando: al posto del principio di fedeltà
personale si affermò quello dell'adesione impersonale a un ruolo e agli obblighi che esso comporta.
Si realizzò, quindi, una monarchia amministrativa, ovvero una monarchia che fa perno sui moderni
apparati dell'amministrazione pubblica (abbandonando la tradizionale legittimazione sacrale). La
straordinaria crescita della produzione legislativa, l'affermarsi del tecnicismo giuridico e
l'ampliamento del raggio di intervento dello Stato finirono per incrementare il potere di mediazione
degli apparati pubblici. I burocrati furono i protagonisti di tale monarchia e i modelli di gestione
della cosa pubblica furono esportate dalle armate francesi in tutto il continente europeo, grazie alla
spinta espansionistica impressa da Napoleone. Si affermò una nuova etica del servizio pubblico,
ispirata a valori di dedizione alla patria e al bene collettivo, e la conferma dei princìpi egualitari
della rivoluzione, che imposero che gli alti gradi dell'amministrazione fossero riservati ai meritevoli
e non ai privilegiati per nascita. Venne, perciò, riformato il sistema dell'istruzione superiore per
formare la nuova classe dirigente. Grazie al talento chiunque poteva aspirare a una carriera al
servizio dello Stato, anche partendo da posizioni sociali inferiori.
Preoccupata per la forza del nuovo regime napoleonico, la Gran Bretagna riprese la guerra contro la
Francia: nel 1805 promosse una terza coalizione antifrancese, a cui si unirono l'impero austriaco
(nato dal ridimensionamento territoriale del Sacro Romano Impero, a vantaggio della Francia), la
Russia, la Svezia e il Regno di Napoli. La flotta dell'ammiraglio Nelson riuscì a sconfiggere la flotta
francese nelle acque di Trafalgar, ma l'esercito austro-russo subì una disastrosa sconfitta ad
83

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

Austerlitz. Il trattato di Presburgo sancì la cessione da parte dell'Austria del Veneto, della Dalmazia
e dell'Istria al Regno d'Italia (nato dall'evoluzione della restaurata Repubblica Cisalpina in
Repubblica italiana e successivamente in Regno d'Italia), di cui Napoleone era il re. Nel 1806
Napoleone ridisegnò la cartina europea, creando una serie di stati satelliti della Francia, sui quali
insediò i propri congiunti: il Regno d'Olanda (l'ex repubblica batava) venne assegnato al fratello, il
Regno di Napoli a un altro fratello e in Germania si formò una confederazione di stati satelliti di cui
Napoleone era il protettore. In alcuni casi, vennero mantenute le dinastie locali creando nuovi stati
all'apparenza indipendenti ma sotto il diretto controllo francese. L'imperatore Francesco II proclamò
la definitiva caduta del Sacro Romano Impero. La Prussia cercò di resistere allo strapotere francese
promuovendo una quarta coalizione antifrancese, ma Napoleone riuscì a sconfiggere prima i
prussiani e poi i russi: con la pace di Tilsit, Francia e Russia si accordarono per dimezzare la Prussia
creando il regno di Vestfalia e il granducato di Varsavia (successivamente chiamato Regno di
Polonia). Ridotte all'impotenza Austria e Prussia e trovato un accordo con la Russia, l'unico
ostacolo alla completa egemonia francese in Europa fu la Gran Bretagna. Guidato da un
espansionismo imperiale ma impossibilitato a invadere l'isola a causa della sua superiorità navale,
Napoleone decise di isolarla economicamente dal continente, cercando di distruggere il commercio,
principale fonte di ricchezza della potenza britannica. A tal fine organizzò un blocco continentale,
imponendo il divieto a tutti i paesi europei di commerciare con la Gran Bretagna. L'efficacia del
blocco era legata alla capacità e alla volontà dei diversi stati di applicarlo e alla capacità delle
economie continentali di rimpiazzare i prodotti britannici (specialmente materie prime e manufatti).
Nessuna delle due condizioni venne rispettata e il contrabbando britannico assunse enormi
proporzioni, mentre l'economia francese (in cui favore venne emanata una normativa di stampo
mercantilistico) non si dimostrò in grado di sostituire la produzione britannica, anche in ragione del
fatto che in Inghilterra era in corso la rivoluzione industriale, con la conseguente capacità di
sfornare manufatti a costi più competitivi rispetto a quelli continentali. Per un maggior controllo
delle coste e una maggiore efficacia del blocco, nel 1809 Napoleone ordinò l'occupazione dello
Stato della Chiesa, che venne annesso al Regno d'Italia: il papa Pio VII, dopo aver scomunicato
Napoleone, venne deportato a Savona. A seguito del rifiuto del Portogallo di applicare il blocco,
Napoleone si accordò con Carlo IV re di Spagna e tentò invadere il paese ma l'azione fallì a causa
dello sbarco delle forze inglesi. Approfittando di una crisi dinastica, l'imperatore decise di
spodestare il re di Spagna per insediare sul trono il fratello Giuseppe Bonaparte, già re di Napoli, la
cui corona venne assegnata a Gioacchino Murat (abile maresciallo dell'esercito e marito della
sorella di Napoleone). Il deterioramento delle relazioni fra la Francia e gli altri paesi europei portò
alla formazione di una quinta coalizione antifrancese e a una nuova guerra che si concluse con la
disfatta dell'esercito austriaco e l'occupazione di Vienna. La durissima pace imposta da Napoleone
prevedeva, oltre alla perdita di vari territori, anche l'accettazione della supremazia francese (sancita
da un'alleanza e dal matrimonio di Napoleone con Maria Luisa d'Asburgo, figlia dell'imperatore
d'Austria, dalla quale nacque il futuro Napoleone II). L'affermazione dell'egemonia francese e il
diffondersi di princìpi politici, modelli amministrativi (con la suddivisione in dipartimenti dei
territori annessi all'impero), istituti giuridici (con l'imposizione di codici) e culturali diversi da
quelli tradizionali portò alla nascita di forme di resistenza di stampo tradizionalistico e
legittimistico. Il concetto di patria basato sull'autonoma capacità di determinazione da parte del
popolo-nazione, propagandato dalle truppe francesi, offrì uno strumento a coloro che consideravano
l'occupazione o l'influenza francese sulla propria terra come un inaccettabile sopruso. Tale
avversione si avvertì in Germania e negli altri territori di lingue tedesca. In Spagna ci furono degli
scontri sporadici e una continua e logorante azione di sabotaggio verso le truppe d'occupazione:
queste imboscate presero il nome di guerrilla (guerriglia) e vide il coinvolgimento a vari livelli
della popolazione locale, dalla resistenza passiva all'appoggio logistico sino alla partecipazione
attiva.
Dopo una fase di alleanza tra Francia e Russia, durante la quale l'impero zarista riuscì ad espandersi
nel Caucaso e in Finlandia, i rapporti tra le due potenze divennero tesi a causa della decisione russa
84

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

di riprendere i commerci con la Gran Bretagna. Nel 1810 Napoleone decise di invadere la Russia:
egli avanzò in territorio nemico con un folto esercito e riuscì ad occupare Mosca. Tutta l'inverno
russo si avvicinò e la capitale venne data alle fiamme dagli stessi russi. Temendo l'imminente morsa
del gelo, privo di rifornimenti e snervato dalla tattica attendista dei russi (basata sul logoramento
dell'esercito nemico facendo terra bruciata ed evitando grandi battaglie in campo aperto),
Napoleone ordinò la ritirata. La marcia di ritorno fu disastrosa: attaccata ripetutamente ai fianchi,
stremata dal freddo e dalla fame, soggetta a diserzioni e colpita da epidemie, l'armata venne
decimata. La prima vera sconfitta di Napoleone spinse le potenze europee a organizzare, nel 1813,
una sesta coalizione antifrancese. In Spagna la guerriglia diede vita a un'insurrezione generale che
cacciò i francesi riportando sul trono i Borbone. Napoleone, dopo alcuni effimeri successi, venne
battuto a Lipsia dalle forze alleate, che invasero Parigi e stabilirono il ritorno dei confini francesi a
quelli del 1789. In Francia tornarono i Borbone e salì al trono Luigi XVIII (il conte di Artois,
fratello di Luigi XVI). I territori assoggettati alla Francia lasciarono spazio alla restaurazione delle
precedenti dinastie. Napoleone venne esiliato all'isola d'Elba, che gli venne assegnata come
possedimento. La restaurazione dei Borbone in Francia non fu facile: la volontà di ripristinare
l'antico regime andò in contrasto con i grandi cambiamenti avvenuto nella società francese. Il
malessere dovuto alla sconfitta e alla perdita dell'egemonia in Europa, uniti alla crisi economica
provocata dalla piena affermazione della potenza commerciale inglese, crearono molto scontento.
Napoleone nel 1815 fuggì dall'isola d'Elba e sbarcò in Francia, incontrando un'accoglienza
entusiastica da parte della popolazione e dell'esercito, ed entrò trionfalmente a Parigi. Luigi XVIII
fuggì e le potenze europee formarono una settima coalizione antifrancese. Le forze britanniche, con
l'appoggio dell'esercito prussiano, sconfissero nuovamente l'armata napoleonica nella celebre
battaglia di Waterloo. La vittoria degli alleati pose fine all'ultima breve stagione napoleonica (i
cosiddetti “cento giorni”). Luigi XVIII rientrò a Parigi e Napoleone fu mandato in esilio nell'isola di
Sant'Elena, sperduto possedimento britannico nell'Oceano Atlantico, dove morì il 5 maggio 1821.

28. La prima rivoluzione industriale


Con l'espressione “rivoluzione industriale” si definisce una trasformazione epocale e irreversibile
che subirono le strutture produttive europee a partire dalla seconda metà del XVIII secolo. Il primo
paese europeo a sperimentare questa trasformazione, in maniera profonda e duratura, fu
l'Inghilterra, che dal 1760 al 1830 fu protagonista di mutamenti tali da garantirle per i decenni
successivi uno sviluppo inarrestabile e cumulativo. Tali cambiamenti vengono riassunto con
l'espressione “prima rivoluzione industriale”, a sottolineare la specificità dei processi che si svolsero
sul suolo inglese e la loro differenza da quelli che, a partire dal terzo decennio del XIX secolo,
sperimentò l'Europa occidentale. Gli storici discutono ancora oggi se il cambiamento possa essere
considerato un evento immediato nello svolgimento della storia umana o se invece fu un processo
molto graduale. L'elemento caratterizzante della crescita economica inglese tra XVIII e XIX secolo,
fu non tanto la sua improvvisa lievitazione, quanto la sua costante accelerazione rispetto al passato.
Fu nel settore tessile, in particolare quello cotoniero, che avvennero le prime significative modifiche
nei modi di produzione. I cotonifici non avevano in Inghilterra una lunga tradizione che invece
poteva vantare la manifattura dei panni di lana: era un settore giovane e in rapida espansione, grazie
ai prezzi contenuto dei prodotti che venivano offerti sul mercato. I manufatti di cotone realizzati in

85

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

India e importati dalla Compagnia delle Indie orientali cominciarono a conquistare i mercati nella
prima metà del XVIII secolo, in quanto meno cari rispetto ai tessuti di seta e di lana. Per far fronte
alle periodiche cadute dell'offerta dei tessuti indiani e di sfruttare la crescita della domanda, sorsero
in Inghilterra i primi cotonifici. La concorrenza indiana venne progressivamente soffocata e la
Compagnia delle Indie orientali venne privata del monopolio commerciale con l'India, di cui la
corona assunse il controllo politico ed economico. L'India, da area produttrice, divenne mercato di
sbocco dei manufatti di cotone inglesi. Per aumentare la produzione si andò alla ricerca di nuove
tecniche in grado di velocizzare le diverse fasi di lavorazione, riducendo contemporaneamente i
costi. Nuove invenzioni meccaniche migliorarono i tempi e i modi di produzione e vennero inserite
in posizioni di primo piano all'interno del circuito produttivo. La manifattura del cotone era
composta da quattro fasi: la preparazione, la filatura, la tessitura e la finitura. La diffusione della
cosiddetta navetta volante, un marchingegno in grado di produrre stoffe di ampiezza maggiore
rispetto a quella delle braccia del tessitore, migliorò e velocizzò la fase della tessitura. Le invenzioni
stimolarono altre invenzioni che aumentarono la produttività ed eliminarono la strozzatura
determinata dal ritmo più rapido della tessitura e da quello più lento della filatura. Fecero la loro
comparsa la jenny, un filatoio meccanico a energia manuale, e la mule jenny, un filatoio in grado di
produrre una notevole quantità di filato resistente e privo dei difetti e delle irregolarità che
caratterizzavano quello realizzato a mano. Queste invenzioni diventarono obsolete già a fine secolo,
quando vennero perfezionati i macchinari esistenti e venne inventato il filatoio automatico. Le
innovazioni introdotte in una determinata fase del processo produttivo e il conseguente aumento
della produzione finirono per mettere sotto forte pressione quelle immediatamente precedenti e
successive creando vere e proprie strozzature. Di qui l'esigenza di ulteriori innovazioni che
correggessero lo squilibrio e rendessero più omogenei i ritmi di produzione. L'industria cotoniera,
con la progressiva meccanizzazione in tutte le varie fasi produttive, assunse un ruolo primario nel
processo di industrializzazione in Inghilterra (venne migliorata la produttività e ci fu un
considerevole aumento di produzione). La migliore qualità dei filati e il loro basso prezzo sul
mercato consentirono al cotone di sostituirsi alla seta e al lino e di eliminare i concorrenti delle
cotonate inglesi praticamente da ogni mercato. Tuttavia, nonostante la sua rapida espansione,
l'industria cotoniera non introdusse analoghi mutamenti nel resto dell'industria inglese. A svolgere
un ruolo trainante all'interno dell'economia britannica, con una notevole ricaduta negli altri ambiti,
fu il settore siderurgico: le innovazioni furono più lente ma costituirono una base più solida per una
trasformazione dell'assetto industriale del paese. La nuova siderurgia prese avvio con la scoperta
della giusta miscela di minerale ferroso e di carbon fossile da utilizzare come combustibile
nell'altoforno per ottenere la ghisa. Fu un'innovazione molto importante, perché consentì di
fabbricare ghisa con molte meno impurità e quindi molto più resistente. Nonostante il ritmo serrato
delle innovazioni, le nuove tecnologie stentarono a imporsi a causa degli alti costi d'impianto e di
produzione per gli altoforni. L'aumento della richiesta di carbone legata al notevole sviluppo della
siderurgia comportò uno sfruttamento sempre maggiore dei giacimenti carboniferi. L'invenzione
della macchina a vapore ad opera di James Watt, divenne il simbolo stesso della rivoluzione
industriale: essa consentì un notevole risparmio di lavoro e di combustibile e aumentò la
produttività e l'efficienza. Il vapore e il suo sfruttamento sempre più razionale per azionare le
macchine resero possibile uno sviluppo straordinario dell'industria. Non solo questa fonte di energia
inanimata sviluppò una potenza maggiore di qualunque altra conosciuta fino ad allora, ma una
macchina a vapore poteva essere installata dovunque fosse possibile avere del carbon fossile a un
prezzo accettabile.
L'impiego del vapore come principale fonte di energia e l'adozione delle innovazioni tecniche nella
produzione tessile cambiarono profondamente il paesaggio e la società in Inghilterra. La necessità
di concentrare le macchine e i lavoratori nelle fabbriche sconvolse la geografia e i costumi di vita.
La possibilità di impiantare macchine a vapore dovunque vi fosse abbondanza di carbone o modo di
farlo arrivare a basso prezzo liberò la produzione manifatturiera dalla dipendenza dalle fonti di
energia fisse e consentì la dislocazione degli impianti in luoghi che facilitassero la
86

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

commercializzazione dei prodotti finiti. Si ebbe un continuo processo di miglioramento del vie di
comunicazione, sia terrestri che fluviali. Il trasporto su rotaie venne introdotto nel XVI secolo nelle
miniere tedesche e successivamente tale sistema si diffuse anche nelle miniere inglesi. I
perfezionamenti della macchina a vapore resero possibile la sua applicazione alla trazione: vennero
costruite macchine per percorrere strade normali e successivamente, con opportune modifiche, le
macchine furono in grado di muoversi su quelle ferrate. Oltre alla nascita della prima rete
ferroviaria del mondo, il sistema di comunicazioni inglese si giovò di una fiorente navigazione
costiera e di una rete di canali che collegavano i diversi fiumi navigabili. Il grande risparmio che
l'utilizzo dei canali artificiali consentì per i commerci indusse alla costruzione di una fitta ragnatela
di vie d'acqua. Nacque il primo battello a vapore. Queste trasformazioni determinarono un
cambiamento nel paesaggio e nelle gerarchie urbane. Sorsero, infatti, nuove popolose città al posto
di piccoli villaggi e borghi. Lo sviluppo delle industrie in vicinanza dei giacimenti di materie prime
o di importanti vie di comunicazione avvenne quindi in luoghi diversi dalle consolidate realtà
urbane inglesi. Nacque una struttura urbana caratterizzata dall'assenza di continuità rispetto al
passato. Le città industriali rappresentarono una realtà che sfuggiva al controllo politico e sociale
dell'aristocrazia terriera e perciò si ebbero dei contrasti fra aristocratici e borghesi per l'iniqua
ripartizione dei seggi fra le antiche circoscrizioni elettorali rurali (ormai semispopolate) e i grandi
centri urbani (privi di adeguato peso elettorale nonostante una popolazione numerosa). Nella prima
metà del XIX secolo le grandi città industriali erano ben più popolose dei vecchi centri economici.
Le periferie di tali città assunsero un aspetto peculiare caratterizzato da ciminiere, fabbriche e
squallidi caseggiati dove alloggiavano le famiglie operaie; i quartieri centrali, invece, vissero un
momento di rinnovamento grazie al lusso in cui viveva il ceto imprenditoriale.
Il cambiamento delle strutture produttive in Inghilterra del tardo XVIII secolo e del primo XIX
secolo rappresentò un momento di svolta che non riguardava solo l'ambito dell'economia, ma
coinvolse direttamente l'insieme delle gerarchie dei valori e dei rapporti sociali. La rivoluzione
industriale implicò l'avvio di una serie di processi, come la nascita del sistema di fabbrica, la
meccanizzazione, la divisione del lavoro e la standardizzazione, destinati a mutare in maniera
profonda il volto del continente europeo nei decenni successivi. I nuovi centri manifatturieri
nacquero e si dilatarono grazie allo spostamento della popolazione dalle campagne alle città
industriali. Sorsero le fabbriche e vi fu un'alta concentrazione di forza lavoro chiamata a produrre di
più e meglio: questi dati rappresentarono, rispetto alle epoche precedenti, un'importante novità. In
correlazione ai ritmi produttivi cambiarono, infatti, le abitudini, la mentalità e gli stessi modi di vita
degli strati della popolazione chiamati a lavorare. Gli effetti di tale processo furono percepibili
soprattutto nella seconda metà del XIX secolo. La classe operaia della prima rivoluzione industriale
conobbe delle stratificazioni: accanto a un personale qualificato, spesso proveniente dal mondo
delle botteghe artigiane, dotato di una stabilità sociale e lavorativa, vi furono operai privi di
particolare preparazione, i salariati ex contadini giunti in città attratti dalla possibilità di lavoro, e
infine donne e bambini, sfruttati perché socialmente più deboli. Le differenze erano tali che la
componente più qualificata e meglio retribuita della manodopera industriale stentò a riconoscere
una comunanza con le altre fasce del mondo operaio, fra le quali erano ampiamente diffusi
fenomeni indotti dalla povertà e dal degrado umano in cui erano costretti a vivere (come l'alcolismo
e la prostituzione). Più si scendevano i gradini della gerarchia interna alla classe operaia e peggiori
erano le condizioni di lavoro. L'impianto delle fabbriche richiedeva notevoli investimenti di
capitale: di qui la tendenza dei proprietari delle industrie a sfruttare al massimo le potenzialità dei
macchinari e il lavoro della manodopera, della quale si comprimevano i costi approfittando
dell'ampia offerta di lavoro. Donne e bambini erano semplice manodopera salariata, priva di difese
in una società nella quale il potere politico era saldamente in mano ai ceti abbienti. Solo nel 1831
venne varata una legislazione statale sul lavoro che vietò di impiegare nelle fabbriche ragazzi con
età inferiore ai nove anni e con l'introduzione del tetto di dodici ore giornaliere di lavoro per i
minori di diciotto anni. Le innovazioni comportarono l'ingresso sulla scena di macchinari sempre
nuovi che determinarono un risparmio di forza lavoro. La disoccupazione era in agguato: proprio
87

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1022231

fra gli artigiani minacciati dalla concorrenza delle macchine, fra i lavoratori a domicilio rimasti
esclusi dai nuovi processi produttivi e fra gli operai impoveriti si affermò l'idea che l'origine del
disgregamento dell'organizzazione sociale, dei valori e dei ritmi di vita tradizionali in nome di un
progresso che implicava solo sfruttamento, peggioramento delle condizioni di vita e perdita di ogni
controllo sulla produzione fosse da individuare nella meccanizzazione. Nei primi decenni del XIX
secolo nacque il fenomeno del luddismo (dall'operaio Ned Ludd, che secondo la leggenda fu il
primo a distruggere una macchina), una serie di azioni terroristiche e di sommosse volte alla
distruzione di macchine e fabbriche. Tale fenomeno era privo di caratteristiche unitarie e si
manifestò diversamente da regione a regione. Il luddismo subì la repressione severa da parte delle
autorità. La tutela della proprietà privata da parte del governo britannico si spinse a vietare
qualunque forma di organizzazione e di rivendicazione operaia. Lo sciopero rimase rigorosamente
vietato e le manifestazioni operaie, seppur pacifiche, vennero represse nel sangue. Ad opera dello
strato più qualificato e consapevole del ceto operaio, sorsero le prime associazioni di mutuo
soccorso per far fronte alla durezza delle condizioni di vita e ai rischi (infortuni, riduzione dei salari,
licenziamento) cui la vita di fabbrica esponeva i lavoratori. Nel 1824 venne autorizzata dalle
autorità la creazione delle Trade Unions, unioni di mestiere a metà strada fra le associazioni di
mutuo soccorso e i sindacati moderni.

88

Downloaded by Maria Rosaria D'Amora (mary-shine@hotmail.it)