Sei sulla pagina 1di 2

Storia della Spagna - di Francesco Tuccari - Enciclopedia dei ragazzi - Treccani (2006)

Dominata per secoli da popoli di cultura e tradizioni differenti, la Spagna divenne, tra il 15e il 16secolo, una grande
potenza europea e mondiale, grazie anche allimmenso impero coloniale costruito nel Nuovo Mondo allindomani della
scoperta dellAmerica. A partire dallinizio del 17secolo, per, il paese conobbe una profonda decadenza economica,
sociale, culturale e politica. E nel 20fu teatro di una drammatica guerra civile (1936-39) che port allaffermazione di
un regime dittatoriale il franchismo durato fino al 1975. Da allora, tuttavia, la Spagna diventata un paese
pienamente democratico e assai sviluppato sul piano economico, sociale e culturale
Conquista araba e riconquista cristiana
Abitato sin da epoche remote, il territorio dellattuale Spagna fu colonizzato nel 1millennio a.C. dai Fenici, dai Celti,
dai Greci e dai Cartaginesi. Fu quindi conquistato dai Romani nel 3-2secolo a.C. In parte cristianizzato sin dal 1
secolo d.C., esso fu invaso al principio del 5secolo da varie popolazioni germaniche tra le quali emersero i Visigoti,
che diedero vita a un vasto regno romano-barbarico nella Penisola Iberica.
Nel 711 la Spagna fu conquistata da popolazioni arabe di religione musulmana provenienti dallAfrica del Nord.
Nellarco di pochi anni tali popolazioni posero fine al dominio dei Visigoti e conquistarono gran parte del territorio
spagnolo, dando poi vita a una civilt fiorente dal punto di vista economico e culturale. Nel corso del tempo, tuttavia,
la dominazione musulmana and frammentandosi e indebolendosi, anche per loffensiva dei potenti regni cristiani che
si affermarono nella penisola, primi fra tutti la Castiglia e lAragona. Il processo di reconquistacristiana della Spagna,
che ebbe un momento decisivo nella sconfitta dei musulmani nella battaglia di Las Navas de Tolosa (1212), si
concluse nel 1492 con la caduta del regno arabo di Granada. A partire da quella data i due sovrani Ferdinando
dAragona e Isabella di Castiglia, uniti in matrimonio dal 1469, unificarono il territorio spagnolo, dando vita a una
moderna struttura statale e amministrativa. Sempre nellanno 1492, a seguito della scoperta dellAmerica da parte di
Cristoforo Colombo, gli Spagnoli iniziarono a costruire un immenso impero coloniale nelle Americhe.
Ascesa e declino di un impero mondiale
Nei decenni successivi la Spagna conobbe un periodo di splendore, alimentato soprattutto dai flussi di metalli preziosi
provenienti dal Nuovo Mondo. Dopo lascesa al trono di Carlo I dAsburgo (1516), divenuto poi come Carlo V
imperatore del Sacro Romano Impero (1519), la Spagna divent parte (fino al 1556) di una delle pi grandi e potenti
formazioni politiche dellepoca, limpero degli Asburgo. Negli stessi anni gli anni della Riforma protestante essa fu
uno dei baluardi del cattolicesimo e, in seguito, della Controriforma, distinguendosi tra laltro nella persecuzione e
nella repressione di musulmani ed ebrei.
Legemonia della Spagna, confermata dallesito di una lunga serie di guerre contro la Francia nella penisola italiana
(1494-1559), cominci a entrare in crisi durante il regno di Filippo II (1556-98), che eredit dal padre Carlo V la corona
di Spagna, divenuta autonoma. Ebbe allora inizio una fase di declino, che divenne ancora pi evidente nel 17secolo.
Lo dimostrarono, nonostante la temporanea annessione del Portogallo (1580-1640), la rivolta dei Paesi Bassi del
1566, la clamorosa sconfitta della flotta spagnola, lInvencible Armada, a opera dellInghilterra nel 1588 e le molteplici
guerre in cui la Spagna si trov coinvolta nei decenni successivi, dalla guerra dei Trentanni (1618-48) sino alla guerra
di Successione spagnola (1701-14).
Tra le ragioni del declino spagnolo ebbe un peso decisivo la strutturale arretratezza del paese, che non riusc a trarre
dalle sue immense ricchezze coloniali limpulso a una efficace modernizzazione economica e sociale, e che entr in
crisi quando i flussi di metalli preziosi provenienti dal Nuovo Mondo iniziarono a diminuire in modo consistente. Nello
stesso senso ag il rigido tradizionalismo culturale, sociale e religioso delle classi dirigenti spagnole.

Una lenta decadenza
Una svolta importante si ebbe al principio del 18secolo. Con la morte dellultimo sovrano asburgico, Carlo II (1665-
1700), sal infatti al trono un esponente della dinastia dei Borbone, Filippo V, nipote di Luigi XIV di Francia. Ne deriv
la guerra di Successione spagnola (1701-1714), che conferm la corona ai Borbone, facendo tuttavia perdere alla
Spagna i suoi possedimenti italiani e i Paesi Bassi spagnoli.
Circa un secolo pi tardi, il paese fu coinvolto nelle guerre napoleoniche e occupato dai Francesi. Liberata nel 1813-
14, grazie allazione di un forte movimento di resistenza nazionale e dellesercito britannico, la Spagna torn ai
Borbone con la Restaurazione e fu teatro di un importante moto liberale e costituzionale (1820-23), stroncato dalla
Francia per conto della Santa Alleanza.
Nel corso dellOttocento la Spagna rimase una potenza marginale. Essa non riusc ad arrestare i moti di indipendenza
nelle colonie dellAmerica Latina, iniziati gi in epoca napoleonica. E a partire dagli anni Trenta del 19 secolo fu
scossa da una grave crisi dinastica sfociata in guerra civile, che port infine allabdicazione di Isabella II di Borbone
(1833-68) e alla creazione di una monarchia elettiva (1869-73), cui fece seguito uneffimera esperienza repubblicana
(1873-74). I Borbone tornarono sul trono nel 1874 con Alfonso XII (1874-85), cui segu Alfonso XIII (1886-1931). Sotto
questultimo sovrano, la Spagna perdette nel 1898, in seguito a una guerra con gli Stati Uniti, i suoi ultimi
possedimenti coloniali: Cuba, Portorico e le Filippine.
Le dittature del Novecento
Neutrale durante la Prima guerra mondiale (1914-18), la Spagna attravers negli anni successivi, anche in
conseguenza dello sviluppo del movimento socialista e anarchico, una fase di profonde tensioni, che nel 1923
portarono alla dittatura militare di Miguel Primo de Rivera. Nel 1931, in seguito alla vittoria elettorale dei repubblicani e
dei socialisti, venne deposto Alfonso XIII e, abolita la monarchia, fu istituita la Repubblica. Le tensioni si acuirono
ulteriormente con il ritorno delle destre al potere nel 1933 e poi nel 1936, allindomani della vittoria elettorale delle
sinistre riunite nel Fronte popolare.
Ebbe allora inizio una drammatica guerra civile (1936-39) che port al potere le forze della destra nazionalista
(appoggiate dallItalia fascista e dalla Germania nazista) sotto la leadership del generale Francisco Franco. Fu
instaurata una dittatura di tipo fascista che doveva durare sino alla met degli anni Settanta e che ebbe i suoi pilastri
nellesercito, nella Chiesa e nella grande propriet terriera. Vicina a Germania, Italia e Giappone, la Spagna non
partecip alla Seconda guerra mondiale (1939-45). Essa conobbe negli anni Cinquanta e Sessanta una moderata
crescita economica.
Nel 1975, alla morte di Francisco Franco, fu proclamato re Juan Carlos di Borbone, sul trono di Spagna fino al 2
giugno 2014, quando ha abdicato a favore del figlio Felipe VI. Grazie al suo sostegno nel paese fu introdotta la
democrazia parlamentare in un quadro di pieno pluralismo partitico.
La Spagna dopo Franco
Dopo Franco la Spagna ha conosciuto un intenso processo di modernizzazione economica, sociale e politica. A
prescindere da un tentativo fallito di colpo di Stato nel 1981, il sistema politico ha assunto i tratti di una solida
democrazia dellalternanza, con lalternarsi al governo di forze di centro e di centro-destra e di centro-sinistra. Le
prime sono state alla guida del paese dal 1976 al 1981 (con Adolfo Surez Gonzles e Leopoldo Calvo Sotelo) e poi
dal 1996 al 2004 (con Jos Mara Aznar); le seconde dal 1982 al 1996 (con il socialista Felipe Gonzles Mrquez) e
poi di nuovo dal 2004 (con Jos Luis Rodriguez Zapatero).
Un problema drammatico, e ancora in parte irrisolto, quello del separatismo basco che, anche dopo Franco, ha
continuato a fare ricorso al terrorismo. Il terrorismo islamico, nel quadro internazionale segnato dagli attentati
terroristici dell11 settembre 2001 a New York e dalle guerre in Afghanistan (2001) e poi in Iraq (2003), ha messo a
segno un devastante attentato dinamitardo a Madrid l11 marzo 2004. Gi membro della Comunit economica
europea (CEE), la Spagna fa parte dellUnione europea (UE).