Sei sulla pagina 1di 68

lOMoARcPSD|1804386

Riassunto del libro ''Le vie della modernità'' di A. Musi - Corso


di Storia moderna

Storia moderna iii (Università degli Studi di Napoli Federico II)

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

A. Musi. Le vie della modernità, Milano, Sansoni, 2000.

1. DALLA SCOPERTA ALLA CONQUISTA: LA PRIMA DIVISIONE DEL MONDO

Mondo nuovo

Il 1492 segna una svolta epocale. La scoperta dell’America è qualcosa che sconvolge l’immaginario
collettivo.
L’economia:
evolve dalla dimensione esclusivamente europea a quella planetaria e il traffico
commerciale si sposta dal Mediterraneo all’Atlantico:
nuovi prodotti agricoli, quali pomodoro, cacao, patata, tabacco; affluenza di argento e oro da
Messico e Perù, una delle principali cause dell’inflazione e della rivoluzione dei prezzi.
gli schiavi vengono trasportati dall’Africa alle colonie americane e i prodotti del loro lavoro
finiscono nei mercati olandesi e inglesi.
le colonie americane svolgeranno un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’Inghilterra del
1700, nella direzione che porta alla rivoluzione industriale.
A seguito della scoperta dell’America:
La visione del mondo medievale viene scossa dalla constatazione che esistono popoli e
territori estranee all’ambito biblico;
Si ingenera una forte concorrenza fra gli Stati (soprattutto spagnoli, portoghesi, inglesi,
francesi e olandesi) per il predominio sulle nuove terre;
La storia acquista più spiccatamente una dimensione eurocentrica, essendo evidente il
primato dell’espansionismo europeo.
Tutto ciò ebbe comunque degli alti costi: gran parte della popolazione india fu sterminata, furono
sconvolte le organizzazioni sociali, si giunse a considerevoli crolli demografici (il Messico da 20
milioni passò a 2 milioni), gli europei esportarono epidemie, malattie virali.
Tuttavia, sebbene gli europei tendevano ad assorbire le culture indigene, essi cercarono di adattare
gli schemi organizzativi della madrepatria alle nuove situazioni.
3 continenti furono investiti dal ciclo espansionistico, originato dalla conquista dell’America:
America, ma anche Asia e Africa.
Si distinguono 2 fasi: fase delle esplorazioni marittime (1492-1519);
fase eroica della conquista (1519-1540), in cui iniziò la fattiva
esplorazione e conquista della parte interna del continente
americano.

L‟espansione portoghese e spagnola prima di Colombo


Soprattutto, in questi 2 paesi vengono posti i presupposti per la prossima espansione:
Si affermano sempre più forme di collaborazione tra geografi ed operatori economici;
Si affinano gli strumenti tecnologici: a metà 1400 viene approntato il nuovo tipo
d’imbarcazione della caravella, per il cui bastava un equipaggio più ridotto e le cui
caratteristiche permettevano di rimanere in mare più a lungo; la Spagna possedeva già la
bussola.

Il Portogallo, partendo dalle prime scoperte nel Nord Africa, giunge nel 1487 alla
circumnavigazione dell’Africa (Bartolomeo Diaz) e alla scoperta del capo di Buona Speranza. Così,
viene aperta una nuova via oceanica verso l’Oriente. Inoltre, il Portogallo si segnala anche in
ambito giuridico: per giustificare l’occupazione delle terre africane, questo inventa il concetto di
terre di nessuno, terre che non appartengono ad alcuna comunità organizzata in forma stato e che

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

sono abitate da selvaggi senza alcun ordinamento socio-giuridico. Questo concetto sarà rispolverato
per giustificare l’assoggettamento dei popoli e la conquista delle terre americane.
La Spagna iniziò a dedicarsi alla conquista di territori extraeuropei non appena terminò
l’operazione di Reconquista dei territori ancora occupati dai Mori. L’affermazione interna dei
castigliano-aragonesi è un presupposto fondamentale per l’avvio del ciclo espansionistico. Prima di
Colombo, nel 1479 la Spagna conquistò le Isole Canarie e stipulò con i portoghesi un trattato in cui
i 2 Stati si riconoscevano reciprocamente il diritto di possesso dei territori conquistati.
Il Portogallo era più fragile della Spagna da un punto di vista economico-politico. Inoltre, mentre il
Portogallo era interessato maggiormente all’India, la Spagna mirava alla costruzione di un impero
euro-africano (visto che possedeva territori italiani).
Tuttavia, nonostante il ruolo precipuo che Portogallo e Spagna rivestirono nella conquista del nuovo
mondo, questa può essere a ragione riconosciuta all’intera Europa, a causa del variegato panorama
di energie socio-culturali (mercanti italiani, cartografi tedeschi, ecc…) e dell’esistenza della
Repubblica internazionale del denaro (comunità di uomini d’affari) che finanziò le spedizioni
transoceaniche.

Cristoforo Colombo (1451-1506)


È una personalità che ben sintetizza in se stesso l’interculturalità di questo periodo di conquista:
nasce a Genova, si stabilisce in Portogallo, batte bandiera castigliana.
Il progetto di Colombo era quello di raggiungere le Indie orientali, partendo dalla costa atlantiche
dell’Europa, percorrendo l’oceano sul parallelo di Lisbona, via che era considerata la più breve per
raggiungere l’Asia. Sebbene il progetto si possa considerare ben studiato, Colombo sbaglia per il
fatto che non prevede l’esistenza di altre terre (quale il continente americano).
Dapprima, tale progetto viene bocciato da Giovanni II, che non lo considera consono alle strategie
economiche ed espansionistiche del Portogallo; nel 1491, alla vigilia del completamento della
Reconquista del 1492, viene sposato da Ferdinando il Cattolico e Isabella di Castiglia, che
proclamano Colombo governatore delle terre che eventualmente scoprirà. Gran parte della somma
necessaria alle spedizioni viene anticipata da banchieri fiorentini e genovesi.
Colombo porta a termine 4 spedizioni:
La prima spedizione (14 ottobre 1492), molto tormentata, vede le 3 caravelle Nina, Pinta e
Santa Maria, approdare nell’odierna San Salvador.
Pochi mesi dopo, la seconda spedizione è di proporzioni vastissime: 15000 uomini e 17
navi, a testimonianza delle consistenti aspettative della Corona. Con Colombo partirono
molti hidalgos (cavalieri senza alcun titolo nobiliare che erano stati determinanti nella
Reconquista), borghesi e contadini, tutti esponenti di parti frustate della società che
miravano all’oro e al raggiungimento di uno status sociale di spicco, se non in Spagna
quantomeno nelle Americhe. Raggiunge il Messico ma torna a casa carico solo di schiavi.
La terza spedizione (maggio 1498) vede Colombo approdare in America latina e portare a
casa un cospicuo bottino, costituito da oro, perle e preziosi. Tuttavia, per lui
l’amministrazione delle nuove terre si rivela molto complicata e, incarcerato a seguito di
un’accusa di corruzione, ritorna in catene in Spagna.
Isabella ne ottiene la liberazione; nel 1502 Colombo raggiunge l’Honduras e ritorna in
Spagna dopo essersi arenato; nel 1506 muore dimenticato da tutti.

Nel 1493, il papa spagnolo Alessandro VI Borgia emana una bolla papale che legittima gli spagnoli
e li autorizza per le future conquiste, escludendo i portoghesi dai benefici dei nuovi territori.
Nel 1494, il trattato di Tordesillas riconosceva il dominio portoghese sui territori africani sulla rotta
per l’India e sul Brasile orientale mentre agli spagnoli quello sui territori dell’America centro-
meridionale.

Dalla scoperta alla conquista: l‟espansione portoghese

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Il Portogallo possiede i territori africani del centro-sud e, col passare del tempo, si fa sempre più
presente nei territori asiatici.
Nel 1497, Vasco de Gama circumnaviga l’Africa e giunge a Calicut, tornando con un enorme carico
di spezie. Inoltre, nel 1519-1522, Magellano costeggia l’America meridionale, attraversa l’oceano
pacifico e approda nelle isole Filippine, dove viene ucciso dagli indigeni.
A inizio 1500 l’impero portoghese comprende 4 nuclei:
Le colonie agricole dell’Atlantico (Azzorre, Madera e Capo Verde);
Una vasta area che va dalla Sierra Leone al Congo, importante per il commercio di schiavi;
L’estado da India, che si estende dal Mozambico alla costa cinese e che frutta al Portogallo
il monopolio commerciale sulle spezie (pepe nero, cannella, noce moscata), sebbene il
centro commerciale mondiale rimane Anversa, in cui confluiscono capitali e risorse
tedeschi, fiorentini e fiamminghi.
Il Brasile intero (importantissimo per lo zucchero) conquistato nel 1521-1530, a seguito di
una situazione internazionale divenuta più tesa riguardo alle espansioni (Inghilterra e
Francia esigevano più spazio).
Riguardo l’amministrazione dei nuovi territori, il Portogallo cerca di estendervi le proprie leggi
(sebbene con qualche modifica), non dando vita ad una vera legislazione coloniale, cercando così di
poter progressivamente vincere le resistenze indigene.
Nonostante tutto ciò, nella seconda metà del 1500, il Portogallo si collocherà nell’area debole
dell’economia mondiale a causa della sua fragilità strutturale, dell’incremento del debito pubblico e
delle inflazioni.

L‟espansione spagnola
Alla fine del ciclo di conquiste (1560 circa), gli spagnoli giungeranno a possedere il Messico, molti
territori caraibici (Cuba, Giamaica e Portorico, Guatemala e Honduras) e alcuni territori lungo la
cordigliera delle Ande (Bolivia, Cile e Perù).
Nel 1519 Cortes giunge in Messico, dove sconfiggerà gli aztechi, facendo ricorso all’artiglieria e a
tutta una serie di brutalità, e fonderà la odierna Città del Messico sulle rovine della capitale
distrutta. Egli possiede cavalli e armi da fuoco. Sia a Cuba che in Messico, cavalli e uomini bianchi
con potenti armi provocano il timore delle popolazioni indigene, sì organizzate ma ignoranti
l’esistenza di animali come i cavalli. Tali popolazioni interpretano tali eventi straordinari come
eventi magici.
Pizzarro ha con sé 180 uomini e 37 cavalli, quando nel 1522 si dirige verso il Perù. Questo era un
territorio molto ricco di metalli preziosi ma in cui vivevano popolazioni molto deboli. Le brutalità
sono peggiori di quelle di Cortes, l’’imperatore Inca viene fatto prigioniero e condannato a morte e
la capitale viene distrutta.
Nel corso del 1500, l’opera di colonizzazione spagnola si estende sempre più, fino alla California e
alla Florida.
Nelle sue colonie la Spagna non vuole esportare il feudalesimo e considera molto importante la
fondazione di grandi città; marca sempre l’importanza del rapporto diretto colonie-madrepatria;
sottolinea il fine dell’evangelizzazione. La Spagna era solita effettuare una encomendo (incarico),
assegnazione ad un colono di una circoscrizione territoriale e della licenza reale, concessione di
titoli e autorizzazioni in cambio della quale doveva esserci l’impegno del colono a convertire al
Cristianesimo gli indigeni affidatigli e a investire per la Corona: venivano create delle comunità
dotate di chiese e parroci, che finivano per essere gli unici mezzi utili a sfruttare gli eccessi di
produzione dei popoli conquistati.
La Spagna aveva un difficile rapporto con la realtà locale e doveva anche affrontare annose
problematiche come il contrabbando e gli assalti dei pirati in mare aperto. Tuttavia, essa riponeva
molte speranze di sviluppo economico proprio nelle colonie del Nuovo mondo, considerata la
considerevole pressione demografica interna.

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Soprattutto per Carlo V (investito come sovrano di Spagna col nome di Carlo I), la questione
coloniale divenne di fondamentale importanza economica, specialmente per quanto riguarda
l’abbondanza di miniere d’oro e d’argento, sebbene queste si trovassero in posti impervi (la Spagna
è il maggiore esportatore di oro per tutto il 1500). Seppure per utilitarismo, a Carlo V premeva la
sorte degli Indios.
Tuttavia, esistono dei limiti alle esplorazioni geografiche: il limite territoriale delle foreste
amazzoniche, il problema delle pampas argentine e la resistenza soprattutto alla colonizzazione
spagnola di talune tribù indipendenti.

Fattori che favoriscono la conquista


In entrambe le esperienze di Cortes e Pizzarro, la sconfitta dei popoli indigeni è dovuta
all’inferiorità delle loro armi (e alla dotazione di cavalli e mastini per combattere, maiali per
cibarsi) ma soprattutto alla loro fragilità psicologica.
I manipoli di Cortes e Pizarro sono formati da uomini che posseggono pochi feudi e che
vogliono ottenere a tutti i costi fama e ricchezza.
Pizzarro e Cortes intuiscono che questi popoli colgono nelle loro avanzate un segnale di
abbandono delle divinità. Il mondo indigeno crolla al punto che si devono registrare una
serie di suicidi, di episodi di sfiducia nel futuro e di sfiducia verso i propri capi.
Il nuovo mondo importa anche le malattie del vecchio, con l’aggravante che gli indigeni non
hanno sviluppato nei loro organismi gli anticorpi per malattie come il vaiolo, il morbillo, il
tifo e le normali influenze.

L‟America e la coscienza europea del Cinquecento


Un esempio della molteplicità dei tempi storici è fornito dal fatto che le conseguenze economiche e
politiche della scoperta dell’America maturarono in tempi rapidi mentre più lento fu il tempo di
percezione dei contenuti del Nuovo Mondo.
Inoltre, dopo la scoperta dell’America, alla classica triade (3 tempi, 3 età, 3 continenti) si aggiunse
una quarta dimensione, l’America, sentita come assolutamente altera.
In campo teologico, solo dopo un lungo dibattito sul problema delle possibilità di salvezza per
l’uomo ignorante la fede e i dogmi, si giunse alla conclusione che chiunque può ottenere la salvezza
della propria anima.
Tuttavia, sebbene alcuni sostenessero la fondamentale uguaglianza degli Indiani d’America, la gran
parte dei conquistadores giustificava le proprie azioni con l’affermazione che gli indigeni erano
inferiori agli europei: all’identità Europa-Cristianità-Umanità si contrappone l’identità selvaggi-
pagani-bestie.

Considerazioni
Il sistema urbano era malamente articolato, le grandi città erano molto distanti fra loro e la
congestione tipica dell’odierno Sud America pone le sue radici nei primi sviluppi urbanistici latino-
americani.
Per quanto concerne nuove procedure tecnologiche, si scopre che l’utilizzo del mercurio può
rendere più produttivo il processo di lavorazione dell’argento.
Meticciato: costituisce la classe intermedia, della quale fanno parte i meticci nati da relazioni fra
bianchi e indigene.

2. RINASCIMENTO E STATO MODERNO

Il concetto di Rinascimento
A tale concetto è attribuita una forte carica di modernità in contrapposizione al Medioevo.
Il termine Rinascimento indica un periodo che va dal 1300 a fine 1500. All’interno di tale periodo
sono individuabili cambiamenti sociali, economici e politici. Inoltre, con il Rinascimento si afferma

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

l’uomo in quanto individuo con uno sviluppatissimo spirito critico e una rinnovata stima per i
classici. I mutamenti politici fanno dello Stato moderno la nuova forma di organizzazione politica.

Gli Stati moderni e le nuove forme della vita politica


Quasi tutti gli Stati europei assumono un’organizzazione politica simile. Tra metà 1400 e tutto il
1500, in contrapposizione al modello di Stato feudale, si va affermando lo Stato moderno, nascita
alla quale corrisponde la convinzione che il potere debba essere centralizzato e che si debba iniziare
ad organizzarlo, al fine di renderlo più saldo:
Al vertice si trova il sovrano, giudice supremo e legislatore, unico titolare del potere che
discende direttamente da Dio, sovrano che è assistito da un consiglio del Re o, talvolta, da
un consiglio delle finanze, il quale aveva il compito di recuperare le risorse finanziarie
necessarie al buon funzionamento dello Stato. Ciò porta ad un ridimensionamento, seppur
minimo, del ruolo della nobiltà.
Si assiste alla progressiva burocratizzazione dello Stato: cominciano ad essere distinte le
funzioni dell’amministrazione pubblica per un controllo più efficace del territorio;
Più precisa delimitazione dei confini tra uno Stato e l’altro e tendenziali unificazione
territoriale degli Stati;
Tendenziale ricerca di unità legislativo-giudiziaria e quella fiscale, visto che era necessario
un maggior peso fiscale per poter organizzare amministrazione, territorio ed esercito.
gli eserciti non vengono sciolti dopo le campagne militari ma vengono organizzati in modo
tale che possano difendere l’unità della nazione sia sul fronte interno che su quello esterno,
al fine di poter sostenere una politica espansionistica;
Tuttavia, nonostante gli indubbi elementi di progresso socio-politico, non si può dire che tale forma
di Stato sia accostabile a quella del 700-800, poiché ancora non sono stati eliminati alcuni elementi
negativi: i poteri legislativo, esecutivo e giurisdizionale non sono ancora ben distinti, la pubblica
amministrazione non è ancora professionale perché non vi si accede per pubblici concorsi, la Chiesa
e la nobiltà hanno tribunali separati, il potere centrale esercita una pressione fiscale che sconfina
nell’invadenza.
La velocità del processo di evoluzione positiva dello Stato moderno differisce da uno Stato all’altro
e dipende soprattutto dalle lotte dinastiche e dalle reazioni dei corpi sociali (a loro volta dipendenti
dalla omogeneità etnica o dalle reazioni delle sfere religiose). Addirittura, nell’Est europeo, della
Spagna e dell’Italia meridionale permangono elementi tipici del feudalesimo.
Durante il periodo rinascimentale, si può parlare anche dell’esistenza del concetto di Stato
nazionale, entità politica corrispondente a insiemi etnicamente e geograficamente omogenei. Tra i
primi, già durante il 1400, si annoverano Francia, Spagna e Inghilterra.

Quali sono le spinte che portano alla formazione dello stato moderno?
La componente militare costituisce una spinta importante visto che uno stato ben
organizzato doveva assicurarsi la possibilità di una politica espansionistica e la solidità del
potere sul fronte interno. Perciò l’esercito viene reso più professionale, viene creata
l’artiglieria e viene creata una struttura di servizi logistici, che assicuri rifornimenti di divise,
armi e viveri.
La componente fiscale, visto che per mantenere un buon esercito e per assicurare solidità
interna ed esterna dello stato era necessaria la creazione di una solida organizzazione
contabile e finanziaria. Ciò comporta la formazione di una classe professionale di tecnici che
si occupi della situazione fiscale dello Stato.
La giustizia, poiché è forte la voglia di riformare tale sfera. Così viene deciso che quelli che
si laureano possono entrare a far parte della sfera giuridica e si definiscono meglio le figure
dei notai. Inoltre, vengono istituiti i Supremi Tribunali del Regno e vengono create delle
corti di giustizia periferiche. Tuttavia, permangono tribunali autonomi, quali quelli speciali
dell’Inquisizione e della nobiltà.

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

La spinta religiosa è importante perché gli stati necessitano di una struttura solida e di un
potere forte per porsi sullo stesso piano della chiesa e poter regolare, senza soccombere, i
rapporti tra questa e lo Stato. Un esempio è il concordato del 1518 tra Francia e Papa,
concordato che stabilì l’abolizione di una buona parte dei tributi destinati a Roma, che tolse
al Pontefice il diritto di nomina dei vescovi francesi e che limitò l’azione della giurisdizione
pontificia.In seguito, l’esempio francese fu seguito da Spagna e Inghilterra.

Il caso della rivoluzione dei prezzi e le diverse velocità delle economie europee
A metà 1500 in molti paesi europei si prende coscienza del fatto che il prezzo delle merci è
sensibilmente aumentato rispetto a inizio secolo. Ciò fu dovuto soprattutto all’afflusso di una gran
quantità di metalli preziosi dalle Americhe. Ma l’inflazione monetaria non fu la sola causa:
l’economia subì molteplici trasformazioni e la popolazione europea crebbe indubbiamente
(l’aumento delle bocche da sfamare portò ad investire maggiori capitali nell’economia agricola e
portò alla corsa alla terra da coltivare).
Dal punto di vista industriale, proprio a questo periodo risale una prima età industriale (le campagne
dominavano al 90% lo scenario economico), con la prima produzione di siderurgici, metallurgica e
tessile
In questi anni emergono le figure del mercante imprenditore e dell’operatore finanziario.
L’Inghilterra è il paese in cui la rivoluzione dei prezzi è in maggior misura indice di uno sviluppo
generale dell’economia (poi Francia e Spagna). In Italia è importante Genova per il flusso di capitali
che vi transitano.

La vita e la circolazione della cultura


Il Rinascimento è un periodo di grandi opere nel campo della pittura (Gioconda di Leonardo), della
scultura (Pietà e David di Michelangelo) e dell’architettura, della scrittura (Orlando Furioso di
Ariosto, Il principe di Machiavelli), ma anche il periodo dell’affermazione del libro moderno: nel
1501 Aldo Manuzio inaugura a Venezia (città dominante il mercato librario) la prima collana di
tascabili in volgare.
Gli intellettuali iniziano ad avere maggiore consapevolezza del proprio status e a rivendicare
autonomia e dignità.

La Francia
Dopo la conquista della Borgogna e della Provenza, si completa l’unificazione geopolitica della
Francia, unificazione il cui vero garante è il sovrano.
La Francia è il più calzante esempio di Stato moderno. Il sovrano è supremo giudice e legislatore (i
decreti vengono emanati nel suo nome). Inoltre la rappresentatività è assicurata dall’esistenza degli
Stati generali (cmq convocati pochissimo e, dopo moltissimo tempo, nel 1789), che rappresentano
clero, nobiltà e Terzo Stato (comprendente abitanti paganti la taglia, l’imposta versata dai
contadini). I Parlamenti sono gli organi che rappresentano le province e costituiscono il più centro
di resistenza: mentre il re considera solo una formalità la registrazione delle ordinanze reali, i
parlamentari pretendono di esercitare una fattiva attività di consultazione e valutazione.
Il re era coadiuvato da un consiglio del Re, un organismo di origine medievale evolve la propria
organizzazione in linea con i cambiamenti occorsi all’intera forma Stato: se prima i membri
rappresentavano era estensione del re, col passare del tempo all’interno del Consiglio viene stabilito
a chi attribuire competenze generali, giudiziarie e finanziarie.
La Francia è lo Stato in cui l’apparato burocratico risulta più compiutamente formato rispetto agli
altri Stati.

L‟Inghilterra
Alla fine del 1400, Enrico VII Tudor riesce a risolvere a proprie favore i conflitti sorti tra i grandi
feudatari e riesce a realizzare l’unificazione geografica inglese (il regno comprendeva anche

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

l’Irlanda e il Galles), favorendo l’assegnazione di cariche politico-giudiziarie anche ad individui


non appartenenti alla nobiltà.
Tuttavia, i cambiamenti più evidenti si realizzano con Enrico VIII durante la prima metà del 1500,
dando vita ad una rivoluzione amministrativa di cui il massimo artefice è Cromwell. Infatti,
vengono eliminati privilegi speciali; vengono istituite 2 Camere (la Camera dei Lord, ereditaria, e la
Camera dei Comuni, elettiva) rappresentanti rispettivamente la grande nobiltà e l’unione della
piccola proprietà terriera e dei ceti non nobili; il potere legislativo viene attribuito al Parlamento;
viene elaborato il concetto dei 2 corpi del re (un corpo naturale che muore, un corpo politico che è
incorruttibile). L’Inghilterra è il caso più evidente di equilibrio costituzionale tra monarchia
centralizzata e Parlamento.

La Spagna
Dopo il matrimonio nel 1469 di Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia e la fine della
Reconquista (liberazione di Granada nel 1492) si può parlare della formazione dello Stato iberico.
Tuttavia, fu evitata la fusione di territori diversi (Aragona e la più vasta Castiglia) in un solo
dominio. Durante il 1500, anche in Spagna si compie un processo di ristrutturazione amministrativa,
che si concretizza nell’istituzione di tutta una serie di Consigli (Consiglio di Stato, di Guerra, di
Suprema Inquisizione, ecc…).

Il principio di legittimazione dinastica


Luigi XI di Francia, Enrico VII ed Enrico III di Inghilterra e i cosiddetti Re cattolici spagnoli
(Ferdinando e Isabella) sono personalità che ci fanno capire quanto la forza della dinastia fosse un
potente fattore di legittimazione del potere. Negli Stati in cui era assente un forte e carismatico
potere monarchico, non si poteva neanche parlare di Stato moderno.

Panoramica
Regimi autocratici esistevano:
in Russia: autocrazia ortodossa, forte centralizzazione, servitù della gleba, espropriazione
delle terre a favore della nobiltà vicina allo zar.
nell’Impero Ottomano: dopo la Conquista di Costantinopoli (1453) si assiste ad una forte
espansione (differente grado di sviluppo odierno dei Balcani è causato proprio da tale
dominazione). Il potere apparteneva dispoticamente al sovrano, non esisteva la proprietà
privata e il controllo del sistema spettava ai teologi musulmani (ulema).
Danimarca: il punto debole della sua monarchia consisteva mancanza di un diritto costante di
successione.
Polonia: si estingue il poter della dinastia degli Jagelloni, si afferma la monarchia elettiva e
l’aristocrazia riconquista il potere, finendo per provocare un indebolimento del centro statale.
Svezia: Gustavo I Vasa conquista il potere e impone la monarchia ereditaria.
Germania: si tratta di uno stato per ceti. Lo sviluppo dello stato avviene su 2 piani: quello degli stati
territoriali e quello dell’impero che ha perso tre requisiti medievali: sacralità, universalità,
continuità.

Analisi degli elementi strutturali dello Stato moderno


Avvento della stampa a caratteri mobili (1456 circa). È stata definita una rivoluzione
silenziosa, portata avanti da Gutenberg, il quale perfezionò una tecnologia di origine cinese.
Di lì a poco, si diffusero le tipografie, la stampa come mezzo di propaganda e l’industria del
libro (in questa, Venezia recita un ruolo fondamentale).
L’arte della guerra. Scompare la cavalleria medievale a favore della fanteria (più agile in
battaglia), sebbene sopravviva la cavalleria ma quella con sciabola e pistola; viene stimata la
falange svizzera; gli spagnoli, considerata la preparazione del loro esercito, danno scuola di

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

combattimento; vengono introdotti i cannoni d’assedio e viene progressivamente


abbandonata la forma medievale del castello.
La riscossione delle imposte. Con il termine gabella si indica il prelievo fiscale, con il
termine tassa l’imposta sul reddito; vengano creati il catasto fiorentino o i riveli siciliani,
enti che esigevano tasse proporzionali ai beni dichiarati dai capofamiglia.
Le comunità rurali. Tali realtà ruotano intorno alla figura centrale del parroco e prevede
l’esistenza al loro interno di guaritrici e streghe. Inoltre, con l’introduzione della stampa, nel
campo della tradizione popolare si afferma la nuova figura del cantastorie.

3. L‟ITALIA NELLE GUERRE PER IL PREDOMINIO EUROPEO

Il sistema degli Stati italiani: dal fragile equilibrio alla crisi politica
Nel 1400, le grandi potenze in Europa sono 3: Francia, Spagna e Impero ottomano (cui, poco dopo
si aggiungerà l’Inghilterra). L’Italia poteva considerarsi un laboratorio politico, laboratorio in cui
Firenze era lo Stato che, più di ogni altro in tutto l’Occidente, si distingueva nell’evoluzione e
sperimentazione politica.
1454 - Pace di Lodi: essa, grazie alla promozione da parte di Lorenzo il Magnifico di una politica
all’insegna dell’equilibrio, aveva l’obiettivo di scongiurare che uno stato regionale prevalesse sugli
altri e che il territorio italiano divenisse oggetto delle mire dei grandi Stati nazionali.
Agli occhi stranieri, di fondamentale importanza era il dominio su Milano e sul Regno di Napoli,
due Stati con importanti risorse e poca solidità (non erano come Venezia, Firenze e Stato
Pontificio). In mancanza di uno Stato che potesse fungere da leader nella nostra penisola, la prassi
politica degli Stati medi italiani consisteva nell’unione con la più debole fra le grandi potenze per
bilanciare il potere dello Stato più forte.

La storia politica italiana tra metà 400 e metà 500 è attraversata da 3 fasi:
Fase a) dalla Pace di Lodi alla discesa di Carlo VIII, dall’equilibrio di Lorenzo il Magnifico alla
fine della cosiddetta “libertà d’Italia”;
Fase b) crollato il sistema durante le Guerre d’Italia, la penisola diventa totalmente dipendente dagli
interessi di Francia e Spagna;
Fase c) con la Pace di Cateau-Cambresis l’Italia entra nell’area di egemonia spagnola.

2 personaggi rendono più complicata la situazione politica italiana:


Savonarola, un frate domenicano che, sebbene non avesse specifici incarichi politici,
diventò il punto di riferimento politico dopo la cacciata dei Medici da Firenze (1495) e la
costituzione della Repubblica fiorentina, poiché era considerevole il bisogno di personalità
forti in un contesto di vuoto politico. Egli sosteneva fanaticamente il rispetto dei valori
cristiani della fratellanza e dell’uguaglianza, dell’umiltà e dell’essenziale, tutti principi che
dovevano essere alla base della nuova costituzione. Così, iniziò la pratica dei roghi, in cui
veniva bruciato tutto ciò che non era in linea con i suddetti principi cristiani. Questo difficile
periodo si concluse con l’impiccagione del frate a Piazza della Signoria il 23 maggio 1498, a
seguito di un anatema del Papa;
Cesare Borgia (detto il Valentino), figlio di Papa Alessandro VI. Cesare Borgia mirava a
costituire un forte stato che comprenda parte della Toscana, la Romagna e le Marche.
L’obiettivo era quello di eliminare le piccole signorie locali e di creare un forte stato
centralizzato. Così inizia la sua impresa nel 1499, grazie alle capacità politiche del padre, il
quale ottiene l’appoggio della Francia e di Venezia. Tuttavia, nel 1503 Alessandro VI muore
e Giulio II della Rovere, nemico dei Borgia, viene nominato Papa. Così, il Valentino è
costretto a fuggire in Spagna, dove muore nel 1507.

Le Guerre d‟Italia (primo periodo 1494-1516) e l‟assetto politico dell‟Europa

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Effimera conquista francese di Carlo VIII, re capace, che mette appunto un potente apparato
militare e che dà l’aria di essere in grado di condurre un’azione politica efficace. Così,
nell’agosto 1494 compie una cavalcata trionfale, raggiungendo Asti; trattata la neutralità con
Inghilterra e Spagna, raggiunto l’accordo con il Duca di Milano (Ludovico Sforza, detto il
Moro) e, poco dopo, con Venezia e Papa Alessandro VI Borgia, giunge addirittura a Napoli
nel febbraio 1495.
Marzo 1495: si costituisce una lega antifrancese e Carlo VIII è costretto a rientrare in
Francia;
Nel 1498 muore Carlo VIII, cui succede Luigi XII, che nel 1499 discende nuovamente in
Italia, conquista Milano e, scendendo a compromessi con Venezia e Roma, cerca di porre i
presupposti per la conquista del Meridione. Tuttavia, anche la Spagna (che già controllava
Sardegna e Sicilia), aveva l’obiettivo di estendere la propria egemonia all’intero sud Italia.
Così, nel 1500 Francia e Spagna firmano il Trattato di Granada, secondo cui Luigi XII
avrebbe dovuto occuparsi della reggenza del napoletano mentre Ferdinando il Cattolico di
Puglia e Calabria.
Ciò nonostante, l’accordo non regge: l’esperta fanteria spagnola sconfigge la più lenta
cavalleria francese a Cerignola (1502) e sul Garigliano (1503). Così, si giunge alla
stipulazione del Trattato di Noyon (1516), che sancisce la divisione dell’Italia in 2 sfere
d’influenza: Milano (e, in generale, il nord) resta alla Francia mentre la Spagna ottiene
Napoli, continuando a mantenere il controllo sul meridione (la Corsica resta nella zona
d’influenza genovese).
Frattanto, inizia la crisi della politica espansionistica di Venezia, causata dalla creazione da
parte di Papa Giulio II della Rovere di una lega antiveneziana, in cui confluirono forze
francesi, spagnole, svizzere e pontificie. Sebbene più volte Venezia fosse nettamente
sconfitta, essa uscì da tale situazione sì ridimensionata ma con un’importanza che era
seconda solo allo Stato Pontificio.
Per inciso, si doveva continuare a bilanciare la Spagna ricorrendo alla Francia e viceversa.

L‟impero di Carlo V
Gli Asburgo d’Austria godevano del diritto di rappresentanza su tutto il territorio dell’impero
germanico, che, tuttavia, risultava come un complesso di realtà socio-politiche eterogenee.
Dal matrimonio che Massimiliano I d’Austria aveva combinato tra il proprio figlio Filippo e
Giovanna la Pazza (figlia dei Re cattolici spagnoli), nacque Carlo V.
Tale matrimonio cambia la storia del mondo: a seguito della morte dei rispettivi dignitari, nel 1516
Carlo V diventa re di Spagna e nel 1519 imperatore del Sacro Romano Impero (grazie all’alta
finanza, che, riluttante all’elezione di uno straniero, investì molto denaro per comprare i voti degli
elettori, a discapito di Francesco I di Francia).
Una volta al governo di un Impero su cui il sole non tramontava mai, i problemi dei territori
governati da Carlo V erano:
La precarietà dei collegamenti geografici tra territori vasti e distanti, con una situazione
socio-culturale non omogenea (in Spagna faceva fatica a mantenere unità politica, in
Germania soprattutto l’unità religiosa);
I benefici concessi ai principi tedeschi in occasione della propria elezione a imperatore del
S.R.I., benefici che faranno della Germania la vera spinta nel fianco di Carlo V;
L’astio della Francia, più compatta territorialmente e molto attenta all’evolversi della
situazione, perché timorosa di essere schiacciata.
Il problema turco, che spinge Carlo V a dover conquistare Tripoli e Tunisi, per preservare la
sicurezza del Regno di Napoli.

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Nonostante tali problematiche, da subito Carlo V si dimostrò un sovrano intelligente: per porre fine
alle insurrezioni spagnole e per evitarne la nascita nei territori italiani, cercò di affermare l’autorità
monarchica cercando di stringere alleanze con i vari gruppi sociali dei singoli regni.
Per quanto riguarda la realtà italiana, egli non riservò a Sicilia, Sardegna e Regno di Napoli lo
stesso trattamento di una qualsiasi regione del Nuovo mondo: Carlo V rispettava la consolidata
identità politica, giuridica e religiosa della situazione italiana.

Le Guerre d‟Italia (secondo periodo 1520-1559):da Pavia a Cateau-Cambrèsis


La Francia di Francesco I mira alla conquista di Milano e così si giunge alla battaglia di Pavia
(1525), battaglia in cui Carlo V vince e cattura Francesco I, facendo proprio il Ducato di Milano.
Nel 1527, una volta libero, ritorna in Francia e, per contrastare Carlo V, promuove la nuova
alleanza della Lega di Cognac (Inghilterra, Venezia, Milano, Genova, Firenze e Roma).
Dal canto suo, Carlo V assolda le truppe mercenarie e, soprattutto, filo-luterane dei Lanzichenecchi.
Tali truppe protestanti, oltre per le vittorie militari, sono ricordate perché il 6 maggio 1527 entrano
a Roma, mettendo terribilmente a ferro e fuoco la città. Il Sacco di Roma ha 2 effetti: sconvolge
l’immaginario collettivo del mondo cristiano (perché Roma era la sede Santa e perché si
concretizzava lo scontro protestanti-cristiani) e sconvolge l’equilibrio di alleanze fra i potentati
italiani, visto che costringe il Pontefice Clemente VII a riconoscere la legittimità del potere di Carlo
V (utile al Papa per riconquistare i territori persi a causa della debolezza di Roma e per permettere
ai Medici, propri parenti, di reinsediarsi a Firenze).
Un evento molto importante nell’economia dello scontro Francia-Carlo V è lo scioglimento
dell’alleanza tra Genova e Francesco I nel 1528. Genova entra nella sfera d’influenza spagnola. È
un fatto molto importante poiché Genova è l’unica città che, oltre a gestire un considerevole giro di
capitali, è l’unica grande città portuale che consente comunicazioni con Lombardia e i passi alpini.
La pace di Cambrai (1529) rappresenta uno stop per l’iniziativa francese: ducato di Milano, Asti,
Regno di Napoli, Sicilia e Sardegna vengono sottoposti al dominio di Carlo V (cui si deve
aggiungere l’influenza su Genova), il Piemonte sabaudo al dominio della Francia.
Nel 1530, Carlo V viene investito re d’Italia e, dunque, i principati italiani riconoscono l’autorità
del suo potere.
Intorno al 1535, riprendono le ostilità tra Francia e Spagna per via della politica di alleanze condotta
prima da Francesco I e, alla sua morte, dal figlio Enrico II: la Francia stringe una doppia alleanza
con i principi luterani della Germania (per destabilizzare dall’interno il governo di Carlo V) e con
l’Impero Ottomano (dall’esterno).
Nonostante Carlo V nel 1555 ceda la corona spagnola al figlio Filippo II e nel 1558 la corona del
S.R.I. al fratello Ferdinando (dopo la pace di Augusta ottenuta dai principi tedeschi nel 1555), la
Francia perde anche i possedimenti sabaudi.
La pace di Cateau-Cambrèsis (3 aprile 1559), detta anche pax ispanica, in generale segna la
vittoria della Spagna sulla Francia ma, in particolare:
Segnò la preponderanza spagnola in Italia;
Dimostra la voglia di ricercare la sicurezza dei confini nazionali;
L’impossibilità di dar vita nel cuore dell’Europa ad un impero la cui universalità si fondasse
sul potere del Papa e su quello dell’imperatore: allorché nel 1559 Filippo II lascia le Fiandre
per stabilirsi in Castiglia si passa da un impero la cui caratteristica fondamentale era la
continentalità ad un impero la cui peculiarità è la base casigliana.

Le fondamentali differenze fra i vari Stati italiani erano 2:


Differenza fra Stati a base cittadina, poi allargatisi a base regionale e con una certa
organizzazione amministrativa (Venezia, Genova, Milano e Firenze), e Stati monarchici a
impronta feudale (Ducato di Savoia, Stato della Chiesa e Regno di Napoli).
Differenza, relativa alla forma di governo, tra Repubbliche (Firenze, Genova, Venezia e
Lucca, la città politicamente più aperta ai cittadini) e Principati.

10

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

4. LA RIFORMA PROTESTANTE

Origini, significati e valore di un movimento europeo


La Riforma protestante fu un movimento che coinvolse gran parte dell’Europa, anche paesi di
solida tradizione cattolica (Italia, Francia e Spagna). I promotori di tale movimento furono tutti
uomini di chiesa (Lutero, Zwingli e Calvino) e, quindi, si può dire che nacque dentro l’istituzione
ecclesiastica. Inoltre, sin da subito, nell’ambito della Riforma, religione e politica si intrecciarono
(es: Lutero e principi tedeschi).
Le cause della nascita di tali fermenti furono:
Corruzione e abusi perpetrati dal clero, commercio delle indulgenze;
Il modo in cui i Papi manifestavano il loro potere temporale;
Motivi di natura teologica, quale la mancanza di chiarezza in materia di dogmi e di morale;
Il ritorno umanista alle fonti aveva attualizzato la necessità di una lettura autentica delle
Sacre Scritture e di un coerente adeguamento ad esse dei comportamenti degli uomini di
Chiesa.

Martin Lutero
Egli nasce a Eislben (Sassonia) nel 1483 e si laurea in teologia a Wittenberg nel 1512; è un monaco
agostiniano che sposa un’ex monaca dalla quale ha sei figli e muore nel 1546. Lutero non ha
lasciato un’opera dalla quale sia possibile rilevare i fondamenti della sua dottrina.
Egli è il catalizzatore di un processo che mette in moto la formazione dello stato moderno, è
l’elemento di coagulo di una preesistente situazione esplosiva, soprattutto in Germania: la polemica
anticuriale e antipapale si sviluppa in Germania perché lì non esiste uno stato forte e una realtà
politica solida in grado di opporsi alla Chiesa. A causa di tale debolezza politica, non era pensabile
che si giungesse ad un concordato che regolasse i rapporti tra stato e chiesa, come avevano
precedentemente fatto Spagna e Francia.
13 ottobre 1517: Lutero affigge alle porte della Cattedrale di Wittenberg le sue 95 tesi e così entra
ufficialmente in contrasto con la gerarchia ufficiale. Le Tesi vengono stampate in molte parti
d’Europa (soprattutto Germania e Svizzera) e hanno una grande risonanza.
La protesta di Lutero prende le mosse dal fatto che la chiesa, ad un certo punto della sua storia,
decide di concedere le indulgenze previo pagamento di un obolo, perché bisognosa di maggiori
entrate: l’indulgenza diventa una vera e propria vendita delle remissioni. L’indulgenza era la totale
o parziale remissione delle pene temporali che il peccatore doveva ottenere per assicurarsi il
perdono di Dio. L’indulgenza era una pratica che discendeva dal fatto che il pontefice era il
depositario dei meriti accumulati da Gesù e dai Santi e, dunque, era possessore di un certo
patrimonio di azioni da poter eseguire.
Così, Lutero giunge a maturare la Teologia della Croce, che mette in crisi tutto il sistema della
Chiesa cattolica:
Valutazione pessimistica della natura dell’uomo, visto che questo è macchiato in modo
pesante dal peccato originale;
La salvezza viene raggiunta non per quello che si fa bensì per la fiducia nel sacrificio di
Cristo: l’uomo buono fa opere buone, non sono le opere che rendono buono l’uomo (chi è
stato scelto per essere salvato si desume dalle opere che compie, l’uomo non conquista la
salvezza). Del sacrificio di Cristo l’uomo diventa consapevole per fede. Si giunge alla
negazione del libero arbitrio.

Sebbene, almeno inizialmente, Lutero non avversi il primato gerarchico del Papa e la dottrina
riguardante il Purgatorio, soprattutto con gli scritti del 1519-1520 egli sostiene che non serve più la

11

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

mediazione tra uomo e Dio (è fondamentale interpretare personalmente la parola Sacra) e,


coerentemente alla teoria della Teologia della Croce, mortifica il valore dei sacramenti.
Si giunge alla rottura con Roma. Tuttavia, Leone X non voleva inimicarsi il Duca Federico di
Sassonia, protettore di Lutero e importante elettore imperiale. Così si arriva al tentativo di
mediazione di Carlo V, in occasione della Dieta di Worms (1521), che cmq non dà risultati concreti.

Principali tappe
1517: inizia la protesta di Lutero;
1519: Carlo V viene eletto imperatore.
15 giugno 1520: si pone fine all’incertezza papale e viene emessa la bolla Exurge Domine et iudica
(si alzi il Signore e giudichi questa situazione), concordata con Carlo V, visto che anche lui voleva
una riforma della chiesa per ripulire il clero ed eliminare alcuni malcostumi;
dicembre 1520: Lutero boccia la bolla, bruciandola pubblicamente;
gennaio 1521: bolla Decet romanorum pontificem, con la quale Lutero viene scomunicato e
giudicato eretico;
aprile 1521: Dieta di Worms, alla presenza di Carlo V al fine di evitare una totale rottura, ma
Lutero conferma le sue idee;
8 maggio 1521: condanna politica che avviene con un bando imperiale contro Lutero.
Così, il duca Federico di Sassonia, preoccupato per l’incolumità di Lutero, lo fa proteggere nel suo
castello di Wartburg mettendo in scena un finto rapimento.

Pilastri della Chiesa evangelica Luterana


Alle università protestanti tedesche fu affidata non solo la formazione dei pastori ma anche
il ruolo di definizione dell’ortodossia, cioè di valutare se taluna dottrina religiosa fosse
conforme ai principi protestanti;
I principi assunsero un ruolo preminente nelle importanti decisioni statali;
Magistrati cittadini, ceti emergenti che divennero dei pilastri del sistema politico tedesco;
Pastori, i quali hanno uno status sociale particolare: sono delle persone colte che spesso
partono dal basso e compiono un salto sociale. I pastori potevano sposarsi e, a causa del loro
status, erano considerati dei buoni partiti.

Il confronto con Erasmo


Lutero ed Erasmo da Rotterdam erano convergenti per alcuni tratti dei sistemi dottrinari
rispettivamente elaborati (critica per ipocrisie, formalismi e atti di corruzione). Tuttavia, esisteva
una differenza fondamentale: Erasmo sostiene il libero arbitrio e la religione naturale (conquistare
salvezza) mentre Lutero sostiene il servo arbitrio e la religione soprannaturale.
Il movimento di Erasmo non portò alla genesi di una nuova confessione perché egli pensava che le
critiche per gli abusi ecclesiastici non dovevano comportare l’uscita del cristiano dalla Chiesa,
l’unica abilitata ad esercitare il ruolo di guida sicura della società.

Riforma e rivolte
La protesta luterana, poiché mette in discussione la Chiesa, fa riflettere su molti aspetti della vita
quotidiana e ingenera l’esplosione di alcuni malcontenti sommersi, esplosione che sfocia nella
Rivolta dei Cavalieri e nella Guerra dei contadini:
Rivolta dei Cavalieri (1522-1523). Ha come protagonisti tutti i signori che venivano esclusi
da trasmissioni ereditarie perché non primogeniti. Tale rivolta fu repressa nel sangue;
Guerra dei contadini (1524-1525). I contadini (termine con cui si indicano tutti quelli che
non ricoprivano incarichi in uffici pubblici e, in genere, tutti gli abitanti delle città soggette
al potere signorile e al sistema feudale) vengono organizzati da Muntzer in organizzazioni
comunitarie dei fedeli, che abbattano la divisione per ceti. Si tratta di una guerra sanguinosa
che fa seriamente preoccupare per l’ordine sociale.

12

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Si deve riconoscere che Lutero prende una posizione netta contro le rivolte e le delegittima anche
dal punto di vista religioso. Le due rivolte consolidano la convinzione che bisogna organizzare il
movimento di protesta in una chiesa maggiormente radicata nel territorio. Tale iniziativa è vista di
buon occhio da molti politici e proprio per questo la protesta di Lutero ha un certo successo e una
notevole cassa di risonanza. In questo contesto avviene la cosiddetta statalizzazione della Riforma
Protestante, grazie alla Riforma dei Principi: i principi acquisiscono delle competenze in materia
ecclesiastica che prima spettavano ai vescovi; cambia il ruolo del sacerdote ma le parrocchie
rimangono; i beni ecclesiastici diventano proprietà dello stato.
Tale riforma costituisce un punto di snodo per la formazione dello stato moderno in Germania.

La protesta di Lutero ingenera delle reazioni diverse a seconda del luogo in cui si diffonde:
Calvinismo e Zwingli in Svizzera, anglicanesimo in Inghilterra.

Riforma in Svizzera
1523: Zwingli, predicatore della cattedrale di Zurigo, si confronta con il rappresentante del
vescovo in disputa pubblica. Zwingli finisce per svalutare culti, cerimonie e sacramenti:
l’eucaristia assume solo un valore simbolico e commemorativo e viene criticato il celibato
dei ministri della Chiesa. La comunità dei fedeli arriva a costituirsi democraticamente in
società politica, in modo che i fedeli riuniti in chiesa facciano parte anche di un organismo
politico. La Svizzera finisce per dividersi tra cantoni riformati e cantoni cattolici. Inoltre,
Zwingli condanna il fatto che la Svizzera vivesse della fornitura di milizie mercenarie da
altri paesi. Egli, deve fare i conti con i cattolici e con gli anabattisti (ala riformatrice che
pratica il battesimo nell’età adulta).
1531: Zwingli muore nella battaglia di Cappell, condotta contro i cattolici.

Per certi versi, la sua opera viene continuata da Calvino.

Calvino e la riforma a Ginevra


1534: Calvino lascia la Francia e si stabilisce a Basilea, città che diventerà il fulcro della sua
attività e in cui prende vita il Calvinismo;
1541: rientra a Ginevra e dà inizio al suo programma riformatore;
1564: muore a Ginevra.
Calvino cerca di mediare fra i temi di Lutero e quelli di Zwingli. L’elemento di mediazione è
costituito dalla convinzione che l’uomo vive per servire Dio e non per salvarsi e accentua ancora di
più le convinzioni luterane (ne consegue che i proseliti del Calvinismo cercavano di primeggiare in
operosità per dimostrare di essere i prescelti di Dio). Secondo Calvino, la politica e il vivere civile
devono subordinarsi alle esigenze della vita religiosa e infatti, ad un certo punto, Ginevra viene
denominata Nuova Gerusalemme, in cui:
1541: viene approvata dal consiglio cittadino la promulgazione delle ordinanze
ecclesiastiche. Viene definita un’organizzazione in 4 ministeri:
1. Diaconi, che assistono poveri e malati;
2. Presbiteri, che si occupano della condotta morale dei cittadini;
3. Dottori, demandati all’insegnamento teologico;
4. Pastori e Anziani, i quali fanno parte del Concistoro, supremo tribunale dei
costumi.
1559: viene fondata l’Accademia per la formazione dei nuovi pastori e il coordinamento del
proselitismo negli altri paesi.
1557-1560: il Calvinismo si diffonde in Scozia.

Carlo V e il Protestantesimo della Germania

13

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

1521, editto di Worms: Lutero viene condannato ma, a causa della volontà di Carlo V di non
esporsi troppo politicamente, la risoluzione dei problemi più annosi viene rinviata al
convocando Concilio (che peraltro il Papa voleva evitare, convinto che i concili fossero
delle sovraordinazioni al Pontefice);
1526 e 1529: Diete imperiali di Spira che, in attesa del Concilio, congelano la situazione
nell’ambito del conflitto tra Stati protestanti e cattolici.
1530: Dieta di Augusta (in una contingenza storica di relativa tranquillità nei rapporti con la
Francia) e tentativo di riconciliazione con Filippo Melantone, coordinatore territoriale della
diffusione dell’opera di Lutero;
1542: Dieta di Spira, in cui i Protestanti (le 3 diverse confessioni confluiscono nella Lega di
Smalcalda) propongono il baratto del formale riconoscimento della loro posizione in cambio
del loro aiuto contro i Turchi, che si espandevano verso centro Europa e Nord Africa;
1547: Carlo V vince i principi protestanti a Muhlberg ma, negli anni seguenti subisce
numerose sconfitte ad opera di Protestanti, francesi e turchi;
1555: Pace di Augusta e applicazione del principio “Cuius regio, eius religio”, che stabiliva
che i sudditi dovessero adeguarsi alla confessione religiosa scelta dal principe. Così, i
principi protestanti erano considerati alla stregua di quelli cattolici e veniva abbandonato
ogni tentativo di raggiungere la pace anche in campo dogmatico.

Aree di diffusione della Riforma


L’area luterana si presentava molto compatta: Germania centro-nord, Nord Europa, coste
baltiche e alcune altre zone dell’Europa orientale.
L’area calvinista era più frastagliata: attorno ai punti di forza, rappresentati dalle città
svizzere (Zurigo, Basilea, Ginevra, Berna), ruotavano il Basso Reno tedesco, l’Olanda e la
Scozia.
L’area italiana non vide diffondersi nessuna delle 3 confessioni protestanti. In Italia si è
soliti parlare di eretici, i quali interpretarono liberamente l’esperienza religiosa e si
ribellarono alle nuove confessioni. Il più importante contributo che fornirono gli eretici
italiani fu la lotta per la tolleranza religiosa.
Scisma inglese (fondamentale nel processo di formazione dello Stato moderno in
Inghilterra).
1534: Enrico VIII promulga l’Atto di Supremazia. Egli ha problemi di discendenza poiché
non riesce ad avere figli maschi. Così, chiede al Pontefice di poter divorziare dalla moglie
Caterina d’Aragona, sorella di Filippo II (sovrano della cattolicissima Spagna), per sposare
Anna Bolena, una dama di corte. Proprio a causa di tale parentela, il Pontefice si rifiuta di
concedere il divorzio e avviene lo scisma anglicano.
La nuova chiesa decide di fare capo al reggente inglese e al suo vicario generale,
l’arcivescovo di Canterbury. Dal canto suo, il re disconosce il primato gerarchico del Papa,
evitando di rivedere dogmi della fede.
1536-1540: l’Inghilterra incamera i beni ecclesiastici e rompe definitamene con il papato.
1541: Libro della Preghiera (modellato sul Calvinismo), che riconosceva solo battesimo ed
eucaristia.
1547-1553: regno di Eduardo VI e la nuova religione diventa religione di Stato;
1553-1558: regno di Maria Tudor, durante il quale fallisce il tentativo di restaurare il
cattolicesimo in Inghilterra

Terminologia
Riforma Protestante: espressione utilizzata per indicare in modo unitario la riforma religiosa avviata
da Lutero che conduce alla rottura dell’unità cristiana e alla formazione di nuove confessioni quali
il Luteranesimo, il Calvinismo e l’Anglicanesimo.

14

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Protestanti: sono così definiti i luterani per la loro protesta formale contro la Dieta imperiale di
Spira.
Riformati: è un termine che viene usato per i seguaci di Zwingli e Calvino, con l’intento di
distinguerli dai luterani.

Da sottolineare che tutti i movimenti protestanti recisero qualsiasi legame con le frange estremiste.
Questo accadde poiché i leader protestanti avevano il timore di essere lasciati a se stessi dalle
autorità politiche, dalle istituzioni locali e, quindi, che il loro proselitismo si arrestasse.

5. CONTRORIFORMA E RIFORMA CATTOLICA

I concetti di Controriforma e riforma cattolica


Con il termine Controriforma si suole indicare il periodo 1580-1640. In tale termine confluisce:
la repressione antiprotestante, compresi i fenomeni in cui le misure controriformiste
sfociarono nell’intolleranza e negli eccessi (come nel caso dei gesuiti);
il consolidamento dei dogmi, che non prescindette dall’operazione di modifica della prassi
pastorale (che doveva riuscire a riconquistare le masse);
l’alleanza tra la Chiesa e la Spagna: da un lato la Chiesa aveva bisogno della Spagna
(l’unica potenza che la potesse aiutare militarmente ed economicamente), dall’altro la
Spagna aveva bisogno della Chiesa per educare le masse all’obbedienza al sovrano.
Dunque, mentre con il termine Controriforma l’accento batte maggiormente sulla reazione al
protestantesimo, con l’espressione riforma cattolica batte sul rinnovamento religioso che investe la
Chiesa e che risulta in atto fino al 1600: la Chiesa agisce preminentemente sugli uomini più che
sulle strutture e si afferma la devotio moderna.
In ogni caso, con la Controriforma e la riforma cattolica, la Chiesa acuisce la spaccatura tra il
mondo della cristianità e quello dei protestanti, che da questo periodo si percepiranno l’un l’altro
come 2 mondi nettamente distinti.

Il Concilio di Trento (1545)

Problemi e obiettivi del Concilio


riaffermazione del primato gerarchico del Papa all’interno di una Chiesa riformata ed
elaborazione di una gerarchia ecclesiastica;
recupero dei territori in cui hanno attecchito le confessioni protestanti;
elaborazione di una strategia che servisse ad arginare la diffusione di sistemi dottrinali
eretici;
conciliazione tra i gruppi confessionali in disaccordo;
disciplina del clero.

Composizione
Al Concilio di Trento parteciparono quasi esclusivamente ecclesiastici: 4 cardinali, 4 arcivescovi,
21 vescovi, tutti i Generali degli Ordini (francescani, agostiniani, carmelitani e Servi di Maria). I
laici convenuti erano: 2 inviati dell’arciduca Ferdinando d’Austria, 40 teologi e 8 giuristi.
La vicenda del Concilio di Trento si può dividere in 4 fasi, una di preparazione e 3 di svolgimento.
Fase di preparazione
1535 – Papa Paolo III Farnese (1534-1549) rinvia l’apertura del Concilio;
9 marzo 1537 – Una commissione istituita nel 1536, di cui fa parte il futuro Paolo IV,
presenta al Papa la “Proposta per la riforma della Chiesa”; nello stesso anno Paolo III
convoca un Concilio a Mantova;
15

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

1539 – dinanzi al rifiuto generale di svolgere il concilio a Mantova, lo stesso viene rinviato a
tempo indeterminato.

Prima fase (1545-1548)


In questa fase, le delibere conciliari riguardarono soprattutto le questioni teologiche:
13 dicembre 1545 – Inizia a Trento il Concilio generale, che non si può definire ecumenico
per la scarsa presenza di uomini di culto e per la scarsa rappresentatività geografica (Italia e
Spagna in maggioranza);
1546 – Il Concilio approva il primo decreto “De canonicis scripturis”, nel quale si afferma
che le verità assolute sono contenute solo nelle Sacre Scritture;
gennaio 1547 – Viene approvato il decreto “De giustificatione”, nel quale si afferma che la
salvezza non si ottiene senza le opere meritorie, seguito dal “De sacramentis” (3 marzo), nel
quale si ribadisce l’importanza dei sacramenti;
viene approvato un decreto che obbliga i vescovi alla residenza all’interno delle diocesi che
amministrano;
marzo 1547 – A causa dello scoppio di un’epidemia di peste, il Concilio viene trasferito a
Bologna, scelta che provoca una spaccatura del tavolo conciliare;
giugno 1547 – Di fronte al rifiuto dell’imperatore Carlo V di riconoscere la legittimità dei
dibattiti, Paolo III sospende il Concilio.

Seconda fase (1550-1552)


febbraio 1550: viene eletto papa Giulio III, già delegato papale durante la precedente fase
del Concilio.
1551: il Concilio viene riaperto a Trento, a causa della pressione esercitata da Carlo V;
1552: partecipano ai lavori anche alcuni luterani e, ripreso l’attrito tra Francia e Carlo V, i
lavori devono essere sospesi nuovamente.

Tra seconda e terza fase, con Paolo IV (1555-1559), la Controriforma (intesa come offensiva contro
l’eresia, entra nella fase più acuta.

Terza fase (1560-1563)


novembre 1560: Pio IV ordina la ripresa dei lavori conciliari, ripresa che si concretizza nel
gennaio 1562;
viene stabilito che i vescovi dipendessero dal Papa e che il potere episcopale fosse assegnato
su mandato divino;
dicembre 1563: il Concilio si conclude, dopo che fu messa a punto la gerarchia ecclesiastica:
papa (autorità infallibile), vescovi (cui era affidato il controllo delle proprie diocesi) e
parroci (autorità religiose locali). Inoltre, furono approvati decreti sul carattere sacrificale
della messa, sulla riforma degli ordini religiosi, sui compiti dei cardinali, sulle indulgenze e
sulla venerazione dei Santi, delle reliquie e delle immagini.

Le istituzioni della Controriforma


A metà 500 il Papa va accentuando la sua doppia fisionomia: Pontefice (capo della comunità
religiosa cristiana) e sovrano di uno Stato.
Con l’espressione “istituzioni della Controriforma” si indica il complesso di strumenti approntati
dalla Chiesa, atti ad arginare l’eresia dilagante e a rafforzare la disciplina culturale e sociale:
attuazione delle decisioni conciliari, tramite l’approvazione di decreti, la disposizione di
nunziature (ambasciate) e l’opera di San Carlo Borromeo;
1542: Paolo III istituisce la Congregazione cardinalizia del Sant’Uffizio dell’Inquisizione,
che si doveva assolvere la funzione di prevenzione e repressione dell’eresia.

16

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Successivamente, papa Paolo IV si spinse oltre, affidando la piena giurisdizione ai 6


cardinali inquisitori e ordinando lo smantellamento di tutti i cenacoli in cui si trattasse di
rinnovamento religioso e il carcere per tutti gli avversari dell’ortodossia cristiana;
la collaborazione tra parroci e inquisitori;
1559: pubblicazione dell’ Indice dei libri proibiti, opera che sempre Paolo IV reputava
fondamentale per la difesa dell’ortodossia;
istituzione dei seminari, che dovevano servire per preparare il buon prete, curarne
l’istruzione in materia religiosa e attestare la veridicità della vocazione; istituzione del
catechismo (cui si dedicarono molto i gesuiti).

Gli ordini religiosi e la riconquista delle anime


Già prima del Concilio di Trento, si era sentita l’esigenza di dar vita ad ordini religiosi che dessero
nuova linfa vitale al mondo cristiano. Dopo l’avvento del protestantesimo e il Concilio di Trento
(che detta gli interventi utili a riformare gli ordini già esistenti), gli ordini religiosi diventano le
milizie della Controriforma: nati per finalità diverse (soprattutto per scopi assistenziali), iniziano a
combattere recisamente l’eresia e ad integrare la propria attività con quella scolastica (studio
scienze sacre, decoro delle funzioni liturgiche).
1524: viene fondato l’ordine dei teatini da San Gaetano di Thiene, con la collaborazione del
futuro papa Paolo IV. Tale ordine è fondato per restaurare la disponibilità all’assistenza,
primitivo ideale apostolico.
1525: Matteo da Bascio fonda l’ordine dei Cappuccini, così detti a causa del lungo
cappuccio appuntito che ne caratterizzava l’abito. Essi conducevano vita eremitica e,
totalmente poveri, pregavano e assistevano poveri e ammalati;
1530: viene fondato l’ordine dei Barnabiti, che si dedicarono alla predicazione.
1532: viene fondata la Compagnia dei Servi dei poveri, detti anche somaschi.
1534: Ignazio di Loyola, ex uomo d’armi e di corte, convertitosi a nuova vita (dopo un
ferimento in combattimento) tramite pesanti penitenze e lunghe meditazioni, fonda l‟ordine
dei gesuiti della Compagnia di Gesù. Tale ordine, fondato sul principio “combattere per
Dio”, fu quello che interpretò nel migliore dei modi lo spirito della Controriforma. Ai 3 voti
tradizionali della professione monacale (povertà, castità e obbedienza), Ignazio aggiunse un
4 voto: obbedienza al papa fino al sacrificio della vita. L’ordine riuscì a riconquistare
territori protestanti e ad arginare l’eresia in Francia, Spagna e Italia grazie: alla
gerarchizzazione militare dei componenti; e al totale rispetto delle Sacre Scritture; al
prestigio raggiunto dai collegi gesuitici in campo culturale, convinti che l’istruzione
religiosa (e non solo) fosse fondamentale per la formazione del perfetto cristiano; ad una
fervente opera di evangelizzazione, atta a riportare chiarezza e ad eliminare la superstizione
nella devozione di massa e ad ingenerare in seno a questa sensi di colpa per i peccati
commessi.
1537: a Granada Giovanni di Dio fonda l’ordine laicale dei fratelli ospedalieri (conosciuto in
Italia con la denominazione “fatebenefratelli” ), che assistevano detenuti e ricoverati in
ospedale.
1545: Paolo III, durante i lavori conciliari, legittima gli ordini già fondati;
1552: Filippo Neri fonda la Congregazione dei preti dell’oratorio. I filippini, la cui attività
aveva finalità caritative e formative, sperimentarono nuovi metodi pastorali (come i racconti
per bambini).

6. UN SOLO RE, UN SOLO IMPERO, UNA SOLA RELIGIONE: L‟ETÀ DI FILIPPO II

Filippo II e l‟egemonia spagnola in Europa


Dopo la pace di Augusta (1555) ottenuta dai principi tedeschi, Carlo V nel 1555 cede la corona
spagnola al figlio Filippo II e nel 1558 la corona del S.R.I. al fratello Ferdinando.
17

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Tra il 1520 e il 1570, la Spagna diventò la principale potenza europea. I motivi furono:
Forte aumento demografico, che generava forza lavoro;
Facile accesso alle nuove fonti di ricchezza delle Americhe e dalle Indie;
Congiuntura economica favorevole;
Ampio credito concesso alla Corona spagnola dagli ambienti finanziari;
Esercito attrezzato e capace di essere mobilitato su più fronti;
Maggiore compattezza della Spagna rispetto al blocco austro-germanico dell’Impero (scosso
dal protestantesimo).

Nell’ambito religioso, nella cattolicissima Spagna si assiste a:


1. Sìnodi che impongono residenza clero (grazie alla residenza del clero si poteva
avere più controllo territoriale, visto che ciò portava alla creazione di registri
importanti, come quello dei battesimi o dei matrimoni).
2. Sinodi che ripuliscono religione da dalle credenze popolari.
3. L’inquisizione, che è un punto di forza del piano di controllo politico e sociale di
Filippo II: si occupa rigidamente dell’eliminazione, non solo degli avversari, ma
anche delle diversità (un trauma sociale l’espulsione di musulmani ed ebrei
convertiti al Cristianesimo, accusati di essere strumenti di diffusione di eresie).

Filippo II
Tuttavia, l’ Impero entra in crisi proprio con Filippo II, il cui ruolo è fondamentale nella formazione
dello stato moderno spagnolo. Se Carlo V era un re itinerante, Filippo sceglie la dimora fissa e, per
arrestare la parabola discendente dell’Impero, punta moltissimo sulla creazione di una
articolatissima struttura burocratico-amministrativa. Inoltre, non era ossessionato come il padre dal
pensiero della creazione di un Impero universale.
1527: nasce a Valladolid da Carlo V e Isabella di Portogallo.
1543: su consiglio del padre Carlo V, sposa Maria Emanuela di Portogallo, morta nel 1545;
1554: sposa Maria Tudor, regina d’Inghilterra.
1556: diventa Re di Spagna e il suo regno durerà fino al 1598. Al suo interno si possono distinguere
3 fasi: prima fase 1559-1565; seconda fase 1565-1580; terza fase 1580-1598.
1558: muore Maria Tudor e Filippo II sposa Elisabetta di Valois (figlia di Enrico II), matrimonio
grazie al quale potrà inserirsi in politica francese. In seguito, sposa Anna d’Austria, dalla quale
nasce Filippo III, che gestirà la crisi finale dell’Impero.
1559: Filippo II si trasferisce dalle Fiandre alla Castiglia, la regione più popolosa e ricca, dalla cui
situazione dipenderà quella dell’intero blocco spagnolo (l’Impero si reggerà in piedi solo finchè la
congiuntura internazionale e la Castiglia fungeranno da traino dell’economia spagnola).
1561: Filippo II trasferisce la capitale da Valladolid a Madrid, sebbene Madrid fosse più decentrata
e la comunicazione con il resto del territorio risultasse più difficile.
1598: Filippo II muore.

La prima fase del regno di Filippo II (1559-1565)


Conseguita un’importante vittoria sui francesi nella battaglia di San Quintino (1557), Filippo II
decide di fronteggiare il pericolo turco, sia per raggiungere una maggior sicurezza nel Mediterraneo
sia perché è convinto che sia il momento più propizio per colpire i turchi, a causa della loro crisi
socio-politica interna.
Dopo alterne vicende, il pericolo turco non poteva certamente essere considerato estinto.
Nel 1564, la Spagna conquista le Filippine.

La seconda fase (1565-1580): tra Paesi Bassi e Mediterraneo


In questa fase, non pochi problemi sorsero nei domini nord-europei: i Paesi Bassi erano in
ebollizione e, per di più, la diffusione del calvinismo e la lotta al cattolicesimo fornivano il collante

18

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

ideologico alle rivolte anti-spagnole. Nel 1567, Filippo II decise di sedare le rivolte con il pugno di
ferro, scegliendo il Duca d’Alba, il quale istituì il tribunale di sangue. Guglielmo d’Orange divenne
il leader della resistenza. Successivamente, da questa situazione si arriverà alla nascita dell’Olanda.
Intanto, la Spagna, per liberare il Mediterraneo dalla minaccia turca, si alleò con Venezia e Stato
Pontificio, costituendo la Lega Santa. Questa conseguì un’importante vittoria nella battaglia navale
di Lepanto (1571) e i turchi lasciarono Tunisi, anche perché i domini caucasici erano minacciati
dall’avanzata persiana. La battaglia di Lepanto è l’ultima occasione in cui una battaglia si svolge
usando le cosiddette galere, e secondo delle procedure di origine romana (all’arma bianca).

La terza fase (1580-1598): l‟imperialismo attivo


La temporanea sistemazione della situazione nord-europea, la vittoria sui turchi, il raggiungimento
dell’apice per quanto riguardava l’estrazione di metalli preziosi dalle colonie, portarono Filippo II
ad interessarsi alla politica espansionistica. Così, nel 1580, sfruttando la crisi dinastica e la scarsa
resistenza, la Spagna annetté il Portogallo e il suo impero coloniale, comunque assicurando loro una
certa autonomia da Madrid.
Ben diverso fu l’evolversi della situazione sul fronte inglese, reale spina nel fianco della Spagna.
Elisabetta aveva già osteggiato Filippo II:
appoggiando le rivolte nei Paesi Bassi nel 1585;
legittimando i corsari britannici (i quali nel 1568 vinsero gli spagnoli nei Caraibi), che
continuamente intralciavano nell’Atlantico comunicazioni e traffici spagnoli.
Così, Filippo II cercò di cogliere il momento giusto per estendere il proprio potere anche
all’Inghilterra.
La spedizione spagnola viene preparata accuratamente: contava di spostare soldati stanziati nei
Paesi Bassi in aiuto dell’Invincibile armata. Nel 1588, nonostante questa salpi da Lisbona con 130
navi e 30000 uomini, va incontro ad una vera disfatta:
perché non si tiene conto delle peggiori condizioni climatiche inglesi;
perché non si pensava che gli inglesi avessero una flotta tanto preparata: essi hanno dalla
loro innovazioni tecnologiche (navi funzionali e agili e cannoni di lunga gittata) e diverse
strategie di combattimento (mirano ad affondare le navi avversarie, evitando il corpo a
corpo in cui gli spagnoli erano maestri).
Così, gli spagnoli decidono di ritirarsi. Tuttavia, per assecondare esigenze della navigazione a vela,
non possono tornare dalla Manica e sono costretti a fare il periplo dell’Inghilterra (passando dal
Mare del Nord e dall’Atlantico), con conseguenze gravissime per le truppe.
Sul fronte nord-europeo, si deve registrare la nascita dell‟Olanda: a seguito del fallimento del
pugno di ferro del Duca d’Alba, della bancarotta di Filippo II nel 1575, nel 1576 si susseguono la
rivolta dei Mercenari e il sacco di Anversa, eventi che sanciscono la perdita del controllo della
situazione olandese. Così, Filippo II sceglie di adottare una politica di mediazione, che riconquisti i
favori della nobiltà moderata cattolica e designa come governatore dei Paesi Bassi Alessandro
Farnese, Duca di Parma. Tuttavia, nel 1579 le sette province settentrionali sancivano la nascita di
una nuova realtà politica con l’Unione delle province unite di Utrecht. Nel 1581, Filippo II firmò
l’atto di rinuncia alla sovranità ma la riconobbe come entità autonoma solo alla fine della Guerra dei
30anni. Frattanto, tale unione prese il nome di Olanda (dal nome della provincia più importante) e si
distinse per il rispetto delle peculiarità di ciascuna provincia, per la spiccata partecipazione popolare
alla vita politica (petizione) e per la crescita del settore finanziario-commerciale (scalzò i genovesi).
Come se ciò non bastasse, la politica estera di Filippo II non fu fallimentare solo sul fronte inglese e
su quello olandese, bensì anche sul fronte africano: si rivela un errore adottare la strategia
minimalista di conservare roccaforti sulle coste africane perché, allorchè queste vengono assediate
dai berberi, non hanno supporti; inoltre, per un esercito europeo era impossibile combattere
nell’interno africano perché mancavano comunicazioni e, soprattutto, perché non si combatteva
contro un nemico compatto bensì contro un pulviscolo di tribù che adottavano la guerriglia. Tale

19

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

instabilità sul territorio africano finisce per scoprire i territori spagnoli e italiani a incursioni di
veloci navi berbere, che razziano uomini e beni.
A tali problematiche nella politica estera, si devono aggiungere i problemi sorti in quella interna: la
situazione interna divenne critica perché, dopo la distruzione dell’Invincibile armata,
militarmente la Spagna doveva iniziare quasi da zero; i monopoli commerciali della Castiglia nelle
Americhe e del Portogallo nelle Indie cominciarono ad apparire vulnerabili; il cuore stesso
dell’Impero (Castiglia) diede segnali di esaurimento economico; culturalmente, la situazione era
complicata per il fatto che il Portogallo ed altre regioni (come Sicilia e Sardegna) conservavano
apparati, organizzazione ed usi e costumi propri.

Riepilogo dei fattori che portarono alla crisi


Dalla prosperità alla crisi economica.
1. Crisi demografica. La Spagna non possiede una popolazione tanto numerosa da poter
sostenere molteplici attività: la popolazione diminuisce a causa delle epidemie, delle
migrazione e delle conseguenze delle battaglie;
2. Al momento culminante di importazione di metalli preziosi dalle colonie, segue la
grande inflazione di fine 1500: la gran quantità di metalli provoca perdita del valore
d’acquisto della moneta. Di tale situazione risentono molto negativamente i feudatari
e i contadini (la cui indipendenza tramonta definitivamente): le loro entrate hanno
minor valore d’acquisto e, a seguito dell’aumento dei salari, aumentano anche le
uscite;
3. Il problema delle bancarotte è naturalmente collegato al problema dell’inflazione. A
seguito delle bancarotte (1557, 1560, 1569, 1575), il debito pubblico viene
convertito in obbligazioni governative a lungo termine. Così, viene inficiata la
credibilità dell’impero spagnolo, su cui difficilmente qualcuno voleva investire. I
banchieri finiscono per applicare forti tassi d’interesse;
4. Crisi allevamento del bestiame, che provoca diminuzione proteine: non si riesce ad
organizzare pastorizia produttiva;
5. La Spagna necessita di prodotti tessili e metallurgici, che Americhe non riescono a
produrre perché mancanti di apparato industriale. Così, si sviluppa dipendenza
economica da Fiandre e Inghilterra e si diffondono rotte di contrabbando per
mantenere bassi i costi di trasporto;
6. Rotte insicure per il problema dei pirati.
La nascita della monarchia burocratica
1. Filippo II, essendo caparbio ma insicuro, non è un uomo dalle rapide decisioni e,
prima di decidere, necessita di un surplus di informazioni. Così, grazie all’attività
dell’Escorial costruisce attorno a sé un regno di carte. Inoltre, viene creato
l’archivio di Simancas, per evitare dispersione di carte.
2. I lenti mezzi tecnologici dell’epoca non riescono a supportare una monarchia così
burocratizzata.
3. il suo rapporto con la nobiltà si complica perché Filippo II, per metter su una
burocrazia efficiente, comincia a fare affidamento su uomini nuovi e un piccolo
gruppo di alti funzionari statali finisce per governare 6 milioni di uomini.
4. Corruzione e visitatori: la corruzione è la conseguenza della lentezza burocratica:
l’imprenditore locale non può aspettare le decisioni di Madrid e corrompe
amministrazione locale (fenomeno diffuso soprattutto in periferia). Così, Filippo II
inventa la figura del visitatore, ispettore generale che risponde al re e può procedere
in modo disinvolto e diretto (arrivando anche a poter controllare conti correnti
inquisiti).

20

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

In ambito religioso, l’inquisizione è troppo rigida ed elimina anche le diversità: fu un vero


un trauma sociale l’espulsione di musulmani ed ebrei convertiti al Cristianesimo, accusati
di essere strumenti di diffusione di eresie.
La politica estera
1. ascesa di Elisabetta in Inghilterra e la sconfitta subita dall’Invincibile armata;
2. la situazione olandese;
3. la politica africana.

Se nel campo artistico-culturale si può parlare di SECOLO D’ORO (metà 500-metà 600) della
Spagna, in campo politico-economico si può parlare solo di crisi.

Russia: Ivan IV il Terribile (1547-1584) rafforzò il potere centrale dello zar e si assistette ad una
recrudescenza della schiavitù.

La Francia e le guerre di religione (da cui nasce la nuova Francia)


Nel periodo che va dalla pace di Cateau-Cambresis (1559) alla pace di Vervins (1598), la Francia
dovette fare i conti con le “guerre di religione”. Per comprendere appieno gli eventi susseguitisi in
tale periodo (accadimenti non solo riguardanti l’ambito religioso, ma anche il campo politico e
civile in generale), si deve tener conto di alcune variabili:
crisi dinastica, dopo la morte del re Enrico II di Valois (1559);
divisione del paese in ugonotti e cattolici. Gli ugonotti non erano altro che calvinisti,
cosiddetti per via della torre di Hugon (Tours) in cui officiavano il proprio culto, ed erano
guidati dai Borbone e dai Coligny; la fazione dei cattolici era guidata dalla famiglia dei
Guisa;
nesso tra lotta politica e lotta religiosa. Tale nesso risulta importantissimo nella formazione
delle fazioni per la conquista del potere;
condizionamenti internazionali, quali le battaglie del tempo (Lepanto, Invincibile Armada) e
la politica matrimoniale (il matrimonio tra Francesco II di Valois e Maria Stuart autorizzò i
francesi a credere di poter guadagnare il controllo dell’Inghilterra, ma il sovrano francese
morì giovanissimo).
sviluppo di nuove teorie politiche. Ad esempio, si affermò la convinzione che il potere
sovrano non discendesse da Dio ma da un patto stabilito tra popolo e sovrano, patto senza
rispetto del quale il sovrano poteva avvenire l’omicidio del sovrano.

Cronologia
1562: Caterina dè Medici, reggente di Carlo IX, cercò di attuare una politica di mediazione e,
poiché la fazione di Guisa rivestiva le cariche politiche più importanti, fece alcune concessioni al
partito degli ugonotti. Così, emanando nel 1562 l’editto di Saint Germain, concesse libertà di culto
agli ugonotti, obbligati però a risiedere fuori dalle mura cittadine.
1562: Prima guerra di religione, che dura un anno. Infatti, i cattolici reagiscono all’editto con la
strage di Vassy, in cui circa 70 ugonotti vengono massacrati.
1563: Caterina emana l’editto di Amboise, che conferma i contenuti dell’editto di Saint Germain.
1567-1568: Seconda guerra di religione. Gli ugonotti non sono soddisfatti delle concessioni e si
scontrano violentemente con i cattolici sia in campagna che in città.
1568-1570: Terza guerra di religione. Per via delle pressioni esercitate dagli ugonotti, Caterina è
costretta a promulgare il secondo editto di Saint Germain (1570): veniva riconosciuta agli ugonotti
la piena libertà di culto (tranne a Parigi), 4 piazzeforti e un porto munito di grandi difese (La
Rochelle). Caterina concede tale editto in una congiuntura internazionale favorevole agli ugonotti
(la Spagna era preoccupata dalla situazione olandese e dalla propria politica estera).

21

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

1572: dopo la vittoria cristiana di Lepanto, la congiuntura mutò sensibilmente. In quest’anno viene
celebrato il matrimonio tra Margherita di Valois (sorella del re Carlo IX) ed Enrico di Borbone (re
del regno indipendente della Navarra e guida degli ugonotti). Nella notte di San Bartolomeo (23-24
agosto 1572) furono trucidati nel palazzo reale tutti gli esponenti di spicco degli ugonotti, giunti a
Parigi per festeggiare le nozze. Enrico di Borbone fu risparmiato sol perché rinnegò la propria fede.
Il massacro si protrae per i giorni seguenti, finendo per provocare 30 mila vittime.
1572-1573: Quarta guerra di religione, con gli ugonotti che resistono ad un veemente assedio nella
fortezza di La Rochelle. Viene confermata la libertà di culto degli ugonotti.
1574-1576: Quinta guerra di religione, persa da Enrico di Borbone. La Lega Santa, guidata da
Enrico Guisa, rafforza la posizione dei cattolici e il re Enrico III (1574-1589), avversario degli
ugonotti, è costretto ad annullare l’editto di Beaulieu, concesso agli ugonotti nonostante la sconfitta.
1576-1577: Sesta guerra di religione, che si conclude con la pace di Bergerac e l’editto di Poitiers,
che riduce la libertà di culto degli ugonotti.
1579-1580: Settima guerra di religione, che si conclude con la pace di Fleix.
1585-1589: morto l’ultimo figlio di Caterina, scoppia l’Ottava guerra di religione, detta Guerra dei
3 Enrichi (Enrico III, Enrico di Guisa ed Enrico di Borbone). Enrico di Guisa viene fatto uccidere
per ordine di Enrico III, alleatosi con gli ugonotti. Poco dopo, Enrico III viene pugnalato da un
fanatico domenicano. La questione della successione al trono si risolse: Enrico III, prima di morire,
aveva designato come suo successore Enrico di Borbone, a patto che questi si convertisse al
cattolicesimo.
1589-1593: il nuovo re Enrico IV (1589-1610) deve fare i conti con la Lega Santa (Spagna, Roma,
la Scozia di Maria Stuart e cattolici francesi), frattanto giunta fino a Parigi dai Paesi Bassi. Nel
1593, si converte definitivamente al cattolicesimo e abiura il calvinismo nella cattedrale di S.Denis.
febbraio 1594: dopo aver adempiuto un importante atto di pacificazione nazionale quale la
conversione al cattolicesimo e aver attirato, grazie al suo acume politico e militare, i favori dei
cattolici francesi, Enrico IV entra a Parigi e viene incoronato re di Francia nella cattedrale di
Chartres.
1598: La svolta verso l‟affermazione dello stato moderno e il progressivo rafforzamento del
potere monarchico centrale e la sistemazione della situazione internazionale avviene durante
quest’anno. Infatti, ad aprile viene promulgato l’editto di Nantes che concede agli ugonotti:
piena libertà di culto;
libertà civile;
rappresentanza in Parlamento (organo cmq diverso da quello inglese, visto che i
parlamentari francesi si limitavano a vistare i provvedimenti del re);
alcune piazzeforti, tra cui le più importanti La Rochelle (sull’Atlantico) e Montpellier (sul
Mediterraneo).
Nel maggio 1598, invece, viene firmata con la Spagna la pace di Vervins, che conferma i confini
stabiliti con la pace di Cateau-Cambresis e segna la definitiva scomparsa di pretese spagnole verso
territori francesi.

La conversione al cattolicesimo e l’editto di Nantes furono la testimonianza della volontà di Enrico


IV di scendere a compromessi e di mediare fra le 2 fazioni, al fine di ottenere la pacificazione
nazionale e il rafforzamento del potere monarchico centrale, fortemente indebolitosi durante le
guerre di religione.

Nel fuoco delle guerre di religione francesi, nascono e si definiscono sempre più 2 grandi principi
dell‟agire politico:
il potere ha origine da un patto tra governanti e governati;
possibilità di sciogliere il patto (anche tramite l’assassinio del re), nel caso in cui non
vengano rispettati i principi che hanno portato alla nascita dello stesso.

22

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

7. L‟ITALIA SPAGNOLA E NON DURANTE IL 1500

L‟Italia spagnola
Nel passaggio di consegne da Ferdinando il Cattolico a Carlo V e poi a Filippo II, sempre persistette
l’attenzione per la politica mediterranea, al fine di frenare il potere francese e per poter far fronte al
pericolo turco. Dunque, il possesso dei territori italiani era carico di una grande importanza
strategica. I possessi diretti della Spagna erano: Ducato di Milano – Regno di Napoli – Sicilia –
Sardegna – Stato dei Presidi.
Se il Ducato di Milano era importante in funzione antifrancese, per i rapporti con Venezia, Genova
e Stato Pontificio, e fungeva da area di riferimento essenziale per la definizione della politica
spagnola in Italia; il Regno di Napoli lo era in proiezione mediterranea nella politica anti-turchi.
La Sicilia era importante per quest’ultimo aspetto e per l’enorme produzione cerealicola.
La Sardegna è importante per via delle rotte di trasferimento delle merci verso la Sicilia.
A seguito della cosiddetta Pax spagnola (1559), gli stati italiani ebbero:
Svantaggi
Giudizio risorgimentale critico nei confronti di una situazione in cui gli Stati italiani
recitavano un ruolo politico subordinato a quello delle grandi potenze (soprattutto alla
politica asburgica), soprattutto perché quasi la metà del territorio italiano dipendeva dalla
Spagna;
Drenaggio delle risorse economiche e umane;
Diffusione dello spirito e dei comportamenti propri della Controriforma.
Vantaggi
Il critico giudizio risorgimentale è stato ridimensionato dalla successiva storiografia, considerato
che:
L’Italia veniva inserita nelle grandi vicende della politica europea e, al contempo, le veniva
assicurata la protezione da eventuali attacchi dell’Impero Ottomano, visto che la Spagna si
poteva permettere economicamente di mantenere un efficiente esercito e di installare delle
torri che servissero a rintuzzare eventuali operazioni nemiche via mare;
La Spagna si preoccupava di garantire un certo equilibrio socio-politico tra parte dominante
e gruppi sociali dominati (rispetto della nobiltà milanese del baronato negli equilibri feudali
del napoletano);
La Spagna riconosceva una certa autonomia politica e giurisdizionale agli Stati sotto il suo
potere: la potestà del potere spagnolo apparteneva al Governatore (a Milano) e al Viceré, ma
entrambe le figure tenevano conto delle decisioni dei Consigli cittadini, talché mai la Spagna
poté procedure a spiccata centralizzazione o fiscalizzazione.

Politica dell‟Italia SATELLITARE spagnola


Ducato di Savoia. Emanuele Filiberto di Savoia e il suo successore, il figlio Carlo Emanuele I,
furono gli artefici di una certa modernizzazione del Ducato e della nascita di una vocazione
espansiva verso l’Italia: fu la potenza italiana più autonoma nel campo politico e della propria
vicenda espansiva. Emanuele Filiberto crea la Corte dei Conti, ristruttura l’esercito introducendo il
principio della leva obbligatoria e creando dei corpi speciali, spinge nella modernizzazione
dell’agricoltura e dell’industria. Entra in rotta di collisione con la Spagna ad inizio 1600, allorché
approfitta dell’impegno della Francia nelle guerre di religione, con la conquista del Marchesato di
Saluzzo e con il suo interesse per il Monferrato.
Repubblica di Genova. Nel 1528, Genova entra nell’orbita spagnola. È un piccolo Stato che
possiede però un importantissimo porto, una discreta industria (primo importatore di metalli

23

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

preziosi tra i domini spagnoli) e che riveste un ruolo fondamentale nella finanza europea. La sua
colonia principale è la Corsica, elemento destabilizzate per la vita della Repubblica, visto che tale
possedimento non rendeva quanto sperato e la Francia non era assolutamente disposta a rinunciarvi.
Per quanto concerne i rapporti con la Spagna, se, dal canto suo, Genova presta ingenti capitali alla
Corona spagnola (rischiando di poter vedere sconvolta la propria situazione politico-finanziaria in
occasione delle bancarotte spagnole) ed è centro di smistamento di merci e comunicazioni; d’altro
canto, riesce a potenziare il proprio apparato militare, portuale e, in generale, edilizio, proprio
grazie ai rapporti con la Spagna, che permettono a Genova di entrare nella vita finanziaria di tutti i
paesi dell’impero. Inoltre, la Spagna aiutò Genova in occasione della Congiura dei Fieschi (1547):
Fieschi, che capeggiava la nuova nobiltà, tentò di scalzare la vecchia nobiltà (capeggiata dai Doria).
Inoltre, l’ammiraglio Andrea Doria sarà uno dei principali artefici della vittoria contro i turchi nella
battaglia di Lepanto.
Ducato di Toscana (divenuto Granducato nel 1569). Con Cosimo I de Medici seppe ricoprire un
ruolo economico importante dopo la conquista della Repubblica di Siena. Il supporto spagnolo era
importante per assicurare al Granducato la solidità territoriale. D’altra parte la Spagna penetrava
nella geopolitica toscana per via dello Stato dei Presidi (Isola d’Elba, Piombino, Telamone,
Orbetello, Porto Ercole e Porto S.Stefano).

Politica dell‟Italia NON spagnola


Repubblica di Venezia. I rapporti con la Spagna non erano amichevoli ma solo di reciproco
bisogno per la difesa del Mediterraneo dal pericolo turco. Venezia contribuì alla vittoria di Lepanto
in quanto grande potenza marinara ma, dopo tale evento, pensò soprattutto a consolidare il proprio
territorio (Veneto, Istria, Dalmazia e costa slava). Il centro dei flussi commerciali si era spostato dal
Mediterraneo all’Atlantico e Venezia non era tecnicamente in grado di attrezzarsi per la
navigazione oceanica. Per questo, per Venezia la battaglia di Lepanto fu importante: grazie alla
vittoria conseguita, l’azione ostativa dei Turchi verso il dominio di Venezia nell’Adriatico e verso
la sua libera circolazione nel Mediterraneo subì un forte ridimensionamento. Tuttavia, anche
l’Adriatico diventa pericoloso per Venezia: gli uscocchi, profughi dalmati molto abili in mare e
protetti dagli Asburgo, portano avanti azioni di pirateria. Nonostante ciò, sebbene ormai si dovesse
considerare una potenza decadente, Venezia svolgeva un ruolo preminente: nelle relazioni
commerciali con l’Europa Orientale (considerate le scarse capacità in ambito commerciale dei
Turchi), nell’industria del vetro soffiato e nell’ambito della produzione libraria (Manuzio dà il LA
alla grande produzione di cassette con caratteri mobili e alla produzione libraria in generale), in cui
Venezia sarà potenza esportatrice per tutto l’Occidente.
Stato Pontificio. Costituiva un’importante realtà politica dell’Italia centrale (inglobò una serie di
territori appartenenti a signorie locali, come Ferrara e Urbino) e del panorama europeo (i papi del
500 svolsero un importante ruolo politico nello scontro Spagna-Francia, il quale condizionava
l’elezione al soglio pontificio). Le risorse finanziarie dell’area pontificia vengono concentrate a
Roma. In questo periodo, si procede ad un progressivo abbandono delle campagne e al
disinteressamento verso la povertà dei contadini: ingenti capitali vengono investiti nella costruzione
di monumenti religiosi (come San Pietro) e i briganti infestano le campagne abbandonate.
Frattanto, Gregorio XIII (1572-1585) riformò il calendario secondo il sistema attualmente in vigore,
sostituendo il calendario Giuliano, pieno di errori, con il calendario gregoriano, legato alle necessità
liturgiche.

La Controriforma in Italia
In Italia, in generale, ci si piegò all’azione della Controriforma. In questo senso, fortemente
dissidente fu Venezia, che adottò una politica antiromana (anche condannando dei sacerdoti per
reati comuni) e che rifiutò anche di obbedire all’interdetto (divieto di officiare riti religiosi in tutto il
territorio veneziano).

24

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Ma il simbolo del libero pensiero sacrificato sull’altare della Controriforma fu Giordano Bruno
(1548-1600). Questi mise in discussione la trascendenza divina (trascendenza = essere al di là dei
limiti di ogni conoscenza possibile). È un personaggio contraddittorio, che gira per tutta l’Europa
fino a stabilirsi in Veneto, convinto di poter avere una cattedra all’università di Padova. Frattanto,
Giordano viene definito eretico dalla Chiesa e viene arrestato dai veneziani. Poiché Venezia è in
rotta con Roma, non concede estradizione. Seguiranno 8 anni di processi, anni durante i quali
Venezia viene provata dalle guerre e da una situazione economia non rosea. Così, per evitare
l’ennesimo scontro, Giordano viene consegnato al Papa e viene condannato al rogo dalla Santa
Inquisizione.

L‟estate di S.Martino dell‟economia italiana


Con tale espressione si indica la crescita dell’Italia nel periodo 1550-1600, in cui si registra trend
momentaneo di crescita compreso tra le 2 grandi crisi del 1300 e del 1600, e dipendente dalle
capacità produttive italiane ma anche dalla positiva congiuntura internazionale. In questo periodo,
in generale è evidente una notevole crescita demografica e dei centri cittadini, sebbene i rapporti
urbanistici rimangano invariati (80% nelle campagne).
La crescita della popolazione rese necessario l’aumento del fabbisogno alimentare (soprattutto
cerealicolo). D’altra parte, gli investimenti indirizzati a tale settore (bonifica territori e aumento
produzione) erano benvisti perché meno esposti agli effetti dell’inflazione. Inoltre, l’Italia copriva
un ruolo preminente nel settore tessile e, soprattutto, in quello finanziario: grazie a Genova e
Venezia (ma in parte anche Firenze) un’enorme quantità di denaro affluì in Italia.
La favorevole congiuntura internazionale ebbe effetti positivi anche nel Mezzogiorno. Tuttavia,
proprio tale dipendenza dalla congiuntura, il rapporto squilibrato di scambi con le grandi potenze
(Sud esportava materie prime ma non riusciva a produrre in toto manufatti o beni, finendo per
renderne necessaria l’importazione) e il mancato sostegno da parte della Corona (investimenti nel
momento di sviluppo avrebbero assicurato continuità).

8. I PAESI EXTRAEUROPEI E IL MONDO MODERNO

La religione islamica tra 1400 e 1500 risultava affermata nell’Impero Ottomano, in Persia
e, grazie all’azione dei mercanti musulmani, anche in Marocco, Africa Orientale, India,
Indonesia e Maldive.
Cina : a metà 400 entrò in crisi l’impero mongolo creato da Gengis Khan. Così, i mongoli
furono cacciati e al loro posto fu creata la dinastia dei Ming, famiglia di origine contadina
che resse la Cina fino a metà 600. Si affermò il potere supremo dell’imperatore e, rispetto
alla dominazione mongola, si poté cominciare a parlare di modernizzazione del regno
cinese. Inoltre, a fine 500, i rapporti tra Europa e Cina si intensificarono anche grazie
all’opera di evangelizzazione dei gesuiti.
Giappone : il sistema feudale era molto più radicato anche al confronto con l’Europa
medievale e riguardava l’intero territorio. Al vertice si trovava l’imperatore (figura
rappresentativa); il potere reale era esercitato dallo shogun (senza il suo consenso, i feudatari
non potevano neanche sposarsi); nella scala gerarchica, questo era seguito dai feudatari e dai
samurai, guerrieri che ad essi giuravano fedeltà.
India : Stato con fondamento militare, considerato che ogni funzionario era membro
dell’esercito. La popolazione era organizzata in base al sistema delle caste (gruppi ereditari
in cui il figlio ereditava lo stesso status sociale e la stessa professione del padre).

L‟ Impero Ottomano e il suo declino (1500-1700)

L’impero all’alba del 500

25

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Maometto II conquista Costantinopoli (1453) e si erge a difensore dell’Islam;


Espansione territoriale tumultuosa che giunge a mettere in collegamento Mediterraneo e
Oceano Indiano;
Solimano il Magnifico (1520-1566) promulga leggi e regolamenti per il governo
dell’impero.

L’espansione
Maometto, dopo Costantinopoli (divenuta Istanbul), mira alla conquista dell’Europa
balcanica e orientale;
Solimano il Magnifico opera in 3 direzioni: Europa orientale (Ungheria e Moldavia), vicino
Oriente (Iran, Iraq, Yemen), Africa del Nord (Algeria, Tunisia e Tripolitania).

Le ragioni del successo


Efficiente organizzazione strutturale dell’impero, dell’esercito e della flotta aggressiva
(corsari guidati da rinnegati);
Gli Ottomani sono i restauratori dell’unità musulmana, visto che in precedenza il difensore
dell’ortodossia sunnita Selim I aveva decisamente osteggiato quella sciita degli iraniani;
Espansione economica, dovuta al fatto che i domini anatolici, Egitto e quelli del Medioriente
(Iraq, Iran, Siria, Libano) permettevano il collegamento Asia-Mediterraneo.

Conseguenze espansione ottomana


Controllo di più della metà delle coste mediterranee;
Controllo del commercio tra Asia ed Europa;
Raggiungimento unità religiosa, visto che gli Ottomani erano musulmani sunniti ortodossi
prevalsi sugli sciiti;
Raggiungimento unità politica sotto il sultano;
Raggiunta la sovranità nei confronti delle autorità religiose della Mecca e di Medina.

Il rapporto con i mercanti


I turchi non sono avvezzi al commercio internazionale;
I veneziani e i genovesi aprono ai turchi con una serie di accordi;
Francesi, inglesi e olandesi istituiscono dei consolati nelle principali parti dell’impero
Ottomano.

Il rapporto con i non musulmani


Grande tolleranza e riconoscimenti di autonomia;
I non musulmani sono organizzati in nazioni, all’interno delle quali conservano lingua,
religione, usi e costumi, sotto la guida dei capi locali (es: principato della Moldavia);
Ebrei espulsi dai domini spagnoli si rifugiano in Turchia.

Organizzazione strutturale dell‟impero


Il sultano. È un monarca assoluto che riunisce in sé le tradizioni tribali turche e quelle
governative arabo-islamiche. Tale figura ha delle limitazioni nel campo della legislazione
religiosa che sia collegata all’interpretazione del Corano;
L’amministrazione centrale. Questa constava del divan imperiale (consiglio di governo
presieduto dal Gran Visir), del detentore del sigillo imperiale, del responsabile delle finanze,
del gran cancelliere, del gran ammiraglio, del capo dei giannizzeri (guardia imperiale, nervo
dell’esercito che proteggeva il sultano);

26

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

L’esercito. Questo era composto da effettivi reclutati in modo permanente. Comprendeva i


giannizzeri, i sipahi (cavalieri), i sipahi di provincia e una flotta costituita delle galere e dai
corsari (che sono determinanti per la conquista dell’Africa);
La giustizia. I Qadi (giudici) si preoccupano di far rispettare sia la legge coranica che il
diritto civile (la cui fonte era comunque il Corano). Inoltre, in ambito giuridico, si
formarono delle scuole specializzate, in cui insegnavano i professori esperti di diritto
(Ulema).

Motivi di crisi
Economia troppo basata sull’agricoltura e non aperta a nuovi orizzonti industriali e
coloniali. Tale aspetto, in unione all’inesistenza di un processo di formazione di uno stato
moderno, fecero sì che l’Impero Ottomano non riuscisse a tenere il passo delle grandi
potenze europee;
Problema dell’astio fra sunniti e sciiti (più integralisti nell’interpretare il messaggio religioso
del profeta Maometto);
Lunga guerra con la Persia, che a cavallo tra 500 e 600 raggiunse il suo periodo di massimo
splendore.

9. LA CRISI DEL 600

A fine 500 prese il via un periodo di crisi generale che si protrasse fino a fine 600, e che ebbe il suo
apogeo tra il 1618 (inizio Guerra dei Trent’anni) e il 1650. Forse sarebbe più esatto il termine
trasformazione. Tuttavia, con l’espressione “crisi generale” si fa riferimento:
Alla contrazione demografica. Se in 500 e poi nel 700 si assiste ad una grande crescita
demografica, nel 600 si assiste ad una debole crescita del +12% (crescita concentrata in
Inghilterra, Scandinavia e Benelux, zone in cui resta equilibrato il rapporto tra popolazione,
risorse e distribuzione del reddito). La contrazione demografica fu causata dagli effetti della
Guerra dei Trent’anni e da quelli delle epidemie.
Crisi della cerealicoltura. I prezzi dei cereali si abbassano (e quindi il valore di scambio dei
cereali diminuisce: cereali, maiali, galline e cavalli erano scambiati con girasoli, zucca,
tabacco, tacchini, salmoni e porcellini d’India, provenienti dalle Americhe), la superfici
coltivabili diminuiscono (perché maggiore importanza inizia a rivestire il ruolo
dell’allevamento), le condizioni climatiche peggiorano (detto processo di raffreddamento
della terra), la domanda generale diminuisce (soprattutto quella dei ceti nobiliari, pressati
economicamente). Olanda e Inghilterra furono le sole potenze, fra quelle esportatrici di
cereali, che uscirono da tale difficile situazione grazie al fatto che possedevamo
un’economia diversificata.
All’intensificazione del ciclo carestia-epidemia-carestia. Furono colpite nell’ordine: Spagna,
Italia, Germania, Francia, Inghilterra e Olanda. Solo Inghilterra (1665-1666, con Londra che
perde un ¼ della popolazione per la peste) e Olanda, grazie al livello tecnico raggiunto in
campo agricolo, poterono far fronte alla prima carestia, evitando che la peste potesse
compromettere le possibilità di ripresa;
Alla regressione in campo manifatturiero, industriale e commerciale. Manifattura: i grandi
centri italiani di produzione tessile (Milano, Firenze, Venezia e Napoli) perdono consistenti
quote di mercato per via del mal funzionamento delle corporazioni e dell’alto costo del
lavoro; Inghilterra e Olanda si distinguono per produzione diversificata e i prezzi più
accessibili (per via del basso costo del lavoro). Industria: scarsa tecnologia, con piccole
eccezioni per la siderurgia e l’estrazione, campi in cui c’è qualche invenzione. Commercio e
finanza: nel 600 il centro del capitalismo europeo sarà situato fra Amsterdam, Londra e
Parigi; il centro del commercio si sposta verso nord (Amsterdam) e verso Ovest (Inghilterra

27

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

e Siviglia per le rotte per le Americhe), finendo per sancire il definitivo declino del
Mediterraneo (e, di riflesso, anche dell’Italia); il valore dell’oro crebbe moltissimo perché ne
diminuì la quantità in circolazione (le miniere americane erano in esaurimento e la
manodopera indigena scarseggiava per dure condizioni lavorative);
agli effetti nefasti della Guerra dei Trent’anni;
al declino dei grandi sistemi imperiali (in particolare, la Spagna);
al consolidamento di nuove gerarchie all’interno dei singoli Stati;
movimenti sociali, quali rivoluzioni e rivolte.

Si deve sottolineare che i ritmi e le modalità della crisi furono diverse da area ad area e tutti i paesi
furono investiti e ne uscirono in modo diverso (per esempio, Inghilterra e Olanda, dopo la crisi
affermarono la loro egemonia in Europa). Ai fini della supremazia inglese, è stato fondamentale il
ruolo svolto dall’aristocrazia: se quella della Francia (e anche dell’Italia), mirava all’ottenimento di
concessioni fiscali sulle popolazioni soggette e a privilegi nella giurisdizione feudale, l’aristocrazia
inglese (e, in generale, quella del nord Europa) era economicamente intraprendente e mirava ad
arricchirsi investendo nell’agricoltura e nelle attività commerciali.

Il declino dell‟Impero spagnolo


È più corretto parlare di declino e non di crisi, perché il processo di decadenza della Spagna non è
stato un processo breve e per escludere il significato di crollo verticale, significato insito nel
concetto di crisi.
Durante il regno di Filippo III (1598-1621) si manifestarono i primi segnali negativi: crisi dei
raccolti, peste del 1599, espulsione dei moriscos (musulmani convertiti al cristianesimo, che erano
causa di rivolte ma costituivano anche la spina dorsale del settore agricolo e artigianale spagnolo).
Tale espulsione dimostra quanto sia facile che una nazione in crisi trovi in una minoranza razziale il
capro espiatorio. Già durante tale regno, si affermò la figura politica del valido, a metà strada tra il
primo ministro e il l’uomo di fiducia del sovrano. Sotto Filippo III, il duca di Lerma scelse una linea
pacifista.
Con il regno di Filippo IV (1621-1625) e l’avvento al potere del suo valido, il conte-duca
d’Olivares, per risolvere la crisi di consenso, si ritornò ad una politica imperialista e ad un maggiore
coinvolgimento delle province nella vita economica e militare della Spagna. Dapprima, Olivares
conseguì dei successi nella politica antiolandese. La guerra di Mantova (1628-1631) fu il suo errore
più grande: per proteggere i domini italiani dal pericolo francese, Olivares fece occupare il
Monferrato (peraltro, questo rimase ai francesi) e palesò a tutte le potenze europee la propria
aggressività imperialistica, ponendo le basi per il conflitto franco-spagnolo (1635-1648, ultima fase
della Guerra dei Trent’anni). Inoltre, intorno al 1640, la situazione spagnola fu resa più complicata
dalla rivolta in Catalogna (che, per protesta all’oppressione fiscale, si avvicinò alla Francia ma non
riuscì ad ottenere l’indipendenza per l’assenza di una solida volontà nazionale indipendentista),
dalla secessione del Portogallo e dalla rivolta del napoletano (in cui però le parti sociali non
remavano tutte dalla stessa parte).

Il consolidamento dello Stato moderno in Francia


Enrico IV, una volta raggiunta la pacificazione religiosa e l’equilibrio sociale, si occupò di
consolidare il proprio potere: meccanismo di reclutamento degli ufficiali rigidamente controllato e
compravendita degli uffici pubblici. Inoltre, adottò misure protezionistiche nel campo delle sete e
della manifattura e strinse delle alleanze in chiave antiasburgica. Tuttavia, frattanto andava
nascendo il problema del conflitto tra la nobiltà di spada (antica aristocrazia) e nobiltà di toga
(nuovi ricchi titolati), mentre la questione religiosa mostrava qualche focolaio ancora acceso.
In tale temperie, nel 1610 un fanatico della Lega cattolica assassinò Enrico IV. Gli successe al trono
il figlio Luigi XIII (1601-1643), affidato alla reggenza della madre Maria dè Medici perché ancora
minorenne. Questi viene fatto sposare con Anna d’Austria, figlia di Filippo III di Spagna. Frattanto,

28

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

la monarchia cade in crisi per via dei malcontenti dei contadini, dei nobili a causa della ripresa delle
ostilità da parte degli Ugonotti, preoccupati per la nuova situazione.
Dopo la convocazione nel 1614 degli Stati Generali (clero - nobiltà - Terzo Stato, costituito da
avvocati, professionisti, mercanti, ecc…), si fece strada il cardinale Richelieu (1585-1642). Questi
diventa primo ministro nel 1624. Egli, costruendo uno Stato assoluto, voleva consolidare la
monarchia a livello nazionale e internazionale. Del suo operato politico si distinguono 2 fasi:
prima fase (1624-1628): Richelieu si dedica al consolidamento interno, fase in cui cerca di
eliminare fisicamente il problema degli ugonotti e l’esistenza di uno Stato nello Stato. Nel
1628, l’importantissima fortezza ugonotta di La Rochelle cade dopo un anno di assedio (era
sostenuta dall’Inghilterra, cui faceva comodo una Francia destabilizzata al proprio interno).
Inoltre, seppe sconfiggere le rivolte contadine, dividendo il fronte dei ribelli.
seconda fase (1628-1642): presta molta attenzione alla politica internazionale.
Compenetrando spionaggio, diplomatica e strategia della tensione vince il confronto con la
Spagna. Inoltre, crea una rete di commissari regi (i futuri prefetti), un esercito stanziale
(con annesse caserme e magazzini, fondamentali per acquartieramenti e rifornimenti) e una
flotta di guerra e commerciale specializzata.
Tuttavia, il conflitto sociale in essere tra nobiltà di spada e nobiltà di toga e i vari malesseri sociali
spenti ma non estinti costituiscono l’eredità lasciata al suo successore, l’italiano Giulio Mazarino
(1602-1661), primo ministro sotto Luigi XIV (1643-1715) e la reggente madre Anna d’Austria. Egli
proseguì la politica di rafforzamento del potere centrale francese, estendendo ancora di più il ricorso
alla venalità degli uffici, aumentando la pressione fiscale e ridimensionando il potere della Spagna
(chiude la Guerra dei Trent’anni con la pace dei Pirenei del 1659). L’avversione verso l’oppressione
fiscale e le campagne militari scatenarono una rivolta che si estese da Parigi ai Parlamenti delle
province, fenomeni rivoltosi che vanno sotto il nome di Fronda Parlamentare (da fronde = fionda,
un gioco in voga tra i ragazzi parigini). Tale evento (1648-1649) rappresentò il tentativo dei ceti
parlamentari e della nobiltà provinciale di riconquistare gli spazi perduti con Richelieu e di evitare
la centralizzazione dello Stato. Fu riscontrata una certa partecipazione popolare ma l’azione centro-
periferie non era ben organizzata e il principe di Condè, leader militare e rappresentante della
grande nobiltà di sangue, riuscì a sedare la rivolta.
1650-1653: Fronda dei Principi. Il principe di Condè riuscì a canalizzare in un solo fronte il
malcontento popolare e la blasonata aristocrazia. Dal canto suo, Mazarino contava su un apparato
centrale forte. Così, allorché questi fu mandato in esilio (1651), il vuoto politico creò delle
spaccature nel fronte dei ribelli e Mazarino poté raccogliere le forze militari intorno alla figura del
generale Turenne. A seguito della vittoria riportata nella Battaglia di Parigi (1652), Mazarino e il re
Luigi XIV ritornarono a Parigi. Così, alla fine del suo percorso politico, Mazarino riuscì a fare della
monarchia l’unica garante dell’ordine dello Stato e della stabilità del potere, riducendo la nobiltà a
mera cornice della società di corte parigina.

L‟Impero germanico
Il potere dell’imperatore era condizionato dalla dipendenza dai 7 principi elettori, dall’influenza
della Dieta imperiale e dall’assenza di organismi politico-amministrativi unificati. Per di più, con
Rodolfo II d’Asburgo (1576-1612), l’equilibrio si spostò a favore degli interessi cattolici e nacque
un’Unione evangelica, capeggiata dall’elettore del Palatinato, cui si contrappose la Lega cattolica,
che faceva capo al duca di Baviera. La questione della successione al trono di Boemia fece
scoppiare il conflitto politico-religioso. La Dieta boema aveva il timore che sul trono si andasse a
sedere Ferdinando di Stiria, rigido cattolico di formazione gesuitica. Nel 1617, la Lega Cattolica
riuscì a farlo eleggere e nel 1618 dei nobili protestanti gettarono dalla finestra del castello praghese
di Rodolfo II i due governatori cattolici di Mattia (fratello di Rodolfo II). Proprio con la
defenestrazione di Praga iniziò la Guerra dei Trent’anni.

29

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

La Guerra dei Trent‟anni (1618-1648)


Un conflitto mondiale
Le peculiarità specifiche del conflitto sono 4:
rappresentò uno scontro fra 2 credi religiosi (Boemia-Unione Evangelica VS autorità
imperiale-Lega cattolica);
sullo scenario europeo emersero nuovi protagonisti, quali la Danimarca e la Svezia;
fu il primo conflitto di massa della storia moderna, evolutosi da una dimensione ristretta ad
una internazionale;
si fece molto ricorso all’attività diplomatica, sebbene gli eserciti rivestissero un ruolo
sempre più importante (la Spagna ne aveva uno costosissimo di 300mila unità, la Francia,
150mila). Gli eserciti venivano finanziati dallo Stato, per mezzo della riscossione tributaria e
delle razzie compiute tra le popolazioni vinte, grazie alla figure degli arruolatori militari,
che investivano denaro proprio per arruolare e sostenere le truppe in battaglia (tranne la
Svezia, che arruolava le proprie truppe seguendo il criterio della circoscrizione).
All’interno del conflitto si distinguono 4 fasi:
La fase boemo-palatina (1618-1625). Dopo la defenestrazione di Praga, l’arciduca
Ferdinando di Stiria richiese l’intervento armato delle forze imperiali in Boemia.
Nell’agosto del 1619 accaddero 2 fatti importanti: Boemia, Slesia e Moravia eleggevano
come sovrano Federico V (principe elettore del Palatinato e capo dell’Unione evangelica)
mentre Ferdinando di Stiria veniva eletto imperatore con il nome di Ferdinando II. In
occasione della battaglia della Montagna bianca, l’esercito dell’Unione Evangelica
(appoggiato da Inghilterra, Danimarca, Province unite olandesi e Venezia) fu sconfitto da
Ferdinando II (appoggiato dalla Spagna) e la repressione fu durissima: Federico V fu esiliato
e i beni dei nobili protestanti furono trasferiti ai nobili cattolici.
Nel 1621 scaddero i 12 anni della tregua d’Olanda e la Spagna di Olivares riportò delle
importanti vittorie contro l’esercito olandese.
Inoltre, durante questa prima fase, nel 1625 la Spagna intervenne in appoggio ai cattolici
della Valtellina (importante corridoio di comunicazione con i domini italiani) contro i
seguaci della Riforma protestante.
La fase danese (1625-1629). La Danimarca del re Cristiano IV (1588-1648) era solida dal
punto di vista finanziario e mirava a estendere la propria egemonia sull’intera penisola
scandinava e sui territori baltici, ambizione comune a quella della Svezia. Così, la
Danimarca (appoggiata da Inghilterra, Olanda e Francia di Richelieu) scese in campo a
fianco dei protestanti contro l’impero germanico. Nonostante la forza di tale coalizione, le
truppe imperiali, guidate dall’abilissimo Wallenstein, sconfissero le truppe protestanti e
invasero la Danimarca. Con la pace di Lubecca (1629), Cristiano IV dovette rinunciare a
qualsivoglia ingerenza nell’impero germanico e dovette acconsentire ad una pace umiliante
per la Danimarca. Tale evento chiudeva una fase bellica assolutamente favorevole
all’autorità imperiale asburgica (Spagna e Impero germanico).
La fase svedese (1630-1635). Dopo che il re di Polonia Sigismondo Vasa aveva ereditato a
fine 500 anche la corona svedese, la Svezia riuscì ad affermarsi a livello internazionale con
Gustavo Adolfo (1611-1632). Ciò fu possibile poiché: la Svezia era ricchissima di risorse
minerarie (ferro e rame, utili per esportazioni e armamenti); i rapporti interni di produzione
erano favorevoli alla piccola proprietà contadina (ceto dal quale venivano reclutati i soldati);
il re Gustavo Adolfo era un abile politico e governante. Così, una volta stretta l’alleanza con
la Francia di Richelieu, le truppe svedesi, per evitare ingerenze asburgiche nel baltico, si
spinsero fino a Monaco (centro della Lega Cattolica). Nella battaglia di Lutzen (1632) le
truppe svedesi vinsero quelle di Ferdinando II ma persero in battaglia il proprio re. Le truppe
svedesi disorientate persero alcune battaglie successive, finchè si arrivò alla Pace di Praga
(1635), che sanciva il rinnovato predominio del fronte asburgico.

30

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

La fase francese (1635-1648). Nel 1637 sale al trono imperiale Ferdinando III. In questa
fase, la Francia decide di scendere in campo direttamente, a fianco di Svezia e Olanda. La
Spagna viene battuta sulla Manica dagli olandesi e deve fare i conti con i franco catalani,
finchè a seguito della battaglia di Rocroi (1643), la Spagna accusa fortemente il colpo e le
truppe franco-svedesi penetrano in Boemia, Palatinato e nella Baviera. Le conseguenze di
tale ondata di sconfitte porta la Spagna a firmare la pace separata con l’Olanda (1648), in cui
gli Asburgo ne riconoscono l’indipendenza. Tuttavia, nel momento in cui fu siglata la Pace
di Vestfalia ( ottobre 1648) da Impero, Francia e Svezia, la Spagna scelse di non firmare la
pace e di continuare la guerra contro la Francia.
Dal punto di vista politico-territoriale, la pace di Vestfalia riconosceva vantaggi territoriali
(Alsazia, Pinerolo e Casale Monferrato) e preminenza politica (era garante del rispetto del
trattato) alla Francia; assegnava alla Svezia alcuni domini germanici e un posto nella Dieta
imperiale; restringeva la sfera di potere del re e riconosceva la sovranità a circa 350 domini
del S.R.I. (i 3 Stati germanici usciti dalla guerra più potenti di prima sono il Brandeburgo, la
Sassonia e la Baviera).
Inoltre, dal punto di vista religioso, tale trattato permise di giungere alla pacificazione
religiosa: confermò il principio del cuius regio, eius religio (i principi sceglievano la
religione del proprio Stato) ma consentiva ai sudditi di conservare il proprio patrimonio,
anche se questi dovevano lasciare il proprio paese.

La guerra franco-spagnola e il nuovo quadro internazionale dopo le paci di Vestfalia, Pirenei


e Oliva
La guerra franco-spagnola si condusse nel 1648-1659. La Francia si alleò con l’Inghilterra e, in
occasione della battaglia delle Dune (1658), il conflitto prese una piega largamente favorevole ai
francesi. Con la pace dei Pirenei (1659), la Spagna cedeva la Giamaica all’Inghilterra e alcuni
territori continentali ai francesi (parte delle Fiandre e alcuni territori nei Pirenei). Frattanto,
terminata la guerra dei Trent’anni, la Spagna aveva potuto dedicarsi alla riannessione della
Catalogna, sebbene avesse perso definitivamente il Portogallo.
Le azioni belliche proseguirono anche tra Svezia e Danimarca (alleata con il Brandeburgo-Prussia).
A proposito di tale situazione, la pace di Oliva (1660) sanciva la spartizione dei territori polacchi fra
i 3 contendenti.
Il ciclo delle 3 paci (Vestfalia, Pirenei, Oliva) aprirono il periodo di egemonia francese in Europa.
La Francia si affermò grazie alle indiscusse capacità diplomatico-politiche dei capi (Mazarino), alle
capacità militari e alla maggiore consistenza territoriale.
Inoltre, si deve evidenziare che da tale ciclo di paci nasce un’Europa multipolare:
L’Inghilterra e l’Olanda sono il motore dell’economia europea;
La Francia domina nel polo del Mediterraneo;
Brandeburgo-Prussia è in ascesa nell’Europa centrale;
La Svezia domina a Nord;
La Russia domina a Est.

Confessioni religiose durante il 1600


Ortodossia: impero russo, territori baltici (in cui attecchirono anche cavalieri Teutonici, ordine di
crociati riconosciuto dal Papa, cui inizialmente potevano aderire solo rappresentanti della nobiltà
tedesca)
Luterani: Svezia
Cattolici: Irlanda, Portogallo, Spagna, Italia, alcuni territori germanici
Anglicani: Inghilterra
Riformati (calvinisti e seguaci di Zwingli): Svizzera, Benelux, Scozia.

31

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

10. IL CENTRO DELLA CIVILTÀ EUROPEA: L‟INGHILTERRA E L‟OLANDA NEL „600

Storia dell‟Inghilterra

Prima fase: da Enrico VIII a Elisabetta I (famiglia dei Tudor)


1485-1603: è al potere la famiglia regnante Tudor.
1509: Enrico VIII diventa re.
1534: SCISMA INGLESE. Enrico VIII promulga l’Atto di Supremazia. Egli ha problemi di
discendenza poiché non riesce ad avere figli maschi. Così, chiede al Pontefice di poter divorziare
dalla moglie Caterina d’Aragona, sorella di Filippo II (sovrano della cattolicissima Spagna), per
sposare Anna Bolena, una dama di corte. Proprio a causa di tale parentela, il Pontefice si rifiuta di
concedere il divorzio e avviene lo scisma anglicano.
1533: Anna Bolena dà alla luce Elisabetta I.
1536: Anna Bolena viene accusata di adulterio e decapitata.
1536-1540: l’Inghilterra incamera i beni ecclesiastici e rompe definitamene con il papato.
1537: Jane Seymour, la terza sposa di Enrico VIII, muore pochi giorni dopo aver partorito Edoardo
VI, l’unico erede maschio.
1540: Enrico VIII convola a nozze per la 4 volta, sposando e poi ripudiando dopo pochi mesi Anna
di Cleves.
1540: sposa Caterina Howard, che nel 1542 fu accusata di adulterio e decapitata.
1543: sposa Catherine Parr.
1547: muore Enrico VIII.
1547-1553: regno di Edoardo VI e la nuova religione diventa religione di Stato;
1553-1558: regno di Maria Tudor, durante il quale fallisce il tentativo di restaurare il cattolicesimo
in Inghilterra. Nel 1554 sposa il cattolico Filippo II. Per volere del marito, Maria intraprese una
guerra contro la Francia che nel 1558 costò agli inglesi la perdita di Calais, l'ultimo possedimento
rimasto delle conquiste della guerra dei Cent'anni. Lo zelo religioso e l'assoluta intransigenza (molte
persecuzioni) che caratterizzarono il suo regno valsero alla regina l'appellativo di sanguinaria.
1558-1603: regno di Elisabetta I. Lei opera in 3 direzioni: il mare (i privati finanziano la fondazione
di colonie nel nord America, come la California e la Virginia) e l’attività dei corsari : cosiddetti,
perché la regina Elisabetta li legittimava emanando delle lettere di corsa, documenti in cui erano
precisati i vantaggi ricavati nelle imprese corsare dalla regina o dai nobili finanziatori), la situazione
olandese, la sistemazione della situazione interna (si separò definitivamente dal cattolicesimo,
contrastò l’estremismo protestante dei puritani e creò i presupposti per l’unificazione di Inghilterra,
Irlanda e Scozia). Per quanto riguarda la questione della successione, questa era alquanto intricata:
Elisabetta non si sposò con sovrani stranieri al fine di consolidare la monarchia inglese, e non scelse
tra gli aristocratici inglesi, per evitare di scontentare qualcuno. Inoltre, nel 1587 fa decapitare la
regina di Scozia, Maria, accusata di aver ordito un complotto contro di lei.
1595: Rivolta d’Irlanda. Nella cattolica Irlanda vivevano Celti, Anglo-irlandesi e inglesi. Elisabetta
riteneva necessaria la conquista dell’Irlanda, poiché questa era una buona base per spagnoli e
papato in chiave anti-Elisabetta. La rivolta di Ulster (1595) fu l’occasione colta da Elisabetta per
portare a termine una forte repressione e la conquista dei territori irlandesi. La spedizione guidata
dal Conte di Essex (amante della regina e grande favorito per la successione al trono) mette a ferro i
territori in rivolta. Sotto Elisabetta e Giacomo I il potere della Chiesa anglicana si estese all'Irlanda,
anche se gli abitanti continuarono a praticare riti celtici e cattolici.

32

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Situazione politico-economica della prima fase


Durante il potere dei Tudor (soprattutto con Elisabetta) è evidente il passaggio dell’Inghilterra da un
regno feudale ad una monarchia assoluta avente un intenso rapporto dialettico con la società civile
e, comunque, una grande attenzione per l’ordine e il rispetto della legge: il controllo del territorio
viene affidato allo sceriffo, figura che viene esportata anche nelle colonie americane.
Situazione economica
Con il termine enclosures si indicano le recinzioni di terre effettuate dai signori locali (sia laici che
ecclesiastici). Si trattava di terre comunitarie dalla produttività molto bassa, che venivano recintate
affinché fossero destinate alla coltivazione e al pascolo.
Al contempo, la grande azienda si afferma a discapito della piccola proprietà e nasce una classe di
proletari senza terra (classe che costituirà la futura manodopera industriale).
Nel 1561, la regina Elisabetta I si adopera per il consolidamento della Sterlina, facendo
corrispondere il valore nominale col valore intrinseco: 1 Sterlina (nominale) d’oro (intrinseco).
Dal 1500 al 1600, in poco meno di cento anni, l’Inghilterra passa dal ruolo di potenza a quello di
grande potenza, che passò da una economia preminentemente a stampo agricolo al primato
economico, marittimo e militare.
Vengono assoldati operai specializzati che permettono al Paese di compiere un grande balzo
in campo tecnologico (armi e industria);
Grandioso sviluppo dell’industria mineraria (soprattutto carbon fossile), sviluppo che si
rivelerà fondamentale per l’ascesa inglese del 600-700 (macchine a vapore) e per il ruolo da
essa ricoperto in occasione della rivoluzione industriale;
Grande progresso della produzione tessile: da un lato permane il sistema delle corporazioni,
dall’altro si fa strada del contado e la produzione a domicilio, che rompe il monopolio delle
corporazioni e assicura costi di gestione più bassi;
Espansione marittima, commerciale e coloniale: a differenza dei mercanti spagnoli
(concessionari della Corona), i merchant adventures operavano come una sorta di società
per azioni (nonostante fossero aiutate dalla Corona, rischiavano di perdere tutto, qualora
avessero sbagliato investimenti). Soprattutto a cavallo tra 500 e 600, tali figure operano
anche nel Mediterraneo (es: gli Ingam in Sicilia).

Seconda fase: gli STUART


1603-1625: con il regno di Giacomo I Stuart, figlio di Maria, inizia il potere della casa regnante
degli Stuart. Con la scelta di Giacomo, già re di Scozia, Elisabetta si dimostra una sovrana
lungimirante, visto che così ottiene l’unificazione di Inghilterra, Scozia e Irlanda sotto un’unica
corona.
Economicamente parlando, sebbene l’Inghilterra fosse alquanto ricca, questa non aveva ancora una
situazione finanziaria indipendente e il saldo entrate-uscite non era in attivo.
Per quanto riguarda la situazione religiosa, questa non era ancora pienamente sistemata: il fatto che
il protestantesimo mancasse di solide basi dottrinarie, permise la nascita di sette estremistiche
protestanti (puritani) e cattoliche.
La parte sociale in ascesa era la nuova nobiltà (gentry).
1624-1649: sale al potere Carlo I Stuart, in corrispondenza alla fase iniziale della Guerra dei
Trent’anni. Per ottenere l’assenso all’invio di forze militari in aiuto degli ugonotti francesi, Carlo I
fu costretto a riconoscere una Petition of Rights, che rendeva necessario il consenso del Parlamento
per tutte le forme di imposizione fiscale straordinaria. Tuttavia, nel 1629 Carlo I sciolse il
Parlamento, dando vita ad un governo personale, reso più solido dal connubio ancora più stretto tra
nuova chiesa e Stato. Così, se da un lato la politica di Carlo I acuì la divisione verticale della società
inglese, di contro anche in Inghilterra prendeva il via un processo di rafforzamento del potere
centrale. Tuttavia, per raggiungere pienamente tale rafforzamento completo, alla monarchia inglese
mancavano un esercito stabile, una burocrazia affidabile, l’unità religiosa e il credito finanziario.

33

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Sul finire degli anni Trenta del 600, il malcontento verso il sistema di corte si spostava direttamente
verso il sovrano.

Rivoluzione in Inghilterra 1642-1688


Alla stregua della rivoluzione francese e di quella russa, i detonatori della rivoluzione furono la
guerra e la crisi finanziaria.
1638: Carlo I e l’arcivescovo di Canterbury tentano di imporre in Scozia il Libro inglese delle
preghiere comuni. Tale atto provoca la ribellione degli Scozzesi, che decidono di muovere guerra al
re Carlo.
1640: Carlo chiede al Parlamento stanziamenti necessari per la repressione in Scozia. Il Parlamento
chiede di abolire la ship money (nave–soldi) e la potestà regia di poter sciogliere arbitrariamente il
Parlamento. Così, già in rottura da tempo, Carlo I decide di sciogliere quello che sarà definito Short
Parliament.
1640: a novembre, re Carlo, dopo che la Scozia aveva sconfitto l’Inghilterra più volte e aveva
conquistato Newcastle, decide di riconvocare il Parlamento (Long Parliament perché dura fino al
1953), dal quale viene posto in isolamento.
1641: scoppia la questione irlandese. Le cattolicissime contee dell’Ulster aveva visto nascere al
proprio interno delle correnti protestanti. Per arrestare tale processo, i cattolici portano a termine un
vero massacro di protestanti. La propaganda puritana si scatena e indica in Strafford la causa
dell’instabilità politica.
Nel novembre 1641, viene approvata dal Parlamento la Grande Rimostranza, con la quale tutti i
membri di sette cattoliche, il clero corrotto e i cortigiani arricchitisi sotto Carlo I venivano considerati
nemici dell’ordine sociale e politico dell’Inghilterra.
Nello stesso mese scoppia la rivolta irlandese. Il Parlamento, ai fini della repressione, chiede i pieni
poteri militari.
Gennaio 1642: a tale richiesta, Carlo I reagisce irrompendo nell’aula parlamentare con una scorta
militare, per arrestare i capi dell’opposizione. Poiché questi non erano in aula, il suo tentativo fallisce:
nel giugno 1642, il re è costretto a fuggire da Londra e si stabilisce ad Oxford, dove cerca di
organizzare l’esercito dei cavalieri, un esercito composto solo da aristocratici. Frattanto, il
Parlamento si adopera per organizzare l’esercito delle teste rotonde (uomini dai capelli molto corti).
Si è ormai giunti alla rottura tra il re e il Parlamento e, con la guerra civile, si apre la rivoluzione
inglese.

Prima fase 1642-1649 = fase della guerra civile


1642: l’esercito reale consegue alcune vittorie sull’esercito parlamentare.
1645: a Olivier Cromwell (calvinista appartenente alla gentry di provincia) viene affidato l’esercito.
Egli mette su il New Model Army (un esercito composto da volontari, che venivano altamente
specializzati e che avevano fede incondizionata per la loro causa. Tale esercito conteneva il gruppo
scelto degli iron sides – fianchi di ferro). Le truppe di Carlo vengono sconfitte a Naseby.
1646: Carlo I si arrende, dopo aver cercato di rifugiarsi in Scozia, e viene consegnato al Parlamento
di Londra. Con tale evento si conclude la fase più cruenta della guerra civile.
A questo punto, alla Camera dei Comuni erano rappresentate 3 differenti forze politiche:
Presbiteriani. Forza di destra, conservatrice, costituiva la maggioranza parlamentare,
sosteneva l’affermazione della Chiesa calvinista e lo scioglimento della New Model Army.
Levellers (livellatori). Espressione politica del variegato mondo delle sette religiose, sosteneva
uguaglianza giuridica dei cittadini, costituzione repubblicana, comunismo dei beni, suffragio
universale e tolleranza religiosa.
Indipendenti, costituenti il gruppo egemonico della New Model Army (Cromwell e l’ideologo
Ireton). Essi sostenevano il libero mercato e avversavano l’esistenza di una religione di Stato.
La loro maggiore preoccupazione era che, dal clima di confusione del 1646-47 (fuga di Carlo,

34

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

presbiteriani in maggioranza e fermento nell’esercito), si passasse alla vera e propria anarchia.


Si sarebbero vanificate tutte le conquiste ottenute dalla rivoluzione fin lì: abolizione dei
principi assolutistici, abolizione dei tribunali del re, condanna a morte dell’arcivescovo di
Canterbury.
1647: il Parlamento intima Cromwell di sciogliere l’esercito.
Fine 1647: Cromwell abbandona Londra per potersi ricongiungere col proprio esercito. Inoltre, fa
in modo che non venga approvato il Patto del popolo, messo a punto dai Levellers.
1648: occupando la Camera dei Comuni, Cromwell riesce ad epurare il Parlamento dei
presbiteriani, sconfigge gli scozzesi a Preston, ottiene la consegna di Carlo nelle mani degli inglesi
e lo fa condannare dal Rump Parliament (tronco) per alto tradimento.
30 gennaio 1649: Carlo I viene giustiziato e il principio del diritto divino inizia a lasciare il posto al
principio di sovranità popolare.

Seconda fase 1649-53 = dalla proclamazione del Commonwealth al protettorato di Cromwell


Con la morte di Carlo I, Cromwell e il Parlamento dichiararono decaduta la monarchia, abolirono la
Camera dei Lord e nel 1949 fu proclamata la Repubblica Unita di Inghilterra, Scozia e Irlanda
(Commonwealth). Tra le linee delle 3 fazioni politiche, Cromwell fece in modo di far prevalere la
propria:
Salvaguardia assoluta del diritto di proprietà;
Libertà religiosa e indipendenza della Chiesa dallo Stato;
Stabilità sociale ed eliminazione degli estremismi;
Soluzione della questione scozzese (tolleranza) e della questione irlandese (mano pesante, con
600mila irlandesi che vengono uccisi o costretti a fuggire e le terre conquistate ai cattolici
vengono distribuite fra i soldati protestanti).
1951: con l’emanazione dell’Atto di Navigazione, il Long Parliament mette a punto lo strumento più
importante per la politica espansionistica inglese. Tale atto era in realtà un atto di guerra contro
l’Olanda, visto che questa gestiva gli scambi commerciali tra Inghilterra e Nord America: esso
stabiliva che tutte le merci inglesi dovessero navigare solo su navi che battessero bandiera inglese. Le
guerre navali anglo-olandesi furono almeno 3 tra il 1652 e il 1674.
1953: Cromwell sciolse il Long Parliament e insediava una nuova assemblea eletta dai capi
dell’esercito. Inoltre, una carta costituzionale nomina Lord protettore del Commonwealth.

Terza fase 1653-58 = dittatura militare


Sia per quanto riguarda la dialettica politica che per l’organizzazione statale, Cromwell dà vita ad una
vera e propria dittatura militare: l’opposizione non aveva voce in capitolo, fu fatto ricorso a nuove
imposizioni fiscali, fu inasprita la politica antispagnola (sebbene il ceto mercantile inglese non fosse
d’accordo).
1658: Cromwell muore e lascia l’Inghilterra in una situazione di lacerazione sociale.

Quarta fase 1658-60 = dalla morte di Cromwell alla restaurazione di Carlo II


Il figlio di Cromwell, Richard, non riesce a garantire, come aveva fatto il padre, la stabilità sociale e
politica. Così, si sente l’esigenza di un ordine politico solido.
1660: l’esercito guidato dal monarchico Monk marciava su Londra: venivano restituiti i poteri al
Parlamento, ritornava in patria re Carlo II, veniva ristabilito il rapporto tra Stato e Chiesa Anglicana.
Tuttavia, sebbene i 3 pilastri del potere distrutti fossero ristabiliti, le conquiste intellettuali e politiche
della Rivoluzione furono consistenti: con la Rivoluzione inglese il valore assoluto della libertà
divenne patrimonio comune della nazione politica.

La restaurazione degli Stuart da Carlo II a Giacomo II


In Inghilterra non si ritornò all’assolutismo monarchico grazie all’azione politica della Camera dei
Comuni. In questa fase si formarono i 2 schieramenti politici su cui si è polarizzata la politica inglese

35

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

successiva: Tories (conservatori, sostenevano il diritto divino del re e la religione anglicana come
religione di Stato, per prevenire la diffusione di sette estremistiche) e Whigs (progressisti,
sostenevano la libertà religiosa e l’autorità del Parlamento).
1678: con l’intento di impedire la restaurazione cattolica di Carlo II (appoggiata da Luigi XIV), il
Parlamento emana il Test Act: tutti gli ufficiali civili e militari potevano esercitare la carica solo dopo
aver fatto fede di professare la religione anglicana.
1679: il Parlamento abolisce il carcere preventivo e qualsiasi restrizione delle libertà personali,
consentendo l’arresto solo sulla base di motivi penalmente perseguibili (principio che farà parte di
tutti gli ordinamenti moderni).
In politica estera, Carlo II decide di continuare la guerra contro l’Olanda, iniziata con Cromwell.
Dopo l’ultima guerra (1672-74), montò l’ostilità contro la Francia degli ambienti finanziari e
commerciali inglesi, dopo che questi avevano capito che l’appoggio francese contro l’Olanda era
stato concesso per via delle mire egemoniche di Luigi XIV.
1685: a Carlo II succede il fratello Giacomo II (1685-88), il quale accentua la frattura tra il potere
regio e l’opposizione parlamentare: abolì il Test Act e facilitò la carriera politico-militare di molti
cattolici. I whigs (più forti della fazione realista e appoggiati dalla società civile, che rivendicava
libertà di espressione e un’attiva partecipazione politica), tollerarono le scelte di Giacomo II nella
speranza di una successione protestante, considerato che questi non aveva figli. Così, allorché nacque
il primogenito, le sorte di Giacomo II e dell’assolutismo inglese furono segnate.

La gloriosa rivoluzione e la Dichiarazione dei diritti


Un largo schieramento formato da whigs e tories offrì la corona inglese a Guglielmo III d’Orange e a
sua moglie Maria Stuart, figlia di Giacomo II.
1688: è il momento della gloriosa rivoluzione. Un piccolo esercito olandese fu accolto in modo
festante dalla popolazione londinese. La bandiera olandese riportava la scritta pro religione e
libertate, per comunicare la naturalità dell’alleanza anglo-olandese. Giacomo II fu costretto a
rifugiarsi presso Luigi XIV.
1689: Guglielmo III emana il Bill of Rights (Dichiarazione dei diritti), atto che si fondava sulla
limitazione dei poteri del re e che sanciva la fine dell’assolutismo monarchico. Il Parlamento era
l’organo depositario della volontà della nazione e il re doveva regnare e non governare.
La gloriosa rivoluzione si definisce con tale aggettivo perché fu assolutamente incruenta e perché
riuscì a risolvere pacificamente tutte le controversie esistenti in seno alla società e al corpo politico
inglese. Non si sarebbe giunti alla gloriosa rivoluzione se non ci fosse stata la cruenta guerra civile e
le precedenti fasi della rivoluzione inglese.
Durante il 600 scoppiarono molte rivolte (Catalogna, Sicilia e Regno di Napoli) ma solo per
l’esperienza inglese si può parlare di rivoluzione:
Con il termine rivoluzione si intende un mutamento radicale degli equilibri politici
preesistenti;
Con il termine rivolta si intende una sospensione temporanea su scala locale o regionale di un
assetto socio-costituzionale che non viene intaccato nelle sue fondamenta e che conserva la
propria legittimità in altre parti del paese in cui avviene.

L‟OLANDA NEL 600

L’Olanda costituì un’anomalia nel panorama europeo perché fu l’unico paese a sottrarsi alla
stagnazione economica generale (anzi riuscendo a porsi sullo stesso gradino delle altre grandi potenze
europee) e funse da modello per il suo particolare sistema di governo, il federalismo.
Dopo la Guerra dei 12 anni contro la Spagna, i Paesi Bassi erano divisi in 2 parti: i Paesi Bassi
meridionali e le Province Unite. I primi erano a matrice monarchica, le seconde erano organizzate
secondo lo schema di una repubblica federale (gli Stati Generali dirigevano la politica del paese

36

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

mentre gli Stati provinciali eleggevano il capo dello Stato, statolder, spesso tra i rappresentanti della
potente famiglia degli Orange).
Durante il 1600, il motore del paese era la provincia dell’Olanda: Amsterdam dirigeva la situazione
economica (borsa), commerciale (istituzione della Compagnia delle Indie orientali, associazione che
mirava alla concentrazione di capitali e che conseguì numerosi successi commerciali in Asia) e
industriale (scambi di materie e prime e grande produzione manifatturiera).
Le guerre che scoppiarono tra Olanda e Inghilterra si combatterono sulla base di due principi
contrastanti: l’idea inglese del monopolio internazionale e quella olandese del libero commercio
marittimo. In definitiva, durante il passaggio secentesco dall’egemonia spagnola a quella della
Francia di Luigi XIV, anche l’Olanda e l’Inghilterra aveva nutrito la speranza di poter esercitare la
propria egemonia sul resto d’Europa. Tuttavia, constatato che le guerre non portarono al
raggiungimento dei rispettivi obiettivi, Inghilterra e Olanda (oltretutto anche solidali dal punto di
vista religioso e culturale) decidono di compiere un percorso comune: nel 1677, Maria (figlio del
futuro re d’Inghilterra Giacomo II), va in sposa a Guglielmo III d’Orange. Questo rappresenta solo il
primo passo di quella che sarà una solida alleanza.
Successivamente, durante il 700, l’Inghilterra ascenderà al ruolo di prima potenza mondiale mentre
l’Olanda cesserà d’essere un’anomalia e andrò incontro ad un progressivo declino.

11. ASSOLUTISMO E ANTICO REGIME

Una prospettiva europea


Il concetto di assolutismo deriva dalla formula rex legibus solutus (re sciolto dal vincolo delle leggi. E
poiché il re è rappresentante di Dio, fonte della legge, il sovrano è insieme legislatore e giudice
supremo.
La teoria del potere assoluto della monarchia nacque nella seconda metà del 500, durante le guerre di
religione francesi, come antidoto al disordine sociale e politico, e fu poi perfezionata durante il 600.
L’assolutismo occidentale è differente dal dispotismo orientale, in quanto aveva dei limiti: l’obbligo
di rispettare ordinamenti e costituzioni e di fare i conti con la molteplicità di forze politico-sociali
organizzate.
La locuzione antico regime nacque durante la rivoluzione francese: chiaramente con accezione
negativa, inglobava tutto ciò che si opponeva alla conquiste della rivoluzione francese. Tale
espressione indica i caratteri del rapporto Stato-società nei 150 anni precedenti la Riv. francese:
La fonte della sovranità era la persona del re (Luigi XIV) e non la nazione;
I poteri sono attribuiti al sovrano e non esiste una divisione matura dei 3 poteri;
Esistono corpi privilegiati (feudali, ecclesiastici) che godono di giurisdizioni separate;
Lo schema di classificazione sociale è quello degli ordini e non quello delle classi (che
corrispondeva al criterio della collocazione economica nella società). Nella stratificazione
per ordini, la gerarchia dei gruppi sociali non si forma in rapporto immediato con la
produzione di beni materiali. Al vertice di tale gerarchi si colloca la nobiltà: alla nobiltà
antica segue nobiltà di dignità (posseditrice di un ufficio o di una signoria).
Nell’antico regime europeo sono riconoscibili due vie di assolutismo, entrambe in opposizione al
modello di Stato moderno:
la via francese, volta a esaltare il ruolo della monarchia come centro unitario del paese;
la via polacca, contrassegnata dall’anarchia e dalla frantumazione dello Stato e che condurrà
alla spartizione del territorio polacco fra le potenze vicine.
La seconda metà del 600 fu contrassegnata
dal rafforzamento del nesso tra politica internazionale e politica interna degli Stati
(soprattutto dalle Guerre di successione);
dalla preponderanza europea della Francia;
dalla formazione di un’Europa multipolare.

37

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Luigi XIV: la via francese allo Stato moderno


Luigi XIV, appellato dai suoi sudditi Re Sole, nacque nel 1638, assunse il potere nel 1661, dopo la
morte di Mazarino, e morì nel 1715.
Durante il regno di Luigi XIV la Francia andò incontro a notevoli miglioramenti: la rivoluzione
generale francese consistette in un progresso qualitativo nel campo artistico-culturale e in un
processo di consolidamento dello Stato moderno (nel governo del territorio, in politica economica e
in politica internazionale).
La Francia era una delle prime realtà demografiche d’Europa. La gran parte dei suoi 20 milioni di
abitanti viveva in campagna, il mondo del villaggio era isolato e fragile, l’equilibrio popolazione-
risorse era precario.
Dal punto di vista sociale, Re Luigi XIV si trovava a dover fare i conti con:
la diversità tra pays d’election (i primi ricadevano sotto l’amministrazione giudiziaria e
fiscale dello Stato) e pays d’etat (come Borgogna e Bretagna, che godevano di ampi poteri
e potevano contrattare il carico fiscale con la Corona). Le concessioni politico-fiscali nei
confronti dei pays d’etat costituivano un limite dell’assolutismo francese;
con i ceti dominanti, costituiti dalla nobiltà antica e da quella moderna (coloro che
volevano essere rispettati per la loro ricchezza e la loro funzione). Da un lato, Luigi XIV
ebbe il merito storico di ridimensionare l’importanza dell’antica nobiltà, che si credeva
fondamentale per la vita dello Stato francese, riducendo il Parlamento a semplice
registratore di editti; dall’altro, conferì molti titoli nobiliari, determinando l’ingrossamento
delle fila della nobiltà di toga. Inoltre, decise che la vigilanza sul buon funzionamento
dell’esercito dovesse essere compito della figura dell’intendente;
con il rapporto centro-periferie. La figura dell’intendente provinciale costituì il più efficace
strumento di governo delle periferie: tale figura aveva il compito di vigilare sull’ordine
pubblico e sull’amministrazione locale delle imposte;
con i problemi di natura religiosa. Luigi XIV mirava ad arginare la diffusione dell’eresia
protestante e a rafforzare le prerogative dello Stato francese nei confronti della Chiesa di
Roma. Intorno al 1650 riscontrarono un certo successo le teorie religiose di Giansenio (il
dono della grazia divina era riservato a pochi e non poteva estrinsecarsi tramite pratiche
devozionali esteriori bensì solo nell’interiorità dell’individuo; la morale era rigorosissima; i
giansenisti consideravano propri nemici giurati i gesuiti, che concepivano fede e morale
seconda un’ottica più possibilista). Dapprima, il Re Sole si dimostrò tollerante nei confronti
dei giansenisti; nel 1685, in corrispondenza del miglioramento dei rapporti Francia-Roma,
il re emanò l’editto di Fontainebleau, che obbligava tutti i francesi a praticare la religione
cattolica. Così, molti ugonotti scelsero la via dell’esilio e, per la Francia, la perdita fu
notevole. Frattanto, le idee gianseniste iniziavano ad attirare il favore dei togati e del
medio-basso clero, contribuendo a rafforzare il gallicanesimo, sentimento di autonomia da
Roma maturato dalla Chiesa francese.
Inoltre, nonostante nella seconda metà del 600 la Francia ricoprisse un ruolo di predominanza
europea, la situazione economica era di complessiva stagnazione. Colbert aveva provato a dare
slancio all’economia francese, incentivando la produzione di beni di lusso per le corti, creando
compagnie commerciali sulla scorta di quelle inglesi e olandesi e adottando misure protezionistiche
(naturale conseguenza del mercantilismo). Tuttavia, l’economia francese non riuscì cmq a compiere
una svolta.
Per quanto riguarda la politica internazionale, il binomio finanze-guerra caratterizzò l’intero
regno di Luigi XIV:fu costruita un’efficiente marina da guerra e gli effettivi dell’esercito passarono
da 50mila a 400mila unità di inizio 700. Dopo una serie di guerre, che portarono a numerose
conquiste territoriali a spese di Spagna e Olanda, si giunse alla guerra della Lega di Augusta (1686-
1697): durante tale conflitto, una corposa coalizione antifrancese (formata da Inghilterra, Spagna,
Olanda, Svezia e Austria) combatté contro l’occupazione francese di alcuni territori della Renania.

38

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Tale conflitto si risolse con la pace di Ryswzck (1697), per effetto della quale la Francia fu costretta
a cedere tutti i territori che aveva conquistato, tranne la città di Strasburgo.

L‟assolutismo in Prussia e Austria


Al Sud i ceti territoriali avevano ancora notevoli poteri mentre in altri Stati il processo di
centralizzazione era forte. Questo è il caso della Prussia-Brandeburgo di Federico Guglielmo. Con
la pace di Oliva (1660), la Prussia terminava di essere la vassalla del re di Polonia. A differenza
della Francia, la via assolutistica aveva un fondamento nobiliare: i posti nevralgici dello Stato erano
affidati all’antica nobiltà degli Junker.
Dal canto suo, l’Austria di Leopoldo I d’Asburgo poteva definirsi una monarchia in fase di
consolidamento. I ducati austriaci e la Boemia si erano uniti sotto la stessa corona per la comune
sensibilità cattolica e per la compatibilità politica. A causa del problema ungherese, per l’Austria
non si poteva parlare di assolutismo omogeneo. In Ungheria, la monarchia era elettiva ed era in
vigore lo ius resistendi, il diritto di reagire con la forza al mancato rispetto dei privilegi ungheresi.
Dopo numerosi scontri con i turchi, la pace di Carlowitz (1699) stabiliva che i turchi avrebbero
dovuto cedere Ungheria e Transilvania agli austriaci e che la monarchia in Ungheria avrebbe dovuto
essere ereditaria e non elettiva.

Spagna e Italia: un‟età di decadenza?


Spagna. Nonostante nel corso del 600 avesse perso Portogallo, Franca Contea e parte delle Fiandre,
la Spagna restava comunque una potenza imperiale e cercava di sopperire all’inferiorità militare con
l’attività diplomatica. Quantunque, non si potesse parlare di assoluta decadenza spagnola bensì di
periodo ricco di trasformazioni, la crisi del cuore dell’economia imperiale (la Castiglia) coinvolse il
resto della Spagna. Si stavano ponendo le basi per la futura ascesa economica della Catalogna.
Italia. Anche qui non si può parlare di età di vera decadenza ma, indubbiamente, stagnazione
economica e crisi sociale erano evidenti. La guerra dei Trent’anni ebbe 2 tipi di conseguenze:
l’Italia si trovava tagliata fuori dalle direttrici del traffico internazionale;
la non facile situazione italiana, su cui gravavano gli effetti del passaggio di massicci
eserciti, fu resa più difficile dallo scoppio di epidemie di peste (quella del 1630-1631 investì
il Nord Italia e la Toscana; quella del 1656-57 colpì il Regno di Napoli e il Lazio), alle quali
seguirono crisi demografiche e produttive.
Inoltre, era evidente la tendenza a ritornare alla terra e alla scarsa propensione per l’investimento di
capitali.
Tuttavia, se è vero che l’economia italiana restava subalterna a quelle delle grandi potenze, è anche
vero che tutti gli Stati italiani si evolsero quanto ai propri sistemi normativi.
Diverso fu invece il peso esercitato dai singoli Stati italiani in politica internazionale e diverse le
caratteristiche della realizzazione del modello assolutista;
lo Stato sabaudo era quello più attivo dal punto di vista internazionale mentre, dal punto di
vista interno, ricalcava l’esperienza della Francia di Luigi XIV;
Genova e Venezia erano potenze in netto declino.
lo Stato Pontificio, dopo la pace di Vestfalia, non riuscì più ad essere presente in modo
significativo sulla scena internazionale. Internamente, doveva fare i conti con le profonde
differenze delle regioni che lo componevano. Tuttavia, anche qui si assistette ad un
accentramento del potere;
Ducato di Milano, Regno di Napoli, Regno di Sicilia (1678 represso duramente dalla
Spagna un tentativo separatista) e Regno di Sardegna era zone di influenza spagnola.

Svezia
Nel corso della guerra dei Trent’anni la Svezia aveva raggiunto una statura internazionale. I
successi in politica estera erano garantiti dalla forza del suo esercito. In economia, a fronte di una

39

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

scarso grado di commercializzazione dell’agricoltura, la Svezia era particolarmente ricca di risorse


minerarie.

Polonia
Ivi, la monarchia era elettiva: la sua potente aristocrazia, per mantenere debole lo Stato centrale,
preferiva che la corona polacca fosse attribuita di volta in volta ad uno Stato diverso. A metà 600,
per circa vent’anni, la Polonia vide il suo territorio conteso dalle grandi potenze vicine. Da tale
situazione la Polonia uscì stremata, con considerevoli perdite territoriali e con il crollo verticale
della sua economia.

12. SCIENZA, CULTURA E POLITICA NEL 600

Scienza della politica, scienza dello Stato


La celebre espressione di Luigi XIV lo Stato sono io sintetizza la temperie politica del 600,
periodo in cui potere e sovranità sono sempre più concentrate nella mani del re.
Se la teoria del diritto naturale (giusnaturalismo) si fonda sull’inclinazione dell’individuo al
rapporto sociale e al vivere in comunità con gli altri uomini, Hobbes afferma lo Stato di natura, in
cui gli uomini sono egoisti e sono in guerra gli uni contro gli altri. Così, egli finisce per affermare la
necessità di passare dallo Stato di natura allo Stato civile: questo si regge sul doppio contratto che
associa tra loro gli individui e che unisce gli associati al potere supremo.
Inoltre, durante il 600, nonostante la diffusione dei modelli assolutistici, comincia a farsi spazio la
convinzione che un governante, se vuole conservare il proprio potere, deve possedere anche il
consenso del popolo.

L‟osservazione e la disciplina dei costumi


Durante il 600, molto successo riscontra la riflessione breve e incisiva per aforismi dei moralisti. I
moralisti si dedicano all’osservazione e alla disciplina dei costumi. Il loro spazio di riflessione
poteva essere la dimensione interiore o il salotto. La Francia di Luigi XIV è la patria dei salotti:
salotti-divertimento e salotti-esercizi spirituali.
La Reggia di Versailles, costruita tra il 1661 e il 1690, è il simbolo dell’età di Luigi XIV, durante la
quale arte e cultura ebbero notevole impulso.
Le arti manuali (artigiani ed architetti) vengono considerate maggiormente rispetto al passato.

La rivoluzione scientifica
Quando si parla di rivoluzione scientifica si suole indicare i cambiamenti e le scoperte compiute:
Nella cosmologia. Nel 1543 Copernico scrive Sulla rivoluzione dei corpi celesti, opera in
cui espone la teoria eliocentrica, in seguito elaborata con maggior precisione da Galilei, che
pubblica le sue scoperte nel Sidereus Nuncius (1610). Inoltre, questi afferma che la scienza
discende dall’autorità del metodo scientifico diretto e non dalle Sacre Scritture. Nel 1633
l’Inquisizione colpisce Galilei, che, stanco e ammalato, dopo 2 mesi di pressioni abiura le
proprie idee, venendo così condannato solo al confino. Mentre le teorie copernicane furono
riconosciute valide dalla Chiesa solo a metà 700, la condanna di Galilei fu cancellata solo
nel 1992.
In questo periodo vengono messi a punto strumenti quali il microscopio, il cannocchiale
astronomico, il telescopio, il barometro a mercurio, l’orologio a pendolo.
Nel metodo della ricerca e della conoscenza. Ai fini della rivoluzione in questo settore, oltre
all’opera di Copernico e a quella di Galilei, molto importante è stato il pensiero di Cartesio:
egli esaltò la ragione, promosse il dubbio come strumento per raggiungere la verità. Inoltre,
si mira alla divulgazione delle scoperte tramite la pubblicazione delle stesse su riviste
specializzate.

40

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Nella figura professionale dello scienziato. I 3 suddetti scienziati, oltre che a rivoluzionare
alcuni settori del sapere, contribuirono all’affrancamento dello scienziato e dell’intellettuale
da qualsiasi forma di autoritarismo e dogmatismo religioso.
Nell’articolazione disciplinare del sapere scientifico. Nascono nuovi tipi di studi: la fisica
moderna (statica e dinamica), settore in cui Newton elabora la legge della gravitazione
universale; Boyle è il pioniere della chimica moderna; Harwey studia la circolazione del
sangue e Malpighi scopre i vasi capillari; nascono la fisiologia e l’anatomia.

Barocco ?????

La formazione e l‟organizzazione del sapere


Nel 600, il monopolio della formazione scolastica secondaria nell’Europa cattolica è esercitato dai
gesuiti.
Quasi ovunque, le università sono roccheforti della cultura tradizionale.
Già verso la fine del 500, si andò sviluppando un nuovo modello di organizzazione degli
intellettuali: l’accademia. Nata per interesse di un principe, di famiglie nobili o di personalità
dell’ambito ecclesiastico, l’accademia si reggeva sulla base di un modello di società chiusa e
fortemente gerarchizzata. L’accademia è fondamentale nel processo di affrancamento
dell’intellettuale e nella maturazione del sentimento di autocoscienza, che sarà una delle prerogative
del ceto intellettuale del 700.

13. LE GUERRE EUROPEE

Le relazioni internazionali e l‟equilibrio delle potenze nella prima metà del 700
Prerogativa del periodo sono le guerre di successione al trono: Spagna, Polonia e Austria (ma in
parte anche Inghilterra e alcuni Stati italiani). In una situazione internazionale in cui sembra regnare
l’equilibrio, in realtà le guerre di successione sono occasioni colte dalle grandi potenze per regolare
alcuni conti. Le grandi potenze non mirano tanto all’egemonia mondiale quanto, invece, ad evitare
che gli avversari disturbino la propria zona d’influenza.
L’Inghilterra gioca un ruolo importantissimo nel gioco degli equilibri per via della sua grande
influenza politico-economica.
Dalla guerra di successione spagnola (1702-1714) la Francia esce isolata mentre Spagna e Olanda
ne escono indebolite.
La guerra di successione polacca (1733) finisce per porre di fronte Austria e Francia. Tale conflitto
è chiuso con la pace di Vienna (1738), la quale rappresenta il punto di massimo equilibrio.
Tuttavia, per via dello scoppio della guerra di successione austriaca (1740-1748), il quadro
internazionale si complica e gli attriti fra le grandi potenze vanno assumendo una dimensione
sempre più planetaria: i rapporti fra le potenze e gli Stati satellite divengono sempre più stretti e
intricati.

L‟Europa durante la guerra di successione spagnola (1702-1714)


La morte senza eredi di Carlo II di Spagna (1700) rendeva incerta la titolarità della corona spagnola.
Nel suo testamento, Carlo II designava erede universale Filippo d’Angiò, nipote di Luigi XIV, che
avrebbe assunto il nome di Filippo V.
Così, sebbene una clausola testamentaria vietasse l’unione delle corone francese e spagnola, i
Borbone si trovavano a governare quasi universalmente. A questo punto, l’Inghilterra decise di
promuovere un’alleanza anglo-austro-olandese (anche Prussia e Palatinato) in chiave anti-francese.
Invece, nel blocco franco-spagnolo confluirono le forze di Portogallo, ducato di Savoia (Vittorio
Amedeo II), Baviera e Colonia. Nel 1702 si scatenò un conflitto di vastissime proporzioni.
Nonostante la supremazia terrestre dei francesi, intorno al 1703, questi incassarono duri colpi a
causa della forza della flotta anglo-olandese e, soprattutto, a causa del voltafaccia sabaudo (ducato

41

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

preoccupato che il proprio territorio fosse stretto nella morsa borbonica, in caso di vittoria
francese): nel 1706, in occasione della battaglia di Torino, i francesi furono costretti ad abbandonare
definitivamente il Piemonte.
Frattanto, gli austriaci segnavano numerosi successi militari e nel 1707 ponevano fine alla
dominazione spagnola del Regno di Napoli.
Se agli insuccessi militari dei francesi, si aggiunge il fatto che Luigi XIV doveva fare i conti con
situazione interna tesa (carestia, pressione fiscale e avversione nei confronti della politica bellicista
erano i motivi delle rivolte del popolo). Tuttavia, la Francia non tracollò solo per il fatto che il
popolo temeva la perdita dell’indipendenza della propria nazione e perché nel 1711 avvenne
l’intronizzazione al trono asburgico del nuovo re Carlo VI. A questo punto, in chiave europea
iniziava a divenire pericolosa l’ascesa dell’Austria.
Le trattative di pace si conclusero a Utrecht (1713) e Rastadt (1714): l’Inghilterra (vera vincitrice
del conflitto) entra in possesso di alcuni territori nord-americani e di Gibilterra e Minorca;
all’Austria passava il ducato di Milano, la Sardegna, lo Stato dei Presidi e il Regno di Napoli; il
ducato sabaudo ottenne il Regno di Sicilia; la Francia doveva rinunciare al proprio progetto di
espansione nel Nuovo Mondo; Francia e Spagna non avrebbero potuto mirare all’unificazione delle
2 corone.
Da questi trattati emergeva la nuova tendenza a mantenere gli equilibri tramite l’azione dei
cosiddetti Stati-cuscinetto: il Belgio tra Francia e Olanda e il ducato sabaudo tra Francia e Austria.

Gli Stati dell‟Europa nord-orientale


Nello scenario balcanico, grazie alla conquista della Serbia, l’Austria aveva consolidato il proprio
potere.
Invece, nella zona baltica Polonia e Danimarca erano deboli e, mentre la Svezia conservava ancora
un ruolo importante, la Russia preparava la propria ascesa almeno in quell’area.
In Russia, con l’ascesa al trono di Pietro I (1682-1725), nasceva l’ultima forma di assolutismo
europeo. A questi fu destinato l’appellativo Il Grande perché fu un governante capacissimo, che
seppe porre le condizioni necessarie al progresso economico-industriale e all’ascesa politico-
militare del proprio paese. Tuttavia, egli accentuò il carattere assolutistico della monarchia russa:
mantenne la servitù della gleba, represse duramente le rivolte, rese obbligatorio il servizio militare,
elaborò un rigido sistema di leggi, definì il proprio potere con l’espressione monarchia illimitata. In
politica estera, Pietro si prefiggeva come obiettivi la sicurezza dei confini nazionali e l’egemonia
nel Baltico.
Proprio ai fini di quest’ultimo scopo, nel 1715 spostò la capitale della Russia a San Pietroburgo.
Nel 1721, la pace di Nystadt chiudeva la seconda guerra del Nord (combattuta da Polonia,
Danimarca e Russia contro la Svezia): la Svezia perdeva il ruolo di grande potenza egemone sul
Baltico a favore della Russia.

La Prussia
Questa potenza emerse durante la guerra di successione spagnola. Oltre allo sviluppo industriale ed
economico, da sottolineare che sotto Federico Guglielmo I (1713-1740) l’esercito fu altamente
specializzato, ben organizzato, molte risorse economiche furono investite nella sua preparazione e
dotazione, mentre i soldati servivano fedelmente la stessa causa al di là della proprie origini: è
l’esercito definito universale caserma prussiana.
Tuttavia, non si poteva definire un paese modernizzato poiché la nobiltà era la classe nettamente
predominante, manteneva in schiavitù una consistente fetta di popolazione e monopolizzava i posti-
chiave dello Stato, rendendo impossibile l’approvazione di qualsiasi riforma che fosse contraria ai
suoi interessi.

Inghilterra, Francia, Spagna: l‟Europa occidentale verso nuove gerarchie


Nella prima metà del 700, i 3 Stati erano accomunati da:

42

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

interne contese di successione dinastica;


dall’attività bellica;
dalla difficile congiuntura finanziaria internazionale.
Tuttavia, questi andavano maturando identità storiche diverse: l’Inghilterra gettava le basi per la
propria potenza commerciale, economica e sociale (la sua monarchia parlamentare fondata sui
partiti la rendeva unica in Europa), che avrebbe esercitato per tutto il 700; la Francia vedeva
ridimensionato il proprio ruolo di potenza egemone in Europa; la Spagna di Filippo V (1700-1746),
dopo la perdita dei domini europei, doveva risolvere i problemi relativi alla formazione della sua
identità nazionale.

L‟Inghilterra
1714-1727: la corona viene attribuita a Giorgio I di Hannover, discendente di Giacomo I Stuart per
parte di madre.
Il primo ventennio del 1700 è il periodo in cui in Inghilterra avviene l’accumulazione originaria di
capitale, che sarà fondamentale per mantenere nel tempo il benessere del paese: i rapporti
economico-commerciali con le colonie sono fruttiferi, viene creata la Banca d’Inghilterra, continua
il progresso industriale, la popolazione si sposta dalle campagne verso la città, la struttura politica
fondata sui partiti si può definire moderna.
Qualche compilazione proveniva dalla spartizione delle competenze in politica interna ed estera,
con le 2 sfere che si connettono strettamente: da un lato, la dialettica dei 2 partiti (che dovevano
occuparsi di interno ed economia) finiva per condizionare la monarchia nelle sue scelte in politica
estera; dall’altro lato, l’attività internazionale della monarchia condizionava il Parlamento. In ogni
caso, dominio e consenso trovavano nell’istituzione monarchica il loro punto di equilibrio.
Un’importante figura politica fu Walpole, leader dei progressisti, che governò dal 1721 sia sotto
Giorgio I che sotto Giorgio II di Hannover (1727), con una politica estera che si evolse dal
pacifismo e mero controllo dell’equilibrio internazionale alla scelta di dichiarare guerra alla Spagna
e partecipare alla guerra di successione austriaca (su pressione dei tories).

La Francia
Se nel finire del 600 la Francia si ergeva a prima potenza europea, durante la guerra di successione
spagnola comincia a pagare il prezzo della politica di Luigi XIV. Inoltre, il Re Sole, nell’ultima fase
del suo regno, aveva inasprito il fiscalismo e accentuato il carattere assolutistico del proprio potere.
1715: muore Luigi XIV e riprendono vigorosamente i contrasti politico-sociali, dovuti anche alla
diffusione di linee di pensiero antiassolutiste.
1715-1723: Luigi XV (1715-1774) è ancora minorenne e, durante la reggenza di Filippo d’Orleans
(nipote del Re Sole), la nobiltà riconquista il potere e il Parlamento la facoltà di bloccare le
decisioni del re.
1716: il banchiere scozzese Law istituisce la Banca nazionale di Francia ma alcune sue scelte
portano al tracollo finanziario. Subentrato a questi il cardinal Fleury, l’applicazione di una rigorosa
politica di bilancio, l’intensificazione del commercio e una politica non spiccatamente bellicista
(sebbene partecipi alle guerre di successione), portano alla Francia ad una relativa ripresa
economica.

La Spagna
Il fatto che la Spagna di Filippo V dovesse riconvertirsi da impero a nazione non significa che
questa sposò una linea totalmente pacifista. Anzi, alla Spagna bruciava ancora la perdita dei domini
italiani e nel 1718 truppe spagnole invasero la Sicilia. Tuttavia, la quadruplice alleanza (Inghilterra,
Olanda, Francia e Austria) costrinse la Spagna al ritiro.
Per quanto concerne la politica interna, la Spagna adottò una linea riformista, delle misure
protezionistiche e praticò uno snellimento dell’apparato burocratico.

43

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

L‟Italia e la guerra di successione polacca (1733-1738)


Dopo i Balcani e il Baltico, l’Italia fu l’oggetto di spartizioni fra Spagna e Austria durante il 1720-
1733. In occasione della guerra di successione polacca, ai pretendenti si aggiunsero la Francia e i
Savoia.
All’origine delle contese si collocava la Prammatica sanzione fatta approvare dall’imperatore Carlo
VI d’Asburgo: essa aboliva nei territori assurgici il divieto per le donne di poter occupare il trono.
Poiché, per essere valido, tale atto doveva essere riconosciuto anche dalle altre potenze, l’Inghilterra
ottenne che l’Austria smantellasse le compagnie commerciali di Ostenda. Così, Maria Teresa
d’Austria venne designata erede al trono imperiale e per il panorama italiano, in cui si assistette a
tumultuosi mutamenti politico-dinastici, si parlò di pax asburgica (meno duratura e solida della pax
hispanica). Ad ogni modo, gli austriaci non godevano di larghi consensi nei territori italiani e non
poterono condurre una linea riformistica. Invece, il regno sabaudo si caratterizzava per il tentativo
di imitare il modello assolutistico della Francia del Re Sole e per una certa modernizzazione e un
indubbio acume politico di Vittorio Amedeo II (asceso al trono nel 1713). Venezia, Genova e Lucca
erano governate da patriziati sempre più sclerotizzati.
1733: scoppia la guerra di successione polacca per via della morte di Augusto II di Sassonia. A
discapito del candidato filofrancese, la Russia (appoggiata dall’Austria) penetrò in territorio polacco
e insediò sul trono Federico Augusto III di Sassonia. Il conflitto si spostò in Italia perché la Spagna
mirava riprendersi Napoli e la Sicilia mentre i Savoia puntavano al milanese, sebbene a questi non
garbasse granchè l’idea di avere Borbone a Sud e a Nord dei confini del ducato.
1735: iniziano segrete trattative di pace tra Francia e Austria.
1738: viene firmata la pace di Vienna, che stabiliva:
che Federico III di Sassonia fosse riconosciuto re di Polonia;
la Francia riconosceva la Prammatica sanzione austriaca;
l’Austria perdeva Napoli e la Sicilia a favore della Spagna;
il ducato di Savoia acquistava altri territori piemontesi.
Tale trattato segnò un momento di ritrovato equilibrio nella storia europea

La guerra di successione austriaca (1740-1748)


Dopo la morte di Carlo VI d’Austria (1740), l’equilibrio politico fu rotto dal re di Prussia, Federico
II, che occupò la Slesia austriaca. La Francia e la Prussia entrarono in conflitto con il blocco
borbonico. L’Inghilterra, dapprima impegnata solo diplomaticamente, entra in gioco a fianco
dell’Austria, al fine di conservare l’egemonia marittima (in questo senso, antagonisti erano Francia
e Spagna). Lo scontro vero e proprio scoppiò nel 1743.
Le sorti del confitto risero dapprima all’esercito franco-spagnolo; in seguito, in territorio italiano
anglo-austro-sabaudi rintuzzarono i francesi; i prussiani riportarono delle vittorie in territorio
germanico.
1748: viene firmata la pace di Aquisgrana. Tale trattato:
riconosceva Maria Teresa imperatrice d’Austria e il titolo imperiale veniva attribuito a
Francesco Stefano di Lorena (iniziava nuova dinastia Asburgo-Lorena);
la Slesia fu annessa alla Prussia;
veniva ridisegnato l’assetto italiano (Sardegna, Piemonte, Savoia e Nizza al ducato
sabaudo; la Lombardia all’Austria; Venezia e Genova indipendenti ma in discesa;
Granducato di Toscana ai Lorena; ducati di Parma, Piacenza e Guastalla vanno a Filippo
Borbone Farnese, fratello d Carlo III; Stato Pontificio; Regno di Napoli e Regno di Sicilia
sotto il governo di un ramo dei Borbone di Spagna (Carlo III), unica zona vivace perché
governata da un re riformatore.

L’equilibrio politico-territoriale italiano durò in questi termini fino alla discesa di Napoleone
Bonaparte: Francia e Spagna non avevano più mire egemoniche sull’intera penisola e gli austriaci

44

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

erano meno presenti. Di contro, a livello internazionale, la situazione rimaneva tesa: l’Austria si
sentiva frustrata per la perdita della Slesia e della Serbia (a favore dei Turchi con la pace di
Belgrado); la Prussia aveva forti mire espansionistiche.

14. ILLUMINISMO E SECOLO DEI LUMI

Cos‟è l‟Illuminismo?
L’Illuminismo è un movimento socio-culturale di vastissime proporzioni che investì l’Europa dalla
fine del 600 alla rivoluzione francese. Si tratta di un movimento generale con centro di irradiamento
la Francia (in particolare Parigi) e con una certa diversificazione socio-territoriale (l’Inghilterra
ebbe vivacità intellettuale e non moto illuminista; l’Italia, l’Austria, e la Spagna in parte; in Russia
un debole afflato). Il secolo dei Lumi vide l’uso spregiudicato della ragione in tutti i campi, la
fiducia nella possibilità che la ragione potesse migliorare la condizione spirituale e materiale
dell’essere umano. All’interno di tale periodo storico si distinguono 4 fasi:
Fase pre-illuminista (fine 600-1730);
1730-1750: pubblicazione dell’Enciclopedia (una trentina di volumi), la più importante
iniziativa editoriale degli illuministi, diretta da Diderot e a cui parteciparono Montesquieu,
Rousseau, Quesnay. Essi erano convinti che, per fare presa nella popolazione, non fosse
tanto utile un’opera di dura polemica morale e religiosa, quanto un’opera in cui la cultura
tecnica si collegasse alle nuove idee illuministiche.;
1750-1770: economia al primo posto e governo illuminato di alcuni sovrani assolutisti;
1770-riv.francese: crisi dell’antico regime, ansia di un mondo nuovo, aspirazione alla libertà
e all’uguaglianza.

I nuclei concettuali illuministi sono 3:


libertà di pensiero e tolleranza religiosa, convinti che questi 2 aspetti incidessero
positivamente anche sull’economia e il benessere comune (un esempio era l’Olanda, mentre
punto di riferimento in ambito religioso fu Spinoza). La libertà di teorizzazione portò
all’affermazione del deismo (nega la validità della rivelazione storica di Dio ma afferma
che esiste come garante dell’ordine naturale dell’universo - Voltaire) e dell’ateismo (che
proclamava il carattere irrazionale di tutti i culti, negando l’esistenza di Dio – Diderot);
opposizione a qualsiasi metafisica ed affermazione del metodo sperimentale empirista,
della rigorosa applicazione filologico-critica. Vien da sé che la cultura illuminista sia una
cultura prammatica;
era necessario sapere per trasformare la realtà e porre la ragione al servizio della pubblica
felicità.

Le forme dello sviluppo economico


Pur con le dovute differenziazioni spaziali e temporali, il 700 è un secolo di espansione economica
e demografica. Da sottolineare la qualità dell’evoluzione demografica: in questo periodo inizia la
storia cosciente della popolazione (l’uomo si adopera per padroneggiare le malattie e, controllando
l’istinto, riesce ad essere più consapevole delle nascite). Inoltre, aumentarono numericamente le
metropoli: città con + di 400mila abitanti (Londra, Parigi e Napoli) ed altre popolosissime (Vienna,
Amsterdam, Madrid, Barcellona, Milano, Palermo, Marsiglia).
Naturalmente, fu fondamentale il contributo dell’economia alla crescita della popolazione. La
ragione obbligava l’uomo ad adoperarsi per approdare ad un equilibrio fra popolazione e risorse.
L’agricoltura fino a metà 800 occupa ancora il primo posto nell’economia europea (l’Olanda ha le
più alte rese agricole). Si assiste alla diffusione di aree ad agricoltura estensiva (aumento delle
superfici coltivabili e intensificazione del lavoro) e di aree ad agricoltura intensiva
(massimizzazione della produttività delle terre).

45

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Il rapporto economico sociale città-campagne era sinergico in Inghilterra e Olanda mentre nell’area
mediterranea le città erano centri di consumo delle risorse prodotte dalla campagne.
Società di ordini e società di classi: un secolo di trasformazioni
La società del 700 non dev’essere vista come una società di classi (categorie corrispondenti ad una
collocazione economica) bensì come una società di ordini o di ceti (che si forma in base a funzioni
sociali e soprattutto in base all’attribuzione di taluni privilegi, facendo sì che la stratificazione
sociale non coincida con quella economica). Con la consapevolezza che il ruolo dell’alta
aristocrazia conserva sempre la propria preminenza, si può dire che gli ordini dell’antico regime
sono costituiti da ceti molto mobili: anche la disputa sulla nobiltà si risolse a favore della tesi che
questa fosse condizione da acquisire attraverso l’esercizio delle virtù umane (non solo come
privilegio di nascita). I mutamenti in seno alla società europea variano da zona a zona nelle proprie
caratteristiche. Innanzitutto, in relazione agli attriti esistenti tra nobiltà di sangue o spada e nobiltà
di toga (soprattutto in Francia), bisogna precisare il ruolo della nobiltà di sangue in Europa:
nell’area centro-orientale aveva un peso schiacciante, nell’area Mediterranea era una nobiltà di
corte. Tuttavia, quasi in tutta l’Europa la nobiltà si riconosceva in valori comuni: sfruttamento del
proprio privilegio, disuguaglianza rispetto al resto della società, rifiuto dell’attività mercantile,
appartenenza al nucleo di corte.
Per quanto concerne la borghesia, nel 700 non si formò una borghesia europea bensì si formarono
forze nuove attraverso processi storici diversi: in Oriente non nacque borghesia, in Inghilterra
nacque dalla trasformazione interna dell’aristocrazia e dalla spinta di forze autonome, nell’area
mediterranea si era in presenza di una borghesia professionale legata alla macchina statale.

Ragione, esperienza e pubblica felicità: fondamenti e fini delle nuove scienze dell‟uomo
Montesquieu (1689-1755, nato in una famiglia di antica nobiltà di Bordeaux), padre del
liberalismo. Nel 1748, M. pubblicò l’esprit des lois, nella cui prefazione egli affermava di
voler vincere i pregiudizi, laddove avendo pregiudizi si dimostra di ignorare se stessi. In tale
opera, egli tratta della varietà storica delle leggi, delle relazioni fra regimi e società, sostiene
la separazione dei poteri seguendo il modello inglese (il re ha potere esecutivo, il
Parlamento quello legislativo e la Magistratura il potere giudiziario). L’essenza della
filosofia politica di M. è il liberalismo: sosteneva che una moderazione del potere potesse
assicurare l’equilibrio dei poteri e delle parti sociali. Il fatto che egli fosse un sostenitore
della libertà politica è coerente alla sua affermazione il potere freni il potere (era necessario
riconoscere più importanza ai corpi sociali intermedi).
Rousseau (1712-1778), padre della democrazia. Egli definisce felice lo stato di natura, visto
che le istituzioni umane e le divisioni di funzioni economiche e sociali hanno portato alla
disuguaglianza sociale. Nella sua opera principale, Il contratto sociale, egli afferma che, per
conservare la stabilità del patto sociale, i diritti individuali devono essere totalmente alienati
a favore del bene collettivo. Inoltre, R. è il primo a parlare di sovranità democratica: la
sovranità appartiene al popolo, ma a tutto il corpo sociale e non ad una sola parte.
Avversione verso gli arcana juris in campo giuridico. L’indagine illuminista riguardò
anche il campo del diritto e della giustizia. Tra 600 e 700 il sistema processuale vigente non
imponeva la motivazione delle sentenze poiché prevedeva l’esistenza degli arcana juris
(segreti del diritto), che finivano per favorire le disuguaglianze. I giudici, unici depositari
della certezza del diritto e degli arcana juris, avevano acquistato un potere enorme nella vita
socio-politica. Gli illuministi lottarono anche contro gli arbitrii dei magistrati: esigevano una
legge uguale per tutti, una regolamentazione del rapporto reato-pene che restringesse
l’ambito di discrezionalità dei giudici. Inoltre, il giurista milanese Beccaria, focalizzò
l’attenzione sul recupero del reo, definendo inumana la pena di morte.
Una nuova scienza: l‟economia politica. Quesnay fonda la fisiocrazia. I fisiocratici,
sostenitori del diritto naturale, sostenevano che l’ordine naturale avrebbe favorito il sorgere
di una società prospera e che, quindi, si doveva prediligere il libero scambio e ed evitare

46

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

l’intervento dello Stato. Essi definivano produttivo solo il lavoro generante plusvalore
(valore superiore alla somma dei valori consumati durante la sua produzione). Essi
sostenevano che l’industria restituiva in forma diversa i valori che le sono stati consegnati e,
dunque, solo l’agricoltura assicurava produttività. Nonostante la bontà di tali teorie,
l’applicazione pratica di queste risultava complicata. Tuttavia, grazie ai fisiocratici, a metà
700 in tutta Europa si avvertì l’esigenza dell’elaborazione di una scienza dell’economia.
Basilare per la scienza economica moderna fu l’azione dell’inglese Adam Smith, il quale
opera in una società che, in anticipo sul resto d’Europa, stava vivendo la rivoluzione
industriale. Egli sottolinea che la quantità di lavoro necessaria crea il valore e che il
plusvalore è la parte di cui si appropria chi gestisce la produzione.
I fisiocratici e Smith si fecero importanti promotori della libertà d’impresa e di mercato, che
sarebbe stata alla base dell’affermazione del capitalismo.

Il partito degli intellettuali e la circolazione delle idee


I fattori accomunanti gli intellettuali illuministi d’Europa furono 3:
Sentimento di appartenenza ad una stessa comunità intellettuale;
Capacità di incidere come gruppo di pressione nella formazione dell’opinione pubblica;
Rivendicazione della funzione di classe dirigente.
Certamente, la sfera intellettuale si caratterizzò per una certa omogeneità, ma da paese a paese
erano evidenti delle differenze per quanto riguarda il grado di maturità dello stesso ceto intellettuale
e per quanto riguarda la forza dell’azione di resistenza delle fazioni conservatrici.
Naturalmente, la cultura illuminista prevedeva una particolare attenzione agli strumenti della
comunicazione. Il 700 fu il secolo dello sviluppo dell’editoria, fondamentale per una buona
circolazione delle idee (a Venezia uscì La frusta letteraria; a Milano Il caffè dei fratelli Verri).
Sebbene, il periodo illuminista fu un periodo di diffusione della cultura, la percentuale di
analfabetizzazione restò cmq alta (intorno al 70% totale) e resterà alta fino a metà 800. Gli
illuministi si posero il problema dell’alfabetizzazione delle masse ma a tale funzione era ancora
deputata la Chiesa (parrocchie e ordini religiosi).
Un fenomeno importante fu quello della massoneria. L’atto di nascita della massoneria fu la
fondazione nel 1717 a Londra della Grande Loggia da parte di due pastori protestanti. I fini e le
forme organizzative di tale associazione segreta si richiamano alla metafora della costruzione
(anche il nome si rifà al termine muratore). I massoni si contraddistinguevano perché praticavano
l’aiuto reciproco fra loro senza distinzione di credo religioso e perché credevano nell’edificazione
di una nuova società fondata sugli ideali. La Chiesa era l’avversaria dichiarata delle organizzazioni
massoniche, preoccupata dalla diffusione al loro interno della filosofia deistica e ateistica.

15. „700 RIFORMATORE

Stato e amministrazione: le riforme dell‟assolutismo illuminato


È bene distinguere l’assolutismo dal dispotismo: monarchia assoluta era il regime del sovrano che
governava per diritto divino attraverso la legge; monarchia dispotica era il regime in cui i sudditi
erano trattati come schiavi e il monarca governava oltre la legge.
L’età dell’assolutismo illuminato prevedeva che il sovrano rispondesse solo a Dio per la sua
condotta ma che si impegnasse in una serie di riforme volte al consolidamento interno e
internazionale del proprio Stato e che fossero consone al processo di formazione dello Stato
moderno. Tuttavia, non era certo facile raggiungere un equilibrio tra assolutismo e illuminismo.
Diversi furono in campi investiti dall’azione riformatrice dei monarchi illuminati:
L’amministrazione del potere. Le strutture amministrative furono ammodernate perché si
sentiva l’esigenza di un coordinamento tra il centro e la periferia. Si andava sempre più
delineando la distinzione tra funzioni deputate ai vari settori del governo (sempre più
importanza acquistava la figura del primo ministro) e funzioni deputate alla burocrazia

47

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

(corpo di funzionari specializzati). Inoltre, da sottolineare che il 700 fu il secolo della


scienza camerale, cioè della scienza dell’amministrazione pubblica, la quale stabiliva i
principi che dovevano regolare l’attività dei nuovi burocrati: primato del governo
monarchico, felicità dello Stato come fine della politica, utilizzo delle risorse statali per
garantire la sicurezza dello Stato.
Le riforme fiscali. Queste tesero a fornire allo Stato più attendibili strumenti di valutazione
della ricchezza mobiliare e immobiliare e strumenti che colpissero i sudditi in modo più
equo. Furono adottati i catasti.
La giustizia. Questa era amministrata da una molteplicità di giurisdizioni. Gli illuministi
combattevano per una giustizia più equa ma le giurisdizioni privilegiate (soprattutto quella
feudale) non furono abolite. Tuttavia, la codificazione del diritto sarà utile per le conquiste
del futuro.

Assolutismo illuminato in Prussia e Austria


Durante la seconda metà del 700, la Prussia di Federico II consolidava il proprio ruolo di grande
potenza. Tale consolidamento fu favorito dalla situazione della politica internazionale. Inoltre, fu
prestata molta attenzione al potenziamento dell’esercito. Tuttavia, segni di arretratezza erano il fatto
che le imposte dei contadini fossero riscosse direttamente dagli junker e il permanere della servitù
della gleba.
L’Austria aveva conseguito successi militari e godeva di grande considerazione internazionale ai
fini dell’equilibrio europeo. Tuttavia, le fu sottratta dalla Prussia la ricca regione mineraria e
industriale della Slesia. L’Austria di Maria Teresa e, poi, del figlio Giuseppe II fu segnata da una
serie di felici riforme: modernizzazione dell’apparato di governo, abbandono del cattolicesimo
bigotto, laicizzazione della cultura, professionalizzazione della burocrazia, abolizione della servitù
della gleba. L’assolutismo austriaco fu quello più illuminato dell’intero panorama europeo. Tale
disinvoltura riformatrice fu dovuta all’assenza di una forte nobiltà territoriale.

La Russia di Caterina II
Nella seconda metà del 700, la Russia si consolidò a livello interno ed internazionale. Inoltre,
Caterina II promosse una certa vitalità culturale e una certa apertura alle idee illuministe. Tuttavia,
la Russia, soprattutto dal punto di vista socio-amministrativo, rimaneva un paese arretrato.

La Spagna
Qui, l’iniziativa riformatrice di Carlo III di Borbone (1759-1788) si fermò alla fase di progettazione
e non di attuazione a causa del forte potere della Chiesa: il clero godeva di privilegi ed esenzioni
fiscali mentre i gesuiti monopolizzavano l’istruzione e costituivano un gruppo sociale importante
(in seguito, questi furono espulsi perché troppo ingerenti nella vita politico-economico spagnola).

Italia
L’azione riformatrice dei sovrani illuminati fu particolarmente incisiva in 3 Stati italiani (a Napoli
più scritto che agito; a Firenze più agito che scritto; a Milano scritto e agito):
Il Regno di Napoli, governato dai Borbone. Nonostante la dipendenza dai mercati
internazionali e la situazione economica poco rosea, l’assolutismo illuminato di Carlo di
Borbone (poi divenuto Carlo III, re di Spagna) rappresentò uno dei momenti di maggiore
volontà di rinnovamento (organizzazione del settore fiscale, limitazione delle giurisdizioni
feudali, espulsione dei gesuiti) e di spiccata vivacità artistico-culturale (Giambattista Vico e
apertura del teatro San Carlo).
La Lombardia, appartenente all’Austria. Furono attuate le riforme approvate in Austria.
La Toscana dei Lorena. Qui, furono approvate due riforme importantissime: la riforma
dell’allivellazione concedeva ai mezzadri i terreni di proprietà dello Stato dietro

48

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

corresponsione annua di un canone fisso; il nuovo codice penale (1786), che aboliva la pena
di morte, la tortura, il delitto di lesa maestà, la confisca dei beni del condannato.

Guerra dei 7 anni


La pace di Aquisgrana (1748) non aveva eliminato i motivi di tensione fra le potenze d’Europa. Per
di più, le sfere di influenza si estendevano ormai oltre i confini europei e la corsa anglo-francese
all’impero coloniale aveva immediate ripercussioni sugli equilibri europei.
Nel gennaio 1756 scoppiò la guerra dei 7 anni, combattuta da francesi e inglesi sul fronte europeo,
su quello indiano e su quello americano. L’Inghilterra si alleò con la Prussia, la Francia si alleò con
l’Austria (che mirava alla riconquista della Slesia) e con la Russia (che mirava a consolidare la
propria egemonia sul Baltico). Con la pace di Parigi (1763), la Francia veniva estromessa dal Nord
America e veniva costretta a riconoscere l’espansione inglese in India. Inoltre, tale conflitto aveva
affermato la superiorità militare di Inghilterra e Prussia e lo spostamento verso America, Asia e
Africa dell’asse degli equilibri internazionali.

Spartizione della Polonia


In precedenza, per via dell’esistenza di una monarchia elettiva, in Polonia si erano succeduti una
serie di protettorati ma non si era mai messa in discussione l’integrità territoriale polacca.
Invece, nella seconda metà del 700, questa diventa oggetto delle mire di Russia, Austria e Prussia.
Nel 1772, tali potenze procedettero alla prima spartizione della Polonia, dopo aver schiacciato la
ribellione dell’aristocrazia polacca e aver giustificato il loro intervento con l’esigenza di mettere
ordine nella perversa Repubblica polacca.
Nel 1793 avvenne la perpetrata la seconda spartizione e nel 1795 la terza spartizione, la quale
segnava la quasi definitiva scomparsa territoriale della Polonia (perdeva territori bielorussi, ucraini
e baltici).
La repubblica nobiliare polacca finì per essere abbattuta per via delle mire espansionistiche delle
potenze vicine e per via dell’assenza di un solido potere centrale.

16. L‟ESPANSIONE COLONIALE: IL MONDO OLTRE EUROPA

Le vecchie potenze coloniali: spagnoli e portoghesi in America


Spagna e Portogallo, potenze ridotte a rango secondario in Europa, possedevano estesissimi territori
oltreoceano, territori che divenivano fondamentali affinché le esportazioni potessero colmare una
parte del deficit della bilancia finanziaria della madrepatria:
Il Portogallo possedeva il Brasile, basi commerciali in Angola e Mozambico e sulle coste
indiane e indonesiane. Il Brasile era importante per zucchero, tabacco e oro; le colonie
africane per la tratta degli schiavi;
La Spagna possedeva gran parte dell’America meridionale, i Caraibi, il Messico e le
Filippine. In tali territori il potere dei viceré spagnoli era molto ampio, soprattutto se
confrontato a quello dei viceré dei territori italiani. I punti forti del sistema coloniale
spagnolo erano la produzione agricola, la grande attività di estrazione dell’argento e la
crescita demografica. I punti deboli erano: fallimento del controllo sui propri monopoli,
fragilità militare, scarsa efficienza e corruzione dell’amministrazione coloniale.

Nuove potenze coloniali: olandesi, inglesi e francesi in Asia


Nel 600 il ruolo predominante fu svolto dall’Olanda. Amsterdam era il centro della navigazione e il
più grande mercato di beni e di capitali d’Europa. Il capitale commerciale olandese era interessato
alle spezie: nel 1602 fu fondata la Compagnia olandese delle Indie orientali, che arrivò in India e
Giappone e che permetteva a chiunque di investire liberamente nelle spedizioni quanto denaro
volesse. Gli olandesi ottennero il monopolio delle spezie ma non realizzarono piani di vera

49

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

colonizzazione dei territori toccati dalla Compagnia. Solo a fine 700 tali territori furono proclamati
colonie dello Stato olandese.
Nel corso del 700 il ruolo principale sarà assunto dall’Inghilterra, che progressivamente soppianterà
l’Olanda grazie alla maggiore stabilità politica, capitali più ingenti, la preparazione militare e il
contrabbando che lavorava ai fianchi la stessa Olanda. Gli inglesi si insediarono in Asia, soprattutto
in diverse parti dell’India (Madras, Calcutta). Inoltre, una volta superato il momento critico del
settore manifatturiero di lana e cotone, l’Inghilterra una nuova impareggiabile verve anche in questo
campo.
Anche la Francia creò una propria compagnia commerciale (che raggiunse monopolio del tabacco)
ma i capitali da investire erano ridotti e la dipendenza dalla Corona era più marcata. La Francia era
arrivata più tardi degli altri Paesi in Asia ma, ne era stata quasi del tutto estromessa a seguito della
guerra dei 7 anni. così, si fece liberamente strada l’Inghilterra e il suo impero delle Indie
britanniche.

L‟Africa
Nella zona nord-orientale si insediarono gli arabi.
Nella costa occidentale (Senegal e Nigeria), popolazioni indigene resistettero fino all’arrivo degli
europei nell’800.
I portoghesi si erano insediati nel Congo, in Mozambico, Tanzania e Kenia ma, dovendo avere a
che fare con forti resistenze interne, furono costretti ad abbandonare tali territori a fine 600.
Nel 700 l’unica zona in cui si potesse parlare di vera colonizzazione era il Sud: gli olandesi erano
stabiliti a Città del Capo.
I territori africani furono sfruttati per l’esportazione di forza lavoro costituita da ingenti gruppi di
schiavi neri (in cambio di armi da fuoco e liquori).

India, Cina e Giappone


L’India era debole a causa della difficile coesistenza interna di numerosi clan, caste e orientamenti
religiosi e, dunque, per Inghilterra e Olanda fu più facile imporsi sul territorio indiano rispetto a
quanto poteva esserlo in Cina e Giappone.
La Cina aveva raddoppiato l’estensione del suo territorio, aveva consolidato i propri confini ed era
governata da un’autorità imperiale forte, quale era quella dei Manciù. Inoltre, disponeva di un
potente apparato bellico. Tuttavia, col passare del tempo, la presenza via via più massiccia di
europei in Asia e una difficile situazione sociale determinarono l’arresto della parabola ascendente
cinese.
Il Giappone, durante il 600, andò incontro ad un indiscusso sviluppo economico mentre, durante il
700, carestie e tensioni sociali crescenti determinarono un certo isolamento del Giappone dalle
relazioni commerciali internazionali (solo l’Olanda importava mobili e porcellane).

Le strutture del capitalismo coloniale


Le compagnie commerciali ottenevano dallo Stato la garanzia del monopolio privilegiato ma
avevano l’onere di badare al mantenimento delle proprie infrastrutture e a mantenere il sistema delle
fortezze. Alle compagnie era riconosciuto il diritto alla fortificazione, alla conduzione di guerre e
all’amministrazione della giustizia.
Tra 600 e 700 si registrò un boom delle richieste riguardanti caffè e tè (dapprima in Inghilterra e poi
nei salotti francesi). Nel commercio del caffè primeggiò l’Olanda mentre in quello del te cinese
primeggiò l’Inghilterra. Anche i tessuti fini provenienti dalla Cina e dall’India riscontrarono un
certo successo.

Dal commercio al dominio


Nella seconda metà del 700, il controllo commerciale fu lo strumento per raggiungere il dominio
politico. Tale passaggio fu evidente per la prima volta in India, allorché la rivalità anglo-francese

50

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

(guerra dei 7 anni) accelerò il processo di sgretolamento dell’impero Moghul. La conquista del
Bengala fu fondamentale per l’affermazione degli inglesi in territorio indiano. Questi lasciarono
formalmente al proprio posto l’imperatore moghul ma, progressivamente, acquisirono il controllo
dell’ambito amministrativo, finanziario, giudiziario e affermarono la subalternità dell’India alla
politica economica inglese.

17. LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Una vera rivoluzione


La rivoluzione industriale, insieme alla riv. americana e a quella francese, è uno dei 3 eventi da cui
si è originato il mondo contemporaneo.
Tra 1750 e 1850, l’Inghilterra e, a seguire, il resto del mondo occidentale andarono incontro ad una
serie di trasformazioni in campo economico-sociale. Un imputo decisivo alla grande trasformazione
fu dato dalle rilevanti innovazioni tecnologiche:
Affermazione delle macchine al posto delle forze umane;
Invenzione di macchine che fossero in grado di produrre artificialmente energia (macchine a
vapore), quindi soppiantando le fonti di energia naturali;
Abbondanza di materie prime, soprattutto sostanze minerali, che sostituirono in gran parte
quelle animali e vegetali.
Aspetti positivi:
Aumento della produttività e del reddito individuale;
Maggiore equilibrio nel rapporto popolazione-risorse;
Trasformazione del volto delle città europee, in cui le industrie divennero poli attorno ai
quali si aggregarono sempre gruppi sociali sempre più consistenti.
Investimento nella ricerca tecnologica e nel miglioramento dei cicli produttivi.
Aspetti negativi
Sfruttamento del lavoro di donne e bambini;
Sfruttamento coloniale da parte delle grandi potenze;
Ampliamento della forbice economica tra paesi più e meno ricchi.
Come ogni rivoluzione, la riv. industriale non cancellò il passato: solo a fine 800 si poté
riconoscere, in tutta Europa, la produzione manifatturiera soppiantata dalla struttura della fabbrica.

L’Europa prima della rivoluzione industriale


L’Europa pre-industriale era contrassegnata da un’economia a matrice soprattutto agricola. A tale
attività si aggiungeva quella mercantile, la produzione manifatturiera (rurale a domicilio o
centralizzata nelle aziende), artigianato locale.
Olanda: agricoltura specializzata e sapienza nella collocazione all’interno del mercato
internazionale furono le basi su cui si poggiò la modernizzazione di fine 800.
Francia: il rapporto popolazione superficie coltivabile era alquanto differenziato. I nuclei industriale
sorgeranno intorno a Parigi, nell’Alsazia e nella Lorena.
Europa mediterranea: le basi per uno sviluppo industriale erano quasi assente. Soprattutto nell’Italia
meridionale, il regime delle terre e l’assenza di iniziative imprenditoriali provocarono la
stagnazione agricola e il mancato decollo industriale.
Uno sguardo particolare merita l’Inghilterra.

Inghilterra
Tanti furono i motivi che portarono l’Inghilterra a svolgere un ruolo guida nell’ambito dei processi
della rivoluzione industriale.
La situazione economica del comparto agricolo. La sua solidità fu fondamentale per
l’accumulamento dei capitali utilizzati per il decollo industriale. Le terre erano recintate,
sottoposte a rotazione, la loro produttività era accresciuta dall’introduzione di macchine,
51

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

dall’investimento di capitali e dalle spiccate capacità di commercializzazione dei prodotti


agricoli.
Bassi costi di produzione e distribuzione per via dell’assenza di dazi doganali e di tipo
feudale;
Ottime sistema di infrastrutture (strade, ponti e canalizzazioni);
Espansione del mercato interno dei manufatti grazie ad un avanzato processo di
urbanizzazione, che vedeva le città assumere funzioni sempre più articolate;
Disponibilità di materie prime (carbone, rame, stagno, ferro);
Quadruplicazione del volume delle esportazioni durante il 700;
Propensione scientifica all’innovazione;
Forza della domanda. Infatti, il tenore di vita e il potere d’acquisto degli inglesi era più alto
rispetto al resto d’Europa.
Il settore in cui si poté cominciare a parlare di rivoluzione fu quello del cotone: Nell’ambito della
produzione cotoniera furono introdotte nuove macchine per la filatura.
In seguito, anche l’industria siderurgica ebbe notevoli impulsi produttivi (nuovi sistemi di fusione
del ferro e trattazione della guisa). A dare un input deciso alla riv. industriale furono lo sfruttamento
del carbon fossile e l’invenzione di un nuovo convertitore di energia alimentato a carbon fossile, la
macchina a vapore di Watt (1770 circa).

Il sistema della fabbrica


Allo stadio maturo, la riv. industriale significò distinzione fra proprietari dei mezzi di produzione e
produttori diretti; distinzione fra imprenditori e salariati; concentrazione dei salariati in unico luogo
di lavoro, la fabbrica; impiego sistematico delle macchine; produzione di massa; sfruttamento del
lavoratore.
Tra il 1780 e il 1830, il corpo sociale dei salariati maturò una coscienza di classe e un’identità di
interessi: dapprima sorsero leghe di lavoratori radicali, poi il movimento luddista (Ludd distrusse fu
il primo a distruggere un telaio meccanico), quindi si sviluppò il cosiddetto socialismo utopistico. I
luddisti si ponevano come obiettivo il raggiungimento di condizioni lavorative più dignitose, la
riduzione della giornata lavorativa, aumento dei salari e la distruzione delle macchine, colpevoli di
aver provocato l’eliminazione del carattere artistico del lavoro.

18. LA RIVOLUZIONE AMERICANA

Le colonie inglesi in America


La storia della colonizzazione inglese del Nord America è scandita da 3 tappe:
1585-1587: 3 spedizioni promosse da Walter Raleigh portano un gruppo di coloni a
trapiantarsi in un territorio chiamato Virginia (in onore della vergine regina Elisabetta).
Tuttavia, dopo poco tempo, i coloni risultavano morti di fame, di malattia o massacrati dagli
indigeni;
1618: iniziava la colonizzazione della Virginia dopo che uno statuto di Giacomo I aveva
concesso lo sfruttamento di tali territori a 2 compagnie inglesi;
1620: il vero e proprio atto di nascita delle colonie inglesi d’America è costituito da una
spedizione portata a termine da padri pellegrini puritani, i quali a bordo del Mayflower
giunsero nel Massachusetts (nella terra chiamata New England).
1643: dopo la colonizzazione di Connecticut e New Hampshire, viene creata la Confederazione
delle Colonie Unite della Nuova Inghilterra. Essa nasce con lo scopo di facilitare la difesa dei
territori inglesi dai francesi (Canada), dagli olandesi (coste del Nord America) e dagli indiani.
1664: una piccola flotta inglese conquista New Amsterdam e la ribattezza New York, dal nome del
suo concessionario, il duca di York.
1732: con conquista della Georgia, le colonie inglesi in America diventano 13.

52

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Una costante delle operazione di colonizzazione inglesi sarebbe stata quella di vedere partire
dall’Inghilterra reietti della società inglese in cerca di fortuna e gruppi religiosi che cercavano una
terra in cui potere praticare senza alcun impedimento il proprio credo. I colonizzatori annettevano i
territori colonizzati alla Corona inglese ma li autogovernati istituendo organi di governo propri e
concordando di volta in volta con la Corona inglese i termini della concessione, tramite
l’approvazione di Carte. Il risultato di tale situazione fu che prese corpo una rappresentanza politica
per singole comunità (non per ceti o ordini), grazie alla quale i coloni riuscivano a vanificare i
tentativi di centralizzazione del potere messi in atto dalla Corona inglese.
Nonostante ciò, i rapporti ideali con la società civile inglese rimanevano strettissimi e la fedeltà
delle colonie alla madrepatria era assicurata dal fatto che l’Inghilterra aiutava le comunità coloniali
attraverso l’impegno in America di truppe regolari e di unità della preparatissima flotta inglese.

Lo sviluppo economico e sociale


Nel corso del 700, nelle colonie americane si assistette ad un grande sviluppo demografico, dovuto
all’equilibrio popolazione-risorse. Tale equilibrio fu raggiunto grazie alla differenziazione della
produzione agricola:
al Sud, l’attività economica prevalente era l’agricoltura, in particolare la piantagione del
tabacco. La manodopera schiavistica rendeva molto redditizia tale monocoltura, sebbene
questa costrinse all’espansione forzata verso Ovest poiché esauriva la fertilità del suolo in
10 anni massimo;
Al Nord, zona in cui era insediata la piccola chiesa-comunità puritana, erano evidenti vitalità
delle città (tuttavia senza sbocchi commerciali) e rotazione delle coltivazioni;
Al Centro, siamo in presenza di una zona-cerniera in cui era vigente il sistema
dell’agricoltura mista (cereali, allevamento, verdura), che veniva valorizzato dal rapporto
con il commercio (importanti i porti di Philadelphia, New York e Baltimora).

Rapporto tra colonie e madrepatria e radici del conflitto


All’interno dell’evoluzione di tale rapporto si possono distinguere 2 fasi:
1 fase, compresa fra Atto di navigazione del 1651 e il 1730. Durante tale periodo si trova un
punto di incontro tra le comunità e la Corona inglese. Questa autorizzava l’autogoverno
delle colonie ma le colonie ricoprivano una posizione di servizio rispetto alla madrepatria, la
quale esercitava il proprio monopolio sui prodotti coloniali. Attraverso le colonie
l’Inghilterra si assicurava la propria autosufficienza ma le colonie (soprattutto Nord e
Centro), per bilanciare le proprie economie, spesso dovevano ricorrere allo schiavismo e al
commercio contrabbandistico con Spagna e Portogallo.
2 fase, compresa fra il 1730 e il 1770. Durante tale periodo, più si elevava la statura
economico-politica delle colonie, più pesava la dipendenza dal sistema del mercantilismo
inglese e più le colonie rafforzavano il sentimento di autocoscienza della propria
importanza. Tale sentimento si manifestava compiutamente allorché i membri delle camere
basse (camere elettive) riuscivano a ridimensionare il potere dei governatori inglesi, facenti
parte delle Camere alte (formate dai funzionari della madrepatria). Gli eventi che
approfondirono il solco tra colonie e madrepatria furono 3:
 il risveglio religioso in America nel 1730-1740 e guerra dei Sette anni. La
maturazione dell’illusione delle comunità centro-settentrionali di poter dare
vita ad una società giusto in cui Cristo vincesse definitivamente il diavolo,
portò allo scoppio della guerra dei 7 anni contro i coloni francesi antipapisti
del Canada (antipapisti). Durante tale conflitto, vinto dagli anglo-americani,
risultò spiccato il sentimento di vicinanza alla Corona inglese. Tuttavia, al
termine di tale evento, le comunità coloniali avvertirono con più forza la
discrepanza fra loro crescente capacità di guidare la situazione interna e la
frustante subalternità alla Corona.

53

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

 i provvedimenti fiscali varati dalla madrepatria nel 1764-1765. Mentre


all’interno delle camere basse maturava il principio nessuna tassa senza
rappresentanza, il Parlamento inglese (dopo la pace di Parigi, che concludeva
nel 1763 la guerra dei 7 anni) approvava lo Sugar act (che tassava lo
zucchero e altri prodotti) e lo Stamp act (che impose il pagamento di un bollo
per gli atti legali e i giornali). Si scatenarono le reazioni: un assemblea riunita
a New York votò la Dichiarazione dei diritti e dei doveri dei coloni
d’America; La madrepatria ritirò lo Stamp act e approvò il Declaratory act
(che ribadiva l’assoggettamento delle colonie all’autorità del Parlamento
inglese); i coloni, riunitisi in varie assemblee, rivendicavano il diritto di
consenso al varo di nuove imposte, esigevano che al Parlamento inglese fosse
deputata solo l’approvazione delle imposte esterne e non di quelle interne,
iniziarono a boicottare le merci inglesi e iniziarono ad organizzare un forte
schieramento di opposizione.

La guerra d‟indipendenza (1776-1783)


1773: Boston Tea party inaugura la fase dello scontro aperto fra le colonie e la madrepatria. Dopo
l’approvazione del Tea act (che tagliava fuori le colonie americane dalle esportazioni di tè), coloni
americani vestiti da indiani salgono su navi inglesi e gettano in mare numerose casse di tè.
1773: la risposta inglese si concretizzò nell’approvazione di una serie di leggi, cosiddette leggi
intollerabili.
1774: Jefferson, uno degli ideologi della rivoluzione, avanza l’ipotesi di un Commonwealth
britannico, che prevedeva la fedeltà incondizionata dello colonie alla Corona inglese ma anche
l’assoluta parificazione dei parlamenti delle diverse colonie a quello inglese.
Fine 1774: primo congresso continentale dei coloni, che deliberano il boicottaggio del commercio
con la Gran Bretagna.
1775: George Washington viene nominato comandante delle truppe americane e il re inglese
Giorgio III dichiara ribelli i coloni americani.
4 luglio 1776: vengono pubblicato il Common Sense, un opuscolo scritto da Paine, e la
Dichiarazione d’indipendenza, redatta da Jefferson. In questi 2 scritti si affermava che il re aveva
rotto il patto di governo con i sudditi americani, non tenendo conto del venir meno del consenso del
popolo americano, e che il diritto dell’individuo all’indipendenza e alla libertà è inalienabile. La
ribellione si trasforma in guerra. Washington trasforma un manipolo di volontari in un esercito
disciplinato, preparato e convinto di combattere per una giusta causa.
1777: nella battaglia di Saratoga gli americani sconfiggono gli inglesi.
1778: decisivo è il fatto che la Francia invia dei contingenti militari a combattere per la causa
americana. Inoltre, nello stesso anno, anche la Spagna si allea agli americani.
Le truppe inglesi vengono sconfitte a Yorktown.
1783: con la pace di Versailles, la Gran Bretagna riconosceva l’indipendenza delle 13 colonie
nordamericane, la Francia riacquistava Caraibi e Senegal mentre la Spagna riacquistava la Florida.

Una rivoluzione costituzionale


Il periodo che fece seguito alla guerra d’indipendenza fu contrassegnato da
una negativa congiuntura economica: esteso impoverimento, svalutazione della moneta,
difficoltà produttive. Nonostante ciò, non ci furono grandi sconvolgimenti sociali e ciò
permise che le conquiste politiche della rivoluzione non andassero perse.
un vivace dibattito politico preparatorio alla redazione della Costituzione americana. Era
necessario che la Costituzione fosse espressione delle 4 linee politiche del tempo:
 linea conservatrice dei grandi commercianti;
 piccoli e medi proprietari terrieri e commercianti consideravano
fondamentale il suffragio universale;

54

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

 classi inferiori della città e contadini miravano a preservare spirito religioso


e morale;
 linea modernizzante mirava alla crescita commerciale e alla
modernizzazione di tutte le strutture.

1787: con il compito di modificare una Costituzione del 1777, viene convocata la Convenzione di
Philadelphia, i cui lavori portano all’entrata in vigore della nuova Costituzione nel 1788. Il testo di
tale costituzione si ispirava ai principi del The federalist di Hamilton:
1. il modello federativo incarnava il sentimento patriottico della nazione americana, la quale
nasceva direttamente dai cittadini;
2. gli Stati Uniti d’America rappresentano un grande Stato federale moderno, il cui caposaldo
è il bilanciamento dei poteri:
 il potere legislativo fu conferito al Congresso degli Stati Uniti, composto da
un Senato e da una Camera dei Rappresentanti, i cui membri venivano eletti
dal popolo in proporzione alla consistenza della popolazione dei vari Stati
confederati. Il Congresso fu deputato alla disciplina del commercio interno e
di quello con le nazioni straniere, alla cura della politica interna ed estera,
alla difesa e alla dichiarazione di guerra;
 il potere esecutivo fu attribuito al Presidente degli USA. Questi veniva eletto
da delegati del popolo, durava in carica 4 anni, nominava i membri del
governo federale e poteva esercitare il diritto di veto sulle leggi approvate
dal Congresso;
 il potere giudiziario fu conferito alla Corte suprema, organo di nomina
presidenziale. Fu deputata al controllo della legittimità costituzionale delle
leggi federali e dei singoli Stati.
3. Nel 1791 il testo fu integrato da emendamenti aventi come oggetto il riconoscimento dei
diritti dei singoli: veniva riconosciuta l’uguaglianza giuridica dei cittadini e la libertà di
pensiero ed espressione.

Due limiti alla piena realizzazione della democrazia negli USA furono: l’esistenza della schiavitù
(abolita solo nel 1865) e la limitazione del voto (esteso solo nel 1870). Nonostante tali limiti, quella
degli USA può essere considerata la prima Costituzione democratica della storia moderna.
1789: Washington è il primo presidente degli USA. Viene rieletto nel 1793 e a lui segue Jefferson.
Gli USA erano una giovane nazione con una solida democrazia.

------------------------------------------------------------------------------------------

Indiani (o Pellerossa). Questi si erano stabiliti in Nord America provenendo dall’Asia. Si trattava di
popolazione che badavano all’autosostentamento tramite agricoltura e allevamento; usi e costumi
differivano da una popolazione all’altra. La prima fase del rapporto tra indiani e inglesi fu pacifica.
Tuttavia, nell’ambito degli scambi economici, gli inglesi minavano gli equilibri degli indigeni (i
fucili modificarono la loro naturale abitudine alla coesistenza mentre l’alcool servì a debilitarli). La
seconda fase dei rapporti, detta fase della frontiera americana, vide gli americani perpetrare
un’azione di sterminio degli indigeni, di confino in riserve degli stessi e di progressiva estensione
della sfera di controllo inglese.
Neri e schiavi. Le importazioni di schiavi neri in America andò dalle poche centinaia del 1619 alle
500mila presenze del 1776. La pratica di schiavizzare neri fu soprattutto invalsa nella parte
meridionale del Nord America, in cui l’attività economica prevalente era la monocoltura del
tabacco. Non si è in grado di stabilire con certezza se tale pratica fosse più redditizia, in termini di
rendite produttive, al pari del lavoro eseguito da uomini liberi. La riv. americana e la guerra anglo-

55

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

americana furono fondamentali nella lotta alla schiavitù: tale prassi fu abolita al Nord, tuttavia
rimanendo praticata al Sud ancora per parecchi anni.
Federazione e confederazione. La federazione prevede la creazione di un livello statale superiore
agli Stati contraenti e una rinuncia di questi ad una parte della propria sovranità; la confederazione
non mette in discussione la sovranità degli Stati membri della stessa.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------

19. LA RIVOLUZIONE FRANCESE: DALL‟ASSEMBLEA COSTITUENTE A ROBESPIERRE

Valore e significati della riv.francese


La riv. francese gettò le basi della civiltà contemporanea.
Essa ebbe i seguenti significati:
Provocò il crollo della monarchia per diritto divino e la sovranità divenne espressione della
volontà popolare e non di investitura divina;
Segnò un importante momento di rivendicazione dei diritti dell’uomo (Dichiarazione dei
diritti dell’uomo e del cittadino) e di affermazione di nuovi valori della convivenza civile,
quali libertà, eguaglianza e fratellanza e la meritocrazia;
Fu affermato il principio politico della partecipazione e della rappresentanza politica.
Nel corso dell’800 e del 900, la storiografia ha analizzato le dinamiche della rivoluzione, cercando
di capire quanto questa avesse potuto essere evitabile, di identificare le forze motrici dei mutamenti
rivoluzionari, di capire quanto la riv.francese sia una riv. di matrice borghese e di capire i rapporti
intercorsi tra borghesia ed elite sociale.

Trasformazione e crisi dell‟antico regime


È necessario analizzare attentamente le caratteristiche del moto rivoluzionario francese, per evitare
di considerarlo come un evento che irrompe improvvisamente nel sistema socio-politico dell’antico
regime, e per evitare che si sminuiscano gli effetti della rivoluzione stessa. Infatti, alcuni studiosi
sostengono che i cambiamenti da essa apportati al sistema francese fossero in atto già da un
cinquantennio: carestie e mortalità avevano raggiunto tassi accettabili, la signoria terriera si
comportava più da proprietaria fondiaria che da grande ceto di feudatari (lo spiccato feudalesimo
del passato si andava trasformando), la servitù della gleba non esisteva più.
La situazione della Francia pre-rivoluzione non era per nulla positiva, considerato si doveva far
fronte a delle problematiche in ambito sociale, culturale ed economico.
1. Dal punto di vista sociale, la Francia era caratterizzata:
Da un ceto di esponenti del clero e di nobili, che era composito e
rappresentava solo l’1,5% della popolazione. I nuovi nobili (chi esercitava
cariche pubbliche con annesso titolo nobiliare) facevano rimpiangere usi e
costumi dei vecchi; una parte dell’aristocrazia si avviava alla povertà e viveva
solo di rendita e di privilegi. Molti esponenti della nobiltà e del clero erano
scontenti per il fatto che consideravano il livello dei propri privilegi non
adeguato al proprio blasone. Come se non bastasse, re Luigi XVI (1774-
1793) aveva adottato una politica riformatrice, che tra le altre cose prevedeva
la riduzione di appannaggi pagati alla nobiltà di corte e all’alto clero e
introduceva l’imposta fondiaria (che investiva le proprietà nobiliari ed
ecclesiastiche);
Dall’esistenza del Terzo Stato, prodotto sociale della crescente articolazione
del sistema economico e amministrativo francese. Del Terzo Stato facevano
parte uomini d’affari, banchieri, pubblici funzionari, proprietari terrieri non
nobili, professionisti (medici, notai, avvocati). Tale gruppo sociale non
costituiva la borghesia, intesa come gruppo omogeneo. Né si deve pensare
che, durante la rivoluzione, il Terzo Stato avesse un’identità di classe. Spesso,

56

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

lo si associa alla borghesia come alternativa alla frangia aristocratica della


popolazione.
Da un mondo contadino oppresso, oltre che da decime ecclesiastiche e
imposte regie, anche dai diritti feudali e signorili. Inoltre, lo scarso potere
d’acquisto dei redditi e la crisi agraria del 1788-1789 acuirono il malcontento
popolare, soprattutto delle campagne parigine;
2. Dal punto di vista politico-culturale:
Le idee illuministe si diffondevano in modo massiccio negli ambienti di
intellettuali e professionisti;
La forza dei parlamenti provinciali era tale da impedire un’omogenea e
completa riformazione del sistema francese;
L’influenza della nobiltà di corte condizionava le decisioni di re Luigi XVI.
3. Dal punto di vista economico, bisogna dire che la Francia arrivò più tardi dell‟Inghilterra
alla riv. industriale perché:
Nonostante la considerevole produttività del comparto agricolo, questo non
aveva permesso un accumulamento di capitali paragonabile a quello inglese;
1. L’integrazione fra agricoltura e industria e tra agricoltura e commercio non
aveva raggiunto livelli apprezzabili;
2. Nonostante sotto il Re Sole si fosse registrata una certa modernizzazione del
sistema economico e una certa incentivazione del commercio, l’opera di
incoraggiamento dello Stato a favore di nuovi metodi di produzione
industriale non era per nulla decisa e il sistema produttivo poteva contare su
una tecnologia poco avanzata;
3. Centri urbani poco attivi, considerato che l’80% dei 27 milioni di francesi
viveva nelle campagne;
4. La scarsa disponibilità di risorse minerarie;
5. Basso potere d’acquisto dei redditi e conseguente limitazione della domanda
interna;
6. Situazione di collasso delle finanze pubbliche. Dapprima la politica bellicista
di Luigi XIV, in seguito gli sperperi della corte parigina, quindi la
partecipazione alla Guerra d’indipendenza americana misero in ambasce le
finanze francesi.

Cronologia della Rivoluzione


Le fasi principali della Rivoluzione francese furono 2:
1 fase (1789-1794): convocazione degli Stati Generali, congiura del
Termidoro ed esecuzione di Robespierre;
2 fase (1794-1804): passaggio dei poteri al Direttorio e proclamazione di
Napoleone imperatore.
1783: de Calonne viene nominato ministro. Egli vuole riuscire ad assestare il bilancio statale e
crede di poter legittimare le sue scelte, convocando un’assemblea di nobili, chierici e notabili. Il
Terzo Stato reagì contestando la rappresentatività dell’assemblea e chiedendo la convocazione degli
Stati Generali.
1788: pessimi raccolti, gravissima carestia e inizio di una negativa congiuntura dell’intera
economia. Inoltre, il Parlamento di Parigi stabiliva che i 3 ordini dovevano riunirsi e votare
separatamente, in modo che le delibere del Terzo Stato sarebbero state sempre in minoranza.
Necker sosteneva il raddoppiamento dei rappresentanti del Terzo Stato e il voto per testa e non per
ordine. La nobiltà non era d’accordo. Sia nobiltà che Terzo Stato miravano ad una riduzione del
potere assoluto del re, ad un maggiore decentramento amministrativo e ad un aumento delle libertà
individuali. Tuttavia, erano discordi relativamente al voto per testa e all’uguaglianza dei diritti.

57

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Dicembre 1788: il Consiglio del Re accorda il raddoppiamento. In tutta la Francia furono convocate
assemblee per eleggere i deputati agli Stati Generali.
1789: Luigi XVI destituisce de Calonne dal suo incarico, nomina Necker primo ministro e, per far
fronte alla grave crisi di credito della monarchia, concede la convocazione degli Stati Generali per il
5 maggio 1789 a Versailles. Il principale oggetto di discussione furono le modalità di voto e di
convocazione dell’assemblea. Il fronte del clero e della nobiltà non era compatto (più o meno
illuminati) e sarebbe stata approvata la modalità della votazione per testa. Il re fece trovare la chiusa
la sala in cui avrebbe dovuto svolgersi l’assemblea.
20 giugno 1789: i delegati si riunirono nella sala destinata al gioco della pallacorda, dove, con il
giuramento della pallacorda, ribadirono la loro unità, il carattere nazionale dell’assemblea e la
volontà di redigere una solida costituzione.
9 luglio 1789: i delegati del Terzo Stato e clericali e nobili liberali, dopo aver rifiutato di obbedire al
re e di deliberare per ordini, si proclamarono Assemblea nazionale costituente. Ma tale evento non
permetteva di parlare di rivoluzione. I moti acquisirono le caratteristiche rivoluzionarie per la
partecipazione delle masse popolari (sollecitate dalla crisi economica e dalla paura che l’aristocrazia
potesse ordire complotti politici) e per il ricorso alla forza armata (che segnò lo scoppio della guerra
civile.
14 luglio 1789: dopo che il re aveva assoldato truppe mercenarie perché circondassero Parigi, i ceti
più bassi assalivano la Bastiglia, ove erano i rinchiusi i rei di Stato. Cadeva uno dei simboli
dell’assolutismo e, frattanto, veniva istituita la Guardia Nazionale, che faceva capo al generale La
Fayette. Nelle campagne scoppiarono rivolte di natura antifeudale.
9 agosto 1789: l’Assemblea nazionale decide l’abolizione dei privilegi feudali e del feudalesimo
come regime su uomini e terre.
26 agosto 1789: veniva proclamata la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino.
Ottobre 1789: Luigi XVI approva i decreti di agosto dopo una marcia popolare su Versailles, che
costrinse il re e Maria Antonietta a trasferire la propria residenza a Parigi. Anche l’Assemblea
nazionale si trasferì a Parigi e diede vita ad un’intensa attività legislativa:
I beni della Chiesa divennero proprietà della nazione. Tuttavia, per permetterne l’acquisto,
furono emessi buoni fruttiferi del Tesoro, che furono utilizzati anche al di là delle
compravendite di beni ecclesiastici e che finirono per provocare una svalutazione della
moneta.
La riforma agraria fu attuata attraverso la soppressione di tutti i privilegi connessi al
feudalesimo.
Nel rapporto centro-periferia furono assegnati larghi poteri alle municipalità e il territorio fu
riorganizzato in dipartimenti, distretti e cantoni.
In campo giudiziario, fu abolita la venalità degli uffici e la sfera giudiziaria fu distinta da
quella amministrativa.
L’attività legislativa dell’Assemblea culminò nella promulgazione della Costituzione del settembre
1791. In essa venivano affermati i seguenti principi:
Riconoscimento delle libertà individuali, delle libertà di espressione e dell’uguaglianza dei
cittadini;
Separazione dei poteri: il potere legislativo era assegnato ad un’Assemblea elettiva con
competenze legislative; il potere esecutivo era assegnato al re, il quale però vedeva ridotto il
proprio potere (decisione in merito a guerre e politica estera dovevano essere votate
dall’Assemblea) e poteva esercitare il diritto di veto solo per 4 anni;
Attribuzione del potere giudiziario a giudici eletti dal popolo;
L’struzione primaria era a carico dello Stato.
Inoltre, prima della promulgazione della Costituzione, il prestigio della monarchia era stato
inficiato: tra il 20 e il 21 giugno 1791 il re aveva tentato di fuggire ma fu bloccato a Varennes,
arrestato e condotto sotto scorta a Parigi. Tale accaduto provocarono la formazione di 2 opposti
schieramenti: la fazione dei nobili liberali (La Fayette), sostenitrice del re, e una fazione più

58

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

radicale (Robespierre), che sosteneva una maggiore democratizzazione delle conquiste della
Rivoluzione.
Prima della fuga del re si erano formati dei gruppi politici e, proprio grazie alla fuga del re,
avevano assunto una forma più precisa: i cordiglieri (sinistra radicale, che promuovevano la
Repubblica), i giacobini (centro) e i foglianti (destra, che sostenevano la monarchia). I nomi di tali
gruppi derivano da quelli degli ex conventi in cui si riunivano.
Nel luglio 1791, i cordiglieri avevano fatto firmare una petizione per la costituzione della
Repubblica. Alla Guardia Nazionale fu ordinato di reprimere l’iniziativa nel sangue e la libertà
politica dei cordiglieri fu oggetto di restrizioni.
In seguito, con la Dichiarazione di Pillnitz, la condizione del re di Francia veniva considerata
oggetto di comune interesse per tutti i sovrani d’Europa. Tuttavia, non fu possibile raggiungere un
accordo per l’intervento armato a causa del parere contrario di Inghilterra, Spagna e Savoia.
Così, Luigi XVI accettò la Costituzione e venne reintegrato nei suoi poteri.
1 ottobre 1791: si riunì l’Assemblea legislativa, al cui coacervo di fazioni politiche si aggiunse la
neonata fazione di sinistra dei girondini, i quali miravano al consolidamento della democrazia
parlamentare e alla guerra contro l’Austria, nemica esterna della Rivoluzione. Tutti erano favorevoli
alla guerra, tranne Robespierre, per il quale un’alleanza con il fronte monarchico era improponibile
e, anzi, era necessario mettere sotto sorveglianza il re ed espellere dall’esercito gli ufficiali
controrivoluzionari.
20 aprile 1792: la Francia dichiara guerra all’Austria, a fianco della quale scese la Prussia. Da
subito, le sorti francesi sembravano segnate e all’esercito francese furono impartite dure lezioni.
10 agosto 1792: per la paura di un complotto aristocratico, il popolo parigino (in cui si distinsero i
sans culottes, cioè senza pantaloni corti, indumento tipico dei nobili) assalì il palazzo delle Tuileries
e costrinse il re a mettersi sotto la protezione dell’Assemblea legislativa. Questa fu costretta a
deporre definitivamente il sovrano.
L’esercito prussiano avanzava deciso verso Parigi e i sans culottes, in tale clima di tensione,
invasero le carceri parigini e massacrarono i prigionieri, convinti che fossero controrivoluzionari.
20 settembre 1792: il clima di tensione viene ridimensionato dalla definitiva vittoria dell’esercito
francese a Valmy.
22 settembre 1792: fondazione della Repubblica.

La Convenzione
La composizione politica della nuova assemblea, la Convenzione, era mutata: scomparsi i foglianti,
a destra si collocavano i girondini mentre a sinistra i deputati della montagna (perché occupavano i
posti più alti dell’assemblea), al centro la palude (400 deputati oscillanti). Sempre molto attuale era
lo scontro fra chi voleva radicalizzare le conquiste rivoluzionari e chi era contrario a tale
radicalizzazione.
La prima occasione fu il processo del re: mentre il montagnardo Robespierre considerava il re
colpevole di alto tradimento per aver cospirato con le potenze straniere e, quindi, non degno di un
processo, il resto della Convenzione decise di processarlo.
21 gennaio 1793: re Luigi XVI viene giustiziato dalla lama della ghigliottina.
Il nuovo pericolo per la Francia era rappresentato dalla formazione della prima coalizione
antifrancese (Inghilterra, Spagna e Olanda). Il 1793 fu un anno contrassegnato da
rovesci militari: fu evacuato il Belgio e andarono persi tutte le terre conquistate sulla riva
sinistra del Reno.
conflitti civili fra campagne e città: soprattutto nel dipartimento della Vandea, i contadini si
scagliavano contro la repubblica giacobina e l’azione depredatrice delle città nei confronti
delle campagne. Tale malcontento era rafforzato dalla negativa congiuntura economica
(inflazione ed elevato prezzo del grano). Per di più, nel corso del 1793 il conflitto sociale si
estese anche ad altre regioni e gli scontri fra le fazioni politiche si acuirono.

59

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Tuttavia, nonostante la critica situazione internazionale ed interna, in Francia l’anarchia non fu mai
raggiunta: nel giugno 1793 fu approvata una Costituzione, che riconosceva il suffragio universale
maschile e assegnava ad unica assemblea l’espletamento della gran parte delle funzioni.
Il Terrore (settembre 1793 – luglio 1794)
In tale periodo si assistette ad uno slittamento della situazione interna verso la dittatura
rivoluzionaria:
settembre 1793: al Comitato di Salute pubblica (istituito per calmierare i prezzi) furono
attribuiti ampissimi poteri;
rigido controllo del suddetto Comitato su tutta la società e i Comitati di vigilanza;
organizzazione di una giustizia rivoluzionaria, che prevedeva l’eliminazione di tutte le
garanzie giuridiche degli accusati e del ricorso in appello.
L’esistenza di un tendenza dittatoriale fu evidente in occasione della repressione della rivolta
vandese. L’armata ribelle fu massacrata e parimenti le popolazioni rurali dell’Ovest (circa 250mila
morti). Inoltre, il Comitato riorganizzò l’esercito e nuovi contingenti andarono in aiuto alle truppe
repubblicane sul fronte renano, conseguendo numerosi successi.
A fine 1793, all’interno del Comitato di Salute veniva preparata l’ascesa di Robespierre. Giacobino
e montagnardo, si era distinto per la sua scarsa disposizione verso il re e i nobili e per l’efficacia
della sua azione nella caduta dei girondini. La dittatura di Robespierre si rese necessaria perché non
era in causa la conservazione della Repubblica, bensì la sua fondazione. Per di più, la sue posizioni
furono inasprite per l’influenza che su di lui esercitava il suo braccio destro, il grande accusatore
Saint-Just. Robespierre ordinò la ghigliottina per i suoi avversari politici di maggiore spicco
(arrabbiati e indulgenti). Il Comitato era ormai nelle mani di R. ma era del tutto assente il consenso
del popolo e dei membri della Convenzione. Nel giugno 1794 la violenza diventava sistema di
governo: tutti i ceti sociali erano coinvolti nel clima di sospetto, ogni diritto alla difesa veniva
eliminato e furono emessi atti d’accusa collettivi. Il Terrore legale fece 16mila vittime. Nonostante
tutto questo, le armate rivoluzionarie conseguirono un’importantissima vittoria a Fleurus (giugno
1794), grazie alla quale poterono penetrare in Belgio e in Catalogna.
Nel luglio 1794 fu ordito un complotto nei confronti di Robespierre e, con il suo ghigliottinamento,
fu posta fine alla dittatura giacobina.
Nonostante il sangue scorso durante il Gran Terrore, tale periodo ebbe alcune luci:
fu salvata la Rivoluzione;
fu realizzata l’unione contro i nemici esterni e la Francia cessò di essere un paese assediato;
fu evitata la bancarotta grazie al fatto che l’economia fu controllata dallo Stato.
In conclusione, mentre la rivoluzione del 1789 fu liberatrice e figlia dell’Illuminismo, la riv. del
1793-94 fu dittatoriale e incubatrice del dispotismo di Napoleone.

20. LA RIVOLUZIONE FRANCESE: DAL TERMIDORO AL CONSOLATO DI NAPOLEONE

Seconda fase (1794-1799)


Termidoro (1794-1795)
Dopo il Termidoro 1794 (morte Robespierre), furono aboliti i tribunali speciali, eliminati gli
strumenti della dittatura, chiusi i club di giacobini e ridotti i poteri del Comitato di salute pubblica.
Ma la fine dell’economia regolata e l’abolizione di tutti i calmieri provocarono la rivolta dei sans
culottes parigini nelle giornate di Germinale e Pratile 1795. La Convenzione, vedendo interrotte le
proprie sedute, dichiarò lo stato di assedio.
La Convenzione approvò 2 importanti atti:
Agosto 1795: viene approvata la Costituzione dell’anno III. In essa si afferma che la legge è
uguale per tutti; che il principale corpo legislativo avrebbe dovuto essere diviso in Consiglio
dei Cinquecento (che proponeva leggi e votava risoluzioni) e Consiglio degli Anziani (che
trasformava in leggi le risoluzioni); che il potere esecutivo avrebbe dovuto essere affidato ad
un Direttorio di 5 membri.

60

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Decreto dei 2/3: 2/3 dei neonati Consigli dovevano essere eletti fra i membri della
Convenzione, per scampare a vittorie elettorali monarchiche.
Il periodo cosiddetto del Termidoro fu ricco di contraddizioni: si pretendeva che la Repubblica
fosse borghese, quando ad una parte della borghesia si precludeva il potere; si pretendeva che la
Repubblica restasse autoritaria, pur professandosi liberale.
Si era ormai entrati nella seconda fase della rivoluzione, fase in cui, dopo l’intensa partecipazione
politica di gruppi sociali, subentrava la spossatezza politica e l’esigenza del Terzo Stato di
consolidazione dal punto di vista economico.

Il primo Direttorio (1795-1797)


Il primo Direttorio dovette fare i conti con una recrudescenza della conflittualità sociale e politica: a
sinistra si riorganizzava il partito giacobino, a destra acquistava nuovo vigore il movimento
monarchico.
Nell’inverno 1795-1796, fu messa a punto da Babeuf e Filippo Buonarroti la congiura degli eguali.
La dottrina politico-sociale alla base di tale congiura era il babuvismo, che predicava il comunismo
dei beni, l’abolizione della proprietà privata, l’eguaglianza dei salari e il controllo della
redistribuzione del reddito. Nel maggio 1796 la congiura fu scoperta, Babeuf fu condannato a morte
mentre Buonarroti fu deportato.
In campo finanziario, a causa della fortissima svalutazione della moneta, la Francia dichiarò
bancarotta.
In campo internazionale, definitivi successi furono conseguiti a spese della Spagna, della Prussia e
dell’Olanda. In armi rimanevano l’Inghilterra (preoccupata dall’espansione francese in Belgio e
Olanda) e l’Austria (colpita nell’ottobre 1793 dall’esecuzione capitale di Maria Antonietta).
All’inizio del 1796 furono lanciate 3 armate contro l’Impero asburgico: la prima in Europa centrale,
la seconda al confine con la Svizzera e la terza in Liguria e Piemonte. I primi 2 fronti avrebbero
dovuto essere i principali. Ma l’armata d’Italia centralizzò su di sé l’attenzione.

Appunti sulla riv. francese


Nell’ottobre 1793 viene introdotto il calendario repubblicano, coerentemente alla politica religiosa
di scristianizzazione della società. Il criterio scelto fu quello ispirato ai cicli della natura
(maggio=pratile, giugno=messidoro, luglio=Termidoro) e i santi del culto cattolico furono sostituiti
dai martiri della rivoluzione. Il 1792 diventava l’anno I.

Napoleone Bonaparte (1769-1821)


La situazione in cui si staglia l’ascesa al potere di Napoleone Bonaparte è una situazione resa
problematica dai seguenti fattori:
l’esecuzione del re aveva provocato un’estensione della guerra;
sul fronte interno, scoppiò l’insurrezione realista della Vandea nella primavera del 1793;
restava molto grave la situazione economica delle classi popolari e, in un contesto in cui era
spiccato il predominio sociale dei privilegiati, l’ostilità che montava contro la feudalità
univa tutte le diverse componenti del Terzo Stato;
la Montagna comprendeva che, per salvare le conquiste della rivoluzione, era necessario
dare vita ad un’alleanza con i sans culottes.
l’esercito francese versava in una condizione di profonda disorganizzazione: i quadri
ufficiali, monopolizzati dai nobili, erano stati decimati dall’emigrazione, e coloro che erano
ancora in servizio erano in gran parte inaffidabili perché ostili alla rivoluzione. Tuttavia, la
situazione di instabilità politica, accrebbe progressivamente il ruolo e il potere politico
dell’esercito, aprendo la strada alla dittatura militare.

La sua vita prima della campagna d‟Italia

61

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Nato ad Ajaccio nel 1769 in una famiglia appartenente al notabilato di provincia, comunque
estranea ai privilegi dell’aristocrazia di antico regime.
Già da infante nel collegio militare di Parigi, nel 1785 perde il padre, dolore che si aggiunge al
disagio dovuto al traumatico distacco dall’isola natale e alle frustrazioni patite dal suo orgoglio.
Per quanto concerne il rapporto di N. con l’illuminismo, le sue cognizioni di molti tratti del pensiero
illuministico erano alquanto superficiali. Per di più, N. guardava la rivoluzione con gli occhi di un
patriota corso, finendo per considerarla l’occasione tanto attesa per scuotere il giogo dell’odiata
monarchia francese e raggiungere l’indipendenza della Corsica. Così, egli fu sicuro che non ci fosse
più mare che dividesse la Corsica dal resto della Francia allorché, nel novembre 1789, l’Assemblea
nazionale proclamò la Corsica parte integrante della Francia e decise che i corsi sarebbero stati retti
dalla stessa costituzione degli altri francesi: terminava così la sterile occupazione militare durata 20
anni.
Frattanto, N., dapprima radiato dai quadri militari perché assente ad un’operazione di rivista, veniva
reintegrato e promosso a capitano.

A seguito della rottura dei rapporti fra la famiglia Bonaparte e Paoli (figura guida dei partigiani
corsi), N. e tutta la famiglia furono costretti ad abbandonare definitivamente la Corsica e a stabilirsi
in continente.

Napoleone Bonaparte e la campagna d‟Italia


L’armata per la spedizione italiana fu affidata a N. La sua fortuna fu dovuta al valore dimostrato
come generale d’artiglieria in occasione della repressione dei moti realisti del 1793 e, soprattutto, al
fatto che la sua causa fu perorata da Barras, potente del primo direttorio.
Il grande merito di Napoleone fu quello di saper unire i valori dell’arte della guerra, i valori di cui si
faceva carico la guerra e gli ideali della rivoluzione, in un momento storico in cui la classe dirigente
francese non era né carismatica, né autorevole né molto aderente ai principi rivoluzionari.
Tuttavia, nell’ascesa di Napoleone fu davvero determinante la campagna d’Italia, mentre sul fronte
germanico l’esercito francese veniva sconfitto a più riprese.
Nel giro di un mese il Regno di Sardegna capitolò e Vittorio Amedeo III fu costretto a firmare
l’armistizio di Cherasco, concedendo ai francesi delle piazzeforti in Piemonte. A maggio entrò a
Milano. La prima occasione di scontro con il Direttorio fu la questione lombarda: la Francia non
mirava a conquistarla ma solo a spremerla fiscalmente e voleva che Napoleone si dirigesse verso
Napoli, mentre N. insistette per conquistare Mantova, città in cui si era trincerato il grosso delle
truppe austriache. Fatto ciò nel marzo 1797, N. riuscì a giungere fino a 100 km da Vienna e
costrinse gli austriaci a firmare i preliminari di pace, che riconoscevano l’appartenenza della
Lombardia e del Belgio alla Francia mentre il Veneto restava agli austriaci. Tuttavia, bisogna
ricordare che il Veneto rimase agli austriaci a seguito del trattato di Campoformio (ottobre 1797),
N. cedeva Veneto, Istria e Dalmazia all’Austria in cambio del riconoscimento della Repubblica
cisalpina. Così facendo, infrangeva i sogni dei patrioti veneziani anelanti la libertà.
L’esempio di Venezia torna utile per capire il processo di democratizzazione che N. favorì nei
territori dell’Italia settentrionale: in tale periodo si principia a parlare di repubbliche giacobine.
Il giacobinismo (sintesi dei valori di libertà e democrazia) attecchì nei territori in cui riuscirono ad
allungarsi i tentacoli francesi (Belgio, Olanda, Svizzera, renania, Savoia). Nel 1796 Milano era il
centro di raccolta degli esuli provenienti dal resto d’Italia, dove i seguaci del g. furono costretti
all’esilio volontario o coatto. Nel dibattito politico, fra i patrioti italiani avevano preso forma 2
diverse correnti (in linea con quelle che nel Risorgimento sarebbero state le idee di democratici e
liberali): la linea democratica si sposava con la politica di Robespierre e prevedeva unità nazionale,
trasformazione di tutte le strutture socio-economiche, ridistribuzione della ricchezza, abolizione di
tutti i privilegi, stato presente in economia; la linea moderata differiva solo per il fatto che sosteneva
la libera proprietà e il libero scambio.

62

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

Nel passaggio dai governi provvisori alla proclamazione delle repubbliche, N. favorì sempre
l’affermazione delle correnti moderate.
Nel giugno-luglio 1797 parte dell’Emilia (Bologna, Modena, Reggio Emilia) e parte della
Lombardia (Brescia e Bergamo) formarono la Repubblica cisalpina.
Nel febbraio 1798 un incidente diplomatico provocò l’occupazione francese dello Stato Pontificio e
la proclamazione della Repubblica di Roma.
La crisi di Napoleone in Egitto, lo scarso numero delle truppe francesi in Italia e l’occupazione di
Roma portarono il re di Napoli a sferrare un attacco alle truppe francesi di stanza nel Lazio. Dopo
che le truppe napoletane riuscirono ad entrare a Roma, le truppe francesi le cacciarono da Roma e,
anzi, entrarono a Napoli e proclamarono la Repubblica nel 1799. Tuttavia, questa fu la Repubblica
che durò meno nell’intero panorama italiano: le truppe di Ruffo di Calabria entrarono a Napoli,
appoggiate dagli inglesi.
Genova andò a far parte della Repubblica ligure.
Estranee all’influenza francese erano solo la Sardegna (in cui si erano rifugiati i Savoia) e la Sicilia
(in cui si erano rifugiati i Borbone di Napoli).
La fortuna politico-governativa delle repubbliche sorelle fu limitata perché non ci fu una
collaborazione tra queste e la Francia, bensì si registrò solo l’esigenza di N. di sfruttarle
economicamente. Inoltre, spesso la gran parte della popolazione vedeva nei patrioti solo dei nuovi
dominatori e, quindi, restava fedele alla Chiesa e agli antichi sovrani.

Il secondo Direttorio (1797-1799), la campagna d‟Egitto e il colpo di stato del 18 brumaio 1799
N. godeva di favori sempre maggiori e a Parigi cominciava ad essere percepito come il salvatore
della patria. così, per tenere N. lontano da Parigi, nel 1797 il Direttorio appena insediato ordinò la
preparazione di una campagna militare in Egitto: pur essendo una provincia ottomana, l’attacco
all’Egitto avrebbe colpito il commercio inglese. N. accettò per 2 motivi: capiva che ancora i tempi
di un sua affermazione a Parigi non erano maturi e, inoltre, reputava la campagna egiziana
probabile foriera di nuovi successi militari.
Nel 1798, vincendo la battaglia delle piramidi, N. occupò il Cairo ma in agosto la flotta inglese di
Nelson sorprese e annientò quella francese ad Abukir. Da questo momento, se è vero che N. non
riuscì a riportare in Francia il corpo di spedizione, è anche vero che questi si contraddistinse per il
suo acume organizzativo e per l’impulso all’ammodernamento che diede all’Egitto (stampa,
servizio postale e abolizione della feudalità). Inoltre, la spedizione d’Egitto, quantunque
militarmente fallimentare, ebbe un’enorme importanza anche dal punto di vista scientifico (quasi
200 scienziati che contribuirono alla diffusione del patrimonio culturale egiziano e il cui lavoro
portò alla traduzione di moltissimi geroglifici).
Frattanto, la situazione si complicava ulteriormente sia sul fronte egiziano (rivolta interna sobillata
dai capi religiosi islamici che non contraccambiavano il rispetto portato nei loro confronti da N.)
che sul fronte europeo (si formò una vasta coalizione antifrancese che costrinse la Francia ad
abbandonare i territori conquistati in Italia).
In tale contesto, in cui si doveva aggiungere l’incapacità del Direttorio corrotto e screditato di tenere
in pugno la situazione, N. comprese che la partita decisiva del suo futuro si giocava a Parigi. Così,
al carattere fallimentare della spedizione si aggiungeva la discutibile iniziativa di abbandonare
l’armata d’Egitto. Sbarcato improvvisamente a Frejus e giunto a Parigi, N. si accordò con l’abate
Sieyès per la conduzione di un colpo di stato che fosse il più vicino possibile ai limiti della legalità
(Sieyès era il membro di maggiore spicco del Direttorio e mirava a rivedere la costituzione in tempi
che fossero più brevi dei 9 anni costituzionalmente previsti).
Così, il 18 brumaio (9 novembre 1799) fu perpetrato il colpo di stato dalle truppe napoleoniche, le
quali irruppero nella sala del Consiglio dei Cinquecento, i cui appartenenti che volessero dichiarare
fuorilegge Napoleone fuggirono dalle finestre.

Napoleone console

63

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

La Francia, stanca degli interminabili conflitti civili, era pronta a consegnarsi nelle mani di un uomo
potente che fosse in grado di prendere in pugno la situazione.
Così, una volta esautorato il Direttorio, la nuova Costituzione approvata nel 1799 prevedeva alla
testa dello stato 3 consoli, tra cui Napoleone fu designato primo console (diritto di guerra e pace, di
grazia e di nomina di numerose cariche pubbliche) mentre gli altri 2 disponevano solo di un voto
consultivo. Inoltre, N. si riservò il diritto di nomina dei membri delle assemblee legislative e, con
diversi espedienti, arenò il suffragio universale a favore della cooptazione diretta.
L’obiettivo di Napoleone era quello di riuscire ad essere, al contempo, depositario dei principi
rivoluzionari e accentratore del potere nelle sue mani.
Tuttavia, N. doveva a fare i conti con le diverse pressioni cui veniva sottoposto dalle differenti parti
politiche: i realisti speravano che N. potesse appoggiare la restaurazione monarchica; Sieyes era
scontento dello scarso peso riconosciuto alle assemblee legislative; i sostenitori di N. cominciavano
a capire che a loro N. lasciava solo le briciole del potere. Così, il modo migliore per consolidare il
proprio potere era l’impegno militare: la Russia si era ritirata dalla seconda coalizione mentre
l’Austria, sorpresa in Piemonte dall’attacco delle truppe francesi, fu costretta a firmare la pace di
Lunèville (febbraio 1801), con la quale la situazione tornava identica a quella successiva al trattato
di Campoformio.
Inoltre, nel luglio 1801 fu stipulato il Concordato con la Santa Sede retta da Pio VII. Così, veniva
risolta la diatriba franco-pontificia: era assicurata la libertà di culto ma il cattolicesimo veniva
riconosciuto religione della grande maggioranza dei francesi, gli ecclesiastici francesi dovevano
essere fedeli allo Stato e da questo dovevano essere mantenuti.
Nel 1802 fu siglata con l’Inghilterra la pace di Amiens, poiché Napoleone necessitava della pace
internazionale e badare alla situazione francese.
Potendosi concentrare sull’interno, N. operò con un acume tale da lasciare al mondo occidentale
un’importante eredità:
Accentramento amministrativo: a capo dei dipartimenti furono posti i prefetti, nominati dal
governo, mentre a capo dei circondari (articolazioni dei dipartimenti) furono posti i
sottoprefetti. Il potere di queste 2 figure non dipendeva dai corpi elettorali e, inoltre, queste
erano utilissime perché esercitavano anche una funzione di conoscenza del territorio.
Codice civile: nel marzo 1804 tutte le leggi furono raccolte nel Codice civile, la prima
raccolta organica di tutti i settori del diritto. Questo fu distribuito in tutti i territori
appartenenti alla sfera d’influenza francese.
Inoltre, N. prestò attenzione anche al sistema scolastico (furono introdotti i licei di Stato, di cui si
poteva far parte pagando una retta annuale) e all’università.

21. L‟IMPERO NAPOLEONICO

Bonaparte imperatore
Napoleone scoprì una congiura contro di lui ad opera di vandeani ed ex giacobini e fece fucilare
molti congiurati. Il fermento antinapoleonico era dovuto all’appoggio dell’Inghilterra, nazione che
si misurava con la Francia non militarmente (causa l’assenza di un comune terreno di scontro) bensì
in frequenti azioni di disturbo politico e commerciale.
Il 2 dicembre 1804 N. prestava giuramento e veniva incoronato imperatore (cui si aggiungeva il
carattere ereditario della carica). La Francia napoleonica si presentava come il trionfo
dell’assolutismo illuminato: procedeva decisamente il processo di asservimento delle istituzioni ma,
apparentemente, N. assurgeva a figura garante delle conquiste rivoluzionarie.
Inoltre, nel marzo 1805 N. veniva incoronato re d’Italia dalla Consulta italiana e come viceré fu
scelto il figliastro Eugenio Beauharnais,
Inoltre, N. costruì una corte imperiale, facendo attenzione ad equilibrare le forze sociali anche
nell’accesso al rango nobiliare (vecchia aristocrazia, nobiltà di origine feudale, notabili, militari,
ecclesiastici).

64

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

In definitiva, si ritornava ai tempi della monarchia centralizzata ma il titolo imperiale era stato
preferito a quello di re per evitare di urtare la suscettibilità delle masse popolari e di talune parti
politiche.
Frattanto, restava sempre attuale il sogno di N. di prevalere definitivamente sull’Inghilterra.
Affiancate dalla Spagna, le truppe francesi, nell’ottobre del 1805, furono nettamente sconfitte a
Trafalgar ma l’ammiraglio inglese Nelson morì durante il combattimento.
Nell’estate 1805 l’Inghilterra costituiva il punto di riferimento della 3° coalizione antifrancese
(Inghilterra, Russia, Austria, Svezia e Regno di Napoli). N. era convinto che uno scontro marino
avrebbe portato alla rovina francese e, dunque, decise di concentrare le proprie forze sulle azioni di
terra, in cui l’esercito francese poteva mettere a frutto preparazione, rapidità e capacità tattica.
Nel dicembre 1805, N. si rese protagonista della sua vittoria militare più riuscita: grazie ad un
strategia efficacissima riuscì a scompaginare le truppe avversarie e a riportare una schiacciante
vittoria ad Austerlitz (battaglia dei 3 imperatori – di Francia, d’Austria e di Russia). Così,
l’Austria fu costretta a cedere Istria, Dalmazia e Veneto alla Repubblica cisalpina.
Nel 1806 anche il Regno di Napoli passava nelle mani dei francesi e al centro d’Europa si formò
una coalizione di Stati-satellite della Francia, detta Confederazione del Reno.
Le potenze avversarie, preoccupate dall’ascesa francese al centro d’Europa, costituirono la 4°
coalizione antifrancese (di cui faceva parte anche la Prussia).
Dapprima N. riuscì ad entrare a Berlino ed usò il pugno di ferro con gli sconfitti: dallo Stato
prussiano nacque lo Stato di Vestfalia.
Nel 1807 anche la Russia cadde e fu costretta a riconoscere lo Stato di Vestfalia e ad assicurare il
proprio impegno a fianco della Francia, qualora l’Inghilterra avesse voluto continuare il conflitto.
21 novembre 1806: con il decreto di Berlino entrò in vigore il blocco continentale che vietava ai
sudditi dell’Impero qualsiasi tipo di traffico con l’Inghilterra. Tuttavia, il contrabbando si rivelò
molto efficace e l’Inghilterra, dal canto suo, obbligava tutte le navi straniere a far transito da un
porto inglese e pagare un forte dazio. In tale escalation di azioni di forza in campo diplomatico e
commerciale si giunse ad un grave errore, che rappresentò un punto di svolta all’interno della
vicenda napoleonica: l’intervento di N. in Spagna.
Dopo l’annessione del Portogallo nel 1807, N. penetrò in Spagna e, a seguito delle indecisioni
succedute alla rinuncia alla corona di Carlo IV e l’erede, costrinse la famiglia reale ad accettare lo
spodestamento dal trono spagnolo e l’intronizzazione del fratello Giuseppe Bonaparte. Un atto tanto
tracotante finì per provocare lo scoppio di una rivolta in Spagna, rivolta che si tradusse in
innumerevoli azioni di guerriglia condotte in tutto il paese.
Così, allorché nel 1809 si formò la 5° coalizione (impero asburgico e Inghilterra), la Grande armata
napoleonica si trovava divisa tra il fronte spagnolo e quello austriaco. N. si vide costretto ad
abbandonare il fronte spagnolo al fine di porre i presupposti per la vittoria francese sul fronte
austriaco. Nell’ottobre 1809, l’Austria accettava di firmare la poco vantaggiosa pace di Vienna ma,
frattanto, i rapporti tra N. e lo zar di Russia si andavano compromettendo.
1 aprile 1810: viene celebrato il matrimonio tra Napoleone e Maria Luisa d’Austria, matrimonio
fortemente sponsorizzato dal principe di Metternich, nuovo cancelliere austriaco. Grazie a tale
matrimonio:
N. poté annettere altri territori alla sua corona;
Poté unirsi con la dinastia più prestigiosa e antica d’Europa;
Poté finalmente avere un erede, che nacque nel 1811;
Il principe di Metternich, nuovo cancelliere austriaco e forte sostenitore del matrimonio,
ottenne la rottura definitiva dei rapporti tra la Francia e la Russia (poco prima del
matrimonio, N. aveva chiesto allo zar la mano della sorella, ottenendo il rifiuto da parte di
questi).

Il potere di N. raggiungeva l’apice ma 2 errori furono fatali per la sua solidità nel tempo:
aver proclamato sovrani solo figure provenienti dal suo ambito familiare;

65

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

non aver trovato un punto d’intesa con l’Inghilterra, avversaria che provocò un dissipamento
di energie economico-militari rimarchevole).

L‟Italia napoleonica
Le novità più importanti furono:
l’elaborazione di una struttura di ministeri sulla stregua di quella moderna e, dunque, con
competenze ben definite (interni, esteri, finanze, guerra, culto);
riforma del sistema giudiziario a guisa della riforma che N. aveva pensato per il sistema
giudiziario francese: fu creata la figura del giudice di pace per il disbrigo più veloce di
vertenze penali, civili e commerciali di poco conto mentre per quelle di maggiore rilevanza
la competenza spettava ad un organo collegiale (Tribunale di prima istanza).
La centralizzazione del potere nelle mani di Napoleone fu assicurata dai funzionari di
carriera (prefetti al Nord e intendenti al Sud), posti a capo dell’apparato burocratico e
inviati nelle varie province.

La campagna di Russia
Intorno al 1810 la Russia dello zar Alessandro I andava maturando un forte sentimento
antinapoleonico per via del blocco continentale, che aveva danneggiato gli interessi della nobiltà
mercantile russa, e del desiderio di lasciare il blocco antinglese.
Così, nel 1812, N. decise di accorpare le proprie truppe (addirittura 700mila uomini) a Dresda (al
limite della Confederazione del Reno), convinto di poter affrontare i russi in territorio polacco e
poterli facilmente sconfiggere. I russi, consapevoli della propria inferiorità militare, decisero di
attuare la singolare ma efficacissima strategia di ripiegare, sottraendo i raccolti e mettendo a ferro e
fuoco i territori da cui passavano. Le truppe francesi furono colpite da gravissime perdite per via dei
difficili approvvigionamenti e delle rigidissime condizioni climatiche, considerato che l’inverno era
entrato da poco. Così, N. giunse a Mosca ma fu costretto ad ordinare il ritiro dell’esercito ormai
dimezzato. Inoltre, durante il ripiegamento, i francesi affrontarono un vero e proprio calvario, fra
azioni di guerriglia delle truppe regolari russe e l’ostilità della popolazione. Il 5 dicembre N.
abbandonò le proprie truppe, che solo più tardi riuscirono a rientrare in territorio polacco.
Le perdite erano stimabili in circa 500mila uomini e l’esercito francese non era più la Grande
armata napoleonica.

La fine dell‟Impero
Il totale fallimento della campagna di Russia portò:
All’affare Malet, il quale, diffondendo false voci relative alla presunta morte di N. in
battaglia, aveva tentato di prendere il potere. Tale evento chiarì quanto la fortuna di N.
fosse legata alle sue vittorie militari.
La Germania insorse, ma N. riuscì a non farsi sfuggire di mano la situazione;
Alla rottura dell’alleanza con l’Austria, che aveva ricevuto promosse di aiuto economico
dall’Inghilterra e che fece confluire le proprie forze nella sesta coalizione antifrancese
(Prussia, Russia, Austria e Svezia).
N. riorganizzò l’esercito ma fu sconfitto nell’epica battaglia di Lipsia (ottobre 1813), finendo per
essere costretto a ritirarsi al di là del Reno. Frattanto perdeva il controllo di Spagna, Olanda e Stati
germanici. Frattanto, tra i coalizzati esisteva una corrente che era d’accordo sulla penetrazione in
territorio francese e una corrente che sosteneva il rispetto dei confini naturali.
Dal canto suo, N., che aveva compreso quanto il suo destino fosse ormai segnato, voleva lottare fino
all’ultimo. Dopo alcune vittorie conseguite da N., nel marzo 1814, le truppe alleate marciarono su
Parigi.
3 aprile 1814: il senato francese dichiarò decaduto l’imperatore. Inoltre, a Fontainebleau N. trattò la
propria uscita di scena, abdicando senza condizioni e ottenendo la concessione di potersi ritirare

66

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)


lOMoARcPSD|1804386

nell’isola d’Elba. Luigi XVIII di Borbone salì al trono francese, che, col passare del tempo, diventò
sempre più indigesto al popolo francese.
Maggio 1814: la Francia tornava ai confini del 1792.
Frattanto, stava svolgendosi il Congresso di Vienna (ottobre 1814-giugno 1815), i cui lavori
avrebbero dovuto segnare l’equilibrio tra le potenze principali (Francia inclusa) e assicurare che non
esistesse più il pericolo di una nuova egemonia francese.
Essendo molto complicate le trattative e constatando la freddezza con cui era stato accolto il ritorno
dei Borbone in Francia, Napoleone fece in modo di sbarcare clandestinamente nel marzo 1815 a
Cannes, dove fu accolto trionfalmente. N. arrivò fino a Parigi, dove fu proclamato imperatore
nuovamente: il 20 marzo 1815 iniziavano i cosiddetti 100 giorni di Napoleone. Tuttavia, l’Atto
addizionale alla costituzione non rappresentava una rottura con la tradizione autoritaria passata e,
così, gli iniziali favori dell’opinione pubblica andarono scemando.
Le altre potenze non stettero a guardare: lo scontro decisivo con la settima coalizione ebbe luogo a
Waterloo il 18 giugno 1815. Si assistette alla completa disfatta dei francesi, cui fece seguito
l’abdicazione di N. (22 giugno) e il ritorno al trono di Luigi XVIII. Inoltre, N. fu relegato a
Sant’Elena, un’isoletta dell’Atlantico, dove morì il 5 maggio 1821 (cancro allo stomaco o
avvelenamento).
A conclusione della parabola discendente del disegno imperiale napoleonico, nel marzo 1815 anche
il Regno di Napoli uscì dalla sfera di controllo francese: fu destituito e fucilato Gioacchino Murat, il
cui posto fu preso da Ferdinando IV di Borbone.

67

Distribuzione proibita | Scaricato da Arianna Calabretta (ariannacalabretta@hotmail.it)