Sei sulla pagina 1di 6

c  c

m  
 
| 
     
 

    



À   
  

|                 
                  |  
     
 ! "     # # $ %      &
#   '(  $  )&

|#   #         c     


 
c ÿ
!       
              
 


         
 


*+
        m  # !       

  

 



*+      !        #      #     
!    #   # !  !

|    ! #    !   #   !   
   ! !    

 
 
 
,    !    !  *+   
       
 
 

| ÷   ÷    !  %    *+     
 #  !  ! !      # 

x? | *+ ! #  #      &  !   #   
 #    !  !
x? | *+ ! #     !     !     # 
&        #  !

| ÷       !  %   *+    #  !    
  !  !  !  !        #   
   #    # !             

-  

I ›  ›   s d dono n  c ss prncpa  › , › e  


 ›  › . Sono       
 
.

x? I ›  › 
› sono localizzati a livello della giunzione neuromuscolare del muscolo
scheletrico
x? I ›  ›

› sono responsabili della trasmissione a livello dei gangli simpatici e
parasimpatici
x? I ›  ›  sono ampiamente diffusi a livello cerebrale

-  
 

D sono 5 p dsn d ›  ›  ›   .

x? I recettori À1 ("neuronali") sono presenti principalmente nel SNC, nei neuroni periferici e nelle
cellule parietali dello stomaco. Sono responsabili di   
›, ad esempio della lenta
eccitazione muscarinica mediata dall'ACh nei gangli simpatici e nei neuroni centrali. Questa
eccitazione è conseguente a una riduzione della conduttanza del ë + , che risulta nella
depolarizzazione di membrana. I recettori À1 sono implicati anche nell'aumento della secrezione
gastrica conseguente a stimolazione vagale.
x? I recettori À× ("cardiaci") sono presenti nel cuore e anche sulle terminazioni presinaptiche di
neuroni periferici e centrali. Il loro effetto è di natura  ›
, ed è causato principalmente da un
aumento della conduttanza ë + e dall'inibizione dei canali del calcio. L'attivazione del recettore À×
è responsabile dell'inibizione vagale del cuore, e dell'inibizione presinaptica che si verifica nel SNC e
in quello periferico.
x? I recettori ÀŒ (" iandolari, muscolatura liscia") determinano essenzialmente   
›,
quali la stimolazione della secrezione ghiandolare e la contrazione della muscolatura liscia dei
visceri.
x? I recettori ÀJ ed Àm sono confinati prevalentemente nel SNC, e il loro ruolo funzionale non è stato
ancora chiarito completamente.

Ê   receor m scarnc apparengono aa famga de ›  ›    ›   .

I membr desgna con n mero dspar (À,À3,À5 ) agscono rame  cco de fosfonoso (PI),
menre q e conraddsn da n mero par (À2,À4 ) agscono nbendo  adenao ccas e
rd cendo perano e concenrazon nrace ar d cAMP.

Õ          


 

 - Acecona (Ach) - zzaa da  ›   › 

I ›  › › sono

x? |    ( na moecoa ad ao conen o energeco che p  cedere n gr ppo


aceco, prodoa ne corso de meabosmo ossda o de g coso)
x? |a   ( na pccoe moecoa acoca abbondane ne pasma)

| enzma    ›  › caazza a snes d Ach n na soa reazone

Ace+oA + cona ‰ Acecona


m   ›   
›
  
L͛ACh è il neurotrasmettitore presente nella giunzione neuromuscolare e viene sintetizzato da tutti i
motoneuroni del midollo spinale.
La sintesi dell͛AC richiama un enzima specifico denominato colin-acetil-transferasi (CAT). Esso viene
prodotto nel soma della cellula nervosa e trasportato verso il terminale assonico.
L͛enzima CAT sintetizza AC nel citosol e nel terminale assonico e il neurotrasmettitore rimane
concentrato nelle vescicole sinaptiche.

|acecona è snezzaa generamene ne ne ron daenzma col cel 


 er

zzando come s bsrao e     e  ›   
  .

|a - d q eso enzma p  essere noevomene rdoa da compos organc de merc ro, che
hanno aa affn- per  gr ppo s fdrco d ace-+oA. Q esa nbzone p  porare a
defcenza d acecona, con conseg enze revan s a f nzone moora.

|enzma cole er


 è presene nee  ›     ›  ›    e drozza
conn amene acecona che vene po s bo rsnezzaa.

|a maggor pare deacecona snezzaa vene mmagazznaa anerno d    


   , dae q a s ha n rasco araverso esocos avaa dangresso de caco nea
ermnazone nervosa. |e       ›  acc m ano acecona con n meccansmo d
rasporo avo per mezzo d na › › ››     .

|a maggor pare deA+h appena snezzaa vene rasporaa anerno d vesccoe cosoche
verso a ›    ›    de ne rone. In q esa sede e vesccoe sono mmagazznae e
f ngono da vero e propro
 
    
  
 ›   . Soo a forma
deposaa nee vesccoe p  svogere correamene  r oo d ne rorasmeore. I processo d
rasco deAch dae vesccoe d deposo vene nzao da n poenzae dazone rasmesso  ngo
assone fno aa membrana nervosa presnapca. In q esa sede,  poenzae dazone genera
aper ra de  
    (de ol
o-dede). G on caco presen neo spazo
snapco enrano nea regone presnapca de ne rone, prod cendo  sca d Ach neo spazo
snapco sesso, araverso a   
 ›
     › › 

 › .

|azone d ne rorasmssone d A+h è dov a a   ›     c -receor presen
s a membrana pos-snapca. +ome g- accennao,        ›  presene n
so zone, è dep ao aa degradazone d A+h e aa conc sone deo smoo.

P. ne deago, acecona è secrea da q es ne ron.

x? pe Sp+ sono convo  ne ron d re regon specfche


O?  ne ron de pons dorsoaerae, che hanno n meros bersag anerno de Sp+ e
sono convo ne sonno REM;
 
O?  ne ron de Prosencefao Basae (Õ      ), a maggor fone d
nnervazone conergca d orgne corcae, convo neapprendmeno;
O?  ne ron dea regone medae de seo pe cdo, che proea  s o asson
sopra o verso  ssema mbco;
O? anche mo nerne ron de gang basa sono conergc.
x? pe SpP sono convo  seg en p d ne ron
O?   › dea va somaca, che provocano a conrazone m scoare
scheerca;
O?  ne ron de ssema nervoso a onomo
*?  ne ron pre- e pos-gangar de ssema nervoso parasmpaco;
*?  ne ron pre-gangar de ssema nervoso orosmpaco.

Dopo  s o rasco, A+h dffonde neo spazo snapco egandos a receor possnapc. In
corrspondenza dee snaps conergche veoc (g nzone ne rom scoare, snaps gangar), ma
non d q ee ene (m scoa ra sca, ce e ghandoar, c ore, ecc.) A+h rascaa vene
drozzaa moo rapdamene (enro  ms), d conseg enza  s o effeo ha d raa moo breve. |e
moecoe d A+h rmangono egae a receore per na d raa d crca 2 ms.


     

|a berazone deacecona è regoaa da ac n medaor, ra c  acecona sessa, che


agscono s  receor presnapc. I ›  ›    › 
   À, presen nee ermnazon
nervose parasmpache posgangar, parecpano        dea berazone
deacecona; anche ar medaor, come ad esempo a ›
›  , nbscono  rasco d
acecona. Daro cano, s rene che nea g nzone ne rom scoare  







          
          
  , n meccansmo che p 
consenre aa snaps d f nzonare d rane av- pro ngae d eevaa freq enza.

   ›      ›     › Amodfca]


|A+h, agendo s e membrane possnapche d na      , provoca n sgnfcavo
a meno dea s a ›     , n parcoare a p
  e, n ms ra mnore,
 A
ca sa deeevao gradene eerochmco, a d e a dea membrana ce are, s verfca n
  ›    ›
p
 che deermna a
 ›   
 ›     .
Q esa depoarzzazone, medaa da rasmeore, vene chamaa    
  (epp) ne
caso dee fbre m scoar, o           ›    (epsp) a veo dee
snaps gangar.

x? In una fibra muscolare l'epp localizzato si propaga nelle zone adiacenti, elettricamente eccitabili,
della fibra muscolare; se la sua ampiezza è sufficiente a raggiungere la soglia di eccitazione, viene
scatenato un potenziale d'azione, che si propaga al resto della fibra e determina la contrazione.
x? In una cellula nervosa la depolarizzazione del corpo cellulare o di un dendrite da parte di un epsp
veloce provoca un flusso locale di corrente, che depolarizza il segmento iniziale dell'assone della
cellula, dal quale, se l'epsp è sufficientemente grande, si genera un potenziale d'azione. La
„  , un farmaco che blocca l'azione dell'ACh sulla membrana postsinaptica della cellula
gangliare, riduce l'ampiezza dell'epsp veloce fino a renderlo non più in grado di scatenare il
potenziale d'azione, sebbene la cellula sia ancora in grado di rispondere se stimolata elettricamente
in senso antidromico.

Õ     

I  

 ›   s manfesa nee    ›  q ando  ›  ›   › 
    vengono ›       
      , e derva da na
    

    ›  dea ce a possnapca.

|appcazone d ncona n n gango smpaco deermna a depoarzzazone dea ce a, che
nzamene d-  ogo a na scarca d poenza dazone. Dopo ac n second q esa scarca cessa,
e a rasmssone rs a boccaa. |a ragone prncpae aa base dea perda d eccab- eerca
d rane n perodo d    
 ›   è rappresenaa da fao che  
 

     
    (coè refraar), e non sono p. n grado d aprrs n rsposa
a n breve smoo depoarzzane.

     
|e Į ossne sono sosanze   dea A+h e s rovano ne c raro e ne veeno de cobra.
Una     ha      ›  ›  › , ma non scaena effeo che
scaena  normae gando e q nd  
  
      
 
› .
peg anma n c  s neano Į ossne a more sopragg nge per paras respraora. |a
presenza d receor per medaor che hanno agons e anagons rende a g nzone snapca
nf enzabe da farmac. Dopo che A+h s ega a receore e svoge a s a f nzone dev essere
s bo emnaa, poché g even a veo dea g nzone snapca s s sseg ono ad nerva d
empo rapdssm.          ›  › è  
   › n   
 , q es ma rorna neassone.

   a     snezza A+h a parre sa da cona rccaa che da q ea


neosnezzaa. |enzma aceconeseras (abbrev. c ), presene neo spazo snapco,
degrada A+h ne d e meabo nav cona e acdo aceco. |effeo devasane d moecoe
come  gas nervn sono ega aa oro av- nbora ne confron d A+hE, che genera a
smoazone conn a d m sco, ghandoe e Sp+. Un b on n mero d nsecd svogono a oro
av- s a varane d A+hE presene neg nse. Farmac che rd cono av- d A+hE (n
ms ra moo mnore) sono n ogn caso moo sa per a c ra d maae ca sae da na rdoa
presenza d A+h, come a maaa d Azhemer.

|a ossna de bo no agsce sopprmendo  rasco d A+h nea snaps;  veeno dea vedova
nera ha effeo opposo.

›  
Essono d e grand   
 ›  ›  ›  (abbrev. c )  ›  ›      e q e
 ›   . I oro nome è egao ae moecoe orgnaramene zzae per a oro
caraerzzazone.

I ›  ›     sono d   › , permeab ag   


    ›.

x? Sono smoa daa    e nb da c raro


x? Ê  g A+hR perferc sono d po nconco (ra d ess q e dee pacche
ne rom scoar e de m scoo cardaco). Sono presen A+hR anche ne Sp+, ma n
q an- noevomene mnore.

I ›  ›  ›   sono d po  › .

x? Sono smoa daa  ›  e bocca, ad esempo, daaropna,  veeno esrao daa
pana d beadonna.

I bocco, nerferenza e a mmes deazone d A+h hanno n meros s n medcna. |aropna,


che nbsce  receor m scarnc, genera, ra aro, daazone dea p pa. Êae caraersca ha
av o grande for na da p no d vsa eseco n n merose c  re e ropee de seco passa.
Ygg, A+h è spesso zzaa n nerven per caaraa perché n grado d provocare rapdo
resrngmeno dea p pa, menre aropna q aora s necess d na p pa p. daaa. A+h,
n parcoare, vene sommnsraa per va neroc are, da momeno che a A+hE presene presso
a cornea a degraderebbe prma d nd rre effeo desderao.

In sos zone d A+h s sano, avoa, farmac aceconommec, anaogh sr  ra
deacecona. pe creare dee sr  re sm aacecona, s sono fa n meros espermen.
E   evdenzavano che, nee sosanze che f nzonavano, v erano de req s rcorren senza 
q a e moecoe non esercavano p.  oro effeo. S arrv q nd a deermnare de p n fss,
come a regoa d Ing, dove s faceva noare che ra Azoo e  gr ppo meco p. onano non
dovevano esserc p. d 5 aom d dsanza, se no a moecoa perde d effcaca.

|a maaa noa come m 


 
, caraerzzaa da faca m scoare e deboezza, s sv ppa
q ando organsmo prod ce n modo napproprao ancorp dre conro g A+hR, nerferendo
con a rasmssone conergca de segnae. Moecoe n grado d nbre A+hE (ad esempo
neosgmna e fsosgmna) e d manenere così n ao veo d A+h neo spazo snapco, sono
n grado d raare effcacemene q esa paooga.

I farmac possono modfcare a rsmssone conergca per azone drea s  receor conergc
possnapc agendo come  
  
 
, o                
   
  c    . Q es farmac sono s ddvs s a base de oro so dazone

.? Farmac che


 coo  receor m c
rc
O? agons m scarnc;
O? anagons m scarnc.
2.? Farmac che agscono a lello
 l
re
O? smoan gangar;
O? boccan gangar.
3.? Farmac che ulocc
o l
r
m oe erom col
re
O? boccan non depoarzzan;
O? boccan depoarzzan;
O? nbor dea snes o de rasco deA+h.
4.? Farmac che oe 
o l
r
m  oe coler c

O? nbor dee coneseras;
O? smoan de rasco deA+h.

hp//.w0peda.org/w0/Acecona