Sei sulla pagina 1di 1

Biomateriali

La scienza dei materiali è l’insieme delle conoscenze chimiche e fisiche che mettono in relazione
le proprietà di un atterriate con la sue costituzione e ne consentono la trasformazione in prodotti
di impegno e di consumo. 


MATERIALE
quantità di materia, generalmente solida, con cui costruire oggetti dalle proprietà specifiche. I
materiali sono quasi sempre costituiti da un insieme di più sostanze.

Percorso che dall’insieme di più sostanze porta alla preparazione di un materiale:

1. si sintetizzano e preparano i campioni del materiale da sottoporre ad esperimenti per chiarirne


la struttura e la composizione

2. si studiano le proprietà meccaniche, elettotriche, termiche, magnetiche, ottiche di durabilità


del materiale

3. si verificano le prestazioni, ovvero la risposta data dal materiale in una determinata attività

4. si trasforma il materiale in un prodotto commercializzabile (processo di fabbricazione)

In passato gli uomini usavano materiali di origine naturale (es. pietra, legno).

Oggi i tipi di materiali sono classificati in base alla loro natura chimica, alle proprietà e all’uso.

I materiali che si classificano secondo la loro natura si dividono in:

• Materiali Metallici

• Materiali Ceramici

• Materiali Polimerici

BIOMATERIALI
per l maggior parte sono polimeri naturali o di sintesi utilizzati nel corpo umano . 

non devono produrre sostanze tossiche

devono essere compatibili con i tessuti del copro umano

Per poter essere classificato biocompatibile, un materiale deve avere le seguenti caratteristiche:

• Non deve rilasciare componenti solubili

• L’organismo ospite non deve degradare l’organismo a meno che questo sia voluto

• Le proprietà meccaniche e fisiche devono rimanere inalterate fino a che il materiale non abbia
svolto la sua funzione

• Non deve essere tossico, cancerogeno o dannoso per il feto

• Non deve interagire con il sistema immunitario dell’organismo ospite

• Deve essere sterilizzabile

Per le protesi particolari si utilizzano parti in acciaio o in titanio che si muovono senza attrito
grazie ad uno polimero autolubrificante. Queste vengono saldate all'osso dal cemento metacrilico.

Nel campo odontoiatrico, i biomateriali più usate sono a base di resine acriliche artificiali e protesi
dentali), mentre per le otturazioni si utilizzano composti a base di acrilati.

Particolari trasportatori i farmaci sono dati dai cerotti per il rilascio transdermico (es.di nicotina).

L’ingegneria vissutale ha l’obbiettivo di realizzare sostituti biologici che contengono cellule viventi
e funzionali per la rigenerazione, il mantenimento e il miglioramento delle prestazioni dei tessuti.

Le cellule vengono fatte aderire e fatte riprodurre su un supporto tridimensionale poroso, detto
scaffold, che consente il trasporto dei metaboliti e dei nutrienti per le cellule.

MATERIALI POLIMERICI
sono costituiti da composti organici macromolecolari naturali o di sintesi.

• Hanno sia forma cristallina sia amorfa.

• Cattivi conduttori

• Hanno scarsa stabilità