Sei sulla pagina 1di 8

ONDA SONORA

viene descritta come un onda di compressione e rarefazione


dell'aria (possiamo notare una variazione di pressione in un
punto attraversato da un'onda sonora).
Si tratta di un'onda longitudinale.

FREQUENZA = corrisponde al numero di onde emesse in un


secondo (si misura in Hz e kHz)
LUNGHEZZA D'ONDA (λ)= è a distanza tra punti corrispondenti
di onde successive (si misura in metri)
AMPIEZZA = è l'altezza dell'onda (si misura in volt o amper).

Il suono viaggia a una velocità di 340m/s nell'aria a una


temperatura di 20°C.

Velocità = f x λ

Quando un'onda sonora incontra un ostacolo, viene riflessa se


la sua lunghezza d'onda è minore delle dimensioni
dell'ostacolo (si crea un'ombra del suono dietro all'ostacolo).
Se la lunghezza d'onda è invece maggiore, l'onda curva intorno
all'oggetto (fenomeno della DIFFRAZIONE).
DIRECT INJECTION BOX (DI BOX)

Si tratta di un oggetto che ha diverse funzioni:


1) trasforma il segnale da sbilanciato a bilanciato
2) elimina le interferenze
3) fa arrivare il segnale al mixer con la giusta impedenza

Esistono due tipi di DI box


– PASSIVA, viene utilizzata per gli strumenti
dall'elettronica attiva (tastiere, drum machine, DJ
consolle, etc). Non necessità di alimentazione.
– ATTIVA, necessita di un'alimentazione costante
(PHANTOM o 9V). È utile per gli strumenti che hanno
un ridotto segnale di uscita e un'alta impedenza
(chitarre, bassi).
CAVI BILANCIATI E CAVI SBILANCIATI

I cavi di segnale per l'audio sono normalmente coassiali,


ovvero uno dei conduttori di rame (la MASSA) è intrecciato in
modo da formare un gabbia che scherma il segnale dalle
interferenze.
Il cavo bilanciato presenta tre conduttori, una massa e due
segnali.
Il cavo sbilanciato presenta due conduttori, una masse e un
segnale.

Il cavo bilanciato è stato inventato per eliminare le


interferenze esterne. Il segnale viene duplicato e invertito di
fase (processo di bilanciamento). L'interferenza viene catturata
da entrambi i segnali. Arrivati al mixer, viene ripristinata la fase
di uno dei due segnali, altrimenti si annullerebbe (il segnale
viene quindi raddoppiato, ovvero aumentato di 6 dB). In
questo modo però viene messa in controfase l'interferenza, la
quale si annulla. I cavi bilanciati sono utili sopratutto per le
lunghe distanze.

ATTENZIONE: L'HUM, il rumore a 50Hz non è annullabile,


perchè dipende dalla massa.

N.B. Il cavo si riconosce dal connettore

ATTENZIONE:
1) mai collegare un segnale stereo in un ingresso
bilanciato (l'ingresso bilanciato fa la differenza de due
segnali per ripristinare la fase), succede che tutto ciò
che c'è in comune tra left e right viene annullato.
2) Mai inserire un segnale bilanciato in un ingresso stereo
MICROFONI

Il microfono è un dispositivo in grado di captare le piccole


differenze di pressione prodotte dalle compressioni e
rarefazioni delle onde sonore.

I microfoni i differenziano per:


TRASDUTTORE (come l'onda sonora viene trasformata in
segnale elettrico)
DIAGRAMMA POLARE (come il microfono risponde a suoni
provenienti da direzioni diverse)

Un microfono è formato da tre parti: diaframma (sottile lamina


che si muove al variare della pressione), trasduttore e
contenitore del microfono

TRASDUTTORI MICROFONICI
1) A BOBINA MOBILE (dinamici)
Al diaframma sono collegate delle bobine, poste
in un campo magnetico. Appena un onda
sonora investe il microfono, il diaframma inizia
a vibrare, facendo muovere le bobine nel
campo magnetico, generando così tensione.
2) A NASTRO
Il diaframma è un sottilissimo nastro che
genera tensione muovendosi avanti e indietro.
Produce meno tensione di un mic a bobina
mobile
3) A CONDENSATORE
Il diaframma e una lamina posteriore bloccata
formano un condensatore (componente
elettrico che immagazzina energia). La carica
del condensatore, data dalla Phantom Power, è
sempre constante ed è uguale alla capacità per
la tensione. Di conseguenza, se varia la
capacità (quando vibra il diaframma), varia
anche la tensione: questa rappresenta l'uscita
del microfono.

DIAGRAMMI POLARI
1) CARDIOIDE
2) IPERCARDIOIDE
3) SUPERCARDIOIDE
4) OMIDIREZIONALE
5) FORMA DI OTTO

È importante conosce la sensibilità di un microfono (sensibilità


= segnale elettrico in funzione della pressione di un
determinato suono). Questa si misura in mV/Pa (milli volt con
un pressione sonora di 1 Pascal).

1.0 mV/Pa microfono insensibile


3.0 mV/Pa microfono medio
10 mV/Pa microfono abbastanza sensibile
30 mV/Pa microfono molto sensibile
IMPEDENZA

Si tratta della forza di opposizione di un circuito al passaggio di


energia elettrica. Si misura in OHM e si rappresenta con la
lettera Z.

Esistono due tipi di effetti che rallentano il flusso di corrente


ed entrambi contribuiscono all'impedenza:
– RESISTENZA (dipende dalla forma e dal materiale dei
componenti)
– REATTANZA (determinata dai campi magnetici e
elettrici che si oppongono ai cambiamenti di tensione o
corrente)

Legge di Ohm (generalizzata)

Z = V/I

Z = impedenza
V = tensione
I = corrente

La corrente consiste nel flusso di elettroni all'interno di un


circuito. Affinchè ci sia questo flusso, è necessario dare energia
al circuito, ovvero tensione.
DECIBEL (dB)

Non è un'unità paragonabile al metro o al peso, ma è il


risultato del rapporto tra due grandezze fisiche omogenee,
quindi per calcolarlo ci servono due valori.

dB SPL (sound pressure level – livello di pressione sonora).


I dB non lavorano in scala lineare, bensì in scala logaritmica.
Questo vuol dire che esempio 6dB vuol dire raddoppiare.

Infatti
dB SPL = 20 log (p1/p2)

p1 = pressione esercitata dal suono di riferimento


p2 = pressione di riferimento definibile come la minima
pressione udibile dall'orecchio umano (fissata
convenzionalmente a 20μN/m²)
Si tratta quindi di un rapporto tra pressioni.

N.B. N/m² = Newton al metro quadro (forza al metro quadro)

ATTENZIONE: l'orecchio umano è molto sensibile a frequenze


tra 1kHz e 4 kHz: questo vuol dire che queste frequenze
verranno percepite come più forti.
Per questo motivo parliamo di dB(A), ovvero una misurazione
indipendente dalla sensibilità del nostro orecchio verso alcune
frequenze.

dBFS = Decibel Full Scale


A 0 dBFS viene fissato il livello massimo consentito da un
sistema digitale: se si supera l'onda sonora diventa quadra.
WATT

Il Watt è a misura della potenza elettrica

MIXER

VCA E GRUPPI

MATRIX