Sei sulla pagina 1di 356

Esercizi svolti di fisica

Quest’opera è stata rilasciata con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/ o spedisci una lettera a Creative Commons, PO Box 1866, Mountain View, CA 94042, USA.

Andrea de Capoa

16 ottobre 2018
Tabelle, costanti fisiche, mappe concettuali Scheda 1

2
Mappa degli esercizi Scheda 2
Errori di misura
Grandezze Scalari
I06, I16, I19, Lab02,
I01, I03, I04, I05, Lab04
Inizio I17,
- - I12, I12a, I14,
I15, Lab01, Lab03
- - -

Grandezze Vettoriali Baricentro Momento di inerzia


I02, I07, I08, I09 I10, D10,
- - I11, I21 - - I20, - - I22
- - - - - - - - -

Cinematica

Moto circolare
e armonico
C59
C53
- - -

Moto uniformemente
Grandezze cinematiche Moto rettilineo uniforme accelerato
Moto parabolico
I18, C13, C13a, C01, C05, C07, C12, C26
C19, C20, C37, C24, C27, C28, C29, C29a, C04, C09, C11,
Cinematica C37a, C40, C41, C29b, C30, C31, C33, C35 C16, C17, C23, C25,
C03, C08, C08a, C10, C14,
C34, C42, C43, C39, C46, C54
C51, C55 C02, C38, C47, C58 C35, C44a, C44b
C56
- - - C50 C52 C45,
C48, C49, C57

Velocità relativa
C18, C21,
C22, C22a, C32 Dinamica
C06,

Autore: Andrea de Capoa 26 Feb 2017

3
4 Scheda2. Mappa degli esercizi

Equilibrio rotazionale
Equilibrio traslazionale
D27,
D23, D31, D40,
Relatività D70
D07, D09, D12, D16, D26,
D28, D29, D30, D32, CD03,
D41, D71

Quattro forze
Principi della dinamica
D01, D02, D08, D13, D14, D19,
D15, D24, D64, CD04
D20, D21, D22, D25, D33, D35, D36,
D06, D18, D34,
Dinamica D50, D52, D56, D59,
D37, D38, D39, D43, D45, D47, CD02,
D03, D04, D05, D46,
D60, D63, D75, CD12
D48, D54, D55, D57, CD01,
D58, D61
D49, D53, D62,

Legge di gravitazione
Dinamica rotazionale
D42, CD08,
D67, D68 CD10, D66, CD13
D72, D73, D74 D44, D51,
CD05, CD09, CD11

Conservazione del Conservazione Conservazione


momento angolare dell’impulso dell’energia

Conservazione Conservazione
dell’impulso dell’energia

Legge di conservazione dell’energia


Legge di conservazione Conservazione di L01, L02, L03, L04, L05, L06, L07, L08, L09,
dell’impulso energia e impulso L10, L11, L12, L13, L14, L15, L16, L17, L18, L19,
P01, P02 L20, L21, L22, L23, L25, L26, L27, L28, L31, DL12 Fluidodinamica
P03 LP02, P04 L29, L32, DL01, DL02, [rotazionale] L33, L34
LP01 L24, DL03, DL05, DL11, L35
DL04

Conservazione
di energia e
Conservazione del momento angolare
Calorimetria
momento angolare LW01, LA03

Conservazione di
energia, impulso e
momento angolare

LPA01
5 Scheda2. Mappa degli esercizi

Legge di Stevin
Principio di Pascal
F09, F11, F13
F07
Fluidodinamica F10, DF01
F06
O25(moto armonico)

Conservazione della portata


Conservazione della portata + Legge di Bernoulli
F02, F03
F01, F04, F05,
F08, F12, F14, DF01
CF01, CF02

Calorimetria

Riscaldamento e transizioni di fase


Conduzione Dilatazione termica
Q02, Q07, Q10, Q12, Q13, Q20,
Q25, Q04,
Q21, Q21a, Q22, Q23, Q27, Q28, Q35,
Q11,
Q01, Q03, Q09, Q16, Q26, LQ01, LQ02
Q08, Q33,
Q06, Q17, Q18, Q30, Q31, Q32,

Risc., Trans.,
Dilat., Conduz
Q15,
Q05, Q14, Termodinamica
Q19, Q24, Q29,

Termodinamica

Legge dei gas e trasformazioni Cicli termodinamici


T25, DT01, DT02, Primo principio e secondo principio
T01, T07, T08, T20, T26, T26a, T11, T12, T05, T06 , T09ban, T10,
T26b,T26c, T27, T28, QT01, FT01 T13, T14, T15, T16, T17,
T21, T22, T28, T18, T19, QT03, QT04, LT01
T23 QT02, QT05, QT06
6 Scheda2. Mappa degli esercizi

Fenomeni ondulatori

Descrizione e
Interferenza propagazione di un’onda Riflessione e rifrazione
O05, O10, O03, O04, O06, O07, O11, O01, O12, O14, O27
O17, O31 O13, O15, O18, O19, O26, O29
O32, O33

Altri fenomeni Ottica geometrica


O20, O23, O28 O01, O08, O09, O16
O22, O24, O30, O34

Elettromagnetismo

Campo e forza magnetici Elettrostatica Campo e Forza elettrici


E08, E12, E11, E03, E03a, E09, DE10
E18, CE01, CE02, E01, E05,
E19, E20, E21, DE22,

Campo elettrico e magnetico Circuiti elettrici


E07, E10, E13, E14, E15, E16,
E02, E04, E06, E17, EQ01

Induzione elettromagnetica

E22, E23, E24

Relatività

R01
Formulario Scheda 3
Grandezze Vettoriali: Errori di misura:
somma, scomposizione,
prodotto per uno scalare Errore assoluto: Errore relativo:
Prodotto scalare: Generalità dato dallo strumento
Ea
Er =
L = ~a · ~b = a · b · cos γ Mis
Prodotto vettoriale: Misure ripetute:
Mmax − Mmin
|~c| = |~a × ~b| = a · b · sin γ Densità Ea =
2
M
ρ =
V

Propagazione dell’errore:

Somma e sottrazione
Baricentro:
m1 X1 + m2 X2 + m3 X3 Eassc = Eassa + Eassb
Xb =
m1 + m2 + m3
Prodotto e divisione
Momento di inerzia:
X Erelc = Erela + Erelb
I= mi ri2
i

Autore: Andrea de Capoa 26 Feb 2017

7
8 Scheda3. Formulario

Velocità media:
∆Stot
Vm =
∆ttot

Grandezze
cinematiche Moto rettilineo uniforme:
∆S ∆S = V · ∆t Moto parabolico:

∆t M.R.U. su x
Cinematica
~
V~ = ∆S Moto
 uniformemente accelerato: M.U.A. su y
∆t ∆S = 1 a∆t2 + V ∆t
i
∆V~ 2
~a = ∆V = a · ∆t
∆t
Moto circolare uniforme:
V2
Moto armonico: a=
r
a = −ω 2 x
2π V = ωr
T =
ω ω = 2πν
1
ν=
Moto del pendolo:
r T
L
T = 2π
g

Moto armonico con


r una
m
molla: T = 2π
K
9 Scheda3. Formulario

Equilibrio traslazionale:
F~tot = 0

Forza d’attrito:
Forze

Principi della dinamica: Radente dinamico


di gravità: Fg = m · g
~ = cost ⇔ F~tot = 0
V Fad = µd Fschiaccia
Dinamica ∆P~
F~tot = m~a = elastica: F = K · ∆l
∆t Volvente Fav =
F~ab = −F~ba µv Fschiaccia
di Archimede:
FA = ρf Vimm · g
Viscoso Fv = αV + βV 2

Legge di gravitazione: Massima forza d’attrito


Momento di una forza:
M ·m radente statico
~ = ~r × F~
M F = G 2
r Fasmax = µs Fschiaccia

Equilibrio rotazionale:
~ tot = 0
M
10 Scheda3. Formulario

Conservazione Conservazione
dell’impulso dell’energia

Energia potenziale

Leggi di Conservazione
gravitazionale:
Quantità di moto: Etoti = Etotf Energia cinetica:
1 U = m·g·h
P~ = mV ~ P~toti = P~totf Ec = mV 2
2
~ tot = L
L ~ tot
i f
elastica
1 2
Lavoro di una forza: Vel = K (∆l)
2
L = F~ · ∆S~
L = F · ∆S · cos α
Momento angolare:
~ = ~r × P~
L

Legge di Bernoulli: Legge di Stevin


1
2 ρVi
2
+ ρghi + Pi = 12 ρVf2 + ρghf + Pf ∆P = −ρg∆h

Fluidodinamica
Principio di Pascal
ρ = cost

Conservazione della portata


Si · Vi = Sf · Vf
11 Scheda3. Formulario

Calorimetria

Riscaldamento
Dilatazione termica
Conduzione termica ∆Q = cs · m · ∆T
∆Q S ∆L = λLi ∆T
= ρ ∆T ∆S = 2λSi ∆T
∆t L Capacità termica
∆V = 3λVi ∆T
C = cs · m

Transizione di fase temperatura di equilibrio


cs1 m1 T1 + cs2 m2 T2
∆Q = Qlat · m Teq =
cs1 m1 + cs2 m2

Termodinamica

Cicli termodinamici
Ciclo di Carnot
Legge dei gas perfetti Primo principio e secondo principio
δL Tb
P ·V = N ·K·T ∆U = δQ − δL η = < 1 η =1−
δQass Ta
δQass = δQced + δL
Energia interna di un gas
n
U = N KT Legame lavoro - volume
2
quindi δL ↔ ∆V
Entropia
∆U ↔ ∆T
δQrev
∆S =
T
Isobara
δL = P · ∆V
12 Scheda3. Formulario

Fenomeni ondulatori

Riflessione
i0 = i

Propagazione di un’onda Rfrazione


sin(i) Vi
=
sin(r) Vr
Interferenza: somma sferica
algebrica di sonde I1 r12 = I2 r22
nello stesso punto
piana Ottica geometrica
I1 r1 = I2 r2 1 1 1
+ =
p q f
f
G =
f −p

Velocità della luce


c
V =
n
13 Scheda3. Formulario

Elettromagnetismo

Campo e forza magnetici Campo e Forza elettrici


~
~ = µ q V × ~ur
B E = K 2
Q
4π r2 r
F~ = q V~ × B~ F = q · E

Leggi di Ohm
∆V = R · i
L
R = ρ
S

Resistenze in serie Potenza erogata


Req = R1 + R2 P = ∆V · i

Resistenze in parallelo Potenza dissipata P = R · i2


1 1 1 2
= + P = VR
Req R1 R2
Generalità: soluzioni Scheda 4
Problema di: Generalità - I0001 3. Eseguire le operazioni del caso sui numeri rimasti

12 km = 12 · 1000 m = 12000 m
Testo [I0001] [1 22 ] Esegui le somme indicate qui di seguito, scegliendo a tuo
h
piacimento l’unità di misura del risultato tra le due già presenti. 90 min = 90 · = 1.5 h
60
• 4 hm + 300 m = • 2 m3 + 40 dm3 = • 3 min + 2 sec = Nel caso di conversioni più complesse, il procedimento non cambia. Osserviamo
quanto segue: la parte numerica viene copiata uguale, la linea di frazione viene co-
• 3 hm + 5 cm = • 45 l + 50 dl = piata uguale, al posto di km scrivo 1000 m che rappresenta la quantità equivalente
• 3 h + 5 sec =
• 3 m + 18 mm = • 45 l + 50 cl = espressa un metri, al posto di h (ore) scrivo 3600 s, quantità ad essa equivalente.

• 9 km2 + 10 hm2 = • 8 dl + 2 cl = • 36 km m
h + 30 s =
km 1000 m m
130 = 130 = 36.11
h 3600 s s
• 9 m2 + 200 cm2 = • 7 kg + 400 g = kg
• 25 m g
Analogamente avremo:
3 + 12 cm3 =

2 2
• 9 m + 5 dm = • 3 kg + 3 hg = kg kg 1000 g g
• 2 kg·m g·cm 130 = 130 = 130 = 0, 13 3
3 3 s2 + 5 s2 = m3 m·m·m 100 cm · 100 cm · 100 cm cm
• 12 km + 78 hm = • 3 g + 55 mg =

• 8 m3 + 15 cm3 = • 3 h + 5 min = • 8 kg·m + 5 g·km = Svolgimento


s h
• 4 hm + 300 m = 4 · 100 m + 300 m = 700 m;
Spiegazione Tutte le somme indicate possono essere eseguite in quanto le gran-
hm
dezze fisiche coinvolte sono sempre omogenee; ogni volta vengono sommate o due • 4 hm + 300 m = 4 hm + 300 · 100 = 7 hm;
lunghezze, oppure due tempi, oppure due masse, due densità, ecc. Per eseguire la
• 3 hm + 5 cm = 3 · 100 m + 5 cm = 3 · 100 · 100 cm + 5 cm = 300005 cm;
somma devo trasformare una delle due grandezze nell’altra, preoccupandomi, ad
m hm
ogni passaggio, di scrivere qualcosa di diverso ma equivalente. • 3 hm + 5 cm = 3 hm + 5 100 = 3 hm + 5 100·100 = 3, 00005 hm;

7 km = 7000 m = 700000 cm = 4375 M igliaterr = 7, 4 · 10−16 anniluce • 3 m + 18 mm = 3 · 1000 mm + 18 mm = 3018 mm;

Eseguire le conversioni di unità di misura Immaginiamo di convertire in metri la m


• 3 m + 18 mm = 3 m + 18 1000 = 3, 018 m;
quantità ∆S = 10 km oppure in ore la quantità ∆t = 90 min. Il procedimento da
• 9 km2 + 10 hm2 = 9 · 10 hm · 10 hm + 10 hm2 = 900 hm2 + 10 hm2 = 910 hm2 ;
seguire prevede i seguenti passaggi, rappresentati poi di seguito:
1. Riscrivere la parte numerica lasciandola immutata. • 9 km2 + 10 hm2 = 9 km2 + 10 km
10 ·
km
10 = 9 km2 + 0, 1 km2 = 9, 1 km2 ;
2
2. Al posto delle unità di misura che compaiono riscrivere il loro equivalente nella • 9 m2 + 200 cm2 = 9 · (100 cm) + 200 cm2 = 90000 cm2 + 200 cm2 = 90200 cm2 ;
nuova unità di misura: al posto di km scrivo 1000 metri (infatti in un kilometro m m
h
• 9 m2 + 200 cm2 = 9 m2 + 200 100 · 100 = 9 m2 + 0, 02 m2 = 9, 02 m2 ;
ci sono 1000 metri) e al posto di min scrivo 60 (infatti per scrivere l’equivalente
di un minuto devo prendere un’ora e dividerla per 60) • 9 m2 + 5 dm2 = 9 · 10 dm · 10 dm + 5 dm2 = 900 dm2 + 5 dm2 = 905 dm2 ;

14
15 Scheda4. Generalità: soluzioni

m m
• 9 m2 + 5 dm2 = 9 m2 + 5 · 10 · 10 = 9 m2 + 0, 05 m2 = 9, 05 m2 ; • 3 min + 2 sec = 3 · 60 sec + 2 sec = 182 sec;
3
• 12 km3 + 78 hm3 = 12 · (10 hm) + 78 hm3 = 12000 hm3 + 78 hm3 = 12078 hm3 ; • 3 min + 2 sec = 3 min + 2 min
60 = 3, 0333 min;
3
• 12 km3 + 78 hm3 = 12 km3 + 78 km10 = 12 km3 + 0, 078 km3 = 12, 078 km3 ; • 3 h + 5 sec = 3 · 3600 sec + 5 sec = 10805 sec;
3 h
• 8 m3 + 15 cm3 = 8 · (100 cm) + 15 cm3 = 8000000 cm3 + 15 cm3 = 8000015 cm3 ; • 3 h + 5 sec = 3 h + 5 3600 = 3, 0014 h;

m
• 8 m3 + 15 cm3 = 8 m3 + 15 100 m
· 100 m
· 100 = 8 m3 + 0, 000015 cm3 = 8, 000015 cm3 ; • 36 km m 1000 m m m
h + 30 s = 36 3600 s + 30 s = 40 s

• 2 m3 +40 dm3 = 2·10 dm·10 dm·10 dm+40 dm3 = 2000 m3 +40 dm3 = 2040 dm3 ; • 36 km m km km·3600 km
h + 30 s = 36 h + 30 1000·h = 144 h

kg g 1000 g g g
• 2 m3 + 40 dm3 = 2 m3 + 40 · m
· m
· m
= 2 m3 + 0, 04 m3 = 2, 04 m3 ; • 25 m 3 + 12 cm3 = 25 100 cm·100 cm·100 cm + 12 cm3 = 12, 025 cm3
10 10 10
kg g kg kg·100·100·100 kg
• 45 l + 50 dl = 45 · 10 dl + 50 dl = 500 dl; • 25 m 3 + 12 cm3 = 25 m3 + 12 1000·m·m·m = 12025 m 3

• 45 l + 50 dl = 45 l + 50 · l
= 50 l; • 2 kg·m g·cm
s2 + 5 s2 = 2
1000 g·100 cm
s2 + 5 g·cm g·cm
s2 = 200005 s2
10

• 2 kg·m g·cm kg·m kg·m kg·m


s2 + 5 s2 = 2 s2 + 5 1000·100·s2 = 2, 00005 s2
• 45 l + 50 cl = 45 · 100 cl + 50 cl = 4550 cl;
l • 8 kg·m + 5 g·km = 8 10001000
g·km·3600
+ 5 g·km = 28805 g·km
• 45 l + 50 cl = 45 l + 50 · 100 = 45, 5 l; s h h h h

• 8 kg·m
s + 5 g·km
h = 8 kg·m
s
kg·m·1000
+ 5 1000·3600 kg·m
s = 5, 0014 s
• 8 dl + 2 cl = 8 · 10 cl + 2 cl = 82 cl;
dl
• 8 dl + 2 cl = 8 dl + 2 10 = 8, 2 dl;

• 7 kg + 400 g = 7 · 1000 g + 400 g = 7400 g;


kg
• 7 kg + 400 g = 7 kg + 400 1000 = 7, 4 kg;

• 3 kg + 3 hg = 3 · 10 hg + 3 hg = 33 hg;

• 3 kg + 3 hg = 3 kg + 3 kg
10 = 3, 3 kg;

• 3 g + 55 mg = 3 · 1000 mg + 55 mg = 3055 mg;


g
• 3 g + 55 mg = 3 g + 55 1000 = 3, 055 g;

• 3 h + 5 min = 3 · 60 min + 5 min = 185 min;


h Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
• 3 h + 5 min = 3 h + 5 60 = 3, 0833 h;
16 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Vettori - I0002 Problema di: Grandezze fisiche - I0003

Testo [I0002] [1 2 ] Dati due vettori ~a e ~b rispettivamente di moduli a = 12 e Testo [I0003] [1 4 ] In un bicchiere vengono versati un volume VH2 O = 50 cm3
kg
b = 16, disegnateli in modo tale che la loro somma sia un vettore ~c il cui modulo di acqua ed un volume Vo = 50 cm3 di olio. L’acqua ha una densità ρH2 O = 1 dm 3 e
g
valga c = 28. Ripetete l’esercizio in modo tale che c = 4; c ∼ 10; c = 20; c ∼ 24. l’olio ha una densità ρo = 0, 8 cm3 . Quanto volume di liquido si trova nel bicchiere?
Quanta massa di liquido si trova nel bicchiere?
Spiegazione Il modulo della somma di due vettori dipende dai moduli di quei due
vettori e dall’angolo compreso tra i due vettori. Visto che il testo dell’esercizio dice Spiegazione In questo problema l’unica cosa da sapere è cosa sia la densità di un
quanto valgono i due vettori, per risolvere l’esercizio bisogna indicare quanto vale materiale. i volumi dei due liquidi sono stati dati dal problema; le masse si ricavano
l’angolo tra di essi. Questo è conseguenza della regola del parallelogrammo. conoscendo i valori della densità.

Svolgimento Svolgimento Il volume complessivo di liquido è semplicemente


~b ~c = 24
• Affinchè il vettore somma c = 28 i due vettori Vtot = VH2 O + Volio = 100 cm3
devono essere paralleli e nello stesso verso
La massa dell’acqua è
• Affinchè il vettore somma c ∼ 24 i due vettori
devono essere posizionati ad un angolo acuto ~a kg
mH2 O = ρH2 O · VH2 O = 1 · 50 cm3
~c = 20 dm3
• Affinchè il vettore somma c = 20 i due vetto- ~b Possiamo vedere che le unità di misura non si semplificano come dovrebbero;
ri devono essere posizionati ad un angolo retto dobbiamo quindi convertire di unità di misura prima di poter eseguire i conti
α = 90◦
~a kg dm3
• Affinchè il vettore somma c ∼ 10 i due vettori mH2 O = 1 · 50 = 0, 05 kg = 50 g
dm3 1000
devono essere posizionati ad un angolo ottuso La massa dell’olio è
~b ~c = 10
• Affinchè il vettore somma c = 4 i due vettori g
ma = ρolio · Volio = 0, 8 · 50 cm3 = 40 g
devono essere posizionati ad un angolo piatto ~a cm3
α = 180◦ La massa di liquido nel bicchiere vale

mtot = mH2 O + molio = 90 g

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
17 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Grandezze fisiche - I0004 Problema di: Grandezze fisiche - I0005

Testo [I0004] [1 2 ] Un oggetto di cui non conosciamo il materiale, occupa un Testo [I0005] [1 2 ] Un cilindro graduato contiene un volume Vi = 250 cm3
kg
volume V = 8, 75 dm3 ed ha la stessa massa di un blocco di ferro che occupa un di acqua. Dopo averci immerso un oggetto di rame di densità ρogg = 8, 92 dm 3 , il

volume VF e = 3 dm3 . Calcola la massa e la densità del materiale. La densità del 3


cilindro segna un volume Vf = 375 cm . Calcola volume e massa dell’oggetto.
kg
ferro è ρF e = 7, 874 dm 3.

Spiegazione Questo problema vogliamo misurare la massa di un oggetto tramite


Spiegazione In questo problema l’unica cosa da sapere è cosa sia la densità di un immersione in un liquido. Noi ne conosciamo il materiale, quindi la densità. Nel ci-
materiale, definita come il rapporto tra massa e volume di un qualunque oggetto lindro graduato c’è un certo quantitativo di luquido; immergendo l’oggetto il livello
fatto di quel materiale del liquido sale. L’unica cosa da sapere è cosa sia la densità di un materiale, definita
M come il rapporto tra massa e volume di un qualunque oggetto fatto di quel materiale
ρ=
V
Visto che la densità di un oggetto dipende solo dal materiale di cui è fatto, una volta M
ρ=
trovato il valore della densità del materiale potremo capire quale materiale è. V
Visto che la densità di un oggetto dipende solo dal materiale di cui è fatto, è suffi-
Svolgimento La massa dell’oggetto di ferro vale ciente confrontare le tabelle dei materiali.
Il volume dell’oggetto lo si ricava per differenza tra i livelli dei liquidi dopo e
kg
MF e = ρF e · VF e = 7, 874 · 3 dm3 = 23, 662 kg prima dell’immersione.
dm3
La massa semplicemente applicando la formula della densità di un materiale.
Il problema ci dice che l’oggetto di cui non conosciamo il materiale (indicato con
l’indice s) ha la stessa massa dell’oggetto di ferro
Svolgimento Il suo volume si ricava per differenza

Ms = MF e = 23, 662 kg VCu = Vf − Vi = 125 cm3 = 0, 125 dm3


La densità del materiale vale quindi Il risultato l’ho trasformato in decimetri cubi per poter meglio fare i conti con le
Ms kg unità di misura nei passaggi successivi.
ρs = = 2, 7 La massa dell’oggetto vale
Vs dm3
Confrontando questo valore con le tabelle dei materiali troviamo che il materiale kg
sconosciuto è alluminio. MCu = ρCu · VCu = 8, 92 · 0, 125 dm3 = 1, 115 kg
dm3

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
18 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Baricentro - I0006 Problema di: Vettori - I0007

Testo [I0006] [1 2 ] Tre libri sono posizionati uno sull’altro. I libri hanno rispet- Testo [I0007] [1 2 ] Esegui le operazioni indicate con i vettori ~a e ~b:
tivamente massa m1 = 1 hg, m2 = 2 hg, m3 = 3 hg ed hanno tutti lo stesso spessore
~b ~b
d = 3 cm. A che altezza si trova il baricentro del sistema? ~b

Spiegazione In questo problema abbiamo un sistema formato da tre oggetti distinti


posti uno sull’altro. Il baricentro del sistema sarà la media pesata sulla massa, delle ~a ~a ~a
posizioni dei baricentri dei singoli oggetti. ~c = ~a + ~b ~c = 2~a − ~b ~c = 3~a − 2~b

Svolgimento La posizione dei baricentri dei singoli oggetti è: Spiegazione In questo esercizio bisogna eseguire due tipi di operazioni con i vet-
tori: il prodotto di un vettore per uno scalare e la somma di vettori. Prima si esegue
h1 = 1, 5 cm
il prodotto di un vettore per uno scalare, e poi si fa la somma dei risultati.
h2 = 4, 5 cm
Svolgimento In rosso troverete la soluzione del problema; in blu i vettori necessari
h3 = 7, 5 cm
per arrivare a trovare tale soluzione.
~b
Quindi l’altezza da terra del baricentro del sistema sarà ~b ~c = ~a + ~b

h1 m1 + h2 m2 + h3 m3
hb =
m1 + m2 + m3 2~a
1, 5 hg · cm + 9 hg · cm + 22, 5 hg · cm ~a ~a
hb = = 5, 5 cm
6 hg
−~b ~c = 2~a − ~b
~b

~a 3~a

−2~b ~c = 3~a − 2~b

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
19 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Vettori - I0008 Problema di: Vettori - I0009

Testo [I0008] [1 2 ] Disegna il vettore che annulla i due vettori disegnati qui di Testo [I0009] [1 1 ] Scomponi i seguenti vettori lungo le direzioni indicate
seguito

~b
~b
~b

~a ~a ~a

Spiegazione La scomposizione di un vettore consiste nel trovare i due vettori che


Spiegazione Il vettore ~c che annulla i vettori indicati ~a e ~b è quello per cui vale la
sommati danno il vettore dato.
relazione
~a + ~b + ~c = 0
Svolgimento
e quindi
~c = −~a − ~b

Svolgimento

~b
~b
~b

−~a −~a −~a


~a ~a ~a
−~b
−~b
~c = −~a − ~b −~b
~c = −~a − ~b
~c = −~a − ~b

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
20 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Misure - I0010 Problema di: Vettori - I0011

Testo [I0010] [1 1 ] Misurate con un righello lo spessore di una moneta da 1 Testo [I0011] [2 2 ] Disegna, e calcolane il valore, il vettore F~3 che annulla la
euro somma dei vettori F~1 e F~2 di valore rispettivamente F1 = 1, 5 kN e F2 = 800 N posti
perpendicolari tra loro.
Spiegazione Eseguire una misura è un procedimento non banale che deve esse-
re fatto con attenzione. Non basta trovare un risultato, bisogna soprattutto saper Spiegazione I due vettori dati possono essere sommati. La somma tra il vettore
stimare in modo adegusato gli errori di misura. risultato ed il vettore che voi dovete indicare, deve dare come risultato zero. Quindi
il vettore che dovete indicare deve essere uguale e opposto al vettore somma tra i
Svolgimento Per prima cosa utilizziamo una singola moneta. Sul righello vediamo due vettori indicati nel problema.
indicati un po’ più di 2 millimeteri, quindi l’altezza vale
Svolgimento
h = 2, 5 mm ± 0, 5 mm
F~2
se adesso prendiamo una pila di 10 monete sul righello vediamo indicati un po’
più di 23 millimetri.

−F~1
h10 = 23, 5 mm ± 0, 5 mm
F~1
h = 2, 35 mm ± 0, 05 mm

Otteniamo quindi una precisione 10 volte maggiore. −F~2


F~3 = −F~1 − F~2

Il modulo del vettore F~3 deve essere uguale al modulo del vettore F~1 + F~2 e si
calcola

|F~1 + F~2 | =
p
(1500 N )2 + (800 N )2 = 1700 N

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
21 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - I0012


V = 15708 mm3 ± 1885 mm3
Testo [I0012] [2 5 ] Hai misurato con un righello il diametro di base e l’altezza
che può essere più saggiamente scritto
di un cilindro ottenendo d = 20 mm ± 1 mm e h = 50 mm ± 1 mm. Quanto vale il
volume? Quanto vale l’errore assoluto sul volume?
V = 15, 7 cm3 ± 1, 9 cm3

Spiegazione Per calcolare il volume del cilindro semplicemente dovete utilizzare


la formula giusta. La parte complessa del lavoro è stabilire il valore dell’errore di
misura sul volume. Per farlo prima dovremo evidenziare gli errori assoluti e relativi
sulle singole misure prese con il righello.

Svolgimento Per prima cosa calcoliamo il volume del cilindro


 2
d
V =π· · h = 3, 14159 · 100 mm2 · 50 mm = 15708 mm3
2

Calcoliamo adesso l’errore relativo sulle due misure fatte col righello

Ea−d 1 mm
Erel−d = = = 0, 05 = 5 %
d 20 mm
Ea−h 1 mm
Erel−h = = = 0, 02 = 2 %
h 50 mm
Nella formula per calcolare il volume del cilindro si moltiplica il diametro per se
stesso ed ancora per l’altezza
 
d·d
V =π· ·h
2·2

quindi l’errore relativo sul volume sarà la somma degli errori relativi di queste
grandezze
Erel−V = Erel−d + Erel−d + Erel−h = 0, 12 = 12%

quindi l’errore assoluto sul volume vale

Ea = Erel−V · V = 1885 mm3


Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
Il risultato finale da scrivere sarà quindi
22 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - I0012a

Testo [I0012a] [2 5 ] Hai misurato con un righello i tre spigoli di un parallele-


pipedo, ottenendo a = 20 mm ± 1 mm, b = 40 mm ± 1 mm, e h = 10 mm ± 1 mm.
Quanto vale il volume? Quanto valgono gli errori assoluto e relativo sul volume?

Spiegazione Per calcolare il volume del parallelepipedo semplicemente dovete uti-


lizzare la formula giusta. La parte complessa del lavoro è stabilire il valore dell’errore
di misura sul volume. Per farlo prima dovremo evidenziare gli errori assoluti e re-
lativi sulle singole misure prese con il righello. Poi propagare l’errore sul valore del
volume.

Svolgimento Per prima cosa calcoliamo il volume del parallelepipedo

V = a · b · h = 20 mm · 40 mm · 10 mm = 8000 mm3

Calcoliamo adesso l’errore relativo sulle tre misure fatte col righello
Ea−a 1 mm
Erel−a = = = 0, 05 = 5 %
a 20 mm
Ea−b 1 mm
Erel−b = = = 0, 025 = 2, 5 %
b 40 mm
Ea−h 1 mm
Erel−h = = = 0, 02 = 2 %
h 50 mm
Nella formula per calcolare il volume del parallelepipedo si moltiplicano le mi-
sure dei tre spigoli quindi l’errore relativo sul volume sarà la somma degli errori
relativi di queste grandezze

Erel−V = Erel−a + Erel−b + Erel−h = 0, 095 = 9, 5%

quindi l’errore assoluto sul volume vale

Ea = Erel−V · V = 760 mm3

Il risultato finale da scrivere sarà quindi

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


V = 8000 mm3 ± 760 mm3
23 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - I0014 Il calcolo dell’errore sull’area prevede che si sommino gli errori relativi di base ed
altezza, visto che per calcolare l’area si deve calcolare il prodotto dei suoi lati
Testo [I0014] [2 6 ] Hai misurato con un righello la base e l’altezza di un ret-
Er−area = 0, 01 + 0, 02 = 0, 03
tangolo ottenendo b = 10, 0 cm ± 0, 1 cm e h = 5, 0 cm ± 0, 1 cm. Indicando in modo
corretto gli errori di misura, calcola l’area ed il perimetro del rettangolo. Ea−area = A · 0, 03 = 1, 5 cm2

Spiegazione Il calcolo dell’area e del perimetro è un conto banale; questo esercizio


punta sulla corretta stima degli errori di misura su tali grandezze.

Svolgimento Cominciamo a calcolarci area e perimetro del rettangolo.

A = b · h = 50 cm2

P = 2(b + h) = 30 cm

Passiamo adesso alla stima degli errori di misura. Gli errori assoluti sulle due misure
ci sono già stati dati dal testo del problema.

Ea−base = 0, 1 cm

Ea−alt = 0, 1 cm

Possiamo quindi calcolare gli errori relativi sulle misure della base e dell’altezza del
rettangolo.
0, 1 cm
Er−base = = 0, 01 = 1%
10, 0 cm
0, 1 cm
Er−alt = = 0, 02 = 2%
5, 0 cm
Il calcolo dell’errore sul perimetro prevede che si sommino gli errori assoluti di base
ed altezza, visto che per calcolare il perimetro si deve cominciare a calcolare la somma
dei suoi lati. La somma dei due lati va poi moltiplicata per 2 per avere il valore del
perimetro; per questo motivo moltiplico per 2 anche il valore dell’errore assoluto.

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


Ea−perim = 2 · (0, 1 cm + 0, 1 cm) = 0, 4 cm
24 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - I0015 L’errore relativo sulla massa è


0, 01 kg
Er,m = = 0, 009
Testo [I0015] [2 7 ] Un cilindro graduato contiene un volume Vi = 250 cm3 ± 1, 12 kg
1 cm3 di acqua. Dopo averci immerso un oggetto di massa m = 1, 12 kg ± 0, 01 kg, il
La densità dell’oggetto vale
cilindro segna un volume Vf = 375 cm3 ± 1 cm3 . Calcola volume e densità dell’og-
getto. m 1, 12 kg kg
ρogg = = 3
= 0, 00896
V 125 cm cm3
Spiegazione Questo problema vogliamo misurare la densità di un oggetto tramite L’errore relativo sulla densità, essendo stata calcolata vacendo la divisione di due
immersione in un liquido. Noi ne conosciamo la massa e ne misuriamo il volume. grandezze, si calcola sommando gli errori relativi delle due grandezze.
Nel cilindro graduato c’è un certo quantitativo di luquido; immergendo l’oggetto il
Er,ρ = Er,m + Er,V = 0, 009 + 0, 016 = 0, 025
livello del liquido sale. L’unica cosa da sapere è cosa sia la densità di un materiale,
definita come il rapporto tra massa e volume di un qualunque oggetto fatto di quel possiamo ora calcolare l’errore assoluto sulla densità
materiale
M kg kg
ρ= Ea,ρ = Er,ρ · ρogg = 0, 025 · 0, 00896 = 0, 000224
V cm3 cm3
Visto che la densità di un oggetto dipende solo dal materiale di cui è fatto, è suffi- La misura della densità dell’oggetto sarà quindi
ciente confrontare le tabelle dei materiali per sapere il tipo di materiale.
Il volume dell’oggetto lo si ricava per differenza tra i livelli dei liquidi dopo e kg kg
ρogg = 0, 00896
3
± 0, 00022
prima dell’immersione. La densità la calcoliamo con la formula cm cm3
dove l’errore è stato opportunamente arrotondato.

Svolgimento Il volume si ricava per differenza

Vogg = Vf − Vi = 125 cm3

Ea,V = 1 cm3 + 1 cm3 = 2 cm3

2 cm3
Er,V = = 0, 016
125 cm3
per cui
Vogg = 125 cm3 ± 2 cm3

La massa è
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
m = 1, 12 kg ± 0, 01 kg
25 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - I0016 Problema di: Laboratorio - I0017

Testo [I0016] [1 2 ] Se stai misurando il periodo T di un pendolo utilizzando Testo [I0017] [2 3 ] Due cubi di lato l = 10 cm, uno di argento (di densità
kg kg
un cronometro (portata P = 10 h; precisione E = 0, 01 s) azionato dalla tua mano, ρAg = 10, 5 dm 3 ) e l’altro di piombo (di densità ρP b = 11, 3 dm3 ), hanno la stessa

quanto vale l’errore di misura che fai sulla singola misurazione? Come puoi fare, massa. Quanto è grande la cavità che ci deve essere all’interno del cubo di piombo?
facendo solo una misura, a migliorare la precisione della misura fino a Ea = 0, 02 s
Spiegazione In questo problema abbiamo due cubi di eguale volume ma materiale
Spiegazione La misura del periodo del pendolo è come tutte le misure affetta da differente. Questo significa che i due cubi non dovrebbero avere la stessa massa.
errore. Essendo il cronometro azionato dalla mano, l’errore che si compie è legato Visto che il testo afferma invece che hanno la stessa massa, questo significa che il
ai riflessi del corpo umano. La scelta di un’opportuna tecnica di misura permette di cubo più denso deve avere necessariamente una cavità all’interno ch lo alleggerisca
ridurre l’errore che si compie. un po’.

Svolgimento Nel fare la misura del periodo del pendolo il cronometro viene azio- Svolgimento Il problema ci dice che i due cubi hanno lo stesso volume
nato due volte, quindi l’errore assoluto sulla misura è pari ad doppio del tempo di
reazione dei riflessi umani V = Vcubo = l3 = 1000 cm3 = 1 dm3
Ea = 2 · 0, 1 s = 0, 2 s e stessa massa, quindi
L’errore di misura dello strumento, essendo piccolo rispetto all’imprecisione dovuta
ai riflessi umani, non viene tenuto in considerazione. MP b = MAg
Per migliorare la misura, invece di misurare con il cronometro la durata di una ρP b VP b = ρAg VAg
oscillazione, possiamo misurare la durata di dieci oscillazioni. In questo modo avre-
mo che Il volume dell’argento coincide con il volume del cubo, il volume del piombo è
T10 = 10T ± 0, 2 s pari al volume del cubo meno il volume della cavità interna vuota, per cui

dividendo per 10 avremo la durata di una oscillazione ρP b (Vcubo − Vcav ) = ρAg Vcubo
10T 0, 2 s da cui ricavo il volume della cavità
T1 = ± = T ± 0, 02
10 10
ottenendo così una stima della durata di una oscillazione. ρP b Vcubo − ρP b Vcav = ρAg Vcubo
−ρP b Vcav = ρAg Vcubo − ρP b Vcubo

ρP b Vcavita = ρP b Vcubo − ρAg Vcubo


ρP b Vcubo − ρAg Vcubo
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Vcav =
ρP b
26 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Vettori - I0018


ρP b − ρAg
Vcav = Vcubo
ρP b
  Testo [I0018] [1 2 ] Una barca attraversa un fiume muovendosi in diagonale
ρAg con velocità V = 10 m
Vcav = Vcubo 1 − s . La barca si muove quindi contemporaneamente lungo la
ρP b
direzione del fiume con velocità Vx = 8 m s e lungo la direzione tra le due sponde.
Con quale velocità si sta avvicinando alla sponda opposta? Disegna tale vettore.
 
10, 5
Vcav = 1 dm3 1 − = 0, 93 dm3
11, 3
Spiegazione La barca si muove in diagonale tra una sponda e l’altra. Il suo movi-
mento può quindi essere scomposto nella somma di due movimenti: il primo lungo
la direzione del fiume, ed il secondo nella direzione tra una sponda e l’altra.

Vy =? V = 10 m
s

Vx = 8 m
s

Svolgimento Le due componenti del vettore V ~ sono tra loro perpendicolari, quindi
possiamo utilizzare il teorema di Pitagora
r
p m2 m2 m
Vy = V 2 − Vx2 = 100 2 − 64 2 = 6
s s s

Autore: Andrea de Capoa 12 Ott 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
27 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Misure - I0019 Problema di: Misure - I0020

Testo [I0019] [1 2 ] Un libro di 500 pagine, misurato con un righello, è spesso Testo [I0020] [2 4 ] Un oggetto è fatto da due cubi di lato L = 80 mm di legni
g g
h = 3, 5 cm ± 0, 1 cm. Quanto è spessa ogni singola pagina? Calcola l’errore assoluto differenti, rispettivamente di densità ρ1 = 0, 7 cm 3 e ρ2 = 0, 5 cm3 . I due cubi sono

e relativo sulla misura della singola pagina. attaccati per una delle facce. Indica su di un opportuno sistema di riferimento dove
si trova il baricentro dell’oggetto.
Spiegazione La misura fatta con il righello ha una certa precisione. Dividendo per
il numero di pagine, anche la relativa precisione cambia. Spiegazione Per determinare la posizione del baricentro di un oggetto è necessario
fissare prima un sistema di riferimento e successivamente applicare la formuletta per
Svolgimento Lo spessore di una singola pagina risulta essere: il calcolo delle coordinate del baricentro.

h
h1 = = 0, 0070 cm ± 0, 0002 cm Svolgimento Utilizziamo come sistema di riferimento un asse x la cui origine si
500
trova nel punto medio tra i baricentri dei due cubi. Le coordinate dei baricentri dei
L’errore relativo è:
Ea 0, 0002 due cubi risultano quindi essere x1 = − L2 = −4 cm e x2 = + L2 = 4 cm
Er = = = 2, 86%
M is 0, 0070 I volumi dei due cubi valgono

V = L3 = 512 cm3

Le masse dei due cubi valgono

m1 = ρ1 · V = 358, 4 g

m2 = ρ2 · V = 256 g

La posizione del baricentro risulta quindi essere

m1 x1 + m2 x2 −409, 6 g · cm 2
xb = = = − cm ∼ −0, 67 cm
m1 + m2 614, 4 g 3

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
28 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Generalità - I0021 Problema di: Generalità - I0022

Testo [I0021] [2 2 ] Dati due vettori ~a e ~b, determinare i loro moduli sapendo Testo [I0022] [2 2 ] Un corpo di ferro, di massa m = 10 kg, ha forma sferica.
che la loro somma massima vale 35 e la loro somma minima vale 5. Quanto vale il suo momento di inerzia?

Spiegazione La somma di due vettori è un vettore il cui modulo dipende dai mo- Spiegazione Il problema chiede il calcolo del momento di inerzia di una sfera co-
duli dei due vettori ma anche dall’angolo tra i due vettori. Il risultato della somma noscendone la massa. Sapendo che si tratta di una sfera, allora oltre che della massa
è massimo se l’angolo tra i vettori è nullo; il risultato è minimo se l’angolo tra i due abbiamo bisogno di conoscerne il raggio. Troviamo il raggio dalla conoscenza del
vettori è 180◦ valore del volume, a sua volta ottenuta dalla conoscenza di massa e densità

Svolgimento Visto il testo del problema possiamo scrivere Svolgimento Il volume della sfera e di conseguenza il suo raggio, è ottenibile dal
rapporto tra massa e densità
 
a + b = 35 5 + b + b = 35 4 3 m
(4.1) (4.4) V = πR =
a − b = 5 a = 5 + b 3 ρF e
s
3m
R= 3
 
a + b = 35 2b = 30 4πρF e
(4.2) (4.5)
a = 5 + b a = 5 + b v
u 30 kg
R=u
3 = 0, 067 m
  t kg
5 + b + b = 35 b = 15 4 · π · 7960
(4.3) (4.6) m3
a = 5 + b a = 20
Il momento di inerzia di quella sfera è quindi
  23
2 2 3m
I = mR2 = m
5 5 4πρF e

I = 0, 018 kg · m2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
29 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - Lab0001 e quindi


m m
Ea−g = Er−g · gM arte = 0, 133 · 3, 732
2
= 0, 496 2
s s
Testo [Lab0001] [2 5 ] Ti trovi su Marte. Hai misurato con un righello la lun-
L’accelerazione di gravità su Marte misurata da te è quindi
ghezza di un pendolo ottenendo L = 98, 5 cm±0.5 cm. Hai poi misurato cinque volte
il periodo di oscillazione del pendolo ottenendo i valori indicati in tabella. Quanto m m
gM arte = 3, 732 2
π0, 496 2
s s
vale l’accelerazione di gravità di Marte?
più sensatamente scritto come
T1 3,23 s 3,22 s 3,22 s 3,23 s 3,24 s
m m
gM arte = 3, 73 π0, 50 2
s2 s
Spiegazione La fisica del pendolo ci dice che
s
L
T = 2π
g

La misura di L e di T permette di calcolare g. Le incertezze di misura su L e su T si


propagano di conseguenza sul risultato di g

Svolgimento Cominciamo con il caloclare il valore del periodo di oscillazione del


pendolo con i relativi errori
2 · 3, 22 s + 2 · 3, 23 s + 3, 24 s
T = = 3, 228 s
5
3, 24 s − 3, 22 s
Ea−T = = 0, 01 s
2
0, 01 s
Er−T = = 0, 0031
3, 228 s
Calcoliamo adesso l’errore di misura si L
0, 005 m
Er−L = = 0, 0051
0, 985 s
Calcoliamo adesso il valore di g ed il suo errore relativo
L m
gM arte = 4π 2 2
= 3, 732 2
T s
Visto che le due misure sono trate tra loro divise, avremo che
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
c = Er−L + 2 · Er−T = 0, 133
30 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - Lab0002 Problema di: Laboratorio - Lab0003

Testo [Lab0002] [1 3 ] Hai misurato con un cronometro la durata dell’oscillazio- Testo [Lab0003] [2 3 ] Vogliamo misurare la velocità di un’auto che viaggia
ne di un pendolo ottenendo i seguenti risultati: T0 = 12, 4 s, T1 = 12, 3 s, T2 = 12, 3 s, a circa V = 10 ms con un errore relativo Er−V = 2%. Per farlo cronometriamo in
T3 = 12, 6 s, T4 = 12, 6 s, T5 = 12, 2 s, T6 = 12, 4 s. Quanto vale il periodo di oscil- quanto tempo tale auto percorre una distanza ∆S = 20, 0 m±0, 1 m. Quale incertezza
lazione di quel pendolo? Quanto vale l’errore assoluto sulla misura? Quanto vale assoluta deve avere il cronometro che dovremo utilizzare?
l’errore relativo sulla misura?
Spiegazione Ogni misura ha sempre un certo livello di incertezza. La misura della
Spiegazione Per misurare una grandezza fisica spesso è opportuno ripetere la mi- velocità si ottiene dividendo la misura della distanza percorsa per il tempo trascorso:
sura molte volte per avere un’idea chiara non solo del valore della grandezza, ma V = ∆S ∆t . L’errore relativo sulla velocità sarà la somma degli errori relativi sullo
soprattutto delle incertezze sperimentali sulla misuta effettuata. spostamento e sul tempo.

∆S
Svolgimento Per prima cosa calcoliamo il valore medio delle misure ottenute: Svolgimento Considerando che V = ∆t allora avremo

T0 + T1 + T2 + T3 + T4 + T5 + T6 Er−V = Er−∆S + Er−∆t


Tmed = = 12, 4 s
7
0, 1 m
L’incertezza sperimentale la si calcola ora scrivendo: Er−∆t = Er−V − = 1, 5%
20, 0 m
Tmax − Tmin L’incertezza del cronometro deve quindi essere al massimo
Errass = = 0, 2 s
2
∆S 20 m
Il risultato della misura è quindi Ea−∆t = Er−∆t · ∆t = Er−∆t · = 1, 5% · = 0, 03 s
V 10 m
s

T = 12, 4 s ± 0, 2 s

Con un errore relativo


0, 2 s
Erel = = 0, 016 = 1, 6%
12, 4 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 10 Feb 2018
31 Scheda4. Generalità: soluzioni

Problema di: Laboratorio - Lab0004

Testo [Lab0004] [1 1 ] Su di una bilancia vengono messi tre oggetti la cui massa
risulta: m1 = 54 kg,m2 = 22, 8 kg e 2, 48 kg. Scrivi la misura della massa complessiva
di tali oggetti indicando l’errore di misura.

Spiegazione Quando si realizza una misura è sempre presente un errore di misura.


Se non viene indicato si assume essere di un’unità sull’ultima cifra diversa da zero
del valore misurato.

Svolgimento Scriviamo i tre valori di massa misurati e la loro somma:



m1 = 54 kg ± 1 kg


m2 = 22, 8 kg ± 0, 1 kg ⇔ mtot = 79, 28 kg ± 1, 11 kg


m3 = 2, 48 kg ± 0, 01 kg

Visto il valore dell’errore, il modo più saggio di scriverlo è

mtot = 79 kg ± 1 kg

Autore: Andrea de Capoa 10 Feb 2018


Cinematica: soluzioni Scheda 5
Problema di: Cinematica - C0015ban (a) Un oggetto ruota con una frequenza ν = 4 Hz lungo un percorso circolare
di raggio r = 2 m. Quale accelerazione centripeta subisce?
Testo [C0015ban] [0 9 ] Esercizi banali di Cinematica: [ac = 1263, 3 sm2 ]
(b) Un oggetto si muove di moto circolare uniforme con velocità V = 50 m s
1. Moto rettilineo uniforme lungo un percorso circolare di raggio r = 2 m. Con quale velocità angolare
ω si sta muovendo? Quanto tempo impiega a fare un giro?
(a) Quanto spazio percorre in un tempo ∆t = 70 s un oggetto che si muove
[ω = 25 rad
s ; ∆t = 0, 25 s]
con velocità costante V = 80 m
s ?
[∆S = 5600 m] (c) Un pilota di Formula1 subisce in curva accelerazioni laterali di circa 4g.
Se sta facendo curve ad una velocità V = 150 Kmh , quanto vale il raggio
(b) Quanto spazio percorre in un tempo ∆t = 70 s un oggetto che si muove della curva?
con velocità costante V = 80 Km
h ? [r = 44, 3 m]
[∆S = 1555, 6 m]
(c) Quanto tempo impiega un pallone da calcio ad arrivare in porta se calciato Spiegazione In questo esercizio ho raccolto tutte quelle domande banali che pos-
ad una velocità V = 25 m s da una distanza ∆S = 30 m? Ipotizziamo che il
sono essere fatte su questo argomento. Per banale si intende un problema nel quale
pallone viaggi sempre alla stessa velocità lungo il suo tragitto. la domanda consiste semplicemente nel fornire dei dati da inserire in una formula.
[∆t = 1, 2 s] Non è quindi richiesta alcuna particolare capacità di ragionamento, ne particolari
doti matematiche. Questo esercizio serve unicamente ad aquisire dimestichezza con
2. Moto uniformemente accelerato l’esecuzione dei conti numerici con le unità di misura.

(a) Quanto spazio percorre in un tempo di ∆t = 5 s un oggetto che si muove


Svolgimento
con un’accelerazione costante a = 2 sm2 e che parte con una velocità iniziale
Vi = 5 m
s nella stassa direzione e nello stesso verso dell’accelerazione?
1. Moto rettilineo uniforme
[∆S = 50 m]
(a)
m
(b) Un oggetto viene fatto cadere dal tetto di una casa partendo da fermo. Se ∆S = V · ∆t = 80 · 70 s = 5600 m
s
arriva a terra dopo un tempo ∆t = 3 s, quanto è alta la casa?
(b)
[h = 44, 1 m] km 1000 m
∆S = V · ∆t = 80 · 70 s = 80 · 70 s = 1555, 6 m
(c) Un oggetto viene fatto cadere dentro un pozzo partendo da fermo. Se h 3600 s
arriva al fondo del pozzo dopo un tempo ∆t = 4 s, quanto è profondo il (c) Usando la formula inversa
pozzo? ∆S 30 m
[h = 78, 4 m] ∆t = = = 1, 2 s
V 25 m
s

3. Moto circolare uniforme 2. Moto uniformemente accelerato

32
33 Scheda5. Cinematica: soluzioni

(a) Problema di: Cinematica - C0001


1 1 m m
∆S = a∆t2 + Vi ∆t = · 2 2 · 25 s2 + 5 · 5 s = 50 m
2 2 s s
Testo [C0001] [1 3 ] Un’automobile viaggia alla velocità costante V1 = 120 km h
(b)
1 1 m m per un tempo ∆t1 = 2 h; successivamente si ferma per un tempo ∆t = 1 h, ed infine
∆S = a∆t2 + Vi ∆t = · 9, 8 2 · 9 s2 + 0 · 3 s = 44, 1 m riparte viaggiando alla velocità costante V2 = 90 km
2 2 s s h per un tempo ∆t2 = 4 h. A

(c) quale velocità media ha viaggiato l’automobile?


1 1 m m
∆S = a∆t2 + Vi ∆t = · 9, 8 2 · 16 s2 + 0 · 4 s = 78, 4 m
2 2 s s Spiegazione Il percorso del ciclista è suddiviso in due fasi, in ognuna delle quali
3. Moto circolare uniforme si muove di moto rettilineo uniforme. Indipendentemente da questo, per il calcolo
della velocità media serve conoscere lo spazio complessivamente percorso dall’auto,
(a)
m ed il tempo totale da essa impiegato a percorrerlo.
ac = 4π 2 ν 2 r = 4 · (3, 14)2 · 16 Hz 2 · 2 m = 1263, 3
s2
(b) Svolgimento La lunghezza del primo tratto vale
V 50 m s rad
ω== = 25
r 2m s ∆S1 = V1 · ∆t1 = 240 km
2πr 2 · 3, 14 · 2 m
T = = = 0, 25 s
V 50 m s La lunghezza del secondo tratto vale
(c)
 2 ∆S2 = V2 · ∆t2 = 360 km
150 m
V2 3,6 ·
s
r= = = 44, 3 m La velocità media tenuta dall’automobile sul percorso complessivo vale:
ac 4· 9, 8 sm2
∆S1 + ∆S2 240 km + 360 km km
Vmedia = = = 85, 71
∆t1 + ∆t + ∆t2 2h + 1h + 4h h

Questo calcolo tiene anche conto del fatto che la macchina è stata ferma per un
certo periodo di tempo.

Esercizi concettualmente identici

1. Una persona percorre un tratto di strada lungo ∆S1 = 50 metri in un tempo


∆t1 = 20 secondi; successivamente percorre un secondo tratto lungo ∆S2 =
30 metri in un tempo ∆t2 = 15 secondi. Quale velocità media ha tenuto nel
primo tratto? Quale nel secondo tratto? Quale su tutto il percorso?
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
[Vm1 = 2.5 m m m
s ; Vm2 = 2 s ; Vmt = 2.286 s ]
34 Scheda5. Cinematica: soluzioni

2. Un ciclista affronta una salita lunga ∆S1 = 10 km in un tempo ∆t1 = 2 h e la Problema di: Cinematica - C0002
successiva discesa lunga ∆S2 = 30 km in un tempo ∆t1 = 0.5 h. Quale velocità
media ha tenuto in salita? Quale in discesa? Quale sull’intero percorso? Testo [C0002] [2 1 ] Un’automobile viaggia alla velocità costante V1 = 120 km h
[Vms = 5 km km km
h ; Vmd = 60 h ; Vmt = 16 h ]
e deve superare un camion che viaggia alla velocità costante V2 = 90 km
h . Sapendo
che il camion è lungo l2 = 11 m e che la macchina è lunga l1 = 4 m, quanto tempo
dura il sorpasso?

Spiegazione Viaggiando sia l’automobile che il camion a velocità costante l’unica


equazione che ci serve è quella del moto rettilineo uniforme. Per eseguire il sorpasso,
la macchina deve percorrere un tratto di strada pari alla somma tra la lunghezza del-
la macchina e del camion; la macchina avrà, rispetto al camion, una velocità relativa
pari alla differenza tra la veocità dell’auto e quella del camion.

Svolgimento dalla legge del moto rettilineo uniforme avremo

∆S l1 + l2 15 m 15 m
∆t = = = = 1000 m = 1, 8 secondi
Vrel V1 − V2 30 km
h
30 3600 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
35 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0003 Problema di: Cinematica - C0004

Testo [C0003] [2 3 ] Un fucile spara orizzontalmente un proiettile con velocità Testo [C0004] [2 5 ] Una automobile, partendo da ferma, percorre un tratto di
iniziale Vix = 800 ms contro un bersaglio posto alla distanza ∆Sx = 400 m. A quanti strada ∆S1 muovendosi per un tempo ∆t1 = 10 s con un’accelerazione a = 1, 2 sm2 .
centimetri sotto la linea di tiro viene colpito il bersaglio? Successivamente percorre un tratto di strada ∆S2 con velocità costante per un tempo
∆t2 = 30 s. Quanto è lungo il tratto di strada complessivamente percorso dalla
Spiegazione Il proiettile si muove di moto parabolico, cioè contemporaneamente macchina? A quale velocità media ha viaggiato la macchina?
di moto rettilineo uniforme in orizzontale e di moto uniformemente accelerato in
verticale. Mentre il proiettile si muove in avanti, contemporaneamente cade. Quindi Spiegazione L’automobile si muove inizialmente di moto uniformemente accele-
si tratta di sapere di quanto cade nel tempo che impiega il proiettile a raggiungere il rato partendo da ferma fino ad una certa velocità alla fine del primo tratto. Poi
bersaglio mantiene tale velocità costante nel secondo tratto di strada (moto rettilineo unifor-
me). La lunghezza del tratto di strada complessivamente percorso è pari alla somma
Svolgimento Considerando il moto rettilineo uniforme in orizzontale, calcoliamo delle lunghezze dei due tratti percorsi.
in quanto tempo il proiettile raggiunge il bersaglio:

∆Sx 400 m Svolgimento Con le equazioni del moto uniformemente accelerato calcoliamo quan-
∆t = = = 0, 5 s to è lungo il primo tratto di strada e quale velocità raggiunge l’automobile.
Vix 800 m
s

Calcoliamo adesso di quanto cade il proiettile nell’intervallo di tempo appena tro- 1


∆S1 = a∆t21 + Vi ∆t1
vato. Teniamo presente che la velocità iniziale in verticale Viy = 0; infatti il proiettile 2
veniva sparato orizzontalmente. 1 m
∆S1 = · 1, 2 2 · 100 s2 + 0 m = 60 m
2 s
1 1 m
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t = · 9, 8 2 · 0, 25 s2 = 1, 225 m = 122, 5 cm
2 2 s
Vf = Vi + ∆V = Vi + a · ∆t1
m m m
Vf = 0 + 1, 2 2 · 10 s = 12 2
s s s
Raggiunta questa velocità, l’auto si muove con velocità costante e quindi di moto
rettilineo uniforme:

m
∆S2 = Vf · ∆t2 = 12 · 30 s = 360 m
s2
Il tratto di strada complessivamente percorso sarà daso dalla somma dei due
tratti di strada, e la velocità media tenuta sarà:

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


∆Stot = ∆S1 + ∆S2 = 420 m
36 Scheda5. Cinematica: soluzioni

∆Stot 420 m Problema di: Cinematica - C0005


Vmedia = =
∆ttot 40 s
m Testo [C0005] [1 2 ] Un atleta sta correndo una gara sulla distanza L = 10000 m
Vmedia = 10, 5
s
viaggiando a velocità costante V = 5 m
s Se ha già corso per un tempo ∆t = 8 min
quanto gli manca al traguardo?

Spiegazione L’atleta si sta muovendo di moto rettilineo uniforme in quanto la


sua velocità è costante. Calcolandoci quanti metri ha già percorso, per differenza
possiamo trovare quanti metri mancano al traguardo

Svolgimento Prima di tutto convertiamo il tempo di gara in secondi

∆t = 8 min = 480 s

Lo spazio già percorso dall’atleta è


m
∆S = V · ∆t = 5 · 480 s = 2400 m
s
La distanza ancora da percorrere è

D = L − ∆S = 10000 m − 2400 m = 7600 m

Esercizi concettualmente identici

1. Ipotizziamo che un centometrista corra i 100 m della sua gara ad una velocità
costante V = 9.9 m
s ; quanto dista dal traguardo dopo un tempo ∆t = 3 s dalla
partenza?
[∆Sr = 70, 3 m]

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


37 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0006 Esercizi concettualmente identici

1. Due ciclisti si stanno dirigendo verso il traguardo della corsa. Il ciclista in


Testo [C0006] [2 3 ] In una partita di calcio un attaccante si dirige verso il por-
testa viaggia ad una velocità V1 = 65 km
h , quello che lo segue viaggia ad una
tiere avversario con velocità costante V1 = 6 m s ; il pallone si trova tra i due giocatori km
velocità V2 = 70 h . Con quale velocità l’inseguitore si sta avvicinando al
e si muove verso il portiere con velocità Vp = 2 m s ; il portiere si muove verso il pal-
ciclista davanti a lui?
lone alla velocità V2 = 5 m s . La distanza tra l’attaccante ed il pallone è ∆S1 = 4 m;
[Vrel = 5 km
h ]
la distanza tra il pallone ed il portiere è ∆S2 = 8 m. Chi arriva prima a prendere il
pallone? 2. In un incidente stradale due auto si scontrano frontalmente. Entrambe viag-
giavano ad una velocità V = 45 km h . A quale velocità relativa è avvenuto lo
Spiegazione In questo esercizio ci sono due giocatori che si muovono verso un scontro?
oggetto anch’esso in movimento. Ognuno dei due giocatori si avvicina al pallone [Vrel = 90 km
h ]
con una velocità data dalla composizione delle velocità del giocatore e del pallone.
Per stabilire chi arriva prima sul pallone bisogna stabilire chi impiega meno tempo a 3. In un incidente stradale due auto si tamponano. L’auto che viene tamponata
raggiungerlo. viaggiava ad una velocità V = 45 km h , l’altra viaggiava ad una velocità V =
65 km
h . A quale velocità relativa è avvenuto lo scontro?
km
Svolgimento La velocità con cui l’attaccante si avvicina al pallone vale [Vrel = 20 h ]

m 4. Un treno che viaggia alla velocità V = 30 km h passa in stazione senza fermarsi.


V1p = V1 − Vp = 4
s Sul treno un passeggero sta camminando alla velocità V = 30 km h nello stesso
La velocità con cui il portiere si avvicina al pallone vale verso in cui si muove il treno. Le persone in stazione, quardando il passeggero
m attraverso i vetri, a quale velocità lo vedono muoversi?
V2p = V2 + Vp = 7 [Vrel = 60 km
s h ]

Il tempo impiegato dall’attaccante a raggiungere il pallone vale

∆S1 4m
∆t1 = = m = 1s
V1p 4 s

Il tempo impiegato dal portiere a raggiungere il pallone vale

∆S2 8m
∆t2 = = m = 1, 14 s
V2p 7 s

Per questo motivo l’attaccante arriva prima

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
38 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0007 Problema di: Cinematica - C0008

Testo [C0007] [1 3 ] Una persona percorre un tragitto lungo ∆Sa = 100 m in un Testo [C0008] [2 3 ] Un fucile spara orizzontalmente un proiettile alla veloci-
tempo ∆ta = 20 s; successivamente si ferma per un intervallo di tempo ∆tb = 10 s tà iniziale Vix = 800 m s contro un bersaglio alla distanza ∆Sx = 160 m. Di quanti
e successivamente un tragitto ∆Sc = 50 m in un tempo ∆tc = 25 s. A quale velocità centimetri sotto la linea di tiro la pallottola colpirà il bersaglio? (Si trascuri l’effetto
media ha viaggiato nel primo tratto ∆Sa ? A quale velocità media ha viaggiato nel dell’attrito con l’aria)
secondo tratto ∆Sc ? A quale velocità media ha viaggiato complessivamente?
Spiegazione Un proiettile in volo si muove di moto parabolico, cioè di moto rettili-
Spiegazione In questo problema non è possibile specificare in quale tipo di moto neo uniforme in orizzontale e di moto uniformemente accelerato in verticale. Mentre
stia viaggiando la persona; è però possibile calcolare la velocità media tenuta dalla il proiettile si muove in avanti, contemporaneamente cade verso il basso.
persona in un certo tratto. Attenzione a non fare il classico errore di confondere la
velocità media con la media delle velocità. Svolgimento Nello svolgimento di questo problema, indicheremo con una x a pe-
dice tutte le grandezze fisiche che hanno a che fare con il movimento in orizzontale,
Svolgimento Nel primo tratto la velocità media vale ed indicheremo con una y a pedice tutte le grandezze che hanno a che fare con il
movimento in verticale.
∆Stot 100 m m
Vm−a = = =5 Il proiettile si muove di moto rettilineo uniforme in orizzontale
∆ttot 20 s s
Nel secondo tratto la velocità media vale ∆Sx = Vix ∆t
∆Stot 50 m m
Vm−c = = =2 dove con ∆t si intende il tempo di volo del proiettile dal fucile al bersaglio
∆ttot 25 s s
Complessivamente, contando quindi anche la pausa tenuta dalla persona tra i ∆Sx 160 m
∆t = = = 0, 2 s
Vix 800 m
due tragitti, avremo che s

Dobbiamo chiederci adesso di quanto cade un oggetto in quell’intervallo di tem-


∆Stot 100 m + 50 m m
Vm−abc = = = 2, 73 po. Ricordiamoci che il proiettile veniva sparato orizzontalmente e quindi la compo-
∆ttot 20 s + 10 s + 25 s s
nente verticale della veocità del proiettile vale zero.

1 1 m
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t = · 9, 8 2 · 0, 04 s2 = 0, 196 m = 19, 6 cm
2 2 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
39 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0008a Problema di: Cinematica - C0009

Testo [C0008a] [2 3 ] Un fucile spara un proiettile orizzontalmente con velocità Testo [C0009] [2 2 ] Un oggetto si trova ad una certa altezza e viene sparato
Vix = 800 m s ; il bersaglio viene colpito ∆Sy = 19, 6 cm sotto la linea di tiro. Quanto verso l’alto con una velocità iniziale Vi = 4 m
s . Sapendo che arriverà a terra dopo un
si trova distante il bersaglio? (Si trascuri l’effetto dell’attrito con l’aria) tempo ∆t = 2 sec, quanto si trovava in alto?

Spiegazione Un proiettile in volo si muove di moto parabolico, cioè di moto rettili- Spiegazione In questo esercizio è facile capire che l’oggetto si muove di moto uni-
neo uniforme in orizzontale e di moto uniformemente accelerato in verticale. Mentre formementre accelerato dal momento che agisce l’accelerazione di gravità. Bisogna
il proiettile si muove in avanti, contemporaneamente cade verso il basso. però stare attenti alla scelta del sistema di riferimento e mantenere i conti coerenti
con tale scelta. Se scegliamo di posizionare il sistema di riferimento rivolto verso
Svolgimento Nello svolgimento di questo problema, indicheremo con una x a pe- l’alto, allora tutti i vettori verso l’alto devono essere scritti nelle formule con il segno
dice le grandezze fisiche relative al moto in orizzontale, e una y a pedice le grandezze positivo e tutti i vettori verso il basso con il segno negativo.
relative al moto in verticale.
Il proiettile si muove di moto uniformemente accelerato in verticale, quindi Svolgimento Per sapere l’altezza iniziale dell’oggetto, sapendo che da tale altezza
arriva fino a terra, sarà sufficiente calcolare il suo spostamento ∆S, tenendo presente
1
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t che tale spostamento, essendo un vettore verso il basso, risulterà di valore negativo.
2
dove con ∆t si intende il tempo di volo del proiettile dal fucile al bersaglio. La velo- 1
∆S = g∆t2 + Vi ∆t
cità iniziale in verticale è nulla in quanto il proiettile è stato sparato in orizzontale 2
1  m m
1 ∆S = · −9, 8 2 · 4 s2 + 4 · 2s
∆Sy = g∆t2 2 s s
2
∆S = −19, 6 m + 8 m = −11, 6 m

L’oggetto ha quindi percorso un certo tragitto (si è mosso verso l’alto per poi
s s
2∆Sy 2 · 0, 196 m
∆t = = = 0, 2 s ricadere) ma si è spostato di 11, 6 m dal punto di partenza fino a terra. L’oggetto si
g 9, 8 sm2
trovava quindi all’altezza di 11,6 m
Il proiettile si muove di moto rettilineo uniforme in orizzontale. Utilizzando
l’equazione del moto corrispondente avremo la risposta al problema.

m
∆Sx = Vix ∆t = 800 · 0, 2 s = 160 m
s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
40 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0010 Problema di: Cinematica - C0011

Testo [C0010] [2 4 ] Un tennista durante il servizio colpisce orizzontalmente la Testo [C0011] [2 4 ] Un’auto ha velocità Vi = 108 km h e comincia a rallentare fino
pallina all’altezza hi = 2 m imprimendole una velocità iniziale Vix = 30 m s . Sapendo
km
alla velocità Vf = 72 h . La frenata dura ∆t = 4 sec. Calcola l’accelerazione subita
che la rete nel punto più alto è alta hr = 1, 07 m e che tale rete si trova alla distanza dall’auto e indicane il verso. Quanta strada ha fatto l’auto durante la frenata?
∆Sx = 11, 89 m dalla riga di fondo, calcola a quanti centimetri da terra la pallina
passa sopra la rete. Spiegazione Questo problema parla di un’automobile che si muove con accelera-
zione costante, quindi di moto uniformemente accelerato. Il problema si risolve-
Spiegazione La pallina, lanciata orizzontalmente verso la rete, si muove di moto rà utilizzando le equazioni del moto uniformemente accelerato. Sarà importante
parabolico, cioè di moto rettilineo uniforme in orizzontale e di moto uniformemente ricordarsi di convertire l’unità di misura della velocità per poi eseguire i conti.
accelerato in verticale. mentre la pallina di sposta verso la rete, contemporaneamen-
te cade; sapendo di quanto cade rispetto all’altezza iniziale dalla quale è partita, Svolgimento Cominciamo con il convertire i valori delle velocità:
possiamo stabilire se passa sopra la rete o no.
km 1000 m m
Vi = 108= 108 = 30
h 3600 s s
Svolgimento Cominciamo con l’analizzare il moto rettilineo uniforme in orizzon-
km 1000 m m
tale Vf = 72 = 72 = 20
h 3600 s s
∆Sx = Vix ∆t Le equazioni del moto uniformemente accelerato sono:
∆Sx 11, 89 m
∆t = = = 0, 396 s 1
Vix 30 ms ∆V = a∆t ∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2
Durante questo intervallo di tempo la pallina cade di
dalla prima equazione possiamo ricavare l’accelerazione subita dall’automobile
1 1 m 2
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t = · 9, 8 2 · (0, 396 s) = 0, 77 m = 77 cm 20 m m
−10 m
2 2 s ∆V Vf − Vi s − 30 s s m
a= = = = = −2, 5 2
∆t ∆t 4s 4s s
Quindi la pallina passa sopra la rete all’altezza da terra h2 = hi −∆Sy = 1, 23 m =
123 cm il segno meno indica che l’accelerazione è opposta alla velocità iniziale dell’auto-
mobile, ed è per questo motivo che l’automobile sta rallentando.
Utilizzando adesso la seconda equazione

1  m m
∆S = · −2, 5 2 · 16 s2 + 30 · 4 s = 100 m
2 s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
41 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0012 Problema di: Cinematica - C0013

Testo [C0012] [1 2 ] Due automobili stanno percorrendo a velocità costante Testo [C0013] [1 1 ] Se mi muovo in avanti di ∆S1 = 600 m, e poi a destra di
due strade che si incrociano. La prima automobile dista dall’incrocio ∆S1 = 600 m e ∆S2 = 800 m, quanti metri ho percorso? Di quanti metri mi sono spostato rispetto al
sta viaggiando ad una velocità V1 = 30 ms . La seconda automobile dista dall’incrocio punto di partenza? Disegna i due spostamenti e lo spostamento totale.
∆S2 = 800 m. A quale velocità deve viaggiare la seconda macchina affinchè si scontri
con la prima? Spiegazione La grandezza fisica chiamata Spostamento è una grandezza vettoriale,
cioè ha tre caratteristiche (modulo, direzione e verso) e si può rappresentare con un
Spiegazione Per prima cosa osserviamo che le due automobili viaggiano a velocità vettore. In questo problema i due vettori spostamento sono perpendicolari tra loro,
costante e quindi si muovono di moto rettilineo uniforme. Questo ci permette di sta- quindi il vettore somma altro non è se non l’ipotenusa di un triangolo rettangolo
bilire che l’unica formula da utilizzare è quella del moto uniforme ∆S = V · ∆t. Os- che per cateti ha i due vettori indicati dal problema. Ovviamente il moulo dello
serviamo inoltre che affinchè le due auto si scontrino devono arrivare all’incrocio nel- spostamento totale è la distanza tra il punto di partenza ed il punto di arrivo, e non
lo stesso istante, quindi il tempo impiegato dalla prima auto ad arrivare all’incrocio è da confondersi con il numero di metri percorsi. Il numero di metri percorsi è la
deve essere uguale al tempo impiegato dalla seconda auto. lunghezza del percorso seguito.

Svolgimento Cominciamo con il calcolare quanto tempo impiega la prima auto per Svolgimento La lunghezza del percorso fatto (cioè il numero di metri percorsi) è
arrivare all’incrocio la somma delle lunghezza dei due spostamenti
∆S1 = V1 ∆t1
∆ltot = ∆S1 + ∆S2 = 1400 m
∆S1 600 m
∆t1 = = = 20 s
V1 30 m
s Lo spostamento totale è la somma vettoriale dei due spostamenti e vale
Sapendo che affinchè ci sia uno scontro le due auto devono impiegare lo stesso q p
tempo per arrivare all’incrocio ∆Stot = ∆S12 + ∆S22 = 360000 m2 + 640000 m2 = 1000 m

∆t2 = ∆t1 = 20 s ∆S2

quindi la seconda automobile deve viaggiare alla velocità


∆S1 ∆Stot
∆S2 800 m m
V2 = = = 40
∆t2 20 s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
42 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0013a Problema di: Cinematica - C0014

Testo [C0013a] [1 1 ] Se mi muovo verso nord di ∆S1 = 600 m, e poi verso Testo [C0014] [2 3 ] Un cannone spara orizzontalmente un proiettile da una
est di ∆S2 = 300 m, ed infine verso sud di ∆S3 = 200 m, quanti metri ho percor- postazione rialzata, con una velocità iniziale orizzontale V ~ix = 200 m . Dopo un
s
so? Di quanti metri mi sono spostato rispetto al punto di partenza? Disegna i tre tempo ∆t = 2 s colpisce il suo bersaglio. Quanto distante si trova il bersaglio in linea
spostamenti e lo spostamento totale. orizzontale? Quanto più in basso rispetto all’altezza del cannone?

Spiegazione La grandezza fisica chiamata Spostamento è una grandezza vettoriale, Spiegazione Il proiettile sparato dal cannone si muove di moto parabolico; mentre
cioè ha tre caratteristiche (modulo, direzione e verso) e si può rappresentare con un il proiettile avanza, contemporaneamente cade. Per risolvere il problema è neces-
vettore che parte dal punto di partenza ed arriva nel punto di arrivo. sario analizzare il moto rettilineo uniforme in orizzontale e il moto uniformemente
accelerato in verticale.
Svolgimento La lunghezza del percorso fatto (cioè il numero di metri percorsi) è
la somma delle lunghezza dei tre spostamenti Svolgimento Cominciamo con l’analizzare il moto rettilineo uniforme in orizzon-
tale
Ltot = ∆S1 + ∆S2 + ∆S3 = 1100 m m
∆Sx = Vix ∆t = 200 · 4 s = 800 m
s
Lo spostamento totale è la somma vettoriale dei tre spostamenti. Per calcolar- Tenendo conto che il proiettile è stato sparato in orizzontale, per cui Viy = 0,
la dobbiamo osservare che lo spostamento richiesto è l’ipotenusa di un triangolo durante l’intervallo di tempo il proiettile cade di
rettangolo di cateti rispettivamente a = ∆S2 = 300 m e b = ∆S1 − ∆S3 = 400 m
1 1 m
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t = · 9, 8 2 · 4 s2 = 19, 6 m
p p 2 2 s
∆Stot = ∆a2 + ∆b2 = 90000 m2 + 160000 m2 = 5000 m

~2
∆S
~1
∆S ~3
∆S
~tot
∆S

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
43 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0016 Problema di: Cinematica - C0017

Testo [C0016] [2 4 ] Due oggetti vengono lanciati uno verso il basso e l’altro Testo [C0017] [2 3 ] Un pallone viene lanciato verso l’alto con una velocità
verso l’alto, entrambi con una velocità iniziale Vi = 5 m
s . Se entrambi arrivano a iniziale Vi = 10 m
s . Dopo quanto tempo non si è spostato?
terra dopo un tempo ∆t = 4 s, quanto si trovavano in alto? [∆t = 2, 04 s]
[ha = 98, 4 m; hb = 58, 4 m]
Spiegazione In questo problema sul moto uniformemente accelerato viene chiesto
Spiegazione In questo problema due oggetti vengono lanciati con la stessa velocità di trovare in quanto tempo l’oggetto in questione ha fatto un certo spostamento. dal
in due direzioni opposte. Dal momento che arrivano entrambi a terra contempora- momento che il tempo, nell’equazione oraria del moto uniformemente accelerato,
neamente, se ne deduce che quello lanciato verso il basso doveva trovarsi più in alto. compare al secondo grado, allora per risolvere il problema serve saper risolvere le
La particolarità di questo esercizio è che i dati numerici del problema sono gli stessi equazioni di secondo grado.
per entrambi gli oggetti, ma le due situazioni sono di fatto differenti.
Svolgimento L’equazione del moto uniformemente accelerato è:
Svolgimento L’altezza a cui si trovano i due oggetti coincide con lo spostamento
1
che fanno. ∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2
Per il primo oggetto:
altrimenti scrivibile come
1 1 m m
ha = ∆Sa = g∆t2 + Vi−a ∆t = · 9, 8 2 · 16 s2 + 5 · 4 s = 98, 4 m 1
2 2 s s a∆t2 + Vi ∆t − ∆S = 0
2
Per il secondo oggetto:
Risolvendo l’equazione in funzione del tempo avremo che:
1 1 m m
hb = ∆Sb = g∆t2 + Vi−b ∆t = · 9, 8 2 · 16 s2 − 5 · 4 s = 58, 4 m p
2 2 s s −Vi ±Vi2 + 2a∆S
∆t1,2 =
In questo caso il valore della velocità iniziale viene messo negativo in quanto è a
un vettore opposto ai vettori spostamento ed accelerazione, i quali sono stati messi In questo esercizio lo spostamento richiesto all’oggetto è zero, per cui ∆S = 0 e
positivi. quindi

∆t1 = 0

−2Vi −2 · 10 ms
∆t2 = = = 2, 04 s
a −9, 8 sm2
Da notare che il valore dell’accelerazione di gravità è stato messo negativo in
quanto diretta dalla parte opposta rispetto alla velocità iniziale. Guardiamo adesso i
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
valori ottenuti: la prima soluzione indica che l’oggetto non si è spostato nel momento
44 Scheda5. Cinematica: soluzioni

stesso della partenza... e quasta è la soluzione ovvia. Il secondo risultato riguarda il Problema di: Cinematica - C0018
caso in cui l’oggetto, laciato in aria, nel ricadere a terra per un singolo istante si trova
nelòla posizione iniziale, e quindi in quell’istante il suo spostamento è nullo. Testo [C0018] [1 5 ] Un’auto da corsa alla fine di una gara dista dal traguardo
∆S1t = 600 m e viaggia a velocità costante V1 = 80 m s ; una seconda auto dista dal
traguardo ∆S2t = 500 m e viaggia a velocità costante V2 = 50 m s . Chi vince la gara?
Dopo quanto tempo l’auto più veloce sorpassa quella più lenta? Quando l’auto che
vince taglia il traguardo, a che distanza dal traguardo si trova l’auto che perde?
[∆t1 = 7, 5 s;∆t2 = 10 s;Vince la prima auto; ∆tsorp = 3, 33 s; d = 125 m]

Spiegazione In questo problema entrambe le auto viaggiano a velocità costante,


quindi si muovono di moto rettilineo uniforme. L’unica formula da usare sarà quindi
∆S = V · ∆t.

Svolgimento Alla prima domanda si risponde stabilendo quale automobile impie-


ga meno tempo ad arrivare al traguardo.

∆S1 600 m
∆t1 = = = 7, 5 s
V1 80 ms

∆S2 500 m
∆t2 = = = 10 s
V2 50 ms

Vince quindi la prima macchina, in quanto, anche se più lontana, ci impiega meno
tempo a raggiungere il traguardo.
La macchina più veloce si sta avvicinando a quella più lenta, da lei distante

∆Srel = S1 − S2 = 100 m

con una velocità relativa


m
Vrel = V1 − V2 = 30
s
Il sorpasso avverrà dopo un tempo

∆Srel 100 m
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 ∆tsorp = = = 3, 33 s
Vrel 30 ms
45 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Abbiamo visto che l’auto vincitrice taglia il traguardo dopo ∆t1 = 7, 5 s; in quello Problema di: Cinematica - C0019
stesso tempo l’auto più lenta percorre
m Testo [C0019] [1 1 ] Un ascensore con dentro una persona comincia la sua
∆S2 = V2 · ∆t1 = 50 · 7, 5 s = 375 m corsa in salita partendo con accelerazione a = 2 sm2 . Quanto vale l’accelerazione
s
complessiva subita dalla persona?
L’auto dista quindi dal traquardo

d = ∆S2t − ∆S2 = 500 m − 375 m = 125 m Spiegazione In questo problema abbiamo una persona che subisce due accele-
razioni. L’accelerazione totale sarà semplicemente la somma vettoriale delle due
accelerazioni subite.

Svolgimento La prima accelerazione che la persona subisce è l’accelerazione di


gravità verticale verso il basso del valore g = 9, 8 sm2
La seconda accelerazione che la persona subisce è causata dal movimento del-
l’ascensore. visto che l’ascensore si muove verso l’alto con accelerazione a = 2 sm2 ,
allora la persona all’interno dell’ascensore deve percepire un’accelerazione uguale
in valore ma rivolta verso il basso.
L’accelerazione totale risulta quindi
m
atot = g + a = 11, 8
s2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
46 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0020 Problema di: Cinematica - C0021

Testo [C0020] [1 1 ] Se in macchina eseguo una frenata con accelerazione a = Testo [C0021] [1 3 ] Una moto si muove con velocità costante V1 = 72 km h inse-
6 sm2 , quanto vale e verso dove e diretta l’accelerazione totale che subisco? km
guendo un’auto che si muove con velocità costante V2 = 54 h . Sappiamo che in un
certo istante iniziale l’auto ha ∆t = 10 min di vantaggio sulla moto. Quanti metri di
Spiegazione In questo problema abbiamo una persona che subisce due accele- distanza ci sono tra l’auto e la moto all’istante iniziale? Dopo quanto tempo la moto
razioni. L’accelerazione totale sarà semplicemente la somma vettoriale delle due raggiunge l’auto?
accelerazioni subite.
Spiegazione In questo problema abbiamo due corpi che si muovono entrambi di
Svolgimento La prima accelerazione che la persona subisce è l’accelerazione di moto rettilineo uniforme a differenti velocità. La moto insegue l’auto e, visto che si
gravità verticale verso il basso del valore g = 9, 8 sm2 muove più velocemente, prima o poi la raggiunge.
La seconda accelerazione che la persona subisce è causata dal movimento dell’au-
to. Visto che l’auto frena con accelerazione a = 2 sm2 indietro rispetto al movimento Svolgimento Sappiamo che all’istante iniziale l’auto ha Deltat = 10 min di van-
dell’auto, allora la persona all’interno dell’ascensore deve percepire un’accelerazione taggio sulla moto, quindi l’auto ha già percorso
uguale in valore ma rivolta in avanti rispetto al movimento dell’auto.
km km 1 h
I due vettori accelerazione sono tra loro perpendicolari, quindi ∆S = Vauto ∆t = 54 · 10 min = 54 · = 9 km
h h 6
p m e questo valore è il vantaggio dell’auto sulla moto.
atot = g 2 + a2 = 11, 5
s2 La moto si avvicina all’auto con una velocità relativa
ed è diretta diagonalmente in avanti verso il basso, come si può constatare effet-
km
tuando la somma con il metodo grafico. Vrel = Vmoto − Vauto = 18
h
Quindi la moto raggiunge l’auto dopo un tempo

∆S 9 km
∆t = = = 0, 5 h = 30 min
Vrel 18 km
h

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
47 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0022 Problema di: Cinematica - C0022a

Testo [C0022] [1 1 ] Due lepri si rincorrono rispettivamente alla velocità costan- Testo [C0022a] [1 1 ] Due lepri, distanti tra loro ∆S = 12 m, corrono una verso
te V1 = 5 m m
s e V2 = 3 s , e distano inizialmente ∆S = 12 m. Dopo quanto tempo il l’altra con velocità costanti V1 = 5 m m
s e V2 = 3 s . Dopo quanto tempo si scontrano?
più veloce raggiunge il più lento?
Spiegazione In questo problema abbiamo due corpi che si muovono entrambi di
Spiegazione In questo problema abbiamo due lepri che si muovono entrambe di moto rettilineo uniforme a differenti velocità. i due corpi di dirigono uno verso l’altro
moto rettilineo uniforme a differenti velocità. La lepre più veloce insegue la più lenta fino a scontrarsi.
raggiungendola.
Svolgimento Ognuna delle due lepri vede l’altra venirle addosso con una velocità
Svolgimento La lepre veloce si avvicina a quella lenta con una velocità relativa relativa
m
m Vrel = V1 + V2 = 8
Vrel = V1 − V2 = 2 s
s Quindi si scontrano dopo un tempo
Quindi lo raggiunge dopo un tempo
∆S 12 m
∆t = = m = 1, 5 s
∆S 12 m Vrel 8 s
∆t = = m = 6s
Vrel 2 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
48 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0023 Problema di: Cinematica - C0024

Testo [C0023] [2 2 ] Un atleta deve correre una gara lunga ∆Stot = 60 m. Par- Testo [C0024] [1 4 ] Giorgio percorre ∆S1 = 7 hm e successivamente si muove
m m
tendo con una velocità iniziale Vi = 4 , ha già corso per un tempo ∆t = 3 s con per un tempo ∆t1 = 3 min viaggiando alla velocità V1 = 4 . Marco percorre una
s s
m distanza ∆S2 = 0, 6 M iglia e successivamente si muove per un tempo ∆t2 = 0, 1 h
un’accelerazione costante a = 0, 5 2 . Quanti metri mancano al traguardo? m
s viaggiando alla velocità V2 = 2 . Chi ha percorso più strada?
s
Spiegazione In questo problema l’atleta ha già percorso un certo tratto di strada.
Per sapere quanti metri mancano al traguardo è necessario calcolarsi quanti metri Spiegazione In questo problema due persone si muovono... basta calcolare per
ha già percorso e sottrarre questo valore alla lunghezza complessiva della gara. Sa- entrambe quanta strada hanno fatto.
pendo che l’atleta si muove con accelerazione costante, se ne deduce che si muove
di moto uniformemente accelerato; questa informazione è determinante per sapere Svolgimento La distanza che ha percorso Giorgio vale:
quali formule utilizzare per calcolarsi quanti metri ha già percorso.
∆S = ∆S1 + V1 · ∆t1
m m
Svolgimento La strada che l’atleta ha già percorso vale: ∆S = 7 hm + 4 · 3 min = 700 m + 4 · 180 s = 1420 m
s s
1 La distanza che ha percorso Marco vale:
∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2
∆S = ∆S1 + V1 · ∆t1
1 m m
∆S = · 0, 5 2 · 9 s2 + 4 · 3 s = 14, 25 m
2 s s m m
∆S = 0, 6 M iglia + 2 · 0, 1 h = 0, 6 · 1600 m + 2 · 0, 1 · 3600 s = 1680 m
La strada che deve ancora percorrere vale: s s
Marco ha fatto un po’ più di strada.
∆Smancante = ∆Stot − ∆S = 60 m − 14, 25 m = 45, 75 m

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
49 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0025 risultato negativo afferma che nel suo movimento l’oggetto si trovava a terra in un
certo istante nel passato. Visto che l’oggetto all’istante iniziale si muoveva verso
Testo [C0025] [2 4 ] Un oggetto viene lanciato verso l’alto da un’altezza hi = l’alto, questo vuol dire in effetti che proveniva da un punto più un basso.
30 m con una velocità iniziale Vi = 5 m
s . Dopo quanto tempo arriva a terra?

Spiegazione In questo problema sul moto uniformemente accelerato viene chiesto


di trovare in quanto tempo l’oggetto in questione ha fatto un certo spostamento. dal
momento che il tempo, nell’equazione oraria del moto uniformemente accelerato,
compare al secondo grado, allora per risolvere il problema serve saper risolvere le
equazioni di secondo grado.

Svolgimento Consideriamo il sistema di riferimento con l’origine nel terreno e


rivolto verso l’alto.
L’equazione del moto uniformemente accelerato è:
1
∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2
altrimenti scrivibile come
1
a∆t2 + Vi ∆t − ∆S = 0
2
Risolvendo l’equazione in funzione del tempo avremo che:
p
−Vi ±Vi2 + 2a∆S
∆t1,2 =
a
In questo esercizio lo spostamento richiesto all’oggetto è ∆S = −30 m; l’accele-
razione di gravità è a = g = −9, 8 sm2 .

∆t1 = −2, 02 s

∆t2 = 3, 04 s
Da notare che il valore dell’accelerazione di gravità è stato messo negativo in
quanto diretta dalla parte opposta rispetto al verso del sistema di riferimento. Guar-
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
diamo adesso i valori ottenuti: la soluzione positiva è la risposta al problema; il
50 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0026 Problema di: Cinematica - C0027

Testo [C0026] [1 2 ] Un oggetto viene lasciato cadere, partendo da fermo, in un Testo [C0027] [1 2 ] Un atleta corre una gara alla velocità costante V = 4 ms .
pozzo, e ne tocca il fondo dopo un tempo ∆t = 2 s. Quanto è profondo il pozzo? Sapendo che al traguardo manca ∆S2 = 3800 m, e che la gara è iniziata da ∆t =
5 min, quanti metri è lunga tutta la gara?
Spiegazione In questo problema sul moto uniformemente accelerato viene chie-
sto di trovare di quanto si è spostato l’oggetto in questione nell’intervallo di tempo Spiegazione Nel testo del problema viene specificato che l’atleta si muove con ve-
indicato. E’ sufficiente applicare la formula del moto uniformemente accelerato. locità costante, e quindi di moto rettilineo uniforme. Sapendo da quanto tempo è
iniziata la gara e sapendo la velocità dell’atleta ci si può calcolare la distanza già
Svolgimento L’equazione del moto uniformemente accelerato è: percorsa. Sapendo poi la distanza rimanente, possiamo calcolare la lunghezza totale
della gara.
1
∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2
Svolgimento La distanza già percorsa dall’atleta è
L’accelerazione in questione è l’accelerazione di gravità.
m m
1 m ∆S1 = V · ∆t = 4 · 5 min = 4 · 300 s = 1200 m
∆S = · 9, 8 2 · 4 s2 + 0 = 19, 6 m s s
2 s
La lunghezza totale della gara è quindi

∆Stot = ∆S1 + ∆S2 = 1200 m + 3800 m = 5000 m

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
51 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0028 Problema di: Cinematica - C0029

Testo [C0028] [1 3 ] Su di un campo da calcio rettangolare di dimensioni l = Testo [C0029] [1 4 ] Un corpo si muove come indicato dal seguente grafico
100 m e h = 70 m, Marco e Luigi si muovono da un vertice del rettangolo a quello spazio-tempo. Indica: la massima distanza dal punto di partenza, il numero di ore
opposto. Marco si muove lungo il perimetro, mentre Luigi si muove lungo la diago- complessivo in cui è stato fermo, la velocità media complessiva, la velocità massima.
nale del campo. Sapendo che Marco corre alla velocità VM = 6 ms e che Luigi corre
m 8 S(km)
più lento alla velocità VL = 5 s , chi arriva prima?
6
Spiegazione Marco percorre un certo tratto di strada ad una certa velocità. Luigi 4
percorre un tratto di strada più corto viaggiando ad una velocità minore. Per sapere 2
t(h)
chi arriva prima a destinazione bisogna calcolare i tempi che ci impiegano.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Svolgimento La distanza percorsa da Marco è


Spiegazione Un grafico spazio-tempo indica la distanza di un corpo, in funzione del
∆SM = l + h = 170 m tempo, dal punto di riferimento. Linee rette indicano velocità costanti; linee verso
l’alto indicano che il corpo si allontana dal punto di riferimento; linee orizzontali
La distanza percorsa da Luigi è pari alla lunghezza della diagonale del rettangolo indicano che il corpo è fermo. La pendenza della retta indica la velocità del corpo.
p
∆SL = l2 + h2 ∼ 122 m
Svolgimento
Il tempo impiegato da Marco è
• La massima distanza la si ha alla fine del quinto tratto con ∆Smax = 8 km
∆SM 170 m
∆tM = = = 28, 3 s • I tratti orizzontali del grafico durano ∆tf ermo = ∆t2 + ∆t4 = 5 h
VM 6ms
∆Stot 8 km km
Il tempo impiegato da Luigi è • La velocità media complessiva la troviamo con Vm = = = 0, 8
∆ttot 10 h h
∆SL 122 m • La velocità massima del corpo la si ha nel quinto tratto in quanto è il più ripido.
∆tL = = = 24, 2 s
VL 5ms In qul tratto il corpo percorre ∆S5 = 2 km in un tempo ∆t5 = 1 h e quindi
∆S5 km
Luigi Arriva prima di Marco avremo una velocità V5 = =2
∆t5 h

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
52 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0029a Problema di: Cinematica - C0029b

Testo [C0029a] [1 4 ] Un corpo si muove come indicato dal seguente grafico Testo [C0029b] [1 4 ] Un corpo si muove come indicato dal seguente grafico
spazio-tempo. Indica: la massima distanza dal punto di partenza, il numero di ore spazio-tempo. Indica: la massima distanza dal punto di partenza, il numero di ore
complessivo in cui è stato fermo, la velocità media complessiva, la velocità massima. complessivo in cui è stato fermo, la velocità media complessiva, la velocità massima.
8 S(km) 8 S(km)
6 6
4 4
2 2
t(h) t(h)
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Spiegazione Un grafico spazio-tempo indica la distanza di un corpo, in funzione del
Spiegazione Un grafico spazio-tempo indica la distanza di un corpo, in funzione del
tempo, dal punto di riferimento. Linee rette indicano velocità costanti; linee verso
tempo, dal punto di riferimento. Linee rette indicano velocità costanti; linee verso
l’alto indicano che il corpo si allontana dal punto di riferimento; linee orizzontali
l’alto indicano che il corpo si allontana dal punto di riferimento; linee orizzontali
indicano che il corpo è fermo. La pendenza della retta indica la velocità del corpo.
indicano che il corpo è fermo. La pendenza della retta indica la velocità del corpo.
Svolgimento
Svolgimento
• La massima distanza la si ha alla fine del primo tratto con ∆Smax = 6 km
• La massima distanza la si ha alla fine del secondo tratto con ∆Smax = 8 km
• I tratti orizzontali del grafico durano ∆tf ermo = ∆t2 + ∆t4 = 2 h
• I tratti orizzontali del grafico durano ∆tf ermo = ∆t3 + ∆t5 = 2 h
• La velocità scalare media nel percorso di ritorno la troviamo con
∆S0 h→8 h 6 km + 6 km km • La velocità media scalare nel percorso complessivo la troviamo con
Vm = = = 1, 5
∆t0 h→8 h 8h h ∆S0 h→8 h 11 km km
La velocità media vettoriale è invece nulla, visto che il corpo, essendo ritornato Vm = = = 1, 1
∆t0 h→8 h 10 h h
al punto di partenza, non si è spostato

~
• La velocità massima del corpo la si ha nel primo tratto e nell’ultimo in quanto
∆Stot
Vm = =0 sono i più ripidi. In quei tratti il corpo percorre ∆S1 = 4 km in un tempo
∆ttot ∆S1 km
∆t1 = 2 h e quindi avremo una velocità V1 = =2
• La velocità massima del corpo la si ha nel primo tratto in quanto è il più ripido. ∆t1 h
In quel tratto il corpo percorre ∆S1 = 6 km in un tempo ∆t1 = 2 h e quindi
∆S1 km
avremo una velocità V1 = =3
∆t1 h
Autore: Andrea de Capoa 9 Mar 2016
53 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0030 Problema di: Cinematica - C0031

Testo [C0030] [1 3 ] Una bicicletta viaggia per un tempo ∆t1 = 2 h alla velocità Testo [C0031] [1 4 ] Un ciclista affronta una salita lunga ∆S1 = 10 km ad una
V1 = 20 km km
h e successivamente per un tempo ∆t2 = 3 h alla velocità V2 = 30 h . velocità media Vm1 = 10 ms e la successiva discesa lunga ∆S2 = 30 km in un tempo
Quale velocità media ha tenuto? ∆t2 = 40 min. In quanto tempo ha percorso il tratto in salita? Quale velocità media
ha tenuto in discesa? Quale sull’intero percorso?
Spiegazione La bicicletta percorre due tratti di strada differenti a due velocità dif-
ferenti. Dal momento che per calcolare una velocità media devo calcolarmi la lun- Spiegazione Il percorso del ciclista è suddiviso in due fasi, ognuna delle quali vede
ghezza del percorso totale e la durata del percorso totale, devo prima calcolarmi le il ciclista muoversi di moto rettilineo uniforme. Indipendentemente da questo, per
distanze percorse dalla bicicletta. il calcolo della velocità media serve conoscere lo spazio complessivamente percorso
dal ciclista, ed il tempo totale da egli impiegato a percorrerlo.
Svolgimento La lunghezza del primo percorso è
Svolgimento Il tempo impiegato dal ciclista a percorrere il primo tratto vale
km
∆S1 = V1 · ∆t1 = 20 · 2 h = 40 km
h ∆S1 10000 m
∆t1 = = = 1000 s
La lunghezza del secondo percorso è V1 10 m
s

km La velocità media tenuta nel primo tratto vale


∆S2 = V2 · ∆t2 = 30 · 3 h = 90 km
h ∆S2 30000 m m
V2 = = = 12, 5
La velocità media su tutto il percorso vale ∆t2 40 · 60 s s
∆Stot 130 km km La velocità media tenuta dall’automobile sul percorso complessivo vale:
Vm = = = 26
∆ttot 5h h
∆S1 + ∆S2 10 km + 30 km m
Vmedia = = = 11, 76
∆t1 + ∆t2 1000 s + 40 · 60 s s

Autore: Andrea de Capoa 9 Mar 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
54 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0032 Problema di: Cinematica - C0033

Testo [C0032] [1 1 ] Dopo quanto tempo si scontrano due auto, entrambe che Testo [C0033] [1 3 ] Un ciclista affronta una salita lunga ∆S1 = 21 km ad una
viaggiano una contro l’altra alla velocità costante V = 80 km
h , se distano tra loro velocità media Vm1 = 7 m s e la successiva discesa lunga ∆S2 = 30 km ad una velocità
m
∆S = 2 km? media Vm2 = 15 s . In quanto tempo ha percorso il tratto in salita? In quanto tempo
ha percorso il tratto in discesa? Quale velocità media ha tenuto sull’intero percorso?
Spiegazione In questo problema due auto viaggiano con velocità costante una
contro l’altra. Il moto è quindi moto rettilineo uniforme. Spiegazione In questo esercizio abbiamo un ciclista che si muove di moto rettilineo
uniforme per ognuno dei vari tratti di strada.
Svolgimento Le due auto si avvicinano alla velocità
Svolgimento Per il tempo impiegato in salita avremo:
km
Vrel = V + V = 160
h ∆S1 21000 m
∆t1 = = = 3000 s
Il tempo che impiegheranno quindi a scontrarsi è V1 7ms

∆S 2 km km Per il tempo impiegato in discesa avremo:


∆t = = km
= 0, 0125
Vrel 160 h h ∆S2 30000 m
∆t2 = = = 2000 s
V2 15 m
s

Lavelocità media su tutto il percorso sarà

∆S1 + ∆S2 51000 m m


Vm = = = 10, 2
∆t1 + ∆t2 5000 s s

Autore: Andrea de Capoa 4 Apr 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
55 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0034 Problema di: Cinematica - C0035

Testo [C0034] [2 3 ] Un fucile spara un proiettile orizzontalmente con velocità Testo [C0035] [1 1 ] Un atleta corre una gara lunga ∆Stot = 10000 m alla velo-
Vix = 200 m
s ; il bersaglio si trova 2 cm sotto la linea di tiro e viene colpito nel centro. cità V = 4 ms . Sapendo che al traguardo manca ∆S2 = 4000 m, da quanto tempo la
Quanto si trova distante il bersaglio? gara è iniziata?

Spiegazione Un proiettile in volo si muove di moto parabolico, cioè di moto rettili- Spiegazione L’atleta si sta muovendo di moto rettilineo uniforme in quanto la sua
neo uniforme in orizzontale e di moto uniformemente accelerato in verticale. Mentre velocità è costante. Calcolandoci quanti metri ha già percorso, e successivamente
il proiettile si muove in avanti, contemporaneamente cade verso il basso. quanto tempo è stato impiegato a percorrerli.

Svolgimento Nello svolgimento di questo problema, indicheremo con una x a pe- Svolgimento La distanza già percorsa è
dice tutte le grandezze fisiche che hanno a che fare con il movimento in orizzontale,
ed indicheremo con una y a pedice tutte le grandezze che hanno a che fare con il D = ∆Stot − ∆S2 = 10000 m − 4000 m = 6000 m
movimento in verticale.
Essa è stata percorsa in un tempo
Il proiettile viene sparato orizzontalmente e quindi la componente verticale del-
la veocità del proiettile vale zero. Il moto di caduta è un moto uniformemente D
∆t = = 1500 s
accelerato, quindi V

1
∆Sy = g∆t2 + Viy ∆t
2
1
∆Sy = g∆t2
2
s s
2∆Sy 2 · 0, 02 m
∆t = = = 0, 0639 s
g 9, 8 sm2
Il proiettile si muove di moto rettilineo uniforme in orizzontale

m
∆Sx = Vix ∆t = 200 · 0, 0639 s = 12, 78 m
s

Autore: Andrea de Capoa 17 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
56 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0036 Problema di: Cinematica - C0037

Testo [C0036] [2 4 ] Un’automobile sta viaggiando alla velocità Vi = 36 km h Testo [C0037] [1 2 ] Un oggetto si sta inizialmente muovendo alla velocità Vi =
e comincia a frenare con accelerazione costante a = 0.5 sm2 . Dopo quanto tempo si 10 m m
s . Esso subisce un’accelerazione costante a = 2 s2 nella stessa direzione della
ferma? Quanto spazio ha percorso da quando ha cominciato a frenare? velocità ma con verso opposto, per un tempo ∆t = 3 s. Quale sarà la sua velocità
finale?
Spiegazione Questo problema parla di un’automobile che si muove con accelera-
zione costante, quindi di moto uniformemente accelerato. Il problema si risolverà Spiegazione In questo esercizio il corpo si muove con accelerazione costante, e
utilizzando le equazioni del moto uniformemente accelerato. Sarà importante ri- quindi di moto uniformemente accelerato.
cordarsi di convertire l’unità di misura della velocità per poi eseguire i conti. Fate
attenzione ai segni da assegnare alle grandezze fisiche. Svolgimento Indichiamo positivi i valori dei vettori con verso uguale alla velocità
iniziale dell’oggetto. La variazione di velocità causata dalla presenza dell’accelera-
Svolgimento Cominciamo con il convertire il valore della velocità: zione è
m m
∆V = a · ∆t = −2 2 · 3 s = −6
km 1000 m m s s
Vi = 36 = 108 = 10
h 3600 s s cioè un vettore opposto alla velocità iniziale del corpo.
Le equazioni del moto uniformemente accelerato sono: La velocità finale sarà
~f = V
V ~ i + ∆V~
1
∆V = a∆t ∆S = a∆t2 + Vi ∆t
2 cioè
dalla prima equazione possiamo ricavare la durata della frenata
~f = V
V ~ = 10 m − 6 m = 4 m
~ i + ∆V
m m s s s
∆V Vf − Vi 0 − 10
s s
∆t = = = = 20 s
a a −0, 5 sm2

il segno meno dato all’accelerazione indica che essa è opposta alla velocità inizia-
le dell’automobile, ed è per questo motivo che l’automobile sta rallentando.
Utilizzando adesso la seconda equazione

1  m m
∆S = · −0, 5 2 · 400 s2 + 10 · 20 s = 100 m
2 s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Giu 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
57 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0037a Problema di: Cinematica - C0038

Testo [C0037a] [1 2 ] Un oggetto si sta inizialmente muovendo alla velocità Testo [C0038] [2 3 ] Un treno sta percorrendo a velocità costante V = 160 km h
Vi = 10 m m
s . Esso subisce un’accelerazione costante a = 2 s2 nella stessa direzione la linea ferroviaria Torino-Milano. All’istante ti = 900 s il treno si trova a Si = 50 km
della velocità e con lo stesso verso, per un tempo ∆t = 3 s. Quale sarà la sua velocità dal punto di riferimento. Scrivi la legge oraria del moto. Dove si troverà il treno
finale? all’istante t1 = 1800 s ? Dove si troverà quando sarà trascorso in tempo ∆t = 1, 5 h
dopo l’istante t1 ?
Spiegazione In questo esercizio il corpo si muove con accelerazione costante, e
quindi di moto uniformemente accelerato. Spiegazione In questo esercizio parliamo di moto rettilineo uniforme in quanto
la velocità è stata definita costante. L’unica formula da utilizzare sarà l’equazione
Svolgimento La variazione di velocità causata dalla presenza dell’accelerazione è oraria del moto
m m ∆S = v · ∆t
∆V = a · ∆t = 2 2
· 3s = 6
s s
nella stessa direzione e verso del’accelerazione. La velocità finale sarà Svolgimento L’equazione oraria del moto è

~f = V
V ~ i + ∆V
~ ∆S = v · ∆t

cioè che nel nostro caso possiamo scrivere come


m m m
Vf = Vi + ∆V = 10 +6 = 16
s s s Sf − Si = v · (tf − ti )
Il segno più è stato messo in quanto la variazione di velocità è un vettore con lo
stesso verso della velocità iniziale del corpo. Se l’asse cartesiano su cui avvieme il movimento lo indichiamo con la lettera x,
la generica posizione x al tempo t la indichiamo con

xf − xi = v · (tf − ti )

x − xi = v · (t − ti )

km
x = 160 · (t − 0, 25 h) + 50 km
h

km
x = 160 · t + 10 km
h

Autore: Andrea de Capoa 23 Lug 2017 Autore: Andrea de Capoa 23 Lug 2017
58 Scheda5. Cinematica: soluzioni

All’istante t1 il treno si troverà nella posizione Problema di: Cinematica - C0039

km
x1 = 160 · 0, 5 h + 10 km = 90 km Testo [C0039] [2 2 ] Un cannone spara un proiettile con una velocità iniziale
h
Vi = 500 m m
s ; nel punto di massima altezza il proiettile ha velocità Vf = 300 s . Quanto
All’istante t2 = t1 + ∆t = 7200 s il treno si troverà nel punto
vale il modulo della variazione di velocità? Quanto tempo ha impiegato il proiettile
km a raggiungere il punto di massima altezza?
x2 = 160 · 2 h + 10 km = 370 km
h
Spiegazione In questo problema si parla di un moto uniformemente accelerato.
L’accelerazione è l’accelerazione di gravità g = 9, 8 sm2 . Per sapere di quanto varia il
~i e V
vettore velocità è necessario disegnare i vettori V ~f e sottrarli tra loro. Il tempo
impiegato lo si trova poi facilmente utilizzando la definizione di accelerazione

6
∆Sy

V~f
4

2 V~i

∆Sx
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Fig. 5.1: Traiettoria di un proiettile che si muove di moto parabolico. In arancione è rappresentato il vettore
velocità, sempre tangente alla traiettoria del proiettile.

Autore: Andrea de Capoa 19 Set 2017


59 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Svolgimento Un moto parabolico è la com- Problema di: Cinematica - C0040


V~i
posizione di un moto rettilineo uniforme in
orizzontale con un moto uniformemente acce- Testo [C0040] [1 1 ] Una persona si trova su di un ascensore. Se l’ascensore si
lerato in verticale. La componente orizzontale muove con un’accelerazione a = 2 sm2 verso l’alto, quale accelerazione complessiva
della velocità è quindi costante. Nel punto di percepisce la persona?
massima altezza la V ~f è quindi la componen-
~ =V
∆V ~f − V
~i
~
te orizzontale di Vi . E’ evidente che la varia- Spiegazione In questo esercizio si chiede di determinare quanto vale l’accelerazio-
zione di velocità corrisponde alla componente V~f ne percepitra dalla persona all’iterno del sistema di riferimento dell’ascensore. Visto
verticale della velocità iniziale che l’acensore subisce un’accelerazione, la persona all’interno percepisce un’accele-
trazione opposta, che si va a sommare con l’accelerazione di gravità.
~ =V
∆V ~iy = V
~i − V
~f

Svolgimento L’accelerazione percepita dalla persona è


Ne segue che il modulo della variazione di velocità lo si calcolerà
m m m
q m a = 9, 8 + 2 2 = 11 2
∆V = Vi2 − Vf2 = 400 s2 s s
s
verso il basso
Il tempo impiegato a raggiungere il punto di massima altezza lo si trova con

∆V 400 m s
∆t = = = 40, 8 s
g 9, 8 sm2

Autore: Andrea de Capoa 20 Set 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2017
60 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0041 Problema di: Cinematica - C0042

Testo [C0041] [1 1 ] Una persona si trova su di un ascensore. Se l’ascensore si Testo [C0042] [2 3 ] Un cannone spara un proiettile con una velocità iniziale
muove con un’accelerazione a = 2 sm2 verso il basso, quale accelerazione complessiva Vi = 500 m m
s ; nel punto di massima altezza il proiettile ha velocità Vh = 300 s . Quan-
percepisce la persona? to vale il modulo della velocità Vf del proiettile al momento dell’impatto al suolo?
Quanto vale il modulo della variazione di velocità? Quanto tempo ha impiegato il
Spiegazione In questo esercizio si chiede di determinare quanto vale l’accelerazio- proiettile a raggiungere il punto di impatto al suolo?
ne percepitra dalla persona all’iterno del sistema di riferimento dell’ascensore. Visto
che l’acensore subisce un’accelerazione, la persona all’interno percepisce un’accele- Spiegazione In questo problema si parla di un moto uniformemente accelerato.
trazione opposta, che si va a sommare con l’accelerazione di gravità. L’accelerazione è l’accelerazione di gravità g = 9, 8 sm2 . Per sapere di quanto varia il
~i e V
vettore velocità è necessario disegnare i vettori V ~f e sottrarli tra loro. Il tempo
Svolgimento L’accelerazione percepita dalla persona è impiegato lo si trova poi facilmente utilizzando la definizione di accelerazione
m m m 6
a = 9, 8 −2 2 =7 2
s2 s s ∆Sy
verso il basso 5

V~h
4

2 V~i

∆Sx
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

V~f

Fig. 5.2: Traiettoria di un proiettile che si muove di moto parabolico. In arancione è rappresentato il vettore
velocità, sempre tangente alla traiettoria del proiettile.
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
61 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Svolgimento Un moto parabolico è la com- Problema di: Cinematica - C0043


V~i
posizione di un moto rettilineo uniforme in
orizzontale con un moto uniformemente acce- Testo [C0043] [2 3 ] Un cannone spara orizzontalmente un proiettile con una
lerato in verticale. La componente orizzonta- velocità iniziale Vix = 100 m
s . Quanto vale il modulo della velocità Vf del proiettile
le della velocità è quindi costante. Nel punto dopo un tempo ∆t = 15 s?
di massima altezza la V ~h è quindi la compo-
~
nente orizzontale di Vi e di V ~f . Inoltre sap- Spiegazione In questo problema si parla di un moto uniformemente accelerato.
piamo che la velocità finale del proiettile de- L’accelerazione è l’accelerazione di gravità g = 9, 8 sm2 . Per sapere quanto vale il
ve esserein modulo uguale alla velocità inizia- ~ix e V
vettore velocità finale è necessario disegnare i vettori V ~y e sommarli tra loro.
le. La differenza è nel verso della componente
verticale della velocità. 6
∆Sy
m
Vf = Vi = 500 5
s V~f ∆V
~ =V
~f − V
~i

E’ evidente che la variazione di velocità corrisponde al doppio della componente V~ix


4
verticale della velocità finale

~ = 2V
∆V ~f y = V
~f − V
~i 3

Ne segue che il modulo della variazione di velocità lo si calcolerà


2
q m
∆V = 2 Vf2 − Vh2 = 800
s 1
Il tempo impiegato a raggiungere il punto di massima altezza lo si trova con
∆Sx
m
∆V 800 s 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
∆t = = m = 81, 6 s
g 9, 8 s2

V~f

Fig. 5.3: Traiettoria di un proiettile che si muove di moto parabolico. In arancione è rappresentato il vettore
velocità, sempre tangente alla traiettoria del proiettile.

Autore: Andrea de Capoa 20 Set 2017


62 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Svolgimento Un moto parabolico è la com- Problema di: Cinematica - C0044a


V~ix
posizione di un moto rettilineo uniforme in
orizzontale con un moto uniformemente acce- Testo [C0044a] [2 4 ] Un corpo si muove come indicato dal seguente grafi-
lerato in verticale. La componente orizzontale co velocità-tempo. Indica: la velocità massima, il numero di ore in cui l’oggetto ha
della velocità è quindi costante. Sappiamo che velocità costante, l’accelerazione massima, la distanza percorsa, la velocità media.
~y 8 V ( km
Vy = Viy + ∆V = 0 + a · ∆t V h )
6
V~f
E’ evidente che la velocità finale è data da 4
q q 2
Vf = Vix 2 +V2 =
y
2 + (g · ∆t)2
Vix t(h)
r 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
m2  m 2 m
Vf = 1002 2 + 9, 8 2 · 15 s = 178
s s s Spiegazione Un grafico velocità-tempo indica la velocità di un corpo in movimento
in funzione del tempo. Linee rette indicano accelerazioni costanti. La pendenza del-
la retta indica l’accelerazione del corpo. Le linee verso l’alto indicano accelerazioni
positive (nello stesso verso della velocità); le linee verso il basso indicano accelera-
zioni negative (con verso opposto della velocità); linee orizzontali indicano che il
corpo ha accelerazione nulla e quindi velocità costante. Lo spostamento effettuato
corrisponde all’area racchiusa sotto la curva.
Svolgimento

• La velocità massima corrisponde al maggior valore assunto nel grafico: Vmax =


6 km
h

• L’oggetto ha avuto velocità costante tra l’istante t1 = 6 h e l’istante t2 = 10 h


quando cioè il grafico è una retta orizzontale; quindi ∆t = 4 h

• L’accelerazione massima la si ha quando il grafico ha la massima pendenza,


cioè tra gli istanti t1 = 4 h e t2 = 6 h e vale
∆V2 km
amax = =2 2
∆t h
• La distanza percorsa corrisponde all’area racchiusa sotto la curva, cioè:
0 km km
2 km km
 
Autore: Andrea de Capoa 20 Set 2017 h +2 h · 4h h +6 h · 2h km
∆S = + +6 · 4 h = 36 km
2 2 h
63 Scheda5. Cinematica: soluzioni

• La velocità media sarà quindi Problema di: Cinematica - C0044b

∆Stot 36 km km
Vm = = = 3, 6 Testo [C0044b] [2 4 ] Un corpo si muove come indicato dal seguente grafi-
∆ttot 10 h h
co velocità-tempo. Indica: la velocità massima, il numero di ore in cui l’oggetto ha
velocità costante, l’accelerazione massima, la distanza percorsa, la velocità media.

8 V ( km
h )
6
4
2
t(h)
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Spiegazione Un grafico velocità-tempo indica la velocità di un corpo in movimento


in funzione del tempo. Linee rette indicano accelerazioni costanti. La pendenza del-
la retta indica l’accelerazione del corpo. Le linee verso l’alto indicano accelerazioni
positive (nello stesso verso della velocità); le linee verso il basso indicano accelera-
zioni negative (con verso opposto della velocità); linee orizzontali indicano che il
corpo ha accelerazione nulla e quindi velocità costante. Lo spostamento effettuato
corrisponde all’area racchiusa sotto la curva.
Svolgimento
• La velocità massima corrisponde al maggior valore assunto nel grafico: Vmax =
4 km
h

• L’oggetto ha avuto velocità costante tra l’istante t1 = 6 h e l’istante t2 = 10 h


quando cioè il grafico è una retta orizzontale; quindi ∆t = 4 h

• L’accelerazione massima la si ha quando il grafico ha la massima pendenza,


cioè tra gli istanti t1 = 5 h e t2 = 6 h e vale
∆V2 km
amax = = −2 2
∆t2 h
• La distanza percorsa corrisponde all’area racchiusa sotto la curva, cioè:
0 km km
4 km km
 
Autore: Andrea de Capoa 9 Mar 2016 h +4 h · 5h h +2 h · 1h km
∆S = + +2 · 4 h = 21 km
2 2 h
64 Scheda5. Cinematica: soluzioni

• La velocità media sarà quindi Problema di: Cinematica - C0045

∆Stot 21 km km
Vm = = = 2, 1 Testo [C0045] [2 4 ] Un’automobile esce da un parcheggio partendo da ferma
∆ttot 10 h h
con una accelerazione costante. Contemporaneamente un camion le si sta avvicinan-
do, e si trova Sic = 30 m dietro di lei viaggiando alla velocità Vc = 20 m
s . Con quale
accelerazione deve muoversi l’auto per non essere tamponata dal camion?

Spiegazione In questo problema conosciamo la posizione e la velocità di due mez-


zi nell’istante iniziale. Possiamo quindi utilizzare le equazioni orarie del moto per
sapere se i due mezzi occuperanno la stessa posizione nello stesso istante.

Svolgimento Consideriamo come istante iniziale ti = 0 s. Indichiamo con l’indice


c il camion e con l’indice a l’automobile. Avremo:

Sc = Vc · t + Sci
1
Sa = · a · t2 + Vai · t
2
Lo scontro non avviene se
Sa > Sc

1
· a · t2 + Vai · t > Vc · t + Sci
2
1
· a · t2 − Vc · t − Sci > 0
2

a · t2 − 2Vc · t − 2Sci > 0

2Vc 2Sci
t2 − ·t− >0
a a
I due mezzi non si scontrano se
∆ V2 2Sci
= c2 + <0
4 a a
Autore: Andrea de Capoa 9 Mar 2016
Sapendo che l’accelerazione dell’auto deve essere positiva e che Sic < 0
65 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0046


Vc2 < −2Sci a
Testo [C0046] [2 4 ] Un proiettile viene lanciato dal tetto di un palazzo, con una
Vc2 400 m
2
m velocità iniziale Vi = 15 m s inclinata verso l’alto rispetto all’orizzontale di un angolo
s2
a> = = 6, 67 2 ◦
α = 30 , verso un palazzo di uguale altezza distante ∆Sx = 40 m. Quanti metri sotto
−2Sci 60 m s
al tetto viene colpito il secondo palazzo?

Spiegazione Il proiettile si muove di moto uniformemente accelerato. Con i dati si


può ricavare il calore delle componenti verticale ed orizzontale della velocità.

Svolgimento Le due componenti orizzontale e verticale della velocità iniziale sono



V = V cos α = 14, 7 m
ix i s
Viy = Vi sin α = 8, 5 m
s

Il problema chiede di calcolare lo spostamento verticale del proiettile quando ha


raggiunto il secondo palazzo. Il tempo che ci impiega è

∆Sx 40 m
∆t = = = 2, 72 s
Vi cos α 14, 7 m
s

Ora possiamo calcolare lo spostamento verticale

1 1  m m
∆Sy = a∆t2 + Viy ∆t = · −9, 8 2 · 7, 4 s2 + 8, 5 · 2, 72 s = −13, 1 m
2 2 s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
66 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0047 Problema di: Cinematica - C0048

Testo [C0047] [2 3 ] Due automobili si muovono perpendicolarmente tra loro Testo [C0048] [3 4 ] Un automobilista sta viaggiando alla velocità Vi = 90 km h .
partendo dalla stessa posizione con velocità costanti rispettivamente Va = 12 m
s e
Ad un certo punto si accorge di un ostacolo sulla strada alla distanza d = 140 m.
m
Vb = 16 s Quanto distano tra loro dopo un tempo ∆t = 5 s? A causa dei tempi di reazione, comincia a frenare dopo un tempo ∆t1 = 0, 2 s. Da
quando comincia a frenare impiega un tempo ∆t2 = 10 s prima di fermarsi. Colpirà
Spiegazione In questo problema due auto viaggiano con velocità costante in dire- l’ostacolo?
zioni perpendicolari tra loro. Il moto è quindi moto rettilineo uniforme. La distanza
tra loro sarà quindi il segmento che unisce le loro posizioni. Questo segmento è l’i- Spiegazione In questo esercizio, l’auto si muove di moto rettilineo uniforme nel
potenusa di un triangolo rettangolo i cui cateti sono gli spostamenti dal punto di tempo in cui l’autista si accorge che deve frenare. Successivamente l’auto di muove
partenza. di moto uniformemente accelerato.

Svolgimento Lo spostamento delle due auto vale: Svolgimento Prima di cominciare a frenare, l’auto percorrerà un tragitto
km m
∆Sa = Va · ∆t = 60 m ∆S1 = Vi · ∆t1 = 90 · 0, 2 s = 25 · 0, 2 s = 5 m
h s
∆Sb = Vb · ∆t = 80 m L’auto comincia adesso a frenare. Indicando con ∆V2 la variazione di velocità
avuta dall’auto nella fase di decelerazione, l’accelerazione con cui l’auto frena è
La distanza tra le due auto varrà
q ∆V2 (0 − 25) m
s m
L= ∆Sa2 + ∆Sb2 = 100 m a= = = −2, 5 2
∆t2 10 s s
L’auto quindi percorre un tragitto
1
∆S2 = a∆t22 + Vi ∆t2
2

1 m m
∆S2 = − · 2.5 2 · 100 s2 + 25 · 10 s = 125 m
2 s s
L’auto quindi, dal momento in cui l’autista si accorge dell’ostacolo, fino al mo-
mento in cui si ferma, percorre in tutto

∆Stot = ∆S1 + ∆S2 = 130 m

Quindi l’auto riesce a fermarsi prima di colpire l’ostacolo.

Autore: Andrea de Capoa 20 Gen 2018


67 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0049 Problema di: Dinamica - C0050

Testo [C0049] [3 4 ] Dalla terrazza di un palazzo, alta Si1 = 40 m da terra, viene Testo [C0050] [3 3 ] Un’auto di massa m = 700 kg sta percorrendo una curva
lanciato un oggetto verso il basso con velocità iniziale Vi1 = 5 m
s . Contemporanea- di raggio r = 20 m alla velocità iniziale Vi = 6 m
s . Mentre percorre la curva accelera
mente viene lanciato da terra un secondo oggetto con velocità iniziale verso l’alto costantemente in modo da arrivare dopo un tempo ∆t = 4 s alla velocità Vf = 10 m s
pari a Vi2 = 15 m
s . A quale altezza da terra si scontrano? continuando sulla stessa curva. Quanto vale l’accelerazione complessiva che subisce
l’auto nell’istante finale?
Spiegazione Entrambi gli oggetti si muovono di moto uniformemente accelerato.
Spiegazione L’auto sta facendo un percorso circolare ed è quindi soggetta ad una
Svolgimento Gli oggetti si scontreranno nell’istante in cui si troveranno nella stes- accelerazione centripeta che dipende dalla velocità ed ad un’accelerazione tangen-
sa posizione. Quindi ziale che fa incremnentare il modulo della velocità tangenziale. Ovviamente, istante
S1 = S2 per istante, la velocità tangenziale aumenta e di conseguenza aumenta anche l’acce-
1 1 lerazione centripeta necessaria per mantenere l’auto lungo la traiettoria della curva.
− g∆t2 + Vi2 ∆t = − g∆t2 − Vi1 ∆t + Si1
2 2 Istante per istante l’accelerazione sarà la somma vettoriale delle due accelerazioni.

Vi2 ∆t = −Vi1 ∆t + Si1 Svolgimento L’accelerazione tangenziale è


Quindi i due oggetti si scontrano dopo un tempo ∆V m
at = =1 2
∆t s
Si1
∆t = = 2s L’accelerazione centripeta nell’istante finale sarà
(Vi2 + Vi1 )
La posizione degli oggetti dopo sue secondi di volo è quindi Vf2 m
ac−f = =5 2
1 r s
S2 = − g∆t2 + Vi2 ∆t = −19, 6 m + 30 m = 10, 4 m
2 L’accelerazione complessiva sarà quindi
Ovviamente la scelta dell’equazione del moto del secondo oggetto è del tutto equi- q √ m m
valente alla scelta dell’equazione del moto del primo oggetto. a = a2t + a2c = 26 2 = 5, 1 2
s s

Autore: Andrea de Capoa 31 Gen 2018 Autore: Andrea de Capoa 31 Gen 2018
68 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0051 Problema di: Cinematica - C0052

Testo [C0051] [2 2 ] Un pendolo su di un ascensore fermo oscilla con un periodo Testo [C0052] [3 2 ] Un oggetto percorre quattro quinti di un tragitto alla velo-
m
T0 = 1 s. Quanto vale il periodo di oscillazione mentre l’ascensore sale con accelera- cità V = 10 e l’ultimo quinto del tragitto a metà di quella velocità. Quale velocità
r s
l media ha tenuto?
zione a = 1, 2 sm2 ? [Un pendolo semplice ha periodo T = 2π , dove l è la lunghezza del
g
pendolo e g l’accelerazione che muove il pendolo]
Spiegazione La velocità media di un corpo è data dal rapporto tra lo spostamento
effettuato ed il tempo impiegato ad effettuarlo
Spiegazione Sull’ascensore in moto accelerato verso l’alto, l’accelerazione percepi-
ta è maggiore e quindi il periodo di oscillazione risulta minore ∆Stot
Vm =
∆ttot
Svolgimento Dalla formula del periodo del pendolo semplice avremo
Svolgimento Il percorso in questione è diviso in due parti di cui una è il doppio
l dell’altra. Il percorso totale è quindi
T02 = 4π 2
g
∆Stot = ∆S1 + ∆S2 = 4d + d
da cui
gT02
l= Il primo tratto di strada viene percorso in un tempo
4π 2
Il periodo del pendolo del pendolo sull’ascensore in accelerazione verso l’alto 4d
∆t1 =
risulta V
l
T 2 = 4π 2 ed ilo secondo tratto di strada in un tempo
g+a
g d 2d
T2 = T2 ∆t2 = =
g+a 0 1 V
2V
v
r
g u 9, 8 m A questo punto possiamo calcolare la velocità media
s2
T = T0 = t m · 1 s = 0, 89 s
u
g+a 11 2
s ∆S1 + ∆S2 5d 5
Vm = = 6d = V
∆t1 + ∆t2 V
6

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
69 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0053 Problema di: Cinematica - C0054

m
Testo [C0053] [2 2 ] Per costruire una base sul suolo di Marte (gm = 3, 711 2 ), Testo [C0054] [2 2 ] Un cannone spara un proiettile con velocità iniziale Vi =
s m
i fisici della NASA hanno pensato ad una stazione circolare rotante attorno ad un 40 ad un angolo α = 60◦ rispetto all’orizzontale. Determina, rispetto al punto di
s
asse di rotazione verticale. Quale accelerazione centrifuga è necessaria affinché al- partenza, le coordinate del punto più alto della traiettoria del proiettile.
l’interno della stazione si percepisca un’accelerazione di gravità pari a quella della
Terra? Spiegazione Un moto di un proettile è un moto parabolico in quanto l’accelera-
zione è un vettore costante verticale. Il moto sarà quindi con accelerazione costante
Spiegazione L’accelerazione percepita all’interno della stazione è la somma vetto- sull’asse verticale e con accelerazione nulla sull’asse orizzontale.
riale dell’accelerazione di gravità di Marte con l’accelerazione centrifuga dovuta alla
rotazione della stazione. Svolgimento Essendo un moto parabolico, le equazioni del moto saranno

Svolgimento Considerando che l’accelerazione centrifuga è perpendicolare all’ac- ∆Sx = Vix ∆t


celerazione del pianeta avremo che 1

∆Sy = a∆t2 + Viy ∆t
r 
 2
p
2 2
m m m 
∆V = a∆t
y
ac = g − gm = 9, 807 2 − 3, 711 2 = 9, 078 2
s s s
L’equazione della traiettoria sarà quindi

a Viy
∆Sy = 2 ∆Sx2 + ∆Sx
2Vix Vix

Il vertice di questa parabola ha come coordinate

Vix Viy
∆Sxv = −
a
e per l’ordinata avremo
2 2
a Vix Viy Viy Vix Viy
∆Syv = 2 · − ·
2Vix a2 Vix a

1 Viy2 Viy2
∆Syv = · −
2 a a

Autore: Andrea de Capoa 10 Mag 2018 Autore: Andrea de Capoa 20 Mag 2018
70 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0055


1 Viy2
∆Syv = − ·
2 a Testo [C0055] [2 2 ] Calcola il periodo di oscillazione di un pendolo di lun-
Le velocità sono vettori nello stesso verso del sistema di riferimento e verranno
ghezza l = 1 m che si troca all’interno di un treno che sta accelerando con a =
inserite nelle formule con il segno positivo; l’accelerazione di gravità ha verso op- m
2 2
posto a quello del sistema di riferimento e verrà inserita nelle formule con il segno s
negativo. Con i dati a disposizione avremo: Spiegazione Il periodo di oscillazione di un pendolo dipende dall’accelerazione
 √ m che subisce e dalla sua lunghezza. All’interno del treno l’accelerazione percepita è la
 Vix = Vi cos α = 20 3
s



 m somma vettoriale tra l’accelerazione di gravità e quella percepita all’interno del treno
Viy = Vi sin α = 20

dovuta all’accelerazione del treno stesso. L’interno del treno è infatti un sistema di

s
√ m2 m2 riferimento non inerziale.

 400 3 400

∆Sxv = s2 s2 = 20, 4 m
m = 70, 7 m∆Syv =

m


9, 8 2 19, 6 2


s s Svolgimento L’acceleraziopne percepita all’interno del treno è data dalla somma
dell’accelerazione di gravità verticale verso il basso e dell’accelerazione apparen-
te orizzontale. Quindi l’accelerazione subita dal pendolo all’interno del sistema di
riferimento è
p m
ap = g 2 + a2 = 10 2
s
Il periodo del pendolo sarà quindi
s
l
T = 2π = 2s
ap

Autore: Andrea de Capoa 20 Giu 2018 Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018
71 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0056 


t = 1, 1 s
1
m
Testo [C0056] [3 4 ] Un proiettile viene sparato con velocità iniziale – = 100 t2 = 9, 1 s
s
con un angolo α = 30◦ rispetto all’orizzontale. Quanto tempo il proiettile si è trovato
Quindi
ad una quota superiore a h = 50 m ripetto alla quota di partenza?

1, 1 s < t < 9, 1 s
Spiegazione Questo è un problema sul moto parabolico, nel quale in realtà viene
affrontata sola la parte riguardante il moto uniformemente accelerato in verticale. La ∆t = 8 s
richiesta prevede di identificare quando il proiettile si trova al di sopra di una certa
quota, quindi tale richiesta verrà implementata con una disequazione.

Svolgimento L’equazione del moto del proiettile, ipotizzando che il proiettile parta
nell’istante t0 = 0 s è
1
∆S = gt2 + – sin α · t
2
Per sapere in quale istante il proiettile supera la quota stabilita ed in quale istante
scende al di sotto di tale quota basterà scrivere

1 2
gt + – sin α · t > h
2

gt2 + 2– sin α · t − 2h > 0

Risolviamo la disequazione di secondo grado


= –2 sin2 α + 2gh
4
Essendo tutte grandezze positive sono sicuto che il ∆ è positivo. Le due soluzioni
dell’equazione associata saranno

−– sin α ± –2 sin2 α + 2gh −– sin α


p r !
2gh
t1,2 = = · 1± 1+ 2 2
g g – sin α
 p 
t1,2 = 5, 1 s · 1 ± 1 − 0, 392 Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018
72 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0057 r


m m2 m 
−25 ± 625− 2 · 2 2 · 95 m 4, 67 s
km ∆t = s s2 s =
Testo [C0057] [3 6 ] Un’auto viaggia a velocità costante Vi = 90 . Di colpo m2 20, 33 s
h −2 2
si trova davanti a lei un ostacolo alla distanza d = 100 m. Tenuto conto che comin- s
cia a frenare dopo un tenpo di reazione ∆tr = 0, 2 s, e che la frenata consiste in La soluzione accettabile è quella che prevede un tempo inferiore a quello che
m
un’accelerazione a = 2 2 , con quale velocità urterà l’ostacolo? comporta la fermata dell’auto. quindi
s

Spiegazione Prima che l’autista cominci a frenare si muoverà di moto rettilineo ∆timpatto = 4, 67 s
uniforme. Da quando comincia a frenare si muoverà di moto uniformemente accele-
La velocità dell’impatto sarà quindi
rato.
m km
q q
Vf = Vi +a·∆timpatto = Vi −Vi + Vi2 + 2a∆S = Vi2 + 2a∆S = 15, 65 = 56, 35
s h
Svolgimento Da quando l’autisca vede l’ostacolo fino a quando inizia a frenare, lo
spazio percorso è 0 km m
Se considerassimo per esempio una velocità iniziale Vi = 108 = 30 allora
1000 m h s
∆S1 = Vi · ∆t = 90 · 0, 2 s = 5 m avremmo una velocità di impatto
3600 s
A questo punto l’autista inizia la frenata ed il moto dell’auto è rappresentabile 0 m km
Vf = 22, 89 = 82, 41
con s h
∆S = 1 a∆t2 + V ∆t

i
2
∆V = a∆t

In assenza di ostacoli l’auto percorrerebbe, fino a fermarsi, un tragitto così calco-


labile:
 ∆V 0 − Vi Vi
∆tarresto =
 = = − = 12, 5 s


 a a a
 2
V2
  
 1 Vi Vi
= − i = 312, 5 m

∆Sarresto = a
 − Vi ·
2 a a a
Risulta evidente che l’auto urterà l’ostacolo. Calcoliamo adesso la velocità del-
l’impatto.
Il tempo che l’auto impiega a raggiungere l’ostacolo è dato da
p
−Vi ± Vi2 + 2a∆S Autore: Andrea de Capoa 9 Ott 2018
∆t =
a
73 Scheda5. Cinematica: soluzioni

Problema di: Cinematica - C0058 Problema di: Cinematica - C0059

Testo [C0058] [2 3 ] Due treni viaggiano, sulla stessa linea ferroviaria e nello Testo [C0059] [2 3 ] Due punte di un diapason oscillano intorno al loro punto
km km
stesso verso, con velocità costante –1 = 80 e –2 = 120 partendo da due di equilibrio con una frequenza ν = 440 Hz. Sapendo che l’ampiezza dell’oscilla-
h h zione è A = 10−4 m, con quale velocità si muovono quando sono nel loro punto di
stazioni distanti tra loro L = 300 km. Il treno più avanti è quello più lento. Il treno
più avanti parte dalla stazione ∆t = 1, 5 h dopo il treno che segue. Dopo quanto equilibrio?
tempo i due treni si incontrano?
Spiegazione Un semplice moto armonico.
Spiegazione I due treni si muovono di moto rettilineo uniforme. Utilizzeremo
quindi la relativa legge oraria per risolvere il problema. Svolgimento La frequenza del moto armonico, con riferimento al relativo moto
circolare, è data da
2πr
Svolgimento Mentre il secondo treno è fermo, il primo percorre un tragitto ν=
–
km dove r corrisponde all’ampiezza del moto armonico. Quindi
∆S1 = V1 ∆t = 120 · 1, 5 h = 180 km
h –
ν=
Nell’istante in cui il secondo treno parte, i due treni distano ∆S2 = ∆S − ∆S1 = 2πA
120 km m
km – = 2πAν = 0, 276
La velocità relativa tra i due treni è –rel = 40 s
h
∆S2
Il tempo che passa affinché i due treni si incontrino è quindi ∆t = = 3h
–rel

Autore: Andrea de Capoa 15 Ott 2018 Autore: Andrea de Capoa 15 Ott 2018
Dinamica: soluzioni Scheda 6
Problema di: Dinamica - D0001 Svolgimento La forza di gravità che agisce sull’oggetto è
m
Testo [D0001] [2 6 ] Un blocco di massa m = 20 kg fermo su un piano oriz- Fg = mg = 20 kg · 9, 8 = 196N
s2
zontale con coefficiente di attrito statico µstatico = 3 viene spinto verso destra. Es-
so comincia a muoversi sotto l’azione di una forza F con un’accelerazione totale La massima forza d’attrito statico è generata dal fatto che c’è una forza che schiaccia
atot = 5 sm2 . Quanto vale il coefficiente di attrito dinamico tra il piano orizzontale e l’oggetto sul piano orizzontale. In questo caso tale forza è la forza di gravità.
l’oggetto?
Fs−max = µFg = 3 · 196 N = 588 N
1. Calcola la forza di gravità che agisce sull’oggetto.
La forza da fare per spostare l’oggetto deve essere tale da vincere la forza d’attrito.
2. Calcola la massima forza di attrito statico che può agire sull’oggetto.
Quindi la forza vale
3. Quanto vale la forza che fa cominciare a muovere l’oggetto?
F = 588N
4. Quale forza totale subisce l’oggetto mentre si muove?
Mentre l’oggetto si muove subisce un’accelerazione
5. Quanto vale la forza di attrito dinamico sull’oggetto
m
atot = 5
6. Quanto vale il coefficiente di attrito dinamico tra il piano e l’oggetto? s2
e quindi una forza
Spiegazione In questo esercizio abbiamo un oggetto che, inizialmente fermo, co- m
Ftot = 20 kg · 5 = 100 N
mincia a muoversi sotto l’azione di una forza F . s2
F~a La forza totale che subisce l’oggetto è data da
F~

Ftot = F − Fdin

Dovete infatti tenere presente che adesso che l’oggetto si muove, l’attrito statico non
esiste più e viene sostituito da quello dinamico. Quindi
F~g

Inizialmente l’oggetto è fermo perchè la forza di attrito statico impedisce all’og- Fdin = F − Ftot = 588 N − 100 N = 488 N
getto di muoversi. In questa situazione la somma di tutte le forze è nulla F~tot = 0.
Quando la forza F è sufficientemente intensa da vincere l’attrito statico, allora l’og- Il coefficiente di attrito dinamico sarà quindi
getto comincia a muoversi. In quell’istante l’attrito statico diventa dinamico e quindi
Fdin 488 N
meno intenso. Di conseguenza la forza che spinge l’oggetto è ora maggiore della for- µdin = = = 2, 49
Fg 196 N
za che lo frena, quindi la forza totale non è nulla. Visto che la forza totale non è nulla,
allora l’oggetto si muove di conseguenza con una certa accelerazione. giustamente minore del valore del coefficiente di attrito statico.

74
75 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Esercizi concettualmente identici esso applicata, quanto vale la forza di attrito dinamico sull’oggetto? Quanto
vale il coefficiente di attrito dinamico tra il piano orizzontale e l’oggetto?
1. Un blocco di ferro pesa Fp = 98 N fermo su un piano orizzontale con coeffi-
[Fg = 490 N ; Fas = 980 N ; F = 980 N pari alla forza di attrito statico; F2 = 25 N ;
ciente di attrito statico µstatico = 3 viene spinto verso destra. Qual’è il valore
Fad = 955 N ; µd = 1, 95]
della forza che si deve applicare per far muovere l’oggetto? Nel momento in
m
cui comincia a muoversi, subisce un’accelerazione atot = 5 2 . Quale forza
s
totale sta subendo l’oggetto? Quanto vale, di conseguenza, la forza di attrito
dinamico che agisce sul blocco di ferro? Quanto vale il coefficiente di attrito
dinamico tra l’oggetto ed il piano su cui striscia?
[F = 294 N ; Ftot = 50 N ; Fad = 244 N ; µd = 2, 49]

2. Un oggetto di massa m = 3 kg viene fatto strisciare su di un piano orizzontale


con coefficiente di attrito dinamico µd = 0.5 spinto da una forza F = 50 N .
Quanto vale la forza di gravità che agisce sull’oggetto? Quanto vale la forza
di attrito che frena l’oggetto? Quanto vale la reazione vincolare fatta dal piano
orizzontale per sorreggere l’oggetto? Quanto vale la forza totale che spinge
l’oggetto? Quanto vale l’accelerazione totale subita dall’oggetto?
[Fg = 29, 4 N ; Fatt = 14, 7 N ; Rv = 29, 4 N ; Ftot = 35, 3 N ; atot = 11, 77 sm2 ]

3. Un oggetto di massa m = 10 kg è fermo su di un piano orizzontale con coeffi-


ciente di attrito statico µs = 0.5 e con coefficiente di attrito dinamico µd = 0, 3.
Per spostarlo lo spingete con una forza F . Quanto vale la forza di gravità
che agisce sull’oggetto? Quanto vale la forza F che bisogna fare per spostare
l’oggetto quando è fermo? Quanto vale la forza di attrito dinamico che frena
l’oggetto mentre si muove? Quanto vale la forza totale che spinge l’oggetto
mentre si muove? Quanto vale la sua accelerazione totale?
[Fg = 98 N ; F = 49 N ; Fad = 29, 4 N ; Ft = 19, 6 N ; at = 1, 96 sm2 ]

4. Un blocco di massa m = 50 kg fermo su un piano orizzontale con coefficiente di


attrito statico µstatico = 2 viene spinto verso destra. Esso comincia a muoversi
sotto l’azione di una forza F con accelerazione atot = 0, 5 sm2 . Calcola la forza
di gravità che agisce sull’oggetto. Calcola la forza di attrito statico sull’oggetto.
Quanto vale la forza che serve per far cominciare a muovere l’oggetto? Ora
l’oggetto si sta muovendo. Quale forza totale subisce l’oggetto mentre si muo-
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
ve? Sapendo la forza totale che spinge l’oggetto, e conoscendo la forza F ad
76 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0002 Problema di: Dinamica - D0003

Testo [D0002] [1 4 ] Quale percentuale del volume di una statuetta di legno di Testo [D0003] [2 3 ] Un oggetto si muove su di un piano orizzontale con velo-
g
densità ρ = 0, 7 cm 3 rimane immersa nell’acqua quando galleggia? cità costante, sotto l’azione di una forza F = 100 N . Se il coefficiente di attrito tra il
piano e l’oggetto vale µd = 1, 5 quanto vale la massa dell’oggetto?
Spiegazione Abbiamo un oggetto di legno che sta galleggiando e quindi si trova
in equilibrio statico. La somma della forza di gravità e della forza di archimede deve Spiegazione Abbiamo un oggetto che si muove spinto da una forza e che viaggia
essere nulla, quindi queste due forze devono essere uguali. con velocità costante, mentre la forza di attrito radente con il piano orizzontale lo
sta frenando. La forza che schiaccia l’oggetto contro la superficie è in questo caso la
Svolgimento forza di gravità sull’oggetto.

1. La forza di gravità che agisce sull’oggetto deve essere uguale alla forza di
Svolgimento
archimede:
Fg = FArch 1. Il primo principio della dinamica mi dice che la forza F deve essere uguale alla
forza di attrito:
mogg g = ρacqua Vimm g
Fa = F
mogg = ρacqua Vimm
2. Da qui, sapendo che in questo esercizio la forza di attrito è generata dalla forza
2. La massa dell’oggetto può essere scritta come di gravità:
µd Fschiaccia = F
mogg = ρogg Vogg
µd mg = F
3. La precedente formula diventa quindi
3. In fine trovo la massa dell’oggetto
ρogg Vogg = ρacqua Vimm
F 100 N
m= = = 6, 8 kg
Vimm ρogg µd g 1, 5 · 9, 8 sm2
=
Vogg ρacqua
g
Vimm 0, 7 cm 3
= g = 0, 7 = 70%
Vogg 1 cm 3

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
77 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0004 sull’oggetto? Di quanto si accorcia la molla? Se immergo l’oggetto e la molla in
un liquido la molla si accorcia di più o di meno? Perchè? La densità dell’acqua
kg
Testo [D0004] [2 2 ] Un oggetto di ferro di massa m = 2 kg è appeso ad una è ρH2 O = 1 dm 3 . Di quanto si accorcia la molla se l’oggetto è immerso in acqua?
N [Fg = 4900 N ; ∆l = 6, 125 cm; La molla si accorcia di meno, visto che si aggiunge la
molla di costante elastica k = 10 cm e contemporaneamente viene tirato verso il bas-
so da una calamita che esercita una forza magnetica Fm = 50 N . Visto che l’oggetto forza di Archimede che spinge l’oggettoin alto; ∆l = 4, 9 cm]
è fermo, di quanto si è allungata la molla? kg
3. Un oggetto di densità ρ = 0.7 dm 3 è completamente immerso in un liquido di
kg
densità ρ = 0.9 dm3 . Il suo volume totale è Vtot = 30 dm3 . Quanto vale la
Spiegazione Visto che l’oggetto in questione è fermo, allora la somma delle forze
massa dell’oggetto? Quanto vale la forza di gravitá che agisce sull’oggetto?
che agiscono su di lui è zero. Sull’oggetto agiscono la forza di gravità verso il basso,
Quanto vale la forza di Archimede che agisce sull’oggetto? Quanto vale la
la forza elastica verso l’alto e la forza magnetica verso il basso.
forza totale che lo spinge verso l’alto? Una volta che l’oggetto è arrivato in
superficie (e quindi si ferma) quanto vale la forza di Archimede che agisce su
Svolgimento Visto che la somma delle forze che agiscono sull’oggetto è zero
di esso? Quanto vale il volume della parte immersa dell’oggetto?
Fel = Fg + Fm [m = 21 kg; Fg = 205, 8 N ; FA = 264, 6 N ; Ftot = 58, 8 N ; FA2 = 205, 8 N ;
V = 23, 33 dm3 ]
k · ∆l = mg + F
mg + F 2 kg · 9, 8 sm2 + 50 N
∆l = = N
= 6, 96 cm
k 10 cm

Esercizi concettualmente identici

1. Una mongolfiera di massa mm = 120 kg e volume V = 3000 m3 , trattenuta da


una corda fissata a terra, si trova ad un’altezza h = 100 m da terra. Su di es-
sa ci sono 2 persone ognuna aventi massa mp = 70 kg. In questo momento la
kg
mongolfiera è ferma. La densità dell’aria vale ρaria = 1, 3 m 3 e la densità del-
kg
l’aria calda vale ρaria−calda = 1, 08 m3 . Quanto vale la massa complessiva della
mogolfiera (massa della mongolfiera + massa delle persone + massa dell’aria
calda)? Quanto vale e verso dove è diretta la forza di gravità complessiva che
agisce sulla mogolfiera? Quanto vale e verso dove è diretta la forza di Archi-
mede che agisce sulla mongolfiera? Quanto vale la tensione sul filo?
[m = 3500 kg; Fg = 34300 N ; FA = 38220 N ; T = 3220 N ; ]

2. Un oggetto di massa m = 500 kg e volume V = 100 dm3 schiaccia una molla


N Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
con costante elastica k = 800 cm . Quanto vale la forza di gravità che agisce
78 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0005 Problema di: Dinamica - D0006

Testo [D0005] [1 2 ] Un oggetto di massa m = 2 kg è appeso ad una molla di Testo [D0006] [2 3 ] Una slitta di massa m1 = 0, 12 kg scivola senza attrito su
N
costante elastica k = 10 cm . Di quanto si allunga la molla? un piano orizzontale tirato da un filo di massa trascurabile che, passando attraverso
una carrucola, è a sua volta attaccato ad un peso di massa m2 = 0, 02 kg. Tale peso
Spiegazione Appendendo l’oggetto alla molla, la molla si al- viene tirato verso il basso dalla forza di gravità. Con quale accelerazione si muove il
lunga. Non focalizziamoci sul fatto che per un certo tempo l’og- sistema?
getto appeso oscillerà, ma concentriamoci sulla posizione finale
che l’oggetto assume, cioè quando l’oggetto si ferma. Quando Spiegazione Il pesino m2 viene spinto verso il basso dalla forza di gravità; tale
l’oggetto è fermo è in equilibrio forza fa però muovere sia il pesino che la slitta con la stessa accelerazione. Quindi
per il secondo principio della dinamica la forza di gravità sul pesino dovrà essere
Svolgimento Quando l’oggetto appeso alla molla è fermo, al- F~el uguale alla massa totale del sistema moltiplicato la sua accelerazione.
lora è in equilibrio e quindi la somma delle forze deve valere
zero. La forza elastica è quindi uguale alla forza di gravità. Svolgimento La forza di gravità che agisce sul pesino è
m
Fel = Fg Fg2 = m2 g = 0, 02 kg · 9, 8 = 1, 96N
s2
k · ∆l = mg Per il secondo principio della dinamica
m
mg 2 kg · 9, 8 s2
∆l = = N
= 1, 96 cm Ftot = mtot · atot
k 10 cm F~g
avremo che
Fg2 = (m1 + m2 )a

m2 g = (m1 + m2 )a
m2
a= g
m1 + m2
0, 02 kg m m
a= · 9, 8 2 = 1, 4 2
0, 14 kg s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
79 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0007 Problema di: Dinamica - D0008

Testo [D0007] [2 4 ] Una sbarra orizzontale è libera di ruotare intorno ad un


Testo [D0008] [1 3 ] Un vaso di massa trascurabile contiene V = 15 dm3 di
perno centrale. Essa è sottoposta all’azione di tre forze: una forza F1 = 30 N verso kg N
acqua salata (ρ = 1, 03 dm 3 ) ed è appeso ad una molla di costante elastica k = 100 m .
il basso posta ad una distanza b1 = 30 cm dal perno sul suo lato sinistro, una forza
Di quanto si allunga la molla?
F2 = 10 N verso il basso posta ad una distanza b2 = 30 cm dal perno sul suo lato
destro, ed una forza F3 = 40 N verso il basso posta ad una distanza b3 sul suo lato
destro. Calcola quanto valgono la distanza b3 e la reazione vincolare Rv del perno Spiegazione In questo problema la forza di gravità tira il vaso verso il basso mentre
affinché la sbarra possa rimanere ferma. la molla si allunga e so spinge verso l’alto. Consideriamo trascurabile la massa del
vaso. Per risolvere il problema i servirà conoscere il valore della densità dell’acqua
kg
Spiegazione In questo esercizio abbiamo una sbarra sottoposta complessivamente salata ρH2 O = 1, 03 dm 3.

a quattro forze. Visto che la sbarra è ferma avremo che la somma di tutte le forze che
agiscono sulla sbarra è nulla, e la somma di tutti i momenti che agiscono sulla sparra Svolgimento Consideriamo con indicare la massa di acqua presente nel vaso con
è nulla.
mH2 O = ρH2 O · V
Svolgimento Cominciamo con l’affermare che la somma di tutte le forze è zero;
la somma delle forze verso l’alto deve quindi essere uguale alla somma delle forze La forza di gravità verso il basso vale
verso il basso.
Rv = F1 + F2 + F3 Fg = ρH2 O · V · g
Per cui
la forza elastica che tira verso l’alto vale
Rv = 80 N
Adesso affermiamo che la somma di tutti i momenti è zero; la somma dei momen- Fel = k · ∆l
ti orari deve essere uguale alla somma dei momenti antiorari. Consideriamo il perno
come punto di rotazione del sistema e di conseguenza togliamo dall’equazione il Per cui, eguagliando le due forze
momento della reazione vincolare.
k · ∆l = ρH2 O · V · g
M1 = M2 + M3

F1 b1 = F2 b2 + F3 b3
kg 3 m
F1 b1 − F2 b2 = F3 b3 ρH2 O · V · g 1, 03 dm 3 · 15 dm · 9, 8 s2
∆l = = N
= 1, 5 m
F1 b1 − F2 b2 900 N cm − 300 N cm k k = 100 m
b3 = = = 15 cm
F3 40 N

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


80 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Esercizi concettualmente identici Problema di: Dinamica - D0009


N
1. Una molla di costante elastica k = 5 cm viene schiacciata verso il basso da un
Testo [D0009] [2 4 ] Due persone stanno sollevando una trave di forma irrego-
oggetto di massa m = 12 kg. Di quanto si accorcia la molla?
lare, di massa m = 50 kg e lunga l = 2 m tenendola per i suoi estremi. Il baricentro
[∆l = 23, 2 cm]
della trave si trova a d = 70 cm da uno degli estremi della trave stessa. Quanto
2. Un oggetto di massa m = 20 kg viene messo sopra una molla facendola ac- valgono le forze fatte dalle due persone?
corciare di ∆l = 2 cm. Quanto vale la forza di gravità che agisce sull’oggetto?
Quanto vale la forza fatta dalla molla per sorreggere l’oggetto? Quanto vale la Spiegazione Le forze che le due persone devono fare servono per tenere la sbarra
costante elastica della molla? in equilibrio rotazionale e traslazionale. Eseguito uno schema della situazione, la
N
[Fg = 196 N ; Fe = 196 N ; k = 98 cm ] soluzione del problema si ottiene imponendo due condizioni: la somma di tutte le
forze è zero, e la somma di tutti i momenti è zero. In particolare per la seconda equa-
3. Un oggetto di massa m = 5 kg viene appeso ad una molla di costante elastica zione, visto che la sbarra è ferma, possiamo scegliere come punto di rotazione quello
N
k = 16 m attaccata al soffitto. Quanto vale la forza di gravità che agisce sull’og- che preferiamo; la scelta più comoda sarà di considerare come punto di rotazione
getto? Di quanto si allunga la molla? uno degli estremi della sbarra.
[Fg = 49 N ; ∆l = 306, 25 cm;]

4. Un’automobile di massa m = 800 kg si appoggia su quattro ammortizzatori di Svolgimento Impostiamo la condizione di equilibrio rotazionale, scegliendo co-
N
costante elastica k = 100 cm . Di quanto vengono compressi tali ammortizzatori me punto di rotazione il punto di applicazione della forza F1 , quella più vicina al
a causa del peso dell’automobile? baricentro della trave
[∆l = 19, 6 cm] M2 = Mg

F2 l = mgd
5. Un’edificio costruito com m = 200000 kg di materiale edile si appoggia su 16
N
molle di costante elastica k = 10000 cm . Di quanto si comprimono tali molle a mgd 50 kg · 9, 8 sm2 · 0, 7 m
F2 = = = 171, 5 N
l 2m
causa del peso dell’edificio?
Impostiamo la condizione di equilibrio traslazionale

F1 + F2 = mg
m
F1 = mg − F2 = 50 kg · 9, 8 − 171, 5 N = 318, 5 N
s2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
81 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0010 Problema di: Dinamica - D0012

Testo [D0010] [1 2 ] Tre cubi omogenei di lato l = 10 cm e di massa m1 = 9 kg, Testo [D0012] [2 5 ] Una sbarra di ferro lunga l = 2 m il cui baricentro si trova
m2 = 5 kg, m3 = 2 kg, sono posti nell’ordine uno sopra all’altro. A quale altezza si a d = 50 cm da uno degli estremi, viene appoggiata su due molle poste agli estremi
trova il baricentro del sistema? della sbarra, le quali si schiacceranno della stessa quantità ∆l = 6 cm. Sapendo che
N
la prima molla ha costante elastica k1 = 1000 cm , quanto vale la costante elastica
Spiegazione Il baricentro di un sistema di corpi è il centro delle masse del siste- dell’altra molla e quanto vale la massa della sbarra?
ma. I tre cubi hanno stessa forma e volume, ma masse differenti in quanto fatti di
materiali differenti. Il baricentro di ogni cubo si trova nel centro geometrico del cu- Spiegazione Questo è un problema di equilibrio. Visto che la sbarra è ferma, la
bo stesso, quindi per trovare il baricentro del sistema basta utilizzare l’opportuna somma delle forze è zero e la somma dei momenti è zero; queste due condizioni
formuletta. permetteranno di risolvere il problema.

Svolgimento Le altezze dei baricentri dei singoli cubi sono Svolgimento Cominciamo con l’imporre la condizione di equilibrio rotazionale;
consideriamo il baricentro della sbarra come punto di rotazione.
y1 = 5 cm
F2 b2 = F1 b1
y2 = 15 cm
Dove F1 e F2 sono le forze esercitate dalle due molle e b1 e b2 sono i rispettivi bracci
y3 = 25 cm
relativi al baricentro della sbarra.
Il baricentro del sistema si trova all’altezza
N
F1 b1 k1 ∆l · d 1000 cm · 6 cm · 0, 5 m
m1 y1 + m2 y2 + m3 y3 45 kg cm + 75 kg cm + 50 kg cm F2 = = = = 2000 N
yb = = = 10, 625 cm b2 l−d 1, 5 m
m1 + m2 + m3 16 kg
F2 2000 N N
k2 =
= = 333, 3
∆l 6 cm cm
Adesso imponiamo la condizione di equilirio traslazionale (somma delle forze
uguale a zero)
Fg = F1 + F2

mg = F1 + F2

mg = k1 ∆l + k2 ∆l
k1 ∆l + k2 ∆l 6000 N + 2000 N
m= = = 816, 3 kg
g 9, 8 sm2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


82 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0013 1. Sul fondo di una piscina piena d’acqua è legato con un filo elastico un pallon-
cino del volume V = 10 dm3 e di massa m = 500 g. Si nota che il palloncino
Testo [D0013] [1 3 ] Un cubo di ferro di densità ρF e = 7874 m kg
3 , e di lato l =
tira l’elastico verso l’alto e l’elastico si è allungato di ∆l = 20 cm. Quanto vale e
20 cm si trova sul fondo di una piscina piena di acqua di densità ρH2 O = 1000 m kg
3.
verso dove è diretta la forza di gravità che agisce sul palloncino? Quanto vale
Qual è la minima forza necessaria per sollevarlo dal fondo della piscina? e verso dove è diretta la forza di Archimede che agisce sul palloncino? Quale
forza deve fare l’elastico per tenere fermo il palloncino? Quanto vale la costan-
te elastica dell’elastico?
Spiegazione Sul cubo di ferro agiscono la forza di gravità verso il basso e la forza
[Fg = 4, 9 N diretta verso il basso; Farch = 98 N diretta verso l’alto; Fel = 93, 1 N
di Archimede verso l’alto. Visto che la forza di gravità è maggiore della forza di N
diretta verso il basso; k = 4, 6505 cm .]
archimede, per sollevare l’oggetto dobbiamo fare una forza maggiore o al minimo
uguale a quella necessaria per sorreggerlo e tenerlo in equilibrio. 2. Con una fionda voglio lanciare un sasso di massa m = 150 g verticalmente
N
verso l’alto. La costante elastica dell’elastico della fionda è k = 6 cm e il mio
Svolgimento Il volume e la massa dell’oggetto valgono braccio sta allungando l’elastico di ∆l = 15 cm. Quanta forza sta facendo l’ela-
stico della fionda? Quanto vale la forza di gravità che agisce sul sasso? Quanta
VF e = l3 = 8000 cm3 = 0, 008 m3 forza sta facendo il mio braccio per riuscire ad allungare quell’elastico?
[Fe = 90 N ; Fg = 1, 47 N ; F = 88, 53 N ]
kg 3. Un oggetto di densità ρ = 0.7 dmkg 3
3 , volume V = 10 dm sta galleggiando in un
mF e = ρF e VF e = 7874 · 0, 008 m3 = 63 kg
m3 kg
contenitore pieno d’acqua. La densità dell’acqua vale ρH2 O = 1000 m 3 . Quanto

La forza di gravità vale vale la massa dell’oggetto? Quanto vale la forza di gravità che agisce sull’og-
m getto? Quanto deve valere la forza di archimede che agisce sull’oggetto visto
Fg = mg = 63 kg · 9, 8 = 617, 3 N che l’oggetto galleggia? Quanto vale il volume della parte immersa dell’ogget-
s2
to?
Essendo l’oggetto completamente immerso nell’acqua
[m = 7 kg; Fg = 68, 6 N ; Fa = 68, 6 N ; V = 7 dm3 ]
kg m
FArc = ρH2 O VF e g = 1000 3
· 0, 008 m3 · 9, 8 2 = 78, 4 N
m s
Infine la forza che devo fare per sorreggere il blocco e tenerlo in equilibrio vale

T = Fg − FArc = 617, 3 N − 78, 4 N = 538, 9 N

Esercizi concettualmente identici

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
83 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0014 Problema di: Dinamica - D0015

Testo [D0014] [1 1 ] Se un oggetto di volume V = 9 cm3 galleggia sull’acqua Testo [D0015] [1 1 ] Un ciclista di massa m = 60 kg corre in pianura alla velocità
immerso per i 32 del suo volume, quanto vale la forza di Archimende che agisce su costante V = 35 kmh . Se le forze d’attrito con l’aria hanno un valore Fa = 500 N ,
kg
di lui? [ρacqua = 1 dm 3] quanto vale la forza in avanti che il ciclista fa spingendo sui pedali? Spiegane il
perchè. Quanto vale l’accelerazione con la quale si muove la bicicletta?
Spiegazione L’oggetto subisce la forza di Archimede in quanto è immerso nell’ac-
qua. In questo esercizio è sufficiente applicare la formula della forza di Archimede. Spiegazione In questo problema dobbiamo semplicemente applicare il primo prin-
cipio della dinamica.
Svolgimento Il calcolo della forza è:
Svolgimento Dal momento che il ciclista si muove con velocità costante, possiamo
2 kg 2 m applicare il primo principio della dinamica, per cui la somma di tutte le forze è nulla.
FArc = ρH2 O Vimm g = ρH2 O Vogg g = 1000 3 · · 0, 000009 m3 · 9, 8 2
3 m 3 s
Ftot = 0
FArc = 0, 0588 N
Sul ciclista, in orizzontale, agiscono soltanto due forze, quella di attrito e quella
Volendo essere più precisi potremmo considerare anche la parte dell’oggetto che
del ciclista. Visto che sono opposte, e che la loro somma deve fare zero, allora le due
si trova fuori dall’acqua, pari ad un terzo del volume dell’oggetto, in quanto è im-
forze sono uguali. Per cui
mersa nell’aria
Fattrito = 500 N

1 kg 1 m Dalla definizione di accelerazione avremo che se la velocità è costante, allora


FArc−aria = ρaria Vimm g = ρaria Vogg g = 1, 3 3 · · 0, 000009 m3 · 9, 8 2 l’accelerazione è nulla
3 m 3 s
FArc−aria = 0, 0000392 N m
a=0
La forza di Archimade totale sarà la somma delle due forze s2

FArch−tot = FArc + FArc−aria = 0, 0588392 N

tenendo presente che enrambe le forze sono dirette verso l’alto.

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
84 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0016 Esercizi concettualmente identici

Testo [D0016] [2 4 ] Una sbarra orizzontale di massa trascurabile è inchiodata 1. Per sollevare un oggetto della massa m = 150 kg uso una sbarra lunga l =
nel suo centro. Due forze di intensità F1 = F2 = 20 N vengono applicate alla sbarra 2 m. Da un lato della sbarra posiziono l’oggetto. Il fulcro della leva si trova
verso il basso rispettivamente alla distanza b1 = 20 cm a sinistra e b2 = 30 cm a a r1 = 20 cm da dove l’oggetto è posizionato. All’estremo opposto io applico
destra del centro. Dove devo applicare una forza F3 = 2 N veso il basso in modo una forza F . A quale distanza viene applicata la forza F dal fulcro? Quanto
da ottenere equilibrio rotazionale? Quanto vale e verso dove è diretta la reazione vale il momento della forza di gravità che agisce sull’oggetto? Quanto deve
vincolare del chiodo? valere la forza F per sollevare l’oggetto?
[r = 180 cm; MFg = 29400 N · cm; F = 163, 3 N ;]
Spiegazione In questo problema abbiamo una sbarra in equilibrio sotto l’azione
di quattro forze. La Reazione vincolare del chiodo impone l’equilibrio traslazionale, 2. Immaginate una sbarra orizzontale senza peso con un perno nel suo centro. La
per cui la somma delle forze è zero. Le altre tre forze sono tali da ottenere l’equilibrio sbarra è libera di ruotare intorno al suo centro. Applicate sul lato destro della
rotazionale, per cui la somma dei momenti è zero. Imponendo queste due condizioni sbarra una forza F1 = 100 N verso il basso ad una distanza b1 = 20 cm. Ap-
otteniamo le risposte alle domande del problema. plicate ora una seconda forza F2 = 70 N verso il basso sul lato sinistro della
sbarra ad una distanza b2 = 30 cm. Quanto vale e in quale verso fa ruotare il
Svolgimento La reazione vincolare del chiodo deve essere rivolta verso l’alto, in momento della forza F1 ? Quanto vale e in quale verso fa ruotare il momento
quanto tutte le altre tre forze sono rivolte verso il basso. della forza F2 ? Quanto vale e in quale verso fa ruotare il momento totale ap-
plicato sulla sbarra?
Rv = F1 + F2 + F3 = 42 N
[M1 = 2000 N cm orario; M2 = 2100 N cm antiorario; Mt = 100 N cm antiorario]
Il momento della forza F1 è
3. Una sbarra orizzontale senza peso con un perno nel suo centro è libera di ruo-
M1 = F1 b1 = 20 N · 20 cm = 400 N cm antiorario tare intorno al suo centro. Rispetto al centro, sul lato destro della sbarra è
applicata una forza F1 = 300 N verso il basso ad una distanza b1 = 10 cm; una
Il momento della forza F2 è
seconda forza F2 = 60 N è applicata verso il basso sul lato sinistro della sbarra
M2 = F2 b2 = 20 N · 30 cm = 600 N cm orario ad una distanza b2 = 0, 3 m; una terza forza F3 = 10 N è applicata verso il
basso sul lato destro della sbarra ad una distanza b3 = 4 dm. Quanto valgono e
Il momento della forza F3 deve quindi essere antiorario e per questo la forza in quale verso fanno ruotare i momenti delle forze F1 , F2 , e F3 ? Quanto vale e
F3 deve essere posizionata a sinistra del centro della sbarra. Dalla condizione di in quale verso fa ruotare il momento totale applicato sulla sbarra? Se vogliamo
equilibrio rotazionale avremo applicare una forza F4 ad una distanza b4 = 16 cm dal centro sul lato destro,
M3 = M2 − M1 per equilibrare il sistema dal punto di vista della rotazione, quanto deve valere
F3 b3 = M2 − M1 e verso dove deve essere diretta?
M2 − M1 200 N cm [M1,or = 3000 N cm; M2,an = 1800 N cm; M3,or = 400 N cm; Mtot,or = 1600 N cm;
b3 = = = 100 cm F4 = 100 N verso l’alto.]
F3 2N
85 Scheda6. Dinamica: soluzioni

4. Una tavola di massa m = 10 kg e lunga l = 180 cm viene sollevata da due per- Problema di: Dinamica - D0017ban
sone che la tengono dai bordi. Sulla tavola è appoggiato un oggetto di massa
m1 = 5000 g ad una distanza d = 36 cm dal bordo sinistro. Quale forza devono Testo [D0017ban] [1 18 ] Esercizi banali di Dinamica:
fare le due persone?
[Fs = 88, 2 N ; Fd = 58, 8 N ] 1. Calcolo di forze

5. un trampolino di lunghezza l = 3 m è vincolato ad un estremo da due perni (a) Quanto vale la forza di gravità che agisce su di una macchina di massa
distanti tra loro d = 1 m. Se una persona di massa m = 80 kg si mette sulla m = 800 kg?
punta del trampolino, quanto valgono le reazioni vincolari dei due perni? [Fg = 7840 N ]
(b) Quanto vale la forza di Archimede che agisce su di un oggetto di densità
g 3
ρ = 0, 7 cm 3 e di volume V = 5 cm completamente immerso nell’acqua?

[FArch = 0, 049 N ]
(c) Se una molla esercita una forza F = 100 N e la vedo accorciarsi di ∆l =
2 cm, quanto vale la costante elastica di quella molla?
N
[k = 50 cm ]
(d) Una macchina di massa m = 800 kg sta facendo una curva di raggio r =
20 m ad una velocità V = 50 m
s . Quale forza centrifuga spinge l’auto verso
l’esterno della curva?
[Fc = 10000 N ]
(e) Una moto da corsa di massa m = 100 kg viaggia alla velocità V = 70 Kmh
lungo una curva di raggio r = 50 m. Quanto vale la forza centripeta che
subisce la moto?
[Fc = 756, 17 N ]

2. Calcolo di Momenti di una forza

(a) Una forza F = 500 N viene applicata ad una distanza r = 2 m da un punto


fisso e formante un angolo α = 90◦ con la retta che unisce il punto fisso
ed il punto di applicazione della forza. Quanto vale il momento di quella
forza?
[M = 1000 N m]
(b) Una forza F = 100 N viene applicata ad una distanza r = 3 m da un punto
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
fisso e formante un angolo α = 30◦ con la retta che unisce il punto fisso
86 Scheda6. Dinamica: soluzioni

ed il punto di applicazione della forza. Quanto vale il momento di quella Spiegazione In questo esercizio ho raccolto tutte quelle domande banali che pos-
forza? sono essere fatte su questo argomento. Per banale si intende un problema nel quale
[M = 150 N m] la domanda consiste semplicemente nel fornire dei dati da inserire in una formula.
Non è quindi richiesta alcuna particolare capacità di ragionamento, ne particolari
(c) Una forza F = 50 N viene applicata ad una distanza r = 3 m da un punto
doti matematiche. Questo esercizio serve unicamente ad aquisire dimestichezza con
fisso e formante un angolo α = 180◦ con la retta che unisce il punto fisso
l’esecuzione dei conti numerici con le unità di misura.
ed il punto di applicazione della forza. Quanto vale il momento di quella
forza?
Svolgimento
[M = 0 N m]

(d) Ad un pendolo con asta, senza massa, di lunghezza l = 30 cm è appeso un 1. Calcolo di forze
oggetto di massa m = 10 kg. Il pendolo è inclinato di un angolo α = 45◦ (a)
rispetto alla verticale. Quanto vale il momento della forza di gravità che m
Fg = mg = 800 kg · 9, 8 = 7840 N
agisce sull’oggetto? s2
[M = 20, 8 N m] (b)

(e) Immaginate una sbarra orizzontale senza peso con un perno nel suo cen- g m
FArch = ρf luido · Vf luido−spostato · g = 1 3
· 5 cm3 · 9, 8 2 = 0, 049 N
tro. La sbarra è libera di ruotare intorno al suo centro. Applicate sul lato cm s
destro della sbarra una forza F1 = 300 N verso il basso ad una distanza (c) Utilizzando la formula inversa
b1 = 10 cm dal perno. Applicate ora una seconda forza F2 = 60 N verso il
F 100 N N
basso sul lato sinistro della sbarra ad una distanza b2 = 30 cm dal perno. k= = = 50
∆l 2 cm cm
Applicate ora una terza forza F3 = 10 N verso il basso sul lato destro del-
la sbarra ad una distanza b3 = 40 cm dal perno. Indica quanto valgono e (d)
2
in quale verso fanno ruotare: il momento della forza F1 , il momento del- V2 2500 m
s2
Fc = m = 800 Kg · = 10000 N
la forza F2 , il momento della forza F3 , il momento totale applicato sulla r 20 m
sbarra. (e)
2
[M1−o = 30 N m; M2−a = 18 N m; M3−o = 4 N m; Mtot−o = 16 N m.] V2 4900 1000·1000 m
3600·3600 s2
Fc = m = 100 Kg · = 756, 17 N
r 50 m
(f) Su di una sbarra verticale, che come punto fisso la sua estremità inferio-
2. Calcolo di Momenti di una forza
re, viene applicata orizzontalmente una forza F1 = 10 N verso destra ad
un’altezza h1 = 2 m. Una seconda forza orizzontale F2 = 30 N viene ap- (a)
plicata verso sinistra ad un’altezza h2 = 70 cm. Quanto vale il momento M = 500 N · 2 m · sen(90◦ ) = 1000 N m
della prima forza? Quanto vale il momento della seconda forza? Quanto
vale il momento totale applicato alla sbarra? (b)
[M1−o = 20 N m; M2−a = 21 N m; Mtot−a = 1 N m] M = 100 N · 3 m · sen(30◦ ) = 150 N m
87 Scheda6. Dinamica: soluzioni

(c) vale il momento della forza rispetto all’estremo sinistro della sbarra? Rispetto

M = 50 N · 3 m · sen(180 ) = 0 N m a quale punto il momento della forza è nullo?
[ M1−o = 25 N m; M2−o = 50 N m; Rispetto all’estremo destro.]
(d)
m
M = 10 kg · 9, 8 · 0, 3 m · sen(45◦ ) = 20, 8 N m
s2
(e)
M1−orario = F1 · b1 · sen(90◦ ) = 300 N · 0, 1 m · 1 = 30 N m

M2−antiorario = F2 · b2 · sen(90◦ ) = 60 N · 0, 3 m · 1 = 18 N m

M3−orario = F3 · b3 · sen(90◦ ) = 10 N · 0, 4 m · 1 = 4 N m

Mtot−orario=M1−orario +M3−orario −M2−antiorario =16 N m

Esercizi concettualmente identici

1. Su di una sbarra verticale, che come punto fisso la sua estremità inferiore, viene
applicata orizzontalmente una forza F1 = 10 N verso destra ad un’altezza h1 =
2 m. Una seconda forza orizzontale F2 = 30 N viene applicata verso sinistra ad
un’altezza h2 = 70 cm. Quanto vale il momento della prima forza? Quanto
vale il momento della seconda forza? Quanto vale il momento totale applicato
alla sbarra?
[M1−o = 20 N m; M2−a = 21 N m; Mtot−a = 1 N m]

2. Su di una sbarra verticale, che come punto fisso la sua esttremità inferiore, vie-
ne applicata orizzontalmente una forza F1 = 10 N verso destra ad un’altezza
h1 = 2 m. Una seconda forza orizzontale F2 = 30 N viene applicata verso si-
nistra ad un’altezza h2 = 70 cm. Una terza forza orizzontale F3 = 30 N viene
applicata verso sinistra ad un’altezza h3 = 50 cm. Quanto valgono i momenti
della prima forza, della seconda e della terza forza? Quanto vale il momento
totale applicato alla sbarra?
[M1−o = 20 N m; M2−a = 21 N m; M3−a = 15 N m; Mtot−a = 16 N m]

3. Su di una sbarra orizzontale senza peso di lunghezza l = 50 cm applichiamo


una forza F = 100 N verso il basso nell’estremo destro della sbarra. Quanto
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
vale il momento della forza rispetto al punto centrale della sbarra? Quanto
88 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0018 Problema di: Dinamica - D0019

Testo [D0018] [2 1 ] A quale velocità minima deve andare una motocicletta per Testo [D0019] [1 2 ] Quanto vale la forza di gravità che agisce su di un oggetto
kg 3
fare il giro della morte su di una pista circolare di raggio r = 10 m? di ferro (ρF e = 7, 874 dm 3 ) di volume V = 5 dm ?

[V = 9, 9 m s ]
Spiegazione In questo problema bisogna semplicemente mettere i valori nelle for-
Spiegazione Durante il giro della morte, la motocicletta è soggetta a due forze: la mule e fare i conti. l’unica particolarità è quella di notare che per calcolare la forza
forza di gravità verso il basso e la forza centrifuga che schiaccia la moto contro la di gravità bisogna avere la massa dell’oggetto, mentre il problema fornisce soltanto
pista. La moto non si stacca dalla pista quando la forza centrifuga è per lo meno il suo volume. Avendo però specificato il materiale, è come se il problema ci avesse
uguale alla forza di gravità. anche indicato il valore della densità dell’oggetto.

Svolgimento Eguagliando le due forze che agiscono sulla moto avremo: Svolgimento La massa dell’oggetto vale

kg
Fc = Fg m = ρ · V = 7874 · 0, 005 m3 = 39, 37 kg
m3
V2
m = mg Quindi la forza di gravità vale
r
m
V2 Fg = mg = 39, 37 kg · 9, 8 = 385, 862 N
=g s2
r
r
√ m m
V = gr = 9, 8 2
· 10 m = 9, 9
s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
89 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0020 Problema di: Dinamica - D0021

Testo [D0020] [1 3 ] Un oggetto di massa m = 100 kg e volume V = 5 dm3 Testo [D0021] [1 6 ] Una statua d’oro (m = 19, 3 kg ; V = 1 dm3 ) viene lanciata
kg kg
si trova sul fondo di una piscina piena di acqua (ρacqua = 1 dm 3 ). Quanto vale la in mare (ρH2 O −mare = 1, 02 dm 3 ). Calcola la densità dell’oro. Calcola la forza di

densità dell’oggetto? Quanto valgono la forza di gravità e la forza di Archimede che gravità, di Archimede e totale che agiscono sulla statua. Se attacco alla statua un
agiscono sull’oggetto? Se sollevo l’oggetto con una forza F2 = 2000 N , con quale pallone di massa mp = 1, 7 kg e volume Vp = 40 dm3 , quanto vale la forza totale sulla
forza totale l’oggetto si muove? statua?

Spiegazione Questo esercizio si risolve semplicemente mettendo i dati all’interno Spiegazione Abbiamo un oggetto immerso nell’acqua che subisce quindi due for-
delle formule ed eseguendo una somma di vettori. ze: la forza di gravità verso il basso e la forza di Archimede verso l’alto.

Svolgimento La densità dell’oggetto vale Svolgimento La densità dell’oro vale

m 100 kg kg m 19, 3 kg kg
ρogg = = = 20 ρAu = = = 19, 3
V 5 dm3 dm3 V 1 dm3 dm3
La forza di gravità che agisce sull’oggetto vale La forza di gravità, di Archimede e totale che agiscono sull’oggetto valgono
m m
Fg = mg = 100 kg · 9, 8 = 980 N Fg = mg = 19, 3 kg · 9, 8 = 189, 1 N
s2 s2
La forza di Archimede vale kg m
FArc = ρf Vf s g = 1, 02 · 1 dm3 · 9, 8 2 = 10 N
kg m dm3 s
FArc = ρf Vf s g = 1 · 5 dm3 · 9, 8 2 = 49 N Ftot = Fg − FArc = 179, 1 N
dm3 s
Sommando tutte le forze, tenendo conto che la forza di gravità spinge verso il Attaccando poi il pallone, cambiano di conseguenza la massa del sistema ed il
basso e le altre due verso l’alto, avremo che la forza totale verso l’alto vale volume dello stesso. I nuovi valori di forza di gravità, di Archimede e totale sono:
m
Ftot = 1069 N Fg2 = (m + mp ) g = (19, 3 kg + 1, 7 kg) · 9, 8 = 205, 8 N
s2
kg m
· 1 dm3 + 40 dm3 · 9, 8 2 = 409, 8 N

FArc2 = ρf Vf s g = 1, 02 3
dm s
Ftot2 = FArc2 − Fg2 = 204 N

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
90 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0022 Problema di: Dinamica - D0023

Testo [D0022] [1 2 ] Un oggetto di massa m = 500 g si muove di moto circolare Testo [D0023] [1 2 ] Una carrucola sta sorreggendo un oggetto di massa m =
uniforme di raggio r = 20 cm ad una velocità V = 4 m s attaccato ad una molla di 6 kg. L’oggetto è attaccato all’asse centrale della carrucola ed entrambi i capi della
N
costante elastica k = 10 cm . Quanto vale la forza centrifuga che tira la molla? Di corda intorno alla carrucla vengono tirati verso l’alto. Quanto vale la tensione sul
conseguenza, di quanto si è allungata la molla? filo che tiene la carrucola?

Spiegazione In questo esercizio un oggetto si muove di moto circolare uniforme. Spiegazione Il cavo che tiene la carrucola tira verso l’alto sia sul lato destro che
Per muoversi in tale modo, serve una forza centripeta, e tale forza è data da una sul lato sinistro della carrucola. Il doppio della tensione del filo sarà quindi pari alla
molla. forza con cui la carrucola viene tirata verso il basso

Svolgimento La forza centrifuga che tira la molla vale Svolgimento Imponendo l’equilibrio statico avremo
2
V2 16 ms2 2T = Fg
Fc = m = 0, 5 kg · = 40 N
r 0, 2 m
mg 6 kg · 9, 8 sm2 T~ T~
T = = = 29, 4 N
Eguagliano poi la forza centripeta con la forza elatrica avremo: 2 2

Fe = Fc

V2 m
k · ∆l = m
r
2
mV 2 0, 5 kg · 16 m
s2
∆l = = N
= 0, 04 m
kr 1000 m · 0, 2 m
F~g

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
91 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0024 (c) Se spingo un oggetto con una forza F~ , quale forza subisco?
[−F~ per il terzo principio della dinamica.]
Testo [D0024] [1 7 ] Domande di teoria di dinamica (d) Guardando un oggetto, da cosa capisco se sta subendo una forza oppure
1. Principi della dinamica no?
[Lo capisco dal fatto che veda o meno cambiare la sua velocità.]
(a) Se vedo un oggetto che si muove sempre con la
(e) Se su di un oggetto non agisce alcuna forza, posso dire che è sicuramente
stessa velocità ~v , quale forza agisce su di lui?
fermo?
(b) Se vedo un oggetto che cambia la sua velocità ~v , [No, perché potrebbe muoversi di moto rettilineo uniforme.]
quale ne è stata la causa?
(f) Se un oggetto è fermo, posso dire che su di lui agisce una forza totale
(c) Se spingo un oggetto con una forza F~ , quale forza nulla?
subisco? [Si, per il primo principio della dinamica]
(d) Guardando un oggetto, da cosa capisco se sta su- (g) Se su di un oggetto agisce una forza totale nulla, posso dire che è fermo?
bendo una forza oppure no? [No, potrebbe muoversi di moto rettilineo uniforme.]
(e) Se su di un oggetto non agisce alcuna forza, posso
dire che è sicuramente fermo?
(f) Se un oggetto è fermo, posso dire che su di lui agisce
una forza totale nulla?
(g) Se su di un oggetto agisce una forza totale nulla,
posso dire che è fermo?

Spiegazione In questo esercizio sono raccolte una serie di domande di teoria

Svolgimento

1. Principi della dinamica

(a) Se vedo un oggetto che si muove sempre con la stessa velocità ~v , quale
forza agisce su di lui?
[Ftot = 0]
(b) Se vedo un oggetto che cambia la sua velocità ~v , quale ne è stata la causa?
[L’azione di una forza che ha causato un’accelerazione e quindi un cambio di
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
velocità.]
92 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0025


kg 3 m m
1 dm 3 · 1 dm · 9, 8 s2 − 0, 4 kg · 9, 8 s2
∆l = N
= 1, 176 cm
5 cm
Testo [D0025] [1 4 ] Un palloncino è legato con una molla di costante elastica
N
k = 5 cm al fondo di una piscina e quindi tenuto fermo sotto l’acqua. Sapendo che
il suo volume è V = 1 dm3 e che la sua massa è m = 400 g, di quanto si allunga la
molla?

Spiegazione In questo problema il palloncino è fermo,


quindi la somma di tutte le forze che agiscono su di esso
è nulla. Le forze in gioco sono tre: la forza elastica della
molla, la forza di gravità e la forza di Archimede. La for-
za di gravità è verso il basso; quella di Archimede verso F~Arc
l’alto. La forza elastica deve adattarsi allo scopo di rendere
nulla la somma delle forze. Considerando che parliamo di
un palloncino ci aspettiamo (ma dobbiamo poi confermarlo
con i conti) che la forza elastica sia rivolta verso il basso, in
F~el
quanto, se lasciato libero, ci aspettiamo che quel palloncino F~g
si muova verso l’alto per andare a galleggiare.

Svolgimento La condizione di equilibrio traslazionale è:

Fg + Fel = FArc

tenendo conto che il palloncino è tutto immerso, e quindi il volume di fluido


spostato è pari al volume dell’oggetto

m · g + K · ∆l = ρH2 O · Vogg · g

da cui, con la formula inversa

K · ∆l = ρH2 O · Vogg · g − m · g

ρH2 O · Vogg · g − m · g
∆l = Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
K
93 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0026

Testo [D0026] [2 6 ] Una sbarra orizzontale è realizzata unendo quattro cubi di


lato l = 10 cm e di masse rispettivamente m1 = 1 kg, m2 = 2 kg,m3 = 3 kg,m4 = 4 kg. 0.0 10.0 20.0 30.0 40.0
La sbarra è sorretta da due fili attaccati nel centro del primo e del quarto oggetto.
Calcola il baricentro della sbarra e le forze F1 ed F2 che devono fare i due fili affinchè
la sbarra stia ferma. x1 m1 + x2 m2 + x3 m3 + x4 m4
xB =
m1 + m2 + m3 + m4
Spiegazione Questo problema è un problema di equilibrio. La sbarra è ferma e 5 cm · 1 kg + 15 cm · 2 kg + 25 cm · 3 kg + 35 cm · 4 kg
xB = = 25 cm
quindi non trasla e non ruota. Il problema si risolve imponendo l’equilibrio trasla- 10 kg
zionale e l’equilibrio rotazionale. Una delle forze del problema è la forza di gravità Stabilita la posizione del baricentro della sbarra, punto nel quale applicheremo la
che agisce sulla sbarra; il problema può essere risolto in due modi: o consideriamo forza di gravità, dobbiamo ora imporre le condizioni dell’equilibrio.
quattro diverse forze di gravità applicare ognuna nel baricentro di ognuno dei quat- La condizione di equilibrio rotazionale deve essere imposta solo dopo avere iden-
tro cubi, oppure consideriamo una sola forza di gravità applicata nel baricentro della tificato il punto di rotazione rispetto al quale calcoliamo i momenti delle forze. Co-
sbarra. Lo schema dell’esercizio è il seguente: ne punto di rotazione scegliamo il baricentro del primo cubo. La condizione di
equilibrio rotazionale diventa
F~2
M2 = Mg
F~1
F2 · b2 = Fg · bg
Fg · bg mtot g · bg
F2 = =
b2 b2
10 kg · 9, 8 sm2 · 25 cm
F2 = = 70 N
35 cm
F~g La condizione di equilibrio traslazionale è

Ftot = 0
La soluzione più facile per risolvere il problema è quella di considerare la sbarra
come un solo oggetto da mtot = 10 kg; calcolarne la posizione del baricentro, in modo F1 + F2 = Fg
da sapere dove mettere la forza di gravità; ed infine impostare le due equazioni m
F1 = Fg − F2 = 10 kg · 9, 8 2 − 70 N = 28 N
dell’equilibrio. s

Svolgimento Cominciamo con il determinare la posizione del baricentro della tra-


ve. Mettiamo un sistema di riferimento come mostrato in figura
94 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0027 Problema di: Dinamica - D0028

Testo [D0027] [1 2 ] Una sbarra orizzontale è tenuta ferma da un chiodo nel Testo [D0028] [2 4 ] Una trave di legno di massa m = 2 kg e di lunghezza
suo centro. Sula lato sinistro, ad una distanza b1 = 18 cm viene applicata una forza l = 1 m è sorretta ai bordi da due persone. Sulla trave si trova un ogetto di massa
F1 = 30 N verso il basso. Sul lato destro, ad una distanza b2 = 12 cm viene applicata m2 = 1 kg ad una distanza b1 = 20 cm dal bordo sinistro della trave. Quanto valgono
una forza F2 verso il basso. Quanto vale la forza F2 per tenere ferma la sbarra? le forze che fanno le due persone?

Spiegazione Questo problema è un problema di equilibrio rotazionale, in quanto Spiegazione In questo problema abbiamo una sbarra in equilibrio sotto l’azione
le forze in questione non sono posizionate nel punto di rotazione della sbarra. La di quattro forze. La sbarra è ferma per cui la somma delle forze è zero e la somma
sbarra è ferma e quindi non ruota. Il problema si risolve imponendo l’equilibrio dei momenti è zero. Imponendo queste due condizioni otteniamo le risposte alle
rotazionale. domande del problema.

Svolgimento Il momento della forza M1 = F1 · b1 , antiorario, deve essere uguale al Svolgimento Imponendo l’equilibrio traslazionale avremo
momento della forza M2 = F2 · b2 che è invece orario.
F1 + F2 = Fg + Fg1
M2 = M1
Assumendo come punto di rotazione il punto di applicazione della forza F1 che
F2 · b2 = F1 · b1 si trova sull’estremo sinistro della sbarra, avremo che M1 = 0, Mg1 = orario, Mg2 =
F1 · b1 30 N · 18 cm orario, M2 = antiorario, e quindi
F2 = = = 45 N
b2 12 cm
0 + Mg + Mg2 = M2
l
Fg · + Fg1 · b1 = F2 · l
2
da cui si ricava F2
mg 2l + m1 gb1
F2 = = 17, 64 N
l
Calcolata F2 possiamo adesso calcolare F1 dalla prima formula scritta:

F1 = mg + m1 g − F2 = 11, 76 N

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
95 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0029


M1−orario = F1 · b1 = 3000 N cm
Testo [D0029] [2 4 ] Una trave orizzontale di massa m = 10 kg e lunga l = l
Mg−orario = mg
= 9800 N cm
200 cm è libera di ruotare attorno ad un perno fisso posto nella sua estremità sinistra. 2
La trave viene tirata verso il basso da una forza F1 = 100 N posta ad una distanza Imponendo la condizione di equilibrio rotazionale abbiamo:
b1 = 30 cm dal perno. Una forza F2 viene poi applicata al fondo della trave per
M2−antiorario = M1 + Mg = 12800 N cm
equilibrarla e non farla ruotare. La reazione vincolare del perno fisso tiene la trave in
equilibrio traslazionale. Quanto valgono e verso dove sono diretti i momenti della M2
F2 = = 64 N
forza F1 e della forza di gravità? Quanto deve valere e in quale verso deve essere l
diretto il momento della forza F2 ? Calcola la forza F2 ed il valore della reazione Dove la forza F2 deve essere verso l’alto. la condizione di equilibrio traslazionaòle è
vincolare.
Rv = F1 + Fg − F2 = 134 N

Spiegazione La trave in questione è ferma, quindi l’esercizio si risolve imponendo


sia l’equilibrio traslazionale che quello rotazionale. Sulla trave agiscono quattro for-
ze: la forza di gravità verso il basso, la forza F1 verso il basso, la forza F2 verso l’alto
e la reazione vincolare del chiodo verso l’alto.

Rv
F2
b1 b2

F1 Fg

Svolgimento Cominciamo con l’equilibrio rotazionale e analizziamo il verso di tut-


ti i momenti delle forze presenti. Consideriamo il chiodo come il punto di rotazione
della sbarra. Le forze F1 ed F2 generano momenti M1 ed M2 ; la forza di gravità
Fg = mg = 98 N genera un momento Mg ; la reazione vincolare Rv non genera alcun
momento in quanto è applicata nel punto di rotazione.

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
96 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0030

Testo [D0030] [2 3 ] Una trave orizzontale lunga l = 2 m è libera di ruotare


attorno ad un perno fisso posto nella sua estremità sinistra. La trave viene tirata
verso il basso da una forza F1 = 100 N posta ad una distanza b1 = 30 cm dal perno e
da una forza F2 = 200 N posta ad una distanza c = 40 cm dalla prima forza. Calcola
la forza F3 da applicare al fondo della trave per equilibrarla e non farla ruotare.

Spiegazione La trave in questione è ferma e non deve ruotare, quindi l’esercizio


si risolve imponendo l’equilibrio rotazionale. Sulla trave agiscono quattro forze: la
forza F1 verso il basso, la forza F2 verso il basso, la forza F3 verso l’alto e la reazione
vincolare del chiodo verso l’alto.
Rv
F3
b1 b2

F1 F2

Svolgimento Cominciamo con l’equilibrio traslazionale e analizziamo il verso di


tutti i momenti delle forze presenti. Consideriamo il chiodo come il punto di rota-
zione della sbarra. Le forze F1 ed F2 generano momenti M1 ed M2 ; la forza di gravità
Fg = mg = 98 N genera un momento Mg ; la reazione vincolare Rv non genera alcun
momento in quanto è applicata nel punto di rotazione.

M1−orario = F1 · b1 = 100 N · 30 cm = 3000 N cm


M2−orario = F2 · b2 = F2 · (c + b1 ) = 200 N · 70 cm = 14000 N cm
Imponendo la condizione di equilibrio rotazionale abbiamo:

M3−antiorario = M1 + M2 = 17000 N cm

M3 17000 N cm Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


F3 = = = 85 N
l 200 cm
97 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0031 Problema di: Dinamica - D0032

Testo [D0031] [1 4 ] In una giostra dei seggiolini tenuti da una catena si muo- Testo [D0032] [2 4 ] Immaginate di tenere in mano un sasso di massa m = 1 kg
vono di moto circolare uniforme in orizzontale con frequenza ν = 0, 25 Hz descri- mentre tenete l’avambraccio fermo in posizione orizzontale. Il sasso si trova ad una
vendo un cerchio di raggio r = 3 m. Una persona seduta nel seggiolino ha una massa distanza b1 = 30 cm dal gomito. Il muscolo bicipite, che esprime una forza verso
m = 70 kg. Quanta forza deve fare la catena per sorreggere quel seggiolino? l’alto, è attaccato all’avambraccio ad una distanza b2 = 5 cm dal gomito. Quanto
vale la forza di gravità sul sasso? Quanto vale la forza che deve fare il muscolo per
Spiegazione L’oggetto si muove di moto circolare uniforme, quindi la forza di gra- sorreggere il sasso? Quale forza agisce sul gomito?
vità sommata alla forza esercitata dalla catena danno la forza centripeta che fa muo-
vere il seggiolino di moto circolare. Nel sistema di riferimento della persona sul Spiegazione L’avambraccio del nostro problema si può modellizzare come una tra-
seggiolio, egli sente la forza di gravità, la forza esercitata dalla catena e la forza cen- ve orizzontale bloccata da un perno (il gomito) su un lato, spinta verso l’alto da una
trifuga dovuta alla rotazione. Il problema si risolverà imponendo un’equilibrio tra forza F2 applicata vicina al perno, e spinta verso il basso da una forza Fg applicata
queste tre forze. Il risultato dell’esercizio rappresenta di fatto il peso della persona. lontano dal perno. Visto che l’avambraccio è fermo, allora la somma delle forze e la
somma dei momenti che agiscono su di esso sono nulle.
Svolgimento Imponendo l’equilibrio tra forza centrifuga, forza di gravità e reazio-
ne vincolare della catena avremo Svolgimento Indicando con Rv la forza che tiene l’avambraccio attaccato al gomi-
R~v = F~g + F~g to, l’equazione dell’equilibrio traslazionale è

La forza di gravità è verticale verso il basso; la forza centripeta è orizzontale verso F2 = Rv + Fg


l’esterno della curva. La reazione vincolare è sulla stessa direzione della somma delle
dove la forza di gravità sul sasso vale
due precedenti forze, ma ha verso opposto. Per passare dall’equazione vettoriale
m
a quella scalare dovremo utilizzare il teorema di pitagora dove il modulo di R~v è Fg = mg = 1 kg · 9, 8 = 9, 8 N
s2
l’ipotenusa di un triangolo i cui cateti sono uguali ai moduli di F~g e F~g ; per cui
Indichiamo il gomito come punto di rotazione del sistema (nei conti che seguono
ho ipotizzato di disegnare il gomito della persona sulla sinistra e la relativa mano
q p
Rv = Fg2 + Fc2 = m2 g 2 + m2 · ω 4 r2
sulla destra). La forza Fg genera un momento Mg orario; la forza F2 genera un
sapendo che nel moto circolare uniforme
momento M2 antiorario. L’equazione dell’equilibrio traslazionale è
rad
ω = 2 · π · ν = 1.57
s M2 = Mg
possiamo quindi calcolare la reazione vincolare della catena
Quindi
r
2 2 F2 b2 = Fg b1
p m m
Rv = m · g 2 + ω 4 r2 = 70 kg · 96, 04 4
+ 54, 68 4 = 859, 4 N
s s
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
98 Scheda6. Dinamica: soluzioni

F2 b2 = mgb1 Problema di: Dinamica - D0033

Fg b1 9, 8 N · 30 cm Testo [D0033] [1 2 ] Faccio più fatica a sorreggere un oggetto di ferro di densità


F2 = = = 58, 8 N kg 3
b2 5 cm ρF e = 7874 m3 e volume VF e = 2 dm o ad allungare una molla di costante elastica
N
Riprendendo adesso la prima formula k = 30 cm dalla lunghezza li = 10 cm alla lunghezza lf = 15 cm?

Rv = F2 − Fg = 58, 8 N − 9, 8 N = 49 N Spiegazione In questo esercizio viene chiesto di confrontare i valori di due forze
differenti per dire quale delle due è più intensa. Le due forze sono la forza di gravità
sull’oggetto di ferro e la forza elastica sulla molla.

Svolgimento La forza di gravità vale

kg m kg m
Fg = mg = 2 dm3 · 7874 · 9, 8 2 = 0, 002 m3 · 7874 3 · 9, 8 2 = 154, 33 N
m3 s m s
La forza elastica della molla vale
N
Fel = k · ∆l = k · (lf − li ) = 30 · 5 cm = 150 N
cm
la forza elastica è quindi maggiore

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
99 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0034 Problema di: Dinamica - D0035

Testo [D0034] [2 2 ] Ad una macchina di Atwood sono appese due masse m1 = Testo [D0035] [1 4 ] Se vuoi mantenere un sasso sott’acqua senza che tocchi il
2 kg ed m2 = 5 kg. Con quale accelerazione si muove il sistema? fondo, devi fare una forza verso l’alto o verso il basso? Disegna le forze sull’oggetto
e motiva la tua risposta. Immagina adesso di fare la stessa cosa con un pallone di
Spiegazione Una macchiuna di Atwood è costituita da una carrucola con perno fis- plastica, devi fare una forza verso l’alto o verso il basso? Disegna le forze sull’oggetto
so a cui sono appese due masse. Nel sistema agiscono due forze di gravità entrambe e motiva la tua risposta.
verso il basso che, rispetto alla direzione del filo, risultano opposte.
Spiegazione In questo esercizio si richiede di analizzare la condizione di equilibrio
Svolgimento La forza totale che agisce lungo la direzione del filo è per un corpo immerso in un liquido. Per rispondere alle domande devi disegnare le
forze che agiscono sui corpi e poi disegnare la forza che devi fare tu al fine di creare
Ftot = m2 g − m1 g = (m2 − m1 )g una condizione di equilibrio traslazionale.
Per il secondo principio della dinamica abbiamo che
Svolgimento Nel caso del sasso, abbiamo una forza di gravità verso il basso mag-
Ftot = mtot a giore della forza di Archimede verso l’alto. Per avere equilibrio F~tot = 0 tu dovrai
fare una forza verso l’alto.
Nel caso del pallone, abbiamo una forza di gravità verso il basso minore della
(m2 − m1 )g = (m2 + m1 )a forza di Archimede verso l’alto. Per avere equilibrio F~tot = 0 tu dovrai fare una
Per cui l’accelerazione con cui si muove il sistema è forza verso il basso.

m2 − m1
a= g
m2 + m1

3 kg m m
a= · 9, 8 2 = 4, 2 2
7 kg s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
100 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0036 Problema di: Dinamica - D0037

N
Testo [D0036] [1 1 ] Ad una molla di costante elastica k = 50 m viene appeso Testo [D0037] [1 2 ] Su di una macchina sale una persona di massa m = 80 kg.
un oggetto di massa m = 4 kg. Di quanto si allunga la molla? Di quanto si abbassa la macchina se le quattro molle su cui poggia hanno costante
N
elastica k = 100 cm ?
Spiegazione In questo problema la forza di gravità tira l’og-
getto verso il basso mentre la molla si allunga e lo spinge verso Spiegazione In questo problema la forza di gravità tira la persona verso il basso
l’alto. Essendo l’oggetto fermo, allora la forza totale che agisce mentre le quattro molle si schiacciano e spingono verso l’alto. Essendo il sistema
sull’oggetto è nulla. fermo, allora la forza totale che agisce su di esso è nulla. Le quattro molle insieme,
schiacciandosi, aumentano la forza che fanno per compensare l’aumento del peso
Svolgimento L’oggetto è fermo, quindi la forza totale che dovuto alla presenza della persona.
agisce è nulla. F~el
Svolgimento Il sistema è fermo, quindi la forza totale che agisce è nulla.
Fel − Fg = 0
4Fel − Fg = 0
per cui
k · ∆l = m · g per cui
4k · ∆l = m · g
m·g 4 kg · 9, 8 sm2
∆l = = = 0, 784 m
k 50 mN
m·g 80 kg · 9, 8 sm2
F~g ∆l = = = 1, 96 cm
4k N
4 · 100 m

Autore: Andrea de Capoa 10 Apr 2017 Autore: Andrea de Capoa 10 Apr 2017
101 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0038 Problema di: Dinamica - D0039

Testo [D0038] [1 1 ] Un oggetto del peso di Fp = 40 N si sposta su di un piano Testo [D0039] [1 1 ] Un oggetto di massa m = 2 kg si sposta su di un piano
orizzontale con coefficiente di attrito dinamico µd = 0, 02, sotto l’azione di una forza orizzontale con coefficiente di attrito dinamico µd = 0, 2, sotto l’azione di una forza
F = 20 N nella direzione del moto. Qual è la forza totale che agisce su di esso? F = 20 N nella direzione del moto. Qual è la forza totale che agisce su di esso?

Spiegazione Il peso dell’oggetto lo schiaccia contro il piano, generando una forza Spiegazione Il peso dell’oggetto lo schiaccia contro il piano, generando una forza
di attrito. Sulla linea del movimento abbiamo quindi due forze opposte: la forza di attrito. Sulla linea del movimento abbiamo quindi due forze opposte: la forza
esterna che spinge l’oggetto nella direzione del moto e la forza di attrito ad essa esterna che spinge l’oggetto nella direzione del moto e la forza di attrito ad essa
opposta. opposta.

Svolgimento Svolgimento
m
Ftot = F − Fa = F − µd Fp = 20 N − 0, 02 · 40 N = 19, 2 N Ftot = F − Fa = F − µd Fg = F − µd mg = 20 N − 0, 2 · 2 kg · 9, 8 = 16, 1 N
s2

Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017
102 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0040 Problema di: Dinamica - D0041

Testo [D0040] [1 2 ] Un pendolo di massa m = 300 g viene tirato in orizzontale Testo [D0041] [3 3 ] Un pendolo di massa m = 700 g e di lunghezza L = 2 m
da una forza F = 6 N . Quanto vale la tensione del filo che sorregge il peso? viene tirato in orizzontale da una forza F = 8 N . Quanto vale la tensione del filo che
sorregge il peso? Di quanto si solleva il peso?
Spiegazione In questo problema abbiamo
tre forze disposte su di un piano: la forza di Spiegazione In questo problema abbiamo
gravità verso il basso, la forza esterna in oriz- tre forze disposte su di un piano: la forza di
θ gravità verso il basso, la forza esterna in oriz-
zontale (immaginiamo verso destra) e la ten-
zontale (immaginiamo verso destra) e la ten- θ
sione del filo in diagonale lungo il filo. In una m F~
T~ sione del filo in diagonale lungo il filo. In una
condizione di equilibrio la somma delle tre
F~g
forze è nulla. La forza di gravità è compensa- condizione di equilibrio la somma delle tre T~
∆h
forze è nulla. La forza di gravità è compensa- m F~
ta dalla componente verticale della tensione
del filo; la forza esterna è compensata dalla ta dalla componente verticale della tensione ∆h
componente orizzontale della tensione del fi- del filo; la forza esterna è compensata dalla F~g
lo. É inoltre importante notare che il triango- componente orizzontale della tensione del fi-
lo rettangolo formato dalle tre forze è simile al triangolo rettangolo formato dal filo lo. É inoltre importante notare che il triango-
(ipotenusa) e dalle sue due proiezioni verticale ed orizzontale (i due cateti). lo rettangolo formato dalle tre forze è simile al triangolo rettangolo formato dal filo
(ipotenusa) e dalle sue due proiezioni verticale ed orizzontale (i due cateti).
Svolgimento La tensione del filo è in modulo pari alla somma della forza di gravità
e della forza esterna Svolgimento La tensione del filo è in modulo pari alla somma della forza di gravità
r e della forza esterna
q p m2 r
T = Fg + F = m g + F = 0, 09 kg 2 · 96, 04 4 + 36 N 2
2 2 2 2 2 q p m2
s T = Fg + F = m g + F = 0, 49 kg 2 · 96, 04 4 + 64 N 2
2 2 2 2 2
s
T = 6, 68 N T = 10, 54 N
Consideriamo adesso il triangolo rettangolo formato dal filo (ipotenusa) e dalle
sue due proiezioni verticale ed orizzontale (i due cateti) Il cateto verticale lo si trova
sfruttando la similitudine tra triangoli e la conseguente proporzionalità tra i lati.

y : Fg = L : T
per cui
Fg Fg
Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 y =L· =L· p
T F g2 + F 2
103 Scheda6. Dinamica: soluzioni

La massa attaccata al pendolo si è quindi sollevata di una quantità Problema di: Dinamica - D0042
!
Fg Testo [D0042] [2 2 ] Sapendo che la massa di Marte vale M = 6, 39 · 1023 kg ed il
∆h = L − y = L · 1 − p = 0, 70 m
F g2 + F 2 suo raggio vale R = 3390 km, calcola il valore dell’accelerazione di gravità di Marte.
Come cambierebbe tale accelerazione se avessimo un pianeta "X" di raggio doppio e
con il doppio della massa?

Spiegazione L’accelerazione di gravità la si trova imponendo l’uguaglianza tra la


formula della forza di gravità sulla superficie di un pianeta e la legge di gravitazione
universale.

Svolgimento L’accelerazione di gravità sulla superficie del pianeta la si trova scri-


vedo:
M ·m
m · gM arte = G M arte
2
RM arte

MM arte m
g=G 2
= 3, 7 2
RM arte
s
Nel caso di un oianeta il raggio fosse il doppio rispetto al valore di Marte, e fosse
doppia anche la massa, l’accelerazione di gravità verrebbe divisa per 2, infatti:

Mx 2 · MM arte 1 MM arte 1
gx = G =G 2 = 2 G R2 = gM arte
Rx2 (2 · RM arte ) M arte
2

Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017
104 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0043 Problema di: Dinamica - D0044

Testo [D0043] [1 4 ] Una sfera rotola su di un piano inclinato, senza strisciare Testo [D0044] [3 4 ] In quale punto, sulla linea tra la Terra e la Luna, deve
e con velocità costante. Sapendo che la reazione vincolare del piano vale Rv = 17 N essere messo un satellite affinchè subisca a causa dei due corpi celesti una forza di
e che le forze di attrito valgono Fa = 9, 8 N , calcolate la massa della sfera ed il gravità complessiva nulla?
coefficiente di attrito del piano.
Spiegazione Il satellite in questione si deve trovare sul segmento di congiunzione
Spiegazione La sfera si muove con ve- tra due corpi celesti; in questo modo subisce due forze di gravità aventi stessa dire-
locità costante, quindi per il primo prin- R~v zione ma verso opposto. Affinchè le forze siano uguali è necessario che il satellite si
cipio della dinamica la somma delle forze trovi più distante dal corpo celeste con più massa.
su di essa è nulla. Lo schema delle for-
ze è rappresentato qui a lato. La reazione F~a Svolgimento Indichiamo con r la distanza del satellite dalla Terra. Indichiamo con
vincolare e la forza di attrito sono tra loro ~ = const
V d la distanza della Terra dalla Luna. Per avere che il satellite sia sulla congiungente
perpendicolari. dei due corpi celesi dobbiamo avere 0 < r < d
Eguagliamo adesso le due forze di gravità che agscono sul satellite.
Svolgimento Visto lo schema delle forze
θ MT m ML m
avremo: G =G 2
r2 (d − r)
−F~g = R
~ v + F~a F~g
da cui
e di conseguenza MT ML
p √ = 2
Fg = Rv2 + Fa2 = 385 N 2 = 19, 6 N r2 (d − r)
2
La massa del corpo sarà quindi r2 (d − r)
=
MT ML
Fg 19, 6 N
m= = = 2 kg ML 2
g 9, 8 sm2 r = d2 − 2dr + r2
MT
La forza che schiaccia la sfera contro il piano inclinatpo è pari alla reazione vin- 
ML

colare del piano, quindi il coefficiente di attrito dinamico sarà 1− r2 − 2dr + d2 = 0
MT
Fa ML
µd = = 0, 58 Indichiamo per comodità a = Procediamo con i calcoli ed avremo
Rv MT
p
d ± d2 − d2 (1 − a)
r=
1−a

1± a
Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 r=d
1−a
105 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Escludiamo adesso la soluzione che non rappresenta una posizione che sia tra i Problema di: Dinamica - D0045
due corpi celesti, rimane √
1− a Testo [D0045] [1 2 ] Un’automobile di massa m = 800 kg si appoggia su quattro
r=d
1−a N
ammortizzatori di costante elastica k = 100 cm . Di quanto vengono compressi tali
Nel nostro problema r è la distanza del satellite dalla Terra, d è la distanza della ammortizzatori a causa del peso dell’automobile?
Luna dalla Terra, a è il rapporto tra la assa della luna e quella della Terra. Avremo
quindi Spiegazione In questo problema la forza di gravità tira il vaso verso il basso l’au-

ML
a = MT = 0, 0123

 tomobile, mentre le quattro molle attaccate alle ruote spingono verso l’alto. Visto che
l’automobile è ferma, vuol dire che la somma delle forze su di lei è nulla.

d = 384400 km

r = 384400 km 1 − 0, 0123 = 346020 km



1 − 0, 0123 Svolgimento La somma delle forze sulla macchina è nulla, quindi

Fg = 4 · Fel

M · g = 4 · k · ∆l

m·g
∆l =
4k
800 kg · 9, 8 sm2
∆l = N
= 19, 6 cm
4 · 100 cm

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 20 Lug 2017
106 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0046 Problema di: Dinamica - D0047

Testo [D0046] [2 3 ] A due molle identiche, montate in serie, di massa m = Testo [D0047] [1 3 ] Una macchina di massa m = 800 kg sta facendo una curva
N
0, 2 kg e costante elastica K = 2 cm è appeso un oggetto di massa M = 1 kg. Di di raggio r = 20 m su asfalto bagnato e con le gomme lisce. Tra l’asfalto e le ruote
quanto si allungano complessivamente le due molle? il coefficiente di attrito è µ = 0, 2. Quanto vale la forza di gravità che agisce sulla
macchina? Quanto vale l’attrito dell’auto sull’asfalto? A quale velocità massima può
Spiegazione In questo problema la forza di gravità tira le due molle verso il basso. andare la macchina per non uscire di strada?
La seconda molla deve solo sostenere il peso dell’oggetto, mentre la prima molla de-
ve sostenere anche il peso della seconda molla. La prima molla quindi si allungherà Spiegazione Un’automobile percorre una curva di moto circolare uniforme grazie
più della seconda. alla forza di tipo centripeto fornita dalla forza di attrito delle ruote con l’asfalto.

Svolgimento Per la seconda molla vale la condizione di equilibrio: Svolgimento La forza di gravità e la forza di attrito radente sull’auto valgono

M ·g m
K · ∆l2 = M · g ⇒ ∆l2 = Fg = mg = 800 kg · 9, 8 = 7840 N
K s2

Per la prima molla vale la condizione di equilibrio: Fa = µFg = 0, 2 · 7840 N = 1568 N

(M + m) · g La forza centripeta necessaria per fare la curva dipende dalla velocità dell’auto
K · ∆l1 = (M + m) · g ⇒ ∆l1 = ed è data dalla forza di attrito delle ruote con l’asfalto.
K
L’allungamento totale ottenuto sarà quindi V2
Fc = Fa ⇒ m = µmg
r
M · g (M + m) · g
∆ltot = ∆l1 + ∆l2 = + r s
K K µmgr 1568 N · 20 m m
V = = = 6, 261
m 800 kg s
(2M + m) · g 2, 2 kg · 9, 8 sm2
∆ltot = = N
= 10, 8 cm Se l’auto viaggia a velocità superiore esce di strada.
K 2 cm

Autore: Andrea de Capoa 20 Lug 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
107 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0048 Risolvendo il sistema si ottiene che

Fel = m · g · sin θ
Testo [D0048] [2 4 ] Un oggetto di massa m = 2 kg si trova fermo su di un
piano inclinato senza attrito, inclinato di θ = 30◦ rispetto all’orizzontale, bloccato m · g · sin θ 2 kg · 9, 8 sm2 · sin(30◦ )
∆l = = N
= 1, 96 cm
tramite un cavo inestensibile ad una molla di costante elastica k = 5 cmN
. Di quanto k 5 cm
si allunga la molla?

Spiegazione Il peso è soggetto alla


forza di gravià verticale verso il bas- ~v
R
so. Per analizzare lo schema delle for-
ze è utile scomporre tale forza lungo le T~
linee parallela e perpendiolare al pia- T~
no inclinato. Il piano inclinato esercita
F~gk
sul peso una reazione vincolare ugua-
F~g⊥
le alla forza premente F~g⊥ . A spingere θ
lungo il piano rimane la relativa com- F~el
ponente della forza di gravità F~gk . La F~g
molla viene tirata verso l’alto dal filo,
e quindi lei tira verso il basso.

Svolgimento Dal momento che il sistema è fermo, allora la somma delle forze deve
essere nulla. L’equazione dell’equilibrio deve essere applicata ad entrambi i punti
significativi: il baricentro dell’oggetto e la punta della molla. Avremo quindi che:

Fgk − T = 0


Rv − Fg⊥ = 0


Fel − T = 0


Fg · sin θ − T = 0


Rv − Fg · cos θ = 0

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016

Fel − T = 0

108 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0049 Risolvendo ora il sistema si ottiene che

µs · Fg⊥ + Fgk ≥ Fel ≥ −µs · Fg⊥ + Fgk


Testo [D0049] [3 5 ] Un oggetto di massa m = 2 kg si trova fermo su di un
piano inclinato. Il piano ha un coefficiente di attrito statico µs = 0, 1 ed è inclinato di
θ = 30◦ rispetto all’orizzontale. L’oggetto è bloccato tramite un cavo inestensibile ad mg [µs cos(θ) + sin(θ)] ≥ Fel ≥ mg [−µs cos(θ) + sin(θ)]
N
una molla di costante elastica k = 5 cm . Di quanto si allunga la molla?

11, 50 N ≥ Fel ≥ 4, 05 N
Spiegazione Il peso è soggetto alla
forza di gravià verticale verso il bas- ~v Si ottiene quindi una condizione di equilibrio per un intervallo di posizioni del-
R
so. Per analizzare lo schema delle for- l’oggetto, corrispondenti ad un allungamento della molla
ze è utile scomporre tale forza lungo le T~
linee parallela e perpendiolare al pia- ~
T 2, 3 cm ≥ ∆l ≥ 0, 81 cm
no inclinato. Il piano inclinato esercita
F~gk
sul peso una reazione vincolare ugua-
F~g⊥
le alla forza premente F~g⊥ . A spingere θ
lungo il piano rimane la relativa com- F~el
ponente della forza di gravità F~gk . La F~g
molla viene tirata verso l’alto dal filo,
e quindi lei tira verso il basso. La presenza della forza di attrito statico complica
le cose. L’attrito statico è una reazione vincolare che si adatta alla forza che ten-
de a spostare l’oggetto, cercando di annullarla. Nello schema in figura non è stata
rappresentata la forza di attrito statico. In questo esercizio, se la forza che spinge
l’oggetto supera il valore della forza di attrito statico Fattr = µs · F~g⊥ allora l’oggetto
comincierà a muoversi.

Svolgimento Dal momento che il sistema è fermo, allora la somma delle forze deve
essere nulla. L’equazione dell’equilibrio deve essere applicata ad entrambi i punti
significativi: il baricentro dell’oggetto e la punta della molla. Avremo quindi che:

−µs · Fg⊥ ≤ Fgk − T ≤ µs · Fg⊥


Rv − Fg⊥ = 0

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016

Fel − T = 0

109 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0050 Il calcolo dell’allungamento della molla rispetto alla posizione a riposo mi da di
conseguenza l’allungamento della molla quando il sistema viene lasciato libero.
Testo [D0050] [2 2 ] Un oggetto di massa
m = 2 kg si trova su di un carrello posizionato fer- k · ∆l = mg sin θ
mo su di un piano inclinato inclinato di θ = 30◦ mg sin θ 2 kg · 9, 8 sm2 · 1
2
∆l = = N
= 3, 92 cm
rispetto all’orizzontale. Il sistema inizialmente è k 5 cm
fermo. L’oggetto è appoggiato ad una molla di co-
N
stante elastica k = 5 cm , parallela al piano inclina-
θ
to. Di quanto si allunga la molla quando si lascia
il carrello libeo di muoversi?

Spiegazione L’oggetto nel carrello


è soggetto alla forza di gravità verti- ~v
R
cale verso il basso. Per analizzare lo
schema delle forze è utile scompor- F~el
re tale forza lungo le linee parallela F~gk
e perpendiolare al piano inclinato. Il
piano inclinato esercita sul peso una
reazione vincolare uguale alla forza F~g⊥
premente F~g⊥ . A spingere lungo il F~g
piano rimane la relativa componen- θ
te della forza di gravità F~gk . Il car-
rello è fermo e la pallina schiaccia la
molla con una forza pari a F~gk . Nel momento in cui il carrello viene lasciato libero di
cadere, il peso della pallina lungo la direzione del moto si annulla, quindi la molla
non viene più schiacciata e ritorna della lunghezza iniziale.

Svolgimento Dal momento che il sistema è inizialmente fermo, allora la somma


delle forze sull’oggetto deve essere nulla. L’equazione dell’equilibrio è quindi:

R − F = 0
v g⊥
Fel − Fgk = 0 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
110 Scheda6. Dinamica: soluzioni

!
Problema di: Dinamica - D0051 MT MT
P = m1 · G 2 −G
h 2

(r) r+ 2
Testo [D0051] [3 4 ] Una navicella spaziale di forma cilindrica con altezza h = !
1 1
10 m e massa m2 = 500 kg è in orbita intorno alla Terra. La base inferiore si trova P = GMT m1 · 2 −
h 2

(r) r+ 2
ad una distanza d = 408 km dal centro della Terra (di raggio RT = 6371 km e massa
!
MT = 5, 97219 · 102 4 kg). Quanto pesa un oggetto di massa m1 = 1 kg su tale base? M m1 1
P = G T2 · 1−
r h 2

1+ 2r
Spiegazione Una navicella in orbita è in caduta libera e quindi l’accelerazione per-
cepita dagli oggetti al suo interno dovrebbe essere nulla, e di conseguenza è nullo m3 5, 97219 · 102 4 kg · 1 kg
 
−11 1
P = 6, 67408 · 10 2 · 1−
il loro peso. Questo è quanto giustamente si studia a scuola quando si introducono kg · s2 (6779000 m) 1 + 1, 48 · 10−6
i sistemi di riferimento non inerziali. Quando però si fa questo esempio, spesso si
assume un ascensore in caduta libera e tutto torna bene perchè l’accelerazione subita P ' 8.67 · 1, 48 · 10−6 N ' 12, 8 · 10−6 N = 12, 8 µN
dall’ascensore e quella subita dalla persona all’interno è la stessa, pari all’accelera-
zione di gravità g supposta appunto costante. Detto questo il professore fa poi l’e- Per questo motivo si dice comunemente che gli esperimenti sulla stazione spa-
sempio dell’aereoplano in caduta libera e della stazione spaziale, magari mostrando ziale sono fatti in un contesto di microgravità.
dei filmati che effettivamente dimostrano un’assenza di peso.
Detto questo possiamo comunque approfondire l’argomento e chiederci se nel
nostro problema effettivamente l’astronave e l’oggetto sul suo fondo subiscono la
stessa accelerazione. In caso contrario il peso non risulterebbe nullo!

Svolgimento Utilizziamo la legge di gravitazione universale. L’accelerazione per-


cepita da un corpo la indichiamo con

MT
g=G
R2
dove R è la distanza del baricentro del corpo dal centro della Terra e MT è la massa
della Terra.
La base della nostra navicella si trova ad una distanza dal centro della Terra pari
a r = 6779000 m
Detta a l’accelerazione che percepisce l’oggetto sul fondo dell’astronave avremo:

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


P = m1 · a
111 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0052 Problema di: Dinamica - D0053

Testo [D0052] [2 2 ] Un ascensore si muove verso l’alto con accelerazione a = Testo [D0053] [3 4 ] In una gara automobilistica un’auto affronta una curva
2 sm2 . Una persona di massa m = 70 kg si trova al suo interno in piedi sopra una parabolica di raggio r = 40 m, inclinata di α = 15◦ rispetto all’orizzontale. Sapendo
bilancia. Qunto peso segna la bilancia? che il coefficiente di attrito delle ruote sull’asfalto è µ = 0, 6, quale velocità massima
può tenere l’auto senza perdere aderenza con la strada?
Spiegazione In questo esercizio semplicemente applichiamo il secondo principio
della dinamica. Noi infatti sappiamo quali forze agiscono sulla persona e sappiamo Spiegazione Abbiamo un problema di dinamica sul moto circolare e sul piano in-
con quale accelerazione si muove la persona. clinato. L’auto subisce una forza centrifuga e la forza di gravità, entrambe non alli-
neate con il piano stradale. L’auto viene schiacciata verso il basso dalle componenti
Svolgimento Sulla persona agiscono due forze: la forza di gravità verso il basso e di entrambe le forze e spinto lateralmente dalle altre componenti delle stesse forze.
la reazione vincolare della bilania verso l’alto. Possiamo quindi scrivere il secondo
principio della dinamica Svolgimento Nella direzione perpendicolare alla strada ci sono tre forze che agi-
Ftot = m · a scono: la componente della forza di gravità
T − Fg = m · a
Fg⊥ = mg · cos α
T = m · g + m · a = m (g − a)
 m m la componente della forza centrifuga
T = 70 kg · 9, 8 2 + 2 2 = 826 N
s s
V2
Fc⊥ = m sin α
r
ed infine la reazione vincolare del piano stradale

Rv = Fg⊥ + Fc⊥

V2
Rv = mg · cos α + m sin α
r
Contemporaneamente l’auto deve essere in equilibrio sulla linea parallela al pia-
no stradale, su cui agisce l’altra componente forza di gravità

Fgk = mg sin α

l’altra componente della forza centrifuga

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


V2
Fck = m cos α
r
112 Scheda6. Dinamica: soluzioni

e la forza di attrito radente Problema di: Cinematica - D0054


Fa = µRv
Testo [D0054] [2 3 ] Un oggetto di massa m = 2 kg striscia su di un piano
Quindi
orizzontale con coefficiente di attrito dinamico µd = 2 spinto da una forza F = 50 N .
Fa = Fck − Fgk
Con quale accelerazione si sta muovendo??
µ (Fg⊥ + Fc⊥ ) = Fck − Fgk

V2

V2 Spiegazione In questo problema si applica il secondo principio della dinamica
µ mg · cos α + m sin α = m cos α − mg sin α in quanto si conoscono le forze che agiscono sull’oggetto e si chiede di calcolarne
r r
l’accelerazione.
V2 V2
µg · cos α + g sin α = cos α − µ sin α
r r Svolgimento La forza che schiaccia l’oggetto contro il piano orizzontale è la forza
V2 di gravità.
g (µ · cos α + sin α) = (cos α − µ sin α) m
r Fg = mg = 2 kg · 9, 8 2 = 19, 6 N
s
s Lungo la linea del movimento agiscono quindi due forze opposte: la forza ester-
gr (µ · cos α + sin α)
V = na che spinge l’oggetto e la forza di attrito dinamico. La forza totale che agisce
(cos α − µ sin α)
sull’oggetto lungo la linea del moto è quindi

Ftot = F − Fatt = F − µd Fg = 50 N − 39, 2 N = 10, 8 N

L’accelerazione con cui l’oggetto si muove è quindi

Ftot 10, 8 N m
a= = = 5, 4 2
m 2 kg s

Autore: Andrea de Capoa 18 Dicc 2017 Autore: Andrea de Capoa 9 Gen 2018
113 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0055 Problema di: Dinamica - D0056

Testo [D0055] [2 4 ] Un oggetto di massa m = 2 kg F~ Testo [D0056] [2 3 ] Un oggetto di mas-


viene trascinato su di un piano con coefficiente di attrito sa M = 20 kg striscia senza attrito su di
dinamico µ = 0.2 da una forza F = 5 N inclinata di un α un piano orizzontale. L’oggetto è tirato da
angolo α = 30◦ verso l’alto rispetto all’orizzontale. Con una corda inestensibile che, tramite una car-
quale accelerazione si muove l’oggetto? rucola mobile, sorregge un peso di massa
m = 10 kg. Con quale accelerazione si sta
Spiegazione La forza che trascina il blocco deve F~⊥ muovendo il sistema?
F~
essere scomposta lungo la linea del movimento e
lungo la linea perpendicolare al movimento. La ~v
R Spiegazione In assenza di attriti, l’unica forza che mette in movimento il sistema è
F~a α
forza di attrito si oppone al movimento ed è deter- F~k la forza di gravità sul pesino di massa m. Il problema si risolve applicando il secondo
minata dalla forza con cui l’oggetto viene schiac- principio della dinamica ai due blocchi.
ciato contro il piano. Il piano reagisce alla forza
che schiaccia con la reazione vincolare verso l’alto. Svolgimento Il blocco che cade, per come è attaccato all’altro blocco, percorrerà
La forza di attrito è proporzionale alla forza che sempre la metà della distanza percorsa dal primo blocco. Questo vuol dire che avrà
F~g
schiaccia, quindi alla reazione vincolare del piano. sempre la metà della sua velocità e quindi la metà della sua accelerazione.
Infatti, se consideriamo la linea perpendicolare al Sul blocco appeso agiscono la forza di gravità in basso e due tensioni del filo in
piano, su tale linea l’oggetto è fermo, e quindi la forza totale è nulla. La reazione alto.
a
vincolare eguaglia di conseguenza la forza che chiaccia. mg − 2T = m ·
2
Sul blocco che scivola in orizzontale avremo
Svolgimento Se consideriamo la linea del movimento, avremo
T = Ma
Fk − µ (mg − F⊥ ) = ma
Quindi

F cos α − µ (mg − F sin α) a


=a mg − 2M a = m ·
m 2
da cui
4, 33 N − 0, 2 · (19, 6 N − 2, 5 N ) m
a= = 0, 455 2 m
2 kg s a·(
+ 2M ) = mg
2
m m 10 m
a=g· m = 9, 81 2 · = 2, 18 2
+ 2M s 45 s
2
Autore: Andrea de Capoa 3 Feb 2018
114 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0057 da cui, risolvendo l’equazione, otteniamo


m 
Testo [D0057] [2 4 ] Un oggetto di mas- a· + 2M = g · (m − 2µM )
2
sa M = 20 kg striscia su di un piano oriz-
zontale con coefficiente di attrito µ = 0, 05. (m − 2µM ) m 8 m
a=g· m = 9, 81 2 · = 1, 744 2
L’oggetto è tirato da una corda inestensibi- + 2M s 45 s
2
le che, tramite una carrucola mobile, sorreg-
Ovviamente quanto calcolato vale solo se
ge un peso di massa m = 10 kg. Con quale
accelerazione si sta muovendo il sistema? m
− 2µM > 0
2
Spiegazione La forza che mette in movimento il sistema è la forza di gravità sul in quanto l’accelerazione del blocco deve essere verso destra. Quindi solo se
pesino di massa m. Il problema si risolve applicando il secondo principio della di- m
namica ai due blocchi. Sul blocco che scivola il orizzontale agisce anche la forza di µ< = 0, 125
4M
attrito radente dinamico.

Svolgimento Il blocco che cade, per come è attaccato all’altro blocco, percorrerà
sempre la metà della distanza percorsa dal primo blocco. Questo vuol dire che avrà
sempre la metà della sua velocità e quindi la metà della sua accelerazione.
Sul blocco appeso agiscono la forza di gravità in basso e due tensioni del filo in
alto.
a
mg − 2T = m (6.1)
2
Sul blocco che scivola in orizzontale avremo

T − Fattr = M a

T − µM g = M a
T = M a + µM g
Quindi, sostituendo quest’ultima equazione nella ??

a
mg − 2 (M a + µM g) = m
2

Autore: Andrea de Capoa 5 Feb 2018 Autore: Andrea de Capoa 5 Feb 2018
115 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0058 Problema di: Dinamica - D0059

Testo [D0058] [3 4 ] Una navicella spaziale di massa m1 = 4000 kg deve recu- Testo [D0059] [2 3 ] Due oggetti di massa m1 = 20 kg ed m2 = 30 kg, sono legati
perare un satellite artificiale di massa m2 = 2000 kg. Per farlo lo aggancia con una da un filo inestensibile e liberi di scivolare su di un piano orizzontale senza attrito.
fune di lunghezza L = 60 m e tira la fune con una forza F = 4 N . Il satellite è fermo Uno dei due viene tirato orizzontalmete da una forza F = 100 N e di conseguenza
rispetto alla navicella. Dopo quanto tempo la navicella recupera il satellite? trascina l’altro. Con quale accelerazione si muove il sistema?

Spiegazione Quando la navicella tira il satellite, per il terzo principio il satellite Spiegazione In questo problema semplicemente applichiamo la seconda legge del-
tira la navicella. Entrambi gli oggetti si muovono di moto uniformemente accelerato la dinamica ai due corpi in movimento.
e la somma dei loro spostamenti deve essere pari alla loro distanza iniziale.
Svolgimento L’accelerazione del sistema avrà verso concorde alla forza F~ che agi-
Svolgimento Le accelerazioni con cui si muovono i due oggetti sono sce sul primo oggetto. La tensione del filo agisce orizzontalmente su entrambi i bloc-
 chi con verso opposto. Sul primo oggetto agiscono quindi due forze. Sul secondo
a = F = 10−3 m oggetto agisce solo la tensione del filo. Avremo quindi
1 m1 s2
a2 = F
= 2 · 10−3 m2
m2 s

F − T = m a
1
utilizzando le equazioni del moto avremo T = m2 a
1 1 Risolvendo il sistema avremo
L= a1 ∆t2 + a2 ∆t2
2 2

F − m a = m a
2 1
1
L= (a1 + a2 ) ∆t2 T = m2 a
2

2L a = F
= ∆t2 m1 +m2
(a1 + a2 ) T = F m1m+m
2
2
2L 120 m
∆t2 = = = 40000 s2 Abbiamo quindi ottenuto la tensione del filo e l’accelerazione del sistema. Nu-
(a1 + a2 ) 3 · 10−3 sm2
mericamente avremo 
∆t = 200 s a = 100 N = 2 m
50 kg s2
T = 100 N · 30 kg
50 kg = 60 N

Autore: Andrea de Capoa 5 Feb 2018 Autore: Andrea de Capoa 6 Feb 2018
116 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0060 Problema di: Dinamica - D0061

Testo [D0060] [2 4 ] tre oggetti di massa m1 = 20 kg ed m2 = 30 kg ed m3 =


50 kg, sono legati da un filo inestensibile e liberi di scivolare su di un piano oriz- Testo [D0061] [3 3 ] Un oggetto a forma di pa-
zontale senza attrito. Quello più avanti viene tirato orizzontalmete da una forza rallelepipedo con base b = 5 cm, altezza h e pro-
F = 100 N e di conseguenza trascina gli altri. Con quale accelerazione si muove il fondità non conosciuta, viene posizionato su di un
sistema? piano inclinato di un angolo α = 30◦ rispetto all’o-
rizzontale, come mostrato in figura. Per quale va-
Spiegazione In questo problema semplicemente applichiamo la seconda legge del- lore dell’altezza l’oggetto si ribalterà? [Suggerimen-
la dinamica ai due corpi in movimento. to: ribaltarsi in questo caso significa ruotare intorno allo θ
spigolo più in basso del parallelepipedo.]
Svolgimento L’accelerazione del sistema avrà verso concorde alla forza F~ che agi-
sce sul primo oggetto. Le tensioni dei fili agiscono orizzontalmente su tutti i bloc-
chi con verso opposto. Sul primo oggetto agiscono quindi due forze. Sul secondo Spiegazione Cominciamo con il dire che la
oggetto agiscono due forze. Sul terzo agisce solo la tensione del filo. Avremo quindi forza di gravità agisce nel baricentro dell’og-
 getto, verticale verso il basso. In questo pro-
F − T1 = m1 a

 blema dobbiamo analizzare se il parallelepi-
T1 − T2 = m2 a pedo inizia o no una rotazione. Se lo facesse,



T2 = m3 a il punto di rotazione sarebbe necessariamen-
te lo spigolo inferiore del parallelepipedo. In F~gk
Risolvendo il sistema avremo
tal caso la reazione vincolare del piano sareb-
 be necessariamente sullo spigolo di appoggio F~g⊥
F = m1 a + m2 a + m3 a = (m1 + m2 + m3 ) a

 e quindi sul punto di rotazione. La reazione
m3
T2 = F · (m1 +m2 +m3 ) vincolare non contribuisce quindi alla rota-

 m2 +m3 θ
T1 = F ·

(m1 +m2 +m3 ) zione dell’oggetto. Rimangono le due com- F~g
Abbiamo quindi ottenuto la tensione del filo e l’accelerazione del sistema. Nu- ponenti della forza di gravità lungo le dire-
mericamente avremo zioni parallela e perpendicolare al piano in-
 clinato. Entrambe generano due momenti, uno orario ed uno antiorario. L’ogget-
a = 100 N = 1 m to inizierà la rotazione se il momento orario della forza parallela al piano risulta
100 kg s2
T1 = 100 N · 80 kg = 80 N T2 = 100 N · 50 kg = 50 N maggiore del momento antiorario della componente perpendicolare al piano.
100 kg 100 kg

Autore: Andrea de Capoa 6 Feb 2018


117 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Svolgimento La condizione per la rotazione dell’oggetto è Problema di: Dinamica - D0062

Mk > M⊥ Testo [D0062] [3 4 ] Due blocchi di


h b massa M = 2 kg ed m = 1 kg, sono posti
Fg sin α · > Fg cos α · F~
2 2 come mostrato in figura, liberi di scivola-
h cos α > b sin α re senza attrito su di un piano orizzontale
spinti dalla forza F~ . Tra i due blocchi c’è in
L’angolo in questione è minore dell’angolo retto, quindi
vece attrito ed il coefficiente di attrito statico vale µs = 2. Quanto deve valere la
h > b tan α minima forza F~ affinchè il blocco più piccolo non cada?

Spiegazione La spinta F~ determina tra i


5
h > √ cm due blocchi una coppia di reazioni vincola- F~a
3
ri che per il terzo principio della dinamica
sono uguali ed opposte. Tali reazioni deter- F~ R~v R~v
minano una forza di attrito verso l’alto che
F~g
si oppone alla forza di gravità.

Svolgimento analizzando le forze sulla


linea orizzontale avremo 
F − R = M · a
v
Rv = m · a

da cui si ottiene

a = F
M +m
Rv = F · m
M +m

Se il blocco più piccolo non cade allora

Fg = Fas

mg < µs Rv

m
Autore: Andrea de Capoa 7 Feb 2018 mg < µs F ·
M +m
118 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0063


(M + m)g
F >
µs
Testo [D0063] [2 3 ] Un blocco di massa m = 10 kg scivola senza attrito su di
un piano inclinato di un angolo θ = 30◦ ed è spinto contro il piano da una forza
orizzontale F = 100 N . Con quale accelerazione si muove il blocco?

Spiegazione L’analisi dello schema di forze avvie-


R~v
ne su due assi perpendicolari tra loro: quello paral-
lelo al piano inclinato e quello perpendicolare al pia-
~a
no inclinato. Sull’asse parallelo agiscono la compo-
nente della forza di gravità verso il basso e la com-
F~
ponente della forza F~ verso l’alto. Sull’asse perpen-
dicolare le componenti della forza F~ e della forza di F~g θ
gravità entrambe schiacciano l’oggetto contro il pia-
no, mentre il piano inclinato esercita una reazione
vincolare Rv che equilibria le due forze precedenti. L’accelerazione del sistema è ov-
viamente liungo il piano inclinato, essendo quella la linea del moto. A priori non
possiamo sapere se verso l’alto o verso il basso, in quanto dipende dal valore della
forza F~ , dalla massa dell’oggetto e dall’inclinazione del piano. Scegliete in modo ar-
bitrario il disegno del verso dell’accelerazioone; se avrete sbagliato, ve ne accorgerete
quando l’accelerazione vi verrà un valore negativo.

Svolgimento Per poter studiare il problema è


necessario scomporre tutte le forze lungo le due
R~v
direzioni interessanti del problema: quelle paralle- F~k
la e perpendicolare al piano inclinato. Dall’analisi ~a
dello schema di forze sull’asse parallelo al piano
avremo F~gk
F~⊥
F cos θ − Fg sin θ = ma F~g⊥
√ θ
3 1
F cos θ − mg sin θ 100 N · − 98 N ·
Autore: Andrea de Capoa 10 Feb 2018 a= = 2 2 = 3, 76 m
m 10 kg s2
119 Scheda6. Dinamica: soluzioni

É ovviamente possibile anche calcolare la reazione vincolare del piano Problema di: Dinamica - D0064

Rv = F⊥ + Fg⊥ Testo [D0064] [1 1 ]

Rv = F sin θ + Fg cos θ Se la forza totale che agisce su di un oggetto è nulla allora esso

1 3
Rv = 100 N · + 98 N · = 89, 87 N
2 2 A accelera in modo costante B è sicuramente fermo

C si muove in modo casuale D ha velocità costante

E decelera fino a fermarsi


Un satellite ruota intorno alla Terra di moto circolare uniforme.
A Il modulo della sua velocità varia B La sua accelerazione è un vettore
nel tempo costante
C La sua accelerazione è in modulo
costante D Il moto non è un moto accelerato

E Il suo vettore velocità è costante

Spiegazione In questa domanda si fa riferimento ai tre principi della dinamica

Svolgimento Un oggetto si muove di moto rettilineo uniforme e quindi con velo-


cità costante, se e solo se la forza totale che agisce su di lui è nulla. Le forze causano
accelerazioni e quindi variazioni della velocità.
Per un moto circolare uniforme, i moduli della velocità e dell’accelerazione sono
costanti, ma non lo sono i vettori velocità ed accelerazione. L’accelerazione in un
moto circolare è centripeta, sempre rivolta verso il centro della circonferenza; anche
il vettore velocità cambia in quanto cambia la sua direzione. Il modulo della velocità
non cambia in quanto l’accelerazione è sempre perpendicolare al vettore velocità.

Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
120 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0065 Problema di: Dinamica - D0066

Testo [D0064] [2 3 ] Un oggetto di mas- Testo [D0065] [2 3 ] A quale velocità deve essere lanciato un satellite artificiale
sa m0 = 10 kg è appoggiato su di un piano di massa m = 100 kg per uscire dall’orbita terrestre?
orizzontale ed è libero di muoversi senza at-
trito attaccato da entrambi i lati a due funi Spiegazione Un sistema fisico è un sistema legato quando la sua energia totale è
a loro volta attaccate a due corpi di massa negativa. Un satellite ha energia potenziale gravitazionale ed energia cinetica.
m1 = 5 kg ed m2 = 3 kg, liberi di muoversi
sotto l’azione della forza di gravità. Con quale accelerazione si muove il sistema? Svolgimento La condizione di sistema non legato è

Spiegazione In questo esercizio applichia- Etot ≥ 0


T~2 T~1
mo il secondo principio della dinamica ai
da cui nel nostro caso possiamo scrivere
tre oggetti. Conosciamo tutte le forze ester-
T~2 T~1
ne e le masse, quindi possiamo determinare 1 Mm
mV 2 − G 2 ≥ 0
l’accelerazione del sistema. 2 r
Immaginando che nell’istante iniziale il satellite si trova sulla superficie della
Svolgimento Visto che tutti gli oggetti so- F~g2 Terra, possiamo scrivere
no legati da corde inestensibili di massa tra- MT erra
Vf2uga ≥ 2G 2
scurabile, allora tutti e tre gli oggetti avranno F~g1 RT erra
s
la stessa accelerazione, seppur con direzioni N m2 5, 972 · 1024 kg m
differenti. Vf uga ≥ 2 · 6, 67 · 10−11 = 6147, 1
kg 2 6380 km s
Il sistema di equazioni che possiamo scrivere è m
Vf uga ≥ 11174
 s
m1 g − T1 = m1 a


T1 − T2 = m0 a


T2 − m2 g = m2 a

Sostituendo la prima e la terza nella seconda e riordinando avremo

−m1 a + m1 g − m2 a − m2 g = m0 a
m1 − m2
a= g
m0 + m1 + m2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


121 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica rotazionale - D0067 da cui


a
(m1 + m2 ) · a + I = (m2 − m1 ) g
r2
Testo [D0067] [3 2 ] Ad una macchina di Atwood sono appese due masse m1 =  
2 kg ed m2 = 5 kg. La carrucola ha momento di inerzia I = 5 · 10−4 kg m2 e raggio I
m1 + m2 + 2 · a = (m2 − m1 ) g
r = 5 cm. Con quale accelerazione si muove il sistema? r

m2 − m1
a= ·g
Spiegazione Una macchiuna di Atwood è costituita da una carrucola con perno fis- m1 + m2 + rI2
so a cui sono appese due masse. Nel sistema agiscono due forze di gravità entrambe
3 kg m m
verso il basso che, rispetto alla direzione del filo, risultano opposte. La carrucola a= · 9, 8 2 = 4, 1 2
7, 2 kg s s
ha un momento di inerzia ed una massa quindi rientra nel sistema di equazioni che
definisce il problema

Svolgimento Il sistema è costituito da tre oggetti: due oggetti che traslano e la


carrucola che ruota. Sappiamo che l’oggetto di massa maggiore accelererà verso il
basso, mentre l’altro accelererà verso l’alto. Indicando con α l’accelerazione angolare
della carrucola, avremo:

m2 g − T2 = m2 a


T1 − m1 g = m1 a


(T2 − T1 ) · r = Iα


 m g − T2 = m2 a
 2


T1 − m1 g = m1 a
(T2 − T1 ) · r = I a



r

 m g − T2 = m2 a
 2


T1 − m1 g = m1 a
(−m1 a − m1 g − m2 a + m2 g) = I a



r2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 26 Giu 2018
122 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0068 Il sistema di equazioni che possiamo scrivere è





 m1 g − T1 = m1 a

T3 − T4 = m0 a


Testo [D0064] [2 3 ] Un oggetto di mas-




sa m0 = 10 kg è appoggiato su di un piano T2 − m2 g = m2 a
orizzontale ed è libero di muoversi senza at-
 I
T4 − T2 = 2 a



trito attaccato da entrambi i lati a due funi

 r
T − T = I a



1 3
a loro volta attaccate a due corpi di massa r2
m1 = 5 kg ed m2 = 3 kg, liberi di muoversi sotto l’azione della forza di gravità. 
La carrucola ha momento di inerzia I = 5 · 10−4 kg m2 e raggio r = 5 cm. Con quale


 m1 g − m1 a = T1


accelerazione si muove il sistema? 

 T2 = m2 a + m2 g


T3 − T4 = m0 a
 I
T4 − m2 a − m2 g = 2 a




 r
Spiegazione In questo eser- T~4 T~4 T~3 T~3 −T + m g − m a = I a



3 1 1
cizio applichiamo il secondo r2
principio della dinamica ai


 m1 g − m1 a = T1
tre oggetti ed alle due carru- T~1

T~2


T2 = m2 a + m2 g


cole. Per ogni carrucola dob- 

I


biamo considerare un moto T~2 T~1 T4 = +m2 a + m2 g + 2 a
r
rotazionale, per cui l’equa-

 I
T = +m g − m a − a

3 1 1

r2

zione del moto riguarderà il


+m1 g − m1 a − a − m2 a − m2 g − I a = m0 a
I



momento delle forze applica- r2 r2
te, il momento di inerzia e F~g2
F~g1 da cui
l’accelerazione angolare del- I
m1 g − m2 g = m0 a + m1 a + m2 a + 2 a
la carrucola. Conosciamo tutte le forze esterne e le masse, quindi possiamo r2
m1 − m2
determinare l’accelerazione del sistema. a= ·g
I
m0 + m1 + m2 + 2
r2
2 kg m m
a= · 9, 8 2 = 1, 065 2
Svolgimento Visto che tutti gli oggetti sono legati da corde inestensibili di mas- 18 kg + 0, 4 kg s s
sa trascurabile, allora tutti e tre gli oggetti avranno la stessa accelerazione, seppur
con direzioni differenti. Anche i punti esterni della carrucola subiranno la stessa
accelerazione tangenziale.
123 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0069 7 2 a


mgr sin θ = mr ·
5 r
Testo [D0069] [2 3 ] Una sfera di massa m = 10 kg e raggio r = 10 cm, ro- 7
g sin θ = a
5
tola senza scivolare su di un piano inclinato di un angolo θ = 30◦ . Con quale
5 m
accelerazione si muove lungo il piano inclinato? a = g sin θ = 3, 5 2
7 s

Spiegazione Il rotolamento della


R~v
sfera corrisponde ad una continua
rotazione intorno al punto di appog-
gio della sfera con il piano inclinato.
Tale rotolamento è indotto dal mo- ~a
mento della forza che viene generato
dalla forza di gravità.

F~g θ
Svolgimento Il momento di iner-
zia di una sfera di raggio r e massa
m rispetto ad un qualunque asse di
rotazione che passi per il centro è
2 2
I0 = mr
5
Rispetto invece ad un asse di rotazione tangente alla sfera è
7 2
I = I0 + mr2 = mr
5
Il momento della forza di gravità rispetto all’asse del rotolamento è

M = mgr sin θ

Detta α l’accelerazione angolare della sfera, i principi della dinamica ci dicono


7 2 a
M = Iα = mr ·
5 r

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017
124 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - D0070 Problema di: Dinamica - D0071

Testo [D0070] [2 3 ] L’attrito con l’aria è una forza viscosa che in prima ap- Testo [D0071] [3 4 ] Due sfere di massa m = 15 g, sono appese con due fili
prossimazione descriveremo con la formula Fa = αV . Un aereomodello di massa inestensibili entrambi lunghi l = 20 cm e sono separate tra loro da una molla an-
m = 2 kg viaggia a velocità costante Vi = 20 m N
s . In un certo istante esso triplica la ch’essa di lunghezza l = 20 cm, di massa trascurabile e di costante elastica k = 1 .
forza che sviluppa ottenendo un’accelerazione in avanti a = 15 sm2 . Quale velocità cm
Quale angolo formano i due fili nella condizione di equilibrio? [É sufficiente scrive
massima raggiungerà? Quanto vale il coefficiente α?
l’equazione risolutiva e trovarne il risultato con la calcolatrice programmabile]

Spiegazione L’ereomodello viaggia a velocità costante in quanto la spinta del mo-


Spiegazione Le due sfere si respingono a causa della presenza della molla. Nel-
tore in avanti è bilanciata dalla forza di attrito con l’aria. Nell’istante in cui la forza
la posizione di equilibrio ogni sfera è soggetta ad una forza elastica che genera un
aumenta, l’aereomodello subisce un’accelerazione in quanto l’equilibrio delle forze
momento in un certo verso ed la forza di gravità che genera un momento opposto.
viene a mancare. La velocità aumenta e di conseguenza aumenta la forza di attrito,
Nella condizione di equilibrio i due momenti si equivalgono.
fino a riotttenere una condizione di equilibrio e quindi una velocità costante.

Svolgimento Visto che la forza di attrito è direttamente proporzionale alla velocità,


triplicando la forza del motore verrà triplicata la forza di attrito e quindi la velocità α
dell’aeromodello.

–f = 3 · –i
F~ F~
Con i dati in possesso possiamo inoltre scrivere

F = α–
i i
3Fi − α–i = ma

F~g F~g
2α–i = ma Svolgimento
ma Consideriamo il filo sulla destra nel disegno. Il momento della forza di gravità
α=
2–i rispetto al punto in cui i due fili sono attaccati è orario e vale

Mg = Fg · l · sin α

Il momento della forza elastica rispetto al punto in cui i due fili sono attaccati è
antiorario e vale
Autore: Andrea de Capoa 08 Ott 2018
Mel = Fel · l · sin(90 − α) = Fel · l · cos α
125 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Quindi la condizione di equilibrio è Problema di: Elettromagnetismo - D0072

Fel · l · cos α = Fg · l · sin α


Testo [D0072] [3 6 ] Uno Yo-yo è fatto da due cilindri di raggio r2 = 5 cm ed
Ragioniamo adesso sulla forza elastica. Essa dipende dalla variazione di lun- un perno interno di raggio r1 = 2 cm attorno al quale viene arrotolato il filo. Esso si
ghezza della molla. Quando la molla è a riposo e non fa forza, allora l’angolo tra trova su di un piano scabro e rotola senza strisciare su di esso. Determinare il valore
i due fili è θ = 60◦ infatti, essendo la molla lunga a riposo esattamente quanto la ed il verso dell’accelerazione dello yo-yo in funzione della forza applicata sul filo e
lunghezza dei due pendoli, in quella condizione si forma un triangolo equilatero. della sua angolazione θ rispetto al piano.
Nella condizione di equilibrio, con la molla schiacciata, la variazione di lunghez-
za della molla sarà Spiegazione Le due sfere si respingono a causa della presenza della molla. Nel-
∆l = l − l sin α la posizione di equilibrio ogni sfera è soggetta ad una forza elastica che genera un
momento in un certo verso ed la forza di gravità che genera un momento opposto.
Quindi la condizione di equilibrio diventa
Nella condizione di equilibrio i due momenti si equivalgono.
 
1
kl · 2 − sin α · cos α = mg · sin α
2

Questa è l’equazione risolutrice tramite la quale è possibile valutare la soluzione


α
per α

F~ F~

F~g F~g
Svolgimento
Consideriamo il filo sulla destra nel disegno. Il momento della forza di gravità
rispetto al punto in cui i due fili sono attaccati è orario e vale

Mg = Fg · l · sin α

Il momento della forza elastica rispetto al punto in cui i due fili sono attaccati è
antiorario e vale
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
Mel = Fel · l · sin(90 − α) = Fel · l · cos α
126 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Quindi la condizione di equilibrio è Problema di: Dinamica - D0073

Fel · l · cos α = Fg · l · sin α Testo [D0073] [3 5 ] Uno Yo-yo è fatto da due cilindri di raggio r2 = 5 cm ed
un perno interno di raggio r1 = 2 cm attorno al quale viene arrotolato il filo. Esso
Ragioniamo adesso sulla forza elastica. Essa dipende dalla variazione di lun-
si trova su di un piano scabro e rotola senza strisciare su di esso. Determinare il
ghezza della molla. Quando la molla è a riposo e non fa forza, allora l’angolo tra
valore ed il verso dell’accelerazione dello yo-yo in funzione della forza applicata
i due fili è θ = 60◦ infatti, essendo la molla lunga a riposo esattamente quanto la
orizzontalmente sal filo.
lunghezza dei due pendoli, in quella condizione si forma un triangolo equilatero.
Nella condizione di equilibrio, con la molla schiacciata, la variazione di lunghez-
Spiegazione In questo problema abbiamo un filo che esercita una forza in modo
za della molla sarà
tale da dare al corpo rigido sia un’accelerazione lineare, sia una accelerazione ango-
∆l = l − l sin α
lare. Essendo in una condizione di puro rotolamento, la forza di attrito statico agisce
Quindi la condizione di equilibrio diventa sul punto di contatto tra il corpo ed il piano. Il terzo principio della dinamica, nella
  versione lineare e rotazionale, insieme al vincolo di puro rotolamento, risolvono il
1
kl · 2 − sin α · cos α = mg · sin α problema.
2

Questa è l’equazione risolutrice tramite la quale è possibile valutare la soluzione Svolgimento Sullo yo-yo agiscono la tensione del filo e la forza di attrito con il
per α piano.
Vale quindi l’equazione per la traslazione:

T − Fa = ma

T − Fa = ma
Dove l’accelerazione è intesa nella stessa direzione della tensione del filo.
Vale quindi l’equazione per la rotazione con α l’accelerazione angolare in senso
antiorario ed I il momento di inerzia dello yo-yo:

T · r1 − Fa · r2 = Iα

Scriviamo adesso la condizione di puro rotolamento, considerando la velocità un


vettore nel verso opposto alla forza di attrito

V = −ωr2

da cui
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
a = −αr2
127 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Quindi  Problema di: Dinamica - D0074


T − Fa = ma


T · r1 − Fa · r2 = Iα Testo [D0074] [3 4 ] Uno Yo-yo è fatto da due cilindri di raggio r2 = 5 cm ed un



a = −αr2 perno interno di raggio r1 = 2 cm attorno al quale viene arrotolato il filo. Con quale
accelerazione cade?
da cui 
T − ma = Fa

Spiegazione Uno yo-yo cade effettuando un rotolamento puro sul filo che lo so-

α = −df racar2 stiene. IL problema è un problema di dinamica che si risolve utilizzando il secon-


T · r1 − T · r2 + ma · r2 = −Idf racar2

do principio nella sua versione traslazionale, in quella rotazionale, ed utilizzando il
e quindi in particolare vincolo di puro rotolamento

I Svolgimento Sullo yo-yo agiscono la tensione del filo e la forza di gravità.


T (r1 − r2 ) = −mar2 − a
r2
Vale quindi l’equazione per la traslazione:
T (r2 − r1 )
a= Fg − T = ma
I
mr2 +
r2
  Dove l’accelerazione è intesa nella stessa direzione della Forza di gravità.
T r1
a= · 1− Vale quindi l’equazione per la rotazione con α l’accelerazione angolare in senso
I r2
m+ 2 antiorario ed I il momento di inerzia dello yo-yo:
r2
T · r1 = Iα

Scriviamo adesso la condizione di puro rotolamento, considerando la velocità un


vettore nel verso opposto alla Tensione del filo

– = ωr2

da cui
a = αr2

Quindi

Fg − T = ma


T · r1 = Iα

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016

a = αr1

128 Scheda6. Dinamica: soluzioni

da cui a Problema di: Dinamica - D0075


 =α
 r1


a

Testo [D0075] [2 2 ] La velocità della Terra nei punti più vicino e lontano dal
T =I 2
r km km

 1
a sole è –min = 29, 3 –max = 30, 3 Quanto vale la forza vettoriale media eser-

mg − I 2 = ma
 s s
r1 citata dal Sole sulla Terra quando quest’ultima si trova nei punti più vicino e più
ed infine distante dal Sole?
 
I
mg = a m + 2
r1 Spiegazione Conosciamo la velocità della Terra, in modulo direzione e verso, negli
m istanti finale ed iniziale; conosciamo la massa della terra; conosciamo l’intervallo di
a= ·g
I tempo che passa tra l’istante iniziale e quello finale. Applichiamo il secondo princi-
m+ 2
r1 ∆P~
pio della dinamica. La seconda legge della dinamica F = ci permette infatti di
1 ∆t
a= ·g calcolare direttamente questo valore conoscendo La variazione di quantità di moto
I
1+ della Terra e l’intervallo di tempo impiegato nel tragitto
mr12

Svolgimento Utilizzando la seconda legge della dinamica, etenendo conto che le


velocità finale ed iniziale della Terra sono opposte, avremo

∆P~
~
Fmed =

∆t

P~f − P~i
~
Fmed =

∆t
T erra · (– f + – i )
M
~
Fmed =

∆t
 
2 km
5, 972 · 10 4 kg · 59, 6

~
s
Fmed = = 22, 6 · 1021 N

0, 5 anni
Allo stesso risultato arriveremmo scrivendo il secondo principio della dinamica
come

~
∆~–
Fmed = Mterra · ~amedia = Mterra ·

∆t

– f − – i
~ ~

Autore: Andrea de Capoa 12 Ott 2018 ~
Fmed = MT erra ·

∆t
129 Scheda6. Dinamica: soluzioni

T erra · (– f + – i )
M
~
Fmed =
Problema di: generalità - dinamica - ID0001
∆t
Testo [ID0001] [1 3 ] A due chiodi messi alla stessa altezza viene legata una
corda. Al centro della corda viene appeso un oggetto. La corda assume quindi una
forma a V. Sulla corda c’è una tensione T = 1700 N ; La componente orizzontale di
tale forza vale Tx = 1500 N . Quanto vale la massa dell’oggetto?

Spiegazione Abbiamo una corda che sostiene un peso.


La forza di gravità spinge verso il basso; la corda deve T~y T~y
spingere verso l’alto con una forza uguale in modulo. La
corda spinge in diagonale; spinge cioè dal punto dove è T~ T~
attaccato il peso, verso il punto dove è attaccato il chio- T~x T~x
do. Abbiamo quindi due forze, chiamate Tensione, che
hanno una componente verticale ed una orizzontale. Le
due componenti orizzontali si annullano tra loro perché F~g
sono opposte; le due componenti verticali si sommano e
rappresentano la forza che sostiene il peso.

Svolgimento Utilizziamo il teorema di Pitagora per calcolare la componente verti-


cale della tensione del filo.
p p
Ty = T 2 − Tx2 = 17002 N 2 − 15002 N 2 = 800 N

Imponendo la condizione di equilibrio traslazionale

Fg = 2 · Ty

m · g = 2 · Ty
2 · Ty 1600 N
m= = = 163, 3 kg
g 9, 8 sm2

Autore: Andrea de Capoa 12 Ott 2018 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
130 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0001 5. Alla fine dell’intervallo di tempo avrà percorso

1
Testo [CD0001] [2 7 ] Per un tempo ∆t = 4 s, un oggetto di massa m = 20 kg ∆S = · atot · ∆t2 + V0 ∆t = 32, 16 m
2
viene spinto partendo da fermo da una forza F = 100 N strisciando su di un piano
con coefficiente di attrito dinamico µd = 0, 1 . Successivamente F~ si annulla. 6. Alla fine dell’intervallo di tempo viaggia alla velocità

1. Quanto valgono la forza di gravità e di attrito che agiscono sull’oggetto? m


V1 = atot · ∆t + V0 = 16, 08
s
2. Quanto valgono la forza totale che spinge l’oggetto e la sua accelerazione?
7. Quando la forza F si annulla la forza totale è quella di attrito, quindi
3. Quanto spazio avrà percorso e a quale velocità sta viaggiando alla fine dell’in-
Ftot m
tervallo di tempo? a= = −0, 98 2
m s
4. Con quale accelerazione si muove quando F~ si annulla, e dopo quanto tempo
8. Si ferma dopo
si ferma? ∆V 0 − V1
∆t = = = 65, 63 s
a a
Spiegazione Un oggetto sta strisciando spinto da una certa forza; l’attrito lo frena.
In questo primo momento l’oggetto si muove di moto uniformemente accelerato,
aumentando progressivamente la sua velocità. Nel momento che la forza che lo
spinge sparisce, rimane soltanto l’attrito che frena l’oggetto fino a farlo fermare.

Svolgimento

1. La forza di gravità che agisce sull’oggetto è


m
Fg = mg = 20 kg · 9, 8 = 196 N
s2
2. La forza d’attrito che subisce l’oggetto è

Fa = µFg = 0, 1 · 196 N = 19, 6 N

3. La forza totale che spinge l’oggetto è

Ftot = 100 N − 19, 6 N = 80, 4 N

4. L’accelerazione dell’oggetto è
Ftot 80, 4 N m
atot = = = 4, 02 2 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
m 20 kg s
131 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0002 Ripetendo esattamente gli stessi conti nel caso di asfalto bagnato avremo (indi-
cando con il simbolo b il caso di asfalto bagnato):
Testo [CD0002] [1 3 ] In un giorno di sole, un’automobile sta percorrendo una
√ m km
curva di raggio r = 48 m. Sapendo che il coefficiente di attrito tra la gomma e l’a- Vb = µgr = 13, 7 = 49, 4
s h
sfalto asciutto vale µ = 0, 6, a quale velocità massima può viaggiare senza uscire di
Se analizziamo adesso il fatto che la massa dell’auto non rientra nel problema, in
strada? In caso di pioggia, il coefficiente di attrito scende fino al valore µ = 0, 4; a
quanto si semplifica nei conti, possiamo affermare che questi conti rimangono validi
quale velocità deve scendere l’autista per rimanere in strada?
per qualunque automobile.

Spiegazione Nel muoversi in curva


la macchina subisce la forza centrifu-
ga, che, al fine di non avere inciden-
ti, deve essere contrastata dalla forza
di attrito dei pneumatici sull’asfalto.
Se le due forze sono almeno uguali, la
macchina riesce a seguire la curva. At-
tenzione soltanto al significato dei va-
lori che otterrete: tali valori sono cal-
colati teoricamente e rappresentano i
valori massimi... non certo quelli di si-
curezza. Bastano infatti piccole e sem- Fig. 6.1: Un’auto in curva
plici variazioni nell’inclinazione della
strata o nella qualità dell’asfalto o nella qualità della pulizia del suolo stradale, che i
reali valori di sicurezza per le velocità dell’auto sono sicuramente più bassi.

Svolgimento La forza centrifuga sull’auto deve essere uguale alla forza di attrito
generata dal peso dell’auto sull’asfalto asciutto.

V2
m = µmg
r
Semplificando la massa e risolvendo per trovare la velocità avremo (indicando con
il simbolo a il caso di asfalto asciutto):

√ m km Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


Va = µgr = 16, 8 = 60, 5
s h
132 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0003 Visto che conosciamo la forza centrifuga e la velocità della bicicletta, allora pos-
siamo risalire al raggio della curva
Testo [CD0003] [2 4 ] Un ciclista con la sua bicicletta ha una massa comples- 2
siva m = 60 kg e nel rettilineo (nel quale la bicicletta è in posizione verticale) il suo mV 2 60 kg · 100 m
s2
r= = = 17, 7 m
baricento si trova ad un’altezza h = 100 cm da terra. Il ciclista affronta poi una curva Fc 339, 5 N

ad una velocità V = 10 m s inclinato di un angolo di α = 30 rispetto alla verticale.
Quanto vale il momento della forza di gravità che tende a far cadere la bicicletta?
Quanto vale il momento della forza centrifuga che mantiene in equilibrio il ciclista?
Quanto vale il raggio della curva che sta facendo?
[ Mf g = 294 N m; Mf c = −294 N m; r = 17, 7 m]

Spiegazione Una bicicletta, mentre si muove in un rettilineo, è in posizione ver-


ticale. Se percorre una curva, deve inclinarsi. Guardando la bicicletta da dietro e
considerando il punto di appoggio delle ruote sull’asfalto, se si muove troppo piano
la bicicletta ruota in senso orario e cade; se si muove troppo veloce la bicicletta ruota
in senso antiorario, si raddrizza e poi cade dalla parte opposta. La rotazione oraria
che fa cadere la bici verso l’interno della curva è data dal momento della forza di
gravità; la rotazione antioraria è invece data dal momento della forza centrifuga.

Svolgimento Il momento della forza di gravità vale


m
MFg = Fg · h · sen(α) = 60 kg · 9, 8 · 1 m · sen(30◦ ) = 294 N m
s2
Per mantenere la bicicletta in equilibrio il momento della forza centrifuga deve
essere uguale a quello della forza di gravità, in quanto i due momenti sono opposti.

MFc = 294 N m
Ma sappiamo anche che

MFc = Fc · h · sen(α)
da cui

MF c 294 N m
Fc = ◦
= = 339, 5 N Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
h · sen(90 − α) 1 m · 0, 866
133 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0004 Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0005

Testo [CD0004] [1 2 ] Un ragazzo fa roteare un mazzo di chiavi con una fre- Testo [CD0005] [2 2 ] Caronte, satellite di Plutone, ruota intorno ad esso con
quenza ν = 4 Hz; il raggio del cerchio percorso dalle chiavi è lungo r = 0, 2 m, a un’orbita circolare di raggio r = 19571 km in un tempo T = 6, 3872 giorni. Quanto
quale velocità angolare ruotano le chiavi? Se le chiavi hanno una massa m = 0, 1 kg, vale la massa di Plutone?
quanto vale la forza che mette in tensione il cordino?
[ω = 25, 13 rad
s ; F = 12, 6 N ] Spiegazione Caronte compie un’orbita che assumiamo essere circolare e quindi
si muove di moto circolare uniforme. L’accelerazione centripeta necessaria a tale
Spiegazione Il mazzo di chiavi è sottoposto a due accelerazioni, quella centrifuga movimento è data dall’attrazione gravitazionale tra i due oggetti.
e quella di gravità, perpendicolari tra loro.
Svolgimento Impostiamo il problema affermando che la forza centripeta su Ca-
Svolgimento La velocità angolare del mazzio di chiavi è ronte è data dalla legge di gravitazione universale
rad MC · MP
ω = 2πν = 2 · 3, 14 · 4 Hz = 25, 13 MC · ω 2 · r = G
s r2
La forza centrifuga vale dove MC e MP sono le masse di Caronte e Plutone, r è il raggio dell’orbita di Ca-
rad2 ronte, ω è la velocità angolare del moto di Caronte e G la costante di gravitazione
2
Fc = mω 2 r = 0, 1 kg · (25, 13) · 0, 2 m = 12, 63 N universale.
s2
Svolgendo i passaggi algebrici avremo
La forza di gravità vale
m ω2 · r3
Fg = mg = 0, 1 kg · 9, 8 = 0, 98 N MP =
s2 G
La forza totale sarà quindi 4π 2 · r3
MP =
q q T2 · G
2 2 2 2
Ftot = Fc + Fg = (12, 63 N ) + (0.98 N ) = 12, 67 N dove T è il periodo di rivoluzione di Caronte. Facciamo le opportune conversio-
ni:
r = 19571 km = 19571000 m

T = 6, 3872 giorni = 6, 3872 · 24 · 3600 s = 551854 s

A questo punto è possibile inserire i dati

4 · 3, 142 · (19571000 m)3


MP =
m3
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 (551854 s)2 · 6, 674 · 10− 11
kg · s2
134 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica - Dinamica - CD0006


22
MP = 1, 45 · 10 kg
Testo [CD0006] [2 2 ] Immaginate di scavare un tunnel che attraversi tutto
Questo risultato vale se ipotizziamo inoltre che Plutone abbia una massa molto
il pianeta Terra passando per il suo centro. Ipotizziamo che la Terra sia una sfera
maggiore di Caronte, cosa non corretta. In tal caso la massa calcolata è in realtà la
perfetta ed omogenea. Se lasciamo cadere un oggetto nel tunnel, di che tipo di moto
massa del sistema Plutone + Caronte.
si muoverà?

Spiegazione Per capire di che tipo di moto si muove, bisogna costruirsi la legge
oraria del moto. Dobbiamo quindi capire quale accelerazione subisce l’oggetto.

Svolgimento Immaginiamo che l’oggetto si trovi ad una certa distanza r dal centro
della terra. La forza che agisce sull’oggetto è la forza di gravità generata su di esso
dalla sola massa che si trova a distanze dal centro della Terra minori di quella del-
l’oggetto. Il guscio sferico esterno infatti non contribuisce. Quindi, indicando con m
la massa dell’oggetto e con M la massa della porzione di Terra a distanze dal centro
inferiori a quella dell’oggetto, avremo

m·M
F~ = −G 2 ~ur
r
4
M πr3 4
~a = −G 2
~ur = −G 3 2 ~ur = −G πr~ur
r r 3
Il segno meno indica che l’accelerazione è sempre rivolta verso il centro della
Terra, e quindi opposta al versore ~ur .
Dall’equazione per l’accelerazione si deduce che il moto deve essere di tipo ar-
monico.

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
135 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Dinamica - CD0007 Problema di: Dinamica - CD0008

Testo [CD0007] [2 2 ] Un satellite artificiale viaggia su di un’orbita circolare Testo [CD0008] [2 2 ] Sapendo che un satellite orbita intorno ad un pianeta ad
ad un’altezza h = 500 km dalla superficie terrestre. Determinare la velocità ed il una distanza R, con periodo T = 150 giorni, quanto vale il periodo di rotazione di
periodo del’orbita. un satellite che ruota intorno allo stesso pianeta ad una distanza R2 = 4 R?

Spiegazione Il satellite in questione sta percorrendo un’orbita circolare la cui forza Spiegazione Il satellite in questione sta percorrendo un’orbita circolare la cui forza
centripeta è data dalla forza di gravità del pianeta Terra. centripeta è data dalla forza di gravità del pianeta intorno al quale orbita.

Svolgimento Indichiamo con MT la massa della Terra; con m la massa del satellite, Svolgimento Indichiamo con M la massa del pianeta; con m la massa del satel-
con RT = 6371 km il raggio della Terra; con r = RT + h = 6871 km la distanza del lite, con R il raggio dell’orbita; con V la velocità del satellite e con T il periodo di
satellite dal centro della Terra; con V la velocità del satellite. Essendo qui la forza di rivoluzione. Essendo qui la forza di gravità una forza di tipo centripeto possiamo
gravità una forza di tipo centripeto possiamo scrivere scrivere
MT m V2
G = m M ·m V2
r2 r G 2
=m
r R
da cui
da cui
s
N m2
6, 67 · 10−11 · 5, 97 · 102 4 kg
r
GMT kg 2 m GM
V = = = 7613 V2 =
r 6, 871 · 106 m s R
Il periodo dell’orbita sarà quindi Il periodo dell’orbita sarà

2πr 2π · 6871 · 103 m 2πr


T = = = 5671 s T =
V 7613 ms
V
4π 2 R2
T2 =
V2
Unendo le due equazioni avremo

4π 2 R2 GM
=
T2 R

1 4π 2 GM
=
T2 R3
R3
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 T2 =
4π 2 GM
136 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Consideriamo adesso il secondo satellite che orbita a distanza R2 ; possiamo scri- Problema di: Dinamica - CD0009
vere
R23 Testo [CD0009] [3 2 ] Un sistema binario di stelle è formato da due stelle di
T22 =
4π 2 GM
massa M1 = 2 Ms ed M2 = 8 Ms . Sapendo che la massa del nostro Sole è Ms =
43 · R 3 2 · 1030 kg e che le due stelle mantengono tra loro una distanza costante d = 2 · 1010 m,
T22 = = 43 T 2
4π 2 GM
quanto vale il periodo di rotazione del sistema?
da cui
T2 = 8T = 8 ∗ 150 giorni = 1200 giorni
Spiegazione Il sistema è formato da due stelle che ruotano con lo stesso periodo in-
torno al baricentro del sistema. La forza che tiene insieme le due stelle è ovviamente
la forza di gravità.

Svolgimento Le due stelle compiono un moto circolare uniforme intorno al bari-


centro del sistema. Il problema si risolve con un sistema di tre equazioni: le prime
due indicano la forza centripeta che muove le stelle; la seconda indica che la somma
dei due raggi di rotazione è pari alla distanza tra le due stelle.

M1 M2 V2


 G 2
= M1 1


 d r1
M1 M2 V22
G = M2



 d2 r2
r1 + r2 = d

Introduciamo il periodo di rotazione, ovviamente uguale per le due stelle

4π 2 r1

M2
G =


 d2

 T2
M1 4π 2 r2
G 2 =



 d T2
r + r = d
1 2

Sappiamo che i due corpi ruotano intorno al baricentro del sistema, per cui

M1 r1 = M2 r2

M1 r1 = M2 (d − r1 )
dM2
Autore: Andrea de Capoa 16 Mar 2018 r1 =
M1 + M2
137 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Quindi Problema di: Dinamica - CD0010


M2 4π 2 dM2
G 2 = 2
d T · (M1 + M2 ) Testo [CD0010] [2 2 ] Sapendo che Venere orbita intorno al Sole ad una distanza
(M1 + M2 ) 4π 2 R = 1, 08 · 1011 m, con periodo T = 0, 615 anni, quanto vale la massa del Sole?
G =
d3 T2
da cui Spiegazione Qui abbiamo un sistema fatto da un pianeta che orbita di moto circo-
s
d 3 lare uniforme attorno al Sole, quindi la forza di gravità dovuta al sole è una forza di
T = 2π
G (M1 + M2 ) tipo centripeto.
T = 486572 sec = 5, 63 giorni
Svolgimento Il periodo di rivoluzione del pianeta è T = 0, 615 · 365 · 24 · 3600 s =
19394640 s
Essendo che il pianeta ha un moto circolare uniforme possiamo scrivere:

M V2
G =
r2 r
La velocità del pianeta è
2πr
V =
T
per cui

M 4π 2 r2
G =
r2 T 2r
Semplificando

4π 2 r3 4π 2 · 1, 26 · 1033 m3
M= 2
= 2 = 2 · 1030 kg
GT 6, 67 · 10−11 Nkgm2 · 3, 762 · 1014 s2

Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018 Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018
138 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica e Dinamica - CD0011 Problema di: Cinematica e Dinamica - CD0012

Testo [CD0011] [2 2 ] La forma della Terra è approssimabile ad un ellissoide Testo [CD0012] [2 2 ] Da una mongolfiera di massa M = 170 kg case un oggetto
di semiassi maggiori dal centro all’equatore a = 6378135 m e semiasse minore dal di massa m = 10 kg. Quanto saranno distanti la mongolfiera e l’oggetto dopo un
centro ai poli b = 6356750 m? Calcolare i valori dell’accelerazione di gravità ai poli e secondo?
all’equatore.
Spiegazione La mongolfiera inizialmente ferma lascia cadere un corpo che verrà
Spiegazione La Terra non è una sfera, quindi i punti all’equatore non hanno la tirato verso il basso dalla forza di gravità. Come conseguenza, ma non per il terzo
stessa distanza dal centro rispetto ai due poli. Inoltre la Terra ruota sul suo asse, principio della dinamica, anche la mongolfiera subisce una forza verso l’alto pari alla
quindi un corpo all’equatore sente anche l’accelerazione centrifuga dovuta al moto forza di gravità sull’oggetto. La forza totale, infatti, inizialmente era nulla.
di rotazione intorno all’asse. I due oggetti si muovono di moto uniformemente accelerato in verso opposto.

Svolgimento Per una persona ai poli, avremo Svolgimento L’accelerazione di gravità con cui il corpo cade e la forza di gravità
che subisce sono
M −11 m
3
5, 972 · 1024 kg m m
gmax = G = 6, 67408 · 10 · = 9, 8637 2 g = 9, 8 2
b2 kg · s2 (6356750 m)2 s s
Fg = mg = 98 N
Per una persona ai poli, avremo la composizione di due contributi diversi: l’at-
trazione gravitazionale del pianeta e la forza centrifuga della rotazione dello stesso. Considerato che la forza sull’oggetto sarà uguale alla forza sulla mongolfiera, e
Detta ω la velocità angolare del pianeta e T il periodo di rotazione, avremo considerato che adesso la massa complessiva della mongolfiera è diminuita, l’acce-
lerazione con cui si muove la mogolfiera verso l’alto vale
M 2 M 4π 2
gmin = G − ω a = G − a F 98 N m
a2 a2 T2 a= = = 0, 61 2
M −m 160 kg s
m3 5, 972 · 1024 kg 4π 2
gmin = 6, 67408 · 10−11 · − 2 · 6378135 m L’accelerazione con cui la mongolfiera vede cadere l’oggetto, risulta quindi
kg · s2 (6378135 m)2 (23, 9345 · 3600 s)
m m m m
gmin = 9, 79769 2 − 0, 03391 2 = 9, 76378 2 arel = g + a = 10, 42
s s s s2
Nell’intervallo di tempo trascorso i due oggetti si sono quindi allontanati di
1
∆S = arel ∆t2 = 5, 21 m
2

Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018 Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018
139 Scheda6. Dinamica: soluzioni

Problema di: Cinematica e Dinamica - CD0013

Testo [CD0013] [2 3 ] Due satelliti ruotano intorno alla Terra con orbite circolari
complanari di verso opposto. Sapendo che le due orbite hanno raggio r1 = 2RT ed
r2 = 3RT , ogni quanto tempo i due satelliti si trovano sulla verticale dello stesso
luogo?

Spiegazione I due satelliti viaggiano a velocità differenti su orbite di lunghze-


za differente. Per poter paragonare i due moti è necessario utilizzare la velocità
angolare dei due moti.

Svolgimento I due satelliti si muovono in verso opposto e per ritornare allineati


devono percorrere complessivamente un intero giro dell’orbita. Quindi

2π = ω1 · ∆t + ω2 · ∆t

Un satellite in orbitorbita ciorclare subisce come forza centripeta la forza di gravità

Mm
mω 2 r = G
r2
r
M
ω= G
r3
per cui avremo

1
∆t = · (ω1 + ω2 )

√ r r !
GM 1 1
∆t = p · +
2π RT 3 8 27
∆t = ...

Autore: Andrea de Capoa 2 Mag 2018


Leggi di conservazione: soluzioni Scheda 7
Problema di: Meccanica - L0001 Problema di: Leggi di Conservazione - L0002

Testo [L0001] [1 3 ] Un oggetto di massa m = 50 kg viaggia ad una velocità Testo [L0002] [1 2 ] Se lascio cadere un oggetto inizialmente fermo da un’altez-
Vi = 10 m
s . Ad un certo punto viene spinto da una forza F = 100 N per una distanza
za hi = 8 m, con quale velocità arriverà a terra?
∆S = 24 m nella stessa direzione e nello stesso verso del movimento.
Spiegazione L’oggetto che cade partendo da fermo, accelera aumentando la sua
1. Quanto lavoro ha fatto la forza? Quel lavoro è negativo o positivo?
velocità. Durante la caduta vale la legge di conservazione dell’energia meccani-
2. Quanta energia cinetica ha l’oggetto all’inizio e dopo l’azione della forza? ca; man mano che l’altezza diminuisce, e quindi diminuisce l’energia potenziale
gravitazionale dell’oggetto, aumenta l’energia cinetica dell’oggetto, e quindi la sua
3. A quale velocità finale viaggia l’oggetto? velocità.

Spiegazione L’oggetto sta viaggiando ad una certa velocità, quindi ha energia ci- Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia
netica. L’azione della forza è quella di fare un lavoro sull’oggetto, cioè dargli dell’e-
nergia in modo da far aumentare la sua energia cinetica. Eci + Ui = Ecf + Uf
1 1
Svolgimento mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
L’altezza finale raggiunta dall’oggetto è nulla; la velocità iniziale dell’oggetto è nulla.
1. Il lavoro fatto dalla forza è
1
L = F ∆S = 100 N · 24 m = 2400 J mghi = mVf2
2
da cui
2. Le energie cinetiche dell’oggetto all’inizio e alla fine sono 1 2
ghi =
V
2 f
1 1 m2 da quest’ultima equazione troviamo la velocità finale dell’oggetto
Eci = mVi2 = · 50 kg · 100 2 = 2500 J
2 2 s p m
Ecf = Eci + L = 4900 J Vf = 2ghi = 12, 52
s

3. Per trovare la velocità finale dell’oggetto scriveremo Esercizi concettualmente identici


r
1 2 2Ecf m 1. Un oggetto di massa m = 4 kg si muove senza attrito su di un piano orizzon-
Ecf = mVf ⇒ Vf = = 14
2 m s tale con la velocità V = 5 m
s . Ad un certo punto l’oggetto incontra una molla
comprimendola di ∆l = 0, 2 m. Quanto vale la costante elastica della molla?
N
[k = 2500 m ]

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016

140
141 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0003 Problema di: Cinematica - Dinamica - L0004

Testo [L0003] [1 2 ] Se lascio cadere un oggetto di massa m = 1 kg inizialmente Testo [L0004] [1 1 ] Un oggetto di massa m = 500 kg si sta muovendo su di
fermo da un’altezza hi = 8 m, e arriva a terra con una velocità Vf = 10 m s ; quanta un piano orizzontale con velocità iniziale Vi = 10 m s . Gradualmente rallenta a causa
m
energia si è dissipata sotto forma di calore a causa dell’attrito con l’aria? delle forze di attrito fino alla velocità Vf = 4 s . Quanta energia è stata dispersa sotto
forma di calore?
Spiegazione L’oggetto che cade partendo da fermo, perde energia potenziale gra-
vitazione in quanto diminuisce la sua altezza. Contemporaneamente aumenta l’e- Spiegazione L’oggetto muovendosi in orizzontale non varia mai la sua energia
nergia cinetica dell’oggetto e, a causa del lavoro della forza d’attrito con l’aria, viene potenziale gravitazionale. Le forze d’attrito trasformano parte dell’energia cinetica
dissipato del calore. Vale la legge di conservazione dell’energia totale. dell’oggetto in calore.

Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia totale Svolgimento L’energia cinetica iniziale dell’oggetto è

Eci + Ui = Ecf + Uf + Q 1 1 m2
Eci = mVi2 = · 500 kg · 100 2 = 25000 J
2 2 s
Il termine Q è dovuto all’effetto della forza di attrito che converte parte dell’energia L’energia cinetica finale dell’oggetto è
cinetica dell’oggetto in calore.
1 1 m2
1 1 Ecf = mVf2 = · 500 kg · 16 2 = 4000 J
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf + Q 2 2 s
2 2
Il calore prodotto dalle forze d’attrito è quindi
L’altezza finale raggiunta dall’oggetto è nulla; la velocità iniziale dell’oggetto è nulla.

1 ∆Q = Eci − Ecf = 21000 J


mghi = mVf2 + Q
2
da cui troviamo il calore prodotto

1
Q = mghi − mVf2
2
m 1 m2
Q = 1 kg · 9, 8 2
· 8 m − · 1 kg · 100 2 = 28, 4 J
s 2 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
142 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0005 1


m( Vi2 − ghf ) = Q
2
Testo [L0005] [1 2 ] Un oggetto si sta muovendo in salita su di un piano incli- Q 2J
m= 1 2 = 1 m2 m
= 0, 097 kg = 97 g
nato con attrito, con una velocità iniziale Vi = 10 m 2 Vi − ghf 2 · 100 s2 − 9, 8 s2 · 3 m
s . Gradualmente rallenta fino a
fermarsi. Sapendo che l’oggetto si è sollevato, rispetto all’altezza iniziale, fino all’al-
tezza hf = 3 m e che il calore generato dalle forze di attrito è stato Q = 2 J, quanto
vale la massa dell’oggetto?

Spiegazione L’oggetto, muovendosi sul piano inclinato, perde la sua energia cine-
tica che viene trasformata in parte in energia potenziale gravitazionale (l’oggetto si
trova infatti più in alto) ed in parte in calore (a causa delle forze di attrito). Per que-
sto esercizio vale la legge di conservazione dell’energia; l’applicazione di tale legge
ci porterà alla soluzione del problema.

Svolgimento La legge di conservazione dell’energia ci permette di scrivere che


l’energia totale iniziale del sistema è uguale all’energia totale finale del sistema:

Etot−i = Etot−f

Da cui
1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf + Q
2 2
A questo punto bisogna notare che alcuni di questi termini sono nulli. In partico-
lare l’altezza iniziale dell’oggetto hi = 0 in quanto prendiamo come sistema di rife-
rimento proprio l’altezza iniziale dell’oggetto, e la velocità finale dell’oggetto Vi = 0.
L’equazione precedente diventa
1
mVi2 = mghf + Q
2
da cui

1
mVi2 − mghf = Q
2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
143 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0006 Considerati i dati, l’energia potenziale gravitazionale finale dell’oggetto vale

Testo [L0006] [1 4 ] Un blocco di pietra di massa m = 40 kg scivola lungo una Uf = mghf = 784 J
discesa partendo con una velocità iniziale Vi = 5 ms . All’inizio si trovava all’altezza La legge di conservazione dell’energia, considerando il caso di assenza di attrito,
hi = 10 m per poi scendere fino all’altezza hf = 2 m.
ci permette di affermare che
1. Calcola le energie cinetica e potenziale gravitazionale iniziali del blocco.
Eci + Ui = Ecf + Uf
2. Quanta energia cinetica finale avrebbe il blocco se non ci fosse attrito?
per cui
3. Se l’energia cinetica finale del blocco fosse metà di quella iniziale, quanta ener- Ecf = Eci + Ui − Uf
gia si è persa a causa delle forze d’attrito?
e quindi
Ecf = 3636 J

Nel caso in cui teniamo conto dell’attrito, l’esercizio ci dice che l’energia cinetica
finale dell’oggetto vale Ecf = 250 J, per cui

Eci + Ui = Ecf + Uf + Q

per cui
Q = Eci + Ui − Ecf − Uf

e quindi
Spiegazione Il blocco di pietra si muove in discesa nel rispetto della legge di con-
Q = 3386 J
servazione dell’energia totale del sistema. Se le prime due domande semplicemen-
te chiedono di eseguire un conto conoscendo una formula, nella terza domanda
si chiede di applicare la legge di conservazione dell’energia in assenza di attrito.
Nell’ultima domanda si richiede di fare la stessa cosa ma considerando gli effetti
dell’attrito.

Svolgimento Considerati i dati, l’energia cinetica iniziale dell’oggetto vale


1
Eci = mVi2 = 500 J
2
Considerati i dati, l’energia potenziale gravitazionale iniziale dell’oggetto vale
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
Ui = mghi = 3920 J
144 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0007 4. Per la legge di conservazione dell’energia

Testo [L0007] [1 7 ] Un proiettile di massa m = 15 g viene sparato da un fucile Eci + Ui = Ecf + Uf


in diagonale verso l’alto posizionato al livello del suolo. Al momento dello sparo
Uf = Eci + Ui − Ecf = 57 J
riceve una spinta F = 100 N per un tragitto ∆S = 60 cm pari alla lunghezza della
canna del fucile. Quando arriva nel punto di massima altezza ha ancora una velocità 5. Utilizzando la formula dell’energia potenziale gravitazionale
Vf = 20 m
s . trascuriamo gli effetti dell’attrito con l’aria.
Uf 57 J
hf = = = 387, 76 m
1. Quanto lavoro ha ricevuto il proiettile al momento dello sparo? mg 0, 015 kg · 9, 8 sm2

2. Trascura la variazione di energia potenziale dovuta al percorso della pallotto-


la all’interno del fucile; quanta energia cinetica ha il proiettile in uscita dalla
canna del fucile?

3. Quanta energia cinetica ha il proiettile nel punto di massima altezza?

4. Quanta energia potenziale gravitazionale ha il proiettile nel punto di massima


altezza?

5. A quale altezza è arrivato il proiettile?

Spiegazione Il proiettile riceve energia all’interno del fucile. Appena ne esce, si


muove nell’aria nel rispetto della legge di conservazione dell’energia.

Svolgimento Cominciamo con il convertire la massa del proiettile in m = 0, 015 kg.

1. Per calcolare il lavoro delle forze di attrito avremo

L = F · ∆S = 100 N · 0, 6 m = 60 J

2. Il proiettile, inizialmente fermo nel fucile, aquista energia cinetica in quanto


viene fatto su di lui un lavoro. Per cui Eci = 60 J

3. Nel punto di massima altezza

1 1 m2
Ecf = mVi2 = · 0, 015 kg · 400 2 = 3 J Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
2 2 s
145 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0008 2. Per l’energia cinetica avremo

1 1 m2
Testo [L0008] [1 4 ] Un oggetto di massa m = 5 kg ha inizialmente un’ener- Eci = mVi2 = · 5 kg · 100 2 = 250 J
2 2 s
gia potenziale gravitazionale Ui = 100 J e sta cadendo con una velocità Vi = 10 ms .
Cadendo a terra, cioè fino ad un’altezza hf = 0 m, l’oggetto ha colpito e compresso 3. Essendo il terreno ad altezza zero
N
una molla, inizialmente a riposo, di costante elastica k = 200 cm . Quando la molla
Uf = mghf = 0 J
raggiunge la sua massima compressione l’oggetto è nuovamente fermo.

1. A quale altezza si trova inizialmente l’oggetto? 4. La molla inizialmente è del tutto scarica, quindi

1 2
2. Quanta energia cinetica ha l’oggetto inizialmente? Vel.i = k (∆l) = 0 J
2

3. Quanta energia potenziale gravitazionale ha l’oggetto quando arriva a terra? 5. Alla fine della caduta l’oggetto è nuovamente fermo, quindi

4. Quanta energia potenziale elastica ha la molla inizialmente? 1


Ecf = mVf2 = 0 J
2
5. Quanta energia cinetica ha l’oggetto alla fine del suo movimento?
6. Per la legge di conservazione dell’energia
6. Quanta energia potenziale elastica ha immagazzinato la molla nel momento di
Eci + Ui + Vel.i = Ecf + Uf + Vel.f
massima compressione?
250 J + 100 J + 0 J = 0 J + 0 J + Vel.f
7. Di quanto si è compressa la molla?
Vel.f = 350 J

Spiegazione Questo problema tratta di un oggetto che,trovandosi inizialmente ad 7. Utilizzando infine la formula inversa dell’energia potenziale elastica finale
una certa altezza, ha una certa energia potenziale gravitazionale. Cadendo, per la
legge di conservazione dell’energia, trasforma la sua energia potenziale gravitazio- 2Vel.f 2 · 350 J
∆l2 = = N
= 0, 035 m2
nale in energia cinetica e poi, successivamente, la sua energia cinetica in energia k 20000 m
potenziale elastica. ∆l = 0, 187 m = 18, 7 cm

Svolgimento

1. Conoscendo l’energia potenziale gravitazionale dell’oggetto e la sua massa,


avremo che
Ui 100 J
hi = = = 2, 04 m Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
mg 5 kg · 9, 8 sm2
146 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0009 Problema di: Leggi di conservazione - L0010

Testo [L0009] [1 2 ] Un motore di potenza P = 2 kW solleva un oggetto di Testo [L0010] [1 2 ] Un tuffatore salta dalla piattaforma alta hi = 10metri. Con
massa m = 500 kg da un’altezza hi = 2 m fino ad un’altezza hf = 32 m. Quanto quale velocità l’atleta entra in acqua?
tempo ci impiega?
Spiegazione Durante il tuffo vale la legge di conservazione dell’energia. Il proble-
Spiegazione Il motore in questione, visto che sta sollevando un oggetto, gli sta ma si risolve applicando tale legge.
fornendo energia potenziale gravitazionale. Conoscendo la potenza del motore po-
tremo calcolarci in quanto tempo tale energia viene fornita. Svolgimento Impostiamo la legge di conservazione dell’energia.

Svolgimento L’energia fornita all’oggetto vale Eci + Ui = Ecf + Uf

1 1
L = ∆U = Uf − Ui mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
m Il tuffatore parte da fermo, quindi Vi = 0; consideriamo inoltre il livello dell’ac-
L = mghf − mghi = mg∆h = 500 kg · 9, 8 · 30 m = 147000 J
s2 qua ad altezza hf = 0 Avremo quindi
Il tempo impiegato dal motore sarà quindi
1
L 147000 J mghi = mVf2
∆t = = = 73, 5 s 2
P 2000 W att Facendo la formula inversa avremo

mghi
Vf2 = 1 = 2ghi
2m

p m
Vf = 2ghi = 14
s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
147 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - L0011 Problema di: Leggi di Conservazione - L0012

Testo [L0011] [1 2 ] In quanto tempo un motore di potenza P = 30 W può Testo [L0012] [1 2 ] Quale altezza raggiunge un oggetto lanciato da terra verti-
sollevare un oggetto di massa m = 4 kg di un’altezza ∆h = 5 m? calmente verso l’alto con una velocità iniziale V0 = 25 m
s ?

Spiegazione Per poter aumentare la sua altezza, l’oggetto deve ricevere energia Spiegazione Nel muoversi verso l’alto l’oggetto converte energia cinetica in ener-
potenziale gravitazionale. Tale energia viene fornita dal motore. gia potenziale gravitazionale. Vale infatti la legge di conservazione dell’energia. In
questo esercizio trascuriamo gli effetti dell’attrito con l’aria.
Svolgimento Applicando la legge di conservazione dell’energia, possiamo affer-
mare che l’energia potenziale gravitazionale iniziale più il lavoro fatto dal motore è Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia totale
uguale all’energia potenziale gravitazionale finale.
Eci + Ui = Ecf + Uf
Ui + L = Uf
1 1
L = Uf − Ui mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
Il lavoro fatto dal motore è dato dalla potenza del motore per il tempo di funzio- La velocità finale raggiunta dall’oggetto è nulla; l’altezza iniziale dell’oggetto è
namento del motore. nulla in quanto l’oggetto parte da terra.

1
P · ∆t = ∆U mVi2 = mghf
2

mg∆h 1 2
V2 625 m
2

∆t = 2 mVi s2
P hf = = i = = 31, 9 m
mg 2g 2 · 9, 8 sm2
m
4 kg · 9, 8 s2 · 5 m
∆t = = 6, 53 s
30 W

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
148 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0013 Problema di: Leggi di Conservazione - L0014

Testo [L0013] [1 3 ] Un’automobile di massa m = 1000 kg rallenta in uno spazio Testo [L0014] [1 4 ] Esercizi banali:
∆S = 50 m dalla velocità Vi = 20 m m
s fino alla velocità Vf = 10 s . Quanto valgono
le energie cinetiche iniziale e finale dell’automobile? Quanto lavoro hanno fatto le 1. Quanto lavoro viene fatto su di un oggetto che si é spostato di ∆S = 50 m
forze d’attrito? Quanto valgono le forze d’attrito? rallentato da una forza d’attrito F = 100 N ?
[L = −5000 J]
Spiegazione In questo esercizio un’auto si muove ed ha quindi energia cinetica.
L’automobile rallenta in quanto la forza d’attrito, facendo un lavoro, converte parte 2. Quanto lavoro compie la forza centripeta che fa muovere un oggetto di moto
dell’energia cinetica della macchina in calore. circolare uniforme?
[L = 0 J]
Svolgimento Le energie cinetiche iniziale e finale della macchina sono
3. Quanto consuma una lampadina di potenza P = 150 W tenuta accesa per un
2
1 m tempo ∆t = 2 h?
Eci = mVi2 = 500 kg · 400 2 = 200 kJ
2 s [∆E = 300 J]
1 m2
Ecf = mVi2 = 500 kg · 100 2 = 50 kJ 4. Per quanto tempo deve funzionare un motore di potenza P = 2000 W per poter
2 s
fornire un’energia ∆E = 500 J?
Dalla legge di conservazione dell’energia, l’energia cinetica iniziale sommata al la-
[∆t = 0, 25 s]
voro delle forze di attrito deve essere uguale all’energia cinetica finale.

Eci + L = Ecf Spiegazione In questo esercizio ho raccolto tutte quelle domande banali che pos-
sono essere fatte su questo argomento. Per banale si intende un problema nel quale
L = Ecf − Eci = 50 kJ − 200 kJ = −150 kJ la domanda consiste semplicemente nel fornire dei dati da inserire in una formula.
Il lavoro viene giustamente negativo in quanto la forza di attrito è sempre opposta Non è quindi richiesta alcuna particolare capacità di ragionamento, ne particolari
allo spostamento dell’oggetto. La forza di attrito media, considerando che l’angolo doti matematiche. Questo esercizio serve unicamente ad aquisire dimestichezza con
tra lo spostamento e la forza è 180◦ , sarà l’esecuzione dei conti numerici con le unità di misura.

L −150000 J
Fa = = = 3000 N Svolgimento
∆S · cos(180◦ ) 50 m · (−1)
1. Tenendo presente che la forza di attrito è sempre opposta al vettore velocità e
quindi al vettore spostamento, l’angolo tra i due vettori della formula è α =
180◦ . Per cui

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


L = F~x ∆S
~ = F · ∆S · cos(α) = 100 N · 50 m · cos(180◦ ) = −5000 J
149 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

2. Una forza centripeta è sempre perpendicolare al vettore velocità e quindi al Problema di: Leggi di Conservazione - L0015
vettore spostamento, l’angolo tra i due vettori della formula è α = 90◦ . Per cui
Testo [L0015] [1 5 ] Un pallone di massa m = 0, 4 kg si trova ad una altezza
L = ~(F )x∆S
~ = F · ∆S · cos(α) = 100 N · 50 m · cos(180◦ ) = 0 J
hi = 1 m da terra e viene calciato verticalmente verso l’alto alla velocità Vi = 15 m
s .

3. Utilizzando la formula della potenza: 1. Quanta energia cinetica e quanta energia potenziale gravitazionale ha il pallo-
ne all’inizio?
∆E = P · ∆t = 150 W · 3600 s = 540000 J = 540 kJ
2. Qanto vale l’energia totale che ha quel pallone?

4. Utilizzando la formula della potenza: 3. Quanta energia cinetica e quanta energia potenziale gravitazionale ha il pallo-
ne nel punto di massima altezza?
∆E 500 J
∆t = = = 0, 25 s
P 2000 W 4. A quale altezza arriva il pallone?

5. Se il pallone avesse avuto una massa doppia a quale altezza sarebbe arrivato?

Spiegazione Questo è un esercizio guidato, nel quale i vari passaggi che si fareb-
bero in un normale esercizio sono qui presentati come singole domande. Il pallone si
trova ad una certa altezza ed ha quindi una certa energia potenziale gravitazionale;
parte anche verso l’alto con una certa velocità iniziale ed ha quindi una certa energia
cinetica. Visto che parte verticalmente, nel punto di massima altezza sarà fermo.

Svolgimento Rispondiamo alle domande una alla volta:

1. L’energia cinetica iniziale è


1 1 m2
Eci = mVi2 = · 0, 4 kg · 225 2 = 45 J
2 2 s
L’energia potenziale gravitazionale è
m
Ui = mghi = 0, 4 kg · 9, 8 2 · 1 m = 3, 9 J
s
2. Visto che nel sistema c’è un solo oggetto che ha solo energia cinetica e poten-
ziale gravitazionale, allora l’energia totale del sistema è
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
Etot = Ui + Eci = 48, 9 J
150 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

3. Nel punto di massima altezza il pallone è fermo e quindi ha energia cinetica Problema di: Leggi di Conservazione - L0016
pari a zero
Ecf = 0 Testo [L0016] [1 2 ] Un proiettile viene sparato in aria con la velocità iniziale
Vi = 100 m
s . Trascurando l’effetto dell’aria, a quale altezza arriverebbe il proiettile?
Per la legge di conservazione dell’energia, il pallone ha energia potenziale
gravitazionale finale pari a
Spiegazione Il proiettile parte verso l’alto con una certa velocità iniziale e quindi
Uf + Ecf = Ui + Eci con una certa energia cinetica. Mentre sale, il lavoro della forza di gravità conver-
te tale energia cinetica in energia potenziale gravitazionale. il problema si risolve
Uf = 48, 9 J imponendo la legge di conservazione dell’energia totale.

4. Conoscendo l’energia potenziale gravitazionale finale posso conoscere l’altez-


Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia
za raggiunta
Uf 48, 9 J
hf = = = 12, 5 m Eci + Ui = Ecf + Uf
mg 0, 4 kg · 9, 8 sm2
1 1
5. Nella legge di conservazione dell’energia si semplifica la massa dell’oggetto mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
che è quindi ininfluente sul risultato dell’altezza raggiunta L’altezza iniziale dell’oggetto è nulla; la velocità finale dell’oggetto è nulla.

Uf + Ecf = Ui + Eci 1
mVi2 = mghf
2
1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf da cui
2 2 1 2

1 2
 
1 2
 V = ghf
m V + ghi = m V + ghf 2 i
2 i 2 f da quest’ultima equazione troviamo l’altezza finale dell’oggetto
1 2 1
V + ghi = Vf2 + ghf Vi2
2 i 2 hf = = 510 m
2g

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
151 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0017 Problema di: Leggi di Conservazione - L0018

Testo [L0017] [1 2 ] Un pendolo formato da un filo di lunghezza l = 1 m ed una Testo [L0018] [1 2 ] Di quanto viene compressa una molla di costante elastica
N
massa legata al fondo, viene inclinato in modo da sollevare la massa di ∆h = 10 cm, k = 100 m se a comprimerla è un oggetto di massa m = 49 kg lanciato orizzontal-
e viene tenuto inizialmente fermo. Con quale velocità il pendolo viaggerà quando la mente alla velocità Vi = 10 m
s ?
massa avrà raggiunto la sua minima altezza?
Spiegazione Questo problema è concettualmente identico al problema di un ogget-
Spiegazione Questo problema è concettualmente identico al problema di un og- to in caduta libera, con l’unica differenza determinata dal fatto che invece dell’ener-
getto in caduta libera. Mentre il peso scende, il lavoro della forza di gravità converte gia potenziale gravitazionale dovremo tenere conto dell’energia potenziale elastica
l’energia potenziale gravitazionale dell’oggetto in energia cinetica. della molla.

Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia

Eci + Ui = Ecf + Uf Eci + Vei = Ecf + Vef

1 1 1 1 1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf mVi2 + k∆li2 = mVf2 + k∆lf2
2 2 2 2 2 2
Sappiamo che la velocità iniziale è nulla e conosciamo il valore del dislivello La molla inizialmente è scarica, mentre l’oggetto, quando ha compresso comple-
∆h = hf − hi , per cui tamente la molla, è fermo.

1 1 1
− (mghf − mghi ) = mVf2 mVi2 = k∆lf2
2 2 2
1 da cui semplificando posso calcolare la variazione di lunghezza della molla
−mg∆h = mVf2
2
−2g∆h = Vf2 mVi2 = k∆lf2
p r
Vf = −2g∆h m
∆lf = Vi
k
Se la massa era stata sollevata di ∆h = 10 cm, allora essa è poi scesa di ∆h = −10 cm. s
Sostituendo i valori nella formula avremo 49 kg m
∆lf = N
10 = 7 cm
r 100 m s
m m
Vf = −2 · 9, 8 2 · (−10 cm) = 1, 4
s s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


152 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0019 Problema di: Leggi di Conservazione - L0020

Testo [L0019] [1 3 ] Su di una catapulta viene posizionata una pietra di massa Testo [L0020] [1 4 ] Un oggetto di massa m = 5 kg ha inizialmente un’ener-
N
m = 30 kg, comprimendo di ∆l = 50 cm una molla di costante elastica k = 6000 m . gia potenziale gravitazionale Ui = 100 J e sta cadendo con una velocità Vi = 10 ms .
Cadendo a terra, cioè fino ad un’altezza hf = 0 m, l’oggetto ha colpito e compresso
1. Quanta energia potenziale elastica è immagazzinata nella molla? N
una molla, inizialmente a riposo, di costante elastica k = 200 cm . Quando la molla
2. Con quanta energia cinetica la pietra viene lanciata? raggiunge la sua massima compressione l’oggetto è nuovamente fermo.

3. A quale velocità viaggia la pietra nel momento in cui viene lanciata? 1. A quale altezza si trova inizialmente l’oggetto?

. 2. Quanta energia cinetica ha l’oggetto inizialmente?

Spiegazione Una catapulta funziona secondo il principio per cui prima viene im- 3. Quanta energia potenziale gravitazionale ha l’oggetto quando arriva a terra?
magazzinata energia nella molla (in generale un qualunque dispositivo elastico) e poi
rilasciata al proiettile sotto forma di energia cinetica. 4. Quanta energia potenziale elastica ha la molla inizialmente?

5. Quanta energia cinetica ha l’oggetto alla fine del suo movimento?


Svolgimento L’energia potenziale elastica immagazzinata è
6. Quanta energia potenziale elastica ha immagazzinato la molla nel momento di
1 1 N
Vel = k∆l2 = · 6000 · 0, 025 m2 = 750 J massima compressione?
2 2 m
L’energia cinetica del proiettile sarà esattamente quella immagazzinata dalla mol- 7. Di quanto si è compressa la molla?
la
Eci = Vel = 750 J .
[hi = 2, 04 m; Eci = 250 J; Uf = 0 J; Vi = 0 J; Eci = 0 J; Vel−f = 350 J; ∆l =
Dalla formula inversa dell’energia cinetica
3, 5 cm.]
r s
2Ec 1500 J m
Vi = = = 7, 07 Spiegazione Un’esercizio guidato sulla legge di conservazione dell’energia
m 30 kg s

Svolgimento Utilizzando la formula inversa dell’energia potenziale gravitazionale

Ui 100 J
hi = = = 2, 04 m
mg 5 kg · 9, 8 sm2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
153 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

La sua energia cinetica iniziale vale Problema di: Leggi di Conservazione - L0021

1 1 m2
Eci = mVi2 = · 5 kg · 100 2 = 250 J Testo [L0021] [1 2 ] Quanta energia devo dare ad un oggetto di massa m = 2 kg
2 2 s
che si muove con velocità Vi = 10 m
s per fargli raddoppiare la velocità?
Essendo arrivato a terra l’energia potenziale finale è nulla
Spiegazione Un oggetto si muove e quindi ha energia cinetica. L’energia da dare
Uf = 0
sarà la differenza tra l’energia cinetica finale e quella iniziale.
Inizialmente la molla è completamente scarica, quindi
Svolgimento L’energia cinetica iniziale dell’oggetto vale
Vel−i = 0 1 1 m2
Eci = mVi2 = · 2 kg · 100 2 = 100 J
2 2 s
Alla fine del movimento l’oggetto è fermo, quindi
L’energia cinetica finale dell’oggetto, quando la velocità è raddoppiata, vale
Ecf = 0 1 1 m2
Ecf = mVf2 = · 2 kg · 400 2 = 400 J
2 2 s
Tutta l’energia è quindi nella molla nel momento di massima compressione L’energia da dare vale
L = Ecf − Eci = 300 J
Vel−f = Eci + Ui = 350 J
Esercizi concettualmente identici
Utilizzando la formula inversa dell’energia potenziale elastica trovo di quanto di
è compressa la molla 1. Quanta energia devo dare ad un oggetto di massa m = 20 kg per sollevarlo
r s dall’altezza iniziale hi = 50 m fino all’altezza hf = 75 m?
2Vel−f 2 · 350 J [∆U = 2940 J]
∆lf = = N
= 3, 5 cm
k 200 cm
2. Quanta energia devo dare ad un oggetto di massa m = 20 kg per aumentare la
sua velocità da un valore Vi = 15 m m
s fino ad un valore Vf = 25 s ?
[∆Ec = 78400 J]

3. Un blocco di cemento di massa m = 500 kg è tenuto da una gru ad un’altezza


hi = 10 m e poi appoggiato dentro un pozzo ad una profondità hf = −5 m
sotto il livello del terreno. Quanto valgono le energie potenziali gravitazionali
iniziale e finale del blocco di cemento? Quanta energia potenziale gravitazio-
nale ha aquisito l’oggetto a causa del suo spostamento?
[Ui = 49000 J; Uf = −29500 J; ∆U = −78500 J]

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016


154 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0022 Per la legge di conservazione dell’energia, l’energia potenziale gravitazionale nel
punto di massima altezza vale
Testo [L0022] [1 4 ] Un proiettile di massa m = 15 g viene sparato da un fucile
in diagonale verso l’alto posizionato al livello del suolo. Al momento dello sparo Ecf + Uf = Eci
riceve una spinta F = 100 N per un tragitto ∆S = 60 cm pari alla lunghezza della
Uf = Eci − Ecf = 57 J
canna del fucile. Quando arriva nel punto di massima altezza ha ancora una velocità
Vf = 20 m l’altezza raggiunta vale
s . Quanto lavoro ha ricevuto il proiettile al momento dello sparo? Trascura
la variazione di energia potenziale dovuta al percorso della pallottola all’interno del Uf 57 J
fucile; quanta energia cinetica ha il proiettile in uscita dalla canna del fucile? Quanta hf = = = 388 m
mg 0, 015 kg · 9, 8 sm2
energia cinetica ha il proiettile nel punto di massima altezza? Quanta energia po-
tenziale gravitazionale ha il proiettile nel punto di massima altezza, se trascuriamo
l’attrito con l’aria? A quale altezza è arrivato il proiettile?
[L = 60 J; Eci = 60 J; Ecf = 3 J; Uf = 57 J; hf = 388 m]

Spiegazione Il proiettile subisce una forza da parte del fucile, e si sposta lungo
la canna del fucile. Il fucile fa quindi un lavoro sul proiettile. Tale lavoro viene
aquisito dal proiettile sotto forma di energia cinetica. Nel muoversi verso l’alto
la forza di gravità trasforma l’energia cinetica del proiettine in energia potenziale
gravitazionale.

Svolgimento Il lavoro ricevuto, tenendo conto che la forza impressa sul proiettile
e lo spostamento dello stesso sono paralleli e nello stesso verso, vale

L = F · ∆l = 100 N · 0, 6 m = 60 J

L’energia cinetica della pallottola in uscita dal fucile sarà pari al lavoro fatto dalla
forza
Eci = L = 60 J
L’energia cinetica della pallottola nel punto di massima altezza vale

1 1 m2
Ecf = mVf2 = · 0, 015 kg · 400 2 = 3 J
2 2 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
155 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0023 Problema di: Leggi di Conservazione - L0024

Testo [L0023] [1 3 ] Un corpo di massa m = 2 kg, sulla cima di una collina, Testo [L0024] [3 5 ] Ad una molla, di lunghezza a riposo L0 = 20 cm e costante
viaggia con velocità iniziale Vi = 10 m s ed ha un’energia potenziale gravitazionale
N
elastica k = 10 m , viene appeso un oggetto di massa m = 100 g. Dalla posizione di
Ui = 1000 J. Frenato dalle forze d’attrito, arriva in fondo alla collina ad altezza hf = equilibrio raggiunta, l’oggetto viene sollevato di ∆x = +5 cm. Lasciato libero, fino a
0 m con una velocità finale Vf = 20 m s . Di quante volte è aumentata l’energia cinetica quale altezza minima si abbassa?
(raddoppiata, triplicata, quadruplicata)? Quanta energia si è trasformata in calore?
Spiegazione In questo esercizio bisogna applicare la legge di conservazione dell’e-
Spiegazione In questo esercizio si applica la legge di conservazione dell’energia.
nergia. Inizialmente il sistema, quando si trova fermo in equilibrio, ha dell’energia
Inizialmente il sistema fisico ha l’energia cinetica e potenziale gravitazionale del-
poteniale elastica in quanto la molla è allungata rispetyto alla posizione a riposo, ed
l’oggetto. Alla fine il sistema fisico ha l’energia conetica e energia potenziale gravi-
ha dell’energia potenziale gravitazionale in quanto l’oggetto si trova ad una certa
tazionale dell’oggetto ed il calore prodotto dalle forze di attrito. L’oggetto ha perso
altezza da terra.
energia potenziale gravitazionale, la quale è stata trasformata una parte in energia
Risulta importante in un sistema come questo, la scelta del sistema di riferimento
cinetica ed in parte in calore.
rispetto al quale misuriamo le singole altezze. La scelta più comoda è quella in cui
lo zero delle altezze si trova nel punto più in alto in cui viene posizionato il pesino.
Svolgimento Le energie cinetiche iniziali e finali dell’oggetto valgono
Per questo motivo, quando lasceremo il pesino libero di cadere, esso oscillerà tra
1 1 m2 l’altezza zero ed un’opportuna altezza negativa.
Ec−i = mVi2 = · 2 kg · 100 2 = 100 J
2 2 s
1 1 m2 Svolgimento Cominciamo con il calcolarci di quanto si allunga la molla sotto l’a-
Ec−f = mVf2 = · 2 kg · 400 2 = 400 J
2 2 s zione del pesino. In condizioni di equilibrio la forza di gravità verso il basso sarà
L’energia cinetica è quindi quadruplicata. Inizialmente l’energia totale, calcolata uguale alla forza elastica verso l’alto
utilizzando i valori iniziali, è

Etot = Ec−i + Ui = 1100 J Fg = Fel

Visto che hf = 0 m allora Uf = mghf = 0 J. Quindi: m · g = k · ∆l


m·g
Q + Ec−f + Uf = Etot ∆l =
k
Q = Etot − Ec−f = 700 J 0, 1 kg · 9, 8 sm2
∆l = N
= 0, 098 m = 9, 8 cm
10 m
Nel nostro sistema di riferimento, il pesino si trova ad altezza zero e poi viene
sollevato fino all’altezza iniziale
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
hi = ∆x
156 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Il problema chiede di trovare l’altezza minima hf raggiunta dal pesino. Impostia- 


mo la legge di conservazione dell’energia. Definiamo lo stato iniziale come il punto h = h
f i
più in alto raggiunto dal pesino. Definiamo come stato finale il punto più in basso hf = −hi − 2 m·g + 2∆l
k
raggiunto dal pesino. In entrambi i casi l’energia cinetica del pesino è nulla.
Se adesso andiamo a riprendere il risultato iniziale sull’equilibrio raggiunto dalla
L’energia potenziale gravitazionale è
molla con il peso ad essa appeso ∆l = m·g
k otteniamo
U =m·g·h 
h = h = +5 cm
f i
L’energia potenziale elastica è hf = −hi = −5 cm
1 2
V = k (∆l − h) Proviamo adesso a rifare lo stesso esercizio mettendo l’origine del sistema di rife-
2
rimento nel punto in cui l’estremità della molla si trova prima che venga appeso l’og-
La legge di conservazione dell’energia diventa
getto. La formula per l’energia poteniale gravitazionale non cambia, mentre quella
1 2 1 2 per l’energia poteniale elastica diventa:
m · g · hi + k (∆l − hi ) = m · g · hf + k (∆l − hf )
2 2 L’energia potenziale elastica è
1 2 1 2
m · g · (hi − hf ) = k (∆l − hf ) − k (∆l − hi ) 1 2
2 2 V = k (h)
2
1 h 2 2
i
m · g · (hi − hf ) = k (∆l − hf ) − (∆l − hi ) infatti la coordinata stessa dell’altezza rappresenta anche la variazione di lunghezza
2
m·g della molla. La legge di conservazione dell’energia diventa adesso:
2 (hi − hf ) = (∆l − hf + ∆l − hi ) · (∆l − hf − ∆l + hi )
k
m·g 1 2 1 2
2 (hi − hf ) = (2∆l − hf − hi ) · (−hf + hi ) m · g · hi + k (hi ) = m · g · hf + k (hf )
k 2 2
m·g 1 2 1 2
2 (hi − hf ) − (2∆l − hf − hi ) · (−hf + hi ) = 0 m · g (hi − hf ) = k (hf ) − k (hi )
k 2 2
h m·g 2mg
i (hi − hf ) = (hf + hi ) (hf − hi )
(hi − hf ) 2 − (2∆l − hf − hi ) = 0 k
k
2mg
 m·g (hi − hf ) − (hf + hi ) (hf − hi ) = 0
 k
(hi − hf ) 2 − 2∆l + hf + hi = 0
k 2mg
(hi − hf ) + (hf + hi ) (hi − hf ) = 0
di qui troviamo le due soluzioni per hf coincidenti con gli stati iniziale e finale k
del problema
 
2mg
(hi − hf ) + (hf + hi ) = 0
 k
h − h = 0
i f di qui troviamo le due soluzioni per hf coincidenti con gli stati iniziale e finale
2 m·g − 2∆l + hf + hi = 0 del problema
k
157 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

 Problema di: Leggi di Conservazione - L0025


h − h = 0
i f
 2mg + hf + hi = 0 Testo [L0025] [1 4 ] Un oggetto cade da una certa altezza. Trascuriamo l’effetto
k
dell’aria. Rispondi alle seguenti domande:
Teniamo adesso presente che rispetto alla posizione a riposo della molla, l’altessa
iniziale hi = −∆l + ∆x; inoltre vale sempre che l’allungamento della molla dovuto • Come variano l’energia potenziale gravitazionale e l’energia cinetica dell’og-
al posizionamento del pesino vale ∆l = mgk . Avremo quindi:
getto? Come varia l’energia totale dell’oggetto?

h = h = −∆l + ∆x Consideriamo adesso il caso della presenza dell’aria.
f i
hf = −hi − 2mg = ∆l − ∆x − 2mg • In che modo la forza di attrito interviene sulle trasformazioni energetiche del
k k
 fenomeno in questione? Vale ancora la legge di conservazione dell’energia
h = h = − mg + ∆x = −4, 8 cm totale?
f i k
hf = − mg − ∆x = −14, 8 cm
k
Spiegazione Durante la caduta di un oggetto, l’energia da esso posseduta subi-
Questi valori di fatto rappresentano gli stessi punti di partenza e di arrivo per l’o- sce una serie di trasformazioni. Per sapere come avvengono tali trasformazioni
scillazione del pesino ottenuti precedentemente. Si vede infatti che i valori di altezza è sufficiente comprendere i concetti teorici alla base del fenomeno della legge di
ottenuti sono ricavabili dai precedenti con una semplice traslazione del sistema di conservazione dell’energia.
riferimento, che è esattamente quello che abbiamo fatto all’inizio.
Svolgimento

• Come varia l’energia potenziale gravitazionale dell’oggetto? La formula per l’e-


nergia potenziale gravitazionale è U = mgh. Diminuendo l’altezza da terra
diminuisce l’energia potenziale gravitazionale.

• Come varia l’energia cinetica dell’oggetto? Man mano che l’oggetto scende, tra-
sforma la sua energia potenziale gravitazionale in energia cinetica. L’oggetto
va infatti sempre più veloce. L’energia cinetica aumenta.

• Come varia l’energia totale dell’oggetto? Per la legge di conservazione dell’ener-


gia, l’energia totale di un sistema isolato si conserva.

Consideriamo adesso il caso della presenza dell’aria.

• In che modo la forza di attrito interviene sulle trasformazioni energetiche del fenome-
no in questione? La forza di attrito trasforma l’energia cinetica dell’oggetto in
Autore: Andrea de Capoa 26 Feb 2016
calore, rallentandolo.
158 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

• Vale ancora la legge di conservazione dell’energia totale? La legge di conservazione Problema di: Leggi di Conservazione - L0026
dell’energia totale è sempre valida
Testo [L0026] [1 4 ] Un elastico inizialmente fermo, di massa m = 40 g e co-
N
stante elastica k = 5 cm , si trova all’altezza hi = 2 m e viene lanciato verso l’alto.
L’energia necessaria è data dall’elastico stesso essendo stato allungato di ∆l = 10 cm.
1. Quanta energia potenziale elastica è immagazzinata nell’elastico?

2. Quanta energia cinetica avrà l’elastico nel punto di massima altezza?

3. Calcola l’energia potenziale gravitazionale e l’altezza che avrà l’elastico nel


punto di massima altezza?
.

Spiegazione In questo problema vale la legge di conservazione dell’energia tota-


le. L’energia Porenziale elastica dell’elastico viene convertita in energia cinetica e
successivamente l’energia cinetica in energia potenziale gravitazionale.

Svolgimento L’energia potenziale elastica immagazzinata è


1 1 N
Vel−i = k∆l2 = · 500 · 0, 01 m2 = 2, 5 J
2 2 m
Nel punto di massima altezza l’elastico sarà fermo, e quindi con Ecf = 0.
L’elastico si è scaricato dell’energia in esso immagazzinata e quindi Vel−f = 0.
Per la legge di conservazione dell’energia avremo che

Ui + Eci + Vi = Uf + Ecf + Vf
mghi + 0 + Vel−i = Uf + 0 + 0
da cui

m
Uf = mghi = 0, 04 kg · 9, 8 · 2 m + 2, 5 J = 3, 284 J
s2
L’altezza raggiunta sarà quindi calcolabile utilizzando la formula inversa

Uf 3, 284 J
Autore: Andrea de Capoa 12 Ott 2016 hf = = = 8, 38 m
m·g 0, 04 kg · 9, 8 sm2
159 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0027

Testo [L0027] [1 2 ] Un atleta di salto con l’asta durante la sua corsa viaggia ad
una velocità Vi = 9 ms , quanto salterebbe in alto se riuscisse a convertire tutta la sua
energia cinetica in energia potenziale gravitazionale?

Spiegazione L’atleta ha energia cinetica a causa della sua corsa. Grazie all’asta
riesce a convertire il moto in orizzontale in un moto in verticale e trasformare la
sua energia cinetica in energia potenziale gravitazionale. Vale quindi la legge di
conservazione dell’energia.

Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia

Eci + Ui = Ecf + Uf

1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
La velocità finale nel punto di massima altezzaa è nulla e quindi è nulla l’energia
cinetica finale. L’atleta si trova al suolo, quindi è nulla l’altezza iniziale e di conse-
guenza è nulla l’energia potenziale gravitazionale iniziale. L’altezza finale raggiunta
dall’atleta.
1
mghf = mVi2
2
da cui
1
ghf = Vi2
2
da quest’ultima equazione troviamo l’altezzi finale
2
Vi2 81 m s2
hf = = = 4, 13 m
2g 2 · 9, 8 sm2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
160 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0028 Problema di: Meccanica - L0029

Testo [L0028] [1 2 ] Un oggetto di massa m = 4 kg si muove senza attrito su di Testo [L0029] [2 3 ] Un oggetto di massa m = 2 kg viene lasciato cadere da
un piano orizzontale con la velocità V = 5 m
s . Ad un certo punto l’oggetto incontra una certa altezza. Arrivato a terra, penetra nel terreno per un tratto d = 0, 5 m.
una molla comprimendola di ∆l = 0, 2 m. Quanto vale la costante elastica della Assumendo che le forze di attrito con il terreno abbiano un valore medio Fa = 500 N ,
molla? da quale altezza è caduto l’oggetto?

Spiegazione L’oggetto che si muove ha energia cinetica; incontrando la molla tra- Spiegazione Questo oggetto cade, quindi perde energia potenziale gravitazionale
sferisce la sua energia alla molla trasformandola in energia potenziale elastica. Vale e la trasforma in energia cinetica. Nel tratto in cui penetra nel terreno, perde ulterior-
quindi la legge di conservazi9one dell’energia. mente energia potenziale gravitazionale, ma a causa del lavoro delle forze di attrito
perde anche l’energia cinetica, la quale viene convertita in calore.
Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia
Svolgimento La legge di conservazione dell’energia appicata a questo contesto è:
Eci + Vi = Ecf + Vf
Ui + Eci = Uf + Ecf + ∆Q
1 1 1 1
mVi2 + k∆li2 = mVf2 + k∆lf2
2 2 2 2 1 1
mghi + mVi2 = −mgd + mVf2 + Fa · d
L’oggetto comprime la molla che inizialmente era scarica. Quando l’oggetto si 2 2
ferma ha perso tutta la sua energia cinetica in quanto l’ha trasferita alla molla. da cui
−mgd + 12 mVf2 + Fa · d − 12 mVi2
1 1 hi =
mVi2 = k∆lf2 mg
2 2
Considerato che l’oggetto parte ed arriva con velocità nulla
da cui
m · Vi2
 
Fa · d Fa
k= hi = −d + =d −1
∆lf2 mg mg
2
4 kg · 25 m N
 
s2 500 N
k= = 2500 hi = 0, 5 m · − 1 = 12, 26 m
0, 04 m2 m 19, 6 N

Autore: Andrea de Capoa 3 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
161 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0031 Problema di: Leggi di Conservazione - L0032

Testo [L0031] [1 2 ] Un blocco di cemento di massa m = 500 kg è tenuto da Testo [L0032] [2 2 ] Ad una macchina di Atwood senta attrito sono appesi due
una gru ad un’altezza hi = 10 m e poi appoggiato dentro un pozzo ad una profon- corpi di massa m1 = 2 kg e m2 = 3 kg. Il corpo più leggero è inizialmente fermo
dità hf = −5 m sotto il livello del terreno. Di quanto è variata l’energia potenziale appoggiato a terra, mentre quello più pesante si trova a h = 2 m da terra. Con quale
gravitazionale dell’oggetto a causa del suo spostamento? velocità il più pesante toccherà terra?

Spiegazione Il blocco di cemento cambia la sua altezza e quindi cambia il suo Spiegazione In questo problema vale la legge di conservazione dell’energia.
valore di energia potenziale gravitazionale.
Svolgimento Nell’ipotesi di attriti trascurabili avremo
Svolgimento L’energia potenziale gravitazionale iniziale dell’oggetto vale
Ec1−i + U1−i + Ec2−i + U2−i = Ec1−f + U1−f + Ec2−f + U2−f
m
Ui = mghi = 500 kg · 9, 8 2 · 10 m = 49000 J
s Inizialmente il sistema è fermo, quindi Ec1−i = Ec2−i = 0. Inoltre il primo corpo
L’energia potenziale gravitazionale finale dell’oggetto vale si trova a terra con U1−i = 0.

m
Uf = mghf = 500 kg · 9, 8 · (−5 m) = −24500 J U2−i = Ec1−f + U1−f + Ec2−f + U2−f
s2
Quindi Nello stato finale il secondo corpo si troverà a terra con U2−f = 0 mentre il primo
∆U = Uf − Ui = 73500 J si troverà all’altezza h. Mentre i corpi si muovono, essi avranno la stessa velocità
visto che sono collegati da una corda inestensibile. Avremo quindi

1 1
m2 gh = m1 Vf2 + m1 gh + m2 Vf2
2 2

1
(m2 − m1 ) gh = (m1 + m2 ) Vf2
2

2 (m2 − m1 ) gh
Vf2 =
(m1 + m2 )
s
2 (m2 − m1 ) gh
Vf =
(m1 + m2 )
s
2 · 1 kg · 9, 8 sm2 · 2 m m
Vf = = 2, 8
5 kg s
Autore: Andrea de Capoa 19 Nov 2017
162 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0033

Testo [L0033] [2 2 ] Una sfera di raggio r = 10 cm rotola senza strisciare lungo


un piano inclinato partendo da un’altezza hi = 30 cm. Con quale velocità arriva alla
fine del piano inclinato?

Spiegazione In questo problema vale la legge di conservazione dell’energia. Con-


siderato che la sfera rotola senza strisciare, per prima cosa dobbiamo considerare
anche l’energia cinetica rotazionale, ed in secondo luogo dobbiamo tenere conto che
rotolando senza strisciare, la velocità angolare di rotolamento è in relazione con la
veocità dl baricentro.

Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia, la sfera inizialmente fer-


ma ha soltanto energia potenziale gravitazionale. Alla fine del percorso l’oggetto
ha perso tutta l’energia potenziale ed ha solo più energia cinetica traslazionale e
rotazionale

Ui = Eci + Eri

1 1
mghi = mVf2 + Iωf2
2 2
Nel rotolamento, il punto di appoggio è fermo per un istante, ed il centro della
sfera, a distanza r si muove a velocità V . Rispetto al baricentro, il punto di contatto
al suolo, sempre a distanza r si muove a velocità opposta di pari modulo V . Quindi
la velocità angolare della sfera è
V
ω=
r
quindi

1 1 2 Vf2
mghi = mVf2 + · mr2 2
2 2 5 r

1 1
Autore: Andrea de Capoa 19 Nov 2017 mghi = mVf2 + mVf2
2 5
163 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0034


7
mghi = mVf2
10
Testo [L0034] [2 2 ] Una sfera di raggio r = 0, 1 m e massa m = 2 kg, rotola
ed infine
senza strisciare su di un piano orizzontale sotto l’azione di una forza orizzontale
fatta al’altezza del baricentro. Sapendo che la velocità della sfera inizialmente era
r
10 m
Vf = ghi nulla, e dopo un perorso ∆S = 2 m è Vf = 4 , quanto vale la forza F ?
7 s

Spiegazione In questo problema vale la legge di conservazione dell’energia. Dal


momento che parlimo di una sfera che rotola senza strisciare, allora dobbiamo con-
siderare anche l’energia cinetica rotazionale.

Svolgimento Per il teorema dell’energia cinetica

L = ∆Ec = Ecf + Erf − Eci − Erf

1 1 1 1
L = ∆Ec = mVf2 + Iωf2 − mVi2 − Iωi2
2 2 2 2

1 1
L=mVf2 + Iωf2
2 2
Sapendo che parliamo di una sfera e che la sfera non striscia ma rotola, allora

1 1 2 2 Vf2
L= mVf2 + mr 2
2 25 r

1 1 7
F · ∆S = mVf2 + mVf2 = mVf2
2 5 10

7
mVf2
F = 10 = 22, 4 N
∆S

Autore: Andrea de Capoa 19 Nov 2017 Autore: Andrea de Capoa 19 Nov 2017
164 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di Conservazione - L0035 


∆l22 V12 − V22 ∆l12 2
= ∆lmax
(V12 − V22 )
Testo [L0035] [3 3 ] Un oscillatore armonico è realizzato da un corpo di massa
2
m che oscilla orizzontalmente attaccato ad una molla di costante elastica k. Sapendo ∆lmax = 80 m2
m
che ha una velocità V1 = 8 quando si trova a distanza ∆l1 = 4 m dal punto di ∆lmax = 8, 94 m
s
m
equilibrio, e una velocità V2 = 2 quando si trova a distanza ∆l2 = 6 m dal punto
s
di equilibrio, determinare la massima distanza dal punto di equilibrio.

Spiegazione In questo problema vogliamo desumere una delle caratteristiche del


moto armonico conoscendo velocità e posizione dell’oggetto in due particolari istan-
ti. L’unica cosa che sappiamo con certezza è che in un moto armonico vale la legge
di conservazione dell’energia.

Svolgimento Per la legge di conservazione dell’energia, sapendo che alla massima


distanza dal punto di equilibrio l’energia cinetica del corpo è nulla, avremo

 1 mV12 + 1 k∆l12 = 1 mV22 + 1 k∆l22

2 2 2 2
1 1 1
 mV12 + k∆l12 = k∆lmax
 2
2 2 2

mV 2 + k∆l2 = mV 2 + k∆l2
1 1 2 2
mV 2 + k∆l2 = k∆l2
1 1 max
  
m V 2 − V 2 = +k ∆l2 − ∆l2
1 2 2 1
 m V12 + ∆l12 = ∆lmax 2
k
2 2



m
 =
 ∆l 2 ∆l 1
k (V12 − 2
 V2 )

2 2
∆l2 − ∆l1
· V12 + ∆l12 = ∆lmax
2


(V12 − V22 )

quindi 
∆l22 V12 − ∆l12 V12 + V12 ∆l12 − V22 ∆l12 2
= ∆lmax Autore: Andrea de Capoa 9 Ott 2018
(V12 − V22 )
165 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Dinamica - DL0001 Problema di: Dinamica - DL0002

Testo [DL0001] [2 3 ] Un corpo striscia con velocità iniziale Vi = 20 m s su di un Testo [DL0002] [2 5 ] Disegna lo schema di un sistema di sollevamento a car-
piano con coefficiente di attrito µd = 0.5. Quale velocità avrà dopo aver percorso rucola mobile per sollevare un peso di massa m = 10 kg. Indica il valore della forza
∆S = 30 m. F~ che devi esercitare sull’estremità del cavo e lo spostamento ∆S dell’estremità del
cavo, sapendo che la massa si solleva di ∆h = 20 cm.
Spiegazione In questo esercizio la forza di attrito che frena l’oggetto, sta converten-
do la sua energia cinetica in calore. Vale quindi la legge di conservazione dell’energia Spiegazione Un sistema di carrucole mobili è una mac-
totale. china semplice il cui funzionamento si basa sul concetto F~
di equilibrio statico F~tot = 0 Il sistema di carrucole di cui
Svolgimento La forza di attrito in questo caso è causata dalla forza di gravità che si parla è il seguente.
schiaccia l’oggetto sul piano. Detta m la massa dell’oggetto, per calcolare il calore
T~
prodotto avremo: Svolgimento Analizzando l’estremità del cavo e la ∆s
∆Q = Fatt · ∆S = µd · m · g · ∆S carrucola mobile possiamo scrivere il seguente sistema:
La legge di conservazione dell’energia totale ci dice, tenendo conto che laltezza a

2T = F
g
cui si trova il corpo non cambia, che
T = F
Eci = Ecf + ∆Q T~ T~
da cui
da cui 2F = Fg
1 1
mVi2 = mVf2 + µd · m · g · ∆S 1
2 2 F = Fg = 49 N
2
Vale sempre la legge di conservazione dell’energia. m
Vi2 = Vf2 + 2µd · g · ∆S
Per cui, indicando con L il lavoro della forza F avremo
ed infine
che ∆h
Vf2 = Vi2 − 2µd · g · ∆S
F~g
m2 m m2 Ui + L = Uf
Vf2 = 400 2
− 20̇, 5 · 9, 8 2 · 30 m = 106 2
s s s
m L = Uf − Ui = mg(hf − hi ) = mg∆h = Fg ∆h
Vf = 10, 3
s F ∆S = Fg ∆h
Fg
∆S = ∆h = 40 cm
F
Autore: Andrea de Capoa 17 Mag 2017
166 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Dinamica - DL0003 La massa attaccata al pendolo si è quindi sollevata di una quantità
!
Testo [DL0003] [3 5 ] Un pendolo di massa m = 900 g e lunghezza L = 1 m Fg
∆h = L − y = L · 1 − p = 0, 68 m
viene tirato in orizzontale da una forza F = 10 N . Quanto vale la tensione del filo F g2 + F 2
che sorregge il peso? Di quanto si solleva il peso? Quanta energia viene fornita al L’energia data all’oggetto è quindi immagazzinata da esso sotto forma di energia
peso per sollevarlo? potenziale gravitazionale
m
Spiegazione In questo problema abbiamo tre forze disposte su di un piano: la forza E = ∆U = m · g · ∆h = 0, 9 kg · 9, 8 · 0, 68 m = 6 J
s2
di gravità verso il basso, la forza esterna in orizzontale (immaginiamo verso destra)
e la tensione del filo in diagonale lungo il filo. In una condizione di equilibrio la
somma delle tre forze è nulla. La forza di gravità è compensata dalla componente
θ
verticale della tensione del filo; la forza esterna è compensata dalla componente oriz-
zontale della tensione del filo. É inoltre importante notare che il triangolo rettangolo
formato dalle tre forze è simile al triangolo rettangolo formato dal filo (ipotenusa) e T~
dalle sue due proiezioni verticale ed orizzontale (i due cateti).
m F~
∆h
Svolgimento La tensione del filo è in modulo pari alla somma della forza di gravità
F~g
e della forza esterna
r
q p m2
T = Fg2 + F 2 = m2 g 2 + F 2 = 0, 81 kg 2 · 96, 04 4 + 100 N 2
s
T = 13, 3 N

Consideriamo adesso il triangolo rettangolo formato dal filo (ipotenusa) e dalle


sue due proiezioni verticale ed orizzontale (i due cateti) Il cateto verticale lo si trova
sfruttando la similitudine tra triangoli e la conseguente proporzionalità tra i lati.

y : Fg = L : T

per cui
Fg Fg
y =L· =L· p
T F g2 + F 2

Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017 Autore: Andrea de Capoa 18 Mag 2017
167 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Dinamica - DL0004 Problema di: Dinamica - DL0005

Testo [DL0004] [4 3 ] Un oggetto è posto sulla cima di una superficie semisferi- Testo [DL0005] [3 4 ] Un pendolo di massa m = 300 g e lunghezza L = 1 m
ca. Esso comincia a scivolare senza attrito lungo tale superficie. In quale punto esso viene spostato dalla posizione di equilibrio di un angolo θi = 45◦ . Quando è lasciato
si stacca dalla suprficie? libero di oscillare, partendo da fermo, quale tensione esercita la corda quando il peso
si trova ad un angolo θf = 30◦ dalla posizione di equilibrio?
Spiegazione La migliore spiegazione possibile è nel video riportato qui sotto.
Spiegazione Nel sistema fisico in questione, quello cioè di un pendolo semplice,
le leggi che lo descrivono sono la legge di conservazione dell’energia e la seconda
legge della dinamica. Con queste due leggi riusciremo a risolvere il problema. Di
sicuro, visto che il percorso del peso è circolare, l’accelerazione lungo il filo deve
V2
essere un’accelerazione centripeta a = . La forza di gravità, essendo sempre
r
verticale, dovrà essere scomposta in due vettori, uno tangente al percorso circolare,
ed uno parallelo al filo del pendolo.

Fig. 7.1: Guarda il video youtu.be/hDSZ4Nf-REw Svolgimento Cominciamo con lo scrivere la legge di conservazione dell’energia tra
lo stato iniziale e lo stato finale indicati dai due angoli θi e θf
Svolgimento
1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
Sapendo che Vi = 0 e indicando con lo zero delle altezze il punto di rotazione,
avremo

1
−mgL cos θi = mVf2 − mgL cos θf
2

2mgL (cos θf − cosθi ) = mVf2


Scomponendo la forza di gravità nelle sue due componenti avremo

F = F cos θ
gk g
Fg⊥ = Fg sin θ

Per cui, applicando il secondo principio della dinamica lungo il filo del pendolo
Vf2
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 T − Fg⊥ = m
L
168 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Dinamica - DL0011


Vf2
T =m + mg sin θf
L
Testo [DL0011] [3 3 ] Un pendolo semplice è realizzato con una corda di lun-
Utilizziamo adesso la legge di conservazione dell’energia
ghezza L = 2 m con all’estremità una massa m = 2 kg. Tale pendolo sta oscillando
mVf2 + mgL sin θf attaccato ad un chiodo all’altezza hc = 3 m. Il massimo valore dell’altezza raggiunta
T = dal pendolo è hi = 1, 4 m. Sapendo che la corda può sopportare al massimo una
L
tensione Tmax = 30 N , il pendolo si romperà?
2mgL (cos θf − cosθi ) + mgL sin θf
T =
L
Spiegazione Il questo esercizio abbiamo un pendolo che oscilla. La massa attacca-
2 cos θf − 2cosθi + sin θf ta al filo esegue un moto circolare, in quanto essa si trova sempre alla stessa distanza
T = mgL ·
L dal chiodo. La forza che agisce sulla massa sarà in ogni istante la somma della forza
di gravità e della forza esercitata dal filo. Con i dati del problema è possibile calcolare
T = mg (2 cos θf − 2cosθi + sin θf ) quale sarà la forza massima esercitata richiesta dalla massa per eseguire il movimen-
to; se tale forza massima è maggiore della tensione di rottura del filo, allora il filo si
m √ √ 
spezzerà.
T = 0, 3 kg · 9, 8 3 − 2 + 0, 5 = 2, 4 N
s2
Svolgimento
1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
θ 2 2
considerando che nel punto più alto dell’oscillazione del pendolo la velocità è
Vi = 0 e che il pendolo nel suo percorso verso il punto più basso scende di ∆h =
hf − hi = −0, 4 m
T~
m mVf2 = −2mg∆h

Utilizzando adesso il secondo principio della dinamica. L’oggetto appeso al filo


segue un percorso perfettamente circolare, quindi è sottoposto ad una accelerazione
centripeta
V2
F~g ac =
r
per cui
Vf2
T − mg = m
r
Autore: Andrea de Capoa 2 Dic 2017
−2mg∆h
T − mg =
r
169 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

  Problema di: Dinamica - DL0012


−2mg∆h −2∆h
T = + mg = mg + 1 = 27, 44 N
r r
Testo [DL0012] [1 4 ] Un’auto di massa m = 500 kg rallenta dalla velocità Vi =
252 km km
h fino alla velocità Vf = 108 h in uno spazio ∆S = 100 m. Quanta energia
cinetica ha l’auto prima e dopo la frenata? Quanto lavoro ha fatto la forza d’attrito
delle ruote con l’asfalto? Calcola la forza e l’accelerazione d’attrito.

Spiegazione Un’auto si sta muovendo con una certa energia cinetica. Una forza
di attrito cornverte parte di quell’energia cinetica in calore, riducendo la velocità
dell’auto

Svolgimento Per prima cosa convertiamo le unità di misura della velocità

km 1000 m m
Vi = 252 = 252 = 80
h 3600 s s
km 1000 m m
Vf = 108 = 108 = 30
h 3600 s s
L’energia cinetica iniziale dell’auto vale

1 1 m2
Eci = mVi2 = · 500 kg · 6400 2 = 1225 kJ
2 2 s
1 1 m2
Ecf = mVf2 = · 500 kg · 900 2 = 225 kJ
2 2 s
La perdita di energia cinetica sarà pari al lavoro fatto dalle forze di attrito

L = Ecf − Eci = −1000 J

La forza d’attrito sarà


L −1000 J
Fa = = = −10 N
∆S 100 m
dove quel meno indica che la forza è opposta allo spostamento dell’auto.
L’accelerazione che ne consegue sarà

Fa −10 N m
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 a= = = −0, 02 2
m 500 kg s
170 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Esercizi concettualmente identici Problema di: Leggi di conservazione - LP 0001

1. Un oggetto di massa m = 50 kg viaggia ad una velocità V = 10 m s . Ad un certo Testo [LP0001] [3 4 ] Un oggetto di massa m1 = 50 kg viaggia ad una velocità
punto viene spinto da una forza F = 100 N per una distanza ∆S = 24 m nella
V1 = 11 m s lungo un piano inclinato senza attrito. Inizialmente l’oggetto si trova
stessa direzione e nello stesso verso del movimento. Quanta energia cinetica
all’altezza hi = 5 m da terra. Alla fine del piano inclinato si sposta in orizzontale
ha l’oggetto all’inizio? Quanto lavoro ha fatto la forza? Quel lavoro è negativo
fino a quando urta contro un oggetto di massa m2 = 100 kg inizialmente fermo.
o positivo? Quanta energia cinetica ha l’oggetto dopo l’azione della forza? A
Nell’ urto di due oggetti rimangono attaccati. Con quale velocità viaggeranno dopo
quale velocità finale viaggia l’oggetto?
l’urto?
[Eci = 2500 J; Lpos = 2400 J; Ecf = 4900 J; V = 14 m s ]

Spiegazione Questo problema è di fatto separato in due problemi distinti; nella


prima parte abbiamo infatti un oggetto che cade lungo un piano inclinato senza at-
trito, e nella seconda abbiamo l’urto anelastico dei due oggetti. Per cui dobbiamo
prima capire con quale velocitá arriva l’oggetto al fondo del piano inclinato, per
poi studiare l’urto anelastico e capire con quale velocità si muove il blocco dei due
oggetti.

Svolgimento Cominciamo con l’impostare la legge di conservazione dell’energia:


1 1
mVi2 + mghi = mVf2 + mghf
2 2
Raccogliendo la massa e semplificandola
1 2
2 Vi + ghi
1 = Vf2
2
s
1 2
2 mVi + mghi
Vf = 1
2m
m
q
Vf = Vi2 + 2ghi = 14, 8
s
Per la legge di conservazione della quantità di moto, la quantità di moto totale
iniziale è uguale alla quantità di moto totale finale.

P1i + P2i = Ptot.f


Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
m1i V1i + m2i V2i = mtot Vf
171 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

In questa equazione si vede che dopo l’urto è presente un solo oggetto la cui massa Problema di: Leggi di Conservazione - LP 0002
è pari alla somma delle masse dei due oggetti prima dell’urto.
Testo [LP0002] [3 5 ] Un fucile spara verticalmente un proiettile di massa m =
m1i V1i + m2i V2i m
Vf = 0, 01 kg con una velocità iniziale –p = 800 . Esso penetra in un cubo di legno di
mtot s
kg
50 kg · 14, 8 m m
s − 100 kg · 0 s m lato l = 2 dm e densità ρ = 500 3 colpendolo lungo un asse che passa dal suo
Vf = = 4, 93 m
150 kg s baricentro. Quale altezza massima è raggiunta dal blocco?
Il meno nella formula indica che il secondo oggetto viaggia in direzione opposta
rispetto al primo; il fatto che il risultato sia positivo indica che il blocco dei due Spiegazione Il fenomeno fisico in questione si divide in due fenomeni che accado-
oggetti viaggia, dopo l’urto, nello stesso verso del primo blocco prima dell’urto. no in sequenza: l’urto anelastico tra il blocco ed il proiettile e la salita del blocco de-
scritta dalla legge di conservazione dell’energia. Non vi è alcuna rotazione in quanto
la forza esercitata dal proiettile sul blocco non genera alcun momento; quindi non è
necessario introdurre la legge di conservazione del momento angolare..

Svolgimento La massa del blocco è

kg
M = ρ · l3 = 500 · 4 · 10−3 m3 = 2 kg
m3
Valgono le due equazioni:

m–p = (m + M ) · –bi
 1 (M + m) –2 = (M + m) ghf
bi
2

−4 2 m2
– 2
bi
– m2 2p 10 kg · 640000
s2 = 0, 2 m
hf = = 2 = m
2g 2g (m + M ) 2 · 9, 8 2 · (2, 01 kg)
2
s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 3 Ott 2018
172 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - P 0001 Problema di: Leggi di conservazione - P 0002

Testo [P0001] [1 2 ] Un oggetto che ha massa m1 = 50 kg viaggia ad una ve- Testo [P0002] [1 2 ] Un oggetto che ha massa m1 = 50 kg viaggia ad una ve-
locità V1 = 11 m
s . Ad un certo punto urta contro un oggetto di massa m2 = 100 kg locità V1 = 11 m
s . Ad un certo punto urta contro un oggetto di massa m2 = 100 kg
che viaggia nel verso opposto ad una velocità V2 = 1 m s . Nell’urto di due oggetti che viaggia nello stesso verso ad una velocità V2 = 1 m s . Nell’urto i due oggetti
rimangono attaccati. A quale velocità finale si muove il blocco? rimangono attaccati. A quale velocità finale si muove il blocco?

Spiegazione Ognuno dei due oggetti si sta muovendo, e quindi ha una certa quan- Spiegazione Ognuno dei due oggetti si sta muovendo, e quindi ha una certa quan-
tità di moto. Visto che quando urtano tra loro rimangono attaccati, allora si tratta di tità di moto. Visto che quando urtano tra loro rimangono attaccati, allora si tratta di
un urto anelastico nel quale si conserva la sola quantità di moto. un urto anelastico nel quale si conserva la sola quantità di moto.

Svolgimento Vale la legge di conservazione della quantità di moto; quindi la quan- Svolgimento Vale la legge di conservazione della quantità di moto; quindi la quan-
tità di moto totale iniziale è uguale alla quantità di moto totale finale. tità di moto totale iniziale è uguale alla quantità di moto totale finale.

P1i + P2i = Ptot.f P1i + P2i = Ptot.f

m1i V1i + m2i V2i = mtot Vf m1i V1i + m2i V2i = mtot Vf

In questa equazione si vede che dopo l’urto è presente un solo oggetto la cui massa In questa equazione si vede che dopo l’urto è presente un solo oggetto la cui massa
è pari alla somma delle masse dei due oggetti prima dell’urto. è pari alla somma delle masse dei due oggetti prima dell’urto.

m1i V1i + m2i V2i m1i V1i + m2i V2i


Vf = Vf =
mtot mtot
550 kgsm − 100 kgsm m 550 kgsm + 100 kgsm 13 m
Vf = =3 Vf = =
150 kg s 150 kg 3 s
Il meno nella formula indica che il secondo oggetto viaggia in direzione opposta Il fatto che il risultato sia positivo indica che il blocco dei due oggetti viaggia,
rispetto al primo; il fatto che il risultato sia positivo indica che il blocco dei due dopo l’urto, nello stesso verso dei blocchi prima dell’urto.
oggetti viaggia, dopo l’urto, nello stesso verso del primo blocco prima dell’urto.

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 9 Ott 2018
173 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Leggi di conservazione - P 0003 Problema di: Leggi di conservazione - P 0004

Testo [P0003] [2 3 ] Due auto procedono verso un incrocio su strade perpen- Testo [P0004] [2 4 ] Due oggetti di massa uno tripla dell’altro compiono un
m
dicolari tra loro. La prima ha una massa m1 = 650 kg e viaggia ad una velocità urto elastico. Quello con massa minore m1 viaggia alla velocità –1i = 10 verso il
km s
–1 = 60 . La seconda ha una massa m2 = 500 kg e viaggia ad una veloci- secondo con massa m2 in quiete. Con quale velocità si muoveranno i due oggetti?
h
km
tà –2 = 90 . Ipotizzando un urto anelastico nel quale le due auto rimangono Spiegazione Un semplice urto elastico descrivibile quindi con la conservazione
h
attaccate, con quale velocità si muoveranno i rottami dopo l’urto? dell’impulso e dell’energia

m2
Spiegazione Il problema suggerisce la soluzione in quanto dice che l’urto in que- Svolgimento Chiamiamo φ = = 2 Applicando le due leggi di conservazione
m1
stione è anelastico. Vale di conseguenza la legge di conservazione dell’impulso che sulla dinamica traslazionale avremo:
in questo caso va scritta in due dimensioni. 
m – = m – + m –
1 1i 1 1f 2 2f
Svolgimento Scomponiamo il problema su due direzioni che indicheremo con le m1 –2 = m1 –2 + m2 –2
1i 1f 2f
lettere x e y: quelle delle due strade. Avremo 
– − φ – = –
 1i 2f 1f
m – = (m + m ) –
1 1x 1 2 fx –2 = –2 + φ2 –2 − 2φ–2f –1i + φ–2
1i 1i 2f 2f
m2 –2y = (m1 + m2 ) –f y 
– − φ– = –
1i 2f 1f
 m1 –1x
 = –f x 0 = –2f · [(φ + 1) –2f − 2–1i ]
(m1 + m2 )

m2 –2y

 = –f y La prima soluzione, interpretabile come assenza di collisione, sarà
(m1 + m2 )

La velocità dopo l’urto sarà quindi – = –1i
1f
–2f = 0
m21 –21 + m22 –22
q p
–f = –2f x + –2f y =
(m1 + m2 ) La seconda soluzione, che descrive gli effetti dell’urto, sarà
1−φ

–f = 51, 8
km –1f =
 –1i
h 1+φ
2
–2f =
 –1i
φ+1
Inserendo adesso i valori numerici otteniamo
–1f = −5 m

s
Autore: Andrea de Capoa 9 Ott 2018 –2f = 5 m
s
174 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Questo significa che il primo oggetto tornerà indietro. Problema di: Gravitazione universale - LW 0001

Testo [LW0001] [3 4 ] Un satellite percorre un’orbita ellittica intorno alla Terra


con massima distanza rmax = 2 · 1011 m e minima distanza rmax = 1 · 1011 m. Con
quale velocità si muove nei punti dell’orbita più vicino e più distante dalla Terra?

Spiegazione

Svolgimento Per prima cosa definiamo il semiasse maggiore dell’orbita come

r1 + r2
a=
2
Per la legge di conservazioned del momento angolare, tenuto conto che l’angolo
tra la velocità del satellite ed il raggio tra la Terra ed il satellite è un angolo retto,
avremo

mV2 r2 = mV1 r1

Per la legge di conservazione dell’energia avremo

1 Mm 1 Mm
mV12 − G = mV22 − G
2 r1 2 r2
Quindi

V2 r2 = V1 r1
V12 − 2G M = V22 − 2G M
r1 r2

V2 r2 = V1 r1

2
M r1
V12 r12 − 2GM r1 = V22 r12 − 2G

r2

V2 r2 = V1 r1

M r12
Autore: Andrea de Capoa 13 Ott 2018 V22 r22 − 2GM r1 = V22 r12 − 2G

r2
175 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

 Problema di: Meccanica - LA0003


V2 r2 = V1 r1

 
2 2 2
 r1
V2 r2 − r1 = −2GM r1
 −1 Testo [LA0003] [2 2 ] Un satellite artificiale compie un’orbita ellittica tale per cui
r2 km
al perielio rp = 20000 km ha una velocità – = 5 . Quale velocità avrà all’afelio?
Da cui s
v  
u r1 Spiegazione Nel moto di un satellite la forza di gravità è una forza conservativa e
−1
u
u
t r2 centrale. Valgono quindi le leggi di conservazione dell’impulso e dell’energia
V2 = 2GM r1 2
(r1 − r22 )
s
r1 1 Svolgimento Scriviamo le due leggi che governano il moto, cioè la legge di conser-
V2 = 2GM vazione dell’energia e quella di conservazione el momento angolare, considerando
r2 (r1 + r2 )
r due punti in particolare: l’afelio ed il perielio
GM r1
V2 =
a r2 1 M m 1 M m
m–2a − G · T = m–2p − G · T
A questo punto troviamo V1 2 ra 2 rp

Ia ωa = Ip ωp
r
GM r2
V1 =
a r1
che possono essere semplificate in
Con i dati del problema avremo
1 2 GMT 1 GMT
– − = –2p −
v
N m2 2 a
u
u 6, 67 · 10−11 ra 2 rp
· 5, 972 · 1024 kg
u
t kg 2 m
V2 = · 0, 5 = 25, 766
3 · 1011 m s ra –a = rp –p

GMT
m Per comodità introduciamo il parametro –2f p = 2 che rappresenta la velocità
V1 = 51, 532 rp
s
di fuga dall’orbita relativa alla distanza rp

N m2
6, 67 · 10−11 · 5, 972 · 1024 kg 2
GMT kg 2 7 m
–2f p = 2 =2 = 4 · 10
rp 2 · 107 m s2

Sempre per comodità introduciamo il parametro

–2f p
Autore: Andrea de Capoa 2 Feb 2018 φ= = 1, 6
–2p
176 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Calcoliamo adesso i valori dell’orbita all’afelio Con i dati del problema avremo
rp –p

km km

ra =
–a –a = 5 · 0, 6 s = 3 s
 


 
 

1 GMT –a 1 GMT 2 · 107 km


 
 –2a − = –2p −

 
= 3, 3 · 107 m

ra =
rp –p
 
2 2 rp 0, 6

ra = rp –p





 –a

 –2f p –a
–2a − = –2p − –2f p


–p

Con un po’ di algebra otteniamo quindi per –a due soluzioni

–2f p –a
–2a − –2p − + –2f p = 0
–p

–2f p
(–a − –p ) (–a + –p ) − (– − – p ) = 0
–p a

–2f p
!
(– a − – p ) – a + – p − =0
–p

(–a − –p ) –a –p + –2p − –2f p = 0




Di qui le due soluzioni di cui una indica l’afelio e l’altra il perielio. Quella per
l’afeio in funzione della velocità del perielio, ed il corrispondente valore del raggio,
sarà

–2pf − –2p


– = = –p · (φ − 1)
a
–p




–
rp 2p

1


ra = = rp ·

– – Autore: Andrea de Capoa 12 Ott 2018

2 − 2 φ−1
pf p
177 Scheda7. Leggi di conservazione: soluzioni

Problema di: Conservazione del momento angolare - W 0001 Problema di: Leggi di Conservazione - LP A0001

Testo [LW0001] [2 4 ] Due corpi di massa m = 20 kg stanno ruotando con fre- Testo [LPA0001] [3 7 ] Un fucile spara verticalmente un proiettile di massa
m
quenza νi = 9 Hz legati da una corda lunga di = 2 m. Se la corda venisse accorciata m = 0, 01 kg con una velocità iniziale –p = 800 . Esso penetra in un cubo di legno
s
fino alla lunghezza df = 1, 5 m, con quale frequenza ruoterebbero i due corpi? Kg
di lato l = 2 dm e densità ρ = 500 3 colpendolo lungo un asse che passa a d = 5 cm
m
dal suo baricentro. Quale altezza massima è raggiunta dal blocco?
Spiegazione

Spiegazione Il fenomeno fisico in questione si divide in due fenomeni che acca-


Svolgimento Il momento ngolare del sistema è
dono in sequenza: l’urto anelastico tra il blocco ed il proiettile, la salita del blocco
 2
d descritta dalla legge di conservazione dell’energia. La forza esercitata dal proiettile
L = Iω = 2m · 2πν
2 sul blocco genera un momento e fa ruotare il blocco; quindi è necessario introdurre
la legge di conservazione del momento angolare.
Per la legge di conservazione del momento angolare avremo
 2  2 Svolgimento La massa del blocco è
di df
2m · 2πνi = 2m · 2πνf
2 2 kg
M = ρ · l3 = 500 · 4 · 10−3 m3 = 2 kg
m3
d2i · νi = d2f · νf Il momento di inerzia del blocco con il proiettile infilato dentro è I = Il + Ip =
1
M · l2 + md2 = 0, 013 kgm2
d2i 6
νf = · νi Valgono le tre equazioni:
d2f

16 m–p = (m + M ) · –bi

· 9 Hz = 16 Hz

νf = 
1 1 1
9 (M + m) –2bi + Iωi2 = (M + m) ghf + Iωf2
2 2 2
m– d = Iω = Iω


p i f

−4 2 m2
– 2
bi
– m2 2p 10 kg · 640000
s2 = 0, 2 m
hf = −= 2 = m
2g 2g (m + M ) 2 · 9, 8 2 · (2, 01 kg)
2
s

Autore: Andrea de Capoa 2 Feb 2018 Autore: Andrea de Capoa 3 Ott 2018
Fluidodinamica: soluzioni Scheda 8
Problema di: Fluidodinamica - F 0001

1 S2
2 ρH 2 O V 1
2
+ P1 = 21 ρH2 O V12 S12 + P2
2
Testo [F0001] [2 3 ] In un tubo orizzontale di sezione S1 = 10 cm2 scorre del-
l’acqua ad una velocità V1 = 8 m s con una pressione P1 = 150000 P a. Ad un certo
1 2 S2
− 21 ρH2 O V12 S12 + P1 = P2
2 ρH 2 O V 1
punto la sezione del tubo aumenta fino al valore S2 = 16 cm2 . Quanto valgono la 2

velocità e la pressione dell’acqua nella parte larga del tubo? 


S12

P2 = 12 ρH2 O V12 1 − S22
+ P1

2
 
kg 100 cm4
Spiegazione Un fluido incomprimibile si sta muovendo dentro un tubo. Assu- P2 = 12 1000 m m
3 64 s2 1− 256 cm4 + 150000 P a
mendo che si possano trascurare tutti i fenomeni di attrito, il fluido è soggetto sia P2 = 169500 P a
alla legge di conservazione della portata che alla legge di Bernoulli.
Esercizi concettualmente identici

Svolgimento Applicando la legge di conservazione della portata possiamo scrive- 1. In un tubo orizzontale di sezione S1 = 20 cm2 scorre dell’acqua con velocità
m
re: V1 = 5 e con una pressione P1 = 200000 P a. Questo tubo ha una strozzatura
s
nel centro, di sezione S2 = 4 cm2 . Quanto scorre veloce l’acqua nella strozza-
S1 V1 = S2 V2
tura? Quanto vale la pressione nella strozzatura?
m
10 cm2 · 8 m [V2 = 25 ; P2 = 199500 P a]
S1 V1 s
V2 = = s
=5m
s
S2 16 cm2 m
2. In un tubo di sezione S1 = 8 cm2 , dell’acqua scorre con una velocità V1 = 2
s
Utilizzando poi la legge di Bernoulli possiamo scrivere: ed ad una pressione P1 = 12000 P a. Se in un secondo tratto del tubo la sua
sezione aumenta passando ad un valore S2 = 10 cm2 , a quale velocitá viaggerà
1 1 l’acqua? Se il tubo è posto in orizzontale, Quanto vale la pressione nella parte
ρ V 2 + ρH2 O gh1 + P1 = ρH2 O V22 + ρH2 O gh2 + P2 larga del tubo?
2 H2 O 1 2
kg
Visto che il tubo è orizzontale, allora h1 = h2 e quindi i due termini corrispon- 3. Se in un tubo orizzontale un fluido di densità ρ = 5 3 aumenta la sua velocità
m
denti si possono semplificare. Anche se non so quanto valgono, in quanto non so a m m
passando da un valore Vi = 5 ad un valore Vf = 15 , di quanto varia la
che altezza si trova il tubo, so però che sono uguali e in questo caso si semplificano. s s
pressione del fluido?
[∆P = −500 P a]
1 1
ρ V 2 + P1 = ρH2 O V22 + P2
2 H2 O 1 2

Sostituendo adesso il valore V2 quanto calcolato precedentemente

178
179 Scheda8. Fluidodinamica: soluzioni

Problema di: Fluidodinamica - F 0002 Problema di: Fluidodinamica - F 0003

Testo [F0002] [1 2 ] In un tubo di sezione S1 = 10 cm2 scorre dell’acqua con Testo [F0003] [1 2 ] Il letto di un canale di irrigazione è profondo h1 = 2 m e
velocità V1 = 3 m 2
s . Questo tubo ha una strozzatura nel centro, di sezione S2 = 4 cm .
largo l1 = 10 m, e l’acqua al suo interno scorre con una velocità V1 = 0, 2 m s ; se in
Quanto vale la portata del tubo? Quanto vale la velocità con cui l’acqua scorre nella un certo tratto la profondità e la larghezza del canale si dimezzano, a quale velocità
strozzatura? scorrerà l’acqua in questo secondo tratto? Quanto vale la portata del canale?

Spiegazione L’acqua è un liquido e quindi incomprimibile. Vale quindi la legge di Spiegazione L’acqua è un liquido incomprimibile, vale quindi la legge di conser-
conservazione della portata. vazione della portata. Con i dati a disposizione, assumiamo che la sezione del canale
abbia una forma rettangolare; il canale, inizialmente di una certa dimensione, dimi-
Svolgimento La portata del tubo è nuisce ad un certo punto la lua sezione, causando, per la legge di conservazione della
portata, un aumento della velocità dell’acqua.
m m m3
Q = S1 · V1 = 10 cm2 · 3 = 0, 001 m2 · 3 = 0, 003
s s s
Svolgimento La sezione iniziale del canale vale
Per la legge di conservazione della portata avremo che
S1 = l1 · h1 = 10 m · 2 m = 20 m2
S2 · V2 = S1 · V1
La sezione finale del canale vale
S1 · V1 10 cm2 · 3 m
s m
V2 = = 2
= 7, 5 l1 h1
S2 4 cm s S2 = l2 · h2 = · = 5 m · 1 m = 5 m2
2 2
Esercizi concettualmente identici La portata del canale è

1. In un tubo di sezione S1 = 10 cm2 scorre dell’acqua con velocità V = 3 m


s . m m3
2 Q = S1 · V1 = 20 m2 · 0, 2 =4
Questo tubo ha una strozzatura nel centro, di sezione S2 = 4 cm . Quanto s s
scorre veloce l’acqua nella strozzatura? Per la legge di conservazione della portata avremo che
2. Di quanto devo diminuire la sezione S1 = 600 cm2 di un tubo per far aumenta- S2 · V2 = S1 · V1
re la velocità del fluido che ci scorre dentro da un valore V1 = 5 m
s ad un valore
V2 = 8 m s ?
S1 · V1 20 m2 · 0, 2 m
s m
V2 = = = 0, 8
S2 5 m2 s

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
180 Scheda8. Fluidodinamica: soluzioni

Problema di: Fluidodinamica - F 0004 Avevamo ricavato V1 nell’equazione della portata e lo sostituiamo adesso nell’e-
quazione di Bernoulli riorganizzando i termini
Testo [F0004] [2 2 ] Un vaso cilindrico di sezione S1 = 10 cm2 contiene dell’ac-
1 S22 V22 1
qua fino ad un certo livello. Nel vaso viene applicato un foro di sezione S2 = 1 mm2 2 − V22 = gh2 − gh1
2 S1 2
ad un’altezza ∆h = 40 cm inferiore al livello dell’acqua. Con quale velocità V2 esce
l’acqua dal foro? Teniamo adesso presente che h1 − h2 = ∆h e raccogliamo a fattor comune 12 V22

S22
 
1 2
Spiegazione Trattandosi di un fluido incomprimibile che si muove, per questo V −1 = −g∆h
2 2 S12
esercizio sarà necessario utilizzare l’equazione di Bernoulli e la legge di conserva-
zione della portata. Nell’applicazione delle equazioni, sarà conveniente considerare da cui, cambiando i segni
2g∆h
come punto iniziale la superficie dell’acqua nel vaso, e come punto finale il foro. V22 = S2
1 − S22
1

Svolgimento Applicando la legge di conservazione della portata possiamo scrive-


v
u 2g∆h
u
re: V2 = t S2
1 − S22
1

s
S1 V1 = S2 V2
s 2
2 · 9, 8 sm2 · 0, 4 m 7, 84 m
s2 m
V2 = 1 mm2
= 1 = 2, 8
S2 V2 1− 1 − 1000 s
V1 = 10 cm2
S1
Notate come il termine a denominatore che contiene le due sezioni risulti essere
Applicando l’equazione di Bernoulli possiamo scrivere: molto piccolo e quindi praticamente trascurabile.
1 1
ρH2 O V12 + ρH2 O gh1 + P1 = ρH2 O V22 + ρH2 O gh2 + P2
2 2
Cominciamo con il considerare che sia la superficie dell’acqua che il foro si tro-
vano a contatto con l’aria dell’atmosfera e quindi alla stessa pressione. Quindi

1 1
ρ V 2 + ρH2 O gh1 = ρH2 O V22 + ρH2 O gh2
2 H2 O 1 2
Possiamo quindi ora semplificare ρH2 O ed ottenere

1 2 1
V + gh1 = V22 + gh2
2 1 2

Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016 Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
181 Scheda8. Fluidodinamica: soluzioni

Problema di: Fluidodinamica - F 0005


S1 V1
S2 = = 16 cm2
V2
Testo [F0005] [2 3 ] Un tubo orizzontale di sezione S1 = 10 cm2 è percorso da
acqua alla pressione P1 = 150000 P a che si muove alla velocità V1 = 8 m s . All’altra
estremità del tubo la pressione vale P2 = 169500 P a. Con quale velocità l’acqua esce
dal tubo? Quale sezione ha il tubo in uscita?

Spiegazione Trattandosi di un fluido incomprimibile che si muove, per questo


esercizio sarà necessario utilizzare l’equazione di Bernoulli e la legge di conserva-
zione della portata.

Svolgimento Applicando l’equazione di Bernoulli possiamo scrivere:

1 1
ρ V 2 + ρH2 O gh1 + P1 = ρH2 O V22 + ρH2 O gh2 + P2
2 H2 O 1 2
Cominciamo con il considerare che il tubo è orizzontale e quindi h1 = h2 . I due
termini contenenti l’altezza sono quindi uguali e si possono semplificare.

1 1
ρ V 2 + P1 = ρH2 O V22 + P2
2 H2 O 1 2
da cui possiamo ricavare la velocità del liquido.
1 1
ρH2 O V22 = P1 − P2 + ρH2 O V12
2 2

2
V22 = (P1 − P2 ) + V12
ρH2 O
s
2 m
V2 = (P1 − P2 ) + V12 = 5
ρH2 O s

Applicando la legge di conservazione della portata possiamo rispondere alla


seconda domanda del problema. Possiamo infatti scrivere:

S1 V1 = S2 V2
Autore: Andrea de Capoa 17 Feb 2016
e calcolarci la sezione della seconda estremità del tubo
182 Scheda8. Fluidodinamica: soluzioni

Problema di: Fluidodinamica - F 0006 Problema di: Fluidodinamica - F 0007