Sei sulla pagina 1di 134

Elaborazione numerica

e
Teoria dei segnali
Raccolta di Esercizi

Fiandrino Claudio

22 agosto 2010


II
Indice

I Teoria dei segnali 5

1 Esercizi di base 7
1.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

2 Energia e Potenza 13
2.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2.6 Esercizio 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

3 Sistemi lineari 19
3.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.6 Esercizio 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.7 Esercizio 7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
3.8 Esercizio 8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

4 Esercizi segnali a potenza media finita 33


4.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
4.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

5 Esercizi sul campionamento 47


5.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
5.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

III
IV INDICE

5.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
5.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
5.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

6 Esercizi sui processi casuali 55


6.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
6.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
6.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
6.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
6.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

II Elaborazione numerica dei segnali 63

7 Esercizi di base 65
7.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
7.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
7.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
7.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
7.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

8 Sistemi lineari e DTFT 73


8.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
8.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
8.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
8.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

9 Sistemi lineari e trasformate Z 79


9.1 Esercizio 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
9.2 Esercizio 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
9.3 Esercizio 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
9.4 Esercizio 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
9.5 Esercizio 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
9.6 Esercizio 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87

III Temi d’esame 89

10 Temi di Elaborazione numerica 93


10.1 Tema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
10.2 Tema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
INDICE V

11 Temi accorpati 105


11.1 Tema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
11.2 Tema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
11.3 Tema 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
11.4 Tema 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
VI INDICE
Dedicato a Valentina G.
perchè guardando i suoi
dolci occhi non si può
non essere felici!!!
2 INDICE
Prefazione

La raccolta di esercizi è suddivisa in tre parti: Teoria dei segnali (trattazione


dei segnali a tempo continuo), Elaborazione numerica dei segnali (trattazio-
ne dei segnali a tempo discreto) e una terza parte dedicata alla risoluzione
di temi d’esame.

Sono presenti:

. 32 esercizi di Teoria dei segnali;

. 15 esercizi di Elaborazione numerica dei segnali;

. 6 tracce di temi d’esame.

Per la segnalazione di errori potete contattarmi all’indirizzo e-mail:


claudio fiandrino@hotmail.it.

La raccolta è reperibile sul sito: http://claudiofiandrino.altervista.org.

Questa seconda pubblicazione corregge alcune sviste e uniforma lo stile


simbologico.

3
4 INDICE
Parte I

Teoria dei segnali

5
Capitolo 1

Esercizi di base

1.1 Esercizio 1
Testo
Dato il segnale x(t) = a(t) cos (2πf0 t) con:

. a(t) segnale a energia finita;

f0
. A(f ) = 0 per |f | > .
2
Il segnale y(t) ha lo spettro legato a x(t) dalla seguente relazione:

Y (f ) = X(f ) · U (f )

dove U (f ) è un gradino nel dominio delle frequenze.

Si determini y(t).

Risoluzione
Graficamente il segnale a(t) può avere lo spettro:

A(f )

−f0 /2 f0 /2 f

Con questa supposizione il segnale X(f ) sarà:

7
8 CAPITOLO 1. Esercizi di base

X(f )

−f0 f0 f

In quanto analiticamente:
1
X(f ) = F{x(t)} = F{a(t) cos (2πf0 t)} = A(f ) ∗ [δ (f − f0 ) + δ (f + f0 )]
2
1
= [A(f − f0 ) + A(f + f0 )]
2
A questo punto è possibile esprimere Y (f ):
1
Y (f ) = X(f ) · U (f ) = [A(f − f0 )]
2
L’operatore gradino elimina le frequenze negative; graficamente:

Y (f )

−f0 f0 f

Y (f )

f0 f

Per ottenere y(t) è necessario antitrasformare:


 
−1 −1 1 1
y(t) = F {Y (f )} = F [A(f − f0 )] = a(t) e +j2πf0 t
2 2
Con la formula di Eulero si può esprimere l’esponenziale complesso come:

e +j2πf0 t = cos (2πf0 t) + j sin (2πf0 t)

Quindi:
1
y(t) = a(t) [cos (2πf0 t) + j sin (2πf0 t)]
2

1.2. Esercizio 2 9

1.2 Esercizio 2
Testo
Dato il segnale x(t) a energia finita, con spettro nullo per |f | > B e il segnale
y(t) = x(t/2) si determini la banda di quest’ultimo.

Risoluzione
Graficamente si può rappresentare lo spettro di x(t) come:

X(f )

−B B f

Per rappresentare invece lo spettro di y(t) è necessario prima calcolarne


Y (f ):  
1 f 
Y (f ) = F{y(t)} = · X   = 2 · X(2f )
1
1
2 2
Graficamente:
X(f )

−B/2 B/2 f

La banda di Y (f ) è minore della banda di X(f ).


Una dilatazione nella scala dei tempi infatti, causa un rallentamento del
segnale nel dominio delle frequenze.


1.3 Esercizio 3
Testo
Calcolare la trasformata di Fourier del segnale:
1
x(t) =
a + jπ(t − t0 )
10 CAPITOLO 1. Esercizi di base

Risoluzione
Inanzi tutto occorre esprimere il segnale esplicitando un 2π invece di π; per
cui:
1
x(t) =  
t − t0
a + j2π
2
Utilizzando la trasformata notevole:
1
F e −at · u(t) =

a + j2πf

e applicando i teoremi di dualità (tempo-frequenza), cambiamento di scala


e ritardo, si ottiene:
 
X(f ) = 2‡ · e +2af u(−f ) ‡ · e −j2πf t0 ‡

1.4 Esercizio 4
Testo
Si consideri il segnale x(t) il cui spettro risulta essere:

X(f ) = cos(2πf ) · p 1 (f )
2

1
dove p 1 (f ) è la funzione porta di durata e ampiezza unitaria.
2 2
Se, partendo da x(t) si costruiscono:

y(t) = x(t) 1 − e jπt


 

+∞
X
z(t) = y(t) δ (t − n)
n=−∞

Si chiede di determinare l’espressione analitica di z(t).

Risoluzione
E’ necessario ricavare l’espressione di Y (f ):

y(t) = x(t) − x(t)e jπt


 
 jπt
1
Y (f ) = F{y(t)} = F x(t) − x(t)e = X(f ) − X f −
2
‡ ‡ ‡
Teorema del cambiamento di scala Teorema di dualità Teorema del ritardo
1.4. Esercizio 4 11

Si può quindi ricavare Z(f ) perchè:


+∞
X
z(t) = y(t) δ (t − n)
n=−∞
+∞ +∞
( )
X X
Z(f ) = Y (f ) ∗ F δ (t − n) = Y (f ) ∗ δ (t − n)
n=−∞ n=−∞
+∞
X
= Y (f − n)
n=−∞

Poichè X(f ) è un coseno anche Z(f ) analiticamente è:

Z(f ) = cos(2πf )

Quindi si esprime z(t) antitrasformando Z(f ):


1
z(t) = F −1 {Z(f )} = F −1 {cos(2πf )} = [δ (t − 1) + δ (t + 1)]
2

12 CAPITOLO 1. Esercizi di base
Capitolo 2

Energia e Potenza

2.1 Esercizio 1
Testo
Dato x(t) = A e−t/τ per (0 ≤ t ≤ +∞) calcolarne l’energia Ex .

Risoluzione
Il segnale ha la seguente rappresentazione:

x(t)

Per definizione:
Z b
E= |x(t)|2 dt
a

Quindi:
Z +∞ Z +∞ Z +∞
−t/τ 2

2 −2t/τ 2
Ex = A e dt = A e dt = A · e−2t/τ dt =
0 0 0
+∞
A2 · e−2t/τ A2
= =0−
−2t/τ −2t/τ

0

13
14 CAPITOLO 2. Energia e Potenza

2.2 Esercizio 2
Testo
Dato x(t) = e−kt · cos (2πf0 t) per (0 ≤ t ≤ +∞) con k > 0, calcolarne
l’energia Ex .

Risoluzione
Questo segnale ha la seguente rappresentazione:
x(t)

Si opera come nel caso precedente:


Z +∞ 2 Z +∞
−kt
Ex = · cos (2πf0 t) dt = e−2kt · cos2 (2πf0 t) dt =

e
0 0

Poichè:
1 1
cos2 (2πf0 t) = + cos(4πf0 t)
2 2
Si ha sostituendo:
1 +∞ −2kt 1 +∞ −2kt
Z Z
= e · [1 + cos(4πf0 t)] dt = e + e−2kt cos(4πf0 t) dt =
2 0 2 0
Si può spezzare l’integrale in due parti:
1 +∞ −2kt 1 +∞ −2kt
Z Z
= e dt + e cos(4πf0 t) dt
2 0 2 0
Risolviamo il primo termine:
+∞
1 +∞ −2kt 1 e−2kt 1
Z
e dt = − · =0−
2 0 2 2k 0 4k
La seconda parte è più complessa; si sviluppa il coseno con la formula di
Eulero:
1 +∞ −2kt e +j4πf0 t + e −j4πf0 t
Z  
e dt = (2.1)
2 0 2
1 +∞ −2(k−j4πf0 t) 1 +∞ −2(k+j4πf0 t)
Z Z
= e dt + e dt (2.2)
4 0 4 0
2.3. Esercizio 3 15

Per chiarezza definiamo:

1 +∞ −2(k−j4πf0 t)
Z
‡= e dt
4 0
1 +∞ −2(k+j4πf0 t)
Z
‡= e dt
4 0

Risolviamo:
+∞
+∞ −2(k−j4πf0 t)  
1 e 1
Z
−2(k−j4πf0 t)
‡= e dt = − =0− −

4 2(k − j4πf0 ) 2(k − j4πf0 t)

0
0
+∞
1 +∞ −2(k+j4πf0 t) e −2(k+j4πf0 t)
 
1
Z
‡= e dt = − =0− −
4 0 2(k + j4πf0 ) 2(k + j4πf0 t)

0

Quindi la (2.2) risulta essere:


     
1 1 1 1 2k
· + = · =
4 2(k − j4πf0 t) 2(k + j4πf0 t) 4 2(k2 + 4π 2 f02 )
 
k
=
4(k2 + 4π 2 f02 )

A questo punto si può esprimere l’energia:


 
1 k
Ex = +
4k 4(k2 + 4π 2 f02 )

2.3 Esercizio 3
Testo
Dato:

x(t)
1

−T T t

Calcolare l’energia Ex .
16 CAPITOLO 2. Energia e Potenza

Risoluzione
Per risolvere l’esercizio occorre definire questa funzione per parti:



 0
  t < (−T )

 1
 t· +1 −T < t < 0


T
x(t) =  
1
1− t· 0<t<T


T





0 t>T

Quindi per determinare l’energia occorre calcolare l’integrale:


Z T
Ex = |x(t)|2 dt
−T

Ma, il segnale fra −T /T è pari per cui è sufficiente:

T T
  2
t · 1 + 1 dt
Z Z
2

Ex = 2 · |x(t)| dt = 2 ·
0 0
T
Z T 2

t 2t
= 2· 1+ 2 − dt =
0 T T
Z T Z T Z T
2 2 4
= 2· 1 dt + 2 · t dt − · t dt =
0 T 0 T 0
2 T3 4 T2
   
2
= 2T + 2
· − · = T
T 3 T 2 3

2.4 Esercizio 4
Testo
Dato:
+∞
X
x(t) = A · p (t − nT )
−∞

Calcolare la potenza Px .

Risoluzione
Il segnale x(t) è un’onda quadra di ampiezza A:
2.5. Esercizio 5 17

x(t)

t
−A
T /2 T

Per definizione:
T /2
1
Z
P = lim |x(t)|2 dt
t→+∞ T −T /2

Quindi applicando la definizione:


T /2
1 T · A2
Z
Px = lim A2 dt = lim = A2
t→+∞ T −T /2 t→+∞ T

2.5 Esercizio 5
Testo
Calcolare la potenza media del segnale x(t) = A cos (2πf0 t) definito su
(−∞ < t < +∞).

Risoluzione
1
Il segnale è un coseno di ampiezza A con periodo T = .
f0
Applicando la definizione:

1 T 1 T 2
Z Z
2
Px = lim |A cos (2πf0 t)| dt = lim A cos2 (2πf0 t) dt =
t→+∞ T 0 t→+∞ T 0

A2 T 1 1
Z
= lim + cos(4πf0 t) dt =
t→+∞ T 0 2 2
2 Z T Z T 
A 1
= lim dt + cos(4πf0 t) dt =
t→+∞ T 0 2 0
Z T Z T
A2 A2
 
1
= lim dt + lim cos(4πf0 t) dt =
t→+∞ T 0 2 t→+∞ T 0
T
A2 · t A2
= lim =
t→+∞ 2T 2
0
18 CAPITOLO 2. Energia e Potenza

Il contributo dell’integrale del coseno è nullo perchè un coseno integrato nel


suo periodo ha area nulla.


2.6 Esercizio 6
Testo
Dato x(t) segnale reale a potenza media finita e z(t) = A · e j2π[t+kx(t)]
definito su (−∞ < t < +∞) con k 6= 0, calcolare:

. l’energia del segnale z(t);

. la potenza media del segnale z(t).

Risoluzione
Primo quesito
Applicando la definizione:
Z +∞ Z +∞ 2 Z +∞
2
Ez = |z(t)| dt = A · e j2π[t+kx(t)]
dt = |A|2 dt =⇒ diverge

−∞ −∞ −∞

Secondo quesito
Sempre applicando la definizione di potenza media su un periodo arbitrario
a:
1 +a 1 +a 2
Z Z
2
Pz = lim |z(t)| dt = lim A · e j2π[t+kx(t)] dt =

a→+∞ a −a a→+∞ a −a
Z +a
1
= lim |A|2 dt = lim A2 = A2
a→+∞ a −a a→+∞

Il modulo di un esponenziale complesso è pari a 1 quindi sparisce nei due


integrali.

Capitolo 3

Sistemi lineari

3.1 Esercizio 1
Testo

Dato il seguente sistema lineare tempo invariante:

x(t) y(t)
h(t)

determinare l’uscita y(t) quando l’ingresso vale

x(t) = A · h(t)

dove il segnale h(t) ha forma:

h(t)

T t

Risoluzione

Inanzi tutto è facile osservare che x(t) risulta essere il seguente segnale nel
dominio temporale:

19
20 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

x(t)

T t

L’uscita del sistema nel dominio temporale è:

y(t) = x(t) ∗ h(t)

Anzichè calcolare l’integrale di convoluzione è più semplice passare nel do-


minio delle frequenze:
Y (f ) = X(f ) · H(f )
Poichè X(f ) = A · H(f ), il segnale Y (f ) sarà semplicemente:

Y (f ) = A · H(f ) · H(f )
 T
 sin(πf T ) −j2πf T
La F p t − 2 = e 2 quindi:
πf

sin(πf T ) −j2πf T 2 sin2 (πf T ) −j2πf T


 
Y (f ) = A · e 2 =A· e
πf (πf )2
Si può ricavare y(t) con l’antitrasformata di Fourier di Y (f ):
 
−1 t−T
y(t) = F {Y (f )} = A · tri
T
Infatti:
. la costante A non crea problemi;
sin2 (πf T ) t

. è la funzione triangolo: tri T ;
(πf )2
. e −j2πf T è un ritardo di T sul triangolo.


3.2 Esercizio 2
Testo
Dato in ingresso ad un sistema LTI x(t) = sin (2πf0 t) e sapendo che la
risposta all’impulso è rettangolare, causale, di ampiezza unitaria e durata T
si calcoli per quali valori di f0 l’uscita è nulla.
3.2. Esercizio 2 21

Risoluzione
La rappresentazione grafica del sistema è la seguente:

x(t) y(t)
h(t)

La forma del segnale della risposta all’impulso h(t) è:

h(t)

T t

Come nell’esercizio precedente la soluzione nel dominio del tempo è:

y(t) = x(t) ∗ h(t)

Nel dominio delle frequenze:

Y (f ) = X(f ) · H(f )

dove:
1
. F{x(t)} = F{sin (2πf0 t)} = [δ (f − f0 ) − δ (f + f0 )];
2j
  
T sin(πf T ) −j2πf T
. F{h(t)} = F p t − = e 2 .
2 πf

Quindi:
 
sin(πf T ) −j2πf T 1
Y (f ) = e 2 · [δ (f − f0 ) − δ (f + f0 )]
πf 2j

Il segnale Y (f ) si annulla quando le δ sono centrate negli zeri della funzione


sinc:
k
f0 = , k∈N
T

22 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

3.3 Esercizio 3
Testo
Dato il seguente sistema:

x(t) cos (2πf0 t) z(t) y(t)


⊗ h(t)

cos (2πf0 t + φ)

in cui

. f0 e φ sono costanti;

. x(t) è strettamente limitato in banda:

X(f ) = 0 |f | > B

. la risposta all’impulso del filtro ha la seguente forma:

H(f )
1

−B B f

Supponendo f0 = 10 B si richiede di:

. ricavare un’espressione analitica per y(t);

. trovare un valore di φ affinchè y(t) = 0 ∀t.

Risoluzione
Primo quesito
Per prima cosa è necessario ricavare l’espressione di z(t):

z(t) = x(t) cos (2πf0 t) · cos (2πf0 t + φ)

Secondo la regola:

1
cos(α) cos(β) = [cos(α − β) + cos(α + β)]
2
3.3. Esercizio 3 23

Quindi:
x(t)
z(t) = · [cos(φ) + cos(4πf0 t + φ)]
2     (3.1)
x(t) φ
= · cos(φ) + cos 4πf0 t +
2 4πf0

Si determina Z(f ) con F{z(t)}:

cos(φ) X(f ) 1 φ
+j2πf0 4πf
Z(f ) = · X(f ) + ∗ [δ (f − 2f0 ) + δ (f + 2f0 )] e 0
2  2 2 
cos(φ) X(f − 2f0 ) X(f + 2f0 )
= · X(f ) + +
2 4 4
(3.2)
Spiegazioni sulla trasformata di Fourier:

. le delta sono centrate in (f − 2f0 ) e (f + 2f0 ) perchè il coseno nella


(3.1) ha 4π anzichè 2π;

 
φ φ
+j2πf0 4πf
. il termine t+ della (3.1) origina il ritardo e 0 della
4πf0
(3.2).

Il segnale Z(f ) ha forma:

Z(f )

−20 B −B B 20 B f

L’uscita del sistema si calcola, come sempre:

Y (f ) = Z(f ) · H(f )

Moltiplicare Z(f ) con H(f ) vuol dire filtrare Z(f ) tagliando le immagini
alle frequenze −20B e 20B. Graficamente si ottiene:
24 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

Z(f ) · H(f )

−20 B −B B 20 B f

Y (f )

−B B f

Analiticamente invece:
cos(φ)
Y (f ) = · X(f )
2

Secondo quesito
Occorre determinare l’uscita nel dominio temporale:
cos(φ)
y(t) = F −1 {Y (f )} = · x(t)
2
La fase φ affinchè y(t) = 0 deve essere:
π
cos(φ) = 0 =⇒ φ = (2k + 1)
2


3.4 Esercizio 4
Testo
 
2 πt
Il segnale x(t) = 2 sin è posto all’ingresso di un sistema lineare,
T
casuale e con risposta all’impulso rettangolare di ampiezza e durata T /2.
Calcolare il segnale di uscita y(t).

Risoluzione
Il sistema è:
x(t) y(t)
h(t)
3.4. Esercizio 4 25

dove la forma della risposta all’impulso h(t), per soddisfare i requisiti del
testo, deve essere:

h(t)

T /2 t

In quanto analiticamente:
 
T
h(t) = p 1 t−
2 4

Mediante la formula notevole:


1 − cos(2α)
sin2 (α) =
2
si può esprimere l’ingresso:
    
1 2πt 2πt
x(t) = 2 · 1 − cos = 1 − cos
2 T T

Lo spettro di x(t) é:


  
2πt
X(f ) = F{x(t)} = F 1 − cos
T
    
1 1 1
= δ(f ) − δ f− +δ f +
2 T T

Mentre lo spettro di h(t) é:

sin πf T2

T
H(f ) = e −j2πf 4
πf

Quindi l’uscita del sistema si esprime:


   
1 1 1
Y (f ) = X(f ) · H(f ) = H(0)δ (f ) − H δ f− −
2 T T
   
1 1 1
− H − δ f+
2 T T
   
1 1
Occorre ricavare analiticamente i termini H(0), H ,H − :
T T
26 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

T
. H(0) = ;
2

sin π T1 T2 −j2π 1 T
  
1 T
. H = e T 4 = −j
π;
T π T1

sin π − T1 T2 −j2π− 1 T
  
1 T
. H = e T 4 = j
2.
T π − T1

Quindi:
    
T T 1 1
Y (f ) = δ(f ) + j δ f− −δ f +
2 2π T T

Si ottiene il segnale nel dominio del tempo antitrasformando:


     
−1 −1 T T 1 1
y(t) = F {Y (f )} = F δ(f ) + j δ f− −δ f + =
2 2π T T
 
T T 2πt
= − sin
2 π T

3.5 Esercizio 5
Testo
Dato il sistema:

x(t) z1 (t) y(t) R +∞


h1 (t) ⊗ −∞ y(t) dt ς

z2 (t)
h2 (t)

In cui:

. x(t) è una porta casuale di durata T e ampiezza unitaria;

. H1 (f ) = e −j2πf T ;

. H2 (f ) = e −j2πf α .

Si chiede di determinare α per cui ς sia massima.


3.5. Esercizio 5 27

Risoluzione
Graficamente il segnale x(t) ha forma:
x(t)

T t

Determiniamo analiticamente i due segnali z1 (t) e z2 (t):


z1 (t) = x(t) ∗ h1 (t) = x(t − T )
z2 (t) = x(t) ∗ h2 (t) = x(t − α)

Quindi il segnale y(t) risulta essere:


y(t) = z1 (t) · z2 (t) = x(t − T ) · x(t − α)
Questo è il segnale posto in ingresso all’integratore; l’uscita ς viene dunque
cosı̀ determinata:
Z +∞ Z +∞
ς= y(t) dt = x(t − T ) · x(t − α) dt
−∞ −∞
Graficamente:
x(t − T ) x(t − α)

1 1

T 2T t α t

Dove α è un parametro variabile.


Si osserva immediatamente che per avere ς massima è necessario che:
α=T
In questo modo si ha:
x(t − T )

T 2T t


28 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

3.6 Esercizio 6
Testo
Dato il sistema:
x(t) a(t) y(t)
⊖ T
s(t)
h(t) ⊗
z(t)
A

Sapendo che:

. T è un ritardatore;

. A è una costante positiva;


Rt
. h(t) = −∞ z(θ) dθ;

Si richiede di:

. determinare un’espressione analitica per y(t);

. studiare le proprietà di linearità e invarianza del sistema.

Risoluzione
Primo quesito
Determiniamo per punti le varie espressioni dei segnali indicati in figura:

. a(t) = x(t) − s(t);

. y(t) = a(t − T );

. z(t) = A y(t);
Rt
. s(t) = −∞ z(θ) dθ.

Quindi componendo i vari punti si ottiene:


Z t−T
y(t) = x(t − T ) − A y(θ) dθ
−∞

Secondo quesito
Linearità La proprietà di linearità è verificata in quanto i moduli
introdotti (sommatore, ritardatore,moltiplicatore e integratore) sono lineari.
3.7. Esercizio 7 29

Invarianza La proprietà di invarianza è verificata per i moduli di


sommatore, ritardatore e moltiplicatore: essi sono per definizione tempo-
invarianti.
Occorre però verificare che venga mantenuta anche per il modulo integratore.

x(t) R y(t)
x(t − θ) yθ (t)

Inizialmente si ritarda l’ingresso:


Z t
sT (t) = z(θ − T ) dθ
−∞

Effettuando un cambio di variabili:

u=θ−T =⇒ dθ = du

Se:

θ=t =⇒ u=t−T
θ −→ (−∞) =⇒ u −→ (−∞)

Si ottiene quindi:
Z t−T
sT (t) = z(u) du
−∞

Se questo risultato è uguale a quello che si ottiene ritardando l’uscita il


sistema è tempo-invariante:
Z t−T
sT (t − T ) = z(θ) dθ
−∞

Le due espressioni sono simili, a parte un cambiamento di variabili, quindi


il sistema è tempo-invariante.


3.7 Esercizio 7
Testo
Determinare le proprietà di linearità e tempo-invarianza per il sistema:

y(t) = 2x(t) cos(t)


30 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

Risoluzione
Linearità

Il sistema è lineare se:

. è possibile l’ingresso come somma di effetti x(t) = a[x1 (t)] + b[x2 (t)];

. l’uscita è vista come trasformazione compiuta sull’ingresso

y(t) = Tr {x(t)}

allora:

y(t) = Tr {x(t)} = Tr {a[x1 (t)] + b[x2 (t)]} = Tr {a[x1 (t)]} + Tr {b[x2 (t)]}

è equivalente a:
y(t) = a[y1 (t)] + b[y2 (t)]

Per il nostro sistema:

y(t) = 2x(t) cos(t) = Tr {2a[x1 (t) cos(t)] + 2b[x2 (t) cos(t)]}


= Tr {2a[x1 (t) cos(t)]} + Tr {2b[x2 (t) cos(t)]}
= 2a[y1 (t) cos(t)] + 2b[y2 (t) cos(t)]

Quindi il sistema è lineare.

Invarianza

Il sistema è tempo invariante se:

Tr {x(t − t0 )} = y(t − t0 )

Applicando al nostro problema, ritardando l’ingresso si ottiene:

Tr {x(t − t0 )} = 2 x(t − t0 ) cos(t)

Quando invece si ritarda l’uscita:

y(t − t0 ) = 2 x(t − t0 ) cos(t − t0 )

Le due espressioni sono diverse; segue che il sistema non è tempo-invariante.



3.8. Esercizio 8 31

3.8 Esercizio 8
Testo
Dato il seguente sistema:

x(t) a(t) y(t)


⊕ ⊕

1/4
c(t) b(t)
⊕ T

dove T è un modulo ritardatore.

Si chiede di:
. determinare un’espressione analitica per y(t);

. determinare un’espressione analitica per la funzione di trasferimento


complessiva del sistema.

Risoluzione
Primo quesito
Deteminiamo i vari punti:
1
. a(t) = x(t);
4
. c(t) = a(t) + y(t);

. b(t) = c(t − T );

. y(t) = a(t) + b(t).


Globalmente si ha:
1 1
y(t) = x(t) + x(t − T ) + y(t − T )
4 4

Secondo quesito
Per ottenere la funzione di trasferimento è necessario passare nel dominio
delle frequenze:
 
1 1
Y (f ) = F{y(t)} = F x(t) + x(t − T ) + y(t − T ) =
4 4
1 1
= X(f ) + X(f )e −j2πf T + Y (f )e −j2πf T
4 4
32 CAPITOLO 3. Sistemi lineari

A questo punto si mettono in evidenza i termini legati all’uscita a primo


membro e quelli legati all’ingresso a secondo membro:
 
h
−j2πf T
i 1 1 −j2πf T
Y (f ) 1 − e = X(f ) + e
4 4

La funzione di trasferimento è definita:


Y (f )
H(f ) =
X(f )

Quindi, nel nostro caso:


1
· 1 + e −j2πf T
 
4
H(f ) =
1 − e −j2πf T

Capitolo 4

Esercizi segnali a potenza


media finita

4.1 Esercizio 1
Testo
Dato il sistema:

e j2πf0 t
x(t) z(t) y1 (t)
H(f ) ⊗
y2 (t)
⊕ ⊗
A e j2πf0 t

Sapendo che:

. x(t) = δ (t);

1
. H(f ) = .
1 + j2πf

Si richiede di:

1. calcolare l’energia e la potenza media per i segnali y1 (t) e y2 (t);

2. calcolare (qualora esistano) gli spettri di energia di y1 (t) e y2 (t);

3. verificare le proprietà di linearità e tempo-invarianza nel ramo del


sistema tratteggiato in rosso.

33
34 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Risoluzione

Primo quesito

Come primo passaggio calcoliamo il valore della risposta all’impulso:


 
−1 −1 1
h(t) = F {H(f )} = F = e −t u(t)
1 + j2πf

Il segnale z(t) quindi risulta essere:

z(t) = x(t) ∗ h(t) = δ (t) ∗ e −t u(t) = e −t u(t)

Determiniamo ora per i due rami le espressioni dei segnali y1 (t) e y2 (t):

y1 (t) = e −t u(t)e j2πf0 t


y2 (t) = [A + z(t)]e j2πf0 t = [A + e −t u(t)]e j2πf0 t

Calcoliamo per y1 (t) energia e potenza:

Z +∞ Z +∞ 2 Z +∞
−t j2πf0 t 2

2 −t j2πf0 t
Ey 1 = |y1 (t)| dt = e u(t)e (t) dt = e e dt

−∞ −∞ 0
+∞
1 −2t +∞ 1
Z
−2t
= e dt = − e =
0 2 0 2

Il segnale y1 (t) è dunque un segnale a energia finita; la sua potenza media,


per questo motivo, sarà nulla. Infatti:

T /2 T /2
1 1
Z Z 2
|y1 (t)|2 dt = lim
−t
Py1 = lim e u(t)e j2πf0 t (t) dt = 0

T →+∞ T −T /2 T →+∞ T −T /2

Calcoliamo ora per il segnale y2 (t) energia e potenza:

Z +∞ Z +∞ 2
2 j2πf0 t
Ey 2 = |y2 (t)| dt = [A + z(t)]e dt =

−∞ −∞
Z +∞ 2 Z +∞
[A + e −t u(t)]e j2πf0 t dt = [A + e −t u(t)] 2 dt

=

0 0

Questo integrale diverge perchè la costante A integrata su tutto l’asse causa


divergenza.
4.1. Esercizio 1 35

Per quanto riguarda la potenza:


T /2
1 1 T /2 2
Z Z
2
Py2 = lim |y2 (t)| dt = lim [A + z(t)]e j2πf0 t dt =

T →+∞ T −T /2 T →+∞ T −T /2
Z T /2
1 2
= lim [A + e −t u(t)]e j2πf0 t dt =

T →+∞ T −T /2

1 T /2
Z
2
= lim [A + e −t u(t)] dt =
T →+∞ T −T /2
Z T
1
= lim [A2 + 2A e −t u(t) + e −2t u(t)] dt =
T →+∞ 2T −T
Z T Z T Z T 
1 2 −t −2t
= lim A dt + 2A e u(t) dt + e u(t) dt =
T →+∞ 2T −T −T −T
 Z T Z T 
1 2 −t −2t
= lim 2T A + 2A e dt + e dt =
T →+∞ 2T 0 0
 
1 2 −T 1 −2T
= lim 2T A − 2A(e − 1) − (e − 1) =
T →+∞ 2T 2
e −2T
 
1 1
= lim 2T A2 − 2Ae −T + 2A − + =
T →+∞ 2T 2 2
 
2 A −T 1 −2T
= A2
 
= lim A − e +1 − 1−e
T →+∞ T 4T

Il secondo e terzo termine tendono a zero.

Secondo quesito
Lo spettro di energia del segnale y1 (t) si determina nel seguente modo:

Sy1 (f ) = |Y1 (f )|2

Calcoliamo quindi Y1 (f ):
n o 1
Y1 (f ) = F{y1 (t)} = F e −t u(t)e j2πf0 t =
1 + j2π(f − f0 )

Elevando a quadrato si ottiene:


 2
2 1 1
Sy1 (f ) = [Y1 (f )] = =
1 + j2π(f − f0 ) 1+ 4π 2 (f − f0 )2

Per quando riguarda lo spettro di energia del segnale y2 (t):

Ey2 −→ +∞ =⇒ ∄ Sy2 (f )
36 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Terzo quesito
Graficamente il sistema da considerare è formato da:

z(t) y(t)
⊕ ⊗
A e j2πf0 t

Analiticamente:
y(t) = [A + z(t)]e j2πf0 t

Linearità
Verfichiamo che sia soddisfatta come nell’esericizio 7 del capitolo 3.

Tr {a[z1 (t)] + b[z2 (t)]} = [A + a[z1 (t)] + b[z2 (t)]] e j2πf0 t

aTr {z1 (t)} = a [A + [z1 (t)]] e j2πf0 t


bTr {z2 (t)} = b [A + [z2 (t)]] e j2πf0 t

Il sistema non è lineare perchè:

Tr {a[z1 (t)] + b[z2 (t)]} =


6 aTr {z1 (t)} + bTr {z2 (t)}

Tempo-invarianza
Anche in questo caso seguiamo lo stesso procedimento dell’esercizio 7 capi-
tolo 3.

Ritardando l’ingresso si ottiene:

Tr {x(t − t0 )} = [A + z(t − t0 )]e j2πf0 t

Effettuando la medesima operazione sull’uscita:

y(t − t0 ) = [A + z(t − t0 )]e j2πf0 t−t0

Poichè le due espressioni sono diverse il sistema considerato non è tempo-


invariante.

Il sistema dunque è non lineare e tempo-variante.



4.2. Esercizio 2 37

4.2 Esercizio 2
Testo
Dato il segnale x(t) periodico di periodo T :

x(t)

−T −T /2 0 T /2 T 3T /2 t

Il segnale viene posto all’ingresso di un filtro con risposta all’impulso h(t)


rettangolare, causale, di ampiezza unitaria e durata T .
Si chiede di calcolare:

1. lo spettro di potenza del segnale filtrato y(t);

2. la potenza media del segnale filtrato y(t);

3. un’espressione analitica per y(t).

Risoluzione
Primo quesito
La risposta all’impulso del sistema ha forma:

h(t)

T t

Inoltre il sistema può essere caratterizzato nel seguente modo:

x(t) y(t)
h(t)

Lo spettro di potenza del segnale y(t), per definizione, è:

Gy (f ) = Gx (f ) · |H(f )|2
38 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Determiniamo immediatamente l’espressione della funzione di trasferimento:

sin(πf T ) −j2πf T
H(f ) = e 2
πf

Per definizione, lo spettro di potenza di un segnale si caratterizza con:


+∞
|µn |2 δ (f − nf0 )
X
Gx (f ) =
n=−∞

dove i vari µn sono tutte le copie del segnale fondamentale.


Per quanto riguarda x(t) il segnale fondamentale è una porta, precisamente:
 
T
p1 t −
2 4

E’ quindi possibile esprimere analiticamente x(t) come:


  +∞
T X
x(t) = p T t− · δ (f − nf0 )
2 4 n=−∞

Per definizione:
1 n
µn = xT
T T
dove xT è il segnale troncato, che caratterizza solo la copia fondamentale
del segnale.
Per il segnale x(t):
sin πf T2 −j2πf T

X(f ) = e 4
πf
n
Sostituendo come frequenza f = si ottengono:
T

1 sin π n2 −jn π

µn = e 2
2 π n2

dove:
1 1
. il periodo T = 2 =⇒ = ;
T 2
. al variare di n:
1

n = 0 =⇒ µ0 = (l’esponenziale e il seno valgono 1)


2
 n pari =⇒ µn = 0 (il seno vale 0)

n dispari =⇒ da calcolare.

4.2. Esercizio 2 39

Calcoliamo il valore per n dispari:

1 sin π 2n+1

π
µ2n+1 = · 2n+1
2
e −j(2n+1) 2 =
2 π 2
1 sin π 2n+1
h π  π i
2
= · cos (2n + 1) − j sin (2n + 1) =
2 π 2n+1
2
2 2
1 sin2 π 2n+1

2 −j 1
= −j · 2n+1 = =
2 π 2 π(2n + 1) jπ(2n + 1)

in quanto:
π 
. cos (2n + 1) = 0;
2
1
. il termine si semplifica con il 2 a denominatore;
2
. il termine sin2 π 2n+1

2 vale 1.

Per determinare lo spettro occorre il modulo quadro dei µn :


1
 n=0
4


|µn |2 0 n pari

 1

 n dispari
(πn)2
Graficamente:

Gx (f )
1
1 1
4 1
π2 π2
9π 2
-2/T -1/T 0 1/T 2/T 3/T f

Questo segnale viene ora filtrato con una funzione sinc che si annulla ogni
n
; quindi graficamente lo spettro di potenza di y(t) è:
T
Gy (f )
1
4

0 f
40 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Analiticamente:
sin(πf T ) −j2πf T 2

2 1
Gy (f ) = Gx (f ) · |H(f )| = δ (f ) · T ·
e 2
=
4 πf
T2
= δ (f )
4

Secondo quesito
La potenza media, per definizione, è:
+∞
|µn |2
X
Py =
n=−∞

Per il segnale y(t):


T2
Py =
4

Terzo quesito
Si può ricavare un’espressione analitica per y(t) determinando la risposta in
frequenza:
Y (f ) = X(f ) · H(f )
Sono conosciute entrambe:
+∞
X 1 n  n
X(f ) = xT δ f−
n=−∞
T T T
sin(πf T ) −j2πf T
H(f ) = e 2
πf
Quindi:
+∞
X 1 n  n  sin(πf T ) −j2πf T
Y (f ) = xT δ f− · e 2

n=−∞
T T T πf

Anche in questo caso l’unico termine non filtrato è il valore in 0:


1
X(f )|f =0 = δ (f )
2
Per cui:
1
Y (f ) =
δ (f )
2
Determiniamo l’espressione nel dominio temporale antitraformando:
 
−1 −1 1 T
y(t) = F {Y (f )} = F δ (f ) =
2 2

4.3. Esercizio 3 41

4.3 Esercizio 3
Testo
Dato il segnale:
+∞
X
q(t) = A · r(t − kT )
k=−∞
con:  
T
r(t) = p T (t) − p T t−
2 2 2

r(t)

T
2
T 0 T 3T f
-
4 4 4

La potenza media del segnale q(t) vale 2.


Il segnale viene posto all’ingresso di un sistema con funzione di trasferimento:
(
1 |f | ≤ 3T /2
H(f ) =
0 |f | > 3T /2

Si chiede di:

1. verificare che il segnale q(t) è periodico di periodo T;

2. determinare il segnale di uscita y(t);

3. calcolare la potenza media di y(t).

Risoluzione
Primo quesito
Per verificare se q(t) è periodico occorre dimostrare che:

q(t + T ) = q(t)

Quindi:
+∞
X +∞
X
A· r(t − kT + T ) = A · r(t − T (k − 1)
k=−∞ k=−∞

ponendo:
h=k−1
42 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

si ottiene:
+∞
X
A· r(t − hT )
h=−∞

Il segnale q(t) è periodico.

Secondo quesito

Il sistema può essere caratterizzato:

x(t) y(t)
h(t)

E’ più facile esprimere l’uscita nel dominio delle frequenze:

Y (f ) = Q(f ) · H(f )

Il segnale Q(f ) si ottiene trasformando con Fourier q(t):

+∞    
X 1 k k
Q(f ) = F{q(t)} = A · R δ f−
T T T
k=−∞

dove:

sin πf T2 sin πf T2 −j2πf T sin πf T2 h


   i
R(f ) = − e 2 = 1 − e −jπf T
πf πf πf

perciò:

sin π2 k h i T sin π k
  
k −jπk 2
R = k
1−e = · kπ
[1 − cos(πk) + j sin(πk)]
T T π 2 2

Poichè sin(kπ) = 0 ∀ kπ si ottiene:

T sin π2 k
  
k
R = · kπ
[1 − cos(πk)]
T 2 2

Quindi:

+∞
( ) 
π

sin 2k

A X k
Q(f ) = · kπ
[1 − cos(πk)] δ f −
2 2
T
k=−∞

Graficamente:
4.3. Esercizio 3 43

Q(f )

-2/T -1/T 0 1/T 2/T 3/T f

Filtrando si ha:

Q(f ) · H(f )

-2/T 3T -1/T 0 1/T 3T 2/T 3/T f



2 2

Y (f )

-1/T 0 1/T f

Analiticamente:
1
( ) 
A X sin π2 k
 
k
Y (f ) = · kπ
[1 − cos(πk)] δ f − =
2 2
T
k=−1
    
A 2 1 2 1
= · 2δ f + + · 2δ f − =
2 π T π T
    
2A 1 1
= δ f+ +δ f −
π T T

I contributi sono solo 2 in quanto il termine con k = 0 annulla il coseno.


Si ricava y(t) antitrasformando:
     
−1 −1 2A 1 1
y(t) = F {Y (f )} = F δ f+ +δ f − =
π T T
 
2A 2πt
= cos
π T
44 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Terzo quesito
La potenza media del segnale y(t) è:
2
2A 8A2
Py = 2 · = 2
π π

Poichè nel testo si conosce il valore della potenza di q(t):

Pq = A2 = 2

Allora:
16
Py =
π2


4.4 Esercizio 4
Testo
Dato un sistema lineare con modulo della funzione di trasferimento indicata:

|H(f )|
1

0.5

0 f0 f

Se in ingresso di un sistema lineare:

x(t) y(t)
h(t)

è applicato il segnale:

x(t) = A · [1 + cos (2πf0 t)]

si richiede di:

1. determinare l’espressione del segnale y(t) in uscita;

2. tracciare l’andamento qualitativo dei due segnali.


4.4. Esercizio 4 45

Risoluzione
Primo quesito
Come primo passaggio è necessario determinare la trasformata di Fourier
del segnale di ingresso:

X(f ) = F{x(t)} = F{A · [1 + cos (2πf0 t)]}


A
= A · δ (f ) + · [δ (f − f0 ) + δ (f + f0 )]
2
Lo spettro di y(t) si ricava mediante:

Y (f ) = X(f ) · H(f )

In questo caso però è molto complicato determinare analiticamente H(f ).


Osserviamo graficamente X(f ):

X(f )
A/2

0 f

e sovrapponiamo il modulo di H(f ):

1 A/2 1

A
0.5

0 f

Ciò che accade è che:

. le delta centrate in ±f0 passano inalterate perchè |H(f )| = 1;

. la delta centrata in 0 riduce la sua ampiezza di metà perchè |H(f )| =


0.5.

Perciò:
A A
Y (f ) = · δ (f ) + · [δ (f − f0 ) + δ (f + f0 )]
2 2
46 CAPITOLO 4. Esercizi segnali a potenza media finita

Antitrasformando si determina y(t):

A
y(t) = F −1 {Y (f )} = + A · cos (2πf0 t)
2

Secondo quesito
Si riportano le espressioni dei due segnali da graficare:

x(t) = A · [1 + cos (2πf0 t)]


A
y(t) = + A · cos (2πf0 t)
2
Entrambi i segnali hanno una componente continua che sarà l’offset di
scostamento rispetto allo 0:

x(t)DC = A
A
y(t)DC =
2
e il loro andamento è quello tipico di una cosinusoide con frequenza f0 ed
ampiezza A.

Il segnale x(t) ha forma:

x(t)
2A

Il segnale y(t) ha forma:

y(t)

3A/2

A/2

−A/2 t


Capitolo 5

Esercizi sul campionamento

5.1 Esercizio 1
Testo
Dato il segnale x(t) = s(t) · cos (2πf0 t) con s(t) a banda limitata Bs e
supponendo di introdurre il segnale x(t) come ingresso di un sistema non
lineare con uscita y(t) = x2 (t) si calcoli:
1. la frequenza di campionamento minima per poter campionare il segnale
x(t) senza perdere informazione;
2. la frequenza di campionamento minima per permettere una perfetta
ricostruzione di y(t) a partire dai suoi campioni.

Risoluzione
Primo quesito
Lo spettro di s(t) può essere rappresentato come:
S(f )

Bs f

Come primo passo si determina lo spettro del segnale x(t):


1
X(f ) = F{x(t)} = S(f ) ∗ · [δ (f − f0 ) + δ (f + f0 )]
2
1
= · [S(f − f0 ) + S(f + f0 )]
2
Graficamente quindi X(f ) è:

47
48 CAPITOLO 5. Esercizi sul campionamento

X(f )

−f0 Bs f0 Bs f

Per il teorema del campionamento la frequenza minima di campionamento


deve essere almeno due volte la banda del segnale; indicando con Bx la
banda del segnale x(t):
fcmin |x = 2 · Bx
In questo caso:
Bx = f0 + Bs

Secondo quesito
Poichè y(t) = x2 (t) esiste una precisa relazione fra le bande dei due segnali:

By = 2 · Bx

Perciò:
fcmin |y = 2 · By = 2 · 2 · Bx = 4 · (f0 + Bs )

5.2 Esercizio 2
Testo
Il segnale:    
1 2 πtB 2
x(t) = 2 2 · sin − sin (πtB)
π t 2
viene campionato. Determinare quale deve essere la minima frequenza di
campionamento per ricostruire il segnale perfettamente partendo dai suoi
campioni.

Risoluzione
Come primo passaggio è necessario rielaborare l’espressione di x(t):
 
2 πtB
sin
2 sin2 (πtB)
x(t) = 2 2

π t π 2 t2
5.2. Esercizio 2 49

Ricordando la trasformata notevole:


 
πt 

2
 T · sin

 
T

F = tri (f T )

 π 2 t2 

 

2
e osservando che T = nella prima parte e T = B nella seconda si può
B
esplicitare l’espressione necessaria per usare la trasformata notevole:
 
2 πtB
 
sin  2 
B  2 2 sin (πtB) 1
x(t) = ·  · −B·
 ·
2  π 2 t2 B π 2 t2 B

A questo punto:
   
B 2 1
X(f ) = F{x(t)} = · tri f − B · tri f
2 B B
Si indica con:
 
B 2
. X1 (f ) = · tri f ;
2 B
 
1
. X2 (f ) = B · tri f ;
B
Graficamente il segnale X1 (f ) è:
X1 (f )

B/2

−B/2 B/2 f

Mentre il segnale X2 (f ) è:


X2 (f )
−B B
f

B/2
B
50 CAPITOLO 5. Esercizi sul campionamento

Il risultato dell’addizione dei due segnali è il segnale X(f ):


X(f )

−B B
f

B/2

Poichè la banda del segnale è B allora:


fcmin = 2 · B


5.3 Esercizio 3
Testo
Si considerino due segnali:
. x1 (t) con banda limitata B1 ;
. x2 (t) con banda limitata B2 .
Si costruisca il segnale y(t) come:
y(t) = x1 (t) · x2 (t)
Volendo campionare tale segnale, si determini quale deve essere la sua fre-
quenza di campionamento minima.

Risoluzione
La relazione che caratterizza y(t) scritta nel dominio delle frequenze è:
Y (f ) = X1 (f ) ∗ X2 (f )
Per le proprietà della convoluzione nel dominio temporale la banda di y(t)
risulta essere:
By = B1 + B2
quindi anche nel dominio spettrale:
Y (f ) = 0 per |f | > (B1 + B2 )
La minima frequenza di campionamento è pertanto:
fcmin = 2 · (B1 + B2 )

5.4. Esercizio 4 51

5.4 Esercizio 4
Testo
Il segnale:  π
x(t) = 20 + 20 sin 500t +
6
deve essere campionato e ricostruito esattamente dai suoi campioni.

Si determini:
1. quale deve essere il massimo intervallo ammissibile fra due campioni;

2. quale deve essere il minimo numero N di campioni necessari per rico-


struire il segnale.

Risoluzione
Lo spettro del segnale x(t) è:
20 π
X(f ) = 20 · δ (f ) + · [δ (f − f0 ) − δ (f + f0 )] · e j 6
2j
Siccome:
500
500 = ω0 = 2πf0 =⇒ f0 = = 79.6 Hz

Primo quesito
La frequenza minima di campionamento è:

fcmin = 2 · f0 = 159.2 Hz

Pertanto il tempo massimo di intervallo fra due campioni non può essere
superiore a:
1 1
Tcmax = = = 0.00628 s = 6.28 ms
fcmin 159.2 Hz

Secondo quesito
Poichè il periodo massimo è pari a 6.28 ms il segnale si può ricostruire con
almeno:
1s 1s
N= = = 159.24
Tcmax 0.00628 s
Il numero di campioni non può essere un numero decimale perciò si prende
l’intero inferiore:
N = 159

52 CAPITOLO 5. Esercizi sul campionamento

5.5 Esercizio 5
Testo
Si consideri il segnale:

y(t) = x(t) + x1 (t) + x2 (t)

dove:

. x1 (t) = x(t) · cos (2πf0 t);

. x2 (t) = x(t) · cos (2πN f0 t).

Supponendo x(t) strettamente limitato in banda, con B = 1 kHz e che y(t)


deve essere campionato in modo tale da essere ricostruito perfettamente con
una frequenza fc = 10 kHz, si determinino f0 e N in modo tale che:

. i segnali di ingresso siano perfettamente separati;

. si abbia una perfetta ricostruzione di y(t);

. N sia massimo.

Risoluzione
Analiticamente:

y(t) = x(t) · [1 + cos (2πf0 t) + cos (2πN f0 t)]

Il suo spettro è quindi:



1 1 1
Y (f ) = X(f ) ∗ δ (f ) + δ (f − f0 ) + δ (f + f0 ) + δ (f − N f0 ) +
2 2 2

1 1 1
+ δ (f − N f0 ) = X(f ) + · X(f − f0 ) + · X(f + f0 ) +
2 2 2
1 1
+ · X(f − N f0 ) + · X(f + N f0 )
2 2
Graficamente:

Z(f )

−B B f0 N f0 f
5.5. Esercizio 5 53

Come si può vedere dal grafico i segnali sono spettralmente separati solo se:

f0 ≥ 2 · B

Inoltre per ricostruire perfettamente il segnale occorre che:

fc ≥ 2 · By = 2 · (N f0 + B)

Con queste due equazioni a sistema si possono ricavare f0 ed N :


 
f0 ≥ 2 kHz
(
f0 ≥ 2 · B  f 0 ≥ 2 kHz
= f = f B
fc ≥ 2 · (N f0 + B) N f 0 + B ≤ c N ≤ c −
2 2f0 f0
I parametri fc e B sono noti; imponendo f0 = 2 kHz:
10 kHz 1 kHz 10 1
N≤ − = − =2
2 · 2 kHz 2 kHz 4 2

54 CAPITOLO 5. Esercizi sul campionamento
Capitolo 6

Esercizi sui processi casuali

6.1 Esercizio 1
Testo
Si consideri un processo casuale x(t) = ζ + cos(2πf0 t + θ), dove ζ è una
variabile casuale discreta che assume i due valori ±1 con uguale probabilità
e θ è una variabile casuale indipendente da ζ uniformemente distribuita nel-
l’intervallo [−π ÷ π].

Si determini E x2 (t) .
 

Risoluzione

E x2 (t) = E (ζ + cos(2πf0 t + θ))2 =


   

= E ζ 2 + E [2ζ · cos(2πf0 t + θ)] + E (cos(2πf0 t + θ))2


   

Analizziamo singolarmente i vari termini:


1 1
. E ζ 2 = 1 in quanto E ζ 2 = (−1)2 · + (1)2 · = 1;
   
2 2
. E [2ζ · cos(2πf0 t + θ)] = 0 per due motivi: il primo è che le variabili ζ e
1 1
θ sono indipendenti, inoltre E [ζ] = 0 perchè E [ζ] = (−1)· +1· = 0;
2 2
. E (cos(2πf0 t + θ))2 deve essere calcolato con la definizione:
 

π
1 1 1
Z
(cos(2πf0 t + θ))2 · dθ = ·π =
−π 2π 2π 2

L’integrale di un seno o coseno quadro valgono metà del periodo di integra-


zione.

55
56 CAPITOLO 6. Esercizi sui processi casuali

Perciò:
1 3
E x2 (t) = 1 + =
 
2 2


6.2 Esercizio 2
Testo
Il processo casuale n(t) WSS ha una densità di probabilità del primo ordine
uniforme nell’intervallo [−A ÷ A] e uno spettro di potenza:

GN (f )

N0
2

−B B f

Verificare che A2 = 3 N0 B.

Risoluzione
La funzione Rn (0) può essere caratterizzata da:
( 
E n2 (t) = σ 2 n + m x

Rn (0) =
F −1 {SN (f )} τ =0

Per quanto riguarda la prima equazione:

E n2 (t) = σ 2 n
 

in quanto E [n(t)] = m x = 0 perchè la funzione di densità è simmetrica:

f (n)
1
2A

−A A n
6.3. Esercizio 3 57

Perciò:
+∞ A
A
1 1 n3
Z Z
2 2 2
 
E n (t) = n · f (n) dn = n · dn = · =
−∞ −A 2A 2A 3 −A
1 A2
= · (A3 + A3 ) =
6A 3
Per quanto riguarda la seconda equazione:
Z +∞
−1 j 2π f τ

Rn (0) = F {GN (f )} τ =0 =
GN (f ) · e df =
−∞ τ =0
B
N0
Z
= · 1 df = N0 B
−B 2

Uguagliando i due risultati ottenuti:

A2
= N0 B =⇒ A2 = 3 N0 B
3


6.3 Esercizio 3
Testo
Un processo casuale x(t) WSS ha una densità di probabilità del primo ordine
uniforme nell’intervallo [−A ÷ A] e varianza σx2 = 1. Il processo è posto
all’ingresso di un sistema non lineare:
y
1

1 x

Calcolare la probabilità P (y(t) > 2) del segnale di uscita y(t).

Risoluzione
Questo sistema lineare per x positivi fornisce in uscita lo stesso valore per y
(la retta è a 45◦ ) mentre i valori di x negativi diventano automaticamente
nulli.

Il processo casuale x(t) ha densità di probabilità:


58 CAPITOLO 6. Esercizi sui processi casuali

f (n)
1
2A

−A A n

Dal testo è noto che σx2 = 1 mentre m x = 0 in quanto la densità è


simmetrica.
Z +∞ Z A A
2
 2  2 2 1 1 n3
σx = E n (t) = n · f (n) dn = n · dn = · =
−∞ −A 2A 2A 3 −A
1 A2
= · (A3 + A3 ) =
6A 3
Si determina A ponendo il risultato pari a 1:

A2 √
=1 =⇒ A2 = 3 =⇒ A= 3
3
La densità di probabilità che può assumere y(t) è perciò:

f (y)

√ y
3

1
Poichè l’area deve essere pari a 1 l’altezza deve essere √ .
3
La probabilità cercata:
Z +∞
P (y(t) > 2) = f (y) dy
2

Questo integrale
√ è nullo in quanto il valore massimo che può assumere il
processo è 3.


6.4 Esercizio 4
Testo
Si consideri il seguente sistema:
6.4. Esercizio 4 59

x(t) y(t)
h(t)

dove h(t) presenta la seguente caratteristica:


y
1

1 x

Il segnale di ingresso x(t) = A · cos(ω0 t + θ) con θ costante. Il parametro


A è una variabile casuale uniformemente distribuita fra [0 ÷ 2]. Si calcoli
la media di insieme di y(t) e si valuti in quali istanti di tempo tale media è
massima.

Risoluzione
La densità di probabilità che può assumere la variabile casuale A è:

f (A)

2 A

1
Poichè l’area deve essere pari a 1 l’altezza deve essere .
2
Il valore atteso di A è:
Z +∞ Z 2
1
E [A] = A · f (A) dA = A · dA = 1
−∞ 0 2

Il segnale x(t) graficamente è:

x(t)

t
60 CAPITOLO 6. Esercizi sui processi casuali

Il segnale di uscita è invece composto da:


(
x(t) x(t) > 0
y(t) =
0 x(t) < 0

Il segnale y(t) graficamente è il coseno a cui vengono tagliate le parti nega-


tive.
E [y(t)] = E [x(t) · h(t)] = E [x(t)] · h(t)

in quanto:
(
1 x(t) > 0
h(t) =
0 x(t) < 0

Perciò:

E [y(t)] = E [A · cos(ω0 t + θ)]·h(t) = E [A]·cos(ω0 t+θ)·h(t) = cos(ω0 t+θ)·h(t)

E [y(t)] è massima quando:

cos(ω0 t + θ) = 1

Ciò accade se:


2κπ − θ κ θ
2πf0 t + θ = 2κπ =⇒ t= = −
2πf0 f0 2πf0

6.5 Esercizio 5
Testo
Un processo casuale x(t) gaussiano stazionario a media nulla viene moltipli-
cato per un’onda quadra r(t) che assume alternativamente valori ±1 ogni T
secondi.

Calcolare:

1. la densità di probabilità del segnale y(t) cosı̀ ottenuto;

2. la probabilità P (y(t) > y(t + a)) nei due casi:

. a = T;
. a = T /2.
6.5. Esercizio 5 61

Risoluzione
Primo quesito
Il segnale r(t) ha la seguente forma:

r(t)

+1

t
−1

T 2T 3T

Il segnale di uscita:
y(t) = x(t) · r(t)
è ancora gaussiano. Il suo valor medio e la sua varianza valgono:

E [y(t)] = E [x(t) · r(t)] = E [x(t)] · r(t) = 0


Var [y(t)] = E y 2 (t) − E [y(t)] = E x2 (t) · r 2 (t) − 0 = σx2
   

Secondo quesito
Si ha:
P (y(t) > y(t + a)) = P (y(t) − y(t + a) > 0)
Indicando con:
w(t) = y(t) − y(t + a)
si ottiene:
P (y(t) > y(t + a)) = P (w(t) > 0)
Il segnale w(t) è ancora un processo gaussiano a valor medio nullo perciò
avrà una densità di probabilità di questo tipo:
f (w)
1
2A

−A A w

Quindi:
1
P (w(t) > 0) =
2

62 CAPITOLO 6. Esercizi sui processi casuali
Parte II

Elaborazione numerica dei


segnali

63
Capitolo 7

Esercizi di base

7.1 Esercizio 1
Testo
Date le sequenze numeriche:

. x(n) = cos(0.125 π n)

. x(n) = sin(π + 0.2 · n)

si determini il periodo.

Risoluzione
La prima sequenza si può esprimere come:
π 
cos(0.125π n) = cos n
8
Per avere un periodo è necessario che sia presente il termine 2π; quindi:
π   

cos n = cos n
8 16

La frequenza è data da:


1 1
f0 = =⇒ T = = 16
16 f0

Nella seconda sequenza il termine π rappresenta solo uno sfasamento perciò


non va in alcun modo considerato per il calcolo del periodo; elaborando la
sequenza si ottiene:
2
sin(π + 0.2 · n) = sin(π + · n)
10

65
66 CAPITOLO 7. Esercizi di base

Per avere il termine 2π è sufficiente moltiplicare e dividere per π:

2 2π
sin(π + · n) = sin(π + · n)
10 10π
Isolando tale termine è facile riconoscere qual è la f0 :

2π 1
sin(π + · n) = sin(π + 2π · · n)
10π 10π
Pertanto:
1 1
f0 = =⇒ T = = 10π
10π f0


7.2 Esercizio 2
Testo
Data la sequenza numerica:

x(n) = (6 − n) · [u(n) − u(n − 6)]

Si richiede di calcolare:

1. x(4 − n)

2. x(2n − 3)

3. x(n2 − 2n + 1)

Risoluzione
La sequenza di partenza x(n), graficamente, è la seguente:

x(n)

6
5
4
3
2
1

0 1 2 3 4 5 n
7.2. Esercizio 2 67

Primo quesito
La sequenza x(4 − n) è ottenibile operando sulla sequenza di partenza la
seguente trasformazione:
n=4−n
Perciò:
x(4−n) = [6−(4−n)]·[u(4−n)−u(4−n−6)] = (2+n)·[u(4−n)−u(−2−n)]
Graficamente:
u(4 − n) u(−2 − n)

n −2 0 n
0 4

Perciò la sequenza totale è:


x(4 − n)

6
5
4
3
2
1

-1 1 2 3 4 n

Secondo quesito
Eseguendo gli stessi passi visti nel primo quesito si ottiene:
x(2n − 3)

0 1 2 3 4 5 n
68 CAPITOLO 7. Esercizi di base

Terzo quesito
La terza sequenza graficamente è:

x(n2 − 2n + 1)

6
5

-1 1 2 3 4 n

7.3 Esercizio 3
Testo
Data la sequenza:
x(n) = u(n)
Determinare le sequenze:

. xp (n)

. xd (n)

in cui può essere scomposta la sequenza di partenza.

Risoluzione
La sequenza xp (n) è la sequenza pari mentre xd (n) quella dispari: somman-
do questi contributi si deve ottenere u(n).

Graficamente xp (n) sarà:

xp (n)

1
2

n
7.4. Esercizio 4 69

Scritta in forma analitica non è altro che:


1 1
xp (n) = · u(n) + · u(−n)
2 2
Per quanto riguarda la sequenza xd (n), graficamente sarà:

xd (n)

1
2

n
1

2

Analiticamente
1 1
xp (n) = · u(n) − · u(−n)
2 2
In questo modo, sommando queste due sequenze, la parte per n negativi si
elide, mentre per n positivi viene ad assumere ampiezza pari a 1: sono le
proprietà di u(n).

In forma grafica:
u(n)

7.4 Esercizio 4
Testo
Data la sequenza:  n
3
x(n) = · u(−n)
2
Calcolare:
1. la somma;
2. l’energia del segnale.
70 CAPITOLO 7. Esercizi di base

Risoluzione
Si può anche esprimere la sequenza come:
 n  (−n)
3 2
x(n) = · u(−n) = · u(−n)
2 3

Primo quesito

La somma vale:
0 0  n +∞  m
X X 3 X 2 1
A= x(n) = · u(−n) = = =3
2 3 1
n=−∞ −∞ m=0 1−
3

dove m = −n.

Secondo quesito

L’energia vale:

+∞ +∞  (−n)
2 +∞  2m
2 2

2
X X X
Ex = |x(n)| = · u(−n) = =

3 3


n=−∞ n=−∞ m=0
+∞  m
X 4 1 9
= = =
9 4 5
m=0 1−
9

dove m = −n.


7.5 Esercizio 5
Testo
Data la sequenza:

x(n) = δ (n) + 2 · δ (n − 1) + 3 · δ (n − 2)

Scrivere tale sequenza come somma di gradini.

Risoluzione
Graficamente la sequenza è:
7.5. Esercizio 5 71

x(n)

1 2 3 n

Poichè:
δ (n) = u(n) − u(n − 1)
applicando questo ragionamento si ottiene:

x(n) = u(n) − u(n − 1) + 2 · [u(n − 1) − u(n − 2)] + 3 · [u(n − 2) − u(n − 3)]

Elaborando questa equazione si ha:

x(n) = u(n) + u(n − 1) + u(n − 2) − 3 · u(n − 3)


72 CAPITOLO 7. Esercizi di base
Capitolo 8

Sistemi lineari e DTFT

8.1 Esercizio 1
Testo
Data la funzione di trasferimento:
1 − 0.5 · e −jω + e −3jω
H(e jω ) =
1 + 0.5 · e −jω + 0.75 · e −2jω
Scrivere l’equazione alle differenze finite del sistema LTI.

Risoluzione
La funzione di trasferimento è data da:
Y (e jω )
H(e jω ) =
X(e jω )
per un sistema lineare solito:

x(n) y(n)
h(n)

Perciò:
Y (e jω ) 1 − 0.5 · e −jω + e −3jω
=
X(e jω ) 1 + 0.5 · e −jω + 0.75 · e −2jω
Elaborando l’espressione si ottiene:

Y (e jω ) · [1 + 0.5 · e −jω + 0.75 · e −2jω ] = X(e jω ) · [1 − 0.5 · e −jω + e −3jω ]

Antitrasformando si ha:

y(n) + 0.5 · y(n − 1) + 0.75 · y(n − 2) = x(n) − 0.5 · x(n − 1) + x(n − 3)

73
74 CAPITOLO 8. Sistemi lineari e DTFT

8.2 Esercizio 2
Testo
Data la funzione di trasferimento:

e jω
H(e jω ) =
1.1 + cos(ω)

Scrivere l’equazione alle differenze finite del sistema LTI.

Risoluzione
Il procedimento è molto simile all’esercizio precedente; come primo passo
esprimiamo con la formula di Eulero cos(ω):

cos(ω) = 0.5 · e −jω + 0.5 · e +jω

Pertanto:
e jω
H(e jω ) =
1.1 + 0.5 · e −jω + 0.5 · e +jω
Elaborando l’espressione per renderla simile a quella dell’esercizio preceden-
te:
e jω 1
−jω +jω
= −jω
1.1 + 0.5 · e + 0.5 · e 1.1 · e + 0.5 · e −2jω + 0.5
Quindi:
Y (e jω ) 1

= −jω
X(e ) 1.1 · e + 0.5 · e −2jω + 0.5
Perciò:
Y (e jω ) · [1.1 · e −jω + 0.5 · e −2jω + 0.5] = X(e jω ) · 1
Antitrasformando si ottiene:

0.5 · y(n) + 1.1 · y(n − 1) + 0.5 · y(n − 2) = x(n)

8.3 Esercizio 3
Testo
Si consideri la seguente equazione alle differenze finite:

y(n) − y(n − 1) + 0.25 · y(n − 2) = x(n) − 0.25 · x(n − 1)

Determinare la risposta al sistema lineare:


8.3. Esercizio 3 75

x(n) y(n)
h(n)

quando in ingresso è presente la sequenza:

x(n) = u(n)

Risoluzione
Trasformando l’equazione si ottiene:

Y (e jω ) · [1 − e −jω + 0.25 · e −2jω ] = X(e jω ) · [1 − 0.25 · e −jω ]

Si determina la funzione di trasferimento in questo modo:


Y (e jω ) 1 − 0.25 · e −jω
H(e jω ) = =
X(e jω ) 1 − e −jω + 0.25 · e −2jω
A questo punto applicando come ingresso x(n) = u(n) si ha:

y(n) = x(n) ∗ h(n)

Nel dominio trasformato:

Y (e jω ) = X(e jω ) · H(e jω )

Sostituendo:
1 − 0.25 · e −jω
Y (e jω ) = X(e jω ) ·
1 − e −jω + 0.25 · e −2jω
Analizziamo in dettaglio H(e jω ); è possibile riscriverla in questo modo:

1 1 e −jω
H(e jω ) =   − ·
−jω 2
2
e 4 e −jω
1− 1−
2 2
Indicando con:
1
H1 (e jω ) =  2
e −jω
1−
2
Nel dominio temporale questa espressione vale:
 2
1
h1 (n) = (n + 1) · · u(n)
2
Si può quindi riscrivere l’espressione precedente, nel dominio temporale,
come:
1
h(n) = h1 (n) − · h1 (n − 1)
4
76 CAPITOLO 8. Sistemi lineari e DTFT

Perciò:  
1
y(n) = x(n) ∗ h(n) = u(n) ∗ h1 (n) − · h1 (n − 1)
4
La risoluzione della convoluzione è lasciata al lettore.


8.4 Esercizio 4
Testo
Calcolare la DTFT di:  |n|
1
x(n) =
4

Risoluzione
Questa sequenza appartiene alla famiglia delle sequenze di tipo:

a|n|

In generale:
a|n| = an · u(n) + a−n · u(−n − 1)
Attenzione: a−n è valido solo per n ≤ 1 oppure n < 0.

Poichè la DTFT è un’operazione lineare:

DTFT {a|n| } = DTFT {an · u(n)} + DTFT {a−n · u(−n − 1)}

Per quando riguarda la prima parte è sufficiente consultare le tavole:


1
DTFT {an · u(n)} = |a| < 1
1 − a · e −jω
Il secondo termine è più complesso ed è necessario ricorrere alla definizione:
+∞
X
−n
DTFT {a · u(−n − 1)} = a−n · u(−n − 1) · e −jωn =
n=−∞
−1
X
= a−n · e −jωn
n=−∞

Con un cambiamento di indici:

−n = i

Si ottiene:
+∞
X
−n
DTFT {a · u(−n − 1)} = ai · e jωi
i=1
8.4. Esercizio 4 77

Indicando con:
β(i) = ai · e jωi
Sono equivalenti:
+∞
X +∞
X
β(i) = β(i) + β(0)
i=0 i=1

dove β(0) rappresenta il primo valore della sommatoria, quello con indice
i = 0 che in questo caso vale 1.

Perciò:
+∞
X
−n
DTFT {a · u(−n − 1)} = ai · e jωi − 1
i=0

Elaborando l’espressione:
+∞
X +∞
X +∞
X
i jωi jω i
a ·e = (a · e ) = (a · e jω )i · u(n)
i=0 i=0 i=−∞

Trasformando:
+∞
X 1
(a · e jω )i · u(n) =
1 − a · e jω
i=−∞

Pertanto:
1 1
DTFT {a|n| } = −jω
+ −1
1−a·e 1 − a · e jω

78 CAPITOLO 8. Sistemi lineari e DTFT
Capitolo 9

Sistemi lineari e trasformate


Z

9.1 Esercizio 1
Testo
Dati:
 n−6
1
. x(n) = · u(n)
6
 n
1
. h(n) = · u(n − 3)
3

Calcolare:
y(n) = x(n) ∗ h(n)

Risoluzione
L’esercizio è risolvibile in due modi:

. calcolando la convoluzione nel dominio temporale;

. usando le trasformate Z.

Primo metodo

La convoluzione si può calcolare in questo modo:

+∞
X
y(n) = h(k) · x(n − k)
k=−∞

79
80 CAPITOLO 9. Sistemi lineari e trasformate Z

Perciò:
+∞
"  # "  #
X 1 k 1 n−k−6
y(n) = · u(k − 3) · · u(n − k) =
3 6
k=−∞
" n     #
X 1 k 1 n−k−6
= · · u(n − 3) =
3 6
k=3
 n−6 "X n  k  −k
#
1 1 1
= · · · u(n − 3) =
6 3 6
k=3
 n−6 "X n  k
#
1 1
= · · (6)k · u(n − 3) =
6 3
k=3
 n−6 "X n  k
#
1 6
= · · u(n − 3)
6 3
k=3

Poichè:
n
1 − an+1
(a)k =
X
1−a
k=0
Allora:
n
1 − an+1
(a)k =
X
− a0 − a1 − a2
1−a
k=3
Applicato al nostro caso:
 n−6 
1 − 2n+1

1 0 1 2
y(n) = · − 2 − 2 − 2 · u(n − 3) =
6 1−2
 n−6
1
· −(1 − 2n+1 ) − 7 · u(n − 3) =
 
=
6
 n−6
1
· 2n+1 − 8 · u(n − 3) =
 
=
6
 n  n 
1 1
= (6)6 · · 2n+1 − · 8 · u(n − 3) =
6 6
 n  n 
6 1 1
= 6 · ·2− · 8 · u(n − 3)
3 6

Secondo metodo
Come primo passo portiamo nel dominio Z le sequenze x(n) e h(n).

La sequenza di ingresso prima della trasformazione viene elaborata in questo


modo:  n−6  n
1 6 1
x(n) = · u(n) = 6 · · u(n)
6 6
9.1. Esercizio 1 81

Trasformando si ottiene:
1
X(z) = 66 · 1
1− 6 · z −1

Per quanto riguarda h(n) occorre rielaborare la sequenza in modo simile al


precedente:
 n  3  n−3
1 1 1
h(n) = · u(n − 3) = · · u(n − 3)
3 3 3
Con la trasformazione si ha:
 3
1 1
H(z) = · 1 · z −3
3 1 − 3 · z −1

Quindi:
Y (z) = X(z) · H(z)
Sostituendo:
" # "  #
6 1 3
1 1 −3
Y (z) = 6 · · · ·z =
1 − 16 · z −1 3 1 − 13 · z −1
 3
6 1
6 · · z −3
3
= =
1 − 61 · z −1 · 1 − 31 · z −1

"  3 #
6 1 −3 1
= 6 · ·z · 1
· 1 − 13 · z −1
 
3 1− 6 ·z −1

Indicando con:
′ 1
Y (z) = 1
 1

1− 6 · z −1 · 1− 3 · z −1

calcoliamo i fratti semplici proprio su Y (z).
′ R1 R2
Y (z) = 1
+
1 − 31 · z −1

1− 6 ·z −1

I valori di R1 ed R2 sono:
′ 1
 1 1
· z −1 · z −1 z −1 =6 =

R1 = Y (z) · 1 − 6 = 1− 3 = −1
z= 61 1−2
′ 1
 1 1
z −1 · z −1 z −1 =3

R1 = Y (z) · 1 − 3 · = 1− 6 = =2
1 − 12

z= 13

Perciò:
′ −1 2
Y (z) = 1 −1
+ 1

1− 6 ·z 1 − 3 · z −1
82 CAPITOLO 9. Sistemi lineari e trasformate Z

A questo punto si può antitrasformare tenendo bene a mente che, poichè in


ingresso le sequenze erano causali anche in uscita i poli del sistema saranno
causali.

Questo porta a concludere che la regione di convergenza, ROC, sarà:


1
|z| >
3
Antitrasformazione: n ′ o

y (n) = Z −1 Y (z)
(  n )
−1 −1 1
Z =−
· u(n)
1 − 16 · z −1

6
( )  n
−1 2 1
Z 1 −1
 =2· · u(n)
1− 3 ·z 3

Quindi:
 n  n   n  n 
′ 1 1 1 1
y (n) = − · u(n) + 2 · · u(n) = − +2· · u(n)
6 3 6 3
Siccome: "
 3 #
1 ′
Y (z) = 66 · · z −3 · Y (z)
3
Nel dominio temporale:
" 3 #
1 ′
y(n) = 66 · · y (n − 3)
3

in quanto z −3 è un ritardo. Sostituendo si ha:


"  3 # "  n−3  n−3 #
1 1 1
y(n) = 66 · · − +2· · u(n − 3)
3 6 3
Elaborando l’espressione si ottiene:
"    n−3  3 #
1 n−3
 3
6 1 1 1
y(n) = 6 · − · +2· · · u(n − 3) =
6 3 3 3
"    n #
1 n 3
 3
6 1 1
= 6 · − ·6 · +2· · u(n − 3) =
6 3 3
  n  n 
6 1 3 1
= 6 · − ·2 +2· · u(n − 3)
6 3
I risultati ottenuti con i due metodi sono perfettamente identici.

9.2. Esercizio 2 83

9.2 Esercizio 2
Testo
Data:  n+2
1
h(n) = · u(n − 2)
3
Calcolare H(z) e, se possibile, H(e jω ).

Risoluzione
La risposta all’impulso di questo sistema è di tipo IIR causale e presenta
una fase non lineare perchè la sequenza non è simmetrica rispetto all’origine.

Calcoliamo inanzitutto H(z); come primo passo si rielabora l’espressione:


 n+2  4  n−2
1 1 1
h(n) = · u(n − 2) = · · u(n − 2)
3 3 3
Con la trasformata Z:
(    )
1 4 1 n−2
H(z) = Z {h(n)} = Z · · u(n − 2) =
3 3
 4
1 1
= · 1 · z −2
3 1 − 3 · z −1
La regione di convergenza, ROC, è individuata da:

1 −1 1
·z <1 =⇒ |z| >
3 3

É possibile calcolare H(e jω ) solo se:

|z| = 1 ∈ ROC

Tale condizione è verificata perchè:


1
|z| = 1 ∈ |z| >
3
Si determina quindi H(e jω ) in modo molto facile perchè:

H(e jω ) = H(z)|z=e jω

Pertanto:  4
jω 1 1
H(e )= · 1 · e −2jω
3 1 − 3 · e −jω

84 CAPITOLO 9. Sistemi lineari e trasformate Z

9.3 Esercizio 3
Testo
Data:
h(n) = δ (n) + 6 · δ (n − 1) + 3 · δ (n − 2)
Calcolare H(z), se possibile, H(e jω ) ed esprimere in modo generale:
y(n) = x(n) ∗ h(n)

Risoluzione
Questa risposta all’impulso è caratteristica di un filtro FIR causale con fase
non simmetrica e il filtro non è recursivo.

Per calcolare H(z) è sufficiente trasformare direttamente ogni campione:


H(z) = Z {h(n)} = Z {δ (n) + 6 · δ (n − 1) + 3 · δ (n − 2)} =
= 1 · z 0 + 6 · z −1 + 3 · z −2
Poichè i poli sono nell’origine la regione di convergenza sarà:
ROC = C-{0}
Come visto nell’esercizio precedente è possibile calcolare H(e jω ) solo se:
|z| = 1 ∈ ROC
La condizione è soddisfatta quindi:
H(e jω ) = H(z)|z=e jω = 1 + 6 · e −jω + 3 · e −2jω
Il calcolo in forma generica di una possibile y(n) è molto facile sfruttando le
proprietà della δ:
+∞
X
y(n) = x(n)∗h(n) = h(k) · x(n − k) = x(0)+6·[x(n−1)]+3·[x(n−2)]
k=−∞

In via grafica il sistema può essere rappresentato nel seguente modo:

x(n) z −1 z −1
1 ⊗ 6 ⊗ 3 ⊗

y(n)


9.4. Esercizio 4 85

9.4 Esercizio 4
Testo
Data la seguente equazione alle differenze finite:

y(n) = −0.5 · y(n − 1) + x(n)

Si chiede di:

. determinare la risposta all’impulso h(n);

. determinare se il sistema è stabile secondo il criterio BIBO.

Risoluzione
Il sistema considerato è recursivo e causale quindi la regione di convergenza
sarà esterna ad un cerchio.

Scrivendo la relazione nel dominio Z si ha:


1
Z {y(n) = −0.5 · y(n − 1) + x(n)} =⇒ Y (z) = − · Y (z −1 ) + X(z)
2
Elaborando l’equazione si ottiene:
1 −1
Y (z) · [1 + · z ] = X(z)
2
Poichè:
Y (z)
H(z) =
X(z)
Si ha:
1 z
H(z) = 1 = 1
1+ 2 · z −1 z+ 2
Sono presenti:

. uno zero nell’origine;


1
. un polo in z = − .
2
La regione di convergenza, dunque, poichè il sistema è causale è:
1
ROC = |z| >
2
Antitrasformando si ottiene la risposta all’impulso:
( )  
1 1 n
h(n) = Z −1 {H(z)} = Z −1 = − · u(n)
1 + 12 · z −1 2
86 CAPITOLO 9. Sistemi lineari e trasformate Z

Un sistema, in generale, è stabile secondo il criterio BIBO se:


+∞
X
|h(n)| < ∞
n=−∞

Nel nostro caso:


+∞  n +∞  n
−1
X X 1 1
· u(n) = = 1 =2
n=−∞
2 2 1− 2
n=0

Il sistema è dunque stabile.




9.5 Esercizio 5
Testo
Data la seguente equazione alle differenze finite:
1 1
y(n) − y(n − 1) + · y(n − 2) = x(n) − · x(n − 1)
4 4
Si chiede di determinare un’espressione analitica per la risposta all’impulso
h(n).

Risoluzione
Nel dominio Z:
 
1 1
Z y(n) − y(n − 1) + · y(n − 2) = x(n) − · x(n − 1)
4 4
   
1 1
=⇒ Y (z) · 1 − z −1 + · z −2 = X(z) · 1 − · z −1
4 4
Perciò:
Y (z) 1 − 41 · z −1 1 − 14 · z −1
H(z) = = = 2 =
X(z) 1 − z −1 + 14 · z −2 1 − 12 · z −1
1
1 4 · z −1
= 2 − 2
1 1
1− 2 · z −1 1− 2 · z −1
Antitrasformando separatamente i due termini si ha:
( )  n
−1 1 1
Z 2 = (n + 1) · · u(n)
1 − 21 · z −1 2

( ) "   #
1 −1 n−1
−1 4 · z 1 1
Z − 2 =− · n· · u(n)
1 − 21 · z −1 4 2
9.6. Esercizio 6 87

Perciò:
 n "   #
−1 1 1 1 n−1
h(n) = Z {H(z)} = (n + 1) · · u(n) − · n · · u(n)
2 4 2

9.6 Esercizio 6
Testo
Data la seguente equazione alle differenze finite:

1 1
y(n) = · y(n − 1) + · y(n − 2) + x(n) − x(n − 1)
4 8
Si chiede di:

. determinare H(z) e la risposta all’impulso h(n);

. realizzare graficamente lo schema del sistema.

Risoluzione
Nel dominio Z:
 
1 1
Z y(n) = · y(n − 1) + · y(n − 2) + x(n) − x(n − 1)
4 8
 
1 −1 1 −2
= X(z) · 1 − z −1
 
=⇒ Y (z) · 1 − · z − · z
4 8

Pertanto:

Y (z) 1 − z −1 z2 − z
H(z) = = 1 = =
X(z) 1− 4 · z −1 − 81 · z −2 z 2 − 41 · z − 1
8
z2 − z 1 − z −1
= =
z + 14 · z − 12 1 1
  
1+ 4 · z −1 · 1 − 2 · z −1

I due passaggi intermedi permettono di determinare in maniera più veloce i


poli.

Con i fratti semplici:

R1 R2
H(z) = 1
+
1 − 12 · z −1

1+ 4 ·z −1
88 CAPITOLO 9. Sistemi lineari e trasformate Z


1 − z −1 1+4 5
R1 = 1 −1
= =
1+2 3

1− 2 ·z
z=− 41

1 − z −1 1−2 2
R2 = 1 −1
= 1 =−
3

1+ 4 ·z 1 1+ 2
z=+ 2

Quindi:
5 2
3 3
H(z) = 1 −1
 − 1

1+ 4 · z 1− 2 · z −1
Per determinare la risposta all’impulso si antitrasforma:
( )
5 2
−1 −1 3 3
h(n) = Z {H(z)} = Z 1 −1
 − 1 −1
 =
1+ 4 · z 1− 2 · z
 n  n
5 1 2 1
= · − · u(n) − · · u(n)
3 4 3 2

Lo schema grafico del sistema è il seguente:

x(n) ⊕ ⊕ y(n)

z −1 ⊗ z −1
−1/4

⊗ ⊗ z −1
−1 −1/8


Parte III

Temi d’esame

89
Introduzione

In questa sezione sono riportati alcuni temi d’esame risolti; poichè gli esercizi
di Elaborazione numerica sono molto meno numerosi rispetto a quelli di
Teoria dei segnali ho pensato di strutturare la sezione nel seguente modo:

. una parte dedicata a due temi solo di Elaborazione numerica;

. una parte dedicata a risolvere temi accorpati.

91
92
Capitolo 10

Temi di Elaborazione
numerica

10.1 Tema 1
Testo
Esercizio 1
Il segnale a tempo discreto:
   
2π 8π
x(n) = 2 · cos n − 3 · sin n
3 3
viene posto all’ingresso di un sistema LTI a tempo discreto con risposta
all’impulso:
h(n) = δ (n) − δ (n − 3)
Determinare la risposta y(n) del sistema al segnale di ingresso considerato.

Esercizio 2
Si consideri la seguente funzione di trasferimento H(z) di un sistema LTI a
tempo discreto:
1 − z −1
H(z) =    
3 −1 4 −1
1− ·z · 1+ ·z
8 5
Rispondere alle seguenti domande:
1. determinare poli e zeri di H(z) e rappresentarli sul piano;
2. determinare tutte le possibili risposte all’impulso associabili alla fun-
zione di trasferimento H(z) data specificando, per ognuna di esse, le
regioni di convergenza di H(z); discutere inoltre, la stabilità di ogni
sistema cosı̀ determinato;

93
94 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica

3. calcolare la risposta y(n) del sistema LTI causale alla sequenza di


ingresso:
4
x(n) = δ (n) + · δ (n − 1)
5
e discutere la causalità della sequenza y(n) ottenuta analizzando la
regione di convergenza di Y (z) = Z {Y (z)};

4. determinare l’equazione alle differenze del sistema LTI causale la cui


funzione di trasferimento è la funzione H(z) data sopra, e disegnarne
una realizzazione circuitale.

Esercizio 3
Si consideri il segnale analogico x(t) con spettro a banda limitata all’inter-
vallo [−B, +B], dove B = 10 kHz. A partire da x(t) si realizza il segnale:
10
X
y(t) = x(t) · cos (2πκ f0 t)
k=0

Si determini la minima frequenza di campionamento per soddisfare il teore-


ma del campionamento sul segnale y(t) nell’ipotesi che f0 = 100 kHz.

Risoluzione
Esercizio 1
Data la sequenza di ingresso:
   
2π 8π
x(n) = 2 · cos n − 3 · sin n
3 3
si individuano immediatamente alcune caratteristiche importanti:

. i segnali non hanno fase;


1
. la frequenza del coseno è pari a fcos = ;
3
4
. la frequenza del seno è pari a fsin = .
3
Calcolando la DTFT sulla risposta all’impulso si ha:

DTFT {h(n)} = H(e j2πf ) = 1 − e −j2πf ·3

La DTFT calcolata alle frequenze fcos e fsin assume valori:


1
fcos = H(e j2πfcos ) = 1 − e −j2π 3 ·3 = 1 − 1 = 0
4
fsin = H(e j2πfsin ) = 1 − e −j2π 3 ·3 = 1 − 1 = 0
10.1. Tema 1 95

Perciò:
H0 = H(e j2πfcos ) = H(e j2πfsin ) = 0

Siccome in precedenza abbiamo osservato che i segnali non hanno fase:

∠H(e j2πfcos ) = ∠H(e j2πfsin ) = 0

Si conclude che:
   
2π 8π
y(n) = H0 · 2 · cos n + 0 − H0 · 3 · sin n+0 = 0
3 3

Esercizio 2
1. Elaborando H(z) si ottiene:

z · (z − 1)
H(z) =    
3 4
z− · z+
8 5
Perciò si hanno:
3
. un polo di ordine 1 in z = ;
8
4
. un polo di ordine 1 in z = − ;
5
. uno zero di ordine 1 in z = 0;
. uno zero di ordine 1 in z = 1.

Im{z}

4 0 3 1 Re{z}

5 8

dove:

. in arancione sono colorati i poli;


. in azzurro sono colorati gli zeri.
2. Con i fratti semplici:
1 − z −1 R1 R2
H(z) =    =  + 
3 −1 4 −1 3 −1 4 −1
1− ·z · 1+ ·z 1− ·z 1+ ·z
8 5 8 5
96 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica

Il primo residuo vale:




1 − z −1 1 − 83 25
R1 = = 4 8 = − 47
4 −1
1+ 5 · 3
1+ ·z 3
5 z= 8

Mentre il secondo residuo è pari a:




1 − z −1 1 + 45 72
R2 = = 3 5 = 47
3 −1
1+ 8 · 4
1− ·z
8 z=− 45

Pertanto:
25 1 72 1
H(z) = − · + · 
47 3 −1 47 4 −1
1− ·z 1+ ·z
8 5
Le possibili risposte all’impulso sono tre:
 
4
. con ROC = |z| > si ha h(n) causale:
5
 n  n
25 3 72 4
h(n) = − · · u(n) + · − · u(n)
47 8 47 5
in questo caso il sistema è stabile in quanto |z| = 1 ∈ ROC;
 
3
. con ROC = |z| < si ha h(n) anticausale :
8
 n  n
25 3 72 4
h(n) = − · · u(−n − 1) + · − · u(−n − 1)
47 8 47 5
in questo caso il sistema non è stabile perchè |z| = 1 ∋ ROC;
 
3 4
. con ROC = < < |z| < si ha h(n) bilatera :
8 5
 n  n
25 3 72 4
h(n) = − · · u(n) + · − · u(−n − 1)
47 8 47 5
anche in questo caso il sistema non è stabile perchè |z| = 1 ∋
ROC.

3. Considerando h(n) di tipo causale si procede a determinare la trasfor-


mata Z della sequenza x(n):
 
4 4
X(z) = Z {x(n)} = Z δ (n) + · δ (n − 1) = 1 + · z −1
5 5
10.1. Tema 1 97

La regione di convergenza di questa sequenza è:

ROC = {|z| > 0}


A questo punto si può determinare Y (z):
1 − z −1
 
4
Y (z) = X(z) · H(z) = 1 + · z −1 ·    =
5 3 −1 4 −1
1− ·z · 1+ ·z
8 5
1 − z −1
=
3
1 − · z −1
8
Pertanto la regione di convergenza di Y (z) risulta essere:
 
3
ROC = |z| >
8

Per determinare y(n) si elabora l’espressione precedente:

1 z −1
Y (z) = −
3 3
1 − · z −1 1 − · z −1
8 8
Quindi:
 
z −1
 
1 
y(n) = Z −1 {Y (z)} = Z −1 − =
 1 − 3 · z −1 1 − 3 · z −1 
 
8 8
 n  n−1
3 3
= · u(n) + · u(n − 1)
8 8

4. Poichè:
Y (z) 1 − z −1
H(z) = =   
X(z) 3 −1 4 −1
1− ·z · 1+ ·z
8 5
si ha:
 
10 −1 3 −2
= X(z) · 1 − z −1
 
Y (z) · 1 + ·z − ·z
47 10
Antitrasformando:
10 3
y(n) + · y(n − 1) − · y(n − 2) = x(n) − x(n − 1)
47 10
Una possibile realizzazione circuitale è la seguente:
98 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica

x(n) ⊕ ⊕ y(n)

z −1 ⊗ z −1
10/47

⊗ ⊗ z −1
−1 −3/10

Esercizio 3
Trasformando la sequenza y(t) si ha:
10 10
X X 1 1
Y (f0 ) = F{x(t) · cos (2πκ f0 t)} = X(fx − κ · f0 ) + X(fx + κ · f0 )
2 2
k=0 k=0

É possibile spezzare la sommatoria:


10 10 10
X 1 1 X 1 X 1
Y (f0 ) = X(fx − κ · f0 ) + X(fx + κ · f0 ) = X(fx − κ · f0 )+ X(fx + κ · f0 )
2 2 2 2
k=0 k=0 k=0

In questo modo si può osservare che, al fine di del calcolo della banda,
è sufficiente considerare uno qualisiasi dei due termini; in particolare se si
sceglie il primo:
X(fx − κ · f0 )

κ · f0 f
(κ · f0 − B) (κ · f0 + B)

La banda sarà la parte di spettro colorata:


X(fx − κ · f0 )

κ · f0 f
(κ · f0 − B) (κ · f0 + B)

Perciò:
By = κ · f0 + B = 10 · 100 kHz + 10 kHz = 1010 kHz = 1.01 MHz
La minima frequenza di campionamento deve essere:
fcmin = 2 · By = 2 · 1.01 MHz = 2.02 MHz
10.2. Tema 2 99

10.2 Tema 2
Testo
Si considerino il sistema a tempo discreto con relazione ingresso-uscita:

y(n) = x(n) + sin [a · x(n − 3)] + 0.5 · y(n − 1)

ed il segnale a tempo discreto x(n) con trasformata Z:

4 + z −1
X(z) =  
1 −1
1− ·z · (1 + 2 · z −1 )
3

e ROC 1/3 < |z| < 2.

1. Si discutano le proprietà di Linearità, Tempo Invarianza, Memoria,


Stabilità e Causalità del sistema.

2. Se ne calcoli la funzione di trasferimento H(z) nel caso in cui a = 0 ,


se ne definisca la ROC e si determinino poli e zeri del sistema.

3. Si calcoli l’energia Ex di x(n).

4. Si ponga x(n) in ingresso al sistema con funzione di trasferimento H(z)


e si calcoli l’uscita y(n).

5. Si ponga all’ingresso del sistema con funzione di trasferimento H(z) il


n
segnale w(n) = cos π e si determini l’uscita v(n).
2

Risoluzione
1. Una realizzazione circuitale è:

x(n) ⊕ ⊕ y(n)

z −3 ⊗ z −1
1/2

⊗ sin( )
a

Se il segnale x(n) è limitato allora il blocco a sinistra (evidenziato in


azzurro) è limitato perchè il ramo che introduce il ritardo, moltiplica
per a e ne realizza il seno è limitato. Se è tutto limitato anche l’uscita
è limitata perchè il blocco a destra (evidenziato in arancione) è un
100 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica

filtro stabile.

Il sistema è non lineare, invariante, con memoria, causale e stabile.

2. Con a = 0:
y(n) = x(n) + 0.5 · y(n − 1)
Con la trasformata Z si ottiene:

Y (z) · 1 − 0.5 · z −1 = X(z)


 

Pertanto:
Y (z) 1 z
H(z) = = −1
=
X(z) 1 − 0.5 · z z − 0.5
Questa sequenza è causale perciò ha regione di convergenza:

ROC = {|z| > 0.5}

La funzione di trasferimento presenta:

. uno zero di ordine 1 in z = 0;


. un polo di ordine 1 in z = 0.5.

Poichè |z| = 1 ∈ ROC il sistema è stabile.

3. Per determinare l’energia è necessario ottenere x(n); con i fratti sem-


plici:

4 + z −1 R1 R2
X(z) =  = +
1 1 + 2 · z −1

1
1 − · z −1 · (1 + 2 · z −1 ) 1 − · z −1
3 3

Il primo residuo vale:

4 + z −1

4+3 7
R1 = −1
= = =1
1+2·z
z= 1 1+2·3 7
3

Il secondo residuo, invece, vale:




4 + z −1 4 − 12 7 6 6
R2 = = 1 = 2 · 7 = 2 =3
1 −1 1

1− ·z 1 − 3 · −2
3 z=−2

Pertanto:
1 3
X(z) = +
1 −1 1 + 2 · z −1
1− ·z
3
10.2. Tema 2 101

dove il primo membro è causale e il secondo anticausale; antitrasfor-


mando:
 
 
−1 −1
 1 3 
x(n) = Z {X(z)} = Z + =
 1 − 1 · z −1 1 + 2 · z 
 −1

 n 3
1
= · u(n) + 3 · (−2)n · u(−n − 1)
3
L’energia della sequenza è:
+∞ −1 +∞  n 2
X 2
X
n 2
X 1
Ex = |x(n)| = |(−2) | + 3 =

n=−∞ n=−∞ n=0
−1
 −2n X+∞  2n +∞  n +∞  2n
X 1 1 X 1 X 1
= + = + =
n=−∞
2 3 4 3
n=0 n=1 n=0
1 1 4 9 32 − 24 + 27 35
= −1+ = −1+ = =
1 1 3 8 24 24
1− 1−
4 9
4. Nel dominio Z:
 
4 + z −1
 
  1
Y (z) = Z(z) · H(z) =  
   · 1 − 0.5 · z −1 =

1 −1 −1
1− ·z · (1 + 2 · z )
3
4 + z −1
=  
1
1 − · z −1 · (1 + 2 · z −1 ) · (1 − 0.5 · z −1 )
3
dove il primo e il terzo termine del denominatore sono causali mentre
il secondo è anticausale. Il sistema presenta tre poli:
1
. in z = ;
3
. in z = −2;
1
. in z = .
2
Decomponendo in fratti semplici:
R1 R2 R3
Y (z) = + +
1 −1 1 + 2 · z −1 1 − 0.5 · z −1
1− ·z
3
Il primo residuo vale:
4 + z −1

4+3
R1 = = 3 = −2
(1 + 2 · z −1 ) · (1 − 0.5 · z −1 ) z= 1

1 − 2 · (1 + 6)
3
102 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica

Il secondo residuo vale:




4 + z −1 4 − 12

12
R2 =   = 1
 1 =
1 1 + 6 · (1 + 4 ) 5
1 − · z −1 · (1 − 0.5 · z −1 )
3 z=−2

Il terzo residuo vale:




−1

4+z 4+2 18
R3 =   = 2
 =
1 1 − 3 · (1 + 4) 5
1 − · z −1 · (1 + 2 · z −1 )
3 z= 1
2

Pertanto:
2 12 1 18 1
Y (z) = − + · + ·
1 5 1+2·z −1 5 1 − 0.5 · z −1
1 − · z −1
3
Antitrasformando si ottiene:
y(n) = Z −1 {Y (z)} =
8 9
> >
2 12 1 18 1
< =
−1
= Z − + · + · =
: 1 − 1 · z −1
> 5 1 + 2 · z −1 5 1 − 0.5 · z −1 >
;
» „ «n 3 – » – » „ «n –
1 12 18 1
= −2 · · u(n) + · (−2)n · u(−n − 1) + · · u(n)
3 5 5 2

5. Il segnale w(n) ha frequenza:


 n  n
w(n) = cos π = cos 2π
2 4
perciò:
1
f0 =
4
La DTFT della risposta all’impulso vale:
1
DTFT {h(n)} = 1
1− 2 · e −j2πf

Alla frequenza f0 si ha:



1 1
H(e j2πf0 ) = =

π
1 −j2π 41 1 −j 2

1 −
2 ·e 1 − 2 · e

Poichè:
π
e −j 2 = −j
10.2. Tema 2 103

si ha:
1 2
√2 = H0

H(e j2πf0 ) = 1 = 2 + j =

1 + j · 2 5
La fase della funzione di trasferimento calcolata alla frequenza f0 vale:
 
j2πf0 1
∠H(e ) = − arctan =θ
2

L’uscita v(n) vale:


 n 
v(n) = H0 · cos π + θ
2
104 CAPITOLO 10. Temi di Elaborazione numerica
Capitolo 11

Temi accorpati

11.1 Tema 1
Testo
Esercizio 1
Il segnale:
x(t) = 2 · cos2 (2πt) + δ (t − 2)
viene posto all’ingresso di un sistema LTI analogico, causale, con risposta
all’impulso rettangolare di ampiezza unitaria e durata T = 1 s. Calcolare la
risposta y(t) del sistema LTI.

Esercizio 2
Determinare l’attesa e la varianza del processo casuale parametrico

x(t) = η + cos2 (2πt + θ)

dove η è una variabile casuale discreta che assume i valori +1 e -1 in modo


equiprobabile, e θ è una variabile casuale (statisticamente indipendente da η)
con densità di probabilità del primo ordine uniforme nell’intervallo [−π, +π).

Esercizio 3
La DTFT di una sequenza x(n) risulta essere:

3
X(e jω ) =
(1 − 0.8 · e −jω )5

Valutare la somma:
+∞
X
S= x(n)
n=−∞

105
106 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Esercizio 4
Si consideri un sistema LTI a tempo discreto con risposta all’impulso as-
solutamente sommabile. La funzione di trasferimento del sistema risulta
essere:
1
H(z) =
1 − 0.2 · z −2
1. determinare poli e zeri del sistema;

2. determinare la regione di convergenza della funzione di trasferimento;

3. determinare la risposta all’impulso del sistema;

4. scrivere l’equazione alle differenze che implementa il sistema LTI con


la funzione di trasferimento H(z).

Esercizio 5
Si determini l’energia della sequenza:
 |n|
1
x(n) =
2

Risoluzione
Esercizio 1
Il segnale in uscita avrà questa espressione:

y(t) = x(t) ∗ h(t) = 2 · cos2 (2πt) + δ (t − 2) ∗ h(t)


 

Spezzando in due si ha:

y(t) = 2 · cos2 (2πt) ∗ h(t) + δ (t − 2) ∗ h(t) = 2 · cos2 (2πt) ∗ h(t) + h(t − 2)

Per quanto riguarda il primo termine, in frequenza:


  
 2
1 1
X1 (f ) = F 2 · cos (2πt) = F 2 · + · cos(2π2t) =
2 2
 
1 1
= δ (f ) + · δ (f − 2) + · δ (f + 2)
2 2
sin(πf ) −j2πf · 1
H(f ) = ·e 2
πf
Perciò:
    
1 1 sin(πf ) −j2πf · 1
X1 (f ) · H(f ) = δ (f ) + · δ (f − 2) + · δ (f + 2) · ·e 2 =
2 2 πf
= δ (f ) + 0 + 0
11.1. Tema 1 107

I secondi due termini sono nulli perchè H(f ) valutata a frequenza 2 significa
avere a numeratore sin(2π) che è pari a 0.

Pertanto:
Y1 (f ) = δ (f ) =⇒ y(t) = 1
Quindi:
y(t) = 1 + h(t − 2)

Esercizio 2
Il valore atteso risulta essere:

E [x(t)] = E [η] + E cos2 (2πt + θ)


 

Si valutano singolarmente i due termini:


   
1 1
E [η] = [(−1) · P (η = −1)] + [(1) · P (η = 1)] = (−1) · + (1) · =0
2 2

   
1 1 1 1
E cos2 (2πt + θ)
 
= E + · cos(4πt + 2θ) = + E · cos(4πt + 2θ) =
2 2 2 2
1 1
= +0=
2 2
In quanto:
+∞
1
Z
cos(2π2t + 2θ) · π dθ = 0
−∞ 2
Perciò:
1
E [x(n)] =
2
La varianza vale:
 1
2
= E x2 (t) − (E [x(t)])2 = E x2 (t) −
  
σx(t)
4
Il primo termine vale:
h 2 i
E x2 (t) = E η + cos2 (2πt + θ
 

Il quadrato viene sviluppato in:

E η2 = 1
 

2 · E η 2 · E cos2 (2πt + θ = 0
   
in quanto le variabili sono indipendenti.
1 1 3 3
E cos4 (2πt + θ = · E [cos(8πt + 4θ)] + · E [cos(4πt + 2θ)] + =
 
8 2 8 8
108 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Infatti:
1
cos(α) = · [cos(4α) + 4 cos(2α) + 3]
8
Pertanto:
3 11
E x2 (t) = 1 + =
 
8 8
In conclusione:
2 11 1 11 − 2 9
σx(t) = − = =
8 4 8 8

Esercizio 3
Poichè:
+∞
X


X(e ) f =0 =
x(n)
n=−∞

Si calcola la DTFT della sequenza:



3 3
DTFT {x(n)}|f =0 = −j2πf
= =
(1 − 0.8 · e ) f =0 (1 − 0.8 · e −j2π·0 )5
5

3 3
= 5
=
(1 − 0.8) (0.2)5

Esercizio 4
1. Elaborando la sequenza:

z2
H(z) =
z 2 − 0.2
si riconoscono:

. uno zero di ordine 2 in z = 0;



. un polo di ordine 1 in z = + 0.2;

. un polo di ordine 1 in z = − 0.2.

2. Poichè la risposta all’impulso è assolutamente sommabile il sistema è


stabile e |z| = 1 ∈ ROC:

ROC = |z| > 0.2

3. Con i fratti semplici:


R R
H(z) = √ 1 + √ 1
1 − 0.2 · z −1 1 + 0.2 · z −1
dove:
1
R1 = R2 =
2
11.1. Tema 1 109

Perciò:
1 1
H(z) = √2 + √2
1 − 0.2 · z −1 1 + 0.2 · z −1
Antitrasformando:

1 √ √
   
−1 n 1 n
h(n) = Z {H(z)} = · ( 0.2) · u(n) + · (− 0.2) · u(n)
2 2

4. Poichè:
Y (z) 1
H(z) = =
X(z) 1 − 0.2 · z −2

Y (z) · 1 − 0.2 · z −2 = X(z)


 

y(n) − 0.2 · y(n − 2) = x(n)

Esercizio 5

Questo esercizio è praticamente identico all’esercizio 8.4 svolto a pagina 76.

Si esprime la sequenza in:


 n  −n
1 1
x(n) = · u(n) + · u(−n − 1)
2 2

L’energia dell sequenza è:

+∞ −1  −2n +∞  2n
X 2
X 1 X 1
Ex = |x(n)| = + =
n=−∞ n=−∞
2 2
n=0
−1  −n +∞  n +∞  n
X 1 X 1 X 1 1
= + = + 1 =
n=−∞
4 4 4 1− 4
n=0 m=1
!
1 1 5
= 1 −1 + 1 = 3
1− 4 1− 4
110 CAPITOLO 11. Temi accorpati

11.2 Tema 2
Testo
Esercizio 1

Si consideri un sistema LTI causale a tempo discreto con funzione di trasfe-


rimento:
1 + 31 · z −1
H(z) =
1 − 41 · z −1 · 1 + 15 · z −1
 

1. Determinare la regione di convergenza della funzione di trasferimento


del sistema.

2. Determinare poli e zeri del sistema.

3. Determinare la risposta all’impulso del sistema.

4. Scrivere la relazione I/O (equazione alle differenze) che implementa il


sistema LTI con la funzione di trasferimento H(z).

5. Disegnare lo schema realizzativo del sistema LTI con la funzione di


trasferimento H(z) data.

6. Calcolare l’espressione analitica della sequenza y(n) in uscita dal si-


stema in risposta alla sequenza d’ingresso:

x(n) = [u(n) − u(n − 3)] · (0.5)n

7. Determinare tutte le risposte all’impulso a cui può essere associata la


funzione di trasferimento H(z), e discuterne la stabilità.

Esercizio 2

Un processo casuale n(t) gaussiano, reale, stazionario WSS, con spettro di


potenza costante pari a N0 , viene posto all’ingresso di un sistema LTI con
risposta all’impulso h(t) = u(t) · e −4t .

1. Calcolare il valor medio, la varianza e l’autocorrelazione E [x(t) · x(t + τ )]


del processo x(t) in uscita dal sistema.

2. Calcolare il valor medio, la varianza e l’autocorrelazione E [y(t) · y(t + τ )]


del processo y(t) definito come:

y(t) = x(t) + 3
11.2. Tema 2 111

Esercizio 3
1. Determinare lo sviluppo in serie di Fourier del segnale periodico x(t):

+∞ 2
e −(t− 2 −nT )
X T
x(t) =
n=−∞

2. Il segnale y(t) è ottenuto filtrando x(t) con un il seguente filtro passa-


basso ideale H(f ):

1

1 |f | ≤
H(f ) = 2T
0 altrove

Calcolare la potenza di y(t).

Esercizio 4
Si consideri il segnale zn (t) definito come:

sin nπ Tt

zn (t) =
T
A partire da zn (t), si costruisca il segnale:

2
X ∂
x(t) = (zn (t))
∂t
n=0

1. Si calcoli la banda di x(t).

2. Si calcoli la minima frequenza di campionamento necessaria per gene-


rare una versione tempo discreta di x(t) senza perdita di informazione.

3. Si calcoli la trasformata di Fourier di x(t), X(f ).

4. Si calcoli X(f=0).

Esercizio 5
Si consideri un sistema LTI causale con risposta all’impulso reale, di cui è
noto che la funzione di trasferimento possiede due soli zeri e due soli poli.
I poli risultano coincidenti in z = 0, e vi è uno zero in z = 0.5 + j0.2. É
inoltre noto che la risposta in frequenza vale 1 per f = 0, ovvero H(1) = 1.
Determinare l’espressione analitica della funzione di trasferimento H(z) del
sistema LTI considerato.
112 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Risoluzione
Esercizio 1
1. Poichè il sistema è causale la regione di convergenza è il cerchio esterno
al polo maggiore:
1
ROC = |z| >
4
2. Elaborando l’espressione si ottiene:

z · z + 13

H(z) =
z − 41 · z + 15
 

Pertanto ci sono:

. uno zero di ordine 1 in z = 0;


1
. uno zero di ordine 1 in z = − ;
3
1
. un polo di ordine 1 in z = ;
4
1
. un polo di ordine 1 in z = − .
5
3. Con i fratti semplici:
R1 R2
H(z) = +
1 − 4 · z −1 1 + 15 · z −1
1

I due residui valgono:


35
R1 =
27
8
R2 = −
27
Quindi:
" # " #
35 1 8 1
H(z) = · −
27 1 − 41 · z −1 27 1 + 51 · z −1

Perciò la risposta all’impulso vale:


  n    n 
−1 35 1 8 1
h(n) = Z {H(z)} = · · u(n) − · − · u(n)
27 4 27 5

4. Elaborando l’espressione si ha:

Y (z) 1 + 13 · z −1
H(z) = = 1 1
X(z) 1 − 20 · z −1 − 20 · z −2
11.2. Tema 2 113

Perciò:
   
1 −1 1 −2 1 −1
Y (z) · 1 − ·z − ·z = X(z) · 1 + · z
20 20 3

L’equazione alle differenze finite è dunque:


1 1 1
y(n) − · y(n − 1) − · y(n − 2) = x(n) + · x(n − 1)
20 20 3

5. Uno schema circuitale che implementa il sistema è:

x(n) ⊕ ⊕ y(n)

z −1 ⊗ z −1
−1/20

⊗ ⊗ z −1
+1/3 −1/20

6. Elaborando la sequenza si ha:

x(n) = [u(n) − u(n − 3)] · (0.5)n = δ (n) + 0.5 · δ (n − 1) + 0.25 · δ (n − 2)

Perciò:
y(n) = h(n) + 0.5 · h(n − 1) + 0.25 · h(n − 2)

7. Tutte le possibili risposte all’impulso sono:


 
1
. con ROC = |z| > si ha h(n) causale e in questo caso il
4
sistema è stabile in quanto z = 1 ∈ ROC;
 
1
. con ROC = |z| < si ha h(n) anticausale e in questo caso il
5
sistema non è stabile perchè z = 1 ∋ ROC;
 
1 1
. con ROC = < |z| < si ha h(n) bilatera e anche in questo
5 4
caso il sistema non è stabile perchè z = 1 ∋ ROC.

Esercizio 2
1. Il segnale:
x(t) = n(t) ∗ h(t)
Quindi:
E [x(t)] = H(0) · E [n(t)] = 0
114 CAPITOLO 11. Temi accorpati

La funzione di autocorrelazione vale:


( 2 )  
−1 1 −1 1 N0
= e −4|τ | ·

Rx (τ ) = F N0 · = F N 0 ·
4 + j2πf 16 + j4π 2 f 2 8

Perciò la varianza vale:


N0
σx2 = Rx (0) =
8
2. Siccome:
y(t) = x(t) + 3
Allora:
E [y(t)] = E [x(t)] + 3 = 3
Per quanto riguarda la varianza, si determina prima la funzione di
autocorrelazione:
N0
Ry (τ ) = Rx (τ ) + 32 = e −4|τ | · +9
8
Pertanto:
N0
σy2 = Ry (0) = +9
8

Esercizio 3
Il segnale elementare è:
t 2
r(t) = e −(t− 2 )
Poichè: √ 2 2
F ex−t2 = π · e −π f


Allora: o √
t 2
n
F e −(t− 2 ) = π · e −π f · e −jπf T
2 2

1. Lo sviluppo in serie è:


+∞
1 X n  n
X(f ) = · R ·δ f − =
T n=−∞ T T
+∞
π X −π2 ( n )2 −jπ n T  n
= · e T ·e T ·δ f −
T n=−∞ T

2. Con questo filtro l’unica componente che passa inalterata è quella in


banda base:
π
Y (f ) = · δ (f )
T
La potenza pertanto risulta essere:
 π 2
Py =
T
11.2. Tema 2 115

Esercizio 4
La derivata di zn (t) è:
1 2πn  n 
· · cos 2π t
T 2T 2T
Perciò:    
π 1 1π 1
x(t) = 2 · cos 2π t + 2 · cos 2π t
T 2T T T
1. La banda, osservando il termine con n = 2, è:
1
Bx =
T
2. La frequenza minima di campionamento perciò:
2
fcmin = 2 · Bx =
T
3. La trasformata di Fourier è:
        
π 1 1 1 1
X(f ) = · δ f− +δ f + +2·δ f − +2·δ f +
2T 2 2T 2T T T

4. X(0) = 0.

Esercizio 5
Esprimendo la funzione di trasferimento come:
(z − z0 ) · (z − z0 )∗
H(z) = A ·
z2
Sostituendo a z0 = 0.5 + j0.2:
(z − 0.5 + j0.2) · (z − 0.5 + j0.2)
H(z) = A ·
z2
Poichè H(1) = 1:
(1 − 0.5 + j0.2) · (1 − 0.5 + j0.2)
H(z) = A · =1
12

A · [(0.5 + j0.2) · (0.5 + j0.2)] = 1


A · [0.52 + 0.22 ] = 1


100
A=
29
116 CAPITOLO 11. Temi accorpati

11.3 Tema 3
Testo
Esercizio 1
Si consideri un sistema LTI a tempo discreto con funzione di trasferimento:
1 −1
1+ 2 ·z
H(z) =
1 −1 2

1− 3 ·z

É noto che la risposta all’impulso h(n) del sistema in esame è assolutamente


sommabile, cioè vale la relazione:
+∞
X
|h(n)| < ∞
n=−∞

1. Determinare la regione di convergenza della funzione di trasferimento


del sistema.

2. Determinare poli e zeri del sistema.

3. Determinare la risposta all’impulso del sistema.

4. Scrivere la relazione I/O (equazione alle differenze) che implementa il


sistema LTI con la funzione di trasferimento H(z).

5. Disegnare lo schema implementativo del sistema LTI con la funzione


di trasferimento H(z) data.

6. Calcolare l’espressione analitica della sequenza y(n) in uscita dal si-


stema in risposta alla sequenza d’ingresso:
4
x(n) = [u(n) − u(n − 2)] − · δ (n − 1)
3

7. Determinare tutte le risposte all’impulso a cui può essere associata la


funzione di trasferimento H(z), e se ne discuta la stabilità.

Esercizio 2
Si desidera convertire in formato numerico il segnale:
 
∂ sin(10πt)
x(t) =
∂t t

Calcolare la minima frequenza di campionamento necessaria per soddisfare


il teorema del campionamento sul segnale x(t).
11.3. Tema 3 117

Esercizio 3
Si consideri un sistema LTI con risposta all’impulso reale. É noto che la
relativa funzione di trasferimento possiede solo un polo di ordine 5 in z = 0,
1 π
ed uno zero in z = · e j 4 . É inoltre noto che la risposta in frequenza
2
jω 1
H(e ) vale zero per f = .
2
Determinare l’espressione analitica della funzione di trasferimento H(z) del
sistema LTI considerato.

Esercizio 4
Si considerino i due segnali:

x(t) = e −a·|t|

con a costante reale strettamente positiva e:

sin(πBt)
y(t) = [x(t) · δ (t − T )] ∗
πt
con T costante reale e strettamente positiva (si noti che il simbolo ∗ indica
la convoluzione lineare tra segnali). É noto che il segnale x(t) è continuo e
non nullo in t = T .
Determinare la relazione tra i parametri B e a in modo tale che l’energia
del segnale y(t) sia pari a due volte l’energia di x(t).

Esercizio 5
Un processo casuale n(t) gaussiano, reale, stazionario WSS, con spettro di
potenza:
N0
Gn (f ) = ∀f
2
viene posto all’ingresso di un sistema LTI con risposta in frequenza H(f ). É
noto che |H(f )|2 è una funzione triangolare, pari, con valore massimo pari
a 2 e banda [−B, +B].
Calcolare il valor medio, la varianza e l’autocorrelazione E [y(t) · y(t + τ )]
del processo y(t) in uscita dal sistema.

Risoluzione
Esercizio 1
1. Dal testo è specificato che la risposta all’impulso è assolutamente
integrabile perciò è verificato il criterio BIBO per cui:

|z| = 1 ∈ ROC
118 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Quindi:  
1
ROC = |z| >
3

2. Elaborando l’espressione della funzione di trasferimento si ha:

1 + 12 · z −1 z · z + 12

z2
H(z) = 2 · 2 = 2
1 − 1 · z −1 z z−1
3 3

Sono dunque presenti:

. uno zero di ordine 1 in z = 0;


1
. uno zero di ordine 1 in z = − ;
2
1
. un polo di ordine 2 in z = .
3
3. Spezzando l’espressione della funzione di trasferimento:
" #
1 1 z −1
H(z) = 2 + ·
1 − 1 · z −1 2 1 − 1 · z −1 2

3 3

è possibile antitrasformare membro a membro perchè dalle tavole si


conosce che:
z −1
=⇒ n αn−1 · u(n)
(1 − αz −1 )2

. Per quanto riguarda il primo membro è necessario moltiplicare


per z · z −1 al fine di ricondurci alla trasformata notevole:

z −1
H1 (z) = z · 2
1
1− 3 · z −1

La trasformata risulta quindi essere:


 n
1
h1 (n) = (n + 1) · u(n + 1)
3

Il termine +1 sommato a n deriva dal fatto di avere z che mol-


tiplica interamente l’espressione da trasformare; da ciò segue che
l’esponente non è n − 1, ma soltanto n.
. Per quanto riguarda il secondo termine è sufficiente applicare
direttamente la trasformata notevole:
 n−1
1 1
h2 (n) = · n · u(n)
2 3
11.3. Tema 3 119

In conclusione:
  n  "  n−1 #
1 1 1
h(n) = h1 (n) + h2 (n) = (n + 1) · u(n + 1) + ·n · u(n)
3 2 3

4. Sviluppando il quadrato a denominatore si ha:

1 + 21 · z −1
H(z) =
1 − 23 · z −1 + 91 · z −2

Poichè:
Y (z) 1 + 21 · z −1
H(z) = =
X(z) 1 − 32 · z −1 + 19 · z −2
si ottiene:
   
2 −1 1 −2 1 −1
Y (z) · 1 − · z + · z = X(z) · 1 + · z
3 9 2
Antitrasformando si ottiene:
2 1 1
y(n) − · y(n − 1) + · y(n − 2) = x(n) + · x(n − 1)
3 9 2

5. Una possibile realizzazione circuitale è:

x(n) ⊕ ⊕ y(n)

z −1 ⊗ z −1
−2/3

⊗ ⊗ z −1
1/2 1/9

6. Elaborando l’espressione si ottiene:


1
x(n) = δ (n) − · δ (n − 1)
3
Con la trasformata Z:
1 −1
X(z) = Z {x(n)} = 1 − ·z
3
Perciò:
 " #
1 + 21 · z −1

1
Y (z) = X(z) · H(z) = 1 − · z −1 · 2 =
3 1 − 31 · z −1
1
1+ 2 · z −1
= 1
1− 3 · z −1
120 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Antitrasformando si ha:
   
1
· z −1
   
1    
y(n) = Z −1 {Y (z)} = Z −1 + Z −1 2
=
 1
 1 − · z −1 
  1 − 1 · z −1 
 
3 3
 n  "  n−1 #
1 1 1
= · u(n) + · · u(n − 1)
3 2 3

7. Poichè esiste un solo polo di ordine 2 le risposte all’impulso possono


solo essere causali o anticausali:
  
1
ROC = |z| > risposta causale


 3
1
ROC = |z| < risposta anticausale


3

Nel primo caso il sistema è stabile, come già analizzato in precedenza,


mentre nel secondo no perchè:

|z| = 1 ∋ ROC

La risposta di tipo anticausale, partendo da:


" #
1 1 z −1
H(z) = 2 + ·
1 − 1 · z −1 2 1 − 1 · z −1 2

3 3

e sfruttando la trasformata notevole con questa ROC:

z −1
=⇒ −n αn · u(−n − 1)
(1 − αz −1 )2

si ottiene con gli stessi passaggi del punto 3:


"  n+1 #   n 
1 3 1
h(n) = −3 · (n + 1) · u(−n − 2) − ·n · u(−n − 1)
3 2 3

Esercizio 2
Esprimendo il segnale come:
 
∂ sin(2πt · 5)
x(t) =
∂t t

Si osserva che trasformando con Fourier:


    
∂ sin(2πt · 5) sin(2πt · 5)
X(f ) = F{x(t)} = F = j2πf · F
∂t t t
11.3. Tema 3 121

Questa trasformata è sostanzialmente una sinc con altezza π anzichè 1: la


sua banda, in frequenza, è pertanto 5 Hz.
  
sin(2πt · 5)
Il supporto di una retta (j2πf ) e una sinc F ha esattamen-
t
te la stessa banda della sinc perciò la frequenza minima di campionamento
è:
fcmin = 2 · 5 Hz = 10 Hz

Esercizio 3
Poichè il numero dei poli e degli zeri deve coincidere se il polo è di ordine 5
1 π
ci saranno 5 zeri e uno di questi è z = · e j 4 .
2
Nel testo è specificato che la risposta all’impulso è reale perciò siccome lo
zero sopra citato è complesso sarà presente come elemento di una coppia di
zeri complessi coniugati:
1 jπ 1 −j π
z1 = ·e 4 z2 = z1∗ = ·e 4
2 2
L’ultimo elemento utile per determinare uno zero è sapere che la funzione
1
di trasferimento si annulla per f = :
2
1
z = e j2πf 1 =⇒ z = e j2π· 2 = e jπ = −1

f= 2

In conclusione:
 π
  π

1
z+ 2 · ej 4 · z− 1
2 · e −j 4 · (z + 1)
H(z) =
z5

Esercizio 4
L’energia del segnale x(t) risulta essere:
Z +∞ Z +∞ +∞
1
Z
2 −2 a·|t|
Ex = |x(t)| dt = e dt = 2 · e −2 a·t dt =
−∞ −∞ 0 a
Per determinare l’energia del segnale y(t) si procede trasformando con Fou-
rier:
 
sin(πBt)
Y (f ) = F{y(t)} = F{[x(t) · δ (t − T )]} · F =
πt
= F{[x(T ) · δ (t − T )]} · pB (f ) = x(T ) · e −j2πf · pB (f )

Il modulo quadro di Y (f ) vale:


|Y (f )|2 = |x(T )|2 · pB (f )
122 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Pertanto: Z +∞
Ey = |x(T )|2 · pB (f ) df = |x(T )|2 · B
−∞

Poichè:
Ey = 2 · Ex
La relazione da determinare è:
2
|x(T )|2 · B =
a

Esercizio 5
Poichè Gn (f ) è costante su tutte le frequenze:

E [n(t)] = 0

Il valor medio del processo di uscita pertanto:

E [y(t)] = E [n(t)] · H(f = 0) = 0

La varianza quindi risulta essere composta solo dal termine:


Z +∞ Z +∞
2
Gn (f ) · |H(f )|2 df
 2 
σy = E y (t) = Gy (f ) df =
−∞ −∞

Il |H(f )|2 è un triangolo di altezza 2 e base 2B perciò la sua area è pari a 2B


mentre lo Gn (f ) è una costante perciò non interviene nel calcolo integrale.
Quindi:
N0
σy2 = 2B · = N0 · B
2
La funzione di autocorrelazione è:

Ry (τ ) = E [y(t) · y(t + τ )] = F −1 {Gy (f )}

L’antitrasformata di Fourier di un triangolo è una sinc2 con semiperiodo B:


N0 
· 2 · B · sinc2 (Bt)

Ry (τ ) =
2
11.4. Tema 4 123

11.4 Tema 4
Testo
Esercizio 1

Si consideri il segnale x(t) limitato in banda e con spettro di ampiezza pari


a:  
πf
X(f ) = cos · p2B (f )
2B
A
dove B = 10 Hz. Si ricorda che la funzione pA (α) vale 1 per |α| < e0
2
altrove.

1. Rappresentare qualitativamente X(f );

2. ricavare l’espressione analitica di x(t).

Si consideri ora il segnale:

y(t) = x(t) + cos (2πf0 t)

dove f0 è pari a 5B. Il segnale y(t) sia posto in ingresso al sistema


LTI:

y(t) z(t)
h(t)

 
T
dove h(t) = pT t− . Sia z(t) l’uscita del sistema.
2

3. Calcolare il massimo valore di T in modo che la banda di z(t) non


dipenda da f0 ;

4. nel caso precedente calcolare la minima frequenza di campionamento


per z(t).

Si consideri ora il caso in cui il segnale di ingresso è un processo casuale:

Y (t) = X(t) + cos (2πf0 t)

dove X(t) è un processo casuale gaussiano stazionario a media nulla e va-


rianza nota. Discutere la stazionarietà del processo Y (t) e del processo Z(t)
che si ottiene filtrando Y (t) col filtro progettato al punto 3.
124 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Esercizio 2

Si considerino il sistema a tempo discreto con relazione ingresso-uscita:

y(n) = x(n) + a · x(n2 − 7) + 0.5 · x(n − 2)

ed il segnale a tempo discreto x(n):


 n
1
x(n) = 2 · · u(n) − 7 · (3)n · u(−n − 1)
4

1. Si discutano le proprietà di Linearità, Tempo Invarianza, Memoria,


Stabilità e Causalità del sistema.

2. Se ne calcolino la risposta all’impulso h(n) e la funzione di trasferimen-


to H(z) nel caso in cui a = 0 , se ne definisca la ROC e si determinino
poli e zeri del sistema.

3. Nel caso in cui a = 0 , si calcolino l’energia Ex di x(n) e l’energia Eh


di H(z).

4. Nel caso in cui a = 0 , si ponga x(n) in ingresso al sistema con funzione


di trasferimento H(z) e si calcoli l’uscita y(n). Si determini la ROC
di Y (z).

5. Si calcolino le DTFT di x(n), h(n) e y(n).

Risoluzione
Esercizio 1

1. La moltiplicazione per una porta di durata 2B vincola la rappresenta-


zione del segnale in banda base:

X(f )

−B B f

Il periodo del coseno è infatti 2B perciò fra [−B, +B] se ne considerano


i due semiperiodi.
11.4. Tema 4 125

2. Con la antitrasformata di Fourier si ottiene:


   
−1 −1 πf
x(t) = F {X(f )} = F cos · p2B (f ) =
2B
  
−1 πf
= F cos ∗ F −1 {p2B (f )} =
2B
  
−1 2πf
= F cos ∗ F −1 {p2B (f )} =
4B
    
1 1 1 sin (π t 2B)
= · δ t− +δ t+ ∗ =
2 4B 4B πt
1 1
   
sin 2π B t − 4B sin 2π B t + 4B
= +
2π t 2π t

Per quanto riguarda il segnale y(t):


1
Y (f ) = X(f ) + · [δ (f − 5B) + δ (f + 5B)]
2
Graficamente:

Y (f )

−5B −B B 5B f

3. La funzione di trasferimento risulta essere:


sin (π f T ) −j2πf T
H(f ) = F{h(t)} = ·e
πf
Si ottiene, nel dominio di Fourier, il segnale in uscita come:
Z(f ) = Y (f ) · H(f )
La banda del segnale y(t) e quindi del segnale Z(f ) non dipende dalla
frequenza f0 = 5B se a questa frequenza la H(f ) è nulla, ossia:
1 1
T = =
f0 5B

4. Nelle condizioni calcolate al punto precedente:


Z(f ) = Y (f ) · H(f ) 6= 0 solo per |f | ≤ B
perchè il filtro farebbe passare del segnale Y (f ) solo la componente in
banda base:
126 CAPITOLO 11. Temi accorpati

Y (f )

−B B f

Perciò la frequenza minima di campionamento è:

fcmin = 2B

Il processo Y (t) non è WSS e neppure stazionario in quanto somma di:

. un processo gaussiano WSS X(t);

. un termine non stazionario come cos (2πf0 t).

Poichè:
Y (t) = X(t) + cos (2πf0 t)
usando il filtro progettato nel punto 3 il secondo termine sarà nullo perchè
quella frequenza viene elisa. Quindi:

Z(t) = X(t)

Il processo cosı̀ ottentuto gode delle stesse proprietà del processo X(t).

Esercizio 2
1. Il sistema considerato è:

. lineare;
. non causale;
. con memoria;
. stabile;
. invariante.

2. Ponendo a = 0:
y(n) = x(n) + 0.5 · x(n − 2)
Perciò la risposta all’impulso non è altro che:

h(n) = δ (n) + 0.5 · δ (n − 2)

Con la trasformata Z si ottiene:

H(z) = Z {h(n)} = 1 + 0.5 · z −2


11.4. Tema 4 127

Elaborando tale espressione si ha:


 z2 z 2 − 0.5
H(z) = 1 + 0.5 · z −2 · 2 =
z z2
Pertanto:
. esiste un polo di ordine 2 in z = 0;
1
. esiste uno zero di ordine 1 in z = − √ ;
2
1
. esiste uno zero di ordine 1 in z = + √ .
2
La regione di convergenza viene identificata dai punti:
ROC = {|z| > 0}

3. Per quanto riguarda la sequenza x(n):


+∞
|x(n)|2 =
X
Ex =
n=−∞
+∞  n 2 +∞
X 1 X
−7 · (3)−n · u(−n − 1) 2 =

= 2 · · u(n) +

n=−∞
4 n=−∞
+∞
X 1   n X−1
= 4· + 49 · (9)−n =
16 n=−∞
n=0
" # ( " +∞   #)
1 X 1 m
= 4· + 49 · −1 =
1 − 14 m=1
9
" # " #
1 1
= 4· + 49 · · =
1 − 14 1 − 19
16 9 1247
= 4· + 49 · − 49 =
15 8 120
Mentre l’energia della risposta all’impulso è semplicemente:
 2
2 1 1 5
Eh = (1) + =1+ =
2 4 4

4. Prima di determinare Y (z) si ricava X(z) con la trasformata Z:


2 7
X(z) = Z {x(n)} = 1 +
1− 4· z −1 1 − 13 · z −1
La regione di convergenza di questa sequenza è:
 
1
ROC = < |z| < 3
4
in quanto:
128 CAPITOLO 11. Temi accorpati

. il primo termine della sequenza è causale quindi avrà:


 
1
ROC = |z| >
4
. il secondo termine della sequenza è anticausale quindi avrà:
ROC = {|z| < 3}

Perciò:
" #  
2 7 1 −2
Y (z) = X(z) · H(z) = + · 1+ ·z =
1 − 14 · z −1 1 − 13 · z −1 2
2 · 1 + 12 · z −2 7 · 1 + 12 · z −2
 
= + =
1 − 41 · z −1 1 − 13 · z −1
7
2 + z −2 7+ 2 · z −2
= 1 −1
+ 1
1− 4 ·z 1− 3 · z −1
La sequenza y(n) si ottiene:
. per quanto riguarda il primo termine di Y (z) indicato con Y1 (z):
2 + z −2 2 z −2
Y1 (z) = = +
1 − 41 · z −1 1 − 14 · z −1 1 − 14 · z −1
Antitrasformando si ha:
 n  n−2
1 1
y1 (n) = 2 · · u(n) + · u(n − 2)
4 4
. per quanto riguarda il secondo termine di Y (z) indicato con Y2 (z):
2 + z −2 2 z −2
Y2 (z) = = +
1 − 31 · z −1 1 − 13 · z −1 1 − 13 · z −1
Antitrasformando si ha:
7
y2 (n) = 7 · (3)n · u(−n − 1) + · (3)n · u(−n + 1)
2
In conclusione:
y(n) = y1 (n) + y2 (n)
5. Le tre DTFT si calcolano sostituendo semplicemente a z = e jω :
H(e jω ) = 1 + 0.5 · e −2jω
2 7
X(e jω ) = 1 −jω
+ 1 −jω
1− 4 ·e 1 − 3e
2 + e −2jω 7 + 72 · e −2jω
Y (e jω ) = +
1 − 41 · e −jω 1 − 31 · e −jω