Sei sulla pagina 1di 3

MODULO 5 - E-LEARNING: TEORIA E METODO

LA NUOVA FRONTIERA DELLE-LEARNING NELLA SCUOLA DEL XXI SECOLO


Sarebbe ormai impossibile pensare alla comunicazione nei giorni nostri senza poter prendere in
considerazione lamplificazione e modificazione che ad essa apportano le nuove tecnologie.
Tale profondo cambiamento anche vissuto nel mondo della scuola. Con lavvento dei media
digitali sono cambiati infatti i modus operandi degli studenti che si avvicinano allinformazione e
alla formazione, con ripercussioni significative rispetto a come essi percepiscono il momento
dellapprendimento.
Luso diffuso dei PC, dei social networks, degli smartphone e di tutto ci che costituisce lodierna
tecnologia ha cambiato il paradigma apprenditivo e insegnativo scolastico: gli studenti sono sempre
pi esposti ad informazioni provenienti da tutti questi media; i docenti, dal canto loro, sono
anchessi soggetti a tali cambiamenti, ma in una forma molto pi blanda e rallentata: spesso non
riescono a stare al passo dei discenti, i quali riescono ad accedere alle informazioni molto pi
velocemente rispetto a chi prima era depositario assoluto della conoscenza e dei concetti di una
determinata materia.
Si profila perci, con lavvento delle-learning, anche una diversa figura dellinsegnante: egli non
pi il solo ad avere accesso esclusivo alle informazioni della materia; deve perci innescarsi un
processo di aggiornamento continuo degli insegnanti affinch riescano a star dietro ai loro discenti.
In un tale scenario, le-learning gioca un ruolo di primaria importanza, fornendo al corpo docente
un punto dosservazione privilegiato sul linguaggio e sulla cultura giovanile per intercettarne le
peculiarit cos da poter ricostruire la relazione formativa su nuove basi. Tale riconciliazione
quanto mai necessaria, quanto pi il ruolo della scuola centrale per consegnare alla persona quegli
strumenti per interpretare e gestire la complessit del mondo reale e di quello dellinformazione.
Bisogna perci ripensare alcuni dei programmi ministeriali che ormai risultano essere obsoleti per
la realt sociale e produttiva odierna e pensare a quali modi e attraverso quali strumenti si possano
proporre le nuove conoscenze delle generazioni future.
Parlare di e-learning significa perci toccare una prospettiva molto ampia, consapevoli che si va
incontro ad un paradigma didattico rivoluzionario, costituito da una rete pressoch infinita di
studenti: la classe apre quindi le sue mura per proiettarsi verso altre classi presenti su suolo
nazionale e mondiale.
Elenchiamo qui di seguito le vari configurazioni delle-learning nella scuola del XXI secolo:
LE-learning come abbattimento delle mura dellaula: si tratta di coinvolgere e inglobare nel
processo formativo persone e risorse distanti fisicamente ma ravvicinate virtualmente (si pensi ai
gemellaggi virtuali tra scuole di paesi diversi, allaccesso a documentazione, esperti e a comunit di
apprendimento in Rete);

E-learning come consapevolezza: lapprendimento elettronico si profila come momento di


educazione dei giovani ad un utilizzo responsabile e critico dei nuovi media sia nei momenti di
apprendimento formale e di studio che nelle diverse situazioni della vita quotidiana;
E-learning come opportunit: esso costituisce una vera fonte di arricchimento della didattica
tradizionale, mediante lutilizzo di supporti multimediali che permettono di instaurare
collaborazioni con reti di scuole fisicamente distanti tra loro;
E-learning come nuova occasione formativa: esso permette di accedere ai contenuti formativi per
coloro che non sempre possono essere presenti in classe (gli assenti);
E-learning come strumento privilegiato: esso aiuta nello sviluppo di alcune capacit degli
studenti disabili, attraverso uno specifico utilizzo della multimedialit;
E-learning per laggiornamento: si presta nellaiuto della formazione continua dei docenti, in
modo programmatico o attraverso liniziativa autonoma.
Presentiamo ora alcuni esempi di utilizzo pratici delle-learning in una classe di lingue straniere che
potrebbero rivelarsi particolarmente utili per innalzare i livelli di motivazione dei discenti:
1) E-mail: le-mail permette allinsegnante di mettere in contatto asincrono gli studenti delle proprie
classi con studenti di paesi stranieri per dialogare per iscritto. Si tratta dellevoluzione del penfriend o pen-pal, metodo ampiamente utilizzato prima dellavvento della posta elettronica dai
docenti di lingue straniere per promuovere luso autentico in contesti significativi della lingua
straniera (oggi si parla di e-pals: electronic pals). Esistono siti appositi (www.epals.com) per
mettere in contatto classi provenienti da paesi di tutto il mondo;
2) Chat: questo strumento permette allinsegnante di far dialogare i propri studenti in tempo reale
con studenti madrelingua o di altri paesi con cui utilizzare una lingua straniera come lingua franca.
Luso della chat consigliabile con studenti di livello intermedio-avanzato in quanto il carattere
sincrono della comunicazione richiede una competenza linguistica gi matura. Il suo utilizzo pu
avvenire in orario scolastico, ad empio nellaula di informatica, o in orario extra-scolastico, da casa.
Linsegnante potrebbe decidere di utilizzare le conversazioni per una riflessione linguistica in
classe, analizzando i campioni di lingua prodotti dai propri alunni al fine di identificare le aree da
recuperare, rinforzare e consolidare;
3) Forum: il carattere asincrono del forum, come le-mail, rende facilmente gestibile tale strumento
per un insegnante di lingue straniere. Il docente decide quale topic (argomento) trattare per la sua
classe. Dopo lapertura della discussione gli studenti potranno scrivere le loro opinioni con i propri
tempi. Lo studente pu inserire richieste di chiarimenti contenutistici e formali, alle quali potranno
rispondere sia il docente che gli studenti, creando cos spirito di gruppo e stimolando laiuto a
vicenda tra compagni di classe;
4) Blog: il blog viene definito generalmente diario online; costituito da una serie di post
(interventi) composti da un titolo e un testo visualizzati in ordine cronologico. Gli studenti possono
inserire i propri post, allegando anche immagini e video. Laspetto positivo, come per il forum e per

le-mail, il carattere asincrono dello strumento, che permette allo studente di riflettere sulle
strutture linguistiche da utilizzare prima di inviarle. La creazione di un blog gratuita, diversi siti
infatti offrono tale servizio. Riteniamo opportuno rammentare lutilizzo ormai esteso che gli
studenti fanno della tipologia di strumento blog attraverso il social network Facebook. Questultimo
permette infatti la creazione di gruppi a vari scopi. Il docente pu decidere di creare un gruppo
Facebook di una determinata classe (o pi classi) per sollecitare gli studenti ad utilizzare la lingua in
modo spontaneo. Due docenti di diverse scuole potrebbero altres amministrare un gruppo in
comune, aprendo discussioni e monitorando le conversazioni dei discenti e i progressi linguistici
fatti;
5) Le modalit sinora analizzate prevedono tutte lo sviluppo della produzione/interazione scritta. Il
Web, come ben noto, permette anche di effettuare chiamate e video-chiamate gratuitamente
attraverso diversi software applicativi (tra i pi famosi Skype). Il docente pu sfruttare tali software
per mettere in contatto i propri studenti con studenti di classi di paesi esteri.
Riteniamo che le-learning sia oggi uno strumento dapprendimento utilissimo in una classe di
lingue straniere. Esso permette, attraverso gli strumenti sopra analizzati, di modificare la
concezione tradizionale dello studio di una lingua straniera degli approcci formalistici. Tutte le
abilit, ricettive e produttive, ne escono vincenti: non pi falsi pragmatici, ovvero comunicazioni in
lingua straniera con i compagni di classe o con il docente, ma comunicazioni autentiche con alunni
di altre classi. In tal modo i discenti possono comprendere quale sia limmediata spendibilit dello
studio di una lingua straniera, mettendosi a confronto sia linguisticamente che (e soprattutto)
culturalmente con alunni di altri paesi e culture.
I detrattori delle-learning, tuttavia, rimarcano lassenza di sistemi di verifica delleventuale
apprendimento, cos come rischi di dispersivit e di alienazione di fronte alla macchina. Alcuni
insegnanti infatti si sentono minacciati, messi in discussione per ci che concerne le loro
conoscenze, in quanto i discenti possono verificare seduta stante la veridicit delle informazioni
dette in aula.
Concludiamo tuttavia con lassunto che nella scuola odierna sarebbe impossibile non tener conto
delle-learning in quanto non si terrebbe conto del linguaggio stesso dei giovani. Equivarrebbe a
parlare due lingue diverse e non comprendersi reciprocamente.