Sei sulla pagina 1di 10

Le tecnologie delle informazioni nella comunicazone (TIC) e didattica

La diffusione delle tecnologie ha influenzato l'informazione e la didattica negli ultimi tempi. La


dirigenza scolastica è tenuta a promuovere e sollecitare l'uso delle tecnologie dell'informazione
(TIC) e della comunicazione. Le nuove tecnologie hanno influenzato l'apprendimento degli
studenti favorendo alcune tipologie di intelligenza piuttosto che altre, in particolare, è stato
sollevato l'allarme che, l'uso massiccio di internet, possa influire negativamente
sull'interpretazione, l'allineamento delle parole e l'impoverimento della grammatica. Le nuove
tecnologie spingono gli studenti a percepire concetti in modo non consequenziale ma simultaneo,
rappresentati attraverso forme iconiche, ed espressi con una pluralità di codici. Tendono a
sviluppare nei ragazzi, quindi, altri tipi di intelligenze rispetto a quelle sollecitate da didattiche
datate. La teoria dell "Human information processing" (HIP) studia il linguaggio iconico e mette in
connessione l'apprendimento umano e le procedure dell'elaboratore elettronico concludendo
affermando che solo il cervello umano è capace di operazioni intenzionali di interpretazione,
mentre quello artificiale si limita alla sola organizzazione. Anche Ausbel ci fornisce elementi
importanti di didattica. Egli studia le proprietà associative del pensiero nelle mappe concettuali.
La mappa concettuale permette di costruire la propria conoscenza e si basa su un principio di tipo
costruttivista e non meccanico-mnemonico. Gli argomenti, collegati tramite le frecce, possono
essere sempre integrati e mai esaustivi. L' HIP e le mappe concettuali solo alla base della
didattica per l'insegnamento alle TIC.

Gli strumenti multimediali

Gli strumenti multimediali sono caratterizzati da strumenti audio-visivi e strumenti elettronici che,
all'unisono, tendono ad essere maggiormente funzionanti a livello di apprendimento. Questi
strumenti utilizzano più canali di comunicazione e più codici come immagini, suoni, ipetesti ecc...
Gli ipertesti sono testi sia linguistici che iconici a struttura reticolare e contestualizzante.

Le TIC come risorse didattiche

Con i cambiamenti sociali e tecnologici e lo sviluppo dell'approccio costruttivista, il "teaching


centered" si è sostituito al "learning centered"; non è più l'insegnante ad avere un ruolo centrale
bensì l'allievo. L'allievo si forma nel contesto in cui egli è strettamente collegato e
l'apprendimento nasce dalla collaborazione e la comunicazione tra egli e gli altri individui. Le TIC
in ambito scolastico sono caratterizzate da: software didattici specifici, software generali (come la
scrittura, autore), software nati per altri scopi e poi adattati alla didattica, risorse elettroniche
(archivi, immagini), ambienti tecnologici per l'apprendimento (sistemi di rete, piattaforme e-
learning). Il software didattico nasce con la finalità di migliorare la spiegazione in aula, esercitare
l'allivo su una determinata tematica e recuperare abilità non completamente acquisite. I software
didattici sono molto richiesti e la valutazione positiva di essi riguarda principalmente la facilità di
di utilizzo, i requisiti hardware minimi, la facilità di utilizzo per studenti disabili e la disponibilità di
approfondimenti. Rispetto ad un tradizionale libro di testo questi software devono essere creati in
base alle strette esigenze della classe. Nella nuova pratica didattica sono molto utilizzati anche gli
ipertesti che consentono di passare da un argomento all'altro attraverso dei legami testuali. La
non linearità degli argomenti permette una lettura ed un apprendimento senza un itinerario
specifico, ovvero, lo studente ha un ruolo attivo e non esiste un testo uguale per tutti. Ogni
studente crea ipertesti soggettivi in base alle proprie esigenze. Questo strumento, scondo la
teoria costruttivista, è capace di creare conoscenza creando motivazioni negli studenti e
rinforzando continuamente la propria autostima. Lo svantaggio è rappresentato dal fatto che è
molto semplice perdere di vista l'argomento principale addentrandosi in link sempre più
dettagliati. Gli ipertesti sono strumenti migliorativi ma non sostitutivi, quindi, l'insegnante deve
sempre mantere il suo ruolo di guida. Gli ipertesti, inoltre, sono prodotti finiti che non si possono
modificare e possono, quindi, facilmente diventare obsoleti in determinate discipline
caratterizzate da cambiamenti veloci e scoperte innovative. Un altro utilizzo delle TIC è quello
della video-scrittura in cui gli alunni, prevalentemente del primo ciclo, possono esercitarsi
all'acquisizione del codice linguistico e alla direzione del discorso. Queste diventano ancor più
efficaci se associate ad un sintetizzatore vocale che permette di avere una verifica immediata di
quanto scritto. La video-scrittura consente di eliminare l'ansia da "carta bianca", in quanto i
documenti possono essere sempre modificati, e risultano uno strumento efficace per gli studenti
DSA. Con la video-scrittura è importante citare anche l'utilizzo dei correttori ortografici che
evidenziano immediatamente gli errori, rendendo più veloce il processo di apprendimento. Anche
un utilizzo corretto di Internet può promuovere l'eccellenza in ambito didattico. Questo mezzo
consente di accedere velocemente a tutte le risorse disponibili che nella didattica tradizionale
sono separate, permette di sviluppare attivatà di collaborazione a distanza ad esempio lavorando
per progetti scolatici o creazione di siti a scopo didattico. Sfruttando internet come mezzo di
comunicazione (sincrono o asincrono) è possibile svolgere attività di sostegno o assistenza al di
fuori degli orari scolastici. Internet deve essere un luogo accrescitivo e per questo motivo la figura
dell'insegnante deve essere centrale e deve regolamentare le condizioni di accesso al fine di
garantire sicurezza. Un altro strumento didattico sono i videogiochi (azione, strategia, rote
playing, simulazione) anche se il loro utilizzo suscita parecchi dibattiti in quanto sembrano
emergere criticità sia sul piano cognitivo (non si sviluppano determinate abilità cognitive) che
etico.

Le crititcità delle TIC

Le conseguenze dell'utilizzo delle TIC sono la difficoltà di attenzione, i problemi di concentrazione,


la riduzione della capacità di lettura e il distacco dal mondo reale. Studi dello sviluppo cognitivo
hanno dichiarato che le tecnologie finalizzate all'apprendimento debbano essere utilizzate dopo i
9 anni in quanto i bambini devono sviluppare la propria infrastruttura neurologica e cognitiva
sperimentando tutti i sensi dall'interazione con il mondo reale. Altri studi e sperimentazioni
hanno dimostrato che le tecnologie didattiche aiutano ad accrescere la motivazione e l'autostima
degli alunni generando una maggiore capacità di sopportare difficoltà e stress. Spostando il focus
sull'allievo e sull'apprendimento concentrato su attività legate al "fare" è possibile aumentare le
cooperazioni tra gli alunni e favorire l'interazione. Uno dei maggiori vantaggi delle TIC è quello di
stimolare la partecipazione attiva dell'alunno se queste, però, sono integrative alle lezioni
classiche. Stimolando il ragionamento e la riflessione si ha un miglioramento dei risultati,
l'apprendimento risulta essere personalizzato e, grazie al lavoro cooperativo, si attiva il "peer
tutoring" (tutoraggio attivato tra gli allievi stessi). I software autore sono personalizzati rispetto ai
ritmi personali di ogni allievo. Essi consentono di ripetere l'attività, in orario extra scolastico, fin
quando non viene raggiunto il risultato, incoraggiando l'apprendimento autonomo e la
memorizzazione e la comprensione di concetti. In questo contesto l'insegnante diventa colui che
organizza l'apprendimento e il materiale didattico, in base alle varie esigenze della classe, dando
vita a prodotti semi-lavorati, tracce di lavoro, frames di riferimento, progettati insieme ad un team
di esperti. Concludendo è possibile affermare che le TIC risultano essere efficienti se integrative e
complementari al classico sistema formativo poichè ese sono caratterizzate da diversi canali di
comunicazione (testo, audio, video, ecc...) che agevolano l'apprendimento della lezione frontale.

E-Learning

L'E-Learning è un tipo di insegnamento basato sul modello comportamentista e prevede la


formazione a distanza (FAD). La tipologia più diffusa di E-Learning è quella ricettiva, sequenziale e
a "scoperta guidata" basata su moduli, esercitazioni e prescrizioni procedurali. La funzione
educativa può essere svolta da un tutor, che interagisce a distanza attraverso interazione sincrona
o asincrona, oppure mediante collaborazione. La tipologia puù efficace è la "wrap around"
(avvolgente) dove vi è inizialmente preponderante la figura del tutor, che funge da facilitatore tra
i discenti e fornisce elementi utili per costruire concetti, e col tempo diventa man mano sempre
meno centrale. Il tutor è una persona con competenze in campo psico.sociale e pedagogico che
interagisce constantemente cno la comunità virtuale. L'esperto è colui che propone i contenuti,
pianifica i tempi e presenta risorse, obiettivi e compiti. L'insegnante facilitatore è colui che ha la
funzione di rinforzo allo studente in difficoltà. La FAD però risulta essere utile per un tipo di
istruzione secondaria o terziaria.

La LIM

La lavagna interattiva multimediale è una superficie sulla quale è possibile scrivere, disegnare,
allegare immagini, visualizzare testi, riprodurre video o animazioni. Tecnicamente si avvale di una
superficie interattiva, un proiettore ed un PC, ma la tecnologia moderna sta puntando
maggiormente solo su schermi touch screen evitando dispositivi accessori. Questa
apparecchiatura consente di mantenere il classico apporto didattico potenziandolo attraverso
funzioni multimediali e software didattici. La LIM permette di alternare la didattica frontale ad
approcci individuali attraverso attività laboratoriali molto utili per i ragazzi abituati a ragionare e
filtrare notizie in un'era ormai digitale. Consente, infatti, di convogliare l'attenzione su concetti
anche molto difficili. Gli elementi principali di una Lim sono la superficie interattiva; un dispositivo
elettronico avente le dimensioni della lavagna classica sulla quale è possibile interagire con le
mani, con il pennarello digitale o dispositivi per il controllo a distanza connessi in rete con la LIM;
un PC; un video-proiettore e dei software per la didattica. Il PC viene connesso con cavi USB al
proiettore e alla superficie interattiva, il proiettore riceve immaggini dal PC e le proietta sulla
lavagna interattiva. Le operazioni sulla LIM possoon essere effettuate con le mani o con i
pennarelli digitali. Ogni LIM è caratterizzata da elementi comuni che sono lo stage bianco, una
libreria di immagini, filmati e animazioni e alcuni strumenti per scrivere o disegnare forme
geometriche. Inltre ogni LIM consente di utilizzare tutti i software presenti sul PC con il vantaggio
di poter agire senza mouse.

La LIM può essere utilizzata per attività di classe, laboratori o interrogazioni. Ha la peculiarità di
poter rendere accessibile in qualsiasi momento tutti i file elaborati da allievi o docenti, di poter
effettuare dei "cattura schermo" ed elaborarli in software per immaggini, e di poter pubblicare sul
web gli elaborati tramite software dedicati ed una relativa connessione. Questo ultimo passaggio
è importante per educare gli allievi all'uso corretore del web. Tra le potenzialità della LIM vi è: la
visualizzazione, che permette la presentazione di diversi contenuti attraverso le immaggini e non
sono l'ascolto e la lettura, e l'interattività, che permette la personalizzazione dei file con la
possibilità di interagire fisicamente sulla lavagna e di implementarli attraverso l'uso del web. Altre
potenzialità riconoscibili sono la facilità di comunicazione, l'estrema semplicità di utilizzo e le
potenzialità dirette verso l'integrazione. Siccome essa si interfaccia ad un PC è tecnicamente
disposta a coinvolgere il discente nella costruzione della lezione attraverso un'ottica di tipo
costruttivista; ogni LIM può registrare e inviare lezioni tramite mail, aiuta a focalizzare l'attenzione
su determinati aspetti, realizzare oggetti che possono essere allargati, ruotati o combinati alla
lezione, inserire qualsiasi tipo di file, selezionare diverse modalità di scrittura (evidenziatori,
figure geometriche, scrittura a mano libera ecc...). Nella fase di accensione è utili attendere
l'accensione della spia come conferma di stato di attività ed eventualemente calibrare l'immagine
dal video-proiettore.

La LIM offre altre opzioni per integrare la lezione tradizionale come i quiz interattivi, le mappe
concettuali, contenuti digitali e video digitali. I quiz interattivi offrono la possibilità alla classe di
avviare attività di riflessione e partecipazione evolvendo la classe in comunità di apprendimento.
Convogliano l'apprendimento in attività ludiche sviluppando le competenze cognitive e meta-
cognitive degli allievi. Secondo alcune moderne teorie esistono tre variabili nell'approccio dei
giovani ai giochi interattivi: il primo livello, è quello psico-motorio in cui le abilità personali del
giocatore sono legate a fattori di velocità nei tempi di reazione e di stimolo nella rielaborazione
delle informazioni, il secondo livello, è il livello di simulazione in cui si stabilisce il pensiero logico
razionale attraverso la capacità di calarsi nel contesto specifico percependolo come verosimile, il
terzo livello, è quello rappresentativo da cui si sviluppa il pensiero simbolico. I quiz hanno la
finalità di far apprendere concetti non solo attraverso i metodi tradizionali ma anche un "senso
motorio" in cui si osserva qualcosa, la si percepisce attraverso i sensi e si interviene con
un'azione.

Le mappe concettuali rappresentano delle schematizzazioni nelle quali le informazioni vengono


rappresentate mediante nodi semantici o collegamenti tra vari nodi. Per fare una mappa
concettuale è utile stilare una gerarchia identificando l'argomento principale e tutti quelli
secondari (possibilmente sulle conoscenze pre-acquisite).
I learning Object (LO) sono moduli di contenuto digitale didattico (CDD) sotto forma di lezioni o
prove di verifica utilizzabili con il PC. Si presentano come piccole unità di apprendimento dotate di
contenuto video, audio e testuali e totalmente indipendente ma che possono essere riassemblati
a seconda delle esigenze e degli obiettivi da perseguire. I learning object possono essere:
argomentativi (lezione strutturata secondo la programmazione didattica), addestrativo
(esercitazioni che permettono di monitorare i processi di acquisizione delle competenze),
sperimentali (percorsi personali di studio) e integratici (ricerce effettuate da altri sussidi). I LO si
possono utilizzare come supporto alla lezione, per approfondimenti o apprendimenti
personalizzati.

La Lim può espandere la propria natura didattica mediante link a video come sussidio a proiezioni
appositamente create. Oltre ai link che rimandano a video su Youtube, negli ultimi anni
emergono sempre di più i video sharing, ovvero, video realizzati direttamente dalla
collaborazione degli allievi e poi pubblicati in internet. Questi video hanno la finalità di
monitorare la partecipazione degli allievi, rendendola più attiva, e stimolando maggiormente la
memoria mediante le immagini.

La lezione attraverso la LIM è stata arricchita maggiormente attraverso lo sviluppo del web 2.0.
Questo termine indica la possibilità di ogni fruitore della reta di essere anche regista e il
produttore di informazioni e di veicolare la risorsa attraverso la rete. Anche i docenti possono
prendere questa risorsa come innovazione della metodologia dell'apprendimento in cui è l'allievo
che vi si pone nel fulcro. Attualemente sono i blog ad essere diffusissimi tra le nuove generazioni;
nati da Sorger, permettono di potenziare simultaneamente la lettura e la scrittura di contenuti
personali ed emozionali, per questo motivo hanno riscosso molto successo nella didattica. Il blog
è caratterizzato da una pagina personale dove vengono introdotti post o articoli in ordine
cronologico da parte dell'amministratore o dai visitatori ed è possibile creare spazi biografici,
introdurre link a siti web categorizzati. In ambito didattico il blog viene utilizzato per consentire il
dialogo tra studenti in merito ad alcune discipline e comunicare esternamente le attività svolte in
classe.

La wiki-didattica nasce nel 1995 ed ha la stessa base metodologica del blog con lo scopo di
conoscere nozioni e sollecitare gli studenti alla condivisione della propria conoscenza. La wiki-
didattica è di matrice costruttivista e permette di realizzare documenti di qualsiasi natura e di
modificarli nel tempo. Con la LIM è possibile creare una propria wiki permettendo agli studenti di
realizzare prodotti digitali attraverso software di scrittura e rendendo, quindi, la rete non più uno
strumento di ricerca passiva ma uno strumento con alti scopi didattici ed educativi.

Il termine podcast nasce nel 2004 dalla fusione dei termini I-pod e broadcasting con lo scopo di
poter trasmettere contenuti audio, viedeo e testuali e scaricarli in modo automatico attraverso
l'uso di software specifici denominati "aggregation". Questo è uno strumento particolarmente
adatto a scopi linguistici in quanto presenta audio-lezioni, sintesi, descrizioni, narrazioni ecc...
facilmente fruibili e gradevoli da ascoltare in formati audio e video. Tendenzialmente serve per
potenziare le conoscenze pre-acquisite dei ragazzi ed in classe risulta essere un'ottima risorsa per
rendere l'apprendimento più coinvolgente, per migliorare pronuncie e distonie vocali provenienti
dal background socio-culturale, sintetizzare autori in ambito letterario, aggiornare esperienze
laboratoriali. In conclusione è possibile affermare che esso è un mezzo che segna il passaggio da
una didattica trasmissiva ad una di tipo condivisiva.

La webquest (WO) è nata da Dodge nel 1995 ed è in grado di potenziare l'uso delle nuove
teconologie senza rinunciare all'azione di rinforzo del docente attraverso il supporto continuo e la
valutazione finale. Si basa su un approccio di tipo costruttivista di stampo laboratoriale e mira a
creare apprendimento informale attraverso l'elaborazione di prodotti finali nati mediante
negoziazione e collaborazione tra individui. Il docente valuta sia il prodotto finale sia le
conoscenze che ha accompagnato lo studente nella realizzazione. In primo luogo vengono fornite
le conoscenze di base e viene introdotto l'allievo nella situazione di base ("sei un giornalista...", "il
mondo è minacciato da una guerra..."), viene definita la finalità del compito ("convincere il
capo....", "ipotizza 3 soluzioni...."), vengono indicate le risorse web da cui attingere informazioni e
possono essere risorse assegnate o libere, vengono indicati dettagliatemanete i ruoli dei
partecipanti affidando loro diverse responsabilità e vengono descritte tutte le attività che gli
studenti devono svolgere per portare a termine il compito. La valutazione del docente è molto
complessa, si deve attenere ad una griglia che deve tener conto del lavoro di analisi, sintesi,
lavoro di gruppo, elaborazione prodotto ecc... L'apprendimento è più motivato e coinvolgente in
quanto tiene alta l'attenzione dei ragazzi anche sui lavori propri ed altrui ed innesca una sana
competizione in classe.

I sistemi di valutazione di apprendimento a scuola


I processi di apprendimento moderni sono influenzati da studi nell'ambito della psicologia,
pedagogia e sociologia. Tra la fine dell'800 e gli inizi del 900 la pedagogia e le scienze
dell'educazione si sono affermate autonomamente andando così a definire le tre principali teorie
pedagogiche: il comportamentismo, il cognitivismo e il costruttivismo. Con il tempo queste teorie
hanno rivolto maggiormente l'attenzione sulla centralità della persona e le strategie che
valorizzano le abilità e le competenze individuali tralasciando, sempre di più, il concetto di
trasmissione dei contenuti disciplinari. Ulteriormente, nuovi studi nel campo della psicologia,
hanno definito le nove teorie di apprendimento favorendo la nascita di strumenti, tecniche e
metodologie in grado di valorizzare le capacità individuali durante il processo educativo. La
didattica moderna considera tutto il contesto sociale e culturale del discente, sostiene l'individuo
in un vero e proprio "progetto di vita" e tende ad elevati livelli di partecipazione e coinvolgimento
degli studenti nella fase di apprendimento. Anche la normativa europea definisce una vera e
propria dimensione dell'insegnamento; essa si avvale di concetti come LifeLong learning
(formazione permanente) e didattica orientativa e richiama la scuola a sviluppare competenze
incentrate sulle abilità e sulle capacità delle persone. Le discipline diventano strumenti per la
costruzione di conoscenza e pongono l'attenzione sulla multidisciplinarità.

La direttiva 487/1997 sull'orientamento degli studenti e delle studentessediventa uno dei pilastri
principali nella lotta all'insuccesso e all'abbandono scolastico in quanto pone l'attenzione sul
conoscere se stessi, l'ambiente quotidiano, i cambiamenti sociali ed economici, le offerte
formative affinchè ognuno possa diventare protagonista della propria vita e partecipare
attivamente alla vita familiare e sociale. A partire dagli anni 2000 vi furono una serie numerosa di
atti dell'Unione Europea che rivolgevano l'attenzione sulla persona mirando principalmente
all'orientamento del cittadino riguardo le proprie capacità, competenze ed interessi, di prendere
decisioni in materia di istruzione, formazione ed occupazione,nonchè di gestire il proprio
percorso personali di vita.

La didattica orientativa italiana utilizza metodologie e processi formativi continui finalizzati a


favorire lo sviluppo dell'identità di ogni soggetto ponendolo di fronte al contesto sociale di
appartenenza. Un esempio lampante è stata la sperimentazione Brocca del 1990 che ha
introdotto l'orientamento per la scuola secondaria superiore in quanto, proprio in questa fase,
raggiunge il massimo della necessità. La didattica orientativa ha lo scopo di far raggiungere
all'allievo obiettivi formativi personalizzati e concentrati sullo sviluppo di abilità e capacità, non si
avvale di un'apprendimento tradizionale di conoscenze o saperi, bensì, promuove competenze
relazionali e le capacità di imparare ad imparare. Il risultato dell'apprendimento, in questo tipo di
didattica, è considerato totalitario ed è frutto dell'interazione dei soggetti con la scuola, il luogo di
lavoro e le situazioni della vita quotidiana. Per questo motivo la didattica orientativa promuove
una formazione duratura per tutto l'arco della vita (LifeLong Learning) e tende a sviluppare nel
soggetto tutte le competenze tali per auto-orientarsi e riconoscere e valorizzare le proprie risorse
personali. Si avvale di una metodologia incentrata su conoscenze, dati, concetti riferiti alla realtà
sociale, di abilità di ricerca, ragionamento, comprensione, creatività e problem solving e di
conoscenza dell'intera sfera personale dell'alunno e dei suoi bisogni formativi. Le strategie di
questa didattica tendono a lavorare sulle aspettative dello studente, offre occasioni di
monitoraggio in caso di difficoltà, coinvolge lo studente nella valutazione, presta attenzione alle
esperienze personali, ai ritmi e agli stili di apprendimento, rende partecipe degli obiettivi ed
incoraggia la curiosità.

Le teorie psicologiche

La teoria Freudiana pone l'attenzione sugli istinti. Ogni persona è caratterizzata nell'avere degli
istinti ed un "super io" (coscenza che vigila sui propri istinti) ed un "io" che mette i primi due in
equilibrio. Il comportamento e lo sviluppo di ogni persona è determiniato dalle pulsioni istintuali.
Lo sviluppo infantile viene capito dall'osservazione dei comportamenti del bambino. Cari Rogers
mise in evidenza che chiunque agisse sullo sviluppo di un individuo può causarne la perdita di
fiducia nella propria esistenza elaborando la teoria della non direttività. Bruno Bettelheim
chiarisce che l'educazione tende a mantenere l'ordine presente nella società mentre la
psicoanalisi trasforma l'ordine esistente nel mondo interiore. Erik Erikson mette in evidenza che
lo sviluppo di una persona equilibrata è dato dalla sua coerenza nelle azioni e dal percepire
correttamente se stesso e l'esterno; lo sviluppo equilibrato dipende dalla chiara accettazione del
suo io interiore e del suo gruppo culturale. Erikson pensa che lo sviluppo individuale evolve in 8
fasi fino all'età senile e, ogni passaggio avviene ogni qual volta l'individuo, in relazione con la
realtà esterna, riesce a superare la crisi evolutiva. Crisi intesa in maniera positiva, ovvero, la scelta
effettuata per risolvere un problema evolutivo. Egli inoltre considera che ogni elemento critico,
intrinseco in ogni persona, sia già presente ancor prima che emerga.

Le teorie pedagogiche

Gardner: la teoria delle intelligenze multiple. Negli anni '80 Gardner afferma che è possibile
distinguere nelle persone diversi tipi di intelligenza. Ogni persona possiende molte forme di
intelligenza, localizzate in varie parti del cervello, e attivate se queste vengono sollecitate o
incoraggiate. Questa teoria spinge la ricerca sul potenziamento degli stili di insegnamento e
apprendimento. Il primo macro gruppo di intelligenza è quella linguistica (utilizzo di un
vocabolario chiaro ed efficace) e consente di variare il proprio registro linguistico in base alle
necessità e di riflettere su quello altrui. Il secondo macro gruppo è l'intelligenza logico-
matematica che coinvolge entrambi gli emisferi celebrali, quello sinistro dove sono conservati i
simboli e quello destro dove vengono elaborati i concetti. E' un'intelligenza che riguarda il
ragionamento deduttivo la schematizzazione e le catene logiche. Il terzo macro gruppo è
l'intelligenza spaziale e concerne la capacità di percepire forme ed oggetti nello spazio. E' tipica
delle arti figurative e sviluppa memoria per i dettagli ambientali e le caratteristiche esteirori delle
figure. Permette, inoltre, al soggetto di potersi orientaree riconoscere oggetti tridimensionali in
base a schemi mentali complessi. Il quarto macro gruppo è l'intelligenza corporea-cinestesica ed
è tipica dei ginnasti in quanto permette l'articolazione armonica del proprio corpo. Il quinto
macro gruppo è l'intelligenza musicale tipica dei musicisti in grado di riconoscere l'altezza dei
suoni, le costruzioni armoniche e contrappuntistiche. Il sesto macro gruppo è l'intelligenza
personale tipica dei politici e dei psicologi e riguarda la capacità di comprendere gli altri, le loro
esigenze, le loro paure e i desideri nascosti, di creare situazioni sociali favorevoli e vantaggiosi. Il
settimo macro gruppo è l'intelligenza intrapersonale e riguarda la capacità di comprendere la
propria individualità, di saperla inserire nel contesto sociale per ottenere risultati migliori nella
vita e anche sapersi immedesimare in personalità diverse dalla propria. L'ottavo macro gruppo è
l'intelligenza naturalistica, tipica delle tribù alborigene, e consiste nel saper individuare
determinati oggetti naturali, classificarli in ordine preciso e cogliere le relazioni tra di essi.

Prima di tale teoria la didattica era improntata maggiormente sull'intelligenza di tipo linguistica e
logico-matematica trascurando le altre. Con questa scoperta risulta efficace accostarsi agli
argomenti in modalità differenti in modo da tener conto delle differenze individuali degli allievi
dotati di differenti intelligenze.

Il comportamentismo (behaviorismo). Il comportamentismo nasce nel 1913 dal manifesto "la


psicologia come la vede il comportamentista" esposto da Watson. Questo movimento è fondato
sullo studio scentifico del comportamento cioè sugli aspetti esteriore dell'attività mentale
direttamente osservabili. Watson pensava che la mente fosse una realtà troppo vaga per essere
studiata e quindi non poteva essere oggetto di studio per gli psicologi e riteneva opportuno
approcciarsi ad essa attraverso la sperimentazione. I comportamentisti designarono dunque la
psicologia, e i suoi campi di studio, come una disciplina scentifica focalizzata prettamente sul
comportamento manifesto e sull'apprendimento escludendo la coscienza, e tutti i processi
mentali, poichè non vi è la possibilità di applicare su di essa procedure di indagine rigorose.
L'oggetto della psicologia, per i comportamentisti, è il complesso delle manifestazioni esteriori di
un individuo direttamente osservabili mentre l'obiettivo della psicologia è quello di scoprire tutte
le leggi che sono alla base di questi (stimolo--->risposta). Il comportamentismo, precisamente, è
interessato agli stimoli, recepiti dal soggetto, e alle sue risposte, senza considerare ciò che
intercorre tra questi due elementi. Per i comportamentisti, infatti, la mente è una scatola nera, e
le procedure interne non possono essere studiate; sono importanti soltano gli stimoli in entrata e
le risposte in uscita. In quest'ottica risulta di rilevante importanza il contesto ambientale che
condiziona strettamente gli individui e non i fattori innati dell'individuo stesso.

Tra gli anni '50 e '60 Hull e Spence si sviluppò la corrente neo-comportamentista. Questi due
studiosi estesero i principi del comportamentismo interessandosi dell'esistenza di processi interni
all'organismo utili a fornire spiegazioni al comportamento manifesto. Vennero avanzate le
cosiddette "teorie della meditazione" le quali ipotizzano che tra la recezione dello stimolo e la
risposta comportamentale intervengono processi di natura simbolica che non sono direttamente
osservabili.

Il comportamentismo, quindi, privilegia lo studio del comportamento come risposta ad uno


stimolo. L'apprendimento, secondo tale teoria, è un cambiamento di comportamento che
l'organismo innesca in risposta a stimoli provenienti dall'ambiente per puro adattamento.

Un ulteriore approccio è stato fornito da Skinner il quale elaborò la "teoria dell'acquisizione".


Secondo questa teoria il comportamento operante viene alimentato se seguito da stimoli di
rinforzo e, viceversa, non vi sono effetti positivi sull'apprendimento se vengono eseguite
punizioni. Secondo tale studioso ogni apprendimento è migliorabile se alla base vi sono stimoli
positivi e di conseguenza risposte rinforzanti, la correzione immediata dello studente migliora
l'apprendimento e ogni lezione deve essere scomposta in unità di apprendimento. Questo ultimo
principio è stato la svolta per la programmazione didattica della scuola, infatti, ogni contenuto
disciplinare viene organizzato in unità in modo da fungere da stimolo per l'apprendimento
successivo.

John Dewey è stato un filosofo e pedagogista vissuto a cavallo tra la secondo metà dell'800 e la
prima del '900. Egli fondò a Chicago la prima scuola attivista secondo metodi e criteri da egli
stesso teorizzati. Con il termine attivismo l'educazione non viene vista come trasmissione di
conoscenza oggettiva bensì come frutto di esperienza personale e sociale dell'individuo. Il fuoco
non è più l'insegnante bensì l'allievo. I 5 punti fondamentale secondo Dewey sono: L'istruzione è
frutto della partecipazione dell'individuo al patrimonio comune del genere umano, l'istruzione è
un processo sociale e la scuola è il fulcro di essa, l'insieme delle attività del bambino determinano
i probrammi di insegnamento, l'attività del fanciullo deve guidare l'insegnamento, l'istruzione è il
fondamento del progresso sociale e politico. La scuola di Dewey è articolata in livelli
correspondenti ai vari stadi di crescita dell'individuo; dopo la scuola dell'infanzia il bambino
frequenta la primaria imrontata principalemnte su attività collettive (cucitura, falegnameria,
tessitura) e li si costruiscono le principale conoscenze. La costruzione di conoscenza nei bambini e
negli adulti parte dalle indagini. Queste sono costituite da una prima situazione dove appare il
problema e vi è la necessità di assumere maggiori informazioni in modo da fare chiarezza, una
seconda fase caratterizzata dalle suggestioni, ovvero, le idee che saltano alla mente per la
risoluzione, una terza fase caratterizzata dall'osservazione attenta dalla queale prendono vita le
ipotesi fondate per la risoluzione del problema, ed infine, la fase di verifica nella quale si controlla
la veridicità dell'idea elaborata. La scuola di Dewey inoltre è definita progressiva in quanto ogni
attività, che si svolge al suo interno, fa da base per uno sviluppo successivo. In quest'ottica rientra
il concetto fondamentale secondo Dewey sul quale si basa la sua scuola: "il learning by doing"
(imparare facendo), un concetto che si interseca fortemente con il sistema sociale circoscritto ad
ogni individuo e crea esperienza necessaria per il processo educativo. La teoria del fare pone il
soggetto di fronte a situazioni problematiche dalle quali è necessario trovare soluzioni. Questo
concetto è molto affine alla vita di ogni soggetto. Dewey, con la sua teoria, gettò le base per
l'attuale didatti del laboratorio.