Sei sulla pagina 1di 6

IL FIORE E LA LUNA

Dieci pezzi brevi per il trio New Landscapes


(Francesco Ganassin, 2016)

Il fiore e la luna una traduzione in musica di dieci haiku di Bash. Dieci brevi
composizioni, scritte per il trio da Francesco Ganassin, alla ricerca di una musica che nella
sua brevit possa restituire unimmagine, come in un istante di risveglio e di intuizione. La
scrittura musicale dei dieci pezzi brevi fuori dai generi e dai periodi della musica, respira
la contemporaneit e attinge alla tradizione, coniuga Occidente ed Oriente.

In tutte le cose che vediamo nascosto un fiore


In qualunque cosa su cui riflettiamo celata la luna
(Matsuo Bash)

Kawazu (rana)

Nello stagno antico


si tuffa una rana:
eco dellacqua.

Harusame (pioggia di primavera)

Pioggia di primavera:
gocciola dal vespaio
lacqua della gronda.

Nastukusa (erba destate)

Erbe folte destate,


residui del sogno
di antichi guerrieri.

Semi (cicala)

Silenzio:
penetra la roccia
il canto delle cicale.

Aki no kure (Tramonto dautunno)

Un corvo
si poggiato sul ramo spoglio:
tramonto dautunno.

Kiri (nebbia)

Fitta nebbia:
invisibile, e pur suggestivo
il Fuji oggi.

Cha no keburi (fumo del t)

Addormentato sul cavallo


scorgo, tra sogno e alba, la luna lontana
e il fumo del t.

Tsuki (luna)

Luna veloce:
le cime degli alberi
sono impregnate di pioggia.

Ama no gawa (Via Lattea)

Mare burrascoso:
brilla sullisola di Sado
la Via Lattea.

Fuyu no hi (sole dinverno)

Sotto il fioco sole dinverno


a dorso del cavallo
mi si gela il profilo.

Lhaiku una poesia breve, di 17 sillabe (7-5-7). Il poeta evoca una stagione
dellanno con una sola parola (kigo). Ad esempio luna indica la luna piena dautunno,
luna brumosa indica la primavera, fiore indica i fiori di ciliegio, la primavera.

Matsuo Bash (1644 1694) una figura cruciale della poesia classica
giapponese. Egli rende lhaiku una forma poetica di rara eleganza, facendolo evolvere da
gioco di poesia a catena (hokku) a grande arte giapponese.
Bash matura il proprio stile nellambito dellestetica Zen e del wabi-sabi, un
concetto di bellezza non esuberante, quieta e arcaica, che non implica una tristezza
malinconica, ma una sensazione molto pi ricca, simile alla nostalgia. Ma la cifra stilistica
della poesia di Bash karumi, la leggerezza, per il linguaggio fatto di parole di uso
quotidiano, prive di pesante retorica.

NEW LANDSCAPES
Silvia Rinaldi (violino barocco)
Luca Chiavinato (oud)
Francesco Ganassin (clarinetto basso)
Il trio New Landscapes nasce dall'esigenza di esplorare le possibilit espressive di
una formazione cameristica in cui convivono strumenti e musicisti di diversa estrazione.
La musica barocca, la musica contemporanea, l'improvvisazione, cos come le
composizioni originali del trio, diventano possibili declinazioni di un unico modo di
concepire la musica: la ricerca di un suono e di un gesto equilibrati ed evocativi.

www.newlandscapes.it