Sei sulla pagina 1di 8

Nomenclatura dei composti inorganici.

ELEMENTI

Attorno al simbolo si possono trovare 4 indici numerici (prima lettera Maiuscola e seconda lettera minuscola):

12 C in alto a sinistra A numero di massa, in basso a sinistra Z numero atomico.

C N 2

6

Al

Fe

He

Br 2

in basso a destra il numero di atomi nella molecola.

F -

O -2

Al +3

Fe +2

Fe +3

in alto a destra il numero di elettroni ceduti o

acquistati dall’elemento, cioè la carica (positiva o negativa) dello ione risultante.

12 C (carbonio-12)

1 H (idrogeno, H)

13 C (carbonio-13)

2 H (deuterio, D)

3 H (tritio, T)

03 - 1 - Mattiello

IONI

Cationi (ioni positivi)

Se monoatomici vengono indicati scrivendo il nome dell'elemento seguito da

un numero romano fra parentesi che ne indica la valenza: Cu + = ione rame (I),

Fe 2+ = ione ferro (II), (nomenclatura di Stock). Qualora l’elemento possieda più di due stati di ossidazione questa è la nomenclatura più semplice da adottare, oltre a quella “storica” che prevede l’uso del suffisso –oso per il numero di ossidazione minore e del suffisso –ico per il numero di ossidazione maggiore. Se poliatomici, se ne incontrano numerosi nella chimica dei composti di coordinazione, la nomenclatura diventa complessa e sarà accennata trattando

di questi composti; per ora ci limitiamo ai pochi cationi poliatomici che

incontreremo più frequentemente. Questi sono tutti acidi coniugati di basi deboli e prendono il suffisso -onio dopo la radice del nome della base; così, ad

es., H 3 O + è l'acido coniugato della base H 2 O e prende il nome di ione idrossonio, spesso abbreviato in ossonio; NH 4 + è l'acido coniugato della base NH 3 e prende il nome di ammonio; PH 4 + fosfonio. Anche se sostituiti, resta fermo, per tali cationi, il suffisso -onio.

Ad es.: N(CH 3 ) 4 + = ione tetrametilammonio.

03 - 2 - Mattiello

Alcuni elementi formano cationi poliatomici monovalenti legandosi a uno o più atomi di ossigeno: il

Alcuni elementi formano cationi poliatomici monovalenti legandosi a uno o più atomi di ossigeno: il nome di questi ioni si ottiene aggiungendo il suffisso –ile alla radice del nome dell’elemento.

VO 2 +

vanadile

Anioni (ioni negativi)

CrO +

cromile

NO +

nitrosile

03 - 3 - Mattiello

Se monoatomici vengono indicati dando il suffisso -uro alla radice del nome dell'elemento, con eccezione dell'ossigeno, per il quale viene usata la parola ossido; ad es.: S 2- = ione solfuro; I - = ione ioduro; O 2- = ione ossido.

Se poliatomici il nome viene indicato dando il suffisso -ato alla radice del nome dell'atomo centrale, specificandone il numero di ossidazione e il tipo e numero degli atomi legati ad esso; ad es.: PF 2 O 2 - = ione difluorodiossifosfato (V).

Per anioni ossigenati nei quali compaiono soltanto atomi O legati all'atomo centrale, si può dare il suffisso -ato alla radice del nome dell'atomo centrale, indicando il numero di ossidazione di questo (ad es.: PO 4 3- = ione fosfato (V)), oppure, fermo restando il suffisso -ato , indicare natura e numero degli atomi (il numero viene indicato mediante gli usuali prefissi; il prefisso mono di norma si omette); ad es.: PO 4 3- = ione tetraossi(mono)fosfato.

03 - 4 - Mattiello

OSSIDI

Sono i composti che tutti gli elementi (a parte il fluoro: OF 2 è il fluoruro di ossigeno) formano con l’ossigeno; si suddividono in ossidi basici, ossidi acidi (o anidridi) e ossidi anfoteri.

Ossidi basici Sono i composti formati dall’ossigeno con i metalli: si indica per primo il metallo (in generale, l’elemento meno elettronegativo).

MgO = ossido di magnesio

SnO = ossido di stagno, ossido stannoso SnO 2 = diossido di stagno, ossido stannico

Fe 2 O 3 = triossido di diferro

03 - 5 - Mattiello

= diossido di stagno, ossido stann ico Fe 2 O 3 = tri ossido di di

03 - 6 - Mattiello

Ossidi acidi (o anidridi)

Sono i composti formati dall’ossigeno con i nonmetalli, oppure con i metalli che presentano elevati numeri d’ossidazione (5,6,7). Si usano le stesse regole viste per gli ossidi basici. Per gli ossidi degli alogeni, che presentano 4 numeri di ossidazione positivi, si usano i prefissi ed i suffissi: ipo- , -oso, -ico, per-.

Ossidi anfoteri.

Sono i composti formati dall’ossigeno con i semimetalli, cioè gli elementi presenti nei pressi della diagonale B-At. Si usano le stesse regole viste per gli ossidi basici.

SiO 2 = diossido di silicio

03 - 7 - Mattiello

usano le stesse regole viste per gli ossidi basici. SiO 2 = diossido di silicio 03

03 - 8 - Mattiello

IDROSSIDI (o IDRATI).

Si ottengono, almeno formalmente, per reazione di un ossido basico o anfotero con acqua.

Na 2 O + H 2 O = 2NaOH

idrossido (o idrato) di sodio

Na 2 O + H 2 O = 2NaOH idrossido (o idrato) di sodio IDRACIDI 03

IDRACIDI

03 - 9 - Mattiello

Sono i composti dell’idrogeno con il cianuro, gli alogeni (7° gruppo), i calcogeni (6° gruppo).

Nome corrente: acido elemento-idrico Nome IUPAC: anione-uro di idrogeno

i calcogeni (6° gruppo). Nome corrente: acido elemento -idrico Nome IUPAC: anione -uro di idrogeno 03

03 - 10 - Mattiello

OSSIACIDI

Si ottengono, almeno formalmente, per reazione di un ossido acido (anidride) con acqua.

SO 2 + H 2 O = H 2 SO 3

acido solforoso

A seconda dei possibili stati di ossidazione del nonmetallo si usano i seguenti

suffissi e prefissi:

-ico (uno stato di ossidazione)

-ico,

per- -ico,

-oso (due stati di ossidazione)

-ico,

-oso,

ipo- -oso (quattro stati di ossidazione)

A parità di stato di ossidazione del nonmetallo, a volte, si rende necessario

indicare il diverso grado di idratazione:

orto- (acido a più alto grado di idratazione) piro- (acido a grado di idratazione intermedio) meta- (acido a più basso grado di idratazione)

Gli anioni derivanti dalla dissociazione dell’ossiacido (perdita di H + ) assumono la desinenza in –ato se provenienti da –ico; -ito se provenienti da –oso.

03 - 11 - Mattiello

in –ato se provenienti da –ico ; - ito se provenienti da – oso . 03

03 - 12 - Mattiello

SALI

Si ottengono, almeno formalmente, per sostituzione di uno o più atomi di idrogeno di un acido con atomi di metalli (o con cationi poliatomici). Il nome si ottiene nominando prima la parte nonmetallica (con gli stessi prefissi e suffissi usati per gli acidi) e poi la parte metallica usando i suffissi –oso e –ico a seconda dello stato di ossidazione del metallo stesso.

Sali semplici. Si ottengono sostituendo tutti gli idrogeni acidi di una molecola.

sostituendo tutti gli idrogeni acidi di una molecola. 03 - 13 - Mattiello Sali acidi. Si

03 - 13 - Mattiello

Sali acidi. Si ottengono sostituendo parzialmente gli idrogeni acidi di una molecola.

NaHCO3

(altro)

idrogenocarbonato di sodio

- (IUPAC) idrogenotriossocarbonato di sodio

(tradiz.) carbonato acido di sodio (bicarbonato di sodio)

NaHSO3 (altro)

idrogenosolfito di sodio

- (IUPAC) idrogenotriossosolfato di sodio

(tradiz.) solfito acido di sodio (bisolfito di sodio)

NaHSO 4

(altro)

idrogenosolfato di sodio

- (IUPAC) idrogenotetraossosolfato di sodio

(tradiz.) solfato acido di sodio (bisolfato di sodio)

K 3 PO 4
K
3 PO 4

(tradiz.)

fosfato di potassio

- (IUPAC) tetraossofosfato di tripotassio

K2HPO4
K2HPO4

(altro)

(mono)idrogenofosfato di potassio

- (tradiz.) fosfato monoacido di potassio

(IUPAC) idrogenotetraossofosfato di dipotassio

KH 2 PO 4
KH 2 PO 4

(altro)diidrogenofosfato di potassio

- (IUPAC)diidrogenotetraossofosfato di

potassio - (tradiz.) fosfato diacido di potassio

03 - 14 - Mattiello

Sali basici.

Si ottengono sostituendo parzialmente con anioni i gruppi –OH (ossidrili) di un idrossido metallico.

MgF(OH) = idrossofluoruro di magnesio (IUPAC) = fluoruro monobasico di magnesio

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sali multipli.

Sali formati da più di un catione

KNaCO 3 = carbonato doppio di potassio e sodio AlK(SO 4 ) 2 = solfato doppio di alluminio e potassio

Sali formati da più di un anione

Ca 5 F(PO 4 ) 3 = fluoruro trifosfato di pentacalcio

Sali idrati.

03 - 15 - Mattiello

Quando un sale è accompagnato da un certo numero di molecole d’acqua di idratazione si dice idrato, indicando il numero di molecole d’acqua.

CaCl 2 • 6H 2 O

CuSO 4 • 5H 2 O

MgCl 2 • 2H 2 O

=

=

=

cloruro di calcio esaidrato

solfato di rame (II) pentaidrato

cloruro di magnesio diidrato

03 - 16 - Mattiello