Sei sulla pagina 1di 12

REGOLE PER STABILIRE IL NUMERO DI OSSIDAZIONE DI UN ELEMENTO Il numero di ossidazione una norma convenzionale per rendere pi facile la scrittura

a delle formule chimiche e la loro denominazione. Se al concetto di valenza (numero di elettroni che un atomo di un elemento acquista, cede o mette in comune con un altro atomo per completare lottetto), associo il segno + o ottengo il numero di ossidazione di ciascun elemento coinvolto in un legame chimico. Pi precisamente il numero di ossidazione di un atomo in un composto rappresenta la carica che l'atomo assumerebbe se gli elettroni di legame fossero attribuiti all'atomo pi elettronegativo. Questo significa che nei composti ionici il n.o. coincide con la carica elettrica effettiva che assumono gli ioni, mentre invece nei composti covalenti (molecolari) una convenzione che si adotta per facilitare la scrittura delle formule e la loro nomenclatura. Ad es.: nellacqua lO legato con due atomi di idrogeno; nel primo legame allO si attribuiscono entrambi gli elettroni di legame, quindi esso assume un carica 1 convenzionale, mentre lH assume una carica + 1 convenzionale, nel secondo legame covalente succede la stessa cosa, per cui complessivamente lO assume il n.o. 2, mentre i due H entrambi n.o. + 1. Il numero di ossidazione rappresenta, quindi, una carica arbitraria assegnata agli atomi nelle molecole seguendo determinate regole: o o o o o o o o o Il numero di ossidazione ( N.O.) di un atomo allo stato elementare sempre 0 In tutti i composti lossigeno ha numero di ossidazione 2, ad eccezione dei perossidi (1), e quando legato al fluoro, in cui + 2, perch il fluoro pi elettronegativo. In tutti i composti lidrogeno ha numero di ossidazione +1, ad eccezione degli idruri ionici (-1) In un composto, il N.O. di un atomo del gruppo IA, sempre +1 In un composto, il N.O. di un atomo del gruppo IIA, sempre +2 Il N.O. di un alogeno (gruppo VIIA) -1, se l'atomo a cui legato ha elettronegativit minore. gli ioni monoatomici hanno numero di ossidazione uguale alla carica dello ione nelle molecole neutre la somma algebrica dei numeri di ossidazione dei singoli atomi =0 in uno ione poliatomico la somma algebrica dei numeri di ossidazione di tutti gli atomi uguale alla carica dello ione.

Tabella 1. Numeri di ossidazione degli elementi pi comuni. Elemento Li, Na, K Al Sn Cu Zn B N S Br Mn N. di ossidazione +1 +3 + 2, + 4 + 1, + 2 +2 +3 - 3, +1, +2, +4, +5 - 2, +2, +4, +6 - 1, +1, +5 +2, +3, +4, +6, +7 Elemento Be, Mg, Ca, Ba Pb Fe, Co, Ni Ag Hg C P Cl I Cr n. di ossidazione +2 + 2, + 4 + 2, + 3 +1 + 1, + 2 + 2, + 4 + 3, + 5 - 1, +1, +3, +5, +7 -1, +1, +5, +7 +2, +3, +6

Esempi: Determinare il numero di ossidazione nei seguenti casi utilizzando le regole sopraindicate.

SO3 = S + ( - 2 X3 ) = 0 ; S = + 6 H2SO3 = ( + 1 X 2 ) + S + ( - 2 X 3 ) = O ; S = +4 ClO- = Cl + (-2) = -1 ; Cl = +1 Adesso prova tu 1. Determina il numero di ossidazione del cloro nei composti: HCl e Cl2O. 2. Determina il n.o. del cloro nei due composti: NaClO2 e NaClO3. 3. Determina il n.o. del manganese nei due seguenti ioni: MnO4 e MnO43.

COME SCRIVERE UNA FORMULA 1. Si determina lordine di scrittura degli elementi del composto o dello ione poliatomico: a sinistra il metallo o il catione, a destra il non metallo o lanione (sia il catione che lanione possono essere poliatomici). 2. Si determina il n.o. di ogni elemento, secondo le regole date. 3. Poich in una qualsiasi molecola la somma algebrica dei numeri di ossidazione (n.o.) di ciascun atomo deve essere uguale a zero, allora la formula di un composto binario pu essere ricavata velocemente calcolando: (primo) il minimo comune multiplo dei n.o. (in valore assoluto) dei due elementi; e (secondo) il quoziente tra il m.c.m. e il n.o. (in valore assoluto) dei singoli elementi. I valori cos ottenuti rappresentano gli indici degli atomi che formano la molecola. 4. Se gli indici della formula hanno un divisore comune si semplifica tramite il M.C.D. Eccetto il caso H2O2. Esempio: Determinare la formula chimica del composto costituito da alluminio e ossigeno. Poich i n.o. dei due elementi sono : Al+3 O-2 ; allora, 1) m.c.m. (3;2) = 6 2) numero atomi di Al = 6 : 3 = 2 ; numero di atomi di O = 6 : 2 = 3 , quindi la formula chimica del composto : Al2O3 . Ora prova tu : Determina la formula chimica del composto costituito da calcio e fluoro. Poich i n.o. dei due elementi sono : Ca.... F.... ; allora, 1) m.c.m. (....;....) = .... 2) numero atomi di Ca = .... : ..... = .... ; numero di atomi di F = .... : .... = .... , quindi la formula chimica del composto : ........... .

REGOLE PER LE FORMULE E LA NOMENCLATURA


I composti inorganici si classificano in: composti binari e composti ternari. I composti binari sono costituiti da due elementi e sono: I composti binari ionici sono costituiti da un metallo e da un nonmetallo e sono in genere ionici. Appartengono a questo gruppo i sali binari, gli idruri ionici e gli ossidi basici. Es.: LiCl, MgCl2, NaH, Fe2O3 I composti binari covalenti (molecolari) sono costituiti da due non-metalli o metalloidi e sono in genere covalenti. Appartengono a questo gruppo gli ossidi acidi (o anidridi), gli idracidi e gli idruri covalenti. Es.: CO2, NO2, SiO4, HCl, NH3,

Una ulteriore classificazione pu essere questa, e sar quella che seguiremo nella trattazione successiva: Composti binari con O (ossidi) Composti binari con H (idruri o idracidi) Composti binari senza O e H (Sali binari)

Per quanto riguarda la nomenclatura essa pu essere:

Tradizionale secondo la notazione di Stock razionale della IUPAC (quella che verr seguita, le altre solo nei casi in cui i nomi sono entrati nelluso comune).

OSSIDI : composti binari di tutti gli elementi con lossigeno. La formula si scrive facendo precedere il simbolo dellossigeno dal simbolo dellelemento e attribuendo gli indici a seconda del n.o. (met/O o non-met/O). Per un generico elemento X avente numero di ossidazione +1 lossido assume la formula X2O, mentre per gli elementi aventi numero di ossidazione +2, +3, +4,gli ossidi assumono rispettivamente le formule XO, X2O3, XO2. Come si ottengono: dalla reazione diretta tra l'elemento e l'ossigeno: 2 Mg + O2 S + O2 2 MgO SO2

Oppure, pi raramente per forte riscaldamento di composti: CaCO3 CaO + CO2

Nella nomenclatura IUPAC si usa l'espressione: ossido di (nome dell'elemento). Inoltre, prevede che si utilizzi il prefisso mono (tralasciato), di, tri, tetra, penta,.davanti 1 al nome dellelemento e 2 dellossigeno. Es.: Cl2O5 diviene pentaossido 3 di dicloro. 4 5 Tabella dei prefissi monoditritetrapenta6 7 8 9 10 esaeptaottanonadeca-

Secondo la notazione di Stock, se lelemento presenta pi di un numero di ossidazione, questo viene di volta in volta indicato accanto al nome con un numero romano. Es.: FeO ossido di ferro (II) che viene letto ossido di ferro due. SO2 ossido di zolfo (IV) che viene letto ossido di zolfo quattro. Nella nomenclatura tradizionale, attualmente poco usata se non nel linguaggio pi comune, vengono chiamati ossidi (o ossidi basici) i composti tra ossigeno e metallo - met/O. Il loro nome : ossido di.. seguito dal nome del metallo

se quest'ultimo ha un solo numero di ossidazione. Altrimenti, il composto in cui esso si presenta con il n.o. pi basso assume la desinenza -oso e quello in cui il n.o. del metallo pi alto, la desinenza -ico , per es: FeO ossido ferroso ; Fe2O3 ossido ferrico

Nella nomenclatura tradizionale vengono chiamati anidridi (o ossidi acidi) i composti tra ossigeno e non metallo - non-met/O. Il loro nome viene indicato come: anidride (radice del non metallo)-ica. Se il non metallo forma pi anidridi con un diverso numero di ossidazione si utilizzano le denominazioni elencate nella tabella 2 Tabella 2. Denominazione delle anidridi n. di ossidazione Nome +1 +3 o +4 +5 o +6 +7 anidride ipo-(radice non-metallo)-osa anidride (radice non-metallo)-osa anidride (radice non-metallo)-ica anidride per-(radice non-metallo)-ica

Per es., il cloro presenta tutte le quattro possibili anidridi. n. di ossidazione +1 +3 +5 +7 Formula Cl2O Cl2O3 Cl2O5 Cl2O7 Nome Anidride ipoclorosa Anidride clorosa Anidride clorica Anidride perclorica

La nomenclatura tradizionale presenta numerose eccezioni rispetto alle regole indicate, proprio perch si continuano a usare molti dei nomi originari. PEROSSIDI : sono particolari ossidi con due atomi di ossigeno legati fra loro e aventi n.o. = 1. I perossidi si chiamano semplicemente: perossido di idrogeno (H2O2), perossido di sodio (Na2O2), ecc.. Sono composti poco stabili e si decompongono con sviluppo di ossigeno.

ESERCIZI D1. Denomina secondo le tre nomenclature (IUPAC, Stock, Tradizionale) i seguenti composti. a) P2O5 ; b) MgO ; c) MnO3 ; a) CoO ; a) Ag2O ; D2. Scrivi le formule dei seguenti composti. a) ossido rameoso ; b) ossido di cromo(III) ; c) anidride solforosa ; d) anidride permanganica ; e) diossido di piombo.

IDRURI : i composti binari contenenti idrogeno sono detti idruri a eccezione dei composti tra idrogeno e gli elementi dei gruppo VII A, che vengono detti idracidi. IDRURI IONICI. Se l'idrogeno legato a un metallo del I, II e III gruppo si hanno gli idruri ionici [M(I-II-III)/H], come per esempio l'idruro di litio (LiH). Lidrogeno ha numero di ossidazione 1. Tuttavia, gli idruri con i metalli del gruppo III sono idruri covalenti, perch la differenza di elettronegativit molto bassa e quindi si crea un legame covalente. IDRURI COVALENTI. Se invece l'idrogeno legato a un semimetallo o un non-metallo del IV, V gruppo [SM/H o N-M/H) si hanno gli idruri covalenti, come per esempio il triidruro di azoto (NH3). Il numero di ossidazione dellH generalmente -1. Come si ottengono: in pratica si formano dalla reazione tra l'idrogeno e l'elemento. Per es.: Ca + H2 N2 + 3 H2 CaH2 2 NH3

La scrittura della formula la seguente: ( met/H ) oppure ( non-met/H ). La nomenclatura degli idruri pi semplice la IUPAC: idruro di (nome dell'elemento), Il numero di atomi di idrogeno presenti nella molecola viene indicato quando elemento e idrogeno possono dar luogo a pi composti. Nella nomenclatura tradizionale si usano i nomi legati alla consuetudine per i composti dell'H con i non-metalli e i nomi correlati ai n.o. per quelli con i metalli. (Tabella 3). Tabella 3. Denominazione degli idruri. Formula NH3 CH4 FeH2 FeH3 Nome IUPAC triidruro di azoto tetraidruro di carbonio diidruro di ferro triidruro di derro Nome tradizionale o di Stock ammoniaca metano idruro ferroso o di ferro (II) idruro ferrico o di ferro (III)

IDRACIDI : Sono composti dellidrogeno con non-metalli del VI e VII gruppo. Lidrogeno ha numero di ossidazione +1. La scrittura della formula la seguente: ( H/non-met ). Secondo le regole IUPAC della nomenclatura razionale questi stessi composti prendono i nomi rispettivamente di: "cloruro di idrogeno" e "solfuro di idrogeno". Cio il nome viene ottenuto con: (radice del non-metallo)-uro di idrogeno. Secondo la nomenclatura tradizionale (che quella preferita se si considerano questi composti in soluzione acquosa) essi si nominano aggiungendo la desinenza "idrico" alla radice dellelemento preceduta dal termine "acido":

acido (radice del non-metallo)-idrico. HCl = acido cloridrico H2S = acido solfidrico

ESERCIZI D3. Denomina secondo le tre nomenclature i seguenti composti. a) CuH2 ; b) HI ; D4. Scrivi le formule dei seguenti composti. a) cloruro di idrogeno ; b) acido fluoridrico.

I COMPOSTI TERNARI sono formati da 3 elementi e i pi importanti sono gli idrossidi e gli ossiacidi. I composti ternari ionici sono gli idrossidi e i sali degli ossiacidi. Es.: NaOH, Na2SO4 I composti ternari covalenti (molecolari) sono gli ossiacidi. Es.: H2SO3

IDROSSIDI : Hanno come gruppo caratteristico l"ossidrile" OH e si scrivono: ( met/O/H ) . Si ottengono dagli ossidi basici + acqua: Na2O + H2O oppure dalla reazione tra un metallo e acqua: 2NaOH , 2Na + 2H2O 2NaOH + H2

Gli ossidrili sono tanti quanto il numero di ossidazione del metallo. Anche in questo caso per scrivere la formula chimica si ricorre al metodo del m.c.m., basta ricordare che la carica dello ione OH-1 unitaria. Ad esempio: Determinare la formula chimica del composto tra il calcio e OH. Poich i n.o. sono : Ca+2 OH-1 ; allora, 1) m.c.m. (2;1) = 2 2) numero atomi di Ca = 2 : 2 = 1 ; numero di gruppi OH = 2 : 1 = 2 , quindi la formula chimica del composto : Ca(OH)2 . Hanno nomi simili a quelli degli ossidi, ma al posto della parola ossido prendono " idrossido". Es: Ca(OH)2 = idrossido di sodio. Nella nomenclatura IUPAC si indica sempre il numero dei gruppi OH; in quella tradizionale si utilizzano i suffissi -oso/-ico nel caso di metalli con diversi n.o., e nella Stock si mette il n.o.. alla fine tra parentesi (Tabella 4).

Tabella 4. Denominazione degli idrossidi Formula CuOH IUPAC idrossido di rame Stock idrossido di rame (I) Nome tradizionale idrossido rameoso

Cu(OH)2 diidrossido di rame idrossido di rame (II) idrossido rameico ACIDI OSSIGENATI (o OSSIACIDI) : si ottengono dagli ossidi acidi (o anidridi) + acqua. La loro formula viene scritta ponendo nellordine: idrogeno, non metallo, ossigeno ( H/nonmet/O ). La formula si pu ottenere considerando la reazione tra anidride e acqua, eseguendo la somma degli atomi di ciascun tipo e semplificando gli indici divisibili per due. Nella nomenclatura tradizionale, quella tuttora pi usata, assumono lo stesso nome delle corrispondenti anidridi, sostituendo alla parola anidride la parola "acido". Es.: SO3 (anidride solforica) + H2O N2O3 (anidride nitrosa) + H2O H2SO4 (acido solforico) H2N2O4 (acido nitroso) = 2 HNO2

* Attenzione! La formula dell'acido nitroso HNO2. Il due posto davanti indica che nella reazione si ottengono due molecole. Alcune anidridi si combinano con l'acqua in un rapporto diverso da 1:1, cio con pi di una molecola d'acqua in particolare con le anidridi di fosforo, arsenico, antimonio, silicio e boro . In questo caso si usa: il prefisso meta per l'acido meno idrato: P205 + H2O il prefisso piro per la forma intermedia: P205 + 2 H2O il prefisso orto per l'acido pi idrato: P205 + 3 H2O 2 HPO3 (acido metafosforico) H4P2O7 (acido pirofosforico) 2 H3PO4 (acido ortofosforico)

Esistono anche acidi (detti poliacidi) che si formano da pi molecole di anidride con una o pi molecole di acqua; per denominare questi acidi si usano i prefissi tri- e tetra-: 2 B2O3 (anidride borica) + H2O H2B4O7 (acido tetraborico)

La nomenclatura tradizionale, come si vede abbastanza complessa, quindi sarebbe opportuno memorizzare i nomi degli acidi pi comuni. Vedi a questo proposito la Tabella 5. La nomenclatura razionale IUPAC pi complessa, ma in realt pi semplice. Si ottiene scrivendo in ordine: acido + n atomi ossigeno + "osso" + n atomi non-metallo + radice del non-metallo + -ico + (n.o.) non metallo per cui lacido solforico: H2SO4 diventa "acido tetraossosolforico (VI)". Lacido nitrico (HNO3 ) "acido triossonitrico (V)". Tabella 5. Nomenclatura degli ossiacidi

Reazione anidride + H2O Cl20 + H2O S02 + H2O S03 + H2O N203 + H2O N205 + H2O Mn207 + H2O P205 + 3 H2O 2 HClO H2SO3 H2SO4 2 HNO2 2 HNO3

Formula acido Nome tradizionale HClO H2SO3 H2SO4 HNO2 HNO3 acido ipocloroso acido solforoso acido solforico acido nitroso acido nitrico

Nome IUPAC acido monoossoclorico (I) acido triossosolforico (IV) acido tetraossosolforico (VI) acido diossonitrico (III) acido triossonitrico (V)

2 HMnO4 HMnO4 2 H3PO4 H3PO4

acido permanganico acido tetraossomanganico (VII) acido ortofosforico acido tetraossofosforico (V)

RADICALI DEGLI ACIDI Tutti gli acidi visti, sia gli ossiacidi sia gli idracidi, disciolti in acqua possono cedere uno o pi ioni H+. Si ottiene cos un anione la cui carica formale negativa dipende dal numero di ioni idrogeno sottratti: acido H+ + anione.

I nomi degli anioni derivano direttamente da quelli degli acidi, cambiando le desinenze nei seguenti modi: -ico -oso -idrico -ato -ito -uro

Tabella 5 - Nomenclatura dei radicali degli acidi (sottrazione totale) Formula acido Formula radicale acido Nome tradizionale IUPAC HCl H2S HClO H2SO3 H2SO4 HNO2 HNO3 ClS2ClO
22-

cloruro solfuro ipoclorito solfito solfato nitrito nitrato

cloruro solfuro monossoclorato (I) triossosolfato (IV) tetraossosolfato (VI) diossonitrato (III) triossonitrato (V)

SO3 SO4 NO2 NO3

Se la sottrazione degli ioni H+ parziale si devono segnalare la presenza degli idrogeni rimasti nel modo indicato nella Tabella 6. Un esempio tipico di sottrazione parziale quello dell'acido fosforico che, oltre allo ione fosfato, pu dare altri due radicali acidi per sostituzione parziale dell'idrogeno: H3PO4 H3PO4 H2PO4- + H+ , HPO42- + 2 H+ ,

H3PO4

PO43- + 3 H+ .

In particolare gli acidi che contengono pi di un idrogeno, come H3PO4, sono detti poliprotici. Tabella 6 - Nomenclatura dei radicali degli acidi (sottrazione parziale). * Il numero degli ossigeni viene sempre tralasciato. Formula radicale Nome tradizionale IUPAC * HSHSO4 HSO3 H2PO4 HPO4
-

bisolfuro bisolfato bisolfito fosfato biacido

idrogenosolfuro idrogenosolfato (VI) idrogenosolfato (IV) diidrogenofosfato (V)

2-

fosfato monoacido idrogenofosfato (V)

Per avere un prospetto pi ampio degli ioni positivi e negativi pi comuni vedi anche il testo "Corso di chimica" di S. Russo e M. Silver, ed. Le Monnier, a pagina 106-107.

ESERCIZI D5. Denomina secondo le tre nomenclature i seguenti composti. a) H3BO3 ; b) Pb(OH)4 ; c) H2CrO4 ; d) Ni(OH)2 ; d) Co(OH)3 . D6. Scrivi le formule dei seguenti composti. a) acido ipobromoso ; b) idrossido rameico triossosolforico (IV) ; e) triidrossido di ferro. ; c) acido ortofosforico ; d) acido

SALI BINARI e TERNARI : si ottengono dai rispettivi acidi sostituendo in tutto "sali neutri" ( sali binari [met/non-met] ) e sali ossigenati [met/non-met/O] ) o in parte "sali acidi" gli atomi di idrogeno. La parte metallica (catione) del sale viene scritta per prima, segue la parte non metallica o "radicale acido" (anione). Per scrivere la formula chimica occorre bilanciare le cariche, rispettivamente, del metallo e del radicale acido, ci si ottiene calcolando: (primo) il minimo comune multiplo delle cariche (in valore assoluto) del metallo e del radicale acido; e (secondo) il quoziente tra il m.c.m. e la carica (in valore assoluto) del metallo e del radicale acido. I valori cos ottenuti rappresentano gli indici degli atomi che formano i gruppi ionici. Per esempio usando Al3+ e SO4 2- si avr: 1) m.c.m. (3;2) = 6 2) indice di Al3+ = 6 : 3 = 2 ; indice di SO4
2-

=6:2=3

Quindi la formula minima del composto ionico considerato : Al2(SO4)3

Il nome di un sale neutro deriva dal nome del radicale dellacido corrispondente, seguito dal nome del metallo, per es.: Tabella 7. Nomenclatura dei sali neutri. Formula FeCl2 FeCl3 CaCO3 Na2SO4 FePO4 (NH4)2CO3 Nome tradizionale cloruro ferroso cloruro ferrico carbonato di calcio solfato di sodio fosfato ferrico carbonato di ammonio IUPAC dicloruro di ferro tricloruro di ferro triossocarbonato (IV) di calcio tetraossofosfato (V) di ferro triossocarbonato diammonio (IV) di Stock cloruro di ferro (II) cloruro di ferro (III) carbonato di calcio fosfato di ferro (III) carbonato di ammonio

tetraossosolfato (VI) di disodio solfato di sodio

Il nome di un sale acido deriva dal nome del radicale dellacido da cui deriva per sottrazione parziale degli ioni idrogeno, seguito dal nome del metallo, ad es.: Tabella 8. Nomenclatura dei sali acidi. Formula Ca(HS)2 NaHSO4 Fe(HCO3)2 CuH2PO4 K2HPO4 Cu(H2PO4)2 Nome tradizionale bisolfuro di calcio bisolfato di sodio bicarbonato ferroso IUPAC diidrogenosolfuro di calcio idrogenosolfato (VI) di sodio diidrogenocarbonato ferro (IV) Stock bisolfuro di calcio bisolfato di sodio di bicarbonato (II) di ferro di

fosfato biacido di rame diidrogenofosfato (V) di rame fosfato monoacido di idrogenofosfato potassio dipotassio (V)

fosfato biacido rame (I)

di fosfato monoacido di K fosfato biacido rame (II) di

fosfato biacido rameico didiidrogenofosfato (V) di rame

Alcuni sali detti "basici" uniscono uno o pi ioni OH (idrossido) allanione dellacido. Tali sali sono denominati con laggiunta monobasico o dibasico, a seconda del numero di gruppi OH, che sono indicati tra parentesi. Es:. Ca(OH)NO3 nitrato monobasico di calcio.

ESERCIZI D7. Denomina secondo le tre nomenclature i seguenti composti. a) Cu2CO3 ; b) KHSO4 ; c) Fe2(SO4)3 ; d) Al(HCO3)3 ; d) Li2HPO4 . D8. Scrivi le formule dei seguenti composti. a) di-idrogenocarbonato (IV) di magnesio ; b) solfato di ferro (II) ; c) tetraossoclorato (VII) di potassio ; d) ipoclorito di calcio ; e) nitrito ferrico.

10

RISOLUZIONE DEGLI ESERCIZI R1. a) pentaossido di difosforo ; ossido di fosforo (V) ; anidride fosforica b) ossido di magnesio ; ossido di magnesio ; ossido di magnesio c) triossido di manganese ; ossido di manganese (VI) ; ossido manganico d) ossido di cobalto ; ossido di cobalto (II) ; ossido cobaltoso e) ossido di diargento ; ossido di argento ; ossido di argento R2. a) Cu2O ; b) Cr2O3 ; c) SO2 ; d) Mn2O7 ; e) PbO2 R3. a) diidruro di rame ; idruro di rame (II) ; idruro rameico b) ioduro di idrogeno ; ioduro di idrogeno ; acido iodidrico R4. a) HCl ; b) HF. R5. Per risolvere questo esercizio devi: 1) determinare il n.o. del metallo (dell'idrossido) o del non metallo (dell'acido ossigenato); 2) poi scrivere la reazione da cui si ricava l'idrossido o l'acido ossigenato; 3) infine dare il nome al composto. a) H3BO3 : (+1 x 3) + B + (-2 x 3) = 0 ; B = +3 . Quindi, B203 + 3 H2O ortoborico - acido triossoborico (III). b) Pb(OH)4: Pb = +4 . Quindi, Pb02 + 2 H2O di piombo - idrossido di piombo. (IV). 2 H3BO3 . Acido

Pb(OH)4. Idrossido piombico - tetraidrossido

c) H2CrO4 : (+1 x 2) + Cr + (-2 x 4) = 0 ; Cr = +6 . Quindi, Cr03 + H2O cromico - acido tetraossocromico (VI). d) Ni(OH)2 : Ni = +2 . Quindi, Ni0 + H2O nichel - idrossido di nichel (II).

H2CrO4 . Acido

Ni(OH)2. Idrossido nicheloso - diidrossido di

e) Co(OH)3 : Co = +3 . Quindi, Co203 + 3 H2O triidrossido di cobalto - idrossido di cobalto (III).

3 Co(OH)3. Idrossido cobaltico -

R6. In questo esercizio per trovare la formula degli ossiacidi devi ricavarti la reazione anidride + acqua da cui si ottiene l'acido. a) Br20 + H2O H2Br2O2 2 HBrO

11

b) Cu(OH)2 c) P205 + 3 H2O d) S02 + H2O e) Fe(OH)3. R7. a) carbonato rameoso ; triossocarbonato (IV) di rame - carbonato di rame (I) b) bisolfato di potassio - idrogenosolfato (VI) di potassio - bisolfato di potassio c) solfato ferrico - tri-tetraossosolfato (VI) di diferro - solfato di ferro (III) d) bicarbonato di alluminio - tri-idrogenocarbonato (IV) di alluminio - bicarbonato di alluminio (III) e) fosfato monoacido di litio - idrogenofosfato (V) di dilitio - fosfato monoacido di litio R8. a) Mg(HCO3)2; c) Cl2O7 + H2O d) Cl2O + H2O e) N2O3 + H2O b) FeSO4 ; H2Cl2O8 H2Cl2O2 H2N2O4 2 HClO4 quindi KClO4 H6P2O8 H2SO3 . 2 H3PO4.

HClO quindi Ca(ClO)2 2 HNO2 quindi Fe(NO2)3

12