Sei sulla pagina 1di 13

NOMENCLATURA

http://it.wikibooks.org/wiki/Chimica_generale/Nomenclatura
Si pu assegnare un nome ad una sostanza chimica attenendosi alla nomenclatura IUPAC, meno
utilizzata ma universalmente riconosciuta, o alla nomenclatura tradizionale.
I nomi scritti per esteso di elementi e composti devono essere scritti minuscoli (es: boro e non
Boro, cloruro d'argento e non Cloruro d'Argento).
I nomi IUPAC rappresentano un tentativo di rendere sistematici i nomi, creando una
corrispondenza il pi possibile esatta e univoca tra nome e formula chimica del composto.
La nomenclatura chimica cambia radicalmente in campo di chimica generale o chimica organica:
in chimica generale continua ad avere maggior diffusione la nomenclatura tradizionale rispetto
alla IUPAC, anche perch legata a composti chimici comuni e diffusi;
in chimica organica la nomenclatura IUPAC si rivelata molto pi efcace per distinguere i
numerosi isomeri, anche se molti composti organici comuni e diffusi continuano ad essere
chiamati con il nome tradizionale.
Il ramo della nomenclatura estremamente complesso e si distingue generalmente per il tipo di
sostanza presa in considerazione. In particolare risulter conveniente raggruppare le sostanze
chimiche in: ossidi, idruri, idrossidi, acidi e sali.
nomenclatura TRADIZIONALE e IUPAC
La nomenclatura chimica regolamentata dalla IUPAC (International
Union for Pure and Applied Chemistry)
La parola "ossido" deve essere preceduta da un presso che indica il
numero di atomi di ciascun elemento presente nella formula
Il nome dellelemento ossidato deve essere preceduto anchesso da un
presso che ne indichi il numero di atomi
OSSIDI
esempi nomenclatura
Cl
2
O monossido di dicloro
CO monossido si carbonio
Al
2
O
3
triossido di dialluminio
PbO
2
biossido di piombo
Cl
2
O
5
pentossido di dicloro
CrO
3
triossido di cromo
Cl
2
O
7
eptaossido di dicloro
OsO
4
tetraossido di osmio
! mono... = 1
! di... = 2
! tri... = 3
! tetra... = 4
! penta... = 5
! esa... = 6
! epta... = 7
! otta... = 8
! nona... = 9
! deca... = 10
NOMENCLATURA IUPAC
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
OSSIDI
BASICI
Per gli ossidi basici, la nomenclatura tradizionale propone il termine
ossido seguito da complemento di specicazione e il nome del
metallo preso in considerazione.
Nel caso di elementi con pi numeri dossidazione, e che quindi
possono formare diversi composti con lossigeno, si applicano al nome
aggettivato dellelemento delle desinenze: -oso per le valenze pi basse
e -ico per le valenze pi alte
Se le valenze sono 3 il pi basso prende anche il presso -ipo oltre al
sufsso -oso
Se le valenze sono 4 il pi altro prende il presso -per oltre al presso
-ico
OSSIDI
ipo nome aggettivato dellelemento oso
nome aggettivato dellelemento oso
nome aggettivato dellelemento ico
per nome aggettivato dellelemento ico
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
OSSIDI
ACIDI
Per gli ossidi acidi, la nomenclatura tradizionale si attiene alle regole
adottate per gli ossidi basici, purch il composto reagendo con l'acqua
non produca un acido. In tal caso, anzich ossido di, il termine viene
sostituito con anidride.
Nel caso di elementi con pi numeri dossidazione, e che quindi
possono formare diversi composti con lossigeno, si applicano al nome
aggettivato dellelemento delle desinenze: -oso per le valenze pi basse
e -ico per le valenze pi alte
Se le valenze sono 3 il pi basso prende anche il presso -ipo oltre al
sufsso -oso
Se le valenze sono 4 il pi altro prende il presso -per oltre al presso
-ico
ANIDRIDI
ipo nome aggettivato dellelemento oso
nome aggettivato dellelemento oso
nome aggettivato dellelemento ico
per nome aggettivato dellelemento ico
Vi sono alcune eccezioni nei casi di :
- carbonio (non metallo);
- cromo (metallo);
- manganese (metallo).
CO prende il nome di ossido di carbonio (e non anidride carbonosa)
CrO prende il nome di ossido cromoso
Cr
2
O
3
prende il nome di ossido cromico
CrO
3
prende il nome di anidride cromica
MnO prende il nome di ossido manganoso
Mn
2
O
3
prende il nome di ossido manganico
MnO
2
prende il nome di biossido di manganese
MnO
3
prende il nome di anidride manganica
Mn
2
O
7
prende il nome di anidride permanganica
OSSIDI
ECCEZIONI
Per gli idrossidi, la nomenclatura IUPAC si attiene alle stesse regole
adottate per gli ossidi, con la sola differenza che il termine ossido di si
sostituisce con idruro di.
Alcuni esempi:
SnH
4
prende il nome di tetraidruro di stagno
FeH
2
prende il nome di diidruro di ferro
la nomenclatura tradizionale adotta lo stesso metodo utilizzato per gli
ossidi, con la sola differenza che il termine ossido di si sostituisce con
idruro di.
Alcuni esempi:
CuH
2
prende il nome di idruro rameico
FeH
2
prende il nome di idruro ferroso
NOMENCLATURA IUPAC
IDRURI
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
Gli idruri metallici
s ono c ompos t i
chimici costituiti di
un (o pi) atomo di
metallo e di un (o
p i ) a t o mo d i
idrogeno con stato
di ossidazione -1.
Per gli idrossidi, la nomenclatura IUPAC si attiene alle stesse regole
adottate per gli ossidi, con la sola differenza che il termine ossido di si
sostituisce con idrossido di.
Alcuni esempi:
Al(OH)
3
prende il nome di triidrossido di alluminio
Fe(OH)
3
prende il nome di triidrossido di ferro
Per gli idrossidi, la nomenclatura tradizionale adotta lo stesso metodo
utilizzato per gli ossidi, con la sola differenza che il termine ossido di si
sostituisce con idrossido di.
Alcuni esempi:
LiOH prende il nome di idrossido di litio
Al(OH)
3
prende il nome di idrossido di alluminio
Fe(OH)
3
prende il nome di idrossido ferrico
Fe(OH)
2
prende il nome di idrossido ferroso
NOMENCLATURA IUPAC
BASE
IDROSSIDO
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
Gli ossiacidi sono composti chimici in cui un (o pi) atomo di
Idrogeno lega con un (o pi) atomo di un non metallo e con un (o
pi) atomo di Ossigeno.
La nomenclatura IUPAC prevede l'accostamento del termine acido
ad un termine costituito da due parti, la prima che indica il numero di
atomi di ossigeno con il termine osso preceduto dal presso greco e
la seconda che indica il non metallo con desinenza rigorosamente in
-ico, il tutto seguito dal numero di ossidazione del non metallo scritto
in numeri romani chiuso tra parentesi.
HClO
2
prende il nome di acido diossoclorico (III)
HClO
4
prende il nome di acido tetraossoclorico (VII)
H
2
CO
3
prende il nome di acido triossocarbonico (IV)
H
2
SO
4
prende il nome di acido tetraossosolforico (VI)
H
2
SO
3
prende il nome di acido triossosolforico (IV)
NOMENCLATURA IUPAC
! mono... = 1
! di... = 2
! tri... = 3
! tetra... = 4
! penta... = 5
! esa... = 6
! epta... = 7
! otta... = 8
! nona... = 9
! deca... = 10
ACIDO
OSSIACIDO
Per gli ossiacidi, la nomenclatura tradizionale prevede la sostituzione
del termine anidride con acido pi la seconda parte del nome della
corrispettiva anidride da cui deriva.
HClO prende il nome di acido ipocloroso
[deriva dall'anidride ipoclorosa]
HClO
4
prende il nome di acido perclorico
[deriva dall'anidride perclorica]
H
2
CO
3
prende il nome di acido carbonico
[deriva dall'anidride carbonica]
H
2
SO
4
prende il nome di acido solforico
[deriva dall'anidride solforica]
H
2
SO
3
prende il nome di acido solforoso
[deriva dall'anidride solforosa]
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
ACIDO
OSSIACIDO
ACIDO
IDRACIDO
la nomenclatura IUPAC propone che il nome del non metallo con
desinenza rigorosamente in -uro sia seguito dal termine di
idrogeno.
Alcuni esempi:
HCl prende il nome di cloruro di idrogeno
HBr prende il nome di bromuro di idrogeno
la nomenclatura tradizionale prevede il termine acido seguito dal
nome del nonmetallo con desinenza in -idrico.
Alcuni esempi:
HCl prende il nome di acido cloridrico
HBr prende il nome di acido bromidrico
NOMENCLATURA IUPAC
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
Nel caso in cui un
(o pi) atomo di
Idrogeno lega con
un (o pi) atomo di
un non metallo si
f o r m a u n
idracido.
SALE
Gli aloidi sono sali
composti da un (o
pi) atomo di un
metallo legato con
un (o pi) atomo di
un non metallo
ALOIDI
la nomenclatura IUPAC adotta le stesse regole utilizzate negli idruri,
con la differenza che il termine idruro opportunamente sostituito
con il nome del non metallo, pur mantenendo la desinenza in -uro.
Alcuni esempi:
NaCl prende il nome di cloruro di sodio
Cu
2
S prende il nome di solfuro di dirame (I)
CuS prende il nome di solfuro di rame (II)
la nomenclatura tradizionale propone che il nome del non metallo con
desinenza in -uro sia seguita da complemento di specicazione e
nome del metallo con sufsso e/o presso adeguato secondo il
numero di ossidazione.
Alcuni esempi:
NaCl prende il nome di cloruro di sodio
Cu
2
S prende il nome di solfuro rameoso
CuS prende il nome di solfuro rameico
NOMENCLATURA IUPAC
NOMENCLATURA TRADIZIONALE
SALE
Gli ossisali sono
sali composti da un
(o pi) atomo di un
metallo legato con
un (o pi) atomo di
un non metallo e
con un (o pi )
atomo di ossigeno
OSSISALI
la nomenclatura IUPAC prevede che il primo termine derivi
dall'anione dell'acido con desinenza in -ato seguito dal numero di
ossidazione del non metallo, sia seguito da complemento di
specicazione e il nome del metallo, seguito dal numero di ossidazione
dello stesso qualora ci fossero possibilit di incertezza
Alcuni esempi:
LiClO
2
prende il nome di diossoclorato (III) di litio
Fe(ClO
4
)
3
prende il nome di tetraossoclorato (VII) di ferro (III)
la nomenclatura tradizionale propone l'accostamento di due termini:
il primo deriva dall'anione dell'acido, in particolare se il sufsso del
nome dell'acido era -oso, nel sale sar -ito mentre se era -ico, nel sale
sar -ato; il secondo deriva dal catione dell'idrossido, secondo le regole
del numero dossidazione
Alcuni esempi:
LiClO
2
prende il nome di clorito di litio
Fe(ClO
4
)
3
prende il nome di perclorato ferrico
NOMENCLATURA IUPAC
NOMENCLATURA TRADIZIONALE