Sei sulla pagina 1di 23

Plauto: lettura di Amphitruo : arg. II; vv. 50-63; 186-261; 403-462 (cf. A.Traina, Comoedia.

Antologia della Palliata, Padova, Cedam, 20005 , pp. 44-87). Bibliografia di riferimento:
EDIZIONI: G. Goetz-F. Schoell, III voll., Leipzig 1893-18961 ; fasc. I-II 19092 -19042 ; F. Leo, II voll., Berlin 1895-1896; W. M. Lindsay, II voll., Oxford 19102 ; C. Questa (Cantica), Urbino 1995. TRADUZIONI: P. Nixon, V voll., London-Cambridge Mass. 1917 (trad. inglese), A. Ernout, VII voll., Paris 1931-19612 (trad. francese); E. Paratore, V voll., Roma 1976. LESSICO: G.Lodge, II voll., Leipzig 1924-1933. COMMENTI: a tutto Plauto: J.L. Ussing, Commentarius in Plauti Comoedias. Denuo edendum curavit, indicibus auxit A. Thierfelder, Hildesheim-New York, I-II 1972 (ed. or. Hauniae 1875-1892) [ledizione originale conteneva anche il testo, non riprodotto nella ristampa]. A singole commedie: Aulularia: W. Stockert (Stuttgart 1983); Captivi: W. M. Lindsay (London 1900); Epidicus: G. E. Duckworth (Princeton 1940); Persa : E. Woytek (Wien 1982); Poenulus: G. Maurach (Heidelberg 19882 ); Pseudolus: A. O. F. Lorenz (Berlin 1876); Rudens: F. Marx (Leipzig 1928); Stichus: H. Petersmann (Heidelberg 1973). STUDI: W. G. Arnott, Menander, Plautus, Terence, Oxford 1975; M. Barchiesi, Plauto e il metateatro antico, Il Verri 31, 1969, 113-30 (rist. in I moderni alla ricerca di Enea, Roma 1981, 147-174); W. Beare, The Roman Stage, London 19643 , 45-69; M. Bettini-C. Questa (edd.), Nuovi studi su Plauto. Grammatica poetica e fortuna letteraria di un testo esemplare, MD 14, 1985; E. Fraenkel, Plautinisches im Plautus, Berlin 1922 (trad. it. Elementi plautini in Plauto, Firenze 1960); E.W. Handley, Menander and Plautus. A Study in Comparison , London 1968; E. Lefvre (ed.), Die rmische Komdie, Plautus und Terenz, Darmstadt 1973; R.S. Mio la, Shakespeare and Classical Comedy: the influence of Plautus and Terence, Oxford 1994; G. Petrone, Teatro antico e inganno: finzioni plautine, Palermo 1983; C. Questa, Introduzione alla metrica di Plauto , Bologna 1967; C. Questa - R. Raffaelli, Maschere Prologhi Naufragi nella commedia plautina, Bari 1984; N.W. Slater, Plautus in Performance. The Theatre of the Mind, Princeton 1985; E. Segal, Roman Laughter. The Comedy of Plautus, Oxford 19872 ; A. Traina, Forma e Suono. Da Plauto a Pascoli, Bolo gna 19742 . Sulla fortuna: F. Bertini, Plauto e dintorni , Bari 1997; G. Chiarini, Lessing e Plauto , Napoli 1983; M. Delcourt, La tradition des comiques anciens en France avant Molire, Lige-Paris 1934; . Lindberger, The Transformation of Amphitryon, Stockholm 1956; C. Questa, Il ratto del serraglio. Euripide, Plauto, Mozart, Rossini, Bologna 1979. Bibliografia su Plauto, Amphitruo : cf. Traina, Comoedia , pp. 45s.; v. anche Plautus. Amphitruo, edited by D.M. Christenson, Cambridge 2000 (edizione inglese con note); Tito Maccio Plauto, Anfitrione. A cura di R. Oniga, introduzione di M. Bettini, Venezia 19973 [19911 ] (traduzione con note); T. Macci Plauti Amphitruo, edited with Introduction and Notes by A. Palmer, London-New York 1890 (edizione inglese con commento); R. Raffaelli-A. Tontini [edd.], Lecturae Plautinae Sarsinates. I. Amphitruo, Urbino 1998: in part. i saggi di E. Lefvre, LAnfitrione di Plauto e la tragedia , pp. 13-30 e R. Oniga, Strutture e funzione dei cantica nellAmphitruo , pp. 31-47. Plauto, Anfitrione, arg. II Amore captus Alcumenas Iuppiter mutauit sese in formam eius coniugis, Pro patria Amphitruo dum decernit cum hostibus. Habitu Mercurius ei subseruit Sosiae. Is aduenientis seruum ac dominum frustra habet. Turbas uxori ciet Amphitruo, atque inuicem Raptant pro moechis. Blepharo captus arbiter Vter sit non quit Amphitruo decernere. Omnem rem noscunt: geminos illa enititur. Innamoratosi di Alcmena, Giove Assunse laspetto di suo marito, mentre Anfitrione combatte con i nemici per la patria. Mercurio, nei panni di Sosia, lo assiste. Questi inganna servo e padrone al loro ritorno. Anfitrione fa una scenata alla moglie, e (i due rivali) si accusano lun laltro di adulterio. Blefarone, preso come arbitro, non sa distinguere chi dei due sia Anfitrione. Si viene a sapere tutta la faccenda: quella (Alcmena) partorisce due gemelli.

Secondo argomento: in versi giambici, acrostico (cos da formare con la prima lettera di ogni verso il titolo della commedia), sicuramente non plautino, ma opera di un grammatico (II sec. a. C.?), con tratti linguistici iperarcaizzanti e postclassici. 1. Amore captus: lincoativo innamorarsi espresso in latino da perifrasi come amore capi, in amorem incidere, amare incipere. a Alcumenas: Plauto declina il sostantivo sempre alla latina. In effetti in et arcaica i sostantivi greci della 1 declinazione venivano assunti nella prima declinazione, es. machina, nauta (operazione facilitata dalle forme doriche in -a#, es. macan, nataj). Fu Accio (grammatico oltre che tragico, I sec. a. C.) a promuovere una riforma per cui in latino si doveva conservare la declinazione greca: ne nata una declinazione misto-greca, del tutto artificiale (es. Alcumene, Alcmenes, Alcmenae, Alcmene, Alcmenen). Cf. A. Ernout, Morphologie historique du latin, Paris 19743 (19531 ), p. 23s. Latina dunque (come sottolinea Ritschl) la forma di genitivo arcaico in -as (cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, pp. 156-9) gi attestata come arcaismo nellepica arcaica, da Livio Andronico [che impiega Moentas, Latonas], fino a Nevio [fr. 8,3 Bl. filii Terras, fortunas]. Qui si tratta di un iperarcaismo: Plauto non impiega il gen. in -as tranne che nella formula duso pater familias, e, per il gen. arcaico ricorre al pi tardo gen. in -a # i # (come nel caso Merc. 834 Di Penates meum parentum familiai Lar pater) impiegato, dopo Ennio, come poetismo. Di sapore arcaico anche lanattissi (inserimento della vocale -u - nel nome greco 'Alkmnh), come sempre in Plauto: Alcmena gi in Lucilio 544 M., e quindi nel latino classico. Le forme con anattissi di -u- sono attestate in Plauto, Igino, Plinio

il vecchio e dai grammatichi latini: Mar. Vict. gramm. 6,8,6ss. e 9,16ss. K. = 4,3 e 4,10 Mar. (cap. 4 De orthographia ) iuxta autem non ponebant C M: inde nec Alcmenam dicebant nec Tecmessam, sed Alcumenam <et Tecumesam;> inde Alcumeo et Alcumena <et Tecumesa> tragoediae, donec Iulius Caesar, qui Vopiscus et Strabo et Sesquiculus dictus est, primus Tecmessam <in>scripsit tragoediam suam, et <ita> in scena pronuntiari iussit [] Hactenus autem et hodie, non, ut antiqui, hacetenus <et> hocedie: [] et Alcmenam (sc. potius) quam Alcumenam, Alcmeonem quam Alcumeonem, Tecmessam potius quam interposita V Tecumessam; Priscian. gramm. 2,29,5 H. saepe interponitur inter cl vel cm in Graecis nominibus, ut `Hraklj Hercules, 'Asklhpij Aesculapius, et antiqui 'Alkmnh Alcumena, 'Alkmwn Alcumeon. Iuppiter: tema in -ou -, evidente nei casi obliqui (come in bos, b ouis) della 3a declinazione. Il nominativo deriva da * Iou-pater, con geminazione espressiva e apofonia (cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, p. 166). 2. sese: forma raddoppiata (rafforzata) del pron. riflessivo accusativo e ablativo. 3. Amphitruo: la forma classica Amphitryon (gr. 'Amfitrwn ). Plauto doveva scrivere Ampitruo: laspirazione consonantica fu introdotta nella II met del II sec. a Cr. per rendere cqf , inizialmente trascritte come ctp: nel senatus consultum sui Baccanali del 186 a. Cr. Bkch reso con Baca (cf. anche i doppioni Poeni / Phoeni#ces; purpura / Porphyrion dal gr. porfra; ampulla <ampor(a)la / amphora dal gr. mforej). La lettera y entr nellalfabeto nel I sec. a. C. dum decernit: mentre, 1 dum o dum acronico, esprime concomitanza generica rispetto ad un momento: dum + presente indicativo: mentre = nel momento che (dum Romae consulitur, Saguntum expugnatum est, mentre a Roma si discuteva, Sagunto fu espugnata); 2 dum: parallelismo cronologico, concomitanza rispetto ad una durata: dum, donec, quoad , quamdiu, con tutti i tempi dellindicativo, mentre = per tutto il tempo che (haec feci, dum licuit, ho fatto questo, finch mi fu lecito); 3 dum : successione immediata: dum, donec , quoad + indic. (semplice rapporto di tempo); + cong. (intenzionalit) (exspecto, dum uenias, aspetto che tu venga, aspetto intanto che tu vieni). decernit: (-is, decre#ui, decretum, -ere ) composto di cerno, che verbo di origine agricola, ed indica il passare al setaccio (cribrum), quindi 1) distinguere tra vari oggetti, sostituto metrico di video; 2) scegliere tra varie soluzioni, decidere, p. es. combattendo, cernere ferro ((in Ennio e Virgilio), significato assunto da decerno (v. Sen. epist. 58,3 Vergilius [] cernere ferro Quod nunc decernere dicimus: simplicis illius uerbi usus amissus est), che ha altrimenti valore di decretare, votare, cf. decretum. 4. habitu: laspetto, il comportamento, il modo di se habere. subseruit: composto neviano (com. 111s. R.3 regum filiis / linguis faueant atque adnutent, nec <animis> subseruiant , ben altrimenti edito da Traglia, com. 87s. filiis / regum linguis faueant atque adnutent et subseruiant, che conserva let dei codd. del testimone, Fronto 28,15s. v.d.H.2 ), plautino (Men. 766) e terenziano (Andr. 735 tu ut subseruias / orationi, utquomque opus sit, uerbis uide con lidea di assecondare), ripreso al di fuori da questo argumentum dagli arcaizzanti Apuleio, Frontone e dai grammatici (cf. Synon. Cic. 416,12s. B. Adulatur. blanditur. adsentatur. opitulatur. adseruit. ancillatur. famulatur. subseruit. Cf. il sinonimico e omeosuffissale subparasitabor, v. 515. 5. aduenientis: acc. plur. con desinenza in -is, originaria dei temi in -i- della 3a decl., e quindi estesa anche ai temi in consonante; in et repubblicana alternante con la forma -es (propria dei temi in consonante), ma pur sempre ben documentata anche fino allet postaugustea. frustra habet: lavv. frustra , che gli antichi accostavano paraetimologicamente a fraus, nella formula di lingua duso frustra habere assume valore di ingannare, espressione attestata tuttavia solo a partire da Tacito, mentre il suo passivo, frustra esse, essere ingannati gi plautino (cf. v. 974 ambo, et seruos et era, frustra sunt), oltre che enniano e pi tardi terenziano. 6. turbas ciet: riprende il v. 476 Nam Amphitruo actutum uxori turbas conciet / atque insimulabit eam probri. Il verbo cieo (-es, citum, ciere ), e il suo doppione cio (cis, ciui, citum, cire, impiegato al v. 476) rari in et repubblicana, impiegati come arcaismi, scompaiono nel latino postclassico, dove sono sostituiti dallintensivo cito e composti sono verbi di movimento, e quindi indicano il mettere in movimento, evocare, invocare e quindi suscitare, provocare. Turbas, confusione, folla, qui con il valore di scenata, tipico della lingua familiare, cf. Asin. 824 fac ut illi turbas, lites concias, dove turba accostato al sinonimo lis e al verbo concio. inuicem: avverbio (spesso con tmesi, in uicem) da un sostantivo * uix , di cui sono attestate le forme singolari uicis (gen. raro e tardo), uicem, uice e plurali uices (nom., acc., cf. Hor. carm. 4,12,1ss. Diffugere niues, redeunt iam gramina campis / arboribusque comae; / mutat terra uices, le sue vicende) e uicibus (dat. e abl.), usato soprattutto in espressioni avverbiali come uicem, uice al posto di, in uicem al posto di, a turno. Assume il valore di scambievolmente, lun laltro a partire da Livio. raptant: si accusano a vicenda, inuicem. Sono i due rivali, Anfitrione e Giove (con riferimento alla scena lacunosa del confronto dei due, fr. XV-v. 1025), con un duro cambio di soggetto, frequente negli argumenta, come al v. 9 (noscunt). Rapto frequentativo (intensivo) di rapio (verbo della 1a coniugazione regolare, derivato dal tema del supino raptum). Questi verbi avevano originariamente valore di stato, e quindi significato durativo (habito mi tengo sempre in un luogo, abito) in opposizione al semplice (habeo ), o laddove il semplice fosse scomparso con il composto momentaneo (es. specto, sto a guardare, adspicio , conspicio rivolgo lo sguardo). Successivamente si sono specializzati con valore di iterazione (cursito, iacto, nuto), di intensit (quasso, rapto), di conato (prenso, capto ), di consuetudine (cubito, uisito [dal desiderativo uiso , a sua volta derivato da uideo]), o ancora pu indicare anche attenuazione nel tempo (dormi #t o , lusito, uolito). Cf. TrainaBernardi Perini, Propedeutica , pp. 171-4. Rapto deriva lidea di accusare dallespressione rapere in ius, trascinare in giudizio. Ussing pensa che il verbo indichi anche che i due vengano alle mani, cf. Aul. 631s. Quid me adflictas? Quid me raptas? Qua me causa uerberas? 7. pro: con il significato di come, con la funzione di, cf. pro testimonio, nel ruolo di testimone, come testimone. moechis: dal gr. moicj , ladultero, adulter, forma che in Plauto si trova una sola volta (Amph. 1049; 3 volte adulterium e 1 adulterinus) contro le 12 di moechus (da cui lhapax moechissat di Casin. 966 In adulterio, dum moechissat Casinam, credo perdidit ), pi fortemente connotato e proprio della lingua comico-satirica o ingiuriosa (cf. Catull. 11,17 cum suis uiuat ualeatque moechis / quos simul conplexa tenet trecentos / nullum amans uere sed identidem omnium / ilia rumpens).

Blepharo: nome scelto per antifrasi, dal gr. blfaron, palpebra, ma questo occhiuto arbitro non riesce a distinguere tra i due Anfitrioni. 8. Per il concetto, cf. il fr. XIX Lindsay di questa commedia, citato da Non. 285,26s. M. = 440 L., s.v. decernere, compreso nella sezione lacunosa prima della conclusione: Qui nequeas nostrorum uter sit Amphitruo decernere, battuta attribuita a Giove o ad Anfitrione. Vter sit: interrogativa (introdotta da Vter, utra, utrum? chi dei due? quale delle due cose, pronome / aggettivo interrogativo) indiretta al congiuntivo con il tempo presente ad esprimere contemporaneit rispetto al presente della sovraordinata, secondo la consecutio temporum. Si consideri il seguente specchietto riassuntivo della c. t. del congiuntivo
Sovraordinata Subordinata contemporaneit anteriorit posteriorit Es. Quaero Quaerebam Tempi principali Pres Perf Perifrast. Att. + sim quid facias, quid feceris , quid facturus sis quid faceres , quid fecisses , quid facturus esses Tempi Storici Impf Ppf Perifrast. Att. + essem

non quit Amphitruo decernere: Blefarone non sa distinguere chi dei due sia Anfitrione. Non quit con un anacoluto, frequente in Plauto, a riprodurre il parlato (cf. v. 84 Quiue quo placere[n]t alter fecisset minus, chi abbia fatto che un altro abbia minor successo) anticipa il verbo della principale allinterno della proposizione subordinata. non quit: queo , composto del verbo eo di origine incerta. Forse da neque it > nequit, non va, non possibile si ricostruita la flessione di nequeo , e quindi il polare, positivo, queo per falsa divisione (ne-queo ): spiegazione che pare confermata dalla tendenza ad evitare luso del positivo queo, senza negazione. La forma non quit che Cicerone usa costantemente al posto di nequit pare forma con la negazione staccata e riammodernata (cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, pp. 190-2). A derivazione dallimpersonale nequitur < neque itur non va pensano Ernout-Meillet (A. Ernout - A. Meillet, Dictionnaire tymologique de la langue latine, Paris 19594 (19321 ).
Nella flessione nequeo presenta le caratteristiche tipiche del verbo eo, cio lapofonia (alternanza vocalica) radicale di tipo indoeuropeo *ei/i (cf. gr. emi / men ). Il grado i- si trova solo al supino (itum) e al nominativo del participio presente (iens). Il grado pieno ei- trasformato per lintervento di fenomeni fonetici latini: 1) caduta di i- dinanzi a vocale (ei-o> eo; ei-onti > eunt); 2) chiusura del dittongo ei- in i#- (eis >is , eibam > ibam).

9. noscunt: altro cambio di soggetto. Si pu lasciare indeterminato (Ernout, Onniga, Traina), o meno bene ad Anfitrione e Alcmena (Christenson). geminos enititur: partorisce due gemelli. Dal senso originario di gemini, gemelli, si sviluppato il valore di geminus, doppio e quello, poetico, di due (gr. ddumoi forma raddoppiata di do ), cf. Verg. Aen. 2,203ss. ecce autem gemini a Tenedo tranquilla per alta / (horresco referens) immensis orbibus angues / incumbunt pelago parite que ad litora tendunt. illa: nel testo accolta la congettura illa di Bothe. I codici (nel caso dellAmphitruo B [Pal. Lat. 1615, saec. x-xi], D [Vat. Lat. 3870, saec. x-xi], E [Ambrosianus I 257 inf., saec. xii ex.], J [Londinensis, British Library, Reg. 15 C XI, saec. xii in.] manca A [Ambrosianus palimpsestus, G 82 sup., saec. iii-iv], lacunoso per questa parte) hanno Alcumena , che non entra nel metro (2 sillabe in pi): probabilmemte si tratta di una glossa penetrata nel testo. Preferiscono inserire le croci Leo (Alcumena enititur), Ernout (Alcumena), ed ora Christenson. enititur: eni#t or (-eris, enisus / enixus sum, eniti). Dallidea fisica di far forza su del verbo nitor, si sviluppano in enitor i valori morali di sforzarsi, adoperarsi, o quello concreto di arrampicarsi a fatica, e quindi quello tecnico dello sforzo delle doglie, partorire, attestato a partire da Varrone, e frequente in poesia esametrica (Verg., Ov.); cf. anche il desiderativo nixurio, glossato filotokw dal Glossario di Filosseno parallelo al pi comune parturio ma impiegato anche con valore pi esteso di sforzarsi, attestato dal grammatico Nigidio Figulo (fr. 13 S. nixurit, qui niti uult et in conatu saepius aliqua re perpellitur). Plauto, Anfitrione, 50-63 Nunc quam rem oratum huc ueni primum proloquar; 50 post argumentum huius eloquar tragoediae. Quid contraxistis frontem? Quia tragoediam dixi futuram hanc? Deus sum, commutauero. Eandem hanc, si uoltis, faciam ex tragoedia comoedia ut sit omnibus isdem uorsibus. 55 Vtrum sit an non uoltis? Sed ego stultior, quasi nesciam uos uelle, qui diuos siem. Teneo quid animi uostri super hac re siet: faciam ut commixta sit tragico comoedia: nam me perpetuo facere ut sit comoedia, 60 reges quo ueniant et di, non par arbitror. Quid igitur? Quoniam hic seruos quoque partes habet, faciam sit, proinde ut dixi, tragicomoedia. Ora dir innanzi tutto che cosa sono venuto qui a trattare; poi esporr largomento di questa tragedia. Perch avete aggrottato la fronte? Perch ho detto che questa sar una tragedia? Sono un dio, in un attimo la cambier. Questa stessa, se volete, io far in modo che da tragedia sia una commedia con tutti i medesimi versi. Volete che lo sia o no? Ma io che sciocco, come se non sapessi che voi lo volete, dal momento che io sono un dio! Capisco che cosa pensate nel vostro animo su questa cosa. Far in modo che sia una commedia mista di tragico: infatti non mi sembra giusto che io faccia in modo che sia dallinizio alla fine una commedia, nella quale invece partecipano re e dei. E allora? Poich anche un servo ha la sua parte qui, far in modo che sia, come ho detto, una tragicomedia.

50. Quam rem ueni: interrogativa indiretta allindicativo. primum: (accusativo avverbiale) precedenza in ordine di importanza (come prima cosa, in primo luogo; in senso temporale = per la prima volta), primo la precedenza in ordine di tempo (da principio, in un primo tempo). Antea (ante) indica infine l'anteriorit rispetto ad un momento dato (prima di allora, per l'addietro), cf. Traina-Bertotti, Sintassi, p. 200: Tunc primum ignota antea uocabula reperta sunt, allora per la prima volta si trovarono vocaboli prima ignoti. oratum: oro (qui al supino finale in unione con il verbo di moto, ueni ) originariamente verbo della lingua religiosa e giuridica, con il senso di pronunciare una formula rituale, pregare o perorare una causa. Come fare unambasciata, esporre, a trattare lo intendono Ernout e Traina, mentre Oniga pensa piuttosto al valore di pregarvi. La frase riprende il sema dellorare che martellato da Mercurio nel prologo cf. vv. 19s. Iouis iussu uenio: nomen Mercuriost mihi: / pater huc me misit ad uos oratum meus, (dove comunque pu avere valore di fare unambasciata), 32s. propterea pace aduenio et pacem ad uos fero . / Iustam rem et facilem esse oratam a uobis uolo. / Nam iuste ab iustis iustus sum orator datus (Perci vengo pacificamente e vi porto la pace: voglio ottenere da voi una cosa semplice e giusta. Perch io sono un ambasciatore giusto, mandato a chiedere una cosa giusta a uomini giusti) e anticipazione del v. 64 Nunc hoc me orare a uobis iussit Iuppiter
Nelle proposizioni finali si pu incontrare: 1) ut + cong. (negaz. ne): legati uenerunt ut pacem peterent, gli ambasciatori vennero per chiedere pace (per la consecutio temporum si ha di regola un rapporto di contemporaneit); 2) quo + cong., in presenza di un comparativo: legati uenerunt quo aequiorem pacem peterent gli ambasciatori vennero per chiedere una pace pi giusta; 3) ad + acc. del gerundio o gerundivo: legati uenerunt ad pacem petendam ; 4) causa, gratia + gen. del gerundio o gerundivo: legati uenerunt pacis petendae gratia ; 5) supino in -um, con verbi di moto: legati uenerunt pacem petitum .

51. post eloquar : prosegue primum proloquar. E verbo tecnico dei prologhi espositivi, cf. v. 17s. Nunc quoius iussu uenio et quam ob rem uenerim, / dicam simul que ipse eloquar nomen meum. tragoediae: con prosdkhton al posto dellatteso comoediae (vv. 95s. nunc --- animum aduortite, / dum huius argumentum eloquar comoediae. 52. Quid: perch. Pronome interrogativo allaccusativo di relazione (lett. riguardo che cosa). contraxistis frontem: la reazione non solo dovuta allinatteso termine tragoediae, ma anche al fatto che la tragedia riscuoteva meno successo della commedia (criticata tra laltro da Lucilio, Orazio e Persio). 53s. quia tr agoediam / dixi: proposizione causale oggettiva (verbo della principale sottinteso contraxistis ).
Le causali sono introdotte da: - quod, quia e quoniam + indicativo : causa oggettiva, considerata come reale + conginuntivo : causa soggettiva: supposta o riferita - cum + conginuntivo tutti i tempi - quando, quandoquidem, siquidem + indicativo : causa soggettiva - ut qui, quippe qui, utpote qui + conginuntivo (relative causali) Es. non quod te oderim, sed quia parum studes, te uitupero ti rimprovero non perch ti odi (c. supposta e negata), ma perch studi poco (c. reale)

commutauero: lidea di istantaneit e rapidit dellintervento divino espressa mediante il futuro anteriore, ad indicare azione compiuta nel futuro, ed insieme dal preverbio cum, qui con valore perfettivizzante e non sociativo (cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, pp. 214s., con lesempio di lacrimo , sono in lacrime, collacrimor scoppio in pianto etc.). 54s. Eandem hanc faciam ex [con iato, a meno che non si inserisca qualcosa come ego , Hermann; iam, Lachmann] tragoedia / comoedia ut sit: costrutto dovuto alla fusione di due espressioni: eandem hanc faciam ex tragoedia comoediam e lespansione del complemento predicativo nella proposizione sostantiva ut sit comoedia (in mo do analogo alla anticipazione del tipo oda se stij e, spesso in Plauto con il verbo facio, cf. Pers 414, possum te facere ut argentum accipias o in Most. 389 satin habes, si ego aduenientem ita patrem faciam tuum ut fugiat longe ab aedibus e la trattazione di W. M. Lindsay, The Syntax of Plautus, Oxford 1907, pp. 27s., e Christenson, pp. 147s.). 56. Vtrum sit an non uoltis? In correlazione a utrum, oppure a ne, la congiunzione an viene impiegata nelle interrogative per introdurre disgiunzione (es. unusne sit an duo sia uno solo o pi). Voltis con dissimilazione fonica (uu a partire dallet augustea). Sed ego stultior: con omissione di sum propria del parlato. Il senso rafforzativo, pi che comparativo: cf. Merc. 930s. ego stultior, / qui isti credam. 57. quasi nesciam: comparativa ipotetica con il congiuntivo. uelle: il verbo ripetuto 8 volte (vv. 1, 5, 9, 13, 39, 54, 56) in riferimento al volere degli spettatori, nellambito di una captatio beneuolentiae (cf. Christenson). Per lalternanza radicale uel-/uol-, (non indoeuropea) dipendente dalla natura della -l- : 1) con l- palatale (dinanzi i/l) si ha e (es.: uelle; uelim) 2) con -l - velare (dinanzi a , o , u e consonante) si ha e>o>u (es.: uolt>uult ; uolunt). Alla 2a pers. sing. al posto di uel-s > uell si ha un suppletivismo da uis corradicale di inuitus: cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica , pp. 188s. qui diuos siem: relativa impropria (al congiuntivo) con valore causale, poich sono un dio. diuos: allotropo di deus (deiuos), la cui declinazione regolare doveva essere deus, diui#, diuo#, deum, diue , diuo#(d ); di , deum (<* diuom), di#s, diuo#s. Ma a partire dal nominativo deus si formata una declinazione normalizzata, autonoma rispetto a quella di diuos, che in et augustea stato confinato alla lingua poetica e limitato a designare personaggi divinizzati come il diuus Augustus. siem: originario ottativo aoristo (gr. ehn): sim si formato per analogia dalle forme del plurale si#mus, si#tis, sint. 58. quid animi uestri siet: interrogativa indiretta al congiuntivo. Quid animi uestri, lett. che cosa del vostro animo sia riguardo con genitivo partitivo ( animus la totalit), particolarmente prediletto da Plauto (cf. espressioni come quid rerum, hoc negoti, hoc operis, etc. v. Lindsay, The Syntax of Plautus, pp. 16s.). Animus est quo sapimus, anima qua uiuimus (anima = principio animale della vita, soffio vitale, mentre animus = princ. spirituale, ragione, la nostra ital. anima). 59. commixta sit tragico comoedia: Plauto prepara per gradi lascoltatore al nuovo conio del v. 63, tragicomoedia, mostrandone la genesi e isolandone gli elementi costitutivi (Traina). Il richiamo del v. 63 faciam, proinde ut dixi, tragicomoedia (dove per i codici hanno, come al v. 59, tragico comoedia , che contra metrum), non dunque da intendersi che gi al v. 59 si trovi il termine tragicomoedia (come pensano Leo, Lindsay ed

ora anche Christenson, che perci devono integrare una sillaba: faciam ut commixta sit; <sit> tragico[co]moedia), ma che sopra era stato esposto il presupposto di questo nuovo genere. 60. perpetuo: dallinizio alla fine: cf. perpes, -etis, perpetuus, che avanza in maniera continua, ininterrotta, perpetua (Ernout-Meillet 499), formato dalla radice di peto . 61. quo ueniant: nel cong. della relativa Traina indica un valore avversativo. Lidea : Non mi sembra giusto far s che sia una commedia, eppure vi partecipino dei e re: nella trad. il valore avversativo indicato da invece. 62. Quid igitur?: fa parte di quelle che Hofmann (J.B. Hofmann, La lingua duso latina , traduzio ne italiana a cura di L. Ricottilli, Bologna 19852 [19801 ; ed. or. Lateinische Umgangssprache, Heidelberg 19513 ]), pp. 156ss. definisce formule interrogative meccanizzate, del tipo di quid ais (tu ), con lo scopo solo di richiamare su qualcosa lattenzione: aveva dunque una funzione debole. 62. Quoniam partis habet: causale oggettiva, con lindicativo, cf. al v. 53. partis: con desinenza di acc. plur. propria dei temi in -i- della 3a declinazione (uscita estesa anche ai temi in consonante per tutta let repubblicana e augustea). Pars < *parti-s, con tema in -i - con nominativo sigmatico, caduta della i interna e in seguito della sibilante dinanzi dentale (cf. mons, montis; gens, gentis). Il tema in -i- evidente al gen. plur. partium (cf. TrainaBernardi Perini, Propedeutica , pp. 154ss.; Ernout, Morphologie historique, pp. 55s.) quoque: anche un servo, come i re. Quoque (posposto) aggiunge livellando (tu quoque = anche tu, come gli altri), mentre etiam aggiunge isolando (etiam tu = persino tu, in pi degli altri). faciam sit: qui la sostantiva espressa senza ut .
Le proposizioni sostantive si possono dividere a) Secondo le funzioni in 1) soggettive , se fanno da soggetto: bene est te hoc facere , 2) oggettive , se fanno da oggetto: scio te hoc facere, 3) epesegetiche , se costituiscono la epesegesi di un pronome neutro soggetto o oggetto: illud bene est, te hoc facere; hoc scio, te hoc facere b) Secondo la forma in 1) infinitive con l'accusativo o il nominativo + INF. 2) dichiarative con QUOD + IND. 3) sostantive + CONG. a. volitive in dipendenza da moneo, suadeo ut/ne quaeso, ut mihi scribas quam saepissime, ti prego di scrivermi il pi spesso possibile; hortor ne quid temere facias, ti esorto a non far alcunch a caso b. in dipendenza dai verba timendi: timeo, metuo, uereor ne/ ne non (ut) timeo ne hostis adueniat, temo che il nemico sopravvenga; timeo ut (=ne non ) uincam , temo di non vincere c. in dipendenza da verba impediendi e non impediendi impedio (te) ne, quominus; non impedio (te) quominus, quin : impedio ne, quominus ueniat, impedisco che venga; non impedio quominus, quin ueniat, non impedisco che venga d. in dipendenza da non dubito quin ed espressioni affini ( nullum dubium est, quis dubitet... quin ): non dubito quin res ita sit, non dubito che la cosa stia cos; non dubito quin id dixeris, non dubito che tu abbia detto ci e. con il congiuntivo della circostanza di fatto, in dipendenza da espressioni come fit, accidit, euenit ut/ ut non : fit ut mihi uerba desint, accade che mi manchino le parole; non putaui fieri posse ut mihi uerba deessent, non avrei mai creduto che potesse accadere che mi mancassero le parole. 4) interrogative indirette + CONG.

prinde: (da pro-inde ), piuttosto che enclitica bisillabica, sar da intendere come bisillabo con sinizesi di -oi -, cos come dinde , cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, p. 95 n. 4). ut dixi: comparativa allindicativo, cf. lo specchietto riassuntivo dell uso di ut .
- ut + INDICATIVO 1) comparativo, come sicut; 2) temporale, non appena che, come ubi primum , simul ac, statim ut... - ut + ELLISSI DEL VERBO In comparative abbreviate con il valore di: 1) come ad esempio: quaedam animalia in montibus uiuont, ut caprae; 2) come naturale, dato che (valore dichiarativo): possum falli, ut homo (gli uomini sono naturalmente soggetti all'errore); 3) per quanto possibile dato che, in relazione al fatto che (valore limitativo): Sp. Maelius, ut illis temporibus, praediues (ricchissimo in relazione a quei tempi, in cui si immagina che non ci fossero grandi patrimoni). - ut + CONGIUNTIVO 1) sostantivo a) volitivo, come con moneo, suadeo ut/ne; b) coi uerba timendi, dove timeo ut = timeo ne non, `temo che non'; c) coi verbi di avvenimento, come fit, accidit, euenit ut/ut non ; 2) finale; 3) consecutivo; 4) concessivo, quand'anche, ammesso pure che (ut haec ita sint, ammesso pure che queste cose stiano cos)

tragicomoedia: la neoformazione costituitasi per aplologia da tragico[co]moedia riprende modelli greci, quali kwmJdotragJda e larotragJda , un genere praticato da Rintone di Taranto (III sec. a. C.).

Plauto, Anfitrione (il canticum di Sosia: parodia dello stile epico, vv. 153-261)
<Sosia> Qui me alter est audacior homo aut qui confidentior, iuventutis mores qui sciam, qui hoc noctis solus ambulem? quid faciam nunc, si tres viri me in carcerem compegerint? 155 inde cras quasi e promptaria cella depromar ad flagrum, siet / ita quasi incudem me miserum homines octo validi caedant; [nec aequum anne iniquum imperet cogitabit] ita peregre adveniens hospitio publicitus accipiar. Haec eri immodestia coegit me, qui hoc noctis a portu ingrati<i>s excitavit. nonne idem hoc luci me mittere potuit? opulento homini hoc servitus dura est, hoc magis miser est divitis servus: noctesque diesque assiduo satis superque est quod facto aut dicto ade<o>st opus, quietus ne sis. ipse dominus dives, operis [et ]laboris expers, quodcumque homini accidit libere, posse retur; aequom esse putat, non reputat laboris quid sit. Nec aequom anne iniquum imperet cogitabit. Ergo in servitute expetunt multa iniqua: Habendum et ferundum hoc onust cum labore. <Merc.> Satiust me queri illo modo servitutem: hodie qui fuerim liber, eum nunc potivit pater servitutis; hic qui verna natus est queritur. fuit, / dis advenientem gratias pro meritis agere atque alloqui? ne illi edepol si merito meo referre studeant gratiam, quoniam bene quae in me fecerunt ingrata ea habui atque inrita. sciat./ civium / sibi eventurum, id contigit, ut salvi poteremur domi: victores victis hostibus legiones reveniunt domum, duello exstincto maximo atque internecatis hostibus. <Sosia> Chi pi audace, pi temerario di me, io che conosco le abitudini della giovent e me ne vado in giro da solo a questora della notte? Che farei adesso, se le guardie mi cacciassero in prigione? Di l, domani, sarei tirato fuori, possibile difendermi, n avrei nessun aiuto nel padrone e la pena. Cos, povero me, otto uomini robusti mi 160 percuoterebbero come un incudine. Cos, arrivando dallestero, sarei ospitato a spese pubbliche. A questo mi ha costretto la prepotenza del padrone, che a questora della 163-164 notte mi ha spinto via dal porto contro mia voglia. Non 165 avrebbe potuto spedirmi di giorno per questa stessa commissione? Per questo duro essere al servizio di un padrone ricco, per questo lo schiavo del ricco pi sfortunato: notte e giorno, senza sosta, ce n davanzo di cose che bisogna fare o dire perch tu non stia in pace. Il 170 padrone, ricco di bisogni e libero dalla fatica, crede che si possa fare tutto quello che gli va; pensa che sia giusto, non pensa che fatica sia farlo e non rifletter se d un ordine giusto o ingiusto. Perci alla servit capitano addosso molte ingiustizie. Bisogna tenersi questo peso e sopportarlo con le 175 sue pene. <Merc.> (a parte). Sarebbe pi giusto che mi lamentassi io, in quel modo, della schiavit: io che fino a oggi sono stato libero, e adesso mio padre mi ha ridotto in schiavit; invece si lamenta lui, che nato schiavo! 180 venuto subito in mente, al mio arrivo, di ringraziare gli dei per i loro benefici e di dire loro una preghiera? Certo, per Polluce, se volessero ricambiarmi secondo i miei meriti, per bene la faccia, perch il bene che mi hanno fatto lho

nec causam liceat dicere mihi, neque in ero quicquam auxili come da una dispensa, per essere frustato, e non mi sarebbe nec quisquam sit quin me <malo> omnes esse dignum deputent. non ci sarebbe nessuno, tra tutti, che non pensi che io merito

<Sos.> Sum vero verna verbero: num numero mi in mentem <Sos.> Sono proprio uno schiavo da bastonare: mi forse

aliquem hominem allegent qui mihi advenienti os occillet probe, dovrebbero mandare qualcuno che al mio arrivo mi spacchi <Merc.>Facit ille quod volgo haud solent, ut quid se sit dignum ricevuto senza ringraziare e senza la minima considerazione. 185 <Merc.> (a parte). Costui fa quello che la gente non ha <Sos.> Ci che n io n nessun altro dei cittadini avremmo mai pensato che ci potesse accadere, accaduto: torniamo salvi a casa. Le legioni vittoriose, vinti i nemici, tornano in patria, spento il fuoco di una terribile guerra e sterminati i <Sos.> Quod numquam opinatus fui neque alius quisquam labitudine di fare: riconosce quel che si merita.

quod multa Thebano poplo acerba obiecit funera, imperio atque auspicio eri mei Amphitruonis maxime: praeda atque agro adoriaque adfecit populares suos regique Thebano Creoni regnum stabilivit suum.

190

nemici. Quella citt che arrec al popolo tebano molti acerbi lutti, stata vinta ed espugnata dalla forza e dal valore dei nostri soldati, principalmente grazie al comando e alla fortuna del mio padrone Anfitrione: egli ha fatto guadagnare ai suoi bottino, terre e onori e ha consolidato al re di Tebe, Creonte, il suo regno. Dal porto mi ha mandato a casa perch riferisca a sua moglie questa notizia: come ha fatto gli interessi dello Stato con il suo comando, la sua guida, la sua fortuna. Ora far la prova di come dirlo a lei, quando sar giunto l. Se racconter frottole, far come al mio solito. Perch, quando quelli combattevano con tutte le loro

id vi et virtute militum victum atque expugnatum oppidum est

me a portu praemisit domum, ut haec nuntiem uxori suae: 195 ut gesserit rem publicam ductu imperio auspicio suo. ea nunc meditabor quo modo illi dicam, cum illo advenero. Si dixero mendacium, solens meo more fecero; nam cum pugnabant maxume, ego tum fugiebam maxume; Verum quasi adfuerim tamen simulabo atque audita eloquar./ Sed quo modo et verbis quibus me deceat fabularier, prius ipse mecum etiam volo hic meditari. sic hoc proloquar. continuo Amphitruo delgit viros primorum principes. Eos legat, Telobois iubet sententiam ut dicant suam: si sine vi et sine bello velint rapta et raptores tradere, si quae asportassent redderent, se exercitum extemplo domum reducturum, abituros agro Argivos, pacem atque otium dare illis; sin aliter sient animati neque dent quae petat, sese igitur summa vi virisque eorum oppidum oppugnassre./ Haec ubi Telobois ordine iterarunt quos praefecerat Amphitruo, magnanimi viri freti virtute et viribus superbe nimis ferociter legatos nostros increpant; respondent bello se et suos tutari posse, proinde uti propere, de suis finibus exercitus deducerent. Haec ubi legati pertulere, Amphitruo castris ilico producit omnem exercitum. Teloboae contra ex oppido legiones educunt suas nimis pulcris armis praeditas. Postquam utrimque exitum est maxima copia, dispertiti viri, dispertiti ordines, nos nostras more nostro et modo instruximus legiones, item hostes contra legiones suas instruunt. Deinde utrique imperatores in medium exeunt, extra turbam ordinum colloquontur simul. Convenit, victi utri sint eo proelio, urbem agrum aras focos seque uti dederent. Postquam id actum est, tubae utrimque canunt contra; consonat terra, clamorem utrimque efferunt. Imperator utrimque, hinc et illinc, Iovi 205

200 forze, io a tutta forza me la battevo. Ma far finta di essere stato presente ed esporr quello che ho sentito dire. Prima per voglio riflettere ancora qui da solo, in che modo Comincer cos: Da principio, appena arrivammo laggi, appena toccammo terra, subito Anfitrione sceglie i primi dei primi. Li manda in ambasceria; ordina che riferiscano ai Teleboi la sua volont. Se, senza violenza e senza guerra, volevano consegnare la preda e i rapitori, se restituivano ci che avevano rubato, avrebbe ricondotto subito lesercito in patria; gli Argivi se ne sarebbero andati dalle loro terre e 210 concederebbero loro pace e tranquillit. Se invece avevano altre intenzioni e non gli davano ci che chiedeva, avrebbe attaccato la loro citt con tutta la sua forza e tutti i suoi uomini. Quando coloro che Anfitrione aveva incaricato ebbero ripetuto per filo e per segno queste condizioni ai 215 Teleboi, quegli uomini dallanimo grande, fiduciosi del loro valore e delle loro forze, apostrofarono con superbia e con grande fierezza i nostri ambasciatori. Rispondono di essere capaci di difendere se stessi e i loro: che pertanto gli Argivi ritirino in fretta lesercito dal loro territorio. Quando gli 220 ambasciatori riferiscono la risposta, subito Anfitrione fa uscire lesercito dal campo; dallaltra parte i Teleboi conducono fuori dalla citt le loro truppe, fornite di armi bellissime. Dopo che da entrambe le parti gli eserciti sono usciti al completo, si dispongono gli uomini, si dispongono 225 le schiere: noi schieriamo le nostre legioni secondo la nostra solita modalit; e cos pure dallaltra parte i nemici schierano le loro legioni. Poi tutti e due i comandanti escono nel mezzo parlano tra loro, fuori dalla folla degli schieramenti. Si stabilisce che, chi dei due popoli venisse

Principio ut illo advenimus, ubi primum terram tetigimus, e con quali parole mi convenga raccontare la mia storia.

vota suscipere, <utrimque> hortari exercitum. <tum> pro se quisque id quod quisque<et> potest et valet edit, ferro ferit, tela frangunt, boat caelum fremitu virum, ex spiritu atque anhelitu nebula constat, cadunt vulnerum vi viri. Denique, ut voluimus, nostra superat manus: hostes crebri cadunt, nostri contra ingruunt [vicimus] vi feroces. sed fugam in se tamen nemo convortitur nec recedit loco quin statim rem gerat; animam omittunt prius quam loco demigrent: quisque ut steterat iacet optinetque ordinem. Hoc ubi Amphitruo erus conspicatus est, ilico equites iubet dextera inducere. Equites parent citi: ab dextera maximo cum clamore involant impetu alacri; foedant et proterunt hostium copias iure iniustas. prolocutus perperam; / pater. / additust./ Vortentibus Telobois telis complebantur corpora, ipsusque Amphitruo regem Pterelam sua obtruncavit manu. Haec illic est pugnata pugna usque a mani ad vesperum hoc adeo hoc commemini magis, quia illo die inpransus fui, sed proelium id tandem diremit nox interventu suo. Postridie in castra ex urbe ad nos veniunt flentes principes: velatis manibus orant ignoscamus peccatum suum, deduntque se, divina humanaque omnia, urbem et liberos in dicionem atque in arbitratum cuncti Thebano poplo. Post ob virtutem ero Amphitruoni patera donata aurea est, qui Pterela potitare solitus est rex.

230 sconfitto in quella battaglia, avrebbe consegnato la citt, le terre, i templi, le case e le sue stesse persone. Quando ci fu compiuto, dai fronti opposti squillano le trombe; la terra risuona, da entrambi i lati i combattenti levano il grido di guerra. Da ognuna delle due parti, di qua e di l, il 235 comandante offre voti a Giove, da un lato e dallaltro incita lesercito. Ciascuno secondo il proprio valore d prova di ci che pu e sa fare: ognuno infuria con la spada, tutti spezzano le aste, il cielo rimbomba per lo strepito degli uomini, dal respiro e dal fiato ansante si forma una nebbia, i soldati 240 cadono per la violenza dei colpi. Infine, quando compiamo uno sforzo di volont, la nostra parte prende il sopravvento: i nemici cadono fitti, i nostri di contro incalzano. Fieri, vinciamo con la forza. Ma nessuno di d alla fuga, n abbandona la posizione senza fare fino in fondo il suo 245 dovere stando al suo posto; i nemici perdono la vita piuttosto di allontanarsi dal posto assegnato. Ciascuno giace dove aveva resistito e mantiene serrata la fila. Quando il mio cavalieri da destra. I cavalieri obbediscono veloci, si assalto travolgente; scempiano e schiacciano le truppe dei 250 castigo. <Merc.> Finora non ha detto neppure una parola a vanvera; infatti io e mio padre siamo stati l, nel vivo della situazione, quando si combattuto. <Sos.> I nemici si danno alla fuga; allora ai nostri aumenta 255 il coraggio. Le spalle dei Teleboi in rotta erano bersagliate delle lance e Anfitrione in persona abbatt di sua mano il re Pterela. La battaglia fu combattuta l dalla mattina alla sera: tanto pi me lo ricordo, perch quel giorno sono rimasto senza mangiare. Ma la notte, infine, col suo arrivo pose 260 termine allo scontro. Il giorno successivo vengono dalla citt al nostro accampamento i capi dei nemici, piangendo. Con le mani coperte dalle bende dei supplici implorano che perdoniamo la loro colpa: tutti affidano le loro persone, tutte le istituzioni sacre e civili, la citt e i figli al potere e allarbitrio del popolo tebano. In seguito al mio signore Anfitrione viene donata, come riconoscimento del suo valore, la coppa doro in cui il re Pterela era solito bere.

<Merc.> Numquam etiam quicquam adhuc verborum est padrone Anfitrione vede ci, ordina subito di far avanzare i namque ego fui illi in re praesenti et meus, cum pugnatum est, slanciano da destra con un altissimo grido di guerra, con un <Sos.> Perduelles penetrant se in fugam; ibi nostris animus nemici, colpevoli di ingiustizia, infliggendo loro un giusto

Il canticum di Sosia, vv. 153-262 I parte: Il lamento di Sosia. La scena si svolge a Tebe, davanti alla casa di Anfitrione; notte e Sosia arriva dal porto con lincarico di riferire ad Alcmena che Anfitrione ha sconfitto i Teleboi e sta per ritornare. Il personaggio entra in scena parlando tra s, senza accorgersi di Mercurio: una convenzione comica tipica del teatro antico. Le prime parole di Sosia fanno emergere la vilt del suo carattere: il personaggio ha paura di tutto, immagina di essere vittima di teppismo o di finire in prigione. Sosia non il tipico servo eroico, astuto e abilissimo nellordire inganni (come Pseudolo nellomonima ocommedia o Crisalo nelle Bacchides): questo ruolo spetta piuttosto, nellAmphitruo, al suo doppio, il dio Mercurio. Tipiche del servo plautino sono, invece, le fantasie sulla punizione (qui Sosia paragona il carcere a una dispensa e, in seguito, paragona se stesso a un incudine). Altrettanto tipico il riferimento alle istituzioni romane, come i tresuiri (v.155) e lhospitium publicum (v.162). 153 Qui alter est homo: Chi altro ?. Qui aggettivo interrogativo concordato con homo e introduce una proposizione interrogativa diretta; le interrogative dirette sono proposizioni indipendenti che pongono una domanda diretta;
linterrogativa si dice reale se la domanda non lascia prevedere la risposta (come stai?), retorica, se implica gi la risposta (non vuoi bene a tua madre? certo che vuoi bene a tua madre), volitiva se equivale a unesortazione (non taci? = taci!). Linterrogativa diretta latina pu essere introdotta: 1) da pronomi, aggettivi e avverbi interrogativi (quis es?, chi sei?); 2) da particelle interrogativa: lenclitica ne per le interrogative reali (uenisne? vieni?), num per le interrogative retoriche a risposta negativa (num uenit? forse venuto? = non venuto), interrogative retoriche a risposta positiva (nonne uenit? non venuto, forse? = certo che venuto); 3) dalla sola intonazione (uenis?, vieni?). Infine, le interrogative, sia dirette che indirette, sono distinte in semplici (pongono una domanda sola: dove vai?), o disgiuntive (pongono pi quesiti: vai o resti?); in latino queste ultime sono introdotte da an, di solito in correlazione a utrum, oppure a ne (es. utrum abis an manes?/ abisne an manes?).

audacior confidentior: aggettivi di grado comparativo; i primitivi sono rispettivamente audax e confidens: il comparativo si forma aggiungendo il suffisso ior (maschile e femminile), -ius (neutro) al tema dellaggettivo (rispettivamente audac- e confident-). Il comparativo segue la III declinazione, come gli aggettivi della II classe. me: ablativo del pronome personale di I persona, il II termine di paragone. In Plauto il comparativo compare spesso allinizio del discorso: in questo modo il personaggio esibisce il suo primato in qualche mbito. 154 qui qui: qui pronome relativo (qui, quae, quod) e introduce due proposizioni relative coordinate per asindeto. Sciam e ambulem sono congiuntivi caratterizzanti, cf. v.177. Il congiuntivo si dice caratterizzante quando la subordinata sottolinea le caratteristiche di uno o pi individui della sovraordinata (cf. Traina-Bertotti 316). hoc noctis: a questora della notte; hoc accusativo avverbiale, noctis genitivo partitivo, cfr. id temporis a quel tempo, hoc aetatis, in questepoca. 155 Quid? Il pronome introduce una seconda interrogativa diretta con il congiuntivo dubitativo. il congiuntivo dubitativo un congiuntivo della possibilit (negazione non), esprime incertezza; per il presente usa il presente quid agam?, cosa dovrei fare; per il passato usa l'imperfetto: quid agerem?, cosa avrei dovuto fare?. si compegerint: protasi di periodo ipotetico del II tipo (congiuntivo eventuale);
Distinguiamo tre tipi di periodo ipotetico: 1) di I tipo, o della oggettivit, con apodosi allindicativo (ma anche allimperativo o con i congiuntivi indipendenti) e protasi allindicativo: si hoc dicis, erras se dici questo, sbagli; 2) di II tipo, o della possibilit, con congiuntivo presente (pi raramente perfetto) sia nellapodosi che nella protasi (si hoc dicas, erres se dicessi questo, sbaglieresti: possibile che tu lo dica); 3) di III tipo o dellirrealt, con apodosi al congiuntivo imperfetto, per il presente, piuccheperfetto per il passato, sia nella protasi che nellapodosi (si hoc diceres, errares, se dicessi questo, sbaglieresti, ma non lo dici; si hoc dixisses, erravisses, se avessi detto questo, avresti sbagliato, ma non lhai detto).

compegerint viene da compingo, is , -pegi, -pactum, -ere (composto di cum + pango con apofonia latina). tresuiri: le guardie; il sostantivo appartiene ad una serie di composti (numerale + uir) , che indicano magistrature (duouiri, decemuiri, ecc.). Il tresuir capitalis un magistrato minore che provvede, tra laltro, alla custodia carceraria. Evidente richiamo alle istituzioni romane, contrastante con lambientazione greca, anzi mitica, della commedia. 156 deprmar: sarei tirato fuori, apodosi del II tipo (si sottointende si compegerint); il verbo (depromo, -is, prompsi, -promptum, -ere) forma una figura etimolgica con promptaria: entrambi derivano da promo, prendo, estraggo. Sosia pensa al carcere come a una dispensa da cui viene estratto per essere frustato. 157-158 Nec nec : anafora. I congiuntivi liceat siet sit presuppongono sempre si compegerint. liceat mihi : mi sarebbe possibile; licet lecito, impersonale. causam dicere: parlare in mia difesa, locuzione tipica della lingua giuridica. siet: originario ottativo aoristo (gr. ehn); sim si formato per analogia dalle forme del plurale si#mus, si#tis, sint. neque quicquam: e niente; poco dopo nec quisquam e nessuno; quisquam, quicquam il pronome indefinito della frase negativa. Pronomi indefiniti: 1) aliquis, aliquid (agg. aliqui, aliqua, aliquod) = cosa o persona esistente, non
individuabile, uno, qualcuno, pur che sia, uno qualunque; 2) quis quid (agg. qui, quae, quod) indef. della possibilit, con particelle eventuali, come si, indica persona o cosa ipotetica, uno, qualcuno, se c' (N.B. si aliquid oratoriae artis = se un po' di arte oratoria pur che sia (senso attenuato, una qualunque; si quis amor est = se c' un amore (mette in dubbio la sua esistenza); 3) quidam, quaedam, quiddam (agg. quidam, quaedam, quoddam) = persona o cosa individuata, ma non specificata un tale, un certo; 4) quispiam, quaepiam, quippiam (agg. quispiam, quaepiam, quodpiam) = persona o cosa la cui esistenza probabile uno che forse c', un tale (frequente nella frase quaeret fortasse quispiam); 5) quisquam, quicquam (agg. ullus, a, um) = persona o cosa la cui esistenza improbabile, uno, se pure c', che non dovrebbe esserci, in frase negativa per forma o senso.

Nec quisquam sit quin deputent: non ci sarebbe nessuno che non pensi; deputent al plurale (concordanza a senso); quin equivale in questo caso a qui (relativo)+ non e introduce una relativa impropria con valore consecutivo. malo dignum: meritevole del male; dignus (come lantonimo indignus) regge lablativo. 159 Ita caedant: Sosia immagina se stesso come un incudine. Ancora unapodosi del II tipo; caedant viene da caedo, -is, cecidi, caesum, -ere; il perfetto mostra lapofonia latina.

160 Nec cogitabit: con le parentesi quadre leditore indica che il verso stato espunto; infatti estraneo al senso: sar stato erroneamente ricopiato dal v. 173, che identico. 161 Ita accipiar: cos arrivando dallestero, sarei ospitato a spese pubbliche; secondo una prassi che veniva ricondotta allepoca di Servio Tullio, gli ambasciatori stranieri a Roma venivano ospitati a spese pubbliche (hospitium publicum). Accipiar (da accipio, is, accepi, acceptum, ere; composto di ad + capio, con apofonia latina), conclude la serie dei congiuntivi dellapodosi. La scansione metrica dei vv. 161-164 incerta. 162 haec coegit me: mi ha costretto a queste cose; cogo ammette il doppio accusativo se la cosa rappresentata da un pronome neutro (altrimenti, si costruisce con ad/in + acc.: cogere ad militiam eos, costringerli al servizio militare). eri: da erus, nome affettivo del padrone, e in quanto tale usato nella commedia; dominus il termine giuridico. qui excitauit: che mi ha mandato via dal porto a questora della notte. 163-164 ingratis: contro la mia volont, ablativo avverbiale da ingratia; si noti il prefisso in- con valore negativo, presente anche in inmodestia. hoc noctis: cf. v. 154; Sosia insiste sullora notturna che il padrone gli ha imposto. 165 nonne potuit? non avrebbe potuto mandarmi di giorno per questa stessa cosa? Interrogativa retorica a risposta positiva, introdotta da nonne. mittere: anche qui il verbo costruito con il doppio accusativo, della persona (me) e della cosa (idem hoc). idem: la stessa cosa pronome determinativo (idem, eadem, idem). Pronomi determinativi: Is e i suoi composti idem, ipse
a) is di regola rinvia ad altra persona ed detto quindi anaforico. Unito a et, atque, -que pu aggiungere una determinazione a un'idea gi espressa: (rem tibi narro pulchram eamque singularem, ti racconto una cosa bella e per giunta non comune); b) idem pronome di identit, stabilisce identit tra due termini, eodem die, nello stesso giorno. Con et, atque, -que ha gli stessi valori diis: (rarum est felix idemque senem, cosa rara un uomo fortunato e nello stesso tempo vecchio; c) ipse, pronome enfatico,sottolinea un termine a differenza dagli altri: eo ipso die, proprio in quel giorno (e non in un altro). d) ipse pu tenere ilposto di un pronome personale (venit ipse, venuto lui stesso) o accompagnarsi ai pronomi personali in frasi del tipo se ipse laudat, si loda da se stesso o se ipsum laudat, loda se stesso.

luci: di giorno, da lux, lucis; luci< lucei un antico locativo (cf. mani, uesperi, temperi). potuit: avrebbe potuto, un cosiddetto falso condizionale; a volte il latino impiega lindicativo, e non latteso congiuntivo, per esprimere lidea di possibilit: accade quando lidea di potenzialit gi insita nel significato del verbo (possum). Il falso condizionale possibile con tutti i verbi e le locuzioni verbali che significano potere, dovere, necessit, opportunit, obbligo convenienza, ad es. oportet, sarebbe opportuno, aequum est sarebbe giusto, ecc. cf. Traina-Bertotti 228. 166-175: comincia una nuova sezione del discorso, distinta anche nel metro, in cui Sosia si lamenta della sua condizione di servo e dellimmodestia del padrone. Lamenti del genere sono frequenti nel teatro plautino (cfr. Poen. 823ss. e Pseud. 767ss.). 166 opulento homini hoc seruitus dura est: per questo duro essere al servizio di un uomo ricco opulento homini: il sostantivo seruitus regge il dativo come il verbo corrispondente, seruire. hoc: per questo, ablativo, ripreso al v.167. 167 magis miser: allitterazione sillabica. 168-169 noctesque sis: periodo formato da principale (noctesque est)+ sub I grado relativa (quod opus) + sub II grado finale (ne sis). 168 noctesque diesque: accusativo di tempo continuato; la coppia, caratterizzata da isosillabismo e rima, sfruttata anche dalla poesia esametrica (cf. Verg. Aen. 6,556). Il concetto ribadito dallablativo avverbiale adsiduo. satis superque est: pi che abbastanza locuzione ridondante, tipica della lingua colloquiale. 169 quod opus: quello che bisogna fare o dire la relativa contiene la costruzione opus est + abl. Con opus est c bisogno, occorre, la persona cui occorre sempre in dativo, la cosa che occorre in ablativo (= costrutto impers.), in nominativo (= costrutto pers.) sempre se pron. neutro. Es. Non opus est uerbis, sed fustibus, non c' bisogno di parole, ma di bastonate; Mihi frumentum non opus est, non ho bisogno di frumento. N.B. Necesse est indica una necessit assoluta (= ineluttabile, fatale); oportet una convenienza morale o pratica; opus est una necessit in relazione ad un determinato scopo. Emas non quod opus est, sed quod necesse est compra non ci che occorre, ma ci che indispensabile. ne sis: finale negativa; nelle proposizioni finali si pu incontrare: 1) ut + cong. (negaz. ne): legati uenerunt ut pacem peterent, gli ambasciatori vennero per chiedere pace (per la consecutio temporum si ha di regola un rapporto di contemporaneit); 2) quo + cong., in presenza di un comparativo: legati uenerunt quo aequiorem pacem peterent gli ambasciatori vennero per chiedere una pace pi giusta; 3) ad+ acc. del gerundio o gerundivo: legati uenerunt ad pacem petendam; 4) causa, gratia + gen. del gerundio o gerundivo: legati uenerunt pacis petendae gratia; 5) supino in -um, con verbi di moto: legati uenerunt pacem petitum. 170-171: periodo formato da sovraordinata (ipse retur)+ infinitiva di I grado (posse) + relativa di II grado (quodcumque accidit) + infinitiva di III grado libere. 170 dominus diues operis, laboris expers: due le interpetazioni possibili. La prima (che seguiremo) il padrone ricco di bisogni, libero dalla fatica configura un chiasmo (agg.+gen.-gen. + agg. = ABBA); la seconda il padrone ricco, libero dal bisogno, dalla fatica riferisce entrambi i genitivi a expers (da ex + pars, con apofonia latina = che non ha parte, non partecipa di q.sa). retur posse: pensa che sia possibile; il verbo (reor, reris, ratus sum, reri) regge linfinito dellimpersonale potest. La
proposizione infinitiva una sostantiva; corrisponde a una prop. soggettiva o oggettiva. In latino il sogg. (sempre espresso) in

10

accusativo e il verbo allinfinito presente per lazione contemporanea, perfetto per lazione anteriore, futuro per lazione posteriore: es. dico me agere (dico che faccio); dico me egisse (dico che ho fatto); dico me acturum esse (dico che far); luso dellinfinito lo stesso quando la principale ha un tempo storico: dicebam/dixi/dixeram me agere (dicevo/dissi/avevo detto che facevo); dicebam/dixi/dixeram me egisse (dicevo/dissi/avevo detto che avevo fatto); dicebam/dixi/dixeram me acturum esse (dicevo/dissi/avevo detto che avrei fatto)

quodcumque homini accidit libere: tutto ci che capita che a un uomo piaccia. Quodcumque un indefinito relativo; accidit accade, da accido, is, accidi, ere (composto da ad+ cado, con apofonia latina), regge linfinitiva con valore soggettivo. Libere, infinito dellimpersonale libet, libuit/libitum est, -ere), che indica il piacere istintivo (da cui libido), la voglia dettata dallumore. In genere con il dativo della persona: mihi libet, mi piace; qui il dativo homini. 172 aequum esse putat: pensa che sia giusto: principale (putat) + sub. di I grado infinitiva (aequum esse). non reputat: coordinata alla principale per asindeto. Si noti la corrispondenza putat / non reputat. quid laboris sit: che fatica sia. laboris genitivo partitivo, frequente in dipendenza da pronomi neutri (quid laboris = qui labor). Il pronome interrogativo quid introduce una sub. di II grado interrogativa indiretta (quid sit) con il tempo presente, ad esprimere contemporaneit rispetto al presente della sovraordinata (non reputat), secondo la consecutio temporum.
Le subordinate interrogative indirette sono introdotte da pronomi e avverbi interrogativi e dalle particelle (-ne, num, nonne) che introducono le interrogative dirette. Hanno il verbo al congiuntivo; i tempi verbali sono regolati dalla consecutio temporum del congiuntivo, per cui si veda il seguente specchietto: Sovraordinata Tempi principali Tempi Storici Subordinata contemporaneit Pres. Impf. anteriorit Perf. Ppf. posteriorit Perifrast. Att. + sim Perifrast. Att. + essem Es. Quaero (tempo princ.) chiedo quid facias cosa tu faccia, quid feceris cosa tu abbia fatto, quid facturus sis cosa farai. Quaerebam (tempo storico) chiedevo quid faceres cosa facessi, quid fecisses cosa avessi fatto, quid facturus esses cosa avresti fatto.

173 Nec aequum anne iniquum imperet cogitabit: e non penser se impartisca un ordine giusto o ingiusto; cogitabit, penser regge la disgiuntiva introdotta da anne: congiunzione composta da an + ne. 174 expetunt: capitano; composto di ex+peto. iniqua: neutro sostantivato, ingiustizie; da in (negativo)+ aequus. 175 habendum labore: costruzione perifrastica passiva. - In unione con il verbo sum si ha con il gerundivo la cosiddetta
coniugazione perifrastica passiva con l'idea di necessit: Es. noscenda est mensura sui bisogna imparare a conoscere i propri limiti - con i verbi transitivi usati assolutamente e con gli intr. la Per. Pass. si trova solo alla 3a pers. sing. (uso impers.) Es deliberandum est saepe, statuendum est semel Pi volte si deve riflettere, ma solo decidere.

176-179 Mercurio, che ha assistito, non visto, allingresso di Sosia, interviene in un a parte rivolgendosi direttamente agli spettatori. Si tratta di una tipica scena di origliamento che presuppone la disponibilit del pubblico ad accettare le pause immotivate nel monologo. Il procedimento, gi presente nel teatro greco, frequente in Plauto ed stato recuperato in et moderna. 176 satiust: sarebbe pi giusto, falso condizionale (cf. v.165), regge linfinitiva. me queri illo modo seruitutem: che io mi lamentassi a quel modo della schiavit, infinitiva soggettiva. 177 qui fuerim liber: sub. relativa; fuerim un congiuntivo caratterizzante, cf. v.153. 178 eum nunc potiuit pater seruitutis: principale; si noti lanacoluto: Mercurio parla di s utilizzando il pronome di III persona (eum), dove ci si aspetterebbe me, mentre nella relativa passa bruscamente alla I persona (fuerim); si tradurr io che sono stato un uomo libero fino ad oggi, ora sono stato ridotto in schiavit da mio padre. Potiuit, da potio, -is, ivi, -itum, -ire, mettere nelle mani di q.no, regge il genitivo (seruitutis); il verbo raro e arcaico, in Plauto compare al passivo in Capt.92 rex est potitus hostium (il re caduto nelle mani dei nemici) e in Epid. 532. hic qui uerna natust: lui, che nato schiavo; uerna indica lo schiavo nato tale in casa, mentre seruus lo schiavo secondo il diritto; un altro sinonimo, connotato affettivamente, famulus, che individua il servo in quanto membro della familia. queritur: si lamenta, da queror, -eris, questus sum, queri; cf. v.176. 180-184: Terminato il lamento sulla condizione servile, Sosia, reduce da una lunga navigazione, si ricorda che suo dovere ringraziare gli dei. 180 sum uero uerna uerbero: sono proprio uno schiavo buono per il bastone; si noti la triplice allitterazione; uerbero, -onis, apposizione di uerna un termine ingiurioso tipicamente comico ( attestato anche in Terenzio, bench Plauto lo usi con maggiore frequenza), significa uomo da bastonare (uerberare, bastonare). Nella commedia plautina lo schiavo viene spesso apostrofato con termini che evocano punizioni corporali, come ulmitrba logoratore di olmi o flagritrba logoratore di fruste: si tratta in genere di neologismi, frutto dellinventiva verbale di Plauto. numero mihi in mentem uenit: Mi forse venuto subito in mente ? interogativa diretta a risposta negativa, introdotta dalla sola intonazione. Numero subito un avverbio arcaico. 181 dis gratias agere: di ringraziare gli dei, infinitiva soggettiva; si noti gratias ago, ringrazio. aduenientem: al mio arrivo, participio presente riferito a un sottointeso me, soggetto dellinfinitiva. pro meritis: per i loro benefici. alloqui: di rivolgermi a loro; da alloquor, -eris, locutus sum, loqui, mi rivolgo a q.no, regge laccusativo (qui sottointeso eos).

11

182 ne: Certo, particella asseverativa, probabilmente derivante dal greco n, da non confondere con la congiunzione negativa (cf. Traina-Bernardi Perini 5). edepol: per Polluce, interiezione tipica della lingua duso e come tale frequente nella commedia. Sembra che questo tipo di imprecazione fosse tipicamente maschile, mentre le donne usavano imprecare per Castore (ecastor, mecastor). si studeant: se volessero, protasi del II tipo, dipende da allegent. referre gratiam: restituire il favore, linfinito retto da studeant. Studeo significa propriamente sono interessato, appassionato a q.sa (regge il dativo). meo merito: secondo il mio merito, ablativo. 183 allegent: dovrebbero incaricare; apodosi del periodo ipotetico. aliquem hominem qui os occillet probe: qualcuno che rompa per bene la faccia; aliquem accusativo del pronome indefinito; qui introduce una relativa impropria con valore finale (il che spiega il congiuntivo occillet); os occillet un nesso allitterante; occillo, derivato da occare (erpicare), con suffisso diminutivo, un hapax, probabilmente creato da Plauto per consentire lallitterazione. mihi aduenienti: a me che arrivo. Sosia si augura che, al suo arrivo, gli dei mandino qualcuno a punirlo: non sa che l vicino c gi Mercurio, pronto a farsi beffe di lui. Questa forma di ironia, tipica del teatro antico, resa possibile dalla complicit del pubblico con lautore. 184 quoniam ingrata ea habui atque inrta: perche ho accolto senza gratitudine (ingrata), come fossero senza importanza (inrta), quei beni (ea). Quoniam congiunzione subordinante, introduce una prop. causale oggettiva, con lindicativo. Ingratus usato in senso passivo: che non ha ricevuto ringraziamento, anziche attivo che non ringrazia; inrtus,da in + ratus, con apofonia latina, significa non ratificato, quindi non valido, inutile. Si noti lallitterazione sillabica ingrata inrta. bene quae in me fecerunt: i loro benefici verso di me, sub. relativa. 185 facit ille: costui fa. Il verso introduce un nuovo intervento di Mercurio. quod uolgo haud solent: sottointeso facere; ci che generalmente gli uomini non hanno labitudine di fare uolgo un avverbio da uulgus, generalmente. Haud = non. Solent: dal semideponente soleo, -es, solitus est, -ere; il sogg. sottointeso generico (gli uomini). ut sciat: cio, sa; ut introduce una sostantiva con valore epesegetico, che esplicita il senso della sovraordinata.
Le proposizioni SOSTANTIVE si possono dividere secondo le funzioni in 1) soggettive, se fanno da soggetto: bene est te hoc facere ( bene che tu faccia questa cosa); 2) oggettive, se fanno da oggetto: scio te hoc facere so che tu fai questa cosa; 3) epesegetiche, se costituiscono la epesegesi di un pronome neutro soggetto o oggetto: illud bene est, te hoc facere questo bene: (cio) che tu faccia questa cosa; hoc scio, te hoc facere questo io so: (cio) che tu fai questa cosa. Secondo la forma in 1) infinitive con l'accusativo o il nominativo + infinito; 2) dichiarative con quod + ind.; 3) sostantive + cong., che a loro volta possono essere a) volitive in dipendenza da moneo, suadeo... ut/ne (quaeso, ut mihi scribas quam saepissime, ti prego di scrivermi il pi spesso possibile; hortor ne quid temere facias, ti esorto a non far alcunche a caso); b) in dipendenza dai verba timendi: timeo, metuo, uereor ne/ ne non (ut) (timeo ne hostis adueniat, temo che il nemico sopravvenga; timeo ut (=ne non) uincam, temo di nonvincere); c) in dipendenza da verba impediendi e non impediendi (impedio (te) ne, quominus; non impedio (te) quominus, quin (impedio ne,quominus ueniat, impedisco che venga; non impedio quominus, quin ueniat, non impedisco che venga); d) in dipendenza da non dubito quin ed espressioni affini (nullum dubium est, quis dubitet... quin) (non dubito quin res ita sit, non dubito che la cosa stia cos, non dubito quin iddixeris, non dubito che tu abbia detto ci); e) con il congiuntivo della circostanza di fatto, in dipendenza da espressioni come fit, accidit,euenit ut/ ut non (fit ut mihi uerba desint, accade che mi manchino le parole; non putaui fieri posse ut mihi uerba deessent, non avrei mai creduto che potesse accadere che mi mancassero le parole); 4) interrogative indirette + congiuntivo.

Quid se sit dignum: cosa si meriti interrogativa indiretta dipendente dalla sostantiva con lut. Dignum regge lablativo se, cf. v. 158. II parte: il racconto delle gesta di Anfitrione. A questo punto Sosia assume finalmente il ruolo del messaggero, personaggio assai sfruttato sia nel genere tragico che in quello comico per raccontare al pubblico vicende non rappresentabili sulla scena, come, appunto, gli episodi bellici. Il racconto del messaggero costituisce un microgenere teatrale che, nella tragedia (ad. es. nei Persiani di Eschilo, o nelle Supplici di Euripide) riproduce lo stile dellepica. Quanto alla commedia nuova, (il modello a cui Plauto attinge direttamente), un racconto simile compare nello Scudo di Menandro, che inizia proprio con il racconto di una battaglia fatto dallo schiavo Davo: il modello in questo caso non la poesia epica, ma la prosa storiografica, caratterizzata da uno stile piano, privo di particolari artifici retorici. A differenza di Menandro, Plauto sembra recuperare, nel racconto di Sosia, forme tipiche della poesia epica, impiegando uno stile molto ricercato, che trova spesso riscontri in Ennio e in Nevio. Il modello epico, tuttavia, per quanto formalmente imitato, viene rovesciato parodisticamente: il racconto delle eroiche imprese di Anfitrione infatti affidato a uno schiavo, che fin dallinizio della scena stato caratterizzato come vile. Il monologo presenta varie sezioni: 1) vv.186-196, la gratulatio: Sosia ringrazia gli dei per lesito positivo della spedizione; 2) vv.197-202 breve intervento di Mercurio 3) 203-261 rievocazione della battaglia. La prima sezione sfrutta il modello della preghiera di ringraziamento (gratulatio) che il comandante vittorioso pronunciava nel tempio di Giove in Campidoglio; ce ne resta qualche testimonanza nelle tabulae triumphales, iscrizioni che restavano esposte in Campidoglio per ricordare la vittoria (vari esempi in Traina, Comoedia 2000, 271). Plauto recupera vari stereotipi del genere, sia tematici (il ritorno felice, leliminazione del nemico, il ricco bottino), sia formali (espressioni formulari, terminologia arcaica, accumulazione dei sinonimi, frequenza dellablativo assoluto e dellasindeto). Naturalmente, un simile linguaggio suona ridicolo sulla bocca di Sosia. Va detto che Plauto non di rado fa comparire sulla scena lo schiavo in atteggiamento da trionfatore ( lo stereotipo del servus triumphans, individuato da Fraenkel; cf. ad es. Bacch.

12

1069ss. e Persa 753ss.); in genere, tuttavia, il servo si gloria di macchinazioni giunte a buon fine, mentre qui vanta le gesta del padrone. 186 id contigit: accaduto ci; il verbo contingo, -is, -tigi, -tactum, -ere, composto di cum e tango, con apofonia latina. quod numquam opinatus fui: che non avrei mai pensato, relativa. Opinatus fui: un falso condizionale (frequente in locuzioni come numquam credidi, numquam putaui: non avrei mai creduto, pensato); dal deponente opinor: si noti luso dellausiliare fui al posto dellatteso sum per formare il perfetto, estraneo al latino classico, ma non raro in Plauto, specialmente con i deponenti (cf. Poen.1347 sciui et miratus fui). neque alius quisquam civium: (n io) n alcun altro dei cittadini. 187 euenturum: che sarebbe accaduto. Infinitiva dipendente da opinatus fui. ut salui poteremur domi: (e cio) che tornassimo salvi a casa sostantiva epesegetica con lut. Il verbo potior, -iris, potitus sum, potiri; regge il genitivo (domi) e oscilla tra la IV (potiri) e la III coniugazione (poteremur). 188 uictores legiones reueniunt domum: le legioni vittoriose ritornano in patria; uictores, riferito a legiones, allittera con lantonimo uictis: la prima di una serie di figure di suono che rinviano allo stile epico arcaico. uictis hostibus: vinti i nemici ablativo assoluto: il primo di una serie che richiama lo stile delle tabulae triumphales; in CIL 1,541 compare Corintho deleto.
Nell ablativo assoluto soggetto e predicato al participio concordano in ablativo. Questo costrutto pu equivalere a una subordinata avverbiale: a) temporale: Tarquinio regnante Pythagoras in Italiam uenit, sotto il regno di Tarquinio [= mentre T. regnava] Pitagora venne in Italia; b) causale: mortuo rege, magna erat omnium maestitia, poich era morto il re, grande era la mestizia di tutti; c) concessiva: multis obsistentibus hoc imperaui, diedi quest'ordine, sebbene molti si opponessero; d) suppositiva: ea lecta epistula aliter sentires, se tu avessi letto quella lettera la penseresti diversamente.N. B.: a) in ogni caso la proposizione che regge l'ablativo assoluto non contiene riferimenti pronominali all'ablativo stesso. (In caso contrario si avr il participio congiunto: Corpus Marcelli inuentum Hannibal sepeliuit, Annibale, trovato il cadavere di Marcello, lo seppell). L'ablativo assoluto pu invece contenere riferimenti pronominali alla sovraordinata (Caesar, legatis Haeduorum ante se conuocatis, questus est..., Cesare, convocati innanzi a s gli ambasciatori degli Edui, si lament); b) con il participio presente l'ablativo assoluto ricorre per esprimere contemporaneit (omnibus consentientibus pax facta est, per consenso di tutti, fu fatta la pace ( tutti furono d'accordo a fare la pace), mentre omnes consentiunt e re publica fuisse ..., per consenso di tutti, fu utile allo stato che , ( tutti ora sono d'accordo); c) per esprimere anteriorit si impiega il participio passato, che passivo, tranne che per i verbi deponenti, l'ablativo assoluto si trova con i verbi transitivi attivi, tipo uictis hostibus; intransitivi deponenti, tipo orto sole. I verbi deponenti transitivi ammettono la costruzione con il participio congiunto, tipo Caesar, hortatus milites, pugnam commisit, mentre quelli attivi intransitivi consentono solo la costruzione con cum + cong.: Caesar, cum redisset Romam.

189 duello extincto maximo: terminata una guerra immane, ancora un ablativo assoluto; lespressione ha un parallelo nella tavola trionfale di M.Regillo (p.29 Morel duello magno dirimendo); si noti limpiego di duellum, un arcaismo solenne per bellum. internecatis hostibus sterminati i nemici; un terzo ablativo assoluto. Il verbo interneco raro. 190-191 Quod id: si ripete la struttura sintattica dei vv. 186-187. Anche lenfatica iterazione delle strutture sintattiche contribuisce ad elevare lo stile. quod: si riferisce a oppidum. obiecit: procur, da ob e iacio, con apofonia latina. acerba funera: lutti prematuri; iunctura tipica dello stile alto, cf. Verg. Aen. 6, 429 funere mersit acerbo; in Plauto compare anche in Asin. 595 acerbum funus filiae faciet, che imita lo stile della tragedia. ui et uirtute: con la forza e con il valore. Si noti lallitterazione; coppie sinonimiche di questo tipo, in cui il secondo termine ribadisce e amplifica il primo, costituiscono uno stilema solenne che pervade lintero canticum: cf. 191 uictum atque expugnatum, 208 pacem atque otium, 221 more et modo; 231 potest et ualet; 233 spiritu atque anhelitu; 256 foedant et proterunt; 259 in dicionem atque arbitratum. 192 imperio atque auspicio: labbinamento di imperium, comando e auspicium fortuna, ripetuto al v. 196, tipico delle tabulae triumphales (cf. CIL I2 626 ductu auspicio imperioque; Liv. 40,52,5 auspicio imperio felicitate ductuque; la formula rielaborata poeticamente da Hor. carm. 1,7,27 Teucro duce et auspice Teucro). Lauspicium era la conferma divina dellimperium che doveva essere ottenuta tramite pratiche divinatorie come losservazione degli uccelli. Per attribuire a qualcuno il comando di una spedizione era opportuno che gli auspici fossero favorevoli. Amphitruonis: gen. di Amphitruo. La forma classica Amphitryon (gr. 'Amfitrwn). Plauto doveva scrivere Ampitruo: laspirazione consonantica fu introdotta nella II met del II sec. a Cr. per rendere c q f, inizialmente trascritte come c t p: nel senatus consultum sui Baccanali del 186 a. Cr. Bkch reso con Baca (cf. anche i doppioni Poeni / Phoeni#ces; purpura / Porphyrion dal gr. porfra; ampulla <ampor(a)la / amphora dal gr. mforuj). La lettera y entr nellalfabeto nel I sec. a. C. 193 praeda atque agro adoriaque adfecit populares suos: ha colmato i suoi compagni di bottino, terre e onori. Adfecit, perf. da adficio, -is, -feci, -fectum, -ere, composto di ad + facio, con apofonia latina. Il verbo si costruisce con laccusatico della persona (populares) e lablativo della cosa (praeda, agro, adoria). Adficio significa fornire, provvedere qualcuno di qualcosa, sia in senso positivo (stipendio exercitum afficere, pagare lo stipendio allesercito), che negativo (populum seruitute afficere rendere schivo il popolo). Adoria: onori, termine raro che va probabilmente ricondotto al far adoreum, premio in grano attribuito dai comandanti ai soldati valorosi. Populares: qui, i compagni darmi. 194 Creoni: a Creonte, dativo; esiste anche la forma Creonti.

13

regnum stabiliuit: ha consolidato il regno, da stabilio, -is, -iui, -itum, -ire rendere stabile o compatto, detto in origine di costruzioni, poi passato metaforicamente nel linguaggio politico (stabilire rem publicam quasi uno slogan in Cicerone). 195 Sosia enuncia qui lo scopo della sua venuta: gli stato affidato lincarico di preannunciare alla moglie di Anfitrione limminente ritorno del marito, secondo un uso frequente nel mondo antico (cf. Ter. Hecyr.314 e Tibull. 1,3,89). ut haec nuntiem: per riferire queste notizie. Sub. finale; la consecutio non rispettata, come accade talvolta in Plauto perche lo scopo non ancora stato raggiunto (Palmer). 196 ut gesserit rem publicam: sub. interrogativa indiretta come abbia retto le sorti dello stato; la locuzione rem publicam gerere (gero, -is, gessi, gestum, gerere) appartiene al lessico politico. ductu, imperio, auspicio: con la sua guida, il suo comando, la sua fortuna cf. v.192; lasindeto di tre elementi tipico della lingua arcaica e coerente con lo stile delle tabulae trumphales. 197-202: pausa riflessiva di Sosia, che, dopo aver fornito una versione sintetica della spedizione ai vv. 198-196, si prepara a elaborare una versione pi dettagliata per Alcmena. C, per, un problema: Sosia dovrebbe riferire ci che ha visto, come un messaggero della tragedia, ma non in grado di farlo, perche non ha assistito direttamente agli eventi; pauroso com, si dato alla fuga mentre gli altri combattevano (v.199). Dovr quindi ricostruire i fatti in base al sentito dire (v.200) trasformandosi per loccasione in un poeta epico, che compone seguendo la fama (Verg. Aen. 6,623 si mihi fas est audita loqui). Il gesto di Sosia che annuncia al pubblico una sorta di prova generale del discorso che imbastir per Alcmena, comporta una rottura dellillusione scenica ed pertanto tipicamente metateatrale. 197 meditabor: penser; il verbo (cf. anche v.202) indica sia la preparazione di un piano (consilium meditari) che la composizione di unopera. Nelle commedie plautine la meditatio il momento in cui lo schiavo si concentra per escogitare qualche trovata risolutiva; Sosia, che veste temporaneamente i panni del poeta, si applica qui alla composizione di un discorso. quo modo dicam: in che modo io dica interrogativa indiretta. illi: a lei, dat. di illa, il referente Alcmena. cum illo aduenero: quando sar arrivato l subordinata temporale generica (cum +indicativo).
1. Determinazione temporale generica: si colloca l'evento A nel tempo dell'evento B. - cum + indicativo, quando. Nella sovraordinata si pu trovare tum, allora. - altri tipi di cum + indicativo sono: il cum iterativum e il cum inversum - cum con il congiuntivo (cum narrativum o historicum) 2. Determinazione temporale specifica: dati due avvenimenti, si intende: che A, indicato dalla temporale, anteriore a B: precedenza (semplice o immediata); che A concomitante a B: concomitanza; che A successivo a B: successione, semplice o immediata. Le congiunzioni e i modi sono i seguenti: A1) precedenza semplice: postquam + ind. perfetto di regola, pi che perfetto se indicato il tempo trascorso tra i due eventi, dopo che: Dion, postquam Corinthum pervenit, bellum comparare coepit, Dione, dopo che giunse a Corinto, cominci a preparare la guerra; Cimon, post tertium annum quam expulsus erat, in patriam revocatus est, Cimone, dopo il terzo anno da che era stato cacciato, fu richiamato in patria. A2) precedenza immediata: ut, ubi, ubi primum, ut primum, cum primum, statim ut, simul ac, simul ac primum + IND., non appena che: B) concomitanza: dum + presente indicativo: mentre, nel momento che (primo dum); dum, donec, quoad, quamdiu, con tutti i tempi dell'indicativo, mentre, per tutto il tempo che (secondo dum): - dum Romae consulitur, Saguntum expugnatum est, mentre a Roma si discuteva, Sagunto fu espugnata; - haec feci, dum licuit, ho fatto questo, finch mi fu lecito. C1) successione semplice: antequam, priusquam + indic. (semplice rapporto di tempo); + cong. (intenzionalit): haec dixi, antequam venisti, ho detto questo, prima del momento in cui sei venuto; haec dixi, antequam venires, ho detto questo, senza aspettare che tu venissi. C2) successione immediata: dum, donec, quoad, con ind. o cong. come per antequam e priusquam: exspecto, dum venias, aspetto che tu venga, aspetto intanto che tu vieni (terzo dum)

198 si dixero mendacium: se dir una menzogna protasi di periodo ipotetico del I tipo (oggettivit); si noti luso del futuro anteriore il futuro anteriore pu essere usato per esprimere unazione che si attuer rapidamente e sicuramente (poich il processo verbale visto come realizzato nel futuro (Traina-Bertotti 221). Qui dato per certo che Sosia mentir. solens: come al solito participio da soleo, con funzione avverbiale. 199 cum pugnabant maxume, ego tum fugiebam maxume: quando loro erano nel pieno del combattimanto io ero nel pieno della fuga; lantitesi tra la vilt di Sosia e il valore dei combattenti (pugnabant/fugiebam) messa in risalto dalla struttura della frase: si noti la correlazione (cum tum) e la ripetizione di maxume alla fine di ciascun emistichio. 200 quasi adfuerim: come se fossi stato presente, sub. comparativa ipotetica. audita eloquar: riferir quello che ho sentito dire. Sosia tradisce il ruolo del nunzio, che riferisce solo ci che ha visto direttamente (per autopsia). Eloquar composto di e+ loquor, loqueris, locutus sum, loqui. 201 quo modo et uerbis quibus: in che modo e con quali parole chiasmo (determinante+determinato/ determinato+determinante); la locuzione introduce linterrogativa indiretta (verbo: deceat). deceat: impersonale convenga, regge linfinitiva soggettiva: me fabularier che io svolga il racconto; fabulor denominativo da fabula (racconto, ma anche rappresentazione scenica). Linfinito in ier arcaico. 202 ipse mecum: da solo; ironia involontaria: il pubblico sa che Sosia non solo. Is e i suoi composti idem, ipse

14

sono determinativi. a) is di regola rinvia ad altra persona ed detto quindi anaforico. Unito a et, atque, -que pu aggiungere una determinazione a un'idea gi espressa: rem tibi narro pulchram eamque singularem, ti racconto una cosa bella e per giunta non comune; b) idem pronome di identit, stabilisce identit tra due termini, eodem die,nello stesso giorno. Con et, atque, -que ha gli stessi valori di is: rarum est felix idemque senem, cosa rara un uomo fortunato e nello stesso tempo vecchio. c) ipse, pronome enfatico, sottolinea un termine a differenza dagli altri: eo ipso die, proprio in quel giorno (e non in un altro). Ipse pu tenere il posto di un pronome personale (uenit ipse, venuto lui stesso) o accompagnarsi ai pronomi personali in frasi del tipo se ipse laudat, si loda da se stesso o se ipsum laudat, loda se stesso. uolo: da uolo, uis, uolui, uelle; il verbo presenta alternanza vocalica radicale (*uel- / uol-) e suppletivismo nella II persona singolare (*uels sostituito da uis<ueis). Cf. Traina-Bernardi Perini, cap.V. proloquar: comincer il racconto; composto di pro +loquor (cf.v.200); verbo frequente nella commedia, lo usa anche Mercurio nel prologo dellAmphitruo 50 Nunc quam rem oratum huc ueni, primum proloquar: / Post argumentum huius eloquar tragoediae. 203-261: Questa parte del canticum comprende la narrazione della spedizione nelle sue diverse fasi: i tentativi di pacificazione (203-215), la battaglia vera e propria (216-247), la sconfitta e la resa dei Teleboi (251-260). Il brano interamente disseminato da arcaismi, sia lessicali che morfologici, e presenta vari punti di contatto con lepos arcaico, sia enniano, che, soprattutto, neviano. 203 Principio: subito; nel testo presente una rete di avverbi funzionali alla scansione temporale del racconto: continuo (203), ilico (216), postridie (256), un aspetto importante del resoconto del messaggero ut illo aduenimus: quando giungemmo l, subordinata di precedenza immediata (con ut + indicativo). Cf. v.197. ubi primum terram tetigimus: non appena toccammo terra; temporale di precedenza immediata (ubi primum + indic.). Tetigi un perfetto a raddoppiamento (da tango, tangis, tetigi, tactum, -ere). Si noti lallitterazione terra tetigimus. delgit: sceglie un presente senza apofonia latina (quindi un arcaismo), infatti la e della penultima breve; la forma pi comune del verbo delgo, is, lgi, lectum, ere. Luso del presente storico, con la subordinata temporale al perfetto, tipico della narrazione del messaggero e anche dellepica (Oniga). 204 primorum principes: i primi dei primi allitterazione sillabica. eos legat: li manda in ambasceria; i legati sono gli ambasciatori. 205 iubet ut dicant: ordina che riferiscano il verbo iubeo si costruisce di norma con linfinito e laccusativo della persona a cui si comanda: es. iubet me abire (mi ordina di andarmene); la costruzione iubeo ut arcaica ed riservata ai comandi ufficiali del senato e dei magistrati. 206210 si. oppugnassere: Sosia riferisce le condizioni poste da Anfitrione ai nemici. Il complesso periodo uno degli esempi pi antichi di discorso indiretto: come se lintero periodo fosse retto da un dicit sottointeso. Il passaggio dal discorso diretto al discorso indiretto influisce sui modi, sui tempi, sulle persone (pronomi e avverbi). 206: si uelint tradere: se vogliono consegnare protasi di periodo ipotetico del I tipo (siuolunt): il congiuntivo indiretto. rapta et raptores: la preda e i predoni figura etimologica. 207: si redderent: se restituivano protasi del I tipo coordinata per asindeto alla precedente; il congiuntivo indiretto. extemplo: subito, avverbio di origine sacrale. quae asportassent: ci che avevano portato via; sub. relativa di secondo grado con antecedente sottointeso (ea, quae). Il verbo al congiuntivo perche rientra nel discorso indiretto. Asportassent forma sincopata per asportauissent (cf. Traina-Bernardi Perini V 146). 208: se exercitum/ domum reducturum: avrebbe ricondotto lesercito in patria apodosi del periodo ipotetico, infinitiva (sott. esse); se si riferisce ad Anfitrione: la proposizione corrisponde a unenunciativa nel discorso diretto (ille exercitumdomum reducet). abituros Argiuos: gli Argivi se ne sarebbero andati infinitiva coordinata per asindeto alla precedente; il verbo viene da abeo composto di ab+eo (su eo cf. Traina-Bernardi Perini V, 152). Argiuos: sono i Tebani, comandati da Anfitrione. La selezione di Argiui al posto di Thebani funzionale allallitterazione. agro: dal territorio ablativo di provenienza, moto da luogo. 209 pacem atque otium dare illis: dava loro pace e tranquillit: ancora uninfinitiva, coordinata alle precedenti. Dare per daturum esse normale in Plauto. sin aliter sient animati se invece sono disposti diversamente; viene introdotta lipotesi opposta, strutturata in modo simmetrico alla prima. Anche in questo caso la protasi del I tipo con congiuntivo indiretto (sin aliter sunt animati). Il verbo viene da animor, -aris, animatus sum, -ari (sono disposto), denominativo di animus; su sient, f.v.157; anche in questo caso il congiuntivo indiretto. neque dent: e non danno coordinata negativa alla protasi, sempre con congiuntivo indiretto. quae petat: quello che chiede sub. relativa di II grado, con congiuntivo indiretto. 210 sese eorum oppidum oppugnassere: avrebbe attaccato la lro citt apodosi infinitiva, speculare a reducturum. Oppugnassere un infinito futuro arcaico (= oppugnaturum esse). Sese, rafforzativo di se si riferisce ad Anfitrione, in opposizione a eorum, che indica i Teleboi. 211 haec ubi iterarunt: quando (gli ambasciatori) riferirono sub. temporale (cf. v. 203). Iterarunt forma sincopata per iterauerunt.

15

ordine: per filo e per segno. quos praefecerat Amphitruo: coloro che Anfitrione aveva incaricato, sott. ii. 212 magnanimi: composto (magnus+ animus) altisonante, tipico dellepos (Virgilio lo usa come epiteto di Enea). freti uirtute et uiribus: confidando nel valore e nelle forze; anche fretus appartiene a un registro elevato ( gi in Nevio e in Ennio). 213 superbe: con superbia, avv. Superbia una parola chiave dellideologia bellica romana: il nemico che non accetta la via diplomatica viene bollato di superbia e pu essere aggredito (cf. Verg. Aen. 6,853 parcere subiectis et debellare superbos; concetto chiarito da Traina in Enciclopedia Virgiliana IV 1988, 1072, s.v. superbia). nimis ferociter: con grande fierezza. Luso di nimis + aggettivo come una sorta di superlativo tipico della lingua arcaica. increpant: apostrofano da increpo, composto di in + crepo strepito, originariamente il verbo individua un rumore (cf. crepitus), poi passato ad indicare laggressione verbale. 214 respondent bello se et suos tutari posse: rispondono di essere in grado di difendere se stessi e i propri cari in guerra. Anche la risposta dei Teleboi riportata in forma indiretta. proinde: e dunque congiunzione conclusiva che introduce lesortazione. 215 uti deducerent: che ritirassero sostantiva volitiva. exercitus: accusativo plurale, le truppe. 216 Haec ubi legati pertulere: quando i legati riferirono queste parole; sub. temporale. Pertulere da perfero, composto di per+fero (fero fers, tuli, latum, ferre, cf. Traina Bernardi Perini V) un perfetto arcaico in -ere. 217 producit omnem exercitum: fa avanzare tutto lesercito; producit un presente storico. contra: dallaltra parte; la bilateralit dellazione sottolineata pi volte a livello lessicale: si noti la ricorsivit, nei versi successivi, di contra e utrimque (da una parte e dallaltra). 218 legiones educunt suas : fanno uscire le loro truppe. nimis pulchras armas praeditas: fornite di armi molto belle; su nimis nel senso di molto, cf. v.213. Pulcher come epiteto esornativo un epicismo. 219 postquam utrimque exitum est maxima copia: sub. temporale della precedenza semplice dopo che da entrambe le parti si and allattacco con tutte le forze. Exitum est un impersonale passivo; maxima copia, ablativo. 220 dispertiti uiri, dispertiti homines: si schierarono gli uomini, si schierarono i reparti; dispertiti (sott. sunt) perf. indic. del deponente dispertior. La ripetizione sottolinea la ritualit delle azioni belliche. 221 nos nostras instruximus/ legiones: disponemmo le nostre legioni legionem / aciem instruere una locuzione tecnica della lingua militare. Nos nostras nostro: poliptoto. 222 contra instruunt: la ripetizione del verbo sottolinea la simmetria dellazione. 223 utrique imperatores: entrambi i comandanti. Limperator in origine il comandante militare (cf. impero, imperium). 224 extra turbam ordinum: fuori dagli schieramenti 225 conuenit: si stabilisce, presente storico. Il verbo impersonale corrisponde a una formula di rito: vengono fissati ufficialmente gli accordi per la battaglia. uicti utri sint: chi dei due fosse stato vinto. urbem, agrum, aras, focos seque uti dederent: avrebbe consegnato la citt, il territorio, gli edifici sacri e profani e le loro stesse persone. Sostantiva introdotta da uti (= ut), in dipendenza da conuenit. Viene qui riportata la formula della deditio, la resa incondizionata. 227 Postquam id actum est: dopo che fu compiuto ci. Temporale della precedenza semplice, ancora una volta posta ad introdurre una nuova sequenza. tubae utrimque canunt contra: da entrambi i fronti squillano le trombe. Di nuovo unazione bilaterale. Cano, -is, cecini, cantum, -ere, con perfetto a raddoppiamento. 228 consonat terra clamorem utrimque efferunt: la terra risuona, levano da entrambe le parti il grido di guerrra; la descrizione insiste sugli effetti sonori della battaglia: prima la tromba (v.227), poi il rimbombo e le grida dei combattenti; il clamor gi rilevato da Enn. ann. 428 Skutsch. tollitur in caelum clamor il grido di guerra si leva al cielo, mentre Verg. Aen.9,503 ripropone tutti e tre le sensazioni sonore, anche se in ordine diverso: At tuba terribilem sonitum procul aere canoro / increpuit; sequitur clamor caelumque remugit, ma la tromba da lontano lanci uno squillo terribile, col bronzo sonoro: segue un urlo e il cielo rimbomba 229-230 imperator exercitum: da entrambe le parti, di qua e di l, il comandante fa voti a Giove, esorta lesercito. Il comandante aveva in origine anche una funzione religiosa. suscipere hortari: infiniti storici, equivalgono a un tempo storico. 231 pro se: in base al proprio valore. quisque: ciascuno, indefinito con il riflessivo (pro se). Indefinito distributivo: Ad indicare singoli membri di un gruppo, quisque, ognuno, ciascuno (tra molti) uterque, l'uno e l'altro di due Somma le singolarit invece omnis, con il suo plurale omnes laudati pro contione omnes sunt donatique pro merito quisque, tutti furono lodati davanti all'assemblea e ognuno fu retribuito secondo i suoi meriti. QUISQUE di solito PRECEDUTO: 1) da un pronome o un agg. riflessivo: trahit sua quemque uoluptas, il suo privato piacere trascina ognuno;

16

2) da un pronome o avverbio relativo o interrogativo: uidendum est quid quisque sentiat, bisogna vedere cosa ognuno pensa; 3) da un superlativo: optimus quisque, ciascun migliore, quindi tutti i migliori; 4) da un numerale ordinale: quinto quoque anno, ogni cinque anni; 5) da un avverbio o una particella comparativa, come quo, ut, di quanto, come: ut quisque est optimus, ita difficillime alios esse improbos suspicatur, quanto uno migliore, cos difficilmente sospetta che altri siano disonesti. 6) da unus, formando il nesso unus quisque: suo unus quisque studio maxime ducitur, ciascuno tratto soprattutto dai suoi gusti. 232-233 edit: fa vedere, loggetto id quod quisque potest et ualet (ci che ciascuno pu e sa fare). ferro ferit; tela frangunt, boat/ caelum femitu uirum: (ognuno) infuria con la spada, (tutti) spezzano le aste, il cielo rimbomba per il tumulto degli uomini la sequenza asindetica, con brudchi cambi di soggetto, sottolinea espressivamente il momento culminante dello scontro, secondo un procedimento che trova riscontro anche in Ennio Ann.266 Skutsch Hastati frangunt hastas, fit ferreus imber). Si noti limpiego di verbi onomatopeici (frango, il raro e arcaico boo) e la catena allitterante (ferro ferit frangunt fremitu), che vuole evocare il fragore delle armi. Tela frangunt: brusco cambio di soggetto (sott. omnes). 233-234 ex spiritu atque anhelitu/ nebula constat: dal respiro e dal fiato ansante si forma una nebbia. Limmagine iperbolica trova riscontri in Omero (Iliade 3,13; 5,503), oltre che nellepica e nella tragedia latina cadunt uulnerum ui uiri: gli uomini soccombono sotto limpeto dei colpi. Ancora una sequenza allitterante. Cadunt da cado, is, cecidi, casurus, ere (si noti il perfetto a raddoppiamento). 235 denique, ut uoluimus, nostra superat manus: infine, quando compiamo uno sforzo di volont (propriamente quando labbiamo voluto), il nostro esercito ha la meglio. Manus, schiera termine della lingua militare. 236 hostes crebri cadunt, nostri contra ingruunt: i nemici cadono fitti, i nostri di contro incalzano; si noti il parallelismo della struttura sintattica; ingruo, incalzo un verbo adatto allo stile epico: dopo Plauto lo riprende Virgilio (Aen. 2,301; 11, 809; 12, 284; 12, 628). 237 uicimus ui feroces: fieri, vinciamo con la forza; feroces predicativo del soggetto. Notare lallitterazione uicimus ui. 238 sed fugam in se tamen nemo conuortitur: nessuno, tuttavia, si d alla fuga. Il senso chiaro, ma la struttura sintattica ha dato adito a discussioni: di solito darsi alla fuga corrisponde a in fugam conuertere, infatti Lindemann corregge in fugam sed tamen nemo conuortitur. anomalo, in ogni caso, luso del medio (conuortitur). 239 nec recedit loco quin statim rem gerat: e non abbandona la posizione,senza compiere a pi fermo il suo dovere. Recedit loco: espressione tecnica della lingua militare, recedo (composto di re+ cedo), mi allontano accompaganto dallablativo di allontanamento, loco (per locus si intende la postazione di combattimento). Letica del soldato romano imponeva di non allontanarsi dalla postazione assegnata (cf. v. 240-241). Il quin ha valore consecutivo. statim: avv. in tim, di origine verbale (da sto, -as, steti, statum, -are = sto fermo); qui lavverbio ha valore spaziale sul posto; molto pi frequente, specialmente nel latino classico, il valore temporale, l per l, subito. 240 animam amittunt prius quam loco demigrent: perdono la vita, prima di ritirarsi dal posto assegnato. Temporale della successione semplice, il congiuntivo demigro esprime lintenzionalit dellazione. 241 quisque ut steterat, iacet optinetque ordinem: ciascuno giace dove aveva resistito e tiene i ranghi serrati. Ut equivale qui a ubi (dove). Iacet, giace da iaceo, es, citurus, ere nel senso pregnante di giacere morto. Optinetque ordinem: la locuzione obtinere ordinem (optineo grafia arcaica per obtineo), equivale a seruare ordinem, mantenere i ranghi serrati e permette lallitterazione. Lordo nel lessico militare la fila dei combattenti. 242 hoc ubi Amphitruo erus conspicatus est: quando il padrone Anfitrione vide ci. Temporale della precedenza immediata, ancora una volta con il perfetto (conspicatus est) in dipendenza da un presente storico (iubet). 243 ilico: avv. subito. equites iubet dextera inducere: ordina di far avanzare i cavalieri da destra. Qui iubeo costruito, secondo la forma pi frequente, con linfinito: inducere, far avanzare; equites c. ogg., mentre il sogg. destinatario dellordine (e qui sottointeso) sar lufficiale a cui Anfitrione comanda di di guidare la cavalleria allattacco. 244 parent: obbediscono da pareo, es, ui, itum, ere. citi: rapidi; predicativo del soggetto. 245 maximo/cum clamore: ablativo modale con il cum interposto. inuolant: si slanciano, da in+ uolo, as , aui, atum, are. impetu alacri: con un assalto impetuoso. 246-247 foedant et proterunt hostium copias iure iniustas: secondo giustizia sconciano e schiacciano le truppe dei nemici ingiusti. La coppia verbale esprime una grande violenza: foedare significa rendere foedus, ossia turpe, orrendo; proterere, calpestare (protero, is, triui, tritum, ere). Tale violenza giustificata, secondo letica romana della guerra, dal fatto che i nemici sono iniusti, poiche hanno inizialmente respinto le proposte di pace. Essi vengono quindi castigati legittimamente (iure). 248-249: Mercurio constata che il racconto inventato da Sosia (lo schiavo, come sappiamo, non ha partecipato alla battaglia), corrisponde ai fatti. quicquam uerborum: nessuna parola, genitivo partitivo. perperam: erroneamente, avv. in re praesenti: sul fatto, nel vivo della situazione. cum pugnatum est: quando si combatt, sub. temporale con limpersonale passivo. 250: Sosia riprende il racconto e introduce la sequenza finale: la rotta dei Teleboi.

17

perduelles: i nemici perduellis, da duellum/bellum (cf. sopra) con prefisso intensivo per indica chi persiste ne fare la guerra in modo eccessivo. Altri termini per indicare il nemico, in latino, sono hostis (che significa anche straniero, lestraneo con cui si hanno rapporti di scambio e ostilit latente) e inimicus (il nemico privato, da in + amicus con apofonia latina). penetrant se in fugam: si danno alla fuga; penetrare spesso costruito con in+acc. funzionale allallitterazione con perduelles. 251 uortentibus Telebois: ai Teleboi che volgevano in fuga; dativo di svantaggio. telis complebantur corpora: i corpi erano riempiti di lance iperbole epica. Unimmagine simile in Ennio (Ann.573 Skutsch). 252 ipsusque Amphitruo: Anfitrione in persona; ipsus forma arcaica di ipse con desinenza declinata. regem Pterelam sua optruncauit manu: abbatt di sua mano il re Pterela; optrunco (con p- fonetico) il verbo di chi uccide lavversario in duello (Traina 2000, 49), infatti il comandante Anfitrione ha la meglio sul re nemico in un combattimento singolo: Livio 1,10,4 usa lo stesso verbo per raccontare luccisione di un re nemico da parte di Romolo (regem in proelio obtruncat et spoliat). Nella fabula praetexta di Nevio intitolata Clastidium, M.Claudio Marcello sconfigge in un duello il capo degli Insubri. LAnfitrione plautino emula, dunque, questi personaggi, incarnando la figura delleroico comandante romano; nel mito greco, invece, il re nemico Pterela moriva a causa del tradimento della figlia, che gli strappava dalla testa un capello fatato (cos in Apollodoro 3,4,7). 253 haec illic est pugnata pugna: questa battaglia fu combattuta l; si noti la figura etimologica pugnata pugna. Illic un caso di ossitonia secondaria. usque a mani ad uesperum: da mattina a sera. Mani ablativo arcaico dellaltrimenti indeclinabile mane (generalmente usato come avverbio di tempo: al mattino) 254 dopo il racconto di unimpresa eroica riemerge il profilo comico dello schiavo dedito agli aspetti materiali della vita. adeo hoc quia: proprio per questo perch la congiunzione causale quia anticipata da adeo e dallablativo hoc. 255 diremit: interruppe da dirimo, -is, -emi, emptum, -ere. 256 postridie principes: il giorno dopo dalla citt vengono da noi, nellaccampamento, i capi dei nemici, piangendo. Da superbi, i Teleboi, sconfitti, sono diventati subiecti: il loro comportamento esprime assoluta sottomissione. 257 uelatis manibus: con le mani avvolte nelle bende; si tratta delle bende dei supplici, un uso non romano, ma menzionato dai poeti epici, a partire da Omero. orant, ignoscamus: supplicano che perdoniamo la loro colpa; si noti lellissi di ut (la costruzione normale sarebbe orant ut ignoscamus). Tipicamente romano lesercizio della clementia verso gli sconfitti. Anfitrione, dunque, nellignoscere i nemici, si identifica fino in fondo con il modello del comandante romano. 258-259 deduntque se poplo: tutti consegnano le loro persone, i beni umani e divini, la citt e i figli al potere e allarbitrio del popolo Tebano. Formula di deditio. 260 post: in seguito. ob uirtutem: per il suo valore. 261 qui: in cui, ablativo arcaico del pronome relativo. potitare: frequentativo di poto, bevo con valore iterativo, ad indicare la consuetudine (est solitus). Con il dono della coppa Anfitrione riceve dal nemico sconfitto il riconoscimento della sua vittoria.

18

Plauto, Anfitrione, 403-415 SO. - Quid, malum, non sum ego seruos Amphitruonis Sosia? Nonne hac noctu nostra nauis * ex portu Persico uenit, quae me aduexit? Non me huc erus misit meus? 405 Nonne ego nunc sto ante aedis nostras? Non mihist lanterna in manu? Non loquor? Non uigilo? Nonne hic homo modo me pugnis contudit? Fecit hercle, nam etiam <mi> misero nunc malae dolent. Quid igitur ego dubito? Aut cur non intro eo in nostram domum? ME. - Quid, domum uostram? SO. - Ita enim uero. ME. Quin, quae dixisti modo 410 omnia ementitus: equidem Sosia Amphitruonis sum. Nam noctu hac solutast nauis nostra e portu Persico, et ubi Pterela rex regnauit oppidum expugnauimus, et legiones Teloboarum ui pugnando cepimus, et ipsus Amphitruo optruncauit regem Pterelam in proelio. 415 SO. Che, accidenti, non sono io Sosia il servo di Anfitrione? Non forse giunta questa notte * dal porto Persiano la nostra nave, che mi ha portato? Non mi ha mandato qui il mio padrone? Non sto io ora in piedi di fronte a casa nostra? Non ho una lanterna in mano? Non sto parlando? Non sono sveglio? Non mi ha ammaccato a pugni questuomo poco fa? Per Ercole, lha fatto: infatti a me, disgraziato, fanno male ancora le mascelle. Ma perch non entro dentro, in casa nostra? ME. Come, casa vostra? SO. Proprio cos. ME. Anzi, tutto ci che hai detto or ora, te lo sei inventato: Certo sono io Sosia, il servo di Anfitrione. Infatti questa notte partita una nostra nave dal porto Persiano, e abbiamo espugnato la citt dove regnava il re Pterelao, e abbiamo catturato le legioni dei Teleboi combattendo duramente, e Anfitrione con le sue stesse mani ha ucciso in battaglia il re Pterelao.

Latto primo, sc. I (vv. 153-462), dopo un prologo eccezionalmente lungo, mette in scena Sosia e Mercurio. Si apre con il cantico di Sosia, un pezzo di bravura in cui, in stile epicizzante, Sosia ricostruisce il racconto della battaglia che dovr riferire a Tebe, senza accorgersi, almeno inizialmente, della presenza di Mercurio dinanzi alla casa del padrone. Mercurio il vero servo furbo dellla commedia origlia prima silenziosamente, poi interviente con un crescendo di a parte (vv. 263-299), fino al momento in cui inizia il confronto tra i due doppi, con un Sosia gi spaventato dalle battute di Mercurio. Questi induce Sosia alla perdita di identit mediante una persuasione forzata (Oniga): dapprima un interrogatorio serrato (vv. 335-410), quindi (vv. 411-462) mediante lesibizione di prove false che minano definitivamente la credibilit di Sosia. 403. malum: acc. di relazione. una imprecazione di maledizione, come ad es. il franc. peste! gr. j krakaj, in realt disespressivizzata e attenuata. Forse si tratta di espressione ellittica a partire dalla formula plautina malum (magnum) habebis, v. Amph. 721: in Plauto il termine compare come esclamazione di impazienza, per lo pi solo nel corso di un dialogo pieno di malintesi o dominato da altri stati di irritazione, cfr. ad es. Men. 390 cui, malum, parasito? Amph. 403, 592 etc. In una domanda introdotta da quis, quae , quid occupa sempre il secondo o terzo posto (Hofmann, Lingua duso , p. 142). ego: si noti linsistenza sul pronome personale e sul possessivo di prima persona (ego 403; me [2 volte], meus 405; ego, mihi 406; me 407; mi 408; ego , nostram 409; v. equidem 411) da parte di Sosia, quasi a riaffermare la propria propria identit, messa in discussione. non sum nonne non me nonne : serie di interrogative dirette retoriche. Le interrogative possono essere introdotte classicamente 1) da pronomi o avverbi interrogativi (es. ubi, quis, qui); 2) da particelle secondo questo schema:
int. reale int. retorica (interr. diretta) -ne positiva: nonne negativa: num (int. indiretta) -ne, num nonne num.

Plauto usa comunque anche Non (cf. Non me huc erus misit meus? Non loquor? Non uigilo?) per le interrogative retoriche con significato positivo, al posto di nonne (che in effetti i mss. hanno al v. 405 al posto di non ), impiegato solo dinanzi a vocale o h -: cf. Lindsay, The Syntax of Plautus, p. 129. 404. hac noctu: analogico di diu , locativo originario di dies (da un tema *noctu- lo fanno derivare Ernout-Meillet). Forma arcaica, attestata a partire da Nevio (bell. Poen. 5ss Bl. amborum uxores / noctu Troiad exibant capitibus opertis / flentes ambae, abeuntes, lacrimis cum multis), ma conservato per tutta la latinit. Persico: secondo Fest. 238,10 L. il porto Persiano sarebbe un porto nel mare dellEubea non lontano da Tebe, cos detto perch vi avrebbe fatto scalo la flotta dei Persiani. In realt non improbabile che si tratti di invenzione di un grammatico e che qui ci si trovi di fronte a invenzione di Plauto, che ha creato un porto per Tebe analogo al Pireo di Atene, usuale scena della commedia nuova. Prima di ex portu solitamente si integra huc (cos ora anche Christenson), ma Palmer, per evitare la ripetizione, ha suggerito nauis nostra <in portum> . 405. erus: corrispondente affettivo del giuridico dominus, spesso in bocca ad un servo, cf. anche il femminile al v. 452 Nonne erae meae nuntiare quod erus meus iussit licet? (parla Sosia). 406. aedis nostras: al plurale individualizzante indica la casa come insieme di ambienti (cf. fores , battenti e dunque porta); al sing. il tempio, dal valore di luogo dove si accende il fuoco, focolare del dio (radice di aestas, aestus). 407. contu( dit: da contundo, con preverbio perfettivizzante, e quindi aspect determin (Ernout-Meillet). Linfisso nasale, durativo, non si trova naturalmente nel tema del perfetto raddoppiato con assimilazione alla vocale radicale ( il tipo momordi, cucurri, rispetto a cecini, cecidi) nel semplice tutu d ( i , e ridotto a contud ( i (forse per sincope) nel composto: cf. cecidi / incidi ; pepuli / impuli , ma dedi / addidi; steti / adstiti. La variante metrica contu d # i secondo Prisciano gi enniana (ann. 449 Vahl.2 , ma Skutsch, fr. 521, pensa a contundit). Sono qui ripresi i vv. 298ss., sia per il pugilato, che per la domanda uigilo? di Sosia: Sono finito! Ho gi un senso dirritazione ai denti: certo al mio arrivo, costui mi far trattare come un ospite in un incontro di pugilato! Ma s, un animo

19q19

pietoso: il padrone mi ha costretto a stare sveglio, e lui adesso, a suon di pugni, mi metter a dormire! (hic pugnis faciet ut dormiam) Sono completamente spacciato. Piet, per Ercole: com grande e grosso! 409. dubito: con il valore di esitare (costruito con linfinito). 409s. in nostram domum? / Quid, domum uostram? La domanda di Mercurio riprende le parole di Sosia, rovesciandone ordine e mutando lottica del possessivo. enim uero: proprio cos, certamente enim con valore asseverativo e uero prosecutivo, spesso anche scritto come una sola parola enimuer # o , per confermare unaffermazione, enimuero ego occidi, ora s che sono morto, Capt. 534, o in una risposta con il valore di certamente. Quin: con valore correttivo, anzi, al contrario. Il quin asseverativo e accrescitivo (quin etiam, et) si sviluppato da un quin perch no? originariamente usato nella risposta e poi meccanizzato, in seguito alla perdita del tono interrogativo ed alla assunzine dellintonazione della frase asseverativa (Hofmann, Lingua duso , p. 192). 411. ementitus es: da ementior, -iris, -itus sum, iri, dire mentendo, simulare. equidem: asseverativo, certamente, ma i latini lo sentivano legato a ego quidem (cf. Epid. 202 et ego Apoecides sum :: et egoquidem sum Epidicus): una ulteriore insistenza sulla prima persona. In effetti cf. Ernout-Meillet s. v. quidem; Lindsay, The Syntax of Plautus, p. 97 per lo pi in connessione alla prima persona. 411ss. Come ha osservato Christenson, qui Mercurio rovescia il normale ordine Amphitruonis Sosia (vv. 148, 378, 394, 403) per rendere con maggiore efficacia il suo impadronirsi della sua identit. Pi in generale egli riprende il racconto epico che Sosia aveva fatto tra s e s ai vv. 210ss. (che Mercurio aveva origliato), rovesciando lordine delle parole: cf. noctu hac solutast nauis nostra , col v. 404, hac noctu nostra nauis; e inoltre per oppidum expugnauimus, cf. v. 210; per optruncauit, cf. v. 232; qui potitare solitus est, v. 261. Pterela rex regnauit: probabilmente alla figura etimologica si deve la posposizione dellapposizione rex, che normalmente come imperator nel senso di imperatore indicando una qualit permanente della persona, precede, cf. Traina-Bertotti, 123 e nota 2: v. Sall. Ep. Mithr. 1 Rex Mithridates regi Arsaci salutem. 414. ui pugnando: espressione tipica dei bollettini di guerra, spesso parodiata da Plauto: cf. Vatinio, in Cic. Fam. 5,10b sex oppida vi oppugnando cepi; Plaut. Asin. 554s. Eae nunc legiones copiae exercitusque eorum / Vi pugnando periuriis nostris fugae potiti. Pugnando ablativo strumentale del gerundio.
- Il gerundio un sostantivo verbale neutro, attivo, che supplisce i casi mancanti nella declinazione dell'infinito (che ha solo nom., acc. nom. acc. Es. amare; gen. amandi, dat. amando, acc. ad amandum, abl. amando). - Il gerundivo un aggettivo verbale di necessit con senso passivo, amandus, -a, -um , "da amare", "che deve essere amato". Si pu trovare la cosiddetta "costruzione del gerundivo " quando da un gerundio deve dipendere un complemento oggetto in accusativo. In questa costruzione invece assume il valore del gerundio, cio di un infinito attivo. In pratica il latino fa una concordanza, a) nel caso del gerundio, b) nel numero e nel genere del sostantivo che ne dovrebbe dipendere. Si pu dire: a) desiderium uidendi filiam (costruzione del gerundio: il gerundio in genitivo, filiam femminile singolare), b) desiderium uidendae filiae (costruzione del gerundivo: concordanza al gen. femm. sing.). - La costruzione del gerundivo possibile solo quando il gerundio dovrebbe reggere un oggetto in accusativo; obbligatoria nei casi dativo, accusativo con preposizione, ablativo con preposizione, preferita negli altri casi; tuttavia si avr sempre il gerundio se l'oggetto un pronome neutro: obstupui in uidendo id , "mi stupii nel vedere ci". - In unione con il verbo sum si ha con il gerundivo la cosiddetta coniugazione perifrastica passiva con l'idea di necessit: Es. noscenda est mensura sui "bisogna imparare a conoscere i propri limiti" - con i verbi transitivi usati assolutamente e con gli intr. la Per. Pass. si trova solo alla 3a pers. sing. (uso impers.) Es deliberandum est saepe, statuendum est semel "Pi volte si deve riflettere, ma solo decidere".

ui: sostantivo difettivo al singolare (solo nom. uis, acc. uim , abl. discusso un dat. ui ), il tema plurale costruito come tema in -i- forse sulla base del nominativo: il gen. plu. uirium < uis-i-um , cf. Traina-Bernardi Perini, Propedeutica, p. 164. ipsus: forma arcaica di nominativo determinativo (gen. arcaico ipsi), poi soppiantato dalla declinazione pronominale ( ipse, ipsius).
I) DIMOSTRATIVI a) hic, "questo", vicino a chi parla; b) iste, "codesto", vicino a chi ascolta; - iste ha talvolta un valore dispregiativo, di allontanamento: Suffenus iste, quem probe nosti, "codesto Suffeno, che conosci bene"; c) ille, "quello", lontano da entrambi. - ille ha talvolta un valore enfatico, "quel famoso" (al n. = "quel famoso detto"): Cato ille, "quel famoso Catone"; illud Catonis , "quel famoso detto di Catone". II) DETERMINATIVI ( Is e i suoi composti idem , ipse) a) is di regola rinvia ad altra persona ed detto quindi "anaforico". Unito a et, atque, -que pu aggiungere una determinazione a un'idea gi espressa: Es. rem tibi narro pulcram eamque singularem , "ti racconto una cosa bella e per giunta non comune". b) idem pronome di identit , stabilisce identit tra due termini, eodem die, "nello stesso giorno" Con et, atque, -que ha gli stessi valori di is: Es. rarum est felix idemque senem , " cosa rara un uomo fortunato e nello stesso tempo vecchio". c) ipse, pronome enfatico, sottolinea un termine a differenza dagli altri: eo ipso die, "proprio in quel giorno" (e non in un altro). ipse pu tenere il posto di un pronome personale (venit ipse, " venuto lui stesso") o accompgnarsi ai pronomi personali in frasi del tipo se ipse laudat, "si loda da s stesso" o se ipsum laudat, "loda se stesso".

optruncauit: verbo tecnico del duello, cf. Liv. 1,10,4 (Romulus) regem in proelio obruncat et spoliat . regem Pterelam: torna lordine delle parole atteso, con lapposizione anteposta.
SO. Egomet mihi non credo, cum illaec autumare illum audio; hic quidem crte quae illic sunt res gestae memorat memoriter. Sed quid ais? Quid Amphitruoni <doni> a Telobois datum est? ME. Pterela rex qui potitare solitus est patera aurea. SO. Elocutus est. ubi patera nunc est? ME. <Est> in cistula; 420 SO. Io non credo a me stesso, quando lo sento affermare quelle cose l; questo senzaltro ricorda con ricordo perfetto le imprese che sono state compiute l. Ma che dici? Che dono stato dato ad Anfitrione dai Teleboi? ME. La coppa doro con la quale era solito bere il re Pterelao. SO. Lo ha detto: e ora dov la coppa? ME. nel cofanetto,
20

Amphitruonis obsignata signo. SO. Signi dic quid est? ME. Cum quadrigis Sol exoriens. quid me captas, carnufex?

sigillato con il sigillo di Anfitrione. SO. Che tipo di sigillo ? ME. Il sole che sorge con la quadriga: perch cerchi di cogliermi in castagna, boia?

416. egomet: pronome rafforzato mediante la enclitica - met. illaec: da illa-i-ce, il dimostrativo neutro, seguito da 2 particelle enclitiche, di cui il ce( apocopato. Di qui laccento sullultima (ossitono secondario, cf. Traina-Bernardi Perini, p. 98). autumare: affermare, pretendere, verbo arcaico e poetico, ripreso in et imperiale e nella lingua ecclesiastica. Di etimo ignoto, forse da autem (cos come nego deriva da nec). 417. memorat memoriter: figura etimologica, una figura retorica tra le pi impiegate da Plauto: cf. nitide nitet, propere properas, cupide cupis, tacitus taceas, madide madere, ricordate da Ussing ad l. 418. quid doni: gen. partitivo, cf. supra , v. 58 e pi sotto signi quid est 419. qu "#: ablativo del pronome relativo, formato dal tema in -i - del pronome interrogativo. Il tema del pronome interrogativo Kwi- si confuso con quello del pronome relativo Kwo (che ne ha tratto ad es. laccusativo masc. quem), mentre il pronome interrogativo ha assunto lablativo m/n quo del relativo, in luogo di quei/qui. Negli autori arcaici tuttavia lo troviamo talora impiegato al posto del relativo (quo, qua e anche quibus), cf. Plaut. Aul. 502 vehicla qui vehar; in certe forme come quicum pi diffuso anche in et repubblicana (cf. Catull. 2,2 quicum ludere) e augustea, cf. Aen. 11, 822, quicum partiri curas. potitare: frequentativo di consuetudine di poto , che gi di per s indica il bere in eccesso, contrapposto a bibo , bere secondo necessit: cf. Plaut. Asin. 600ss. gerrae: / qui sese parere apparent huius legibus, profecto / numquam bonae frugi sient, dies noctes que potent, o Hor. epist. 1,5,14s. potare et spargere flores / incipiam patiarque uel inconsultus haberi, o, ancora nellode 1,20 il v. 1 uile potabis con il vv. 9s., Caecubum et prelo domitam Caleno / tu bibas uvam. 421. dic: imperativo apocopato da dice, ( impiegato da Plauto, cf. ad es. Mil. 716 Quid nunc es facturus? Id mihi dice (cf. le forme duc e fac, da distinguere dallimperativo atematico fer o es, cf. Traina, Propedeutica, p. 98 e 169, n. 1). quadrigis: la quadriga, il plurale individualizzante, indica che il tiro composto di quattro animali. 422. captas: frequentativo di conato di capio , cerchi di ingannarmi, di cogliermi in fallo. Per il valore dei frequentativi, cf. arg. II v. 6 raptant.

212211

Plauto, Amph. 423-454


SO. Argumentis uicit, aliud nomen quaerundum est mihi. Nescio unde haec hic spectauit. Im ego hunc decipiam probe; nam quod egomet solus feci, nec quisquam alius affuit, 425 in tabernaclo, id quidem hodie numquam poterit dicere. Si tu Sosia es, legiones cum pugnabant maxume, quid in tabernaclo fecisti? Victus sum, si dixeris. ME. Cadus erat uini, inde impleui hrneam. SO. Ingressust uiam. ME. Eam ego, ut matre fuerat natum, uini duxi meri. 430 SO. Factum est illud, ut ego illc uini hirneam ebiberim meri. Mira sunt nisi latuit intus illic in illac hirnea. ME. Quid nunc? Vincon argumentis, te non esse Sosiam? SO. Tu negas med esse? ME. Quid ego ni negem, qui egomet siem? SO. Per Iouem iuro med esse neque me falsum dicere. 435 ME. At ego per Mercurium iuro, tibi Iouem non credere; nam iniurato scio plus credet mihi quam iurato tibi. SO. Quis ego sum saltem, si non sum Sosia? Te interrogo. ME. Vbi ego Sosia nolim esse, tu esto sane Sosia; nunc, quando ego sum, uapulabis, ni hinc abis, ignobilis. 440 SO. Certe edepol, quom illum contemplo et formam cognosco meam, quem ad modum ego sum (saepe in speculum inspexi), nimis similest mei; itidem habet petasum ac uestitum: tam consimilest atque ego; sura, pes, statura, tonsus, oculi, nasum uel labra, malae, mentum, barba, collus: totus. quid uerbis opust? 445 Si tergum cicatricosum, nihil hoc similist similius. Sed quom cogito, equidem certo idem sum qui semper fui. Noui erum, noui aedis nostras; sane sapio et sentio. Non ego illi obtempero quod loquitur. pultabo foris. ME. Quo agis te? SO. Domum. ME. Quadrigas si nunc inscendas Iouis 450 atque hinc fugias, ita uix poteris effugere infortunium. SO. Nonne erae meae nuntiare quod erus meus iussit licet? ME. Tuae si quid uis nuntiare: hanc nostram adire non sinam. nam si me inritassis, hodie lumbifragium hinc auferes. SO. Abeo potius. di immortales, obsecro uostram fidem, 455 ubi ego perii? ubi immutatus sum? ubi ego formam perdidi? an egomet me illic reliqui, si forte oblitus fui? nm hic quidem omnem imaginem meam, quae antehac fuerat, possidet. uiuo fit quod numquam quisquam mortuo faciet mihi. ibo ad portum atque haec uti sunt facta ero dicam meo; 460 nisi etiam is quoque me ignorabit: quod ille faxit Iuppiter, ut ego hodie rso capite caluos capiam pilleum. SO. Ha vinto con le prove: devo cercarmi un altro nome. Non so da dove questi abbia visto tutto questo. Ora io lo frego per bene, infatti ci che io ho fatto da solo e non cera presente nessun altro, nella tenda proprio questo oggi non potr mai dirlo. Se tu sei Sosia, quando le legioni combattevano con pi accanimento, che cosa hai fatto nella tenda? Mi do per vinto, se lo dirai. ME. Cera un orcio di vino: da l ne ho riempito una bottiglia. SO. sulla strada giusta. ME. Quella bottiglia, io, lho bevuta fino in fondo di vino puro, come era nato da sua madre. SO. successo cos, che io l mi sono bevuto fino in fondo una bottiglia di vino puro. un miracolo, a meno che non fosse nascosto dentro l, in quella bottiglia. ME. E allora? Ti ho convinto con le prove, che tu non sei Sosia? SO. Tu dici che io non lo sono? ME. E perch non dovrei negarlo, dal momento che lo sono io? SO. Su Giove giuro che lo sono i o, e che non dico il falso. ME. Ma io giuro su Mercurio, che Giove non ti crede, infatti so che crede di pi a me senza giuramento, che a te, che giuri. SO. Chi sono io, almeno, se non sono Sosia. Te lo chiedo. ME. Qauando io non volessi pi esser Sosia, tu sarai pure Sosia; ora, dal momento che lo sono io, le prenderai, se non te ne vai via di qui, sconosciuto. SO. Certo, per Pollucee, quando lo guardo e riconosco il mio aspetto, come sono io (spesso mi sono guardato allo speccio), molto simile a me, allo stesso modo ha il cappello e il vestito: tanto simile a me, quanto lo sono io; gamba, piede, statura, capelli, occhi, naso o labbra, guance, mento, barba, collo: tutto. Che bisogno c di altre parole? Se ha la schiena piena di cicatrici, non c alcuna cosa simile che somigli pi di questa. Ma quando penso, certo sono lo stesso che sono sempre stato. Conosco il padrone, conosco casa nostra, certo ho testa e sensi sani. Non do retta a quello che dice: busser alla porta. ME. Dove te ne vai? SO. A casa. ME. Se ora tu salissi sulla quadriga di Giove e fuggissi di qui, anche cos a stento potresti sfuggire una disgrazia. SO. Non mi concesso di riferire alla mia padrona ci che il mio padrone mi ha ordinato? ME. Alla tua padrona, se vuoi riferirle qualcosa: non ti lascer avvicinare a questa nostra. Infatti se mi facessi arrabbiare, oggi porteresti via di qua un lombifragio SO. Me ne vado, piuttosto. Dei immortali, invoco il vostro aiuto, dove mi sono perduto? Dove mi sono trasformato? Dove ho perduto il mio aspetto? O mi sono lasciato laggi, se per caso mi sono dimenticato? Infatti costui possiede tutta la mia immagine, che prima era mio. A me vivo accade ci che nessuno mi far mai da morto. Andr al porto e dir al mio padrone queste cose, come sono andate: a meno che anche lui non mi riconosca pi. Che Giove lass faccia questo, che io, calvo, a testa rasata, oggi prenda il pileo.

444. nasum: lat. classico nasus. 445. quid uerbis opust? Formula frequente in Plauto. Con opus est c bisogno, occorre, la persona cui occorre sempre in dativo, la cosa che occorre in ablativo (= costrutto impers.), in nominativo (= costrutto pers.) sempre se pron. neutro. Es. Non opus est uerbis, sed fustibus, non c' bisogno di parole, ma di bastonate; Mihi frumentum non opus est, non ho bisogno di frumento. N.B. Necesse est indica una necessit assoluta (= ineluttabile, fatale); oportet una convenienza morale o pratica; opus est una necessit in relazione ad un determinato scopo. Emas non quod opus est, sed quod necesse est compra non ci che occorre, ma ci che indispensabile. 446. cicatricosum: (sott. habes) caratteristica dello schiavo, per la prima volta qui in Plauto. nihil hoc similist similius: figura etimologica: non c alcuna cosa simile che somigli pi di questa. 447. noui: perfetto presente di tipo resultativo, indica il risultato di unazione, ho appreso, quindi so. 448. sapio et sentio: coppia verbale allitterante isosillabica, ho testa e sensi sani, frequente in Plauto (Bacch. 817 dum ualet, sentit sapit). 449. non optempero: lindicativo presente in luogo del futuro (spesso come risposta ad un ordine) frequente nel latino arcaico, cf. Christenson ad l. 451. si inscendas uis poteris: congiuntivo nella protasi e futuro secondo nella apodosi: congiuntivo e futuro spesso si alternano nelle apodosi nel latino arcaico, cf. Curc. 186 irascer # e, si te edentem hic a cibo abigat. 452. erae meae erus meus: poliptoto insistito a sottolineare lordine (iussit) del padrone. 453. Tuae: in rilievo, in risposta al possessivo meae / meus del v. precedente. Sott. licet. si quid uis: indefinito della frase suppositiva. Pronomi indefiniti: 1) aliquis, aliquid (agg. aliqui, aliqua, aliquod ) = cosa o persona esistente, non individuabile, uno, qualcuno, pur che sia, uno qualunque; 2) quis quid (agg. qui, quae, quod) indef. della possibilit, con particelle eventuali, come si, indica persona o cosa ipotetica, uno, qualcuno, se c' (N.B. si aliquid oratoriae artis = se un po' di arte oratoria pur che sia (senso attenuato, una qualunque; si quis amor est = se c' un amore (mette in dubbio la sua esistenza); 3) quidam, quaedam, quiddam (agg. quidam, quaedam, quoddam) = persona o cosa individuata, ma non specificata un tale, un certo; 4) quispiam, quaepiam, quippiam (agg. quispiam, quaepiam, quodpiam) = persona o cosa la cui esistenza probabile uno che forse c', un tale (frequente nella frase quaeret fortasse quispiam; 5) quisquam, quicquam (agg. ullus, a, um) = persona o cosa la cui esistenza improbabile, uno, se pure c', che non dovrebbe esserci, in frase negativa per forma o senso. 454. si me inritassis lumbifragium auferes: nella protasi inritassis forma di ottativo aoristo sigmatico con uscita in im / -sim, corrispondente ad un cong. Presente o a un futuro 2 in so . Si conservato in alcuni verbi atematici, come sim < siem; edim, uelim, nei verbi tematici si trova ad es. in duim, dixim, faxim, iussim, licessit, prohibessit. Esprime la condizione, il desiderio, o anche la possibilit. In questo caso corrisponde per significato ad un futuro secondo si inritaueris auferes. lumbifragium: neoformazione plautina rifatta su naufragium, lombifragio. Secondo Ramain potrebbe esserci un gioco di parole non solo con lumbus lombi, reni, ma anche con lembus, battello. Cf. lanaloga formazione Crurifragius, nome proprio di un servo, dalle gambe spezzate, Poen. 886. Di uostram fidem: formula di preghiera (chiedo il vostro aiuto), utilizzata per lo pi dai comici, frequentissima in Plauto (17 volte), talora con il verbo espresso (obscecro ),come qui, talora senza, 1 volta in Cecilio, 10 in Terenzio (solo 1 volta in Livio, 5 in Cicerone). Il vocalismo arcaico uoster (ricomparso nel fr. vtre) in luogo di uester forse per influsso di noster. 456. Vbi ? Vbi ? Vbi ? Triplice anafora dellinterrogativo ubi . Perii: con il valore di perdersi, scomparire. Cf. Ter. Ad. 703 ille ubist? :: Periit Quello dov? sparito. (Si perso). 457. illic: laggi, deittico, potrebbe indicare il porto (Traina: pi probabile, visto che da l viene il servo) o anche la campagna (dubbio Christenson). omnem imaginem possid ( et: gioco di parole tra i due significati di imago , laspetto, e concretamente la maschera mortuaria di Sosia che Mercurio avrebbe ancora prima che il servo fosse morto, secondo una consuetudine per cui nei funerali dei nobili una maschera del defunto era portata da un parente: per questo il commento A me vivo accade ci che nessuno mi far mai da morto. Possidet da potis + sedeo: occupare come proprio, quindi possedere, cos come possid # o prendere possesso di, occupare (da cui possessio, possessor). 459. numquam quisquam: indefinito della frase negativa, cf. supra al v. 453. etiam is quoque: accumulazione pleonastica tipica della lingua duso (e quindi dei comici, 26 volte in Plauto, 1 in Cecilio, 5 in Terenzio, di cui 3 a contatto). faxit: ottativo aoristo sigmatico (cf. al v. 454), qui con valore corrispondente al cong. ottativo, faccia. 461. Quod: nesso relativo equivalente a et hoc.
Il NESSO RELATIVO il costrutto per cui un pronome relativo equivale in sostanza ad un pronome dimostrativo accompagnato da una congiunzione coordinante: qui = et is; = sed is; = is tamen; = is enim... Il NESSO relativo si pu trovare anche in una subordinata, in concorrenza con la congiunzione subordinante, che spesso di origine relativa: quas (sott. litteras) cum praetor recitasset = et cum praetor eas (litteras) recitasset, "e, dopo che il pretore ebbe letto quella lettera". La PROLESSI consiste nel fenomeno per cui la relativa viene anticipata rispetto alla sua sovraordinata. Abbiamo a che fare con una PROLESSI se nella proposizione reggente che la segue si trova un pronome dimostratvo che riprende il contenuto della relativa (funzione epanalettica): quae uituperas, haec ne persecutus sis , "non tener dietro a ci che biasimi": in questo caso pu essere opportuno rendere nella traduzione prima la proposizione reggente e poi la relativa, sopprimendo l'anticipazione come abbiamo fatto.

ut ego capiam: sostantiva al congiuntivo epesegetica di quod (secondo la funzione le oggettive possono essere soggettive, oggettive ed epesegetiche, cio determinare un pronome neutro soggetto o oggetto), cf. al v. 62. raso capite calcuos capiam pilleum: a capo rasato, calvo altro pleonasmo, determinato dalla sequenza allitterante. Il pilleus il berretto frigio che il padrone metteva in capo allo schiavo liberato.