Sei sulla pagina 1di 3

LA PALLAVOLO

Inventata da Morgan, direttore della YMCA nel Massachusset, negli USA nel
1896 insieme al cinema

È un gioco a squadre, che si svolge in un


In Europa arriva con gli
campo di 18m*9m, diviso in due quadrati
incrociatori americani in
da una rete alta 2,43 per I maschi e 2,24
Francia
per le femmine. Si gioca a 6 a 6 e ogni
giocatore occupa una zona; in base ad essa
Nel 1946 nasce in Italia la si classifica in: alzatore, centrale, laterale,
federazione italiana opposto e libero. La partita non è a tempo
pallavolo FIPAV ma si suddivide in set, composti da 25
punti. Una squadra si aggiudica la vittoria
del set solo se ha un vantaggio di almeno 2
Ma solo nel 1964 diviene punti, mentre la vittoria della partita se
sport olimpico a Tokyo vince 3 set su 5, l’eventuale V set è
composto da 15 punti.
In Italia si espande
velocemente specialmente L’ obiettivo del gioco è far toccare il
quella femminile. A Vicenza pallone nell’area di gioco della squadra
giunge negli anni 60 con avversaria o far commettere errori agli
varie associazioni che si avversari.
interessano alla disciplina
I fondamentali della pallavolo sono: il servizio (con il
quale si mette in gioco la palla), la ricezione, la difesa
(solitamente in bagher), l’alzata (in palleggio) che
permette di attaccare (pallonetto, schiacciata), esso deve
superare il muro degli avversari

Ogni giocatore può giocare la palla con un unico tocco netto di


qualsiasi parte del corpo (altrimenti si sanziona doppia o
accompagnata), ma il primo tocco di squadra può essere
«sporco». Si parla di invasione quando si invade completamente
il campo avversario o se si tocca la banda superiore della rete. Al
momento del servizio ogni giocatore deve essere disposto in
maniera corretta (fallo di posizione), e un giocatore della seconda
linea non può attaccare in prima. Ogni squadra può effettuare tre
tocchi per mandare nel campo avversario la palla. Ogni azione
vincente comporta la conquista di un punto e la possibilità di
effettuare il servizio
I requisiti di un buon giocatore sono: visione di gioco,
coordinazione, forza esplosiva, reattività, doti
acrobatiche, mobilità articolare e resistenza
anaerobica alattacida. Un altro requisito importante è
la padronanza nei requisiti fondamentali: bagher,
palleggio, servizio, muro, pallonetto…

BEACH VOLLEY
Versione balneare della pallavolo, divenuto gioco olimpico, dal
1996 in Atlanta.
Si gioca due contro due in campi di (16*8m) sulla sabbia con
regole simili a quelle del volley indoor.