Sei sulla pagina 1di 16

Seconda Universit di Napoli

Emergenze
Cardiologiche

Scuola di Specializzazione in Cardiologia

e non Cardiologiche

Giovanni Cimmino MD, PhD


Cattedra di Cardiologia
Seconda Universit di Napoli
UOC di Cardiologia a Direzione Universitaria
A.O. SantAnna e San Sebastiano - Caserta

Finalit del corso

PRATICA.
Making decision.

Argomenti

1.Emergenze Ipertensive
2.Emergenze Aritmiche
3.Emergenze Emodinamiche
4.Emergenze Emocoagulative
5.Emergenze Nefrologiche
6.

Emergenze Metaboliche

Hypertensive Crisis

Hypertensive Urgency

Hypertensive Emergency

Trattamento delle Urgenze Ipertensive

Le UI possono essere efficacemente risolte in 24-48h utilizzando farmaci


somministrati per via orale. stata dimostrata lefficacia di ACE-inibitori, calcioantagonisti, beta-bloccanti, alfa-litici o la combinazione dei suddetti. Il paziente
che giunge in Pronto Soccorso e che presenti unUI pu essere dimesso dopo un
breve periodo di osservazione e seguito nel tempo, effettuando successivamente
le dovute modifiche terapeutiche.

Trattamento delle Emergenze Ipertensive

La gestione dellEI pi complessa e prevede la somministrazione di farmaci a


breve durata dazione e facilmente titolabili, per via endovenosa (e.v.).
La riduzione dei valori pressori deve essere immediata. In questo contesto ci si
trova di fronte contemporaneamente ad un danno dorgano e ad una significativa
alterazione del sistema di autoregolazione pressorio.
Attualmente non vi nessuna evidenza che dimostri la superiorit di una classe
farmacologica rispetto ad unaltra, in termini di riduzione di mortalit e morbilit in
corso di unEI.
stata, tuttavia, confermata lefficacia in termini di riduzione pressoria di nitrati,
ACE-inibitori, diuretici, alfa-litici, calcioantagonisti e dopamino-agonisti.
La scelta di un farmaco rispetto ad un altro guidata dalla presentazione clinica.

Principali Farmaci utilizzabili e.v. in corso


di Emergenze Ipertensive
Catapresan: fiale da
150g/mL : 1fl im per 70 kg

Brevibloc: fiale da
100mg/10mL (10mg/mL)
2500mg/10mL (250mg/mL)
3,5mL per 70kg (carico)

Corlopam: fiale da
20mg/2mL
50mg/5mL

Lasix: fiale da
20mg/2mL
250mg/25mL
Infusione a 4mg/min

Trandate: fiale da
100mg/2omL
Bolo iniziale= kg peso/4

in SF

Principali Farmaci utilizzabili e.v. in corso


di Emergenze Ipertensive

Venitrin: fiale da 5mg/1.5mL


Perganit: fialoide da 50mg
1fl in 500 di SF a 10mL/h

Sodio Nitroprussiato: fiale da


100mg liofilizzato da diluire in
Glucosio 5%

Ebrantil: fiale da
25mg/5mL
50mg/10mL
100mg/20mL

Quadri clinici e farmaci consigliati

Making decision algorithm

Ipertensione in gravidanza

Lipertensione la seconda causa in gravidanza di morbilit e mortalit negli


Stati Uniti, costituendo circa il 15% delle morti in gravidanza ed il maggior
fattore di rischio per mortalit a morbilit fetale.
Il termine pre-eclampsia descrive una condizione caratterizzata da
ipertensione e proteinuria che compaiono dopo 20 settimane di gestazione.
Leclampsia contraddistinta dalla presenza di convulsioni.
I valori pressori richiesti per formulare una diagnosi di pre-eclampsia
includono una pressione arteriosa sistolica (PAS) >140 mmHg e/o una
diastolica (PAD) >90 mmHg, registrata in due diverse occasioni ad almeno 4h
luna dallaltra. La proteinuria deve essere >300 mg/24h o, in alternativa,
30 mg/dl (+1 alla lettura del dipstick) su un campione estemporaneo, in
assenza di infezione delle vie urinarie.

Danno multisistemico nella pre-eclampsia

Dal punto di vista terapeutico il parto lunico trattamento


definitivo

Indicazioni al parto nella pre-eclampsia

le priorit immediate divengono:


1) la prevenzione delle convulsioni (magnesio solfato)
2) la stabilizzazione della PA ( iniziare il trattamento antipertensivo quando i livelli
di PAS sono persistentemente >160 mmHg o quelli di PAD >105 mmHg. I farmaci
utilizzabili in queste emergenze sono il labetalolo e.v., lidralazina e.v. (non
disponibile in Italia; il suo impiego comunque associato ad un maggior numero
di effetti avversi nei confronti del nascituro, se confrontato con altri farmaci) e il
nitroprussiato che pu essere unottima scelta in caso di pre-eclampsia associata
ad edema polmonare
3) la promozione del parto