Sei sulla pagina 1di 2

Nome………………………. Cognome………………………. Classe……….… Data…………….

PRIMA PROVA TIPOLOGIA A


Analisi e interpretazione di un testo letterario italiano

Dante Alighieri
Vede perfettamente onne salute (dalla Vita nuova, XXVI)
Il sonetto Vede perfettamente onne salute appartiene al capitolo XXVI della Vita nuova. Dante afferma che la
virtù di Beatrice è tale che ne ricevono lode e onore tutte le altre donne a cui ella si accompagna.

Vede perfettamente onne salute


chi la mia donna tra le donne vede;
quelle che vanno con lei son tenute
4 di bella grazia a Dio render merzede.

E sua bieltate è di tanta vertute,


che nulla invidia a l’altre ne procede,
anzi le face andar seco vestute
8 di gentilezza, d’amore e di fede.

La vista sua fa onne cosa umile;


e non fa sola sé parer piacente,
11 ma ciascuna per lei riceve onore.

Ed è ne li atti suoi tanto gentile,


che nessun la si può recare a mente,
14 che non sospiri in dolcezza d’amore.

1. onne salute: ogni beatitudine.


4. son tenute ... merzede: sono tenute rendere grazie a Dio di tanto favore (bella grazia; di essere cioè
vicine a Beatrice).
5. E sua bieltate ... vertute: e la sua bellezza è di tale benefico valore (vertute).
6. che nulla ... procede: che non ne deriva (ne procede) alle altre donne alcuna invidia.
7. anzi ... vestute: anzi le fa procedere con lei (seco) adornate.
8. gentilezza: nobiltà.
9. la vista sua ... umile: vedere lei (la vista sua) rende benevola (fa umile) ogni persona (onne cosa).
10. e ... piacente: e (ella) non fa apparire bella (piacente) soltanto se stessa (sola sé).
11. ciascuna … per lei: ogni donna grazie a lei.
12. ne li atti suoi: nei suoi gesti • gentile: nobile.
13. la si può recare a mente: può rammentarsi di lei.
14. che ... d’amore: senza sospirare per (in) dolcezza d’amore.

Comprensione e analisi

© Pearson Italia S.p.A. 1


Nome………………………. Cognome………………………. Classe……….… Data…………….

Puoi rispondere punto per punto oppure costruire un unico discorso che comprenda le risposte alle
domande proposte.

1. Quali sono le qualità che il poeta attribuisce alla sua donna? Quali effetti suscita negli altri la vista di lei?
Rispondi facendo riferimento al testo.
2. Indica quali personaggi compaiono in ciascuna strofa e descrivi le azioni che compiono.
3. Sono frequenti nella poesia i termini indefiniti con valore “assoluto”: «onne» (vv. 1 e 9), «tanta» (v. 5), «nulla»
(v. 6) «ciascuna» (v. 11), «tanto» (v. 12), «nessun» (v. 13). Quale effetto ha sul significato tale scelta
espressiva?
4. Riconosci nel testo le parole chiave dello Stilnovismo, alcune delle quali collegate tra loro da rime di valore
semantico, e rifletti sul loro significato.
5. Rileva nel testo tutte le occorrenze delle espressioni connesse alla vista e commenta l’importanza di questo senso
come tramite per ricevere la «salute» che emana dalla donna.
6. Considera la struttura del sonetto: è possibile individuare un parallelismo tra i primi versi di ogni strofa.
Confronta in particolare il verso 1 con il verso 9 (primo verso della prima quartina e primo verso della prima
terzina), e il verso 5 con il verso 12 (primo verso della seconda quartina e primo verso della seconda terzina).
Riconosci gli elementi di somiglianza sul piano del lessico e della sintassi (nota in particolare il ripetersi del
costrutto consecutivo) e commenta tale simmetria collegandola al significato.

Interpretazione
Il sonetto Vede perfettamente onne salute segue immediatamente, nella Vita nuova, il celebre Tanto gentile e tanto
onesta pare, che Dante afferma di aver composto per lodare la sua donna, «acciò che non pur coloro che la poteano
sensibilemente vedere, ma li altri sappiano di lei quello che le parole ne possono fare intendere». Confronta tra loro
i due testi evidenziando analogie e differenze.

© Pearson Italia S.p.A. 2