Sei sulla pagina 1di 1

Pubblicato nel 1901 sulla rivista La Tribuna, LEsclusa, che in origine si chiamava Marta Ajala dal nome della

protagonista, il primo romanzo di Luigi Pirandello. Il racconto ambientato in Sicilia, dapprima nel paese natale di Marta dove regnano pregiudizio e condanna morale e, successivamente, a Palermo, luogo di potenziale realizzazione sociale ed esistenziale dove questa si trasferisce. Marta una giovane donna ripudiata dal marito Rocco, il quale crede di essere stato vittima di un tradimento. A scatenare il comportamento di Rocco una lettera che un giovane del luogo, deputato al Parlamento, di nome Gregorio Alvignani, ha indirizzato a Marta. Il suo ripudio crea enormi sofferenze allinterno della famiglia di Marta al punto che il padre, chiusosi in se stesso, per il dolore e lumiliazione muore dopo qualche settimana lasciando sul lastrico lintera famiglia. Marta, nonostante sia innocente e stia attendendo un bimbo da Rocco, viene emarginata e costretta a subire vergogna ed umiliazione. Quando il bisogno economico diventa impellente, ricomincia a studiare e partecipa ad un concorso per il posto di maestra nella scuola del paese, ma nonostante Marta riesca a vincerlo, non ottiene il posto. Nessun genitore del paese avrebbe mai accettato uninsegnante per i propri figli infangata dallonta delladulterio. Cos accetta di trasferirsi a Palermo insieme alla madre e alla sorella, dove ottiene, grazie allintervento dellAlvignani, ormai divenuto senatore, un posto in un collegio. Qui la vita migliora notevolmente perch nessuno conosce il suo passato e le cose sembrano finalmente andare per il verso giusto. Incontra nuovamente lAlvignani e questa volta, credendo di essere innamorata di lui, cede alle sue lusinghe e rimane incinta. Nel contempo la sofferente madre di Rocco, che da giovane ha subito la stessa ingiusta sorte di Marta, la chiama al suo capezzale insieme al figlio. Rocco si infatti finalmente convinto dellinnocenza di Marta e, non avendola dimenticata, vorrebbe di nuovo averla con s. Insieme assistono alle ultime ore della madre, ma a questo punto Marta non pu fare a meno di confessargli che si, stavolta, ha veramente avuto una storia con lAlvignani. Questultimo per, per timore di perdere la reputazione, la condizione sociale e politica guadagnata, cerca addirittura di far riconciliare Marta e Rocco. Alla fine paradossalmente Marta viene riabilitata e accolta dal marito quando in effetti un tradimento si ormai consumato. Ripudiata da innocente e riabilitata da colpevole. Il tema del contrasto tra ci che appare e ci che viene evidenziato attraverso un racconto ricco di descrizioni dettagliate sia di luoghi che di persone. Persone che sono ben delineate dal punto di vista caratteriale con il loro lato psicologico e quello culturale-sociale. Lemarginazione fomentata da dicerie e loppressione che ne scaturisce, i pregiudizi di una cultura e di un ambiente fortemente maschilista e il dramma di chi rifiuta o non in grado di confrontarsi e di comunicare sono i temi principali di questo romanzo. E poi ancora linfluenza della logica paterna, la cultura del sospetto e il ripudio come unica soluzione possibile perch accettata e riconosciuta dai pi, le difficolt di riscatto sociale da una condizione femminile stereotipata arricchiscono ulteriormente la narrazione con amara paradossalit e pessimismo.