Sei sulla pagina 1di 15

Guerci Miriam Dispensa di Religione Cattolica

LE CATACOMBE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIZIANO SCUOLA PRIMARIA

STORIA DEL CRISTIANESIMO

I CRISTIANI E LIMPERO ROMANO

Il Cristianesimo si diffonde a Roma in una societ tra le pi evolute e complesse del mondo antico. In questo impero vastissimo, il Cristianesimo si diffuse pian piano a partire dalla Palestina, dove aveva vissuto e predicato Ges e giunse a Roma grazi allopera dellapostolo Pietro e di Paolo.

Per saperne di pi... Il nome di cristiani venne adottato per la prima volta in ambienti di lingua latina della citt di Antiochia di Siria. Sotto Claudio e nei primi anni di Nerone il cristianesimo ebbe a Roma unaccoglienza non ostile e le autorit romane apparivano, a Roma come nelle province, decise ad evitare persecuzioni anticristiane. Alla fine del 62 il principato neroniano sub un profondo cambiamento e, contro i cristiani Nerone scaten una feroce persecuzione. Tacito collega la persecuzione allincendio dellestate del 64: Nerone volle addossare ai cristiani la responsabilit dellincendio, che avvolse la citt di Roma nelle fiamme per sei giorni e sette notti.

Storia del Cristianesimo


Filmato 1.1 Diffusione del cristianesimo

Il cristianesimo nellImpero Romano

I primi cristiani
Il cristianesimo si diffonde a Roma in una delle societ pi evolute e complesse del mondo antico, che si era formata nel corso di almeno otto secoli, passando dalla monarchia alla repubblica, per arrivare poi allimpero, fondato da Augusto (27 a.C. - 14 d.C.). In questo impero sconfinato il cristianesimo si diffuse gradualmente, anche se molto 2 precocemente, a partire dalla Palestina, ove Ges era nato ed aveva svolto la sua predicazione. Il cristianesimo giunse a Roma per mezzo dellimpegno apostolico di Pietro e Paolo. Nel corso del I secolo, il Cristianesimo si diffuse soprattutto fra le classi pi umili, mentre nel II secolo cominciarono ad aderire alle comunit cristiane anche gli appartenenti allaristocrazia.

La nuova religione, che fino ad allora aveva propri fedeli soprattutto nelle grandi citt come Gerusalemme, Antiochia, Alessandria dEgitto e Roma, inizi ad avere una certa diffusione anche nei centri minori. La predicazione era agevolata dal fatto che, data la grandezza dellImpero romano, era possibile effettuarla in ununica lingua. Nel primo secolo i cristiani di Roma non avevano cimiteri propri, per seppellivano i loro defunti nei cimiteri comuni usati anche dai pagani, cio persone che credevano ancora alle antiche divinit. Ma la comunit cristiana divenne presto numerosa e cos, anche i Cristiani, tra il II e il III secolo, ebbero delle proprie ed esclusive aree per la sepoltura, le catacombe, appunto. Tra le catacombe pi antiche di Roma vi la catacomba di S.Callisto, detta il cimitero (letteralmente dormitorio dal greco). Per i Cristiani la sepoltura non altro che un momento provvisorio, in attesa della resurrezione finale. Esistevano a Roma altri cimiteri per la comunit cristiana: si tratta delle catacombe di Domitilla, di Priscilla, di Pretestato, di S.Sebastiano. Si tratta di cimiteri che ricchi aristocratici misero al servizio dei fratelli di fede pi poveri. Questo spiegherebbe i nomi di numerose catacombe derivati dai nomi dei nobili antichi donatori.

Storia del Cristianesimo


I termini cimitero e catacomba Per il mondo pagano e romano, i defunti venivano seppelliti nella necropoli, ossia nella Citt dei morti. I cristiani utilizzarono un termine che anche nel significato era opposto a questa. Il termine cimitero deriva dal greco e significa dormitorio e indica il luogo in cui i defunti cristiani vengono temporaneamente accolti, in attesa della chiamata alla vita eterna. Il valore per la religione cristiana della sepoltura era ben diverso da quello concepito dallarea della necropoli pagana.

Le persecuzioni
Nel I secolo, sotto Nerone, ebbero inizio le prime grandi persecuzioni, tra le vittime vi furono anche gli apostoli Pietro e Paolo. Altre misure ostili vennero assunte, nel II secolo, sotto il regno di Domiziano; Traiano si oppose alla nuova religione perch riteneva che fosse pericolosa per la stabilit dellImpero, senza tuttavia infierire come avevano fatto alcuni suoi 4 predecessori. Nel III secolo la struttura organizzativa della Chiesa era completata e lautorit dei vescovi nei centri principali aumentava sempre di pi. LImpero si accorse a questo punto che al suo interno esisteva una forza che, pur non disponendo di un esercito, in base ai suoi principi

morali e valori umani che promuoveva, lo giudicava e lo condannava. Per questo, sotto Decio, Valeriano e Diocleziano si tent di stroncare con la forza il Cristianesimo attuando le pi feroci e crudeli persecuzioni della storia dellImpero.

Verifica 1.1 Diffusione del Cristianesimo e persecuzioni


Domanda 3 di 3

In quale anno ci fu lEditto di Milano, stabilito da Costantino per la libert di culto?

A. 313 d.C.
Dopo diversi secoli, la svolta decisiva avvenne per con Costantino che, nel 313 d.c. con lEditto di Milano stabil il principio di tolleranza religiosa per tutti, pagani e cristiani. E la fine delle persecuzioni e linizio dellImpero cristianizzato.

B. 380 d.C.

Verica risposta

LE CATACOMBE CRISTIANE LUOGHI DI SEPOLTURA E DI PELLEGRINAGGIO

Lo sapete cosa sono le catacombe? Sono luoghi in cui i primi cristiani seppellivano i propri defunti. Le sepolture erano scavate sottoterra, ricavando nel tufo, un tipo di roccia molto morbida, delle gallerie. Erano quindi cimiteri. Perch sono cos conosciute? E perch sono state importanti? Leggete le prossime pagine per scoprirne i segreti!

Descriviamo una catacomba

Gallerie, cunicoli, arcosoli


Le catacombe sono scavate nel tufo o in altri terreni facilmente asportabili ma solidi. Il tufo morbido da scavare ma al contatto con laria si solidifica tanto da diventare solido e resistente. Nelle catacombe troviamo le scale che conducono a delle gallerie. Nelle pareti delle gallerie sono sistemati i loculi, ossia le sepolture dei cristiani 7

realizzate nel senso della lunghezza; questi sepolcri venivano chiusi con lastre di marmo o con mattoni. I loculi rappresentano il sistema sepolcrale pi umile ed egualitario per rispettare il senso comunitario che animava i primi cristiani. Nelle catacombe si trovano anche tombe pi complesse, come gli arcosoli, che comportano lo

scavo di un arco sulla cassa di tufo, e i cubicoli, che sono vere e proprie camere sepolcrali.
definizione

Successivamente, durante le invasioni barbariche, per impedirne la profanazione, le catacombe furono riempite di terra: le loro entrate furono sigillate e i resti dei martiri traslati in luoghi sicuri.

ARCOSOLIO: nicchia a volta scavata nel tufo delle catacombe, nelle quali veniva posto il sarcofago.

Le catacombe si snodano in diverse gallerie e sale sotterranee disposte secondo una pianta a reticolato. I loculi erano nicchie ricavate nelle pareti, una sopra l'altra, sigillate: racchiudevano solitamente pi salme di una stessa famiglia (da una a quattro). Le persone pi importanti potevano essere sepolte in una bara di pietra o in un sarcofago scolpito, collocato in un arcosolio. Nonostante i divieti verso la met del III secolo tuttavia soldati e ladri iniziarono a penetrare sempre pi di frequente nelle catacombe: i cristiani reagirono allora distruggendo le vecchie vie d'accesso e costruendone di nuove e segrete.

Le tombe dei martiri, normalmente in sale separate, servivano da altare durante le cerimonie religiose. Con la diffusione del cristianesimo e il moltiplicarsi delle sepolture, le catacombe vennero ampliate estendendole sia in senso orizzontale, allungando e ramificando ulteriormente i cunicoli, sia in profondit, scavando e allestendo altri piani sotterranei (si hanno esempi di catacombe strutturate in cinque livelli), collegati da scale.

Il simbolismo dellarte Larte dei primi cristiani viene chiamata PALEOCRISTIANA. A noi sono giunte testimonianze della loro arte soprattutto sottoforma di affreschi, che consistono nel dipingere sulle pareti usando una tecnica particolare. Gli affreschi rappresentano spesso immagini con un forte senso simbolico; sono quindi immagini che servono ad indicare in modo immediato dei valori, altrimenti difficili da comuicare. I primi cristiani mentre osservavano gli affreschi, imparavano i valori fondamentali della religione cristiana.

Larte cristiana nelle catacombe

I simboli della fede


I primi cristiani tracciavano sulle lapidi dei loro defunti i simboli che esprimevano la loro fede. Il simbolo spesso riassume il senso di un intero discorso, rivela e nasconde, parla a chi sa leggerlo. Quando un cristiano veniva a pregare sulla tomba dei suoi cari era richiamato, proprio da 9 quei simboli, ai sacramenti che aveva ricevuto ed alle principali verit della sua fede. Le pitture non sono solamente ornamentali, ma illustrano aspetti importanti della fede cristiana. Le immagini richiamano personaggi ed episodi dellAntico e del Nuovo Testamento (No,

Abramo, Giona, i miracoli di Ges). Importanti le rappresentazioni del Battesimo e dellEucaristia. Il PESCE uno dei simboli pi diffusi. Le iniziali della parola pesce in greco formano unespressione che significa Ges Cristo Figlio di Dio Salvatore (Iesus Christos The Huios Sotr). Le inziali delle parole di questa frase formano la parola greca ichtus che significa, appunto, pesce! Disegnare dunque un pesce a quei tempi significava scrivere la formula, ossia indicare Ges come Figlio di Dio e Salvatore. Il BUON PASTORE: unimmagine molto utilizzata, segno dellanima portata nella pace da Cristo pastore. Divenne presto limmagine del Buon Pastore che va in cerca della pecorella smarrita, usata da Ges stesso nella parabola (Lc.15,3-7; Gv.10,11-16) per esprimere il suo amore per gli uomini.

LANCORA: per la sua funzione abituale di ormeggio della nave, indispensabile soprattutto quando il mare agitato: nella simbologia cristiana diviene segno della fede che d stabilit allesistenza umana.

il MONOGRAMMA DI CRISTO: composto da due lettere dellalfabeto greco, la X e la P, intrecciate insieme. Sono le prime due lettere della parola greca Xrists, cio Cristo. ALFA e OMEGA , cio la prima e lultima lettera dellalfabeto greco. Indicano Cristo principio e fine di ogni cosa. Si legge nellApocalisse (22, 13): "Io sono lalfa e lomega, il primo e lultimo, il principio e la fine". Collegato allidea di immortalit e della vita eterna ottenuta mediante la risurrezione il simbolo della FENICE perch la mitologia attribuiva a questo uccello la capacit di rinascere dalle proprie ceneri. 10

PER RIASSUMERE...

...E RICORDARE!

Interattivo 2.1 Clicca sulletichetta del simbolo su cui desideri avere informazioni

Verifica 2.1 QUANTO HAI IMPARATO SULLE CATACOMBE E I LORO SIMBOLI? Esegui lesercizio per scoprirlo!

PESCE

Domanda 7 di 7

Uno dei simboli che indicano la figura di Ges ...

A. lancora
MONOGRAMMA

B. il pavone C. il pesce
ANCORA

Verica risposta

11

APPENDICE

SITOGRAFIA Definizione di catacombe http://it.wikipedia.org/wiki/Catacombe Origini delle catacombe http://www.catacombe.roma.it/it/origini.php Le catacombe cristiane: origini, caratteristiche, arte http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_commissions/ archeo/documents/ rc_com_archeo_doc_20011010_cataccrist_it.html Catacombe di Napoli http://www.catacombedinapoli.it/catacombe.asp Lavori didattici http://www.qumran2.net/indice.php?parole=catacombe www.andreagironda.it

13

Guerci Miriam, docente di Religione Cattolica presso Istituto Comprensivo di Siziano - Scuola Primaria
Quest' opera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo. xiv