Sei sulla pagina 1di 106

Centro e periferia

di Enrico Castelnuovo e Carlo Ginzburg

Storia dellarte Einaudi

Edizione di riferimento:

in Storia dellarte italiana, I. Materiali e problemi, 1. Questioni e metodi, a cura di Giovanni Previtali, Einaudi, Torino 1979, 1981, 1994

Storia dellarte Einaudi

Indice

1. Periferia e provincia 2. Il caso italiano 3. La Storia del Lanzi 4. Storia artistica e distribuzione geografica 5. Citt capitali e citt suddite 6. Concorrenza e societ civile 7. Gli squilibri territoriali 8. Questioni di lunga durata 9. La dislocazione dei centri artistici 10. Le citt comunali 11. Centri di innovazione e aree di ritardo 12. Periferizzazione e declassamento 13. Vasari 14. Fine del policentrismo e nascita della terza maniera 15. Un caso esemplare: lUmbria 16. Riflusso e ritardo in periferia 17. Ritardo periferico o ritardo di metodo? 18. Periferia come scarto 19. La resistenza al modello 20. Modello e nuovo paradigma 21. Lalternativa di Avignone 22. Le regioni di frontiera

5 6 8 13 17 22 25 26 30 32 34 36 38 48 49 52 54 56 60 61 64 66

Storia dellarte Einaudi

Indice

23. Lesilio del Lotto 24. Urbino e Barocci 25. Il Seicento e il Settecento 26. Centro e periferia, persuasione e dominazione 27. La dominazione simbolica 28. La dinamica delle opere 29. La dinamica degli artisti 30 La dinamica dei committenti 31. La Chiesa dopo Trento 32. I conti con lEuropa

68 71 72 74 76 79 81 84 87 89

Storia dellarte Einaudi

1. Periferia e provincia. Periferia, o provincia? Forse meglio parlare di periferia, termine pi neutro, meno carico di implicazioni valutative. Ma anche lapparente neutralit del termine periferia non priva di trabocchetti. stato un geografo a scrivere, a proposito dellopposizione paradigmatica centro/periferia, che questultimo termine va inteso come unallegoria nello stesso tempo spaziale e politica1. Ma qual il peso rispettivo di questi elementi? In quale sistema sinseriscono di volta in volta le coppie, piuttosto complementari che antitetiche, centro/periferia? Queste domande, evidentemente cruciali per i geografi, potrebbero esserlo altrettanto per gli storici dellarte2. Ma c il rischio di sentirsi dare la risposta un po disarmante contenuta nelle parole di Sir Kenneth Clark:
La storia dellarte europea stata, in larga misura, la storia di una serie di centri da ciascuno dei quali si irradiato uno stile. Per un periodo pi o meno lungo questo stile ha dominato larte del tempo, divenuto di fatto uno stile internazionale, che al centro era uno stile metropolitano e diveniva sempre pi provinciale quanto pi raggiungeva la periferia. Uno stile non si sviluppa spontaneamente in unarea vasta. la creazione di un centro, di una singola unit da cui

Storia dellarte Einaudi

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

proviene limpulso, che pu essere piccola come la Firenze del xv secolo o grande come la Parigi dellanteguerra, ma che ha la sicurezza e la coerenza di una metropoli3.

Se il centro per definizione il luogo della creazione artistica, e periferia significa semplicemente lontananza dal centro, non rimane che considerare la periferia sinonimo di ritardo artistico, e il gioco fatto. Si tratta, a ben vedere, di uno schema sottilmente tautologico, che elimina le difficolt anzich cercare di risolverle. Proviamo invece ad accogliere i termini centro e periferia (e i relativi rapporti) nella loro complessit: geografica, politica, economica, religiosa e artistica. Ci accorgeremo subito che ci significa porre il nesso tra fenomeni artistici e fenomeni extrartistici sottraendosi al falso dilemma tra creativit in senso idealistico (lo spirito che soffia dove vuole) e sociologismo sommario. Ma la rilevanza di uno studio del genere non soltanto metodologica. Considerato in una prospettiva polivalente il rapporto tra centro e periferia apparir ben diverso dalla pacifica immagine delineata da Sir Kenneth Clark. Non di diffusione si tratta, ma di conflitto: un conflitto rintracciabile anche nelle situazioni in cui la periferia sembra limitarsi a seguire pedissequamente le indicazioni del centro. E in unet di imperialismi e di subimperialismi, in cui anche le bottiglie di Coca-Cola si configurano come segno tangibile di vincoli non solo culturali, il problema della dominazione simbolica, delle sue forme, delle possibilit e dei modi di contrastarla, ci tocca inevitabilmente da vicino4.

2. Il caso italiano. Per uno studio del nesso centro/periferia in campo artistico, lItalia appare un laboratorio privilegiato. Per

Storia dellarte Einaudi

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

molte ragioni: anzitutto, geografiche. Ricordiamo subito i dati pi appariscenti: la lunghezza della penisola; il rapporto tra il perimetro delle coste e la superficie; la frequenza delle insenature; la presenza di due catene montuose trasversale luna, longitudinale laltra come le Alpi e gli Appennini; labbondanza di valli e di valichi. Questi elementi hanno configurato un paesaggio quanto mai contraddittorio e diversificato. Una relativa facilit di scambi con paesi lontani stata accompagnata da comunicazioni scarse e difficoltose tra zone interne magari vicinissime. (Ancora oggi, del resto, pi facile andare in treno da Torino a Digione che da Grosseto a Urbino). Questa contraddizione stata accentuata, anzich smorzata, dalla storia della penisola fin dalla tarda antichit. La presenza di una fitta rete di strade romane e di una quantit eccezionale di centri urbani, la spaccatura politica della penisola fin dalla guerra greco-gotica, hanno esaltato la diversificazione da un lato e labbondanza delle comunicazioni dallaltro. Fin da allora la produzione artistica in Italia era destinata a fare i conti con una fortissima tendenza al policentrismo, non solo: un policentrismo consapevole, caratterizzato il pi delle volte da molteplicit e non da mancanza di contatti. Si tratt del resto di contatti spesso pi subiti che cercati: basta pensare agli imperatori dOriente e a quelli del Sacro Romano Impero, ai califfi arabi e ai re franchi, agli invasori ungari e ai pirati normanni. Ripensare la fisionomia della produzione artistica italiana dal punto di vista dei rapporti tra centro e periferia sia pure soffermandosi soprattutto sulla pittura, molto meno sulla scultura, e quasi per nulla sullarchitettura significa dunque ripensare, intera, la storia dItalia.

Storia dellarte Einaudi

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

3. La Storia del Lanzi. E veramente scriveva il Lanzi la storia pittorica simile alla letteraria, alla civile, alla sacra. La grande sistemazione proposta dal Lanzi , per il discorso che cinteressa, un punto di partenza obbligato: se non altro perch per primo egli si distacc dal venerando schema imperniato sulle biografie degli artisti per adottarne uno diverso, storico-geografico, che rifletteva le sue preoccupazioni di curatore della galleria granducale. Con la sua Storia pittorica il Lanzi si era proposto esplicitamente di fornire un corrispettivo della Storia del Tiraboschi: Questo bel tratto di Paese [lItalia] ha gi, merc del Cav. Tiraboschi, la storia delle sue lettere; ma desidera ancora quella delle sue arti. Ci implicava, ai suoi occhi, lindividuazione di un criterio ordinatore coerente e adeguato alla materia:
una qualche distinzione di luoghi, di tempi, di avvenimenti, che ne divisi lepoche e ne circoscriva i successi; tolto via questordine, ella [la storia pittorica] degenera, come le altre, in una confusione di nomi pi conducente a gravar la memoria che a illustrare lintendimento.

Dove trovare questo filo conduttore?


Non si pu [...] imitare i naturalisti, che, distinte per atto di esempio le piante in pi o in meno classi, secondo i vari sistemi di Tournefort o di Linneo, a ciascuna classe facilmente riducono qualsisia pianta che vegeti in ogni luogo, aggiugnendo a ciascun nome note precise, caratteristiche e permanenti. Conviene, a fare una piena istoria di pittura, trovar modo da allogarvi ogni stile per vario che sia da tutti gli altri; n a ci ho saputo eleggere miglior partito che tessere separatamente la storia di ogni scuola. Ne ho preso esempio da Winckelmann, ottimo artefice della storia anti-

Storia dellarte Einaudi

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ca del disegno, che tante scuole partitamente descrive quante furono nazioni che le produssero. N altramente veggo aver fatto nella sua storia de popoli Mr. Rollin...5.

Solo le scuole, dunque, forniscono un criterio di classificazione immune da rigidit o da schematismi, tale da poter tessere una storia piena come lItalia la desidera. La ricchezza della storia pittorica italiana non riducibile allindividuazione delle maniere o alla narrazione delle biografie dei capiscuola. Ma di quali scuole precisamente si trattava? La geografia dellItalia pittorica si precis con lentezza nella mente del Lanzi. Il progetto originario prevedeva due volumi, che avrebbero dovuto ricalcare la divisione di Plinio in Italia superiore e inferiore:
Nel primo volume io pensai di comprendere le scuole [...] dellItalia inferiore; giacch in essa le rinascenti arti ebbero pi presto maturit; e nel secondo le scuole dellItalia superiore, la cui grandezza apparve pi tardi.

Ma solo il primo volume fu dato alle stampe, nel 1792: esso comprendeva due scuole considerate principali, la fiorentina e la romana, pi altre due, la senese e la napoletana, considerate come adjacenze delle primarie6. Nella dedica a Maria Luisa di Borbone, granduchessa di Toscana, il Lanzi avvertiva che la lavorazione, gi avanzata, del secondo volume, era stata interrotta n pu riassumersi cos presto. Ma le successive rielaborazioni, destinate a sfociare nella terza, definitiva, edizione del 18o9, sostituirono alliniziale bipartizione unopera pi ampia e complessa, divisa in cinque volumi (pi un sesto volume di indici)7. A ciascun volume corrispondeva (con uneccezione importante, come vedremo subito) una delle scuole principali. Tale suddivisione sispirava esplicitamente a quella

Storia dellarte Einaudi

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

formulata al principio del Seicento da monsignor Agucchi, che di scuole, per, ne aveva menzionate soltanto quattro (lombarda, veneta, toscana e romana) ricalcate a loro volta sulle quattro maniere de gli antichi (attica, sicionia, asiatica e romana)8. Di ordini, classe o vogliam dire schole aveva parlato Giulio Mancini, prescindendo per da considerazioni di ordine geografico, per distinguere i principali indirizzi stilistici presenti a Roma attorno al 16209. E prima ancora, nel 1591, il pittore G. B. Paggi aveva visto operare in Italia tre famose scuole di pittura, in Roma, in Firenze, e in Venezia; e di virtuosa scuola aveva discorso, a met del Cinquecento, il Cellini10. Nel definire le scuole pittoriche italiane il Lanzi sinseriva dunque in una discussione che durava ormai da pi di due secoli. In questo arco di tempo il numero delle scuole riconosciute era via via cresciuto, sia perch centri gi esistenti avevano assunto una posizione di primo piano (Bologna, Genova) sia perch la reazione municipalistica del Seicento aveva cercato di sostituire, nellambito della letteratura artistica, un quadro policentrico allimmagine sostanzialmente monocentrica tracciata dal Vasari. La novit del Lanzi consisteva nellaver affiancato alle maggiori una ricca costellazione di scuole minori: in tutto, quattordici, compreso il Piemonte che senzavere successione di scuola s antica come altri Stati, ha per altri meriti considerabili per esser compreso nella storia della pittura11. Ne risultava un quadro molto pi articolato di quelli precedenti: la novit maggiore era rappresentata forse dalle cinque scuole (modenese, parmense, mantovana, cremonese, milanese) in cui veniva scomposta la generica etichetta di scuola lombarda. Eppure si trattava pur sempre di un quadro fortemente squilibrato dal punto di vista geografico. Partiamo da una considerazione brutalmente quanti-

Storia dellarte Einaudi

10

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

tativa. Nelledizione del 1809 della Storia pittorica la parte del leone spettava, comera prevedibile, alle scuole maggiori (esclusa quella lombarda, per la ragione appena detta): fiorentina (300 pp.), veneta (293), romana (28o), bolognese (214). A notevole distanza seguivano: la milanese (98 pp.), la napoletana (85), la genovese (73), la senese (70), la ferrarese (64). Ancora pi distaccate la parmense (46), la cremonese (45), la piemontese e sue adiacenze (38), la modenese (35), la mantovana (25). In altre parole, la parte dedicata ai pittori dellItalia meridionale quella scuola napoletana che fin dal progetto originario del Lanzi figurava come appendice della scuola romana costituiva non pi di un ventesimo del totale: 85 pagine su pi di 16oo complessive. Per spiegare uno squilibrio cos appariscente bisogna ricordare anzitutto che il Lanzi non si rec mai nel Regno n nelle isole. Il suo scrupolo di conoscitore, che lo indusse a perlustrare anche zone meno ovvie come il Friuli (per non parlare di Genova o della Lombardia) per formulare il pi possibile giudizi di prima mano, si arrest apparentemente di fronte alle difficolt e alle fatiche di un viaggio a sud di Roma. Di questa situazione dinferiorit il Lanzi era il primo a essere consapevole. Nellintervallo tra la seconda edizione in tre volumi (Bassano 1795-96) e la terza, definitiva (Bassano 18o9) egli cerc di entrare in possesso di informazioni pi ampie e attendibili sulla scuola napoletana. Il 13 giugno 1801 scriveva da Bassano allamico Bartolomeo Gamba:
Vorrei avere o da lui [il cavalier Lazara] o da lei qualche buon libro della pittura napoletana e siciliana pi recente; giacch nulla ho veduto dopo Dominici12.

Ma queste ricerche non ebbero troppo successo: e il Lanzi si trov a scontare i ritardi dellerudizione pittorica meridionale. La sua unica fonte dinformazione per

Storia dellarte Einaudi

11

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

la scuola napoletana rimase il De Dominici (Vite dei pittori... napoletani, Napoli 1742-43), con laggiunta, per la Sicilia, o meglio per Messina, delle Memorie de pittori messinesi apparse a Napoli nel 1792 sotto il nome dello Hackert, ma redatte in realt da un erudito locale, il Grano. Dal De Dominici il Lanzi volle prendere le distanze con una vera e propria stroncatura, in cui un isolato e generico apprezzamento positivo suonava ironico perch accompagnato da una serie di critiche nettissime:
La recente Guida o sia Breve descrizione di Napoli desidera in questa voluminosa opera [del De Dominici] pi cose, miglior metodo, meno parole. Si pu aggiungere, rispetto ad alcuni fatti pi antichi, anche miglior critica, e verso certi pi moderni meno condiscendenza. Nel rimanente Napoli ha per lui a luce una storia pittorica assolutamente pregevole pe giudizi che presenta sopra gli artefici, dettati per lo pi da altri artefici, che col nome loro ispirano confidenza a chi legge. Se larchitettura e la scultura vi stian bene ugualmente, non di questo luogo muoverne questione13.

Le Memorie de pittori messinesi, daltra parte, dovettero ispirare al Lanzi una diffidenza perfino maggiore, visto che le notizie chegli ne trasse furono scrupolosamente relegate in nota. In conclusione, il capitolo sulla scuola napoletana prende in considerazione soltanto due centri, Napoli e Messina. Gli accenni ai pittori operanti nel Regno al di fuori di Napoli (Cola dellAmatrice, Pompeo dellAquila, G. P. Russo da Capua, Pietro Negroni) sono pochi e generici. Viene auspicata unopera sui pittori siracusani, e in genere sulla Sicilia. La Sardegna e la Corsica non sono neppure ricordate.

Storia dellarte Einaudi

12

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

4. Storia artistica e distribuzione geografica. I diciannove ventesimi della Storia pittorica sono dunque dedicati allItalia centro-settentrionale. Qui non mancavano al Lanzi n una conoscenza diretta delle fonti primarie, n un apparato ampio e attendibile di fonti secondarie. Nel corso della sua trattazione egli simbatt tuttavia in un problema di ordine, diciamo cos, tassonomico, chegli discusse soprattutto in rapporto alla scuola romana e alla scuola lombarda. Riguardo alla prima egli scriveva:
Pi volte ho udito fra dilettanti della pittura muovere il dubbio se scuola romana dicasi per abuso di termini, o con quella propriet con cui la fiorentina, la bolognese e la veneta si denomina14.

Coloro che a Roma avevano insegnato, o anche dato tuono alla pittura erano stati infatti, con leccezione di Giulio Romano e del Sacchi, artefici esteri. Ci non costituiva, agli occhi del Lanzi, una difficolt,
perciocch a Venezia furono similmente esteri Tiziano di Cadore, Paol di Verona, Jacopo da Bassano; ma perch sudditi di quel dominio si contan fra Veneti; essendo questo nel comune uso un vocabolo che comprende i nativi della capitale e della Repubblica. Lo stesso vuol dirsi de pontifici. Oltre i nativi di Roma, vi venner maestri da varie citt suddite, i quali insegnando in Roma han continuata la prima successione, e in qualche modo anche han tenute le prime massime15.

Lappartenenza o meno a una determinata scuola sembra dunque legata a considerazioni politiche, come la provenienza da citt suddite della capitale. In realt latteggiamento di Lanzi pi complesso. Da un lato, lesclusione, anche se giustificabile da un punto di vista

Storia dellarte Einaudi

13

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

geografico-politico, risulta di fatto formulata sul terreno stilistico:


molto meno le ascrivo [a Roma] quegli che in lei vissero esercitando tuttaltro stile; siccome fece, per darne un esempio, Michelangiolo da Caravaggio16.

Dallaltro, alcune citt suddite di Roma nel momento in cui Lanzi scrive, hanno dato vita in passato a scuole autonome:
non segno i confini di questa scuola con quei dello stato ecclesiastico; perch vi comprenderei Bologna e Ferrara e la Romagna, i cui pittori ho riservati ad altro tomo. Qui considero con la capitale solamente le provincie a lei pi vicine, il Lazio, la Sabina, il Patrimonio, lUmbria, il Piceno, lo stato dUrbino, i cui pittori furono per la maggior parte educati in Roma, o da maestri almeno di l venuti17.

Dunque, i due criteri, quello stilistico e quello politico, spesso coincidono, perch ogni scuola presuppone un centro, che un centro anche politico. Talvolta per divergono, perch esistono centri artistici che sono stati in passato centri politici, e ora non lo sono pi. In altre parole, la geografia pittorica e la geografia politica dellItalia nel momento in cui Lanzi scrive, non sono sempre sovrapponibili. In questi casi il criterio determinante , per il Lanzi, quello stilistico. Si vedano le affermazioni, particolarmente nette, a proposito del Piemonte:
i Novaresi, i Vercellesi e alcuni del Lago Maggiore [...] che furono prima di questa epoca, nacquero, vissero, morirono sudditi di altro Stato; e per le nuove conquiste non pi divennero torinesi di quel che divenisser romani Parrasio e Apelle dal momento che la Grecia ubbid a Roma. Per tal

Storia dellarte Einaudi

14

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ragione [...] ho considerati costoro nella scuola milanese; a cui, quantunque non fossero appartenuti per dominio, si dovrebbon ridurre per educazione, o per domicilio, o per vicinanza. Questo metodo ho tenuto finora; avendo io per oggetto la storia delle scuole pittoriche, non degli Stati18.

In un caso, tuttavia, il Lanzi costretto a confessare che tale metodo inadeguato. Arrivato al momento di esporre i princpi e i progressi della pittura nella Lombardia, che fra quelle dItalia la meno cognita, il Lanzi rileva come la sua storia pittorica dovesse distendersi con un metodo affatto diverso da tutte le altre. Ci dovuto allassenza di un centro unificatore, una capitale:
La scuola di Firenze, quelle di Roma, di Venezia e Bologna, possono riguardarsi quasi come altrettanti drammi, ove si cangiano ed atti e scene, che tali sono lepoche di ogni scuola; si cangiano anche attori, che tali sono i maestri di ogni nuovo periodo; ma la unit del luogo, ch una medesima citt capitale, si conserva sempre; e i principali attori e quasi protagonisti sempre rimangono se non in azione, almeno in esempio [...]. Diversamente interviene nella storia della Lombardia, che ne miglior tempi della pittura divisa in molti domni pi che ora non , in ogni Stato ebbe scuola diversa da tutte le altre, e cont epoche pur diverse; e se una scuola influ nello stile dellaltra, ci non intervenne o s universalmente, o in un tempo cos vicino che unepoca istessa possa convenire a molte di loro. Quindi infino dal titolo di questo libro ho io rinunziato al comun modo di favellare, che nomina scuola lombarda, quasi ella fosse una sola.

Certo, qualcuno ha creduto di poter dare il nome di scuola lombarda ai seguaci del Correggio, individuandone le caratteristiche: ma limitata cos la scuola, ove riporremo noi i Mantovani, i Milanesi, i Cremonesi, i

Storia dellarte Einaudi

15

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

tanti altri che, nati pure in Lombardia e quivi fioriti, e oltre a ci educatori di molta posterit, meritano pur luogo fra Lombardi?19. Alla consueta immagine di un centro maggiore incontrastato subentra questa volta unimmagine policentrica. Ma la diversificazione tra le diverse scuole lombarde, su cui il Lanzi insiste contro il comun modo di favellare, scaturisce dalle divisioni politiche del passato. La preminenza assegnata alle determinazioni stilistiche fa intravedere un nesso, non risolto dal Lanzi, tra storia delle scuole pittoriche e storia degli Stati, adombrato dal fatto che i centri artistici da lui presi in considerazione furono anche, in un momento almeno della loro storia, centri di potere politico. In conclusione, la galassia pittorica italiana descritta dal Lanzi appare dominata da quattro pianeti pi importanti, le citt capitali: Firenze, Roma, Venezia, Bologna. Solo in rarissimi casi una delle capitali riuscita a diventare un sole, a unificare artisticamente lintera penisola:
Giotto cos fu in esempio agli studiosi per tutto il secolo xiv, come di poi Raffaello nel sestodecimo, e i Carracci nel seguente; n so trovare in ltalia una quarta maniera che abbia fra noi avuto seguito quanto queste tre20.

Ma si tratta di periodi eccezionali. Di regola, le citt capitali sono quelle che riescono a imporre unegemonia artistica durevole sulle citt suddite dei rispettivi Stati. Quando ci non si verifica, come nel caso della Lombardia, ci troviamo di fronte a una costellazione di pianeti di seconda grandezza. chiaro che il termine capitale usato in unaccezione artistica, non politica: nel 18o9, quando il Lanzi dava alle stampe ledizione rivista della Storia, Milano era capitale del regno dItalia, e tutti gli altri centri delle scuole lombarde da lui

Storia dellarte Einaudi

16

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

descritte (con leccezione di Cremona) erano stati sedi di corti fino a un passato pi o meno recente. Infine, abbiamo una miriade di satelliti (le citt suddite) gravitanti, in posizione del tutto subordinata, attorno ai pianeti di prima e seconda grandezza:
Ha, vero, ogni capitale il suo Stato, e in esso deon ricordarsi le varie citt e le vicende di ognuna; ma queste sono dordinario cos connesse con quelle della metropoli che facilmente si riducono alla stessa categoria, o perch gli statisti hanno appreso larte nella citt primaria, o perch in essa lhanno insegnata, come nella storia della veneta scuola si potuto vedere, e i pochi chescon fuor dordine non alterano gran fatto la unit della scuola e la successione de racconti21.

Baster ricordare, a questo proposito, i due casi, in un certo senso opposti, di Jacopo Bassano e di Veronese. Il primo
era limitato didee, e perci facile a ripeterle; colpa anche della sua situazione; essendo verissimo che le idee agli artefici e agli scrittori crescono nelle grandi metropoli, e scemano ne piccoli luoghi22.

Il secondo, invece, da Verona


pass prima a Vicenza, e quindi a Venezia. Era il suo talento naturalmente nobile, elevato, magnifico, ameno, vasto; e niuna citt di provincia potea fornirlo didee proporzionate a tal genio come Venezia23.

5. Citt capitali e citt suddite. Si potrebbe dire che nella Storia del Lanzi la periferia presente soltanto sotto forma di zona dombra che

Storia dellarte Einaudi

17

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

fa risaltare meglio la luce della metropoli. Rozzezza o mancanza didee caratterizzano i pittori delle citt suddite, che il Lanzi sbriga generalmente subito prima di passare ai generi pittorici minori. In una delle sue infrequenti formulazioni di carattere generale, egli scriveva, a proposito di un pittore periferico seguace del Maratta, il fermano Ubaldo Ricci:
Comunemente non oltrepassa la mediocrit; condizione assai solita de pittori che vivono fuor delle capitali, senza stimoli di emulazione e senza dovizia di buoni esempi24.

Bont del clima; mecenatismo; emulazione; buoni esempi: queste sono, secondo il Lanzi, le caratteristiche delle metropoli atte a stimolare le arti. A esse si sono aggiunte, nellet pi recente, una pi diffusa cultura artistica, e lesistenza delle accademie. Si tratta di un elenco tradizionale, se si eccettuano gli ultimi due elementi, legati a una situazione specifica, sostanzialmente settecentesca. Ma il tema dellemulazione tra gli artisti, largamente presente nella letteratura precedente (si pensi al Vasari) si carica nel Lanzi di implicazioni nuove. Rileggiamo, per intenderle, le ragioni che avevano spinto il Lanzi a scrivere la sua Storia pittorica:
ogni cosa par che il consigli; il trasporto de prncipi per le belle arti; la intelligenza di esse distesa a ogni genere di persone; il costume di viaggiare reso su lesempio de grandi sovrani pi comune a privati; il traffico delle pitture divenuto un ramo di commercio importante alla Italia; il genio filosofico della et nostra, che in ogni studio abborrisce superfluit e richiede sistema25.

Le pitture sono divenute dunque un ramo del commercio: anche per esse valgono i princip della concorrenza. Si veda la pagina che conclude la sezione sulla scuola romana:

Storia dellarte Einaudi

18

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Cos, cresciuti i sussidi, estesa la coltura in ogni ceto civile, la quale in altri tempi era ristretta in pochi, larte prende un nuovo tuono, animata anche dallonore e dallinteresse. Luso di esporre in pubblico le pitture alla vista di un popolo, che fa giustizia alle buone, e ne fa talora ritirare a forza di sibili le malcomposte; i pubblici premi dati a pi meritevoli di qualunque nazione essi sieno, e accompagnati da componimenti de letterati e da festa pubblica in Campidoglio; lo splendore de sacri tempii confacente ad una metropoli della Cristianit, il quale con le arti si mantiene, e scambievolmente mantiene le arti; le commissioni lucrose che vengon di fuori e abbondano in citt, per la generosit di Pio VI [...]; lesempio continuo de sovrani [...]; queste cose tengono in perpetuo moto e in gara lodevole gli artisti e le scuole loro...26.

Onore e interesse; gara lodevole e sussidi; pubblici premi e commissioni lucrose. Sullimportanza delle pubbliche gare per lo sviluppo dellarte in Atene aveva insistito il Winckelmann in quella Storia delle arti del disegno presso gli antichi esplicitamente richiamata dal Lanzi, anzi presa a modello della Storia pittorica per il suo ordinamento27. Ma linsistenza sullinteresse come motore dello sviluppo artistico non winckelmanniana. Si tentati di legarla allipotetica lettura di unopera che siamo abituati a inserire in unorbita culturale lontanissima da quella dellabate Lanzi: lEssay on the History of Civil Society di Adam Ferguson (1767). Di esso apparve a Vicenza nel 1791-92 una traduzione italiana Saggio sopra la storia della societ civile condotta sulla base di una precedente traduzione francese, e debitamente munita di una licenza di stampa del SantUffizio veneziano28. Le tracce di una possibile lettura di questa traduzione di Ferguson da parte del Lanzi sono, come vedremo, esigue. Certo che, nella Storia pittorica, limportanza

Storia dellarte Einaudi

19

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

della concorrenza fortemente sottolineata: sia nel senso di emulazione tra artisti, sia nel senso di emulazione tra committenti. Perch, ad esempio, si hanno in determinati periodi concentrazioni di artisti pittori o letterati di eccezionale livello, come il secolo di Leone X? Il Lanzi comincia col dare una risposta di tipo tradizionalmente accademico:
io son davviso che i secoli sian formati sempre da certe massime ricevute universalmente e da professori e da dilettanti; le quali incontrandosi in qualche tempo ad essere le pi vere e le pi giuste, formano a quella et alquanti straordinari professori e moltissimi de buoni.

Ma la frase che segue, di timbro ben diverso, anche se presentata come unaggiunta suona piuttosto come una spiegazione alternativa:
Aggiungo per che questi felici secoli non mai sorgono se non v un gran numero di prncipi e di privati che gareggino in gradire e ordinare opere di gusto: cos vi simpiegano moltissimi; e fra il loro gran numero sorgono sempre certi geni che dan tuono allarte29.

Una riprova di tutto ci data, secondo il Lanzi, dalla storia della scultura in Atene, citt ove la magnificenza e il gusto andavan del pari: il richiamo immediato , anche qui, a Winckelmann ma non si pu non ricordare la pagina di Ferguson sul lusso nel suo rapporto con il progresso delle arti30. chiaro che linsistenza sulla pluralit dei committenti pone implicitamente un problema politico: un principato assoluto favorevole allo sviluppo delle arti al pari di una repubblica? Il Lanzi sembra essersi posto un problema del genere nella prima edizione (1792) della Storia, a proposito di Siena:

Storia dellarte Einaudi

20

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Dopo che Cosimo I spogli i Senesi di una libert chessi avrian ceduta con men dispetto a qualunque altra italica nazione che alla fiorentina, decaddero in Siena le arti non solamente perch queste sieguono dordinario la fortuna civile delle Citt; ma perch due terzi de cittadini in tale occasione cangiaron suolo, ricusando di viver sudditi overano nati liberi31.

Nella terza edizione (1809) il passo era formulato pi prudentemente in questi termini:
Venne finalmente lanno 1555, nel quale Cosimo I spogli i Senesi dellantica lor libert. Essi lavrian ceduta con men dispetto a qualunque altra nazione che alla fiorentina; onde non da stupire se due terzi de cittadini in tale occasione cangiaron suolo, ricusando di viver sudditi di s abbominato nimico32.

In questo modo il nesso libert fortuna civile prosperit delle arti, proposto nella prima edizione, veniva cancellato. Tra le due formulazioni si era inserito Napoleone, il nuovo Alessandro cui il Lanzi, alla fine delledizione del 18o9, rendeva laconicamente omaggio. Laccento, discreto ma eloquente, alla libert, aveva un timbro molto winckelmanniano. Nella Storia delle arti del disegno, la sua opera maggiore, egli aveva scritto per esempio che la libert fu la principal cagione de progressi dellarte [greca]. un principio favorito del sig. Winckelmann annotava a questo punto il curatore della traduzione italiana (Roma 1783) C. Fea che la libert abbia sempre avuta una grandissima influenza sulla perfezione delle arti; ma il ragionamento, e la storia provano sovente lopposto...33. A quanto pare il Lanzi si sentiva su questo punto, almeno nel 1792, pi vicino alle idee del Winckelmann che a quelle del Fea. Ma nel richiamo alla fortuna civile non si pu esclu-

Storia dellarte Einaudi

21

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

dere uneco del Saggio di Ferguson. Nel capitolo vii della parte III, intitolato Della storia delle arti, si legge:
La immaginazione ed il sentimento, luso dellintelletto e delle mani non sono invenzioni di alcuni uomini particolari. Il florido stato delle arti il segnale della interna felicit politica di un popolo, anzich una prova di lumi altronde avuti, ovvero una superiorit naturale di talenti e dindustria34.

Il florido stato delle arti il segnale della interna felicit politica di un popolo, scriveva Ferguson; le arti [...] seguono dordinario la fortuna civile delle citt dichiarava Lanzi (salvo poi, come abbiamo visto, correggere lintero passo). Si potrebbe congetturare che anche lespressione societ civile che ricorre nellintroduzione alla Storia pittorica, nella parte dedicata ai metodi dei conoscitori (la natura, per sicurezza della societ civile, d a ciascuno nello scrivere un girar di penna che difficilmente pu contraffarsi o confondersi del tutto con altro scritto) costituisca una traccia della lettura di Ferguson: soprattutto perch qui la societ civile non la comunit umana organizzata della tradizione aristotelica ma, pi precisamente, la societ borghese una societ fondata sulla fiducia reciproca, derivante in primo luogo dalla difficolt di falsificare le firme apposte ai contratti commerciali35.

6. Concorrenza e societ civile. Se si insiste sulla possibilit, comunque non provata, di una lettura di Ferguson da parte di Lanzi, perch essa potrebbe dar conto di un tema che ricompare pi e pi volte nelle pagine della Storia pittorica, e a cui non si dato generalmente il rilievo che merita. Lesistenza

Storia dellarte Einaudi

22

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

di una committenza molteplice, e quindi di un mercato, influisce, abbiamo visto, in maniera positiva sulla produzione artistica. Ma questa per Lanzi soltanto una faccia della medaglia. Egli vede infatti il rischio, deplorevole, che per far fronte alle committenze e battere la concorrenza un artista sia indotto a risparmiare sul tempo, o sui materiali. Lattenzione del Lanzi agli aspetti artigianali, manuali del fare pittorico assume a questo punto risonanze singolarmente moderne. Per allontanare dal Correggio la taccia tradizionale di avarizia egli non esita a rompere vistosamente il tono stilistico dominante della Storia inserendo un minuzioso elenco di pagamenti, che culmina in questaffermazione:
Ogni sua pittura condotta o in rame, o in tavole, o in tele assai scelte, con vera profusione di oltremare, con lacche e verdi bellissimi, con forte impasto e continui ritocchi, e per lo pi senza tor la mano dalla opera prima di averla al tutto finita; in una parola senza niuno di que risparmi o di spesa, o di tempo, che usarono poco meno che tutti gli altri36.

Soprattutto il risparmio di tempo, la velocit, pare al Lanzi una pratica diffusa e condannabile. Troppi pittori seguono le orme del Vasari, che il pi delle volte antepose la celerit alla finitezza, richiamandosi alla pittura, compendiaria degli antichi: ma il passo di Plinio su Filosseno Eretrio, commenta Lanzi, parla di pitture in cui la velocit di esecuzione era accompagnata dalla perfezione. Invece il metodo moderno basato sul meccanismo, sul tirar via di pratica,
quanto vantaggioso allartista, che cos moltiplica i suoi guadagni, altrettanto nocivo allarte, che per tal via urta necessariamente nel manierismo, o sia alterazione del ver037.

Storia dellarte Einaudi

23

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Il punto di discrimine rappresentato dai veneti, e in particolare da Giorgione, che sdegn quella minutezza, che rimaneva ancora da vincersi; e a lei sostitu una certa libert, e quasi sprezzatura, in cui consiste il sommo dellarte. In questo modo, lavorando non tanto dimpasto, quanto colpeggiando o di tocco i veneti si sono attirati dagli stranieri laccusa di aver ceduto a
una celerit che abborraccia, che sdegna freno di regole, che non finisce il lavoro presente per ansiet di passar presto ad altro lavoro, e cos ad altro guadagno38.

Da questaccusa il Lanzi assolve Tiziano, di cui dice che nel perfezionare i suoi lavori si sa che durava fatica grande, e che avea insieme premura grande di nascondere tal fatica, e Veronese, in cui la celerit era accompagnata da somma intelligenza: ma critica la mancanza di diligenza di Tintoretto, i quadri che sembrano abbozzi di Palma il Giovane dovuti alle troppe commissioni, la rapidit divenuta incuria del Piazzetta, per concludere, a proposito del cremonese Giuseppe Bottani:
Il lettore pu oggimai aver notato nel corso di questa istoria che lo scoglio pi fatale alla riputazione de pittori la fretta. Pochi sono che possano far presto e bene39.

La societ civile analizzata da Rousseau e da Ferguson la societ borghese basata sulla concorrenza. Non si vuol caricare di troppe implicazioni laccenno isolato del Lanzi alla societ civile: certo per chegli sottoline sia gli effetti propulsivi della concorrenza sullo sviluppo della pittura, sia il dilagare del meccanismo a danno della qualit dei prodotti causa la crescente commercializzazione dellattivit artistica.

Storia dellarte Einaudi

24

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

7. Gli squilibri territoriali. Questa rilettura della Storia del Lanzi condotta sul filo dei rapporti tra centro e periferia ha fatto emergere due ordini di problemi irrisolti, e, come si vedr, interdipendenti. Dal punto di vista geografico, lo squilibrio tra la parte dedicata allItalia centro-settentrionale e quella dedicata allItalia meridionale e alle isole. Dal punto di vista storico-genetico, limportanza decisiva attribuita alla concorrenza non solo tra artisti ma tra committenti e quindi un nesso non chiarito tra centri di potere (politico, o di altro tipo) e centri di elaborazione artistica. Con questi problemi (anche se posti in termini inevitabilmente un po diversi) ci troviamo a fare i conti ancora oggi. Cominciamo dalla questione geografica. stato rilevato autorevolmente che tra Cinquecento e Settecento, fra Tasso e Metastasio, passando per Marino e Gravina, si determina nellambito della cultura letteraria italiana un pieno equilibrio tra Nord e Sud40. Si ricorder invece quanto diverso e sbilanciato fosse il quadro tracciato dal Lanzi. lecito chiedersi se questa distorsione di cui il Lanzi stesso, come abbiamo visto, era consapevole, sia tutta da attribuire alla povert e inattendibilit delle sue fonti dinformazione sullItalia meridionale, nonch alla mancanza di indagini dirette. Che la pittura del Regno e delle isole sia ancora in grandissima parte da scoprire, indubbio. Altrettanto indubbio che la perdurante trascuratezza della storiografia artistica nei confronti di questa parte dItalia vada ascritta a una situazione riassumibile nel termine questione meridionale41. E tuttavia per anticipare una conclusione che apparir ovvia le auspicabili ricerche sulla pittura meridionale non potranno porre in luce una rete di centri artistici paragonabile a quella del Centro e del Nord dItalia. In questo senso, lecito dire che la

Storia dellarte Einaudi

25

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

distorsione presente nella Storia pittorica del Lanzi riflette in sostanza una distorsione, o meglio la distorsione che caratterizza la storia (non solo pittorica) dItalia. Abbiamo parlato di una conclusione ovvia. Ma la distribuzione geografica dei centri artistici italiani non ovvia. Varr la pena di analizzarla. Proviamo a considerare i centri artistici italiani come una specie di club. Quali erano le condizioni per iscriversi a questo club? e quando si chiusero le iscrizioni? Fuor di metafora: perch i centri artistici italiani sono stati, storicamente, certi e non altri? e quando (e perch) cessarono di emergere centri nuovi? Per rispondere bisogner partire da molto lontano. Lantichit e la persistenza dei centri urbani infatti una delle caratteristiche pi evidenti della storia della penisola. Secondo il Sereni, su un campione di 8000 centri pi di un quarto (2684) risulta fondato in et romana o preromana, un po meno di un terzo tra lviii e il xii secolo, e meno di un ottavo nel periodo posteriore al xiv secolo42. Ma questo dato quantitativo, di per s impressionante, ne nasconde un altro, qualitativo, ancora pi denso di conseguenze per la storia, anche artistica, italiana: e cio che un contrasto fondamentale tra i centri urbani della penisola si era gi delineato nel corso del i secolo a. C.43.

8. Questioni di lunga durata. In questo periodo si verificarono infatti due processi paralleli ma di segno diverso. Dopo la fine della guerra sociale (88 a. C.) un gran numero di contadini impoveriti del Centro-Sud tendeva ad abbandonare le campagne per riversarsi su Roma. La classe dirigente romana dovette perci vedere con favore le massicce iniziative di ricostruzione e di rinnovamento edilizio attuate

Storia dellarte Einaudi

26

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

dai municipi ex alleati. Anche se una consapevole politica di assorbimento della manodopera disoccupata attraverso ledilizia sembra da escludere, il risultato fu comunque quello di alleggerire la pressione migratoria in direzione di Roma. Antichi centri si ampliarono, cingendosi di mura, e numerose comunit uscirono dallo stato tribale per passare a una vita associata di tipo urbano. Queste iniziative municipali si verificarono in tutto il Centro-Sud, con leccezione (significativa, per motivi che vedremo) della fascia centrale dove si erano avuti in passato insediamenti etruschi: lEtruria, e parte dellUmbria odierna. Allincirca nello stesso periodo si venne attuando la colonizzazione romana della Gallia cisalpina. Anchessa fu accompagnata dalla fondazione di centri urbani, ma secondo modalit molto diverse da quelle del Centro-Sud. Non solo perch il numero dei nuovi centri fu di gran lunga minore, ma soprattutto perch la loro fondazione avvenne secondo un vero e proprio piano regolatore, che implicava una riorganizzazione del territorio, la costruzione di opere idrauliche e cos via44. Da un lato, quindi, una sorta di urbanizzazione selvaggia gestita dai singoli municipi; dallaltro, unurbanizzazione regolata e pianificata da Roma. In definitiva, diversi, e diversamente equilibrati, rapporti tra citt e campagna. Anni fa, esponendo in maniera pi precisa una sua vecchia idea, il Salvatorelli sostenne che di storia dItalia in senso proprio si poteva cominciare a parlare fin dal i secolo a. C., e precisamente dalla guerra sociale, seguita dalla concessione della cittadinanza romana agli italici45. Le considerazioni esposte or ora portano ulteriori elementi a favore di questa tesi. La storia dItalia, cos povera di rivoluzioni, sarebbe nata dunque sotto il segno di una rivoluzione vittoriosa a met. Con questo non si vuol dire, evidentemente, che la questione meridionale sia cominciata allora. vero per

Storia dellarte Einaudi

27

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

che lo squilibrio fondamentale che caratterizza la storia della penisola (e senza il quale essa sarebbe stata diversa da quella che stata ed ) ha le sue lontanissime radici nelle divergenti vicende del i secolo a. C. I rivolgimenti e i traumi successivi poterono alterare questo squilibrio, non cancellarlo. Alla fine dellevo antico la rete dei centri urbani italiani presentava dunque un aspetto duplice: nel Centro-Sud (con leccezione dellEtruria e di parte dellodierna Umbria) una maglia fittissima, nel Nord un reticolato molto pi rado. La resistenza dei due settori, gi allora fortemente indeboliti, allo sconvolgimento che segu, fu oltremodo diversa. Per convincersene, baster esaminare la carta delle diocesi italiane allinizio del secolo vii. Come si sa, le sedi vescovili coincidevano di fatto con altrettanti centri urbani: la distruzione o lo spopolamento di questi ultimi comportava, dopo un periodo di tempo spesso assai lungo, o il trasferimento della diocesi a un centro contiguo, o la sua soppressione. Per questi motivi, un esame delle diocesi soppresse fornisce una serie di indicazioni assai significative. Ci che salta agli occhi lentit del fenomeno: su 232 diocesi esistenti allinizio del secolo vii, 106 (comprese 3 incerte) furono soppresse. Quasi la met, dunque. Va notato che le diocesi trasferite da un centro in rovina a un centro contiguo di recente fondazione (da Luni a Sarzana, per esempio, o da Roselle a Grosseto) non sono state incluse tra quelle soppresse: il quadro dei centri scomparsi o ridotti a villaggi risulta quindi approssimato per difetto. Ma accanto allentit del fenomeno colpisce la sua distribuzione geografica. Delle 106 diocesi soppresse, 15 appartenevano al Nord, 42 al Centro, 49 (quasi la met) al Sud e alle isole. Il reticolo urbano pi fitto risult dunque il pi fragile. vero che, nonostante la falcidia avvenuta, il numero delle diocesi meridionali rimase elevatissimo: ma si trattava, e si tratta

Storia dellarte Einaudi

28

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ancor oggi, di diocesi spesso piccolissime, coincidenti con localit dimportanza spesso trascurabile. Ben diversa resistenza oppose invece il reticolo urbano comparativamente pi rado del Nord (e di parte del Centro). Scomparvero, certo, o decaddero gravemente, centri litoranei o semilitoranei come Aemonia, Aquileia, Altinum, Vicohabentia, maggiormente esposti alle invasioni: ma il quadro complessivo non sub modificazioni troppo gravi. Si potrebbe tracciare su questa base una linea congiungente Roselle (o, se si vuole, Grosseto) Chiusi, Perugia, Ancona. A sud di questa linea immaginaria, un mezzo cimitero di antichi centri urbani46; a nord, una serie di citt colpite talvolta in maniera gravissima, ma quasi mai definitiva. Corfinium o Marruvium, a differenza di Bologna o Piacenza, non dovevano risorgere pi. Dietro questa dicotomia traspare (tranne qualche divergenza nella fascia comprendente il Lazio settentrionale e lUmbria meridionale) lopposizione che si era venuta determinando, nel i secolo a. C., tra gli insediamenti urbani nelle varie parti della penisola. La diversa sorte di Bologna o Piacenza rispetto a Corfinium o Marruvium si spiega naturalmente alla luce della storia italiana successiva. Ora, il punto proprio questo. Proviamo a fare un salto di alcuni secoli. Dopo il Mille, in tutta Italia c una rinascita delle citt. Ma nel giro di un secolo le vicende del Centro-Nord da un lato, e del Sud dallaltro, divergono ancora una volta. AllItalia dei Comuni si contrappone unItalia feudale. Lo sviluppo autonomo delle citt meridionali si arresta: Amalfi, per ricordare solo un caso esemplare, decade. Palermo prospera e si rafforza, ma perch sede di una corte. Al panorama che si andava profilando, analogo a quello riccamente policentrico dellItalia centro-settentrionale, ne subentra uno del tutto diverso, caratterizzato dallo schiacciamento delle citt minori a danno delle metropoli. Si soliti attribuire questa svolta deci-

Storia dellarte Einaudi

29

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

siva a fattori esogeni: la conquista normanna prima, il dominio svevo poi. Ma le spiegazioni del tipo invasione degli hyksos sono sempre semplicistiche. La geografia dellItalia comunale invita piuttosto a riflettere sul peso determinante che poterono avere elementi pi profondi e pi antichi. Larea di diffusione dei Comuni coincide largamente, infatti, con quella parte dItalia in cui il reticolo urbano di origine romana o preromana era risultato pi resistente. Si tratta, vero, di una coincidenza imperfetta: se sovrapponiamo le due aree, rimane fuori una fascia dellItalia centrale, a sud della zona Roselle (Grosseto)-Chiusi-Perugia-Ancona, dove pure si svilupparono citt comunali come Orvieto o Viterbo. Ma proprio questa fascia di non-coincidenza significativa, perch rinvia ancora una volta a una dicotomia pi antica: il contrasto tra le due parti della penisola emerso nel i secolo a. C. Pi di mille anni dopo, quel contrasto agiva ancora.

9. La dislocazione dei centri artistici. Queste contraddizioni di lungo (o lunghissimo) periodo vanno tenute presenti se vogliamo capire la dislocazione geografica dei centri artistici italiani. Tra essi troviamo infatti molti centri di origine romana o preromana: ma ci non costituisce una condizione necessaria (e tanto meno sufficiente) per lammissione al club di cui parlavamo pi sopra. Basta pensare a Venezia o a Ferrara per rendersi conto che dobbiamo cercare in altra direzione. Lessere stati sede di diocesi, allora? probabile che questa debba essere considerata una condizione pressoch necessaria, nel senso che difficile trovare un centro artistico italiano che non sia stato anche sede vescovile. Le eccezioni, come Saluzzo o Fabriano solo tardivamente divenute sedi vescovili, sono pochis-

Storia dellarte Einaudi

30

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

sime: quanto ai monasteri, si tratta di centri sui generis, caratterizzati dallassenza di una periferia relativa. Ma certo non si tratta di una condizione sufficiente: i centri di diocesi che non hanno avuto una parte di rilievo nella storia artistica della penisola sono innumerevoli da Sarsina, a Numana, alla miriade di centri vescovili minori del Mezzogiorno. nellambito dei centri di diocesi, dunque, che dovremo cercare di regola i centri artistici italiani. Ma quali elementi (storici, sintende, non formali) definiscono questo sottoinsieme? Procediamo per scarti successivi. Prendiamo anzitutto in esame i centri scomparsi o decaduti (e non pi risorti) dopo linizio del secolo vii. Tra essi, nessuno (con la possibile eccezione di Aquileia) pu essere definito centro artistico in senso proprio. Il campo dellindagine si restringe immediatamente. Proviamo allora a passare in rassegna le sedi vescovili istituite dopo il secolo vii. possibile identificare una fase di intensa riorganizzazione della geografia ecclesiastica italiana che comincia, nel Sud, fin dai secoli xi e xii, e nel Centro-Nord, dopo la met del secolo xiv47. Tuttavia, nessuna delle sedi vescovili istituite dopo queste date pu ambire alla qualifica di centro artistico. Come si vede, la rosa dei possibili candidati continua a restringersi. Se continuiamo questa manovra a tenaglia, arriviamo alla seguente conclusione: che le iscrizioni al club dei centri artistici italiani, aperte in linea di principio a tutte le sedi vescovili, si chiusero alla fine dellxi secolo. Dopo questo periodo, le nuove sedi si trattasse di Alessandria o di Livorno, di Carpi o di Prato, di Foggia o di Civitavecchia trovarono le porte sbarrate. A questo punto abbiamo circoscritto fortemente le condizioni cronologiche necessarie allammissione: ma non abbiamo ancora identificato le condizioni sufficienti. In altre parole: i centri artistici italiani corrispondo-

Storia dellarte Einaudi

31

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

no tutti ad altrettante sedi vescovili esistenti alla fine del secolo xi; ma non vero il reciproco. Perch Andria, Matelica, Venosa, Taranto (per citare alcuni nomi di sedi scelte a caso) non riuscirono a diventare centri artistici nel senso pieno del termine? Ci che ci consente finalmente di decifrare le coordinate geografiche e cronologiche dei centri artistici italiani la decisiva contrapposizione tra le due Italie quella comunale e quella feudale che emerge per lappunto nel corso del secolo xi. NellItalia centro-settentrionale (a parte i casi sui generis di Venezia e, ovviamente, di Roma) i centri artistici sidentificano con le citt che svilupparono unintensa vita comunale tutte, senza eccezione, sede di diocesi48. NellItalia meridionale, a parte leccezione di Messina, con le citt poi soffocate dal centralismo normanno-svevo (Amalfi, Bari) e con le citt sedi di corte (Palermo, Napoli). La frontiera tra queste due Italie artistiche policentrica luna, oligocentrica laltra ricalca quella emersa nel i secolo a. C. e mai cancellata dalle vicissitudini posteriori.

10. Le citt comunali. chiaro che sottolineare limportanza decisiva delle citt comunali nello sviluppo dellarte italiana non significa riproporre divagazioni retoriche di sapore ottocentesco sul libero comune, rustico e non. Ci che conta ai nostri occhi anzitutto la presenza simultanea in una serie di centri urbani di un potere comunale e di un potere vescovile, talvolta alleati, pi spesso in contrasto, che diedero luogo a una duplice, alternativa committenza, laica ed ecclesiastica, di durata non episodica. In secondo luogo, lesasperata tensione municipalistica, esplosa in et comunale con particolare violenza ma destinata a durare molto pi a lungo, che costitu una

Storia dellarte Einaudi

32

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

spinta fortissima alla diversificazione artistica. Da un lato, dunque, una situazione di potenziale concorrenza allinterno dei singoli centri; dallaltro, lesistenza di una situazione analoga tra centri diversi. Ci significa che ci muoviamo, ancora oggi, nellambito del modello concorrenziale delineato dal Lanzi. Anche per noi, infatti, la presenza o meno di una situazione di concorrenza tra artisti e tra committenti indice di una tendenza o meno allinnovazione artistica. Ci guarderemo bene dallidentificare senzaltro innovazione e qualit col che ricadremmo nella tautologia riscontrata nelle parole di Kenneth Clark citate allinizio. indubbio, per, che le condizioni che tendono a favorire linnovazione artistica si verificano di regola nei cosiddetti centri. I centri artistici, infatti, potrebbero essere definiti come luoghi caratterizzati dalla presenza di un numero cospicuo di artisti e di gruppi significativi di committenti, che per diverse motivazioni orgoglio familiare o individuale, desiderio di egemonia o brama di salvezza eterna sono pronti a investire in opere darte una parte delle loro ricchezze. Questultimo punto implica, evidentemente, che il centro sia un luogo in cui affluiscono quantit considerevoli di surplus da destinare, eventualmente, alla produzione artistica. Inoltre, potr essere dotato di istituzioni di tutela, educazione e promozione degli artisti, nonch di distribuzione delle opere. Infine, conter un pubblico ben pi vasto di quello dei committenti veri e propri: un pubblico non omogeneo, certo, ma diviso in gruppi, ognuno dei quali potr avere abitudini percettive e criteri di valutazione suoi propri, che potranno tradursi in attese e richieste specifiche. Si tratta, come si vede, di una definizione quanto mai generica ma, nello stesso tempo, storicamente restrittiva. Non si vede, infatti, come sia possibile, per esempio, rintracciare una pluralit di committenti nellambito di un monastero alto-medievale, tale da provocare con-

Storia dellarte Einaudi

33

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

flitti paragonabili a quelli che opposero talvolta, anche sul terreno delle scelte artistiche, vescovo e capitolo49. Ma chiaro che le nozioni di centro e periferia hanno, se riferite allEuropa monastica, tuttaltro significato rispetto a quello attribuibile a esse per i secoli posteriori al Mille. Inoltre, la definizione che abbiamo proposto implica che la nozione di centro esclusivamente artistico contraddittoria. Centro artistico potr essere soltanto un centro di potere extrartistico: politico e/o economico e/o religioso. Pertanto, la mera presenza, o addirittura la concentrazione di opere darte in una determinata localit non basta a fare di questultimo un centro artistico nel senso anzidetto. I castelli, le ville o i santuari potranno eventualmente essere considerati proiezioni fisiche nel territorio di un potere politico, economico, religioso situati altrove.

11. Centri di innovazione e aree di ritardo. Se il centro tende a configurarsi come il luogo dellinnovazione artistica, la periferia, correlativamente, tende a configurarsi (anche se non sempre) come il luogo del ritardo. Di questo fenomeno certo il pi frequente, nei rapporti tra centro e periferia proviamo a delineare una sommaria tipologia. possibile distinguere un ritardo plurisecolare, come nel caso della produzione artistica detta popolare, spesso elaborata da contadini per i contadini; un ritardo plurigenerazionale, come nel caso di prodotti eseguiti da artisti professionisti, s, ma per una clientela contadina; e un ritardo di pochi anni, che per viene avvertito come traumatico perch coincide con momenti e situazioni caratterizzati da subitanee svolte del gusto. Avremo cio, rispettivamente, prodotti come culle o cucchiai decorati, letti, cassoni, tessuti di vario genere, oggetti duso costruiti dagli stes-

Storia dellarte Einaudi

34

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

si fruitori50, cicli di affreschi dipinti da botteghe di pittori itineranti, impegnati nella decorazione di oratori campestri o di pievi di piccole cittadine; oppure opere di pittori rinomati che di colpo si trovano respinte ai margini del mercato artistico. Prendiamo un prodotto contadino, sia esso un utensile o un oggetto liturgico. Le forme fondamentali si basano su un repertorio limitato (spirali, cerchi, stelle ecc. variamente combinati) che rimane pressoch immutabile per secoli, al punto che alcune di esse sembrano risalire addirittura al periodo neolitico. In questo ambito la vischiosit, la persistenza tipologica sono particolarmente forti. Se ci volgiamo invece ai prodotti degli ateliers itineranti, per esempio quelle squadre di artisti operose nel Vercellese attorno al 1450-70 cui si deve tra laltro la decorazione pittorica delloratorio di San Bernardo a Gattinara51, vediamo che essi riprendono con minime variazioni modelli risalenti magari agli ultimi decenni del Trecento. Come esempio del terzo tipo si potr ricordare quanto scriveva il Vasari a proposito di alcuni dipinti del Perugino per la chiesa della Santissima Annunziata a Firenze:
Dicesi che quando detta opera si scoperse, fu da tutti i nuovi artefici assai biasimata; e particolarmente perch si era Pietro servito di quelle figure che altre volte era usato mettere in opera: dove tentandolo gli amici suoi dicevano, che affaticato non sera, e che aveva tralasciato il buon modo delloperare o per avarizia o per non perder tempo. Ai quali Pietro rispondeva: Io ho messo in opera le figure altre volte lodate da voi, e che vi sono infinitamente piaciute: se ora vi dispiacciono e non le lodate, che ne posso io? Ma coloro aspramente con sonetti e pubbliche villanie lo saettavano. Onde egli, gi vecchio, partitosi da Fiorenza e tornatosi a Perugia, condusse alcuni lavori a fresco nella chiesa di

Storia dellarte Einaudi

35

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

san Severo [...]. Lavor similmente al Montone, alla Fratta, e in molti luoghi del contado di Perugia52.

Ai diversi livelli che abbiamo schematicamente distinto corrispondono dunque diversi gradi di vischiosit (e una correlativa maggiore o minore possibilit di datazione). Non sar arrischiato concludere che in una situazione di autoconsumo artistico come quella dei contadini la spinta allinnovazione sia praticamente nulla. In una situazione di semimonopolio come quella in cui operavano i pittori itineranti vercellesi della met del Quattrocento, ci si poteva servire tranquillamente di modelli in certi casi assai antichi, senza correre il rischio di deludere le attese di un pubblico che non aveva alcuna possibilit di confronto. In una situazione di concorrenza come quella di Firenze attorno al 1505, la critica esercitata dai nuovi artefici colleghi e rivali che spinge il Perugino a lasciare (sia pure non definitivamente) la citt per il contado umbro. Non possiamo parlare in questo caso di ritardo periferico in senso proprio: ma in periferia che il pittore costretto a rifugiarsi per poter continuare a lavorare e a ricevere commissioni per una produzione che al centro non soddisfa pi.

12. Periferizzazione e declassamento. Altre volte, invece, lo spostamento materiale delle opere dal centro alla periferia geografica e/o sociale a far intravedere che questultima viene identificata con un gusto artistico ritardatario. Si prenda il caso del pulpito della Cattedrale di Cagliari, scolpito da un maestro Guglielmo tra il 1159 e il 1162 per la Cattedrale di Pisa, e trasportato in Sardegna allorch in Pisa venne inaugurato, nel 1312, il pulpito di Giovanni Pisano. Uniscrizione in versi venne apposta a ricordare levento:

Storia dellarte Einaudi

36

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Castello Castri concexit Virgini Matri direxit Me templum istud invexit Civitas Pisana53.

Il nuovo pubblico a cui veniva indirizzato il pulpito era quello della colonia pisana stabilita a Cagliari, nel quartiere alto dominato da Castel di Castro. Nei pressi di questultimo, simbolo e fulcro del dominio pisano, era stata costruita la nuova cattedrale. Il vecchio pulpito della Cattedrale di Pisa doveva dunque configurarsi, per la colonia toscana, come una venerabile reliquia della terra dorigine, un riferimento a un patrimonio culturale comune, uno strumento didentificazione e di aggregazione. Va rilevato inoltre che allorch il pulpito venne trasferito si andava precisando una grave minaccia per lavvenire della dominazione pisana, poich il pontefice aveva concesso al re dAragona linvestitura del reame di Sardegna. Ma non senza significato che il rinsaldamento simbolico dei vincoli culturali con la madrepatria avvenisse attraverso linvio di unopera vecchia di centocinquantanni: alla colonia veniva pur sempre attribuito un gusto pi arretrato di quello della metropoli. Altri casi del genere, sia pure meno clamorosi, mostrano che questinterpretazione non si basa su una petizione di principio. Tra Cinque e Settecento i polittici trecenteschi vengono allontanati dalle pi celebri chiese di Siena e relegati in remoti oratori o pievi di campagna: quello di Pietro Lorenzetti, gi al Carmine, finisce a SantAnsano a Dofana. Talvolta il declassamento piuttosto sociale che geografico, come nel caso dellAnnunciazione di Ambrogio Lorenzetti, che dalla sala del Concistoro del Palazzo Pubblico passa a una stanza [...] accanto alla cucina dove sogliono pranzare i donzelli. In tal modo, unopera che era stata commis-

Storia dellarte Einaudi

37

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

sionata da Francesco monaco di San Galgano, camerlengo della Biccherna, finiva con lessere fruita, anzich dai governanti senesi, a cui era stata originariamente destinata, da un pubblico socialmente infimo54. Capita, in altre parole, che monumenti, arredi e opere del passato a un certo momento vengano ceduti o gettati in un canto come vestiti smessi. Una raccolta sistematica di questo tipo di testimonianze sarebbe quanto mai rivelatrice dei mutevoli rapporti che intercorsero storicamente tra i singoli centri e le rispettive periferie. Quanto detto fin qui mostra a sufficienza che il nesso centro/periferia non pu essere visto come un rapporto invariabile tra innovazione e ritardo. Si tratta, al contrario, di un rapporto mobile, soggetto a brusche accelerazioni e tensioni, legate a modificazioni politiche e sociali, oltre che artistiche. Varr la pena di analizzare a questo proposito il panorama tracciato da Vasari, dato che nelle Vite egli forn un modello canonico, destinato a pesare e a durare, della periferia come ritardo.

13. Vasari. Per Vasari, lunica possibilit per un artista nato ed educato in provincia e quella di venire a contatto con il centro: solo cos potr entrare nel gioco dellinnovazione e del progresso. La vocazione egemonica che era stata propria di Firenze fin dalla fine del Duecento verr assunta dal secondo decennio del Cinquecento, da Roma. E a Roma, spinti da una specie di inarrestabile tropismo, tendono artisti di ogni parte dItalia che si sono resi magari vagamente conto di quello che c nellaria. Cos il Parmigianino, che
venuto in desiderio di veder Roma, come quello che era in sullacquistare e sentiva molto lodar lopere de maestri

Storia dellarte Einaudi

38

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

buoni, e particolarmente quelle di Raffaello e di Michelagnolo, disse lanimo e disiderio suoi ai vecchi zii55.

Cos Niccol Soggi, che:


... sentendo che a Roma si facevano gran cose, si part di Firenze, pensando acquistare nellarte e dovere anco avanzare qualche cosa...56.

O ancora Pierino da Vinci, il quale


... adunque, mentre che cos si portava, pi volte e da diverse persone aveva udito ragionare delle cose di Roma appartenenti allarte e celebrarle, come sempre da ognuno si fa, onde in lui sera un grande desiderio acceso di vederle, sperando daverne a cavare profitto, non solamente vedendo lopere degli antichi, ma quelle di Michelagnolo, e lui stesso allora vivo e dimorante in Roma57.

Ci vale anche per Giovanni da Udine, che, mentre era a Venezia con Giorgione a imparare larte del disegno,
sent tanto lodare le cose di Michelangelo e Raffaello, che si risolv di andare a Roma ad ogni modo58.

O per Battista Franco che


... avendo nella sua prima fanciullezza atteso al disegno, come colui che tendeva alla perfezione di quellarte, se ne and di venti anni a Roma; dove, poich per alcun tempo con molto studio ebbe atteso al disegno, e vedute le maniere di diversi, si risolv non volere altre cose studiare n cercare dimitare, che i disegni, pitture e sculture di Michelagnolo59.

Di fronte alle rivelazioni romane, artisti gi affermati

Storia dellarte Einaudi

39

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ripudiano la loro prima educazione e ricominciano da capo. Anche questo, dellartista gi celebre che ridiventa discepolo una volta scoperta la buona maniera, un topos ricorrente in Vasari: un esempio celebre quello di Raffaello che veduto il cartone della Battaglia di Cascina di Michelangelo fece ci che
un altro che si fusse perso danimo, parendogli avere insino allora gettato via il tempo, non arebbe mai fatto, ancor che di bellissimo ingegno...

e cio
smorbatosi e levatosi da dosso quella maniera di Pietro per apprender quella di Michelagnolo, piena di difficult in tutte le parti, divent quasi, di maestro, nuovo discepolo, e si sforz con incredibile studio di fare, essendo gi uomo, in pochi mesi quello che arebbe avuto bisogno di quella tenera et che meglio apprende ogni cosa, e dello spazio di molti anni60.

Il medesimo topos, con espressioni analoghe quali smorbarsi di una precedente educazione, o di maestro divenir discepolo, si ritrova nella vita del Garofalo che, giunto a Roma
... rest quasi disperato non che stupito nel vedere la grazia e la vivezza che avevano le pitture di Raffaello, e la profondit del disegno di Michelagnolo. Onde malediva le maniere di Lombardia, e quella che avea con tanto studio e stento imparato in Mantoa; e volentieri, se avesse potuto, se ne sarebbe smorbato. Ma poich altro non si poteva, si risolv a voler disimparare, e, dopo la perdita di tanti anni, di maestro divenire discepolo61.

Il maledire le maniere di Lombardia evoca le bestemmie di Lombardia con cui si chiude il Dialogo

Storia dellarte Einaudi

40

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

della lingua di Machiavelli, a testimonianza di una concezione altrettanto monocentrica tanto pi palese quando si consideri che la vita del Garofalo era nelle intenzioni del Vasari destinata a fare
brievemente un raccolto di tutti i migliori e pi eccellenti pittori, scultori ed architetti che sono stati a tempi nostri in Lombardia...82.

N il caso isolato perch, parlando col Vasari, Girolamo da Carpi


... si dolse pi volte daver consumato la sua giovanezza ed i migliori anni in Ferrara e Bologna e non in Roma, o altro luogo dove averebbe fatto senza dubbio molto maggiore acquisto63.

A Roma dunque si arriva da Parma, da Firenze, da Venezia, da Mantova o da Ferrara, e chi, avendola conosciuta, costretto ad abbandonarla, ne soffre profondamente, come Polidoro da Caravaggio che a Messina...
sempre ardeva di desiderio di rivedere quella Roma, la quale di continuo strugge coloro che stati ci sono molti anni, nel provare gli altri paesi64.

o come il Garofalo a Ferrara che


nel fare delle quali opere ricordandosi alcuna volta davere lasciato Roma, ne sentiva dolore estremo, ed era risoluto per ogni modo di tornarvi65.

Limmagine della provincia quanto di pi lontano si possa immaginare da quella, prestigiosa e stimolante, del centro. Un caso estremo quello della Calabria, patria di Marco Cardisco, di cui il Vasari scrive:

Storia dellarte Einaudi

41

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Ma se quando noi veggiamo in qualche provincia nascere un frutto che usato non sia a nascerci ce ne maravigliamo; tanto pi duno ingegno buono possiamo rallegrarci, quando lo troviamo in un paese dove non nascano uomini di simile professione66.

Non sempre la provincia questa plaga desolata dove la pianta degli artisti non alligna: ma quando anche ve ne siano, sar bene che non vi restino a lungo perch essa manca di esempi, di emulazione, di concorrenza, vale a dire di alcuni degli elementi fondamentali per lo sviluppo dellinnovazione. Arezzo, patria del Vasari, si trova in tali condizioni. Per Giovan Antonio Lappoli questo un
luogo ove non poteva anco da per s imparare, ancor che avesse linclinazione della natura67;

n diversamente il Montorsoli considera Perugia, ove il soggiornare non gli di alcun ausilio (non faceva per lui e non imparava), o Daniele Ricciarelli, Volterra, dove si avvede
... non aver [...] concorrenza che lo spignesse a cercar di salire a miglior grado, e non essere in quella citt opere n antiche n moderne dalle quali potesse molto imparare68.

Non solo Arezzo, Perugia o Volterra: anche Siena considerata una provincia poco stimolante agli occhi del Vasari, che racconta come Sodoma
... non trovando concorrenza per un pezzo in quella citt vi lavorasse solo: il che se bene gli fu di qualche utile, gli fu alla fine di danno; perciocch quasi addormentandosi non istudi mai69.

Storia dellarte Einaudi

42

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Dello stesso avviso il Beccafumi che, sempre secondo Vasari,


... non aveva maggior disiderio che dimparare e conosceva in Siena perder tempo70.

e cos saranno Bologna e Ferrara, nel caso del Vignola o in quello, gi citato, di Girolamo da Carpi. Si tratta di casi in cui lartista a detta del Vasari avrebbe quasi sempre preso coscienza della situazione. Altrove egli si limita a notare che lartefice di cui parla, se avesse avuto la possibilit di uscire dalla sua provincia, avrebbe fatto cose straordinarie (impossibili appunto per chi rimanga in periferia). Cos a proposito di Luca de Longhi che
se fusse uscito di Ravenna [...] sarebbe riuscito rarissimo71.

o di un gruppo di scultori lombardi il cui limite addirittura di aver lavorato a Milano:


... Ma se in quel luogo fusse lo studio di questarti, che in Roma e in Firenze, arebbono fatto e farebbono tuttavia questi valentuomini cose stupende72.

Particolarmente duro da ammettere per il Vasari il caso di chi deliberatamente non si muove, come Cola dellAmatrice, provinciale volontario:
... il quale senza curarsi di veder Roma o mutar paese, si stette sempre in Ascoli,

mentre
costui non arebbe fatto se non ragionevolmente, se egli avesse la sua arte esercitata in luoghi, dove la concorrenza

Storia dellarte Einaudi

43

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

e lemulazione lavesse fatto attendere con pi studio alla pittura, ed esercitare il bello ingegno, di cui si vede che era stato dalla natura dotato73.

Del resto la sfida costituita dalle opere dei grandi non conduce automaticamente allemulazione. In certi casi lartista sfidato si tira indietro perch non si sente capace di tanto. Cos il Franciabigio che
non volle mai uscir di Firenze; perch avendo vedute alcune opere di Raffaello da Urbino, e parendogli non esser pari a tanto uomo n a molti altri di grandissimo nome, non si volle metter a paragone di artisti cos eccellenti e rarissimi74.

O Morto da Feltre, che avrebbe avuto in animo di abbandonare le grottesche che erano la sua specialit per darsi alla figura:
E poich era venuto in questo desiderio, sentendo i romori che in tale arte avevano Lionardo e Michelagnolo per li loro cartoni fatto in Fiorenza, subito si mise per andare a Fiorenza; e vedute lopere, non gli parve poter fare il medesimo miglioramento che nella prima professione aveva fatto: l onde egli ritorn a lavorare alle sue grottesche75.

Altri non rinuncia, ma rimanda il confronto, come Pierino da Vinci che


and dunque in compagnia di alcuni amici suoi, e veduta Roma e tutto quello che egli desiderava, se ne torn a Firenze; considerato giudiziosamente, che le cose di Roma erano ancora per lui troppo profonde, e volevano essere vedute e immitate non cos ne principj, ma dopo maggior notizia dellarte76.

La emulazione tra gli artisti e gli stimoli che possono

Storia dellarte Einaudi

44

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

venire dalle attese del pubblico sono, secondo il Vasari, molle fondamentali del progresso artistico. Ora, la mancanza di termini di confronto e la facile soddisfazione del pubblico fanno s che gli artisti in provincia siano meno stimolati. quello che accade a Donatello a Padova:
... essendo per miracolo quivi tenuto e da ogni intelligente lodato, si deliber di voler tornare a Fiorenza, dicendo che, se pi stato vi fosse, tutto quello che sapeva dimenticato si avrebbe, essendovi tanto lodato da ognuno; e che volentieri nella sua patria tornava per esser poi col di continuo biasimato, il quale biasimo gli dava cagione di studio, e conseguentemente di gloria maggiore77.

Donatello secondo il Vasari sapeva che a Padova gli mancava lo stimolo della critica; altri lo ignoravano, come il Sodoma a Siena che non trovando concorrenza vi si addormentava, o come gli emiliani Bartolomeo da Bagnacavallo, Amico Aspertini, Girolamo da Cotignola e Innocenzo da Imola, che
... non attesero allingegnose particolarit dellarte come si debbe. Ma perch in Bologna in que tempi non erano pittori che sapessero pi di loro, erano tenuti da chi governava e dai popoli di quella citt, i migliori maestri dItalia78.

N differente la sorte di Marco Cardisco a Napoli:


Peroch non avendo emulazione n contrasto degli artefici nella pittura, fu da que signori sempre adorato, e delle cose sue si fece con bonissimi pagamenti sodisfare79.

La funzione svolta dai committenti quindi strategicamente decisiva. E della committenza napoletana il Vasari d, nella vita di Polidoro, unimmagine ben pi negativa di quella or ora citata. Polidoro, arrivato a Napoli,

Storia dellarte Einaudi

45

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

essendo quei gentiluomini poco curiosi delle cose eccellenti di pittura, fu per morirvi di fame80,

per cui
... veggendo poco stimata la sua virt, deliber partire da coloro che pi conto tenevano dun cavallo che saltasse, che di chi facesse con le mani le figure dipinte parer vive81.

Quello di Napoli presentato come un caso limite, ma anche la Roma quattrocentesca, con i suoi cospicui investimenti artistici, appare a Vasari espressione di un gusto arretrato e periferico:
Se papa Eugenio IV, quando deliber fare di bronzo la porta di san Piero in Roma, avesse fatto diligenza in cercare davere uomini eccellenti per quel lavoro; siccome nei tempi suoi arebbe agevolmente potuto fare, essendo vivi Filippo di Ser Brunellesco, Donatello e altri artefici rari; non sarebbe stata condotta quellopera in cos sciagurata maniera, come ella si vede ne tempi nostri. Ma forse intervenne a lui come molte volte suole avvenire a una buona parte dei principi che o non sintendono dellopere, o ne prendono pochissimo diletto. Ma se considerassono di quanta importanza sia il fare stima delle persone eccellenti nelle cose pubbliche per la fama che se ne lascia, non sarebbono certo cos trascurati n essi n i loro ministri; perciocch chi simpaccia con artefici vili e inetti, d poca vita allopere e alla fama: senza che si fa ingiuria al pubblico e al secolo in che si nato, credendosi risolutamente da chi vien poi, che se in quellet si fossero trovati migliori maestri, quel principe si sarebbe piuttosto di quelli servito, che deglinetti e plebei82.

Lo stigma del provincialismo appare particolarmente evidente in un papa come Sisto IV, bersaglio tradi-

Storia dellarte Einaudi

46

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

zionale della polemica politica e culturale fiorentina. Secondo il Vasari, il pontefice, preferendo Cosimo Rosselli a Botticelli, al Ghirlandaio, a Signorelli, al Perugino, avrebbe mostrato la propria incompetenza dando prova di preferire i colori vistosi e costosi di Cosimo alle ingegnose invenzioni degli altri:
perciocch que colori, siccome si era Cosimo imaginato, a un tratto cos abbagliarono gli occhi del papa, che non molto si intendeva di simili cose, ancorach se ne dilettasse assai, che giudic Cosimo avere molto meglio che tutti gli altri operato. E cos fattogli dare il premio, comand agli altri che tutti coprissero le loro pitture dei migliori azzurri che si trovassero e le toccassino doro, acciocch fussero simili a quelle di Cosimo nel colorito e nellesser ricche. Laonde i poveri pittori, disperati davere a soddisfare alla poca intelligenza del Padre Santo, si diedero a guastare quanto avevano fatto di buono83.

Per intendere il sapore del passo, sar opportuno richiamare un altro aneddoto, che il Vasari inser nella vita di Michelangelo a proposito del Menighella,
pittore dozzinale e goffo di Valdarno, che era persona piacevolissima, il quale veniva talvolta a Michelagnolo, che gli facessi un disegno di san Rocco o di santo Antonio per dipignere a contadini. Michelagnolo, che era difficile a lavorare per i re, si metteva gi lassando stare ogni lavoro, e gli faceva disegni semplici accomodati alla maniera e volont come diceva Menighella: e fra laltro gli fece fare un modello dun Crocifisso, che era bellissimo, sopra il quale vi fece un cavo, e ne formava di cartone e daltre mesture, ed in contado gli andava vendendo, che Michelagnolo crepava dalle risa; massime che glintraveniva di bei casi: come con un villano il quale gli fece dipignere san Francesco, e dispiaciutogli che il Menighella gli aveva fatto la veste bigia, che

Storia dellarte Einaudi

47

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

larebbe voluta di pi bel colore, il Menighella gli fece in dosso un piviale di broccato, e lo content84.

Il passo ha un evidente valore di topos, anche se lesistenza storica del Menighella accertata. Ma questo non cinteressa, qui. Importa piuttosto notare che agli occhi del Vasari i gusti della clientela contadina del Menighella, che ordina quadri con i santi tipici della devozione rurale (san Rocco, santAntonio, san Francesco) e ama i colori squillanti e vistosi, coincidono con le predilezioni di un papa come Sisto IV, di cultura e formazione fratesca, legato a un ambiente attardato per Vasari, sintende come quello della Roma quattrocentesca. Periferia sociale e periferia geografica ancora una volta si sovrappongono.

14. Fine del policentrismo e nascita della terza maniera. Unoperazione radicale, dunque, quella compiuta da Vasari. Una situazione come quella che era venuta allora emergendo in Toscana uno stato assoluto su base regionale, caratterizzato dalla subordinazione e spoliazione dei vari centri a vantaggio della capitale veniva proiettata nel passato: il ruolo di Siena o di Pisa veniva sminuito, quello di Pistoia, Volterra o Lucca cancellato, Arezzo si salvava per carit di patria. Ma questa proiezione del presente sul passato, o se si vuole questo adeguamento (che era poi uno schiacciamento) del passato sul presente non era, come abbiamo visto, limitato alla Toscana. A distanza di qualche decennio Vasari tirava le somme di un processo che allinizio del Cinquecento aveva provocato una duplice cesura, politica e artistica, nella storia della penisola, riducendo drasticamente il policentrismo precedente a vantaggio di pochi centri in grado di conservare una certa autonomia. Gli anni del

Storia dellarte Einaudi

48

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

primo Cinquecento che, come si ricorder, vedono la subitanea periferizzazione del Perugino, costretto a lasciare Firenze dalle polemiche dei nuovi artefici, sono anni decisivi, in cui sta nascendo e gi imponendosi un nuovo paradigma, la terza maniera che noi scrive il Vasari vogliamo chiamare moderna: quella di Leonardo, Giorgione, del graziosissimo Raffaello da Urbino e del divino Michelagnolo Buonarroti che fra i morti e vivi porta la palma, e trascende e ricuopre tutti. La terribile variet e la ricchezza della terza maniera fa apparire dun tratto antiquata quella bellezza nuova e pi viva che avevan cominciato a usare il Francia bolognese e il Perugino, e dimostra lo errore di coloro che nel vederla corsero come matti [...] parendo loro che e non si potesse giammai far meglio85. proprio limporsi di quella terza maniera ad accompagnare un processo di ristrutturazione della geografia artistica italiana processo che il Vasari registra e contribuisce ad accentuare proiettandolo nel passato.

15. Un caso esemplare: lUmbria. Seguiamo questa vicenda attraverso un caso esemplare, quello dellUmbria. Centri come Perugia, Gubbio, Foligno, Todi, Assisi, Montefalco, Spoleto, Orvieto, che tra il Duecento e il Quattrocento avevano avuto una produzione artistica complessa e diversificata, sono stati a lungo vittime dellottica centralizzatrice di Vasari, al punto che solo da qualche decennio la pittura umbra anteriore al Perugino diventata oggetto di analisi specifiche86. Ma nel corso del Cinquecento questo panorama cos vario tende sempre pi alluniformit e alla ripetizione. Linnovazione sembra diventare privilegio e caratteristica di pochi centri maggiori.

Storia dellarte Einaudi

49

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Un elemento significativo di questa situazione la fedelt a una formula. Si veda la fortuna di un quadro come lIncoronazione della Vergine di Domenico Ghirlandaio. Dipinta nel 1486 per gli Osservanti di San Girolamo presso Narni, essa venne imitata pi volte per espressa volont dei committenti: nellIncoronazione della Vergine della chiesa dei Riformati di Montesanto in Todi, che lo Spagna si era impegnato a fare pictam de auro cum coloribus et aliis rebus ad speciem et similitudinem tabulae factae in Ecc. Sancti Jeronymi de Narnia, e che fu terminata nel 1511; nellIncoronazione dipinta dal medesimo Spagna per i francescani di Trevi, e in quella confezionata da Jacopo Siculo nel 1541 per la chiesa dellAnnunciata presso Norcia87. Un altro fenomeno caratteristico il costituirsi di dinastie locali, particolarmente avvertibile a partire dalla seconda met del Quattrocento. Il meccanismo sembra pi o meno questo. Allinizio c la costituzione di una bottega familiare in cui lavorano padre e figli. I prodotti di questa bottega sono dapprima abbastanza aggiornati, e si appoggiano a formule e schemi recenti che conoscono un grande successo. Il capo della bottega pu avere una esperienza abbastanza larga dovuta a viaggi, a una formazione fuori del paese o allalunnato presso un pittore forestiero attivo nel luogo. Cos il soggiorno a Norcia di Niccol da Siena ha potuto influenzare il sorgere degli Sparapane o di Domenico da Leonessa88. La dinastia degli Sparapane comincia la sua carriera dipingendo sulliconostasi della chiesa di San Salvatore a Campi (presso Norcia) la Madonna col Bambino, santi e storie della vita di Cristo lasciandovi data e paternit: Questo laurero a pinto Johani de Sparapane et Antonio suo figliolo da Norscia 1464. In seguito, lutilizzazione dei cartoni e del repertorio formale del capomaestro diviene il consueto modus operandi della bottega, secondo una procedura che poteva assicurare la soprav-

Storia dellarte Einaudi

50

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

vivenza di certi schemi addirittura per generazioni. appunto il caso degli Sparapane di Norcia o degli Angelucci di Mevale89. Via via che passa il tempo cresce lo iato tra la ripetizione di modi e formule, divenuti ormai arcaici, e la produzione dei grandi centri. Queste dinastie erano impiegate da singoli committenti per dipinti votivi, da confraternite o anche da comunit paesane; poteva avvenire che allombra di un santuario o di un luogo di pellegrinaggio si stabilisse una dinastia di artisti, come quella dei Lederwasch che a Tamsweg nel Salisburghese furono di padre in figlio addetti alla produzione artistica per lo splendido Santuario di San Leonardo, e la cui casa, attigua alla chiesa, si visita ancora. In un primo tempo questa proliferante pittura periferica, legata a una committenza socialmente omogenea, non presenta ancora i caratteri nettamente ritardatari che assumer in seguito, quando il solco tra centro e periferia si sar allargato. Essa mostra anzi una pi vasta propensione e disponibilit agli investimenti artistici da parte di gruppi sociali che fino ad allora si erano scarsamente impegnati in questo senso. Varrebbe la pena di tracciare una mappa delle decorazioni eseguite nel corso del Quattrocento, con chiari intenti edificanti, per chiese od oratori campestri: per limitarsi a qualche caso piemontese tra i molti, si pensi a Domenico della Marca dAncona che affresca labside della chiesa di Santa Maria di Spinariano presso Ciri90, a Giacomino da Ivrea, attivo in Canavese e nella Valle dAosta intorno alla met del secolo91, a Giovanni Massucco che lavora nel Monregalese92. Linstallarsi in provincia di artisti come Domenico della Marca dAncona, provenienti da localit remote, magari altrettanto periferiche, si accentua nel corso del Cinquecento: Jacopo Santori di Giuliana, presso Palermo, meglio conosciuto come Jacopo Siculo93, opera tra Umbria e Sabina; sempre in Sabina sono attivi, nella prima met del secolo, i vero-

Storia dellarte Einaudi

51

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

nesi Lorenzo e Bartolomeo Torresani; in Basilicata, nello stesso periodo, troviamo Simone da Firenze94. Parallelamente, pittori rinomati vengono sospinti o risospinti dal centro in periferia, perch incapaci di reggere il passo delle proposte dei nuovi artefici e del conseguente mutamento del gusto e delle attese del pubblico. A parte il caso gi ricordato del Perugino che da Firenze deve riparare al Montone e alla Fratta, abbiamo il percorso non dissimile di Signorelli, o, precedentemente, quello di Antonio da Viterbo che, dopo aver lavorato a Roma a imprese importanti come gli affreschi di Santa Francesca Romana, viene risospinto nellagro viterbese dallattivit dei pittori umbri e fiorentini chiamati da Sisto IV, riducendosi a dipingere a Corchiano95.

16. Riflusso e ritardo in periferia. I fenomeni che abbiamo elencato, e cio: a) la costituzione di dinastie locali con il conseguente perpetuarsi, attraverso luso di cartoni e disegni, di certi schemi; b) lo stabilirsi in periferia di artisti di lontana provenienza che non si erano imposti n nei rispettivi paesi di origine, n nei centri artistici pi importanti; c) il rifluire in periferia di artisti gi celebri messi in crisi dai mutamenti stilistici in atto, configurano un processo di periferizzazione che relega molte regioni italiane in una condizione di subalternit culturale destinata a prolungarsi nel corso dei secoli successivi. Laffermarsi dello stato assoluto a base regionale, il soffocamento delle autonomie locali e laccentuata stratificazione gerarchica della societ hanno avuto conseguenze importanti sul piano artistico. Data lassenza di indagini quantitative su scala regionale e la grande scarsit, rispetto al periodo precedente, di indagini sugli artisti provinciali, ci rifaremo

Storia dellarte Einaudi

52

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

alleccellente volume Ricerche in Umbria96, che analizza i risultati di una vasta inchiesta sulla pittura del Seicento e Settecento in unarea dellUmbria meridionale. Cercheremo di riassumere gli elementi significativi che emergono da essa e che ci sembrano avere un valore al di l dellambito locale. a) Nel Sei e Settecento la regione ormai parte integrante dello Stato della Chiesa: di conseguenza la provincia tende ad adeguarsi alla metropoli da cui dipende, ricevendone gli impulsi attraverso le committenze di un certo numero di personaggi legati in diversi modi alla capitale. Occorre per far attenzione a non considerare larea provinciale come un ampliamento puro e semplice della situazione dominante nel centro di influenza. possibile infatti trovare accanto a presenze scontate delle testimonianze rare ed estravaganti; b) il processo di rifeudalizzazione ha importanti conseguenze allinterno della regione, per quanto riguarda sia il mutamento dei committenti, sia i tipi di richieste. La domanda di opere darte si addensa nella citt e si dirada nel contado (salvo eccezioni e casi particolari). Essa tuttavia continua dove esistono aree di piccola propriet o forme associative di propriet collettiva, mentre cessa nella zona di latifondo; c) le opere inviate in periferia dagli artisti del centro hanno un gusto pi severamente liturgico di quelle che i medesimi artisti approntano per la metropoli; d ) mentre nel Seicento c una relativa capacit della provincia di reagire allincontro con la cultura metropolitana, o sintonizzandosi o elaborando varianti, nel Settecento avviene che le pale giungono da Roma in provincia come un prodotto spe-

Storia dellarte Einaudi

53

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

cializzato e privo ormai di concorrenza, talora fino a mobiliare con pezzi perfettamente affiatati lintera batteria di altari di una chiesa o a trasformare le navate in gallerie della coeva pittura romana97. Su questa immagine di dipendenza resa incondizionata e irreversibile dalla divisione del lavoro e dei ruoli allinterno dello stato potr arrestarsi la riflessione sulla periferia come ritardo. A questo stadio non pi il problema del ritardo a configurarsi, quanto quello della dominazione simbolica su cui avremo modo di ritornare.

17. Ritardo periferico o ritardo di metodo? Ma se non tutti i ritardi sono periferici, come mostra il caso del Perugino cacciato dal centro verso la periferia, non tutte le periferie sono ritardatarie. Supporre il contrario significherebbe far propria una visione unilineare della storia della produzione artistica che da un lato crede possibile identificare una linea di progresso (comunque motivata dal punto di vista ideologico) e dallaltra taccia automaticamente di ritardo ogni soluzione diversa da quella proposta dal centro innovatore. In tal modo si finisce per cercare nellarte della periferia quegli elementi, quei canoni, quei valori che sono stati stabiliti basandosi per lappunto sui caratteri delle opere prodotte al centro. Nel caso poi che si riconosca lesistenza di canoni diversi, essi vengono esaminati esclusivamente in base al paradigma dominante, con un procedimento che porta facilmente a giudizi di decadenza, di corruzione, di caduta di qualit, di rozzezza ecc. Questo stato il caso per esempio della pittura bolognese o della pittura umbra del Trecento, ridotte per molto tempo al rango di rozze e mediocri imitazioni dellarte fiorentina o senese.

Storia dellarte Einaudi

54

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Scriveva nel 1855 Jacob Burckhardt:


Apparentemente indipendenti [da Giotto] rimasero solo gli inabili. Tra i settentrionali, i bolognesi dovettero essere nel modo pi assoluto e totalmente esclusi dallinfluenza della scuola fiorentina. Ma la loro attivit e abilit pittorica nel xiv secolo spaventosamente maldestra e insignificante. Il pi antico di essi, Vitale, un contemporaneo di Giotto, in un quadro della Pinacoteca di Bologna (Madonna in trono con due angeli del 1320) almeno dolce e aggraziato alla maniera senese, cos che ci si ricorda di Duccio. Gli altri, per met giotteschi, per la maggior parte sono cos scarsi nelle loro opere su tavola, che a Firenze di loro non sarebbe il caso di far parola. E lo stesso modo di procedere, la stessa assenza di talento rimane il contrassegno della scuola fin oltre la met del xv secolo98.

E Bernhard Berenson nel 19o8 a proposito della pittura umbra prima del Perugino: Nelli was and remains an idiot99. Lo stesso Berenson intitolava nel 1918 un saggio dedicato allorvietano Cola Petruccioli A Sienese little Master in New York and elsewhere il che, come notava R. Longhi,
dice abbastanza sia sul basso grado assegnato allartista, sia sulla sua supposta incondizionata sudditanza alla scuola senese. Era allora infatti in gran voga lossessiva esaltazione per i prodotti senesi di tutto il Trecento e la istantanea subordinazione a essi di tutto ci che in qualche modo li rassomigliasse. [...]. Una specifica cultura pittorica orvietana nella seconda met del Trecento sembrava inammissibile: che dico, impensabile. Eppure essa era esistita100.

Identificare senzaltro la periferia col ritardo significa, in definitiva, rassegnarsi a scrivere eternamente la storia dal punto di vista del vincitore di turno.

Storia dellarte Einaudi

55

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

18. Periferia come scarto. Persino Giorgio Vasari, elaboratore e sostenitore di un modello storiografico monocentrico, ammette la possibilit di una elaborazione autonoma da parte della periferia. La sfida dellemulazione pu essere in certe circostanze determinante per attingere grandi risultati. sotto il segno dellemulazione che si compie la formazione del Mantegna:
la concorrenza ancora di Marco Zoppo bolognese, e di Dario da Trevisi, e di Niccol Pizzolo padoano, discepoli del suo adottivo padre e maestro, gli fu di non piccolo aiuto e stimolo allimparare101.

Similmente laffermazione artistica di Galasso vista come una sorta di risposta municipale al successo in Ferrara di un pittore stranio come Piero della Francesca:
Quando in una citt, dove non sono eccellenti artefici, vengono forestieri a fare opere, sempre si desta lingegno a qualcuno che si sforza di poi, con lapprendere quella medesimarte, far s che nella sua citt non abbiano pi a venire gli strani per abbellirla da quivi innanzi e portarne le facult; le quali si ingegna di meritare egli con la virt e di acquistarsi quelle ricchezze che troppo gli parsono belle ne forestieri. Il che chiaramente fu manifesto in Galasso ferrarese: il quale veggendo Pietro dal Borgo a San Sepolcro rimunerato da quel duca dellopere e delle cose che lavor, e oltre a ci onoratamente trattenuto in Ferrara; fu per tale esempio incitato, dopo la perdita di quello, di darsi alla pittura talmente, che in Ferrara acquist fama di buono ed eccellente maestro102.

La presenza di una forte emulazione pu addirittura

Storia dellarte Einaudi

56

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

permettere di modificare la situazione subalterna di unarea provinciale. Avviene infatti che


... cominciando un solo molti si mettono a far concorrenza di quello; e tanto si affaticano, senza veder Roma, Fiorenza, o altri luoghi pieni di notabili pitture, per emulazione lun dellaltro, che si veggiono da loro uscir opere maravigliose. Le quali cose si veggiono essere avvenute nel Friuli particularmente, dove sono stati a tempi nostri (il che non si era veduto in que paesi per molti secoli) infiniti pittori eccellenti, mediante un cos fatto principio103.

In qualche rara occasione mediante un cos fatto principio possono dunque nascere opere meravigliose, senza veder Roma, Fiorenza. Nel seguito del discorso il Vasari finisce per per smorzare i giudizi del tutto positivi dati nel proemio e per limitare a pi riprese (rispetto a Tiziano, al Beccafumi ecc.) lopera del Pordenone. Quella specie di miracolo che aveva permesso la nascita fuori dal centro di opere maravigliose non si spinger fino a fare della periferia un luogo alternativo al centro; nel sistema vasariano non c spazio per soluzioni di questo tipo. Di fatto questo un caso che si puntualmente e a pi riprese presentato; oltre che luogo di ritardo la periferia ha potuto essere sede di elaborazioni alternative. Questa affermazione richiede un breve chiarimento terminologico: diverso e alternativo non sono sinonimi; non tutte le variazioni sono definibili come alternative, come scarti. Utilizziamo questultimo termine nella particolare accezione di spostamento laterale improvviso rispetto a una traiettoria data che si usa per esempio parlando di certi movimenti dei cavalli: lo scarto , insomma, una specie di mossa del cavallo, e luso di questo termine consente di evitare espressioni connotate negativamente quali deviazione o simili. Nellam-

Storia dellarte Einaudi

57

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

bito dei fatti artistici si pu intendere per traiettoria data la lingua artistica corrente. Formule come lingua o linguaggio artistico sono entrate talmente nelluso che la loro natura metaforica si pressoch cancellata. Di fatto lanalogia tra lingua in senso proprio e lingua artistica tuttaltro che pacifica, e per di pi zoppicante104. Se nonostante tutto ci serviremo di termini come codice e lingua, lo faremo con la consapevolezza di introdurre metafore che, pi che risolvere un problema, lo pongono. Nonostante tutto ci che stato autorevolmente scritto sulla grammatica del linguaggio artistico, non siamo attualmente in grado di distinguere in maniera rigorosa tra variazioni e scarti, tra prestiti lessicali e strutture sintattiche. Ci che conta tuttavia che una distinzione del genere, anche se diversamente formulata, era presente a un pubblico di intenditori in una data situazione storica. Questo intendeva infatti il Vasari quando, a proposito del Pontormo, scriveva:
N creda niuno che Jacopo sia da biasimare, perch egli imitasse Alberto Duro nellinvenzioni, perciocch questo non errore, e lhanno fatto e fanno continuamente molti pittori: ma perch egli tolse la maniera stietta tedesca in ogni cosa, ne panni, nellaria delle teste e lattitudini; il che doveva fuggire, e servirsi solo dellinvenzioni, avendo egli interamente con grazia e bellezza, la maniera moderna105.

Per Vasari la contrapposizione tra maniera e invenzioni netta: la maniera moderna perfettamente in grado di assimilare le invenzioni dei tedeschi. Lerrore del Pontormo, nellottica normativa del Vasari, stato di abbandonare le forme tipiche della maniera moderna, per assumere la maniera stietta tedesca. A noi le invenzioni, cio le composizioni, possono apparire elementi pi profondi e caratterizzanti di uno stile

Storia dellarte Einaudi

58

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

che non i panni, laria delle teste o delle attitudini. Ma questo, qui, poco importa. Lessenziale che il Vasari distinguesse tra elementi che potevano essere impunemente mutuati e altri che non potevano esserlo senza far saltare il quadro di riferimento. Nel caso del Pontormo si tratt dunque di un vero e proprio scarto. Non fu, come noto, un fenomeno isolato. In uno scorcio fulminante Roberto Longhi accost al manierismo del Genga, del Beccafumi, del Rosso e del Pontormo, lopera dellAspertini,
vero nodo di comunicazione spirituale fra quei moti del centro e quelli affini del nord dItalia; altrettanto importante insomma per intendere la improvvisa diserzione dal classicismo cromatico di Giorgione e di Tiziano giovane da parte di un gruppo di veneti e soprattutto friulani bresciani vicentini trentini e cremonesi nel corso del secondo decennio106.

I protagonisti di questa guerriglia anticlassica operano in situazioni eccentriche, o si servono di armi importate da una cultura periferica come quella tedesca. Tale almeno essa appariva al Vasari, che notava sarcasticamente:
... sono le cere di tutti que soldati fatti alla tedesca con arie stravaganti, chelle muovono a compassione chi le mira della semplicit di quelluomo, che cerc con tanta pacienza e fatica di sapere quello che dagli altri si fugge e si cerca di perdere, per lasciar quella maniera che di bont avanzava tutte laltre, e piaceva ad ognuno infinitamente. Or non sapeva il Puntormo che i Tedeschi e Fiaminghi vengono in queste parti per imparare la maniera italiana, che egli con tanta fatica cerc, come cattiva, dabbandonare?107.

N si trattava solo di pregiudizio italocentrico del Vasari, come mostra latteggiamento del Drer verso

Storia dellarte Einaudi

59

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

la cultura figurativa italiana, durante i suoi viaggi a Venezia. Nel caso del Pontormo la scelta in direzione periferica si accompagna, come emerge dal suo Diario oltre che dai racconti del Vasari, a una vera e propria autoesclusione materiale dal consorzio degli amici e colleghi pittori. In altre situazioni ci troviamo di fronte a casi di una periferizzazione subita e patita, oppure deliberatamente accettata. Ma il problema non si esaurisce nei casi di resistenza individuale che, di fronte a un centro che non lascia spazio alla diversit, riescono a trovare sbocco, o anche solo una possibilit di sopravvivenza, nellarea periferica. Esso va visto in termini pi vasti, fino a comprendere i casi in cui lo scarto, lalternativa, lopposizione rispetto a certi modelli siano atteggiamenti prevalenti in unintera area.

19. La resistenza al modello. Nella ricostruzione della Cattedrale di Chartres, distrutta da un incendio nel giugno 1194, un ignoto maestro utilizz soluzioni nettamente innovatrici, unificando e standardizzando i supporti, riducendo al massimo la tridimensionalit delle pareti con leliminazione dei matronei e lattenuazione di ogni accenno alla profondit, creando insomma un modello di schermo bidimensionale che apr la strada verso quellinvolucro diafano destinato ad avere eccezionali applicazioni nellle de France nel corso del Duecento. Ma un certo numero di architetti, operosi tra la Borgogna, il bacino lemanico e la valle del Rodano, non accettarono questa soluzione e ne proposero altre, o piuttosto (se trascuriamo le differenze contingenti), unaltra. Di fronte a questa situazione gli storici dellarchitettura continuarono per generazioni a parlare di ritardo; solo in tempi

Storia dellarte Einaudi

60

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

relativamente recenti ci si accorse che non di ritardo si trattava, ma piuttosto di coerente resistenza108. evidente che resistenza e ritardo sono fenomeni ben diversi, attivo luno, passivo e subordinato laltro. La soluzione degli oppositori a Chartres non era daltronde meramente legata a modelli pi antichi: si trattava piuttosto dellelaborazione, estremamente originale, di una sorta di seconda parete leggera e traforata posta dinanzi allaltra, che consentiva un recupero percettivo degli effetti della parete tridimensionale. Di fronte allinnovazione chartriana questa proposta alternativa tentava di conservare, trasformandoli, elementi che la nuova soluzione invece eliminava. Grazie alla centralit che lle de France venne ad assumere sul piano politico, economico e culturale, fu il modello di Chartres a prevalere.

20. Modello e nuovo paradigma. Ora se ritorniamo in Italia, e precisamente a Firenze agli inizi del Trecento, ci troviamo di fronte a soluzioni di resistenza, di proposte alternative, e finalmente di periferizzazione delle alternative, che possono avere qualche punto in comune con il caso della resistenza a Chartres. Le soluzioni impostate da Giotto in campo pittorico avevano avuto un valore anche pi dirompente di quelle avanzate dal maestro di Chartres. Con Giotto infatti era sorto a Firenze un nuovo paradigma che aveva bruscamente alterato la situazione, relegando di colpo ai margini della galassia artistica chi a esso non aderiva. Usiamo lespressione nuovo paradigma mutuandone laccezione dalla storiografia della scienza109 per indicare lemergere di un linguaggio non solo nuovo, ma talmente prestigioso da imporsi come normativo e tale da

Storia dellarte Einaudi

61

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

esercitare unazione inibitoria su coloro che, per una ragione o per laltra, ne sono esclusi. Una efficace descrizione dellazione che un nuovo paradigma pu avere data da Vasari quando parla delleffetto sconcertante che le opere romane della terza maniera ebbero su coloro che per la prima volta le vedevano:
... chi muta paese o luogo, pare che muti natura, virt, costumi, ed abito di persona, intanto che talora non pare quel medesimo, ma un altro, e tutto stordito e stupefatto. Il che pot intervenire al Rosso nellaria di Roma, e per le stupende cose che egli vi vide di architettura e scultura, e per le pitture e statue di Michelagnolo, che forse lo cavarono di s: le quali cose fecero anco fuggire, senza lasciar loro alcuna cosa operare in Roma, Fra Bartolomeo di San Marco e Andrea del Sarto110.

La prima conseguenza che ebbe a Firenze e in Toscana sugli inizi del Trecento limporsi del paradigma giottesco fu quella di periferizzare un buon numero di artisti e, addirittura, di antichi centri111. In un primo tempo coesistette tuttavia a Firenze, assieme a Giotto e ai giotteschi di pi stretta osservanza, un gruppo di pittori eterodossi che, pur accettando alcuni elementi basilari delle proposte di Giotto il che li salv dal rischio di una immediata periferizzazione divergevano su alcuni punti dal nuovo paradigma e, per esempio, tentavano di portare avanti le esperienze espressive che erano state di Cimabue. Questa dissidenza fu dapprima tollerata; ma presto le cose cambiarono, come mostra con evidenza la situazione fiorentina intorno al 1340-50 se la si confronta con quella attorno al 1310-1320. Verso il 1340-5o dopo la morte di Giotto la sua visione continuava a condizionare talmente i pittori fiorentini allora operanti in citt, che lortodossia giottesca non solo dominava, ma respingeva qualsiasi alternativa

Storia dellarte Einaudi

62

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

alla sua linea. Dai primi del secolo agli anni 20 la pittura fiorentina invece presenta uno spettacolo tuttaltro che unitario e accanto ai giotteschi di stretta osservanza (Maestro della santa Cecilia, Pacino di Bonaguida, Jacopo del Casentino) cerano casi di aperta dissidenza portati avanti da maestri (Maestro di Figline, Lippo di Benivieni, Buffalmacco, Maestro del Codice di san Giorgio, ecc.) che tentavano unapertura verso i modi pi apertamente gotici o un recupero delle antiche tendenze espressive e patetiche112. Si tratta di un episodio di resistenza a Giotto da parte di un gruppo di pittori che, pur ritenendo certi aspetti fondamentali della lezione giottesca, non solo non intendono rinunciare alla ricerca espressiva della fine del Duecento, ma ne sostengono lattualit. quindi chiaro che non si tratta di ritardo o di attaccamento a un modello superato, quanto di una proposta alternativa che intende mostrare quali sviluppi si possano trarre da certe premesse di cui si scorge tutta la fecondit. Per certi aspetti la situazione si potrebbe paragonare a quella degli architetti che operano nel senso della resistenza a Chartres e che proclamano lattualit di un sistema derivato dal muro spesso anglonormanno113. Quando in un centro si impone un sistema di forme e di schemi che riceve lappoggio di un potente gruppo di committenti e che pertanto finisce col determinare le domande e le attese del pubblico, i diversi debbono piegarsi o espatriare verso situazioni culturali meno determinanti. proprio quando le tendenze irregolari vengono meno a Firenze che cessano le notizie sullattivit di Buffalmacco nella citt e cominciano le menzioni di questo pittore in altri centri114. Buffalmacco, che rappresenta una linea scartante rispetto a quella di Giotto, sar dunque costretto nel corso del terzo decennio del Trecento a lasciare il centro pi prestigioso per lavorare ad Arezzo, Pisa, Bologna; analogamente una

Storia dellarte Einaudi

63

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

fronda espressionistica potr trovare accoglienza e sviluppo a Pistoia115. Va ricordato a questo punto il quadro geografico di questa vicenda, una
... Italia municipale, non regionale, che esistita per secoli, indomita, troppo vigorosa e aspra per essere selvaticamente paga di s, per potersi chiudere nel suo guscio, ma troppo anche per accettare una docile subordinazione politica o letteraria alla regione o alla nazione116.

Politica, letteraria o artistica; questultima produzione infatti una componente importante dellidentit municipale cos gelosamente custodita. La periferia che fornisce alleventuale scarto una base territoriale non mai una periferia amorfa o indifferenziata, al contrario.

21. Lalternativa di Avignone. Tra questi pittori di fronda uno, il Maestro del Codice di san Giorgio, dovette cercare un punto dappoggio ad Avignone117. Parlare di Avignone, nel Trecento sede della corte papale, come di una periferia, evidentemente un assurdo e un controsenso. Tuttavia occorrer intendersi sul significato dei termini: se la rilevanza economica, politica, religiosa subitamente assunta dalla citt provenzale indiscutibile, per un certo tempo essa rimase, dal punto di vista dellarte, di chi se la pigliava. Per la pittura si tratt di italiani, senesi o fiorentini come Simone Martini o il Maestro del Codice di san Giorgio: ma lassenza di una tradizione in qualche modo vincolante favor lo svolgersi di una pittura assai lontana dai canoni e dagli schemi abituali nei maggiori centri italiani. Leccezionale fortuna e il personalissimo linguaggio di un artista viterbese, in qualche modo eccentrico e di nascita e di cultura, come Matteo Giovannetti, pittore

Storia dellarte Einaudi

64

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

dei papi per oltre un ventennio, pu trovare cos una spiegazione. Alcune soluzioni da lui proposte non sarebbero certamente state accettate l dove fosse stata operante una forte tradizione. Ne una conferma il fatto che gli scarti di Matteo Giovannetti, i quali ebbero ottima accoglienza nella nuova capitale papale e un rilevante impatto europeo118, siano stati in seguito occultati da una tradizione storiografica sorta e sviluppatasi a Firenze, portata ad accettare e a celebrare norme e canoni diversi e pi ortodossi. Il nome stesso del pittore viterbese disparve fino alla fine dellOttocento e, anche quando fu ritrovato negli archivi vaticani, le opere del Giovannetti non mancarono di suscitare profonde diffidenze119. In effetti alla luce delle consuetudini artistiche di Firenze e di Siena le soluzioni avignonesi rappresentano delle varianti sostanziali; la simmetria, lequilibrio, la coerenza delle figurazioni, limpaginazione delle scene, le arie e i volti dei personaggi, subiscono modificazioni sensibili, addirittura distorsioni destinate a diventare per, come ormai generalmente si ammette, un punto di partenza per la pittura del gotico internazionale. Questi scarti, che fornivano alla pittura europea unapertura verso lavvenire, sono stati possibili ad Avignone per diverse ragioni, e in primo luogo per il mutare dei committenti e del pubblico. Intorno al 1340-50 la fisionomia della corte papale profondamente trasformata rispetto agli inizi del secolo. Il papa e la maggioranza dei cardinali provengono dalla Francia meridionale, il pubblico che ha accesso al palazzo quanto mai eterogeneo; gli artisti stessi operano in condizioni diverse da quelle allora consuete in Italia. Le quipes che lavorano sotto la direzione di Matteo Giovannetti comprendono toscani di varia origine (senesi, lucchesi, aretini, fiorentini), viterbesi, parmensi, piemontesi, pro-

Storia dellarte Einaudi

65

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

venzali, lionesi, inglesi, tedeschi120. La rete dei riferimenti disponibili, infine, include esempi gotici di maestri della Francia del Nord o dInghilterra, e una cultura figurativa occitanica, in grave declino dopo la guerra contro gli albigesi, ma pur sempre esistente. Tutti questi elementi fanno di Avignone in quegli anni un caso di doppia periferia artistica: nel tramonto della cultura occitanica i punti di riferimento sono la pittura dellItalia centrale e il disegno gotico del Nord.

22. Le regioni di frontiera. Non si tratta di un fenomeno isolato. In diversi momenti le regioni di frontiera italiane si sono trovate in situazioni analoghe: e la condizione di doppia periferia propria a queste marche di confine pot addirittura stimolare la nascita di aree-cerniera, luogo dincontro di culture diverse e punto di partenza di esperienze originali. Era stato questo il caso del Piemonte alpino nel primo Quattrocento, ai tempi del ducato di Amedeo VIII, quando, grazie allincrociarsi di artisti di diversa origine culturale (Italia, Borgogna, alto Reno) questarea divenne un haut lieu del gotico internazionale. Per molti centri e regioni italiane, da Roccaforte Mondov a Ripacandida in Basilicata, il linguaggio tardo-gotico rappresent un ultimo momento di integrazione, di omogeneit, di partecipazione su un piede di parit alla produzione artistica. Ci che venne dopo non ebbe, per molto tempo, unautorevolezza paragonabile: solo quella che Vasari chiama la maniera moderna, la cui accettazione o meno segn una prima linea di discriminazione tra centri e periferie, diede luogo a un nuovo paradigma che mise definitivamente fuori gioco lantico. Le prime formulazioni rinascimentali avevano invece coesistito, senza effetti paralizzanti, con

Storia dellarte Einaudi

66

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

quelle tardo-gotiche121. Ma proprio lallargamento del fossato tra centro e periferia allinterno della penisola rese possibile il costituirsi dellItalia come centro artistico rispetto a una periferia europea. Ancora una volta nel Piemonte occidentale si manifesta un altro caso di scarto che trae profitto dalla situazione di doppia periferia della regione. quello di Defendente Ferrari che rielabora, in forme che avranno una notevole eco nellarea alpina122, elementi di diversa origine, provenzali, fiamminghi, renani, lombardi, proponendo modelli significativamente distanti dai paradigmi che stavano ormai diffondendosi in tuttItalia. Questa distanza non dovuta allignoranza o allinformazione tardiva sugli avvenimenti artistici fiorentini o romani. Opere di Raffaello, come la Madonna dOrlans (ora a Chantilly) avevano circolato in Piemonte: il duca Carlo II che la possedeva ne aveva addirittura fatta eseguire nel 1507 una copia (perduta) da Martino Spanzotti; le copie superstiti, fatte da Defendente o da Giovenone, mostrano a sufficienza la diffusione del prototipo. Pi tardi, ma prima del 1564, una copia del Giudizio di Michelangelo sar dipinta sulle mura della Madonna dei Boschi di Boves123. Il cammino di apparente rigoticizzazione seguito da Defendente non dunque il prodotto di un ritardo periferico, ma piuttosto di uno scarto deliberato, nella cui scelta ha un peso indiscutibile il carattere devozionale di gran parte della sua produzione. Ma proprio su questo piano si rivela lintreccio di arcaismo e novit che cos spesso caratterizza la faticosa elaborazione delle alternative periferiche. Liscrizione che accompagna il Commiato del Cristo dalla Madre suona infatti:
Tu che conte(m)pla del viso lo perspicace et acuto potere nel deifi | co simulacro del sacrato intuito destina el vivo radio et ne la | mente sigilla quanto in ver de la dilecta matre

Storia dellarte Einaudi

67

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

pare che con summa hu | militate la inefabile sapientia clementissimamente si exhibischa et | con quale gratia la materna compassione al coresponder si monstra | con affanato cordoglio (resultante et maiore) per la memoria | del parato suplicio che nel cuore fixamente | inpresso teneva considerato bene124.

Ci che viene proposto al riguardante non dunque la reazione immediata e quasi fisiologica di fronte allimmagine sacra, ma una proiezione ben pi complessa. Lantivedente memoria di Maria, che scorge nel futuro il supplizio del figlio, viene additata come modello alla memoria del riguardante. Le istruzioni per luso, formulate in una lingua ricca di latinismi, invitano un pubblico verosimilmente clericale a leggere compiutamente le implicazioni psicologiche dellimmagine. Puntualmente la devozione neogotica di Defendente Ferrari lo porter a fiancheggiare le ricerche di taluni manieristi125. Di fatto rculer pour mieux sauter sembra essere un elemento ricorrente nellelaborazione dello scarto periferico. Convergono in questo senso da un lato, le attese del pubblico e dei committenti, dallaltro la volont di aggirare una situazione senza uscita imboccando vie lontane nel tempo e nello spazio.

23. Lesilio del Lotto. Si dnno anche casi in cui la ricerca di unalternativa si traduce fisicamente nellesilio. Prendiamo lesempio canonico di Lorenzo Lotto. Quasi tutta la sua vita trascorse fuor di Venezia, e fuor di Venezia si trova la maggior parte dei suoi dipinti: a Treviso, a Bergamo e nelle valli bergamasche, nelle citt, nei borghi e nei paesi posti lungo le coste e su per i colli delle Marche, da Ancona a Recanati, a Fermo, a Jesi, a Cingoli, a

Storia dellarte Einaudi

68

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Monte San Giusto, a Loreto, dove il pittore mor ritirato in convento. Certo, Bergamo attorno al 1515 non poteva esser considerata una periferia. Lattivit in loco di Lorenzo Lotto andr considerata semmai parte della penetrazione della cultura figurativa veneta in una citt che fino a pochi anni prima aveva visto lavorare Bramante, Filarete, Amadeo. Daltra parte a Venezia verso questepoca, come gi a Firenze negli anni 1310-20, non si era ancora imposto un unico paradigma. Su questo sfondo va vista la decorazione della Cappella Suardi a Trescore, nelle valli bergamasche (1524)126. Qui moduli iconografici arcaizzanti (il Cristovite o la sequenza narrativa in cui, come in un Sacro Monte, la vicenda si svolge in tante stazioni, palazzi, logge, prosceni) vengono sottoposti a unaudace rielaborazione naturalistica. Dalle dita di Cristo si dipartono i tralci che inquadrano martiri, confessori, profeti, padri della Chiesa. I due piani della rappresentazione, quello storico (le scene della vita e del martirio delle sante) e quello metastorico (la vigna di Cristo vanamente assaltata dagli eretici) sono sovrapposti, entrambi prospetticamente inquadrati, ma radicalmente distinti nelle proporzioni. Ancora una volta la proposta alternativa presuppone un uso spregiudicato di elementi decisamente arcaici di cui vengono viste le potenzialit innovatrici. A Venezia tutto questo non sarebbe stato, evidentemente, possibile; ma anche unopera come la pala dei Carmini che non presentava effetti cos sconcertanti appariva a Ludovico Dolce di queste cattive tinte [...] assai notabile esempio. Giudizio sprezzante che seguiva, quasi come unesemplificazione, il ragionamento messo in bocca allAretino in cui si insisteva sulle convenzioni da rispettare nelluso dei colori:

Storia dellarte Einaudi

69

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

vero che queste tinte si debbono variare, et aver parimente considerazione ai sessi, alle et et alle condizioni. Ai sessi ch altro colore generalmente conviene alle carni duna giovane et altro ancora dun giovane; allet, ch altro si richiede a un vecchio et altro pure a un giovene; et alle condizioni, ch non ricerca a un contadino quello che appartiene a un gentiluomo127.

La reazione negativa di un ambiente di committenti e di critici orientati verso Tiziano testimoniata dalla scarsit delle opere fatte a intervalli di lunghi anni per Venezia. La pi straordinaria la paletta di San Zanipolo, dipinta per un convento amico presso il quale aveva a lungo soggiornato, mentre, come scrive il Lanzi, che pur aveva apprezzato i nuovi partiti di tavola in cui il Lotto era stato de primi e de pi ingegnosi,
la sua declinazione si pu conoscere fin dal 1546, epoca scritta nel quadro di San Jacopo dellOrio128.

Questopera fu eseguita durante lultimo soggiorno del Lotto a Venezia. Aveva lasciato Treviso dove, diceva, non guadagnava da spesarmi, e cercava di sopravvivere adeguandosi al gusto e ai modelli di Tiziano, rendendoli pi spogli e devoti. Chiusa questa parentesi, e lasciata definitivamente Venezia per le Marche, Lotto ritrover a Loreto, lontano dai modelli incombenti, la libert espressiva che far apparire cos moderna lincompiuta Presentazione di Ges al Tempio129. Dopo Bergamo sono dunque le Marche a concedere al Lotto uno spazio per la sua pittura. Una regione tradizionalmente legata a Venezia, almeno nella fascia adriatica, per cui i pittori veneziani avevano lavorato fin dal Trecento, ma che nel corso del Cinquecento perde gradatamente la sua importanza politica ed economica.

Storia dellarte Einaudi

70

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Ci significa che gli esempi pi moderni del Lotto troveranno qui un luogo di libert, non di avvenire e che la sua linea non avr continuatori n propagandisti, se non in qualche episodio locale e molto limitato130.

24. Urbino e Barocci. Qualche anno dopo la morte del Lotto, Federico Barocci lasciava nel pieno del successo Roma per riparare precocemente e precipitosamente in patria, in una Urbino declinante. A farlo fuggire sarebbe stata, nella versione dei biografi, la malattia, seguita a un tentativo di avvelenamento. Non si pu escludere che dietro questo gesto ci fossero motivazioni pi complesse131: certo che la fuga fu definitiva. Per decenni il Barocci, creatore di sacre immagini ammirate da san Filippo Neri, vegliardo dispeptico ricercato da duchi e cardinali, instancabile disegnatore attento al naturale, pittore intellettuale che cercava nellaccordo musicale il modello di quello cromatico, continu ossessivamente a inserire nei suoi quadri limmagine di Urbino posta a raffigurare quella citt di Gerusalemme in veduta accompagnata dal magnificentissimo palagio del duca a suggello delle pi diverse scene evangeliche. Questa scelta a favore di una citt destinata a unormai prossima emarginazione parve al Bellori una vera e propria diserzione:
Dir di pi quello che parr incredibile a raccontarsi: n dentro, n fuori dItalia si ritrovava pittore alcuno, non essendo gran tempo che Pietro Paolo Rubens il primo riport fuori dItalia i colori, e Federico Barocci, che avrebbe potuto ristorare e dar soccorso allarte, languiva in Urbino, non le prest aiuto alcuno132.

Storia dellarte Einaudi

71

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Lesule periferico assume questa volta le vesti del salvatore mancato. In uno spirito forse non dissimile si supposto che unaffermazione di Lotto in patria avrebbe avviato larte veneziana (e forse non larte soltanto) [...] in direzione del Rembrandt e non del Tintoretto133.

25. Il Seicento e il Settecento. Nel Seicento gli scarti periferici assumono forme meno drammatiche e vistose. Con lavanzare della ristrutturazione politica ed economica la situazione tende a stabilizzarsi, ribadendo lo iato che si aperto nel secolo precedente tra centro e periferia. Ridotti grandemente il numero e lautonomia degli antichi centri municipali, si vengono a imporre codici differenziati, validi gli uni per la metropoli, gli altri per la provincia. Cos in una periferia sottomessa e rassegnata le possibilit dello scarto diminuiscono di molto134. E tuttavia le opere abruzzesi del Tanzio, quelle marchigiane del Gentileschi, il ritorno del Bassetti a Verona, di Niccol Musso a Casale Monferrato e, fra tutti memorabile, quello dello stesso Tanzio che allora scarta decisamente rispetto al Morazzone e al contesto lombardo in Valsesia, sono da leggersi in questa chiave. Un quadro come lex voto proletario di Tanzio con i contadini di Camasco stretti attorno al Divvo Rocho in Adversis Intercessori, riprende la tradizione degli stendardi processionali, fin da quello del Foppa a Orzinuovi, indicando con chiarezza come il vecchio fondo devozionale della provincia potesse divenire un riparo per i naturalisti della diaspora romana. Si tratta di una resistenza destinata a prolungarsi nel tempo. Il pi bel ritratto di gruppo del Settecento italiano, I canonici di Lu di Pier Francesco Guala, immerso nella penombra di una chiesa monferrina, larmata dei

Storia dellarte Einaudi

72

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

gueux del Ceruti cresce sui muri delle ville del Bresciano. Esiste in provincia, almeno in una certa provincia disposta agli investimenti simbolici, una committenza relativamente indipendente nelle scelte dai dettami della metropoli. La ripresa della tradizione municipale costituisce uno dei fatti centrali della cultura settecentesca. Di questo rinnovato fervore di ricerca le Lettere Pittoriche raccolte dal Bottari, quindi aumentate e ripubblicate dal Ticozzi, forniscono pi di un esempio. A Cento scrive lAlgarotti a un suo corrispondente veneziano io vi so ben io dire che avreste trovato dove puntare il vostro occhialino135. Luigi Crespi, che incoraggia la pubblicazione di descrizioni e guide locali, biasima le descrizioni dellItalia allora pi diffuse per non aver nominato Volterra, Cortona o Pescia, e lamenta lassenza di scritti sulle citt delle Romagne:
Cos fosse stato fatto delle pitture di tante citt della Romagna che i molti valenti professori che vi fiorirono, non rimarrebbero tuttora in buona parte incogniti, e le tante belle operazioni loro non sarebbero o state disperse, o tuttavia neglette con danno notabile delle rispettive citt, de professori e delle famiglie, ma sarebbero state, e tuttora sarebbero, nella dovuta stima conservate, ammirate, e da viaggiatori visitate! Ha ella, per esempio, cognizione dun certo Cristofano Lanconello? di un Gio. Batista Bertuccio? dun Palmeggiani?136.

Per il Crespi
tutto ci che in qualche maniera pu illustrare una citt, deve sempre manifestarsi, per eternare al possibile la memoria di chi ne fu il promotore o il produttore [...]. Che se ci pur vero di qualunque cosa virtuosa in generale [...] quan-

Storia dellarte Einaudi

73

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

to pi si verificher trattandosi delle tre arti nobilissime, di pittura, scultura ed architettura, merc le quali sole, pu dirsi che distinguonsi le citt che vengono esse visitate da dotti viaggiatori [...] e bench professate, per lo pi, da artefici di oscuro e talvolta vile lignaggio, pur merc di loro, stima ed onore distinto da tutto il mondo eglino riscuotono e ricevono?137.

Nello stesso senso si esprimono il Ratti e tanti altri corrispondenti. Motivo ricorrente di questi discorsi lesaltazione delle arti, che, bench professate, per lo pi, da artefici di oscuro e talvolta vile lignaggio, attraggono sulle citt lattenzione di dotti viaggiatori, principi intelligenti, eruditi e studiosi, dotti scrittori. La ricostruzione storica della gloria delle piccole patrie, siano esse Cento, Faenza, Forl o Pescia, Cortona, Volterra, avviene negli stessi anni in cui si ricercano le antiche tradizioni, preromane138 o medievali. Sembrava dunque aprirsi un nuovo spazio per la periferia: ma questo non doveva avvenire che per certe aree pi prospere. In gran parte dItalia la situazione non conceder alcun recupero139.

26. Centro e periferia, persuasione e dominazione. Non certo una novit affermare che le immagini possano essere strumenti di persuasione e di dominazione, nel rapporto, mai pacifico, tra centro e periferia. Talora, ove si tratter di mettere in valore leffige del sovrano e delle sue insegne, sar un impiego diretto: e basti ricordare come Bonifacio VIII abbia utilizzato e fatto utilizzare il proprio simulacro per sancire, da Orvieto a Bologna ad Anagni, il dominio della Chiesa e il proprio personale potere; come la statua equestre di Azzone Visconti sovrastasse sudditi e fedeli dal sommo

Storia dellarte Einaudi

74

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

dellaltar maggiore di San Giovanni in Conca; come le armi sulle porte delle citt venissero dipinte e cancellate secondo il mutare di signoria, o come gli apparati per le entrate trionfali sancissero il potere e la magnanimit del signore. Molto frequentemente luso delle immagini pu essere pi indiretto, entrando in un discorso politico pi generale: e anche qui gli esempi non mancano, dalle imprese dei longobardi dipinte nel Palazzo di Teodolinda a Monza, ai padri della Chiesa che Martino I fece dipingere sui muri di Santa Maria Antiqua dopo il Concilio laterano del 649 per combattere leresia monotelita appoggiata da Costantinopoli, fino alle scene del Risorgimento dipinte da Cesare Maccari, Amos Cassioli e compagnia nella sala Vittorio Emanuele del Palazzo Pubblico di Siena, o a episodi ancor pi prossimi a noi di cui la produzione artistica del periodo fascista ci propone gran numero di esempi. In altri casi si tratter di decifrare gli scontri politici attraverso le cicatrici delle immagini, chiarendo come un certo stile e certe formule di rappresentazione possano essere state imposte. La Ruthwell Cross o i capitelli di Santo Domingo de Silos hanno rivelato lesistenza di autentiche battaglie simboliche in cui, nel corso del Medioevo, un nuovo stile, appoggiato da unautorit politica e religiosa, veniva imposto, contro la resistenza di una cultura autoctona140. Ladozione coatta di modelli stilistici e iconografici provenienti dal centro, lelaborazione al centro di codici stilistici differenziati validi gli uni per la metropoli, gli altri per la periferia, il sacco dei beni simbolici del paese sottomesso, il flusso dei migliori talenti dalla periferia verso il centro e quello, in senso inverso, dal centro verso la periferia di prodotti ad alto potenziale simbolico, sono forme ed episodi in cui si manifestano i modi di dominazione. Nellimpossibilit di trattarne diffusamente in modo organico si proceder attraverso

Storia dellarte Einaudi

75

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

una sorta di enumerazione tipologica che permetta di esemplificare casi e problemi.

27. La dominazione simbolica. Per identificare alcuni aspetti significativi del rapporto di dominazione simbolica si potranno seguire, partitamente, le posizioni di alcuni elementi che compongono il campo artistico: le opere, gli artisti, i committenti, il pubblico. Di tutti questi il pubblico fa figura di elemento immobile nel continuo spostamento degli altri tre, ma al tempo stesso il meno studiato, e perci il pi inafferrabile; la nostra indagine sar dunque condotta di preferenza sugli altri, e, prima di tutto, sulle opere. Possiamo distinguere qui varie situazioni che vanno dal momento assolutamente negativo della distruzione, autentico grado zero nella scala, allinvio dal centro verso la periferia di opere di altissimo livello, passando attraverso fasi diverse. Non staremo a insistere su quello che abbiamo chiamato il grado zero; grosso modo le distruzioni dovute al conflitto centro-periferia possono essere di due tipi, o discendenti direttamente dalla volont di eliminare le testimonianze della cultura dellarea sottomessa, o pi indirettamente causate dal poco conto in cui vengono tenuti nelle citt suddite i prodotti della propria antica cultura. Sono esempio del primo caso le distruzioni delle antiche delizie ducali poste fuori delle mura di Ferrara dopo la devoluzione degli stati estensi alla Santa Sede: radicale cancellazione delle testimonianze architettoniche dellantico potere giustificata da uno storico ferrarese col fatto che
il dispendio inutile che avrebbe sostenuto la Camera per conservarle, e le fortificazioni delle mura naturalmente

Storia dellarte Einaudi

76

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

opposte a simili delicatezze, non permettevan loro pi lunga durata141;

dellaltro i lamenti sulla situazione del patrimonio artistico delle citt di provincia, tanto frequentemente documentati nelle Lettere Pittoriche. Discorso pi lungo merita la razzia dei beni simbolici. Da Carlo Magno che porta da Ravenna ad Aquisgrana la statua equestre del cosiddetto Teodorico, alle requisizioni estese in tutta Europa per la costituzione del Muse Napolon142 a quelle hitleriane in vista della creazione del supermuseo di Linz143, la storia di queste romanzesche e avventurose rapine largamente divulgata. Biblioteche (come la Palatina di Heidelberg sottratta dopo la battaglia della Montagna Bianca dal duca di Baviera allElettore palatino e donata quindi al papa, come segno di vittoria sui protestanti e di reverente sottomissione) raccolte darte, statue equestri, pale daltare, ritratti, sculture abbandonano i loro luoghi di origine per essere trasferiti nelle capitali di cui occorre incrementare il primato simbolico144. Il fatto si produce puntualmente nel corso del processo di periferizzazione di molte regioni italiane dopo la ristrutturazione cinquecentesca. Un caso esemplare , ancora una volta, quello di Ferrara, al momento dellestinzione della dinastia estense, e della devoluzione dello stato alla Santa Sede. Scrive il Lanzi, evocando le conseguenze artistiche di questi avvenimenti:
Il cangiamento del governo fu a tempo di Clemente VIII pontefice massimo, nel cui ingresso solenne operarono per le pubbliche feste lo Scarsellino ed il Mona, scelti come i pennelli pi abili a far molto in poco tempo. Furono di poi impiegati vari pittori, e specialmente il Bambini e il Croma, a copiar varie tavole scelte della citt, che la corte di Roma volle trasferite nella capitale; lasciandone a Ferrara le copie e aglistorici ferraresi i lamenti145.

Storia dellarte Einaudi

77

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Tra i lamenti degli storici ferraresi giover ricordare quello di Antonio Frizzi146:
Disgustoso a nostri cittadini riusc il vedere lA. 1617 spogliate le Chiese di molti de migliori quadri loro, di mano de Dossi, dellOrtolano, del Garofalo, del Carpi, del Tiziano, di Gio. Bellino, del Mantegna e daltri pi insigni pittori nazionali e forestieri, e sostituire a essi copie, stimabili per, del Bononi, dello Scarsellino, del Bambini, del Naselli e daltri. Chi e dove li trasportasse non ci vien detto, ma sappiamo che di simili preziosi nostri monumenti, e di manoscritti, e danticaglie andaron molti, in diversi tempi, ad arricchirne la capitale.

Girolamo Baruffaldi testimonia di queste spoliazioni, scrivendo la vita di Giacomo Bambini, uno degli artisti impiegati a copiare i quadri rapinati:
Nel tempo della devoluzione di questa citt al governo ecclesiastico, cio lanno 1598, era egli uno de professori che in Ferrara operassero, e perci come tale fu impiegato a ricopiare varie preziose pitture di maestri eccellenti per poterne mandare a Roma gli originali desiderati dalla corte Pontificia che qui trovavasi. Di due certamente io posso darne sicuro conto, e sono la tavola dellAscensione di Cristo in s. Maria in Vado, e laltro di s. Margherita nella chiesa della Consolazione. Questera dellOrtolano, e laltra di Benvenuto da Garofalo147.

Valga quello di Ferrara come modello di una situazione che si potrebbe suffragare con altri casi. Non molto dissimili per esempio furono le conseguenze della devoluzione alla Chiesa dei beni dei Della Rovere148. Una ricerca di questi momenti negativi della storia artistica italiana sarebbe ricca di insegnamenti sulle vicende del rapporto centro-periferia; n andrebbero dimen-

Storia dellarte Einaudi

78

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ticate in questo contesto le colossali dispersioni di opere darte di cui lItalia stata oggetto negli ultimi centocinquantanni.

28. La dinamica delle opere. Di diverso tipo e grado pu rivelarsi anche linvio di opere dal centro. Anche qui potremo distinguere vari casi. Prendiamo per esempio quello di Massa Marittima nel corso del Trecento. Le opere importate da Siena furono qui uno strumento di penetrazione della cultura senese prima del definitivo asservimento della citt, avvenuto nel 1336. I primi decenni del Trecento sono interamente dominati dalle importanti commissioni artistiche affidate ad artisti senesi: nel 1316 i signori Nove del Consiglio di Massa fanno pressioni sullOperaio dellOpera di San Cerbone perch venga portata a compimento la grande ancona per laltar maggiore della Cattedrale, ispirata al modello della Maest di Duccio e certamente eseguita nellatelier del grande artista senese. Nel 1324, come indica uniscrizione, lArca di san Cerbone, capolavoro della scultura gotica italiana, commissionata da Perucius, Operaio della Cattedrale, fu terminata dal maestro Goro di Gregorio, de Senis; qualche anno dopo, ma forse ancor prima della conquista senese, viene eseguita la Maest di Ambrogio Lorenzetti, gi in SantAgostino, ora in Palazzo Comunale. Opere tra le pi significative dellarte senese vengono dunque eseguite per la ricca citt mineraria di Massa Marittima, che appare totalmente dominata da Siena prima ancora che questa ne assuma il controllo politico e che Agnolo di Ventura ne suggelli la conquista con il nuovo apparato di fortificazioni. Diversamente da altri centri, come Volterra e San Gimignano, lopulenta Massa Marittima, pur nellampiezza delle commissioni,

Storia dellarte Einaudi

79

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

non conobbe mai una tradizione artistica autonoma e sub unegemonia culturale esterna imposta a colpi di opere di eccezionale qualit, che anticipavano il dominio politico. Se ci rifacciamo ai criteri di entrata in quel club dei centri artistici italiani che abbiamo ipotizzato, sar significativo il fatto che i vescovi di Populonia finiscano per trovare a Massa una sede stabile solo agli inizi del xii secolo, come accade a Grosseto (anchessa destinata a essere totalmente dominata dalla produzione artistica senese) dove i vescovi di Roselle si trasferiscono definitivamente solo nel 1138. Prendiamo un altro caso di invio di opere sempre rimanendo nel Trecento e sempre in area senese. Si tratta questa volta non di una citt importante e ricca come Massa, ma di quello che oggi un umile paesetto, Roccalbegna sulle falde dellAmiata. La chiesa parrocchiale conserva tre tavole di Ambrogio Lorenzetti di grande qualit e questo ha indotto a interrogarsi sulle circostanze che indussero uno dei massimi artisti del tempo a creare unopera di tale importanza per un borgo cos remoto149. La risposta sta probabilmente nel valore che i senesi attribuivano al piccolo centro minerario, posto alle frontiere meridionali dello Stato, che avevano acquistato e rifondato alla fine del Duecento150. Il caso di queste tavole va dunque visto in rapporto con la creazione di una citt nuova e con lo sforzo che si concreta in numerose agevolazioni di farvi confluire dei cittadini senesi, rispetto ai quali i prestigiosi dipinti di uno dei sommi artisti di Siena dovevano funzionare come strumenti di identificazione e di aggregazione. Tutto ci va collegato alla moltiplicazione di opere e commissioni artistiche, avvenuta nel corso del Trecento nelle citt e nei borghi della Maremma meridionale, da Grosseto a Paganico, nella zona cio di recente espansione senese. In altri casi linvio di opere rivela e ribadisce uno stato di dipendenza culturale che pu coincidere con una

Storia dellarte Einaudi

80

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

dipendenza economica o politica. Nella chiesa parrocchiale di Calvi in Corsica un grande polittico che orna laltar maggiore firmato da Giovanni Barbagelata, de Janua (un repertorio dei casi in cui il luogo dorigine segue nella firma il nome dellartista, confrontato con i luoghi di destinazione delle opere potrebbe fornire indicazioni assai utili). I documenti ci informano che il polittico fu commissionato da due cittadini di Calvi, che lo vollero eseguito a somiglianza di quello dipinto da Giovanni Mazone nel 1465 per Santa Maria di Castello di Genova151. Significativo il prestigio esercitato dallopera pi antica (un caso analogo a quello delle copie fatte sul modello del quadro del Ghirlandaio a Narni di cui si parlato) e il fatto che il prototipo sia genovese e che della commissione venga incaricato un pittore genovese. In questo momento lisola politicamente ed economicamente dominata da Genova, ma la subordinazione culturale pu durare anche quando si interrompe quella politica. Di ci testimoniano in Sardegna gli invii di opere pisane (sculture, polittici, campane)152 che continuarono anche quando lisola fu stabilmente nelle mani degli Aragonesi, ma non ancora lambita da quella circolazione mediterranea gotico - ispano - napoletana di cui conserva significativi documenti153. Questo ancora documentano le opere pisane o genovesi frequenti in Sicilia nel corso del Trecento, cos come quelle venete del Tre e Quattrocento nelle Puglie.

29. La dinamica degli artisti Parallelamente alle opere, ma talvolta, come vedremo, in senso opposto, possono muoversi gli artisti. Occorrer tuttavia distinguere le situazioni. Lestendersi del dominio veneto non sembra per esempio aver condotto a una sottomissione culturale generalizzata.

Storia dellarte Einaudi

81

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Potremo utilizzare per la pittura negli stati di terraferma della Serenissima quanto stato detto a proposito della persistenza a Verona nel Settecento di una cultura letteraria locale:
una tradizione letteraria municipale che quattro secoli di dominazione veneziana non riescono a ridurre conforme n tanto meno succube a quella della capitale Venezia [...]. Ho detto che quattro secoli di dominazione veneziana non riescono a piegare Verona, ma sia ben chiaro che non ci fu mai, da parte di Venezia, il proposito di piegare...154.

Questo non significa che dal Cadore, dalle rive del Brenta o dellAdige non affluissero artisti a Venezia, ma piuttosto che non vennero distrutte, al contrario, le condizioni di unattivit locale. In altri casi invece rimarranno in loco pittori di modesta levatura, che potranno trovare lavoro nelle commissioni di un pubblico non elevato. Un pittore corso come Maestro Antonio di Simone di Calvi firmer nel 1505 un polittico per la chiesa di Cassano (presso Calvi)155, mentre come abbiamo visto per la parrocchiale di Calvi il polittico dellaltar maggiore era richiesto a Genova. Talvolta, mentre maestri locali attendono a certe produzioni tipiche quale per esempio la pittura di soffitti le opere su tavola giungono da lontano. un caso che si presenta a Palermo nel Trecento quando Mastru Simuni pinturi di Curigluni, Mastru Chicu pinturi di Naro o Mastru Darenu palermitano dipingono il soffitto dello Steri, mentre Bartolomeo da Camogli o Niccol da Voltri da Genova, Jacopo di Nicola, Turino Vanni e tanti altri da Pisa inviano tavole e polittici per chiese e oratori156. Situazione tipica degli artisti delle aree periferiche sar quella di essere attirati dal centro politicamente egemone. questo il caso di Niccol di Lombarduccio di

Storia dellarte Einaudi

82

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Vico, uno dei maggiori artisti attivi in Liguria nel Quattrocento, che era originario della Corsica e per questo appunto conosciuto come Niccol Corso; o ancora del geniale maestro Tuccio dAndria de Apulia che dipinge nel 1487 un trittico per la Cattedrale di Savona con lo sposalizio di santa Caterina (i rapporti con il Mediterraneo occidentale furono probabilmente facilitati dallorigine provenzale dei signori di Andria, i Del Balzo); di altri artisti pugliesi come Reginaldo Piramo di Monopoli che illustra manoscritti a Napoli e a Venezia157; di tanti calabresi, come il miniatore Cola Rapicano, larchitetto Francesco Mormando, il pittore Marco Cardisco, pi tardi, fra Sei e Settecento, di Mattia Preti o di Francesco Cozza158; di siciliani come il messinese Agostino, detto Sarrino a Genova nel 1400, o Pavanino da Palermo nella seconda met del secolo nel Salernitano159. Questo per non parlare dei due pi celebri emigranti siciliani, Antonello da Messina e Francesco Juvarra. In questi due ultimi casi Venezia alla fine del Quattrocento e Torino agli inizi del Settecento forniscono delle basi da cui i modelli proposti potranno avere una diffusione italiana o addirittura europea. Altre circostanze possono spingere gli artisti a prendere la fuga in direzione opposta a quella del centro politico: quanto accade, per esempio, a Pisa dopo la conquista fiorentina. Diversamente da quanto era avvenuto nei centri di terraferma occupati da Venezia, una gran parte dei pittori pisani lascia la citt e ripara a Genova. Il loro numero tanto rilevante che unassemblea dellarte dei pittori genovesi nel 1415 dove su venti partecipanti tre sono genovesi e ben nove pisani decide di modificare lo statuto della corporazione per favorire i maestri forestieri che vengono a lavorare nella citt160. Un altro esempio da prendere in considerazione in questa tipologia sommaria, sar quello degli artisti che dal centro si spostano verso aree che pi che periferiche

Storia dellarte Einaudi

83

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

potrebbero chiamarsi subordinate. Lasciando da parte il caso dei senesi che non solo mandano opere ma anche vanno a lavorare nel corso del Trecento a Massa, a San Gimignano, a Paganico ecc., degli esempi su vasta scala vengono dallattivit dei veneziani nelle citt di terraferma tra Quattro e Cinquecento e dallautentico rush dei pittori lombardi in Liguria dopo che Genova si era posta sotto la protezione viscontea nel 1421. Si tratter in questultimo caso di assicurarsi le migliori commissioni e posizioni in un centro che economicamente un gigante, ma culturalmente (e politicamente in questo momento) un nano. Del resto il caso di Genova nel Tre e nel Quattrocento anomalo rispetto alla fisionomia di centri artistici quali Firenze, Siena o Venezia: con le massicce e ripetute penetrazioni di artisti stranieri, pisani, piemontesi, lombardi, configura un caso di centro-relais dove si raccolgono e da cui vengono trasmesse e amplificate esperienze diverse.

3o. La dinamica dei committenti. Restano i committenti. Anche qui nella casistica si propone, come nel caso delle opere, un grado zero, quello del totale esautoramento di un gruppo di committenti. Cos avverr a Casale Monferrato, quando Guglielmo Gonzaga succede allantica dinastia dei Paleologi e segna con la sua politica la liquidazione di certi gruppi sociali cittadini e di una tradizione pittorica che a essi si appoggiava, tradizione che riprender poi, ma in direzione affatto diversa161. Casi simili potranno presentarsi a Urbino162 e in altri centri italiani. Un diverso caso sar quello dei committenti, provenienti da un centro importante, che lasciano tracce del loro passaggio in periferia. Sono vescovi, luogotenenti, governatori, abati commendatarii che si compiacciono di

Storia dellarte Einaudi

84

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

commissionare per la loro temporanea sede opere che rivelino la loro origine, i loro viaggi, la loro elevata posizione sociale e culturale. I frutti di questo zelo mecenatesco cadranno un po come meteore, fuor dogni contesto e dogni svolgimento o attesa locali. Sar questo il caso del ferrarese Philos Roverella che torna dal Concilio di Trento nel 1545 alla sua diocesi di Ascoli Piceno portandosi dietro uno degli artisti pi in vista della corte del principe-vescovo di Trento: il friulano Marcello Fogolino, cui chiede di decorare con scene bibliche il proprio palazzo vescovile163. Non diverso per la sua extracontestualit sar il caso di chi, nativo di unarea periferica, assurga a grandi onori in una capitale, come avviene a tanti prelati, medici, burocrati, giuristi nel corso del Sei e del Settecento. Pu accadere che costui si preoccupi di inviare al paese natio una o pi opere che testimonino del suo amor patrio, del suo gusto avvertito, della sua riuscita sociale. Avviene cos che risiedendo a Cento come governatore intorno al 1636-37 uno spoletino, alto funzionario papale, frequenti assiduamente lo studio del Guercino, ne acquisti le opere, ne faccia anche dono a una confraternita della sua patria164. Vi sono ancora altre situazioni: quella per esempio di committenti periferici che attraverso le loro scelte testimoniano di una subordinazione culturale nei confronti del centro. Un esempio tipico in questo senso, ed estremamente sintomatico per strutture di tipo feudale come quella della Calabria, quello della committenza dei Sangineto, signori di Altomonte165. Filippo di Sangineto trovandosi nel 1326 a traversare la Toscana al seguito di Carlo di Calabria, ordina il San Ladislao di Simone Martini e un polittico di Bernardo Daddi. Pi tardi un membro della stessa famiglia, situandosi questa volta a rimorchio delle scelte di Ladislao di Durazzo, ordiner a Napoli un polittico con storie della Passione allano-

Storia dellarte Einaudi

85

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

nimo maestro detto di Antonio e Onofrio Penna. Nei due casi le scelte dei Sangineto seguono quelle degli Angioini di Napoli, nei due casi le opere commissionate vengono a raccogliersi nella chiesa di Altomonte, sede del potere feudale dove si ha una grande concentrazione di simboli culturali rispetto al deserto del territorio circostante. La disparit nella distribuzione dei beni e la loro eterogeneit denunciano una situazione non solo periferica ma addirittura coloniale, che si ripeter a Teggiano, il feudo dei Sanseverino che ai confini della Campania domina il Vallo di Diano, o a Galatina nel Salento dove Raimondello Orsini del Balzo e sua moglie Maria dEnghien fondano e fanno decorare dalle pi diverse quipes di pittori la chiesa-santuario di Santa Caterina166. Questa subordinazione culturale verso il centro si pu manifestare anche in committenti che appartengono ad altri gruppi sociali. Assai significativo quanto avviene in una ristretta zona della montagna di Norcia dove si incontra una singolare concentrazione di quadri fiorentini tardo-gotici o rinascimentali, da Giovanni del Biondo a Neri di Bicci, a Piero di Cosimo, a Filippino Lippi. Tali presenze fitte e singolari, che finiscono per comporsi in un contesto abbastanza omogeneo, si spiegano con il rapporto, prolungato nel tempo, tra un gruppo di paesi di questa zona appenninica e Firenze, dove i montanari umbri erano tradizionalmente impiegati come facchini alla dogana167. I rapporti economici tra i paesi di emigrazione periferici, e il luogo di lavoro centrale, hanno dato luogo a una forma di sudditanza culturale. Un ultimo esempio verr dalla Puglia, dove i centri della costa adriatica sono segnati dalla concentrazione di opere venete che vanno dal Tre al Cinquecento (sostituite poi dalla penetrazione di opere napoletane), che accompagnano la presenza militare, politica, commer-

Storia dellarte Einaudi

86

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

ciale di Venezia168. Ad acquistare opere venete sono spesso ordini religiosi: il polittico di Jacobello di Bonomo del Museo di Lecce proviene dalla chiesa delle monache benedettine di San Giovanni Evangelista di Lecce; il San Pietro martire di Giovanni Bellini della Pinacoteca di Bari, dalla chiesa domenicana di Monopoli; Savoldo e Pordenone dipingono quadri per la chiesa francescana di Terlizzi. Ma il prestigio di Venezia grande in tutti i gruppi sociali: e mentre Muzio Sforza, un letterato di Monopoli, dedica un poema al Tintoretto, Lorenzo Lotto riceve, il 16 giugno 1542, Alouise Catalano mercante di Barletta, inviatogli da li homine di Juvenazo a ordinare un trittico per la loro chiesa di San Felice169.

31. La Chiesa dopo Trento. La ristrutturazione centralizzatrice e burocratica degli Stati territoriali e la riorganizzazione della Chiesa dopo il Concilio tridentino implicano, nel corso del Cinquecento, nuove forme di dominazione del centro sulla periferia che si manifestano in un accresciuto processo di tipologizzazione e di codificazione delle immagini170 e delle architetture: processo che sollecitato, ma nello stesso tempo rivelato dal crescere della letteratura trattatistica. In un periodo pi prossimo a noi, nella Germania guglielmina, un preciso regolamento imponeva che nei centri di meno di cinquantamila abitanti gli uffici postali fossero in stile Rinascimento tedesco, mentre le grandi citt di pi di centomila abitanti dovevano avere uffici postali romanici171. Ora, se la minuta casistica dei trattati della Controriforma non prevedeva un ricorso differenziato agli stili storici, essa tendeva per a costruire una tipologia gerarchica distinguendo e prescrivendo soluzioni e registri particolari a seconda che la

Storia dellarte Einaudi

87

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

chiesa fosse cattedrale, collegiata, parrocchiale, succursale o monastica, e loratorio fosse o no destinato alla celebrazione della messa. Daltra parte la costituzione di luoghi deputati di formazione come le accademie, il cui sistema si impone nel Settecento, ha un suo rilevante peso specifico nellassicurare un preciso controllo culturale. Tuttavia la codificazione della tipologia e la centralizzazione dellinsegnamento avranno anche effetti opposti a quelli di una meccanica estensione di una sorta di conformismo periferico, facilitando la circolazione di esperienze internazionali e la conoscenza di un pi vasto repertorio. Ne offre un esempio lopera di Bernardo Vittone, una delle pi grandi e geniali figure del Settecento europeo, che, pur lavorando quasi esclusivamente nella provincia piemontese, intento essenzialmente alla costruzione di pievi di paesi e di oratori campestri, propone soluzioni innovatrici che dialogano con le pi avanzate esperienze europee. Attraverso i mutamenti che si verificano nella formazione degli artisti e nella circolazione delle informazioni, il Settecento assiste a profonde modificazioni delle strutture culturali, del loro funzionamento e addirittura del loro quadro di riferimento geografico. Linserirsi della provincia piemontese nella problematica architettonica dellarea alpina europea ne un segno tangibile: ma questa favorevole situazione non generalizzabile. Il 14 settembre 1755 un architetto periferico, certo Lorenzo Daretti, scrive da Ancona al Vanvitelli per chiedergli lautorizzazione a continuare la costruzione della chiesa degli Agostiniani, e cos umilmente si presenta:
Dopo il ritorno in questa citt dAncona mia patria di studi debolmente fatti sulla architettura, avendo occasione di fare debolmente diverse picole fabriche, le quali anno incontrato qualche sorte di compatimento...

Storia dellarte Einaudi

88

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Risponde superbamente da Napoli larchitetto del centro:


Incognito si rende a me il Suo nome, come ella stessa dice, e molto pi incognita mi si rende la sua capacit nellArchitettura, mentre quando io venni in Ancona, niuno ve ne ritrovai, anzi n pure nella Provincia. In questa citt per ritrovai un gran numero di desiderosi di apprendere questa facolt al mio studio; ma poi riconoscendone le difficolt con pi sano consiglio stimarono meglio seguitare il comodo, lozio e li divertimenti compresi, che darmi lincomodo di soffrirli in casa mia a studiare; n dallora a questa parte ho avuto giammai notizia, che niuno siasi approfittato in questa difficilissima scienza, che tutte le altre scienze raccoglie172.

32. I conti con lEuropa. Se nel Settecento larte e la cultura italiane avevano conosciuto una larga circolazione europea, una volta morti Piranesi e Canova nessun artista italiano vide pi, per molto tempo, la sua opera assurgere in Europa al rango di modello. Il momento successivo fu quello di una lunga eclissi, che del resto gi da tempo si annunciava. Con la met del Seicento si era chiusa unet plurisecolare. Per una simbolica coincidenza lo stesso anno (1665) in cui Poussin muore a Roma vede a Parigi il fallimento del progetto di Bernini per il Louvre. La crisi profondissima della societ italiana, e pi ancora la debolezza della corte romana nel quadro complessivo delle potenze europee impediscono ormai che un paradigma artistico complessivo si imponga a partire dalla penisola come era avvenuto in un passato non troppo lontano, quando tale era il prestigio artistico ed extrartistico di Roma, capitale della cristianit (e sia pure di una cristianit cattolica di nome ma non di fatto) da assi-

Storia dellarte Einaudi

89

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

curare il successo mondiale dei due paradigmi che qui si erano, in conflitto, sviluppati. Fu questo il caso prima, di Raffaello e di Michelangelo, pi tardi dei Carracci e di Caravaggio: il paradigma apparentemente vittorioso e la sua alternativa. Ci non si ripete pi: potranno emergere tuttal pi codici settoriali come quello dei Vedutisti, legato alla posizione privilegiata che lItalia aveva nel grand tour. Una riprova del perdurare di questa situazione data dalle vicende del paradigma neoclassico. Se le sue radici erano italiane, solo in parte i suoi protagonisti possono dirsi tali. Si ebbe anzi la paradossale situazione di artisti stranieri operanti a Roma abbastanza isolati dalla vita artistica locale del presente, e intenti piuttosto a cercare nei monumenti del passato le chiavi di un nuovo avvenire. Qui langlosvizzero Fssli elabora le premesse del suo stile visionario, qui studiano e lavorano inglesi come Barry o Runciman, svedesi come Sergel, danesi come Abildgaard e poi Thorvaldsen, americani come Benjamin West, svizzeri come Abraham-Louis Ducros, francesi come JacquesLouis David. a Roma che viene dipinto e per la prima volta esposto al pubblico (1784) il manifesto della nuova pittura, il Giuramento degli Orazi di David: ma qui, malgrado la curiosit suscitata, lopera non ha che scarse risonanze. Roma non pi, in questo momento, il centro propulsore che era stata nel passato, n la si pu definire un centro relais: piuttosto, una sorta di centro fantasmatico dove si concentrano i desideri, le attese e i progetti di tanti artisti stranieri. Appena un mese prima della presa della Bastiglia, David non si rassegna a una Parigi che gli appare periferica, e, incoraggiandolo a rimanere in Italia, confessa allallievo Wicar:
In questo povero paese sono come un cane buttato in acqua contro la propria volont, che annaspa per arrivare alla sponda e non annegare173.

Storia dellarte Einaudi

90

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

Se per gli stranieri lItalia un passato in cui si scorge il futuro, il rapporto con lantichit degli artisti italiani di questo periodo ben lungi dallessere drammatico e dirompente. Dopo la morte di Piranesi, che nella ricognizione delle rovine romane e nelle Carceri aveva creato prototipi di interpretazione sublime e visionaria della colossale grandezza dellantichit, nessun italiano aveva saputo seguirne la strada. In un certo senso il paradigma neoclassico finir per guadagnare lItalia solo di rimbalzo, attraverso legemonia politica e militare prima ancora che artistica della Francia napoleonica. Negli anni della Restaurazione permangono ancora i differenti centri regionali, rinforzati dalla presenza delle accademie che avevano dato struttura istituzionale alle diverse scuole regionali, ma la loro tenuta assai differenziata. Parma o Modena, Lucca o Mantova sono ormai definitivamente al rimorchio dei centri maggiori, Venezia attraversa una crisi assai profonda che si prolungher per decenni, mentre Milano accanto a quello politico di capitale del Lombardo Veneto rafforza il suo ruolo culturale. a Milano, appunto, che viene a stabilirsi il veneziano Francesco Hayez, Nestore imperturbabile che dominer il paesaggio artistico lombardo fin dopo l8o, ricevendo le commissioni dei patrioti lombardi, i certificati di buona condotta dellimperatore dAustria e le onorificenze del regno dItalia. Torino mantiene i suoi legami privilegiati con la Francia, ma in un clima mortificato e bigotto dove un Gioacchino Serangeli, dopo esser stato allievo di David e aver ricevuto dalla Convenzione lincarico di incidere la grande icona rivoluzionaria del Marat assassinato, finisce per dipingere una Vergine che appare a san Bernardo per labbazia di Hautecombe, ricostruita da Carlo Felice come monumento dinastico sabaudo. Grazie alla presenza di importanti colonie artistiche straniere, Roma, Firenze o Napoli perpetuano rapporti ancora intensi con le cultu-

Storia dellarte Einaudi

91

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

re transalpine, ma (analogamente a quanto avviene nella lingua letteraria, come mostra il caso di Carducci) si incontrano serie difficolt a piegare i linguaggi artistici, dove particolarmente forte la permanenza di strutture del passato, ai nuovi concetti e ai nuovi contenuti. Si assiste nei centri italiani a una sorta di esaurimento dei codici, a unincapacit di rinnovarli. In questa situazione di ritardo, di onnipresenti ipoteche del passato, si apre con lunificazione politica il problema dellunificazione linguistica dellarte italiana. Il processo si avvertir innanzitutto a livello tematico con il moltiplicarsi e il diffondersi di una comune iconografia patriottica che celebra la recente storia italiana, dalle imprese garibaldine alle guerre di indipendenza alle imprese coloniali, in cui si trovano impegnati artisti di diverse origini culturali e geografiche: lombardi, veneti, toscani, meridionali. Unaltra tematica unitaria, non celebrativa ma critica, fu quella dellinchiesta sociale: anche qui artisti di diversa origine si danno a illustrare le realt nascoste e oscure del paese, cercando di giungere a una sorta di inchiesta antropologica che presenti gli aspetti peculiari, anche i pi oscuri, delle singole culture e regioni. Ma in entrambi i filoni il comune impegno tematico accompagnato dalla ricerca di una unificazione anche linguistica, solo parzialmente soddisfatta dalla diffusa esigenza realistica. Si riaffermano i particolarismi locali: da un lato i centri tradizionali, come Venezia riemersa dopo una crisi di decenni, Milano, Torino, Firenze, Roma, Napoli; dallaltro, le regioni dimenticate, come lAbruzzo di Michetti, che si presentano per la prima volta alla ribalta. Si precisano i rapporti con lEuropa: e si tratta, quasi esclusivamente, di rapporti con gli artisti, i critici e i mercanti che gravitano attorno ai Salons ufficiali, non con i gruppi pi avanzati e di punta. In un periodo di urti di classe, di tensioni ideologiche, di lotte di para-

Storia dellarte Einaudi

92

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

digmi quale fu lOttocento questa scelta particolarmente grave. Quando lemergere delle avanguardie segner in Francia la crisi dellarte dei Salons, molti artisti, e addirittura molti centri artistici italiani, si troveranno completamente emarginati. Un caso esemplare quello della scuola napoletana che, fiancheggiata e incoraggiata a livello internazionale dai vari Goupil, Fortuny, Meissonier, finisce per sparire dal panorama artistico europeo. Le tappe di questa vicenda sono note: dai limpidi paesaggi della scuola di Posillipo allapertura dei Palizzi verso la Francia, dallambiguo realismo simbolico di Domenico Morelli alla breve parentesi della scuola di Resina, per finire con il tocco impastato e i lustrini del Mancini, artista dal grande successo europeo, occhio acutissimo, ma ineducabile. Non difficile ravvisare le cause degli incidenti di percorso e degli esiti finali di questo progressivo slittamento: un aggiornamento su esperienze francesi mal selezionate e male intese, una perenne tendenza al compromesso tra realt e idealizzazione, verit e simbolo, una arrendevolezza alle attese sia di un pubblico europeo di grosse disponibilit finanziarie e di gusto facile, sia di mercanti internazionali alla ricerca di virtuosismi tecnici e di sfoggi di mestiere. Il tutto nella cornice del crescente decadere economico della citt. Gli equivoci di cui intessuta questa vicenda sono riassunti nella biografia di Vincenzo Gemito, in potenza uno dei grandi scultori europei del suo tempo. Con straordinaria efficacia e immediatezza questi da un lato rappresenta una galleria di pescatori, di scugnizzi, di malatielli, ricercando nel bronzo con virtuosismo gli effetti dei capolavori ellenistici; dallaltro fa il ritratto di Fortuny, ammira incondizionatamente Meissonier e ottiene un gran successo ai Salons. La lunga crisi psicologica che lo tiene segregato per oltre ventanni pu essere vista come lo sbocco del divario tra attese e rea-

Storia dellarte Einaudi

93

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

lizzazioni, tra doti tecniche eccezionali e mancanza di orizzonti stilistici adeguati. Per evitare di cadere nel bozzettismo Gemito cerca un correttivo nella grande tradizione: ma il suo tentativo disperato di rivaleggiare con i bronzi ellenistici del Museo di Napoli ha un marchio inconfondibile di autosegregazione provinciale. A un eccezionale livello Gemito esemplifica lallontanarsi della cultura artistica napoletana dallEuropa moderna. Roma e Milano divengono in breve i due centri egemoni: Roma la sede delle principali istituzioni culturali del regno, a Milano nasce il primo mercato darte italiano che fiancheggia, o addirittura promuove, lesperienza divisionista. Segantini e Pellizza da Volpedo sono, verso la fine del secolo, pittori di piglio, livello e problematica non provinciali, e quanto avvenne tra Milano e Roma in questi anni di aspirazioni libertarie e socialiste, di speranze vaste come quelle che premono nel lento, imponente avanzare del Quarto Stato, il grande quadro che chiude la pittura italiana dellOttocento, ha segno e qualifica europei, pi forse di ci che seguir quando a Milano, attorno al programma di Marinetti, il movimento futurista si proporr di ricondurre larte italiana nellambito delle esperienze pi moderne dellEuropa, anzi di porla addirittura alla testa di queste. In un certo senso il futurismo, figlio, al pari del fascismo, di una industrializzazione ritardata174, pu essere visto come un caso esemplare di scarto periferico e ci pu contribuire a spiegare il successo che ha riscosso in Europa, specie laddove certe proposte e certi atteggiamenti non erano pi possibili. La sua modernolatria ottimista e provocatoria era difatti immaginabile solo in un paese in cui la rivoluzione industriale fosse appena agli inizi175; la sintesi dinamica e dissonante di esperienze europee recenti, magari contraddittorie (dal pointillisme, allespressionismo, al cubismo), impensabile ove queste esperienze avessero conosciuto un organi-

Storia dellarte Einaudi

94

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

co svolgimento. Si aggiunga a questo che i futuristi, mentre proponevano una politica e unazione di gruppo, privilegiavano laspetto eroico e demiurgico delloperare artistico, rigettando nellombra la moderna problematica delle arti applicate che pure era stata gi da alcuni in Italia correttamente intesa. Lesaurimento della prima ondata futurista, lo spostarsi a Roma del centro del movimento, la breve stagione della pittura metafisica alterano ancora la geografia dei centri artistici italiani. Il tentativo futurista di creare un asse Milano-Roma fallisce. I decenni successivi, fino alla caduta del fascismo, vedono il risorgere di tendenze municipali, pi o meno legate alle esperienze europee: dai Sei torinesi al gruppo milanese di Corrente, dalla scuola romana di via Cavour alle esperienze solitarie di Rosai a Firenze, di Morandi a Bologna. Il policentrismo italiano si rivelava, ancora una volta, pi forte di ogni tentativo accentratore. Policentrismo o poliperiferia? Si potrebbe applicare a questo dilemma un celebre passo di Lewis Carroll:
Se mi parli di collina, la interruppe la Regina, potrei mostrarti colline in confronto alle quali questa potresti chiamarla vallata. No, non potrei, esclam Alice [...]. Una collina non pu essere una vallata. Sarebbe un controsenso176.

Di fatto il problema della cultura italiana, non solo figurativa, continua a essere in questo periodo quello del rapporto con lEuropa. Questa Europa ha una capitale, Parigi: ma si tratta di una capitale in larga misura fantasmatica, isolata da una storiografia non meno settaria di quella vasariana. Ma fare i conti con lEuropa significa, per lItalia, fare i conti col proprio passato. Con una tradizione cos prestigiosa irrimediabilmente alle spalle, impossibile

Storia dellarte Einaudi

95

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ

non sentirsi periferici. Luscire dalla periferia presuppone quindi il fare i conti con la tradizione, col museo. E qui emergono le due proposte pi radicali, quella dei futuristi e quella di De Chirico: bruciare il museo o allontanarlo in una luce ironica e sublime.

Cfr. y. lacoste, Gographie du sous-dveloppement, e particolarmente lAvertissement critique et autocritique de la troisime dition, Paris 1976. 2 Il recente e positivo moltiplicarsi delle indagini sul territorio, testimoniato dalle campagne per il rilevamento dei beni artistici e culturali dellAppennino emiliano promosse dalla Soprintendenza di Bologna, dal rilevamento dellAppennino pistoiese da parte della Soprintendenza di Firenze, dalle ricerche sulla pittura del Sei e Settecento in Umbria a cura di una quipe della facolt di Magistero di Roma, e da numerose mostre quali Arte in Calabria (Cosenza 1976), Arte a Gaeta (Gaeta 1976), Opere darte a Vercelli e nella sua provincia (Vercelli 1976), Valle di Susa. Arte e storia dallxi al xviii secolo (Torino 1977), potr permettere in avvenire indagini pi precise sui rapporti tra centro e periferia. mancata tuttavia in Italia per molto tempo una riflessione e una discussione sui metodi, i limiti e le possibilit della geografia artistica, quale si svolge in Germania da oltre un cinquantennio. Su ci si veda: k. gerstenberg, Ideen zu einer Kunstgeographie Europas, Leipzig 1922; d. frey, Die Entwicklung nationaler Stile in der mittelalterlichen Kunst des Abendlandes, in Deutsche Vierteljahrsschrift fr Literaturwissenschaft und Geistesgeschichte, xvi, 1938, pp. 1-74; p. frankl, Das System der Kunstwissensehaft, Brnn-Leipzig 1938, pp. 893-939; h. lehmann, Zur Problematik der Abgrenzung von Kunstlandschaften dargestellt am Beispiel der Po Ebene, in Erdkunde, xv, 1961, pp. 249-64; r. hausherr, Ueberlegungen zum Stand der Kunstgeographie, in Rheinische Vierteljahrsbltter, xxx, 1965, pp. 351-72; d. frey, Geschichte und Probleme der Kultur und Kunstgeographie, in Archaeologia Geographica, iv, 1965, pp. 90-105; gli interventi di r. hausherr, g. von der osten, p. pieper e altri, in Der Mittelrhein als Kunstlandschaft, in Kunst in Hessen und am Mittelrhein, 1969, Beiheft 9, pp. 38 sgg.; r. hausherr, Kunstgeographie Aufgaben, Grenzen, Mglichkeiten, in Rheinische Vierteljahrsbltter, xxxiv, 1970, pp. 158-71 e il catalogo dellesposizione Kunst um 1400 am Mittelrbein, Frankfurt 1975, in cui i problemi della geografia artistica sono visti in rapporto alle situazioni sociali e politiche, anzich stemperati in una mitica e unitaria Kunstlandschaft.
1

Storia dellarte Einaudi

96

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ k. clark, Provincialism, The English Association Presidential Address, London 1962, p. 3. 4 Grande la fortuna della coppia centro/periferia nelle scienze sociali, analizzata sia da chi, come e. shils (Center and Periphery. Essays in Macrosociology, Chicago 1975) ha dato la preferenza a una sorta di topografia del consenso, sia da chi (e se ne veda una rassegna in n. mckenzie, Centre and Periphery: The Marriage of Two Minds, in Acta Sociologica, xx, 1, 1977, pp. 55 sgg.) ha invece messo laccento sulla conflittualit. d. chirot, in uno studio recente su una societ periferica, la Valacchia (Social Change in a Peripherical Society. The Creation of a Balkan Economy, New York 1976) ha daltra parte rimesso in discussione lapplicabilit del modello basato sulla sequenza di fasi economiche comunemente ammessa per le societ periferiche. In questo senso il problema potrebbe essere posto anche per la storia dellarte. 5 l. lanzi, Storia pittorica della Italia dal risorgimento delle belle arti fin presso al fine del xviii secolo, a cura di M. Capucci, 3 voll., Firenze 1968-74, I, 5-7 (tranne in caso di indicazione diversa, le citazioni dal Lanzi saranno dora in poi riferite senzaltro a questa edizione, indicata come segue: lanzi, pi il numero del volume e quello della pagina). 6 id., La storia pittorica della Italia inferiore o sia delle scuole fiorentina senese romana napolitana compendiata e ridotta a metodo..., Firenze 1792, pp. 9 e 37. 7 Su questa edizione, apparsa a Bassano, si basa ledizione critica cit. di M. Capucci. 8 Cfr. g. p. bellori, Le vite de pittori, scultori e architetti moderni, a cura di E. Borea, Torino 1976, p. 330. 9 Cfr. g. mancini, Considerazioni sulla pittura, a cura di A. Marucchi, Roma 1956, I, pp. 108 e seguenti. 10 Cfr. g. g. bottari e s. ticozzi, Raccolta di Lettere sulla Scultura, Pittura ed Architettura, VI, Milano 1822, p. 65; b. cellini, La Vita, a cura di G. Davico Bonino, Torino 1973, pp. 469-70. 11 lanzi, I, 20. 12 Cfr. u. segr, Luigi Lanzi e le sue opere, Assisi 1904, p. 179; lanzi, III, 469. 13 lanzi, I, 455. 14 Ibid., 259. 15 Ibid., 26o. 16 Ibid. 17 Ibid., 261. 18 Ibid., III, 235. 19 Ibid., II, 185-86. 20 Ibid., I, 43. 21 Ibid., II, 185.
3

Storia dellarte Einaudi

97

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ Ibid., 94. Ibid., 105-6. 24 Ibid., I, 403. E si vedano anche le osservazioni su Piacenza, in cui si dichiara che la mancanza di scuole locali positiva per una citt secondaria (II, 254). 25 Ibid., 4. 26 Ibid., 431-32. 27 Ibid., 7. 28 Questa edizione manca nella bibliografia ragionata a cura di M. Massi posta in appendice a a. ferguson, Saggio sulla storia della societ civile, a cura di P. Salvucci, Firenze 1973, che registra (p. 337) traduzioni francesi, tedesche e svedesi dellEssay, ma nessuna italiana. 29 lanzi, I, 283-84. 30 Cfr. ferguson, Saggio sopra la storia cit., II, pp. 222 sgg. 31 Cfr. lanzi, La storia pittorica della Italia inferiore cit., p. 179. 32 id., I, 245. 33 j. winckelmann, Storia delle arti del disegno presso gli antichi, Roma 1783, II, p. 164 n. 34 ferguson, Saggio sopra la Storia cit., II, pp. 74-75. 35 lanzi, I, 15. Sul concetto di societ civile vedi la voce di m. riedel, Gesellschaft, brgerliche, in Geschichtliche Grundbegriffe, a cura di O. Brunner, W. Conze e R. Koselleck, II, Stuttgart 1975, pp. 719-800. 36 lanzi, II, 224. 37 lanzi, I, 14o e n. 2. Vedi anche s. settis, Qui multas facies pingit cito (Iuven. IX, 146), in Atene e Roma, n. s., XV, 1970, pp. 117-21. 38 lanzi, II, 47-48. 39 Ibid., 70, 107, 89-90, 121-22, 168 e 200. 40 Cfr. c. dionisotti, Culture regionali e letteratura nazionale in Italia, in Lettere italiane, XXII, 1970, p. 142. 41 Cfr. g. previtali, Teodoro dErrico e la questione meridionale, in Prospettiva, ottobre 1976, n. 3, pp. 17-34; id., recensione a l. g. kalby, Classicismo e maniera nellOfficina meridionale, ivi, gennaio 1976, n. 4, pp. 51-54; g. previtali, Il Vasari e lItalia meridionale, in Il Vasari storiografo e artista. Atti del Congresso nel IV centenario della morte (Arezzo-Firenze, 2-8 settembre 1974), Firenze 1976, pp. 691-99; id., La pittura del Cinquecento a Napoli e nel vicereame, Torino 1978. 42 Cfr. e. sereni, Agricoltura e mondo rurale, in Storia dItalia Einaudi, I. I caratteri originali, Torino 1972, pp. 176-77. 43 Per quanto segue, cfr. e. gabba, Urbanizzazione e rinnovamento urbanistici nellItalia centro-meridionale del i secolo a. C., in Studi classici e orientali, XXI, 1972, pp. 73-112; id., Considerazioni politiche ed eco22 23

Storia dellarte Einaudi

98

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ nomiche sullo sviluppo urbano in Italia nei secoli ii e i a. C., in Hellenismus im Mittelitalien, a cura di P. Zanker, Abh. d. Ak. d. Wiss. in Gttingen, II, Gttingen 1976, pp. 317-26; c. violante, Primo contributo a una storia delle istituzioni ecclesiastiche nellItalia centrosettentrionale durante il Medioevo: province, diocesi, sedi vescovili, in Miscellanea Historiae ecclesiasticae, V (Colloque de Varsovie... sur la cartographie ecc.), Louvain 1974, pp. 169-204. 44 Cfr. g. tibiletti, La romanizzazione della valle padana, in Arte e civilt romana nellItalia settentrionale dalla Repubblica alla Tetrarchia, Bologna 1964, I, pp. 27-36. 45 Cfr. l. salvatorelli, Spiriti e figure del Risorgimento, Firenze 1961, pp. 3-35; e vedi gi id., Lunit della storia dItalia, in Pan, I, 1933-34, pp. 357-72. 46 Lespressione di E. Sestan (si veda il rinvio bibliografico nel paragrafo successivo). 47 Si vedano in proposito i volumi pubblicati delle Rationes decimarum. 48 Cfr. e. sestan, La citt comunale italiana dei secoli xi-xiii nelle sue note caratteristiche rispetto al movimento comunale europeo, in XI e Congrs International des Sciences Historiques, Rapports, III, Stockholm 196o, pp. 75-95, in particolare p. 85. 49 Si veda per esempio quanto avviene a Losanna alla fine del xii secolo, allorch il canonico Enrico Albus, agendo a nome del capitolo in quanto intendente della fabbrica, licenzia i maestri chiamati dal vescovo Ruggero di Vicopisano: cfr. m. grandjean, La cathdrale de Lausanne, Lausanne 1977, pp. 46 sgg. 50 Ma pi spesso da artigiani in strettissimo contatto con il proprio pubblico. Cfr. s. ottonelli, Lartigianato ligneo nelle Valli Occitane Piemontesi, in Quaderni storici, 1976, n. 31, pp. 280 sgg. 51 Opere darte a Vercelli cit., p. 5. 52 Le opere di G. Vasari con nuove annotazioni e commenti di G. Milanesi, Firenze 19o6, III, 586 sg. (le altre citazioni dalle Vite del Vasari saranno dora in poi riferite a questa edizione, indicata come segue: vasari, pi il numero del volume e quello della pagina). 53 La citt di Pisa mi don a Castel di Castro, mi diresse alla Vergine Madre e mi eresse in questo tempio: d. scano, Storia dellarte in Sardegna dallxi al xiv secolo, Cagliari-Sassari 1907, pp. 292 sg. 54 c. brandi, La Regia Pinacoteca di Siena, Roma 1933, pp. 135 sg. Per la pala del Carmine cfr. id., Ricomposizione e restauro della Pala del Carmine di Pietro Lorenzetti, in Bollettino dArte, xxxiii, 1948, pp. 68 sgg. Un caso interessante di opere divenute rapidamente obsolete e perci relegate in periferia quello delle armille della coronazione di Federico Barbarossa (oggi al Louvre e a Norimberga) che limperatore mand al Gran Principe Andrej Bogoljubskij a Vla-

Storia dellarte Einaudi

99

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ dimir: cfr. a. buehler, Zur Geschichte der deutschen Reichskleinodien, in Das Mnster, n. 27, 1974, pp. 4o8-9. 55 vasari, V, 221. 56 Ibid., VI, 18. 57 Ibid., 123. 58 Ibid., 550. 59 Ibid., 571. 60 Ibid., IV, 374. 61 Ibid., VI, 461. 62 Ibid., 457. 63 Ibid., 472 sg. 64 Ibid., V, 151. 65 Ibid., VI, 463. 66 Ibid., V, 211. 67 Ibid., VI, 5 sg. 68 Ibid., VII, 50. 69 Ibid., VI, 38o. 70 Ibid., V, 634. 71 Ibid., VII, 420. 72 Ibid., VI, 517. 73 Ibid., V, 214-15. Ma vedi f. zeri, La sortita anticlassica di Cola dellAmatrice, in Diari di Lavoro, Bergamo 1971, pp. 74 sgg. 74 Ibid., 198. 75 Ibid., 203. 76 Ibid., VI, 123. 77 Ibid., II, 413. 78 Ibid., V, 177. 79 Ibid., 212. 80 Ibid., 150. 81 Ibid., 151. 82 Ibid., II, 453 sg. 83 Ibid., III, 189. 84 Ibid., VII, 282. 85 Ibid., IV, 11-13. 86 Cfr. b. toscano, La fortuna della pittura umbra e il silenzio sui Primitivi, in Paragone, xvii, marzo 1966, n. 193, pp. 3 sgg. Senza voler dare una bibliografia esauriente, che sarebbe assai lunga, degli studi recenti sulla pittura trecentesca umbra, sar opportuno ricordare che sulla traccia della nuova apertura con cui R. Longhi ha affrontato il problema della cultura figurativa umbra di quel periodo nel corso fiorentino 1953-54 (cfr. La pittura umbra della prima met del Trecento attraverso le dispense redatte da Mina Gregori del corso di Roberto Longhi nellanno 1953-54, in Paragone, xxiv, luglio-settembre 1973, nn. 281-83, pp. 3 sgg.) si sono avuti negli ultimi anni interventi sempre pi

Storia dellarte Einaudi

100

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ fitti, particolarmente da parte di M. Boskovits, P. P. Donati, G. Previtali, P. Scarpellini, B. Toscano, C. Volpe, F. Zeri, grazie ai quali la situazione pu essere valutata nella sua grande complessit. 87 c. b. cavalcaselle e j. a. crowe, Storia della pittura in Italia, X, Firenze 19o8, pp. 83 sgg., nota 3 e p. 117 nota i. 88 b. toscano, Bartolomeo di Tommaso e Nicola da Siena, in Commentari, XV, n. s., 1964, pp. 37-51; vedi anche g. chelazzi dini, Lorenzo Vecchietta, Priamo della Quercia, Nicola da Siena, in Jacopo della Quercia tra Gotico e Rinascimento, Firenze 1976, pp. 203 sgg. Sul comporsi di un sistema di formule stilistiche da parte di certi maestri provinciali, sulla loro cristallizzazione e successiva chiusura verso nuovi aggiornamenti, si vedano le osservazioni di F. Zeri a proposito di un anonimo pittore umbro del Quattrocento, il Maestro di Eggi, in Tre Argomenti Umbri, in Bollettino dArte, xlviii, 1963, pp. 40-45. 89 a. morini, Cascia. Chiesa delle Capanne in Collegiacone, in Rassegna darte, IX, 1909, pp. 173-74; g. sordini, Gli Sparapane da Norcia. Nuovi dipinti e nuovi documenti, in Bollettino darte, iv, 1910, pp. 17-28; a. morini e p. pirri, Una sconosciuta dinastia di artisti umbri, in Arte e Storia, 1911 e 1912; p. pirri, Di una tradizione pittorica in Norcia, ivi, 1914, pp. 321-29; c. verani, Gli affreschi quattrocinquecenteschi nella chiesa di Santa Maria Apparente a Capanne di Colle Giacone presso Cascia, in LArte, LXII, 1963, pp. 41-58 e 289-92. 90 a. moretto, Indagine aperta sugli affreschi del Canavese, Saluzzo 1973, pp. 9 sgg. 91 a. lange, Notizie sulla vita di Giacomo da Ivrea, in Bollettino della Societ piemontese di archeologia e di belle arti, xxii, 1968, pp. 98-102. 92 Cfr. a. raineri, Antichi affreschi nel Monregalese, Cuneo 1965; g. romano, Documenti figurativi per la storia delle campagne nei secoli xi-xvi, in Quaderni storici, 1976, n. 31, pp. 134 sg. Sui molti cicli tardo-gotici a carattere pi o meno popolareggiante, spesso commissionati da comunit rurali o alpestri, confraternite, piccolo e medio clero, localizzati nellarea alpina occidentale, eseguiti per lo pi da maestranze itineranti che continuano a servirsi per un lungo periodo dei medesimi schemi, si vedano: m. roques, Les peintures murales du Sud-Est de la France, Paris 1961; e. brezzi, Precisazioni sullopera di Giovanni Canavesio. Revisioni critiche, in Bollettino della Societ piemontese di archeologia e di belle arti, xviii, 1964, pp. 35 sgg.; a. griseri, Jacquerio e il realismo gotico in Piemonte, Torino 1965, passim; c. gardet, De la peinture du Moyen ge en Savoie, II, Annecy 1966; z. birolli, Il formarsi di un dialetto pittorico nella regione ligure-piemontese, in Bollettino della Societ piemontese di archeologia e di belle arti, xx, 1966, pp. 115 sgg.; e. rossetti brezzi, Momenti della pittura piemontese, ivi, xxv-xxvi, 1972, pp. 35 sgg.; g. romano e a. f. pari-

Storia dellarte Einaudi

101

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ si, catalogo della Mostra del Gotico nel Piemonte centro-occidentale, Torino-Pinerolo 1972; g. romano, voce Giovanni Canavesio, in Dizionario Biografico degli Italiani, XVII, Roma 1974, pp. 728 sgg.; Valle di Susa cit. 93 cavalcaselle e crowe, Storia della pittura in Italia cit., X, pp. 112 sgg.; l. mortari, Opere darte in Sabina dallxi al xvii secolo, Roma 1957. 94 a. rizzi, Un pittore rinascimentale in Lucania, Simone da Firenze, in Napoli Nobilissima, IX, 1970, pp. 11 sgg.; id., Altre opere lucane di Simone da Firenze, in Antichit viva, XV, 1976, n. i, pp. 11 sgg. 95 i. faldi, Pittori viterbesi di cinque secoli, Roma 1970, p. 19. 96 v. casale, g. falcidia, f. pansecchi e b. toscano, Ricerche in Umbria, I, Treviso 1976. 97 Ibid., p. 44. 98 j. burckhardt, Der Cicerone, Basel 1855, p. 78o, riportato nel Commento antologico alla fortuna critica del Trecento bolognese, in Paragone, i, 1950, n. 5, p. 25. 99 b. berenson, The Central Italian Painters of the Renaissance, New York - London 1909, p. v; cfr. toscano, La fortuna della pittura umbra cit., p. 26, nota 7. 100 r. longhi, Tracciato Orvietano, in Paragone, xiii, 1962, n. 149, p. 4. 101 vasari, III, 386. 102 Ibid., 89 sg. 103 Ibid., V, 103 sg. 104 Cfr. p. junod, Transparence et Opacit, Lausanne 1976, particolarmente pp. 50-52 e 3o6-7. 105 vasari, VI, 270. Sul problema Pontormo-Drer come impostato dal Vasari cfr. w. friedlander, The Anticlassical Style, in Mannerism and Anti-Mannerism in Italian Painting, 2a ed. New York 1957, pp. 3 e 25; k. hermann-fiore, Sui rapporti fra lopera artistica del Vasari e del Drer, in Il Vasari storiografo e artista cit., pp. 701-15. 106 r. longhi, Officina ferrarese, in Opere complete di Roberto Longhi, V, Firenze 1956, p. 151. 107 vasari, VI, 267. 108 j. bony, The Resistance to Chartres in Early Thirteenth-Century Architecture, in The Journal of the British Archaeological Association, xx-xxi, 1957-58, pp. 35-52. 109 Cfr. t. s. kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Torino 1969. 110 vasari, V, 161 sg. 111 Cfr. p. p. donati, Per la pittura pistoiese del Trecento, I, in Paragone, xxv, 1974, n. 295, p. 5.

Storia dellarte Einaudi

102

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ l. bellosi, Buffalmacco e il Trionfo della Morte, Torino 1974, p. 73. Per illuminare questo ambiente di fronda giottesca, cfr. c. volpe, Frammenti di Lippo di Benivieni, in Paragone, xxiii, 1972, n. 267, pp. 3-13 e Ristudiando il Maestro di Figline, ivi, XXIV, 1973, n. 277, pp. 3-23. 113 l. grodecki, Architettura gotica, Milano 1976, pp. 151 sgg. 114 bellosi, Buffalmacco cit. 115 donati, Per la pittura pistoiese del Trecento, I cit.; II, in Paragone, xxvii, 1976, n. 321, pp. 3-15. 116 dionisotti, Culture regionali cit., p. 137. 117 Cfr. l. bellosi, Moda e cronologia. B) Per la pittura del primo Trecento, in Prospettiva, ottobre 1977, n. 11, pp. 14 sg. 118 Cfr. h. kreuter-eggemann, Das Skizzenbuch des jaques Daliwe, Mnchen 1964, particolarmente alle pp. 27, 44 e 65. 119 A proposito della decorazione della Cappella di San Marziale nel Palazzo dei Papi scriveva E. Mntz, cui si deve il ritrovamento negli archivi vaticani del nome di Matteo Giovannetti: Dal punto di vista dellarmonia del ritmo e dei canoni decorativi impossibile immaginare un insieme pi urtante, pi sgraziato. Sulla lunga riserva nei confronti dellopera avignonese del Giovannetti cfr. e. castelnuovo, Un pittore italiano alla corte di Avignone, Torino 1961, pp. 54 sg. e 139 sg. 120 Sulle quipes internazionali al lavoro in Avignone cfr. ibid. e passim; e. kane, A document for the fresco technique of Matteo Giovannetti in Avignon, in Studies. An Irish Quarterly Review, inverno 1975. 121 Cfr. quanto osserva R. Longhi a proposito degli affreschi di Andrea Delirio (Primizie di Lorenzo da Viterbo, in Vita Artistica, 1926) laddove denuncia quellantica confusione per cui un internazionalista poteva essere posto sullo stesso piano di un rinascimentale, o, con aggravante mentale, esser ritenuto, con pregiudizio evoluzionistico, passibile, anzi desideroso di volgersi alle forme del Rinascimento. In verit la divertita composizione del mondo degli internazionali bastava a se stessa, era una visione figurativa e perci spirituale in s perfettamente completa, ed incapace, dico aliena dallaspirare alla sintesi, alla profonda analogia naturalistica del cosiddetto Rinascimento. Andrea Delirio avrebbe potuto vivere cinquantanni ancora, senza che il suo mondo artistico gli dovesse apparire fallace, senza che il desiderio potesse sorgergli, insomma, di tramutarsi in Lorenzo da Viterbo (ora in Opere complete di Roberto Longhi cit., II. Saggi e ricerche, Firenze 1967, I, p. 61). 122 Opere di Defendente o della sua bottega furono anche commissionate oltralpe: ve ne sono nella Cattedrale di Embrun, nella chiesa abbaziale di Hautecombe o nella Cattedrale di Saint-Claude nello Jura (per questultimo caso si veda a. chastel e a. m. lecoq, Le Rtable de Pierre de la Baume Saint-Claude, in Monuments et Mmoires, Fondation Eugne Piot, lxi, 1977, pp. 165-204).
112

Storia dellarte Einaudi

103

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ m. perotti, Il Giudizio michelangiolesco di Madonna dei Boschi di Boves, in Cuneo provincia granda, agosto 1964, n. 2. 124 Cfr. a. boschetto, La Collezione Roberto Longhi, Firenze 1971, tav. 31. 125 Come si vede particolarmente in talune predelle della chiesa di San Giovanni ad Avigliana. Cfr. l. mall, Fucina piemontese: Sodoma giovane, Gaudenzio, Defendente Ferrari, Gerolamo Giovenone, in Bollettino della Societ piemontese di archeologia e di belle arti, n. s., viii-xi, 1954-57, pp. 63-64. 126 f. cortesi bosco, in I Pittori Bergamaschi, I. Il Cinquecento, Bergamo 1975, pp. 49 e 56; id., La letteratura religiosa devozionale e liconografia di alcuni dipinti di L. Lotto, in Bergomum, lxx, 1976, n. 1-2, pp. 3 sgg. 127 l. dolce, Dialogo della Pittura, in Trattati darte del Cinquecento, a cura di P. Barocchi, I, Bari 196o, p. 181. 128 l. lanzi, II, 53-54. 129 Ne scriver B. Berenson (Lorenzo Lotto, London 1901, p. 236), evocando Manet e Degas e qualificandola perhaps the most modern picture ever painted by an old Italian master. 130 Ibid., pp. 243 sgg.; g. fabiani, Un mancato allievo di L. Lotto, Simone de Magistris, in Arte cristiana, xliii, 1955, pp. 159 sg.; p. zampetti, I pittori di Caldirola, relazione al Congresso C.N.R. di Storia dellArte, Roma 1978. 131 Cfr. il saggio introduttivo di a. emiliani nel catalogo della Mostra di Federico Barocci, Bologna 1975, particolarmente pp. xxix sg. 132 bellori, Le vite cit., p. 32. 133 r. longhi, Viatico per cinque secoli di pittura veneziana, Firenze 1946, p. 18. 134 Un intelligente ritratto-tipo del pittore provinciale tra Cinque e Seicento si trover nel saggio di b. toscano, Andrea Polinori o la provincia perplessa, in Arte antica e moderna, 1961, n. 13-16, pp. 300 sgg. Sui problemi della selezione culturale quali si presentano a un pittore provinciale che venga in contatto con un centro artistico importante si veda, per un periodo precedente, lanalisi condotta da F. Zeri sulla pala con la Santa Famiglia, santi e angeli del Conservatorio di Santa Maria degli Angiolini a Firenze, in Eccentrici fiorentini - II, in Bollettino dArte, xlvii, s. IV, 1962, p. 318. Per altre osservazioni su analoghi problemi di acculturazione al principio del Cinquecento si veda id., Una congiunzione tra Firenze e Francia. Il Maestro dei cassoni Campana, in Diari di lavoro 2, Torino 1976, pp. 75 sgg. 135 g. g. bottari e s. ticozzi, Raccolta di lettere sulla pittura, scultura ed architettura..., VII, Milano 1822, p. 66. 136 Ibid., pp, 94 sg. 137 Ibid., p. 77.
123

Storia dellarte Einaudi

104

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ a. momigliano, Ancient History and the Antiquarian, in Journal of the Warburg and Courtauld Institutes, xiii, 1950, pp. 285 sgg. 139 In Inghilterra la fine del Settecento il momento del take-off economico e culturale della Provincia. Cfr. f. d. klingender, Arte e Rivoluzione Industriale, Torino 1972; t. fawcett, The Rise of the English Provincial Art, Oxford 1974. 140 m. schapiro, The Religious Meaning of the Ruthwell Cross, in The Art Bulletin, xxvi, 1944, pp. 232-45; id., From Mozarabic to Romanesque in Silos, ivi, xxi, 1939, pp. 312-74, ora in m. schapiro, Selected Papers. Romanesque Art, New York 1977, pp. 28 sgg. 141 a. frizzi, Memorie per la Storia di Ferrara, V, Ferrata 18o9, p. 64; cfr. anche e. riccomini, Il Seicento ferrarese, Milano 1969, p. 10. 142 c. gould, Trophy of Conquest. The Muse Napolon and the Creation of the Louvre, London 1965. 143 d. roxan e k. wanstall, The Jackdaw of Linz. The Story of Hillers Art Thefts, London 1964. 144 e. mntz, Les annexions de collections dart ou de bibliothques et leur rle dans les relations internationales, in Revue dHistoire Diplomatique, viii, 1894, pp. 481-97; ix, 1895, pp. 375-93; x, 1896, pp. 481-508; w. treue, Kunstraub. Ueber die Schicksale von Kunstwerken in Krieg, Revolution und Frieden, Dsseldorf 1957; h. trevor-roper, The Plunder of the Arts in the Seventeenth Century, London 1970. 145 lanzi, III, 169. 146 frizzi, Memorie per la storia di Ferrara cit., V, p. 64. 147 g. baruffaldi, Vite de pittori e scultori ferraresi, II, Ferrara 1846, p. 27. 148 a. emiliani, Gian Francesco Guerrieri da Fossombrone, Urbino 1958, p. 42. 149 e. carli, Dipinti senesi del Contado e della Maremma, Milano 1955, pp. 84 sgg. 150 w. m. bowsky, The Finance of the Commune of Siena 1287-1355, Oxford 1970, pp. 25 sgg. 151 g. v. castelnovi, Giovanni Barbagelata, in Bollettino dArte, xxxvi, 1951, pp. 211-24; f. alizeri, Notizie dei professori del disegno in Liguria dalle origini al secolo xvi, II, Genova 1870, pp. 189 sgg. 152 c. maltese, Arte in Sardegna dal v al xviii secolo, Roma 1962. 153 Cfr. f. zeri, Perch Giovanni da Gaeta e non Giovanni Sagitano, in Paragone, xi, 196o, n. 129, p. 53. 154 dionisotti, Culture regionali cit., p. 139. 155 g. moracchini, Trsors oublis des glises de Corse, Paris 1959, pp. 22 e 114 sg. 156 r. longhi, Frammento Siciliano, in Paragone, iv, 1953, n. 47, pp. 3 sgg.; f. bologna, Il soffitto della Sala Magna allo Steri di Palermo e la cultura feudale siciliana nellautunno del Medioevo, Palermo 1975.
138

Storia dellarte Einaudi

105

Enrico Castelnuovo Il significato del ritratto pittorico nella societ m. delia, Catalogo della Mostra darte in Puglia dal tardo Antico al Rococ, Bari 1964. 158 f. bologna, prefazione al catalogo Arte in Calabria, ritrovamenti, restauri, recuperi, Cosenza 1976, pp. 6 sg. 159 f. abbate, La pittura in Campania prima di Colantonio, in Storia di Napoli, IV, I, Napoli 1974. 160 f. alizeri, Notizie cit., p. 210. 161 g. romano, Casalesi del Cinquecento. Lavvento del manierismo in una citt padana, Torino 1970. 162 Cfr. le osservazioni di emiliani, Gian Francesco Guerrieri da Fossombrone cit. e nellintroduzione al catalogo della Mostra di Ludovico Barocci cit. 163 g. marchini, Un incontro imprevedibile: il Fogolino ad Ascoli Piceno, in Antichit viva, v, 1966, n. 1, pp. 3 sgg. 164 casale-falcidia-pansecchi-toscano, Ricerche in Umbria cit., p. 34. 165 f. bologna, I pittori alla corte angioina di Napoli, Roma 1969, pp. 173, 349; id., Prefazione a Arte in Calabria cit., p. 7. 166 a. antonaci, Gli affreschi di Galatina, Milano 1966. 167 a. fabbi, Artisti fiorentini sul territorio di Norcia, in Rivista dArte, xxxiv, 1959, pp. 109-22; id., Preci e la Valle Castoriana, Spoleto 1963. 168 r. cessi, Venezia, le Puglie e lAdriatico, in Archivio Storico delle Puglie, viii, 1966, fasc. 1-4, pp. 53-59; m. s. cal, La pittura del Cinquecento e del primo Seicento in terra di Bari, Bari 1969 . 169 p. giannizzi, Una pala dipinta da Lorenzo Lotto per la cattedrale di Giovinazzo, in Arte e Storia, xii, 1894, p. 91. 170 Cfr. s. marinelli, in La pittura a Verona tra Sei e Settecento, catalogo della mostra, Verona 1978, p. 35. 171 n. pevsner e altri, Historismus und bildende Kunst, Mnchen 1967, p. 89. 172 e. rufini, Ricerche sullattivit del Vanvitelli nelle Marche, in Atti dellXI Congresso di Storia dellArchitettura. Marche, 6-13 settembre 1959, Roma 1965, pp. 466 sg. 173 Lettera di David a Wicar del 14 giugno 1789. Riprodotta in d. e g. wildenstein, Documents complmentaires au catalogue de luvre de Louis David, Paris 1973, pp. 27 sg. 174 g. moore barrington jr, Le origini sociali della dittatura e della democrazia. Proprietari e contadini nella formazione del mondo moderno, Torino 1966. 175 m. schapiro, Nature of Abstract Art, in Marxist Quarterly (New York), I, n. 1, gennaio-marzo 1937. 176 l. carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo Specchio, Torino 1978, p. 142.
157

Storia dellarte Einaudi

106