Sei sulla pagina 1di 24

ANALISI DEL GIOCO DEL CALCIO

Modello classico Settore Tecnico F.I.G.C. e quello complesso della Metodologia Operativa
Ordinario di Educazione Fisica; Allenatore Uefa Pro con pubblicazione della tesi finale; Laureato con 110 e lode; Vincitore del concorso a cattedre con il massimo dei http://allenatorenuovo.blogspot.com/ voti; dipasqualeraffaele@libero.it I posto al corso di allenatore di base; I posto al corso di II categoria; Campione dItalia Juniores; 2 campionati di prima categoria; 4 campionati di promozione; 2 campionati di Eccellenza; 2 coppe Italia regionali

LE FASI DI GIOCO
T R A N S I Z I O N I

Fase possesso

Fase non possesso

FASE POSSESSO: fondamentali i tempi di gioco nello smarcarsi, utilizzo della tattica e dellazione individuale

FASE NON POSSESSO: comportamenti razionali,mai istintivi,ogni scelta deve essere consapevole.

La mia squadra in possesso palla indipendentemente dalla zona di campo: superare gli avversari che si frappongono alla porta per segnare una rete

La palla ce lhanno gli avversari indipendentemente dalla zona di campo: trovarsi sotto la linea della palla, occupando lo spazio tra avversario e porta, restringendo lo spazio via via che ci si avvicina alla porta, creando densit e superiorit numerica

Tattica Individuale
Fase possesso Controllo e Smarcamento Difesa della palla Dribbling Passaggio Tiro

Tattica Individuale Fase non possesso

Presa di posizione

Marcatura

Intercettamento e/o anticipo

Contrasto

Difesa della porta

SVILUPPI DEI PRINCIPI DI TATTICA COLLETTIVA IN FASE DI POSSESSO PALLA 1. Sostegno al portatore di palla; 2. Superiorit numerica; 3. Mantenimento del possesso palla; 4. Corsa in diagonale; 5. Corse di deviazione; 6. Gioco dalla parte cieca; 7. Movimenti ad incrocio; 8. Movimenti in sovrapposizione; 9. Sviluppo passaggio allindietro; 10. 1 - 2 e/o passaggio a muro; 11. Blocco; 12. Velo; 13. Esca; 14. Variazione ritmo di gioco; 15. Gioco in quarta o quinta battuta.

SVILUPPI PRINCIPI TATTICA DIFENSIVA

- copertura, - scambio di marcatura, - raddoppio della marcatura, - diagonale difensiva, - piramide, - elastico, - pressing e - tattica del fuorigioco, - tipo di difesa: a zona, a uomo,mista.

Tecnica
GIOCO

Tattica

Fisico

Mentale

VISIONE STRUTTURALE

Rapporti di forze delle squadre rappresentate dalle fasi di gioco e dalle transizioni
Interazioni di cooperazione e di opposizione per raggiungere lo scopo agendo sul tempo e lo spazio

AUTOORGANIZZAZIONE DINAMICA: INDIVIDUALE, di CATENA, di REPARTO, di BLOCCO, di SQUADRA

Spazio e tempo

Tecnica Tattica Fisico mentale

singolo squadra

Libert Progetto Di gioco INTERAZIONE Strategie didattica

Fasi di gioco

Pensiero azione

Principi contesto

Memoria Qui ed ora


Allenatore squadra

Interazione Pensiero-Azione

ESPERIENZA
PRINCIPI E CONCETTI

PENSIERO
PROGETTOI DI GIOCO

ENAZIONE

AZIONE
INTROIEZIONE GERARCHIZZATA DELLE CATEGORIE DI GIOCO

QUI ED ORA

IMPREVISTO

11

INTERAZIONE CALCIATORE

ATTACCO

PERDITA DELLA PALLA

INTERAZIONE
FASI DI GIOCO RICONQUISTA DELLA PALLA

DIFESA

STRUTTURAZIONE GERARCHICA

Imprevisto

Categorie di gioco

Concetti di gioco

Principi di gioco

Progetto di gioco

STRUTTURAZIONE GERARCHICA

Imprevisto

Categorie di gioco

Concetti di gioco

Principi di gioco

Progetto di gioco

INTERIORIZZAZIONE OPERATIVA
Imprev isto

La gara

Le situazioni del sistema di gioco

Sviluppo dei principi di tattica e di tattica individuale nelle due fasi di gioco e nelle transizioni inferenze orizzontali e verticali

Spazio e tempo nelle fasi di gioco e nelle transizioni

CONCETTI DI GIOCO NELLO SVILUPPO DELLA FASE DI POSSESSO: gioca dove vedi; gioca a due tocchi; senza palla muoviti in modo intelligente e razionale; quando ti smarchi effettua il contromovimento; quando dai la palla in avanti accompagna e se il compagno che ha ricevuto ha tempo e spazio per rigiocarla vai in sovrapposizione, oppure rimani a sostegno; se invece dai la palla indietro spostati nella direzione del palo opposto; comunica con il compagno ( solo-uomo!)

CONCETTI DI GIOCO NELLO SVILUPPO DELLA FASE DI NON POSSESSO togli spazio e tempo allavversario; nelle situazioni previste copri la palla: avversario di spalle, controllo difettoso, palla aerea, passaggio in orizzontale, avversario che indugia e trattiene palla ecc. palla aperta scappa nellimbuto, palla coperta marca in anticipo gli appoggi vicino alla palla; fai pressione sullavversario scegliendo il tempo giusto, muoviti sulla trasmissione, arrestati un attimo prima che questi riceva ed indirizzalo nella zona di campo o sul lato alla squadra o a te pi conveniente; in condizione di superiorit numerica marca, se ti trovi invece in inferiorit numerica molla e temporeggia; accompagna e lascia: fuorigioco individuale; sulla linea difensiva decidi subito se marcare o coprire; scivola o scala sul tempo giusto: guarda il piede di appoggio dellavversario; poniti sempre tra avversario e porta; se sei libero da marcatura preoccupati dellintercettamento della palla; in area stringi la marcatura e se per un attimo non dovessi avere sotto controllo posizione della palla e lavversario da marcare segui lavversario.

ORGANIZZAZIONE DIFENSIVA
Garantirsi copertura reciproca; Compiere unazione ritardatrice avanzando o retrocedendo e/o allentando o stringendo le marcature; Privilegiare in concentrazione ad imbuto la copertura Zona centrale; Mantenere le distanze tra i compagni in senso orizzontale e verticale; Non farsi attrarre solo dalla palla ma controllare uomini e spazi vicini; Sfruttare, inoltre la regola del fuorigioco

Il movimento senza Dislocarsi col palla deve coinvolgere movimento; quasi lintera squadra: Dare sempre rapido ed ingannevole profondit ed per chi interessato ampiezza al nella prima soluzione di possessore; gioco Tali comportamenti Ragionato e devono risultare consequenziale quello imprevedibili per la degli altri squadra avversaria

ORGANIZZAZIONE OFFENSIVA

A livello individuale il difensore dovr: 1) anticipare lattaccante; 2) mandare lattaccante sullesterno e tenerlo girato in attesa di un raddoppio; 3) attaccare la palla su un controllo errato; 4) saper temporeggiare; 5) capire il pi velocemente possibile che tipo di attaccante si ha di fronte (rapido, tecnico, abile nel gioco aereo); 6) marcare allinterno; 7) leggere la situazione; 8) non farsi sorprendere sulla zona cieca; 9) dare copertura ai compagni 10) prendere posizione; 11) mettersi sulla linea di passaggio (contrasto indiretto).

A livello collettivo invece se: 1) c equilibrio tra i reparti; 2) i giocatori sanno scalare (verticalmente orizzontalmente); 3) la squadra sa mantenersi corta e stretta; 4) sa effettuare lelastico nei momenti opportuni; 5) sa raddoppiare la marcatura; 6) sa scambiarsi la marcatura degli attaccanti; 7) sa realizzare correttamente diagonali e piramidi; 8) si leggono le situazioni di gioco nella stessa maniera; 9) corretto il comportamento su palla libera o chiusa. 10) sa applicare la tattica del fuorigioco;

LE 7 CATEGORIE DI GIOCO DELLA METODOLOGIA OPERATIVA


Spazio e tempo di situazione imprevista

Spazio e tempo di reparto

Spazio e tempo di sistema

Spazio e Tempo di base

Spazio e tempo di catena

Spazio e tempo di gara

Spazio e Tempo di ruolo

LA SEDUTA OPERATIVA
Situazioni generali ed universali: Progetto di gioco Situazioni di reparto e/o di blocco

Situazioni di gara.

Situazioni funzionali di ruolo