Sei sulla pagina 1di 17

MOVIMENTI PER GLI ATTACCANTI

CORSO PER ALLENATORI DI SECONDA CATEGORIA, UEFA A

MATERIA: TECNICA CALCISTICA

DOCENTE: RENZO ULIVIERI

Questo lavoro si divide in 5 capitoli: 1. Gioco a 2 attaccanti: * vicini, 2. Gioco a 3 attaccanti 3. Gioco a 4 attaccanti 4. Attacco alla porta su palla laterale * uno avanti e uno indietro, * distanti 35/40 Mt

Obiettivi generali: si deve dare allattaccante la possibilit di scelta, farlo ragionare aumentandogli La capacit di interpretazione delle singole giocate, fornendogli degli strumenti Idonei per effettuare uno smarcamento efficace. Smarcamento: quando quando il compagno me la pu giocare dove spazio (zona luce) Es. cerco la linea del difensore per farmi servire nel corridoio come corsa in diagonale, contro movimenti, movimenti dinganno, lungo-corto dentro-fuori, mezzaluna, etc.

Lattaccante che va incontro pu ricevere essenzialmente in 3 modi: Controllando con linterno del piede: il controllo sar pi preciso, si avr una copertura della palla pi efficace, ma si un po lenti a girarsi. Controllando con lesterno del piede: il controllo sar un po pi difficoltoso, la palla inizialmente sar scoperta e pu facilitare lintervento del mio diretto avversario, ma effettuato bene ci si riesce a girare pi velocemente. Controllando girandosi immediatamente verso la porta. In questo caso la palla sar completamente scoperta, ma se lo si effettua rapidamente mi pu permettere di puntare subito il diretto avversario. N.B. Per la fluidit di lettura e per facilitare la descrizione grafica, i contromovimenti degli attaccanti non verranno enunciati e descritti, ma in realt dovranno sempre essere effettuati per facilitare lo smarcamento.

CAPITOLO 1 GIOCO A 2 ATTACCANTI


Il gioco a 2 attaccanti si pu sviluppare in 3 modi: Vicini, sulla stessa linea, a 15/20 Mt Uno avanti e uno indietro Distanti 35/40 Mt

PUNTE VICINE: Il primo movimento lo fa la punta pi vicina allazione.


Situazione A: la punta pi vicina 9 va incontro e ha lo spazio per girarsi verso laltra punta

La punta pi lontana 11 pu fare 3 movimenti: 1. Taglia in anticipo, favorendo l1 vs 1 del 9 2. Taglia con i tempi giusti per ricevere oltre la linea difensiva 3. Si apre e attacca la profondit dietro il difensore centrale.

Situazione B: la punta pi vicina 9 va incontro e non ha la possibilit di girarsi.

La punta pi lontana 11 dovr abbassarsi sotto la linea della palla creando cos una Possibilit in pi al 9 di fare un 1-2 alla cieca o un dai e vai.

Situazione C: la punta lontana dalla palla 11 riceve.

1. Il 9 va sotto all11

2. Si apre e va profondo. Situazione D: Il 9 si trova affilato con l11; pu fare velo e andare a ricevere l1 2 , pu girarsi a destra e a sinistra.

Situazione E: La punta pi vicina 9 v lunga.

L11 pu:

1. Venire incontro su un asse longitudinale per poter aprire la giocata sul 9 2. Occupare lo spazio liberato dal 9 per potersi girare e puntare.

PUNTE UNA AVANTI E UNA INDIETRO


Le punte devono stare sempre affilate; decide il primo movimento quella pi vicino alla palla. Situazione A: la punta 9 riceve e si gira verso destra.

L11 pu: 1. Attaccare lo spazio dietro al primo centr. dif. 5 2. Aprirsi e attaccare lo spazio dietro al secondo centr. dif. 6 3. Proporsi in appoggio davanti la linea difensiva per un eventuale 1 2 o solamente per ricevere palla. Situazione B: la punta 9 v profonda.

L11 pu: 1. Occupare lo spazio lasciato dal 9 2. Venire incontro diritto per aprirsi la giocata di prima alla Totti per il 9 3. Andare anche lui in profondit creando cos una doppia profondit. Situazione C: palla morbida sulla punta pi alta 11

Il 9 pu: 1. Aprirsi a dx o a sx rimanendo comunque in zona luce per ricevere lo scarico 2. Rimanere proprio sotto la punta consentendo all11 uno scarico centrale che gli permetta di rimarcarsi di conseguenza 3. Attaccare lo spazio anche per una giocata sopra, ma anche per fare allungare la linea difensiva avversaria.

PUNTE DISTANTI circa 35/40 Mt di distanza tra loro


In questa situazione vi poca collaborazione senza appoggio punta per punta, e di solito vengono schierate a piedi invertiti. Anche in questo caso si muove la punta pi vicina alla palla. Di solito si usa questa disposizione con squadre che utilizzano anche il trequartista, es. 4 3 1 2 . In questo caso il trequartista funge da collante fra le due punte. Situazione A: si cerca di utilizzare le punte a piedi invertiti per farle rientrare dentro al campo. Ipotizziamo che il 9 v incontro e si gira verso linterno del campo.

La punta lontana 11 taglier dietro il secondo difensore centr. Situazione B: Una delle punte pu fare movimenti con una leggera curva per liberare lo

smarcamento dellaltra.

Situazione C: La punta 11 va incontro e scarica ad un proprio compagno e immediatamente si apre o oltre il terzino (1) oppure tra terzino e centr. dif. (2)

Il 9 pu, dopo lo scarico effettuato dall11: 1. Attaccare anchegli la profondit


2. Andare incontro su un asse longitudinale per mantenere aperta la giocata verso

l11.

CAPITOLO 2 GIOCO A 3 ATTACCANTI


Sono tantissime le combinazioni che possono svilupparsi fra 3 attaccanti, in questo capitolo ne rappresenteremo alcune.

Si pu giocare con 3 attaccanti principalmente in 2 modi: Centravanti e due larghi Centravanti e due stretti Es. 4 3 - 3 Es. 4 3 2 1

CENTRAVANTI E 2 LARGHI
Con questa disposizione tutti i 3 attaccanti hanno la possibilit sia di tagliare davanti la linea difensiva avversaria, sia di cercare movimenti in profondit dietro ad essa. I due esterni possono giocare destro a dx e sinistro a sx se si vuole ricercare maggiormente il cross dal fondo. Prevalentemente, per, vengono schierati a piede invertito perch permette, nei tagli dallesterno verso linterno, di trovarsi sia alla conclusione sia alla finalizzazione con il loro piede preferito. In questo lavoro esamineremo movimenti con esterni a piede invertito. Situazione A: l11 taglia il campo con palla al piede

Il 9 pu: 1. Attaccare la profondit tra i due centrali difensivi. In questo caso, di conseguenza, il 7 pu ricevere davanti la linea difensiva, occupando lo spazio che il movimento del 9 pu aver liberato. 2. Si apre abbassandosi sotto il 6. In questo caso il 7 pu attaccare lo spazio dietro il 6.

Situazione B: palla al centravanti 9

L11, che lattaccante pi vicino al 9, pu: tagliare sotto al 9 andando a ricevere un suo eventuale scarico(1). In questo caso il 7 pu tagliare profondo tra il 3 e il 6 (2) o mantenere ampiezza attaccando comunque la profondit dietro le spalle del 3 (3).

CENTRAVANTI E 2 STRETTI
Con questa disposizione il compito di allungare la squadra avversaria attaccando la profondit di competenza del centravanti, con i due restanti attaccanti che dovranno risultare bravi a giocare tra le linee e abili a disimpegnarsi nello stretto e nelle giocate corte ( uno-due, dai e vai).

CAPITOLO 3 GIOCO A 4 ATTACCANTI


Di solito, 4 attaccanti vengono utilizzati in un sistema di gioco 4 2 4, che si differenzia da un 4 4 2 non tanto per quanto concerne la fase difensiva, che rimane pressoch identica, ma nella fase di possesso e di riconquista palla. Infatti, in fase di recupero palla, i 2 esterni si alzano subito allaltezza delle altre 2 punte, lasciando la manovra solamente ai restanti 7 giocatori (compreso il portiere), che naturalmente dovranno possedere buona capacit di palleggio per riuscire a guadagnare campo per poi innescare le 4 punte. Quando le 4 punte sono allineate i 2 attaccanti centrali devono romper la linea con movimenti opposti e complementari. I 2 attaccanti esterni saranno chiamati sempre ad andare sullattacco al tiro.

Situazione A: palla ad un attaccante esterno 10

L11 pu attaccare lo spazio tra il 5 e il 2 (1), il 9 di conseguenza pu o venire incontro (2) o cercare anchegli la profondit (3). In questultimo caso 7 si pu accentrare (4) cercando di sfruttare lo spazio davanti la Linea dei difensori avversari creatasi dalla doppia profondit dettata da 11 e 9.

Situazione B: palla ad un attaccante centrale 9 che viene incontro.

L11 si abbassa in linea con il 9 per ricevere uneventuale uno-due alla cieca. Il 7 detta la profondit per uneventuale palla girata di prima nello spazio. Il 10 si prepara ad attaccare la profondit su un possibile scarico del 9.

CAPITOLO 4 ATTACCO ALLA PORTA SU PALLA LATERALE


INCROCIO: questo movimento d lopportunit a 9 di arrivare in velocit in zona centro primo palo e a 11 di dileguarsi da uneventuale marcatura.

TUTTE E 2 CONTROMOVIMENTO FUORI E POI TAGLIO: qui le 2 punte, dopo uniniziale movimento dinganno, attaccheranno la porta frontalmente.

PUNTA DISTANTE CHE VA SOTTO: questo movimento del 9 serve a cercare di smarcarsi in una zona dellarea che pu risultare favorevole.

PRIMA PUNTA SI ABBASSA: facendo cos, l11 si riesce a liberare da una possibile marcatura, avendo la possibilit di ricevere anche uneventuale palla rasoterra.

PRIMA PUNTA ESCE TANTO (7/8 Mt) FUORI DAL PALO : facendo cos pu raccattare i palloni sporchi potendo poi anche servire i centrocampisti a rimorchio. Se il marcatore lo segue pu liberare laltra punta in un 1 vs 1 a centro area molto invitante.