Sei sulla pagina 1di 2

SUTURE

La chirurgia, molto semplificando, si compone di due atti: Resezione dei parenchimi; Ricostruzione con organi cavi.

Entrambe necessitano dell'atto basilare della sutura (avvicinamento di tessuti sezionati). Vi sono fili adatti per la sutura manuale, e suturatrici meccaniche. I fili sono dei materiali pi vari, vegetali, naturali, sintetici, di tipo riassorbibile o non riassorbibile, composti da un singolo filamento (per scorrimento atraumatico nei tessuti, senza possibilit di essere ricettacolo di germi) od intrecciati (facile annodamento, buona maneggevolezza, ma con possibilit di essere ricettacolo di germi). La funzione di una sutura riavvicinare i lembi di una ferita, per favorire una guarigione, in termini fisiopatologici, di prima intenzione. Un filo permanente, lasciato in un tessuto, pu essere dannoso. Caratteristiche comuni, a tutti i fili chirurgici l'essere curvi, a sezione rotonda, ed atraumatici, perch non taglino i tessuti. Riassorbibili: catgut (intestino di ovini e bovini, gi usato nel 900 d.C., assorbito in 2 mesi, resistenza alla trazione 7-10 giorni, indicato nella sutura di mucose e sottocutaneo), dexon (fili intrecciati per polimerizzazione acido glicolico, 3 mesi per l'assorbimento. Suture dell'apparato gastro-enterico e tessuto muscolare), vicryl (plurifilamenti intrecciati per copolimerizzazione acido glicolico e lattico, offre un'ottima resistenza tensile nelle prime due settimane, assorbito dopo 70 giorni, per idrolisi. Indicazioni ascrivibili a dexon), PDS (monofilamento, ottima maneggevolezza, indicato per chirurgia toracica, come suture bronchiali, anche di aree non sterili), mocryl o biosyn (monofilamenti sintetici, chirurgia pancreatica, biliare e gastro-enterica) Non riassorbibili: seta (sierose intestinali, cutanee), lino (legature di grossi vasi), acciao (ortopedica, cardiochirurgia e toracica, OSTEOSINTESI DELLO STERNO, va mantenuta una costante e meticolosa asepsi del campo operatorio), nylon (laparotomie complicate), mersilene (ottima tolleranza biologica e buona tenuta), prolene ( resistente ad infezioni batteriche, diversi impieghi). Sono progressivamente in decadenza, perch possono favorire reazioni granulomatose da corpo estraneo.

Nell'atto di riavvicinare i lembi di tessuto, bisogna porre attenzione a questa operazione, perch nella guarigione, le fibre elastiche del tessuto tendono a separare i margini della ferita. Si cerca sempre una guarigione per prima intenzione, che ultimata in circa 1 settimana. Lo scopo di una sutura fare una ricostruzione anastomotica, per esempio nel riconfezionamento del tubo digerente. Pu essere fatta con ago e filo, ma nel '50 nascono, in Russia, per garantire eguale assistenza in tutto quel vasto territorio, le prime suturatrici per velocizzare i chirurghi, facilitando anche dove si debba rendere il lavoro di sutura omogeneo. L'origine per risale addirittura al X secolo dopo Cristo, al geniale chirurgo arabo, allievo di Avicenna, Abulcabasis, che utilizza il morso di particolari tipi di formiche, che erano decapitate dopo che avevano azzannato il tessuto, per suturare in modo omogeneo, a livello enterico. Ve ne sono di diversi tipi, ma il principio base, dell'apposizione di un punto metallico, sempre lo stesso: Compressione del tessuto; Inserimento di punti metallici con configurazione a B; Si appongono due linee di punti sfalsati.

La sutura va eseguita su un tessuto vivente, con una vascolarizzazione, perch vi sia garantita la tenuta. Le suturatrici meccaniche (staplers) garantiscono un lavoro persino migliore di quello manuale, in determinate situazioni, ma hanno un costo molto elevato, perch monouso. L'indicazione tipica la laparoscopia. Vi sono tre tipologie principali: Lineari (T.A. Thoracic Abdominal Instruments): i punti sono sfalsati ed in duplice fila, con diverse lunghezze. In alcune varianti si ha l'apposizione in triplice fila. E' in grado esclusivamente di occludere, la si adopera per suturare monconi, come nel Billorth II accade col moncone gastrico e/o duedenale, asportare diverticoli. Lineari con lama (G.I.A. Gastro-Intestinal-Instruments): doppia serie di punti, in cui al centro passa una lama. Crea anastomosi fra le anse, perch permette il taglio contemporaneo alla sutura. E' quindi capace di sezionare e suturare contemporaneamente. Circolari (EEA End to End Anastomosis): su un supporto circolare e all'interno c' una lama, creano anch'esse un anastomosi. E' dotata di una testina removibile collegata ad un perno, al cui interno sono posti gli incavi nei quali le agrafes sono ribattute chiudendosi. La testina posta nel moncone distale, il caricatore nel prossimale. Le due estremit dei monconi sono state preventivamente chiuse a borsa di tabacco.