Sei sulla pagina 1di 49

Set Domande

PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'


SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro
Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 6
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 41
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 43

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:21 - 2/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 44


Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 46
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 48
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 49

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:21 - 3/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 002
01.   La psicologia clinica della disabilità è:

 Una disciplina che studia il funzionamento adattivo dell'individuo disabile

 Una disciplina che studia il funzionamento disadattivo dell'individuo disabile nel suo mondo esterno

 Una disciplina che studia il funzionamento disadattivo e adattivo dell'individuo disabile

 Una disciplina che studia il funzionamento disadattivo dell'individuo disabile nel suo mondo interno

02.   Quale delle seguenti affermazioni sulla Psicologia Clinica della disabilità non è corretta?

 Il cambiamento non è visto esclusivamente come la ?cura? ma come sviluppo dell'individuo verso modalità simbolico-rappresentazionali

 Fornisce risposte multidimensionali su più livelli di intervento

 Il mondo interno dell'individuo disabile è l'unico oggetto d'analisi

 L'importanza di un setting adeguato, co-costruito, ad alta integrazione socio-sanitaria

03.   Secondo la definizione dell'OMS, la qualità della vita correlata alla salute nell'ambito della disabilità

 non è determinata dalle credenze, esperienze e aspettative del disabile sul proprio stato di salute

 è determinata dalle condizioni socio-economiche della persona disabile

 è determinata dalla percezione soggettiva che ne ha la persona disabile

 è esclusivamente determinata dalla gravità della disabilità

04.   Il termine ?clinica? deriva dal greco ?cline? che significa:

 Mente

 Coscienza

 Supporto

 Letto

05.   In riferimento alle tradizioni culturali a cui l'intervento psicologico nell'ambito della disabilità si è ispirato, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 L'intervento psicologico nell'ambito della disabilità fa riferimento alla riabilitazione con tecniche cognitivo-comportamentali

 L'intervento psicologico nell'ambito della disabilità fa riferimento alla psicologia medica

 L'intervento psicologico nell'ambito della disabilità fa riferimento alla psicoterapia ad orientamento sistemico-relazione

 L'intervento psicologico nell'ambito della disabilità fa riferimento agli interventi di area psichiatrica

06.   Che cos'è la psicologia clinica della disabilità?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:22 - 4/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 003
01.   Quale dei seguenti casi rappresenta, a livello sociale, l'adozione del Modello Medico di disabilità?

 Tutte le risposte precedenti

 Un?azienda edile progetta in una zona residenziale nuove case dotate di scivoli, ascensori e servizi per disabili

 Un medico, per promuovere lo sviluppo cognitivo di un bambino con ritardo mentale medio, consiglia alla famiglia di inserire il soggetto in una ?classe speciale?

 Un?equipe di insegnanti segue un corso di formazione del linguaggio braille prima di accogliere un bambino non vedente a scuola

02.   Cosa sono i modelli della disabilità?

 Manuali nosografici per la classificazione dei disturbi mentali nel soggetto disabile

 Modelli di classificazione delle disabilità fisiche

 Rappresentazioni categoriali entro cui viene letto il fenomeno della disabilità

 Test per valutare la qualità della vita del soggetto disabile

03.   In riferimento al Modello Medico, quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 Prende in considerazione il ruolo del contesto sociale in cui vive la persona

 La disabilità non costituisce un problema esclusivamente personale

 Il disabile è considerato una persona malata ma la sua diversità non gli impedisce di ricoprire ruoli normali e avere responsabilità sociali

 Crea pregiudizi verso la persona disabile attribuendole un ruolo sociale inadeguato e fortemente stigmatizzato

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:22 - 5/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 004
01.   Quale delle seguenti affermazioni rappresenta un elemento di criticità del Modello Sociale?

 Non è sempre chiaro come l'ambiente crei il fenomeno della disabilità

 Il contesto non è chiamato in causa per favorire l'integrazione sociale del disabile

 Presuppone che uno dei compiti primari della persona disabile sia quello di adattarsi al contesto sociale e non viceversa

 Vede il disabile come una persona verso cui provare pietà e compassione

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:22 - 6/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 005
01.   Il Modello Bio-psico-sociale:

 Nasce alla fine degli 80 ed è attento ad individuare con precisione l'eziologia della disabilità minando il credo secondo cui la disabilità è una punizione per i peccati
commessi in passato

 Nasce alla fine degli anni 70 e coglie la natura dinamica e reciproca delle interazioni individuo/ambiente superando la prospettiva causa-effetto

 Nasce alla fine degli anni 80, si sviluppa soprattutto negli Stati Uniti e in Inghilterra e si basa sui principi dei Diritti Umani

 Nasce negli anni 70 e si concentra sulla menomazione intesa come danno o anomalia a carico delle strutture e/o funzioni fisiologiche, psicologiche e anatomiche del
soggetto

02.   Il COPE (Coping Orientations to Problems Experienced) si compone di:

 80 items raggruppati in 20 differenti sottoscale di derivazione fattoriale, ciascuna delle quali rappresenta e misura una diversa modalità di coping

 80 items raggruppati in 15 differenti sottoscale di derivazione fattoriale, ciascuna delle quali rappresenta e misura una diversa modalità di coping

 60 items raggruppati in 15 differenti sottoscale di derivazione fattoriale, ciascuna delle quali rappresenta e misura una diversa modalità di coping

 60 items raggruppati in 20 differenti sottoscale di derivazione fattoriale, ciascuna delle quali rappresenta e misura una diversa modalità di coping

03.   Cosa si intende per modello bio-psico-sociale?

04.   Quali sono gli strumenti principali del modello bio-psico-sociale?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:22 - 7/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 006
01.   In riferimento all'ICD-10 e all'ICF, quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 Un modello rappresenta la revisione dell'altro

 Sono due modelli tra loro dipendenti

 Sono due modelli tra loro indipendenti

 Sono due modelli tra loro complementari

02.   Quale di questi elementi fa parte delle strutture corporee?

 Attenzione e memoria

 Coscienza e sonno

 Occhi e orecchie

 Vista e udito

03.   Quale delle seguenti affermazioni sull'oCD-10 non è corretta?

 Rappresenta una classificazione causale focalizzando l'attenzione sull'aspetto eziologico della patologia

 Fornisce una diagnosi e una descrizione del processo e della eziologia della malattia

 Fornisce una diagnosi delle malattie, dei disturbi o di altri stati di salute

 E? possibile raccogliere quelle informazioni che permettono di definire un piano di lavoro o una pianificazione sui bisogni

04.   Nell'oCF (International Classification of Functioning, disability and health) i Fattori Personali:

 Non riguardano la forma fisica e lo stile di vita

 Sono elencati e classificati

 Riguardano le caratteristiche dell'individuo che fanno parte della sua condizione di salute

 Non sono elencati e classificati

05.   Secondo l'oCDH (International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps), cosa si intende con il termine ?disabilità??

 Condizione di svantaggio che limita o impedisce l'adempimento del ruolo normale per tale soggetto, in relazione all'età, al sesso, ai fattori socio-culturali

 Qualsiasi perdita o anormalità a carico di una struttura o una funzione psicologica, fisiologica, anatomica

 Tutte le risposte precedenti

 Limitazione o perdita della capacità di compiere un'attività nel modo e nell'ampiezza considerati normali

06.   Che cos'è l'oCIDH (International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps)?

 E? il vecchio modello di classificazione delle disabilità che è stato sostituito dall'ICF

 E? un modello di classificazione delle disabilità nato come alternativa all'ICF

 E? un nuovo modello di classificazione delle disabilità complementare all'ICF

 E? il nuovo modello di classificazione delle disabilità nato dalla revisione dell'ICF

07.   Che cos'è l'oCF-CY (Children and Youth)?

 La versione dell'ICF per ragazzi e bambini

 La revisione dell'ICF che comprende una nuova sezione dedicata ai ragazzi e ai bambini

 Un modello di classificazione che esclude l'età evolutiva

 La versione precedente dell'ICF che faceva distinzione tra i disabili adulti e i disabili ragazzi/bambini

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:23 - 8/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

08.   L'ICF (International Classification of Functioning, disability and health) è:

 Un sistema di classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati, pubblicato nel 1990 dall'OMS

 Un manuale diagnostico psicodinamico pubblicato nel 2006 negli Stati Uniti

 Un sistema di classificazione nosografica dei disturbi mentali elaborato negli Stati Uniti dalla Associazione degli Psichiatri Americani (APA)

 Un sistema tassonomico per descrivere e misurare la salute e la disabilità delle popolazioni, pubblicato nel 1980 dall'OMS

09.   A quale modello si ispira l'oCF (International Classification of Functioning, disability and health)?

 Al Modello Medico

 Al Modello Sociale

 A nessuno dei precedenti

 Al Modello Bio-psico-sociale

10.   Com?è strutturato l'oCF?

 E? diviso in tre sezioni: le prime due sono dedicate alla classificazione dei disturbi mentali e la terza è un insieme di contributi teorici e metodologici del sistema

 E? diviso in diciannove sezioni organizzate attraverso un codice alfanumerico

 E? diviso in cinque assi: Il primo e il secondo valutano la presenza di disturbi clinici e di personalità, il terzo e il quarto valutano le condizioni mediche e psicosociali e il
quinto la capacità di adattamento dell'individuo

 E? diviso in due parti: la prima valuta il funzionamento e la disabilità, la seconda valuta i fattori contestuali

11.   Quali sono le linee guida del piano d'azione sulla disabilità?

12.   Che cos'è ICIDH?

13.   Che cos'è l'ICF?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:23 - 9/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 007
01.   Cosa si intende per "performance"?

 Il risultato ottenuto da un compito o di un'azione da parte di un individuo

 Il più alto livello probabile di funzionamento di uno specifico individuo in un ambiente considerato standard, senza facilitatori e barriere

 Ciò che l'individuo fa nel proprio ambiente

 Esecuzione di un compito o di un'azione da parte di un individuo

02.   Quale dei seguenti casi rappresenta una menomazione strutturale che non porta a limitazioni nella capacità né a problemi di partecipazione?

 Nessuna delle risposte precedenti

 Un bambino con un disturbo mentale che cresce in un ambiente competitivo e con aspettative di rendimento scolastico elevate e rigide

 Un bambino diabetico che deve controllare la sua alimentazione e in particolare l'assunzione di zuccheri

 Un bambino che nasce senza un'unghia della mano

03.   Cosa significa, a livello sociale, adottare un modello medico della disabilità?

04.   Fare esempi di applicazione dell'ICF

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:23 - 10/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 008
01.   Quale di questi elementi non fa parte dei Fattori ambientali valutati dall'ICF?

 Regole

 Arredamenti

 Età

 Tempo

02.   Quale di questi elementi non fa parte dei Fattori personali valutati dall'ICF?

 Educazione

 Stato psicologico

 Le situazioni

 Esperienze

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:23 - 11/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 009
01.   La Diagnosi funzionale permette:

 Di evidenziare i deficit e le potenzialità a livello sensoriale

 Di evidenziare i deficit e le potenzialità a livello cognitivo

 Di evidenziare i deficit e le potenzialità a livello affettivo-relazionale

 Tutte le risposte precedenti

02.   In merito alla diagnosi funzionale, il concetto di ?Alleanza? fa riferimento:

 All'alleanza tra lo psicologo e il paziente

 All'alleanza tra i vari membri dell'unità disciplinare

 All'alleanza tra il medico specialista e il paziente

 All'alleanza tra i servizi sociali e il paziente

03.   In riferimento alla Diagnosi funzionale, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 Serve ad ottenere indicazioni per l'applicazione più idonea delle procedure di intervento e delle attività necessarie al perseguimento degli obiettivi

 Definisce gli indicatori che permettono un monitoraggio costante dell'andamento del soggetto

 E? un processo di valutazione che coinvolge esclusivamente il medico specialista nella patologia segnalata

 Definisce obiettivi di intervento perseguibili per il superamento dei limiti o l'attivazione delle potenzialità

04.   Chi provvede alla compilazione della diagnosi funzionale?

 Tutte le figure professionali sopra elencate

 Gli operatori dei servizi pubblici o privati-convenzionati

 Il medico specialista nella patologia segnalata

 Il neuropsichiatra, lo psicologo e il terapista della riabilitazione

05.   Quali sono gli strumenti dell'alleanza nella diagnosi funzionale?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:24 - 12/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 011
01.   Cosa si intende per strumenti ?ecologici? o ?naturalistici??

 Strumenti che valutano le dinamiche relazionali che nascono tra genitori e figli nella vita quotidiana

 Strumenti che si fondando sull'osservazione non partecipante

 Strumenti che si fondano sull'osservazione partecipante

 Strumenti che valutano la prestazione del paziente sulla base dell'importanza che assumono nella quotidianità

02.   Il substrato neuroanatomico delle funzioni esecutive è localizzato:

 Nel lobo frontale

 Nel lobo occipitale

 Nel lobo temporale

 Nel lobo parietale

03.   Il BADS (Behavioural Assesment of the Dysexecutive Syndrome) è:

 Uno strumento che prevede la valutazione delle funzioni esecutive all'interno di un centro commerciale. Al paziente vengono affidati tre set di compiti ciascuno dei quali
comprende otto situazioni strutturate con specifiche richieste

 Uno strumento che analizza in modo ecologico le difficoltà esecutive di soggetti in età compresa tra i 5 e i 18 anni, sia in ambito scolastico che nelle situazioni di vita di
gruppo

 Uno strumento che permette di effettuare una valutazione delle funzioni esecutive attraverso la risoluzione di compiti matematici e di logica nell'arco di tempo
prestabilito

 Uno strumento che permette di effettuare una valutazione naturalistica delle funzioni esecutive in laboratorio e ha come obiettivo l'individuazione dei deficit a carico
delle funzioni esecutive attraverso compiti vicini a quelli della vita reale

04.   In riferimento al Modello neuropsicologico, quale delle seguenti affermazioni non è corretta:

 Non esiste una relazione tra le funzione cognitive le aree celebrali

 L'organizzazione modulare delle funzioni che permettono di sostenere processi e procedure finalizzare all'esecuzione di un compito dipende da sottosistemi distinti che
condividono lo stesso tipo di risorse cognitive ma con diverso carico di elaborazione

 I deficit possono essere descritti in termini di aree coinvolte, di componenti implicate e di gravità all'interno di uno specifico processo cognitivo

 Nessuna delle risposte precedenti

05.   Il Rivermead Behavioural memory test è uno strumento per la valutazione dei deficit della memoria che si compone di

 20 subtest

 6 subtest

 12 subtest

 10 subtest

06.   Tra quelle elencate, qual è una delle funzioni esecutive?

 Pianificazione

 Affettività

 Riconoscimento visivo

 Percezione uditiva

07.   In merito ai deficit delle funzioni esecutive, quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 L'individuo risulta avere un?emotività equilibrata

 La loro valutazione viene effettuata attraverso l'osservazione dell'individuo nel suo contesto familiare e lavorativo

 L'individuo è in grado di prendersi cura di sé ma fatica a portare a termine compiti che gli vengono assegnati

 Se le funzioni esecutive sono danneggiate, il soggetto può non essere in grado di mantenere relazioni sociali normali

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:24 - 13/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

08.   Che cos'è il M.E.T. (Multiple Errands Test)?

09.   Quali sono le prove cognitive del B.A.D.S. (Behavioural Assesment of the Dysexecutive Syndrome)?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:24 - 14/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 012
01.   Cosa si intende con il termine ?coping??

 Strategie messe in atto dall'individuo per migliorare le proprie prestazioni di memoria

 Capacità dell'individuo di entrare in empatica con l'altro

 Strategie messe in atto dall'individuo per aumentare l'autocontrollo

 Strategie messe in atto dall'individuo al fine di affrontare le difficoltà

02.   Secondo il Modello Transazionale di Lazarus, nel processo di coping il ruolo principale è rivestito:

 Dal rapporto bidirezionale tra gli stimoli del contesto e le risposte del soggetto

 Dalle caratteristiche dell'ambiente

 Dalle risposte del soggetto

 Dagli stimolo del contesto

03.   La capacità di ?problem solving? consiste:

 Nell'evitare di pensare all'evento stressante ricorrendo all'uso della fantasia e figurandosi una situazione migliore

 Nel riuscire a pianificare e pensare ai possibili modi per risolvere un problema valutandone le conseguenze ed intervenendo direttamente sull'ambiente

 Nel rivolgersi ad altre persone per ottenere informazioni, collaborazione, consigli o sostegno morale

 Nel pensare ad un problema in termini positivi minimizzando le conseguenze con un atteggiamento di eccitazione

04.   Quale tra le seguenti opzioni rappresenta una caratteristica fondamentale del Modello Transazionale di Lazarus?

 Nessuna delle risposte precedenti

 Staticità delle strategie di coping

 Coerenza delle strategie di coping

 Flessibilità delle strategie di coping

05.   Cosa si intende per coping?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:24 - 15/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 013
01.   Quale tipo di disabilità risulta essere uno dei fattori che influenza maggiormente le modalità di coping messe in atto dall'individuo?

 Fisica

 Tutte le risposte precedenti

 Sensoriale

 Mentale

02.   Come afferma Bara, la terapia:

 Si pone l'obiettivo di promuovere il cambiamento interno ed esterno dell'individuo

 Non porta ad un cambiamento dell'individuo

 Si pone l'obiettivo di promuovere il cambiamento interno dell'individuo

 Si pone l'obiettivo di promuovere il cambiamento esterno dell'individuo

03.   Quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 La condizione di disabilità può incrementare gli stressor

 I soggetti con disabilità, specialmente se cronica, sperimentano livelli di stress molto intensi legati alla propria condizione di salute

 Nessuna delle risposte precedenti

 I soggetti con disabilità non possono sperimentare gli stessi stressor delle persone non disabili

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:24 - 16/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 014
01.   Gli interventi messi in atto nel caso di una disabilità:

 Sono sempre rivolti solo al soggetto disabile e il loro limite è che non aiutano a creare una rete sociale intorno all'individuo

 Sono rivolti al soggetto disabile ma anche alla sua famiglia

 Sono sempre rivolti solo al soggetto disabile

 Sono rivolti al soggetto disabile e alla sua famiglia ma il loro limite è che non aiutano a rinforzare una rete sociale extra-familiare

02.   Quale tra le seguenti variabili non favorisce la formazione di strategie di coping della famiglia?

 Le risorse sociali

 Le caratteristiche della relazione coniugale

 L'iperprotezione

 Le risorse materiali

03.   Cos?è la FSCT (Family Stress and Coping Theory)?

 Un modello multivariato che prende in esame le difficoltà incontrate dai genitori dopo una diagnosi di disabilità del figlio

 Un modello multivariato che prende in esame il rapporto tra il genitore disabile e i figli

 Un modello multivariato che prende in esame il rapporto tra i figli disabili e i genitori

 Un modello multivariato che prende in esame il rapporto di coppia quando uno dei due partner è disabile

04.   Come può porsi una famiglia di fronte alla disabilità?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 17/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 015
01.   In riferimento al processo di adattamento sia dei fratelli di soggetti con la sindrome di Down che di fratelli di soggetti autistici, quale delle seguenti
affermazioni è corretta?

 Il rapporto con un fratello autistico risulta essere meno caloroso ed intimo del rapporto con un fratello con la sindrome di Down

 I fratelli di soggetti autistici hanno meno problemi di comunicazione rispetto ai fratelli di soggetti con la sindrome di Down

 Tutti gli studi dimostrano che vi sono più difficoltà di adattamento e accettazione nei fratelli di soggetti Down rispetto ai fratelli di soggetti autistici

 I fratelli di soggetti con la sindrome di Down hanno pensieri molto più pessimistici rispetto ai fratelli di soggetti autistici

02.   Secondo alcune ricerche condotte dagli anni 90 in poi, i fratelli di persone disabili:

 A differenza dei genitori, non riescono mai a mettere in atto strategie di coping efficaci

 Sono sempre eccessivamente coinvolti nel rapporto con il fratello disabile tanto da sostituirsi ai genitori

 Risultano essere sempre più aggressivi e violenti

 Nonostante il legame con il fratello disabile risulti spesso impegnativo e faticoso, sono in grado di sviluppare strategie di coping efficaci e attivare risorse che altrimenti
non avrebbero utilizzato

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 18/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 016
01.   In psicologia, il concetto di ?Resilienza? indica:

 La capacità di affrontare le avversità della vita, superarle e uscirne rinforzato

 Un meccanismo di difesa messo in atto da soggetti che non sono in grado di fra fronte ai problemi

 L'incapacità di far fronte agli eventi critici che si presentano nelle diversi fasi evolutive del soggetto

 L'incapacità di un individuo di avviare un processo di cambiamento

02.   In riferito alla probabilità di sviluppare una psicopatologia, quale tra le seguenti opzioni non rappresenta un fattore di rischio?

 Esperienze di affido

 La presenza di un genitore con disturbi mentali

 Povertà

 Locus of controllo interno nei casi di successo

03.   Che cosa sono i fattori di rischio e di protezione?

04.   Descrivere il concetto di resilienza

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 19/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 017
01.   La resilienza in caso di disabilità può essere considerata:

 Un costrutto legato alle capacità relazionali del soggetto disabile

 Un costrutto che fa riferimento alla persona disabile ma che può essere esteso anche a livello familiare

 Un costrutto che fa riferimento esclusivamente al singolo individuo mettendo in risalto le caratteristiche personali

 Nessuna delle risposte precedenti

02.   Quale dei seguenti elementi non incide positivamente sulla costruzione di una resilienza familiare?

 Il problem solving collaborativo

 La chiarezza nella comunicazione

 Una maggiore responsabilità della persona disabile rispetto alla famiglia

 Disponibilità di risorse economiche

03.   Quale tra le opzioni seguenti non è uno dei tre ambiti di processi familiari che, secondo Froma Walsh, favoriscono la costruzione di percorsi riabilitativi:

 Pattern organizzativi

 Processi di comunicazione

 Sistemi di credenze familiari

 Elevata autostima

04.   Descrive le possibili interazioni tra disabilità e resilienza

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 20/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 019
01.   Quale delle seguenti affermazioni sull'autismo non è corretta:

 E? un disturbo spesso accompagnato da ritardo mentale

 E? un disturbo diffuso in tutto il mondo

 E? un disturbo a spettro

 La diagnosi di questo disturbo è la stessa per ogni individuo senza distinzione di età e livello evolutivo

02.   L'autismo è stato descritto per la prima volta da:

 L. Kanner

 A. Meyer

 E. Bleuler

 E. Kreapelin

03.   L'autismo è considerato una sindrome clinica comportamentale con esordio:

 Dopo i 6 anni con l'inizio della scuola

 Nei primi 3 anni di vita

 Entro i primi 6 anni

 Dopo i primi 3 anni di vita

04.   Quali sono i criteri diagnostici del DSM IV per l'autismo?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 21/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 020
01.   Quale delle seguenti ipotesi sull'eziologia dell'autismo è stata abbandonata

 L'ipotesi genetica

 L'ipotesi neurobiologica

 L'ipotesi ambientale

 Nessuna delle risposte precedenti

02.   Secondo l'ipotesi genetica, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 Nessuna delle risposte precedenti

 I gemello monozigoti hanno le stesse probabilità dei gemelli eterozigoti di essere entrambi affetti da autismo

 I genitori di un bambino autistico hanno una percentuale di ricorrenza di avere un secondo figlio affetto che varia dal 2% e l?8%

 Alcuni membri appartenenti a famiglia di soggetti con autismo presentano caratteristiche comportamentali simili anche se più lievi

03.   Gallese definisce il processo dei neuroni specchio utilizzando il termine ?simulazione incarnata?. Secondo tale definizione, quale delle seguenti risposte non è
corretta?

 Essa indica una riproduzione consapevole degli stati mentali altrui

 Essa indica una riproduzione pre-riflessiva degli stati mentali altrui

 Essa indica una riproduzione automatica degli stati mentali altrui

 Esso indica la simulazione interna di un'azione

04.   Secondo alcuni studi recenti:

 Quando un soggetto autistico osserva le azioni altrui, vi è una attivazione del sistema dei neuroni specchio

 Quando un soggetto autistico osserva le azioni altrui, non vi è una attivazione del sistema dei neuroni specchio

 I neuroni specchio non sembrano essere coinvolti nel disturbo dello spettro autistico

 Quando un soggetto autistico osserva le azioni altrui, vi è una attivazione parziale del sistema dei neuroni specchio

05.   Secondo l'ipotesi neurobiologica:

 L'autismo non è determinato da una patologia organica che interessa primariamente il sistema nervoso centrale

 L'autismo è una patologia a genesi multifattoriale

 L'autismo è un disturbo localizzato in una specifica area del cervello

 L'autismo non compromette l'area cognitiva

06.   Quale delle seguenti affermazioni sui neuroni specchio è corretta?

 Sono una popolazione di neuroni che si attivano quando vengono eseguite azione finalizzate ad uno scopo

 Tutte le risposte precedenti

 Sono una popolazione di neuroni che si attivano quando si osservano azioni eseguite da altre persone

 Sono una popolazione di neuroni che permettono di entrare in empatia con l'altro

07.   Il disturbo dello spettro autistico non comporta deficit:

 Dell'udito

 Della Teoria della Mente

 Della comunicazione sociale

 Dell'imitazione

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 22/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

08.   Secondo l'ipotesi ambientale, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 La causa dell'autismo è imputabile alla cosiddetta ?Madre-frigorifero?

 I bambini autistici, attraverso la strange situation, risultano essere bambini sicuri con una buona relazione di attaccamento

 Esiste una completa indifferenziazione tra il bambino e l'altro

 Nessuna delle risposte precedenti

09.   Spiegare l'esperimento della risonanza magnetica funzionale nell'attivazione dei neuroni a specchio

10.   Cosa sono i neuroni a specchio?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:25 - 23/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 021
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul T.E.A.C.C.H (Treatment and Education of Autistic and Comunication Handicapped Children) non è corretta?

 Si parte dal riconoscimento dei punti di forza del soggetto e dell'accettazione totale delle sue difficoltà

 Si stimolano le capacità visive, mnemoniche e di attenzione del soggetto autistico

 Si fonda su un programmazione elaborata su larga scala

 Richiede una forte cooperazione con la famiglia

02.   Quale delle seguenti affermazioni sulla Tecnica di comunicazione facilitata è corretta?

 E? una tecnica logopedica individuale utilizzata per il disturbo di articolazione del linguaggio

 Nessuna delle risposte precedenti

 E? una particolare tecnica di insegnamento che si basa sulla comunicazione orale

 E? una tecnica di insegnamento di vie di comunicazione alternative a quella orale come l'uso della tastiera di un computer

03.   Chi ha introdotto la Tecnica di comunicazione facilitata?

 E. Erickson

 D. Biklen

 L. Kanner

 E. Schopler

04.   Che cos'è l?ABA (Applied Behavior Analysis)?

 Uno studio condotto negli anni 70 che ha permesso di comprendere quali sono i disturbi a livello comportamentale tipici dell'autismo

 Uno strumento che permette di valutare il livello di gravità del disturbo autistico prendendo in esame i comportamenti dell'individuo

 Una modalità di intervento che utilizza metodi basati sui principi comportamentali al fine di costruire repertori di comportamento utili a ridurre quelli problematici

 Un manuale che classifica i disturbi comportamentali e relazionali del soggetto autistico

05.   Il trattamento del disturbo autistico non prevede:

 Periodiche valutazioni e aggiustamenti del piano educativo

 La scomparsa dei sintomi comportamentali disfunzionali

 Migliorare la capacità di comunicazione

 Implementare le abilità di interazione sociale

06.   Descrivere il trattamento T.E.A.C.C.H. per l'autismo

07.   Quali sono gli obiettivi del trattamento per l'autismo?

08.   Descrivere il metodo ABA (Applied Behavior Analysis) per il trattamento dell'autismo

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:26 - 24/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 022
01.   Cos?è la Sindrome di Williams?

 Una sindrome causata da una triplicazione del cromosoma 21

 Una sindrome causata da un'alterazione del sito fragile del cromosoma X

 Una sindrome causata dal braccio lungo del cromosoma 15 di derivazione materna

 Una sindrome causata da una micro-delezione del cromosoma 7

02.   Per quanto concerne l'eziologia del Ritardo Mentale (RM), quale delle seguenti affermazioni è errata?

 Il RM non può essere di origine acquisita e quindi derivato da cause esterne durante la gravidanza

 Il RM può essere causato da geni anomali ereditati dai genitori

 Il RM può essere causato dal morbillo dopo la nascita

 Il RM può essere causato dall'anossia durante il parto

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:26 - 25/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 023
01.   Quali delle seguenti caratteristiche del Ritardo mentale non è corretta?

 Difficoltà nella gestione consapevole dei propri strumenti mentali e delle proprie conoscenze

 Il processo percettivo è incompleto a causa di una anomalia degli organi di senso periferici

 Ritardi affettivi è disarmonie della personalità

 Incapacità di programmare il movimento nello spazio e nel tempo

02.   Si può diagnosticare un Ritardo Mentale quando:

 Il QI è tra 35 e 55

 Il QI è tra 20 e 40

 Il QI è tra 50 e 70

 Tutte le risposte precedenti

03.   Come viene definito ritardo mentale nell'ICD 10?

04.   Quali sono i quattro livelli del ritardo mentale?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:26 - 26/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 024
01.   Quale delle seguenti affermazioni rappresenta uno dei più importanti target riabilitativi negli interventi di logopedia nei casi di Ritardo Mentale?

 Migliorare la fonologia

 Favorire il linguaggio interno

 Stimolare l'interesse verso il disegno e il gioco

 Tutte le risposte precedenti

02.   A livello generale, quale non è uno degli obiettivi che si pone la pratica psicomotoria nel trattamento del Ritardo Mentale?

 Approfondire la conoscenza delle proprie emozioni

 Sperimentare il piacere del gioco

 Sollecitare l'espressione corporea

 Nessuna delle risposte precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:26 - 27/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 026
01.   Quali bambini sembrano essere più a rischio di maltrattamento?

 I bambini con disabilità di gravità media

 I bambini normodotati

 Non è possibile definire il rischio di maltrattamento

 I bambini con disabilità grave

02.   Con il termine ?maltrattamento? si fa riferimento a:

 Abuso sessuale

 Trascuratezza da parte di un familiare

 Tutte le risposte precedenti

 Violenza fisica, psicologica e morale

03.   In riferimento al maltrattamento del bambino disabile, quale delle seguenti opzione rappresenta un fattore di rischio socio-ambientale?

 Separazione dei genitori

 Bassa istruzione

 Abuso di sostanze da parte dei genitori

 Povertà

04.   Che correlazione vi è, secondo Sullivan, tra abuso nei bambini e neglect ?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:27 - 28/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 027
01.   In riferimento al CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire):

 La scala Minimizzazione-Diniego ha un range che va da 0 a 25

 Le scale che riguardano il maltrattamento psicologico, l'abuso fisico, l'abuso sessuale, la trascuratezza emotiva e la trascuratezza fisica hanno un range che va da 0 a 15

 Le risposte si collocano su una scala Likert a 7 punti

 Le risposte si collocano su una scala Likert a 5 punti

02.   Il CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire) è composta da:

 28 items e 6 sottoscale

 31 items e 8 sottoscale

 29 items e 8 sottoscale

 30 items e 6 sottoscale

03.   Cos?è il CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire)?

 Uno strumento self-report che permette di valutare la presenza di un disturbo post traumatico da stress

 Uno strumento self-report che permette di indagare le esperienze di maltrattamento

 Un?intervista semistrutturata condotta da un professionista per indagare le esperienze di maltrattamento

 Un?intervista semistrutturata condotta da un professionista per valutare la presenza di un disturbo post traumatico da stress

04.   A quale età si somministra il CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire)?

 Dai 14 anni in su

 Dai 16 anni in su

 Dai 6 anni in su

 Dai 12 anni in su

05.   Quale dei seguenti item non fa parte del CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire)?

 Dissociazione

 Trascuratezza emotiva

 Minimizzazione-Diniego

 Abuso sessuale

06.   Quale delle seguenti risposte non è un esempio di trascuratezza?

 Ignorare le raccomandazioni nel campo della salute

 Delegare compiti dei genitori ai nonni

 Impedimento all'istruzione

 Esposizione del bambino alle droghe

07.   In riferimento all'abuso sessuale, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 Fa riferimento solo all'abuso con contatto fisico

 Riguarda la prostituzione infantile

 I bambini abusati sessualmente possono presentare sintomi come costipazione o dolore addominale

 La vittima, in ragione all'età alla preminenza dell'abusante, è coinvolta in atti sessuali a cui non può liberamente consentire

08.   Cosa si intende per abuso fisico?

09.   Descrivere il CTQ (Chidhood Trauma Questionnaire)

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:27 - 29/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 028
01.   Quale delle seguenti opzioni può essere una conseguenza del maltrattamento?

 Esternalizzazione

 Internalizzazione

 Deficit della Teoria della Mente

 Tutte le risposte precedenti

02.   Come si procede per verificare possibili violenze sui disabili?

03.   Che cosa si intende per maltrattamento nei disabili?

04.   Quali sono le conseguenze a livello socio-affettivo di un maltrattamento?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:27 - 30/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 029
01.   In riferimento alla prevenzione terziaria del maltrattamento, quale delle seguenti opzioni non è corretta?

 Si possono individuare due distinte strategie di intervento

 Può essere una vera e propria forma di trattamento

 Il trattamento del soggetto disabile è fortemente individualizzato

 Non riguarda mai la famiglia abusante

02.   Quale delle seguenti opzioni non è una caratteristica del processo di prevenzione del maltrattamento?

 Flessibilità

 La soggettività dei segnali di rischio

 Timing appropriato

 Contestualizzazione

03.   In riferimento al maltrattamento, l'attività di consapevolezza pubblica è un servizio a carattere preventivo:

 Primario

 Non è una forma di prevenzione

 Terziario

 Secondario

04.   In riferimento al maltrattamento, l'assistenza domiciliare è un servizio a carattere preventivo:

 Terziario

 Primario

 Secondario

 Non è una forma di prevenzione

05.   In riferimento ai livelli di prevenzione del maltrattamento, la prevenzione ?secondaria? è:

 Una forma di prevenzione mirata alle famiglie immigrate

 Azioni di prevenzione mirati a gruppi ?a rischio?

 Una forma di prevenzione attuata quando si è già verificata la violenza per ridurne le conseguenze o per evitare una recidiva

 Una forma di prevenzione attraverso la quale si impedisce il fenomeno della violenza prima che si verifichi mediante azioni che interessano tutta la popolazione

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:27 - 31/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 030
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul disabile fisico è corretta?

 Vi è una difficoltà a contenere l'istinto per quanto riguarda i bisogni sessuali

 Trovare un compagno è spesso un processo imitativo, il tentativo di essere uguali agli altri

 Permane una buona coscienza di sé

 Fatica a riconoscere i propri limiti e le proprie potenzialità

02.   Quale delle seguenti affermazioni sulla sessualità dei disabili non è corretta?

 Differisce dal genere del soggetto

 E? influenzata dal livello della qualità di vita percepito

 E? fortemente influenzata dal grado di sviluppo mentale del soggetto

 Non vi sono differenze tra disabilità fisica e mentale

03.   In riferimento alla sessualità dei disabili, cosa si intende per interventi educativi ?sublimativi??

 Interventi che seguono la logica del ?lasciar perdere? per non levare al soggetto il vissuto del senso di benessere, l'espressione delle manifestazioni sessuali vengono
ignorate

 Interventi che seguono la logica del ?lasciar perdere? per non levare al soggetto il vissuto del senso di benessere, l'espressione delle manifestazioni sessuali vengono
ignorate

 Tentativi di arginare lo svilupparsi di manifestazioni sessuali lasciando alla persona la possibilità di agire in un contesto più adeguato

 Tentativi di evitare le situazioni che possono stimolare sessualmente i soggetti disabili

04.   Quali sono i livelli di intervento su cui dovrebbe focalizzarsi l'educazione alla sessualità nei casi di disabilità?

 Essere consapevoli del proprio corpo

 Curare il proprio corpo badando all'igiene personale

 Tutte le risposte precedenti

 Migliorare le relazioni interpersonali

05.   In riferimento alla sessualità dei disabili e agli interventi educativi ad essa collegati, cosa si intende per ?Accorgimenti strutturali??

 Tentativi di evitare le situazioni che possono stimolare sessualmente i soggetti disabili

 Tentativi di arginare lo svilupparsi di manifestazioni sessuali lasciando alla persona la possibilità di agire in un contesto più adeguato

 Interventi che seguono la logica del ?lasciar perdere? per non levare al soggetto il vissuto del senso di benessere, l'espressione delle manifestazioni sessuali vengono
ignorate

 Interventi che seguono la logica del ?lasciar perdere? per non levare al soggetto il vissuto del senso di benessere, l'espressione delle manifestazioni sessuali vengono
ignorate

06.   Descrivere i tre livelli della sessualità

07.   Distinzione tra sessualità di un adulto e di un disabile

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 32/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 032
01.   Quale delle seguenti affermazioni sulla disabilità motoria non è corretta?

 Può colpire l'assetto posturale

 Può essere di origine traumatica

 Può essere causata da malattie del sistema nervoso

 Nessuna delle risposte precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 33/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 033
01.   Quale delle seguenti affermazioni sulle Paralisi Cerebrali Infantili (PCI) è corretta?

 Nessuna delle risposte precedenti

 Alle PCI non è mai associato il ritardo mentale

 Lo stato della lesione può progredire

 Il danno colpisce l'encefalo intorno al secondo o al terzo anno di vita

02.   Che cosa si intende per sviluppo del sé nell'ambito della disabilità motoria?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 34/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 034
01.   In riferimento al rapporto con i pari del bambino disabile, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 Spesso il gruppo dei pari si relaziona al bambino disabile mettendo in atto comportamenti puramente assistenziali

 Il gruppo dei pari fatica a co-costruire una relazione di amicizia con un bambino disabile

 Risulta esserci una minore attrazione ed interazione nei confronti di bambini con problemi motori da parte dei pari

 Il rapporto con il bambino disabile è rappresentato come più coeso dal gruppo dei pari

02.   I genitori di un figlio con PCI (Paralisi Cerebrali Infantili) spesso si concentrano sulla parte malata del figlio (es. impossibilità di usare un arto) non
considerandolo come una persona nella sua totalità. In quale periodo dello sviluppo questo atteggiamento risulta essere problematico per il figlio?

 L'adolescenza

 La seconda infanzia

 La prima infanzia

 La fanciullezza

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 35/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 035
01.   Quale delle seguenti opzioni rappresenta la definizione di ?paraplegia??

 Disturbo motorio che interessa solo una metà del corpo

 Disturbo motorio a carico di due arti comunque distribuito

 Disturbo localizzato agli arti inferiori in maniera simmetrica e bilaterale

 Difetto motorio localizzato ad un solo arto

02.   In riferimento alla tetraplegia, quale affermazione è corretta?

 Il deficit motorio coinvolge solo un arto

 Il deficit motorio coinvolge tre arti

 Il deficit motorio coinvolge tutti e quattro gli arti

 Il deficit motorio coinvolge due arti

03.   Cosa si intende per ?disabilità acquisita??

 Tutte le risposte precedenti

 La disabilità conseguente ad una malattia ereditata geneticamente da uno dei due genitori

 La disabilità che compare in momenti successivi alla nascita

 La disabilità conseguente ad una malattia della madre trasmessa al bambino durante la gravidanza

04.   Quale tra le seguenti opzioni non rappresenta una causa della disabilità acquisita?

 Patologie associate all'invecchiamento

 Incidente stradale

 Toxoplasmosi durante la gravidanza

 Danni cerebrali dovuti all'abuso di sostanze

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 36/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 036
01.   Quale delle seguenti affermazioni relative alla motricità è corretta?

 Nessuna delle risposte precedenti

 Nonostante una disabilità motoria, il bambino è in grado di avviare il processo di individuazione-separazione dal caregiver

 L'apprendimento del bambino non risulta essere ostacolato da una disabilità motoria

 Quando la motricità è ostacolata o negata, diventa difficile per il bambino costruire una rappresentazione mentale di sé

02.   Quale tra le seguenti opzioni non è una modalità di intervento sul soggetto con disabilità acquisita?

 Differenziare l'intervento per favorire nel migliore dei modi il processo di elaborazione del trauma

 Se la disabilità è di tipo mentale, è possibile far partecipare il soggetto alle riunioni di equipe per coinvolgerlo nel processo riabilitativo

 A volte è consigliabile effettuare colloqui anche con i familiari

 Intensificare l'intervento durante i momenti critici che segnano il passaggio da una fase all'altra. Ad esempio, dall'avvio alla dimissione alla ripresa alla vita quotidiana

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:28 - 37/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 037
01.   L'International Association for the Study of Pain ha proposto una classificazione multidimensionale del dolore che si basa su:

 4 assi

 5 assi

 3 assi

 2 assi

02.   Quale delle seguenti caratteristiche non viene presa in considerazione nella descrizione delle diverse sindromi algiche?

 Età dell'individuo

 Intensità

 Sistema corporeo interessato

 Durata

03.   Quale delle seguenti affermazioni sulla classificazione del dolore dell'International Association for the Study of Pain è corretta?

 E? esaustiva e considera la valutazione dei dati psicosociali

 E? esaustiva e considera la valutazione dei dati comportamentali

 Nessuna delle risposte precedenti

 Il modello non ha ricevuto conferme definitive sull'utilizzabilità

04.   Secondo Portenoy, il dolore nocicettivo è:

 Dolore che si manifesta come conseguenza di stimoli talmente lievi da essere normalmente innocui o poco dolorosi

 Il dolore è ricollegato a fattori psicologici che sono sempre presenti anche quando l'evento scatenante è stato superato

 Dolore che compare in seguito ad evento lesivo

 Dolore continuo che si manifesta in assenza di stimoli

05.   Il dolore cronico post-intervento è stato descritto nei primi anni 70 come:

 Un dolore che persiste per circa un mese o due

 Un dolore che persiste per circa una settimana

 Un dolore che persiste per circa 15 giorni

 Un dolore che persiste per più di 3 o 6 mesi

06.   Quale delle seguenti affermazioni sul dolore cronico non è corretta?

 Vi è una maggiore prevalenza di condizioni cliniche di dolore cronico negli uomini rispetto alle donne

 Oggigiorno la forma di dolore cronico maggiormente presente è la lombalgia

 Le donne presentano un maggior livello di catastrofismo rispetto agli uomini

 La cultura influenza la percezione del dolore

07.   Per quanto riguarda il concetto di dolore, secondo Ippocrate:

 Il dolore è inteso come uno spirito maligno penetrato nel corpo

 Introduce la visione razionale del dolore

 La felicità e il dolore sono inscindibili

 Non sono gli eventi divini a causare malattia e dolore

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:29 - 38/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

08.   Secondo il Gate Control Theory:

 L'elemento principale di questa teoria è che ogni stimolo sensoriale è in grado di causare dolore nel momento in cui questo raggiunge un'intensità sufficiente

 Secondo tale teoria il dolore è una modalità specifica di sensibilità, dotata di un proprio apparato afferente distinto dalle altre afferenze sensoriali

 L'elemento principale di questa teoria si basa sull'interazione e sulla modulazione reciproca tra le fibre nervose nocicettive e quelle non nocicettive

 Secondo questa teoria il dolore è inteso come il risultato di specifici pattern spazio-temporali di trasmissione e di scarica di informazioni provenienti da fibre
specializzate

09.   Il dolore, secondo la definizione elaborata dall'International Association for the Study of Pain, è:

 Un concetto che rispecchia il modello Medico

 Un concetto che rispecchia il modello Sociale

 Nessuna delle risposte precedenti

 Un concetto che rispecchia il modello Bio-psico-sociale

10.   Descrivere la teoria della specificità del dolore

11.   Che cos'è il dolore?

12.   Descrivere la Gate Control Theory

13.   Come si classifica il dolore?

14.   Come è stato definito il dolore nell'arco della storia?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:29 - 39/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 038
01.   Quale dei seguenti fattori psicologici è spesso significativamente correlato alle condizioni mediche del dolore cronico?

 Tutte le risposte precedenti

 Funzioni esecutive

 Catastrofismo

 Depressione

02.   Quale dei seguenti deficit non rappresenta una conseguenza di un danno alla corteccia prefrontale?

 Impulsività

 Disinibizione

 Capacità di entrare in empatia

 Capacità di giudizio

03.   In riferimento al dolore cronico, che cos'è la kinesiofobia?

 La paura delle carrozzine per disabili

 La paura del movimento

 La paura del dolore emotivo

 La paura degli interventi chirurgici

04.   Quale delle seguenti opzioni non rappresenta una possibile conseguenza del catastrofismo?

 Riduzione dell'attività fisica

 Ipervigilanza

 Ritiro dal lavoro

 Minore consapevolezza corporea

05.   Descrivere correlazione tra PTSD e dolore cronico

06.   Descrivere il dolore e i correlati psicologici

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:29 - 40/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 039
01.   Quale dei seguenti tratti di personalità non rappresenta un fattore di rischio per il dolore cronico?

 Nevrosi

 Estroversione

 Anxiety sensivity

 Evitamento esperienziale

02.   Quale dei seguenti test è utilizzato maggiormente per indagare la personalità dei soggetti con dolore?

 Five minutes

 NEO-personality inventory

 Test di Rorschach

 Cognitive Behavioural Assessment

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:29 - 41/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 040
01.   In riferimento al dolore, secondo la classificazione emanata dall'OMS, quale dei seguenti famaci fanno parte del primo gradino?

 Il paracetamolo

 La codeina

 La morfina

 Il tramadolo cloridato

02.   In riferimento al dolore, secondo la classificazione emanata dall'OMS, quale dei seguenti famaci fanno parte del secondo gradino?

 La morfina

 La codeina

 Il paracetamolo

 I FANS

03.   I trattamenti invasivi per il dolore si dividono in maggiore e minore. Quale tra i seguenti trattamenti rientrano nelle procedure minori?

 Tecniche di neuro-lesione

 Tecniche di blocco nervoso periferico

 Nessuna delle risposte precedenti

 Riabilitazione muscolo-scheletrica

04.   In riferimento al dolore, secondo la classificazione emanata dall'OMS, quale dei seguenti famaci fanno parte del terzo gradino?

 La morfina

 Il paracetamolo

 La codeina

 I FANS

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:30 - 42/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 041
01.   Che cos'è il ?Fat Mass Obesity??

 Uno strumento utilizzato per valutare la massa grassa dell'individuo

 Un gene

 Uno studio condotto negli anni 90 negli USA

 Un test per valutare la rappresentazione che gli individui obesi hanno del proprio corpo

02.   Quale delle seguenti opzioni non rappresenta un fattore che, secondo uno studio condotto da alcuni scienziati nel 2006, contribuisce al grande aumento
dell'obesità nel mondo?

 Fattori genetici

 Diminuzione del cambiamento nella temperatura ambientale

 Benessere economico

 Disturbi endocrini

03.   Anche se l'ondice di Massa Corporea (IMC) è utile da un punto di vista epistemologico, per definire la gravità dell'obesità è fondamentale la conoscenza della
composizione corporea. Si parla di obesità:

 In presenza di massa grassa superiore al 25% per l'uomo e 35% per la donna di media età

 In presenza di massa grassa superiore al 35% per l'uomo e 25% per la donna di media età

 In presenza di massa grassa superiore al 5% per l'uomo e 15% per la donna di media età

 In presenza di massa grassa superiore al 15% per l'uomo e 5% per la donna di media età

04.   Secondo la formula dell'Indice di massa corporea (IMC), da che valore si parla di obesità?

 Quando il valore ottenuto supera il 50

 Quando il valore ottenuto super il 20

 Quando il valore ottenuto supera il 40

 Quando il valore ottenuto supera il 30

05.   L'indice di massa corporea (IMC) si calcola:

 Mettendo in relazione il peso all'altezza in metri dell'individuo

 Mettendo in relazione il peso al quadrato dell'altezza in metri dell'individuo

 Mettendo in relazione il peso all'altezza in metri e agli anni dell'indivuo

 Mettendo in relazione il peso all'età dell'individuo

06.   Come viene definita l'obesità?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:30 - 43/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 042
01.   La NES (Night Eating Syndrome) è caratterizzata dalla combinazione di tre disturbi. Quale non ne fa parte?

 Disturbo del sonno

 Disturbo di personalità

 Disturbo dell'umore

 Disturbo dell'alimentazione

02.   In riferimento al BED (Binge Eating Disorder) e all'obesità, quale delle seguenti affermazioni è corretta?

 Le persone obese senza BED mangiano di più sia durante i pasti, sia durante le crisi alimentari

 Il BED viene trattato principalmente nei centri per la cura dei disturbi alimentari piuttosto che in quelli specializzati per la cura dell'obesità

 I soggetti obesi senza BED presentano disturbi quali ipocondria, depressione e problemi relazionali di livello minore rispetto ai soggetti obesi con BED

 I soggetti senza BED sono soliti lamentare preoccupazioni per il cibo, peso e forme corporee

03.   Quale tra le seguenti opzioni è una caratteristica psicologica tipica del DAI (Disturbo da Alimentazione Incontrollata)?

 Maggiore sensibilità e calorosità

 Tutte le risposte precedenti

 L'alternarsi di fasi caratterizzate da anoressia sessuale e fasi caratterizzate appetito sessuale insaziabile

 Stile di pensiero dicotomico

04.   In riferimento all'obesità, quale delle seguenti affermazioni non è corretta?

 L'obesità è molto spesso associata a disturbi della condotta alimentare

 L'obesità comporta una bassa autostima

 Il crescente numero di obesi nel mondo ha portato ad una leggera diminuzione del pregiudizio e discriminazione nei loro confronti

 Le persone tendono a fare valutazioni più negative sulle persone obese e più positive sulle persone magre

05.   In riferimento all'associazione tra obesità e disagio psicologico, secondo gli studi di Carpenter ed Istvan:

 Le donne normopeso hanno un rischio maggiore di essere depresse rispetto alle loro controparti obese

 Gli uomini normopeso hanno un rischio maggiore di essere depressi rispetto agli uomini obesi

 Gli uomini obesi hanno un rischio maggiore di essere depressi rispetto agli uomini normopeso

 Le donne obese hanno un rischio maggiore di essere depresse rispetto alle loro controparti normopeso

06.   Secondo il DSM V, si può diagnosticare un Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI) quando:

 La persona assume grandi quantità di cibo due o più volte alla settimana per almeno 1 mese

 La persona assume grandi quantità di cibo due o più volte alla settimana per almeno 3 mesi

 La persona assume grandi quantità di cibo due o più volte alla settimana per almeno 1 anno

 La persona assume grandi quantità di cibo due o più volte alla settimana per almeno 6 mesi

07.   Quali sono i fattori predisponenti dell'obesità?

08.   Quali sono le caratteristiche psicologiche del disturbo da alimentazione incontrollata?

09.   Definire la night eating syndrome

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:30 - 44/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 043
01.   Quali figure professionali si occupano della riabilitazione dell'obesità?

 Psicologi ed educatori

 Psicologi, medici e dietisti

 Tutte le figure sopra citate

 Medici ed infermieri

02.   Che cos'è il By-pass gastrico?

 Un dispositivo in silicone, di forma sferica, che viene posizionato per via endoscopica nel lume gastrico per indurre la perdita di peso attraverso un riempimento parziale
dello stomaco che provoca un senso di sazietà

 Nessuna delle risposte precedenti

 E? un intervento restrittivo caratterizzato dal posizionamento di un anello in silicone attorno allo stomaco, nella sua parte superiore, in prossimità dell'esofago. Alla
chiusura dell'anello lo stomaco assume la forma di una clessidra asimmetrica

 La creazione di una tasca gastrica grande quanto mezzo bicchiere, anastomizzata ad un'ansa intestinale isolata e atta a contenere limitate quantità di cibo

03.   Secondo le linee guida internazionali, quale trattamento psicologico è più raccomandato per il trattamento dell'obesità?

 La terapia psicodinamica

 La terapia cognitivo-comportamentale

 La terapia sistemico-relazione

 La terapia costruttivista

04.   Quale tra le seguenti opzioni non è una variabile psicologica predittiva di esito negativo del trattamento per l'obesità?

 Scarsa autoefficacia

 Aspettative eccessivamente ottimistiche

 Bassa motivazione

 Locus of control interno

05.   Il piano di cura della persona obesa è:

 Standardizzato

 Differente in base al sesso

 Non deve cambiare nel corso del trattamento

 Ad personam

06.   Nel trattamento dell'obesità, descrivere il programma riabilitativo motorio funzionale

07.   Nel trattamento dell'obesità, descrivere gli interventi psicopedagogici

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:31 - 45/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 044
01.   Che cos'è l'aprassia?

 Compromissione della capacità di apprendere nuove informazioni

 Incapacità di riconoscere o identificare oggetti

 Compromissione della capacità di eseguire attività motorie

 Alterazione del linguaggio

02.   Si possono distinguere due tipi di demenza: corticale e sottocorticale. Quali dei seguenti disturbi è legato alla demenza sottocorticale?

 Amnesia

 Rallentamento ideativo

 Afasia

 Agnosia

03.   Quale delle seguenti affermazione sulla demenza di Alzheimer non è corretta?

 Il cervello è caratterizzato da placche amiloidi esterne ai neuroni e da grovigli neurofibrillari

 Violenza fisica, psicologica e morale

 E? una demenza di tipo degenerativo

 Colpisce prevalentemente il genere maschile

04.   Descrivere il quadro clinico nella malattia di Alzheimer

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:31 - 46/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 045
01.   Qual è il sintomo più significativo del morbo di Alzheimer?

 L'amnesia lacunare

 L'amnesia globale

 L'amnesia retrograda

 L'amnesia anterograda

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:31 - 47/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 046
01.   Quale delle seguenti affermazioni sui caregivers dei soggetti affetti da morbo di Alzheimer non è corretta?

 Non riconoscono più nel malato la persona di prima

 A lungo andare sviluppano stati d'animo di risentimento e ribellione nei confronti della persona malata

 Il caregiver percepisce una relazione simmetrica con il soggetto malato

 Vi è spesso un abbassamento delle difese immunitarie

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:31 - 48/49


Set Domande: PSICOLOGIA CLINICA DELLA DISABILITA'
SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (D.M. 270/04)
Docente: Manzoni Gian Mauro

Lezione 047
01.   Quale delle seguenti affermazioni sul Mini Mental State Examination (MMSE) non è corretta?

 La codifica prevede un punteggio massimo di 30 punti

 Esistono coefficienti di aggiustamento per classi di età ed educazione nella popolazione italiana

 Sono considerati anormali i punteggi pari o superiori a 24

 E? uno strumento composto da 11 item

02.   Che cos'è la terapia 3R?

 La ROT applicata unitamente alla terapia di reminescenza e alla terapia di ri-motivazione

 La terza versione della Reality Orientation Therapy

 Una terapia caratterizzata da 3 step: ricordare, ricostruire e riabilitare

 Nessuna delle risposte precedenti

03.   Nella Terapia di rimotivazione:

 Il setting è caratterizzato da gruppi formati da 3-4 pazienti con un livello di decadimento cognitivo simile, le sedute durano 45 minuti e si svolgono 5 giorni alla settimana

 La terapia è applicata solo individualmente, le sedute durano 1 ora e si svolgono 3 giorni alla settimana

 La terapia può essere utilizzata con pazienti ambulatoriali o istituzionalizzati, applicata individualmente o in gruppo, le sedute bisettimanali che durano 1 ora

 La terapia è applicata a gruppi di 10 persone, le sedute durano 30 minuti e si svolgono 2 giorni alla settimana

04.   La Reality Orientation Therapy:

 Nasce negli anni 60 ed è di matrice costruttivista

 Nasce negli anni 60 ed è di matrice psicoanalitica

 Nasce negli anni 60 ed è di matrice sistemico-relazionale

 Nasce negli anni 60 ed è di matrice cognitivista

05.   Descrivere la reality orientation therapy

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 30/11/2016 18:17:31 - 49/49

Potrebbero piacerti anche