Sei sulla pagina 1di 41

Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

PIASTRA VERTICALE SU SUOLO:


PARATIE

1 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

1 – UTILIZZI, METODI DI ANALISI, MATERIALI


UTILIZZI -Banchine di ormeggio
-Protezione contro erosione di spiagge
-Stabilità dei pendii
-Pareti di trincee e scavi
-Cassoni a tenuta stagna per lavori subacquei

METODI DI ANALISI -Differenze finite o elementi finiti


-Metodi classici basati sulla statica del corpo rigido

MATERIALI -Acciaio
-Legno
-Calcestruzzo

2 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

2 - TIPI DI PARATIE
PALANCOLATE IN CALCESTRUZZO ARMATO
Gettate in opera
Elementi prefabbricati mediante giunzioni maschio e femmina

SCFRC - applications

[3] [3]

3 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Conventional (product of SPANBETON) [3]


B65, prestressed with additional reinforcement

New segment:
B105, prestressed, self-compacting, 125 kg/m3,
13 mm steel fibres [3]

Required:
- 1-day strength: 60 MPa
- self-compacting
- free spacing: 16 mm

[3]

PALANCOLATE IN ACCIAIO
Molte diffuse - Leggere - Riutilizzabili
4 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

3 - PRESSIONI LATERALI DEL TERRENO

Metodi classici
Pressione attiva e passiva
Ka e Kp valutabili con coefficienti di Coulomb o Rankine (a favore di sicurezza).

[1]
5 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

In genere essendo le palancolate abbastanza flessibili gli


spostamenti della struttura sono elevati:

contributo importante dell'attrito tra struttura e terrapieno

Teoria di Coulomb preferibile


(Rankine non tiene conto dell'attrito)

6 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Angolo di attrito δ tra paratia e terreno

[1]
7 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Elementi finiti

Pressione attiva
Ka valutabili con coefficienti di Coulomb o Rankine.

Modulo di sottofondo
Da utilizzare nella regione di pressione passiva.
k s = As + Bs ⋅ Z n
Valutazioni basate sulla capacità portante del terreno alle diverse profondità:

qult c ⋅ N c + q ⋅ N q + 0.5 ⋅ γ ⋅ B ⋅ N γ
ks = = con ∆H=25 mm
∆H ∆H

8 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

con (secondo Terzaghi)

con (secondo Meyerhof)


c ⋅ N c + 0.5 ⋅ γ ⋅ B ⋅ N γ γ ⋅ Nq
As = Bs = n=1
∆H ∆H

9 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

4 - VALUTAZIONE DELLE AZIONI INTERNE

4.1 - Palancolate a mensola in un terreno incoerente


Azioni: pressione attiva del terreno fino alla linea di fondo scavo.
Reazioni vincolari: pressione passiva del terreno nella zona infissa.
Kp e K'p calcolati considerando gli opportuni coefficienti di sicurezza.

pa
a=
γ '⋅ ( K ' p − K 'a )

p p = γ '⋅ ( K ' p − K 'a ) ⋅ Y

p '' p = γ ⋅ h1 ⋅ K p + γ '⋅ ( h2 + a + Y ) ⋅ K ' p


−γ '⋅ ( a + Y ) ⋅ K 'a
[1]
10 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Per l'equilibrio delle forze orizzontali si ha:

z z Y p p ⋅ Y − 2 ⋅ Ra
R a + p p ⋅ + p '' p ⋅ − p p ⋅ = 0 z=
2 2 2 p p + p '' p
Per l'equilibrio alla rotazione intorno all'estremità inferiore si ha:

( z
3
) (
z Y
2 3
Y
Ra ⋅ Y + y + ⋅ p p + p '' p ⋅ − p p = 0
2
)
Sostituendo l'espressione di z si ricava un'equazione di 4° grado in Y:

2 8 ⋅ Ra ⎡ 6 ⋅ Ra ⎤ 6 ⋅ Ra ⋅ y ⋅ p ' p + 4 ⋅ Ra
2

( )
p'p
Y 4 +Y 3 −Y −Y ⋅ ⎢ 2 2 ⋅ y ⋅C + p'p ⎥ − =0
⎣ C ⎦
2
C C C

con C = γ '⋅ ( K ' p + K 'a )

p ' p = γ ⋅ h1 ⋅ K p + γ '⋅ ( h2 + a ) ⋅ K ' p − γ '⋅ a ⋅ K 'a


11 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

4.2 - Palancolate a mensola in un terreno coesivo

q 2 q1
A A

B B
Deformata probabile

σpAsx A σaAdx A σaAdx - σpAsx

B B
σpBsx σaBdx σpBsx - σaBdx
Spostamento verso lo scavo
12 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

σaAsx A σpAdx A σpAdx - σaAsx

B B
σaBsx σpBdx σpBdx - σaBsx
Spostamento verso il terrapieno
Composizione delle situazioni precedenti e definizione del diagramma risultante.

A σaAdx - σpAsx A σaAdx - σpAsx


D
B z
σpBsx - σaBdx σpBdx - σaBsx B σpBdx - σaBsx

13 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

⎛ φ⎞ ⎛ φ⎞
σ aAdx = q1 ⋅ tan ⎜ 45° − ⎟ − 2 ⋅ c ⋅ tan ⎜ 45° − ⎟
2

⎝ 2⎠ ⎝ 2⎠
⎛ φ⎞ ⎛ φ⎞
σ pAdx = q1 ⋅ tan ⎜ 45° + ⎟ + 2 ⋅ c ⋅ tan ⎜ 45° + ⎟
2

⎝ 2⎠ ⎝ 2⎠

⎛ φ⎞ ⎛ φ⎞
σ aAsx = q2 ⋅ tan ⎜ 45° − ⎟ − 2 ⋅ c ⋅ tan ⎜ 45° − ⎟
2

⎝ 2⎠ ⎝ 2⎠
⎛ φ⎞ ⎛ φ⎞
σ pAsx = q2 ⋅ tan ⎜ 45° + ⎟ + 2 ⋅ c ⋅ tan ⎜ 45° + ⎟
2

⎝ 2⎠ ⎝ 2⎠
- Per l'equilibrio delle forze orizzontali si ricava z.
- Sostituendo il valore di z nell'equazione di equilibrio alla rotazione intorno
all'estremità inferiore e sviluppando i conti si ricava il valore di D.
14 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

4.3 - Palancolate ancorate; metodo free-earth support

Metodo free-earth support:


paratia con appoggio libero
nel terreno.

Ipotesi:
-palancolata rigida
-rotazione della palancolata
a livello dell'ancoraggio
-ancoraggio fisso

[1]
15 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

pa
a=
γ '⋅ ( K ' p − K 'a )

Dall'equilibrio alla rotazione rispetto alla barra di ancoraggio si ricava il valore


di X attraverso l'equazione:

6 ⋅ Ra ⋅ y
2 ⋅ X + 3 ⋅ X ⋅ ( h3 + a ) −
3 2
=0
γ '⋅ ( K ' p − K 'a )

Dall'equilibrio delle forze orizzontali si ricava la forza nella barra di ancoraggio:


Par = Ra − R p

16 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

4.4 - Riduzione dei momenti flettenti per il metodo free-earth


support - Metodo di Rowe

Applicabile a sabbie da mediamente dense uniformi a limose dense oppure per


depositi sabbiosi caratterizzati da compressibilità del terreno antistante la
palancola limitata (escludendo quindi sabbie limose sciolte).

Procedimento.
(1) Si calcola il valore massimo del momento M0 e l'altezza totale della
palancola H con il metodo free-earth support;
(2) Si applica la riduzione del momento prevista dalle curve ricavate
sperimentalmente da Rowe (1952-1957);

17 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Coefficiente di flessibilità

⎡4 4 ⎤
H ⎢ m ⎥
ρ=
E ⋅ I ⎢ Pa ⋅ m ⎥
4

⎣ m⎦
con:
H=altezza totale della paratia in m;
E=modulo elastico paratia espresso in
Pa
I=momento di inerzia della paratia
per unità di lunghezza espresso in
m4/m;

[1]
18 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

(3) Si tracciano le curve


M
f1 ( ρ ) = M 0 ⋅ (ρ) curve di Rowe moltiplicate per il valore massimo
M0
del momento M0
f 2 ( ρ ) = σ s ⋅ We ( I ( ρ ) ) momento offerto dalla sezione
σs tensione dell'acciaio in esercizio

We ( I ( ρ ) ) modulo di resistenza della paratia per unità di

lunghezza (valori tabellati)


H4
I= legame tra le caratteristiche geometriche della
ρ ⋅E
paratia e ρ
19 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

[1]
(4) Si individua l'intersezione tra le curve f1 ed f2.
Ogni sezione di paratia rappresentata da un punto di f2 superiore a f1 è adeguata.
La scelta più economica è il punto più vicino all'intersezione.

20 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

4.5 - Stabilità globale della paratia.


Possibili meccanismi:

1 Rottura della paratia.


2 Collasso degli ancoraggi.
3 Rottura al piede per insufficiente infissione.
4 Collasso per perdita globale del sistema (con superficie di scorrimento
passante per il piede della paratia ed oltre le fondazioni degli ancoraggi).

21 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5 - PARATIE UTILIZZATE COME STRUTTURE DI


SOSTEGNO DI PENDII INSTABILI [2]
- Metodi di calcolo non consolidati perché non sono frequenti gli interventi di
stabilizzazione delle frane in particolare quelli che impiegano strutture di sostegno.
- Contengono il corpo di frana e possono bloccarne del tutto i movimenti.
- Strutture rigide a contenimento continuo.
- Utilizzo in pendii instabili
• Strutture scariche all'atto della loro realizzazione.
• Entrano in carico per gli spostamenti del pendio.
- Utilizzo in pendii stabili il cui margine di sicurezza venga ridotto al di sotto di valori
ammissibili a seguito della realizzazione di scavi o a causa della costruzione di rilevati.
• Costruzione preventiva.

22 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

• Realizzazione dell'opera che muta lo stato tensionale del pendio e nel tempo
anche quello deformativo.
• Entrata in carico della paratia.

[2]

23 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.1 - Meccanismo di interazione tra una paratia ed il terreno


instabile.
Si ipotizza che la realizzazione dell'opera non modifichi lo stato tensionale in sito.

[2] [2]

E0: calcolabile con i metodi dell'equilibrio limite.


Il valore Ea>E0 avrà fatto diminuire la mobilitazione a monte (settore A).
24 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

Ea>E0 (spinta)
τa<τ0 (grado di mobilitazione della resistenza a taglio)
Fa>F0 (coefficiente di sicurezza)
Il settore B tende a scorrere verso il basso con diminuzione di Eb
Eb<E0 τb<τ0 Fb>F0
Spinta sull'opera
S=Ea-Eb
E' necessario conoscere la legge che lega il grado di mobilitazione della
resistenza a taglio e la velocità di scorrimento dei terreni.

25 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

[2]
26 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

La spinta S evolve nel tempo fino a raggiungere il valore necessario a fermare le


deformazioni del pendio.

Il calcolo di S richiede:
- assunzione di un determinato grado di mobilitazione della resistenza a taglio
lungo la superficie critica;
- calcolo del coefficiente di sicurezza F* (pari all'inverso del grado di
mobilitazione);
- valutazione di Ea ed Eb per equilibrio in modo tale che sulle basi dei settori A e
B il coefficiente di sicurezza sia pari a F*;
Ea = ∫ τ ah ⋅ dsa Eb = ∫ τ bh ⋅ dsb τah, τbh: componenti orizzontali di τa e τb

27 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.2 - Meccanismo di interazione tra due paratie ed il terreno


instabile.

[2]
28 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

- Spinta paratia di valle S1=Eb1-Ec


- Spinta paratia di monte S2=Ea-Eb2
- Assunzione di un determinato grado di mobilitazione della resistenza a taglio
lungo le superfici critiche;
- Calcolo dei coefficiente di sicurezza Fa, Fb, Fc (pari all'inverso dei gradi di
mobilitazione);
- Valutazione di Ea, Eb1, Eb2 ed Ec per equilibrio in modo tale che sulle basi dei
settori A, B e C i coefficienti di sicurezza siano pari a Fa, Fb, Fc;
- Si impone che Fa = Fb = Fc
- Si impone a discrezione S1/S2=β ottenendo un sistema lineare di 3 equazioni in
3 incognite (S2; Eb1, Eb2)
S1 = β S2 = Eb1 − Ec = Eb1 − ∫ τ ch ⋅ dsc = Eb1 − C1

29 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

S2 = Ea − Eb 2 = ∫ τ ah ⋅ dsa − Eb 2 = C2 − Eb 2

Eb1 − Eb 2 = ∫ τ bh ⋅ dsb = C3

⎡β −1 0 ⎤ ⎡ S2 ⎤ ⎡ −C1 ⎤
⎢1 0 1 ⎥ ⎢ Eb1 ⎥ = ⎢ C2 ⎥
⎢ ⎥⎢ ⎥ ⎢ ⎥
⎣⎢ 0 1 −1⎥⎦ ⎢⎣ Eb 2 ⎥⎦ ⎢⎣ C3 ⎥⎦

- Se gli spostamenti della massa instabile non sono uniformi, il coefficiente β


può essere scelto in modo tale da caricare di più la paratia collocata nella zona
con spostamenti più elevati.

30 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.3 - Considerazioni sui metodi proposti in 5.1 e 5.2.

- I METODI PROPOSTI CALCOLANO LE SPINTE IN BASE


ALL'EQUILIBRIO GLOBALE. NON SI CONSIDERA L'INTERAZIONE
TRA TERRENO E STRUTTURA PERCIO' NON E' NOTA LA
DISTRIBUZIONE DELLE AZIONI SULLA STRUTTURA.
- I valori da attribuire ai coefficienti di sicurezza variano, secondo la letteratura,
tra 1.05 e 1.20 anche se il valore consigliabile è 1.20. L'assunzione di
coefficienti di sicurezza troppo bassi può produrre il collasso della struttura (le
spinte crescono al crescere dei coefficienti di sicurezza richiesti).
- I costi delle opere crescono con legge più che lineare con lo spessore del corpo
di frana. Il limite economico è pari a 10-15 m in funzione del tipo di struttura.

31 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.4 - Posizionamento dell'opera di sostegno.


- Posizionamento più economico nelle zone dove la superficie di scorrimento è meno profonda.
- Se l'opera è collocata troppo in alto, lo scorrimento potrà proseguire a valle rendendo inefficace
l'intervento.
- Se l'opera è vicino al piede del pendio, la spinta può risultare eccessiva.

[2]
32 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

- Cartier e Nakamura suggeriscono


di valutare con uno dei metodi
dell'equilibrio limite (Janbu,
Morgestern & Price, Sarma), le
componenti orizzontali delle forze
Ei interne alla massa (sulle
interfacce delle strisce). Tale
valutazione deve riguardare il
pendio nelle sue condizioni
naturali, senza la struttura.
[2]

- Si calcola l'azione orizzontale P necessaria per elevare il coefficiente di sicurezza dal valore
naturale F0 a quello richiesto F*.
- Si posiziona l'opera nella zona centrale del pendio dove Ei>P.

33 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.5 - Progettazione dell'opera di sostegno.


- Una paratia a pannelli adiacenti risulta quasi impermeabile. Lo sbarramento idraulico
produce l'innalzamento della falda a monte dell'opera determinando un aumento del
grado di mobilitazione lungo la superficie di scorrimento a monte. La spinta sulla paratia
tende ad aumentare. Si può pregiudicare la stabilità globale dell'intero pendio. Occorre
prevedere il distanziamento tra i pannelli adiacenti che costituiscono la paratia oppure
realizzare opportuni drenaggi per evitare che l'opera modifichi in modo negativo il
regime delle acque sotterranee.
- Lunghezza di infissione al di sotto della superficie di scorrimento tale da non
consentire scorrimenti profondi. Secondo Baker & Yoder la paratia deve essere infissa
nel terreno stabile per un tratto lungo 1/3 - 1/4 del tratto infisso nel terreno instabile.
Occorre verificare con i metodi dell'equilibrio limite che nessuna superficie passante per
l'estremità inferiore della paratia abbia un coefficiente di sicurezza minore di quello che
si intendeva raggiungere con l'intervento.
34 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

[2]
- Carichi nel tratto che attraversa la massa scivolante:
spinta S (5.1 - 5.2) applicata ad h/3 (si ipotizza una distribuzione lineare).
- Carichi nel tratto che attraversa la massa stabile: reazione incognita del terreno.

35 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

[2]
- La paratia in genere è molta alta:
- non è applicabile l'approccio classico a rottura
(struttura rigida e terreno rigido - plastico)
- si applica l'ipotesi di Winkler

36 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.6 - Calcolo delle paratie collocate in un terreno in frana


secondo l'ipotesi di Winkler.

Terreno stabile (al di sotto della superficie di scivolamento)


a monte ed a valle letti di molle reagenti in orizzontale
molle mutuamente indipendenti
relazioni pressioni - spostamenti
elastica-perfettamente plastica
elastica non lineare (iperbolica)
pressioni con limite superiore (stato passivo)
pressioni con limite inferiore (stato attivo)

37 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

[2]

Applicazione EF e controllo dei risultati ad esempio tramite verifica del


valore di spinta passiva a valle del tratto infisso con uno dei metodi
dell'equilibrio limite.

38 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

5.7 - Calcolo semplificato delle paratie collocate in un


terreno in frana.
- Paratia rigida, Terreno rigido plastico, Ancoraggi inestensibili.

[2]

- Si calcolano: S: spinta che agisce al di sopra della superficie di scorrimento (tratto h)


39 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

S': spinta effettiva sul tratto h


U: differenza di pressione neutra tra monte e valle sul tratto h
∆U: risultante delle pressioni neutre che agiscono a monte (Um) ed a
valle (Uv) della paratia, al di sotto della superficie critica.
Sa': spinta attiva effettiva a monte dell'opera, nel tratto immerso nel
substrato stabile (tratto i). Termine spesso trascurabile.
- Dall'equilibrio alla rotazione intorno alla sezione di ancoraggio si ricava Se' (spinta
passiva effettiva mobilitata a valle del tratto infisso)
- Si calcola Sp': spinta passiva effettiva nel tratto i (calcolata con un metodo
dell'equilibrio limite)
- Si calcola il coefficiente di sicurezza cioè il grado di mobilitazione della spinta passiva
S 'p S p − UV
effettiva: FR = = 1.5 ≤ FR ≤ 2
S 'e S 'e

40 di 41
Strutture Speciali di Difesa Esercitazione 7 - 16/01/2006

6 - BIBLIOGRAFIA

1 - "Fondazioni - Progetto e analisi", Joseph E. Bowles, McGraw-Hill,


1991.
2 - "Strutture di sostegno di pendii instabili - Analisi dei meccanismi
d'interazione col terreno e cenni sul proporzionamento", A. Evangelista,
in "Interventi di stabilizzazione dei pendii", CISM, Udine, 1994.
3 - "Performance-based design of self-compacting fibre reinforced
concrete", Dr.-Ing. S. Grünewald, Prof.dr.ir. J.C. Walraven, TUDelft, Atti
del Corso Avanzato sul Calcestruzzo Autocompattante (SCC), 23
settembre 2004, Politecnico di Milano.
masmauri@stru.polimi.it
41 di 41