Sei sulla pagina 1di 34

Andria, giugno 2010

PROGETTAZIONE GEOTECNICA
SECONDO LE NORME TECNICHE
PER LE COSTRUZIONI
D.M. 14.01.2008

opere di sostegno a gravità

Luigi Callisto
Luigi Callisto
sommario

opere di sostegno a gravità

• richiami sul funzionamento statico


• introduzione ai metodi pseudostatici
• valutazione coefficienti sismici
• verifiche
• metodi degli spostamenti
opere di sostegno a gravità

trasferiscono le spinte in fondazione componendole


con il peso proprio

azioni: spinta in condizioni di equilibrio limite attivo


resistenze: carico limite fondazione
opere di sostegno a gravità

vengono realizzate dopo l’esecuzione dello scavo


possibilità di realizzare interventi di drenaggio
pressioni interstiziali assenti

possibilità di modificare il terrapieno


terrapieno omogeneo
terreni a grana grossa
coefficienti parziali NTC sulle azioni
γF oppure γE
γF (γE)
A1 A2
carichi EQU
STR GEO
favorevoli 0.9 1.0 1.0
permanenti γG1
sfavorevoli 1.1 1.3 1.0
favorevoli 0.0 0.0 0.0
permanenti non strutturali γG2
sfavorevoli 1.5 1.5 1.3
favorevoli 0.0 0.0 0.0
variabili γQi
sfavorevoli 1.5 1.5 1.3

Luigi Callisto
coefficienti parziali sulle proprietà meccaniche
(parametri di resistenza)

γM
M1 M2
grandezza
(STR) (GEO)
tan ϕ'k γϕ' 1.0 1.25
c'k γc' 1.0 1.25
Cuk γCu 1.0 1.4
γ γγ 1.0 1.0

Luigi Callisto
approcci di progetto e coefficienti parziali

azioni azioni proprietà


appr. resistenze
permanenti variabili c', ϕ' (Cu)
1
1.3 1.5 1.0 1.0
C1
1
C2
1.0 1.3 1.25 (1.4) γR

2 1.3 1.5 1.0 γR


γR dipende dal tipo di opera
verifiche opere di sostegno a gravità

N
M
T

verifiche globali (GEO)

verifiche locali (STR)


verifiche opere di sostegno a gravità
APPROCCIO 1
combinazione 2: A2+M2+R2 GEO

γG1 = 1.0 γQ = 1.3 γϕ' = γc' =1.25 γCu = 1.4

γG1 = 1.0 γQ = 1.0 in condizioni sismiche


γR = 1.0

combinazione 1: A1+M1+R1 STR


γG1 = 1.3 γQ = 1.5 γϕ' = γc' = γCu = 1

γG1 = 1.0 γQ = 1.0 in condizioni sismiche


verifiche opere di sostegno a gravità
APPROCCIO 2
combinazione A1+M1+R3

γG1 = 1.3 γQ = 1.5 γϕ' = γc' = γCu = 1.0

γG1 = 1.0 γQ = 1.0 in condizioni sismiche

γR = 1.4 carico limite


GEO
γR = 1.1 scorrimento

γR non compare nelle verifiche STR


verifica al ribaltamento → combinazione EQU
• meccanismo poco realistico
• non si mobilita la resistenza
del terreno di fondazione

EQU + M2 (γϕ = γc = 1.25)

carichi γF (γE) EQU


favorevoli 0.9
permanenti γG1
sfavorevoli 1.1
permanenti non favorevoli 0.0
strutturali
γG2
sfavorevoli 1.5
favorevoli 0.0
variabili γG3
sfavorevoli 1.5
opere di sostegno
le azioni sono prodotte dal terreno

azioni sismiche in generale:


a = f (spazio, tempo) = f (x,y,z, t)

metodo pseudo-statico
accelerazione costante nello spazio e nel tempo
aps = k g k = aps/g è il coefficiente sismico
amax amax
NTC: kh = α ⋅ β ⋅ ≤
g g

F = m ⋅ a = (m ⋅ g ) ⋅ = k ⋅ W
a
α → variabilità nello spazio
β → variabilità nel tempo g
metodo pseudo-statico di Mononobe – Okabe – spinta attiva
estensione del metodo di Coulomb k hW
ε

WE W
θ
WE θ kvW
β -kvW
δ
ϕ θ = arctan
kh
SaE 1− kv
α R k hg
kvg
S
SaE
SaE
We
R

α
αcr
metodo pseudo-statico di Mononobe – Okabe – spinta attiva

1
SaE = γ ⋅ (1 − k v ) ⋅ H 2 ⋅ K aE K aE = f (ϕ ′,θ , δ , β , ε )
2
αcr
Kae

Ka

kh kh
cos 2 (ϕ − β − θ )
K aE = 2
⎡ sen(ϕ + δ )sen(ϕ − ε − θ ) ⎤
cos θ cos 2 β cos(δ + β + θ )⎢1 + ⎥
⎢⎣ cos(δ + β + θ ) cos(ε − β ) ⎥⎦

⎡ 1

α cr = (ϕ − θ ) + arctan ⎢
{tan a (tan a + cot b ) [1 + tan(δ + β + θ ) cot b ]}2 − tan a

a = ϕ − ε −θ
⎢ 1 + tan(δ + β + θ )(tan a + cot b ) ⎥ b = ϕ − β −θ
⎣ ⎦
metodo di Mononobe – Okabe
effetto delle pressioni interstiziali

U1
S'aE SaE
θ
We We
δ R'
ϕ U2
S'aE
α R U2
U1

attenzione: l’incremento di spinta è dovuto principalmente a U2


metodo pseudo-statico - valori di kh
kh = C coefficiente d’intensità sismica
D.M. 16.1.96
kv = 0 C = 0.04, 0.07, 0.1

NTC
amax
kh = β m ⋅ αm = 1 k v = ±0 . 5 k h
g

amax accelerazione massima orizzontale


→ analisi di risposta sismica locale

amax = S·ag = SS·ST·ag ag accel. max affioramento rigido


SS amplificazione stratigrafica
ST amplificazione topografica
amax
NTC kh = βm ⋅
g
valori di βm
categoria di sottosuolo
ag/g A B, C, D
0.2 - 04 0.31 0.31
0.1 - 0.2 0.29 0.24
≤ 0.1 0.20 0.18

valori di βm basati su un’equivalenza con il


metodo degli spostamenti

per muri con spostamento impedito


βm = 1 ⇒ kh = amax/g
punto di applicazione della risultante

0.5 H
H/3 0.45 H

Ishibashi & Fang (1987), Richards & Elms (1992)

NTC:
punto di applicazione incremento spinte ΔSaE = SaE - Sa
- come per le azioni statiche se l’opera può ruotare
intorno al piede
- 0.5·H negli altri casi
azioni inerziali applicate nel baricentro dell’opera
NTC: intensità e prestazione commisurate alla frequenza dell’evento

periodo di ritorno intensità prestazione


1 − VR
TR = =
(
λR ln 1 − PVR )
anche
elevato (evento raro) alta modesta
(SLU)

basso (evento frequente) bassa buona


(SLE)

definire la prestazione
NTC 7.11.6.2.1 “la verifica nei confronti del collasso per scorrimento può anche
essere eseguita con il metodo degli spostamenti…”

a0 base
ac blocco Sa(ab)
ab ab ab

t0 t a0 a0
v
B C
v0 mab mab Sa(ab)
a0
ur T T
ac
A t Sa(ac)
t0 tm mac mac
ur
Tlim Tlim

m·ac = Tlim m·ac + S (ac)= Tlim


metodo degli spostamenti
• valutazione dell’accelerazione critica ac= kc g (traslazione)
• doppia integrazione dell’equazione del moto relativo
a
a ac
ac
t

vr
v

t
u sr

è necessario conoscere a(t)


ac
esempio: muro di sostegno a mensola

verifiche allo scorrimento

Condizioni statiche DM 88
Ka = 0.26
Rinterro: Sa = 53.3 kN/m
γ = 19 kN/m3 W = Wm+Wt = 56.8+138.9 = 195.7 kN/m
ϕ′ = 36° W tan ϕ ′ 195.7 tan 27°
c′ = 0 FT = = = 1.87 > 1.3
Sa 53.3
Condizioni statiche NTC:
Kad = 0.331
Sa = 68 kN/m
W = Wm+Wt = 56.8+138.9 = 195.7 kN/m
Rd W tan ϕ d′ 195.7 tan 22.2°
Terreno in posto: = = = 1.17
terreno tipo D Ed Sad 68
Limo deb. argilloso
normalmente amax = 0.34 g
consolidato βm = 0.31 → kh = 0.105
kv = 0 Condizioni sismiche NTC (DA1 C2):
γ = 18 kN/m3
KaEd = 0.367
ϕ′ = 27°
SaEd = 75.3 kN/m
c′ = 5 kPa
khW = 0.105·195.7 = 20.5 kN/m

Rd W tan ϕ d′ 195.7 tan 22.2°


= = = 0.83
E d SaEd (k h ) + k hW 75.3 + 20.5
2
0.4
1.5

a (g)
0
FT

kc = 0.148
0.5 -0.4

0 10 20 30 40 50
0
0.12 t (s)
0 0.05 0.1 0.15 0.2
kh
0.08

v rel (m/s)
0.04

terremoto dell’Umbria
(Castelnuovo-Assisi) 0
0 10 20 30 40 50
su terreno deformabile t (s)
0.05
amax = 0.105 g umax ≈ 40 mm
0.04

scalato a:
u rel (m)

0.03
amax = 0.34 g
0.02
fattore di scala: 3.2
0.01

0
0 10 20 30 40 50
t (s)
0.4

a (g)
0

-0.4

0 5 10 15 20 25
t (s)
0.1

0.08

v rel (m/s)
0.06

0.04
terremoto dell’Umbria
(registrazione di Assisi) 0.02
amax = 0.15 g 0
0 5 10 15 20 25
t (s)
scalato a: 0.01
amax = 0.34 g umax ≈ 8 mm
0.008
fattore di scala: 2.3
u rel (m)

0.006

0.004

0.002

0
0 5 10 15 20 25
t (s)
procedure semplificate basate sul metodo degli spostamenti
Newmark (1965) 100 k = 0.5 g Franklin & Chang (1977) max
2 v = 0.76 m/s
v max ⎛ k ⎞ kmax
ur = ⎜⎜1 − c ⎟⎟
2g ⋅ kc ⎝ kmax ⎠ kc

Franklin & Chang (1977) 10

integrazione di 169 accelerogrammi


Richards & Elms (1979)
2 4
⎛a ⎞

ust (m)
v max
u = 0.087 ⋅ ⎜⎜ max ⎟⎟ 1
amax ⎝ ac ⎠
Whitman & Liao (1985)
2
v max ⎛ 9.4 ac ⎞
uE = 37 exp⎜⎜ − ⎟⎟ 0.1 Newmark (1965)
amax ⎝ amax ⎠ Richards & Elms (1979)
2
v max ⎛ ⎛ a ⎞⎞ Whitman & Liao (1985)
u95 = exp⎜⎜ 9.4⎜⎜ 0.66 − c ⎟⎟ ⎟

media
amax ⎝ ⎝ amax ⎠⎠ 0.01
95%

0.01 0.1 1
TC CC ⋅ TC* kc/kmax
v max = amax = ⋅ SS ⋅ S T ⋅ ag
2π 2π
integrazione database accelerometrico italiano
10

0.1

stiff soils
d (m)

0.01

0.001

0.0001
0.35g 0.25g
1E-005
0.2 0.4 0.6 0.8 0.2 0.4 0.6 0.8
K y/K max K y/K max
10
regressione
1 Psup < 95%
0.1
d (m)

0.01

0.001

kc
0.0001
0.15g 0.05g
A
kmax
1E-005
0.2 0.4 0.6 0.8 0.2 0.4 0.6 0.8
u = B ⋅e
K y/K max K y/K max

Rampello, Callisto e Fargnoli (2006)


spostamenti calcolati utilizzando i valori caratteristici dei
parametri di resistenza γϕ' = γc' = γCu = 1

metodo degli spostamenti - valutazione del livello di danno

“…la scelta dei valori limite di spostamento deve essere


effettuata e opportunamente motivata dal progettista”
PIANC (2001)
livello di danno u/H (%)
I ammissibile < 1.5
II riparabile 1.5 - 5
III prossimo al collasso 5 - 10
IV collasso > 10

Huang et al (2009): u/H < 2 – 5%


esempio precedente:
u/H = 0.040 / 4.65 = 0.86 %
NTC: Stati Limite Ultimi (SLU)

SLV (salvaguardia della vita)


“la costruzione subisce (…) significativi danni dei
componenti strutturali (…) conserva invece un
margine di sicurezza nei confronti del collasso per
azioni orizzontali”

SLC (prevenzione del collasso)


“la costruzione subisce (…) danni molto gravi dei
componenti strutturali (…) conserva invece un
esiguo margine di sicurezza nei confronti del
collasso per azioni orizzontali”
equivalenza tra metodo pseudo-statico e
metodo degli spostamenti

log u valori di βm
categoria di sottosuolo
u0
ag/g A B, C, D
0.2 - 04 0.31 0.31
0.1 - 0.2 0.29 0.24
≤ 0.1 0.20 0.18

β kc/kmax

progettando con kh = kc = β·kmax e con F = 1


si otterrà (al più) u = u0
kc
A
kc 1 u
u = B ⋅e kmax
β= = ln
kmax A B
si ammette che possano verificarsi spostamenti

• in condizioni sismiche (β < 1)


• in condizioni statiche (Ka)

è necessario che il comportamento sia duttile


→ scelta parametri di resistenza
verifica al ribaltamento → combinazione EQU
• meccanismo poco realistico
• non si mobilita la resistenza
del terreno di fondazione
• meccanismo fragile
EQU + M2 (γϕ = γc = 1.25)

carichi γF (γE) EQU


favorevoli 0.9
permanenti γG1
sfavorevoli 1.1
permanenti non favorevoli 0.0
strutturali
γG2
sfavorevoli 1.5
favorevoli 0.0
variabili γG3
sfavorevoli 1.5
stato limite di danno (SLD)

PVR = 63 % azione sismica meno severa

è richiesta una prestazione migliore


(spostamenti modesti)

• metodo degli spostamenti


• procedure semplificate
• metodo pseudo-statico con β = 1 → u = 0