Sei sulla pagina 1di 148

| | A F R I C A | Q u a t t r o n u o v e c i t t à f i r m ate S O M | Fo u r Ne w C i t i e s de s i g n e d by S O M | |

OTTOBRE - OCTOBER 2019


Mensile / Monthly magazine

588
€ 10,00

€ 5,00 (Italy only)

L'ECO-CASA UN EX TEATRO
DELLO CHEF DA VIVERE
A Chef 's Eco-Home Living in an Old Theatre
MediaGroup spa - Poste Italiane spa - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano Printed in Italy

DESIGN
Bagno & rivestimenti
Bathrooms & Claddings
RIMADESIO.IT
THE SPIRIT OF PROJECT
SISTEMA INTERPARETE SPAZIO, PANNELLI SCORREVOLI VELARIA, TAVOLO MANTA DESIGN G.BAVUSO
Firme

IRENE GUZMAN unknown freedom in architecture


Si occupa di comunicazione nei settori photography. His various projects also
di arte, design ed editoria. Ha lavorato tell stories of real life and of people. His
alla ricerca iconografica di pubblicazioni clients are architects, decorators, artisans,
nel campo della moda e collabora come hoteliers, advertising agencies and
giornalista free-lance con Abitare institutions. www.cyrilfolliot.fr p. 50
e la rivista Teca dell’Università di Bologna.
Di tanto in tanto, cura e organizza progetti
di arte contemporanea. MATTEO BENEDETTI
She works on communication in the art, Romano, classe 1983, è architetto
design and publishing sectors. She has e dottore di ricerca in Composizione
carried out iconographical research Architettonica. Ha studiato presso worked as a freelance journalist; he writes
on publications in the field of fashion l’Università Sapienza di Roma, il Royal about technology, design, economics,
and contributes as a freelance journalist Institute of Technology KTH di the sciences, videogames and the cinema.
to Abitare and the University of Bologna’s Stoccolma, l’Università IUAV di Venezia. He contributes to newspapers and
magazine Teca. From time to time, Parallelamente alla professione periodicals, including Focus, L’Espresso,
she organizes and curates projects si occupa di fotografia di architettura, La Stampa, Sport Week and Ciak. p. 109
of contemporary art. p. 50 che considerata sia un linguaggio
artistico autonomo, sia uno studio sulla
rappresentazione dei fatti urbani MAŁGORZATA GUROWSKA
CYRIL FOLLIOT e architettonici. Autrice di numerosi libri, l’artista
Giornalista e fotoreporter, ha scelto Born in Rome in 1983, he is an architect è stata co-curatrice del padiglione
di specializzarsi in architettura e interni with a PhD in Architectural Composition. polacco alla XXII Triennale di Milano.
come fotografo freelance anche ispirato He studied at Rome’s Università Sapienza, È responsabile del Laboratorio di Disegno
dal lavoro di Raymond Depardon. Lasciata at the Royal Institute of Technology KTH della facoltà di Scultura all’Accademia
l’adrenalina delle notizie, ha trovato in Stockholm and at Venice University di Belle Arti di Varsavia e coordinatrice
nella fotografia di architettura una libertà (IUAV). Parallel to his professional work della Fundacja Sztuczna. Fa parte
che non aveva mai provato prima. Diversi he is involved in architectural photography, del gruppo di artisti e designer promossi
progetti gli permettono di raccontare anche both as an independent artistic medium a livello internazionale dall’Adam
scene di vita e persone. I suoi clienti sono and as a study of how urban and Mickiewicz Institute (#pldsgn)
architetti, decoratori, artigiani, albergatori, architectural events are represented. p. 60 A visual artist and the author of numerous
agenzie di comunicazione e istituzioni. books, she co-curated the Polish pavilion
Originally from France’s Var department, of the 22nd International Exposition
he has lived in Brittany since 2010. MARCO CONSOLI at the Milan Triennale. She is now head
A journalist and photo-reporter, he chose Laureato in Giurisprudenza, è giornalista of the Design Workshop of the Faculty
to specialise in architecture and interior freelance da sempre; scrive di tecnologia, of Sculpture at the Academy of Fine Arts
design as a freelance photographer, design, economia, scienze, videogame, in Warsaw and also works as a coordinator
inspired also by the work of Raymond cinema. Collabora con quotidiani for Fundacja Sztuczna. She is part
Depardon. Having left behind the e periodici tra cui Focus, L’Espresso, of the group of artists and designers
adrenalin-fuelled business of reporting La Stampa, Sport Week e Ciak. internationally promoted by the Adam
the news, he has now found a hitherto Ever since graduating in Law he has Mickiewicz Institute (#pldsgn) p. 146

8 ABITARE 588
Suita
Design: Antonio Citterio, 2010/2019
L’originale è Vitra

Vitra distribuita in Italia da Molteni&C


Sommario

40 A Barcellona, nel Distrito 22@,


un ex teatro diventa un’abitazione
suggestiva / A former theatre in Barcelona’s
Distrito 22@ is now an evocative home.

17 Orizzonti

37 Libri

40 Loft con auto d’epoca


A Loft with a Vintage Car
txt laura cardia photos sandra pereznieto

50 Un eco-rifugio nella pineta 60 Un “arcipelago residenziale” creato dallo studio Malfona Petrini
a Formello, nord di Roma / A “residential archipelago” designed
by the Malfona Petrini firm at Formello, north of Rome.
Environmentally Friendly Refuge in the Pinewood
txt irene guzman photos cyril folliot

60 Allunaggio nella campagna romana


Lunar Landing in the Roman Countryside
txt michele calzavara photos matteo benedetti

70 La ricetta africana
The African Formula
txt sara banti

78 Oltre le convenzioni
Beyond Conventions
txt alice piciocchi photos filip dujardin

86 Una felice contaminazione


A Happy Contamination
txt francesca oddo photos laura cavelli
78 La rivisitazione super contemporanea e sorprendente di una villa
anni Trenta a Ghent, Belgio / The highly contemporary and full
of surprises refurbishment of a house from the 1930s in Ghent, Belgium.

588 ABITARE 11
Sommario

100 La graphic novel che il disegnatore


Agustín Ferrer Casas dedica
alla vita di Mies / The graphic novel that the
illustrator Agustín Ferrer Casas has devoted
to the life of Mies.

95 1948 Casa CSF

100 Mies, uomo e architetto


The Man and the Architect
txt stefano benedetti

109 Con un occhio di riguardo


The Eyes Have it
txt marco consoli

119 Le ceramiche, ma anche i legni e i compositi, in mostra al Cersaie


di Bologna / Ceramics, but also wood and composite materials,
at the trade fair Cersaie in Bologna.
119 Superfici da progettare
Designing Surfaces
curated by mia pizzi txt irene guzman

130 Codici di benessere


Wellbeing Codes
txt mia pizzi

146 La città e la foresta


The City and the Forest
drawing małgorzata gurowska

130 Spessori sottili, linee morbide, colore (nero compreso)


e grafismi per il nuovo bagno / Thinner surfaces, softer
contours, colour (including black) and graphic details in the bathroom.

12 ABITARE 588
Staff
| | A F R I C A | S O M p r o g e t t a q u a t t r o n u o v e c i t t à | S O M D e s i g n s Fo u r Ne w C i t i e s ||

OTTOBRE - OCTOBER 2019


Mensile / Monthly magazine

588
€ 10,00

€ 5,00 (Italy only)

L'ECO-CASA UN EX TEATRO
DELLO CHEF DA VIVERE
A Chef 's Eco-Home Living in an Old Theatre

DESIGN
Bagno & rivestimenti
Bathrooms & Claddings

Atelier Victoria Migliore


è pubblicata da / is published
Treehouse, Fréhel
by RCS MediaGroup S.p.A.
Sables-d’Or-les-Pins, France
(photo Cyril Folliot) p. 50
Presidente e Amministratore delegato
Urbano Cairo

Consiglieri
Marilù Capparelli, Carlo Cimbri, Alessandra Dalmonte
Direttore responsabile Diego Della Valle, Uberto Fornara, Veronica Gava
Editor in chief Gaetano Miccichè, Stefania Petruccioli
Silvia Botti Marco Pompignoli, Stefano Simontacchi
Marco Tronchetti Provera
Capiredattori Collaboratori
Managing editors Contributors Direttore generale News
Rivista internazionale a periodicità mensile
Matteo Benedetti
Alessandro Bompieri
Sara Banti edita in lingua italiana e in lingua inglese
Architettura, attualità, sito web Stefano Benedetti e diffusa in tutto il mondo,
Architecture, news, web site Alberto Bortolotti fondata da Piera Peroni nel 1961.
Michele Calzavara An international magazine published
Chiara Maranzana Cristiana Campanini monthly in Italian and English,
Content Syndication
Sistema multimediale Laura Cardia founded by Piera Peroni in 1961 press@rcs.it
Multimedia system Laura Cavelli and sold all over the world.
Marco Consoli Ufficio tecnico / Technical office
Design consultant
Filip Dujardin via Angelo Rizzoli 8 – 20132 Milano Allen Michi, allen.michi@rcs.it
Ali Filippini tel. +39 0225843420
Mia Pizzi Cyril Folliot redazione@abitare.rcs.it Stampa
Elena Franzoia www.abitare.it Rotolito, Seggiano di Pioltello (MI). Printed in Italy
Curators Francesca Gotti
Małgorzata Gurowska
Alice Piciocchi Irene Guzman Federazione Italiana Editori Giornali Abbonamenti Italia Per informazioni telefonare allo 0263798520 o
Web and events Maria Miti scrivere a RCS MediaGroup spa, Servizio Abbonamenti, via Angelo
Francesca Oddo Rizzoli 8, 20132 Milano, fax 0225883625, abbonamenti@rcs.it,
Roberto Ricci Sandra Pereznieto Unione Stampa Periodica Italiana www.abbonamentircs.it
Infographic and maps Antonino Saggio Il servizio è aperto da lunedì a venerdì con orario continuato dalle 8.30
Matteo Zambelli alle 18.30. L’abbonamento andrà in corso dal primo numero raggiungi-
Graphic Staff bile e può avere inizio in qualsiasi periodo dell’anno. Il cambio d’indiriz-
Traduzioni / Translations zo è gratuito: comunicare, almeno 30 giorni prima, il codice abbonato,
Fabio Grazioli nome, cognome, indirizzo completo.
Caposervizio digital John Foot
Digital senior editor Proof-reader Abbonamenti estero / Worldwide subscription “Abitare” (USPS 343-
Shanti Evans 030) is published by RCS MediaGroup S.p.A. in 10 issues per year.
Elena Liberatore David Lowry Please contact Fastmag srl, via Portuense 1555, Commercity Isola
Caposervizio paper N/47, 00148 Roma (RM), tel. +39 0665000808, e-mail sub@fast-
Magazine senior editor Robert Burns mag.it, www.fastmag.it.
Mara Weiner-Macario
Web Site Arretrati Rivolgersi al proprio edicolante oppure ad arretrati@rcs.it o al
Segreteria di redazione numero 02-25843604.
Editorial secretary Brand manager Il pagamento della copia, pari al doppio del prezzo di copertina, deve es-
sere effettuato su IBAN IT 97 B 03069 09537 000015700117
Monica Guala Ilaria Carnevale Miacca Banca Intesa - Milano intestato a RCS MediaGroup S.p.A., comunicando
Ricerca fotografica ilaria.carnevalemiacca@rcs.it via e-mail l’indirizzo ed il numero richiesto.
Photo research
Advertising manager Distribuzione per l’Italia / Worldwide distribution m-dis Distribu-
zione Media spa, via Cazzaniga 19, 20132 Milano tel. 0225821, fax
Progetto grafico Connie Chiaro 0225825302, info-service@m-dis.it.
Graphic design LO TROVI ANCHE SU
connie.chiaro@rcs.it IS ALSO AVAILABLE AT Spedizione in a.p. DL. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46), art.
Magazine 1, comma 1, DCB Milano - Registrazione presso il Tribunale di Milano, n.
Antonio Meda
286 del 12.8.1976. ISSN 0001-3218 (print), ISSN 2499-3522 (online).
Nicoletta Porta
nicoletta.porta@rcs.it In questo numero la pubblicità è inferiore al 45%. La riproduzione intera
Digital o parziale di testi o fotografie è vietata: diritti riservati in tutto il mondo /
Advertising in this issue is less than 45%. All rights reserved: repro-
International editions duction of texts and photographs in whole or part is strictly prohibited.
Maria Francesca Sereni
mariafrancesca.sereni@rcs.it
I prodotti segnalati su Abitare sono una libera scelta redazionale. I te-
sti e le fotografie inviati alla redazione non vengono restituiti anche se
non pubblicati / Products mentioned in Abitare are freely chosen by
the editorial staff. Texts and photographs submitted to the magazine
are not returned, even if not published.

Concessionaria esclusiva pubblicità / Exclusive Advertising Agent


Facebook RCS MediaGroup – dir. Pubblicità
Sede legale via Angelo Rizzoli 8, 20132 Milano
Twitter Instagram
rcspubblicita@rcs.it, www.rcspubblicita.it
Vendite estero 0225846354/6951
Adv Ditre.com

DESIGN Oriano Favaretto 2019

MEDEA
Orizzonti 588
TIM GRAHAM/GETTY IMAGES

L’annuncio immobiliare, ultima frontiera della comunicazione. Con operazioni clamoro-


se. Come a Londra, dove un gruppo di cittadini ha sovvenzionato una campagna pubblici-
taria contro l’inquinamento dell’aria, sempre più spesso oltre le soglie consentite dalla
legge, basata proprio sui classici del marketing immobiliare. “Location, location, loca-
tion” è stato sostituito con “Location, Location, lung disease” (posizione, posizione, ma-
lattia polmonare). Anche il classico modo di identificare qualcosa di molto caro – “costa
un braccio e una gamba” – è diventato l’inquietante “These houses cost an arm, leg and a
lung” aggiungendo un polmone. O come a Berlino, dove un artista ha realizzato cartelloni
pubblicitari di finti mega progetti immobiliari per protestare invece contro le politiche di
sviluppo della città (e ha ricevuto oltre duecento chiamate da potenziali investitori). La
faccenda è interessante anche perché avviene in contemporanea a un altro fenomeno. La
generazione dei ventenni e degli appena trentenni, in diversi Paesi europei, rappresenta
oggi il peggior mercato della proprietà immobiliare della storia. Affittano. Non compra-
no. E dove andare ad abitare lo scelgono sui social. Silvia Botti

The real-estate ad, last frontier of communication. With some sensational developments. Like in London, where
a group of residents has funded an advertising campaign against air pollution, which more and more frequently
exceeds the levels permitted by law, based on one of the classic saws of property marketing. “Location, location,
location” has been replaced by “Location, location, lung disease”. Even the traditional way of identifying some-
thing very expensive – “it costs an arm and a leg” – has become the disquieting “These houses cost an arm, a leg
and a lung”. Or like in Berlin, where an artist has created advertising billboards for fake mega-property develop-
ment schemes to protest against the city’s development policies (and has received over two hundred calls from
potential investors). The phenomenon is an interesting one because it is emerging at the same time as another
trend. The generation of people in their twenties and early thirties, in several European countries, represents
today the worst market for real estate in history. They rent. They don’t buy. And they rely on social networks
when choosing where to live.

588 ABITARE 17
Orizzonti

CARLO LAVATORI
GRONINGEN, THE NETHERLANDS

UN OMAGGIO A MENDINI
A TRIBUTE TO MENDINI
CON MONDO MENDINI – The World of Alessandro Mendini dal 12 ot-
tobre il Groninger Museum (sotto) celebra uno dei progettisti che
hanno contribuito alla sua costruzione nel 1994 (gli altri sono Miche-
le De Lucchi, Philippe Starck e Coop Himmelbllau). La mostra, ideata
dallo stesso Mendini prima della sua scomparsa, mette in scena 130
tra le sue creature fantastiche e “tragicomiche” concepite per ambiti
diversi, dalla gioielleria all’architettura, dalla scultura al design. Ac-
canto ai suoi oggetti, Mendini ha voluto dare spazio a 70 lavori di arti-
sti e designer con cui si sentiva in sintonia. Tra cui Kandinsky, Matisse,
van Doesburg, Gio Ponti e Gaetano Pesce. (Irene Guzman)

WITH MONDO MENDINI – The World of Alessandro Mendini, open-


ing on 12 October, the Groninger Museum (below) is celebrating one
of the designers who contributed to its construction in 1994 (the oth-
ers were Michele De Lucchi, Philippe Starck and Coop Himmelbllau).
The exhibition, conceived by Mendini himself prior to his death, pre-
sents 130 of his fantastic and “tragicomic” creatures conceived for a
variety of spheres, from jewellery to architecture, from sculpture to
industrial design. Alongside his objects, Mendini chose to give room
to 70 works by artists and designers with whom he felt in tune, in-
cluding Kandinsky, Matisse, van Doesburg and Rietveld, as well as
Gio Ponti and Gaetano Pesce.

NUMBERS

Sono le specie marine esistenti secondo Census


Marine Life (compresi organismi microscopici
e plancton). I soli pesci ne contano 28.000 di cui circa
700 nel mare Mediterraneo.
The number of species living in the sea according
to the Census of Marine Life (including microscopic
organisms and plankton). There are 28,000 species
of fish alone, around 700 of which are found
in the Mediterranean sea.

18 ABITARE 588
Orizzonti

CONTRASTO / MARTINO LOMBEZZI


MAXXI, ROMA
MARIA LAI TESSE IDEE
MARIA LAI WOVE TOGETHER IDEAS
LA MOSTRA MARIA LAI. TENENDO PER MANO IL SOLE, a cura di
Bartolomeo Pietromarchi e Luigia Lonardelli, è aperta al Maxxi di
Roma fino al 12 gennaio 2020. L’artista, scomparsa nel 2013, intrec-
cia la propria arte alla storia, al paesaggio, ai racconti della Sardegna
e agli strumenti del lavoro – la zappa, l’aratro e, soprattutto, il telaio,
da indagare nelle sue diverse potenzialità: i fili, le trame, l’ordito, i dati
spaziali. Le opere di Lai insegnano che l’architettura deve nascere
non come oggetto ma come infrastruttura capace di “tessere” suolo,
vegetazione e spazi di varia natura. (Antonino Saggio)

MARIA LAI. TENENDO PER MANO IL SOLE, CURATED by Bartolo-


meo Pietromarchi and Luigia Lonardelli, is open until 12 January 2020
at MAXXI in Rome. The artist, who died in 2013, weaves into her art
the history, landscape, and tales of Sardinia and the tools of work: the
hoe, the plough and, above all, the loom, which for her is like a musical
instrument, the various potentials of which must be thoroughly ex-
plored: the threads, the patterns, the warp, the spatial data. Her works
teach us that architecture must be born as an infrastructure capable
of weaving together land, vegetation and spaces of different natures.
TIZIANO CANU / COURTESY FONDAZIONE STAZIONE DELL’ARTE © ARCHIVIO MARIA LAI BY SIAE 2019

PROCURATIE, VENEZIA

LA LETTURA DI CHIPPERFIELD
CHIPPERFIELD’S READING
DI PROPRIETÀ DELLE ASSICURAZIONI GENERALI, le Procuratie
Vecchie – il palazzo sul lato sinistro di piazza San Marco guardando
la Basilica – erano inutilizzate dal 1989. L’occasione per valorizzarle
è arrivata con The Human Safety Net, un progetto sociale nato tre
anni fa in seno a Generali, che occuperà i circa 5mila metri quadrati
al terzo piano della lunga manica. I due piani sottostanti invece (per
un totale di circa 7mila metri quadrati) saranno in parte uffici della
società assicurativa e in parte verranno dati in affitto. Il progetto di
ristrutturazione è di David Chipperfield. Quando nel 2021 i lavori
saranno terminati, la piazza beneficerà anche del passaggio che, in
direzione Laguna, attraverso i portici delle Procuratie Nuove colle-
gherà San Marco ai Giardini Reali, ridisegnati dal paesaggista Paolo
Pejrone con l’architetto veneziano Alberto Torsello. (Sa.B)

OWNED BY ASSICURAZIONI GENERALI, the Procuratie Vecchie –


the palace on the left side, looking at the Basilica of San Marco – had
not been used since 1989. The opportunity to showcase them arose
with The Human Safety Net, a social project born three years ago,
that will occupy the approximately 5,000 square metres of the third
floor of the long wing. The two floors below, on the other hand (for a
total of about 7,000 square metres), will partly be used as offices and
partly leased. The project’s author is David Chipperfield. When the
Maria Lai, “Telaio paesaggio degli uccelli”, 1967. Legno, tempera, works will be completed in 2021, the square will also benefit from the
spago / Wood, tempera, string, cm 80 x 65 x 20. Collezione new walkway that, leading to the Lagoon, will connect San Marco to
Fondazione Stazione dell’Arte. the Royal Gardens, redesigned by Paolo Pejrone and Alberto Torsello.

20 ABITARE 588
VISIT US

23-27 Settembre, 2019


Hall 26 - Stand A242-B249

HOUSE OF SURFACES

BERLIN LONDON MILAN SÃO PAULO


WERNER J. HANNAPPEL
Orizzonti

Ettore Spalletti e una veduta del suo studio a / Ettore Spalletti and a view
of his studio at Cappelle sul Tavo, Pescara, 2013.

AZZURRA RICCI
NOUVEAU MUSÉE NATIONAL DE MONACO

L’ORIZZONTE MENTALE DI SPALLETTI


SPALLETTI’S MENTAL HORIZON
PRIMA DI TUTTO DIPINGE. E LO FA A LUNGO. La superficie prediletta è il FIRST OF ALL HE PAINTS. AND HE DOES IT FOR A LONG TIME. His pre-
legno. Poi inizia un’abrasione di quel denso impasto di colore. È un’azione ferred surface is wood. Then he begins an abrasion of that dense impasto of
lenta e modulata. È pittura quella di Ettore Spalletti, quindi. Ma è anche colour. It’s a slow and modulated act. So what Ettore Spalletti does is paint-
scultura, per quest’azione di erosione della materia che lo porta a conqui- ing. But it’s also sculpture, because it is this act of eroding the material that
stare la terza dimensione, verso la scultura ma anche verso l’installazione leads him to conquer the third dimension, towards sculpture, but also to-
e l’architettura. Classe 1940, Spalletti è un maestro dello spazio. La sua wards installation and architecture. Born in 1940, Spalletti is a master of
astrazione è sempre pura, a un primo sguardo, ma nasconde precise sug- space. His abstraction is always pure, at first glance, but hides precise at-
gestioni atmosferiche. Il paesaggio tutto mentale è mutuato dalla realtà ed mospheric suggestions. The entirely mental landscape is borrowed from re-
elaborato in un rituale lento. La sua personale, a cura di Cristiano Raimond, ality and prepared in a slow ritual. His solo exhibition, curated by Cristiano
è aperta al Nouveau Musée National de Monaco fino al 3 novembre: trenta Raimond, is open at the Nouveau Musée National de Monaco, through 3
opere nei sette ambienti di Villa Paloma. (Cristiana Campanini) November: thirty works spread out across the three floors of Villa Paloma.

STUDIO TRONCONI ARCHITETTI


IN SHOWROOM SI FA FORMAZIONE
TRAINING IN THE SHOWROOM
UN NUOVO SHOWROOM & TRAINING CEN- A NEW 800-SQUARE-METRE SHOWROOM
TER di 800 mq amplia la sede di Arclinea a & TRAINING CENTRE has been built onto Arc-
Caldogno (Vi). Lo spazio aperto e luminoso, linea’s headquarters at Caldogno (Vicenza).
progettato dallo Studio Tronconi Architetti e The open and well-lit space, designed by Stu-
concepito come luogo di formazione, consu- dio Tronconi Architetti as a place of training,
lenza e progettazione per gli operatori del set- advice and design for operators in the kitchen
tore cucina, presenta un display pensato da sector, has a display conceived by Antonio Cit-
Antonio Citterio per far risaltare i tratti distin- terio to bring out the features of the brand. The
tivi del brand. L’ambiente è suddiviso in diffe- space is divided up into areas: from the Func-
renti aree: dalle Isole Funzionali, tra cui una tional Islands, including one for company
per gli show-cooking aziendali, a quelle dedi- show-cooking, to the ones devoted to the de-
cate al progetto della cucina a scomparsa con sign of the slide-away kitchen with the New
il Sistema New Pocket e alle cantine refrige- Pocket System and the refrigerated storage
rate della Winery Collection. (IG) units of the Winery Collection.

22 ABITARE 588
Orizzonti

SANTI CALECA
MILANO

MODERNO RIVISITATO
THE MODERN REVISITED
APPASSIONATO DI NOVECENTO D’AUTORE, l’ingegnere Umberto Zanetti ha ri-
strutturato di recente un mini-appartamento duplex nella casa-albergo che l’archi-
tetto Giulio Minoletti progettò negli anni 60 in via Bertani a Milano. Di quest’opera
non si trovavano più i disegni originali, spiega Zanetti, che quando fu incaricato di
ristrutturare l’abitazione si trovò di fronte a “pedane, moquette, controsoffitti spa-
tolati e una disposizione interna stravolta da interventi successivi”. Solo dopo che
Zanetti ha ridato un senso allo spazio – 80 metri quadrati a doppia altezza, con
camera da letto sul soppalco – sono ricomparsi gli originali di Minoletti (pubblicati
nel frattempo in una monografia di Silvana Editoriale). Sorpresa: la sua rilettura –
dalla posizione della scala alla disposizione degli arredi – risulta ricalcare alla perfe-

SANTI CALECA
zione il progetto originale. Forse è un caso di reincarnazione. (Sa.B)

AS A MAN WITH A PASSION FOR 20TH-CENTURY ARCHITECTURAL DESIGN, en-


gineer Umberto Zanetti recently renovated a small duplex apartment in the ho-
tel-house that Giulio Minoletti designed in the 1960s in Via Bertani, Milan. No one
could find the original designs for the apartment, says Zanetti. He was confronted
by a situation with “raised platforms, carpeting, false ceilings with a plasterwork
finish and a radically changed layout”. It was not until Zanetti had begun to make
sense of the space – an 80 square metres double-height space, with mezzanine
bedroom – that Minoletti’s original designs resurfaced (and were later published
in a monograph by Silvana Editoriale). To everyone’s surprise, the reinterpretation
– from the position of the staircase to the arrangement of the furnishings – was
absolutely identical to the original design. A case of reincarnation, perhaps.
SANTI CALECA

NUMBERS

Sono i miliardi di anni che ci separano


dalla collisione tra la nostra Via Lattea
e la galassia di Andromeda, secondo
gli ultimi calcoli permessi dalle rilevazioni
del satellite Gaia.
(Fonte: Astrophysical Journal, 2019)
The number of billions of years that will
pass before the collision between our
Milky Way and the Andromeda galaxy,
according to the latest calculations based
on data from the Gaia satellite.
(Source: Astrophysical Journal, 2019)

24 ABITARE 588
RASMUS HJORTSHØJ
Orizzonti

RASMUS HJORTSHØJ
BJARKE INGELS VALENTINI & PONZELLI
PRAGMATICA UTOPIA NUOVE PROSPETTIVE
PRAGMATIC UTOPIA NEW PERSPECTIVES
È IN CORSO FINO AL 5 GENNAIO 2020 AL DAC di PROGETTATA DAI GIOVANI DESI- CREATED BY THE YOUNG DESIGN-
Copenaghen la mostra dedicata a Bjarke Ingels dal GNER MARCHIGIANI Francesco Va- ERS Francesco Valentini and Lorenzo
titolo Formgiving – An Architectural Future History lentini e Lorenzo Ponzelli, la serie di Ponzelli from the Marche, the Eclisse
from the BIG Bang to Singularity. L’esposizione, ar- porte Eclisse 40 Collection rielabora il 40 Collection series of doors reworks
ticolata in tre sezioni, è organizzata come un “viag- tema classico della strombatura e lo the classic theme of the splay and ap-
gio” attraverso il tempo. Nell’area dedicata al futu- applica a un moderno telaio di allumi- plies it to a modern frame of anodized
ro, spazio alle tecnologie innovative, come i robot e nio anodizzato. Così la “cornice” della aluminium. Thus the “doorframe” be-
l’intelligenza artificiale, che forse un giorno con- porta diventa un motivo plasticamen- comes an elegant sculptural motif, but
sentiranno di vivere su Marte. «Ogni volta che dia- te elegante, ma mantiene anche la di- also maintains the discretion of a door
mo vita a un progetto, in quanto “formgivers” con- screzione di una porta filo-muro. Dal flush with the wall. In addition, from
segniamo un regalo al futuro, doniamo al mondo punto di vista funzionale, questa solu- the functional viewpoint, this solution
qualcosa che altrimenti non ci sarebbe stato e che zione annulla inoltre gli spigoli vivi tra eliminates sharp edges between wall
nessuno avrebbe chiesto», spiega Bjarke Ingels, parete e porta. (MP) and door.
che definisce questo processo creativo un’“utopia
pragmatica”. (Francesca Oddo)

NOW OPEN THROUGH 5 JANUARY 2020 AT THE


DAC in Copenhagen is the exhibition dedicated to
Bjarke Ingels entitled Formgiving – An Architec-
tural Future History from the BIG Bang to Singu-
larity. The exhibition, divided into three sections, is
a “journey” through time. In the area dedicated to
the future, lots of space is dedicated to technology
and innovative disciplines, such as robots and arti-
ficial intelligence, which perhaps one day will allow
humans to live on Mars. “Each time we start a pro-
ject, as ‘formgivers’ we give a gift to the future, we
give the world something that otherwise wouldn’t
have been and that no one would have asked for”,
explains Bjarke Ingels, who calls this creative pro-
cess a “pragmatic utopia”.

26 ABITARE 588
MARC GOODWIN
Orizzonti

MARC GOODWIN

STUDIO ANYSCALE
XIA ZHI

LA VILLA RURALE DIVENTA HOTEL


THE RURAL HOUSE BECOMES A HOTEL
STUDIO ANYSCALE È AUTORE di un interes- THE ANYSCALE ARCHITECTURE STUDIO IS
sante progetto di riqualificazione che sta facen- THE AUTHOR of an interesting renovation project
do incetta di premi internazionali. Pensato come that is racking up international awards. Designed
rifugio di lusso nella Cina rurale della provincia di as a luxury retreat in the province of Jiang Xi (Chi-
Jiang Xi, il Wuyuan Skywells è un sofisticato al- na), Wuyuan Skywells is a sophisticated hotel
bergo che ha mantenuto le caratteristiche that has preserved the characteristics of the Hu-
dell’architettura in stile Huizhou della residenza izhou-style architecture of the original stately
signorile originaria, antica di 300 anni. Anyscale house, which is 300 years old. Anyscale protect-
ha salvaguardato gli elementi originali degli spa- ed the original wood and stone elements of the
zi comuni di legno e pietra, pur arricchendo con common spaces, while equipping the 14 guest
servizi e accessori moderni le 14 suite. La carat- suites with bathrooms and modern amenities.
teristica originaria più interessante è l’uso del The most interesting original feature is in fact the
legno scolpito e decorato, restaurato e integrato use of carved and decorated wood, which was re-
da un artigiano locale. La passività energetica stored and added to by a local craftsman. The
delle murature di mattoni e argilla è stata ribadi- passive energy-saving nature of the brick and clay
ta dal restauro come fondamentale elemento di walls was reinforced by the restoration as a fun-
risparmio energetico. (Elena Franzoia) damental element for saving energy.

TECHNOLOGY
BUCATO SUPER SILENZIOSO
SUPER SILENT WASHING
SI PUÒ AVVIARE ANCHE LA NOTTE Supreme YOU CAN USE Whirlpool’s Supreme Care Best
Care Best Zen di Whirlpool, la lavatrice più silen- Zen even at night: it is the quietest washing ma-
ziosa sul mercato grazie alla ZEN Technology chine on the market thanks to ZEN Technology, a
composta dalle soluzioni Zen Motor, Zen Design combination of three solutions, the Zen Motor,
e Sound Management capaci di assorbire le vi- Zen Design and Sound Management that is able
brazioni della centrifuga. La tecnologia AutoDo- to dampen vibrations even in the spinning stage.
se 6° SENSO riduce gli sprechi erogando la The 6TH SENSE AutoDose system dispenses
quantità esatta di detersivo e ammorbidente, the exact amount needed of detergent and con-
da caricare una volta per 20 lavaggi. Precision ditioner, which can be loaded once for up to 20
Clean risparmia acqua ed energia. (IG) cycles. Precision Clean saves water and energy.

28 ABITARE 588
home
soft Boè divano, design Jai Jalan. Nemu tavolini, design Setsu & Shinobu Ito.

home
gruppoeuromobil.com
Orizzonti

COURTESY ARCHIVIO MENDINI

CHIARA VENEGONI
MILANO DESIGN WEEK

L’APPUNTAMENTO D’AUTUNNO
THE AUTUMN EVENT
QUARTA EDIZIONE PER I BRERA DESIGN DAYS: sette giorni di talks, mostre e workshops
aperti gratuitamente al pubblico dal 4 al 10 ottobre. Obiettivo, promuovere e far crescere la
cultura del progetto indagando le relazioni del design con temi cruciali come l’intelligenza ar-
tificiale, le politiche urbane, la vita quotidiana. Anche quest’anno tra i centri focali dell’inziativa
c’è Casa Corriere. Qui, nella sala Buzzati di via Balzan 3, il Corriere della Sera, Abitare e Living
animeranno incontri e ospiteranno Maestri Piccoli. Storie di bambini che erano bambini come
voi, una mostra fotografica con didascalie autografe che illustra i maestri del design nella loro
Alessandro Mendini infanzia, attraverso una serie di ritratti e piccole narrazioni dei loro ricordi. Curata da Chiara
Alessi e Elisa Testori, con allestimento e grafica di Paolo Giacomazzi, è prodotta da StudioLa-
bo. www.breradesigndays.it
COURTESY FONDAZIONE ALDO ROSSI

BRERA DESIGN DAYS IS BEING HELD FOR THE FOURTH TIME: seven days of talks, exhibitions
and workshops open to the public free of charge from 4 to 10 October. The objective is to pro-
mote and build up the culture of design by investigating the discipline’s relationships with crucial
themes like artificial intelligence, urban policies and daily life. This year too one of the focal
points of the initiative will be Casa Corriere. Here, in the Sala Buzzati at Via Balzan 3, Il Corriere
della Sera, Abitare and Living will be staging meetings and hosting Little Masters: Stories of
Children Who Were Children Like You, an exhibition of photographs with captions written in
their own hand by masters of design illustrating their childhood through a series of portraits and
brief reminiscences. Curated by Chiara Alessi and Elisa Testori, with display and graphics de-
signed by Paolo Giacomazzi, it is produced by StudioLabo. www.breradesigndays.it

FLASH

Elementi verticali si intersecano


in questa libreria di Nicola
Gisonda per la collezione Super
di Mentemano. Non a caso
si chiama Bosco.
Vertical elements intersect on this
bookcase by Nicola Gisonda for the
Super collection by Mentemano.
The name Bosco is the Italian word
Aldo Rossi for forest, appropriately enough.

30 ABITARE 588
PROTEGGI
NATURALMENTE
CHI AMI DA
GERMI E BATTERI

Germi e batteri non mettono più piede


su CP Parquet.
Grazie all’esclusiva verniciatura con ioni
di argento, il tuo pavimento in legno
diventa una barriera invisibile e naturale.
Scopri di più su www.cpparquet.it

Showroom c/o Agape12 Concept Store,


Via Statuto 12 Milano.
www.cpparquet.it made in italy
RORY GARDINER
Orizzonti

TALLER HÉCTOR BARROSO

ECO-RESIDENZE IN MESSICO
ECO-HOUSES IN MEXICO
IL COMPLESSO RESIDENZIALE EN- THE ENTREPINOS RESIDENTIAL
TREPINOS di Taller Héctor Barroso nel- COMPLEX by Taller Héctor Barroso is
la Valle del Bravo (Messico) si articola built around a central patio: the build-
intorno a un patio centrale: gli edifici si ings open up towards the garden and
aprono verso il giardino e il bosco, con- the woods, allowing for the interiors to
sentendo l’illuminazione naturale degli be lit naturally and heated by sunlight,
interni e il riscaldamento generato dalla which obviates the humidity inevitably
luce solare. Grande attenzione è stata connected to a wooded area. A major
dedicata all’uso dei materiali regionali e emphasis was put on using regional
alle tecniche costruttive locali, moti- materials and local building tech-
vando l’utilizzo dei mattoni, del legno e niques, prompting the use of bricks,
del terreno di scavo usato per rivestire wood and excavated soil used to coat
le pareti. La sensazione è quella di the walls. The feeling is that of a mon-
un’architettura monolitica che nasce olithic architecture born directly out of
dalla terra. (Elena Franzoia) the earth.

INNOVATION
RORY GARDINER

ACQUA PURA DAL RUBINETTO


PURE WATER FROM THE TAP
LA PICCOLA MA INTERESSANTE RIVOLUZIONE
DI FRANKE si chiama Vital Capsule ed è il filtro bre-
vettato per la depurazione dell’acqua direttamente
collegato al miscelatore. Il sistema combina i carbo-
ni attivi con una membrana high tech, frutto di na-
notecnologie, capace di rimuovere il 99% di batteri,
virus, ruggine e microplastiche di 500 litri d’acqua.
Il filtro esausto è sostenibile perché riciclabile: è di
plastica e fibra di cocco. (MP)

FRANKE’S SMALL BUT INTERESTING REVOLUTION


is called Vital Capsule and is a patented filter for the
purification of water that is connected directly to the
mixer tap. The system combines active carbon with a
high-tech membrane, the product of nanotechnology,
RORY GARDINER

and is able to remove 99% of bacteria, viruses, rust


particles and microplastics from 500 litres of water.
The exhausted filter is sustainable because it can be
recycled: it is made of plastic and coconut fibre.

32 ABITARE 588
Per info www.bsdspa.it
MATTIAS HAMRÉN
Orizzonti
MATTIAS HAMRÉN

LOOKOFSKI ARCHITECTS

A STOCCOLMA IL SEGRETO È NEI MURI


IN STOCKHOLM THE SECRET IS IN THE WALLS
UN MINIAPPARTAMENTO NEL CUORE DI A MINI-APARTMENT IN THE HEART OF
STOCCOLMA, in uno stabile degli anni Venti, è STOCKHOLM, in a building from the 1920s, was
stato ridisegnato da Lookofski Architects per redesigned by Lookofski Architects to optimise
ottimizzare gli 80 metri quadrati e intensifi- the 80 square metres and intensify its bright-
carne la luminosità. Il progetto è risolto nello ness. The design makes the most of the thick-
spessore delle pareti della zona centrale, tra- ness of the walls in the central area, transform-
sformate in volumi attrezzati suddivisi in set- ing them into functional volumes divided into
tori, per contenere e nascondere gli impianti. sectors, to contain and hide the infrastructure.
Ardita la scelta cromatica: lo studio svedese The colour choice is a bold one: the Swedish
ha accostato un giallo molto acceso al legno studio paired a very bright shade of yellow with
del pavimento e alle pannellature neutre dei the wood of the flooring and the neutral pan-
blocchi contenitori. (Francesca Gotti) eling of the container blocks.

FLASH
MATERIALS
UN COMPOSITO SOSTENIBILE
A SUSTAINABLE COMPOSITE
PRIMO PRODOTTO DÉCO dedicato esclusiva-
mente agli interni, Clap! è un sistema di rivesti-
mento realizzato nell’innovativo materiale SPC
(Stone Polymer Composite), completamente ri-
ciclabile, composto da polvere di minerali in gra-
do di aumentare la robustezza e le prestazioni di
oltre il 300 per cento rispetto all’LVT (Luxury
Vinile Tile). Il sistema a incastro U-click facilita la
posa di doghe o piastrelle di diversi formati, ef-
fetto legno e pietra. (IG)
Linnut, che in finlandese significa
uccelli, è una collezione di sculture THE FIRST DÉCO PRODUCT dedicated to interi-
luminose senza cavo.
ors, Clap! is a covering system made out of the in-
By Oiva Toikka per Magis – Iittala.
novative material SPC (Stone Polymer Composi-
Linnut, which in Finnish means te). It is recyclable, composed of powdered
birds, is a collection of luminous minerals that are able to increase the strength and
structures with no cable. performance by over 300 per cent with respect to
By Oiva Toikka for Magis – Iittala. theLVT(LuxuryVinylTile).TheU-clickinterlocking
system facilitates the laying of boards or tiles of
different shapes, in wood and stone finishes.

34 ABITARE 588
C’È IL MONDO A CERSAIE.
ESPOSITORI DA 40 PAESI,
VISITATORI DA 5 CONTINENTI,
IL MEGLIO DELLA
PRODUZIONE MONDIALE
DI CERAMICA, ARREDOBAGNO
E SUPERFICI, MIGLIAIA
DI CONTATTI SVILUPPATI.
A CERSAIE C’È TUTTO QUESTO,
OLTRE AL FASCINO DEL PAESE
PIÙ BELLO DEL MONDO.
Salone Internazionale della Ceramica
per l’Architettura e dell’Arredobagno

Bologna
23 27 - 09 - 2019

www.cersaie.it

Promosso da

In collaborazione con

Organizzato da

Segreteria Operativa

Promos srl
Cucaracha Favaretto & Partners Design
MICHELE NASTASI
MICHELE NASTASI

SONIA CALZONI

UNA CASA PER COMUNITÀ NUOVA


DON RIGOLDI’S NEW HEADQUARTERS
Era il 1973 quando, dalla collaborazione tra don Gino Rigoldi, cappellano presso il
carcere minorile Beccaria di Milano, e alcuni operatori e volontari dello stesso istitu-
to, nasceva Comunità Nuova, associazione no profit dedita all’inclusione di giovani e
adulti in difficoltà. Nel corso del tempo la onlus con sede nella periferia del quartiere
Bisceglie è divenuta un vero e proprio punto di riferimento sul territorio milanese e
non solo. Da qui il progetto, affidato all’architetto Sonia Calzoni, per la realizzazione di
MICHELE NASTASI

una nuova sede. Il risultato è l’Hub, avveniristico edificio la cui genesi è raccontata nel
volume L’idea di una Nuova Comunità, edito da Electa, arricchito dalle foto di Giovan-
ni Chiaramonte e Michele Nastasi. Partendo dalla tabula rasa di uno spazio da inven-
tare completamente, lo Studio Calzoni ha innescato un processo di rivalutazione
della periferia che va al di là della mera praticità di un edificio. Ultimato in soli due
anni, l’Hub di Comunità Nuova intende fornire al quartiere e alla città una struttura
polifunzionale, capace di integrarsi con le realtà circostanti. (Stefano Benedetti)

It was 1973 when, through the collaboration of Don Gino Rigoldi, chaplain at the
Beccaria juvenile prison in Milan, and several volunteers from the same institution,
Comunità Nuova was born; the non-profit organisation is dedicated to the inclusion
of young people and adults who are experiencing difficulty. Over time the non-profit
MICHELE NASTASI

organisation, which is based on the outskirts of the Bisceglie neighbourhood, has be-
come a real touchstone for the neighborhood. Thus was born the project, entrusted
to the architect Sonia Calzoni, to build a new headquarters that could translate the
needs of the organisation into space and function. The result is Hub, a futuristic build-
ing whose genesis is laid out in the volume L’idea di una Nuova Comunità (The Idea of
a New Community), which is embellished with Giovanni Chiaramonte’s and Michele
Nastasi’s photos. Starting from the tabula rasa of a space open to invention, Studio
Calzoni triggered a process of re-valuing of the suburbs that goes beyond the mere
practicality of a building. Completed in just two years, Hub offers the neighbourhood
a multi-purpose structure, capable of integrating with the surrounding realities.

Il complesso di Comunità Nuova a Baggio


L’idea di una Nuova Comunità
nasce nel quadro della nuova progettazione
Edited by Sonia Calzoni
urbanistica avviata dal Comune di Milano
Electa, 2019
per restituire identità ai quartieri.
pp. 144, € 32
The Comunità Nuova complex at Baggio
is part of the new urban planning initiative
undertaken by the Municipality of Milan
to restore neighbourhood identities.

588 ABITARE 37
ARTIGIANA DEL TESSUTO
THE TEXTILE CRAFTSWOMAN
Inquieta e creativa, Dianora Marandino amava
definirsi “artigiana del tessuto”. Moglie del pitto-
re Enzo Faraoni, fu una personalità eclettica e
anticonformista. Dopo una serie di esperimenti
riuscì a dipingere direttamente sul tessuto, ar-
ricchendo semplici elegantissimi abiti con ele-
menti decorativi dall’esplosione cromatica spes-
so ispirata alla tradizione artigianale italiana,
soprattutto ceramica. (Elena Franzoia)

Restless and creative, Dianora Marandino liked


Bernard Bijvoet, Jan Duiker, Open Air School for Healthy Children, Amsterdam, 1927-1930. to call herself a “textile craftswoman”. Wife of
the painter Enzo Faraoni, she was an eclectic and
non-conformist personality. She was able, after
a series of experiments, to paint directly on fa-
bric, embellishing simple, highly elegant dresses
BEATRIZ COLOMINA with decorative elements featuring chromatic
explosions, often inspired by Italy’s craftsman-
ARCHITETTURA E RAGGI X ship tradition, especially ceramics.

ARCHITECTURE AND X-RAY Dianora Marandino


artigiana del tessuto
Quali discipline ispirarono maggiormente la nascita dell’architettura moderna e Gabriella Nocentini
razionalista d’inizio Novecento? In questo saggio Beatriz Colomina sostiene una Sillabe, 2019
tesi ardita e interessante secondo la quale fu l’ossessione per la tubercolosi e la pp. 144, € 15
nascita dei raggi X come strumento diagnostico a dare impulso a un certo modo
di progettare. I raggi X infatti nel “rendere pubblico” l’interno del corpo suggeri-
rono una nuova concezione della relazione esterno-interno che si tradusse in
trasparenza. L’autrice fa notare peraltro che l’architettura è sempre stata colle-
gata alle teorie del corpo, da Vitruvio a Leonardo fino a Giorgio Vasari. E arriva
alla suggestiva conclusione che “la modernità è stata guidata dalla malattia”.
Secondo Colomina l’attuale dematerializzazione dell’architettura ha a che fare TOPOLINO E IL SUO HABITAT
con un mondo sempre più mediatico, mentre nell’ottica di una “lettura medica” THE WORLD OF MICKEY MOUSE
degli spazi l’aumento delle allergie ci starebbe portando nell’era della Sick-Buil-
ding Syndrome. (Alberto Bortolotti) Dal 1930 al 1975 le ambientazioni delle strisce di
Mickey Mouse si sono adattate alle innovazioni e
alle vicende storiche contemporanee così come
What disciplines provided the main inspiration for the birth of modern and rational-
all’evoluzione dello spazio abitato. Il merito è
ist architecture at the beginning of the 20th century? In this essay Beatriz Colomina
dell’autore e vignettista Floyd Gottfredson, che
presents the bold and interesting thesis that it was the obsession with tuberculosis ha aggiornato arredi, tecniche di costruzione, ti-
and the invention of X-ray radiography as a means of diagnosis that gave the boost pologie funzionali. Giacomo Delbene Guidoni
to a certain type of architecture. In fact by “making public” the interior of the body analizza il livello altissimo di dettaglio e messa in
X-rays suggested a new vision of the relationship between inside and outside that scena di queste scenografie. (AP)
found expression in structures that were increasingly transparent. The author points
out, moreover, that architecture has always had a connection with theories of anat- From 1930 to 1975 Disney’s Mickey Mouse comic
omy, from Vitruvius to Leonardo and Giorgio Vasari. And she arrives at the fascinat- strips have incorporated new technological ideas
ing conclusion that modernity has been guided by illness. According to Colomina the and developments in urban and domestic life. And
that is thanks to the author and cartoonist Floyd
current dematerialization of architecture is connected with an increasingly media-
Gottfredson, who helped make the books more up
oriented world, while from the perspective of a medical interpretation of spaces the
to date by adding furnishings and appliances. This
increase in allergies is taking us into the era of the sick building syndrome. book analyses the architecture, towns and designs
that Gottfredson created as the background to the
stories on the world’s most famous mouse.

X-Ray Architecture ArchiDisney. Architettura,


Beatriz Colomina città, design nell’arte
Lars Müller Publishers, 2019 di Floyd Gottfredson
pp. 200, €35 Giacomo Delbene Guidoni
Odoya, 2019
pp. 262, € 18

38 ABITARE 588
LOFT
CON AUTO
D’EPOCA
A LOFT WITH
A VINTAGE CAR
txt Laura Cardia
photos Sandra Pereznieto

| Un ex teatro nel Distrito 22@ di Barcellona oggi è


un’abitazione suggestiva. Gli architetti CADAVAL & SOLÀ-
MORALES vi hanno introdotto aria e luce ricavando un
nuovo patio con piscina. E fa parte dell’arredo una gloriosa
Porsche 911, parcheggiata in soggiorno come una scultura
/ A former theatre in Barcelona’s Distrito 22@ is now an
evocative home. The architects Cadaval & Solà-Morales
have brought air and light into it by creating a new patio
with a swimming pool. And a glorious Porsche 911 is part of
the furniture, parked in the living room like a sculpture

40 ABITARE 588
i nterni

La facciata del vecchio teatro


è stata mantenuta intatta. Si accede
a un atrio su cui si aprono
l’appartamento principale e due
monolocali. Pagina accanto, il living.
The façade of the old theatre has
been kept intact. Access is through
a central hall onto which open the
main apartment and two studio flats.
Opposite page, the living room.

588 ABITARE 41
La sala teatrale è stata
trasformata in un grande open space,
nel quale trovano posto lo studio,
il soggiorno, la zona pranzo e la cucina.
The auditorium of the theatre has
been turned into a large open space,
in which are located the studio, living
room, dining area and kitchen.

A BARCELLONA, NELL’INNOVATIVO QUARTIERE DI- IN BARCELONA’S INNOVATIVE DISTRITO 22@, NOT FAR
STRITO 22@ NON LONTANO DALL’AVENIDA DIAGONAL, FROM THE AVENIDA DIAGONAL, a theatre from the late
un teatro di fine Ottocento – diventato nel tempo fienile 19th century – converted over the course of time into a
e poi magazzino di carta igienica – è stato trasformato barn and then a toilet-paper warehouse – has been turned
in una casa-studio di grande carattere. La lunga storia into a studio-home of great character. The long history of
dell’edificio e le sue diverse destinazioni d’uso hanno the building and its different uses have shaped the philos-
determinato la filosofia dell’intervento, firmato dagli ophy of the intervention by the architects Cadaval & Solà-
architetti Cadaval & Solà-Morales: «Non abbiamo demo- Morales: “We haven’t demolished but restored. We have
lito ma restaurato. Abbiamo ragionato come se il teatro treated the theatre as if simply had to be the backdrop to a
dovesse semplicemente fare da sfondo a una nuova fun- new function, to have another life,” they explain. The de-
zione, avere un’altra vita», spiegano. Il progetto si adegua sign is adapted to the introverted nature of the building,
alla natura introversa dell’edificio, che ha pochi rapporti which has few relations with its surroundings. The only
con il contorno. Le aperture in facciata interessano la openings in the front are in the entrance zone. Two studio

42 ABITARE 588
sola zona d’ingresso. Ai lati sono stati ricavati due mo- flats have been created at the sides, both illuminated by
nolocali, entrambi illuminati da una finestra e dotati di a window and equipped with a service area containing
un’area di servizio con cucina e bagno, e di un soppalco. kitchen, bathroom and a loft.
L’atrio centrale dà accesso sia ai monolocali, sia all’abi- The central hall provides access both to the studio flats
tazione principale che vediamo in queste pagine. E fun- and to the main apartment that we see in these pages. And
ge anche da garage per un’auto d’epoca, una Porsche 911 it also act as a garage for a vintage car, a Porsche 911 that
che gli architetti hanno trattato “come una scultura”, un the architects have treated “as a sculpture”, an anticipa-
anticipo dell’atmosfera inusuale degli interni. Due porte tion of the unusual atmosphere of the interiors. Two floor-
scorrevoli di legno a tutt’altezza oggi introducono all’a- to-ceiling wooden sliding doors now lead into the main
bitazione principale, e nel muoversi modificano conti- apartment, and in moving continually modify the design
nuamente il disegno della parete e la percezione degli of the wall and the perception of the spaces. The heart of
spazi. Il cuore del vecchio teatro è diventato un loft con the former theatre has become a genuine warehouse con-
muratura a vista, pavimento di cemento e capriate di le- version with unplastered walls, cement floor and wooden

588 ABITARE 43
44 ABITARE 588
Parte della copertura è stata
rimossa per creare un patio,
definito da due pareti di vetro.
Part of the roof has been
removed to create a patio,
enclosed by two glass walls.

588 ABITARE 45
gno, con un effetto caldo e accogliente. Gli arredi sono trusses, producing a warm and welcoming effect. The fur-
bassi (i divani) e trasparenti (le librerie), «quasi attacca- niture is low (the sofas) and transparent (the bookcases),
ti al suolo, per sottolineare il respiro dell’architettura», “almost attached to the ground, to underline the spacious-
commentano i progettisti. Lo studio, il soggiorno, la zona ness of the architecture,” comment the designers. The stu-
pranzo e la cucina sono aree funzionali che si succedo- dio, the living room, the dining area and the kitchen are
no, definite anche dalle diverse quote del pavimento. functional spaces that succeed one another, defined in
L’invenzione più originale è il piccolo patio, ricavato part by the different levels of the floor.
eliminando un angolo della copertura, ancora leggibile The most original invention is the small patio, created by
nell’intonaco esterno che riporta l’inclinazione della fal- eliminating one corner of the roof, still visible in the ex-
da mancante. È il necessario pozzo di luce e ventilazione ternal plaster that shows the inclination of the missing
per questa abitazione chiusa in sé stessa, ed è definito pitch. It provides the necessary light well and ventila-
da due pareti di vetro con grandi serramenti metallici a tion shaft for this introverted home, and is defined by two

46 ABITARE 588
FIRST-FLOOR PLAN

GROUND-FLOOR PLAN

Nella pagina accanto, lo studio Project


affacciato sul piccolo patio. The Theatre
Opposite page, the studio facing Architect
onto the small patio. Cadaval & Solà-Morales
Structural engineers 0 1 5m
Carmela Torró Micó
Year of completion
2019
Built area
330 sqm
Location
Barcelona

588 ABITARE 47
«ABBIAMO RAGIONATO COME SE IL TEATRO DOVESSE FARE DA SFONDO A UNA
NUOVA FUNZIONE, AVERE UN’ALTRA VITA»
“WE HAVE TREATED THE THEATRE AS IF SIMPLY HAD TO BE THE BACKDROP TO A NEW FUNCTION, TO HAVE ANOTHER LIFE”

quadrotti. Nella bella stagione diventa un ulteriore am- glass walls with square panes in thick metal frames. In
biente da vivere, con le amache e la piccola piscina; in good weather it becomes another living space, with ham-
inverno offre un mutevole sfondo scenografico. Risolve mocks and a small swimming pool; in the winter it offers a
il rapporto con la luce e con l’esterno, dotando l’edificio mutable scenic backdrop. It resolves the relationship with
di una curiosa autosufficienza. Nella parte posteriore, light and with the exterior, giving the building a curious
che un tempo era la torre scenica, oggi invece si sviluppa self-sufficiency. In the rear part, what was once the fly
la zona notte con relativi servizi. Al primo piano due ca- tower now houses the sleeping area with its bathrooms.
mere da letto e al secondo la camera matrimoniale, tutte On the first floor two bedrooms and on the second the mas-
con muratura perimetrale a vista. L’ampia terrazza ac- ter bedroom, all with unplastered outer walls. The ample
canto alla camera del secondo piano è l’unico spazio di terrace next to the bedroom on the second floor is the only
quest’universo intimo che affaccia sulla città. ○ space in this intimate universe that faces onto the city. ○

48 ABITARE 588
Il living funge anche da garage
per una Porsche 911.
The living area also serves as
a garage for a Porsche 911.

588 ABITARE 49
ECO-RIFUGIO
NELLA PINETA
ENVIRONMENTALLY
FRIENDLY REFUGE
IN THE PINEWOOD

50 ABITARE 588
i nterni

588 ABITARE 51
| Lo chef che vive in questa curiosa casa bretone coltiva qui le
piante per le sue preparazioni e alleva pesci nella vasca decorativa al
centro dello spazio. L’atelier parigino autore del progetto, VICTORIA
MIGLIORE, ha evitato di utilizzare cemento. E nemmeno un albero
della foresta è stato sacrificato / The chef who lives in this curious
Breton house grows the plants he uses in his cooking here and raises
fish in the decorative pool at the centre of the space. The Parisian
studio responsible for its design, Victoria Migliore, has avoided the
use of concrete. And not one tree in the forest has been sacrificed

txt Irene Guzman


photos Cyril Folliot

La casa è sostenuta da 26
pilastri d’acciaio, una soluzione
che ha permesso di non intaccare
le radici degli alberi.
The house stands on 26 steel
pillars, a solution that has made it
possible not to damage the roots
of the trees.

IN BRETAGNA, A SABLES-D’OR-LES-PINS, STAZIONE IMMERSED IN THE SERENE AND WELCOMING NATURE


BALNEARE SUL CANALE DELLA MANICA nota per le sue OF A PINE FOREST, AT SABLES-D’OR-LES-PINS, a seaside
dune di sabbia fine, immersa nella natura serena e acco- resort on the Channel coast of Brittany known for its dunes
gliente di una pineta, sorge una casa sospesa tra gli alberi of fine sand, stands a house suspended among the trees,
ideata dallo studio d’architettura parigino Atelier Victoria designed by the Parisian architecture practice Atelier Vic-
Migliore e realizzata senza utilizzo di cemento e nemme- toria Migliore and built without the use of concrete and
no un tronco d’albero sulla coscienza. Costruita in appena with not even one felled tree on its conscience. Construct-
cinque mesi – mentre ci sono voluti due anni tra progetta- ed in just five months – while the design and obtaining
zione e ottenimento dei permessi – la struttura a pianta of planning permission took two years – the rectangular
rettangolare di questa abitazione di 84 metri quadrati è structure of this 84-square-metre house has literally been

52 ABITARE 588
588 ABITARE 53
La vasca centrale è stata realizzata
per allevare granchi. aragoste e pesci
da cucinare. È rivestita con le stesse
piastrelle utilizzate nella vasca da bagno.
The central pool has been installed
to raise crabs, lobsters and fish
for cooking. It is lined with the same tiles
as have been used in the bathtub.

54 ABITARE 588
IL CUORE DELLA CASA È UNA
VASCA D’ACQUA SALATA OPEN-AIR
THE HEART OF THE HOUSE IS AN OPEN-AIR POOL OF SALT WATER

stata letteralmente modellata per incastrarsi tra i pini,


preservandone le radici grazie ai 26 pilastri d’acciaio su
cui si regge, piantati in profondità nel terreno sabbioso.
Gli ambienti interni, circondati dalle fronde che li proteg-
gono dal sole, si sviluppano su un unico livello a un’altezza
dal suolo variabile da uno a quattro metri, e sono organiz-
zati attorno al cuore della casa, costituito da una vasca
d’acqua salata open-air, inondata dalla luce del patio. Sei
essenze di legno sono state impiegate per usi differenti:
rovere e pino per la struttura, betulla per gli arredi inter-
ni, rovere per il parquet, castagno per il balcone, mogano
per il bar e infine abete di Douglas bruciato con la tecnica

modelled to fit between the pines, preserving their roots


thanks to the 26 steel pillars on which it stands, planted
deep in the sandy ground.
The rooms inside, surrounded by foliage that protects them
from the sun, are laid out on a single level at a height above
the ground that varies from one to four metres, and are ar-
ranged around the heart of the house, an open-air pool of
salt water, flooded with light from the patio. Six types of
wood have been employed for different uses: oak and pine
for the structure, birch for the internal furnishings, oak for
the parquet, chestnut for the balcony, mahogany for the bar

588 ABITARE 55
Project
Treehouse
Architects
Atelier Victoria Migliore
Project team
Bertille Pien
Benjamin Roussin
Edgar Beaudouin
Structural engineers
A A
ECTS
Client
Private individual
Year of completion
2018
Location
Fréhel
Sables-d’Or-les-Pins (F)

1. Patio entrance
2. Kitchen
3. Dinig room
4. Pond poul
5. Bookcase
6. Wine cellar
7. WC
PLAN
8. Living room
9. Bar
10. Dressing
11. Bathroom
12. Bedroom
13. Sauna

SECTION A-A

QUI VIGE LA PERMACULTURA , CHE PRESERVA L’ECOSISTEMA


HERE PERMACULTURE IS USED, PRESERVING THE ECOSYSTEM AND THE COEXISTENCE OF ALL LIVING CREATURES

giapponese del yakisugi, che rende il mate- and finally Douglas fir charred by the Japa-
riale resistente alle intemperie, ai raggi ul- nese technique known as yakisugi, which
travioletti, alla muffa, agli insetti e al fuoco. makes the material resistant to weather, ul-
Grazie alle grandi finestre vetrate la na- traviolet radiation, mould, insects and fire.
Il rivestimento esterno tura sembra far parte della casa, mentre Thanks to the large windows, nature seems
è stato trattato con la tecnica la spiaggia può essere raggiunta attraver- to be part of the house, while the beach can
giapponese yakisugi, so una passerella di legno sospesa su un be reached by a wooden walkway over a
che consiste nel bruciare giardino coltivato secondo i dettami della garden cultivated according to the tenets
le tavole di legno per renderle permacultura, che prevede una convi- of permaculture, which envisages a har-
più durevoli.
venza armonica e sana di tutti gli esseri monious and healthy coexistence of all
The external cladding has
been treated by the Japanese viventi, compresi insetti, piante e micror- living creatures, including insects, plants
yakisugi technique, which entails ganismi. Il proprietario di professione fa and microorganisms. The owner is a chef
charring the wooden boards lo chef, e usufruisce oltre che delle pian- by profession, and he makes use not only of
to make them more durable. te anche della vasca per i pesci, collegata the plants but also the pool as a fishpond,

56 ABITARE 588
588 ABITARE 57
58 ABITARE 588
Sotto, nella camera da letto la vetrata è schermata
contro insetti e ragni. Pagina accanto, la rete
per proteggere la vasca dalla caduta di rami è usata
anche come un’amaca.
Below, the glass wall in the bedroom has a screen
to protect against insects and spiders. Opposite page,
the mesh used to catch falling branches is also used
as a hammock.

GLI ARREDI SONO REALIZZATI SU MISURA DA UN FALEGNAME E UN EBANISTA


THE FURNITURE HAS BEEN MADE TO MEASURE BY A CARPENTER AND A CABINETMAKER

alla cucina tramite il patio. Sopra la vasca, una rete ha la connected to the kitchen through the patio. Above the pool,
doppia funzione di amaca e di protezione dalla caduta di a mesh has the dual function of hammock and protection
eventuali rami. against falling branches.
All’interno, i principali arredi della casa – armadi, cucina e Inside, the house’s main furnishings – cupboards, kitchen
scaffalature – sono stati realizzati su misura da un team lo- units and shelving – have been made to measure by a local
cale composto da un falegname e un ebanista, per diventare team made up of a carpenter and a cabinetmaker, in order
parte integrante dell’architettura. Gli altri pezzi di design for them to become an integral part of the architecture. The
sono tra quelli di George Nakashima ed Eero Saarinen per other pieces of furniture are those by George Nakashima and
Knoll International, mentre il camino sospeso dell’azienda Eero Saarinen for Knoll International, while the hanging
francese Focus può ruotare a 360 gradi in modo che diver- fireplace made by the French firm Focus can turn through
si ambienti della casa, soggiorno, cucina, sala da pranzo e 360 degrees so that different parts of the house, living room,
biblioteca, possano beneficiare del suo calore. Tutte le sale kitchen, dining room and library, can benefit from its heat.
sono sormontate da travi di legno a vista, tranne il bagno All the rooms have open wooden beams, except the bathroom
che ha un controsoffitto di gesso, e la camera da letto che which has a false plaster ceiling and the bedroom which has
presenta un rivestimento protettivo contro insetti e ragni. a lining to protect against insects and spiders. Other environ-
Non mancano altri elementi eco-friendly, come i pannelli mentally friendly elements include solar panels on the roof
solari sul tetto che riscaldano la rete idrica della casa, e un that heat water for the house and a rainwater recovery sys-
recuperatore d’acqua piovana. La rete elettrica è fornita da tem. The electric wiring is supplied by a French distributor
un distributore francese che utilizza fonti rinnovabili. ○ that uses renewable sources. ○

588 ABITARE 59
a rchitettura

ALLUNAGGIO
NELLA
CAMPAGNA
ROMANA
LUNAR LANDING
IN THE ROMAN
COUNTRYSIDE

txt Michele Calzavara


photos Matteo Benedetti

| A Formello, nord di Roma, lo studio MALFONA PETRINI ha realizzato


nel corso di un decennio una varietà di candide e articolate ville
unifamiliari. Un “arcipelago residenziale” inedito, che esplora il tema
dell’architettura periferica come disciplina d’autore / At Formello,
north of Rome, the Malfona Petrini firm has built a series of spotless
white and intricate detached houses over the course of a decade. This is
an unprecedented “residential archipelago” that explores the theme of
suburban architecture as a specialist discipline
60 ABITARE 588
Il complesso residenziale
Finestre sul fiume, costituito
da tre ville per vacanze, rilegge
il tema della struttura leggera
a padiglione.
The residential complex
Finestre sul fiume, made
up of three holidays villas,
rereads the idea of the pavilion
as a lightweight structure.

DA CIRCA DIECI ANNI IL PICCOLO CENTRO COLLINA- FOR AROUND TEN YEARS THE SMALL HILL TOWN OF
RE DI FORMELLO vede un crescente numero di nuovi FORMELLO has seen a growing number of new inhabit-
abitanti che da Roma si spostano in quello che ne è or- ants who have moved out of Rome into what has now
mai diventato un quartiere satellite. Accomunati da una become a satellite community. Characterized by a de-
certa omogeneità socio-economica e culturale, questi gree of socioeconomic and cultural homogeneity, these
nuovi abitanti sono professionisti o “creativi” attratti new residents are professionals or “creatives” attracted
da un modello di vita defilato, più privacy e un’aperta by a model of life off the beaten track, greater privacy
relazione col paesaggio, oltre che dalle possibilità offer- and an open relationship with the landscape, as well as
te dal tipo della villa unifamiliare circondata dal verde. by possibilities offered by the detached house surround-
Anche grazie a quell’“esodo” lo studio Malfona Petrini ed by greenery. It is partly due to this “exodus” that the
– fondato nel 2007 da Lina Malfona con Fabio e Simone Malfona Petrini firm – founded in 2007 by Lina Malfona
Petrini – ha trovato in questi anni diverse occasioni pro- together with Fabio and Simone Petrini – has identified
gettuali che si sono via via concretizzate in una serie di a number of design opportunities that have gradually
Case Study Houses sul tema del padiglione residenziale taken form in a series of case study houses linked to ideas
con piscina. Per quanto ciò possa essere lo stereotipo of a residential pavilion with a swimming pool. However
di un immaginario dell’agiatezza, Formello non è una much this may seem to be the stereotype of an imagery

588 ABITARE 61
Finestre sul fiume
Villa A

L’ispirazione per queste case – dicono


gli architetti – viene dai piccoli edifici
e teatri all’aperto che si trovano nei parchi,
per esempio a Roma a Villa Borghese.
The inspirations for this villas
are the open-air little theaters and small
buildings that can be found in parks,
like those in Rome’s Villa Borghese, say
the architects.

QUI IL PORTICO, EFFETTO DI UNA RIDONDANZA STRUTTURALE,


DIVENTA SPAZIO POROSO TRA PUBBLICO E PRIVATO
HERE THE PORCH, AS THE EFFECT OF A STRUCTURAL SUPERFLUITY, BECOMES A POROUS SPACE BETWEEN PUBLIC AND PRIVATE

Upstate Rome, come commenta sarcasticamente Pippo of affluence, Formello is not in Upstate Rome, as Pippo
Ciorra (nella prefazione del libro Building the landscape Ciorra comments sarcastically (in the preface to the book
di LetteraVentidue, 2018, con cui Lina Malfona presenta Building the Landscape published by LetteraVentidue,
l’architettura del suo studio). Né i suoi nuovi residen- 2018, in which Lina Malfona presents the architecture of
ti sono ex cittadini, poiché, come già scriveva Andrea her studio). Nor are its new residents former city-dwellers
Branzi ripercorrendo la genesi del radical italiano (in La since, as Andrea Branzi wrote in his examination of the
casa calda, 1984), essere cittadino “non vuol dire più abi- genesis of Italian radical architecture (in La casa calda,
tare in un luogo o in una strada urbana, ma adottare un 1984) “living in a city no longer means inhabiting a fixed
determinato modello di comportamento, costituito dal place or urban street, but rather adopting a certain mode
linguaggio, dall’abbigliamento, dall’informazione stam- of behaviour, comprising language, clothing and both
pata e televisiva; fin dove arrivano questi media arriva printed and electronically transmitted information; the
la città”. Parole cui le case progettate da Lina Malfona city stretches as far as the reach of these media.” These

Villa A Villa B Villa C

62 ABITARE 588
588 ABITARE 63
Finestre sul fiume
Villa B

– tecnologicamente aggiornate, predisposte all’epopea


aerea di una logistica fatta di droni e altre diavolerie a
venire – possono anche alludere nelle premesse teo-
riche, ma non nel sovvertimento di ruoli che Branzi
rivendicava per un design non più “dedito a ordinare i
fiori in casa” (giustamente) ma legittimato a sostituire
l’urbanistica e l’architettura nella progettazione territo-
riale. Se è vero che le merci e i servizi fanno circolare la
metropoli sul territorio, quella metropoli era tuttavia in-
tesa come fabbrica o supermarket. Gli esiti a lungo ter-
mine di tale posizione, dalla “genericità” della forma al
primato del programma, li conosciamo abbastanza per
non guardare con grande interesse a ciò che qui, invece,
esprime pienamente un’architettura “periferica” come
disciplina d’autore. Nelle loro variazioni su un tema ben
determinato ma altrettanto articolato teoricamente, le
case di Formello potrebbero anche denominarsi come
la nota progressione “House I, II, III … X” (in riferimen-
to alla Cardboard Architecture di Peter Eisenman), per
una certa autoreferenzialità linguistica che fa di esse dei
piccoli, autonomi teoremi. In realtà il loro apparente “al-
OPPORTUNE APERTURE SONO PENSATE lunaggio” nella campagna romana è uno stress test del

PER L’ATTERRAGGIO DI DRONI linguaggio, una forma di negoziazione dei suoi temi for-
mali con un principio di località insediativa: sacre con-
ACCESS FROM ABOVE THROUGH SPECIAL HOLES, FOR THE LANDING OF DRONES versazioni tra architettura e paesaggio, dice Malfona.
Che così descrive le Case binate, primo progetto con cui

64 ABITARE 588
Finestre sul fiume
Villa C

are words to which the houses designed by Lina Malfona –


technologically up-to-speed, ready for the aerial exploits
of a logistics based on drones and other gizmos to come
– may allude in their theoretical premises, but not in the
subversion of roles that Branzi laid claim to for a design
no longer “dedicated to the arrangement of flowers at
home” (and rightly so) but seen as a legitimate substitute
for town-planning and architecture. While it is true that
merchandise and services spread the metropolis out over
the territory, the metropolis was still viewed as factory or
supermarket. We are familiar enough with the outcomes
of this position in the long term, from “vagueness” of form
to the primacy of programme. Here, instead, what we
have is a clear expression of “suburban” architecture as
a specialized discipline. In variations on a theme that are
precise but also varied in terms of a theoretical approach,
the Formello houses could also be referred to by the well-
known progression “House I, II, III... X” (referring to Peter
Eisenman’s Cardboard Architecture), with their linguistic
La scelta di un involucro costituito da strutture “a telaio”
self-referentiality that makes them into small, independ-
libera lo spazio e invita a contemplare il paesaggio.
ent theorems. In reality their apparent “lunar landing” in The frame-shell frees the space and sight, and invites
the Roman countryside is a stress test of the language, a us to contemplate the landscape.
form of negotiation between its formal themes with forms
of localisation: or sacre conversazioni between architec-
ture and landscape, as Malfona puts it. This is her term
for the “Twin Houses”, the firm’s first project in the area –

588 ABITARE 65
UNA GALASSIA DI FORME
A GALAXY OF SHAPES

Gli edifici costruiti a Formello


The works built in Formello

1. Fossi Vecchi social housing


2. Casa nel bosco
3. Finestre sul fiume
4. Villa Rossa
5. Villa Rosa
6. Quattro case al Praticello
7. Stadium Arena
8. La Villa
9. Casa Blu
10. Case Binate
al Monte Lavatore

66 ABITARE 588
Casa al Praticello

lo studio esordisce nell’area, padiglioni solcati da


grandi bucature e attraversabili dallo sguardo sotto TUTTE LE VILLE SONO UN ESERCIZIO
le piegature dei setti e dei solai che li schermano in-
quadrando lembi di campagna. E così le realizzazio-
PROGETTUALE ECONOMICO E A KM ZERO
ni più recenti, Finestre sul fiume, tre ville affiancate ALL THE VILLAS ARE THE OUTCOME OF AN EXERCISE IN THE DESIGN OF
dove il tema del portico come effetto di una ridon- ECONOMIC CONSTRUCTIONS AND LOCAL SOURCING
danza strutturale, di una “disjunction” (à la Tschu-
mi, si potrebbe dire) tra nucleo e involucro, o tra
contenuto e contenitore (e qui c’è il San Gerolamo Casa al Praticello è essenzialmente un tetto
di Antonello da Messina o il baldacchino del Berni- sostenuto da pilastri e concepito per essere
ni, cui lo studio guarda), diventa spazio poroso tra una terrazza. Le Case Binate hanno una pianta
interno ed esterno, pubblico e privato, astrazione e “a L” pensata per consentire futuri ampliamenti.
paesaggio naturale; ma anche terra e cielo, poiché Casa al Praticello is made up of a canopy
tale doppio involucro è un dispositivo che permette held up by pillars and conceived as a terrace.
The Case Binate have an L-shaped floor plan
ingressi dall’alto, attraverso opportune bucature,
that allows them to be expanded over time.
per l’atterraggio di droni e il trasporto delle merci
all’interno dell’abitazione (queste ville sono anche
dette Houses for drones). Un altro progetto, la Casa Case Binate al Monte Lavatore

pavilions pierced by large openings that make it pos-


sible to see right under the folds of the partitions and
the floor slabs that screen them, framing glimpses of
countryside. And thus the most recent additions to
the series, “Windows on the River”, three houses set
side-by-side where the theme of the porch as the ef-
fect of a structural superfluity, as a “disjunction” (à
la Tschumi, we might say) between core and shell,
or between content and container (and here we find
the influence of Antonello da Messina’s St. Jerome
or Bernini’s baldachin, sources on which the studio
draws), becomes a porous space between the inside
and the outside, public and private, abstraction and
natural landscape; as well as between earth and sky.
This double shell is a system that allows access from
above, through special holes for the landing of drones
and the delivery of goods inside the building (they
are also called “Houses for Drones”). Another project,

588 ABITARE 67
Questa villa esplora il tema
della separazione attraverso
la frammentazione. È costituita
da più corpi, tra cui un padiglione
aperto (foto sotto).
In basso, Lina Malfona
tra Fabio e Simone Petrini.
This villa explores the
theme of separation through
fragmentation. Its various bodies
include a shed (below).
Bottom, Lina Mafona between
Fabio and Simone Petrini.

Villa Rosa

al Praticello, recupera una costruzione rurale esistente


avvolgendola in un nuovo telaio-copertura, anch’esso fo-
rato, sotto il quale spazi e funzioni si inseriscono come
slot di una scheda madre: un’unità minima a basso costo.
Il che è un dato che accomuna tutte queste ville – del resto
i suoi abitanti non appartengono all’altissimo ceto roma-
no che storicamente popola la vicina “gated community
d’alto bordo” dell’Olgiata – caratterizzate dall’utilizzo di
materiali, tecniche costruttive e maestranze locali, oltre
che da una relativa autosufficienza energetica, che ne
fanno l’esito di un esercizio progettuale economico e a km
zero. Effetto collaterale e inaspettato di tale prossimità
è il costituirsi di una sorta di comunità che condivide e
relaziona questo arcipelago residenziale “white”, chissà
se anche per contiguità di linguaggio e rigore teorico: il
quale, nello stucchevole dibattito sulla densità o la “smar-
tness” del nostro habitat artificiale, è merce piuttosto rara
e molto apprezzata. ○

the Casa al Praticello, is a conversion of an existing rural


construction, which has been enclosed in a new frame/cov-
ering, and is also pierced with holes, under which spaces
and functions have been inserted as if slotted into a moth-
erboard: a minimal unit at low cost. This is something that
all these houses have in common – in fact their inhabitants
do not belong the Roman upper class that has historically
populated the nearby “VIP gated community” of Olgiata –
and is reflected in the materials, building techniques and
local workers, as well as in a relative self-sufficiency of en-
ergy, making them the outcome of an exercise in the design
of economic constructions and local sourcing. A collateral
and unexpected effect of this proximity has been the crea-
tion of a sort of community that inhabits this residential
archipelago, perhaps in part out of affinity of language and
theoretical rigour. Which, in the tiresome debate over the
density or “smartness” of our artificial habitat, is a some-
what rare and much appreciated commodity. ○

68 ABITARE 588
588 ABITARE 69
a rchitettura

LA RICETTA AFRICANA
THE AFRICAN FORMULA
| Mix di funzioni, bassa densità, spazi aperti vivaci, sostenibilità ambientale. Quattro
nuove cittadine in costruzione fra Nigeria, Kenya e Ghana propongono la “piccola taglia”
come formula urbanistica utile per far fronte all’esplosione demografica in atto. Abitare
ne ha parlato con gli architetti DAN RINGELSTEIN e GARETH EDWARDS di SOM, lo
studio autore dei masterplan / A mix of functions, low density, lively open spaces and
environmental sustainability. Four new towns under construction in Nigeria, Kenya and
Ghana propose “small size” as a useful planning formula to cope with the population
explosion under way. We talk about it with the architects Dan Ringelstein and Gareth
Edwards of SOM, the practice responsible for their master plans

txt Sara Banti

70 ABITARE 588
A SOLO OTTO ANNI DALLA SUA PUBBLICAZIONE, il
libro dell’architetto David Adjaye sulla condizione ur-
bana dell’Africa rischia di avere ormai un valore arche-
ologico (Adjaye, Africa, Architecture; 2011, Thames &
Hudson). Le fotografie di edifici pubblici e tessuto re-
sidenziale scattate o raccolte dall’autore nelle 53 capi-
tali oggi si confrontano con una realtà irriconoscibile,
in piena esplosione sia dal punto di vista demografico
(entro il 2050 il continente africano conterà 1,3 miliar-
di di individui in più), sia da quello della gestione di ter-
ritori. Ne abbiamo parlato con due urbanisti influenti
a Londra, Dan Ringelstein e Gareth Edwards di SOM,
la multinazionale del progetto che in Africa sta realiz-
zando quattro nuovi centri sotto i 150 mila abitanti in
collaborazione con Rendeavour, il maggior developer
privato del continente (supportato da capitali america-
ni, norvegesi, britannici e neozelandesi).

JUST EIGHT YEARS AFTER ITS PUBLICATION, the


book by the architect David Adjaye on the urban condi-
tion of Africa runs the risk of being seen as an archaeo-
logical exhibit (Adjaye, Africa, Architecture; Thames
Alárò City, Lagos, Nigeria & Hudson, 2011). The photographs of public buildings
100.000 abitanti / 100,000 inhabitants and residential fabric in 53 of the continent’s major cit-
1.000 ettari / 1,000 hectares ies taken or collected by the author represent a situation
In costruzione / Under construction that is no longer recognizable. Today’s reality is one of
rapid expansion from the viewpoint of both demography
La cittadina include fabbriche e logistica, uffici, residenze, scuole, ospedali,
(by 2050 Africa’s population will have grown by 1.3 bil-
hotel e 150 ettari di parchi e spazi aperti. L’abitato si struttura attorno
a sei percorsi “green” distanti tra loro 800 metri.
lion) and land management. We talked about this with
The town includes factories and freight transport services, offices, two influential urban planners based in London, Dan
housing, schools, hospitals, hotels and 150 hectares of parks and open Ringelstein and Gareth Edwards of SOM, the multina-
spaces. The built-up area is structured around six “green” routes separated tional architectural, urban planning and engineering
from each other by a distance of 800 metres. firm that in Africa is building four new towns with less

588 ABITARE 71
Tatu City, Nairobi, Kenya
150.000 abitanti / 150,000 inhabitants
2.000 ettari / 2,000 hectares
In costruzione / Under construction
La comunità offre un mix di residenza, lavoro e attività
per il tempo libero. Il piano punta su spazi aperti vivaci e di
qualità in cui muoversi a piedi, e si ispira al centro di Nairobi.
The community offers a mix of housing, jobs and leisure
activities. The plan aims to create lively open spaces of high
quality in which people can move around on foot and takes
its inspiration from the centre of Nairobi.

Sappiamo che entro il 2050 la popolazione mondiale


sarà per il 70% urbana, e tendiamo a immaginare
metropoli sempre più smisurate. Dal vostro osservatorio
africano, come vedete il ruolo dei piccoli centri
nel prossimo futuro?
Le cittadine sotto i 100-150 mila abitanti sono una risposta inte-
ressante all’esplosione demografica. Alleggeriscono il carico del-
le metropoli e offrono un modello policentrico da supportare con
adeguate infrastrutture e trasporti evoluti. A patto naturalmente
che non si tratti di “sprawl” suburbano, ma di centri distinti e au-
tonomi, con una loro identità, confini precisi e un mix completo
di funzioni. Un approccio che consente tra l’altro di innestare le
comunità nella natura. Ne è un buon esempio il nostro progetto
per Alárò City, in Nigeria. Ridefinisce un’area urbana già esisten-
te trasformandola in città satellite di Lagos, ed è ben collegata al
più importante porto della regione e al futuro aeroporto.
Con quali linee guida SOM affronta i masterplan delle quattro
new towns in cantiere tra Nigeria, Kenya e Ghana?
Gli obiettivi principali sono realizzare alloggi a prezzi accessibili
e strutture scolastiche per la crescente classe media dell’Africa
sub-sahariana. L’idea è che siano comunità autosufficienti e dun-
que cerchiamo di stimolare anche opportunità di lavoro vicino
alle abitazioni. Questi nuovi centri sono situati alla periferia di
metropoli in grande crescita come Nairobi, Lagos, Abuja e Accra. IL POLICENTRISMO È UN BUON MODELLO,
Quante di queste cittadine di “piccola taglia” vedremo
sorgere nel mondo, e in quali Paesi?
A PATTO CHE NON SIA “SPRAWL”
Nel 2050 la popolazione del pianeta raggiungerà in totale i 9,8 THE POLY-CENTRIC URBAN DEVELOPMENT MODEL IS INTERESTING,
miliardi di persone, 6,7 miliardi abiteranno in aree urbane. IF WE ENSURE THAT IT ISN’T “SUBURBAN SPRAWL”

72 ABITARE 588
than 150,000 inhabitants in collaboration with Rendeavour, the big-
gest private developer on the continent ( funded by capital from the
USA, Norway, the UK and New Zealand).
We know that by 2050 70% of the world’s population will be
urban, and we tend to imagine ever bigger cities.
From your observation post in Africa, how do you see the role
of smaller centres in the near future?
New towns with a population under 100-150,000 people can offer re-
lief to crowded metropolises and offer a chance to start a new poly-
centric development model in a coordinated way with suitable new
infrastructure and modern transport. However, we must be careful
to ensure that new towns aren’t “suburban sprawl”, but rather a dis-
tinct autonomous urban cluster with its own identity, mix of use and
clearly defined boundaries. This “poly-centric” approach to urbanism
allows new cities to be developed within nature and protecting sensi-
tive existing eco-systems between them. Alaro city in Nigeria is a good
example of this approach. The project redefines the existing Lekki Free
Zone as an integrated satellite city located in the North West Quadrant
of the free zone, and it lies in the future growth path of Lagos, and is
adjacent to the future international airport, the region’s largest deep-
sea port, and major Nigerian and international companies.
With what guidelines is SOM tackling the master plans of the four
new towns under construction in Nigeria, Kenya and Ghana?
The main drivers are creating new and affordable housing and edu-
cational facilities for the up-and-coming middle class populations
in Sub-Saharan Africa. Paired with this is a desire to provide new
employment opportunities in close proximity to housing at all scales.
These projects are mostly located on the periphery of existing met-
ropolitan areas that are undergoing accelerated growth, including
Nairobi, Lagos Abuja and Accra.
How many of these towns of “small size” are we going to see
appear in the world, and in what countries?
By 2050 the world’s population is expected to reach 9.8 billion. Nearly

588 ABITARE 73
Apollonia, Accra, Ghana
88.000 abitanti / 88,000 inhabitants
941 ettari / 941 hectares
In costruzione / Under construction
Residenza, commercio e industria in una comunità
con percorsi nel verde che incoraggiano la mobilità
dolce e convogliano l’acqua nei fiumi, diminuendo
il rischio di alluvioni
Housing, commerce and industry in a community
with routes through parkland that encourage soft
mobility and channel water into the rivers, diminishing
the risk of flooding.

74 ABITARE 588
Questo sarà possibile in parte attraverso un processo di densi-
ficazione e rivitalizzazione delle attuali città, in parte attraver-
so nuovi centri più piccoli ben collegati a esse. È molto difficile
prevedere quanti saranno i nuovi piccoli centri, probabilmente
qualche centinaia. Gli scenari includono l’Africa sub-sahariana,
l’India, il Sud Est asiatico, la Cina e il Sud America. È importan-
te che queste cittadine prendano spunto da alcuni modelli so-
stenibili già sperimentati.
A quali modelli positivi vi riferite?
Per esempio Hammarby, un distretto di Stoccolma dalla den-
sità piacevole, con più modalità di trasporto urbano e dove si
è riusciti a creare un’infrastruttura ben funzionante per la ge-
stione comune di energia elettrica, acqua e rifiuti. Oppure in
Vietnam Phu My Hung, a sud di Ho Chi Minh City, altro modello
riconosciuto di sviluppo urbano sostenibile.
Ciò che accade oggi in Africa è paragonabile all’esplosione
urbana che abbiamo visto in Cina a partire dagli anni 90?
In Cina sono sorte cittadine sostenibili come Cambridge Wa-
ter Town e “pastiche” storicisti come Thames Town, per citare
due casi vicini a Shanghai. Qui alcuni vincoli, come il soleggia-
mento per le unità residenziali, hanno determinato uno sche-
ma urbano ripetitivo e monotono. Rispetto alla Cina l’Africa è
un continente culturalmente molto più variegato dove ciascun
Paese ha tradizioni e costumi molto particolari. Il tentativo è
quello di riuscire a conservare traccia di queste specificità nei
nostri progetti, utilizzando per esempio tipologie tradizionali
e riproducendo paesaggi stradali e naturali tipici del posto. Per
esempio nelle nuove cittadine che stiamo realizzando l’abitudi-

70% of this booming population – 6.7 billion people – is projected to


live in urban areas through intelligent densification and revitali-
zation. An additional proportion of this growth can be accommo-
dated in new towns that are well connected to existing city centres.
It is very hard to estimate the required number of these towns in
the future, it is probably in the hundreds. The world regions facing
accelerated growth include Sub-Saharan Africa, India, Southeast
Asia, China and South America. These places would benefit greatly
by modelling their urban growth patterns on some of the more sus-
tainable developments in the world.
To what positive models are you referring?
For example Hammarby, a district in Stockholm, Sweden, pro-
vides an example of unified infrastructure of energy, water and
waste and the presence of urban-scaled density and access to
multiple modes of transit. The model is an effective demonstra-
tion that ecological and urban go together. And Phu My Hung
New, a planned city to the south of Ho Chi Minh City in Vietnam, a
model for urban development.
Is what is happening in Africa today comparable with the
urban explosion that we have seen in China since the 1990s?
In China we have seen both very high-quality sustainable new
towns such as Cambridge as well as very “pastiche” designs such
as Thames Town, both outside of Shanghai. Here some of the more
complex constraints such as access to direct sunlight for residen-
tial units can drive a project towards a quite repetitive and mono-
cultural urban fabric. It’s important to remember that Africa, as a
continent, is arguably much more culturally diverse than China.
Here the better developments embrace the local cultural context
and native landscape of their particular regions to create a more
contextual openness towards their own identities. One thing of
note in Africa is their willingness to take informal means of public
transit as well as walk long distances to get to their destination.
This can be embraced and improved by establishing more a user-
friendly public realm and shaded spaces for walking and cycling.

588 ABITARE 75
Jigna, Abuja, Nigeria
45.000 abitanti / 45,000 inhabitants
757 ettari / 757 hectares
In costruzione / Under construction
Le aree residenziali gravitano attorno a un centro urbano ben leggibile,
cui sono collegate con brevi percorsi pedonali. Lo scenario è una collina
lussureggiante tra la città di Abuja e la riserva naturale di Usuma.
The residential areas gravitate around a clearly legible urban centre, to which
they are linked by short pedestrian routes. The setting is a lush hill between
the city of Abuja and the Usuma nature reserve.

ne africana di camminare a lungo o di utilizzare mezzi pubblici


viene incentivata con percorsi pedonali e ciclabili ombreggiati.
In che misura queste cittadine recepiscono i principi
della Urban Agenda adottata dalle Nazioni Unite nel 2016?
In base alla Urban Agenda una buona urbanizzazione migliora la
qualità della vita attraverso la creazione di opportunità di lavoro
e la sostenibilità ambientale, caratteristiche che i nostri master-
plan incorporano. Quanto poi le nuove città riescano davvero a
raggiungere questi obiettivi dipende anche dai poteri forti che
guidano il processo, che sono a volte pubblici e a volte privati.
Le città di fondazione storiche, da quelle del Rinascimento
a Brasilia, Chandigarh e la Ville Radieuse, erano espressione
di un forte pensiero utopico. Con quale spirito oggi
il progettista dà forma e senso alle nuove comunità?
Preferiamo tenerci lontani da una singola visione utopica del
mondo. In ciascun luogo cerchiamo ispirazioni e principi che
diano senso alle comunità future, organismi sociali complessi il
cui benessere è legato al giusto mix di funzioni e alla sostenibilità,
che include accorgimenti in grado di ridurre le emissioni di ani-
dride carbonica, così come il corretto drenaggio e il riciclo delle
acque negli spazi pubblici. In linea con l’accordo di Parigi sul Cli-
mate Change. Molto importante è la connettività, il non dipende-
re dall’uso dell’auto, poter raggiungere molte destinazioni a piedi
oppure in bici, bus o treno.
Quali sono le professionalità cui fate ricorso,
come pianificatori, nel dare forma alle new towns?
Ogni masterplan è un lungo processo cui collaborano tanti spe-
cialisti e generalisti. Normalmente i nostri progetti si innestano
su studi economici realizzati dal cliente, e si sviluppano poi con
l’apporto integrato di esperti in architettura, urbanistica, tra-
sporti, ecologia e infrastrutture ambientali e urbane. Da questo
punto di vista fare parte di una grande squadra è uno dei punti
forza di SOM. ○

76 ABITARE 588
To what extent do these towns take on board the principles
of the Urban Agenda adopted by the United Nations in 2016?
The New Urban Agenda incorporates a new recognition of the corre-
lation between good urbanization and development. It underlines the
linkages between good urbanization and job creation, livelihood oppor-
tunities and sustainability. The level to which new towns follow these
principles depends on the leadership involved in scripting the vision
for these places, whether they are being led by the public sector or the
private sector.
The newly founded cities of the past, such as those of the
Renaissance, or Brasilia, Chandigarh and the Ville Radieuse,
were expressions of a highly utopian way of thinking.
With what spirit is the planner giving form and meaning
to the new communities today?
We aim to stay away from a singular “utopian” view of the world. Instead,
we look to the place for inspiration and guidance to establish future com-
munity character. Also, we see cities and towns as very complex organ-
isms whose well-being depends on a vibrant mix of uses, walkability and
the integration of sustainable strategies that provide open-space systems
designed with natural storm-water conveyance, water infiltration and
offsetting the urban heat island effect. Connectivity is also important,
designing cities that are not dependent on private vehicles, but on other
more sustainable mobility options including rail, bus, bicycles etcetera.
What are the professional skills on which you call, as planners,
in giving form to the new towns?
Master planning is part of an ongoing process and collaboration be-
tween a wide range of specialists and generalists. With our clients as
our partners we are often brought on to a project once an economic study
has been carried out and this helps to form the project brief. We then
approach each of these projects following an integrated and collabora-
tive vision, bringing together experts in architecture, urban planning,
transportation and environmental, ecological and urban infrastructure.
Working as part of a wider team is a guiding force at SOM. ○

588 ABITARE 77
OLTRE LE CONVENZIONI
BEYOND CONVENTIONS
| Lavora sulle traiettorie visive e sui salti di quota la rivisitazione di una villa anni Trenta
a Ghent, Belgio. Le architette CAROLINE LAMBRECHTS e MACHTELD D’HOLLANDER
hanno conservato l’involucro originale e aggiunto un nuovo volume più basso. Lo spazio
interno generato da questa operazione è super contemporaneo e pieno di sorprese
/ The refurbishment of a house from the 1930s in Ghent, Belgium, has been a work
carried out on lines of vision and changes in level. The architects Caroline Lambrechts
and Machteld D’Hollander have preserved the original shell and added a new and
lower volume. The internal space generated by this operation is highly contemporary
and full of surprises

txt Alice Piciocchi


photos Filip Dujardin

i nterni

Intonaco bianco e mattone


grezzo sono i materiali usati
nel restauro di una villetta belga
anni Trenta. Pagina accanto,
la scala lievemente disassata
che conduce alla zona notte.
White plaster and rough
brick are the materials used
in the restoration of a Belgian
villa of the 1930s. Opposite page,
a slightly misaligned staircase
leads to the sleeping area.

78 ABITARE 588
588- ABITARE 79
La pendenza del lotto,
che dalla strada scende
verso il giardino, è stata
accentuata ricavando
al piano terreno una zona
giorno ritmata solo
da arredi e gradini.
SECOND-FLOOR PLAN The downward slope
of the lot from the street
to the garden has been
accentuated by creating
a living area on the ground
floor, with a rhythm added
by furniture and steps.
7

Project
House Patijn
Architects
Caroline Lambrechts
& Machteld D’Hollander
FIRST-FLOOR PLAN Structural engineers
Pascal De Munck
Client
Machteld D’Hollander
Year of completion
2017
Location
Ghent, Belgium

1. Entrance
7.
2. Studio
3. Living room
4. Dining room
5. Kitchen
6. Bedroom
7. Bathroom
8. Playroom

GROUND-FLOOR PLAN

LONGITUDINAL SECTION
80 ABITARE 588
QUANDO ARCHITETTO E COMMITTENTE COINCIDONO,
LA SPERIMENTAZIONE SE NE AVVANTAGGIA. A Ghent, in un
quartiere residenziale vicino alla stazione, lo studio fondato
dalle architette Caroline Lambrechts e Machteld D’Hollan-
der firma la ristrutturazione di una villetta a tre piani degli
anni Trenta, di proprietà di una delle due socie. Quello che
dalla strada può apparire un tipico restauro conservativo si
rivela invece un progetto d’interni radicale, che scardina la
tipologia tradizionale eliminando molte pareti per creare
grandi ambienti luminosi, funzionali a uno stile abitativo
più fluido. La pendenza del lotto, che dalla facciata su strada
scende verso il giardino, è stata accentuata con la scelta di
ricavare al piano terreno una zona giorno unitaria, che oc-
cupa sia la porzione della villa originale sia quella del nuovo
ampliamento, un corpo edilizio contiguo ma più basso.

WHEN ARCHITECT AND CLIENT COINCIDE, EXPERIMEN-


TATION IS FAVOURED. In a residential district of Ghent
close to the station, the practice founded by the architects
Caroline Lambrechts and Machteld D’Hollander has reno-
vated a three-storey house built in the 1930s, owned by one
of the two partners. What might look from the street like a
typical restoration for the purpose of conservation turns
out instead to be a radical redesign of the interiors that dis-
rupts the traditional layout by eliminating many walls to
create large and well-lit spaces, ideal for a more fluid way
of life. The downward slope of the lot from the street front
to the garden has been accentuated by the choice to create a
unified living area on the ground floor, occupying a portion
of both the original house and the new extension, which is
STUDIO, SALOTTO, CUCINA E ZONA PRANZO
SI ARTICOLANO IN UN UNICO SPAZIO
STUDY, LIVING ROOM, KITCHEN AND DINING ROOM RUN IN A CONTINUUM
IL PROGETTO D’INTERNI SCARDINA LA TIPOLOGIA TRADIZIONALE
ELIMINANDO PARETI PER CREARE GRANDI AMBIENTI LUMINOSI
THE REDESIGN OF THE INTERIORS DISRUPTS THE TRADITIONAL LAYOUT BY ELIMINATING MANY WALLS TO CREATE WELL-LIT SPACES

Nel nuovo progetto a ogni passaggio volumetrico corri- an adjoining but lower structure. In the new project each
sponde infatti una variazione di quota, sottolineata da change in volume corresponds in fact to a variation in lev-
gradoni. Così dalla facciata su strada si susseguono – in el, underlined by steps. Thus from the street front run – in
un continuum – studio, salotto, cucina e sala da pranzo. a continuum – study, living room, kitchen and dining room.
E con un unico sguardo si coglie anche il giardino. Alcuni And even the garden can be taken in at a single glance.
indizi aiutano a “leggere” questa architettura complessa Some clues help us to “read” this complex architecture and
e a capirne le stratificazioni temporali. Il mattone rosso make out its temporal stratifications. Red brick, for exam-
per esempio caratterizza le pareti interne della villetta ple, characterizes the internal walls of the original house,
originale, mentre il volume aggiunto nel retro – esterna- while the volume added at the rear – whitewashed on the
mente tinteggiato di bianco e con uno zoccolo di matto- outside and with a brick base – has light-filled interiors
ni – ha interni luminosi di legno chiaro e vetro. Sul lato of pale wood and glass. On the eastern side a slightly mis-
est la scala lievemente disassata conduce alla zona notte aligned staircase leads to the sleeping area laid out on two
sviluppata su due piani (tre camere da letto e una stanza floors (three bedrooms and a playroom). The master bed-
giochi). La camera padronale con bagno è al primo piano e room with its own bathroom is on the first floor and faces
si affaccia sulla zona pranzo; il bagno è collegato a un bal- onto the dining area; the bathroom is connected to a tri-
cone triangolare ricavato nel tetto a falda da cui piove luce angular balcony carved out of the pitched roof which lets
naturale a vantaggio del bagno e della sottostante zona natural light into the bathroom and the dining area below.
pranzo. Spiega Caroline Lambrechts: «Abbiamo lavorato Caroline Lambrechts explains: “We worked on the views,
sugli scorci, sulle connessioni e sulle traiettorie visive, on the connections and on the lines of vision, in order to
per dare vita a uno spazio unitario. Grande importanza create a unitary space. Great importance has been given
rivestono le nuove aperture e l’incidenza della luce nello to the new openings and the impact of light on the space.”

82 ABITARE 588
Il bagno al primo piano
si affaccia sulla zona pranzo
e sullo studio (pagina accanto).
The bathroom on the first
floor overlooks the dining room
and the study (opposite page).

588- ABITARE 83
UN REPERTORIO STILISTICO CHE RICORDA MOLTO QUELLO DEL TRIO BELGA
ARCHITECTEN DE VYLDER VINCK TAILLIEU
A STYLISTYC REPERTOIRE WHICH RECALLS STRONGLY THAT OF THE BELGIAN TRIO ARCHITECTEN DE VYLDER VINCK TAILLIEU

spazio». Una strategia progettuale enfatizzata dal disegno


e dai colori dei serramenti, come quelli verde mela della
stanza padronale, che “ritagliano” il panorama in modo
inusuale. Un repertorio che ricorda molto quello del trio
belga Architecten De Vylder Vinck Taillieu per cui en-
trambe le progettiste hanno lavorato in precedenza. Com-
pleta l’intervento, sul retro dello stretto e profondo lotto,
un capannone convertito in dépendance e adibito a sala
hobby e sala giochi per i due bambini della famiglia. La
prima porzione di questo corpo edilizio è stata svuotata e
privata del tetto per creare un passaggio graduale e intimo
dal giardino alla dépendance, caratterizzata anch’essa da
grandi pareti vetrate. ○

A design strategy emphasized by the form and colours of


the window frames, like the apple-green ones of the mas-
ter bedroom, which “cut out” the panorama in an unusual
way. A repertoire which recalls strongly that of the Belgian
trio Architecten De Vylder Vinck Taillieu for whom both of
the designers worked previously. The intervention is com-
pleted, at the back of the deep and narrow lot, by a barn
converted into an outhouse and used as a hobby room and
a playroom for the family’s two children. The first portion
of this structure has been stripped and its roof removed to
create a gradual and intimate passage from the garden to
the outhouse, which also has large glass walls. ○

84 ABITARE 588
Sul retro del lotto,
un capannone convertito
in dépendance è adibito
ad atelier e sala giochi per
i due bambini della famiglia.
Nella pagina accanto,
la camera da letto padronale.
At the back of the lot,
a barn converted into an
outhouse is used as an atelier
and a playroom for the family’s
two children. Opposite page,
the main bedroom.

6.

THE NEW EXTENSION’S PLAN 1. Garden 2. Terrace 3. Atelier

588- ABITARE 85
i nterni

UNA FELICE
CONTAMINAZIONE
A HAPPY CONTAMINATION
| Attraverso un delicato esercizio di
rimozione gli architetti dello studio OASI
sono riusciti a conferire una dimensione
contemporanea – e una nuova identità –
a una villetta Liberty di Busto Arsizio, in
Lombardia. Ampi spazi astratti e pieni
di luce oggi fluiscono l’uno nell’altro,
e valorizzano con eleganza alcune
tracce del passato / Through a delicate
exercise of removal the architects of
the Oasi practice have succeeded in
bestowing a contemporary dimenssion
– and a new identity – on a small villa in
the Art Nouveau style at Busto Arsizio, in
Lombardy. Today ample abstract spaces
filled with light flow into one another
and provide an elegant setting for some
traces of the past

txt Francesca Oddo


photos Laura Cavelli

86 ABITARE 588
Il taglio a mezzaluna ricavato
nei solai del vecchio corridoio
centrale crea un gioco di livelli,
luce e ariosità, svelando
la struttura lignea del tetto.
The crescent-shaped cut
in the floors of the old central
corridor creates an interplay
of levels, light and airiness,
exposing the wooden structure
of the roof.

588 ABITARE 87
88 ABITARE 588
CASA CM È IL RISULTATO DELLA RISTRUTTURAZIONE
DI UNA PALAZZINA LIBERTY nel centro di Busto Arsizio
(Varese), in Lombardia. Realizzata fra la fine degli anni
Venti e gli inizi degli anni Trenta del secolo scorso, è nata
come villa padronale di una famiglia di industriali del
tessile; in seguito ha ospitato una casa-famiglia. Oggi a
popolarla è una coppia con tre figli: lei avvocato, lui ope-
ratore nel mondo del design non intendevano rinunciare
al valore della memoria, ma sognava-no una dimensione
domestica più attuale. Il progetto è stato affidato a Oasi
architects di Busto Arsizio, studio fondato dai trentenni
Pietro Ferrario e Francesco Enea Castellanza. Gli archi-
tetti hanno dato vita a uno scenario abitativo dal lessico
gentile che disegna spazi nitidi, essenziali.
La parola chiave del progetto non a caso è “sottrazione”.
«Aprire, togliere, tagliare, scrostare, rimuovere, svelare.
Un lavoro di pulizia concettuale e fisica ha permesso di
ritrovare la dimensione orizzontale della vecchia casa e
il nuovo spazio verticale dell’ampio corridoio centrale»,

CASA CM IS THE RESULT OF THE RENOVATION OF A


SMALL ART NOUVEAU building in the centre of Busto Ar-
sizio (Varese), in Lombardy. Constructed between the end of
1920s and the beginning of the 1930s, it was originally the
private villa of a family of textile industrialists; later it was
used as a care home. Today it is owned by a couple with
three children: the wife a lawyer, the husband an operator
in the world of design, they did not want to renounce the
value of memory but dreamed of a more up-to-date dimen-
sion of living. The project was entrusted to Oasi architects
of Busto Arsizio, a practice founded by two architects in
their thirties, Pietro Ferrario and Francesco Enea Castel-
lanza. They have created a domestic setting with a delicate
vocabulary that outlines clean, essential spaces. Not coin-
cidentally, the keyword of the design is “removal”. “Open-
ing, taking away, cutting, stripping, removing, revealing.
A work of conceptual and physical cleansing has made it
possible to rediscover the horizontal dimension of the old
house and the new vertical space of the ample central cor-

UNO SCENARIO ABITATIVO DAL LESSICO GENTILE, CHE DISEGNA SPAZI NITIDI
A DOMESTIC SETTING WITH A DELICATE VOCABULARY THAT OUTLINES CLEAN, ESSENTIAL SPACES

Al piano terreno, la zona giorno


è un unico grande spazio. Divani e poltrone
di Meridiani, lampade Taraxacum 88
Suspension 2 e Taccia di Flos (in alto).
On the ground floor, the living area
is a single large space. Meridiani sofas
and armchairs, Taraxacum 88 Suspension
2 and Taccia lamps by Flos (top).

588 ABITARE 89
Nella sala da pranzo, tavolo ‘95 di De Padova, sedie
spiegano. Le due “navate” larghe cinque
CH88T di Carl Hansen, lampada 2097/30 di Flos.
metri che lo costeggiano sono state libe- Sotto, il camino, rivestito con cementine trovate
rate dai tramezzi che formavano piccoli a pavimento durante i lavori di restauro.
anditi di distribuzione. Nell’atrio centra- In the dining room, De Padova ’95 table, CH88T
le invece, o corridoio, parte del solaio è chairs from Carl Hansen, 2097/30 lamp from Flos.
stato rimosso – conservando però come Below, the fireplace, faced with granolithic tiles found
traccia le travi originali – per realizza- on the floor during the restoration work.
re un’apertura a tutta altezza a forma di
asola, strumento attraverso il quale gli
ambienti della casa risultano visibili e in
comunicazione fra loro, e luogo dalla forte
identità. Al piano terreno l’ingresso della
casa immette in una sequenza a sviluppo
longitudinale che a sinistra si apre nella

ridor,” they explain. The two five-metre-


wide “aisles”– at the sides of the spacious
central corridor – have been freed of the
partitions that used to form small passage-
ways. In the central hall, or corridor, on
the other hand, part of the floor has been
removed – while preserving the original
beams as a reminder of the past – to create
an opening in the shape of a buttonhole run-
ning the full height of the building, through
which the spaces of the house are visible
and in communication with one another,
and a place with a strong identity. On the
ground floor the entrance of the house gives

588 ABITARE 91
cucina con la sala da pranzo, a destra nel living.
I tre ambienti fluiscono l’uno nell’altro, non esi-
stono barriere fisiche o visive. Al piano superiore
si trovano le camere da letto con i bagni, mentre
il sottotetto ospita un deposito e il piano interrato
accoglie i servizi, la lavanderia e la centrale ter-
mica. Attraverso un processo di “scarnificazione”
il progetto evidenzia nuove logiche di interazione
fra gli ambienti abitativi. La volontà è sì di incide-
re, di raccontare una storia, di caratterizzare gli
interni, ma attraverso un linguaggio delicato che
mette in primo piano la rilettura distributiva. Ora
la nuova identità costruita per questa casa inclu-
de le preesistenze – gli affreschi rivenuti sui sof-
fitti, le vecchie cementine, il camino della zona
giorno – ma le immerge in spazialità e atmosfere
radicalmente rivisitate. ○

onto a longitudinal sequence that leads to the left


into the kitchen and dining room and to the right
into the living area. The three spaces flow into one
SPAZIALITÀ E ATMOSFERE SONO STATE another; there are no physical or visual barriers.
The bedrooms and bathrooms are located on the
RADICALMENTE RIVISITATE upper floor, while the attic houses a storeroom
and the basement the services, laundry room and
SPATIALITIES AND ATMOSPHERES HAVE BEEN RADICALLY REVISED
heating plant. Through a process of “stripping” the
architects have introduced a new logic of interac-
tion between the living spaces. The intention was
indeed to cut away, to tell a story, to characterize
Sopra, nel bagno: lavabo Acqualight di Flaminia, piatto
the interiors, but using a subtle language that plac-
doccia Paradiso, vasca Ceramica Cielo, rubinetteria
Zucchetti Pan, radiatore Charleston di Zehnder.
es the reorganization of the building’s layout in the
Sotto, scorcio di una camera da letto, con i soffitti restaurati. foreground. Now the new identity created for this
Above, in the bathroom: Acqualight washbasin house includes pre-existing elements – the frescoes
from Flaminia, Paradiso shower tray, Ceramica Cielo tub, uncovered on the ceilings, the old granolithic tiles,
Zucchetti Pan taps and fittings, Charleston radiator by the fireplace in the living area – but immerses them
Zehnder. Below, view of a bedroom, with restored ceilings. in radically revised spatialities and atmospheres. ○

92 ABITARE 588
588 ABITARE 93
Step
Il Piatto Doccia
®

i n C E R A M I CA

scarabeosrl.com
COURTESY FELIPE HESS ARQUITETOS 1948

Casa CSF São Paulo


Felipe Hess e Lucas Miilher rileggono un’opera di Zenon Lotufo
Felipe Hess and Lucas Miilher reinterpret a work of Zenon Lotufo’s

COURTESY FELIPE HESS ARQUITETOS


In origine la villa era un edificio a un piano composto da un
volume geometrico e da un’ampia pensilina curvilinea che co-
priva la rimessa per le auto. A questo insieme, disegnato da Ze-
non Lotufo, sono state fatte alcune aggiunte di recente. L’archi-
tetto Felipe Hess (con Lucas Miilher) ha aggiunto un piano dove
ora si trovano lo studio e l’home cinema e ha costruito un nuovo
piccolo volume sul retro del complesso. Anche gli interni sono
stati ridisegnati per rendere più funzionale la residenza: nuovi
servizi e, naturalmente, una scala che conduce al livello supe-
riore. Lo spazio dalle linee fluide che un tempo era il garage oggi
accoglie l’ingresso principale della casa e il portico affacciato
sulla corte verde, dove è stata ricavata una zona pranzo attrez-
zata con barbecue. Una parete a brise-soleil scherma il nuovo
garage e fa da sfondo al giardino.

Originally the house was a single-storey building composed of


a geometric volume and an ample butterfly roof that covered the
garage. To this structure, designed by Zenon Lotufo, some recent
additions have been made. The architect Felipe Hess (together
with Lucas Miilher) has built an additional storey – which now
houses the study and the home cinema – and a small new vol-
ume at the rear of the complex. The interiors have also been rede-
signed to make the residence more functional: new en-suite bath-
rooms and, of course, a staircase leading to the upper level. The
space with fluid lines that was once the garage has been turned
into the main entrance to the house and a porch facing onto the
courtyard-garden, where a dining area equipped with a barbecue
has also been created. A brise-soleil wall screens the new garage
and forms a backdrop to the garden.

588 ABITARE 95
COURTESY FELIPE HESS ARQUITETOS

COURTESY FELIPE HESS ARQUITETOS


Felipe Hess con Lucas Miilher, ha rivisitato
COURTESY FELIPE HESS ARQUITETOS

questa casa progettata negli anni Quaranta


dall’architetto Zenon Lotufo. Nella corte verde
è stata ricavata una zona pranzo.
Felipe Hess with Lucas Miilher has renovated
this house designed by Zenon Lotufo
in the 1940s. A dining area has been created
in the garden-courtyard.

96 ABITARE 588
Il tuo business è il nostro business
140 prodotti pensati in modo specifico per rispondere ai criteri
ed ai bisogni dei clienti professionisti. Tutto per essere all’altezza
delle vostre aspettative, ma con stile!

Venite a scoprire la nostra collezione, vi aspettiamo al Salone SIA


9-11 Ottobre 2019, Quartiere Fieristico di Rimini
Padiglione 3, Stand 024

Catal
ogo

BtoB
2019

Contatti :
www.maisonsdumonde.com/IT/it/professionnels
800 597 473 (chiamata gratuita) / +33 2 51 71 55 01 @
pro@maisonsdumonde.com

MAISONS DU MONDE ITALIE SPA Via Tiziano 32, 20145 MILANO IT 04959630965
PARQUET CLASSICO E CONTEMPORANEO
CLASSIC AND CONTEMPORARY PARQUET
L’eleganza antica dei pavimenti di rovere Itlas, posati a spina, armonizza gli interni di una grande villa mediterranea
The old-world elegance of Itlas’ oak floors, laid herringbone fashion, bestows harmony on the interiors of a large Mediterranean villa

Gli ambienti ariosi e luminosi di una villa privata in Spagna, di The bright, airy spaces of a private villa in Spain, contempo-
gusto contemporaneo ma con reminiscenze classiche, hanno rary in style but with echoes of the past, all share one feature
un filo conduttore che mette in relazione le zone giorno e not- that creates a link between the living and sleeping areas: all
te: l’impiego per il rivestimento di tutti i pavimenti del listone the floors were made using the pre-finished two-layer planks
prefinito a due strati della collezione Legni del Doge di Itlas. Le from Itlas’ Legni del Doge collection. The floor surfaces of the
superfici dell’area living, dalla grande sala da pranzo al salotto living area, from the large dining-room to the sitting-room ad-
attiguo alla zona studio, tutte collegate da porte scorrevoli, joining the study area (all with sliding doors) are also visually
sono visivamente unificate anche dalla posa del pavimento a connected by the traditional herringbone pattern used to lay
spina classica. Di origini antiche, questo disegno viene oggi them. Ancient in origin, this method is now being re-evaluated
rivalutato per conferire importanza anche a soluzioni contem- to give a sense of importance also to contemporary solutions
poranee dove, come in questo caso, prevale un arredo affidato where, as in this case, the furnishings are largely made up of
a complementi e luci di design. Lo strato a vista del listone designer complements and lights. The upper layer of the floor-
Itlas è di legno nobile e la finitura personalizzata di essenza di board is made of high-quality wood, its customised oak finish
rovere contrasta con il bianco delle pareti e il verde dei serra- providing a contrast to the white of the walls and the green of
menti. Dettaglio importante, il secondo strato di supporto, di the windows. The second, supporting layer is made of birch
multistrato di betulla con incastri calibrati maschio-femmina plywood with calibrated tongue-and-groove joints on all four
sui quattro lati, rende la posa pratica e veloce, oltre che garan- sides, making the floors quick and easy to lay, as well as guar-
tire stabilità e resistenza nel tempo. anteeing stability and durability.

ITLAS | via del Lavoro 35 | 31016 Treviso | +39 0438 368040 | www.Itlas.it | info@Itlas.it
Disponibile in diversi formati, Legni del Doge è un pavimento ecologico, tecnologico
e resistente. È adatto anche in caso di riscaldamento a pavimento.
Available in different sizes, Legni del Doge is an ecological, technological, and durable
floor. It can also be used where there is underfloor heating.
MIES
UOMO E ARCHITETTO
THE MAN AND THE ARCHITECT
txt Stefano Benedetti

a rchitettura

| Sarà presto tradotta in altre lingue la graphic novel spagnola che il disegnatore Agustín Ferrer Casas dedica alla
vita del grande maestro tedesco del modernismo. Una personalità complessa ricostruita nel libro senza omettere
ambiguità, compromessi e tratti profondamente umani. Grazie a una ricca ricerca di documenti e testimonianze
/ The graphic novel in Spanish that the illustrator Agustín Ferrer Casas has devoted to the life of the great German
master of modernism will soon be translated into other languages. A complex figure, who has been reconstructed
in the book without overlooking ambiguities, compromises and other profoundly human traits. Thanks to extensive
research into the documents and accounts in the archives

100 ABITARE 588


588 ABITARE 101
“MOLTO BELLO… MA A COSA SERVE?”. Comincia dalla
più facile ed essenziale delle domande la storia di Ludwig
Mies van der Rohe, padre del “less is more” e nome tra i più
importanti nella storia dell’architettura moderna e con-
temporanea. A cinquant’anni dalla sua morte – e nel cente-
nario della fondazione del Bauhaus – a raccontarne le gesta
con parole e illustrazioni è il disegnatore spagnolo Agustín
Ferrer Casas, nel volume a fumetti pubblicato dalla casa
editrice iberica Grafito Editorial e intitolato semplicemen-
te Mies: 176 pagine dai colori vivaci e dal tratto semplice,
come sarebbe probabilmente piaciuto al “massimo espo-
nente del minimalismo, decenni prima dell’invenzione
del termine” (lo definisce così, nella prefazione, il collega
e discepolo Norman Foster). È ancora Foster a riferirsi a

“VERY BEAUTIFUL... BUT WHAT’S IT FOR?” It is from this


simplest and most basic of questions that the story of Ludwig
Mies van der Rohe, coiner of the phrase “less is more” and
one of the most important names in the history of modern
and contemporary architecture, begins. Fifty years after his
death – and in the centenary of the foundation of the Bau-
haus – his exploits have been recounted in words and im-
ages by the Spanish illustrator Agustín Ferrer Casas, in the
volume of comic strips brought out by the Spanish publisher
Grafito Editorial and entitled simply Mies: 176 pages in bril-
liant colours and simple lines, which would probably been
to the liking of the “ultimate ‘minimalist’ decades before that
descriptive word was invented” (as his colleague and dis-
ciple Norman Foster defines him in the preface). It is Foster

102 ABITARE 588


IL LIBRO INTRECCIA DIVERSE EPOCHE, DALLA DIREZIONE DEL BAUHAUS ALLA
REALIZZAZIONE DEL PADIGLIONE DI BARCELLONA, DALLA FUGA NEGLI STATI UNITI
FINO AL RITORNO IN GERMANIA NEL 1962
T H E B O O K I N T ERT WIN ES D IF F E R E NT P E R IODS, FRO M H IS D IRECT ION OF THE BAU H AU S S C H O O L TO T H E CO NSTRUCTION
OF THE BA RCE LO NA PAVILION, FROM THE FLIGHT TO T H E U N I T E D STAT ES TO T H E R E T U R N TO G E R M A N Y I N 1 9 6 2

Mies come a “uno dei pochi architetti del ventesimo secolo again who calls Mies “one of a few architects of the twen-
capaci di contribuire a plasmare l’architettura del presente tieth century who has helped shape the architecture of the
e del futuro”, e questa investitura emerge con forza anche present and arguably that of the future”, and this investiture
nella narrazione di Ferrer Casas. Il libro è una “biografia emerges forcefully in Ferrer Casas’s account as well. The
romanzata” che intreccia diverse epoche storiche, dalla book is a “fictionalized biography” that intertwines different
direzione della scuola Bauhaus alla realizzazione del pa- historical periods, from his direction of the Bauhaus school
diglione tedesco in occasione dell’Esposizione Universale to the construction of the German pavilion for the Barcelona
di Barcellona nel 1929, dagli scontri con il regime nazista International Exposition in 1929 and from his clashes with
alla fuga negli Stati Uniti, fino al ritorno in Germania nel the Nazi regime to his flight to the United States and his re-
1962 per disegnare quella che è forse una delle sue opere turn to Germany in 1962 to design what is perhaps one of his
più imponenti, la Neue Nationalgalerie di Berlino. Ma il most impressive works, the Neue Nationalgalerie in Berlin.
racconto di Ferrer Casas va anche oltre. Grazie a una lunga But Ferrer Casas’s story goes further. Thanks to lengthy and
e minuziosa ricerca di testimonianze, interviste, articoli e painstaking research into accounts, interviews, articles and
pubblicazioni biografiche, il racconto riesce nell’intento biographical publications, he succeeds in his intention to

588 ABITARE 103


di ricostruire Mies come uomo. Tra la fama di donnaiolo
e l’ambiguità dei compromessi politici che ne accompa-
gneranno per certi versi l’ascesa, ogni tappa della storia
restituisce al lettore una figura irrimediabilmente umana,
mossa dall’unico ideale della creazione al servizio dell’“arte
di costruire”. Anche in questo Mies è una graphic novel ati-
pica dal taglio decisamente europeo, un romanzo a vignet-
te per appassionati da leggere tutto d’un fiato, valido ma
poco appariscente sul piano artistico, e piuttosto ricco di
dialoghi e narrazione in forma quasi cinematografica. Al-
ternando sapientemente flash-back e testimonianze diret-
te, passato e presente, Ferrer Casas compone con successo,
tassello dopo tassello, l’enigmatico puzzle della personalità
di una delle menti più influenti del ventesimo secolo, insie-
me sfatandone e onorandone il mito. ○

present a picture of Mies the man. Between his reputation as


a womanizer and the ambiguity of the political compromises
that would in some ways accompany his rise, each stage of
the story shows the reader a distinctly human figure, driv-
en by the single ideal of creation in the service of the “art of
building”. In this too Mies is an atypical graphic novel with
a decidedly European slant, a story in comic-strip format for
enthusiasts to be read at one sitting, effective but unassuming
on the artistic plane and fairly rich in dialogues and narra-
MIES
tion in an almost cinematographic form. Skilfully alternating
Agustín Ferrer Casas
Grafito Editorial, 2019 flash-backs and direct testimonies, past and present, Ferrer
pp. 176, € 25 Casas successfully composes, piece by piece, the enigmatic
jigsaw puzzle of the personality of one of the most influential
thinkers of the twentieth century, at once debunking and cel-
ebrating his myth. ○

104 ABITARE 588


588 ABITARE 105
L’ESTETICA DEL BENESSERE
THE AESTHETICS OF WELLBEING
Prodotti di design dalla spiccata vocazione tecnologica, i vasi bidet
di Geberit rivoluzionano le abitudini quotidiane
Design products with a marked technological vocation, Geberit’s
shower toilets revolutionise the daily routine

«La gente mi invidia per il mio vaso bidet», dice Lucy, una delle testimonial
della campagna My Confidence lanciata da Geberit per promuovere un pia-
cevole e (una volta provato) irrinunciabile cambio di abitudini nella routine di
tutti i giorni. A casa come in hotel: per garantire lo stesso benessere anche
in viaggio, i sanitari della collezione AquaClean sono corredati di una app in
grado di salvare impostazioni personali come l’intensità e la temperatura del
getto d’acqua e di attivarle su qualunque modello in qualunque luogo. Dal
design accurato, i vasi bidet si declinano in più versioni, per adattarsi a tutti
gli stili d’arredo. Sela, lanciato sul mercato nel 2013, è stato rivisitato nelle
sue linee in occasione della scorsa Milano Design Week. Mera è disponibile
nelle versioni Classic e Comfort, quest’ultimo dotato di un sensore di pros-
simità che induce l’apertura automatica del coperchio. Infine, Tuma: a luglio
ne è stata introdotta la versione a pavimento, ma il sedile si può installare
anche su ceramiche esistenti senza grandi interventi di ristrutturazione. Per
cominciare subito una nuova esperienza.

“People envy me for my shower toilet,” says Lucy, one of the testimonials in the
My Confidence advertising campaign launched by Geberit to promote a plea-
sant change to your daily routine, which (once you’ve tried it) you’ll never want
to be without again. At home or in a hotel: to offer the same level of wellbeing
also when travelling, the sanitaryware items in the AquaClean collection even
have their own app so you can save your own personal water intensity and
temperature settings and transfer them to any model being used anywhere. The-
se beautifully designed shower toilets do indeed come in a range of models to
suit various décors. Sela, on the market since 2013, appeared in a revised ver-
sion at the last Milano Design Week. Mera comes in the Classic and Comfort
versions, the latter fitted with a proximity sensor that opens the lid. And now
there is Tuma: in July the floor-mounted version came out, but the seat can be
installed on existing sanitaryware without needing to do any big renovation work.
The new experience can start straightaway.

Nelle foto, i modelli Sela (1), Mera (2) e Tuma (3). Tutti i vasi bidet AquaClean sono forniti della tecnologia
WhirlSpray, un getto d’acqua pulsante dalla temperatura regolabile, miscelato dinamicamente con aria.
Pictured, the models Sela (1), Mera (2) and Tuma (3). All AquaClean shower toilets are equipped with
WhirlSpray technology, a pulsating jet of water with adjustable temperature, dynamically mixed with air.
GEBERIT MARKETING E DISTRIBUZIONE SA | Via Gerre 4 | CH-6928 Manno (Svizzera) | +41 91 6119292 | www.geberit-aquaclean.it | aquaclean.it@geberit.com
d es i g n

CON UN OCCHIO DI RIGUARDO


THE EYES HAVE IT
txt Marco Consoli
COURTESY MAGIC LEAP INC 2018

| Nell’era della realtà virtuale la vista è al centro di un filone di ricerca che punta a implementare
la percezione e a catturare ogni nostro battito di ciglia, anche a scopo commerciale. Tra le novità
più utili, i sensori per non vedenti e l’occhiale che emette un segnale sonoro se il guidatore
dell’auto si addormenta / In the age of virtual reality, eyesight is at the centre of a research
strand that aims to exploit perception and capture every blink of every eye, also for commercial
purposes. The most useful new ideas include sensors for the visually impaired and glasses that
emit a warning sound for drivers who fall asleep at the wheel

588 ABITARE 109


COURTESY TOBII PRO
COURTESY TOBII PRO

Gli occhiali di Tobii Pro sono in grado di stabilire


con precisone in quale punto di un’immagine
stiamo guardando. Pagina accanto, un recettore
stampato in 3D su una superficie emisferica
all’Università del Minnesota. Pagina precedente,
Magic Leap, utile per immergersi in simulazioni.
Tobii Pro’s glasses stablish precisely what part
of an image in front of us we are looking at.
Opposite page, a receptor that has been 3D printed
onto a hemispherical surface at the University
of Minnesota. Previous page, Magic Leap used to
immerse us in simulations.

110 ABITARE 588


COURTESY UNIVERSITY OF MINNESOTA / MCALPINE GROUP

L’ E Y E T R ACK ING FA GOL A A CHI V UOL E C A P IR E C OME S CEGL I A MO A L


SUPERMERCATO O SUL WEB , MA HA TANTI ALTRI U TILI IMPIEGHI
EYE TRACKING HOLDS A GREAT FASCINATION FOR THOSE KEEN TO UNDERSTAND HOW WE LOOK AT SOMETHING BEFORE WE BUY IT
AT A STORE OR ON THE WEB, BUT HAS MANY OTHER USEFUL USES

GLI OCCHI SONO AL CENTRO DI UN RINNOVATO INTE- OUR EYES ARE AT THE CENTRE OF A RENEWED INTER-
RESSE DI ESPERTI DI TECNOLOGIA E DESIGNER, che vo- EST AMONG TECHNOLOGY EXPERTS AND DESIGNERS, who
gliono farci vedere sempre più cose, cercano di usare la are keen for us to see more and more things, want to use
vista per nuove forme di interazione e sfruttano l’innova- sight for new forms of interaction and hope that innova-
zione per consentire a chi non vede di superare la propria tion will enable those who cannot see to overcome their dis-
disabilità. L’epoca del web e di Instagram ci ha già proiet- ability. The age of the Internet and Instagram has already
tato in un’esistenza in cui i nostri occhi fanno un continuo taken us to a place where our eyes are constantly shifting
ping-pong tra realtà tangibile e immagini immateriali, per between tangible reality and intangible images, and the
questo il prossimo passo, sostengono gli esperti, sarà uni- next step, the experts say, will be to bring the two together
re i due elementi in modo che, affiancandoli, appaiano alla so that our eyes cannot tell them apart. This future world
vista indistinguibili l’una dalle altre. È il futuro prossimo of augmented reality that will be achieved with glasses like
della realtà aumentata, che si otterrà con occhiali come Magic Leap, used to draw objects before our very eyes that
Magic Leap, utili per disegnare di fronte a noi oggetti che seem real, and also to immerse us in simulations or try out
sembrano realistici, ma anche per immergerci in simula- virtual furniture items in our living-rooms. Valuable data
zioni o testare pezzi d’arredamento (virtuali) nel nostro sa- can be gleaned from eyesight studies, thanks to tools like
lotto. A studiare la vista si possono ottenere dati preziosi, those created by the Swedish firm Tobii Pro: its glasses are
grazie a strumenti come quelli dell’azienda svedese Tobii fitted with film cameras, microphones, gyroscopes and ac-

588 ABITARE 111


Pro: i suoi occhiali sono dotati di telecamere, microfono,
giroscopi e accelerometri e permettono di eseguire l’eye
tracking, cioè registrare l’immagine davanti a noi e stabili-
re con precisone in quale punto di essa stiamo guardando.
Lo strumento fa gola ai ricercatori, che vogliono capire
cosa (e come) guardiamo prima di comprare al supermer-
cato o sul web, ma può essere utile anche per il training e
la revisione del lavoro di operai di cantieri, medici, addetti
di impianti e atleti, oltre che per testare un prodotto e dare
ai designer un feedback reale sull’esperienza d’uso. Natu-
ralmente la tecnologia viene in soccorso anche di chi ha
problemi agli occhi o la vista l’ha persa. In attesa di fare
appello all’occhio bionico in fase di studio all’Università
del Minnesota, dove sono stati stampati in 3D su una su-
perficie emisferica recettori che un giorno dovrebbero
essere in grado di trasformare la luce in impulsi elettri-
ci, altre soluzioni innovative vengono proposte da giova-
ni designer e ricercatori: Clara Fessler ha vinto il James
Dyson Award grazie a Rey, un cerchietto hi-tech che una
volta indossato non solo traduce in descrizioni sonore
Il cerchietto Rey traduce in descrizioni audio ciò
tutto ciò che è inquadrato dalla telecamera frontale (testi,
che è inquadrato dalla telecamera frontale.
Nella pagina accanto, Finger Reader: una telecamera
colori, emozioni facciali), ma permette anche di navigare
e un’intelligenza artificiale trasformano i testi in suoni. l’ambiente seguendo le vibrazioni che indicano se andare
The headband Rey translates into sound descriptions a destra o sinistra.
everything that is on the TV screen at the front. Opposite Suranga Nanayakkara, dell’Augmented Human Lab di Au-
page, Finger Reader: it contains a TV camera and uses ckland ha sviluppato invece Finger Reader, un anello low
artificial intelligence to turn printed text into sounds. cost da indossare sull’indice della mano, che include una
telecamera e un’intelligenza artificiale in grado di tra-
sformare il testo in suono: puntando una banconota, un
giornale, un prodotto del supermercato e così via, si potrà
ascoltare una descrizione del tipo di oggetto, del colore e
sapere cosa c’è scritto sopra. La lituana Gražina Bočkutė
propone invece Sensus, un sensore di prossimità a raggi
infrarossi che la persona con difficoltà visive può indossa-
re su un dito, un abito o un bastone, e che vibra in maniera
progressivamente maggiore man mano che l’ostacolo si
avvicina a chi lo indossa.
La miniaturizzazione dei componenti elettronici sta rivo-

112 ABITARE 588


celerometers that carry out so-called eye tracking, that is
to say they record an image in front of us and establish pre-
cisely what part of it we are looking at.
This instrument holds a great fascination for researchers
keen to understand what (and how) we look at something
before we buy it at a store or on the web, but can also be use-
ful for training and for reviewing the work done by build-
ing site workers, doctors, sports staff and athletes, or for
trying out products and providing designers with detailed
feedback on the user experience. And of course technology
is now also being used to help those with a visual impair-
ment or who have lost their sight altogether. As we await
the arrival of the bionic eye, being studied at the Univer-
sity of Minnesota, where the receptors that have been 3D
printed onto a hemispherical surface should one day be
able turn light into electrical impulses, young designers
and researchers are coming up with other innovative solu-
tions. Clara Fessler won the James Dyson Award for Rey,
a hi-tech headband which not only translates into sound
descriptions everything that is on the TV screen at the front
(texts, colours, facial expressions), but also enables users to TRA I TANTI ACCESSORI CHE CI PROMETTONO DI
navigate their way through the environment by following
the vibrations that tell them whether to move to the left or ESSERE PIÙ EFFICIENTI CE NE SONO ANCHE
to the right. ALCUNI CHE POTRANNO SALVARCI LA VITA
Meanwhile Suranga Nanayakkara, of the Augmented Hu-
AMONG THE MANY MODELS THAT PROMISE TO MAKE US MORE EFFICIENT
man Laboratory in Auckland has developed Finger Read-
THERE ARE SOME THAT CAN EVEN SAVE OUR LIVES
er, an inexpensive ring you wear on your index finger that
contains a TV camera and uses artificial intelligence to
turn printed text into sounds: if you point it at a banknote,
a newspaper or an article on a supermarket shelf, you can
hear a description of the product, its colour and what it
says. Lithuanian industrial designer Gražina Bočkutė has
created Sensus, an infra-red proximity sensor that some-
one with impaired vision can wear on a finger, or attach to
a jacket or stick, which produces an increasingly intense
vibration as the wearer gets closer to the obstacle detected.
The miniaturisation of electronic components is also revo-
lutionising the world of eyewear: what was once a correc-

588 ABITARE 113


luzionando anche il mondo dell’occhiale, che si trasforma
in accessorio smart, come nel caso di Oakley Radar Pace,
nato dalla collaborazione tra Luxottica e Intel: un occhiale
che è anche assistente vocale intelligente per monitorare
l’allenamento. Ma tra tanti modelli che ci promettono di
essere più efficienti, ce ne sono anche alcuni che potran-
no salvarci la vita: è il caso degli occhiali di Ellcie Healthy,
che includono vari sensori tra cui quelli di luce ambien-
tale, umidità, temperatura, raggi ultravioletti e così via,
senza però che la montatura perda la propria linea slan-
ciata. Se gli accelerometri rilevano da uno sbadiglio o dal
movimento della testa che stiamo per addormentarci alla
guida, gli occhiali mandano un segnale sonoro, luminoso e
una vibrazione per avvertirci del pericolo, e un messaggio
allo smartphone dei passeggeri. Una soluzione adatta agli
anziani soli: in caso di caduta, gli occhiali invieranno l’al-
larme a chi può chiamare i soccorsi. ○

Sensus si indossa su un dito, un abito o un bastone.


tive device or something to protect from the sun’s rays is
Vibra in maniera progressivamente più intensa man
mano che eventuali ostacoli si avvicinano.
now a smart accessory. Take, for example, Oakley Radar
Sensus can be worne on a finger, or attach Pace, the result of collaboration between Luxottica and In-
to a jacket or stick. It produces an increasingly tel, which is eyewear featuring a voice-activated coaching
intense vibration as the wearer gets closer system. Among the many models that promise to make us
to the obstacle detected. more efficient, there are some that can even save our lives.
One is the Ellcie Healthy eyewear, into which sensors are
embedded to detect levels of light, humidity, temperature,
ultraviolet rays, without making the frames bulky. When
the accelerometers realise we are yawning or our head is
dropping as we drive (suggesting that we are about to fall
asleep at the wheel), the glasses emit a sound or light signal
and a vibration to alert us to the danger, as well as send-
ing a message to the smartphones of the passengers in the
car. This idea is useful also for the elderly who live on their
own: in the event of a fall, the glasses will alert someone
who can call for help. ○

114 ABITARE 588


Flaps
Design VictoR VasileV

Flaps nasce dall’osservazione delle forme e


del funzionamento del calorifero a piastra.
La ‘pulizia’ formale del calorifero scompare
nel momento in cui viene aggiunto
l’accessorio necessario per agganciare una sal-
vietta o l’accappatoio. Realizzato interamente
in alluminio riciclabile ad alta efficienza
termica, è caratterizzato da una piastra dallo
spessore di 3 mm, interrotta da flaps (‘pieghe’)
da cui il radiatore prende il nome e che
servono da portasalviette.
Flaps è disponibile in due larghezze e due
altezze e nella versione elettrica.
Può essere realizzato in oltre 200 varianti
cromatiche.

Radiatore in alluminio riciclabile


Basso contenuto d’acqua
Alta efficienza termica
200 varianti cromatiche

AntrAx It srl
Via Boscalto 40
31023 Resana tV
tel. +39 0423 7174
fax +39 0423 717474
www.antRax.it antRax@antRax.it
d es i g n

HAUSOTTO
OCCHIALI FAI-DA-TE
DO-IT-YOURSELF EYEGLASSES
Un kit di 25 lenti prefabbricate di policarbonato graduate
(da -8 a +10 diottrie), un cavo d’acciaio flessibile e, per pie-
garlo, un apparecchio analogico (che non richiede energia
elettrica, né manutenzione). Infine un protocollo per for-
mare in soli 14 giorni degli operatori ottici locali. Sono que-
sti gli ingredienti del progetto One Dollar Glasses che con-
sente di offrire un paio di occhiali al prezzo di un solo
dollaro, ideato dall’organizzazione no-profit tedesca Ein-
DollarBrille, da anni impegnata nel fornire cure oculistiche
low cost a chi vive nei villaggi più remoti di Burkina Faso,
India o Bolivia. Sono ben 150 milioni infatti le persone senza
i mezzi logistici o finanziari per comprare un paio d’occhiali.
One Dollar Glasses – che consente a un team di sei produt-
tori di creare con la stessa macchina fino a 50 mila paia
d’occhiali l’anno – vede ora il contributo del giovane studio
tedesco Haus Otto, che sta arricchendo il sistema anche
dal punto di vista estetico. (Alice Piciocchi)

HAUSOTTO
A kit of 25 prefabricated polycarbonate prescription lenses
(from -8 to +10 diopters), a flexible spring steel wire and, to
bend it into spectacle frames, an analogue device that re-
quires no electrical energy and is maintenance free. Plus a
protocol to train up local opticians in just 14 days. These are
the elements of the One Dollar Glasses project that can pro-
vide a pair of glasses for just one dollar. The idea was deve-
loped by the German non-profit organisation EinDollarBril-
le, which has for years been providing low-cost eyecare to
the inhabitants of the most remote villages of Burkina Faso,
India and Bolivia. Some 150 million people in the world do
not have the logistical or financial means to buy themselves
a pair of glasses. Now, the One Dollar Glasses scheme –
with which a team of six producers can create up to 50,000
pairs of glasses a year using the same machine – is being
further enhanced with aesthetic improvements supplied by
the young German studio Haus Otto.
HAUSOTTO

116 ABITARE 588


DESIGN _ FABRIZIO BATONI

INDIVIDUAL ICON

www.zazzeri.it - Tel. +39 055 69.60.51


Evento a partecipazione gratuita

Programma e registrazioni e2forum.it


SUPERFICI DA PROGETTARE
DESIGNING SURFACES
curated by Mia Pizzi d e sign
txt Irene Guzman

CEDIT, Policroma, design Cristina Celestino


Le grandi superfici ceramiche riprendono
in chiave contemporanea la tradizione del marmo
italiano raro, del marmorino e le tessiture
a stucco, anche delimitate da una scura cornice
che simula la lamiera di ferro. La palette del
marmorino è declinata in quattro colori: verde
scuro e rosso mattone sono ispirati ai pannelli
di Carlo Scarpa.
Big ceramic surfaces create a contemporary
take on rare Italian marble, Marmorino plaster
and stucco textures, with a dark surround that
simulates sheet iron. The Marmorino effect
comes in four colours: the dark green and brick
red are inspired by panels created by Carlo
Scarpa. www.florim.com/it/cedit

| Le ceramiche, ma anche i legni e i compositi, con nuovi formati, tecnologie sempre più all’avanguardia, infinite
possibilità di personalizzazione e inedite soluzioni per la posa. Per una settimana la fiera e la città di Bologna
diventano il centro internazionale dei rivestimenti grazie al Cersaie. Dal 23 al 27 settembre / Ceramics, but also
wood and composite materials, with new formats, ever more advanced technologies, endless opportunities for
personalisation and new installation solutions. For one week the city of Bologna and its trade fair Cersaie are the
international centre of wall and floor coverings. From 23 to 27 September

588 ABITARE 119


APPIANI, Regolo Preciso come lo strumento di misurazione, è un sistema
di grès smaltato di pasta bianca, sviluppato in collaborazione
con FUD (brand del Gruppo Lombardini22) che, nel potenziale delle
numerose possibilità compositive, conferma la vocazione architetturale.
Disponibile in versione Flat o Textured con decorazioni a rilievo
o sottolineato dalle linee parallele di Bamboo (foto).
Precise as a measuring instrument, a system in white glazed stoneware,
developed in collaboration with FUD (brand of Gruppo Lombardini 22)
which, given the potential for countless compositional possibilities, confirms
its architectural vocation. Available in the Flat or Textured version with
decorations in relief or emphasised by parallel lines on Bamboo (pictured).
www.appiani.it

CERAMICA BARDELLI, Zip, design Meneghello Paolelli In sottile equilibrio


tra ritmo e asimmetria, questo sistema di piastrelle è realizzato anche
nella versione con bordi a zigzag, che permette di esaltare l’effetto
decorativo della fuga imitando il dettaglio di una cerniera lampo.
Striking a delicate balance between rhythm and asymmetry, this system
of tiles also comes in a version with zig-zag edges, which enhances the
decorative effect of the grount joint between tiles, imitating the effect
of a zip fastening. www.ceramicabardelli.com

CERAMICA REFIN, Vetri Lux Con le grandi lastre di grès (cm 120x278,
sei millimetri di spessore) nei colori bianco e naturale, si amplia
la collezione già codificata secondo il sistema cromatico brevettato
NCS – Natural Colour System, nato da un’approfondita indagine
sul vetro, di cui riproduce l’estetica.
The large stoneware slabs (120x278 cm, thickness 6mm) in white and
natural, extend the collection already codified using the patented NCS
– Natural Colour System, the result of a thorough investigation of the
properties of glass, whose appearance it reproduces. www.refin.it

120 ABITARE 588


MUTINA, Primavera, design Barber & Osgerby Le lastre di
grès porcellanato non smaltato hanno l’aspetto irregolare
alla vista e al tatto proprio delle materie naturali, ricreato
artificialmente attraverso piccole scaglie ceramiche
colorate, amalgamate in maniera casuale e imprevedibile.
The unglazed porcelain stoneware slabs have the irregular
appearance and feel of natural materials, recreated artificially
through small coloured ceramic flakes, amalgamated in
a random, unpredictable fashion. www.mutina.it

CASALGRANDE, R-EVOLUTION Un inedito effetto cemento per le


lastre in grès porcellanato cui si aggiungono i due decori geometrici
Stripes e Row, con i quali è possibile realizzare numerosi motivi
grazie anche alla vasta palette cromatica con 12 colori.
A new cement effect for porcelain stoneware slabs and two new
geometric patterns, Stripes and Row, with which it is possible to create
numerous motifs thanks to the extensive colour palette
(12 different shades available). www.casalgrandepadana.com

588 ABITARE 121


ARIOSTEA, CON.CREA Disponibile anche nei
formati tradizionali (cm 120x60, 60x60, 60x30)
le Maxi Lastre Ultra si distinguono per la texture
materica, che si ispira al cemento spatolato e alla
resina sintetica, ora proposte nella nuova nuance
neutra Dove Grey. La collezione è tra le proposte
di grès porcellanato esposte nel nuovo showroom
londinese in Old Street, a Clerkenwell, (a destra),
progettato dallo studio di architettura e design
Area 17, che ospita i best sellers dei cinque marchi
di Iris Ceramica Group (Ariostea, FMG, Iris
Ceramica, SapienStone e Porcelaingres).
Uno spazio fluido, sviluppato su tre piani, che si
trasforma in aree co-working, conference room
o lounge per eventi.
Available also in traditional sizes (120x60,
60x60, 60x30 cm) the Maxi Lastre Ultra are
striking for their textural quality, inspired by
spatula-finished cement and synthetic resin,
and now also available in the new neutral Dove
Grey hue. The collection is one of the porcelain
stoneware ideas on display in the new London
showroom at Old Street, Clerkenwell, (right),
designed by the Area 17 studio, which exhibits the
bestselling products of Iris Ceramica Group’s five
brands (Ariostea, FMG, Iris Ceramica,
SapienStone and Porcelaingres). A fluid space
spreading over three floors that can be
transformed into co-working areas, conference
rooms or lounge areas for events. www.ariostea.it

122 ABITARE 588


MOSAICO +, Jointed Un segno grafico che taglia le tessere di cm 5x5
con cinque angolazioni differenti, da combinare secondo uno schema
preciso o una disposizione casuale. Il mosaico è realizzato
con vetro cattedrale artistico: il risultato è particolarmente brillante
e luminoso.
A graphic feature that cuts the 5x5cm pieces at five different angles,
for combination according to a precise pattern or in a random
arrangement. The mosaic is made of artistic cathedral glass, which
produces a particularly bright, luminous effect. www.mosaicopiu.it

CERAMICA SANT’AGOSTINO, Intarsi Queste piastrelle di grès porcellanato


rettificato imitano dettagliatamente le metope create dagli intarsiatori toscani.
Disponibili in diverse versioni, con effetto intarsio legno o marmo, possono
essere utilizzate per creare tappeti, boiserie o inserti a parete e a pavimento.
These porcelain stoneware tiles imitate in great detail the metopes created
by Tuscan intarsia workers. Available in different versions, with a wood
or marble intarsia effect, they can be used to create rugs, wall panels or inserts
in walls or floors. www.ceramicasantagostino.it

DECORATORI BASSANESI, Segments, design Guglielmo Poletti


La semplice linea acquista un forte impatto visivo e tattile nella
sua ripetizione rigorosa e grafica. Il segno minimale diventa così
decorazione grazie alle tante configurazioni possibili delle versioni
Segments Small Plus e Segments Large.
A simple line creates a strong visual and textural impact in its strict,
graphic repetition. In this way a pattern of minimalist character
becomes a decoration thanks to the many possible configurations
possible in the Segments Small Plus and Segments Large versions.
www.decoratoribassanesi.it

124 ABITARE 588


LEA CERAMICHE, Absolute I moduli The rectangular laminate stoneware
rettangolari di grès laminato Slimtech, Slimtech modules, in bespoke cut sizes,
tagliati su misura, tracciano le seducenti follow the eye-catching curves of the optical
curve del pavimento optical black & white black & white floor on the terrace of the
della terrazza della Torre Prada, Torre Prada, designed by Studio OMA.
progetto firmato dallo Studio OMA. www.ceramichelea.it

FLORIM, Étoile de Rex Sette


varianti cromatiche intense
e luminose che traggono
ispirazione da marmi rari
provenienti da territori
geograficamente distanti,
dall’Appennino tosco-emiliano
al Brasile. Possono essere
utilizzate singolarmente
o abbinate, per un effetto
ancora più importante.
Seven bright, bold colour variants
inspired by rare marbles from very
different geographical areas, from
the Italian Apennines to Brazil.
They can be used individually
or in combination, to produce
an even more striking effect.
www.florim.com/it

588 ABITARE 125


MARAZZI, Vero La nuova collezione di grès dal formato inedito di cm The new stone collection in a brand-new size (22.5x180 cm), in four colours, and
22,5x180, declinata in quattro colori, è realizzata con una tecnologia in grado made using a technology that combines graphic design with texture, and where
di combinare grafica e materia, dove la stampa corrisponde esattamente the print corresponds exactly to the grain, the indentations and the knots on the
alle vene, alle insenature e ai nodi della superficie ottenendo così un effetto surface, producing an extremely natural wood-like effect. This, like the most
legno estremamente naturale. Questa, come le più recenti collezioni, è recent collections, is displayed in the Milan showroom in Via Borgogna, which
esposta nello showroom milanese di via Borgogna ampliato e rinnovato da was enlarged and renovated by Antonio Citterio and Patricia Viel: a 400-sqm
Antonio Citterio e Patricia Viel: 400 mq che sono un susseguirsi di stanze space that takes the form of a sequence of rooms in a new approach to display
in una nuova modalità espositiva. space design. www.marazzi.it

126 ABITARE 588


CERAMICHE PIEMME, Materia Coniuga
suggestioni materiche diverse, dal metallo
ossidato a quello lucidato, dalla pietra
al COR-TEN, riproducendo sulle lastre
la smerigliatura tipica della levigatura
a mano e le imperfezioni della produzione
artigianale. Sei le tonalità, cinque i formati.
This product combines various material
finishes, from oxidised or polished metal
to stone and Corten, reproducing the typical
surface effect produced by hand polishing
and the imperfections of artisanal work. Six
shades, five sizes. www.ceramichepiemme.it

LAMINAM, In-side La nuova


finitura Pietra Piasentina Taupe
nasce da un’innovativa tecnologia
basata sulla miscelazione di
materie prime naturali a
granulometria variabile che
permette di ottenere l’estetica
delle pietre naturali grazie alla
continuità materica tra massa,
superficie e bordo anche dopo il
taglio e la foratura del materiale.
The new Pietra Piasentina Taupe
finish is the result of a new
technology based on a mixture of
natural raw materials with
different degrees of coarseness
that reproduces the look of natural
stone thanks to the textural
continuity between the mass, the
surface and the edge, even after
the material has been cut of
perforated. www.laminam.it

128 ABITARE 588


GARBELOTTO, Clip Up System Il rivoluzionario
sistema brevettato di pavimento flottante (e quindi
ispezionabile) – realizzato con assi di legno
removibili – adotta ora lo spessore da 13 mm, con
clip di polimero lunghe un metro, per una posa più
rapida e agile. Tre le dimensioni disponibili: Elegant
(mm 110/120), Classic (mm 130/150) e Big Old
(mm171/200).
The revolutionary, patented floating floor system
made using removable floor boards (and thus
accessible for inspection) now also comes
in a 13mm-thick version, with one-metre-long
polymer clips, for quicker, easier installation.
Available in three sizes: Elegant (110/120mm),
Classic (130/150mm) and Big Old (171/200 mm).
www.garbelotto.it

FAP CERAMICHE, Lumina Stone Sono


grafiche e materiche le decorazioni
delle superfici ceramiche opache
di queste lastre dai colori neutri,
disponibili anche in versione mosaico
anticato. Quattro i disegni tra cui Edge
(nella foto), che movimenta la parete
grazie al rilievo che ricorda la roccia.
The decorations on the matt ceramic
surfaces of these colours, in neutral
colours, are graphic and textural. They
are also available in an ancient mosaic-
effect version. There are four patterns,
including Edge (in the photo), which gives
movement to the wall thanks to a relief
surface effect reminiscent of rock.
www.fapceramiche.com

MAPEI, Set the Mood Una gamma completa di ben


50 tonalità per fughe e sigillanti per ceramica
– unica per ampiezza di colori – declinate in cinque
famiglie, secondo un diverso mood: Serene,
Traditional, Natural, Romance e Glamour. Sono
disponibili nelle versioni cementizie, in pasta ed
epossidiche, secondo l’esigenza di utilizzo.
A complete range of no fewer than 50 shades for
grouting joints and ceramic sealants – unique in the
sheer range of colours it offers – in five families,
each with its own mood: Serene, Traditional,
Natural, Romance and Glamour. They come
in cement, paste or epoxy versions, depending on
the requirements of use. www.mapei.com

588 ABITARE 129


d es i g n

CODICI DI BENESSERE
WELLBEING CODES
txt Mia Pizzi

| L’ambiente del bagno si riafferma come il luogo della cura di sé e del relax. Ma cambiano i
fondamentalideldesign.Glispessorisifannosottili,lelineemorbide,ritornailcolore(nerocompreso),
compaiono i grafismi. La tecnologia resta protagonista, ma nascosta / The bathroom is back in
the spotlight as a place for personal care and relaxation. With some basic design changes: thinner
surfaces, softer contours, a return to colour (including black) and new graphic details. Technology –
still a major factor – is typically hidden away

FIR ITALIA, The Outfit L’innovativa tecnologia ASP Innovative ASP (Advanced Superfinish Process)
(Advanced Superfinish Process) permette di ottenere technology has made possible the creation of new special
nuove finiture speciali (anche customizzate) su tutti i finishes (also customised) on all the brand’s models.
modelli del brand. Trattamento che, oltre a determinare As well as giving the metal a unique coloured shine
sul metallo colori e riflessi unici, garantisce la non or sheen, the treatment also makes the surface tough
improntabilità e la resistenza (è testato oltre 1000 ore and fingermark-resistant (tested for over 1,000 hours
in nebbia salina). in saline mist).www.fir-italia.it

130 ABITARE 588


VITRA, Plural, design Terry Pecora Particolarmente interessante
la composizione che aggrega più lavabi dal sapore rétro – un mix
and match di forme, materiali e colori – da collocare anche a centro
stanza o a parete, come originale reinterpretazione del tradizionale
doppio lavabo.
A particularly interesting composition that combines several
washbasins with a retro flavour – a mix and match of forms, materials
and colours – suitable to be positioned at the centre of the room
or against a wall as a new take on the traditional double washbasin.
www.vitraglobal.com

ANTRAX, Android, design Daniel


Libeskind Un origami giapponese
realizzato con una sottile lastra
di metallo le cui pieghe creano
particolari chiaroscuri. Grande
l’attenzione alla sostenibilità: il
radiatore, totalmente riciclabile,
è dotato di un circuito brevettato
che entra a regime in tempi
brevi, assicurando un notevole
risparmio energetico.
Like a piece of Japanese origami,
but made from a thin sheet of
metal whose folds create
interesting chiaroscuro effects.
Great attention has been paid to
sustainability: the fully recyclable
radiator is equipped with a
patented circuit that quickly
reaches full power, giving a
considerable saving on energy
consumption. www.antrax.it

588 ABITARE 131


ALBATROS, Soreha Wall, design
Claudio Papa La vasca realizzata
con Solid Surface – vellutato,
resistente, totalmente
ripristinabile – integra nella
struttura un contenitore
estraibile. Installabile a centro
stanza, a parete, angolo o in
nicchia, è disponibile anche in
versione bianca con sistema
Airpool a microgetti.
The tub made of Solid Surface
– velvety but tough and fully
repairable – incorporates in its
structure a pullout basket.
It can be installed in the centre
of the room, against a wall, in a
corner or in a recess. The white
version can also be completed
with the Airpool microjets system.
www.albatroswellness.it

OLI, Moon Vincitrice di prestigiosi riconoscimenti internazionali, è l’unica placca


di comando wc di porcellana con funzionamento a sfioro: per azionarla è sufficiente
il semplice gesto della mano grazie ai sensori nascosti. Il sistema Hydroboost
la rende inoltre autonoma da qualsiasi fonte di energia elettrica tradizionale.
The winner of prestigious international awards, this is the only porcelain w.c. plate that works
by swiping a hand across it: a no-touch activation method that activates hidden sensors.
The Hydroboost system also means that no traditional electrical energy source is needed.
www.oli-world.com

DURAVIT, XViu, Sieger Design La nuova collezione comprende sanitari


di ceramica, mobili e questa vasca centro stanza, la cui struttura
di metallo champagne o nero opaco contrasta con l’acrilico bianco
lucido. Due le misure: cm 160x80 o 180x80.
The new collection comprises ceramic sanitaryware items, furniture
and this free-standing centrepiece bathtub, whose metal structure
in champagne matt or black matt provides a contrast to the high-gloss
white acrylic. It comes in two sizes: 160x80 or 180x80 cm.
www.duravit.com

132 ABITARE 588


ANTONIOLUPI, Gessati, Gum Design Una collezione
di lavabi di appoggio – nelle varianti tondo, ovale
o rettangolare – ottenuta con un sofisticato
processo di accosto delle lamine di marmo di Carrara
(1 o 2 cm). La resina per l’incollo è colorata a
contrasto, la levigatura conferisce un effetto optical.
A collection of freestanding washbasins – round, oval
or rectangular – obtained using a sophisticated
process that brings together sheets of Carrara
marble (1 or 2 cm). The resin that acts as the
adhesive is in a contrasting colour, while the sanding
process used on the surface produces an interesting
optical effect (the name is the Italian word for
pin-stripes). www.antoniolupi.it

ITLAS, Progetto Bagno, design Archea Associati Un progetto


completo che si estende all’intero ambiente bagno.
Nella Collezione 5 Millimetri le essenze continuano ad essere
prezioso elemento dominante, che si tratti di pavimento
o di complementi d’arredo. Nella foto, il pavimento è di rovere
con finitura Jazz, posato a spina ungherese, mentre i mobili
sono di rovere con finitura biomalta nera. Lavabi e rubinetti
sono esclusivi di Itlas, la vasca di quarzo è prodotta
dall’olandese Jee-o, di cui Itlas è distributore esclusivo
per l’Italia.
A complete design project that extends across the entire
bathroom. On the 5 Millimetri Collection, wood continues
to be the main high-quality element, for both the floor and the
furnishing complements. In the photo, the floor is oak with Jazz
finish, laid in Hungarian herringbone style, while the furniture
is oak with black bio-mortar finish. The washbasins and taps
are Itlas exclusives, the quartz bathtub is made by the Dutch
firm Jee-o, for which Itlas is the sole distributor in Italy.
www.itlas.com

SCARABEO, Veil, design Massimiliano Braconi Il lavabo nasce dall’accurata


ricerca del limite materico nel processo ceramico. Il
risultato è un foglio sospeso, di spessore ridottissimo, disponibile in più
varianti di colore e due misure: cm 46x46 o 60x46.
This washbasin is the result of a careful study to determine the material limitations
of the ceramic process. The result is an ultra-thin hanging sheet, available
in various colours and in two sizes: 46x46 or 60x46 cm. www.scarabeosrl.com

588 ABITARE 133


FLAMINIA, Flag, design Alessio Pinto Proposte
variabili costruite attorno a due elementi,
la struttura e il bacino. La collezione indaga il tema
del colore, conferendogli un ruolo progettuale:
le diverse combinazioni del rosso Rubens e latte,
dell’argilla e grafite o fango determinano un mood
sempre differente nell’ambiente bagno. Lavabi,
docce, vasche sono anche i protagonisti del book
concept Good Morning Design curato da Mario
Trimarchi, edito da Rizzoli: i sanitari (nella foto
sotto, Roll, design nendo) sono fotografati
da Santi Caleca all’interno di architetture vuote
e inanimate “cercando affinità con lo spazio,
la relazione tra colore e materia…”.
Various ideas built around two elements,
the structure and the basin. The collection is based
on the use of colour, which takes on a specific role
in the design project: the different combinations
of Rubens red and milky white, and of clay, graphite
or mud each create a different mood in the bathroom.
The washbasins, showers and bathtubs also feature
in the concept book entitled Good Morning Design
by Mario Trimarchi, published by Rizzoli: the
sanitaryware items (bottom, Roll , design by nendo),
are photographed by Santi Caleca inside empty,
inanimate works of architecture “seeking an affinity
with the space, a relationship between colour
and substance…”. www.ceramicaflaminia.it
SANTI CALECA

134 ABITARE 588


IDEAL STANDARD, Ipalyss, design Palomba Serafini Associati
Interpretando i nuovi bisogni di contractors e architetti,
i designer hanno realizzato nuove collezioni traendo ispirazione
dai prodotti storici o a volte ridefinendone alcuni dettagli.
La ricca palette di Ipalyss ribadisce l’attenzione per il colore,
che ha sempre avuto un ruolo fondamentale nella storia del brand.
Interpreting the new needs of contractors and architects,
the designers have produced new collections that take their inspiration
from historic products, or in some cases by altering a few details.
The rich palette on Ipalyss reiterates the attention to colour, which
has always played a fundamental role in the history of the brand.
www.idealstandard.it

AZZURRA, Hera, design Daniel Libeskind Di ceramica,


la serie di sanitari porta nel privato le linee fluide e
dinamiche delle architetture di Libeskind. Come le
precedenti, anche questa collezione prevede la felice
combinazione tra innovazione tecnologica del processo
industriale e intervento artigianale.
This ceramic series of bathroom fittings brings to
the private sphere the fluid, dynamic lines of Libeskind’s
architecture. Just like the previous ones, this collection
also displays a successful combination of technological
innovation in the industrial process and craftsmanship.
www.azzurraceramica.it

136 ABITARE 588


AXOR, Edge, design Jean-Marie Massaud Tra arte,
architettura e scultura. Una serie di elementi di forma
cubica combinati asimmetricamente determina
l’estetica di questo miscelatore. Il processo di
lavorazione è accuratissimo, con trattamento Pvd
(Physical Vapour Deposition) e finiture da oreficeria,
anche personalizzabili.
An artistic, architectural and sculptural creation
consisting of a series of cube-shaped elements whose
asymmetrical composition determines this mixer tap’s
appearance. The meticulous manufacturing process
involves so-called PVD (Physical Vapour Deposition) and
the application of a luxurious gold finish, also
customisable. www.axor-design.com

AGAPE, Immersion+Ascension, design Neri&Hu


Pensata per gli spazi abitativi sempre più
ridotti, la vasca, profonda ma contenuta
per dimensioni, reinterpreta con evidenza
le tinozze di legno orientali. Il lavabo, di
Cristalplant Biobased, ha bordi sottili e profilo
lineare in contrasto con l’invaso morbido.
Ascension è la scaletta di iroko che,
all’occorrenza, ha funzione di tavolino.
Designed for increasingly confined living spaces,
this tub – deep but with a small footprint –
is clearly inspired by traditional oriental timber
bathing vessels. The washbasin, in Biobased
Cristalplant, has slimline edges and a linear profile
that contrasts with the softness of the inner bowl.
Ascension is an iroko wood step stool, which can
double as a table. www.agapedesign.it

588 ABITARE 137


DUKA, Gallery 300 A sei anni
dall’ingresso sul mercato, Duka
applica a questa serie di cabine doccia
le migliori innovazioni tecniche
ed estetiche sviluppate. Così è per
il restyling delle cerniere con apertura
interna/esterna agevolata e regolabile,
i nuovi profili ad alta tenuta,
e l’incollaggio UV degli elementi su
vetro che evita la foratura della lastra.
Six years since it first appeared on
the market, Duka has brought some
excellent technical innovations and
aesthetic improvements to this series
of shower enclosures. These include
the restyled hinges for easier inward-
outward opening of the door, and UV
bonding of elements onto the glass so
that the glass panel does not need to be
perforated. www.duka.it

ARTELINEA, Dama, design Anita Brotto


Di vago sapore vintage, la collezione
esalta l’utilizzo del Dualite, materiale
brevettato che consente
l’accoppiamento di due lastre di vetro
retrocolorato grazie alla tecnologia
dell’incollaggio sottovuoto con uno
speciale sigillante. Il vetro, che si
trasforma da elemento decorativo in
elemento strutturale, raddoppia così
la resistenza – e quindi la sicurezza –
nonostante il basso spessore.
This collection, which has something
of a vintage flavour to it, makes excellent
use of Dualite, a patented material that
allows two sheets of rear-coloured glass
to be fused together thanks to a special
vacuum-sealing process. The glass,
which is not just a decorative but also
a structural element, is thus twice as
strong – and twice as safe – despite its
relative thinness. www.artelinea.it

138 ABITARE 588


FANTINI BOFFI, Aboutwater AA27, design Michael Anastassiades L’elemento
sorprendente del rubinetto è dato dalla bocca sospesa, unito alla manopola
dall’elemento cilindrico, alla cui indiscussa personalità contribuisce la finitura
Matt Gun Metal ( ma è disponibile anche in acciaio inossidabile satinato)
con trattamento Pvd (Physical Vapour Deposition).
The surprising feature of this tap is the suspended spout, connected to the knob
by a cylindrical element. The Matt Gun Metal finish (also available in brushed
stainless steel) and PVD (Physical Vapour Deposition) treatment contribute to
its strong personality. www.fantini.it

FIORA, Limite Il piatto doccia ultrasottile, qui nella finitura Betao, si


caratterizza per lo scarico nascosto, posizionato nel lato corto.
Realizzato con poliuretano (resistente all’umidità) è frutto di un
meticoloso studio cromatico e di una lavorazione che integra processi
industriali e artigianali.
This ultra-slimline shower tray, seen here in the new Betao texture, features
an invisible drain, positioned on the short side. Made with polyurethane
(perfect for spaces exposed to humidity) it is the result of a meticulous
colour study and a manufacturing process that combines industrial and
artisanal elements. www.fiora.es

ZAZZERI, Z316, design Roberto Innocenti Soffioni doccia tubolari girevoli,


dotati del sistema brevettato Flyfall, i cui speciali ugelli direzionano l’acqua
verso il basso. Installabili indoor o outdoor, sono disponibili nelle versioni
a parete, soffitto e a pavimento, anche in composizioni plurime.
Revolving tubular shower heads, equipped with the patented Flyfall system,
whose special nozzles direct the water downwards. Suitable for indoor or outdoor
installation, they come in wall, ceiling and free-standing versions, also in multiple
compositions. www.zazzeri.it

140 ABITARE 588


VALDAMA, Acquerello, design Prospero Rasulo
Evidente il ruolo del colore, declinato anche
in bicromatismi, in questa collezione di lavabi.
Ulteriore peculiarità del progetto è il design
morbido che culmina nella parte centrale
convessa e leggermente sollevata.
Colour (including two-tone solutions) clearly plays
an important role on this collection of washbasins.
Another special feature is the soft design
that culminates in the convex, slightly raised
central section. www.valdama.it

BOFFI, Faroe, design Piero Lissoni Una nuova


vasca da bagno, dotata di un bacino generoso,
quasi un rettangolo arrotondato negli angoli.
Forma e tattilità – ha una mano vellutata –
sono attribuibili alla duttilità del Cristalplant
con cui è realizzata. Nei colori bianco opaco
o bianco e grigio Soft Touch.
A new, generously-sized bathtub that is
essentially a rectangle with very rounded corners.
Its shape and tactile nature (the surface is velvety
to the touch) are achieved thanks to the pliable
nature of the Cristalplant from which it is made.
In matt white or Soft Touch white and grey.
www.boffi.com

JAQUAR GROUP, Laguna, design Matteo Thun


e Antonio Rodriguez L’azienda multinazionale
indiana, decisa a intensificare la sua presenza
sul mercato europeo, propone questa collezione
– sanitari, rubinetti, cabina e mobili – le cui forme
semplici e la varietà di combinazioni rendono
adatta agli spazi privati come al contract.
Ceramica di alta qualità, struttura di nero
metallo, attenzione alla sostenibilità.
The Indian multinational, which is determined
to intensify its presence on the European market,
presents this collection – of sanitaryware, taps,
a shower enclosure and furniture items – whose
simple forms and variety of combinations make it
suitable for both private and contract spaces.
High-quality ceramics, black metal structure,
attention to sustainability. www.jaquar.com

588 ABITARE 141


GLOBO, Le Pietre T-Edge Globothin è
l’innovativo e brevettato impasto ceramico
che consente di ottenere lavabi con bordi
di soli 6 mm di spessore, mantenendo
inalterata la stabilità e aumentandone
la brillantezza. Tra i plus, gli esclusivi
trattamento antibatterico Bataform
e lo smalto Ceraslide. Le 14 nuove finiture
proposte, che si aggiungono ai cromatismi
di Bagno di Colore, sono ispirate alle
superfici di pietre e graniti (nella foto,
Peperino e Travertino).
Globothin is the innovative, patented ceramic
paste that can be used to make washbasins
with edges that are just 6 mm thick,
maintaining their stability and increasing their
brilliance, and as usual with the exclusive
Bataform anti-bacterial treatment and the
Ceraslide glaze. The 14 new available finishes,
added to the Bagno di Colore colours,
are inspired by stone and granite surfaces
(in the photo, Peperino and Travertino).
www.ceramicaglobo.com

EFFE, Yoku, Zup Design Grazie


alle dimensioni contenute
(da cm 230x200 a cm 174x132,
realizzabile anche su misura)
la sauna è installabile anche
in piccoli spazi. Gli elementi
verticali della vetrata frontale
e il volume della stufa integrato
nella panca bassa conferiscono
un’elegante linearità. Tre
le essenze proposte: noce
canaletto, Aspen o legno
massiccio termotrattato.
Because it is so compact (from
230x200 to 174x132 cm, but
available also in customised sizes),
this sauna can also be installed in
small spaces. The vertical
elements of the glass front and the
volume of the stove incorporated
into the low bench create an
elegant linear effect. Available in
three types of timber: Canaletto
walnut, Aspen or heat-treated
solid wood. www.effe.it

142 ABITARE 588


ARCHITECT
@WORK
ARCHITECT MEETS
ITALY
INNOVATIONS

Lingotto Fiere Torino


23-24 ottobre 2019
MiCo-Milano Congressi
13-14 novembre 2019
EVENTO ESCLUSIVO
g re s so
con innovazioni di qualità in con
presentate da produttori e distributori u i to
RIGIDI CRITERI DI SELEZIONE grat odice
per un’offerta di sicuro interesse il c 0
NETWORKING 190
in un’atmosfera originale e piacevole

TEMA 2019
IN / OUT: ECONOMIA CIRCOLARE NELL’ARCHITETTURA
@ATW_INTL #ATWIT Inoltre: un ricco programma di seminari tenuti da architetti illustri,
@architect_at_work #ATWIT con 7 CFP al giorno, una mostra di materiali
WWW.ARCHITECTATWORK.IT e gallerie fotografiche a tema
Partner Media Con la partecipazione di Sponsor

IIIIIIIIIIIIIII
THE NETHERLANDS

UNITED KINGDOM

SWITZERLAND
LUXEMBOURG

GERMANY

DENMARK
BELGIUM

SWEDEN

NORWAY
AUSTRIA

CANADA
FRANCE

TURKEY
SPAIN
ITALY
GROHE, Plus Un miscelatore intelligente che permette il controllo a sfioro della
temperatura dell’acqua che appare sul display a Led, rivestito di vetro acrilico
bianco. Oltre al sistema integrato di risparmio idrico Ecojoy, un sensore
a infrarossi posizionato sulla bocca di erogazione permette di passare dal getto
standard al getto Ecojet.
On this smart mixer tap the water temperature is controlled with the swipe of a finger
and appears on the LED display, coated in white acrylic glass. In addition to the
integrated Ecojoy water-saving system, an infra-red sensor on the spout switches
from the standard jet to the Ecojet. www.grohe.it

GEBERIT, Smyle La rivisitazione della collezione – che comprende


anche wc e bidet sospesi – prevede la personalizzazione dei
contenitori modulari che ospitano i lavabi di ceramica i cui sottili
bordi, in contrasto con la profondità del bacino, appaiono
in continuità estetica con la leggera curvatura delle maniglie.
The revisitation of the collection, which also includes a wall-hung w.c. and
bidet, makes it possible to customise the modular units that house
the ceramic washbasins. Their slimline edges – in contrast to the depth
of the basin – create an aesthetic continuity with the slight curve
of the handles. www.geberit.com

DAMAST, Marco Polo, design Centro Stile Il soffione doccia combinato supporta
due bocche, su due livelli, con funzioni differenti, su un’unica piastra a parete.
Quella rettangolare fornisce un getto intenso a pioggia, mentre la più piccola, quadrata,
eroga acqua a cascata, grazie all’ampio taglio orizzontale (cm 20). Minima la quantità
d’acqua necessaria, anche per il getto pieno: solo 12 litri al minuto.
The combined shower head supports two outlets, on a single wall plate, on two levels
and with different functions. The rectangular head provides a powerful needle spray, while
the smaller, square head, creates a waterfall effect, thanks to its generous horizontal opening
(20 cm). A minimal amount of water is needed even for the full jet: just 12 litres a minute.
www.damast.it

144 ABITARE 588


EIKON EXÉ
Materia e Forma

Materiali naturali e pregiati donano un inconfondibile effetto


materico, definendo l’identità e la personalità di ogni finitura.
Forme pure ed essenziali sottolineano l’estetica di Eikon Exé,
con la certezza del made in Italy e una garanzia di ben 3 anni.
La città e la foresta / The City and the Forest
drawing Małgorzata Gurowska
Floor: Grande Marble Look Golden White
Walls, furnishing and countertop:
Grande Stone Look Ceppo di Gré

Human Design
Da più di ottant’anni progettiamo ceramiche in cui tecnica e innovazione sono al servizio
delle persone. Perché il vero design nasce sempre attorno alle emozioni di chi lo vive
marazzi.it