Sei sulla pagina 1di 124

Novembre/November 2001/842 Australia/Seattle/Ando/Mendini/Holl/Potsdam/Napoli

Periodico mensile/Spedizione in abbonamento postale 45%/art.2/comma 20/B, legge 662/96 Filiale di Milano

842
Architettura/Design/Arte/Comunicazione
Architecture/Design/Art/Communication
Novembre/November 2001
Lire 15.000/Euro 7.75
Abbonati!
Ogni mese Domus
definisce il mondo
dell’architettura
e del design
Subscribe!
Every month
Domus defines the
world of architecture
and design
39.000 lire
256 pagine,

italian edition
da collezione.

527 illustrazioni
e-mail

davvero esclusive:

anziché 55.000 lire


45 hotel all’insegna

canoni dell’ospitalità
del design per vacanze

tradizionale in un volume
Herbert Ypma ridefinisce i
la cartolina

edidomus.it
che trovi qui

fax 039 838286


accanto oppure

uf.abbonamenti@
telefona al numero
verde 800 001199
compila e spedisci
Abbonati a Domus

fax
e-mail
edidomus.it
Outside Italy

or telephone
to domus using

subscriptions@
the card opposite

+39 0282472383
+39 0282472276
You can subscribe

Subscription Abbonamento
outside Italy
I would like to subscribe to Domus I enclose a cheque addressed to: Editoriale Domus,
Italia
Desidero abbonarmi a Domus Scelgo la seguente modalità di pagamento:
Annual (11 issues) with CD-Rom free gift of Berlin Via A. Grandi, 5/7 – 20089 Rozzano – (Milano) – Italy Annuale (11 numeri) con in regalo il CD Rom “Berlino” Bollettino postale che mi invierete
US$ 103 DM 224 Euro 114,65 I have paid by International money order on your account n. £.120.000 anziché £.165.000 Allego assegno non trasferibile intestato
Annual (11 issues) Airmail with CD-Rom free gift of Berlin 5016352/01 – c/o Comit – Assago Branch – (Milano) – Italy Annuale Studenti (11 numeri) con in regalo il CD Rom a Editoriale Domus S.p.A.
US$ 138 DM 300 Euro 153,38 Please charge my credit card the amount of: “Berlino” £.110.000 anziché £.165.000 Addebitate l’importo dovuto sulla mia carta di credito:
American Express (allegare sempre la dichiarazione di iscrizione alla facoltà) American Express
Please send the subscription to the following address Diners Diners
(please write in block capitals): Visa Effettuate la spedizione al seguente nominativo: Visa
Mastercard/Eurocard (scrivere in stampatello) Mastercard/Eurocard

Name Card number Cognome Carta n°

Surname Expires Nome Scadenza

Number & Street Indirizzo n°

Town Postal code Date Signature Località Data Firma

State/Region Cap Prov

Country Telefono Fax

Telephone Fax
According to the Law 675/96, we would like to inform you that your private data will be of new publications, offers and purchase opportunities. You are entitled to all and every La informiamo, ai sensi della legge 675/96, che i suoi dati sono oggetto di trattamento per finalità di promozione commerciale dalla nostra Azienda e da quelle ad essa collegate.
computer-processed by Editoriale Domus only for the purpose of properly managing your right in conformity with Clause 13 of the above mentioned Law. Editoriale Domus S.p.A. via prevalentemente informatico, ai soli fini della corretta gestione del suo abbonamento e di A lei competono tutti i diritti previsti dall’art. 13 della legge sopra citata. Responsabile del
subscription and meeting all obligations arising there from. In addition, your private data Achille Grandi 5/7, 20089 Rozzano (MI) Italy, is responsible for processing your private data. tutti gli obblighi che ne conseguono. I suoi dati anagrafici potranno essere utilizzati inoltre trattamento è Teleprofessional S.r.l., via Mentana 17/A, 20052 Monza (MI)
P031
P031

may be used by Editoriale Domus and related companies for the purpose of informing you

ITALY
I-20130 MILANO 20130 MILANO (MI)
P.O. BOX 13080 Casella Postale 13080
Subscription Department Servizio Abbonati
Editoriale Domus Editoriale Domus

del 17/4/85)
Z/607761/TM/7377
Prov. P.T. N.
di Milano A.D. (Aut. Dir.
presso l’Ufficio Postale
di Credito n.7377
da addebitarsi sul conto
carico del destinatario
POSTAGE Affrancatura ordinaria a
AFFIX AFFRANCARE
PLEASE NON
Domus Subscription & 130 00 PRAHA 3 Fax 0711-2507350 TOKYO 160 Ebsco NZ Ltd Herbert Lang & Cie AG
Distribution Agencies Tel. 02-6848547 Fax 02-6848618 Otto Harrassowitz Tel. 03-32080181 Fax 03- Private Bag 99914 CH 3000 BERN 9
• indicates domestic distributors Linea Ubok Taunusstraße 5 32090288 Newmarket Tel. 031-3108484
Argentina Na Prikope 37 65183 WIESBADEN Segawa Books AUCKLAND Fax 031-3108494
11349 PRAHA 1 Tel. 0611-5300 Fax 0611-530560 2-59 Yamazoe-Cho Tel. 09-5248119 Fax 09-5248067 Dynapress Marketing SA
• Libreria Tecnica C.P. 67
Florida 683 Local 18 Tel. 02-24228788 Great Britain Chikusa-Ku Poland 38 Avenue Vibert
1375 BUENOS AIRES Fax 02-24228293 NAGOYA •Pol-Perfect Poland 1227 CAROUGE
• USM Distribution Ltd Tel.022-3080870
Tel. 01-3146303 Fax 01-3147135 Cyprus Fax 052-7636721 Ul. Samarytanka 51
86 Newman Street Fax 022-3080859
Australia • Hellenic Distribution Agency Ltd LONDON W1P 3LD AD Shoseki Boeki 03588 WARSZAWA
Chr. Sozou 2E Tel. 0171-3968000 C.P.O. Box 1114 Tel./Fax 022-6787027 Cumulus Fachbuchhandlung AG
• Europress Distributors Pty Ltd OSAKA 530-91 Hauptstraße 84
119 McEvoy Street Unit 3 P.O. Box 4508 Fax 0171-3968002 Ars Polona
NICOSIA Tel. 06-4480809 Fax 06-4483059 P.O. Box 1001 5042 HIRSCHTHAL
2015 ALEXANDRIA NSW Dawson UK Ltd Tel. 062-7213562
Tel. 02-6984922 Fax 02-6987675 Tel. 02-444488 Fax 02-473662 Cannon House Park Farm Road Asahiya Shoten Ltd 00950 WARSZAWA
C.P.O. Box 398 Tel. 022-261201 Fax 022-266240 Fax 062-7210268
Gordon & Gotch Denmark FOLKESTONE CT19 5EE
Tel. 0303-850101 Fax 0303- OSAKA 530-91 Portugal Librairie Payot
Huntingdale Road 25/37 • Dansk Bladdistribution A/S Tel. 06-3766650 Case Postale 3212
3125 BURWOOD VIC Ved Amagerbanen 9 850440 •Johnsons International
Bookman’s Co. Ltd. 1002 LAUSANNE
Tel. 03-98051650 2300 COPENHAGEN S DLJ Subscription Agency News Portugal Lote 1 A Tel. 021-3413231
Fax 03-98888561 Tel. 31543444 Fax 31546064 26 Evelyn Road 1-18 Toyosaki 3-Chome Rua Dr. Jesé Espirito Santo
Oyodo-Ku OSAKA 531 Fax 021-3413235
Perimeter Arnold Busk LONDON SW19 8NU 1900 LISBOA
Tel. 0181-5437141 Fax 0181- Tel. 06-3714164 Fax 06-3714174 Tel. 01-8371739 Fax 01-8370037 R.J. Segalat
190 Bourke Street Købmagergade 29 4, rue de la Pontaise
3000 MELBOURNE VIC 1140 COPENHAGEN K 5440588 Elm & Co Livraria Ferin Lda
18-6 Takadono 3 Chome 1018 LAUSANNE 18
Tel. 03-96633119 Tel. 33122453 Fax 33930434 Motor Books Rua Nova do Almada 72 Tel. 021-6483601
Fax 03-96634506 33 St’Martins Court Asaki-Ku 1200 LISBOA
Rhodos OSAKA 535 Fax 021-6482585
Magazine Subscription Agency Strangate 36 LONDON WC2N 4AL Tel. 01-3424422 Fax 01-3471101
Tel. 0171-6365376 Tel. 06-9522857 Freihofer AG
20 Booralie Road 1401 COPENHAGEN K Principate of Monaco Weinbergstrasse 109
2084 TERREY HILLS NSW Tel. 31543060 Fax 32962245 Fax 0171-4972539 Hakuriyo Co Ltd
• Presse Diffusion 80333 ZÜRICH
Tel./Fax 02-4500040 R.D. Franks Ltd 1-15-17 Shimanouchi Chuo-Ku
Finland Boite Postale 479 Tel. 01-3634282 Fax 01-3629718
Kent House OSAKA 542
ISA Australia • Akateeminen Kirjakauppa 98012 MONACO CEDEX Stäheli’s Bookshop Ltd
Market Place Oxford Circus Tel. 06-2525250 Fax 06-2525964
P.O. Box 709 Stockmann/Akatemineen Tel. 93101200 Fax 92052492 Bederstraße 77
4066 TOOWONG QLD LONDON W1N 8EJ Kitao Publications Trading Co
Kirjakauppa Romania 8021 ZÜRICH
Tel. 07-33717500 Tel. 0171-6361244 Ltd
P.O. Box 23 Fax 0171-4364904 2-3-18 Nakanoshima Kita-Ku • S.C.IBC. Hiparion Tel. 01-2013302 Fax 01-2025552
Fax 07-33715566 00371 HELSINKI Str. Muresului 14
Blackwell’s Periodicals OSAKA 530 Taiwan
Austria Tel. 09-1214330 Fax 09-1214241 Tel. 06-2035961 Fax 06-2223590 3400 CLUJ NAPOCA • Chii Maw Enterprise Co Ltd
P.O. Box 40 Tel. 064-414004 Fax 064-414521
• Morawa & Co. KG. Lehtimarket Oy Hythe Bridge Street Kaigai Publications Co Ltd P.O. Box 24-710
Wollzeile 11 Nokiantie 2-4 P.O. Box 16 OXFORD OX1 2EU P.O. Box 5020 Tokyo Singapore TAIPEI
WIEN 1 00511 HELSINKI Tel. 01865-792792 International • Page One The Bookshop Ltd Tel. 02-7781678 Fax 02-7782907
Tel. 01-51562 Fax 01-5125778 Tel. 0-716022 Fax 0-7533468 Fax 01865-791438 TOKYO 100-31 Blk 4 Pasir Panjang Road Thailand
Jos A. Kienreich Suomalainen Kirjakauppa Greece Tel. 03-32924271 Fax 03- 0833 Alexandra Distripark • Central Books Distrib. Ltd
Sackstraße 6 P.O. Box 2 2924278 0511 SINGAPORE 306 Silom Road
8011 GRAZ 01641 VANTAA • Hellenic Distribution Agency Ltd Tel. 2730128 Fax 2730042
1 Digeni Street Kinokuniya Co Ltd 10500 BANGKOK
Tel. 0316-826441 Tel. 09-8527880 P.O. Box 55 Chitose South Africa Tel. 02-2355400 Fax 02-
Fax 09-8527990 17456 ALIMOS
Georg Prachner KG Tel. 01-9955383 Fax 01-9936043 TOKYO 156 • Mico L’Edicola Pty Ltd 2378321
Kärntnerstraße 30 France Tel. 03-34390124 Fax 03- 66 Grant Avenue Turkey
1015 WIEN G.C. Eleftheroudakis SA 34391094
• Nouvelles Messageries de la 17 Panepistimioy Street 2192 NORWOOD • Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
Tel. 01-5128549 Fax 01-5120158 resse Parisienne NMPP Maruzen Co Ltd Tel. 011-4831960 Fax 011-
10564 ATHENS Besiktas Barbaros Bulvari 61 Kat
Minerva 52, Rue Jacques Hillairet Tel. 01-3314180 Fax 01-3239821 P.O. Box 5050 Tokyo 7283217 3 D3
Sachsenplatz 4/6 75612 PARIS International International Subscription BESIKTAS ISTAMBUL
1201 WIEN Tel. 01-49287042 Papasotiriou SA TOKYO 100-31
35 Stournara Street Service Tel. 0212-2583913 Fax 0212-
Tel. 01-3302433 Fax 01-3302439 Fax 01-49287622 Tel. 03-32758591 P.O. BOX 41095 Craighall 2598863
10682 ATHENS Fax 03-32750657
Belgium Dawson France Tel. 01-33029802 2024 JOHANNESBOURG Bilimsel Eserler Yayincilik
• AMP Rue de la Prairie Fax 01-3848254 Milos Book Service Tel. 011-6466558 Siraselviler Cad. 101/2
1, Rue de la Petite Ile Villebon-sur-Yvette 3-22-11 Hatchobori Chuo-Ku Fax 011-6466565 80060 TAKSIM ISTAMBUL
91871 PALAISEAU CEDEX Studio Bookshop TOKYO 104
1070 BRUXELLES 32 Tsakolof Street Kolonaki Spain Tel. 0212-2434173
Tel. 02-5251411 Fax 02-5234863 Tel. 01-69104700 Tel. 03-35513790 Fax 03- Fax 0212-2494787
10673 ATHENS • Comercial Atheneum SA
Fax 01-64548326 35513687
Naos Diffusion SA Tel. 01-3622602 Fax 01-3609447 Joventud 19 U.S.A.
Rue des Glands 85 Documentec Pacific Books 08830 SANT BOI DE
58, Boulevard des Batignolles Holland Morikawa Bldg. • Speedimpex Usa Inc
1190 BRUXELLES LLOBREGAT 35-02 48th Avenue
Tel. 02-3435338 Fax 02-3461258 75017 PARIS • Betapress BV 7-4 Idabashi 1 Chome Tel. 03-6544061 Fax 03-6401343
Tel. 01-43871422 Burg. Krollaan 14 Chiyoda-Ku TOKYO 102 LONG ISLAND CITY NY
S.P.R.L. Studio Spazi Abitati 5126 PT GILZE Diaz de Santos SA 11101-2421
Fax 01-42939262 Tel. 03-32623962 Fax 03-
55, Avenue de la Constitution Tel. 0161-457800 Calle Balmes 417-419 Tel. 0718-3927477
Germany 32624409
1083 BRUXELLES Fax 0161-452771 08022 BARCELONA Fax 0718-3610815
Tel. 02-4255004 Fax 02-4253022 • W.E. Saarbach GmbH Shimada & Co Inc Tel. 03-2128647 Fax 03-2114991
Bruil Tijdschriften • Overseas Publishers Rep.
Hans Böckler Straße 19 9-15 Minami-Ayoama 5-Chome
Office International des Postbus 100 LLibreria La Ploma 47 West 34th Street Rooms
50354 HÜRT HERMÜLHEIM Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F
Periodiques 7000 AC DOETINCHEM Calle Sicilia 332 625/629
Tel. 02233-79960 Minato-Ku
Kouterveld 14 Tel. 08340-24033 08025 BARCELONA NEW YORK NY D7
Fax 02233-799610 TOKYO 107
1831 DIEGEM Fax 08340-33433 Tel. 03-4579949 Tel. 0212-5843854 Fax 0212-
Tel. 03-34078317 Fax 03-
Tel. 02-7231282 Fax 02-7231413 Mayer’sche Buchhandlung Promotora de Prensa Int. SA 4658938
Kooyker Booksellers 34078340
Standaard Boekhandel Matthiashofstraße 28-30 Diputacion 410 F Ebsco Subscription Services
52064 AACHEN Korevaarstraat 8 B The Tokodo Shoten
Industriepark Noord 28/A 2311 JC LEIDEN 08013 BARCELONA P.O. Box 1943
Tel. 0241-4777470 Nakauchi Bldg.
9100 SINT NIKLAAS Tel. 071-160560 Fax 071-144439 Tel. 03-2451464 Fax 03-2654883 BIRMINGHAM AL 35201-1943
Fax 0241-4777479 7-6 Nihonbashi 1 Chome
Tel. 03-7603287 Fax 03-7779263 A.Asppan Tel. 0205-9911234
Swets Subscription Service Chuo-Ku
Brazil Lange & Springer C/Dr. Ramon Castroviejo 63 Fax 0205-9911479
P.O. Box 830 TOKYO 103
Otto-Suhr-Allee 26/28 Tel. 03-32721966 Fax 03- Local International Subscription Inc.
• Distribuidora Leonardo da Vinci 10585 BERLIN 2160 SZ LISSE
Ltda Tel. 0252-435111 32788249 28035 MADRID 30 Montgomery Street 7th floor
Tel. 030-340050 Tel. 01-3733478 Fax 01-3737439 JERSEY CITY NJ 07302
Av. Ibijau 204 Fax 030-3420611 Fax 0252-415888 Tokyo Book Center Co Ltd
04524 SAO PAULO Mundi Prensa Libros SA Tel. 0201-4519420
Bruil & Van de Staaij 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku
Tel. 011-53163992 Wasmuth GmbH Castello 37 Fax 0201-4515745
Postbus 75 TOKYO 151
Fax 011-55611311 Pfalzburger Straße 43/44 Tel. 03-34041461 Fax 03- 28001 MADRID Readmore Inc
10717 BERLIN 7940 AB MEPPEL
Informational Tel. 0522-261303 Fax 0522- 34041462 Tel. 01-4313222 Fax 01-5753998 22 Cortland Street
Tel. 030-8630990 Publicaciones de Arquitectura y NEW YORK NY 10007
P.O. Box 9505 Fax 030-86309999 257827 Korea
90441-970 PORTO ALEGRE RS Arte Tel. 0212-3495540 Fax 0212-
Bonner Presse Vertrieb Hong Kong • M&G&H Co 2330746
Tel. 051-3344524 Fax 3344018 General Rodrigo 1
Limpericher Straße 10 Apollo Book Suite 901 Pierson Bldg. Faxon Illinois Service Center
Santoro Editora 28003 MADRID
53225 BONN 27-33 Kimberly Road Chin Mijn Ro 2 Ka 1001 W. Pines Road
Rua 7 de Setembro 63 Sala 202 Tel. 01-5546106 Fax 01-5532444
Tel. 0228-400040 Fax 0228- 2nd Floor Flat A Chongro-Ku OREGON IL 61061-9570
20050-005 RIO DE JANEIRO RJ Wing Lee Bldg KOWLOON SEOUL 110-062 Xarait Libros
4000444 P. S.Francisco de Sales 32 Tel. 0815-7329001 Fax 0815-
Tel. 021-2523909 Tel. 03-678482 Fax 03-695282 Tel. 02-7542881 Fax 02-7354028
Fax 021-2527078 Graff Buchhandlung 28003 MADRID 7322123
Neue Straße 23 Hungary Seoul Subscription Service Inc Silver Visions Publishing Co
Canada Tel. 01-5341567 Fax 01-5350831
38012 BRAUNSCHWEIG Librotrade Kft Youido P.O. Box 174 1550 Soldiers Field Road
Periodica SEOUL 150-601 Sweden
Tel. 0531-480890 P.O. Box 126 02135 BRIGHTON MA
C.P. 444 Fax 0531-46531 1656 BUDAPEST Tel. 02-7801094 Fax 02-7843980 • Bror Lundberg Eftr. AB Tel. 0617-7872939
OUTREMONT QUE H2V 4R6 Tel. 01-2561672 Fax 01-2568727 Lebanon Kungstensgatan 23 Fax 0617-7872670
Walther König GmbH
Tel. 514-2745468 Fax 514- P.O. Box 19063
Heinrich-Heine-Allee 15 India • Messageries du Moyen Orient The Faxon Company Inc
2740201 10432 STOCKHOLM
40213 DÜSSELDORF Globe Publications Pvt Ltd B.P. 11 15 Southwest Park
Chile
Tel. 08-6129680 Fax 08-6122790
Tel. 0211-136210 B 13 3rd Floor A Block 6400 BEYROUTH WESTWOOD MA 02090
Fax 0211-134746 Tel. 01-447526 Fax 01-492625 BTJ Tidschriftscentralen Tel. 800-9993594
• Libro’s Soc. Ltda Shopping Complex BTJ INFO & MEDIA Fax 0617-3299875
Clasificador 115 Correo Central Sautter & Lackmann Naraina Vihar Ring Road Luxembourg
Traktorvägen 11
SANTIAGO Admiralitätstraße 71/72 NEW DELHI 110 028 • Messageries Paul Kraus Venezuela
22182 LUND
Tel. 02-23577337 20459 HAMBURG Tel. 011-5460211 11, Rue Christoph Plantin • Edital SA
Tel. 046-180000 Fax 046-180125
Fax 02-2357859 Tel. 040-373196 Fax 040-365479 Fax 011-5752535 1020 LUXEMBOURGH Calle Negrin Edif. Davolca
Wennergren Williams
Colombia Mode....Information Iran Tel./Fax 499888444 Planta Baja Apt. 50683
P.O. Box 1305
• Peinternational Heinz Kramer GmbH Jafa Co Ltd Malta 1050 CARACAS
17125 SOLNA
Maria Costanza Carvajal Pilgerstraße 20 P.O. Box 19395 Fax 02-7621648
• Miller Distributors Ltd Tel. 08-7059750 Fax 08-270071
Calle 90 18-31 51491 KÖLN OVERATH 4165 TEHRAN * Only for Usa & Canada
Miller House Switzerland
SANTA FE’ DE BOGOTA’ Tel. 02206-60070 Fax 6406441 Tarxien Road Airport Way .DOMUS (USPS 7010107) is
Tel. 01-6168529 Fax 01-6166864 Fax 02206-600717 • Kiosk AG
Israel LUQA published for US$ 135 per year
L. Werner Buchhandlung Hofackerstraße 40
Luis Antonio Puin Alvarez • Literary Transactions Ltd Tel. 664488 Fax 676799
Theatinerstraße 44 II 4132 MUTTENZ by Editoriale Domus Spa - Via
Avenida 25 C # 3 35/37 c/o Steimatzky Ltd Mexico Tel. 061-4672339
BOGOTA’ 80333 MÜNCHEN Achille Grandi 5/7 - 20089
Tel. 089-226979 11 Rehov Hakishon Agencia de Suscripciones SA de Fax 061-4672961
Tel. 01-3426401 Rozzano - Italy and distributed by
Fax 089-2289167 51114 BNEI BRAK CV • Naville SA
C.S.I. Tel. 03-5794579 Fax 03-5794567 Av. 16 de Septiembre 6-402 Speedimpex USA Inc.
Karl Krämer 38-42 Avenue Vibert
Mezhdunarodnaya Kniga Teldan Col. Centro 1227 CAROUGE-GE Periodicals Postage Paid at Long
Rotebühlstraße 40 Island City NY 11101.
39 Bolshaya Yakimanka Street 7 Derech Hashalom 06000 MEXICO DF Tel. 022-3080444 Fax 022-
70178 STUTTGART
117049 MOSCOW 67892 TEL AVIV Tel. 064-140423 Fax 064-152413 3080429 Postmaster: send address changes
Tel. 0711-669930
Tel./Fax 095-2384634 Fax 0711-628955 Tel. 03-6950073 Fax 03-6956359 New Zealand • Melisa to DOMUS c/o Speedimpex USA
Czech Republic Konrad Wittwer GmbH Japan • The Fashion Bookery Via Vegezzi 4 Inc, 35-02 48th Avenue Long
• Mediaprint & Kapa Postfach 10 53 43 • Yohan P.O. Box 35-621 Browns Bay 6901 LUGANO Island City NY 11101-2421
Pressegrosso s.r.o. 70173 STUTTGART 14-9 Okubo 3 Chome AUCKLAND 10 Tel. 091-9238341
Na Jarove 2 Tel. 0711-25070 Shinjuku-Ku Tel. 09-4786324 Fax 09-4155650 Fax 091-9237304
Informazione aziendale Manufacturer’s information

Corolle: 70 designer e il vetro di Murano Corolle: 70 designers and Murano glass


Corolle d’autore è un’importante ● Corolle d’autore (designer corollas)
collezione di calici realizzata da Rex is a series created by Rex Built-In
Built-In con Cleto Munari e la with Cleto Munari and the priceless
collaborazione di vetrai muranesi e di assistance of Murano glassmakers
70 designer. Iniziata nel 1996, la and 70 designers. Begun in 1996, the
collezione ha selezionato negli anni i collection has had added to it, over
progetti più adatti a sfruttare la the years, designs that are perfectly
duttilità e la bellezza del vetro suited to exploiting the suppleness
soffiato di Murano. Gli autori, tra i più and beauty of Murano blown glass.
interessanti nomi dell’architettura e The creators, among the most
del design internazionale, important international designers,
irresistibilmente attratti dal vetro, were irresistibly attracted to glass and
hanno elaborato progetti che worked out designs that exploited the
evidenziano le potenzialità del potential of the material as well as the
materiale e la sapienza dei maestri skill of master glassmakers. The
vetrai, messi alla prova da forme e importance of the initiative extends
colori talvolta molto difficili da far beyond the artistic value of the
realizzare. L’importanza dell’iniziativa objects themselves; it has contributed
va oltre l’oggetto in sé: essa ha to pouring energy back into an old art
contribuito a ridare energia a un’arte that, if not given some help, runs the
antica che, se non sostenuta, rischia risk of disappearing.
di scomparire. Cinquantadue dei 70 Fifty-two of the 70 drinking glasses in
bicchieri della collezione sono stati the collection were placed on exhibit
esposti lo scorso ottobre a Verona ad this past October in Verona at Abitare
Abitare il Tempo, nell’ambito di una il Tempo, as part of an exhibition
mostra curata da Giovanni Brosolo e curated by Giovanni Brosolo and
Cleto Munari. Cleto Munari.

In alto, da sinistra: bicchiere Corolle d’autore, 70 bicchieri in vetro Top, from left: zoomorphic drinking 70 drinking glasses in Murano glass
zoomorfo di Melanie Weisweiler; flûte di Murano progettati da designer di glass by Melanie Weisweiler; filigreed created by designers of international
filigranato di Richard Meier. Sopra, da fama internazionale, è un’iniziativa champagne glass by Richard Meier. fame, is an initiative launched by Rex
sinistra a destra e dall’alto in basso: voluta da Rex Built-In, con la Above, from left to right and top to Built-In, with valued assistance from
bicchiere di Àlvaro Siza; bicchiere a collaborazione di Cleto Munari. Parte bottom: carafe by Àlvaro Siza; corolla- Cleto Munari. Part of the collection
corolla di Hans Hollein; calice di Toyo della collezione era esposta a Verona shaped glass by Hans Hollein; goblet was on display in Verona at Abitare il
Ito (foto grande); coppa di Oscar ad Abitare il Tempo (11-15 ottobre by Toyo Ito; goblet by Oscar Tusquets; Tempo (11-15 October 2001), at a
Tusquets; bicchiere conico di 2001), in una mostra allestita dallo conical glass by Steven Holl. show staged by Studio Zangrandi
Steven Holl. Studio Zangrandi Associati e Horm Corolle d’autore (designer corollas), Associates and Horm
Informazione aziendale Manufacturer’s information Informazione aziendale Manufacturer’s information

Horm: da Àlvaro Siza a Mario Botta, Cleto Munari e… Horm: from Àlvaro Siza to Mario Botta, Cleto Munari and...
Paolo Chiarot e Luciano Marson, per Milano, per poi realizzare con il ● Horm – the name Paolo Chiarot of sculptures by Àlvaro Siza at the
la loro vivace impresa, fondata grande architetto portoghese lo and Luciano Marson chose for their AAM Gallery in Milan. We then went
dodici anni fa, hanno scelto un nome stand al Salone del Mobile di Milano company, founded 12 years ago – on to design, together with the great
– Horm – che, in arabo antico, (2000) e il tavolo Porto (2001); di means, in ancient Arabic, ‘inner Portuguese architect, the stand at the
significa “recinto sacro con diritto di Mario Botta è Charlotte, la poltrona sanctum with right to asylum’. The Salone del Mobile in Milan (2000) and
asilo”. I titolari raccontano che dal simbolo della grande mostra owners say that this ‘refuge’ has been the Porto table (2001). Mario Botta is
‘rifugio’ sono usciti più di 60 modelli dedicata quest’anno a Horm dal a hotbed for nurturing and producing the author of Charlotte, an armchair
tra contenitori, librerie, vetrine, Comune di Oderzo”. Non è tutto: da more than 60 models, ‘without that’s the symbol of a show being
tavoli, sedie, letti, armadi, “senza settembre la Basilica Palladiana di counting the hundreds of ideas that dedicated to Horm this year by the
contare le centinaia di idee Vicenza ospita la mostra dedicata a have rolled out on glossies, which are Commune of Oderzo’. And that’s not
arrotolate su lucidi gelosamente Toyo Ito, visibile attraverso le jealously guarded or “frozen” in all. From September on, the Palladian
custoditi o ‘congelate’ in preziosi “indicazioni trasparenti” fornite da valuable handcrafted prototypes. An Basilica in Vicenza will play host to a
prototipi artigianali. Giorni e notti Horm; alla fine dello stesso mese a incalculable number of hours have show dedicated to Toyo Ito. Visitors
passati fra i componenti di un San Donà di Piave si è inaugurata been spent among the components will be able to see it through
mobile, con il solo scopo di renderlo un’opera scultorea di Aldo Rossi che of a piece of furniture for the sole ‘transparent indications’ supplied by
perfetto, per poi vederlo costruito in ha avuto Horm tra gli sponsor. purpose of making it perfect, and Horm. Inaugurated at the end of
serie, con la stessa scrupolosa La sensibilità di Horm per la cultura then seeing it mass-produced with September in San Donà di Piave was
attenzione che l’ha visto nascere. si conferma ad Abitare il Tempo the same scrupulous attention to a sculpture by Aldo Rossi, sponsored
Eppure”, raccontano, “progettare e (Verona, ottobre 2001), in occasione detail that ushered it into the world. by Horm, among others. Horm’s
realizzare mobili è solo l’inizio di un della mostra dedicata a Corolle And yet’, they say, ‘designing and cultural sensitivity was confirmed at
percorso che ci ha resi qualcosa di d’Autore, la più importante manufacturing furniture is only the the Abitare il Tempo 2001, during a
più di un buon ‘produttore di mobili collezione di calici contemporanei, beginning of a journey that has made show dedicated to Corolle d’Autore
per la casa’. Pensare, guardare, realizzata da Rex Built-In con la them something more than just good (designer corollas), a collection of
capire, scoprire ci hanno portato ad collaborazione di Cleto Munari. producers of furniture for the home. goblets created by Rex Built-In with a
aprire il recinto sacro ad altre idee… Cinquantadue dei 70 bicchieri che Thinking, looking, understanding and key contribution by Cleto Munari.
Abbiamo iniziato nel 1999 compongono la collezione erano discovering convinced us to open the Fifty-two of the 70 drinking corollas
sostenendo la mostra delle sculture esposti in altrettante vetrine Expò inner sanctum to other ideas. We were on display in as many Expò
di Àlvaro Siza alla galleria AAM di fornite da Horm. started in 1999 by backing an exhibit showcases supplied by Horm.

In alto: Expò, le vetrine utilizzate nella Ute, specchi con cornice di alluminio Top: Expò showcases used at the mocha-dyed birch and Ute, mirrors In alto: Skan, contenitore con frontale Top: Skan case piece with front and Horm
mostra “Corolle d’Autore” (Abitare il anodizzato. Foto centrale: United, Corolle d’Autore (designer corollas) with aluminium frame. e fianchi in vetro sabbiato, completo sides in sandblasted glass, complete Via Crocera di Corva, 25
Tempo - Verona, ottobre 2001). tavolini/comodini con struttura in exhibition (Abitare il Tempo – Verona, Centre: United end tables with di luci interne, e top in alluminio. with interior lights and top in 33082 Azzano Decimo (Pordenone)
Design Studio Tecnico Horm. massello di faggio e Solaio, armadio October 2001). Design by Horm’s structure in birch and Solaio, a Sopra a destra: le mensole UP, gli anodized aluminium. Above right: UP T +39-0434640733
Sopra, a sinistra: Sottiletto (design con struttura moca e ante in MDF Engineering Department. wardrobe with mocha structure and specchi Ute, l’armadio Solaio, le basi shelves, Ute mirrors, Solaio wardrobe, F +39-0434640735
Burtscher & Bertolini), letto in laccato. In secondo piano Ute e Above left: Sottiletto (designed by doors in lacquered MDF. In the United (con struttura in faggio tinto United bases (with structure in horm@horm.it
multistrato di faggio, spessore 10 Sottiletto. Tutti i mobili presentati in Burtscher & Bertolini), bed in birch background, Ute and Sottiletto. moca e piani in vetro), accostati a mocha-dyed birch and tops in glass), www.horm.it
mm; poltrona Charlotte (design Mario finitura moca sono disponibili anche plywood; Charlotte armchair (design All furniture pieces presented in a Sottiletto, selezionato al Compasso combined with Sottiletto, selected at
Botta), in midollino naturale; Comò, in faggio naturale o imbiancato by Mario Botta), in natural rattan core; mocha finish are also available in d’Oro ADI 2001 the ADI Compasso d’Oro 2001
con frontale in faggio tinto moca, e Comò chest of drawers, with front in natural or bleached birch competition
Informazione aziendale Manufacturer’s information Informazione aziendale Manufacturer’s information

Confalonieri: corrimano e impugnatura di sicurezza Confalonieri: handrails and safety handgrip

Ausili per spazi


collettivi Maniglioni Complementi Maniglie Ferramenta Pomoli e Maniglie
Il Programma Ergo è il nuovo sistema del prodotto e le sue capacità ● The Programma Ergo is a system alongside its functional capacities. To
per la realizzazione di corrimano, funzionali. Per favorire l’installatore, for the creation of handrails, designed give the installer a helping hand,
progettato da Gianni Arduini, messo a Confalonieri ha attentamente lavorato by Gianni Arduini and developed and Confalonieri worked very hard to
punto e brevettato da Confalonieri. sulla facilità di montaggio, patented by Confalonieri. It is the fruit make assembly extremely easy while
Il sistema rappresenta il frutto di un garantendo risultati eccellenti, di of an in-depth ergonomic study on guaranteeing superb, precise results.
approfondito studio ergonomico sulla grande precisione e ottenibili in tempi prehensility. The innovative (and Scrupulous care was lavished on
prensilità. L’innovativo (e brevettato) ridotti. Grande attenzione è stata patented) assembly system makes satisfying the needs of the customer.
sistema d’assemblaggio ne rende posta alla soddisfazione delle mounting the item very rapid. The By giving top priority to the most
molto semplice e veloce il montaggio. esigenze del committente, mettendo modular nature of the Programma rigourous criteria governing safety,
La modularità del Programma Ergo gli al primo posto i più rigorosi criteri di Ergo enables it to adapt with the product fulfills the primary
consente di adeguarsi con estrema sicurezza, creando così il primo consummate flexibility to the prerequisite that determines the
flessibilità all’andamento dei muri pre-requisito che determina la scelta architectural scheme of the perimeter preference of one product over
perimetrali. I valori progettuali cui il del prodotto. walls. The design values that inspired another. The design of the COX00S4
programma s’ispira sono stati Lo stesso spirito ha animato la messa the program were carefully sized up safety handgrip was ignited by the
attentamente valutati e si sono a punto dell’impugnatura di sicurezza and translated into ergonomics, same spirit. A support element that
tradotti in ergonomia, sicurezza e COX00S4 (brevetto depositato), safety and ease of assembly for every couldn’t possibly be simpler to use, it
facilità di montaggio per ogni elemento di sostegno d’assoluta element in the system. Serious comes with a guarantee of extreme
elemento del sistema. Si è tenuto semplicità d’uso e con garanzia consideration was given to the sturdiness. Essential design features,
conto dei diversi punti di vista e delle d’estrema robustezza. Il design disparate points of view and varied including the fact that it can be
varie esigenze di coloro che, con essenziale e la reclinabilità verso il needs of those who, at different times reclined downward keep the item
modi e tempi differenti, entrano in basso ne limitano l’ingombro, mentre and in radically diverse ways, come from taking up too much room, as
relazione con il prodotto. Innanzitutto il meccanismo di chiusura/apertura, into contact with the product. Most well as its open/shut mechanism,
porsi dalla parte dell’utilizzatore ha testato nelle sue applicazioni, ne important of all, putting oneself in the allow it to be used in perfect safety.
comportato prestare una particolare consente l’impiego in tutta sicurezza. user’s shoes resulted in painstaking A finish in Rilsan guarantees the
cura alla dimensione estetica, il valore La finitura in Rilsan garantisce la attention to the aesthetic dimension, maximum resistance, and the
progettuale più immediatamente massima resistenza; i prodotti sono the instantly perceptible design products are available in a vast
percepibile; anche l’attenzione disponibili in una vasta gamma di values. The ergonomic design spectrum of shades. The grip was
riservata all’ergonomia costituisce il colori. L’impugnatura è stata resulted from considering the chosen by the Industrial Design
passaggio logico tra l’aspetto fisico selezionata dall’ADI per l’Index 2000. physical aspect of the product Association (ADI) for Index 2000.
In alto: Programma Ergo (brevetto Il suo design, particolarmente curato Top: Programma Ergo (patent outstanding, enables it to be used in L’impugnatura di sicurezza COX00S4 The COX00S4 safety handgrip (patent Umberto Confalonieri & C. S.r.l.
depositato), sistema per la nell’estetica, lo rende utilizzabile nei pending), a system for the creation of the most widely varied public (brevetto depositato) è un elemento di pending) is a support element that’s Via Prealpi, 11
realizzazione di corrimano, progettato più diversi contesti pubblici, anche in handrails, designed by Gianni Arduini, settings, even those noted for their sostegno di assoluta semplicità d’uso, child’s play to use and can be I-20034 Giussano (MI)
da Gianni Arduini, messo a punto e ambienti di particolare pregio. developed and patented by marked beauty and prestige. Finish in reclinabile verso il basso, con reclined downward. It comes with a T +39-036235351
brevettato da Confalonieri. Finitura in Rilsan, disponibile in Confalonieri. The Programma Ergo Rilsan, available in various colours garanzia d’estrema robustezza. guarantee of extreme sturdiness. F +39-0362851656
Il corrimano Programma Ergo è diversi colori handrail is ergonomic, pleasing to the Finitura in Rilsan, disponibile in Finish in Rilsan, available in a wide www.confalonieri.it
ergonomico, piacevole al tatto, touch, resistant and easy to install. svariati colori range of shades info@confalonieri.it
resistente e facile da montare. Its design, whose aesthetic is
Informazione aziendale Manufacturer’s information Informazione aziendale Manufacturer’s information

Rex Built-In: Linea Quadro Acciaio Rex Built-In: the Linea Quadro in steel
Gli elettrodomestici della Linea degli elettrodomestici per le sue multifunzione FMQ 90 XE per il ● Household appliances from the
Quadro Rex Built-In sono improntati caratteristiche davvero uniche. funzionamento regolato da un Rex Built-In Linea Quadro drew
a una scelta estetica che si discosta Negli apparecchi Quadro, le programmatore elettronico inizio- inspiration from an aesthetic
nettamente dalle linee bombate superfici in alluminio delimitano le fine cottura, la porta con triplo vetro break with the rounded lines typical
tipiche degli ultimi anni. zone funzionali, creando una cornice ipotermico e cristallo interno of the 1990s. Nonetheless, they
Essi tuttavia evidenziano le o meglio, come dice Roberto termoriflettente e per la muffola highlight the idiosyncratic style that
peculiarità che da sempre sono Pezzetta, capo dell’IDC Zanussi, “un trattata con lo speciale smalto has always been the hallmark of the
proprie del marchio Rex, prima tra campo che racchiude e concentra Clear ’n’ Clean per facilitarne la Rex studio.
tutte l’eccellenza del design, l’attenzione sulla zona di comando”. pulizia: il piano di cottura PVN 75 XV, Primary among these is excellence
riconosciuta anche dalla giuria Sono proprio queste parti a essere largo 70 cm e con cinque fuochi gas, of design, which was acclaimed by
dell’Athenaeum di Chicago, che nel state oggetto di un ulteriore si apprezza per l’affidabilità dei the jury at the Chicago Athenaeum
2000 ha conferito il premio Good intervento, questa volta incentrato dispositivi di sicurezza (presenti su 2000 when they awarded the Good
Design proprio a questa serie. sul colore. L’abbinamento alluminio- tutti i piani di cottura Rex), la Design Prize to the series.
Solo una progettazione accurata colore ha impresso al rigoroso spaziosità e l’aspetto professionale. It’s only painstaking design, in fact,
può, infatti, garantire la forza e la disegno degli apparecchi una Tra le apparecchiature più innovative that can guarantee the power and
personalità che questi apparecchi vibrazione che ne valorizza il ruolo si ricordano infine la macchina da personality exuded by these units.
emanano. Così come il perfetto all’interno dell’arredo della cucina. caffè MC 636 X, studiata per essere By the same token, the flawless
coordinamento delle varie Il passo successivo è stata incassata direttamente tra gli arredi coordination among the various
apparecchiature (dalla lavastoviglie l’adozione della finitura in acciaio, un componibili della cucina, e il forno a units (from the dishwasher to the
alla macchina per il caffè, al forno a materiale che rileva l’aspetto vapore FVQ 105 XE, anch’esso coffee maker to the steam oven)
vapore) nasce dal controllo senza professionale degli elettrodomestici. inserito a colonna. springs from attention to the
sbavature d’ogni minimo dettaglio, Anche nella sua ultima declinazione Gli elettrodomestici Quadro sono smallest details as well as Rex
garantito dall’alta tecnologia di cui Linea Quadro conserva l’alta qualità apparecchi pieni di personalità, che Built-In’s typically inspired use of
Rex Built-In può disporre. in ogni tipologia d’apparecchio. sanno colloquiare con l’ambiente e advanced technology.
Linea Quadro nasce dapprima in Le lavastoviglie si segnalano con chi li utilizza, perché la loro Linea Quadro first saw the light of
alluminio, un materiale che si è soprattutto per la silenziosità e la affidabilità è frutto di tecnologia, day attired in aluminum, a material
affermato anche nel mondo perfetta affidabilità; il forno ricerca e innovazione. that has been applauded for its truly

Le lavastoviglie Rex sono state soprattutto di eliminare le frequenze Rex dishwashers were brought to a The High Techna dishwasher is 67 Le lavastoviglie Rex sono dotate di produzione Snaidero. TQ 12 XE, con Rex dishwashers come equipped with Orlandini and produced by Snaidero.
perfezionate nei laboratori di ricerca più fastidiose. La lavastoviglie High state of perfection in acoustic times quieter than units produced cerniere a doppio fulcro che programmatore elettronico, ha avuto a double-fulcrum hinge that TQ 12 XE, with an electronic
sul rumore e la loro progettazione è Techna è 67 volte più silenziosa degli research laboratories, where studies during the 1970s. Illustrated here is garantiscono l’apertura della porta la valutazione in classe A per guarantees the door will open without programmer, has been rated class A
basata sui risultati di studi condotti apparecchi prodotti negli anni ‘70. Qui were conducted with the help of TQ 12 XE, a visible door, stainless senza dover tagliare lo zoccolo dei l’efficacia di lavaggio e anche per having to cut the baseboard of for washing effectiveness and for
con l’aiuto di speciali strumentazioni è illustrata TQ 12 XE, porta a vista, special instruments to decrease steel model, Classes AAA, with twelve mobili. Qui il modello TQ 12 XE, con quanto concerne l’efficienza furniture pieces. Model TQ 12 XE, is energy and drying efficiency
che hanno consentito non solo di estetica inox, Classi AAA, dodici medium-range sounds as well as the programs and seven temperatures porta a vista, è installato nella cucina energetica e quella d’asciugatura shown as installed in the Sintesi ES
ridurre il rumore medio, ma programmi, sette temperature most annoying high frequencies. Sintesi ES, design Lucci & Orlandini, kitchen, designed by Lucci &
Informazione aziendale Manufacturer’s information Informazione aziendale Manufacturer’s information

Rex Built-In: Linea Quadro Acciaio Rex Built-In: the Linea Quadro in steel
unique characteristics. Aluminum is impressive for functions governed
surfaces of Quadro items border by an electronic stop/start cooking
functional areas, thus creating a programmer; its door features triple
frame or, as Roberto Pezzetta, head hypothermal glazing, heat-reflecting
of Zanussi IDC, puts it, ‘a radius of interior glass and a muffle treated
action that encompasses and with special Clear ’n’ Clean enamel
focusses the attention on the to make cleaning a breeze.
control area’. The PVN 75 XV hob, which is 70 cm
It was these parts that were the wide and has five gas burners, is
target of a further upgrade, this time prized for the reliability of its
centered on colour. The unusual safety devices (present on all Rex
aluminum combination has added a hobs), spaciousness and
note of vibrancy to the apparatuses’ professional look.
rigourous design that has enhanced Two of the more strikingly innovative
their role in kitchen decor. items are the MC 636 X coffee
A subsequent step was the maker, devised to fit in with the
adoption of a finish in steel, a sectional furnishings of the kitchen,
material that gives household and the FVQ 105 XE steam oven,
appliances a professional impact. which also forms part of a column.
The high quality that has invariably Linea Quadro household appliances
distinguished Linea Quadro in all of are items that communicate their
its products is very much present in personality to their surroundings
its latest designs. and the people who use them.
The dishwashers are outstanding for Their complete dependability is the
their noiselessness and fail-safe fruit of the finest technology,
dependability. research and innovation.
The FMQ 90 XE multipurpose oven

In alto: PVN 75 XV, piano di cottura Sopra, a sinistra: FMQ 90 XE forno Top: PVN 75 XV, a 70-cm-wide hob Above left: FMQ 90 XE multipurpose A destra, in alto: MC 636 X, macchina At right, top: The MC 636 X coffee Rex Built-In
largo 70 cm con cinque fuochi gas; è multifunzione a nove funzioni, con with five gas fires, comes equipped oven with nine functions and da caffè, realizzata in collaborazione machine, created in cooperation with Corso Lino Zanussi, 26
dotato di bruciatori Fiamma Pura e di programmatore elettronico inizio-fine with Fiamma Pura (pure flame) electronic start/stop cooking con illycaffè, da 70 anni sinonimo di illycaffè, which for 70 years has been 33080 Porcia (Pordenone)
Sicurgas, un dispositivo di sicurezza cottura; a destra, lavastoviglie burners and Sicurgas, a safety device programmer. At right, TQ 12 XE eccellenza nell’espresso. Inseribile synonymous with excellence in T +39-0434394700
che interrompe automaticamente TQ 12 XE. La finitura acciaio accentua that cuts off gas delivery dishwasher. Steel finish highlights the direttamente negli arredi, è alta making espresso. Fits right in with www.rex.zanussi.it
l’erogazione del gas in caso di la forza della Linea Quadro automatically should the flame be power of the Linea Quadro 36 cm e poggia su un innovativo furnishings, is 36 cm high and rests
spegnimento accidentale della accidentally extinguished. sistema di guide telescopiche che la on an innovative system of telescopic
fiamma. rendono totalmente estraibile. Il forno runners that enable it to be pulled all
a vapore FVQ 105 XE è incassato the way out. The FVQ 105 XE steam
immediatamente sotto oven is built in right underneath
Domus 842 Novembre/November 2001

Copertina/Cover Il nuovo teatro per la moda di Giorgio


Armani, spettacolare riconversione di un
ex-fabbrica.(vedi pagina 48)
The new fashion theatre for Giorgio
Armani, carved out of an old chocolate
factory in Milan ( see page 48)
Fotografia di/Photograph by Richard
Bryant ARCAID
Review

2 Libri/Books
14 Mostre/Exhibitions
24 Calendario/Diary

Monitor

28 I Premi Compasso d’Oro,il nuovo


Design dell'Interattività a Ivrea
The pick of the Compasso d’Oro, Ivrea’s
new interactivity school
Servizi/Features

36 Perduto nello spazio In Australia, il museo più remoto del


mondo
Lost in space The world’s most remote museum
Servizio di/Report by Anne Susskind
48 Ando per Armani A Milano, una nuova architettura
arricchisce la cultura della moda
Ando and Armani In Milan, architecture extends the
vocabulary of fashion
Testi di/Report by Stefano Casciani e
Deyan Sudjic
Foto di/Photography by Richard Bryant
ARCAID
64 Un centro Il nuovo Museo di Steven Holl a Bellevue
per la città-confine restituisce scala urbana ai dintorni
di Seattle
A centre for the edge city Steven Holl’s Bellevue Art Museum
attempts to bring a new metropolitan
quality to Seattle’s suburbs
78 A Tokyo, dopo il boom Mark Dytham and Astrid Klein: l’ultima
generazione di designers occidentali in
Giappone
Tokyo after the boom Mark Dytham and Astrid Klein belong to
a new wave of westerners in Japan
Servizio di/Report by Lucy Bullivant
88 Il lusso, oggi L’attico di un banale edificio
d'appartamenti a Londra, trasformato da
David Adjaye
Contemporary luxury David Adjaye transfoms the penthouse
of a banal apartment block in London
100 Mendini e Napoli Una nuova stazione della Metropolitana,
tra architettura ed arte, ridona dignità
civica a un pezzo della capitale del Sud
Mendini in Naples A new subway system uses architecture
and art to make the city’s new metro
contribute to public life
112 Musica urbana La nuova Sala di Concerti di Rudy
Ricciotti per Potsdam, vista da
Sebastiano Brandolini
Urban music Rudy Ricciotti’s new concert hall in
Potsdam
Rassegna

122 Rivestimenti e finiture Le migliori novità scelte da Maria Cristina


Tommasini
Finishes Maria Cristina Tommasini selects the
essential new products

Post Script

141 Le peripezie di Meier a Roma, Cristina


Morozzi e le sue 5 cose, Pellegrin o la
“generazione perduta” in Italia
Richard Meier’s Roman stand-off;
Cristina Morozzi chooses five things,
Italy’s lost generation
Direttore/Editor Deyan Sudjic

Consulente alla direzione/Associate editor Stefano Casciani

Creative director Simon Esterson

Art director Giuseppe Basile

Staff editoriale/Editorial staff Maria Cristina Tommasini (caporedattore)


Laura Bossi
Rita Capezzuto
Francesca Picchi
Giorgio Tartaro

Libri/Books Gianmario Andreani

Inviato speciale/Special correspondent Pierre Restany

Staff grafico/Graphics Fabio Grazioli


Antonio Talarico
Lodovico Terenzi

Segreteria/Administration Valeria Bonafé


Marina Conti
Isabella Di Nunno
Miranda Giardino di Lollo (responsabile)

Archivio/Archivist Anna Teresa Dell’Orto

Redazione Via Gianni Mazzocchi 1/3


Alan Fletcher: come si Vienna chiede. Che
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 82472265 inganna l’occhio cos’è l’Architettura?
Fax +39 02 82472386
E-mail:domus@edidomus.it Alan Fletcher: Asks Vienna. What
Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale è Editoriale Domus S.p.A.
Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dall’art. 13 della Legge 675/96 telefonando al numero +39 02 82472459
how to fool the eye is Architecture?
Sito/Site www.domusweb.it 3 14
Editoriale Domus S.p.A. Via Gianni Mazzocchi 1/3
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 824721
Fax +39 02 57501189
E-mail: editorialedomus@edidomus.it

Editore/Publisher Maria Giovanna Mazzocchi Bordone

Relazioni esterne/Public relations Stefano Bordone

Direzione commerciale/Marketing director Paolo Ratti

review
Pubblicità Tel. +39 02 82472472
Fax +39 02 82472385
E-mail: pubblicita@edidomus.it

Direzione generale pubblicità Gabriele Viganò


Advertising director

Direzione vendite/Sales director Giuseppe Gismondi

Promozione/Promotion Sabrina Dordoni

Estratti/Reprints Editoriale Domus S.p.A.


Per ogni articolo è possibile richiedere Via Gianni Mazzocchi 1/3
la stampa di un quantitativo 20089 Rozzano (Milano)
minimo di 1000 estratti a: Tel. +39 02 82472472
Minimum 1000 copies of each article Fax +39 02 82472385
may be ordered from E-mail: dordoni@edidomus.it

Agenti regionali per la pubblicità nazionale


Piemonte/Valle d’Aosta: InMedia, C.so Galileo Ferraris, 138 - 10129 Torino - tel. (011) 5682390 fax (011) 5683076
Liguria: Promospazio, Via Trento, 43/2 - 16145 Genova: Alessandro Monti, tel. (010) 3622525 fax (010) 316358
Veneto, Friuli V.G. e Trentino-Alto Adige: Agenzie: Mediasell Carlo Ferracina,
Contrà Do Rode 38 - 36100 Vicenza, tel. (0444) 320005 fax (0444) 321713
Clienti: Tiziana Maranzana, C.so Milano 43 - 35139 Padova, tel. (049) 660308, fax. (049) 656050
Emilia Romagna: Massimo Verni, via Matteucci 20/2 - 40137 Bologna, tel. (051) 345369-347461
Toscana: Promomedia, via Buonvicini 21 - 50132 Firenze, tel. (055) 573968-580455
Marche: Susanna Sanchioni, via Trento 7 - 60124 Ancona, tel (071) 2075396
Lazio, Campania: Interspazi, via Giano Parrasio 23 - 00152 Roma, tel. (06) 5806368
Umbria: Zupicich & Associati, via Vermiglioli 16 - 06123 Perugia, tel. (075) 5738714 fax (075) 5725268
Sicilia: MPM, via Notarbartolo 4, 90141 Palermo, tel. (091) 6252045 fax (091) 6254987
Sardegna: Giampiero Apeddu, viale Marconi 81, 09131 Cagliari, tel. (070) 43491

Servizio abbonamenti/Subscriptions
numero verde 800-001199 da lunedì a venerdì dalle 9,00 alle 21,00, sabato dalle 9,00 alle 17.30
Fax +39 02 82472383 E-mail: uf.abbonamenti@edidomus. it

Ufficio vendite Italia:


tel. 039/838288 – fax 039/838286 e-mail: uf.vendite@edidomus.it Un numero Lire 15.000, € 7,74.
Fascicoli arretrati: Lire 22.000, € 11,36. Modalità di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione
Lire 3.000), carta di credito: (American Express, CartaSì, Diners, Visa), versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a
Editoriale Domus SpA, Via A. Grandi 5/7 – 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di “DOMUS” desiderati.
Si prega di accertarsi sempre della effettiva disponibilità delle copie.

Foreign Sales:
Tel. +39-0282472529 – fax +39-0282472590 e-mail: sales@edidomus.it
Back issues: US$ 22, DM 32, € 19,00. Payment method: by credit card American Express, Diners, Mastercard, Visa, bank transfer on our
account n. 5016352/01/22 - Banca Commerciale Italiana, Assago branch (Milan), by cheque addressed to Editoriale Domus SpA.
Ai sensi della Legge 675/96 si informa che il servizio abbonamenti e vendite copie arretrate Italia è gestito da Teleprofessional Srl, Via Mentana
17/A, Monza (MI), tel. 039/2321071, responsabile del trattamento dei dati personali.
A tale soggetto gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’articolo 13 della Legge 675/96.
I dati saranno oggetto di trattamento prevalentemente informatico ai soli fini della corretta gestione dell’ordine e di tutti gli obblighi che ne
conseguono.

exhibitions/14
Domus Academy Via Savona 97
20144 Milano
Tel. +39 02 47719155

calendar/24
Fax +39 02 4222525
E-mail info@domac.it

© Copyright Associato all’U.S.P.I.

calendario
Editoriale Domus S.p.A. (Unione stampa
Milano Periodica Italiana)

books/2
Direttore responsabile Maria Giovanna Mazzocchi Bordone/Registrazione del Tribunale di Milano n.125 del 14/8/1948. È vietata la riproduzione
totale o parziale del contenuto della rivista senza l’autorizzazione dell’editore.

mostre
Distribuzione Italia/Distribution Italy A&G Marco, via Fortezza 27,
20126 Milano

Distribuzione internazionale AIE - Agenzia Italiana di


Sole agent for distribution Esportazione S.p.A.
Via Manzoni 12, 20089 Rozzano (MI)
Tel. (02) 5753911
Fax (02) 57512606
libri
Stampa/Printers BSZ, Mazzo di Rho (MI)

In questo numero la pubblicità non supera il 45%


Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito

Domus, rivista fondata nel 1928 da Gio Ponti/review founded in 1928 by Gio Ponti

Domus Novembre November 2001 3


ricerca. Sole e ombra, trasparenza e forme e architetture che oltrepassino soppesa i sistemi costruttivi del furniture designer, and then became
Breuer in solidità, compressione e tensione, la passione del prototipo più propria di vecchio e del nuovo continente e li an architect. His schemes had a
colore e campitura... “... molti dei architetti a lui coevi, Mies van der confronta e coniuga con il desiderio di nearly urban scale. Besides being a
America problemi che dobbiamo risolvere Rohe per esempio, nel tentativo di aprirsi verso una natura unica o di professor and an excellent teacher,
presentano un insito dualismo”: conciliare questioni linguistiche ormai rinchiudersi nella privacy della propria he was a committed builder, a leader
Marcel Breuer. Casas sembrano queste infatti le parole appartenenti alla ricerca a scala abitazione declinando i paradigmi del of the modernist movement but, at

Gianmario Andreani
Americanas/American Houses migliori per accompagnare questa mondiale con aspetti più particolari, comfort e della privacy; dal design the same time, a very unusual

a cura di/edited by
2G Revista Internacional de piccola selezione di case, tese a insiti al luogo di costruzione; Mathias all’architettura tutto è visitato alla luce member. He boasted a rather
Arquitectura conciliare, non a mediare, tensioni Klotz ci narra di conciliazione tra “local di una ricerca costruttiva, come enviable range of intellectual and
book

Editorial Gustavo Gili SA, Barcelona compositive in unitarie architetture. and global” puntando il dito su una problema principalmente tettonico, academic contacts – it suffices to
libri

n° 17, 2001/1 E del resto la stessa vita dell’architetto delle caratteristiche più trascinanti di riportando l’attenzione a quei momenti think of his leap from working in the
è un esempio di tensioni spesso Breuer su cui molti eredi di questo in cui il problema costruttivo era il 1928 Dessau Bauhaus to teaching at
Può sembrare un compito semplice il opposte: trentacinque anni passati in periodo hanno cercato poi di lavorare. primo nella mente di Breuer, al pari Harvard University less than 10 years
comporre un testo su Marcel Breuer, Europa, quarantaquattro in America, È palese in queste opere il desiderio di della mente di un falegname. later, when he was already Walter
tanto ricca e variegata è stata la vita una carriera da architetto degli interni colonizzare un territorio con esempi Così poco importa che questo testo Gropius’s partner. Breuer represents
come la produzione di questo e poi una da architetto alla scala che si possano radicare in esso in rappresenti una selezione tutto a complex, deep figure who was very
pedagogo-architetto. Ma in realtà edilizia se non addirittura urbana, maniera univoca, e non con edifici sommato ridotta delle esperienze di much a product of his time.
risulta più complesso che semplice, docente e ottimo pedagogo a fianco impassibili di fronte alla vastità e questo maestro, anzi, in quanto tale Breuer’s buildings, even the homes,
stabilito il tema o il periodo di di impegnato costruttore, protagonista bellezza dei territori, dalle foreste alle aiuta a sottolineare gli aspetti piu’ manifest his ability to be modern and
produzione a cui riferirsi, riuscire a del Movimento Moderno ma nel coste atlantiche o a volte alle meno precisi e fertili del suo lavoro. Una up to date anywhere and anytime.
restituirne con serietà e metodo la contempo figura molto anomala al suo belle periferie. E questo senza selezione che, senza l’ambizione del Breuer began as a designer: In 1921
la rivista

profondità e attualità di approccio. interno. Si aggiunga a ciò un rinunciare a una netta distinzione testo pubblicato nel 1956 da he conceived his first chair, and he
review

Questo è invece quanto si propone, invidiabile ventaglio di frequentazioni dall’ambiente naturale al quale si Longmans dopo l’esibizione al MoMa devoted himself to the study of craft
ben riuscendoci, questo numero di intellettuali e accademiche, basti opponevano utilizzando spesso del 1948, e fatte salve le purtroppo processes that could be converted
2G, pubblicando quindici esempi di ricordare il salto dal Bauhaus di basamenti o limiti comunque ben ridotte immagini delle planimetrie degli into mass production. But in his
residenze unifamiliari costruite oltre Dessau nel 1928 alla docenza ad precisi. E poi c’è anche il pedagogo, edifici, potrebbe diventare un testo American dwellings, Breuer created
oceano tra il 1937 e il 1965 di cui Harvard neanche dieci anni dopo, che fa del tema della casa unifamiliare didattico di altissimo livello the furnishings to fit their
alcune progettate in stretta mentre già era socio di Walter una riflessione sull’educazione e adempiendo così ancora una volta e environments.
collaborazione di Walter Gropius, altre Gropius. Una personalità dunque crescita dei figli e sui loro legami forse involontariamente all’ambizione Stretched between two continents,
autonomamente. E non poco merito complessa e nel contempo profonda all’interno del nucleo familiare: la zona didattico-pedagogica di questo Breuer the traveler sought forms and
nel successo di questa operazione va ed estremamente inserita nel tempo in notte si divide dalla zona giorno, le maestro. structures that went beyond the
alla lunga e attenta introduzione di cui viveva. E nelle architetture, anche camere dei genitori si staccano da Cecilia Bolognesi, docente di Disegno passion for prototypes that was
Antonio Armesto, al quale va in quelle domestiche, si riversa la quelle degli eredi tornando a fare parte architettonico al Politecnico di Milano- characteristic of his contemporaries,
riconfermato il pregio di sapere ricchezza di questa capacità di della zona giorno e coniando di fatto Bovisa including Mies van der Rohe.
individuare, oltre la chiarezza degli rendersi in ogni luogo e istante l’idea tipologica di una casa bi- Breuer in America Breuer’s intent was to reconcile
esempi costruiti, questioni di metodo moderno e attuale. Il designer, colui nucleare; sarà l’inizio di una tipologia Writing about Marcel Breuer may linguistic issues that were inherent in
e di progetto peculiari sia dell’autore a che nel 1921 aveva progettato la con schema a H o a U organizzato seem an easy task, for both the life the site. Mathias Klotz speaks of
cui si riferiscono quanto dell’epoca in prima sedia e che si era dedicato allo attorno a un patio, anche aperto sul and production of this architect and reconciling the local and the global,
cui si collocano. Ci si può rammaricare studio di lavorazioni che giardino eventualmente, in contrasto teacher were incredibly rich and and indeed this is one of the
solo di non avere trovato queste belle dall’artigianale potessero fare il balzo con lo schema a distribuzione multifarious. However, in reality, it is architect’s most engrossing David Sundberg fotografa la Casa Clark, progettata da Breuer nel 1949-51
pagine come postfazione, lasciando verso la produzione industriale, nelle longitudinale che vede una quite difficult to succeed in seriously attributes, which many of the David Sundberg photographing the Clark House, created by Breuer in 1949-51
alle parole di Breuer riportate al residenze americane diventa colui che successione degli spazi continua e and methodically depicting the depth period’s heirs have tried to emulate.
contrario alla fine del volume, nel suo progetta gli arredi in assonanza con il non separata fra le zone a differente and contemporary significance of His houses obviously sought to represents a small selection of this del proprio lavoro e delle proprie
brano da Sun and Shadow, l’onore di luogo in cui si collocano. Il viaggiatore, carattere funzionale. E poi è il Breuer’s approach. colonize land. Breuer did not want master’s works. In fact, this helps to esperienze. Tra celebrazione e
introdurre con schiettezza sé e la sua teso tra i due continenti, ricerca invece momento del costruttore, che The authors have scored a solid hit his homes to be indifferent to the underscore the most careful and autocelebrazione, si affacciano non di
on their target in this issue of 2G. The beauty of the forests of the Atlantic fertile facets of his production. A2’s rado l’intento propedeutico e
La Casa Hagerty, 1937-38, a Cohasset, Massachusetts, progettata da Breuer e Gropius subito dopo il loro arrivo in magazine reviews 15 American Coast where they were built (this was choice of subjects is not as didattico, la vocazione manualistica,
America houses built between 1937 and 1965; true even in the less lovely suburbs). ambitious as the Longman book l’aspirazione a raggiungere
The Hagerty House, 1937-38, in Cohasset, Massachusetts, the product of a collaboration by Breuer and Gropius shortly
some were designed with Walter But he never renounced marking printed after the 1948 Museum of un’antologia del meglio fra quanto si è
after they made the move to America
Gropius, while others were created sharp distinctions between the Modern Art exhibition, and prodotto. Di fronte al materiale ben
by Breuer alone. structures and their natural setting, unfortunately the building plans are ordinato e classificato si può soltanto
Not a little of this achievement is due which is often opposed through the on the small side. However, this esprimere ammirazione o, viceversa,
to the long, careful introduction by use of bases or precise boundaries. might become a first-rate textbook, nutrire qualche riserva sull’effettiva
Antonio Armesto. In addition to the Breuer the pedagogue employed the thereby fulfilling, albeit involuntarily, portata del costrutto: che si presenta
clarity of the examples he provides, single-family house to explore the the architect’s teaching ambitions. a specchio dell’attività dell’autore ma i
Armesto deserves praise for being education and rearing of children and Cecilia Bolognesi, lecturer in cui riflessi risultano talora anche sin
able to pinpoint method and design familial interactions. The sleeping architectural design at Politecnico di troppo trasparenti. Muta
issues peculiar to both the creator and living areas are set apart; the Milano-Bovisa l’atteggiamento sfogliando questo
and his era. My only regret is that his master bedrooms are divided from enorme scrapbook che Fletcher, in
fine essay may have served better as the children’s rooms and, once again, prima persona, offre alla nostra
an afterword, allowing Breuer’s own become part of the living area. Alan Fletcher, facoltà di visione, alla nostra capacità
words and experiments to introduce Breuer’s structures mark the di accettare la provocazione, al nostro
his work. Instead, the publisher beginning of H- or U-shaped plans il trionfio particolare immaginario. È il trionfo
placed this essay from Sun and embracing a patio or lawn, as dell’occhio, della percezione,
Shadow at the end of the volume: opposed to houses with a dell’occhio dell’esercizio mnemonico-visivo. È
‘Many of the problems we have to succession of continuous spaces l’esempio delle tante vie che dal
solve are characterized by an and no division between zones with The Art of Looking Sideways particolare possono condurre al
inherent dualism’. Sun and shadow, different functions. Alan Fletcher generale, ma è anche la
transparency and solidity, Finally, Breuer the builder weighed Phaidon, Londra-New York, 2001 dimostrazione che il lavoro del
compression and tension, color and the construction methods of the Old (pp. 534, completamente illustrate, grafico, del designer non muove
ground – these seem to be the best and New Worlds. Defining paradigms s.i.p.) soltanto dalla tecnica e dall’inventiva,
words to describe this small group of of comfort and privacy, he compared bensì si arricchisce del pensiero
houses. The aim is to reconcile, not and combined the contradictory Lo hanno fatto recentemente il preesistente, di suggestioni filosofiche
mediate, the compositional tension in desires to open up to nature and to ‘classico’ Milton Glaser (vedi Domus e letterarie, degli stimoli della cultura
unified structures. enclose oneself in privacy of one’s 839) e l'‘inclassificabile’ Raymond quotidiana, e – perché no – della vita
The architect’s own life testified to home. Everything – from design to Pettibon (vedi Domus 840). Un comune. Lasciamo la parola allo
very marked contrasts: He lived for architecture – is subject to grafico, un designer ha prima o poi la stesso Fletcher: “Acquisisco materiale
35 years in Europe and 44 in the constructional experimentation. tentazione (o altri lo fanno per lui) di più con l’impulso di una gazza visiva
United States. He started out as a It matters little that this book, all told, affidare a un grosso libro la summa che con quello di un irrefrenabile

2 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 3


of thing…. Like Wunderkammern, restituire pienamente la bellezza del inquietudini dei giovani allievi di
the eighteenth-century glass-fronted Michel de Klerk: materiale iconografico. Questo libro Rogers, le intuizioni di quel testo
cabinets which displayed curios. su De Klerk, firmato da Manfred Bock, (pubblicato nel 1957) colgono un
This book is a collection of shards. In le immagini della Sigrid Johannisse e Vladimir Stissi è aspetto quanto mai affascinante e
an unmarked field it is easy to dunque la monografia che tutti totalmente inesplorato dell’opera di
wander…. This book attempts to Storia attendevamo. Finalmente possiamo de Klerk. Citando i complessi
open windows to glimpse views apprezzare le carte dell’archivio De residenziali per la De Dageraad e la
rather than dissert the pictures on Michel de Klerk 1884-1923 Klerk, attualmente conservato presso Amstel, realizzati ad Amsterdam tra il
the wall. To look at things from Manfred Bock, Sigrid Johannisse, il Nederlands Architectuurinstituut 1920 e il 1923 (anno della prematura
unlikely angles.’ Fletcher arranges Vladimir Stissi (NAI). Rispetto alla versione originale, scomparsa di De Klerk), Canella
his haphazard journey (this is not a Electa, Milano, 2001 uscita tre anni fa, l’edizione italiana indica la presenza di “una sorta di
contradiction in terms) in 80-odd (pp. 305, Lit 170.000) migliora decisamente la veste grafica componente empirica come
subjects or suggestions, examples, e soprattutto la qualità del corredo ridimensionamento dell’abitazione su
ideas, lessons and provocations. Affrontare l’opera di De Klerk, alla iconografico. Le splendide un più stretto contatto con l’abitante”.
Fletcher guides us with a light hand luce delle attuali conoscenze prospettive, i disegni esecutivi, gli Questa tensione verso una scala più
(in fact, we have to learn how to see storiografiche, significa avviare una schizzi prodotti dall’architetto umana, egli aggiunge, è ottenuta
autonomously) down the roads of serie di percorsi di ricerca — in parte olandese, sono così offerti al lettore in attraverso “una rivalutazione della
creativity, colour, intelligence, the inediti, in parte già battuti — che siano tutte le loro affascinanti sfumature materia edilizia, nel riconoscerle delle
senses, imagination, perception, in grado di raccogliere e interpretare la cromatiche. La disponibilità di un sue proprie sollecitazioni di colore, di
perspective, spatiality, ricchissima serie di stimoli offerta da materiale di questo livello, avrebbe epidermide, di impiego quasi si
representation and rhetoric. But una delle produzioni architettoniche però dovuto stimolare gli autori a rendesse necessario un confronto tra
even more concretely he steers us più affascinanti e per certi versi compiere un approfondimento di ben essa e l’uomo fisico che la
through the fields of tools, misteriose del Novecento. diversa portata. Invece, dal punto di avvicinava”. Dagli schizzi per i volti
alphabets, numbers, typography, Innanzitutto è necessario esaminare vista dell’indagine storico-critica, il umani scolpiti nei terminali delle travi
pictograms, signs and trademarks. con attenzione il contributo singolare volume delude chi si aspettava una della Scheepvaarthuis, fino a quegli
In this boundless collage it is hard to di un architetto di grande talento valutazione critica complessiva ironici occhi che sottolineano il
distinguish the author’s production all’interno della vasta gamma di dell’opera di De Klerk. Poche sono le movimento ondulatorio del tetto
from that collected by the jackdaw registri espressivi della Scuola di pagine che escono dall’afono ambito dell’edificio su Takstraat, De Klerk
on its physical and mental Amsterdam, verificandone le diverse puramente descrittivo, spesso poco dimostra di voler quasi ‘umanizzare’ le
wanderings (except for rare explicit angolature messe a fuoco dalla attento sia ai problemi costruttivi, sia sue architetture attraverso un largo
Alan Fletcher ci mostra la magia dell’occhio: le tre immagini che lo raffigurano sulla scacchiera, malgrado l’apparenza,
citations). The true ‘Protagonists’ are storiografia. Un secondo filone di studi ai riferimenti culturali. Non mancano, uso di particolari antropomorfici.
sono tutte e tre della stessa dimensione
Alan Fletcher demonstrates the magic of vision: three images depict the designer on a checkerboard. In spite of
revealed from A (Aalto, Alvar) to Z dovrebbe poi tentare di individuare le infine, le semplificazioni che non Si potrebbe allora supporre che fin dai
appearances, all three are the same size (Zwart, Piet), but without any precise matrici formali di un’architettura densa aiutano la comprensione del primi anni di apprendistato trascorsi
references to texts and images. di riferimenti al contesto internazionale personaggio. Il saggio introduttivo di nello studio di Eduard Cuypers, De
Fletcher’s list embraces painters, e al tempo stesso radicata nella Manfred Bock, che ripercorre la Klerk sia venuto in contatto con la
collezionista. Cose che sorprendono il Alvar) alla Z (Zwart, Piet): pittori e Domus 839) and the ‘unclassifiable’ writers, graphic designers, cultura olandese (con relative fortuna, o meglio, la sfortuna critica di lezione del pittore neoclassico
mio occhio. Ammoniti in Marocco, ex scrittori, grafici e fotografi, architetti e Raymond Pettibon (see Domus 840): photographers, musicians, appendici esotiche), oltre che De Klerk, dimentica per esempio di olandese Humbert de Superville, noto
voto in Sicilia, origami a Hong Kong, musicisti, filosofi e scienziati, ma We are talking about designers who philosophers and scientists. It also caratterizzata da una forte impronta esaminare le reazioni registrate dalla per la sua “teoria dei segni assoluti
glass pens a Tokyo. Ogni sorta di anche cantanti come Elvis Presley e sooner or later are tempted (if others includes singers, like Elvis Presley; spirituale ricca di significati simbolici. cultura architettonica europea intorno nell’arte”: in sintesi, un vero e proprio
cose. [...] Come le Wunderkammern, registi come Jean-Luc Godard, attrici do not do the job for them) to directors, like Jean-Luc Godard; Infine, non può mancare l’indagine agli anni Venti, come quelle di Howard salto di qualità nel campo degli studi
quelle ottocentesche cabine a vetri come Marilyn Monroe e piloti come produce big books addressing their actresses, like Marilyn Monroe; and dello straordinario lascito archivistico Robertson su The Architectural di fisiognomica, con forti componenti
che esponevano curiosità, questo Michael Schumacher. Il puzzle entire career. Not infrequently, drivers, like Michael Schumacher. che, nonostante gli anni e le traversie, Review, di Jean Badovici su esoteriche e una specifica
libro è una collezione di frammenti. In continua, e si ha quasi l’impressione alongside the celebrations and the The puzzle continues – we almost ha condotto intatti ai nostri occhi una Architecture vivante e di Gaetano applicazione architettonica.
un campo non delimitato è facile che il lettore sia chiamato a self-congratulations appear a bent get the impression that the reader is serie di disegni veramente Minnucci su Architettura e arti Le figure umane ‘imprigionate’
vagare. [...] Questo libro tenta di aprire completarlo, a dilatarlo, a estenderlo, for teaching and textbooks, the asked to finish and extend it in an sorprendenti che testimoniano la non decorative. Ma anche quando la voce nell’architettura classica e gotica o i
finestre per intravedere vedute più in un gioco della memoria e designer’s hope to achieve an endless game of memory and comune abilità dell’autore. della storia era animata dal desiderio paesaggi italiani “corretti
che sviscerare dei quadri sulla parete. dell’associazione senza fine. anthology of his best creations. If the associations. Questi itinerari sono già stati affrontati di rivalutare le diverse anime della geometricamente” e abitati da figure
Di guardare alle cose da angolazioni Questo libro si direbbe il material is appropriately arranged One might say that this book very con grande passione e perizia da Scuola di Amsterdam, come nel caso pre-metafisiche, cioè i motivi più
improbabili”. coronamento, molto singolare e molto and classified, one can admire the singularly and personally crowns a Maristella Casciato, i cui lavori sulla del pioneristico articolo di Guido importanti della produzione italo-
Articolando il proprio disarticolato personale, di un’attività quasi product; if not, one tends to manifest nearly 50-year career. Commencing Scuola di Amsterdam hanno fatto luce Canella sulla Casabella-Continuità olandese di Humbert de Superville a
percorso (non è una contraddizione in cinquantennale, iniziata a New York doubts about the real scope of the in New York (Fletcher worked for in profondità su quella grande diretta da Ernesto Rogers, la citazione cavallo tra Sette e Ottocento, nonché
termini, ma una precisa scelta di (dove Fletcher ha lavorato per Fortune publication. It is supposed to mirror Fortune and IBM), the designer stagione creativa dell’architettura è filtrata dai lavori della Casciato. il trattato Essai sur les signes
campo) in un’ottantina di temi o e la Ibm) e proseguita dal 1962 a the author’s activities, but at times moved in 1962 to London (where he europea ma purtroppo non hanno Eppure, rileggendole oggi, nonostante inconditionnels dans l’art, pubblicato
meglio di suggerimenti, di Londra (lavori per Pirelli, Penguin the reflections are far too worked for Pirelli, Penguin Books trovato una veste editoriale in grado di la distanza che ci separa dalle a Leida nel 1827, potrebbero essere
esemplificazioni o meglio di spunti, di Books, Olivetti). transparent. and Olivetti). In 1972 Fletcher helped
lezioni o meglio di provocazioni, Fondatore nel 1972 (vi resterà sino al One’s attitude changes, leafing set up Pentagram, one of the leading Il concorso della “Associazione per lo sviluppo dell’architettura” nel 1908 chiedeva la costruzione di abitazioni per
Fletcher ci guida, senza darlo troppo a 1992) di Pentagram, uno dei più through Fletcher’s enormous graphic and interior design firms; he lavoratori, confortevoli, economiche e dall’aspetto sano. De Klerk, non vinse alcun premio
vedere (perché siamo noi che influenti studi di grafica e interior scrapbook – it alters our capacity to stayed with the organization until The 1908 Association for the Development of Architecture competition envisioned the construction of ‘healthy looking’,
dobbiamo imparare a vedere design, ha creato programmi di grafica accept provocation and our own 1992. Some of its graphic design comfortable and economical working-class homes. De Klerk’s masterful entry failed to win a prize
autonomamente), sulle vie della per Reuters, le Lucas Industries, il consciousness. The eye, perception creations were commissioned by
creatività e del colore, dell’intelligenza Victoria & Albert Museum. In seguito, and the mnemonic visual exercise Reuters, Lucas Industries and the
e dei sensi, dell’immaginazione e della ritiratosi nel suo studio di Londra, triumph. Victoria and Albert Museum.
percezione, della prospettiva e della annovera tra i suoi clienti Domus e This is an example of one of the Subsequently, having moved to his
spazialità, della figurazione e della Toyota. Ma attenzione: tutti questi dati many paths that can lead from the own independent London studio,
retorica, ma anche più concretamente sono fortunosamente ricavati da altre particular to the general, but it also Fletcher began to work with such
nei campi degli strumenti, degli fonti. Chi sia Alan Fletcher il libro non demonstrates that the graphic clients as Domus and Toyota. But
alfabeti, dei numeri, della tipografia, lo spiega minimamente: si può optare designer’s task is more than the reader must be warned: All this
dei pittogrammi, delle insegne, dei per una scelta di assoluta presunzione technique plus creativity. It is information has been gleaned from
marchi commerciali. Uno sterminato o di infinita modestia. Qui si propende enhanced by preexisting thought, other sources.
collage nel quale (a parte rari casi di per la seconda ipotesi, in consonanza philosophical and literary This volume does not give any
esplicita citazione) è arduo distinguere con un libro che più che all’autore suggestions, the prodding of explanation at all of who Alan
l’intervento grafico dell’autore da appartiene al volonteroso e visionario everyday culture and everyday life. Fletcher is: He may be a total egoist
quanto l’insaziabile “gazza ladra” ha lettore. Here is what Fletcher has to say for or infinitely modest. We suspect the
raccolto nei suoi vagabondaggi, fisici Lorenzo Pellizzari, critico e storico del himself: ‘More of a visual jackdaw latter, for it is far more in tune with
o mentali. Solo al termine dell’opera, cinema than a compulsive collector, I acquire this publication, which belongs more
attraverso cinque fittissime pagine, ci Alan Fletcher: Judging by stuff. Things which catch my eye. to the eager, inspired reader than the
vengono svelati – ma senza precisi appearances Ammonites in Morocco, votive writer.
riferimenti ai testi e alle immagini – i Recently the same trick was tried by offerings in Sicily, paper cuts in Hong Lorenzo Pelizzari, film critic and
veri ‘Protagonisti’, dalla A (Aalto, the ‘classic’ Milton Glaser (see Kong, glass pens in Tokyo. That sort historian

4 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 5


mysterious. To begin with, one has to Amsterdam from 1920 to 1923 (the de Klerk believed these values nei successivi aggiustamenti, una aggiungendovi quell’aggettivo,
carefully examine the singular year of the architect’s untimely death). supported the theosophical polemica ed eversiva visione della organica, che appunto ne ribaltava la
contribution of a highly gifted artist He pointed to the presence of ‘a kind consciousness of the individual in the modernità. Ma come e quando nasce prospettiva. Nel 1948, confermando
within the vast range of expression of of empirical component that reshapes context of a society dedicated to questo libro? Senza dubbio la Storia quello che sarà il suo sodalizio
the Amsterdam School. Next, one the dwelling, putting it in closer mass production. Read from the right di Zevi è figlia di quel Verso editoriale con la Einaudi, Zevi
must verify the diverse standpoints contact with the occupant’. He added standpoint now, these values might un’architettura organica che egli pubblica il noto Saper vedere
articulated by other historians. One that this longing for a more human offer fresh ways germs of reflecting on pubblica, sempre per Einaudi, l’architettura (a tutt’oggi edito, e
must seek to identify the formal origins scale was obtained by ‘reappraising many leading players of 20th-century nell’Italia appena liberata del 1945. Il anch’esso passato recentemente alle
of this architecture, which, while the building materials, recognizing architecture. testo era stato redatto però a partire Edizioni di Comunità): questa volta il
packed with references to the their own colour, skin and use stimuli; Federico Bucci, professor of the dai primi mesi del 1944, durante la riferimento del titolo è al libro del 1933
international context, is rooted in almost as if it were necessary to relate history of contemporary architecture permanenza londinese di Zevi (ebreo, di Matteo Marangoni Saper vedere, e
Dutch culture (with all its exotic them to the people who approached at Politecnico di Milano a causa delle leggi razziali si a tale scritto Zevi si confronta
ramifications) and has a strong them’. De Klerk demonstrated that he trasferisce prima negli Stati Uniti, recuperando una metodologia di
spiritual and symbolic imprint. Finally, wanted to ‘humanize’ his structures dove nel 1942 si laurea ad Harvard, visione che se Marangoni,
one must study the extraordinary through the widespread use of L’architettura con Walter Gropius, e poi a Londra, occupandosi di pittura, rimandava al
archives. Despite the mishaps of time, anthropomorphic details. This is dove rimane fino al rientro in Italia, puro-visibilismo, Zevi connette alla
they have given us a set of truly revealed by the sketches for human organica nella seconda metà del 1944), steso in lettura dello spazio interno degli
surprising drawings that testify to the faces carved into the beam ends of un tempo ridotto, partendo da una edifici, che viene definito elemento
author’s uncommon skill. the Scheepvaarthuis as well as the e la storia tesi lineare, probabilmente già discriminante dell’architettura. Nella
These challenges have already been ironic eyes underscoring the wavy meditata durante la permanenza ad scrittura e nelle modalità viene
tackled very passionately and cleverly movement of the roof of the Takstraat Storia dell’architettura moderna Harvard, supportata da una ricerca assunto un modello divulgativo che
by Maristella Casciato, whose works building. One might suppose that in Bruno Zevi nella biblioteca del Royal Institute of non doveva essere estraneo alla
on the Amsterdam School have shed his early years as an apprentice to Edizioni di Comunità, Torino, 2001 British Architects (come Zevi appunta cultura americana e inglese con cui si
great light on this important chapter in Eduard Cuypers, de Klerk came in (vol. I, pp. 280+416 tavv. f.t., Lit 60.000; sulla sua agenda), e ricondotta era confrontato l’émigré Zevi, e di cui
European architecture. However, her contact with the teachings of the vol. II, pp. 446+276 tavv. f.t., Lit 60.000) principalmente ai testi di Platz, rimangono evidenti tracce nella
publishers were not able to fully render Dutch Neoclassical painter Humbert Pevsner, Behrendt, Giedion, ma bibliografia del libro oltre che nella
the beauty of the images. This book de Superville. Famed for his ‘theory of La Storia dell’architettura moderna di capovolgendone l’ortodossia biblioteca dello stesso Zevi. La
on de Klerk by Manfred Bock, Sigrid absolute signs in art’, the artist Bruno Zevi viene pubblicata per la modernista: la figura di Wright era fortuna editoriale è enorme, e tra il
Johannisse and Vladimir Stissi is the effected a qualitative leap in the study prima volta da Einaudi nel 1950; recuperata dai precursori, dai 1951 e il 1970 il volume verrà tradotto
monograph everybody has been of physiognomy, marked by esoteric numerose edizioni si susseguono, pioneers, e proposta come una in più di dieci lingue. Zevi intanto
waiting for. At last we can appreciate attributes and a specific architectural sempre presso lo stesso editore, fino nuova via alla modernità. E proprio in consolida il ruolo che, con
the papers in de Klerk’s archives, application. Human beings all’attuale per le Edizioni di Comunità. questo senso il libro di Zevi mostrava grandissimo impegno, si stava
currently in the collection of the ‘imprisoned’ in classical and gothic Oltre mezzo secolo di vita dunque, il suo intento polemico, riprendendo costruendo all’interno della cultura
Netherlands Architecture Institute. architecture and the ‘geometrically una longevità estrema per un libro che nel titolo il celebre Vers une architettonica del dopoguerra:
Compared with the original edition, corrected’ Italian landscapes attraversa diversi climi culturali, dal Architecture, pubblicato da Le dall’attività redazionale per la rivista
printed three years ago, the Italian inhabited by premetaphysical figures dopoguerra a oggi, riproponendo, pur Corbusier nel 1923, ma Metron, nata nel 1945, alla breve vita
edition has improved on the graphic were the most important motifs of
design and the quality of the images. Humbert de Superville’s Italian-Dutch Il padiglione centrale della raffinata villa in mattoni, acciaio e vetro (Boissonnas House) creata da Philip Johnson nel 1955-
Here the Dutch architect’s marvelous works at the turn of the 19th century. 56 e recentemente restaurata (1998). Dal volume di Michael Webb, Modernism Reborn. Mid-Century American Houses.
perspectives, working drawings and The artist’s treatise Essay on the Foto di Roger Straus III, Universe Publishing, New York, 2001
The central section of the refined Boissonnas House in brick, steel and glass; built by Philip Johnson in 1955-56, it was
In una foto di Ger van der Vlugt del 1997 il terzo blocco sullo sketches are presented to the reader Unconditional Signs of Art, published
Spaarndammerplantsoen ad Amsterdam, progettato da De Klerk nel 1917 restored in 1998. From Michael Webb, Modernism Reborn: Mid-Century America Houses. Picture by Roger Straus III.
with all their enchanting nuances of in Leyden in 1827, may also have
A 1997 photo by Ger van der Vlugt of the third unit on Amsterdam’s Universe Publishing, New York, 2001
colour. However, the availability of contributed to de Klerk’s training, for
Spaarndammerplantsoen, designed by de Klerk in 1917 such fine material should have spurred the architect was particularly sensitive
the writers to probe it more and receptive to the subject of
fonti non tanto estranee a un architetto questo modo si verrebbe così a extensively. The book is disappointing representation. However, this
come De Klerk particolarmente comporre un quadro interpretativo as a critical appraisal of de Klerk’s hypothesis surely does not exhaust
sensibile e ricettivo ai temi della della sua opera (e lo stesso si production. Only a few of the book’s the wide range of references legible in
rappresentazione. Ma non è certo in potrebbe fare per molti altri essays go beyond dull description; the the Dutch architect’s very lively
questa ipotesi che si consuma l’ampia protagonisti della Scuola di authors are largely uninterested in expressive world. The volume also
gamma di riferimenti leggibili nel Amsterdam) che mette in primo piano i constructional problems and cultural goes only skin deep regarding de
vivacissimo mondo espressivo valori della pura forma e più sullo references. Moreover, there are a Klerk’s possible connections to the
dell’architetto olandese. Anche in sfondo le relazioni tra architettura e number of simplifications that hinder Prairie School (via Berlage) and rural
questo caso, però, il libro in questione costruzione della città. Valori a cui De full comprehension of the architect’s Dutch and Scandinavian architecture
non va oltre la superficie per quanto Klerk affida il difficile compito di work. Manfred Bock’s introductory (the subject of one of his earliest study
riguarda i possibili intrecci con la sostenere la coscienza teosofica della essay reviews how de Klerk fared with trips). It would have been interesting to
Prairie School (via Berlage), vita individuale in un’architettura the critics – badly, as a rule. But it delve into certain surprising similarities
l’architettura rurale olandese e impegnata a costruire la società neglects, for example, to examine the between de Klerk’s and Sant’Elia’s
scandinava (una delle prime mete dell’industrializzazione di massa. reactions of the European architectural drawings, comparing, for example, the
formative). Mentre sarebbe stato Valori che, oggi, letti nella giusta community of the 1920s, including the design of a parabola flanked by
interessante approfondire certe angolatura, potrebbero offrire inediti responses of Howard Robertson in towers employed in the 1914
sorprendenti assonanze tra i disegni di spunti di riflessione su molti The Architectural Review, Jean Spaarndammerplantsoen housing
De Klerk e quelli di Sant’Elia, come si protagonisti dell’architettura del Badovici in Architecture vivante and complex to a drawing of a church by
può vedere per esempio confrontando Novecento. Gaetano Minucci in Architettura e arti the Italian architect executed in the
il motivo a parabola affiancato da torri Federico Bucci, professore di Storia decorative. Even when historians same year. One can feel a strong
e usato nel blocco residenziale di dell’architettura contemporanea al desired to reappraise the different ‘Dutch heartbeat’ – as Huizinga put it –
Spaarndammerplantsoen, del 1914, Politecnico di Milano facets of the Amsterdam School, as in de Klerk’s work. But his patriotism
con un disegno di chiesa firmato Michel de Klerk: Images of was the case with Guido Canella’s for the homeland was mixed with the
dall’architetto comasco nello stesso history pioneering article in Casabella- call of the sea and contact with distant
anno. A tutto ciò dobbiamo In light of current historical knowledge, Continuità, edited by Ernesto Rogers, civilizations. A renowned example of
aggiungere il fatto che in De Klerk si addressing the work of de Klerk all mention is screened out of this is the Indonesian spire in the
sente forte il battito del “cuore requires laying the groundwork for Casciato’s essays. Yet if you reread it Eigen Haard het ship (the ship). This
olandese” — come direbbe Huizinga numerous investigative trails – some today, despite the gap between our might lead us to paint an interpretative
— dove il sentimento nazionale e unblazed and some established. time and the focus of Rogers’ young picture of his works (and those of
l’attaccamento alla terra si mescolano Anyone who undertakes it must be students, the 1957 article grasped a many other protagonists of the
al richiamo del mare e al contatto con able to gather and interpret the very totally unexplored, engrossing side of Amsterdam School), highlighting the
civiltà lontane, come nel caso della rich set of stimuli offered by one of the de Klerk’s production. Canella values of pure form and somewhat
famosissima guglia d’ispirazione 20th century’s most fascinating examined the De Dageraad and upstaging the relationships between
indonesiana per la Eigen Haard. In oeuvres. In a way, it is all rather Amstel housing complexes, erected in architecture and planning. In fact,

6 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 7


del settimanale A, del 1946 (insieme a Mumford. Lo meriterebbe anche la the émigré Zevi had experienced. history but condemns any design
Carlo Pagani e Lina Bo, episodio Storia dell’architettura moderna di Manifest traces of popular culture that fails to refer to it abstractly or
poco noto questo di A, che mette in Zevi, che, pure nelle attualizzazioni remain in the book’s bibliography as informally. Finally, his desire to
contatto Zevi con l’Editoriale Domus non sempre felici dei testi e well as the writer’s own library. The popularize his message led him to
di Gianni Mazzocchi, il quale, al dell’apparato iconografico, rimane work was a big hit, and between oversimplify his ideas and, at times,
culmine di una intricata vicenda che un’opera imprescindibile per la 1951 to 1970 it was translated into to build cumbersome critical means
emerge dalla corrispondenza comprensione della cultura over ten languages. In the meantime, for salvaging values tied to suspect
dell’epoca, propone a Zevi una architettonica italiana del the architect worked to consolidate contexts. (One example of the last is
eventuale condirezione di Casabella, dopoguerra. the role that he wished to construct the vision of Terragni as a fascist
proposta che sarà subito ritirata), a Roberto Dulio, architetto for himself in postwar architectural architect who erected anti-fascist
cui si affianca l’attività didattica, A Landmark of Architectural culture. His activities ranged from structures.) Surely Zevi’s History
svolta dal 1948 all’Istituto di History serving as a contributing editor at cannot be skipped when studying
Architettura di Venezia, chiamato da Bruno Zevi’s History of Modern the review Metron, established in subsequent works by Zevi or other
Giuseppe Samonà, e alla Scuola di Architecture first appeared in 1950, 1945, to his participation in the architectural historians. Consider
Perfezionamento in Storia dell’Arte printed by Einaudi; legions of short-lived 1946 weekly A. (His co- Zevi’s Architecture and
della Facoltà di Lettere e Filosofia di reprints by the same publisher workers were Carlo Pagani and Lina Historiography, which appeared in
Roma, chiamato da Lionello Venturi. followed on its heels. The latest one Bo; this little-known episode brought the same year as the author’s History
A questo punto appare quasi is published by Edizioni di Comunità, Zevi in touch with Gianni and his extremely long ‘architecture’
necessario che Zevi scriva la prima and it signifies a lifetime of over half Mazzocchi’s Editoriale Domus. The entry in the 1958 Universal
Storia dell’architettura moderna a century in print – extremely latter, capping an intricate set of Encyclopedia of Art, reprinted
pubblicata in Italia. Nel libro si remarkable for a book that has events, offered Zevi the co- separately two years later as
riversano, chiaramente, sia la witnessed diverse cultural climates editorship of Casabella. However, Architecture ‘in Nuce’. Often Zevi’s
prospettiva critica di Verso from the end of the war to the contemporary correspondence titles are quotations; this one cannot
un’architettura organica, sia la present day. Moreover, although the indicates that the proposal was help bring to mind the similar
metodologia di lettura dello spazio text has been gradually adapted, it immediately withdrawn.) encyclopedia of aesthetics published
proposta in Saper vedere continues to offer a polemical, Furthermore, Zevi taught, beginning by Croce in 1929. In addition, it is
l’architettura. Aumenta la subversive view of modernity. How in 1948, at the Venice School of interesting to relate Zevi’s ideas from
complessità di una mappa and when did this volume come to Architecture, where he was called in 1945 to 1950 to a book like Walter
dell’architettura che nei precedenti be? Unquestionably, this essay is the by Giuseppe Samonà, and then Gropius and the Bauhaus, published
testi era solo abbozzata, e che si product of Toward an Organic Lionello Venturi asked him to take a by Giulio Carlo Argan in 1951 in
stava facendo sempre più vasta, e Architecture, written by Zevi for position at the postgraduate Art Zevi’s Historic Architectural Series
allo stesso tempo si manifesta una Einaudi immediately after Italy was History Department at Rome for Einaudi. Argan dealt with a master
serie di cesure che si confermeranno liberated in 1945. However, the University’s School of Letters and repudiated by Zevi and it is
sempre più nelle successive edizioni. writer began work on the volume in Philosophy. It seems inevitable that significant that the former’s critical
Il libro, sorretto da una brillante e early 1944, while he was living in Zevi should write the first history of judgment was ethical, as opposed to
avvincente capacità narrativa, ha London. Since Zevi was Jewish, the modern architecture to be printed in the artistic individualism that was
senza dubbio il grandissimo merito di anti-Semitic laws forced him to move Italy. The book clearly drew on both Zevi’s aim. Of course, another
aver smosso la storiografia Un abito di Daniela Gerini fotografato da Maria Mulas, Dal volume Maria Mulas, to the United States, where he the critical perspective of Toward an relationship that developed was to
dell’architettura italiana dalle secche Luce su misura. Prearo editore, Milano, 2001 received his degree at Harvard under Organic Architecture and the History of Modern Architecture by
in cui stagnava da tempo, di aver Daniela Gerini’s design for a dress photographed by Maria Mulas, from Luce su Walter Gropius. Later he went to methodology suggested in How to Leonardo Benevolo; it came out in
proposto una lettura culturalmente misura by Maria Mulas. Prearo editore, Milan, 2001 London, where he stayed until his Look at Architecture. The map of 1960, exactly 10 years after Zevi’s. It
più complessa, superando return to Italy in late 1944. The book architecture that Zevi had merely sought to take the edge off the
l’esclusivo approccio filologico e il was written speedily, based on a sketched in his previous volumes is exclusiveness of Zevi’s viewpoint by
determinismo positivistico che costruttore di architetture esattamente dieci anni dopo quello linear framework that he had more complex and embracing. At the reconnecting architecture to
caratterizzavano la disciplina, e antifasciste. Certo la storia di Zevi di Zevi, e che cerca di smussare probably already pondered at same time, the text exhibits some technical, social and political history.
soprattutto – rimeditando la lezione rimane un necessario termine di l’esclusivismo della proposta Harvard. The work was backed up breaks with his earlier thought that His work confirmed the currency of
di Benedetto Croce e i contributi di confronto cui ricondurre successive zeviana, riconnettendo l’architettura by library research at the Royal would be increasingly confirmed in Rationalism by appealing to a
Lionello Venturi – di evidenziare la opere, sia dello stesso Zevi che di alla storia tecnica, sociale, politica, Institute of British Architects (as Zevi subsequent editions. Brilliant and presumed objectivity in history. In
stretta relazione tra architettura e altri autori. Nel primo caso basti riconfermando l’attualità noted in his diary). The book was engrossingly written, the book’s 1968 Manfredo Tafuri published
storiografia, tra scelta critica e pensare alle ulteriori riflessioni di dell’esperienza razionalista, chiefly grounded on works by Platz, great merit was that it stirred up Theory and History of Architecture, a
attività storica, riflettendo sulla Architettura e storiografia, dello appellandosi a una presunta Pevsner, Behrendt and Giedion, but architectural historiography, which clear attack on both Zevi and
inevitabile contemporaneità del fare stesso anno della Storia, e alla oggettività della storia. Come Zevi overturned their modernist had remained stagnant for too long. Benevolo. Tafuri assaulted Zevi’s
storico. Altro punto sul quale corposissima voce “Architettura” risposta a Zevi e Benevolo compare orthodoxy by salvaging the figure of Zevi’s work offered a more culturally ideological engagement and
insistentemente ritorna Zevi, e del scritta per l’Enciclopedia Universale nel 1968 il libro di Manfredo Tafuri Wright, whose work the author complex reading, overcoming the Benevolo’s reformist ideal, accusing
resto evidente in tutta la sua attività, dell’Arte nel 1958 e ripubblicata Teorie e storia dell’architettura: proposed as a fresh road to exclusive, erudite approach and these writers of being responsible for
è quello della reintegrazione del ruolo singolarmente due anni dopo, con il l’attacco è evidente, Tafuri accusa la modernity. Here Zevi’s essay positivistic determinism that tended concealing the real world of dramatic
sociale dell’architetto e titolo Architectura in nuce (e, in un critica operativa di Zevi insieme revealed its polemical purpose, to characterize the discipline. Above class conflict. In 1976 Tafuri and
dell’architettura. Allo stesso tempo è gioco di citazioni a cui spesso all’ideale riformista di Benevolo, adapting the title of Le Corbusier’s all, he rethought the legacy of Francesco Dal Co co-authored
evidente come la Storia zeviana rimandano i titoli di Zevi, come non addita questi autori come famous Toward a New Architecture Benedetto Croce and the Contemporary Architeture. Today’s
escluda dalla trattazione tutto ciò che pensare alle analoghe vicende responsabili di mascherare i reali of 1923 by adding the adjective contribution of Lionello Venturi, architectural debate was spawned by
non contribuisce alla costruzione di enciclopediche della Æsthetica in scenari di un drammatico conflitto di ‘organic’, which reversed the outlook thereby stressing the close these authors’ ideas. Their works are
un data linea critica, oppure, in certi nuce pubblicata da Croce nel 1929). classe. Nel 1976 Tafuri, insieme a completely. In 1948, confirming his relationships between architecture still the Italian texts boasting the
casi, come una componente Nel secondo caso è interessante Francesco Dal Co, pubblicherà publishing partnership with Einaudi, and historiography, critical stance highest print runs, besides being the
soggettiva del giudizio determini una mettere in relazione l’insieme delle Architettura contemporanea… Zevi printed his well-known How to and historical activity. He reflected most popular and most studied by
acredine esasperata nei confronti di proposte zeviane maturate tra il 1945 Da quelle posizioni deriva l’attuale Look at Architecture (still in print on the inevitable anachronism of students of architecture. Perhaps now
certi orientamenti, o come emerga un e il 1950 con un libro come Walter dibattito sull’architettura. Di quegli today, but published in Italy by writing history. And he insisted is the time for the publishers who
atteggiamento contraddittorio Gropius e la Bauhaus pubblicato nel autori rimangono ancora oggi i testi Edizioni di Comunità). His title refers vehemently on the reintegration of reprint these now historic books to
nell’appellarsi alla storia ma nel 1951 da Giulio Carlo Argan (proprio italiani più pubblicati, diffusi e to a 1933 essay by Matteo the social role of the architect and explain to their readers the context in
condannarne ogni riferimento nella zeviana Collana Storica di studiati dagli studenti di architettura. Marangoni, ‘How to See’, from which architecture. This attitude was which the volumes were written and
progettuale che non la recuperi in Architettura di Einaudi), che si Forse all’interno delle politiche Zevi borrowed a methodology that evident throughout his career. At the disseminated. Edizioni di Comunità
termini astratti o informali, o ancora occupava del maestro ripudiato da editoriali che promuovono la Marangoni, who dealt with painting, same time, it is obvious that Zevi’s did exactly that when it reprinted
come la necessità divulgativa porti Zevi, e significativamente riportava il riedizione di questi libri, ormai had intended for pure ‘visibilismo’. History left out everything that did some major essays by Henry Russell
all’eccessiva semplificazione, a volte giudizio critico su di un piano etico storici, sarebbe auspicabile l’idea di But Zevi connected it to the reading not support his particular critical Hitchcock and Lewis Mumford. Zevi’s
alla costruzione di macchinosi più che sull’individualismo artistico presentare al lettore l’ambito nella of the interior spaces of buildings concept. Also, in some cases, the history deserves the same treatment.
dispositivi critici per il recupero di su cui puntava Zevi. Altro rapporto quale furono scritti e si diffusero, and defined it as the key element of subjectivity of his opinions Despite the not-always-successful
valori evidenti ma legati a contesti che si delinea naturalmente è quello così come proprio le Edizioni di architecture. The author’s style and generated an overly harsh attitude updating of the text and images, it is
problematicamente compromessi: ne con la Storia dell’architettura Comunità hanno recentemente fatto method were popularizing, which toward certain positions. still cardinal to understanding Italy’s
è un esempio la visione di Terragni moderna di Leonardo Benevolo, riproponendo importanti lavori di probably owed something to the Furthermore, one notes an essential postwar architectural culture.
come architetto fascista ma testo che compare nel 1960, Henry-Russell Hitchcock e Lewis American and British cultures that contradiction – Zevi appeals to Roberto Dulio, architect

8 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 9


Gericke, direttore dell’azienda e alla formazione della DLW (Deutsche
membro del Deutscher Werkbund, nel Linoleum Werke – promotrice della
1904 nomina Behrens come mostra e del catalogo) tutt’oggi uno
consigliere artistico. Per Behrens si dei principali marchi di produzione. Da
tratta di una prova generale del suo questo momento la collaborazione tra
successivo legame con la AEG. Per la l’azienda e gli artisti ha una battuta di
Anker sviluppa un progetto di arresto; il Bauhaus propende verso
“corporate design” che comprende il un’architettura d’interni disegnata con
logo dell’azienda, tutto il materiale volumi e superfici monocromatiche,
commerciale stampato come eliminando i motivi decorativi. Il
cataloghi, listini prezzi; progetta il designer non entra più nel disegno del
padiglione fieristico dell’azienda a materiale ma utilizza il Linoleum
Oldenburg nel 1905, a Dresda l’anno monocolore per comporre liberamente
successivo e, nel 1910, la sala superfici che sottolineano percorsi e
espositiva all’Expo di Bruxelles. Inoltre spazi. Già nel 1919 Bruno Taut, nella
prosegue nel disegno del prodotto, sia sua casa a Dahlewitz, utilizza il
del Linoleum, sia della Lincrusta, il Linoleum a tinte unite per suddividere i
rivestimento per pareti a rilievo, pavimenti in strisce longitudinali, di
prodotto con un procedimento simile. varie ampiezze, alternando il grigio
A Delmenhorst lo sforzo del Deutscher chiaro e il nero, in contrasto con i colori
Werkbund nell’unire la cultura delle arti accesi delle pareti di gusto neo-
con quella dell’industria vede uno dei plasticista. Il Linoleum color crema,
suoi episodi più compiuti, anche grazie alternato al rosso brillante, è utilizzato
alla presenza del sindaco Erich Koch. da Mies van der Rohe nella Casa
Futuro Ministro della Repubblica di Tugendhat del 1928. Con il Weissenhof
Uso artistico di un prodotto tecnologico: incisione su Linoleum. L’opera è Weimar, vicino al movimento di Stoccarda del 1927 il Linoleum viene
Crocefissione di Wilhelm Morgner Heimatschutz, anch’egli membro del consacrato come un perfetto materiale
An artistic use of a technological product: a linoleum engraving – Crucifixion – by Werkbund, favorisce la sinergia tra dell’architettura moderna, non più
Wilhelm Morgner l’industria locale, le istituzioni sperimentale come altri prodotti usati
pubbliche e alcune figure di progettisti, nelle nuove realizzazioni, ma dalle
rispetto agli altri materiali, ed è primo tra tutti Heinz Stoffregen, in caratteristiche certe. Al Werkbund lo
Fortuna e ancora legato a una produzione un’ottica di generale modernizzazione spazio espositivo della DLW è
architettonica di livello medio basso. della città. Stoffregen, oltre a progettato da Mies van der Rohe e Lilly
sfortuna del Scorrendo questo volume, si scopre progettare il nuovo sistema cittadino di Reich con Willi Baumeister per la parte
però che un materiale oggi ridotto ai edifici pubblici, viene incaricato dal grafica; il materiale è ampiamente
Linoleum minimi termini produttivi, ha un direttore della Anker della realizzazione utilizzato negli interni delle architetture
passato illustre come ‘kulturprodukt’. Il dei nuovi capannoni per l’ossidazione del quartiere modello. Diviene quindi la
Linoleum History Design Linoleum fu protagonista di una pagina e l’essiccazione del Linoleum, citati da pavimentazione prescelta per i
Architecture 1882-2000 emblematica, anche se non troppo Gropius nel suo annuario programmi di edilizia residenziale
A.A.V.V. nota, nella storia del Deutscher dell’architettura tedesca del 1913, come le Siedlung di Berlin-Zehlendorf
Hatje Cantz Verlag, Ostfildern-Ruit, Werkbund e fu presenza ricorrente nella parte dedicata alla moderna di Taut, gli appartamenti al
2000 (pp. 251, s.i.p.) negli episodi salienti del Movimento architettura industriale. La fortuna del Dammerstock di Gropius, i grandi
Moderno. L’invenzione del materiale si Linoleum come materiale interventi di Ernst May a Francoforte.
Nell’immaginario collettivo il Linoleum deve all’inglese Frederick Walton che, rappresentativo dello spirito dei tempi Non dimentichiamo poi, che anche in
è un materiale ‘vecchio’ ma senza il intorno al 1860, mette a punto la – non condizionato da convenzioni Italia, negli anni Trenta, la
fascino dell’antico, ‘povero’ ma usato ricetta tuttora sostanzialmente storiche e igienicamente perfetto – pavimentazione prodotta dalla Società
a imitazione di un altro più ricco – nelle invariata. Olio di semi di lino ossidato, prosegue anche nel periodo tra le due del Linoleum nell’antico stabilimento di
comuni versioni simil-tappeto mischiato con farina di sughero, guerre. Nel 1926 una grande fusione Narni (fondato nel 1898), riempiva le
persiano, simil-parquet o simil-marmo polvere di legno, resine e pigmenti, tra le aziende produttrici (tra le quali i pagine pubblicitarie di Domus e altre
– senza l’attrazione dell’autenticità, pressato su una tela di iuta, prodotto tre stabilimenti di Delmenhorst) porta importanti riviste, dove venivano
spesso confuso come prodotto nella fabbrica inaugurata in Inghilterra
sintetico, legato allo scenario nel 1863. Dopo circa vent’anni, ma con Un impiego nobile di un materiale povero: schizzo per una sala da fumo in una
squallido, maleodorante e costellato di piccole varianti, apre la prima fabbrica residenza a Brema nel 1913
Elegant use of a plain material. Study sketch for a Bremen residence smoking
bruciature di sigarette tipico di alcuni tedesca nella cittadina di Delmenhorst,
room, 1913
alberghi di infima categoria. In Italia, rimasta per decenni capitale mondiale
nell’ultimo decennio, il mercato del del Linoleum. La produzione in
Linoleum si è stabilizzato su quantità Germania, inizialmente organizzata in
esigue: le stime parlano di un massimo tre grandi aziende principali (Hansa,
di un milione di metri quadrati l’anno Anker e Schlüssel), può permettersi di
venduti, contro i duecento dei avviare una interessante
pavimenti in ceramica, i sei in legno e i sperimentazione formale e di imporre
quattro milioni di moquette. al pubblico un nuovo gusto, nel
Praticamente nessuno oggi, nel tentativo di sfatare l’idea del Linoleum
nostro Paese vorrebbe in casa come “materiale di sostituzione” e di
propria un pavimento in Linoleum, promuoverlo come prodotto moderno
nessuno desidererebbe camminare anche nel ‘look’. Nei primi anni del
su una superficie cosiddetta secolo Josef Hoffmann crea alcuni
‘resiliente’, cioè ‘rimbalzante’ e motivi decorativi per la Anker e, intorno
dall’immagine poco attraente: tutti al 1912 anche Henry van de Velde
preferiscono, al di là delle scelte collabora con l’azienda. Per la stessa
estetiche, sentire i loro piedi poggiati Anker, Peter Behrens nel 1905 disegna
sulle solide superfici ceramiche, il Linoleum “Cerchio e Quadrato” uno
lapidee o lignee che generano un dei più noti. Simili motivi geometrici e
senso di stabilità. Un po’ differente è regolari, più consoni alla natura
la situazione negli altri Paesi. In industriale del prodotto, si ritrovano nei
Francia e Germania, per esempio, ‘pattern’ di Bruno Paul, Carl Eeg, Albin
l’uso del Linoleum è di circa dieci Müller, Richard Riemerschmid. Di
volte quello italiano, ma si attesta particolare rilievo è la collaborazione
comunque su piccole quantità tra Peter Behrens e la Anker. Gustav

10 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 11


decantati il “disegno moderno” del ‘cheap’ material, one employed to against jute cloth – remains artists ceased working for the
materiale “sempre igienico e pulito”, e imitate a more expensive product – substantially unchanged today. The company; the Bauhaus tended toward
enfatizzata la sua natura di “prodotto common patterns mimic Persian rugs, first British linoleum factory opened in interior designs based on
nazionale”. Sulle stesse riviste wood or marble. It has none of the 1863. About 20 years later, the first monochromatic surfaces and
compaiono i progetti di interni di appeal of authenticity. For many German plant opened in the small volumes, eliminating decorations. The
Giuseppe Pagano, Piero Bottoni, il linoleum is the ultimate synthetic town of Delmenhorst; although a few designer no longer created the
Gruppo 7 e altri, dove le product, marked by cigarette burns in modifications had been made, this material; instead he or she employed
pavimentazioni a intarsi di Linoleum the squalid, smelly setting of some would remain the world’s linoleum monochrome linoleum to freely devise
colorati sono parte integrante trashy hotel. During the last decade in capital for decades. Initially Germany surfaces that underscored paths and
dell’architettura. Nel passaggio al Italy the linoleum market has been featured three major producers, Hansa, spaces. As early as 1919, Bruno Taut
dopoguerra gli architetti di fama consistently tiny: Estimated annual Anker and Schlüssel, who were able to used solid-colour linoleum in his
abbandonano progressivamente l’uso sales do not exceed a million square launch interesting formal experiments Dahlewitz dwelling to divide the
di questo materiale. Negli anni meters. Compare this with the 200 and offer consumers a novel taste in flooring into longitudinal strips of
Cinquanta la produzione ritorna a livelli million square meters covered by decor. Their goal was to explode the differing widths, alternating pale grey
alti ma a eccezione di pochi esempi – ceramic flooring, 35 million by wood idea that linoleum was a ‘replacement and black, that contrasted with the
come la collezione Architects’Inlaid and 4 million by wall-to-wall carpeting. material’; instead they promoted it as a bright, neoplastic colours of the walls.
presentata nel 1957 all’Interbau di It would be nearly impossible to find truly modern design option. In the early Mies van der Rohe alternated cream
Berlino e impiegata anche nelle case someone in Italy who wants linoleum 20th century Josef Hoffmann created and bright red linoleum in his 1928
modello di Alvar Aalto nel quartiere flooring in their home. Nobody cares to some decorative patterns for Anker; Tugendhat House. The 1927 Stuttgart
Hansa-Viertel – il Linoleum ripiega walk on a so-called resilient (that is, Henry Van de Velde also worked for the Weissenhof crowned linoleum as the
verso programmi decorativi standard, bouncy) floor – especially one that firm around 1912. In 1905 Peter perfect product for modern
diviene prodotto poco apprezzato looks unattractive. Aside from Behrens conceived one of the best- architecture; unlike other materials
esteticamente. Dagli anni Sessanta appearance, we like to walk on solid known patterns, ‘Circle and Square’, used in the new structures, it was not
poi, con la diffusione dei pavimenti surfaces, like ceramic tile, stone or for the same concern. Similar regular experimental – its features had been
sintetici in gomma e PVC, viene wood; they make you feel stable. The geometric motifs, which were best proven. DLW’s display space at the
sconfitto anche sul piano della situation differs a bit elsewhere. In suited to linoleum’s mass production, Werkbund was designed by Mies van
tecnologia. Oggi gli spiragli per un France and Germany, for instance, were found in designs by Bruno Paul, der Rohe and Lilly Reich, with Willi
possibile ritorno ai fasti creativi del linoleum is used about ten times as Carl Eeg, Albin Müller and Richard Baumeister handling the graphic
periodo razionalista si possono frequently as in Italy, but its sales still Riemerschmid. Truly remarkable was design. Linoleum also proved very
intravvedere partendo da locali fall far short of other flooring materials, the collaboration between Peter popular for the interiors of the model
pubblici, negozi, uffici, dove è più and it is usually linked to inexpensive Behrens and Anker: In 1904 Gustav housing district. It later became a
usuale l’impiego di materiali alternativi buildings. Leafing through this volume, Gericke, head of the company and favorite flooring in public housing,
a quelli ‘correnti’. Sono sicuramente published to accompany the exhibition member of the Deutscher Werkbund, such as Taut’s Berlin-Zehlendorf
elementi a favore di un possibile of the same name, one discovers that hired Behrens as an art consultant. For Siedlung, Gropius’ Dammerstock
rilancio l’uso di materie prime naturali e linoleum, although currently produced Behrens, this proved to be a trial run apartments and Ernst May’s major
la compatibilità ambientale del in such tiny quantities, boasts a for his subsequent work for AEG. He Frankfurt schemes. It is worth
processo produttivo, e su questo glorious past as a kulturprodukt. devised a corporate design scheme remembering, too, that in the 1930s
insistono i grandi gruppi produttori Linoleum played a lead – though little comprising the company’s logo and all the flooring made by Italy’s Società dei
attuali. È certo però ancora lunga la remembered – role in an emblematic its printed literature, including Linoleum in the old Narni factory
strada da percorrere per cancellare chapter of the Deutscher Werkbund catalogues and price lists. The (established in 1898) filled Domus and
dalla nostra memoria la corrugata and played an encore at outstanding architect also designed the corporate the other leading reviews with ads that
immagine di un Linoleum consunto. moments of Modernism. The material pavilion at the 1905 Oldenburg praised the ‘modern design’ of the
Silvia Monaco architetto was invented by Britain’s Frederick Exhibition, the Dresden pavilion the ‘easy-to-clean, hygienic material’ and
Fortune and misfortune Walton around 1860, and his following year and the stand at the stressed that the material was made in
The collective consciousness views production process – in which oxidized Brussels Expo in 1910. Furthermore, Italy. The same issues featured interior
linoleum as an ‘old’ material, but it linseed oil, mixed with cork flour, wood he continued to create product designs designs by Giuseppe Pagano, Piero
lacks the charm of an antique. It is a dust, resins and pigments, is pressed for both linoleum and Lincrusta, a relief Bottoni, Gruppo 7 and others that
“Io sono un proiettile”: un giovane gangster della tribù indiana Lakota ritratto
wall covering made fabricated a similar boasted inlaid, coloured linoleum
nel libro omonimo dell’artista Doug Aitken (immagini) e di Dean Kuipers (testo), process. The efforts of the Deutscher flooring as an integral part of the
Crown Publishers, New York, 2001 Werkbund to wed art and industry building. After the Second World War,
‘I’m a Bullet’: a young gang member from the Lakota tribeportrayed in the book were most successful in Delmenhorst, the famous architects gradually
of the same name by the artist Doug Aitken (images) and Dean Kuipers (text). thanks in part to the town’s mayor, dropped this product. Although output
Crown Publishers, New York, 2001 Erick Kock. This future minister of the soared again in the 1950s, there were
Weimar Republic sympathized with the only a few rare cases – such as
Heimatschutz movement and was a Architects’ Inlaid, presented in 1957 at
member of the Werkbund. He favored the Berlin Interbau and employed in
synergy with the local manufacturers, Alvar Aalto’s model housing in the
government and some architects, Hansa-Viertel district – in which
especially Heinz Stoffregen, and his linoleum did not fall back on standard
purpose was to modernize the entire decorations. The material gained a
city. Besides designing Delmenhorst’s reputation for ugliness and, beginning
new system of public buildings, in the 1960s, with the introduction of
Stoffregen was commissioned by the popular synthetic rubber and PVC
director of Anker to build the new flooring, it was also surpassed
linoleum oxidization and drying sheds technologically. Today a comeback of
that were mentioned by Gropius in the the linoleum boom of the rationalist
section on modern factories in his period may be driven by shops and
1913 yearbook of German architecture. offices, where one is more likely to
Linoleum’s achievements as a material employ alternative materials. The
highly representative of its time current use of natural raw materials
(unconditioned by historic conventions and the low environmental impact of
and perfectly hygienic) continued even linoleum’s production process indicate
during the interwar period. In 1926 a that the product might be relaunched
big merger of the manufacturers successfully. Indeed, this is the point
(including the three Delmenhorst stressed by major contemporary
plants) gave birth to DLW (Deutsche manufacturers. But they have a long
Linoleum Werke, which sponsored the way to go to erase the image of worn
show and the catalogue), even now linoleum from our memory.
one of the leading brands. Henceforth Silvia Monaco, architect

12 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 13


fronte all’altro, diversi artisti, incaricati 2000 mq avrebbe potuto ospitare la
Vienna scopre da Dietmar M. Steiner, Kerstin Gust e folla dei presenti. Da una situazione di
Johannes Porsch, tentano di illustrare provvisorietà durata per anni è nato
l’architettura
exhibitions
le qualità dell’architettura e di lasciar ora un luogo di informazione
spazio a ulteriori interpretazioni sull’architettura di grande valore.

a cura di/edited by Giorgio Tartaro


Sturm der Ruhe. individuali. La scelta molto arbitraria L’AZW non è cresciuto e migliorato
What is architecture? dei progetti presenta anche, com’era soltanto negli spazi, ma anche il team
mostre

Architekturzentrum Wien da aspettarsi, lavori di John Pawson e le sue ambizioni sono aumentate.
Fino a/until 4.03.2001 ma anche l’Helmut Lang Shop di Nel 1992, quando Steiner assunse
Gluckman a New York. “Das innere l’incarico di concepire un tale centro,
Dapprima si è dovuto rinunciare, per Bild” (L’immagine interiore) mostra, che iniziò provvisoriamente nel 1993,
problemi di budget, a una grande tra l’altro, un progetto di Adolf Loos era chiaro che ci sarebbe voluto
esposizione pensata come mostra per la propria tomba; in “Places/Non tempo e denaro per far crescere
inaugurale, poi Dietmar M. Steiner, Places” sono presentati dei rifugi questo progetto. Oltre al programma
direttore dell’Architekturzentrum di costruiti da bambini per giocare nei delle mostre, Steiner ha contribuito
Vienna, ha deciso di inaugurare i boschi e la baracca in cui nacque alla affermazione del suo centro con
nuovi spazi e quelli restaurati del Silicon Valley, il garage dove iniziative quali il congresso
nuovo quartiere dei musei di Vienna lavoravano Hewlett e Packard. Qui internazionale di architettura di
con una piccola presentazione, “non diventa chiaro che tema di questa Vienna, seminari estivi per studenti
mostrando appositamente una mostra è anche l’esperienza con insegnanti prestigiosi, la
architettura emozionante ”. Steiner se personale e corporea. L’opera più creazione di una biblioteca e di una
lo può permettere, dato il grande simbolica della mostra è presentata home page, ma soprattutto con
review

successo raggiunto dall’Architektur nella sezione “High Tech/Low Tech”: grande impegno personale. È riuscito
Zentrum negli otto anni della sua l’edificio industriale di Dominique anche ad acquisire la collezione più
esistenza. Secondo la sua opinione, Perrault per la ditta Aplix in Francia, importante di architettura austriaca,
un’immagine spettacolare disturba la dalla facciata incredibilmente lunga l’archivio dello storico
percezione e questa mostra vuole riesce allo stesso tempo a essere dell’architettura Friedrich Achleitner.
attirare l’attenzione sulle qualità presente e a scomparire. Le L’unica presa di posizione
dell’architettura e su come essa intenzioni dei curatori diventano architettonica esemplare che Steiner
venga mediata, cose che vanno al di evidenti quando si apprende con ha concesso alla sua istituzione è la
là delle presentazioni solite. Per quali difficoltà legali sia collegata Cafeteria, disegnata da Anne Lacaton
mettere le cose in chiaro fin un’interpretazione di architettura e Jean-Philippe Vassal. La sua
dall’inizio, il gruppo incaricato della autonoma e non ufficiale richiesta, portare a Vienna
progettazione della mostra, Eichinger dell’architettura. Filmati video, come un’architettura internazionale, è stata
oder Knechtl, ha immerso quelli qui mostrati, devono essere esaudita dagli architetti anche tramite
completamente lo spazio “Neue girati di nascosto, si elemosina il l’utilizzazione di piastrelle turche per
Halle” in toni arancione, da una parte permesso di fotografare ricoprire il soffitto. Un affascinante
per non offrire il solito “white cube” edifici/oggetti privati, la falso storico all’interno di sale
neutro e dall’altra perché ogni spazio rappresentazione tramite altri è barocche, in una Vienna che poco
nel nuovo AZW ha una propria malvista. “Se non si può più prima della loro costruzione era
identità. La “Alte Halle” e il ‘Podest’ interpretare in modo autonomo, allora assediata dai Turchi. I progettisti, noti
perché ospitano da lungo tempo anche questa è un’affermazione”, per la loro architettura austera, dopo
questa istituzione, la “Neue Halle” e dichiara Dietmar M. Steiner che non questa escursione decorativa nella
l’ ‘Oktogon’ che ospiteranno la nuova si tira indietro di fronte a eventuali creazione del soffitto si sono ricordati
biblioteca aperta al pubblico, e difficoltà derivanti da questa mostra. (con il pavimento a getto e una parete
l’ “F3”, dove gli studenti, come nella L’AZW è stato una delle ultime di cemento grezzo che dà sulla
Formula 3, possono fare i primi giri di istituzioni ospitate nelle ex-stalle reali cucina), che qui, in magico legame
prova nel percorso espositivo. Due che ha aperto le sue porte, con una con l’AZW, si vuole arrivare a uno
anni fa si era pensato a una pre-inaugurazione il 10 ottobre, alla stato ‘provvisorio’ e che la parete
esposizione sul minimalismo, che si è presenza di ospiti importanti, e con deve avere il carattere di costruzione
trasformata con l’attuale “Sturm der un’altra manifestazione il giorno dopo temporanea. Il fatto che questo
Ruhe. What is Architecture?” nella che, grazie al bel tempo, ha potuto probabilmente diventerà il locale
illustrazione della massima “il nulla aver luogo anche sulla piazza del preferito del Museumsquartier è
non è soltanto nulla”. In otto stand museo: dato che nemmeno l’AZW, dovuto al suo charme discreto e a
tematici, separati e posti l’uno di arrivato nel frattempo a occupare una certa atmosfera internazionale.
È un cocktail bar, dove si può fare
Il progetto di Lacaton e Vassal per la Cafeteria dell’Architectur Zentrum di anche colazione, dove si possono
Vienna gioca sul contrasto tra decorazione ceramica e pavimento essenziale leggere per ore i giornali ma anche
Lacaton and Vassal’s cafe for Vienna’s architecture centre plays decorative
cenare. L’attrazione principale
games with the Turkish style tiled ceiling and a raw concrete floor
consiste nella cucina, famosa in tutta
Vienna, di Una Abraham, la direttrice
del locale, cui ha dato anche il nome.
L’AZW è perfino in grado di assumere
esperti di architettura per gestire il
caffè: Una è la figlia di Raimund
Abraham, uno dei più famosi
architetti austriaci.
La Cafeteria è, in ultima analisi, anche
la logica risposta a ciò che la mostra
tenta di descrivere: una dimensione
fisica, sensuale e immateriale
dell’architettura, come i buoni odori,
gli allegri rumori di sottofondo e la
possibilità di essere “da soli in
compagnia” che essa offre ai suoi
ospiti.
Lilli Hollein, critico di architettura e
design, curatrice di mostre, vive a
Vienna

14 Domus Novembre November 2001


Vienna discovers architecture Senzatetto, di cui Olivetti diviene sintesi di più stimoli culturali.
The final phase of Vienna’s sprawling Le memorie di membro della prima giunta), fanno da Fu l’autore di un progetto legato
new museum quarter, housed in what riferimento le politiche degli aiuti essenzialmente alla sua figura che
were once the stables of the Adriano americani, oltre che le esperienze non gli sopravvisse ma che è
Hapsburg’s imperial palace, is the nazionali dell’Ina-Casa e della mostra testimonianza di un impegno
opening of the new home of the city’s Officina ‘H’ Olivetti, Ivrea dedicata dalla Triennale del 1951 responsabile, e che forse, date le
architecture centre, the AZW. One by Fino a/until 4.11.2001 all’architettura spontanea, che condizioni non poteva portare a un
one a series of new museums has www.olivetti.it/adriano sancirà il recupero delle tradizioni risultato diverso. Rimane a Ivrea
opened since the summer ( see costruttive (già avviato nel 1946 dal quello che si può definire una specie
Domus 841). The new architecture Il convegno internazionale “Costruire Manuale dell’Architetto, edito dal Cnr di Museo a Cielo Aperto
centre transforms an institution that la Città dell’Uomo. Adriano Olivetti e e dall’United States Information dell’Architettura Moderna, anzi,
has until now been operating from l’Urbanistica”, svoltosi a Ivrea il 4 e 5 Service). Si continua poi con le proprio così – Maam – è stato
temporary premises, pushing it into a ottobre scorsi, ha inaugurato esperienze più strettamente definito e organizzato (coordinato da
new stage in its development. ufficialmente l’omonima mostra, ricollegate a Ivrea e al canavese – Enrico Giacopelli), nei percorsi e nella
The new 2 000 square metre centre sotto la direzione scientifica di riprese nel catalogo dal saggio di segnaletica. La “cittadella Olivetti” ci
opened last month with a gala Patrizia Bonifazio e Paolo Scrivano. Paolo Scrivano – come il progetto del interroga sul progetto di Adriano.
preview for its first show, followed on L’esposizione è accompagnata da un Ponte sulla Dora di Quaroni, Roberto Dulio, architetto
the next day by a party that spilled libro catalogo (curato da Carlo Olmo, Musmeci e Zevi (1957-1958), il Olivetti reconsidered An
out into the open air in the museum’s Edizioni di Comunità, Torino 2001). quartiere Canton Vesco di Lauro, international conference on Adriano
courtyard. Ivrea, oltre che scenario delle Fiocchi, Sissa e Nizzoli (1943-1954) e Un forum per l’utopia urbana: Olivetti’s contribution to town
Dietmar Steiner, the centre’s director architetture volute da Adriano quello Bellavista di Piccinato (1957). Urbanistica, n. 3, 1950 planning coincided with the opening
has been working on the project Olivetti, è diventata sfondo di una Il percorso espositivo si conclude The magazine Urbanistica a forum for ceremony of an exhibition in Ivrea
since 1992, and has established the articolata riflessione sui rapporti dello con il dopo Adriano Olivetti, con la discussion in the 1950s with the same theme. The exhibit,
institution with an energetic stesso Adriano con l’urbanistica. chiusura delle politiche comunitarie, which is likely to travel to other Italian
exhibitions programme, international Camminando per le sale della mostra e con l’apertura di una nuova A questo panorama allargato si cities, was curated by Patrizia
conferences, student seminars, a (allestita da Enrico Valeriani), è stagione disciplinare. Questa ha aggiunge la difficoltà di ricostruire un Bonifazio and Paolo Scrivano, while
lecture programme and a web site. possibile ripercorrere le tappe di una come protagonisti una serie di figure, progetto globale che, nelle intenzioni, the catalogue released at the time is
He has also embarked on the lunga storia, non solo olivettiana. come Quaroni, Piccinato, Fiorentino, coinvolgeva la struttura territoriale edited by Carlo Olmo, Edizioni di
creation of an archive, acquiring the Per l’allestimento della mostra, lo studio Eichinger oder Knechtl, negando i Infatti è stato fisicamente sdoppiato il Astengo, di fatto già vicine a Olivetti industriale e politica della società, e Comunità, Turin 2001.
Friedrich Achleitner collection, bianchi volumi del museo, ha giocato sui toni vividi toni dell’arancione percorso: quello principale gravita nelle esperienze più significative per il quale l’urbanistica era intesa Thus Ivrea, besides being the site of
Exhibition installation by Eichinger and Knechtl in Vienna’s Architecture Centre
perhaps the most important intorno ai materiali presentati al degli anni Cinquanta, e a tali essenzialmente come una tecnica. the architectural structures
banishes white box museum style with vivid orange walls
documentary record of Austrian centro delle sale e illustra le attività esperienze rimane comunque legata, Un bilancio, quello della mostra e del commissioned by Adriano Olivetti is
architecture. A tight budget meant architecture in ways that do not Vassal to design the centre’s connesse direttamente a Olivetti, almeno nel considerare convegno, che non vuole essere una the backdrop for thorough
the scaling back of plans to mark the coincide with the officially sanctioned cafe/bar. Its the one area in the quello parallelo si sviluppa sulle imprescindibile l’importanza sociale sintesi finale, ma che certo porta a reconsideration of the relationships
opening of the new building with a view of the owner or architect. They centre in which he has been pareti e permette di porre in relazione dell’intervento sulla città. Tutto il una lettura realistica e non between Adriano Olivetti and the
major inaugural show. Instead seek to show architecture as it is prepared to countenance a more tali esperienze ad analoghi approcci percorso è accompagnato anche da agiografica, che sottrae Olivetti al history of urbanism in Italy. By
Steiner has curated What is actually experienced, rather than the high profile approach. He was che, in altri luoghi o in altre culture, si una ampia antologia di filmati mito, per certi versi ridimensiona wandering through the exhibition
Architecture? a deliberately low key image that architects carefully looking to bring architecture from stavano contemporaneamente d’epoca (curata da Pietro Contadini e alcune sue esperienze (come per galleries (designed by Enrico
exhibition that reflects his conviction construct of their own work. As the outside Austria to Vienna to create an sviluppando. L’utile pieghevole-guida Alberto Signetto), tutti girati tra il esempio il Piano Regolatore della Valeriani), it is possible to retrace the
that spectacle is a distraction from exhibition makes clear, it is an atmosphere consciously open to (curato da Luca Gibello Meto e Pier 1949 e il 1958, che costituiscono una valle d’Aosta), e che presuppone stages of a lengthy story, going
understanding. Given the popular approach that is not without its possibilities and experiment. And Paolo Peruccio) sintetizza questa ulteriore testimonianza del clima comunque l’esistenza di una certa beyond Olivetti. In fact, the path
success of the centre since its problems. Not least for the legal Lacaton and Vassal have responded doppia lettura, e accompagna il culturale e politico nel quale élite culturale, se non economica. through the show forks: the main
original establishment, its a line that difficulties, primarily connected with with an intriguing probing of Vienna’s visitatore sala per sala. In quella maturarono questi avvenimenti. Adriano Olivetti perseguì un’idea route focuses on the material
he can afford to take. The original issues of copyright and privacy that history and its particular sensitivities. iniziale, alla prima attività di Adriano Il catalogo raccoglie inoltre una
idea was for a show on minimalism. face any unofficial, independent This was after all the city that marked Olivetti fa da riscontro il pensiero importante serie di contributi, spesso L’incontro di due visionari, Olivetti e Le Corbusier: copertina del volume
Its substitute, What is Architecture? interpretation of architecture. The the westernmost limit of Turkish liberale della tradizione gobettiana, su temi ancora del tutto inesplorati Ronchamp, Edizioni di Comunità, Milano 1957
is a polemical attempt to draw video films shown in the display have territorial ambition in Europe, a fact ma anche la cultura industriale di tipo dalla storiografia dell’architettura: Olivetti supported the publication of Le Corbusier’s work at Ronchamp, 1957
attention to the essence of in several cases had to rely on stealth that is alluded to by the architects in fordista. Si arriva quindi al Piano come quello di Marida Talamona
architecture, and the way that it is for their realisation. Permission to their use of Turkish style decorative Regolatore della Valle d’Aosta (1937), relativo al ruolo di Olivetti nella
mediated, exploring territory that is photograph private buildings ceramic tiles applied to vaulted e alla proposta per quello di Ivrea politica dell’Unrra-Casas. Altri autori,
usually beyond the scope of such depends on securing their owner’s ceilings of the restaurant, a historical (1938), cui fanno da sfondo i che sono intervenuti anche al
shows. Divided into eight distinct consent. “If it is no longer possible to provocation given that it is situated in programmi della Rpaa (Regional convegno, fissano l’attenzione su
sections, each part is juxtaposed interpret architecture independently, a baroque building originally built just Planning Association of America), le particolari temi dell’universo
with a specially commissioned work then that is in itself a highly after the besieging Turkish army was realizzazioni della Tva (Tennessee olivettiano: Fulvio Irace sottolinea
of art that attempts to shed light on significant statement about the state pushed back. After this decorative Valley Authority) e della Fsa (Farm come nel rapporto con gli architetti
the intentions of the architects whose of architecture”, says Steiner, who is detour, the architects have Security Administration), l’attività dei Adriano Olivetti cercasse, più che il
work is featured. One section fully prepared for trouble from remembered their roots in CIAM (Congrès Internationaux capolavoro, una sorta di qualità
features work by John Pawson and architects upset about the way that architectural austerity, with a poured d’Architecture Moderne) e, in Italia, diffusa, e come più che a un
Richard Gluckman’s store for Helmut their work is portrayed in the show. concrete floor, and bare walls that dell’Enios (Ente Nazionale Italiano particolare indirizzo estetico (assente
Lang in New York to illustrate the The installation is designed by conceal the kitchen with a per l’Organizzazione Scientifica del negli edifici di Ivrea) egli puntasse a
maxim, Nothing is not just nothing. architects Eichinger Knechtl who deliberately provisional look. Lavoro) insieme alle esperienze della una sorta di didattica progettuale, a
Another, entitled Das Innere Bild – have done their best to interpret The cafe is named Una, after its cultura architettonica e urbanistica un linguaggio attento al dato umano.
The Interior Image – displays among Steiner’s concerns and get away proprietor and chef, Una Abraham, nazionale che avevano visto la Carlo Olmo, riconducendo alla realtà
other things, a project by Adolf Loos from the bland neutrality of the who is coincidentally the daughter of realizzazione di Littoria, Sabaudia, e le frequenti tentazioni della
for his own tomb. In the section conventional white cube museum Raimund Abraham, one of Austria’s di tutte le altre città di nuova mitografia, riporta la riflessione a un
entitled Places/Non Places you see a style interior. Instead they have tried best known architects. The quality of fondazione. Nelle sale successive, dato essenziale: Adriano Olivetti era
representation of the original shed in to give each of the various spaces its food, and the atmospheric appeal ormai nel dopoguerra, anzi nella un ingegnere, non un utopista, la sua
which Silicon Valley was born, as well within the centre its own identity. The of its surroundings are likely to make ricostruzione, al Movimento (1948) e era cultura ingegneristica.
as the garage in which Hewlett and new hall which accommodates the it the most popular cafe in the whole alle Edizioni di Comunità, insieme a Si può affermare che da questi e altri
Packard first worked, alongside exhibition is painted a vivid orange. of the Museum Quarter. And in the tutto l’apparato pubblicistico saggi, ma anche dagli interventi di
children’s tree houses built for play in Alongside it is the Octagon, the last analysis the cafe can be seen as connesso (analizzato nel catalogo dal chi ha solo partecipato al convegno,
the woods. The most symbolic location of the centre’s library, open the logical answer to the question saggio di Patrizia Bonifazio) al come Jean-Louis Cohen, emerge una
installation is in the High Tech/Low to the public, and the F3 space, posed by the centre’s first exhibition. coinvolgimento nell’Inu (Istituto realtà complessa e, in certi casi
Tech section in which Dominique which as in Formula 3 motor racing is What is architecture? It depends on Nazionale di Urbanistica, di cui ambigua, che senza in alcun modo
Perrault’s factory for Aplix is intended for architecture students to that special conjunction of the Olivetti fu presidente dal 1950 fino svilire la figura di Olivetti ne rende più
featured. Its endless facade manages practice training laps around the physical, the sensual and the alla morte), e nell’Unrra-Casas problematica l’interpretazione. La
to be simultaneously both attention exhibition circuit. Steiner convivial, just like the cafe. (United Nations Relief and sua esperienza viene calata in una
grabbing and self-effacing. In many commissioned the French architects Lilli Hollein is a design and Rehabilitation Administration- realtà di riferimenti nati prima e
cases the exhibits attempt to portray Anne Lacaton and Jean Philippe architetecture critic Comitato Amministrativo Soccorso ai parallelamente ai suoi progetti.

16 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 17


displayed at the centre of the to the Marshall Plan, Italy’s Ina-Casa conference, call one’s attention to it bears witness to a responsible Architettura di Los Angeles” – supera soluzione che soddisfa esigenze
galleries, illustrating the activities public housing programmes and the special themes in the Olivetti commitment which, given the queste limitazioni e cattura il senso di contraddittorie come fornire un
directly linked to Olivetti. The parallel 1951 Triennale devoted to vernacular universe. Fulvio Irace underscores context, could not have turned out avventura di alcuni progetti sicuro ambiente didattico per
alternate route hugs the walls; it architecture. This sanctioned the the fact that Adriano Olivetti put differently. Ivrea still boasts what you architettonici destinati a far parte ottocentosettanta bambini
allows you to relate these events to revival of the constructional tradition, more stock in a general high level of might call an Open Air Museum of delle attrazioni della città. La mostra svantaggiati su un sito di quattro acri
similar approaches under already kicked off in 1946 by the quality rather than in individual Modern Architecture that remains the segna il debutto di Brooke Hodge, e mezzo (un ottavo della norma),
development elsewhere or in other Architect’s Handbook, published by masterpieces from the architects. He clearest reminder of Olivett’s nuova curatrice della sezione insieme a un “community center” di
cultures at the same time. The handy the National Research Council and sought a kind of design teaching, a achievements and continues to architettura del Museum of facile accesso. Uno schermo
folding guidebook (edited by Luca the United States Information language that paid attention to the demand our respect.This exhibition Contemporary Art, e comprende sei traslucido di bambù e policarbonato
Gibello Meto and Pier Paolo Service. Subsequently, the activities human factor, more than a particular helps us to acheive a deeper progetti di varia natura ospitati dal ammorbidisce il profilo spigoloso
Peruccio) summarizes this double more closely tied to Ivrea and the style (not a characteristic of the Ivrea understanding of that achievement Geffen Contemporary di Little Tokyo, rivolto verso un centro commerciale
reading and leads the visitor through surrounding area are probed structures). By ‘exploding’ the myth, Roberto Dulio is an architect oltre che una presentazione della mentre, dietro, le aule si estendono
the exhibition, gallery by gallery. In (described in Paolo Scrivano’s Carlo Olmo leads us to reflect on an Walt Disney Concert Hall e della all’interno di un giardino protetto,
the first, Adriano Olivetti’s early catalogue essay). Some of these essential fact: Adriano Olivetti was an nuova Cathedral of our Lady of the declinando sul lato opposto in
endeavors are placed in the context works include: the Dora River Bridge engineer, not a utopian; he had an Che succede Angels nella galleria satellite del direzione di un quartiere residenziale.
of liberal thinkers such as Gobetti, by Quaroni, Musmeci and Zevi engineering culture. It is certain that MOCA al Pacific Design Center di Gli architetti descrivono il complesso
and the industrial culture of Fordism. (1957-58); the Canton Vesco District, these and other essays, plus the nel mondo West Hollywood. La Hodge ha messo come un villaggio urbano dove ogni
Then come the 1937 Aosta Valley by Lauro, Fiocchi, Sissa and Nizzoli accounts of those who only insieme progetti di nomi emergenti superficie, compresi i tetti a terrazza,
Master Plan and the proposed Ivrea (1943-1954); and Piccinato’s 1957 participated in the conference – like dell’architettura? con quelli di star internazionali, può essere utilizzata per scopi
plan (1938), coinciding with the Bellavista district. The last phase of Jean-Louis Cohen – depict a ponendo l’enfasi su innovazione e diversi. Di fronte al progetto della
establishment of the Tennessee the exhibition deals with the post- complex, at times ambiguous world. What’s Shakin’: tecnica, carattere urbano e – a parte Accelerated School of Learning
Valley Authority, the Farm Security Adriano Olivetti period: the end of the Without devaluing Olivetti’s New Architecture in LA i progetti più importanti del Pacific troviamo un modello lungo quindici
Administration and Ciam (Congrès community policies and the contribution in the least, it makes it The Geffen Contemporary Design Center – singolarità formale. metri, relativo a un’altra soluzione
Internationaux d’Architecture beginning of a new disciplinary harder to interpret. His activities are Fino a/until 20.01.2002 Giudiziosamente, ha limitato le sue urbanistica di grande effetto: la
Moderne). Concerning Italy, space is chapter. Its leaders were Quaroni, placed in a universe of references scelte per dare a ogni progetto il conversione di un deposito merci in
given to Enios (Italian National Body Piccinato, Fiorentino and Astengo, created before and parallel to his L’architettura presentata nelle gallerie dovuto respiro in termini di spazio, cemento armato, lungo circa
for the Scientific Organization of who actually had already been close projects. Besides this broader view, d’arte appare spesso costretta e ha chiesto agli architetti di quattrocento metri e costruito lungo
Work). Italy’s national architectural to Olivetti during the most significant one must add the difficulties involved quanto un animale chiuso nelle coinvolgere gli spettatori con una un binario della ferrovia in centro
and planning policies at the time are undertakings of the 1950s. They in reconstructing a global scheme gabbie dello zoo. La maggior parte serie di installazioni che si città, nella sede del Southern
shown by Littoria, Sabaudia and all continued to be tied to these ideas, which was supposed to embrace dei progetti è rappresentata in scala inseriscono perfettamente nei loft California Institute of Architecture.
the other new towns of the time. The at least as concerned considering society’s industrial and political troppo piccola o troppo grande per che Frank Gehry ha ottenuto dalla Un team composto da membri della
next galleries cover the postwar the social importance of planning as regional structure. It regarded town- riuscire a rendere l’effetto delle conversione di un garage della facoltà e da allievi, guidato da Gary
period; that is, the Reconstruction. cardinal. The exhibition also features planning essentially as a technique. dimensioni degli edifici così come polizia in spazio espositivo. Progetti Paige, lo ha trattato come un
On show are the 1948 Movimento an ample anthology of period films The summing up provided by the sono in realtà. I plastici sembrano e modelli sono disposti su tavoli da percorso stradale indoor, attorno al
and the Edizioni di Comunità (curated by Pietro Contadini and show and conference is not intended giocattoli, e non vi è modo di ricreare lavoro come in un qualsiasi studio di quale si sviluppa una successione di
publications, plus all the relevant Alberto Signetto) made between to be the last word; but it certainly il senso dei materiali né il contesto progettazione – una metafora ideale spazi aperti verso l’esterno e il piano
volumes printed (analyzed in Patrizia 1949 and 1958; they represent leads to a realistic, non-hagiographic col quale gli edifici si confrontano. per degli effettivi works in progress – superiore. Si tratta di un edificio
Bonifazio’s catalogue essay). They further testimony to the cultural and reading. By demythologising Olivetti, Spesso l’installazione più che un con uno sfondo di riproduzioni orizzontale per una città orizzontale,
range from Olivetti’s involvement in political climate that generated these it cuts some of his initiatives down to ponte diventa una barriera, ciò che computerizzare in scala poster. La espressione non-gerarchica
the National Planning Institute (which events. The catalogue also contains size, such as the Aosta Valley Master appare evidente in molte illustrazioni Accelerated School of Learning di dell’enfasi sull’autonomia individuale
he headed from 1950 until the time some significant essays, often on Plan, for it demanded the existence di The Art of Architecture Exhibitions, Marmol & Radziner a South-Central, propugnata dal Southern California
of his death), to the United Nations issues left unexplored by of a cultural or even economic elite. pubblicazione del Netherlands con le sue immagini monocromatiche Institute of Architecture.
Relief and Rehabilitation architectural history. One of these is Adriano Olivetti pursued an idea Architecture Institute. Una mostra dal generate a computer che hanno il Il Pterodactyl è una delle più recenti
Administration’s Aid for the Marida Talamona’s on Olivetti’s role synthesizing diverse cultural stimuli; titolo un po’ sciocco, “What’s lustro di stampe d’annata di Ezra strutture uscite dal piano di recupero,
Homeless Committee (Olivetti sat on in the Unrra-Casas policy. Other he devised an essentially personal Shakin’: New Architecture in LA” – Stoller, è un progetto di straordinaria tuttora in corso, di numerosi spazi
the first board). In addition, they refer authors, who also spoke at the project, which did not outlive him. Yet “Qualcosa si sta agitando: La Nuova qualità. La struttura è una brillante industriali degradati a Culver City.
Tramite l’architettura Olivetti rivoluziona l’idea di azienda. La Mensa Olivetti a Ivrea di Ignazio Gardella,1959 Los Angeles sta ancora aspettando il nuovo Prada store di Koolhaas
Olivetti used architecture to revolutionize the idea of the factory. Ignazio Gardella’s canteen at Ivrea, 1959 Los Angeles is still waiting for Koolhaas’s new Prada store

Courtesy of OMA/AMO Rem Koolhaas

18 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 19


Courtesy Rafael Moneo, Arquitecto
Frank Gehry created from a former model of another tough urban
police garage. Plans and models are solution: the conversion of a 1250-
set on trestle tables as though in a foot-long reinforced-concrete freight
drafting office – an ideal metaphor for depot fronting a downtown rail
works in progress – with a backdrop siding, which is now the home of the
of poster-scaled computer Southern California Institute of
renderings. Marmol & Radziner’s Architecture. A faculty and alumni
Accelerated School of Learning in team, headed by Gary Paige, has
South-Central is a stand-out for its treated it as an interior street with a
monochromatic computer-generated succession of spaces opening off
images that have the luster and and upstairs. It’s a horizontal building
clarity of vintage Ezra Stoller prints. for a horizontal city; a non-
The structure is a brilliant resolution hierarchical expression of SCI-Arc’s
of contradictory requirements: to emphasis on individual autonomy.
provide a safe learning environment The Pterodactyl is one of the latest
for 870 disadvantaged kids on a 4.5 structures in the ongoing
acre site (an eighth of the norm) as redevelopment of several decaying
well as an accessible community blocks of warehouses in Culver City,
center; a place that is welcoming yet designed by Eric Owen Moss for
José Rafael Moneo, modello della Cattedrale di Nostra Signora degli Angeli, 2001 secure. A translucent screen of developers Frederick and Laurie
Jose Rafael Moneo, View of a model of Cathedral of Our Lady of the Angels
bamboo and polycarbonate softens Samitaur Smith. Over the past 12
the hard edge that faces a years this collaboration has yielded
Il progetto è stato affidato a Eric espanso, sviluppate dall’azienda commercial district; behind, some of the boldest geometries in
Owen Moss da Frederick e Laurie stessa. Campioni dei materiali sono classrooms extend into a protected LA: a lure for cutting-edge media
Samitaur Smith, due importanti impilati su un tavolo, dietro al quale garden, stepping down towards a companies that has begun to achieve
operatori immobiliari locali, vi è una sezione della stravagante residential neighborhood on the a critical urban mass. Pterodactyl is
continuando così una collaborazione struttura a tre livelli che si affaccia su opposite side. The architects located to the rear of a courtyard,
che negli ultimi dodici anni ha Rodeo Drive, sostituendo di giorno la describe it as an urban village that surrounded by Moss structures and
prodotto alcune delle più coraggiose tradizionale vetrina con una cortina puts every surface, including roof remodels, and fronted by Stealth.
geometrie di Los Angeles, riunite in ad aria calda e una impiegando una terraces, to productive use. In the Nine elevated rectangular boxes with
un complesso che ha costituito un saracinesca per la notte. gallery it confronts a 50-foot-long extensive glazing erupt from four
richiamo irresistibile per le più Se lo slancio indicato da questa Marmol & Radziner + Associates, The Accelerated School, 2001, scale esterne
innovative compagnie del settore dei mostra sarà mantenuto durante per la discesa alla palestra
media, e che comincia ormai a l’imminente recessione, Los Angeles Marmol & Radziner + Associates, The Accelerated School, 2001, exterior Stair,
costituire una presenza cruciale nel potrebbe arrivare a svolgere appieno gymnasium to field
locale ambito urbano. Il Pterodactyl è il suo ruolo di Mecca dell’innovazione
situato sul lato posteriore di un architettonica anche in settori diversi
cortile, circondato da edifici realizzati da quello della singola casa familiare.
o risistemati da Moss, tra i quali, Michael Webb, architetto
proprio di fronte, vi è lo Stealth. Nove What’s Shakin’: New
scatole rettangolari sopraelevate, Architecture in L.A Architecture
con estese superfici vetrate, presented in an art gallery often feels
sembrano erompere da quattro as confined as do animals in a zoo.
piattaforme di posteggio a creare un The scale is too large for most
intreccio di spazi a terrazza che sketches, too small to convey the
convergono e si separano. amplitude of real-life structures. The
Michael Maltzan, che ha models look like toys and one misses
recentemente completato la sede the materiality as well as the context
temporanea del MoMA nel Queens, to which the buildings respond.
a New York, presenta il suo Often, the installation is more a
ambizioso “progetto virtuale” per barrier than a bridge, as is evident
l’UCLA Hammer Museum a from many of the illustrations in the
Westwood, una disfunzionale galleria Netherlands Architecture Institute
d’arte originalmente progettata come publication, The Art of Architecture
vanity project e mai completata. Exhibitions.
Lavorando col graphic designer An exhibition with a silly lead title,
Bruce Mau e con la progettista del ‘What’s Shakin’: New Architecture in
paesaggio Petra Blaisse, Maltzan ha LA’, overcomes those limitations and
aggiunto nuovi spazi e percorsi di captures the sense of adventure in
collegamento che sembrano scorrere some of the city’s coming attractions.
attraverso la corte come dei ruscelli. The debut show of Brooke Hodge,
Gli altri progetti sono particolarmente the new Museum of Contemporary
interessanti per l’uso dei materiali. Art architecture curator, it presents
Greg Lynn, il genio del computer che six varied projects at the Geffen
ha portato i suoi studenti di Contemporary in Little Tokyo, and a
architettura dell’UCLA alla Biennale showing of Walt Disney Concert Hall
di Venezia per mostrare il loro and the new Cathedral of our Lady of
talento, ha disegnato una recinzione the Angels in MOCA’s satellite gallery
di vetro ondulato e plastica stampata at the Pacific Design Center in West
che funge da elemento centrale per Hollywood. Hodge mixed work by
i nuovi uffici della Universe, una emerging firms and international
società di manutenzione per edifici stars, emphasizing innovation,
di alta qualità, ospitata nell’elegante urbanity, and (aside from the headline
pianterreno di un palazzo del centro. projects at the PDC) unfamiliarity.
Il negozio Prada di Beverly Hills – She wisely limited her choices to give
uno dei tre disegnati da Rem Koolhas each project room to breathe, and
– prevede l’uso di una gamma di encouraged the architects to engage
materie plastiche morbide e rigide, visitors with displays that feel entirely
alluminio anodizzato e metallo at home in the loft-like spaces that

20 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 21


parking decks to create a cluster of visive. Nel lato posteriore, le sagome architettura, aprendo uno spazio written by the author. These may be made up of things and images. looks at the world. Cook writes: “In
attic spaces that separate and merge. sono cave e ricoperte da un insieme creativo trasversale in grado di crossed by means of two gangways Sensations all mixed-up. The imagery the third dimension, the absurd but
Michael Maltzan, who has recently di progetti colorati, disegnati mettere in discussione ogni idea di placed at the sides of the exhibition of Cook’s architecture has its roots in fluid magic is open to endless
completed the temporary home of dall’architetto e assemblati rappresentazione statica delle arti. hall, allowing one to penetrate the the Utopianism that characterised the machinations: escalators create an
MoMA in Queens, NY, presents his liberamente, mescolati a oggetti Ciò che suggerisce questa mostra è structures’ different levels of depth by latter Sixties, but the interesting thing actual fluidity to folks’ movements,
ambitious build-out of the UCLA quotidiani come una scatola di pizza che le architetture prendano forma passing behind them. The whole is that this attitude is now being but every kind of substance can be
Hammer Museum in Westwood, a vuota e un casco di banane. Essi dalle percezioni stratificate e thing is presented as the visualization recycled, with great subtlety, creating clasped and guided through space:
dysfunctional art gallery originally sono relativi a un’abitazione complesse della vita che ci attornia, of Cook’s reflections on the nature of the basis for a multidsiciplinary baggage, liquids, machines, air – the
designed as a vanity project and consumata dal verde, all’immagine trasformandosi in contenitori di tutto architecture and his visual sensitivity to the arts. It constitutes idea of proximity becomes more
never completed. Working with del 1981 di una “Solar City” per una ciò. Lo stesso allestimento afferma il perceptions of it. On the back, the the manifestation of an approach that elastic.” The sense of the work is thus
graphic designer Bruce Mau and città asiatica, al progetto per Houston superamento di ogni separazione tra outlines are hollowed and covered is tending to reopen the social and to open up towards a perception that
landscape designer Petra Blaisse, he ribattezzato dall’autore la dimensione passiva del progetto with a set of colored project plans, visual hierarchies that are perceived breaks every hierarchy among things,
has added spaces and circulation “SuperHouston”, ai progetti del 2000 disegnato su carta, da contemplarsi, drawn by the architect loosely put in the present day as firmly closed. In like the barriers between art and
routes that seem to flow like water di uno ‘spacelab’ per la Kunsthalle di e quella fisica dell’edificio realizzato together, and mixed up with everyday the social sphere, in fact, the spaces architecture, unlocking a transversal
through the courtyard. The remaining Graz, con singolari macchine volanti nello spazio urbano o naturale, da found objects which include an for advertising, art and architecture creative space in which to question
projects are notable for their dalle forme organiche. In alcuni casi abitare. Il senso dell’accadere della empty pizza box and even more are kept separated from each other. any idea of a static representation of
materiality. Gregg Lynn, best known le immagini di architetture sono senza progettazione come ricettacolo di mysteriously, a bunch of bananas. We are not in the presence of an the arts. What this show suggests is
as the computer whiz who took his indicazione, pure immagini fluttuanti, memorie e di percezioni consente, They are based on the idea a house integral life space but of a space that architecture takes shape from
UCLA architecture students to the come quella di un edificio sbrecciato perciò, all’architettura di avvicinarsi a consumed by greenery, on Cook’s allotted to the arts, where social life the stratified and complex
Venice Biennale to demonstrate their o di un altro attraversato al suo una condizione di evento come 1981 scheme for a “Solar City” for an only manifests at determined times. It perceptions of the life that surrounds
skills, has designed an undulating interno da una forma organica pratica intrecciata agli stili di vita della Asian township, to the project for is, rather, a matter of rediscovering an us, being transformed into containers
glass and molded plastic enclosure arancione. Così, la mostra rompe sfera sociale, che si offre come base Houston rechristened SuperHouston indistinct perception, a feeling for the of all that. This project affirms the
as the centerpiece of new offices for ogni separazione tra il progetto per il manifestarsi della creatività by Cook, and to a sequence of life that passes through the vital overcoming of every separation
Uniserve, a high-grade building grafico e la sua percezione visiva, contemporanea. projects from last year for a spacelab sphere and which one might seek to between the passive dimension of the
maintenance firm, on the lofty ground inaugurando un viaggio fatto di cose, Maurizio Bortolotti, critico d’arte for the Kunsthalle in Graz, with gel into some shapes and structures. project as drawn on paper (to be
floor of a downtown high-rise. The immagini, sensazioni mescolate tra Peter Cook’s secret city unusual organically-shaped flying Here, then, is the substratum upon contemplated) and the physical
Prada store in Beverly Hills – one of loro. Le immagini di queste Peter Cook’s exhibition is conceived machines. In some cases the which this show moves, within the dimension of the realized edifice in
three that Rem Koolhaas has architetture sono infatti il risultato di as a route through which it is possible architectural images are presented curator’s conception (Swedish critic the urban or natural space (to be
designed – will utilize a range of soft una spinta di cui ben si leggono le to see images of architecture without much in the way of Daniel Birnbaum), who tries with his inhabited). The sense of planning as a
and rigid plastics, anodized radici nell’utopismo che conceived in such ways as to break explanations. They are enigmatic, work to find fluidity in the artistic receptacle of memories and
aluminium and expanded metal that caratterizzava la fine degli anni down any distinction between the fluctuating images if you will, like the dimension, to recover a space in perceptions therefore allows
the firm developed in house. Samples Sessanta, ma il fatto interessante è subject and the means by which it is one of a breached building or another which artists’ creative processes architecture to draw near to an event
of these are piled on a table; behind che questo atteggiamento venga represented.It is made up of five great with its interior crossed through by an would clearly surface. On the third condition as a practice interlaced
is a section of the three-level recuperato ora, con grande panels, like huge maquettes that form orange organic form. So, the show panel we find an affirmation about the with the social sphere which offers
extravaganza that opens its ground leggerezza, creando le premesse per the shapes of as many towers does break every separation between perception of the social spaces in itself as a basis for the manifesting of
floor to Rodeo Drive, employing a una sensibilità trasversale alle arti. planned for the city of Houston, the graphic project and its visual airports, which constitutes a contemporary creativity.
warm-air curtain in place of glass, Essa costituisce il manifestarsi di un entirely white and covered in texts perception, inaugurating a journey perspective from which the author Maurizio Bortolotti, art critic
and a shutter at night. If the approccio che tende a riaprire le
momentum indicated in this gerarchie sociali e visive, che si
exhibition can be sustained through percepiscono nella contemporaneità
the impending recession, LA may come rigorosamente chiuse. Nella
finally fulfill its potential as a Mecca of sfera sociale, infatti, gli spazi per la
architectural innovation, in categories pubblicità, per l’arte e per
other than single-family houses. l’architettura sono tenuti separati tra
Michael Webb is an architect loro; non siamo in presenza di uno
spazio integrale di vita, ma di uno
spazio assegnato alle arti in cui la vita
La città nascosta sociale si manifesta solo in
determinati momenti. Si tratta,
di Peter Cook invece, di recuperare una percezione
leggera, un sentimento dell’esistenza
Peter Cook, Hidden City che attraversa la sfera vitale e che è
Portikus, Frankfurt am Main possibile cercare di far coagulare in
fino a/until 25.11.2001 alcune forme e strutture. Ecco il
sostrato sul quale si muove questa
La mostra che l’architetto Peter Cook mostra, all’interno del programma del
propone nello spazio espositivo curatore, il critico svedese Daniel
Portikus di Francoforte si presenta Birnbaum, che cerca con il suo lavoro
come un percorso attraverso il quale di ritrovare fluidità alla dimensione
è possibile vedere immagini di artistica, di recuperare uno spazio in
architetture concepite in modo da cui affiori in modo evidente il
superare qualunque idea di processo creativo degli artisti. Sul
separazione tra le arti e i generi terzo pannello troviamo
artistici. Essa si compone di cinque un’affermazione sulla percezione
grandi pannelli, quali enormi degli spazi sociali degli aeroporti, che
‘maquettes’ che realizzano la forma costituisce una prospettiva dalla
di altrettante torri progettate per la quale l’autore guarda al mondo.
città di Houston, completamente Scrive Cook: “Nella terza dimensione,
bianchi e ricoperti di testi scritti l’assurda ma fluida magia è aperta a
dall’autore che possono essere miscele infinite: le scale mobili creano
attraversati per mezzo di due una fluidità reale ai movimenti dei
passerelle poste ai lati della sala popoli, ma ogni tipo di sostanza può
espositiva, che consentono di essere intrecciata e guidata
penetrare i diversi livelli di profondità attraverso lo spazio: bagagli, liquidi,
delle strutture passando dietro di macchine, aria – l’idea di vicinanza si
esse. L’insieme di queste si presenta fa più elastica”. Il senso del lavoro è
come la visualizzazione di un perciò quello di aprire verso una
percorso mentale di riflessione percezione che rompa ogni gerarchia
dell’autore e delle sue percezioni tra le cose, come le barriere tra arte e

22 Domus Novembre November 2001


Paesi Bassi/The Netherlands Interieur Design, Groeningestraat 31 Paris Expo, Porte de Versaille ● fino a/until 30.12.2001 ● fino a/until 6.1.2002
Concorsi

a cura di/edited by Anna Dell’Orto,


Geldrop T +32-56-229522 T +33-1-47565102 Elisabeth Marx. Bilder, Zeichnungen, Radical Fashion
● Coram Design Award ● fino a/until 18.11.2001 ● 15.11.2001-18.11.2001 Objekte V&A-Victoria and Albert Museum
Competitions www.coram.nl Architecture du Cirque Europe’s International Photography Fair: Kölnisches Museum, Zeughausstrasse 1 Cromwell Road
calendario

Scadenza iscrizione/deadline CIVA-Centre International pour la 19th-century, Modern & Contemporary T +49-221-22122334 T +44-20-79422502
calendar
Italia/Italy application 31.12.2001 Ville, l’Architecture et le Paysage Carrousel du Louvre Krefeld ● 23.11.2001-13.1.2002
Casalgrande (RE) rue de l’Ermitage 55 IPM, 1, boulevard Saint-Martin ● 25.11.2001-3.3.2002 François Roche/Pierre
● Grand Prix Ceramica USA T +32-2-6422453 T +33-1-42777427 Retrospective for the 100th birthday Huygue/Phillipa Pareno/MM Design
Casalgrande-Padana International St Louis of Bruno Goller ICA-Institute of Contemporary Arts

Giorgio Tartaro
Award for Granitogres and/or ● International Design Competition Danimarca/Denmark Germania/Germany Museum Haus Lange, Wilhelmshofallee The Mall
Marmogres trademarks The 2002 Steedman Fellowship Umlebæk Berlin T +49-2151-770044 T +44-20-79300493
Ceramica Casalgrande-Padana www.arch.wustl.edu ● fino a/until 9.12.2001 ● fino a/until 24.2.2002 ● fino a/until 17.2.2002 ● fino a/until 29.12.2001
Strada statale 467, 42013 Casalgrande Scadenza iscrizione/deadline The Architect’s Studio: Lord Foster Mies van der Rohe. Furniture and Roger F. Ballen - André Lützen Shen Yuan. Un matin du monde
Scadenza iscrizione/deadline application 2.1.2002 fino a/until 27.1.2002 Buildings in Stuttgart, Barcelona, Brno Kaiser Wilhelm Museum, Karlsplatz 35 Chisenhale Gallery, 64 Chisenhale Road
application 31.12.2001 David Hockney Vitra Design Museum Berlin T +49-2151-770044 T +44-20-89814518
Cologno Monzese (MI) Louisiana Museum of Modern Art Kopenhagener Strasse 58 Mannheim ● fino a/until 27.1.2002
● DuPont Plunkett Awards 2002 Mostre, eventi, T +45-4919-0719 T +49-30-4737770 ● fino a/until 9.2.2002 Memphis Remembered
International Award for Teflon® and ● fino a/until 30.12.2001 Kinetische Kunst aus Italien 1958-1968 fino a/until 18.11.2001
Tefzel® DuPont fluoropolymers fiere Francia/France Christo e Jeanne-Claude: Städtische Kunsthalle, Moltkestrasse 9 Isamu Noguchi. Sculptural Design
www.teflon.com Grenoble Early Works 1958-1969 T +49-621-2936413 24.11.2001-24.2.2002
Premi/amount 10.000 US $ Exhibitions, ● fino a/until 6.1.2002 Martin-Gropius-Bau Mönchengladbach Conran Foundation Collection 2001 -
Scadenza iscrizione/deadline L’Esprit Nouveau: Le Purisme à Paris Niederkirchnerstrasse 7 ● fino a/until 2.12.2001 Marc Newson
events, fairs
review

application 30.11.2001 de 1918 à 1925 T +49-30-25486777 Futureland 2001.com 24.11.2001-1.3.2002


Milano Musée de Grenoble, place de Lavalette ● fino a/until 25.11.2001 Städtisches Museum, Abteistrasse 27 Saul Bass
● Bombay Sapphire Martini Art Austria T +33-47-6634444 Ernst Ludwig Kirchner T +49-2161-252631 30.11.2001-21.4.2002
Student Competition Workshop on Li ne Graz Paris Brücke-Museum Berlin, Bussardsteig 9 München John Galliano at Christian Dior
www.aedo-to.com ● 7.11.2001-11.11.2001 ● fino a/until 30.12.2001 T +49-30-8312029 ● 23.11.2001-10.3.2002 Design Museum, 28 Shad Thames
www.bombay@aedo-to.com 5th Graz Biennial: Media&Architecture Paris, comme au cinéma... Frankfurt am Main Claude Monet and the Modern Art T +44-20-79408790
Premi/amount 18.000.000 Lit Hallerschlossstrasse 21 Pavillon de l’Arsenal, Centre ● 11.11.2001-20.2.2002 Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung ● fino a/until 20.1.2002
Scadenza consegna/deadline T +43-316-356155 d’urbanisme e d’architecture de la ville Blood: Power, Politics and Pathology Theatinerstrasse 8, Perusahof Carlo Carrà Works on Paper
submission 29.11.2001 Wien 21, boulevard Morland MAK-Museum, Schaumainkai 17 T +49-89-224412 Estorick Collection of Modern Italian
● OPOS “Under 35” 2001 ● fino a/until 20.12.2001 T +33-1-42763397 T +49-69-21234037 ● fino a/until 6.1.2002 39a Canonbury Square
E-mail:contact@opos.it Hans Haake. Retrospective ● fino a/until 31.12.2001 ● fino a/until 3.3.2002 Gürtelschliessen im Jugendstil T +44-20-77049522
www.opos.it Generali Foundation Jean Dubuffet 1901-1985 Change of Scene XX Villa Stuck, Prinzregentenstrasse 60 ● 13.11.2001-15.12.2001
Scadenza consegna/deadline Wiedner Haupstrasse 15 Centre Pompidou MMK-Museum für Moderne Kunst T +49-89-45555112 Mimmo Paladino. Retrospective
submission 15.1.2002 T +43-1-5049880 T +33-1-44781233 Domstrasse 10 Münster Alan Cristea Gallery, 31 Cork Street
● IV Premio Paolo Sonnino per ● fino a/until 30.12.2001 ● 20.11.2001-24.2.2002 T +49-69-21230447 ● fino a/until 25.11.2001 T +44-20-74392822
progetti ecosostenibili Glass 1860-1960. 100 Years of Design William Eggleston ● fino a/until 25.11.2001 Roman Signer, Drawings
Fiera Milano, Mostra Expocomfort, fino a/until 13.1.2002 20.11.2001-24.2.2002 Peter Cook. Hidden City 18.11.2001-20.2.2001 Italia/Italy
www.fmi.it/mce Furniture-Spaces: H. M. Sanktjohanser Takashi Murakami Portikus, Schöne Aussich 2 August Macke and the Early Modern Bologna
Scadenza consegna/deadline fino a/until 20.1.2002 Fondation Cartier pour l’Art T +49-69-21998760 Westfälisches Landesmuseum für Kunst ● 28.11.2001-29.11.2001
submission 31.12.2001 Viennese Graphic Art in New York: 261, boulevard Raspail Hamburg und Kulturgeschichte, Domplatz 10 Aluminium Days
● International Design Award “Mario Josef Binder in the USA (1933-1972) T +33-1-42185677 ● fino a/until 6.1.2002 T +49-251-590701 Palazzo Congressi Centro Fiere
Saviola” - Piani Fantastici II Edizione 14.11.2001-10.2.2002 ● fino a/until 27.1.2002 Monets Vermächtnis. Serie Nürnberg Alupromotion, via Corfù 102
www.grupposaviola.com The Architecture of R. M. Schindler Henri Gaudin. Projets et réalisations fino a/until 1.1.2002 ● fino a/until 18.11.2001 T +39-0302421043
www.pianifantastici.com fino a/until 24.3.2002 IFA-Institut Français d’Architecture Rupprecht Matthies. Mustermaster Richard Artschwager. Up and Across Ferrara
Scadenza consegna/deadline Under Foreign Influence. Textiles 6 bis, rue de Tournon Hamburger Kunsthalle Neues Museum für Kunst und Design ● fino a/until 13.1.2001
submission 30.12.2001 MAK, Stubenring 5 T +33-1-46339036 Glockengiesserwall Liutpoldstrasse 5 Da Dahl a Munch
● International Competition of Ideas T +43-1-71136 ● 15.11.2001-12.1.2002 T +49-40-428542612 T +49-911-2402041 Palazzo dei Diamanti, corso Ercole I
Segni del Tempo Hangar Design Group ● fino a/until 6.1.2002 Antonio Saura. Autodafé ● fino a/until 18.11.2001 Stuttgart T +39-0532204092
E-mail: hangarmilano@hangar.it Tele(visions) Galerie Lelong, 13, rue de Téhéran 100 Jahre Ida Bohatta - Leben-Werk ● fino a/until 31.12.2001 ● fino a/until 2.12.2001
www.hangar.it Kunsthalle Wien, Museumplatz 1 T +33-1-45631319 4.11.2001-6.1.2002 Allgemeine entwurfsanstalt Zürich Studio Gregotti
Scadenza consegna/deadline T +43-1-5218922 ● 24.11.2001-19.1.2001 Die Keramikmanufaktur Mutz Architektur-galerie, am Weissenhof 30 Associati. Architetture 1974-2001
submission 30.5.2002 ● fino a/until 14.12.2001 Gerard Garouste Museum für Kunst, Steintorplatz T +49-711-2571434 Museo Nazionale Architettura-Casa di
Nove (VI Terminvorschau. Architektur im Durand-Desset, 28, rue de Lappe T +49-40-428545353 Wolfsburg Biagio Rossetti, via XX settembre 152
● International Competition “Nove Ringturm. Tendenzen der T +33-1-48069223 Hannover ● fino a/until 6.1.2002 T +39-0532742332
land of Ceramics” Nachkriegsmoderne-Schweiz ● fino a/until 13.1.2002 ● fino a/until 20.1.2002 Richard Avedon. In the American West Firenze
Museo della Ceramica di Nove Wiener Städtische, Schottenring 30 Arnold Böcklin (1827-1901) Werner Rohde. Portrait-und Kunstmuseum, Porschestrasse 53 ● fino a/until 7.1.2001
E-mail: museonove@ceramics.it T +43-1-531391336 fino a/until 27.1.2002 Modefotografien 1927-1937 T +49-5361-26690 Vita di Michelangelo
www.ceramics.it ● fino a/until 4.3.2002 Strindberg, peintre et photographe Sprengel Museum Hannover Casa Buonarroti, via Ghibellina 70
Premi/amount 5164,57 E Sturm der Ruhe Musée d’Orsay, rue de Lille Kurt-Schwitters-Platz Gran Bretagna/Great Britain T +39-055241752
Scadenza iscrizione/deadline fino a/until 19.1.2002 T +33-1-45482123 T +49-511-16843924 London ● fino a/until 31.3.2002
application 31.12.2001 Walter Pichler: das Haus ● fino a/until 22.12.2001 Karlsruhe ● fino a/until 12.12.2001 Volti di marmo
Roma fino a/until 13.1.2002 Jacques Vieille. FØurniture ● fino a/until 24.2.2002 Frank Auerbach. Paintings-Drawings Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3
● 1st European Award: Aeolian Energy TransModernity. Austrian Architects Site Odéon 5, place de l’Odéon Rhetorik der Überwachung von fino a/until 16.12.2001 T +39-0552760340
Legambiente Direzione Nazionale AZW-Architektur Zentrum Wien T +33-1-44410505 Bentham bis Big Brother Rembrandt’s Women Genova
E-mail: legambiente.camp@tiscalinet.it Museumplatz 1 ● fino a/until 13.1.2002 ZKM-Zentrum für Kunst und 24.11.2001-17.2.2002 ● 23.11.2001-22.12.2001
www.legambiente.com T +43-1-5223115 Ponts et ouvrages d’art métalliques Medientechnologie, Lorenzstrasse 19 Dawn of the Floating Parole e immagini futuriste dalla
www.enel.it/erga Belgio/Belgium dans le monde T +49-721-8100 World: 1650-1765 Collezione Wolfson
Premi/amount Lit 40.000.000 Antwerpen Conservatoire des Arts et Métiers, Köln Royal Academy of Arts, Piccadilly Liguria Spazio Aperto, Palazzo Ducale
Scadenza consegna/deadline ● fino a/until 9.12.2001 292, rue Saint Martin ● fino a/until 30.12.2001 T +44-20-73008000 T +39-0102518178
submission 3.12.2001 Young Architects in Flanders T +33-1-40020590 Norman Foster. Architecture ● fino a/until 18.11.2001 Milano
Vicenza De Singel Internationaal Kunstcentrum ● fino a/until18.11.2001 is about People Textural Space ● fino a/until 27.1.2002
● 2° Gold Virtuosi Design Orafo Desguinlei 25 Mira Schendel - Tunga fino a/until 9.12.2001 12.11.2001-21.12.2001 Picasso. 200 capolavori 1898-1072
E-mail: daniela.invernizzi@flashnet.it T +32-3-2482828 Galerie Nationale du Jeau de Paume Ars Viva. Positionen zum Design in Whisler & Godwin/Artist & Designer Palazzo Reale, piazza Duomo
www.goldvirtuosi.com Brussels place de la Concorde der Kunst 26.11.2001-21.12.2001 T +39-02860649
www.gold.org ● fino a/until 18.11.2001 T +33-1-47031250 Museum für Angewandte Kunst Fas Now ● 14.11.2001-23.12.2001
Scadenza consegna/deadline Transit I/De/A: Design Assembly - ● 5.11.2001-10.11.2001 An der Rechtschule Fine Art Society, 148 New Bond Street Gianfranco Asveri
submission 20.12.2001 Design Route Batimat 2001 T +49-221-22122334 T +44-20-74392822 Spirale Arte, corso Venezia 29

Domus Novembre November 2001 25


24 Domus Novembre November 2001
T +39-02795483 Fiera Milano, porta Gattamelata britannico Civici Musei del Castello di Udine Jean Arp Matta in America: Paintings and
● 7.11.2001-30.3.2002 Expo CTS, via General Govone 66 Tempio di Adriano, piazza di pietra T +39-0432271111 Fondacion Joan Miró, Parc de Montjuic Drawings of the 1940s
Gio Ponti maestro del Déco T +39-0234984323 T +39-068411101 Venezia T +34-93-4439470 MOCA-Museum of Contemporary Art
Biblioteca di via Senato, via Senato 14 ● fino a/until 22.11.2001 ● 6.11.2001-7.11.2001 ● 10.11.2001-6.1.2002 Bilbao and The Geffen Contemporary
T +39-0276215318 Iscrizioni al corso: Progettazione e Homo@Habitat. Creativebritain Luxardo. La voluttà e il sogno ● fino a/until 20.1.2002 250 South Grand Avenue
● fino a/until 10.11.2001 realizzazione della facciata continua Il Seminario Peggy Guggenheim Collection Jeff Koons T +1-213-6212766
Terra del Nord: 12 artisti svedesi DISET, Politecnico di Milano British European Design Group Dorsoduro 701 fino a/until 20.1.2002 ● 13.11.2001-6.2.2002
Palazzo Isimbardi, corso Monforte 35 via Bonardi 15 T +39-3356865174 T +39-0412405411 Fabrizio Plessi: Roma Devices of Wonder: from the World in
T +39-0277406315 T +39-0223996014 Siracusa ● fino a/until 13.1.2002 fino a/until 20.1.2002 a Box to Images on a Screen
● fino a/until 17.11.2001 ● 15.11.2001-16.11.2001 ● fino a/until 30.11.2001 Charles Pratt. The Edge of the City The Modern City 13.11.2001-17.2.2002
Andres Serrano. Interpretation of Dream Convegno Architetture vetro&metallo. Enzo Cucchi-Ettore Sottsass Contemporaneo, piazza Olivotti 2 fino a/until 3.2.2002 Manuel Alvarez Bravo: Optical Parables
Photology, via della Moscova 25 Tecnologie innovative per architetture Galleria Civica Arte Contemporanea T +39-041952010 Frank O. Gehry: Retrospective Getty Museum, 1200 Getty Center Drive
T +39-026595285 contemporanee via Santa Lucia alla Badia 1 ● fino a/until 6.1.2002 Guggenheim Bilbao, Abandoibarra 2 T +1-310-4407360
● fino a/until 2.2.2002 Aula Rogers Prima Facoltà Architettura T +39-093124902 Eleonora Duse nella vita e nell’arte T +34-94-4359008 New York
Salvatore Scarpitta Politecnico, via Bonardi 15 Torino Fondazione Giorgio Cini Sevilla ● fino a/until 8.1.2002
Fonte d’Abisso Arte, via del Carmine 7 T +39-02485918285 ● fino a/until 13.1.2002 Isola di San Giorgio Maggiore ● fino a/until 18.11.2001 Alberto Giacometti
T +39-0286464407 ● 22.11.2001-25.11.2001 Anna Gaskell T +39-0415205558 Arquitecture del siglo XX. España MoMA – Museum of Modern Art
● fino a/until 27.1.2002 Feng Shui. Una bio-architettura fino a/until 27.1.2002 ● fino a/until 31.12.2001 Centro Arte, Monasterio de las Cuevas 11 West 53 Street
Le donne di Toulouse-Lautrec cinese per l’Occidente Form Follow Fiction Giuseppe Marchiori e i suoi artisti Avda A. Vespucio 1, Isla de la Cartuja T +1-212-7089750
Fondazione Mazzotta, foro Bonaparte 50 ACMA-Centro Italiano di Architettura Museo d’Arte Contemporanea Fondazione Bevilacqua La Masa ● fino a/until 6.1.2002
T +39-02878197 via Antonio Grossich 16 Castello di Rivoli Dorsoduro 2826 Svizzera/Switzerland Glass of the Avant-garde: from
● fino a/until 1.12.2001 T +39-0270639293 T +39-0119565222 T +39-0415207797 Basel Vienna Secession to Bauhaus
Michel Verjux ● fino a/until 30.11.2001 ● fino a/until 15.11.2001 ● 7.11.2001-9.11.2001 ● fino a/until 30.12.2001 20.11.2001-10.3.2002
Arte Studio Invernizzi, via Scarlatti 12 Iscrizioni al Master I-Design IB.G.S. D’Arcy. Multi Play Telecontrollo di reti di pubblica utilità Melchior Berri 1801-1854. Architetto del Russel Wright: Creating American
T +39-0229402855 Domus Academy - Gruppo Webegg GAM-Galleria Civica d’Arte Città d’acqua Eventi, San Marco 4149 Classicismo Lifestyle
● fino a/until 19.11.2001 via Savona 97 via Magenta 31 T +39-0415230428 AM-Architekturmuseum, Pfluggässlein 3 Cooper Hewitt-National Design
Margherita Leoni. Foresta amazzonica T +39-0242414045 T +39-0115629911 Verona T +41-61-2611413 Museum, 2 East 91 Street
Salamon & C, via San Damiano 2 Rimini ● fino a/until 31.12.2001 ● fino a/until 18.11.2001 Bern T +1-212-8498420
T +39-0276013142 ● fino a/until 6.1.2001 Afro. Opere dal 1948 al 1975 Arte Minimal della Collezione Panza ● fino a/until 6.1.2001 ● fino a/until 16.6.2002
● 23.11.2001-19.1.2002 Realismi. Arti figurative, letteratura e Galleria Nuova Gissi, piazza Solferino 2 del Guggenheim di New York Picasso und die Schweiz Alfred Jensen. Concordance
Esko Mannikko cinema in Italia dal 1943 al 1953 T +39-011534473 Palazzo della Gran Guardia, piazza Bra Kunstmuseum Bern fino a/until 16.6.2002
Monica De Cardenas, via F. Viganò 4 Palazzo Arengo, Palazzo Podestà ● 30.10.2001-2.12.2001 T+39-0458001903 T +41-31-3280911 Jorge Pardo and Gilberto Zorio: Reverb
T +39-0229010068 T +39-0541783100 Gobetti e Casorati, 1918-1926 ● fino a/until 6.1.2002 Lugano DIA-Center Art, 548 West 22nd Street
● fino a/until 1.12.2001 Roma Archivio di Stato, piazzetta Mollino 1 Edvard Munch. L’Io e gli altri ● fino a/until 17.11.2001 T +1-212-9895566
Jamaica - Il Caffé degli artisti visto ● 22.11.2001-24.2.2002 T +39-011540382 fino a/until 6.1.2002 Guggenheim: Il ritrovo degli artisti ● fino a/until 1.1.2002
attraverso l’obiettivo dei suoi fotografi Campagna romana da Hackert a Balla ● 15.11.2001-18.11.2001 Giulio Paolini. 1967-2000 Galleria Gottardo, viale Franscini 12 A Century of Design, Part IV 1975-2000
Jamaica, via Brera 32 fino a/until 6.1.2001 Artissima 2001 Internazionale d’Arte Galleria Arte Palazzo Forti, via Forti 1 T +41-91-8081988 The Metropolitan Museum of Art
T +39-02876723 La gloria di New York. Artisti Torino Esposizioni T +39-0458001903 ● fino a/until 6.1.2001 1000 Fifth Avenue
● 21.11.2001-6.1.2002 americani dalle collezioni Ludwig T +398-0115623094 ● fino a/until 6.1.2001 Da Kandinsky a Pollock. La vertigine T +1-212-5703951
Rappresentazioni. Ignazio Moncada Museo del Corso, via del Corso 320 ● 17.11.2001-24.12.2001 Elvis&Presley. Robert Huber e della non-forma ● 3.11.2001-3.3.2002
Spazio Annunciata, via P. Sarpi 44 T +39-066786209 Alexandra Ranner Stephan Vanfleteren Museo Cantonale d’Arte, via Canova Norman Rockwell. Pictures
T +39-0234537186 ● fino a/until 7.1.2002 Carbone.to, via dei Mille 28 Scavi Scaligeri, cortile del Tribunale T +41-91-9104780 Guggenheim, 1071 Fifth Avenue
● 8.11.2001-18.11.2001 Omaggio al Colosseo. Sangue e arena T +39-0118395911 T +39-0458077504 Luzern T +1-212-4233500
Il caffé tra gusto e design Ambulacri del Colosseo ● fino a/until 10.11.2001 ● fino a/until 25.11.2001 Pittsburgh
Spazio 900, viale Campania 51 T +39-0639967700 Daniela Rossell Paesi Bassi/The Netherlands Jean Nouvel ● fino a/until 6.1.2002
T +39-0270125737 ● fino a/until 16.12.2001 Alberto Peola Arte, via della Rocca 29 Amsterdam Neues Kunstmuseum, Europaplatz 1 Perfect Acts of Architecture
● fino a/until 10.11.2001 Omaggio a Carrà T +39-0118124460 ● fino a/until 6.1.2002 T +41-41-2267800 fino a/until 6.1.2002
Iké Udé Studio Campaiola, via N. Porpora 12 ● 29.11.2001-3.3.2002 Tekeningen van Vincent van Gogh. Zürich Perfect Acts of Architecture. 140 Works
MC Magma, via Tortona 4 T +39-0685304622 Astratta. Dalla collezione Calderara Antwerpen & Paris, 1885-1888 ● 22.11.2001-10.1.2002 by Five Visionary Architect
T +39-028321280 ● fino a/until 23.2.2002 Palazzo Cavour, via Cavour 8 Van Gogh Museum, Paulus Potterstraat Architektur Landschaft Fotografie II Carnegie Museum of Arts
● 18.11.2001-31.1.2002 Icone della Russia imperiale T +39-011-530690 T +31-20-5705252 Architekturfoyer, ETH Hönggerberg 4400 Forbes Avenue
Morbidi Galleria Bigiarelli, piazza Capranica 97 ● 16.11.2001-18.11.2001 Otterlo T +41-1-6332936 T +1-412-62231314
Luisa delle Piane, via Giusti 24 T +39-066784987 Ability-Tec Help edizione 2001 ● 25.11.2001-10.2.2002 ● fino a/until 27.1.2002 San Francisco
T +39-023319680 ● fino a/until 27.1.2002 Salone per il servizio del sociale Dan Graham. Oeuvres 1965-200 All Design Leben im schwerelosen Raum ● fino a/until 13.1.2002
● fino a/until 25.11.2001 I Giustiniani e l’antico Lingotto Fiere Kröller-Müller Museum Museum, Ausstellungsstrasse 60 Ansel Adams
Manzù. Studi per il Grande Ritratto di fino a/until 17.11.2001 Fierimpresa, via Nizza 294 T +31-318-591241 T +41-1-4462211 fino a/until 1.1.2002
Signora. Disegni per Alice Lampugnani La xilografia da Dürer a Picasso T +39-0116535011 Rotterdam ● fino a/until 27.1.2002 Judith Rothschild: an Artist’s Search
Museo Minguzzi, via Palermo 11 Gabinetto Stampe, via Lungara 230 Treviso ● fino a/until 2.12.2001 James Turrel. Eröffnungsausstellung SFMOMA-San Francisco Museum of
T +39-028051460 T +39-06699801 ● fino a/until 10.2.2002 Squatters #2 Haus Konstruktiv, Seinaustrasse 25 Modern Art, 151 Third Street
● fino a/until 22.11.2001 ● fino a/until 20.11.2001 Monet. I luoghi della pittura Witte de With, Witte de Withstraat 50 T +41-1-2177080 T +1-415-3574000
Burri e Palazzoli. La Santa Alleanza Adrian Tranquilli. Believe Casa dei Carraresi T +31-10-4110144 ● fino a/until 6.1.2001 Santa Fe
Galleria Blu, via Senato 18 Palazzo Esposizioni, via Nazionale 194 T +39-049663499 70s versus 80s. Objekte der 70er und ● fino a/until 13.1.2002
T +39-0276022404 T +39-064745903 ● fino a/until 9.12.2001 Spagna/Spain 80er Jahre O’Keeffe’s O’Keeffes
● fino a/until 17.11.2001 ● fino a/until 18.11.2001 I manifesti della Secessione viennese Barcelona Museum Bellerive, Höschgasse 3 O’Keeffe Museum, 217 Johson Street
Christina Jankowsky Jan Fabre Palazzo Giacomelli ● fino a/until 6.1.2002 T +41-1-3834376 T +1-505-9950785
Giò Marconi, via Tadino 16 Galleria Comunale d’Arte, Spazi alla ex T +39-0422658442 Blinky Palermo Washington
T +39-0229494373 Fabbrica Peroni, via Reggio Emilia 54 e ● fino a/until 28.1.2002 fino a/until 6.1.2001 USA ● fino a/until 6.1.2002
● fino a/until 24.11.2001 Accademia Belgica, via Omero 8 Gino Rossi, Arturo Martini e gli altri. Il Out of Print. An Archive as Artistic Chicago Leonardo’s Ginevra de’Benci and
Arcangelo Sassolino T +39-0667107900 cenacolo di Bepi Mazzotti Concept ● fino a/until 30.12.2001 Renaissance Portraits of Women
Galleria Grossetti, via Crocefisso 5 ● fino a/until 13.1.2002 Museo Bailo 7.11.2001-20.1.2002 The Short Century fino a/until 13.1.2002
T +39-028053532 Papa Albani e le arti a Urbino e a T +39-0422658442 Onnasch Collection fino a/until 20.1.2002 Albert Cuyp
● fino a/until 19.1.2002 Roma 1700-1721 Trieste MACBA-Museu d’Art Contemporani William Kentridge fino a/until 27.1.2002
Raimund Abraham. Edifici/immagini Complesso monumentale di San ● 10.11.2001-11.12.2001 de Barcelona, Plaça dels Angels 1 MCA-Museum of Contemporary Art Henry Moore
1990/2000 Michele, chiesa del SS. Salvatore e Massimo Giacon T +34-93-4120810 220 East Chicago Avenue fino a/until 20.1.2002
Galleria Aam, via Castelfidardo 9 Sala degli aranci, via di San Michele Lipanjepuntin, via Diaz 4 ● fino a/until 20.1.2002 T +1-312-2802660 Best Impressions: 35 Years of Prints
T +39-0229012105 T +39-0668134220 T +39-040308099 Erotic Picasso Los Angeles and Sculpture from Gemini G.E.L.
● 10.11.2001-18.11.2001 ● 6.11.2001-27.11.2001 Udine Museu Picasso, Montcada 15-23 ● fino a/until 13.1.2002 National Gallery of Art
Antiquaria 39° Edizione. Mostra Homo@Habitat. Creativebritain. ● fino a/until 6.1.2002 T +34-93-3196310 Douglas Gordon Fourth Street at Constitution Avenue
mercato antiquari milanesi Evoluzione del Lifestyle Design Chairs in Contemporary Art ● 23.11.2001-24.2.2002 fino a/until 6.1.2002 T+1-202-8426353

26 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 27


Fotografia/Photographs by Satoshi Asakawa
Fotografia/Photographs by Satoshi Asakawa
monitor
Una cupola floreale a Sapporo
In occasione del suo quarantesimo semplice impulso del telecomando, one day revolutionalize conventional
anniversario, la Sapporo Television si spiega come i petali di un fiore per television and radio, a public open
ha commissionato a Shigeharu Isaka poi sparire completamente. Sotto space, an arena and a car park.
della Isaka Design Koubou la questa volta, parte dell’edificio funge Composed of three distinct blocks,
progettazione di una sala da spazio d’incontro, area comune the hall stands on a sensitive site
multifunzionale, progetto concepito aperta in tutte le stagioni. close to the city centre, with
sia per ospitare le normali attività Lavorando con Michiko Sato e con Sapporo’s botanical gardens and
televisive che per rafforzare Kunio Watanabe, esperto in museums just a short walk away.
l’immagine della compagnia ingegneria strutturale, il team ha Nearby is an installation by Isamu
nell’ambito della comunità locale. ideato e messo a punto un sistema Noguchi. The accommodation is kept
Il complesso combina degli studi di meccanica che non solo rimuove la low, partly buried underground so as
registrazione forniti di attrezzature copertura in vetro ma anche la to minimise its impact on the natural
digitali dell’ultima generazione – base struttura sottostante, permettendo surroundings. What makes the hall
della struttura tecnica per un futuro all’occorrenza che lo spazio possa unique is its fully opening glass
nuovo medium che soppianterà le rimanere aperto agli elementi dome, the first of its kind. At the
tradizionali stazioni radiotelevisive – atmosferici. Scomponendosi in una touch of a button, the remarkable
un’area comune esterna, un serie di pannelli triangolari, il retractable glass roof opens up like
anfiteatro e un parcheggio. fabbricato scivola via, lasciando il a flower and disappears.
Composto da tre blocchi distinti, posto a un’area circolare aperta. Underneath this canopy, part of the
l’edificio è situato in una zona A dome flowers Sapporo hall operates as an all-weather public
centrale e urbanisticamente delicata, Television commissioned the gathering space. Working with
a pochi passi dall’orto botanico e dai architect Shigeharu Isaka of Isaka Michiko Sato and structural engineer
musei cittadini, nei pressi di Design Koubou to design a Kunio Watanabe, the Isaka Design
un’installazione di Isamu Noguchi. multipurpose hall to mark the team devised a mechanical system
Per minimizzare l’impatto ambientale, company’s 40th anniversary. The that removes not only the glass dome
la sua altezza è stata contenuta, project, intended to address the but also its underlying structure,
incassando nel suolo parte degli organization’s broadcasting activities leaving the space open to the
spazi. Tuttavia, ciò che lo as well as its public face in its elements when appropriate. A series
contraddistingue è la cupola in vetro community, comprises recording of triangular panels, the roof folds up
completamente apribile – la prima nel studios that accommodate new- and then slides out of sight, leaving a
suo genere – un tetto retrattile che, al generation digital equipment that may clean, circular opening.

Fotografia/Photographs by Satoshi Asakawa


Unica nel suo genere la notevole
copertura di vetro per il nuovo edificio
della televisione di Sapporo. La cupola
si apre e scompare lasciando l’interno
in balia degli elementi atmosferici
Lisbona 34

The first of its kind, the remarkable


glass roof of the new Sapporo
Milano 35

Television building opens up like a


flower and disappears, leaving the hall
Ivrea 30

open to the elements

28 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 29


Ivrea: tempio Angolo è arché
e aeroporto Martin Gamper, giovane designer
altoatesino, ormai londinese di
Questo luogo dovrà essere al adozione, colpito al cuore dalla
contempo “Tempio e Aeroporto” poetica dello spazio di Gaston
– dichiara Gillian Crampton Smith, Bachelard, si è dedicato a coltivare
direttore dell’Interaction Design con meticolosità la propria
Institute di Ivrea – nel discorso di ossessione per il tema dell’angolo.
inaugurazione del primo anno Indagando questa condizione
accademico dell’Interaction Design ristretta e privata dello spazio,
Institute di Ivrea. Gamper ne ha descritto e
Per ora sono 24 gli studenti classificato ogni possibile
provenienti dall’Italia e dal resto del espressione: “Every corner in a
mondo, che seguiranno il biennio di house, every angle in a room, every
specializzazione della scuola post- centimetre of secluded space in
universitaria. Come dice però which we like to hide, or withdraw
Franco De Benedetti (Senatore e into ourselves, is a symbol of
Presidente dell’Istituto), il progetto solitude for the imagination: that is
quinquennale per il quale non si to say, it is the germ of room, or of a
sono risparmiate energie house”. Ogni elemento concepito
(dichiarando lo stanziamento di 80 per essere collocato nel punto
miliardi per il primo lustro di attività), focale dove si incontrano le linee
non deve creare oggetti tangibili: generatrici dello spazio, si attiva per
quanto piuttosto cervelli, persone trasformare lo spazio regolare e
capaci di rispondere alle nuove stereometrico della stanza
esigenze di progettazione, di alterandone la percezione. Gamper,
invertire, come sostiene Giorgio De spinto a guardare questa
Michelis (docente di Informatica, dimensione inconsueta espressa
Sistemistica e Comunicazione dall’angolo, deve aver messo in
dell’Università degli Studi di Milano) moto un diverso sguardo sulle cose
il percorso tecnologia-interfaccia, che sono sempre sotto i nostri

Fotografie/Photographs by Pino Guidolotti


per volgerlo in interfaccia-supporto occhi, concentrandosi su un punto
tecnologico. che improvvisamente deve essergli
Una prima embrionale risposta è parso pieno di misteri e di significati
stata data nella mostra inaugurata in inespressi. FP
contemporanea ai corsi nella sede In the corner Martin Gamper,
dell’Istituto (la Casa Blu di Edoardo a young designer from Alto Adige
Vittoria, risalente agli anni who has adopted London
Cinquanta, rinnovata da Sottsass e as his home, was profoundly
Zanini), con la mostra “Mixed impressed by Gaston obsession for the theme of angles or corner in a house, every angle in a
Realities, Interacting with the Real Bachelard’s spatial poetics corners. Investigating this narrow, room, every centimetre of secluded
and dedicated himself private place, the corner, Gamper space in which we like to hide, or
and the Virtual”: otto progetti course. Nothing was spared during new way of looking at the flow of meticulously to has described and classified all of withdraw into ourselves, is a
sviluppati durante l’estate da the development of the institution, information between technological cultivating his its possible expressions: ‘Every symbol of solitude for the
specialisti dell’interaction. GT which took five years; announcing support and interface. imagination: that is to say, it is
www.interaction-ivrea.it a budget of 80 billion lire for Ivrea’s An embryonic first response has the germ of room, or of a house’.
Ivrea: airport and temple This initial endeavors, its president, been offered in the institute’s first Conceived for this point of
place will have to be an ‘airport and Senator Franco De Benedetti, noted exhibition. Installed in Edoardo convergence of lines in space,
temple’ at the same time, declared that instead of creating tangible Vittoria’s 1950s Blue House, each element is activated to alter
Gillian Crampton Smith, director of objects, the programme must renovated for the institute by the perception of a regular and
the Ivrea Interaction Design produce brains: individuals capable Sottsass and Zanini, the show, stereometric room.
Institute, in her speech inaugurating of meeting new planning needs, of entitled Mixed Realities: Interacting Gamper sets in motion a different
the institute’s first academic year. inventing, as Giorgio De Michelis, with the Real and the Virtual, way of regarding the things that are
At present, there are 24 students lecturer in computer science, presents eight projects developed right in front of our noses, focussing
from all over Italy and around the systems theory and during the summer by ‘interaction on an obscure place that to him is
world who are attending the two- communications at Milan’s experts’. GT full of mystery and unexpressed
year post-graduate specialisation Università degli Studi, maintains, a www.interaction-ivrea.it meaning. FP

La Casa Blu di Edoardo Vittoria,


degli anni Cinquanta, è la sede
dell’Interaction Design Institute
di Ivrea, nella rinnovata versione
dello studio Sottsass
Edoardo Vittoria’s Blue House,
built in the 1950s and renovated by
Ettore Sottsass, is home to the new
Ivrea Interaction Design Institute

30 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 31


Fotografia/Photographs by Osamu Matsui
Il Padiglione degli studenti Auto-demolizione
Un telaio d’acciaio bianco, ordito da per citarne alcuni: edifici dalle Uno stabilimento di autodemolizione
pannelli blu che si susseguono con elaborate geometrie, che abitano a Osaka diventa, nel progetto
ritmo variabile a intervalli irregolari, e l’intervallo tra l’espressione dell’architetto giapponese Kiichiro
aprono scorci inattesi sul paesaggio: architettonica e la facilità costruttiva Tomita, un laboratorio artigiano a
lame di luce e di verde che ecocompatibile. “Nel padiglione di misura d’uomo. Più un laboratorio di
attraversano magneticamente il Ascoli”, afferma Gambardella, “mi un fabbro artista che una rumorosa
volume e ne dilatano i confini. È il chiedevo come si potesse disegnare officina, dove il distruggere, lo
padiglione che Cherubino una cabane contemporanea in un smontare, volge magicamente nella
Gambardella ha realizzato nel giardino momento in cui la complessità costruzione del recupero.
secolare del convento astratta e la ricchezza plastica Demolition derby In architect
dell’Annunziata, sede della Facoltà sembrano dominare il paesaggio. Kiichiro Tomita’s plan, a Osaka car
di Architettura di Ascoli Piceno, per Così ho pensato che andava costruito demolition plant becomes a grandly
esporre i lavori di fine anno degli un corpo semplice, che avesse una scaled workshop. More artist’s studio
studenti. In un contesto piu’ vicino funzione necessaria e immediata”. than garage, this place magically
all’organizzazione e agli agi del Alba Cappellieri turns the act of destruction into the
campus anglosassone che non agli The student pavilion A white steel art of recycling.
spazi angusti e inospitali delle frame, webbed with blue panels that
università italiane, l’elegante struttura succeed one another with a variable
di Gambardella rifugge i limiti rhythm at irregular intervals and open
solitamente imposti agli spazi up unexpected glimpses onto the
espositivi. La chiusura verso l’esterno, landscape: blades of light and green
innanzitutto. L’architetto napoletano that magnetically cut across the
ha già prodotto ricerche formali volume and expand its confines.
orientate all’incontro del progetto con Such is the pavilion that Cherubino
tecnologia e natura: la torre del vento Gambardella has created in the
a Bagnoli e l’ostello per saccopelisti secular garden of the Annunziata

convent, the home of the Ascoli


Piceno Faculty of Architecture, for the
display the end-of-year work of its
students. With the generous scale
of a lush campus rather than the
cramped and unwelcoming spaces
of most Italian universities,
Gambardella’s elegant structure
avoids the limits normally imposed on Un concept store: Maupertuus
exhibition spaces. The Neapolitan
architect has already produced formal Un nome di derivazione medioevale a livello internazionale. Maupertuus
investigations of the relationships (Maupertuus è il Castello nella ospita anche mostre di produzioni
between planning, technology and leggenda animale “Della volpe tematiche o edizioni limitate, come
nature. The wind tower in Bagnoli and Reinarde”) per il concept store di quella in programma questa
his backpackers’ hostel are two Groningen progettato da Bart Vos che primavera con i prodotti di DMD e
examples: buildings with elaborate ospita le più importanti firme d'arredo Droog Design prodotti da DMD, cui si
geometries that inhabit the gap riferiscono queste immagini.
between architectural expression and Maupertuus: a concept store
constructive eco-compatible fluency. The name is medieval-Maupertuus
‘In the Ascoli pavilion,’ says being the castle in the Reynard the
Gambardella, ‘I wondered how one Fox story. But the store in
could design a contemporary cabana Groningen, designed by Bart Vos
at a time when abstract complexity stocks all the big names international
and the wealth of plastic art seem to names in contemporary design.
dominate the landscape. So I thought Maupertuus also exhibits themed or
it would be good to construct a limited-edition designs, such as the
simple shell that served a necessary one scheduled for this coming spring
and immediate purpose’. with objects by DMD left and Droog
Alba Cappellieri Design products by DMD, right.

Grafica aggressiva, ricerca delle rarità Aggressive graphics: At Soul Jazz Fasciante, comodo, con quadrante
degli ultimi cinquant’anni nei campi Records, they specialize in musical illuminato e di facile lettura, il nuovo
della Dance music, Jazz, Soul, Funk, rarities going back some 50 years, cronoswatch di Philippe Starck per
Reggae, Latin, Disco and Hip Hop from dance, jazz, soul, funk and Fossil è dotato di molte funzioni. Ora,
e una vasta gamma di musica reggae to latin, disco, hip-hop, and due allarmi, cronografo, countdown.
contemporanea. Soul Jazz Records ha a vast range of contemporary music. Resiste a cinque atmosfere.
sede nel cuore di Londra (a Soho con Soul Jazz, located in the heart of
lo shop Sounds of the Universe) London (its sister shop, Sounds of the Striking to look at, comfortable,
e firma anche eventi musicali. Universe, is in Soho), also organizes illuminated and easy to read, the new
www.souljazzrecords.co.uk musical events. Cronoswatch designed by Philippe
www.souljazzrecords.co.uk Starck for Fossil comes with a number
of handy features: two alarms, a
chronograph, timer functions and, of
course, the time.

32 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 33


Space Invaders 3. © Soft Room
Experimenta Design Lisboa Compasso d’Oro: essere e no
Belem Expo, andata e ritorno! viaggio di Lucy Bullivant Nato negli anni ‘50 da una delle divano stampato a rotazione, in un Compasso d’Oro: still golden? Kartell – this time, however, a true
Passando per l’Alfama, scendendo nell’architettura emergente) e tante geniali idee di Gio Ponti, pezzo unico (Bubble Club) di Established in the 1950s and technological gem has been named
sul lungo Tejo per visitare gli eventi Designoperandi (esposizione del sponsor prima La Rinascente e poi Philippe Starck – e con quello inspired one of Gio Ponti’s many the winner (its rotationally moulded
nei magazzini restaurati, risalendo design portoghese), magnificamente l’Associazione per il Disegno andato all’anglo-tedesco Constantin clever ideas, first sponsored by the single-piece couch, Bubble Club, by
al Chiado per non mancare ospitati da magazzini sulla direttrice Industriale, il Compasso d’Oro, ha Grcic per la lampada MayDay della La Rinascente department stores Philippe Starck) – and one to the
inaugurazioni in scintillanti gallerie, per Belem, recentemente restaurati. vissuto fasi alterne: agli inizi, vero Flos. Non manca spazio per il and then by the Associazione per il Munich based Constantin Grcic for
che stridono non poco con gli Un accenno per i tanti eventi, anche portabandiera del design italiano nel patriottismo con il premio assegnato Disegno Industriale (ADI), the his MayDay lamp for Flos. There
affascinanti negozi, ristoranti e non necessariamente solo legati al mondo, poi negli anni Settanta, alla Ferrari e per il localismo, con Compasso d’Oro award has was no lack of patriotism with the
abitazioni, stampate nella nostra design (ma anche alla grafica, video usanza borghese da dimenticare: l’altro massimo riconoscimento al survived through a number of prize for Ferrari. And ‘localism’, too,
memoria una volta scantonati dal e new media), che hanno fatto di nei primi anni ‘80, strumento nuovo Eurotram per Milano: phases. At the beginning, it was a with the recognition of the new
mitico e troppo turistico percorso questa seconda edizione di politico-clientelare. Oggi torna alla destinato, come i vecchi Jumbo, a genuine standard-bearer for Eurotram for Milan, destined, like
del tram numero 28. Cantieri, Experimenta design (dal 16 faticosa ricerca del nuovo e del intasare le strade dell’asfittico bringing Italian design to the world’s the old Jumbos, to clog the streets
continue sorprese; vedere un settembre al 31 ottobre), un migliore. Alcune curiosità balzano centro milanese. In un sopravvento attention. In the 1970s, a bourgeois, of the city centre. In a swelling of
quartiere Expo ancora vivo dopo appuntamento importante; un quindi all’occhio, scorrendo la lista d’orgoglio critico, i giurati hanno forgettable affair. And in the early critical pride, the jurors
il 1998, anzi brulicante più che mai modello propositivo percorso anche dei premiati della XIX edizione (una riconosciuto il valore del programma 1980s, a political patron-and-client acknowledged the value of the
e non solo di turisti (un amico da altre città, meno ‘istituzionale’ e sera del 15 ottobre in Triennale, con My Home Bticino, concreto instrument. Today it has returned to Bticino My Home program, a
giornalista ci parla di ambita zona più diluito nel tempo rispetto a quelli tanto di neo Ministro dei Beni approccio all’automazione the exacting search for the new and concrete approach to domestic
residenziale). fieristici e forse per questo più diretto Culturali, davanti a una folla domestica, che lascia indietro la the best. Some striking innovations automation, rooted on imitations of
Anche questa seconda edizione e comunicativo. GT strabocchevole). Innanzitutto il concorrenza del settore abbarbicata are to be seen in the list of prize- Bticino product ‘aesthetics’, that
di Experimenta Design è così: una Experimental Design riconoscimento alla sperimentazione sulle imitazioni delle ‘estetiche’. winners for this year, the 19th in the leaves the competition behind.
continua e simpatica sorpresa (per Lisbon is attempting to establish pedagogica, con il premio a Stefano Forse anche l’ADI, a cominciare dai Compasso d’Oro’s history the Perhaps the ADI, judging from the
gli appuntamenti dichiarati e itself as a centre of architecture and Casciani (vicedirettore di Domus) criteri con cui assegna il suo (announced last month at a criteria with which it assigns its
‘rilassatamente’ rispettati), per la design. The city was transformed by Anna Del Gatto e Maurizio prestigioso Premio, deve decidere ceremony at the Trienniale in Milan prize, needs to decide what it wants
bellezza di singoli avvenimenti. the Expo of 1998, and the site of the Malabruzzi per la trasmissione cosa vuole continuare a essere, o a in the presence of the Minister for the prize to continue to be – or not
Le mostre di Dieter Rams al Centro fair is still full of life, having become a televisiva RAI Educational Lezioni di non essere. Anna Del Gatto (che in Culture). There’s a new recognition be. Anna Del Gatto (who has fought
Culturale di Belem, ma anche i popular residential area. And the city Design: testimonianza di un buon questi anni ha anche lottato perché for educational experimentation, as for the association to emerge from
fronteggianti Space Invaders (un has just staged its second momento appena trascorso della l’Associazione uscisse dal suo aureo demonstrated by the prize awarded its Milanese domination and
televisione italiana, in cui l’Ente isolamento ambrosiano-veneto) to Domus’s Stefano Casciani, Anna become truly national) assures us
Voyager, Image Module 2, London. © Anna Shori

Experimental Design show. Openings pubblico ha per la prima volta preso assicura che la ristrutturazione Del Gatto and Maurizio Malabruzzi that the restructuring of the ADI
in gleaming galleries compete with in considerazione seriamente la dell’ADI faticosamente messa in for the RAI Educational television started up by the ‘young’ is about to
the new shops, restaurants and disciplina del design, la sua storia e piedi dai ‘giovani’ sta per produrre program The Lessons of Design – reach a watershed: the creation of a
dwellings along the legendary tourist la sua attualità. C’è poi l’apertura una svolta epocale: creazione di una the first serious treatment of the foundation, that would stand
infested route of the number 28 tram. internazionale, con l’ennesimo Fondazione, divisione delle discipline of design to appear on alongside a division that would deal
Experimental Design was a series of Compasso assegnato alla Kartell – competenze di tutela e di television. Then there is the with professional practice and
continuous pleasant surprises. che però stavolta vede premiato un promozione, riconoscimento della international aspect, with the promotion and the wider recognition
The individual events were excellent, vero gioiello tecnologico come il professione. C.L.N. umpteenth Compasso given to of the design profession. C.L.N
from the show by Dieter Rams at
the Belem Cultural Centre and Space
Nel 2002 sarà inaugurato il nuovo anteprima nazionale, ha come and Difesa della Natura – Corpo

© Skira Edizioni
Invaders (a trip by Lucy Bullivant Museo di Arte Moderna e scopo primario quello di portare Unico Fotografico. The former
into emerging architecture, pictured Contemporanea di Rovereto, su a conoscenza del pubblico installation was on view at the Mart
above and left) to Designoperandi progetto di Mario Botta. l’operazione Difesa della Natura di in Rovereto on October 13. The
(an exhibition of Portuguese design). In questo contesto saranno Beuys, nata in Abruzzo negli ultimi exhibition’s curator is Antonio
They were handsomely allestite due stanze con importanti quindici anni di vita del Maestro D’Avossa, who organized the 1993
accommodated in the string of newly lavori di Joseph Beuys, della nuova arte sociale, con la retrospective Joseph Beuys –
restored warehouses and depots on appartenenti alla collezione privata solidale collaborazione di Lucrezia Operación Difesa della Natura for
the main road into Belem. di Lucrezia De Domizio Durini: De Domizio Durini e l’affettuosa the Generalitat de Catalunya at the
Diary of Seychelles e Difesa della testimonianza dell’obiettivo Santa Monica Museum in Barcelona.
Featuring not just design, but also
Natura – Corpo Unico Fotografico. fotografico di Buby Durini. The primary purpose of the
graphics, video and new media, La prima installazione si è già exhibition is to increase public
Experimental Design is much less inaugurata al Mart di Rovereto il The new museum of modern and awareness of Beuys’ Difesa della
institutional than many other such 13 ottobre. Curatore è Antonio contemporary art in Rovereto, a Natura project. Created in Abruzzo
city events and is more direct and D’Avossa, già autore nel 1993 della project designed by Mario Botta, during the artist’s final years, the
communicative than the usual trade mostra antologica: “Joseph Beuys will open next year. The museum’s series of images represents a
fairs. On the strength of this year’s – Operación Difesa della Natura” – inaugural exhibition will present two collaboration between the artist and
event it looks set to become a promossa dalla Generalitat de major works by Joseph Beuys from De Domizio Durini, that was
regular fixture on the international Catalunya al Museo Santa Monica the private collection of Lucrezia De affectionately documented
di Barcellona. L’esposizione, in Domizio Durini: Diary of Seychelles photographically by Buby Durini.
design circuit. GT

Dice Umberto Eco che l’uomo si Large ethereal objects: according to


affranca dall’hic et nunc verso Umberto Eco, human beings free
l’astrazione tramite i significati dei themselves from the ‘Hic et nunc’
segni. I segni di Dorota Koziara, i toward abstraction through the
dodici angeli sfuocati, le dodici sedie meanings of signs. Dorota Koziara’s
di vimini, rimandano all’idillio agreste, signs, 12 ‘hazy, out-of-focus angels’,
alla memoria della campagna are wicker chairs that refer to the
abbandonata, al silenzio contrapposto bucolic idyll, the memory and
al rumore della città. Nel farlo tranquility of an abandoned
ingannano l’occhio che guarda, quasi a countryside. They deceive the eye that
voler celare la forma delle sedute, sees them, seeming to conceal the
tratteggiando silhouette evanescenti. shapes of the seats, hatching
Simbolici presagi, “fluttuanti mobili”, evanescent silhouettes. Symbolic
nostalgiche riflessioni premonitions, ‘fluctuating furniture’,
sofisticatamente povere tra arte e sophisticated yet rustic, these are
design, compendiarie presenze che nostalgic reflections between art and
l’artista non ha ancora richiamato design, pithy presences that the artist
dall’inconscio e per questo non iscritto has not yet summoned from the
nelle colonne delle cose buone o unconscious and so are not enrolled in
cattive. GT the columns of good or bad things. GT

34 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 35


Perduto
nello
spazio

Anne Susskind a
proposito di un
edificio per celebrare
il significato
dell’Australia più
remota
Anne Susskind on a
building that tries to
explain the meaning of
one of the Australia’s
remotest places
Fotografia di/
Photography by
John Gollings

Lost
in space
1 area espositiva esterna/ Lontano da ogni Far from any Il Karijini Visitor Centre, situato polveroso e dallo spinifex, una pallida tornando a reclamare la loro eredità. salvaguardare, c’è il turismo, ci sono le
external display centro abitato, habitation, the nell’entroterra dell’Australia erba tipica dell’Australia. Lo spinifex Ci vuole una persona molto pressioni dell’industria mineraria –
2 ingresso/entry il Karijini Visitor Karijini Visitor Occidentale, fra montagne, profonde assomiglia a un istrice, con peduncoli particolare, con capacità che la e ogni parte cerca di tirar l’acqua al
3 area di riposo/rest area Centre sorge nel Centre rises in
gole e terre rosse, è un luogo davvero che emergono dalla parte centrale maggior parte degli architetti non suo mulino.
4 area espositiva/ paesaggio the semi-desert
interpretative display semidesertico landscape of
remoto. Per arrivare qui da Sydney sparpagliando semi in cerchi sempre possiede, per trovare accordi Secondo l’architetto John Nichols,
5 negozio/shop 8 8 9 dell’Australia Western occorrono quattro ore di volo con due più ampi mentre all’interno la pianta politicamente corretti fra le diverse responsabile del progetto, il Centro
6 sala conferenze/ Occidentale. Australia. Its tall scali fino a Perth, poi circa altre due muore. Vicino si trovano delicati fiori parti: gli enti governativi che hanno deve essere più che discreto e
lecture theatre 7 Le alte pareti steel walls are ore su un aereo più piccolo per porpora e gialli, ma il resto del stanziato i fondi da un lato e gli allinearsi alla sua funzione di
7 toilette/toilet d’acciaio sono treated with Paraburdoo, una città mineraria con paesaggio è aspro, inclemente, così aborigeni dall’altro. Fra il rendere ‘interprete’. La popolazione aborigena
6
8 ufficio/office state trattate con chloric acid to un minuscolo aeroporto. Il posto più secco, si dice, che l’uomo può giustizia dopo vicende storiche assai della tribù Banyjima, sulla cui terra è
9 deposito/store acido cloridrico match the conveniente per fermarsi è Tom Price, sopravvivere all’ombra quarantotto dolorose e il costruire un’attrazione stato costruito, è stata consultata
per renderle colours in their altri 60 chilometri più avanti, una città ore al massimo. Quando arrivano i interessante per i turisti la linea è molto regolarmente a ogni stadio del lavoro.
cromaticamente surroundings
5 di villette degli anni Sessanta con grandi incendi, si diffondono in un sottile. Dall’inizio della progettazione Gli anziani della tribù hanno
omogenee (previous pages
all’ambiente (alle and below)
piccole finestre quadrate scorrevoli. lampo e denudano gli alberi e la terra – fino all’apertura del Centro, nel giugno contribuito alla scelta del sito, girando
4 Niente di architettonicamente audace poi ci vogliono almeno due stagioni scorso, ci sono voluti sei anni di il territorio fino a trovare il punto giusto.
pagine precedenti
3 e sotto) ha mai turbato le menti della favorevoli di piogge perché la consultazioni e negoziati; gli architetti Seguendo la tradizione aborigena di
popolazione locale; il luogo brilla vegetazione si riprenda. dell’edificio e gli ordinatori del esprimere il legame con la terra
soltanto per le buganvillee porpora Il Visitor Centre, progettato da materiale esposto hanno seguito attraverso la rappresentazione di
diffuse dappertutto e per la Woodhead International BHD, informa strettamente il protocollo dettato dagli animali, l’edificio è stato modellato in
Pianta/Floor plan 2 cerchia di colline che al tramonto si il pubblico sulla flora, la fauna e la aborigeni, spesso viaggiando per forma di goanna (una specie di rettile
colorano di rosa. storia del Karijini National Park e dei giorni al fine di ascoltare il parere degli tipico dell’Australia), o kurrumanthu,
Da Tom Price ci sono ancora 120 suoi signori di sempre, gli aborigeni, anziani delle varie tribù. La regione di stilizzato. C’è un Centro nella località
1 chilometri per raggiungere il Visitor che hanno vissuto su questa terra per Pilbara è un territorio carico di tensioni di Uluru, nel Territorio del Nord, che ha
Centre: il paesaggio è come un più di ventimila anni, ma da cui sono anche per altri motivi: i nuclei abitati la forma di due serpenti; un altro
arabesco straordinariamente bello e in poi stati in gran parte spodestati. Il ospitano minatori che vivono separati Centro in programma a Broome,
continuo mutamento, fatto di colline di Parco attraversa i confini fra le tribù dalle famiglie; la vicina Wittenoom è nell’Australia Occidentale, avrà la
roccia metallifera color rosso cupo e Banyjima, Kurrama e Yinhawangka, i una città fantasma, i cui abitanti sono forma di una tartaruga; a Jabiru, nel
vaste piane deserte, appena addolcite cui membri ora risiedono quasi tutti stati decimati dal cancro causato Territorio del Nord, c’è un hotel-
da alberi bassi di un grigioverde un po’ nelle città, anche se alcuni stanno dall’amianto. C’è una terra da coccodrillo; e nel Nuovo Galles del
La forma del The form of the
complesso, complex, with its
6 7 con i muri sinuously curved
1 2 3 4 5 sinuosamente walls, recalls that
piegati, richiama of the goanna,
quella del goanna, a native reptile
Sezioni trasversali/Cross sections una specie di
rettile locale

1 area espositiva esterna/


external display
6 2 ingresso/entry
4 8 9
3 area di riposo/rest area
4 negozio/shop
Sezione longitudinale/Longitudinal section Sezione trasversale/Cross section 5 ufficio/office
6 area espositiva/
interpretative display
7 sala conferenze/lecture theatre
8 edificio principale/main building
9 locale tecnico/technical room

Sud una parte di un complesso dove appare come un semplice popolazione Banyjima, anche all’edificio, che mai ha considerato la
carcerario ha forma di lucertola. ‘sbaffo’, qualche linea retta, qualche richiamando alla memoria i percorsi struttura come la cosa principale, ma
Questa pratica può produrre risultati linea curva nell’immensità che sta antichi – molti dei quali spariti dopo l’ha pensata semplicemente come un
magari assurdi – specie di parchi a attorno, è soddisfatto. Inquadrato in l’arrivo dei bianchi – che si contenitore. Le gronde e i pluviali sono
tema o addirittura caricature – ma il una sella fra due colline, l’edificio si incrociavano nel Paese. A un livello nascosti alla vista o capovolti, con
Karijini Visitor Centre va al di là della eleva sul pendio quel tanto che non ancor più letterale, i muri ricurvi l’acqua che cade direttamente dal
rappresentazione letterale. guasta il profilo del territorio. Da vicino evocano le vicine gole e le forre. tetto o sfiora i muri. Le pareti laterali
In pianta il ‘goanna’ è costituito da tre comunque è poderoso: grandi I pannelli d’acciaio si trasformano sono in un materiale diverso
parti: la coda, che contiene materiali strutture prefabbricate di acciaio, all’interno in pannelli di cartongesso – dall’acciaio, così da non far perdere
sulla storia delle popolazioni portate in camion da Perth e con gli oggetti in esposizione disposti forza all’idea conduttrice,
aborigene, da comprendere e imbullonate l’una all’altra come un lungo i freschi e bui passaggi fra un quella delle gole.
conoscere per poter andar oltre; la Meccano, poi saldate e lavate con pannello e l’altro, che finiscono in Non si può dire che questo sia un
parte centrale – il corpo del goanna – l’acido cloridrico per accelerarne il porte vetrate o in finestre aperte sul edificio progettato nei dettagli. Tutti i
che offre informazioni sulla legge e deterioramento. Il metallo arrugginito paesaggio da cui entrano fasci di luce. fondi disponibili sono stati spesi per
sulla cultura degli aborigeni; e la testa riprende il tema dei profondi squarci L’edificio è disposto sull’asse est- l’insieme, le maniglie delle porte e gli
a forma di uovo, dove si trova anche lo lasciati dai minatori nella roccia delle ovest, parallelo alla strada che corre altri accessori sono di un tipo comune
shop del Centro, che svolge il tema del colline ricoperte di spinifex. Si sente più sotto e alle colline retrostanti, ma che si trova in commercio, facili da
progresso, dell’impegno, del anche una certa eco della scultura contrario alle regole della montare e da sostituire, in modo che
commercio, cioè le direzioni che la Snake di Richard Serra, che si trova al climatizzazione passiva. Quando anche così isolato com’è l’edificio
popolazione aborigena locale intende Guggenheim Museum di Bilbao, ma durante il giorno la temperatura possa ‘autoguarirsi’. I muri sono già
prendere per il proprio futuro. Il capo qui in chiave più libera, con le linee del raggiunge i 45°C, il sistema di decorati da graffiti, che Nichols ama
delle guardie del Parco, Maitland profilo incise contro il grande cielo. condizionamento passivo non può pensare come un’espressione di rock
Parker, che appartiene alla tribù Benché rispettosa dell’ambiente, la offrire un gran comfort. A Nichols art contemporanea. Presto lo spinifex
Banyjima, dice che il goanna è stato struttura ha una sua intrinseca forza, comunque non interessano le grandi e altre specie locali conquisteranno la
scelto per varie ragioni: “Perfetto rivendica il suo diritto all’esistenza: vetrate, o i tetti sporgenti, o le verande terra rossa rastrellata intorno al Centro
abitatore del bush, è un simbolo del una struttura senza finestre, con le che una pianta di questo tipo e si arrampicheranno sui muri. Forse
nostro popolo, delle nostre credenze, pareti d’acciaio alte sei metri richiederebbe. A suo parere le grandi anche il bitume della strada sarà
del nostro Paese, della nostra terra. conficcate per circa mezzo metro nel finestre farebbero vedere troppe cose coperto da un manto rosso. Secondo
Ha una testa con una forma terreno, proprio l’opposto del “toccare invece di impreziosire il contenuto Nichols questo edificio toccherà il suo
particolare; è un animale intelligente; la terra con leggerezza” di Glenn dell’edificio, mentre le verande momento migliore quando sarà
si rintana nel terreno, vive sotto terra, Murcutt. “Si tratta di superare il rievocherebbero le immagini dei diventato una rovina. “Mi piace l’idea
non va mai in giro durante le ore calde disagio e le esitazioni dell’uomo vecchi proprietari terrieri seduti in delle cose che si deteriorano e
e nel pomeriggio si riposa. È un bianco per vedersela direttamente veranda con aria da padroni: e decadono, non si può vincere
cacciatore-raccoglitore e un animale con il paesaggio australiano”, padroni infatti erano di tutto ciò che si contro gli elementi. I muri
saprofago. Cava il meglio dalle cose osserva Nichols. vedeva attorno. continueranno ad arrugginire finché
che trova ed è trattato con rispetto”. La costruzione è formata da un Ogni prospettiva sottolinea il tutto crollerà, a un certo momento, fra
Essendo nomadi, gli aborigeni non sistema di muri autoportanti ricurvi predominio dei muri ricurvi. Il tetto un centinaio di anni”.
hanno una grande tradizione come che si sovrappongono e che possono scende fin dietro questi muri, e nulla
costruttori, e questo ha lasciato aperta essere letti come una sopra di esso ne interrompe il profilo. Lost in space The Karijini Visitor
la scelta dei materiali per Karijini. rappresentazione dell’intervento I condizionatori sono stati relegati sul Centre, set deep in the west Australian
La terra battuta, usata nel Centro di europeo in Australia, ma sono muri retro, dove sfortunatamente sono un outback among mountains and gorges
Uluru, e altre disponibilità ‘caserecce’ che non si incontrano, e formano un po’ troppo visibili al di là delle stecche and red earth, is about as remote as it
(come i mattoni di fango) furono insieme sparso che lascia libero il d’acciaio molto distanziate. Nichols gets. Travelling there from Sydney
naturalmente prese in considerazione: visitatore di trovare il suo personale spiega che non ha mai inteso involves two flights – over four hours
ma Nichols e il suo gruppo – Craig percorso: come sta cercando di fare la incoraggiare i visitatori a girare attorno to Perth and nearly two on a smaller
Forman, Martin Neilan e Karl Woolfitt – plane to Paraburdoo, a mining town
furono contenti quando i with a one-room airport. The most
rappresentanti degli aborigeni le convenient place to stay, Tom Price, is
rifiutarono, lasciando ai progettisti la 60 kilometres further, a town of 1960s
libertà di scegliere soluzioni più high- suburban bungalows with small
tech. E in una zona fra le più ricche del square sliding windows. Nothing
mondo in minerali di ferro, il metallo architecturally adventurous has ever
sembra una buona scelta. stretched local imagination; the place
Entrare in competizione con questo is brightened only by a scattering of
paesaggio o cercare di imporsi a esso purple bougainvillea and a ring of hills
sarebbe stata una follia. Il Centro ha that are pink in the evening light.
una superficie di 500 metri quadrati in From Tom Price, it’s another 120
un Parco di 627.500 ettari: quando kilometres to the visitor centre, and the
Nichols lo osserva dalla strada, da landscape is an astoundingly

40 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 41


42 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 43
Il Centro documenta The centre documents beautiful, constantly changing frieze of in the towns, although some are self-effacing, subservient to its information about aboriginal law and
la storia naturale e the natural and cultural deep-red iron ore hills and vast desert returning to reclaim their heritage. interpretive function. Local aboriginal culture; and the egg-shaped head,
culturale del Parco history of Karijini planes softened by low, dusty gray- It takes a special kind of person with people from the Banyjima tribe, on containing the shop, is about moving
nazionale Karijini. National Park. Leaders
green trees and spinifex, a bleached- skills most architects don’t possess whose traditional land it is built, were on, engagement, and commerce, the
Gli aborigeni, da oltre of the aborigine tribes
ventimila anni occupanti that have occupied
out Australian grass. Spinifex looks to negotiate a path of political consulted every step of the way. Tribal future directions the local aboriginal
di queste terre, these lands for over like a porcupine, with stalks emerging correctness between the various elders helped pick out the site, walking people wish to take. The park’s chief
hanno contribuito 20,000 years oversaw from its centre, scattering seeds stakeholders – the government around until they found the spot that ranger, Maitland Parker, who is a
alla definizione both the architecture outward in ever-wider rings while the departments that offered the funding felt right. In line with the aboriginal member of the Banyjima tribe, says
dell’architettura e and the arrangement plant itself dies from the inside out. and the aborigines. It’s a fine line tradition of expressing connectedness the goanna was chosen for a number
all’ordinamento dei of the exhibits Up close, there are dainty purple and between doing justice to a painful to the land through the depiction of of reasons: ‘It’s a good bush tucker. It
materiali espositivi yellow flowers, but overall it’s a harsh history and creating a palatable tourist animals, the building is modelled on an symbolises us in coming from our
landscape, unforgiving – an area so attraction. From the project’s inception abstracted goanna, or kurrumanthu. beliefs, our country and earth. It has a
dry, they tell you, that you’d survive for until its opening in June, it took six Likewise, a centre in Uluru in the distinctively shaped head; it’s a clever
only 48 hours in the shade. The big years of consultation and negotiation; Northern Territory represents two animal; it burrows into the ground,
fires, when they come, are started by the architects and exhibition designers snakes; a proposed new visitor centre lives underground, never wanders
lightning and burn the trees bare. It followed strict aboriginal protocol, in Broome, Western Australia, will take through the heat of the day, rests up in
takes at least two good seasons of often travelling for days to listen to the the shape of a turtle; there’s a the afternoon. It’s a hunter-gatherer
rain to revegetate. thoughts of tribal elders. The Pilbara crocodile hotel in Jabiru in the and scavenger. It makes the best of
The visitor centre, designed by region is tense territory for other Northern Territory; and in New South things and is treated with respect’.
Woodhead International BDH, reasons, too: the towns are home to Wales, a lizard forms part of a prison Aborigines are traditionally nomadic
provides information on the flora, miners living apart from their families, complex. Although this practice can and have no great building tradition,
fauna and history of Karijini National and nearby Wittenoom is a ghost produce absurd theme-park results, which left the choice of materials wide
Park and its traditional owners, the town, its community decimated by caricatures, the Karijini Visitor Centre open. Rammed earth, used in the
aboriginal people who lived on this cancer-causing blue asbestos. goes way beyond the literal. Uluru centre, and other homespun
land for over 20,000 years but have Conservation, tourism and mining In plan, the goanna is in three parts: ‘nuts-and-berries’ options like mud
since been largely dispossessed. The pressures all pull in different The tail section houses material on brick were considered, but Nichols
park cuts across the boundaries of the directions. aboriginal history, to be understood, and his project team, Craig Forman,
Banyjima, Kurrama and Yinhawangka According to project architect John acknowledged and left behind; the Martin Neilan, and Karl Woolfitt, were
tribes, most of whose members reside Nichols, the centre is intended to be middle, the goanna’s body, carries pleased when the aboriginal
Per il progettista The architect believes representatives rejected these, freeing and of itself, staking its claim, and open to the landscape. simply a vessel. Gutters and
l’edificio toccherà l’apice the building will attain them up to go more high tech. Metal windowless, bunkered down, its six- The centre’s axis is east-west, parallel downpipes are concealed from view
del suo significato its deepest significance seems a fitting choice in one of the metre-high steel walls rammed about to the road below and hills behind, but or subverted, with the water falling
quando sarà diventato when it becomes a ruin,
world’s richest iron ore areas. half a metre into the earth, vigorously antithetical to passive solar design directly from the roof or down
una rovina e verrà a natural feature of the
inglobato nel paesaggio landscape
To compete with this landscape would opposing Glenn Murcutt’s dictum of principles: Where daytime spillways between wall plates. Lateral
come un elemento be madness. The centre is about 500 ‘touching the earth lightly’. ‘It’s about temperatures can reach 45 degrees, walls are visually distinguished from
naturale square metres in a park of 627,500 overcoming whitefella discomfort, passive solar design cannot provide the steel so as not to dilute the
hectares, and Nichols is happiest reticence, to engage with the great comfort levels. Nichols is also concept of the gorges. This is not an
when he sees it from the road, where Australian landscape directly’, notes not interested in the large windows, overdesigned building in any of its
it is just a ‘smudge’, a few lines and Nichols. overhanging roof or verandahs that details. All of the budget went into
curves in its surroundings. Framed by The building is a system of such a plan would necessitate. the overview; door handles and other
the saddle between two hills, it is as freestanding, overlapping curved walls Windows would reveal too much fittings are off the shelf, easy to
high on the slope as possible without that can be read as representing instead of making the building’s replace and install, so the building
disrupting the contours of the land. European intervention in Australia. contents precious, while verandahs can be ‘self-healing’ in such a remote
Up close it is extremely forceful: huge But they are also walls that don’t meet, ‘appropriate the country’, conjuring up location.
prefabricated hulks of steel, brought a ‘loose assembly’, allowing people to images of owners sitting around in a Already graffiti is worked into the
by truck from Perth and bolted find a path for themselves as the proprietary way, masters of all they walls. Nichols likes to think of it as
together like a Meccano set, then Banyjima people are trying to do, survey. contemporary rock art. Soon the
welded and washed with hydrochloric harking back also to the aboriginal Every point of view reinforces the spinifex and other outback life forms
acid for accelerated weathering. The paths – many of which were primacy of the centre’s curved walls. will take over the red raked earth
Progetto/Architect:
Woodhead International
rusted metal picks up on the deep red obliterated with the arrival of white The roof drops down behind them, around the centre, creeping right up to
Allestimento espositivo/Exhibition: gashes of rock cutting into the settlers – that used to crisscross the with nothing on it to interrupt the lines. its walls. Perhaps the bitumen road will
David Lancashire Design spinifex-covered hills. There are clear country. At a still more literal level, the Air conditioners have been relegated get a red coating, too. According to
Strutture/Structural engineering: echoes, too, of Richard Serra’s curved walls evoke the nearby gorges. to the back, where they are Nichols, this building will be at its best
Connell Mott MacDonald sculpture Snake at the Guggenheim The steel plates continue in unfortunately too visible through as a ruin. ‘I like the idea of things that
Impianti/Services: Museum Bilbao, but set free, etched plasterboard inside, with displays widely spaced steel louvres. Nichols decay. Against the elements, you can’t
BCA Consultants against the huge sky. sandwiched in cool, dark passages says the aim was never for people to win. It will continue to rust until
Committente/Client: Although accommodating of the between them, ending in glass doors walk around the building – the everything falls down, somewhere on
Pilbara Development Commission
environment, the structure is strong in or windows that let in shafts of light structure was not the ‘main game’, the other side of 100 years’.
Andoe Armani
Stefano Casciani Tadao Ando talks Fotografia di/
intervista Tadao Ando to Stefano Casciani Photography by
sul rapporto moda- about fashion, Richard Bryant/Arcaid
architettura e il suo architecture and
nuovo teatro per his theatre for
Giorgio Armani Giorgio Armani

Ando and
Armani
48 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 49
L’architettura

Fotografia di/Photography by Pino Guidolotti


Donne del Paradiso avanzano verso domani, quando ci sarà la sfilata e chasing mirages of wealth and
i teleobiettivi, attraversando per una tanta gente si ritroverà qui, ci sarà un convincing itself that it has no need of
volta l’architettura e non il piano forte scambio, una comunicazione such a dignified public space. Public

guarda la incerto di tavolati montati durante la


notte. Fuori la città è di quelle che
stanno perdendo l’anima, a furia di
intensa tra persone e si potrà sentire
che questo spazio può aumentare
l’energia di chi si incontrerà qui”.
spaces are now almost entirely
swallowed up by cars or monopolised
by McDonalds, Blockbuster video 10
9
6

moda correre dietro stock options e altri


miraggi mediatici di ricchezza,
facendo finta che non esista il bisogno
Sia Ando che Armani sembrano
dunque condividere l’idea che il teatro
del mondo è oggi proprio quello della
stores and Esselunga supermarkets.
Inside, Tadao Ando and Giorgio
Armani have constructed an 6
d’architettura dei cittadini e degli spazi moda, un universo tanto superficiale alternative reality. A celebrated Italian
loro necessari: integralmente ormai quanto serissimo se non altro per il fashion designer and a Japanese 8
occupati da automobili, oppure da contributo che dà all’economia dei architect with the ability to deliver 7
MacDonald, Blockbuster ed Paesi ricchi e straricchi. Solo che sharp, dry and well-aimed
variazione/variation b
Esselunga davanti cui parcheggiano Armani ha già saputo dimostrare di architectural punches, suggesting his
indisturbate, chissà come mai, altre saper manipolare questa materia previous career as a boxer, have come 5
automobili. Una città il cui governo repulsiva e affascinante in molte together to produce an entirely new 6
della moda e del costume sa difficili prove. Mentre altri hanno kind of space that presents fashion as
4
soprattutto farsi ventaglio per dovuto frugare nelle cantine polverose something that comes close to art. 4
pavoneggiamenti e mascherature della storia del costume, accennando It is difficult to place Armani’s highly 2
delle più bizzarre, in genere imitazione volentieri la strizzata d’occhio alla personal work in the story of Italian art.
Police Department di New York. pedofilia e al feticismo, Armani è He has succeeded in inventing a style
Eppure, anche questa capitale sembrato continuamente ritornare for men and women that can only be 4
variazione/variation c
2
dell’Impero d’Occidente ha dovuto a un’illusione più da futurista che da defined as ‘Armani’. He is engaged in
cedere alla Storia. I suoi onnipotenti stilista: quella di costruire un nuovo an unusual and truly total
compratori oscillano tra desiderio di universo (nel suo caso, il corpo di gesamtkunstwerk that ranges from the
cedere alla paura e istinto di uomini e donne) come ‘figura’ sempre building of a business empire to the
3
sopravvivenza colta, ma attraversano in discussione, invece che bisognosa acceptance of a challenge from a
comunque l’Oceano e i Continenti per di continue rassicurazioni. Era quindi world with no time for real beauty,
atterrare sani e salvi dentro la sorpresa forse più Tadao Ando a dover ready at the most to consume it in the
più chiara che Tadao Ando e Giorgio dimostrare di essere capace anche di space of a single season. variazione/variation d
2
Armani potessero fare a loro e alla città misurarsi con quella teatralità effimera The inaugural show in Armani’s new
di Milano: un nuovo teatro e galleria mescolata a una psichicità sofisticata, theatre climaxes in a high tide of white, 2
d’arte con annesso spazio d’acqua di cui la cultura della moda, ammesso black and blue. On the monitor at the 1
per meditazioni veloci. Un signore che ne esista una, non può privarsi: end of the runway flash the faces of
occidentale riflessivo e deciso, pena il suo scadere immediato a the young, angelic-looking models
accanto a un altro signore orientale piagnisteo sociologico o, peggio, preferred by the designer. In the end
pronto a dare colpi d’architettura a macchietta di sé stessa. Ando ha everything is tinged with red, blooming
diretti, secchi e ben mirati, come se la provato dunque a inserire nella in a riot of sparkling flowers against
sua precedente vita da pugile unita a simbolica messa in scena della the utter transparency of ethereal Pianta/Plan
quella precedente di stilista dell’altro, maison Armani qualche elemento bodies. When the lights go up and the
Armani non è il solo stilista a scegliere non facessero che confermare che la rischiarano appena il cammino verso Questa vicinanza alle persone è molto del suo ascetismo progettuale: grandi women have disappeared back to where forms are painted and then confront the ephemeral theatricality of
Tadao Ando (a destra) per il disegno strada per l’arte è lunghissima e l’arena semicircolare, il foyer più simile a come io vedo l’architettura: il schermi ciechi e leggere aperture, paradise, Ando’s architecture remains, called art. Not all buildings can be art, fashion as well as to understand the
dei suoi spazi: Lagerfeld gli ha tortuosa. Non si sa infatti come spoglio della storia del teatro. fatto che anche la moda sia così spiragli quasi invisibili di luce e infilate populated by more ordinary mortals. but that is the intention, the desire to sophisticated psychological nuances
commissionato il progetto di una
collocare nella storia dell’arte italiana Il giorno prima della sfilata, Armani e intimamente legata alle persone e che prospettiche, oscurità e illuminazioni They do not fail to be impressed by the concentrate energies on creating that are the lifeblood of the culture of
residenza
l’opera di Armani (che pure è riuscito Ando vi stanno felici e perplessi, le persone si rapportino con tanta improvvise. Il gioco sembra demonstration of willpower that the something memorable that may fashion, assuming that such a thing
Armani chose Tadao Ando, right, to
a inventare figure di uomini e donne bersagliati da decine di domande e facilità a essa ne fa una forma d’arte perfettamente riuscito, così da space represents. influence people’s lives’. indeed exists. Otherwise fashion is
design his new installation in Milan.
Ando’s work for other fashion altrimenti non definibili se non Armani), fotografie tutte ugualmente mondane. che rappresenta bene il nostro tempo”. aggiungere un altro tassello a quel Armani himself says of the place: ‘I like What is it, then, that makes a project reduced to nostalgia or a caricature of
designers includes designing impegnato in uno strano Portata sul piano del rapporto tra Quindi moda e architettura sono per complicato mosaico che è oggi the concept of permanence in this that combines the idea of fashion with itself. Ando has endeavoured to inject
a house for Karl Lagerfeld Gesamtkunstwerk davvero totale: che moda e architettura, la conversazione Ando una forma dell’arte? l’incrocio e l’intreccio democratico tra work, it has something lasting about it; that of architecture so interesting? ‘It is into the symbolic staging of Armani’s
va dal costruire un impero economico si fa più interessante. “Certamente non nelle forme fisiche: le diverse culture dell’espressione: it is not tied to the present, but has a probably the fact that I am interested business an element of his own
all’accettare la sfida di un mondo che Così è proprio Armani a dire della non tutti gli edifici possono essere arte arte, architettura, moda e design, substance that will allow it to be used in how architecture can give people architectural asceticism. Large
della vera bellezza non sa che farsene, costruzione definitiva: “Mi piace il ma conta l’intenzione, la volontà di più o meno tutte sullo stesso piano. for a long time to come, and maintain energy, especially in places where screens veil the light, and minimal
pronto al massimo a consumarla in concetto di eternità di questo lavoro, concentrare le energie nel creare Se questo nostro tempo fragile its rather ascetic atmosphere’. He people gather’, explains Ando. ‘During window openings provide carefully
una stagione. E allora lo schermo su qualcosa che rimane, non è legato al qualcosa di memorabile, che possa arriverà a essere ricordato anche per goes on to declare the theatre to be a show, a lot of people come together composed views, creating sudden,
cui appaiono volti di angeli trovati momento, con una sostanza che gli influenzare la vita delle persone. Così questo intreccio, o almeno per i suoi a project aimed at the whole city. here. There is a strong feeling of almost invisible glimmers and
chissà dove sulla Terra, dopo un’alta permetterà di essere valido ancora per penso anche a Domus, indietro fino risultati migliori, non si potrà non It will host films, performances, interaction, a feeling of communication contrasting patches of darkness.
marea di bianchi neri e blu, rimanda molti anni… in questa cornice un po’ agli anni Sessanta, quando aveva una confrontarlo – seppure con grossolana original choreography. So does that between people. That’s the moment And it works. An original piece is thus
finalmente un po’ di rosso: quell’unico asettica”; spingendosi poi a dichiarare grande influenza non solo sul design semplificazione – con altri anni italiani: make fashion a cultural phenomenon? when you can really feel what this added to the complicated mosaic of
colore (che il blu è soltanto il teatro come progetto destinato italiano, ma sulla cultura individuale quelli in cui, mentre il Papa Alessandro It would seem so, for behind Armani’s space has to offer, and the way in today’s interaction between high art
un’alternativa al nero nel gioco di all’intera città, per ospitare film, dell’abitare: tante persone nel mondo Borgia faceva lavorare Bramante e careful expression is the satisfaction which it can boost the energy of those and popular culture. This is a
ombra e luce con il bianco) fiorisce spettacoli, coreografie originali. divennero coscienti di questa Pinturicchio, i figli Cesare e Lucrezia of someone who knows that his meeting in it, for a specific purpose’. democratic interweaving of diverse
però in un rogo scintillante di fiori sulla La moda è dunque anche una necessità culturale. E così anch’io, facevano fuori frotte di scomodi project has hit its target. Ando and Armani appear to share the cultures of expression: art,
trasparenza totale dei corpi angelici. passione civile? Lo si potrebbe che appena allora cominciavo a fare nemici ostacolo al suo potere. Oggi, For Ando, ‘It is an honour to come idea that fashion is both superficial architecture, fashion and design, more
Le luci si riaccendono, le donne pensare, scorgendo dietro lo sguardo architettura, sono stato tanto mentre grattacieli e Borse mondiali back to Italy, to the country I loved so and a very serious issue, if for no other or less all on the same level. If our
tornano nel loro Paradiso e rimane preoccupato, attento, calcolatore di influenzato da una simile rivista e dalla crollano sotto l’urto di squilibri e much in the 1960s, when I came here reason than its contribution to the vulnerable time will be remembered for
l’architettura di Ando, popolata di Armani la soddisfazione per aver sua capacità di esprimere stili di vita. squilibrati della globalizzazione, to study the great buildings of economies of countless countries. anything, it will be this crossover – or
persone normali, né angeliche né centrato un altro obiettivo di Così anche oggi, nel Ventunesimo qualche disincantato mecenate trova classical architecture. It was a great Armani has amply demonstrated his at least its more impressive results.
diaboliche, che possono solo stupirsi comunicazione, grazie e insieme a secolo tutto o quasi – media, ancora il modo di lasciare sulla Terra pleasure for me to work with Giorgio infinitely impressive capacity to handle There have been other such points of
1 ingresso/entrance di fronte a questa ennesima Tadao Ando. Per questi: “È un onore comunicazione o arte – dovranno piccoli segni d’intelligenza civile, Armani, because his work on clothes this disturbing yet fascinating subject. crossover before, and when they are
2 ufficio dimostrazione di volontà di potenza. tornare in Italia, nel Paese che ho tanto essere capaci di incidere sul modo complici gli ultimi poeti scultori is equally close to people and to their Whilst other designers have had to compared with our times it is not
3 corte/court Il riferimento alla tipologia del teatro amato quando negli anni Sessanta di vivere delle persone”. dell’architettura. way of life. This closeness to people is rummage through the cobwebby always particularly flattering for us.
4 show room borghese, per quanto sottintesa, sono venuto qui a studiare i grandi Cos’è dunque a rendere tanto very similar to the way I see cellars of the history of dress, hinting But today, as world stock markets and
5 corte d’acqua/water court mitigata dall’uso parsimonioso di tre edifici antichi dell’architettura, che per interessante un progetto in cui si Architecture on fashion At the architecture. The fact that fashion, too, readily at nostalgia, fetishism and skyscrapers collapse under the crash
6 deposito/storage
o quattro materiali al massimo, oltre me è importante come forma d’arte combinano l’idea di moda e quella di Armani theatre the models saunter is so intimately tied up with people and worse, Armani seems continually to be of globalized imbalances and
7 spazio per ricevimenti/
banquet space
all’immateriale luce, è evidente. La che rimane nel cuore degli uomini: architettura? “Probabilmente il fatto toward the TV cameras not on the that people relate so easily to it makes looking for something that is closer to unbalanced minds, there are still a
8 cucina per catering/catering promenade d’accesso è scandita da perciò mi è piaciuto tanto lavorare con che sono interessato a come rough and unsteady boards of a it an art form that represents our time Futurism than fashion, something that few disenchanted patrons finding
kitchen colonne a base quadra che, appena si Giorgio Armani, perché il suo lavoro l’architettura può dare energia alle temporary catwalk but on a permanent well’. So are fashion and architecture is challenging rather than reassuring. ways to leave small signs of civilised
9 backstage copre leggermente il cielo, si scoprono sull’abito è altrettanto vicino alle persone, specialmente nei luoghi in structure that is part of a genuine work art forms for Ando? ‘Certainly not in With such a client, Ando has been able intelligence behind, aided by the last
10 teatro/theatre essere potenti luminator: che però persone e al loro modo di vivere. cui le persone si riuniscono. Così of architecture. Outside, Milan is busy their physical forms, not as in painting, to demonstrate his own ability to sculptor-poets of architecture.

50 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 51


52 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 53
L’arte non Come è pronto a dire qualsiasi stilista
che abbia una minima dose di istinto
di conservazione, la moda non è arte.
newyorkese di Koolhaas, la cui
realizzazione si è fatta attendere, ha
alla fine trovato posto all’interno del
tabacchiere o soffiare il vetro. La
distinzione fra arti maggiori e arti
minori appare oggi sempre più

è moda Però mai come oggi la moda si è data


da fare per suggerire l’idea che arte
invece potrebbe essere. In fondo
Guggenheim Downtown. Il messaggio
suggerito dalla scelta degli architetti
e dall’ubicazione dei negozi ha un
assurda. Non c’è niente di ‘minore’
nella moda che, a differenza delle
migliori tabacchiere, è fatta per
questo è l’anno in cui Giorgio Armani significato ben maggiore del progetto sottolineare e mettere in evidenza il
ha avuto il privilegio di occupare con in sé: in modo subliminale viene fatto sesso, la posizione sociale e la
una sua retrospettiva tutta la grande passare il concetto che i vestiti vanno celebrità: una combinazione che l’ha
spirale wrightiana del Guggenheim di presi sul serio, soprattutto i vestiti trasformata da attività artigianale a
New York, uno spazio noto finora per firmati Prada. Ancor più da quando industria miliardaria, conferendo
la sua collezione di arte del Ventesimo Andreas Gursky è andato ad grande potere culturale e finanziario
secolo e non come sede di mostre di accrescere il numero degli artisti a coloro che la controllano. La moda,
abiti, anche se elegantissimi. La fotografi chiamati a prestare il loro insomma, è diventata troppo grande
scorsa estate Gucci ha tirato fuori i talento per promuovere la moda. e troppo potente per poterne parlare
soldi necessari a portare alla Biennale Gursky ha fotografato la collezione di come di uno show secondario e
di Venezia le gigantesche spirali di biancheria intima di Prada, dai vistosi frivolo. Essa ha la capacità di toccare
rugginoso metallo di Richard Serra, colori primari, con lo stesso occhio tutti i punti sensibili della vita
probabilmente nella speranza che un che sa cogliere la dimensione contemporanea. Ed è questa
po’ della solida credibilità di Serra si monumentale in posti improbabili, convergenza fra cultura alta e arte
rifletta sulle collezioni di Tom Ford. come ha fatto nelle sue immagini popolare che le dà tanto potere: può
Questo è anche l’anno in cui Prada ha della Borsa di Shanghai. trattare magari problematiche serie,
cercato di trasformare i suoi negozi in D’altra parte, questi progettisti ma tenendo sempre d’occhio il gusto
oggetto di indagine intellettuale, sfondano una porta aperta. La moda corrente. Che cosa, se non una sfilata
rendendo noti i progetti di Rem è la forma culturale perfetta per la di moda, può mettere insieme in prima
Koolhaas e Jacques Herzog per i limitata potenzialità di attenzione del fila una celebrità del calcio e un rapper,
nuovi punti di vendita in Giappone e in nostro tempo, si diffonde riempiendo un artista e un regista
America. Si tratta di due architetti che il vuoto lasciato dal diminuito interesse cinematografico? Cos’altro può
in un’altra epoca si sarebbero limitati per le forme d’arte più vecchie, si catturare l’attenzione totale di
a progettare musei e gallerie d’arte. adatta ai nostri gusti ristretti. E poi banchieri, industriali e artisti? Nel bene
Herzog è l’autore della Tate Modern. far entrare la moda nell’ambito della e nel male la moda è diventata
Koolhaas ha appena terminato la cultura aiuta le strategie dei gruppi l’industria dominante e la forza
sezione di Las Vegas del Guggenheim. e delle aziende che continuamente culturale dominante. Può darsi che
Prada ha chiesto loro consiglio operano per rafforzare la loro presa arte non sia, ma dell’arte sta
sull’impegnativa questione di come sull’industria della moda: fa apparire prendendo il posto.
sistemare gli specchi nei camerini di i vestiti come cose che contano, fa sì Come il teatro dell’opera
prova e come appendere gli abiti da che se ne parli. ottocentesco, la sfilata di moda dei
esporre in un ambiente di estrema Il sapere tradizionale confinava la nostri giorni è diventata il luogo degli
ricercatezza culturale. Il negozio moda fra le arti minori, come cesellare incontri alla moda: ma una sfilata dura
Una porta in ferro acidato (a sinistra) fa
da ingresso al teatro dal sontuoso foyer
(alle pagine precedenti) che si apre in
fondo alla prospettiva dall’entrata,
segnata da una sequenza di colonne/
luminator in cemento, a destra
An etched steel door, left, provides
the entrance to the theatre from
Ando’s stately foyer, previous pages,
that moves all the way from the
entrance, marked by a procession of
concrete columns, right

54 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 55


56 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 57
ventun minuti, invece delle tre ore di presentati, si esce di qui convinti di Japan and America from Rem
un’opera lirica: un tempo perfetto per aver preso parte a un evento. Koolhaas and Jacques Herzog.
la generazione dei videoclip, che non L’architettura di Ando si è trasformata Both are architects who in a previous
ha voglia di tirare le cose per le lunghe. nella raffinatissima cornice di un age would have stuck to designing art
A Milano, in una vecchia fabbrica di quadro. I fini pratici della sfilata sono galleries. Herzog designed the Tate
cioccolato, Giorgio Armani ha lasciati da parte. Essa è diventata fine Modern; Koolhaas has just completed
inaugurato quello che egli definisce un a se stessa, poco ha a che fare con la the Las Vegas branch of the
teatro. In realtà il suo architetto, Tadao prosaica operazione di mostrare una Guggenheim. Prada asked them to
Ando, non ha fatto che ricreare collezione di abiti ai compratori che li advise on how best to deal with the
l’equivalente, per il mondo della moda, ordineranno per poi venderli nelle loro challenging issue of display racks and
dei grandiosi e sontuosi teatri d’opera boutique. La sfilata è un evento, gli mirrors in the changing rooms, in a
vittoriani: un luogo progettato per affari si fanno altrove. DS case of conspicuous cultural overkill.
consentire alle celebrità di scendere Koolhaas’s much delayed shop is
dalle grandi auto di rappresentanza e Fashion is not art Fashion is not art, actually inside the downtown branch
sfilare lungo la “via trionfale” fino ai as any fashion designer with the least of the Guggenheim Museum in New
posti loro riservati. Il passaggio dallo instinct for self-preservation will tell York. The message suggested by the
scombinato quartiere industriale you. But there has never been a time choice of architects and location is of
milanese, in cui si trova il teatro, al when fashion has done more to much more significance than the
mondo di Armani, che sta all’interno, suggest that it might be art. This is, specific designs. They dictate, through
è segnato da una parata di solenni e after all, the year in which Giorgio far from subliminal means, the
austere colonne di cemento, come Armani had the privilege of a seriousness with which we are
il chiostro di un convento. Questa retrospective that took over the whole expected to take the clothes – and
strada interna sfocia in un grande of Frank Lloyd Wright’s great spiral at above all the Prada brand. All the more
spazio di ricevimento, con cui Ando the Guggenheim Museum in New now that Andreas Gursky has joined
sembra alludere a uno dei York, a space once better known for its the increasing number of artist
monumentali archi inclinati di Richard collection of radical art from the early photographers whose work is put to
Serra, ma in cemento. Anche i banchi 20th century than for its displays of use to promote fashion. He has
della reception potrebbero passare frocks, no matter how elegant. In the photographed Prada’s collection of
per opere d’arte, con il loro aspetto summer Gucci put up the money primary-coloured underwear with the
di immacolati box di vetro illuminati needed to take Richard Serra’s giant same eye for discovering the
dall’interno alla Dan Flavin. Grandi rusting steel spirals to the Venice monumental in unlikely places that
porte immettono nel teatro: accanto, Biennale, presumably in the hope that he previously brought to his images of
un sobrio e immenso ‘soggiorno’ some of Serra’s heavy-duty credibility the Shanghai stock exchange. These
dalle stupende proporzioni, con basse would rub off on Tom Ford’s designers are pushing at an open
finestre attentamente tagliate per collections. door. Fashion is the perfect cultural
inquadrare lo specchio d’acqua che This is also the year in which Prada form for the severely limited attention
orna la corte esterna, mentre si beve tried to turn its shops into the subject spans of our times, and it is expanding
un bicchiere di champagne dopo una of serious intellectual inquiry when it to fill a vacuum left by the shrivelling of
sfilata. Quali che siano gli abiti unveiled designs for new stores in interest in older art forms. Fashion
La platea mobile, a sinistra, che
fiancheggia la passerella di acciaio
lucidato, consente di variare la
destinazione dello spazio.
Dopo la sfilata gli ospiti si riuniscono
nell’enorme ‘soggiorno’ con vista
sulla sottile vasca d’acqua, alle
pagine precedenti
Folding seats, left, flank the runway,
right. After the show, guests can
celebrate in the dining room with its
views over the pool, previous pages

58 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 59


60 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 61
suits our restricted tastes, and at the what he calls a theatre in an old Committente/Client: Giorgio Armani
same time this pushing of fashion into chocolate factory in Milan. It’s a place Progetto/Architect:
the cultural landscape conforms to the designed for celebrities to slink out of Tadao Ando Architect & Associates –
Tadao Ando, Kulapat Yantrasast
business strategies of the their limousines and promenade along
Supervisione/Supervision:
conglomerates who are continually what feels like a triumphal route on Tadao Ando Architect &
strengthening their grip on the fashion their way to their reserved seats. Associates + Intertecno SpA
industry. It makes clothes appear to The passage from the messy industrial Impresa di costruzione/
matter. It makes them talked about. suburbs of Milan outside to the world General contractor:
Fashion, according to the received of Armani inside is marked by a stately Marcora Costruzioni
wisdom, is what used to be called a march of austere concrete columns
minor art, something like snuff-box as if in a monastery cloister. The
making or glassblowing. This is a reception desks, immaculate, precise
distinction that looks increasingly glass boxes illuminated from within
absurd. There is nothing minor about as if they were Dan Flavin sculptures,
fashion, which, unlike snuff-box could pass for art, too.
making, mainlines on sex, status and Giant doors open into the theatre,
celebrity. It is this combination that has next to which one finds an austere,
turned fashion from a craft into a major magnificently proportioned dining
industry, in the process conferring a room, its low windows carefully
huge amount of clout, both financial positioned to frame the reflecting pool
and cultural, on those who control it. in the courtyard outside for anyone
Put all this together, and fashion sipping a glass of champagne after
becomes just too big and too powerful the show.
to be written off as a frivolous Whatever the clothes are actually
sideshow. Fashion has the ability to like, nobody can fail to come away
press all the buttons of contemporary convinced that they have taken part
life. And it is this convergence in a theatrical occasion.
between high culture and popular art Ando’s architecture has been turned
that gives fashion its power. Fashion into a magnificently crafted concrete
might not be art, but it is taking the picture frame. This is an environment
place of art. Like an opera house in the in which the notional functional
19th century, a contemporary fashion purposes of the fashion show are left
show is where stylish public life far behind. The show has become an
unfolds. But unlike an opera, a fashion end in itself, one that has little to do
show lasts just 21 minutes, perfect for with the mundane process of showing
the MTV generation, which doesn’t buyers clothes and taking retail orders.
want to be kept hanging around for The show has been turned into an
hours. And as if to underscore the event, while the real business takes
point, Giorgio Armani has opened place elsewhere. DS
Alle pagine precedenti, l’inquadratura
dal salone verso l’acqua,
accuratamente studiata da Ando, crea
uno spazio ancor più monumentale del
teatro. La perfezione dell’esecuzione in
cemento, a sinistra e a destra, ricorda
l’immagine perfezionista di Armani
Previous pages: Ando has carefully
framed the view out from the dining
room, creating a space even more
monumental than the theatre itself.
Perfection in the concrete, left and
right, underscores Armani’s image as
a perfectionist

62 Domus Novembre November 2001


Fotografia di/Photography by Lara Swimmer/Esto
Steven Holl torna alle Steven Holl goes back
sue origini, la regione to America’s Pacific
del Pacifico del nord- Northwest to give a
ovest americano, fast-growing new city
per dare qualità a metropolitan quality.
metropolitana a una Raymund Ryan reports
città nuova in rapida Fotografia di/
crescita. Il racconto di Photography by
Raymund Ryan Lara Swimmer/Esto
e/and Paul Warchol

Uncentro
per lacittà-
confine

A centre
L’Art Museum di Bellevue è opera di
Steven Holl, nativo di questa regione del
nord-ovest americano. Vestito di lucide

for the
membrane di vetro e alluminio, il museo
costituisce una nuova icona per la città
di Bill Gates, che cresce a vista d’occhio

edge city
Pacific Northwest native Steven Holl’s
new Bellevue Art Museum, clothed
in sleek membranes of glass and
aluminium, serves as a new urban icon
for the fast-growing city that Bill Gates
calls home

64 Domus Novembre November 2001


Oltre lo spartiacque delle Montagne La pianta studiata da Holl per il museo
7 è un invito a percorrerlo liberamente e
7 Rocciose la piccola ombra dell’aereo
si dirige a ovest, verso l’Oceano una rigorosa ricerca sulla fluidità dei
1 percorsi in uno spazio monumentale
Pacifico e la conurbazione di
(in questa pagina).
Tacoma/Seattle, con le sue comunità Uno schizzo preliminare del progetto di
periferiche disseminate fra laghi e Bellevue (a destra) dimostra l’attrazione
boschi. Là, sulla riva orientale del Lago che Holl sente per il motivo della
6 Washington, c’è Bellevue. Sembra un ‘triplicità’: una nozione astratta alla
posto in Scandinavia, con le case quale ha dato forma concreta nella
2
annidate fra gli alberi e piccoli moli distribuzione su tre piani dell’edificio
che sfrangiano la riva del lago. Il nuovo e nei tre ambienti a loft delle gallerie.
Art Museum si distingue appena Le gronde inclinate raccordano i
complessi volumi ad angolo dell’edificio
nell’abitato, fra complessi di uffici,
(alle pagine successive). Elementi di
centri commerciali e la griglia ordinata metallo estruso e di vetro illuminano
5
delle strade, vicino allo scavo di un gli spazi interni
grande cantiere edile. Holl’s plan for the museum is an
Quando l’aereo vira a sud puntando invitation to roam, a series of fluid
verso l’aeroporto di Seattle – uno dei convergences that create a
4 maggiori nodi per i trasporti fra Stati monumental space, this page.
3 3 Uniti e Asia – appare il profilo della A preliminary sketch for the Bellevue
mini-metropoli stagliata contro la project, right, demonstrates Holl’s
superficie azzurra dello stretto di fascination with the motif of
7
‘tripleness’, an abstract notion given
Puget. Presto alle torri di Seattle si
concrete form in the structure’s three-
Pianta del terzo piano/Third-floor plan aggiungerà la meraviglia di una
storey plan and three loftlike suites of
biblioteca progettata da Rem galleries. The building’s sloping eaves,
0 5 10 M
Koolhaas e OMA. La biblioteca, come formed by vertically extruded metal and
l’Experience Music Project di Frank glass, illuminate the interior spaces,
Gehry & Associates e il Bellevue Art following pages
Museum di Steven Holl, beneficia sia
finanziariamente che
tecnologicamente dello straordinario
8 13
14 successo raggiunto dalle aziende
informatiche che operano nell’area di
Seattle. La biblioteca è un organismo
15
decisamente metropolitano, così
10
come lo splendente guscio metallico
9
di Gehry è certamente un’esperienza.
Il Bellevue Art Museum di Holl è
tuttavia meno spettacolare. È una
struttura relativamente piccola (circa
33.000 metri quadrati, un budget di
16 ventitré milioni di dollari), con insolite
11
radici in un festival di strada, e oggi
dedicata alla tecnologia avanzata,
all’artigianato e all’Arte con la A
maiuscola. Non possiede una
12
collezione permanente, e l’edificio
che lo contiene vuole assomigliare
a un garage.
Lo studio di Steven Holl è a New York,
ma lui è nato qui, qui si è laureato in
architettura. Il Bellevue Art Museum
viene in ordine di tempo dopo la
Cappella di Sant’Ignazio (un’opera di
grande potenza plastica e interiore,
costruita da Holl nell’Università di
Pianta del piano terra/Ground-floor plan Seattle) ed è la seconda importante
manifestazione dell’interesse del
progettista per lo spazio
multisensoriale, la molteplicità, la luce,
il design tattile e la presenza
simultanea di valori intellettuali ed
emozionali in architettura.
Si può comprendere la complessa 1 galleria con luce da nord/north light gallery
2 galleria con luce da sud/south light gallery
2 visione di Holl partendo (magari senza
3 studio/studio
nulla sapere di ciò che è venuto prima) 4 apertura sul livello inferiore/void
dal Bellevue Art Museum? È possibile 5 corte di luce/open courtyard
18 cogliere, attraverso il cemento, il 6 corte d’acqua/water court
11 metallo e il vetro, un concetto 7 terrazza/terrace
esoterico come quello della 8 ingresso/entrance
“triplicità… una apertura non 9 atrio/lobby
16 10 informazioni/information
dialettica”, ispirato in parte alle leggi
che governano la direzione degli 11 spazio per manifestazioni/forum
12 auditorium
17 elettroni in un campo magnetico?

© Steven Holl Architects


13 caffetteria/cafe
Può interessare oggi questa 14 negozio/shop
17 intellettualizzazione dell’architettura 15 guardaroba/coats
civile? 16 locale di servizio/loading
Da queste parti c’è anche Bill Gates, la 17 parcheggio/parking
Microsoft Corporation ha sede nella 18 amministrazione/administration
Sezione longitudinale/Longitudinal section

66 Domus Novembre November 2001


Fotografia di/Photography by Lara Swimmer/Esto
vicina Redmond. Qui c’è prosperità, sul movimento e sulla luce, anche se architettonici che si rivelano via via Di giorno la struttura di cemento rosso
regna un modo di fare cortese e all’inizio non si capisce bene come ciò con consumata finezza. Si sale in del museo si staglia nella sua
informale (altri echi della Scandinavia), avvenga. modo dolce, come se si facesse una essenzialità contro i cantieri
circostanti, da cui presto sorgeranno
ci sono grandi cantieri edili. Il profondo In un certo senso proprio questo è passeggiata, prima di scivolare negli
torri di uffici e alberghi nati dal boom
scavo vicino al nuovo museo sarà l’intento dell’architetto, un po’ oscuro spazi che stanno sopra. Le pareti sono delle nuove tecnologie
presto riempito da torri di uffici, da un ma coinvolgente: tenere sempre viva tutte bianche, il pavimento è a (in questa pagina). Aperta alla luce
albergo, da un cinema multisala. Se l’attenzione del visitatore, tenerlo palladiana scura, nera, come le pozze mutevole e temperata della zona, la
visto in questa compagnia, il progetto sempre vigile e disposto a indovinare, sul fondo di una grotta artificiale. corte centrale ellittica del museo segna
di Holl appare come un complesso a fare congetture. Il Bellevue Art A destra ci sono alcune aule, visibili il punto di congiunzione delle gallerie
relativamente piccolo, di cemento Museum è come un invito anche dall’esterno, con laboratori per dell’edificio (a destra)
armato pigmentato di rosso. È tridimensionale a esplorare, a scoprire la ceramica. Girando a sinistra, si entra By day, the museum’s red concrete
“tagliato a fette”, in modo da creare inaspettate vicinanze o visuali in un altro spazio laboratorio, con frame stands starkly against
corti e terrazze legate da membrane traverse: a cogliere – dalla soglia o dispositivi interattivi e una zona studio. surrounding construction sites, soon
to be filled in with high-rise offices and
verticali di vetro e alluminio, sabbiate attraverso aperture inquadrate quasi Qui gli artisti che risiedono nel museo
hotels fuelled by the new-technology
e illuminate secondo un progetto come scene teatrali – il mondo esterno hanno il loro alloggio temporaneo.
boom, this page. Open to the area’s
diverso per ognuna. Alla luce del in visuali inedite, per arrivare al Si sale infine la scala sospesa nel changeable, temperate light, the
giorno la rossa struttura esterna massimo della concentrazione e della vuoto centrale, si ‘attraversa’ il tetto e museum’s pristine, elliptical central
sintetizza l’immagine del museo nel tensione all’interno dell’edificio, si emerge come da una coltre di court marks the juncture of the
tessuto urbano. Al crepuscolo, invece, quando nel cielo il sole e le nuvole nuvole. Sulla sinistra appaiono le building’s gallery suites, right
diventa predominante il vetro, l’interno fanno i loro giochi quotidiani. gallerie superiori principali, sulla
dell’edificio risplende e richiama Holl ci ha già proposto questi temi: al destra una corte di forma ellittica,
l’attenzione. Kiasma per esempio (il riferimento più rivestita di pannelli di metallo e vetro
Qui non sembrano necessari gli noto) dove ha rappresentato in modo che si prolungano verticalmente in
interventi grafici che si trovano, per molto particolare griglie urbane che si gronde di diversa inclinazione.
esempio, nell’ampliamento del 1991 scontrano e nordici aneliti verso la È uno spazio esterno indimenticabile,
dell’Art Museum di Seattle, progettato natura in pieno centro di Helsinki. con il cielo del Pacifico per soffitto.
da Venturi Scott Brown. L’opera di Paragonato al Kiasma, il Bellevue Lo spazio del Bellevue non è statico,
Holl è meno estroversa, ed è sembra quasi un prototipo, un modello non è bloccato. Holl insiste
‘congenitamente’ ispirata soprattutto dell’edificio istituzionale americano di nell’affermare che il progetto non
a valori spaziali. oggi, che può essere quasi ‘rilassato’. segue alcuna gerarchia tradizionale:
Si entra da un ascensore che collega E questo è davvero un cambiamento. né linearità né dualità né gioco degli
due livelli del parcheggio sotterraneo La libreria e il bar del Bellevue si opposti. La ‘triplicità’ che egli ha
(o direttamente dal marciapiede) in trovano facilmente, situati dietro il scelto come motivo conduttore e
uno spazio vuoto di forma cubica – banco delle informazioni e il come forma dell’edificio è
una specie di anticamera scavata, guardaroba. Sono vicini a una grande un’interpretazione molto diretta (forse
quasi erosa, nella massa urbana, con finestra e a porte che danno sul banale) della funzione dichiarata del
il soffitto come aereo schermo per i marciapiede; contribuiscono così ad museo: promuovere l’Arte, la Scienza
video – prima di passare in un atrio a animare una strada pedonale che e la Tecnologia (tre temi) – e della
doppia altezza. Di qui si hanno belle collega parecchi isolati urbani. Nel conseguente volontà di costruire in
prospettive verso sinistra (bar e volume centrale dell’edificio – questo contesto quasi suburbano un
libreria), verso destra (un auditorium illuminato da tre aperture zenitali a edificio di tre piani (tre livelli). Schierati
con una grande porta, che può disco – il visitatore trova alcuni bassi sopra i piani inferiori, di impianto
accogliere fino a novanta persone): gradini: li sale e sbuca su un ortogonale e regolare, ci sono tre
ma specialmente verso l’alto, dove a pianerottolo curvo, una specie di ambienti a loft (tre oggetti), fisicamente
sorpresa appare una stretta rampa a palco, un punto di sosta prima di e visivamente fusi l’uno nell’altro
gradoni che sembra sparire nel girare e continuare a salire, passando attraverso una serie di incisioni e
soffitto. L’edificio è dunque imperniato per una sequenza di momenti sottrazioni. Non servono però discorsi
astratti sulla triplicità, per poter godere
della qualità e della originalità
di questi spazi.
Come è solito fare, l’architetto ha
inventato per suo uso una trama del
progetto non fittizia, ma comunque
insolita e ambiziosa, attribuendo alle
tre gallerie superiori tre distinte qualità
di luce. Nonostante l’inserimento di
alcuni tratti di muro, la galleria nord è
essenzialmente ortogonale, illuminata
da una fascia di aperture in vetro
traslucido tagliate nella parte
superiore delle pareti: rappresenta
così il Tempo Lineare che Scorre. La
galleria centrale, che è la prima in cui
arrivano i visitatori quando salgono a
questo livello, è curva rispetto all’arco
del sole e simboleggia il Tempo
Ciclico. La terza è molto più
frammentata e allude al Tempo della
Fotografia di/Photography by Lara Swimmer/Esto

Conoscenza.
L’architettura di Holl è fatta in modo
che anche un bambino
sufficientemente sveglio può capirla
meglio di altre persone; oppure un
adulto romantico e non troppo
concentrato su se stesso. In questa
costruzione c’è un invito implicito a
starsene in giro e a fermarsi, davanti a
finestre o vuoti tagliati in modo da
aprire prospettive laterali e sull’atrio

70 Domus Novembre November 2001


centrale: punti di osservazione giustapposti lasciati a vista (come un metropolitan. The dazzling metallic All’interno dell’atrio principale del
appartati, infilate di lucernari che tempo nel Seagram Building di Mies) shell of the Gehry project is certainly museo una stretta rampa a gradoni
creano collegamenti in verticale nella ed è un pezzo unico a sé stante nel an experience. But the Bellevue Art sembra misteriosamente scomparire
nell’intradosso (pagine precedenti e a
massa dell’edificio. I materiali e le tessuto urbano. Accettando invece Museum is somewhat less
destra). A sinistra si trovano il caffè e la
finiture, compreso il compensato una certa fissità geometrica, il spectacular. It’s a comparatively libreria; a destra le enormi porte su
forato azzurro, non sono eccezionali. progettista lavora qui su una tipologia small institution (36,000 square cerniere dell’auditorium
Si nota però una grande cura per i molto più intima. L’interno, a volte metres, a $23 million budget) with its Inside the museum’s forum, its main
dettagli (maniglie delle porte, lampade addirittura estatico, si serve proprio di roots in a street festival; today it is interior hall, a narrow, stepped ramp
a parete), quasi che Holl avesse quell’ordine e di quei limiti che tanto concerned with advanced disappears beguilingly into the soffit,
bisogno di loro come talismani, mancano nelle periferie. Fluide e technology as well as handicraft and previous pages and right. To the left are
elementi fissi di valore psicologico. Il multiformi convergenze si creano così high art. There is no permanent the café and bookshop; to the right the
più forte alleato dell’architetto rimane in una struttura monumentale fissa collection, and the building is outsize folding doors of the auditorium
però la luce mutevole e temperata di grazie al genio di Holl. intended to feel somewhat like a
questa regione, che penetra attraverso garage.
alte fasce di vetro sabbiato, scende A centre for the edge city Although based in New York, its
dalle fenditure fra pareti e soffitti, guida Beyond the great divide of the Rocky architect, Steven Holl, is in fact a
il visitatore in avanti, verso il Mountains, the small shadow of the native of the region and a graduate of
successivo episodio di luce. airplane heads west toward the Pacific the local architecture school. Holl’s
Il Bellevue Art Museum realizza questi Ocean and the lake-and-forest museum in Bellevue follows his
obiettivi essenziali e antropocentrici in suburban communities of the plastic, internalised St. Ignatius
un edificio organizzato in senso Seattle/Tacoma conurbation. That’s Chapel at the University of Seattle as
verticale, mentre sembrerebbe molto Bellevue down there on the east shore a second impressive example of his
più facile creare un’atmosfera di of Lake Washington. It looks rather interests in space, multiplicity, light,
movimento, ed esprimere così il Scandinavian with houses nestling in tactile design and the conjunction
tempo con il linguaggio among the trees and little jetties of architectural intellect with the
dell’architettura, quando si opera su fringing the lakeshore. The new emotional qualities of architecture.
un sito piano o in pendio. Al Bellevue Bellevue Art Museum can just be Can visitors understand the
Holl ha lavorato in un contesto che – discerned downtown, between office designer’s complicated agenda
anche se certamente opulento e parks and shopping malls and orderly when using, innocently perhaps, the
presumibilmente di larghe vedute – street patterns next to a vast Bellevue Art Museum? Is it possible
non è dissimile da quello delle Città- excavated building site. to realise in concrete and metal and
Periferia, che in tutto il mondo si As the plane banks south to the airport glass an esoteric notion like
espandono in modo incontrollato e – a major transportation hub between ‘tripleness’, a nondialectic openness
caotico e cambiano the United States and Asia – the mini- inspired in part by rules determining
indipendentemente da ogni intenzione metropolis of Seattle pops into the direction of electrons flowing in a
architettonica. Il suo mondo poetico silhouette against the blue surface of magnetic field? Can such
(che si potrebbe definire un po’ Puget Sound. Soon its towers will be intellectualisation genuinely have an
indulgente) è riuscito comunque a joined by the wonder of a library impact on civic architecture today?
rispondere con vigore e rigore anche in designed by Rem Koolhaas and the Bellevue is home to Bill Gates, whose
questo contesto. Office for Metropolitan Architecture. Microsoft Corporation is based in
Il ‘trucco’ credo stia nell’idea di limite, This project, Frank Gehry & nearby Redmond. There’s prosperity
qui rappresentata in particolare dai Associates’ Experience Music Project here, a certain polite informality
quattro muri di cemento racchiusi and the Bellevue Art Museum are (echoes again of Scandinavia) and
nella costruzione. La vicina biblioteca benefiting financially and those large construction sites: a deep
di Koolhaas/OMA, al confronto, è una technologically from Seattle’s hole next to the new museum is to
struttura a forma libera, che deriva la computer companies. be plugged with high-rise offices,
sua energia da elementi sovrapposti e The library is definitely striving to be a hotel and a multiscreen cinema.
In this company, Holl’s design is a
comparatively small block of red-
pigmented, board-marked concrete.
It is sliced up to create courts and
terraces animated with individual
lighting designs, and it is bound in
vertical membranes of glass and
sanded aluminium. In daylight, the
outer red frame is an urban icon for
the institution. At dusk, the glass
becomes paramount. The building’s
innards glow invitingly.
There is no apparent need in Bellevue
for the graphic applications of, for
instance, Venturi Scott Brown’s 1991
extension for the Seattle Art
Museum. Holl’s construction is less
extrovert. It is inherently spatial.
You enter from the elevator, which
connects with two levels of
underground parking, or directly off
Fotografia di/Photography by Lara Swimmer/Esto

the pavement into a cubic void, an


antechamber eroded from the urban
mass, its ceiling a hovering screen for
videos, before proceeding into a
double-height interior hall. There are
enticing views to left (café and
bookshop) and right (an auditorium,
with a big hinged door, that seats up
to 90 people), but most especially
above, where a narrow, stepped
ramp disappears beguilingly into the

74 Domus Novembre November 2001


soffit. This is clearly a building about above. Walls are uniformly white; the the project that, while not being Nei piani alti delle gallerie nord, una
movement and light, even if the floor is a murky black terrazzo, like fictitious, is unusual and ambitious. luminosa fascia di finestre di vetro
visitor does not yet know how it all the pool of some industrialised grotto. He ascribes three distinct qualities of semitrasparente tagliata nella parte
superiore delle pareti corre per tutta
connects. To the right you see such activities as light to the three upper-gallery forms.
la lunghezza dello spazio espositivo
And that, in a sense, is exactly the ceramics underway in classrooms, Despite some inserted walls, the one (in basso). Grandi dischi di vetro
architectural statement. Holl’s also visible from outside. Turn to the to the north is essentially orthogonal, illuminano lo spazio a tutta altezza
somewhat mysterious but engaging left and enter a laboratory-type space illuminated via long clerestorey bands della hall (a destra)
intention is to keep us guessing, to with interactive devices and an of translucent glass, and embodies In the building’s north upper galleries,
keep us alert to the possibility of internal corner studio. This is where ‘linear ongoing time’. The central a luminous clerestorey of translucent
things. The Bellevue Art Museum is the museum’s artists in residence gallery, into which visitors first glass runs nearly the length of the
a three-dimensional invitation to take up temporary accommodation. ascend, is curved relative to the arc exhibition space, below. Immense
explore; to discover strange Proceed now up the stairway of the sun and demonstrative of glazed discs illuminate the space of
adjacencies or transverse views; cantilevered into the central void. ‘cyclic time’. The third bar is much the central forum, right
to understand – at thresholds and You pierce the roof slab and emerge more fragmented, alluding to
through framed openings almost like as if from below cloud cover. To the ‘gnostic time’.
stage sets – the outside world in left are the principal upper galleries, Holl’s architecture is such that very
unprecedented ways; to maximize to the right a cranked ellipse of a alert children may understand it best
compression and tension within the courtyard with metal and glass sides – or adults who are romantic without
building as the sun and clouds play extruded vertically to variously being too self-obsessed. There is an
their daily games overhead. Holl has sloping eaves. It’s a memorable invitation to roam implied in the
treated us to these themes before, outdoor room with the Pacific design (the gentleness of the
most famously at the Kiasma Northwest sky as ceiling. sweeping staircase, sporadic
Museum – that highly specific This space is no static terminus. ruptures in nevertheless identifiable
representation of colliding grids and Holl is emphatic that this project is volumes) and pause (cut-out
some Nordic yearning for nature in not about any traditional hierarchy, windows or voids allowing for lateral
the centre of Helsinki. Compared to linearity, duality or set of opposites. views into and across the central hall,
Kiasma, Bellevue is almost The ‘tripleness’ he has chosen as a secretive vantage points and skewed
prototypical, a model of sorts for motif for the development and form skylights making vertical links
institutional building in America of the building is a direct, perhaps through the building mass). The
today. It is also almost relaxed. even mundane, interpretation of the materials and finishes, including
And that’s a change. museum’s stated mission to foster blue perforated plywood, are not
The bookshop and café are easily art, science and technology (three extraordinary. There is a
found behind the information desk subjects) and his understandable characteristic attention to door
and cloakroom pavilion. They’re next architectural desire – in this quasi- handles and light sconces – as if Holl
to a large sidewalk window and suburban context – to construct three needs such talismanic details as
doors, helping animate a pedestrian storeys above grade (three levels). psychological fixtures. Furniture is
route linking several city blocks. In Arrayed above the more orthogonal, configured as fragments of
the building’s central volume – lit by normative lower floors are three interlocking Ls. But the architect’s
three glazed discs – the visitor loftlike suites (three objects) primary ally is the region’s
ascends a few shallow steps onto physically and visually fused through changeable, temperate light. It seeps
a curved landing or stage before a family of incisions and subtractions. in through high strips of sandblasted
turning about and proceeding One does not have to submit to any glass and washes down through
upward in a procession of subtly abstract discourse on ‘tripleness’ fissures between wall and ceiling,
revealed architectural moments. to enjoy the quality and curiosity of leading the visitor onward to the next
You climb gently, even leisurely, these spaces. moment of enlightenment.
before gliding across the Typically, the architect has invented The Bellevue Art Museum achieves
compartments of space waiting or imagined for himself a storyline for such elemental, anthropocentric
ambitions in a vertically arranged
Progetto/Architect: Steven Holl Architects –
building. It is much easier, after all, to Steven Holl (direttore/principal), Tim Bade
create an ambience of movement and e/and Martin Cox (responsabili del
an architectural comprehension of progetto/project architects)
time on a flat or sloping site. In Gruppo di progettazione/Design team:
Hideaki Ariizumi, Elsa Chryssochoides,
Bellevue, Holl is working in a situation Annette Goderbauer, Yoh Hanaoka,
that, while undeniably affluent and Justin Korhammer, Stephen O’Dell
presumably liberal, is not unlike the Architetto associato/Associate architect:
edge cities that are sprawling and Sclater Partners Architects – Alan Sclater
mutating without architectural resolve (direttore/principal), Brad Smith (responsabile
del progetto/project architect)
all around the globe. His poetic – Strutture/Structural engineering:
some might claim indulgent – set of Skilling Ward Magnusson Barkshire –
interests has responded with potent Jay Taylor (direttore/principal); Guy Nordenson
rigour to this context. & Associates (fase iniziale del progetto/
The trick, I believe, is the notion of schematic design phase)
Impianto elettrico/Electrical design:
limits, particularly those of the four Nelson Electric Inc.
encasing concrete walls. The OMA Impianto elettrico e meccanico/MEP design:
Library, in comparison, is free-form, McKinstry Inc.
deriving its energy through the Impresa di costruzione/General contractor:
Sellen Construction
exposure of stacked elements and
Consulente ingegneria elettrica/Electrical
juxtaposed – as Mies van der Rohe’s engineering consultant: Sparling Engineering
Fotografia di/Photography by Lara Swimmer/Esto

Seagram Building once was – as a Acustica/Acoustics: Peter George Associates


one-off within the fabric of the city. Illuminotecnica/Lighting: L’Observatoire
By accepting a certain geometric International – Hervé Descottes
(direttore/principal), Peiheng Tsai
fixity, Holl is manipulating an almost (gestione progetto/project manager)
reticent typology. At times ecstatic, Ingegneria civile/Civil engineering:
his interior requires the order of limits W&H Pacific
entirely lacking in suburbia. With the Consulente geotecnico/Geotechnical
Bellevue Art Museum, this most consultant: Shannon & Wilson
Committente/Client: Bellevue Art Museum –
talented American architect reveals Diane Douglas (direttore/director),
manifold fluid convergences within Paul Kosteniuk (rappresentante del
a still monumental frame. committente/client’s representative)

76 Domus Novembre November 2001


Astrid Klein e Mark Dytham
appartengono all’ultima generazione
di designer occidentali in Giappone
Astrid Klein and Mark Dytham belong
to a new wave of westerners in Japan
Ne parla/Report by Lucy Bullivant
Fotografia/Photo by Kozo Takayama

Tokyo
dopo
ilboom

Tokyo after
the boom
78 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 79
Astrid Klein e Mark Dytham sono arrivati a Tokyo esempi di interpretazione dell’ambiente culturale da
quando la bolla di sapone del boom anni Ottanta parte di uno studio d’architettura, un lavoro di
era appena svanita. La loro esperienza è stata recupero e interpretazione che si è concentrato
quindi molto diversa da quella della prima principalmente sulle strategie di vendita, dalle più
generazione di architetti europei approdati in sofisticate giù giù fino alla miriade di idee per lattine
Giappone all’inizio del decennio, che si trovarono a di bibite che inondano il mercato locale. Una
lavorare in un’atmosfera inebriante e totalmente passione, questa, che è diventata il cardine del loro
dominata dall’eccesso. A quei tempi, bastava un lavoro, tanto da far sì che questo sia giunto a
misterioso fax ricevuto nel cuore della notte per rappresentare l’epitome del concetto di Marshall
catapultare giovani talenti di belle speranze dallo McLuhan: il medium è veramente il messaggio.
squallore di una soffitta londinese a un’orbita Mentre molti architetti si guarderebbero dal giocare
costellata di progetti, spesso solo vagamente così direttamente col potenziale creativo che i
definiti, ma sempre multimilionari (in dollari). meccanismi del commercio al dettaglio offrono
Operazioni, queste, sostenute dai prezzi all’architettura, per paura di essere fagocitati dal loro
incredibilmente gonfiati degli immobili giapponesi e linguaggio, Klein e Dytham affermano
invariabilmente caratterizzate dalla mutua tranquillamente di non aver paura del mercato e
incomprensione tra le controparti europea e della pubblicità. La loro è architettura che parla di
nipponica: dove l’unica cosa importante era che un performance. Come strategia creativa e mezzo di
progetto fosse più appariscente, più sopravvivenza, la cultura della propaganda –
intenzionalmente estremo tra quelli in gara. cartelloni, affissioni, espositori e altri strumenti per
Klein e Dytham sbarcarono invece in Giappone con catturare l’attenzione del passante – costituisce
in mano nulla più che un portfolio, mentre la capitale quindi uno spunto sempre a portata di mano per
si trovava a fronteggiare un improvviso soprassalto rielaborare i loro progetti.
di realtà. La crescita esponenziale nel valore dei Convogliare l’arte all’interno dell’architettura senza
terreni aveva subito un brusco arresto, e che ciò sia immediatamente percepibile dal
l’architettura e il design giapponesi si erano pubblico (una rivista giapponese ha recentemente
improvvisamente trovati alle prese con una riconosciuto questo merito a Rem Koolhas) è un In memory of a row of Laforet department
situazione nella quale la leggerezza aveva lasciato il esercizio nell’estendere il “microlinguaggio del trees cut down to make store in the Harajuku
posto alla necessità di sottostare alle restrizioni già marchio”, trasformando l’ambiente della strada in un way for the building of a district of Tokyo
subway line, Dytham and (previous pages and
ben conosciute nel resto del mondo. L’arte di palcoscenico per attività spontanee. “I progetti
Klein created a miniature facing). The curved
arrangiarsi (mentalità che a Londra, città in cui gran rapidi, veloci, costituiscono la norma nella cultura forest of hoardings lines of the stylised
parte dei designer aveva trascorso gli anni Ottanta giapponese”, sottolinea la coppia. “Nessuno ci farà (Rin-Rin in Japanese) trees echo the store’s
lottando per sopravvivere, era decisamente diffusa) causa fra cinquant’anni se il tetto fa acqua”. to mark the front of the entrance foyer (above)
risultò di colpo l’arma ideale, per operare in un Piuttosto che sulla longevità, gli edifici di KDa
Paese che si trovava a sopportare i postumi di una puntano perciò su un’energia semplice ed
prolungata ubriacatura: segno inequivocabile che il espressiva. Lo dimostra la sede della Idee
suo periodo di grande crescita era finito. Con mezzi Workstation, che ha l’aspetto di un prodotto di
che ammontavano unicamente a un assegno del consumo, e convoglia all’interno della facciata,
Royal College of Art per un viaggio-studio di tre rivestita di strati di pellicola colorata trasparente,
mesi, i due per prima cosa contattarono tutti i più
A memoria di una fila di
grossi nomi dell’architettura. Per nulla scoraggiati alberi abbattuta per
dalle difficoltà che comportava farsi largo nella lasciar posto alla
scena locale senza un minimo di padronanza della costruzione di una linea
lingua, decisero di non mollare. Fu Toyo Ito, per cui di metropolitana, Dytham
avrebbero più tardi lavorato a un piano di sviluppo e Klein hanno ricostruito
per Tokyo Bay, ad aiutarli a ottenere il primo lavoro: una piccola foresta di
la progettazione di un salone di bellezza a Ginza. Nel pannelli pubblicitari (in
1990 fondarono la Klein Dytham Architecture (KDa), giapponese Rin-Rin)
per segnare il fronte
e nel 1996 ricevettero la loro prima grossa
del grande magazzino
commissione. Al progetto, uno show-room per Idee Laforet, nel quartiere
(l’azienda di mobili di Teruo Kurosaki che era stata Harajuku di Tokyo (nelle
una delle prime a lavorare con Philippe Starck e pagine precedenti, e a
Mark Newson) hanno fatto seguito numerosi lato). Le linee curve del
interventi per interni, alcuni piccoli edifici e varie disegno degli alberi
installazioni. Fin dal principio, Klein e Dytham sono caratterizzano anche
stati conquistati dal frenetico abbraccio tecnologico la hall di ingresso del
di Tokyo, ma hanno mostrato meno entusiasmo magazzino (in alto)
per la sua prevedibile, robotica efficienza. La cultura
locale li colpiva per il suo impatto visivo e per la
grande cura dell’immagine: ovunque guardavano –
e la cosa si faceva particolarmente evidente nelle
stazioni della metropolitana – vedevano gente
intenta a controllare il proprio aspetto nei riflessi
di finestre e vetrine. La loro risposta prese forma
negli interni di un progetto per un sento, la
venerabile istituzione dei bagni pubblici giapponesi,
dove inserirono degli schermi video nel tentativo
di convertire a uso delle giovani generazioni
la tradizionale decorazione fatta di eterei paesaggi
panoramici.
KDa hanno reagito all’eclettismo del paesaggio
urbano di Tokyo con un entusiasmo quasi infantile,
immergendosi in una cultura in costante
rinnovamento fatta di grafica, merci e distributori
automatici. Presto hanno cominciato ad appropriarsi
di materiali locali a basso costo (come il bambù
pressato) iniziando una fitta esplorazione del
contesto che è successivamente divenuta oggetto
di documentazione nel loro sito Web. È uno dei primi

80 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 81


tutto il potere comunicativo di uno schermo digitale metropolitana. Come un intervento urbanistico in
e di un cartellone pubblicitario. miniatura, esso crea un confine aperto tra il centro
Due recenti installazioni stradali hanno adottato commerciale e la strada – e diventa un luogo dove i
questa tattica in modo ancor più letterale. Pika-Pika clienti di passaggio possono godersi una breve,
è rappresentata da un enorme cartellone intima pausa per verificare il proprio aspetto. Le
pubblicitario per un grosso operatore immobiliare, curve di acciaio lucidato del Rin-Rin offrono una
temporaneamente posto in cima alla recinzione distorsione giocosa, e una striscia a specchio sul
di un cantiere aperto nel quartiere di Jingumae pavimento estende l’effetto al marciapiede. In una
a Tokyo. Progettato appositamente per suscitare città priva di schema urbanistico, dove i confini non
le reazioni del pubblico (alla KDa si intendeva sono mai definiti, il mutevole aspetto delle superfici
“costruire la cosa più ridicola che fosse possibile”) del Rin-Rin domina la facciata dell’edificio e di notte,
Pika-Pika ha preso la forma di un panciuto, echeggiando le scritte e le cangianti immagini in
argentato salatino gonfiabile di 34 metri di mostra, si accende di luci multicolori. Questa
lunghezza, fabbricato con tessuto ad alta resistenza benevola deformazione del messaggio commerciale
per palloni aerostatici. Nelle sue due settimane in una specie di gioco, ottenuta con l’aiuto di
di vita, l’installazione è riuscita a bloccare il traffico materiali di riciclo, manipola il potenziale artistico del
e a diventare oggetto di una trasmissione su una paesaggio urbano e riesce nell’incursione dentro
tivù locale. alla superficie effimera della città.
Wonderwall invece, commissionato dalla Virgin,
era un tabellone per affissioni interattivo lungo venti Tokyo after the boom Astrid Klein and Mark
metri, installato nel centro di Tokyo. Concepito per Dytham arrived in Tokyo just after the bubble of the
essere fisicamente al centro di una competizione, boom years had well and truly burst. As a result they
quest’enorme pannello rosso ha magnetizzato have had a very different experience of Japan than
l’attenzione di schiere di ragazzini ossessionati dai the first generation of European architects who
messaggi in forma di testo, che vi si ammassavano worked there in the early 1980s, who encountered a
di fronte per ricevere messaggi sparati ai loro somewhat hallucinogenic world of excess. In those
cellulari “I-mode Internet”. days a mysterious fax arriving in the middle of the Wonderwall, the bright commissioned by
Il concetto di performance pervade anche l’idea che night could be enough to catapult bright young red wall twenty metres Virgin Airlines (above
Klein e Dytham hanno del loro lavoro. La sede della things from the squalor of a London garret into long installed in central and below).
KDa, nel centro di Tokyo, è un deposito di taxi nebulously defined multimillion-dollar projects Tokyo riveted the The long undulating
attention of Japanese mirror wall (facing page)
riconvertito che opera come spazio multifunzionale fuelled by massively inflated Japanese property
children, attracted by the reflecting the stylized
per mostre, happening e feste. Qui i due lavorano values, characterised by mutual incomprehension chance of using their forms of vegetation
gomito a gomito coi designer multimediali della between the Japanese and European sides of the latest generation cell reproduced on the
Namaiki, con designer del suono: ma anche con una transaction, and requiring only that the project be phones to receive window at the entrance
piccola birreria sulla quale hanno personalmente more conspicuous, more willfully extreme than the messages from the of the Vegie to Go
investito. Il loro rapporto col progetto e con quello competition’s. interactive board restaurant
che essi definiscono il suo “big crazy churn” – un Klein and Dytham, in sharp contrast, arrived in
frenetico, continuo evolversi – è di vera e propria Japan with nothing more than a portfolio at a time
simbiosi, e ha dato loro una forte presenza in una when Tokyo was having to deal with a sudden
città dove per un occidentale è altrimenti difficile
Wonderwall, il muro
metter radici. rosso fiammante lungo
Lavori su interni (come quello che KDa ha realizzato venti metri installato nel
per il garage Vrooom!, situato fuori Tokyo nella centro di Tokyo ha
prefettura di Aichi e completato nel 1999) mostrano magnetizzato
un design frutto di una logica strutturale l’attenzione dei ragazzini
improvvisata. I committenti, un importante agente giapponesi attratti dalla
immobiliare e sua moglie, desiderosi di provvedere possibilità di ricevere ai
un adeguato alloggio alla loro collezione di auto cellulari di ultima
generazione i messaggi
delle più prestigiose marche italiane e tedesche,
inviati dal tabellone
hanno messo a disposizione una striscia di terreno interattivo
ai margini di una strada, il cui valore era sicuramente commissionato dalla
inferiore a quello delle loro Maserati. Lì, KDa hanno Virgin (destra e in alto).
realizzato un edificio con muri e pavimenti in La lunga parete ondulata
cemento, evitando deliberatamente l’uso delle a specchio (nella pagina a
convenzionali strutture a colonne e travature. Al loro lato) che riflette le forme
posto, i montanti divisori delle finestre agiscono stilizzate della
come esili colonne che sostengono il tetto. Non solo vegetazione riprodotta
sulla vetrina è l’elemento
le sinuose curve del garage emulano le linee delle
conduttore dell’interno
automobili, ma il tetto d’acciaio è esso stesso un del ristorante Vegie to go
longherone, sospeso sulle cornici delle finestre,
proprio come in un telaio d’automobile. La struttura
è anche ‘decappottabile’: si piega all’insù a creare
una nuova facciata, trasformando la scala
dell’edificio così com’è percepita dalla strada e
andando a coprire l’area adibita a studio nel piano
superiore.
Klein e Dytham sono perfettamente consapevoli che
avere una formazione di architetti significa disporre
di abbondanti risorse, pronte a essere sfruttate in
qualunque contesto pubblico. Per Laforet, un
grande magazzino nel quartiere Harajuku di Tokyo,
hanno creato una fila di vetrinette in acciaio inox
lunga settanta metri che hanno l’aspetto degli alberi
dei fumetti, e funzionano come dei pannelli
pubblicitari. Chiamato Rin-Rin (o “piccola foresta”)
questo astuto monumento, collocato proprio di
fronte al negozio, rifà il trucco all’area d’ingresso,
richiamando alla memoria una fila di alberi veri,
abbattuti per far posto a una nuova linea della

82 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 83


84 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 85
outbreak of reality. Exponential growth in land It conflates the communications power of a digital Here KDa made a structure with concrete walls
values had come to a sickening halt, and Japanese screen and a billboard on its facade, which is layered and floors that does away with conventional
architecture and design suddenly with transparent coloured film. columns and beams. Instead, window mullions
had to deal with a situation that was no longer Two recent street installations took this tactic act as a lighter column support beneath the roof.
weightless, but in which the constraints familiar literally. Pika-Pika was a huge temporary hoarding The garage’s shapely curves not only emulate
in the rest of the world once more applied. for a developer positioned on top of the construction the form of a car, but the profiled steel roof is itself
The make-do-and-mend mentality of London, fence in front of a building site at Jingumae in Tokyo. a beam supported on the window frames, just like
a city whose designers spent the 1980s struggling Designed to cause a stir – KDa wanted to ‘build the a car’s structure. It is also convertible – it cranks
to survive, turned out to be the ideal basis for most ridiculous thing we could’ – it took the form up to create a new frontage, transforming the
operating in a Japan struggling to deal with of a bulbous, 34-metre-long inflatable silver pretzel building’s perceived scale on the street while
the hangover that marked the end of its period made from high-performance balloon fabric. screening the upper-floor study area.
of massive growth. Installed for a period of two weeks, it stopped traffic KDa knows their architectural training gives them
When they arrived in Japan, with nothing more and was featured on a local television programme. an abundance of resources to exploit in whatever
to support them than three-month travel Wonderwall for Virgin was a 20-metre-long public context may be offered. At Laforet, a Tokyo
scholarships from the Royal College of Art, interactive street hoarding in the centre of Tokyo. department store at Harajuku, they created
the pair immediately telephoned all the big Set up to create the physical focus for a competition, a 70-metre-long ribbon of stainless steel
architectural names. Undeterred by worries the red installation lured droves of Tokyo’s text- showcases, like trees in a cartoon, in front of the
that penetrating the local scene would be a tall message-obsessed teenagers, who crowded store, that function as changing billboards.
order without command of the language, they in front of the site to receive messages beamed An artful monument, this Rin-Rin, or ‘little forest’,
persisted. Toyo Ito, for whom they later spent to their I-Mode Internet phones. refurbishes the entrance area, drawing on the
time working on a master plan for Tokyo Bay, This power of the performative also pervades memory of a row of trees that were cut down
helped them get their first job, a hair salon in Ginza. Klein and Dytham’s working culture. KDa is based to give way for a new subway line. An urban
They founded Klein Dytham Architecture (KDa) in a converted taxi garage that functions as intervention in miniature, they create a open
in 1990, and in 1996 they received their first a crossover space for exhibitions, performances boundary between the store and the street –
substantial commission. and parties in central Tokyo. Here they work cheek and a place where passing customers can enjoy
The project, a furniture showroom for Teruo by jowl with graphic and multimedia designers a brief, intimate look to check their makeup.
Kurosaki’s company, Idee, which was one of the Namaiki, sound designers and a microbrewery they Rin-Rin’s curves of reflective steel offer a playful
first to work with Philippe Starck and Marc Newson, have invested in. They have a symbiotic relationship distortion, and a glass strip of floor extends the
was followed by a stream of interiors and a few with the project and its ‘big crazy churn’, which has display onto the pavement.
small buildings and installations. given them a strong presence in a city otherwise In a city without a grid, where boundaries are never
Klein and Dytham loved Tokyo’s frenetic embrace hard for a Westerner to find roots in. clear, the visual deformation of Rin-Rin’s surfaces
of technology, but they were less enthusiastic KDa interiors such as the Vrooom! garage building, dominates the facade of the building.
about its predictable robotic efficiency. located outside Tokyo in the Aichi prefecture At night, echoing the changing visual and textual
From the very first, its culture struck them and completed in 1999, have an improvised data on display, it lights up in different colours.
as strongly visual and image conscious. They structural logic to their design. The clients, a This benign deformation of the commercial into
saw people on the street constantly checking real-estate dealer and his wife seeking to house a kind of game, with the help of found materials,
their appearance in reflections in windows or their collection of top-marque Italian and German manipulates the artistic potential of the streetscape
mirrors – a particularly common sight in subway cars, proffered a strip of roadside land that cost and makes inroads into the ephemeral surface
stations. In response, into the interiors of a project less than their Maserati. of the city.
for the venerable Japanese public/private space
Per esporre la ricca
of the sento, or bathhouse, they inserted video collezione di auto
screens, a bid to appropriate for the younger d’epoca dei propri
generation the sento’s scenic traditional decor committenti, lo studio
of panoramic landscapes. KDa ha realizzato nella
The architects have responded with childlike relish prefettura di Aichi il
to the eclecticism of Tokyo’s cityscape, immersing garage Vrooom! che,
themselves in its ever-renewing culture of graphics, nelle superfici curve (a
products and vending machines. In addition destra) e nella struttura
‘decappottabile’ della
to appropriating cheap indigenous materials
facciata (a lato), cerca
(such as compressed bamboo), their exploratory una sintonia con gli
scavenging of context became something they oggetti che è destinato a
documented on their Web site, one of the first ospitare. Lo spazio fluido
by an architectural firm to interpret a cultural è un tema che ricorre
environment – right down to the myriad drink-can negli interni della sede
concepts that flood the local market. This passion giapponese della Bartle
for buying and selling has become the nub of their Bogle Hegarthy (nelle
work. They epitomise Marshall McLuhan’s concept: pagine precedenti)
The medium really is the message. Although many To display their clients’
rich collection of vintage
architects would be wary of playing so directly with
cars, KDa built the
the creative potential for architecture offered by
Vrooom! garage in the
commercial and retail concerns, for fear of being Aichi prefecture. Its
subsumed by its language, ‘We’re not afraid of retail curved surfaces (right)
and advertising’. KDa’s architecture is about and the ‘convertible’
performance. As a creative tactic and a means frame of its façade
of survival, the culture of promotion – billboards, (facing) are designed to
displays, hoardings and other eye-catching devices harmonise with the
on the street – are an improvisational lever for exhibits shown in it.
Fluid space is a recurrent
opportunities to make architecture. Bringing art
theme in the interiors of
into architecture without the public really noticing,
Bartle Bogle Hegarthy’s
which a Japanese lifestyle magazine recently gave Japanese offices
Rem Koolhaas credit for, is an exercise in stretching (previous pages)
the microlanguage of brands by transforming the
street environment into an arena of spontaneous
activity. ‘Fast, quick projects are the norm in
Japanese culture’, note the architects. ‘We won’t
be sued in 50 years if the roof leaks’. KDa’s buildings
offer simple, expressive strength as an architectural
rationale, rather than longevity. The Idee Workstation
building looks like a product to be consumed:

86 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 87


David Adjaye ha
trasformato il piano
attico di un
normalissimo edificio
di appartamenti
londinese degli anni
Sessanta in una
incisiva ricerca intorno
alla definizione attuale
di lusso. Testo di
Caroline Roux
David Adjaye has
turned the penthouse
of a banal London
apartment building
from the 1960s into a
powerful exploration
of the contemporary
definition of luxury.
Text by Caroline Roux
Fotografia di/
Photography by
Lyndon Douglas

Cuoredipietra

Heart of
stone
Domus Novembre November 2001 89
Tutte le pareti divisorie dell’attico sono La casa “pezzo unico” ha una lunga nei musei, chiuse nelle bacheche, non per la sua peculiarità materica. macchina. “Questo è ciò che sognavo
state eliminate, liberando così uno storia che la colloca in una posizione lasciate esposte”. È un appartamento “Ho paura che possa sembrare un nei miei progetti di studente, una vera
spazio di quasi 500 metri quadrati, paradossale, poiché sembra che sarà vissuto solo un paio di mesi progetto modernista”, confessa e propria interfaccia” ricorda Adjaye.
poi rivestito di pietra (vedi alla pagina
abbracciare al tempo stesso l’anno, come i palazzi della vecchia l’architetto. “Il linguaggio è Questo ci riporta a Villa Tugendhat e
precedente) o di legno
tradizione e modernità. Di questo tipo Europa. Come un sovrano del modernista, ma l’intento non lo è. Sto alla nozione di modernità, che qui si
The original partitions within the
di costruzione David Adjaye ha Sedicesimo secolo, l’industriale cercando modi diversi di esprimere manifesta nell’adozione entusiastica
penthouse were all removed, leaving
almost 500 square metres of space, notevole esperienza. Nonostante la americano vi ‘scenderà’ in modo l’idea di lusso e tutto l’appartamento della tecnologia e attraverso il
lined with stone, as on the preceding sua giovane età – trentaquattro anni – spettacolare, accompagnato dal suo è una ricerca su questo tema”. E, nel rapporto con l’esterno. A Brno la
page, or wood ha già progettato abitazioni per artisti seguito, per godersi l’aria di Londra, senso inteso da Adjaye, il lusso è famosa parete di vetro di Mies,
come Chris Ofili e Jake Chapman a gioire delle sue opere d’arte e poi libertà di progettare senza i limiti azionata elettricamente, collegava e
Londra o divi del cinema come Ewan andarsene. Come una Versailles in imposti da una stretta definizione integrava la casa con il giardino
McGregor. miniatura, è predisposto per funzionale o materiale. Certo, qui non semplicemente premendo un tasto.
La casa “su misura” rispecchia in accogliere la ‘corte’ negli spazi si troveranno tanti materiali sfarzosi o Qui a Londra Adjaye ha delimitato il
genere il successo del proprietario e comuni, tenendo ben separati e dettagli prevedibili. Adjaye ha scelto terrazzo che corre per tutta la
la sua fiducia nella propria capacità riservati gli spazi personali. di lavorare su un ventaglio austero e Sezione trasversale/Cross section lunghezza dell’appartamento con una
di giudizio artistico, o quanto meno L’appartamento occupa l’ultimo piano ristretto di materiali e di elementi, ma li parete di vetro che, ripiegandosi, fa
in quella dell’architetto prescelto: di un edificio che fu progettato negli ha usati in un modo che li porta oltre i sparire lo stacco fra interno ed
posizioni che rivelano entrambe anni Sessanta da Richard Seifert per limiti convenzionali, sino a un punto di Nella parte privata è invece molto discreto fra le due parti della casa. esterno, e porta dentro casa i grandi
maturità e sicurezza circa il proprio contenere quattro appartamenti a deliberato eccesso. La magnificenza, presente il legno, sia massello che Ciò che il denaro può comprare qui alberi del parco. Adjaye sostiene che
stile di vita. Si pensi per esempio a livelli sfalsati e un attico. Dopo avere come il diavolo, ha molte facce. Nelle impiallacciato. La grande camera c’è, in tutta evidenza, ma in ogni caso lavorare a questo progetto è stato
Casa Tugendhat di Mies van der Rohe demolito le murature di cemento, parti comuni, per esempio, pavimenti, da letto padronale è una Adjaye ne ha ottenuto il meglio. “Per “come superare confine ed entrare
a Brno o, in anni a noi più vicini, alla Adjaye si trovò a disposizione 500 pareti e soffitti sono di pietra calcarea composizione in ebano impiallacciato me l’ideale è combinare estetica e in un’altra dimensione”. I suoi progetti
elegante villa di cemento, alluminio e metri quadrati. È così cominciato il portoghese: questa è stata (alle pareti) e quercia (tutto il resto). funzione” insiste. Ci è riuscito precedenti
vetro realizzata da Rem Koolhaas per gioco “delle due metà”. Se, quando si assottigliata fino a pochi millimetri di È un’esagerazione a grande scala. benissimo, in particolare meno importante
un cliente privato presso Bordeaux: esce dall’ascensore che si apre spessore e poi incollata a un pannello Tanto sforzo è diretto al nell’organizzazione della tecnologia e un budget inferiore. Le vittorie
progetti certamente lampanti in direttamente nell’appartamento, di alluminio a nido d’ape, in modo da raggiungimento della diversificazione d’avanguardia che fa funzionare conseguite in alcuni concorsi recenti –
questo senso, se non altro per il loro si gira a destra, si oltrepassano due alleggerirla per poterla sospendere. della eccezionalità: eppure al primo l’appartamento. Dietro il look come quello per una nuova grande
impatto culturale. L’appartamento di squisite armature da samurai, si “Ho pensato: che cosa si potrebbe colpo d’occhio si fa fatica a capire che affascinante, nascosta nella lunga fondazione d’arte a Boston e quello
Londra che David Adjaye ha da poco percorre un ampio ed elegante volere come sfondo per oggetti d’arte i materiali usati sono due. Le camere parete dello spazio principale, c’è una per una biblioteca a Whitechapel, una
terminato per un ricco cliente corridoio, fiancheggiato da una fila decorativa? Così è nata l’idea della degli ospiti sono rivestite e arredate complessa rete di fibre ottiche e di delle zone più diseredate di Londra –
americano è però qualcosa di diverso. ininterrotta di finestre sulla sinistra e pietra”, ricorda Adjaye. “Non ho invece con il più delicato legno di trasformatori comandata a distanza gli consentiranno, alla luce delle
Non è stato pensato tanto come di pannellature di vetro grigio sulla potuto decidere per una superficie che sicomoro. “Volevo una strategia che da un monitor LED portatile. Questo conoscenze acquisite in questo
residenza permanente, quanto destra, e ci si trova in un ampio e unico fosse neutra o che avesse riferimenti mi consentisse di dare una sorta di dispositivo mette in funzione tutto, progetto, di continuare a “esercitare
piuttosto come luogo destinato ad spazio di soggiorno. Se invece si gira a con l’idea dell’abitare. Non volevo fare rigore”, spiega Adjaye. “ma il legno dalle luci al riscaldamento, al i muscoli”. E, quel che più conta, a
accogliere ed esporre una importante sinistra, si arriva alle camere da letto pavimenti o pareti di legno: mi sarebbe è anche un fatto decorativo. Quando proiettore video, alla musica, alla differenza di questo appartamento
collezione di oggetti. “Cose molto grandi come saloni e disposte lungo sembrato di addomesticare, si usa una tavola di legno, tutta una lunga e sottile fenditura di pietra che progettato per isolare dal mondo il suo
lontane dal mio ambito”, nota Adjaye “corridoi-canyon”. “Mi piace questa banalizzare l’opera d’arte. E invece storia si dispiega, in tutti i dettagli”. è poi il camino ‘Zen’. La superficie proprietario mettendo in opera i
a proposito di questa collezione che idea degli opposti, gemelli e speculari” volevo che l’opera d’arte stesse lì, La biblioteca, con il suo pavimento supera così il compito di definire lo ‘trucchi’ del mestiere dietro porte
spazia nei secoli e abbraccia tutto il dice Adjaye, che ha scelto il vetro per nello spazio, per essere guardata, non di pietra e le pareti di legno spazio, diventa una pelle viva, la sala sbarrate, questi futuri lavori saranno
mondo, “cose che di solito si vedono la sua sintonia tonale con lo spazio e per rendere l’interno confortevole”. impiallacciato, fa da collegamento motori che fa funzionare tutta la accessibili al pubblico e fruibili da tutti.

Pianta/Floor plan Pianta delle coperture/Roof plan

90 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 91


L’edificio, che all’esterno riecheggia Heart of stone The one-off house to be lived in for only a couple months express luxury and this whole room that makes the whole machine
i canoni più convenzionali degli anni has a long history that puts it in a out of the year, like the palaces of old apartment is an investigation of that’. work. ‘This is the sort of thing I dreamt
Sessanta, ha il vantaggio di essere paradoxical position, one that seems Europe. Like 16th-century royalty, the And in the sense that Adjaye uses it, of in my student projects, a true
situato in uno dei parchi più belli
simultaneously to embrace tradition American industrialist owner will luxury is the freedom that comes to interface’, says Adjaye. Which, of
di Londra: l’attico sembra così
galleggiare nel verde
and modernity. It’s a building type with descend dramatically upon the place design without the limits of narrow course, brings us back to the
which David Adjaye has considerable with his retinue, enjoy the London air, definitions of functional or material Tugendhat House and the notion of
From the outside, the apartment
block is a banal echo of the 1960s. experience. Although he is only 34 appreciate the art and move on. Not restraint. Certainly you won’t find a modernity – manifested here in the
But it stands in one of London’s most years old, he has already designed unlike a miniature Versailles, the lavish range of materials here, or a enthusiastic embrace of technology
beautiful parks, allowing the penthouse houses for London-based artists Chris apartment is predisposed to welcome series of obvious details. Adjaye has and through its relationship with the
to float in the greenery Ofili and Jake Chapman and movie the court in its public spaces while chosen to work with a stringently exterior. In Brno, Mies’ famous
star Ewan McGregor. keeping its more intricate, personal restricted palette of materials and electrically operated glass wall
A bespoke home is a reflection of its side well hidden. elements, but he uses them in a way integrated the Tugendhat villa with its
owners’ material success and The flat is found on the top floor of a that takes them beyond their usual garden at the touch of a button. Adjaye
confidence in their own artistic block designed by Richard Seifert in limits to a point of deliberate excess. has divided a terrace running the
judgement, or at least in that of their the 1960s to accommodate four split- Splendour, like the devil, has many length of the apartment with a glass
chosen architect, both of which level apartments and a penthouse. disguises. Sezione trasversale/Cross section wall that folds away to abolish the
suggest a level of maturity and Having removed the existing In the public side, for example, distinction between inside and
conviction about their lifestyle. In this blockwork walls, Adjaye found himself Portuguese limestone forms the solid and veneer. The vast master The library subtly links the two sides outside, seemingly bringing the
context, you might think of Mies van with a 500-square-metre void to work floors, walls and ceiling, for which the bedroom, with its bed raised up as of the flat with its stone floor and mature trees outside in the park into
der Rohe’s Tugendhadt House in Brno with. Thus the game of two halves stone was shaved to a thickness of though on a stage and its plethora of veneered walls. the interior.
or, more recently, Rem Koolhaas’s began. Turn right out of the elevator just a few millimetres and then glued drawers subdivided into 60 What money can buy is writ large in Adjaye says that working on this
elegant concrete, aluminium and glass that opens directly into the apartment, to a honeycomb aluminium panel to compartments, is a composition in this place, but Adjaye has made it project was ‘like stepping off the edge
villa for a private client near Bordeaux past two suits of exquisite samurai make it light enough to suspend. ebony veneer (the walls) and smoked work hard nonetheless. ‘My ideal is to into another space’. Certainly his
– both of which are nothing if not armour, and you travel along an ‘I was thinking, What could you have oak (everything else). It is an combine aesthetics with function’, he previous projects have been low tech
conspicuous, at least in the sense of elegant and generously proportioned as a backdrop to decorative art? overstatement on a grand scale. So asserts. He has done so most and low budget. Recent competition
their cultural impact. But the London corridor – flanked by an unbroken line And that’s where the stone came from much effort has gone into achieving successfully in the organisation of the wins, which include a major new-build
apartment that David Adjaye has of windows on your left and grey- originally’, says Adjaye. ‘I couldn’t the distinction, yet on first glance, you state-of-the-art technology that arts foundation in Boston and a
recently completed for a wealthy backed glass panelling on your right – reconcile myself to the idea of would be hard pressed to realise that makes the apartment work. Behind the geographically and socially prominent
American client is a different matter into a single huge living space. Turn providing a surface that would be two materials are being used. The glamour, concealed in the long wall of library in Whitechapel, one of
altogether. For one thing, it is not really left and you are taken to chamberlike sufficiently neutral, or that had guest bedrooms are entirely clad and the main space, is a complex system London’s most deprived areas, will
intended to be a permanent home, but bedrooms down canyonlike corridors. references to the idea of dwelling. furnished in a more delicate sycamore. of fibre optics and transformers that is allow him to flex his muscles still more
rather a place designed to display a ‘I like this idea of opposites and twins I didn’t want to make a timber floor, ‘I wanted to employ a strategy that controlled remotely from a portable in the light of the knowledge he has
remarkable collection of artefacts. and mirroring’, says Adjaye, who or a wooden wall. They all had allowed me a kind of rigour, a sense of LED screen. This operates everything gained in this quasi-laboratory project.
‘Things that are way off my radar’, chose the glass for its tonality with the connotations of domesticating the purpose’, Adjaye explains. ‘But the from the lights and heating to the video And what is more, unlike this
says Adjaye of the collection, which space and its particular materiality. artwork and I wanted the artwork to be wood is also a decorative device. By projector, music and the long, thin remarkable apartment in a park,
spans centuries and embraces the ‘I’m fearful that it appears modernist’, able to stand in the space on display – using one piece of wood, you have a stone-filled slot that is a Zen-like designed to insulate its owner from the
entire world. ‘Things you usually see in confesses the architect. ‘And it is in its not in the comfortable domestic way’. story of the plank unfolding in all its fireplace. Surface, then, goes way world and perform its architectural
museums in glass cases, not language but not its intent. I am trying The private side, on the other hand, details. It’s not like manufacturing; beyond defining the space; it tricks behind closed doors, the public
exposed’. This is an apartment, then, to find a range of different ways to offers up an abundance of wood, both there is no badge of production’. becomes a true living skin, the engine will actually get to see them.
Progetto/Architect:
David Adjaye, Adjaye/Associates
Responsabile del progetto/Project architect:
Lucy Tilley, Adjaye/Associates
Gruppo di progettazione/Project team:
Sarah Adams, Sampson Adjei,
Yohannes Bereket, Sara Islam, Haremi Kudo,
John Mangham, Trevor Wilson
Impresa costruttrice/Main contractor:
R.J. Parry Ltd
Strutture/Structural engineering:
Nick Hanaka, Price & Myers
Ingegneria meccanica ed elettrica/
Mechanical and electrical engineering:
Des Barry, Optima B.E.S. Ltd
Allestimenti/Fit out contractor: Edsons
Arredamenti su disegno/Bespoke furniture:
Richard Newnham
Sanitari su disegno/Bespoke sanitary work:
Design & Form Ltd

92 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 93


Adjaye ha sfruttato la sezione
trasversale dell’edificio per sottolineare
gli spazi interni con la luce, e ha usato
i materiali in modo da conferire
all’insieme una vigorosa plasticità,
che decisamente si stacca dalla gracile
architettura dell’edificio originario
Adjaye has exploited the cross section
of the block to punctuate the interior
with light, using materials that suggest
a sense of mass and plasticity, in sharp
distinction to the flimsy architecture
of the original building

La gamma dei materiali usati nella


biblioteca, nella camera da letto
padronale e nel bagno (a destra)
è limitata, ma nei suoi toni raffinati
risulta di un lusso quieto ed elegante
The palette of materials in the
library, bedroom and bathroom, right,
is restricted but quietly luxurious
in its subtle range of tones

94 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 95


Il soffitto e le pareti delle zone
comuni dell’appartamento sono
rivestiti di pietra, le zone più private
sono finite in legno scuro
The public areas of the penthouse are
lined with stone on ceiling, floor and
walls, while the more private zones
are finished in dark wood

Le zone comuni e quelle di uso


personale sono collegate da un
corridoio di generose proporzioni.
Le vetrate pieghevoli portano nel
cuore della casa la vista del parco
Public and private areas are linked
by a generously proportioned corridor.
The windows fold open to bring the
presence of the park inside

96 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 97


I soffitti alti consentono di diffondere
luce naturale e artificiale in varie
soluzioni. Nelle camere da letto,
schermi pieghevoli di vetro a tutta
altezza garantiscono la privacy
High ceilings allow for the inclusion of
a range of different forms of light,
natural and artificial. In the bedrooms,
the floor-to-ceiling folding glass
screens are etched for visual privacy

L’uso della pietra in tutte le zone


comuni dà all’interno un senso di
monolitica monumentalità: ne risulta
un luogo per esporre la collezione
d’arte del padrone di casa in uno
scenario volutamente non-domestico
The universal use of stone in the
public areas gives a monolithic quality
to the interior. Here the owners’ art
collection can be installed in a
deliberately un-domestic setting

98 Domus Novembre November 2001


La stazione Salvator The Salvator Rosa Fotografia di/
Rosa della nuova station on the new Photography by
Metropolitana di Naples subway, Pino Guidolotti
Napoli, opera di designed by
Alessandro e Alessandro and
Francesco Mendini, Francesco Mendini,
ricorda la dignità reflects a dignified
dell’identità urbana vision of urban
nel cuore della identity in the midst
peggiore speculazione of chaotic speculative
edilizia. Ne parla Alba development. Alba
Cappellieri Cappellieri reports

Arte
Metropolitana

Underground art
Il poetico intervento
di Mimmo Paladino
allegerisce e nobilita
le aperture abusive di
un edificio della
speculazione
Mimmo Paladino softens
the bleak gable end of
a banal apartment
block facing the
Salvator Rosa station

100 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 101
Solare e occulta, generosa e sordida, ispirato all’esempio di Londra,
pia ed empia, l’anima doppia di Napoli l’ambizione di realizzare a Napoli
si è mostrata nella sua più intima un’imponente infrastruttura per il
essenza ad Alessandro Mendini, trasporto su ferro risale agli anni
seducendolo con il suo sguardo Settanta, con il progetto della
bifronte. Agli attacchi durissimi ricevuti metropolitana ‘collinare’ destinata a
per l’intervento sulla Villa Comunale, collegare le aree collinari a nord con il
la cui eco non si è ancora del tutto centro cittadino, ma di fatto mai
sopita, si sono succedute lodi aperte portata a termine.
e incondizionate per la stazione della Nel 1994 il sindaco Antonio Bassolino
metropolitana Salvator Rosa, appena e l’assessore alla mobilità Riccardo
completata. Questa rapsodia di Marone (suo successore come
consensi e dissensi, vessazioni e sindaco) individuarono nella
ovazioni, pare scandita più da lotte programmazione della rete dei
intestine per competenze e nomine, trasporti urbani la sfida per uno
che dall'auspicabile anelito per sviluppo sostenibile della città di
un’architettura di qualità. Napoli. La mobilità è, infatti, all’origine
Se i vari e vani j’accuse vertono su di numerosi mali che affliggono il
questioni di natura estetica – la cui capoluogo e il suo centro antico in
impossibilità a un consenso particolar modo: il traffico,
generalizzato è dato quanto mai l’inquinamento, l’incapacità di
scontato – resta il dubbio sull’ostinata regolamentare l’afflusso di automobili
determinazione dell’amministrazione e la loro sosta. “Con Bassolino”
comunale partenopea a non avvalersi ricorda Marone “avevamo la
dello strumento del concorso per convinzione che il sistema dei trasporti
l’assegnazione degli incarichi di su ferro a Napoli fosse privo di
progettazione. Nella costellazione di qualsiasi logica di programmazione e
buoni propositi e di occasioni mancate che finalmente vi fossero le condizioni
che ordiscono la storia per rilanciare l’opera e per pensare più
dell’architettura contemporanea a in grande, costruendo non più la
Per l’area di transito
Napoli – basti pensare alle vicissitudini metropolitana collinare ma la prospiciente la banchina
del Centro Direzionale – l’intervento metropolitana di Napoli”. dei treni Alessandro
di Mendini spicca per l’integrità del Seguendo l’impostazione del piano Mendini (in alto) ha scelto
progetto e l’efficienza della gestione. dei trasporti, la metropolitana è stata l’opera in cartapesta di
Rinunciando alla tentazione ripensata: da semplice asse tra la zona Perino e Vele (destra)
narcisistica e/o all’infatuazione collinare e il centro ad anello di For the corridor
avveniristica, la stazione Salvator collegamento di tutte le strutture overlooking the train
Rosa accoglie ed espone numerose ferroviarie della città, l’attuale Linea 1. platforms, Alessandro
opere di giovani artisti napoletani: Mentre questa diveniva l’asse portante Mendini, above, has
chosen a papier-mâché
i loro linguaggi eterogenei si fondono del nuovo sistema su ferro, la
sculpture by Perino and
dialetticamente, esaltati da Metropolitana di Napoli,
Vele, right
un’architettura elegante e discreta. concessionaria dell’opera, redigeva
L’interazione scambievole delle arti il nuovo progetto, che estendeva la
fa sì che tutte le espressioni artistiche Linea 1 alla stazione FS e al Centro
concorrano alla creazione di un Direzionale, passando per piazza
moderno Gesamtkunstwerk, senza Municipio. Delle nove linee previste,
gerarchie né competenze assegnate la 1 è la più ampia e connetterà
ma solo armonicamente assemblate circolarmente la periferia nord della
dalla consapevole regia di Mendini. città con il quartiere Vomero, il centro
Il suo progetto afferisce al Piano dei storico, la stazione centrale e
Trasporti approvato l’aeroporto. Le sue venticinque
dall’amministrazione napoletana nel stazioni formeranno 8 nodi di
marzo 1997: primo in Italia tra i piani interscambio con stazioni di altre linee
di nuova generazione, esso integra su ferro e con le strade della rete
mobilità, trasporti e urbanistica in un primaria cui saranno collegate
unico processo di pianificazione. attraverso parcheggi.
Se si esclude la primogenitura Al potenziamento della rete su ferro,
dell’idea di Lamont Young, l’inglese il Piano dei Trasporti aggiunge
che nel 1874 elaborò un sistema l’integrazione della mobilità nella

102 Domus Novembre November 2001 Domus Settembre September 2000 103
pianificazione urbanistica, di cui spazio pubblico dove passato,
rappresenta un’infrastruttura presente e futuro si sovrappongono
determinante anche per la stratificandosi e dove l’incontro della
valorizzazione dei nuovi parchi velocità con la fissità del luogo funge
territoriali, del centro antico e dei nuovi da catalizzatore per la riqualificazione
insediamenti nelle aree di di un’area urbana degradata.
trasformazione urbana. È quanto inizia La stazione è infatti ubicata a metà
a emergere dai progetti per le cinque della via Salvator Rosa (che collega il
nuove stazioni, non più anonimi luoghi quartiere Museo al Vomero) in un’area
di transito ma icone dell’identità corrosa dalla speculazione edilizia e
urbana. Per Elena Camerlingo, dall’abusivismo. Delle pendici del colle
dirigente del Servizio Infrastrutture del decantato da Goethe e da Stendhal
Comune di Napoli, “le stazioni non non resta che un canyon di cemento,
potevano più essere considerate solo fittamente costeggiato da edifici
come elementi tecnici capaci di popolari cadenti, consumati
assicurare accesso e passaggio verso dall’incuria e dall’inquinamento.
l’esterno. Si è quindi deciso di La claustrofobica densità del costruito
assegnare alle nuove stazioni anche è inaspettatamente interrotta dalla
la valenza di luoghi per la connessione piazza, dal giardino, dai percorsi
con il tessuto urbano che la linea pedonali e dai giochi per i bambini.
incontra”. Da qui la decisione di La stazione diventa così l’incipit,
affidare (a realizzazione quasi ultimata) piuttosto che la finalità, per la
la revisione progettuale, per piazza realizzazione di uno spazio urbano
Dante e piazza Cavour-Museo a Gae pedonale, sorta di microcosmo
Aulenti, le stazioni collinari di Salvator sottratto alla città soffocata dal
Rosa e di Materdei ad Alessandro cemento. Il disegno di Mendini unifica,
Mendini, e quella del Vomero-Cilea al conciliandole, presenze urbane
napoletano Domenico Orlacchio. discordi: un frammento del giardino
Denominatore comune delle cinque storico di villa Maio, miracolosamente
stazioni – tutte in fase di scampato all’ingordigia dei costruttori,
completamento con l’eccezione di i resti di un acquedotto romano
quella di Materdei – è la presenza di restaurato, le facciate cieche dei
opere di artisti napoletani che hanno, palazzi circostanti. Mendini li
secondo il presidente della assembla, con pazienza chirurgica,
Metropolitana Gianegidio Silva, gioca sugli interstizi di collegamento
“progressivamente trasformato gli per ricordare la bellezza del tufo e la
spazi di transito delle stazioni in luoghi morfologia della città, trasforma i salti
di incontro tra l’arte contemporanea e di quota tra gli edifici in aree attrezzate
i cittadini che ogni giorno utilizzeranno per i bambini altrimenti destinati alla
la linea 1”. Per Achille Bonito Oliva, gimcana tra i rifiuti, agevola i percorsi
consulente artistico al progetto, con scale mobili coperte, crea aree di
si tratta di un esperimento senza sosta all’ombra delle palme per
precedenti in Italia, concreta rivendicare ai pedoni diritti e piaceri da
realizzazione di opere classificabili troppo dimenticati. “Ho pensato che
sotto il segno positivo di “arte questa intrinseca frammentarietà”,
pubblica”. Il suggerimento a integrare spiega Mendini, “potesse dare luogo
dentro e fuori, sopra e sotto nel segno a una polifonia visiva, dove una serie di
dell’arte contemporanea viene da opere d’arte potesse identificare dei
Alessandro Mendini. La sua selezione luoghi, degli spazi, dei percorsi. Le
di nomi ha valicato le consuete stazioni metropolitane sono, per
discriminazioni generazionali o definizione, luoghi policentrici e
poetiche, riuscendo nell’intento di centrifughi, spesso difficili da chiudere
stabilire un confronto dialettico tra in un’unica immagine sintetica”.
architettura e altre manifestazioni Le opere d’arte sono ovunque. Dal blu
artistiche. La stazione Salvator Rosa, intenso della sensazionale facciata di
l’unica fuori-terra, risulta un museo Mimmo Paladino – che assorbe il
aperto (Napoli è sorprendentemente grigiore consunto degli intonaci
sprovvista di un museo per l’arte limitrofi e si staglia contro il cielo con
moderna e contemporanea), uno le sue onde d’oro (mai finestre abusive
Il drammatico panneggio
ceramico di Enzo Cucchi
(destra) introduce la
discesa ai treni
A dramatic ceramic panel
by Enzo Cucchi, right,
greets passengers
descending to the
platforms

104 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 105
hanno ricevuto trattamento più eleganza e dignità con l’uso di materiali
poetico) alle sculture di Riccardo Dalisi, come l’acciaio cangiante, il vetro
guardiani accigliati del parco bianco, la gomma colorata dei
archeologico retrostante; poi le pavimenti. L’immagine avveniristica e
strutture ludiche di Salvatore Paladino, tecnologica dello spazio interno,
la sfinge inquietante di Augusto Perez, testimone fedele di un tempo
le sculture di Renato Barisani e di Lucio accelerato e sfuggente, confluisce
del Pezzo, le colonne bronzee di Nino lentamente nella pacata familiarità
Longobardi, fino ai raffinati mosaici di della piazza esterna: giuntura
Ugo Marano, Ernesto Tatafiore, Gianni silenziosa del dualismo di Napoli cui
Pisani e Mimmo Rotella. Le opere Mendini offre la mano aperta verso il
fanno discutere i passanti, alcune di cielo di Mimmo Paladino.
difficile interpretazione destano
discussioni: ci si confronta, si Underground art Naples is a city
formulano congetture. La piazza si with a deeply ambiguous character,
popola, ritorna a essere un luogo di simultaneously crystal clear and darkly
incontro, secondo lo spirito dei greci mysterious, both pious and profane,
che qui si erano insediati. as Alessandro Mendini has discovered
La stazione è un volume discreto in at some personal cost. The response
pietra dorata sormontato da una guglia to his work there has veered from the
vitrea che illumina lo spazio harshly critical – in the case of his
sottostante e, al tempo stesso, segnala restoration of the Villa Comunale park
alla città la sua presenza di obelisco – to the universal enthusiasm inspired
della mobilità. Il prospetto verso la by his newly completed Salvator Rosa
piazza è interrotto da finestre underground station. But against the
curvilinee, i cui vetri colorati modulano backdrop of the Neapolitan municipal
all’interno la percezione cromatica authorities' stubborn refusal to use the
dello spazio. Ciascuna finestra è competition system to assign major
segnata in sommità dalle geometrie civic design commissions, Mendini's
delle formelle di Luca Castellano, work stands out in the mass of good
Passato e presente si
mentre la scultura monolitica di intentions and missed opportunities fondono nel progetto di
Raffaella Nappo introduce la discesa that constitute the history of Mendini. La cappella
verso i treni. Il primo blocco di scale contemporary Neapolitan neoclassica (destra)
mobili è sormontato dal pannello in architecture. His Salvator Rosa station restaurata per
ceramica di Enzo Cucchi, un fitto combines architecture and urbanism l’occasione dialoga con
drappeggio rosso che anima la parete with an impressive collection of public le sculture ludiche di
in un gioco di chiaroscuri. Anche se lo art commissioned from a number of Salvatore Paladino
spazio fisico interno della stazione era Neapolitan artists, including Enzo (in alto)
stato già definito nelle strutture e nella Cucchi and Mimmo Paladino, which Mendini has restored a
neoclassical chapel,
organizzazione funzionale da un forms an integral part of the project.
right, incorporating his
precedente progetto di Michele The Naples metro system has been in
trademark golden vases
Capobianco (già autore, tra le altre, the works for more than a century. The which face Salvatore
della bella stazione di Piazza Vanvitelli), idea was first proposed in 1874, when Paladino’s playful
l’interno di Mendini sostituisce alla an Englishman named Lamont Young sculptures, above
concezione atopica della stazione la drew up a plan for an underground
specificità del luogo, ne connota railway based on London’s. But it was
l’identità. Banchine, collegamenti e only 100 years later that the city began
mezzanini si tingono di rosa in to take practical steps toward building
un’evocazione cromatica del nome an underground line. As it was
della stazione (più immediata delle conceived in the 1970s, the metro
qualità pittoriche di Salvator Rosa, ma would have linked Naples’ hillside
si sa… ), il cui carattere è ulteriormente northern suburbs with the historic
definito dall’emozionante opera in centre. But before it could be
cartapesta di Perino e Vele, ubicata constructed, the then mayor Antonio
nello spazio di transito prospiciente la Bassolino and his councillor for
banchina. L’ipotesi estetica di Mendini, transportation, Riccardo Marone (who
puntualmente verificata, è rendere would succeed Bassolino as mayor),
attraenti, chiari e moderni gli spazi began to argue for a much more
interrati, accentuarne l’idea di ambitious integrated urban-transport

106 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 107
network. They saw mobility as the key contemporary art with an audience of
to resolving the traffic and pollution everyday commuters. Mendini’s
problems afflicting the city and its old station is the only one on the line with
centre. Convinced that there was no a significant presence above ground,
logic to the city’s existing public and he has attempted to integrate art
transportation system, Bassolino and and architecture both above and
Marone proposed redesigning the below the street. Located halfway
metro project on a bigger, more along via Salvator Rosa, which links
appropriate scale that would help the the museum district with Vomero, the
entire city to function better. station’s urban context could not be
Instead of a simple straight line, the more challenging. It is in the midst of
metro, as it was redefined, is a loop – an area scarred by illegal property
known as Line 1 – that links all of the development and speculation. Hill
city’s suburban and intercity railway slopes admired by Goethe and
lines. When it is completed, it will Stendhal have been reduced to a
connect the northern suburbs of the concrete canyon, densely flanked by
city with the Vomero district, the ramshackle low-income housing.
historic centre, the central train station Claustrophobically dense
and the airport. Its 25 stations will development is suddenly interrupted
provide eight park-and-ride by a square, gardens, pedestrian
interchanges with stations on other walks and a children’s playground.
rail lines and with the main roads. Within this harsh setting, the station
According to the city’s planners, the does its best to provide a reminder of
region’s rail lines will increase from a gentler, more civilised version of
23.3 kilometres to 119.8 by the year urbanism. Mendini’s design unifies
2011. The reduction in traffic in the city and reconciles discordant urban
centre will liberate approximately presences: a fragment of the old
400,000 square metres of parking garden of the Villa Maio that has
spaces – an area equivalent to four miraculously escaped developers’
times the size of the Villa Comunale. greed, the remains of a restored
The crucial integration of mobility into Roman aqueduct, the blank,
Neapolitan urban planning is windowless facades of the
beginning to emerge with the plans for surrounding apartment blocks.
the first five stations on Line 1, which Mendini assembles them with a
are being designed as deliberate signs surgeon’s patience; he plays on the
of Naples’ civic identity rather than connecting passages to remind us of
simply functional pieces of the beauty of his materials – primarily
infrastructure. Notes Elena tufa stone, a light and porous yellow
Camerlingo, who supervises rock – and the city’s morphology.
infrastructure for the Commune of He transforms the differences
Naples, ‘We decided to give the new between the buildings’ levels into
stations a role in integrating with the areas equipped for children who
urban fabric along the line’. would otherwise be destined to play in
Hence the decision to commission the rubbish. He facilitates routes with
Alessandro Mendini to design the covered escalators and creates
hillside stations of Salvator Rosa and stopping places shaded by palm trees
Materdei, along with Gae Aulenti, who to reclaim pedestrian rights and
will do the stations at the Piazza Dante pleasures too long forgotten.
and Piazza Cavour-Museo, and ‘I thought that this intrinsic
Domenico Orlacchio, who will design fragmentation’, explains Mendini,
the Vomero-Cilea station. ‘could give rise to a visual polyphony,
All five stations – now nearing in which a number of works of art
completion, with the exception of could identify places, spaces, routes.
Materdei – make extensive use of art The underground stations are, by
in a programme supervised by Achille definition, centrifugal places, often
Bonito Oliva. According to difficult to wrap up in a single concise
Metropolitana chairman Gianegidio image’. There are works of art
Silva, the programme has transformed everywhere – from Mimmo Paladino’s
the stations into galleries of sensational deep-blue facade, which
La guglia messa da
Mendini in cima alla
stazione sovrastata
dal mosaico murale di
Gianni Pisani
Mendini’s spire above
the station, overlooked
by Gianni Pisani’s mural

108 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 109
absorbs the dull, worn adjacent and modern, to accentuate the ideas
plaster to stand out against the sky of elegance and dignity with the use of
with its waves of gold (never have such materials as steel that changes
illegal windows been more poetically hue, white glass and coloured rubber
treated), to Riccardo Dalisi’s floors. The futuristic and technological
sculptures, the stern-looking image of the internal space, faithful
guardians of the archaeological park testimony to accelerated and fleeting
behind. Then there are Salvatore time, flows slowly into the quiet
Paladino’s playful structures, Augusto familiarity of the square outside: the
Perez’s unsettling sphynx, the silent coming together of the
sculptures of Renato Barisani and Neapolitan dualism to which Mendini
Lucio del Pezzo, the bronze columns proffers the hand, open to the sky, of
of Nino Longobardi and refined Mimmo Paladino.
mosaics by Ugo Marano, Ernesto
Tatafiore, Gianni Pisani and Mimmo
Rotella. The works make passers-by Progetto architettonico e coordinamento opere
talk; some, more difficult to interpret, d’arte/Architectural project and coordination of
artworks: Atelier Mendini (Alessandro e/and
prompt debate. People discuss them
Francesco Mendini) con/with Andrea Balzari,
and make conjectures. The square is Filippo Ferrari, Bruno Gregori, Alex Mocika,
repopulated and once more becomes Sergio Sinopoli, Sam Stone, Lorena Vieyra,
a meeting place, in the spirit of the Marisa Alegria Vinha, Barbara Zanotta
ancient Greeks who settled nearby. Artisti invitati/Guest artists: Renato Barisani,
The station itself is an unobtrusive Luca Castellano, Riccardo Dalisi, Lucio Del
construction in golden stone Pezzo, Enzo Cucchi, Santolo De Luca, Nino
surmounted by a glass spire that Longobardi, Ugo Marano, Fulvia Mendini, Alex
illuminates the space beneath and, Mocika, Raffaella Nappo, Mimmo e Salvatore
Paladino, Gloria Pastore, Augusto Perez,
at the same time, signals to the city
Mimmo Rotella, Anna Sargenti, Gianni Pisani,
its presence as an obelisk of mobility. Perino e Vele, Ernesto Tatafiore
The front on the square is broken by Consulenza critica/Critical consultant:
curvilinear windows, and their Achille Bonito Oliva All’arcata disegnata da
coloured glass modulates the Collaborazione organizzativa per gli artisti/ Mendini, sopra, fa eco
chromatic perception of space inside. Organisational collaboration with artists: la grande mano scolpita
The tops of the windows bear tiles by Giusi Laurino da Mimmo Paladino,
Luca Castellano, and Raffaella Coordinamento cantierizzazione opere d’arte/ a destra, sovrastata dal
Nappo’s monolithic sculpture Coordination of artworks on site: mosaico di Tatafiore
Renato Fasanaro
introduces the descent toward the The arcade that Mendini
Restauro della Cappella Neoclassica/
trains. Surmounting the first block of Restoration of the neoclassical chapel: a cura
built, above, at the side
escalators is a ceramic panel by Enzo of the station echoes
della/directed by Sovrintendenza ai Beni
Cucchi – a dramatic red curtain that Mimmo Paladino’s hand
Ambientali e Architettonici/Council for
sculpture, right, and
animates the wall in a play on light and Environment and Architecture, Ugo Carughi,
Ernesto Talafiore’s
shade. The structures and functional della Sovrintendenza ai Beni Artistici e
mosaic
organisation of the station’s physical Storici/Arts Council, Laura Giusti
interior space had already been Restauro dei resti del Ponte Romano/
defined in a prior project by Michele Restoration of the ruins of the Ponte Romano
a cura della/directed by Sovrintendenza
Capobianco (also responsible, among
Archeologica delle Provincie di Napoli e
other projects, for the fine station in Caserta/Archaeological Council for
Piazza Vanvitelli). the Provinces of Naples and Caserta,
However, Mendini’s interior replaces Giuseppe Vecchio
the atypical concept of the station that Progetto di restauro/Restoration project a
shaped the previous works with cura di/directed by Michele Varchetta
specificity to connote its identity. Concessionario/Licensee: Metropolitana
Platforms, passages and mezzanines di Napoli
are coloured pink (rosa) to evoke Concedente/Grantor: Comune di Napoli
Coordinamento progetto/Project coordination:
chromatically the station’s name, and
Metropolitana Milanese
there is a moving papier-mâché work Consorzio esecutore stazione Salvator Rosa/
by Perino and Vele facing the platform. Salvator Rosa station executive
Mendini’s aesthetic assumption, consortium: MetroSud
promptly confirmed, is to make the Illuminazione pubblica/Public lighting: Enel Sole
underground spaces attractive, light Mosaici/Mosaics: Bisazza, Vicenza

110 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 111
Manierismo
barocco
Fotografia di/Photography by Eike Ollertz

Baroque
Mannerism
Fotografia di/
Photography by
Philippe Ruault
e/and Eike
Ollertz

Rudy Ricciotti Rudy Ricciotti


con l’intervento di comes to terms with
trasformazione della Germany’s recent past
Nikolaisaal di Potsdam in his reworking of
in una moderna sala Potsdam’s Nikolaisaal
da concerto affronta into a modern concert
il recente passato della hall. Report by
Germania. Reportage Sebastiano Brandolini
di Sebastiano
Brandolini

112 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 113
Il volume della nuova Nikolaisaal
s’inserisce in una grande corte
4 1
residenziale nel contesto della Potsdam
storica (in basso). L’atrio d’ingresso
(pagina precedente e a destra) recupera
la sala preesistente dell’inizio del 1900,
ridisegnata intorno al 1933
The new Nikolaisaal lies ensconced in a
large residential courtyard in the heart
of the old Potsdam, bottom. The atrium,
1 previous page and right, takes up the
5 2 hall originally built in the early 1900s
and redesigned around 1933

Pianta del terzo piano/Third floor plan


1 uffici/offices
2 regia/production
3 galleria/gallery
4 foyer dei musicisti/
musicians’ foyer
5 sala di prova/
rehearsal room

Potsdam è il set ideale per quegli un portone su strada e ci si trova così attraverso il pigmento, ed emergono canto, viene trasformata in luogo di
architetti che credono che il loro ruolo in un piccolo cortile; si oltrepassa poi il così diverse gradazioni e sfumature. culto. Negli ultimi anni della DDR si
sia salvare la città dall’architettura portale di una chiesa (qui, sulla porta Finora l’edificio più noto di Ricciotti è ultima il restauro del refettorio della
moderna (in prima fila tra questi Léon vetrata è stata montata una maniglia lo stadio per il rock di Vitrolles, in una Nikolaikirche, e ciò rende inutile la
Krier e l’italiano Augusto Romano dorata assai decorativa, chiaro segno ex cava di bauxite nei pressi di Nikolaisaal. Così la città di Potsdam
Burelli). Ricciotti pensa invece che la che stiamo per entrare in un luogo Marsiglia: una scura scatola di decide di demolirla, e di costruire al
missione dell’architetto d’oggi debba riservato allo spettacolo...), e ci si trova calcestruzzo dedicata alla musica, suo posto una sala di concerti: ma
essere aggiungere qualcosa di buono in uno spazio colonnato nero. È una caratterizzata da un cornicione Rudy Ricciotti vince il concorso con
a quanto già esiste, regalandolo con bella sequenza di spazi dal sapore alla superiore sfrangiato e da un’idea che è un controprogetto, per
abbondanza. Ed è questo che ha fatto Hitchcock. Lo spazio nero è la lobby un’illuminazione esterna a pois rossi, riabilitare parte dell’esistente:
all’interno dell’isolato residenziale di della Nikolaisaal. Le sue forme pesanti che egli definisce “primitif et baroque”. conservare la sala parrocchiale della
Potsdam dove sta il volume della e monolitiche risalgono al Qui nella lobby ci si accorge così che chiesa e parte della navata, e demolire
Nikolaisaal. Tanti architetti avrebbero nazionalsocialismo; e questo è il primo esistono più neri, e che il nero nella il coro.
pensato qualcosa quasi in stile. shock cui viene sottoposto il pubblico realtà non è un colore vero, ma la Sono queste le cose che fanno il gusto
Ricciotti, invece, regala alla città delle della musica. Nella vicina Berlino, gli versione più scura e satura dei grigi e dell’architettura: e Rudy Ricciotti le
belle facciate, attente al contesto ma edifici nazisti sopravvissuti alla dei verdi. Solo quando la pupilla si dosa bene, perché la scenografia della
autonome nella loro forma; ci si travagliata storia cittadina sono trattati abitua alla semioscurità, ci si accorge storia appare saldamente in suo
accorge che non si tratta né di con un’indifferenza che sa di delle ombre e dei riflessi. Sul soffitto controllo. Una volta che ci ha
residenza né di uffici, ma neppure di qualunquismo, e non vengono certo della lobby, utilizzata per piccoli spaventati con lo Sturm dell’oscurità,
una sala da concerti! ridisegnati, perché questo concerti e avvenimenti culturali (ospita ci conduce oltre, a farci vivere
Partendo dall’apparente tranquillità, presupporrebbe un’interpretazione e circa duecento persone), appena sotto un’esperienza opposta, fondata sulla
da set cinematografico, delle stradine una valutazione critica che nessuno si al grande lucernario, una batteria luce. Restando al piano terra oppure
settecentesche di Potsdam, Ricciotti sente per adesso di dare. Il colore concentrata di luci dà allo spazio un salendo al primo piano, superiamo la
costruisce infatti un edificio tragico e scuro – sui muri, sul soffitto, per terra – sapore semi-industriale, oppure da “pancia di legno” che contiene il
imprevedibile, dedicato alla musica e è ovunque, come se questi ne fossero retro-palcoscenico. Vi sono anche guardaroba e i servizi (blu per gli
alla città. Il percorso inizia superando intrisi; la natura dei materiali traspare alcuni segni di praticità, come un uomini e rosa per le donne: un codice
piccolo bar e il bancone del che i cittadini di Potsdam, si dice,
guardaroba in legno: ma in questo stentano a comprendere) e che fa da
luogo ci si sente soprattutto rapiti filtro: entriamo così nella Saal vera e
dall’esperienza spaziale, e propria. Questa è bianca, quasi tutta, e
dall’interpretazione colta che ne dà con le sue forme molli appare ancora
l’architetto. La luce, o meglio la sua più candida di quanto non lo sia in
presenza-assenza, è cruciale. C’è realtà. Grazie all’architettura, le circa
poca eleganza nei dettagli e negli ottocento persone che qui possono
oggetti che ci circondano, prevale ascoltare la musica assistono a un
invece una certa spartanità rituale che ha un significato quasi
volutamente scenografica. Ringhiere, purificatorio, che non ci si aspetta
zoccolini, infissi sono precisi, secchi e dopo l’incipit nero. La sala è compatta,
austeri, non raffinati. lunga e verticale, con pareti intonacate
Fotografia di/Photography by Wilmar Koenig

Occorre a questo punto ripercorrere la che appaiono morbide come lenzuola;


storia dell’edificio. Durante la seconda le superfici dei muri sono cadenzate
guerra mondiale, la Nikolaikirche di da bolle giganti, che svolgono un ruolo
Potsdam, opera di Schinkel, viene tecnico-acustico, ma sembrano
pesantemente danneggiata; è così magma sospinto in fuori da una forza
che la Nikolaisaal, originariamente occulta che si cela nei muri. La luce è
costruita da Richard Herzner de diffusa e radente; sui muri vengono
Zehlendorf all’inizio secolo e proiettate le ellissi luminose delle luci
modificata nel 1933 da Hans da palcoscenico, che nell’illuminare le
Dustmann, adibita a riunioni e prove di bolle producono a loro volta ombre

114 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 115
3

1 1

Nella lobby dominano i colori scuri


(a destra), variati su una palette di grigi
e verdi, in forte contrasto con la sala da
musica, di un candore niveo (alle pagine
2 successive). Alcuni dettagli, come la
baroccheggiante maniglia dorata che
risalta sulla trasparenza della porta
in vetro, ricordano ai visitatori che si
Pianta del secondo piano/Second floor plan tratta di un luogo per l’intrattenimento
1 foyer a doppia altezza/ (in basso)
double-height foyer The lobby is dominated by dark colours,
2 galleria/gallery right, varied on a palette of greys and
3 sala per l’accordatura/ greens in sharp contrast to the snow-
tuning room white music room, next pages. Certain
details, such as the baroque-style gilt
handle standing out against the
transparency of the glass door, bottom,
are intended to signal that this is a
place of entertainment

della stessa forma. Si crea così un fiero. Nell’atmosfera ex aristocratica di e per le altre dodici barocco. Dice entertainment). Suddenly you find
curioso gioco decorativo e Potsdam, con disinvoltura egli anche di preferire il minimo al yourself in a dark, colonnaded space.
immateriale: la sorgente luminosa, rappresenta la doppia anima della minimalismo. In un’intervista rilasciata This impressive sequence effectively
l’oggetto illuminato e la sua ombra musica, il suo essere alcuni anni fa, Ricciotti elenca le parole conveys the mood of a Hitchcock film.
sono tra loro intercambiabili. Chi contemporaneamente galateo sociale che gli sono nemiche: “Alieno, perché The black space is the lobby of the
osserva questo gioco è libero di (nella lobby) e festosa convivialità è scandaloso pensare che non vi sia Nikolaisaal. Used for small concerts
pensare a Jean Arp. Alcune delle bolle (nella sala). Nei due spazi che futuro per l’architettura; high-tech, and cultural events, it can seat about
sono circondate da aureole fatte con compongono il progetto egli distingue perché è volgare; energetico, perché è 200 people. Its heavy, monolithic
neon incassati nei muri. Nonostante lo queste due anime, senza volerle pretenzioso; integrato, perché è forms – the first jolt delivered to
spazio sia bianco, l’illuminazione integrare: i pilastri duri dell’architettura demagogico; urbano, perché è unsuspecting visitors – date from the
artificiale non è mai forte, ma è soffusa nazista da una parte, le bolle molli commerciale; minimale perché manca days of National Socialism. In
e crepuscolare. Prima, durante e dopo dell’informale dall’altra. Egli vuole di generosità; nulla, perché è triste; sì, neighbouring Berlin the Nazi buildings
lo spettacolo, siamo dunque accolti in superare così alcuni luoghi comuni perché equivale al nulla”. that have survived the city’s dramatic
un grembo, che ci culla come fosse un degli stili in architettura, e sfogare le recent history are treated with an
grande uovo. Il soffitto (con una proprie passioni e angosce. Per Baroque Mannerism Potsdam, with almost studied indifference to political
sezione che ricorda la lecture hall della questo, la Nikolaisaal assume anche its rich heritage of Prussian relics, is significance. Certainly they are not
Biblioteca di Viipuri di Alvar Aalto) si un senso politico. the ideal stage for those architects – being redesigned, since that would
muove come un’onda, le luci sospese Mentre a Berlino in questi anni si è typified by Léon Krier and Augusto imply a critical interpretation and
sopra l’orchestra arricchiscono lo consumata una battaglia formalista – Romano Burelli – who believe their reappraisal that nobody, for the time
spettacolo musicale di un che di tra chi ha predicato il commercio e lo mission is to save the city from being, feels like making. Ricciotti, on
domestico. Il tessuto di rivestimento spettacolo dell’architettura e chi ha modern architecture. Rudy Ricciotti, the other hand, has not attempted to
delle poltrone, con un abbondante difeso le regole, le altezze e lo stile di on the other hand, thinks that the avoid the past. Confronting it head on,
motivo astratto-floreale bianco e nero, cui è fatta la città – la Nikolaisaal architect’s mission today must be he made the startling decision to apply
è al limite del kitsch. prende le distanze da questa polemica. to add something good to what a dark colour to every surface of the
Ricciotti non nasconde la sua vena Ricciotti dice di essere, nell’arco di already exists. space – on the walls, ceiling and floor.
polemica e artistica, e di questo va una giornata, per dodici ore manierista Within the residential area of Potsdam As if drenched, the nature of the
where the Nikolaisaal stands, many various materials shows through the
architects would have done something pigment, allowing different gradations
almost in period style. But Ricciotti and shades to emerge. This is a device
has given the city a series of beautiful Ricciotti has used before, though in a
facades that are attentive to context very different context: the architect’s
but self-sufficient in form. You realise best-known building to date is the
at once that the structure houses Vitrolles rock stadium, located in a
neither homes nor offices, but you former bauxite quarry near Marseilles.
do not grasp that this is, in fact, a A dark concrete box consecrated to
concert hall. music, the stadium is characterised by
Out of the apparent calm of Potsdam’s a frayed upper cornice and red-dotted
narrow, 18th-century streets, which external lighting, which Ricciotti
appear to be straight out of a movie describes as ‘primitif et baroque’.
set, Ricciotti has made a tragic and Standing in the Nikolaisaal’s lobby, we
unpredictable building that celebrates realise that there is more than one tone
music and the city. To enter, you pass of black, and that it is not really black
through a big doorway off the street at all, but rather a dark, saturated
into a small courtyard, and then combination of grey and green.
through the entrance to a church (on Once your eyes get used to the
the glazed door of which is mounted a semidarkness, you begin to notice
very decorative, gilded handle, which complex shadows and reflections.
clearly indicates that you are about to On the ceiling of the lobby, just below
enter a place devoted to the large skylight, a concentrated

116 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 117
Fotografia di/Photography by Eike Ollertz

118 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 119
Nella sala filarmonica il soffitto Progetto/Architect: Rudy Ricciotti
ondulato, le pareti percorse da grosse Direzione tecnica e cantiere/Site supervision:
‘bolle’ e l’illuminazione composita – HHS Planer und Architekten BDA
diffusa e a proiezioni ellittiche – danno Impianti/Systems:
vita a una spazialità ieratica e Büro Dr Zauft and partner; Air ingenieur Büro
accogliente allo stesso tempo Acustica/Acoustics: Thermibel
In the philharmonic room the undulating Illuminotecnica/Lighting: Die LichtPlaner
ceiling, the walls lined with large Collaboratori/Collaborators: Frédérique Pyra,
‘bubbles’, and the composite lighting – José Moralès, Tilman Reichert, Andreas Wiege
diffused and in elliptical projections – (HHS), Dietmar Bauer (HHS)
create an eccentric but welcoming Intervento scenografico/Stage design consultant:
feeling of space Frédéric Du Chayla
Interventi artistici/Artistic consultants:
Prospetto sulla corte/Facade on courtyard
Fred Rubi, Joep van Lieshout, Ulrich Lamsfuss,
VEB Perfekt Berlin
Committente/Client: Municipalità di Potsdam,
Hochbauamt/City of Potsdam, Hochbauamt
Mikrofon

Sezione longitudinale/Longitudinal section

battery of lights endows the space into a place of worship. In the latter women, a code that the people of and artistic ambitions. In the once
with a semi-industrial, backstage years of the German Democratic Potsdam, I am told, find difficult to aristocratic atmosphere of Potsdam,
feeling. There are also, it is true, some Republic, the restoration of the understand); this section acts as a he represents with aplomb the dual
signs of practical utility, such as a Nikolaikirche refectory was filter through which one passes into soul of music – its simultaneous social
small bar and a wooden cloakroom completed, making the Nikolisaal the hall proper. The concert hall itself codes of etiquette (in the lobby) and
counter. But it is the spatial experience redundant; the Potsdam city council is almost entirely white, and its soft festive conviviality (in the auditorium).
and the architect’s cultivated decided to tear it down and replace it forms make it look even brighter than In the Nikolaisaal’s two distinct spaces
interpretation of it that really grab your with a concert hall. Ricciotti won the it really is. Thanks to the architecture, the architect defines these two realms
attention. The light – or rather, its architectural competition for the new the approximately 800 people who without attempting to integrate them,
presence and absence – is crucial. hall with a startling counterproposal, may attend each concert take part in confronting the hard Nazi columns
There is scant elegance to be found in which would rehabilitate part of the a ritual that has an almost purifying with his soft, informal bubbles.
the details and objects around you. existing structure, conserve the parish significance. While overcoming some of the
Instead the atmosphere is deliberately hall and part of the nave and demolish This is most unexpected after the commonplaces attached to
spartan, like an empty stage. The only the choir. black beginning. The concert hall is architectural styles, Ricciotti also
railings, skirting boards and frames are Such decisions are the stuff of compact, long and vertical, with manages to unleash his own passions
precise, dry and austere – anything architecture, and Ricciotti handles plastered walls that seem to be as soft and anxieties, endowing the
but refined. them shrewdly, keeping the as sheets. The walls’ surfaces are Nikolaisaal with certain political
During the Second World War, choreography of history firmly under punctuated by giant bubbles that, undertones. At the same time, the
Schinkel’s Nikolaikirche in Potsdam his control. Having first shocked us while serving a technical and acoustic building keeps its distance from the
was badly damaged. So the with a Sturm of darkness, he leads us purpose, resemble molten magma battle waged in Berlin in recent years
Nikolaisaal – which was originally built on into an opposite experience based pushed outward by an occult force between those who preach the
by Richard Herzner de Zehlendorf at on light. If you stay on the ground floor within the walls. The room’s diffused business and spectacle of architecture
the beginning of the century, then or go up to the first, you pass what the light grazes its surfaces; the luminous and the defenders of the rules, heights
altered in 1933 by Hans Dustmann and architect calls the ‘wooden belly’, ellipses that the stage lights project and style on which the city was built.
used to hold meetings and choir which contains the cloakroom and onto the walls accentuate the bubbles, Ricciotti, who asserts that for 12 hours
rehearsals – was eventually converted toilets (blue for men and pink for creating shadows that echo their of the day he is a mannerist architect
shape. This enacts a curious and for the other 12 baroque, claims to
decorative and immaterial interplay prefer the minimum to Minimalism.
that renders the light source, the This attitude is clear in Potsdam. The
illuminated object, and its shadow numerous windows are scattered
interchangeable – an effect that may across the facades in a semi-random
recall the work of Jean Arp. Some of way, which must have caused havoc
the bubbles are surrounded by neon among the German construction
aureoles built into the wall. Although workers. The copper window sills have
the space is white, the artificial lighting different slopes and in certain cases
is never glaring, but rather suffused are so steep they nearly become one
and crepuscular – like a womb or egg, with the building’s surfaces. As
this is a gently lulling environment. Ricciotti noted in an interview
The ceiling (with a section reminiscent published a few years ago, the words
of Alvar Aalto’s lecture hall at the he hates most are ‘Alien, because it is
Viipuri Library) moves like a wave, scandalous to think that architecture
while the lights suspended above the can have no future, high-tech because
orchestra enrich the musical it is vulgar, energetic because it is
performance and give the room a pretentious, integrated because it is
certain air of domesticity. The demagogic, urban because it’s
upholstery on the seats, with its commercial, minimal because it lacks
abundant, abstract black-and-white generosity, nothing because it’s
floral motif, verges on kitsch. sad, yes because it is equivalent
Ricciotti does not hide his polemical to nothing’.

120 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 121
Finiture
Affrontare il tema delle finiture
edilizie significa esplorare il
complesso mondo di materiali e
componenti che completa un
edificio e lo rende vivibile. Così
facendo, ci si addentra in un
labirinto di soluzioni
apparentemente equivalenti. Non è
così. Qualsiasi scelta è progettuale,
sia che si riferisca alla natura
profonda di un edificio – la sua
struttura – sia che incida solo sulla
sua superficie. Si potrebbe
affermare, semplificando, che ci
sono manufatti in cui ‘pelle’ e

rassegna
‘anima’ coincidono: un muro di
pietra o mattoni a vista, un
pavimento di legno massiccio; altri
in cui la struttura interna è
‘nascosta’ da una superficie
protettiva: un pavimento piastrellato,
un soffitto pannellato. In un caso o
nell’altro, il servizio che segue dà
qualche suggerimento, a partire da
Decorazioni Bisazza (nella pagina
accanto) e Corian DuPont (sotto),
rispettivamente un mosaico di vetro
e un materiale a tutto spessore.
Finishes
Confronting the topic of building
finishes requires wading into a world
swarming with materials and
components deemed capable of
completing a structure and making
it habitable. One finds oneself
thrashing around in a labyrinth of
seemingly identical solutions. They
are not all the same, of course. All of
these items are driven by design,
whether they are relegated to the
innermost reaches of a building – its
support structure – or are intended
to transform its surfaces.
One might simplify these products’
purpose by saying that they are
objects whose ‘skin’ and ‘soul’
coincide – for example, a stone or
facing-brick wall and a solid wood
floor. Others offer internal structures
that are ‘hidden’ by a protective
surface – a tiled floor or paneled
ceiling. Whatever the case, the
following article has a few
suggestions to make, starting with
Bisazza Decorations (facing page)
and Corian DuPont (left), the former
a glass mosaic and the latter a
multipurpose, all-in-one material.

122 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 123
rassegna

rassegna
Aluk Engineering Internorm Italia Mermet MHZ
Via della Metallurgia, 22 Via Caneppele, 34/1 F-38630 Veyrins Postfach 800520
37139 ZAI 2 Basson (Verona) 38014 Gardolo (Trento) T +33(0)474336615 D-70505 Stuttgart
T 0458393711 T 0461957511 F +33(0)474339729 T +49-711-97510
F 0458393710 F 0461961090 www.mermet-industries.com F +49-711-9751150
aluk.engineering@aluk.it italia@internorm.co.at Distributore per l’Italia: Archema
www.aluk.it www.internorm.it Via Stelvio, 19
www.internorm.com 20019 Settimo Milanese (Milano)
T 0233501592
F 0233502161
pubb.relation@archema.it
www.archema.it

50IW gruppo 2.1 50IW group 2.1 GeniAL+ GeniAL+ Sunscreen Color Sunscreen Color Protezioni solari per verande Solar protection for verandahs
design: Aluk design: Aluk design: Internorm design: Internorm design: Mermet design: Mermet design: MHZ design: MHZ
Gamma di profili isolata A spectrum of thermal-insulation Serramento in legno/alluminio, A window frame in wood/aluminium, Le alte finestre che illuminano le sale The tall windows that bring light into L’azienda tedesca MHZ propone due A German company by the name of
termicamente per la realizzazione di profiles for the creation of doors and GeniAL+ è un prodotto elegante ed GeniAL+ is a product that’s elegant del Museo Nazionale delle Arti e dei the rooms of the National Museum of soluzioni di tenda a faldoni: tipo H MHZ is offering blinds with large slats
finestre e porte, la serie 50IW gruppo windows, the economical 50IW efficace nel risparmio energetico e but also a powerhouse in terms of Mestieri di Parigi sono state dotate di Arts and Trades in Paris have been (versione diritta) e tipo HB (versione in two solutions – type H (straight
2.1, pur non rinunciando a una group 2.1 series (whose low price is nell’isolamento acustico. Il profilo energy savings and acoustic tende in tessuto Sunscreen Color equipped with blinds in 4500 woven curva). Questi modelli proteggono le version) and type HB (curved model).
economia di costo (assicurata dal assured by the fact that the cross interno in lamellare di abete è insulation. Its interior lamellar fir intrecciato 4500 (classe ignifuga M1- Sunscreen Color fabric (fireproof verande dal sole e ne completano These models protect verandahs
contenimento delle sezioni dei sections of the jamb and movable protetto con vernici a base d’acqua, wood is protected by water-based B1), prodotto da Mermet. Ogni class M1-B1) produced by Mermet. l’arredamento. MHZ ha realizzato from the sun and are an elegant
profilati di stipite e anta mobile, wing sections have been kept to a mentre il guscio esterno di alluminio paints, while its outer shell in pannello verticale misura circa 10 mq Each vertical panel measures roughly tessuti speciali in grado di abbattere addition to interiors. MHZ has
ridotti a 50 e 57 mm), garantisce un minimum of 50 and 57 mm) è trattato con vernici a polveri aluminium is treated with epoxy ed è fissato a un telaio d’alluminio 10 square metres and is fastened to il calore senza inibire l’illuminazione created special fabrics that are
isolamento termico eccezionale, che guarantees extraordinary thermal epossidiche. Speciali profili in spray paints. Special layers of intonato all’architettura della finestra. an aluminum frame that harmonizes naturale. La manutenzione dei tessuti capable of blocking heat while letting
la certifica in classe 2.1 secondo la insulation, certified as class 2.1 in schiuma di polistirolo estruso extruded polystyrene foam keep the In caso d’incendio, le finestre e le with the architecture of the window. è favorita da appositi congegni messi natural light shine through.
normativa DIN 4108. La vasta accordance with DIN norm 4108. The impediscono ogni contatto tra legno wood and aluminium from coming tende loro solidali si aprono In case of fire, windows and blinds a punto all’interno dell’azienda che Maintenance of fabrics is
gamma di soluzioni permette la vast range of options available e alluminio, facilitando l’evacuazione into contact, thus enabling any water automaticamente. Sunscreen Color open automatically, in synch with one completano il sistema di montaggio e implemented by special proprietary
realizzazione delle più complesse e makes possible the creation of the del vapore acqueo eventualmente vapour that may have formed on the garantisce trasparenza e un’ottima another. Sunscreen Color guarantees rilevano la sua robustezza. strategies that round out the
complete tipologie di serramento. most complex and complete door formatosi sul lato schiuma/legno. foam/wood side to escape. illuminazione naturale. Architetto: transparency and optimal natural assembly system and enhance its
and window typologies imaginable. Una guarnizione perimetrale e una Perimetral weather stripping and a Luciano Pia, Studio Andrea Bruno, lighting. Architect: Luciano Pia, sturdiness.
speciale vetrocamera incrementano special double glazing boost Milano. Tende: Stores Belzacq, Paris. Studio Andrea Bruno, Milan. Blinds:
l’isolamento termoacustico. thermal-acoustic insulation. Stores Belzacq, Paris.

Albertini Pellini Omnidecor Vitreal Specchi


Viale dell’Industria, 14/A Via Fusari, 19 Via Rossini Via IV Novembre, 95
37030 Colognola ai Colli (Verona) 26845 Codogno (Lodi) 23847 Molteno (Lecco) 22066 Mariano Comense (Como)
T 0456151250 T 0377466411 T 031870573 T 031745062
F 0456150218 F 0377436001 F 031870390 F 031743166
info@albertini.it info@pellini.net www.omnidecor.it info@vitrealspecchi.it
www.albertini.it www.pellini.net www.vitrealspecchi.it

Finestra in legno Window in wood Screenline Screenline Mirror DecorFlou Mirror DecorFlou Madras Madras
design: Albertini design: Albertini design: Pellini design: Pellini design: Omnidecor design: Omnidecor design: Vitreal Specchi design: Vitreal Specchi
I serramenti Albertini sono disponibili Albertini window frames come in Screenline è un sistema di tende, a Screenline, a system of blinds La superficie uniforme del vetro The sleek surface of satin-finish Il vetro inciso Madras (vetro float), Madras etched glass (float glass),
in oltre venti tipologie e in quattro more than 20 typologies and 4 lamelle o di tessuto plissé, inserite in consisting of slats or pleated fabric, satinato DecorFlou, unita alla DecorFlou, together with the prodotto su scala industriale a partire which has been produced on an
principali linee di produzione: legno, principal product lines – wood, una vetrocamera. La tenda scorre in fits inside a double glazing. The perfetta planarità del cristallo float, flawlessly planar quality of float dagli anni Sessanta, ha trovato industrial scale since the sixties, has
legno-alluminio, legno-bronzo e pvc. wood-aluminium, wood-bronze and un ambiente sigillato e quindi gode di blinds slide within a sealed medium, ha aperto nuovi utilizzi al vetro piano. glass, has opened up new avenues innumerevoli applicazioni. Tutte le found numerous applications. All
Si distinguono per qualità, PVC. Distinguished by their quality, un’assoluta protezione dalla polvere, enjoying fail-safe protection from DecorFlou ha un marcato effetto for the use of flat glass. DecorFlou lavorazioni meccaniche e termiche types of mechanical and thermal
prestazioni ed esecuzione accurata; performance, comfort and evitando tutte le difficoltà di pulizia e dust and avoiding all the cleaning diffusore, ma conserva un’elevata has a marked diffuser effect but tipiche dell’industria di processing typical of the glass
quelli di legno si prestano in painstaking execution, items crafted manutenzione di una tenda esposta and maintenance problems of blinds trasmissione della luce. I colori sono retains a high light transmission trasformazione del vetro sono transformation industry are
particolare alle richieste di from wood, like the example shown all’aria. Il sistema si basa sulla exposed to the air. The system is quelli del vetro float (trasparente coefficient. Colours are those of float compatibili con Madras: molatura, compatible with Madras – grinding,
produzione “su misura”, come here, satisfy requests for custom- trasmissione del moto attraverso un based on the transmission of motion normale, extra chiaro, bronzo, grigio, glass (standard transparent, extra- foratura, tempera, curvatura, perforation, toughening, curving,
nell’esempio qui illustrato. La made production. The procedures magnete. Per realizzare i movimenti through a magnet. Raising and tilting verde, rosa e blu); gli spessori pale, bronze, grey, green, pink and stratificazione, assemblaggio in stratification, assembly in insulating
lavorazione dei serramenti è used to create the frames are di sollevamento e orientamento è movements are effected by the variano da 3 a 19 mm, le dimensioni blue). Thicknesses vary from 3 to 19 vetrate isolanti ecc. Madras è glazings, etc. Madras is also
totalmente robotizzata. Tutti i completely robotized. All frames in utilizzata la forza magnetica prodotta coupling of a pair of magnets, one delle singole lastre da 180 x 321 cm mm and the dimensions of individual disponibile anche su base argentata. available on a silvered base. Its
serramenti di legno sono dotati di un wood come equipped with a drip- dall’accoppiamento di due magneti inside and the other outside the a 600 x 321 cm. Qui è illustrata la sheets from 180 x 321 cm to 600 x Il suo catalogo comprende oltre 50 catalogue includes over 50 designs –
coprigocciolatoio che, associato al moulding profile that, together with a collocati uno all’interno della double glazing. variante Mirror DecorFlou, che 321 cm. Illustrated here is the Mirror disegni: geometrie, texture e decori geometries, textures and decors that
fermavetro arrotondato, migliora le rounded window stay, upgrades the vetrocamera e uno all’esterno. prevede l’utilizzo di una lastra di DecorFlou variant, which provides for che rendono questo vetro adatto a make this glass just right for a wide
prestazioni e l’estetica del prodotto. performance of the product. vetro argentato. the use of a sheet of silvered glass. molteplici impieghi. variety of uses.

124 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 125
rassegna

rassegna
Corian Okite Abet Laminati Compacto Cover
Marchio Registrato di DuPont Marchio di Seieffe Industrie Viale Industria, 21 by The Alcantara Company
DuPont de Nemours Italiana S.S. Appia Km 240,300 12042 Bra (Cuneo) Via Mecenate, 86
Via A. Volta, 16 82013 Bonea (Benevento) T 0172419111 20138 Milano
20093 Cologno Monzese (Milano) T 0824847911 F 0172431571 T 02580301
F 0225302213 F 0824847999 abet@abet-laminati.it F 0258030490
Numero verde Corian 800-876750 seieffe@tin.it www.abet-laminati.it contract@alcantara.it
www. corian.com www.alcantara.it
www.dupont.com

Corian Corian Okite Okite Pral Pral Compacto Cover Compacto Cover
design: DuPont design: DuPont design: Seieffe design: Seieffe design: Abet design: Abet design: Alcantara design: Alcantara
Materiale composito ad alte A composite material distinguished Okite è un materiale composito ad Okite, a material with a high silicon Pral è un composito polimerico a Pral is a polymeric compound In linea con le nuove tendenze In line with the new colourful,
prestazioni funzionali ed estetiche for its functional and aesthetic alto contenuto di silice, legato content, is vacuum bonded with base di resina acrilica con cariche featuring an acrylic resin base with dell’arredamento, colorato e compact trends in interior
inventato e prodotto solo da DuPont, performance, Corian was invented sottovuoto con resine poliestere e polyester resins and dyed with minerali inerti. Materiale artificiale inert mineral fillers. An artificial compatto, versatile nell’impiego, con decorating, versatile in application
Corian è impiegato per realizzare and is produced only by DuPont. It is colorato con pigmenti stabilizzati a pigments stabilized with UV rays. A frutto di una sapiente alchimia, Pral è material that’s the fruit of skillful una superficie liscia a piacevole al and boasting a sleek, tactilely
superfici piane e curve, orizzontali e used for creating flat and curved raggi UV. Il sofisticato processo di sophisticated workmanship process piacevole al tatto, resistente e facile alchemy, Pral is pleasing to the tatto, Compacto Cover è frutto pleasing surface, Compact Cover is
verticali, per interni ed esterni. È surfaces, both interior and exterior. lavorazione assicura un prodotto nel assures the execution of a product da lavorare. Disponibile in tre formati touch, resistant and easy to process. dell’esclusiva tecnologia e the fruit of exclusive technology and
disponibile in forma di lastre in 92 Available in the form of sheets in 92 quale le qualità estetiche si sposano whose aesthetic qualities are married standard (3600 x 760 mm, 3600 x Available in three standard sizes dell’esperienza Alcantara. Sei Alcantara experience. Six designers
colori standard (di cui alcuni standard shades (some of which are a prestazioni uniche per quanto to performance that’s unique, as far 670 mm e 2020 x 1200 mm) e cinque (3600 x 760 mm, 3600 x 670 mm and progettisti – Massimo Iosa Ghini, – Massimo Iosa Ghini, Toshiyuki Kita,
traslucenti) in una varietà di texture translucent), it comes in a variety of concerne durata e resistenza. La as resistance and longevity are spessori (3-6-8-12-18 mm), viene 2020 x 1200 mm) and five Toshiyuki Kita, Piero Lissoni, Simone Piero Lissoni, Simone Micheli, Denis
(compresi alcuni nuovi effetti textures (including several new forza di Okite sta anche nella concerned. Another of Okite’s strong proposto in molti colori e texture (che thicknesses (3, 6, 8, 12, and 18 mm), Micheli, Denis Santachiara e Claudio Santachiara and Claudio Silvestrin –
metallizzati) e in forma di vasche e metallic effects) and has a stunning versatilità: la sua gamma di colori è points is its versatility: its spectrum investono l’intero spessore), suddivisi it’s being offered in a host of colours Silvestrin – hanno esplorato le sue have all explored its applicatory
lavabi. DuPont sviluppa anche colori impact when used in tubs and pressoché illimitata, il disegno è of shades is virtually unlimited, its in otto famiglie: Ice, Sand, Stone, and textures (which permeate the possibilità applicative nel campo options in the interior decorating
su misura. Omogeneo in tutto lo washbasins. DuPont also supplies uniforme, le dimensioni sono uniche design uniform and its dimensions Crystal, Water, Musk, Earth e entire thickness of the product), dell’arredamento. I prototipi sono field. Prototpes were on exhibit this
spessore e non poroso, Corian si custom-created colours. (lastre da 3 x 1,5 m). Si presta alla unique (sheets measure 3 x 1.5 m). It Rainbow. Può essere modellato a divided into eight families – Ice, stati esposti lo scorso ottobre a past October in Verona during the
lavora, si ripristina e si pulisce Homogeneous and nonporous realizzazione di piani di appoggio, lends itself to the creation of caldo e cesellato. Sand, Stone, Crystal, Water, Musk, Verona, in occasione della fiera Abitare il Tempo fair.
facilmente. through and through, Corian is easy pavimenti e rivestimenti. everything from counters and Earth and Rainbow. It can be heat- Abitare il Tempo.
to process, repair and keep clean. tabletops to floors to wall facings. shaped and chiseled.

Forbo La-Con Piarottolegno AHEC American Hardwood


Forbo-Krommenie B.V. Azienda del Gruppo Fantoni Via Noalese, 160 Export Council
P.O. Box 13 Via Divisione Julia, 20 30036 Santa Maria di Sala (Venezia) 3 St Michael’s Alley
NL-1560 AA Krommenie 33029 Villa Santina (Udine) T 041439100 London EC3V 9DS (UK)
T +31-75-6477477 T 0433750300 F 041439102 F +44-171-626-4222
F +31-75-6477721 F 0433750269 Mailbox@piarottolegno.it www.ahec.org
www.forbo-krommenie.com info@fantoni.it www.piarottolegno.it in Italia: Studio Segre
in Italia: Forbo Italia www.fantoni.it Via Cosmè Tura, 38
Centro Comm.le Milano San Felice 44100 Ferrara
20090 Segrate (Milano) T 0532211977
T 027531488 F 0532211977
Camsegre@tin.it

Furniture Linoleum: Desk Top Furniture Linoleum: Desk Top Surface Collection Surface Collection Texwood Texwood Acero duro americano American hard maple
design: Forbo design: Forbo design: La-Con design: La-Con design: Piarotto design: Piarotto design: AHEC design: AHEC
Forbo è il leader mondiale nella Forbo leads the world in the Dal 1991 la società La-Con produce The La-Con company has been Legno lamellare massiccio pronto Lamellar heartwood that’s ready for L’acero duro è una fra le specie di Hard maple is one of the most
produzione del linoleum, un materiale production of linoleum, a long lasting carte impregnate, laminati e producing saturated, laminated and all’uso, Texwood è utilizzato in use, Texwood finds applications in a latifoglie americane più belle e beautiful and best known woods of
di lunga durata e biodegradabile, and biodegradable material nobilitati. Per spiegare le possibilità resin-coated paper since 1991. To molteplici settori – dai pavimenti alla wide choice of sectors – from conosciute. Disponibile sia come the American broad-leafed species.
costituito da un impasto d’olio di consisting of a mixture of linseed oil, dei propri prodotti, l’azienda ha illustrate the options offered by their costruzione di mobili, all’arredo flooring and furniture construction to segato sia come tranciato, è un legno Available both sawed and sliced, it’s
semi di lino, farina di legno, resine e wood flour, resins and pigments creato Surface Collection, una products, the company has created navale – in ragione delle essenze che naval fittings and furnishings – in line di pregio duro e pesante, con buone a hard, heavy, top-quality wood with
pigmenti, steso su un supporto di spread over a jute support. The new collezione di campioni di carta Surface Collection, a cluster of lo costituiscono (teak, faggio crudo, with the wood it’s made of (teak, caratteristiche di robustezza, che è characteristics that make it
juta. La nuova collezione di materiali collection of materials for facing grezza con 10 decorativi esclusivi, da samples in unbleached paper with faggio evaporato, frassino, acero, unseasoned beech, steam-treated usato per pavimenti, rivestimenti, outstandingly sturdy. It’s used for
per il rivestimento delle superfici, surfaces, Furniture Linoleum, inviare a utilizzatori e progettisti. I ten exclusive decorations for users betulla, iroko, ontano, ciliegio, noce beech, ash, maple, birch, iroko, alder, arredamenti su misura, pannelli, floors, facings, custom-made
Furniture Linoleum, comprende un encompasses a wide variety of vantaggi di questo sistema di and designers. The advantages of europeo, rovere, sapelli). I pannelli cherry, European walnut, oak and scale e interni in genere. Di colore furnishings, panels, staircases and
ampio spettro di prodotti, tra i quali products, including the Desk Top presentazione stanno nella this system of presentation lie in its uniformati (1200 x 4000 mm) sono sapele mahogany). Uniform panels crema con una leggera sfumatura interior decors in general. A shade of
quelli identificati dal marchio Desk series illustrated here. The series maneggevolezza, nella trasportabilità manageability, small size, ease of disponibili in spessori che variano da (1200 x 4000 mm) come in various marrone rossiccio, l’acero americano cream with a slightly reddish-brown
Top, qui illustrati. Ne fanno parte tre comprises three lines – Desk Top e soprattutto nella possibilità di transportation and, most importantly, 16 a 52 mm e con due diverse thicknesses (from 16 to 52 mm) and ha venature fini e compatte e una undertone, American maple has
linee: Desk Top eleganza, colori in eleganza, in solid tones; Desk Top ricreare ipotesi di postformabilità o di the opportunity it provides for re- larghezze delle lamelle (20 e 42 mm). in two different widths for the fibra solitamente dritta. L’architetto exquisite, compact veining and a
tinta unita, Desk Top metallica, con metallica, with a reflecting surface; rivestimento del modello e quindi di creating a premise for postforming or Ogni pannello è verificato perché non lamellae (20 and 42 mm). Every panel Jean-Loup Roubert lo ha largamente usually straight fiber. Architect Jean-
superficie riflettente, e Desk Top and Desk Top sabbiato, with a controllo immediato del possibile facing the model, hence immediately presenti inestetismi (eventuali difetti is inspected to ensure that no impiegato nella sede centrale di Loup Roubert used it on a large scale
sabbiato, texture sabbiose pleasingly tactile, sandy texture. risultato finale. checking on a possible final result. sono corretti a mano). unsightly flaws are present (all Parigi della Commercial Union. in the central Paris headquarters of
piacevolmente tattili. defects are removed by hand). Commercial Union.

126 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 127
rassegna

rassegna
Iris Ceramica Marmo Comprex I.C.F. Gabbianelli Ceramiche d’Arte Ceramica Bardelli
Via Ghiarola Nuova, 119 Industrie Ceramiche di Faenza Strada Statale, 143 Via Pascoli, 4/6
Zona Industriale Via Bisaura, 20 13882 Vergnasco di Cerrione (Biella) 20010 Vittuone (Milano)
41042 Fiorano Modenese (Modena) 48018 Faenza (Ravenna) T 0156721 T 029025181
T 0536862111 T 0546674111 F 015671626/671352 (export) F 0290260766
F 0536804602 F 054646544 gabbianelli@gabbianelli.com bardelli@bardelli.it
Numero verde 800-773377 www.gabbianelli.com www.bardelli.it
www.marmo-comprex.it

To Be To Be Marmo Comprex Marmo Comprex Roses Roses Il Veliero e la Balena The Sailing Ship and the Whale
design: Iris design: Iris design: I.C.F. design: I.C.F. design: Carolyn Quartermain design: Carolyn Quartermain design: Marcello Chiarenza design: Marcello Chiarenza
Marmo, ardesia e pietra sono i Marble, slate and stone are the Perfetta riproduzione del marmo, A flawless reproduction of marble, Le rose escono da un cassetto come Roses emerge from a box like roots Sembrano fluttuare nell’aria o They seem to flutter in the air or toss
materiali di riferimento della reference materials of the To Be Marmo Comprex resiste ad acidi e Marmo Comprex is more than a radici emergenti dalla terra dopo un poking out of the ground after a nell’acqua (come nell’esempio qui and heave in the water (as in the
collezione To Be, 245 prodotti da collection – 245 flooring and facing urti, e ha un’elevata resistenza alla match for both acids and impacts temporale: ecco come si presenta il rainstorm: This is the impression illustrato) i disegni creati da Marcello example illustrated here), these
pavimento e rivestimento, per interni products for both interiors and flessione e all’abrasione. La and boasts a high resistance to decoro delle piastrelle Roses. made by the decoration on Roses Chiarenza per Ceramica Bardelli. designs created by Marcello
ed esterni, articolati in 10 colori, 9 exteriors, featuring 10 shades, 9 superficie antimacchia garantisce stresses from bending and abrasion. Il disegno è una decalcomania su tiles. The design is a decal on a BS Attingendo alla sua esperienza Chiarenza for Ceramica Bardelli.
formati e 26 decori. To Be Elegant sizes and 26 designs. To Be Elegant facilità di pulizia e manutenzione in Its stainproof surface is perfectly flat piastrella in bicottura bianco BS e white twice-fired tile, decorated by teatrale, Chiarenza suggerisce Drawing on his theatrical experience,
rappresenta il marmo, To Be Trend represents marble, To Be Trend, slate qualsiasi condizione d’impiego. and guarantees easy cleaning and decorato a mano con pennellate oro. hand with gold brushstrokes. scenografie che ricordano favole, Chiarenza has invented surreal fairy
l’ardesia (qui è illustrato Trend White, (illustrated here is Trend White, 40 x Impasto di gres porcellanato, privo di upkeep under all conditions. A lead- Formato: 20 x 20 cm. Size: 20 x 20 cm. personaggi e paesaggi surreali. Le tales, personages and landscapes.
40 x 40 cm) e To Be Casual la pietra. 40 cm) and To Be Casual, stone. piombo e ferro, sottoposto a and iron-free porcelain stoneware decorazioni sono eseguite a mano su Decorations are done by hand on
Sono realizzati in Irisgress o in They’re all made of Irisgress trattamenti termici a 1250 °C, Marmo mixture, subjected to thermal piastrelle smaltate in bicottura con enameled tiles in a twice-fired paste
Semigress; il primo (quello (pictured) or Semigress, the former a Comprex è assolutamente treatments at 1250˚ C, Marmo supporto ceramico in cottoforte. with a ceramic support in strong
dell’esempio) è un gres fine fine porcelain stoneware with truly impermeabile e privo di Comprex is absolutely impenetrable Dimensioni 20 x 20 cm. bake. Size: 20 x 20 cm.
porcellanato con caratteristiche extraordinary physical microporosità ed è disponibile in and free of all microporosity. It comes
fisico-meccaniche eccezionali, tanto characteristics. In fact, products venti tipi, tre superfici (satinata, in 20 types, 3 surfaces (satin,
che i prodotti con questo supporto armed with this support are levigata, burattata) e due formati (33 polished and bolted) and 2 sizes (33
sono garantiti 50 anni. guaranteed for half a century. x 33 - 45 x 45 cm), dai quali ne x 33 and 45 x 45 cm), from which we
derivano altri 17. can create another 17.

GranitiFiandre Floor Gres Ceramiche Ceramica Vogue Appiani


Via Radici Nord, 112 Florim Ceramiche Strada Statale, 143 I.C.R. Industrie Ceramiche Riunite
42014 Castellarano (Reggio Emilia) Via Canaletto, 24 13882 Vergnasco di Cerrione (Biella) Via Pordenone, 13
T 0536819611 41042 Fiorano Modenese (Modena) T 0156721 31046 Oderzo (Treviso)
F 0536850088 T 0536840111 F 015671626 T 0422815308
info@granitifiandre.it F 0536844750 vogue@cervogue.com F 0422814026
www.granitifiandre.it info@floorgres.it www.cervogue.com appiani@appiani.it
www. floorgres.it www.appiani.it

Pietra Format Stone Format Colorlands Colorlands Interni Interni Wallbrick Wallbrick
design: GranitiFiandre design: GranitiFiandre design: Floor Gres design: Floor Gres design: Vogue design: Vogue design: Appiani design: Appiani
La collezione Pietra Format propone The Stone Format collection offers Le piastrelle di gres fine porcellanato Tiles in fine porcelain stoneware from Ceramica Vogue è specializzata nella Ceramica Vogue specialises in the Grazie alla regolarità dimensionale Thanks to the dimensional regularity
pietre fabbricate, piacevolmente manufactured stones that are della serie Colorlands s’ispirano ad the Colorlands range were inspired produzione di piastrelle in production of tiles in single-fired delle sue tessere e all’attualità dei of its tesserae and its up-to-date
irregolari, che offrono il fascino dei pleasingly irregular in shape, exude alcune rocce e terre colorate, ma by a number of colourful rocks and monocottura per pavimenti e brick for floorings and facings, both colori, la serie Wallbrick si armonizza colours, the Wallbrick series
materiali di cava e le prestazioni della the charm of quarry materials and garantiscono gli elevati standard clays, and offer high-quality rivestimenti, sia interni sia esterni. Le indoors and out. Various lines form facilmente con le più moderne harmonizes easily with the most
tecnologia ceramica più avanzata. benefit from the most advanced qualitativi e di resistenza tipici dei standards and tough resistance varie linee formano il Vogue System, the Vogue System, a range of architetture. Le tessere (2,5 x 5 cm), modern architecture.
Studiate soprattutto per applicazioni ceramic technology. Created mainly migliori prodotti ceramici. Utilizzabili typical of the finest ceramic un sistema di collezioni/finiture che collections/finishes with common in monopressocottura, disponibili in The resistant, monopresso-fired
in esterno, garantiscono prestazioni for outdoor applications, they offer a pavimento o come rivestimento, in products. Usable as either floorings hanno come elementi comuni i colori colours and sizes. The Interni line, 36 colori, sono resistenti, adatte a tesserae (2.5 x 5 cm), available in 36
d’altissimo livello in termini di performance at the highest level in esterni e interni, sono proposte in or facings, indoors or out, they are e i formati. La serie Interni, qui illustrated here, comes in 38 solid molteplici impieghi e creano superfici colours, are ideal for a wide variety of
durezza, non assorbenza, resistenza terms of granite hardness, quattro colori e altrettanti formati offered in four colours and as many illustrata, è disponibile in 38 colori colours and numerous sizes (from ‘mosse’, di piacevole effetto. uses and create uneven surfaces
all’abrasione profonda e ingelività. La nonabsorption and resistance to frost modulari e corredate da cinque modular formats. Available are five tinta unita e in numerosi formati (dal 5 x 5 to 30 x 30 cm). The tiles are with a pleasing effect.
serie è composta da quattro prodotti: and deep abrasions. The range tipologie decorative, che ne decorative typologies that multiply 5 x 5 al 30 x 30 cm). Le piastrelle enameled (silk-finish surface) and
Ardesia, Ardesia Verde, Ardesia Blue consists of four products – Slate, moltiplicano le soluzioni compositive. the number of compositional and sono smaltate (superficie satinata) e have a support in a frostproof single-
e Pietra di Gerusalemme, materiali Green Slate, Blue Slate and decor solutions possible. hanno un supporto in monocottura fired light paste, atomized and fired
disponibili nei formati 30 x 60 e 30 x Jerusalem Stone – available in sizes ingeliva a pasta chiara, atomizzato e at a temperature of 1200 ˚C.
30 cm, con corredo di pezzi speciali. 30 x 60 and 30 x 30 cm and cotto a una temperatura di 1200 °C.
accompanied by a set of special
pieces.

128 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 129
rassegna

rassegna
Bisazza Giaretta Italia Cottoveneto Gian Paolo Aceto
36041 Alte (Vicenza) Viale Europa, 22 Vicolo Tentori, 12 Loc. San Faustino, 30
T 0444707511 36020 Pove di Grappa (Vicenza) 31030 Carbonera (Treviso) 05010 Orvieto (Terni)
F 0444492088 T 0424808341 T 04224458 T 0763215310
www.bisazza.it F 0424808755 F 0422445498
info@giarettaitalia.it cottoveneto@cottoveneto.it
www.cottoveneto.it

Le Decorazioni Bisazza Bisazza decorations Joycolor Mosaic Joycolor Mosaic Terre Ritrovate – Vetro del Piave Terre Ritrovate – Vetro del Piave Cotto umbro intarsiato Umbrian inlaid fired brick
design: Studio Rotella design: Studio Rotella design: Giaretta design: Giaretta design: Cottoveneto design: Cottoveneto design: Gian Paolo Aceto design: Gian Paolo Aceto
La nuova serie di decorazioni in The new range of decorations in Joycolor Mosaic è una collezione di Joycolor Mosaic is a collection of Ricavate da antichi mattoni, le Recycled from ancient bricks, Innovativo e tradizionale al tempo Innovative and traditional at the same
mosaico di vetro prodotta da Bisazza glass mosaic produced by Bisazza mosaici di ceramica e vetro glass and ceramic mosaic tiles that tessere della serie Terre Ritrovate ci tesserae from the Terre Ritrovate stesso, il cotto umbro intarsiato si time, Umbrian inlaid fired brick is
comprende 22 decori, quattro embraces 22 designs, 4 created by utilizzabili per decorare, pavimentare can be used for decorating, flooring regalano atmosfere del passato, range bring us atmospheres from the ottiene da una lavorazione achieved through processing done
disegnati da Anna Gili e 18 dallo Anna Gili and 18 by Studio Rotella. e rivestire ogni tipo di manufatto in and facing objects of all types in any mentre quelle di vetro della linea past, while those in glass from the interamente manuale. Nella creta entirely by hand. A wooden template
Studio Rotella. Questi ultimi (qui n’è The latter (an example is illustrated qualsiasi ambiente, privato o setting whatsoever, whether public or Vetro del Piave, frutto della ricerca Vetro del Piave (Piave glass) line, the molle racchiusa nei riquadri di legno bearing the desired design is pressed
illustrato un esempio) sono realizzati here) are made of glass mosaic pubblico, interno ed esterno. Con private, indoor or outdoor. With recente, fanno intravedere fruit of recent research, have enabled con cui si fanno le normali mattonelle into soft clay enclosed in the
con tessere di mosaico di vetro (10 x tesserae (10 x 10 mm), cut by hand Joycolor Mosaic (marchio registrato) Joycolor Mosaic (registered prospettive future. Qui sono illustrate us to catch a glimpse of future in cotto, si preme una lastra di legno wooden forms used to make
10 mm), tagliate a mano secondo la according to the opus tessellatum il colore diventa protagonista sulle trademark), colour becomes the composizioni realizzate con tessere prospects. Illustrated here are che ha attaccata sotto di sé la standard fired-brick tiles. Into the
tecnica dell’opus tessellatum. I technique. Decorations can be laid superfici, mentre pulizia e resistenza protagonist of any surface, while 2,5 x 5 cm e 2,5 x 2,5 cm e con compositions created with tesserae sagoma di legno della forma resulting cavity is poured a brick clay
decori possono essere posati su on wooden panels and used as sono garantite al massimo grado. superlative cleaning ease and piastrelle 10 x 10 cm, appartenenti a measuring 2.5 x 5 cm and 2.5 x 2.5 desiderata. Nel vuoto che si ricava mixed with dyeing oxides – the same
pannelli di legno e utilizzati come pictures or mounted on paper and resistance are guaranteed. entrambe le linee. cm and tiles sized 10 x 10 cm, nella creta si cola argilla impastata as those used by ceramicists. After
quadri, oppure montati su carta e installed in bathrooms as inlays in belonging to both lines. con ossidi coloranti, gli stessi usati being fired in a wood kiln, the tiles
posati in bagno come inserti nel wall and floor facings. dai ceramisti. Dopo la cottura in are ground down until the dyed inlay
rivestimento di pareti e pavimenti. forno a legna, le mattonelle sono matches the surrounding mass.
levigate sino a pareggiare l’intarsio
colorato con la massa circostante.

Trend Group Stone Italiana I.VE.CO. Marmi Ceramiche Keope


Viale dell’Industria, 42 Via Del Perlar, 2 I.VE.CO. S.S. 467, n. 41
36100 Vicenza 37135 Verona Via dei Gelsi, 3 42013 Casalgrande (Reggio Emilia)
T 0444291190 T 0458282222 31040 Cesalto (Treviso) T 0522997511
F 0444291189 F 0458282200 T 0421327945 F 0522997544/997545
info@trend-vi.com stone@stoneitaliana.com F 0421327946 info@keope.com
www.trend-vi.com www.stoneitaliana.com marmi@ivecomarmi.it www.keope.com
www.ivecomarmi.it

Nuovi mosaici New mosaic tiles SixStone SixStone Modulmarmo Modulmarmo Terre d’Emila Terre d’Emilia
design: Trend design: Trend design: Stone Italiana design: Stone Italiana design: I.Ve.Co. design: I.Ve.Co. design: Keope design: Keope
Fondata nel 2000 da Pino Bisazza, Founded in 2000 by Pino Bisazza, Specializzata nella produzione di Specialising in the production of Selezionati attentamente dalle cave Carefully selected from the most Le piastrelle da pavimento della serie Floor tiles from the Terre d’Emilia line
che vanta quarant’anni d’esperienza who boasts 40 years of experience in composti di marmo, silicio e quarzo, composites of marble, silicon and più importanti, i prodotti important quarries, both Italian and Terre d’Emilia uniscono le unite the world-class performance of
nel settore della produzione di the mosaic-producing sector, Trend simili per struttura agli agglomerati quartz, which are similar in structure Modulmarmo sono marmi italiani e foreign, Modulmarmo marbles are riconosciute prestazioni del gres porcelain stoneware with the charm
mosaici, Trend è il risultato di un is the result of a happy marriage lapidei di natura calcarea e/o silicea, to stony agglomerates of a stranieri proposti in un’ampia gamma offered in a wide spectrum of sizes porcellanato al fascino del cotto of hand-processed fired brick.
felice connubio tra artigianato between artisan artistry and modern Stone Italiana presenta SixStone, calcareous and/or siliceous nature, di formati (quadrato, rettangolo, (square, rectangular, pentagonal, lavorato a mano. Ogni piastrella è No two tiles are alike, and floors
artistico e tecnologia moderna. Del technology. The former shines ricomposto di quarzo in basso Stone Italiana has presented pentagono, esagono, triangolo, cui si hexagonal and triangular, to which diversa dall’altra: se ne ottengono made of them create an environment
primo conserva la bellezza estetica, through in the aesthetic beauty of the spessore (le lastre misurano 120 x SixStone, a very thin recomposite of aggiungono i pezzi speciali e le fasce special pieces and decorative bands pavimenti che creano atmosfere of warmth and hospitality.
della seconda usa gli strumenti per items, while the latter provides the 120 x 0,6 cm), con le stesse quartz (sheets measure 120 x 120 x decorative), forniti nella finitura lucida have been added); they are available calde e accoglienti. Three shades, but only one size
produrre a costi contenuti e offrire tools for the rapid production of low- caratteristiche tecniche e fisiche del 0.6 cm) with the same physical and o anticata, oppure con lavorazioni su in glossy or antiqued finish or with Tre i colori disponibili, unico il (30 x 30 cm), are available. The tiles
servizi rapidi. La produzione spazia cost tiles. Products range from materiale standard. Brevettate a technical characteristics as the richiesta. Qui è illustrata una custom details as requested. formato (30 x 30 cm). Le piastrelle may also be used outdoors.
dagli agglomerati in graniglia di vetro agglomerates in glass and granite livello internazionale, le lastre standard material. Patented at the pavimentazione in marmo Bianco Illustrated here is flooring in Bianco sono adatte anche all’esterno.
e granito ai mosaici di vetro grit to traditional and artistic glass SixStone sono utilizzabili anche nelle international level, SixStone sheets Perlino con finitura “anticata seta”, Perlino marble with an ‘antiqued silk’
tradizionali e artistici, dai mosaici di mosaic and from pastel marble floors ristrutturazioni, perché si possono can be used in restructuring work, nel formato 60 x 60 cm. finish in size 60 x 60 cm.
marmo al pastellone – il più antico – found in the oldest Venetian incollare a un pavimento because they can be glued to an old
pavimento veneziano – fino ai flooring – to those made with gold preesistente, si posano facilmente e floor, are light and easy to lay.
mosaici con oro e smalti decorativi. and enamel decorations. pesano poco.

130 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 131
rassegna

rassegna
Skema PL - Abet Group Vepal Berti Pavimenti Legno
Via Padova, 10 Strada per Bulgorello, 1 Via dell’Artigianato, 12 Via Rettilineo, 81
31046 Oderzo (Treviso) 22070 Vertemate (Como) 35010 Villa del Conte (Padova) 35010 Villa del Conte (Padova)
T 0422713744 T 031888211 T 0499325400 T 0499325011
F 0422713148 F 031901053 F 0499325084 F 0499323639
Numero verde 800-378776 parqcolor@pl-abetgroup.it vepal@tiscalinet.it info@berti.net
www.skemafloor.it Tecnico@pl-abetgroup.it www.berti.net
www.parqcolor.com

Maxim Maxim Parqcolor Gold Parqcolor Gold Ars Nova Ars Nova I Prefiniti Prefinished floors
design: Skema design: Skema design: Sottsass Associati design: Sottsass Associati design: Vepal design: Vepal design: Berti design: Berti
Unica azienda italiana specializzata The only Italian company that Facile da pulire e semplice da Easy to clean and simple to lay, Specializzata in pavimenti flottanti Specialists in prefinished, floating Berti produce pavimenti di legno Berti produces traditional, antiqued
in pavimenti prefiniti flottanti in specializes in floating, prefinished posare, Parqcolor Gold è un Parqcolor Gold is a floor made of prefiniti di legno e laminato, Vepal ha floors in wood and laminate, Vepal tradizionali, anticati e prefiniti, and prefinished floors in wood as
laminato DPL, con base in HDF, floors in DPL laminate with a base in pavimento a doghe, in laminato ad wooden strips in high-pressure lanciato nel 2001 un elegante e launched, in 2001, an elegant and nonché composizioni a disegno e well as designer compositions and
Skema presenta ora Maxim, un HDF, Skema is now offering Maxim, alta pressione, davvero molto laminate. Exceptionally tough, it has prezioso prodotto: Ars Nova, legno di elite product dubbed Ars Nova. Old pavimenti intarsiati. I Prefiniti (come il inlaid floors. I Prefiniti prefinished
prodotto ancora più affidabile che si an even more reliable product that resistente, capace di creare a gift for creating traditional rovere antico proveniente da vecchie oak from salvaged beams, rescued pavimento qui illustrato) sono forniti floors (like the one illustrated here)
posa con grande facilità. Grazie a un can be laid with the greatest of ease. atmosfere tradizionali (come quella atmospheres (like the staved cherry travi di recupero, restituito dall’usura from the ravages of time, has been levigati e verniciati, pronti per essere are supplied ground and varnished,
nuovo supporto in HDF e a una Thanks to a new support in HDF and qui suggerita dal ciliegio parquet parquet shown here) or inventing del tempo e trasformato in prezioso transformed into exclusive designs incollati su vari tipi di sottofondo. ready for gluing to various types of
superficie molto resistente a surface that’s virtually impervious dogato) o di inventarne di totalmente startlingly new ones. The spectrum of decoro per pavimenti di lusso. for luxury floors. Ars Nova is Berti ne propone tre tipi: Prefinito foundation. Berti is offering three
all’impatto e all’usura (causata da to wear caused by incessant traffic, nuove. La gamma delle proposte decorative items available includes Ars Nova è disponibile in quattro available in four models – planks 10.5, Prefinito 13.1 e Prefinito Maxi. types: Prefinished 10.5, Prefinished
calpestio ricorrente, graffi e rotelle), scratches and wheels as well as decorative prevede trenta legni 30 pale, medium and dark woods, 6 modelli: listoni con chiodi e farfalle with nails and butterflies (illustrated Tutti hanno lo strato superiore in 13.1 and Prefinished Maxi. All of
nonché alle macchie e alle bruciature stains and cigarette burns, Maxim is chiari, medi e scuri, sei legni extra, colour options and a Metals line that (il tipo qui illustrato), forniti in here), supplied in lengths ranging essenza da 4,5 mm, mentre la parte them have an upper layer in wood
di sigarette, Maxim è idoneo a perfect for heavily trafficked sei colorati e la linea Metalli, con la allows designers to let their lunghezze da 50 a 150 cm e diverse from 50 to 150 cm and various inferiore è costituita da multistrato di measuring 4.5 mm in thickness, while
superfici a grandissimo traffico, surfaces, public spaces and quale il progettista può giocare imaginations run wild. larghezze, e listoni Burges, Versailles widths, and Burges, Versailles and betulla a 5 o 7 strati incrociati. Lo the lower part consists of five or
opere pubbliche e locali di prestigio. prestigious settings. A thickness of qualsiasi carta creativa. Le Parqcolor Gold’s technical and e Punta ungherese. Hungarian Point planks. strato nobile è sempre trattato con 6 seven crisscrossing layers of birch
Lo spessore da 10 mm e il 10 mm and a highly compact caratteristiche tecniche ed estetiche aesthetic characteristics have made mani di fondo e finitura finale a velo. plywood. The heartwood layer is
sottopavimento a elevata densità substructure deaden the noise of rendono Parqcolor Gold adatto agli it a floor that’s suited to a broad always treated with six coats of
riducono il rumore da calpestio. tramping feet. ambienti più diversi. range of applications. primer and a final fog-coat finish.

Desso MPR Pavimenti in Legno Margaritelli Florian Parchetti


Stuttgarter Str. 75 Via Meucci, 38/40 Margaritelli Italia Via Montesanto, 28
D-74321 Bietigheim - Bissingen 20090 Buccinasco (Milano) Via Adriatica, 109 31039 Poggiana di Riese Pio X (TV)
T +49-7142-71615 T 0245708465/66 06087 Ponte S. Giovanni (Perugia) T 04237572
F +49-7142-199615 F 0245708464 T 075988681 F 0423456144
www.desso.com mpr.pavimentilegno@tin.it@ F 0759889043 florian@florian.it
www.mpr.pavimentilegno.it Numero verde 800-800111 www.florian.it
info@margaritelli.it
www.margaritelli.it

Gravura Gravura Trattamenti per pavimenti Treatments for old floors Listone Giordano Listone Giordano Effe Effe
design: Desso design: Desso design: MPR design: MPR design: Giordano – Margaritelli design: Giordano – Margaritelli design: Florian design: Florian
Il progetto di un pavimento si compie The design of a floor or pavement is La società MPR fornisce e posa in MPR supplies and lays floors and Nato nel 1983 dalla ricerca del prof. Born in 1983 out of research by Il pavimento prefinito Effe è The Effe prefinished floor is made up
attraverso il colore, la forma e la shaped by the colour, shape and opera pavimenti e scale di legno staircases in woods of all types. In Guglielmo Giordano e dalla Professor Guglielmo Giordano and composto da elementi di misure of elements in standardized sizes
struttura del materiale che lo structure of the material used to d’ogni tipo ed essenza. In oltre 40 over 40 years of activity, the tecnologia Margaritelli, Listone Margaritelli technology, Listone standardizzate, che uniti tra loro con that, when connected with groove-
costituisce. Grazie alla concezione create it. Thanks to the conception anni d’attività, MPR ha sviluppato company has perfected a series of Giordano ha inaugurato e affermato Giordano has received worldwide incastri consentono una posa veloce and-tongue joints, allow rapid laying
che guida il disegno dei bordi, that drives the design of its borders, una serie di studi e di prove per studies and tests to get the highest nel mondo una nuova generazione di acclaim for its new generation of su sottofondi di cemento oppure su on concrete foundations or old
Gravura crea l’effetto di una Gravura creates the effect of ottenere il rendimento migliore per yield out of each species through pavimenti di legno. Si compone di wooden floors. They comprise a vecchi pavimenti di marmo o marble and ceramic floors. Each
moquette continua perfino negli seamless wall-to-wall carpeting, ogni essenza, specializzandosi in ecological oil treatments, preserving, uno strato di legno nobile e di un heartwood layer and a technological ceramica. Ogni elemento è costituito element consists of a support in solid
spazi più grandi. Combina le più even in the largest spaces. This trattamenti a olio ecologico, bleaching, antiquing, brushing and supporto tecnologico (multistrato di support (birch plywood) cut across da un supporto d’abete massiccio Finnish fir and a layer of heartwood
moderne tecniche di produzione (si polyamide carpet with tufting decapaggi, sbiancature, varnishing processes. betulla), inciso trasversalmente, che the grain, which makes it possible to finlandese e da uno strato d’essenza (illustrated here is a floor in Italian
tratta di una moquette di poliammide workmanship combines the most tonalizzazioni, processi antichizzanti, An important part of MPR’s activity is permette di ottenere liste di grandi achieve strips in large dimensions (qui è illustrato un pavimento di noce walnut) treated with special varnishes
con lavorazione tufting) con il modern production techniques with spazzolature e verniciature dedicated to research and the dimensioni, flessibili e indeformabili. that are also flexible and won’t warp. nazionale), trattato con vernici that give the surface a sleek look and
migliore design contemporaneo. the finest contemporary design. ecologiche. Una parte rilevante restoration of old floors. Listoncino Corona (uno dei tipi Listoncino Corona (one of the types speciali che conferiscono alla superb resistance to scratches and
Se n’è servito anche il progettista It was used by Belgian designer dell’attività è dedicata alla ricerca e al disponibili, qui illustrato) ha spessore available, shown here) has an overall superficie grande resistenza a graffi e abrasions. Woods are selected at
belga Vittorio Simoni nel progetto Vittorio Simoni in his interior for recupero di pavimenti antichi. totale di 9 mm (di cui 4 mm di strato thickness of 9 mm (4 mm of which abrasioni. Le essenze sono scelte their places of origin and only from
d’interni per Vasco, qui illustrato. Vasco, illustrated here. nobile), larghezza 70 mm e lunghezze comprise the topmost layer), a width direttamente nei luoghi d’origine e areas under cultivation.
miste da 350 a 600 mm. of 70 mm and mixed lengths ranging solo da aree di coltivazione.
from 350 to 600 mm.

132 Domus Novembre November 2001 Domus Novembre November 2001 133
rassegna

rassegna
Freudenberg Gobbetto Artinox PMF Lavorazioni Metalliche
Freudenberg Bausysteme KG Via Carroccio, 16 Lavorazione Acciaio Inox Via Rutilia, 16
D-68465 Weinheim (Germania) 20123 Milano Via F. Fabbri, 39 20141 Milano
T +49-6201-805666 T 028322269 Zona Industriale Campidui T 0257409244/55212423
F +49-6201-883019 F 0289404269 31015 Conegliano (Treviso) F 0257407953/55212164
www.nora.de gobbetto@gobbetto.com T 04384531 sistemamen@tin.it
in Italia: Freudenberg www.gobbetto.com F 0438453200 www.sistemamen.it
Divisione Sistemi di Costruzione comm@artinox.it
Viale Monza, 38 www.artinox.comm
Casella Postale 17038
20127 Milano
T 022886439
F 0226827783
pmartino@freudenberg.com

noraplan switsch I noraplan switsch I Dega-Art Dega-Art Inoxtile Inoxtile Polis Sistema Men Polis Men System
design: Freudenberg design: Freudenberg design: Gobbetto design: Gobbetto design: Artinox design: Artinox design: Marco Poletti design: Marco Poletti
Nel call centre della Tiscali a Cagliari At Tiscali’s call centre in Cagliari Le pavimentazioni in resine Floors in heat-hardened resins are Definita la nuova frontiera della Now that a new frontier has been Polis Sistema Men è un innovativo Polis Sistema Men, an innovative
(qui illustrato) l’insonorizzazione dai (illustrated here), the problem of termoindurenti sono molto highly prized, not only for their piastrella, Inoxtile è un supporto in established for tiles, Inoxtile is being tappeto d’acciaio inox composto da stainless steel carpet, is made up of
rumori di fondo è stata risolta soundproofing against background apprezzate oltre che per la resistenza resistance to abrasion stresses and gres porcellanato rivestito d’acciaio acclaimed as a support in porcelain moduli decorati con quattro soluzioni modules decorated with four graphic
adottando il rivestimento elastico in noise is solved through the use of an all’abrasione e la facilità di pulizia, ease of cleaning but also because inox 18/10. Il prodotto unisce stoneware clad with 18/10 stainless grafiche (cen