Sei sulla pagina 1di 96

Gennaio/January 2001/833 Koolhaas/Le Corbusier/Armani/Cranbrook/Droog

833
Architettura/Design/Arte/Comunicazione
Architecture/Design/Art/Communication
Gennaio/January 2001
Lire 15.000/€ 7.75

Periodico mensile/Spedizione in abbonamento postale 45%/art.2/comma 20/B, legge 662/96 Filiale di Milano
Abbonati a Domus
compilando e
spedendo la cartolina
che trovi qui accanto
oppure telefona al
numero verde
800 001199 oppure Outside Italy
invia una e-mail a You can subscribe
uf.abbonamenti to domus using
@edidomus.it the card opposite
o un fax al numero or telephone
039 838286 +39 0282472276
e-mail
subscriptions@
edidomus.it
fax +39 0282472383

In regalo per chi si


abbona il Cd-Rom
“Berlino” della collana
“Le città d’arte”

A free gift to
subscribers: CD-Rom of
Berlin from the Cities of
Art Collection

Domus Settembre September 2000 1


2 Domus Settembre September 2000
Abbonati!

Subscribe!

and design
e del design

Every month
dell’architettura
definisce il mondo

Domus defines the


Ogni mese Domus

world of architecture
Subscription Abbonamento
Outside Italy
I would like subscribe to Domus I enclose a cheque addressed to: Editoriale Domus,
Italia
Desidero abbonarmi a Domus Scelgo la seguente modalità di pagamento:
Annual (11 issues) with CD-Rom free gift of Berlin Via A. Grandi, 5/7 – 20089 Rozzano – (Milano) – Italy Annuale (11 numeri) con in regalo il CD Rom “Berlino” Bollettino postale che mi invierete
US$ 103 DM 224 Euro 114,65 I have paid by International money order on your account n. £.120.000 anziché £.165.000 Allego assegno non trasferibile intestato
Annual (11 issues) Airmail with CD-Rom free gift of Berlin 5016352/01 – c/o Comit – Assago Branch – (Milano) – Italy Annuale Studenti (11 numeri) con in regalo il CD Rom a Editoriale Domus S.p.A.
US$ 138 DM 300 Euro 153,38 Please charge my credit card the amount of: “Berlino” £.110.000 anziché £.165.000 Addebitate l’importo dovuto sulla mia carta di credito:
American Express (allegare sempre la dichiarazione di iscrizione alla facoltà) American Express
Please send the subscription to the following address Diners Diners
(please write in block capitals): Visa Effettuate la spedizione al seguente nominativo: Visa
Mastercard/Eurocard (scrivere in stampatello) Mastercard/Eurocard

Name Card number Cognome Carta n°

Surname Expires Nome Scadenza

Number & Street Indirizzo n°

Town Postal code Date Signature Località Data Firma

State/Region Cap Prov

Country Telefono Fax

Telephone Fax
According to the Law 675/96, we would like to inform you that your private data will be new publications, offers and purchase opportunities. You are entitled to all and every right La informiamo, ai sensi della legge 675/96, che i suoi dati sono oggetto di trattamento per finalità di promozione commerciale dalla nostra Azienda e da quelle ad essa collegate.
computer-processed by Editoriale Domus only to the purpose of properly managing your in conformity with Clause 13 of the above mentioned Law.Editoriale Domus S.p.A. via prevalentemente informatico, ai soli fini della corretta gestione del suo abbonamento e di A lei competono tutti i diritti previsti dall’art. 13 della legge sopra citata. Responsabile del
subscription and meeting all obbligations arising thereform. In addition, your private data Achille Grandi 5/7, 20089 Rozzano (MI) Italy, is responsible for processing your private data. tutti gli obblighi che ne conseguono. I suoi dati anagrafici potranno essere utilizzati inoltre trattamento è Teleprofessional S.r.l., via Mentana 17/A, 20052 Monza (MI)

P011
P011

may be used by Editoriale Domus and related companies to the purpose of informing you of

ITALY
I-20130 MILANO 20130 MILANO (MI)
P.O. BOX 13080 Casella Postale 13080
Subscription Department Servizio Abbonati
Editoriale Domus Editoriale Domus

del 17/4/85)
Z/607761/TM/7377
Prov. P.T. N.
di Milano A.D. (Aut. Dir.
presso l’Ufficio Postale
di Credito n.7377
da addebitarsi sul conto
carico del destinatario
POSTAGE Affrancatura ordinaria a
AFFIX AFFRANCARE
PLEASE NON
Domus Settembre September 2000 3
Domus Subscription & 130 00 PRAHA 3 Fax 0711-2507350 TOKYO 160 Ebsco NZ Ltd Herbert Lang & Cie AG
Distribution Agencies Tel. 02-6848547 Fax 02-6848618 Otto Harrassowitz Tel. 03-32080181 Fax 03- Private Bag 99914 CH 3000 BERN 9
• indicates domestic distributors Linea Ubok Taunusstraße 5 32090288 Newmarket Tel. 031-3108484
Argentina Na Prikope 37 65183 WIESBADEN Segawa Books AUCKLAND Fax 031-3108494
11349 PRAHA 1 Tel. 0611-5300 Fax 0611-530560 2-59 Yamazoe-Cho Tel. 09-5248119 Fax 09-5248067 Dynapress Marketing SA
• Libreria Tecnica C.P. 67
Florida 683 Local 18 Tel. 02-24228788 Great Britain Chikusa-Ku Poland 38 Avenue Vibert
1375 BUENOS AIRES Fax 02-24228293 NAGOYA •Pol-Perfect Poland 1227 CAROUGE
• USM Distribution Ltd Tel.022-3080870
Tel. 01-3146303 Fax 01-3147135 Cyprus Fax 052-7636721 Ul. Samarytanka 51
86 Newman Street Fax 022-3080859
Australia • Hellenic Distribution Agency Ltd LONDON W1P 3LD AD Shoseki Boeki 03588 WARSZAWA
Chr. Sozou 2E Tel. 0171-3968000 C.P.O. Box 1114 Tel./Fax 022-6787027 Cumulus Fachbuchhandlung AG
• Europress Distributors Pty Ltd OSAKA 530-91 Hauptstraße 84
119 McEvoy Street Unit 3 P.O. Box 4508 Fax 0171-3968002 Ars Polona
NICOSIA Tel. 06-4480809 Fax 06-4483059 P.O. Box 1001 5042 HIRSCHTHAL
2015 ALEXANDRIA NSW Dawson UK Ltd Tel. 062-7213562
Tel. 02-6984922 Fax 02-6987675 Tel. 02-444488 Fax 02-473662 Cannon House Park Farm Road Asahiya Shoten Ltd 00950 WARSZAWA
C.P.O. Box 398 Tel. 022-261201 Fax 022-266240 Fax 062-7210268
Gordon & Gotch Denmark FOLKESTONE CT19 5EE
Tel. 0303-850101 Fax 0303- OSAKA 530-91 Portugal Librairie Payot
Huntingdale Road 25/37 • Dansk Bladdistribution A/S Tel. 06-3766650 Case Postale 3212
3125 BURWOOD VIC Ved Amagerbanen 9 850440 •Johnsons International
Bookman’s Co. Ltd. 1002 LAUSANNE
Tel. 03-98051650 2300 COPENHAGEN S DLJ Subscription Agency News Portugal Lote 1 A Tel. 021-3413231
Fax 03-98888561 Tel. 31543444 Fax 31546064 26 Evelyn Road 1-18 Toyosaki 3-Chome Rua Dr. Jesé Espirito Santo
Oyodo-Ku OSAKA 531 Fax 021-3413235
Perimeter Arnold Busk LONDON SW19 8NU 1900 LISBOA
Tel. 0181-5437141 Fax 0181- Tel. 06-3714164 Fax 06-3714174 Tel. 01-8371739 Fax 01-8370037 R.J. Segalat
190 Bourke Street Købmagergade 29 4, rue de la Pontaise
3000 MELBOURNE VIC 1140 COPENHAGEN K 5440588 Elm & Co Livraria Ferin Lda
18-6 Takadono 3 Chome 1018 LAUSANNE 18
Tel. 03-96633119 Tel. 33122453 Fax 33930434 Motor Books Rua Nova do Almada 72 Tel. 021-6483601
Fax 03-96634506 33 St’Martins Court Asaki-Ku 1200 LISBOA
Rhodos OSAKA 535 Fax 021-6482585
Magazine Subscription Agency Strangate 36 LONDON WC2N 4AL Tel. 01-3424422 Fax 01-3471101
Tel. 0171-6365376 Tel. 06-9522857 Freihofer AG
20 Booralie Road 1401 COPENHAGEN K Principate of Monaco Weinbergstrasse 109
2084 TERREY HILLS NSW Tel. 31543060 Fax 32962245 Fax 0171-4972539 Hakuriyo Co Ltd
• Presse Diffusion 80333 ZÜRICH
Tel./Fax 02-4500040 R.D. Franks Ltd 1-15-17 Shimanouchi Chuo-Ku
Finland Boite Postale 479 Tel. 01-3634282 Fax 01-3629718
Kent House OSAKA 542
ISA Australia • Akateeminen Kirjakauppa 98012 MONACO CEDEX Stäheli’s Bookshop Ltd
Market Place Oxford Circus Tel. 06-2525250 Fax 06-2525964
P.O. Box 709 Stockmann/Akatemineen Tel. 93101200 Fax 92052492 Bederstraße 77
4066 TOOWONG QLD LONDON W1N 8EJ Kitao Publications Trading Co
Kirjakauppa Romania 8021 ZÜRICH
Tel. 07-33717500 Tel. 0171-6361244 Ltd
P.O. Box 23 Fax 0171-4364904 2-3-18 Nakanoshima Kita-Ku • S.C.IBC. Hiparion Tel. 01-2013302 Fax 01-2025552
Fax 07-33715566 00371 HELSINKI Str. Muresului 14
Blackwell’s Periodicals OSAKA 530 Taiwan
Austria Tel. 09-1214330 Fax 09-1214241 Tel. 06-2035961 Fax 06-2223590 3400 CLUJ NAPOCA • Chii Maw Enterprise Co Ltd
P.O. Box 40 Tel. 064-414004 Fax 064-414521
• Morawa & Co. KG. Lehtimarket Oy Hythe Bridge Street Kaigai Publications Co Ltd P.O. Box 24-710
Wollzeile 11 Nokiantie 2-4 P.O. Box 16 OXFORD OX1 2EU P.O. Box 5020 Tokyo Singapore TAIPEI
WIEN 1 00511 HELSINKI Tel. 01865-792792 International • Page One The Bookshop Ltd Tel. 02-7781678 Fax 02-7782907
Tel. 01-51562 Fax 01-5125778 Tel. 0-716022 Fax 0-7533468 Fax 01865-791438 TOKYO 100-31 Blk 4 Pasir Panjang Road Thailand
Jos A. Kienreich Suomalainen Kirjakauppa Greece Tel. 03-32924271 Fax 03- 0833 Alexandra Distripark • Central Books Distrib. Ltd
Sackstraße 6 P.O. Box 2 2924278 0511 SINGAPORE 306 Silom Road
8011 GRAZ 01641 VANTAA • Hellenic Distribution Agency Ltd Tel. 2730128 Fax 2730042
1 Digeni Street Kinokuniya Co Ltd 10500 BANGKOK
Tel. 0316-826441 Tel. 09-8527880 P.O. Box 55 Chitose South Africa Tel. 02-2355400 Fax 02-
Fax 09-8527990 17456 ALIMOS
Georg Prachner KG Tel. 01-9955383 Fax 01-9936043 TOKYO 156 • Mico L’Edicola Pty Ltd 2378321
Kärntnerstraße 30 France Tel. 03-34390124 Fax 03- 66 Grant Avenue Turkey
1015 WIEN G.C. Eleftheroudakis SA 34391094
• Nouvelles Messageries de la 17 Panepistimioy Street 2192 NORWOOD • Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
Tel. 01-5128549 Fax 01-5120158 resse Parisienne NMPP Maruzen Co Ltd Tel. 011-4831960 Fax 011-
10564 ATHENS Besiktas Barbaros Bulvari 61 Kat
Minerva 52, Rue Jacques Hillairet Tel. 01-3314180 Fax 01-3239821 P.O. Box 5050 Tokyo 7283217 3 D3
Sachsenplatz 4/6 75612 PARIS International International Subscription BESIKTAS ISTAMBUL
1201 WIEN Tel. 01-49287042 Papasotiriou SA TOKYO 100-31
35 Stournara Street Service Tel. 0212-2583913 Fax 0212-
Tel. 01-3302433 Fax 01-3302439 Fax 01-49287622 Tel. 03-32758591 P.O. BOX 41095 Craighall 2598863
10682 ATHENS Fax 03-32750657
Belgium Dawson France Tel. 01-33029802 2024 JOHANNESBOURG Bilimsel Eserler Yayincilik
• AMP Rue de la Prairie Fax 01-3848254 Milos Book Service Tel. 011-6466558 Siraselviler Cad. 101/2
1, Rue de la Petite Ile Villebon-sur-Yvette 3-22-11 Hatchobori Chuo-Ku Fax 011-6466565 80060 TAKSIM ISTAMBUL
91871 PALAISEAU CEDEX Studio Bookshop TOKYO 104
1070 BRUXELLES 32 Tsakolof Street Kolonaki Spain Tel. 0212-2434173
Tel. 02-5251411 Fax 02-5234863 Tel. 01-69104700 Tel. 03-35513790 Fax 03- Fax 0212-2494787
10673 ATHENS • Comercial Atheneum SA
Fax 01-64548326 35513687
Naos Diffusion SA Tel. 01-3622602 Fax 01-3609447 Joventud 19 U.S.A.
Rue des Glands 85 Documentec Pacific Books 08830 SANT BOI DE
58, Boulevard des Batignolles Holland Morikawa Bldg. • Speedimpex Usa Inc
1190 BRUXELLES LLOBREGAT 35-02 48th Avenue
Tel. 02-3435338 Fax 02-3461258 75017 PARIS • Betapress BV 7-4 Idabashi 1 Chome Tel. 03-6544061 Fax 03-6401343
Tel. 01-43871422 Burg. Krollaan 14 Chiyoda-Ku TOKYO 102 LONG ISLAND CITY NY
S.P.R.L. Studio Spazi Abitati 5126 PT GILZE Diaz de Santos SA 11101-2421
Fax 01-42939262 Tel. 03-32623962 Fax 03-
55, Avenue de la Constitution Tel. 0161-457800 Calle Balmes 417-419 Tel. 0718-3927477
Germany 32624409
1083 BRUXELLES Fax 0161-452771 08022 BARCELONA Fax 0718-3610815
Tel. 02-4255004 Fax 02-4253022 • W.E. Saarbach GmbH Shimada & Co Inc Tel. 03-2128647 Fax 03-2114991
Bruil Tijdschriften • Overseas Publishers Rep.
Hans Böckler Straße 19 9-15 Minami-Ayoama 5-Chome
Office International des Postbus 100 LLibreria La Ploma 47 West 34th Street Rooms
50354 HÜRT HERMÜLHEIM Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F
Periodiques 7000 AC DOETINCHEM Calle Sicilia 332 625/629
Tel. 02233-79960 Minato-Ku
Kouterveld 14 Tel. 08340-24033 08025 BARCELONA NEW YORK NY D7
Fax 02233-799610 TOKYO 107
1831 DIEGEM Fax 08340-33433 Tel. 03-4579949 Tel. 0212-5843854 Fax 0212-
Tel. 03-34078317 Fax 03-
Tel. 02-7231282 Fax 02-7231413 Mayer’sche Buchhandlung Promotora de Prensa Int. SA 4658938
Kooyker Booksellers 34078340
Standaard Boekhandel Matthiashofstraße 28-30 Diputacion 410 F Ebsco Subscription Services
52064 AACHEN Korevaarstraat 8 B The Tokodo Shoten
Industriepark Noord 28/A 2311 JC LEIDEN 08013 BARCELONA P.O. Box 1943
Tel. 0241-4777470 Nakauchi Bldg.
9100 SINT NIKLAAS Tel. 071-160560 Fax 071-144439 Tel. 03-2451464 Fax 03-2654883 BIRMINGHAM AL 35201-1943
Fax 0241-4777479 7-6 Nihonbashi 1 Chome
Tel. 03-7603287 Fax 03-7779263 A.Asppan Tel. 0205-9911234
Swets Subscription Service Chuo-Ku
Brazil Lange & Springer C/Dr. Ramon Castroviejo 63 Fax 0205-9911479
P.O. Box 830 TOKYO 103
Otto-Suhr-Allee 26/28 Tel. 03-32721966 Fax 03- Local International Subscription Inc.
• Distribuidora Leonardo da Vinci 10585 BERLIN 2160 SZ LISSE
Ltda Tel. 0252-435111 32788249 28035 MADRID 30 Montgomery Street 7th floor
Tel. 030-340050 Tel. 01-3733478 Fax 01-3737439 JERSEY CITY NJ 07302
Av. Ibijau 204 Fax 030-3420611 Fax 0252-415888 Tokyo Book Center Co Ltd
04524 SAO PAULO Mundi Prensa Libros SA Tel. 0201-4519420
Bruil & Van de Staaij 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku
Tel. 011-53163992 Wasmuth GmbH Castello 37 Fax 0201-4515745
Postbus 75 TOKYO 151
Fax 011-55611311 Pfalzburger Straße 43/44 Tel. 03-34041461 Fax 03- 28001 MADRID Readmore Inc
10717 BERLIN 7940 AB MEPPEL
Informational Tel. 0522-261303 Fax 0522- 34041462 Tel. 01-4313222 Fax 01-5753998 22 Cortland Street
Tel. 030-8630990 Publicaciones de Arquitectura y NEW YORK NY 10007
P.O. Box 9505 Fax 030-86309999 257827 Korea
90441-970 PORTO ALEGRE RS Arte Tel. 0212-3495540 Fax 0212-
Bonner Presse Vertrieb Hong Kong • M&G&H Co 2330746
Tel. 051-3344524 Fax 3344018 General Rodrigo 1
Limpericher Straße 10 Apollo Book Suite 901 Pierson Bldg. Faxon Illinois Service Center
Santoro Editora 28003 MADRID
53225 BONN 27-33 Kimberly Road Chin Mijn Ro 2 Ka 1001 W. Pines Road
Rua 7 de Setembro 63 Sala 202 Tel. 01-5546106 Fax 01-5532444
Tel. 0228-400040 Fax 0228- 2nd Floor Flat A Chongro-Ku OREGON IL 61061-9570
20050-005 RIO DE JANEIRO RJ Wing Lee Bldg KOWLOON SEOUL 110-062 Xarait Libros
4000444 P. S.Francisco de Sales 32 Tel. 0815-7329001 Fax 0815-
Tel. 021-2523909 Tel. 03-678482 Fax 03-695282 Tel. 02-7542881 Fax 02-7354028
Fax 021-2527078 Graff Buchhandlung 28003 MADRID 7322123
Neue Straße 23 Hungary Seoul Subscription Service Inc Silver Visions Publishing Co
Canada Tel. 01-5341567 Fax 01-5350831
38012 BRAUNSCHWEIG Librotrade Kft Youido P.O. Box 174 1550 Soldiers Field Road
Periodica SEOUL 150-601 Sweden
Tel. 0531-480890 P.O. Box 126 02135 BRIGHTON MA
C.P. 444 Fax 0531-46531 1656 BUDAPEST Tel. 02-7801094 Fax 02-7843980 • Bror Lundberg Eftr. AB Tel. 0617-7872939
OUTREMONT QUE H2V 4R6 Tel. 01-2561672 Fax 01-2568727 Lebanon Kungstensgatan 23 Fax 0617-7872670
Walther König GmbH
Tel. 514-2745468 Fax 514- P.O. Box 19063
Heinrich-Heine-Allee 15 India • Messageries du Moyen Orient The Faxon Company Inc
2740201 10432 STOCKHOLM
40213 DÜSSELDORF Globe Publications Pvt Ltd B.P. 11 15 Southwest Park
Chile
Tel. 08-6129680 Fax 08-6122790
Tel. 0211-136210 B 13 3rd Floor A Block 6400 BEYROUTH WESTWOOD MA 02090
Fax 0211-134746 Tel. 01-447526 Fax 01-492625 BTJ Tidschriftscentralen Tel. 800-9993594
• Libro’s Soc. Ltda Shopping Complex BTJ INFO & MEDIA Fax 0617-3299875
Clasificador 115 Correo Central Sautter & Lackmann Naraina Vihar Ring Road Luxembourg
Traktorvägen 11
SANTIAGO Admiralitätstraße 71/72 NEW DELHI 110 028 • Messageries Paul Kraus Venezuela
22182 LUND
Tel. 02-23577337 20459 HAMBURG Tel. 011-5460211 11, Rue Christoph Plantin • Edital SA
Tel. 046-180000 Fax 046-180125
Fax 02-2357859 Tel. 040-373196 Fax 040-365479 Fax 011-5752535 1020 LUXEMBOURGH Calle Negrin Edif. Davolca
Wennergren Williams
Colombia Mode....Information Iran Tel./Fax 499888444 Planta Baja Apt. 50683
P.O. Box 1305
• Peinternational Heinz Kramer GmbH Jafa Co Ltd Malta 1050 CARACAS
17125 SOLNA
Maria Costanza Carvajal Pilgerstraße 20 P.O. Box 19395 Fax 02-7621648
• Miller Distributors Ltd Tel. 08-7059750 Fax 08-270071
Calle 90 18-31 51491 KÖLN OVERATH 4165 TEHRAN * Only for Usa & Canada
Miller House Switzerland
SANTA FE’ DE BOGOTA’ Tel. 02206-60070 Fax 6406441 Tarxien Road Airport Way .DOMUS (USPS 7010107) is
Tel. 01-6168529 Fax 01-6166864 Fax 02206-600717 • Kiosk AG
Israel LUQA published for US$ 135 per year
L. Werner Buchhandlung Hofackerstraße 40
Luis Antonio Puin Alvarez • Literary Transactions Ltd Tel. 664488 Fax 676799
Theatinerstraße 44 II 4132 MUTTENZ by Editoriale Domus Spa - Via
Avenida 25 C # 3 35/37 c/o Steimatzky Ltd Mexico Tel. 061-4672339
BOGOTA’ 80333 MÜNCHEN Achille Grandi 5/7 - 20089
Tel. 089-226979 11 Rehov Hakishon Agencia de Suscripciones SA de Fax 061-4672961
Tel. 01-3426401 Rozzano - Italy and distributed by
Fax 089-2289167 51114 BNEI BRAK CV • Naville SA
C.S.I. Tel. 03-5794579 Fax 03-5794567 Av. 16 de Septiembre 6-402 Speedimpex USA Inc.
Karl Krämer 38-42 Avenue Vibert
Mezhdunarodnaya Kniga Teldan Col. Centro 1227 CAROUGE-GE Periodicals Postage Paid at Long
Rotebühlstraße 40 Island City NY 11101.
39 Bolshaya Yakimanka Street 7 Derech Hashalom 06000 MEXICO DF Tel. 022-3080444 Fax 022-
70178 STUTTGART
117049 MOSCOW 67892 TEL AVIV Tel. 064-140423 Fax 064-152413 3080429 Postmaster: send address changes
Tel. 0711-669930
Tel./Fax 095-2384634 Fax 0711-628955 Tel. 03-6950073 Fax 03-6956359 New Zealand • Melisa to DOMUS c/o Speedimpex USA
Czech Republic Konrad Wittwer GmbH Japan • The Fashion Bookery Via Vegezzi 4 Inc, 35-02 48th Avenue Long
• Mediaprint & Kapa Postfach 10 53 43 • Yohan P.O. Box 35-621 Browns Bay 6901 LUGANO Island City NY 11101-2421
Pressegrosso s.r.o. 70173 STUTTGART 14-9 Okubo 3 Chome AUCKLAND 10 Tel. 091-9238341
Na Jarove 2 Tel. 0711-25070 Shinjuku-Ku Tel. 09-4786324 Fax 09-4155650 Fax 091-9237304
Domus 833 Gennaio/January 2001

Copertina/Cover Il nuovo negozio di Mandarina Duck


a Parigi, progettato da Droog Design
e NL Architects (vedi a pagina 52).
Fotografia di Christoph Kircherer
Mandarina Duck’s new store in Paris,
designed by Droog Design and NL
Architects (see page 52 ). Photography
by Christoph Kircherer
Review

2 Libri/Books
14 Mostre/Exhibitions
22 Calendario/Diary

Monitor

26 Foster ricostruisce il British Museum.


Rieditato il televisore classico Brionvega.
Foster rebuilds the British Museum.
The classic Brionvega tv is reissued

Servizi/Features

32 Junk Space La scioccante scoperta di Rem Koolhaas


nel centro commerciale
Rem Koolhaas’s shocking discovery
in the shopping mall
40 È arrivata l’Ammiraglia Il nuovo spazio Armani a Milano
trasforma un intero isolato e i riti dello
shopping, secondo Stefano Casciani
The flagship has landed Giorgio Armani’s new store in Milan
transforms an entire block as well
as ourway of shopping according
to Stefano Casciani
48 Il negozio invisibile Lo show-room della Bulthaup di John
Pawson
The invisible store John Pawson’s show-room for Bulthaup
52 Droog per Duck Lavorando con NL Architects, Droog
Design sovverte le convenzioni della
progettazione di un negozio di vendita al
dettaglio
Droog for Duck Working with NL Architects, Droog
Design subvert the conventions of retail
design
64 Le Corbusier Charles Jencks riconsidera la città
a Chandigarh
Le Corbusier Charles Jencks reassesses the city
at Chandigarh
76 Una leggenda americana Williams e Tsien tornano alla loro vecchia
scuola progettando una piscina per
Cranbrook. Fotografia di Michael Moran
American Legend Williams and Tsien go back to their old
school to build a pool for Cranbrook
Photography by Michael Moran
86 Objets trouvés Jeremy Edwards esplora il mondo
del design anonimo
Found Objects Jeremy Edwards explores the world
of anonymous design
90 Thomas Heatherwick Lucy Bullivant analizza l’opera di un
talento emergente
Lucy Bullivant on the work of an
emerging talent
100 Il discepolo di Ulm Robin Kinross a proposito dell’opera
di Anthony Froshaug
Ulm’s Disciple Robin Kinross on Anthony Froshaug

Rassegna

108 Accessori per interni Maria Cristina Tommasini sceglie i nuovi


prodotti di base
Interior accessories Maria Cristina Tommasini selects the
essential new products

Post Script

121 L’impresa di Jørn Utzon. Ricordo di


Zanotta. Il culto del cagnolino-robot
The achievement of Jørn Utzon. Zanotta
remembered. The cult of the robot pet
Direttore/Editor Deyan Sudjic

Consulente alla direzione/Associate editor Stefano Casciani

Creative director Simon Esterson

Art director Giuseppe Basile

Staff editoriale/Editorial staff Maria Cristina Tommasini (caporedattore)


Laura Bossi
Rita Capezzuto
Francesca Picchi

Libri/Books Gianmario Andreani

Inviato speciale/Special correspondent Pierre Restany

Staff grafico/Graphics Antonio Talarico


Lodovico Terenzi

Segreteria/Administration Valeria Bonafé


Marina Conti
Miranda Giardino di Lollo (responsabile)
Alexandra Shakespear
(assistente a/assistant to Deyan Sudjic)

Archivio/Archivist Anna Teresa Dell’Orto

Redazione Via Achille Grandi 5/7


20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 82472265
Costruzione della I funghi rovesciati di
Fax +39 02 82472386
E-mail:domus@edidomus.it Torre di Babele. Höller alla
Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale è Editoriale Domus S.p.A.
Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dall’art. 13 della Legge 675/96 telefonando al numero +39 02 82472459
Miniatura trecentesca Fondazione Prada
Sito/Site www.domusweb.it
Erecting the Tower Höller’s funghi are
Editoriale Domus S.p.A. Via Achille Grandi 5/7 of Babel. Fourteenth upside down at the
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 824721
Fax +39 02 57501189
century miniature Fondazione Prada
E-mail: editorialedomus@edidomus.it 4 16
Editore/Publisher Maria Giovanna Mazzocchi Bordone

Relazioni esterne/Public relations Stefano Bordone

Direzione commerciale/Marketing director Paolo Ratti

Pubblicità Tel. +39 02 82472472

review
Fax +39 02 82472385
E-mail: pubblicita@edidomus.it

Direzione generale pubblicità Gabriele Viganò


Advertising director

Direzione vendite/Sales director Giuseppe Gismondi

Promozione/Promotion Sabrina Dordoni

Estratti/Reprints Editoriale Domus S.p.A.


Per ogni articolo è possibile richiedere Via Achille Grandi 5/7
la stampa di un quantitativo 20089 Rozzano (Milano)
minimo di 1000 estratti a: Tel. +39 02 82472472
Minimum 1000 copies of each article Fax +39 02 82472385
may be ordered from E-mail:dordoni@edidomus.it

Agenti regionali per la pubblicità nazionale


Piemonte/Valle d’Aosta: Luciana Polcari, via Monte di Pietà, 15 - 10122 Torino, tel. (011) 5619265 -
InMedia, C.so Galileo Ferraris, 138 - 10129 Torino - tel. (011) 5682390 fax (011) 5683076
Piemonte (province di Novara, Alessandria, Vercelli, Biella, Verbania): Enrico Vecchi, tel. (0328) 2324271
Veneto, Friuli V.G. e Trentino-Alto Adige: Agenzie: Mediasell Carlo Ferracina,
Contrà Do Rode 38 - 36100 Vicenza, tel. (0444) 320005 fax (0444) 321713
Clienti: Tiziana Maranzana, C.so Milano 43 - 35139 Padova, tel. (049) 660308, fax. (049) 656050
Emilia Romagna: Massimo Verni, via Matteucci 20/2 - 40137 Bologna, tel. (051) 345369-347461
Toscana: Promomedia, via Buonvicini 21 - 50132 Firenze, tel. (055) 573968-580455
Lazio, Campania: Interspazi, viale Trastevere 228 - 00153 Roma, tel. (06) 5806368
Umbria: Zupicich & Associati, via Offici 4 - 06123 Perugia, tel. (075) 5738714 fax (075) 5725268
Marche: Simona Santi, v.le Italia 7, 61034 Fossombrone, tel. (0721) 716741 fax (0721) 715950
Sicilia: MPM, via Notarbartolo 4, 90141 Palermo, tel. (091) 6252045 fax (091) 6254987
Liguria: Silvana Bianchi, via A. Manunzio 16/18 A - 16143 Genova, tel. e fax (010) 512986
Sardegna: Giampiero Apeddu, viale Marconi 81, 09131 Cagliari, tel. (070) 43491

Servizio abbonamenti/Subscriptions
numero verde 800-001199 da lunedì a venerdì dalle 9,00 alle 21,00, sabato dalle 9,00 alle 17.30
Fax +39 02 82472383 E-mail: uf.abbonamenti@edidomus. it

Ufficio vendite Italia:


tel. 039/838288 – fax 039/838286 e-mail: uf.vendite@edidomus.it Un numero Lire 15.000, € 7,74.
Fascicoli arretrati: Lire 22.000, € 11,36. Modalità di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione
Lire 3.000), carta di credito: (American Express, CartaSì, Diners, Visa), versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a
Editoriale Domus SpA, Via A. Grandi 5/7 – 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di “DOMUS” desiderati.
Si prega di accertarsi sempre della effettiva disponibilità delle copie.

Foreign Sales:
Tel. +39-0282472529 – fax +39-0282472590 e-mail: sales@edidomus.it
Back issues: US$ 22, DM 32, € 19,00. Payment method: by credit card American Express, Diners, Mastercard, Visa, bank transfer on our
account n. 5016352/01/22 - Banca Commerciale Italiana, Assago branch (Milan), by cheque addressed to Editoriale Domus SpA.
Ai sensi della Legge 675/96 si informa che il servizio abbonamenti e vendite copie arretrate Italia è gestito da Teleprofessional Srl, Via Mentana
17/A, Monza (MI), tel. 039/2321071, responsabile del trattamento dei dati personali.
A tale soggetto gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’articolo 13 della Legge 675/96.
I dati saranno oggetto di trattamento prevalentemente informatico ai soli fini della corretta gestione dell’ordine e di tutti gli obblighi che ne
conseguono.

calendario/22
Domus Academy Via Savona 97
20144 Milano
Tel. +39 02 47719155
Fax +39 02 4222525
E-mail info@domac.it exhibitions
© Copyright Associato all’U.S.P.I.
Editoriale Domus S.p.A. (Unione stampa
mostre/14
Milano Periodica Italiana)

calendar
Direttore responsabile Maria Giovanna Mazzocchi Bordone/Registrazione del Tribunale di Milano n.125 del 14/8/1948. È vietata la riproduzione
totale o parziale del contenuto della rivista senza l’autorizzazione dell’editore.

Distribuzione Italia/Distribution Italy A&G Marco, via Fortezza 27,


books

20126 Milano
libri/2

Distribuzione internazionale AIE - Agenzia Italiana di


Sole agent for distribution Esportazione S.p.A.
Via Manzoni 12, 20089 Rozzano (MI)
Tel. (02) 5753911
Fax (02) 57512606

Stampa/Printers BSZ, Mazzo di Rho (MI)

In questo numero la pubblicità non supera il 45%


Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito

Domus, rivista fondata nel 1928 da Gio Ponti/review founded in 1928 by Gio Ponti

Domus Gennaio January 2001 3


Parigi incontra infatti Miró, Picasso e, Villanueva diventano così parte questioni umane. Il suo mezzo di volta diverso della portata
Arte e soprattutto, Calder con cui stringe integrante delle sue realizzazioni, che espressione e fondamento: lo spazio rivoluzionaria del Moderno. Contro le
una amicizia sincera e con il quale appaiono, costruite, in continua interno, lo spazio utile, fluido, usato e generiche e superficiali accuse di
architettura collaborerà in seguito. trasformazione, sembrano goduto dagli uomini: è una struttura decontestualismo.
a cura di Gianmario Andreani

La relazione tra arte e architettura appartenere al tempo, che circonda la vita. L’Arte dello Gaia Redaelli, architetto
in Villanueva diventa una caratteristica continuamente riprogettate da chi le Spazio, dentro e fuori, Arte Astratta e The art and architecture of
fondamentale dell’opera di percorre, nei molteplici e possibili non rappresentativa, ma con una Villanueva At the last International
Paulina Villanueva e Maciá Pintó Villanueva. Egli scrive: “L’architettura punti di vista, e da chi le vive funzione e una logica cartesiana”. La Architecture Exhibition, recently
books

Carlos Raúl Villanueva è una forma di vita e l’architetto è un quotidianamente. Il complesso della incredibile sperimentazione plastica terminated at the Venice Biennale,
Logos, Modena,- Tanais ediciones intellettuale. Deve essere un tecnico, Città Universitaria di Caracas è del cemento armato, caratteristica the beautiful, decrepit Venezuelan
libri

Sevilla 2000 (pp. 180, s.i.p.) per poter realizzare i suoi sogni di sicuramente il progetto più ricorrente del Moderno Pavilion hosted one of the lead
intellettuale. Se questi sogni sono significativo da questo punto di vista. latinoamericano, raggiunge i suoi players in twentieth-century Latin-
Nell’ultima Mostra Internazionale di particolarmente ricchi, vivi e poetici, La complessità e dimensione massimi esempi nelle gradinate dello American architecture. Built by Carlo
Architettura, recentemente vuol dire che può anche divenire un dell’intervento, costruito su circa Stadio Olimpico (1949-1950) e nel Scarpa between 1954 and 1956, the
conclusasi alla Biennale di Venezia, il artista”. L’arte quindi intesa come duecento ettari tra il 1944 e il 1970, complesso delle piscine (1958-1959), hall accommodated a monographic
bellissimo quanto fatiscente libertà di concezione spaziale, come rappresenta la capacità di Villanueva entrambi alla Città Universitaria. Il show on Carlos Raúl Villanueva. Born
padiglione del Venezuela, realizzato ricerca dell’ignoto, diventa per di progettare la commistione tra gesto unitario dello Stadio Olimpico and raised in Europe, while still
da Carlo Scarpa tra il 1954 e il 1956, Villanueva parte integrante della architettura e spazio urbano, il cui si traduce in una emozionante young he moved to Venezuela, were
ha reso omaggio a uno dei progettazione architettonica, senza confine non è mai netto, ma filtrato sezione continua che risolve insieme he erected several works, the best
protagonisti dell’architettura per questo abbandonare il suo valore da spazialità (piazze coperte, la gradinata e la copertura, definendo known being the University of
latinoamericana del Ventesimo principale, quello sociale. pergolati, luoghi semi aperti) che, di così una spazialità raccolta che Caracas.
la rivista

secolo. Ospitava infatti Trasferitosi in patria nel 1928 dopo gli volta in volta, coinvolgono l’esterno sembra fluttuare verso il campo di His European training, at the Paris
review

un’esposizione monografica dedicata studi parigini, Villanueva inizia una verso l’interno e viceversa. gioco. Lo sviluppo di questa idea nel Ecole des Beaux-Arts was a major
a Carlos Raúl Villanueva che, nato e lunga collaborazione come L’architettura è per Villanueva l’arte progetto delle piscine produce una factor in the architect’s aesthetic, for
cresciuto in Europa, si trasferisce responsabile tecnico del Ministero di modulare lo spazio e forse è separazione tra la gradinata there he took an interest in the urban
presto in Venezuela, dove realizza dei Lavori Pubblici venezuelano. In questo, prima ancora che il cartesiana e la copertura, una lama scale of architecture and its
diverse opere, tra le quali, la più questo periodo, realizza diverse linguaggio architettonico, il vero sottile in calcestruzzo libera di rendering. His ties to the Old World
conosciuta, il complesso della Città opere, in particolare a Maracay, sede insegnamento assorbito dal modellarsi tridimensionalmente alla were reestablished when he returned
Universitaria di Caracas. del potere politico in quel momento. Moderno. Uno spazio che ha ricerca di un rapporto più espressivo to Paris in 1937, for the International
La formazione accademica in Opere molto eterogenee, da fortemente un significato sociale, con i fruitori. Tra le due strutture Exposition of the Arts and Il Centro amministrativo e culturale dell’Università di Caracas
Europa, presso la Scuola di Belle Arti ristrutturazioni a piazze, a residenze pensato come luogo abitato Villanueva introduce il tema del brise- Techniques of Modern Life. At that Villanueva’s administration block at Caracas University
di Parigi, costituisce un passo della classe dirigente, e difficili, a dall’uomo e da questo trasformato soleil in cemento che produce una time Villanueva met some modern
importante per la poetica dell’opera causa della forte instabilità delle nel tempo. Il carattere quasi vibrazione di luce cangiante a architects, like Le Corbusier, Sert, completed works. mission is solving human questions.
di Villanueva, perché è qui che egli si scelte politiche. Ma forse proprio espressionista delle diverse seconda delle ore del giorno e che Aalto and the Perret brothers. But, The strong social traits and the Architecture’s means of expression
interessa della scala urbana questa eterogeneità consente a realizzazioni della Città Universitaria costituirà una caratteristica unitaria primarily, it was the contacts with incompleteness of Villanueva’s and foundation is the space inside,
dell’architettura e della Villanueva da un lato di sensibilizzarsi declina così aspetti moderni (la della ricerca formale dell’opera di various artists that led the architecture became, therefore, the useful, fluid space, utilized and
rappresentazione attraverso il verso una commistione tra tecnica, l’astrazione, il ritmo, la Villanueva, spazio filtro tra interno ed Venezuelan master to focus on a characteristics of his creations. Once enjoyed by men. It is a structure
disegno. I suoi rapporti con il Vecchio architettura e spazio pubblico e, commistione tra strada ed edificio) a esterno. La sottile trama delle pareti symbiosis of art and architecture. In they were erected, they appeared to surrounding life. It is the Art of
Mondo si ristabiliscono quando, in dall’altro, di impostare la propria soluzioni formali locali (la luce, lo traforate in blocchi di calcestruzzo è fact, in Paris he met Miró, Picasso be constantly transformed; they Space, inside and out, Abstract, not
occasione dell’Esposizione progettazione come ricerca continua spazio, il carattere del dettaglio), anche il tema della bellissima Scuola and, above all, Calder; he and the seem to belong to time, continuously representational Art, but with a
Internazionale delle Arti e delle sul campo, dove ogni disegno non è trovando un punto d’incontro con di Ingegneria Petrolchimica a American became great friends and redesigned by those who go through function and Cartesian logic”. The
Tecniche della Vita Moderna, ritorna mai definitivo. Così, l’opera l’opera scarpiana che l’ha ospitato. Maracaibo (1956-1957), tema che si later worked together. them, from a host of possible incredible plastic experimentation of
a Parigi nel 1937. È qui che architettonica, che rappresenta il “L’Architettura”, scrive nel 1967 “è alterna, negli astratti prospetti The relationship between art and viewpoints, and by those who live reinforced concrete, a recurrent
Villanueva conosce alcuni architetti procedimento progettuale nella Atto sociale, per antonomasia, Arte allungati, a una parete ritmata da architecture became a cornerstone there every day. The University of attribute of Modern Latin-American
moderni, come Le Corbusier, Sert, costruzione, non è mai finita, tanto utilitaria, proiezione della vita stessa, frangisole in metallo smaltato di of Villanueva’s production. He wrote: Caracas surely is the most significant architecture, reached its peak in the
Aalto e i fratelli Perret. Ma è che lo stesso Villanueva è solito legata a problemi economici e sociali colore diverso che filtra la luce “Architecture is a form of life and the scheme from that standpoint. The grandstand of the Olympic Stadium
soprattutto il contatto con diversi continuare a schizzare soluzioni e non unicamente a norme estetiche. diretta. Un ulteriore esempio di architect is an intellectual. He has to size and intricacy of the work, (1949-1950) and the swimming pool
artisti che porta il maestro progettuali di opere già realizzate. Per essa, la forma non è solo astrazione moderna della volumetria be a technician in order to make his occupying around 200 hectares built complex (1958-1959), both located
venezuelano verso l’attenzione a una Il carattere fortemente sociale e l’aspetto più importante; la sua architettonica che si compenetra con intellectual dreams come true. If between 1944 and 1970, represents at the University. The unified nature
simbiosi tra arte e architettura. A l’incompiutezza dell’architettura di principale missione è risolvere le l’uso di temi declinati dall’architettura these dreams are particularly rich, Villanueva’s ability to combine of the Olympic Stadium is translated
tradizionale. La stessa astrazione alive and poetic, it means he can architecture and urban space. Its into an exciting continuous section
Vista interna del nucleo delle scale della Facoltà di lettere
The interior of the main stairs in the Faculty of Arts
raggiunge un carattere minimal verso become an artist, too”. Thus art in border never is sharp; instead, it is providing both the grandstand and
la fine della carriera di Villanueva, the sense of the freedom of spatial interspersed with spatial features the roof. This defines a spatial
quando realizza il Padiglione del conception and the search for the (covered squares, pergolas and composition which seems to flow
Venezuela per l’Expo 67 di Montreal, unknown became an integral part of semi-open places) which convey the towards the pitch. The development
in cui tre cubi uguali poggiano su una Villanueva’s architecture; but its chief outside towards the inside, and vice of this idea in the swimming pool
piattaforma di cemento formata da value – the social one – was not left versa. To Villanueva, architecture was design produced a separation
piani inclinati. by the wayside. the art of modulating space; this may between the Cartesian stands and
Il libro monografico dedicato Having gone back to his homeland in be the real lesson to be learned from the roof, a slender reinforced
all’opera di Carlos Raúl Villanueva è il 1928 after completing his Paris Modern architecture, rather than any concrete slab free to shape itself
primo volume di una collana sui education, Villanueva began a specific architectural language. This three-dimensionally, searching for a
Maestri Latinoamericani lengthy career as the chief engineer vision of space has a strong social more expressive relationship to the
dell’architettura, pubblicati of the Venezuela Ministry of Public bent, conceived as a place where observers. Between the two facilities
simultaneamente in italiano (Logos, Works. During this period he built humankind lives and transforms over Villanueva introduced concrete brise-
Modena), inglese (Princeton diverse works, especially in Maracay, time. The nearly Expressionist nature soleil, engendering changing light
Architectural Press, New York), the political capital of the time. They of several structures in the University depending on the time of day. It was
spagnolo (Tanais Ediciones, Siviglia, were quite heterogeneous, ranging thus link modern aspects (technique, to constitute a unified characteristic
Madrid) e tedesco (Birkhäuser, from refurbishments, to plazas and to abstraction, rhythm and the melding of Villanueva’s works, a space
Basilea, Berlino). Un progetto che homes for the élite. But perhaps this of street and building) to local formal mediating between exterior and
mira alla rivalutazione e diffusione very mixture sensitized Villanueva solutions (light, space and the interior. The thin pierced walls in
dell’opera di alcuni maestri della towards a blending of architecture detailing). This was similar to the concrete blocks appeared also in the
cultura architettonica and public spaces. And it Scarpa pavilion. beautiful Petrochemical School of
latinoamericana, accomunati dalla encouraged him to see his work as a Villanueva wrote in 1967: Engineering in Maracaibo (1956-
capacità di trasporre i principi del process of continual exploration “Architecture is a social act par 1957); in the abstract, extended
Moderno al carattere spaziale, rather that finite. So the building, excellence, utilitarian Art, the elevations they alternate with a wall
sociale, nonché stilistico della representing the design process of projection of life itself, connected to boasting metal brise-soleil enameled
propria cultura, costituendo quindi construction, is never finished. As a economic and social problems, not in a different color to filter direct
un passo ulteriore verso la matter of fact, Villanueva usually just aesthetic rules. Form is not only sunlight. This is another example of
definizione di un valore di volta in continued to make study sketches of the most important facet; its principal the modern abstraction of the

2 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 3


building’s volume interpenetrated by estetiche e sociali del gusto, he was a sculptor, carpenter, Little by little, the imitation of nature che si distingua per la sua unicità.
the use of features borrowed from dall’altro fanno appello alla radice technician and inventor, as well. On declined; the interest in Compito del docente, egli sostiene,
traditional architecture. The same utilitaristica del costruire per the other hand, loads of meanings constructional techniques in relation dovrebbe essere ora piuttosto quello
abstraction attained a minimalist approfondire le istanze logiche e are implied by the word architecture to typological analysis grew and the di educare al lavoro d’équipe e a un
character towards the end of funzionali dell’architettura. La itself: it comprises arkhé – the origin will of creativity made headway. The tipo di progettazione ‘anonima’ che
Villanueva’s career, when he built the capanna primitiva, nel racconto di or start – and tectura – doing, which Enlightenment then returned to the sappia però combinare l’idea con la
Venezuela Pavilion at the Montreal un’origine virtuale, diventa modello refers to tectum. Going further back, original myths in extreme attempts at capacità di realizzarla. Se, tuttavia, è
Expo 67; three identical blocks rest astratto. La mimesi viene ripensata in we arrive at tékhne – knowledge, reestablishment; on the one hand, la realtà della nuova metropoli a
on a concrete platform of inclined senso ideale nel rimando tra il fare technique and art – coming to, along they aimed to discipline creativity rendere indispensabile questa nuova
planes. dell’uomo e i processi di una natura the opposite tack, by means of through the aesthetic and social rules figura di progettista, occorre
This monograph on the works of sempre più razionalizzata. Poi, il analogies and assonance, texere, of taste, while on the other they innanzitutto conoscerla, indagandola
Carlos Raúl Villanueva is the first in a vincolo mimetico con la natura si texture and text. These are the warp appealed to the utilitarian roots of in profondità secondo maniere non
series on leading Latin-American spezza e la forma si distacca dai and woof forming the two cardinal building to delve into the logical and convenzionali, così da coglierne non
architects, printed simultaneously in modelli statici di volta in volta dimensions and directions of space, functional needs of architecture. In soltanto gli elementi di negatività,
Italian (Logos, Modena), English proposti dalla tradizione per the syntactical, symbolic universe of the account of a virtual beginning, ormai inevitabili ed evidenti, quanto
(Princeton Architectural Press, New esprimere la libera soggettività speech, the signs and metaphors of the primitive hut became an abstract quegli aspetti di disequilibrio e
York), Spanish (Tanais Ediciones, dell’artista. L’architettura, nel suo language. model. Mimesis was rethought ambiguità che possono generare
Seville, Madrid) and German stesso corpo tettonico, si pone come Therefore, myth and word were ideally, with the reference to curiosità e nuovo interesse.
(Birkhäuser, Basle, Berlin). The plan realtà autonoma, si fa segno, synthetically from the beginning humanity’s activities and the Nella metropoli suburbana Lerup
is to reappraise and disseminate the “metafora della costruzione” e permeated with the aporias of a processes of an increasingly intuisce la presenza di potenzialità
works of some major Latin-American accoglie come dono la gratuità discipline which turned out to be rationalized nature. Then the che derivano dalla contemporanea
architects who share the capacity to ineliminabile dell’ornamento. La intrinsically dualistic, hovering obligation to imitate nature was presenza, spesso apertamente in
transpose the principles of Modern capanna primitiva perde il suo valore between the reference to norms and dropped and the form detached itself contraddizione, di elementi di
architecture into the spatial, social di archetipo fondante, scivola sullo principles and the prefigurement of from the static models proposed by pragmatismo e di utopia,
and stylistic qualities of their own sfondo e trasmuta in immagine the purpose of its actions. Moreover, tradition to express the artist’s dell’individuale e del sociale, mai del
culture. Therefore, they represent segreta che si offre al gioco infinito it was torn between technical, subjective freedom. Architecture, in tutto integrati tra loro e proprio per
another step in the direction of Piazza e percorsi coperti della Città Universitaria di Caracas dell’interpretazione. È la condizione practical knowledge and expressive its own tectonic body, stood up as an questo fonte di complessità, di
defining the varying values of Villanueva’s friendship with such artists as Alexander Calder make a profound attuale, affascinante e rischiosa, che exigencies, building methods and independent realm, it became a sign, movimento, di energia e alla fine
Modern architecture’s revolutionary impact on his work esige un forte senso di responsabilità ethical, aesthetic construction, and the “metaphor of the construction”. It perfino di speranza di una “nuova
impact. This is part of the battle fare architettura”, spingendosi fino cardine essenziale. Nella tradizione per reggere alla vertigine della libera between tradition and invention. The accepted the gift of the gratuitous frontiera” nella teoria e nella pratica
against the generic, superficial alle origini, che sconfinano nel mito. trattatistica da Vitruvio a Le e incontrollata creazione soggettiva. maze configuration also suits the permanence of ornament. The dell’architettura. La nuova
accusations of not respecting the Le sorgenti mitiche dell’architettura Corbusier – evidenzia la De Santis – il Caterina Maiocchi, estetologa inside-outside polarity that makes it primitive hut lost its value as the organizzazione del territorio in cui
context. ci riconducono all’immagine del corpo costituisce insieme alla Architecture and the maze The possible to define the site and initial archetype, faded into the sono ormai indefiniti i confini tra città,
Gaia Redaelli, Architect labirinto, all’exemplum cretese ideato capanna, intesa come costruzione present may be characterized by the represent the dimension of living. The background and was transmuted into sobborghi e hinterland è quella di
da Dedalo, l’architetto originario, il primigenia, la coppia dei punti di uncertainty generated by the crisis of place, an enclosure sheltering a body a secret image that offers itself to the una metropoli la cui urbanistica si
costruttore per eccellenza, come riferimento per la fondazione the foundations and of every that was its measure and model, was infinite interpretations. The current propone, ovunque nel mondo, con
L’architettura e il suggerisce l’analogia etimologica dell’architettura. Quest’ultima, a metaphysical prop, plus the erected dialectically with the space in condition, fascinating and risky, identiche caratteristiche, per le
con il verbo daidallo, che significa riaffermare il suo carattere composito possibility of a multitude of unstable which it is inscribed. This dialectic demands a remarkable sense of nuove opportunità abitative che
labirinto “costruisco bene”, “creo e duale, cerca dunque fuori di sé, in trails, all on the brink of Nihilism. offered a way of life, which designed responsibility to withstand the vengono offerte così come per quelle
artisticamente”. Molteplici sono le due modelli esterni, la propria Hence, the maze can suitably the “form of being in the world of the giddiness of free, uncontrolled che vengono ormai negate e per la
Luigina De Santis competenze del proto-architetto: egli legittimazione teorica e le regole del represent it: an intricate place which body”. So, architecture as “molding subjective creation. sopravvenuta impossibilità di
Le trame dell’architettura è anche scultore, carpentiere, suo operare. Di qui il dilemma della gradually takes shape as you travel living” had the body as a Caterina Maiocchi, Critic “pensare globalmente e agire
Istituto Italiano per gli Studi tecnico e inventore. D’altra parte, mimesis, tra imitazione e attività through it, producing doubt and cornerstone. localmente”, dato che il locale e il
Filosofici-Edizioni La Città del Sole, molti sono i significati sottesi alla produttiva, copia e poiesis. Nel anguish at every fork in the road. This In the tradition of treatises from globale sono ora tanto spesso
Napoli 2000 (pp. 297, Lit 38.000) stessa parola architettura, composta risalire ai principi dell’architettura, i dimension is determined by a Vitruvius to Le Corbusier, stresses De Nuove possibilità coincidenti da risultare inseparabili:
da arkhé – l’origine, il principio – e trattati ne ripercorrono a ritroso la singular viewpoint expressing one, Santis, the body and the hut – the nella complessità urbana della
Se il nostro tempo si caratterizza per tectura – il fare – che rinvia a tectum storia fino al suo cominciamento. Il and only one, possibility out of many first building – are the two foundation della città società di massa in cui comunque il
l’incertezza prodotta dalla crisi dei e, procedendo a ritroso, a tékhne – momento di inizio assume il valore di which cannot be exhaustively viewed stones of architecture. Architecture, singolo si trova a dipendere da
fondamenti e di ogni puntello conoscenza, tecnica, arte – per atto fondativo; la ricostruzione neutrally and absolutely. This is the to reassert its composite, dual Lars Lerup decisioni indipendenti dalla sua
metafisico e l’aprirsi di una giungere, lungo una rotta inversa, per storica diventa tutt’uno con la topological perspective taken by nature, seeks its own theoretical After the City volontà, anche l’architetto ha
molteplicità di percorsi instabili, analogie e assonanze, a texere, fondazione teorica nella dimensione Luigina De Santis’ book; she teaches legitimation and guidelines in two The MIT Press, Cambridge, conquistato una nuova forma di
sempre sull’orlo del nichilismo, il texture, testo – la trama e l’ordito che mitica dell’origine. Qui, la capanna at the School of Architecture of the external models. This leads to the Massachusetts-London, 2000 libertà, è ormai libero dalla necessità
labirinto può esserne l’adeguata formano le due dimensioni-direzioni primitiva, sintesi di natura e cultura, “Federico II” University of Naples. dilemma of mimesis, between (pp. 200, £ 16,50) di un’ideologia, non occorre cioè che
rappresentazione: un luogo intricato, fondamentali dello spazio, l’universo trascende le proprie specificità per From this standpoint, the route imitation and productive activity, il suo operare sia ‘giusto’ ma solo
che si struttura man mano che lo si sintattico e simbolico del discorso, i porsi come modello archetipico, counts more that the goal, more than copy and poiesis. Trapiantato nel 1993 a Houston dove tecnicamente ‘corretto’. Quanto più
percorre e genera dubbi e angosce a segni e le metafore del linguaggio. Il fonte sorgiva di ogni costruzione e attaining an end which does not and By going back to the principles of da allora dirige la Rice University, la metropoli sarà indagata,
ogni biforcazione; una dimensione mito e la parola sono dunque ab luogo autorevole dei principi primi e cannot exist. What matters is the architecture, the treatises trace back Lars Lerup si è visto costretto a conosciuta e riconsiderata, tanto più
determinata da un punto di vista origine sinteticamente permeati delle delle regole dell’edificare. Il valore experience of the fascinating and its history to the beginning. The start confrontarsi con ciò che Manfredo il nuovo ruolo dell’architetto risulterà
particolare che esprime una e una aporie di una disciplina che si rivela compendiario della capanna primitiva fatiguing wanderings during the takes on the value of a founding Tafuri aveva definito “la spietata definito dalla consapevolezza che
sola possibilità sul tutto, non intrinsecamente dualistica, tesa tra il ha la sua suprema esplicazione nel journey. De Santis has embarked on action; the historic reconstruction commercializzazione dell’ambiente qualsiasi progetto è ormai troppo
suscettibile di essere esaurito con riferimento a norme e principi e la Rinascimento, in particolare nella a complex hermeneutical path, becomes identical to the theoretical umano”, cioè con la contemporanea complesso per un’unica persona, e
uno sguardo neutro e assoluto. È in prefigurazione del fine del suo concinnitas albertiana, misura broken down into many secondary grounds of the mythical dimension of metropoli suburbana di cui Houston non possono più esistere pregiudizi e
tale prospettiva topologica che si operare, tra sapere tecnico-pratico dell’architettura in senso tecnico, itineraries, questing for the “sense of the origin. The primitive hut, the è perfetto prototipo. Partendo dalla distinzioni tra chi pensa e chi
colloca il libro di Luigina De Santis, ed esigenze espressive, modi del teorico, estetico e categoria building”. You are led among synthesis of nature and culture, ineluttabile considerazione della fine realizza, tra chi disegna e chi
docente presso la Facoltà di costruire ed edificazione etico- orientativa del progetto. Con la architectural texts and places, transcends its own specific attributes dell’idea di città così come questa è costruisce.
Architettura dell’Università “Federico estetica, tradizione e invenzione. La Controriforma, il tempio prende il treatises and works, “along the to act as an archetypical model, the stata vissuta e interpretata Assumendo la metafora del
II” di Napoli. In quest’ottica ciò che conformazione del labirinto rinvia posto della capanna nella valenza di significant strategies of architecture”; source of every building and storicamente tanto nelle sensazioni e Pantheon e delle diverse forme di
conta, più che la meta, è il cammino, anche alla polarità interno-esterno archetipo che fonda le proprie leggi you are taken all the way back to the authoritative location of the early percezioni quotidiane quanto percezione del suo spazio/spazi da
più che il raggiungimento di un che rende possibile la definizione di direttamente sulla rivelazione divina. origins, bordering on myth. principles and rules of construction. nell’osservazione critico-filosofica, parte del visitatore – da quella diretta
traguardo finale che non c’è e non ci luogo e rappresenta la dimensione A poco a poco si indebolisce il The mythical wellsprings of The summary value of the primeval egli procede all’analisi della nuova della sua solidità volumetrica fino a
può essere, è l’esperienza delle dell’abitare. Il luogo, invaso legame mimetico con la natura; si fa architecture bring us back to the hut was superbly explained in the realtà urbana della metropoli di fronte quella, tutta mentale, della soglia tra
faticose e fascinose peregrinazioni protettivo di un corpo che ne è più marcato l’interesse per le image of the labyrinth, the Cretian Renaissance, in particular in Alberti’s alla quale l’architettura e il mestiere interno a esterno, tra concavo a
del viaggio. La De Santis intraprende misura e modello, si costruisce nella tecniche costruttive in connessione exemplar conceived by Daedalus; he concinnitas, the technical, theoretical dell’architetto devono essere convesso, “[…] uno spazio tra il muro
un percorso ermeneutico complesso, dialettica con lo spazio in cui è con l’analisi tipologica e si afferma was the first architect, the builder par and formal measure of architecture, riconsiderati alla luce di quei fattori di e lo spazio” – per connotare i
stratificato in molti sotto-itinerari, alla inscritto. In tale dialettica si offre l’arbitrio dell’invenzione. excellence. This is suggested by the besides being a guiding category of immaterialità e virtualità che, ormai possibili piani di lettura del soggetto
ricerca del “senso del costruire”. Si l’abitare, che designa la “forma di L’Illuminismo rivisita quindi i miti di etymological analogy with the verb design.At the time of the Counter- presupposto di ogni attività edilizia, da indagare, Lerup dichiara di
procede fra testi e luoghi essere al mondo del corpo”. origine in estremi tentativi di daidallo, meaning “I build well”, “I Reformation the temple supplanted vanificano la missione dell’architetto, scegliere quest’ultimo per la sua
dell’architettura, trattati e opere, L’architettura, come “messa-in-forma rifondazione che da un lato mirano a create artistically”. The early the hut as the archetype which based volta a personalizzare ogni progetto analisi critica, uno spazio di
“lungo le strategie significative del dell’abitare”, ha quindi nel corpo un disciplinare l’invenzione con le regole architect embraced a host of skills: its laws directly on divine revelation. nel tentativo di realizzare un’opera trasformazione che più che visto

4 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 5


chiaramente può esser colto quasi “think globally and act locally”. In pinned down, if it is carefully modo che, nel giro di cinquant’anni,
per caso, una metodologia di fact, the local and global today often analyzed in its multiple, changeable essa avrebbe creato una sorta di
interpretazione che è forse l’unica so coincide that the results are indeterminate elements, offers a new diga naturale, fatta di cozze e
che permetta il tentativo di inseparable. In the urban complexity field of research where architecture vongole, su cui poi si sarebbe potuto
individuare un territorio diverso e of a mass society in which the can overcome the limitations costruire un ponte vero.
aggiuntivo per l’architettura, nell’area individual has to depend on imposed by the forms of the L’idea, così curiosa, non venne
ancora indefinita che si situa tra decisions beyond their will, the traditional city. Out of it seems to comunque dimenticata, oppure
quella dell’architettura come architect, too, has won a fresh form appear, as a microcosm and central venne ex novo, anche ai redattori di
rappresentazione e quella of freedom: now they are unshackled place where the necessities of Topolino, tanto che, su un numero
dell’architettura come semplice from the need for an ideology, so modern society are focused, the del 1983, nel fumetto “Zio Paperone
oggetto costruito. their production only has to be single-family house as the ‘lab’ for e il Ponte di Messina”, Archimede
“La metropoli bio-veicolare, elettro- technically ‘correct’, not ‘right’. The architectural experiments. One can Pitagorico fu reso inventore di un
commerciale, socio-elettronica e more the metropolis is probed, address the relationship between ponte simile, costruito su una
ottico-oculare non è mai in stato di known and reexamined, the more the subjects and objects, the end of barriera di coralli, fatta crescere
quiete. In una città creata soprattutto architects’ new role will be defined ideologies and the possibility of new appositamente attraverso lo Stretto;
dal movimento, di tempo e di luogo, by the recognition that now any liberty, the role of the architect and il ponte fu poi rovinato, dai turisti,
lo spazio è quello della velocità e scheme is overly complex for a single the emerging of an innovative che prelevando ciascuno un pezzo di
della deformazione, uno spazio che, person, and there no longer can be generation of design machines. corallo, ne fecero crollare le
avanzando, costantemente si prejudices and distinctions between Today’s urban sprawl is fondamenta.
conquista e contemporaneamente si those who think and those who characterized by spatial Questo libro, Tra Scilla e Cariddi,
abbandona dietro di noi”. Se execute, between those who design indetermination (Lerup personalizes innanzitutto è interessante,
questa è la nuova realtà ‘urbana’, che and those who build. his account with concrete examples nonostante l’assunto tematico,
si percepisce visivamente nel suo Utilizing the metaphor of the taken from Houston). But if the prima che tecnico, politico e
complesso solo da una posizione Pantheon and the diverse ways of architects assume their own economico.
molto elevata come superficie perceiving its space or spaces by the historical and social culture as the Il suo interesse deriva proprio dalla
indefinita in cui emergono visitor – from the direct view of its criteria for judgement, they cannot molteplicità delle argomentazioni,
‘megastrutture’ naturali o artificiali le volumetric solidity to the purely help noting the triteness of the new che riguardano la storia, la
cui geometrie spesso si distinguono mental one of the threshold between buildings and the exploitation of tecnologia, la sociologia, rispetto
solo grazie all’illuminazione notturna, inside and outside, concave and space which so damages nature. At allo spunto offerto dal progetto del
l’architetto deve accettare il fatto che convex, “[…] a space between the any rate, they must observe the lack ponte e dalla diatriba sulla sua
è superata ogni maniera passata di wall and the space” – to indicate the of that which completes the design costruibilità.
progettarla così come lo è ogni Foto di Erick Julia, dal libro di Werner Blaser e Lars Muller, Christa de Carouge, possible ways of reading the subject process, by inserting the structure È poi una testimonianza e un tributo
maniera di descriverla e di gestirla: le Lars Muller Publishers under study, Lerup states that he nicely in its context, considering – in di affetto al territorio, in questo caso
tradizionali ‘forme’ urbane infatti – Picture of Erick Julia, from the book by Werner Blaser and Lars Muller, Christa opts for the latter in his critical other words – the synthesis of every protagonista del saggio, all’ambiente
strada, piazza, monumento, viale, de Carouge, Lars Muller Publishers analysis. That is, a transformation factor from the climate, to economics e alla sua autonoma originalità, che
perimetro di circonvallazione – space which can be perceived and to the users’ various va preservata.
perdono di consistenza rispetto alla inserendo felicemente l’edificio nel be rethought in view of those factors almost by accident, rather than requirements and preferences. Ma primariamente diventa
molteplicità di stimolazioni, alle contesto, la considerazione cioè e la of immaterialness and virtuality that clearly seen. This may be the sole Despite these realistic final descrizione circostanziata,
megaforme, alla distanza, sintesi di ogni elemento, da quello by now are the presupposition of all interpretative method permitting the considerations, Lerup concludes sociologica e propositiva dei
all’accumulo di scorie fisiche e climatico, a quello economico, a building, thereby aborting the attempt to identify a different and positively, assigning the future caratteri del nostro Sud, proprio
psichiche tipiche di una realtà quello delle diverse esigenze e architects’ mission. The latter aims to additional zone for architecture, in generations, today’s students (the perché non parla solo di ponti, di
sociale/territorio in continua preferenze degli utenti. Lerup, personalize each scheme in the the still undefined area situated sole persons with the only truly tecnologia, di sviluppo economico,
trasformazione a causa di nonostante queste realistiche attempt to create a unique work. The between architecture as inexhaustible wealth of the new ‘city’: bensì di Meridione, di Mediterraneo;
motivazioni intangibili di carattere considerazioni finali, conclude però writer maintains that every representation and as a simple built time) the task of defeating the snares di tradizione e modernizzazione, di
demografico, economico e tecno- con una nota positiva affidando alle academic’s task ought to be object. “The bio-vehicular, electro- of the metropolis. They will be able to comunità sociale.
ecologico. La nuova metropoli, pur generazioni future, gli studenti di ora, educating people to work in teams commercial, socio-electronic and perform this task because they have La prima parte del libro è dedicata
sfuggendo ancora a ogni possibile depositarie dell’unica vera, and a kind of ‘anonymous’ design optical-ocular metropolis never has now realized that it is essential to alla ‘questione’ del ponte e espone
definizione, se attentamente inesauribile ricchezza della nuova which is able, however, to combine been in a quiet state. In a city bridge the still existent gap between una serrata critica sociale e
indagata nei suoi molteplici e ‘città’, il tempo, il compito di the idea and the capacity to created, primarily, by movement, technology and nature. ambientalista, nei confronti di
mutevoli elementi di sconfiggere le insidie della metropoli, implement it. While the reality of the time and space, space is that of Gianni Pettena, professor of History un’opera che non soltanto si ritiene
indeterminatezza, si propone come un compito che assolveranno perché new metropolis makes this novel speed and deformation; by of Architecture at the University of sbagliata, ma anche pericolosa e
un nuovo ambito di ricerca in cui hanno ormai compreso come sia type of architect ineluctable, one constantly advancing, this space Florence tecnicamente irresponsabile.
l’architettura possa superare i limiti indispensabile colmare l’abisso must, first of all, know it by in-depth wins itself and, at the same time, Ma contemporaneamente la vicenda
che le erano stati imposti dalle forme ancora esistente tra tecnologia e investigation using unconventional abandons itself behind us”. If this is del ponte è occasione per una
della città tradizionale, e già in essa natura. methods. This would allow us to note the new ‘urban’ reality, which can be Il ponte riflessione più ampia sulla storia e
sembra emergere, come microcosmo Gianni Pettena, docente di Storia more than its negative side, by now perceived visually in its wholeness sulle prospettive del Mezzogiorno, al
e luogo primario in cui si dell’architettura all’Università di unavoidable and evident, only from a very high position as an contestato cui tema è rivolta la seconda parte,
concentrano le necessità della Firenze ascertaining the facets of imbalance undefined surface from which che distingue e pone in luce
società moderna, la tipologia della New urban possibilities Having and ambiguity that can generate emerge natural or artificial Osvaldo Pieroni prospettive e orizzonti differenti,
casa unifamiliare quale ‘laboratorio’ moved to Houston in 1993, where he curiosity and fresh interest. ‘megastructures’ whose forms Tra Scilla e Cariddi. Il ponte rispetto al cammino che il Sud deve
di tematiche architettoniche, il then became head of Rice University, Lerup senses the presence of a frequently can only be distinguished sullo Stretto di Messina: intraprendere, perché ritrovi una
rapporto tra soggetti e oggetti, la fine Lars Lerup has been forced to deal certain potential in suburban thanks to night lighting, architects ambiente e società sostenibile propria soggettività autocritica e
delle ideologie e la possibilità di with what Manfredo Tafuri called “the metropolises that comes from the must accept the fact that all the old nel Mezzogiorno riflessiva, raccordata con l’ambiente.
nuove libertà, il ruolo dell’architetto e ruthless commercialization of the tensions of contemporary life manners of designing it have been Rubbettino Editore, Soveria M.- L’autore è docente di Sociologia
l’emergere di una nuova generazione human environment”; in other words, between pragmatic and utopian, and superseded. Likewise, every fashion Catanzaro, 2000 (pp. 267, Lit 24.000) dell’Ambiente all’Università della
di macchine per la progettazione. contemporary urban sprawl of which between the individual and the of describing and managing it has Calabria; ha pubblicato saggi sui
Nell’indeterminatezza spaziale Houston represents the perfect communal. They never are fully been supplanted. In fact, the Di un collegamento stabile tra temi della sociologia rurale,
dell’odierna metropoli suburbana prototype. Using as his point of integrated, so they act as wellsprings traditional urban ‘forms’ – streets, Reggio Calabria e Messina si discute dell’ambiente, delle generazioni; ma
(Houston per Lerup, che personalizza departure the unavoidable of complexity, movement, energy squares, monuments, thoroughfares da molti secoli e progetti di ponti l’espressione di questo suo scritto
il racconto con esempi concreti), se consideration that we are witnessing and, in the end, even of a hope for a and ring roads – are undermined by sono stati proposti fin dall’Unità pare andare al di là delle sue
tuttavia l’architetto assume la propria the end of the idea of the city as it “new frontier” in architectural theory the host of stimuli, megaforms, d’Italia. competenze specifiche: per la forza
sensibilità estetica e la propria has been lived and interpreted and practice. The novel regional distance and the accumulation of the In molti casi si tratta di progetti delle sue convinzioni e del suo
cultura storico-sociale quali criteri di historically, both in the daily organization in which the boundaries physical and psychological waste velleitari, in altri di iniziative bizzarre, attaccamento umano alla terra.
giudizio, egli non può che constatare sensations and perceptions and the between the city, suburbs and typical of a social and regional world come quella, citata dall’autore di Perché il ponte sullo Stretto?
la banalità della nuova edilizia e lo philosophical and critical hinterland have now become blurred in a state of perpetual transformation questo saggio, dell’ingegner Alfredo Potrà essere esso una grande opera
sfruttamento dello spazio a tutto observations, the author carries out is one where planning has the same due to intangible demographic, Cottrau, il quale, incaricato dal pubblica, un “land bridge”, tra
danno della natura, e comunque la an analysis of the new urban features worldwide. This is true of the economic and technological- Ministro dei Trasporti Stefano Jacini, Calabria e Sicilia, che darà impulso
mancanza di ciò che rende completo metropolis. This is why architecture new housing offered and of that ecological reasons. The new nel 1866, suggerì un’immensa all’economia territoriale, creerà
il processo della progettazione and the architect’s profession have to which is denied. It is impossible to metropolis, although it still cannot be coltivazione di mitili, per fare in un’area metropolitana e

6 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 7


macroregionale molto importante e cited here. Commissioned by the environment and its original University of Calabria; he has written
unica, al centro del Mediterraneo, Transportation Ministry in 1866, he independence; they have to be essays on rural sociology and the Wright e l’Europa
costituirà un primato ingegneristico suggested the creation of an preserved and play the lead part in environment. Yet this publication
e costruttivo? L’autore confuta una immense shell-fish farm. In fifty-odd the essay. But, primarily, this volume seems to go beyond his specialized Frank Lloyd Wright - Europe and
per una le tesi a favore della years, it would have created a kind is a sociological description of the fields of knowledge. This is due to: Beyond
realizzazione; ne espone il lato of natural dam, made of clams and traits of southern Italy. In fact, it does the strength of his beliefs and his A cura di Anthony Alofsin
negativo con un tono pacato, dopo mussels. Then a real bridge could more than talk about bridges, personal attachment to the land. University of California Press,
averne ammessa implicitamente have been built on it. Such a weird technology and economic Why build the bridge spanning the Berkeley-Los Angeles-London, 1999
ciascuna ragione positiva. idea, however, was not forgotten, or development; it probes southern Straits? Can it be a great public (pp. 286, s.i.p.)
Descrive, anche con semplici schemi it was independently conceived by Italy, the Mediterranean, tradition, work, a land bridge connecting
grafici i progetti, le ipotesi strutturali the editors of Topolino [the Italian modernization and social Calabria and Sicily? Will it boost the Dopo l’ormai datato Frank Lloyd
e finanziarie dell’opera; le comic book]. In one of the 1983 communities. regional economy, create a unique, Wright und Europa (Stuttgart 1983) di
caratteristiche ambientali e issues, containing the story of The first part of the book tackles the very important metropolitan and Heidi Kief-Niederwöhrmeier esce un
socioeconomiche del territorio “Uncle Scrooge and the Messina ‘question’ of the bridge, unleashing a macroregional area at the heart of nuovo libro sui rapporti tra Wright e
calabrese, al di qua e al di là dello Bridge”, one of the characters severe social and environmental the Mediterranean? Will it be an l’Europa. Anthony Alofsin raccoglie in
Stretto; rende noto il valore invented a similar bridge, criticism of a work which is worse engineering and constructional first? questo volume gli interventi
ecobiologico, paesaggistico e constructed on a coral reef which than a mistake: it is dangerous and The sociologist takes apart one by presentati nel 1994 all’omonimo
geologico di questo tratto marino e had been induced to grow across technically irresponsible, as well. one each of the theses in favor of convegno da lui curato e sostenuto
costiero, “unico al mondo”. the Straits. Later, the bridge was Yet, at the same time, the matter of erecting it; he calmly brings out the dal Museum of Modern Art di New
Da parte di coloro che sono ruined by tourists: each one took a the bridge offers an opportunity for drawbacks, after having implicitly York e dalla Society of Architectural
favorevoli al ponte, uno dei motivi piece of coral, causing its pondering more broadly on the admitted all the advantages. Historians. Il testo, dedicato a Bruno
riguarda il fatto che la realizzazione foundations to collapse.This book is South’s history and perspective, Pieroni describes, with the aid of Zevi, si apre con il contributo dello
porrà la società italiana, che interesting, despite the basic subject which is covered in the second part. simple diagrams, the schemes and stesso Alofsin, il quale ricostruendo
nell’altro secolo ha saputo concepire being political and economic, with It distinguishes and highlights the structural and financial premises analiticamente le vicende legate alla
opere ‘mondiali’ come il canale di the technical side trailing. different outlooks and purposes on which the work is based. He also pubblicazione delle monografie edite
Suez, nuovamente all’avanguardia The fascination derives from the marking the South’s necessary examines the mainland’s local da Wasmuth, e curate dallo stesso
nel campo delle infrastrutture civili. multitude of controversy concerning route, if it wants to find its own environmental and socioeconomic Wright, Frank Lloyd Wright:
Ma, con il sostegno e la citazione di history, technology and sociology reflective subjectivity, recognizing its features on both sides of the Straits, Ausgeführte Bauten (Berlin 1910) e
autorevoli studi, esso afferma che “il addressing the theme of the bridge shortcomings, related to the pointing out the ecological, Ausgeführte Bauten und Entwürfe
Ponte sullo Stretto è ancora un and the diatribe on its buildability. environment. biological, landscape and geological von Frank Lloyd Wright (Berlin 1911),
modello di non sviluppo”, perché Moreover, it pays affectionate The author is Professor of value of that coastline. “It is truly ridefinisce una serie di topoi
non sviluppa le forze locali, nega homage to the region, the Environmental Sociology at the unique”. One of the motives of those storiografici, tra cui quello della
altre priorità sul terreno delle who favor the project is that it would mostra berlinese del 1910, che
politiche sociali, dove urgono invece Edificio a tre piani a Mexico City su progetto dello studio Ten Arquitectos. bring Italy, which in the nineteenth Alofsin riconduce a una piccola
servizi diffusi e capillari; distrugge Dal volume 10 Critics for 100 Architects, Phaidon, London, 2000 century was able to conceive world- esposizione di carattere privato di
Three-story building in Mexico City designed by the Ten Arquitectos studio.
una risorsa dell’ambiente: la class works like the Suez Canal, alcuni disegni che Wright aveva
From the book 10 Critics for 100 Architects, Phaidon, London, 2000
bellezza”. Rileva poi come il progetto once more in the vanguard of civil preparato per le due pubblicazioni,
che è stato adottato (dopo il lungo engineering. libri, che vista la scarsa diffusione in
iter di ipotesi e concorsi), abbia un But, supported by citations from Europa, sposterebbero, sempre
“piccolo, ma grave” difetto, di natura authoritative studies, the writer secondo Alofsin, su altri canali la
prettamente architettonica, non asserts that: “The Messina Straits diffusione e l’influenza dell’opera di
facilmente risolvibile: l’impalcato a Bridge still is a model of non- Wright. Nel suo precedente Frank
metri sessantaquattro sul livello del development. In fact, it does not Loyd Wright – the Lost Years 1910-
mare, non consentirebbe il bolster the local forces and denies 1922 (Chicago-London 1993), e nella
passaggio alle più moderne navi da other priorities in the field of social prefazione alla riedizione di
trasporto, alte ormai più di sessanta policies, such as the much needed Ausgeführte Bauten und Entwürfe
metri, dirette magari a Gioia Tauro. widespread services. And it destroys von Frank Lloyd Wright (di cui è
La sua riprogettazione a cento metri, an environmental resource: beauty”. disponibile la cattiva traduzione
obbligherebbe a un ricalcolo Then the volume notes that the italiana Frank Lloyd Wright – gli anni
strutturale e a una rivalutazione dei approved scheme (after a lengthy della formazione, Milano 1998, che
rischi non indifferente. A ciò trail of ideas and competitions) has a trasforma Mamah Borthwick Cheney
aggiunge poi, da un punto di vista “small, yet serious” defect; it is nel ‘compagno’ di Wright) Alofsin
ingegneristico, che il progetto non purely architectural and difficult to aveva già insistito sulle vicende
prevederebbe l’utilizzabilità del eliminate. The deck is 64 meters dell’itinerario europeo di Wright, sul
ponte per varie decine di giorni above sea level, thereby blocking the quale in questo nuovo testo
all’anno, a causa di venti e di altri passage of the latest transport raccoglie, oltre al proprio scritto, una
rischi geologici prevedibili. ships, now with a clearance of over serie di interventi di altri studiosi.
A una riflessione più ampia sulla 60 meters. Sull’Italia sono presentati due
storia e sulle prospettive del They might be headed for Calabria’s contributi, uno di Zevi, e uno di
Mezzogiorno è rivolta appunto la Gioia Tauro port. Redesigning it to Maristella Casciato. Il primo
seconda parte del libro: gli scritti raise the height to 100 meters would ricostruisce, con la consueta
raccolti non si limitano alla denuncia call for a new structural analysis and passione, l’itinerario di Wright in Italia
dello stato di fatto, ma riguardano a sizeable risk reappraisal. in occasione della mostra che nel
alcune proposte per lo sviluppo, Furthermore, from the engineering 1951 Firenze dedicava al maestro
senza nascondere che la viewpoint, the bridge as currently americano. La Casciato dibatte il
perseguibilità dei progetti alternativi proposed could not be utilized for problema dell’influenza di Wright in
sarà generatrice di conflitti, several dozen days a year because Italia, e del ruolo effettivo dell’Apao
investendo figure sociali con of the wind and other predictable (Associazione per l’Architettura
interessi opposti. geological risks. Organica), insieme a tutte le altre
Roberto Gamba, architetto The second section of the book is iniziative caldamente ideate dallo
The disputed bridge The idea of a devoted to a more extensive stesso Zevi. Quest’ultimo saggio,
bridge linking Reggio Calabria and reflection on the South’s history and che prende in considerazione una
Messina has been discussed for future. The pieces go beyond lunga serie di articoli, vecchi e nuovi,
hundreds of years and bridge denouncing the current situation. che erano apparsi sull’argomento, e
designs have been proposed ever Yet they do not conceal the fact that che esce pressoché
since Italy was unified. Very often, implementing alternative schemes contemporaneamente al più
the schemes were pipe-dreams, will generate conflicts, touching sintetico, ma cronologicamente più
while others were bizarre, like the groups with opposing interests. esteso, libro di Federica Lehmann e
one by the engineer Alfredo Cottrau Roberto Gamba, Architect Augusto Rossari Wright e l’Italia

8 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 9


1910-1960 (Milano 1999), si propone one by Zevi and one by Maristella lengthy pains to disseminate the
di ricercare nell’architettura italiana, Casciato. The former reconstructs, knowledge of Wright has been
principalmente negli anni Quaranta e with the critic’s usual fire, Wright’s comparable to Zevi’s, provides a
Cinquanta, l’essenza degli journey to Italy for the 1951 exhibit in summary of Wright’s ascendency on
insegnamenti di Wright, piuttosto che Florence devoted to the American Chilean architecture after 1950, while
una qualche ascendenza formale. In master. Casciato discusses the issue Keith Eggener recognizes the impact
realtà nell’impossibile separazione di of Wright’s influence in Italy and the of Wright in the works of many
questi due aspetti la Casciato arriva effective role of the Association for Mexican architects and painters.Then
ad affermare che la maggior parte Organic Architecture besides all the comes the chapter on the relationship
degli architetti italiani, nonostante gli other undertakings fervently to Japan, already covered in the
sforzi di tutto l’‘apparato’ zeviano, conceived by Zevi. The latter work extensive book by Kevin Nute Frank
approda a dei risultati di maniera, examines numerous articles, both old Lloyd Wright and Japan (London
poco ispirati, e che probabilmente il and new, on the topic; it came out 1993), and Margo Stipe succinctly
solo Scarpa rielabora practically at the same time as the discusses the question of Wright’s
autonomamente le sollecitazioni more concise essay by Federica relationship to this nation. The
wrightiane. Il testo di Mariëtte van Lehmann and Augusto Rossari Wright architect made two long journeys
Stralen ripercorre un altro dei fronti e l’Italia 1910-1960 (Milan 1999), there in 1905 and 1913; moreover, he
più discussi dalla tradizione storica, which also covers a greater time span. spent much time in Tokyo (1916 to
ossia i rapporti di Wright con i Paesi Casciato’s piece aims to find the 1922) to build the Imperial Hotel.
Bassi. Oltre alla figura di Berlage, essence of Wright’s teachings in Taking that building as an (unsuitable)
caldo sostenitore dopo il viaggio Italian architecture – chiefly during the example, Stipe concludes that the
negli Usa del 1911 dell’opera di 1940s and 1950s – rather than any simplification of forms, lines, colours
Wright, si susseguono le figure di formal ascendency. In reality, since it and the creation of flowing, plastic
Rietveld, Van’t Hoff, Oud; dai is impossible to separate these two spaces were coherent with the
vicendevoli scambi con De Stijl allo sides, the author goes as far as changes underway at the time in
stretto rapporto che Wright stabilirà asserting that most Italian architects, Japan. In addition, according to her
con Wijdeveld, curatore nel 1925 Carlo Scarpa con Wright e alcuni studenti a Venezia nel 1951 despite all Zevi’s efforts and this process of revising tradition would
della pubblicazione di The Life-Work Carlo Scarpa, Wright and students in Venice, 1951 organization, only attained mannered, effect the Japanese architects of the
of the American Architect Frank somewhat uninspired results. She generations to come. The volume
Lloyd Wright, ossia la raccolta dei sinteticamente la questione dei Roberto Dulio, architetto states that Scarpa alone ends with the essay by Mina Marefat,
precedenti sette numeri consecutivi rapporti di Wright con questo Paese, Wright and Europe After the now independently reworked Wright’s who recreates the events behind
che la rivista Wendingen aveva in cui l’architetto compì due lunghi dated Frank Lloyd Wright und Europa suggestions. Mariëtte van Stralen’s Wright’s proposed 1957 Baghdad
dedicato a Wright. In Francia e in viaggi nel 1905 e 1913, e nel quale, a by Heidi Kief-Niederwöhrmeier essay goes back over another of the structure. It was to have been a vast
Russia Wright non godrà della stessa Tokyo, soggiornò lungamente fra il (Stuttgart 1983) a new book on most debated sources of historic complex of buildings where Wright’s
fortuna dei Paesi Bassi, e Jean-Louis 1916 e il 1922, impegnato nella Wright’s relationship to Europe has tradition: that is, the relationship recurrent features merged, together
Cohen descrive i due Paesi, così costruzione dell’Imperial Hotel. appeared. It is a collection, edited by between Wright and The Netherlands. with an evident exoticism, the fruit of
diversi, accomunati dalla scarsa Utilizzando come esempio proprio Anthony Alofsin, of the papers Besides Berlage, who warmly local suggestions. The publication
comprensione dell’opera tale edificio (che poco si presta a presented in 1994 during the supported Wright’s work after his trip edited by Anthony Alofsin, boasting a
dell’americano, e intenti a forzarne questo discorso), la Stipe arriva a convention of the same name; he to the USA in 1911, there was the wealth of illustrations and accurate
deliberatamente la visione, fino a definire come la semplificazione di organized it, with the backing of the influence on Rietveld, Van’t Hoff and notes, worthily brings together a
riconoscervi un tradizionalista, o forme, linee, colori, la creazione di New York Museum of Modern Art Oud, as well. At the time of the systematic, complex overview of the
addirittura un avversario del spazi plastici e fluenti, siano coerenti and the Society of Architectural reciprocal exchange with De Stijl, relations between Wright and the
capitalismo. In Francia, inoltre, la con il cambiamento in atto all’epoca Historians. The volume, dedicated to Wijdevel edited in 1925 the volume other cultures. Usually, they are
presenza di Le Corbusier si pone in Giappone, e come tale processo di Bruno Zevi, opens with the essay by The Life-Work of the American scattered in various books and
come forte alternativa alla figura di revisione della tradizione influirà sugli the editor; Alofsin analytically Architect Frank Lloyd Wright. This was periodicals. The differing approaches
Wright. Anche l’Inghilterra si architetti giapponesi delle successive reconstructs the events concerning the collection of the previous seven and opinions of the essays contained
dimostra abbastanza ostile agli ideali generazioni. Chiude la raccolta il the printing of the Wasmuth consecutive issues the journal agree on the recognition of the
e all’architettura wrightiana. contributo di Mina Marefat che monographs, edited by Wright Wendingen had devoted to him. In reciprocal exchange established
Nonostante le molto frequentate ricostruisce la vicenda del progetto, himself. They were titled Frank Lloyd France and Russia Wright did not between Wright and the other
lezioni che Wright terrà nel 1939 al non realizzato, redatto nel 1957 da Wright: Ausgeführte Bauten (Berlin receive the same acclaim as in The architects. Furthermore, the studies
Royal Institute of British Architects, Wright per Baghdad: un estesissimo 1910) and Ausgeführte Bauten und Netherlands; Jean-Louis Cohen have been extended beyond the more
Andrew Saint ripercorre le vicende e i complesso di edifici nel quale si Entwürfe von Frank Lloyd Wright describes these two very different traditionally recognized contexts of
rapporti tra Wright e la critica inglese incontravano le tematiche ricorrenti (Berlin 1911). The writer redefines countries which nonetheless shared Europe and Japan, reaching Russia
come un rapporto nel quale l’una e nelle opere di Wright, insieme a un some historiographic episodes the misunderstanding of the and South America. This view, besides
l’altro mostrarono una limitata evidente esotismo, frutto delle including the one about the 1910 American’s oeuvre. Since they were bringing geographically distant worlds
comprensione delle rispettive suggestioni locali. Il volume curato Berlin show; according to Alofsin, it intent on deliberately distorting his closer, gives us a fuller portrait of
posizioni. Come in Francia, anche in da Anthony Alofsin, corredato da una was merely a small private exhibition vision, they even made him appear as Wright and stresses the countless
Inghilterra, soprattutto dopo il 1940, ricca serie di illustrazioni e da un of some drawings that Wright had a traditionalist or even an adversary of stimuli ‘beyond’ the myth of the
l’alternativa quasi obbligata sarà Le accurato apparato di note, ha il prepared for the two books. In the capitalism. Furthermore, in France Le prairie.
Corbusier. Europe and Beyon, pregio di raccogliere un sistematico e editor’s opinion, since they were not Corbusier represented a powerful Roberto Dulio, Architect
appunto, e in Sud America e Messico articolato panorama dei rapporti widely known in Europe, the alternative to Wright.
si ripropone nuovamente intercorsi tra Wright e le altre culture, dissemination and impact of Wright’s Even Britain was fairly hostile to the
l’opposizione tra Wright e Le che si trovano solitamente dispersi in work must have followed other Wrightian ideals and architecture. Semerani o della
Corbusier, o meglio la compresenza libri e riviste difficili da riunire. Le channels. In his preceding volume Despite the very popular lectures
dell’influenza dell’uno e dell’altro. differenti strutture e toni dei saggi Frank Lloyd Wright - The Lost Years given by Wright in 1939 at the Royal consapevolezza
Alberto Sartori, la cui lunga opera di contenuti si accordano sul 1910-1922 (Chicago-London 1993) Institute of British Architects, Andrew
diffusione della conoscenza di Wright riconoscimento dello scambio and in the preface to the reprint of Saint reveals that the events and intellettuale
è paragonabile a quella di Zevi, offre vicendevole che si stabilì tra Wright e Ausgeführte Bauten und Entwürfe Wright’s relations with British critics
in particolare una sintesi gli altri architetti, e ampliano il fronte von Frank Lloyd Wright Alofsin had manifested a mutual Luciano Semerani
dell’ascendente wrightiano degli studi oltre i contesti più already dwelt on the events of misunderstanding of each other. As in L’altro moderno
sull’architettura cilena dopo il 1950, tradizionalmente riconosciuti Wright’s European tour. On this France, after 1940 Le Corbusier was Umberto Allemandi & C, Torino, 2000
mentre Keith Eggener riconosce dell’Europa e del Giappone, fino alla subject, the new publication nearly the obligatory alternative. (pp. 111, Lit 25.000)
nell’opera di molti architetti e pittori Russia e al Sud America. Uno comprises his own essay, plus a The book we are reviewing is entitled
messicani una sicura influenza di sguardo che, oltre ad avvicinare series of accounts by other scholars. Europe and Beyond, so the conflict Se sia più la consapevolezza di
Wright. Si apre poi il capitolo dei ambiti geograficamente lontanissimi, (There also is a poorly translated between Wright and Le Corbusier intellettuale o più l’esperienza
rapporti con Giappone, già trattato restituisce con maggiore complessità Italian edition of the reprint: Frank reappeared in South America and dell’artista la caratteristica principale
nell’ampio volume di Kevin Nute la figura di Wright e ne evidenzia gli Lloyd Wright – gli anni della Mexico; it would be more precise to di questo autore è difficile dirlo.
Frank Lloyd Wright and Japan innumerevoli stimoli ‘oltre’ il mito formazione, Milan 1998.) Two say that they both exerted their Certo è che tutti gli scritti di Luciano
(London 1993), e Margo Stipe dibatte della prateria. contributions on Italy are presented: influence. Alberto Sartori, whose Semerani, quelli qui presentati ma

10 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 11


anche i molti precedenti, godono di degli ultimi anni in una prospettiva His yearning for icons,
una felice doppia qualità; la capacità modificata, più profonda e anche per characteristic of an insatiable
di puntualizzare e precisare il alcuni versi oscura e imprevedibile. scholar, by demonstrating the
momento razionale e intelligibile Cecilia Bolognesi, architetto impossibility of ending the inventory
dell’opera architettonica ma anche di Semerani and intellectual of models, the impossibility of total
saperla penetrare più intensamente awareness It is hard to say whether mimesis, threw open the doors of
alla ricerca del lato più oscuro e the principal attribute of this author that-which-has-not-been-said, the
profondo, forse poco lies more in his intellectual unrevealed and the unknown. Then
razionalizzabile. E non si tratta di una knowledge or in his artistic he led us through the opening. The
pura nota stilistica. È vero che questi experience. But it is certain that all journey to study Italy became the
e altri suoi scritti hanno un Luciano Semerani’s writings, both “construction of a public and
andamento quasi intermittente, in cui past and present, boast two fine private wardrobe of the Muses”; it
fanno capolino ora l’intellettuale, qualities: the capacity to accurately could be drawn on to construct
l’esperto ‘tipologo’ per esempio, ora describe in detail the rational, analogies often based on subjective
l’artista, come l’interprete della intelligible aspect of a building and interpretations, though this did not
nostalgia del classico. Ma la the ability to delve deeply into it, make them arbitrary.
consapevolezza “[…] di un momento probing for the more profound, These movements served to acquire
magico, di un momento oscuro e obscure side, which may be tough to and forget; remember and cite, but
profondo che accompagna l’atto rationalize. And this is not purely a shifting it out of the context. In part,
inventivo, quel momento che Joz̆e question of style. True, this and his this made it possible to create,
Plec̆nik diceva essere il momento in other output is intermittent. At times contaminate and estrange.
cui si sente il fruscio delle ali it is the intellectual who Treated by Semerani, Schinkel
dell’angelo” è una costante che si predominates, while at others it is the nearly becomes Surrealistic; since
riflette anche nell’opera di Luciano typology expert, or the artist who he was a lucid linguist, in his
Semerani, tanto da rivelarsi in tutti gli interprets the nostalgia for greatness he allowed himself to go
aspetti della sua ricerca con Classicism. But the cognizance “... of unpunished by the estrangement of
passione: condiziona la scelta delle a magical moment, a deep, obscure the pieces. In this way, the “scheme
opere di riferimento, di quelle di facet that goes with the creative act, which rules everything” becomes a
studio, così come la loro the moment that Joz̆e Plec̆nik said tranquillizing, necessary
interpretazione e rielaborazione o re- was the time when you can hear the observation, primarily in the host of
invenzione generale. angel’s wings beating” is a constant remarks and truths offered in the
“Dopo aver esaurito una serie di in Luciano Semerani’s work, too. This essay, not just about Schinkel. As a
analisi sulle regole compositive presence is felt so much that it matter of fact, the greatness of this
nascoste nelle architetture dei reveals itself passionately in every author lies exactly in this facet of
maestri, mi ero chiesto: è giusto aspect of his research: it impacts the the multiplicity of the information
rinsecchire gli edifici fino a ridurli a selection of the reference works, and deductions collected, in the
tracciati? Distinguere per esempio those studied, plus their contamination of the impressions.
Wagner da Loos per questi aspetti è interpretation or general reinvention. Semerani is a sharp intellectual,
ancora utile? I loro rapporti “After having completed a series of who is very familiar with the
complessi con la cultura e la storia di analyses on the compositional rules workings of the dialectics of the
Vienna non li separano comunque? concealed in the architecture of the creative act and reads behind the
[…] non avevo fatto altro che cercare masters, I wondered: is it right to dry forms even what was willfully not
di insinuare un modo di leggere testi out buildings to the point of making expressed, perceiving the unsaid
arcinoti. L’ingegnere dà una Wright con Clought William-Ellis a Plas Brondanw, Galles, 1956 them mere outlines? Is it still useful, value and qualities. He is the only
descrizione dell’automobile che è Wright with Clough William-Ellis at Plas Brondanw, Wales, 1956 for instance, to distinguish between type of person who can unveil to us
diversa da quella del pilota”. Wagner and Loos because of these the nature of our architects’ actions,
L’architetto è il compositore che dà non detto, del non svelato, non anche ciò che è stato volutamente traits? Don’t their complex shaped by the need to translate our
una descrizione dell’architettura conosciuto. Il viaggio studio in Italia non espresso, percependo il valore e relationships with Vienna’s culture and thought into transmittable terms
diversa dal critico, per esempio diventa la “costruzione di un privato- la qualità del non detto, può svelarci history separate them anyway? [...] All and our experience as artists.Apollo
smontando e ricomponendo le opere pubblico armadio delle muse”, al la natura del nostro fare di architetti, I had done was seek to insinuate a and Dionysus, darkness and light
a lui più care secondo un processo di quale attingere per la costruzione di forgiato tra la necessità di tradurre in way of reading texts known to all and (as the last essay in the collection is
apprendimento avido di verità. analogie sulla base spesso di termini trasmissibili il nostro pensiero sundry. The engineer’s description of entitled), the smile and melancholy,
È in queste condizioni che l’approdo interpretazioni soggettive anche se e l’esperienza di artisti. Apollo e a car differs from the driver’s”. The vitality and the nostalgia of the
a determinati autori della storia non per questo arbitrarie. Dioniso, l’oscurità e la luce come si architect, the composer, gives a forms are two opposites through
dell’architettura, Schinkel, Semper, Sono spostamenti che servono ad intitola l’ultimo degli scritti qui description of architecture differing which design, within the horizon of
Loos, Plec̆nick… diventa una sosta acquisire e dimenticare, ricordare, raccolti, il sorriso e la malinconia, la from the critic’s, for example; they these pages, knows it can grow.
necessaria. Schinkel è un faro nella citare ma trasponendo fuori dai vitalità e la nostalgia delle forme, take apart and reassemble their Probably this double polarity makes
babele delle architetture: non è contesti, anche per inventare, sono due opposti attraverso i quali il favorite works in a learning process it tricky to place these essays in the
filosofo, non ha la statura di Goethe, contaminare, straniare. progetto sotteso all’orizzonte di thirsting for truth. field of pure notes or criticism. This
mira alla definizione del trattato che Schinkel nelle mani di Semerani queste pagine, sa di poter crescere. Under these conditions addressing is impossible; and certainly they do
non può essere costruito se non con diventa quasi surrealista e da lucido Sarà per questa doppia polarità che certain authors in the history of not belong in the sphere of history.
motivazioni, esperienze, e analisi di linguista si consente, nella sua è difficile collocare questi scritti nel architecture – Schinkel, Semper, Maybe they fit better in a personal
errori altrui. Ma lo stesso Schinkel, grandezza, l’impunità, lo campo della pura annotazione o della Loos, Plec˘nik, etc – is a must. narrative, a personally experienced
quello che scava alla ricerca di parti straniamento dei pezzi. A questa critica, impossibile, o nella sfera della Schinkel guides us in the Babel of world. This type of writing and
trasmissibili dell’architettura, non stregua, il “progetto che domina su storia, no di certo, o della narrazione architecture; he was not a philosopher reasoning is solid; its solidity is
esita a intraprendere numerose e tutto”, diventa un’osservazione personale, di un mondo and was not as great as Goethe. He constructed and legitimated in the
ripetute volte diversi viaggi in Italia, rasserenante e necessaria, personalmente vissuto, forse di più. sought to define a treatise which can choice of the rules and guidelines,
nella nostra storia, “[…] in quanto di soprattutto nella moltitudine di È un tipo di scrittura, un only be built thanks to the reasons, almost as if it were a built work, rich
più ignominiosamente sapido, osservazioni e verità offerte nello ragionamento, solido, con una experience and analysis of others in ideas that, at times, you
gravido di provocazioni, costruito scritto, e non solo in quello su corporeità, che costruisce e si mistakes. Yet Schinkel himself, who recognize. At other times, you
sotto la luce del sole attraverso Schinkel.E del resto proprio in questo legittima nella scelta delle regole e dug down searching for the believe so because they are
risoluzioni, metamorfosi, aspetto di molteplicità delle dei riferimenti, quasi fosse transmittable parts of architecture, did reassembled here from other
contaminazioni, corruzioni […]”. informazioni e deduzioni raccolte, di un’architettura costruita, ricca di not hesitate to make several trips to contexts. At any rate, this a great
La sua brama di icone, propria di un contaminazione delle impressioni, è spunti e di motivi che a volte Italy, to our history. This was because influx of oxygen. It offers to place
insaziabile studioso, nel dimostrarci la grandezza di quest’autore. riconosci e a volte credi di “[...] it is the most ignominiously tasty, much of the recent compositional
l’impossibilità di chiudere l’inventario Solo un lucido intellettuale come riconoscere perché ricomposti qui da pregnant with provocations and theory in a modified perspective:
dei modelli, l’impossibilità della Semerani che conosce bene la altri contesti.Una grande ossigenata erected in daylight through deeper, but also obscure and
mimesi totale, ci spalanca e ci dinamica della dialettica dell’atto comunque, che offre di collocare resolutions, metamorphoses, unpredictable.
accompagna attraverso le porte del creativo e legge dietro le forme molta della teoria della composizione contamination and corruption [...]”. Cecilia Bolognesi, Architect

12 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 13


una mente perseguitata. Il ‘ronzio’ metafora dell’ordinato caos si sono verificati nell’intervallo fra
Contemplando

© Jun Takahashi
a cura di/edited by Giorgio Tartaro

derivante dalla macchina sociale – che metropolitano. Ma le immagini si l’ideazione e l’esecuzione del
“scricchiola in tutte le sue giunture… scontrano l’una con l’altra su un progetto. Inaspettatamente l’Europa si
l’abisso urbano
exhibitions

ma non si disintegra (perché) questo è sincopato terreno comune di mattoni e è messa a pendere nuovamente verso
il suo modo di essere e non c’è di archi, di schermi e di tele. Il vecchio Est e l’idea dell’asse Nord-Ovest, con
Mutations, L’Arc-en-Rêve, mutamento possibile in questa magazzino che è diventato L’Arc-en- Lilla come cerniera, ha perduto la sua
Centre d’architecture, Bordeaux nebbia” – provoca, nell’interlocutore di Rêve, costruito a suo tempo per il ragion d’essere. Una lezione
mostre

Fino a/until marzo/march.2001 Dialogue on Health (Dialogo sulla commercio delle spezie che venivano importante: gli esseri umani non
salute) scritto da Michelstaedter nel dall’Africa, non ha mai avuto una possono prevedere il futuro.
Come nella serie di disegni Ceci n’est 1910, una drammatica domanda: sistemazione più doviziosa di quella Federico Zeri, in una intervista raccolta
pas une pipe di René Magritte, si può “Come infrangere questa dannata attuale, dovuta al talento di Jean poco prima della sua morte, affermava
vedere in questa mostra una sorta di nebbia?” Nouvel. Né meglio potrebbe esprimere che una delle sue fonti principali di
‘calligramma’ rovesciato su se stesso Questa è una domanda che però nella l’ironia apocalittica della visione di nutrimento quotidiano non erano i
fino all’autodistruzione. Francine Fort, mostra non si pone: le contingenze del “Mutations” sul futuro della città. I prodotti che acquistava sulle
direttore della galleria L’Arc-en-Rêve, presente sono accettate come dati di collegamenti di L’Arc-en-Rêve con bancarelle del mercato di Campo de’
ha messo insieme tre cose: un budget fatto. L’attenzione si concentra sul l’Africa sembrano alludere a Kurtz di Fiori a Roma, bensì le conversazioni
per le celebrazioni del millennio centro commerciale, il quale ha con The Heart of Darkness (Il cuore del fra venditori e clienti. La loro saggezza
stanziato dal governo francese, l’architettura lo stesso rapporto che buio). Questo “lotto di avorio” è popolare, la loro arguzia lo
un’idea di Rem Koolhaas e una con la letteratura può avere una guida davvero suo. Sembra di sentire il grido conciliavano con gli esseri umani. Sì,
“scena” disegnata da Jean Nouvel che del telefono. L’idea del mondo politico sussurrato – “L’orrore! L’orrore”! – noi viviamo vicino alla piazza del
conferisce a un bel magazzino di come ordine inalterabile è difficile da risuonare nell’ambiente progettato da mercato, e a volte persino ci piace. Ma
Bordeaux un’atmosfera da night-club, prendere seriamente. La mancanza di Nouvel. ci sono altre economie: l’economia sul
review

un night-club dove sembra non si alternative all’economia di mercato è L’accordo generalizzato sul fatto che modello Potlatch di cui ha scritto
canti altro che la sconvolgente sintassi un problema contingente, ma non è l’esistenza non abbia che una ragione Marcel Maus in The Gift (Il dono), per
che tiene insieme parole e cose, fianco ineluttabile. Sanford Kwinter – che fa economica interna e sostanziale è esempio, le economia morali, le
a fianco, le une di fronte alle altre. parte del gruppo di pensatori riuniti da devastante quanto le manipolazioni economie amorali, le economie
L’Arc-en-Rêve non è piena di Koolhaas per dare lustro intellettuale economiche più distruttive. Questa naturali. “Mutazioni”, il titolo della
fotomontaggi dada, ma di video non alla mostra – esprime istanze nello non è la “città analoga” di Aldo Rossi, mostra, è una parola che di solito si
impegnati e di immagini di riferimento spirito di The Great Transformation (La né la “Collage City” di Colin Rowe e usa nelle scienze naturali ed evoca
generiche, intervallati da visioni più grande trasformazione) di Karl Polany, Fred Koetter. Anche per Rossi non processi inevitabili, involontari, Koolhaas in Cina, al delta del fiume Pearl, per vedere la città futura
forti e composite dovute a fotografi eppure offre testi scritti nel linguaggio esisteva ‘posto’ alcuno, mentre Rowe naturali. Vicina alla parola ‘mutilare’, la Koolhaas went to the Pearl River delta, and saw the future of the city
come Alex S. Maclean, Francesco di Road to Freedom (La strada verso la restava affascinato dalla parola ‘mutazioni’ dà l’idea di una
Jodice e Gabriele Basilico. libertà) di Hayek. monumentalità della città neoclassica. trasformazione che interviene antagonismi sociali sui quali la grande A review that somehow neglects to chaos. But the images are compelled to
È una rassegna critica sulla città L’esposizione è un impressionante Ma Koolhaas già allora era stregato da autonomamente, senza agente e architettura non ha potere: la stessa acknowledge that this will to clash with one another in a syncopated
globale in un momento di profondo “montaggio di attrazioni”, che mostra Manhattan, proprio come ora da senza soggetto, al di fuori del controllo società che ha sviluppato la capacità understand the whole of reality - object common field of bricks and arches in
cambiamento o mutazione, come dice e definisce, descrive e dice, imita e Lagos. O da Atlanta? Ogni e della coscienza dell’uomo. Se Marx produttiva dell’uomo in misura and subject, history and memory, to addition to the screens and canvases.
il titolo, in quattro continenti. Una indica, adesca gli occhi e li invita a generazione ha la sua Las Vegas, il suo accondiscendesse alla tesi di Darwin – inimmaginabile ha anche incatenato see the city as a connective and The old warehouse which was
rassegna che sembra non riconoscere leggere i segni di crisi e di incertezza Altro essenziale. In Euralille Rem “quanto lontano Darwin ha dovuto gli uomini a condizioni di vita productive structure - could in itself be converted to create L’Arc-en-Rêve was
come questa volontà di comprendere nelle grandi città del mondo e i Koolhaas – e OMA – ha avuto andare per scoprire la legge che regola obbligate. Così la gente, che in realtà seen to express that state of mind originally built for the African spice
tutta la realtà – oggetto e soggetto, concomitanti dubbi e incertezze nella un’occasione che è toccata a pochi la nostra società” – allora potremmo costituisce le energie produttive, si which can be defined as the modern trade has never been more richly
storia e memoria – e di vedere la città città europea ovvero, come dice della sua generazione: l’occasione di affermare, mutatis mutandis, che ‘deforma’ a misura delle condizioni di anxiety of a persecuted mind. The decked out than in its current outfit
come struttura connettiva e produttiva Stefano Boeri, nel suo incerto intervenire a larga scala sulla città. Ma Lagos sta a Boston e a Houston come vita e di lavoro cui è sottoposta. La “colossal humming” coming from the tailored by the decorative skill of Jean
esprima uno stato dello spirito che si margine. La qualità casuale di questi il governo francese non poteva Boston sta a Lagos. Le compagnie di mostra ‘Mutations’ illustra social machine which “squeaks in all its Nouvel. Nor could it better display the
può definire l’inquietudine moderna di accostamenti è sicuramente una prevedere i mutamenti geopolitici che assicurazione, le banche e tutta ampiamente questo fenomeno. Se la joints... but does not disintegrate irony of the apocalyptic nature of
l’organizzazione industriale e militare town è l’insieme concreto di edifici e di (since) this is its way of being and there ‘Mutations’, view of the urban future.
Mutations, L’Arc-en-Rêve, un’immagine dell’allestimento di Jean Nouvel
dell’Occidente cosiddetto sviluppato strade, la city è un’opera d’arte, è la is no mutation for this fog”, arouses, in L’Arc-en-Rêve’s connections with
Mutations, L’Arc-en-Rêve, exhibit design by Jean Nouvel
contribuiscono a dar forma a un rappresentazione di un elaborato the interlocutor of Dialogue on Health, Africa seem to hint at Kurtz in the Heart
© Philippe Ruault

© Sze Tsung Leong

mondo le cui manifestazioni sono tessuto di relazioni, un tessuto written by Michelstaedter in 1910 the of Darkness. This lot of ivory is really
dovunque e da nessuna parte in connettivo fra le cose che si hanno in tragic question of “how to break this his. We seem to hear the whispered cry,
particolare. Se la Storia è una favola comune e i valori personali, e ha cursed fog”? This is certainly not a “The horror! The horror!” reverberating
raccontata da un folle e il mondo non è un’esistenza simbolica oltre che reale. question this exhibition, cares to ask. around Nouvel’s design. The assent of
che un palcoscenico, questa mostra Yehuda Safran, Columbia University Instead it seems to accept the internal economic reason for existence
“veste a festa” la questione della Contemplating the urban abyss contingencies of the present as givens. is just as devastating as the most
globalizzazione mediante un’ideologia As in Rene Magritte’s series of It focusses on the shopping mall, which destructive economic manipulations.
espressa con il linguaggio drawings, Ceci n’est pas une pipe, we relates to architecture about as much This is not Aldo Rossi’s “analogous
dell’economia, che viene can recognize in this exhibition a sort of as telephone books to literature. The city”, nor is it Colin Rowe and Fred
rappresentata come una tendenza ‘caligramme’ reversed in on itself to the idea of the political world as unalterable Koetter “Collage City”. For Rossi too,
inevitabile verso un mondo di vincenti point of self destruction. Francine Fort, order is hard to contemplate seriously. no ‘place’ existed, while Rowe
e di perdenti, e subordina tutti gli director of L’Arc en Rêve has managed The failure of any alternative to a remained fixated by the monumentality
aspetti della vita culturale e sociale a a millennium budget provided by the market economy is contingent but not of the neoclassical city. But Koolhaas
una competizione economica sempre French government, Rem Koolhaas’s necessary. Sanford Kwinter, one of the back then was already mesmerized by
più intensa. Occorre assolutamente programme and a stage set designed battery of thinkers that Koolhaas has Manhattan, just as he is now seems to
lanciare un avvertimento serio ed by Jean Nouvel that gives a handsome assembled to add intellectual fire be learning from Lagos. Or is it Atlanta?
eloquente sulle conseguenze che Bordeaux warehouse the ambience of power to the exhibition expresses Every generation has a Las Vegas of its
potrà avere il fatto di subordinare le a night club, one which apparently desires in the spirit of Karl Polany’s The own making, its essential Other. In
società e le culture all’economia. È sings nothing but the devastating Great Transformation and yet offers Euralille Rem Koolhaas, and OMA, had
evidente che bisogna al più presto syntax that holds together words and texts, written in the idiom of Hayek’s an opportunity that few in his
imporre limitazioni all’astrazione del things side by side and in front of each Road to Freedom. The exhibition is a generation, shared, an opportunity to
‘mercato’ e difendere, proteggere e other. The Arc en Rêve is full not of shock “montage of attractions” that intervene in the city on a large scale.
ristabilire la capacità della società di Dadaist photomontages but of largely shows and names, depicts and says, But the French administration could not
configurare le istituzioni economiche a unengaged videos and generic imitates and signifies, entices one’s predict the geopolitical changes that
misura delle priorità umane e delle reference images, interspaced with eyes and invites them to read the signs have occurred in the gap from
diversità sociali e culturali. Innalzare more composed visions by of crisis and uncertainty in the large inception and planning to execution.
l’istanza economica al di sopra di ogni photographers such as Alex S. cities of the world and its concomitant Europe was tilted unexpectedly east
altro aspetto dell’impegno e Maclean, Francesco Jodice and doubt and uncertainty in the European again and the vision of North West axis
dell’esistenza distruggerà l’uomo e ne Gabriele Basilico. It is a critical review city, according to Stefano Boeri, its with Lille as its principal hinge lost its
trasformerà l’ambiente in un deserto. of the global city in a state of profound uncertain margin. The random quality raison d’être. An important lesson:
L’architettura, l’atto del costruire è change, or mutation as the title has it, of this juxtaposition is certainly a human beings can not foresee the
condizionato da dinamiche e on four continents. metaphor for metropolitan regulated future. Federico Zeri in an interview not

14 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 15


Courtesy Fondazione Prada, Photo Attilio Maranzano
long before his death, remarked that to finance. There is evidence for an Höller: il primo legato a ciò che Catherine David) ancora nel 1997, di
one of his daily sources of nourishment, urgent need to impose limitations on possiamo chiamare la poetica Carsten Höller sempre in
was not only what he purchased in the the abstraction of “the market” and to dell’artista che affronta problemi come collaborazione con Rosemarie
market on Campo de’ Fiori, in Rome, defend, protect and restore the l’insicurezza, il dubbio, i sistemi di Trockel. La vera questione non è se gli
but the conversation between the capacity of societies to shape indeterminatezza; il secondo legato stilisti debbano essere considerati
vendors and their clients. Their popular economic institutions in accordance alla moda, a quanto questa genera artisti o meno ma la glamourizzazione
wisdom, their wits renewed his with human priorities, human social esteticamente e socialmente. Benché dell’arte che la moda in alcuni casi
engagement with his fellow human and cultural diversity. Elevating the il lavoro di Höller non sia direttamente produce. Questo, a detta di molti, è
beings. Yes, we live by the market economic instance over all other connesso alla questione moda, come accaduto in quasi tutte le mostre,
place, and at times we even love it. But, aspects of human endeavor and avviene invece per artisti quali Sylvie sempre di grande qualità, che si sono
there are other economies, the Potlatch human existence will destroy man and Fleury, il fatto di esporre in uno spazio viste alla Fondazione Prada: perfino
economy that Marcel Maus wrote of in transform his surrounding into di una nota maison ci obbliga a con le opere di un artista radicale
The Gift, for example, moral wilderness. Architecture is conditioned discutere anche questa problematica. come Walter De Maria. Come dire che
economies, amoral economies, natural by a social antagonism over which the La relazione arte e moda, cui guardo gli artisti non sono riusciti a farci
economies for example. “Mutation”, greatest architecture has no power: con favore poiché penso che la totalità dimenticare la moda, a concentrare
the title of the exhibition, is a word that same society which developed dell’arte possa e debba rapportarsi a l’attenzione sull’arte. Fortunatamente
usually associated with natural science, human productive capacity to qualunque altra disciplina, è al centro ci sono modi e modi di fare moda
it suggests above all an inevitable, unimaginable proportions has also del dibattito dell’arte da alcuni anni, come ci sono modi e modi di fare arte:
unconscious, involuntary and natural chained men to conditions of life non come fatto strumentale, ma l'arte di Carsten Höller è riuscita a
processes. Closer to the word imposed upon them. Thus the people sostanziale. Si tratta di una sottrarsi all’atmosfera dello spazio
‘mutilate’ it inspires the idea of some who in reality constitute the productive discussione che si è ravvivata a partire espositivo: una mostra incisiva in cui ci
independent transformation, without energies become deformed according dal 1996, quando Germano Celant, si sente appieno dentro l’arte di una
an agent or a subject, certainly below to the measure of their living and curatore oggi della mostra di Höller, vita attiva. Il superamento della Maison Ronquières: il laboratorio del dubbio, 2000
the level human consciousness. If Marx working condition. ‘Mutation’ attests diresse allora la Biennale Arte e Moda glamourizzazione era già avviato con Maison Ronquières: the laboratory of doubt, 2000
responded to Darwin’s thesis “how far extensively to this. If towns are the a Firenze. Ricordo che ci fu una levata la precedente mostra di Marc Quinn: uno scivolo chiuso, motivo che ritorna si sincronizza con i picchi massimi e
Darwin had to travel to discover the law concrete configuration of buildings and di scudi da parte di chi avvertiva la questo mi fa pensare che gli artisti più in Höller; il tutto poggia su una base di minimi delle onde cerebrali scoperte
of his own society” we could say. streets, the city is a work art par ‘vampirizzazione’ dell’arte. Ovvero: gli giovani agiscono meglio dentro tale terra. Marcel Odenbach, un artista dal neurologo tedesco Hans Berger
Mutatis mutandis, Lagos is to Boston excellence only in so far as its a stilisti sono da considerarsi artisti? spazio, forse perché nati nell’epoca tedesco suo amico, mi dice che nel 1926. A questo punto, di fronte
and Houston what Boston is to Lagos. representation of an elaborate tissue of Questione sovradimensionata e piena dell’estetizzazione. Difatti la mostra di quell’opera è riferita a un pezzo di all’opera, non ci resta che partecipare
Insurance companies, Banks and the relations, a connective tissue of di fraintendimenti non ancora risolti, Carsten Höller è perfetta anche nella terreno che hanno comperato in all’esperimento, chiudendo gli occhi
entire industrial and military communalities and personal loyalties generati anche da modalità di parte catalogo, un registro a forma di società in Ghana, sul quale stanno per avere un’esperienza allucinatoria,
organization and establishment in the has both its symbolic and a real partecipazione degli stessi stilisti. album di piccole dimensioni, una perla pensando di costruire qualcosa: ma per vedere ad occhi chiusi: cosa che
so called developed West, are helping existence. Prada fu tra quelli che si limitarono a editoriale che evita il coffee-table anche che c’è un rapporto con la Casa nei lavori di Höller accade, perché
to shape a world whose manifestations Yehuda Safran, teaches at Columbia offrire il suo spazio all’artista, come book, un libro in cui forma e Malaparte, a Capri, in cui l’elemento siamo quasi sempre trasformati da
are everywhere and no where in ora con la Fondazione. Ma informazione si fondono al meglio con scala è architettonicamente spettatori o visitatori in cavie di
particular. If history is a story told by a evidentemente non basta, se l’opera innovazione. E se il ‘Registro’ Höller sostanziale. Le opere di Höller non esperimenti scientifico-estetici.
fool and all the world is a stage, this Insicurezza e di Damien Hirst, pur di altissima non dovrebbe mancare dai nostri sono mai forme chiuse, ma sempre Questo avviene in tutte le altre opere:
exhibition gussies up the globalization qualità, mancava di incisività: la scaffali, ancora più la mostra aperte: anche perché ispirate ai come nel corridoio luce-grigio-buio-
agenda with an ideology dressed in the indeterminatezza “nuova fattoria” di pecore, galline e dovrebbe essere la prima meta nelle sistemi della scienza, da parte di un grigio-luce, che utilizza i meccanismi
language of economics it represents as dipinti risultava avvolta da un’aura nostre visite. L’artista ci offre un artista che proviene da una della paura, del pericolo, che però
an inevitable trend toward a world of Synchro System glamour che finiva per far risaltare percorso ricco, articolato, pieno di formazione scientifica, avendo fatto finisce per produrre felicità. Quando
winners and losers, requiring the Carsten Höller l’aspetto decorativo dell’opera, al idee e di sensazioni a partire dalla studi di biologia prima di passare dal buio pesto torniamo alla luce, ci
subordination of all aspects of social Fondazione Prada, Milano contrario di Addina, l’installazione con prima opera: “Maison Ronquiére, il all’arte. È la tradizione tedesca, quella troviamo nelle Stanza dei funghi
and cultural life to intensified economic Fino a/until 07.01.2001 galline per i Cantieri culturali della laboratorio del dubbio”, una scultura che, per intenderci, da Beuys arriva capovolti: una grande sala bianca dal
competition. We badly need an Zisa, a Palermo, curata da Paolo modello in plexiglass di una casa a fino a Höller. Torniamo nella seconda cui soffitto, (ex pavimento) pendono
eloquent warning of the consequences Ci sono essenzialmente due motivi di Falcone o di Una casa per maiali e gradoni, con una lunga scalinata sala, di fronte all’opera Ligth Wall: una grandi funghi Amanita Muscaria
of subordinating societies and cultures dibattito sulla mostra di Carsten persone a Documenta X (curata da interna da dove si scende attraverso parete di 3552 lampadine intermittenti ruotanti su se stessi. A questo punto
I funghi di Holler non sono solo appesi sottosopra, ma ruotano Carsten Holler, Muro di luci, 2000
Holler’s funghi are not only upside down, they rotate as well Light Wall, 2000
Courtesy Fondazione Prada, Photo Attilio Maranzano

Courtesy Fondazione Prada, Photo Attilio Maranzano

16 Domus Dicembre December 2000 Domus Gennaio January 2001 17


non si è più solo allucinati ma ci si corridor, which exploits the realizzato per il Whitney la Double
trova dentro l’allucinazione, lo spazio è mechanisms of fear and danger yet Pyramid, due piramidi asimmetriche il
trasformato e trasforma. Certo, eventually issues into happiness. cui frastagliato profilo rimanda
uscendo dalla stanza ci troviamo di Returning from pitch darkness to light, all’architettura del museo, il granitico
fronte alla struttura grezza, alla messa we find ourselves in the Room of the “ziggurat rovesciato”, che Marcel
a nudo del dato costruttivo, passando Reversed Funguses: a large white Breuer realizzò nel 1966. Al valore
ancora una volta dal territorio space from the ceiling (ex-floor) of celebrativo della scultura va aggiunto
dell’estetica a quello della scienza: which hang large, revolving Amanita il potere evocativo che l’architettura ha
“… da una situazione di sorpresa a Muscaria funguses. At this point we are esercitato nell’opera di Sol LeWitt.
quella di non sorpresa che suscita una no longer only hallucinated, but “Non considero le mie strutture
sorpresa”. La vera sorpresa è però la enveloped by the hallucination itself; modulari delle sculture perché non
totalità dell’arte che si è realizzata in the space is transformed and appartengono alla storia della
pieno, perché ci sono modi e modi di transforms. To be sure, as we come out scultura”, sostiene “Le fonti della mia
fare moda, ma anche e soprattutto of the room we are faced with a crude ispirazione vanno rintracciate nel
modi e modi di fare arte. structure, laid bare in its constructional mondo dell’architettura. Ho sempre
Giacinto Di Pietrantonio, critico d’arte essence, passing once again from the ammirato gli architetti del
Restless anxiety There are aesthetic to the scientific: “… from a Rinascimento italiano, soprattutto
essentially two reasons for debate situation of surprise to one of non- Brunelleschi e Bramante”. Del
about the Carsten Höller exhibition: surprise that causes surprise”. The real Rinascimento LeWitt mutua anche il
the first has to do with what we may surprise, however, is the totality of art sistema proporzionale che, in
call her idiosyncratic outlook on such fulfilled, for there are a great many continuità con le teorie pitagoriche-
issues as insecurity, doubt and different ways of creating fashion, but platoniche dell’accademia di Marsilio
systems of indeterminacy; and the also and above all a great many Ficino poi riprese da Leon Battista
second, on fashion and what it gives different ways of producing art. Alberti nel concetto di ‘finimento’, si
rise to aesthetically and socially. Giacinto Di Pietrantonio, art critic ispira alle armonie musicali. “La
Although Höller’s work is not directly musica è per me un modello per
connected to the fashion issue, unlike pensare l’arte” afferma l’artista di
that of artists like Sylvie Fleury, the fact Il concettuale Hartford che attualmente vive a
that she has exhibited on the premises Spoleto, “Confronto le idee che ho più
of an institution funded by a well- si mostra con le composizioni musicali che con
known fashion label indicates that it le altre arti tradizionali”. Architettura e
too is a relevant aspect. Sol LeWitt, a Retrospective musica sottendono le sue indagini
I see the art-fashion relationship as a Whitney Museum, New York giovanili sulla modularità delle
good thing, as to my mind the totality Fino a/until 25.02.2001 strutture tridimensionali. Dalle prime
of art can and must relate to any other sculture in legno e tela bianca centrate
discipline. It is a link that has Il Whitney Museum celebra i sulla forma del quadrato del 1962
underpinned the art debate for a quarant’anni di attività con realizza poi, a partire dal 1964, moduli
number of years, not as an un’imponente retrospettiva dedicata dove il cubo diventa elemento
instrumental but as a substantial fact. all’opera di Sol LeWitt, uno dei pionieri generatore di una serie virtualmente
The discussion was revived in 1996, dell’arte concettuale. Sono presentati infinita di combinazioni e dove la figura
when Germano Celant, curator of the LeWitt o Stella? Five-Pointed star with brands of color, gouache di Sol LeWitt, 1991 in mostra oltre 150 lavori del tridimensionale viene definita dalle
present Höller show, was in charge of Sol LeWitt, Five-Pointed star with brands of color, 1991, gouache on paper settantaduenne artista americano che linee di contorno che ne delimitano il
the Art and Fashion Biennale in documentano le diverse espressioni vuoto. Ciò consente di attivare la
Florence. I recall the hostile reactions works of a radical artist like Walter De through a closed slide (a leitmotif of del suo percorso artistico: dalle opere percezione sulle regole strutturali su
of those who feared that ‘vampires’ Maria. Which is like saying that the Höller’s work), while the whole rests on su carta ai celeberrimi Wall Drawings - cui la figura è costruita. Le
were feeding on the blood of art. In artists have failed to make us forget an earth base. Marcel Odenbach, a lavori a matita, pastelli, acquerelli o combinazioni sono determinate da
other words: should fashion designers fashion and to focus our attention on German artist friend of hers, tells me acrilico eseguiti direttamente sul una logica arbitraria ma le loro regole,
be considered artists? The question is art instead. Luckily there are a great that this work relates to a plot of land muro-, dalle fotografie alle structures, una volta poste, vengono
an over-inflated one, fraught with many different ways of creating they bought together in Ghana, on termine che LeWitt preferisce al più rigorosamente rispettate. Nel 1967 Sol
misunderstandings still unresolved, fashion, just as there are a great many which they are thinking of building convenzionale ‘sculture’ per indicare LeWitt stila i Paragraphs on
depending also on how far the fashion different ways of producing art: Carsten something: but also that there is a opere tridimensionali. Ultima tappa del Conceptual Art, che, insieme alle
designers themselves are actually Höller’s art has managed to escape the relationship between it and Casa tour americano dopo il MoMA di San Sentences on Conceptual Art del 1969
involved. Prada was among those that atmosphere of the exhibition space: Malaparte on Capri, where the stair Francisco e il MoCA di Chicago la divengono i testi fondativi dell’arte
confined themselves to making their with an incisive display that makes one feature is architecturally significant. mostra, curata da Gary Garrels, è stata concettuale. L’idea diviene l’atto
space available to the artist, as the feel deeply involved in the art of an Höller’s works are never closed forms, personalizzata dall’artista che ha qualificante dell’artisticità,
Foundation has done now. But clearly active life. Glamour had, as a matter of but always open, also because they
that is not enough, for the work of fact, already been ousted by the draw inspiration from the systems of Sol LeWitt, Forma derivante da parallelepipedo, 1991, gouache su carta
Form derived from a cubic rectangle, 1991, gouache on paper
Damien Hirst, though of the topmost previous exhibition, that of Marc Quinn; science. The artist in fact comes from a
quality, lacked incisiveness, as the which would seem to suggest that the scientific background, having studied
“new farm” of sheep, chickens and younger artists act better in that space, biology before switching to art. This is a
paintings was wrapped in an aura of perhaps because they were born into a German tradition, extending from
glamour that ended up emphasizing period of aestheticism. The Carsten Beuys to Höller herself.
the decorative aspect of the work - Höller show is also perfect in its Going back to the second room, we are
unlike Addina, the installation with catalogue: a register in the shape of a confronted by Light Wall, a work
chickens for the Zisa cultural yards in small album, a publishing pearl that consisting of 3552 intermittent bulbs,
Palermo, curated by Paolo Falcone, or avoids becoming a coffee-table book synchronised with the maximum and
A House for Pigs and Persons at and in which form and information are minimum peaks of the cerebral waves
Documenta X (curated by Catherine fused with innovation to the best discovered by the German neurologist
David), also in 1997, by Carsten Höllen advantage. And while the Höller Hans Berger in 1926. At this point it
again in collaboration with Rosemarie Register ought not to be missing from only remains to join the experiment, by
Trockel.The real point is not whether or our bookshelves, a visit to the closing one’s eyes and entering into a
not fashion designers should be exhibition must surely take priority. We hallucinatory experience, in order to
regarded as artists, but the are taken by the artist on a richly see through closed eyes. That is indeed
glamorisation of art which fashion in articulated journey full of ideas and what happens in Höller’s works,
some cases brings about. This, sensations, starting from its first work, because we are nearly always turned
according to many, has been the case Maison Ronquière, the laboratory of from spectators or visitors into guinea-
with almost all the exhibitions, albeit of doubt. This plexiglas model sculpture pigs for scientific and aesthetic tests.
the highest quality, presented at the of a tiered house has a long internal And it happens in all the other works: as
Fondazione Prada: even with the staircase, from which one descends in the light-grey-dark-grey-light

18 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 19


l’esecuzione perde di centralità e viene intenzionalmente l’ ‘idea’ germinale exhibition, curated by Gary Garrels, time span of which makes them short-
delegata ad altri mentre assume dell’opera. Wall Drawing#766. Twenty has been personalised by the artist lived. The Euclidean minimalism of the
importanza la fase progettuale one isometric cubes of varying sizes who for the Whitney created his 1960s gave way to the voluptuous
dell’opera. “Nell’arte concettuale l’idea each with color ink washes Double Pyramid. This comprises two baroque of his more recent works,
o concetto è l’aspetto più importante superimposed, Wall Drawing#51. All asymmetrical pyramids whose jagged which together with the ideas also
del lavoro. Tutte le decisioni vengono architectural points connected by profile relates to the museum’s transmit emotions. What is striking
prese prima e l’esecuzione è un straight lines, Wall Drawing#46. Vertical architecture, the granitic “reversed about the Whitney show is precisely
aspetto irrilevante. L’idea diviene la lines, not straight, not touching, ziggurat” which Marcel Breuer the mediatic capacity of LeWitt’s
macchina che fa l’arte” scrive LeWitt uniformly dispersed with maximum designed in 1966. To the celebratory works, their representative
nei Paragraph e “solo le idee sono density, covering the entire surface of value of the sculpture should be added accessibility which, in its reference to
pezzi d’arte, esse appartengono alla the wall. Se è vero, come afferma the evocative power that architecture conceptual art, has the power of an
catena di sviluppo che può LeWitt che “gli artisti sono mistici has exerted on Sol LeWitt’s work. “I oxymoron. Their intellectual values are
eventualmente trovare una forma. Le piuttosto che razionali. Arrivano a don’t think of my modular structures as represented with unusual clarity and
idee non hanno bisogno di essere conclusioni che la logica non può sculptures because they do not belong aesthetic pleasure and, although
realizzate fisicamente” aggiunge poi raggiungere” qui la sferzante vitalità to the history of sculpture”, he questions like the “reproducibility of
nelle Sentences affermando delle opere conduce all’assoluto con maintains. “The sources of my the artwork” and the role of the artist
provocatoriamente la sua concezione maggiore vigore dell’asettico inspiration should be traced to the are however left hanging in the
sulla natura dell’arte. Negli anni ermetismo del concetto. Che piaccia o world of architecture. I have always balance, even the detractors of
Settanta LeWitt introduce i Wall no al loro autore. admired the Italian Renaissance conceptual art are compelled to
Drawings, disegni amplificati a Alba Cappellieri, architetto architects, especially Brunelleschi and undergo some energetic rethinking.
dimensione di ambiente, fondati sull’ The conceptual on display Bramante”. From the Renaissance The kaleidoscopic impact of the Wall
aggregazione di elementi geometrici The Whitney Museum is celebrating its LeWitt has also borrowed the Drawings is the real protagonist of this
semplici, realizzati direttamente sul fortieth year with an impressive proportional system which, continuing exhibition. Their vibrant energy
muro in occasione di mostre o eventi, retrospective on Sol LeWitt, one of the the Pythagorean-Platonic theories of pervades the museum’s fourth floor
la cui limitata temporaneità li rende pioneers of conceptual art. More than Marsilio Ficino’s academy and warms the senses of the
effimeri. Il minimalismo euclideo degli 150 works by the 72-year-old subsequently taken up by Leon numerous visitors numbed by the
anni Sessanta cede il passo al American artist, are on view. They Battista Alberti in the concept of leaden cold temperatures of New York.
voluttuoso barocco delle opere più document the diverse expressions of ‘finishing’, is inspired by musical Waves, straight lines, dots, squares
recenti, che insieme alle idee his artistic development: from the harmonies. “Music is for me a model and circles rapidly pursue one another
trasmettono anche emozioni. works on paper to the world-famous for thinking about art”, states the from one wall to another, at a pace that
Stupisce, nella mostra del Whitney, wall drawings – done in pencil, pastel, Hartford-born artist who now lives at hypnotizes and seduces even the most
proprio la capacità mediatica delle watercolour or acrylic directly onto the Spoleto. “I compare my ideas more to sceptic spectator. Squares turn
opere di LeWitt, la loro accessibilità wall – and from his photographs to the musical compositions than to the other upside-down, rotate and intersect,
rappresentativa che, riferita all’arte structures, the term preferred by traditional arts”. Architecture and their infinite dimensional variations
concettuale, ha il potere di un LeWitt to the more conventional music were the mainstay of his earlier suggesting the suprematist element of
ossimoro. I valori intellettuali vengono sculptures to indicate three- ventures into the modularity of three- a Malevich or the torments of a
rappresentati con insolita chiarezza e dimensional works. On its last leg of dimensional structures. From the first Mondrian. The chromatic throbbings of
godibilità estetica e, sebbene questioni the American tour after MoMA in San sculptures in wood and white canvas the Wall Drawings are tempered in the
come la “riproducibilità dell’opera Francisco and MoCA in Chicago, the centred on the shape of the painting, minimal candour of the structures that
d’arte” e il ruolo dell’artista restino done in 1962, he went on, from 1964, faithfully accompany them, one for one
Struttura aperta verticale nera, 1964,
comunque sospese, anche i detrattori legno dipinto
to create modules where the cube in every room, and anchor them to the
dell’arte concettuale sono costretti a Vertical open structure black, 1964, became the generating element in a ground with a metaphysical
una revisione esegetica. La forza painted wood virtually infinite series of combinations, detachment. LeWitt creates orbits,
caleidoscopica dei Wall Drawings è la and where the three-dimensional figure compelling us to go round, to take note
vera protagonista di questa mostra. La is defined by the outlines delimiting its of their diverse colours – white on
loro energia vibrante avvolge il quarto void. This triggers a perception of the black and vice versa and then chasms
piano del museo e riscalda i sensi dei structural rules on which the figure is of colours – and of the combinatory
numerosi visitatori intorpiditi dal constructed. The combinations are rule that generated them. All the
plumbeo freddo newyorchese. Onde, determined by an arbitrary logic but elements of the language of painting –
rette, punti, quadrati, cerchi si their rules, once in place, are rigorously colour, surface, line – are restrained,
inseguono velocemente da una parete obeyed. In 1967 Sol LeWitt wrote his not enunciated, but activated in
all’altra, con un ritmo serrato, che Paragraphs on Conceptual Art, which, relation to one another. Breuer, too, is
ipnotizza e seduce anche i più scettici. with his Sentences on Conceptual Art brought into play. The large oblique
Quadrati che si ribaltano, ruotano e si of 1969, became the fundamental window is an integral part of the grille
intersecano, le cui infinite variazioni creed of conceptual art. The idea in Serial Project#1, just as the nearby
dimensionali rimandano all’elemento becomes the qualifying act of artistic Double Tower echoes the verticalism
suprematista di Malevich o ai tormenti endeavour, execution loses its of New York’s skyscrapers. One might
di Mondrian. Le pulsioni cromatiche centrality and is delegated to others, almost be tempted to give the long and
dei Wall Drawings si stemperano nel whilst importance is attached to the microscopic captions a miss if they
candore minimale delle Structures che project stage of the work. “In had not intentionally concealed the
li accompagnano fedelmente, uno per conceptual art the idea or concept is germinal ‘idea’ of the work. Wall
uno in ogni sala, e li ancorano al suolo the work’s most important aspect. All Drawing#766. Twenty-one isometric
con metafisico distacco. LeWitt crea decisions are taken beforehand, and cubes of varying sizes each with color
orbite, ci costringe a girare intorno, a the execution is an irrelevant aspect. ink washes superimposed, Wall
prendere atto delle diverse cromie The idea becomes the machine that Drawing#51. All architectural points
–bianco su nero e viceversa e poi makes the art” , writes LeWitt in the connected by straight lines, Wall
abissi di colori- e della regola Paragraphs, and “only the ideas are Drawing#46. Vertical lines, not straight,
combinatoria che le ha generate. Tutti pieces of art, belonging to the chain of not touching, uniformly dispersed with
gli elementi del linguaggio pittorico, development that may eventually find maximum density, covering the entire
colore, superficie, segno, vengono a form. Ideas don’t need to be surface of the wall. If it is true, as LeWitt
Photograph © Sean McEntee

trattenuti, non enunciati, ma attivati in physically realised”, he adds later, in affirms, that “artists are mystics rather
relazione fra loro. Anche Breuer entra his Sentences, provocatively stating than rationalists. They leap to
nel gioco. La grande finestra obliqua è his view of the nature of art. In the conclusions that logic cannot reach”,
parte integrante della griglia del Serial 1970s LeWitt introduced his Wall then here the whip-like vitality of the
Project#1, come la vicina Double Drawings, enlarged to the scale of their works leads to the absolute with more
Tower riecheggia il verticalismo dei site and founded on the aggregation of vigour than the aseptic hermetism of
grattacieli. Si è quasi tentati plain geometrical elements, done the concept.
dall’ignorare le lunghe e microscopiche straight onto the wall on the occasion Whether the artist likes it or not.
didascalie se esse non celassero of exhibitions or events, the limited Alba Cappellieri, architect

20 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 21


Scadenza consegna/deadline Umlebæk 2, rue de la Charité ● fino a/until 28.1.2001 T +44-20-73008000 Museum di Weil am Rhein
Concorsi
a cura di/edited by Anna Dell’Orto,

submission 16.2.2001 ● fino a/until 14.1.2001 T +33-4-91145880 Begegnungen: Max Ernst und ● fino a/until 11.2.2001 Stazione Leopolda, viale Rosselli 5
Langenthal Vision and Reality Nice Dieter Roth William Blake T +39-0553693407
Competitions
calendario

● Design Preis Schweiz 26.1.2001-22.4.2001 ● fino a/until 14.1.2001 Sprengel Museum Tate Britain, Millbank ● 5.2.2001-12.2001
Design Centre Magnum. Our Turning World. Sert & la Méditerranée Kurt-Schwitters-Platz T +44-20-78878000 Corsi diversi d’arte tessile
calendar

Germania/Germany Postfach 1626, 4901 Langenthal Photography 1989-1999 Forum d’Urbanisme et Architecure T +49-511-16843875 ● fino a/until 12.2001 Fondazione Arte della Seta Lisio
Köln T +31-62-9230333 Louisiana Museum of Modern Art Mairie de Nice ● 13.1.2001-16.1.2001 The Unilever Series: Louise Bourgeois via B. Fortini 143, 50125 Firenze
● IOC/IAKS Award 2001 E-mail: designpreis@designnet.ch T +45-49190719 T + 33-4-97133151 Domotex 2001 Tate Modern, Bankside T +39-0556801340
International architecture award for http://www.designNet.ch Industrie Forum Design Hannover T +44-20-78878000 E-mail: lisio@dada.it
Giorgio Tartaro

completed sports and leisure Premi/awards 75.500 SwF Francia/France Germania/Germany Deutsche Messe AG ● fino a/until 21.1.2001 Gallarate
facilities organized by IOC and IAKS Scadenza iscrizione/deadline Blois Berlin Messegelände Design Sense. An Exhibition ● fino a/until 11.2.2001
http: www.sports- application 30.4.2001 ● fino a/until 28.2.2001 ● fino a/until 28.1.2001 T +49-511-8932400 Designmuseum Premi ed esposizioni nell’Italia del
facilities.worldsport.com Patrick Saytour 90.00 Zaha Hadid. Urban Architecture E-mail: info@ifdesign.de Shad Thames dopoguerra
Scadenza consegna/deadline USA/USA Musée de l’Objet de Blois Wolfburg - Rom - Cincinnati http://www.ifdesign.de T +44-20-74036933 Civica Galleria d’Arte Moderna
submission 18.5.2001 Washington 6, rue Franciade Aedes East Forum Karlsruhe ● 24.1.2001-22.4.2001 Via Milano 21
Krönberg ● SEGD Annual Design T +33-2-54788726 Rosenthaler Strasse 40/31 ● fino a/until 25.2.2001 Futurism and Photography T +39-0331791266
● BraunPrize 2000: Dream Real Awards 2001 Bordeaux T +49-30-2827015 Franz West - In & Out Estorick Collection of Modern Art Genova
Products SEGD-Society for Environmental ● fino a/until 25.3.2001 ● fino a/until 25.2.2001 fino a/until 23.2.2001 39a Canonbury Square ● 18.1.2001-22.4.2001
http://www.braunprize.com Graphic Design Mutations. Evénement culturel sur la Meisterwerke aus dem Museum City-Daten zur Stadt unter den T +44-20-77049522 1950-2000. Arte contemporanea
1°premio/1st prize 20.000 DM 401 F Street NW, Suite 333 ville contemporaine Brücke Museum Bedingungen der Informations- ● fino a/until20.1.2001 genovese e ligure
Scadenza consegna/deadline Washington DC 20001 Arc en Rêve Centre d’Architecture Bussardsteig 9 Technologie Georg Baselitz Museo di Villa Croce
submission 31.1.2001 T +1-202-6385555 Entrepôt, 7 rue Ferrère T +49-30-8312029 ZKM-Zentrum Kunst Gagosian Gallery via Jacopo Ruffini 3
review

http://www.segd.org T +33-0-56527836 ● fino a/until 4.2.2001 Medientechnologie 8 Heddon Street T +39-010585772


Giappone/Japan Scadenza iscrizione/deadline Grenoble Blow Up. Shaped Air in Design, Lorenzstrasse 19 T +44-20-72928222 Milano
Osaka application 29.1.2001 ● fino a/until 5.2.2001 Architecture, Fashion and Art T +49-721-81000 ● fino a/until 25.2.2001
● The 14th Koizumi International Roger Bissière Vitra Design Museum Berlin Köln Italia/Italy Il Cinquecento lombardo. Da
Lighting Design Competition for Musée de Grenoble Kopenhagener Strasse 58 ● 15.1.2001-21.1.2001 Bologna Leonardo a Caravaggio
Students Mostre, eventi, place de Lavalette 5 T +49-30-4737770 Internationale Möbelmesse ● fino a/until 4.3.2001 Palazzo Reale
Kaori Shiina Lomazzi T +33-4-76634444 ● fino a/until 31.1.2001 Exhibition Kautsch Paul Klee. Figure e metamorfosi T +39-0243911119
corso Plebisciti 1, 20129 Milano fiere Paris Tachismus - Informel Kölnmesse Gmbh Museo Morandi ● fino a/until 30.1.2001
F +39-02741840 ● 11.1.2001-15.1.2001 Galerie Georg Nothelfer Messeplatz 1 piazza Maggiore 6 Balla a sorpresa. 1919-1929
E-mail: kaopao@tiscalinet.it Exhibitions, Salon du Meuble de Paris Corneliusstrasse 3 T +49-221-8210 T +39-051203646 Fonte d’Abisso Arte
http://www.koizumi.co.jp Paris Expo-Porte de Versailles T +49-30-25759806 E-mail: info@koelnmesse.de ● 19.1.2001-26.2.2001 via del Carmine 7
Scadenza iscrizione/deadline events, fairs COSP Bremen http://www.koelmesse.de Oriol Bohigas e MBM T +39-02.824721
application 30.1.2001 22, av. Franklin-Roosevelt, 75008 Paris ● fino a/until 1.4.2001 Ludwigshafen Arquitectes. Sei fiaschi ● fino a/until 11.2.2001
Austria/Austria T +33-1-41220204 Bremen in Form 2000 ● fino a/until 28.1.2001 Padiglione Esprit Nouveau OIKOS De Chirico. La Metafisica del
Italia/Italy Salzburg E-mail:info.meuble@salondumeuble.com Design Zentrum Bremen Miró. Mein Atelier ist men Garten T +39-051203040 Mediterraneo
Bolzano ● 31.1.2001-3.2.2001 http://www.solondumeuble.com im Wilhelm Wagenfeld Haus Wilhelm-Hack-Museum ● 25.1.2001-29.1.2001 Spazio Oberdan
● European award for the design of TexBO 2001 ● fino a /until 28.1.2001 Am Wall 209 Berliner Strasse 23 Arte Fiera 2001 viale Vittorio Veneto 2
Bolzano Modern Art Museum Reed Messe Salzburg Thomas Demand T +49-421-338810 T +49-621-5043411 Bolognafiere T +39-0277406304
Studio Plan Werk Stadt T +43-662-4477143 fino a/until 28.1.2001 ● fino a/until 4.3.2001 Mannheim piazza Costituzione 6, 40128 Bologna ● fino a/until 3.2001
corso Museo 50, 39100 Bolzano E-mail: paul.hammerl@reedexpo.at Bernard Piffaretti. Amnesia. Gegenwart des Vergessens ● fino a/until 18.2.2001 T +39-051282111 Corso di fotografia di architettura
T +39-0471300333 http://www.reedexpo.at Va-et-vient, Come and Go Neues Museum Weserburg Bremen Gold macht Lust. Richard Wagners E-mail: dir.com@bolognafiere.it Istituto Italiano di Fotografia
E-mail: info@planwerkstadt.it http://www.texbo.at Fondation Cartier Teerhof 20 Welt in Bildern http://www.bolognafiere.it via Forcella 13, 20144 Milano
1°premio/1st prize Lit 80.000.000 Wien boulevard Raspail 261 T +49-421-598390 Städtische Kunstalle Mannheim Busto Arsizio T +39-0258105598
Scadenza consegna/deadline ● fino a/until 28.1.2001 T +33-1-42185651 Düsseldorf Moltkestrasse 9 ● fino a/until 11.3.2001 E-mail: istituto@istifot.it
submission 26.1.2001 Baselitz. In the Blainville Woods ● fino a/until 22.1.2001 ● fino a/until 18.2.2001 T +49-621-2936413 Ottocento italiano. Da Lega a Wildt http//: www.istifoto.it
Milano Klosterneuburg/Wien Les bons génies de la vie domestique Aller Anfang ist Merz. Von Kurt München Fondazione Bandera ● fino a/until 6.2001
● Vibram® international awards T +43-2243-37050 fino a/until 5.2.2001 Schwitters bis heute ● 16.1.2001-21.1.2001 via Andrea Costa 29 Master di progettazione per l’utenza
competition for the components in ● fino a/until 25.2.2001 Germaine Krull Kustsammlung Nordrhein-Westfalen BAU 2001 T +39-0331322311 ampliata: interni per disabili e non
rubber and elastic materials Hundertwasser Architecture. 24.1.2001-9.4.2001 Grabbleplatz 5 Messe München GmbH Brescia ISAD - Istituto Architettura e Design
Connexine S.n.c. Kunst Haus Wien Alberto Giacometti: l’œuvre dessiné T +49-211-83810 Messegelände, D-81823 München ● fino a/until 16.4.2001 via Orobia 26
via Cadore 33, 20135 Milano Unter Weissgerberstrasse 13 Centre Pompidou Essen T +49-899-4920630 Russi 1900-1920. Le radici T +39-0255210700
T +39-02-55184662 T +43-1-7120495 T +33-1-44781233 ● fino a/until 11.2.2001 E-mail: info@bau-muenchen.de dell’avanguardia E-mail: isad@isad.it
E-mail: yellow-tag@yellow-tag.com ● fino a/until 28.1.2001 ● fino a/until 4.2.2001 Bernhard Fuchs. Portraits in Farbe http://www:bau-muenchen de Palazzo Martinengo di via Musei 30 http://www.isad.it
http:// www:yellow-tag.com Luis Barragán. The Quiet Revolution M. K. Ciurlionis (1875-1911) Museum Folkwang Stuttgart T +39-0302807934 ● fino a/until 7.2001
Premi/amount 12.394 Euro MAK-Austrian Museum Applied Arts Musée d’Orsay Goethestrasse 41 ● fino a/until 29.4.2001 Cantù-Como Futurarium. School Aesthetic-Ethical
Scadenza consegna/deadline Stubenring 5 62, rue de Lille T +49-201-8845000 Yves Tanguy and Surrealism ● fino a/until 14.1.2001 of Design Architecture Art
submission 15.1.2001 T +43-1-71136 T +33-1-40494814 Frankfurt am Main Staatsgalerie Stuttgart Ugo La Pietra. Opere 1985-2000 via Piranesi 10
Roma ● fino a/until 19.1.2001 ● fino a/until 11.3.2001 ● fino a/until 4.3.2001 Konrad-Adenauer-Strasse 30 Gallerie del Design e Arredamento T +39-02715467
● Europan 6. International award for Finnland: Architektur 20.Jahrhundert L’Ecole de Paris 1901-1929 Szenenwechsel T +49-711-2124075 piazza Garibaldi 5 E-mail: futurarium@radiosity.it
young architect Wiener Städtische Musée d’Art Moderne de la Ville Museum für Moderne Kunst Wolfsburg Cesena http://www.futurarium.com
EUROPAN Italia: Maria R. Vesco Schottenring 30 11, avenue du Président Wilson Domstrasse 10 ● fino a/until 21.1.2001 ● fino a/until 28.1.2001 ● fino a/until 28.1.2001
corso Rinascimento 11, 00186 Roma T +43-1-531391027 T +33-1-53674000 T +49-69-21230447 Roy Lichtenstein Enrico Baj. Le trame del tempo Giuseppe Molteni e il ritratto nella
T +39-066861374 ● fino a/until 22.1.2001 ● fino a/until 16.1.2001 ● fino a/until 22.4.2001 fino a/until 18.2.2001 Galleria Comunale Palazzo Ridotto Milano romantica
E-mail: infoeuropan@archiword.it Groneggers Werkstatt. Körper Bild Bau Gitty Darugar. Portraits d’Architectes Ludwig Hirschfeld-Mack. Bauhäusler Laurence Weiner. Bent & Broken piazza Almerici Museo Poldi Pezzoli
Premi/awards: 10,000 Euro Architektur Zentrum Wien La Galerie d’Architecture und Visionär Shafts of Light T +39-054722883 via Manzoni 12
Scadenza iscrizione/deadline Museumplatz 1 11, rue des blancs manteaux Jüdisches Museum Kunstmuseum Wolfsburg Faenza T +39-02794889
application 12.1.2001 T +43-1-5223115 T +33-1-49966400 Untermainkai 14-15 Porschestrasse 53 ● fino a/until 7.1.2001 ● fino a/until 27.1.2001
● fino a/until 16.2.2001 T +49-69-21238805 T +49-5361-26690 Aligi Sassu. L’opera ceramica Scarpitta
Svizzera/Switzerland Belgio/Belgium Agence Actar Arquitectura - Espagne Hamburg Museo Internazionale delle Ceramiche Centro d’Arte Arbur
Bern Bruxelles Pavillon de l’Arsenal ● fino a/until 18.2.2001 Gran Bretagna/Great Britain viale Baccarini 19 corso di Porta Romana 6
● Architekturpreis Beton 01. ● fino a/until 28.1.2001 2, boulevard Morland Emil Nolde. Die Religiösen Bilder London T +39-054621240 T +39-02720185
Cemsuisse Voici. 100 Years of Contemporary Art T +33-1-42763397 fino a/until 21.1.2001 ● 20.1.2001-16.4.2001 Firenze ● 16.1.2001-9.2.2001
Marktgasse 53, 30100 Bern Palais des Beaux-Arts Marseille Ein Räumen. 60 aktuelle Projecte The Genius of Rome 1592-1623 ● 11.1.2001-18.2.2001 Corso aggiornamento: Progettazione
T +31-327-9797 rue Ravenstein 23 ● fino a/until 4.3.2001 Hamburger Kunsthalle fino a/until 18.2.2001 Uniforme. Ordine e disordine integrata dei porti turistici
E-mail: franziska.frei@cemsuisse.ch T +32-2-5078468 Triomphes du Baroque. Architecture Glockengiesserwall Turner: the Great Watercolours 19.1.2001-18.2.2001 Politecnico di Milano
http://www.cemsuisse.ch en Europe 1600-1750 T +49-40-428542612 Royal Academy of Arts Kid Size. Il mondo materiale dei piazza L. da Vinci 32, 20122 Milano
Premi/amount Fr 50.000 Danimarca/Denmark Centre de la Vieille Charité Hannover Piccadilly bambini. Mostra del Vitra Design T +39-0223994101

Domus Gennaio January 2001 22


22 Domus Gennaio January 2001
E-mail: rita.ceriotti@polimi.it ● fino a/until 20.5.2001 ● fino a/until 7.1.2001 Calders, the Mirrors of Fiction T +41-91-9232980 11 West 53 Street
● 6.2.2001-18.4.2001 Rimini divina. Religione devozione Venice/Venezia: arte californiana fino a/until 25.2.2001 Mendrisio T +1-212-7089750
Corso aggiornamento: Materials & Museo della Città della Collezione Panza Time, Quickly! ● fino a/until 15.3.2001 ● fino a/until 18.3.2001
Interior Design T +39-0541681108 Museo Guggenheim Centre de Cultura Architettura australiana Alexander Girard, the Designer
Di.Tec. Politecnico di Milano Roma Palazzo Venier dei Leoni Contemporània de Barcelona Accademia di Architettura who Helped Define 1960s Style
via Durando 38, 20122 Milano ● fino a/until 4.2.2001 701 Dorsoduro Montalegre 5 Villa Argentina fino a/until 11.2.2001
T +39-0258114412 Il ‘900 scolpito. Da Rodin a Picasso T +39-0412405411 T +34-93-3064100 T +41-91-6404860 Masterpieces From from Vitra Design
E-mail: mid2001@tin.it Museo del Corso ● fino a/until 14.1.2001 ● 14.1.2001-4.3.2001 Vevey Museum
● 5.2.2001-13.4.2001 via del Corso 320 Aperto vetro. Il vetro progettato Zush Tecura ● fino a/until 28.1.2001 Cooper Hewitt-National
Corso progettazione architettonica. ● fino a/until 18.3.2001 Museo Correr Museu d’Art Contemporani de Carol Rama & Louise Bourgeois Design Museum
Limbiate: le porte della città Mutazioni T +39-0412747608 Barcelona Cabinet Cantonal des estampes 2 East 91 Street
Di.Tec. Politecnico di Milano Centro per le Arti Contemporanee Verona Plaça dels Angels 1 Musée Jenisch, Avenue de la Gare T +1-212-8498420
T +39-029966371 Spazio Temporaneo ● fino a/until 14.1.2001 T +34-93-4120810 T +41-21-9213401 ● fino a/until 17.1.2001
E-mail: studiopogliani@tiscalinet.it via G. Reni 10 Franco Fontana. Antologica ● fino a/until 21.1.2001 Zürich Giorgio Armani
● fino a/until 25.1.2001 ● 10.1.2001-13.6.2001 Scavi Scaligeri Cortile Tribunale Robert and Sonia Delaunay ● fino a/until 26.1.2001 Solomon R. Guggenheim Museum
Aligi Sassu. Disegni dal carcere Corso d’antiquariato piazza dei Signori Museu Picasso de Barcelona Typotektur - Architektonisch 1071 Fifth Avenue
Fondazione Corrente Istituto Quasar, via Nizza 152 T +39-0458007490 Montcada 15-23 behandelte Schriften im Plakat T +1-212-4233500
via Carlo Porta 5 T +39-068557078 Vicenza T +34-93-3196310 Museum für Gestaltung ● fino a/until 25.2.2001
T +39-026572627 E-mail: quasar@istitutoqasar.com ● 27.1.2001-25.3.2001 ● fino a/until 28.1.2001 Limmastrasse 57 Sol LeWitt. A Retrospective
Modena http://www.istitutoquasar.com Alessandro Mendini tra le arti Mark Rothko T +41-1-4462288 Whiney Museum of American Art
● 21.1.2001-11.3.2001 ● fino a/until 19.2.2001 fino a/until 31.1.2001 Fondació Joan Miró ● fino a/until 4.3.2001 945 Madison Avenue at 75th Street
Il corpo nell’arte dal XVII al XX Michael Wesely Paul Jenkins Parc de Montjuïc Das Brasilien der T +1-212-5703633
secolo. Disegni dell’Accademia di Primo Piano Associazione Culturale Basilica Palladiana, piazza dei Signori T +34-93-4439470 Architektin Lina Bo Bardi ● fino a/until 28.1.2001
Belle Arti di Vienna via Panisperna 203 Vigevano Bilbao Museum für Gestaltung Zürich Art Nouveau 1890-1914
28.1.2001-25.3.2001 T +39-064880309 ● fino a/until 14.1.2001 ● fino a/until 28.1.2001 Ausstellungsstrasse 60 fino a/until 25.2.2001
Domenico Gnoli. Una retrospettiva ● fino a/until 22.1.2001 Le sedie di Giotto Stoppino Changing Perception: the Panza T +41-1-4462211 Prints Abound: Paris in the 1890’s
GCM-Galleria Civica di Modena Herb Ritts Castello di Vigevano Collection at the Guggenheim ● fino a/until 27.1.2001 National Gallery of Art
Palazzo Santa Margherita Palazzo delle Esposizioni Guggenheim Museum Robert Wilson. Three Installations Fourth Street at Constitution Avenue
corso Canalgrande 103 via Nazionale 194 Lussemburgo/Luxemburg Avenida Abandoibarra 2 Annemarie Verna Galerie T 1-202-8426353
T +39-059206919 Rovereto Luxembourg T +34-94-4359008 Neptunstrasse 42 ● fino a.until 17.6.2001
Napoli ● fino a/until 18.3.2001 ● fino a/until 11.2.2001 T +41-1-2623820 Jorge Pardo: Project
● fino a/until 1.2.2001 Automi, fantocci, marionette, ballerine Works From the Collection of Annick Svezia/Sweden ● fino a/until 28.1.2001 DIA Center for the Art
Studium. Disegni e progetti fino a/until 18.3.2001 and Anton Herbert Stockholm Max Cole 542 West 22nd Street
Framart Studio Metapolis. Flamand - Hadid. Forum d’Art du Casino Luxembourg ● fino a/until 14.1.2001 Haus für konstruktive Konkrete Kunst T +1-212-9895566
via Nuova San Rocco 62 Danza - Architettura 41, rue Notre Dame Oscar Niemeyer Seefeldstrasse 317 ● 25.1.2001-24.2.2001
T +39-0817414672 Archivio del ‘900 T +352-225045 Arkitekturmuseet T +41-1-3813808 Greg Colson
Omegna di Verbania Museo di Arte Moderna e Skeppsholmen 111 Sperone Westwater
● fino a/until 7.1.2001 Contemporanea di Trento e Rovereto Paesi Bassi/The Netherlands Te +46-8-58727000 Ungheria/Hungary 121 Greene Street
Nel segno del gioco corso Rosmini 58 Amsterdam Budapest T +1-212-4313685
Fondazione Museo Arti e Industria T +39-0464-438887 ● fino a/until 11.1.2001 Svizzera/Switzerland ● fino a/until 31.1.2001 Pittsburgh
Parco Rodari 1 Torino Light! Art, Technology and Society Appenzell 30 Years After. International ● fino a/until 11.2.2001
T +39-323866141 ● fino a/until 21.1.2001 in the Industrial Age, 1750-1999 ● fino a/until 25.3.2001 Exhibition of Architects and Artists Aluminum in Contemporary
Padova Pedro Cabrita Reis Van Gogh Museum Carl Walter Liner. Wege zur Kévés Studio Gallery Architecture
● fino a/until 20.1.2001 GAM-Galleria d’Arte Moderna Postbus 75366 Abstraktion 1949-1959 Baross Street 131 Carnegie Museum of Art
Sull’orlo del terzo millennio. via Magenta 31 T +31-20-5705200 Museum Liner Appenzell T +36-1-2107432 4400 Forbes Avenue
Meneghetti. Antologica 1954-2000 T +39-0115629911 Groningen Unterrainstrasse 5 T +1-412-62231314
Palazzo della Ragione ● fino a/until 4.2.2001 ● fino a/until 25.3.2001 T +41-71-7881800 USA/USA ● fino a/until 31.7.2001
T +30-0498205006 Michelangelo Pistoletto Viktor & Rolf. Haute Couture Basel Chicago Visual Sound Part 1
● fino a/until 29.4.2001 Palazzina Promotrice delle Belle Arti Fashion Photography 1995-2000 ● 21.1.2001-27.1.2001 ● fino a/until 18.2.2001 Mattress Factory Museum
Giotto e il suo tempo Parco del Valentino, via Crivelli Groningen Museum SWISSBAU01 Gilbert & George “1999” 500 Sampsonia Way
Musei Civici agli Eremitani e altre T +39-011-4429603 Museumeiland 1 Messe Basel, P.B., CH-4021 Basel MCA T 1-412-2313169
sedi deputate in città ● fino a/until 14.1.2001 T +31-50-3666555 T +41-616862020 220 East Chicago Avenue Saint Louis
T +39-0498204547 Luci in galleria. Da Warhol al 2000 Rotterdam E-mail: swissbau@messebasel.ch T +1-312-2802660 ● fino a/until 10.2.2001
Palermo Gian Enzo Sperone ● fino a/until 14.1.2001 http://www.swissbau.ch Los Angeles Architect of Form and Spirit: Eric
● 18.1.2001-28.2.2001 via Cavour 8 Contemporary Japanese Genève ● fino a/until 7.1.2001 Mendelsohn in Saint Louis
Emilio Isgrò ● fino a/until 25.3.2001 Architecture, Urban Design and ● fino a/until 4.3.2001 Live Dangerous COCA-Center of Contemporary Art
Cantieri della Zisa Arte povera in collezione Landscape Architecture La création du monde. Fernand UCLA Hammer Museum 524 Trinity Avenue
via Paolo Gili 4 Castello di Rivoli Museo d’Arte Nederlands Architectuurinstituut Léger et l’art africaine 10899 Wilshire Boulevard T +1-314-7256555
T +39-0916524942 T +39-0119565209 Museumpark 25 Musée d’Art e d’Histoire T +1-310-44437020 San Francisco
Parma Treviso T +31-10-4401200 10, rue Charles Galland ● fino a/until 25.2.2001 ● fino a/until 4.3.2001
● fino a/until 21.1.2001 ● fino a/until 14.1.2001 Tilburg T +41-22-4182600 Frederick Kiesler Endless Space Hiroshi Sugimoto: Architecture Series
Ettore Sottsass: 28 progetti con La nascita dell’impressionismo ● fino a/until 28.8.2001 Lausanne MAK Center-Schindler House fino a/until 4.3.2001
Andrea Fedeli Casa dei Carraresi Marien Schouten ● fino a/until 24.1.2001 N. Kings Road West Hollywood Selection from the Permanent
Palazzo Pigorini via Palestro 33/35 De Pont Foundation for Jørn Utzon T +1-323-6511510 Collection of Architecture and Design
T +39-0521218914 T +39-043821306 Contemporay Art Département d’Architecture de ● fino a/until 21.1.2001 fino a/until 15.1.2001
Prato Trieste Wilhelminapark 1 l’Ecole Polytechnique Federale Paul McCarthy Double Features: New Yorks by Nick
● fino a/until 1.2.2001 ● fino a/until 31.1.2001 T +31-13-5438300 Avenue de l’Eglise anglaise 12 MOCA Crowe and Gary Hill
Yves Klein Dressed Objects Sculptures. Adelle T +41-21-6933231 250 South Grand Avenue 1.1.2001-2.3.2001
Centro Arte Contemporanea Luigi Lutz & David Byrne Portogallo/Portugal Lugano T +1-213-6212766 01.01.01: Art in Technological Times
Pecci-Museo d’Arte Lipanjepuntin Arte Lisboa ● fino a/until 31.3.2001 Minneapolis SFMOMA
viale della Repubblica 277 via Diaz 4 ● fino a/until 4.3.2001 Columbus: il mobile metallico tra ● fino a/until 11.3.2001 151 Third Street
T +39-05745317 T +39-040308099 Co-laboraçoes: arquitectos/artistas Italia e Svizzera Glenn Ligon T +1-415-3574000
Reggio Emilia Udine Sala Jorge Vieira Pavilhão Exposições Galleria Gottardo Walker Art Center Washington
● 14.1.2001-18.2.2001 ● finoa/until 30.4.2001 Parque des Nações viale Stefano Franscini 12 Vineland Place ● 28.1.2001-22.4.2001
Ottorino Davoli Le Arti a Udine nel Novecento T +351-21-8919333 T +41-91-8081988 T +1-612-3757651 Alfred Stieglitz and Modern
Musei Civici Galleria d’Arte Moderna ● fino a/until 28.2.2001 New York Art in America
via Secchi 3 piazzale Paolo Diacono 22 Spagna/Spain Daniel Buren fino a/until 29.1.2001 National Gallery of Art
T +39-0522456477 T +39-0432295891 Barcelona Studio d’Arte Dabbeni Collection Highlights Fourth Street at Constitution Avenue
Rimini Venezia ● fino a/until 28.1.2001 corso Pestalozzi 1 MoMA–Museum of Modern Art T +1-202-8426353

24 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 25


monumental classical building to be
completed. And in modern times it
spent 20 years debating how to
accommodate the ever expanding
British Library, originally
accommodated in the round reading
room constructed in the middle of
what Smirke had designed as an
open courtyard at the centre of the
museum which he believed would be
used to cultivate exotic botanical
specimens. But the creation of the
new Great Court at the heart of the
museum by Norman Foster has been
both radical, and rapid.
When the library, made famous as a
reading room patronised by
generations of scholars and
revolutionaries, moved into a new
building of its own, the Museum was
British Museum: la Corte di Foster faced with the problem of how to
deal with this whole at its heart.
Norman Foster’s $150 million
Nel corso della sua storia, il British sezione e l’altra del museo. La nuova competition winning design, built
monitor

Museum si è mosso quasi sempre corte cambierà questo stato di cose with the help of the British lottery
con grande lentezza. Ci vollero quasi e permetterà ai visitatori di orientarsi creates a magnificent new public
trentacinque anni per costruire il e di muoversi con agio e tranquillità. space for the museum. With more
monumentale edificio in stile classico A differenza della soluzione ideata da than 5 million visitors each year, the
progettato da Sir Robert Smirke. E I.M. Pei per il Louvre a Parigi, la corte galleries at the museum have until
nei tempi moderni ci sono voluti del British Museum non costringerà i now been used as overcrowded
vent’anni di discussioni per decidere visitatori a scendere per poi risalire, circulation routes between one part
la sistemazione della British Library in perché si trova allo stesso livello del of the museum and another. The new
continua espansione: in origine la piano principale del museo. Foster ha courtyard will change all that,
biblioteca era collocata nella sala di trasformato l’antica sala di lettura, allowing visitors to orientate
lettura circolare, costruita in mezzo accuratamente conservata, in un themselves in a calm, civilised urban
alla corte che Smirke aveva oggetto architettonico posto al space. And unlike I.M. Pei’s
disegnato al centro del museo e che centro dello splendido tetto che comparable work for the Louvre in
egli pensava sarebbe stata usata per ricopre la corte: un tetto che ha la Paris, the British Museum’s
coltivare esemplari di specie forma di un cuscino di vetro e ricorda courtyard does not force visitors to
botaniche esotiche. La creazione il lavoro svolto un tempo da Foster go down, only to come up again, but
della nuova Grande Corte di Norman con Buckminster Fuller. È fatto di più is on the same level as the principle
Foster è stata invece rapida e di tremila pannelli di vetro, e non ce floor of the museum. Foster has
radicale. Mentre la biblioteca, famosa n’è uno esattamente uguale all’altro: turned the carefully preserved
per essere stata frequentata da una prodezza resa possibile dai reading room into an architectural
generazioni di studiosi e di recenti progressi dell’informatica. Ma object at the centre of a magnificent
rivoluzionari, veniva spostata in un Foster ha impiegato anche tecniche glass pillow shaped roof, that seems
nuovo edificio a sé stante, si dovette molto più tradizionali. Ha ricostruito il to recall the work that Foster once
affrontare il problema di come portico classico – che era stato did with Buckminster Fuller. There
trattare questa parte situata nel cuore demolito al tempo in cui fu costruita are more than 3000 individual glass
del complesso. Il progetto del valore la sala di lettura – dotando così la panels, no two of them exactly the
di 150 milioni di dollari dovuto a città di un nuovo spazio bello e same, a design feat only made
Norman Foster, che ha vinto il nobile. Dietro il tamburo rivestito di possible by recent advances in
concorso ed è stato realizzato con i pietra ha poi creato una serie di computing power. At the same time
fondi della lotteria nazionale, ha terrazze-ristorante e sotto la corte Foster has worked with much more
creato un nuovo e magnifico spazio. una nuova sala per conferenze. traditional techniques, he
I visitatori sono più di cinque milioni Foster’s court For most of its reconstructed the classical portico
l’anno, e finora le varie gallerie erano history the British Museum has demolished when the reading room

Phil Sayer
state usate anche come percorsi di moved very slowly. It took almost 35 was created to make a dignified,
circolazione sovraffollati fra una years for Sir Robert Smirke’s urbane new space.

Uno spettacolare, nuovo spazio nel


cuore del British Museum, sia
dall’interno a sinistra, che all’esterno
A spectacular new space at the heart
Valencia/33

of the British Museum, both from the


inside, left, and outside
Foster/28
FS/30

28 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 29


Le grandi stazioni rimesse a nuovo Vetro, solido elastico quasi perfetto
frequentatori (bar, ristoranti, complexes that are to a large extent Le proprietà ottiche e materiche del quotidianità, che tuttavia, per la loro One need only look at the new
drugstore, edicole, librerie, aree listed monuments. Projects will thus vetro, soprattutto la sua trasparenza bellezza, acquistano anche un valore collection by Leonardo, a trademark
dedicate a manifestazioni culturali). be focused primarily on passenger e la sua capacità di essere modellato ornamentale. Ne fanno parte teiere di set up in 1972 by the firm Glaskoch
Saranno ripensati anche i punti di facilities (ticket offices, information nelle forme più complesse, hanno Enzo Mari, Alessandro Mendini e (founded in 1859 by Benedikt Koch).
interscambio con gli altri mezzi di bureaux, waiting rooms, etc), but also ispirato artigiani e progettisti sin da Michael Graves, bicchieri da vino e The firm is one of the best-known in
trasporto (parcheggi auto, on other people wishing to frequent quando i primi oggetti in questa decanter disegnati da Ross Germany, with a catalogue of over
collegamenti con i trasporti urbani, station bars, restaurants, drugstores, materia vennero realizzati in Lovegrove, bottiglie e ciotole 1250 articles on which internationally
centri di noleggio auto, ecc). Il kiosks, bookshops and areas Mesopotamia. Ancora oggi il vetro è interpretate con il suo consueto famous designers have now been
programma degli interventi è guidato allocated to cultural events. The al centro dell’interesse e campo di minimalismo sensuale da Karim invited to collaborate.
da Grandi Stazioni (progetto FS) per il points of interchange with other sperimentazione per progettisti e Rashid. Il fascino del vetro continua a The new designs once again concern
40% e da una cordata di imprenditori means of transport (car parks, urban fabbricanti. Ne è una riprova la nuova mietere vittime. Per l’Italia: ordinary objects, whose beauty
che tra gli altri annovera Benetton, transport links, car hire centres, etc) collezione Leonardo, un marchio Metamorfosi, T 0142925493. however also gives them an
Pirelli, Caltagirone, SNCF (Ferrovie will also be reconsidered. 40% of the creato nel 1972 dalla società Glass, solid elastic and ornamental value. Among these are
francesi): il concept progettuale è works programme is being run by Glaskoch (fondata nel 1859 da near-perfect The optical and teapots by Enzo Mari, Alessandro
dell’architetto Marco Tamino. Grandi Stazioni (progetto FS) and the Benedikt Koch), uno dei più textural properties of glass, notably Mendini and Michael Graves, wine
Big stations renovated Italian rest by a team of entrepreneurs that conosciuti in Germania, con un its transparency and its remarkable glasses and decanters designed by
Railways has announced in grand include Benetton, Pirelli, Caltagirone catalogo di oltre 1250 articoli, al ductility have inspired craftsmen ever Ross Lovegrove, and bottles and
style the total restructuring of its and French Rail (SNCF). The project quale ora sono stati chiamati a since the earliest artefacts in this bowls interpreted, with his customary
twelve most important stations. Turin, concept is by the architect Marco collaborare progettisti di fama material were created in sensual minimalism, by Karim Rashid
La Stazione Centrale di Milano farà parte del progetto Grandi Stazioni Genoa, Milan, Verona, Mestre, Venice, Tamino. internazionale. Mesopotamia. Today glass is still a The charm of glass continues to
The Milano Central Station will be part of the project Grandi Stazioni Bologna, Florence, Naples, Bari and Le nuove proposte riguardano Teiera di Michael Graves per Leonardo focus of interest and experimentation capture attention. For Italy:
Palermo, after Rome’s Termini station, Santa Maria Novella, di Giovanni ancora una volta oggetti della Michael Graves’s tea pot for Leonardo for designers and manufacturers. Metamorfosi, T 0142925493.
Michelucci, Firenze
Totale ristrutturazione, annunciata in dirigerli a una più aperta fruizione, are to be completely renovated. The
Santa Maria Novella, by Giovanni
grande stile dalle Ferrovie dello Stato, dallo shopping agli appuntamenti idea is to transform these historic
per le dodici più grandi stazioni
italiane. Torino, Genova, Milano,
culturali. Il lifting intrapreso in
contemporanea dovrà terminare,
places of departure and arrival into
“meeting-piazzas”; to rescue them
Michelucci, in Florence
Premiare l’eredità del genio
Verona, Mestre, Venezia, Bologna, secondo le previsioni, nel 2003. from their condition as “non-places” Sarebbe stato contento l’infelice, Hadid, Paolo Portoghesi e perfino Awards to the inheritance of a jury members, for the “arrived” are
Firenze, Napoli, Bari e Palermo, dopo Ovviamente l’entità dei lavori terrà and steer them towards a more tormentato e asociale Borromini di Luciano Benetton: per gli emergenti, genius Would the unhappy, Jean Baudrillard, Jean Louis Cohen
la stazione Termini di Roma, saranno conto di complessi per gran parte comprehensive and open use by the veder riconosciuto in suo nome il Shigeru Ban, Carme Pinos e tormented and unsociable Borromini (France), Richard Rogers, Zaha
completamente rinnovate. L’idea è sotto vincolo dei Beni Culturali; gli public, for anything from shopping to valore civile dell’architettura Domenico Cecchini (assessore del have been pleased to see the Hadid, Paolo Portoghesi and even
quella di trasformare questi storici interventi si focalizzeranno sulle cultural engagements. The combined contemporanea? Probabilmente sì, Comune di Roma), tra gli altri. civilised values of contemporary Luciano Benetton: for the up-and-
luoghi di partenza e di arrivo in strutture dedicate ai viaggiatori facelift is scheduled for completion by se si guarda ai nomi che Promotore, il Comune di Roma, con architecture recognized in his name? coming, Shigeru Ban, Carme Pinos,
‘piazze’ per l’incontro; strapparli alla (biglietterie, uffici informazioni, sale 2003. Obviously the bulk of the work compongono l’ampio gruppo di in testa l’ex-sindaco Rutelli: Probably yes, if one looks at the Domenico Cecchini (a Rome city
condizione di “non luoghi” per d’attesa, ecc), ma anche ai will have to take into account lavoro messo insieme per assegnare organizzatore, il gruppo “Zone names that make up the broad councillor), among others. The
questa primavera due riconoscimenti Attive”. Ma quali sono i valori working group assembled to assign promoter is the Rome City Council,
a edifici preclari (Premio Borromini) e promossi dal Premio? La parola two awards this spring to eminent led by former Mayor Rutelli. The
La teoria dopo la pratica a opere realizzate da progettisti “nati
a partire dal 2 gennaio 1960” (Premio
d’ordine potrebbe essere sintetizzata
in “globalizzazione politically
buildings (Borromini Prize) and to
built works by architects “born not
organiser is the “Zone Attive” group.
But what are the values promoted by
Ogni anno la società FSB affida a un collana sul design della maniglia, alla manufacturer FSB publishes a book Fair. By now they constitute a Borromini Giovani). I ‘segnalatori’, correct”: nel bando si parla infatti di earlier than 2 January 1960” the Prize? The password might be
libro il compito di fare riflettere su un quale hanno collaborato numerosi that tries to persuade us to think definitive encyclopaedia on the personalità del panorama culturale “promuovere opere di ambiti (Borromini Prize for Young summed up as “politically correct
oggetto molto usato, quasi sempre autori e molti progettisti. L’edizione about an object that we use subject of handle design, with internazionale che indicheranno geografici e culturali diversi”, Architects). The ‘mentioners’, globalisation”. The competition brief
con indifferenza: la maniglia. del 2000 è firmata da André constantly, but hardly ever notice: contributions from numerous authors ciascuno segnalazioni per il primo e “attivare processi di trasformazione personalities from the international in fact talks about “fostering works in
All’azienda tedesca non fa difetto la Wogenscky, allievo e collaboratore di the door handle. The German firm and designers. The 2000 edition is by candidature per il secondo, vanno da sociale, culturale ed economica da cultural panorama who will each different geographic and cultural
pratica: dispone infatti di un catalogo Le Corbusier. Il titolo è quanto mai certainly has no lack of experience, André Wogenscky, a pupil and Anand Bhatt (India) a Jacqueline cui trarre vantaggi diffusi e indicate two names for the first and areas, “sparking processes of social,
esaustivo sull’argomento, con indicato: Le Corbusiers Hände - Les having an exhaustive catalogue collaborator of Le Corbusier. Its Burckhardt (Svizzera), fino a David condivisi”, “partecipazione e candidatures for the second, range cultural and economic transformation
contributi dei più famosi designer. Nel Mains de Le Corbusier, Editions de devoted to this product, many of intriguing and highly suggestive title Greene (UK) e Didier Fiuza Faustino condivisione come condizioni per ri- from Anand Bhatt (India) to from which to derive widespread and
1987 ha deciso di fare seguire alla Grenelle. Le immagini, gentilmente them the work of leading designers. is: The Hands of le Corbusier, (Portogallo); il Comitato per la costituire una forte identità civica”. Jacqueline Burckhardt (Switzerland), shared advantages”, “involvement
pratica la teoria, affidando a Otl concesse dalla Fondation Le In 1987 it decided to follow up distributed by Editions de Grenelle. Promozione del Premio, che ha il La figura ideale del partecipante to David Greene (UK) and Didier and sharing as conditions for re-
Aicher e Robert Kuhn una prima Corbusier, accompagnano le practice with theory, commissioning The author’s reflections on the compito di facilitare i contatti con pare dunque quella del citoyen- Fiuza Faustino (Portugal); the Prize establishing a strong civic identity.
riflessione sull’argomento, riflessioni dell’autore su temi cari al Otl Aicher and Robert Kuhn to master’s cherished themes are istituzioni e individui “opinion leader” architecte, un po’ giacobino ma Promotion Committee, whose task is The ideal participant thus seems to
concretizzatasi nel libro Greifen und maestro e ricordano come uno dei conduct an initial survey of the field. accompanied by illustrations, per la promozione dei valori del comunque capace di districarsi negli to facilitate contacts with institutions be the citoyen-architecte, a bit of a
Griffe. Succedutesi con cadenza suoi landmark preferiti fosse proprio The result was published in the book courtesy the Fondation le Corbusier, Premio, comprende gli italiani, Luigi impacci di una committenza sempre and opinion leaders for the Jacobin perhaps, but nonetheless
pressoché annuale, le pubblicazioni la mano, strumento di misura e di Greifen und Griffe. Since then FSB’s and recall that one of his favourite Prestinenza Puglisi e Francesco più esigente. Per saperne di più, promotion of the values capable of picking his or her way
FSB presentate ogni anno alla conoscenza. publications have been coming out landmarks was in fact the hand, an Garofalo. Tra i giurati, per gli ‘emersi’ tutte le informazioni sulle modalità contemplated by the Prize, include through the obstacles posed by
Buchmesse di Francoforte Theory after practice Each year more or less annually and have even instrument of measure and of Jean Baudrillard, Jean-Louis Cohen del concorso nel sito the Italians, Luigi Prestinenza Puglisi increasingly demanding clients.
costituiscono oramai una sorta di the German ironmongery been presented at the Frankfurt Book knowledge. (Francia), Richard Rogers, Zaha www.premioborromini.com. and Francesco Garofalo. Among the www.premioborromini.com.
Un’illustrazione tratta da Le
Corbusiers Hände - Les Mains de Le
Corbusier, ©2000 Franz Schneider
Brakel, Editions de Grenelle
A picture from Le Corbusiers Hände -
Les Mains de Le Corbusier, ©2000
Franz Schneider Brakel, Editions de
Grenelle

30 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 31


Corsi-Ars Nova Salone del mobile di Parigi Biennale di Valencia: la città intera
Ars Nova – accademia delle arti Classico e moderno, fotografati nella (coinvolti sul tema ‘lussuoso’). Tra gli Pillet who, for the “Toward new Un sole che scalda, anche a gennaio.
multimediali di Siena promuove un loro ‘evoluzione’, saranno di scena eventi collaterali da segnalare il dwelling models” section, La tentazione, appagata, di
Corso di progettazione con artisti e dall’11 al 15 gennaio 2001 al Salon premio “Creatore dell’anno”, summoned Ronan Bouroullec, camminare con i piedi a mollo nel
designer dal titolo “Strumenti e du meuble de Paris, a Paris Expo assegnato a Maarteen van Severen; il Konstantin Grcic, Ross Lovegrove, Mediterraneo, con l’occhio fisso su
oggetti per il paesaggio urbano” con (Porte de Versailles). Il primo al 19° “Number One” di una lista che Thomas Sandell, Marco Sousa quei dinosauri architettonici che di
l’obiettivo di formare figure Village, il secondo, in versione comprende i più grandi nomi del Santos (all of whom worked on the gran carriera vanno formando la Città
professionali sull’arte del progetto e ‘design’ e ‘avanguardismo’ saranno design contemporaneo. ‘elementary’ theme) and Carlo delle Arti e della Scienza, firmata
nello stesso tempo di fornire anche a ospitati da Metropole, curata da Paris furniture show Classic and Colombo, Rodolfo Dordoni, Piero dall’architetto, profeta in patria,
chi non ha una specifica formazione Christophe Pillet, che nella sezione modern, photographed during their Lissoni, William Sawaya and Renaud Santiago Calatrava.
accademica l’occasione di “Verso nuovi modelli dell’abitare” ha ‘evolution’, will be on the scene from Thiry (committed to the ‘luxury’ Ci si aspetterebbe di vedere di scena
partecipare alla progettazione di chiamato Ronan Bouroullec, the 11th to the 15th of January 2001 theme). Worthy of note among qui, nel greto deviato del fiume
installazioni per lo spazio pubblico Konstantin Grcic, Ross Lovegrove, at the Salom du meuble in Paris, at collaterial events was the “Creator of cittadino – che più a monte ospita un
lavorando con designer e artisti, Thomas Sandell, Marco Sousa Paris Expo (Porte de Versailles). the year” prize, awarded to Maarteen rigoglioso verde pubblico, strutture
architetti e grafici. Santos (impegnati sul tema The former at the Village, the latter, in van Severen – the 19th “Number per la comunità alternate a campi di
Per informazioni e iscrizioni: ‘elementare’) e Carlo Colombo, a ‘design’ and ‘avantgardism’ One” on a list that includes the calcio – tutta l’attività culturale ed
Ars Nova - Accademia delle arti Rodolfo Dordoni, Piero Lissoni, version, will be hosted at the greatest names in contemporary espositiva cittadina.
multimediali, via di Città 126 - 53100 William Sawaya e Renaud Thiry Metropole, curated by Christophe design. La prossima prima edizione della
Siena, Italia. T +39-0577226517 Maarten van Severen, createur de Biennale di Valencia, invece, ci
F +39-0577219564. l’année al Salon du Meuble di Parigi ricorda che il moderno “Campo dei
http://www.arsnovasiena.org Maarten van Severen designer of the Miracoli” dell’ingegnere architetto è
Ars Nova Courses Ars Nova – the year at the Salon du Meuble in Paris solo l’ultimo atto rappresentativo di
multimedia arts academy in Siena – una città che risponderà, intera, alla
is promoting a design course with “chiamata delle arti”: dall’Almudín ai
artists and designers, titled capannoni del Porto, dalla Gallera al
“Instruments and objets for the urban Convento del Carmen, dalle
landscape”. Atarazanas ad altri nodi cittadini, dai
Its object is to train professionals in quali partiranno messaggi e saranno
the art of design and at the same captate risposte.
time also to give those with no Il progetto della Biennale – aperta al
specific academic background an pubblico dal 13 giugno al 20 ottobre
opportunity to take part in the 2001 – è curato dall’avventuroso
designing of installations for public Luigi Settembrini, che ha segnato
space by working with designers and parecchi punti, l’anno scorso, con
artists, architects and graphics. Spazio Milano, promosso dal Salone
For information and enrolment: Internazionale del Mobile di Milano,
Ars Nova - Accademia delle arti la cui prima operazione è stata
multimediali, via di Città 126 - 53100 “Stanze e Segreti”.
Siena, Italia. T +39 0577226517 Curatore artistico è Franco Laera, già A whole city behind the latest act in the representation of a who has already been the promoter
F +39 0577219564. promotore di numerosi eventi Valencia Biennale With warm sun city that will respond in its entirety to of numerous cultural events involving
http://www.arsnovasiena.org culturali nei quali troviamo even in January, the temptation to a “summons to the arts”. such prominent figures as Robert
personaggi cruciali quali Robert paddle in the Mediterranean can be From Almudín to the warehouse Wilson (who will be directing the
Wilson (che alla Biennale curerà la satisfied while gazing at the sheds of the Port, from the Gallera to “Russian Madness” exhibition at the
mostra “Russian Madness”), Peter architectural dinosaurs now rapidly the Carmen Convent, and from the Valencia Biennale), Peter Greenaway
Tornano le buone idee Greenaway (che sarà curatore
artistico di “Corpo et Peccato, l’arte
shaping Santiago Calatrava’s City of
Arts and Science.
Atarazanas to other key urban sites
from which messages will go out and
(who will be art director of “Body and
Sin, the Art and Virtue of
Recentemente abbiamo notato una della lampada – fosse stata disegnata form of a curious looking illuminated form rather than standard version, e la virtù della comunicazione”, One might have expect to find here, answers be received. Communication” – under the general
lampada a sospensione a forma di da Davide Groppi e Alberto Zattin. meringue presented by its had been designed by Davide Groppi curatore generale Achille Bonito in the bed of the city’s diverted river – The Biennale project – open to the direction of Achille Bonito Oliva);
meringa, presentata dal fabbricante È stato un errore in buona fede, un manufacturer as a brand new product. and Alberto Zattin. So was this a case Oliva), Philip Glass, Ryuichi which further downstream is host to public from 13 June to 20 October Philip Glass, Ryuichi Sakamoto and
come un prodotto assolutamente caso di telepatia o di spiritismo? E Clearly he must have been suffering of honest error, telepathy, or a Sakamoto, Umberto Eco: il tema a luxuriant public garden and 2001 – is directed by the Umberto Eco. The theme of the first
nuovo. Deve avere avuto un vuoto di rientra in una tendenza più generale? from a momentary lapse of memory; spiritualist medium at work? And is it della prima edizione sono le community structures alternating adventurous Luigi Settembrini, who edition is the Passions, or human
memoria. Invece di attribuirla a Poul Enzo Mari ama dire che sul mercato si and instead of crediting Poul part of a more general trend? As Enzo Passioni, ovvero i vizi e le virtù with playing fields – the whole of the scored several points last year, with vices and virtues (universal ethics of
Christiansen, che produsse la imbatte continuamente in idee di Christiansen, who produced the Sinus Mari likes to say, he is constantly umane (universali etici del pensiero city’s cultural and exhibition scene. Spazio Milano, promoted by the classical thinking), interpreted by 150
lampada Sinus Line per Le Klint di design che da tanto tempo lui ha già Line for Le Klint of Odense in the late coming across design ideas appearing classico), interpretati da 150 Instead, the forthcoming edition of Milan International Furniture Fair, protagonists of creative culture
Odense alla fine degli anni Sessanta, provato e scartato. 1960s, this manufacturer was under in the market place that look like long protagonisti della cultura creativa the Valencia Biennale is a reminder whose first operation was worldwide. We look forward to the
il fabbricante ha pensato che Good ideas keep coming back the impression that Spumone as the lost versions of things that he has mondiale. Aspettiamo i risultati. GT that the architect-engineer’s modern “Stanze e Segreti”. results. GT
“Spumone” – questo è oggi il nome We recently spotted a lamp in the lamp is now being called, albeit in already tried and discarded. www.bienaldevalencia.com “Campo dei Miracoli” is only the The artistic curator is Franco Laera, www.bienaldevalencia.com
A sinistra Sinus Line, di Poul Due luoghi della prossima Biennale di
Christiansen, produzione Le Klint, Valencia: Las Atarazanas (sopra)
Odense, fine anni Sessanta; e El Almudín (sinistra)
a destra Spumone di Davide Groppi e Two sites of the next Valencia
Alberto Zattin, produzione Davide Biennale: Las Atarazanas (above)
Groppi, 2000 and El Almudín (left)
Left Sinus Line, design Poul
Christiansen, by Le Klint, Odense, late
1960s; right, Spumone design Davide
Groppi and Alberto Zattin, by Davide
Groppi, 2000

32 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 33


Junk
space
Le scoperte fatte da Rem
Koolhaas studiando le forme
dello shopping sono il tema
portante di “Mutations”,
la sua ultima mostra in corso
a Bordeaux
Rem Koolhaas’s discoveries in
the shopping mall form a major
theme in his new exhibition,
“Mutations” at Bordeaux
Fotografia di/Photography by
Phil Sayer

32 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 33


Qua e là, alla svolta tra Diciannovesimo e Ventesimo profezie pronunciate da due intelligenti di intellettuali, siamo istintivamente critici? Fino agli shopping e definiti dallo shopping.
secolo, troviamo varie invenzioni che hanno a che commercianti al minuto, data l’enormità degli anni Sessanta o Settanta questa distanza critica era Diventano centri commerciali con propri abitanti in
fare con la crescita del livello di artificialità e con la investimenti annui ancora in espansione, è che “tra una posizione plausibile nei confronti del fenomeno essi confinati, che costituiscono la logica del centro
crescita del livello di efficienza, come la struttura dieci anni, il 50/75% della vendita al minuto sarà dello shopping; eppure oggi quella distanza si va commerciale così come il centro commerciale
d’acciaio, che ha generato una sempre maggiore scomparso”. E questo rappresenta un facendo sempre più piccola, quando non costituisce la logica della città. Anche la residenza
efficienza produttiva; l’ascensore, che ci ha interessantissimo problema per l’architettura, impossibile. Semplicemente perché siamo tutti oggi è inevitabilmente inserita in questo mondo.
permesso di moltiplicare i piani e renderli accessibili; dato che significa un enorme numero di invasi da questo fenomeno. E ritengo dunque molto Dobbiamo stare molto attenti al nostro scetticismo
e la luce al neon, un’altra importantissima ristrutturazioni necessarie. probabile che, come non si può essere critici nei nei confronti, per esempio, delle megastrutture, e
invenzione che appare intorno al 1913. Tutte queste Cosa vogliono dire queste profezie, quali processi confronti dell’ossigeno, non lo si può essere nei allo scetticismo nei confronti di tutta una serie di
invenzioni, in un modo o nell’altro, hanno dato luogo innescano? È ciò che si chiede il consumatore. Lo confronti dello shopping. Oppure forse critici si può invenzioni e gesti urbanistici che negli anni
all’atmosfera tecnica in cui lo shopping ha potuto shopping all’inizio era un’attività molto facile: essere: ma non si può più stabilire lo stesso grado di Sessanta tentarono di creare forme più aggiornate
realmente iniziare il suo boom. elaborava seduzioni sempre nuove e in termini di indipendenza. di complesso urbano e forme più aggiornate
Nessuna invenzione ha però l’importanza e scelta offriva una sua specie di ricchezza. Uno dei momenti in cui questa invasione da parte di integrazione. Nel corso degli ultimi tre decenni
l’incisività della scala mobile sul fenomeno dello Recentemente, però, ha raggiunto un punto di dello shopping è evidentissima è Las Vegas, sia in in certo qual modo le abbiamo sepolte nel ridicolo.
shopping. In contrapposizione con l’ascensore (che saturazione; la curva di crescita della sua redditività senso stretto sia come sintomo di ciò che è Ma in altre parti del mondo esse sono
ovviamente ha un limite nel numero di persone che ha toccato in certo qual modo il culmine e oggi lo avvenuto alla città. In contrapposizione al candore decisamente vigorose.
può trasportare tra piani differenti) la grande virtù shopping si trova in una condizione molto più critica, della lettura di Venturi all’inizio degli anni Settanta, in L’architettura dello shopping è nettamente vilipesa
della scala mobile consiste nel fatto che può che lo costringe a inseguire il cliente. cui si faceva la mappa dello ‘strip’ e si era in grado di perché si riduce a un diagramma, e a un diagramma
accogliere e combinare qualunque flusso, creare Mentre la città era definita essenzialmente dalla identificare una quantità di coerenze formali, del genere più elementare: shopping, parcheggio e
transizioni quasi inavvertibili tra un piano e l’altro, polarità tra pubblico e privato (dove il pubblico era il tipologie formali e regole certe, oggi Las Vegas si è relative infrastrutture. È il diagramma nella forma più
grazie alla sua efficienza che in molti casi cancella tessuto connettivo più o meno neutrale e civile di trasformata in un unico arazzo di shopping: questo semplice, banale, senza scampo. Una delle nostre
materialmente la distinzione tra i piani. una serie di elementi privati, che andavano dal invade ogni altro linguaggio e ogni altro programma, tragedie, come architetti, è che siamo incapaci di
Si potrebbe dire che fu proprio la scala mobile a residenziale ad altri universi controllati – secondo un in cui l’insieme non è più suddiviso in entità affrontare questo ambito e trovarvi un aspetto
permettere la creazione dei grandi magazzini. Qui modello che ha funzionato dal tempo dei romani alla riconoscibili, ma al contrario si trasforma interessante. In qualche modo la nostra intelligenza
possiamo individuare alcuni processi interessanti: metà del Ventesimo secolo) oggi siamo di fronte a completamente in un mosaico di attività di ogni si sente offesa dagli incredibili vincoli
l’affermarsi dei grandi magazzini, la comparsa della una situazione essenzialmente differente, tra genere e, dal punto di vista architettonico, nel più all’immaginazione architettonica rappresentati dal
scala mobile e il suo rapidissimo sviluppo come uno situazioni controllate e situazioni residuali. Non si incredibile continuum urbano mai visto. diagramma; e, più ansiosamente, dal fatto che noi
strumento di stupefacente fluidità, la sua rapida tratta più di una contrapposizione tra pubblico e Alcune delle vecchie tipologie e dei vecchi concetti stessi non abbiamo un’alternativa da proporre.
identificazione con il commercio nonché privato, ma tra situazioni definite con precisione, sono ancora riconoscibili: l’albergo, per esempio, è Presto un nuovo negozio Prada di Koolhaas a New York Appare inevitabile che la completa saturazione del
l’interpretazione che quest’ultimo ne ha dato. sulle quali c’è un livello di conoscenza incredibile, ancora identificabile. Oggi, però, siamo di fronte a Koolhaas is himself working on the design of a shop for Prada in New York mondo con lo shopping abbia ripercussioni
Oggi le diverse linee evolutive del grande magazzino e che non sono né private né pubbliche. È evidente una proliferazione di situazioni senza forma, in cui una delle sue maggiori esperienze urbane. Asia non solo lo shopping è divenuto la norma, il sull’architettura. Anche se noi, per la maggior parte,
e dello “shopping mall” stanno confluendo in che lo shopping, data la sua frenetica esigenza di l’albergo viene identificato semplicemente per la E, significativamente, prima di organizzare una delle fattore incrementale di base e la componente di pratichiamo una casta astensione, l’estetica dello
un’unica esperienza diffusa: senza soluzione di redditività, non può essere pubblico: ci troviamo gran densità di ascensori: che comunque sue esperienze urbane, ha spazzato via qualunque base della condizione urbana, ma la forma shopping oggi è il metro delle aspettative degli
continuità, ibrida, in cui lo shopping è associato allo invece di fronte a un mutamento di paradigma, in cui costituisce l’unico tipo di indicazione. Dell’albergo segno di presenze precedenti e ha creato un concettuale dello shopping è diventata quasi architetti. Da Decon al minimalismo, passando per il
spettacolo, agli aeroporti, ai musei e così via, pubblico e privato si trasformano sostanzialmente in non c’è altro indizio, si nota una continuità territorio completamente controllato. La sorpresa l’immagine della nazione, nella percezione che postmoderno, tutte queste architetture si possono
integrando praticamente ogni attività in un unico noto e controllato (in contrapposizione a residuale e compositiva informe senza soluzione di continuità è che si può tracciare una linea di discendenza tra questa ha di sé. In certo qual modo un intero Stato leggere come shopping privo di insegne.
insieme. abbandonato). Le conseguenze sono importanti. tra un componente e l’altro. In ogni tipica entità di Jane Jacobs e Disney. Dagli anni Sessanta i migliori come Singapore si considera uno shopping center. John Jerde è una delle figure chiave di ogni seria
Per dare il senso delle dimensioni quantitative dello Quello a cui stiamo assistendo è il costituirsi del Las Vegas, lo statuto dell’oggetto è completamente cervelli della nostra professione hanno lavorato per L’insieme delle regole del centro commerciale, indagine sullo shopping e l’architettura. Lui e Frank
shopping, in tutti gli Stati Uniti la superficie che gli è ‘mall’ come paradigma delle organizzazioni sfumato, diffuso e negato. Nello stesso momento questa finale, terminale condizione di shopping. ovvero le regole dello shopping, detta la Gehry si conoscono molto bene. Una volta avevano i
destinata equivale a 12,7 volte quella di Manhattan complesse e paradigma dell’esperienza anche l’intero campo architettonico viene negato: L’interpretazione equivoca della strada, l’incredibile configurazione e la concettualizzazione dell’isola. rispettivi studi fianco a fianco. Ci sono grandi
(mentre in Europa è pari a tre volte). E se si comunitaria. Il caso del progetto di “un ambiente ciò che rimane è una colata programmatica, che intensità dello sforzo per conservarla, l’ostilità Singapore non è più un’isola di singoli edifici, molti somiglianze nel loro lavoro e nella loro estetica.
approfondisce l’analisi e si bada agli investimenti simile a un mall destinato all’adorazione” è solo un invade l’intera città, in cui tutto è collegato a tutto. all’automobile, l’ostilità a tutti quelli che erano dei quali dedicati allo shopping. L’immagine che in Entrambi sono ingegneri e creano contesti di vita
relativi allo shopping (come parte degli investimenti esempio: un altro è “al Modern le vendite crescono”. Las Vegas è di un’eccentricità e di un esotismo così elementi inevitabili del Ventesimo secolo: tutto ciò ultima analisi Singapore ha di sé sta diventando urbana, che (per Jerde) è sempre la vita urbana del
complessivi in nuove costruzioni) questo Dove per Modern sappiamo tutti che cosa si scoperti da permetterci di tenerli concettualmente a ha in qualche modo creato lo spazio per questa sempre più quella di un parco tematico, al punto che centro commerciale. Uno dei più celebri progetti di
rappresenta un quarto delle nuove costruzioni erette intende: il Museum of Modern Art. Secondo Glenn distanza, di non preoccuparcene troppo. Ma preservazione e, in nome della preservazione, la dopo aver elaborato per vent’anni seri documenti Jerde, l’Universal CityWalk di Universal City,
ogni anno in America! Perciò la sua spropositata Lowry, già vicepresidente dei grandi magazzini ovviamente lo stesso fenomeno si verifica nelle riconversione di intere aree del centro urbano in urbanistici, Singapore oggi non si considera più una appartiene, a prima vista, a questa simulazione di
invasione di ogni altro territorio è evidente, Bloomingdale’s e oggi responsabile dello shop del nostre città ed è parte sostanziale delle nostre città. situazioni fondamentalmente antiurbane. città che possa essere pianificata in modo situazione urbana, ancora una volta dedicata allo
apparentemente inevitabile. Tuttavia lo shopping, MoMA: “Stiamo pensando a punti di vendita Perfino New York, l’apparentemente inesauribile E questo dovrebbe far versare molte lacrime. tradizionale. Ma, quasi come un centro shopping. Come architetto sono personalmente
pur nel suo trionfo (è onnipresente, dà il ritmo alla autonomi, a punti di vendita elettronici, a città di tutte le occasioni, buone e cattive insieme, è Nessuno avrebbe mai immaginato che commerciale, si sta trasformando in una serie di coinvolto nel luogo Universal: e quindi sono stato
nostra vita e in molti casi costituisce il nostro concessionari, a esclusivisti, a grossisti, il tutto a inondata dalle esigenze dello shopping: cioè dello il Ventesimo secolo terminasse in un patto faustiano frammenti, rattoppi e superfici informi, giustapposti. costretto a trascorrere un’intera estate, lavorando in
ambiente fondamentale), è al tempo stesso in livello nazionale e internazionale”. Qui il punto di shopping che richiede ambiente sicuro, lo shopping con un topo… La città non ha più un piano regolatore, ha una un ufficio che si affacciava sul CityWalk. La cosa
pericolo: in parte a causa della sua estrema vendita non ha più rapporti con il museo, mentre il che ha bisogno di ingenuità, lo shopping che ha ‘Shopping’ per me è sinonimo di modernizzazione. “mappa delle agglomerazioni per stile di vita” in cui affascinante era che l’intera umanità passa per
pervasività ma anche perché si sta elaborando e museo diventa una “macchina auratica” dietro la bisogno di controllo. Ci troviamo di fronte alla mutazione della situazione ogni attività si integra senza soluzione di continuità queste strade: ma in realtà, se si guarda alla strada
mettendo in opera un numero crescente di modalità quale c’è un incredibile sistema di sfruttamento In Madison Avenue oggi c’è un nuovo quartiere urbana del modernismo, con la sua incredibile con tutte le altre. come luogo dello shopping, di shopping lì non se ne
virtuali per l’acquisto di merci. Forse, allora, dell’aura: del museo già si parla come del “marchio minimalista in via di sviluppo, che è sottoposto a fiducia nell’artificialità. Perciò, là dove la Anche in Paesi come l’Indonesia, lo shopping oggi fa per nulla. I punti di vendita sono di un livello
l’immagine migliore dello shopping è quella di un MoMA”. censura centimetro per centimetro, come accade modernizzazione è più intensa, anche lo shopping sta diventando l’atto fondamentale incredibilmente basso. I beni hanno una mancanza
animale morente, un elefante che nella sua estrema E allora che cosa significa non poter più prendere alla Disney, anche se è a un livello “più alto”. deve essere quanto mai pervasivo e avanzato. E, dell’urbanizzazione: al punto che i nuovi di fascino indicibile. Personalmente non ho mai
lotta per la sopravvivenza diventa completamente una distanza critica di fronte a un’attività o a un Ma ovviamente questo è ancora più evidente nella dato che la modernizzazione oggi non si verifica in insediamenti non sono più serviti da strutture di assistito ad un acquisto. La sola cosa a cui ho
selvaggio e incontrollabile. Una delle affascinanti programma commerciale, nei cui confronti, in qualità 42a Strada, dove proprio la Disney sta allestendo nessun luogo con intensità maggiore che in Asia, in shopping, ma sono di fatto dipendenti dallo assisito è questa enorme massa di gente di

Lo shopping è come Shopping is like


un elefante morente, a dying elephant
che nell’estrema lotta that in its death
per la sopravvivenza struggle becomes
rimane totalmente completely wild
senza controllo and uncontrollable
34 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 35
passaggio. In una città come Los Angeles ci sono coerenza, né ha mai voluto farlo. Noi pensiamo che nulla, grattata via. Sempre più spesso i pavimenti there are three. If you look beyond the surface and president at Bloomingdale’s and now MoMA’s for the necessities of shopping, i.e., shopping that
poche strade, il che mette in evidenza una lo junk space sia un’aberrazione, una soluzione sono fissati da punti metallici o, più di recente, da look at the investment of shopping as a proportion director of retail, “we will look at free standing stores, needs safe environments, shopping that needs
situazione tragica: l’umanità ha un innato desiderio provvisoria, ma è un errore. Lo Junk space è la nastro adesivo. Nastri neri stropicciati stentano a of the overall investment in new construction, then electronic stores, licensing, branding, wholesaling, innocence, and shopping that needs control.
della strada, ne ha profonda nostalgia e realtà. Lo ha elaborato il Ventesimo secolo, e il mantenere l’immagine di una superficie continua. Il shopping represents one quarter of new at a national and international level”. Here the store On Madison Avenue, there is now a new Minimalist
probabilmente necessità assoluta. La pubblica prossimo secolo ne sarà l’apoteosi. L’aeroporto di neon è contemporaneamente un segno del vecchio construction every year in America. Therefore, its is no longer related to the museum, while the district emerging, which is every inch
amministrazione non è in grado di fornirle queste Logan sta pubblicizzando in questi giorni “un e del nuovo. Dopo esplosioni di miserabilismo, enormous encroachment on every other sector is museum becomes an aura machine that is doubled as censored as Disney, even though it is on a
strade, che oggi vengono create solo dallo ammodernamento di classe mondiale per il improvvisamente lussi da palazzo reale. Sezioni clear and seemingly inevitable. by an incredible system that exploits this aura: the ‘higher’ level.
shopping. È un esempio chiarissimo di shopping Ventunesimo secolo”. Il Ventunesimo secolo sarà un intere rivestite di splendide ceramiche. L’unica Nevertheless, shopping is undergoing an apotheosis museum is already referring to “the MoMA brand”. But, of course, it is much more evident in 42nd
come esperienza che dà contemporaneamente “ammodernamento di classe mondiale” del certezza è la riconversione o il rinnovamento, – it is pervasive, it dictates our lives, and in many So what does it mean when we can no longer form a Street where Disney now is organizing one of its
sovraesposizione e sottonutrizione. Ventesimo secolo. Junk space: fate conto che sia un seguito, in rari casi, dal restauro. In definitiva ways it forms our ultimate environment – but at the critical distance when confronted with an activity or most urban experiences. And, significantly, before it
Jerde è solo un esempio: “il gemello perverso di sito, un sito Internet, progettato e concepito e l’apoteosi dello shopping è l’apoteosi della same time it is under threat, partly because of its with a commercial program that, as intellectuals, we could organize one of its urban experiences, it has
Gehry”, l’unico architetto che ha osato guardare in messo insieme con Photoshop, con la stessa modernizzazione: un orgasmo di utilitarismo, uno sheer pervasiveness, but also because more and are instinctively critical of? Until the ‘60s or ‘70s, I scraped every sign of earlier presence and created
faccia il mostro dello shopping, e che ha inventato ambigua facilità nel raccogliere e accumulare sbocco folle della dottrina della forma che segue la more virtual ways of shopping are being prepared would say, such a critical distance was a plausible its own complete control. What is amazing is that
un’architettura dello shopping e per lo shopping. condizioni desiderabili. Un territorio, una traiettoria funzione, la vendetta finale del funzionalismo. and put into operation. Perhaps, then, the best relationship to assume with the phenomenon of you can draw a genealogy between Jane Jacobs
Può interessarci profondamente o meno, che può partire come una rete, ruotare metaphor for shopping is that of a dying animal – a shopping, yet now that distance is becoming and Disney. Since the 60’s the most well-meaning
ma in sé e per sé, il suo coraggio e la sua abilità orizzontalmente senza preavviso, intersecarsi, Junk space Somewhere at the cusp of the dying elephant – that in its death struggle becomes increasingly tenuous, if not impossible, simply brains in our profession have contributed to this
sono incredibili. scendere di livello, trovarsi improvvisamente di end of the nineteenth century and the beginning completely wild and uncontrollable. because we are all engulfed by this phenomenon. final, terminal condition of shopping.
E tuttavia, perfino Jerde è ambiguo. Quando fronte a un immenso abisso da un ascensore of the twentieth, we see a number of technical One of the fascinating predictions by two smart And I think it is very possible that just as you The misreading of the street, the incredible intensity
ha avuto l’occasione di essere coinvolto nella vetrato, trasformarsi brutalmente in una prospettiva inventions that have to do with increasing levels retailers, given the enormity of the investment every cannot be critical to oxygen, you cannot be critical of effort to preserve the street, the hostility to the car,
pianificazione di Eurodisney, se ne è venuto apparentemente bloccata, da cui una scala mobile vi of artificiality and increasing levels of efficiency, year that is still being added, is that “50 to 75 to shopping. the hostility to all those elements that were the
fuori con un incredibile tipo di città ideale utopica solleva all’ultimo istante: per scaricarvi infine davanti such as the steel frame which generated an percent of retailing will be extinct within a decade”. Perhaps you can be critical, but you can no longer inevitable elements of the 20th century – all of this
ispirata al centro di Parigi, con blocchi di edifici alla monumentale scalinata di granito, che conduce increased efficiency of production; the elevator, This presents a very interesting architectural establish the same degree of independence from it. has somehow created the space for this
a sette piani, orientati secondo una griglia al panorama di una cortina di pietra che nasconde i which allowed us to multiply floors and make them problem because it will mean a pretty large number One of the moments where this engulfment by preservation, and, in the name of preservation, the
attraversata da diagonali. tesori di un ammodernamento. In pianta i vari accessible; and neon, also a very important of conversions. shopping is very clear is in Las Vegas, both complete conversion of entire areas in the center of
Perfino il campione dello shopping, l’uomo del episodi sembrano privi di coordinamento (a parte le invention that we see emerge around 1913. All of What these predictions mean and what they trigger specifically and as a symptom of what has the city to fundamentally anti-urban conditions.
passaggio dall’altra parte, nel mondo dello esigenze dell’evacuazione di emergenza). these inventions in some way created the technical is the search for the shopper. Shopping was in the happened to the city. As opposed to the innocent This ought to make everyone weep.
shopping, quando entra in gioco la sua più La presunzione geometrica è di regola messa da atmosphere in which shopping could really begin to beginning in a very easy position – it could deploy reading by the Venturis in the early 70s where they Nobody could have guessed that the 20th century
profonda identità emotiva e professionale, fantastica parte. In realtà sopravvivenze di antiche geometrie explode. ever new seductions of efficiency and accessibility, mapped the strip and were able to identify a number could end on a Faustian bargain with a mouse.
ancora su Parigi. ora creano nuove devastazioni, offrendo desolati But of course no invention for me has the same and could offer a kind of richness in terms of choice. of formal coherences, formal typologies, and certain Shopping for me is another word for modernization.
L’architettura più sperimentalista e d’avanguardia nuclei di resistenza che creano instabili mulinelli di importance and impact on the presence of shopping Recently, however, it has reached a saturation point; laws, now Las Vegas has turned into a complete We are facing the mutated urban conditions
oggi non può che simulare gli ambigui e inespressi correnti opportunistiche. Uno schema implica la as the invention of the escalator. As opposed to the its curve of increasing returns has somehow peaked, tapestry of shopping that engulfs every other of modernism, with its incredible reliance
paradigmi dello shopping. ripetizione riconoscibile, oppure regole in definitiva elevator, which is of course limited in terms of the and now shopping is in a much more dire condition, medium and every other program, where the whole on artificiality. So, where modernization is at it most
Uniformità, complessità, impossibilità di decidere... decifrabili. Lo Junk space è al di là dello schema, numbers it can transport between different floors, forcing it to go after the shopper. is no longer subdivided into recognizable entities, intense, shopping also must be at its most pervasive
È evidente, la linea di demarcazione tra l’una e l’altra della geometria e della riconoscibilità. È perfino al di the great virtue of the escalator is that it can […] While the city was essentially defined by the but on the contrary is turning both into a complete and most advanced. And, whereas modernization
è sottilissima. L’estetica più diffusa si nutre in là della memoria, perché è inafferrabile e, dato che è accommodate and combine any flow, and create polarity between the public and the private – where patchwork of every activity, and architecturally into is nowhere taking place with greater intensity than
segreto del più vistoso precedente commerciale. inafferrabile, è letteralmente non memorizzabile. almost smooth transitions between one floor and the public was a more or less neutral and civic a field of the most incredible urban continuity that in Asia, so in Asia shopping has not only become the
Il Guggenheim di Bilbao, e anche il Getty Museum, Non si può nemmeno averne il ricordo. another with its efficiency, which in many cases connector of a series of private elements that went we have ever seen. norm, the basic increment and basic component
con tutta la sua pretesa affettazione, che cosa sono, Anche il soffitto è una lastra ripiegata, corrugata, actually blurs the difference and the distinction from the residential to other contained universes, Some of the old typologies and old thinking are still of the urban condition, but the conceptual format
in definitiva, se non dei mall? mossa come le Alpi. Profondi crepacci tra le between each floor. a model that has served us from the Romans to the recognizable: the hotel, for example, is still of shopping has almost become the self-image
Lo shopping ha introdotto, di fatto, un paradigma giunzioni, un tempo caverne di amianto che, per One could say that the escalator in itself enabled middle of the last century – we now have a identifiable. Now, however, we are confronted with of nationhood.
dello spazio completamente nuovo. Non ho mai quel che ne sappiamo, potrebbe essere ancora lì, the department store, and here we see a number fundamentally different condition between control much more shapeless conditions where the hotel is In a certain way, a state like Singapore sees itself
parlato esplicitamente dello spazio, finora: e allora rivelano travature grezze e cemento nudo dentro of interesting curves: the beginning of the escalator, conditions and residual conditions. The issue is no identified simply because there is a large intensity of as a shopping center. All the laws of the shopping
ecco qua. La bellezza degli aeroporti, specialmente cavità in attesa che rappresentano altrettante the emergence of the department store, the very longer about public versus private, but about elevators, but that is really the only kind of center or the laws of shopping dictate the
dopo un ampliamento. Centri commerciali, latenze indefinite. Griglie provvisorie di instabili quick development of the escalator into an conditions that are highly defined, about which exist indication. Otherwise there is no further evidence of configuration and the conceptualization of the
ammodernamenti, riconversioni, case da gioco, pannelli per controsoffitti si alternano a teli di instrument of amazing smoothness, its virtue and an incredible knowledge, and which are neither the hotel and you see that there is a seamless island. No longer is Singapore an island of individual
parchi tematici, spazio pubblico. Il sedimento plastica nera, decorata da marchi, improbabilmente its drama being the transportation of infinite masses private nor public. In the final analysis, it is clear that compositional and formless continuity between buildings, many of them devoted to shopping. The
edilizio della modernizzazione non è l’architettura punteggiata da una griglia di lampadari di cristallo. and its rapid identification with and interpretation shopping, because it has this grasping need for every one of its components. In a typical Las Vegas ultimate self-image of Singapore is becoming more
moderna, ma lo “junk space” (lo spazio spazzatura). Corridoi, come gallerie del vento, non solo svolgono by commerce. revenue, cannot be public. Instead we have a entity the status of the object is completely blurred, and more that of a theme park or shopping center, to
“Junk space”: così chiamo questa nuova esperienza la loro funzione in termine di flussi umani, ma At the point we are reaching now, we also find an paradigm shift where the public and private basically diffused, and denied. In one stroke, the whole the point that, after producing 20 years of serious
di spazio. Lo Junk space è qualcosa di elusivo che collegano anche destinazioni decisamente interesting moment where the separate streaks of change to known and controlled, and residual and architectural field is also denied, and what remains planning documents, Singapore now no longer sees
non vogliamo capire, che non riusciamo a capire ma incompatibili. Si chiamano ‘arcade’, per non perdere the department store, shopping mall, etc. are abandoned – and that has important repercussions. is a programmatic lava that engulfs the entire city, itself as a city that can be planned in the traditional
che, prima o poi, dovremo capire perché si tratta una briciola di potenziale commerciale. Ogni congealing into one diffuse, continuous, and What we are seeing is that the mall is becoming the where everything is connected to everything else. way. But, almost like a shopping center, it is turning
probabilmente del solo spazio che ci resta. superficie è ideologica, cioè un palinsesto di epoche hybridized experience, where shopping is paradigm of complex organizations and the Las Vegas has an admitted freakishness and itself into a series of patches or a series of blobs.
Junk space è ciò che resta dopo che la innumerevoli. Che nome dare al momento in cui era associated with entertainment, airports, museums, paradigm of communal experience. exoticness which allows us to keep it conceptually The city no longer has an urban plan; they have a
modernizzazione si è compiuta o, piuttosto, il diffuso quel particolare tipo di moquette? Quale and so on, absorbing almost all activities into a This instance of “designing a mall-like ambiance for at a distance, to be not really too worried. But, of “lifestyle cluster map”, where every activity is
contenitore in cui la modernizzazione si realizza. epoca rappresenta? I pavimenti alternano single whole. worship” is only one example, but also “retail grows course, the same phenomenon is happening in our seamlessly integrated with every other activity.
In apparenza è come se un ciclone avesse alterato moquette, marmo, cemento, gomma, piastrelle, To give a sense of the quantity of shopping, in the at the Modern”. And by the Modern we all know cities and actually as part of our cities. Even New In countries like Indonesia, shopping is now
l’ordine di una precedente situazione, ma è parquet, travertino, vinile. Raramente i materiali United States there are 12.7 times the area of what we mean: the Museum of Modern Art. York, the seemingly inexhaustible city of every becoming the founding act of urbanization, to the
un’impressione sbagliata. Non ha mai raggiunto la sono ben collegati. La transizione è segnata dal Manhattan in terms of shopping, while in Europe According to Glenn Lowry, former senior vice possibility, both good and bad, is being laundered point that the new settlements are no longer

Prima o poi dovremo Sooner or later


prendere in we have to
considerazione lo understand junk
spazio spazzatura space because
poiché è il solo it’s probably all
rimasto disponibile we have left
36 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 37
serviced by shopping, but are actually dependent on not able to provide those streets. Those streets are of the 20th century.
shopping and defined by shopping. only being generated now by shopping. This is a Junk space: consider it as a site, a web site,
The city is a shopping center with its own captive very clear example of shopping as an experience designed or conceived or assembled by Photoshop,
inhabitants that form the logic for the shopping that simultaneously provides overexposure and with the same promiscuous ease of collecting and
center, just as the shopping center forms the logic undernourishment. accumulating desirable conditions, a field, a
for the city. Even residence is now helplessly Jerde is only an example, “the evil twin of Gehry”, trajectory that may start as web, turn horizontal
engulfed in this world. We have to be very aware of the one architect that dared to stare the shopping without warning, intersect, step down, suddenly
our skepticism about, for instance, the beast in the face, and that has found, on his own confront an immense void from a glass elevator,
megastructure, and skepticism about a whole series terms, an incredible way of dealing with shopping brutally shift to a seemingly blocked perspective
of inventions and urbanistic movements that in the and finding an architecture of shopping and for from which an escalator picks you up at the last
60’s tried to create newer forms of urban complex shopping. We may or may not be deeply excited by moment to drop you of at the monumental granite
and newer forms of integration. In a way, we have it, but, in itself, both the courage and the ability are staircase, that leads to a vista of sheetrock that
these laughed out of existence in the past three incredibly strong. hides the treasures of an upgrade. In plan, all
decades. But they are totally vigorous in other parts Yet, even Jerde is ambiguous. When he had the episodes seem uncoordinated, except for the needs
of the world. The architecture of shopping is strictly chance to be involved in the planning of Eurodisney, of emergency evacuation.
debased, because it is reduced to the diagram, and he came up with an incredible kind of ideal utopian The presumption of geometry is routinely deflected.
a diagram of the most basic kind – shopping, city based on the center of Paris, with seven-story In fact, survivals of former geometries now create
parking, and infrastructure serving the two. This is architecture in blocks traversed by a grid and new havoc, offering forlorn nodes of resistance that
the diagram at its most basic, banal, and relentless. diagonals. Even the champion of shopping, the man create unstable eddies of opportunistic flows.
One of our tragedies as architects is that we are who transferred to the other world, the world of Patterns imply recognizable repetitions or ultimately
unable to deal with and find the interest in this shopping, when his deepest emotional or decipherable rules. Junk space is beyond pattern,
domain. Somehow, our intelligence is insulted both professional identity is on the line, is still fantasizing geometry or recognition. It’s beyond memory even,
by the incredible limitations of architectural about Paris. because it can never be grasped, and, because it
imagination that the diagram represents, and, in a The most experimental, avant-garde architecture can never be grasped, it is literally unmemorable.
more anxious way, by the fact that we ourselves may now merely simulate the ambiguous and It cannot ever be remembered.
have no alternative to provide to it. It seems unspoken paradigms of shopping. Smoothness, The ceiling, too, is like a folded, crumpled plate,
inevitable that the complete saturation of the world complexity, undecidability… In an obvious way, agitated like the Alps. Deep chasms between joints,
with shopping has repercussions for architecture. there is very little to separate one from the other. former caverns of asbestos, which, for all we know,
Even if we, for the most part, chastely abstain, the The most current aesthetics may be secretly may still be preserved, reveal harsh beams and brute
aesthetics of shopping seem now to dictate the nourished by the most garish commercial concrete in expectant ceiling voids that represent
expectations on architects. From Decon to precedent. The Bilbao Guggenheim, even the Getty, undefined latencies. Provisional grids of unstable
Minimalism via the Post-Modern, all of these for all its ostensible primness: what are they, if not, ceiling tiles alternate with monographed sheets of
architectures can be read as shopping minus the in the final analysis, malls? black plastic, improbably punctured by point grids
logos. John Jerde is one of the key figures in any Shopping has introduced, de facto, a completely of crystal chandeliers. Corridors, tunnels of
serious investigation of shopping and architecture. new paradigm about space. I’ve never talked openly turbulence, not only perform their duties in terms
Jerde and Frank Gehry know each other very well. about space before, so here it is. The beauty of of human flows, they also connect strictly
They once shared adjoining offices. In their work and airports, especially after each upgrade. Shopping incompatible destinations. They are called
their aesthetics, there are great similarities. Both of centers, renovations, conversions, casinos, theme ‘arcades’, so that no commercial potential is
them engineer and find contexts for urban life, parks, public space. The built sediment of wasted. All surfaces are ideological – i.e., a
which, for Jerde, is always the urban life of the modernization is not modern architecture but junk palimpsest of uncounted periods. What do you call
shopping center. One of the more famous projects of space. This is what I’ve named this new experience the moment that a particular type of wall-to-wall
Jerde, Universal CityWalk at Universal City, is one of of space, “junk space”. carpet was current? What period does this
those, at first sight, simulated urban conditions, Junk space is this elusive thing that we don’t want represent? Floors alternate shag, marble, concrete,
again devoted to shopping. I am personally involved to understand, fail to understand, but that, sooner rubber, tile, parquet, travertine, vinyl. Materials are
there as an architect of the Universal site, and or later, we have to understand because it’s rarely joined.
therefore have been forced to spend an entire probably all of the space that is left to us. Transitions are marked by nothingness, scraping.
summer working in an office that was actually on Junk space is what remains after modernization More and more, they are stapled or, more recently,
CityWalk. What is fascinating is the whole of has run it’s course, or, rather, the container in which taped. Wrinkly black bands barely maintain the
mankind passes through these streets, but, actually, modernization takes place. Junk space looks as illusion of unbroken surface.
if you look at the street as shopping, there is almost if a hurricane has rearranged a previously ordered Neon signifies both the new and the old. After
no shopping going on there. The stores are condition, but that impression is misleading. explosions of trash, suddenly the luxury of a court.
incredibly low-level. The goods are incredibly and It never did achieve coherence, and it never Entire sections clad in polished porcelain. The only
really profoundly, deeply unattractive. I’ve never aspired to it. We think junk space is an aberration, certainty is conversion or upgrade followed, in rare
witnessed a sale. The only thing I’ve seen is this a temporary setback, but that is a mistake. cases, by restoration.
steady mass of mankind passing through. In a city Junk space is the real thing. The 20th century In the final analysis, the apotheosis of shopping
like Los Angeles where there are very few streets, has developed it, and the next century will be its is the apotheosis of modernization, a climax of the
this shows a tragic condition: mankind is apotheosis. Logan Airport is now advertising utilitarian, a bizarre culmination of the “form follows
programmed to want, profoundly nostalgic for, and a “world-class upgrade for the 21st century”; function” doctrine, the ultimate revenge
probably needing streets. The public and the city are the 21st century will be a “world-class upgrade” of functionalism.

Esiste un filo You can draw


conduttore a genealogy
da Jane between Jane
Jacobs a Jacobs and
Walt Disney Walt Disney

38 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 39


La moda, lo stile e il mercato Fashion, style and the
Il nuovo spazio Armani a Milano come
market
spia di cambiamenti nei riti del
consumo, secondo Stefano Casciani
The new Armani space in Milan could
be a clue to the changing nature
of consumer rituals, thinks Stefano
Casciani
Fotografia di/Photography by
Donato Di Bello
Definire gli stili della nostra belle époque è difficile, Perché questo, al di là delle ovvie implicazioni Armani ha capito che il suo ruolo di progettista
se non impossibile. I punti certi sono pochi e celebrative, sociologiche e mondane nasconde un integrale, una volta trascesi i limiti della possibile
contraddittori: arcano psicologico. Contrariamente a quanto ci si ricchezza e felicità umana (fatta di poche cose,
– si dà per scontato che l’interazione tra le forme aspetterebbe, questo non è un tempio dello secondo le interviste: qualche bella casa, un po’ di
espressive è l’unica forma espressiva rimasta: ma shopping, ma piuttosto dell’intrattenimento: quindi è tempo per sé e gli amici, creare abiti ancora nuovi e
questo non spiega perché, mai come oggi, i tanti superfluo discutere se lo spazio assomigli o no a un interessanti) è quello di un mecenate del consumo.
volti della progettazione rivendicano con altrettanta megastore, almeno nei comportamenti indotti. Non Non sappiamo se vendendo qui le sue idee avrà un
forza il dominio sul mercato stesso. Così la moda, c’è niente di male se gli assistenti alla vendita reale tornaconto, ma vogliamo credere che
l’architettura, l’arte e il design cercano sempre una lasciano i visitatori liberi di girare, se gli oggetti l’esperienza da lui offerta ai visitatori (non
rivincita l’una sull’altra, rubandosi amichevolmente possono essere guardati e toccati: si può fermarsi a necessariamente compratori) valga ben di più
temi e ispirazioni; guardare – perfino a leggere – i libri (la selezione fatta dell’incasso della giornata. Spiace dirlo, ma la
– non esistono praticamente limiti all’utilizzo dei da Milano Libri è davvero bella): oppure bere, fontana in piazza Croce Rossa, davanti al rutilante
materiali in senso lato – dalla parola al tessuto – in mangiare, parlare, anche solo per commentare i mondo Armani fa l’effetto di un pastrano buttato
quanto un abito, uno spettacolo, un mobile, un disco modelli (abiti e arredi) appena visti. Certo, anche qui sulle spalle dell’ultimo miserabile travet che per
non si danno più in sé, come oggetto o possono riaffiorare i ricordi di bambini che strada scivola accanto alla più ricca e impalpabile
performance: ma in un tutto, fatto del sistema del affrontavano l’emozionante ascesa con la scala veste indossata da una bellezza antica. Tanto infatti
mercato, in particolare il circolo domanda-progetto- mobile verso l’empireo delle merci, ma essi la povera scalinata in marmo ideata da Aldo Rossi è
offerta, ricreati in continuazione l’uno dall’altro. I riverberano in un vuoto bianco, in uno spostamento già buia, scolorita e consumata dal tempo, tanto il
materiali rientrano quindi obbligatoriamente in affollato di un destabilizzante nulla: lo stesso nulla luogo reale-virtuale di Armani è camaleontico e
questo circolo e anch’essi presto saranno che sta dietro la società contemporanea e il suo invitante, un pozzo di luce abbagliante che risucchia
considerati semplici varianti, al pari di quelli formali faticoso agitarsi dietro il miraggio dell’impossibile persone, denaro, desideri, ambizioni. La moda ha
(addio materiali ‘moderni’); arricchimento materiale per tutti. Anche Giorgio avuto la sua rivincita sull’architettura.
– nella confusione sistematica del mondo delle
merci, un solo aspetto le accomuna nel bene e nel
male: l’atto dell’acquisto, che si dà indifferentemente
in tutte le geografie politiche terrestri.
Dobbiamo dunque ricercare nello shopping le sole
motivazioni culturali e psicologiche al design, anche
per spiegarci i cambiamenti dello stile?
Una memorabile sequenza dell’ultimo film di Robert
Altman – Il Dottor T – celebra alla perfezione
grandezze e miserie del fenomeno: quella in cui
Farrah Fawcett (moglie modello del ginecologo
Richard Gere/Doctor T.) impazzisce o, meglio,
regredisce allo stadio infantile. Al di là dell’ovvia
commozione (di origine brechtiana: “gastronomia
dello spettacolo”) per una donna bella e intelligente
che si perde nella follìa, il significato della scena può
essere letto come catarsi di un’esistenza che ha il
suo unico rito rimasto nel “fare le spese” (appunto) di
un certo stile di vita. Il luogo della scena, ripreso da
lontano col distacco del cineasta/filosofo, è proprio
uno di quei lussuosissimi boutique mall dove
sparisce quotidianamente l’equivalente del reddito
annuale di piccoli Paesi del Terzo Mondo: qui si
aggirano le comparse/acquirenti, sostanzialmente
indifferenti al destino della protagonista.
Perché un tale panegirico per arrivare a parlare del
nuovo, impressionante spazio Armani a Milano?
Ricavato dalla Transforming an entire
trasformazione di un block, Armani has
intero isolato, lo spazio changed the face of Via
Armani ha cambiato il Manzoni and the habits
volto di via Manzoni e le of its shoppers
abitudini dello shopping

42 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 43


44 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 45
Fashion, style and the market It is difficult, if not disappears daily. Walking on and off here are the that underlies contemporary society and its
impossible, to get a handle on the styles of our Belle film-extra/purchasers, substantially indifferent to the laborious chasing after the mirage of an impossible
Epoque. And the few things that are sure are leading lady’s fate. material enrichment for all.
contradictory: Why this panegyric to approach the subject of the Giorgio Armani, too, has understood that his role as
– it is taken for granted that the interaction between undoubtedly impressive new Armani space in the complete designer, once the limits of possible
expressive forms is the only form of expression left. Milan? Because, apart from its obvious celebratory, wealth and human happiness (consisting, according
But this does not explain why, never more than now, sociological and social implications, it hides a to his interviews, of not all that many things: a few
the many faces of design claim just as forcefully to psychological enigma. Contrary to what might be beautiful houses, a little time for oneself and one’s
command the market itself. Thus fashion, expected, this is not a temple to shopping, but friends, and the possibility of creating yet newer and
architecture, art and design are constantly trying to rather to entertainment. So there is no point in more interesting clothes) have been transcended, is
get the better of one another, by the more or less arguing about whether the space does or does not that of a consumer patron. We do not know if by
amiable theft of each other’s themes and resemble a megastore, at any rate in its induced selling his ideas here he will make a real profit, but
inspirations. behaviour. There is nothing wrong with sales we like to believe that the experience he offers to
– there are practically no limits to the use of assistants letting visitors stroll around or with visitors (not necessarily purchasers) is worth much
materials in the widest sense (from words to fabric) merchandise that can be examined and touched: more than the day’s takings.
inasmuch as a dress, a performance, a piece of you can stop and look at (even read) the books: or Leaving the store you can’t help noticing the
furniture or a record are no longer stated as such, as drink, eat or talk, maybe even just to comment on fountain in the Piazza Croce Rossa, just outside the
objects or entertainment: but as a conglomeration of the models (clothes and furniture) you have just glittering Armani world. As the poor old flight of
the whole market system and in particular, of the seen. Here too, of course, memories of children steps designed by Aldo Rossi grows steadily more
demand-project-supply circle re-created confronted with the thrilling escalator ride up to a faded and time-worn, Armani’s real-virtuality seems
continuously out of each other. Materials are thus cornucopia of goods may resurface. But they will ever more inviting: a fount of dazzling light that
forced to re-enter this circle and they too will soon reverberate in a void in the crowded shifting of a sucks in people, money, and ambitions. Fashion, it
be considered mere variants, on a par with those of destabilising nothingness: the same nothingness seems, has got its revenge on architecture.
form.
– in the systematic confusion of products on the
market, one sole aspect unites them for good or
worse: the act of purchase, which takes place
regardless of all the earth’s different political
geographies.
Must we therefore look to shopping for the only
cultural and psychological motivations of design,
also in order to explain changes of style?
A memorable sequence from Robert Altman’s latest
movie Doctor T celebrates to perfection the
splendour and the wretchedness of the
phenomenon: the one in which Farrah Fawcett (wife
of the gynaecologist Richard Gere/Doctor T) goes
out of her mind or rather, regresses to the state of
childhood. Aside from the obvious distress (of
Brechtian origin: “gastronomy of entertainment”) of
seeing a beautiful and intelligent woman get lost in a
crowd, the significance of the scene can be read as
the catharsis of an existence whose only remaining
ritual is (indeed) that of “paying the price” of a certain
lifestyle. The scene of the action, shot from a
distance with the detachment of this film-
maker/philosopher, is precisely one of those super-
luxurious boutique malls where the equivalent of the
annual income of a small Third World country
Progetto/Architects: Michael Gabellini: piano terra Senza rinunciare al Not giving up
e primo piano/ground floor and first floor minimalismo, nello minimalism, the new
Studio C+ (Fabrizio Lepore, Mimmo Farinaro, spazio di Milano image of Armani in Milan
Alessandro Gaja): primo piano interrato/underground l’immagine Armani si is more inviting and
first floor presenta più invitante e user-friendly
amichevole

46 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 47


Il progetto di John Pawson per John Pawson ha progettato numerose cucine per
diverse aziende presenti sul mercato, eccetto che
The invisible store John Pawson has designed
a commercially available kitchen range, but
lo show-room della Bulthaup a per la Bulthaup, il che può forse aver procurato not for Bulthaup, which might perhaps have
una certa apprensione alla casa tedesca nel caused a few concerns in the German company
Londra fa scomparire i prodotti momento in cui ha deciso di affidargli la when they commissioned him to build a London
John Pawson’s design for costruzione di un nuovo show-room a Londra. show-room. In fact Bulthaup had a rather
Questo perché, alla Bulthaup, l’idea di show-room more understated idea of what a show-room
Bulthaup’s London show-room era probabilmente più legata al concetto di could be than an attention grabbing display
makes the products disappear sobrietà che a quello di un’esposizione un po’
glamour dei propri prodotti. La società aveva in
of their products.
The company had in mind somewhere quiet for
Fotografia di/Photograhy by mente un luogo tranquillo che permettesse a serious customers to come and talk about what
clienti facoltosi di parlare con agio di ciò di cui they actually needed in their kitchens, and for
Christoph Kircherer avevano bisogno in cucina, non certo un punto architects to bring their clients, not a place that
che potesse attrarre grandi quantità di semplici would attract large numbers of passing

Il negozio
passanti o clienti occasionali. Da ciò la scelta di customers, hence its quiet location on what is
una quieta via residenziale dell’Ovest di Londra, mainly a residential street in West London, facing
affacciata su un elegante parco. Nei locali dello onto a handsome park.
show-room sono stati installati due gruppi cucina So while there are two functioning kitchen ranges

invisibile
perfettamente funzionanti: tuttavia, non è questo on the premises, they are not really what you find
che vi scoprite a guardare. yourself looking at. But if you need to touch and
Lo spazio è lungo e stretto, quasi un tunnel vicino seel any of the components for a reminder of their
all’ingresso, ma si apre sul retro in un’area molto qualitites then are all to hand.

The invisible
più ampia, dotata di un lucernario per consentire The space is long and thin, almost tunnel like at
un’illuminazione naturale. Costruito the street entrance; and rising into a top lit much
originariamente in due sezioni, in anni recenti lo taller area at the back. It was originally built in two
spazio era stato ulteriormente suddiviso per sections, and in recent years had been subdivided

store ottenere un numero maggiore di ambienti più


piccoli. La strategia di Pawson è stata unificare il
più possibile le due sezioni di modo da permettere
la vista degli alberi del parco prospiciente, sia
to make a number of smaller spaces.
Pawson’s strategy was to unify the two sections
as much as possible, to allow for views from
front and back to the trees outside from the heart
dall’ingresso sia dalla zona centrale dello show- of the show-room.
room. Il pavimento, in pietra, rende naturale la The stone floor makes for an effortless transition,
transizione tra le aree, mentre la zona servizi e while the services, and computers are
computer è concentrata in una singola sezione concentrated in a single enclosure at the same
corrispondente al punto in cui la struttura point that the structure overhead needs support.
sovrastante necessita di un supporto. Tuttavia, But rather than block the spatial flow, this single
anziché bloccare il flusso spaziale, questo element appears to float in space.
elemento dà l’impressione di fluttuare nel vuoto. There is a long specially designed table to sit
C’è poi un lungo tavolo appositamente disegnato at and talk, and a private office at the rear.
per sedersi e conversare, e un ufficio privato sul But what Pawson has essentially done is to
retro. Ma ciò che Pawson ha fatto è create a show-room in which paradoxically you
essenzialmente creare uno show-room dove si è are aware not so much the products that you are
consapevoli non tanto del prodotto che s’intende considering purchasing, but the way that you
acquistare, quanto del modo in cui si potrebbe might end up living if you actually buy them.
vivere acquistandolo. Per far questo, Pawson ha Pawson focuses your attention on the light,
concentrato l’attenzione sulla luce, un’accorta a careful mixture of nature and artificial,
combinazione di naturale e artificiale, sullo spazio, on space, and proportions, and on the quality
sulle proporzioni e sulla qualità dei materiali. of fine materials.
L’ingresso principale (a The main entrance, left,
sinistra). In realtà lo but most of the show-
show-room serve più room, right and overleaf,
come spazio per is for consultation more
consultazione che come than a sales pitch
punto vendita (a destra
e pagine succesive)

48 Domus Gennaio January 2001


50 Domus Gennaio January 2001 Domus Settembre September 2000 51
Droog e
Duck

Droog
and
Duck
Francesca Picchi sul negozio
di Parigi per Mandarina Duck
Francesca Picchi on the
new store for Mandarina Duck
in Paris
Fotografie di/ Photography by
Christoph Kircherer

52 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 53


Mandarina Duck deve la sua fama concentrati sul progetto di alcuni Droog and Duck Mandarina Duck were less interested in creating an
alla creazione di borse e valigie elementi: mobili, espositori, armadi, made its name with its range of architectural statement for the interior
eleganti e nello stesso tempo piene in grado di animare lo spazio stylish luggage, and is now in the that could be endlessly repeated and
di invenzione. Ora, a Parigi, ha innescando relazioni con le persone process of expanding into the wider instead concentrated on the design
inaugurato il primo negozio che chiamate agli acquisti. Il negozio è world of fashion by launching the first of a few specific objects – furniture,
segna l’ingresso della firma italiana concepito come insieme di spazi of a series of clothes stores in display stands, and cabinets that
nel mondo del prêt-à-porter. distinti, elementi che gli autori hanno Paris.This is not meant to be the could be used to animate the interior.
Piuttosto che allestire una catena di chiamato ‘cocoon’ (letteralmente conventional chain store with a kit of The store is conceived as a series of
negozi come una sorta di kit di bozzolo): ognuno di essi rappresenta parts that can be applied to create distinct spaces – the designers call
montaggio da declinare in modo una diversa scena per gli oggetti in identical environments around the them ‘cocoons’. Each of them
uniforme in qualunque parte del vendita. In questo modo i prodotti world. Like Doug Tompkins Esprit, creates a distinctive mood for the
mondo, Mandarina Duck ha preferito sono organizzati per episodi, in un who commissioned stores by Shiro objects on sale within them.
rendersi riconoscibile non tanto per percorso che può seguire altre Kuramata, Ettore Sottsass and Mandarina Duck’s merchandise is
l’uniformità dello stile quanto per la direzioni come un racconto i cui Antonio Citterio, Mandarina Duck treated as a series of distinct
qualità del progetto stesso (come già personaggi si scambiano i ruoli per wants to be instantly recognisable episodes in a sequence that that
fece Doug Tompkins per Esprit declinare tante versioni di una stessa not because every shop is exactly allows shoppers to experience them
affidando il progetto dei negozi a trama: il meccanismo ricorda gli the same, but because every store is in any sequence, as if they were a
Shiro Kuramata, Ettore Sottsass e arcani intrecci delle fiabe che distinguished by the quality of the fairy tale in which standard characters
Antonio Citterio). Il negozio di rue sembrano raccontare sempre la design thinking that has gone into it. can be deployed in any role to tell a
Saint-Honoré è stato progettato da stessa storia. Le tappe dello The Paris store in rue Saint-Honoré story that whatever the details of the
Droog Design insieme a NL Architects shopping sono scandite intorno al has been designed by Droog Design, plot, is always substantially the
di Rotterdam, lo studio che ha curato racconto della merce. I bozzoli working with NL Architects of same. The stepping stones in this
l’allestimento del padiglione esercitano le seduzioni del consumo Rotterdam who were responsible for narrative are shaped around the
olandese all’ultima Biennale di con un vocabolario elementare: the Dutch pavilion at the Venice merchandise, each grouped in
Venezia. I Droog sono da sempre recinto, cerchio, cortina, muro, architecture biennale. Droog have discrete episodes defined by simple
scettici sugli aspetti stilistici o di tunnel. Sono questi gli elementi del always been sceptical about the idea geometric forms that serve to entice
‘firma’, tanto da aver elaborato una catalogo di un nuovo concetto di of ‘style’ and signature design. They the customer in. The cocoons are
ricetta che permetta loro di astrarsi negozio da adottare in altri punti have devised a working method that used to seduce customers with a
dalla forma per concentrarsi sulle vendita Mandarina Duck per spazi allows them to distance themselves vocabulary of circle, tunnel, wall,
idee: l’oggetto per essere ‘secco’ simili ma comunque differenti. Lo from formal issues and to concentrate curtain and enclosure. These are the
deve essere passato al setaccio di un spettacolo della seduzione messo in on ideas instead. To be ‘dry’ as elements that define the store
meccanismo di non-progetto in cui scena dall’allestimento si gioca Droog put it, the design of an object concept, and which will be used in
l’autore possa agire il più intorno al meccanismo della needs to be put through the filter of a other outlet. Every space will be
oggettivamente possibile. Il designer, scoperta. In ossequio ai rituali del mechanism which allows the designer similar, and yet different. Its a design
un po’ alla Duchamp, si esprime consumo la caccia all’acquisto, da to be objective rather than subjective. which seduces shoppers by playing
esercitando le sue facoltà di scelta. cui è bandita ogni fretta, richiede The designer works, Duchamp style, with the mechanisms of discovery.
I Droog non sono né uno studio, né tempo: i prodotti in vendita non sono not through formal self expression, The rituals of spending demand that
un’impresa. Preferiscono assumere esibiti con ostentazione ma sono but through the faculty of choice. the sense of haste is banished from
l’identità di una rete che agisce da svelati a poco a poco. Il risultato è Droog is not a conventional design the act of shopping. Display cannot
catalizzatore selezionando, che all’esterno il negozio sembra practice, nor a business. It prefers to be ostentatious, but must reveal itself
raccogliendo, trovando: scelgono quasi vuoto, ma in realtà è pieno di work as a kind of network one that little by little. The result is a store that
infatti altri progettisti che realizzino la beni da acquistare e consumare. Lo acts as a catalyst, selecting, collecting seems almost empty from the
forma nello stesso modo in cui spazio è bianco, neutro, le pareti and finding elements and putting outside, but is actually full of
scelgono oggetti esistenti prodotti sono lasciate spoglie (nulla è appeso them to work in new ways. They temptation. The space is white and
industrialmente per rappresentare la alle superfici bianche dei muri) per choose other architects to create neutral – the walls are left bare, with
loro idea di bellezza. Quindi, enfatizzare i singoli elementi e form for them, just as they pick nothing attached to them. The aim is
piuttosto che esercitarsi nel progetto favorire il passaggio da un episodio existing industrially manufactured to spotlight individual garments, and
di un sistema da ripetere e adattare all’altro seguendo la percezione di products with which to create new encourage the sense of transition
ai vari contesti, i Droog si sono uno spazio continuo. objects. For Mandarina Duck, Droog from one spatial episode to the next.
Una serie di oggetti che dello spazio: il negozio A series of freestanding within them, project a
gli autori chiamano sembra vuoto, in realtà objects which the sense of spaciousness.
cocoon (letteralmente è pieno di oggetti in designers call cocoons The shop seems empty,
bozzolo) rappresentano vendita. Nella pagina serve to display articles but is in fact full of
sui due piani del negozio precedente il tunnel for sale on the two things for sale. Previous
la messa in scena della di pallet in materiale levels of the store. pages: a tunnel of
merce. I diversi episodi plastico usati come The different episodes plastic pallets used as
dello shopping espositori e, in alto, of shopping realise the display units and, above,
realizzando il concetto la campana in metallo concept of shops that the 3.6 m diameter
di negozi simili ma di 3,60 m di diametro, are similar yet different. metal bell, the Inverse
differenti. espositore introverso The cocoons, with the Clothes Rack inside
Ai cocoon, che celano al che cela al suo interno Mandarina Duck which the unisex wear
proprio interno i prodotti gli abiti della collezione products concealed collection is hidden
Mandarina Duck, è uomo-donna
affidata la definizione

54 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 55


Il negozio di rue Saint- reinterpretare The store in rue Saint- reinterpreted here, by
Honoré è disposto su uno dei monumenti Honoré occupies two playing on the idea of
due piani. La strategia dello shopping, la scala storeys. Seducing spending as a form of
di seduzione per indurre mobile, e giocare customers upstairs is entertainment. In the
la clientela a salire sull’idea di acquisto entrusted to the rotating same spirit, a curtain
al livello superiore come forma di spiral stairs, above. The of translucent fringes
è affidata alla scala intrattenimento. slow movement of this defines an organically
mobile elicoidale che Con lo stesso spirito spiral seems to beam up contoured interior
ruota su se stessa, una cortina di frange visitors straight to the where the movement of
a destra. Il lento traslucide definisce un upper level. In a theme- revolving tables lures
movimento della spirale ambiente dai contorni park mood, one of the the eye towards the
sembra teletrasportare organici dove il monuments to shopping goods on display, left
i visitatori direttamente movimento di tavoli – the escalator – is
al piano superiore: uno girevoli invita alla
spirito da parco dei presentazione della
divertimenti per merce, in alto

56 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 57


Oggetti d’uso comune, all’ingresso per la Ordinary objects display the new
(pallet, bande presentazione delle (pallets, elastic bands...) collections, while long
elastiche...) vengono nuove collezioni, mentre are reinterpreted as fibreglass canes
reinterpretati come lunghe canne in fibra display stands. (following pages),
espositori della merce. di vetro, nelle pagine Coloured elastic bands, become a high curtain of
A lato, elastici colorati, successive, diventano right, like those used by blades of grass
di quelli usati dai ciclisti un’alta cortina di fili Dutch cyclists to fasten indicating access to the
olandesi per assicurare d’erba per segnare luggage to their racks, dressing room designed
i pacchi alla propria l’accesso a due radure cover the whole wall in as a crop circle
bicicletta, ricoprono che funzionano da front of the entrance to
l’intera parete di fronte camerini di prova

Domus Gennaio January 2000 59


60 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 61
Droog Design:
Gijs Bakker
Renny Ramakers
NL-Architects:
Pieter Bannenberg,
Walter van Dijk,
Kamiel Klaasse,
Mark Linnemann

Il pin-wall, una delle The pin-wall, one of the


attrazioni del percorso attractions of the
d’acquisto lungo il quale spending-route along
i cocoon presentano which the cocoons
il loro contenuto in indirectly present their
modo indiretto: contents: the bags
le borse emergono dalla emerge from the surface
superficie di spilli come of pins as if suspended
sospese nella parete, from the wall, whilst a
nello stesso modo vacuum top seems to
un piano sottovuoto make the clothes float
sembra far galleggiare in mid-air
gli abiti a mezz’aria

62 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 63


Le Corbusier
e la rivoluzione
continua
Le Corbusier
and the continual
revolution

Charles Jencks esamina la vita di Le Corbusier


attraverso le tracce della sua opera
Charles Jencks explores Le Corbusier’s
life for clues about his work
Foto/Photo Werner Wolff/Black Star/Grazia Neri
insieme, quasi di getto, e firmai ‘Le Corbusier’… la doppia firma aveva indotto taluni a credere che nell’età della rivolta e della scoperta… Bruciava oggi riemergono ancora… Li vediamo in questa prevista (mezzo milione di persone) è, così come si
Chi era Il materiale fu pubblicato, e di punto in bianco il egli avesse un’amante di nome Le Corbusier. ciò che amava”. Il ‘Paul’ a nome del quale Le nuova crisi dello spirito che ha fatto seguito alla dice della Rivoluzione francese, ancora troppo
Le Corbusier? nome prese a essere venerato… Un grido di Giunti alla rottura, liquidò Le Corbusier Corbusier si scusa era naturalmente un altro suo guerra: gli spaventosi sogni di Hermann Finsterlin presto per giudicarne i meriti. In questo caso,
battaglia, attraverso il mondo intero… Divertente, per il suo lavoro alla rivista con una somma così alter ego: quel “Paul Boulard” che aveva seguito di Baviera, con le loro viscose eiaculazioni che comunque, l’adagio è pertinente, poiché si
no?… Scrissi tre articoli consecutivi, che ebbero la irrisoria che quest’ultimo conservò l’assegno nel l’ingiunzione nietzschiana di bruciare quel che rimandano a mostri marini, viscere, o agli atti prevede che almeno un altro milione d’indiani si
capacità di destare un enorme interesse nei Paesi portafogli per il resto della sua vita, pronto a amava per creare qualcosa di totalmente nuovo impuri della bestia… Bruno Taut… pubblica nella stabiliranno a Chandigarh nei prossimi
più disparati, ovunque vi fossero editori d’altre estrarlo ogni volta che voleva screditare l’amico e superumano, nel caso specifico l’estetica della sua rivista case dove si può rintracciare la stessa cinquant’anni.
riviste o artisti che in seguito avrebbero di un tempo. macchina. ansiosa nevrastenia. Ma la materia è contro tutto Si sa bene che l’adozione di parametri elastici è
cominciato a venire a Parigi per parlare col signor Sotto vari pseudonimi, come Paul Boulard, Le ciò. Queste cose possono prender forma solo in connaturata al concetto di città ideale per una
La rivista L’Esprit Nouveau fu lanciata nell’ottobre Le Corbusier. A tutti veniva risposto: ‘Qui non c’è Corbusier attaccò non solo il nemico comune di una mente febbricitante e lasciarsi disegnare sulla nuova nazione, soprattutto se si tratta di un Paese
del 1920 da Ozenfant, Jeanneret e dal poeta Paul nessun Le Corbusier, è il signor Jeanneret che si L’eroe fa tutte le avanguardie, l’Ecole des Beaux-Arts, ma carta. Ma i dati di fatto rifiutano che esse vengano contraddistinto da una crescita esponenziale;
Dermé. Per chi volesse rintracciare le origini del occupa di queste cose’. Così, dopo un po’, Le tabula rasa anche De Stjil, il Costruttivismo, Gropius e il costruite”. tuttavia, è possibile fare alcune considerazioni di
movimento moderno, sono proprio qui, nel Corbusier fu obbligato a usare quel nome anche Bauhaus, l’Espressionismo, i Formalisti praghesi e Quest’ultima affermazione era ovviamente priva di carattere generale. Il dato fondamentale da
pressante appello delle righe d’apertura: “C’è uno nella vita privata, perché quando passava la il Surrealismo. Si può ipotizzare che tale virulenza effettivo contenuto, cosa che Le Corbusier stesso considerare è che Chandigarh fu pensata come la
spirito nuovo: è uno spirito di formulazione e frontiera il suo passaporto portava il nome di fosse causata da una forma di dislocazione dimostrò pubblicando la Torre Einstein di più significativa manifestazione della nuova India.
sintesi guidate da una chiara concezione… una Jeanneret, e alla dogana non sembravano troppo affettiva: forse che doveva criticare un movimento Mendelsohn, opera espressionista che trent’anni Nel luglio del 1947 il Paese ottenne l’indipendenza
grande epoca è cominciata”. convinti… Chiedevano, ‘Chi è questo Jeanneret antagonista prima di poterne riconoscere il valore? più tardi avrebbe influenzato il suo lavoro a e solo un anno più tardi si separò dal Pakistan; ne
Più volte ripetuta, pur in diverse formulazioni, del passaporto, se tutte le vostre lettere sono In L’Esprit Nouveau, tra il 1921 e il 1924, Le Ronchamp. Eppure, in termini dialettici, provare conseguì il bisogno di riconoscere un nuovo Stato
come fosse l’esortazione di un profeta dell’Antico indirizzate a Le Corbusier?’. E io dovevo Sarebbe esagerato affermare che Le Corbusier fu Corbusier condannò l’architettura moderna che i progetti dell’Espressionismo erano al confine occidentale, il Punjab, e la sua capitale,
Testamento, l’affermazione induce a credere che rispondere, ‘Jeanneret, altrimenti detto Le il solo o il principale artefice del “periodo eroico” tedesca affermando che era basata su un errore, impossibili da realizzare era per lui necessario allo Chandigarh. Da ciò la logica che a una nuova India
dalla vecchia Europa e dalla guerra fosse Corbusier’. Così, da quel momento in poi fui dell’architettura moderna. È certo che Theo van che indicò sinteticamente con ‘Apparenze’. “In scopo di provare che la sua architettura era invece dovesse rispondere una nuova, moderna versione
veramente spuntato un nuovo spirito. Per quanto ribattezzato definitivamente… La firma di Le Doesburg e De Stijl in Olanda ebbero un ruolo di architettura un errore come questo è fatale. L’uso generata dalle leggi della costruzione. di Delhi, risposta insieme agli inglesi e al passato
riguarda il materiale pubblicato, esso fu in gran Corbusier dava immediato spessore, un’incredibile primo piano, così come il Costruttivismo in Russia sistematico della verticalità, in Germania, è una I costruttivisti, in questa battaglia dialettica, tradizionale. Nel 1953, in occasione
parte scritto dagli stessi redattori, sotto vari intensità sostenuta da articoli di sicuro rilievo, da e il Bauhaus in Germania. Tuttavia, dato che pare forma di misticismo, misticismo delle leggi della costituivano l’antitesi dell’Espressionismo, e dell’inaugurazione dei lavori, Pandit Nehru, il
pseudonimi. Ozenfant si presentò sotto mentite argomenti validi e di natura rivoluzionaria – non di inopportuno avere un periodo eroico senza un fisica, il veleno dell’architettura tedesca. I tedeschi tuttavia un’altra soluzione erronea sulla via della leader che si impegnò per la realizzazione della
spoglie per quattro volte, come Julien Caron, proposito, ma rivoluzionari perché la situazione lo eroe, se si dovesse estrapolare il nome di un intendevano fare della loro architettura uno degli vera sintesi. “Ecco il miraggio: l’attitudine poetica città, enfatizzò proprio questi punti. “La città”,
Saugnier, Vaucrecy e De Fayet; questi ultimi due era, perché l’epoca intera era rivoluzionaria. Ecco architetto questo dovrebbe senz’altro essere Le armamentari più efficaci del pangermanesimo… della verità percepita sulla base della geometria, disse “è la prima grande espressione del nostro
nomi furono usati occasionalmente anche da perché nacque Le Corbusier e perché dovette Corbusier, sia per la sua consapevole posizione l’ambasciata tedesca di San Pietroburgo, la non è così ovviamente una verità plastica. Il genio creativo, che fiorisce sulla libertà che
Jeanneret, che si firmò inoltre Le Corbusier, Paul indossare la sua veste… ”. morale che per le sue opere. L’eroe classico della fabbrica AEG di Berlino, sono concepite per Costruttivismo russo spicca questo salto con abbiamo appena conquistato… Svincolata dalle
Boulard e persino ****. In totale, due scrittori È significativo che il nome fosse preceduto cultura occidentale è un individuo che ha una imporre, per schiacciare, per dichiarare a gran troppa facilità, senza considerare adeguatamente i tradizioni del passato… si tende al di là
divennero nove, una mossa che dava il polso del dall’articolo ‘Le’. Questo conferiva al personaggio chiara visione dei problemi che affliggono la voce potere assoluto”. puri, plastici fatti; qui si fraintendono le cose! dell’esistente ingombro di vecchie città e antiche
rinnovato Zeitgeist, e che rendeva l’operazione una certa statura oggettiva, come se ‘Le’ società, li esamina razionalmente, quindi agisce in Questo attacco a Peter Behrens, architetto che il Tuttavia è molto seducente e incomparabilmente tradizioni… un tempio della nuova India”.
simile all’attività di una qualche setta rivoluzionaria Corbusier fosse egli stesso una sorta d’oggetto- prima persona per risolverli. Egli, inoltre, è giovane Jeanneret aveva ammirato e detestato meglio di Finsterlin! È tanto nel giusto quanto gli Come ha sostenuto Stanislaus van Moos, nella
dell’Ottocento dove tutti avevano uno pseudonimo tipo o homme-type messo a punto in migliaia moralmente e direttamente coinvolto in tali insieme, era mosso non solo contro il altri sono in errore. Antipodi. È agli antipodi della maggior parte dei casi Le Corbusier avrebbe visto
in caso di controlli della polizia. Come ‘Lenin’ e d’anni di storia economica. In più, la comparsa di problemi in modo del tutto diverso da coloro che nazionalismo monumentale, ma anche contro una nevrastenia”. le cose con gli stessi occhi. Innanzitutto, egli era
‘Stalin’, pseudonimi inventati per ragioni pratiche, questo alter ego permise a Jeanneret di scrivere fanno parte di un movimento o Zeitgeist. Là dove tecnologia ritenuta ipocrita, contro la verticalità Così, Le Corbusier muove da un attacco all’altro, interessato alla concezione di una città nuova e
finirono per fagocitare la vera identità degli uomini su se stesso usando la terza persona – ‘egli’, o altri si riterrebbero estranei alla questione, ogni vista come l’opposto delle costruzioni ordinate modificando continuamente il taglio critico per svincolata dalle tradizioni, che doveva
che li usarono, così fece “Le Corbusier”. “ciò è stato fatto dal nostro” – come se si trattasse errore e ogni passo falso sono per lui una tecnicamente in orizzontale di Le Corbusier: adattarlo ai propri fini. È un gioco nel quale non modernizzarsi in fretta ma in maniera nuova e
Le Corbusier stesso, in diversi momenti della sua di un testimone universale che si fa carico, per tutti responsabilità personale di cui soffre. Si può “C’è un dato di fatto che condanna il tutto: in casa può perdere, come succede ogniqualvolta la diversa da quella europea. I due uomini
vita, ha fornito particolari rivelatori riguardo alla gli uomini, delle sofferenze della storia del credere che Le Corbusier abbia mutuato alcune di si vive piano per piano, orizzontalmente e non dialettica è impugnata da un duellante astuto. Ma condividevano inoltre la speranza che l’India
scelta di questo pseudonimo. Tra le ragioni più Ventesimo secolo. queste idee dalla concezione nietzschiana del verticalmente. I palazzi tedeschi non sono altro qual è lo scopo? Da un lato ogni attacco è diventasse un esempio per il mondo nella
immediate c’è il fatto che suo fratello Albert e suo La maggior parte degli articoli d’architettura superuomo; quel che è certo – e lo dimostrano le che gabbie d’ascensore. Questa è l’estetica giustificato fintanto che persegue il suo fine, “seconda età della macchina”, espressione con la
cugino Pierre disegnarono numerose copertine de comparsi su L’Esprit Nouveau erano firmati “Le sue parole – è che aveva piena consapevolezza della bara”. dall’altro esso serve a cristallizzare uno stadio del quale Le Corbusier intendeva non solo la nuova
L’Esprit Nouveau: chiaramente c’erano troppi Corbusier-Saugnier”, a indicare che Le Corbusier del senso del proprio destino. “È un gran risultato, L’accusa di cui Le Corbusier si serve nei suoi positivo sviluppo del suo autore. Gli estremi era elettronica, ma il periodo dopo quei primi
Jeanneret coinvolti nell’operazione. Tuttavia, il si occupava dei testi mentre Ozenfant, oltre a poter dire a se stessi: ‘Voglio conseguire uno continui attacchi contro i tedeschi è la loro dell’arte astratta condussero a un insistere purista cent’anni – 1830-1930 – nel corso dei quali la
motivo che più degli altri determinò l’adozione contribuire con alcune idee, si prendeva cura delle scopo, e non lascerò nulla d’intentato. Rimarrò in mancanza di razionalità tecnica. Gropius e il sull’oggetto industriale; il monumentale meccanizzazione aveva distrutto città e culture.
dello pseudonimo fu indicato dall’architetto immagini. I loro articoli a quattro mani sulla pittura attesa del momento opportuno. Riuscirò in ciò che Bauhaus sbagliano (nel 1923) perché insegnano nazionalismo tedesco portò ad anonimi, Ideologicamente, entrambi erano impegnati a
francese, negli ultimi anni di vita, in un’intervista erano invece firmati Ozenfant e Jeanneret, senza mi sono proposto. Arriverò al momento giusto, nel arti decorative e non architettura, e neppure internazionalistici progetti d’architettura forgiare una sintesi tra culture antiche e moderne,
rilasciata nel maggio 1965. Ciò che ne emerge, in rispettare l’ordine alfabetico: come a suggerire chi, posto giusto, calmo e sorridente, come un ricerca sulle possibilità della standardizzazione residenziale. Oltre questo progresso per via di un nuovo ibrido, una realtà “doppiamente
sostanza, è il ritratto di un artista che senza grandi in questi casi, aveva maggior responsabilità conquistatore e non come una vittima’. I veri eroi che Le Corbusier stesso stava portando avanti. opposti, c’erano qualità uniche, fatte d’impegno codificata”, in parte progressiva e in parte vecchia
riflessioni, quasi accidentalmente, dà vita a un riguardo al soggetto. Inevitabilmente, tuttavia, i sono ben curati e totalmente controllati. Non “Ma ciò che ci rattrista è l’obbligo di giungere alla e competenza. di cinquemila anni. Ancora, una combinazione
personaggio fittizio; dopodiché, l’improvviso malintesi e le gelosie si fecero sempre più hanno la barba incolta, non sono in disordine, né conclusione che una scuola d’arte ha l’assoluta postmoderna.
successo fa diventare questo alter ego, quasi suo frequenti finché, nel 1925, i due si separarono con insanguinati. Gli dei stessi sorridono loro”. incapacità di apportare miglioramenti alla In secondo luogo, Le Corbusier avrebbe afferrato
malgrado, uno scrittore e un architetto. non poca acrimonia e L’Esprit Nouveau cessò In generale, gli ammiratori di Le Corbusier produzione industriale, di creare degli standard: e Costruire al volo le parole ‘genio’ e ‘tempio’, specialmente
“L’Esprit Nouveau, che aveva un titolo così l’attività. Le Corbusier era furente. Ozenfant ritengono che egli non si sia “macchiato del gli standard non si possono inventare dal nulla. Chandigarh se pronunciate da un uomo politico ricercato,
invitante, legittimava la propria esistenza con gli sembrava arrivare regolarmente a determinate sangue altrui”. Dicono che non si occupava di Già da tempo, riguardo questa seria questione insieme di autorità e cultura, quel Fantasma di
articoli sulla pittura che Ozenfant e io scrivevamo. soluzioni pittoriche con un anno d’anticipo: in bisticci di poco conto, non attaccava altri architetti dell’insegnamento, abbiamo concluso che le Colbert che stava da sempre rincorrendo. Qui,
Poi… fece la sua comparsa un signore di nome Le realtà si scoprì che cambiava la datazione dei suoi né indulgeva in polemiche distruttive: ma questa scuole d’arte applicata vanno chiuse, perché non nella parte più povera del pianeta, rifletté
Corbusier… che, vedete, fu improvvisamente dipinti, anticipandola. ‘Saugnier’, inoltre, pareva visione è completamente distorta, manca di possiamo ammettere che il prodotto industriale sia ironicamente Le Corbusier, aveva trovato il Grande
battezzato da Jeanneret (Jeanneret, cioè io, ottenere eccessivo credito per la stesura di Verso prendere in considerazione la natura privo di uno standard, non possiamo accettare gli Iniziato e il Grande Potere riuniti in una sola
Charles-Edouard Jeanneret) che annunciò: ‘Se una nuova architettura, che, pubblicato nel 1923 eminentemente dialettica del suo argomentare. oggetti d’arte decorativa”. persona, ossia nell’uomo che gli stava chiedendo
dobbiamo parlare di architettura mi va bene di sotto pseudonimo, ebbe immediata risonanza a Per ogni punto positivo, infatti, qualcuno o Gli strali più accesi di Le Corbusier (o piuttosto di La storia del coinvolgimento di Le Corbusier nella di costruire la Città Radiosa. Inoltre, il sostegno
farlo, ma non sotto il nome di Jeanneret. Prenderò livello mondiale. Per questa ragione, Le Corbusier qualcosa venivano annientati. Più avanti negli Paul Boulard) sono lanciati contro capitale del Punjab è molto lunga e ci sarebbe del potere centrale era reale: se Nehru non
il nome dei miei progenitori materni, Le Corbesier’, tolse il nome di Saugnier alla seconda edizione del anni, Le Corbusier cominciò a provare un certo l’Espressionismo tedesco, l’architettura di Hans bisogno di un libro intero per raccontarla. Ne sono l’avesse appoggiato in innumerevoli occasioni,
dissi, ‘e firmerò i miei articoli d’architettura ‘Le libro, sostituendovi una dedica a Ozenfant “Il imbarazzo per questo comportamento. Un Poelzig, che somiglia alle rovine di Roma, e contro state scritte diverse, nessuna delle quali da quando ebbe a lamentarsi di essere sabotato, e se
Corbusier’. Così, un giorno scrissi il primo pezzo. furbone mi ringraziò per la dedica… non capì che esempio è la pubblica ammissione dell’errore le opere di Hermann Finsterlin, “viscose considerare compiuta perché, dopo cinquant’anni, lui e il premier indiano non fossero stati figure
Poi mi dissero: ‘Devi scrivere altri articoli, devi stampandola avevo eliminato la possibilità che commesso nell’attaccare uno scultore che aveva eiaculazioni che rimandano a mostri marini”: “Nel la nuova città è ancora nel suo primo stadio di autoritarie che pretendevano rispetto, Chandigarh
continuare, è veramente necessario’. A quel punto qualcuno pensasse che aveva scritto lui il libro”. ammirato in gioventù: “Mille scuse per le cattiverie profondo del nostro essere, larve, rospi e bestie sviluppo. Anche se conta ormai trecentomila non sarebbe mai stata costruita. Com’è nella
avevo solo due giorni a disposizione, così li scrissi Ozenfant, dal canto suo, si lamentava del fatto che dette su Rodin… Ma ‘Paul’ (il blasfemo) era che infestano le memorie del mondo primordiale abitanti in più della popolazione originariamente natura della politica indiana, e delle divisioni

66 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 67


La mano aperta
di Le Corbusier
a Chandigarh
Le Corbusier’s Open
hand monument
at Chandigarh
Foto/Photo
Jason Orton
etniche del Punjab, ci volle un intreccio di potere, militare allestito di getto, la sua struttura mostrerà i L’uomo, la società e il cosmo: ecco la trinità che particolarmente appropriato come simbolo issues, until 1925, like exhortations from an Old revolutionary. And this was why Le Corbusier was
da Delhi e Parigi, per concentrare gli sforzi della suoi pregi durante i molti sviluppi futuri, in Le Corbusier elesse a guida, come confermano i cosmico per questa parte dell’India. Sostiene la Testament prophet, one might start to believe a born and had to put his jacket on… ”.
manodopera statale e degli amministratori: a particolare in termini di viabilità. Coi suoi sette simboli incorporati nel cemento e in molti vita di tutti noi, fornisce energia per la fotosintesi, new spirit really had come out of old Europe and It is significant that the article ‘Le’ preceded the
conferma di questo è il dato di fatto che la sistemi di circolazione dimensionati con cura, rivestimenti. Come al solito, egli generò le icone e in un solo giorno senza di lui la terra the war. The two editors wrote most of these name because it gave a certain objective stature
situazione entrò in stallo alla morte dei due. potrebbe veramente diventare la prima città- attraverso una serie di bozzetti illustrativi realizzati ghiaccerebbe in modo irrefrenabile. Ma, per la pages themselves – under various pseudonyms. to the persona, as if Le Corbusier were himself
Sia Nehru che Le Corbusier amavano il gesto autostrada sicura e armoniosa del secolo venturo. in loco: metodo empirico per una creazione che fu maggior parte dell’anno, a Chandigarh il sole Ozenfant disguised himself four times, as Julien some object-type or homme-type, perfected by
eroico, la generalizzazione di grande effetto, Le Corbusier usò il centro direzionale per testare spesso molto più realistica dei suoi piani per la polverizza, brucia, uccide; è una spada Caron, Saugnier, Vaucrecy and De Fayet, whereas thousands of years of economic history. Indeed
l’ampia visione della storia e spesso delegavano la un nuovo simbolismo pubblico, perché, dopo il città, alcuni dei quali danno l’impressione di esser fiammeggiante. Qui la potenza del simbolo deriva Jeanneret occasionally wrote under the latter two the persona allowed Jeanneret to write about
realizzazione ad altri. Le Corbusier in particolare, piano generale, era proprio questo il versante sul pensati come si trattasse di una versione di Parigi. dalla mediazione di realtà quotidiana e universale”. names as well as Le Courbusier, Paul Boulard and himself in the third person as ‘he’ or “our man did
dopo essersi recato a Chandigarh nel 1951, fece quale era più direttamente impegnato. Nessun Per esempio, usò come unità di misura la distanza All’interno dell’aula assembleare il simbolismo even **** – thus turning two writers into nine! What this” as if he were some universal witness suffering
visita ai lavori due volte l’anno per periodi di un architetto negli ultimi cinquant’anni ha rilevato il tra l’Etoile e il Louvre, ma sbagliò le dimensioni: è solare è ripreso dando enfasi al suo opposto: gli a Zeitgeist. It was like some nineteenth-century the course of twentieth-century history for all men.
mese, mentre suo cugino, Pierre Jeanneret e compito, e i fallimenti e i successi di questa forse proprio questa la ragione per cui l’area del ampi spazi sono freschi, scuri, protetti da grandi revolutionary sect where everyone had a Most of the articles on architecture appearing in
(seppure in misura minore) Jane Drew e Max Fry, acropoli urbana (questo è in definitiva ciò che Campidoglio è troppo estesa? bastioni di schermi solari in cemento sospesi e pseudonym in case the police caught him. L’Esprit Nouveau were signed “Le Corbusier-
portarono avanti un’enorme mole di lavoro su base l’area è) rimangono l’esempio più istruttivo del A ogni modo, i principali emblemi creati da staccati dall’edificio per dar modo all’aria di Just as ‘Lenin’ and ‘Stalin’ were adopted personae Saugnier” to signify that Le Corbusier did the
quotidiana. Se oggi paiono evidenti alcune nostro tempo. In passato, nelle culture tradizionali, Le Corbusier, per lo più direttamente in loco, circolare. È lo spazio della caverna, l’antitesi del that were invented for practical reasons, and writing while Ozenfant supplied the photos and
decisioni indovinate e perfino eroiche, queste creare simboli pubblici per strutture civiche era un furono il sole, la luna, le stelle, i fulmini e le nubi; sole. Le due principali sale dell’assemblea then swallowed the original men, so was some of the ideas.
comunque riservano più d’una sorpresa. aspetto comunemente accettato del ruolo l’albero del mango, i serpenti, le mucche e i corvi; legislativa sono sospese in una griglia di spazio a “Le Corbusier”. Their joint articles on painting were signed
Chandigarh, in un’arida pianura, ha un ottimo dell’architetto, e tale impegno diede all’architettura l’uomo eretto, la mano aperta e l’orma del piede tripla altezza e spingono a loro volta attraverso la Le Corbusier, at several times in his life, gives Ozenfant and Jeanneret, opposed to an
acquedotto, un altrettanto efficiente sistema sia un’estetica sia un potere cerimoniale. Ma, col (entrambi simboli indiani); la ruota del carro, linea orizzontale del tetto come un’iperbole e una revealing reasons for the pseudonym. The alphabetical ordering, to signify who was most
fognario e un paio di stupendi laghetti artificiali. declino della religione e del credo in movimenti presa a prestito dall’esercito nazionale indiano, piramide, versione teatrale di una composizione immediate motives include the fact that his brother responsible for the argument in these cases.
Il simbolismo cosmico che guidò l’artista in Le d’ordine sociale, per tacere di altri aspetti, il la bilancia – simbolo della giustizia – e la sezione compatta. Colonne, rampe, ascensori e lanterne si Albert, and cousin Pierre, who often designed the Inevitably, however, confusions and jealousy
Corbusier fu certamente sostenuto anche da un simbolismo pubblico (se si eccettuano regimi trasversale dell’Unité. compenetrano secondo un criterio piranesiano, un covers for L’Esprit Nouveau, meant that there were became rampant and the two parted in bitterness
pensiero realmente ecologista. Ciò che colpisce come quello di Saddam Hussein) è scomparso del Questi segni e simboli ravvivano le zone morte e modo che può solo essere definito violento. too many Jeannerets involved with the magazine. in 1925, the year L’Esprit Nouveau stopped
il visitatore infatti è scoprire, nel bel mezzo di un tutto. Così, uno spazio collettivo neutro, o hanno un loro rilievo nella realtà quotidiana. Alcuni Questo spazio aperto è dedicato a ciò che Le But the most significant reason for the pseudonym publishing.
paesaggio semiarido e in un Paese dove troppa ravvivato da sculture messe lì all’ultimo momento, critici li considerano dei pretenziosi marchi di Corbusier definisce il Foro, luogo del tutto is given at the end of his life, during an interview in Le Corbusier was furious that Ozenfant should
gente vive accalcata in situazioni di enorme spesso con grande imbarazzo dello spazio stesso, fabbrica, simboli religiosi kitsch senza una informale di riposo e conversazione, dove i May 1965. Here we find that an artist has created a change dates on several paintings to prove that
degrado, che Chandigarh si spande come una è diventato la norma del nostro tempo. religione di Stato, ma personalmente ritengo che delegati hanno modo di avere una pausa nelle persona at speed, almost accidentally. Sudden Ozenfant always had an idea a year earlier. Also
città giardino a bassissima densità abitativa In questo senso, il Campidoglio di Le Corbusier tali critiche siano troppo severe, almeno quando si riunioni e scambiarsi le loro opinioni. Si tratta success then turns him, somewhat against his will, ‘Saugnier’ was getting too much credit for having
ed è piena di fiori. Tuttavia Le Corbusier non è l’ultimo ‘grande’ tentativo di andar oltre parla d’opere su scala ridotta come porte, pareti o dell’unica opera pubblica che Le Corbusier ebbe into a writer and architect. written Towards a New Architecture, which was
amava gli eccessi, e sono famose le sue taglienti un’agnostica vacuità. tendaggi. La Torre dell’Ombra e il Monumento al l’occasione di costruire su questa scala. Ha una “L’Esprit Nouveau, which had such an attractive published in 1923 under the hybrid name,
battute riguardo alle pretese degli amministratori Il programma simbolico che l’architetto francese Martire, goffi mausolei in un piatto spazio aperto, dignità consona all’uso, e tuttavia l’essere title, was able to justify itself because of the immediately achieving worldwide fame. So
locali, convinti di fare della città una sorta mise a punto prese sviluppo dai suoi dipinti, da meritano la censura, ma non le porte smaltate o i svincolata dalle convenzioni la previene dall’essere articles that Ozenfant and I wrote about painting. Le Corbusier omitted the name Saugnier from
di Oxford indiana. Ronchamp, e da progetti urbanistici precedenti. bassorilievi di cemento. Prodotti del tutto pomposa. Le Corbusier ha seguito la nozione And then… came the appearance of a gentleman the second edition and dedicated the book to
In realtà, Chandigarh è penalizzata dal somigliare Com’è inevitabile, esso era focalizzato sulla convincenti sono invece la grande porta che si democratica del foro anche all’interno del salone named Le Corbusier… who was, you see, all of a Ozenfant. “The fellow thanked me for the
un po’ troppo a un nuovo insediamento coloniale natura, in particolare sul sole e sulle piogge apre nella fresca penombra del parlamento, e la principale del parlamento senza cadere nelle sudden baptised by Jeanneret… Jeanneret, me, dedication... he didn’t realise that by printing it
inglese, ma va anche precisato che è unica in monsoniche, l’uno e le altre temibili a Chandigarh. sala dell’Assemblea generale per occasioni convenzionali nozioni di organizzazione Charles-Edouard Jeanneret, who announced: ‘If I had prevented anyone from thinking he’d written
questo contesto, e molto amata per aver più verde Teneva inoltre in considerazione la presenza delle ufficiali. Qui, sotto un gigantesco portico volto gerarchica. È una delle più accoglienti, seppur we must talk about architecture, I’m willing to do the book”.
e ombra di un’oasi. L’ironia di questo successo montagne circostanti, della gente e perfino di all’insù – si tratta forse della più grande grondaia grandiose, aule di dibattito in cui io sia mai it, but I don’t want to do it under the name of Ozenfant, for his part, complained that the joint
popolare è che i ricchi e potenti amministratori di animali come le vacche sacre e il bufalo indiano. del mondo, modellata a formare il simbolo delle entrato. Ogni ‘oratore’, come li chiamava Le Jeanneret’, I said, ‘I’ll take the name of my signature caused a number of people to believe
questa Beverly Hills del Punjab non vogliono che corna del toro con madre e bambino ai due lati – Corbusier, dispone di un microfono di modo che maternal ancestors, Le Corbesier’, and I’ll sign my that he had a mistress called Le Corbusier. He
nulla cambi, e che il loro stile di vita venga troviamo un omaggio all’universo dai colori può sia essere udito che intervenire nel corso del articles about architecture ‘Le Corbusier’. So one gave a small check to Le Corbusier for his services
minimamente minacciato. Con oltre un milione di brillanti. Sul lato d’ingresso, il sole invernale dibattito. Nuvole fonoassorbenti attenuano il day I wrote the first article. Then I was told, ‘You on the magazine – so paltry a sum that Le
persone in arrivo, è poco probabile che ed estivo che domina il registro superiore fissa riverbero sonoro e sbalzi di livello interrompono i must write other articles. You have to go on, it’s Corbusier kept it in his pocket for the rest of his life
quest’attitudine conservatrice riesca a proteggere il tema di base per l’intero palazzo, e invero per soliti, serrati banchi dei politici. L’atmosfera è tale necessary’. I had two days to do it. I wrote them in to pull out whenever he needed to discredit his
la loro pace: per preservare i valori ci si deve l’intera città. che ci si sente come avviluppati in un voluttuoso one stretch and signed ‘Le Corbusier’… It was former friend.
adattare ai programmi. Le Corbusier immaginava che una volta l’anno in vigneto, una sensazione inspiegabile, published, and suddenly this name became
Oltre all’aspetto ecologico, un altro pregio del quest’edificio avesse luogo un rito solare. Lo particolarmente sorprendente quando ci si ricorda venerated… a rallying cry, throughout the entire
piano (sfornato in un mese sulla base del spazio centrale per le assemblee, a forma di “torre di essere in un centro di dibattiti politici; mancano world… It’s really funny isn’t it?… I wrote three The hero
precedente progetto di Albert Meyer) è la di raffreddamento” parabolica, sarebbe stato solo l’oculo del Pantheon e il movimento del sole a consecutive articles, which had the gift of clears the field
stratificazione di strade, spazi verdi, abitazioni e l’epicentro dell’azione. In alto, un oculo gigantesco completare il simbolismo desiderato. Non riesco a attracting a vivid interest in countries everywhere
uffici, che s’intersecano e si compenetrano come (come nel Pantheon di Roma) si sarebbe aperto pensare a uno spazio migliore per la res publica. among people who edited other journals, and
le maglie di un tessuto. La struttura di base è permettendo alla luce del sole di scendere sul among interesting artists who would come to Paris
buona, ma avrebbe certamente bisogno di una parlamento, a colpire magari proprio il podio and say, ‘I want to talk to Mr Le Corbusier’. They
maggiore combinazione nella destinazione d’uso dell’oratore. Nel concepirlo, sembra che Le Who was were told, ‘There is no such person. It’s Mr
dei vari edifici, di una più decisa diversificazione Corbusier avesse in mente altri esempi – la luce Le Corbusier? Jeanneret who takes care of these things’. And
tipologica e stilistica e di una più efficace che filtra attraverso la cupola di Santa Sofia e after awhile Le Corbusier was forced to take the It would be an exaggeration to claim that Le
penetrazione dei vari settori. Ovvero, necessita di precedenti costruzioni indù, laddove un fascio di name Le Corbusier even in his everyday life, Corbusier was altogether responsible for the
essere postmodernizzata, in linea con quanto luce, in un preciso momento dell’anno, passa because when he crossed a border his passport Heroic Period of Modern Architecture. Certainly
proposto da Jane Jacobs e altri fin dagli anni attraverso l’apposita apertura di un tempio e va a read Jeanneret, and the customs officials weren’t Theo Van Doesburg and De Stijl in Holland
Foto/Photo René Burri/Magnum/Contrasto

Sessanta. Affermare che la città soffre della colpire il lingam dell’altare. Altri simboli del sole too happy… They would ask, ‘Who is this provided much of the impetus, as did
separazione funzionale tipica del modernismo non estivo e invernale dominano il ‘coperchio’ della Jeanneret in your passport, your letters are all Constructivism in Russia and the Bauhaus in
è altro che ripetere un’ovvietà. Ciò che si potrebbe torre di raffreddamento, simboli da porre in The review L’Esprit Nouveau was launched by addressed to Le Corbusier?’. So I said, ‘Jeanneret, Germany. Yet if any one architect is to be singled
menzionare in questo senso è che la disposizione relazione col Jantar Mantar e altri osservatori Ozenfant, Jeanneret and the poet, Paul Dermé, in otherwise known as Le Corbusier’. And from then out, and it would be awkward to have a heroic
di base di Chandigarh è come il primo gradino di astronomici indiani. Inizialmente, quest’ovale October 1920. If one wants to find the origin of the on I was definitely renamed… the signature of Le period without a hero, then it would have to be
un sistema ecologico: un’ottima base di partenza inclinato si sarebbe dovuto aprire a scivolo, e Modern Movement it is here, in its opening lines Corbusier immediately gave breadth, an incredible Le Corbusier, for his self-conscious moral position
per successivi stadi di sviluppo – un secondo, un mostrare il funzionamento dell’universo: “Questo and clarion call: “There is a new spirit: it is a spirit intensity backed up by valuable articles, by valid as much as his buildings.
terzo, un quarto, e così via – certamente possibili ‘coperchio’… diverrà un vero e proprio laboratorio of construction and synthesis guided by a clear arguments, or a revolutionary nature – The classical hero in Western culture is an
se solo gli amministratori acconsentissero. Come di fisica” disse Le Corbusier “realizzato in modo da conception… a great epoch has begun”. unintentionally so, but revolutionary because the individual who sees the major problems
una bastide del Tredicesimo secolo o un campo render possibile il gioco della luce… Il sole è Repeated again and again in different ways for 28 situation was revolutionary, because the age was confronting society, sees them rationally, and then

70 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 71


Il Palazzo del
Parlamento a
Chandigarh
The Assembly
Building at
Chandigarh
Foto/Photo
Jason Orton

72 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 73


acts directly to change them. Furthermore, he is one lives floor by floor, horizontally not vertically. own positive development. The extremes of the world, Le Corbusier reflected ironically, he motorway city of the next century. theme for the whole building, indeed the whole
morally and personally involved in this action in a The German palaces are just lift cages. Here is the abstract art led to the Purist insistence on the found the Great Initiate and the Great Power in one Le Corbusier used the capitol area to test a new of Chandigarh.
way which is different from those who are part of a aesthetic of caskets”. industrial object; the monumental German person, and one who was asking him to build The public symbolism, because, after the general Le Corbusier imagined a solar ritual to occur once
movement or Zeitgeist. He takes all mistakes and The argument which Le Corbusier continues to nationalism led to anonymous, internationalist Radiant City. The backing of central power was layout, it was this to which he was committed. a year in this building. The central assembly
setbacks as a personal responsibility, thus bring against the Germans is their lack of technical housing projects. Beyond this progress through real. If Nehru had not supported him on countless No architect in the last fifty years has taken on this space, a parabolic “cooling tower” in form, would
suffering where others would claim immunity. rationality. Gropius and the Bauhaus are wrong (in opposition, there were the unique qualities of occasions, when he complained of sabotage, and task and the successes and failures of the city’s be the focus. Above it a giant oculus, like the
Perhaps Le Corbusier got some of these ideas 1923) because they teach decorative art and not relevance and commitment. if both he and Nehru were not authoritarian figures acropolis, for that is what it is, remain the most Pantheon in Rome, would open up and allow
from Nietzsche’s notion of the superman; at any architecture or research into standardisation which demanding respect, then Chandigarh would never instructive of our time. In the past, in traditional sunlight to descend onto the parliament, perhaps
rate he had a highly developed sense of his own Le Corbusier was pursuing. have been built. In the nature of Indian politics, cultures, providing public symbols for civic the speaker’s rostrum. Apparently he had other
destiny. “But what saddens us is the obligation to have to Building and the ethnic divisions of the Punjab, it took a structures was an accepted part of the architect’s examples in mind – the light streaming through
“This is a successful achievement, to be able to conclude that a school of art has the absolute Chandigarh mixture of power from Delhi and Paris to focus the role, and this obligation gave architecture the dome of Hagia Sophia, and Hindu precedents,
say to oneself: ‘I want to attain a certain end, and incapacity to ameliorate industrial production, to energies of the civil servants and administrators. aesthetic as well as ceremonial power. But, with when a shaft of light, at key points of the year,
I shall leave no stone unturned. I shall wait for the create standards: one cannot invent standards out The fact that stalemate has beset the city since the decline of religion and belief in social comes through a temple opening and hits an
proper moment. I shall succeed in what I have of the blue. For a long time, in this grave question their deaths makes this point. movements, not to say other things, public upright altar stone.
decided to do. I shall arrive at the chosen time, at of teaching, we have concluded that the schools Both men liked the heroic sweep, the grand symbolism has all but disappeared, except with Symbols of summer and winter sun dominate the
the proper place, calm and smiling, a conqueror of applied art must be closed, because we cannot generalisation, the big view of history and often regimes such as Saddam Hussein. Thus the ‘cap’ of the cooling tower, symbols that relate to
and not a casualty’. Real heroes are well groomed admit the industrial product removed from the delegated realisation to others – Le Corbusier neutral public space has become the norm of our the Jantar Mantar and other cosmological
and absolutely controlled. They are neither standards, we cannot admit the objects of The story of Le Corbusier’s involvement in the particularly, after he came here in spring 1951, time, enlivened with some sculpture brought in at observatories in India. At first this tilted oval was
unshaven, nor unkept, nor bloodstained. The gods decorative art. Now the Bauhaus at Weimar brings capital city of the Punjab is long and needs an and then only visited twice a year for a month. the last moment, much to its embarrassment. meant to slide open, as well as display the facts of
themselves smile”. nothing to industry, but just creates decorators entire book to tell it. Several have been written, His cousin, Pierre Jeanneret, and to a less extent Le Corbusier’s capitol is the last ‘big’ attempt to the universe: “This ‘cap’... will become a true
It is generally understood by Le Corbusier’s who are superfluous and undesirable quantities... none of which are definitive because the new city Jane Drew and Max Fry, carried out a lot of day- make something more than agnostic blankness. physics laboratory” he said, “equipped to ensure
admirers that he was relatively un-bloodstained, we desire exact objects... There thus exist many is still, after fifty years, in its first stage of growth. to-day work. If there are some heroic and good The symbolic programme he worked out the play of light... As a cosmic symbol for this part
or, as they phrase it, he did not bother himself with schools to be closed”. Though it has added 300,000 more than its decisions that are evident today, they may be a bit developed from his painting, Ronchamp, and of India, the sun is particularly apt. It sustains life
petty squabbles, attacking other architects and Le Corbusier’s, or rather Paul Boulard’s, greatest projected population of 500,000, it is, as said of of a surprise. Chandigarh, in a dry plain, has a very previous city planning. Inevitably it was centred on for all of us, of course, providing the energy that is
indulging in destructive polemics. This view is wrath is directly against German Expressionism, the French Revolution, still too early to judge its good sewer and water system and a couple of nature, particularly the sun and monsoon rain, photosynthesised, and without it for a day the
profoundly false and fails to take into account the the architecture of Hans Poelzig, which resembles merits. At least in this case the adage is true, wonderful, artificial lakes. The cosmic symbolism both of which are fearsome in Chandigarh. Also earth would go into runaway freezing. But for
eminently dialectical nature of his argument. the ruins of Rome, and of Hermann Finsterlin because a million more Indians are predicted to that drove the artist in Le Corbusier was also the presence of the surrounding mountains, the Chandigarh, most of the year, it is pulverising,
For every positive point, there is someone or which resembles “viscous ejaculations recalling settle here in the next fifty years. In the nature of supported by some very real ecological thinking. people and animals such as the Indian buffalo and searing, killing – a flaming sword. The potency of
something which is destroyed. In later life Le underwater horrors”: “In the depths of our being, ideal cities for a new nation, and ones that grow What strikes the visitor is finding, in the middle of sacred cow. Mankind, society and the cosmos, this symbol here comes from mediating everyday
Corbusier was partly embarrassed by this fact and larva, toads and beasts which haunt the memories exponentially, an elastic yardstick is needed. a semi-arid landscape and in a country where too was the trinity he mentioned as guide, and one reality and universal.
apologised for attacks on a sculptor he had of the primordial world re-emerge again today… Nonetheless some generalisations can be made. many people live close and in squalor, that finds symbols of them incorporated in the Inside the Assembly the sun symbolism is
admired when very young. “A thousand excuses we see them in this new crisis of the spirit which The basic fact one has to note is that Chandigarh Chandigarh is spread out like a low density garden concrete, and tapestries. As usual, he generated continued by emphasising its opposite: the large
for the wickedness done to Rodin… But ‘Paul’ followed the war: frightening dreams of Hermann was created as the most significant manifestation city, and it is full of flowers. Le Corbusier did not the icons through a series of descriptive sketches concrete spaces are cool, dark, protected by vast
(the blasphemer) was at the age of revolt and Finsterlin from Bavaria with their viscous of the New India. In July 1947 India became like the sprawl, and he made characteristic jibes on the site, an empirical method for creation that bastions of concrete sunshades. These are
discovery… He burned what he loved”. The ‘Paul’ ejaculations recalling underwater horrors, or those independent and a year later split with Pakistan about the officials being too ‘Oxfordish’. Indeed was often a lot more realistic than his plans for the suspended away from the building creating air
who Le Corbusier is apologising for here was of viscera, or impure acts of beasts. He was resulting in the need for a new western state – the the city does suffer from being too much of an city, some of which were thought out as a version circulation. Here is the cave space, antithesis of
course another persona, “Paul Boulard”, who had pretending to extract out of this architectural Punjab, with a capital city to run it, Chandigarh. English colonial new town; but, it has to be said, of Paris. For instance, he used the distance from the sun. The two main legislative halls are
carried out the Nietzschean injunction to burn creations… Bruno Taut… publishes in his review Hence the logic that a New India equalled a new, it is unique here, and much loved, for having more the Etoile to the Louvre as the measuring stick but, suspended in a grid of triple height space while
what he loved in order to create something totally houses where one finds the same distracted modernised version of New Delhi, an answer at greenery and shade than any comparable oasis. got the dimensions wrong: maybe that is why the they also slam through the horizontal roof line as
new and superhuman – in this specific case the neurasthenia. But physical matter is against it. once to the British and the traditional past. Pandit The irony of this popular success is that the rich Capitol is too spread out? a hyperbola and pyramid, a dramatic version of
machine aesthetic. These things can be born in a fevered head and Nehru, the leader committed to realising and powerful administrators do not want anything At any rate, the major emblems Le Corbusier compaction composition. Columns, ramps, lifts
Under his various pseudonyms, such as Paul inscribed on paper. Physical facts refuse to let Chandigarh, emphasised this point at the to change, or their way of life, in this Beverly Hills fashioned, mostly from the site, were the sun, and lighting troughs interpenetrate in a way which
Boulard, he attacked not only the common enemy them be built”. inauguration of building in 1953. “The city”, he of the Punjab, to be threatened. With a million moon, stars, lightning and clouds; the Mango tree, is Piranesian and can only be described as violent.
of avant-gardes, the Ecole des Beaux-Arts, but This last statement was of course factually untrue said, “is the first large expression of our creative more people to come, this conservative stance is snakes, cows and crow; the standing man, the This open space is devoted to what Le Corbusier
also De Stijl, Constructivism, Gropius and the as Le Corbusier showed by illustrating genius, flowering on our newly earned freedom... not likely to conserve their peace. To preserve open hand and footprint (both also Indian again calls the Forum, that informal place of
Bauhaus, Expressionism, the Prague Formalists Mendelsohn’s Einstein Tower, an Expressionist unfettered by traditions of the past... reaching value one has to adapt the plan. symbols); the carriage wheel, borrowed from the conversation and rest where delegates can pause
and Surrealism. Perhaps a reason for all these building which influenced his own Ronchamp beyond the existing encumbrances of old towns Besides the benign ecology, another benefit of the national arms of India, scales – the symbol of and formulate opinion between meetings. This is
outbursts was psychological displacement: did he thirty years later. Yet in dialectical terms, proving and old traditions... a temple of a new India”. plan, whipped out in a month on the basis of justice – and the cross section of the Unité, or the only public realm that he was lucky enough to
first have to criticise a competitive movement Expressionism unbuildable was necessary in order Le Corbusier would have seen eye to eye with him, Albert Mayer’s previous one, is the layering of signs of shelter. build at this scale. It has a dignity which is
before he could appropriate its lessons? to prove his own architecture to be generated by as Stanislaus von Moos has shown, on several roads, open green spaces, homes and work These signs and symbols do liven up dead places appropriate, yet its freedom from convention
In L’Esprit Nouveau between 1921 and 1924, constructional laws. The Constructivists, in this points. First is the notion of being a new city spaces. They weave through each other like a and are relevant to everyday realities. Some critics keeps it from being pompous.
Le Corbusier condemned modern German dialectic, were the antithesis of Expressionism, but unfettered by traditions, and one that had to tartan. The basic structure is a good one, but it see them as overblown trademarks, or as kitsch Within the main hall of parliament, Le Corbusier
architecture for being based on error: still only one more erroneous solution on the way modernise quickly, but in a new, non-European definitely needs more mixed uses, diversity of religious symbols without a state religion, but I find has also followed the democratic notion of the
‘Appearances’. “In architecture such an error is to true synthesis. way. Both men shared the hope that India could be building type, various styles of architecture and these judgements too harsh, at least when it forum without falling into conventional notions of
fatal. The systematic use of the vertical, in “Here is the mirage: the poetic attitude of truth an example to the world of “the Second Machine the interpenetration of sectors. That is to say, it comes to the small-scale of a door, wall or an hierarchical organisation. It is one of the
Germany, is a mysticism, a mysticism of physical perceived on the base of geometry is not so easily Age”. By this Le Corbusier meant not only the new needs to be post-modernised, along the lines that tapestry. The Tower of Shade and Martyr’s most welcoming but grand debating halls I have
law, the poison of German architecture. The a plastic truth. Russian Constructivism makes this electronic age, but the period after the first Jane Jacobs and others were advocating in the Monument, clumsy monuments in the flat open ever been in. Each ‘orator’, as Le Corbusier call
Germans wished to make their architecture one of jump too quickly, too much without considering hundred years – 1830-1930 – when mechanisation 1960s. To say the city suffers from the functional space, deserve this censure, but not the them, has a microphone so that he can be heard
the most active armaments of pangermanism... pure, plastic facts; things are misunderstood! Still had destroyed cities and cultures. Ideologically separation of Modernism is to repeat a truism. enamelled doors and concrete reliefs. and interrupt the course of political events.
the German Embassy in Saint-Petersburg, the it’s very seductive and incomparably better than the two were committed to forging a unique What might be mentioned in this context is that Most convincing is the great door that opens into Acoustic clouds dampen reverberation and
factories of AEG in Berlin, are conceived to the hell of Finsterlin! It’s as much in the truth as the synthesis between ancient and modern cultures, the city’s basic layout is like the first growth of an the cool shade of the Parliament, or the General changes of level break up the usual serried banks
impose, to crush, to cry out absolute power”. others are in error. Antipodes. It’s at the antipodes a new hybrid or doubly-coded reality, part ecology, a very good basis for successive growths Assembly, for State occasions. Here we find, of politicians.
This attack on Peter Behrens, an architect whom of neurasthenia”. progressive and part 5000 years old – again – second, third, fourth etc. – if only the under a giant, upturned portico – what must be The ambience is like being enveloped in a
the young Jeanneret had admired and disliked, Thus, Le Corbusier moves from one attack to the a post-modern mixture. administrators would allow it. Like a 13th century the largest gutter in the world (and one sensuous vineyard, an uncanny and exciting
was not only against the monumental nationalism, next, always changing the criticism to suit his Secondly, Le Corbusier would have leapt at the bastide or a military camp laid out at a stroke, its symbolising bull’s horns and mother and child on feeling, especially surprising to find at the centre
but also against a supposedly false technology, ends. It is a game he cannot lose, as is all dialectic words ‘genius’ and ‘temple’, especially coming structure will benefit many future developments, its ends) – a brilliantly coloured homage to the of democratic debate. I cannot think of a better
verticality, as opposed to Le Corbusier’s wielded by a clever duelist. What’s the point? For from the mouth of a cultivated leader, an Authority especially those in traffic. Indeed, with its seven universe. communal space of the res publica; it only lacks
technically determined horizontal buildings. one thing each attack is justified in so far as it with culture, the Ghost of Colbert for whom he had types of circulation, carefully dimensioned, it On the entry side, the summer and winter sun the oculus of the Pantheon, and the movement of
“A simple fact condemns everything: in a house goes, and for another it crystallised a stage in his always been searching. Here in the poorest part of might become the first coherent and safe dominate the top register and this sets the basic the sun to complete the intended symbolism.
Questo testo è un estratto This text is an extract from
dal nuovo libro di Charles Charles Jencks’ new book,
Jencks, Le Corbusier and Le Corbusier and the
the continual revolution continual revolution in
in architecture, Monacelli architecture, published by
Press the Monacelli Press

74 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 75


American
legends

Leggende
americane Il paesaggio boscoso di
Cranbrook è sacrosanto:
anche la piscina di
Williams e Tsien è
circondata dagli alberi
The wooded landscape
of Cranbrook is
sacrosanct. Williams
and Tsien’s pool
is framed by trees

A Cranbrook, uno dei luoghi sacri del


design americano, dove furono di casa
Eliel Saarinen e Charles Eames,
Williams e Tsien hanno costruito una
piscina accanto alla loro vecchia scuola
Cranbrook is one of the sacred sites of
American design, home to Eliel Saarinen
and Charles Eames. Now Williams and
Tsien have built their old school a pool
Fotografia di/Photography by
Michael Moran

76 Domus Gennaio January 2001


Cranbrook è uno dei luoghi sacri del
design americano, insieme a Taliesin
e alle Study Houses della California
meridionale. È l’enclave utopica
fondata nel 1904 da George Booth,
ricco uomo d’affari di Detroit, e
continua a esercitare il suo fascino
sul mondo del progetto
contemporaneo. Dopo aver fatto
fortuna, Booth si trasferì con la
famiglia fuori Detroit, in una ricca
proprietà rurale a Bloomfield Hills,
che nel corso degli anni trasformò da
casa di campagna in comunità
culturale. Fondò una serie di
istituzioni che rispecchiavano la sua
visione progressista della cultura e
dell’educazione. Cranbrook è oggi
composta da un istituto superiore
d’arte, una scuola, un museo e un
centro scientifico.
Booth trattò il progetto come
avrebbe fatto un proprietario terriero
del XVIII secolo: con gli anni creò un
nuovo paesaggio e lo popolò di
architetture in cui prendevano corpo
le sue aspirazioni per la comunità.
Ma invece di lavorare con un
architetto palladiano o con uno alla
Capability Brown, Booth offrì a Eliel
Saarinen, appena arrivato dalla
Finlandia, l’occasione di costruire
una serie di edifici nel suo stile
nordico Arts and Crafts incrociato
con la maniera classica.
Saarinen fu nominato presidente
dell’Accademia d’Arte di Cranbrook
nel 1932. Costruì nel campus la sua
abitazione e la riempì di mobili, vetri

Lo stesso Tod Williams si


è formato a Cranbrook:
esperienza che sembra
trasparire dalle qualità
tattili della nuova
piscina
Tod Williams is himself a
product of a Cranbrook
education, which seems
to come through in the
tactile qualities of the
new pool

La serie di finestre a
tutt’altezza lascia
filtrare la luce del sole
nella piscina ma è anche
un richiamo al
classicismo del museo di
Cranbrook di Saarinen
The full height strip
windows bring sunshine
into the pool but are also
a reminder of the
classical formality of
Saarinen’s design for the
Cranbrook museum

78 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 79


e argenti da lui disegnati. grido, bensì sta cercando di costruire
Qui venne a insegnare Charles le sue radici, sia in senso letterale
Eames, trasformandosi da architetto che in senso stilistico. Ecco perché
in designer – il più brillante designer la piscina – che nel lessico di
americano di mobili e arredi della Cranbrook è chiamata il Natatorium –
seconda metà del XX secolo. Qui è stata progettata da un architetto
Eames incontrò non soltanto Harry che è un ‘prodotto’ del sistema
Bertoia, ma anche colei che sarebbe Cranbrook: Tod Williams, infatti,
diventata sua moglie, Ray Kaiser. è uno della classe ’61, e la sua
Forse Cranbrook non ha raggiunto il è certamente un’architettura nello
livello e la fama del Bauhaus, ma ha spirito di Saarinen, allusiva,
cambiato il corso del design nel simbolica, piena di echi del luogo
mondo. E, a differenza di Taliesin (est e della sua storia.
e ovest), non è un santuario La piscina occupa uno dei lotti che
intoccabile, ma un luogo ancora erano restati liberi nel campus della
capace di crescere, cambiare, scuola ed è fatta in modo da
accogliere la nuova architettura. abbracciare il magnifico paesaggio
Ora che Detroit si è chiusa su se che la circonda. È cioè l’esatto
stessa e che il suo centro, anche se contrario di una anonima piscina-
non ancora abbandonato, è tuttavia scatola: è ‘forata’ da vetri attraverso
diventato quasi un sito archeologico i quali si possono cogliere squarci di
(con grattacieli Art Déco ormai ‘morti’ alberi, di cielo e di luce.
e un teatro dell’opera usato come L’esterno in mattoni, dalla policromia
parcheggio) Cranbrook sembra un discreta, vuole simboleggiare il
luogo ancora più prezioso e contesto naturale: il mattone verde
privilegiato. È tutto ciò che il centro vetrificato rappresenta il paesaggio,
della città non è più. il mattone azzurro l’acqua.
Sulle fondamenta poste da Saarinen, L’edificio è basso e sembra “buttato
da Albert Kahn e da Bertram lì”, ma è invece disegnato con
Goodhue, a Cranbrook oggi si grande ricchezza: si sente un’eco del
costruisce di nuovo, si stanno grande portico che Saarinen progettò
riempiendo i vuoti del campus e per il museo di Cranbrook. È un
aggiungendo servizi e attrezzature edificio che supera il premeditato
che ancora mancavano alla scuola e contenuto simbolico del
ai musei: un edificio di Steven Holl e, postmodernismo e, pur non
recentemente, una mirabile piscina ricalcando l’opera di Saarinen, nasce
progettata da Tod Williams e Billie evidentemente dalle particolari
Tsien. Ma Cranbrook non intende caratteristiche del sito e della sua
soltanto collezionare architetti di storia culturale.
La pianta ortogonale del
corpo principale è
sovvertita dal percorso
che si snoda lungo il
terreno in pendenza
The orthogonal plan
of the main pool hall
is subverted by a
circulation route that
tapers down the
sloping site

0 6 12
MT

80 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 81


American legends Cranbrook is rounded, progressive education. He built his own house on the Now that Detroit has imploded,
one of the sacred sites of American As well as an art college, there is a campus, filling it with furniture, glass leaving its city centre not so much
design, up there with Taliesin, and school, an art museum, and a and silverware that he designed derelict, but an archaeological site of
the Southern California of the case science centre. himself. This was the place that long dead art déco skyscrapers, and
study houses. It’s the utopian Booth treated the project like an 18th Charles Eames came to teach, and an opera house used as a parking
enclave originally established by the century landowner with a private transformed himself from an architect lot, Cranbrook seems even more
wealthy Detroit businessman George park, creating a landscape over the into the most brilliant furniture precious, and privileged. It is
Booth in 1904, and it continues to decades, and populating it with designer of the second half of the everything that the city centre is not.
cast a long shadow over the world of architecture that reflected his 20th century. It was here that he met On the original foundations of
contemporary design. aspirations for the community. not just Harry Bertoia, but his own Saarinen, Albert Kahn and Bertram
Once he had made his fortune, Booth But rather than work with a Palladian future wife, Ray Kaiser. Cranbrook Goodhue, Cranbrook is now building
moved out of the city with his family architect and Capability Brown, may not have quite the profile of the again, filling in vacant sites on the
to a lush rural estate in Bloomfield Booth gave Eliel Saarinen, newly Bauhaus, but it changed the course campus, and adding facilities that
Hills, which over the years he arrived from Finland, the chance of design around the world. And the school or the museums were
transformed from a country house to create a series of buildings in unlike the Taliesin, both east and seen to lack. There is a building
into a cultural community. He his distinctive nordic arts and crafts west, Cranbrook is not an by Steven Holl, and now an exquisite
established a series of educational meets classical manner. untouchable shrine, it is still capable new swimming pool for the school
and cultural institutions, that Saarinen was made president of the of growing and changing, and designed by Tod Williams and
reflected his view of culturally Cranbrook Academy of Art in 1932. accepting new architecture. Billie Tsien.

Oltre alle finestre a


tutt’altezza la sezione
trasversale è concepita
in modo tale da ricavare
due prese di luce di
grande forza
Apart from the full
height windows the
cross section of the roof
is sculpted to produce
two powerful light
scoops

Gli spazi di servizio sono


trattati con la stessa
cura di quelli principali
per quanto concerne la
qualità tattile della luce
e le visuali
Ancillary spaces to the
pool are treated with
the same care for the
qualities of light and
space as the main areas

82 Domus Gennaio January 2001


But Cranbrook is not simply looking Progetto/Architects:
to collect fashionable signature Tod Williams BillieTsien & Associates
Responsabile progetto/Project architect:
architects. It is trying to build on its
Martin Finio
roots, literally and stylistically. Collaboratori/Collaborators:
So the pool – known in the Cranbrook Kyra Clarkson, Leslie Carol Hanson,
lexicon as the Natatorium – just had Vivian Wang
to be designed by an architect who Strutture/Structural engineering:
was the product of the Cranbrook Severud Associates – Ed Messina
system: Williams was one of the (direttore/principal)
class of ’61. And its architecture is Brian Falconer (gestione progetto/
certainly in the spirit of Saarinen, project manager)
Ingegneria meccanica ed elettrica/
allusive, symbolic, and full of the
Mechanical and electrical engineering:
resonances of the place. Ambrosino, DePinto, and Schmeider –
The pool occupies one of the left Domenick DePinto (direttore/principal),
over sites on the school campus, Dennis Michel (gestione progetto/
and does all it can to embrace its project manager)
beautifully landscaped setting. This Committente/Client:
is anything but a pool conceived as Cranbrook Educational Community
an anonymous box, it is punctured
with glass to capture views of the
trees outside, the sky and light above.
In its discrete polychrome brick
exterior, it attempts to symbolise its
natural context; green glazed brick
stands in for the landscape, blue
brick is for the water. The building is
low slung, but richly modelled,
including an echo of Saarinen’s great
portico for the Cranbrook Museum.
Its modestly scaled but a clever
cross section gives it considerable
internal drama.
This is a building that goes beyond
the self conscious symbolic content
of post modernism, and without
attempting to reconstruct Saarinen’s
work, does clearly spring from the
very special circumstances of the
site and its cultural history.
I progettisti hanno
creato il loro cielo sulla
vasca d’acqua
realizzando un soffitto in
colore blu scuro con una
distesa di stelle
The architects have
created their own sky for
the pool with its deep
blue colour and its
pattern of stars

I visitatori raggiungono
le panche riservate agli
spettatori seguendo un
percorso d’accesso
separato
Visitors get their own
way in to the pool with
spectator benches
reached by a separate
access route

84 Domus Gennaio January 2001


Found objects
Objets
trouvés
Jeremy Edwards è un designer
con una grande curiosità per
il quotidiano. Le sue fotografie
documentano forme di
Panca/Barcellona
creatività anonima Una seduta vista mare.
Contro il muro di cemento
Jeremy Edwards is a designer appare fragile e delicata

with an eye for everyday life. Bench/Barcelona


A seat on the sea front.
These pictures record the Set against the concrete
wall it looks fragile and
anonymous creativity he found delicate

Pensilina/Copenaghen Casa galleggiante/Parigi


Una tettoia pubblica Una chiatta sul canale
senza posti a sedere, nei de La Villette. La roulotte
pressi del porto ha ancora le sue tendine
Shelter/Copenhagen di pizzo
A public shelter, with no Boat Cabin/Paris
seats, next to the dock A barge on the canal at
La Villette. The caravan
still has its lace curtains

Scivolo/Berlino
Era collocato in un parco
giochi nel centro della
città. Oggi, il bus non
è più lì
Slide/Berlin
This was in a play area
in the city centre. Going
back recently, the bus
wasn’t there anymore

Maniglia/Stoccolma
Ristorante/Roma Restaurant/Rome Ricavata da un tubo di
Un ristorante alla A restaurant on the gomma e quattro viti,
periferia della città dove outskirts of the city probabilmente ha
è possibile mangiare where you can either eat richiesto pochi minuti per
all’interno di un aereo, inside the plane, or sit la costruzione
o sedersi all’esterno outside, underneath the
Handle/Stockholm
al riparo di una serra greenhouse
Made from a piece of
plastic hose pipe and four
screws, it probably took
just a few minutes

86 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 87


Sedute/Barcellona
Due blocchi di cemento
Objets trovés
trasformati in sedute
grazie a una mano di
pittura bianca
Seats/Barcelona
Two concrete blocks
changed into seats using
white paint

Carrozzina/Parigi
Ogni parte sembra scelta
accuratamente, perfino
il clacson sul davanti
Push chair/Paris
All the parts seem very
carefully chosen, even
down to the blue horn
on the front

Una mostra di fotografie di


Jeremy Edwards è prevista
per il prossimo aprile
all’Architecture Museum di
Stoccolma. Il catalogo Objets
anonymes è pubblicato da
Jean-Michel Place

An exhibition of Jeremy
Edwards photographs opens
at the Architecture Museum
in Stockholm in April 2001.
An accompanying book
Objets anonymes is published
by Jean-Michel Place

Chaise Longue/Parigi
Fuori dalla stazione
ma vicino ai binari della
Gare d’Austerlitz
Chaise Longue/Paris
This was outside a
railway but next to
the track at the Gare
d’Austerlitz

Staccionata/Copenaghen
Vi sono molte biciclette in
Copenaghen e altrettante
mutazioni
Fence/Copenhagen
There are a lot of bicycles
in Copenhagen and a
variety of such mutations

Sgabello/Roma
In un mercato romano Corrimano/Barcellona Handrail/Barcelon
lo sgabello era in una Supporti da ombrellone Plumbing tubes and
specie di officina per e tubi idraulici, ancorati parasol supports are
la riparazione dei al terreno con bottiglie fixed to the ground using
pneumatici di plastica riempite di cement filled plastic
cemento water bottles
Stool/Rome
In a Rome market,
this stool was in a sort
of mini-garage that
repairs tyres

88 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 89


Thomas
Heatherwick
e la messa
in scena
dell’attesa

Thomas
Heatherwick
and the
theatre of
suspense
Heatherwick sta incominciando a
cambiare il suo approccio di lavoro, Lucy Bullivant prende Lucy Bullivant looks
dal produrre direttamente pezzi unici a
commesse (come nel caso del suo in considerazione la at how far Thomas
Plank per Keen) che prevedono la
produzione di serie
carriera di Thomas Heatherwick has come
Heatherwick is beginning to move Heatherwick, da since leaving college
on from making things directly to
commissions, such as his Plank for quando ha lasciato six years ago
Keen which are being factory produced
il college sei anni fa Ritratto di/Portrait by
Phil Sayer

90 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 91


Thomas Heatherwick, il giovane Autumn Intrusion, Autumn Intrusion, e aggiunge che un giorno si metterà a Alsop, che ha trasformato questa
designer il cui gruppo di lavoro installazione per window camminare in linea retta lungo il disciplina terribilmente seria
londinese comprende professionisti di le vetrine di installation for marciapiede sopra i binari per vedere impedendo che l’engineering si
Harvey Nichols, Harvey Nichols,
diverse discipline oltre la sua – gli effetti del treno anche sugli edifici impadronisca di tutto”. Come hanno
durante la London London Fashion
architettura, architettura del Fashion Week del Week 1997
vicini. Nella sua ricerca sull’arte sempre fatto gli architetti, in fase di
paesaggio, design di prodotto, 1997 pubblica dimostra un profondo progetto Heatherwick comincia subito
ingegneria delle strutture – sta desiderio di collaborazione con i a fare modelli e riempie i tavoli e il
cercando di cambiare le creativi. Riesce anche a fare da leader pavimento del suo studio con forme di
caratteristiche e l’identità dell’arte tenendosi indietro e senza rubare il tutte le scale e dimensioni. Massicce o
pubblica e di trasformarla in qualcosa talento degli altri. Lavora con quattro scheletriche o microscopiche, oppure
di più funzionale. Sta inoltre tentando collaboratori, fra i quali Ron Packman, semplici esemplificazioni di come
di rendere più ampio e creativo lo ingegnere strutturista, e alcuni possano funzionare una tecnica o un
spazio d’azione che sta al confine fra neolaureati tirocinanti. Dice: “Ho materiale, sono sempre affascinanti e
una professione e l’altra. È anche uno bisogno degli altri per discutere e far gettano luce sulla grande, profonda
spazio reale nella città: trascurato e ‘rimbalzare’ le idee. Cerco di capacità di Heatherwick di pensare
male usato, ha senz’altro bisogno del coinvolgerli tutti in tutto. Il mio compito superando i confini delle discipline
suo impulso. Un’identità flessibile e la consiste nel controllare come va a professionali.
possibilità di lavorare a scale diverse, finire”. È una persona molto Il lavoro di Heatherwick colpì il
abolendo le linee diritte e le superfici comunicativa: “Parlare mi aiuta a pubblico nel 1998, quando per la
piane, sono presupposti essenziali per maturare le procedure di lavoro”. Settimana della Moda di Londra egli
una persona come lui, che cita Anche fisicamente è molto aperto, creò Autumn Intrusion – giusto nome
volentieri Rudolf Steiner – “Gli angoli estroverso, e spesso dà dei gran colpi per un teatrale pezzo di architettura
retti non hanno alcun fascino” – e ha sul tavolo per sottolineare una tesi. Per ‘liquida’ realizzata in legno dipinto
un vivido ricordo dei colori diversi che la furia di fare, di spronare i d’oro. Quest’opera dall’effetto
contrassegnavano le pareti delle aule collaboratori, di interrompere le loro fortemente plastico, posta all’esterno
della scuola steineriana da lui “pause caffè”, si è persino rotto un di Harvey Nichols, l’elegante grande
frequentata nell’infanzia, colori che braccio durante la preparazione di magazzino di Knightsbridge, dava
indicavano le tappe della sua carriera “Identity Crisis”, una mostra di design l’illusione che una fiamma continua
di scolaro. Un gazebo, una pensilina di organizzata a Glasgow. Può essere uscisse dalle finestre, e con una forma
fermata d’autobus, un muro, un stata la febbre del momento, oppure realizzata al computer riuscì a
traliccio delle comunicazioni o i semplicemente un incidente: per lui rivitalizzare la monumentale facciata
condotti di ventilazione della comunque non vale la pena di fare dell’edificio. Erano occorsi tre mesi per
Cattedrale di San Paolo, insomma cose che durino poco, lui sente che fare i prototipi: l’esterno di legno fu
tutte le parti che costituiscono il ciò che fa “sarà immortalato”. Questa usato come una pelle tesa sotto la
corpus in continua crescita dei suoi esuberanza è unita alla capacità di pressione interna del polistirolo
progetti sono per Heatherwick “banchi cogliere le possibilità creative espanso. Heatherwick non riusciva a
di prova” per un edificio. E sono anche nascoste nelle richieste del cliente e trovare un fornitore in grado di
esempi concreti di quella particolare poi di tirar fuori una risposta originale: realizzare questa struttura leggera ma
combinazione di arte e design che egli “Il design non dovrebbe essere un impegnativa: quando la London
usa nel settore pubblico, non in quello codice da infrangere”. La sua Docklands Development Corporation
privato. Heatherwick chiama ciò che fa sicurezza – che si esprime con garbo gli prestò un edificio dei docks, usato
“design 3d” e si oppone a ogni altra più che con la forza – nel sostenere il un tempo per il carico e lo scarico delle
definizione: in questo tipo di design nuovo e nel dichiarare apertamente merci, i suoi collaboratori passarono
vuole continuare a cimentarsi a ogni ciò che non gli piace gli dà un notevole sei mesi a prepararlo. “Avremmo
scala possibile. Ha uno studio vicino vantaggio nelle discussioni. potuto tracciare semplicemente una
alla stazione di King’s Cross, una serie Come aspira a creare edifici, così linea continua e regolare attraverso
di stanze su due piani dove un tempo Heatherwick cerca e favorisce sempre l’edificio, ma ci parve che una struttura
aveva sede una sezione del tribunale di più la collaborazione con gli non ripetitiva avrebbe potuto creare
penale e che sono state trasformate in architetti. “Gli architetti sono in un una profondità spaziale più
spazi molto plastici: spazi eccezionali momento difficile e soffrono a causa di interessante per i manichini”. Come
che mettono continuamente alla prova un cliché che li vuole soprattutto buoni rivela la passione di Heatherwick per i
anche lui. A intervalli regolari il rombo tecnici. Hanno un mucchio di idee e film di Hitchcock, ciò che lo motiva è il
di un treno della metropolitana del nei progetti che realizziamo in “teatro della suspense”, che va oltre la
Tamigi, che passa sotto lo studio, crea collaborazione possiamo diventare pura “soddisfazione delle aspettative
un diversivo. Heatherwick si diverte a punti di riferimento gli uni per gli altri”, della gente, la quale sarebbe
vederne gli effetti sui visitatori: “È la dichiara con accattivante ambizione. probabilmente deludente”.
nostra faglia di Sant’Andrea”, scherza, “Ammiro un architetto come Will Manipolare e portare al limite i
Installazione per Installation for
‘Guastavinos’, il Terence Conran’s
ristorante New York
neworkese di restaurant
Terence Conran ‘Guastavinos’
nei pressi del under the 49th
ponte sulla 49 street Bridge
strada

92 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 93


centro storico è in via di ristrutturazione Vetrina per the Window display
su iniziative pubbliche e private, fra le Conran Shop di using 6
quali una seconda sede del grande Londra costruita kilometres of
con 6 chilometri corrugated card
magazzino Selfridges, commissionata
di cartone for the Conran
a Future Systems. Sotto la stazione ondulato nel 1996 Shop in London,
principale, Heatherwick ha creato (a sinistra); 1996, left;
Navigation Street, un percorso ‘Materials House, ‘Materials House,
luminoso lungo duecento metri, fatto un sandwich tactile sandwich
di colonne di metallo e pavimentato tattile fatto di of 213 different
alla palladiana. Le “colonne-cobra” si 213 materiali materials for
ergono a ogni passo davanti al differenti per la the challenge of
visitatore e lo guidano dalla stazione a galleria dei materials gallery
materiali dello at the Science
un nuovissimo, grande complesso per
Science Museum Museum, below;
uffici vicino al canale. Heatherwick non di Londra (sotto); Identity Crisis,
è un asceta, ma non è neanche tipo da Crisi d’identità exhibition design
ricorrere al glamour fine a se stesso: allestimento per for Glasgow
preferisce creare effetti semplici per Glasgow 1999 1999 using 60
dare un senso di orientamento in certe realizzato con kilometres of
zone neglette fra un edificio e l’altro. 60 km di plastica cling film, bottom
Sono questi spazi trascurati che egli si trasparente (in
diverte ad affrontare. Improvvisa basso)
soluzioni secondo necessità, reinventa
ruoli, scommette su di essi. Quando
ha progettato una banchina di
emergenza lunga centoquaranta metri
per la stazione ferroviaria di
Blackburn, il suo progetto – qualcosa
di simile a un bivacco – prevedeva un
materiali è una attività che gli piace committente meticoloso quanto lui, è frangivento e una tettoia per impedire
enormemente. Cento chilometri di molto particolare e vivace, ma deve alla pioggia di entrare: tutto questo
pellicola trasparente per alimenti – “il essere anche antisdrucciolevole e diventava un’opera d’arte pubblica.
materiale meno costoso che ci sia”, rialzabile. E così Heatherwick Heatherwick liberò dalle
ma uno dei più robusti – sono stati costringe sempre i produttori a preoccupazioni i dirigenti delle ferrovie
avvolti su strutture espositive di “trovare nuove soluzioni”. locali che trovarono così, attraverso un
metallo per creare forme lattescenti e Per essere una persona capace di progetto artistico, un modo
mummificate usate nella mostra creare strutture così intriganti e economico ed efficace per salvare la
“Identity Crisis”. A Portobello Road, originali, Heatherwick si dimostra loro stazione dalla demolizione. Ma
per tentare di aprire la facciata del stranamente restio a essere Heatherwick fece qualcosa di più:
vecchio cinema Electric verso la etichettato come artista e preferisce invitò il Principe di Galles a vedere il
stretta strada del mercato, essere definito “designer in 3d”. modello. Di legno, rivestito con una
Heatherwick è andato controcorrente “Potrei bloccarmi se fossi visto come struttura di acciaio e cavi a catenaria,
e lavorando con Jeff Bell, artista del un artista. Mi cadono le braccia questo modello ricorda la delicata
vetro sorprendente e dissacratorio, ha quando qualcuno telefona chiedendo potenza di un aereo Tiger Moth. Come
inventato una forma ripetendo un un progetto artistico. Voglio partire da in Navigation Street, Heatherwick ha
unico elemento. Heatherwick è attento problemi funzionali, non cercato: “una soluzione semplice e
a non definirsi un artigiano, e si diverte semplicemente creare qualcosa di integrata. Di solito le persone lavorano
a escogitare una provocatoria miscela bello. Guardo al problema e penso a a un problema, quando invece il
di idee molto più incisiva di una come risolverlo. Spesso quando si problema è che avrebbero bisogno di
soluzione unica, corretta ma sterile. lavora si vede che è tutta l’area che guardare le cose con una visione
Nella scelta dei materiali, come dovrebbe essere riqualificata e d’insieme. È molto importante far sì
nell’individuare il nocciolo di un riprogettata: perciò l’ultima cosa di cui che si valorizzino reciprocamente: se
discorso, non dimentica mai l’aspetto si sente il bisogno in questi casi è no, tutti lottano per realizzare qualcosa
pratico e complessivo. Il “Blue un’opera d’arte”. Un esempio tipico di di speciale e così si neutralizzano a
Carpet”, cioè il pavimento di vetro che questo modo di lavorare è il progetto vicenda”. “Amo studiare il contatto fra
spera di inserire nel progetto di una per l’illuminazione stradale di design e pubblico”: questa frase è
piazza di Newcastle, progetto messo a Birmingham, la più grande città quasi un mantra per lui. Ha lavorato su
punto in quattro anni da un industriale delle West Midlands, il cui questo tema fin da quando era un
Il campo di The field of
marchi con 4000 brands with 4000
fotografie di photographs
Bettina von taken by Bettina
Kameke, von Kameke,
pezzo forte the highlight of
dell’allestimento Heatherwick’s
di Heatherwick exhibition design
per la mostra for the Brand New
Brand New al Show at the
Victoria & Albert Victoria & Albert
Museum di Museum
Londra

94 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 95


laureando del Royal College of Art reshaping the identity of public art into Electric Cinema, Electric Cinema, involve all of them in everything. My
(1994): fu un gazebo di compensato di something more functional. At the proposta di proposal for the job is to control the way it turns out”.
sua invenzione, usato al posto della same time, he’s magnifying the space facciata per un façade of a new He is highly communicative: “Talking
nuovo edificio in building in
solita sedia, a rendere memorabile la existing between the borders of the helps me work out processes”. He’s
Londra (sotto); London, below;
sua seduta di laurea. Un altro spazio professions for creative use. It’s also a Blackburn Blackburn
also physically demonstrative, often
pubblico esterno – per il progetto di real space in the city too: much Train Station, Train Station, slapping the table to emphasise a
Sitooteris, commissionato dall’Ufficio neglected and misappropriated, it tettoia per una shelter-wall for point. His desire to gee his
del Patrimonio Storico del certainly needs his input. A flexible piattaforma an emergency collaborators along and “finish their
Northumberland – gli ha dato modo di identity, and the licence to work at d’emergenza platform, bottom coffee break”, even led to him
dimostrare come si possa sfruttare il multitude of scales without straight (in basso) breaking his arm on site during the
gioco di scala. Ha progettato un lines or flat surfaces, these are installation of “Identity Crisis”, a
padiglione per otto persone a forma di essentials for a man who will readily design exhibition in Glasgow. It might
cubo, trapanato in quattromila punti quote Rudolf Steiner’s “right angles well be the fever of the moment, and
per accogliere ‘capelli’ di legno di have no drama to them”. He vividly accidents aside, there’s no point in
frassino, sui quali esso si appoggia: recalls the different colours the walls of doing something for a short term
Heatherwick si è servito dunque di his Steiner childhood classroom were reason, he feels: “it’s going to be
“elementi flessibili che però, messi painted, denoting the advance in his immortalised”. This driven ebullience
insieme, diventano forti”. and classmates’ years. Whether it is a is combined with the ability to read
Questo impegno nel settore pubblico gazebo, bus shelter, a wall piece, a creative potential into the client’s
è per lui la carta più importante. Si è telecommunications mast, or even needs, and then distil a fresh
guadagnato l’ingresso in questo architectural airvents for St Paul’s response: “design should not be a
settore e può così dedicarsi a creare Cathedral, all Heatherwick’s growing code to be cracked”. His confidence,
qualcosa di originale, che non ceda body of projects are test pieces for a with grace rather than brute force, to
alla cultura ‘globale’ che tutti building. They are also object lessons stand up for new ways as well as to
conosciamo: e che vorremmo poter in the advanced combination of art state what does not suit him gives him
eliminare, in qualche modo. “Il mio and design applied in the public realm, a convincing edge in project
lavoro è innovare più che dare not the living room. Heatherwick calls discussions. Just as he aspires to
conforto”, afferma con risolutezza, e what he does “3d design”, and resists create buildings, he has a growing
questo lo ha portato recentemente, any more definition than that, and he interest in fostering collaborations with
per esempio, a proporre la aims to go on testing on every architects. “Architects get a very hard
trasformazione di una normalissima possible scale. Occupying a studio time, and they suffer from the cliché
sede delle farmacie della catena Boots close to King’s Cross station, a suite of that they must be good technicians.
a Notting Hill Gate in un “edificio rooms on two floors formerly a They have loads of ideas, and in
peloso”. Con l’assenso dell’azienda, criminal law office converted into collaborative projects we can become
una volta che i fondi saranno stati sculptural spaces, he is himself being each other’s licence”, he says, with
raccolti dalla locale Improvements tested every few minutes, by his appealing ambition. “I admire an
Society, Heatherwick coprirà l’edificio extraordinary location. At regular architect like Will Alsop, who’s
con una coltre di cavi di fibre ottiche in intervals a Thameslink underground transformed this deadly serious
fasci di fibra di vetro. L’edificio avrà train rumbles through underneath the discipline, without letting engineering
angoli arrotondati, ed è pensato per space, creating a diversion. define everything”. Just like architects
durare il più a lungo possibile. “La Heatherwick enjoys the effect it has on have done traditionally, very early on in
gente è ancora talmente abituata a visitors – “it’s our San Andreas fault the design process, Heatherwick
essere circondata da edifici pieni di line” – joking that one day he’ll go makes models of project concepts,
spigoli che anche un bambino, messo walking in a straight line along the filling the studio tables and floors with
di fronte a un edificio dalle linee più pavement above the track to explore families of forms at all scales. Sturdy,
morbide, ne sarà favorevolmente the same effect in neighbouring skeletal, microcosmic or just simple
colpito”. buildings. In his public quest, demonstrations of how a technique or
Heatherwick has a deeply material might work, they are always
Thomas Heatherwick and the collaborative approach to creative engaging, and illuminate the depth
theatre of suspense Thomas work. He also manages to lead from and range of Heatherwick’s dextrous
Heatherwick, the young three behind without stealing others’ talents. ability to think beyond the confines of
dimensional designer whose London- Supported by four employees professional disciplines.
based team includes professionals including the structural engineer Ron Heatherwick’s work entered the public
from various disciplines besides his Packman and graduate designers on imagination in 1998, when the aptly
own: architecture, landscape temporary placements, he says “I named Autumn Intrusion, a dramatic
architecture, product design and need other people to discuss things elongated piece of liquid architecture
structural engineering, is intent on with and bounce ideas off. I try to in gold painted timber was created for
Hairy Sitooterie Hairy Sitooterie,
(la parola a Scottish word
scozzese che for Gazebo, an
significa gazebo), installation near
un’installazione Newcastle, the
vicino a structure includes
Newcastle, 4127 ‘hairs’ made
la struttura of ash, above;
comprende 4127 Twin
‘peli’ di frassino, Roundabouts,
(sopra); Twin made from
Roundabouts, due tweaking up the
rotatorie ottenute road surface,
sollevando la proposed
superficie della completion
strada di cui si 2001, left
prevede il
completamento
nel 2001, (a
sinistra)

96 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 97


London Fashion Week. A sculptural Gazebo in Plywood Gazibo developed by an equally painstaking demolition by means of what began
effect applied to the outside of Harvey compensato alto 5 m high, made client over four years, is special and life as an art project Heatherwick
Nichols, the chic Knightsbridge 5 metri realizzato for Heatherwick’s vivid, but has to be slip resistant and turned into something more,
come progetto di degree show,
department store, it looked as if parts lift upable. It compels the successfully invited the Prince of
diploma (sotto); below; laminated
of one continuous flame were trying to panchina in ply bench, bottom
manufacturer to “find new ways to do Wales to come and see the model. In
leap from its windows. Either that, or a laminato di legno things”. For someone so clearly timber cladding with a steel structure
morphed computer form had come (in basso) capable of creating intriguing and with catenary tension cables, it aims
alive in attempt to remake the dramatic structures, he is surprisingly for the delicate power of a Tiger Moth
building’s monumental facade. Three resistant to being labelled an artist plane. As with Navigation Street, he
months was spent prototyping, using rather than a “3d designer”. “I could pursued ‘a simple and an integrated
the wood exterior as a tension skin, get stuck if I am seen as an artist. My solution. “Normally people work on a
with inside compression coming from heart drops when people ring asking problem, when the problem is that
the expanded polystrene. Heatherwick for an art project. I want to start from they need an overview. It’s a very key
couldn’t find a contractor sufficiently functional things rather than doing issue of allowing them to add value to
advanced to do such a testing, something beautiful. I look at what each other, otherwise everything’s
lightweight structure, but then the issue is there to be solved. Very often fighting to be special, and they
London Docklands Development with a site, it’s the whole area that neutralise each other out”. “I like to
Corporation lent him a wharf building, needs reevaluation and replanning, so explore the interface between design
and his team spent six months getting the last thing that’s needed is a piece and the public”, is almost his mantra.
it ready. “We could have just made a of art put in”. One classic example is He’s been working towards this point
smooth line through the building, but a his new scheme for new street lighting from his earliest days when as a Royal
structure that didn’t repeat itself in Birmingham, the largest Industrial College of Art graduate (1994), it was a
created a more interesting depth of city in the West Midlands of England, plywood gazebo, rather than a
space for mannequins”. As his with a town centre now being conventional chair, that made his
passion for Hitchcock movies reveals, regenerated by projects in the public degree show memorable. His solution
what motivates him is “the theatre of and private sector, including the for another similar kind of outdoor
suspense”, transcending the pure implementation of a second branch of social space, designed for the
“delivery of people’s expectations, Selfridges, the department store, Sitooteries, project commissioned by
which is probably a disappointment”. commissioned from the architects English Heritage in Northumberland,
How materials can be stretched and Future Systems. Down by the main crystallised his interest in how scale
manipulated to do things is a station he’s created Navigation Street, can be exploited. A cube-shaped
Heatherwick passion. 100km of clear a 200 metre long path of lights made pavilion for eight people drilled 4000
clingfilm was woven around metal of columns of metal and terrazzo. times to accommodate ‘hairs’ of ash
display structures to create milky “Like cobras” rising up in front of you wood all over, and on which it sits,
coloured, mummified forms for the at each step, they guide the pedestrian relies on “flexible elements – brought
“Identity Crisis” exhibition, “the from the station to a brand new, together, they’re strong”. This
cheapest possible material”, but one massively scaled mixed use office commitment to the public realm is
that’s robust. In his bid to open up the development next to the canal. Heatherwick’s strongest card, for
facade of the old Electric cinema on Heatherwick, no ascetic, is not about having gained entry to this space, he
Portobello Road to the narrow market to introduce glamour for the sake of it, can then set about creating something
street, he defied the normal expectation preferring simple effects to create a worthwhile, defying the familiarity with
of invisibility in a flat glass wall. sense of direction in the gloom global culture we recognise, and wish
Working with the glass artist Jeff Bell, between buildings. It is these kinds of might go away – somehow. “My job is
whose layered stretch marks on glass overlooked spaces that he enjoys to refresh, rather than to comfort”, he
certainly distort expectations, he tackling. He will improvise solutions as is adamant, which led him to recently
devised a form with one repeating necessary, and reinvent the brief, suggest transforming an ordinary
element. Heatherwick is careful not to raising the stakes on their modesty. branch of Boots the chemists on
call himself a craftsman, offering a When he designed a 140 metre long Notting Hill Gate into a “hairy building”.
provocative mixture of layers that emergency platform for Blackburn With the full compliance of the chain,
injects more life than a flat but sterile Railway Station much further north, his he will, once the funding is raised
solution. The act of choosing design – working somewhat like a bylocal Improvements Society, cover it
materials, just as identifying the right bivouac – had a proposed a windbreak in a coat of fibre optic cable in a sheaf
focal point of a brief, is something he and canopy to stop the rain getting in of glass fibre. Rounded off with
has to do with a sense of peripheral combined with the role of a piece of radiused corners, it’s intended to last
and practical vision. The “Blue Carpet” public art. Relieved local railway as long as possible. “People are still so
of glass paving he’s hoping to install in executives, having found a cheap and used to hard edged buildings, so with a
the Newcastle public square project, effective way to save their station from softer line, even a child would value it”.
Una delle prime One of
commesse per la Heatherwick
serie: Plank, first volume
sgabello/tavolino commissions:
pieghevole Plank, folding
prodotto da Keen, stool/table
2000 (fotografie produced by
di Lee Funnell) Keen, 2000
(photography by
Lee Funnell)

98 Domus Gennaio January 2000 Domus Gennaio January 2000 99


L’inglese
Froshaug al lavoro a una pressa a Froshaug at an Adana treadle printing
Robin Kinross pedale, a Ludgvan, in Cornovaglia, press, c.1950, in Ludgvan, Cornwall,
sull’opera di Anthony nell’estremo sud-ovest dell’Inghilterra,
attorno al 1950. Froshaug lavorò nel
in the far south-west of England.
He worked as a one-man printer
Froshaug villaggio inglese come tipografo there from 1949 to 1952. In charge of
indipendente dal 1949 al 1952. production, he was able to overcome
Robin Kinross on Responsabile della produzione, riuscì the problems he had earlier had in
the work of Anthony

aUlm
a superare una serie di problemi che specifying what he wanted as a
aveva avuto in precedenza, quando, designer to conservative and uncaring
Froshaug in qualità di designer, si era trovato a printers. In intimate contact with the
dover fornire delle specifiche molto material, was also more easily able to
accurate a stampatori conservatori e explore and invent
incuranti. Il diretto contatto col

The
materiale gli rese inoltre molto più
facile esplorare e inventare nuove
soluzioni

Englishman
at Ulm
Per un designer abituato a far realizzare inappuntabile e da una grande dell’arte che del design assunse riuscì a superare quello di Tschichold. formidabile, l’anticonvenzionalità dei mondo pseudoscientifico e comprende la ristampa di lettere e altri of fundamental importance – which
i propri progetti fornendo specifiche e freschezza, tali da esprimere un’attitudine che combinava in maniera Il 1946 segna un altro importante suoi metodi alimentava in molte accademico della teoria del design. scritti di carattere informale di e su means, it should be reckoned in any
istruzioni ma mantenendo comunque perfettamente l’essenza di ciò che totalizzante le sue aspirazioni capitolo nella carriera di Froshaug: in occasioni un certo disagio tra gli altri Negli ultimi anni di attività fu assorbito Froshaug, corredati da foto di account of what followed from
una certa distanza dal processo di l’arte tipografica poteva rappresentare. sociopolitiche con l’applicazione delle quell’anno, inizia un contatto epistolare insegnanti: bisogna dire che a volte le dal lavoro con piccoli computer, campo quest’uomo carismatico e dei suoi Gutenberg’s invention.
fabbricazione, affrontare l’avventura Si può affermare che il lavoro di teorie del modernismo. Per qualche con Max Bill, a cui seguì l’invito a proteste di questi ultimi si in cui trovò una nuova concreta contemporanei. Spero che, insieme, Anthony Froshaug presented enigmas
della produzione artigianale è un passo Froshaug ha rivestito nel suo settore tempo membro del partito comunista, insegnare alla prestigiosa Hochschule dimostrarono fondate. applicazione per il suo interesse per la i due volumi sappiano restituire il throughout his lifetime (1920-1984).
decisamente coraggioso; è proprio un’importanza fondamentale, tanto si sentiva maggiormente di casa (o, per für Gestaltung di Ulm. La storia, iniziata Così, nel 1961, Froshaug lasciò l’HfG, matematica e la tecnologia. Morì complesso intrecciarsi di una vita e He was a typographic designer of
questa la decisione che, alla fine degli che dovrebbe sempre essere meglio dire, “di pub”) con bohémien e sotto i migliori auspici, era destinata in circostanze poco chiare. Subito proprio quando il mondo dei computer un’opera. sparing output, glimpsed then in a few
anni Quaranta, prese il tipografo menzionato nella storia di quello che è anarchici; come molti di questi allo tuttavia a prendere una piega tra il dopo si trasferì al Royal College of Art stava per aprirsi al design. reproductions or the small collections
inglese Anthony Froshaug (1920-1984). venuto dopo l’invenzione di Gutenberg. scoppio della seconda guerra comico e il ridicolo: nel 1953, durante di Londra: luogo (allora come oggi) di Tutti questi elementi rappresentano The Englishman at Ulm For a of examples that his friends kept. He
Dopo un lungo periodo dedicato alla Per tutta la vita Froshaug risultò una mondiale si ribellò all’autorità statale e un “grand tour” attraverso Francia, un gradevole dilettantismo, sempre una vera sfida, accettata da chiunque designer to embark on the adventure of was an inspiring teacher, around whom
realizzazione di misurati progetti di figura enigmatica. Designer tipografico decise di non prendere le armi. Svizzera e Italia, Froshaug incontrò Bill ben disposto ad accogliere “ingredienti provi a scrivere di quest’uomo e del workshop production, after some there gathered many stories and
grafica e impaginazione, Froshaug dalla produzione molto limitata (cui per Nella sua non breve carriera, fu più che a Zurigo e gli mostrò i suoi ultimi lavori. magici” provenienti dall’estero. A quel suo lavoro: non è infatti possibile farlo experience of getting things made by myths. In person, he had a forceful
cominciò a ideare caratteri e a usarli lungo tempo è stato possibile accedere un semplice designer, soprattutto Inaspettatamente, Bill stimò che le punto era ormai essenzialmente un con una monografia, con un semplice specification and instruction from a presence. A cult could easily have
per la stampa: dotato di una naturale solo per mezzo di poche riproduzioni o perché aveva contratto, come lui opere non fossero all’altezza della insegnante, e non più un designer elenco di riproduzioni perfette nella loro distance, is an extreme act. In the late developed around him. But one of his
tendenza a sperimentare e di una attraverso la piccola collezione di stesso affermò, “il virus dell’editoria”. reputazione dell’HfG, e l’invito venne praticante. Al Royal College of Art gli fu compiutezza, perché il numero di opere 1940s in England, the typographer characteristics was an unfailingly
mentalità aperta alle idee provenienti esemplari conservata dai suoi amici) fu Negli anni Quaranta raggruppò le ritirato. Froshaug dovette così affidato il corso di tipografia, ma ciò realizzate da Froshaug non è Anthony Froshaug made this move: critical (and self-critical) attitude, which
dal continente, egli sentiva fortemente anche un insegnante ispirato. Sulla sua proprie attività sotto il nome attendere fino al 1957, quando, dopo che in realtà Froshaug insegnò era un sufficiente per dare un quadro from drawing measured layouts to worked to dispel the admiration and
il fascino di quel movimento moderno figura si sono raccolte numerose storie, dell’azienda che aprì assieme a un l’abbandono di Ulm da parte di Max metodo: ovvero come pensare, come completo, e molto di quanto iniziò non setting type and printing from it. He the imitations of his students.
che non era mai riuscito a metter radici alcune dai toni persino leggendari. collega (la Isomorph), una società dal Bill, la proposta fu nuovamente sbrigarsela coi materiali, come fu neppure portato a compimento. wished to experiment, was European- His legacy is a fascinating and strong
in Inghilterra. Paradossalmente si Energico e risoluto, avrebbe potuto nome, preso a prestito dalla psicologia avanzata da Tomás Maldonado. procedere. Sempre interessato agli D’altra parte, dedicarsi a una semplice minded and strongly under the spell of one, but it needs to be pieced together
convinse che lavorare artigianalmente facilmente sviluppare intorno a sé un della Gestalt, che sintetizzava l’idea Approdato finalmente a Ulm, Froshaug aspetti teorici del design, da buon biografia non basta: c’è una necessità a modern movement that had never from the fragments that survive, after
era l’unico modo per poter operare piccolo culto della personalità: se chiave della sua filosofia: una precisa incontrò il modernismo continentale, e sostenitore dell’abilità artigianale e più immediata, ovvero innanzitutto been able to establish itself in England. a confused life, which he led with little
nello spirito moderno. questo non è avvenuto è grazie alla corrispondenza tra forma e contenuto. fu in grado di operare in un ambiente della perizia professionale era recuperare le sue opere. Per questo, Thus arose his paradox of becoming a interest in posterity.
Alcuni dei suoi primi prodotti, che sua instancabile attitudine Con l’apertura di Isomorph furono che offriva quel tipo di sostanza e impegnato anche sul fronte nello scrivere un libro su Froshaug, hand-craftsman as the only way to One way to understand Froshaug’s
dovevano venir realizzati sulla base di all’autocritica, ideale per tener a bada varati molti progetti, tra i quali spicca serietà intellettuale che non aveva mai dell’applicazione pratica: questo modo ho concentrato l’attenzione prima work in the modern spirit. As some of work and life-trajectory is against the
precise istruzioni, non trovarono l’ammirazione e la tendenza quella che sarebbe stata la prima trovato in Inghilterra (né avrebbe di intendere l’insegnamento divenne sulle opere, proponendo riproduzioni Froshaug’s early specified design work background of English culture. As a
risposta nell’industria tipografica all’imitazione dei suoi studenti. edizione in lingua inglese dei libri di Jan ritrovato in seguito). Froshaug si ancor più efficace, quando Froshaug annotate e un catalogo di tutto quello shows, the English printing trade then young man, in the years of the
inglese; in primo luogo per le idee L’eredità di Froshaug è significativa e Tschichold. Furono proprio le opere dimostrò presto un insegnante dalle passò alla Watford School of Art e che sono riuscito a trovare: ho quindi had no capacity to implement 1939–1945 war, he was a fierce
poco convenzionali contenute nel affascinante, ma ha bisogno di essere che quest’ultimo produsse negli anni doti straordinarie, che sapeva ancora all’allora Central School di riunito e ristampato tutti i suoi scritti, in unorthodox wishes. And one knows modernist. This was a total attitude:
progetto, ma anche per la minuziosità ricomposta a partire dai frammenti che tra il 1930 e il 1935 a rappresentare la formulare esercizi apparentemente Londra, dove affiancò gli studenti nel modo che le sue idee abbiano la giusta that exactness of specification – social and political aspiration was
delle specifiche (e Froshaug era sopravvivono all’attività di un uomo prima grande fonte d’ispirazione per semplici e tuttavia ricchi d’inaspettate laboratorio di grafica, facendone un considerazione. Grazie all’accesso al Froshaug was very precise and intertwined with commitment to
davvero preciso e dettagliato nelle sue sempre pochissimo interessato alla Froshaug: il suo lavoro può essere implicazioni. Autorevole per natura, centro di apprendimento diretto. suo archivio, ho infine potuto preparare detailed in his wishes – only intensifies modernism in art and design. He was
richieste); questo non faceva altro che posterità. considerato in continuo dialogo con non era assolutamente autoritario, al Tuttavia, questa attitudine a unire teoria un volume separato, una sorta di the worker’s resistance to instruction. briefly a Communist Party member, but
alimentare l’insofferenza di coloro che Capire la vita di Froshaug e la traiettoria l’opera di Tschichold. Questo dialogo punto che la sua tendenza a stare dalla e pratica lo riportò alla fine nella documentario della sua vita. The output of Froshaug’s workshop was more at home – or in pubs – with
dovevano realizzare materialmente il del suo lavoro non è semplice, ma può passò attraverso diversi stadi: prima la parte degli studenti fu causa di diversi marginalità: Froshaug, infatti, non entrò Rifiutando l’onniscienza tipica del production was inevitably confined, but anarchists and bohemians. Against
lavoro. Anche se contenuta, la essere d’aiuto considerare la cultura semplice imitazione, poi problemi: tanto a Ulm come in altre mai a far parte del ristretto gruppo dei biografo, i miei commenti sono it has a wonderful logic and liveliness. State authority, Froshaug decided not
produzione del laboratorio di Froshaug inglese del tempo: da giovane fu un l’estrapolazione, infine la critica. Alla scuole nelle quali fu insegnante. tipografi inglesi di maggior prestigio, volutamente limitati a note basate sui Above all, it returns us to the essentials to join the fighting forces in the war.
fu tuttavia caratterizzata da una logica modernista convinto, e sia nell’ambito fine, lo stile elaborato da Froshaug Se Froshaug poteva essere un tutor ma non riuscì nemmeno a integrarsi nel fatti e a didascalie. Il volume of what typography is. I would say it is Always more than a simple designer, he

100 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 101
Foglio di stampa Typesheet
(105x148 mm), 1949. (105x148 mm), 1949.
Un’opera significativa del passaggio This card is from the moment when
di Froshaug da designer a tipografo: Froshaug was changing from designer
nell’estate del 1949 avrebbe lasciato to printer: in the summer of 1949 he
Londra per la Cornovaglia, per would leave London for Cornwall and
diventare tipografo a tempo pieno. full-time printing. Tabular organization
L’organizzazione tabulare fu uno dei was always a major theme in his
temi principali nella sua attività di design work. He lavished attention
designer, un lavoro cui dedicò enorme and affection on such displays.
attenzione e affetto. Le annotazioni The annotations here are in his hand
sono di suo pugno

Biglietto da visita Business card


(48x105 mm), 1954. (48x105 mm), 1954.
Prodotto nell’ultimo periodo del From a later period of work
lavoro in Cornovaglia in Cornwall

had “the publishing bug” (as he once again. He was an outstandingly gifted placemen of design theory. In what Anthony Froshaug: Typography
put it). teacher who could formulate quite proved to be his last years he became & Texts/Documents of a Life, a cura di
In the 1940s he gathered his activities simple exercises that were rich in engrossed in working with small Robin Kinross, 256 + 272 pagine,
under the name of the company he implication. While naturally computers – finding there another 360 illustrazioni ca., 240x170 mm,
formed with a colleague – Isomorph authoritative, he was no authoritarian. concrete application for his lifelong 2 volumi, £40. Distribuito da Central
Ltd. The word was borrowed from This position of being ‘with’ the interest in mathematics and technics. Books, Londra
Gestalt psychology and was a key idea students led to trouble – at Ulm as also He died just as this world of personal ISBN 0-907259-09-X
for him: form should correspond to at the other schools at which he taught. computers was opening up to
meaning. One small book was issued It could be wonderful for the students, designers. All of this provides a Anthony Froshaug: Typography &
and many projects were started, but the other teachers tended to find challenge to anyone trying to write Texts/Documents of a Life, edited by
including what would have been the the disruptions too unsettling, and about this work and this man. It could Robin Kinross, 256 + 272 pages,
first English-language editions of sometimes they had good reason for not be a simple monograph – a tale of c. 360 illustrations, 240x170 mm,
books by Jan Tschichold. In complaint. glorious production and completion. 2 volumes, £40. Distribution is via
Tschichold’s work of around 1930- Leaving the HfG in 1961, in conditions He hardly did enough for that, and Central Books, London
1935 he found his first great inspiration. of some chaos, Froshaug went to teach much of what he undertook was never ISBN 0–907259–09–X
Froshaug’s typography can be seen as at the Royal College of Art, then as now finished. Nor should it be a simple
a dialogue with Tschichold: at first a a place of pleasant amateurism in biography. This would be beside the
simple imitation, then an extrapolation, search of magic foreign ingredients. point, for first of all we must recover his
then a criticism, then something that Four years at Ulm were a good work. In making a book about
goes beyond. pedigree. By then he was essentially Froshaug I have concentrated on this
In 1946 he made contact by letter with a teacher, not a working designer. work, providing annotated
Max Bill, and this led eventually to an Anthony Froshaug taught typography, reproductions of it, and a catalogue of
invitation to teach at the Hochschule but he was really teaching method: all that I could find. I have gathered and
für Gestaltung Ulm. This story had a how to think, how to sort out the reprinted all of his writings, so that his
comic twist in 1953 when Froshaug, material, how to proceed. But although ideas are given prominence. With
on a “grand tour” through France, always interested in theoretical aspects access to his archive of papers, I have
Switzerland and Italy, met Bill in Zurich of design, his equal commitment was also, in a companion volume, made a
and showed him his latest work. Bill to practice, to craft and skills. In his ‘documentary’ of his life. Refusing the
decided that this was not good enough later teaching positions, at Watford omniscience of a biographer’s
for the then fledging HfG. Only when School of Art and then at the Central narrative, my comments are confined
Max Bill had left Ulm was Froshaug School in London, he joined his to factual notes and captions. This
invited there – in 1957, by Tomás students in the printing workshop volume reprints letters and other Portfolio Conspectus of work
Maldonado. and this became a central ground of informal texts by and about Froshaug, (285x213 mm), 1951. (285x213 mm), 1951.
At Ulm Froshaug at last made learning. This conjunction of theory and accompanying these words are Nella prima presentazione al pubblico This was the first public
complete contact with Continental and practice was another aspect of photographs of this charismatic man del suo lavoro, Froshaug riassume in representation by Froshaug of his
modernism, and the school could give his marginality. He belonged neither and his contemporaries. I hope that poche parole i suoi intenti e le sue work. The statement gives his aims
him the kind of intellectual substance to the untroubled old boys’ club of together the two volumes suggest idee. Nella colonna compaiono i nomi and ideas in a nutshell. In the column
and seriousness that he had never typography in Britain, nor to the something of the way in which a life di clienti e committenti, raggruppati are his clients and commissioners,
found in England, and would never find pseudo-scientists and academic and work intertwine. per anno (1949, 1950, 1951) grouped by year (1949, 1950, 1951)

102 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 103
Catalogo della mostra “Man Machine & Motion”
“Man Machine & Motion” exhibition catalogue
(229x148 mm), 1955. (229x148 mm), 1955.
La mostra, organizzata e allestita This exhibition, organized and
dall’artista Richard Hamilton, fu designed by the artist Richard
ospitata dall’Institute of Contemporary Hamilton, was shown at the Institute
Arts di Londra e dal Department of of Contemporary Arts, London, and at
Fine Art del King’s College, University the Department of Fine Art of King’s
of Durham. Questa versione fu College, University of Durham.
prodotta in occasione della seconda This version was made for the latter
edizione. Froshaug batté il testo con showing. Froshaug typed the text on a
una normale macchina da scrivere manual typewriter (probably an Olivetti
(probabilmente una Olivetti Lettera Lettera 22) then pasted this up with the
22), poi lo montò assieme alle low-grade images. The sheets were
riproduzioni a bassa risoluzione. I fogli printed in-house at King’s College.
furono stampati artigianalmente al In all this it was prophetic of the
King’s College e l’operazione nel suo low-tech design and production that
complesso anticipò profeticamente was to come in the 1960s
l’estetica low-tech che si sarebbe
diffusa negli anni Sessanta

104 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 105
Prova d’artista Artist’s Proof card
(105x148 mm), 1957. (105x148 mm), 1957.
Normalmente, nel suo lavoro di Froshaug’s design/printing work
designer e tipografo Froshaug fece normally uses just one or two colours,
uso di uno o due colori, perciò questo so this is an unusual item in the canon
è un esempio inusuale rispetto al of his work. But here, as always, he is
canone generale. Ma anche qui, come not arbitrary: the colours here come
sempre, non vi è nulla di arbitrario: out of the content of a film about
i colori provengono infatti da una artists’ prints. St George’s Gallery had
pellicola sulle stampe d’artista. È di by this time metamorphosed into
quei giorni anche la metamorfosi della “St George’s Gallery Prints”
St George Gallery in “St George
Gallery Prints”

Norme tipografiche Typographic norms Ulm 4 Ulm 4


(297x210 mm), 1964. (297x210 mm), 1964 (280x297 mm), 1959. (280x297 mm) 1959
Questo opuscolo fu pubblicato da This booklet was published by I primi cinque numeri della rivista The first five numbers of the HfG’s
una tipografia (The Kynoch Press, a printer (The Kynoch Press, dell’HfG furono disegnati da Froshaug. journal were designed by Froshaug.
Birmingham) in collaborazione con Birmingham) in association with the Il layout su tre colonne – con una The three column layout – with a fourth
l’allora appena formata Designers & then recently formed Designers & Art quarta per i margini – stava for marginals – was just then
Art Directors Association di Londra, Directors Association (London) as one diventando, in quel periodo, un tema becoming a familiar theme of
come parte di una serie di effimeri jeux of a series of ephemeral jeux d’esprit. familiare per la tipografia modernista modernist typography in Europe.
d’esprit. Froshaug vide la Froshaug took this publication as a europea. Froshaug aggiunse un Froshaug adds a characteristic
pubblicazione come un’occasione per chance to make one of his deepest caratteristico elemento di sensibilità element of sensitivity and freedom:
avanzare una delle sue più profonde and strongest statements. The e senso di libertà: le colonne si the columns match each other exactly
e decise enunciazioni. Gli elementi di spacing elements used in metal equivalgono esattamente come in content, and so are broken where
spaziatura usati nella tipografia typography – both Anglo-American contenuto, perciò vengono spezzate sense demands. This issue was given
metallica – sia anglo-americana che and Didot (European) – are tabulated dove lo richiede la logica. La questione over to the designer’s own article on
Didot (europea) – sono incasellati ed and displayed in a series of charts. fu trattata in un articolo scritto dal “Visual Methodology”: one of his
esposti in una serie di tabelle. Le Those spaces that can be used in designer stesso, intitolato “Visual major pieces of writing
spaziature che possono essere usate more than one size of type are shown Methodology”, che rappresenta uno
con più d’una misura di carattere sono in red, “as argument for the choice that dei suoi scritti più importanti
marcate in rosso, “a sostegno della considers the minimal approach”.
scelta che considera l’approccio The displays are an instance of
minimale”. Le raffigurazioni Froshaug’s characteristic approach of
costituiscono un esempio della tipica setting up an appropriate system and
tendenza di Froshaug a mettere a then letting the material design itself.
punto un sistema appropriato e quindi These tabulations are prefaced by a
lasciare che il materiale si disegni “da note on the design of the book, and
solo”. Le tabulazioni sono introdotte a short essay on the norms of
da una nota sul design del libro, e da typography. The piece has great
un breve saggio sulle norme material presence that lets it
tipografiche. Il pezzo ha una grande transcend its seemingly dry subject
presenza materiale, che gli consente matter. It is an affirmation of
di trascendere l’apparente sobrietà del typography
soggetto. È una dichiarazione solenne
a favore dell’arte tipografica

106 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 107
Oggetti di carattere
Ci sono oggetti che pur non
essendo indispensabili sanno
completare un arredamento e
definirne il carattere quasi quanto i
mobili. Alcuni sanno svolgere più di
una funzione, altri sono specialistici
al sommo grado. Talvolta si
acquistano perché sono belli (o
insoliti, come le sedute della serie
Up di Gaetano Pesce per B&B, nella
pagina accanto) e piacciono, altre
volte per necessità o per farne
dono, con lo stesso spirito con cui si
sceglie una borsa, un cappello o una
sciarpa. La loro presenza è scontata

rassegna
anche nelle case più rigorose ed
essenziali: scelti per piacere o per
utilità (come può accadere allo
sgabello disegnato da Shin e
Tomoko Azumi per Lapalma, sotto),
sveleranno con immediatezza il
carattere dei loro proprietari.
Character objects
There are objects that, even though
not indispensable to an interior, are
able to complete it and define its
character, almost to the same
degree as furniture does. Some can
carry out more than one function,
while others are consummate
specialists. Sometimes they are
bought, because they are beautiful
(or witty, like the Up series by
Gaetano Pesce for B&B, on the
page opposite). And sometimes
they are acquired out of necessity or
as a gift, in the same spirit in which
we buy a bag, hat or scarf.
Their presence is taken for granted
even in the most rigourous and
essential cases. Whether chosen for
pleasure or for their usefulness (as
may be the fate of a stool designed
by Shin and Tomoko Azumi for
Lapalma, below), they reveal their
owners’ character.

108 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 109
rassegna

rassegna
Loom™ Wogg Desalto Schopenhauer
Marchio registrato di Lusty Lloyd Wogg AG, Möbelideen Via per Montesolaro Gruppo Fontana Arte
Loom Original Produktions GmbH Im Grund, 16 22063 Cantù (Como) Alzaia Trieste, 49
Justus-von-Liebig-Straße, 3 CH-5405 Baden/Dättwil T 0317832211 20094 Corsico (Milano)
D-86899 Landsberg am Lech T +41-56-4934188 F 0317832290 T 0245121
T +49-8191-9194260 F +41-56-4934087 oma@oma.it F 024512660
F +49-8191-91.94129 info@wogg.ch www.oma.it/desalto info@fontanaarte.it
info@llo yd-loom.de www.wogg.ch. info@fontanaarte.com
www.lloyd-loom.de www.fontanaarte.it
www.fontanaarte.com

Loom™ Loom™ Wogg 23 Wogg 23 Zip Zip Tino Tino


design: Ross Lovegrove design: Ross Lovegrove design: Marco Zaccheo design: Marco Zaccheo design: Marco Maran design: Marco Maran design: A. Scarpellini Piva design: A. Scarpellini Piva
Inventato circa 100 anni fa come Invented approximately 100 years Grazie alle moderne tecnologie di Thanks to modern moulding Utili vicino al bancone della cucina As useful next to the work top in a Tra i nuovi materiali dell’arredamento, Technogel is one of the most
metodo per industrializzare il vimini, il ago as a method for industrializing stampaggio è stato possibile piegare technologies, it has been possible to come al tavolo da lavoro, gli sgabelli kitchen as they are near a work table, Technogel è uno dei più interessanti. intriguing of the new interior
Loom è un materiale formato da filo wicker, Loom is a material made of una lastra di Alucobond e ottenere bend a sheet of Alucobond and offrono un modo di stare seduti al stools offer a way of remaining Qui è impiegato nel colore verde decorating materials. Used here in a
di metallo avvolto da carta. Con esso metal wire sheathed with paper. With questi eleganti tavolini disegnati da obtain these elegant nesting tables tempo stesso disinvolto e pratico. seated that’s both easy-going and trasparente in un’applicazione transparent shade of green, in an
Ross Lovegrove, spinto da Godobert this material, Ross Lovegrove, Marco Zaccheo. Due cavi in acciaio designed by Marco Zaccheo. Two Quelli qui proposti hanno la struttura practical. The ones being offered coerente alla sua origine (è nato per application that’s coherent with its
Reisenthel, ha dato vita a una encouraged by Godobert Reisenthel, incrociati e fissati ai fianchi wires in steel, intersecting and d’acciaio con finitura grigio artico. here have a structure in steel with a evitare le piaghe da decubito): serve, origin (it was born to help people
collezione comprendente injected life into an armchair, a chaise provvedono a mantenere i pezzi in anchored to the sides, are what keep Sono disponibili con o senza grey finish. They are available either infatti, ad imbottire il sedile di Tino, avoid bed sores), it has been
poltroncina, chaise longue e tavolini. longue and three end tables. Manual tensione, garantendone al tempo the pieces taut and stable. braccioli e in due altezze, cioè con with or without arms and in two lo sgabello (disponibile in due employed to upholster the seat of
Rimpiazzati i metodi di fabbricazione manufacturing methods having been stesso una stabilità a tutta prova. La Processing precision is married to sedile posto a 62 o 72 cm. heights, which means with a seat altezze) disegnato da Alessandro Tino. The stool (available in two
manuale con tecniche di replaced with computer-assisted precisione della lavorazione si sposa the ultimate in lightness, making the Sedile e schienale sono in that tops out at 62 or 72 cm. Seat Scarpellini Piva (insieme alla sedia heights) was designed by Alessandro
progettazione e produzione assistite design and production techniques, alla massima leggerezza, rendendo i nesting tables (available individually polipropilene colorato. and back are in colourful Tina) per Schopenhauer. La struttura Scarpellini Piva (together with the
da computer, sono state create organic shapes of great charm have tavolini (disponibili singolarmente o or in the traditional set of three polypropylene. dello sgabello è in metallo verniciato Tina chair) for Schopenhauer. The
forme organiche di grande fascino. been created. The Loom membrane nel tradizionale set di tre pezzi in tre pieces in three sizes) suitable for grigio alluminio. structure of the stool is in metal
La membrana Loom è abbinata a un is combined with a frame in misure) adatti ai più diversi usi the most widely varying uses painted aluminium grey.
telaio in alluminio e a gambe in aluminium and legs in steel, treated (comodini, piani di appoggio a (bedside tables, service tops for an
acciaio, trattati con una finitura che li with a finish that makes them visually servizio di una poltrona o di un armchair or sofa etc).
rende visivamente omogenei. homogeneous. divano ecc.).

Magis Album Lapalma Alias


Via Magnadola 15 Via Leoncavallo, 7 Via Belladoro, 25 Via dei Videtti, 2
31040 Motta di Livenza (Treviso) 20052 Monza (Milano) 35010 Cadoneghe (Padova) 24064 Grumello del Monte (BG)
T 0422768742/3 T 039389745 T 049702788 T 0354422511
F 0422766395 F 0392302433 F 049700889 F 0354422590
magisuno@tin.it album.it@album.it info@lapalma.it info@aliasdesign.it
www.album.it www.lapalma.it www.aliasdesign.it

Cavalletto Ypsilon Ypsilon trestle Popov sovrapponibile Stackable Popov Lem Lem laleggera/stool laleggera/stool
design: Enzo Mari design: Enzo Mari design: Pepe Tanzi design: Pepe Tanzi design: Shin + Tomoko Azumi design: Shin + Tomoko Azumi design: Riccardo Blumer design: Riccardo Blumer
Come sempre in presenza di un As always, when in the presence of Serie di tavolini con struttura in Series of tables with structure in Il tratto saliente dello sgabello Lem The most outstanding feature in the La sedia impilabile laleggera, nota The laleggera stackable chair is
progetto di Enzo Mari, le spiegazioni an Enzo Mari design, explanations alluminio estruso e piani in cristallo, aluminium extrusion and tops in plate va letto nella continuità della Lem stool lies in the unbroken per la sua particolare leggerezza e unusually light weight thanks to an
sono superflue, perché l’oggetto are superfluous, because the object impilabili o utilizzabili singolarmente. glass, stackable in various ways and struttura di sedile e poggiapiedi, uniti continuum of the structure of its seat solidità, ottenuta grazie al supporto interior support in injected
parla da sé. In questo caso si tratta speaks for itself. In this case, it’s a Un’apposita sporgenza del piedino si usable individually. A projection on da un tubo d’acciaio cromato opaco. and footrest, which are joined by interno in poliuretano iniettato, è polyurethane. It has produced a
di una coppia di cavalletti regolabili in pair of height-adjustable trestles that insinua nell’elemento di giunzione, the leg slips its way into the joint Telaio e base sono realizzati in opaque chromium-plated steel divenuta la capostipite di una whole family of seating solutions, of
altezza, disponibili in due misure, con come in two sizes, with a metal consentendo una veloce e sicura element, making possible rapid and metallo cromo-satinato, mentre il tubing. Frame and base are made of famiglia di sedute, di cui fa parte which the stool illustrated here is
struttura in metallo verniciata in structure coated with epoxy resin sovrapposizione. secure stacking. sedile è in legno curvato, rifinito in chromium-satin finish metal, while anche lo sgabello qui illustrato. La part. The structure in maple or ash
resina epossidica (grigio, verde o blu) (grey, green or blue) or galvanized. I piani sono in cristallo trasparente o Tops are in transparent or etched faggio sbiancato o in noce canaletto the seat is in curved wood, with a struttura in legno massello di acero o heartwood can be faced with leaves
oppure zincata. Il Cavalletto Ypsilon The Ypsilon trestle was awarded acidato (spessore 10 mm), temperato plate glass (thickness: 10 mm) (dark walnut). Lo sgabello è girevole; finish in bleached beech or dark frassino può essere rivestita in fogli of sliced maple, ash, cherry or wengé
ha ricevuto una menzione d’onore al honourable mention at Bio 2000 in con fori; la struttura portante è tempered with holes. The support l’altezza del sedile è regolata walnut. The stool is a swivel model, di tranciato di acero, frassino, ciliegio veneer and finished in various ways,
Bio 2000 di Ljubljana. Ljubljana. costituita da barre in alluminio structure consists of bars in mediante molla a gas. Dimensioni: the height of the seat being adjusted o wengè e rifinita in vari modi, including an opaque coat of paint, in
estruso a sezione quadrata con aluminium extrusion with a square 42 x 35 x 65/75 H cm. by means of a gas mechanism. compresa la verniciatura opaca, in orange, citron or yellow.
anima filettata. L’elemento di cross-section and threaded core. The Dimensions: 42 x 35 x 65/75 H cm. arancio, cedro o giallo.
giunzione è in ottone e acciaio. joint element is in brass and steel.

110 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 111
rassegna

rassegna
B&B Italia Cappellini Cierre Zanotta
Strada Provinciale, 32 Via Marconi, 35 Cierre Accessories - Cierre Espansi Via Vittorio Veneto, 57
22060 Novedrate (Como) 22060 Arosio (Como) Via Ansaldo, 2 20054 Nova Milanese (MI)
T 031795111 T 031759111 47100 Forlì T 03624981
F 031791592 F 031763322/763333 T 0543782420 F 0362451038
Numero verde 800-018370 cappellini@cappellini.it F 0543788132 communication@zanotta.it
beb@bebitalia.it www.cappellini.it E-mail: cierreac@tin.it www.zanotta.it
www.bebitalia.it www.cierreaccessories.com

Serie Up 2000 Up 2000 series Felt Stool Felt Stool Cubi Cubi 265 Globulo 265 Globulo
design: Gaetano Pesce design: Gaetano Pesce design: JongeriusLab design: JongeriusLab design: Roberta Marzi design: Roberta Marzi design: F. Bertero e A. Panto design: F. Bertero and A. Panto
Auspicato da tempo, nel corso del The dream, long nurtured, of a Hella Jongerius ha interpretato una Hella Jongerius has interpreted a Da usare come sedute informali ma Used as informal seating solutions, Fabrizio Bertero, lo descrive così: Fabrizio Bertero describes it this
2000 si è finalmente verificato il comeback for the Up series finally forma già pensata per Droog Design, shape that was conceived for Droog anche come piani di appoggio, i Cubi but also as tops, Cubi (cubes) (40 x “Scompare l’imbottitura e l’aria dà way: “The upholstery having
ritorno delle serie Up che, al suo came true in the course of 2000. realizzandola in altri materiali per Design, carrying it out in other (40 x 40 x 40 cm) proposti da Cierre 40 x 40 cm), being offered by Cierre, forma a questo pouf in Pvc colorato disappeared, it’s air that inflates this
apparire nel 1969, rappresentò una When it first appeared in 1969, it was Cappellini. Ciò che originariamente materials and dimensions for sono pouf adatti a tutti gli ambienti are ottomans that fit in perfectly with dalle dimensioni contenute e dal ottoman in colourful Pvc, giving form
delle più clamorose espressioni del looked upon as one of the most era in porcellana è ora divenuto uno Cappellini. What was originally in della casa. Disponibili con all the rooms in a house. volume morbido… che si allontana to its moderate dimensions and soft
design. B&B Italia ha infatti rimesso spectacular expressions of design sgabello con struttura interna in porcelain has now become a stool rivestimento sfoderabile – in pelle Available with slipcovers – in leather dalla logica del funzionalismo puro volume... it has distanced itself from
in produzione l’intera serie: sette seen up to that time. B&B Italia has, lamiera, rivestita con tre strati di with an interior structure in steel (nera o beige), rafia (beige o marrone) (black or beige), raffia (beige or per abbracciare il tema della the rationale of function, pure and
modelli di sedute diverse, rivestite in in fact, put the entire series back into feltro, cuciti a macchina con una plate, faced with three layers of felt, o in feltro di lana (grigio avio o chestnut) or wool felt (aviation grey sperimentazione nell’uso del simple, to embrace the theme of
un particolare tessuto elasticizzato production – seven different models cucitura che simula un procedimento sewn by machine with a seam that marrone) – lavorato a mano, sono or chestnut) – that are worked by materiale”. Disinvolto, flessibile e experimentation with the use of
proposto in cinque colori, le cui of chairs, covered with a special fatto a mano. Le proposte resembles a procedure done by imbottiti con poliuretano espanso. hand, they are upholstered with informale, Globulo (diametro 70 cm) material”. Fancy-free, flexible and
forme antropomorfe mantengono elasticized fabric offered in five cromatiche prevedono due hand. It’s available in two colour foamed polyurethane. è realizzato in Plastisol (rosso informal, Globulo (diameter: 70 cm) is
intatto il loro incredibile impatto shades, whose anthropomorphic possibilità: feltro marrone, bianco e options: brown, white or blue, or perlato, arancio, verde perlato e made of Plastisol (pearly red, orange,
visivo ed emozionale. shapes have kept their powerful blu oppure bordeaux, bianco e rosso. Bordeaux, white and red felt. bianco fosforescente) ed è pearly green and phosphorescent
visual and emotional impact intact. venduto in confezioni da quattro white) and is sold in packages of four
pezzi, uno per colore. pieces, one for each colour.
Collezione Vitra Design Museum Vitra Design Museum Collection

Campeggi Edra Taffetà Sawaya & Moroni


Via del Cavolto, 8 P. O. Box 28 Taffetà - di Giovanni Cortinovis & C. Via Montenapoleone, 11
22040 Anzano del Parco (CO) 56030 Perignano (Pisa) Via Tomadini, 12 20121 Milano
T 031630495 T 0587616660 33100 Udine T 028690085
F 031632205 F 0587617500 T 0432229126 F 0286464831
campeggi@campeggi.it edra@rcnet.net F 0432296035 Museo Bagatti Valsecchi
www.campeggi.it www.edra.com taffeta@tin.it Via Santo Spirito, 10/A
www.taffeta.it 20121 Milano
T 0276006132
F 0276014859
info@museobagattivalsecchi.org
www.bagattivalsecchi.org

o-by-o o-by-o Air Two Air Two Rosarosae Rosarosae BArtolomeo e VAlentina BArtolomeo and VAlentina
design: Giovanni Levanti design: Giovanni Levanti design: Ross Lovegrove design: Ross Lovegrove design: Teresa Pasian design: Teresa Pasian design: William Sawaya design: William Sawaya
Questo insolito ‘divano’ in qualche There is something about this La qualità di Air Two (e della poltrona The quality of Air Two (and the Air La forma e il colore non possono Its form and colour could never Realizzato per il Progetto bambino – Made for its child Project – an
modo richiama il modo di stare unusual sofa that makes one think of Air One) nasce dall’idea di impiegare One armchair) was born of the idea passare inosservati: il pouf escape notice. The Rosarosae un’iniziativa del Museo Bagatti initiative of the Bagatti Valsecchi
seduti che si pratica nelle case the way people sit in Arab houses. il polipropilene espanso, quello of making use of foamed Rosarosae vuole infatti essere una ottoman wants, in fact, to take its Valescchi di Milano che coinvolgerà Museum in Milan, which will involve
arabe. Formato da un cuscino con Made up of a cushion with arms and normalmente impiegato negli polypropylene, the type normally presenza importante place as an important presence in diversi progettisti e mirata ad various designers and is aimed at
braccioli e da uno schienale da a back to be hung from the wall, o- imballaggi. Un materiale povero, employed in packing. A poor, feather- nell’arredamento di case, show-room the decor of homes, show-rooms avvicinare il pubblico dei più piccoli a bringing the city’s smallest museum-
appendere al muro, o-by-o si abbina by-o combines with a soft carpet in molto leggero, stampabile al pari dei light material, which can be moulded e sale d’aspetto. Il cuscino and waiting rooms. Its removable questo insolito museo – BArtolomeo goers to this unusual institution –
a un tappeto morbido in rafia natural or coloured raffia or rattan poliuretani, diventa occasione per on a par with polyurethanes, is rimovibile, che riprende la forma di cushion, which looks exactly like a e VAlentina è un buffo BArtolomeo and VAlentina is a witty
naturale o colorata oppure a una reed matting, or a pair of soft tiltable rinnovare il paesaggio domestico. offering users a golden opportunity una rosa in pieno fiore, e l’intero fully blown rose, and all of its sedile/contenitore alto 38 cm, chair/case piece, 38 cm tall, that’s
stuoia di rattan o a due morbide seats. In the latter case the item Modellato con maestria da Ross for updating the homescape. Shaped rivestimento, imbottito con ovatta e upholstery, which is filled with proposto in vari colori. La struttura è being offered in various tones.
sedute inclinabili, in questo caso transforms itself into a bed for one or Lovegrove, si trasforma nei bassi with great skill by Ross Lovegrove, it sfoderabile, sono in Alcantara rossa. wadding and is slipcovered, are in in legno multistrato termocurvato e The structure is in thermocurved and
trasformandosi in letto per una o due two people. Combined with any sgabelli qui illustrati, così come in forms low stools shown here, as well La struttura portante in MDF e red Alcantara. The support structure sagomato; il sedile è imbottito con shaped plywood.
persone. Abbinato a un qualsiasi seating surface whatsoever, it turns poltrone e tavolini. as armchairs and tables. cartone multistrato è montata su in MDF and many-layered cardboard schiume poliuretaniche ignifughe e The seat is upholstered with fire-
piano di seduta diventa un into a comfortable and extraordinary ruote. Dimensioni: 43 x 43 x 53 H cm. is wheel-mounted. Dimensions: ricoperto in tessuto sfoderabile. resistant polyurethanic foams and
confortevole imbottito. upholstered piece. 43 x43 x 53 H cm. slipcovered in a fabric.

112 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 113
rassegna

rassegna
Rimadesio Caimi Brevetti View Openhouse
Via Furlanelli, 96 Via Brodolini, 25/27 Marchio di Varaschin Via Dalmazia, 24/1
20034 Giussano (Milano) 20054 Nova Milanese (Milano) Via Cervano, 20 31045 Motta di Livenza (Treviso)
Numero verde 800-901439 T 0362491001/0362401002 (export) 31010 Formeniga di Vittorio Veneto T 0422768963
www.rimadesio.it F 0362491060/0362491061 (export) (Treviso) F 0422765148
info@caimi.com T 0438933027
www.caimi.com. F 0438933004
view@ viewonline.it
www.viewonline.it

Zenit Zenit Carrelli Trolleys Vista Vista Set Up Set Up


design: Giuseppe Bavuso design: Giuseppe Bavuso design: Caimi design: Caimi design: Giorgio Drasler design: Giorgio Drasler design: Dario Enrico Taurian design: Dario Enrico Taurian
Sistema leggero e versatile, adatto a A light and versatile system, suitable In casa come in ufficio, i carrelli At home as in the office, trolleys play Collocati su ripiani sorretti da esili Situated on shelves held up by Il sistema Set Up permette di The Set Up system allows the user to
ogni stanza della casa, Zenit è dotato for every room in the house, Zenit is coprono innumerevoli ruoli. Quelli innumerable roles. The models sostegni in metallo, gli oggetti e gli slender supports in metal, objects realizzare librerie, porta TV e tavoli di create bookcases, TV stands and
di una eccezionale versatilità blessed with exceptional proposti da Caimi sono versatili al offered by Caimi are as versatile as apparecchi sembrano librarsi and units seem to hover in the air. varie altezze e misure. Le gambe dei tables in various heights and sizes.
compositiva, essendo ogni elemento compositional versatility. The fulcrum punto giusto, realizzati in anyone could wish, being made of nell’aria. Accade con Vista, un This is the story of Vista, a modular tavoli e i montanti delle librerie sono The legs of the tables and the
posizionabile liberamente, nel numero of Zenit lies in the system used for conglomerato ligneo o in acciaio wood conglomerate or micro- sistema modulare adatto a molteplici system that’s eminently suited to a in alluminio estruso; i piani dei tavoli uprights of the bookcases are in
e all’altezza desiderati. Il fulcro di hooking elements up to one another, microforato oppure in vetro, affinché perforated steel or glass, so that utilizzi (tavolo basso, libreria, wide variety of uses (low table, e tavolini sono in MDF laccato avorio aluminium extrusion. The tops of
Zenit risiede nel sistema di aggancio a system that has enabled users to ciascuno possa scegliere quello che each user can choose what comes stazione multimediale ecc.), bookcase, multimedia station etc.), o in multistrato con finitura in vari tables and end tables are in MDF
degli elementi, sistema che ha conceive of an “open modular meglio corrisponde alle proprie closest to satisfying his needs. disponibile in tre misure: 120 x 46 x available in three sizes – 120 x 46 x colori; i ripiani delle librerie sono lacquered ivory or plywood with
consentito di concepire una approach” and produce an upright in necessità. Semplici da montare e Simple to assemble and dismantle, 51,5 H cm, 150 x 28 x 89/128 H cm. 51.5 H cm, 150 x28 x 89/128 H cm. invece in lamiera di acciaio verniciata finishes in various colours. The
“modularità aperta” e di produrre un aluminium that’s free of holes or pre- smontare, possono essere attrezzati they can be equipped with sliding Il colore è usato anche per segnalare Colours are used to draw attention to alluminio. I numerosi accessori shelves of the bookcase come in
montante in alluminio libero da fori o anchored hooks. The support con ripiani scorrevoli, se usati per il shelves, if used for a computer, or priorità e gerarchie. priorities and hierarchies. (cassettiere, ripiani, sistemi di steel plate coated with aluminium
agganci prefissati; la struttura structure thus appears to be a computer, o fissi, se destinati al anchored into place if used for a fissaggio a soffitto o a parete) paint. The numerous accessories (file
portante appare così un insieme di complex of lines whose thickness televisore e all’impianto hi-fi. television set and hi-fi system. rendono Set Up adatto a ogni drawers, shelves and ceiling or wall
linee dallo spessore ridotto al minimo. has been reduced to a minimum. ambiente della casa, nonché agli anchorage systems) make Set Up
impieghi nel contract. suitable for every room in the house,
not to speak of contract applications.

Rede O & CO. Riva 1920R ClassiCon


Rede Guzzini Divisione della F.lli Orsenigo Riva Industria Mobili Perchtinger Straße, 8
Via Le Grazie 31 Via Montesolaro, 27 Via Milano, 37 D-81379 München
62019 Recanati (Macerata) 22063 Cantù (Como) 22063 Cantù (Como) T +49-89-7481330
T 0717573484 T 031714892 T 031733094 F +49-89-7809996
F 0717574246 F 031711996 F 031733413 info@classicon.com
Riva1920@riva1920.it www.classicon.com
www.riva1920.it

Helsinki.com - Helsinki.bit Helsinki.com - Helsinki.bit Numero 5 Numero 5 Ring Ring Ajax Ajax
design: Furio Minuti design: Furio Minuti design: Tonetti design design: Tonetti design design: M. Riva - D. Pesch design: M. Riva - D. Pesch design: J. Boner - C. Deuber design: J. Boner - C. Deuber
Il sistema di arredo modulare Helsinki The Helsinki modular furnishing Con Numero 5, un unico elemento With Numero 5, a single element Lavorare il legno con passione e Working wood with passion and Così come produce su licenza alcuni Aa well as producing Eileen Gray
dispone di nuove configurazioni – system has new configurations at its ospita televisore, impianto hi-fi, plays host to television set and hi-fi professionalità è per Riva un punto di professionalism is, alongwith mobili di Eileen Gray, ClassiCon designs under licence, ClassiCon
Helsinki.com (100 x 70 x 88 H cm) ed disposal – Helsinki.com (100 x 70 x computer ecc. Nel caso qui illustrato, system, expanding or contracting on forza e una tradizione. Dopo tradition, a key source of strength for lavora con diversi giovani designer. works with a number of young
Helsinki.bit (74 x 70 x 88 H cm) – due 88 H cm) and Helsinki.bit (74 x 70 x il supporto che sorregge il televisore the basis of the dimensions of the l’esperienza maturata nella Riva. Following the experience they Qui è illustrato lo scrittoio Ajax, designers. Illustrated here is the Ajax
banchi portacomputer montati su 88 H cm) – two computer stands si allarga o si stringe in funzione delle unit, while the shelf that hosts the realizzazione di arredamenti su acquired making furnishings to order, disegnato da Jörg Boner e Christian writing desk, designed by Jörg Boner
ruote pivottanti, due delle quali mounted on spinning wheels, two of dimensioni dell’apparecchio, mentre hi-fi system is easy to adjust to the misura, Riva ha trasferito l’abilità Riva has transferred their handicraft Deuber, giovani progettisti svizzeri, and Christian Deuber, young Swiss
dotate di dispositivo frenante. Ogni which come equipped with a braking la mensola che ospita l’impianto hi-fi desired height. The base is made of artigianale e la flessibilità produttiva skills and productive flexibility, membri dello studio N2 design designers who are members of the
banco è provvisto di tre piani di device. Each stand is supplied with si fissa facilmente all’altezza steel coated in black, while the maturate negli anni nella collezione developed over the years, into their group. Sorretto da un’esile struttura N2 design group studio. Supported
appoggio; quello per la tastiera è un three tops. The one for the keyboard desiderata. La base è realizzata in supports of units are in a shade of R1920, improntata a un grande R1920 collection. Made of wood metallica, lo scrittorio si piega e si by a slender metal structure, the
grande piano di cristallo temperato, a is a large toughened plate glass top acciaio color nero, i supporti degli brushed aluminium. rispetto per i materiali naturali. (cherry, maple and oak) and finished ripone in uno spazio minimo. desk folds up and can be put away in
filo lucido, spesso 8 mm e posto a with a polished edge, measuring apparecchi sono in acciaio color The top extends the full length of the Realizzati in legno (ciliegio, acero, with oil and wax, furniture pieces the most cramped of spaces.
66 cm da terra. 8 mm in thickness and 66 cm in alluminio goffrato, il piano di item and comes in a cherry-stained rovere) e rifiniti con olio e cera, i were dreamed up to be an integral
height from the floor. appoggio a tutta lunghezza è in legno wood, white laminate or aluminium- mobili della collezione sono pensati part of a comfortable setting.
colore ciliegio, in laminato bianco coloured steel. per essere parte integrante di un Illustrated here is Ring, a writing desk
oppure in acciaio colore alluminio. ambiente confortevole. Qui è for working while standing up
illustrato Ring, scrittoio per lavorare (60 x 52 x 111 H cm).
in piedi (60 x 52 x 111 H cm).

114 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 115
rassegna

rassegna
Bonaldo Fiam Italia Driade Aleph Kartell
Via Straelle, 3 Via Ancona, 1/b Via Padana Inferiore, 12 Via delle Industrie, 1
P.O. Box n. 6 61010 Tavullia (Pesaro) 29012 Fossadello di Caorso 20082 Noviglio (Milano)
35010 Villanova (Padova) T 072120051 (Piacenza) T 02900121
T 0499299011 F 0721202432 T 0523818650/818660 (export) F 029053316
F 0499299000 fiam@fiamitalia.it F 0523822628/822360 (export) kartell@kartell.it
bonaldo@bonaldo.it www.fiamitalia.it com.it@driade.com www.kartell.it
www.bonaldo.it export@driade.com

Collezione Biosphere: DNA Biosphere Collection: DNA Onda CD Onda CD Pandora silver Pandora silver H&H H&H
design: Massimo Iosa Ghini design: Massimo Iosa Ghini design: Ron Arad design: Ron Arad design: Antonia Astori design: Antonia Astori design: Ron Arad design: Ron Arad
La libreria DNA ha una struttura in The DNA bookcase vaunts a structure Il virtuosismo tecnico e produttivo The technical and productive Il tema dei piccoli mobili in alluminio The theme of small furniture pieces in Progetto estremamente flessibile, An extremely flexible project, H&H is
tubo metallico, cromato o verniciato in metallic tubing, which is chromium- che Fiam Italia ha messo a punto nel virtuosity that Fiam Italia has e vetro avviato con la serie Pandora aluminium and glass launched with H&H si basa sulla composizione di based on a composition of five
alluminio lucido, che si snoda come plated or painted a shade of glossy corso degli anni si coglie appieno nel developed in the course of the years viene ulteriormente sviluppato da the Pandora series was developed cinque pezzi che si incastrano a pieces that dovetail with one another
un ‘serpentone’, senza soluzione di aluminium, and unwinds like a coil, porta compact disc disegnato da has reached full flower in a compact Antonia Astori in Pandora silver. even further by Antonia Astori in formare una H (da cui il nome). to form the letter H (which gave the
continuità tra i tratti orizzontali e with no breaks between vertical and Ron Arad per la serie Onda. Le disk holder designed by Ron Arad for I nuovi elementi adottano estrusi più Pandora silver. L’elemento può vivere come semplice item its name). The element can
verticali. I ripiani (in legno laccato horizontal stretches. Shelves (in wood ondulazioni presenti sui fianchi (in the Onda series. The undulations esili in sezione, maniglie più corpose The new elements make use of piano di appoggio (comodino, thrive as a simple top (bedside table,
nero o beige) e la struttura si lacquered black or beige) and cristallo fuso da 6 mm, i tramezzi present on the sides of the item (in 6- e un nuovo materiale, il vetro satinato extrusions with a slimmer cross- mobiletto da bagno o cucina) o bathroom or kitchen piece) or be
bilanciano in modo da ridurre al structure balance each other in such a sono in cristallo float da 6 mm) sono mm-thick plate glass melt, partitions e argentato all’interno, denominato section, heftier handles and a new abbinato ad altri elementi: i piani di combined with other elements. The
minimo i punti di fissaggio alla parete way as to reduce areas of anchorage sufficienti a sostenere numerosi cd being in 6-mm float glass) are hefty appunto silver. material – glass with a satin finish, due H servono da appoggio per i piedi tops of two Hs act as a support for
(tre). Per il trasporto, la libreria può to the wall (three) to a minimum. senza necessità di ulteriori supporti. enough to underpin numerous cds I quattro piccoli mobili (due silvered on the inside – hence, its di un terzo elemento della stessa the feet of a third element with the
essere scomposta in tre parti. Moving the bookcase is easy, as it La versione da terra (qui illustrata e without needing any other support. cassettiere e due contenitori) sono name, silver. The four small furniture forma che li sovrasta a ponte. Ne same shape, which lies over them
Dimensioni: 144 x 30 x 170 H cm. breaks down into three parts. disponibile in quattro misure), con la The floor version (illustrated here and adatti a ogni ambiente della casa. pieces (a pair of file pedestals and nasce una struttura da usare come like a bridge. Born of this complex is
Dimensions: 144 x 30 x 170 H cm. sua elegante base in metallo, ha un available in four sizes), with its two case pieces) fit flawlessly in with libreria, porta dischi o altro. H&H è a structure that can be used as a
tocco di originalità in più. elegant base in metal, boasts an every room in a house. realizzato in polipropilene, nei colori bookcase, record holder etc. H&H is
extra touch of originality. opalino, giallo, arancio, bianco e nero. made of polypropylene in opaline,
yellow, orange, white and black.

Nara Montis Seven Salotti Zerodisegno


Lyssachstrasse, 112 Steenstraat, 2 Viale Monza, 17 Divisione della Quattrocchio
CH-3400 Burgdorf Postbus 153 20034 Giussano (Milano) Via Isonzo, 51
T +41-34-4228896 NL-5100 AD Dongen T 0362853283 15100 Alessandria
F +41-34-4230617 T +31-162-377777 F 036235010 T 0131445361
mail@narabox.com F +31-162-3377710 info@sevensalotti.it F 013168745
www.narabox.com info@montis.nl www.seven salotti.it info@zerodisegno.it
www.montis.nl www.zerodisegno.it
in Italia: Ghénos - IDF
Intenational Design Furniture
Via S.Vito al Tagliamento, 19
33100 Udine
T 0432548221
F 0432484583

Narabox Narabox Soho Soho Su-Zan Su-Zan Twist again Twist again
design: Valérie Jomini - design: Valérie Jomini - design: Arnold Merckx Design: Arnold Merckx design: Fabrizio Ballardini design: Fabrizio Ballardini design: D’Urbino, Lomazzi design: D’Urbino, Lomazzi
Stanislas Zimmermann Stanislas Zimmermann Tra i complementi d’arredo, i Storage units on wheels are one of Aggregati in composizioni più a Clustered into large or small Gli scaffali Twist again si Twist Again shelves are put together
L’azienda è giovane come il pubblico The company is young like the public contenitori su ruote sono una delle the typologies most frequently used. meno grandi e articolate, i moduli del configurations, modules from the Su- compongono in modo rettilineo o in a rectilinear style or in concave
al quale sono destinati i suoi prodotti, its products were designed for, which tipologie più frequenti. Quelli della The Soho line is characterized by its sistema Su-Zan consentono di creare Zan system make it possible to secondo curve concave e convesse. and convex curves. Each span can
realizzati con materiali insoliti per are made of materials that are linea Soho si caratterizzano per le spare shapes and sober or vibrant librerie con vani a giorno e chiusi. I create bookcases with spaces that Ogni campata è utilizzabile be used individually or in
l’arredamento: per esempio, il unusual for interiors, for example the scarne forme parallelepipede a colori colours, opened into by rectangular fianchi sono in acciaio verniciato are either open or closed. Their sides singolarmente o combinata ad altre. combinations with others. The free-
cartone usato per costruire un letto cardboard used to build a folding sobri o vivaci, nelle quali si aprono spaces extending down to the full alluminio metallizzato; i contenitori are in steel, painted a shade of La struttura autoportante è formata standing structure consists of
pieghevole. Narabox è invece un bed. Narabox, on the other hand, is a vani rettangolari a tutta profondità depth of the item (equipped with sono realizzati in conglomerato di metalized aluminium, while case da montanti in tubo di acciaio (Ø 32 e uprights in steel tubing (diameter:
sistema di moduli (cinque ‘scatole’ in system of modules (five ‘boxes’ in (eventualmente attrezzati con drawers, if desired), which lighten up legno impiallacciato wengè o ciliegio. units are made of wood 10 mm) e controventature in tondino 32 and 10 mm) and struts in steel
differenti misure e colori) in alluminio different sizes and shades) in cassetti) che ne alleggeriscono la the whole. Units are produced in I moduli con vano a giorno sono conglomerate with a wengé or di acciaio (Ø 7 mm), verniciati a rods (diameter: 7 mm), spray-coated
anodizzato, da usare in piena libertà anodized aluminium, to be used with massa. I contenitori sono prodotti in medium-density, with scratch-proof chiusi sul retro da uno schienale in cherry veneer. Modules with an open polveri in colorazione alluminio; è a shade of aluminium. It comes in
e da comporre con altrettanta a completely free hand and put medium density, con finitura laccata- lacquered-opaque finish, in seven vetro acidato. space are closed at the rear by a disponibile in tre altezze (106-146 e three heights (106-146 and 186 cms)
fantasia. Sul sito aziendale si together with as much imagination as opaca antigraffio, in sette colori. shades. Sizes: 45 x45 x 45 H cm, back in etched glass. 186 cm) ed è accessibile da entrambi and can be accessed from both
possono trovare numerosi you can muster. Logging onto the Misure: 45 x 45 x 45 H cm, 30 x 30/60/90/120 H cm. i lati. I ripiani sono in polipropilene sides. Shelves are in opalescent
suggerimenti compositivi e d’uso. company site, you can find numerous 30 x 30/60/90/120 H cm. stampato opalescente, sono profondi moulded polypropylene, measure 35
compositional suggestions. 35 cm e possono essere posizionati cm in depth and can be positioned at
a diverse altezze (passo 20 cm). various heights (pitch: 20 cm).

116 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 117
rassegna

Glas Confalonieri
Via Rivolta, 6 Umberto Confalonieri & C.
20050 Macherio (Milano) Via Prealpi, 11
T 0392010251 20034 Giussano (Milano)
F 0392010595 T 036235351
glas@glasitalia.com F 0362851656
www.glasitalia.com info@confalonieri.it
Showroom: www.confalonieri.it
Via Cusani, 6

panorama
20121 Milano
T+F 02877571

Rondone Rondone MSO 1425 MSO 1425


design: Riccardo Dalisi design: Riccardo Dalisi design: Franco Guanziroli design: Franco Guanziroli Tutto in uno per Bang & Olufsen
La forma evoca un uccello ad ali The shape suggests a bird with its Il reggimensola si contraddistingue The shelf bracket is distinguished by
spiegate, magicamente fermatosi su wings outstretched that has per la capacità di garantire un its ability to supporty heavy loads, BeoCenter1 è il secondo impianto formato 4/3 riduce la luce riflessa del or held up by a 160-cm.-high column.
una parete. Rondone è una mensola magically alighted on a wall. elevato supporto di carico while occupying a minimum of space compatto di Bang & Olufsen, dopo 99%. Come per tutti gli apparecchi Each of these installations can be
a due ripiani contrapposti, Rondone (swift) is a shelf with two occupando il minimo di spazio sulla on the working surface of the shelf. It BeoCenter AV5 lanciato nel 1997. La dell’ultima generazione, il sonoro è oriented in different ways, even by
leggermente inclinati (sì da garantire facing, slightly inclined shelves superficie utile di appoggio della is also notable for its offbeat design. grande flessibilità del nuovo sistema stato molto curato; due potenti remote control. BeoCenter 1’s
automaticamente la corretta (which automatically position books) mensola e per il suo particolare Shelves of any type are used – even integrato audio/video permette cinque diffusori attivi rendono il suono chiaro light/dark and colour contrasts are
posizione dei libri) e fissati a un and anchored to a shelf bracket in disegno. Si utilizza con ripiani di plate glass ones, as they are possibilità di posizionamento; e pulito, con grande naturalezza governed automatically to adapt to
reggimensola in massello di faggio beech heartwood (natural or in a qualsiasi natura, anche di cristallo, in protected by trimming in ‘galleggiante’ a parete, appoggiato a anche fino a 96 dB di volume. any lighting condition whatsoever. An
(naturale o tinto ciliegio, noce, wengè cherry, walnut or wengé stain, or quanto protetto da apposite polyethylene. The shelf bracket is un piano o sostenuto da una colonna All in one for Bang & Olufsen anti-reflection screen measuring 25”
oppure laccato alluminio o bianco). lacquered aluminium or white). guarnizioni in politene. Il made of die-cast metal and offered in di 160 cm. di altezza. Ognuna di BeoCenter1 is the second compact in the 4/3 format cuts reflected light
I ripiani sono in cristallo (spessore 6 Shelves are in satin-finish shaped, reggimensola è realizzato in metallo black, white, opaque black, silver or queste installazioni consente ulteriori system to be put on the market by by 99 percent. As for all units of the
mm) sagomato satinato, satinato opaque satin-finish or lacquered pressofuso e proposto nelle finiture glossy chromium or opaque or gilded orientamenti, anche con Bang & Olufsen after their launch of latest generation, the sound
Flessibilità e facilità di gestione per il
opaco o laccato. Dimensioni: plate glass (thickness: 6 mm). bianco, nero, nero opaco, argento satin-finish nickel. Like all of telecomando. BeoCenter 1 ha BeoCenter AV5 in 1997. The great component has been meticulously nuovo sistema integrato audio/video di
87 x 18 x 16,5 H cm. Dimensions: 87 x 18 x 16.5 H cm. oppure cromo lucido, nichel satinato Confalonieri’s products, it has neither regolazione automatica del contrasto flexibility of the new audio/video executed. Two powerful active Bang & Olufsen
opaco o dorato. screws nor a visible adjustment chiaro/scuro e del colore per adattarsi integrated system gives the user five diffusers give the ear a clean, clear Flexibility and ease of management for
mechanism. a qualsiasi condizione di luce; lo positioning options to choose from - sound that vaunts great naturalness the new integrated audio/video system
schermo antiriflesso da 25’’, nel the ‘floating’ wall unit resting on a top up to a volume of 96 dBs. from Bang & Olufsen

Authentics Pieper Concept


Artipresent GmbH A. Pieper GmbH & Co. Non conta l’oggetto ma l’impiego Un libro sulla poltrona
Max-Eyth-Straße, 30 Postfach 100821
D-71088 Holzgerlingen Ohsener Straße, 84 Un libro sulla morbida pelle delle its birth, in the traditional Italian
T +49 -7031-68050 D-31789 Hameln poltrone Frau, racconta la storia di un interior decor magazines.
F +49-7031-680599 T +49-5151-95740 marchio nato nel 1912 a Torino: ha The book, “Poltrona Frau”, by Decio
b.heimsch@authentics.de F +49-5151-957425 vestito gli interni dei più noti Carugati, published by Electa, tells the
www.authentics.de info@pieperconcept.de carrozzieri, ha calcato i set story, not only of the pre war years,
Fotografia di/Photography by Florian Maier-Aichen

in Italia: Modo & Modo www.pieperconcept.de dell’esordiente cinema nostrano nella but also the postwar crisis and the
Via Bressan, 21 città più magica d’ Italia, ha realizzato move of the company’s production to
20126 Milano gli arredi del mitico Rex, ha deciso la Tolentino, where classic pieces were
T 0227001285 presenza, sin dalla nascita, sulle reissued and collaboration with the
F 0227001275 storiche riviste dell’ arredo italiano. Il most important contemporary
libro di Decio Carugati, “Poltrona designers was initiated.
Frau”, edizioni Electa, racconta non Since then, archetypical shapes, from
solo dell’ anteguerra, ma della crisi the Dezza series by Gio Ponti (1965),
postbellica e del trasferimento della to Ouverture by Pierluigi Cerri (1982).
produzione a Tolentino, dove si More recent designs include
replicano pezzi classici e inizia la Antopovarius (1985) in collaboration
collaborazione con i più importanti with F.A. Porsche, Minuetto by Gae
Ad Hook Ad Hook Transit Transit Lubecca, libreria con tiranti, di Enzo Mari designer. Da allora forme archetipe, Aulenti (1989).
design: Masayo Ave design: Masayo Ave design: Vorstellung design: Vorstellung Lubecca bookcase with tie-beams by Enzo Mari dalla serie Dezza di Gio Ponti (1965), Un’immagine dal libro Poltrona Frau
Leggeri e spiritosi gli elementi Ad Witty and lightweight, Ad Hook Perfetta per il guardaroba, il bagno o Perfect for a wardrobe, bathroom or Si esprime più o meno in questi con Mari ha ceduto il progetto per arrivare a Ouverture di Pierluigi An image from the Poltrona Frau book
Hook offrono il massimo della elements offer the ultimate in l’ingresso, Transit è una mensola entryway, Transit is a shelf made up termini Enzo Mari, che per la all’azienda iberica. Cerri (1982). E poi ancora
funzionalità con il minimo di functional prowess while taking up a formata da un elemento a due ali of an element with a pair of inclined spagnola Mobles 114 Barcelona It’s not the object but how you Antopovarius (1985) in collaborazione
ingombro. Fissati mediante ventosa bare minimum of space. Fastened to inclinate, sotto le quali è fissata una wings, beneath which is a bar (città che lo ha premiato in occasione use it that counts This is, more or con F.A. Porsche, Minuetto di Gae
al vetro di una finestra, a uno a glass window pane, mirror or the barra munita di tre ganci in plastica. equipped with three hooks in plastic. della biennale Primavera del Design, less, how Enzo Mari expresses Aulenti (1989), e le ultime realizzazioni.
specchio oppure alle piastrelle del tiles in a bathroom or kitchen by Il piano di appoggio è costituito da The top consists of nylon netting, 1999) ha progettato Lubecca, una himself when describing his project A book on the armchair A book
bagno o della cucina e muniti di una means of a suction cup and una rete in nylon montata mounted on the structure in spray- libreria dalle forme semplici ed such as his Lubecca, a bookcase with on the soft leather of Poltrona Frau
piccola molletta, servono per equipped with a small spring, they direttamente sulla struttura in tubo di coated steel tubing. Dimensions: essenziali. Come al solito l’opera di simple and essential forms, which he armchairs tells the story of a
appendere cartoline, annotazioni o are used to hang up postcards, acciaio verniciato alle polveri. 75 x 34 x 22.5 H cm. Mari si attua ‘per via di levare’, designed for Mobles 114 Barcelona (a trademark that was born in 1912 in
piccoli oggetti. Materiali: pvc, memos or small objects. Materials: Dimensioni: 75 x 34 x 22,5 H cm. cassando orpelli non richiesti, city that gave him first prize at its Turin. It has attired the interiors of the
cavo e metallo. pvc, wire and metal. ottenendo la forma da un’accurata Primavera del Design 1999 biennial). world’ s most famous car body
analisi della funzione, secondo una Mari’s work comes about by a makers, trod the boards of sets at the
consolidata prassi progettuale. ‘process of elimination’, i.e. quashing dawn of our movie industry in the
Prassi che per oggetti di questo gratuitous tinsel and from a careful most magical city in Italy, created the
genere ha originalmente la firma di analysis of function, in line with furnishings of the mythical Rex and
Zanotta. Questa, dopo un accordo consolidated design practice. made a point of being present, since

118 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 119
panorama

Donne e motori… elettrici La luce per l’arte


per lanciare la nuova linea Home Quindici palme illuminano dallo
design, catalogo di accessori per la scorso ottobre il parco del Museo di
cucina, aspirapolvere, ferro da stiro, Arte Applicata di Francoforte; sono i
ecc. Lo stile è un po’ streamline, nuovi apperecchi di illuminazione
come anche i colori. Crystalys, nella della DZ Licht, Gruppo Artemide,
foto, una macchina per caffè che non donati al Museo dall’azienda. Il design
sfigurerebbe a Cape Canaveral, parte è di Michele De Lucchi e Gerhard
dalla qualità dell’acqua, con un Reichert, che hanno impiegato
esclusivo sistema di filtri. Grazie alla acciaio inossidabile e alluminio per
possibilità di adattare l’intensità del realizzare forme che alludono alle
caffè, si può decidere per un caffè foglie di palma. La luce si fa materia e
forte o uno leggero. la fonte illuminante diventa parte
Women and motors... integrante della collezione del Museo.
Jørn Utzon Zanotta, Eurodomus
We mean motors in household Light for art The park that dopo l’Australia Milano,1970
appliances, which are depending surrounds the Museum of Applied Art
more and more on eye-stopping - in Frankfurt has been lighted up since
Jørn Utzon Zanotta at Eurodomus
and improbable (culinarily speaking, last October by fifteen palm trees. after Australia Milan,1970
of course) - testimonials. Moulinex They’re the new lighting units
has chosen top model Cindy produced by DZ Licht, Gruppo
122 126
Crawford to launch their new Home Artemide, donated to the museum by
design line, a catalogue of the company. The design by Michele
accessories for the kitchen, vacuum De Lucchi and Gerhard Reichert, was
Forme decisamente spaziali per cleaners, irons etc. The style is a little interpreted in stainless steel and
Quindici palme DZ Licht, Gruppo
Crystalys, nuova macchina per caffè streamlined, as are the colours. aluminium to bring forms resembling Artemide, illuminano il parco del
di Moulinex Crystalys, in the photo, a coffee- palm leaves to life. Light has become Museo di Arte Applicata di Francoforte
Decidedly organic forms for Crystalys making machine that wouldn’t be out a designer’s material, and the Fifteen DZ Licht, Gruppo Artemide
new coffee machine, from Moulinex of place at Cape Canaveral, starts off illuminating source an integral part of palm trees now illuminateFrankfurt’s
by upgrading the quality of the water the museum’s collection. Museum of Applied Art
...Quelli degli elettrodomestici, che used with an exclusive filter system.
sempre più si affidano a bellissime Thanks to the option the user has of
quanto improbabili (culinariamente varying the intensity of his coffee, he Surface not form, un nuovo bagno

script
parlando) testimonial: Moulinex ha can make it as strong - or as weak -
scelto la bellissima Cindy Crawford as he or she likes. Forse nessuno spazio domestico si è Surface not form, a new
trasformato, negli ultimi anni, come il bathroom There is probably no
bagno. La cultura del mondo space in the home that has undergone

post
Crossing: architettura e comunicazione dell’arredo è prepotentemente a transformation like that of the
entrata anche nella progettazione di bathroom over the past few years. The
Crossing è una nuova rivista ed è declinato in varie sezioni: un un ambiente sinonimo di nuova culture of the furnishing world has
internazionale di architettura e personaggio di spicco del mondo rappresentanza. Se ne sarà accorto swept into the design of an area that’s
tencologie, diretta da François culturale dichiara delle tesi, poi chi ha visitato l’ultima edizione del synonymous with new image-making.
Burkhardt e pubblicata da BTicino: commentate da un protagonista Cersaie o chi ha avuto modo di People who visited the last Cersaie or
presentata alla Triennale di Milano, dell’architettura contemporanea. A assistere al felice connubio tra le were able to be present at the happy
con il primo numero lo scorso questa prima parte segue un dossier creazioni di Flaminia e i mobili di marriage between creations by
novembre. Semestrale, bilingue, sulla diffusione a livello Cappellini. Flaminia and Cappellini’s furniture
segue l’impostazione grafica di Italo internazionale del tema trattato, con Surface not form è il titolo della were undoubtedly aware of the
Lupi, all’interno della quale interviene l’analisi di emblematici exempla. mostra allestita allo Spazio change. Surface not Form is the title of
liberamente un grafico ospite di fama Chiudono il numero una rassegna Cappellini di Milano, dove le linee the show at the Cappellini Space,
internazionale (per questo primo storica e una serie di contributi sullo Work in progress di Giulio Cappellini where Work in Progress lines by Giulio
numero l’olandese Gert Dumbar). stato dell’arte della ricerca e le linee bagno Flaminia, disegnate Cappellini and Flaminia bath lines,
Il tema è diverso per ogni numero (il tecnologica. da Ludovica e Roberto Palomba, designed by Ludovica and Roberto
primo è dedicato al ‘media building’) Crossing: architecture and hanno reinventato l’ambiente bagno, Palomba, have reinvented the bath
communication Crossing, a new liberato dalla sola dimensione environment, freeing it of its one-and-
Copertina del primo numero international architecture and tecnico-funzionale. only technico-functional dimension.
di Crossing
technology magazine, is edited by Un nuovo concetto di arredo bagno in mostra allo spazio Cappellini da Flaminia
Cover of the first issue of Crossing
François Burkhardt and published by A new concept of bathroom decor on display at the Capellini space by Flaminia
BTicino. It was presented this past
November at Milan’s Triennale in the
form of its first issue. A bilingual
published three times a year, its
graphic layout was done by Italo
Lupi, but there will also be a guest
graphic artist of international fame on
hand (Gert Dumbar of Holland was
the guest for this first issue). There is
a different theme for every issue (the
first was dedicated to media building)
and is interpreted in various sections.
An outstanding figure from the
cultural world sets forth a number of
theses, which are then commented
on by a protagonist of contemporary
architecture. Winding up the issue is
a historic survey and a series of
contributions on the state of the art in
the technological research area.

120 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 121
quel caso non fu una questione di accaduto e forse non poteva
Louis Schackenburg

Jørn Utzon
superamento dei costi – che si verificò accadere. C’è qualcosa, nella natura
È noto che Jørn Utzon non ha mai molto dopo che Utzon ebbe lasciato di Utzon, che sembra renderlo
visto l’Opera House di Sydney, l’Australia – ma una questione di lotte incapace di afferrare il successo
l’edificio su cui si fonda la sua fama. di potere all’interno dell’angusto professionale. E certamente il suo
Lasciò l’Australia nel 1966, nove anni mondo politico di Sydney. Oltre tutto, linguaggio architettonico era una
dopo aver vinto il concorso per quella Utzon si ritrovò in una umiliante curiosa miscela di influenze e di fonti:
che si rivelò in seguito una delle situazione finanziaria, vittima di una dalle morbide curve degli yacht che
pochissime opere di architettura doppia tassazione che lo costrinse a suo padre progettava, al paesaggio
veramente incisive del ventesimo versare tutti i suoi guadagni sia al fisco modellato dall’uomo di Monte Alban,
secolo, come impatto di immagine; e australiano sia a quello danese. Ma il ai siti archeologici aztechi del
se ne andò proprio quando l’edificio problema non fu tanto il denaro: come Messico; dai castelli medioevali della
cominciava a prendere forma, per non disse Utzon al Royal Institute of British sua vecchia Danimarca alle opere dei
tornare più. Fu costretto a ritirarsi da Architects, quando gli fu conferita la Maestri europei.
una serie di amari contrasti con i medaglia d’oro per l’architettura che Il concorso per l’Opera House di
politici locali: non per ragioni di egli andò a ritirare di persona, “se si Sydney fu bandito nel 1956, l’anno in
“Se vi piace un architetto dategli un denaro, non per ragioni apprezza il lavoro di un architetto, gli si cui Melbourne, la grande rivale di
edificio, non una medaglia”, disse Utzon architettoniche, ma sostanzialmente dà qualcosa da costruire, non una Sydney, ospitò le Olimpiadi. A quel
“If you like an architect’s work give him per ragioni di potere. Sarebbe stato, medaglia.” tempo Melbourne era più grande, più
a building, not a medal” said Utzon questo, l’edificio di Utzon, oppure il Dopo Sydney ci furono altri edifici, famosa, più ricca, più affermata della
monumento a un oscuro Ministro dei almeno uno dei quali – la chiesa di sua rivale del Nord. L’Opera House
lavori pubblici del New South Wales? Bagsvaerd – deve essere considerato riuscì a cambiare questo corso.
Utzon perse la partita, politicamente una realizzazione di altissimo livello. Diventò il punto di riferimento che
parlando, e con un trucco fu spinto ad La sede del Parlamento del Kuwait segnò l’inizio di una grande inversione
abbandonare il campo, senza neppure risentì invece della guerra del Golfo e di tendenza. Fu così che l’Australia momento cardine per la definizione government architects office refusing was the issue, as Utzon told the Royal his father specialised in designing to
capire bene che si trattava di un passo di trascuratezze nell’edificazione. È cominciò a liberarsi del suo stato di della modernità. Se Utzon avesse to work on the project if Utzon went. Institute of British Architects when he the man made landscape of Monte
irrevocabile. Quando le conseguenze poco, comunque, per un architetto del inferiorità culturale: e fu così che avuto un temperamento diverso, It was a professional and personal was awarded the Royal Gold Medal for Alban, the Aztec sites in Mexico, and
di questo gesto si fecero sentire, talento e della fama di Utzon. Le cose Sydney – fino ad allora un semplice meno malinconico, questa’opera forse trauma from which Utzon has never Architecture, an honour he did collect from the medieval castles of old
Utzon era ormai definitivamente fuori, sarebbero potute andare porto, intrico di insediamenti industriali non sarebbe rimasta una performance really recovered, despite in person, “if you like an architect’s Denmark of his homeland, to the work
sostituito da un gruppo di funzionari diversamente? Da un lato c’è la e di linee tranviarie – si trasformò in isolata nella sua carriera. maintaining a dignified silence about work, you give him something to build, of the modern European masters.
locali: uno di questi peraltro aveva tentazione di pensare che, se la una delle città sull’acqua più grandi his treatment. not a medal”. The competition to design the Opera
firmato una petizione – che circolò nel costruzione dell’Opera House fosse del mondo. Fu proprio Utzon a darle lo Jørn Utzon has famously still not When Queen Elizabeth opened the There were other buildings, at least House was launched in 1956, the year
Dipartimento di Architettura del proceduta senza tanti ostacoli, forse straordinario oggetto architettonico seen the Sydney Opera House, the opera house in 1974, Utzon was one of which the Bagsvaerd Church that Melbourne, Sydney’s great rival
Governo del New South Wales – dove avrebbe potuto dare il via a una che diede l’avvio a tutto, come un building on which his reputation is invited, but unavoidably was must be counted a major success. was hosting the Olympics. Melbourne
esprimeva il rifiuto di lavorare a questo carriera simile a quella di una delle quarto di secolo dopo avrebbe fatto based. He left Australia in 1966, nine elsewhere. When the Royal Australian The Kuwait National Assembly on the then was bigger, more famous, richer,
progetto se Utzon se ne fosse andato. grandi figure del ventesimo secolo, Frank Gehry a Bilbao. years after winnning the competition Institute of Architects awarded him its other hand suffered the Gulf War, and and more successful than its northern
Per Utzon fu un trauma professionale come Louis Kahn, con opere che Non c’era mai stato prima niente di to build what turned out to be one of gold medal in 1973, Utzon accepted an unsymathetic reconstruction. rival. The Opera House managed to
e personale da cui non si è mai avrebbero trasformato il paesaggio simile al progetto dell’Opera House, just a handful of genuinely iconic but stayed away. For an architect of Utson’s special change all that.
realmente ripreso, nonostante abbia dell’architettura. Ma questo non è una realizzazione che rappresenta un works of architecture of the twentieth When Utzon was asked to take part in talent and fame, it is a tiny output. It was the landmark that marked the
sempre mantenuto un dignitoso century when the superstructure was designing a resort in Queensland, he Could it have been different? On one start of a huge turn around in
silenzio a proposito del trattamento only just beginning to take shape and agreed to take on the commisson, but level, there is a temptation to think that perceptions.
subito. Quando la regina Elisabetta never went back. He was driven to sent his two architect sons instead. had the Opera House gone more It was when Australia started to ditch
inaugurò l’Opera House nel 1974, resign from the project after a series of For an architect there can be no fate smoothly, then it could have opened the cultural cringe.
Utzon fu invitato, ma ovviamente era bitter rows with local politicians, not more terrible than seeing a project that the way to a career that might have It was when the harbour went from
altrove. Quando il Royal Australian about money, or architecture, but should have been the crowning matched that of one of the twentieth being a tangle of industrial sites and
Institute of Architects gli conferì la ultimately about power. Was this going achievement of his career taken away century’s giants, Louis Kahn, perhaps tram lines, to become one of the
medaglia d’oro nel 1973, l’accettò, ma to be the architect’s building, or was it from him by a cabal of with a sustained run of work exploring greatest water front cities in the world.
se ne stette ben lontano. Quando gli fu going to be a monument to an obscure uncomprehending phillistines. And it many themes that genuinely And it was Utzon that provided the
chiesto di partecipare alla News South Wales minister for public was not a question of cost overruns, transformed the architectural remarkable architectural object that
progettazione di un insediamento works? those came long after Utzon had left landscape. But he didn’t and perhaps set it all in train, just as Frank Gehry did
turistico nel Queensland, accettò Utzon lost the political game, and was Australia, but a question of power he never could have done. in Bilbao a quarter of a century later.
l’incarico, ma al proprio posto mandò i finessed into resigning without ever fought out in the claustrophobically There is something in Utzon’s make up There had been nothing quite like the
due figli architetti. fully understanding that it was an small world of Sydney politics. that seems to find the idea of Opera House design before.
Utzon

irrevocable step. By the time the And it left Utzon humiliatitingly out of professional success too difficult to It belonged to an alternative definition
Jørn

Per un architetto non può esserci consequences sunk in, Utzon was out pocket, the victim of a punitive double get to grips with. of modernity.
destino più tremendo di quello di permanently replaced by a taxation regime that saw him paying And certainly, Utzon’s personal And had Utzon had a different, less
vedersi sottrarre da una combriccola panel of locals - one of whom had over all his earnings to a combination architectural language was a curious melancholic temperament it might
di ottusi filistei un progetto che actually signed a petition that of the Australian and the Danish tax mix of influences and sources, from have been so much more than an
dovrebbe coronare una carriera. In circulated in the New South Wales authorities. But it wasn’t money that the sweeping curves of the yachts that isolated one off.

ripensamenti
La chiesa di Bagsvaerd di Utzon ha

Keld Helmer-Petersen
seguito una strada assolutamente
diversa da Sydney (sopra) e in
costruzione a (sinistra)
Utzon’s Bagsvaerd church, left,
followed a different path from Sydney,
above and under construction, far left

reputations

122 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 123
tenerezza, Hello Kitty, ma si limitano a Transformer Bots, heavy metal style
Photo Donato Di Bello

un singolo inchino controllato superheroes that turned into trucks,


meccanicamente. Il tutto, però, a una jets and cars at the touch of a button,
frazione del prezzo dell’originale. Il though quite why they would want to
Giappone, del resto, possiede was always a bit of a mystery. And the
un’economia basata sul concetto che Aibo seems to belong to that tradition;
non appena qualcuno abbia fatto di un all be it that it is capable of rather
prodotto qualsiasi un successo smarter tricks. What was clever about
commerciale è sacrosanto dovere dei it was the way that the designers
suoi concorrenti lanciare managed to combine dog with robot,
immediatamente delle copie carbone, going several steps ahead of K9 , R2,
esplorando tutte le possibilità legate a D2 and C3P0.
ogni singola variazione di prezzo, There was something about the Aibo’s
complessità e derivazione styling that seemed to make it part of
commerciale fino a che tutti non siano the iMac look. It managed to get
stufi morti dell’articolo in questione. people’s attention because it looked
Così, nei negozi giapponesi è ora different. Technically it wasn’t doing
impossibile evitare di essere anything that new, but the Aibo had a
sopraffatti da scaffali e scaffali di look about it that you couldn’t ignore.
micini, gattoni e segugi d’ogni forma, It would take the most independent
misura e livello di coordinazione minded of infants not to be seduced
muscolare, programmati per iniziare into concluding that a cyber pet made
ad abbaiare, miagolare o latrare non their moth eaten old teddy bear look
appena entrate. Già in cerca di hopelessly old hat. A thought that was
un’alternativa si dice che quest’anno pretty threatening for some of their
la Sony stia progettando di lanciare nel parents too. Sony’s competitors have
mercato il pesciolino rosso rushed to Chinese factories to
robotizzato, il che corrisponde più o produce their own versions, few of
meno al concetto di interazione più which can match Sony’s level of
basso che si possa umanamente technical cleverness. But they come
concepire. quite a bit cheaper, starting at entry
level kittens that adopt the facial
Cyber pets The tidal wave of robotic characteristics of that of another great
nostro progressivo ritirarci dentro a un anche lui riusciva ad attirare silver and citrus coloured toy dogs and Japanese icon of cuteness, Hello Kitty,
Deyan Sudjic
mondo completamente privato, dove l’attenzione del pubblico per via della cats that broke over Europe at and restrict themselves to a single,
L’ondata di coloratissimi animali non esista la possibilità di essere sua originalità. Dal punto di vista Christmas is the product of a fad that mechanically controlled bow for just a
giocattolo che ha sommerso l’Europa disturbati da alcun essere vivente. Ma tecnico, infatti, Aibo non mostrava started, as so many of these things do, fraction of the Aibo’s price. Japan has
a Natale è il risultato di una moda che, bisogna ricordare che il Giappone ha nulla di così innovativo e tuttavia, in Japan two years ago. The first of an economy built on the proposition
come molte altre di questo genere, è sempre avuto un debole per i robot. proprio a causa del suo aspetto, non these beasts was made by Sony, cost that once anybody has made a
nata in Giappone due anni fa. Il primo Basta riandare agli anni Ottanta, era possibile ignorarlo. Forse, tra tutti, nearly $2000 and went by the name of success of anything, it is the sacred
esemplare di questo bestiario si quando la Bandai Toy Corporation soltanto i pochi bambini dotati Aibo, and was described as an duty of all their business rivals to
chiamava Aibo, era prodotto dalla realizzò quegli straordinari robot d’indipendenza mentale potevano non entertainment robot. It was cute to the launch carbon copies immediately,
Sony, costava attorno ai duemila Transformer, supereroi in stile heavy lasciarsi convincere che un point of making your fillings hurt. and for everybody to run through every
dollari e venne catalogato sotto la metal che, per ragioni destinate a cybercucciolo faceva apparire It knew where you were in the room, single permutation of price,
voce entertainment robot. Aibo era rimanere per noi misteriose, potevano disperatamente sorpassato il loro it could wooff appreciatively when complexity and merchandising spin off
tenero al punto da farvi sentire in diventare un camion, un jet o un’auto vecchio e tarmato orsacchiotto. patted on the head, sit up and beg, conceivable, until everybody is heartily
colpa, si accorgeva di dov’eravate al sol tocco di un pulsante. Oggi Aibo, Pensiero, questo, che si rivelava and wag its tail. Everything in fact that sick of the whole thing. So now it’s
nella stanza, mugolava di gioia se per quanto capace di prodursi in abbastanza minaccioso anche per you would expect from a smart young impossible to avoid being
accarezzato, sapeva mettersi seduto e numeri di ben altro livello, sembra molti genitori. Visto l’enorme successo puppy except defecate on the carpet, overwhelmed in Japanese stores by
scodinzolare implorando la vostra allinearsi con quella stessa tradizione. di Aibo, i concorrenti della Sony si which of course was all part of the shelves of robotic kittens, cats and
attenzione. In altre parole, faceva tutto L’aspetto veramente intelligente della sono precipitati in Cina a far produrre charm. Some commentators hounds of all shapes and sizes and
cuccioli

ciò che è lecito aspettarsi da un questione, tuttavia, è il modo in cui i le loro versioni, pochissime delle quali professed to see it all as a somehow levels of muscular co-ordination,
adorabile cuccioletto pur senza designer sono riusciti a mettere sono però in grado di tener testa alla sinister development, evidence of our programmed to start barking, mewing
Cyber

defecare sulla moquette, il che era insieme cane e robot, compiendo sofisticata qualità dei prodotti della growing retreat into an entirely private or baying as soon as you walk in. As
ovviamente parte integrante del suo numerosi passi avanti rispetto ai vari casa giapponese. I costi, d’altro canto, world, untroubled by any other living an alternative, Sony were allegedly
fascino. Certo, alla sua comparsa K9, R2 D2 e C3P0. C’era inoltre sono decisamente inferiori, così beings. But Japan has always had a planning to branch out into robotic
alcuni commentatori fecero mostra di qualcosa nello styling di Aibo che abbiamo, al livello di partenza, gattini bit of a thing about robots. Back in the gold fish this year, which must be
considerarlo il segno di un fenomeno ricordava il look dell’iMac, forse che clonano la fisionomia dell’altra 1980s, the Bandai Toy Corporation about as uninteractive a concept as
in qualche modo sinistro, sintomo del perché, proprio come quest’ultimo, grande icona giapponese della made all those remarkable you could possible conceive.

oggetti
objects

124 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 125
Archivio Domus

posaceneri o ripiani estrabili negli 1 Opere di Carmelo Bene

© Foto Crisitna Ghergo


angoli, gambe in acciaio inox) o la Carmelo Bene è una delle fonti di
singolare poltrona da ufficio derivata energia più sorprendenti del pianeta
dallo sgabello Birillo (fiberglass per la
scocca e il piatto di base, in cui sono 2 Un pennello cinese in bambu e
contenute le ruote, supporto pelo di capra
regolabile in tubo d’acciaio cromato, L’ho comprato a Hong Kong nel 1979 e
sedile sdoppiato “per una maggior non me ne sono mai separato. Intinto
comodità di chi siede”, fori nella china nera è all’inizio di tutte le
d’aereazione nello schienale) … mie collezioni
Un incontro tra look fantascientifico (lo
sgabello Birillo dieci anni dopo verrà 3 Jaguar XJS V12
inserito dal team di scenografi di Blade È una macchina dal design imperfetto.
Runner nella famosa sequenza del È insieme elegante e trasandata. Forse
laboratorio genetico) e potere per questo invecchia benissimo.
evocativo dei materiali artificiali e delle by all the masters of that time La lascerò solo quando sarà lei a
Joe Colombo, allestimento Zanotta
loro forme “logicamente (Castiglioni, Zanuso, Panton, Rosselli, lasciarmi per strada
all’Eurodomus di Milano
consequenziali”, ancora convincenti Von Klier, Eames, Sottsass, La Pietra,
Anniversari, autori, eventi convergono per il mondo del design: non più oggi, Frattini, Grignani). 4 I coltelli per sushi Kuzu
e si confondono in questo inizio di ma da orfani coscienti di Triennali e The eye pauses for a moment at the Hanno sviluppato un taglio perfetto
2001. Proprio dieci anni fa, nel gennaio padri fondatori conserviamo i loro stand designed by Joe Colombo for 500 anni prima del laser
1991, muore a Milano l’industriale ricordi come vademecum per la Zanotta: a small tensile pavilion,
Aurelio Zanotta, genio fondatore di ricerca di nuovi linguaggi. mirror-floored except for a soft central 5 La PS2 (Playstation)
una delle aziende che hanno creato la track, showing products already either Prima ancora di uscire è diventata
gloria del design italiano, con oggetti Joe Colombo and the Zanotta evergreen or futureless. Among these classica. Unisce l’idea di modernità a
come la poltrona Blow di De Pas, stand at Eurodomus Milan for example, was an incredible soft una forma essenziale, pulita, rigorosa.
D’Urbino, Lomazzi o il Sacco di Gatti, Anniversaries, designers and events table with a central ashtray (clearly È la ricerca estetica alla quale ho
Paolini, Teodoro. converge and merge into this new derived from the Sacco chair), lavorato per dieci anni, interpretata
Trentuno anni fa, l’Eurodomus - year, 2001. Exactly a decade has prudently left anonymous. For Joe dalle multinazionali
invenzione pontiana per presentare la passed since the death, in January Colombo too, the end was
qualità del progetto per la casa al 1991, of the industrialist Aurelio approaching, but the whole stand is 1 Works by Carmelo Bene
pubblico colto e non - si tiene a Milano Zanotta, that brilliant founder of one of charged with his ideas: the mirror floor Carmelo Bene is one of the most
nell’edificio di Muzio per la Triennale. the companies that made Italian doubles the space, completes it and surprising energy sources on this
Nelle pagine di Domus l’occhio scorre design glorious, through products like reflects it back to the observer, a planet
su un campionario stupefacente di Blow, the easy chair by De Pas, virtual reality in which to project
invenzioni, forme e colori ideati da tutti D’Urbino, Lomazzi, or the Sacco, by themselves and to sail among 2 A Chinese paintbrush made of
i maestri d’allora (Castiglioni, Zanuso, Gatti, Paolini and Teodoro. Thirty-one numerous objects: the Poker card bamboo and goats hair
Panton, Rosselli, Von Klier, Eames, years ago, Eurodomus – the show table (double top in extra-thick Abet I bought it in Hong Kong in 1979 and Carmelo Bene in Pinocchio, 1981, tratto da “Vita di Carmelo Bene”, Bompiani, 1998
Sottsass, La Pietra, Frattini, Grignani) invented by Ponti to present quality print plastic laminate, ashtrays or have never been without it since. Carmelo Bene, “Pinocchio”, From “Vita di Carmelo Bene”, Bompiani, 1998
per soffermarsi sull’allestimento di Joe home design to the public – was held extractable shelves in the corners, Dipped in Indian ink, it starts off all my
Colombo per Zanotta: piccolo in Milan at Muzio’s Triennale building. stainless steel legs) or the remarkable collections
padiglione tensile, pavimentazione a The pages of Domus illustrate an office chair descended from the Birillo
specchio esclusa una morbida pista astonishing sample-range of stool (with fibreglass for the body and 3 Jaguar XVS V12
centrale, prodotti già evergreen o inventions, forms and colours created a base plate housing the castors, an A car of imperfect design, it is at once
senza futuro. Tra questi ultimi, ad adjustable chromed steel tube elegant and slovenly. Perhaps that is
esempio, un incredibile tavolo support, a split seat “for the why it ages so well. I will change it only
morbido con posacenere centrale occupant’s greater comfort”, when it breaks down on me
Domus 488

(chiara derivazione dalla poltrona ventilation holes in the backrest)…


Sacco) prudentemente lasciato Where a sci-fi look (ten years after, the 4 Kuzu sushi knives
luglio1970

anonimo. Anche per Joe Colombo si

Costume
Birillo stool was adopted by the set- They developed a perfect cut 500
avvicina la fine, ma tutto lo stand designers of Blade Runner for the years before the laser

National
Capasa
tripudia delle sue idee: Il pavimento a famous genetic lab sequence) is fused
specchio raddoppia lo spazio, lo with the evocative power of artificial 5 The PS2 (Playstation)
completa e rimanda verso materials and their “logically
Ennio Before it even came out it was a

Archivio Quattroruote
l’osservatore, realtà virtuale in cui consequential” forms, still convincing classic. It combines the idea of
proiettarsi e navigare a vista tra molti for the design world: today no longer; modernity with an essential, clean and
oggetti: il tavolo da gioco Poker but as conscious orphans of Triennali rigorous form. It is an aesthetic
(doppio piano in laminato plastico and founding fathers, their memories development on which I worked for ten
Abet Print a grande spessore, linger as our guide. years, interpreted by the multinationals

déjà vu cinque cose


five things

126 Domus Gennaio January 2001 Domus Gennaio January 2001 127
Rem Koolhaas ha ancora parecchia Editorial Rem Koolhaas has a long Gli autori di questo numero:
strada da fare prima di raggiungere i way to go before he catches up with Le Contributors to this issue:
risultati letterari di un Le Corbusier, Corbusier’s intimidatingly large literary
modello che può certo intimorire; ma output, but it is probably fair to say that Lucy Bullivant critico e curatore di
bisogna riconoscere che è l’unico he is the only practising architect mostre
architetto praticante i cui scritti ci siano whose books have come even close to Lucy Bullivant is a critic and
andati vicino. Delirious New York, S-M- having anything like the same impact. exhibition organiser
L-XL e il suo libro sullo Shopping di Delirious New York, S, M, L, XL and his
prossima pubblicazione (del quale in forthcoming work on Shopping, from Jeremy Edwards lavora come
questo numero riportiamo un estratto) which we publish an extract this designer a Parigi. Una mostra sulle
hanno evidentemente fatto scuola. A month, visibly produced a school of sue fotografie apre in aprile al Museo
volte i discepoli adottano addirittura lo followers. In some cases , quite di Architettura di Stoccolma
stesso formato - costa spessa e literally, the disciples adopt the same Jeremy Edwards works as a
nervosa veste tipografica - per thick spined format, and the same designer in Paris. An exhibition of his
pubblicare i propri tentativi di opere- excitable typography to publish their photographs opens at the Architecture
manifesto. Ma Koolhaas è riuscito own attempts at manifestos. But Museum in Stockholm in April
anche a creare un clima intellettuale, Koolhaas has also succeeded in
un senso diffuso di timore reverenziale creating an intellectual climate, a Charles Jencks Ha reso famoso il
per le trasformazioni urbane che pervasive sense of dizzying vertiginous Postmodern. Il suo ultimo libro, una
stanno pervadendo il mondo e per awe at the scale of the urban biografia di Le Corbusier, è publicato
l’incapacità dell’architettura di influire transformation that is overtaking the da Monacelli
minimamente su questo fenomeno. world, and the inadequacy of Charles Jencks made post
Strappa l’attenzione con dati, inventati, architecture to have any impact on it. modernism famous. His latest book,
sui miliardi di metri quadrati di Koolhaas grabs our attention with a biography of Le Corbusier, is
“materia” urbana costruiti ogni anno factoids about the number of billion published by the Monacelli Press
da architetti sotto i trent’anni che square metres of urban substance
esercitano ad Atlanta – e di cui non si completed each year by architects Robin Kinross, grafico, è anche un
è mai sentito parlare. Contro ogni under the age of 30 practising in editore indipendente
aspettativa proclama Lagos come città Atlanta of whom we have never heard. Robin Kinross is both a graphic
dalla quale c’è molto da imparare, in He goes to Lagos, and pronounces it , designer and an independent
senso positivo. Le Corbusier aveva contrary to all expectations, a city from publisher
forse di sé un’immagine drammatica, which to learn positive lessons; Le
come afferma Charles Jencks (di cui Corbusier may have had a tragic view Rem Koolhaas sta per aprire la sua
pure pubblichiamo un intervento); ma, of himself, as Charles Jencks ( who we prima boutique Prada a New York;
quando poneva la questione also publish this month ) argues, but Mutations, la sua mostra sulla città è in
“architettura o rivoluzione”, era chiaro when he asked the question programma all’Arc-en-Reve,
che credeva nel potere dell’architettura architecture or revolution, he clearly Bordeaux
di trasformare la realtà. Ed è chiaro che believed in the transformative power of Rem Koolhaas will open his first
Koolhaas invece non ci crede. architecture. Koolhaas equally clearly shop for Prada in New York;
Koolhaas ci lascia in uno stato di ansia does not. He leaves us instead with a Mutations, his exhibition on the city is
e di preoccupazione, e con il senso worrying anxiety, and a sense of our at the Arc-en-Reve, Bordeaux
della nostra inadeguatezza di fronte a inadeqacy in the face of an apocalypse
un’apocalisse che è già in atto. La sua that is already well under way. His own
soluzione sembra sia l’accettazione personal solution seems to be to
della desolazione del mondo così embrace the bleakness of the world as
com’è, nel modo più risoluto possibile, it is, as vigorously as possible, as if to
come se prendere qualsiasi altra take any other position even
posizione – e persino dare un giudizio – judgement is to decline into mere
significasse scivolare nel più bieco sentimentality.
sentimentalismo. Con questo By being so super tough minded about
Editoriale

atteggiamento così assolutamente everything, then Koolhaas can


pratico a proposito di tutto Koolhaas innoculate himself from feeling any
forse riesce a vaccinarsi contro ogni pain. As a strategy it has yet to be Si ringraziano/with thanks to:
dolore. Questa strategia, in ogni modo, tested, but when the Guggenheim in Fabio Grazioli, Giorgio Tartaro
deve ancora essere verificata: solo Las Vegas and Koolhaas’s stores for
quando il Guggenheim di Las Vegas e i Prada are completed, we might have a Traduttori/Translators:
negozi per Prada saranno completati clearer idea of how close Koolhaas’s Paolo Cecchetto, Dario Moretti, Carla
potremo sapere se le sue opere sono buildings come to match the Russo, Rodney Stringer, Charles
eloquenti come le sue parole. eloquence of his words. McMillen, Virginia Shuey

domus
833

128 Domus Gennaio January 2001