Sei sulla pagina 1di 97

Luglio/Agosto July/August 2002/850 Abraham/Larsen/Kassel/Torino/Nouvel/Pichler/Silvestrin

850
www.domusweb.it
Architettura/Design/Arte/Comunicazione
Architecture/Design/Art/Communication
Luglio/Agosto July/August 2002
Euro 7.80 Italy only

Periodico mensile/Spedizione in abbonamento postale 45%/art.2/comma 20/B, legge 662/96 Filiale di Milano
Abbonati!
Ogni mese Domus
definisce il mondo
dell’architettura
e del design
Subscribe!
Every month
Domus defines the
world of architecture
and design
39.000 lire
256 pagine,

italian edition
da collezione.

527 illustrazioni
e-mail

davvero esclusive:

anziché 55.000 lire


45 hotel all’insegna

canoni dell’ospitalità
del design per vacanze

tradizionale in un volume
Herbert Ypma ridefinisce i
la cartolina

edidomus.it
che trovi qui

fax 039 838286


accanto oppure

uf.abbonamenti@
telefona al numero
verde 800 001199
compila e spedisci
Abbonati a Domus

fax
e-mail
edidomus.it
Outside Italy

or telephone
to domus using

subscriptions@
the card opposite

+39 0282472383
+39 0282472276
You can subscribe

Subscription Abbonamento
outside Italy
I would like to subscribe to Domus I enclose a cheque addressed to: Editoriale Domus,
Italia
Desidero abbonarmi a Domus Scelgo la seguente modalità di pagamento:
Annual (11 issues) with CD-Rom free gift of Berlin Via A. Grandi, 5/7 – 20089 Rozzano – (Milano) – Italy Annuale (11 numeri) con in regalo il CD Rom “Berlino” Bollettino postale che mi invierete
US$ 103 DM 224 Euro 114,65 I have paid by International money order on your account n. £.120.000 anziché £.165.000 Allego assegno non trasferibile intestato
Annual (11 issues) Airmail with CD-Rom free gift of Berlin 5016352/01 – c/o Comit – Assago Branch – (Milano) – Italy Annuale Studenti (11 numeri) con in regalo il CD Rom a Editoriale Domus S.p.A.
US$ 138 DM 300 Euro 153,38 Please charge my credit card the amount of: “Berlino” £.110.000 anziché £.165.000 Addebitate l’importo dovuto sulla mia carta di credito:
American Express (allegare sempre la dichiarazione di iscrizione alla facoltà) American Express
Please send the subscription to the following address Diners Diners
(please write in block capitals): Visa Effettuate la spedizione al seguente nominativo: Visa
Mastercard/Eurocard (scrivere in stampatello) Mastercard/Eurocard

Name Card number Cognome Carta n°

Surname Expires Nome Scadenza

Number & Street Indirizzo n°

Town Postal code Date Signature Località Data Firma

State/Region Cap Prov

Country Telefono Fax

Telephone Fax
According to the Law 675/96, we would like to inform you that your private data will be of new publications, offers and purchase opportunities. You are entitled to all and every La informiamo, ai sensi della legge 675/96, che i suoi dati sono oggetto di trattamento per finalità di promozione commerciale dalla nostra Azienda e da quelle ad essa collegate.
computer-processed by Editoriale Domus only for the purpose of properly managing your right in conformity with Clause 13 of the above mentioned Law. Editoriale Domus S.p.A. via prevalentemente informatico, ai soli fini della corretta gestione del suo abbonamento e di A lei competono tutti i diritti previsti dall’art. 13 della legge sopra citata. Responsabile del
subscription and meeting all obligations arising there from. In addition, your private data Achille Grandi 5/7, 20089 Rozzano (MI) Italy, is responsible for processing your private data. tutti gli obblighi che ne conseguono. I suoi dati anagrafici potranno essere utilizzati inoltre trattamento è Teleprofessional S.r.l., via Mentana 17/A, 20052 Monza (MI)
P031
P031

may be used by Editoriale Domus and related companies for the purpose of informing you

ITALY
I-20130 MILANO 20130 MILANO (MI)
P.O. BOX 13080 Casella Postale 13080
Subscription Department Servizio Abbonati
Editoriale Domus Editoriale Domus

del 17/4/85)
Z/607761/TM/7377
Prov. P.T. N.
di Milano A.D. (Aut. Dir.
presso l’Ufficio Postale
di Credito n.7377
da addebitarsi sul conto
carico del destinatario
POSTAGE Affrancatura ordinaria a
AFFIX AFFRANCARE
PLEASE NON
Domus Subscription & 130 00 PRAHA 3 Fax 0711-2507350 TOKYO 160 Ebsco NZ Ltd Herbert Lang & Cie AG
Distribution Agencies Tel. 02-6848547 Fax 02-6848618 Otto Harrassowitz Tel. 03-32080181 Fax 03- Private Bag 99914 CH 3000 BERN 9
• indicates domestic distributors Linea Ubok Taunusstraße 5 32090288 Newmarket Tel. 031-3108484
Argentina Na Prikope 37 65183 WIESBADEN Segawa Books AUCKLAND Fax 031-3108494
11349 PRAHA 1 Tel. 0611-5300 Fax 0611-530560 2-59 Yamazoe-Cho Tel. 09-5248119 Fax 09-5248067 Dynapress Marketing SA
• Libreria Tecnica C.P. 67
Florida 683 Local 18 Tel. 02-24228788 Great Britain Chikusa-Ku Poland 38 Avenue Vibert
1375 BUENOS AIRES Fax 02-24228293 NAGOYA •Pol-Perfect Poland 1227 CAROUGE
• USM Distribution Ltd Tel.022-3080870
Tel. 01-3146303 Fax 01-3147135 Cyprus Fax 052-7636721 Ul. Samarytanka 51
86 Newman Street Fax 022-3080859
Australia • Hellenic Distribution Agency Ltd LONDON W1P 3LD AD Shoseki Boeki 03588 WARSZAWA
Chr. Sozou 2E Tel. 0171-3968000 C.P.O. Box 1114 Tel./Fax 022-6787027 Cumulus Fachbuchhandlung AG
• Europress Distributors Pty Ltd OSAKA 530-91 Hauptstraße 84
119 McEvoy Street Unit 3 P.O. Box 4508 Fax 0171-3968002 Ars Polona
NICOSIA Tel. 06-4480809 Fax 06-4483059 P.O. Box 1001 5042 HIRSCHTHAL
2015 ALEXANDRIA NSW Dawson UK Ltd Tel. 062-7213562
Tel. 02-6984922 Fax 02-6987675 Tel. 02-444488 Fax 02-473662 Cannon House Park Farm Road Asahiya Shoten Ltd 00950 WARSZAWA
C.P.O. Box 398 Tel. 022-261201 Fax 022-266240 Fax 062-7210268
Gordon & Gotch Denmark FOLKESTONE CT19 5EE
Tel. 0303-850101 Fax 0303- OSAKA 530-91 Portugal Librairie Payot
Huntingdale Road 25/37 • Dansk Bladdistribution A/S Tel. 06-3766650 Case Postale 3212
3125 BURWOOD VIC Ved Amagerbanen 9 850440 •Johnsons International
Bookman’s Co. Ltd. 1002 LAUSANNE
Tel. 03-98051650 2300 COPENHAGEN S DLJ Subscription Agency News Portugal Lote 1 A Tel. 021-3413231
Fax 03-98888561 Tel. 31543444 Fax 31546064 26 Evelyn Road 1-18 Toyosaki 3-Chome Rua Dr. Jesé Espirito Santo
Oyodo-Ku OSAKA 531 Fax 021-3413235
Perimeter Arnold Busk LONDON SW19 8NU 1900 LISBOA
Tel. 0181-5437141 Fax 0181- Tel. 06-3714164 Fax 06-3714174 Tel. 01-8371739 Fax 01-8370037 R.J. Segalat
190 Bourke Street Købmagergade 29 4, rue de la Pontaise
3000 MELBOURNE VIC 1140 COPENHAGEN K 5440588 Elm & Co Livraria Ferin Lda
18-6 Takadono 3 Chome 1018 LAUSANNE 18
Tel. 03-96633119 Tel. 33122453 Fax 33930434 Motor Books Rua Nova do Almada 72 Tel. 021-6483601
Fax 03-96634506 33 St’Martins Court Asaki-Ku 1200 LISBOA
Rhodos OSAKA 535 Fax 021-6482585
Magazine Subscription Agency Strangate 36 LONDON WC2N 4AL Tel. 01-3424422 Fax 01-3471101
Tel. 0171-6365376 Tel. 06-9522857 Freihofer AG
20 Booralie Road 1401 COPENHAGEN K Principate of Monaco Weinbergstrasse 109
2084 TERREY HILLS NSW Tel. 31543060 Fax 32962245 Fax 0171-4972539 Hakuriyo Co Ltd
• Presse Diffusion 80333 ZÜRICH
Tel./Fax 02-4500040 R.D. Franks Ltd 1-15-17 Shimanouchi Chuo-Ku
Finland Boite Postale 479 Tel. 01-3634282 Fax 01-3629718
Kent House OSAKA 542
ISA Australia • Akateeminen Kirjakauppa 98012 MONACO CEDEX Stäheli’s Bookshop Ltd
Market Place Oxford Circus Tel. 06-2525250 Fax 06-2525964
P.O. Box 709 Stockmann/Akatemineen Tel. 93101200 Fax 92052492 Bederstraße 77
4066 TOOWONG QLD LONDON W1N 8EJ Kitao Publications Trading Co
Kirjakauppa Romania 8021 ZÜRICH
Tel. 07-33717500 Tel. 0171-6361244 Ltd
P.O. Box 23 Fax 0171-4364904 2-3-18 Nakanoshima Kita-Ku • S.C.IBC. Hiparion Tel. 01-2013302 Fax 01-2025552
Fax 07-33715566 00371 HELSINKI Str. Muresului 14
Blackwell’s Periodicals OSAKA 530 Taiwan
Austria Tel. 09-1214330 Fax 09-1214241 Tel. 06-2035961 Fax 06-2223590 3400 CLUJ NAPOCA • Chii Maw Enterprise Co Ltd
P.O. Box 40 Tel. 064-414004 Fax 064-414521
• Morawa & Co. KG. Lehtimarket Oy Hythe Bridge Street Kaigai Publications Co Ltd P.O. Box 24-710
Wollzeile 11 Nokiantie 2-4 P.O. Box 16 OXFORD OX1 2EU P.O. Box 5020 Tokyo Singapore TAIPEI
WIEN 1 00511 HELSINKI Tel. 01865-792792 International • Page One The Bookshop Ltd Tel. 02-7781678 Fax 02-7782907
Tel. 01-51562 Fax 01-5125778 Tel. 0-716022 Fax 0-7533468 Fax 01865-791438 TOKYO 100-31 Blk 4 Pasir Panjang Road Thailand
Jos A. Kienreich Suomalainen Kirjakauppa Greece Tel. 03-32924271 Fax 03- 0833 Alexandra Distripark • Central Books Distrib. Ltd
Sackstraße 6 P.O. Box 2 2924278 0511 SINGAPORE 306 Silom Road
8011 GRAZ 01641 VANTAA • Hellenic Distribution Agency Ltd Tel. 2730128 Fax 2730042
1 Digeni Street Kinokuniya Co Ltd 10500 BANGKOK
Tel. 0316-826441 Tel. 09-8527880 P.O. Box 55 Chitose South Africa Tel. 02-2355400 Fax 02-
Fax 09-8527990 17456 ALIMOS
Georg Prachner KG Tel. 01-9955383 Fax 01-9936043 TOKYO 156 • Mico L’Edicola Pty Ltd 2378321
Kärntnerstraße 30 France Tel. 03-34390124 Fax 03- 66 Grant Avenue Turkey
1015 WIEN G.C. Eleftheroudakis SA 34391094
• Nouvelles Messageries de la 17 Panepistimioy Street 2192 NORWOOD • Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
Tel. 01-5128549 Fax 01-5120158 resse Parisienne NMPP Maruzen Co Ltd Tel. 011-4831960 Fax 011-
10564 ATHENS Besiktas Barbaros Bulvari 61 Kat
Minerva 52, Rue Jacques Hillairet Tel. 01-3314180 Fax 01-3239821 P.O. Box 5050 Tokyo 7283217 3 D3
Sachsenplatz 4/6 75612 PARIS International International Subscription BESIKTAS ISTAMBUL
1201 WIEN Tel. 01-49287042 Papasotiriou SA TOKYO 100-31
35 Stournara Street Service Tel. 0212-2583913 Fax 0212-
Tel. 01-3302433 Fax 01-3302439 Fax 01-49287622 Tel. 03-32758591 P.O. BOX 41095 Craighall 2598863
10682 ATHENS Fax 03-32750657
Belgium Dawson France Tel. 01-33029802 2024 JOHANNESBOURG Bilimsel Eserler Yayincilik
• AMP Rue de la Prairie Fax 01-3848254 Milos Book Service Tel. 011-6466558 Siraselviler Cad. 101/2
1, Rue de la Petite Ile Villebon-sur-Yvette 3-22-11 Hatchobori Chuo-Ku Fax 011-6466565 80060 TAKSIM ISTAMBUL
91871 PALAISEAU CEDEX Studio Bookshop TOKYO 104
1070 BRUXELLES 32 Tsakolof Street Kolonaki Spain Tel. 0212-2434173
Tel. 02-5251411 Fax 02-5234863 Tel. 01-69104700 Tel. 03-35513790 Fax 03- Fax 0212-2494787
10673 ATHENS • Comercial Atheneum SA
Fax 01-64548326 35513687
Naos Diffusion SA Tel. 01-3622602 Fax 01-3609447 Joventud 19 U.S.A.
Rue des Glands 85 Documentec Pacific Books 08830 SANT BOI DE
58, Boulevard des Batignolles Holland Morikawa Bldg. • Speedimpex Usa Inc
1190 BRUXELLES LLOBREGAT 35-02 48th Avenue
Tel. 02-3435338 Fax 02-3461258 75017 PARIS • Betapress BV 7-4 Idabashi 1 Chome Tel. 03-6544061 Fax 03-6401343
Tel. 01-43871422 Burg. Krollaan 14 Chiyoda-Ku TOKYO 102 LONG ISLAND CITY NY
S.P.R.L. Studio Spazi Abitati 5126 PT GILZE Diaz de Santos SA 11101-2421
Fax 01-42939262 Tel. 03-32623962 Fax 03-
55, Avenue de la Constitution Tel. 0161-457800 Calle Balmes 417-419 Tel. 0718-3927477
Germany 32624409
1083 BRUXELLES Fax 0161-452771 08022 BARCELONA Fax 0718-3610815
Tel. 02-4255004 Fax 02-4253022 • W.E. Saarbach GmbH Shimada & Co Inc Tel. 03-2128647 Fax 03-2114991
Bruil Tijdschriften • Overseas Publishers Rep.
Hans Böckler Straße 19 9-15 Minami-Ayoama 5-Chome
Office International des Postbus 100 LLibreria La Ploma 47 West 34th Street Rooms
50354 HÜRT HERMÜLHEIM Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F
Periodiques 7000 AC DOETINCHEM Calle Sicilia 332 625/629
Tel. 02233-79960 Minato-Ku
Kouterveld 14 Tel. 08340-24033 08025 BARCELONA NEW YORK NY D7
Fax 02233-799610 TOKYO 107
1831 DIEGEM Fax 08340-33433 Tel. 03-4579949 Tel. 0212-5843854 Fax 0212-
Tel. 03-34078317 Fax 03-
Tel. 02-7231282 Fax 02-7231413 Mayer’sche Buchhandlung Promotora de Prensa Int. SA 4658938
Kooyker Booksellers 34078340
Standaard Boekhandel Matthiashofstraße 28-30 Diputacion 410 F Ebsco Subscription Services
52064 AACHEN Korevaarstraat 8 B The Tokodo Shoten
Industriepark Noord 28/A 2311 JC LEIDEN 08013 BARCELONA P.O. Box 1943
Tel. 0241-4777470 Nakauchi Bldg.
9100 SINT NIKLAAS Tel. 071-160560 Fax 071-144439 Tel. 03-2451464 Fax 03-2654883 BIRMINGHAM AL 35201-1943
Fax 0241-4777479 7-6 Nihonbashi 1 Chome
Tel. 03-7603287 Fax 03-7779263 A.Asppan Tel. 0205-9911234
Swets Subscription Service Chuo-Ku
Brazil Lange & Springer C/Dr. Ramon Castroviejo 63 Fax 0205-9911479
P.O. Box 830 TOKYO 103
Otto-Suhr-Allee 26/28 Tel. 03-32721966 Fax 03- Local International Subscription Inc.
• Distribuidora Leonardo da Vinci 10585 BERLIN 2160 SZ LISSE
Ltda Tel. 0252-435111 32788249 28035 MADRID 30 Montgomery Street 7th floor
Tel. 030-340050 Tel. 01-3733478 Fax 01-3737439 JERSEY CITY NJ 07302
Av. Ibijau 204 Fax 030-3420611 Fax 0252-415888 Tokyo Book Center Co Ltd
04524 SAO PAULO Mundi Prensa Libros SA Tel. 0201-4519420
Bruil & Van de Staaij 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku
Tel. 011-53163992 Wasmuth GmbH Castello 37 Fax 0201-4515745
Postbus 75 TOKYO 151
Fax 011-55611311 Pfalzburger Straße 43/44 Tel. 03-34041461 Fax 03- 28001 MADRID Readmore Inc
10717 BERLIN 7940 AB MEPPEL
Informational Tel. 0522-261303 Fax 0522- 34041462 Tel. 01-4313222 Fax 01-5753998 22 Cortland Street
Tel. 030-8630990 Publicaciones de Arquitectura y NEW YORK NY 10007
P.O. Box 9505 Fax 030-86309999 257827 Korea
90441-970 PORTO ALEGRE RS Arte Tel. 0212-3495540 Fax 0212-
Bonner Presse Vertrieb Hong Kong • M&G&H Co 2330746
Tel. 051-3344524 Fax 3344018 General Rodrigo 1
Limpericher Straße 10 Apollo Book Suite 901 Pierson Bldg. Faxon Illinois Service Center
Santoro Editora 28003 MADRID
53225 BONN 27-33 Kimberly Road Chin Mijn Ro 2 Ka 1001 W. Pines Road
Rua 7 de Setembro 63 Sala 202 Tel. 01-5546106 Fax 01-5532444
Tel. 0228-400040 Fax 0228- 2nd Floor Flat A Chongro-Ku OREGON IL 61061-9570
20050-005 RIO DE JANEIRO RJ Wing Lee Bldg KOWLOON SEOUL 110-062 Xarait Libros
4000444 P. S.Francisco de Sales 32 Tel. 0815-7329001 Fax 0815-
Tel. 021-2523909 Tel. 03-678482 Fax 03-695282 Tel. 02-7542881 Fax 02-7354028
Fax 021-2527078 Graff Buchhandlung 28003 MADRID 7322123
Neue Straße 23 Hungary Seoul Subscription Service Inc Silver Visions Publishing Co
Canada Tel. 01-5341567 Fax 01-5350831
38012 BRAUNSCHWEIG Librotrade Kft Youido P.O. Box 174 1550 Soldiers Field Road
Periodica SEOUL 150-601 Sweden
Tel. 0531-480890 P.O. Box 126 02135 BRIGHTON MA
C.P. 444 Fax 0531-46531 1656 BUDAPEST Tel. 02-7801094 Fax 02-7843980 • Bror Lundberg Eftr. AB Tel. 0617-7872939
OUTREMONT QUE H2V 4R6 Tel. 01-2561672 Fax 01-2568727 Lebanon Kungstensgatan 23 Fax 0617-7872670
Walther König GmbH
Tel. 514-2745468 Fax 514- P.O. Box 19063
Heinrich-Heine-Allee 15 India • Messageries du Moyen Orient The Faxon Company Inc
2740201 10432 STOCKHOLM
40213 DÜSSELDORF Globe Publications Pvt Ltd B.P. 11 15 Southwest Park
Chile
Tel. 08-6129680 Fax 08-6122790
Tel. 0211-136210 B 13 3rd Floor A Block 6400 BEYROUTH WESTWOOD MA 02090
Fax 0211-134746 Tel. 01-447526 Fax 01-492625 BTJ Tidschriftscentralen Tel. 800-9993594
• Libro’s Soc. Ltda Shopping Complex BTJ INFO & MEDIA Fax 0617-3299875
Clasificador 115 Correo Central Sautter & Lackmann Naraina Vihar Ring Road Luxembourg
Traktorvägen 11
SANTIAGO Admiralitätstraße 71/72 NEW DELHI 110 028 • Messageries Paul Kraus Venezuela
22182 LUND
Tel. 02-23577337 20459 HAMBURG Tel. 011-5460211 11, Rue Christoph Plantin • Edital SA
Tel. 046-180000 Fax 046-180125
Fax 02-2357859 Tel. 040-373196 Fax 040-365479 Fax 011-5752535 1020 LUXEMBOURGH Calle Negrin Edif. Davolca
Wennergren Williams
Colombia Mode....Information Iran Tel./Fax 499888444 Planta Baja Apt. 50683
P.O. Box 1305
• Peinternational Heinz Kramer GmbH Jafa Co Ltd Malta 1050 CARACAS
17125 SOLNA
Maria Costanza Carvajal Pilgerstraße 20 P.O. Box 19395 Fax 02-7621648
• Miller Distributors Ltd Tel. 08-7059750 Fax 08-270071
Calle 90 18-31 51491 KÖLN OVERATH 4165 TEHRAN * Only for Usa & Canada
Miller House Switzerland
SANTA FE’ DE BOGOTA’ Tel. 02206-60070 Fax 6406441 Tarxien Road Airport Way .DOMUS (USPS 7010107) is
Tel. 01-6168529 Fax 01-6166864 Fax 02206-600717 • Kiosk AG
Israel LUQA published for US$ 135 per year
L. Werner Buchhandlung Hofackerstraße 40
Luis Antonio Puin Alvarez • Literary Transactions Ltd Tel. 664488 Fax 676799
Theatinerstraße 44 II 4132 MUTTENZ by Editoriale Domus Spa - Via
Avenida 25 C # 3 35/37 c/o Steimatzky Ltd Mexico Tel. 061-4672339
BOGOTA’ 80333 MÜNCHEN Achille Grandi 5/7 - 20089
Tel. 089-226979 11 Rehov Hakishon Agencia de Suscripciones SA de Fax 061-4672961
Tel. 01-3426401 Rozzano - Italy and distributed by
Fax 089-2289167 51114 BNEI BRAK CV • Naville SA
C.S.I. Tel. 03-5794579 Fax 03-5794567 Av. 16 de Septiembre 6-402 Speedimpex USA Inc.
Karl Krämer 38-42 Avenue Vibert
Mezhdunarodnaya Kniga Teldan Col. Centro 1227 CAROUGE-GE Periodicals Postage Paid at Long
Rotebühlstraße 40 Island City NY 11101.
39 Bolshaya Yakimanka Street 7 Derech Hashalom 06000 MEXICO DF Tel. 022-3080444 Fax 022-
70178 STUTTGART
117049 MOSCOW 67892 TEL AVIV Tel. 064-140423 Fax 064-152413 3080429 Postmaster: send address changes
Tel. 0711-669930
Tel./Fax 095-2384634 Fax 0711-628955 Tel. 03-6950073 Fax 03-6956359 New Zealand • Melisa to DOMUS c/o Speedimpex USA
Czech Republic Konrad Wittwer GmbH Japan • The Fashion Bookery Via Vegezzi 4 Inc, 35-02 48th Avenue Long
• Mediaprint & Kapa Postfach 10 53 43 • Yohan P.O. Box 35-621 Browns Bay 6901 LUGANO Island City NY 11101-2421
Pressegrosso s.r.o. 70173 STUTTGART 14-9 Okubo 3 Chome AUCKLAND 10 Tel. 091-9238341
Na Jarove 2 Tel. 0711-25070 Shinjuku-Ku Tel. 09-4786324 Fax 09-4155650 Fax 091-9237304
Informazione aziendale Manufacturer’s information Informazione aziendale Manufacturer’s information

Rimadesio: il sistema Siparium Rimadesio: the Siparium system

Attiva dagli anni Cinquanta e ambienti. La dimensione massima di ● Active since the ’50s and custom-made to adapt flawlessly to
specializzata nella lavorazione del ogni pannello può raggiungere i specializing in processing glass with surroundings of all types. The
vetro con le tecniche più avanzate, 175 cm di larghezza e i 330 cm di the most advanced techniques, maximum dimensions of each panel
Rimadesio si è aperta da tempo altezza, senza porre quindi nessun Rimadesio is also proficient in are 175 cm in width and 330 cm in
anche all’alluminio. limite di progettazione. aluminium manufacturing. height, but the sky’s the limit as far
Questo materiale s’inserisce nel I pannelli divisori, con apertura This material was added to the as design fantasy is concerned.
processo produttivo aziendale lineare, a soffietto, a battente o con company’s production in the early Panel dividers with linear, accordion,
all’inizio degli anni Novanta, insieme scorrimento a scomparsa, possono ’90s, together with a more acute side-hinged or retractable sliding
con un’accresciuta consapevolezza essere applicati a parete, a soffitto o awareness of the environment. solutions are attached to walls or
ambientale. Alluminio e vetro, le a sospensione. I campi d’utilizzo Aluminium and glass, the raw ceilings or are suspended.
materie prime più usate da hanno superato i confini domestici, materials most frequently used by Fields of application have vaulted
Rimadesio, sono entrambi riciclabili per allargarsi agli spazi pubblici e Rimedesio, are both 100 percent over the confines of the home to
al 100%. Dall’abbinamento vetro- professionali. recyclable. A combination of glass invade both public and professional
alluminio nasce nel 1992 Siparium, Grazie all’impiego dell’alluminio, le and aluminium gave birth in 1992 to spaces. Thanks to their aluminium
progettato da Giuseppe Bavuso, un strutture sono sottili, leggere e Siparium (theatre curtain). ingredient, structures are slender,
sistema brevettato di pannelli mobili scorrono in modo perfetto, in Designed by Giuseppe Bavuso, it’s a light and slide perfectly regardless of
in vetro stratificato, divenuto il vero qualsiasi situazione. patented system of movable the situation. Safety is another
prodotto di punta dell’azienda. La sicurezza poi è un altro punto di stratified glass panels that is now strong selling point for the system,
Siparium è pensato per suddividere forza del sistema: i vetri sono tutti one of the company’s best-selling with glass panes tempered or
gli ambienti senza separarli, perché il temperati o stratificati secondo le products. stratified in accordance with Uni
vetro trasmette la luminosità da un norme Uni 7142 e 7172. Siparium was conceived to divide norms 7142 and 7172.
locale all’altro, mantenendo la La qualità intrinseca del progetto ne areas without separating them. The design’s intrinsic quality
continuità e l’atmosfera degli spazi. ha decretato da tempo il largo Glass ferries light from one room to decreed worldwide success for the
Il sistema è definito dalla massima successo, mentre le nuove finiture another while maintaining the item right from the start, while new
versatilità: le composizioni sono ne suggeriscono interpretazioni spaces’ continuous atmosphere. finishes are inspiring ever more
sempre realizzate su misura, per sempre diverse e utilizzi nei campi The system exudes versatility from varied interpretations and uses in
adattarsi perfettamente agli più disparati. every angle, with compositions widely differing fields.
I vetri laccati (in alto e sotto) sono scorrono senza sforzo e senza Lacquered glass panels (above and Siparium panels glide effortlessly and L’ampia scelta di finiture consente a A wide choice of finishes enables Rimadesio
un’altra delle specialità Rimadesio. rumore, con movimenti calibrati e below) are another Rimadesio noiselessly on their runners with Siparium d’essere parte integrante di Siparium to shine as an integral part Via Furlanelli, 96
Sono doppi vetri, non trasparenti ma bilanciati. La struttura di rovere specialty. They are double-glazed and carefully gauged and balanced un progetto architettonico globale: il of an overall architectural project. 20034 Giussano (Milano)
con indice di brillantezza di 100 sbiancato sottolinea l’eleganza del non-transparent with a brightness movements. A bleached oak structure vetro acidato (in alto e a destra) lascia Etched glass (top and right) lets light T +39-03623171
gloss. Il colore è all’interno, a riparo vetro laccato Ardesia index of 100 gloss. Colour is on the brings out the elegance of Ardesia scorrere la luminosità da un stream in from one room to another, F +39-0362317317
da polvere e graffi. I pannelli Siparium inside, safe from dust and scratches. lacquered glass ambiente all’altro, mentre il rovere while wengé stained oak in the Numero verde 800-901439
tinto wengé della struttura fa da structure supplies a formal rimadesio@rimadesio.it
contrappunto formale, proseguendo counterpoint on wall facings www.rimadesio.it
sui rivestimenti a parete
Domus 850 Luglio/Agosto July/August 2002
Copertina/Cover Gabriele Basilico fotografa la nuova
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
a Torino (vedi pagina 54)
Gabriele Basilico’s photograph of
Claudio Silvestrin’s new arts centre
in Turin (see page 54)
Review

2 Libri/Books
12 Mostre/Exhibitions
20 Calendario/Calendar

Monitor

22 Per comprare Ferrari. Gioielli mostrati da


Sottsass. Un terminal per l’oceano
A shop for Ferrari. Sottsass exhibits
jewellery. A new maritime terminal
Servizi/Features
28 Una banca a Copenaghen L’architettura di Henning Larsen ambisce
alla scala urbana, secondo Sebastiano
Brandolini
A bank for Copenhagen Henning Larsen’s architecture addresses
urban scale, says Sebastiano Brandolini
42 L’Austria a New York Il nuovo Centro culturale di Abraham
a Manhattan è un sottile edificio, che
però si esprime in un energico linguaggio
architettonico
Austria in New York Raimund Abraham’s cultural centre in
Manhattan is a tiny sliver of a building
but a powerful demonstration of his
distinctive architectural language
54 Arte in città Con il progetto di Claudio Silvestrin, la
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
porta l’arte ai confini di Torino, secondo
Stefano Casciani
Art in the city Claudio Silvestrin’s Turin arts complex
is positioned on the edge of the city
in a deliberate attempt to make culture
accessible. Stefano Casciani reports
68 Dior a Milano Installazioni e architettura si affiancano
nel nuovo immaginario della moda
Dior in Milan Installation art joins architecture as part
of the fashion repertoire
76 La casa di Pichler Paolo Piva narra l’opera più recente
dell’artista/architetto Walter Pichler
Pichler’s house Paolo Piva on the latest architectural
work of the artist Walter Pichler
86 Expo.02 in Svizzera La Svizzera riscatta l’immagine delle
Expo dopo il flop di Hannover
Swiss Expo.02 The Swiss have done their best to rescue
the tarnished name of the Expo from the
banality of Hanover
98 Documenta in digitale Pierre Restany visita un’inquietante
edizione della mostra di Kassel
Digital Documenta Pierre Restany on a Documenta that sets
out to disturb the liberals
106 Ron Arad, art director Per i mobili Hidden un designer sceglie
i designer
Arad as art director Ron Arad has been choosing designers
to work on furniture for Hidden
Rassegna

114 Materiali e arredo Maria Cristina Tommasini alla ricerca


di nuovi linguaggi materiali
Materials and furniture Maria Cristina Tommasini selects new
textiles, materials and accessories
Post Script

129 Un ponte troppo in là. Ricordo di Niki


de Saint Phalle. Cinque cose per
Corrado Levi
A bridge too far. Niki de Saint Phalle
remembered. Five favourites of
Corrado Levi
Direttore/Editor Deyan Sudjic

Consulente alla direzione/Deputy editor Stefano Casciani

Creative director Simon Esterson

Art director Giuseppe Basile

Staff editoriale/Editorial staff Maria Cristina Tommasini (caporedattore)


Laura Bossi
Rita Capezzuto
Francesca Picchi

Libri/Books Gianmario Andreani

Inviato speciale/Special correspondent Pierre Restany

website Loredana Mascheroni


Luigi Spinelli
Elena Sommariva

Staff grafico/Graphics Fabio Grazioli


Antonio Talarico
Lodovico Terenzi

Segreteria/Administration Valeria Bonafé


Marina Conti
Isabella Di Nunno
(assistente di Deyan Sudjic)
Miranda Giardino di Lollo (responsabile) Funzionalismo Atto unico di Kounellis
Redazione Via Gianni Mazzocchi 1/3
20089 Rozzano (Milano) ergonomico di a Roma
Tel + 3902824721
Fax +39 02 82472386
E-mail:domus@edidomus.it
Kukkapuro One act by Kounellis in
Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale è Editoriale Domus S.p.A.
The ergonomic Rome
Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dall’art. 13 della Legge 675/96 telefonando al numero +39 02 82472459
functionalism of 12
Editoriale Domus S.p.A. Via Gianni Mazzocchi 1/3
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 824721
KuKKapuro
Fax +39 02 57500132
E-mail: editorialedomus@edidomus.it
6
Editore/Publisher Maria Giovanna Mazzocchi Bordone

Direzione commerciale/Marketing director Paolo Ratti

Pubblicità Tel. +39 02 82472472


Fax +39 02 82472385

review
E-mail: pubblicita@edidomus.it

Direzione generale pubblicità Gabriele Viganò


Advertising director

Direzione vendite/Sales director Giuseppe Gismondi

Promozione/Promotion Sabrina Dordoni

Estratti/Reprints Editoriale Domus S.p.A.


Per ogni articolo è possibile richiedere Via Gianni Mazzocchi 1/3
la stampa di un quantitativo 20089 Rozzano (Milano)
minimo di 1000 estratti a: Tel. +39 02 82472472
Minimum 1000 copies of each article Fax +39 02 82472385
may be ordered from E-mail: dordoni@edidomus.it

Agenti regionali per la pubblicità nazionale


Piemonte/Valle d’Aosta: InMedia, C.so Galileo Ferraris, 138 - 10129 Torino - tel. (011) 5682390 fax (011) 5683076
Liguria: Promospazio, Via Trento, 43/2 - 16145 Genova: Alessandro Monti, tel. (010) 3622525 fax (010) 316358
Veneto, Friuli V.G. e Trentino-Alto Adige: Agenzie: Undersail S.r.l. vicolo Ognissanti 9, 37123 Verona, tel. 0458000647 fax 0458043366
Clienti: Tiziana Maranzana, C.so Milano 43 - 35139 Padova, tel. (049) 660308, fax. (049) 656050
Emilia Romagna: Massimo Verni, via Matteucci 20/2 - 40137 Bologna, tel. (051) 345369-347461
Toscana: Promomedia, via Buonvicini 21 - 50132 Firenze, tel. (055) 573968-580455
Marche: Susanna Sanchioni, via Trento 7 - 60124 Ancona, tel (071) 2075396
Lazio, Campania: Interspazi, via Giano Parrasio 23 - 00152 Roma, tel. (06) 5806368
Umbria: Zupicich & Associati, via Vermiglioli 16 - 06123 Perugia, tel. (075) 5738714 fax (075) 5725268
Sicilia: MPM, via Notarbartolo 4, 90141 Palermo, tel. (091) 6252045 fax (091) 6254987
Sardegna: Giampiero Apeddu, viale Marconi 81, 09131 Cagliari, tel. (070) 43491

Servizio abbonamenti/Subscriptions
numero verde 800-001199 da lunedì a venerdì dalle 9,00 alle 21,00, sabato dalle 9,00 alle 17.30
Fax +39 02 82472383 E-mail: uf.abbonamenti@edidomus. it Foreign Subscriptions Dept. +39 02 82472276 subscriptions@edidomus.it

Ufficio vendite Italia


tel. 039/838288 – fax 039/838286 e-mail: uf.vendite@edidomus.it Un numero € 7,80.
Fascicoli arretrati: € 11,50. Modalità di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione € 1,55).
Carta di credito: (American Express, CartaSì, Diners, Visa), versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a
Editoriale Domus SpA, Via G. Mazzocchi 1/3 – 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di “DOMUS” desiderati.
Si prega di accertarsi sempre della effettiva disponibilità delle copie.

Foreign Sales
Tel. +39-02 82472529 – fax +39-02 82472590 e-mail: sales@edidomus.it
Back issues: € 11,50. (Postal charges not included) Payment method: by credit card American Express, Diners, Mastercard, Visa, bank transfer
on our account n. 5016352/01/22 - Banca Commerciale Italiana, Assago branch (Milan).
Ai sensi della Legge 675/96 si informa che il servizio abbonamenti e vendite copie arretrate Italia è gestito da Teleprofessional Srl, Via Mentana
17/A, Monza (MI), tel. 039/2321071, responsabile del trattamento dei dati personali.
A tale soggetto gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’articolo 13 della Legge 675/96.
I dati saranno oggetto di trattamento prevalentemente informatico ai soli fini della corretta gestione dell’ordine e di tutti gli obblighi che ne
conseguono.

Domus Academy Via Savona 97


20144 Milano
Tel. +39 02 47719155
Fax +39 02 4222525

exhibitions/12
E-mail info@domac.it

© Copyright Associato all’U.S.P.I.

calendar/20
Editoriale Domus S.p.A. (Unione stampa
Milano Periodica Italiana)

calendario
Direttore responsabile Maria Giovanna Mazzocchi Bordone/Registrazione del Tribunale di Milano n.125 del 14/8/1948. È vietata la riproduzione
totale o parziale del contenuto della rivista senza l’autorizzazione dell’editore.

books/2
Distribuzione Italia/Distribution Italy A&G Marco, via Fortezza 27,
20126 Milano

Distribuzione internazionale AIE - Agenzia Italiana di

mostre
Sole agent for distribution Esportazione S.p.A.
Via Manzoni 12, 20089 Rozzano (MI)
Tel. (02) 5753911
Fax (02) 57512606

Stampa/Printers BSZ, Mazzo di Rho (MI)

In questo numero la pubblicità non supera il 45%


libri
Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito

Domus, rivista fondata nel 1928 da Gio Ponti/review founded in 1928 by Gio Ponti

Domus Luglio Agosto/July August 2002 3


lavoro intellettuale, non abbia intelligentemente provocatorio, e nocciolo della questione posta dal considered preferable to witnessing
Reyner Banham dedicato abbastanza spazio alle soprattutto sempre lontano da quei critico inglese. Banham infatti, nel the conversion of the glorious
relazioni intrattenute con l’Italia dallo tecnicismi lessicali che spesso suo famoso articolo su Architectural building into a ‘cultural’
e lo strepito dei storico e critico inglese; relazioni nascondono l’assenza di idee. Review dell’aprile 1952 (tradotto in supermarket.
così ricche di interessanti spunti di Come quando, esponendo il proprio italiano su Comunità, n. 72, 1952) si That took place in 1984. The year
frigoriferi riflessione per avviare un confronto punto di vista ‘transatlantico’ sul soffermava sulla qualità before, Banham’s 1971 book on

Gianmario Andreani
con le attuali condizioni di debolezza riutilizzo della fabbrica FIAT - architettonica della scuola romana, Los Angeles had been translated

a cura di/edited by
Reyner Banham: Historian della critica d’architettura. Ma, forse, Lingotto di Torino, con coraggio e in particolare sull’opera di Luigi into Italian, initiating the prolific
books

of the Immediate Future siamo noi ad essere troppo di parte. franchezza non comuni prendeva Moretti, del quale aveva tessuto gli ‘American chapter’ that was to
Nigel Whiteley Non solo perché vorremmo che posizione dalla tribuna di Casabella elogi in un testo dedicato alla Casa characterize the last 20 years of
libri

The MIT Press, Cambridge fossero amplificate le vicende di un in favore di una onesta demolizione, del Girasole (Architectural Review his life. At the time Banham worked
Mass./London, 2002 capitolo della storia architettonica piuttosto che assistere alla n.113, febbraio 1953). Rogers closely with Casabella, edited by
(pp. 494, s.i.p.) nazionale, ma anche perché dal trasformazione del glorioso edificio risponde piccato che “il formalismo Gregotti, writing articles about
nuovo filone della storia della in un supermercato della ‘cultura’. abile ma velleitario [di Moretti] non Silicon Valley (no. 539, October
Reyner Banham: storico storiografia architettonica ci Era il 1984. Un anno prima era stato solo non è indicativo delle supposte 1987), the Tennessee Valley
dell’“immediate future” o “custode aspettiamo una maturità (o meglio, tradotto in italiano il libro di Banham mete non raggiunte da noi, ma nega Authority dams (no. 542-543,
dei frigidaires”? una salutare ingenuità) che inviti su Los Angeles pubblicato nel 1971, i presupposti teorici e soprattutto January-February 1988) and other
Mentre la prima definizione ha una tutta la storia dell’architettura ad testo inaugurale di quella prolifica morali della nostra lotta, la quale subjects. This series of articles
riconosciuta valenza internazionale, uscire dalle noiosissime secche della ‘stagione americana’ che segnerà rifugge dall’estetismo e dal gioco almost seemed to be making
la seconda racconta una vecchia ma cronaca archivistica, affrontando le gli ultimi vent’anni della sua vita. In intellettualistico”. Banham dunque amends for what had happened
bella storia che vide Banham, negli pericolose ma affascinanti avventure questo periodo Banham aveva coglie nel segno, mettendo il dito back in 1959, when, as editor of
anni Cinquanta battagliera firma di dell’interpretazione. “La Storia è la avviato una stretta collaborazione nella piaga dello scontro politico, Casabella, Rogers violently attacked
review

Architectural Review, impegnato in mia disciplina accademica. La con la Casabella diretta da Gregotti, tutto italiano, tra l’etica rogersiana Banham, branding him the ‘curator
rivista

un acceso scambio di vedute con i Critica è l’attività che svolgo per scrivendo articoli sulla Silicon Valley (passata attraverso la ‘catarsi’ del of Frigidaires’ because he had called
migliori esponenti della cultura denaro” diceva Banham, con la (n.539, ottobre1987), le dighe della dopoguerra) e la libertà creativa the neo-Art-Nouveau movement
architettonica italiana. Ma in realtà, consueta irriverente vis polemica. Tennessee Valley Authority (n. 542- innegabilmente moderna di un ‘the Italian retreat from modern
pur nella evidente contraddittorietà Forse, come scrive Whiteley, in 543, gennaio-febbraio1988), etc... personaggio scomodo come Moretti, architecture’.
semantica, i due appellativi questo modo intendeva distinguere Sembrava quasi un risarcimento per fascista mai pentito. Now, over 40 years later, looking
assegnati a Banham da fonti diverse nettamente l’attività di storico – i fatti di quel lontano 1959, quando Di tutta questa vicenda il libro di back on the debate (one of the last
ben definiscono la carriera condotta nell’insegnamento Rogers dalla sua Casabella aveva Whiteley non parla, ma non examples of free architectural
intellettuale di uno degli ultimi universitario e attraverso libri ormai tuonato contro Banham bollandolo possiamo fargliene una colpa. Resta criticism), Banham’s accusations of
protagonisti di quella “critica divenuti dei classici come Theory come “custode dei frigidaires”, per il valore di un bel volume che riflette romantic nostalgia against Milanese
operativa” di cui oggi avremmo tanto and Design in the First Machine Age, aver definito il movimento neoliberty utilmente sul lavoro di Reyner and Turinese architects were surely
bisogno per scuotere un po’ le The Architecture of the Well- “the Italian retreat from modern Banham: uno storico che non not intended in defence of the
paludose e globalizzate acque Tempered Environment, fino a architecture”. A più di quarant’anni accettava comode formule orthodoxy of the modern movement.
dell’architettura contemporanea, su Concrete Atlantis – da quella di di distanza, ripercorrendo quel interpretative, un critico che metteva Rogers demonstrated (Casabella-
cui galleggiano tranquille le solite critico ‘militante’ tra le file dibattito (uno degli ultimi esercizi di coraggiosamente in campo la Continuità, no. 228, June 1959) that
‘stelle’ o ‘stelline’ (sempre le stesse), dell’avanguardia architettonica libera critica architettonica) propria vivace capacità di he fully comprehended by barely
ovunque celebrate in mostre, libri e europea o americana, testimoniata troviamo che le accuse di Banham affabulazione in favore della touching on the core of the question
riviste, senza mai essere sottoposte nei numerosissimi interventi alle nostalgie romantiche degli conoscenza dell’arte del proprio raised by the British critic.
a un serio lavoro di verifica della loro pubblicati in periodici anche non architetti milanesi e torinesi non tempo. In fact, in his famous article in The
azione creativa. È dunque un specialistici. Eppure, la scrittura di avevano certo l’intenzione di Federico Bucci, professore di Storia Architectural Review in April 1952
peccato che l’ottima ricerca di Banham, sia quando affrontava dotte difendere l’ortodossia del dell’Architettura contemporanea al (translated into Italian in Comunità,
Whiteley, attento e scrupoloso nel ricerche storiche sia quando si Movimento Moderno. Rogers ben lo Politecnico di Milano no. 72, 1952), Banham dwelt on the
ricostruire tutta la complessa serie di trovava alle prese con gli interventi comprende quando rispondendo a Reyner Banham and the architectural quality of the Roman
temi e problemi affrontati da Reyner sull’attualità, non mutava il suo Banham (su Casabella-Continuità n. refrigerator row school. In particular, he praised the
Banham in quasi quarant’anni di personale stile diretto, 228, giugno 1959) sfiora appena il Was Reyner Banham the ‘historian work of Luigi Moretti, to whom he
of the immediate future’ or the had already paid tribute in a piece
La fabbrica Fiat del Lingotto a Torino progettata da Giacomo Matté-Trucco e costruita tra il 1914 e il 1926
The Fiat Lingotto plant in Turin, designed by Giacomo Matté-Trucco and constructed between 1914 and 1926
‘curator of Frigidaires’? devoted to the Sunflower House
The first statement is acknowledged Peter Reyner Banham in una foto databile tra il 1962 e il 1968 (The Architectural Review, no. 113,
internationally, while the second Peter Reyner Banham, ca. 1962-68 February 1953). Rogers’ reply was
relates to a famous argument he resentful: ‘[Moretti’s] formalism is
had with Ernesto Rogers. In the nearly 40-year career, does not clearly Banham’s two primary able, but it is a pipe dream; it does
1950s, Banham, a combative devote enough space to his activities. As an historian he taught not indicate the presumed goals
contributor to The Architectural relationship with Italy. The British at university and authored books unattained by us. Moreover, it
Review, was engaged in a heated historian and critic’s range and that have now become classics, negates the theoretical and, above
debate with the leading exponents intellectual thrust were both wide including Theory and Design in the all, moral presuppositions of our
of Italy’s architectural culture. and deep, inviting a comparison with First Machine Age, The Architecture struggle against aestheticism and
Despite their evident semantic the current weakness of architectural of the Well-Tempered Environment intellectual games’. Clearly Banham
conflict, these two descriptions of criticism. But perhaps we are too and Concrete Atlantis. Infinite had hit the mark, putting salt into
Banham from different sources biased – and not just because we articles published in the trade (and the wounds of the wholly Italian
provide excellent definitions of the would like the events of a chapter other) journals testify to his other political battle. It was between
intellectual career of one of the last of Italy’s architectural history to be role, as a militant critic of the Rogers’ ethics (which had been
protagonists of ‘operational amplified. From this fresh strand of European and American architectural through the post-war ‘catharsis’)
criticism’. There is great need for architectural historiography we avant-gardes. Yet Banham’s style and the undeniably modern creative
it today, to shake up the muddy, expect a certain maturity (or a never changed, whether he was freedom of a difficult figure like
globalized world of contemporary healthy ingenuity) that would invite grappling with erudite historical Moretti, an unrepentant fascist.
architecture. The usual stars (who architectural history to move out research or taking a stand on There is no mention of this in
have not changed) complacently rule from its stranded position in contemporary events. It was always Whiteley’s publication, but he cannot
the roost; they are feted everywhere extremely dull archival chronicles. direct, intelligently provocative and, be blamed. This worthwhile book
in exhibitions, books and journals Instead, it should address the above all, a far cry from the technical usefully reflects on Banham’s work.
without ever having had their dangerous and fascinating jargon that often masks the lack of The historian did not accept easy
creative production subjected to adventures of interpretation. ideas. One instance occurred when interpretations, and as a critic he
serious critique. So it is a pity that ‘History is, of course, my academic he stated his own ‘transatlantic’ boldly fielded his lively affability
this excellent project by Nigel discipline. Criticism is what I do for viewpoint on the reuse of the on the side of knowledge
Whiteley, who carefully and money’, said Banham, with his usual Fiat Lingotto plant in Turin. With contemporary art.
scrupulously reconstructs all of irreverent polemical posture. uncommon courage and frankness, Federico Bucci is a professor of
the complex issues and problems Perhaps, as Whiteley comments, in Casabella he spoke out in favour the history of contemporary of
tackled by Reyner Banham in his this stance was intended to separate of an honest demolition, which he architecture at Milan Polytechnic

2 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2001 3


e spinto a dare le dimissioni dalla sua di Lurçat. Ma anche in Russia la privilegeranno la versione di Gropius revealed its dramatic nature. Yet ten
Riconsiderazione carica. Difendendosi dalle accuse che situazione – già complicata dalla contro quella di Meyer, di cui egli years passed, while Meyer was busy
gli vengono mosse egli stesso molteplicità di voci nel dibattito diviene appassionato difensore. I designing and writing, before he
di Hannes Meyer dichiara di aver trovato, all’inizio della sull’architettura – diventa difficile, e punti salienti di questa vicenda hanno returned to Switzerland in 1949. On
sua attività al Bauhaus, una nel 1936 Meyer decide di poi dei rimandi tutti italiani, come il the way he stopped briefly in Italy,
Hannes Meyer: un razionalista “Hochschule für Gestaltung che abbandonare il paese. Le motivazioni libro Walter Gropius e la Bauhaus, che where he met the architect and
in esilio – Architettura, faceva della forma di ogni tazza da tè che lo spingono a lasciare quella che Giulio Carlo Argan pubblica nel 1951, painter Gabriele Mucchi; they shared
urbanistica e politica 1930-54 un problema di estetica per sei anni era stata una sorta di dove viene ignorato il contributo di a fresh conception of the communist
Andrea Maglio costruttivista”, e di avere insegnato, nuova patria sono complesse. Non è Meyer. Al testo di Argan segue nel and realist commitment. In the tiny
FrancoAngeli, Milano 2002 negli anni successivi, “la connessione solo la situazione legata al clima di 1962 Das Bauhaus di Hans Maria village near Lugano where he lived
(pp. 192, €21,50) tra architettura e società” su una terrore che si respirava in quegli anni Wingler, che prende in considerazione until he died, Meyer sought to collect
strada che conduceva “dall’intuizione a spingere Meyer a partire, il ruolo dell’architetto svizzero, ma di material for a (never published)
Con questo libro Andrea Maglio formale alla ricerca scientifica sicuramente l’incapacità ad adattarsi cui dà un giudizio sostanzialmente Bauhaus album that was supposed to
sceglie di occuparsi di uno dei periodi costruttiva”. Proprio questo sarà alla tendenza classicista della nuova negativo. Si arriva poi alla soglia del offer his version of that period, so
meno noti dell’attività di Hannes l’atteggiamento di Meyer, e la sua architettura russa deve avere paradosso quando nel 1965 viene different from Gropius’. But the
Meyer. Tale scelta non è dovuta architettura sarà lontana dalle contribuito in maniera essenziale a pubblicato Hannes Meyer. Bauten, attempt to condemn one of the myths
semplicemente ad una lacuna seduzioni compositive care al questa decisione. Meyer ritorna in Projekte und Schriften, il primo studio of the German cultural identity proved
biografica che finora pesava Bauhaus. Il programma di Meyer era Svizzera dal 1936 al 1939 per monografico dedicato da Claude to impossible for a long time to come.
sull’attività dell’architetto svizzero, ma del resto evidente nei due anni in cui trasferirsi successivamente in Schnaidt a Meyer, dove viene Meyer practically vanished, in fact,
è sostenuta dalla convinzione che diresse la scuola, e ciò era bastato Messico, interessato ed attratto dal aggiunta come postfazione una from post-war architectural history.
proprio nel 1930 Meyer compirà le per acuire le divisioni interne al corpo socialismo moderato messicano. Ma lettera di Gropius in cui il contributo The section of Maglio’s volume
scelte determinanti per il futuro della insegnanti, irritare Gropius e con la fine del governo Cárdenas la dell’architetto svizzero viene devoted to this issue is particularly
sua attività e anche della successiva infiammare la delicata situazione realtà del clima politico latino- seccamente ridimensionato! engrossing, for it unveils the
sfortuna storiografica. Le date con cui politica. Era stato del resto proprio americano si rivela ben presto nella Ancora in Italia, dove è meno mechanisms that favoured Gropius’
l’autore delimita il suo studio pongono Gropius a determinare sua drammaticità. Passeranno problematica l’eredità del Bauhaus, version over Meyer’s. The outstanding
infatti l’attenzione sugli anni che l’allontanamento di Meyer dal tuttavia dieci anni, densi di impegni e viene curata nel 1969 da Francesco features of these events affected Italy,
vanno dall’abbandono del Bauhaus e Bauhaus, la cui direzione sarà affidata di imprese progettuali ed editoriali, Dal Co Hannes Meyer. Architettura o too. For instance, Giulio Carlo Argan’s
dal trasferimento in Russia di Meyer al più quieto Mies van der Rohe. prima che nel 1949 Meyer ritorni in rivoluzione, la raccolta degli scritti di 1951 book Walter Gropius and the
sino alla sua morte, avvenuta nel Assolutamente coerente con le sue Svizzera, compiendo una breve sosta Meyer, che costituirà il primo passo Bauhaus ignored Meyer’s
1954. Nato a Basilea nel 1889, Meyer convinzioni – atteggiamento che nel in Italia, dove conoscerà l’architetto verso una riconsiderazione che darà contribution. Subsequently, in
inizia la sua attività nel 1905 testo viene sottolineato più volte – pittore Gabriele Mucchi con il quale numerosi frutti all’inizio degli anni 1962, Hans Maria Wingler wrote The
muovendosi tra la Svizzera e la Meyer lascia la Germania e condividerà una rinnovata concezione Novanta, quando verranno pubblicate Bauhaus, which reconsidered the role
Germania, collaborando con architetti nell’ottobre del 1930 parte per Mosca. dell’impegno comunista-realista. Nel alcune monografie sull’architetto Ala meridionale del Kinderheim di Mümliswil of the Swiss architect, but its
e costruttori. A metà degli anni Venti Egli non è il solo architetto piccolo villaggio vicino a Lugano dove svizzero. Il libro di Maglio si colloca The south wing of the Mümliswil Kinderheim judgement was substantially negative.
inizia un’intensa attività editoriale sulla occidentale che si trova in Russia resterà fino alla morte, Meyer cerca di come un ulteriore sforzo che non solo Things became nearly paradoxical in
rivista Das Werk e si occupa di un negli anni Trenta. Anche Ernst May è raccogliere del materiale per un ripropone all’attenzione una figura backed by the conviction that the sufficed to augment the conflict 1965 when Hannes Meyer. Bauten,
numero speciale di ABC. Beiträge in terra sovietica, accompagnato da Bauhaus Album – mai pubblicato – nel programmaticamente dimenticata year 1930 marked the turning point between the teachers, irritate Gropius Projekte und Schriften appeared;
zum Bauen promosso dall’ABC Mart Stam e da Hans Schmidt. Inoltre quale avrebbe voluto fornire la sua dalla rassicurante storiografia della for Meyer’s reputation, one that and inflame the delicate political Claude Schnaidt’s first monograph on
Gruppe con l’intento di diffondere sono presenti anche Bruno Taut, versione di quegli anni, ben diversa modernità, ma che lo fa utilizzando determined his subsequent situation. In the end, Gropius himself Meyer included an afterword by
l’architettura moderna in Svizzera. Nel seppure per un breve periodo, e dal racconto di Gropius. Ma tentare di proprio Meyer – come sottolinea unpopularity with historians. In engineered Meyer’s departure; he was Gropius that drastically diminished
1927 è chiamato da Walter Gropius André Lurçat. Meyer è assolutamente scardinare uno dei miti dell’identità Alessandro De Magistris fact, the writer’s study focuses on the replaced by the more conservative the Swiss architect’s contribution.
come docente al Bauhaus, di cui, per convinto della necessità di un modello culturale tedesca sarà impossibile, nell’introduzione – come espediente years after Meyer left the Bauhaus to personality of Mies van der Rohe. In Italy the legacy of the Bauhaus is
volontà dello stesso Gropius, progettuale strettamente congiunto a ancora per lunghi anni. Nel per ricostruire un grande e complesso move to Russia, concluding with his As the book underscores several less problematic. In 1969 Francesco
diventerà direttore dal 1928 fino quello politico, e proprio nel modello dopoguerra infatti la figura di Meyer è scenario collettivo. L’autore quindi death in 1954. Born in Basle in 1889, times, Meyer had the courage of his Dal Co edited Hannes Meyer.
all’agosto 1930. Per l’appoggio politico comunista egli si riconosce. In praticamente rimossa dalla non procede secondo uno schema Meyer commenced his career in 1905, convictions; he left Germany for Architecture or Revolution, a volume
offerto dal nuovo direttore agli questo senso – secondo l’autore – la storiografia dell’architettura. La parte narrativo basato sulla successione working with architects and builders Moscow in October 1930. He was of Meyer’s writings. This was the first
studenti comunisti, Meyer viene sua attività si distingue da quella di del testo che Maglio dedica a questo degli eventi, ma bensì seguendo in both Switzerland and Germany. In not the only Western architect in step toward a reappraisal that was to
accusato di politicizzare May, più strettamente tecnica, ed è punto risulta di particolare interesse differenti percorsi tematici che the mid-’20s he began to make many Russia in the ’30s. Ernst May, Mart bear a bountiful harvest in the early
eccessivamente l’attività della scuola maggiormente paragonabile a quella per come evidenzia i meccanismi che coincidono con i capitoli del libro. contributions to Das Werk magazine; Stam and Hans Schmidt were in the ’90s with the publication of several
Così prendono corpo le he was also in charge of the special Soviet Union, too. Bruno Taut made a monographs on the Swiss architect.
Il Kinderheim di Mümliswil progettato da Hannes Meyer tra il 1937 e il 1939
argomentazioni della crisi issue of Beiträge zum Bauen, which short visit, while André Lurçat stayed Maglio makes an effort to call
The Mümliswil Kinderheim, designed by Hannes Meyer between 1937 and 1939
dell’impegno intellettuale, del was used by the ABC group to a longer time. Meyer was thoroughly attention to an intentionally forgotten
passaggio dall’internazionalismo ai promote modern architecture in convinced of the need for a model of figure in the reassuring history of
regionalismi funzionalisti, al compito Switzerland. In 1927 Walter Gropius design that was closely tied to politics modernity. He utilizes the figure of
dell’urbanista nella società, fino al asked him to teach at the Bauhaus; and he fully accepted communism. Meyer – as Alessandro De Magistris
ritorno di Meyer in Europa nel Gropius himself appointed him its According to the author, this notes in the introduction – as an
dopoguerra.Il volume è director from 1928 to August 1930. distinguished him from May, who was expedient to reconstruct a large,
accompagnato da un corposo Because of the support he offered to more of a technician, while it made complex collective situation. Hence
apparato di note, attentamente the school’s communist students, him more similar to Lurçat. Yet the the author’s narration is not
curate, nel quale sono evidenti le Meyer was accused of making the situation in Russia – already chronological; instead it follows
angolazioni adottate e le fonti, spesso curriculum overly political and was complicated by the multitude of diverse issues, each receiving its own
di prima mano, utilizzate dall’autore. forced to resign. To defend himself positions in the architectural debate – chapter. In this way his reasoning on
Seguono un profilo biografico, una from the accusations, he asserted also became tricky. In 1936 Meyer the crisis of intellectual commitment,
bibliografia e un comodo indice dei that when he began to work at the decided to leave the country. The the shift from internationalism to
nomi. Conclude il libro una breve serie Bauhaus it was a ‘Hochschule für reasons that caused him to depart functionalist regionalism and the
di illustrazioni che purtroppo – come Gestaltung that turned the form of from the nation that for six years had planner’s social task takes shape. It
nel caso degli altri volumi di questa every teacup into a problem of become his adopted country are ends with Meyer’s return to Europe
stessa collana – penalizzano un lavoro constructivist aesthetics’. He complex. It was more than the climate after the war. The publication contains
che meritava un più esteso e maintained that in the following years of terror then reigning that spurred copious, carefully prepared notes,
articolato percorso di immagini. he had taught ‘the link between Meyer to leave; surely his incapacity demonstrating the viewpoints and the
Roberto Dulio, architetto architecture and society’ on a journey to adapt to the classical tendencies of often first-hand sources of the writer.
Reappraising Hannes Meyer that led ‘from formal intuition to the new Russian architecture was also Then come a biographic profile, a
In this book Andrea Maglio has constructional scientific research’. a cardinal factor. From 1936 to 1939 bibliography and a convenient index
chosen to deal with one of the lesser- This was Meyer’s stance, and his Meyer lived in Switzerland before of names. The volume concludes with
known periods of Hannes Meyer’s architecture was a far cry from the moving to Mexico, drawn by the a few photographs that represent (as
career. This choice was not made seductive compositions the Bauhaus moderation of Mexican socialism. in other books in this series) an
only to plug a biographical gap that loved. As a matter of fact, Meyer’s However, after the end of the unfortunate drawback in a work
still persisted in accounts of the program was manifested in the two Cárdenas government the real Latin deserving more detailed images.
Swiss architect’s practice; it was also years he headed the school; that American political atmosphere Roberto Dulio is an architect

4 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 5


dalla Avarte, un’azienda fondata per schools. He met Kukkapuro at his
Kukkapuro tra sua stessa iniziativa che realizza current posting, Helsinki University
ancora oggi alcuni progetti degli anni of Art and Design, where they have
funzionalismo e Sessanta come la Karouselli. Il gusto collaborated on some designs.
per la decorazione inaugurato in Perhaps the most important project
postmodern questi anni non resta legato al trend was to disseminate design culture
post-moderno, ma diventa una cifra and teaching in China, a country rich
Yrjö Kukkapuro Furniture costante nei progetti successivi. in traditional furniture craftsmanship.
Designer Accanto a numerose sedute che The country’s artisans had already
Fang Hai proseguono la ricerca verso un inspired the Scandinavian Hans
Southeast University Press, Nanjing, oggetto sempre più essenziale e Wegner’s 1943 Chinese Chair.
P.R. China, 2002 (pp. 194, s.i.p.) dalla austera eleganza, come la serie However, in the Western sense,
Funktus disegnata per l’Opera di the country’s design has to start
La genesi di questa monografia sul Helsinki nel 1991, prosegue la ricerca practically from scratch. This is
designer finlandese Yrjö Kukkapuro sul colore e la decorazione con le apparently the first monograph on
risiede nel recente incontro tra due Tattoed Chairs sulle quali il designer a European designer published in
paesi molto distanti, Finlandia e Cina, lavora con il grafico Tapani Chinese; it is part of an extensive
attraverso l’attività di due designer Aartomaa; un esperimento che programme that, since 1998, has
lontani una generazione e uniti da un prosegue fino al 1998, con la sedia brought Kukkapuro closer to China,
rapporto maestro-allievo. L’autore Lisbon, creata per il padiglione where he contributed to the birth of
Fang Hai, architetto cinese, da finlandese dell’Expo. the International Design Centre at the
qualche anno esercita la sua attività Dall’entusiastico profilo tracciato da University of Nanjing. He has also
di studioso e ricercatore nelle scuole Fang Hai emerge insomma la figura made significant deals to cooperate
scandinave, attualmente di un designer estremamente with local companies and craftsmen
all’Università di Arte e Design di prolifico, guidato da una metodologia to produce some of his designs and
Helsinki, dove ha incontrato progettuale coerente – al centro stimulate the development of
Kukkapuro con il quale collabora su anche della sua attività didattica – indigenous activities.
alcuni progetti. Il più importante è attraverso le varie vicissitudini del It is noteworthy that interest in the
forse quello che mira a diffondere la design durante quasi cinquant’anni craft tradition is now revamping
cultura e l’insegnamento del design di attività. Emerge la capacità di Kukkapuro’s production and
in Cina, un paese ricco di tradizioni La poltrona Karouselli di Kukkapuro nella copertina di Domus Kukkapuro di essere comunque inspiration. As a matter of fact, the
artigianali nella realizzazione di mobili Kukkapuro’s Karouselli armchair on the cover of Domus sempre un designer internazionale, designer embarked on his career in
– già divenute fonte di ispirazione per non sempre all’avanguardia, ma the early 1960s by wilfully distancing
lo scandinavo Hans Wegner nella Eero Saarinen e Harry Bertoia negli collezioni del Victoria and Albert e del il poggiatesta regolabile in altezza. capace di interpretare anche i himself, above all formally, from the
Chinese Chair del 1943 – ma quasi Stati Uniti. Kukkapuro guarda a MoMA di New York, divenne un Ancora più asciutto è il progetto del momenti culturali in modo personale, artisan nature of contemporary
del tutto digiuno in fatto di design, questi modelli quando, intento a classico del design moderno. sistema Fysio del 1976, privato del se non nel segno, almeno Scandinavian design. Educated in
inteso alla maniera occidentale. progettare poltrone dalle forme Seguono numerosi altri progetti con i poggiatesta e quasi bidimensionale nell’atteggiamento, con una costante the ’50s at the Helsinki Industrial Arts
Sembra che questa monografia sia la organiche che non si discostano materiali plastici come la serie di nelle linee. Caratteristica di quasi e seria ricerca sul dettaglio e sulla Institute (UIAH), under the leadership
prima, dedicata a un progettista molto dalla produzione corrente fatta tavoli Saturnus, le sedute 413-418, tutta la produzione è comunque la qualità del progetto. of designers including Werner West,
europeo, pubblicata in lingua cinese di legno di betulla, gommapiuma e sempre in fibra di vetro, la sedia lunga gestazione dei progetti, che Silvia Monaco, architetto Olli Borg and Kaj Frank, Kukkapuro
e fa parte di un più ampio nastri elastici, già dalla metà degli impilabile 419 con la seduta in vengono continuamente ripresi, Kukkapuro as a functionalist had the greatest regard for the
programma che dal 1998 ha anni Cinquanta sogna di creare il suo polietilene, le numerose varianti di ritoccati, abbandonati e magari and postmodernist teachings of Ilmari Tapiovaara, who
avvicinato Kukkapuro alla Cina, dove capolavoro: una seduta ergonomica, Model Chair in ABS, la serie di portati a compimento dopo decenni The genesis of this monograph on introduced him to international
ha contribuito alla nascita del Centro sagomata sul corpo umano grazie poltroncine Saturnus C. In questi come la serie Skaala, il cui primo the Finnish designer Yrjö Kukkapuro modernism. Though Kukkapuro
Internazionale per il Design presso alla plasmabilità dei nuovi materiali arredi è evidente un certo interesse prototipo era stato realizzato per la lies in the recent encounter of two recognizes the importance of Finnish
l’Università di Nanjing e ha stretto come la plastica. Funzionalismo e per il gusto pop nell’uso del colore Triennale di Milano del 1960, very distant countries: Finland and design tradition, above all Alvar
importanti relazioni di cooperazione studi ergonomici, mito dei nuovi ma, tenuti fissi i presupposti riesumato nuovamente nel 1972 e China. Behind it lie the careers of Aalto, he is not ashamed to admit
con aziende e artigiani locali allo materiali, la convinzione che qualità funzionalisti ed ergonomici, poi messo in produzione nel 1981: si two designers a generation apart, that the young designer of the ’50s
scopo di produrre alcuni suoi progetti di forma ed espressione emergano Kukkapuro non cede alle tratta di un sistema di sedie e one a master and one a student. was somewhat fed up with all that
e di stimolare lo sviluppo di un spontaneamente da una corretta provocazioni del momento mentre, poltroncine con una sottile struttura For some time Fang Hai, a Chinese bent plywood. Moreover, he had
design autoctono. impostazione del problema e dalla proprio nel 1963, il coetaneo e di tubolare metallico che sostiene architect and scholar, has been been very impressed by the works
È degno di nota il fatto che proprio somiglianza con il corpo umano, compatriota Eero Aarnio stava seduta, schienale, braccioli e carrying out research and of Charles Eames, Eero Saarinen and
l’interesse per la tradizione artigiana sono i presupposti della ricerca del utilizzando la fibra di vetro per la poggiatesta in betulla pressata, resi experiments at Scandinavian Harry Bertoia in the United States (he
sta oggi rinnovando la produzione e designer fino ai primi anni Settanta e scocca semisferica della Ball Chair, confortevoli da una leggera
l’ispirazione di Kukkapuro, un sono alla base del suo progetto più in pieno stile pop. In realtà nel imbottitura, dall’aspetto Cartoline-invito per la AVARTE, azienda fondata da Kukkapuro per la
realizzazione dei suoi progetti. La grafica innovativa di Jyrki Nieminen sottolinea
designer che esordisce nei primi anni riuscito: la poltrona Karouselli del volume di Fang Hai non si parla di estremamente spartano e minimale,
la modernità dei progetti presentati
Sessanta prendendo volutamente le 1963. I materiali plastici non erano rapporti tra i due designer che, tra frutto di un progressivo lavoro di
AVARTE invitations; the business was set up by Kukkapuro to make his designs.
distanze, soprattutto sul piano ancora diffusi in Finlandia in quel l’altro, hanno frequentato la stessa semplificazione anche del processo
Jyrki Nieminen’s innovative graphic design was intended to highlight the
formale, dal carattere artigianale del periodo, non esistevano molte scuola. produttivo. È proprio sulla struttura
modernity of the products
design scandinavo di quel periodo. aziende disposte a investire su L’era della plastica termina scarna di questa tipologia di seduta
Formatosi negli anni Cinquanta processi produttivi sperimentali. forzatamente con la crisi petrolifera che si innestano le fantasie
all’Istituto di Arti Industriali (UIAH) di Dopo anni di prototipi realizzati e, per il designer finlandese, è decorative di Kukkapuro in versione
Helsinki sotto la guida di designer sagomando una rete metallica sul immediata l’esigenza di soddisfare le post-moderna. Egli lo chiama
stimati come Werner West, Olli Borg suo corpo, nel 1963 Kukkapuro richieste di tipo ecologico funzionalismo decorativo, cioè
e Kaj Frank, Kukkapuro tributa la sua propose il progetto della poltrona riappropriandosi delle tecnologie e l’inserimento di elementi giocosi nella
maggiore stima all’insegnamento di Karouselli alla Haimi Furniture dei materiali abbandonati non molti struttura, come braccioli dalle
Ilmari Tapiovaara, che lo introduce al Company e qui proseguì la anni prima: la plastica stampata può sagome scultoree e dai colori forti.
modernismo internazionale. Pur sperimentazione della seduta, essere sostituita con Anche in questo caso, nel testo non
riconoscendo l’importanza della usando la fibra di vetro, sviluppando l’impiallacciatura pressata di betulla emerge una eventuale partecipazione
tradizione del design finnico e del il sistema di appoggio a “piede di che diventa la base per i progetti di di Kukkapuro al dibattito
grande maestro Alvar Aalto, papera” e la connessione elastica in sedute per ufficio sviluppati negli internazionale o a suoi diretti contatti
Kukkapuro non si vergogna ad acciaio con le sospensioni in gomma. anni Settanta. Nella serie di sedute con i protagonisti italiani come
ammettere che il giovane progettista A fine anno era pronto il prototipo Plaano del 1974, Kukkapuro pone le Mendini o Branzi. La produzione
degli anni Cinquanta aveva un po’ a definitivo e la Haimi cominciò la basi per tutte le successive degli anni Ottanta si inserisce in
noia tutto quel compensato e legno produzione. Il progetto procurò fama realizzazioni in questa tipologia: una questo filone con la serie Experiment
curvato ed era profondamente internazionale a Kukkapuro che, nel struttura di fogli di betulla pressati, (presentata al Salone di Milano del
impressionato dal lavoro, forse 1966, vide la poltrona pubblicata dalla sagoma molto semplificata, una 1982), la University Chair, la Vino. A
conosciuto solo attraverso le riviste, sulla copertina di Domus e negli anni base di alluminio o acciaio e un partire dal 1980 gran parte dei
che stavano facendo Charles Eames, successivi, con l’acquisizione nelle rivestimento morbido sfoderabile con progetti di Kukkapuro viene prodotta

6 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 7


may have only seen them in the come: the frame is in compressed postmodern trend: it became a materiali fotografici, è attento al
journals). At the time Kukkapuro birch sheets with a highly simplified continual feature of his subsequent mondo del lavoro e dell’industria.
was busy creating armchairs whose shape; there is an aluminium or steel pieces. A host of seating designs Basterebbe ricordare, tra l’altro, il suo
organic forms did not differ much base, a soft slipcover and a height- continue the quest for an ever more fondamentale contributo all’album La
from the ordinary pieces made from adjustable headrest. Even sparer is spare, austerely elegant object, such fatica dell’uomo. Condizioni di lavoro
plywood, foam rubber and elastic the Fysio system of 1976, without a as the Funktus set, conceived for the nei campi e nelle officine, dall’Unità
webbing. As early as the mid-’50s headrest and nearly two-dimensional Helsinki Opera House in 1991. But d’Italia alla prima guerra mondiale
he looked at these models while lines. All of the models took a long Kukkapuro also has maintained his (Longanesi, 1979) che in un certo
dreaming of his masterpiece: an time to develop. They were colour and decorative experiments senso apre il discorso qui portato a
ergonomic chair shaped to fit the continually reviewed, retouched, set by means of the Tattooed chairs, compimento attraverso la rinnovata e
human body through the use of aside and then completed perhaps created with the graphic designer debitamente aggiornata edizione di
malleable novel materials like decades later – as with the Skaala Tapani Aartomaa. This una sua foto-ricerca ormai “classica”:
plastics. Until the early ’70s the collection, whose first prototype was experimentation lasted until 1998, La fabbrica di immagini (1985, sempre
presuppositions of the designer’s made for the 1960 Milan Triennale; when the Lisbon chair was devised da Alinari). La documentazione
experiments were functionalism and it was revived in 1972 and was for the Finnish Pavilion at Expo. Fang attraverso l’immagine del mondo
ergonomic studies, the myth of new manufactured in 1981. This chair Hai’s enthusiastic profile depicts an dell’industria, dalla grande azienda
materials and the conviction that system had a slender frame of metal extremely prolific designer guided by all’impresa di minori o minime
expressive and formal quality tubing carrying the seat, backrest, a coherent design method – which dimensioni, è spesso lo specchio di
emerges spontaneously from a armrests and headrest in forms the centre of his teaching as una serie di esigenze del committente:
correct approach to the problem and compressed birch. A thin padding well. His nearly 50-year career has quella promozionale, quella
a resemblance to the human body. made them comfortable, while their had its ups and downs, but autocelebrativa, quella più
These represented the foundation of look was extremely Spartan and Kukkapuro has always maintained squisitamente tecnica, cui si
his most successful creation, the minimal, thanks to the gradual international stature. He may not contrappongono – non più da parte
1963 Karouselli armchair. Plastics simplification of the manufacturing always have been pioneering, but he padronale ma da parte sindacale –
were not very popular in Finland at process. The bare frame of this has been able to interpret cultural l’aspirazione a tentare di registrare,
the time, for not many businesses seating triggered the decorative trends in a personal way. His career anche in modo polemico, le condizioni
were willing to invest in the fantasy of a postmodern Kukkapuro. is a story of continual and earnest di lavoro a cui si accompagnano le
innovative manufacturing processes. He calls the style ‘decorative experimentation with the details and iniziative di singoli fotografi freelance,
For years Kukkapuro made his functionalism’, and it involves quality of design. attratti quando non affascinati da
prototypes by moulding a screen to inserting playful elements in the Silvia Monaco is an architect questo mondo pluridimensionale,
fit his body. In 1963 the designer frame, like sculptural armrests and dall’intreccio tra macchina e presenza
presented the Karouselli armchair to loud colours. Here, too, the text fails umana, da grandi spazi e da climi ora
the Haimi Furniture Company. There to point out that Kukkapuro took part La fotografia e il esaltanti e progressivi ora inquietanti e
he continued to test the chair using in the international debate and that foschi. Ben strutturata in una serie di
fibreglass, developing the ‘duck’s he was in contact with Italian leaders mondo del lavoro sedici capitoli tematici (“Occhi
foot’ base and the steel elastic such as Mendini or Branzi. During the pionieri”, “Davanti ai cancelli”,
connection with rubber suspensions. ’80s his output took the direction of Il viaggio dell’industria italiana “Scenari di lavoro”, “Colletti bianchi”,
The final prototype was ready at the the Experiment set (unveiled at the nella fotografia d’autore “Intervallo” ovvero le mense aziendali,
end of the year, and Haimi began to 1982 Milan Furniture Fair), the Cesare Colombo “Tra forbici e pixel” ovvero gli
produce it. The design made University Chair and Vino. Beginning Alinari, Firenze, 2001 interventi del fotomontaggio o della Il salone di montaggio delle macchine per cucire Necchi a Pavia negli anni Trenta in una foto di Guglielmo Chiolini
Kukkapuro internationally famous; in 1980, many of the designer’s (pp. 176, completamente illustrato, recente elaborazione digitale, “La An assembly line for Necchi sewing machines in Pavia during the 1930s. Photo by Guglielmo Chiolini
in 1966 it appeared on the cover of creations were turned out by Avarte, s.i.p.) macchina e l’uomo”, “Pose di
Domus. Subsequently acquired by a firm he founded; today it still gruppo”, “Le grandi riserve” ovvero il navali, “Verso il decollo” ovvero il Ferrania). Perché, al di là dello Photography and the workplace Pixels’ (photomontage and the recent
the Victoria and Albert Museum and makes some of his ’60s production, Da molti anni Cesare Colombo, sia ricorso ai non inesauribili tesori quasi mitico settore aeronautico, sfruttamento esercitato, al di là della For many years Cesare Colombo, as computer generation), ‘Machine and
MoMA, New York, the piece became including Karouselli. His recent taste come fotografo in proprio sia come dell’ambiente, “Album di fabbriche”, “Auto-linee” ovvero l’industria “fatica” spesso disumana, al di là a freelance photographer, historian Man’, ‘Group Poses’, ‘The Big
a modern design classic. Numerous for decoration is not tied to the storico della fotografia e ricercatore di “Lungo la costa” ovvero navi e cantieri automobilistica, “Forme di dell’operaio inteso come mera forza of photography and photographic Reserves’ (the use of exhaustible
plastic projects followed, including produzione” e “Nuovi sguardi” ove è il bruta (ma l’attuale lavoro interinale researcher, has explored the world environmental treasures), ‘Factory
Impianto petrolchimico della Foster Wheeler a Gela nel 1961. La foto è di Edoardo Mari
the set of Saturnus tables, the fotografo moderno o postmoderno a non rappresenta certo una variante of work and industry. It would suffice Album’, ‘Along the Coast’ (ships and
The Foster Wheeler petrochemical plant in Gela in 1961. Photo by Edoardo Mari
413-418 fibreglass chairs, the 419 farsi più esplicitamente interprete, positiva né tantomeno una conquista to recall, in fact, his fundamental shipyards), ‘Toward Take-Off’ (the
stacking chair with a polyethylene “Tra memoria e futuro” ove si sociale), resta tutto sommato forte il contribution to the album The Labour nearly mythic aeronautical industry),
seat, the countless variants of the documenta il fenomeno delle rapporto degli addetti con l’azienda, o of Man: Working Conditions in the ‘Assembly Lines’ (car plants), ‘Forms
Model chair in ABS and the set of fabbriche dismesse, ovvero si chiude – a scelta – con l’industria, entrambe Fields and Factories of Unified Italy of Production’, ‘New Teams’ (where
Saturnus C chairs. These furnishings il ciclo), la ricerca muove da fine intese un tempo come referente during the First World War (Longanesi, the modern or postmodern
manifest an interest in Pop hues, but Ottocento e giunge fino ai giorni sicuro. Entrando nel merito delle 1979). In a way it initiated the photographer is more explicitly
Kukkapuro was not swayed by the nostri, appunto non più per singole immagini (e dei loro autori) discourse completed here by personal) and ‘Between Memory and
provocations of the time, keeping his documentare l’edificazione di una vanno almeno segnalate – su un piano renewing and updating his now the Future’ (illustrating the problem of
faith in functionalism and fabbrica o di un complesso tra l’estetico e il simbolico – le foto di ‘classic’ photographic project, The disused factories, marking the end of
ergonomics. In 1963 his compatriot industriale, bensì la sua chiusura o il Giovanni Agosto (“Costruzione del Factory of Images (Alinari, 1985). The the cycle). Colombo’s investigation
of the same age, Eero Aarnio, was suo smantellamento, giacché non vi è transatlantico Rex”, 1931), di Carlo photographic documentation of the runs from the late 19th century to the
employing fibreglass for the niente di più effimero di quanto Rafanelli (“Installazione di linee manufacturing world – from the big present. He no longer documents the
hemispherical shell of the Ball chair, sembrava costruito come prova di elettriche”, 1960 ca.), di Paolo companies to the smaller ones – often construction of plants or industrial
which was completely Pop. Fang potenza e di forza, come segno Pellegrineschi (“Il lavoro”, 1961), di mirrors the various exigencies of the complexes; he now depicts their
Hai’s volume neglects to mention imperituro in un paesaggio modificato Mario Cresci (“Cava di tufo a Matera”, client. They may be promotional, closing or demolition. In fact, nothing
any relationship between the two o violentato, come luogo di lavoro per 1974), di Paola Agosti (“Linea di elegiac or purely technical; on the is more ephemeral than what seemed
designers, who even attended the generazioni di addetti, che parevano abbigliamento delle vetture Fiat”, other hand the trade unions aspire to to be erected as a demonstration of
same school. doversi perpetuare nel tempo. È 1980), di Ciro Quaranta (“Scuola record working conditions, sometimes power and strength, as the everlasting
The age of plastic was doomed to proprio l’elemento umano – almeno a saldatori dell’Ilva di Taranto”, 1997) e polemically. There are also the sign of a modified or violently
end with the oil crisis. The Finnish mio avviso – quello che più colpisce, last but non least dello stesso Cesare undertakings of individual freelance transformed landscape, intended to
designer immediately felt the need ovvero il dipendente, quasi sempre, in Colombo (“Intervallo all’Alemagna di photographers, drawn or enchanted be the workplace of generations of
to respond to ecological demands, posa: si va dalle foto di gruppo delle Cornaredo”, 1972). Altrettante by this multifaceted world, the employees who perpetuated
going back to technologies and maestranze ai singoli lavoratori ritratti componenti di quel ‘viaggio’ che interweaving of machines and people, themselves over time.
materials he had discarded just a di fronte ai macchinari che utilizzano o l’industria italiana ha compiuto in oltre the huge spaces and the exalting and In my opinion, the most striking
few years before. Moulded plastic che producono, o addirittura a più un secolo, che i fotografi hanno progressive or upsetting and bleak aspect of the book is the way it
was supplanted by compressed qualificati tecnici e progettisti colti in documentato o interpretato, che noi environments. The book is nicely represents people, the employees,
birch veneer, becoming the base simbiosi con l’oggetto che hanno oggi possiamo osservare in un misto arranged in 16 chapters. The titles are nearly always visible. There are
for the office seating devised in the contribuito a formare (per non parlare di pacata nostalgia, larvato sdegno, ‘Pioneering Visions’, ‘Behind the pictures of groups and individual
’70s. In the Plaano chair set of 1974 dell’avvenente segretaria che interesse sociologico e considerazioni Gates’, ‘Scenes of Work’, ‘White workers portrayed in front of the
Kukkapuro laid the groundwork for all reclamizza, tanto per restare in quasi epocali. Lorenzo Pellizzari, Collars’, ‘Break’ (that is, the company machinery they use or make.
examples of this furniture type to argomento, le carte fotografiche critico e storico del cinema canteens), ‘Between Scissors and There are high-level technicians

8 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 9


and designers captured in symbiosis rispecchiare alcuna possibile with human subjectivity viewed as accordance with the perspective artist’s religious representations
with the object they helped forge (not condizione di spiritualità. Così, se real. Thus it is apparent externally as common to religions that centre are manifested in San Marcellino
to mention the glamorous secretary riconduciamo questa ricerca della well as bodily and must represent the on the human-divine relationship. (in the Vatican). In this sculpture the
who advertises Ferrania photographic spiritualità interna all’opera di Deredia singular divine tied to the indigence However, the globalization process exigencies of traditional iconography
paper). Beyond the exploitation to al contesto del dibattito artistico of nature and its finished aspect’ currently underway in our culture and the religious canon seem to
which they are subjected and the contemporaneo, appare evidente che (Estetica, Italian edition, N. Merker, tends toward a fragmentary vision of prevail over any possible form of
often inhuman toil of the workers, questa concezione della pienezza del p. 601). The problems of dissension the human body that does not appear spirituality. Representation is
seen as mere labourers, there is still mito che egli ritrova nella figura and the appropriateness of religious to mirror any religious faith. Hence, emptied of any generative force
a strong link between the employees umana non appartiene più alla art today are entirely contained in this if we relate Deredia’s quest for and reduced to formalism. This is a
and industries, once believed to be sensibilità contemporanea. Anzi, il definition. In fact, the relationship spirituality to the context of the condition inherited from a concept
secure. (Today’s part-time work is processo di traduzione in una between the divine and the human current artistic debate, it is evident of modernity that has established
certainly neither positive nor a social condizione di arcaicità, implicito necessarily drives art toward the that his conception of the fullness itself according to the principal lines
alternative.) Aesthetic and symbolic nell’opera di questo artista, sembra representation of humankind; once of the myth in the human body no of communication; it satisfies some
highlights include photographs by allontanarlo dal dibattito artistico in art was released from the need to longer belongs to the contemporary of the public’s taste. This is the chief
Giovanni Agosto (Building of the Rex corso, invece di costituirlo come via mirror reality, religious representation sensibility. On the contrary, his works’ problem contemporary religious art
Ocean Liner, 1931); Carlo Rafanelli contemporanea, anche se alternativa, plunged into a deep crisis. process of translation to an archaic has to grapple with. By moving into
(Installation of Power Lines, ca. 1960); ad esso. A meno che non si voglia The mechanism governing the condition seems to distance him from the dimension of figurative
Paolo Pellegrineschi (Work, 1961), separare il lavoro di Deredia dalla relation of art to reality is no longer the contemporary art world, rather representation in order to find
Mario Cresci (Matera Tufa Quarry, dimensione del dibattito the depiction of human beings, than defining an alternative path. The a mode of communication and
1974), Paola Agosti (Fiat Interiors internazionale e collocarlo all’interno yet the point of contact between only possibility is to detach Deredia’s communion with the beholder, it
Assembly Line, 1980), Ciro Quaranta di una prospettiva di identità the real and the spiritual remains work from the international debate actually scatters its own ideas in a
(The Ilva Welding School in Taranto, nazionale, che riguarda il processo di the fundamental condition for and give it a purely national identity nihilist formalism devoid of identity.
1997) and, last but not least, Cesare modernizzazione del Costa Rica transmitting religious experience. informed by the modernization of This is because it is unable to
Colombo (Break Time at Alemagna in contemporaneo – a cui fa riferimento This lays the groundwork for Costa Rica, as Pierre Restany mirror deeply the experience of
Cornaredo, 1972). These images anche Pierre Restany nel suo testo. In eliminating the conditions of deep suggests in this book. In this context, contemporary life. Hence the cardinal
represent the components of the questo caso, il recupero delle radici religious representation. This problem a return to the roots of the ancient need of religious representation
‘journey’ made by Italy’s industry over dell’antica cultura Boruca diventa per must be taken into account when Boruca culture becomes a source expressed by Hegel seems to
more than a century, documented or il suo paese una fonte di ispirazione reading the work of the Costa Rican of inspiration like that which fuelled be turned into its opposite in
interpreted by the photographers. analoga a quella che aveva alimentato sculptor Jiménez Deredia. His work the quest for national identities in contemporary religious art. Deredia’s
Today we can afford to observe them la ricerca delle identità nazionali nella restores a spiritual condition inspired 19th-century Europe. works are enlightening examples.
with a mixture of nostalgia, subdued cultura europea dell’Ottocento. by the enormity of the myth that he Otherwise, the limitations of the Maurizio Bortolotti is an art critic
indignation and sociological curiosity. Diversamente, il limite per la found in the tradition of his
Lorenzo Pellizzari is a film critic condizione di rappresentazione homeland, particularly in the ritual Abito di Pierre Cardin con puff Pastille, disegnato da Eero Aarnio nel 1968, foto
and historian religiosa costruita nell’opera di questo and magical aspects rediscovered in Snowdon. Dal volume Total Living a cura di Maria Luisa Frisa, Mario Lupano,
artista affiora in modo evidente nella the art of the Boruca population. Stefano Tonchi. Pitti Immagine / Charta, Firenze-Milano, 2002 (pp. 488, 567
illustrazioni, Euro 41,00)
realizzazione della statua del San Very concisely, the insight on which
Rappresentazione Marcellino (in Vaticano). In essa le this artist’s vision is based comes Dress by Pierre Cardin with Pastille, designed by Eero Aarnio in 1968, photo by
Snowdon. From Total Living, edited by Maria Luisa Frisa, Mario Lupano and
esigenze dell’iconografia tradizionale from finding a sense of universality in
religiosa e arte e il canone religioso sembrano that original form, a moment of
Stefano Tonchi. Pitti Immagine/Charta, Florence/Milan, 2002 (488 pages, 567
illustrations, €41)
Statua in Vaticano di San Marcellino Champagnat di Jiménez Deredia: la nicchia prendere il sopravvento su ogni synthesis and totality that may be
contemporanea è progettata da Michelangelo a metà del Cinquecento possibile forma di spiritualità. Nella transmitted by myth and religious
Jiménez Deredia’s statue of San Marcellino Champagnat in the Vatican; the statua del San Marcellino la experience alone. This occurs despite
Plenitud bajo el cielo. Jiménez niche was designed by Michelangelo in the mid-16th century. rappresentazione formale risulta the fragmentary experience permitted
Deredia e la sua leggenda. svuotata di ogni forza generativa e in our daily lives. The encounter of
Pierre Restany trasmettersi dell’esperienza religiosa, a quella umana, appare rendere ricondotta al formalismo, quale the universality of the human body
Bandecchi & Vivaldi, Pontedera (PI), si creano le premesse per il venire evidente il pensiero creativo condizione ereditata da un’idea di and the spirit, which is expressed
2002 (pp. 175, s.i.p.) meno delle condizioni di una dell’artista. In un’altra opera che modernità che si è stabilizzata in the form of the sphere, seems to
partecipata rappresentazione rappresenta la Genesi, intitolata secondo le linee della grande renew within his works the essential
A proposito dell’arte religiosa Hegel religiosa. È alla luce di questo Immagine cosmica e installata comunicazione e che incontra il gusto relationship on which religious art
scriveva: “Nella rappresentazione problema che va letta anche l’opera all’interno del Museo de los Niños a di una parte del pubblico. Questo è il is founded.
religiosa dell’arte romantica (…) il dello scultore del Costa Rica Jiménez San José in Costa Rica, delle sfere problema fondamentale con il quale si In his 1986 Genesis, for example,
contenuto stesso implica lo spingere al Deredia, il cui lavoro recupera una allineate su un asse verticale calano scontra l’arte religiosa the decision to have the round form
massimo l’antropomorfismo, proprio condizione di spiritualità che trae dall’alto verso un’enorme forma piatta contemporanea. Essa, spingendosi become a squatting human body –
perché questo contenuto ha come suo ispirazione dalla dimensione del mito, circolare dalle sembianze organiche, nella dimensione della by means of various steps that lead
centro la fusione dell’assoluto e il che egli ritrova nella tradizione del immagine semplice della natura rappresentazione del corpo umano from the sphere to the human form –
divino con la soggettività umana vista proprio paese, riferendosi in originaria. È forse questa una delle per trovare una forma di appears to make the artist’s creative
come reale e quindi apparente anche particolare alla forma magico-rituale poche opere dell’artista, sviluppata in comunicazione/comunione con lo process evident. In another work
esteriormente e corporeamente, e della sfera riscoperta nell’arte della varie versioni, in cui la forma umana si spettatore, disperde in realtà le representing Genesis, entitled
deve raffigurare il divino in questa popolazione dei Boruca. Ritrovare in defila a favore di una rappresentazione proprie istanze in un formalismo Cosmic Image (now at the Museo de
singolarità legata all’indigenza della tale forma originaria il senso di astratto-universalistica. Nelle altre, il nichilista e senza identità, perché è los Niños in San José, Costa Rica),
natura e del modo finito di apparire.” universalità come momento di sintesi rapporto con la spiritualità appare incapace di rispecchiare in profondità several vertically aligned spheres
(Estetica, ed. it. di N. Merker, p. 601) Il e di totalità che solo il mito e all’interno di una condizione di l’esperienza della vita descend from above toward a huge,
dissidio e il problema dell’attualità l’esperienza religiosa sono in grado di scambio che trova la sua piena contemporanea. La necessità di organic-looking, flat circular form.
dell’arte religiosa nel nostro tempo è trasmettere, a dispetto dell’esperienza rappresentazione nelle forme umane. fondo della rappresentazione religiosa This is a simple image of original
contenuto interamente in questa frammentaria che la semplice Si vedano, per esempio, opere come: formulata da Hegel sembra perciò nature. Perhaps this is one of the few
definizione. Poiché il rapporto tra il condizione umana consente, è questa, Autoritratto, Eterno femminino – Eterno rovesciarsi nel suo contrario works (developed in several versions)
divino e l’umano spinge l’arte in estrema sintesi, l’intuizione che si mascolino, o Dialogo. Esse all’interno dell’esperienza artistico- in which the artist eclipses the human
necessariamente verso la pone alla base della visione di questo rappresentano porzioni del corpo religiosa contemporanea, di cui form with a universal, abstract
rappresentazione dell’umano ma, una artista. L’incontro dell’universalità umano come parti di un insieme più quest’opera di Deredia è un esempio representation. In the others the link
volta che l’arte è stata sciolta da ogni dello spirito, espressa dalla forma vasto, come le costanti della specie illuminante. to spirituality seems to be within a
rapporto mimetico con la realtà, la della sfera, con il corpo umano che si sublimano nell’unitarietà di un Maurizio Bortolotti, critico d’arte condition of exchange that is fully
rappresentazione religiosa cade in una sembrano rinnovare all’interno della nucleo originario e misterioso, Religious representation and represented by the human figures,
profonda crisi. Così, se il dispositivo sua opera il rapporto essenziale che è secondo la prospettiva comune alle contemporary art as in Self-Portrait, Eternal Feminine –
che media il rapporto dell’arte con la alla base dell’arte religiosa. In Genesi religioni che pongono al loro centro il Of religious art Hegel wrote: ‘In Eternal Masculine and Dialogue.
realtà non è più la rappresentazione per esempio, del 1986, il processo del rapporto umano-divino. Tuttavia, religious portrayals of Romantic These projects depict portions of
della figura umana, mentre il punto di sostanziarsi della forma rotonda in l’attuale processo di globalizzazione in art...the content itself implies driving the human body as parts of a vast
coincidenza tra reale e spirituale quella di un corpo umano atto, che nella cultura passa semmai anthropomorphism to the utmost, whole, like constants of a species
continua ad essere, invece, la accovacciato, in una serie di passaggi attraverso una visione frammentaria because the centre of this content is that are sublimated in the unity of
condizione fondamentale per il che dalla forma della sfera conducono della figura umana, non sembra the fusion of the absolute and divine a mysterious, original core in

10 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 11


Fotografia di/Photography by Alberto Muciaccia
parole. Invece dobbiamo assistere a miserabili, delle persone qualsiasi Art as architecture
Arte come Roma all’inaugurazione, con il che non avranno mai neanche il The purpose of the movement is no
dubbio titolo di “Museo della Patria”, quarto d’ora di celebrità profetizzato longer ethical or political man, nor
architettura

Massimiliano Di Bartolomeo
exhibitions
di una messa in scena della retorica da Warhol. Così nella nuova humanitarian man, but man the artist;
patriottarda, con tanto di sventolio di Metropolitana di Napoli, in una delle he, and he alone, can live avidly and
Jannis Kounellis, Atto unico tricolori e ricostruzioni virtuali che stazioni progettate da Gae Aulenti, act in the period that has just begun,
Galleria Nazionale d’Arte Moderna, aggiornano tecnologicamente il un lunghissimo muro di ferro nero ha of hurricanes and storms, into which

a cura di/edited by
mostre

Roma mostruoso obbrobrio del Vittoriano: incastrate tante paia di scarpe usate, mankind is relentlessly falling.
fino a/until 14.7.2002 “la torta nuziale”, la “macchina da quante forse se ne trascinano, Aleksandr Blok, ‘The Intelligentsia
scrivere”; insomma il Tempio dello calzate, in una sola fermata dentro e and the Revolution’, 1918
...il fine del movimento non è più Scempio di Roma moderna, di cui il fuori dai vagoni (una leggenda narra
l’uomo etico o politico, non l’uomo povero Bruno Zevi per troppo tempo che, poco prima dell’inaugurazione Even for those who live among or
umanitario, bensì l’uomo artista; lui, e cercò inutilmente la demolizione… della Stazione con il Presidente della dream of utopian projects, the moment
solo lui, sarà capace di vivere Nella stessa Eterna Città può Repubblica, un solerte pulitore si of dismay will come sooner or later.
avidamente e agire in quell’epoca, or succedere però di imbattersi ancora apprestasse a lucidarle). Qui invece The conditions of the market are
ora iniziata, di uragani e tempeste, in un progetto migliore di altri, o alla Galleria Nazionale d’Arte complex. Even the balances of power,
verso la quale irrefrenabilmente semplicemente più adatto allo stato Moderna, dalla testa e dalle mani di which might seem extremely fragile in
precipita l’umanità.” d’animo di chi guarda: o forse ancora Kounellis e di ignoti operai – nonché a declining society, have a surprising
Aleksandr Blok, L’intelligencija e la “fatto apposta” per riportarci alla dalle tasche dell’Artista, visto che è tendency to reappear and survive
rivoluzione, 1918 realtà con la simbologia degli oggetti stato lui a pagare l’intera change. Those who pursue any sort of
reali, a loro volta nient’altro che installazione – è nato un vero pezzo poetic/political idea will, despite
Anche per chi vive e/o sogna l’utopia metafore del mondo e delle sue d’architettura. Entrando nel Salone themselves, have to admit failure, or at
review

dei progetti arriva prima o poi il complessità. È il caso di “Atto principale della Galleria, least the temporary failure of their
momento dello sconforto: troppo unico”, l’ultima mostra (curata da simpaticamente pompier, che pure theoretical, if not ideological,
complesse le condizioni del mercato Anna Mattirolo) di Jannis Kounellis: ha ospitato negli anni straordinarie assumptions. The condition is
e gli stessi equilibri di potere, che ‘Gianni’, come affettuosamente lo mostre, è forse la prima volta che se widespread. It is a malaise common
pure sembrerebbero estremamente chiama Achille Bonito Oliva, che ne riesce a percepire il senso come among those who, after attempting, for
fragili in una società in declino, all’apertura della mostra ha svolto spazio. La presenza delle grandi example, to overcome the concept of
hanno la sorprendente caratteristica per lui una intrigante prolusione. lastre d’acciaio nero è tanto forte da the avant-garde, now find themselves
di riproporsi e cercare di Kounellis ha saputo scuotere le non essere invasiva, ma da far subito grappling with ghosts from a past that
sopravvivere a qualsiasi mutamento. coscienze addormentate della critica innalzare lo sguardo al di sopra di they thought had been buried beneath
Chiunque persegua un qualche e dell’establishment artistico italiano esse, alla ricerca del cielo che in scores of buildings, hundreds of
ideale di tipo poetico/politico si già nella seconda metà del secolo quella parte della Galleria projects, thousands of books and
troverà suo malgrado a dover scorso, quando – a partire dai cavalli l’immaginazione intravede attraverso millions of words. Instead, we are
ammettere il fallimento: o almeno il veri ospitati nella Galleria L’Attico di l’enorme lucernario. Sotto il cielo e forced to witness the official opening in
temporaneo fallimento dei propri Roma – ha intrapreso la navigazione forse l’occhio di un Dio si svolgono le Rome, under the dubious auspices of
presupposti teorici, se non ideologici. attraverso il mare tempestoso della miserie del mondo, che Kounellis non the ‘Museum of Homeland’, a parade
Condizione diffusa, malessere realtà: oggi valgono molti, moltissimi ha bisogno di fotografare, o filmare, o of pseudo-patriotic rhetoric complete
comune tra chi dopo aver tentato, ad soldi le sue rare cacografie di numeri doppiare. Bastano, sparsi qui e là with the waving of tricolour flags and
esempio, di superare il concetto e lettere; pochi collezionisti o musei ogni tanto nei punti ciechi del virtual reconstructions that update the
stesso di avanguardia si trova ora a possono permettersi l’acquisto di labirinto formato dalle lastre verticali, monstrous infamy of the monument
dover combattere con fantasmi del una sua installazione. Il che non gli lacerti di oggetti veri: una branda, to Vittorio Emanuele II, otherwise
passato che sembravano sepolti impedisce di continuare a proporre, collane di bilancine caricate di caffè known as the ‘wedding cake’ or the
sotto decine di edifici, centinaia di quando sollecitato, percorsi in polvere, sacchi di carbone. Lo ‘typewriter’ – in short, the temple to the
progetti, migliaia di libri, milioni di attraverso la memoria dei reietti, dei stesso carbone sta in cima alle pareti havoc wrought on modern Rome, the
del labirinto, ne sporge, ricorda e demolition of which the late Bruno Zevi
Fotografia di/Photography by Alberto Muciaccia

forse celebra milioni di uomini e le sought in vain for too long… In that
loro fatiche. Dal labirinto si può però same Eternal City, however, one can
uscire, o gli si può girare intorno: a still come across a project that is
ognuno la sua strategia politica. A better than the others, or simply better
distanza di qualche tempo, il tutto suited to the mood of those surveying Le miserie del mondo sono raccontate negli oggetti sparsi nei punti ciechi del labirinto
farà venire anche in mente certi it – or again, perhaps, ‘specially made’ The world’s suffering is narrated by the objects scattered in the blind points of the labyrinth
architetti insoddisfatti, che pur di to bring us back to reality through the
sentirsi o mostrarsi artisti o profeti si symbolic use of real objects, in their by Andy Warhol. Thus, stuck on a long, immediately glancing upward, in were, have started up media
sono impantanati in operazioni turn merely metaphors of the world black iron wall in the new Naples search of the sky that the imagination operations in the worst taste:
mediatiche di pessimo gusto: testi and its complexities. Such is the case subway, in one of the stations glimpses through the enormous ponderous writings on down-and-
ponderosi sugli sfigati cui rimane of One Act, the latest exhibition designed by Gae Aulenti, he put skylight in that part of the gallery. outers whose last resort is shopping,
solo lo shopping, reportage su (organized by Anna Mattirolo) by numerous pairs of old shoes – as Beneath the sky and perhaps the eye reports on the sinking of ships
affondamenti di navi di clandestini, Jannis Kounellis, or ‘Gianni’, as he is many, perhaps, as those worn by tired of a God, the world ekes out its carrying illegal immigrants, a
un repertorio pietistico che maschera affectionately called by Achille Bonito feet at a single stop inside and outside misfortunes, which Kounellis has no sanctimonious repertory that only
solo lo snobismo di chi cerca Oliva, who gave an intriguing inaugural the train carriages (legend has it that need to photograph, film or dub. All disguises the snobbery of people
conforto nell’altro, in chi mai vivrà (e lecture in his honour at the exhibition just before the station’s inauguration, he needs, scattered here and there in looking for consolation in others who
forse neanche vorrebbe) la nostra preview. Kounellis had already attended by the president of the the blind points of the maze formed will never experience (and may not
condizione di intellettuali, privilegiati awakened the drowsy consciences of republic, a zealous bootblack started by the vertical sheets, are tattered even want to) our condition as
socialmente e culturalmente. Italy’s critics and establishment in the to polish them). Here at the Galleria remnants of real objects: a cot, socially and culturally privileged
L’Arte Povera c’è già stata, ha avuto second half of the last century, when – Nazionale d’Arte Moderna, from the necklaces of small kitchen scales intellectuals. Arte Povera was there,
e ha il suo ruolo storico; artisti starting from real horses in the Galleria head and hands of Kounellis and of loaded with ground coffee, sacks of and it has had its historical role;
sapienti come Kounellis, Mario e L’Attico in Rome – he embarked on a unknown workers – as well as from the coal. There is more coal projecting subtle artists like Kounellis, Mario and
Marisa Merz, Calzolari e molti altri ne voyage across the storm-tossed sea of artist’s own pocket, since it was he from the top of the labyrinth’s walls, Marisa Mertz, Calzolari and many
hanno esplorato e continuano ad reality. Today his rare errors in who paid for the whole installation – a reminder and perhaps a celebration others have explored its
esplorarne le profondità psicologiche numbering and lettering are worth a has come a true piece of architecture. of millions of workers and their weary psychological an expressive depths.
Il labirinto di Kounellis ridefinisce lo ed espressive. Lasciamo loro la fortune, and few collectors or Although this agreeable gallery has lives. There is, however, a way out of We leave to them the navigational
spazio del Salone principale della sapienza di una navigazione che è museums can afford to purchase his been host to other outstanding the maze, and you can walk around wisdom of the sailor (which, says
Galleria Nazionale d’Arte Moderna quella del marinaio (ciò che, dice installations. But that does not prevent exhibitions in the past, on entering its it, too. To each his own political Kounellis in the book published for
provocando nuove ambiguità
Kounellis nel libro che accompagna him from continuing, when prompted, main hall you grasp, perhaps for the strategy. Seen in retrospect, the the exhibition, is what he would like
percettive
Kounellis’s labyrinth subtly distorts
la mostra, se non fosse un artista to propose ways through the memory first time, the full sense of its space. whole thing may also remind us of to be if he was not an artist). He may
the qualities of the main space of vorrebbe essere): forse non sa dove of outcasts, of the wretched and The presence of large black steel certain dissatisfied architects who, not know where he is going, but he
Rome’s Galleria Nazionale d’Arte sta andando, ma sicuramente sa ordinary people who will never get sheets is so strong that it is to show that they are artists or certainly knows how to get there.
Moderna come andarci. Stefano Casciani those 15 minutes of fame predicted unobtrusive, yet you find yourself prophets, or only to feel as if they Stefano Casciani

12 Domus Luglio Augusto/July August 2002 Domus Luglio Augusto/July August 200213
verrà cancellata e riscritta da le sue foto è come leggere un’altra: pensare un rapporto
Le verità di una Haussmann, in uno spazio Baudelaire rivisitato da Benjamin, foto/architettura non mediato dal
ridottissimo e bidimensionale: si poche foto delle strade di Parigi sapere storico degli organizzatori,
complicità deve raccontare il monumento, bastano a farci capire che ma invece provare a immaginare
anche nella finezza del dettaglio. quell’uomo atipico si portava dentro delle architetture, passate e
Vues d’architectures Quando poi, a dire il vero, non viene un’altra idea dell’architettura: la presenti, liberamente interpretate e
Musée de Grenoble realmente percepito da chi lo sagoma di una casa o di una chiesa, lette, da uno o più fotografi, nostri
fino a/until 25.8.2002 contempla in situ. L’architettura è la curva di una strada, degli oggetti contemporanei, oggi nel 2002?
dunque nel monumento, e nella che non erano arredo urbano, una Comunque, dobbiamo queste
Il legame tra fotografia e architettura dimensione fotografica questa è scritta murale, un intonaco, la luce. visioni d’architettura, come la
è una realtà che ognuno può ricavare un’idea presente ben oltre le origini: Tutti indizi dell’abitare. Seguendo una costruzione del Museo di Grenoble e
da riviste e da libri d’arte. Eppure le sul finire degli anni trenta, Albert intuizione non diversa, Berenice alcuni anni di una gestione
foto di architettura ne sono la Renger-Patzsch ci mostra Tours et Abbott ci ha mostrato una New York convincente, a Serge Lemoine, che
negazione, giacché un progetto façades Est de l’abbaye de Murbac, integralmente moderna. Ed è in ora ne lascia la direzione per l’Orsay
architettonico propone un’idea Alsace. Poi molte foto di edifici conformità a siffatta estetica che è parigino. Claude Ambroise,
determinata dello spazio, e abitare moderni, negli anni tra le due guerre da intendere lo stretto legame tra Professore Emerito dell’Università di
una architettura equivale a esperirla e oltre: che Eugen Wiskovski, fotografia e architettura moderna Grenoble
con il proprio corpo: non si può Aleksander Rodcenko, Jaromir sottolineato da Michael Jakob in uno Truth from two angles
ridurre alla bidimensionalità, al Funke, Max Baur propongono, in dei saggi introduttivi al catalogo della The bond between photography
confronto con uno solo dei nostri modo anche sofisticato, in una mostra. Alla visione dell’architettura and architecture is a reality clear to
sensi, anche se la vista. La relazione visione feticistica dell’architettura. di Atget, come arte troppo anyone glancing through art journals
tra fotografia e architettura sarà L'atteggiamento è molto gradito importante per essere abbandonata and books. And yet architectural
quindi paradossale, e le immagini all’architetto e al cliente; scale, ai soli architetti, vogliamo riallacciare photographs are a denial of
sono spunto per porsi alcune balconi, pilastri, per quanto Kertesz o Brassaï, che di Parigi e dei precisely that. For an architectural
domande. Cos’è l’architettura? modernamente disegnati possono suoi spazi disegnati hanno una project proposes a given idea of Julius Shulman visualizza le case californiane, Case study n°22i del 1960
È la domanda che accompagna tutta essere esaltati e rafforzati nel loro intuizione lirica, e ne raccontano i space, and inhabiting architecture Julius Shulman’s 1960 photograph shaped the way we see the case study
la visita di questa mostra a Grenoble. freddo perfezionismo. Se è vero che luoghi e gli abitanti. In questo senso, is equivalent to experiencing it with houses of Los Angeles
Nell’Ottocento, quando nasce la l’architettura tende alla alla mostra di Grenoble lamentiamo your own body: it cannot be reduced
fotografia, compare anche Viollet-Le- commemorazione, la foto è la qualche mancanza: Cartier-Bresson, to the two-dimensional or to a lesson is the antithesis of this formal by Werner Bishof. They are neither
Duc, e non ci si stupisce se commemorazione della Boubat, Doisneau, per cui comparison with only one of our connivance between the architect photos for inventory nor an
l’approccio primordiale della foto di commemorazione. L’opera di Atget, l’architettura è un vivere insieme in senses, even to that of sight. The and the photographer. Looking at archaeological project: they are a
architettura è archeologico- e di chi ha seguito la sua lezione, è in spazi e con tempi precisi. Un relation between photography and his photos is like reading Baudelaire dialogue with our feelings about
documentaristico. Egitto o Francia antitesi a questa connivenza formale interesse particolare, ben architecture is therefore bound to revisited by Benjamin; just a few death, rendered in images.
medievale, o ancora la Parigi che tra architetto e fotografo. Guardare sottolineato dall’allestimento, sarà be paradoxical, but the resulting pictures of Paris streets are enough The exhibition is also richly studded
suscitato nel visitatore dalle foto images can raise some useful for us to understand that here was with other possible figures in the
Charles Sheeler, nastri trasportatori, Ford Motor Company, 1927 delle rovine: non tanto quelle antiche questions, such as ‘What is an unusual man with a different idea photography-architecture
Charles Sheeler, conveyor belts, Ford Motor Company, 1927 quanto le nostre, moderne. Le architecture?’This, indeed, is of architecture in his mind: the relationship: Alfred Stieglitz’s
conseguenze delle due guerre the question that hangs over outline of a church, the bend of a landscapes, city and/or country,
mondiali ci hanno insegnato che the exhibition Vues d’architectures, street, or objects that were not the ephemeral and/or concrete,
eravamo in grado di stabilire con le photographies des XIXe at XXe urban furniture, a writing on the Le Corbusier between Hervé’s
grandi architetture un rapporto di siècles. When photography was wall, a patch of plaster, light – all are materialism and Burri’s documents,
annientamento. Perciò, born, in the 19th century, Viollet- clues to living. Following a similar the probable error that confused
straordinariamente significative sono, Le-Duc was still around. It is intuition, Berenice Abbott reveals a (fused together) industrial geometry
all’indomani della seconda guerra unsurprising that the earliest completely modern New York. And and photographic geometry, the
mondiale, le foto fatte da August approach to architectural it is in compliance with an aesthetic inside/outside ratio, the complacent
Sander, Herman Claasen, Herbert photography smacks of archaeology of this kind that the close tie negativism of building today. Some
List o ancora da Capa e da Lee and of the documentary. Here is between photography and modern of the precise and well-documented
Miller; nonché il memoriale alle Egypt or medieval France, or again architecture should be understood, pages in the exhibition catalogue’s
vittime di Hiroshima fotografato da the Paris erased and rewritten by as Michael Jacob points out in one five introductory essays may ring
Werner Bishof. Non sono foto per un Haussmann, contained in a very of the introductory essays in the somewhat of French style. But
inventario, neanche un progetto small, two-dimensional space. The exhibition catalogue. With Atget’s although the exhibition is being held
archeologico: ma il dialogo con la monument has to be described, and vision of architecture, as an art too in a French Alpine city, it embraces
nostra pulsione di morte restituito in in detail, too, and it is not really to be important to be left to architects works by Americans, Russians,
immagine. La mostra è anche ricca di perceived by those contemplating alone, we would also associate Germans, Hungarians and Czechs.
altre figure possibili del rapporto it in situ. The architecture, therefore, Kertész or Brassaï. Their lyrical It contains, however, not a single
foto-architettura: il paesaggismo di is in the monument, and in its grasp of Paris also tells the story work by Gabriele Basilico, which,
Alfred Stieglitz, la città e/o la photographic dimension this idea of its spaces and inhabitants. In this considering what Basilico means to
campagna, l’effimero e/o il cemento, reaches well beyond origins: toward respect you could complain of one the French, is all the more curious.
Le Corbusier tra il materialismo di the late 1930s, Albert Renger- or two gaps in the Grenoble It is also true that after seeing a
Hervé e il documento di Burri, il Patzsch photographed his Tours et exhibition: Cartier-Bresson, Boubat serious exhibition, you can amuse
probabile errore che c’è stato a façades Est de l’abbaye de Murbac, or Doisneau, for instance, for whom yourself picturing another. Could we
confondere (fondere insieme) Alsace. Then there are numerous architecture is an act of communal think of a photography-architecture
geometria industriale e geometria photos of modern buildings, taken living in specific places and precise rapport not mediated by the
fotografica, il rapporto dentro/fuori, il between the two world wars and times. A particular interest, well historical knowledge of its
compiaciuto negativismo edilizio beyond, by Eugen Wistowski, emphasized by the exhibition organizers, and try instead to
odierno. Qualche pagina dei cinque Aleksander Rodcenko, Jaromir design, will be aroused in the visitor imagine architecture, past and
saggi introduttivi al catalogo della Funke and Max Baur, in what are by the photographs of ruins – not so present, freely interpreted and
mostra, preciso e documentato, può also sophisticated ways, in a much the ancient ones as our own portrayed, by one or more of our
sembrare in stile alquanto franco- fetishistic vision of architecture. modern ruins. The consequences of own contemporary photographers,
francese; nonostante la mostra sia The attitude is one very welcome to two world wars have taught us that today in the year 2002? Be that as it
allestita in una città delle Alpi architects and their clients. Stairs, we can relate to great architecture may, we are indebted for these Vues
francesi, non sono mancati balconies and pillars, however even through its annihilation. The d’architectures, as for the building
americani, russi, tedeschi, ungheresi, modern in design, can be exalted photos taken by August Sander, of the Grenoble Museum and, for
cecoslovacchi. Non c’è però alcuna and reinforced in their cold Herman Claasen, Herbert List or, several years of deft management,
foto di Gabriele Basilico, cosa tanto perfectionism. While it is true that again, by Capa and Lee Miller to Serge Lemoine, who now leaves
più strana sapendo chi è Basilico per architecture tends to commemorate, immediately after World War II are its directorship for the Musée
i francesi. È anche vero che, dopo photography is the commemoration therefore extraordinarily meaningful. d’Orsay in Paris.
aver visto una mostra seria, ci si of a commemoration. The work of And so is the memorial to the Claude Ambroise is professor
possa divertire a immaginarne Atget and of those who followed his victims of Hiroshima, photographed emeritus at Grenoble University

14 Domus Luglio Augusto/July August 2002 Domus Luglio Augusto/July August 2002 15
The contemporary city and its oggetti, fotografie o quadri) ad
La città side effects interagire tra loro. Questa mostra (in
The prefiguration of future cities has realtà divisa in due parti, una dedicata
contemporanea inevitably trespassed on the traditional al rapporto della Bauhaus con Parigi, e
territories of science fiction, planning l’altra centrata sull’opera di Josef
Effetti collaterali and architecture, utopian literature Albers) sembra voler indicare le radici
Triennale di Milano and economics. The metamorphoses stesse dello spirito che guida il museo
fino a/until 22.9.2002 that in the past 30 years so have nazionale d’arte moderna: e che si
feverishly transfigured the faces of dichiara nell’ordinamento delle sue
Le metamorfosi che negli ultimi our cities, with their latent perils and collezioni quando rifiuta il limite della
trent’anni hanno febbrilmente attendant scenarios, have supplied separazione disciplinare nella
trasfigurato i volti delle nostre città inexhaustible food for thought for divulgazione della cultura figurativa. Il
rappresentano, con le loro latenti planners, architects, anthropologists, percorso espositivo della collezione
insidie e gli annessi scenari, un politicians, filmmakers, economists, non mostra nessuna esitazione
estenuante esercizio di pensiero: per sociologists, philosophers and the like. nell’affiancare, con pari dignità, opere
urbanisti, architetti, antropologi, A democratic glut of disciplines and di maestri dell’arte contemporanea a
politici, cineasti, economisti, sociologi, tasks of this magnitude tends, as often modellini e disegni d’architettura, o a
filosofi, e così via. Una tale happens in such cases, to cloud the progetti di design (come la maquette e
democratica pluralità di ambiti issue, not to mention our consequent i disegni della mediateca di Sendai di
disciplinari e di capacità Francesco Jodice propone indagini sui viaggi nel quotidiano; pedinamenti che raccontano le città negli individui ability to analyze and judge it. We have Armin Linke evoca la forza di un luogo nell’energia che esso sprigiona Toyo Ito o i progetti dei gruppi radicali
semidivinatorie contribuisce, come Francesco Jodice watches individuals as they travel to and from the workplace in today’s cities lost sight of the city, literally speaking, Armin Linke evokes the impact of a place through the energy it releases attivi in Italia negli anni Sessanta, tra
spesso accade in questi casi, a and this is not due only to its much- cui compaiono le Superbox presentate
offuscare la visione e le conseguenti mutato il paesaggio: 1500 chilometri presentati in mostra sono stati Le sue immagini sono raccolte in reviled physical growth or to the perception of the photographic image. Japan, China, South America, Asia, da Ettore Sottsass come forme di un
capacità di analisi e di giudizio. su cinque livelli di strade che collegano realizzati a Perth, Milano e New York suggestive ruote mobili, che teeming crust of asphalt and concrete The story unfolds between the asphalt Lagos, Uzbekistan, Europe, Las Vegas, nuovo paesaggio domestico o i lavori
Abbiamo perso di vista la città le due principali città cinesi, le più e sono costituiti ognuno da una attraversano lo spazio della mostra that has spread over it. Not by chance strips that have dramatically altered a Russia, etc. Linke’s photography does rigorosamente visionari del
letteralmente parlando, non solo per la popolose con i loro 12 milioni di animazione fotografica di circa 100 e rotolano sui numerosi visitatori che is it photography – the art of looking landscape through which 1,500 not just narrate Promethean mega- Superstudio). Non c’è una reale
sua tanto vituperata quanto fisiologica abitanti. Intorno alla faraonica immagini, più due gigantografie che incuriositi non sanno bene cosa farci par excellence – that has sought to kilometres, on five different road levels, metropolises: it scrutinizes the places separazione tra le due mostre, l’una
crescita, o per la brulicante crosta di autostrada, ufficialmente inaugurata ritraggono l’edificio di partenza e di finché non decidono di fermare lo render the image of cities and set link China’s two largest and most where energy becomes power. As confluisce nell’altra: come se il ritmo
asfalto e cemento che l’ha rivestita. solo pochi mesi fa, sono sorte nuove arrivo di ciascun soggetto, pedinato in sguardo sui fotogrammi. Nelle piccole out references for a definition of densely populated cities and their Anna Detheridge remarks in her accelerato e caotico della storia della
Non è un caso che sia la fotografia, città della cui presenza pochi si sono un efficace allestimento giocato sulla immagini sono fissati il candore innovation. True, the image is a 12 million or so inhabitants. Along catalogue essay, these sci-fi scenarios, Scuola, dopo lo scontro con il
arte dello sguardo per eccellenza, a accorti: e che nulla hanno in comune geometria del triangolo. Per il giovane abbagliante e assoluto del Polo Nord fragmented and incomplete one, but this pharaonic highway, officially “at the end of the day, are more real Nazismo e la dispersione della
tentare di restituirci l’immagine della con gli algidi grattacieli di Shangai o fotografo napoletano, figlio d’arte, le e i ponti, le dighe, le centrali elettriche for this very reason it is genuine and opened only a few months ago, new than any futuristic fantasy yet comunità di artisti (allievi e maestri)
città e a fissare le coordinate per una con i residui della millenaria arte cinese città sono come individui, i cui gesti del mondo: Giappone, Cina, Sud vital. To investigate the relationship cities have sprung up whose presence conceived”. Alba Cappellieri is an improvvisamente rallentasse per
definizione di innovazione. Al rapporto di Pechino. Nella circolarità dei due quotidiani sono immagine della propria America, Asia, Lagos, Uzbekistan, between photography and has gone almost unnoticed. They have architecture critic fermarsi a guardare nel dettaglio la
tra fotografia e paesaggio pannelli aerei, le lunghe stampe a biografia, del proprio carattere, delle Europa, Las Vegas, Russia, eccetera. contemporary landscape, image nothing in common with the cold vicenda di una singola individualità
contemporaneo, tra immagine e colori di Barbieri ci costringono ad proprie ascendenze. Il percorso della La fotografia di Linke non narra and user, museum space and camera, skyscrapers of Shanghai or the staccata dal gruppo (ma che al gruppo
utente, tra spazio museale e macchina attraversare la Cina contemporanea, le coppia milanese verso il supermercato soltanto delle megametropoli the Milan Triennale has devoted an remains of ancient Peking. In the Il cantiere della rimase sempre idealmente legata).
da visione, la Triennale di Milano sue ambizioni e le sue trasformazioni, di quartiere, il tragitto in auto dell’uomo prometeiche, ma scruta i luoghi in cui admirable exhibition to the work of circularity of Barbieri’s two aerial Albers può essere considerato, subito
dedica questa mostra, con i lavori di oltre che a riflettere sugli effetti della di Perth verso il luogo di lavoro, il l’energia diventa potere: scenari da three young Italian photographers, panels, we are compelled by his long modernità dopo Gropius, il più devoto divulgatore
tre giovani fotografi italiani: Olivo cosiddetta globalizzazione. Il passo affrettato della donna fantascienza che, come osserva Anna Olivo Barbieri, Francesco Jodice and colour prints to drive through delle dottrine della Bauhaus. Allievo a
Barbieri, Francesco Jodice e Armin paesaggio di Francesco Jodice è newyorchese, servono a Jodice per Detheridge nel saggio in catalogo, “in Armin Linke, who were aided in the contemporary China, its ambitions La Bauhaus 1919-1933 et Paris, Weimar dal 1920 al 1923, entra da
Linke, affiancati nell’allestimento da quello afferente al suo progetto Secret sondare gli umori della città e a fin dei conti sono più reali di design of their respective spaces by and transformations, as well as to Josef Albers subito nel corpo docente, come
altrettanti giovani architetti. Costruttori Traces, fondato su pedinamenti a indagare la pluralità delle sue identità. qualunque fantasia futuristica mai three young architects. Builders of reflect on the effects of so-called Centre Pompidou, Paris direttore del laboratorio di pittura su
di visioni e costruttori di spazi per una persone sconosciute colte nei loro Armin Linke è il vero globetrotter, un concepita.” Alba Cappellieri, critico di visions and of spaces have thus joined globalization. Francesco Jodice’s fino a/until 26.8.2002 vetro e assistente di Itten nel corso
riflessione comune sul ruolo della percorsi quotidiani. I pedinamenti esploratore di luoghi e di dimensioni. architettura forces to foster a combined reflection landscape is that of his Secret Traces preliminare. Quando la scuola si
fotografia, nella definizione dei nuovi on the role of photography in summing project, which shadows anonymous Il destino della cultura del progetto trasferisce a Dessau, e diventa ufficiale
paesaggi metropolitani mondiali, del Olivo Barbieri narra la Cina contemporanea nella moltitudine dell’abitare, dove intorno ai 1500 chilometri dell’autostrada up the world’s new metropolitan people going about their daily moderno in Europa si gioca in poco il suo incarico all’interno del corso
complesso rapporto tra segno Pechino-Shangai senza clamore sorgono nuove città landscapes and the intricate links journeys. The traces shown here più di un decennio, nell’intervallo tra il preliminare, rimane ad affiancare
dell’uomo e Natura, nelle aree più Olivo Barbieri points his camera at the multitudes of contemporary China, where new cities are springing up almost between signs of humanity and nature. were made in Perth, Milan and New primo dopoguerra e l’avvento del Laszlo Moholy-Nagy
unnoticed along the 1,500-kilometre Beijing-Shanghai motorway
estreme e difficili del pianeta, e sui The show focuses on some of our York; each work is formed by a totalitarismo nazista. I quattordici anni nell’insegnamento lasciato da Itten.
significati dell’esposizione delle planet’s most extreme and difficult photographic animation of about in cui tra alterne vicende visse la Albers è stato uno dei pochi ad
immagini al pubblico. Gli austeri spazi zones and on the significance of 100 pictures, plus two enlargements Bauhaus furono sufficienti a alimentare attraversare l’intero corso della scuola
della Triennale congiungono e exhibiting their images to the public. portraying the starting and arrival quello che Argan non ebbe dubbi a nei suoi successivi trasferimenti e
avvolgono, con la loro nudità esibita, The austere spaces of the Triennale buildings of the subject, whose definire “il più importante movimento nell’avvicendarsi dei direttori
i tre spazi per la visione: raccolti e join and envelop the three spaces of movements follow a striking triangular artistico di questo secolo” (facendo (nell’ordine: Walter Gropius, Hannes
definiti quelli di Olivo Barbieri e vision in overt nudity. The sections design. For the young Neapolitan riferimento naturalmente al secolo per Meyer, Mies van der Rohe). Rimane
Francesco Jodice, illimitati e aperti given over to Olivo Barbieri and artist, who comes from a family of noi appena passato). Colpisce fino alla chiusura definitiva dell’Istituto
quelli per Armin Linke. I progettisti Francesco Jodice are secluded and photographers, cities are like people. piacevolmente quindi che il museo a Berlino, dove aveva preso il posto
(Stalker per Linke, Alessandro definite, while those of Armin Linke Their daily activities reflect their nazionale d’arte moderna francese dello stesso Moholy-Nagy all’interno
Scandurra per Barbieri e Cliostraat per are unlimited and open. The architects individual biographies, characters and riproponga la questione del significato del corso preliminare, e di Marcel
Jodice) hanno lavorato sul complesso (Stalker for Linke, Alessandro backgrounds. The route taken by a di una delle fonti principali della cultura Breuer, alla direzione dell’officina del
dialogo che i tre autori hanno avviato, Scandurra for Barbieri and Cliostraat Milanese couple to get to their nearest figurativa contemporanea, cogliendo il mobile. Quando nel 1933 Albers si
sia con l’idea di spazio d’azione delle for Jodice) have contributed to the supermarket, the journey by car of a pretesto per offrire alla visione del vede costretto a lasciare la Germania,
immagini, che con quello della luce. complex dialogue initiated by the three man from Perth to his workplace and pubblico opere che sono entrate nella ormai nazista, è grazie all’intercessione
Questi lavori volontariamente photographers with the idea of both the path of a fast-walking New Yorker collezione del museo grazie al prezioso di Philip Johnson che trova
rifuggono il sensazionalismo della a space for action by images and are deployed by Jodice to fathom the lascito di Nina Kandinsky (datato 1981) accoglienza al Black Mountain College
rappresentazione o il virtuosismo della one for the effects of light. moods of cities and to survey their e ai doni (e prestiti) della Fondazione della Carolina del Sud: qui dà seguito
tecnica fotografica, preferendo la These works voluntarily shun the multifarious identities. intitolata a Anni e Josef Albers. Ad essi alle sue ricerche sui principi che
narrazione documentaria di insoliti sensationalism of representation or Armin Linke is the true globetrotter, an si aggiunge la collezione di regolano l’educazione alla forma e al
paesaggi metropolitani e di culture the virtuosity of photographic explorer of places and dimensions. ‘photogramme’ di Moholy-Nagy colore. Dopo di allora molti altri
collettive poco familiari all’Occidente. technique, opting instead for the His photograms are mounted on eye- (acquisiti nel 1994) e una recente protagonisti, allievi e maestri, seguono
In una Wunderkammer avvolgente e documentary narration of unusual catching wheels that roll through the donazione del direttore della galleria la decisione di Albers di lasciare
misteriosa sono racchiuse le immagini metropolitan landscapes and exhibition space toward curious dei Cahiers d’Art, (rivista che ebbe un l’Europa. La storia della Bauhaus
dell’autostrada Pechino-Shangai di collective cultures unfamiliar to the visitors, who remain unsure what to ruolo nel far conoscere ai francesi divenne così, in parte, una storia
Olivo Barbieri: memore di Ghirri, West. Olivo Barbieri’s photos of the do until they look more closely. The l’opera della scuola tedesca). Tutti americana. Già nel 1938, la mostra del
Barbieri usa la luce come elemento di Beijing-Shanghai motorway are smaller pictures capture the dazzling documenti che raramente hanno avuto Museo d’Arte Moderna di New York
percezione dell’immagine fotografica. enclosed in a mysteriously deceptive and absolute whiteness of the North l’onore dell’esposizione e che si intitolata “Bauhaus 1919-28”, suonava
Il racconto si svolge tra i nastri di Wunderkammer. Reminiscent of Ghirri, Pole, followed by bridges, dams and offrono a nuove letture per la naturale come un benvenuto ufficiale. Gropius
asfalto che hanno drammaticamente Barbieri uses light to enhance our power stations across the world – in disponibilità delle opere (architetture, nel ’37 era stato chiamato a ricoprire la

16 Domus Luglio Augusto/July August 2002 Domus Luglio Augusto/July August 2002 17
Photo: CNAC/MNAM (Dist RMN) ©ADAGP Paris, 2002
Photo CNAC/MNAM (Dist RMN) ©ADAGP DR
cattedra di architettura alla Graduate these works – be they architecture, chromed tubular steel structures and
School of Design dell’Università di objects, photographs or paintings – suspended from steel cable. The
Harvard (Albers vi fu invitato interact with one another. The show is second room is intended to render the
regolarmente a tenere corsi e divided into two parts, one devoted to rich vein of research and discovery
conferenze). Poco dopo nel ‘38, Mies the relation between Bauhaus and that inspired the work of the Bauhaus
si trasferisce a Chicago, come anche Paris and the other focused on the teacher-artists, who worked with their
Hilberseimer, e Moholy Nagy. Herbert work of Josef Albers. As a whole it pupils in a form of creative community
Bayer si fermò invece a New York. seems intended to reveal the very roots that barred all separation between
L’ordinamento della mostra si of the spirit that guides the museum disciplines or restrictions on work
ripartisce su quattro sale. La prima è itself, a spirit declared in the processes and techniques of
dedicata all’architettura, non solo arrangement of its collections and by expression. Architecture, design,
perché al Bauhaus l’architettura è its rejection of limits posed by the art, typography, editorial work and
considerata opera d’arte unitaria, ma separation of disciplines in its graphics are presented as a steady
anche perché l’edificio di Gropius fu il explanation of figurative culture. The stream of ideas and thoughts,
simbolo stesso della scuola, tanto da exhibition does not hesitate to put research and experiments that were
essere oggetto dell’accanimento works by masters of contemporary art not interrupted even by the closure of
nazionalsocialista che tentò di raderlo on equal footing with architectural the school or by the exile of many of
al suolo. La mostra intende descrivere drawings or design projects. Examples its teachers. The third room claims for
il clima della ricerca architettonica in include the mock-up and drawings by Paris the merit of having lent an ear to
cui si colloca il progetto di Gropius per Toyo Ito for his Sendai Mediatheque Bauhaus ideas before the story of the
l’edificio di Dessau, aprendo un and projects by radical groups active in school crossed the Atlantic. On view
confronto diretto con altre architetture- Italy in the 1960s, such as the Tessuti come edifici: Josef Albers, disegno Fabric, 4 dicembre 1926
are the projects that Gropius, Breuer
Nella sedia Lattenstuhl di Marcel
manifesto pressoché contemporanee Breuer (1922) chiarissime influenze di
Superboxes presented by Ettore Fabrics as buildings: Josef Albers, Fabric design, 4 December 1926 and Moholy-Nagy showed at the
come il quartiere Weissenhof di De Stijl Sottsass as forms for a new domestic Salon des Artistes Décorateurs at the
Stoccarda costruito nel 1927 con il The Lattenstuhl chair by Marcel landscape or the strictly visionary chair of architecture at the Harvard guidance of Mies van der Rohe. The Grand Palais in 1930. The exhibition
coordinamento di Mies van der Rohe: il Breuer (1922) is manifestly influenced works of Superstudio. There being no Graduate School of Design, where architectural comparison preludes the closes with a room dedicated to
confronto architettonico prelude allo by De Stijl real separation between the two Albers was also regularly invited to collision between two very different Albers; a row of his celebrated
scontro tra due personalità diverse che exhibition sections, they flow lead courses and give lectures. Shortly personalities who imprinted their ideas Homage to the Square paintings
improntarono alle proprie idee le “Hommage au carré”, straordinario comfortably into each other. It is as if afterward, in 1938, Mies van der Rohe on various phases of the school’s reveals the ambiguity and richness of
differenti fasi della scuola (in seguito repertorio dell’ambiguità e ricchezza the increasing and chaotic speed of moved to Chicago, as did Hilberseimer existence. Mies later said that ‘the best the colour red. In its treatment of the
Mies ebbe a dichiarare: “La cosa del colore rosso. Quello della Bauhaus the Bauhaus school’s history, after its and Moholy-Nagy, while Herbert Bayer thing Gropius did was to invent the undying Bauhaus myth, a small
migliore che Gropius abbia fatto è è un mito inossidabile, ma una piccola clash with Nazism and the scattering of settled in New York. The exhibition is name Bauhaus’. With his Dessau exhibition of previously unseen, little-
stata quella di inventare il nome mostra con materiale inedito, poco its community of artists, students and spread across four rooms. The first building, inaugurated on December 4, known, precious and outstanding
Bauhaus”). Sta di fatto che Gropius conosciuto, prezioso e masters, had suddenly slackened, covers architecture, and not just 1926, Gropius caused a considerable material like this at the Centre
suscitò con la sua architettura, straordinariamente bello, come enabling the visitor to examine in detail because it was regarded as a stir. Photographic reportage by Lucia Pompidou is to be commended for
inaugurata il 4 dicembre del 1926, a questa, ha il merito di far emergere la the vicissitudes of a particular comprehensive art form, but also Moholy-Nagy records the state of the spotlighting the personal, inward and
poco più di un anno dall’inizio dei dimensione personale, intima, individual who became detached from because Gropius’s design was the building site and lays bare the clarity of everyday dimension of relationships
lavori, un notevole clamore. Un quotidiana delle relazioni tra le the group but remained ideally linked symbol of a school despised by the its construction, while other photos between the people concerned, their
reportage fotografico di Lucia Moholy- persone, della ricerca comune e delle to it. Albers may be looked upon, Nazis, who wanted it razed to the taken by Sigfried Giedion, for an article common endeavour and the mutual
Nagy documenta lo stato del cantiere, influenze reciproche: tutte virtù proprie immediately after Gropius, as the most ground. The exhibition attempts to published by Cahiers d’Art, illustrate its influences that were a feature of a
mettendo a nudo la chiarezza della di questa comunità creativa, nella sua devout promulgator of the Bauhaus depict the climate of architectural impact on the architectural culture of creative international community
costruzione: mentre alcune fotografie natura collettiva e internazionale del and its doctrines. A Weimar student ferment in which Gropius’s project for the day. Another exhibit is a rare untarnished by the false rhetoric of
scattate da Sigfried Giedion (per un tutto estranea alla falsa retorica di from 1920 to 1923, he went straight on the Dessau building was situated. It photograph of Mies’s design for the individualism or nationalism: all good
articolo pubblicato dai Cahiers d’Art) valori individualistici e nazionali. to join the school’s teaching staff as opens, moreover, a direct comparison ‘Silk Pavilion’ at the Berlin fashion reasons for the aversion displayed by
illustrano l’impatto sulla cultura Esattamente la ragione per head of the glass painting workshop with another, almost contemporary show in 1927: an outstanding example the Nazis who eventually put a stop to
architettonica dell’epoca. Di Mies è l’avversione dei nazionalsocialisti che and an assistant to Itten in the architecture manifesto: the Weissenhof of architecture built by fluctuating the school’s existence.
esposta una rara fotografia ne vollero a tutti i costi la chiusura preliminary course. When the school at Stuttgart, built in 1927 under the levels of fabric hung from slender Francesca Picchi
dell’allestimento del “Padiglione della fisica. Francesca Picchi moved to Dessau and his post was
Seta” per l’esposizione della moda di A modern construction site made an official part of that preliminary L’edificio della Bauhaus a Dessau in costruzione, 1926
Berlino, del 1927: uno straordinario The fate of modern design culture course, he carried on, beside László The Bauhaus building under construction at Dessau, 1926

Photo: CNAC/MNAM (Dist RMN) ©ADAGP Paris, 2002


esempio di architettura, costruito per in Europe was sealed in just over a Moholy-Nagy, the teaching legacy left
piani fluttuanti di tessuto appesi a esili decade, between World War I and the by Itten. Albers was one of the few to
strutture di tubi d’acciaio cromato advent of Nazi totalitarianism. Those stay the full course of the school’s
sospesi a cavi d’acciaio. La sala 14 years at the Bauhaus, in the lull subsequent moves and to witness the
successiva intende restituire la before a gathering storm, were enough comings and goings of its directors
ricchezza e la vitalità dello spirito di to spark what Argan confidently called (Walter Gropius, Hannes Meyer and
ricerca e di scoperta che animò il ‘the most important art movement of Mies van der Rohe, in that order). He
lavoro dei docenti-artisti riuniti insieme [the 20th] century’. It is a pleasure remained there until, in Berlin, the
agli allievi in una forma di comunità therefore to see that the French institute was permanently closed,
creativa da cui erano escluse national museum of modern art has having taken over from Moholy-Nagy
separazioni disciplinari o restrizioni nei re-explored the meaning of one of the himself in the preliminary course and
processi operativi e tecniche principal sources of contemporary from Marcel Breuer as director of the
d’espressione. Architettura, design, figurative culture. It has also seized furniture department. When Albers
arte, tipografia, attività editoriale, this opportunity to allow audiences to found himself forced in 1933 to flee
grafica, sono presentate nella forma di see works that came into the Germany, by then under Nazi rule, it
un flusso ininterrotto di idee e pensieri, museum’s collection thanks to a lavish was through Philip Johnson that he
ricerche e sperimentazioni, che non bequest from Nina Kandinsky in 1981 found work at Black Mountain College
verrà interrotto neanche con la and by gift (and loan) from the Anni in South Carolina. There he continued
chiusura della scuola e l’esilio di molti and Josef Albers Foundation. Linked his research on the principles
docenti. La terza sala rivendica a Parigi to this are the Moholy-Nagy collection governing education through form and
il compito di aver prestato ascolto alle of ‘photogrammes’ (acquired in 1994) colour. Many other prominent figures,
idee della Bauhaus, prima che la storia and a recent donation from the editor students and masters, followed suit
della scuola prendesse la strada of Cahiers d’Art (a journal that played and left Europe. The story of the
dell’oceano: espone i progetti che a key role in making the work of the Bauhaus thereafter became to some
Gropius, Breuer e Moholy-Nagy German school known to the French). extent an American story. And in 1938,
presentarono al Salon des Artistes All of these records, which have the exhibition Bauhaus 1919-28, held
Décorateurs al Grand Palais, nel 1930. seldom been seen by the general at MoMA, New York, had the air of
La mostra si chiude nella sala dedicata public, can now be viewed in the fresh extending an official welcome. In 1937
ad Albers con una parata di celebri light of the naturalness with which Gropius had been appointed to the

18 Domus Luglio Augusto/July August 2002 Domus Luglio Augusto/July August 2002 19
Grenoble 26.6.2002-6.10.2002 Caraglio (CN) Portogallo/Portugal Museum für Gestaltung
Mostre, eventi, ● fino a/until 25.8.2002 Cinema India: The Art of Bollywood ● fino a/until 8.9.2002 Porto Ausstellungsstrasse 60
Berto Lardera, “entre deux mondes” V&A Museum, Cromwell Road Camere con vista ● fino a/until 6.10.2002 T +41-1-4462211
fiere fino a/until 25.8.2002 T +44-20-79422000 Filatoio di Caraglio, via Matteotti Cristina Iglesias
calendario

Vues d’architectures ● fino a/until 1.9.2002 T +39-171-618260 fino a/until 6.10.2002 USA
Exhibitions,
calendar
Musée de Grenoble Annual Architectural Commissions Firenze José Loureiro Chicago
7 place de Lavalette 6.6.2002-11.8.2002 ● fino a/until 1.9.2002 fino a/until 20.10.2002 ● fino a/until 28.7.2002
events, fairs T +33-4-76634411 Gilbert & George Islam - Specchio d’Oriente Nan Goldin, Still on Earth Modern Trains and Splendid Stations
Marseille Serpentine Gallery, Palazzo Pitti, Sala Bianca Fundação Serralves The Art Institute of Chicago
Australia ● 5.7.2002-13.10.2002 Kensington Gardens T +39-55-2654321 rua D. joão de Castro, 210 111 South Michigan Avenue
Sydney Subréel T +44-20-72981515 ● fino a/until 25.8.2002 T +351-226156500 T +1-312-4333600
● 7.7.2002-21.7.2002 MAC, 69 Boulevard d’Haïfa ● fino a/until 28.7.2002 Sophia Vari, Sculture Monumentali Los Angeles
Glenn Murcutt International Master T +33-4-91250107 Eija-Liisa Ahtila Palazzo Vecchio, Sala d’Arme Spagna/Spain ● fino a/until 25.8.2002
University of Newcastle Mouzon Tate Modern, 25 Sumner Street T +39-55-2305233 Barcelona Dutch Drawings of the Golden Age
T +61-2-49215771, ● fino a/until 30.9.2002 T +44-20-78878000 Milano ● fino a/until 1.9.2002 9.7.2002-29.9.2002
Fax +61-2-49216913, e-mail: full feutre & figer ● 26.7.2002-7.9.2002 ● 23.9.2002-4.10.2002 Joaquim Gomis: Fotografie Gustave Le Gray, Photographer
ozetecture@newcastle.edu.au Musée du Feutre Hee Jin Kang Designing the Exhibition fino a/until 1.9.2002 23.7.2002-13.10.2002
08210 place du Colombier Shine Gallery, 3 Jubilee Place Domus Academy - Gruppo Webegg Joan Miró: Gaudí Series Songs of Praise: Illuminated Choir
Austria T +33-3-24265076 T +44-20-73524499 via Savona 97, T +39-2-42414001 Fondacion Joan Miró Books
Wien Paris ● 15.10.2002-19.1.2003 Parc de Montjuic 10.9.2002-1.12.2002
● fino a/until 5.8.2002 ● fino a/until 24.8.2002 Italia/Italy Techne02: tra arte e tecnologia T +34-93-3291908 Greuze the Draftsman
Idea and Phenomena. Steven Holl Bauhaus 1919-1933 Aosta Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2 ● fino a/until 8.9.2002 Getty Museum, 1200 Getty Center Drive
review

fino a/until 29.7.2002 fino a/until 2.9.2002 ● fino a/until 13.10.2002 T +39-2-76115394 Gaudí’s Universe T +1-310-4407360
Walter Pichler. The House next to the Cher Peintre, Lieber Maler, Dear Painter Michele De Lucchi: Dopotolomeo ● 8.11.2002-10.11.2002 CCCB, Montalegre 5 ● fino a/until 22.9.2002
Smithy fino a/until 23.9.2002 Chiesa di San Lorenzo Visual Communication 2002 T +34-93-3017775 Zero to Infinity: Arte Povera 1962-1972
AZW, Museumsplatz 1 Daniel Buren piazza Sant’Orso Fiera Milano, Padiglioni 2-3-4 ● fino a/until 1.9.2002 MOCA and The Geffen Contemporary
T +43-1-5223115 Centre Pompidou, 19 rue du Renard T +39-165-238127 T +39-744-400544 Richard Avedon, In the american 250 South Grand Avenue
T +33-1-44781233 ● fino a/until 3.11.2002 Roma West 1979-1984 T +1-213-6212766
Belgio/Belgium ● fino a/until 8.9.2002 Carlo Carrà, il realismo civico degli ● fino a/until 7.9.2002 CaixaForum, Av. Marquès de ● fino a/until 13.10.2002
Antwerp Meshac Gaba anni Venti Circolo Marras, 22 Foto per i maschi Comillas 6-8 Houses x Artists
● fino a/until 25.8.2002 Palais de Tokyo Centro Saint Bénin, via Festaz 27 di Lodine T +34-93-4768600 fino a/until 8.9.2002
Lucia Romualdi 13 avenue de Président Wilson T +39-165-272687 Architettura Arte Moderna Madrid Gerald Zugmann: Blue Universe
fino a/until 25.8.2002 T +33-1-47201350 Arezzo via dei banchi vecchi, 61 ● 6.6.2002-15.9.2002 MAK Center for Art and Architecture
Thé van Bergen ● fino a/until 25.7.2002 ● 25.7.2002-1.9.2002 T +39-6-68307537 Alfred Sisley 835 N. Kings Road, West Hollywood
fino a/until 25.8.2002 C+H+: un singulier pluriel Giampaolo Talani San Donà di Piave (VE) Coleccion Thyssen-Bornemisza T +1-323-6511510
Guy van Bossche La galerie d’architecture Galleria Comunale d’arte ● 21.09.2002-28.9.2002 Paseo del Prado 8 New York
15.6.2002-15.9.2002 11 rue des blancs manteaux contemporanea Pubblico & Privato T +34-91-3690151 ● fino a/until 12.9.2002
Fred Eerdekens T +33-1-49966400 via Cesalpino 15 Centro Civico Leonardo da Vinci Valencia Tempo
MUHKA, Leuvenstraat 32 T +39-575-377507 T +39-421-50444 ● fino a/until 1.9.2002 fino a/until 17.9.2002
T +32-3-2385960 Germania/Germany Bergamo Torino John Pawson, Themes and Projects Autobodies: Speed, Sport, Transport
Frankfurt ● fino a/until 14.9.2002 ● fino a/until 29.9.2002 Institut Valencià d’Art Modern (IVAM) MoMA QNS, 33nd Street
Canada ● fino a/until 1.9.2002 Chiara Dynys, Defragmentation Giovanni Battista Quadrone Guillem de Castro 118 T +1-212-7089400
Montréal The mistery of the Celts of Glauberg Galleria Fumagalli, via G. Paglia 28 17.7.2002-20.10.2002 T +34-96-3863000 ● fino a/until 27.7.2002
● fino a/until 29.9.2002 Schirn Kunsthalle, Römerberg T +39-35-210340 Gabriele Basilico Bruce Nauman: Mapping the Studio I
Lewis Baltz: The New Industrial Parks T +49-69-299882-0 ● 22.7.2002-21.9.2002 GAM, via Magenta 31 Svizzera/Switzerland DIA-Center Art, 548 West 22nd Street
Near Irvine, California ● 30.8.2002-3.9.2002 Musei di notte T +39-0115629911 Basel T +1-212-9895566
fino a/until 15.9.2002 Tendence 2002 Infopoint Sala Curò, piazza Cittadella 8 ● fino a/until 1.9.2002 ● fino a/until 4.8.2002 ● fino a/until 6.10.2002
Laboratories Messe Frankfurt T +39-35-239807 Il design della GUFRAM negli anni Claude Monet ... bis zum digitalen Joan Mitchell
Canadian Centre for Architecture T +49-69-75750 ● 22.7.2002-21.9.2002 del rock, 1967/76-2001 impressionism 11.7.2002-13.10.2002
1920 rue Baile Cologne Mario Airò, La visione di Philip fino a/until 1.9.2002 Fondation Beyeler, Baselstrasse 101, Michal Rovner
T +1-514-9397000 ● fino a/until 3.8.2002 Loggiato del Palazzo della Ragione Bruna Esposito Riehen Whitney Museum of American Art
Natural-unnatural T +39-35-239807 Castello di Rivoli T + 41-61-6459700 945 Madison Avenue at 75th Street
Danimarca/Denmark galerie gmurzynska Bolzano Piazza Mafalda di Savoia ● fino a/until 28.7.2002 T +1-212-5703633
Umlebæk 65a Goethestrasse ● fino a/until 1.9.2002 T +39-0119565220 Paul Klee ● fino a/until 15.9.2002
● fino a/until 1.9.2002 T +49-221-376440 Stanze II Trento Kunstmuseum, St. Alban-Graben 16 Skin. Surface, Substance+Design
Per Kirkeby - 122x122 Paintings on ● 22.10.2002-26.10.2002 fino a/until 29/9/2002 ● fino a/until 29.9.2002 T +41-61-2066262 Smithsonian - Cooper Hewitt,
Masonite 1963-1978 Orgatec 2002-meeting globale per Guida II Paesaggi di montagna nella Genève National Design Museum
4.6.2002-22.9.2002 uffici ed edifici pubblici Museion, via ospedale 2/b collezione permanente del MART ● fino a/until 27.10.2002 2 East 91st Street
Doug Aitken KölnMesse, Messeplatz 1 T +39-471-980001 MART, via da Sanseverino 45 Jean-Étienne Liotard T +1-212-8498400
30.8.2002-12.1.2003 65a Goethestrasse ● fino a/until 29.9.2002 T +39-0461234860 Musée d’art et d’histoire ● fino a/until 12.8.2002
Arne Jacobsen T +49-221-8210 Vittorio Sella Verona 2, rue Charles-Galland Transmodernity. Austrian Architects
Louisiana Museum of Modern Art Siegen Galleria Civica ● fino a/until 29.9.2002 T +41-22-4182600 Austrian Cultural Forum New York
T +45-4919-0719 ● fino a/until 1.9.2002 piazza Domenicani Bernardo Bellotto: un ritorno a Verona Lugano 11 East 52nd Street
Maria Lassnig, Body Portraits T +39-471-997588 Museo di Castelvecchio ● fino a/until 24.8.2002 T +1-212-8733284
Finlandia/Finland Museum für Gegenwartskunst Bologna T +39-45-8005817 Ferdinando Scianna. Quelli di Bagheria San Diego
Riihimäki Unteres Schloss 1 ● fino a/until 1.9.2002 Galleria Gottardo ● fino a/until 8.9.2002
● fino a/until 15.9.2002 T +49-271-4057713 il Michelangelo incognito Montenegro viale Franscini 12 Out of the ordinary, Robert Venturi,
Humppila glassworks Weil am Rhein Museo Civico Medievale Cétinié T +41-91-8081988 Denise Scott Brown and associates
fino a/until 31.12.2002 ● fino a/until 8.9.2002 via Manzoni 4 ● fino a/until 28.9.2002 Vevey MCA San Diego,
Kumela glassworks Living in Motion T +39-51-204111 Biennale IV, ‘Reconstructions’ ● fino a/until 25.08.2002 700 Prospect Street
Finlands glasmuseum Vitra Design Museum Brescia Cetinje, plavi Dvorac Balthus, de Piero della Francesca à T +1-858-4543541
23 Tehtaankatu T +358-19-7417556 Charles Eames Strasse 1 ● fino a/until 6.10.2002 T +381-8632518 Alberto Giacometti San Francisco
T +49-7621-7023200 Dubuffet e l’arte dei graffiti Musée Jenisc ● fino a/until 15.9.2002
Francia/France Palazzo Martinengo, via Musei 30 Paesi Bassi/The Netherlands av. de la Gare 2 Yes Yoko Ono
Bordeaux Gran Bretagna/Great Britain T +39-030297551 Groningen T +41-21-9212950 20.7.2002-20.10.2002
● fino a/until 15.9.2002 London Cagliari ● fino a/until 8.9.2002 Zürich taken by Design: Photographs from
Shigeru Ban ● fino a/until 18.8.2002 ● fino a/until 8.9.2002 Erik van Lieshout: Naughty by Nature ● fino a/until 8.9.2002 the institute of Design, 1937-1971
Arc en rêve, 7 rue Ferrère Seeing things: Photographing Andy Warhol. Un mito americano Groningen Museum, Museumeiland 1 Bollywood: Das indische Kino und SFMOMA, 151 Third Street
T +33-5-56527836 Objects 1850-2001 Complesso Monumentale S. Giovanni T +31-50-3666555 die Schweiz T +1-415-357400

20 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio Agosto/July August 2002 21
Fotografia di/Photography by Jean De Calan
Monumento sull’acqua
monitor
Otranto è bellissima, certo non è più la The monument on the water
città del tardo Quattrocento descritta Otranto is beautiful, but it is certainly
da Maria Corti nel romanzo L’ora di not the late-15th-century city
tutti: non ci sono più i Turchi dai quali described by Maria Corti in the novel
difendersi. Mario Cucinella esprime Otranto: there are no Turks now
qui un’architettura fortemente legata al against which to defend ourselves.
territorio, e in questa reale interazione Here Mario Cucinella has expressed
si manifesta la sua volontà di agire an architecture strongly bound to the
comunque sulla natura, perché territory, and this real interaction
“l’architettura definita ecologica non manifests a desire to act on nature,
esiste”. L’archetipo si riscopre in una as ‘so-called ecological architecture
tecnologia non più testimonianza does not exist’. The archetype is
dell’architettura robotica, ma rediscovered in technology that no
compromesso tra le funzioni longer testifies to robotic architecture,
primordiali dell’abitare e il valore but rather a compromise between the
scientifico dell’esperienza. La nuova primeval functions of living and the
stazione marittima di Otranto è sorta scientific value of experience. Otranto’s
in prossimità del molo di San Nicola e new maritime terminal stands close to
si racconta con una facciata in pietra the San Nicola jetty and features a
leccese inclinata verso il mare come la Lecce stone facade that leans toward
chiglia di una nave: architettura the sea, like the keel of a ship. This is
semplice e modesta, ma in Salento modest, unassuming architecture, but
anche il barocco dei palazzi nobiliari è Salento is a place where even noble
umile, dove il dettaglio si confonde baroque mansions are humble, where
nell’insieme. La pietra calcarea in detail blends in with the whole.
diverse sfumature per un dialogo più Calcareous stone in various shades
semplice con le altre architetture, la offers a simple dialogue with the
piantumazione irregolare come la surrounding architecture; the planting
vicina pineta, la copertura frangisole is as irregular as the nearby pine forest.
volutamente brutale che accompagna An intentionally brutal sunbreak roof
dall’esterno verso l’interno accompanies the building from the
dell’edificio, e poi una scalinata che outside in, and then a flight of steps
‘frantuma’ il volume e lo smaterializza. ‘shatters’ and dematerializes
MDB the mass. MDB

La nuova stazione marittima a Otranto


di Mario Cucinella è caratterizzata da
Maranello 25

New York 27

una facciata in pietra leccese che


dialoga spontaneamente con l’intorno
Mario Cucinella’s new maritime
terminal in Otranto features a
Berlino 24

facade in Lecce stone that offers


Torino 26

a spontaneous dialogue with the


surrounding architecture

22 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio Agosto/July August 2002 23
Caravanserraglio per automobilisti Ferrari Store, che passione

Fotografia di/Photography by Santi Caleca

Fotografia di/Photography by Santi Caleca


Il punto di ristoro lungo la strada, structure and the car park to the
inteso come autentico food, the shops, the relaxation
caravanserraglio per l’automobilista, area and the fuel service, it is
rappresenta un momento di architecture created for motorists
architettura denso e complesso. Gli on the outside and people on the
elementi che definiscono il progetto inside. Autogrill commissioned Aldo
sono molteplici e coinvolti in un Cibic to design a service area that
delicato equilibrio: l’insegna, il would respect these elements while
contenitore, l’area di parcheggio, providing a recognizable mediating
il cibo, l’area shop, il riposo, il role, and Bologna’s Spizzico Drive-
rifornimento di carburante; thru manifests this intention. The
un’architettura creata per essere project exploits the direct impact
esternamente a uso of easily recognizable geometric
dell’automobilista e internamente per figures and the colour red; dots
l’uomo. Autogrill ha commissionato marking the cladding and the large
a Aldo Cibic la progettazione di un windows emphasize the play on
punto di ristoro, che rispetti gli simple volumes. Motorists,
elementi elencati precedentemente Le forme e i colori amplificano l’immagine e il valore mediatico del nuovo puzzled by the unusual forms
ma coinvolgendo il contenitore in un Spizzico Drive-thru progettato da Aldo Cibic and ‘comforted’ by the recognized
ruolo mediatico forte e riconoscibile: Form and colour strongly project the image of the new Spizzico Drive-thru brand, are encouraged to go in.
lo Spizzico Drive-thru di Bologna designed by Aldo Cibic Architecture thus disconnected from
manifesta questa intenzione. Il marchio che riconosce, quindi entra. un’idea progettuale rischia di essere the territory, exclusively conveying a
progetto sfrutta l’immagine diretta Architetture così slegate dal inquinata dalla serialità. MDB commercial idea, is the critical point
di figure geometriche facilmente territorio, portatrici esclusivamente di A car oasis of the design. The chain-store
riconoscibili: il colore rosso, la un’idea commerciale, sono il punto The roadside service area, conceived concept brings a progressive
puntinatura che caratterizza il critico della progettazione: il as an authentic caravansary for standardization to the landscape;
rivestimento, le ampie vetrate, concetto di catena di negozi porta a motorists, is a dense and complex architecture becomes the design of
esaltano il gioco di volumi semplici. una progressiva omologazione del architectural opportunity. Its the horizon; and the birth of a
L’automobilista è incuriosito dalle paesaggio, l’architettura diventa many features are held in delicate creative concept risks pollution from
forme inusuali e ‘confortato’ dal design dell’orizzonte, la nascita di equilibrium: from the signage, the mass-production. MDB

Esistono luoghi che, per ragioni rischia però di perdersi in una visione A passion for Ferrari recent movement. However, this
Gioielli e potere diverse, diventano la meta di diretta del luogo, quando gli arredi There are certain places that for dynamism is jeopardized by the
pellegrinaggio spirituale e non. ricchi, vistosi e necessariamente various reasons become the object store’s other details; the rich
Sottsass individua nel potere – l’uno e l’altro”, nel tentativo di non rather than focusing on A Maranello, già luogo per il rossi si pongono come continua of pilgrimage, whether spiritual or furnishings – gaudy and, of course,
economico, politico, della creare conflitti visivi e rendere chronological continuity, he raccoglimento di massa attorno ai interruzione dello sguardo. Il not. Maranello – where masses red – continually distract the gaze.
seduzione, della rarità e della esclusivo il rapporto tra il visitatore identified unexpected links between motori delle ‘rosse’, inaugura il costante confronto con gli elementi already flock to see the engines of The repetitive impact of symbols
bellezza – il significato che può e il gioiello. In questa logica di materials, colours and styles. This Ferrari Store; spazio dedicato alla simbolici del mondo Ferrari, e delle red racing cars – is now inaugurating of Ferrari and the racing world
rappresentare una collezione di percorso guidato e mirato lo process eventually led to a show, declinazione della filosofia Ferrari e corse, caratterizza la visione pop di the Ferrari Store, a space dedicated characterizes the pop vision of
gioielli Cartier, una autentica spettatore potrà ammirare le opere first at the Vitra Museum in Berlin alla sua rappresentazione. Il progetto questo nuovo tempio della passione: to the dissemination of the Ferrari this new temple to passion.
“concentrazione di eccezionalità”. di Cartier secondo la prospettiva di and then at the Palazzo Reale in è stato affidato a Massimo Iosa Ghini intrigante la vetrina curva che ospita philosophy and image. A curved window containing an
Da una collezione di circa 1200 Sottsass così che “i gioielli appaiono Milan, in which Sottsass has tried to che ha interpretato il valore statico di il bolide cristallizzato e immobile, ma The project was entrusted to immobile racing car, the story of
gioielli, “metafora dei poteri” come misteriose epifanie, fuori dal translate his role as a privileged certe forme curve e sinuose rispetto che racconta però la sua corsa nella Massimo Iosa Ghini, who has its race encapsulated in the cup
appunto, il Maestro ha selezionato tempo e dallo spazio…”. onlooker into an exhibition design alla velocità alla quale sono coppa posata a fianco. Dinamica interpreted the static value of standing beside it, is intriguing,
200 pezzi, intuitivamente, senza una Jewellery and power that conveys emotions, with totems proiettate. Lo scatto iniziale, il invece la possibilità di cambiare il certain curved and sinuous forms and the possibility of changing
continuità riconoscibile nello Ettore Sottsass sees power – displayed ‘with empty spaces momento critico della partenza, posizionamento degli espositori e del against the speed at which they are the position of the exhibits and
scorrere del tempo, bensì whether economic and political or between one another’ in order to sublima il passaggio dallo statico loro contenuto, soluzione che aimed. The initial sprint, that crucial their content is a solution that
individuando improvvisi legami tra seduction, rarity and beauty – as avoid creating visual conflict and al dinamico. La pianta del progetto permette un continuo aggiornamento moment at the start, exalts the permits constant updating of the
materiali, colori e stili. Da questo the meaning behind his selection foster an exclusive encounter sembra esprimere questa istantanea: dei prodotti esposti; anche passage from stasis to speed. The products on display. The lighting
operare nasce una mostra (ora al of Cartier jewellery, a veritable between visitor and jewellery. Within la forma naturale dello spazio, l’illuminazione accompagna questa layout seems intended to convey complements this flexibility. This
Vitra di Berlino poi a Palazzo Reale ‘concentration of the exceptional’. this logic of a guided and focused l’inserimento di figure circolari e flessibilità. Un paddock di lusso, un this particular moment. The natural is a luxurious winner’s circle, a new
a Milano), dove Sottsass ha cercato From a collection of approximately pathway, spectators can admire ellittiche, una vistosa prospettiva che nuovo santuario laico, dove shape of the space, the insertion of lay sanctuary in which to recognize
di trasferire il suo ruolo di testimone 1,200 pieces of jewellery, a Cartier from the Sottsass inquadra il banco di accoglienza riconoscere la propria passione per circular and elliptical figures and a your personal love of Ferrari in a
privilegiato in un allestimento che ‘metaphor for power’ indeed, the perspective: ‘the jewellery looks like anticipato da un portale rosso, la Ferrari in un luogo che il ‘bolidista’ garish perspective that frames a place that the ‘car enthusiast’
ne traduca l’aspetto emotivo: totem maestro from Innsbruck selected mysterious epiphanies, outside time suggeriscono l’idea di un movimento Iosa Ghini ha disegnato con le reception counter preceded by a Iosa Ghini has designed using the
espositivi “con distanze vuote tra 200 objects. Relying on his intuition and space…’. appena avvenuto. Questo dinamismo predilette forme della velocità. MDB red entrance all give a sense of preferred forms of speed. MDB

Nella precarietà si può riconoscere una In precariousness we can recognize Il Ferrari Store progettato dal
forma bellissima e, fissando a beautiful form and, fixing a ‘bolidista’ Iosa Ghini è un continuo
un’istantanea, trattenere tutta la snapshot, capture all of the dynamic richiamo al mondo della Formula Uno e
pulsione dinamica ancora inespressa. left unexpressed. Sebastian Bergne alla filosofia delle “rosse di Maranello”
Sebastian Bergne deve aver trattenuto must have held his breath for a few The Ferrari Store, designed by self-
il fiato per qualche secondo prima di seconds before reading the gesture confessed car enthusiast Iosa Ghini,
leggere nel passo incerto del funanbolo that inspired his latest project for hammers home the world of Formula
il beau geste che ispira il suo ultimo Satira Design in the uncertain steps One and the philosophy of the
progetto per Satira Design: vaso in of a tightrope walker. He continues ‘Maranello reds’
ceramica dove il disequilibrio racconta il the minimalanimal collection, a project
senso dell’oggetto. Un vaso può avere un conceived by Pedro Sottomayor and
destino crudele cadendo e rompendosi inaugurated with the work of Alvaro
in mille pezzi. Bergne sfida il destino e Siza and Souto de Moura – a series
disegna un vaso che è sempre sospeso, of objects by designers capable
incerto, e in una posizione che dimentica of investigating and elaborating
la stabilità sarà l’acqua a rendere tutto both the needs of the industry
possibile. Questi sentimenti trovano and the poetics that stimulate
forma e tridimensionalità nell’oggetto in and provoke a design, balanced
ceramica che si presta a geometrizzare between minimalism and organic
e cristallizzare il momento e le sue unity. In the meantime, the Trousers
conseguenze. vase is still provocatively standing.

24 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio Agosto/July August 2002 25
Grandi eventi, grandi opere Industria e arte, ancora insieme
Fabbricare rubinetti è una colpa che sponsorizzazioni, come quella del ICFF exhibition in New York, on the
deve essere ‘lavata’ con l’arte? Se sì, padiglione tedesco alla 48ª e alla 49ª premises of the former Yves Saint
Dornbracht lo fa con intelligenza e Biennale Internazionale di Venezia, Laurent boutique in SoHo. The
eleganza dal 1997, anno in cui è riservato nel 1999 a Rosemarie publication featured three Americans
uscito il primo numero di Statements Trockel e a Gregor Schneider nel – Rita Ackermann, Mark Borthwick
(www.statements.de), rivista 2001 – Dornbracht dimostra come and Nicola Tyson – with collages,
interdisciplinare d’arte e cultura che arte e industria possano fecondarsi a photographs and drawings collected
invita gli autori a confrontarsi con vicenda, complici imprenditori in a three-part catalogue and a
libere interpretazioni sul tema: illuminati. MCT preface by Bernadette van-Huy.
“Acqua, pulizia e rituali”. Nel corso Art and industry, together again Meanwhile, during the Milan
degli anni la rivista ha ospitato artisti, Is manufacturing taps a sin that Furniture Fair, Dornbracht presented
fotografi, stilisti, designer e musicisti, must be ‘cleansed’ with art? If so, Interiors 2002, four new collections
tra i quali Pierre e Gilles, Douglas Dornbracht has been doing so with of bathroom accessories and
Gordon, Micha Klein, Rosemarie elegance and intelligence since 1997, furnishings designed by Rodolfo
Trockel, Lothar Hempel, Nick Knight, the year that saw the first issue of Dordoni, Christophe Pillet, Jean
Jürgen Teller, Daniel Josefsohn, Inez Statements (www.statements.de), Marie Massaud and Claudio
von Lamswearde, Sybille Berg, an interdisciplinary art and culture Silvestrin, with a delightful exhibition
Opiate, Yves Netzhammer, Veronique magazine that invites creatives designed by James Irvine in the
Branquinho, Jeremy Scott, per ‘Humble’, corpo e anima secondo to enter into exchange with free former Riva Calzoni industrial
Il capitolo “grandi opere”, in Italia, progetto dell’alta velocità verso the Italian state railway is by the Turin. The multiple flows that will citarne solo alcuni. La sesta edizione, Rita Ackermann interpretations on the subject of buildings. Coupling the production
coincide purtroppo quasi sempre con l’Europa. MDB French firm AREP with Silvio animate this place will be multiplied Statements (six), è stata presentata lo Humble, body and soul according to ‘Water, cleansing and rituals’. Over of quality products with cultural
la concomitanza di grandi eventi Major events, major works d’Ascia and Agostino Magnaghi. and directed by the dynamic, scorso maggio a New York, nei locali Rita Ackermann the years the magazine has featured commitment – developed through
internazionali ospitati sul nostro In Italy ‘major works’ nearly always The designers have planned a long transparent structure, although dell’ex boutique di Yves Saint collezioni di accessori e arredi per il artists, photographers, stylists, Statements Projects and Dornbracht
territorio. L’occasione delle Olimpiadi coincide with significant international ‘covered road’ that will link the city the unprejudiced use of steel Laurent, a Soho, in occasione della bagno progettate da Rodolfo designers and musicians, including Installation Projects as well as
d’Inverno del 2006, e la posizione events inside its borders. The 2006 and the old Porta Susa station to and glass could make a walk along fiera ICFF. Protagonisti tre americani: Dordoni, Christophe Pillet, Jean Pierre and Gilles, Douglas Gordon, sponsorships like the German
strategica rispetto all'asse Roma- Winter Olympics and a strategic the lounge of the new building, the this covered road monotonous. Rita Ackermann, Mark Borthwick e Marie Massaud e Claudio Silvestrin, Micha Klein, Rosemarie Trockel, pavilion at the 48th and 49th Venice
Parigi, hanno dunque reso possibile position on the Rome-Paris axis first Italian high-speed station to be Historic nemeses: a city currently Nicola Tyson, con collage, fotografie con un suggestivo allestimento Lothar Hempel, Nick Knight, Jürgen Biennales, reserved in 1999 for
la progettazione di un nuovo edificio have thus made possible the design built on this line. A 100-metre tower slowed down by an automobile e disegni, riuniti in un catalogo di tre curato da James Irvine all’interno Teller, Daniel Josefsohn, Rosemarie Trockel and Gregor
stazione per Torino Porta Susa. Il of a new building for Turin’s Porta will conclude the extension of the market in recession is the starting volumi, uno per artista, con la degli edifici industriali della Ex Riva Inez von Lamswearde, Sybille Berg, Schneider in 2001 – Dornbracht
progetto vincitore del concorso Susa station. The project that won glass tunnel, acting as a beacon point for the high-speed link to the prefazione di Bernadette van-Huy. A Calzoni. Affiancando alla produzione Opiate, Yves Netzhammer, Veronique demonstrates that art and industry
internazionale, indetto dalle Ferrovie the international competition held by for those approaching or leaving rest of Europe. MDB Milano, durante il Salone del Mobile, l’impegno culturale – sviluppato Branquinho and Jeremy Scott, to can enrich each other with the
dello Stato Italiane, è firmato dallo Dornbracht ha invece presentato attraverso Statements Projects e mention but a few. The sixth issue complicity of enlightened
studio francese AREP con Silvio La trasparenza come elemento di dialogo tra il fuori e il dentro: la nuova stazione di Porta Susa a Torino Interiors 2002, quattro nuove Dornbracht Installation Projects e le was presented last May during the entrepreneurs. MCT
d’Ascia e Agostino Magnaghi. Una Transparency creating a dynamic between outside and in: the new Porta Susa station in Turin
lunga strada coperta (così la
descrivono i progettisti) collegherà la Argenti moderni
città e l’antica stazione di Porta Susa
al salone del nuovo fabbricato Gabriele De Vecchi invita un gruppo uso quotidiano. Una metafora della established talents. The new
viaggiatori, e sarà la prima stazione di designer (Erwan e Ronan vita, dunque, gli specchi Mirror di De Vecchi Too collection starts
dell’alta velocità italiana realizzata su Bouroullec, Tom Dixon, Rodolfo Jean Marie Massaud, le superfici from the past by respecting one
questa linea. Infine, una torre alta Dordoni, Jean Marie Massaud, concave del vaso Tube di Tom Dixon of its cornerstone traditions: silver
100 metri concluderà lo sviluppo del Patrick Norguet, Ora-Ïto, Ludovica e o il gioco di luci e suoni della maglia as a specular material to be
tunnel di vetro, assumendo il ruolo di Roberto Palomba e Patricia Urquiola) Moonlace di Patricia Urquiola: le interpreted in the design of
faro rispetto a chi si avvicina o si a partecipare a una collezione di apparenze non rispettano la realtà articles of everyday use.
allontana da Torino. I flussi che argenti contemporanei, ma non si ma, a volte, la impreziosiscono. LB The reality reflected by the surfaces
animeranno questo luogo saranno arrende ai soliti stereotipi: unisce Modern silverware Gabriele De of this modern silverware is never
molteplici e dichiarati dalla progettisti italiani e stranieri, Vecchi invited a group of designers – distinct. The pieces project a
trasparenza della struttura, con una rivelazioni in ascesa o talenti sulla Erwan and Ronan Bouroullec, Tom deformed image, each time
sensazione di dinamismo continuo, strada di una definitiva Dixon, Rodolfo Dordoni, Jean Marie unique, just as the reaction of
anche se l’uso spregiudicato consacrazione. La nuova collezione Massaud, Patrick Norguet, Ora-Ïto, silver to smithery is never quite
dell’acciaio e del vetro potrebbe De Vecchi Too parte dal passato, Ludovica and Roberto Palomba predictable. Thus it serves as a
rendere monotono passeggiare sotto rispettandone un assunto and Patricia Urquiola – to work on metaphor of life in Jean Marie
questa “strada coperta”. Nemesi imprescindibile: l’argento come a collection of contemporary Rodolfo Dordoni inventa una teoria di Massaud’s Mirrors, the concave
storica: da una città che oggi materiale speculare, dotato di silverware. He brought together cerchi per il sottopiatto Vasarely surfaces of Tom Dixon’s Tube vase
racconta le difficoltà di un mercato proprietà riflettenti che vengono Italian and foreign designers, both Rodolfo Dordoni invented a sequence and the play of light and sound in
dell’automobile in crisi, parte il interpretate nel disegno di oggetti di up-and-coming names and better- of circles for the Vasarely platter Patricia Urquiola’s Moonlace. LB

William Sawaya disegna Maxima, William Sawaya designed Maxima,


sedia e poltrona, per Sawaya e Moroni. a chair and armchair, for Sawaya &
Progetto intelligente, dove l’aspetto Moroni. It is an intelligent design
formale è risolto nella continuità della in which the form is resolved in the
seduta che diventa schienale curvato continuity of the seat and back, which
su se stesso (quasi un ricciolo curves in on itself in a sort of baroque
barocco). La poltrona diventa sedia scroll for a cushioning effect.
riducendo l’apertura dei braccioli The armchair becomes a chair
avvolgenti, quindi con una semplice by reducing the aperture of the
modifica del disegno della scocca, arms and with a simple change to
che è in poliuretano compatto e the design of the body, which is in
supportata da una struttura in acciaio compact polyurethane supported
inox. La sedia, l’elemento di arredo by a stainless steel frame.
tra i più progettati, provoca il giusto The chair, one of the most frequently
stimolo verso i progettisti: più designed furnishings, always arouses
intelligente l’aspetto funzionale interest from designers: should the
o più accattivante l’estetica? function be stressed or the
Si può rispondere che Bruno Munari appearance? Bruno Munari seemed
aveva capito tutto quando inventò to understood completely when he
la sedia per visite brevissime (e ospiti invented his chair for short visits
poco interessanti). (and uninteresting guests).

26 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio Agosto/July August 2002 27
L’architettura
dell’urbanità
A Copenaghen, con il Henning Larsen’s bank
progetto della Unibank forms a new waterfront
Henning Larsen for Copenhagen.
ridisegna il fronte Text by Sebastiano
sull’acqua. Testo di Brandolini
Sebastiano Brandolini
Fotografia di/
Photography by
Peter Cook

The
architecture
of urbanity
Il complesso è lievemente rialzato
rispetto al piano della banchina e si
affaccia sul mare con eleganti, alti portali
The complex is slightly raised above
the level of the waterfront, with graceful,
tall portals facing the sea
“Quanto deve essere discreta Larsen ha risposto al programma di
l’architettura?” Forse è questa la concorso organizzando l’edificio della
domanda che Henning Larsen si è banca in quattro stecche parallele e in
un corpo a U (a sinistra). Per attenzione
posto nel progettare alcune migliaia di
al contesto i materiali variano nei
metri quadri della sede centrale di diversi prospetti: verso il mare sono
Unibank. Un intervento discreto in impiegati rame brunito e vetro (sotto e
molti sensi verso lo skyline di alle pagine successive), verso la città
Copenaghen e di questo tratto di mare una pietra calcarea che definisce
che assomiglia a un canale; verso il volumi più chiusi (a destra)
tranquillo tessuto cittadino e della Larsen responded to the competition
bella chiesa barocca che occupa il brief by arranging the bank building in
centro del progetto; grazie alla sua four parallel wings plus a U-shaped
morfologia a pettine, che apre vedute block, left. The materials differ
according to the context of each
profonde da una parte e dall’altra, a
perspective: facing the sea are
nord verso l’acqua e a sud verso la
burnished copper and glass, below and
città; discreto e rispettoso infine verso following pages, whereas limestone is
l’architettura moderna che partecipa used for the more closed volumes
all’identità urbana, negli spazi, nei facing the city, right
percorsi, nei materiali e negli arredi.
Dal punto di vista opposto, Unibank è
però anche un edificio coraggioso:
dimostra infatti che è possibile
costruire uffici di grandi dimensioni, in
una situazione urbana molto delicata,
senza provocare stonature o
sconquassi. Si adagia con grazia sulla
riva del mare, instaura un dialogo
diretto con gli edifici monumentali che
si affacciano in questo punto. Si fa Planimetria/Site plan
notare per le tonalità grigio antracite e
per i grandi ma esili portali. Questi anni. Tra i corpi di fabbrica che Vale la pena dunque leggere Unibank
inquadrano l’edificio e il paesaggio formano il ‘pettine’ si aprono spazi come un monumento moderno, con la
portuale che da qui sembra allargarsi aperti sobri e di diverse proporzioni: la sua forma elegante, la prospettiva
in ogni direzione. Quale pubblica loro natura è ibrida, un po’ piazze, un urbana, i materiali raffinati, il ritmo
amministrazione, o quale architetto, po’ vie, un po’ cortili, un po’ giardini. preciso. Sei grandi portali, con echi di
avrebbe scommesso sulla Lungo Strandsgade, sul retro, l’edificio Asplund, cadenzano le teste larghe 16
compatibilità della sede di un grande e si lascia invece modellare dal tessuto metri che si affacciano sul mare. Sono
anonimo complesso di uffici e di un urbano esistente, semplicemente la vera icona del progetto. Rivestiti di
paesaggio così speciale? Unibank tappando gli isolati e utilizzando rame brunito, sono oggetti enigmatici,
occupa quattro edifici a stecca e un l’elegante Christians Kirke (e il suo splendidi nello slancio e nell’eleganza:
blocco a U, cadenzati con regolarità e campanile barocco) come riferimento segnali di un’attenta ricerca sulla
quasi tutti paralleli l’uno all’altro, ma per gli allineamenti e l’altezza. La misura e sul fuori scala degli oggetti,
tra loro comunque leggermente chiesa non resta così assediata dalla a metà strada tra astrazione e
diversi. La testa di ciascun blocco, con presenza del nuovo istituto finanziario, simbolismo. Il fatto che non siano
i suoi spazi più pregiati sull’acqua, non ma viene accolta come un gradito allineati l’uno con l’altro fa sì che
rispetta il filo del suo vicino: una scelta ospite, quasi fosse incorniciata. vengano percepiti in forte
urbanistica importante. Tutto ebbe Forse Unibank, più che essere compressione visiva, come distorti
inizio nel 1995, quando il Labor Market descritta come un edificio, è un attraverso un teleobiettivo.
Pension Fund acquistò l’area ormai tessuto urbano; la sua logica Camminiamo lungo l’acqua e li
dismessa del cantiere navale B&W, per urbanistica, schematica ma efficace, vediamo di taglio come immagini
poco dopo sponsorizzare un concorso lo fa appartenere alla categoria del dinamiche e frastagliate, in cui
per un piano particolareggiato, con il razionalismo maturo tipicamente brandelli di cielo e di metallo si
60% di uffici e il 40% di residenza. Gli scandinavo: che nel rispetto delle sovrappongono creando un
uffici sono stati inaugurati nel 1999, qualità intrinseche delle cose arcipelago di zone scure e chiare.
mentre sono oggi in via di ultimazione i considera la città un luogo tranquillo Nonostante venga da pensare che una
tre isolati residenziali che rispettano la e ordinato, non il luogo ideale dove superficie nera non possa contenere
visione di Larsen, ma saranno compiere esperimenti formali di ombre portate, che ciò che è nero sia
realizzati da altri architetti. Siamo nel architettura. “Il progetto interpreta il sempre una massa neutra e indistinta,
cuore di Copenaghen, proprio davanti quartiere residenziale storico di queste facciate dimostrano proprio il
all’assai discussa nuova Biblioteca: un Christianshavn. I riferimenti trovano la contrario. I portali sono, oltre a simboli
edificio retorico composto da uno loro origine nei vecchi magazzini dei di civitas septentrionalis, anche
ziggurat nero vetrato e un corpo basso mercanti (che si disponevano trappole di luce. Unibank è un’opera
bianco a forma di prua. Ambedue perpendicolari a Strandsgade) e secca e senza sbavature, ma non
lambiscono una strada di grande nel piano rinascimentale di Johan indifferente ai fenomeni della natura.
scorrimento. Sulla sponda opposta, Semp del 1617, che prevedeva Le facciate ovest dei corpi che danno
quella di Unibank, lungo l’acqua c’è un’espansione residenziale del sull’acqua contengono grandi gabbie
invece un camminamento pubblico, quartiere”, si legge nella relazione nere, squadrate e sporgenti, che
che dovrebbe crescere nel corso degli del progetto. illuminano la città di notte e nei mesi

Prospetto lungo l’acqua/Waterfront elevation

30 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Maggio May 2002 31


32 Domus Maggio May 2002 Domus Maggio May 2002 33
La struttura a pettine è
prospetticamente mossa
dall’allineamento irregolare delle
stecche (a destra). Le testate nere,
larghe 16 metri, contrastano
fortemente con il campanile barocco
della chiesa retrostante (a sinistra)
The perspective of the comb-like
structure is transformed by the
irregular alignment of the elongated
wings, right. The black volumes, 16
metres wide, contrast strongly with
the baroque bell tower of the church
behind, left

invernali; le facciate est sono invece demarcazione tra davanti e dietro è spaces can be built within a highly
curtain wall vetrati. Il tema della data dai ponti trasversali di vetro che sensitive urban situation without
scatola è ricorrente nell’opera di collegano le diverse stecche del hitting a wrong note or wreaking
Larsen. Spesso compone insieme pettine. I 1700 dipendenti che havoc. The new architecture sits
scatole semplici, fatte di materiali quotidianamente percorrono questi gracefully on the seafront, establishing
diversi, incastrandole e facendole ponti godono di uno straordinario a direct dialogue with the monumental
sporgere l’una rispetto all’altra, con doppio affaccio. Ed è proprio buildings in front of it. It is notable
portali che fanno da giunti e da giocando su questa doppia identità – for its dark grey tones and large but
segnali. Così accade al Mærsk la Copenaghen di stato a nord e la slender portals that frame the building
McKinney Møller Institute of Copenaghen del porto a sud – che and through which the port seems to
Production Technology a Odense, Larsen gioca la sua partita con il spread in all directions. What public
oppure al Mærsk Training Centre a contesto. authority, or architect, would have
Svendborg, e anche al Danish Design bet on the compatibility of a large and
Centre a Copenaghen. Con Unibank il The architecture of urbanity anonymous office complex with such
tema della scatola ha un fine poetico: ‘How discreet should architecture a special scene? Unibank’s U-shaped
rende possibile lo stacco dalla quota be?’ is what Henning Larsen might structure and four wings are spelled
della passeggiata e dà l’impressione have been wondering when he started out regularly and are almost all parallel
che l’edificio leviti – come una palafitta designing the few thousand square to one another, though just slightly
– sopra la banchina. Lo sbalzo è di metres that comprise Unibank’s different. The ends of each block, with
circa ottanta centimetri, equivale al central headquarters. And indeed their smartest spaces on the
dislivello tra la banchina e l’acqua ed è his work is in many ways discreet, in waterside, are not strictly in line with
efficacemente illuminato dal sotto. Si its relationship to the Copenhagen their neighbours: a significant choice
rafforza così l’effetto metafisico e skyline and to a stretch of sea that of plan.
fantastico dell’edificio, in linea con resembles a canal. It is discreet, too, It all started in 1995, when the Labour
l’idea stessa che Copenaghen vuole in its rapport with the city’s calm fabric Market Pension Fund bought the
offrire di sé. and with the baroque church that disused former B&W shipyard site
Sul retro, lungo il percorso tortuoso di stands at the centre of the complex. and shortly afterward sponsored
Strandsgade, l’edificio si fa più sobrio. Here the discretion is achieved by a competition for a master plan to
Qui, dopo essere entrati in una corte means of the bank’s comb-shaped contain 60 per cent office and 40
d’onore, si accede al grande spazio a morphology with vistas opening on per cent residential space. Larson’s
tutta altezza dell’ingresso, con appesa either side, facing the water to the offices were opened in 1999, and
in alto la scatola della sala consiliare. north and the city to the south. It is other architects are currently
L’ingresso, va detto, non è facile da also respectful toward a modern completing three residential blocks in
trovare. Su questo lato cittadino, le architecture that participates in tune with his overall concept. This is
facciate non sono più nere ma Copenhagen’s urban identity, through the heart of Copenhagen, right in front
bianche, rivestite di pietra calcarea. its spaces, communications, materials of the controversial new public library,
Non vi sono più volumi scatolari and furnishings. From the opposite a rhetorical building formed by a
sporgenti o facciate continue, ma point of view, Unibank is a bold glazed black ziggurat and a low white
finestre a filo muro. La linea di building, proving that large office section shaped like a ship’s bow. Both

34 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Maggio May 2002 35


Gli spazi interni sono improntati alla
massima chiarezza distributiva e alla
luminosità sia degli ambienti di lavoro
(in queste pagine) che di quelli ricreativi
(alle pagine successive)
The internal spaces are characterized
by extreme clarity of distribution and
illumination in both the work areas,
these pages, and recreational
environments, following pages

stand close to a busy artery. On the


Unibank side opposite, a public path
along the embankment is expected to
be extended in the future. Opening
between the wings of the main ‘comb’
structure are sober spaces of varying
sizes, a hybrid mixture of plazas,
1 roads, courtyards and gardens. Along
2 the Strandsgade behind, the building
adapts to the pattern set by the
existing constructions simply by
closing off the blocks and looking to
4 the elegant Christians Kirke (and its
3 baroque bell tower) for its alignments
and height. Rather than being
hemmed in by the new bank, the
church is thus welcomed as an
2 6 2 honoured guest. Unibank might
perhaps be described not so much as
a building as a piece of urban fabric.
Its logic, schematic but effective, puts
it into a class of mature rationalism
that is typically Scandinavian. In its
respect for the intrinsic quality of
things, it treats the city as a quiet and
tidy place rather than an ideal
2 6
background for experiments in
architectural form. According to the
project report, ‘The design interprets
the historic residential quarter of
Pianta del terzo piano/
Third-floor plan
Christianshavn. Its references stem
from the old merchant warehouses
1 mensa/canteen (perpendicular to the Strandsgade)
2 uffici open space/
and from the Renaissance plan drawn
open-plan offices
3 atrio/foyer
up by Johan Semp in 1617, which
4 sala conferenze/ envisaged a residential expansion
2 of the quarter’. It is therefore worth
6 conference room
5 5 ufficio/office looking at Unibank as a modern
6 sala riunione/meeting room monument, with its elegant form and

36 Domus Maggio May 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 37


38 Domus Maggio May 2002
Le passerelle vetrate che collegano
trasversalmente i blocchi a stecca
offrono la doppia vista sul mare e sulla
città storica (a sinistra). Nel grande atrio
d’ingresso continua l’uso della pietra
calcarea che riveste gli esterni. Il
blocco dell’ascensore è elegantemente
celato da pannelli di vetro opalescente
(a destra)
Glazed walkways linking the wings offer
a dual view of the sea and the historic
centre, left. The use of limestone for
the external cladding is carried into the
entrance hall. Opalescent glass panels
elegantly conceal the lift well, right

urban perspective, stylish material and smudges or rough edges, yet it is fantastic effect produced by the Progetto/Architect:
precise rhythm. Six large portals, with not indifferent to the phenomena of building is further enhanced, true to Henning Larsen Tegnestue A/S
echoes of Asplund, mark the end of nature. Built onto the west fronts of the image of Copenhagen that the Gruppo di progettazione (concorso)/
Design team (competition): Henning Larsen,
each wing, 16 metres wide and facing the structures facing the water are city would like to convey. At the back,
Michael Christensen, Louis Becker, Dorte
the sea. The portals are indeed the large, square, protruding black cages along the twisting Strandsgade, the Mandrup-Poulsen
icons of the entire design. Clad in that illuminate the city at night and in building looks more sober. Here, Collaboratori al progetto definitivo/
burnished copper, they rise like winter. The east facades are glass after passing through a ceremonial Collaborators on final design: Bo Boje Larsen,
enigmatic objects, resplendent in their curtain walls. Simple box shapes are courtyard, you come to the broad, Mette Kynne Frandsen, Louis Becker, Bent
impetus and style. They signal a subtle a leitmotif of Larsen’s work, often full-height entrance space, with the Ellegaard, Claus Norup, Henrik Lund Olesen,
understanding of measure and scale, executed in different materials and council hall box suspended above it. Jan Besiakov, Anders Park, Lors Bo Lindblad,
halfway between abstraction and juxtaposed, interlocking to create The entrance, it should be said, is not Ove Mørup, Solveig Nielsen, Dorte Vinterberg,
symbolism. Their being slightly out of varying projections, while portals act easy to find. On this side of the city, Charlotte Bigom, Jesper Malmkjær, Ingela
Larsson, Birte Bæk, Jesper Nielsen, Jakob
alignment, moreover, conveys a sharp as joints and signals. Examples may the fronts are no longer black but
Kurek, Hans Amos Christensen, Jytte
sense of visual compression, as if be seen at the Mærsk McKinney white, clad with limestone. Rather Jakobsen, Anette Engelund, Pernille
distorted through a lens. If you walk Møller Institute of Production than box-like overhangs or continuous Møllenberg, Jørgen Søgaard, Søren Katborg,
along the waterfront you see them Technology at Odense, the Mærsk facades, there are windows flush Peter Munch, Stig Ib Christensen
obliquely as dynamic, jagged images, Training Centre in Svendborg or the with the wall. Transverse covered Strutture/Structural engineering:
with patches of sky and metal Danish Design Centre in Copenhagen. glass footbridges connecting the Cowiconsult A/S
overlapping to create an archipelago With Unibank, the box theme serves different wings provide the Progettazione paesaggistica/
of chiaroscuro islands. You might think a poetic purpose. By allowing a demarcation line between front and Landscape design: Sven-Ingvar Andersson
a black surface would not receive cast detachment from the level of the back. The 1,700 employees who daily Landskabsarkitekt Ap S – Sven-Ingvar
Andersson, Lise Schou, Kerstin Johansson
shadows, that what is black must waterfront, it seems to lift the building cross these walkways enjoy a
always be a neutral, indistinct mass. – as if it were on stilts – above the spectacular double panorama. And
But these facades demonstrate wharf. The difference in height – about it is by playing on that dual identity –
precisely the opposite. The portals, 80 centimetres, equivalent to that the city of Copenhagen to the north
besides symbolizing a rich tradition of between the wharf and the water level and the port of Copenhagen to the
Nordic culture, are also collectors of – is effectively illuminated from below. south – that Larsen comes to terms
light. Unibank is a crisp work with no In this way the metaphysical and with his context.

Prospetto nord-est/Northeast elevation

40 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Maggio May 2002 41


La torre rastremata occupa un lotto
estremamente prestigioso, per quanto
di dimensioni molto ridotte (8x25
metri),nel cuore di Manhattan

The tapering tower stands on a highly


prestigious, albeit small (8 by 25
metres), site in the heart of Manhattan

L’Austria a
New York

Dopo dieci anni, Ten years in the


la slanciata torre di making, Raimund
Raimund Abraham, Abraham’s slender
sede del Centro tower housing
culturale austriaco, Austria’s cultural
è finalmente ultimata. centre is finished
Ce ne parla at last. Michael Webb
Michael Webb reports
Fotografia di/
Photography by
Michael Moran

Austria in
New York

42 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 43


Il volume è stato articolato The whole has been divided into three
antropomorficamente in tre elementi: anthropomorphic parts: vertebra
vertebre (le scale antincendio, allineate (straight fire escape at the rear), core
sul retro), torso (il corpo di fabbrica), (the main body of the building) and
viso (la facciata inclinata e disegnata face (the strongly detailed tilted
con forti dettagli), in queste pagine. facade), these pages. The design
La gestione del progetto e della and construction took ten years to
costruzione è durata dieci anni (sotto, complete (below, the site)
a destra, il cantiere)

Raimund Abraham fa parte di quella strada l’edificio appare a prima vista


lunga schiera di immigrati dall’Austria eccessivamente sottile e spigoloso,
che nel tempo hanno rivelato come una di quelle torri ‘firmate’ che
all’America il lato più segreto e aspro furono infilate nel centro di Tokyo
della cultura europea. La torre durante gli anni Ottanta: ma mentre
rastremata del Forum Culturale quei pretenziosi edifici erano stati
Austriaco di New York (un progetto che progettati soprattutto per apparire,
ha ormai dieci anni) è finalmente quasi come giganteschi tabelloni
terminata e funzionante. L’area su cui pubblicitari, la torre di Abraham è
insiste, di limitate dimensioni ma di rigorosa, coerente e molto rispettosa
grande rilievo urbanistico, si trova nel del tessuto urbano. Le facciate
cuore di Manhattan, in un isolato a sud bianche dell’albergo e degli uffici ai lati
del MoMA e del nuovo American sono parzialmente arretrate rispetto
Museum of Folk Art: sulla stessa all’allineamento dell’edificio, così che il
strada su cui si affacciano la CBS di Forum alla base sporge in avanti, e poi
Eero Saarinen e il Seagram Building di digrada per 86 metri di altezza,
Mies van der Rohe. In forte contrasto rientrando nel profilo di questa parte
con queste icone rettilinee e i loro della città. Pannelli di zinco rivestono
fiacchi epigoni, la torre di Abraham è il cemento delle pareti laterali e della
come un coltello affondato nella scala, percorse da tagli diagonali.
‘pasta’ del tessuto urbano. È uno A metà altezza, la cascata di vetro
schiaffo alla reazione politica ed colorato della facciata è interrotta da
estetica, che potrebbe scuotere New due rientranze e relative sporgenze; la
York e, come un catalizzatore, scansione ritmica è completata da
contribuire ad aprire la città elementi verticali e da aperture a
all’architettura d’avanguardia. In spigoli vivi, che hanno tutti una
origine il Forum aveva sede in un funzione specifica, oltre a quella di
palazzetto di cinque piani acquistato riportare la torre all’ortogonalità del
nel 1958. Ben presto però esso si rivelò contesto. La più vistosa di queste
insufficiente, e dopo molte discussioni sporgenze è un prolungamento vetrato
il governo austriaco decise di usare dell’ufficio del direttore al settimo
l’area per costruire una nuova struttura piano, una specie di belvedere che
che si sviluppasse maggiormente in serve anche come studio. Le esigenze
altezza (anche se il lotto misurava del Forum erano quelle tipiche di ogni
meno di 8 metri in larghezza e appena istituto di cultura: spazi versatili per
25 in profondità). Indetto un concorso mostre e manifestazioni varie, sale per
riservato esclusivamente ad architetti conferenze, incontri e seminari, una
nati in Austria, la giuria (di cui facevano biblioteca, uffici, e un appartamento
parte Kenneth Frampton, Richard per il direttore. Ma la verticalità della
Meier e Charles Gwathmey) scelse la struttura e il piacere della
proposta di Abraham fra quelle di altri sperimentazione sono stati uno
225 concorrenti . Le caratteristiche del stimolo per Abraham e l’hanno portato
sito e le restrittive norme edilizie a creare un interno trasparente e
urbane hanno influito sul progetto di permeabile. Verso strada una parete di
Abraham, che ha saputo trasformare le vetro rende visibile l’atrio con il
costrizioni in vantaggi. Per garantire le semicilindro di acciaio inossidabile del
due uscite di sicurezza richieste dai nucleo dei servizi. Un lucernario al
vigili del fuoco, l’architetto ha collocato secondo piano illumina la parte
scale a forbice sul retro dell’edificio, in posteriore dell’atrio, le sottostanti
modo da lasciare sgombro il resto del gallerie espositive a piani sfalsati e gli
piano di calpestio: di queste scale con spazi di riunione, oltre a consentire la
rampe che si intersecano, egli dice vista della facciata posteriore arretrata
poeticamente che “lottano per della torre. Scale leggere collegano le
raggiungere l’infinito, come la colonna piattaforme delle gallerie e conducono
senza fine di Brancusi”. Per il Forum a un teatro interno a due livelli che può
Abraham ha ideato una struttura ricevere la luce naturale quando se ne
tripartita: Vertebre (le scale), Torso (la ripiegano le pareti-schermo di legno.
torre di venti piani), Maschera (il curtain La luce fa da filo conduttore per chi
wall digradante della facciata). Dalla visita questo edificio, osserva Sezione longitudinale/Longitudinal section

44 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 45


Il fronte monumentale rende
inconfondibile la torre nella
prospettiva della strada. Pannelli
di zinco rivestono le facciate laterali

The monumental front makes the


tower unmistakable from the street.
Zinc panels clad the lateral facades

46 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 47


Nello sviluppo dei suoi ventiquattro On its 24 storeys the tower houses
piani la torre ospita spazi espositivi, exhibition spaces, halls for cultural
locali per manifestazioni culturali, events, a theatre, a library, offices
un teatro, una biblioteca, uffici and a split-level apartment for the
e un appartamento su più livelli per centre’s director
il direttore

Abraham. Si arriva dalla luce


dell’esterno e ci si sposta verso la luce
che filtra sul retro penetrando dalla
facciata nord. Il percorso è indicato
dalla scala e dal fluire dello spazio:
è l’edificio stesso che suggerisce al
visitatore dove dirigersi. Poiché i
diversi piani sono raggiungibili in pochi
secondi, per la presenza Pianta delle coperture/Roof plan
dell’ascensore, e il numero dei
visitatori è contenuto, Abraham ha
alternato nell’edificio spazi pubblici e
spazi privati. Nella biblioteca a doppia
altezza, situata sopra il teatro, una
scala sale dalla zona delle scaffalature
dei libri alla sala di lettura al mezzanino.
Ai livelli sei e undici si trovano studi e
uffici ai livelli intermedi.
All’appartamento del direttore si
accede passando attraverso la sala
da pranzo al diciannovesimo piano
e percorrendo poi una elegante scala Sedicesimo piano: appartamento del direttore/Sixteenth floor: director’s apartment
a spirale di acero che scende al
soggiorno, alla camera da letto
principale e alle camere dei figli. Alla
sommità della torre in cui si trovano,
debitamente schermati, i depositi
dell’acqua e gli impianti tecnici, c’è
anche un terrazzo riparato che viene
usato per i ricevimenti: da questo
terrazzo la vista spazia dalla 52esima
strada fino ai due fiumi di New York,
l’East River da un lato e l’Hudson
dall’altro. Per il direttore Christoph Secondo piano: teatro/Second floor: theatre
Thun-Hohenstein, un diplomatico che
si è trasformato in impresario culturale,
il ruolo del Forum è quello di favorire
la collaborazione fra gli Stati Uniti,
l’Austria e i Paesi a essa vicini nel
campo dell’arte del nuovo secolo.
Egli ricorda che cento anni fa Vienna
fu il perno di un’avanguardia
internazionale, la città in cui Freud e
Schoenberg, Otto Wagner e Adolf
Loos gettarono le basi della modernità.
Dopo la prima guerra mondiale
Primo e secondo mezzanino: esposizioni e caffetteria/First & second mezzanine: exhibits and café
l’Austria perse il suo impero, si ritirò in
se stessa, aprì le braccia al nazismo
e distrusse la cultura ebraica locale.
Provato dalla sconfitta e
dall’isolamento, questo piccolo Paese
ha tuttavia nutrito una nuova
generazione di artisti e di creatori: il
Forum può diventare la loro vetrina, in
una città in cui gli affitti altissimi hanno
sospinto nei sobborghi le avanguardie
più vivaci. La recente apertura,
nell’Upper Side di New York, della
Neue Galerie, un piccolo, prezioso Piano terra: reception e esposizioni/Ground floor: reception and exhibitions

48 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 49


Dettagli strutturali enfatizzati
contribuiscono a caratterizzare
formalmente l’edificio

Accentuated structural details


help to formally characterize
the building

50 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 51


Una scala leggera collega i due livelli A slight staircase links the two
della biblioteca (sotto), mentre struttura library levels, below, and the structure
e luce naturale modellano gli interni and natural light mould the interiors,
(pagina a fronte). Fino alla metà di opposite page. The institute will
agosto, l’Istituto ospiterà la mostra host the exhibition TransModernity:
“TransModernity: Austrian Architects”, Austrian Architects, organized by
curata dall’Architekturzentrum Wien the Architekturzentrum Wien,
through mid-August

museo dell’arte dell’inizio del Brancusi’s endless column’. He dictated by the stair and the flow of
Novecento a Vienna, ha sollevato il conceived a threefold division between space. The building tells you where to
Forum dal compito di trattare “i Vertebra (the stairs), Core (the 20- go. Understanding that widely
pionieri” di quel periodo e gli consente storey tower) and Mask (the stepped separated floors are only seconds
di concentrarsi sul presente e sul curtain wall of the facade). From the apart by elevator and that visitor
futuro. È stato fissato un programma street, the building appears to be as numbers are small, Abraham has
ambizioso che supera i confini exaggeratedly thin and angular as one interspersed public and private
tradizionali fra discipline, si of the towers shoehorned into Tokyo spaces. The double-height library
avvantaggia di tutte le risorse della during the bubble years of the 1980s. above the theatre has a stair linking the
rivoluzione elettronica e parte dal But those pretentious edifices were book stacks to the mezzanine reading
modernismo per andare oltre. designed for show, like vertical room. There are loft-like studios on
billboards, whereas Abraham’s is levels six and eleven, one with
Austria in New York Raimund rigorous, lucid and surprisingly bleachers set against the windows and
Abraham is one in a long succession of respectful of the urban grain. The wide the steel tubes that cross-brace the
Austrian émigrés who have revealed facades of the hotel and office to either concrete frame, and staff offices in
the darker, more astringent side of side are partially set back from the between. The director’s apartment is
European culture to America. The building line, allowing the Forum to entered through the 19th-floor dining
tapered tower he designed ten years step forward at its base and lean back room, with an elegant maple stair
ago for the Austrian Cultural Forum in 86 metres to fit within the zoning spiralling down to the living room,
New York is finally up and running. Its envelope. Zinc panels clad the master bedroom and children’s rooms.
tiny but prominent site is in the heart of concrete sides and the stair wall, with Below the peak of the tower, which
Manhattan, a block south of MoMA its diagonal slit openings. The cascade shields the water tank and mechanical
and the American Museum of Folk Art, of tinted glass down the facade jogs equipment, is a partially enclosed
on the same street as Saarinen’s CBS inward twice at the halfway point, and terrace for receptions that commands
and Mies van der Rohe’s Seagram this rhythmic punctuation is views down 52nd Street to the East
Building. In sharp contrast to these complemented by vertical elements and Hudson Rivers. For director
rectilinear icons and their debased and sharp-etched openings, all of Christoph Thun-Hohenstein, a
progeny, Abraham’s tower is a knife which have useful roles to play besides diplomat turned cultural impresario,
slicing through the blocks of dough relating the tower to its orthogonal the Forum’s role is to foster
that flank it. It’s a slap in the face of context. The Forum’s needs were collaboration between the United
reaction, political and aesthetic, and typical of cultural institutes: versatile States, Austria and its neighbours in
may yet prove to be a catalyst for exhibition and performance spaces; the arts of a new century. He recalls
New York and its exposure to the rooms for classes, meetings and how Vienna was the hub of a
architecture of the avant-garde. The seminars; a library; offices; and an multinational avant-garde a century
Forum was originally based in a five- apartment for the director. However, ago: the city where Freud and
storey town house that it acquired in the verticality of the structure and the Schoenberg, Otto Wagner and Adolf
1958. But the organization quickly focus on experimentation challenged Loos laid the foundations of modernity.
outgrew it, and after considerable Abraham to create an interior that is After the First World War, Austria lost
discussion the Austrian government transparent and permeable. An its empire, turned inward,
decided use the site for a new expanse of glass opens the lobby and enthusiastically embraced Nazism
structure that took fuller advantage of its stainless steel half-cylinder service and destroyed its Jewish culture.
the zoning limits to go much higher, core to the street. A second-floor Chastened by defeat and isolation,
although still restricted to a site less skylight illuminates the rear of the this small state has nurtured a new
than eight metres wide and just lobby, the split-level galleries below generation of creative artists, and the
twenty-five deep. Kenneth Frampton, and the gathering places above while Forum can showcase their work and
Richard Meier, and Charles Gwathmey also revealing the rear facade of the enlighten a city where high rents have
were on the jury that picked Abraham’s tower. Flying stairs connect these banished the cutting edge to the outer
submission over 225 other entries in a floating platforms and lead up to an boroughs. The recent opening of the
competition restricted to Austrian-born intimate two-level theatre that can be Neue Galerie, a jewel-box museum for
architects. The vestigial site and the naturally lit by folding back wooden the arts of early-20th-century Vienna
city’s restrictive building code shaped screens. Light itself becomes the on New York’s Upper East Side, has
his design, which turned these guiding factor in a visit to this building. relieved the Forum of its responsibility
constraints to advantage. To provide You enter from the light of outdoors to deal with the pioneers, and now it
the two escape routes required by the and move toward light filtering from the concentrates on exploring the present
fire department, Abraham placed north facade at the back. Because of and the future. An ambitious
scissor stairs at the rear of the building this arrangement of space and programme is planned that leaps over
to free up the rest of the floor plate; he structure, visitors can visualize the traditional boundaries, exploits the
poetically describes these intersecting entire experience from the moment electronic revolution and takes
staircases as ‘striving for infinity like they enter the building; the path is modernism as its point of departure.

Progetto/Architect: Strutture/Structural engineering: Ingegneria elettrica/Electrical engineering: Finanziatore/Developer:


Atelier Raimund Abraham – Raimund Abraham Ove Arup & Partners – Mahadev Raman Ove Arup & Partners – Tom Smith, Bundesimmobiliengesellschaft m.b.H.
Coordinatori del progetto/Project coordinators: (direttore/principal in charge) Steve Walker Varughese Cherian, Peng Si Rappresentante del finanziatore/Developer
Simone Giostra, Peter Leeb, John Veikos, (gestione progetto/project manager), Direzione cantiere/Construction management: representative: Hanscomb Inc.
Jeff Brown Guy Norensen, Dieter Feurich, Pete Tillsn, Barney Skanska Construction Co.
Collaboratori/Collaborators: Ricardo Pittella, Leo Argiris (calcoli/structural) Consulente facciata/Curtain wall consultant:
Anders Abraham, Chris Barlieb, Jennifer Ingegneria meccanica/Mechanical engineering: RA Heintges Architects Consultants
Whitburn, Catherine Seavitt, Frank Thinius, Ove Arup & Partners – Ray Quinn, Louis Arzano, Proprietario/Owner:
Mike Derker, Maya Ballen Rebecca Welch, Greg Giammalvo, Fiona Cousins Repubblica Austriaca, Ministero Federale
Affari Esteri/Republic of Austria, Federal Ministry
for Foreign Affairs

52 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 53


La Fondazione Sandretto Re The new Sandretto Re Rebaudengo
Rebaudengo, nuovo centro per l’arte Foundation centre for contemporary art
contemporanea in via Modane a in Via Modane, Turin, will be officially
Torino, sarà inaugurata ufficialmente opened in September with the
a settembre, con la mostra “Exit. exhibition Exit. Geografie della nuova
Geografie della nuova creatività creatività italiana, featuring 62 young
italiana”: 62 giovani artisti riempiranno artists. Engraved on the entrance, right,
lo spazio oggi così astratto. Sul portale is the foundation’s star emblem
d’ingresso (a destra) è incisa la stella,
simbolo della Fondazione

Democrazia
purista
Purismin
the suburbs
L’edificio nuovissimo di Claudio Silvestrin’s
Claudio Silvestrin per la new gallery for
Fondazione Sandretto the Sandretto
Re Rebaudengo a Re Rebaudengo
Torino reclama parità e Foundation in
autonomia di arte e Turin puts art and
architettura. Stefano architecture on
Casciani ne racconta equal terms. Stefano
storia e protagonisti Casciani reports

Fotografia di/
Photography by
Gabriele Basilico
L’edificio è un parallelepipedo rivestito The building is an oblong clad with
di pietra leccese (sopra), con spazi Lecce stone, above. The inside
interni lasciati liberi da ostacoli visivi spaces have been left free of visual
(pagina a fronte). Definito modestamente distractions, opposite. The building
dal progettista “un lungo capannone”, è that the designer calls a ‘long shed’ is
inserito nel giardino di quartiere (alle inserted in the neighbourhood park,
pagine seguenti): il progetto originario following pages. Silvestrin had planned
prevedeva uno “sculpture garden”, ma it as a sculpture garden, but the local
la comunità gli ha preferito un prato community opted for a bare lawn and
spoglio e qualche panchina the odd bench

Ogni tanto un piccolo choc culturale con le giuste deformazioni, affinché una visione dell’architettura insieme sono riuscite a bloccare a lungo la
fa bene. L’ultimo che ricordo è forse diventi spettacolo e mercato: ma con responsabile e liberale. Così quando è costruzione della Fondazione. Tanto
ancora quello di una mostra a Torino, lo spirito e la tolleranza che solo i apparso (nel 1999) il concorso bandito dunque complesso il contesto, quanto
sei anni fa, curata da Francesco manichei possono avere, e con il dalla Fondazione Sandretto Re semplici, apparentemente, le soluzioni
Bonami e promossa dall’allora professionismo che solo un Rebaudengo per un edificio che di Silvestrin: un parallelepipedo
neonata Fondazione Sandretto Re progettista svezzato ospitasse l’arte e molte attività ad essa volutamente semplificato, “un lungo
Rebaudengo, con il forte impulso dall’anglosassone sistema del “do or legate nella difficile città di Torino, capannone” come lo definiva il
di Patrizia Sandretto: si chiamava die” può raggiungere, è riuscito qui a Silvestrin ha lanciato un messaggio di progettista nel testo (anonimo) di
“Campo 6” e annunciava, anche Torino a realizzare un’opera prima che tolleranza e di comprensione. Si presentazione al concorso, sviluppato
se allora non si poteva saperlo, la è modello di democrazia per molti dei trattava di edificare una costruzione su “un’orizzontalità dettata dalla
generazione di nuovi artisti che oggi progettisti ormai specializzati in musei completamente nuova su un sito già necessità di gestire intelligentemente
nel mondo domina la scena e affini. La lezione paterna di AG produttivo, in cui una piccola fabbrica la quotidianità operativa di un museo o
contemporanea più scomoda e, Fronzoni, suo maestro di studi, è stata aveva per molti anni dato lavoro e galleria d’arte”. Questa sensibilità
al tempo stesso, di successo. rilanciata da Silvestrin verso un pensieri ad operai e abitanti del pragmatica deve aver catturato
Dai terribili fratelli Chapman, con i loro mondo, quello della moda, che per quartiere San Paolo. Divenuta l’area l’attenzione di Patrizia Sandretto,
squartamenti ammonitori, alle trovate tanto tempo ha fatto finta di essere il disponibile per il progetto che la Presidente della Fondazione, e di
populiste di Maurizio Cattelan, fino al migliore di quelli possibili, quanto a Fondazione voleva realizzare, sono Francesco Bonami, allora membro
sorprendente litigio a doppio schermo fantasia, inventiva e sregolatezza. naturalmente cominciati i conflitti della Giuria del concorso, ora Direttore
tra due (probabili) amanti, di Sam Poi, quasi all’improvviso, tanta tipici, tra la disputa da condominio e della stessa Fondazione e più
Taylor Wood, la sequenza dei vivi sregolatezza si è dovuta sottomettere la comprensibile ansia di un tessuto recentemente nominato alla Direzione
fantasmi che popolavano la GAMC alle leggi dell’ordine: e quegli stessi sociale che raramente vede di buon della prossima Biennale d’Arte di
di Torino rimane indelebile nella grandi clown che in molte repliche occhio le intrusioni della cultura ‘alta’. Venezia. Sotto la scarsa loquacità di
memoria. avevano intrattenuto il pubblico, alto, Tutto il mondo alla fine si conferma Bonami, si nasconde una capacità
Claudio Silvestrin pare conoscere medio e basso, con spazi ciarlieri e paese: così misteriose forze brillante di gestire processi decisionali,
bene questo volto dell’arte d’oggi, civetterie infinite, si sono rimessi nelle sotterranee, analoghe a quelle che catturare occasioni e persone capaci
il suo assolutismo perfino dispotico, mani dei sacerdoti della purezza, del hanno fatto sì che la splendida di dare spazio alle opere in una libertà
l’aspirazione a diventare mondo essa minimo indispensabile. Una simile casa/calco realizzata da Rachel quasi totale: in questo Bonami risulta
stessa, la sua predisposizione a palestra ha irrobustito l’energia Whiterhead a Londra qualche anno molto democratico e molto
ripetere il racconto reale dell’esistenza progettuale di Silvestrin, fino a dargli fa venisse distrutta a furor di popolo, americano, o americanizzato, visto
Planimetria/Site plan

56 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 57


58 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 59
60 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 61
16 16 16

15 8
16 16
16

17

1 ingresso/entrance 10 cucina/kitchen
2 sala d’esposizione/exhibition hall 11 laboratorio/workshop
3 spazio proiezioni/video room 12 magazzino/storage
4 galleria/gallery 13 locale tecnico/plant room
Pianta del primo piano/First floor plan 5 libreria/bookshop 14 alloggio del custode/porter’s lodge
6 sala Internet/Internet room 15 ristorante/restaurant
0 10 20 M 7 laboratorio didattico/ 16 ufficio/office
learning laboratory 17 archivio/archive
8 sala conferenze/conference room
9 caffetteria/café

C D E

6
A 10 A

8 7 3 2 11 12

5 1 4 B
B

13
C D E

Pianta del piano terra/Ground floor plan 13


I sottili tagli verticali e i portoni in The slender vertical apertures and the
legno di cedro (alle pagine precedenti) cedar entrance doors, preceding pages, 13
scandiscono il fronte in pietra lend rhythm to the Lecce stone facade,
13
leccese, lunghissimo muro semicieco. a long half-blind wall. Visitors are
All’ingresso (sopra), un lungo bancone, greeted in the entrance hall, above, 13
pure in legno di cedro, accoglie by a long counter, also in cedar
14
i visitatori
13

che da molti anni vive a Chicago. Così gigantesca sala d’esposizione, Questa potrà scatenarne l’indifferenza even the surprising dual-screen
non deve essergli sembrato vero di diventa poi labirintico nelle zone e l’avversione o dare loro altri choc argument between two (probable)
trovare finalmente, tra i tanti, un funzionali, con accenti domestici nelle benefici, ma l’architettura che la ospita lovers by Sam Taylor Wood, the
architetto che non volesse erigere il parti conviviali – visto che comunque sarà comunque come lo scenario sequence of living ghosts that
proprio monumento personale o tutte queste sono anche proprietà della democrazia, su cui ogni inhabited Turin’s GAMC remains an
Sezione longitudinale AA/Longitudinal section AA
quello al suo committente. dell’architettura ‘normale’. protagonista è ammesso, purché indelible memory.
Eppure, trascorrendo nel tempo per le Questo lavoro di Silvestrin attinge rispetti le sue regole. Barare è Claudio Silvestrin seems very familiar
lunghe prospettive di questa fabbrica, invece all’idea di arte perché l’edificio, consentito solo agli artisti: dai quali with this side of today’s art – its
dal cantiere all’opera finita, tutto insieme, sembra invocare qui ci aspettiamo per il futuro molte despotic absolutism, its aspiration to
soffermandosi a pensare ogni soprattutto come una necessità il “menzogne che dicono la verità”. become a world unto itself, its
dettaglio, e assistendo infine al primato della costruzione sulla tendency to repeat the real tale of
risultato materiale delle idee, il scenografia, del contenuto sulla Purism in the suburbs A small existence with the appropriate
visitatore smaliziato capisce forma, dell’agire sul descrivere. cultural shock is a good thing every distortions, so that it becomes both
benissimo che Silvestrin – mettendo L’arte contemporanea, che anche now and again. The last one I spectacle and commerce. Silvestrin Sezione trasversale CC/ Cross-section CC Sezione trasversale DD/Cross-section DD
in scena uno spazio neutro, aperto quando agisce in realtà racconta, remember was probably six years has learned the lessons of his one-
all’arte, agli artisti e alle loro imita, recita una parte coscientemente ago, a Turin exhibition curated by time teacher AG Fronzoni, so when a
perversioni – ha voluto ed è riuscito a falsa, non può realizzare modificazioni Francesco Bonami and promoted by competition was announced in 1999
creare qui struttura e luogo che hanno oggettive della condizione umana: se the then-new Sandretto Re by the Sandretto Re Rebaudengo
in sé un’oggettiva connotazione non nei rari casi in cui si incontra e Rebaudengo Foundation, strongly Foundation for a building to house art
artistica. Non perché i tagli sottili nel agisce con e nell’architettura. driven by Patrizia Sandretto. The show and related cultural activities in the not
fronte lasciano passare lame di luce Dunque, come i molti visitatori che dal was called Campo 6 and, although always easy city of Turin, Silvestrin Sezione trasversale EE/Cross-section EE
che scandiscono il ritmo lunghissimo mondo vorranno vedere il primo vero they could not have forecast it then, it won the commission to design a
del fronte, non perché la liscia centro per l’arte contemporanea heralded the generation of new artists totally new building on an already
superficie di pietra leccese fa scivolare realizzato in Italia dopo decenni that today dominates the world’s most productive site, where a small factory
su di sé la strana luce del cielo d’inerzia pubblica e privata, anche le awkward and successful had for many years provided jobs for
torinese, che cambia colore e tono persone che abitano il quartiere in cui contemporary scene. From the literally workers living in the San Paolo
dal grigio al turchese accecante: è ormai radicato l’edificio potranno terrible Chapman brothers, with their neighbourhood. When the area
e neanche perché lo stesso spazio, entrarvi, amare o disprezzare (ma non admonitory mutilations, to the populist became available for the project that
che pare tanto immenso e aperto nella ignorare) l’arte che vi sarà contenuta. brainwaves of Maurizio Cattelan and the foundation wanted to create, the Sezione longitudinale BB/Longitudinal section BB

62 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 63


64 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 65
I tavoli disegnati dal maestro di Tables designed by Silvestrin’s
Silvestrin AG Fronzoni (prodotti ora inspiration AG Fronzoni (now made by
da Cappellini) arredano parte degli Cappellini) furnish part of the office
uffici. Gli apparecchi Erco integrano space. Erco fittings supplement the
l’illuminazione naturale, creando una natural light, giving a luminosity that
luminosità che accentua il carattere accentuates the neutrality of the space,
neutro dello spazio (in queste pagine these and preceding pages. While
e nelle precedenti). Il centro ospita ora preparing for the official inauguration,
un’indagine fotografica di Lina Bertucci the centre hosts a photographic survey
sugli abitanti del quartiere of the neighbourhood by Lina Bertucci

characteristic conflicts ensued. High the many, an architect who was not out construction over the setting, of Progetto/Architect:
culture and local politics came into to erect a personal monument to content over form, of acting over Claudio Silvestrin Architects, London,
conflict and succeeded in blocking himself or to his client. Yet, following the describing. Contemporary art, which con/with James Hardwick – SB Tietz &
Partners, London
construction for some time. long perspectives of this construction when it acts also narrates, imitates
Strutture/Structural engineering:
Silvestrin’s solutions are apparently as in time, from building site to completed and plays a consciously false role, SB Tietz & Partners, London
simple as the context was complex. work, pausing to dwell on every detail cannot make objective changes to Gruppo di progettazione/Design team:
An intentionally simplified form, a long and witness the material outcome of the the human condition – except on Claudio Silvestrin, James Hardwick,
shed, as defined by the designer in ideas, the knowledgeable visitor will those rare occasions when it Johanna Eade, Massimo De Conti,
his competition entry, is developed on clearly understand that artists and their encounters and acts with and in the Simona Pieri, Pierluigi Veneziani
the horizontal, dictated by the need for perversions take on new meaning in a architecture. So, like the visitors from Impresa di costruzione/Contractor:
the intelligent control of the routine structure and place that have in all over the world who will want to see Zumaglini & Gallina,Torino
operations of a museum or art gallery. themselves an objective artistic the first true centre for contemporary Committente/Client:
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo,
This pragmatic sensitivity must have connotation. Not because the slender art created in Italy after decades of
Torino
caught the eye of Patrizia Sandretto, apertures in the front allow blades of public and private inertia, the people
chair of the foundation, and that of light to pass through and mark the long living in the neighbourhood where the
Francesco Bonami, then a member rhythm of the facade; not because the building is now embedded will also
of the competition jury and now the smooth Lecce stone surface allows the be able to enter and love or scorn
foundation’s director and the recently strange light of the Turin sky to slide (but not ignore) the art that will be
appointed director of the next Venice over it, changing colour and shade from contained there. This may unleash
Art Biennale. The far from loquacious grey to blinding turquoise; nor even their indifference and aversion or give
Bonami conceals an ability to manage because the space itself, seemingly them more beneficial surprises, but
decision processes, seize so immense and open in the giant the architecture housing it will
opportunities and identify people exhibition hall, becomes a maze in nonetheless be the setting for
capable of creating space for works the functional areas, with domestic democratic culture, to which all are
in almost total freedom. In this Bonami overtones in the most convivial parts of admitted on the condition that they
is extremely democratic and very its architecture. Silvestrin’s work draws respect its rules. Only the artists
American, as he has lived for many instead on the idea of art because the are allowed to cheat; from them we
years in Chicago. It must have seemed building, as a whole, seems to cry out may expect many ‘falsehoods that
impossible to discover at last, among for – as a need – the supremacy of the tell the truth’.

66 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 67


Arte e architettura si confondono nell’immagine
della moda. Testo di Francesca Picchi
In fashion, architecture and art take second
place to image. Text by Francesca Picchi
Fotografia di/Photography by
Andrea Martiradonna

L’arte della griffe

Nel primo negozio Dior Homme,


a Milano, Hedi Slimane, direttore
artistico della griffe, cura l’architettura
The art of
dello spazio insieme all’immagine
globale. La presenza dell’intervento
artistico di Pierre Huyghe all’interno
the brand
dell’architettura di Slimane cerca il
conflitto tra arte, moda e architettura
Hedi Slimane, Dior’s artistic director,
was responsible for the architecture
as well as the overall image of the
company’s first men’s shop, in Milan.
Pierre Huyghe’s art work in the midst
of Slimane’s design raises the difficult
issue of the relationship between
culture and commerce

68 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 69


L’attrazione tra moda e architettura, schierarsi in prima fila: la presenza
di cui tanto si discute come chiaro che più ha suscitato clamore però
segno dei tempi, si basa sul fatto che è stata quella di Yves Saint Laurent
a partire dagli anni Settanta, gli stilisti che platealmente mostrava di
hanno pensato di rivolgersi al lavoro disertare la parata di modelli-cloni che
degli architetti per ampliare Tom Ford aveva allestito in suo onore
l’immagine della propria griffe e aprire per la sfilata della casa che porta
orizzonti che andassero oltre i gretti ancora il suo nome. Mentre intorno
confini del merchandising. Episodi montava l’aspettativa, il primo atto
come quelli nati dalla collaborazione di Slimane da Direttore Artistico delle
tra Shiro Kuramata e Issey Miyake, collezioni Dior Homme (con il controllo
o Calvin Klein e John Pawson, dell’immagine globale della griffe
rimangono esempi validi per tutti. e quindi anche dell’architettura
Come anche, sotto altri punti di vista, dei negozi) è stato disegnare
la collaborazione di Sottsass, Citterio l’atelier-laboratorio da dove sarebbe
e Foster all’identità di Esprit. uscita la nuova collezione: il salon
Oggi nuovi sodalizi (Prada-Koolhaas, sarebbe stato il modello dei negozi
Miyake-Gehry) promettono altri che avrebbero diffuso l’immagine
sviluppi nella concezione degli spazi Dior Homme nel mondo. Così quando
per la moda: mentre il mondo Slimane ha presentato alla stampa
dell’architettura però inizia appena lo spazio che aveva approntato come
a reagire alle teorie sullo shopping immagine di una griffe che, fino a quel
di Koolhaas, il sistema accelerato momento era stata (nella sostanza)
della moda sembra aver già superato espressione di un mondo femminile,
la questione, archiviando il problema è stato subito chiaro che
con la semplice constatazione che quell’ambiente rigoroso, fatto di
i “negozi degli architetti rubano la pochi dettagli curatissimi, con una
ribalta”. Lo star system della moda, certa aura futuristica per i tagli di luce
al cui centro siede lo stilista (ormai che rendono immateriale lo spazio,
molto più famoso delle persone sarebbe stato il riflesso della
che veste), si è reso conto di quanto collezione uomo che aveva in mente
sia importante preservare intatta per Dior. Pur nell’aura di modernità
la propria visione estetica in anticipo sui tempi, lo spirito
ed esprimersi in più di una direzione rappresentato nel salon di
per mettere a fuoco il carattere rue François 1er intendeva esprimere
di un’immagine unitaria continuità con la tradizione classica
e riconoscibile: in una “prospettiva dell’atelier che lo stesso Christian Dior
globale” l’abito ha bisogno aveva immaginato come epicentro
di un contesto culturale allargato. da cui irradiare la propria idea
Da quando Dior è entrato nell’orbita di eleganza. L’allusione velata
di Bernard Arnault (a capo di LVMH), a elementi che quel mito avevano
Hedi Slimane è l’uomo di punta Dior contribuito ad alimentare era tuttavia
Homme. A lui si è affidato il gigante sufficientemente leggibile:
della moda, nello scontro titanico che la moquette grigio-perla, le sedie
l’oppone al gruppo Gucci (che invece Luigi XIV con il medaglione simbolo
ha il controllo di Yves Saint Laurent): della maison al centro dello schienale,
tanto che i giornali, nel dedicargli ampi sono la memoria di un “esprit couture”
spazi, si sforzano di dipingerlo come di cui Dior è l’espressione più
l’anti Tom Ford. Per quanto uno classica. Eppure, sopra ogni cosa
è l’immagine della salute e del il nuovo spazio di Slimane esprimeva
dispensatore di lusso, l’altro appare la sicurezza del suo pensiero per
filiforme e schivo, più incline a quel che concerne la quintèssenza
spendere il suo tempo in una plumbea dell’essere chic. La boutique Dior
Berlino che non sotto il sole sfacciato Homme di Milano, pur mantenendo
di un’isola caraibica. La sua investitura quello spirito e ripetendo quelle
è stata ufficiale quando, alla allusioni, si apre a ulteriori direzioni
presentazione della prima collezione nel confondere i confini tra cultura e
Dior Homme, l’intero stato maggiore shopping: “a ogni spazio di diffusione
della moda parigina è stato visto delle collezioni Dior Homme” (come
La cortina di abiti corre lungo tutto il
perimetro quasi a foderare lo spazio
vuoto e cangiante del negozio,
smaterializzato dai tagli di luce che
segnano i piani dei volumi e sottraggono
peso alla massa. Al suo interno si
confonde anche il volume allungato
dell’intervento artistico di Pierre
Huyghe, a destra
A curtain of garments runs around the
edge of the store, lining the display area
which is dematerialized by shafts of
light from the floors. Pierre Huyghe’s
elongated interior space, right, is both
art installation and a changing room

70 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 71


72 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 73
è chiamata la boutique) è associato already seems to have shot past and back are reminders of the kind of Progetto/Design: Hedi Slimane
il lavoro di un artista. Le integrazioni taken over, to judge by the new Dior couture house of which Dior is the Collaborazione al progetto/
artistiche caratterizzeranno i negozi store in Milan. It’s not an architect most classic expression. Project collaboration:
Architecture et Associés
nelle diverse città del mondo, trying to make a fashion store, but The Dior Homme boutique in
Intervento artistico/Artistic intervention:
confondendosi all’interno dell’area rather a fashion designer moving into Milan, while maintaining this spirit Pierre Huyghe
di vendita. Per Milano, Pierre Huyghe, architecture and bringing art with him. and repeating the allusions, goes Progetto speciale d’arredo/
(l’artista chiamato a rappresentare The star system has the fashion farther in its blending of culture and Special furniture design:
la Francia all’ultima Biennale d’arte designer at its centre. And it depends commerce. Pierre Charpin
di Venezia e che in questi mesi espone on no dilution of the designer’s – or Each new ‘space of diffusion’ for the Progetto luce/Light design:
a Documenta11, a Kassel), rather the brand’s – aesthetic vision. Dior Homme collections – as the Thierry Dreyfuss
ha progettato, all’interno di un volume Since it entered the orbit of Bernard fashion house prefers to call its Programma di integrazione artistica/
architettonico definito, uno spazio Arnault, head of the LVMH group, Dior boutiques – is associated with the Project of artistic interventions:
Sabisha Friedberg, Herve Mikaeloff,
destinato a funzionare come cabina has relied on Hedi Slimane to run its work of an artist. Pierre Huyghe,
Hedi Slimane
di prova. La cabina è un ambiente menswear operation. Slimane is in who represented France at the last
raccolto, intimo, sviluppato the middle of a titanic clash between Venice Biennale and is currently
in lunghezza in modo che chi vi entra LVMH and Gucci (which controls Yves exhibiting at Documenta11 in
è indotto naturalmente a procedere Saint Laurent); indeed, the press has Kassel, has designed, within a
verso il fondo fino quasi a scontrarsi tried to depict him as some kind defined architectural volume in the
con la propria immagine riflessa in uno of anti-Tom Ford. Whereas one is the Milan store, a space intended to
specchio: come se all’improvviso picture of health and the dispenser of serve as a changing room on the
si trovasse di fronte il gemello da cui luxury, the other is leaner and quieter, sales floor. The booth is a secluded,
è stato separato il giorno della nascita. more inclined to spend his time under intimate space. On entering, the
Per tutta la durata del percorso a leaden Berlin sky than in the bright customer is naturally encouraged to
di avvicinamento si è accompagnati sunlight of a Caribbean island. walk straight to the end wall, almost
da un’ombra luminosa, che si muove Slimane’s position was made official hitting his own image reflected in a
al proprio fianco lungo la parete. È la with the presentation of his first mirror. It is as if he had suddenly
stessa dimensione stretta e allungata menswear collection. All the bumped into a twin he hadn’t seen
dello spazio a suggerire di avanzare corporate top brass was in the front since birth. Running the length of
verso il fondo. Il movimento attiva row. Karl Lagerfeld and Bernard the booth is a luminous shadow
la reazione di una parete di led Arnault sat next to each other. And that moves along the wall with the
che duplica sulla sua superficie the occasion was made all the more customer. The narrow and elongated
l’ombra luminosa sintonizzata con resonant when Yves Saint Laurent space suggests walking right to the
i gesti del visitatore: il suo corpo, was conspicuously absent from the other end: movement causes the
infatti, taglia inconsapevolmente una simultaneous parade of clone-models wall of LEDs to react, and its surface
serie di raggi che attraversano lo that Ford staged in his honour duplicates in light the visitor’s
spazio della cabina di prova. for the house that still bears his name. gestures. In fact, the body
Slimane’s first act as art director unconsciously intersects various
The art of the brand The mutual of the Dior Homme collections (with beams of light as it moves along
attraction between fashion and control over its corporate image the booth.
architecture that is being presented and hence also over the architecture of
as a very recent development really its boutiques) was to design the Paris
began in the 1970s, when fashion space in which the line would
designers started to look beyond be created. The atelier would become
the conventional restrictions of the model for the stores that would
marketing and to hire architects to diffuse the Dior Homme brand
work on the image of their stores. The throughout the world. With a minimum
collaboration between Shiro Kuramata of immaculately crafted details, a
and Issey Miyake is a good example. certain futuristic aura is suggested by
At the other end of the market, Esprit the slices of light that give the space
worked with Sottsass, Citterio, Foster an immaterial impression.
and others. Today Prada has Rem Despite the air of modernity that
Koolhaas as its architectural guru, Slimane is striving for, the mood in the
and Miyake continues to work with rue François 1er salon is rooted in the
architects, including Frank Gehry. atelier’s classical tradition. Dior
But the balance between the two himself had seen it as the point of
sides is unstable. While the world departure for his distinctive version of
of architecture is only just beginning to contemporary elegance. And the
react to Koolhaas’s shopping theories, pearl-grey moquette and Louis XIV
the fast-moving fashion system chairs with the Dior medallion on the
Tagli di luce segnano i piani dei volumi.
La percezione dello spazio si confonde
nei riflessi di luce che si rimandano
mutualmente lungo le superfici
riflettenti della lunga parete monolitica
di specchio e lungo il parallepipedo di
vetro che delimita la scala (a destra).
Al centro la piattaforma di Pierre
Charpin con le spalliere in cuoio nero,
sospesa su un alone di luce rossa (sopra)
The perception of space is lost in the
reflections of light on the surfaces of
the long mirror wall and the glass that
frames the staircase, right. In the
centre stands Pierre Charpin’s platform
with black leather backrests, hovering
above a circle of red light, above

74 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 75


Casa
d’artista
Artist’s
house
L’architettura di Walter
Pichler vista da Paolo Piva
Paolo Piva on the architecture
of Walter Pichler
Fotografia di/Photography by
Elfi Tripamer

L’ultimo lavoro architettonico di Pichler, The latest architectural work by


la “Casa accanto alla fucina”, si trova Pichler, the ‘House beside the Smithy’
nella valle Eggental, in Alto Adige, ed è in the Eggental Valley in South Tyrol,
stata concepita come abitazione per was conceived as a home for the
il cugino, nei pressi del vecchio artist’s cousin near his grandfather
laboratorio da fabbro del nonno Eugen Eugen Pichler’s old blacksmith’s
Pichler. Oltre che alla costruzione workshop. Apart from the original
storica, la casa si relaziona solo con building, the house relates only
la natura circostante to the natural surroundings

76 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 77


Chi conosce la serie di disegni The plan and cross-section, opposite,
dedicata da Walter Pichler alla sua reveal the project’s simplicity. The
valle, non può non osservare house stands on two floors and totals
56 square metres. A peripheral shaft,
l’intensità e la carica emotiva celata in
protected by rocks from the river,
quelle cornici. Le grandi pareti, la illuminates the cellar; the ground
cascata di cui con attenzione si può floor draws light through the glazed
intendere il fruscio, i piccoli squarci di roof. A 1999 drawing, left, shows a
cielo che grigi si aprono a volte su diagram of the concrete foundations
colori più chiari, da chi, più che of the symmetrical construction.
narrare, ricorda. È il ricordo la chiave di The longitudinal section of the kitchen,
lettura anche della nuova architettura below, highlights the linear organization
di Pichler, il ricordo di un saluto of the functional space
bambino a una valle scura ma piena di
fascino, il ricordo di una piccola casa
piena di mistero, il ricordo di un luogo
aspro e intenso che conserva e sempre
conserverà i segreti di un’infanzia
forse troppo presto interrotta. Il silenzio
delle montagne racchiude questi
elementi, spesso ricorrenti nell’opera
dello scultore che, lontano dal chiasso
dell’arte contemporanea, ricerca il suo
luogo dovunque e a ogni costo.
Le architetture di Walter Pichler si
staccano dai codici e dalle norme del
comune mestiere e diventano luoghi
dedicati alla custodia di quelle
sculture, tanto fragili quanto attente a

© Sammlung Architekturzentrum Wien


tutto ciò che le circonda, spettatrici
loro stesse di un divenire inesorabile.
St. Martin, luogo scelto dall’artista nel
1972, diventa così una piccola città,
un borgo abitato non solo da persone
ma anche da sculture che, protette da
un fragile involucro architettonico,
© W.P.

vivono al riparo degli elementi. A queste


architetture viene assegnato il ruolo di
contenere quanto di più importante
esiste per un’artista: la sua opera.
Con questo nuovo lavoro, l’artista si
riavvicina ai luoghi della sua infanzia,
ritrova quella piccola casa nera, rivede
le montagne del Latemar e del
Rosengarten; si chiude però all’interno
di un perimetro minimo e guarda quel
solo squarcio di cielo visibile dalla
valle. Una grande vetrata lo divide
dall’esterno. E i massi di porfido
rotolati nel fiume diventano guardiani
di un silenzio a volte troppo rumoroso.
La nuova architettura si colloca a una

© Sammlung Architekturzentrum Wien


© Sammlung Architekturzentrum Wien

precisa distanza dalla vecchia


werkstatt e ne definisce la piccola
corte. La piazzetta in pietra diventa
così un luogo raccolto e permette la
fruizione della nuova casa. Una
facciata chiusa, rotta soltanto dalla
porta di accesso in ferro e accessibile
attraverso un sentiero costeggiato da
Pianta (in alto) e sezione trasversale
(sopra) mostrano la semplicità del
progetto. La casa si sviluppa su due
piani per una superficie di 56 metri
quadri: quello interrato, adibito a
cantina, è illuminato da un cavedio
perimetrale, protetto da massi presi
dal vicino fiume; il piano terra prende
invece luce dalla copertura vetrata.
Un disegno del 1999 (pagina a fronte,
in alto) mostra uno schema delle
fondazioni in cemento del volume
regolare, mentre la sezione
longitudinale sulla cucina (pagina
a fronte, in basso) evidenzia
la linearità dell’organizzazione
dello spazio funzionale

78 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 79


monoliti porfirei, si affianca alla
preesistente officina, diventando parte
integrante del nuovo impianto.
Il rapporto di scala architettonica tra
i due edifici diventa rapporto di
‘attenzione’ quasi filosofica tra due
epoche e tra diverse generazioni. Le
due realtà lontane nel tempo e diverse
nella destinazione d’uso, insistendo
nello stesso luogo, sono accomunate
dalla stessa Haltung: la prima, legata
alla storia e alle vicende vissute, la
seconda, la ‘nuova’, determinata
dall’intensità del ricordo, dalla
gratitudine, dal senso di appartenenza.
Il manufatto completamente rivestito The house faces the old smithy, below
da pietre si sviluppa su due piani. left, restored and protected as an
Il piano interrato, arieggiato da un historic monument. The walls of the
cavedio periferico coperto da grandi new building are red porphyry, a typical
massi di fiume, è adibito a cantina ed è local stone, and the only opening is the
vertical slit that accommodates the
vissuto attraverso un grande tavolo
front door, above and opposite
centrale in legno. La luce penetra nei
cavedi attraverso i vuoti lasciati dalle
pietre e l’acqua che nei momenti di
pioggia li inonda viene poi convogliata
nel vicino ruscello.
Al piano terra è situata la zona abitabile,
che prende luce dalla grande vetrata
superiore.Tutto ciò che appare chiuso
dall’esterno si apre in uno spazio
interno dove ogni cosa è collocata
nella logica elementare della
funzionalità. Uno spazio minimale, non
minimalista, completamente
funzionante.
La stufa ricalca le stufe in ceramica
tipiche del luogo, ma è solo intonacata
quasi a negare ogni elemento di
decoro e di nostalgia. Il lavello, blocco
scavato in porfido, è incassato nel
muro e la vetrina di acciaio e vetro che
contiene i bicchieri ci ricorda la fragilità
degli elementi contenuti. Il tavolo, in
legno, può essere affiancato da un
elemento mobile usato così nella
doppia funzione di allungamento e di
tavolino da lavoro vicino alla zona
cottura. La sedia è un oggetto che
viene ridisegnato con attenzione,
riproporzionato e realizzato in piccola
serie con il legno degli alberi da frutta.
Tutto nella semplicità complessa di chi
è consapevole che la vita viene vissuta
nel quotidiano, che ogni gesto,
semplice, racchiude la grandezza
delle grandi opere.
La grande copertura è l’unico
elemento che data il progetto. L’uso
sapiente dei timpani in acciaio e la
La casa fronteggia la vecchia fucina,
restaurata e sotto tutela come
monumento storico (sopra). La
muratura del nuovo edificio è in porfido
rosso, pietra tipica locale, e si apre
solo in una fessurazione verticale che
accoglie la porta d’ingresso (in alto,
a destra e pagina a fronte)

80 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 81


composizione della doppia vetrata
garantiscono l’utilizzo della struttura
anche nei momenti di particolare
rigidità climatica.
Come l’acqua penetra nei cavedi e poi
viene convogliata all’esterno, anche la
neve si poserà sulle strutture di vetro,
inonderà di luce bianca l’abitazione
sottostante e se ne andrà attraverso
una vasca esterna raccolta attorno alla
canna fumaria della stufa, elemento
centrale dello spazio interno. Il calore
della stufa dovrà sciogliere la neve e
raccoglierla nella vasca prima di
riconsegnarla al fiume.
Tutto questo è semplice, ma proprio in
questa semplicità è racchiusa la
complessità del lavoro di Pichler: ogni
oggetto, ogni scultura raccoglie dei
frammenti di un flusso continuo e
inarrestabile, non vi è compiacimento
e nostalgia, ma certezza. La certezza
che nel gesto normale è racchiusa
la grandezza dell’opera.
È in questa chiave che va interpretata
questa piccola grande Architettura:
non un grattacielo, non un grande
complesso industriale, ma una “piccola

© W.P.
casa” che deve soltanto farci riflettere.
Pichler’s traditional themes – water
and other natural elements – recur in
The house of the artist
this work. The sole exception is the The Austrian artist Walter Pichler has
use of steel for the gable roof. Resting dedicated a long series of drawings
against an outer wall are a masonry to exploring and celebrating the
basin, which collects water channelled mountain valley in which he has lived
from the roof, and a chimney, below and worked for almost 30 years. They
opposite. Stones from the river convey the unmistakable intensity
surround the perimeter of the house and emotional charge hidden in
and overlook the basement shafts,
those settings. In them you find the
right. Pichler’s 2002 painting Träumer
(Dreamer), above, suggests the
characteristic rock faces and the
hermetic nature of the house in relation waterfall that, if you listen hard enough,
to the human body you can almost hear rippling, the tiny
patches of grey sky that sometimes
open into lighter colours. More than
narrating, he is remembering.
Memory is also the key to Pichler’s
new architecture. The memory of a
child’s farewell to a dark valley full of
charm; the memory of a little house,
steeped in mystery; the memory of a
harsh and intense place that will
always keep the secrets of a childhood
that will be all too soon interrupted.
The silence of the mountains contains
all of the elements that recur in the
work of this sculptor who, far removed
from the transient sensationalism of so
much contemporary art, has always
looked, above all, for a sense of
Ritornano in questo lavoro i temi tipici
di Pichler, il rapporto con l’acqua e con
gli elementi naturali. Unica eccezione
è il ricorso all’acciaio per la copertura
a doppia falda. Su un muro esterno
appoggiano una vasca in muratura,
in cui viene convogliata l’acqua che si
raccoglie sul tetto, e il camino (sopra).
Sassi del fiume circondano il perimetro
della casa e si affacciano ai cavedi del
piano interrato (pagina a fronte in
basso). Il dipinto Träumer (Il sognatore)
del 2002 (pagina a fronte, in alto)
riproduce l’ermeticità della casa
rispetto al corpo umano

82 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 83


rootedness and place. Pichler’s The living area proper is situated The living area was inspired by essence:
architecture distances itself from on the ground floor and draws its the porphyry corner sink is flanked by
the everyday conventions of design light from the large upper window. a small wall cupboard and a hob and
oven covered with plaster, opposite.
to create places that are dedicated to Everything that seems closed from
The roof is trussed and even the chair,
accommodating his sculptures, works the outside opens into a furnished below, was made to the artist’s design
that are as fragile as they are careful of internal space where all is positioned
all that surrounds them. according to the elementary principle
St. Martin, where the artist has worked of function. It is an efficient and
since 1972, is a small town, a village minimal – but not minimalist – space.
inhabited not just by people but also The stove resembles the ceramic
by Pichler’s sculpture. Sheltered by stoves that are characteristic of the
fragile architectural casing, they live region, but it is covered with plaster,
protected from the elements. This almost as if to refute all elements of
architecture is given the role of decoration and nostalgia. The sink,
containing what is most important hewn from a block of stone, is set
to an artist – his work. into the wall, and the steel and glass
With this new project the artist returns cabinet containing glasses conjures
to the scene of his childhood. Pichler up the fragility of its contents. The
revisits the typical little black houses wooden table may be flanked by a
of the Latemar and Rosengarten mobile piece of furniture that doubles
mountains, but he encloses the form as an extension and a worktable
with a minimal perimeter and looks up near the cooking area. The chair is
at the single patch of sky visible from a designed object, carefully
the valley. A large window separates reproportioned and produced in small
the space from the outside and from numbers using the wood from fruit
the great rocks that have rolled into trees. Every component reveals the
the river to become guardians of a complex simplicity of one who knows
sometimes over-loud silence. The that life is lived in routine things and
new work is carefully positioned at a that every humble gesture embodies
distance from an old workshop and the greatness of a major work. The
the space used to define a small large roof is the only element that
courtyard that is the heart of the new dates the project. The skilful use of
house Pichler has built for his cousin. steel tympanums and the composition
A closed facade, broken only by an of the large double window ensure that
iron door and reached via a path lined the structure can also be used at times
with porphyry monoliths, flanks the of particularly harsh weather. Just as
existing workshop without dominating rainwater penetrates the shafts and is
it, making it an integral part of the new channelled outside, so too the snow
design. The comparative architectural that falls on the glass structures fills
scale of the two buildings becomes an the home beneath with white light,
almost philosophical ‘reflection’ on departing by way of an external basin
different eras and generations. Distant placed around the chimney of the
in time and with diverging functions, central stove that organizes the
the two realities that stand in the same interior space. The heat of the stove
place share a similar attitude, the first melts the snow, which collects in the
bound to story and experience, the basin before being returned to the
second shaped by intense memory, river. All of this is simple, but the
gratitude and a sense of belonging. simplicity contains the complexity
The stone-clad construction is of Pichler’s work. Every object, every
developed on two levels. The sculpture gathers the fragments of a
basement floor, ventilated by a continual, unstoppable flow. Neither
peripheral shaft covered with large satisfaction nor nostalgia but certainty
river rocks, is used as a cellar, and – the certainty that the greatness of
domestic life inside revolves around the work lies in the ordinary gesture.
a large, central wooden table. Light This is the key to the interpretation of
penetrates the shafts, filtering through this small but grand architecture, not
the cracks between stones. When it a skyscraper, not a large industrial
rains, water comes flooding in to be complex, but a ‘little house’ that can
channelled into the nearby stream. only make us think.
La zona giorno è ispirata alla Progetto/Design: Walter Pichler, Vienna
essenzialità: al lavello angolare in Strutture/Structural engineering:
porfido si affianca un piccolo pensile, Christian Rigliaco
seguito dal piano cottura e dalla Muratura/Masonry: Hans Weissenegger
stufa con forno, intonacata (sopra). Lavori in pietra nello spazio interno/
La copertura è a capriate e anche la Interior stonemasonry: Josef Dalle Nogare
sedia è stata realizzata su disegno Committente/Client: Walter Pichler, Bolzano
dell’artista (pagina a fronte)
L’esposizione “Walter Pichler. Haus neben der
Schmiede” è in corso all’Architekturzentrum
Wien fino al 29 luglio 2002
The exhibition Walter Pichler: The House
beside the Smithy will be at the
Architekturzentrum Wien through July 29, 2002

84 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 85


Salvare
Dopo le banalità di Hannover e
il disastro del Millennium Dome
di Londra, la Svizzera prova che non
necessariamente un Expo è un
nonsense. Testo di Rita Capezzuto

l’Expo After the banality of Hanover and the


disaster of London’s Millennium
Dome, Switzerland demonstrates that
an Expo doesn’t have to be mindless.
Rita Capezzuto reports
Fotografia di/Photography by
Paul Raftery

Saving
the Expo
A Yverdon-les-Bains At Yverdon-les-Bains
l’illuminazione notturna nocturnal illumination
rende la Nuvola di makes Diller+Scofidio’s
Diller+Scofidio Cloud as attractive
altrettanto attraente ed and enigmatic as when
enigmatica quanto nella seen by day – a spaceship
visione diurna: una resting on the water
navicella spaziale ready to take off in a
appoggiata sull’acqua e mist of vapour
pronta per il decollo tra
mille vapori

86 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 87


Un ponte lungo circa
120 metri conduce alla
leggera piattaforma
metallica (a sinistra),
ideata da Diller+Scofidio
per scomparire dietro alle
forme impalpabili di una
bruma chiara (a destra).
Attraverso 29.000 ugelli
l’acqua del lago viene
nebulizzata con una
pressione che è regolata
da un sofisticato sistema
metereologico. Le
condizioni climatiche –
temperatura, umidità,
pressione dell’aria,
direzione e forza del vento
– vengono elaborate da
un computer e tradotte in
una Nuvola continuamente
variabile. Le sensazioni
più forti del visitatore
che penetra nella massa
nebbiosa sono quelle
di isolamento e
disorientamento totali

Non ci sono rappresentazioni di panorami montani, configurazioni architettoniche temporanee, A bridge approximately
di pascoli alpini, di cioccolato o di giganteschi destinate a dissolversi il prossimo 20 ottobre allo 120 metres long leads to
a light metal platform,
Swatch a pubblicizzare l’Expo Suisse.02 e ad scadere dell’esposizione, lasciando come ricordo
above left, designed by
accoglierne i visitatori, già numerosissimi a pochi solo qualche intervento di consolidamento della Diller+Scofidio to
giorni dall’inaugurazione (dopo tre settimane di banchina o di abbellimento della promenade sul disappear behind the
apertura era già stato calcolato un milione bordo dei diversi laghi: a Bienne e a Neuchâtel impalpable pale mist,
d’ingressi). A trentotto anni dall’ultima manifestazione spariranno così quelle penisole artificiali right. The lake water
nazionale svizzera, tenutasi a Losanna e definita dal appositamente create per ospitare padiglioni is vaporized through
29,000 nozzles at a
New York Times “l’esposizione del secolo”, e a tematici e grandi piazze pubbliche; a Yverdon-les-
pressure regulated by
centodiciannove dalla prima – svoltasi a Zurigo, nel Bains e Morat verranno smantellati i due principali a sophisticated
1883 – la Confederazione Elvetica ha deciso di offrire elementi di attrazione, la Nuvola di Diller+Scofidio meteorological system.
al mondo un’immagine di sé che scardini quei e il Monolite di Jean Nouvel. The weather conditions –
pregiudizi di provincialismo e di vocazione al terziario Le aree, tutte marginali rispetto ai centri delle quattro temperature, humidity,
bancario tanto diffusi quanto spesso pertinenti. cittadine storiche, saranno allora liberate da quella air pressure, direction
and force of the wind –
L’autocelebrazione è stata studiata e condotta con congerie di allestimenti, edifici di servizio, parchi- are elaborated by a
grande avvedutezza e intelligenza, nello sforzo di gioco, proposte didattico-documentaristiche o computer and translated
assicurare un superamento degli stretti confini semplicemente sensazionalistiche che una into a continually variable
geografici. Come primo passo un comitato manifestazione per il grande pubblico porta cloud. The strongest
scientifico ha lanciato nel 1998 un concorso inevitabilmente con sé. L’effetto finora raggiunto, sensations experienced
by visitors who penetrate
internazionale per allestire cinque ‘Arteplage’ (una stimolato anche dal variato programma di eventi,
the foggy mass are
delle quali mobile, su una ex chiatta), cinque siti in performance e concerti, è quello di una certa total isolation and
cui, come dice la parola stessa, al momento dello curiosità concitata, e comunque di una grande disorientation
svago venisse unito quello culturale. L’idea di animazione fino a tarda notte in zone altrimenti
dedicare ognuno di questi luoghi a una tematica poco frequentate.
dualistica ‘universale’ – Potere e Libertà, Istante ed Abbandonata la vecchia tradizione delle fiere
Eternità, Natura e Artificio, Io e l’Universo, Senso e campionarie, le expo diventano oggi il luogo di
Movimento – trasmette l’intento di dare spazio a una sperimentazioni artistiche accostate a uno
visione transnazionale di ampio respiro, oltre a zibaldone disneyano, in un mix più o meno riuscito:
quello di manifestare una identità di posizione. basti pensare al flop dell’Expo internazionale di
La scelta della localizzazione, nel cantone del Vaud, Hannover del 2000. In tal senso la Svizzera ha avuto
è stata oculata: la zona presa in considerazione, la un’ideazione decisamente più raffinata,
Regione dei Tre Laghi, sopra Losanna, era rimasta suddividendo un programma ambizioso in siti di
segnata dalla crisi dell’industria di precisione degli dimensioni controllabili e puntando in ognuno di essi
anni Ottanta e necessitava di una rivitalizzazione a una concezione più organica. Il budget
economica e di un impulso alle infrastrutture; ma complessivo di un miliardo e mezzo di franchi
offriva al contempo una splendida situazione svizzeri se da un lato ha richiesto, a progettazione
paesaggistica, con tre piccoli laghi su cui le già avviata, un ridimensionamento dei progetti e un
Arteplage potevano affacciarsi. impoverimento dei materiali utilizzabili, ha dall’altro
All’acqua sono infatti compenetrate le quattro nuove impedito sfarzi inutili ed eccessi insensati. Questo

88 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 89


Expo 2002
Coop Himmelb(l)au hanno
progettato per Bienne
una piattaforma
sull’acqua, che ha come
momento architettonico
culminante tre torri di
forma e altezza diverse
(a sinistra). Le raggiunge
un ponte che traccia una
elegante curva lungo
il porto. All’interno di
una torre è possibile
ascoltare i rumori
captati da microfoni
posizionati nell’ambiente
circostante, compresa
l’acqua, e mixati in una
cabina di regia appesa
all’interno della struttura
(in questa pagina)

Coop Himmelb(l)au has non toglie la presenza di diversi padiglioni alquanto dal gruppo Multipack, sono stati disegnati da
designed a platform on gratuiti e di dubbio gusto, come quello a Bienne Jacques Sbriglio, lo studio GMS e l’Atelier Oï.
the water in Bienne; its
intitolato all’Empire of Silence: al suo interno si A Yverdon su un piatto terreno paludoso è stato
architecture culminates
in three towers of assiste a una ridicola messa in scena dell’aldilà, con inventato un vero e proprio paesaggio ondulato
different shapes and tanto di Morte e spettri poco credibili che si agitano artificiale, atto a stimolare tutti i sensi. La cura del
heights, left. These are nel rumore più totale; all’esterno, su un grande dettaglio è tale per cui persino la granulometria del
reached across a bridge schermo, vengono proiettate immagini: tra le altre, suolo è variata per dare diverse percezioni delle
that traces an elegant quelle delle partite del mondiale, davanti a un distanze. Le finte colline sono cave e sono state
curve along the harbour.
Inside one tower you can
assembramento di gente strepitante. Forse il tutto costruite su un’ossatura di tronchi di legno
hear sounds captured by vuole essere una satira del silenzio. (ovviamente recuperati e successivamente
microphones positioned In altri casi il tema è invece avvicinato con sottile riutilizzabili) su cui è stato posato un sottile strato di
in the area below, eleganza artistica: a Yverdon, dove viene sviluppata terra. Per quanto tutto possa essere ben
including the water, and la dinamica del rapporto tra la persona e il mondo orchestrato, l’occhio va comunque al punto di
mixed in an engineering
attraverso i sensi, un’opera rappresenta la richiamo più forte, il Blur building di Diller+Scofidio,
booth suspended inside
the structure, above right conversazione di due persone, ciascuna su un raggiungibile attraverso una passerella sull’acqua e
monitor, che si parlano in europanto, la lingua non prima di essersi muniti di impermeabili
artificiale inventata dallo scrittore Diego Marani, protettivi. È una nuvola artificiale creata da 29.000
elaborando in realtà una strategia di ugelli che filtrano l’acqua del lago e la nebulizzano,
non-comunicazione. producendo un vapore che avvolge la piattaforma
In ogni sito i punti focali sono comunque costituiti metallica su cui ci si trova e che varia di densità e
dagli interventi architettonici che condensano le colore a seconda delle condizioni climatiche
esperienze visive, sensoriali o aggregative più forti. generali, come temperatura, grado di umidità
Bienne ha le tre torri, la lunga tettoia che copre il dell’aria, direzione e forza del vento: il disorientamento
forum e il ponte a elica che abbraccia il porto visivo del visitatore è compensato dall’acutizzazione
turistico concepiti da Coop Himmelb(l)au. Le torri di tutti gli altri sensi, ma l’intensità dell’esperienza
(simbolo del potere?), dal profilo a zigzag e a corporea diviene più chiara nel momento in cui si
semicono, sono degli involucri vuoti dalla pelle a rete sale al livello superiore e, grondanti acqua, si
argentea e dal bizzarro uso: una è un ‘caleidofono’ riguadagna la vista sul paesaggio circostante.
(capta i rumori che provengono dall’acqua, dal Dal sensazionale di Yverdon si può passare al più
suolo, dal cielo grazie a microfoni opportunamente intimistico soggetto di Morat, Istante ed Eternità,
posizionati e li ritrasmette come suoni mixati da una dove Nouvel ha cercato un coinvolgimento più
cabina di regia); in un’altra sventolano lungo tutta diretto dell’Arteplage con la città storica.
l’altezza le bandiere storiche rosse con croce bianca Concettualmente ha condensato il tema in un cubo
dei vari comuni svizzeri, alcune a brandelli: pare di acciaio arrugginito isolato nell’acqua, ermetico
un’installazione artistica ed è forse il momento più e misterioso, che richiede, per essere raggiunto,
simbolicamente nazionale di tutta l’Expo. l’abbandono della terraferma e il lento rituale
L’emblema di Neuchâtel sulla falsariga del tema dell’accostamento in battello. Al suo interno, tre
Natura e Artificio sono tre dischi volanti appoggiati forme di presa di contatto con la Svizzera su tre
su una piattaforma di legno librata sull’acqua: ideati diversi livelli: una rapida successione di immagini

90 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 91


Il Palazzo dell’Equilibrio,
un’enorme sfera in legno
con una rampa interna
elicoidale, nell’Arteplage
di Neuchâtel (a sinistra),
è dedicato alle relazioni –
catastrofiche – tra
società, economia e
ambiente. “Stères de
bois” è invece intitolata
la catasta di tronchi di
legno grezzo, pensata
da Jean Nouvel per il sito
di Morat (a destra).
All’interno il padiglione
ospita quattro
esposizioni di artisti
contemporanei, curate
dalla Fondation Cartier

attuali proiettate su uno schermo circolare; una The area in question, the Three Lakes region above The Neuchâtel
panoramica dell’intorno reale attraverso una stretta Lausanne, had suffered from the 1980s recession in Arteplage’s Palace of
Equilibrium, a huge
fessurazione schermata; e l’esposizione del the precision-engineering industry and needed
wooden sphere with an
prezioso diorama della battaglia medievale di Morat, economic revitalization. At the same time it offered a internal spiral ramp,
dipinto a fine Ottocento e lungo ben 111 metri. splendidly scenic setting with three small lakes on above left, is dedicated
Con questa ideazione, nel suo Monolite Nouvel ha which the Arteplages could sit. to the catastrophic
offerto all’Expo la possibilità di esprimere un The result is four temporary architectural structures, relationships between
distillato di autorappresentazione senza l’eccesso each of them interacting with the waters of the lake, society, economy and
environment. ‘Stères de
del compiacimento: solo il pensiero lucido di un each destined to vanish next October when the
bois’ is the name given
progettista straniero poteva forse ottenere exhibition closes, leaving behind nothing more to the pile of untreated
questo risultato. than the odd work of consolidation on the wood trunks conceived
embankment or embellishment to the promenade by Jean Nouvel for the
Saving the Expo This year’s Swiss Expo has done on the edge of the lakes. The artificial peninsulas Morat site, right. Inside,
an impressive job in avoiding the usual clichés of that support pavilions and public spaces in Bienne the pavilion houses
four exhibitions by
the genre. The million or more visitors who flocked and Neuchâtel will disappear. The two main contemporary artists,
to the show in its first few weeks have been spared attractions at Yverdon-les-Bains and Morat, organized by the Cartier
the apparently inevitable pictures of mountain Diller+Scofidio’s Cloud and Jean Nouvel’s Monolith, Foundation
scenery, alpine pastures, chocolate and outsize will be dismantled.
Swatches. Switzerland has been staging Expos The effect achieved so far, stimulated partly by a
at irregular intervals since 1883, when Zurich varied programme of events, performances and
inaugurated the genre. The last one was in 1964 concerts, is one of a certain excited curiosity.
in Lausanne, and the New York Times called it the Considerable crowds have been attracted to a
‘expo of the century’. series of evening events in areas previously little
Rather than concentrate on the virtues of neutrality frequented. Switzerland has devised a decidedly
and secrecy in banking, this year’s self-celebration more sophisticated plan than recent Expo history
was a carefully considered attempt to reinvent the could give us any hope to expect. It has split an
increasingly tired Expo formula. An international ambitious programme into sites of manageable size,
competition was held for the design of five so-called focusing on a more organic concept in each
Arteplages: four on fixed lakeside sites, one of them location. There were problems, of course: the final
mobile, on a former barge. These were conceived as budget of 1.5 billion Swiss francs was set only after
places where, as their name itself suggests, construction had already begun, demanding cost
recreation can be combined with culture. savings that compromised some projects,
Each of the sites is dedicated to a dualistic theme – cheapened materials and diluted designs – a
‘Power and Liberty’, ‘Transience and Eternity’, reduction of scope that in some cases was by no
‘Nature and Artifice’, ‘the Universe and the Self’ and means undesirable.
‘Sense and Movement’ – an ambitious range that Even so, certain of the pavilions still demonstrate all
reflects a certain seriousness while going beyond a the uncertainties of Expo taste. At Bienne visitors are
narrowly nationalistic vision of Swiss identity. The treated to the dubious spectacle of the ‘Empire of
choice of sites, in the canton of Vaud, was shrewd. Silence’, a fatuous representation of the hereafter,

92 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 93


Expo 2002

94 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 95


A Morat, il tema “Istante
ed Eternità” è stato
interpretato da Jean
Nouvel nel modo più
emblematico possibile.
Un cubo di acciaio
arrugginito (di 34 metri
di lato), raggiungibile solo
in battello, ermetico e
algido: tempo e silenzio
si fondono in una sola
immagine (alle pagine
precedenti). In questo
Monolite, il prezioso
diorama ottocentesco,
che raffigura la medievale
battaglia di Morat ed è
lungo 111 metri, trova
un eccezionale luogo di
esposizione (a destra).
Dal livello intermedio del
cubo i visitatori possono
riprendere il contatto
visivo con l’esterno
tramite una stretta
finestratura schermata
(in questa pagina)

In Morat, Jean Nouvel complete with Death and an accompanying clutch Such is the attention to detail that even the ground
interpreted the theme of spectres moving pointlessly around to the particles vary in size to give different perceptions of
‘Transience and Eternity’
as emblematically as
accompaniment of a great deal of sound and distance. The artificial hills are hollow, constructed
possible: a rusty steel fury. Scarcely believably, emerging visitors were on a frame of wooden trunks (obviously recycled
cube (34 metres wide) treated to World Cup football broadcast live and subsequently reusable) over which a narrow
that can only be reached on a large screen. Perhaps it was all some kind layer of earth is placed. The greatest draw here is the
by boat. Hermetic and of satirical gesture. Blur building by Diller+Scofidio, which visitors reach
cold, here time and
In other cases, the individual themes were along a walkway on the water after having equipped
silence merge into a
single image, preceding approached with subtle elegance. At Yverdon the themselves with protective raincoats. It is an artificial
pages. Inside the dynamics of the relationship between the individual cloud produced by 29,000 jets that filter the water
Monolith, a precious and the world are developed by means of the from the lake and vaporize it, producing a mist that
111-metre, 19th-century senses. One work represents a conversation envelops the metal platform on which one stands.
diorama portraying the between two people, each on a monitor, speaking The mist varies in density and colour according to
medieval battle of Morat
to each other in Europanto, a fictional language the general weather conditions: temperature,
has found an exceptional
exhibition space, left. invented by the writer Diego Marani that actually amount of humidity in the air and the direction and
From the intermediary elaborates a strategy of non-communication. force of the wind. The visitor’s visual disorientation is
level of the cube, visitors At every site architecture is the focal point. Bienne compensated by the fact that all of the other senses
can regain visual contact has three towers, a long roof covering the Forum and become more acute. The intensity of this physical
with the exterior through a propeller bridge that embraces the harbour experience becomes clearer once, having climbed,
a narrow screened
window, above right
conceived by Coop Himmelb(l)au. The towers dripping with water, to the upper level, one regains
(symbolizing power?), with their zigzag and semi- a view of the surrounding landscape.
conical profiles, are empty shells inside silver mesh From the sensation of Yverdon visitors move on to
skins and are devoted to a range of bizarre uses. the more intimate theme of transience and eternity
One is a ‘kaleidophone’ (it picks up noises from the at Morat, where Jean Nouvel has attempted a more
water, ground and sky via suitably positioned direct involvement between Arteplage and city. He
microphones and then retransmits the sounds). has designed a rusting steel cube isolated in the
Fluttering along another tower’s entire height are the water, hermetic and mysterious. To reach it one must
traditional red flags of the various Swiss communes, abandon land and experience the slow ritual of
each bearing a white cross and some of them in approaching by boat. Inside are three forms of
shreds. It looks like an art installation and is perhaps contact with Switzerland on three different levels:
the most symbolically nationalist moment in the a rapid succession of topical images projected onto
entire Expo. Neuchâtel, which takes up the theme of a circular screen; an overview of the actual
nature and artifice, is represented by three flying surroundings via a narrow, screened fissure; and
Si ringraziano per la
saucers resting on a wooden platform poised above a precious late-19th-century diorama, 111 metres
collaborazione Sergio Cavero,
Luca Déon, Guido Keune
the water. Conceived by the Multipack group, the long, of the medieval battle of Morat. With the
structures were designed by Jacques Sbriglio, objectivity of not being Swiss himself, Nouvel has
Thanks to Sergio Cavero, GMS and Atelier Oï. On a flat marshy terrain at perhaps been able to make the most of the Expo
Luca Déon and Guido Keune Yverdon is an impressive, truly artificial undulating with an exhibit that is impressive without being
for their assistance landscape calculated to stimulate all of the senses. self-congratulatory.

96 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 97


Documenta mette sotto accusa Documenta puts western
i preconcetti occidentali su arte e preconceptions about art and
vita. Ne parlano Pierre Restany life on trial. Pierre Restany and
e Stefano Casciani Stefano Casciani report

Fotografia di/Photography by
Pino Guidolotti

Colpe
progressiste
Liberal
guilt

Documenta11 si tiene in Documenta11, which


diversi punti di Kassel, presents work by 116
a partire dal Museum artists and groups, is
Fridericianum (sopra), being held in several
e coinvolge 116 tra artisti parts of Kassel, starting
e gruppi. Il progetto di with the Museum
Asymptote (Lise Anne Fridericianum, above.
Couture e Hani Rashid), FluxSpace 3.0/Mscapes,
FluxSpace 3.0/Mscapes right, by Asymptote
(a destra), è un sofisticato (Lise Anne Couture
oggetto architettonico, and Hani Rashid) is an
che riproduce le architectural object
scansioni di immagini e reproducing scans of
suoni dai landscape di tre images and sounds from
diverse città (il visitatore three cities (experts will
esperto riconoscerà New recognize New York and
York e Hong Kong): Hong Kong) – probably
probabilmente la prima the first true digital
vera scultura digitale di sculpture of genuine
autentica qualità artistica artistic quality

98 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 99


Quest’anno il tono di Documenta è dato dal colossale città africane, Freetown, Johannesburg, Kinshasa, una società che ha lasciato sfumare i confini fra reale e
catalogo, soprattutto dalle prime trenta pagine, Lagos”. Un laboratorio ha trattato dello sviluppo virtuale. Noi viviamo la nostra vita quotidiana immersi
dedicate a foto d’agenzia provenienti da ogni parte del urbano di alcune grandi città africane che hanno avuto in una atmosfera ovattata di finzione esistenziale, ed
mondo. Non ci si aspetti però di trovarvi foto un aumento di popolazione rapido e violento. I sei co- ecco che il linguaggio elettronico, omogeneizzante e
dell’elezione di Miss Mondo o di partite di calcio. curatori di Documenta11, che hanno seguito i lavori di relativizzante, sfocia in una ‘surrealtà’ parossistica,
Quella che accoglie il visitatore è una lunghissima queste piattaforme e le relative ricerche, hanno alle che mette a nudo tutte le contraddizioni dell’altra
sequenza d’immagini dell’umanità sofferente per le spalle una formazione molto diversa da quella dei faccia della quotidianità. Gli stessi media ci portano in
sue stesse contraddizioni. Il mondo è malato, e la curatori tradizionali. Provengono dall’insegnamento e un mondo dove il rischio mortale della miseria, della
fotografia lo testimonia in modo diretto. Ma la dalla ricerca, ma anche dall’arte, dalla comunicazione carestia e della guerra ci dà appena il tempo di
fotografia è anche memoria delle ingiustizie sociali del e persino dal cinema, come nel caso di Mark Nash: renderci conto che la realtà supera la finzione. Una
recente passato, denunciate oggi da coloro che le una presenza ampiamente giustificata dal numero domanda: il legame fra arte e società si sarebbe a tal
hanno subite. Non è quindi casuale l’interesse di crescente di film, video e installazioni che toccano i punto esteso – sotto gli effetti di una estetica
Okwui Enwezor, direttore di Documenta, per questa temi della ricerca socio-politica. Fra le biografie dei sublimatrice e degli imperativi del mercato – da far sì
forma d’arte, e in particolare per la fotografia co-curatori, la più significativa è quella di Sarat che i media ci richiamino così inesorabilmente
dell’Africa nera. La manifestazione di Kassel – che Maharaj, che ha iniziato gli studi all’Università del Sud- all’ordine della politica? L’arte di domani sarà
porta il sottotitolo di Platform5 – è in realtà il momento Africa di Durban, riservata ai non-bianchi di origine fatalmente politica, e la cultura inevitabilmente
conclusivo di un giro del mondo, ed è stata preceduta indiana, e li ha continuati a Londra, Maastricht e umanitarista? Voglio pensare che dal potere dei media
da altre quattro ‘piattaforme’ fatte di sessioni di ricerca Berlino. Il risultato di questa ricerca su scala mondiale e dal progresso delle scienze biotecnologiche nasca
e dibattiti pubblici su temi artistici, sociali e politici. La è più che sufficiente a seppellire i poveri intellettuali un uomo nuovo, dotato di una nuova sensibilità e
prima piattaforma è partita da Vienna nella primavera bianchi occidentali con un complesso di colpa per liberato, una volta per tutte, dal tempo lineare, che
del 2001 ed è poi passata a Berlino, dove si è discusso tutto il resto della loro vita e a consolidare la vocazione porta con sé, inevitabilmente, la memoria parallela dei
di “Democrazia irrealizzata”. Nuova Delhi è stata la umanitaria di un’intera generazione di reporter di transnazionalismi post-coloniali. Non ci siamo ancora
sede della seconda piattaforma, in cui si è trattato il guerra e di medici senza frontiere. Questa arrivati, naturalmente: è il soffocante peso concettuale
tema “Esperimenti con la verità: giustizia transizionale interminabile successione di fotografie digitali, video e del clima di Documenta che ha provocato in me
e processi di verità e riconciliazione”. La terza film, disseminati in tutta la città di Kassel, suscita nel questo bisogno di evadere nel futuro. Ma sono a
piattaforma si è svolta all’inizio di quest’anno nell’isola visitatore un forte senso di coinvolgimento, Kassel, e approfitterò di questo panorama di
di Santa Lucia, nei Caraibi, dove si è parlato di accresciuto dall’onnipotenza dei mezzi globalizzazione orientata che mi viene offerto. Innanzi
“Creolità e creolizzazione”. La quarta piattaforma ha d’informazione elettronici. Ci si rende conto di quanto tutto salterò le decine e decine di fotografi e video-
avuto luogo a Lagos, sul tema “Sotto assedio: quattro sia fragile e relativa la nostra coscienza individuale in operatori i cui nomi e le cui opere posso comunque

Il tono di Documenta11 è con gli occhi di un The tone of Documenta11 through the eyes of an
riassunto dal colossale africano che non vuole is summed up in the African whorefuses to
catalogo, in particolare essere etichettato come colossal catalogue, be labelled an ‘artist’.
dalle prime trenta pagine, ‘artista’. particularly in the first Above: Boutique Product
occupate da fotografie In Boutique Product 30 pages, which contain (detail) by Chohreh
dal mondo, con immagini (sopra, un dettaglio) di photographs from all Feyzdjou (1955–1996).
dei conflitti in atto o Chohreh Feyzdjou over the world showing The Iranian artist
appena conclusi (nella (1955-1996), l’artista conflicts in course or just transformed her works
pagina accanto, in alto) e iraniana ha trasformato ended, above opposite, into archives of memory –
dagli avvenimenti dell’11 le proprie opere in un and the events of rolls of canvas mounted
settembre. archivio della memoria, September 11. on scaffolds tell of their
Georges Adéagbo (pagina rotoli di tela montati Georges Adéagbo, below past as paintings
accanto, in basso) mette su un’impalcatura che opposite, brings the
il mondo occidentale a raccontano il loro passato Western world face to
confronto con la storia da dipinti face with the history of
dell’esplorazione, vista exploration, as seen

100 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 101
Game Station, Game Station by Pascale
l’installazione di Pascale Marthine Tayou is housed
Marthine Tayou, ospitata in a small pavilion,
in un piccolo padiglione left; the installation
(a sinistra), comprende comprises ten monitors
dieci monitor nei quali showing images of
passano immagini di Yaoundé, Cameroon,
Yaoundé, in Camerun, where the artist was born
dove l’artista è nato. In his installation at the
Anche nell’installazione Binding-Brauerei, below,
alla Binding-Brauerei (in the Dutch artist Mark
basso), l’olandese Mark Manders constructs his
Manders continua a self-portrait as if it were a
costruire il proprio building, using drawings,
autoritratto come fosse objects, sculptures,
un edificio, ricorrendo a rooms and writings
disegni, oggetti, sculture,
stanze e scritti

trovare visitando il sito web di Documenta11. E poi mi Kožarić e di quello di Dieter Roth, l’avventuriero photography of black Africa in particular.
viene un’idea basata sul semplice buon senso. Un Fluxus… Una cosa è chiara, in ogni caso: Documenta11, in its incarnation in Kassel, is in fact the
programma televisivo di un’ora basta a rendere Documenta11 è un colossale contributo a Internet, la conclusion to a world tour. Subtitled Platform5, it was
l’effetto visivo e concettuale di questo messaggio nostra memoria planetaria individuale e collettiva, da preceded by four other platforms, comprising
globale e a sintetizzarne le importanti problematiche. consultare con un interesse temperato dalla research sessions and public debates focused on
Le pubblicazioni che corredano la manifestazione, precauzione. PR artistic, social and political issues. The process began
inoltre, completano la ricchezza culturale dei suoi P.S. Il canale televisivo franco-tedesco Arte ha in Vienna last spring and then moved to Berlin for a
contenuti. Non c’è quindi bisogno di andare fino a dedicato a Documenta una serata a tema, presentata discussion of the topic of ‘Democracy Unrealized’.
Kassel, non c’è senso a correre qua e là da una mostra dagli specialisti Henning Burk ed Eva Maek-Gérard: la The second platform was held in New Delhi on the
all’altra per capire e riflettere sul messaggio di Okwui trasmissione ha confermato la natura telegenica della subject of ‘Experiments with Truth: Transitional Justice
Enwezor. Quello che serve è uno schermo televisivo e manifestazione e l’importanza simbolica del Bataille and the Processes of Truth and Reconciliation’. At the
una biblioteca. Naturalmente il visitatore di Monument di Thomas Hirschhorn, situato nel centro beginning of this year it was the turn of St. Lucia in the
Documenta qualche piacevole sorpresa l’avrà. Sono di Kassel, vicino al quartiere turco. La presentazione Caribbean, which dealt with ‘Créolité and
presenti artisti noti, che con il loro talento danno un delle fotografie sul grande schermo ne trascende la Creolization’. Lagos was last in the series, with ‘Under
tocco di grazia telegenica alla trasmissione televisiva banalità e ne raddoppia il potere emotivo. Siege: Four African Cities, Freetown, Johannesburg,
ideale: Hanne Darboven, con i suoi tre piani di piccoli Kinshasa, Lagos’. A special atelier dealt with the
quadri seriali, al Fridericianum; Annette Messager, con Liberal guilt The tone for this year’s Documenta is issues of urban development in major African cities
i suoi burattini animati a forma di animali, sorprendenti set by the colossal catalogue, and in particular its first experiencing rapid and violent population growth. The
per il senso di feticistico mistero che da essi si 30 pages, which are devoted to press photos from six co-curators of Documenta11, who followed these
sprigiona; Mona Hatoum, con la sua cucina degli anni around the world. Don’t expect to find much about different platforms and their corresponding surveys,
Cinquanta; e poi Louise Bourgeois, On Kawara, Bernd Miss World or football here. You are greeted instead by have backgrounds that differ sharply from that of
e Hilla Becher, William Kentridge e Eija-Liisa Ahtila, a litany of suffering humankind and its contradictions. traditional curators. They come from teaching and
due glorie emergenti del video; Constant e Yona The world is sick, and photography bears direct research as well as from art, communication and even
Friedman, due visionari dell’architettura; e infine tutta witness to the fact. But photography is also a memory the cinema, as in the case of Mark Nash – a presence
la serie delle ambientazioni visive di tipo ‘asintotico’ di of the entire recent past of social injustice, denounced amply justified by the growing number of films
Hani Rashid e Lise Anne Couture e delle today by the peoples and individuals who have been involved in socio-political inquiry, on a parallel with
accumulazioni deliziosamente narcisistiche di through it. Not by chance then, Okwui Enwezor, video and installations. The most significant among
Georges Adéagbo del Benin, di Pascale Marthine Documenta’s director, has demonstrated a sustained the biographies of these co-curators is that of the
Tayou del Camerun, del laboratorio del croato Ivan interest in this art form in general and in the Sarat Maharaj, who began his studies at a South

Impudichi manichini Immodest headless


senza testa, una carrozza dummies, a suspended
sospesa, costumi e carriage, costumes and
bauli compaiono in travel trunks appear in
Gallantry and Gallantry and Criminal
Criminal Conversation, Conversation, above,
l’installazione di Yinka an installation by Yinka
Shonibare (sopra), Shonibare that is the
vero fulcro di tutta fulcrum of the entire
l’esposizione. L’artista exhibition. The Afro-British
afro/londinese crea un artist has created a myriad
insieme ricco di of historical, cultural and
riferimenti storici, economic references,
mettendo in discussione questioning many cultural
molte certezze culturali. certainties. Shonibare
Shonibare riproduce reproduces historic interiors
interni storici o famosi or famous paintings, but
dipinti, ma rivestendoli he triggers unpredictable
di tessuti africani scatena associations by covering
imprevedibili associazioni them with African fabrics

102 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 103
In Continuity of a In Continuity of a
Detached Architecture (a Detached Architecture,
sinistra), Carlos Garaicoa left, Carlos Garaicoa
guarda all’obsolescenza looks at the
della propria città natale, obsolescence of his
L’Avana, fotografa i native city, Havana. He
progetti architettonici photographs unfinished
potenzialmente non finiti, construction projects and
li ricostruisce per via then reconstructs them
digitale e li trasforma in digitally, turning them
modelli reali di paesaggi into real models of
architettonici visionari. visionary architecture.
L’architetto di origine The architect Yona
ungherese Yona Friedman, of Hungarian
Friedman, conosciuto origin and mainly known
soprattutto come teorico, as a theorist, presents
presenta disegni e modelli drawings and models of
(pagina a fronte) delle sue his design utopias,
utopie progettuali tese ad opposite, with a view to
aiutare le popolazioni helping impoverished
svantaggiate a colmare people provide for their
autonomamente le loro primary needs with
necessità primarie con radical solutions
soluzioni radicali

African university in Durban reserved for non-whites of tomorrow be inevitably political, just as culture would broadcast: Hanne Darboven and her three storeys
Indian origin before going on to London, Maastricht be inevitably humanist? I like to think that under the of pictures at the Fredericianum; Annette Messager
and Berlin. Between them the co-curators have power of media and the progress of biotechnological and her animated animal puppets with their startling
produced more than enough to inflict wretched white science, a new order of humanity will be born, fetishist mystery; Mona Hatoum and her 1950s
Western intellectuals with a guilt complex deep endowed with a new sensitivity and liberated, once kitchen. There are also Louise Bourgeois, On Kawara
enough to last the rest of their lives and trigger off the and for all, from the inevitability of a linear time that and Bernd and Hilla Becher; William Kentridge and
humanitarian vocation of a whole generation of war drags with it the inescapable parallel memory of Eija-Liisa Ahtila, two emerging video glories; and
reporters and doctors without borders. An postcolonial trans-nationalism. We are not yet there, Constant and Yona Friedman, two architectural
interminable succession of shows based on digital of course. But the suffocating conceptual weight of visionaries. Finally, there are a succession of
photography, video and film is dotted around Kassel. the visual climate at Documenta kindled in me this Asymptote style visual milieus (Hani Rashid and Lise
Their cumulative impact is to give the visitor a strong urge to escape into the future. But I am at Kassel and Anne Couture) and a string of deliciously narcissistic
sense of global involvement, a sense that is I am going to exploit this panorama of oriented accumulations by the Beninese Georges Adéagbo,
heightened by the omnipotence of electronic globalization – first by skipping the dozens of the Cameroonian Pascale Marthine Tayou, the atelier
information tools. They make us realize how frail and photographers and videographers whose names of the Croatian Ivan Kožarić and Dieter Roth, the
relativized our individual consciences really are in a I could, in any case, find by visiting the Web site. And Fluxus adventurer. One thing is clear in any case:
society that has allowed the frontiers between reality then an idea based on sheer common sense comes to Documenta11 has made a major contribution to the
and the virtual to become blurred. We live our daily mind. A one-hour television programme would suffice Internet and to our individual and collective planetary
lives in the wispy atmosphere of an existential fiction, to render the visual and conceptual effect of this memory, but it must be consulted with an interest
where the same electronic, homogenizing and global message and to encapsulate its main tempered by the necessary precautions. PR
relativizing language leads to a paroxysmal surreality. problematical importance. The various annexed
All of the tangled contradictions of the other side of publications usefully complete the cultural richness of P.S. In fact, the Franco-German TV station Arte
our everyday life are laid bare. The media itself carries the event’s contents. So one need not go to Kassel at actually dedicated a theme night to Documenta,
us into a world where the mortal risk of poverty, famine all. There is no sense in rushing around from one presented by the eminent pundits Henning Burk
and war allows just enough time to realize that reality scattered exhibition site to another in order to and Eva Maek-Gérard. By and large it confirmed
has overtaken fiction. One question: would the link meditate on Okwui Enwezor’s message. All I need the telegenic nature of the event and the symbolic
between art and society stretch far enough beyond is a TV screen and a library. To be sure, the visitor to importance of Thomas Hirschhorn’s Bataille
this point, under the effects of a sublimating aesthetic Documenta will have one or two surprises. There are Monument, situated in the middle of Kassel. The
or those of market demands, for the media to call us several well-known artists on hand to lend their talents projection of photographs on the large screen
so inexorably to the order of politics? Will the art of and a touch of telegenic charm to the ideal TV transcends their banality or redoubles their shock.

Documentario Se c’è un luogo dell’Europa dove greci, l’estremo dono che la cultura mediterranea, Documenta l’arte, o ciò che oggi s’intende per arte, Documentary If there is one place that used to desperately lonely German nation. The border this time at Documenta. You only need to have
questa è sembrata un tempo tornare punto di soprattutto quella del cibo, fa a una nazione tanto si è cacciata davvero in un vicolo chiuso: basta aver symbolize the continuing significance of Europe on between this mundane world and the territory of read a paper, consulted a library or switched on
riferimento per la scena artistica mondiale, è proprio gigantesca quanto disperatamente sola, con la sua letto un giornale, consultato una biblioteca o acceso the world stage of art, it was Kassel. It was here Documenta was marked by the line of phoney the TV any day of your life. True, a few of the artists
Kassel. La mitologia rivoluzionaria degli anni socialdemocrazia tedesca buona più a niente. Il la televisione in un giorno qualsiasi della propria vita. that revolutionary mythology of the art of the 1960s Parisian (or possibly Roman) cafés that the (Jeff Wall, Yinka Shonibare, Hani Rashid) are
Sessanta e Settanta ha trovato qui il proprio punto di confine tra questa quarta dimensione dell’ignoto e Certo, qualcuno degli artisti (Jeff Wall, Yinka and ’70s was created. optimistic organizers insisted on decking out for above suspicion.
forza, una sorta di zona franca in cui ogni discorso del rimosso è segnato dai finti caffè parigini (o Shonibare, Hani Rashid) si salva: ma dispiace dover Documenta used to be a sort of cultural free-trade the opening despite the continual downpour of But unfortunately it has to be said that most of
ideologico che prendesse di mira i fondamenti del romani) che ottimisti organizzatori si sono ostinati ad dire che la maggior parte di loro, indipendentemente zone, but under the onslaught of those who talk rain. Beyond these café tables is the preserve of them, regardless of whatever far corner of the
sistema capitalistico aveva possibilità di attuazione, allestire, anche sotto le piogge torrenziali dei giorni dalla provenienza dai quattro punti cardinali della endlessly about the globalization of art and the end the curators and artists who have closed their eyes planet they may come from, have succumbed to
se non di realizzazione. Poi tutto è precipitato nel dell’inaugurazione; da quei tavolini parte il territorio Terra, ha ceduto all’ossessione dell’Ipertesto, of the story for Europe, those days are long on the reality of a city that barely lives up to the the obsession with hypertext, mistaking the noun
grande calderone della “fine della storia”, della onirico di curatori e artisti che, chiusi gli occhi sullo scambiando il sostantivo Documenta per un verbo vanished. The reality for today’s Documenta visitor name. They have gone to the remotest corners of Documenta for an imperative verb.
globalizzazione e altre banalità. Quello che appare scenario reale di una città indegna di questo nome, imperativo. E così hanno pensato bene di esporre is a desolate landscape in a city with woefully little the world and the psyche to get hold of every And so they thought it would be a good thing to
oggi anche al più sprovveduto visitatore di si arrabattano a cercare negli angoli più remoti del illimitate sequenze di parole, numeri, giornali, contemporary architecture to recommend it. possible relic that might prove man’s existence. exhibit endless sequences of words, numbers,
Documenta è quindi il paesaggio di una grande mondo e della psiche ogni e ciascun possibile immagini qualunque, spezzoni di videotape e tutto il It can sometimes feel like a ghost town from a But it is harder and harder to believe in that newspapers, scraps of images, video clips and all
desolazione, una città davvero miserabile nella sua reperto della prova di un’esistenza dell’uomo: cui ciarpame di cui lo Spirito, figurarsi lo Spirito del 1960s western. The main street, which would existence by the time you have trudged between the clutter that the Spirit, let alone the Spirit of the
povertà architettonica, villaggio fantasma da film pure si fa fatica a credere, alla fine dell’interminabile Tempo, dovrebbe riuscire a fare a meno: o il vero make even Robert Venturi cringe, is barely four or five exhibition locations. Time, ought to be able to do without.
western in stile anni Sessanta, in cui l’alternativa è pellegrinaggio tra i quattro o cinque luoghi della Zeitgeist di questi nostri anni sono proprio le softened by a clutch of Italian, Spanish, Greek and And you don’t have to be an art critic, journalist or Or is our real Zeitgeist just the rubbish, true or
tra una main street, che farebbe inorridire anche Bob mostra. Non serve infatti essere critici d’arte, stupidaggini, vere o false, della televisione, e le loro other eateries that are the greatest gift that psychologist to guess that art – or what is meant false, of television and its monstrous cloning
Venturi, e il ristoro dei locali tipici: italiani, spagnoli, giornalisti o psicologi per intuire che stavolta a mostruose clonazioni su Internet? SC Mediterranean culture can offer to the gigantic yet by art today – has indeed got stuck in a blind alley on the Internet? SC

104 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 105
The
Hidden
style

Ron Arad lascia la sua

Hidden: impronta come art


director di un marchio
olandese. Testo di

la direzione Francesca Picchi


Ron Arad makes his
mark as art director for

nascosta a Dutch label. Text by


Francesca Picchi
Fotografia di/
Photography by
Ramak Fazel

Il tavolo Compass di Anthony Dunne Anthony Dunne and Fiona Raby


e Fiona Raby, (a destra), ingloba demonstrate some of the less obvious
venticinque piccoli compassi che aspects of consumer electronics.
oscillano e ruotano non appena un The Compass table incorporates 25
oggetto elettronico (per esempio, un miniature compasses, whose needles
telefono cellulare o un labtop) entra twitch and rotate whenever an
in contatto con il piano ‘reattivo’ del electronic object (such as a mobile
tavolo. La rotazione sincrona degli aghi phone or laptop) comes into contact
della bussola, a seconda dello stato with the table’s ‘reactive’ surface. The
d’animo o dei punti di vista, è synchronous rotation of the compass
interpretata come segnale sinistro o, needles may be interpreted – depending
al contrario, è considerata un’intrigante on your point of view – as either a
forma di decorazione che supera le sinister signal or an intriguing form of
restrizioni bidimensionali per introdurre decoration that goes beyond 2-D to
la dimensione del tempo introduce the dimension of time

106 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 107
Quando nel 1999 Leon van Gerwen discussione) dei maestri: la chiusura
fonda in Olanda il marchio Hidden “a riccio” intorno a poche ‘firme’
ha in mente di tradurre nella realtà rassicuranti spesso finisce per essere
della produzione idee e responsabile di un’uniformità diffusa
sperimentazioni di giovani progettisti e monotona di prodotti tutti uguali.
alla ricerca di un confronto con Promuovere il rinnovamento
il sistema di necessità dell’industria, e il ricambio generazionale
senza doverne subire troppo sembrerebbe possibile riconoscendo
le interferenze o i compromessi. Ron alla produzione industriale l’autorità
Arad, Christophe Pillet, N2, Richard di una selezione naturale, che agisce
Hutten, Dumoffice e Kombinat, hanno per garantire la prosecuzione della
partecipato al progetto fin dall’inizio. specie. “Malgrado l’industria appaia
Da quando è diventato direttore inaccessibile ai giovani designer,
artistico di Hidden, Ron Arad ha le aziende hanno bisogno di nuovi
fatto della produzione una priorità, progettisti, anche se non sembrano
dando nuova energia all’idea rendersene conto”.
dell’azienda come ‘canale’ lungo Per incominciare, Arad ha raccolto
cui attraversare l’empasse della intorno a sé un gruppo di giovani
“discriminazione industriale”: designer (alcuni suoi studenti
una figura di mediazione tra lo al Royal College of Art), di cui fanno
sguardo del progetto, le leggi della parte Daniel Charny, Dunne & Raby,
produzione, i desideri inespressi (o El Ultimo Grito, Arash Kaynama,
le resistenze) del consumo. Gabriel Klasmer, Yuko Tsurumaru:
“L’importante è tradurre nella realtà di loro già conosceva il lavoro e
i progetti, non lasciare che rimangano la predilezione a cogliere il lato
allo stato di idea. Troppo spesso oscuro della vita degli oggetti, a
si assiste alla messa in scena vedere oltre le apparenze descritte
di progetti allo stato di prototipo, ingenuamente dai sensi umani.
non veri prodotti”. Con la prima Sulla base della ‘producibilità’
collezione di Troppotypes – un delle idee, ha messo insieme una
neologismo per ironizzare sul prima selezione di progetti da
prototipo quando è usato come spingere sulla strada di una nuova
oggetto da esposizione o richiamo vita attraversata dalla produzione
per l’industria – Arad intende gettare e dal consumo: così ricerche
un seme: “L’idea è quella e intuizioni si traducono nelle forme
di un’azienda che cresce insieme riconoscibili di oggetti reali come
ai suoi progettisti per diventare vasi, sedie, tavoli, che mantengono
un veicolo, un contenitore, qualcosa una relazione funzionale e formale
che si fatica a trovare nel panorama con il mondo quotidiano.
attuale della produzione industriale, Paul Cocksedge, per esempio,
che permetta a nuovi progettisti si è dato il compito di studiare
di affacciarsi sul mercato per dare i meccanismi di crescita di una forma,
spazio a nuovi modi di pensare”. lasciandola agire secondo leggi
Arad sembra indicare nell’accesso interne di cambiamento che
alla produzione uno dei punti l’apparentano alla famiglia delle forme
di fragilità di un sistema che stenta organiche. Il designer si “chiama
a ‘autorizzare’ nuovi autori, che fuori” così dal processo di definizione
non ne accoglie di nuovi ad eccezione formale. È più interessato a studiare
della generazione fortunata (e fuori il comportamento della materia
Per la serie “Hidden collectables”, Arash Kaynama, per ovviare alla
Jeffrey Bernett ha trasformato un frustrazione della mancanza di spazio
innocente orso di peluche – simbolo su cui appuntare idee e pensieri,
della tenerezza, legato all’infanzia – ha immaginato di avere a disposizione
in un nuovo oggetto dalle sembianze un piano di scrittura mobile, pari a sei
aliene (in alto). Bernett è riuscito a volte la dimensione di un comune
trasfigurare la sua immagine familiare Post It. Il tavolo Genius (a destra) è
semplicemente immergendo l’orso in particolarmente utile come comodino
un bagno di gomma a presa rapida nel caso di improvvise ispirazioni
(generalmente utilizzata per il notturne, per raccogliere quel tipo
rivestimento di utensili) evanescente di idee appena prima
For the Hidden collectables range che siano dimenticate per sempre
Jeffrey Bernett has turned the innocent (disegni di Massimo Caccia)
teddy bear into an alien object, above. To overcome the frustration of not
Bernett managed to transfigure this having enough space for jotting down
familiar image simply by immersing the ideas and thoughts, Arash Kaynama
bear in a fast-setting rubber dip conceived a mobile writing surface
(normally used to coat tool handles) six times the size of a normal Post It.
The Genius table, right, is particularly
useful as a nightstand in the event of
sudden nocturnal inspiration – you can
scribble down those elusive ideas
before they are forgotten forever
(drawings by Massimo Caccia)

108 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 109
e a seguirne le conseguenze formali: dove “gli oggetti elettronici agiscono
“Ho lasciato che fosse il materiale come co-protagonisti di un thriller
a generare la forma. Mi interessava far noir…”. Per far conoscere
sì che la materia seguisse a un pubblico più vasto i risultati
la sua natura e andasse per la sua del proprio lavoro hanno scritto
strada. Il risultato produceva sempre un libro intitolato Design Noir,
forme interessanti”. in omaggio al lato misterioso
Il punto di partenza è un bicchiere delle cose, che il progetto porta
di polistirolo, che Cocksedge utilizza a svelare.
come un comune semilavorato,
facendo interferire la sua forma The Hidden style Hidden likes to
elementare (un tronco di cono) have it both ways. Based in Holland,
in combinazioni diverse. In questo the firm was founded by Leon van
modo, limitandosi a mettere a punto Gerwen in 1999 to translate ideas
un processo che dà il via alla and experiments into production.
trasformazione (una semplice But not at the price of too much
variazione di temperatura), si interference or compromise. Ron
è costruito un sistema — che sembra Arad, Christophe Pillet, N2, Richard
mutuare le sue regole dal mondo Hutten, Dumoffice and Kombinat
organico — grazie al quale può have participated in the Hidden
assistere al cambiamento della forma venture from the start. Since Ron
nella sue mutevoli aggregazioni. Arad became Hidden’s art director,
Anthony Dunne e Fiona Raby he has made manufacturing a priority.
introducono un ulteriore punto He sees the firm as a way through
di vista. Incuriositi dai comportamenti the barriers against younger
indotti dalla presenza pervasiva designers represented by what
della tecnologia elettronica he calls ‘industrial discrimination’.
nella vita quotidiana, da molti anni Moreover, it should mediate between
si dedicano allo studio the standpoint of design, production
di un paesaggio invisibile che, laws and the unexpressed desires
per quanto inaccessibile ai nostri (or resistance) of consumers.
sensi, è possibile conoscere ‘The important thing was to make
attraverso leggi che ne lasciano it real, not just an idea. Too often
prevedere il comportamento: one sees a lot of things fabricated,
un mondo parallelo pervaso but not manufactured’, he says.
dall’azione di forze (come quelle For his first collection with Hidden,
di un campo elettromagnetico) Arad has coined the word
di cui spesso non abbiamo coscienza Troppotypes, an acid comment
e che a mala pena siamo in grado on the cynical reliance of too many
di percepire. Persuasi che “oltre companies on attention-grabbing
la superficie tirata a lucido degli prototypes that they know full well
oggetti sta nascosto un mondo will never go into real production.
oscuro e strano, costruito sulla ‘The idea is to have a company
misura distorta e approssimativa that grows together with its
dei bisogni reali dell’uomo”, designers’. As such it becomes
Dunne e Raby hanno pensato che a vehicle or means to an end,
la rappresentazione della “vita something that actually does not exist
segreta degli oggetti” potesse in the current manufacturing system.
assumere le forme di un racconto It ought to allow new designers
Global 2002DC di Daniel Charny (a AI vasi della serie Styrene di Paul
destra) è un mappamondo di lavagna. Cocksedge (in alto e a destra) sono la
Ogni traccia del globo terrestre è stata risposta al programma: “far crescere
cancellata dalla sua superficie: un prodotto”. Un processo termico,
un invito a riscrivere i confini di un applicato alla forma tronco-conica di
mondo parallelo o a disegnare la propria un comune bicchiere di polistirolo nelle
versione di un mondo svanito nel nulla sue molteplici aggregazioni, genera
(fotografia: Wouter) un cambiamento formale oltre che un
Global 2002DC by Daniel Charny, right, incremento delle proprietà di resistenza
is a chalkboard globe. All traces of the del materiale. La metamorfosi
existing continents have been erased sembra mutuare le sue leggi dal
from its surface – an invitation to comportamento degli organismi viventi
retrace the boundaries of a parallel The vases in Paul Cocksedge’s Styrene
universe or to draw one’s own vision collection, above and right, are a
of a world vanished into nothing response to the ‘grow a product’ brief.
(photograph: Wouter) A heat process is applied to the
truncated cone shape of an ordinary
polystyrene cup, generating a change
in form as well as making the material
tougher. It’s a transformation that looks
like a natural, organic process

110 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 111
to emerge and continue to design He is more interested in studying
challenging and original products. the behaviour of the material
Arad believes the difficulty of and following its formal
breaking into the world of production consequences. ‘I let the material
is one of the weaknesses of a dictate the form’, the designer says.
system that hesitates to ‘authorize’ ‘I was interested in letting the material
unknown designers. It is not disposed do what it wanted to. The result
to accept new names outside always has been engrossing forms’.
that lucky, unbeatable generation The point of departure is
of the masters. Businesses are a polystyrene cup that Cocksedge
cautious about allowing access uses as a common intermediate
to their production lines to people product; he exploits its basic form,
whom they have not worked with a truncated cone, in diverse
before or who have not designed combinations. In this way, by merely
and manufactured something already, devising a process that triggers
barring the way to all except a few transformation (a simple change
reassuring designers: the result in temperature), he has conceived
is widespread uniformity and a system that seems to have
the monotony of almost identical borrowed its rules from the natural
products. Promoting new thinking world. This allows him to watch
in design by allowing mass- the mutation of the form in all
production to have the authority of of its configurations.
natural selection guarantees the Anthony Dunne and Fiona Raby
survival of the species. introduce another viewpoint.
‘Established manufacturers need new Interested in the pervasive presence
designers, even though they don’t of electronics in everyday life,
really think so’. Arad has brought for years they have been studying
together a group of young designers, an invisible landscape. Though
including Arash Kaynama, Yuko it is inaccessible to our senses,
Tsurumaru, Daniel Charny, Gabriel it can be understood by means
Klasmer, Dunne & Raby and El Ultimo of laws that help predict its
Grito. behaviour. It is a terrain pervaded
Many are former students of his at the by the actions of forces (such
Royal College of Art. He knew their as electromagnetic fields) of which
work and their tendency to try we frequently know nothing and
to capture the obscure side of the life can barely perceive.
of objects. Their experiments have Convinced that ‘beneath the glossy
been translated into the recognizable surface of official design lurks a dark
forms of real products: vases, tables and strange world driven by real
and chairs that maintain a functional human needs’, Dunne and Raby
and formal relationship with the decided that the representation
everyday world. of the ‘secret life of objects’ could
Paul Cocksedge, for example, took become a tale in which ‘electronics
on the task of studying growth are co-stars in a noir thriller’.
mechanisms, allowing his family They introduced their ideas to
of organic forms to act according a broader audience in a book
to internal laws of change. Thus entitled Design Noir, an homage
the designer remains outside to the mysterious side of things that
the process of formal definition. design unveils.
Nell’intento di ridurre al minimo gli
scarti, il disegno del tavolo Little Waste
di Ron Arad (a destra) risolve nella
composizione ad incastro tutti gli
elementi. All’interno di un’unica lastra
di materiale, il negativo del piano
disegna le gambe del tavolo.
Lo sgabello Holo di Yuko Tsurumaru
(a sinistra), impilabile e senza un
orientamento privilegiato d’uso, è
prodotto con la tecnica blow moulding
Ron Arad’s Little Waste table, right, is
designed to eliminate wastage during
manufacture. The legs are off-cuts
produced in shaping the top from a
single sheet of material. The Holo stool
by Yuko Tsurumaru, left and above,
is blow-moulded and can be assembled
in any combination

112 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 113
Materiali e arredo
Tre anni fa Enrico Baleri presentò
nel proprio show-room di Milano
una piccola ma significativa mostra:
“Underwear – Il design messo a
nudo”, che impartiva un’illuminante
lezione di anatomia del design.
Spiegando e sezionando alcuni suoi
famosi pezzi, Baleri dimostrava
quanto sia faticoso e avvincente il
processo che porta all’oggetto
finale. Talvolta la materia conserva
traccia della fatica, così come ogni
materiale possiede potenzialità che
un buon progetto sa mettere in luce.
Il pannello flessibile Jelmoflex

rassegna
(sotto), prodotto da Jem, e i tessuti
Argyll (nella pagina accanto),
disegnati da Jasper Morrison con
Catherine Murray per Bute Fabrics,
hanno molto da suggerire.
Materials for interior decor
Three years ago Enrico Baleri staged
a small but significant exhibition at
his Milan showroom. Underwear –
Design stripped bare was an
enlightening lesson in the anatomy
of design. Baleri’s explanations and
dissection of some of his most
famous pieces revealed the
laboriousness but also the
fascination of the process leading up
to the final object. Just as the matter
sometimes bears traces of the
labour pains involved, every material
has a potential that good design can
bring to light. Jem’s Jelmoflex
flexible panel (below) and superb
Argyll textiles (opposite), designed
by Jasper Morrison with Catherine
Murray for Bute Fabrics, have a
great deal to offer.

Fotografia di/Photography by Richard Learoyd

114 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio Agosto/July August 2002 115
rassegna

rassegna
Abet Laminati Wilsonart International JEM Paniforti Multistrati Donati Group
Viale Industria, 21 2400 Wilson Place Jolando Eliseo Molteni Via Manzoni, 19
12042 Bra (Cuneo) P.O. Box 6110 Via Don Meroni, 56 24060 S. Paolo D’Argon (Bergamo)
T 0172419111 Temple TX 76503-6110 (USA) 22060 Figino Serenza (Como) T 035959191
F 0172431571 T +1-800-433.3222 T 031780150 F 035958721
abet@abet-laminati.it www.wilsonart.com F 031781782 export@donatigroup.com
www.abet-laminati.it In Italia: Sadun molteni@paniforti.com www.doluflex.com
Via Wagner, 193 www.paniforti.com
20038 Seregno (Milano)
T 036223341
F 0362229470
info@sadun.it

Pral Pral Wilsonart SSV Wilsonart SSV Jelmoflex strutturale Structural Jelmoflex Do-luflex Do-luflex
design: Abet design: Abet design: Wilsonart International design: Wilsonart International design: Jem design: Jem design: Donati Group design: Donati Group
Disponibile in tre formati standard Available in three standard sizes Proposto in due spessori, 13 mm Offered in two thicknesses, 13 mm Il pannello Jelmoflex strutturale The Jelmoflex structural panel Ciò che caratterizza i pannelli A cold-formed fretted steel plate
(3600 x 760 mm, 3600 x 670 mm e (3,600 x 760 mm, 3,600 x 670 mm (Gibraltar) e 3 mm (SSV, Solid (Gibraltar) and 3 mm (SSV, Solid (multistrato flessibile per la (flexible and multilayered for the brevettati Do-luflex è una lamiera makes Do-luflex panels a standout in
2020 x 1200 mm) e cinque spessori and 2,020 x 1,200 mm) and five Surfacing Veneer), Wilsonart è un Surfacing Veneer), Wilsonart is a correzione acustica degli ambienti acoustic correction of cramped grecata formata a freddo. Il suo their field. Gluing one to a flat steel
(3-6-8-12-18 mm), Pral è un thicknesses (3-6-8-12-18 mm), Pral is materiale costituito per 2/3 da un material composed of 2/3 rock confinati, omologato in Classe 1 di environments, rated Class 1 for its incollaggio a una lamiera piana porta plate produces Do-luflex 1, a flexible
composito polimerico a base di a polymer composite with an acrylic minerale di roccia e per 1/3 da resina mineral and 1/3 acrylic resin. reazione al fuoco) serve a modulare il response to fire) modulates sound a Do-luflex 1, pannello flessibile panel used for the execution of
resina acrilica con cariche minerali resin base and inert mineral charges. acrilica. L’aspetto ricorda la pietra The look of the item recalls natural suono e a migliorare la qualità della and upgrades aural quality. utilizzato per l’esecuzione di elementi curvilinear elements. Gluing two flat
inerti. Piacevole al tatto, resistente e Pleasing to the touch, resistant and naturale (sono disponibili numerosi stone (numerous colours are percezione. Versatile e configurabile Versatile and receptive to custom curvilinei; l’incollaggio tra due steel plates together brings forth
facile da lavorare, è proposto in easy to process, it available in colori a tutto spessore), ma le available, dyes extending throughout a piacere, è disponibile in più configuration, it’s available in lamiere piane determina invece Do- Do-luflex 2, a rigid sandwich with
numerosi colori e texture (a tutto numerous tones and textures (items tecniche di lavorazione sono quelle the item), but the processing spessori (da 13 a 30 mm) e, grazie several thicknesses (from 13 to 30 luflex 2, sandwich rigido, con elevate world-class mechanical
spessore), suddivisi in otto famiglie: are through-dyed) in eight families – del legno. In particolare, i piani di techniques used are those applied to alla sua flessibilità, può essere mm) and, thanks to its flexibility, caratteristiche meccaniche. characteristics. When aluminium,
Ice, Sand, Stone, Crystal, Water, Ice, Sand, Stone, Crystal, Water, lavoro in SSV da 3 mm, come quelli wood. Work surfaces in 3 mm SSV, perfettamente calibrato alle esigenze may be perfectly calibrated to Utilizzando alluminio, acciaio stainless steel or galvanized steel
Musk, Earth e Rainbow. Può essere Musk, Earth and Rainbow. It can be qui illustrati, sono ottenuti incollando like the ones shown here, are di qualsiasi ambiente. Mantiene the needs of any space. inossidabile o lamiera zincata, si plate are used, one finds oneself with
modellato a caldo e cesellato, per heat-shaped and chiselled to create il Wilsonart ad un pannello truciolare achieved by gluing Wilsonart to a inalterata nel tempo la sua natura, It keeps its nature pristinely intact for ottiene una vasta gamma di a vast spectrum of solutions.
realizzare lavabi e lavelli, o qualsiasi washbasins, sinks or any surface da 35 mm. Si ottiene un piano nel particleboard panel 35 mm thick. assicurando elasticità permanente, the life of the panel while assuring soluzioni. Do-luflex si lavora con i Do-luflex is processed with standard
superficie che richieda facilità di calling for ease of maintenance and quale è facile inserire i lavelli The result is a top into which it’s easy fonoassorbimento e diffusività. permanent elasticity, sound normali attrezzi da falegname; può carpenter tools and may be
manutenzione e igiene. hygienic surroundings. realizzati in Wilsonart. to fit Wilsonart sinks. absorption and diffusion. essere impiegato per fabbricare employed in the manufacture of
librerie, tavoli, sedie ecc. bookcases, tables, chairs, etc.

Corian PL – Abet Group Covre Manifatture Röhm Plexiglas


Marchio Registrato di DuPont Strada per Bulgorello, 1 Via Manzoni, 54/A Divisione della Degussa AG
DuPont de Nemours Italiana 22070 Vertemate (Como) 22040 Alzate Brianza (Como) D-64275 Darmstadt
Via A. Volta, 16 T 031888211 T 031619946 T +49-(0)6151-1801
20093 Cologno Monzese (Milano) F 031901053 F 031631519 F +49-(0)6151-184004
F 0225302213 componenti@pl-abetgroup.it covre@covremanifatture.it In Italia: Röhm Italia
Numero verde Corian 800-876750 www.pl-abetgroup.it Via XX Settembre, 38
www.corian.com 20024 Garbagnate Milanese (MI)
T 029907051
F 0299070544
www.plexiglas.de

Corian Corian Coeso Coeso Extrablink Extrablink Plexiglas Plexiglas


design: DuPont design: DuPont design: PL design: PL design: Lino Codato design: Lino Codato design: Röhm Plexiglas design: Röhm Plexiglas
Inventato e prodotto solo da DuPont, Invented and produced exclusively Laminato autoportante postformato A self-supporting laminate, post- Nei mobili da cucina, le ante In kitchen furniture, transparent Trasparenza, leggerezza, formabilità Transparency, lightness, flexibility
Corian è materiale composito ad by DuPont, Corian is a composite ad alta pressione, Coeso è proposto formed under high pressure, Coeso trasparenti rendono più leggere le doors create lighter compositions e facile lavorazione sono le and easy processing are the primary
alte prestazioni funzionali ed distinguished by its high functional in diversi spessori, colori e finiture. is offered in various thicknesses, composizioni e permettono di and enable the user to easily locate caratteristiche di base del Plexiglas, characteristics of Plexiglas.
estetiche, impiegato per superfici e and aesthetic performance. It is used Lo strato superficiale è costituito da shades and finishes. Its surface layer individuare più facilmente gli oggetti objects stored. Extrablink is a door il famoso vetro acrilico dalle infinite With its infinite colour range, the
manufatti di vario tipo, e i cui utilizzi for various types of surfaces and a carta decorativa impregnata di resina consists of decorative paper riposti. Extrablink è un’anta con with a polycarbonate profile into possibilità di colorazione che, famous acrylic glass, thanks to
spaziano oramai ovunque. Lo limitless range of applications – as melaminica, lo spessore da fogli di saturated with melamine resin, while profilo di policarbonato nel quale which a tempered glass panel (4 mm mediante speciali procedimenti di special polyurethane coating
dimostra il fatto che ben 70 designer proven by the fact that all of 70 carta Kraft imbevuti di resine the other layers comprise sheets of s’incastra un pannello di vetro thick) has been introduced. The nobilitazione, diventa un prodotto procedures, is capable of amazing
e aziende, in occasione del Salone designers and companies at the termoindurenti. Il pannello così Kraft paper soaked in heat-hardening temperato (spessore 4 mm). La surface of the glass is treated with capace di sorprendenti funzionalità. functional feats. Ideal for furniture
del Mobile di Milano 2002, abbiano Milan Furniture Fair chose Corian for formato è sottoposto a pressione e resins. The item is subjected to superficie del vetro è trattata con water-repellent paints or varnishes. Per i mobili (per esempio, frontali di (the fronts of cabinets, for example),
scelto il Corian per i loro nuovi new designs. Among these is the calore in apposite presse, dalle quali pressure and heat in presses to vernici idrorepellenti. La gamma dei The range of colours (neutral, beige, armadi), sono ideali le lastre da sheets measuring 18 mm are
progetti, tra i quali il tavolino Una Una Table, shown here, designed by esce un prodotto compatto e stabile produce a compact panel that is colori (neutro, beige, giallo, arancio, yellow, orange, bordeaux, green and 18 mm, compatte, resistenti, con i compact and resistant; their borders
Table, progettato da David Serero e David Serero and John Beckman of nel tempo. Coeso resiste agli urti, stable over time. Coeso is virtually bordeaux, verde e azzurro) favorisce sky blue) favours combinations with bordi lucidabili e lucide su entrambi i may be polished and are glossy on
John Beckman, Degree Zero Degre Zero Architecture. The reasons all’usura e ai solventi, garantendo immune to impacts, wear and l’abbinamento con i materiali più diverse materials. Extrablink comes lati senza bisogno di verniciatura. both sides, thus don’t require paint or
Architecture, qui illustrato. Alcune they selected Corian include the robustezza e igiene. È disponibile nei solvents, guaranteeing sturdiness diversi. Extrablink è disponibile in in a variety of sizes, including La gamma Plexiglas comprende varnish. The Plexiglas spectrum
ragioni della preferenza: material’s amenability to being decori e negli spessori della and hygiene. It comes in the diverse misure, anche nei formati formats suitable for drawer fronts. lastre incolori e colorate, blocchi (fino includes colourless or coloured
modellabilità e capacità di prestarsi shaped and its talent for lending itself collezione Abet Print. decorations and thicknesses adatti ai frontali dei cassetti. a 150 mm di spessore), tubi e barre. sheets, units (up to 150 mm in
alle geometrie più complesse. to the most complex shapes. featured in the Abet Print collection. thickness), pipes and bars.

116 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 117
rassegna

rassegna
Confalonieri TecnoDesign Cafim Colcom
Umberto Confalonieri & C. Divisione di Open Via dei Guasti, 19 Via Brescia, 149
Via Prealpi, 11 Via G. Di Vittorio, 2 20020 Misinto (Milano) 25075 Nave (Brescia)
20034 Giussano (Milano) 20020 Misinto (Milano) T 0296320168 T 0302532008
T 036235351 T 02966931 F 0296320959 F 0302532232
F 0362851656 F 0296720912 info@cafim.it www.colcom.it
info@confalonieri.it info@openspa.com www.cafim.it
www.confalonieri.it www.openspa.com

Maniglia per mobili Handle for furniture pieces Flash Card Flash Card Logo: mensole luminose Logo: luminous shelves Neus Neus
design: Paolo Nava design: Paolo Nava design: TecnoDesign design: TecnoDesign design: E. Panzera - F. Murano design: E. Panzera - F. Murano design: Cesare Monti design: Cesare Monti
La maniglia (art. MB09075) è This handle (art. MB09075) consists Eliminate chiavi ed ogni altra Eliminating keys and digitizing and/or Nella versione con vetro luminoso, le In the version with a light-emitting Neus è un’innovativa soluzione per il Neus is an innovative solution for the
costituita da un’impugnatura of an aluminium grip with ridges on operazione di digitazione e/o insertion operations, Flash Card is an mensole Logo accolgono nell’estruso built-in glass panel, Logo houses a sostegno di qualsiasi superficie di support of all glass surfaces.
d’alluminio con il lato inferiore rigato the inside to provide a better grasp inserimento, Flash Card è un sistema opening system that functions simply d’alluminio una sorgente a luce cold light source in an aluminium vetro. Grazie ai suoi due snodi, Neus Thanks to its two joints, Neus is
per aumentare la presa e da un and a plastic element that serves as d’apertura che funziona per semplice by holding a card in front of a fredda. L’estruso, fissato a parete o extrusion. When fastened to a wall or è molto flessibile nell’applicazione e highly flexible in terms of application
elemento di materiale plastico che the base. Since the base rotates to avvicinamento di una tessera ad un wall-mounted reader (shown here). su un pannello verticale, sorregge la vertical panel, the latter supports the può essere usato in vario modo: per and may be used in various ways – to
funge da base. Ruotando di 180° la an angle of 180˚, the handle is apposito lettore applicato a muro (qui When hotels or other premises are mensola e, attraverso un sistema shelf and illuminates the glass reggere vetrate da interno, per pareti prop up glazing from the inside, as
base, la maniglia si presenta perpendicular or inclined to the illustrato). In caso di locali controllati, equipped with security systems brevettato, rende luminosa la surface with a patented system that divisorie, o per sorreggere piccole wall dividers or to hold up small glass
perpendicolare al piano di fissaggio o anchoring top, thus offering two con autorizzazione a zone, la with zone authorization, managing superficie del vetro, con una produces a steady stream of light, mensole di vetro, come nel caso qui shelves, as in the example illustrated
inclinata, offrendo così due aesthetic assembly options. In its gestione di più ingressi è risolta con several entrances is regulated by luminosità costante, indipendente independently from the dimension of illustrato. Può essere installato here. It can be installed at various
possibilità estetiche di montaggio. white version, the plastic base is un programmatore che abilita o programmers that activate or dalla dimensione della lastra. the panel. Lengths may be adapted secondo angolazioni diverse e angles and anchored in two or more
La base di plastica, nella sua phosphorescent: the visual signal disabilita le card. Il sistema non deactivate the cards. The system has La lunghezza può adattarsi a to specific needs by joining fissato a due o più punti secondo places as needed. Applied directly to
versione bianca, è fosforescente: il becomes a decorative element. richiede collegamenti ad impianti no need of connections to electrical specifiche esigenze costruttive, several elements or making the item necessità, nonché applicato the glass with no need for other
segnale visivo diventa decorazione. elettrici, funziona in autonomia per systems and continues functioning unendo più elementi o realizzando in the desired dimensions from a direttamente al vetro, senza bisogno fasteners, it is available in brass,
due anni con batterie a stilo. for two years with stylus batteries. le dimensioni desiderate con un single extrusion. Only one supply di utilizzare altre cerniere; è realizzato stainless steel and aluminium.
Non essendo fissato sulla porta, Since it’s not fastened to the door, unico estruso; per il funzionamento area is enough to keep sources in ottone, acciaio inox e alluminio.
Flash Card non richiede la Flash Card doesn’t require the delle sorgenti è sufficiente un solo functioning smoothly.
sostituzione della maniglia. substitution of the handle. punto d’alimentazione.

Hettich Italia Adar Servetto OGTM


Via Crevada, 9/1 Via dei Laghi Via Brughetti, 32/34 OGTM Officine Meccaniche
31020 San Pietro di Feletto (Treviso) 61030 Calcinelli di Saltara (PU) 20030 Bovisio Masciago (Milano) Via Maestri del lavoro, 18
T 0438666222 T 0721899800 T 0362558899 26866 Sant’Angelo Lodigiano (Lodi)
F 0438666223 F 0721897980 F 0362591907 T 037190072
info@hettich.it adar@adar.it servetto@servetto.it F 037191673
www.hettich.com/it www.adar.it www.servetto.it info@ogtm.com
www.servetto.com www.ogtm.com

InnoTech InnoTech Portautensili di legno Wooden utensil holder Dino Dino Giro Giro
design: Hettich design: Hettich design: Adar design: Adar design: C. Ballabio, A. Elli design: C. Ballabio, A. Elli design: James Irvine design: James Irvine
Specialista in ferramenta e soluzioni Specializing in hardware and Il sistema Legobox comprende The Legobox system includes Tutto quanto serve ad attrezzare i Everything needed to equip a Particolarmente indicata per carrelli o Particularly recommended for trolleys
innovative per i mobili, la società innovative solutions for furniture, the cassetti scatolati a frontale ready-to-assemble drawers that may guardaroba è il campo d’azione di wardrobe is the province of Servetto, tavolini, la ruota Giro ha il supporto in or end tables, the Giro wheel has a
tedesca Hettich dispone di un German company Hettich has a smontabile, studiati per i mobili da be dismantled, specially designed for Servetto, un’azienda specializzata a company specializing in Zama 15, cromato o trattato con support in Zama 15, chromium-
catalogo ricchissimo di articoli e catalogue full of products and cucina. Tra i numerosi accessori kitchen furniture. Among the nei meccanismi di salita e discesa mechanisms for ascending and verniciatura epossidica RAL 9006 o plated or treated with RAL 9006
sistemi per rendere più funzionali gli systems for making furnishings more collocabili al loro interno, il numerous accessories that can be delle aste poste all’interno degli descending rods inside wardrobes, in altri colori. Il battistrada è epoxy paints or other shades.
arredi. Il sistema InnoTech, per functional. The InnoTech system, for portautensili di faggio (serie stored inside, the wooden utensil armadi o fissate direttamente alle simplifying the process of hanging up realizzato in gomma termoplastica The tread is in thermoplastic rubber
esempio, consente di organizzare in example, enables the user to Gastronomo), trattato con olio di lino, holder shown here (Gastronomo pareti. Dino, la gruccia qui illustrata, or removing clothes. Dino, the coat (nera, grigia o in altri colori), mentre i (black, grey or other hues), while the
modo intelligente e pratico le diverse organize various kitchen areas in a qui illustrato esemplifica la qualità series) exemplifies the high quality of n’è un logico completamento. Di hanger illustrated here, is a logical dischetti laterali sono in ABS colorato lateral diskettes are ABS, either
zone della cucina: qui è illustrato il smart and practical way. Illustrated della lavorazione dei prodotti Adar. workmanship Adar products are materiale morbido tecnologicamente complement of such devices. Made o con finitura legno (acero, ciliegio, coloured or with a wood finish
contenitore per piccoli here is a case piece for small L’azienda produce accessori per i known for. The company has been strutturato, la gruccia è disponibile in of a technologically structured soft faggio, noce). Il fissaggio ai mobili (maple, cherry, beech or walnut).
elettrodomestici con presa di household appliances with a socket mobili (in particolare, guide per producing furniture accessories due modelli: Large (colore arancio) e material, the coat hanger is available avviene mediante attacco a piastra, Anchorage to furniture is achieved by
corrente elettrica inserita nel for electric current tucked into the cassetti e cassetti metallici) dal 1967; (runners for drawers and metallic Small (arancio, nero e alluminio). in two models – Large (orange) and perno filettato e innesto rapido. attaching the item to a plate,
cassetto, una soluzione (sicura e a drawer, a safe and compliant solution il pacchetto di maggioranza è drawers, in particular) since 1967; the Small (orange, black and aluminium). threaded pin or rapid coupling.
norma) che facilita il lavoro in cucina. that makes kitchen work easier. stato recentemente acquisito dalla Arturo Salice Company recently
società Arturo Salice. acquired a majority of shares.

118 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 119
rassegna

rassegna
Heideveld Polyester BV Gruppo Frati Asa Plastici Panelite
Europaweg 24 Via XX Settembre, 58 Via Buonarroti, 60 600 Broadway suite 4c
8181 BH Heerde NL 46030 Pomponesco (Mantova) 20090 Trezzano s/Naviglio (Milano) New York, NY 10012 (USA)
tel. +31-(0)578-692058 T 03758401 T 024455894 T +1-212-343.0995
fax +31-(0)578-694651 F 0375840401 F 024450107 F +1-212-343.8187 (quotation
mail@nuovopovero.com info@gruppofrati.com com@asaplastici.it requests)
www.nuovopovero.com www.gruppofrati.com www.asaplastici.it Panelite West
www.heideveld-polyester.nl Material Development
1655 Euclid Unit A
Santa Monica, CA 90404 (USA)
T +1-310-581.4518
F +1-310-664.1111
info@e-panelite.com
www.e-panelite.com

YST (You See Through) YST (You See Through) Ondapan Inside Ondapan Inside Vertebra Vertebra Aluminum Series: AO/FB Aluminum Series: AO/FB
design: Rudolf Peter Ammer design: Rudolf Peter Ammer design: Luca Scacchetti design: Luca Scacchetti design: Asa Plastici design: Asa Plastici design: Panelite design: Panelite
Il pannello YST (You See Through) è The YST (You See Through) panel is Ondapan abbina le prestazioni Ondapan combines the mechanical Canalizzazione a vista con doppio A visible channel with a double bay I pannelli panelite adottano una Panelite panels feature a bonded
un sandwich traslucido che può a translucent sandwich that can be meccaniche proprie del laminato ad assets of its H.P.L. high-pressure vano per il passaggio dei cavi, for wiring management, Vertebra is a costruzione a strati incollati sandwich-type construction currently
essere modellato in forme curve o moulded into shapes that are either alta pressione H.P.L. alla flessibilità di laminate with the flexibility of a Vertebra è un sistema semplice e simple and flexible system that utilizzata nell’industria aerospaziale: used in the aerospace industry.
piane. Si ottiene inserendo un curving or flat. The item is produced un supporto a base di composti support based on ecologically sound flessibile che si adatta alle più adapts to the widely varying needs. l’anima strutturale a nido d’ape A honeycomb structural core assures
pannello di cartone con struttura a by fitting a cardboard panel with a ecocompatibili, soddisfacendo le compounds, thereby satisfying the svariate esigenze. Gli anelli, The rings, which may be purchased assicura solidità e rigidezza ad una solidity and rigidity at a very low
nido d’ape tra due lastre di beehive structure between two esigenze progettuali più ardite. most specific design needs. acquistabili anche separatamente, si separately, are hooked together until densità molto bassa e, una volta density and, once bonded to
poliestere. Quando il sandwich è sheets of polyester. When the Ondapan Inside, qui illustrato, ha un Ondapan Inside, shown here, has a agganciano gli uni agli altri sino ad the desired length is obtained (in the incollata agli strati di rivestimento, lightweight facings, forms a
sottoposto a pressione nello stampo, sandwich is put under pressure in the basso peso specifico e ottime low specific gravity and superb ottenere la lunghezza desiderata example shown here, the cable forma un pannello composito molto composite panel that’s very strong,
il nido d’ape si deforma assumendo mould, the beehive is deformed, proprietà d’isolamento termico e thermal and acoustic insulating (nell’esempio illustrato, l’elemento transit element extends from ceiling forte, rigido eppure poco pesante. rigid despite its light w weight.
l’aspetto di una struttura naturale. Le taking on the look of a natural acustico; recentemente è stato usato properties. It was recently used for passacavi si sviluppa da soffitto a to floor). Accessories (heads, feet, Nei pannelli della Aluminum Series, Aluminum Series panels (patent
lastre YST possono essere usate per structure. YST sheets can be used to per la Conchiglia Acustica Itinerante the itinerant acoustical shell of the pavimento), mentre gli accessori clips and stirrup runners) allow l’anima d’alluminio a nido d’ape è pending) consist of aluminium
realizzare soffitti, porte, piani di create ceilings, doors, tabletops, del Teatro Franceschini di Pavia, Franceschini Theatre in Pavia, an (teste, piedi, clip e staffe guida) Vertebra to be anchored in the most rivestita di fiberglass traslucido, in honeycomb cores with translucent
tavoli, partizioni ecc. partitions, etc. un’innovativa struttura bivalve, che innovative bivalve structure that permettono di fissare Vertebra appropriate and functional position. un’ampia gamma di combinazioni: il fibreglass facings in a wide range of
accoglie l’orchestra riflettendo verso bounces the sounds of music from nella posizione più idonea e Colours: aluminium, graphite, pannello AO/FB, qui illustrato, usa un combinations. The AO/FB panel
la platea la musica, progettata the pit toward the orchestra section, funzionale. Colori: alluminio, grafite, transparent, transparent blue or nucleo con un nido d’ape ‘stirato’, shown here vaunts an “overstretched”
dallo Studio Associato Brusa designed by Studio Associato Brusa trasparente, trasparente blu o transparent orange. invece di quello tradizionale a honeycomb core rather than the
Pasquè (Varese). Pasquè (Varese). trasparente arancio. forma esagonale. traditional hexagonal version.

Ronda AvestaPolarit GKD Panelite


Via Vegri, 83 In Italia: AvestaPolarit Gebr. Kufferath AG 600 Broadway suite 4c
36010 Zanè (Vicenza) PO Box 71 Geschaftsbereich Architektur New York, NY 10012 (USA)
T 0445385600 Via G. Rossini, 5 und Design T +1-212-343.0995
F 0445385700 21058 Solbiate Olona (Varese) Metallweberstr. 46 F +1-212-343.8187 (quotation
info@ronda.it T 0331319411 D-52348 Düren requests)
www.ronda.it F 0331319405 T +49-(0)2421-8030 Panelite West
www.avestapolarit.com F +49-(0)2421-803227 Material Development
gb3@gkd.de 1655 Euclid Unit A
www.gkd.de Santa Monica, CA 90404 (USA)
T +1-310-581.4518
F +1-310-664.1111
info@e-panelite.com
www.e-panelite.com

MDI – MDA MDI – MDA Acciaio inossidabile Stainless steel Creative Weave: Lamelle Creative Weave: Lamelle Polymer Series: CA/RX Polymer Series: CA/RX
design: Ronda design: Ronda design: AvestaPolarit design: AvestaPolarit design: GKD design: GKD design: Panelite design: Panelite
Disponibili nei tipi inox e alluminio, i Available in stainless steel and L’acciaio inossidabile prodotto da Stainless steel by AvestaPolarit Le maglie d’acciaio inossidabile Stainless steel mesh produced by I pannelli Polymer Series sono Polymer Series Panelite panels
pannelli MDI e MDA hanno ottime aluminium, MDI and MDA panels AvestaPolarit possiede un’elevata possesses a marked natural prodotte da GKD offrono affascinanti GKD offers fascinating interpretative composti da un’anima di polimero comprise a polymer core with a
caratteristiche sia strutturali sia boast superlative characteristics, resistenza naturale alla corrosione. resistance to corrosion. Its surface possibilità d’interpretazione sia in possibilities in the field of con struttura a nido d’ape, rivestita di honeycomb structure faced with
estetiche. Ogni pannello è coibentato both structural and aesthetic. Each La sua superficie può essere esposta may be exposed to adverse weather campo edilizio sia nel design, come construction as well as design, as resina traslucida. Sono disponibili con translucent resin. They are supplied
ed è formato da due gusci di metallo panel is insulated and made up of alle intemperie senza richiedere conditions without requiring dimostrano i numerosi progetti shown by the numerous architectural bordi di resina a fusione integrale, che with solid resin casting edges,
uniti fra loro. Gli angoli sono two joined metal shells. Corners are manutenzione, caratteristica ideale maintenance, an ideal characteristic architettonici e d’interni che ne and interior designs that have called rendono inutili le cornici. Il pannello making frames unnecessary. The
arrotondati e senza saldature. La rounded, with no welded seams. per l’utilizzo qui illustrato. for the application shown here. hanno previsto l’utilizzo. for their use. At the Loewe Boutique CA/RX utilizza un nucleo a nido d’ape CA/RX panel (patent pending) has a
superficie è planare, liscia e priva The surface is flat, smooth and free L’acciaio inossidabile può essere Stainless steel can be used in the Nella boutique Loewe a Parigi (qui in Paris (shown here) the Lamelle di polimero a bassa densità e low-density polymer honeycomb
d’interstizi. I pannelli, oltre ad essere of interstices. In addition to being usato in spessori sottili, con una slimmest of widths, which means a illustrata) è stata impiegata la maglia mesh dubbed Creative Weave was rivestimenti di resina, colorata su core and custom-dyed resin facing.
di facile pulizia e manutenzione, non easy to clean and maintain, the conseguente riduzione di peso e reduction in weight and volume to Creative Weave, modello Lamelle: il employed. The type of interlacing indicazione del cliente. Grazie al loro Thanks to their structural core,
temono calore, macchie e impronte. panels are immune to heat, stains ingombro, a tutto vantaggio the advantage of the item’s tipo d’intreccio dei cavi ricorda le applied to the wiring recalls bamboo nucleo strutturale, i pannelli Polymer Polymer Series panels are ideal for
Proposti in numerosi formati, con and fingerprints. Offered in dell’estetica. Per le eccellenti qualità appearance. With its state-of-the-art stuoie di bambù ed evidenzia il mats and highlights the value of Series si prestano a realizzare piani di making tabletops, custom-dyed
maniglie incassate o sporgenti, i numerous sizes with built-in or igieniche, la leggerezza, la hygienic qualities, lightness, valore dello spazio e degli oggetti the space and the objects on display. tavoli con colori a richiesta: gli effetti upon request: the effects are tasteful,
pannelli MDI e MDA sono leggeri e protruding handles, MDI and MDA lavorabilità e la totale riciclabilità, workability and total recyclability, esposti. Le insolite stuoie sono The mats are unusual, measure sono pregevoli, come nella cucina as in the Venice Residence kitchen
adatti a realizzare ante, mensole, panels are lightweight and ideal for l’acciaio trova sempre nuovi utilizzi. steel continues to find new spesse 3 mm, pesano circa 5,15 3 mm in thickness, weigh around della Venice Residence, Venice island, Venice California (architect:
mobili e rivestimenti. creating doors, shelves, furniture applications. kg/m2 e possono raggiungere una 5.15 kg/m2 and can reach a California (progetto: Sanders Sanders Architects), shown here.
and wall facings. larghezza massima di 8 m. maximum width of 8 m. Architects), qui illustrata.

120 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 121
rassegna

rassegna
Magis Billiani Segis Moroso
Via Magnadola 15 Marchio di B & B Legno di Billiani P.O. Box 279 – Loc. Fosci Via Nazionale, 60
31040 Motta di Livenza (Treviso) Gianpiero & C. Via Umbria, 14 33010 Cavalicco (Udine)
T 0422862600 Gruppo Billiani 53036 Poggibonsi (Siena) T 0432577111
F 0422766395 Via Guido Braida, 6 T 0577980333 F 0432570761
info@magisdesign.com 33044 Manzano (Udine) F 0577938090 info@moroso.it
www.magisdesign.com T 0432740180 segis@segis.it www.moroso.it
F 0432740853 www.segis.it Show-room a Milano
info@billiani.it Via Pontaccio, 8/10
www.billiani.it T 0272016336

Fotografia di/Photography by Ramak Fazel

Fotografia di/Photography by Ramak Fazel


F 02006684

Air Chair Air Chair Foglia Foglia Noon Noon Little Albert – Victoria Little Albert – Victoria
design: Jasper Morrison design: Jasper Morrison design: Marco Ferreri design: Marco Ferreri design: Archirivolto design: Archirivolto design: Ron Arad design: Ron Arad
La sedia Air Chair si stampa in air The Air Chair is air moulded in three Il legno morbido con cui è realizzata The soft wood that was used to Noon è uno sgabello girevole con Noon, a revolving stool, has a high- Il tavolo è realizzato, come il resto The table, like the rest of the
moulding in tre minuti in un unico minutes in a single piece. la seduta della sedia Foglia ne create the seat of the Foglia chair is struttura d’acciaio ad alta resistenza resistance steel structure and a seat della collezione, in polietilene tinto in collection, is made of through-dyed
pezzo. Questa tecnologia consente This technology allows the user to rappresenta anche la caratteristica its most innovative characteristic. e seduta di tecnopolimero made of a two-component massa utilizzando lo stampaggio polyethylene using the rotational
di ottenere pezzi cavi o parzialmente obtain hollow or partially hollow più innovativa. Il materiale composito A composite material (a bicomponente ottenuta per technopolymer achieved through rotazionale (vedi Domus 841), una moulding technique (see Domus 841),
cavi; inoltre, comporta un migliore pieces, offering, moreover, a better (un sandwich legno/plastica/legno), wood/plastic/wood sandwich) stampaggio a ‘coiniezione’, ‘co-injection’ moulding. It is available tecnica che, insieme all’air moulding, which, together with air moulding, is
utilizzo strutturale della plastica e un structural use of plastic and savings studiato da Marco Ferreri in designed by Marco Ferreri in disponibile in due altezze fisse o in in two heights (kitchen and bar) or a sta diventando alternativa becoming an alternative to injection.
risparmio di materiale. Grazie in material. Thanks to the use of gas, collaborazione con la ditta Albeflex cooperation with the Albeflex versione regolabile con pistone a height-adjustable version with a gas all’iniezione. Lo stampo d’alluminio An aluminium mould makes possible
all’utilizzo di un gas, la massa fusa si the melted mass is distributed (vedi Domus 846), permette di company (see Domus 846) makes it gas. Comodo, robusto e pratico, ha piston. Comfortable, robust and consente pezzi di piccola serie, small series of objects, even those
distribuisce uniformemente sulle evenly all over the walls of the mould trattare il legno (ridotto ad uno possible to treat the wood (reduced un design accattivante e innovativo practical, it boasts a delightful and anche di grandi dimensioni. with large dimensions. When
pareti dello stampo, mantenendo while keeping certain parts hollow spessore millimetrico) come un to a fractional thickness) as though it che lo ricollega immediatamente alla innovative design that immediately Il polietilene immesso nello stampo, placed in the mould, the polyethylene,
alcune parti cave all’interno. Il gas on the inside. Gas may be injected foglio flessibile, da modellare were a flexible sheet to be shaped cultura aziendale Segis. La links it to Segis’s corporate culture. per effetto della rotazione e per due to the effects of rotation and
può essere iniettato sia dallo stesso either by the material injection direttamente sulla struttura di legno right on the chair’s wooden frame. sofisticata tecnologia di stampaggio Sophisticated moulding technology gravità, aderisce alle pareti durante i gravity, sticks to the walls during the
ugello d’iniezione del materiale sia da nozzle or one or more nozzles carved massiccio della sedia. Messo in Stretched taut and glued, it ensures consente elevati spessori e contorni makes possible hefty widths and circa venti minuti di permanenza nel roughly 20 minutes it is in the oven,
uno o più ugelli ricavati dallo stampo. out of the mould. tensione e incollato, assicura una smooth and comfortable seating. arrotondati, che suggeriscono rounded contours exuding comfort forno, distribuendosi con spessori distributed in thicknesses calculated
seduta liscia e confortevole. comfort, robustezza e testimoniano and sturdiness, attesting to a wealth calcolati in funzione della tenuta. for endurance. The technique still
la ricchezza di contenuti tecnici ed of technical and ergonomic content. La tecnica ha ancora dei limiti nei has certain limits in the areas of
ergonomici del progetto. colori e nelle finiture. colour and finishes.

B&B Italia Kartell Kristalia Emu Group


Strada Provinciale, 32 Via Delle Industrie, 1 Via Calderano, 5 z.i. Località Schiavo
22060 Novedrate (Como) 20082 Noviglio (Milano) 33070 Brugnara (Pordenone) 06055 Marsciano (Perugia)
T 031795111 T 02900121 T 0434623678 T 075874021
F 031791592 F 029053316 F 0434624901 F 0758743903/0758742148 (export)
Numero verde 800-018370 kartell@kartell.it info@kristalia.it Numero verde 800-012346
beb@bebitalia.it www.kartell.it www.kristalia.it info@emu.it
www.bebitalia.it www.emu.it
F.lli Mariani
Corso Buenos Ayres, 65
Fotografia di/Photography by Ramak Fazel

Fotografia di/Photography by Ramak Fazel


20124 Milano
T 022052171
F 02204954
www.fratellimariani.it

Vol au Vent Vol au Vent Louis Ghost Louis Ghost Free Free Ronda Ronda
design: Mario Bellini design: Mario Bellini design: Philippe Starck design: Philippe Starck design: Monica Grafeo design: Monica Grafeo design: Aldo Ciabatti design: Aldo Ciabatti
A partire dagli anni Sessanta, con Since the ’60s, with the introduction L’ironia non manca mai nei progetti di One can never accuse Philippe Sedia impilabile con struttura in A stackable chair with a structure in La Fratelli Mariani nasce nel 1929 Fratelli Mariani, founded in 1929,
l’introduzione della tecnologia del of foamed polyurethane technology, Starck. L’ultima sedia disegnata per Starck of lacking in wit in any of his tubolare d’acciaio cromato lucido o glossy chromium-plated steel or come produttrice di reti metalliche, specializes in metallic grids,
poliuretano espanso schiumato, B&B B&B Italia has created countless Kartell non fa eccezione. Per designs. His latest chair for Kartell verniciato alluminio, Free si painted aluminium tubing, Free is lamiere stirate e forate e nastri stretched and perforated steel plates
Italia ha segnato dei punti fermi nella milestones in the history of Italian ottenerla è stata impiegata una is no exception. A highly complex caratterizza per il rivestimento, notable for its upholstery, created trasportatori destinati a vari settori and conveyor belts for industrial
storia del design italiano. design. This precious experience tecnologia molto complessa. La type of technology was used in ottenuto con la tecnologia impiegata with the same technology used in the industriali. L’esperienza acquisita è sectors. The company’s experience
La preziosa esperienza continua a continues to bear fruit in the Vol au sedia è realizzata in policarbonato order to achieve it. The chair is the in campo sportivo per la sports world for manufacturing stata recentemente riversata anche has recently been applied to the
dare frutti nella sedia Vol au Vent Vent chair (photographed here trasparente ad iniezione in un solo result of a one-piece injection of realizzazione di protezioni e protective devices and special linings nell’arredamento. La rete e il tessuto design field as well. Mesh and
(qui ripresa in una fase della manufacturing). Consisting of a steel pezzo – braccioli inclusi – mediante transparent polycarbonate – arms particolari interni delle calzature for technical footwear. Padding, metallico, core business dell’azienda, metallic fabric, the firm’s core
lavorazione), formata da una struttura frame completely buried in uno stampo composto da più parti. included – by into a mould tecniche. L’imbottitura, rivestita su faced on two sides by a polyester or sono costituiti da fili di trama e ordito business, consist of yarns that vary
d’acciaio annegata nel poliuretano. polyurethane, it is described thus by comprising several parts. due lati da un tessuto poliestere o polyurethane fabric, is shaped by che variano da diametri molto grandi from broad diameters to others
Bellini la descrive così: “… un Bellini: ‘this seating solution is poliuretanico, è sagomata per means of a mould. Achieved are a a diametri di centesimi di millimetro measuring only hundredths of a
rivestimento integrale ricopre questa covered with solid upholstery and mezzo di uno stampo. Si ottengono soft seat and a back that’s soft and consentendo risultati molto differenti millimetre, making for widely differing
seduta, imbottita con un’unica padded with a single moulding of una seduta soft e uno schienale supported, anchored to the structure e versatili. Esempi tangibili: la sedia and versatile results.
stampata di materiale espanso. In foamed material. A perfect balance is morbido e sostenuto, fissati alla with slide fasteners. Penelope di Charles Pollock per Tangible examples: the Penelope
equilibrio tra corposità e snellezza”. struck between heft and litheness’. struttura con chiusure lampo. Castelli (1982) e la sedia Ronda chair by Charles Pollock for Castelli
prodotta da Emu, qui illustrata. (1982) and the Ronda chair produced
by Emu, shown here.

122 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 123
rassegna

rassegna
Bute Conjugi Eger Bute Maharam
Bute Fabrics Limited Via Eger, 17 Bute Fabrics Limited 251 Park Avenue South
Rothesay Isle of Bute 36065 Mussolente (Vicenza) Rothesay Isle of Bute New York, NY 10010 (USA)
PA20 0DP Scotland T 04244878441 PA20 0DP Scotland T +1-212-614.2914
T +44-(0)1700-503734 F 0424577002 T +44-(0)1700-503734 T 800-645.3943
F +44-(0)1700-504545 F +44-(0)1700-504545 F +1-212-614.2915
UK freephone 0800-212064 UK freephone 0800-212064 www.maharam.com
sales@butefabrics.co.uk sales@butefabrics.co.uk
www.butefabrics.co.uk www.butefabrics.co.uk

Photo by Philippe Regard


Tweed Tweed Senses Senses Tartan Tartan Repeat by Hella Jongerius Repeat by Hella Jongerius
design: Bute Design Studio design: Bute Design Studio design: Eger design: Eger design: Michael Sodeau design: Michael Sodeau design: Hella Jongerius design: Hella Jongerius
Celebrando nel 2002 i 25 anni In 2002, having celebrated 25 years Nata nel 1877 come impresa di Born in 1877 as a cotton yarn Il tessuto, un vibrante tartan This fabric, a vibrant tartan Il compito affidato a Hella Jongerius The task assigned to Hella Jongerius
d’attività nel settore dei tessili as contract upholstery manufacturer, ritorcitura di filati di cotone, cui si doubling company and then a commissionato per il sistema di commissioned for the sofa system era creare un singolo tessuto che was to create a single fabric that
d’arredamento, Bute è tornata alle Bute has returned to its roots: in the aggiunse in seguito un laboratorio di hand-weaving workshop, Conjugi divani Mono, disegnato da Sodeau Mono, designed by Sodeau for SCP, potesse rivestire le sedie poste could upholster chairs around a
origini: negli anni Quaranta e ’40s and ’50s it produced fabrics for tessitura a mano, la Conjugi Eger Eger (Francesco Wenceslao Eger and per SCP, è proposto in sette colori, is available in seven colours, among intorno a un tavolo rendendole una table, rendering each one different
Cinquanta, con il nome Bute Looms, the fashion industry under the name (Francesco Wenceslao Eger e la his wife, Annunciata) gradually tra i quali predominano arancio, blu, which orange, blue, red and cream diversa dall’altra… e al tempo stesso from, but related to, the next. Repeat
si occupava di tessuti per Bute Looms. Now the Tweed moglie Annunciata) si trasformò became a company specializing in rosso e crema. Sodeau inizialmente predominate. Sodeau worked out 27 ‘parenti’. La collezione Repeat by by Hella Jongerius introduces new
abbigliamento. La collezione Tweed – collection – designed by the Bute lentamente in ditta produttrice di the production of textiles for ha elaborato 27 disegni, tutti tartan, designs at the beginning – all tartans Hella Jongerius introduce una nuova dimension and context to upholstery
progettata dal Bute Design Studio, Design Studio, led by Catherine tessili per auto e poi per automobiles and casual apparel. In dai quali sono stati selezionati quelli – from which a selection was made dimensione e un differente contesto textiles. Patterns flow into one
diretto da Catherine Murray – Murray – offers the highly traditional l’abbigliamento casual. Nel 1988 1988 the first interior decorating line della collezione finale, sviluppata con for the final collection, developed nei tessili da rivestimento. I motivi another, developed according to a
propone in chiave innovativa un fabric in an innovative key. nasce la prima linea per was born, giving birth, in turn, to la collaborazione di Catherine with the cooperation of Catherine fluiscono l’uno nell’altro magnified ratio (several yards). In
tessuto molto tradizionale, il tweed The simplicity of its structure sets off l’arredamento, dalla quale è iniziata experiments that flowered into the Murray, Bute Design Studio. Sodeau Murray of the Bute Design Studio. sviluppandosi secondo un rapporto Repeat Classic, jacquard motifs are
dell’isola di Bute. La semplicità a yarn in 100% pure virgin wool and la sperimentazione sfociata nelle company’s current collections. dice di aver tratto spunti dal design Sodeau says he got his ideas from ingigantito (diversi metri): in Repeat interpreted in an original way; Repeat
della struttura lascia parlare il filato a chromatic palette of 36 shades, collezioni attuali, qui rappresentate They are represented here by Senses, tessile di Alexander Girard per textile designs created by Alexander Classic interpretano i motivi Dot (shown here in the Print dot 1
di pura lana vergine al 100%, la subdivided into cool, hot and neutral da Senses, comprendente i tessuti including their City fabrics Herman Miller. Girard for Herman Miller. jacquard, in Repeat Dot (qui nella variant) offers a sequence of circular
gamma cromatica (36 colori, tones to set inflame the imagination. City (viscosa/seta, 26 varianti), Etno (viscose/silk, 26 variants), Etno variante Print dot 1) si spiegano in forms with a modernist flavour.
suddivisi in caldi, freddi e neutri) (viscosa/seta/cotone/lino, 23 varianti) (viscose/silk/cotton/linen, 23 variants) una sequenza di forme circolari di
accende la fantasia. e Déco (viscosa/seta, 9 varianti). and Déco (viscose/silk, 9 variants). sapore modernista.

De Ploeg Rustika Enzo degli Angiuoni Alcantara


Weverij de Ploeg bv Natural Fabrics Via G. Fara, 26 Via Mecenate, 86
Postbus 3 Numero verde 800-358701 20030 Birago di Lentate (Milano) 20138 Milano
5570 AA Bergeijk NL nacional@antecuir.com T 036253101 T 02580301
T +31-497-552300/552340 www.rustika.com F 0362557777 T 0258030450
F +31-497-552301 enzo.degli.angiuoni@edaspa.it F 0258030490
info@de-ploeg.nl www.edaspa.it www.alcantara.it
www.de-ploeg.nl

New Graphics New Graphics Esna Esna Mandarin Alcantara Alcantara


design: De Ploeg design: De Ploeg design: Rustika design: Rustika design: Mari Angiuoni Mandarin design: Alcantara design: Alcantara
Ispirati alla luminosità e al linguaggio Inspired by the luminosity and formal I colori e la ricchezza delle tessiture The colours and richness of weaves Rossi, ocra e blu, trame grezze o design: Mari Angiuoni Morbido, ricco di colori, brillante, ma Soft, rich in colour, comfortable,
formale del design scandinavo, con language of Scandinavian design, dei tessuti prodotti dalla spagnola in the fabrics produced by the elaborate costituiscono l’alfabeto Reds, ochre and blue and anche confortevole, resistente, facile resistant, easy to clean, versatile and
uno spunto di rétro trasferito with a pinch of retro thrown in, new Rustika assicurano una scelta Spanish outfit Rustika ensure a visivo e tattile della collezione unbleached or processed weaves da pulire, versatile, inimitabile, inimitable, Alcantara is a textile
nell’oggi, i nuovi tessuti della fabrics from the New Graphics sempre riuscita. Con una larga successful choice. Featuring a broad Mandarin, qui illustrata in un comprise the visual and tactile Alcantara è un prodotto tessile che ha product known for its instantly
collezione New Graphics (sette linee), collection (seven lines), presented in gamma di colori, compresi tra la range of colours, including neutral allestimento realizzato sotto la alphabet of the Mandarin collection, saputo imporsi per le sue identifiable qualities, above all its
presentati in anteprima a Cernobbio Cernobbio during Proposte 2002, neutralità del crudo e la sottile unbleached yarns and subtle, direzione artistica di Antonio Citterio. shown here in decor created under qualità inconfondibili, prima tra softness. According to Alessandro
in occasione di Proposte 2002, prioritize graphic themes and bas- combinazione dei vigorizzati, le invigorated combinations, Rustika Allo stesso progettista si devono the artistic direction of Antonio utte la morbidezza. Ha scritto Mendini, ‘The image communicated
privilegiano i temi grafici, le strutture relief structures while making use of tappezzerie Rustika creano ambienti upholsteries create surroundings that anche le poltrone prodotte da Citterio. Credit is due the same Alessandro Mendini: “L’immagine che to me by Alcantara is that of a very,
a rilievo, sviluppando una gamma di a spectrum of shades ranging from che invitano alla riflessione e alla inspire thought and soothe the Maxalto qui utilizzate per presentare designer for armchairs produced by mi suggerisce Alcantara è quella di un very huggable material’ – which is
colori che spazia dai toni naturali natural tones (camel and grey) to calma. Esna, il nuovo tessuto qui nerves. Esna, a new fabric illustrated un tessuto rosso cupo, uno dei colori Maxalto, used here to introduce a materiale molto, molto carezzevole”. also breathable, anti-static and anti-
(cammello, grigio) a quelli squillanti eye-catching options like turquoise illustrato, combina il cotone con here, mixes cotton with various guida della collezione. Le tinte unite dark red fabric that is one of the Che è anche traspirante, antistatico e allergenic and as tough as it is
(turchese, lime), per approdare ai and lime as well as the optical diverse microfibre, non produce microfibres, does not pill, has a high si alternano a minuziosi motivi banner shades in the collection. Solid anallergico, elegante quanto elegant. Applied in a wide variety of
disegni optical in bianco e nero. designs of black and white. effetti ‘pilling’, ha un’elevata resistance to abrasion and is floreali con precisi richiami ad colours alternate with minute floral resistente. Svariate le applicazioni: ways, it lends softness and colour to
Qui sono illustrati (dall’alto) Odda, Illustrated here (from top) are Odda, resistenza all’abrasione ed è protetto protected against stains thanks to a atmosfere orientali. motifs and meticulous embroidery. nell’arredamento dà morbidezza e upholstered items, as demonstrated
Helsinki e Odense, tutti indicati per Helsinki and Odense, all contro le macchie grazie al treatment with Teflon DuPont. colore agli imbottiti, come nel divano by the Moods sofa, designed by
il settore contract. recommended for the contract sector. trattamento con Teflon DuPont. Moods disegnato da Hannes Hannes Wettstein and produced by
Wettstein per Arflex, qui illustrato. Arflex, shown here.

124 Domus Settembre September 2000 Domus Settembre September 2000 125
rassegna
Maharam Kvadrat
251 Park Avenue South Lundbergsvej 10
New York, NY 10010 (USA) 8400 Ebeltoft DK
T +1-212-614.2914 T +45-8953-1866
T 800-645.3943 F +45-8953-1800
F +1-212-614.2915 kvadrat@kvadrat.dk
www.maharam.com www.kvadrat.dk
Kvadrat In Italia: Kvadrat
Lundbergsvej 10 Via Pantano, 30

panorama
8400 Ebeltoft DK 20123 Milano
T +45-8953-1866 T 028900922
F +45-8953-1800 F 0286984333
kvadrat@kvadrat.dk italy@kvadrat.org
www.kvadrat.dk

Dot Dot A.J. Centennium A.J. Centennium Rame di fronte al mare, la torre di controllo di Lisbona Un progetto per due
design: Charles & Ray Eames design: Charles & Ray Eames design: Arne Jacobsen design: Arne Jacobsen
I disegni Dot, Small Dot, Circles e The Dot, Small Dot, Circles and In occasione del centenario della On the 100th anniversary of the birth L’architetto portoghese Gonçalo Copper by the sea The port of Il lavabo You & Me nasce per essere
CrossPatch furono creati per un CrossPatch designs were created for nascita di Arne Jacobsen, Kvadrat ha of Arne Jacobsen, Kvadrat presented Sousa Byrne ha realizzato la torre Lisbon’s new control tower, designed doppio: sfidando la legge
concorso per stoffe indetto nel 1947 a textile competition organized in 1947 presentato una selezione dei suoi a selection of his fabric designs. di controllo di Lisbona: un edificio by the Portuguese architect Gonçalo dell’incompenetrabilità dei corpi,
dal MoMA di New York. Crosspatch by MoMA, New York. CrossPatch was disegni per tessuti. Da trent’anni Kvadrat has been upholstering alto 38 metri, inclinato, quasi a Sousa Byrne, stands on a tongue of l’architetto Francesco Lucchese ha
fu l’unico ad essere prodotto; le altre the only design to reach the Kvadrat riveste Svanen (il Cigno) e Svanen (the Swan) and Ægget (the volersi tuffare in mare, adagiato artificially created land. Thirty-eight disegnato questa nuova linea di
tre creazioni sono state elaborate dal production stage. The other three Ægget (l’Uovo), ma sinora non aveva Egg) for the past 30 years but had su una lingua di terra creata metres high, the building leans componenti per Hatria. La filosofia
Maharam Design Studio con Lucia creations, elaborated by the Maharam mai prodotto stoffe con i suoi never produced materials from their artificialmente. Una lastratura in toward the sea, as if almost poised del progetto sfrutta al meglio lo
Eames (figlia di Charles Eames) e ora Design Studio with Lucia Eames disegni. La collezione A.J. own designs. The A.J. Centennium pietra chiara definisce la zoccolatura to dive in. A combination of different spazio bagno senza rinunciare alla
messe in produzione (nel 2001 (Charles Eames’s daughter), are now Centennium è composta di quattro collection consists of four designs for e l’ancoraggio della costruzione al materials gives the tower an comodità e al piacere delle forme e
Kvadrat e Maharam hanno siglato un in production (Kvadrat and Maharam disegni per tessuti d’arredamento: tre interior decor fabrics – three for suolo, poi il rame disegna il volume unexpectedly slender look. Its dei materiali. Tutti gli elementi si
accordo che prevede una reciproca signed an agreement in 2001 that da rivestimento e uno per tendaggi. upholstery and one for drapes. nello skyline, provocando il cielo con base and ground anchorage are presentano secondo uno stile
distribuzione dei propri tessuti in provides for reciprocal distribution of Originariamente questi disegni erano These designs were originally il suo colore bruno che gradualmente clad in pale stone, while its volume, equilibrato, quasi monolitico, e la
Europa e Usa). Dot (qui illustrato) è the fabrics in Europe and the U.S.). stati creati per stampa su stoffa, created for fabric printing, and one raggiunge il caratteristico verde silhouetted against the sky, is molteplicità di soluzioni di
realizzato in cotone e poliestere. Il Dot (shown here) is made of cotton mentre uno esisteva solo sotto forma existed only in the form of a sketch. ossidato e intenso, infine il vetro, dominated by copper, its burnished inserimento nell’ambiente bagno
disegno rappresenta una fittizia and polyester. The design represents a di schizzo. Qui è illustrato il tessuto Illustrated here is the Gran fabric. ‘protetto’ da lamelle ancora di rame, colour gradually turning to a permettono di sfruttare anche un
struttura molecolare di forte effetto fictitious molecular structure with a Gran. I colori sono quelli scelti da The colours are the ones chosen by conclude la torre. distinctively stained, intense green. solo metro quadro. www.hatria.com
organico e grafico. powerful organic and graphic impact. Jacobsen stesso. Jacobsen himself. Il TECU Technical Consulting Center The tower’s ‘protective’ blades are Design for two The You & Me
presso KME ha fornito il giusto also in copper. KME’s Technical washbasin, designed by the architect
Kvadrat Maharam supporto tecnico alla realizzazione di Consulting Center, TECU, supplied Francesco Lucchese for Hatria,
Lundbergsvej 10 251 Park Avenue South questo importante e rappresentativo the technology necessary to build was born to be paired. The
8400 Ebeltoft DK New York, NY 10010 (USA) progetto. In particolare con il marchio this important and representative project’s philosophy springs
T +45-8953-1866 T +1-212-614.2914 TECU si individua una linea di project. The TECU brand comprises from the necessity to get the
F +45-8953-1800 T 800-645.3943 laminati in rame prodotti dalla a line of copper laminates made most out of limited bathroom
La torre di controllo del porto di
kvadrat@kvadrat.dk F +1-212-614.2915 tedesca KME, che punta al sodalizio by the German KME, which aims spaces without forfeiting the
Lisbona riempie l’orizzonte
www.kvadrat.dk www.maharam.com tra il valore estetico, di un materiale to combine aesthetics, a naturally colorandolo con il rame TECU
convenience and pleasure of
In Italia: Kvadrat Kvadrat per natura cangiante, e l’alto iridescent material and the high The port of Lisbon’s control tower forms and materials. All of its
Via Pantano, 30 Lundbergsvej 10 contenuto tecnico e funzionale technology and advanced stands out against the horizon, parts are designed in a crisply
20123 Milano 8400 Ebeltoft DK richiesto per progetti di questa functionality demanded by projects touched with the iridescent reflections balanced, almost monolithic style.
T 028900922 T +45-8953-1866 dimensione. www.tecu.com of this scale. www.tecu.com of TECU copper With its flexible installation, even a
F 0286984333 F +45-8953-1800 single square metre can be turned
italy@kvadrat.org kvadrat@kvadrat.dk to full advantage. www.hatria.com
www.kvadrat.dk Il progetto del mobile e del suo contenitore
Lo stand Acerbis, realizzato in Battiston associati and the Seriate
occasione del Salone del Mobile di furniture company.
Milano, ha raccontato il rapporto tra The pure and monolithic volume
lo studio Buratti Battiston associati e of the stand was marked by a
l’azienda di Seriate. Il volume è broad opening and a continuous
A.J. Centennium A.J. Centennium Optik Optik monolitico, intaccato da una grande horizontal line that defined the
design: Arne Jacobsen design: Arne Jacobsen design: Verner Panton design: Verner Panton apertura e da un segno orizzontale perimeter and dimensions of
Durante la seconda guerra mondiale, During World War II, Jacobsen fled to Creato negli anni Sessanta, Optik già Created in the 1960s, Optik has a che segue il perimetro e le the booth. The use of red heightened
Jacobsen fu costretto a rifugiarsi in Sweden; since his status as a nel nome dichiara l’ispirazione alla name that instantly declares its dimensioni del contenitore; il colore the effect of this broken but solid
Svezia per ragioni razziali. Poiché refugee prevented him from op-art: la suggestione ottica si nota origins in op art. The optical influence rosso enfatizza l’immagine del parallelepiped. Inside, the multiple
come profugo non aveva il permesso practicing as an architect, he started sia nel motivo a forme geometriche is obvious in both the geometric parallelepipedo spaccato ma ancora compartments were spelled out by
di esercitare la professione di to design fabrics. When the war sia nella composizione dei colori. motif and chromatic composition. solidale. Le ambientazioni si ripetono light and by the furniture on display
architetto, iniziò a disegnare tessuti. ended and he returned to Denmark, Il tessuto può ricordare la forza ottica The fabric harks back to the optical scandite dalla luce e dai mobili in a dynamic panorama. The stand’s
Finita la guerra e tornato in he continued his activity as a fabric delle opere di Vaserly, ma i colori power of Vaserly’s works, but colours esposti, in una panoramica continua container, so forceful and decisive
Danimarca continuò questa attività. designer. His so-called Swedish appartengono all’universo di Panton: are the offspring of the Panton e dinamica. All’interno il rapporto tra from the outside, was reduced within
I disegni cosiddetti ‘svedesi’ erano designs were inspired by forms in giallo intenso/arancione, universe: bright yellow/orange, gli architetti e Acerbis prosegue nei to a dimension of neutrality in order
ispirati alle forme della natura e nature, hence have an intensely rosso/carminio, lilla/blu, lime/giada, red/crimson, lilac/blue, lime/jade, tavoli Max, Moritz e Judd, nel to spotlight the design and quality
quindi molto organici. Al ritorno in organic look. Upon his return to rosso sangue/rosso, blood red/red, lapis lazuli/violet and Anche il contenitore racconta un tavolino Litt e nella credenza Steel. of each exhibit. Inside the stand,
progetto: lo stand Acerbis, per l’ultimo
Danimarca, Jacobsen introdusse Denmark, Jacobsen started ultramarino/violetto e bianco/nero. white/black. The Optik design was www.acerbisinternational.com the tale of the rapport between the
Salone del Mobile di Milano, è stato You & Me, la nuova linea per il bagno
forme più astratte e geometriche, introducing forms that were more Originariamente il disegno Optik era originally printed on cotton but now progettato dagli architetti Buratti
Furniture design and how to architects and Acerbis continued proposta da Hatria, si caratterizza per
come il disegno del tessuto Cirkler abstract and geometric, like Cirkler stampato su cotone, ora invece è is woven out of yarn-dyed cotton Battiston associati display it The Acerbis stand at in the Max, Moritz and Judd tables, le forme semplici ma funzionali
(qui illustrato), prodotto da Kvadrat (shown here), produced by Kvadrat tessuto con filato, tinto in filo, di (76%) and polyester (24%). The Acerbis stand at this year’s Milan this year’s Milan Furniture Fair told in the Litt coffee table and in the You & Me, the new bathroom line by
per celebrare il centenario della on the 100th anniversary of cotone (76%) e poliestere (24%). Furniture Fair was designed by the the story of the relationship between Steel sideboard. Hatria, is characterized by its simple
nascita di Jacobsen. Jacobsen’s birth. architects Buratti Battiston associati the architectural office of Buratti www.acerbisinternational.com but functional forms

126 Domus Settembre September 2000 Domus Luglio Agosto/July August 2002 127
panorama

La luce giusta Le nuove forme del vetro


Oltre al contenuto delle opere, la garantendo un perfetto comfort Il vetro è un materiale magico e
mostra “Ashes and Snow”, del visivo in una dimensione di sorgente seducente che diventa scultura
fotografo Gregory Colbert alle luminosa pura. www.3m.com nell’incontro tra un’azienda come la
Corderie dell’Arsenale di Venezia, è The right light Aside from the Fiam Italia e designer sensibili e
stata l’occasione per verificare le works on view, the Ashes and Snow raffinati. In occasione del Salone del
potenzialità della tecnologia 3M exhibition by photographer Gregory Mobile di Milano, all’interno di uno
Lighting. Le particolari opere Colbert at Venice’s Corderie spazio progettato da Rodolfo
fotografiche dell’artista, stampate su dell’Arsenale also afforded an Dordoni, Fiam Italia ha presentato il
carta vegetale pigmentata realizzata opportunity to see the potential of tavolino Marilor di Ron Arad, il tavolo
a mano in Giappone, e la bellezza del 3M Lighting. The peculiarities of the da pranzo Bond di Marc Sadler, il
luogo dove sono state esposte, le artist’s photographs, printed on tavolino Neutra di Rodolfo Dordoni, il
Corderie appunto, hanno pigmented vegetal paper handmade comodino C&C Night di Christophe Niki de Saint Phalle, Cinque cose
determinato l’esigenza di un perfetto in Japan, and the beauty of the Pillet, il tavolino e la panca da salotto
controllo della luce per garantire una Corderie as a gallery space called della serie Rialto disegnati dal Centro Il tavolo Marilor di Ron Arad, una delle
artista che piacciono a
lettura dell’immagine nitida e for a perfect control of light to ensure Ricerca & Sviluppo Fiam. Il valore di ultime creazioni Fiam Niki de Saint Phalle, Corrado Levi
rilassante. a clear and relaxing experience of questi oggetti è esaltato dal vetro, Ron Arad’s Marilor table, one of Fiam’s
3M Lighting ha sviluppato un sistema the exhibition. 3M Lighting has che coinvolge l’ambiente in latest creations artist Corrado Levi
costituito da una guida ottica di developed a system formed by un’incessante rispondenza tra forma, 130 selects five things
lunghezza variabile (Light Pipe): un a ‘Light Pipe’: a transparent luce e trasparenza. La capacità di by Ron Arad, the Bond dining table
involucro trasparente in polycarbonate containing a 3M saper giocare con le forme, la by Marc Sadler, the Neutra coffee 135
policarbonato e, internamente, una Optical Lighting Film (OLF) based on profonda conoscenza tecnologica del table by Rodolfo Dordoni, the C&C
pellicola 3M Optical Lighting Film the technology of microreplication. materiale e della sua straordinaria Night bedside table by Christophe
(OLF) secondo la tecnologia della The quality of light produced is very duttilità, permettono di rinnovare Pillet and the sitting room bench
microreplicazione. La qualità della similar to that of the sun, and its costantemente l’appuntamento con from the series designed by Fiam’s
luce prodotta è molto simile a quella even diffusion prevents shadow. lo stupore. Lo scorso anno, questa own R&D Centre. These pieces are
solare e la diffusione uniforme e The system was hung from the costanza da parte di Fiam Italia è enriched by the use of glass, which
soffusa garantisce la non produzione ceiling and positioned next to the stata premiata con il Compasso complements any environment with
di ombre. Questo sistema è stato artworks for optimal visual comfort d’Oro alla carriera. a constant harmony of form, light
pendinato al soffitto e posizionato in in a dimension of pure brightness. www.fiamitalia.it and transparency. The imaginative
prossimità delle opere presentate, www.3m.com The new shape of glass Glass use of shapes, combined with a deep
is a magically seductive material that technological knowledge of glass and

script
3M Lighting ha illuminato le opere di Gregory Colbert alle Corderie
dell’Arsenale di Venezia becomes sculpture when Fiam Italia its extraordinary ductility, have made
3M Lighting illuminated the works of Gregory Colbert at the Corderie joins forces with enlightened these products a constant source of
dell’Arsenale in Venice designers. For this year’s Milan surprise. For its achievements, Fiam
Furniture Fair, at the elegant stand Italia was awarded the Compasso

post
designed by Rodolfo Dordoni, Fiam d’Oro career prize.
Italia showed the Marilor coffee table www.fiamitalia.it

Dalla terra al cielo


La lampada Teda di Oluce, disegnata prima e la trasparenza dopo, la forte
da Ferdi Giardini, ha vinto la Second verticalità dell’oggetto e la punta così
European Design Competition “Light risolta, conferiscono alla luce una
of the Future”. Si tratta di una dimensione dinamica, quasi di
lampada da terra per esterno a luce ascesa. In un gioco del rovescio, di
indiretta e diffusa. L’elegante stelo è giorno la luce dal cielo e di notte
composto da una base in metallo dalla terra.
zincato e verniciato, da un tubo From earth to sky The Teda lamp,
diffusore realizzato in PMMA opale produced by Oluce and designed
La luce viene da Internet satinato e da una barra riflettente in by Ferdi Giardini, was the winner of
PMMA trasparente. La punta è the Second European Design
Trilux ha realizzato un nuovo sito inventare la luce che ancora non c’è. nettamente interrotta da un taglio Competition, ‘Light of the Future’.
Internet dedicato alla corretta Light from the Internet inclinato che regala una sezione An indirect and diffused outdoor
illuminazione. L’indirizzo Trilux has set up a new Web site to ellittica all’esile cilindro. La differente floor lamp, it is formed by an elegant
www.trilux.de permette di accedere a promote correct lighting. Visitors finitura dei materiali, la satinatura stem, a galvanized and painted
una consultazione rapida e mirata to www.trilux.de can access rapid metal base, a diffuser tube made
per il progetto dell’illuminazione. I and targeted assistence with of satin-finished opal PMMA and a
prodotti sono presentati in maniera lighting design problems. The reflecting bar in transparent PMMA.
dettagliata e numerose fotografie products are illustrated in detail, Its top features an abrupt diagonal
permettono una prima indicazione and numerous photographs provide cut, giving the slender cylinder an
sul corretto impiego dell’oggetto an initial indication of how to use the elliptical section. The different
lampada. Interessante e utile è il lamps correctly. The light calculator textures of its materials, coupled with
calcolatore della luce per gli for interiors is particularly useful; the striking verticality of the object
apparecchi da interni: immettendo i by inputting data on the rooms and its cut top, endow the light with
dati dei locali che si desidera to be lit, visitors can obtain exact an upwardly thrusting dimension. It is
illuminare è possibile ottenere information on the number of a reverse play of light – from the sky
precise indicazioni sul numero dei lights required and their relative by day and from the earth by night.
corpi illuminanti e sul loro positions. A virtual lighting study
posizionamento. Inoltre è stato that emulates new light contexts
Teda, di Ferdi Giardini per Oluce, ha
creato uno studio di illuminazione is also at hand. Created with
vinto la Second European Design
virtuale che emula nuovi contesti di architects and designers in mind, Competition “Light of the Future”
luce. Un portale ideato per architetti this portal provides reliable advice Teda, the lamp designed by Ferdi
e progettisti che garantisce un valido during the design phase, but it also Giardini for Oluce, won the Second
supporto in fase di progetto ma offers interesting tips on how to European Design Competition, ‘Light
anche un suggestivo modo per invent light that is not yet there. of the Future’

128 Domus Luglio Agosto/July August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 129
Fotografia/Photography by Hans Hammarskiõld

a Parigi e in Europa a partire dal 1951; Tinguely e lo scultore svedese precaria, un immenso lavoro nei with Niki on her magnum opus, the
Pierre Restany
e una grave crisi nervosa nel 1955, Ultvedt. Il sodalizio artistico con campi più svariati: dall’arte grafica alla Giardino dei Tarocchi at Garavicchio
Niki de Saint Phalle è morta il 21 superata grazie all’attività artistica che Tinguely continua l’anno seguente, letteratura epistolare, alla scenografia in Maremma: a sculpture park with
maggio 2002 a San Diego. Abitava ben presto diventerà la sua vocazione con il Paradiso fantastico per e ai film. Lascia dietro di sé un’opera houses and temples inspired by the
in quella città dai primi anni Novanta primaria. Nel ’60 non entra solo nella il padiglione francese dell’Esposizione vastissima, che illustra la ricchezza Arcani dei Tarocchi. This occupied
per ragioni di salute: il clima della vita di Tinguely ma anche nel camo Universale di Montreal e l’inizio affettiva e poetica di un percorso much of her time during the ’80s
California meridionale era esistenziale dei Nouveaux Réalistes, del Ciclope, ideato dallo scultore esistenziale culminato in una visione and was opened to the public in
particolarmente favorevole alle sue in pieno fermento poetico. È la sola svizzero a Milly-La Forêt: e proseguirà di un’immensa generosità spirituale, 1998, after Mario Botta had designed
condizioni respiratorie. Era una donna donna del gruppo e la più forte fino alla morte (nel 1991) del dopo la rivolta dei Tiri e l’episodio the entrance to the gardens.
eccezionale, che ha segnato incarnazione della ribellione contro la compagno-complice, con la Fontana del femminismo ottimista delle Nanas. After Tinguely’s death, Niki moved
la sua epoca con il marchio folgorante società. I suoi Tiri, esposti alla Galleria Stravinsky (1982) davanti al Centre Una vita esemplare sotto le apparenze to San Diego, where, despite her
della contestazione poetica J di Parigi nel ’61, la rendono famosa Pompidou di Parigi e la Fontana di una caotica esuberanza. Niki de precarious health, she threw herself
e di un’immaginazione visionaria dall’oggi al domani nel mondo intero. di Chateau-Chinon, commissionata Saint Phalle è stata la grande signora into an enormous creative output
senza limiti nella libera invenzione. La pittrice che spara su rilievi di gesso dal presidente Mitterand. Tinguely dell’arte del suo tempo nel segno di ranging from graphic art to writing
L’ho conosciuta nel ’60, quando contenenti sacchi di colore sta collaborerà anche a l’opus magnum un’indomita libertà. and film-making.
si è legata definitivamente a Jean regolando i conti con il suo immediato di Niki, Il Giardino dei Tarocchi The broad sweep of her oeuvre
Tinguely. Era di una stupenda bellezza passato e a metà degli anni Sessanta di Garavicchio in Maremma: un parco Niki de Saint Phalle Niki de Saint expressed her good-natured, pavilion at the World Expo in Montreal illustrates the poetic wealth of a
L’esplosione cromatica e fantasiosa
dell’arte di Niki de Saint Phalle si
e di una permissività esistenziale la sua arte liberata diventa di sculture, case e templi ispirati Phalle died on May 21, 2002, in San triumphant feminism in the shape and with the start of Cyclops, created career that culminated in a vision
esprime nel gigantismo della senza freni. Aveva trent’anni un’esplosione cromatica e fantasiosa. dagli Arcani dei Tarocchi, che Diego, where she had lived since the of buxom and cheerful spasmodic by the Swiss sculptor at Milly-La of great spiritual generosity, taking
Hon, versione monumentale delle e già dietro di sé una vita densa, Niki esprime il suo femminismo occuperà gran parte del suo tempo, early ’90s, the Southern California female figures called Nanas. Forêt. Their joint creations continued up the sense of rebellion expressed
Nanas, realizzata a Stoccolma nel 1966 movimentata e travagliata: il rifiuto gioviale e trionfante attraverso le, più negli anni Ottanta, e sarà aperto al climate being the best she could find These soon became monumental until the death of her companion in in her Targets and the optimistic
in collaborazione con Tinguely e lo della società franco-americana tardi, famose Nanas: prosperose, pubblico nel 1998, successivamente for her respiratory condition. She was sculptures, like the famous Hon (1966) 1991. Together they produced the feminism of her Nanas. Her life was
scultore svedese Ultvedt patriarcale e borghese in cui era allegre e spasmodiche figure alla realizzazione da parte di Mario an outstanding woman, renowned for in Stockholm, made with Tinguely Stravinsky Fountain (1982) in front exemplary, under the semblance of
The sculpture Hon epitomizes the cresciuta, un matrimonio contratto femminili. Le Nanas diventano ben Botta dell’ingresso al giardino. the brilliance of her poetic protest and and the Swedish sculptor Ultveldt. of the Centre Pompidou in Paris chaotic exuberance. Niki de Saint
explosion of colour and fantasy in a diciott’anni con un giovane presto sculture monumentali come la Dopo la morte di Tinguely, Niki visionary imagination and inspired by Her artistic association with Tinguely and the Château Chinon Fountain, Phalle was a great figure in the art
the art of Niki de Sainte Phalle. musicista che diventerà scrittore, famosa Hon (1966) di Stoccolma, si trasferirà a San Diego senza a boundless freedom of invention. continued the following year with commissioned by President of her time, guided by an indomitable
A monumental version of the artist’s
due figli, una vita caotica trascorsa realizzata in collaborazione con interrompere, malgrado la sua salute I first met her in 1960, when she Fantastic Paradise for the French Mitterand. Tinguely also worked sense of freedom.
Nanas, the work was realized in
formed a permanent partnership with
Stockholm in 1966 in collaboration

Fotografia/Photography by Hans Hammarskiõld


with Tinguely and the Swedish Jean Tinguely. She was a woman of
sculptor Ultvedt breathtaking beauty and unbridled
existential independence of mind.
At the age of 30 she had already
had a remarkably eventful and
troubled past, having rejected the
patriarchal and bourgeois Franco-
American circles in which she had
grown up. She was married at the
age of 18 to a young musician who
became a writer, bore two children
and had led a chaotic life in Paris and
Europe since 1951. In 1955 she
suffered a breakdown, but she
recovered by concentrating hard on
the art that soon became her primary
vocation. In 1960 she not only came
into Tinguely’s life but also into the
existential compass of the Nouveaux
Niki de Saint

Réalistes at the height of their poetic


ferment. She was the only woman in
the group and the strongest
incarnation of its rebellion against
society. Her Targets, shown at the J
Gallery in Paris in 1961, made her
Phalle

world famous overnight. The painter


shooting at clay reliefs containing
bags of pigment was settling
accounts with her own immediate
past, and her liberated art became an
explosion of colour and fantasy. Niki

ripensamenti
reputations

130 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 Domus Luglio/Agosto July/August 2002 131
Scilla (a lato, in un’incisione

© Underworld & Underworld/CORBIS/Grazia Neri


L’ipotesi di ponte a campata unica di a seguito di attente analisi storiche, and toll collecting, but the figures beside the majesty of the bridge itself
seicentesca) e Cariddi non sono i soli Roberto Gamba
3.360 metri, con torri alte 380 m e di convivere con i problemi, per shown do not seem very clear – there but are actually huge in relation to their
mostri evocati dal progetto faraonico Il fascino per la realizzazione impalcato, elevato 64 m sul livello del affrontarli, indirizzando lo sviluppo is some doubt about how much the surroundings. The feasibility studies
del Ponte sullo Stretto di Messina
di un’opera monumentale si manifesta mare è frutto di studi risalenti a verso benefici diffusi. L’epoca dei work will cost and the levels at which have so far failed to take into account
(a destra, un rendering)
soprattutto nei bambini: l’impresa parecchi anni fa: oggi le più moderne Faraoni è passata. tolls will be set. Criticism of the bridge the aesthetic or environmental impact
Scylla (right, in a 17th-century etching)
costruttiva sviluppa nelle loro menti, navi da carico sono alte anche 100 is not so much an issue of technical of the bridge’s infrastructure. Nor are
and Charybdis are not the only
monsters evoked by the disputed con l’idea del progresso tecnologico, metri; potrebbe essere anche Bridge to Sicily There is something feasibility: it has more to do with the any new competitions planned for the
project for a bridge over the Strait of uno spirito di positività, che sembra ad sconsigliato percorrere la piattaforma faintly childish about the naive threat to civilized life in Southern design of the utilities, structural
Messina, shown in a rendering opposite essi possibile solo con la concretezza sospesa durante l’imperversare dei fascination with which certain Italy, marked as it is by chronic water organization and ramps on land.
del costruire. Molti hanno conservato venti più forti. Eppure la realizzabilità politicians continue to regard the shortages, inefficient health services, We can therefore expect massive
dall’infanzia il desiderio di veder tecnologica sembra comunque essere construction of monumental works uncertainty and backwardness in all quantities of concrete without any
compiuta una delle più grandiose, stata verificata scientificamente, of engineering. They tend to see it areas of public infrastructure. The reference to aesthetics. The technical
possibili opere dell’uomo: il ponte, a mentre non è stata analizzata rispetto as a vote-winning expression of real trouble with the bridge is that it feasibility seems to have been verified
campata unica, per il collegamento a un concetto di nuova imprevedibilità, technological progress. It’s hard not works against local developments. scientifically, although it has not been
stabile tra la penisola italiana e l’isola che dovrebbe essersi instillato nelle to read Silvio Berlusconi’s recent It shoulders aside other spending analyzed in the light of dealing with
di Sicilia. Il Presidente del Consiglio coscienze dei governi mondiali, a committment to build a gigantic priorities in the sphere of social policy the unforseeable, as the collapse of
dei Ministri dell’attuale governo seguito delle molte recenti catastrofi suspension bridge linking mainland and will delay the provision of urgently the Twin Towers has forced on us.
italiano ha annunciato con grande (a cominciare dalle Twin Towers). La Italy with Sicily in this light. It would needed services. Above all, notes Technical challenges, at the very limits
clamore, nelle passate settimane, che sfida inarrestabile, ai limiti della fisica certainly be one of the most grandiose Osvaldo Pieroni, an academic at the of physics and technology, can
c’è, da parte sua, l’intenzione di por e della tecnologia, può portare projects possible: a single-span University of Calabria, it destroys the sometimes lead to consequences so
fine al trentennio di incertezze per definitivamente l’opera e a che prezzo carattere di originalità naturale del Sud conseguenze a volte così gravi, da bridge, 3,360 metres long, slung most valuable natural resource of the serious that they go far beyond the
quest’opera pubblica. Lo scorso anno, l’utente automobilista, o il va preservato, sia nel concreto, sia superare l’effetto dei benefici da essa between two towers as big as south: beauty. In this area, the potential benefits they produce.
Guido Gentili, editorialista del Corriere trasportatore ne potranno godere? negli assunti di principio. Una indotti. Il progresso non deve essere skyscrapers. The plan calls for environment and the landscape Progress does not stop, but if pursued
della Sera, ha già scritto un libro L’intervento necessario e probabile costruzione così imponente come il certo fermato; ma se viene perseguito, a structure 380 metres high with a constitute the principal resources, in a spirit of frivolous competitiveness
(L’incompiuta: dalle dighe mobili al di capitali extra-continentali Ponte (per l’impatto che verrà applicando una sorta di ‘maniera’, deck 64 metres above sea level. capable in the holiday months of and self-glorification in a struggle for
ponte di Messina – storie di un paese non parrebbe suscitare entusiasmo generato dalle infrastrutture di con un intento di competitività e di Berlusconi’s decision ends 30 years of provoking the migration of the entire the highest tower, the longest tunnel,
‘bloccato’), che sembra mettere sotto negli imprenditori nazionali; inoltre terraferma e dalle campate sospese autoglorificazione (la torre più alta, uncertainty. The legislation promoting population of Northern Italy. The the most daring bridge rather than
accusa l’indecisione della nostra attirerebbe piccoli e grandi interessi sulla superficie marina) arrecherebbe il tunnel più lungo, il ponte più ardito) the construction of the bridge dates original nature of the south must be utility, it brings negative repercussions.
classe dirigente: ma che anche rivela dell’ambiente mafioso, soprattutto sicuramente grave danno al territorio piuttosto che di utilità, può causare from 1971; work is scheduled to preserved. A construction as imposing Politicians require a solution to
quanto sia irrazionale voler approvare per subappalti e forniture. di Villa San Giovanni, in Calabria e a conseguenze regressive per l