Sei sulla pagina 1di 102

834

Architettura/Design/Arte/Comunicazione
Architecture/Design/Art/Communication
Febbraio/February 2001
Lire 15.000/e 7.75

Periodico mensile/Spedizione in abbonamento postale 45%/art.2/comma 20/B, legge 662/96 Filiale di Milano
Abbonati!
Ogni mese Domus
definisce il mondo
dell’architettura
e del design
Subscribe!
Every month
Domus defines the
world of architecture
and design

Domus Settembre September 2000 3


“Le città d’arte”

4 Domus Settembre September 2000


In regalo per chi si
abbona il Cd-Rom
“Berlino” della collana
039 838286
compilando e

@edidomus.it
numero verde

uf.abbonamenti

A free gift to
invia una e-mail a

Art Collection
oppure telefona al

o un fax al numero
Abbonati a Domus

800 001199 oppure


che trovi qui accanto

Berlin from the Cities of


spedendo la cartolina

subscribers: CD-Rom of
e-mail

edidomus.it
Outside Italy

or telephone
to domus using

subscriptions@
the card opposite

+39 0282472276
You can subscribe

fax +39 0282472383


Subscription Abbonamento
Outside Italy
I would like subscribe to Domus I enclose a cheque addressed to: Editoriale Domus,
Italia
Desidero abbonarmi a Domus Scelgo la seguente modalità di pagamento:
Annual (11 issues) with CD-Rom free gift of Berlin Via A. Grandi, 5/7 – 20089 Rozzano – (Milano) – Italy Annuale (11 numeri) con in regalo il CD Rom “Berlino” Bollettino postale che mi invierete
US$ 103 DM 224 Euro 114,65 I have paid by International money order on your account n. £.120.000 anziché £.165.000 Allego assegno non trasferibile intestato
Annual (11 issues) Airmail with CD-Rom free gift of Berlin 5016352/01 – c/o Comit – Assago Branch – (Milano) – Italy Annuale Studenti (11 numeri) con in regalo il CD Rom a Editoriale Domus S.p.A.
US$ 138 DM 300 Euro 153,38 Please charge my credit card the amount of: “Berlino” £.110.000 anziché £.165.000 Addebitate l’importo dovuto sulla mia carta di credito:
American Express (allegare sempre la dichiarazione di iscrizione alla facoltà) American Express
Please send the subscription to the following address Diners Diners
(please write in block capitals): Visa Effettuate la spedizione al seguente nominativo: Visa
Mastercard/Eurocard (scrivere in stampatello) Mastercard/Eurocard

Name Card number Cognome Carta n°

Surname Expires Nome Scadenza

Number & Street Indirizzo n°

Town Postal code Date Signature Località Data Firma

State/Region Cap Prov

Country Telefono Fax

Telephone Fax
According to the Law 675/96, we would like to inform you that your private data will be new publications, offers and purchase opportunities. You are entitled to all and every right La informiamo, ai sensi della legge 675/96, che i suoi dati sono oggetto di trattamento per finalità di promozione commerciale dalla nostra Azienda e da quelle ad essa collegate.
computer-processed by Editoriale Domus only to the purpose of properly managing your in conformity with Clause 13 of the above mentioned Law.Editoriale Domus S.p.A. via prevalentemente informatico, ai soli fini della corretta gestione del suo abbonamento e di A lei competono tutti i diritti previsti dall’art. 13 della legge sopra citata. Responsabile del
subscription and meeting all obbligations arising thereform. In addition, your private data Achille Grandi 5/7, 20089 Rozzano (MI) Italy, is responsible for processing your private data. tutti gli obblighi che ne conseguono. I suoi dati anagrafici potranno essere utilizzati inoltre trattamento è Teleprofessional S.r.l., via Mentana 17/A, 20052 Monza (MI)

P011
P011

may be used by Editoriale Domus and related companies to the purpose of informing you of

ITALY
I-20130 MILANO 20130 MILANO (MI)
P.O. BOX 13080 Casella Postale 13080
Subscription Department Servizio Abbonati
Editoriale Domus Editoriale Domus

del 17/4/85)
Z/607761/TM/7377
Prov. P.T. N.
di Milano A.D. (Aut. Dir.
presso l’Ufficio Postale
di Credito n.7377
da addebitarsi sul conto
carico del destinatario
POSTAGE Affrancatura ordinaria a
AFFIX AFFRANCARE
PLEASE NON
Domus Settembre September 2000 5
Domus Subscription & 130 00 PRAHA 3 Fax 0711-2507350 TOKYO 160 Ebsco NZ Ltd Herbert Lang & Cie AG
Distribution Agencies Tel. 02-6848547 Fax 02-6848618 Otto Harrassowitz Tel. 03-32080181 Fax 03- Private Bag 99914 CH 3000 BERN 9
• indicates domestic distributors Linea Ubok Taunusstraße 5 32090288 Newmarket Tel. 031-3108484
Argentina Na Prikope 37 65183 WIESBADEN Segawa Books AUCKLAND Fax 031-3108494
11349 PRAHA 1 Tel. 0611-5300 Fax 0611-530560 2-59 Yamazoe-Cho Tel. 09-5248119 Fax 09-5248067 Dynapress Marketing SA
• Libreria Tecnica C.P. 67
Florida 683 Local 18 Tel. 02-24228788 Great Britain Chikusa-Ku Poland 38 Avenue Vibert
1375 BUENOS AIRES Fax 02-24228293 NAGOYA •Pol-Perfect Poland 1227 CAROUGE
• USM Distribution Ltd Tel.022-3080870
Tel. 01-3146303 Fax 01-3147135 Cyprus Fax 052-7636721 Ul. Samarytanka 51
86 Newman Street Fax 022-3080859
Australia • Hellenic Distribution Agency Ltd LONDON W1P 3LD AD Shoseki Boeki 03588 WARSZAWA
Chr. Sozou 2E Tel. 0171-3968000 C.P.O. Box 1114 Tel./Fax 022-6787027 Cumulus Fachbuchhandlung AG
• Europress Distributors Pty Ltd OSAKA 530-91 Hauptstraße 84
119 McEvoy Street Unit 3 P.O. Box 4508 Fax 0171-3968002 Ars Polona
NICOSIA Tel. 06-4480809 Fax 06-4483059 P.O. Box 1001 5042 HIRSCHTHAL
2015 ALEXANDRIA NSW Dawson UK Ltd Tel. 062-7213562
Tel. 02-6984922 Fax 02-6987675 Tel. 02-444488 Fax 02-473662 Cannon House Park Farm Road Asahiya Shoten Ltd 00950 WARSZAWA
C.P.O. Box 398 Tel. 022-261201 Fax 022-266240 Fax 062-7210268
Gordon & Gotch Denmark FOLKESTONE CT19 5EE
Tel. 0303-850101 Fax 0303- OSAKA 530-91 Portugal Librairie Payot
Huntingdale Road 25/37 • Dansk Bladdistribution A/S Tel. 06-3766650 Case Postale 3212
3125 BURWOOD VIC Ved Amagerbanen 9 850440 •Johnsons International
Bookman’s Co. Ltd. 1002 LAUSANNE
Tel. 03-98051650 2300 COPENHAGEN S DLJ Subscription Agency News Portugal Lote 1 A Tel. 021-3413231
Fax 03-98888561 Tel. 31543444 Fax 31546064 26 Evelyn Road 1-18 Toyosaki 3-Chome Rua Dr. Jesé Espirito Santo
Oyodo-Ku OSAKA 531 Fax 021-3413235
Perimeter Arnold Busk LONDON SW19 8NU 1900 LISBOA
Tel. 0181-5437141 Fax 0181- Tel. 06-3714164 Fax 06-3714174 Tel. 01-8371739 Fax 01-8370037 R.J. Segalat
190 Bourke Street Købmagergade 29 4, rue de la Pontaise
3000 MELBOURNE VIC 1140 COPENHAGEN K 5440588 Elm & Co Livraria Ferin Lda
18-6 Takadono 3 Chome 1018 LAUSANNE 18
Tel. 03-96633119 Tel. 33122453 Fax 33930434 Motor Books Rua Nova do Almada 72 Tel. 021-6483601
Fax 03-96634506 33 St’Martins Court Asaki-Ku 1200 LISBOA
Rhodos OSAKA 535 Fax 021-6482585
Magazine Subscription Agency Strangate 36 LONDON WC2N 4AL Tel. 01-3424422 Fax 01-3471101
Tel. 0171-6365376 Tel. 06-9522857 Freihofer AG
20 Booralie Road 1401 COPENHAGEN K Principate of Monaco Weinbergstrasse 109
2084 TERREY HILLS NSW Tel. 31543060 Fax 32962245 Fax 0171-4972539 Hakuriyo Co Ltd
• Presse Diffusion 80333 ZÜRICH
Tel./Fax 02-4500040 R.D. Franks Ltd 1-15-17 Shimanouchi Chuo-Ku
Finland Boite Postale 479 Tel. 01-3634282 Fax 01-3629718
Kent House OSAKA 542
ISA Australia • Akateeminen Kirjakauppa 98012 MONACO CEDEX Stäheli’s Bookshop Ltd
Market Place Oxford Circus Tel. 06-2525250 Fax 06-2525964
P.O. Box 709 Stockmann/Akatemineen Tel. 93101200 Fax 92052492 Bederstraße 77
4066 TOOWONG QLD LONDON W1N 8EJ Kitao Publications Trading Co
Kirjakauppa Romania 8021 ZÜRICH
Tel. 07-33717500 Tel. 0171-6361244 Ltd
P.O. Box 23 Fax 0171-4364904 2-3-18 Nakanoshima Kita-Ku • S.C.IBC. Hiparion Tel. 01-2013302 Fax 01-2025552
Fax 07-33715566 00371 HELSINKI Str. Muresului 14
Blackwell’s Periodicals OSAKA 530 Taiwan
Austria Tel. 09-1214330 Fax 09-1214241 Tel. 06-2035961 Fax 06-2223590 3400 CLUJ NAPOCA • Chii Maw Enterprise Co Ltd
P.O. Box 40 Tel. 064-414004 Fax 064-414521
• Morawa & Co. KG. Lehtimarket Oy Hythe Bridge Street Kaigai Publications Co Ltd P.O. Box 24-710
Wollzeile 11 Nokiantie 2-4 P.O. Box 16 OXFORD OX1 2EU P.O. Box 5020 Tokyo Singapore TAIPEI
WIEN 1 00511 HELSINKI Tel. 01865-792792 International • Page One The Bookshop Ltd Tel. 02-7781678 Fax 02-7782907
Tel. 01-51562 Fax 01-5125778 Tel. 0-716022 Fax 0-7533468 Fax 01865-791438 TOKYO 100-31 Blk 4 Pasir Panjang Road Thailand
Jos A. Kienreich Suomalainen Kirjakauppa Greece Tel. 03-32924271 Fax 03- 0833 Alexandra Distripark • Central Books Distrib. Ltd
Sackstraße 6 P.O. Box 2 2924278 0511 SINGAPORE 306 Silom Road
8011 GRAZ 01641 VANTAA • Hellenic Distribution Agency Ltd Tel. 2730128 Fax 2730042
1 Digeni Street Kinokuniya Co Ltd 10500 BANGKOK
Tel. 0316-826441 Tel. 09-8527880 P.O. Box 55 Chitose South Africa Tel. 02-2355400 Fax 02-
Fax 09-8527990 17456 ALIMOS
Georg Prachner KG Tel. 01-9955383 Fax 01-9936043 TOKYO 156 • Mico L’Edicola Pty Ltd 2378321
Kärntnerstraße 30 France Tel. 03-34390124 Fax 03- 66 Grant Avenue Turkey
1015 WIEN G.C. Eleftheroudakis SA 34391094
• Nouvelles Messageries de la 17 Panepistimioy Street 2192 NORWOOD • Yab Yay Yayincilik Sanay Ltd
Tel. 01-5128549 Fax 01-5120158 resse Parisienne NMPP Maruzen Co Ltd Tel. 011-4831960 Fax 011-
10564 ATHENS Besiktas Barbaros Bulvari 61 Kat
Minerva 52, Rue Jacques Hillairet Tel. 01-3314180 Fax 01-3239821 P.O. Box 5050 Tokyo 7283217 3 D3
Sachsenplatz 4/6 75612 PARIS International International Subscription BESIKTAS ISTAMBUL
1201 WIEN Tel. 01-49287042 Papasotiriou SA TOKYO 100-31
35 Stournara Street Service Tel. 0212-2583913 Fax 0212-
Tel. 01-3302433 Fax 01-3302439 Fax 01-49287622 Tel. 03-32758591 P.O. BOX 41095 Craighall 2598863
10682 ATHENS Fax 03-32750657
Belgium Dawson France Tel. 01-33029802 2024 JOHANNESBOURG Bilimsel Eserler Yayincilik
• AMP Rue de la Prairie Fax 01-3848254 Milos Book Service Tel. 011-6466558 Siraselviler Cad. 101/2
1, Rue de la Petite Ile Villebon-sur-Yvette 3-22-11 Hatchobori Chuo-Ku Fax 011-6466565 80060 TAKSIM ISTAMBUL
91871 PALAISEAU CEDEX Studio Bookshop TOKYO 104
1070 BRUXELLES 32 Tsakolof Street Kolonaki Spain Tel. 0212-2434173
Tel. 02-5251411 Fax 02-5234863 Tel. 01-69104700 Tel. 03-35513790 Fax 03- Fax 0212-2494787
10673 ATHENS • Comercial Atheneum SA
Fax 01-64548326 35513687
Naos Diffusion SA Tel. 01-3622602 Fax 01-3609447 Joventud 19 U.S.A.
Rue des Glands 85 Documentec Pacific Books 08830 SANT BOI DE
58, Boulevard des Batignolles Holland Morikawa Bldg. • Speedimpex Usa Inc
1190 BRUXELLES LLOBREGAT 35-02 48th Avenue
Tel. 02-3435338 Fax 02-3461258 75017 PARIS • Betapress BV 7-4 Idabashi 1 Chome Tel. 03-6544061 Fax 03-6401343
Tel. 01-43871422 Burg. Krollaan 14 Chiyoda-Ku TOKYO 102 LONG ISLAND CITY NY
S.P.R.L. Studio Spazi Abitati 5126 PT GILZE Diaz de Santos SA 11101-2421
Fax 01-42939262 Tel. 03-32623962 Fax 03-
55, Avenue de la Constitution Tel. 0161-457800 Calle Balmes 417-419 Tel. 0718-3927477
Germany 32624409
1083 BRUXELLES Fax 0161-452771 08022 BARCELONA Fax 0718-3610815
Tel. 02-4255004 Fax 02-4253022 • W.E. Saarbach GmbH Shimada & Co Inc Tel. 03-2128647 Fax 03-2114991
Bruil Tijdschriften • Overseas Publishers Rep.
Hans Böckler Straße 19 9-15 Minami-Ayoama 5-Chome
Office International des Postbus 100 LLibreria La Ploma 47 West 34th Street Rooms
50354 HÜRT HERMÜLHEIM Kyodo Bldg. Shin Ayoama 5F
Periodiques 7000 AC DOETINCHEM Calle Sicilia 332 625/629
Tel. 02233-79960 Minato-Ku
Kouterveld 14 Tel. 08340-24033 08025 BARCELONA NEW YORK NY D7
Fax 02233-799610 TOKYO 107
1831 DIEGEM Fax 08340-33433 Tel. 03-4579949 Tel. 0212-5843854 Fax 0212-
Tel. 03-34078317 Fax 03-
Tel. 02-7231282 Fax 02-7231413 Mayer’sche Buchhandlung Promotora de Prensa Int. SA 4658938
Kooyker Booksellers 34078340
Standaard Boekhandel Matthiashofstraße 28-30 Diputacion 410 F Ebsco Subscription Services
52064 AACHEN Korevaarstraat 8 B The Tokodo Shoten
Industriepark Noord 28/A 2311 JC LEIDEN 08013 BARCELONA P.O. Box 1943
Tel. 0241-4777470 Nakauchi Bldg.
9100 SINT NIKLAAS Tel. 071-160560 Fax 071-144439 Tel. 03-2451464 Fax 03-2654883 BIRMINGHAM AL 35201-1943
Fax 0241-4777479 7-6 Nihonbashi 1 Chome
Tel. 03-7603287 Fax 03-7779263 A.Asppan Tel. 0205-9911234
Swets Subscription Service Chuo-Ku
Brazil Lange & Springer C/Dr. Ramon Castroviejo 63 Fax 0205-9911479
P.O. Box 830 TOKYO 103
Otto-Suhr-Allee 26/28 Tel. 03-32721966 Fax 03- Local International Subscription Inc.
• Distribuidora Leonardo da Vinci 10585 BERLIN 2160 SZ LISSE
Ltda Tel. 0252-435111 32788249 28035 MADRID 30 Montgomery Street 7th floor
Tel. 030-340050 Tel. 01-3733478 Fax 01-3737439 JERSEY CITY NJ 07302
Av. Ibijau 204 Fax 030-3420611 Fax 0252-415888 Tokyo Book Center Co Ltd
04524 SAO PAULO Mundi Prensa Libros SA Tel. 0201-4519420
Bruil & Van de Staaij 3-12-14 Sendagaya Shibuya-Ku
Tel. 011-53163992 Wasmuth GmbH Castello 37 Fax 0201-4515745
Postbus 75 TOKYO 151
Fax 011-55611311 Pfalzburger Straße 43/44 Tel. 03-34041461 Fax 03- 28001 MADRID Readmore Inc
10717 BERLIN 7940 AB MEPPEL
Informational Tel. 0522-261303 Fax 0522- 34041462 Tel. 01-4313222 Fax 01-5753998 22 Cortland Street
Tel. 030-8630990 Publicaciones de Arquitectura y NEW YORK NY 10007
P.O. Box 9505 Fax 030-86309999 257827 Korea
90441-970 PORTO ALEGRE RS Arte Tel. 0212-3495540 Fax 0212-
Bonner Presse Vertrieb Hong Kong • M&G&H Co 2330746
Tel. 051-3344524 Fax 3344018 General Rodrigo 1
Limpericher Straße 10 Apollo Book Suite 901 Pierson Bldg. Faxon Illinois Service Center
Santoro Editora 28003 MADRID
53225 BONN 27-33 Kimberly Road Chin Mijn Ro 2 Ka 1001 W. Pines Road
Rua 7 de Setembro 63 Sala 202 Tel. 01-5546106 Fax 01-5532444
Tel. 0228-400040 Fax 0228- 2nd Floor Flat A Chongro-Ku OREGON IL 61061-9570
20050-005 RIO DE JANEIRO RJ Wing Lee Bldg KOWLOON SEOUL 110-062 Xarait Libros
4000444 P. S.Francisco de Sales 32 Tel. 0815-7329001 Fax 0815-
Tel. 021-2523909 Tel. 03-678482 Fax 03-695282 Tel. 02-7542881 Fax 02-7354028
Fax 021-2527078 Graff Buchhandlung 28003 MADRID 7322123
Neue Straße 23 Hungary Seoul Subscription Service Inc Silver Visions Publishing Co
Canada Tel. 01-5341567 Fax 01-5350831
38012 BRAUNSCHWEIG Librotrade Kft Youido P.O. Box 174 1550 Soldiers Field Road
Periodica SEOUL 150-601 Sweden
Tel. 0531-480890 P.O. Box 126 02135 BRIGHTON MA
C.P. 444 Fax 0531-46531 1656 BUDAPEST Tel. 02-7801094 Fax 02-7843980 • Bror Lundberg Eftr. AB Tel. 0617-7872939
OUTREMONT QUE H2V 4R6 Tel. 01-2561672 Fax 01-2568727 Lebanon Kungstensgatan 23 Fax 0617-7872670
Walther König GmbH
Tel. 514-2745468 Fax 514- P.O. Box 19063
Heinrich-Heine-Allee 15 India • Messageries du Moyen Orient The Faxon Company Inc
2740201 10432 STOCKHOLM
40213 DÜSSELDORF Globe Publications Pvt Ltd B.P. 11 15 Southwest Park
Chile
Tel. 08-6129680 Fax 08-6122790
Tel. 0211-136210 B 13 3rd Floor A Block 6400 BEYROUTH WESTWOOD MA 02090
Fax 0211-134746 Tel. 01-447526 Fax 01-492625 BTJ Tidschriftscentralen Tel. 800-9993594
• Libro’s Soc. Ltda Shopping Complex BTJ INFO & MEDIA Fax 0617-3299875
Clasificador 115 Correo Central Sautter & Lackmann Naraina Vihar Ring Road Luxembourg
Traktorvägen 11
SANTIAGO Admiralitätstraße 71/72 NEW DELHI 110 028 • Messageries Paul Kraus Venezuela
22182 LUND
Tel. 02-23577337 20459 HAMBURG Tel. 011-5460211 11, Rue Christoph Plantin • Edital SA
Tel. 046-180000 Fax 046-180125
Fax 02-2357859 Tel. 040-373196 Fax 040-365479 Fax 011-5752535 1020 LUXEMBOURGH Calle Negrin Edif. Davolca
Wennergren Williams
Colombia Mode....Information Iran Tel./Fax 499888444 Planta Baja Apt. 50683
P.O. Box 1305
• Peinternational Heinz Kramer GmbH Jafa Co Ltd Malta 1050 CARACAS
17125 SOLNA
Maria Costanza Carvajal Pilgerstraße 20 P.O. Box 19395 Fax 02-7621648
• Miller Distributors Ltd Tel. 08-7059750 Fax 08-270071
Calle 90 18-31 51491 KÖLN OVERATH 4165 TEHRAN * Only for Usa & Canada
Miller House Switzerland
SANTA FE’ DE BOGOTA’ Tel. 02206-60070 Fax 6406441 Tarxien Road Airport Way .DOMUS (USPS 7010107) is
Tel. 01-6168529 Fax 01-6166864 Fax 02206-600717 • Kiosk AG
Israel LUQA published for US$ 135 per year
L. Werner Buchhandlung Hofackerstraße 40
Luis Antonio Puin Alvarez • Literary Transactions Ltd Tel. 664488 Fax 676799
Theatinerstraße 44 II 4132 MUTTENZ by Editoriale Domus Spa - Via
Avenida 25 C # 3 35/37 c/o Steimatzky Ltd Mexico Tel. 061-4672339
BOGOTA’ 80333 MÜNCHEN Achille Grandi 5/7 - 20089
Tel. 089-226979 11 Rehov Hakishon Agencia de Suscripciones SA de Fax 061-4672961
Tel. 01-3426401 Rozzano - Italy and distributed by
Fax 089-2289167 51114 BNEI BRAK CV • Naville SA
C.S.I. Tel. 03-5794579 Fax 03-5794567 Av. 16 de Septiembre 6-402 Speedimpex USA Inc.
Karl Krämer 38-42 Avenue Vibert
Mezhdunarodnaya Kniga Teldan Col. Centro 1227 CAROUGE-GE Periodicals Postage Paid at Long
Rotebühlstraße 40 Island City NY 11101.
39 Bolshaya Yakimanka Street 7 Derech Hashalom 06000 MEXICO DF Tel. 022-3080444 Fax 022-
70178 STUTTGART
117049 MOSCOW 67892 TEL AVIV Tel. 064-140423 Fax 064-152413 3080429 Postmaster: send address changes
Tel. 0711-669930
Tel./Fax 095-2384634 Fax 0711-628955 Tel. 03-6950073 Fax 03-6956359 New Zealand • Melisa to DOMUS c/o Speedimpex USA
Czech Republic Konrad Wittwer GmbH Japan • The Fashion Bookery Via Vegezzi 4 Inc, 35-02 48th Avenue Long
• Mediaprint & Kapa Postfach 10 53 43 • Yohan P.O. Box 35-621 Browns Bay 6901 LUGANO Island City NY 11101-2421
Pressegrosso s.r.o. 70173 STUTTGART 14-9 Okubo 3 Chome AUCKLAND 10 Tel. 091-9238341
Na Jarove 2 Tel. 0711-25070 Shinjuku-Ku Tel. 09-4786324 Fax 09-4155650 Fax 091-9237304
Domus 834 Febbraio/February 2001

Copertina/Cover Particolare del College di


Erick van Egeraat a Rotterdam.
Fotografia di Christian Richters
(vedi pag 72).
Erick van Egeraat’s college in Rotterdam,
in close up.
Photograph by Christian Richters
(see page 72).
Review

2 Libri/Books
14 Mostre/Exhibitions
24 Calendario/Diary

Monitor

28 Nuova Immagine per il MoMA,


A new identity for MoMA

Servizi/Features

36 Il Monumento nel Museo Il British Museum recupera il vuoto


lasciato dalla Biblioteca
The Monument How the British Museum filled the gap
in the Museum when it lost its library
54 Singapore avanti tutta Foster costruisce per il trasporto
pubblico veloce
Singapore Fast Forwards Foster builds for the Rapid
Mass Transit System
64 L’altra faccia della Posta Michele De Lucchi prova a trasformare
l’immagine delle Poste italiane
The new face of the Post Michele de Lucchi sets out to transform
Italy’s post office
72 Cos’avrà mai l’Olanda Rowan Moore guarda ai due volti della
nuova architettura olandese
What’s so special Rowan Moore looks at both sides
about Holland of the Dutch attitude to
contemporary architecture
88 Nuove soluzioni I risultati del concorso Domus/BMW per
per la mobilità giovani progettisti
New solutions for mobility The results of the Domus / BMW
competion for student designers
102 Mixed Media Una mostra e gli obbiettivi del Centro
d’Arte Contemporanea a Roma,
secondo Stefano Casciani
Mixed Media A new exhibition sets out to define an
agenda for Rome’s new Centre for
contemporary art
Rassegna

114 Arredare il bagno Maria Cristina Tommasini analizza


le novità della produzione
Furnishing the bathroom Maria Cristina Tommasini selects
the essential new products

Post Script

121 Un autobus di Mollino, Il gran libro di


Helmut Newton, 70 anni di Mendini,
Cinque cose preferite da
Johanna Grawunder
The bus that Carlo Mollino built,
Helmut Newton’s biggest book,
Mendini’s 70th birthday,
Five things by Johanna Grawunder
Direttore/Editor Deyan Sudjic

Consulente alla direzione/Associate editor Stefano Casciani

Creative director Simon Esterson

Art director Giuseppe Basile

Staff editoriale/Editorial staff Maria Cristina Tommasini (caporedattore)


Laura Bossi
Rita Capezzuto
Francesca Picchi

Libri/Books Gianmario Andreani

Inviato speciale/Special correspondent Pierre Restany

Staff grafico/Graphics Antonio Talarico


Lodovico Terenzi

Segreteria/Administration Valeria Bonafé


Marina Conti
Miranda Giardino di Lollo (responsabile)
Alexandra Shakespear
(assistente a/assistant to Deyan Sudjic)

Archivio/Archivist Anna Teresa Dell’Orto

Redazione Via Achille Grandi 5/7


Il designer che ha Uniformi e il loro
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 82472265 ‘avviato’ Aprilia feroce fascino
Fax +39 02 82472386
E-mail:domus@edidomus.it The designer who Uniforms and their
Titolare del trattamento dei dati personali raccolti nelle banche dati di uso redazionale è Editoriale Domus S.p.A.
Gli interessati potranno esercitare i diritti previsti dall’art. 13 della Legge 675/96 telefonando al numero +39 02 82472459
kick-started Aprilia grim charm
Sito/Site www.domusweb.it 8 18
Editoriale Domus S.p.A. Via Achille Grandi 5/7
20089 Rozzano (Milano)
Tel. +39 02 824721
Fax +39 02 57501189
E-mail: editorialedomus@edidomus.it

Editore/Publisher Maria Giovanna Mazzocchi Bordone

Relazioni esterne/Public relations Stefano Bordone

Direzione commerciale/Marketing director Paolo Ratti

review
Pubblicità Tel. +39 02 82472472
Fax +39 02 82472385
E-mail: pubblicita@edidomus.it

Direzione generale pubblicità Gabriele Viganò


Advertising director

Direzione vendite/Sales director Giuseppe Gismondi

Promozione/Promotion Sabrina Dordoni

Estratti/Reprints Editoriale Domus S.p.A.


Per ogni articolo è possibile richiedere Via Achille Grandi 5/7
la stampa di un quantitativo 20089 Rozzano (Milano)
minimo di 1000 estratti a: Tel. +39 02 82472472
Minimum 1000 copies of each article Fax +39 02 82472385
may be ordered from E-mail: dordoni@edidomus.it

Agenti regionali per la pubblicità nazionale


Piemonte/Valle d’Aosta: InMedia, C.so Galileo Ferraris, 138 - 10129 Torino - tel. (011) 5682390 fax (011) 5683076
Piemonte (province di Novara, Alessandria, Vercelli, Biella, Verbania): Enrico Vecchi, tel. (0328) 2324271
Veneto, Friuli V.G. e Trentino-Alto Adige: Agenzie: Mediasell Carlo Ferracina,
Contrà Do Rode 38 - 36100 Vicenza, tel. (0444) 320005 fax (0444) 321713
Clienti: Tiziana Maranzana, C.so Milano 43 - 35139 Padova, tel. (049) 660308, fax. (049) 656050
Emilia Romagna: Massimo Verni, via Matteucci 20/2 - 40137 Bologna, tel. (051) 345369-347461
Toscana: Promomedia, via Buonvicini 21 - 50132 Firenze, tel. (055) 573968-580455
Lazio, Campania: Interspazi, viale Trastevere 228 - 00153 Roma, tel. (06) 5806368
Umbria: Zupicich & Associati, via Vermiglioli 16 - 06123 Perugia, tel. (075) 5738714 fax (075) 5725268
Sicilia: MPM, via Notarbartolo 4, 90141 Palermo, tel. (091) 6252045 fax (091) 6254987
Sardegna: Giampiero Apeddu, viale Marconi 81, 09131 Cagliari, tel. (070) 43491

Servizio abbonamenti/Subscriptions
numero verde 800-001199 da lunedì a venerdì dalle 9,00 alle 21,00, sabato dalle 9,00 alle 17.30
Fax +39 02 82472383 E-mail: uf.abbonamenti@edidomus. it

Ufficio vendite Italia:


tel. 039/838288 – fax 039/838286 e-mail: uf.vendite@edidomus.it Un numero Lire 15.000, € 7,74.
Fascicoli arretrati: Lire 22.000, € 11,36. Modalità di pagamento: contrassegno (contributo spese di spedizione
Lire 3.000), carta di credito: (American Express, CartaSì, Diners, Visa), versamento sul c/c postale n. 668202 intestato a
Editoriale Domus SpA, Via A. Grandi 5/7 – 20089 Rozzano (MI), indicando sulla causale i numeri di “DOMUS” desiderati.
Si prega di accertarsi sempre della effettiva disponibilità delle copie.

Foreign Sales:
Tel. +39-0282472529 – fax +39-0282472590 e-mail: sales@edidomus.it
Back issues: US$ 22, DM 32, € 19,00. Payment method: by credit card American Express, Diners, Mastercard, Visa, bank transfer on our
account n. 5016352/01/22 - Banca Commerciale Italiana, Assago branch (Milan), by cheque addressed to Editoriale Domus SpA.
Ai sensi della Legge 675/96 si informa che il servizio abbonamenti e vendite copie arretrate Italia è gestito da Teleprofessional Srl, Via Mentana
17/A, Monza (MI), tel. 039/2321071, responsabile del trattamento dei dati personali.
A tale soggetto gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’articolo 13 della Legge 675/96.
I dati saranno oggetto di trattamento prevalentemente informatico ai soli fini della corretta gestione dell’ordine e di tutti gli obblighi che ne
conseguono.

calendario/22
Domus Academy Via Savona 97
20144 Milano
Tel. +39 02 47719155
Fax +39 02 4222525
E-mail info@domac.it

© Copyright Associato all’U.S.P.I.


Editoriale Domus S.p.A. (Unione stampa
exhibitions
Milano Periodica Italiana)
mostre/14

calendar
Direttore responsabile Maria Giovanna Mazzocchi Bordone/Registrazione del Tribunale di Milano n.125 del 14/8/1948. È vietata la riproduzione
totale o parziale del contenuto della rivista senza l’autorizzazione dell’editore.

Distribuzione Italia/Distribution Italy A&G Marco, via Fortezza 27,


20126 Milano
books

Distribuzione internazionale AIE - Agenzia Italiana di


libri/2

Sole agent for distribution Esportazione S.p.A.


Via Manzoni 12, 20089 Rozzano (MI)
Tel. (02) 5753911
Fax (02) 57512606

Stampa/Printers BSZ, Mazzo di Rho (MI)

In questo numero la pubblicità non supera il 45%


Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito

Domus, rivista fondata nel 1928 da Gio Ponti/review founded in 1928 by Gio Ponti

Domus Febbraio February 2001 1


Purgatorio lungo tutto il rio delle quale scudo, protezione, verso un rivoluzionario, condiviso da Barbaro. old ‘glory’ to defend; instead, there is
Il buco nero nel Galeazze e per la Darsena Vecchia” avvenire insicuro. Barbaro è “[…] ho sempre pensato a ‘glorious’ historic city, which, just
fino a qualche limitata esposizione perfettamente consapevole che non all’Università, a un campus like other historic cities, has to be
cuore di Venezia che faceva vedere qualcosa “ma solo c’è più una ‘gloria’ secolare da universitario veneziano. Forse perché protected and restored. In other
sui bordi”. Finalmente, con la difendere, ma una ‘gloriosa’ città ero sicuro dell’ispirazione che me ne words, lived in. Like all the historic
Luca Campigotto biennale del ‘99 “quel luogo chiuso, storica che, al pari delle altre città sarebbe venuta come giovane towns it has its own peculiar
a cura di Gianmario Andreani

L’arsenale di Venezia forse alla deriva, ritrovato qualche storiche, dev’essere tutelata e ingegnere, se avessi studiato lì attributes and demands appropriate,
Testi di Paolo Barbaro e Gino Benzoni volta a stento si aprì visibile a tutti, fin restaurata; vissuta, in una parola. dentro; e anche, nello stesso modo, specific measures. It does not suffice
Marsilio Editori, Venezia, 2000 dalle vie più nascoste”. Ed ecco le Come tutte le città storiche ha da giovane e da vecchio scrittore. to carry out appropriate restorations
book

(pp. 93, s.i.p.) officine dei ‘congegnatori’, “piantate peculiarità proprie e richiede Poi ho sempre pensato agli architetti, or avoid disastrous confrontations
libri

su corsi potenti di mattoni neri e particolari quanto specifici interventi agli storici dell’arte, agli storici della with ‘Modern’ architecture (which by
La conoscenza e la sensibilità verso i pietre bianche: muri stranamente operativi. Non è sufficiente realizzare tecnica, a tutte le branche di studio the way, still continue). Nor can one
temi e i problemi veneziani hanno ritmici, forti e spettrali, mai visti nella appropriati restauri o evitare marittimo che mancano da noi, e rely more or less unconsciously on
determinato in Paolo Barbaro – Venezia-Venezia”. Quindi, passate le disastrosi confronti con l’architettura insieme alla possibilità di rivitalizzare the Mose mobile dike system to
scrittore che nasce ingegnere – la officine dei ‘calderai’, le fondamenta ‘moderna’ – che per altro si una grande zona di Castello con la solve the flooding problem.
capacità di interpretare con finezza di Darsena nuova. “Qui lo spettacolo, continuano a fare. Neppure ci si può vita prorompente dei più giovani”. Benevolo’s new master plan views
letteraria questioni urbanistiche e tra acqua e terra, era affidare più o meno inconsciamente a Purtroppo no. Non c’è niente da fare. the theme of the historic city in the
architettoniche. Il sopralluogo improvvisamente grandioso, un impianto – il Mose – per far fronte E non solo perché “professori e regional context. The Arsenal is now
descritto a commento delle foto di emozionante […] era l’altra Venezia, il al problema dell’acqua alta. Il nuovo studenti non vogliono l’Università in a “black hole” that risks sucking the
Luca Campigotto per L’Arsenale di suo lato forte, di dimensioni mai viste piano regolatore firmato da Benevolo Arsenale”. Preferiscono la terra entire town into its maw. Yet this
Venezia è sì una sintetica analisi di tra le case poco più in là”. La inquadra il tema della città storica nel ferma, vogliono l’altra parte di location which we could barely
la rivista

questa città nella città lagunare, ma descrizione procede con il ritmo di contesto territoriale. L’Arsenale è Venezia dove il costo delle case e dei consider as the setting for part of the
review

è anche la ‘spiega’ di ciò che Venezia una radiocronaca sportiva. Il luogo diventato un “buco nero” che rischia terreni è più alto. Dove, in particolare, Le Corderie: da conservare per la loro bellezza ma fragili, bisognose di restauro 1999 Biennale is astoundingly
potrà essere nel prossimo futuro. Le ‘estraneo’ era stato scoperto, era di risucchiare la stessa Venezia. è più facile poter scappare, fuggire The Ropery: too beautiful to touch, but too fragile to leave alone grandiose.
immagini sono abbastanza stato ‘intrecciato’ con Venezia. Eppure questo luogo che si è potuto dopo qualche ora di lezione. La Two great historians – Fernand
drammatiche: illustrano il degrado “Certo, non bastava, c’erano da appena vedere come contenitore di responsabilità non è solo dei Impossibile quando l’obiettivo è disused and separated by a high Braudel and Alberto Tenenti – have
crescente di un luogo rimasto vuoto prendere decisioni di ogni genere […] parte della biennale del ‘99 è di professori e degli studenti. E l’eterno quello del ‘restauro’. Altri anni barrier from the city for too long. already explained the Arsenal’s lost
e impermeabile alla città per un ora si trattava – si tratta – di decidere stupefacente grandiosità. dilemma che lacera questa – più passeranno prima di vedere Barbaro, recalling a classmate who, ‘centrality’ and the gradual shift of
tempo troppo lungo. Barbaro, nel di rendere stabili l’intreccio e la Avevano già spiegato i grandi storici ancora di altre – città: la nuova ricostruita La Fenice. Non c’è fretta. following in his father’s footsteps, the centre towards the mainland:
ricordo di un compagno di scuola nuova vita, di questo che è diventato – Fernand Braudel e Alberto Tenenti – Architettura. Che l’Arsenale crolli a Una volta deciso che sarà più o had worked there, evokes and shows Saint Mark’s, Mercanzia, Rialto, the
che seguendo il padre aveva lavorato un particolare sestiere della città”. la ‘centralità’ perduta dell’Arsenale; il pezzi, che il suo recupero presenti meno come era stata per quasi due the strategic importance of the train station, Piazzale Roma, the
al suo interno, rievoca e dimostra Barbaro non è mai ‘nostalgico’. Nei progressivo slittamento del centro molte difficoltà, che il riutilizzo di secoli, si può attendere senza Arsenal for the town. First of all, he bridge across the lagoon and Mestre.
l’importanza strategica dell’arsenale numerosi scritti dedicati a Venezia verso la terra ferma: San Marco, la oltre centomila metri quadri – al di là rimpianto per qualche anno ancora. illustrates how and when he Benevolo envisions it has a ‘gate’ or
per la città. Prima di tutto illustra (Lunario veneziano edito dalla Mercanzia, Rialto, la stazione di qualche mostra semestrale, Sono le ‘moderne’ occasioni perdute ‘discovered’ it. This began when the center for those coming from
quando e come lo ha ‘scoperto’. Da Stampa di Torino nel 1990, Venezia ferroviaria, piazzale Roma, il Ponte annuale o biennale – rappresenti la quelle da evitare. Sono ancora in “mythical motorboat utilized for Tessera. Barbaro approves this
quando il “mitico motoscafo della l’inno del mare felice, il Mulino 1995) lagunare, Mestre. Benevolo lo indica vera sfida del nostro tempo, non tanti a piangere per le mancate opere public transportation started to go revolution. “[…] I always had thought
linea 2 cominciò a transitare oltre le non ricalca lo stereotipo della città quale porta/polo per chi proviene da riscuote grande interesse. I riflettori di Wright o di Le Corbusier o del beyond the ancient houses of Inferno of a Venetian university or campus.
antiche case dell’Inferno e del ‘mito’. La memoria non è intesa Tessera. Un ribaltamento sono tutti puntati sul nuovo (chissà perché dimenticato) Kahn. and Purgatory, traveling along the Perhaps it was because I was sure of
Solo i visitatori della Biennale portano vita all’Arsenale veneziano
aeroporto di Tessera. Con la Non li consola che Gardella e molti whole Rio delle Galeazze and near the inspiration that would have come
Only the visitors to the Biennale bring life to Venice’s Arsenale
speranza di ripetere il successo di altri, moderni e minori, abbiano the Old Dockyard”. Later, a few to me if I had trained as an engineer
Bilbao si espongono progetti, si lasciato le loro tremende impronte. smallish exhibitions let one glimpse within those bounds. I also had the
fanno convegni, si disputa con Non sono interessati al ripristino del something, “but only along the same thought as a young and also an
accanimento sul diritto della nostra Teatro e tanto meno al recupero edges”. Finally, during the 1999 elder writer. I have always thought of
epoca di esprimere la propria arte urbanistico dell’Arsenale. In attesa Biennale “that closed spot, maybe the architects, art historians,
architettonica. D’accordo; meglio che un altro Maestro possa lost, found again now and then after technology historians and all those
Tessera che non lo stesso Arsenale manifestare il “nostro tempo”, si much trouble, suddenly was opened fields of maritime study we lack. In
già oggetto di concorsi di idee, ex sottolinea l’esigenza e l’urgenza di to all, even its most hidden addition, it would be possible to
tempore e altri micidiali progetti realizzare il ‘nuovo’ aeroporto. E si alleyways”. Then one could view the revitalize a large part of the Castle
‘innovativi’ che ormai da venti anni a promuove l’ennesimo convegno pro unique workshops “placed on the thanks to lively young people”.
questa parte assorbono energie Architettura Moderna nel contesto thick, spectral walls, never before But, unfortunately, it never was to be.
economiche e culturali. Eppure, il antico, questa volta patrocinato dal seen in Venice itself”. After passing And not just because “the professors
recupero-restauro dell’arsenale ministero preposto alla tutela delle the Boiler-Makers’ Workshops, and students do not want the
potrebbe costituire, come sostiene il città storiche. Il Teatro è già esistito comes the ‘fondamenta’ of the new university in the Arsenal”. They prefer
nuovo Piano Regolatore di Benevolo, per tanto tempo. E l’Arsenale è Dockyard. “Here the spectacle of the mainland, they want the other
l’avvio per ri-fondare davvero la città ancora più vecchio ed è così grande earth and water suddenly became section of Venice where houses and
lagunare. Mentre l’aeroporto che si dovrà aspettare anni prima che grand, exciting […] it was another land cost more. One of the
continuerà a essere un “non luogo”. crolli del tutto per sostituirlo – Venice, its strength. The size never advantages offered is that it is easier
Anche con la nuova luccicante finalmente! – con nuova e moderna had been seen amid the houses to flee there, to run off after a couple
quanto sghimbescia veste Architettura close by”. The description matches hours of classes. The entire
appiccicata sopra a un impianto Pierluigi Cervellati, docente di the pace of a radio sportscast. The responsibility is not borne by the
distributivo banale, eccessivamente riqualificazione urbana e territoriale ‘strange’ unearthed world had been professors and students. This city –
banale. A pochi mesi di distanza allo IUAV di Venezia ‘interwoven’ with Venice. “Naturally, more than others – is split by the
dall’album di Luca Campigotto, il The black hole at the heart of this did not suffice: decisions of all eternal dilemma: new architecture.
medesimo editore Marsilio pubblica I Venice sorts had to be made […] Now the The Arsenal may be crumbling, its
progetti per la ricostruzione del Paolo Barbaro – a writer educated as issue was – is – deciding to make the rehabilitation presents thousands of
teatro La Fenice 1997. Sono passati an engineer – boasts such interlacing and the new life hurdles and the conversion of over
tre anni dalla mostra dei progetti knowledge and sensitivity to the permanent, for this is now a special 100,000 square metres – aside from
presentati a un concorso che forse problems of Venice they have ‘sestiere’ of the city”. a few sparsely scattered exhibitions –
non si sarebbe mai dovuto fare, enabled him to interpret planning and Barbaro never takes a nostalgic represents the real challenge of our
ovvero, è stato un concorso inutile. architectural problems with literary stance. In his numerous writings time. But nobody is truly interested.
Non tanto per i risultati che hanno keenness. His exploration of Venice’s devoted to Venice (Lunario veneziano The new Tessera airport gets centre
provocato allungamenti giudiziari, Arsenal provide a commentary to published by La Stampa di Turin in stage. In the hope of repeating the
quanto perché per realizzare il Luca Campigotto’s photographs and 1990; Venezia l’anno del mare felice, success of Bilbao, schemes are
“ripristino filologico” di un is a succinct analysis of this city in il Mulino 1995) he has not fallen into displayed, conferences staged and
monumento, esiste (o almeno così the city-of-canals, but it also explains the trap of the stereotyped ‘mythical’ one fiercely debates the right of our
dovrebbe essere) un solo metodo what Venice might become in the town. Memory has not been utilized age to express its own architectural
progettuale. Altrimenti – tramite near future. The images are rather as a shield to protect oneself from an art. Sure, better Tessera than some
concorso – si fa il ripristino creativo. dramatic: they portray the spreading uncertain future. Barbaro is perfectly of plans for the Arsenal itself, which
Sempre difficile da valutare. blight of a place which has been aware that there no longer is a age- in the past has been subjected to

2 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 3


dilagare di quella commerciale . moderno sono declinazioni opposte principi tradizionali; Somol the intersecting paths weaving attempts to resolve complexity in a
Gli anni ‘70 vedono il tentativo di della conformazione spaziale, tra sottolinearne la dimensione visiva, multiple relationships between sense that is never exhaustively
codificare l’architettura come interno ed esterno, essenza e ripercorrendo l’opera di Hejduk e il places, works and authors, nicely enclosed in a code and always
linguaggio e di interpretare la ornamento, struttura e forma. suo spostare l’attenzione dalla reflects the book’s contents. It is a overflows the boundaries of the
costruzione come testo. Riflessioni Ibridando le modalità di pianta all’alzato, dalla geometria alla map of architectural theory from single theory.
della Scuola di Francoforte, rappresentazione, viene meno la narrazione, dal tipo al simbolo. 1968 to 1993; the chronological In the foggy landscape depicted by
marxismo antiumanista di ispirazione distinzione tra concetto, oggetto e L’impossibilità di un’interpretazione order of the anthology is mixed up in Hays, favoring the contributions
althusseriana, antropologia culturale disegno, come sottolineano i univoca emerge con forza nei saggi the introductions to the individual which have done more to explain the
e strutturalismo, sono i paradigmi cui Manhattan Transcripts di Tschumi, i più astratti, che ritematizzano gli articles and the notes by the intellectualization of the American
la teoria si appella per una “critica Chamber Works di Libeskind, Moving oggetti del pensiero architettonico: lo continuous references to analogous debate, chronological order was
all’ideologia architettonica” (Tafuri) e Arrows, Eros and Other Errors di spazio come “produzione astratta” questions in other publications. This picked as the main route. It traces
per una lettura ‘disimpegnata’ delle Eisenman, in cui il progetto della comunicazione e dello scambio suggests multiple junctions; the back the process of more and more
avanguardie (Rowe), per la architettonico diventa questione di (Lefebvre) e la metropoli come suo heterogeneous nature of the conceptualization of architecture in a
riabilitazione della retorica (Baird) e tracce e geroglifici, eventi e griglie, paradigma (Koolhaas); la città, totalità contributions (true essays, “theoretical practice” which tries to
per la riaffermazione della metafora reinterpretazioni e spostamenti di di frammenti, come “terza tipologia” programmatic items, exhibition dam the flood of commercial
(Hollier), per guardare alla pop art scala. E sono numerosi i testi che si accanto alla capanna e alla macchina presentations and comments, plus building.
(Scott-Brown) e per sottolineare la confrontano con l’ambiguità del (Vidler ) e come luogo dell’intervallo, accounts of schemes) seems to The 1970s witnessed the attempt to
frammentarietà della scrittura costruire. Se Pérez-Gómez, in quanto ‘sovraesposta’ ai flussi di reiterate the ‘fantasmatic’ attribute of classify architecture as language and
architettonica (Agrest). Neo- invocando la fenomenologia, rivaluta comunicazione e di scambio (Virilio); American architectural theory. It is to interpret building as a text. The
avanguardia americana (Rowe, la dimensione misterica e corporea l’eterotopia, luogo fluttuante e always hovering between pondering of the Frankfurt School,
Gandelsonas, Tafuri e Hejduk, contro l’ossessione per la certezza e infondato, come cifra dell’esperienza legitimization and destabilization, anti-humanist Marxism inspired by
Eisenman), tendenza italiana (Scolari il determinismo; Evans sottolinea la topologica della discontinuità and ever ready to redefine its place in Althusser, cultural anthropology and
e Rossi) e Collage City (Rowe e natura ‘allografica’ dell’architettura, (Teyssot) e l’inquietudine degli spazi history, criticism and practice. Structuralism were the paradigms
Koetter) sono le declinazioni pratiche evento il cui senso eccede la moderni, tra psicopatologie e If architecture is discourse, suited to theory called on for: a “criticism of
di questi assunti, tutte incentrate sul rappresentazione grafica per darsi trasparenza (Vidler); la dimensione sort out its own untranslatable architectural ideology” (Tafuri); a
segno e sul suo nesso con il senso; e come “sempre-a-venire”; Anderson pubblica del costruire, dalle thought by means of texts, objects “non-engaged” reading of the avant-
il segno è protagonista nella mostra ne ribadisce la produzione convenzioni ritualizzate che lo and designs, theory mediates garde (Rowe); the rehabilitation of
“L’architettura dell’Ecole des Beaux- intellettuale e materiale al tempo regolano al mondo di artefatti che between the form of the work and its rhetoric (Baird); the reasserting of
Arts” che Drexler promuove al MoMA stesso, dispiegata tra crea (Frampton), e l’architettura come horizon of meaning, thanks to the metaphor (Hollier); looking at Pop Art
di New York nel 1975. Tra evocazione convenzionalità e azzardo; Eisenman supporto alla pratica del potere cross-disciplinary character of a (Scott-Brown); and to underscore the
della storia, autoreferenzialità del elabora una “architettura (Foucault)... L’inafferrabilità di un process able to traverse and fragmentariness of architectural
linguaggio e concretezza della concettuale”, i cui oggetti sono una significato fisso è ancora riserva di interpret, hybridize and shift, the writing (Agrest). The American Neo-
professione, Post-Modern (Stern, sorta di diagramma dei processi senso per ulteriori esplorazioni most dissimilar thoughts. The avant-garde (Rowe, Gandelsonas,
Nascosto al resto della città, l’Arsenale pare una versione in miniatura di tutta Venezia
Jenks), “post-funzionalismo” formativi; Segrest guarda al suburbio conoscitive. reflection seeks to be a device for Tafuri and Hejduk, Eisenman) Italy’s
Hidden from the rest of the city, the Arsenal is like a miniature version of the whole of Venice
(Eisenman) e realismo (Steinmann, americano e alla sua geografia di Luigina De Santis, architetto ‘translating’ the ways of meaning. By tendenza (Scolari and Rossi), plus
idea competitions and other deadly cannot be consoled by the fact that tradito, nelle introduzioni ai singoli Huet), in modo differente, fanno i filamenti, frontiere e traiettorie; Who’s afraid of Derrida relying variously on the dynamics of Collage City (Rowe and Koetter) were
‘innovative’ plans. For the past Gardella and many other Modern and articoli e nelle note a margine, da conti con la tradizione del moderno, Derrida ritematizza la durata The cover illustration – Stan Allen’s language, the strategies of the text or the practical outcome of these
twenty years they have been wasting minor architects have left their mark. continui richiami a temi analoghi di in una rinnovata manipolazione di albertiana nel ‘maintenant’ di Spectral Geographies of 1991 – with the diagrams of the machine, one assumptions, all centered on the sign
money and cultural energy. Yet the They are not interested in altri testi, suggerendo intersezioni quel lessico, analoga alla un’architettura ‘doppia’ che
rehabilitation and restoration of the reconstructing the Opera House and multiple, e dove la natura eterogenea combinatorietà del bricolage decostruisce il sistema dato e, per un Le Alpi “Dutch style” dal libro di Tracy Metz e Theo Berart, An Atlas of Change. Rearranging The Netherlands (NAI
Arsenal might represent, as far less so in redeveloping the dei contributi proposti – veri e propri (Colquhoun). momento, tiene sul campo; Wigley Publishers, Rotterdam) sguardo sul futuro del paesaggio più artificiale d’Europa
Benevolo’s new master plan Arsenal. Awaiting the chance for saggi, testi programmatici, In assenza di una disciplina-faro sottolinea il mutuo legame tra The Alps Dutch style from Tracy Metz and Theo Berart’s book, An Atlas of Change. Rearranging The Netherlands (NAI
envisages, the kick-off for really another master to manifest “the presentazioni e commenti a mostre, dopo l’eclissi della sociologia e delle architettura e filosofia – l’una Publishers, Rotterdam) looks at the future of Europe’s most artificial landscape
recreating Venice. In addition, the present”, one underscores the need relazioni di progetti – sembra ribadire semiotica, è sempre il difficile inevitabile paradigma di costruzione,
airport will continue to be a “non- and urgency for a ‘new’ airport. Also, la natura ‘fantasmatica’ della teoria confronto col Moderno, anche nel l’altra sempre in gioco nella
place”, even with the shiny new one organizes the umpteenth architettonica more americano, decennio successivo, a sottendere i supplementarietà del senso – per
slanted enclosure stuck onto an conference in favor of Modern sempre in bilico tra legittimazione e discorsi, dalla rilettura ribadire l’impossibilità di
overly threadbare layout. Architecture in an old context, this destabilizzazione e sempre pronta a dell’architettura miesiana in un’applicazione diretta – una
A few months after Luca time endorsed by the Ministry whose ridefinire il suo luogo tra storia, critica occasione della ricostruzione del traduzione – delle teorie filosofiche in
Campigotto’s album, the same purpose is protecting historic cities. e pratica. Padiglione di Barcellona (Quetglas), campo architettonico.
publisher released a book on the The Opera House has been there for Se l’architettura è discorso, atto a alla concettualizzazione della La mostra al MoMA del 1988
reconstruction of the burnt out a long time. And the Arsenal is even dipanare un proprio pensiero metropoli come utopia estrema di promuove il Decostruttivismo come
theatre of La Fenice. Three years older and is so huge that we will have irriducibile attraverso testi, oggetti e razionalizzazione e luogo del suo nuovo modo dell’architettura
have gone by since the exhibit of the to wait years before it collapses progetti, la teoria media tra forma fallimento (Cacciari), americana nell’era Reagan, accanto
designs submitted to a competition completely, in order to replace it – at dell’opera e suo orizzonte di senso, dall’‘incompiutezza’ del ‘progetto’ al Post-Modern e a esso
that it might have been better to last – with a new, Modern structure. grazie alla trasversalità di un della modernità (Habermas) al complementare: entrambi, infatti,
avoid. That is, it was a useless Pier Luigi Cervellati, Professor of procedere capace di attraversare e rinverdito mito della macchina, che, sono incentrati sul segno e
competition. This is not so much Urban and Regional Rehabilitation at dislocare, ibridare e connettere, i nel segno di Sant’Elia, si erge a sull’espressione e attenti alla cultura
because of the results, which have the university of Venice pensieri più disparati, in una emblema della rizomatica città consumistica e ai processi produttivi
engendered legal delays. Rather, riflessione che mira a farsi dispositivo contemporanea (Kwinter); dal (McLeod).
concerning the erudite, ‘exact di ‘traduzione’ dei modi di revisionismo critico che, Con gli anni ‘90, si affaccia un altro
reproduction’ of a monument there is Chi ha paura di significazione. Affidandosi di volta in sottolineando la relazione tra paradigma teorico: la “macchina
(or should be) one design method volta alle dinamiche del linguaggio, architettura, pubblicità e mass-media astratta” di Deleuze e Guattari –
alone. Otherwise, a competition is Derrida? alle strategie del testo o alle già in Le Corbusier, vuole una sorta dispositivo non corporeo ma
utilized for a “creative rebuilding”. diagrammatiche della macchina, si di post-modernizzazione del ‘diagrammatico’, che presiede alla
This is always tough to evaluate and Michael Hays tenta di sciogliere la complessità di Moderno (Colomina) distinzione e distribuzione in strati,
impossible when the objective is a Architecture Theory Since 1968 un senso mai esaustivamente all’interpretazione della segnatura domini e territori, così come
‘restoration’. Years will pass before Columbia Books of Architecture, racchiuso in un codice e sempre dello spazio operata dall’architettura l’architettura dispone funzioni ed
the La Fenice Opera House rises New York and M.I.T., 1998 eccedente la singola teoria. analoga a quella degli animali – linea effetti – sembra legittimare la
again. There is no rush. Once it has (pp. 808 s.i.p.) Nel paesaggio brumoso che Hays e asino, infatti, accomunano le virtualizzazione dell’oggetto, ma non
been decided that it will be more or rappresenta, privilegiando i contributi riflessioni di Le Corbusier, di Lévi- ne risolve le aporie. Ecco, allora,
less the way it was for nearly two In copertina, le Geografie spettrali di che più danno conto Strauss e di Derrida (Ingraham); dalla Kipnis cogliere, nel dialogo tra
centuries, there is nothing to be lost Stan Allen (1991), con i percorsi dell’intellettualizzazione del dibattito ‘debolezza’ di un’architettura intesa Derrida ed Eisenman per il Choral
by waiting a few years more. The incrociati che intessono relazioni americano, si delinea la via maestra come rammemorazione eventuale Work, l’indeterminatezza
‘Modern’ missed opportunities are molteplici fra luoghi, opere e autori, della successione temporale per degli edifici modernisti, evocati nella dell’architettura mai esaustivamente
those to be avoided. Many still ben restituiscono il contenuto del ripercorrere il processo di sempre densità tettonica e nel rigore ‘presentificata’ da pratica, storia,
bemoan the missing works by Wright libro: una mappa della teoria maggiore concettualizzazione compositivo (De Solá-Morales) alla critica, teoria o progetto; Bloomer
or Le Corbusier or Kahn (who knows architettonica dal 1968 al 1993, dove dell’architettura, in una “pratica “mappa cognitiva” disegnata da ribadirne la corporeità in nome del
why he has been forgotten). They l’ordine cronologico dell’antologia è teorica” che tenta di reagire al Jameson, in cui Moderno e Post- femminile, categoria ‘altra’ rispetto ai

4 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 5


and its link to meaning. And the sign architecture, an event whose Deconstructivism in the forefront as corporeality in the name of femininity, comprendenti la nota biografica, il
was the protagonist of the exhibition meaning exceeds the graphical the novel way of American a ‘different’ category from the regesto e la bibliografia. Lo scritto di
“The Architecture of the Ecole des representation to become “ever- architecture in the Reagan era, traditional principles. Somol Marco Mulazzani, apre al corpus
Beaux-Arts” staged by Drexler at the future”; Anderson reiterated both the ranking alongside Postmodernism underscored its visual dimension, delle immagini con un’indagine
New York MoMA in 1975. By evoking intellectual and material production, and complementing it. In fact, both following in the footsteps of Hejduk sull’opera di Moretti “in rapporto alle
history, through self-referential lying between conventionality and have focused on the sign and and his shifting the focus from the analisi che egli compie nei suoi
language and the concreteness of hazard; Eisenman devised a expression, paying attention to plan to the elevation, from the form scritti” per ritrovare quella “continuità
the profession, Postmodernism “conceptual architecture” whose consumerist culture and to the narration and from the type to di intenzioni” che ha caratterizzato il
(Stern, Jenks), ‘Postfunctionalism’ objects are a sort of diagram of the manufacturing processes (McLeod). the symbol. suo lavoro sin dai primi contributi
(Eisenman) and Realism (Steinmann, learning processes; Segrest During the 1990s another theoretical The impossibility of a single teorici e attraversamenti compiuti
Huet) dealt differently with the examined the American suburb and paradigm came to the fore: Deleuze interpretation comes out strongly in nella storia dell’architettura. La
tradition in Modern architecture. its geography of filaments, frontiers and Guattari’s “abstract machine”. the more abstract essays, which ricognizione all’interno della
They again manipulated that and trajectories; Derrida reworked This is a non-corporeal reworked the objects of architectural produzione teorico-critica condotta
vocabulary, in a way similar to the Alberti’s duration of the maintenant ‘diagrammatic’ device which thought: space as an “abstract da Federico Bucci a chiusura del
combinatory nature of Do-It-Yourself into a ‘double’ architecture that oversees the distinction and production” of communications and repertorio iconografico, cerca di
(Colquhoun). deconstructs the given system distribution in layers, dominions and exchange (Lefebvre) and the “riannodare i fili della costellazione
Lacking a pathfinder discipline after which, for a while, holds the field; territories, the way architecture has metropolis as its paradigm dei riferimenti culturali morettiani”
the eclipse of sociology and and Wigley underlined the reciprocal functions and effects. It seems to (Koolhaas); the city, a whole of individuando fra gli altri per la forte
semiotics, even during the link between architecture and legitimize the virtualization of the fragments, as a “third typology” influenza sull’autore i nessi con le
subsequent decade the tricky philosophy – one being the inevitable object, but it does not solve its alongside the hut and the machine teorie della “pura visibilità”, della
comparison with Modernism paradigm of construction, the other aporias. In fact, Kipnis detected, in (Vidler); it is also the space of Gestaltpsychologie
grounded the debate. This went from always tied to the supplementary the dialogue between Derrida and interval, because it is “overexposed” nell’interpretazione di Cesare Brandi
the rereading of Mies’ architecture nature of meaning – to reiterate the Eisenman for the Choral Work, the to the flow of communications and e dell’insegnamento di Sedlmayr,
occasioned by the reconstruction of impossibility of a direct application, indetermination of architecture which exchange (Virilio); heterotopia, a degli studi visuali di Gyorgy Kepes,
the Barcelona Pavilion (Quetglas), to “a translation” – of philosophical never is exhaustively presented by fluctuating, unfounded place, as the delle teorie matematiche di Evariste
the conceptualization of the theories into the field of architecture. practice, history, criticism, theory or key to the topological experience of Galois. Luigi Moretti. Opere e scritti
metropolis as the extreme utopia of The 1988 MoMA show placed design. Bloomer reiterated its the discontinuity (Teyssot); the ha il pregio di portare all’attenzione
rationalization and the site of its uneasiness of modern spaces, del dibattito architettonico
Luigi Moretti, Casa albergo in via Corridoni a Milano, 1947-1950
failure (Cacciari), to the hovering between psychopathology contemporaneo la figura di un
Luigi Moretti, Residence on via Corridoni, Milan,1947-1950
‘incompleteness’ of Modernity’s and transparency (Vidler); the public possibile maestro. Ma soprattutto è
‘scheme’ (Habermas) and to the dimension of building, from the interessante perché fa sorgere nuovi
rejuvenated myth of the machine ritualized conventions that govern it interrogativi su quella sorta di deriva
which, in the footsteps of Sant’Elia, to the world of artifacts it creates della critica architettonica più
stands as the emblem of the (Frampton); and architecture as the recente, che legittima qualunque
contemporary city (Kwinter). Also prop of the practice of power formazione espressiva sulla base del
covered are the critical revisionism (Foucault). The elusiveness of a fixed fatto che ogni materiale può
which, stressing the relationship meaning is still a site for further costituirsi come veicolo di
between architecture, advertising significant explorations. significato. La lezione di Moretti, che
and the mass-media already present Luigina De Santis, Architect Il Modernismo fascista: Casa delle Armi al Foro Mussolini, Roma, 1933-1936 si pone criticamente rispetto a tali
in Le Corbusier, desired a kind of Modernism fascist style: Casa delle Armi at Mussolini Forum, Rome 1933-1936 posizioni, sottolinea che l’architettura
post-modernization of Modernism è tale “per quanto controvoglia,
(Colomina) and the interpretation of Una allo stesso tempo, non ha potuto trasfigurazione dei parametri addensa in sé, un senso di realtà, di
the marking of space carried out by impedire che molti dei suoi lavori funzionali in composizioni concretezza, così acuto quale
architecture which is similar to that of riconsiderazione subissero una serie di pesanti neoplastiche, adottata per esempio nessun elemento del mondo della
animals. In fact, the line and the manomissioni. Viene accolto quindi nel complesso per abitazioni e uffici natura riesce a possedere; a
donkey are shared by the reflections critica con particolare attenzione uno studio in corso Italia a Milano; il purismo eccezione direi delle figure amate”.
of Le Corbusier, Lévi-Strauss and interpretativo della ricerca espressiva nell’uso dei materiali sapientemente Ariela Rivetta, architetto
Derrida (Ingraham). Then there is the Federico Bucci, Marco Mulazzani e concettuale dell’autore della Casa espresso nella casa per la The rehabilitation of a
‘weakness’ of an architecture Luigi Moretti. Opere e scritti delle Armi al Foro Mussolini, delle cooperativa Astrea a Roma, reputation
interpreted as the remembering of Electa, Milano, 2000 case albergo a Milano, della casa del inseriscono Moretti a pieno titolo fra Luigi Moretti said that architecture,
Modern buildings, evoked in the (pp. 226, Lit 85.000) Girasole a Roma, delle ville a Santa gli interpreti più originali like every art, is both unreality and
tectonic density and compositional Marinella, per citare solo alcune delle dell’architettura italiana del Moderno. representation; in its more successful
rigour (De Solá-Morales). Finally, L’architettura, afferma Luigi Moretti sue più rilevanti realizzazioni. Come Terragni, ma anche Persico e works, the structure, form and image
comes Jameson’s “cognitive map”, dalle pagine di Spazio, è come ogni Il volume si può collocare nel Pagano del noto articolo di Casabella “must coincide, be identical, each
where Modern and Postmodern are arte irrealtà e rappresentazione panorama delle riflessioni sistemiche che accosta Mies van der Rohe alle facet indissoluble from the other”.
opposite interpretations of the spatial insieme e nelle sue manifestazioni per la sua capacità di cogliere quanto rovine di Ostia o di Pompei, Moretti These words concisely express one
configuration, between interior and più riuscite la struttura, la forma e complessi siano i fenomeni artistici e affida alla nuova architettura tutta la of the fundamental themes of
exterior, essence and ornament, l’immagine “debbono essere come sia difficile ridurli a paradigmi pregnanza del sapere antico. Le Moretti’s career as an architect and
structure and form. coincidenti, identiche, ciascuna unitari. Gli autori, lontani dal voler pagine di Spazio, la rassegna delle theoretician. They form a backdrop
By hybridizing the methods of momento inscindibile dell’altra”. compilare un catalogo arti e dell’architettura da lui fondata e for the reading offered by Federico
rendering, the distinction between Queste parole, che sintetizzano uno filologicamente esaustivo, si diretta negli anni Cinquanta, saranno Bucci and Marco Mulazzani.
concept, object and drawing dei nuclei tematici fondamentali propongono di osservare l’episodio infatti portavoce della sua originale The Roman architect (1907-1973)
vanishes; this is emphasized by attorno al quale ha ruotato l’attività di morettiano nei suoi processi di passione per la storia, oltre che had long been forgotten because he
Tschumi’s Manhattan Transcripts, Moretti architetto e teorico, fanno da costituzione: senza esaurirlo in una letture trasversali per comprendere had been mixed up with the Fascist
Libeskind’s Chamber Works and sfondo alla lettura proposta da riduttiva dimensione di accento alcuni dei principi compositivi delle regime. During the last twenty years,
Moving Arrows, Eros and Other Federico Bucci e Marco Mulazzani. formalista o, peggio ancora sue architetture. as the recent architectural past has
Errors by Eisenman. For them, Nell’ultimo ventennio, in clima di ideologico, che troppo spesso ha Il volume si compone di tre parti di been reexamined from a fresh critical
architectural schemes are a question revisionismo critico del recente costituito il supporto dei modelli cui la prima costituisce il nucleo più viewpoint, Moretti has become a
of traces and hieroglyphics, events passato architettonico, la figura interpretativi di certa critica consistente poiché accoglie la worthwhile subject again. However,
and grids, reinterpretations and scale dell’architetto romano (1907-1973), impegnata. Attraverso questa griglia trattazione teorica e centocinquanta much of his theoretical and critical
shifts. And numerous writings (a lungo dimenticata dalle di lettura assumono nuovi significati splendide immagini d’epoca, work has been neglected and, at the
grappled with the ambiguity of storiografie sia di stampo marxista le contestazioni di Bruno Zevi (che memori del libro 50 immagini di same time, this renewed interest has
building. There have been various sia di impronta crociana per Moretti amava definire il suo miglior architettura di Luigi Moretti di not been able to prevent many of his
approaches: Pérez-Gómez, invoking il suo coinvolgimento con il regime nemico), riguardanti l’irriducibile Giuseppe Ungaretti. La seconda e works from being subjected to
phenomenology, reappraised the fascista, è stata oggetto di rinnovata eclettismo, la genialità non terza parte, non minori per heavy-handed modifications. All of
mysterious, corporal dimension attenzione. sistematizzata e soprattutto non importanza, sono costituite dalla which makes this sensitive study
against the obsession with certainty Questo recupero ha però lasciata incanalata negli schemi del raccolta antologica degli scritti particularly welcome. It looks at
and determinism; Evans highlighted inesplorata gran parte Movimento Moderno. La ricerca dell’autore e dalla serie di apparati a some of the author’s best known
the ‘allographic’ nature of della sua attività teorica e critica e, espressiva condotta attraverso la cura di Cecilia Rostagni, works including the Casa delle Armi

6 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 7


at the Mussolini Forum; the Milan Bertoncini si apre con il capitolo suggerire alcune riflessioni sul times: the double headlight, the passers-by were mixed: some
residences; the Sunflower apartment relativo al disegno di motociclette e il controverso mondo del design dove, Tuareg Wind logo, its screeching thought they ought to be parked up,
building in Rome; and the Santa duraturo rapporto intrapreso con con il dovuto rispetto, ci sono oggetti tires. It was almost as if the while others called them geniuses.
Marinella houses. l’Aprilia. Come già anticipato da che raccontano designer, designer obsessive desire to own one could From then on, Bertoncini created
But rather than wanting to compile questo rapporto nasceranno alcune che raccontano oggetti ma anche come true by reproducing it on a mountains of furniture for Bellato,
an exhaustive, detailed catalogue, delle più belle e ammirate moto degli designer che non hanno niente da piece of paper. Curiously enough, the such as the Onda bed, the Infinito
the authors seek to observe Moretti’s anni Ottanta. Senza voler essere raccontare e oggetti che purtroppo same operation was later suggested wardrobe and the Telaio bookcase.
production from the standpoint of its celebrativi è giusto sottolineare che sono muti. to me again by a teacher: redraw the These pieces have become part of
development processes. There is no non sono moltissimi gli esempi di Robin Day è citato negli almanacchi plans of the great architects to many, many homes, with thousands
desire to limit their analysis to the designer capaci di cimentarsi in del design come colui che ha absorb them. of beds sold and the bookcase in
formal side or, what would be worse, mondi così distanti, arredo e progettato la sedia più venduta al In 1987 I did not know that the production for over ten years.
to the ideological dimension which motociclismo, statico e dinamico, mondo, alla qualità della mythical object had been designed In 1981 Bertoncini branched out into
too often propped up the soprattutto consolidando un progettazione si associa la quantità by Luciano Bertoncini, I did not know motorcycle design; this was the
interpretative models of some rapporto e non riducendo tutto a una della produzione attraverso la quale what a designer was. And any chapter in his life featuring the lasting
critics. Through this framework, the breve collaborazione. Briatore cita il si raggiungono milioni di persone. knowledge of the Compasso d’Oro relationship with Aprilia. Working for
criticisms of Bruno Zevi take on caso Motò di Philippe Starck proprio Ingo Maurer è grande a partire da was even farther. Now I know that this firm generated some of the most
novel meanings (Moretti loved to call con Aprilia e, ironia della sorte, Zabriskie Point, lampada sospesa da Bertoncini is a good designer and beautiful and admired motorcycles of
him his best enemy); they concerned Starck era nella giuria di quel famoso settanta milioni di lire (e dire che per that in 1987 he was nominated for the 1980s. Its worth pointing out that
the unbending eclecticism, the Compasso d’Oro non vinto da Munari le lampade sospese erano le the Compasso d’Oro for the Tuareg not so many designers are able to
unsystematic talent which, above all, Collegio San Francesco Saverio per le Missioni Estere, Roma 1960-1965 Bertoncini. più economiche) poi venduta in design, but he did not win. The succeed in two such distant
was not in the mainstream of the Saint Francis Xavier Boarding School for Foreign Missions, Rome 1960-1965 Bertoncini scolpisce le sue moto su pochissimi esemplari: design victors were Abet Laminati, Manzini, universes: furniture and bikes. One is
Modern Movement. The expressive di un telaio rivestito di poliuretano. concettuale che può non avere Citterio, Mari, Castelli, Sapper and static and the other dynamic,
experiments performed by means of theory of Gestalt psychology; the era stata disegnata da Luciano Non c’è il “beau geste” dell’artista prezzo. Anche i Tagli di Fontana non Foster, among others. especially when you have been
the transfiguration of the functional teachings of Sedlmayr; the visual Bertoncini, non sapevo che cosa ma la ricerca della perfezione delle hanno prezzo. La libreria Il Veliero di This book illustrates Bertoncini’s working for a firm for a long time, not
parameters in neoplastic studies of Gyorgy Kepes; and the fosse un designer e tanto meno forme asportando materia, Albini non è mai stata prodotta, forse thirty-year design career. just creating a couple of objects.
compositions appeared, for example, mathematical theories of Evariste sapevo cosa fosse il Compasso operazione compiuta con prudenza e non funziona, ma ci resta il rigore del “[...] With four chairs, a boutique, Briatore mentions Philippe Starck’s
in the apartment and office complex Galois. d’Oro. Ora so che Bertoncini è un emozione perché, come dichiara lui metodo che diventa forma. two brooms, a bottle-opener and a Motò for Aprilia and, ironically, Starck
on Corso Italia in Milan. Alongside This publication is praiseworthy for bravo designer e che nel 1987 era stesso, “[…] io non ho le due ruote Disegnarla per capirla. sadomasochist vase, you get pages was a member of the jury of that
the purism of skillfully utilized bringing to the attention of the candidato al Compasso d’Oro nei miei cromosomi. La moto mi è I Bertoncini sono i designer del and pages in international reviews. famous Compasso d’Oro that
materials in the apartment block for contemporary architectural debate proprio con il progetto Tuareg e che anomala. Io sono nato nel mobile”. quotidiano, quelli che tutti i giorni ci Here one builds pacesetting Bertoncini did not win.
the Astrea Cooperative in Rome, this the portrait of a potential master. But, non vinse. Vinsero la Abet Laminati, La spinta a osare arriva da Ivano raccontano qualcosa, ci sussurrano le products and firms... and one dies Bertoncini sculpted his motorcycles
places Moretti quite correctly among primarily, it is interesting because it Manzini, Citterio, Mari, Castelli, Beggio, ‘paron’ dell’Aprilia, loro invenzioni nascosti dietro un unsung!”. This succinctly sums up on a frame covered with
the most original creators of Modern raises new questions concerning that Sapper, Foster e altri. imprenditore illuminato che crede in marchio, non siedono nell’olimpo del the bitter fashion a major, but little polyurethane. Rather than the artist’s
Italian architecture. Like Terragni, sort of drift of the latest architectural Luciano Bertoncini designer è il titolo questo sodalizio e capisce il valore design ma lo servono con dedizione e known designer is presented. “beau geste”, he sought perfect
Moretti entrusted the new criticism which legitimizes any di un libretto che appartiene alla della moda, del significato dietro il passione, e perdono i Compassi Bertoncini kicked off his career by forms by removing material, moving
architecture with all the resonance of expressive formation since any nuova collana curata da Virginio prodotto, del delicato equilibrio tra d’Oro. working for Vittorio Rossi, a pupil of prudently and emotionally. In fact, as
ancient wisdom; this attitude was material can act as a vehicle for Briatore della RDE, Ricerche Design l’essere e l’apparire. Bertoncini Massimiliano Di Bortolomeo, Franco Albini, and imagining “new he himself states: “[…] I don’t have
also expressed by Persico and meaning. Moretti took a critical Editrice. Nelle intenzioni di Virginio comincia a trasferire nei suoi progetti architetto ways of living”. This partnership, and two-wheeled vehicles in my genes.
Pagano in their renowned article in stance towards these positions and Briatore c’è quella di dotare l’aggressività del muoversi Bertoncini and a mythical bike playing with Paola, Vittorio’s young Motorcycles are anomalous to me. I
Casabella comparing Mies van der his lesson underscores that finalmente Bertoncini di un book e metropolitano, interpreta la In 1987 I was 15 and my dream came daughter, by pushing her on a castor- was born in the furniture industry”.
Rohe to the ruins of Ostia or Pompei. architecture is such “since, no matter dare un volto e una firma a trent’anni personalità del centauro, con true each time I walked from number mounted office chair down the The drive to be daring came from
Spazio, the review of art and how unwillingly, it concentrates di progetti di design. intelligenza chiama lo studio 23 tram stop to the school entrance. corridor, gave birth to La Zattera. Ivano Beggio, the owner of Aprilia, an
architecture established and edited within itself a sense of reality and “[...] con quattro sedie, una boutique, Giacometti per studiare il graphic On the sidewalk of via Corridoni This big bed-sofa-meeting place was enlightened entrepreneur who
by Moretti in the 1950s, voiced his concreteness so acute that no other due scope, un apribottiglie e un vaso design, i colori e i caratteri che stood the mythical Aprilia Tuareg taken to Milan’s main square for believed in this teamwork and
original passion for history and element in the natural world can sadomaso si ottengono pagine e vestono la moto da lui scolpita. 350; it was the white and dark-blue some photographs to make posters understood the value of style, the
interdisciplinary readings to possess it – except for your loved pagine e pagine su riviste Il mito Aprilia è nato così. model and the fuel tank was for the New York MoMA’s exhibition: meaning behind the product, the
comprehend some of the ones”. internazionali e qui si costruiscono Il percorso professionale di Luciano oversized. “Italy: The New Domestic delicate balance between being and
compositional principles of his Ariela Rivetta, Architect prodotti e aziende che segnano il Bertoncini (e il suo book) possono I drew this motorcycle hundreds of Landscape”. The reactions of the appearing. Bertoncini began to
structures. tempo… e si muore, da transfer to his designs the
The volume is divided into three sconosciuti!”: in questa frase si può aggressiveness of metropolitan
parts. The first is the most Bertoncini e una sintetizzare l’amarezza con cui viene mobility and interpreted the
substantial, for it contains the presentato un progettista importante motorcyclist’s personality.
theoretical writings and the 150 mitica moto ma poco conosciuto. Intelligently, he called in the
marvelous period photographs, Bertoncini comincia il suo percorso Giacometti office to study the
recalling the book 50 Immagini di Luciano Bertoncini Designer professionale collaborando con graphic design, colors and type that
architettura di Luigi Moretti by A cura di Virginio Briatore Vittorio Rossi, allievo di Franco clad the bike he had created.
Giuseppe Ungaretti. Equally RDE, Milano, 2000 (pp. 189, s.i.p.) Albini, e immaginando “i nuovi modi This was the birth of the Aprilia myth.
significant, parts two and three di vivere”. Da questo sodalizio, e Luciano Bertoncini’s career and book
contain the author’s writings and an Nel 1987 avevo quindici anni e il mio giocando a spingere la piccola Paola, offer some reflections on the
appendix, edited by Cecilia Rostagni, sogno si materializzava ogni volta figlia di Vittorio, su una sedia per controversial design world. Without
comprising a short biography, the list che dalla fermata del tram 23 ufficio con le rotelle lungo il corridoio, being disrespectful, there are objects
of works and the bibliography. Marco raggiungevo il portone della scuola. nasce il progetto La Zattera: un that narrate designers, designers
Mulazzani’s essay introduces the Sul marciapiede di via Corridoni grande letto-divano-luogo di incontri who narrate objects, besides
images by examining Moretti’s work faceva bella mostra di sé la mitica che, portato in Galleria Vittorio designers with nothing to say and
“in relation to the analyses he carried Aprilia Tuareg 350, era quella bianca Emanuele per realizzare poster objects which are mute,
out in his articles” seeking the e blu e aveva un serbatoio dalle fotografici da presentare al MoMA di unfortunately. The design almanacs
“continuity of intentions” which dimensioni esagerate. New York in occasione della mosta cite Robin Day as the person who
characterized his production right Ho disegnato questa moto centinaia “Italy: The New Domestic created the world’s best-selling chair;
from the early theoretical di volte, il doppio faro anteriore, la Landscape”, provoca le più diverse design quality is associated with
contributions and the investigations scritta Tuareg Wind, la scolpitura dei reazioni da parte dei passanti: alcuni manufacturing output, as a means for
of the history of architecture. suoi pneumatici, come se il desiderio li vogliono in galera altri li definiscono reaching millions of persons.
Following the illustrations is Federico ossessivo del possederla si potesse geni. Da quel momento Bertoncini Ingo Maurer became great when he
Bucci’s probe of the architect’s concretizzare nel riprodurla su un disegna moltissimi mobili per la ditta conceived Zabriskie Point, the
theoretical and critical output, pezzo di carta. È curioso che questa Bellato, come il letto Onda, l’armadio seventy-million-lire hanging lamp
attempting to “connect Moretti’s operazione mi sia stata poi Infinito e la libreria Telaio. Mobili che (and according to Munari, hanging
various cultural references”. Some of riproposta da un maestro: sono entrati in moltissime case, lamps were the cheapest). Only a
the ideas which had a powerful ridisegnare le piante dei grandi migliaia di letti venduti e più di dieci handful were sold. Conceptual
impact on him were: Cesare Brandi’s architetti per farle proprie. anni di produzione per la libreria. La ‘mitica’ Tuareg 350 Aprilia, disegnata da Bertoncini nel 1987 design may be priceless. Fontana’s
interpretation of the “pure visibility” Nel 1987 non sapevo che la ‘mitica’ Nel 1981 il “nuovo book” di The mythical bike: Tuareg 350 Aprilia designed by Bertoncini in 1987 Tagli sculptures are priceless, too.

8 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 9


Albini’s Il Veliero bookcase has never silenzio dei secoli, l’immutabilità dei big surfaces of paintings we are bits of statues and wrecked
been produced; maybe it does not fossili, l’enfasi dei poemi epici, accustomed to see, with the same temples wander like ghosts on the
work. Yet there still is the rigor of the perché, ancora oggi, incarnano le effects, techniques and painterly monochrome, apocalyptical
method that becomes form. leggi della proporzione, del ritmo, del objectives. Instead, new problems surfaces. But the stones, bricks
Draw it to comprehend. Bertoncini pensiero. Perché, ancora oggi, non of spatiality, form and expression and sheet-metal of those gas
and his sort are everyday designers: hanno perso il loro valore etico e are addressed, as are innovative storage tanks and his
they recount something to us every artistico.“Di fronte alla volontà lyrical, epic or dramatic content. (unforgettable, unrepeatable) trams
day, they whisper their creations evidente di costruire e di far grande, One thinks of revamping the have not stopped narrating the
hidden behind a brand. They are not abbiamo la possibilità, nella pittura rhythms and balance, a silence of centuries, the
in the Olympus of design, but they italiana d’oggi, di essere constructive spirit in which art immutability of fossils, the
serve it with dedication and passion. monumentali sul serio e con regains the import that the triumph emphasis of epic poetry; in fact,
And they lose the Compasso d’Oro. autenticità?” Si domandava, nel of nineteenth-century Nordic today they still incarnate the laws
Massimiliano Di Bortolomeo, 1926, Margherita Sarfatti, l’amica di realism had destroyed. Countless of proportion, rhythm and thought.
Architect sempre, l’acuta confidente e seeds can flourish here... ”. Elena Now they have not yet lost their
osservatrice con cui per anni, nella Pontiggia’s essay accompanying ethical and artistic value. “Faced
casa del Soldo o nel Sironi’s writings dwells on this with the manifest will to construct
Arte come frequentatissimo ‘salotto’ milanese, theme. The scholar only confirms and do great things, is it possible
l’artista aveva condiviso dubbi e her profound knowledge of the for current Italian painting to be
sinonimo di riflessioni, aveva discusso d’arte e di artist and her matchless capacity truly, authentically monumental?”.
vita. Sironi era e rimane l’unica to analyze the contents. Let’s That was what Margherita Sarfatti
architettura risposta alla sua domanda. quote a few lines: “[...] As a matter wondered in 1926: his friend of
Lorella Giudici, critico d’arte of fact, to Sironi decorations never long standing, the sharp confidant
Mario Sironi. Scritti e pensieri Art as a synonym of were decorative. They are not in and observer. For years, in Soldo’s
A cura di Elena Pontiggia architecture the least graciously ornamental, in apartment or her busy Milanese
Edizioni Abscondita, Milano, 2000 Not many artists, especially in the accordance with the nineteenth- salon, the artist had shared his
(pp. 205, Lit 32.000) twentieth century, were able to think of century decoration canons which doubts and pondering, discussed
art as a synonym of architecture. Few he constantly challenged. The size art and life with her. Sironi was and
Sono rari gli artisti, soprattutto nel sought to find in the landscape, the (both ideal and physical) and, still is the only reply to Sarfatti’s
panorama del secolo appena human body and nature the lines and above all, the compositional rigour question.
trascorso, che hanno saputo pensare Paesaggio urbano, 1921-1923 di Mario Sironi (particolare) colours capable of satisfying an of the monumental painting Lorella Giudici, Art critic
all’arte come sinonimo di Detail from Urban Landscape by Mario Sironi, 1921-1923 intimate, vital need for construction, enclose the observer in real space
architettura; che hanno cercato nel rigour and discipline. Sironi was one of and transform it into a total
paesaggio, nel corpo umano e nella suggestione dell’ambiente, mediante classico dell’unità delle arti si fonde them: actually, he was the forerunner. artwork. It is painting, sculpture, I segreti dell’arte
natura i segni, le linee e i colori in lo stile che l’arte riuscirà a dare una così con quello wagneriano della “Art can only rise again by once more architecture and theater, all in one.
grado di soddisfare un intimo e vitale impronta nuova all’anima popolare Gesamtkunstwerk. Di conseguenza finding a function within architecture”, The classical principle of the unity concettuale
bisogno di costruzione, di rigore, di […] L’artista deve ritornare a essere la forza, la grandiosità della pittura he wrote in 1933 in Il Popolo d’Italia. of the fine arts is thereby fused
disciplina. Sironi è uno di questi, uomo tra gli uomini, come fu nelle murale […] non derivano dai soggetti, Throughout the 1930s in the Milanese with Wagner’s rule of Conceptual Art: A Critical
anzi, è il capostipite: “L’arte non può epoche della nostra più alta civiltà”. ma dalle ragioni dello spirito e della daily Sironi never ceased exhorting the Gesamtkunstwerk. Consequently, Anthology
risorgere che ritrovando una funzione Già un anno prima Sironi aveva forma. Dall’arte, insomma, non artists not to lose sight of the “great the force and grandiosity of murals Edited by Alexander Alberro and
in seno all’architettura”, scrive nel affrontato l’argomento: “Quando si dall’ideologia”. Il libro è diviso in dreams of our past [...] The past [...] [...] does not derive from the Blake Stimson
1933, sulle pagine del Popolo d’Italia. dice pittura murale non si intende quattro parti. Nella prima è contenuta should never feel outdated and subjects; rather, it springs from the The MIT Press, Cambridge (MA)-
Dalle colonne del quotidiano dunque soltanto il puro una selezione degli scritti teorici (da useless, for it is more alive than ever, it reasons of the spirit and form. London, 1999
milanese, per tutti gli anni Trenta, ingrandimento sopra grandi superfici cui abbiamo tratto tutte le citazioni still is the road of the spiritual realm”. From art, in short, not ideology”. (pp. 569, £ 33.50)
Sironi non smetterà di esortare gli di quadri che siamo abituati a vedere, fatte), a partire dal Manifesto futurista The artist’s task must be the return to The book is divided into four
artisti a non perdere di vista i “grandi con gli stessi effetti, gli stessi del 1919-1920 per arrivare a una monumentality and authority sections. The first contains a Leggendo questa antologia ci si
sogni del nostro passato […] Il procedimenti tecnici, gli stessi breve dichiarazione del 1950. La contributing to the building of a world selection of the theoretical writings può rendere conto di quanto sia
passato […] non deve credersi obiettivi pittorici. Si prospettano seconda è riservata agli articoli whose presupposition and goal is (all the quotes come from it); it difficile restituire un’immagine
superato e inutile, poiché è più vivo invece nuovi problemi di spazialità, di apparsi su La Rivista Illustrata del eternity. This job has to be carried out, commences with the Futurist unitaria dell’Arte concettuale al di
che mai, è ancora la via dell’impero forma, di espressione, di contenuto Popolo d’Italia tra il settembre del even at the price of hardness, sharp Manifesto of 1919-1920 and ends là dell’organizzazione cronologica
spirituale”. Ritornare alla lirico o epico, o drammatico. Si 1934 e il dicembre del 1937 e edges, peremptory and rather with a short statement of 1950. The dei materiali, che sembra attestare
monumentalità e all’imponenza, pensa a un rinnovamento di ritmi, di dedicati ai maestri antichi: Tiziano, unreliable forms, for “art does not second part features the articles un unico movimento di nascita,
contribuire all’edificazione di un equilibri, di uno spirito costruttivo, Correggio, Antelami, Melozzo… A need to be likeable and which appeared in La Rivista sviluppo e morte del movimento.
mondo che abbia come presupposto nel quale ritornino per l’arte quelle questa segue una raccolta di brani comprehensible, but it demands Illustrata del Popolo d’Italia Infatti, uno dei curatori, Alexander
e meta l’eternità, questo è il compito significazioni che il trionfo del composti tra il 1929 e il 1950, in cui greatness, lofty principles” and between September, 1934 and Alberro, nonostante ritenga
che l’artista deve imporsi, anche a realismo nordico ottocentesco aveva l’artista-scrittore fa alcune morality. Given these premises, it is December, 1937; they were dominante quello linguistico-
costo di durezze, di spigoli vivi e distrutto. È un terreno sul quale considerazioni sull’arte dei suoi obvious that the right path could (and devoted to the Great Masters of the verbale di Joseph Kosuth e Art &
taglienti, di forme perentorie e poco possono fiorire infiniti germogli… ”. contemporanei: Funi, Tosi, Rosai, must) not be museums, easels, or past: Titian, Correggio, Antelami, Language, parla di più modelli
affabili perché “l’arte non ha bisogno Proprio su questo tema si sofferma il Carrà, Soffici, Boccioni. “family tombs”; the route is art Melozzo, and so forth. Then come determinati dalle principali
di riuscire simpatica, comprensibile, saggio di Elena Pontiggia che Per finire, l’ultima porzione del destined for the community, some essays written between 1929 personalità artistiche.
ma esige grandezza, altezza di accompagna gli scritti sironiani, e volume ci propone una nutrita serie conceived for public spaces and city and 1950 where the artist and Così, l’Arte concettuale può
principi” e moralità. con il quale la studiosa non fa che di Pensieri, brevi e intensi, che vanno squares. For this very reason, it can writer offers some reflections on apparire come l’insieme delle
Alla luce di queste premesse è ovvio confermare la sua profonda dal 1930 circa al 1960, in cui legitimately purport to be instructive, the art of his contemporaries: Funi, definizioni calzanti che ne ha dato
che la via da percorrere non può (e conoscenza dell’artista e la sua ritroviamo un Sironi più intimo, solemn and grandiose; its very Tosi, Rosai, Carrà, Soffici, Joseph Kosuth: “In altre parole, le
non deve) più essere quella dei impareggiabile capacità di accorato, spirituale. assignment is “meeting the people”. Boccioni, etc. proposizioni dell’arte non sono
musei, del cavalletto o dei “sepolcri analizzarne i contenuti. Leggiamone Dopo la guerra, cadute le illusioni, le That is why in the same year, 1933, To conclude, the last portion of the fattuali, ma linguistiche nel loro
di famiglia”. La strada è quella di alcune righe. “[…] Del resto la speranze e gli ideali, un peso gli Sironi, Campigli, Carrà and Funi wrote publication offers lots of concise, ‘carattere’ […] esse esprimono
un’arte destinata alla collettività, decorazione, per Sironi, non è mai opprime l’animo: “S’è tutto rotto in the Mural Manifesto containing the incisive ‘Thoughts’ running from definizioni dell’arte, o le
pensata per gli spazi pubblici, per le decorativa. Non ha nulla di questi mesi, tutto. Non sono rimaste following assertions: “Murals around 1930 to 1960. This provides conseguenze formali di tali
piazze cittadine e, proprio per affabilmente ornamentale, come che macerie e paure”. Le ultime represent social painting par a more intimate, mournful and definizioni”; oppure come la
questo, con la legittima presunzione volevano i canoni del decoro fatiche artistiche contengono excellence. [...] By suggesting the spiritual side of Sironi. After the condizione limite tra la forma e la
di essere istruttiva, solenne, ottocentesco con cui polemizza inevitabilmente un sintomo del environment and through style, art will war, when the ideal, hopes and sua negazione proposta da Daniel
grandiosa; con il preciso compito di costantemente. Le dimensioni (ideali, mutamento avvenuto: frammenti di succeed in giving the people’s hearts illusions had been shattered, his Buren nel celebre testo Beware: “Si
“andare incontro al popolo”. Ecco prima ancora che fisiche) e storia, brandelli di statue, resti di fresh attributes [...]. Artists must again soul was weighted down: potrebbe allora parlare di
perché, sempre nel 1933, dalla soprattutto il rigore compositivo della templi si aggirano come spettri su be men among men, as they were in “Everything has been broken in cancellazione; o, se preferite,
penna di Sironi, Campigli, Carrà e pittura monumentale avvolgono lo superfici monocrome e apocalittiche. the epoches of our highest these months. Everything. Only distruzione dell’impronta [della
Funi esce il Manifesto della pittura spettatore nello spazio reale e la Ma le pietre, i mattoni, le lamiere di civilization”. Sironi had already tackled ruins and fear remain”. Inevitably, forma] […] attraverso una
murale da cui leggiamo: “La pittura trasformano in un’opera d’arte totale, quei gasometri, di quei suoi tram the topic a year before: “When one his last creations comprise a ripetizione differenziata di se
murale è pittura sociale per che è insieme pittura, scultura, (indimenticabili e irripetibili) non speaks about murals one does not symptom of the change that had stessa rendendo vuoto ogni volta
eccellenza. […] è mediante la architettura, teatro. Il principio hanno smesso di raccontare il merely mean pure enlargements on come about: fragments of stories, di nuovo, o ogni volta un po’ di più,

10 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 11


il valore che potrebbe aver questa regola che si può di opera come ‘evento’ (quale si suanegazione può servire a Another possibility is that it can be critical space from which one could
mantenuto in precedenza”. E più perseguire una critica può ritrovare in Bruce Nauman o stabilire una serie di rapporti entro contained in one of Sol LeWitt’s attack the institutional ‘framework’
sotto: “[…] si prenda in all’atteggiamento ‘naif’ nell’arte Richard Serra), che perseguivano cui collocare la presenza definitions, who apparently which gives art its specific sense.
considerazione la cancellazione sviluppando una critica alle ancora un’idea di visualità ma significativa dell’Arte concettuale; initiated the movement: “Ideas by Thus Charles Harrison states,
senza fine della forma stessa, il istituzioni artistiche come parte di dinamica, trasformata e resa e vedere, inoltre, come le singole themselves can be artworks”. Each evoking the visual condition, that
porsi incessante della questione più complesse istituzioni politiche e istantanea dal suo accadere di voci del movimento trovino una looks like it develops a possible Conceptual Art cannot be accepted
della sua presenza; e di sociali che condizionano la nostra fronte allo spettatore, che si loro collocazione rispetto a questa road, which brings us back to the by the “Modernist connoisseur”; to
conseguenza quello della sua vita. Tuttavia, il punto che ha identificava con l’artista. Questa questione. Ed è a questo punto more general climate of the them it may seem to be totally
scomparsa”; o ancora, può essere condotto nel corso degli anni a un non era la negazione del visivo ma che ci si può chiedere quanto la creative explosion in the late 1960s ‘insignificant […] or absurd”. Hence,
contenuta in una delle definizioni indebolimento dell’esperienza la sua rivitalizzazione a partire dalla dimensione visiva riformulata dagli and 1970s. what is needed is a clearer
date da Sol LeWitt, che appare dell’Arte concettuale è stato forse sfera vitale. Essi hanno mostrato artisti abbia una sua relazione con To compress the diverging nature comparison between Conceptual
come l’iniziatore del movimento: proprio il tentativo di costruire una che il visivo non è la dimensione il contesto sociale, passando per of the various elements, the Art and the visual dimension that
“Le idee da sole possono essere dimensione ‘altra’ rispetto a quella formalistica dell’opera, anche se l’esperienza dello spettatore nella question of the failure of the was being reworked at that time by
opere d’arte”. Ognuna sembra visiva, cercando di individuare in nel periodo precedente quale l’artista tende a identificare movement’s social criticism is other artists. There was, in fact, an
sviluppare una via possibile, che questa dimensione uno spazio all’affermarsi dell’Arte concettuale se stesso. Tale esperienza forse taken as the standpoint for entire set of artists in the same age
riconduce al clima più generale critico da cui valutare la ‘cornice’ è sembrato vi fosse una piena condivide con la nostra vita examining it so it can be viewed group who worked on an idea of the
dell’esplosione creativa tra fine istituzionale grazie alla quale l’arte identificazione tra i due. La all’interno della sfera sociale un historically. The other editor, Blake work as an ‘event’, which is echoed
anni Sessanta e inizio Settanta. A acquista il suo senso specifico. dimensione visiva che è affiorata sistema di valori, o di nuovi valori, Stimson, writes: “Why was there by Bruce Nauman or Richard Serra.
compattare il carattere divergente Così, Charles Harrison afferma, nel lavoro di questi artisti appare che andrebbero accuratamente such a gap in the tone and They still followed a dynamic idea of
delle varie voci viene posta la evocando la condizione visiva, che più complessa e ricca. Mentre la individuati quale base su cui ambition between the modernist art visuality which was transformed and
questione del fallimento della l’Arte concettuale non può essere creazione di uno spazio critico costruire una prospettiva storica and the new social movements of made instantaneous by the fact that
critica sociale del movimento, colta dal “connoisseur della ‘altro’, nel tentativo di negare la attraverso cui guardare anche the late 1960s? […] The answer is it took place in front of the
quale angolazione attraverso cui modernità”, a cui, anzi, può condizione visiva dell’arte all’Arte concettuale e alla sua by no means clear, but it is well audience, who identified themselves
guardare per poterlo storicizzare. apparire del tutto “insignificante formalista, ha condotto l’Arte posizione. Sembra così abbastanza worth considering in relation to the with the artist. This was not the
Scrive l’altro curatore, Blake […] o assurda”. Perciò, andrebbe concettuale a un distacco dalla chiaro che l’Arte concettuale materials collected in this volume”. denial of the visual; rather, it
Stimson: “Perché vi è stato un tale istituito un confronto più chiaro tra condizione fluida nella quale si rimanga un nodo da sciogliere, ma However, if it effectively is revitalized it beginning with the vital
divario nel tono e nell’ambizione tra l’Arte concettuale e la dimensione ponevano essi, il cui lavoro appare anche che essa dovrebbe essere important to find a link between sphere. They showed that the visual
l’arte moderna e i nuovi movimenti visiva che veniva riformulata in invece intrecciato con la sfera vista alla luce di ciò che è rimasto Conceptual Art and the context of is not the formal dimension of the
sociali dei tardi anni Sessanta. […] quegli anni da altri artisti. Vi era, vitale, anche se a volte in modo presente della sua eredità nel the social events from which it work, even though in the period
La risposta non è affatto chiara, ma infatti, tutta una linea di artisti contraddittorio. Perciò, affrontare dibattito contemporaneo; anziché grew, one wonders if the quest for preceding the popularity of
vale la pena di prenderla in coetanei che ha lavorato su un’idea la questione del visivo e della tentare di cristallizzare il suo this tie does not appear too direct, Conceptual Art it appeared that
considerazione in relazione ai momento storico allontanandolo when put this way. This makes one both were perfectly identical. The
Paesaggio urbano, officine e camion, 1922, di Mario Sironi
materiali raccolti in questo nel tempo e proponendo di stabilire lose the viewpoint within the visual dimension which manifested
Urban Landscape, Factories and Lorries, 1922, by Mario Sironi
volume”. Tuttavia, se è un collegamento diretto con gli debate on art taking place then. itself in the work of these artists
effettivamente importante trovare avvenimenti storico-sociali come Thus separating Conceptual Art looked more complex and rich. The
un nesso tra l’Arte concettuale e il unico filo tra quelli molteplici che from the rest of the artistic creation of a differing critical space,
contesto degli eventi sociali in cui sarebbe necessario cercare di happenings of the time appears to in the attempt to deny the visual
si è formata, viene da chiedersi se tessere. be an overly limited operation. condition of formalist art, led
la ricerca di questo nesso non Maurizio Bortolotti, critico d’arte Instead, it would be more useful Conceptual Art to detach itself from
appaia, formulata in questo modo, The secret of Conceptual Art focus on one of the questions the fluid condition where they were;
troppo diretta. Essa fa perdere il By reading this anthology one can raised by the movement within the their work, instead, seems to be
punto di vista interno al dibattito realize just how hard it is to render artistic debate of the time and, interlaced with the vital sphere,
sull’arte di quegli anni. Così, a unified image of Conceptual Art subsequently, seek the albeit in a contradictory way, at
separare l’Arte concettuale dal beyond the chronological connections to the general picture times. Therefore, tackling the issue
resto degli avvenimenti artistici del organization of the materials, which of the historic events. Viewed thus, of the visual and its negation can
tempo appare come un’operazione seems to attest to a single date of the most radical matter raised by help to establish several
chirurgica riduttiva. Sarebbe più birth, development and death of Conceptual Art undoubtedly was relationships where one can place
opportuno, invece, mettere a fuoco the movement. In fact, one of the the elimination of the visual the meaningful presence of
una delle questioni sollevate dal editors, Alexander Alberro, writes dimension from artistic production. Conceptual Art.
movimento all’interno del dibattito about more than one model In one of the essays printed here, Also, one might see how the
artistico di quegli anni, per poi determined by the leading artists, Benjamin Buchloh writes: “[…] So individual members of the
cercare le connessioni con il piano although he maintains that the Conceptual Art now instated the movement stood on this matter.
generale degli avvenimenti storici. verbal-linguistic type of Joseph prohibition of any and all visuality as Now one can ask how much the
Da questo punto di vista, la Kosuth and Art & Language the inescapable aesthetic rule for innovative visual dimension devised
questione più radicale sollevata dominated. So Conceptual Art can the end of the twentieth century”. “It by the artists was related to the
dall’Arte concettuale è stata appear to be the whole of the is a recognition that materials and social context, including the
senz’altro quella dell’eliminazione appropriate definitions given of it procedures, surfaces and textures, experience of the observer with
della dimensione visiva nella by Joseph Kosuth: “In other words, locations and placement are not which the artists tended to identify
produzione artistica. the propositions of art are not only sculptural or painterly matters themselves.
Scrive Benjamin Buchloh in un factual, but linguistic in ‘character’ to be dealt with in terms of a Perhaps, that experience shared a
saggio qui raccolto: “[…] così l’Arte […] they express definitions of art, phenomenology of visual and value system within the social
concettuale ora insedia la or the formal consequences of cognitive experience or in terms of a sphere; there may be new values
proibizione di ogni visualità come definitions of art”. Or they can be structural analysis of the sign […] which should be precisely
regola ineludibile per la fine del boundary conditions between the but that they are always inscribed pinpointed as the base for
Ventesimo secolo”. “È un form and its negation proposed by within the conventions of language constructing a historic perspective
riconoscimento che materiali e Daniel Buren in his celebrated and thereby within institutional for examining Conceptual Art and
procedure, superfici e ‘texture’, essay Beware: “One might speak of power and economic investment”. its position, as well. It seems rather
localizzazione e collocazione non cancelling out, indeed: or, if you This rule made it possible to pursue clear that Conceptual Art still has
sono solo questioni pittoriche o like, destruction of the imprint […] a criticism of the naive attitude in some secrets, but, likewise, it has to
scultoree da trattare nei termini di through differentiated repetition of art by developing a criticism of the be viewed in the light of what still
una fenomenologia dell’esperienza itself rendering void each time artistic institutions, for they are part remains of its legacy in the
cognitiva e visiva o in termini di anew, or each time a little more, the of more complex social and political contemporary debate. Instead, we
analisi strutturale del segno […], value which it might previously institutions that condition our life. ought to seek to crystalize its
ma che esse sono già da sempre have maintained”. And later: “[…] However, the point that led over historic moment, driving it back in
iscritte all’interno delle convenzioni one takes into consideration the time to undermine the experience of time and proposing to establish a
del linguaggio e quindi all’interno endless cancelling out of the form Conceptual Art may have been the direct tie with the social and historic
del potere istituzionale e itself, the ceaseless posing of the very attempt to construct a different happenings as the sole thread that
dell’investimento ideologico ed question of its presence, and dimension from the visual one, one should try to use.
economico”. Ed è a partire da thence that of its disappearance”. trying to identify in this dimension a Maurizio Bortolotti, Art critic

12 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 13


in nulla a edifici, se ne deduceva che memorabile da visitare diventa quindi
Libeskind
a cura di/edited by Giorgio Tartaro

l’autore era più interessato alla molto importante. Il Museo Ebraico di


teorizzazione che alla costruzione: ma Berlino ne è stata una valida
costruisce
exhibitions

per Libeskind la caratteristica dimostrazione. E ha portato a


essenziale dell’architettura non è Libeskind incarichi dal Victoria &
disegni l’apparire, bensì il sentire e far sentire. Albert, dall’Imperial War Museum
Egli ha sempre visto i suoi disegni North (che aprirà l’anno prossimo), dal
mostre

Libeskind at the Soane come una preparazione necessaria Museo Ebraico di San Francisco e più
Drawing a new architecture alla costruzione, più che come il frutto recentemente dall’Art Museum di
Soane Museum, London di una speculazione teorica; il fatto Denver. Il Museo Ebraico di San
fino a/unitl 10.03.01 che non siano immediatamente Francisco, situato di fronte all’oceano,
comprensibili come architetture non è molto diverso da quello di Berlino.
La breakfast room di John Soane – sembra per lui un risvolto negativo. Invece di respingere con decisione il
forse il più bell’interno londinese del “L’idea che l’architettura debba essere collegamento con il contesto, a San
XIX secolo – dà la sensazione che il comprensibile all’istante, così da Francisco Libeskind ha fuso il nuovo
suo architetto si sia appena poterla subito vedere in pianta, edificio con i resti di una straordinaria
allontanato. I muri sono zeppi delle sezione e prospetto, è ciò che io centrale elettrica neoclassica. È
curiosità e dei souvenir che chiamo il complesso del Palladio. riuscito così a inventare un nuovo tipo
raccoglieva, e sotto le raffinatezze Credo che sia una malattia, che però è di architettura (il che è piuttosto
spaziali della cupola di specchio la ormai superata. Nessuno si mette a difficile). Ora ha davanti un compito
tavola è accuratamente apparecchiata decifrare il senso dell’epoca in cui ancora più difficile: lavorare con un
con uno squisito, anche se eccentrico, viviamo”. linguaggio architettonico che non è più
review

servizio. Da vicino, la teiera sembra il Che un architetto di inflessibile serietà rivoluzionario, ma è diventato una
plastico di acciaio spazzolato come Libeskind non sia riuscito a parte accettata del paesaggio. Il suo
dell’ampliamento a spirale di Daniel costruire nulla, in un periodo in cui lavoro ha acquisito un valore
Libeskind per il Victoria & Albert l’architettura corre il pericolo di essere esemplare, al punto che
Museum, la zuccheriera l’avamposto banalizzata fino all’estinzione, è un paradossalmente oggi egli si trova a
dell’Imperial War Museum di fatto sostanzialmente rassicurante. dover affrontare uno strano caso:
Manchester, e il porta-toast il celebre Egli infatti sembra voler produrre quello del nuovo Museo Nazionale
Museo Ebraico di Berlino. un’architettura imperniata sulle d’Australia, che sarà aperto
Dopo quella di Gehry, questa è l’ultima questioni fondamentali: la perdita, la prossimamente, progettato da Ashton
delle stimolanti mostre organizzate dal memoria, il tempo, la morte. John Raggatt e McDougall. Senza
Museo Soane, in cui gli architetti Soane – che dalla morte era consultare l’autore, essi hanno preso
contemporanei sono invitati a ossessionato, che disegnava l’ispirato piano di Libeskind per il
dialogare con i lavori del padrone di continuamente mausolei ed era Museo Ebraico e l’hanno riprodotto a
casa. Nove progetti di Libeskind, affascinato dalle tombe classiche – Canberra come se fosse una specie di
miniaturizzati alla scala del piano di un avrebbe certamente capito la ricerca archetipo del museo contemporaneo.
tavolo e ognuno finito con un metallo del tragico che Libeskind porta avanti. All’Imperial War Museum North di
diverso, sembrano galleggiare sulla E il modo che Libeskind ha di Manchester, che sta rapidamente
superficie di specchio. I progetti sono manipolare lo spazio e la luce in prendendo forma subito al di là del
accostati alla serie di disegni geometrie spezzate sembra un’eco canale che lo divide dallo spettacolare
Micromega che Libeskind eseguì del radicalismo di Soane in Lowry Centre, lo spazio di manovra di
vent’anni fa e che sono la fonte di tutto architettura. Libeskind è limitato. Egli deve
ciò che egli ha progettato da allora. Ma la capacità di Libeskind di procedere con cautela, deve conciliare
Sono esplosioni grafiche misteriose, comunicare un contenuto emozionale due estremi: un museo che documenti
raffinatissime, più simili a una forma di lo rende assai attraente per molti con la dovuta austerità le crude realtà
notazione musicale che a immagini musei. Oggi questi lottano duramente della guerra e l’interesse del
architettoniche. Nella pubblicazione per catturare il pubblico, come se committente, che vuole attirare un
Libeskind interpose frammenti di fossero attrazioni turistiche in numero di visitatori sufficiente a
poesia concreta e un incendiario testo concorrenza l’una con l’altra: la rendere remunerativa questa struttura,
dadaista. Poiché non assomigliavano capacità di fare di un museo un luogo completa di caffè sul canale e di
Il modello di Libeskind per l’Imperial
Foto/photography by © Torsten Siedel

War Museum ora in costruzione a


Manchester: la forma frammentata
rappresenta un globo frantumato.
Invece l’ampliamento per il Victoria &
Albert Museum di Londra (a destra) non
ha ancora i fondi per proseguire i lavori
Libeskind’s model of his Imperial War
Museum is now under construction in
Manchester. The fragmented form
represents a globe shattered by
conflict. His planned addition to the
Victoria & Albert Musuem in London,
right, still hasn’t got the money to go
ahead

14 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 15


negozio. “Ho voluto creare un edificio phenomenon. He tries to make an iconic quality that Libeskind’s work L’occasione di questa importante postinformale, della pop art, dell’arte icasticità. Tutti gli artisti tuttora
che la gente possa trovare architecture which is about the has already acquired, he has to mostra, promossa unitamente da Ida cinetica e programmata, hanno mantengono con limpidezza un filo
interessante e desideri visitare, ma che fundamentals , loss, memory, time and contend with the odd case of Gianelli e da Pier Giovanni Castagnoli, inaugurato una dimensione inedita di conduttore con le prime opere: come
comunque rifletta l’intrinseca death. The death-obsessed John Australia’s soon to be opened new è data dall’acquisizione da parte della lavoro vitale, fluido, radicale: usando per esempio si ritrova in Giovanni
drammaticità di un museo della Soane, who was continually design national museum, designed by Ashton Fondazione CRT Cassa di Risparmio materiali cosiddetti poveri, nella loro Anselmo, che dal 1967 lavora sulla
guerra” dice Libeskind. L’idea mausolea, and was fascinated by Raggatt and McDougall. Without di Torino di un nucleo di 17 opere potenzialità e nelle loro reazioni, o forza dell’impercettibile, sulla gravità e
fondante è forte: il suo museo è un classical tombs, would certainly have consulting Libeskind, they have taken storiche dell’Arte povera che, volgendosi alla primarietà degli sulla natura delle forze in opere
globo spezzato in tre frammenti che understood his search for the tragic in the lightening flash plan of Libeskind’s appartenenti alla collezione di elementi naturali (terra, acqua, fuoco). inquietanti e di sottile equilibrio, là
simboleggiano la guerra in terra, in architecture. And Libeskind’s way of Jewish Museum and deliberately Margherita Stein, sono state conferite A Torino, attraverso le gallerie Sperone dove, secondo le sue parole,
mare e nel cielo. Deyan Sudjic dramatically manipulating space and reproduced it in Canberra as a kind of alle raccolte del Castello di Rivoli e e Stein, aperte rispettivamente nel “l’invisibile si misura con il visibile”.
Libeskind builds his drawings light through fractured geometry also archetype of the contemporary della Galleria Civica d’Arte Moderna di 1964 e nel 1966, e a Roma attraverso Alighiero Boetti, precocemente
John Soane’s breakfast room, perhaps seems to echo Soane’s radical way museum. In Manchester where the Torino. Questo rilevante impegno di L’Attico questi artisti hanno proposto e scomparso nel 1994, è presente in
the most beautiful 19th century interior with architecture. Imperial War Museum of the North uno sponsor privato a favore dell’arte sviluppato una poetica forte, la cui mostra anche con quattro rilevanti
in London, still feels as if the architect But it is Libeskind’s ability to deliver now rapidly taking shape just across contemporanea ha fatto acquisire, con radicalità e durezza di enunciazione opere del 1966 (esposte nella prima
has just wandered away for a moment. emotional content that has made him the canal from the spectacular Lowry altri tre lavori donati dalla nota sono evidenti nelle opere del primo personale alla galleria Stein nel 1967)
The walls are crowded with his curios so attractive to so many museums. Centre, Libeskind’s room for collezionista e gallerista, un corpus periodo qui in mostra, per la prima dove già rivela la sottigliezza,
and keepsakes, and under the subtle With museums fighting for audiences manoeuvre is limited. He must tread a storico di 20 opere datate negli anni tra volta confrontabili fra di esse e nel concettuale del suo lavoro: dalla
spatial complexities of its domed and as if they were competing tourist careful path in building a museum that il 1966 e il 1971: quelli eroici della contesto di personalità diverse. A tautologia alla ripetizione, all’‘armonia’
mirrored roof, Soane’s table has been attractions the ability to make a documents the grim realities of nascita di uno dei movimenti fondanti complemento, il catalogo edito da dei disegni, alle permutazioni. Il
carefully laid with what looks like an museum a memorable place to visit warfare in an appropriately sober way, dell’arte italiana di questo secolo. Il Charta, oltre le introduzioni della mondo poetico di Pier Paolo Calzolari
exquisite if eccentric set of crockery. becomes very important. and his clients interest in attracting corpus è particolarmente prezioso per Gianelli e di Castagnoli, ripubblica noti ci è rivelato fin dalle prime installazioni
On close inspection the tea pot turns Berlin was a powerful demonstration enough visitors to make it a paying l’approfondimento degli sviluppi testi con fotografie, del 1967-1968 di a strutture ghiacciate dove attraverso
out to be a brushed steel model of of how it could be done. proposition complete with canalside successivi, più conosciuti, delle opere Germano Celant, del 1969 di minimi accadimenti fenomenici tende
Daniel Libeskind’s Spiral extension for And it lead to commissions from the cafe and shop. “I wanted to create a di Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Tommaso Trini, del 1970 di Jean- a una ricerca dell’assoluto; mentre
the Victoria and Albert museum, the V&A, from the Imperial War Museum building that people will find Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Christophe Ammann. Come tutti i Luciano Fabro che dapprima indaga
sugar bowl is the Imperial War North – which will open next year, from interesting and wish to visit, yet Merz, Giulio Paolini, Giuseppe gruppi d’avanguardia, gli artisti sulla tautologia di forme e di materiali,
museum’s Manchester outpost, and the Jewish Museum in San Francisco, reflects the serious nature of a war Penone, Michelangelo Pistoletto, dell’Arte povera sperimentavano giunge nella serie delle Italie in
the toast rack is the famous Jewish and most recently from the Denver Art museum”, says Libeskind. The Gilberto Zorio. A questi artisti, con il pratiche e convenzioni nuove, ma specchio, piombo, legno
Museum in Berlin. Museum. The Jewish Museum on San conceptual idea is strong – he sees the complemento di Pier Paolo Calzolari e soprattutto ricercavano attraverso all’azzeramento della funzione
Following after Frank Gehry, it is the Francisco’s waterfront, is a very museum as a globe, shattered into di Marisa Merz, sono dedicate in l’arte un mezzo di trasformazione simbolica di immagini di nota
latest in the Soane Museum’s different project from Berlin. Rather three fragments to symbolise warfare mostra undici sale personali arricchite soggettiva e sociale. La ricerca riconoscibilità. Jannis Kounellis fin
enterprising series of exhibitions in than deliberately failing to connect on land, sea and air. Deyan Sudjic da opere datate fino ai nostri giorni, toccava questioni di fondo sugli dall’inizio evidenzia nelle opere
which contemporary architects are with its neighbours, in San Francisco, che appartengono alle collezioni obiettivi, sulle ragioni stesse dell’arte e ascendenze etiche, con referenti al
invited to conduct a dialogue with Libeskind has fused his new building permanenti o in deposito del Museo di sull’attività dell’artista. La loro volontà mito e alla classicità; Mario Merz ha
Soane’s work. In total nine of with the remains of a powerful neo Quando l’arte Rivoli e della GAM: complessivamente di azzeramento, la tabula rasa. degli impostato da decenni il suo lavoro
Libeskind’s projects, miniaturised to classical power station. una novantina. È quindi possibile una archetipi esistenti nell’arte e quindi sulla riflessione intorno al dinamismo,
table top scale and each finished in a Libeskind has succeeded in inventing italiana apre lettura ottimale del movimento, che nella storia, poneva in rapporto di idee all’accelerazione e alla proliferazione
different metal, float on the mirrored a new kind of architecture, which is proprio negli anni 1967-1968 ha l’Arte povera con i rivolgimenti del reale, concentrandosi quindi
surface of the table. The projects are difficult enough. Now he has to face la strada operato una rottura linguistica tra le sociopolitici del periodo, con sull’idea di Igloo come spazio assoluto
juxtaposed with the Micromega series up to the even more difficult task of più radicali della storia dell’arte. Tra l’ideologia libertaria e comunitaria del e, secondo le sue parole, “misura dello
of drawings that Liebskind made 20 working with that architectural Arte povera in collezione Torino e Roma questi artisti, allora maggio francese del ‘68. Ma più che spazio antropologico”. Di Marisa Merz
years ago and have provided the language when it is no longer Castello di Rivoli, Museo di Arte giovanissimi e per lo più tra i 20 e i 23 con uno sguardo d’insieme, la mostra segnaliamo, tra le opere in mostra, un
source material for everything that he revolutionary, but an accepted part of Contemporanea, Torino anni, superando di netto le poetiche deve essere letta attraverso le singole recente lavoro altamente poetico,
has designed since. the landscape. As if to underscore the fino a/until 25.03.01 del periodo (già in crisi) del personalità, significative per forza e Senza Titolo, 1997: una scultura in
Libeskind’s drawings are mysterious,
La retrospettiva sull’Arte Povera di Rivoli ... e quelli più recenti: Michelangelo
highly wrought graphic explosions,
propone antichi lavori come Lance di Mario Merz, 1966... Pistoletto La gabbia dello specchio, 1980
that seem more like a form of musical With later works, such as Michelangelo
Rivoli’s Arte Povera retrospective unites early works,
notation than conventional such as Mario Merz’s Lance of 1966... Pistoletto’s, The Mirror’s Cage of 1980
architectural images. When they were
published, Libeskind interleaved them
with fragments of concrete poetry, and
inflammatory Dada text. Since they did
not look like buildings at all, people
tended to assume that Libeskind was
more interested in abstract theory than
actually building. But for Libeskind the
point of architecture is not how it
looks, but how it feels. He always saw
his drawings as a necessary
preparation for building, rather than
theoretical speculation. The fact that
they are not immediately
comprehensible as architecture, is no
draw back for Libeskind.
“The notion that architecture must be
instantly understandable so that you
can see it in plan, section and
elevation, is what I call the Palladio
complex. I believe it is a sickness but
one which is finally over. No one
person is going to make sense of the
age in which we live”.
The fact that an architect of
Libeskind’s uncompromising
seriousness has managed to build
anything at all in a period in which
architecture is in danger of being
trivialised out of existence, is a
fundamentally heartening

16 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 17


cera in forma di violino, immersa in una the present and belonging to the permutations. The poetic world of Pier to involve the spectator in the work
piccola vasca di piombo. Al centro permanent collections or holdings of Paolo Calzolari is revealed from his even as a theatrical space. Tension,
dello strumento, uno zampillo d’acqua the Rivoli Museum and of the GAM. earliest installations of iced structures, force, light as energy, and process,
è la sua voce. Il tema centrale della The show therefore gives an excellent where through minimal phenomenal characterise the whole course of
speculazione di Giulio Paolini è già overview of the movement which, in happenings he seeks the absolute; Gilberto Zorio’s oeuvre, right from his
annunciato dalla precocità delle prime 1967-68, brought about one of the Luciano Fabro at first surveys the Colonna in eternit of 1967, in a
opere, tra le quali Senza Titolo del most radical linguistic breaks ever tautology of forms and materials, to development calculated, in his words,
1964: un pannello di legno tamburato made in the history of art. In Turin and arrive, in his series of Italie, in mirror, “to make the form the same as the
sospeso al centro di un altro pannello in Rome, these artists, most of whom lead and wood, at an erasure of the idea”. This exhibition precedes a fuller
identico, che pone interrogativi sulla were at the time aged between 20 and symbolic function of easily one on the same theme, titled “Zero to
sua stessa presenza e sulle relazioni 23, leapt ahead of the expressions of a recognizable images. Jannis Kounellis Infinity: Arte povera 1962-1972”,
possibili tra un quadro e il suo period already in crisis, with its post- displays right from the start an ethical which opens on 1 June at the Tate
supporto. Giuseppe Penone dal 1968 informal, pop art, kinetic and ascendancy in his works, with their Modern in London, with the addition of
lavora sugli Alberi quali elementi vitali programmed art, to usher in a references to myth and classicism; three other artists: Piero Gilardi, Pino
in espansione alla cui forza, secondo previously unknown dimension of vital, Mario Merz has for decades built his Pascali and Emilio Prini; in
le sue stesse parole, “ha aderito fluid and radical work. These artists art around reflections on the collaboration with the Walker Art
un’altra forza, la mia”. Una sua opera used so-called poor materials in their dynamism, acceleration and Centre of Minneapolis, to which it will
recente, Respirare l’ombra, 1999 è di potential and in their reactions, or proliferation of reality, concentrating later travel.
grande impatto: 199 casse in rete turned to the primary qualities of therefore on the idea of the Igloo as an Mirella Bandini, Art historician
metallica contenenti foglie di alloro e natural elements (earth, water, fire). In absolute space and, in his own words,
disposte lungo le pareti emanano Turin, through the Sperone and Stein as “a measure of anthropological
segnali cromatici e olfattivi, sottolineati Galleries, which opened in 1964 and space”. Among the works by Marisa Il fascino sinistro
da una piccola scultura in oro 1966 respectively, and in Rome Merz featured in this show we mention
rappresentante i nostri polmoni. Le through L’Attico, these artists put a highly poetical piece, Senza Titolo, of della divisa
famose superfici specchianti di forward and developed a strong poetic 1997: a wax sculpture in the shape of a
Pistoletto, qui esposte nelle prime language. A radical sense of violin, immersed in a small, lead bath. Uniforme: ordine e disordine
realizzazioni del 1962, condensano e toughness is conspicuous in works At the centre of the instrument, a water Stazione Leopolda, Firenze
anticipano le direttrici del suo lavoro, dating from the early period shown spout represents its voice. The central fino al/until 18.02.01
diretto a coinvolgere lo spettatore here, which can, for the first time ever, theme of Giulio Paolini’s speculation is
nell’opera, anche come spazio be compared to one another and already announced by the precocity of Da diversi anni il gruppo Pitti
teatrale. La tensione, la forza, la luce within the context of diverse his first works, one of which is Senza Immagine di Firenze vizia i visitatori
come energia, il processo personalities. Complementarily, the Titolo of 1964: a wood sandwich-panel delle sue interessanti manifestazioni
caratterizzano tutto l’iter di Gilberto Charta catalogue, in addition to its suspended at the centre of another, per la moda italiana, offrendo loro non
Zorio, fin dalla Colonna in eternit del introductions by Gianelli and identical panel, It raises questions solo occasioni di succosi business ma
1967, in una ricerca mirata, secondo le Castagnoli, has re-published three about its own presence and the anche la possibilità di schiarirsi le idee,
sue parole, “a rendere la forma uguale well-known texts with photographs, possible relations between a painting affrontando visioni intellettuali e
all’idea”. Questa mostra precede una from 1967-68 by Germano Celant, and its support. Giuseppe Penone has progettuali più sofisticate. A lungo
più ampia, sullo stesso tema, dal titolo from 1969 by Tommaso Trini, and from worked since 1968 on Alberi (Trees) as curate da un gruppo di lavoro in cui si
“Zero to Infinity: Arte povera 1962- 1970 by Jean-Christophe Amann. vital elements in expansion and to distingueva il giornalista Giannino
1972” che si aprirà il 1° giugno alla Like all avant-garde groups, the Arte whose strength, to cite his own words, Malossi, le mostre culturali proposte
Tate Modern di Londra, con l’aggiunta Povera artists also experimented with “another force has adhered: my own”. da Pitti sono ora passate in altre mani.
di altri tre artisti: Piero Gilardi, Pino new practices and conventions. But A recent and striking work by him is Si comincia, dunque, con questa
Pascali, Emilio Prini, in collaborazione most of all they looked through art for Respirare l’ombra, of 1999: 199 wire importante esposizione (ideata e
con il Walker Art Center di Minneapolis a medium of subjective and social netting cases containing laurel leaves. prodotta da Francesca Bonami, Maria
dove verrà poi trasferita. transformation. Their efforts touched Placed along the walls, they emit Luisa Frisa e Stefano Tonchi) sul tema
Mirella Bandini, storica dell’arte on basic issues relating to the chromatic and olfactive signals della divisa militare, a sentire aria di
When italian art lead the way objectives and to the very reasons emphasized by a small sculpture in interazione tra forme espressive: quel
This major exhibition, promoted jointly underlying art itself and the artist’s gold representing our lungs. The mix di arte, moda e design che,
by Ida Gianelli and Pier Giovanni activity. Their determination to abolish famous mirror surfaces by Pistoletto, predicato a lungo dalle
Castagnoli, stems from the acquisition existing archetypes in art and hence shown here in his first creations of postavanguardie radicali e
by the Fondazione CRT Cassa di history, led to a connecting of ideas 1962, condense and anticipate the neomoderne (anche dalle pagine di
Risparmio di Torino, of a nucleus of 17 between Arte povera and the socio- direction-lines of his output, designed Domus) ha avuto la sua sanzione
historic Arte povera works previously political upheavals of the time, and
belonging to Margherita Stein’s with the libertarian, community La prima stazione ferroviaria fiorentina, trasformata
collection. They have now been ideology of the French uprisings of dall’allestimento degli A12 per la mostra “Uniformi”
donated to the collections in the May ’68. But the exhibition should be Florence’s original railway station, transformed by A12’s
Castello di Rivoli and Galleria Civica considered not so much as a exhibition design for uniforms
d’Arte Moderna in Turin. This major comprehensive picture as in terms of
Fotografia di/photography by Mario Ciampi

commitment to contemporary art by a its individual figures and the


private sponsor has also led to the significance of their impact and
acquisition, with three other works representativeness. All the artists to
donated by the well-known collector this day have maintained a transparent
and art dealer, of a corpus of 20 works connection with their earlier works.
dating from 1966 to 1971. It was in One example is Giovanni Anselmo,
those heroic years that one of the key who has been working since 1967 on
movements of 20th-century Italian art the strength of the imperceptible, on
was born. The nucleus is particularly gravity, and on the nature of forces in
important to a deeper exploration of disquieting works held in a subtle
subsequent, better recognized equilibrium, where – to quote him –
developments, in the works of “the invisible measures itself with the
Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, visible”. Alighiero Boetti, who died
Luciano Fabro, Janis Kounellis, Mario prematurely in 1994, is also
Merz, Giulio Paolini, Giuseppe represented in the exhibition with four
Penone, Michelangelo Pistoletto and notable works of 1966 (presented at
Gilberto Zorlo. To each of these artists, his first one-man show at the Galleria
complemented by Pier Paolo Calzolari Stein in 1967). These already reveal
and Marisa Merz, are dedicated eleven the conceptual subtlety of his oeuvre,
rooms in the show, enriched by a total from tautology and repetition to the
of some ninety exhibits, reaching up till ‘harmony’ of drawings and to his

18 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 19


suicidi – continuano ad annientare
l’esistenza di uomini e donne
innocenti. Stefano Casciani
The sinister charm of the
uniform For years the Pitti Immagine
group in Florence has been spoiling
visitors with its interesting Italian
fashion events, offering them
opportunities not only for juicy
business deals, but also to catch up
on some sophisticated intellectual and
design visions. After a long period in
which they were directed by a group
including the journalist Giannino
Malossi, the Pitti’s cultural exhibitions
programme has now passed into
different hands. This major exhibition
(devised and produced by Francesca
Bonami, Maria Luisa Frisa and Stefano
Tonchi) on the subject of uniforms,
mixes of art, fashion and design. A
mixing which was long advocated by
the radical and neomodern post-
avantgardes (and also in the pages of
Domus) and was officially sanctioned
Prima della battaglia: Adi Nes, Senza titolo, 1999 in the 1990s. La pericolosa innocenza dei militari: Wolfgang Tillmans, Lutz, Alex,
Before the battle: Adi Nes, Untitled, 1999 Liberated at last from the Suzanne & Cristoph on Beach, 1993
cumbersome and rather dull The dangerous innocence of soldiers: Wolfgang Tillmans, Lutz, Alex,
ufficiale negli anni Novanta. contenuta nel titolo del film di Mark torbidamente fascinosa, che da sola superstructures that had for years Suzanne & Cristoph on Beach, 1993
Riconferma la validità di queste Lester (in cui il soldato John Lennon vale una visita alla Stazione Leopolda, concealed its imposing volume, screens, to launch instead - in a long, gloomily gripping work of all, which
intuizioni la quantità di glamour muore colpito da un proiettile) “Oh, rimane quella di Piotr Uklanski The Florence’s original but long redundant open promenade architecturale (with alone is well worth a visit to the
multimediale che la nuova mostra alla che bella guerra!”. Pare rischiosa ogni Nazis (1998): una lunghissima, railway station is the setting for the few technical trappings, in wood, PVC Stazione Leopolda, remains that of
Stazione Leopolda riesce a iniettare ipotesi intellettuale per cui lo stesso interminabile sequenza di riproduzioni exhibition. The space is now revealed and wire netting) – a marriage of Piotr Uklanski, The Nazis (1998). In it
nelle vene dei visitatori. Finalmente valore simbolico potrebbe fotografiche in egual formato (serialità for what it is: an immense industrial textural sensations and visual we are treated to a very long,
liberata dalle sovrastrutture accomunare il vestire l’uniforme per sottolineata dall’accorgimento basilica, in which memories of 19th- metaphors. It is hard to resist the interminable sequence of
ingombranti e un po’ sorde che ne ammazzarsi e l’abito per farsi belli: gli allestivo degli A12) con i ritratti di century machinery easily become a temptation to touch the epaulettes photographic reproductions, all in the
avevano occultato per anni artisti fanno di questa e altre ambiguità decine di volti: simili perché, famosi, metaphor for the obsession with the and other decorations (what on earth same format (with a serial effect
l’imponente volume, la Stazione si l’uso che pare loro, di volta in volta, reali o immaginari, tutti indossano relentless demands of having to are they made of?) in the whole wide heightened by A12’s display device),
rivela intanto per quello che è: spesso fregandosene dei valori interessanti declinazioni progettuali produce creativity to a time table, a wardrobe of the various modern Italian of portraits of row after row of faces, all
un’immensa basilica industriale, in cui riconosciuti o riconoscibili, perché la delle uniformi tedesche nella Seconda particular torment of fashion armed forces, hung out in a fine array made to look alike because, famous,
è facile associare la memoria del loro funzione in epoca manierista è guerra mondiale. Veri o falsi, buoni o designers… at the start of the show, with the real or imaginary as the case may be,
protomacchinismo ottocentesco sicuramente meravigliare, forse cattivi, volenti o nolenti, sembrano, For the first time the redevelopment of occasional ironically boutique-like they belong to bodies clad in all the
all’eterna fissazione di produrre: ricordare o al massimo creare qualche sono comunque tutti nazisti, the station has been tackled by attraction such as the showcases hypnotic sinister array of Second
tormento comune ad artisti, dubbio. Certo, il libro edito da Charta accomunati dall’uso dei codici della architects in what are, in fact, used to display the shoes and dress- World War German uniforms. True or
pubblicitari, stilisti, industriali… che accompagna la mostra è ben fatto moda militare. Insomma: vestirsi da architectural terms. A12, the number swords. It is equally hard to avoid false, good or bad and willy-nilly, they
E ciò si deve proprio al fatto che degli e impaginato, fa capire il grande lavoro parata farà anche figo, ma l’orrore, il of the Milan-Genoa motorway which scrutinising the details in the faces of seem to be, indeed are, all
architetti per la prima volta affrontano di ricerca dei curatori, propone saggi e sangue, la follia, il buio e la morte – eight architects from these two cities Jeff Wall’s ghost soldiers, contortedly transformed into Nazis, by their
l’allestimento della Stazione (a parte il approfondimenti interessanti; ma alla soprattutto quelli organizzati, finanziati have adopted as their name, have thus buried in conversations hard to uniforms, united by their use of military
colonnato nonsense piazzato tempo fine l’opera più inquietante e e vestiti (bene) da alleanze e Stati cleared away the panels and the fathom. The large lightbox by Wall and fashion codes. So it may be cool and
fa da Gae Aulenti proprio di fronte the parade of empty uniforms seem to smart to be seen in full-dress, but the
all’ingresso) in termini, appunto, be a preface to the exhibition and a horror, bloodshed and madness of
Alighiero Boetti in Giappone (1985) con i liceali in divisa ‘prussiana’
architettonici. “A12” , sigla summary of it. Other artworks look smartly dressed totalitarians –
Alighiero Boetti in Japan (1985) with high school pupils in “prussian uniforms”
dell’autostrada Milano-Genova sotto mainly like comments on the theme, a continues to wipe out innocent men
cui agiscono otto architetti attivi tra le dicey one that can’t be squeezed into and women. Stefano Casciani
due città, ha dunque liberato il campo critical schemata. Because the truth is
da pannelli e schermi, per lanciare in perhaps contained in the title of Mark
una lunga, aperta promenade Lester’s film (in which private John Il Diavolo e
architecturale (con pochi orpelli Lennon dies after being hit by a shell),
tecnici: legno, PVC, rete metallica), il “Oh What a Lovely War!”. l’acquasanta
connubio tra sensazioni materiche e Any intellectual hypothesis would
metafore visive. Difficile resistere alla seem hazardous, whereby even the Enzo Mari, Philippe Starck
tentazione di toccare spalline e altre symbolic value itself might associate daDriade, Milano
decorazioni (di che diavolo sono the uniform to be killed in with the fino a/until 17.03.01
fatte?) dell’intero guardaroba delle clothes to make oneself handsome in.
varie Armi moderne italiane, sciorinato The artists do whatever they feel like Ogni mostra di Enzo Mari è il racconto
in bell’ordine all’inizio della mostra, with this and other ambiguities, and di un percorso del pensiero, di una
con qualche ironica civetteria da often couldn’t care less about riflessione sul progettare e allo stesso
boutique come le vetrinette per scarpe recognised or recognizable values, tempo una messa in discussione della
e spadini: altrettanto duro evitare di because their function in mannerist pratica del progetto. È in questa sua
studiare i dettagli nelle facce dei times is surely to amaze, perhaps to apparente contraddizione che si rivela
fantasmi soldati di Jeff Wall, remind or at the most to cast a few quella condizione etica e di
contortamente immersi in chissà doubts. To be sure, the book of the responsabilità (più volte rivendicata e da
qualche conversazione. Il grande exhibition published by Charta is well più parti riconosciuta) che appartiene
lightbox di Wall e la parata di divise made and well laid-out, enabling da sempre alla sua filosofia oltre che alla
vuote paiono premessa e sintesi della readers to understand the large sua metodologia progettuale. Anche la
mostra: altre opere d’arte sembrano amount of research and effort put into mostra presentata allo spazio daDriade,
soprattutto commenti al tema, che è it by its editors, with its thought- preceduta da una di Borek Sipek e
infido, non si fa costringere in schemi provoking essays and studies. But seguita da una di Philippe Starck, fonda
critici, perché la verità è forse quella ultimately, the most disquieting and il suo percorso intorno a una idea del

20 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 21


progetto che incarna la coscienza real concrete site of a utopia which is for Driade, and of the Conversazione
riflessiva dell’arte applicata alla simple because it has always been crystal glasses of 1998 for Arnolfo di
produzione industriale. Si tratta di necessary. Again this itinerary reveals Cambio, is more than sufficient to state
trecento oggetti progettati e realizzati a the unique wisdom with which Mari the principal and motivational tenets of
partire dalla seconda metà degli anni conjugates the archetype and neo- Enzo Mari’s philosophical and design
Cinquanta: e cioè da quando il Mari technology; and if we look at his passion; and in this sense I also mean
artista e protagonista indiscusso e di designs, even in their increasingly the title of the very recent edition of his
successo di quella corrente artistica frequent re-editions, it is (practically) theoretical book Progetto e Passione,
che in Italia si definì Arte programmata, impossible to put them into any definite published by Boringhieri. Because for
sceglie per ragioni ideologiche di place in time; they are permanently the first object, Java, the utopia
dedicare la propria ricerca alla detached from measurable time, whilst (perhaps ingenuous but doggedly
progettazione di oggetti d’uso. attaining one that is beyond all pursued) of labour abolished as an
Organizzati per famiglie e tipologie di measure. They might be described as alienating condition, is concretised in
funzione e di materie, i suoi oggetti si evergreen classics. The same pattern of the design of the hinge, which brilliantly
sono presentati in tutta la loro chronological, type and material levels reduces the phases of a production
luminosità e dichiarata continuità. È explodes in a direction that gives cycle. For the second, Day-Night, the
questo il primo intreccio di livelli che concrete form to a communication with rejection of lies, concealment and
l’esposizione offre. Quasi l’intero the other, which Enzo Mari has always disguise (that have always been
percorso dei fondamenti più riflessivi sought and which has always been the associated with all two-purpose divan-
indagati da Enzo Mari viene così esibito, raison d’être of his designs. Holders, beds) paves the way instead towards a
attraverso oggetti che parlano all’altro Minim? Ciotole e piatti in porcellana bianca, Driade, Enzo Mari, 2000 cutlery, desk sets, fruit bowls, ashtrays, design of the true and the transparent.
di una vocazione ininterrotta: quella di Minim? Driade porcelain bowl and dishes, Enzo Mari, 2000 boxes, gardening tools, lamps, vases, And for the third, Conversazione, the
istituire e fare coincidere il dialogo tra calendars, paper-knives, glasses and design establishes a hitherto unseen
chi progetta, chi produce e chi sapienza quasi filosofica del gioco e del continuità qualitativa di un progetto trays, along with tables, chairs and discursive function, a calm but
consuma. È in questo itinerario suo concetto. Certo, da Driade era espositivo che daDriade rappresenta. E sofas, in wood, melamine, plastic, steel, immediate and robustly conveyed
progettuale che si può cogliere assente quella parte che definirei se le estreme differenze dei modelli glass, crystal, ceramic, porcelain, dialogue, between identity and
facilmente la sua fiducia nell’intelligenza frontalmente eversiva ed estrema del progettuali di Mari e Starck si marble and alabaster, are there to state differences in the supply of different
dell’altro di osservare e di usare ogni suo progettare: la Proposta per susseguono e discutono la possibilità di that the archetype of simplicity can be bases for similar drinking glasses: in my
oggetto come modello e luogo reale e un’autoprogettazione di mobili del 1973 un design democratico o di una utopia readily coupled with the elegance of a opinion, the limpid and transparent
concreto di una utopia semplice, o Ecolo del 1995. Tuttavia la presenza, dello standard, questo significa anche choice, though without ever stooping to statement of a writing and reading of
perché da sempre necessaria. Ed è tra i tanti, del contenitore in melamina che tra questi due itinerari definiti da elitish or redundant forms of the possible coexistence of all
ancora in questo itinerario che risulta Java del 1968 per Danese, del divano- linguaggi inconfondibili è sempre e solo communication. These objects convey differences. The exhibition of work by
leggibile quella sua unica sapienza di letto Day-Night del 1971 per Driade e la ricerca dell’archetipo a fondare per the sense of extended time, of Philippe Starck is likewise divided
coniugare l’archetipo con la neotecnica. dei bicchieri di cristallo Conversazione entrambi la scelta di un percorso che si conversation as infinite entertainment, a according to main theme families,
A guardarli, anche nelle loro sempre più del 1998 per Arnolfo di Cambio, da soli rende disponibile a tutti. place of reflection for all practices, all where the fifteen years of collaboration
frequenti riedizioni, essi sfuggono lasciano individuare le dichiarazioni Antonio D’Avossa, critico, insegna materials and all the issues faced by between the French designer and
(praticamente) a ogni datazione, si principali e motivazionali della passione all’Accademia di Brera design during the past fifty years. Driade are presented as among the
scollano definitivamente da un tempo filosofica e progettuale di Enzo Mari; e The Devil and the Holy Water Besides, all Enzo Mari’s recent shows most significant of his intense design
misurabile per raggiungerne uno fuori in questo senso intendo anche il titolo Every exhibition by Enzo Mari tells the have been intended to declare his experience, characterised by a high-
da ogni misura. Dei classici sempre della recentissima edizione del suo libro story of a thought process, a reflection stance as a reflection on the reasons for explosive style. For that matter, the
nuovi, si potrebbe dire. Lo stesso teorico Progetto e Passione, per i tipi di on design and a questioning of its a single comprehensive design, which preview renderings of some of his new
intreccio di livelli cronologici, tipologici e Boringhieri. Perché per il primo oggetto, practice. In this apparent contradiction focuses on the work itself as the hub: designs which Driade will be bringing to
materici esplode verso una direzione Java, l’utopia (forse ingenua ma is revealed the ethic and the sense of from the exhibition in Barcelona at the the Milan Furniture Show in April of this
che concreta la comunicazione con perseguita con ostinazione) della responsibility (often claimed, and Centre d’Art Santa Monica, which year, together with the presentation of a
l’altro che Enzo Mari ha sempre cercato scomparsa del lavoro come condizione recognized on many sides), that have returned to the Milan Triennale last year, series of prototypes from the Jelly Slice
e che da sempre ha fondato la alienante si concreta nel progetto della moreover always been a part of Mari’s and that of the International Ceramics collection in stainless steel and gel, are
principale ragione d’essere del suo cerniera che riduce brillantemente i design philosophy and method. The Museum at Faenza, right up to the one already enough to illustrate the
progettare. Contenitori, posate, servizi passaggi del ciclo di produzione. Per il process revealed by the exhibition now in Paris titled “Reading and Playing with continuing quality of dadriade’s
da scrivania, portafrutta, portacenere, secondo, Day-Night, il rifiuto della on at the daDriade space, preceded by Enzo Mari” (which closed in December exhibition calendar. And if the extreme
scatole, attrezzi da giardinaggio, menzogna, dell’occultamento e del an exhibition of work by Borek Sipek 2000), where the designs for children in differences of the design models
lampade, vasi, calendari, tagliacarte, travestimento (che da sempre and followed by one by Philippe Starck, themselves revealed an almost represented by Mari and Starck follow
bicchieri, vassoi, infine tavoli, sedie, accompagna tutti i divani a doppia is based on an idea of design as the philosophical grasp of play and its one another and discuss the
divani, in legno, melanina, plastiche, funzione) e che qui si apre invece verso reflective conscience of art applied to concept. True, the part of his design possibilities of a democratic design or
acciaio, vetro, cristallo, ceramica, un progetto del vero e del trasparente; industrial production. The show which I would define as frontally of a utopian standard, it also means that
porcellana, marmo, alabastro: stanno a per il terzo, Conversazione, il progetto comprises three hundred objects, subversive and extreme, namely his these two distinct paths traced by two
dire che l’archetipo della semplicità si instaura una funzione discorsiva inedita, designed and made since the second Proposal for a self-designing of furniture unmistakable idioms are in fact always
coniuga volentieri con l’eleganza della un dialogo sereno, ma immediato e half of the 1950s: in other words, since of 1973, and Ecolo of 1995, was and only a quest for an archetype,
scelta, tuttavia senza mai scadere nei dotato di una strumentazione forte, tra Mari the undisputed and successful missing at Driade’s. Nevertheless the which is for both men a chosen course
risultati di una elitaria e ridondante l’identità e le differenze nell’offerta di artist and protagonist of the art presence, among many, of the Java of action made available to all.
comunicazione. Questi oggetti basi diverse a bicchieri a bevuta simile: movement known in Italy as Arte container in melamine done in 1968 for Antonio D’Avossa, critic, he teach at the
comunicano un tempo lungo, una a mio avviso, la più limpida e programmata, chose for ideological Danese, of the Day-Night divan of 1971 Brera Accademia
conversazione che è intrattenimento trasparente dichiarazione di una reasons to devote his efforts from then
Mies Déco: Neoz di Philippe Starck, sistema di tavoli e sedute per Driade, 1995
infinito, luogo di riflessione di tutte le scrittura e di una lettura della possibile on to the designing of everyday objects.
A Mies in Déco: Neoz by Philippe Starck, tables and sofa for Driade, 1995
pratiche, di tutte le materie e di tutte le convivenza di tutte le differenze. Anche Organised by families and types of
problematiche che hanno attraversato il la mostra del lavoro di Philippe Starck si function and materials, his objects are
design in questi ultimi cinquant’anni. presenta suddivisa per grandi famiglie presented in all their luminosity and
Del resto, tutte le recenti mostre di Enzo tematiche, dove i quindici anni di declared continuity. So this is the first
Mari hanno voluto dichiarare la sua collaborazione del designer francese pattern of levels offered by the
posizione nei termini della riflessione con Driade vengono a proporsi come exhibition. Almost the whole sequence
delle ragioni di un solo progetto che ha tra i più significativi della sua intensa of deeper thinking explored by Enzo
situato al centro il lavoro stesso: dalla esperienza progettuale, caratterizzata Mari is thus exhibited, through objects
mostra di Barcellona al Centre d’Art da una dirompente poetica. Del resto, that speak to the other about an
Santa Monica, rientrata alla Triennale di l’esposizione in anteprima, sotto forma uninterrupted vocation: to establish a
Milano lo scorso anno, e quella del di rendering, di alcuni dei suoi nuovi well-matched dialogue between
Museo Internazionale della Ceramica a progetti che Driade porterà al Salone designers, makers and consumers. It is
Faenza, fino a quella di Parigi “Leggere del Mobile di Milano nell’aprile 2001, in this itinerary that we find an easy
e giocare con Enzo Mari” (chiusa in insieme alla presentazione di una serie explanation of his faith in the
dicembre), dove già solo la di prototipi della collezione Jelly Slice in intelligence of the other to observe and
progettazione per i bambini rivelava una acciaio inox e gel, da soli già rendono la use every object as a model, and as the

22 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 23


application 10.4.2001 Kunst Haus Wien E-mail: expo@ukinterpress.com Neues Museum Weserburg Bremen E-mail: info&koelnmesse.de Philip Guston
Concorsi
a cura di/edited by Anna Dell’Orto,

Scadenza consegna/deadline Unter Weissgerberstrasse 13 http://www.ukintpress.com/air Teerhof 20 http://www.koelnmesse.de 27.2.2001-31.3.2001


submission 27.4.2001 T +43-1-7120495 Marseille T +49-421-598390 Krems Enzo Cucchi: First Day
Competitions ● Merging Boundaries. Industrial ● fino a/until 15.4.2001 ● fino a/until 4.3.2001 Düsseldorf ● fino a/until 11.2.2001 Timothy Taylor Gallery
calendario

design award for european students Shopping. The Exhibition Spaces Triomphes du Baroque. Architecture ● fino a/until 18.2.2001 Service! Design und Dienstleistung 1 Bruton Place
calendar

Belgio/Belgium GE Polymerland Italia Generali Foundation en Europe 1600-1750 Aller Anfang ist Merz. Von Kurt Kunsthalle Krems T +44-20-74093344
Bruelles viale Brianza 181, 20092 Cinisello B. Wiedner Haupstrasse 15 Centre de la Vieille Charité Schwitters bis heute Steiner Landstrasse 8 ● 1.2.2001-25.3.2001
● Premio OTAN. Présélection en vue T +39-02618341 T +43-1-5049880 2, rue de la Charité Kustsammlung Nordrhein-Westfalen T +43-2732-82669 An Industry of One: Designer-makers
du concours international pour la http://www.mergingboundaries.com ● fino a/until 18.3.2001 T +33-4-91145880 Grabbleplatz 5 Mannheim in Contemporary Britain
Giorgio Tartaro

réalisation du nouveau Quartier Scadenza consegna/deadline Special Model. The 387 Houses of Paris T +49-211-83810 ● 17.2.2001-6.5.2001 Crafts Council
Général de l’OTAN-Organisation du submission 30.4.2001 Peter Fritz, Insurance Clerk from ● fino a/until 9.4.2001 Essen Wilhelm Lehmbruck. Skulpturen 44a Pentonville Road Islington
Traité de l’Atlantique Nord Vienna Alberto Giacometti: le dessin à l’œvre ● fino a/until 11.2.2001 Städtische Kunstalle Mannheim T +44-20-72787700
E-mail: iadc.icb@hq.nato.int Svizzera/Switzerland Österreichisches Museum für Centre Pompidou Bernhard Fuchs. Portraits in Farbe Moltkestrasse 9
http://www.nato.int/structur/tenders Bern Volkskunde T +33-1-44781233 Museum Folkwang T +49-621-2936413 Italia/Italy
/newhq ● Architekturpreis Beton 01. Laudongasse 15-19 ● fino a/until 11.3.2001 Goethestrasse 41 Stuttgart Bologna
Premi/amount 20.000 Euro Cemsuisse T 43-1-4068905 L’Ecole de Paris 1901-1929 T +49-201-8845000 ● fino a/until 29.4.2001 ● fino a/until 4.3.2001
Scadenza iscrizione/deadline Marktgasse 53, 30100 Bern Salzburg Musée d’Art Moderne de la Ville Frankfurt am Main Yves Tanguy and Surrealism Paul Klee. Figure e metamorfosi
application 28.2.2001 T +31-327-9797 ● 15.2.2001-25.3.2001 11, avenue du Président Wilson ● fino a/until 4.3.2001 Staatsgalerie Stuttgart Museo Morandi
E-mail: franziska.frei@cemsuisse.ch Guido Schlinkert: Dark and Lovely T +33-1-53674000 Szenenwechsel Konrad-Adenauer-Strasse 30 piazza Maggiore 6
Francia/France http://www.cemsuisse.ch 15.2.2001-25.3.2001 ● fino a/until 16.2.2001 Museum für Moderne Kunst T +49-711-2124075 T +39-051203646
Paris Premi/amount SwF 50.000 Elmar Trenkwalder Agence Actar Arquitectura - Espagne Domstrasse 10 ● 15.2.2001-17.2.2001 ● fino a/until 26.2.2001
● Premio Altran 2001. Scadenza consegna/deadline 15.2.2001-25.3.2001 Pavillon de l’Arsenal T +49-69-21230447 Fensterbau2001/GlasMetallBau Oriol Bohigas e MBM
review

Fondation Altran pour l’innovation submission 16.2.2001 Em Busca de Identidade: Aktuelle 2, boulevard Morland ● 3.2.2001-24.3.2001 Wunnenstreinstr. 47/49 Arquitectes. Sei fiaschi
251 boulevard Péreire, 75017 Paris Langenthal Kuns aus Brasilien T +33-1-42763397 Oliver Boberg. Skies and Other Works T +49-711-464010 Padiglione Esprit Nouveau OIKOS
F +33-1-44095440 ● Design Preis Schweiz Rupertinum Salzburger Museum ● fino a/until 31.3.2001 L.A. Galerie Lothar Albrecht E-mail:alexandra.jensch@messe- T +39-051203040
E-mail: candidat@fondation-altran.org Design Centre Wiener Philharmoniker Gasse 9 Pascal Convert Domstrasse 6 stuttgart.de ● 25.2.2001-6.5.2001
http://www.fondation-altran.org Postfach 1626, 4901 Langenthal T +43-66280422336 Site Odéon °5 T +49-69-288687 Wolfsburg Æmilia Ars 1898-1903. Arts and
Scadenza consegna/deadline T +31-62-9230333 5, place de l’Odéon ● fino a/until 22.4.2001 ● fino a/until 18.2.2001 Crafts a Bologna
submission 2.2.2001 E-mail: designpreis@designnet.ch Belgio/Belgium T +33-1-44410505 Ludwig Hirschfeld-Mack. Bauhäusler Laurence Weiner. Bent & Broken Collezioni Comunali d’Arte
http://www.designNet.ch Bruxelles ● 27.2.2001-20.5.2001 und Visionär Shafts of Light T +39-051269267
Germania/Germany Premi/amount 75.500 SwF ● fino a/until 19.2.2001 Enric Miralles-Benedetta Tagliabue: Jüdisches Museum Kunstmuseum Wolfsburg ● fino a/until 10.3.2001
Köln Scadenza iscrizione/deadline Andrea Branzi. Objets et territoires projets et réalisations Untermainkai 14-15 Porschestrasse 53 Toni Romanelli: libertà di movimento
● IOC/IAKS Award 2001 application 30.4.2001 Fondation pour l’Architecture 27.2.2001-20.5.2001 T +49-69-21238805 T +49-5361-26690 fino a/until 10.3.2001
International architecture award rue de l’Ermitage 55 Un grand Paris olympique: 12 idées ● 16.2.2001-20.2.2001 Wiesbaden Eduard Habicher
http: www.sports- USA/USA T +32-2-6422450 d’architecture pour 2008 Ambiente 2001 Internationale ● fino a/until 4.3.2001 Galleria Studio G7
facilities.worldsport.com Washington IFA-Institut Français d’Architecture Frankfurter Messe Ilya Kabakov - 50 Installationen via Val d’Aposa 7g
Scadenza consegna/deadline ● DuPont Benedictus Awards 2001 Brasile/Brazil 6bis, rue de Tournon Messe Frankfurt GmbH Museum Wiesbaden T +39-051266497
submission 18.5.2001 For Innovation in Architectural Rio de Janeiro T +33-1-46339036 Ludwig-Erhard-Anlage 1 Friedrich-Ebert-Alle 2 Busto Arsizio
Laminated Glass ● fino a/until 25.3.2001 ● fino a/until 16.4.2001 60327 Frankfurt am Main, D T +49-611-3352170 ● fino a/until 11.3.2001
Italia/Italy AIA-American Institute of Architects Quando o Brasil era Moderno John Soane. Le rêve de l’architecture T +49-69-75750 Ottocento italiano. Da Lega a Wildt
Lucca 1735 New York Avenue 1905/1955 Hôtel de Rohan-Centre historique E-mail: info@messefrankfurt.com Gran Bretagna/Great Britain Fondazione Bandera
● Eco Design Award NW Washington DC 20006 Paço Imperial des Archives nationales http://www.messefrankfurt.com London via Andrea Costa 29
Matraia S.r.l.- Segreteria concorso T +1-202-6267446 T 55-021-5520239 87, rue Vieille du Temple Freiburg ● 22.2.2001-13.5.2001 T +39-0331322311
viale Cavour 229, 55100 Lucca E-mail: tiojko&aia.org T +22-1-40276096 ● fino a/until 17.3.2001 Brassaï. The Soul of Paris Brescia
T +39-058348451 http://www.acsa-arch.org Canada Saint-Etienne Hans-Georg Rauch. Satirische 22.2.2001-13.5.2001 ● fino a/until 16.4.2001
E-mail: matraia@tin.it Solo per studenti/Only for students: Montréal ● fino a/until 25.3.2001 architektur-zeichnungen Gaya. Drawings from Private Albums Russi 1900-1920. Le radici
http://www.architettura.it/casatoscana ACSA DuPont Benedictus Student ● fino a/until 1.4.2001 Solitude au Musée. Akademie Architekturforum Freiburg-Galerie Blau Royal Festival Hall-Hayward Gallery dell’avanguardia
Premi/amount Lit 20.000.000 Design Competition Cities in Motion Schloss Solitude Brombergstr. 17c South Bank Palazzo Martinengo di via Musei 30
Scadenza consegna/deadline T +1-202-7852324 Centre Canadien d’Architecture Musée d’Art Moderne, La Terrasse T +49-761-407898 T +44-20-79210600 T. +39-0302807934
submission 15.3.2001 E-mail: hbatliboi@acsa-arch.org rue Baile T 33-4-77795252 Hamburg ● fino a/until 16.4.2001 Caserta
Maniago di Pordenone http://www.acsa.org/forms/bene.htm T +1-514-9397026 Villeurbanne ● fino a/until 18.2.2001 The Genius of Rome 1592-1623 ● fino a/until 16.3.2001
● Maniago Design for Cutlery Design Premi/awards US$ 15.000 ● fino a/until 27.5.2001 Emil Nolde. Die Religiösen Bilder fino a/until 18.2.2001 Luigi Vanvitelli e la sua cerchia
Comune di Maniago - Concorso Scadenza iscrizione/deadline Danimarca/Denmark Architecture radicale Hamburger Kunsthalle Turner: the Great Watercolours Palazzo Reale
piazza Italia 18, 33085 Maniago PN application 12.3.2001 Umlebæk Institut d’Art Contemporain Glockengiesserwall Royal Academy of Arts, Piccadilly T +39-0823323919
T +39-0432403431 Fort Lauderdale ● fino a/until 22.4.2001 11,rue Docteur Dolard T +49-40-428542612 T +44-20-73008000 Cremona
E-mail: ufficioh@ten.it ● The Broward Public Art and Design Magnum. Our Turning World 1989-99 T +33-4-78034700 Karlsruhe ● fino a/until 11.2.2001 ● fino a/until 18.3.2001
http://www.provincia.pordenone.it/ Program-Public Artists Pre-qualified Louisiana Museum of Modern Art ● fino a/until 25.2.2001 William Blake Vincenzo Campi. Scene del quotidiano
maniago/index.htm Roster for Design Professional T +45-49190719 Germania/Germany Franz West - In & Out Tate Britain, Millbank Museo Civico Ala Ponzone
Premi/amount Lit 15.000.000 Public artists pre-qualified roster Berlin fino a/until 23.2.2001 T +44-20-78878000 via Ugolani Dati 4
Scadenza consegna/deadline Broward Cultural Affairs Francia/France ● fino a/until 25.2.2001 City-Daten zur Stadt unter den ● fino a/until 12.2001 T +39-0372461026
submission 5.3.2001 100 ST Andrews Ave, Sixth Floor Blois Meisterwerke aus dem Museum Bedingungen der Informations- The Unilever Series: Louise Bourgeois Cittadella di Padova
Milano Fort Lauderdale FL 33301 ● fino a/until 28.2.2001 Brücke Museum Technologie Tate Modern, Bankside ● 2.2.2001-11.3.2001
● Young & Design 2001. Scadenza consegna/deadline Patrick Saytour 90.00 Bussardsteig 9 ZKM-Zentrum Kunst T +44-20-78878000 La fissione del colore. Ferruccio Gard
Rima Editrice-Young & Design 2001 submission 27.2.2001 Musée de l’Objet de Blois T +49-30-8312029 Medientechnologie ● fino a/until 22.4.2001 Palazzo Pretorio
viale Sarca 243, 20126 Milano 6, rue Franciade ● 8.3.2001-27.5.2001 Loreznstrasse 19 Futurism and Photography Ferrara
T +39-0266103539 T +33-02-54788726 Translated Acts. Performance Kunst T +49-721-81000 Estorick Collection of Modern Art ● 25.2.2001-20.5.2001
E-mail: rima@rimaedit.it Mostre, eventi, Bordeaux aus China, Japan, Korea & Taiwan Köln 39a Canonbury Square Da Canaletto a Constable. Vedute di
http://www.rimaedit.it ● fino a/until 25.3.2001 Haus der Kulturen der Welt ● fino a/until 16.4.2001 T +44-20-77049522 città e campagna
Premi/amount Lit 14.000.000 fiere Mutations. Evénement culturel sur la John-Foster-Dulles-Allee 10 Swiss Made. Aktuelle Design aus der ● fino a/until 18.3.2001 Palazzo dei Diamanti
Scadenza consegna/deadline ville contemporaine T +49-30-397870 Schweiz City Racing 1988-1998. T +39-0532209988
submission 10.3.2001 Exhibitions, Arc en Rêve Centre d’Architecture Bremen Museum für Angewandte Kunst ICA Galleries-Institute of Firenze
● ANETA Award for young designer Entrepôt, 7 rue Ferrère ● fino a/until 1.4.2001 An der Rechtschule Contemporary Arts ● fino a/until 18.2.2001
Erasmus Student Network - CRIFA events, fairs T +33-0-56527836 Bremen in Form 2000 T +49-221-22126714 The Mall Uniforme. Ordine e disordine
Politecnico-Iª Facoltà di Architettura Cannes Design Zentrum Bremen ● 18.2.2001-21.2.2001 T +44-20-78730061 fino a/until 18.2.2001
via Bonardi 3, 20133 Milano Austria/Austria ● 27.2.2001-1.3.2001 im Wilhelm Wagenfeld Haus Salone internazionale serrature, ● 13.2.2001-17.3.2001 Kid Size. Il mondo materiale dei
T +39-0223992676 Wien Aircraft Interior Expo 2001. Am Wall 209 maniglie, utensilerie Richard Hamilton bambini. Mostra del Vitra Design
E-mail: anetaconcorso@libero.it ● fino a/until 25.2.2001 International Exhibition. T +49-421-338810 Salone materiali per edilizia e fai da te Alan Cristea Gallery Museum di Weil am Rhein
Premi/amount Lit 9.000.000 Hated, Build, Loved. Hundertwasser Palais del Festivals et des Congrés ● fino a/until 4.3.2001 KölnMesse GmbH, Messeplatz 1 31 Cork Street Stazione Leopolda, viale Rosselli 5
Scadenza iscrizione/deadline Architecture. From Utopia to Reality T +44-1306-743744 Amnesia. Gegenwart des Vergessens T +49-221-8210 ● 1.2.2001-28.2.2001 T +39-0553693407

Domus Febbraio February 2001 25


24 Domus Febbraio February 2001
Gallarate Wassily Kandinsky Alessandro Twombly Il magico mondo di Stepan Zavrel Sala Jorge Vieira Villa Argentina 11 West 53 Street
● fino a/until 11.2.2001 Fondazione Antonio Mazzotta Studio Casoli Casa dei Carraresi Pavilhão Exposições T +41-91-6404860 T +1-212-7089750
Premi ed esposizioni nell’Italia del Foro Buonaparte 50 via della Vetrina 21 via Marconi 2 Parque des Nações ● fino a/until 4.3.2001 ● fino a/until 18.3.2001
dopoguerra T +39-0287819 T +39-0668892700 T +39-0438959582 T +351-21-8919333 Das Brasilien der Alexander Girard, the Designer
Civica Galleria d’Arte Moderna ● fino a/until 14.2.2001 ● fino a/until 18.3.2001 Udine Maira Architektin Lina Bo Bardi who Helped Define 1960s Style
via Milano 21 François Morellet. Formule dello Migrazioni ● finoa/until 30.4.2001 ● fino a/until 25.2.2001 Museum für Gestaltung Zürich fino a/until 11.2.2001
T +39-0331791266. spazio attivo Centro per le Arti Contemporanee Le Arti a Udine nel Novecento Mies van der Rohe Today Ausstellungsstrasse 60 Masterpieces From from Vitra Design
Genova A-Arte Studio Invernizzi Spazio Temporaneo Galleria d’Arte Moderna Forum da Càmera da Maia T +41-1-4462211 Museum
● fino a/until 22.4.2001 via Scarlatti 12 via Guido Reni 10 piazzale Paolo Diacono 22 Praça do Municipio ● fino a/until 22.3.2001 Cooper Hewitt - National
1950-2000. Arte contemporanea T +39-0229402855 ● fino a/until 18.3.2001 T +39-0432295891 T +351-22-9444436 5+1 architetti associati, Genua The Design Museum
genovese e ligure ● 7.2.2001-16.3.2001 Italie 1880-1910. Arte alla prova Venezia Shadow of Ideas 2 East 91 Street
Museo di Villa Croce Milton Manetas della modernità ● 10.2.2001-29.4.2001 Spagna/Spain ETH-Swiss Federal Institute T +1-212-8498420
via Jacopo Ruffini 3 Antonio Colombo Arte Contemporanea Galleria Nazionale d’Arte Moderna Giovanni Segantini. Luce Barcelona for Technology ● fino a/until 25.2.2001
T +39-010585772 via Solferino 44 viale delle Belle Arti 131 e simbolo 1884-1899 ● fino a/until 25.2.2001 Hönggerberg Sol LeWitt. A Retrospective
La Spezia T +39-0229060171 T +39-06322981 Peggy Guggenheim Collection Time, Quickly! T +41-1-6332936 Whitney Museum of American Art
● fino a/until 25.2.2001 ● 15.2.2001-22.3.2001 ● fino a/until 19.2.2001 Palazzo Venier dei Leoni Centre de Cultura Contemporània St. Gallen 945 Madison Avenue at 75th Street
Esercizi di stile Roberto Mangù: Saint Georges Michael Wesely Dorsoduro 701 Montalegre 5 ● 3.2.2001-29.4.2001 T +1-212-5703633
Palazzina delle Arti Centre Culturel Français de Milan Primo Piano Associazione Culturale T +39-041-2405411 T +34-93-3064100 Matt Mullican ● fino a/until 25.2.2001
T +39-0261836369 corso Magenta 63 via Panisperna 203 ● 10.2.2001-27.6.2001 ● fino a/until 4.3.2001 Kunsmuseum Prints Abound: Paris in the 1890’s
Milano T +39-024859191 T +39-064880309 Bernardo Bellotto 1722-1780 Zush Tecura Museumstrasse 32 National Gallery of Art
● fino a/until 25.2.2001 Modena ● fino a/until 28.2.2001 Museo Correr Museu d’Art Contemporani T +41-71-2420674 Fourth Street at Constitution Avenue
Il Cinquecento lombardo. Da ● fino a/until 11.3.2001 Forma 1 e i suoi Artisti T +39-041-2747607 Plaça dels Angels 1 T 1-202-8426353
Leonardo a Caravaggio Il corpo nell’arte dal XVII al XX Galleria Arte Moderna Contemporanea Vicenza T +34-93-4120810 USA/USA ● fino a.until 17.6.2001
Palazzo Reale secolo. Disegni dell’Accademia di via Reggio Emilia 54 ● fino a/until 25.3.2001 ● 28.2.2001-5.8.2001 Atlanta Jorge Pardo: Project
T +39-0243911119 Belle Arti di Vienna T +39-0667107900 Alessandro Mendini tra le arti Albert Gleizes ● 9.2.2001-12.2.2001 fino a/until 17.6.2001
● fino a/until 11.2.2001 fino a/until 25.3.2001 ● fino a/until 31.3.2001 Basilica Palladiana, piazza dei Signori Museu Picasso de Barcelona International Builders Show e ICCON Panamarenko
De Chirico. La Metafisica del Domenico Gnoli. Una retrospettiva Novecento. Arte e storia in Italia Montcada 15-23 Ufficio Commerciale U.S.A. a Milano DIA Center for the Art
Mediterraneo GCM - Galleria Civica di Modena Scuderie papali al Quirinale Lussemburgo/Luxemburg T +34-93-3196310 T +39-026592260 542 West 22nd Street
Spazio Oberdan corso Canalgrande 103 vie XXIV maggio 16, IV novembre 94 Luxembourg ● 23.2.2001-6.5.2001 E-mail: franco.alberti@mail.doc.gav T +1-212-9895566
viale Vittorio Veneto 2 T +39-059206919 Rovereto ● fino a/until 11.2.2001 Joan Brossa or the Poetic Revolution Chicago ● fino a/until 24.2.2001
T +39-0277406304 ● 16.2.2001-25.2.2001 ● fino a/until 18.3.2001 Works From the Collection of Annick Fondació Joan Miró ● fino a/until 18.2.2001 Greg Colson
● fino a/until giugno 2001 Modenantiquaria 2001. XV edizione Automi, fantocci, marionette, ballerine and Anton Herbert Parc de Montjuïc Gilbert & George “1999” Sperone Westwater
Corso di packaging Quartiere fieristico, viale Virgilio 70 nel teatro d’avanguardia Forum d’Art du Casino Luxembourg T +34-93-4439470 MCA 121 Greene Street
Centro di Formazione Professionale T +39-0522631042 fino a/until 18.3.2001 41, rue Notre Dame 220 East Chicago Avenue T +1-212-4313685
“Riccardo Bauer” E-mail: studiolobo@tin.it Metapolis. Flamand - Hadid. T +352-225045 Svezia/Sweden T +1-312-2802660 ● fino a/until 10.2.2001
via Pace 10, 20122 Milano Padova Danza - Architettura Stockholm Dallas Water-Works. The Architecture and
T +39-025455013 ● fino a/until 25.2.2001 Archivio del ‘900 Paesi Bassi/The Netherlands ● 7.2.2001-11.3.2001 ● 25.2.2001-27.5.2001 Engineering of the New York City
E-mail: bauer@cfpbauer.coim Lorenzo Capellini. Schiene Museo di Arte Moderna e Eindhoven Young Swedish Design Henry Moore, Sculpting the 20th Water Supply
● fino a/until 17.3.2001 Museo Civico, piazza del Santo Contemporanea di Trento e Rovereto ● 24.2.2001-22.4.2001 Svensk Form-The Swedish Society Century Cooper Union Foundation Building
Philippe Starck: antologia e attualità T +30-0498204543 corso Rosmini 58 Pierre Huyghe and Ben Akkerman of Crafts and Design DMA-Dallas Museum of Art Third Avenue at Seventh Street
1985-2001 ● fino a/until 29.4.2001 T +39-0464-438887 Van Abbe Museum Holmamiralens våg 2 1717 North Harwood T +1-212-3534220
Show-room dadriade Giotto e il suo tempo Torino Vonderweg 1 T +46-8-6443303 T +1-214-9221200 Pittsburgh
via Manzoni 30 Musei Civici agli Eremitani e altre ● 2.2.2001-22.4.2001 T +31-40-2755275 Houston ● fino a/until 11.2.2001
T +39-0272023203 sedi deputate in città Angelo Morbelli tra realismo e Groningen Svizzera/Switzerland ● 25.2.2001-13.5.2001 Aluminum in Contemporary
● 19.2.2001-21.2.2001 T +39-0498204547 divisionismo ● fino a/until 25.3.2001 Appenzell Design of Our Time Architecture
Progetto Città. Mostra architettura, ● fino 28.2.2001 GAM - Galleria d’Arte Moderna Viktor & Rolf. Haute Couture ● fino a/until 25.3.2001 The Museum of Fine Arts Carnegie Museum of Art
urbanistica, tecnologie, servizi Meneghetti. Sull’orlo del III Millennio via Magenta 31 Fashion Photography 1995-2000 Carl Walter Liner. Wege zur 1001 Bissonnet 4400 Forbes Avenue
via Canova 19, Palazzo della Ragione T +39-0115629911 Groningen Museum Abstraktion 1949-1959 T +1-713-6397540 T +1-412-62231314
T +39-0231911913-947 T +39-0498204501 ● fino a/until 11.3.2001 Museumeiland 1 Museum Liner Appenzell Los Angeles ● fino a/until 31.7.2001
● fino a/until 28.2.2001 Palermo Friends and More: calendario Lavazza T +31-50-3666555 Unterrainstrasse 5 ● fino a/until 25.2.2001 Visual Sound Part 1
Giuseppe Archinto e l’architetto ● fino a/until 28.2.2001 Fondazione Italiana per la Fotografia Tilburg T +41-71-7881800 Frederick Kiesler Endless Space Mattress Factory Museum
Nicholas-Auguste Thumeloup Emilio Isgrò via Avogadro 4 ● fino a/until 28.8.2001 Genève MAK Center-Schindler House 500 Sampsonia Way
Museo Bagatti Valsecchi Cantieri della Zisa, via Paolo Gili 4 ● fino a/until 25.3.2001 Marien Schouten ● fino a/until 4.3.2001 N. Kings Road West Hollywood T 1-412-2313169
via Santo Spirito 10 T +39-0916524942 Arte povera in collezione fino a/until 17.6.2001 Fernand Léger et l’art africaine T +1-323-6511510 Saint Louis
T +39-0276006132 Parma 21.2.2001-13.5.2001 Jan Dibbets Musée d’Art e d’Histoire ● 25.2.2001-3.6.2001 ● fino a/until 10.2.2001
● fino a/until 24.2.2001 ● fino a/until 19.3.2001 Armando Testa De Pont Foundation for Art 10, rue Charles Galland The Architecture of R.M. Schindler Architect of Form and Spirit: Eric
Santomaso Arte programmata e cinetica in Italia Castello di Rivoli Wilhelminapark 1 T +41-22-4182600 MOCA-Museum of Contemporary Art Mendelsohn in Saint Louis
Galleria Blu, via Senato 18 Galleria d’Arte Niccoli T +39-0119565209 T +31-13-5438300 Lugano 250 South Grand Avenue COCA - Center of Contemporary Art
T +39-02760220407 via B. Longhi 6 ● fino a/until giugno 2001 Rotterdam ● fino a/until 31.3.2001 T +1-213-6212766 524 Trinity Avenue
● fino a/until 25.2.2001 T +39-0521282669 Corsi advertising e design; ● fino a/until 11.2.2001 Columbus: il mobile metallico tra ● 20.2.2001-6.5.2001 T +1-314-7256555
Dudovich, réclame a Milano Prato arredamento e architettura d’interni Anarrations Italia e Svizzera Modern Architecture in Central San Francisco
Castello Sforzesco ● fino a/until 1.2.2001 IADA-Istituto Arte e Design Applicati Witte de With-Centre for Galleria Gottardo Europe 1890-1937 ● fino a/until 4.3.2001
T +39-0286461404 Yves Klein via Lagrange 7, 10123 Torini Contemporary Art viale Stefano Franscini 12 Getty Museum Hiroshi Sugimoto: The
● fino a/until 4.3.2001 Centro Arte Contemporanea Luigi T +39-011548868 Witte de Withstraat 50 T +41-91-8081988 1200 Getty Center Drive, Suite 400 Architecture Series
Luxardo. La voluttà e il sogno Pecci - Museo d’Arte E-mail: info@iaad.it T +31-10-4110144 ● fino a/until 28.2.2001 T +1-310-4407360 fino a/until 4.3.2001
Villa Reale, via Palestro 16 viale della Repubblica 277 http://www.iaad.it Daniel Buren Minneapolis Selection from the Permanent
T +39-0276002819 T +39-05745317 Trento Polonia/Poland Studio d’Arte Dabbeni ● fino a/until 11.3.2001 Collection of Architecture and Design
● fino a/until 18.3.2001 Reggio Emilia ● fino a/until 25.2.2001 Szczecin (Stettino) corso Pestalozzi 1 Glenn Ligon fino a/until 2.3.2001
Henri Cartier-Bresson fotografo ● fino a/until 18.2.2001 David Tremlett ● fino a/until 18.2.2001 T +41-91-9232980 10.2.2001-6.5.2001 01.01.01: Art in Technological Times
Palazzo dell’Arengario, piazza Duomo Ottorino Davoli Galleria Civica Arte Contemporanea Engelbert Kremser, Earthwork Luzern Painting at the Edge of the World SFMOMA
● fino a/until 11.2.2001 Musei Civici, via Secchi 3 via Belenzani 46 Architecture ● fino a/until 11.3.2001 Walker Art Center 151 Third Street
Sui generis. La ridefinizione del T +39-0522456477 T +30-0461986138 Castel of Stettin Michelangelo Pistoletto Vineland Place T +1-415-3574000
genere nella nuova arte italiana Rimini ● fino a/until 11.3.2001 Ul. Korsarzy 34 Neues Kunstmuseum Luzer T +1-612-3757651 Washington
1.3.2001-22.4.2001 ● fino a/until 20.5.2001 John Baldessarri T +48-91-4338841 Europaplatz 1 New York ● fino a/until 22.4.2001
Omaggio a Gillo Dorfles Rimini divina. Religione devozione Palazzo delle Albere T +41-41-2267800 ● 8.2.2001-8.5.2001 Alfred Stieglitz and Modern
PAC-Padiglione d’Arte Contemporanea Museo della Città via R. da Sanseverino 45 Portogallo/Portugal Mendrisio Workspheres. The Role of Design in Art in America
via Palestro 14 T +39-0541681108 T +39-0461234007 Lisboa ● fino a/until 15.3.2001 Developing Solutions for the National Gallery of Art
T +39-02783330 Roma Treviso ● fino a/until 4.3.2001 Architettura australiana Workplaces of the Future Fourth Street at Constitution Avenue
● 17.2.2001-10.6.2001 ● fino a/until 31.3.2001 ● 3.2.2001-11.3.2001 Co-laboraçoes: arquitectos/artistas Accademia di Architettura MoMA – Museum of Modern Art T+1-202-8426353

26 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 27


Fotografia di/photography by Hèlene Binet
Fotografia di/photography by Hèlene Binet
La Biblioteca di Alessandria
Il governo egiziano non è ancora Alexandria Library The Egyptian
sicuro della data in cui aprirà al government still isn’t quite sure
monitor

pubblico la nuova Biblioteca di about exactly when it is going to


Alessandria: sia perché la costruzione open the new Bibloteca Alexandria –
non è completamente finita, sia partly because the project still isn’t
perché i dignitari che devono venire quite finished yet; and partly because
da ogni parte del mondo a officiare i the phalanx of international
riti dell’inaugurazione hanno agende dignitaries that will be officiating over
così fitte di impegni che è molto arduo the ceremonies have diaries so full
assicurarsene la presenza. Ma that they are hard to pin down. But
Snohetta, il gruppo di architetti Snohetta; the Norwegian architects
norvegesi che da più di un decennio who have been working on the
lavora al progetto, afferma ora che project for more than a decade are
l’apertura avverrà nel prossimo mese now saying that the opening date
di giugno – per quel tempo i lavori could be in June; by which time
dovrebbero essere terminati – o al building works should be finished, or
massimo in ottobre. Tuttavia l’edificio it could be October. But the building,
– deliberata ‘reincarnazione’ itself, a self conscious resurrection of
dell’antica Biblioteca di Alessandria – the great library of Alexandria of
rappresenta già un possente ancient times, is already a powerful
monumento situato sul fronte a mare monument on the city’s sea front. As
della città. Via via che le sue forme its monumental forms emerge from
imponenti emergono dalle the scaffolding; it looks almost like
impalcature, essa appare quasi come an archaeological discovery
un reperto archeologico dissepolto excavated from the sand, an
dalla sabbia. Un’impressione impression heightened by the giant
accresciuta dalle gigantesche lettere letters from the world’s languages
prese da tante lingue e incise nella that have been carved into the
pietra del grandioso tamburo che massive stone drum that forms the
costituisce l’elemento centrale della library’s centre piece; a memory of
costruzione: ricordo della stele di the Rosetta stone; unearthed not far
Rosetta, rinvenuta non lontano, o from the site; or even of Babel. Here
della torre di Babele. Qui però le however, the letters are deliberately
lettere sono volutamente spogliate di stripped of literary meaning, and are
ogni significato e usate solo per il loro used solely for their aesthetic
valore estetico. DS qualities. DS

Gli architetti sono stati molto attenti

Fotografia di/photography by Hèlene Binet


a non creare involontariamente
significati letterali per i caratteri usati
per decorare la Biblioteca
The architects have been careful to
MoMA/32

avoid creating any literary meaning


Torino/33

with the letters they have used to


Meda/30

decorate the Library

28 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 29


Tessile d’invenzione Torna il mito Brionvega
L’uncinetto, il lavoro a maglia, il Inventive textiles Crochet work, Giocando con un testo cantautorale, sole, nero notte e grigio luna. adaptable apparatus. With Algol the
ricamo, un’innata attrazione per le knitting, embroidery, and an innate Brionvega compie un’operazione di Cinescopio HQ Black Matrix, television ‘movable’ became truly
stoffe, i filati, i bottoni. Una passione fondness for cloths, yarns and riedizione, tecnologicamente altoparlante a banda larga, mobile. Above all it broke free from
che Daniela Gregis coltiva sin da buttons. A passion cultivated by innovativa, “dicendo cose nuove con ottimizzazione video, 100 programmi the shackles of a mimetic condition
piccola, che l’ha sempre portata a Daniela Gregis since childhood, when un vestito vecchio”. Rivede la luce il e tutti i canali TV, TXT con 8 pagine di under which the shapes of this
sperimentare, a vestirsi con abiti she first started experimenting and mitico apparecchio televisivo Algol, memoria, ingresso video Scart, ‘electrocabinet’ had been borrowed
autoconfezionati, a crearli prima per i wearing clothes she made herself, che Sapper e Zanuso hanno SVHS, A/V e telecomando from other domestic objects.
familiari e poi per tutti. Un filo diretto created first for her family and then pensato, già nel 1964, ‘disassato’ e ergonomico multifunzione… come Housed in Sapper and Zanuso’s
con il mondo della vela, dove il tessile for all. There was a direct link with the “rivolto verso di noi”, rompendo la una Cinquecento FIAT di Giacosa historic shell, complete with its trusty
è il motore, con progetti per scafi sailing world, where textile is the ieraticità della postazione televisiva catalizzata, con freni a disco, airbag, big handle, is a revitalised electronic
ormai storici (Naj Oleari Tomahawk, driving force, with designs for famous per suggerirne una nuova e più libera navigazione satellitare, che sfreccia a unit made at Seleco’s Pordenone
Bribon, Longobarda). Poi, da yachts like Naj Oleari Tomahawk, fruizione. Con Algol il ‘movibile’ 150 chilometri all’ora. plant. The colours are the classic
bergamasca, gioca in casa: entra nel Bribon and Longobarda. Next she televisivo diventa veramente mobile Back to the Brionvega myth orange sun, midnight black and
Gruppo Radici realizzando la prima worked in her native Bergamo and e soprattutto spezza le catene di una Playing around with the words of a moon grey.
monografia e l’immagine coordinata joined the Radici Group, producing condizione mimetica, che sino ad story-teller’s tale, Brionvega has With its HQ Black Matrix kinescope,
aziendale. Poi altre esperienze the company’s first monograph and allora aveva visto mutuare da altri come up with a technologically wide band loudspeaker, video
progettuali – anche didattiche con corporate image. Numerous other oggetti domestici le forme di questo innovative remake that “says new optimisation, 100 programmes and
Domus Academy – in giro per il design experiences followed – also ‘elettromobile’. things in old clothes”. The article all TV channels, 8-page memory TXT,
mondo in California e nell’amata didactic with Domus Academy – in All’interno dello storico guscio di selected for rebirth is the mythic video Scart connection, SVHS, A/V
Australia ma sempre riferite in places as far off as California and her Sapper e Zanuso, corredato Algol television set, which way back and multifunction ergonomic remote
qualche modo al ‘morbido’: come si beloved Australia, but always in some dall’immancabile maniglione, in 1964 Sapper and Zanuso had control… it is like a catalytic Fiat
legge anche dall’ultima prova, gli way related to ‘softness’: as can also alloggia una rivitalizzata parte Un nuovo cuore tecnologico per la
proposed as “off-centred” and Giacosa 500 fitted with disk brakes,
“abiti addomesticabili” della be seen from the “domesticated elettronica, realizzata negli mitica Algol Brionvega “addressed to us”, thus departing airbag and satellite navigation,
collezione primavera-estate 2001, clothes” from her 2001 spring- stabilimenti Seleco di Pordenone; i A new technological hart for the from the solemn television box to whizzing past at 150 kilometres an
creati dall’alchemico accostamento summer collection. These are created colori sono quelli classici: arancione mythic Algol, by Brionvega suggest a new and more freely hour.
di materiali poveri e tessuti preziosi by an alchemical matching of poor
(sete, lini, cotoni, strofinacci, garze di materials and precious fabrics and
lana e lino) e legati al tema della
cucina, luogo di unione e
linked to the theme of the kitchen as
a place of togetherness and sharing.
L’artista dell’ “abitare al cubo”
condivisione. Ma non solo abiti: She designs not only clothes, but Existenz-minimum non è più solo uno musei perseguitano il visitatore – Living in a cube Existenz-minimum a wardrobe. Unlike the various works
anche biancheria, grembiuli e tovaglie also household linen, that celebrate slogan modernista ma una obbligato ad attraversare decine di is no longer just a modernist slogan, and installations that persecute
che esaltano le forme di cucine the forms of technological or condizione abitativa vissuta più o magic box di varia esperienza but a living condition, experienced visitors to museums, in particular,
tecnologiche o tradizionali, presentati traditional kitchens, as presented last meno volontariamente da una parte abitativa – questo non è però un more or less voluntarily by a growing forcing them first to look with
lo scorso autunno con un happening autumn at a happening in the new crescente della popolazione urbana. assemblaggio temporaneo di percentage of urban populations. It suspicion and then to step through
Sono abiti addomesticabili quelli della nuova collezione di Daniela Gregis nel nuovo show-room di Bulthaup in Bulthaup show-room in Via Al giovane-creativo-webdipendente materiali: ma piuttosto un vero will in all probably fall to the lot of dozens of magic boxes of
“Domesticated” fashion from Daniela Gregis’s new collection via Borgonuovo a Milano. Borgonuovo, Milan. ma ancora affezionato al cuore delle progetto industriale, accuratamente young-creative-web-addicted miscellaneous living experiences, this
città (quello storico centrale o quello studiato per modularità, qualità ed persons, attached as they may be to is not a temporary assemblage of
decentrato continuamente ricreato da economicità delle componenti. Tanto the hearts of cities (the central materials. It is a real industrial project,
Meda serve il design in tavola ondivaghe speculazioni fondiarie)
assai probabilmente toccherà in sorte
è vero che Huber è riuscito a
declinare successivamente la sua
historic one or the continually
decentralised one re-created by
carefully worked out in the modularity,
quality and value for money of its
Alberto Meda debutta con Alessi con cibi: senza l'ingombro di fili elettrici a del cibo e della preparazione della meal, with no tiresome electric wires di spendere una cifra esorbitante per prima realizzazione (destinata all’uso waves of real estate speculation), to components. Huber in fact went on to
un elettrodomestico “energy intralciare l’ordine della tavola tavola. to spoil the set table. The object’s una superficie calpestabile di meno di da parte di un’amica in un piccolo spend exorbitant sums on a floor adapt his first realised work (for a
conscious”, ossia attento alle imbandita. La forma semplice Meda puts design on the table simple shape favours neither side in 50 mq, balcone sulla vita pulsante del appartamento di città) in una serie di surface of less than 50 sqm, and a female friend in a small city flat) to a
tematiche del risparmio energetico, dell’oggetto non ha un lato Alberto Meda makes his debut at particular: during recharging it quartiere preferito. Non sembra allora zone servizi nelle camere dell’Hotel balcony overlooking their favourite series of service zones in the rooms
per sollecitare i consumatori in genere privilegiato d’uso, nella fase di ricarica Alessi with an energy-conscious remains ‘upside-down’, with its astrusa l’idea di David Ambrosius Blech, recentemente ultimato a Wald. district. In this context David of the Hotel Blech, recently built at
attratti dalle forme estroverse degli si usa ‘rovesciato’, con i fori della appliance, to win over consumers power socket clearly visible and Huber, artista/architetto zurighese L’intenzione artistica dell’autore, Ambrosius Huber, an artist/architect Wald.
oggetti verso ‘altri’ comportamenti di presa di corrente ben in vista e più generally more interested by the more accessible; whilst the other way che, dalle sue esperienze di ricerca aiutato qui nel design da Gabi Faeh, from Zurich, does not seem all that The designer’s artistic intention,
consumo. Assecondando la accessibili: una volta capovolto extrovert forms of objects, than by up, it becomes a pedestal to put the sulle forme geometriche sculturali, ha non è però dimenticata, tanto meno abstruse with his idea for a living helped here by Gabi Faeh, is not
vocazione all’invenzione che anima la diventa il piedistallo su cui appoggiare devices which can modify consumer food on. ricavato una fissazione per il cubo: nascosta: una serie di tubi al neon in cube. Through his experimental however forgotten, and certainly not
sua ricerca sul progetto, Alberto Meda le vivande. Come sempre la mano behaviour. True to his vocation for As always, Meda’s light touch plays volume egualitario per eccellenza, diversi colori, adeguatamente research on sculptural geometric hidden: a batch of neon tubes, in
ha tradotto una particolare tecnologia leggera di Meda sorvola sulla tecnica inventive design, Alberto Meda has down the technical aspect of the con cui misurare la sua progettualità programmati per l’accensione, forms, he developed a fixation with various colours and programmed to
per accumulare energia in uno (da cui pure prende spunto il progetto) harnessed a particular technology to design (even though it started from facendo rientrare in 2,4 metri “al permette alla forma perfetta di the cube. Against that egalitarian be turned on, allow the perfect form
scaldavivande che, una volta come fatto da ostentare, per fare accumulate energy in a hotplate. there) and makes few concessions to cubo” i servizi essenziali (bagno e emanare differenti suggestioni con il volume par excellence, he measured to emanate different suggestions
‘alimentato’, rilascia per tutta la poche concessioni al gusto corrente When ‘charged’, the plate releases current taste. Instead he emphasizes cucina) e anche un guardaroba. variare della miscela cromatica, his design strength by getting a 2.4- according to the changing colour
durata del pranzo il calore necessario ed affermare invece la priorità della the necessary heat to keep food at the priority of a form sensitive to the Diversamente da realizzazioni e secondo il piacere dell’ospite e/o del metre ‘cube’ to contain essential mixture and to the pleasure of the
a mantenere nella giusta temperatura i forma, come fatto sensibile ai rituali the right temperature throughout the rituals of food and to the table. installazioni varie che soprattutto nei suo/a accompagnatore/trice. living services (bath and kitchen) and guest and/or his/her companion.
Nessuna concessione alle forme di Un cubo abitabile, cromaticamente

Fotografia di/photography by Bruno Mancia


moda e un elettrodomestico “energy modulabile e superaccessoriato,
conscious”, che funziona a inerzia realizzato da David Ambrosius Huber
termica, senza fili (con Gabi Faeh), concretizza nuove
Alberto Meda’s hot plate for Alessi esigenze dell’abitare
concentrates on performance rather A habitable, colour-changeable cube
than styling equipped with all manner of
accessories and designed by David
Ambrosius Huber (with Gabi Faeh),
turns new living demands into reality

30 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 31


Seguendo le tracce del museo in movimento Quel che resta dell’Expo
Hannover 2000, a un secolo e mezzo Architettura della Bassa Sassonia in The remains of Expo Sapienza” University in Rome, the
dalla prima Great Exhibition Buxtehude e Centro Studi Hanover 2000, a century and a half Special School of Architecture at
londinese, ha inconsapevolmente Interdisciplinari sull’Architettura e after the first Great Exhibition, in Buxtehude in Lower Saxony, and the
decretato la fine del modello di Expo l’Ambiente di Proceno). Ne sono London, has unwittingly spelt the end Proceno Centre for Interdisciplinary
universale, nonostante il tema (il scaturite cinque idee di progetto, of the world Expo model – despite Studies on Architecture and
rapporto tra uomo, tencologia e tutte plausibili ma cariche al the theme (the relations between Environment).
ambiente) e nonostante l’Expo fosse contempo di forti implicazioni man, technology and the This produced five project ideas, all
istruita da un progetto politico, volto problematiche. environment), and although the Expo of them plausible but also fraught
a evitare gli scempi e le dismissioni I cinque progetti – che spaziano dalla is guarded by a political project with challenging problems.
dei precedenti siti espositivi. L’aver rinaturalizzazione del sito alla designed to avoid the havoc and The five projects – ranging from the
individuato uno dei più grandi e trasformazione dell’area dell’Expo in abandonment wrought by earlier re-naturalisation of the site to the
funzionali siti fieristici attivi (la fiera di uno spazio aperto “Expo memorial”, exhibition sites. The fact that one of transformation of the area into an
Hannover), l’aver considerato la alla messa a punto di modalità di the largest and most functional active “Expo memorial” open space, and to
riconversione dei nuovi spazi è forse riconversione delle attrezzature trade fair sites (that of Hanover) has procedures to convert present
una voce con segno positivo nel presenti – sono coordinati da Hector been picked, and that the conversion equipment – are coordinated by
bilancio di una manifestazione, la Fernandez Elorza (Madrid), Kathrin of new spaces has been considered, Hector Fernandez Elorza (Madrid),
prima del genere in Germania, Freienstein (Stoccarda), Filippo perhaps bodes well for this event, Kathrin Freienstein (Stuttgart), Filippo
altrimenti fallimentare. Lambertucci (Roma), Anna Laura the first of its kind in Germany, which Lambertucci (Rome), Anna Laura
L’Ente Expo, attivo con il Progetto Petrucci e Roberto A. Cherubini has in other respects been a flop. Petrucci and Roberto A. Cherubini
NILEG, ha per tempo commissionato (Berlino-Roma). The Expo Board, with its active (Berlin-Rome). The results of this
un contributo di idee sul tema I risultati di questo lavoro, già NILEG Project, commissioned in operation have already been
riconversione a Roberto A. Cherubini presentati al pubblico sotto forma di good time a contribution of ideas on presented to the public in the form of
e Bruno Kauhsen, per tre istituti di proiezioni multimediali, saranno the conversion theme from Roberto multimedia projections, and will be
ricerca europei (Dipartimento di oggetto di una prossima A. Cherubini and Bruno Kauhsen, for the subject of a forthcoming
Caratteri degli Edifici e dell’Ambiente pubblicazione curata dalle Istituzioni three European research bureaux publication by the scientific institutes
Nell’estate dell’anno prossimo, la tipografico, tramite un generoso uso appositamente prodotto. Tamaguchi is completed. But while dell’Università di Roma “La scientifiche coinvolte e patrocinata (The Department of Building and involved, and under the patronage of
sede di Manhattan del Museum of del colore, principalmente celeste, e Keeping track of the moving its original home for more than 70 Sapienza”, Scuola Speciale di dall’Expo. Environment Characteristics at “La the Expo.
Modern Art di New York verrà chiusa, per venire incontro a coloro che sono museum In the summer of next years is temporarily out of action,
per consentire il completamento del ancora incerti riguardo alla precisa year, New York’s Museum of MoMA has no intention of being
radicale ampliamento progettato
dall’architetto giapponese Yoshio
ubicazione del MoMA, la mappa della
zona è diventata uno degli elementi
Modern Art will close its Manhattan
building while its radical new
forgotten. It will be moving its
exhibitions programme to a factory
Metro su gomma per Torino
Tamaguchi. Mentre quella che per più principali nel design di borse, extension, designed by the in Queens, converted for the Una metropolitana su gomma? La possibilità di superare pendenze Giochi olimpici invernali del 2006. the VAL (Automatic Light Vehicle)
di settantanni è stata la sua casa è cancelleria, e materiale promozionale Japanese architect Yoshio purpose by Los Angeles architect mente corre ai lamentosi pneumatici superiori al 10% (limite massimo per www.satti.it/sattimetro.html system. This has been designed and
temporaneamente fuori uso, il MoMA Michael Maltzan. delle ‘vecchie’ linee parigine, dove la le ruote in ferro), notevole riduzione Metro on rubber for Turin An developed by Matra Transport
non ha però nessuna intenzione di And to make sure that people can’t gomma corre obbligata su binari di delle vibrazioni. Sui 9600 metri della underground railway on rubber? The (Siemens Group) to state-of-the-art
essere dimenticato. Il museo miss its new location out in Long cemento. Non si tratta di noblesse linea sono previste ventidue stazioni, mind turns to the plaintive noises of technology reached in a thirty-year
sposterà il suo programma di mostre Island City, in Queens, a new graphic oblige nei confronti di FIAT (peraltro il cui progetto base è stato redatto the ‘old’ Paris lines, where rubber is history of underground railways on
in una fabbrica nel Queens, identity has been commissioned impegnata nella realizzazione della dallo studio Bernard Kohn & forced to run on concrete rails. It’s tyres. Among the characteristics of
appositamente adattata from Base, a design consultancy Metropolitana Automatica di Torino), Associati (60 metri di lunghezza per not a question of noblesse oblige by this type of urban transport are the
dall’architetto di Los Angeles Michael from Brussels. quanto di una scelta consapevole, 19 di larghezza). La capacità di FIAT (which is in any case pledged to train’s narrower width (2.08 metres),
Maltzan. E per essere sicuri che il Moma’s familiar logo is still there, che ha individuato il miglior trasporto a pieno regime (con treni build the Turin Automatic automatically controlled brakes, the
pubblico non manchi la nuova sede with the addition of QNS; as a compromesso per la linea 1 della ogni 2 minuti negli orari di punta) è Underground), but rather, of a possibility of running on gradients of
di Long Island City, una nuova somewhat breathlessly fashionable metropolitana torinese Rivoli- prevista attorno alle 23 mila unità per deliberate decision to pick the best more than 10% (the maximum limit
identità grafica è stata way of hinting at the museum’s Collegno-Porta Nuova-Lingotto- direzione ogni ora. compromise for Line 1 on the Rivoli- for iron wheels), and notably
commissionata a Base, studio di temporary address in what has never Nichelino nel sistema automatico La messa in servizio è prevista per Collegno-Porta Nuova-Lingotto- decreased vibration.
consulenza di design a Bruxelles. La been one of New York’s more VAL (Veicolo Automatico Leggero), novembre 2005, scadenza utile per i Nichelino Turin Underground using The 9600 metres of line will take in
nuova soluzione presenta l’ormai fashionable boroughs. To underscore progettato e sviluppato da Matra twenty-two stations (60 metres long
familiare logo del MoMA con the distinct identity of the new Transport (Gruppo Siemens), sulla by 19 wide), the basic design of
l’aggiunta di QNS: un modo chic, location, the type has been base degli ultimi ritrovati tecnologici which has been drafted by Bernard
anche se un po’ affannoso, per transformed with the liberal use of della trentennale storia delle Kohn & Associates. Full transport
indicare la sistemazione temporanea colour – mainly baby blue; and to metropolitane su pneumatici.Tra le capacity (with trains every 2 minutes
del museo in quello che non è mai help out those who are still unsure of caratteristiche di questo tipo di at peak times) is expected to be
stato uno dei quartieri di moda della MoMA QNS”s exact location; maps trasporto urbano le contenute around 23,000 people per direction
città. Per sottolineare la precisa form a prominent element on dimensioni in larghezza del treno per hour. Service is due to start by
identità della nuova sede è stato specially produced bags, stationery, (2,08 metri) accelerazioni November 2005, in time for the
modificato anche il carattere and vehicle livery. automaticamente controllate, la Winter Olympics of 2006.
Lo studio Base ha mantenuto Lo schema di una stazione tipo
sostanzialmente la grafica originale, della nuova metropolitana di Torino,
adattandola alla sede temporanea che avrà treni di tipo VAL (Veicolo
Base have manteined the original Automatico Leggero)
graphic identity of the museum but Typical station for Turin’s new metro
adapted it for its temporary home system, which will have light,
automatic trains

32 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 33


Nostalgie berlinesi Un cd-Rom con Danese
La diffusa condizione nomade pare increasingly often, an art gallery – Qualche anno fa Jacqueline Vodoz e responsabile del singolo spazio catalogue and its account of the
per molti, gitani a parte, più un perhaps due to lingering memories of Bruno Danese hanno incontrato virtuale; e un passero che saltella, ideal path that led to digital
obbligo che una scelta: scopritori di the walls of houses, which nearly alcuni giovani artisti. A loro hanno avvicina e allontana, che indica expressions and interaction, after
talenti, musicanti, attori, turisti, always have a few pictures hung on affidato qualche incarico, come riflessioni distanti nello spazio ma having discarded the possibility of an
fuggitivi da sé o dagli altri, sono them. The “art hotel” type, however, capita nella normale attività di pertinenti: insomma un elastico che exhibition in the Association’s rooms,
accomunati dal desiderio di ritrovare is so ubiquitous that even un’associazione come quella che annoda vari chiodi a formare figure, “… How could such a varied space,
tratti d’umanità domestica (talvolta SuperStarck couldn’t resist satirising porta il loro nome e che in un certo soprattutto retoriche. Alla fine la spread over two floor levels, ever be
rari perfino nelle case) un po’ it, with the false Vermeers of his senso prosegue nell’austero palazzo multimedialità s’è rivelata risorsa inhabited by works attempting to
ovunque. Così l’albergo, anche nelle rooms at the Paramount in New York. di via Santa Maria Fulcorina il lavoro preziosa ed esperienza stimolante questions the issues of habitation?”
menti acute dei grandi strateghi And so, within the complex scene iniziato tanti anni fa, nella galleria di per tutti. FP Various proposals were aired: to give
immobiliari, è proprio il luogo ideale created for the recent Grand Hyatt in Piazza San Fedele. Oggi, Bruno e A CD-ROM with Danese A few a soul to each separate room, or to
di continue trasformazioni, pronto a Berlin by Rafael Moneo and Hannes Jacqueline si trovano a sostenere years ago Jacqueline Vodoz and run a narrative through the rooms
diventare secondo orari e gusti Wettstein (the former having done the con la loro associazione il lavoro di Bruno Danese met some young collectively? And would they all be
ufficio, ristorante, bisca, cabaret e, architecture in the heart of the quei giovani artisti, che piano piano artists and, after a while, entrusted involved each time in that soul or
sempre più spesso, anche galleria Potsdamerplatz area, and the second sono diventati un gruppo di sette them with the odd job or two. As would each interpret one soul?
d’arte: forse per quell’antica memoria being the interior designer), the (Piero Almeoni, Biagio Bagini, indeed might be expected from an Crisis. How about looking for
per cui nelle case, alle pareti, ci sono ‘artistic’ project leaders Klaus Manuela Cirino, Roberto Marossi, association like the one that bears somewhere else? Yes, but where? In
quasi sempre uno o più quadri. La Leuschel and Sophie Ott had to lay Marcella Moia, Mauro Panzera, their name and which, in the austere electronics of course. In the virtual.
tipologia dell’“art hotel”, è però the emphasis on sophistication, with Marco Tami); insieme hanno pensato palazzo of via Santa Maria Fulcorina, Each declension of inhabitation finds
talmente diffusa che perfino works distributed on two different di raccogliere i frutti delle ricerche is, in a sense, a continuation of the its free position, its free
SuperStarck non è riuscito a levels: in the spacious halls, nate da quest’incontro nelle forme di work begun many years ago at their development. Moreover, it was
trattenersi dal satireggiarla, con i falsi installations, such as the large un cd-rom interattivo. Il titolo: Il gallery in Piazza San Fedele. discovered that the declensions
Vermeer delle sue stanze al gestural mural by Otto Zitko or the guardiano e il passero. “La parola Passero e guardiano virtuali Bruno and Jacqueline and their could be opened up, and how! A
Paramount di New York. Così che per writing “Be Amazing!” by Sylvie d’ordine, da subito, è stata abitare!” Virtual guardian with sparrow association eventually found meeting became a hospitality for
la complessa messa in scena ordita Fleury; and in the many rooms, ricorda Mauro Panzera themselves supporting the work of ideas, indications, doubts. A real
nel recente Grand Hyatt di Berlino da smaller but no less stylish works, nell’introduzione del catalogo che tutti ogni volta o ciascuno those young artists, who in the dialogue between two rhetorical
Rafael Moneo e da Hannes Wettstein scattered nonchalantly about the accompagna l’opera, raccontando il interpretava un’anima? Crisi. E meantime had gradually formed a functions: a guard, who is the
(il primo progettista dell’architettura day, night and service zones… The percorso ideale che ha portato alla cercare un luogo altro? ma che vuol group (Piero Almeoni, Biagio Bagini, conscience of the artist responsible
in piena area Potsdamerplatz, il vaguely prison-like plan of Moneo’s forma del digitale e dell’interazione, dire, dove? Nell’elettronica. Virtuale. Manuela Cirino, Roberto Marossi, for each single virtual space; and a
secondo designer degli interni), i architecture is thus tempered by the scartando l’ipotesi di una mostra Ciascuna declinazione dell’abitare Marcella Moia, Mauro Panzera, sparrow that hops about, comes
responsabili del progetto ‘artistico’ pleasantness of interiors in a neo- nelle stanze dell’associazione. È mai trova libera collocazione, libero Marco Tami). And together they close and moves away, indicating
Klaus Leuschel e Sophie Ott hanno international style, fundamentally possibile abitare uno spazio molto sviluppo. Si scopre che le decided they might gather the fruits reflections distant in space but apt:
dovuto puntare su una maggiore rigorous in their darker tones, but articolato e su due piani con opere declinazioni si aprono, eccome! of their encounter, in the shape of an in short, an elastic band tying
sofisticazione, allestendo le opere su enlivened by the textures and colours che si interroghino sull’abitare? Incontro che diviene ospitalità di interactive CD-ROM. Its title: together a variety of nails to form
due piani diversi: nei vasti spazi of paintings, drawings and a few Nacquero varie teorie: dare un’anima idee, di indicazioni, di dubbi. Un vero The Guardian and the Sparrow. “The mainly rhetorical figures.
comuni vere e proprie installazioni, chosen objects. Meanwhile the book, ad ogni singola stanza, oppure dialogo allora cui concorrono due password, right from the start, was In the end multimedia proved to be a
come il grande murale gestuale di edited by Klaus Leuschel and narrativamente attraversare le funzioni retoriche: un guardiano, che ‘inhabit’!”, recalls Mauro Panzera in valuable resource and an exhilarating
Otto Zitko o la scritta “Be Amazing!” published by Birkhauser, relies stanze? E all’anima si concorreva è la coscienza dell’artista the introduction to the CD-ROM experience for all. FP
di Sylvie Fleury. Nelle molte stanze mainly on photographs by Helen
invece opere più piccole ma non Binet to illustrate this theory for
meno sofisticate, sparse con
noncuranza nelle zone giorno, notte,
instant paradise, whilst obviously Programmata e Cinetica a Parma
respecting the hierarchies. Thus the
office… L’impianto vagamente semplici ma efficaci stampe di foto to be more of an obligation than a guest will pass from the simple but “Arte Programmata e Cinetica in quali, tra gli altri, Garcia Rossi, “Programmata e Cinetica” The Italians are joined by foreign
carcerario dell’architettura di Moneo del Bauhaus nelle stanze standard, choice. Talent-scouts, musicians, effective prints of Bauhaus photos in Italia, 1958-1968” è la rassegna su Molnar, DeMarco, Soto, Morellet, Le in Parma The Galleria Niccoli is host artists, too, such as Garcia Rossi,
si stempera così nella piacevolezza ai costosi ensemble di mobili e actors and tourists, escaping from the standard rooms, to the lavish uno dei movimenti più importanti e Parc, Vasarely. until 19 March 2001 to the exhibition Molnar, DeMarco, Soto, Morellet,
degli interni neo-international style, lampade cult – mescolate ad themselves or others, are united by a ensembles of cult furniture and non adeguatamente riconosciuti del In mostra anche una selezione di “Programmed and Kinetic Art in Italy, Le Parc and Vasarely.
fondamentalmente rigorosi nei toni acquerelli di Gunther Forg, peluche desire to rediscover the familiar signs lamps – mingled with watercolours Secondo Dopoguerra, curata da oggetti di design influenzati dalle 1958-1968”. Presenting one of the Also on view is a selection of design
scuri, ma ravvivati grazie e texture e di Fleury, litografie di Imi Knoebel – of domestic humanity (sometimes by Gunther Forg, fluffy toys by Fleury Marco Meneguzzo: presenta una tendenze cinetiche e programmate most important but poorly objects influenced by kinetic and
colori di quadri, disegni e pochi scelti nelle suite da 150 metri quadri in su: rare even in houses) in different parts and lithographs by Imi Knoebel – in sessantina di opere (molte delle quali (curata da Anty Pansera), forse in recognized postwar movements, the programmed trends (curated by
oggetti. Il libro curato da Klaus queste ultime, in fondo, non molto of the world. Thus the hotel, also in the suites of 150 square metres non più accessibili da quegli anni, cosciente opposizione alle istanze show is curated by Marco Anty Pansera): perhaps in conscious
Leuschel, pubblicato da Birkhauser dissimili dalle decine di ambienti the acute minds of the real estate upwards. appartenenti a collezioni private) del movimento, che a detta dei Meneguzzo and comprises some opposition to the tenets of the
ricorre soprattutto alle fotografie di ‘normali’ di cui pullulano ormai musei moguls, is truly the ideal place of The latter moreover, are not really all realizzate da Bruno Munari, Enzo protagonisti non poteva e non sixty works (many of which had not movement, whose protagonists
Helen Binet per mostrare questa e gallerie d’arte contemporanea. constant transformation; ready to be that dissimilar to the countless Mari, Getulio Alviani, i gruppi Mid doveva assumere per la produzione been seen since the ‘60s) by Bruno declared it could and should not
ipotesi di paradiso istantaneo, Homesick in Berlin Today’s turned, according to the hour and ‘normal’ interiors that have sprung up (Barrese, Grassi, Laminarca, gli stilemi artistici, e che si spense Munari, Enzo Mari, Geltulio Alviani, adopt artistic idioms in its output,
ovviamente rispettoso delle widespread nomadic condition tastes, into an office, restaurant, everywhere by now in contemporary Marangoni). proprio per la proliferante “pletora and the Mid groups (Barrese, Grassi, and which fizzled out precisely due
gerarchie. Per cui si passerà, dalle seems for many, apart from gypsies, gambling den, cabaret and also, art museums and galleries. Accanto agli italiani anche stranieri degli imitatori”. Laminarca, Marangoni). to a “plethora of imitators”.
All’Hyatt di Berlino, stanze come Gruppo MID Design, illustrazione da
installazioni d’arte aggraziate da cartoncino augurale, 1967/1968: alla
icone del design italiano Galleria Niccoli di Parma,
Rooms as art environments with fino al 19 marzo 2001
italian design icons, in the Grand MID Design’s greetings card for new
Hotel Hyatt, Berlin year 1967/1968, one of the exhibits on
show at the Niccoli Gallery in Parma

34 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 35


Il monumento nel museo Quando perse la biblioteca,
il British Museum si ritrovò con un vuoto proprio al
centro. Norman Foster è intervenuto nella grande corte,
preservando la sala di lettura frequentata da Marx,
Gandhi e Trockij. Testo di Deyan Sudjic
The monument in the museum When it lost its library,
the British Museum was left with a hole in its heart.
Norman Foster has restored its great courtyard,
while retaining the reading room used by Marx,
Gandhi and Trotsky. Text by Deyan Sudjic
Fotografia di/Photography by Richard Bryant/Arcaid
e/and Nigel Young

Domus Febbraio February 2001 37


Per sua natura il British Museum non è Grande Corte, riempiendo nuove gallerie di esposizione. Dopo lontana da quella che Smirke aveva
mai stato un’istituzione statica. Nei paradossalmente il museo senza appena sette anni dal completamento, inteso creare all’origine. Il pubblico si
suoi duecentocinquant’anni di vita ha riempirlo. Il risultato è ora uno dei siti la corte fu ‘colonizzata’ da Panizzi, per sposta dal piazzale da lui costruito su
continuamente cambiato forma e urbani più notevoli di Londra: è un la costruzione della famosa sala di Great Russell Street al trionfale
aspetto, anche se ha acquisito quella esempio di espansione-contrazione, lettura circolare progettata dal fratello colonnato che orna la facciata del
spessa ‘crosta’ di tradizione che dà quasi un modello dettagliato e di Smirke, Sydney. museo, fino alla hall d’ingresso,
l’illusione di una struttura funzionante della teoria del Big Bang. Per centocinquant’anni questa sala di riccamente dipinta e ora restaurata
conservatrice. Si è sviluppato In principio c’era il nulla. Nessuno lettura è stata uno dei siti sacri agli secondo i colori voluti da Smirke, in
partendo da varie e disparate credeva nell’idea di una struttura studiosi, un esempio spettacolare di una improvvisa esplosione di luce e di
collezioni private – curiosità aperta a tutti “per l’istruzione e la tecniche costruttive avanzate: ma la spazio sotto una straordinaria
naturalistiche, esemplari rari, dipinti, gratificazione del pubblico”, come sua struttura di ghisa fu via via copertura ‘fluttuante’ di vetro e
medaglie, libri – per diventare uno recita lo statuto di fondazione del nascosta da aggiunte meno che acciaio, attorno al tamburo della sala
straordinario deposito di reperti British Museum. Poi improvvisamente mediocri, cataste di libri, uffici, zone di di lettura e fuori sull’altro lato.
archeologici e poi cambiare ancora – e apparentemente senza preavviso – servizio che finirono per occupare tutti C’è poi naturalmente il problema di
una volta e trasformarsi nella più le nuvole vaganti si fusero in una gli spazi della corte. Anche il museo, come trattare un monumento storico
illustre biblioteca del mondo. esplosione che creò l’universo. erano scortati attorno a Montagu gli amministratori cominciarono a nonostante la magnificenza importante come il British Museum e
Eppure al tempo stesso ha portato in Il Big Bang è rappresentato dal House da guardie che li spingevano capire che ampliare Montagu House dell’ingresso principale con il di come e fino a che punto è possibile
sé i germi della propria decadenza. momento in cui, nel 1753, alla Camera dentro il più in fretta possibile, li non sarebbe più stato sufficiente. Era colonnato ionico, andò perdendo la garantirne l’autenticità. La corte
La continua espansione ha prodotto dei Comuni passò un atto del lasciavano passare attraverso il inevitabile costruire un nuovo edificio chiarezza della pianta originale di rimase nel suo stato originale solo per
un’implosione. Da tentativo di Parlamento che accettava il lascito di gruppo delle giraffe impagliate sulla e nel 1823 fu chiesto a Sir Robert Smirke. Certo Smirke non aveva sette anni, fra il 1847 e il 1854: era più
collezionismo eclettico e universale una caotica collezione, messa insieme scalinata principale, quindi attraverso Smirke di progettare una struttura previsto sei milioni di visitatori l’anno, grande di una piazza londinese tipica,
quale era all’inizio, a causa della da Sir Hans Sloane, celebre medico e le gallerie delle monete e dei libri, e poi adeguata. Fu il primo passo di quella e tuttavia la grande corte funzionò avendo un’estensione di circa ottomila
continua crescita è andato scienziato appassionato. Prima di subito li ricacciavano in strada. vera e propria esplosione di egregiamente per molto tempo come metri quadrati; ma secondo
inevitabilmente verso una morire Sloane aveva completamente Era chiaro già da allora che i musei costruzioni museali che si verificò in struttura di disimpegno. Senza la l’assistente di Panizzi era uno ‘spreco’.
specializzazione sempre maggiore, riempito la propria casa e quella d’Europa erano istituzioni molto tutta Europa. corte, le gallerie di esposizione Un altro critico la definì il più bel
mentre la maggior parte delle accanto – acquistata per contenere i politicizzate, usate dai governi come Cominciò Leo von Klenze nel 1816 sarebbero diventate percorsi di “recinto in muratura d’Europa”.
collezioni specialistiche si staccava materiali che andava raccogliendo ‘prolungamenti’ della politica estera con la Gliptoteca di Monaco di circolazione affollati dai visitatori che Il pubblico non era ammesso a questo
dall’organismo originale. Nel 1837, senza sosta – di piante esotiche, frutti, nella lotta per le supremazie nazionali. Baviera; nel 1823, Schinkel progettò volevano passare da una parte all’altra che, a detta di altri, non era invece che
quasi nello stesso momento in cui coralli, minerali, felci, conchiglie, Per fare un esempio, Luigi XIV era così l’Altes Museum di Berlino. La del museo. una “sentina di malaria, un
veniva in possesso dei Marmi Elgin fossili, monete, medaglie, antichità smanioso di assicurare alla Francia i questione delle reciproche influenze è Norman Foster vinse il concorso pestilenziale pozzo di cattivi vapori”.
sottratti in Grecia, il British Museum classiche e medioevali, libri. manoscritti di Cotton che chiese al stata oggetto di un notevole dibattito bandito nel 1993 per la corte centrale. Un tempo la corte era simmetrica e
rinunciò ai dipinti, per dare vita alla La collezione di Sloane venne fusa con nipote di questi di fissare un prezzo e nel corso degli anni, e la ragione non Gli amministratori e i responsabili del aveva un portico al centro di ogni lato.
National Gallery. Nel 1863 gli quella di Sir Robert Cotton, altro gli offrì il titolo di duca. Così anche gli ultima fu che il progetto di Smirke non museo avevano dedicato parecchio Ma il portico sud fu distrutto per
esemplari di piante rare, le collezioni accanito collezionista specializzato in inglesi furono molto abili nel procurarsi venne pubblicato se non parecchio tempo a riflettere su come si potesse costruire la biblioteca. Oltre alle
di reperti geologici, di uccelli impagliati libri e manoscritti, fra i quali il Vangelo anche con la forza materiali per tempo dopo che i lavori di costruzione usare questo spazio e per che cosa. distruzioni causate dal proliferare delle
e di dinosauri andarono a creare il Lindisfarne, la Cronaca Anglosassone arricchire il museo: la stele di Rosetta erano cominciati e con l’andar del Volevano riportare nel museo le aggiunte precarie, ci furono anche i
Museo di Storia Naturale. I vuoti e addirittura la Magna Charta. Queste è soltanto uno dei molti pezzi che essi tempo subì notevoli modifiche. Ma è collezioni etnografiche che nel 1970 danni prodotti dai bombardamenti
furono riempiti dalla massiccia due collezioni furono acquisite dallo presero ai francesi quando Napoleone stato certamente il British Museum a erano state spostate in una struttura durante la seconda guerra mondiale.
espansione delle collezioni di libri e Stato e riunite, formando così il nucleo Bonaparte si arrese ad Alessandria. fissare il modello del tempio greco satellite; volevano spazi per le Messi di fronte al compito di ricostruire
documenti. Per un certo periodo del British Museum; dal Parlamento fu Oggi la rivalità è ancora vivace, anche classico, come archetipo per scolaresche, per le conferenze, per interesse storico o architettonico e esigenze del museo e ci si pose la un’architettura con una storia così
sembrò che l’acuto esiliato italiano autorizzata una lotteria per raccogliere se il British Museum, da istituzione generazioni di musei successivi. i magazzini e per tutti quei servizi – potevano essere eliminate. Foster domanda chiave: che fare del ‘guscio’ complessa, che cosa si deve fare?
Antonio Panizzi – il creatore di quella i fondi necessari e fu così acquistata soprattutto accademica e riservata E poiché i suoi tesori maggiori erano negozi, bar, ristoranti – che sono ormai vinse il concorso con un progetto lasciato vuoto dal trasferimento della Quanto bisogna restaurare, fino a che
che sarebbe poi diventata la British Montagu House, una dimora privata agli studiosi, è diventato un grande stati presi dal Partenone, come una parte irrinunciabile del museo molto più compatto di quello che è biblioteca? punto si può pretendere che il nuovo
Library – avrebbe occupato l’intero costruita nel 1675 sul sito dell’attuale punto di attrazione visitato, lo scorso avrebbe potuto non ispirarsi contemporaneo. stato poi costruito. Il progetto di Foster opera a tre livelli sia in realtà l’antico? Smirke voleva
museo. “Bisogna superare Parigi”: museo, e per i primi settantacinque anno, da sei milioni di persone. E la all’austera classicità di quel La sala di lettura era sacra e troppo Sopra la corte era prevista una nuova diversi. Ci sono innanzi tutto le una corte a cielo aperto: allora, per
con questa frase Panizzi faceva anni il British Museum espose le sue metamorfosi del cuore del museo monumento? carica di storia per pensare di copertura di vetro e all’interno della esigenze della città: scavando un rispettare l’autenticità storica, si
continuamente pressione sui suoi collezioni nel contesto essenzialmente realizzata da Foster può essere vista Nonostante l’impressione di stabilità demolirla. Si decise che sarebbe corte uno spazio destinato ai flussi auditorium per le conferenze e spazi sarebbe dovuto eliminare la sala di
assistenti, e il British Museum domestico di una grande residenza. come la risposta alla ristrutturazione che il linguaggio classico induce, diventata un pezzo in sé, una meta di circolatori: ma la sala di lettura doveva didattici per i bambini sotto il lettura? Oppure bisognava dissodare
effettivamente superò la Bibliothèque All’inizio del XIX secolo il museo, del Louvre operata da I.M. Pei per l’edificio di Smirke non è però mai pellegrinaggio per coloro che vogliono essere inserita in un complesso di pavimento della corte e alzando la il terreno e riservare questo spazio alla
Nationale, mentre le collezioni di libri e aperto al pubblico, era un luogo molto volere di François Mitterrand. La più stato statico. La pianta con una corte vedere il luogo in cui personaggi come nuove costruzioni, che sarebbero quota della stessa, fino a farla coltivazione di specie botaniche
documenti raddoppiavano ogni dieci diverso da quello attuale. La luce grande trasformazione architettonica centrale a cielo aperto consentì al Karl Marx e molti altri cambiarono il arrivate molto più vicino alle pareti combaciare con quella del piano esotiche, secondo la volontà iniziale
anni. Ma finalmente la biblioteca è artificiale all’interno delle sale era assai del British ebbe luogo quando, nel nuovo museo di prendere forma in corso della storia del mondo. Ma la della corte di Smirke. Così la corte non principale del museo, Foster ha di Smirke? Bisognava restaurare il
stata ‘espulsa’ dal museo e due anni fa scarsa e primitive erano le tecniche 1820, i Marmi Elgin furono acquisiti dal modo graduale, senza che mai fosse sala doveva avere anche una sua avrebbe più avuto lo stesso senso liberato l’interno della corte. Questo portico perduto nel modo esatto in cui
trasferita in un nuovo edificio costruito di divulgazione e di esposizione. governo britannico. Il museo era già necessario chiuderlo completamente destinazione d’uso, non poteva essere spaziale e da questo punto di vista si è diventato un grande spazio urbano, fu costruito, oppure bisognava
su progetto di Colin St John Wilson I visitatori dovevano essere muniti di allora così sovraffollato e caotico che i al pubblico. La realizzazione del puramente e semplicemente sarebbe impoverita. Soltanto quando parte di un percorso pedonale che ricostruirlo nello stile che Smirke
vicino alla stazione di St Pancras. un biglietto di ingresso per il quale marmi dovettero essere sistemati progetto di Smirke durò trent’anni e imbalsamata entro una gigantesca il progetto fu in corso di costruzione collega il Tamigi con il quartiere di avrebbe adottato se avesse avuto a
Il trasferimento lasciò un vuoto proprio potevano occorrere anche sei mesi di temporaneamente in un capannone questo permise di demolire Montagu scatola di vetro. Le aggiunte e diventò evidente la possibilità di creare Bloomsbury, a nord del museo. I disposizione il denaro necessario?
nel cuore del museo: uno spazio che attesa. A meno che non fossero prefabbricato. Viste le continue House pezzo per pezzo, a mano a superfetazioni cresciute nella corte qualcosa di più di un semplice visitatori possono ora godere di una Sappiamo che fino al 1833 Smirke
Norman Foster ha ricreato con la conosciuti dal personale del museo, aggiunte alla collezione archeologica, mano che venivano approntate le di Smirke non avevano invece alcun percorso per la gestione delle successione di spazi che non è molto aveva intenzione di costruire sui
Completato nel 1847, il museo aveva
in origine una corte aperta (sopra), che
dalla grande colonnata d’ingresso (a
destra) saliva verso la strada con un
bell’effetto estetico. Dopo soli sette
anni presero avvio i lavori per la
biblioteca (a sinistra) che inglobarono
lo spazio aperto
Completed in 1847, the original
museum had an open courtyard, above,
as a fitting aesthetic climax to the route
from the great entrance colonnade,
right. But it lasted only seven years
before work started on the library, left,
that would swallow it up

38 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 39


Foto/Photo Grant Smith/View

comunque non pretendeva che il


nuovo fosse niente di più che nuovo.
Nel British Museum non è realistico, e
probabilmente neppure desiderabile,
attendersi un esatto accordo di colore
fra una pietra che è rimasta per molti
decenni all’aria aperta e un’altra che
starà sempre in uno spazio interno
controllato e climatizzato.
L’altro dilemma importante che Foster
ha dovuto affrontare è stato cosa fare
dei muri esterni della sala di lettura.
In origine questi muri avevano un
rivestimento di mattoni e moderne
finestre rettangolari.
La prima idea di Foster prevedeva una
forma a ellisse alta due piani attorno
alla sala di lettura, che arrivava a sette
metri dal portico sud. Questa forma fu
poi modificata in un tamburo rotondo,
quattro lati principali della corte portici fiancheggiato da una coppia di
elaborati; ma ragioni di economia scalinate che si innalzano verso il
ridussero queste maestose strutture a cielo, con il ristorante che si protende
semplici fondali. a nord sulla copertura di un corpo di
La decisione finale fu presa da Foster alloggi aggiunto sulla facciata nord del
e dal suo partner Spencer de Grey, tamburo. Foster decise di rivestire di
quando il programma degli pietra il tamburo, in armonia con il
amministratori fu modificato in base al pavimento di pietra della corte. Questa
progetto che aveva vinto il concorso: scelta ha trasformato la corte da
secondo i due progettisti, se la nuova spazio d’uso a spazio di qualità
corte doveva apparire come uno formale, dal quale in estate si possono
spazio coerente e armonioso, avere visioni e prospettive di sole e di
occorreva ricostruire il portico nuvole che navigano nel cielo.
mancante. Non una copia esatta La copertura della corte è il terzo
dell’originale, ma un nuovo progetto elemento importante del progetto.
ideato da Foster per far fronte alla La sua struttura è il risultato di una
realtà contemporanea. La profonda sofisticata analisi (condotta con Buro
apertura centrale al livello superiore Happold e la consulenza di Chris
non ha alcun precedente storico. Williams, un matematico planimetria/site plan
La critica purtroppo non si è appuntata dell’Università di Bath): su tremila
sul dettaglio architettonico, bensì pannelli triangolari di vetro che la ambivano ventilarlo con sistemi che fa sembrare semplice fino al limite
sull’origine della pietra usata per la compongono non ce ne sono due naturali. Da un’analisi della situazione della ‘inevitabilità’ un progetto in realtà
costruzione: si è osservato che essa esattamente uguali. Il loro schema risultò che all’interno della corte ci si complesso e difficile. E questo
non proviene da una cava inglese, ricorda il rapporto che Foster ebbe a poteva aspettare una temperatura fino naturalmente è forse il più arduo fra
come sarebbe stato auspicabile per suo tempo con Buckminster Fuller. a 34°C. Sotto la pavimentazione di i compiti dell’architettura. All’atto
coerenza con l’originale, ma è una Più che una cupola in senso pietra è stata quindi installata una rete pratico la Grande Corte ha cambiato il
pietra francese, che per di più ha un architettonico, questa è una elegante di tubature per il raffrescamento, da modo in cui il pubblico visita e usa il
colore leggermente diverso. copertura, da cui sporge il tamburo usare in estate, mentre altra aria fresca museo. Ha ridotto la pressione sulle
Nel restauro architettonico della sala di lettura creando un proviene da griglie poste ai margini gallerie espositive e offre al visitatore
l’accuratezza storica è sempre stata modello complesso: il tamburo non si della copertura. D’inverno queste la possibilità di fare un’esperienza
un’arma a doppio taglio. William trova al centro di uno schema radiale e strutture possono essere usate per il diversa da quella tradizionale: gli
Morris fondò la Società per la la geometria dell’insieme non dà riscaldamento dell’aria. Sia d’estate consente cioè di vivere il museo come
Protezione degli Edifici Antichi allo l’impressione di linearità. che d’inverno, comunque, l’intento una sequenza di spazi architettonici e
scopo di scoraggiare progettisti La copertura è stata inoltre progettata non è quello di climatizzare l’intero non soltanto come una serie di gallerie
troppo entusiasti e privi di sensibilità. tenendo ben presente l’uso spazio, ma solo la fascia alta circa due di esposizione. Se tuttavia si pensa
Per Morris era importante non responsabile dell’energia per la metri in cui si muove il pubblico. alla storia del British Museum, è facile
guastare l’integrità dei frammenti climatizzazione. Lo spazio è studiato Il progetto finito è una dimostrazione prevedere che non sarà questo il
antichi superstiti. Egli era per il metodo in modo da accogliere fino a dello stile maturo di Foster, un’opera di modo ultimo e definitivo in cui esso
“della ricucitura e del rammendo” e venticinquemila visitatori e i progettisti architettura raffinata ed esemplare, verrà fruito.
La rimozione dell’ammasso di tettoie
che circondava la sala di lettura ha
riportato alla luce la corte originale (in
alto a sinistra). La nuova copertura in
vetro (a sinistra) l’ha trasformata in uno
spazio interno
Stripping away the clutter of low
sheds that circled the reading room
revealed the original courtyard, above.
The new glass roof, left, turned it into
an indoor space
Foto/Photo Nigel Young

40 Domus Febbraio February 2001


corte esterna/forecourt

sezione trasversale/cross-section

sezione longitudinale/longitudinal section


colonnata d’ingresso/entrance colonnade

biblioteca regia/King’s library

Grande Corte/Great Court

atrio d’ingresso restaurato/restored entrance hall

sala di lettura/reading room

Grande Corte/Great Court

auditorium

Grande Corte/Great Court

sala di letura/reading room

Grande Corte/Great Court

sala Elgin/Elgin room

gallerie esposizioni temporanee/temporary galleries


The monument in the museum working model of the big bang theory
In its very nature, the British Museum of the creation of the universe. In the
has never been a static institution. beginning there was nothing. Nobody
Throughout the 250 years of its believed in building a free museum
existence, it has continually changed “for the instruction and gratification of
shape and form, despite acquiring the the public”, as the British Museum’s
thick crust of tradition that gives the founding statutes specified. Then
illusion of conservatism. It grew from suddenly and apparently without
several disparate private collections of warning floating clouds of dust fused
natural curiosities, and specimens, to make the universe in a single
paintings, medals and books, to creative explosion. The Big Bang is
become the most significant represented by the moment in 1753
repository of archaeological remains in when the House of Commons passed
the world, before metamorphosing an act of parliament accepting the
once again into the world’s pre- bequest of a sprawling collection built
eminent library. up by the highly successful physician
And yet at the same time the museum and enthusiastic scientist, Sir Hans
has had within it the seeds of its own Sloane. Before he died, Sloane had
eventually decay. Continual expansion filled his house, and the one next door
has lead to subsequent implosions. that he bought to contain ever growing
From being an attempt at a universal numbers of exotic plants, fruits, coral, Livello mezzanino/Mezzanine level
collection of everything, growth mineral stone, ferns, shells, fossils,
inevitably lead to increasing coins, medals, classical and
specialisation. And most of those mediaeval antiquities and books.
specialised collections have spun out Sloane’s collection was fused with that
of the original institution. The British of Sir Robert Cotton, another avid
Museum gave up its pictures to collector who had specialised in
establish the National Gallery in 1837, books and manuscripts that included
about the same moment that it the Lindisfarne Gospel, the Anglo
acquired the Elgin Marbles. Its plant Saxon Chronicle and the Magna Carta.
specimens, geological collections, These private collections were
stuffed birds and dinosaurs went to acquired by the State and put together
create the Natural History Museum in to provide the core of the British
1863. The gaps were filled by the Museum. A lottery was authorised by
massive expansion of the British parliament to fund the housing of the
Museum’s collections of books and collection. Montagu House, a mansion
documents. For a while it seemed that on the site of the present museum
the brilliant Italian exile Antonio originally built in 1675 was acquired to
Panizzi, who created what eventually house the collections, and for the first
became the British Library, would 75 years, the British Museum showed
swallow the museum whole. “Paris its collections in the fundamentally
must be surpassed”, he would domestic setting of a great house. Livello sala di lettura/Reading room level
continually urge his assistants, as While the museum was free, and open
the British Museum overtook the to the public, it was, in the early 19th Europe’s museums were already from a primarily academic, scholarly
Bibliothèque Nationale, its collection century a very different place. There highly politicised institutions used by institution into a vast social magnet,
of books and documents redoubled was very little artificial light, little governments as extensions of foreign attracting almost six million visitors
every ten years. But finally the library attempt at explanation or display policy in the struggle for national last year. And Foster’s transformation
itself was expelled, and it moved two techniques. Visitors needed an supremacy. Louis XIV had been so of the heart of the museum can be
years ago to a new building designed admission ticket, that might take six eager to secure Cottons’ manuscripts understood as a direct response to
by Colin St John Wilson on a site next months to acquire. Unless they were for France that he asked his grandson François Mitterrand’s rebuilding of the
to St Pancras station. The move left a known to the museum staff, they were to name his price for them and offered Louvre with I.M. Pei. The biggest
void at the very heart of the museum, marched around Montagu House by him a dukedom. The British were able architectural transformation of the
a space which Norman Foster’s newly warders, who would rush them to snatch exhibits for the museum by museum took place when the Elgin
created Great Court for the Museum through as fast as possible, weaving force. The Rosetta stone was just one marbles were acquired by the British
has filled paradoxically by not filling it, through the cluster of stuffed giraffes of a large number of antiquities government in 1820. So crowded and
but creating instead one of London’s on the main staircase, through the captured from the French when chaotic had the museum become that
greatest new urban spaces. galleries of coins and books, and back Bonaparte surrendered Alexandria. they had to be accommodated in a
Its a pattern of expansion and out into the street. The rivalry is just as keen today, even if temporary prefabricated shed. With
contraction that is like a detailed Even at this stage it was clear that the museum has been transformed the other archaeological additions to
Sul pieghevole: Foster ha dato vita
al sogno di Smirke, una corte che
coesistesse con una biblioteca
centrale. Sotto la corte, allineato
al livello delle gallerie al piano terra,
è ricavato un auditorium (a destra)
Gatefold: Foster has allowed Smirke’s
vision of a courtyard to coexist with the
library that filled its centre. Beneath the
courtyard, raised up to match the level
of the galleries on the ground floor
is a lecture theatre, right
Foto/Photo Nigel Young

Domus Febbraio February 2001 45


the collection, the trustees began to
understand that expanding Montagu
House was no longer enough.
A new building was now inevitable.
Sir Robert Smirke was asked to design
a suitable structure in 1823. It was the
first step in a Europe wide explosion of
museum building. Leo von Klenze
started on the Glyptothek in Munich in
1816. Schinkel designed Berlin’s Altes
Museum in 1823. The question of who
influenced whom has been the subject
of considerable scholarly debate over
the years, not least because Smirke’s
design was not published in full until
well after construction had started,
and was subject to considerable
modifications as time went on. But
it was certainly the British Museum
which set the pattern of the classical
temple as the archetype for
generations of museums. And given
the fact that its greatest treasures were
taken from the Parthenon, how could
it not have taken its inspiration from
its austere classicism?
But despite the impression of
permanence that the language of
classicism creates, Smirke’s building
has never been static. Its plan with an
open central courtyard allowed the
new museum to take shape gradually,
without the place ever being closed
entirely to visitors. Smirke’s museum
was 30 years in the building, allowing
the original Montagu House to be
demolished bit by bit as replacement
galleries became available. And within
seven years of its eventual
completion, the open courtyard was
taken over by Panizzi, and colonised
by the famous circular reading room,
designed by Smirke’s brother, Sydney.
For 150 years this reading room was
one of the sacred sites of scholarship,
a spectacular demonstration of
advanced building techniques with its
cast iron structure, but it concealed
the cluttered squalor of the gradual
accretion of book stacks, offices and
ancillary space that filled up the rest of
the courtyard. And the museum itself,
despite the magnificent splendour of
its front entrance with its ionic
colonnade, lost the clarity of Smirke’s
original plan. Smirke never envisaged
a museum that would be visited by six
million people each year, but the
courtyard would have been an
Il tamburo centrale in pietra della
biblioteca è collegato al resto
del museo da un ponte in vetro
The central stone drum of the
library is connected to the rest of the
museum by the most tentative of links,
a glass bridge

46 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 47


48 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 49
important means of orientation.
Without it, the museum galleries
themselves were turned into
circulation routes, cluttered with
visitors using them as routes to reach
one part of the museum from another.
Norman Foster won the architectural
competition launched by the museum
in 1993 to deal with the central
courtyard. The museum had spent
considerable time thinking about what
the space could be used for. It wanted
to bring the ethnographic collections
back into the museum from the
satellite established to accommodate
them in 1970, it needed facilities for
school children and for lectures,
it needed storage space, and
somewhere for all the shops and
restaurants and cafes that are now an
inescapable part of a contemporary
museum.
The reading room itself was
sacrosanct, far too historically
charged to consider demolishing.
It would become an exhibit in its own
right, a pilgrimage site for those who
wanted to get a glimpse of the room in
which Karl Marx, and so many others
changed the history of the world. But
it needed a new purpose too, it could
not simply be embalmed in a giant
glass case. But the rest of the clutter
of additions in Smirke’s courtyard
were of no historic or architectural
interest and could be stripped out.
Foster won the competition with a
design that is much denser that what
he ended up building. There was
a new glass roof over the courtyard,
there was circulation space within it.
But the reading room itself would have
been set in a complex of new buildings
that would come much closer to the
walls of Smirke’s original courtyard.
It would not have had the same sense
of space, and been the poorer for it.
It was only once the project was
underway that the full potential to do
more than deal with the mundane
round of museum housekeeping and
working out what to do with the husk
left by the departure of the library
became apparent.
Foster’s design works at three
different levels. There are the urban
issues to address. By sinking the
necessary lecture theatre and school
children’s spaces under the floor of the
Pagine precedenti: la geometria La sala di lettura (sopra), aperta al
della copertura è percepibile nella sua pubblico per la prima volta nella sua
complessità solo in una veduta dall’alto, storia, è stata a sua volta trasformata
da dove appare come un nuovo segno in un pezzo da esposizione, mentre la
nello skyline in rapido mutamento grande corte (a destra) è usata per
di Londra. (Foto Nigel Young) esporre sculture
Previous pages: the complex geometry The reading room, above, has been
of the roof is fully visible only from turned into an exhibit in its own right,
above, where it is a distinctive addition open to the general public for the first
to central London’s rapidly changing time in its history, while the great court,
skyline. (Photo Nigel Young) right, is used to display sculpture

50 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 51


Foto/Photo Nigel Young
courtyard – its level itself raised up to done, had he got the money he Foster took the decision to face it Progetto/Architects: Foster and Partners
match the main museum floor, he originally wanted? Until 1833 Smirke with stone, matching the stone floor Gruppo di progettazione/Project team:
freed up space in the courtyard itself. had intended the main quadrangle of the courtyard. It has the effect of Norman Foster, Spencer de Grey,
Giles Robinson, Michael Jones, Julia Abell,
It became a great urban space, part of facades to carry elaborate porticoes. turning the court into a formal space,
William Castagna, Mark Costello,
a pedestrian route connecting the But economy reduced them from the which in summer offers glimpses of Daniel Goldberg, Nesa Marojevic,
Thames, with Bloomsbury north of the majestic to stage scenery. sunshine, and clouds moving Peter Matcham, Filo Russo, Paul Simms,
museum. Visitors can now enjoy a The decision was taken by Foster and overhead. Peter Vandendries, Oliver Wong, Diane Ziegler
sequence of spaces that are not so far his partner Spencer de Grey when the The roof itself is the third major Strutture/Structural Engineering: Buro Happold
removed from what Smirke originally scheme was modified after their element of the design. Its structure is Ingegneria meccanica ed elettrica/Mechanical
intended. They move from the competition winning design that if the the product of sophisticated analysis & electrical engineering: Buro Happold
forecourt that he created facing Great new court was to read as a coherent designed with Buro Happold, and with Illuminotecnica/Lighting design: Claude Engle
Russell Street, through the triumphant space, it would be necessary to advice from Chris Williams, a Facciata/Facade engineering:
Emmer Pfenninger
colonnade at the front of the museum, reconstruct the missing portico. It is mathematician at Bath University.
Audiovisivi/Audio visual:
through the richly painted entrance not an exact replica, but a new design No two of more than 3000 triangular Mark Johnson Consultants
hall restored to Smirke’s original colour that has been produced by Foster to glass panels are exactly the same. Consulenza monumenti storici/Historic
scheme into a sudden explosion of deal with contemporary realities. Its patterns recall the relationship that building advisor: Giles Quarme Associates;
light and space beyond under a Its deep, central opening and the Foster once had with Buckminster Caroe and Partners; Ian Bristow
remarkable, billowing glass and steel square light at the upper level have Fuller. It is more of an elegant space
roof , around the drum of the reading no historical precedent. But critical covered than an architectural dome.
room, and out on the other side. comment has focussed not on It allows the drum of the reading room
Then there is the issue of how to deal architectural detail, but on the precise to protrude through it, and creates a
with such an important historic origin of the stone used to build it. complex pattern, given that the drum
monument as the British Museum, Instead of coming from an English is not at the centre of a radiating
and the extent to which authenticity is quarry to match the original, it is pattern, the geometry gives the
possible. The courtyard only existed French, and a slightly different colour. appearance of being non-linear.
in its original state for seven years Historical accuracy has always been The roof is also designed with the
between 1847 and 1854, it was bigger a two edged sword in architectural responsible use of energy for climate
than a typical London square, at restoration projects. William Morris set control in mind. The space is planned
almost two acres, but according to up the Society for the Protection of to receive up to 25,000 visitors.
Panizzi’s assistant it was “a dead Ancient Buildings to discourage the The ambition was to naturally ventilate
loss”. Another critic called it the “finest over enthusiastic and insensitive the space. Analysis showed
mason’s yard in Europe”. The public restoration projects. To Morris is was temperatures of up to 34 degrees
were excluded from what was by one important not to diminish the integrity could be expected. Underneath the
account, “a mere well of malaria, a of the surviving genuinely ancient surface of the stone floor is a series of
pestilent congregation of vapours”. fragments of a building. Instead he cooling pipes, for use in summer,
The courtyard was once symmetrical, advocated a strategy of patching and supplemented with fresh air supplied
with a portico in the centre of each mending, but not pretending that new by grilles at the edge of the roof.
facade. But the one on the south was work was anything but new. In the In winter they can be used to heat the
destroyed to build the library. As well British Museum it is unrealistic to air. But in both cases, the intention
as the destruction caused by the expect an exact colour match is to climate not the entire space,
steady accretion of makeshift between a stone that spent several but just the two metres occupied
additions in the space, there was decades in the open air, and a later by people.
bomb damage during the second one that will always be in a climate The completed project is an example
world war. If you are rebuilding controlled interior space. of Foster’s mature style, a highly
architecture with such a complex The other key issue that Foster faced accomplished, polished work of
history, what do you do? How much was what to do with the external walls architecture, which has the effect of
do you restore, how much do you of the reading room. They originally making a hugely complex and difficult
pretend that new work is in fact old? had a brick skin, and were faced with project look simple to the point of
Smirke had wanted an open modern rectangular window openings. inevitability. In use the Great Court has
courtyard, so in the interests of Foster’s original plan was to make an had the effect of transforming the way
historical authenticity, do you ellipse, two stories high around the that visitors use the museum. It has
demolish the reading room, the reading room that came to within reduced the pressure on the galleries,
cuckoo in the nest. Or do you plough seven metres of the south portico. and allows people to experience the
it up, an devote it to growing exotic This was modified into a circular drum, whole museum as a sequence of
botanical specimens, as Smirke had flanked by a pair of staircases that rise architectural spaces, and not only as
originally wanted? Clearly not. Do you up toward the sky, and the restaurant a series of galleries. And on the basis
restore the lost portico in the way it which projects northward, the top of a of the museum’s earlier history, it is
was actually built, or do you rebuild it tiered stack of accommodation added unlikely to be the last development in
in the style that Smirke would have on to the north face of the drum. the way that it is used.
La struttura della copertura è
progettata in modo da impedire
che qualsiasi carico vada a insistere
sulla muratura in pietra dell’edificio
storico del museo
The roof structure is designed to avoid
any loading being placed on the historic
stonework of the museum

52 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 53


La nuova forma della metropolitana Rispetto alla
monumentalità del British Museum, la nuova stazione
di transito rapido a Singapore progettata da Foster
and Partners costituisce una espressione più
spettacolare dell’attività dello studio
The new shape of the metro Foster and Partners
rapid transit station in Singapore represents a more
flamboyant example of the practice’s work than
the monumental dignity of the British Museum.
Fotografia di/Photography by Richard Bryant/Arcaid

Domus Settembre September 2000 55


Il piano dei binari nella stazione
dell’Expo è collegato con scale mobili
al piano stradale situato a un livello
inferiore (a destra)
The Expo Station tracks are at high
level reached by escalators from the
ground, right

La nuova
forma della
metropolitana Sezione trasversale/Cross-section

Singapore è la città-Stato in cui il approccio simile, pieno di inventiva, ai The new shape of the metro Star Trek starship, with its swelling
futuro, almeno per quello che riguarda problemi della struttura e dell’energia. Singapore is the city State in which titanium hull, 200 metres long and
i trasporti, è già arrivato. E, come ogni Per certi aspetti la Expo Station the future, when it comes to transport the polished stainless steel disc
altra cosa in questa città, è un futuro appare come un’astronave classica da at least, has already arrived. And like shaped after section to house the
diviso più o meno in parti eguali fra la Star Trek, con la sua fusoliera di titanio everything else in Singapore, it’s a warp drive.
politica del bastone e quella della rigonfia, lunga duecento metri, e il future shaped in more or less equal In fact these two elements are
carota. I guidatori di automobili sono disco di lucido acciaio. In realtà questi parts by the stick and the carrot. canopies; respectively sheltering the
tassati automaticamente per l’uso due elementi sono le pensiline delle Drivers are charged automatically for platforms and the ticket office.
delle strade, affinché lascino a casa le banchine e della biglietteria. La using the roads to encourage them to The platform roof structure is
auto e usino i mezzi pubblici. È molto copertura delle banchine ha una leave the car at home and use public technically very efficient – consisting
probabile che una corsa in taxi sia struttura molto efficiente: consiste in transport. A taxi ride is likely to be of a ‘diagrid’ of steel members, it is
accompagnata dal suono di un una ‘griglia’ di elementi di acciaio così punctuated by the bell which starts to stable enough to need only two pairs
campanello, che scatta appena si stabile da rendere necessarie soltanto ring as soon as the driver breaks the of V-shaped columns to support its
oltrepassa il limite di velocità e trilla due coppie di colonne a ‘V’ per speed limit – and which gets louder entire length.
tanto più forte quanto più veloce è la sostenere l’intera lunghezza. Dato il the faster he goes. But it also has a Given Singapore’s punishing tropical
guida. Ma Singapore è anche una città proibitivo clima tropicale di Singapore, highly efficient, clean and well looked climate it’s also important that the
che dispone di un sistema di trasporti è importante che la copertura offra after public transport system – not roof offers significant environmental
pubblici molto efficiente, pulito e buoni vantaggi ambientali: e infatti i surprising when chewing gum is benefits – the titanium panels reflect
attento ai bisogni dei cittadini: non pannelli di titanio deviano i raggi del banned not just in public places, the sun’s rays away from the building
sorprende, se si pensa che la gomma sole, creando sulle banchine un but from the entire country. providing an atmosphere on the
da masticare è bandita non solo dai ambiente in cui la temperatura è di tre- The newly opened Expo Station on platform that is three or four degrees
luoghi pubblici, ma dall’intero Paese. quattro gradi inferiore a quella che si the Mass Rapid Transport line, lower than the temperature outside
La nuova Expo Station della linea ha fuori della stazione. Le banchine connecting the towers of the financial the station.
rapida che collega le torri del quartiere sono sopraelevate e si raggiungono district with Changi Airport, reflects The station has elevated platforms,
della finanza con l’aeroporto Changi mediante un ascensore o scale mobili the carrot rather than the stick aspect accessible by lift or escalators from
rispecchia l’aspetto ‘carota’ più che dal livello dell’atrio. Un lungo taglio nel of Singapore’s transport policies. It’s the concourse level. A long section,
quello ‘bastone’ di questo paradiso pavimento fra la zona delle banchine e made to look as exotic as possible, cut from the floor dividing the
artificiale. È fatta per apparire quanto l’atrio consente ai passeggeri che a sleek titanium clad landmark that platform and concourse, allows
più possibile ‘esotica’: un oggetto entrano in stazione di vedere i treni makes public transport look passengers glimpses of the trains
urbano rivestito di lucente titanio, che sopra le loro teste: è un impianto positively glamorous for a change. passing overhead as they enter the
fa vedere il trasporto pubblico in modo inverso a quello che Foster ha ideato It has been designed by Foster and station, reversing the layout of
tanto seducente da incoraggiare la per la stazione della metropolitana di Partners and represents at first sight Foster’s impressive underground
conversione a esso. Progettata da Canary Wharf a Londra, dove i treni a very different aspect of the station at Canary Wharf in London,
Foster & Partners, a prima vista corrono in basso e la gente trova sulla practice’s work from the Great Court where the trains are below ground
presenta un aspetto molto diverso da sua strada la pensilina ellittica di vetro at the British Museum, also published and you move up toward the
quello di un’altra opera dello studio, la che ripara le banchine, invece di in this issue. Though close inspection elliptically glass canopy on your way
Grande Corte del British Museum, dirigersi verso l’alto quando deve reveals a similarly inventive approach out, rather than head for the roof
pubblicata in questo numero. Eppure, prendere il treno, come succede a to structure and energy issues. From when you are catching a train as you
a un esame più ravvicinato, si nota un Singapore. certain aspects it looks like a vintage do here.

Sezione longitudinale/Longitudinal section

56 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 57


58 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 59
Alla pagina precedente: la copertura
rivestita in titanio si estende sotto
il disco di acciaio lucente, sospeso sulla
biglietteria come un’astronave.
Con oltre 17.000 passeggeri al giorno,
la stazione è progettata soprattutto per
facilitare gli spostamenti
Previous page: the titanium clad
platform cover swoops beneath the
polished steel disc hovering over the
ticket office like a starship. With up to
17,000 passengers a day the Expo
Station is designed for easy movement

La nuova
forma della
metropolitana
60 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 61
La copertura non è puramente Progetto/Architects: Architetti associati/ Gestione costi/
decorativa ma, deflettendo il Foster and Partners Associate architects: Quantity surveyors:
calore tropicale, crea un notevole Gruppo di progettazione/ Public Works Department Davis Langdon and Seah
effetto rinfrescante Project team: Singapore, Land Transport Illuminotecnica/Lighting:
The canopy isn’t just decorative, Norman Foster, Authority Singapore Claude Engle
it deflects enough of the tropical heat to David Nelson, Ingegneria civile/Civil Progettazione paesaggistica/
achieve an appreciable cooling effect Gerard Evenden, engineering: Land Transport Landscape design: Cicada
Stuart Latham, Toby Blunt, Authority Singapore
Arthur Branthwaite, Ingegneria meccanica ed
John Blythe, elettrica/Mechanical and
David Crosswaite, electrical engineering:
Matteo Fantoni, Land Transport Authority
Mike Greville, Russell Hales, Singapore
Hannah Lehmann, Strutture/Structural

La nuova Muir Livingstone,


Robert McFarlane,
Alex Morris, Daniel Parker,
engineering: Arup

forma della Tim Shennan

metropolitana
62 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 63
L’immagine
dell’efficienza

Michele De Lucchi
ridisegna l’identità delle
Poste Italiane. Testo di
Michele De Lucchi has
the job of giving Poste
Italiane a new identity.
The
Alba Cappellieri By Alba Cappellieri
Fotografia di/
image of
Photography by
Donato Di Bello
efficiency

L’eliminazione di ogni barriera tra


impiegato e cliente è una delle
priorità del progetto di De Lucchi
Putting the customer on equal
terms with the staff was a priority
for De Lucchi

64 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 65


Stazioni ferroviarie e uffici postali rappresentato dalla divisione dello comunque previsto per il pubblico La nuova immagine commerciale delle
hanno avuto in Italia un comune, spazio in quattro aree – ingresso, area uno spazio ampio, pulito e luminoso, Poste è pensata anche per ridurre i
curioso destino: divenire monumenti per il pubblico, sportelli e servizi corredato di sedute confortevoli per tempi di attesa e migliorare la qualità
dei servizi
urbani del regime fascista in quanto interni – e nel ridisegno del bancone diminuire il disagio dei clienti e
The new image is business like, and
icone di avanguardia e progresso di sportello. “Negli edifici postali” potenziare il comfort del servizio.
designed to cut down queues while
tecnologico. Con le dovute distinzioni, osserva De Lucchi “esisteva una netta L’informazione ai clienti viene fornita
offering more services
anche l’attuale risistemazione cesura tra lo spazio pubblico e quello da totem Internet ed espositori dal
progettuale degli uffici delle Poste privato degli operatori, a favore di design ergonomico ma è
Italiane a opera di Michele De Lucchi quest’ultimo. In molti uffici l’area rappresentata anche da una
ha un chiaro significato politico: privata è climatizzata a differenza di segnaletica più chiara e visibile, una
giocando con un’immagine di quella pubblica il che, unito a una grafica sobria e pacata che vuole
tecnologia avanzata, il progetto manutenzione carente e a una scarsa trasmettere, con la complicità dei
suggerisce l’idea che anche le Poste pulizia degli ambienti, ha favorito la paesaggi italiani, messaggi di
possano rappresentare percezione degli uffici postali come simpatia ed equilibrio.
concretamente l’era inospitali e disagevoli. Baricentro visivo del disegno
dell’informazione, diventando Il mio obiettivo è stato liberare lo architettonico è il bancone di
un’organizzazione leggera e veloce, spazio da ogni barriera tra impiegato sportello, che rappresenta la
piuttosto che l’impacciato burosauro e cliente, proiettando quest’ultimo al mediazione funzionale e distributiva
controllato dallo Stato che è stata centro del progetto e dedicandogli dell’intero ufficio postale. Ubicato al
finora. Per questo il rinnovamento maggiore spazio e un migliore confine tra l’area pubblica e quella dei
organizzativo delle Poste Italiane servizio”. servizi interni, il bancone sostituisce
voluto dal management di Corrado Questa scelta ha portato quello tradizionale blindato, che
Passera coinvolge anche l’immagine all’individuazione di tre “grandi temi”: proteggeva l’operatore dal cliente ma
esterna dell’ente statale: il processo di sicurezza, attesa e informazione. Il costituiva una barriera percettiva
trasformazione attualmente in corso primo è stato affrontato eliminando le fortemente negativa tra azienda e
è fondato sulla ‘bancalizzazione’ degli vetrate blindate dallo sportello (che pubblico. L’attenzione al dato
uffici postali: sull’integrazione cioè del stabilivano una distanza economico del progetto che percorre
servizio postale con uno di tipo psicologicamente negativa tra l’intera produzione di Michele De
bancario, in una struttura che non si l’impiegato e il cliente) e introducendo Lucchi è qui confermata: anche la
limita a trasferire prodotti ma li crea. casseforti nella postazione bancone, contemporaneità non si esprime con
L’architettura interna dei nuovi uffici bussole multitransito nell’ingresso e forme e colori alla moda, ma è data
postali vuole diffondere un’immagine telecamere che monitorano la sala. dalla consonanza tra progetto e
che ha la sua forza comunicativa nel Per quanto riguarda i tempi di attesa, produzione: nel senso che tutti gli
mutato rapporto con il cliente, non più sono stati ridotti con la creazione dello elementi devono essere di facile
‘utente’. Primo passo in questa sportello unico, che ha comportato costruzione e imballaggio,
direzione, l’incarico a Michele De anche il training degli operatori trasportabili e immagazzinabili con
Lucchi, nel 1998, per lo studio di precedentemente dedicati a mansioni costi di investimento contenuti.
chioschi informatici e telebus. differenziate. “Il che non significa diminuire il livello
I quattordici chioschi e i cinque Per le probabili code, De Lucchi ha qualitativo” precisa De Lucchi, che
telebus finora realizzati hanno lo
scopo di offrire i servizi postali
laddove si verifichi una
concentrazione di grandi folle (come
per lo scorso Giubileo) manifestazioni
sportive o fieristiche ma anche in caso
di calamità naturali. Si tratta di
strutture mobili (come il telebus che
è un ufficio postale su ruote)
o installabili in poche ore come
i chioschi, che hanno due postazioni
di lavoro e sono formati da un nucleo
blindato per gli operatori e un altro per
i clienti. Ai chioschi – di cui lo studio
De Lucchi ha curato il progetto ma
anche l’informatizzazione, la
sicurezza e l’ergonomia – si è aggiunta
nel 1999 la ristrutturazione interna
degli uffici postali e la ridefinizione
della corporate identity, sviluppata
con Mario Trimarchi.
La sicurezza di ogni ufficio è regolata
Gli uffici postali italiani, a lungo dalle bussole multitransito che
simboli dell’inefficienza e dell’ostilità consentono di eliminare il tradizionale
burocratica, sono stati ridisegnati per vetro blindato tra il cliente e l’impiegato
offrire al pubblico spazi comunicativi Automatic doors, above, make each
e user friendly nella gestione della branch secure, allowing the counter
nuova strumentazione elettronica. which divides customers from staff to
De Lucchi figura infatti in quell’esiguo loose its traditional security barriers
numero di professionisti italiani che
riesce a spaziare con pari efficacia
e continuità dal micro di una maniglia
o di una lampada al macro di una
stazione o di una banca.
Lo dimostrano i suoi progetti di
oggetti per aziende superstar o quelli Lo spazio dei nuovi uffici è suddiviso
di interni per le agenzie Deutsche in quattro aree: ingresso, area per il
Bank, lo confermano gli ottantotto pubblico, sportelli e servizi interni
uffici postali realizzati finora in tutte le The new post offices are planned
regioni italiane. around four zones: entry, public,
Qui il fulcro progettuale è counters and internal services

66 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 67


seguita: “Il mio lavoro è scandito da Il Ministero delle Poste e delle work as allegories of avantgarde and Il nuovo bancone si dispone su tre piani
quelle che io definisco le quattro Telecomunicazioni fu istituito in Italia technological progress: today’s in betulla, per l’operatore, il cliente e il
convenienze di base: quella durante il regime fascista e affidato a remodelling of the Poste Italiane by passaggio dei documenti. È composto
da un elemento frontale e da uno
industriale, per cui gli elementi del Costanzo Ciano, che commissionò i Michele De Lucchi is being
schienale in laminato plastico blu, con
progetto sono indissolubilmente legati nuovi uffici ai principali architetti undertaken for very different ends, but profili e protezioni in acciaio
al loro ciclo produttivo: la convenienza dell’epoca: Vaccaro e Franzi a Napoli, it also carries a clear political inossidabile, concepito come modulo
della comunicazione o dell’immagine Samonà, Ridolfi, Libera e Titta a message, and it attempts to play upon unico standardizzato, facile da
in quanto tutte le cose per avere Roma, fino ad Angelo Mazzoni che images of technological innovation. produrre, trasportare e installare. Ogni
senso devono saper comunicare divenne l’architetto del Ministero. What De Lucchi at heart is trying to do bancone è dotato di un monitor piatto
bellezza e ragione d’essere; la Per queste nuove icone della is to suggest that the Poste Italiane is del tipo tft, che informa il cliente delle
convenienza funzionale, che è quella comunicazione non vi fu limite alle now the embodiment of the attività svolte allo sportello e ha
che si stabilisce tra l’oggetto e il suo spese (il solo edificio di Napoli costò information age. That it is an integrati nella struttura tutti i
collegamenti elettrici e informatici
uso: se funziona bene è ergonomico, quanto i quattro romani; Vaccaro organisation which is light on its feet,
The new post office counter has three
non si rompe, se è pratico ha senso. ottenne di rivestire le facciate con il and ready to compete in the
top levels in birch wood, for use by the
E poi vi è la convenienza della prezioso marmo di Vallestrona, contemporary world; rather than a
clerk and the customer and for the
rigenerabilità: ogni elemento deve rifiutato invece a Terragni per la Casa clumsy state controlled dinosaur. transaction of documents, respectively.
poter essere riconvertito, come il del Fascio) e nei soli anni del regime Of course if the image of an It comprises a front element and a back
bancone che oggi contiene tredici furono edificate cinquantaquattro sedi organization projected by design can section in blue plastic laminate with
componenti elettroniche ma postali. Questo passato prestigioso help to emphasize that change has edges and protections in stainless
continuerà a svolgere la sua funzione incombe anche sul progetto di De taken place it cannot be a substitute steel, treated as a single standardised
anche quando nel futuro ne avrà solo Lucchi. for change. module which is easy to make,
due”. “È mia intenzione utilizzare al meglio The radical restructuring of the Italian transport and install.
Every counter station is equipped with a
La rigenerabilità degli elementi le sedi storiche delle Poste Post Office under the regime of
tft flat monitor which informs the
rappresenta di fatto una delle salvaguardando le strutture Corrado Passera has affected the
customer of transactions made there
questioni di maggiore complessità in architettoniche di pregio, ma services Poste Italiane seeks to offer, and which has all electrical and
questo progetto, e anche uno dei suoi ritenendomi assolutamente libero di and now that is being reflected in its infotech links built into it
aspetti più interessanti, in relazione ridefinirne funzionalità e servizi. Oltre external image.
non soltanto agli arredi di nuova a liberare la parte pubblica ho cercato The current process of transformation
produzione ma anche a quelli di rendere questi spazi flessibili, cosa will make Italy’s post offices offer the
preesistenti. Dei quattordicimila uffici che non erano. Lascio l’architettura kind of services more often
postali presenti in Italia le sedi monumentale il più nuda possibile, associated with banks, with postal
coinvolte nella ristrutturazione degli senza occultare la tecnologia di cui services as part of the package. Poste
interni saranno le principali, circa necessita. La tecnologia è Italiane doesn’t want to be seen as
quattromila e cinquecento. Tra strumentazione, l’architettura è spazio simply moving product around the
queste, le quindici sedi regionali e vitale”. country; it wants to create things as
molte delle centoquaranta filiali The image of efficiency Like the well in a bank-like structure that
provinciali sono state edificate tra gli railway stations, Italy’s Post Offices doesn’t just transfer products, but
anni Trenta e Quaranta e presentano became political monuments in the creates them.
un’alta qualità architettonica. fascist period, their architecture put to The architecture of the new look post
© Studio De Lucchi

US

WIND

© Studio De Lucchi
L’illuminazione, le insegne, i banconi
trasformano l’atmosfera dimessa
e inospitale che pervade gli uffici
US postali italiani
Lighting, display screens and
countersittings transform the dowdy,
run down air Italian post offices
used to have

De Lucchi ha introdotto una serie


di elementi standard, utilizzati
indipendentemente dalla distribuzione
planimetrica di ogni singolo ufficio
postale
De Lucchi has devised a series of
standards elements which can be
used in a variety of different shaped
post offices

68 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 69


A De Lucchi è stato conferito prima
© Studio De Lucchi

offices is intended to project an image and does not break; if it is practical it


that clearly signals a new relationship makes sense. Then there is the l’incarico per i chioschi e i telebus
with the public. They are customers ‘regeneration’ value, whereby every (destra) uffici postali mobili destinati a
eventi come il Giubileo, manifestazioni
now, not passive ‘users’. element must be reconvertible –
sportive o fieristiche. Nel 1999
The first step came three years ago in examples being the counter, which si è aggiunta la ristrutturazione
1998, when De Lucchi was today houses thirteen electronic degli interni e degli arredi
commissioned to design a series of elements but will continue to perform De Lucchi’s involvement began with the
information technology kiosks and a its task even when in the future it will design of mobile post offices, devised
‘telebus’. The purpose of the fourteen have only two”. for Rome’s Jubilee celebration and
kiosks and of the five telebuses The possibility of regenerating sporting events. In 1999 it has extended
completed so far is to provide postal elements is in fact one of the most to the design of information points
services in areas where large crowds complex, and also one of the most
concentrate, as in the case of the interesting aspects of this project,
Jubilee celebrations in Rome, sports bearing not only on the newly
meetings or trade fairs, but also in the designed but also on the existing post
event of natural disasters. The telebus office interiors. Of nearly 14,000 post
is a post office on wheels, while the offices in Italy, nearly 4500 of the
kiosk is a utility that can be erected in principal branches are being
a matter of hours. upgraded.
Then came a commission to produce Of these, the fifteen regional head
a design for the renovation of Italy’s offices and many of the 140 provincial
network of post offices and the branches were built between the
redefinition of their graphic identity to 1930s and 1940s and are of genuine
reflect the corporation’s new image, architectural quality.
developed with Mario Trimarchi. If it The Ministero delle Poste e delle
succeeds the change will be nothing Telecomunicazioni was set up during
short of revolutionary. circuit television cameras to control the fascist regime and run by
Italian post offices had long been the whole office. Costanzo Ciano. He commissioned
associated with inefficiency and Queues have been cut by introducing many of the leading architects of the
bureaucratic hostility. Now they have a single multiservice counter, which time to build them: Vaccaro and Franzi
been redesigned to offer the public a has entailed the retraining of staff in Naples, Samonà, Ridolfi, Libera and
user-friendly atmosphere supported previously used to doing a single job Titta in Rome, and Angelo Mazzoni,
by state-of-the-art electronic rather than a range of tasks. De who became architect to the Ministry.
equipment. Lucchi has provided a spacious, clean For these new icons of
De Lucchi has built up one of the few and bright public hall, with communication money was no object.
Italian design studios equally comfortable seating to reduce The Naples Post Office alone cost as
comfortable working at the micro customer inconvenience and improve much as the four in Rome, and
scale of a door handle or a lamp as it service comfort. Information to Vaccaro was able to clad its facades
is operating at the macro level of the customers is supplied by with the precious Vallestrona marble,
architecture of a station or bank. ergonomically designed Internet denied to Terragni even for the Casa
And he has been able to put lessons totems and display stands. A clearer del Fascio in Como. No less than 54
learned from a major remodelling of and more readable signage system, post offices were built.
the Deutsche Bank’s German with a quiet but distinctive graphic They weighed heavily on De Lucchi’s
branches to work in Italy. So far layout is intended – with the aid of project: “It is my intention to make the
eighty-eight post offices have been images of Italian landscapes - to put best possible use of the existing
completed all across Italy. De Lucchi’s across a message of friendliness and historic Post Office buildings and to
design hinges on the division of space calm, and has been applied not just to protect the more distinguished
into four areas: entry, public, counters the post offices but to Poste Italiane’s architectural structures. But I also
and internal services; and on the vehicles as well. consider myself free to redefine their
redesign of the counter service points. The core of the architectural design is functional aspects and services.
“There was a big gap between the the counter station. Situated on the Besides freeing their public areas,
public hall and the private area border between public and private I have tried to make these post office
Oltre alla ristrutturazione degli interni,
occupied by the staff, to the space, the counter point replaces the spaces flexible, which they were not
le Poste Italiane introducono una nuova
advantage of the latter”, De Lucchi traditional hatch-like window which before. I have left the monumental immagine grafica, progettata da
points out. “In many offices private protected the clerk from the customer, architecture as bare as possible, with De Lucchi con Mario Trimarchi
staff rooms were air conditioned, but but created a hostile barrier between not attempt to conceal the necessary Along with the interiors Poste Italiane
not the public areas. Coupled with the institution and its public. new technology. is introducing a new graphic identity
these failings were poor maintenance The identity creates an up to date Technology is equipment, architecture designed by De Lucchi with Mario
and inadequate cleaning, with the image not because it uses fashionable is vital space”. Trimarchi
result that post offices tended to be shapes and colours, but because it

© Studio De Lucchi
perceived as inhospitable and attempts to give substance to the
uncomfortable places. My objective image that it seeks to project. It is also
has been to liberate these spaces designed with economic realities in
from all barriers between clerks and mind. So all units must be easy to
customers, by putting the public at make, pack, transport and warehouse
the heart of the project and devoting at reasonable investment costs.
more space and better services to “Which does not mean lowering the
customers as people”. quality level”, explains De Lucchi.
This decision led to the identification “My work is predicated on what I call
of three major themes: security, the four values: the industrial value,
waiting and information. The first has whereby project elements are clearly
been tackled by abolishing the old the result of their production cycle;
protective glass counter-windows – the communication or image value,
and the psychologically negative whereby all things if they are to make
distance they put between clerk and sense must be able to communicate
© Studio De Lucchi

customer. Instead, security has been their beauty and raison d’être. The
provided by building safes into the functional value, which is the one
counter workstation, introducing established between the object and
automatic entry-exit doors and closed its use: if it works well it is ergonomic,

70 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 71


Foto/Photo Nicholas Kane

Gli olandesi non riescono


a capire perché il resto del
mondo dell’architettura pensi
che la loro sia un’utopia. Rowan
Moore analizza le due facce
della medaglia, da Rotterdam
(sotto) ad Amsterdam (a destra)
In Holland they can’t
understand why the rest of the
world’s architects think it’s
utopia. Rowan Moore looks
at both sides of the picture,
from Rotterdam, below,
to Amsterdam, right
Fotografia di/Photography by
Christian Richters, Nicholas
Kane, Duccio Malagamba
dell’architettura
Le due facce

Architecture
Two faces
olandese
of Dutch

Foto/Photo Christian Richters

Due successi: il college Two Dutch successes:


di Erick van Egeraat Erick van Egeraat’s
(a sinistra) sulla vecchia college, left, on
darsena di Rotterdam, Rotterdam’s old
e il contributo di de dockside, and, above,
architectengroep per de architectengroep’s
l’insediamento contribution to housing
residenziale sull’isola del on Borneo island in
Borneo nel porto di Amsterdam harbour
Amsterdam (sopra)

72 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 73


Piante lussureggianti spuntano da una vecchia Gli architetti dovrebbero amare gli come distributori di bibite. L’atrio è
barca, sfidando sia le leggi del galleggiamento che studenti. Loro sono sempre lì (gli attraversato da rampe e piattaforme
quelle dell’arboricoltura, insieme ad arbusti e architetti) a pensare come organizzare popolate di work stations. Poi ci sono
cespugli, come mucchi di erbe infestanti dalla la vita della gente, sempre a cercare gruppi di sale più tranquille e riparate,
cartina malconcia di uno spinello arrotolato senza forme per contenere questa vita, o a e la circolazione si snoda intorno e
cura: sembra una reliquia della controcultura sperimentare ‘condensatori’ sociali attraverso gli interstizi fra questi
dell’Amsterdam degli anni Sessanta, che la e città in verticale: spesso senza blocchi e l’atrio.
prosperità sta consegnando a quel Walhalla turistico approdare a nulla. A volte osservare L’insieme è messo “sotto vetro” e
di cui fanno parte gli zoccoli e i mulini a vento, ora gli architetti è come guardare i mistici rialzato di un piano dal suolo, così che
coccolati e protetti dalle civiche autorità. Vicino si tentare il volo yoga, quando tutto ciò la frenetica vita che si svolge
vedono le facciate disciplinate del nuovo quartiere che ottengono è un poco convincente all’interno ha come sfondo le fredde
dell’isola di Borneo, abitato da gente agiata atterraggio a gambe incrociate. e grigie acque del porto. Se l’acqua
dall’aspetto giovanile: per loro le libertà degli anni Ma mettete in un posto gli studenti, fosse più azzurra e il contesto meno
Sessanta sono diventate semplici accessori di uno e comincerà subito a pulsare di vita industriale, sarebbe una vista da
stile di vita. Questi sono i Paesi Bassi, terra di e di attività. milionari: il College si trova infatti in un
decadenza regolamentata e di ribellione È accaduto all’Ichthus College di sito di prim’ordine, perché questa idea
sponsorizzata dallo Stato. Rotterdam. All’esterno gli sforzi piaceva alla città.
I Paesi Bassi sono anche il paradiso degli architetti: congiunti di alcuni architetti di fama Erick van Egeraat è il divulgatore
qui concorsi ben organizzati danno ai giovani mondiale non sono riusciti a creare, dell’architettura olandese ‘seria’,
professionisti l’occasione di costruire succulente almeno finora, un quartiere vivo e paragonabile ai Beatles più che ai
opere in cui possono mostrare la loro arguzia e il loro vivace. All’interno del College, invece, Rolling Stones. Altri hanno teorizzato
spirito, in ogni strato e piega; concetti moderni come la complessità e l’esuberanza della con grande impegno a proposito di
la ‘densificazione’ vengono sperimentati con senso vita cittadina sono state riprodotte con livelli, superfici, trasposizioni: lui è
di responsabilità; i progetti degli architetti sono risultati così buoni e in modo così andato oltre e ha costruito un edificio
giudicati da comitati di loro pari e non da completo che, durante la mia visita, efficiente e solido, che definisce
amministratori ignoranti; le questioni dell’integrità i locali erano presidiati da poliziotti in “simile a una nave, fatto per il porto” e
artistica nelle pubbliche discussioni sono risolte da pieno assetto. È come un alveare improntato a “un certo atteggiamento
procedure civili ed equilibrate; il grande pubblico brulicante di attività: progettato per ingegneristico”. Anche aspro, ‘roco’,
accoglie con favore le proposte nuove. Sembra che tremila e cinquecento persone, a volte sia in senso letterale (c’è sempre un
Ichthus College

agli olandesi la modernità venga spontanea, con ne ha accolte persino seimila, anche gran rumore all’interno) che in senso
naturalezza: come se le idee che da secoli hanno se gli iscritti al College sono metaforico (è una specie di tumulto di
coltivato sulla costruzione del paesaggio e sulla quattromila e cinquecento. materiali e di elementi architettonici).
sistemazione del suolo al di sotto del livello del mare Probabilmente gli studenti sarebbero Nel migliore dei casi si può vederlo
aspettassero l’arrivo del Ventunesimo secolo per capaci di trasformare in un luogo come un’espressione di genuinità, nel
trovare la loro vera epoca. pulsante di vita anche la sala dei peggiore come un accostamento non
Gli architetti di questo Paese hanno dato al mondo reattori di Chernobyl, ma qui sempre azzeccato di moquette,
un principio che si basa sulla Logica Olandese, all’Ichthus il merito va dato anche al pavimenti di legno, strisce rivestite
secondo la quale il conflitto fra due forze si risolve progetto di Erick van Egeraat, il quale di alluminio, cemento a vista.
concedendo a entrambe pari presenza nello stesso ha riconsiderato l’idea antica e All’esterno è relativamente poco
luogo: non importa quanto incongrui possano moderna del luogo ‘centrale’ – l’agorà, espressivo: l’involucro di vetro è stato
essere i risultati. O, piuttosto, più incongrui sono l’atrio – e ha fuso questi concetti in un autorizzato solo dopo che i
meglio è. Il modello esemplare di questa logica è un impianto a ‘T’ rovesciata. L’agorà è pianificatori locali si sono finalmente
elemento molto comune del paesaggio olandese, costituita da un piano concavo, convinti a lasciar perdere il tradizionale
il ponte sollevabile: canale in funzione + strada in sagomato, che sale e scende per mattone rosso. Il porticato al livello
funzione = strada che si solleva per far passare le accogliere alcuni momenti della vita del piano terreno rende possibile il
barche. Oppure, come nel piano di West 8 per l’isola studentesca: mangiare, incontrarsi, collegamento con l’esterno, quando
di Borneo: necessità di una densità elevata + azionare quegli strumenti di all’esterno ci sarà qualcosa con cui
desiderio di uno sviluppo limitato = sviluppo limitato autoavvelenamento altrimenti noti collegarsi.
con una densità incredibilmente elevata.
Gli olandesi detestano le convenzioni, hanno una
decisa antipatia per la ‘levigatezza’, e sono attratti
da cose dozzinali. La loro meticolosità non si
indirizza verso la creazione della perfezione, ma
verso l’inquadramento dell’imperfezione e del
disordine: così nei Paesi Bassi il sesso, le droghe
e quell’indocile elemento che è l’acqua vengono
incanalati e ‘ortogonalizzati’ con grande efficienza.
Nell’import-export dell’architettura contemporanea
ci sono architetti olandesi famosi che insegnano
all’estero ed elaborano però le loro idee in vecchi
magazzini, le cui iscrizioni esotiche – Celebes-Las
Ichthus Foto/Photos Christian Richters

Palmas-New York – evocano commerci più concreti.


Le idee crescono e si fanno edifici nelle serre
metaforiche create dai concorsi olandesi e dal
finanziamento pubblico: finché i progettisti sono
invitati a ridistribuire questi loro variegati tulipani,
da Seattle al Connecticut a Parigi. Rem Koolhaas
accumula scoperte urbane sul Delta del Pearl River
e a Lagos, dove va abitualmente ogni mese, prima di
Ai piedi del ponte di Van At the foot of Van Berkel
Berkel & Bos l’Ichthus & Bos’s bridge Van
college di Van Egeraat ha Egeraat’s Ichthus college
Foto/Photo Christian Richters

per vicini Norman Foster has Norman Foster


e Renzo Piano. La sua and Renzo Piano for
superficie di vetro (sopra) neighbours. Inside its
racchiude uno spazio glassy skin, above, is a
sociale spettacolare spectacular social space
(a destra) for students, right

74 Domus Febbraio February 2001


The Ichthus College Architects soft drinks dispensers. The atrium is
should love students. There they crossed by sloping ramps and terraced
(architects) are, forever trying to will decks populated with work stations.
public life into being, forever creating There are blocks of quieter rooms at
the shapes which elsewhere contain the sides and back, and circulation
public life, or else experimenting with winds round and through the interstices
social condensers and vertical cities of these blocks and the atrium.
and getting nowhere. At times it is like The whole assembly is put behind
watching mystics attempt Yogic flying, glass and raised a storey off the
when all you get is an unconvincing ground, such that the frenetic interior
cross-legged stumble. But put life is played off against an expansive
students in, and a place teams and backdrop of cold, grey, harbour water.
hums. It has happened in the Ichthus Erick van Egeraat is the populariser
Erick van Egeraat
College in Rotterdam. Outside the of serious Dutch architecture,
best efforts of some of the world’s the Beatles more than the Stones.
leading architects have resulted in Others have theorised earnestly about
a district that is so far largely barren. transposed and folded ground planes;
Inside, the richness and excitement of Egeraat has gone ahead and built one.
city life has been so successfully and It’s an effective and robust building
completely recreated that, on my visit, which he describes as “ship like, made
polygon-hatted Dutch policemen were for the harbour” and embodying
patrolling the premises. It is a “some kind of engineering attitude”.
humming hive: designed for a capacity It’s also raucous, both literally (there’s
of 3500, it has at times contained 6000 a lot of noise inside) and
people, even though there are only metaphorically (it’s a visual riot of
4500 on the Ichthus rolls. materials a pieces of architecture).
Students could probably make the At best this is a manifestation of its
reactor hall of Chernobyl into a vibrant directness, at worst it means
space, but credit is also due to Erick unpleasant combinations of carpet,
van Egeraat’s design. He has in effect timber floor, aluminium cover strips
taken ancient and modern ideas of a and bare concrete.
central place, the Agora and the Externally it’s relatively mute, its glass
atrium, and fused them in an inverted wrapping having been allowed only
‘T’ of activity. The agora is a concave, after the local planners were talked out
moulded plane, rising and falling to of their attachment to red brick in this
accommodate the student activities area. Its ground level arcade does
of feeding and congregating and however give a means of connecting
operating the instruments of self- with its surroundings, once there is
pollution that are otherwise known as much to connect with.
Rampe e piani inclinati Ramps and sloping
animano gli interni planes animate Ichthus
dell’Ichthus, un edificio interior, a building
concepito in modo tale designed to be capable
da essere convertito of being readily
rapidamente a uso converted to commercial
commerciale, nel caso in use, should the college
cui il college dovesse need to move
cambiare sede

76 Domus Febbraio February 2001


ridistribuirle nei negozi Prada di New York e di San dell’economia della Spagna), il vero pensiero
Francisco o nella sala da concerti di Oporto, in un innovatore è volutamente tenuto lontano dalle
processo di trasformazione che comincia nel suo grandi decisioni. I Paesi Bassi dispongono di
studio. Questo, situato all’ultimo piano di un edificio saggisti e studiosi, dispongono di infrastrutture, ma
di uffici apparentemente disabitato in un quartiere le due cose non si incontrano. L’Educatorium di
apparentemente altrettanto disabitato, fluttua come OMA a Utrecht (descritto da Rem Koolhaas come
una gondola-dirigibile sopra Rotterdam, e sembra l’edificio che piace alla gente che in realtà non ama il
che non tocchi mai terra. suo lavoro), in se stesso delizioso e intenso, si trova
I Paesi Bassi sono dunque una stanza di in un campus anonimo che non viene minimamente
compensazione internazionale delle idee che toccato dall’energia del progetto di OMA o dal vicino
plasmano il mondo. Nella moderna economia edificio Minnaert di Neutelings. L’ultimo esempio è il
dell’architettura ci sono grandi Paesi caotici che padiglione dei Paesi Bassi di MVRDV, una brillante e
costruiscono molto, come la Cina, e piccoli Paesi spiritosa reinvenzione del paesaggio olandese che
ordinati come i Paesi Bassi e la Svizzera che, l’anno scorso ha rubato la scena all’Expo di
nonostante la radicale diversità dei loro paesaggi Hannover: si proponeva la meta ambiziosa di
e del loro porsi rispetto alla verticalità e raffigurare un intero Paese, ma era posto in un sito
all’orizzontalità, esercitano un’influenza del tutto avulso dal futuro pratico di questo Paese.
sproporzionata alle loro dimensioni. La situazione spaziale qui sembra simile a quella dei
Così sembra dall’esterno, ma coloro che risiedono padiglioni del giardino Rococò, o dei disegni
nel paradiso sono più propensi a trovare difetti. Gli appuntati sui muri di una scuola per la mostra di fine
architetti olandesi si lamentano continuamente dei d’anno dei lavori degli studenti: isole di intensità su
budget loro assegnati per costruire: in genere sono uno sfondo anonimo e inerte. Le ambizioni degli
i tre quarti di quelli in uso in altri Paesi europei, architetti non coincidono con quelle dei loro
e questo dà luogo a una “estetica dello scadente” committenti, né con i mezzi messi a loro
per la quale gli olandesi sono attualmente famosi. disposizione: il che significa che i loro ronzanti
Una lamentela ancora più sentita è che esiste una motori tendono a surriscaldarsi in momenti
certa superficialità nei confronti della cultura inopportuni. Questo fenomeno è conosciuto anche
architettonica olandese: che, nella sua forma in altri Paesi, ma nei Paesi Bassi si presenta con
attuale, è una creazione recente. Quindici anni fa, insolita chiarezza.
per gli stranieri, l’architettura olandese era un Rem Si possono vedere i successi e i fallimenti della
Koolhaas scontento, quasi isolato, che non aveva maniera olandese nel Kop van Zuid di Rotterdam,
ancora costruito niente, e poco altro. Poi l’area delle ex banchine portuali collegata al centro
cominciarono a emergere Mecanoo e Van Berkel & cittadino dal ponte Erasmo, di Van Berkel & Bos.
Bos, seguiti alla metà degli anni Novanta da Wiel Il ponte è senza dubbio un’infrastruttura, e anche
Arets, West 8 e Neutelings Riedijk e, più efficiente, ma il contributo maggiore dato dagli
recentemente, da MVRDV e da NL Architects. architetti è stato quello di farlo agire come uno
Si possono ricordare ancora altri tre o quattro studi, splendido oggetto civico, e questo obiettivo è
ma resta il fatto che il Paese delle meraviglie andato di pari passo con l’obiettivo pratico. Stando
olandese, in architettura, è creazione di un ristretto sul ponte si vede un nuovo paesaggio urbano di un
numero di persone. disordine di tipo americano – cavi e insegne e forme
“I Paesi Bassi hanno un atteggiamento piuttosto curiose che fanno a pugni l’una con l’altra – creato
statico”, afferma Erick van Egeraat. “Sono un regno non dal libero mercato, bensì dalle buone intenzioni
creato dalla borghesia, con un ‘coperchio’ culturale municipali.
assai sottile: e ci sono dieci-venti architetti che Guardando da sinistra verso destra si nota un
lavorano su questo tipo di atteggiamento”. In altre edificio di mattoni rossi, nato probabilmente
parole, l’amore dei Paesi Bassi per l’architettura dall’idea che il mattone rosso sia quel che ci vuole in
contemporanea non ha radici profonde, e questo questo ambiente, seguito dal quasi completato
spiegherebbe i budget ridotti. Spiegherebbe anche Teatro Luxor di Peter Wilson e Julia Bolles. Il giudizio
una certa mancanza di tenuta quando si tratta di su questo edificio dovrebbe essere sospeso sino
appoggiare nobili iniziative, spiegherebbe i tempi alla fine dei lavori, ma la prima impressione è che i
duri che l’Istituto di Architettura Olandese ha dovuto famosi budget olandesi abbiano avuto la meglio
sopportare, tutta l’invidia internazionale che suscitò sull’indubbio talento degli architetti. Poi c’è il
quando, circa dieci anni fa, aprì la sua sede grattacielo di Renzo Piano e, dopo alcune aree e
imponente. magazzini portuali su cui non si è ancora intervenuti,
L’indifferenza travestita da amore può essere una un’altra torre di Norman Foster. Entrambi fanno
ragione della libertà concessa ai giovani architetti segni di assenso al Genius loci: il progetto di Piano
olandesi per elaborare le loro stravaganti visioni del con una facciata inclinata e un gigantesco puntello
supermoderno. Non sempre sembra che il pubblico che paiono alludere all’eccentricità dei Paesi Bassi
olandese si curi in modo particolare dell’architettura di oggi, quello di Foster con riferimenti più storici,
che gli viene data: è certo sconcertante, per i come a Dudok. Entrambi sono esempi di una
seguaci della teoria del paradiso, il fatto che i Paesi tipologia olandese: quella dell’edificio “non-buono”
Bassi siano l’unico Paese europeo che abbia avuto il fatto da un buon architetto straniero. Ancora più a
cattivo gusto di commissionare un grattacielo a destra, alla fine del molo Wilhelmina, c’è
Michael Graves. l’affascinante Hotel New York, ex sede di un’agenzia
Così, mentre l’avanguardia è viziata dal sostegno di trasporti marittimi che per lungo tempo fu un faro
pubblico dato ai suoi provocatori esperimenti di civiltà: ora va lentamente verso una rinascita.
costruttivi, e produce progetti fra l’ironico e il In primo piano si vedono i padiglioni e le strutture
megalomane di koolhaasiana ispirazione destinate all’arte, facenti parte del paesaggio del
(proponendo, per esempio, la riorganizzazione fronte sull’acqua creato da Bolles e Wilson, con
Erick van Egeraat Erick van Egeraat is the
è il grande divulgatore great populiser of serious
dell’architettura Dutch architecture,
olandese seria, the Beatles more than
più Beatles che the Rolling Stones
Rolling Stones

78 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 79


molte corsie riservate ai tram e alle automobili che si plausibili combinazioni di bisogni e desideri o a their peers and not by ignorant planners, where Netherlands’s competitions and public funding,
spingono negli spazi fra i grandi edifici. Tutti i segni – modelli di movimento e attività. questions of artistic integrity versus public until they are invited to redistribute these variegated
arte pubblica, pavimentazione speciale, accenni di E potrebbe accadere anche nella città nuova di consultation are resolved by well-balanced, civilised tulips to Seattle, Connecticut or Paris.
recinzioni, frontalità dei grandi edifici – fanno Almere, nata negli anni Sessanta, dove OMA sta procedures, and where the general public happily Rem Koolhaas gathers urban discoveries in the
pensare che questo debba essere uno spazio intensificando l’intervento sullo stanco centro embrace the new. Modernity seems to come Pearl River Delta and Lagos, which he is currently
pubblico aperto, ma i pedoni si fanno notare per la urbano, attraverso alcune ‘collisioni’ controllate fra naturally to the Dutch, perhaps because their visiting every month, before redistributing them to
loro assenza. Bisogna camminare ancora, fino elementi di solito definiti ‘culturali’ o ‘pubblici’ centuries-old ideas of fabricating landscape and Prada stores in New York and San Francisco, or his
all’interno dell’Ichthus College di Erick van Egeraat, (cinema, aree di shopping) ed elementi ai quali si installing the ground plane below sea level were concert hall in Oporto, a transformative process
per trovare un po’ di attività umana collettiva. pensa come a ‘infrastrutture’ (strade, parcheggi). always waiting for the turn of the twenty first century having taken place in his office. The latter, on the top
In altre parole, il quartiere ha tutto ciò che si pensa È ancora difficile definire un paradiso i risultati qui to find their true Zeitgeist. floor of a seemingly uninhabited office block in a
sia desiderabile in una città. Cultura, commercio, raggiunti, data oltretutto l’avversione degli olandesi Dutch architects have given the world an seemingly uninhabited district, floats like a Zeppelin
strutture verticali e orizzontali, opere di per la “bella figura” e per tutto ciò che rischi di architectural principle based on Dutch Logic, gondola over Rotterdam, apparently never touches
ragguardevoli architetti giovani, meno giovani, di essere troppo attraente o accattivante: ma questa whereby two conflicting forces are resolved by the ground.
casa, stranieri. Ha opere d’arte, ha un traffico ben realizzazione basterebbe a giustificare l’attrazione giving them equal presence in the same place, The Netherlands is therefore an international
gestito, ha l’acqua, ha un tessuto urbano storico che gli architetti del resto del mondo sentono per i no matter how incongruous the outcome (or, rather, clearing house for ideas that shape the world. In the
conservato, ha strutture riutilizzate in modo Paesi Bassi. the more incongruous the better). Its archetype is a modern architectural economy there are big chaotic
intelligente, ha scenari per la vita cittadina, e ha vita commonplace of Dutch landscape, the lifting bridge: countries who build a lot, like China, and small tidy
cittadina. Nella zona del ponte ha alcune cose Two faces of Dutch architecture Trees sprout functioning canal + functioning road = road that lifts countries like The Netherlands and Switzerland
straordinarie, alcune cose accettabili e nessuna luxuriantly out of an old boat, in defiance of the laws up to let boats through. It makes itself known it which, notwithstanding their respective landscapes’
cosa veramente brutta. Ma tutte queste cose Pianta del piano tipo/Typical upper level of both buoyancy and arboriculture, together with projects like West 8’s Borneo Island plan, where the radically different attitudes to the vertical and
desiderabili non si uniscono per creare un ordine shrubs and bushes, like bunches of weed in the need for very high density + the wish for low rise = horizontal dimensions, both exercise an influence
pensato, oppure non si uniscono per niente. battered paper of a carelessly, half-rolled joint. It’s a low rise development with an impossibly high out of proportion to their size.
Gli sforzi dei singoli architetti non contribuiscono relic of Amsterdam’s 1960s counterculture, which density. So it seems from the outside, but the residents of
all’infrastruttura generale, e viceversa. Bisogna modern prosperity is consigning to the same They have also a dislike of convention, a brusque paradise are more apt to find fault. Dutch architects
riconoscere che la zona è ancora in evoluzione, ma touristic Valhalla as clogs and windmills, and one dislike of smoothness, and an attraction to things consistently complain about the budgets they are
è difficile non pensare che occorrerà un’altra grande now cherished and protected by the city authorities. trashy. Their meticulouslessness is not in the expected to build to, which are commonly three
iniziativa da parte della città, per far sì che il tutto Nearby are the disciplined facades of the new creation of perfection, but in the framing of quarters of those in other European countries, and
funzioni veramente. housing of the Borneo Island, homes for the imperfection and disorder, in the same way that sex, which gives rise to an aesthetic of crumminess for
Intanto ad Amsterdam, la rivale di Rotterdam, si youngish well-to-do, for whom the liberties of the drugs and the unruly element of water are efficiently which the Dutch are now famous.
svolge l’operazione di sviluppo delle penisole di 1960s have become lifestyle accessories. This is canalised and orthogonalised in The Netherlands as A more profound complaint is that there is a certain
Borneo e Sporenburg su progetto degli architetti del The Netherlands, land of regulated decadence and a whole. shallowness to Dutch architectural culture which,
paesaggio West 8. Qui ai giovani architetti è stata state-sponsored rebellion. In the import-export business of contemporary in its present form, is a recent creation. Fifteen years
data la possibilità di prendere decisioni di grande It’s also The Netherlands, the architects’ paradise, architecture famous Dutch architects teach abroad, ago Dutch architecture was, to the outside world,
scala e infrastrutturali: il risultato è l’opposto di where well-run competitions give young architects while developing their ideas in old warehouses a discontented, semi-detached and as yet unbuilt
quello ottenuto a Kop van Zuid. È un risultato the chance to build succulent works of folded, whose exotic inscriptions – Celebes-Las Palmas- Rem Koolhaas, and little else.
coerente e – per un luogo creato dal nulla – molto layered wittiness, where modern planning concepts New York – remember trade in more solid Then Mecanoo and Van Berkel and Bos started to
convincente. L’oggetto finito dà la sensazione di like densification are responsibly tested, where commodities. Ideas grow into buildings in the emerge, followed by, in the mid nineties, Wiel Arets,
essere esattamente ciò che gli architetti volevano. architects’ designs are judged by committees of metaphorical hothouses created by The West 8 and Neutelings Riedijk and, still more
La questione del costruire edifici di civile abitazione recently, MVRDV and NL Architects. Four or five
ad alta densità – una questione con cui le prospere other practices might be named but it remains true
e sovraffollate città del Nord Europa si devono that the Dutch architectural wonderland is the
confrontare – è stata trattata con lucidità, ed è stata creation of a small number of people.
creata una comunità residenziale socialmente Pianta del primo piano con spazi di circolazione/Circulation at first floor “The Netherlands has a lounge attitude” says Erick
equilibrata che dà tutti i segni dell’armonia e della van Egeraat. “It has a very thin cultural layer on top
soddisfazione. Quasi mai accade che insediamenti of a kingdom created by bourgeois people. There
nati completamente da zero siano coronati da una are ten to twenty architects working in the stream of
buona riuscita: questo di Amsterdam è dunque un this lounge attitude”. In other words The
risultato degno di nota. Netherlands’s love of contemporary architecture is
Un risultato in certa misura raggiunto riducendo il not deep-rooted, which would explain the small
radicalismo dell’architettura olandese budgets. It would account for a certain lack of
contemporanea. Borneo è un pezzetto di ‘marina’ stamina in sustaining noble initiatives, for the hard
modernista, ordinata e regolamentata, con i suoi times the The Netherlands Architecture Institute has
esperimenti di tipologie abitative nascosti dietro hit, for all the international envy provoked when its
facciate fondamentalmente tradizionali e con alcuni grand, thirtysomething-designed headquarters
resti di un’epoca passata, come le barche degli opened a decade ago.
hippy. È il quartiere storico dei canali di Amsterdam Indifference disguised as love might be one reason
riproposto con proporzioni orizzontali, in cui sono for the freedom with which young Dutch architects
state lasciate da parte le spinte più radicali are permitted to elaborate their extravagant visions
dell’avanguardia olandese. of the supermodern. It doesn’t always seem as if
C’è una cosa che renderebbe l’architettura olandese the Dutch public particularly care what sort of
davvero interessante, davvero importante: che le architecture they get, and it’s certainly disconcerting
ipotesi degli studiosi fossero applicate ed elaborate for adherents of the paradise theory that The
alla scala delle infrastrutture, e funzionassero. Netherlands is the only European country with the
Potrebbe accadere ad Arnhem, dove UNstudio sta bad taste to commission a Michael Graves
costruendo un polo di interscambio dei trasporti e skyscraper.
uno spazio urbano a molti livelli basato su una Thus, while the avant garde is indulged by the public
“struttura organizzativa dinamica e specifica per support of their provocative built essays, and while
quel luogo”, in cui attraverso complesse tecniche they turn out ironic-megalomaniac planning
informatiche si dà forma nello spazio e nel tempo a Livello dell’ingresso/Entrance level diagrams of Koolhaasian descent (proposing, for
Progetto/Achitect: Gruppo di progettazione/ Sabrina Kers, Sara Hampe, van Etten, Ard Buijsen, Pavel Il complesso è The entire building is
Erick van Egeraat, Maartje Project team: Cock Peterse, Julia Hausmann, Bas de Fomenko, Harry Kurzhals, organizzato intorno a un planned around an atrium
Lammers, Monica Adams Jeroen ter Haar, Luc Reyn, Haan, Aude de Broissia Paul-Martin Lied, Karolien de atrio che ospita diverse that accommodates a
Responsabili progetto/ Paul Blonk, Mika Lundberg, Gruppo di progettazione Pauw, Stefanie Schleich, attività, una soluzione range of activities that
Project architects: Maartje Kerstin Hahn, Colette concorso/Project team Boris Zeisser che lo rende molto più makes the typical office
Lammers, Monica Adams Niemeijer, Ronald Ubels, Jos competition: Kerstin Hahn, gradevole di un tipico building look sterile by
Direttore progetto/Project Overmars, Ezra Buenrostro- Colette Niemeijer, Lisette edificio per uffici comparison
director: Maartje Lammers Hoogwater, Matthias Frei, Magis, Ramon Knoester,
Claudia Radinger, Ole Nienke Booy, Folkert van
Schmidt, Rowan van Wely, Hagen, Perry Klootwijk, Joep

80 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 81


example, the reorganisation of the economy of accostata agli ampi spazi aperti dei
Spain) truly radical thought is kept away from the big vecchi docks.
planning decisions. The Netherlands has essays, Per evitare la monotonia, si è fatto
and it has infrastructure, but the two don’t quite ricorso a due invenzioni: con i fondi
meet. OMA’s Educatorium in Utrecht (which is pubblici stanziati per l’arte nel
described by Rem Koolhaas as the building liked by quartiere, si sono costruiti alcuni ponti
people who don’t really like his work), delightful and rossi che con la loro curvatura
intense in itself, sits in a neutral campus that is quite sembrano rimbalzare sull’acqua, e in
unaffected by the energy of the OMA design, or alcuni punti particolari sono stati
Neutelings’ nearby Minnaert building. The ultimate inseriti dei “pezzi unici”, cioè edifici
example is MVRDV’s Dutch pavilion, a brilliant, witty progettati da noti architetti, ciascuno
reinvention of the Dutch landscape, which stole the Le richieste contenute nel bando di dei quali si è misurato con l’intricata
show at last year’s Hanover expo. While ambitiously concorso per il progetto Borneo, vinto tipologia abitativa generata dai
addressing the configuration of an entire country, da West 8, sembravano veramente densissimi blocchi di abitazioni.
it was sited on a site of maximum irrelevance to the un po’ folli. La maggior parte di questi progettisti
practical future of that country. L’insediamento doveva avere una (OMA, MVRDV, Van Egeraat, Claus &
The spatial condition is that of pavilions in a rococo densità molto elevata, sia per Kaan) fa parte di una rosa di nomi alla
Piano terra: quattro case e un appartamento/ Primo piano: tre appartamenti/ Secondo piano: un appartamento/
garden, or drawings pinned to a wall in an end-of- giustificare la scelta ideologica quale i proprietari delle abitazioni Ground floor: four houses and one flat First floor: three flats Second floor: one flat
year student show: islands of intensity against an dell’alta densità come una scelta erano stati invitati, ma non obbligati,
inert background. The ambitions of architects are sostenibile, civile ed economizzatrice ad attingere per la scelta
not fully engaged with those of their clients, nor with di suolo, sia per rendere dell’architetto.
the means available to them to influence events, l’insediamento competitivo dal punto Il risultato è un’esercitazione
which means that their whirring engines tend to di vista economico. Con cento ampiamente riuscita, che può servire
overheat at inappropriate moments. This abitazioni per ettaro, Borneo ha una da esempio sia per affrontare problemi
phenomenon is known in other countries but in densità cinque-sei volte superiore a di densità elevate, sia per la
The Netherlands, characteristically, it is set out with quella di qualsiasi nuovo insediamento costruzione di nuovi quartieri negli

Borneo de architectengroep
unusual clarity. suburbano del Nord-Europa. spazi vuoti di vecchi docks. Anche se i
You can see the successes and failures of the Dutch Per fare un paragone, il quartiere dei lavori sono ancora in corso, l’insieme
way at the Kop van Zuid in Rotterdam, the area of canali di Amsterdam, dove le case di ha già l’aria di poter offrire un modo di
ex-docks linked to the city centre by Van Berkel and abitazione si elevano su quattro o abitare più che soddisfacente, con le
Bos’s Erasmus Bridge. The bridge itself is definitely cinque piani e sono quasi sempre barche ormeggiate sul retro delle case
infrastructure, and effective too, but the architect’s suddivise in appartamenti, contiene per andare avanti e indietro dal centro
main contribution is to make it function as circa duecento alloggi ma soltanto della città e con computer, pianoforti,
magnificent civic object, a parallel purpose to its settanta caseggiati per ettaro. cyclette.
practical use. Ebbene, pur con l’alta richiesta di Il successo di questa realizzazione è
Standing on it, you see a new cityscape of American densità, il bando di concorso per dovuto tanto alla vivacità del mercato
disorder, of wires and signs and conflicting and Borneo limitava lo sviluppo in verticale immobiliare di Amsterdam quanto alla
curious shapes, but one created not by the free e prescriveva che ogni abitazione forza del progetto. Da principio gli
market but municipal good intentions. avesse il suo portone su strada. impresari erano scettici sul fatto che
There are, from left to right, a big red brick building Prevedeva inoltre un misto di alloggi a gli alloggi inseriti in questa specie di
formed by the contextual notion that big red brick libero mercato e alloggi sociali, in un “casba ortogonale” si sarebbero
buildings are what should go in this area, followed by rapporto del 70 al 30 per cento, senza venduti, ma il primo lotto di
Peter Wilson and Julia Bolles’s nearly-finished Luxor differenziazioni di aspetto esterno fra i duecentocinquanta unità ebbe
theatre. Judgments on this building should be due tipi. prenotazioni per sei volte tanto, e le
withheld until it is complete, but first impressions are L’approccio di West 8 a queste case valutate all’inizio 375.000 fiorini
that the notorious Dutch budgets have triumphed richieste in apparenza assurde è stato ora si vendono a 900.000. Verranno di
over the undoubted talent of its architects. Next metodico. Gli architetti dapprima sicuro da tutto il mondo, e
comes a tower by Renzo Piano and, after some as hanno pensato che si sarebbero specialmente dall’Europa, per studiare
yet undeveloped sites and dock buildings, another avvicinati ai numeri richiesti se questo insediamento, per copiarlo e
Borneo

by Norman Foster. Both make nods to the Genius avessero collegato le case spalla a per poi applicarne altrove
loci, Piano’s with an inclined plane and a giant prop spalla, inserendo patio e cortili per (probabilmente male) i principi
that allude to contemporary Dutch wackiness, dare luce e privacy. Poi hanno capito strutturali.
Foster with more historic references to Dudok. che nel cuore di alcuni isolati potevano
Both exemplify a Dutch type, the not-good building inserire più case, e in questi punti la Borneo The premise of the Borneo
by a good foreign architect. Further right, at the end profondità risulta quindi tripla: con project, which was built into the brief
of Wilhelmina pier, is the gorgeous Hotel New York, questa decisione si sono avvicinati for the competition won by West 8,
a converted shipping office that has long been a maggiormente all’obiettivo, senza is touched by madness.
beacon of civilisation, while regeneration slowly però raggiungerlo. Alla fine hanno It had to be very high density, both to
creeps towards it. fatto cadere dei ‘meteoriti’, cioè grandi satisfy the ideological preference for
In the foreground are the pavilions and art structures e compatti blocchi di appartamenti high density as sustainable, urbane
of Bolles and Wilson’s landscaping of the waterfront, che portarono la densità ai livelli and economical of land, and to make

Borneo Foto/Photos Nicholas Kane


and many lanes of trams and cars surge through the richiesti. the economics of the site stack up.
spaces between the big buildings. All the signs – West 8, in quanto architetti del At 100 homes per hectare it is five or
public art, special paving, gestures of enclosure and paesaggio, si sono molto impegnati six times the suburban density of
frontality by the big buildings – suggest that this is a nel trattamento delle superfici e dei typical new housing in northern
public open space, but the pedestrian public are so collegamenti a larga scala con Europe. By comparison the close
far conspicuous by their absence. You have to walk l’intorno. Le abitazioni costituiscono packed canal district of Amsterdam,
a little further, to the interior of Erick van Egeraat’s un “tessuto urbano” la cui scala whose houses rise four or five storeys
Ichthus College, to find true teaming human activity. intima, privata, è stata volutamente and are largely subdivided into flats,
Alta densità e altezza High density and low rise, Master plan Borneo All’estremità di una serie At the end of a terrace Progetto/Architect:
ridotta, le due priorità del the two priorities for Sporenburg di case a schiera, that looks both ways de architectengroep
master plan dello studio West 8’s master plan Progetto/Architect: affacciate su due strade, de architectengroep’s Responsabili progetto/
West 8 per l’isola del for Borneo Island in West 8 landscape architects i quattro blocchi di de four bays at the end of Project architects:
Borneo nel porto di Amsterdam harbour, & urban planners b.v. – architectengroep, a three storey terrace Bjarne Mastenbroek,
Amsterdam, paiono meant apparently Adriaan Geuze, Wim organizzati su tre piani, accommodates eight Dick van Gameren
difficilmente conciliabili. impossibly high density Kloosterboer, Yushi Uehara, ospitano otto unità homes Collaboratori/
Eppure i due obiettivi which some how Sebastiaan Riquois residenziali Collborators:
sono stati in qualche manages to work Committente/Client: Willmar Groenendijk,
modo raggiunti New Deal Leo de Winter

82 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 83


runs to about 200 homes, but 70
houses, per hectare. Yet it had to be
low rise, and houses had to have front
doors opening onto the street. It also
mixes market and social housing,
in a ratio of 70 to 30 per cent, without
differentiating the appearance of
the two.
West 8’s approach is methodical in
dealing with this madness. They
established that they could start to
approach the required figure if they
joined houses by their backs, inserting
patios and courts to introduce light
and privacy. Then they found that they
could insert more houses into the
hearts of some blocks, such that these
blocks were three houses thick, which
got them closer to their target without
quite reaching it. So they dropped in
the ‘meteorites’, large, compacted
apartment blocks which bring the
density up to required level.
As West 8 are landscape architects,
much of the thinking concerns both
surfaces and large scale connections
with the surroundings. The housing
is an “urban tissue”, whose intimate, Casa in Borneo Sporenburg Casa in Borneo Sporenburg
private scale is consciously 12/ House on Borneo 18/House on Borneo
juxtaposed with the wide open Sporenburg 12 Sporenburg 18
spaces of the old docks. Progetto/Architect: MVRDV – Progetto/Architect: MVRDV –
To avert monotony curving red Winy Maas, Jacob van Rijs, Winy Maas, Jacob van Rijs,
bridges, paid for out of the Nathalie de Vries con/with Nathalie de Vries con/with
development’s public art budget, Joost Glissenaar, Bart Spee, Joost Glissenaar, Bart Spee,
Alex Brouwer, Arno van der Alex Brouwer, Frans de Witte
bound across the water, and in
Mark (artista/artist) Strutture/Structural
selected areas there are one-off Strutture/Structural engineering: Pieters
houses by well-known architects, engineering: Pieters Bouwtechniek
each applying their ingenuity to the Bouwtechniek Impianti: DGMR
intricate house types generated by the Impianti: DGMR
ultra-dense blocks of houses. Most of
these – OMA, MVRDV, Van Egeraat,
Claus en Kaan – are from a list from
which homeowners were encouraged
but not obliged to choose their Spaccati assonometrici/Axonometric Borneo 18
Borneo MVRDV

architects.
The result is a hugely successful
exercise, both in addressing the
question of high density and creating
new districts in the blank spaces of old
docks. Even though building is still
going on, it has the settled air of
contented inhabitation, with boats
moored at the back of houses for
commuting to the city centre, and
computers, pianos and exercise bikes
in the front rooms.
It owes its success both to the
buoyancy of the Amsterdam property
market and the strength of the design.
Developers were initially sceptical that
these orthogonal casbahs of housing
would sell, but the initial release of 250
houses was six times oversubscribed,
and houses originally valued at
375,000 guilders now sell at 900,000
guilders. It will have planners from all
over the world, and especially Europe,
studying it, copying it, and no doubt
misapplying its principles elsewhere.
Densità nella diversità: i Two houses by MVRDV:
due caseggiati di MVRDV density with diversity,
sono accorpati più packed together more
fittamente delle case di tightly than Amsterdam’s
Amsterdam del XVIII 18th century canal
secolo lungo i canali. houses. Top: Sporenburg
In alto: Sporenburg 12. 12. Above and right:
Sopra e a destra: Sporenburg 18
Sporenburg 18

84 Domus Febbraio February 2001


In other words, the district has everything thought
desirable in a city. It has culture and commerce,
horizontal and vertical structures, works by notable
architects young and old and domestic and foreign.
It has art works and traffic management, water,
retained historical fabric, creative reuse, theatres of
city life and city life itself. It has, in the bridge,
something extraordinary, some things that are
acceptable and nothing truly awful.
But these desirable things don’t join up in an order
that anyone could have intended, or else don’t join
up at all. The strivings of individual architects don’t
contribute to the overall infrastructure, and vice
versa. Allowance should be made for the fact that
the area is still evolving, but it’s hard not to think that
another major urban initiative will be needed to make
it truly work.
Meanwhile, in Amsterdam, Rotterdam’s rival, there is
Livello superiore/Upper level
the development of the Borneo and Sporenburg
peninsulars to the plan of landscape architects West
8. Here young architects actually have been given
charge over large scale and infrastructural
decisions, and the result is the opposite of Kop
van Zuid.
It is coherent and, for a place created out of nothing,
astonishingly plausible.
The finished article feels as if it is exactly what the
architects intended. The question of building
civilised housing to high densities, which confronts
the overcrowded and prosperous countries of
northern Europe, is addressed in a clear-headed
way, and a socially balanced residential community
Borneo José Luis Mateo

that gives every outward sign of harmony and


contentment has been created. Such places are
almost never made successfully from scratch, so
this is a significant achievement.
Piano terra/Ground floor This achievement has happened to some extent
with a diminution of the radicalism of contemporary
Dutch architecture. Borneo is a bit of a modernist
Seaside, orderly and regulated, its experiments
with house types concealed within fundamentally
traditional facades, and with preserved relics, like
the hippie boats, of a bygone era. It is Amsterdam’s
historic canal district rearranged with horizontal
proportions, and it avoids the Dutch avant-garde’s
more drastic notions of what is to be modern.
What would make Dutch architecture truly
interesting, and truly impressive, would be if the
Sezione/Section
speculations of the essayists were applied and
worked out at the scale of infrastructure, and
worked. It could happen in Arnhem, where UN
Studio are building a transport interchange and multi
level civic space based on a “dynamic, situation-
specific organisational structure”, whereby probable
combinations of need and desire, or movement
patterns and activities, are given shape in space
and time through complex techniques of computer
modelling.
It could also happen in the 1960s new town of
Almere, where OMA are intensifying the low-energy
town centre through some controlled collisions of
things usually denoted ‘cultural’ or ‘public’
Foto/Photos Duccio Malagamba

(cinemas, shopping) with things thought of as


‘infrastructure’ (roads, car parks). It will still be hard
to call the results paradise, given the Dutch aversion
to “bella figura”, or anything overly charming or
ingratiating, but they could be at least be a
vindication of the fascination the world’s architects
have for The Netherlands.
Sulla base del master West 8’s master plan has Progetto/Architect:
plan di West 8 hanno been realised by a wide José Luis Mateo –
realizzato il loro range of architects Map Arquitectos
intervento diversi including José Luis Collaboratori/Collaborators:
architetti, tra cui lo Mateo from Spain. Florian Marti, Jordi Pagès,
spagnolo José Luis His terrace puts houses Jos Honselaar
Mateo. Mateo dispone le back to back, with a third
case retro contro retro, elevation at the end of
con una unità a tre piani the block
all’estremità del blocco

86 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 87


Progetto vincitore/Winning entry: Francisco Gomez Paz, Milano/Milan
In collaborazione con BMW, Domus, working with BMW
Domus ha promosso un staged a competition to look
concorso alla ricerca di nuove for new solutions to mobility.
soluzioni per la mobilità. Here we present the winner
Presentiamo qui il progetto and a number of highly
vincitore e una selezione di commended schemes.
proposte di grande interesse. Text by Francesca Picchi
Testo di Francesca Picchi

La nuova
generazione
dell’auto

Un’esposizione dedicata al concorso


“A key for future mobile solutions”
è allestita nello Spazio Quid di via
Vigevano 18, a Milano, dal 14 febbraio
al 4 marzo

An exhibition about the competition


“A key for future mobile solutions”
is on at Spazio Quid, Via Vigevano 18,
Milan, from February 14 to March 4

Cars:
the next
generation
Domus Febbraio February 2001 89
Presieduta dal direttore di Domus Microvetture, macchine ibride, veicoli Cars: the next generation After a The themes that most appealed to
Deyan Sudjic, la giuria del concorso trasformisti, proposte di ambienti thorough examination of the entries, entrants were micro-vehicles, hybrid
dopo una vivace discussione degli abitabili mobili, insieme a soluzioni the jury of the competition chaired by cars, vehicles that could be
elaborati, ha proclamato vincitore il infrastrutturali che mettono in crisi il Domus editor, Deyan Sudjic, picked reconfigured, and proposals for
progetto di Francisco Gomez Paz modello della proprietà dell’auto, sono Francisco Gomez Paz (a Domus mobile habitable spaces, together
diplomato alla Domus Academy di i temi che più hanno ispirato i giovani Academy graduate) winner. with infrastructure solutions that
Milano. La giuria, a cui hanno preso progettisti disegnando un mondo The jury, which included designers overturned established patterns of
parte designer come Ron Arad, Mario visionario popolato da veicoli a più Ron Arad, Mario Bellini, Richard car ownership. They came up with
Bellini, Richard Sapper, James Irvine, piani che si sviluppano in altezza per Sapper, James Irvine and Chris visions that included, among many
Chris Bangle responsabile del Design ridurre le dimensioni di parcheggio, Bangle, head of the BMW Design other propositions, multi-decker
Center BMW (insieme ad Andrew grandi gusci protettivi integrati a Centre (together with Andrew Nahum vehicles developed vertically to save
Nahum del The Science Museum di scooter sempre più piccoli, tricicli of The Science Museum in London, parking space; wide protective shells
Londra e a Carlo Bellati di pieghevoli e vetturette telescopiche Carlo Bellati of Quattroruote) also integrated with ever smaller scooters;
Quattroruote, ha inoltre segnalato che si allungano o si accorciano a selected for special mentions five folding tricycles and telescopic mini-
cinque altri progetti attribuendo una piacere, marciapiedi mobili o other entries: those by David Carvalho vehicles that can be expanded or
menzione speciale a David Carvalho di montacarichi urbani che consentono from Paris, Rafal Mazur from Gdansk shortened at will.
Parigi, Rafal Mazur di Danzica, di tenere sempre vicino il proprio Romolo Nati from Cesenatico, There were conveyor-belt pavements
Romolo Nati di Cesenatico, Krzysztof veicolo; ma anche proposte di intime Krzysztof Wasielewski from Gdansk and urban scaled fork-lifts to keep
Wasielewski di Danzica e Paolo stanze viaggianti, a ricordare un’idea and Paolo Spillantini from Perugia. mobility within easy reach, as well as
Spillantini di Perugia. Nelle premesse di comfort che allude all’interno The competition set out to look both snug mobile rooms that suggested
del concorso guardare sia al futuro domestico, al salotto di casa, in cui at the future of the car, and of the city. ideas of domestic comfort. There was
dell’auto che a quello della città ma l’auto è vista come ambiente mobile, We weren’t expecting anybody to a vision of the car as a travelling
non ci aspettavamo che qualcuno adibito per lo più ad attività conviviali reinvent the car. We wanted to give interior to be used chiefly for convivial
reinventasse l’automobile. Abbiamo e votato al piacere della guida come young designers free rein to use their activities in which driving is seen as
preferito lasciar libero corso alla bene da condividere con gli amici. imaginations to explore the complex something to be shared with friends.
fantasia su un tema complesso ma L’auto come scenario futuro della vita and much debated issue of mobility in The future of the car as part of the
anche tra i più discussi come quello quotidiana diventerebbe un nucleo a rapidly changing urban context. scenario of daily life could turn out to
della mobilità in un contesto urbano abitativo parallelo a quello domestico, The basic aim of the competition was be as a kind of parallel home, no less
in rapido cambiamento. In fondo si non meno confortevole in quanto to encourage a search for those comfortable for being mobile.
mirava a sollecitare la ricerca dei mobile: l’ideale continuità tra auto e characteristics that design could use The ideal of car-home continuity
legami emozionali tra la mobilità casa comporta il mutuo scambio delle to create emotional links between creates a mutual exchange of
e il piacere del viaggio. Questo non parti (dai dispositivi elettronici e mobility and the pleasure of travel. components (from electronic and
significava necessariamente interattivi ai singoli pezzi d’arredo Which did not necessarily mean interactive devices to individual items
progettare un’automobile: molti interno). Messo in crisi il modello della designing a car, though many entrants of interior furnishing). Having
l’hanno fatto, mentre altri hanno proprietà individuale del mezzo di did. Others looked for fresh solutions overturned the old conception of the
cercato nuove soluzioni sia in termini trasporto, molte proposte si affidano to mobility by focusing on individual means of transport as
di vetture sperimentali che di all’'idea della casa automobilistica experimental vehicle types and their private property, many of the entries
interazione tra la mobilità individuale e come gestore di una rete di servizi a interaction with individual users within turned to the idea of the car-maker
la città. Si è immaginato che lasciando scala urbana: ipotizzando però una cities. By leaving the brief so free, we as the manager of a services network
il tema tanto aperto, i progettisti presenza capillare, quasi ossessiva, hoped that entrants would find it on an urban scale, envisioning a
potessero più facilmente saltare quelle del marchio a ogni angolo di strada easier to skip the kind of technical or far-flung, near-obsessive presence
decisioni che di solito un designer non (una maglia ordinata di nodi urbani infrastructural issues which designers of the brandname on every street
ha il potere di influenzare: ovvero adibiti a parcheggio o centro di rarely have the power to influence in corner (in an orderly web of urban
potessero guardare in avanti in noleggio), quale entità in grado di anyway, and come up with some fresh parking or hire service points) – as
un’epoca in cui il car design è segnato disciplinare il traffico congestionato creative ideas. At a time when car a system capable of taming the
da una certa nostalgia per il passato. delle nostre città. Su tutti il progetto design has been marked by a certain congested traffic of our cities.
In parte, tanta libertà non ha evitato vincitore (il premio consiste in uno nostalgia for the past, we wanted them Out of them all, the winning project
che qualche volta le capacità stage presso il Design Centre BMW to look ahead. Despite this freedom (for which the prize is an internship
visionarie fossero tenute a freno dal diretto da Chris Bangle) sembra many of the entries still seemed a little at the BMW Design Centre directed
legame con l’esistente: quasi a indicare, come anche i cinque too careful to remain within the by Chris Bangle) seems to indicate,
indicare, nella migliore tradizione menzionati, una nuova sensibilità nel existing formal parameters of the car. as do the five special mentions, a new
evoluzionistica, che l’innovazione in concepire il movimento in città, This might, in the best evolutionary sensitivity to movement in cities;
fatto di auto non può che presentarsi disegnando il trasformismo dell’auto e tradition, suggest that when it comes the transformation of cars and their
sotto forma di una lenta trasformazione la sua flessibilità d’uso in funzione dei to cars, innovation is bound to take the flexible use are designed with an eye
che procede per piccoli passi; ma in rapporti conviviali che si stabiliscono form of a slow transformation that to convivial relationships established
definitiva ha dimostrato quanto siamo durante il viaggio e assecondando il moves forward by gradual steps. But it during journeys, endorsing the
ancora assuefatti all’immagine piacere della guida come forma di also suggests just how deeply we are pleasure of driving as a form of
dell’auto per come l’abbiamo fermata intrattenimento tra le più connaturate still addicted to an image of the car as entertainment among the most natural
nella nostra immaginazione. al movimento e alla velocità. it has become fixed in our imaginations. to movement and speed.
Per il vincitore Francisco For the winner Francisco
Gomez Paz (argentino Gomez Paz, an
trapiantato a Milano dopo Argentinian who settled
aver conseguito un in Milan after taking a
Master in Design presso Master’s in Design at
la Domus Academy) Domus Academy, the
l’idea è quella di mettere idea is to combine two
insieme due veicoli independent vehicles
indipendenti per creare when required, in order
un nuovo nucleo quando to create a new twin seat
si desidera condividere unit whenever somebody
le gioie del viaggio con feels like sharing the
chi più si ama. I veicoli, joys of travel with
autonomi, come le somebody else partner.
persone, si separano e si Vehicles are seen here as
ritrovano per diventare autonomous; like people,
una sola unità come they separate and join
accade nella vita di una up again, merging into
coppia a unity as in the life
of a couple

90 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2000 91


Menzione speciale/Special mentions: David Carvalho, Parigi/Paris Deyan Sudjic
Per David Carvalho,
diplomato allo Strate In definitiva sono stati lo spirito e la chiarezza In the end it was the wit and clarity with
College di Issy les con cui il vincitore ha presentato la sua idea, which the winner presented his ideas that
Moulineaux, il progetto a convincere la Giuria, oltre al metodo convinced the jury, that and a fundamentally
dell’auto non può, da efficace con cui ha affrontato il progetto, sound strategy of working within the bounds
solo, risolvere il problema lavorando all’interno dei confini di un veicolo of a plausible vehicle, but pushing them just
della mobilità urbana plausibile e spingendoli giusto un poco più a little further.
individuale. La proposta
oltre. Personalmente sono rimasto colpito I was seduced by the graphic elegance
ridisegna l’lsetta di
dall’eleganza grafica con cui è stata of one of the entrant’s presentation for
Ermenegildo Preti per
aggiornarla associandola presentata una versione aggiornata up-dating BMW’s original bubble car as
a una nuova strategia dell’originaria “bubble car” BMW, all’interno an urban mobility system, and I found
di gestione del traffico, di un nuovo sistema di mobilità urbana. the flamboyant imagination showed by
che comprende servizi Inoltre ho trovato l’immaginazione piuttosto many entrants very encouraging.
di “parking automation” vivace dei partecipanti un fatto molto
e di “city navigation”: incoraggiante.
“Considero BMW come
fornitore di servizi per
i propri clienti. Tali servizi
Chris Bangle
diventano accessibili
grazie a piccoli accessori
di vestiario quali per È stato un compito difficile ma appassionante This was a challenging and provocative segni di taglio
esempio un orologio” lavorare a questo concorso, perché assignment, dealing as it did with three
l’argomento conteneva tre implicazioni molto fascinating variables; urban environments,
interessanti: l’ambiente urbano, il trasporto personal vehicle transportation, and the
individuale in automobile, il futuro della BMW. future of BMW.
Sarebbe stato troppo, naturalmente, It would be too much to expect that any
aspettarsi dai concorrenti risposte of the entrants had a production-ready
immediatamente attuabili, e tanto meno answer for any of the three themes, let
risposte che tenessero conto di tutte le alone one that combined all their needs
esigenze e di tutti i parametri. Tuttavia la and parameters.
capacità dimostrata dalla maggior parte dei Still, the quality to provoke, inspire, and
concorrenti di provocare, suggerire, engage that the many entrants showed
impegnarsi è stata notevole. I risultati sono was remarkable.
sempre migliori quando un progettista mette It is always a better result when a designer
una parte di sé, mette i suoi sogni nelle weaves his or her own dreams into the
soluzioni che propone al “mondo reale” dei solutions proposed for “real world”
consumatori: devo dire che sono stato consumers, and I must say I was impressed
colpito dalla capacità di sognare, in senso by the positive capacity to dream that all
positivo, che tutte le proposte dimostravano. of the submissions showed.
La proposta vincente dell’argentino The winning concept by Francisco Gomez
Francisco Gomez Paz, come tutti i buoni Paz of Argentina was, like all good designs,
progetti, cresceva in significato e profondità one that had to work on us, one that grew in
via via che ne discutevamo. Il riferimento alle significance and depth the more we
competenze dimostrate da BMW con il discussed it. The clear references to BMW
veicolo C1 è stato per il progettista il punto di competencies in our C1 was his start, but the
partenza: ma l’idea fondamentale è nata dalla real concept lay deeper in his understanding
sua capacità di comprendere i modelli di of human activity patterns in the urban
comportamento nel contesto urbano, una context—an understanding well
capacità trasmessa efficacemente dall’autore communicated by his choice of the video
anche attraverso il mezzo scelto per la medium to present in. One had the feeling
presentazione: un video. Ha dato that the challenge of what would be a future
l’impressione di avere molto chiaro in mente il BMW customer’s “Quality of Life”
desiderio di individuare le aspettative che il expectations in a new product were
futuro acquirente di un nuovo prodotto BMW foremost in his mind.
potrebbe avere, soprattutto in termini di Not just a vehicle for our ‘heads’, but one
qualità della vita. for our ‘hearts’ as well.
Di qui l’idea di un veicolo che si rivolge non The modular concept was very ‘realizable’,
tanto alla ‘testa’ quanto al ‘cuore’. Il concetto and the clever use of the protective panels
di modularità contenuto nella proposta è gave the vehicle(s) a unique character
molto attuabile, e l’uso intelligente dei in any status… something that a BMW
David Carvalho,
a graduate of Strate
pannelli di protezione dà al veicolo (o ai should always have.
College at Issy les veicoli) un carattere unico in ogni situazione: Finally, in contrast to many of the
Moulineaux, thinks that caratteristica che un’auto BMW dovrebbe submissions, the idea of the vehicle was
car design can no longer sempre avere. Infine, a differenza di molte not dependant on questionable advances
be solved simply in terms altre proposte, questa non presupponeva in the infrastructure system, advances
of urban mobility. ipotetici miglioramenti nel sistema delle that, while they might be desirable,
The design treats the old infrastrutture: miglioramenti certo auspicabili, would be beyond the scope of BMW to
Isetta bubble car as the ma sui quali BMW non può influire. Spero che influence.
model for a micro-vehicle
Francisco riesca a trarre il massimo dalla I hope that Francisco can make the most
by updating it on the
basis of a new traffic
possibilità che gli viene offerta, lavorare a of this opportunity to work at BMW Design
management strategy, as Monaco presso BMW Design: è un lavoro di in Munich, it is a dream job in a Dream Team
well as through “parking sogno in un Dream Team, a cui progettisti that many a very good designer has been
automation” and “city anche molto bravi non hanno avuto turned away from.
navigation” services. l’occasione di accostarsi. I personally look forward to having such
“I see BMW as a service Per quanto mi riguarda, sono impaziente di a free-thinker in and among the team, and
provider to its customers, accogliere nel mio team un libero pensatore who knows, it may really be his chance to
accessible via items of e, chissà, che anche per lui questa non possa add his own ‘DNA’ to the genes of a new
clothing such as a watch”
essere l’occasione di aggiungere un po’ del BMW.
suo DNA ai geni di una nuova BMW.

92 Domus Febbraio February 2001


Ron Arad Carlo Bellati

Il fatto che l’automobile, o meglio The fact that the car, or The Car, was hardly Creatività e fantasia: i due ingredienti non Creativity and imagination are two
L’Automobile, sia stata scarsamente messa challenged by the students’ response to the sono di certo mancati nei progetti presentati, ingredients certainly not lacking in the
in discussione dalle risposte degli studenti al truly open brief of the competition just con alcune “fughe in avanti” degne di rilievo, projects submitted, with a few noteworthy
tema del concorso (in verità piuttosto aperto) confirms our serious addiction to cars. The come la sella per “urban cow-boy”, e altri flights of fancy such as the “urban cowboy”
non fa che confermare la nostra seria most common approach seems to be “If you molto più fattibili, come per esempio la saddle, and other, much more feasible
dipendenza dall’automobile. L’approccio più can’t beat them – make them a little smaller”; proposta di una nuova Isetta, che prefigurano entries such as a proposal for a new
comune sembra essere del tipo: “Se non si the majority of entries were some sort of a un modello di veicolo ad alta mobilità Isetta, which envisages a very desirable
può farne a meno, almeno facciamole più variation of the Smart, the smartest of which ampiamente desiderabile. Tutte le proposte in high-mobility vehicle.
piccole”: la maggior parte delle proposte also referred to the pre-Smart, BMW’s own generale sono fortemente sbilanciate verso All the projects were markedly committed
rappresenta una specie di variazione sul tema Isetta (prominence of the logo and l'interpretazione della forma a scapito della to an interpretation of form, to the detriment
della Smart, la migliore delle quali si è riferita acknowledgement of the BMW genes in funzionalità, della fattibilità industriale e, a of functional satisfaction, industrial feasibility
a un esempio pre-Smart, l’Isetta della stessa a great number of entries confirmed yet volte, persino delle leggi fisiche. or even the laws of physics.
BMW. Inoltre la preponderanza del marchio e another our addictions, the one to brands, Un paio di interessanti progetti prendono in A couple of interesting submissions depart
la buona conoscenza dei geni BMW in un logos and status). esame, prescindendo dal mezzo from the car proper to examine two key
gran numero di proposte conferma anche There were some nice touches in some automobilistico, due aspetti fondamentali aspects of mobility: those of IT-related and
un’altra nostra dipendenza: quella del projects; a steering wheel that could be della mobilità: l'infrastruttura telematica e urban infrastructure.
marchio, del logo, dallo status. Ci sono passed left or right and handed to either front quella urbana. This shows a realistic approach to the
tocchi simpatici in alcuni progetti: un tipo di seat passenger; front light lenses made of È un approccio realistico ai problemi che problems besetting our cities and is more
volante che può essere passato a destra o a smash proof clear silicone rubber; or a low affliggono le nostre città e probabilmente più likely to improve traffic flows than that of
sinistra e maneggiato da tutti i passeggeri; base unit containing the motor and the efficace in termini di ‘fluidificazione’ del simply reducing the size of cars: a leitmotif
lenti dei fanali fatte di una gomma siliconica wheels to which one could attach different traffico che di semplice riduzione delle of all the entries but one that has by now
trasparente anti-urto; una piattaforma bassa tops for different functions. dimensioni, un ‘leitmotiv’ ricorrente in tutti i begun to reveal its shortcomings.
segni di taglio contenente il motore e le ruote, cui ciascuno However, one entry, the deserving winner, lavori presentati ma che, oramai, ha Making cars smaller only increases their
segni di taglio
può attaccare abitacoli diversi a secondo beautifully presented a fresh comprehensive dimostrato i suoi limiti: rimpicciolire le auto density per square metre, without actually
della funzione. In ogni caso, una proposta in idea that although might have a faint porta solo ad aumentare la loro densità per decreasing the number of vehicles in
particolare, il meritato vincitore, ha reference to BMW’s C1 motorcycle, suggests metro quadro, non a ridurne il numero in circulation.
presentato in maniera straordinaria un’idea a totally new type of urban transport. circolazione.
finalmente comprensibile: nonostante una Not only does the concept make a lot of
vaga somiglianza con la motocicletta C1 della sense, the presentation in the narrative video
BMW, essa suggerisce un tipo contains the potential of a real product,
completamente nuovo di trasporto urbano. offering believable details and a series of
Non soltanto l’idea ha senso, ma la charming solutions.
presentazione stessa – un’animazione video James Irvine
– contiene le potenzialità di un prodotto reale,
mostrando dettagli credibili e una serie di L’esperienza del concorso mi ha fatto The whole experience of the competition
soluzioni interessanti. riflettere, a fondo, sullo stato delle cose. made me reflect very hard about the state of
Ho appuntato una serie di commenti che things at the moment. Following a collection
possono anche sembrare ovvi, ma che of comments which may seem fairly obvious,
comunque sono emersi durante la however, they are all points which came to my
Mario Bellini discussione della giuria. Penso che tutte mind having looked at all the projects during
queste considerazioni siano riferibili al the jury. I think almost all of them apply to the
È tramontata da molti anni la stagione delle The season of dream-cars faded long ago. progetto vincitore, uno dei pochi che ha winning project which was one of the few
“dream-car”. Da allora, e in misura crescente, Since then, and in growing measure, osato sfidare i parametri accettati in fatto di which actually challenged the accepted
i designer e i progettisti in genere (con il designers and architects in general – with the veicoli a motore e che sia riuscito a esprimere parameters of the motor vehicle and came up
volenteroso supporto delle scuole e sotto la willing support of schools and under the un concetto nuovo. Non è di nessuna with a new concept. It is not so important that
ben più determinante pressione di un much more decisive pressure of a market in a importanza che il progetto non sia the project was not immediately feasible
mercato in continua sorprendente state of constant and surprising evolution – immediatamente fattibile, perché credo che because I think that often the role of the
evoluzione) guardano all’auto con un occhio have been looking at cars through eyes more spesso il ruolo del designer sia quello di designer is to challenge engineers and
più attento agli stili di vita che essa coinvolge. attentive to the lifestyles that go with them. sfidare gli ingegneri, o l’industria, a rompere industry to break with their preconceptions.
Secondo le più recenti storie dell’automobile According to the most recent histories of the le convenzioni. “The modern city citizen laughs at people
si deve far risalire al mio “Kar-a-sutra” – una automobile, the invention of the MPV dates “Il cittadino della città moderna se la ride sitting, on their own, in a great big fat car”.
proposta di ‘spaziomobile’ presentata al from my “Kar-a-sutra” – a ‘spacemobile’ della gente seduta, per proprio conto, da “Cool people ride taxis‚ or take the bus”
MoMA di New York nel 1972 – l’invenzione project presented at the MoMA in New York sola, in grandi macchine grasse” “It is questionable that people have the right
della monovolume: tipologia che, a partire in 1974. Here was a car type which, starting “La gente ‘cool’ prende il taxi o l’autobus” to own a car living in the city if they do not
dall’Espace di Renault, ha gradualmente with the Renault Espace, was to gradually “Tutto da discutere il fatto che la gente abbia have a private parking space”.
conquistato il mercato mondiale, facendo conquer the world market. As a result the il diritto di possedere un’auto propria, “What do you do with a car you can’t park?”.
regredire la quota della tradizionale berlina a share occupied by the traditional saloon vivendo in città, se non possiede anche un “The car stands for freedom, but the concept
meno del 50%. dropped to less than 50%.Now, more than 25 posto per parcheggiarla. Cosa si fa con una of freedom does not mean one is free to
Ho partecipato con piacere oggi, più di years later, it was a pleasure to be on the jury macchina che non si può parcheggiare?” encroach on other peoples lives. That is not
venticinque anni dopo, alla giuria di un premio of a prize whose object is to innovate the car, “L’automobile significa libertà, ma il concetto freedom but intrusion”.
che ha per oggetto l’innovazione its relations with cities and with the user di libertà non significa invadere la vita altrui. “The problem of emissions will eventually be
dell’automobile, del suo rapporto con la città patterns of their ‘inhabitants’ (of cities, but Questa non è libertà, ma una forma di solved, or so one hopes, the problem of
e con i modi di uso dei suoi ‘abitanti’ (della also of cars). I recently took part in a seminar intrusione”. space however is more difficult”.
città ma anche dell’auto). at Milan’s Politecnico on the same subject, “Il fatto che un veicolo sia un oggetto che ti “People seem to prefer car parks to parks.
Ho recentemente partecipato a un seminario and I find all these coincidences very permette di andare da A a B significa che ha Why? because they can’t park their car”.
al Politecnico di Milano sullo stesso tema e stimulating and promising. bisogno di spazio tra A e B”. “The fact that a vehicle is an object for getting
trovo tutte queste coincidenze molto Examination of the entries received for the “La questione delle emissioni nocive potrà from A to B means that it will need a space in
stimolanti e promettenti. L’esame delle Domus-BMW competition did not disappoint anche essere risolta nel futuro, o almeno così both A and B”.
proposte pervenute al concorso Domus - the promoters’ expectations. si spera: in ogni caso risolvere il problema “Shared transportation does not need two
BMW non ha deluso le aspettative dei There were few ingenuously beta-minus dello spazio è molto più difficile”. spaces because they are either on the move
promotori. submissions or exercises in style not backed “Se un tragitto dura in media un’ora, e l’uso or at home asleep”.
Non è stato facile selezionare tra le diverse by meaningful content. It was not easy to dell’auto, in media, è equivalente a meno di “If an average commute is one hour, then an
proposte interessanti il vincitore e i segnalati select the winner and runners-up from the un decimo di un’intera giornata di average car is used for less than one tenth of
che nell’insieme rappresentano un notevole diversity of interesting designs entered. ventiquattr’ore, a cosa serve nel tempo che a 24hr day. What is it doing the rest of the time?”
livello di ricerca, consapevolezza e qualità Awareness and quality, coupled with the resta?” “Traffic jams are caused by volume of
che, unite alla giovane età dei partecipanti, young age levels of the participants, were the “Il traffico è causato da volumi di materia e material and not just by the volume of the
sono la piacevole sorpresa di questo evento. pleasant surprise of this event. non tanto dall’ingombro delcorpo umano”. human body”.
Andrew Nahum Menzione speciale/Special mentions: Rafal Mazur, Danzica/Gdansk

Il concorso ha prodotto alcune soluzioni The competition produced some novel


innovative rispetto al problema del trasporto and creative solutions to the problem
urbano. Le più interessanti sono quelle che of urban transport.
puntano a forme nuove di sinergia, sia tra il The most interesting were those which
veicolo e la città che tra il veicolo e la casa. either aimed at some new synergy between
Una delle proposte indica che le nostre the vehicle and the city, on the one hand,
automobili sono spesso dotate di sistemi di or between the vehicle and the home,
intrattenimento, come anche di sedili migliori on the other.
di quelli che abbiamo nelle nostre case. Non One entrant pointed out that our cars often
ci sono ragioni quindi per cui l’automobile have better entertainment systems and
non dovrebbe essere integrata alla casa e more comfortbale seats, than those our
offrire tali agevolazioni quando è ferma. homes.
Comunque, relativamente poche proposte There was no reason why the car should not
hanno affrontato la sfida di reinventare un integrate into the home and offer these
sistema infrastrutturale di trasporto urbano – facilities when it was static.
mentre al contrario si sono dedicati più However, relatively few entrants considered
semplicemente a immaginare nuovi veicoli. the challenge of re-creating the urban
Dal mio punto di vista, il problema transport infrastructure – as opposed,
fondamentale dei “veicoli leggeri” (siano essi simply, to devising a new vehicle.
scooter o “bubble cars”, come la vecchia For me, the fundamental problem with
Isetta) è che essi devono competere sulle “light vehicles” (whether these are scooters
strade con automobilli convenzionali, potenti, or “bubble cars”, like the old Isetta) is
segni di taglio pesanti, supersicure, in cui il proprietario si that they must compete on the streets with
sente invulnerabile e spesso è portato a powerful, heavy, super-safe conventional
guidare in modo aggressivo. cars in which owners feel invulnerable
La sfida urbana è quella di creare un and often drive aggressively.
ambiente più sicuro per chi viaggia su due The urban challenge is to create a safer
ruote e per i (relativamente fragili) veicoli a tre environment for two-wheelers and for
o a quattro ruote con un basso impatto relatively fragile three or four wheeled
ambientale. Questo richiederà nel futuro, una vehicles with a low environmental impact.
“discriminazione positiva” a favore dei This will require, in future, “positive
“veicoli leggeri” e una strategia creativa di discrimination” in favour of light vehicles
accordo tra le compagnie automobilistiche e and creative partnerships between the
le amministrazioni delle città. vehicle companies and the city authorities.

Richard Sapper

Il concorso aveva per me un interesse molto The competition of “A Key to Future Mobile
preciso per due motivi. Solutions” was of specific interest to me for
Primo: questo è un argomento al quale ho two reasons.
dedicato gran parte del mio impegno negli One, because this is a theme I have
ultimi venticinque anni. Secondo: nel 1999 dedicated a major part of my own efforts
questo è stato il tema del mio corso to in the last twenty-five years, secondly
semestrale all’Accademia d’Arte di because this was the theme of an important
Stoccarda, dove ho insegnato fino allo semester project in 1999 in my course at
scorso anno. Lo scelsi perché volevo sapere the Kunstakademie in Stuttgart, where
che cosa hanno in mente i giovani di oggi I taugh until last year.
quando sognano un’automobile. Sapevo che I had selected this theme because I wanted
cosa avevano in mente i miei amici quando to know what young people today have in
avevamo vent’anni: una Ferrari o una their minds when they dream of an
Porsche. automobile.
I miei studenti invece mi diedero risposte I knew what my friends had in their mind
completamente diverse. Sognavano grandi when we were twenty: a Ferrari, or a Porsche.
auto spaziose per tutti gli usi, dicevano che la My students gave completely different
guida veloce non interessa più, e meglio answers: big roomy wehicles you can use
addirittura sarebbe la teleguida. Se si for everything, driving has no attraction
considera la stragrande maggioranza dei anymore, better if it is remotely controlled.
Per Rafal Mazur (un altro For Rafal Mazur,
progetti presentati al concorso Domus-BMW Here at the BMW/Domus competition, studente dell’Academy student in Gdansk,
il mondo però sembra cambiato ancora: according to the vast majority of entries, of Fine Arts di Danzica) the car has ceased to
niente più Ferrari, niente Porsche, niente the world has changed again: no more l’automobile cessando di possess any definite
BMW, niente più furgoni per vivere- Ferrari, Porsche or BMW, no more avere una forma definita form. It therefore loses
campeggiare-lavorare-fare l’amore. living-camping-working-flirting van: all perde consistenza, fino its consistency to the
Tutte queste attività, legate all’automobile, these automobile-connected activities do a diventare una specie di point of becoming a sort
non contano più: oggi il vero sogno è not count anymore, now the only relevant diagramma: l’istruzione of diagram:he sees car
parcheggiare. Moltissime sono infatti le dream is parking. di un sistema per cui design as a set
ogni nuovo modello instructions for a system
proposte di veicoli ultra-mini, oppure di ibridi Most entries dealt with mini mini vehicles,
nasce dal montaggio di whereby every model
metà auto-metà scooter, con soluzioni che or half-car-half-motorscooter-hybrids, elementi scelti a piacere starts from the assembly
ricordano cose del passato come l’Isetta providing many solutions reminiscent of o in base al caso of parts chosen as
BMW o il Kabinenroller Messerschmitt, oltre things like the BMW Isetta or the desired or on a
ad alcune idee nuove veramente interessanti. Messerschmitt Kabinenroler, and some really random basis
Per me la proposta più entusiasmante e fascinating new ideas.
divertente è quella delle due motociclette To me, the most exhilarating was two
che si possono accoppiare e diventano motorbikes that can mate and become a car,
un’automobile: ma possono anche divorziare and divorce and each goes its own way –
e allora ognuno va perla sua strada, guidatore including driver.
compreso.

Domus Febbraio February 2001 97


Menzione speciale/Special mentions: Romolo Nati, Cesenatico (Forlì) Menzione speciale/Special mentions: Paolo Spillantini, San Giustino (Perugia)
Per Paolo Spillantini, Paolo Spillantini, a
laureato in architettura graduate in architecture
all’Università degli Studi from the Università degli
di Firenze, l’auto viene Studi in Florence, brakes
scomposta in più down the car into various
elementi aggregabili units that can be put
a piacere: un pianale together as desired:
autoportante (la casa a self-supporting chassis
automobilistica fornisce (with the car maker
motore e sicurezza supplying a standard
standard) mentre il engine and safety), while
consumatore è libero di consumers are left free to
scegliersi (forse anche choose whatever “body-
all’ipermercato) il vestito clothing” they happen to
che più gli aggrada prefer

Menzione speciale/Special mentions: Krzysztof Wasielewski, Danzica/Gdansk

Laureato in architettura A graduate in Studente al dipartimento A student of the


all’Università “La architecture from “La di Architettura e Design Department of
Sapienza” di Roma, Sapienza” University in Industriale dell’Academy Architecture and
Romolo Nati ha Rome, Romolo Nati of Fine Arts di Danzica Industrial Design at the
progettato una designed a micro-vehicle (in Polonia) Krzysztof Academy of Fine Arts
microvettura con tre with three different Wasielewski ha realizzato in Gdansk, Poland,
diverse dinamiche di driving modes: one for un’animazione cui ha Krzysztof Wasielewski
guida: una per ogni each passenger. affidato il racconto della designed an animation to
passeggero. Una A special mobile solution sua personale visione sul tell the story of his
particolare soluzione to the dashboard, or futuro della mobilità, personal vision of future
mobile dell’unità di operating control panel, dove l’evoluzione mobility, where the
comando permette di allows its position to be dell’automobile saprà evolution of cars will
adattarne la posizione adjusted innescare cambiamenti bring about changes
ai vari passeggeri a scala urbana on an urban scale

98 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 99


Leonardo Dolfi, Bagno a Ripoli (Firenze/Florence) Yoshio Motoki, Torino/Turin, Italia Vladimir Petrovski, Skopje, Macedonia Jamshid Emami, Teheran, Iran

Leonardo Dolfi, architetto Leonardo Dolfi, an Yoshio Motoki, Yoshio Motoki, a Il macedone Vladimir Autocruise è l’ibrido Autocruise is a car-plane
di Bagno a Ripoli, declina architect from Bagno a giapponese trapiantata a Japanese now settled Petrovski progetta auto-aeroplano disegnato hybrid designed by the
il tema delle city-car Ripoli, develops the Torino, ha affrontato il in Turin, approached una macchina a forma dall’iraniano Jamshid Iranian Jamshid Emami
sempre più piccole e più theme of ever smaller tema del piacere di guida, the theme of driving di uovo, gonfiabile e Emami, secondo linee with a streamlining
agili da parcheggiare, and more parkable city- disegnando una sella a pleasure by designing sgonfiabile, come aerodinamiche ispirate inspired by the wings
disegnando un veicolo cars, by designing a two- due ruote: da guidare a two-wheeled saddle, soluzione per ridurne alle ali di pipistrello o of a bat or the fins of
biposto, a tre ruote, seater, three-wheel come si cavalcherebbe equipped with a joystick l’ingombro in area di alle pinne degli squali hammer-sharks.
concepito come “anello vehicle as “the missing un puledro e comandare to be ridden by modern parcheggio martello. Il veicolo a tre When the three-wheeled
mancante tra auto e link between car and con un joistick, rivolta a urban cowboys as if it ruote, una volta raggiunta vehicle reaches a given
moto”, di dimensioni più motorcycle”, on a much moderni urban cowboy were a horse The Macedonian Vladimir una certa velocità, speed, it lifts onto one
ridotte di quelle di una smaller scale than that Petrovski designed an si solleva su una sola wheel, stabilized by
Smart of a Smart egg-shaped, inflatable ruota per percorrere, a gyroscope, to be
car, as one way of taking stabilizzato da un driven on rough and
up less parking space giroscopio, percorsi narrow roads
accidentati e angusti

Renato Verzaro, Bovalino (Reggio Calabria) Marcin Matuszek, Danzica/Gdansk Fabio Miniati, Livorno

La proposta di Renato Renato Verzaro’s Il triciclo pieghevole The folding tricycle L’integrazione di percorsi
Verzaro intende sondare proposal explores di Marcin Matuszek, by Marcin Matuszek, a a lungo e corto raggio
fino a che punto l’attuale how far today’s aesthetic studente dell’Academy student at the Academy è raggiunta dall’uso
concetto estetico- and formal car of Fine Arts di Danzica, of Fine Arts in Gdansk, combinato di auto e
formale di automobile concept can be in Polonia, propone una Poland, proposes a highly scooter. Una grossa
possa essere deformato stretched, without soluzione altamente flexible solution to urban monovolume granturismo
senza intaccarne undermining its more flessibile per il trasporto transport in our traffic- per lunghi spostamenti è
l’immagine più consolidated and urbano nelle nostre città congested cities studiata per contenere al
consolidata e traditional image. congestionate dal traffico suo interno uno scooter a
tradizionale. The roundness of the tre ruote, da usare per gli
Il volume dell’abitacolo, passenger compartment spostamenti in città
caratterizzato da un with its large windscreen
grande parabrezza springs from a choice of Long and short journeys
circolare, nasce dalla simple forms are integrated through
scelta di utilizzare forme the combined use of car
semplici and scooter. A spacious
multipurpose vehicle for
long journeys contains a
three-wheel scooter to be
used for city journeys

100 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 101
A Roma
un manifesto
per l’arte

A Roman
manifesto
for art

Da quando esiste la casa


Massimo Bartolini

l'uomo ha perso il Una grande mostra di A major show points to


primigenio rapporto con
la terra: l’installazione di giovani artisti come the direction Rome’s
Bartolini per il Centro lo
ricorda, mescolando
manifesto per il futuro Centre for the Arts will
aromi e profumo di terra Centro per l’Arte take when Zaha
Bartolini’s installation
tries to recreate the Contemporanea di Hadid’s new building
ancient connection
mankind once had with Roma: ne scrive is complete. Stefano
the land
Stefano Casciani Casciani reports
Fotografia di/
Photography by
Pino Guidolotti

Domus Febbraio February 2001 103


Per anni istituzioni e intellettuali italiani
hanno cercato di nascondersi dietro
un dito a fronte di uno dei paradossi
più sconcertanti della cultura europea:
malgrado la presenza viva di artisti di
enorme prestigio mondiale e di una
valida scuola critica (basti pensare a
Germano Celant e Achille Bonito
Oliva, “inventori” di almeno due
movimenti chiave del Postmoderno,
l’Arte Povera e la Transavanguardia)
l’Italia è arrivata al 2001 senza un
Museo (un Centro, uno Spazio, un
Padiglione) per le Arti
Contemporanee, di interesse
nazionale. I responsabili? Di volta in
volta, la “volontà politica”, la crisi
energetica, l’inflazione, la recessione,
le condizioni metereologiche e
quant’altro: rara l’autocritica di
burocrati, accademici, studiosi,
addetti ai lavori (e perfino progettisti)
dediti spesso e volentieri
all’autocommiserazione, incapaci di
creare un gruppo di pressione
omogeneo. Molti tra gli stessi
esponenti delle discipline artistiche
hanno preferito vivacchiare all’ombra
di ardue mostre e mostrine, piuttosto
che contribuire a costruire un luogo
unitario e delegare a uno di loro
(possibilmente il migliore) il ruolo di
indirizzo di una strategia complessiva,
identificabile con un’istituzione e una
sede fisica, centrali ma non
centraliste. Per fortuna, negli ultimi
anni, lobby semiprivate meglio
organizzate hanno dato luogo a fatti
concreti: il Museo Pecci di Prato
diretto da Bruno Corà, il Castello di
Rivoli guidato da Ida Gianelli, la
Fondazione Sandretto Re
Rebaudengo a Torino. Tutti
“decentrati” rispetto all’antico asse
Roma-Milano, tutti ugualmente carichi
di energie positive, produttori di attività
che hanno dimostrato possibile
realizzare mostre di grande qualità, con
l’impegno di una direzione e la
collaborazione di curatori interni e
esterni. Forte anche del successo di
queste esperienze, il Ministero per i
Beni e le Attività Culturali avvia tre anni
fa il progetto per un nuovo “Centro
Nazionale per le Arti Contemporanee”,
con l’intento non solo di colmare il
vuoto esistente ma anche di ripartire
da zero, con un edificio e un
programma nuovo che riguardasse,
I corpi femminili di Deterioramento,

Bruna Esposito
Margherita Manzelli

Manzelli, secondo il consunzione,


critico Jennifer Higgie, secchezza… Le
sono come “pareti di una installazioni di Esposito,
eterna area di transito”, qui Aureole, cercano di
immobili ed erosi dal sfuggire al tempo che
tempo: nuova, esasperata passa. Ma la speranza,
oggettività rinnovata, non sfugge
One critic described all’inesorabile
Manzelli’s depictions of Inevitabily things decay,
the body as “looking like dry up and run out.
the walls of a permanent In Aureole Esposito tries
transit area”, bearing to reverse the process
the scars of the passing
of time

104 Domus Febbraio February 2001


addirittura, il Ventunesimo secolo. Il
lavoro prosegue attraverso due
Ministeri (Veltroni e Melandri), tra
l’entusiasmo dei modernizzatori e
l’antico scetticismo dell’establishment
culturale. È paradossalmente uno staff
di personalità istituzionali che supporta
con ogni mezzo l'azione del gruppo di
coordinamento tecnico: dall'influente
Sandra Pinto, Sovrintendente alla
Galleria Nazionale D'Arte Moderna di
Roma, agli architetti Lorenza Bolelli,
consulente del Ministro Melandri per
l'arte e l'architettura contemporanea,
Pio Baldi, Direttore dell'Ufficio Centrale
per i beni storici e paesistici, e
Margherita Guccione, ora
Sovrintendente alla Reggia di Caserta.
Si mobilita anche l’Agenzia Romana
per il Giubileo (presieduta da Luigi
Zanda) singolare istituzione nata per
coordinare progetti legati alle
celebrazioni vaticane e finita poi per
sponsorizzare l’intera iniziativa sul
Centro, in particolare quella legata al
Premio per la Giovane Arte Italiana
“Migrazioni” e la relativa mostra.
Obbiettivo di questo concorso (indetto
dal Ministero dei Beni e delle Attività
Culturali con l’Agenzia per il Giubileo)
era analizzare un fenomeno tanto
attuale quanto incompreso, come
quello dei cambiamenti di direzione nei
naturali movimenti delle culture e delle
popolazioni, chiedendo ai giovani
artisti italiani un’interpretazione del
tema. Le risposte sono state diverse,
discontinue, molto legate a poetiche
personali: e tuttavia, tra i quattordici
prescelti, nessuno devia troppo dalla
linea indicata, in una strana forma di
realismo concettuale. Si apre dunque a
Roma nel dicembre dell’anno scorso il
primo spazio temporaneo del Centro,
nella ex caserma Montello, in quella
vasta area che dovrà ospitare dalla fine
del 2004 l’edificio progettato da Zaha
Hadid. E cosa succede? La parola
d’ordine per certi critici è “tanto
peggio, tanto meglio”, così che dalle
pagine di quotidiani autorevoli come Il
Sole 24 Ore o La Repubblica si
sollevano inopportuni dubbi sulla
“trasparenza” del progetto, dando
spazio anche all’inutile polemica
innestata dall’artista Grazia Toderi
(autoesclusasi dalla mostra pur avendo
ottenuto il premio). Eppure la mostra
“Migrazioni” risulta un test positivo sia
La memoria custodisce

Mario Airò
la conoscenza dei segni:
è la volontà di dar forma
al non visibile; come in
un moderno Mito della
Caverna, l’installazione
di Airò (Pulse),
costituisce un’unica
esperienza percettiva
A projection of signs on
sand; Airò’s work (Pulse)
as a modern version of
the Cave Myth

106 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 107
per le istituzioni - avviate, per una volta,
a superare centenari ostacoli
burocratici e mentali al contemporaneo
– che per i giovani artisti, di cui
vengono riconosciute le qualità con
anticipo tempestivo: straordinario, se
si pensa alla leggenda metropolitana
che racconta come, ancora pochi anni
fa, un funzionario ministeriale
interpellato sulla possibilità di
patrocinare la mostra di un artista, non
giovane ma vivente, rispondesse con
una domanda retorica: “È morto?
Perché se non è morto, niente
patrocinio.”.
Lo spazio ex-militare della già
Caserma Montello (parte del nucleo
costruito che verrà mantenuto anche
nella realizzazione di Hadid), riportato
dal progetto di Francesco Garofalo
all’uso antimilitarista per eccellenza,
quello dell’arte contemporanea, ha
un’altra, singolare qualità. Forse per
l’originalità filologica rispetto ad altri
riusi romaneschi, forse per la cura
dedicata a rendere l’intervento di
adeguamento tecnologico meno
invasivo possibile, forse per la rinuncia
a quegli interventi pittorico-sculturali
tanto amati da altri restauratori italiani,
il grande ambiente (1000 metri quadri)
nell’allestimento gentile di “Migrazioni”
sembra più che altro, un enorme, pulito
atelier. Uno spazio visivamente e
concettualmente aperto, in cui i singoli
artisti hanno tranquillamente lavorato,
lasciando poi lì le loro opere, concluse
o forse no, sicuri di poter tornare in
qualsiasi momento a dare l’ultimo
tocco: il tutto simboleggiato
dall’incompiuta, inquietante svastica
(quella antichissima del Sole, non
quella rivoltante del Nazismo)
composta da delicati patterns
concentrici tracciati da Bruna
Esposito, non con segni ma con vere
sementi di diverse forme e colori,
tavolozza naturale di toni terrestri, in
parte inutilizzate e lasciate accanto
all’opera. Sicuramente le polemiche
della prima ora sono già un ricordo
sbiadito, gossip di provincia che
svanisce di fronte alla bellezza della
creazione attiva, dello spirito della
costruzione che trapela dalle immagini
delle opere e degli artisti, perfino quelli
immersi nella melassa mediatica che
tutto assimila e assomiglia.
Nonostante le resistenze, anche il
Vedovamazzei
Stella Scala e
Simeone Crispino

Climbing: un grande Nel suo film The Kiss,


Francesco Vezzoli

lampadario accessibile l’artista abbandona il


con sacco a pelo Prada “dietro le quinte” per
da 40 milioni di lire. materializzarsi nel campo
Metafora delle migrazioni scenico: la recitazione è
obbligate di homeless? volutamente imperfetta,
Sul fondo uno degli ultimi omaggio discreto al
dipinti di Miltos Manetas cinema di Visconti,
Climbing: an accessible con Helmut Berger
chandelier, equipped coprotagonista
with an expensive In his film The Kiss, the
Prada sleeping bag. artist puts himself on
A metaphor possibly screen, in a deliberately
for the homeless? clumsy performance that
In the background is is a discreet homage to
a painting by Miltos Visconti and co-stars
Manetas Helmut Berger

108 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 109
progetto esecutivo di Zaha Hadid per il Sandretto Re Rebaudengo in Turin. All
Centro procede infatti nel rispetto dei decentralised from the traditional
programmi. Rome-Milan axis, yet all of them
Inaspettate soluzioni di dettaglio e energetically generating events which
d’insieme fanno già sperare in una prove that high quality exhibitions are
realizzazione che potrebbe permettere possible, with the commitment of a
a Roma e all’Italia di confrontarsi (se firm policy and the collaboration of
non competere) con i vari Guggenheim internal and external curators. Spurred
Bilbao planetari: sempre che certa by their fruitful example, the Ministry
intelligentsia rinunci a sparare sulle for Cultural Heritage and Activities
proprie stesse file e si decida a launched its project for a new National
sfruttare le occasioni rimaste per Centre for the Contemporary Arts in
modernizzare le nostre strutture Rome three years ago. Its aim was to
culturali. start again on a project that has been
discussed for so long. It envisaged a
A Roman manifesto Italy’s new building and a programme that
intellectuals as well as its cultural would embrace the 21st century.
institutions have done their best to Planning continued under two
ignore one of its most disconcerting successive ministers, Veltroni and then
paradoxes. Despite its ambition to be a Melandri, caught between the
major force in the art world, reflected enthusiasm of the modernizers and the
by the the fact that the country is home scepticism of the cultural
to artists of international stature and establishment. Paradoxically, it is
has an authoritative school of critics institutional personalities like the
(think of Germano Celant and Achille influential Sandra Pinto, director of the
Bonito Oliva, discoverers of Arte Galleria d’Arte Moderna in Rome, who
Povera and Transavanguardia ), Italy have gone out of their way to back the
still lacks the most essential piece of action taken by the advisory
cultural infrastructure to play that role. coordinating group composed of
It is edging into the third millennium architects Lorenza Bolelli, consultant
and still has no nationally focused to culture minister Melandri, and Marita
Museum ( call it a Centre, a Space, or Guccione, now also director of the
even a Pavilion if you must ) for the Caserta Palace. Also galvanised was
Contemporary Arts. Who’s to blame? If the Rome Jubilee Board, set up to
it isn’t lack of political will, it’s the coordinate projects linked to the
energy crisis, inflation, recession, or Vatican’s millennial celebrations but
the weather or whatever. Never is it the which ended up sponsoring the project
bureaucrats, academics, critics who for the new Centre, and in particular a
are all too often wrapped up in self- competitive exhibition for young Italian
commiseration and seem incapable of artists. The object of the competition
coming together to create an effective “Migrations” was to indicate a trend so
pressure group. Even many exponents topical and misunderstood as that of
of the arts themselves have preferred the changing directions of natural
to live from hand to mouth, sheltered movements by cultures and
by arduous exhibitions large and small, populations, by asking the artists for a
than contribute to the building of a personal interpretation of this theme.
communal location and to select one It is the 14 artists selected from that
among them (if possible the best) to set competition that form the subject of
out a comprehensive strategy for such the fledgling Centre’s first exhibition,
a Centre , identifiable with a central but that opened at the end of last year in
not centralist institution and physical the former Montello barracks, which
site. Italy is fortunate that in recent will form a temporary home for the new
years better organised semi-private Centre until its permanent home
lobbies have made a number of steps designed by Zaha Hadid is ready in
toward envisaging what a successful 2004. The fact that the Italy had come
national institution might be like: the this far towards achieving its first
Museo Pecci at Prato directed by national Centre for contemporary arts
Bruno Corà, the Castello di Rivoli run might have been the occasion for an
by Ida Gianelli, the Fondazione outbreak of constructive cooperation.
Alessandra Tesi

Vanessa Beecroft

Compensazione di La carne viva dei modelli


energie, moto uniforme di Beecroft, diventa
che si fa stallo nel volo. soppressione
Tesi narra con Danalis dell’individualità
Plexippus 2000 dell’osservatore.
(protagonista una farfalla) Sezione aurea e posture
mutevoli “declinazioni classiche si confondono
di strategie di con la moda
sopravvivenza” Models posed by
In Danalis Plexippus Beecroft in classical style
2000 Tesi closely question our ideas of self
observes a butterfly in
flight to find insights into
the nature of energy

110 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 111
Opere di/works by: “Migrazioni”. Premio per la giovane arte
Mario Airò italiana è la mostra allestita nello spazio
Stefano Arienti temporaneo ex Caserma Montello, fino al 18
Massimo Bartolini marzo 2001/ “Migrations”is at the National
Vanessa Beecroft Centre for Contemporary Arts in Rome, in the
Bruna Esposito Centre’s temporary home in the former
Stefania Galegati Montello Barracks, until 18 March 2001
Miltos Manetas Progetto culturale/Cultural project: Lorenza
Margherita Manzelli Bolelli, consulente del Ministro Melandri per
Eva Marisaldi l’arte e l’architettura contemporanea/
Liliana Moro consultant to Giovanna Melandri, Minister for
Paola Pivi Contemporary Art and Architecture;
Alessandra Tesi Sandra Pinto, Sovrintendente Galleria
Vedovamazzei Nazionale d’Arte Moderna/Superintendent of
Francesco Vezzoli the Galleria Nazionale d’Arte Moderna; Luigi
Zanda, Presidente dell’Agenzia Romana per il
Giubileo/Chairman of the Rome Jubilee Board,
con/with Caterina Cadorna.
Progetto architettonico dello spazio/
Architectural project for the space: Francesco
Garofalo e/and Sharon Yoshie Miura
(progettazione e direzione lavori/design and
works management); Margherita Guccione,
Gruppo di coordinamento tecnico per il Centro
nazionale Arti Contemporanee/Technical
coordination group for the Centro nazionale
Arti Contemporanee
Allestimento della mostra/Exhibition design:
Francesco Garofalo con/with Laura Cherubini,
Paolo Colombo, Anna Mattirolo
Catalogo Castelvecchi-Arte, Roma/Catalogue
by Castelvecchi-Arte, Rome

Not a bit of it. The opening of the show but still alive, replied: “Is he dead? enormous, if spotless studio. It is a accompanied the creation of the
was the excuse for a fresh series of Because if he isn’t, the answer’s no”. visually and conceptually open Centre fade into insignificance.
attacks, from some unexpected The Montello barracks (part of which space, where the artists have each Despite pessimistic rumors to the
quarters, on the show, its participants, will also be retained in Hadid’s calmly created their works and left contrary, the master plan by Zaha
and the very idea of Hadid’s new project), have been sensitively them , finished or not, secure in the Hadid for the Centre is going ahead on
building. But despite the fuss, the transformed by Francesco Garofalo’s knowledge that they can come back schedule. In both its over hall
show must be judged a success, not design into a fine space to show whenever they feel like it to add the conception and at the detailed level it
least for those corners of official Italy contemporary art, in spite of its finishing touches. The whole project already provides good reason to hope
that finally seem to be getting over the militaristic origins. The conversion is symbolised by the unfinished, for a result that could enable Rome and
age-old bureaucratic and mental works, perhaps because of the care exciting swastika (the ancient Italy to compare (if not compete) with
obstacles to all things contemporary; taken to make the necessary new swastika of the Sun, not the ugly Nazi the various planetwide Bilbao
but also for the artists taking part, who technical additions as unobtrusive as version), made up of delicate Guggenheims. Provided, that is,
have seen their talents without having possible, and maybe also because concentric patterns traced by Bruna certain members of the art
to grow middle aged first. And to think the painterly-sculptural approach Esposito, with real seeds of different establishment stop firing into their own
that according to metropolitan legend, much in favour with so many Italian shapes and colours - a natural ranks and make up their minds to
only a few years ago, a civil servant, restorers was dropped. Instead the palette of earthly tones, in part collaborate on the construction of the
when asked about the possibility of vast interior (1000 square metres) unused and left next to the work. In remaining opportunities to modernize
offering Ministerial patronage to the for the generous “Migrations” the face of the work on show, the the cultural infrastructures of this
exhibition of an artist, no longer young design looks more like an backbiting and infighting that have remarkable country.
Liliana Moro

Integrazione tra tecniche,


materiali e culture per
Liliana Moro in Città
Ideale, installazione
per “Migrazioni”.
È la volontà di evasione
dal circoscritto per
abitare il tutto con
l’architettura
Moro has created a
refuge within the gallery.
She calls it Ideal City, and
combines architectural
form with an elaborate
interior

112 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 113
Arredare il bagno
La stanza da bagno è davvero
diventata una palestra. Non solo
perché in essa si possono inserire
vasche e box doccia attrezzati con
innumerevoli dispositivi (sauna,
idromassaggio, bagno turco,
cromoterapia ecc.), studiati per
migliorare la salute di corpo e
psiche, ma in quanto terreno di
ricerca per i migliori progettisti,
come dimostrano le pagine di
questo servizio. Rubinetti,
apparecchi sanitari e mobili
disegnati con cura (come i lavandini
di Souto De Moura, nella pagina

rassegna
accanto, o la doccia di Carvalho
Araújo, qui sotto) trasformano un
locale di servizio in stanza in cui
vivere piacevolmente in ogni
momento della giornata.
Furnishing the bathroom
The bathroom has indeed turned
into a gym. Not only because you
can put tubs and shower stalls in it,
equipped with innumerable devices
(sauna, whirlpool, Turkish bath,
chromo-therapy etc), intended to
improve the health of both mind and
body, but also because it provides
fertile terrain for research by our
leading designers, as shown on the
pages of this feature. Faucets,
sanitary units and furniture,
painstakingly designed (like Souto
De Moura’s washbasins, on the
opposite page, or Carvalho Araújo’s
shower, below) transform a service
area into a room where you can live
happily and fruitfully every moment
of the day.

114 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 115
rassegna

rassegna
Corian Antonio Lupi Design Galassia Agape
Marchio Registrato di DuPont Via Mazzini, 73/75 Zona Industriale Loc. Pantalone Via Ploner, 2
DuPont de Nemours Italiana 50050 Stabbia - Cerreto Guidi (FI) 01030 Corchiano (Viterbo) 46038 Mantova
Via A. Volta, 16 T 0571586881 T 0761573134 T 0376371738
20093 Cologno Monzese (Milano) F 0571586885 F 0761573458 F 0376374213
T 0225302349 lupi@antoniolupi.it info@galassiacer.it agape@interbusiness.it
F 0227300969 www.antoniolupi.it www.galassiacer.it www.agapedesign.it
Numero verde 800-876750
www. corian.com
www.dupont.com

Corian per il bagno Corian for the bathroom Alea 2 - Ovo Alea 2 - Ovo Arké Arké Lavabo Bucatini Bucatini washbasin
Materiale composito ad alte A composite material distinguished design: Prospero Rasulo design: Prospero Rasulo design: R. Adolini - P. Cristaldi design: R. Adolini - P. Cristaldi design: F. Bortolani - E. Righi design: F. Bortolani - E. Righi
prestazioni funzionali ed estetiche by its high functional and aesthetic Poco profondi (32 cm) e combinabili Shallow (32 cm) and combinable in a Come il nome già dichiara, i As the name of the item indicates, its Logico completamento degli A logical outgrowth of the
inventato e prodotto da DuPont, performance, Corian was invented in svariati modi, gli arredi della wide variety of ways, furnishings progettisti hanno inteso interpretare designers’ intention was to interpret omonimi accessori disegnati dagli accessories of the same name,
Corian combina le migliori proprietà and is produced exclusively by collezione Alea 2 garantiscono un from the Alea 2 collection guarantee in chiave moderna forme archetipe. archetypical forms in a modern key. stessi progettisti, il lavabo Bucatini designed by the same designers, the
dei minerali con quelle dei materiali DuPont. It combines the best ottimale e razionale utilizzo dello an optimal and rational use of the Costruita su rigide impostazioni Constructed according to strict incorpora sui lati due portasalviette Bucatini washbasin has, built into its
creati dall’uomo. Impiegato per properties of minerals with those of spazio. Mobili e contenitori sono space available. Furniture and case geometriche, la collezione Arké geometric approaches, the Arké ottenuti con i materiali della serie sides, a pair of towel racks made of
realizzare superfici piane e curve, man-made materials. Used to create realizzati in Idropan e MDF laccati; i units are made of lacquered Idropan abbina linee rotonde a spigoli vivi, collection combines round lines with originaria: cavetto di acciaio materials from the original series – a
Corian è oggi disponibile in 82 colori both flat and curved surfaces, Corian piani sono in cristallo (spessore 19 and MDF, tops are in transparent or con risultati particolarmente sharp edges, to produce results that ricoperto di materiale plastico steel wire sheathed with a
standard (di cui alcuni traslucidi), is now available in 82 standard mm) trasparente o colorato; i stained plate glass (thickness: 19 apprezzabili nel lavabo console (qui are particularly impressive in the trasparente. Il lavabo, una forma transparent plastic material.
numerose texture (compresi alcuni shades and numerous textures cassetti, attrezzati con divisori, sono mm) and drawers are equipped with illustrato) e nel piatto doccia. La serie washbasin console (illustrated here) arrotondata realizzata in ceramica The washbasin, a rounded element
effetti metallizzati) ed è fornito anche (including metalized effects) and is completamente estraibili e dividers. Feet and handles are in prevede diverse tipologie di and shower tray. The series provides bianca, può essere equipaggiato con made of white ceramics, can be
in colori su misura. Omogeneo in also supplied in customized tones. sganciabili frontalmente; piedi e glossy chromium-plated brass. The apparecchi, proposte in più misure, for several unit typologies, available rubinetteria monoforo o a parete. equipped with single-hole or wall
tutto lo spessore e non poroso, viene Non-porous and homogeneous maniglie sono in ottone cromo Ovo washbasin, in the foreground, is adatte sia agli spazi domestici che in many sizes, suitable for both faucets and fittings.
facilmente pulito e, se necessario, throughout its thickness, Corian is lucido. Il lavabo Ovo, qui in primo made of vitreous china. agli ambienti collettivi. Innovativo il domestic spaces and group
ripristinato. Si presta alla easily cleaned and, if necessary, piano, è realizzato in vitreus china. dettaglio riguardante il troppo-pieno, environments. The overflow detail is
realizzazione di vasche, lavabi, piani, restored. It lends itself to the creation non più ricavato sulla parete del innovative, as it is no longer hollowed
pareti doccia e rivestimenti murali. of tubs, washbasins, tops, wall and bacino ma posto in orizzontale. out of the side of the basin but
shower facings. positioned on the horizontal.

Duravit Franke Ceramica Flaminia Rapsel


Postfach 240 Via Pignolini, 2 S.S. Flaminia km 54,630 Via A. Volta, 13
D-78128 Hornberg 37019 Peschiera del Garda (Verona) 01033 Civita Castellana 20019 Settimo Milanese (Milano)
T +49-7833-700 T 0456449311 T 0761542030 T 0233501431
F +49-7833-70289 F 0456400165 F 0761540069 F 0233501306
Duravit Italia www. franke.it ceramicaflaminia@ceramicaflaminia.it rapsel@tin.it
Via Faentina, 213 www.ceramicaflaminia.it
48010 Fornace Zarattini (Ravenna)
T 0544501698
F 0544501694
ldi@laufen-duravit.it
www.duravit.com

Scola Scola WSE: Rondo WSE: Rondo Acquagrande - Link Acquagrande - Link Bouro Bouro
design: Duravit design: Duravit design: Franke design: Franke design: Giulio Cappellini e design: Giulio Cappellini and design: E. Souto De Moura design: E. Souto De Moura
Il lavabo si distingue per la forma The washbasin is outstanding for its Specialista in lavelli, forni, cappe e Specialized in washbasins, ovens, Roberto Palomba Roberto Palomba Marmo, elemento simbolo di solidità Marble, an element that has always
rettangolare, semplice e lineare, che simple and linear rectangular shape, piani di cottura, Franke Italia dispone hoods and cook tops, Franke Italia Il lavabo in fine fire clay Acquagrande The Acquagrande washbasin in fine e robustezza eppure malleabile nelle been a symbol of solidity and
gli conferisce un aspetto molto which gives it a very sturdy look. The anche di una linea di prodotti in also has a line of products in – il cui prototipo venne presentato fire clay – whose prototype was forme più fantasiose. Qui dà vita a un longevity, can also be chiselled into
robusto. Il rubinetto può essere faucet can be installed to either right acciaio inox per il bagno. La stainless steel for the bathroom. The nel 1997 – è divenuto il primo presented in 1997 – has become the lavabo rigorosamente cilindrico, the most imaginative shapes. Here it
installato a destra, a sinistra oppure a or left or on the wall. collezione WSE Washroom Sanitary WSE Washroom Sanitary Equipment elemento di una serie completa di primary element in a complete series eppure ‘morbido’ nella superficie has breathed life into a rigourously
parete. Originariamente il lavabo The Scola washbasin was originally Equipment, qui esemplificata dal collection, exemplified here by the sanitari di nuova concezione. Le linee of sanitary items based on a new leggermente scanalata. Bouro cylindrical washbasin, whose surface
Scola è stato pensato per le scuole, i conceived for schools, training lavabo singolo Rondo a vasca Rondo single washbasin with circular minimali, le grandi dimensioni, la conception. Its minimal lines, ricorda le fonti di campagna: uno has been ‘softened’ by a light
centri di formazione e altre istituzioni centers and other, similar institutions circolare, rivestito con una lamiera basin, faced with perforated steel cura riservata ai dettagli e le diverse outsized dimensions and the great zampillo d’acqua che sgorga dalla channeling treatment. Bouro brings
simili dove, oltre all’estetica, sono which need, in addition to their forata (sono disponibili anche i plate (also available are models with possibilità di montaggio ne fanno un pains taken with detail work and roccia per dissetare il viandante. to mind country springs – a jet of
richieste funzionalità e igiene. Il aesthetic qualities, high functional modelli con rivestimento in lamiera a facing in solid, mirror- or satin- prodotto raffinato e pratico al tempo various assembly options have made water that gushes from a rock to
bacino è molto grande e conformato performance. The basin is shaped in piena, finitura a specchio o satinata), finish steel plate), encompasses stesso. Autonomia e indipendenza it a product that’s both refined and slake the thirst of the weary traveller.
in modo da poter ospitare senza such a way as to accommodate a comprende innumerevoli apparecchi innumerable units and accessories formale si trovano anche nel vaso e practical. Formal independence is
difficoltà persino un secchio. bucket. e accessori (dai lavelli industriali ai (from industrial washbasins to nel bidet Link, che i progettisti hanno also found in the Link bowl and bidet,
corrimano per disabili), handrails for the disabled), aimed pensato come una serie which designers conceived of as a
prevalentemente destinati agli spazi mainly at work spaces, but also destrutturata, capace cioè di destructured series, capable of
collettivi e di lavoro, ma utilizzabili usable in domestic surroundings. abbinarsi agli innumerevoli tipi di combining with innumerable types of
anche in ambito domestico. lavabo oggi disponibili. washbasin available today.

116 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 117
rassegna

rassegna
Bossini Savil Rubinetterie I.S.A. Idrosanitaria Hansgrohe
Via G. Matteotti, 170/A Via Monte Guglielmo, 71 Via Seradello, 157 Postfach 1145
25014 Castenedolo (Brescia) 25060 Cogozzo di Villa Tarcina (BS) Loc. Ponte Zanano D-77757 Schiltach
T 0302134211 T 0308900437 25068 Sarezzo (Brescia) T +49-7836-511226
F 0302134290 F 0308901056 T 030832881 F +49-7836-511170
Numero verde 800-801260 info@savil.it F 030832883 public.relations@hansgrohe.de
info@bossini.it www.savil.it inf@isa-idrosanitaria.it in Italia: Hansgrohe
www.bossini.it www.isa-idrosanitaria.it S.S. 10 Km 24,4
14019 Villanova d’Asti (Asti)
T 0141946694
F 0141946594
info@hansgrohe.it
www.hansgrohe.it

Retrò-Antikal Retrò-Antikal Alno Alno Diva Diva Aktiva A8 Aktiva A8


design: Bossini design: Bossini design: Savil design: Savil design: Studio Zetass design: Studio Zetass design: Phoenix Product Design design: Phoenix Product Design
I soffioni per doccia della linea Retrò- Blowholes for showers from the I rubinetti monoforo Alno hanno linee Alno single-hole faucets boast lines Le docce I.S.A. dotate del sistema I.S.A. showers, which come Negli anni ’50 Hansgrohe ha In the Fifties, Hansgrohe introduced
Antikal sono costruiti in ottone e Retrò-Antikal line are made of brass improntate alla massima semplicità, inspired by the ultimate in simplicity Fast Clean sono realizzate con una equipped with the Fast Clean introdotto le prime docce a getti the first adjustable jet showers. They
proposti in tre differenti diametri (100, and offered in three different ben rappresentate dal gruppo lavabo and shown off to the best advantage membrana il cui composto di silicone system, are made with a membrane regolabili; in seguito ha inventato subsequently invented the aerated,
150 e 230 mm, qui illustrato). Gli diameters (100, 150 and 230 mm, con bocca alta e girevole, qui by a washbasin unit with a high liquido è molto resistente ed whose liquid silicone composite quelli aerati, massaggianti, a massaging, energy-saving type,
ugelli in gomma autopulenti che illustrated here). Nozzles in self- raffigurato. La serie, completa di revolving mouth, illustrated here. inattaccabile dal calcare. Ciò resists calcareous deposits. Which risparmio energetico, ricercando while doing research on everything
fuoriescono dal diffusore assicurano cleaning rubber, which come out of modelli per bagno e cucina, è The series, which comes complete to garantisce durata nel tempo e un guarantees hardness over the long tutto quanto potesse aumentare il that might increase the comfort of
una vivificante cascata d’acqua e the diffuser, assure a stimulating disponibile nelle finiture cromo, models for both bathroom and getto sempre ottimale. Nel caso in haul and a jet that’s always optimal. comfort della doccia. Flessuosa ed taking a shower. Aktiva A8 belongs to
una sensazione di benessere che waterfall and feeling of well-being, cromo/oro e cromo satinato. kitchen, is available in chromium, cui serva sostituire un soffione a When a wall blowhole has to be elegante, Aktiva A8 appartiene a that line of products. Supple and
trasforma in piacere l’igiene which transforms daily hygiene L’erogazione, regolata dalle chromium/gold and satin chromium muro, I.S.A. propone l’asta Roller, da replaced, I.S.A. offers the Roller rod, questo filone; ha la maniglia che si elegant, it has a tapering handle and
quotidiana. Strofinando gli ugelli si routines into pleasurable treats. manopole dell’acqua calda e fredda, finishes. Delivery, which is governed installare direttamente dal punto which is installed right on the water assottiglia per favorire la presa e un a compact and agile diffuser, that
rimuovono automaticamente i Cleaning nozzles automatically è silenziosa e precisa, senza sprechi. by hot and cold water knobs, is d’erogazione dell’acqua, senza delivery area without drilling a hole in diffusore compatto ed agile. I getti si grows harmoniously out of the grip.
depositi di calcare. remove calcareous deposits. noiseless and precise, and there is praticare alcun foro nella parete: si the wall. You thus have a sliding regolano mediante un anello in Jets are adjusted by means of a ring
no waste. ha così una doccia scorrevole il cui shower whose jet, which can be silicone antisdrucciolo; il silicone in anti-slip silicone. The silicone also
getto orientabile ne permette un uso tilted in any direction you wish, riveste anche i diffusori, studiati per covers diffusers, which have been
comodo e funzionale. allows handy and functional use. evitare il calcare e facilitare la pulizia. researched in such a way as to make
cleaning easier.

Cristina Disegno Guglielmi Rubinetterie Iurop Rubinetterie Ritmonio


Rubinetterie Cristina Via A. Biella, 27 Viale Cassala, 22 Via Indren, 4
Via Fava, 56 28075 Grignasco (Novara) 20143 Milano 13019 Varallo Sesia (Vercelli)
28024 Gozzano (Novara) T 0163418129 T 0289418706 T 0163560000
T 0322956340 F 0163418546 F 0289410492 F 0163560100
F 0322956556 info@guglielmi.com iuropsrl@tin.it ritmonio@tin.it
cristina@cristina.ch www. guglielmi.com

Exclusive Elite Exclusive Elite Pallina Pallina Gyro Gyro Diametrentacinque Diametrentacinque
design: Cristina design: Cristina design: Guglielmi design: Guglielmi design: Giovanni Garrone design: Giovanni Garrone design: Davide Vercelli design: Davide Vercelli
Decidendo di suddividere in due Having decided to group their Una spiccata personalità e A very assertive personality and Forme che non temono di mostrare il Forms that are not afraid of showing Il monocomando nasce da The single-control was born of a
marchi la propria produzione, la products under two distinct brands, prestazioni di grande affidabilità, highly reliable performance, borne loro contenuto tecnico, materiali their technical content, materials un’esigenza di perfezione classica, need for classic perfection, which is
società Rubinetteria Cristina ha reso Rubinetteria Cristina has made their dimostrate dall’erogazione perfetta e out by the flawless delivery and trattati con una certa ‘ruvidezza’: treated with a certain ‘roughness’. che si manifesta sia nella semplice manifested not only in the simple
ancora più chiara la propria technology-and-design strategy even dall’estrema sensibilità della leva di extreme sensitivity of the control sono queste le prime annotazioni che These are the first comments the forma dell’oggetto, sia nella sua resa shape of the object, but also in its
vocazione alla tecnologia e al design. more obvious. Cristina Disegno’s comando, sono le caratteristiche lever, are the primary characteristics la serie Gyro suggerisce. Si tratta di Gyro series would seem to elicit from naturalistica. Utilizza una naturalistic feel. It uses a
Cristina Disegno è riservato a tutto stets out to be innovative, not only salienti dei monocomando della serie of single-control units from the miscelatori monocomando, proposti a user. We’re talking about single- rivoluzionaria cartuccia ceramica revolutionary ceramic cartridge
ciò che è innovativo, sia dal punto di from a technological point of view, Pallina, proposti nei consueti modelli Pallina series, available for both in numerosi modelli per bagno e control mixers, being offered in che, pur mantenendo una portata which, even though maintaining an
vista tecnologico che estetico, but also an aesthetic one, while per la cucina e per il bagno. kitchen and bathroom. Illustrated cucina, completi di accessori numerous models for bathroom and adeguata (101 l/min.), gli permette di appropriate flow rate (101 l/min),
mentre Cristina Rubinetterie Cristina Rubinetterie will go on Qui è illustrato il miscelatore here is a single-control mixer for anch’essi realizzati all’insegna di kitchen, complete to accessories, contenere le dimensioni del corpo e allows the item to keep the
continuerà a realizzare prodotti belli e making great-looking and functional, monocomando per vasca esterno exterior tub with duplex shower and un’essenzialità quasi povera. Qui è which have an almost austere della manopola di comando in 35 dimensions of its body and a control
funzionali ma più sobri. Qui è but more sober, products. Illustrated con doccia duplex e deviatore automatic shunt. Glossy chromium illustrato il miscelatore a muro per simplicity written all over them. mm di diametro. Disponibile nelle knob, measuring 35 mm in diameter,
illustrato un gruppo a muro per here is a wall unit for a washbasin, automatico. Finitura cromo lucido. finish. vasca con bocca fissa e doccia a Illustrated here is a wall single- finiture cromo e nichel spazzolato. La within certain limits. Available in
lavabo, della linea Cristina Disegno, from the Cristina Disegno line, mano con supporto. Materiali: control mixer for bathtubs with a serie comprende anche un rubinetto chromium and brushed nickel
comprendente modelli per bagno e embracing models for both bathroom ottone. Finiture: cromo, nichel stationary mouth and hand shower a tre fori interpretato in modo finishes. The series includes also an
cucina. La regolazione è basata sulla and kitchen. Adjustment is based on spazzolato, cromo satinato. with a support. Material: brass. insolito. unusual three-hole faucet.
tecnologia a vitone ceramico. ceramic screw technology. Finishes: chromium, brushed nickel
and satin-finish chromium.

118 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 119
rassegna

rassegna
Stella Rubinetteria Webert Rubinetterie F.lli Frattini Rapetti Atelier
Rubinetterie Stella Via Maria F. Beltrami, 11 Via Roma, 125 Rubinetterie Rapetti
Via Camerini, 8 28014 Maggiora (Novara) 28017 San Maurizio d’Opaglio (NO) Via S. Martino della Battaglia, 3
20131 Milano T 0322870180 T 032296127 46043 Castiglione delle Stiviere (MN)
T 022841144 F 032287472 F 0322967272 T 03766761
F 022847836 webert@pn.itnet.it info@frattini.it F 0376638127
info@rubinetteriestella.it www.frattini.com info@rapetti.it
www.rubinetteriestella.it

Foster Foster Atlantic Atlantic Bingo Bingo Murena Murena


design: Foster & Partners design: Foster & Partners design: Giovanni Zanzucchi design: Giovanni Zanzucchi design: Frattini design: Frattini design: Rapetti design: Rapetti
La serie possiede le caratteristiche The series has the characteristics Gran parte del consumo domestico An overwhelming percentage of Frutto del connubio tra le nuove Fruit of a marriage between new Nel miscelatore Murena la forma In the Murena mixer, solid and
tipiche dei prodotti Stella: ergonomia typical of Stella products – d’acqua è riservato alla zona bagno: domestic water consumption takes tendenze del mercato e l’esperienza market trends and the vast solida e compatta si alterna al vuoto compact form alternates voids and
(la maniglia asseconda il movimento ergonomics (the handle allows easy per diminuirne gli sprechi è place in the area of the bathroom. maturata dall’azienda nel settore experience accumulated by the e all’apertura, in un gioco di linee open spaces in a sculptural interplay
fornendo una regolazione dolce e and gentle adjustment), safety and necessario agire in primo luogo sugli Cutting back on waste means taking della rubinetteria, la serie Bingo si company in the faucets and fittings curve e duttili che fanno pensare alla of curving and supple lines. The
facile), sicurezza e prestazioni (la top performance (the form is compact apparecchi destinati a questa stanza. action on units made for this room caratterizza per la sua linea pulita e sector, the Bingo series features a scultura di un grande artista series includes single-control mixers
forma è compatta e al suo interno and water flows inside it in a noiseless Webert è attenta a queste first of all. Webert, although alert to slanciata, oltre che per il particolare clean and streamlined profile as well contemporaneo. La serie comprende for washbasins, bidets, tubs and
l’acqua scorre in modo silenzioso), manner) and the quality of their problematiche ma non trascura le this problem, never overlooks the design della leva. Il miscelatore è as an offbeat design for its lever. miscelatori monocomando per showers. Accessories specially
qualità dei materiali. Le finiture materials. Finishes (satin- and glossy esigenze estetiche. La serie di aesthetic needs of the situations. proposto nelle finiture cromato, The mixer is available in chromium- lavabo, bidet, vasca e doccia a designed for the purpose round out
(cromo satinato e cromo lucido) sono chrome) are carried out after rubinetti Atlantic le interpreta The Atlantic series of faucets and cromato/dorato e satinato. plated, chromium-plated/gilded and incasso. Accessori appositamente the spectrum, giving it just the right
eseguite previo deposito di nichel di depositing a thick layer of nickel, entrambe. L’innovativa ed fittings interprets both with panache. satin finishes. studiati danno la giusta completezza finishing touches.
elevatissimo spessore che assicura which assures the quality of the final ergonomica leva in Webcryn, An innovative and ergonomic lever in alla gamma.
la massima qualità del risultato finale. result. The mechanism in ceramics materiale termoplastico con qualità Webcryn, a thermoplastic material
Il meccanismo di miscelazione in guarantees a precise movement. tattili affini alla gomma e disponibile with tactile qualities similar to those
ceramica garantisce un movimento Illustrated here is a mixer for in sei tonalità di colore, assicura of rubber and available in six
continuo e preciso. Qui è illustrato il washbasin with a satin chrome finish. erogazione e impugnabilità perfette. chromatic tones.
miscelatore per lavabo monoforo,
finitura cromo satinato.

Fantini Rubinetterie Rubinetterie Teorema Hansa Dornbracht


Fratelli Fantini Via XX Settembre, 120 Sigmaringer Straße, 107 Aloys F. Dornbracht & C.
Via M. Buonarroti, 4 25020 Flero (Brescia) D-70567 Stuttgart Armaturenfabrik
28010 Pella (Novara) T 0303580791 T +49-711-1614363 Köbbingser Mühle, 6
T 0322969127 F 0302680645 F +49-711-1614458 58640 Iserlohn (Germania)
F 0322969530 teorema@numerica.it info@hansametall.com T +49-2371-4330
fantini@fantini.it www.teorema-spa.it www.hansametall.com F +49-2371-433232
www.fantini.it in Italia: Hansa Italiana mail@dornbracht.de
Via Francesca, 19/D www.dornbracht.com
25030 Coccaglio (Brescia) in Italia: Marquardt
T 0307702131 Via Leopardi, 14
F0307702132 20019 Settimo Milanese (Milano)
Hansaitaliana@hansa.it T 0233512028
F 0233501521
marqusas@tin.it

Fonte Fonte New Tone: Vita New Tone: Vita Hansastar Hansastar Giorno Giorno
design: Angeletti & Ruzza design: Angeletti & Ruzza design: Eifler - Seegatz design: Eifler - Seegatz design: Hansa design: Hansa design: Massimo Iosa Ghini design: Massimo Iosa Ghini
Caratterizzato da un design sobrio e Characterized by a sober and fad- Il miscelatore monocomando Vita fa The Vita single-control mixer is part Il programma di rubinetti The Hansastar program of single- Duravit e Hoesch hanno unito le loro Duravit and Hoesch pooled their
slegato dalle mode, il miscelatore free design, the Fonte single-control parte del progetto New Tone, una of a project called New Tone, monocomando Hansastar nasce control faucets is the product of capacità e competenze per dare vita skills and resources to initiate a
monocomando Fonte (qui illustrato mixer (illustrated here in the model ricerca sui nuovi trend di consumo. Il entailing research on new consumer all’insegna della qualità, della sicura Hansa’s tried and tested technique. a una serie completa per il bagno complete series for bathrooms that is
nel modello per lavabo con scarico for a washbasin with an automatic miscelatore Vita rappresenta un trends. The Vita mixer represents a funzionalità e della tecnica Rounded shapes are highlighted by firmata da un unico progettista. Dopo the work of a single designer. In the
automatico, ma è disponibile anche drain-off, but also available in consumatore sportivo e dinamico, sport-loving and dynamic consumer sperimentata Hansa. Le forme élite finishes. Available, in fact, in Philippe Starck e Michael Graves, wake of Philippe Starck and Michael
nelle versioni per bidet, vasca e versions for bidet, tub and shower) più propenso a un design aggressivo. who is more apt to choose an arrotondate sono esaltate da finiture addition to the chromium-plated ecco Massimo Iosa Ghini con la Graves, Massimo Iosa Ghini came up
doccia) rappresenta un connubio di represents a marriage of tradition Nella finitura appena realizzata, aggressive design. A standout in the preziose: oltre al classico cromato classic, are chromium-plated/gold collezione Giorno, qui illustrata da un with his Giorno collection, illustrated
tradizione e modernità. Il corpo ha and modernity. The body has a spicca il bottoncino satinato posto finish just created is a small, satin- sono infatti disponibili il cromato-oro and chromium-plated/brass-plated. monocomando prodotto da here by a single-control mixer
finitura cromo; la leva è proposta chromium finish, while the lever is sulla leva, un tocco che facilita finish button situated on the lever, e il cromato-ottonato. La leva può The lever is supplied solid or bow- Dornbracht. Il programma si presenta produced by Dornbracht.
anche in altre sei varianti. offered in six other variants. l’abbinamento con accessori e which makes combining with essere piena o ad archetto. I rubinetti shaped. Faucets come equipped come una riuscita simbiosi di design The program gets its message
piastrelle. Le serie legate al progetto accessories and tiles easier. All of the sono dotati di cartuccia Hansaeco, with a Hansaeco cartridge, a device e funzionalità, un miscuglio di across as a successful symbiosis of
New Tone utilizzano un’unica New Tone series use a special, un dispositivo che riduce a metà il that slashes the consumption of tradizione e futurismo nel quale si tradition and futurism in which the
speciale cartuccia, che consente la cartridge, which enables the user to consumo d’acqua e quindi water – and therefore of energy – by riconosce il tocco personale del personal touch of the designer is
limitazione della portata dell’acqua, a limit the flow of water, thus allowing diminuisce anche il consumo 50 percent. progettista. I rubinetti sono proposti easy to identify. Faucets are available
vantaggio del risparmio energetico. Il him to save on energy. The mixer d’energia. nelle finiture cromo e platino lucidi. in chromium and glossy platinum
miscelatore è disponibile nelle comes in either chromium or finishes.
finiture cromo e cromo-oro. chromium-gold finishes.

120 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 121
rassegna

rassegna
Cisal Rubinetteria Ottone Meloda Mina Newform
Via P. Durio, 160 Via Lagna, 5 Via Zignone, 26/A Via Marconi, 25/A
28010 Pella - Frazione Alzo (Novara) 28017 S. Maurizio d’Opaglio (NO) 13017 Quarona (Vercelli) Frazione Vintebbio
T 0322918111 T 0322923811 T 0163432410 13037 Serravalle Sesia (Vercelli)
F 0322969518 F 0322923802 F 0163432977 T 0163450540
cisal@cisal.it info@ottonemeloda.com mina@minait.com F 0163459745
www.cisal.it www.ottonemeloda.com www.minait.com mktmng@newform-italy.com
www.newform-italy.com

Less Less Profili Profili Toy Toy X-Trend X-Trend


design: Cisal design: Cisal design: Howard H.T. Chang design: Howard H.T. Chang design: Mina design: Mina design: Newform design: Newform
Miscelatori monocomando, Single-control mixers, single hole or Il modernismo si inchina al passato e Modernism tips its hat to the past, Realizzato interamente in acciaio Made entirely of stainless steel, both Le linee semplici sono oramai un Simple lines are a must by now, even
monoforo o gruppi a tre fori, i three-hole units, faucets from the una brocca stilizzata diventa and a stylized pitcher turns into a inossidabile sia all’interno sia inside and out, like all of Mina’s obbligo anche nella rubinetteria. Non in faucets and fittings. No exception
rubinetti della serie Less hanno forme Less series have simple shapes, rubinetto. Oltre alle contaminazioni faucet. But, in addition to all the all’esterno come tutti i rubinetti Mina, faucets, the Toy single-control mixer fa eccezione la serie X-Trend, qui is the X-Trend series, illustrated here
essenziali, riconducibili a solidi inspired by pure solid geometric già evocate non va scordata quella amalgams evoked in the past, the il miscelatore monocomando Toy joins function and design in a form illustrata da un miscelatore by a single-control mixer for
geometrici puri. Il meno cui il nome fa forms. The ‘less’ to which the name tra cultura orientale e occidentale, di one between Eastern and Western riunisce funzionalità e design in una that’s both compact and simple. monocomando per lavabo. La serie washbasins. The series offers high
cenno va inteso come rinuncia alla of the item refers should be cui il progettista è portatore – cultures, whose designer is the forma compatta e semplice. The series, which has been divided offre prestazioni elevate e una grande performance and a wide variety of
ridondanza non certo all’affidabilità: interpreted as a rejection of Howard H.T. Chang è cinese di bearer – Howard H.T. Chang – is La serie, articolata nei consueti up into the usual models (washbasin, varietà di modelli. L’anima models. The technological heart of
ciò che l’occhio non coglie – il redundancy – not, of course, of nascita e americano di adozione (vive Chinese by birth but American by modelli (lavabo, bidet, vasca, bidet, tub and shower), is being tecnologica di X-Trend risiede nella X-Trend lies in its cartridge, which
contenuto tecnologico – si reliability. What the eye doesn’t see – e ha lo studio a New York). adoption (with a studio in New York). doccia), viene proposta in tre finiture: offered in three finishes – glossy, cartuccia: essa regola il movimento regulates flow noiselessly, even
percepisce al primo gesto. I the technological content – the hand La serie Profili comprende The Profili (profiles) series includes acciaio lucido, spazzolato e brushed and sandblasted steel. in modo silenzioso anche a portate when flow rates are high. The device
numerosi modelli per bagno e cucina perceives at the first touch. miscelatori monocomando per single-control mixers for bathrooms sabbiato. Essendo costruiti Since the pieces are crafted by hand, elevate. Interessante il dispositivo present on models for washbasins is
sono proposti in più versioni, con la Numerous models for both bathroom bagno (lavabo, bidet, vasca, doccia), (washbasins, bidets, tubs and artigianalmente, i pezzi possono they can be customized by request. presente sui modelli per lavabo: la intriguing. The tiltable terminal part
possibilità di scegliere e cambiare and kitchen are available in several disponibili in tre finiture. showers), available in three finishes. essere personalizzati a richiesta. parte terminale orientabile consente makes it possible to aim the jet
dettagli e materiale. versions, with the option of choosing di indirizzare il getto anche verso le toward the parts that are most
and changing detail work and parti più difficili da raggiungere. difficult to reach. Finishes: glossy
material. Finiture: cromo lucido, cromo chromium, satin-finish chromium and
satinato e argento spazzolato. brushed silver.

Fir Rubinetterie Piralla Zazzeri Zucchetti Rubinetteria


S.S. 229 Km 18,9, Renato Piralla Via del Roseto, 56-64 Via Molini di Resiga
28010 Vaprio d’Agogna (Novara) Via Garibaldi, 14 50012 Bagno a Ripoli (Firenze) 28024 Gozzano (Novara)
T 0321.996221 28076 Pogno (Novara) T 055696051 T 0322954700
F 0321996426 T 0322.996009 F 055696309 F 0322954823
fir@fir-italia.it F 032297497 info@zazzeri.it info@zucchettirub.it
www.fir-italia.it info@piralla.com www.zazzeri.it
www.piralla.com

Tilo 75-76 Tilo 75-76 Arko Arko Spillo Spillo Spin Spin
design: Fir design: Fir design: Itamar Harari design: Itamar Harari design: Roberto Innocenti design: Roberto Innocenti design: Raul Barbieri design: Raul Barbieri
Il miscelatore Tilo 75-76 ha la The Tilo 75-76 mixer has a cartridge Con il nome Arko, scelto per questa Through the name Arko, chosen for Elegante ed essenziale, il Elegant and essential, the Spillo (pin) Il miscelatore monocomando Spin ha The single-control mixer has a shape
cartuccia con movimento joystick, with a joystick movement, designed collezione di miscelatori this collection of single-control monocomando Spillo, con il suo single-control, with its spherical una forma governata dal cilindro: that’s governed by a cylinder.
studiato per essere pratico e to be both practical and manageable. monocomando, si è inteso segnalare, mixers, the intention was to call movimento sferico, è il rubinetto movement, is the ideal faucet for cilindrico è il corpo, perpendicolare al Its body is perpendicular to a top,
maneggevole per chi lo impugna o All that’s needed, in fact, is a simple oltre all’evidente riferimento alla attention, not only to the ideale per le sale da bagno delle dispensing bath salts. A vast piano di appoggio, dal quale from which the mouth sticks out at
più esattamente lo ‘sfiora’: basta application of pressure to set the jet caratteristica curva del rubinetto, characteristic curve of the faucet, but persone esigenti. Le molteplici repertoire of combinations makes it protende ad angolo retto la bocca, right angles to it. The mouth is also
infatti una semplice pressione per of water in motion and adjust its anche l’arco di varianti offerte dalla also the arc of variants offered by the combinazioni fanno sì che il possible for the mixer to adapt to the anch’essa cilindrica, così come la cylindrical, as is the slender mixing
azionare il getto dell’acqua, intensity and temperature, the mixer nuova linea. Essa si propone come new range. The latter is being offered miscelatore possa essere adattato ai most widely varying tastes. Available, sottile asta di comando della control rod, fitted into the cap, not to
regolarne l’intensità e la temperatura. making use of a single, special un sistema aperto, nel quale la as an open system, in which più diversi gusti: sono infatti in fact, in addition to the customary miscelazione inserita nel cappuccio, speak of the small rod on the catch.
Il miscelatore utilizza un’unica cartridge, which allows the limitation personalizzazione si spinge sino alla customization is driven to the disponibili, oltre alle consuete finishes, are accessory elements in nonché l’astina del salterello. Una A structure that’s so rigorous can
speciale cartuccia che consente la of the flow rate while automatically scelta del tipo di cartuccia utilizzata. maximum – the choice of the type of finiture, elementi accessori in pero French pearwood, beech, wengé and struttura così rigorosa può tuttavia nonetheless be varied by having
limitazione della portata, riducendo reducing the flow of water, the user In questo modo, oltre alle diverse cartridge used. This is the way in francese, faggio, wengè, cristallo opaline and transparent glass. essere variata ricorrendo a finiture e recourse to offbeat finishes and
automaticamente il flusso dell’acqua thus reaping the benefit of big soluzioni estetiche della leva, Arko si which, besides the various aesthetic opalino e trasparente. materiali insoliti. La serie comprende materials. The series embraces the
a vantaggio di un considerevole savings in energy. presenta come un miscelatore a solutions of the lever, Arko comes i consueti modelli, interpretati in usual models, interpreted in unusual
risparmio energetico. È disponibile It’s available entirely chromium- comando tradizionale o a joystick. across as a mixer with a traditional modo da oltrepassare i tradizionali way. For example, the mixer with a
interamente cromato o satinato, plated or with a satin finish, or with control or joystick. articoli: per esempio, il miscelatore long mouth, which causes water to
oppure con particolari in ciliegio, blu detail work in cherry, cobalt blue, con prolunga, per far cadere l’acqua fall right at the centre of the
cobalto, cromato e satinato. chromium-plated and satin-finish. proprio al centro del lavabo. washbasin.

122 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 123
rassegna

rassegna
Duscholux Fèrroli Teuco Guzzini Vismaravetro
D-69191 Schriesheim Via Ritonda, 78/A Via Avogadro, 12 Via Furlanelli, 29
T +49-6203-1020 37047 San Bonifacio (Verona) Zona Industriale Enrico Fermi 20050 Verano Brianza (Milano)
F +49-6203-102390 T 0456139411 62010 Montelupone (Macerata) T 0362992244
DUSCHOLUX-KIT@t-online.de F 0456100933 T 07332201 F 0362992255
www.duscholux.com www.ferroli.it F 0733220391 vismara@tin.it
in italia: Duscholux Italiana teuco@teuco.it
Zona Industriale Isarco www.teuco.it
39043 Chiusa/Laion (Bolzano)
T 0472848501
F 0472848504

Optima Plus Optima Plus Eden Eden Doccia con cromoterapia Shower with chromo-therapy Idros Idros
design: Duscholux Design: Duscholux design: Fèrroli design: Ferroli design: Lenci - Talocci design: Lenci - Talocci design: Paolo Pedrizzetti design: Paolo Pedrizzetti
Sistema polivalente dalle molteplici Polyvalent system with multiple Box doccia a struttura angolare, Shower stall with a corner structure, Dopo l’aria e l’acqua Following the invigorating air and Occupa meno di un metro quadrato e It takes up less than a square meter
applicazioni, Optima Plus permette di applications, Optima Plus enables Eden si contraddistingue per l’ampia Eden is distinguished for its broad dell’idromassaggio, la luce e il colore water of the whirlpool bath, light and non è solo una cabina doccia: of space and is not just a shower
trovare la soluzione adatta a ogni the user to find the solutions best superficie vetrata frontale in cristallo frontal glazed surface in toughened sono entrati nelle cabine doccia. Il colour were introduced into shower l’innovazione di Idros risiede in un stall. The innovation featured by
esigenza, grazie alle numerose suited to every need, thanks to the temperato. Costruito in metacrilato a plate glass. Made of very thick modello qui illustrato (140 x 92 cm) è stalls. The Teuco model illustrated sottile tubo che corre a vista nella Idros lies in a visible water pipe,
varianti disponibili. Il sistema numerous variants available. The forte spessore, dà garanzia di metacrylate, it guarantees atoxicity infatti dotato della funzione here (140 x 92 cm) is in fact equipped parte alta della cabina e collega le which runs through the high section
propone cabine doccia per piatti a system offers shower stalls for atossicità e igiene. Minimo and hygiene. Minimal in the space it cromoterapia, un trattamento che with a chromo-therapeutic function, due colonne attrezzate affinché nello of the stall, connecting the two
quarto di cerchio, rettangolari e quarter-circular, rectangular and l’ingombro (75 x 75 cm) e ampia takes up (75x75 cm) but generously produce i suoi effetti salutari sul a treatment that produces its health- stesso momento si possa essere column systems, so that users can
pentagonali, dotate di vari tipi di pentagonal trays, equipped with l’abitabilità, favorita anche da un proportioned inside, comfort is sistema nervoso utilizzando la giving effects on the nervous system investiti da numerosi getti d’acqua be impacted by several stimulating
porta: girevoli, battenti e scorrevoli. doors of various types – revolving, seggiolino ribaltabile. I modelli a further assured by a tip-up seat. variazione di colore della luce; by using variations in the colours that con la stessa temperatura e intensità. jets of water with the same
Nei modelli Round a porte scorrevoli, side-hinged and sliding. In Round funzionamento meccanico sono Mechanically functioning models attraverso l’irradiazione luminosa make up light. Through luminous La cabina è pensata per piatti doccia temperature and intensity. The stall
indicati per piccoli locali, le ante models with sliding doors, indicated provvisti di quattro getti verticali e tre come equipped with four vertical jets (una seduta dura 15 minuti), il corpo irradiation (a sitting lasts 15 minutes), standard ed è equipaggiata con comes equipped with a thermostatic
scorrono su rullini in acciaio e for small-dimensioned bathrooms, dorsali; quelli a comando digitale and three dorsal ones. Those that are avvolto nel colore trasmette the body, swathed in colour, miscelatore termostatico, doccetta mixer, multipurpose hand shower
possono essere spostate per pulire the doors slide on rollers in steel and hanno in più la cascata a lama digitally controlled have a blade-of- sensazioni benefiche alla psiche. La transmits beneficial sensations to the multifunzione e otto ganci per and eight hooks for hanging up
dall’esterno gli elementi laterali. can be shifted to clean side elements d’acqua, il massaggio linfodrenante e water shower, lymph-draining luce è proiettata da una lampada, mind. Light is given off by a lamp, appendere tutto quanto serve sotto everything that’s needed to take a
from the outside. il bagno turco. massage and a Turkish bath. posta all’interno della cabina, di cui è positioned inside the stall, it being la doccia. Le ante sono in vetro shower. Doors are in toughened
possibile selezionare sia l’intensità possible to select both the intensity temperato; gli altri componenti sono glass, while the other components
sia la saturazione del colore. and saturation of the colour. realizzati in alluminio e ottone. are made of aluminum and brass.

Kos Revita Cesana Albatros


di Fantin Bruno & C. Marchio di Domino - Sanitec Group Via Dalmazia, 3 Marchio di Domino - Sanitec Group
Viale de la Comina, 17 Via Valcellina - Z.I. Nord Casella Postale 93 Via Valcellina - Z.I. Nord
33170 Pordenone 33097 Spilimbergo (Pordenone) 20059 Vimercate (Milano) 33097 Spilimbergo (Pordenone)
T 0434363405 T 0427594111 T 0396082441 T 0427594111
F 0434551292 F 042750304 F 0396851166 F 042750304
kos@kosidromassaggio.it info@dominospa.com Numero verde 800-393949 info@dominospa.com
www.kosidromassaggio.it www.dominospa.com www.cesana.it www.dominospa.com

Gaudí Plus Gaudí Plus Palladio Plus Palladio Plus Logic Logic Pluvia 130 Pluvia 130
design: Kos design: Kos design: Claudio Papa design: Claudio Papa design: Piet Billekens design: Piet Billekens design: Claudio Papa design: Claudio Papa
Il box doccia Gaudí Plus offre il relax The Gaudí Plus shower stall offers Il box doccia Palladio Plus è The Palladio Plus shower stall comes Le nuove cabine Logic fanno The new Logic stalls boast even Il box doccia Pluvia realizzato in The Pluvia shower stall, which is
e il benessere del bagno turco e una the relaxation and sense of well- disponibile in quattro modelli, due in four models – two corner and two apprezzare ancor più i vantaggi di more advantages, such as being able particolari lastre metallizzate colore made of special metalized sheets the
nuova soluzione di seduta: due being you get from a Turkish bath angolari e due rettangolari, studiati rectangular – researched to exploit poter regolare l’acqua dall’esterno to adjust water flows from outside acciaio, leggero e resistente, facile colour of steel, is light but resistant,
comodi sedili con schienali e and a new seating solution – two per sfruttare al meglio lo spazio del the bath space to the maximum and della cabina. La struttura in alluminio the stall. The aluminium structure has da pulire e di lunga durata, esaltato easy to clean and longlasting. Set off
braccioli ricavati nella struttura della comfortable seats with backs and bagno e, pur nella loro essenzialità, offer, thanks to their essentialness, è stata assottigliata per esaltare la been slenderized to spotlight the dall'illuminazione a fibre ottiche di cui by optical-fiber lighting with which
seduta stessa. Le dimensioni ridotte arms carved out of the structure of offrire ottime prestazioni. Il modello world-class performance. trasparenza del cristallo (temperato, transparency of the plate glass la cabina è provvista, è una delle the stall is equipped, it’s one of the
(140 x 90 x 220 H cm, altezza interna the item itself. Reduced dimensions più piccolo misura 70 x 80 x 204,5 The smallest model measures 70 x spessore 8 mm). La colonna è dotata (toughened, thickness: 8 mm). The proposte più recenti firmate Albatros. latest models to be signed by
200 cm) assicurano tuttavia uno (140 x 90 x 220 H cm, internal height: cm. La dotazione standard prevede: 80 x 204.5 cm. Standard features di sei idrogetti laterali orientabili. Il column comes equipped with six Dieci Rolljet verticali e otto Rolljet Albatros. Ten vertical Rolljets and
spazio interno ampio, facilmente 200 cm) make sure interior space is cascata cervicale, massaggio include a cervical shower, vertical deviatore consente di scegliere tra tiltable side hydrojets. The shunt dorsali forniscono due tipi di eight dorsal Rolljets supply two types
accessibile attraverso due grandi ample and easily accessible through verticale e dorsale, Rolljet per il and dorsal massage, Rolljet for foot soffione superiore, con tre funzioni allows the user to choose between idromassaggio, mentre al massaggio of whirlpool treatment, while foot
ante battenti in cristallo curvo two side-hinged doors in toughened massaggio plantare, sedile integrato, massages, a built-in seat, shower idromassaggio, e doccetta a due an overhead blowhole with three dei piedi provvede un getto plantare. massages are provided by plantar
temperato (spessore 6 mm). La plate glass (6 mm-thick). The stall is doccia su asta saliscendi, with a height-adjustment rod, mixer funzioni. Il maniglione dà sicurezza, whirlpool functions and a hand Altre dotazioni: erogatore di vapore e jets to the soles of the feet. Other
cabina si installa senza silicone; il put in without using silicone, and the miscelatore con deviatore, mensola with a shunt, shelf and sliding doors mentre il gancio esterno permette di shower with two functions. A pull dispenser per essenze, soffione features: steam and cologne
sistema autodrenante evita qualsiasi self-draining system makes leaks of portaoggetti, ante scorrevoli in in toughened plate glass. tenere l’accappatoio sempre a handle guarantees safety, while an centrale, due sedili e portaoggetti dispensers, central blowhole, two
perdita d’acqua. Tra le dotazioni: any kind impossible. Features cristallo temperato. portata di mano. Il piatto doccia, in outside hook keeps bathrobes within incorporati, tastiera digitale, pannello built-in seats and shelves, a digital
bagno turco, idromassaggio, include a Turkish bath, whirlpool and acrilico rinforzato, può essere easy reach. The shower tray, in centrale apribile, radio (optional). keyboard, central panel that can be
Idrocolore (bagno turco colorato). Idrocolore (coloured Turkish bath). rimosso per ispezioni e riparazioni. reinforced acrylic, is removable. opened and a radio (optional).

124 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 125
rassegna

rassegna
Glass Idromassaggio Itema Blu-Blue Calyx
Via Baite, 12/E Via Villa Medici, 66 Gruppo Calpeda Distribuito da Palazzetti
Zona Industriale 62010 Montecassiano (Macerata) Via Armenia, 6 Via Roveredo, 103
31046 Oderzo (Treviso) T 073329971 Zona Industriale Ponterosso 33080 Porcia (Pordenone)
T 04227146 F 0733299783 33078 San Vito al Tagliamento (PN) T 0434922655
F 0422816839 scrivi@itema.it T 043485444 F 0434922355
glass@glassidromassaggio.it www.itema.it F 043485460 info@calyx.it
www.glassidromassaggio.it info@blublue.calpeda.it
www.blublue.calpeda.it

Venus Venus Corfù Corfù Flò Flò Evolution Q35 Evolution Q35
design: Giugiaro Design design: Giugiaro Design design: Itema design: Itema design: Blu-Blue design: Blu-Blue design: Calyx design: Calyx
La vasca angolare (140 x 140 cm) The Venus corner tub (140 x 140 cm), Inconsueta nelle dimensioni (195 x Unusual in both dimensions (195 x Le vasche della serie Flò sono Tubs from the Flò series are available Ingombro ridotto al minimo ma Volume has been reduced to a bare
Venus nel suo morbido modellato di softly shaped by lines that embrace a 115 x 45 cm) e nelle forme, la vasca 115 x 45 cm) and form, the Corfù tub disponibili nei tipi normale e con in standard types and with a grande abitabilità per il box doccia minimum here but not at the expense
linee racchiude un bacino di forma basin with an offbeat form, is Corfù non è solo comoda (il comfort is not only comfortable (comfort is idromassaggio a sette bocchette whirlpool feature with seven inlets, or Evolution Q35. Senza bisogno di of comfort for Evolution Q35 shower
particolare, configurato in modo da configured in such a way as to offer è favorito dal bordo rialzato e dal given a big boost by a raised border oppure con idromassaggio e Air with a whirlpool and Air System. The allacciamento elettrico, il box offre stall. With no need for an electrical
offrire due diverse possibilità di two different seating options – both sedile anatomico), è addirittura and anatomical seat), but also System. Quest’ultimo sistema latter system injects air through funzioni che assicurano un perfetto hookup, the stall offer a variety of
seduta, entrambe molto confortevoli. very comfortable. Massages are dotata di televisore. Può infatti furnished with a TV set. It can, in immette aria attraverso dodici twelve inlets, governed by a digital benessere: doccetta a tre diverse functions – hand shower and
Il massaggio è praticato da otto getti provided by eight Jet Clean air-and- essere acquistata senza fact, be purchased without a bocchette, regolate da un dispositivo device. A calibrated mixture of air potenze, bocchette Idropulsar per Idropulsar inlets for a lumbar and
laterali Jet Clean ad aria e acqua, water side jets, with individual idromassaggio o completa del nuovo whirlpool or complete to a new digitale; una calibrata miscela di aria and water optimizes the effects of massaggio lombare e cervicale. E in cervical massage. And, in addition, a
con regolazione individuale di intensity adjustment, easy to rotate sistema idrobenessere Itema, hydro-well being system, displayed e acqua consente di ottimizzare gli the two treatments. The convenience più la possibilità di godere di un vero chance to enjoy a real steam bath –
intensità, facili da ruotare verso la toward the preferred area of the impostato su sei programmi di on a small television set equipped effetti dei due trattamenti. Il comfort of the tub is notable thanks to easy- bagno di vapore, caldo o freddo, hot or cold – perhaps combining it
zona del corpo preferita, e da sedici body, and sixteen Airpool injectors linfodrenaggio, visualizzati su un with a waterproof remote control, della vasca si nota anche nei to-manage controls, both the magari abbinandolo agli effetti with the effects of aroma therapy.
iniettori Airpool dal basso, efficaci su that operate from below, acting on piccolo televisore dotato di un designed and made for the purpose. comandi, facili da gestire, sia quelli di pneumatic type and digital or dell’aromaterapia. Evolution Q35 si Evolution Q35 is assembled with the
schiena, glutei e cosce. back, buttocks and thighs. telecomando impermeabile tipo pneumatico sia quelli digitali o multipurpose digital ones. The tub monta con il sistema Zero Silicone Zero Silicone system which simplfies
appositamente progettato e digitali multifunzione. A richiesta, la can be equipped, by request, with a che, eliminando le opere murarie, and speeds up assembly by
realizzato. Immersi nell’acqua si vasca può essere dotata di whirlpool. semplifica e accelera il montaggio. eliminating masonry work.
godrà così di un benessere idromassaggio ozonizzato. Dimensioni: 82 x 82 x 219 H cm.
psicofisico globale.

Hoesch Design Kaldewei Trevi by Ideal Standard Jacuzzi


Hoesch Metall + Kunststoffwerk Franz Kaldewei GmbH Ideal Standard Jacuzzi Europe
Postfach 100424 Beckumer Straße 33-35 Via Ampère, 102 S.S. Pontebbana Km 97,200
D-52304 Düren (Germania) D-59229 Ahlen 20131 Milano 33098 Valvasone (Pordenone)
T +49-2422-540 T +49-2382-7850 T 0228881 T 0434859111
F +49-2422-54276 F +49-2382-785200 F 022888200 F 0434485278
hoesch.mk@t-online.de in Italia: Kaldewei Italia www.idealstandard.it info@jacuzzi.it
in Italia: Hoesch Bagno Via Plose, 38/a www.jacuzzi.it
Via Crea, 75 39042 Bressanone (Bolzano)
30038 Spinea (Venezia) T 0472200953
T 0415411988 F 0472208953
F 0415411983 kaldewei@dnet.it
hoesch@shineline.it
www.hoesch.de

Vasca Giorno Giorno tub Kusatsu-Pool Kusatsu-Pool Trevi Hydro Trevi Hydro Flexa Twin Flexa Twin
design: Massimo Iosa Ghini design: Massimo Iosa Ghini design: Sottsass Associati design: Sottsass Associati design: Raffo design design: Raffo Design design: Carlo Urbinati design: Carlo Urbinati
La collezione Giorno disegnata da The Giorno collection by Iosa Ghini, Con i suoi 81 cm di profondità, With its 81 cm of depth, Kusatsu- Trevi Hydro è progetto europeo che Trevi Hydro is European design that Combinato vasca box doccia, Flexa A tub-shower stall combo, Flexa Twin
Iosa Ghini è un esempio di is a prime example of collaboration Kusatsu-Pool ripropone la cultura del Pool is reoffering the culture of the si propone come sistema is being offered as a sweepingly Twin riunisce in un solo prodotto tutti brings all the pleasures of
collaborazione tra marchi leader di among leading sector trademarks – bagno giapponese. La sua forma Japanese bath. Its shape allows the assolutamente innovativo. La tecnica innovative system. The technique of i piaceri dell’idroterapia. Tra le hydrotherapy together in a single
settore: Hoesch (vasche e piatti Hoesch (tubs and shower trays), consente infatti di immergersi user total immersion in hot water to di utilizzo dei mood (Duo, Stimulate, using moods (Duo, Stimulate, Sport, dotazioni ci sono il rotodoccia, una product. Among its features are a
doccia), Duravit (apparecchi sanitari) Duravit (sanitary units) and totalmente nell’acqua calda sino a the point of feeling weightless. The Sport, Natural, Massage, Circulate, Natural, Massage, Circulate, Invigor, sorgente d’acqua che scende a roto-shower, a source of water that
e Dornbracht (rubinetterie). Al Dornbracht (faucets and fittings). provare la sensazione della perdita di tub, which measures 140 x 100 cm. Invigor, Lumbar, Champagne, Lumbar, Champagne, Soothe, Reflex, spirale; la doccia a getto descends in a spiral, a multi-function
designer è affidato il progetto globale The designer was given the job of peso. La vasca misura esternamente around the outside, is part of the Soothe, Reflex, Refresh, Vortex), Refresh and Vortex), wellness multifunzione, regolabile in altezza; jet shower, which is height-
della stanza da bagno, che i singoli doing the overall design of the 140 x 100 cm. Fa parte della serie Premium Line series. programmi di benessere attivati da programs set in motion by a simple gli idrogetti verticali; le bocchette per adjustable, vertical hydrojets,
partner realizzano ciascuno per la bathroom, each of the partners Premium line. un semplice comando, trasforma il device, transforms a bathroom into a il massaggio dorsale, regolabili adjustable inlets for dorsal
propria parte. La vasca Giorno, qui carrying out the part he specializes bagno in luogo di piacere, fitness e place of sensual pleasure, fitness singolarmente; la doccia a cascata, massages, a waterfall type shower
illustrata, a forma di foglia lanceolata, in. The Giorno tub, illustrated here, in salute. Nelle vasche e nelle cabine and health. In the tubs and shower ideale per il massaggio delle spalle, and, lastly, a Turkish bath. Numerous
è proposta nella versione ad angolo the form of a lance-shaped leaf, is doccia di questa serie, le naturali stalls in this series, the natural infine il bagno turco. Le numerose functions are made even more
(140 x 140 cm) e in quella da being offered in a corner version (140 capacità rigeneratrici dell’acqua regenerating talents of water are funzioni sono impreziosite da enjoyable by accessories, such as a
appoggio alla parete su un solo lato x 140 cm) and a one-side-only wall vengono esaltate da innumerevoli tipi highlighted by innumerable types of accessori lussuosi, quali l’impianto stereo system and telephone, and
(190 x 85 cm); come tutte le vasche model (190 x 85 cm). Like all Hoesch di getto, più o meno energici. Qui è more or less energy-giving jets. stereofonico e il telefono, e da comfortable seats that enable the
Hoesch, ha una profondità di 46 cm tubs, it has a depth of 46 cm and is illustrata la cabina angolare doppia Nereus 3000 double corner stall, comodi sedili che consentono di user to exploit all its characteristics
ed è realizzata in acrilico pregiato. made of fine acrylic. Nereus 3000; offre otto mood. illustrated here, offers eight moods. usufruire al meglio delle prestazioni. to the ultimate.

126 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 127
rassegna

rassegna
Giaretta Italia AltoRilievo Ceramica Bardelli Gabbianelli Ceramiche d’Arte
Viale Europa, 22 Trevisan Systemarble Via Pascoli, 4/6 Strada Statale, 143
36020 Pove del Grappa (Vicenza) Via Brigata Osoppo, 178 20010 Vittuone (Milano) 13882 Vergnasco di Cerrione (Biella)
T 0424808341 33070 Vigonovo di Fontanafredda T 029025181 T 0156721
F 0424808755 (Pordenone) F 0290260766 F 015671626/671352 (export)
info@giarettaitalia.it T 0434565056 bardelli@bardelli.it gabbianelli@gabbianelli.com
F 0434997632 www.bardelli.it www.gabbianelli.com
mail@systemarble.com
www.systemarble.com

Joycolor Mosaic Joycolor Mosaic Collezione Allegro Allegro Collection Skipper Skipper Roses Roses
design: Giaretta design: Giaretta design: Brunello Sighinolfi design: Brunello Sighinolfi design: Bardelli design: Bardelli design: Carolyn Quartermain design: Carolyn Quartermain
Il marchio Joycolor Mosaic creato da The Mosaic Joycolor trademark, Una riflessione a tutto campo sul A pause for thought on the bath Con il loro fresco decoro a righe, le With their fresh-looking striped Il decoro di queste piastrelle evoca The decoration on these tiles evokes
Giaretta Italia identifica una linea di created by Giaretta Italia, identifies a bagno: così il progettista definisce culture is the way the designer piastrelle Skipper incarnano la decoration, Skipper tiles embody the fiori – le rose – che escono da un flowers – roses – which come out of
mosaici in ceramica e in vetro per la line of mosaics in ceramics and glass AltoRilievo, rivendicando l’originalità defines AltoRilievo (high relief), thus migliore tradizione del rivestimento best of ceramic facing tradition. We cassetto come radici emergenti dalla drawer like roots emerging from the
pavimentazione, la decorazione e il for flooring, decoration and surface di un progetto che va oltre le claiming originality for a design that ceramico. In questo caso si tratta di are talking about dual-fired enameled terra dopo un temporale. Il disegno earth after a spring shower. The
rivestimento delle superfici. In ogni facings. In every application, colour consuete pareti rivestite in piastrelle reaches well beyond the usual piastrelle smaltate in bicottura su tiles, in this case, on a strong-bake Roses è una decalcomania su Roses design is a decal on a tile in a
applicazione il colore diventa becomes the protagonist, whether di ceramica ed esplora il tema degli ceramic facings to explore the theme supporto ceramico in cottoforte; il ceramic support. The decoration is piastrella in bicottura bianco e white dual-fired paste and decorated
protagonista, sia che si scelgano the user’s preferences run to pale arredi fissi. Marmi, arenarie e ardesie of fixed furnishings. Marble, decoro è applicato mediante applied through the silkscreen decorata a mano con pennellate oro. by hand with brush strokes in gold.
colori chiari accostati ai riflessi shades combined with the reflections sono trattati con criteri innovativi, sandstone and slate are handled with serigrafia. Formato: 13 x 26 cm. process. Size: 13 x 26 cm. Formato 20 x 20 cm. Size: 20 x 20 cm.
opachi del mosaico smaltato opaco of opaque enameled mosaic or non richiedono complicate innovative criteria and do not require
sia i toni più scuri, come propongono darker tones, as offered by Mitsuko lavorazioni su misura, l’intervento di customized workmanship and a
le miscele Mitsuko e Snow in the and Snow in the Ocean mixtures maestranze specializzate né una laborious laying procedure. Inlays are
Ocean (qui illustrata, tessere da 16 x (illustrated here are tesserae posa laboriosa. Gli inserti sono defined by the interplay of mouldings
16 mm), indicate per la stanza da measuring 16 x 16 mm). Mosaics definiti dal gioco delle modanature e and background paintings that set off
bagno. I mosaici sono disponibili nei come in enameled types and campiture che esalta le qualità delle the quality of stone and pinpoint the
tipi smaltato e non e in numerosi numerous formats and colours as pietre e individua le parti destinate ad parts designed to accommodate
formati e colori, nonché nell’originale well as the original pebble seires. accogliere sanitari, accessori, sanitary items, accessories, mirrors,
serie Ciottoli. specchi, doccia, vasca e così via. shower, tub and so forth.

Progetti Interior Casa Più Ceramica Vogue Ceramica Mutina


Divisione della Gabbianelli Via Roma, 36 (uffici) Strada Statale, 143 Via Circonvallazione N/E, 36
Strada Statale 143 Via Cavallari, 8 (stabilimento) 13882 Vergnasco di Cerrione (Biella) 41049 Sassuolo (Modena)
13882 Vergnasco di Cerrione (Biella) 28100 Novara T 0156721 T 0536850251
T 0156721 T 0321451986 F 015671626 F 0536859359
F 015671626 F 0321491749 vogue@cervogue.com info@Mutina.it
progetti@progettinterior.com info@casapiu.it www.cervogue.com www.Mutina.it
www.progettinterior.com www.casapiu.it

Onde Onde Lava smaltata Enameled lava Flooring Flooring Campitura Black Campitura Black
design: Manuela Corbetta design: Manuela Corbetta design: Ivo Paci design: Ivo Paci design: Vogue design: Vogue design: Mutina design: Mutina
Il laboratorio di Progetti Interior si The Progetti Interior atelier bases its Casa Più produce lava smaltata in Casa Più produces enameled lava in Ceramica Vogue produce piastrelle Ceramica Vogue produces tiles for Una parete colore arancio mattone fa A wall the colour of orange brick acts
basa sulla lavorazione artigianale activities on the handicraft forma di mosaico, tozzetti, formelle e the form of mosaic, small glazed per pavimenti e rivestimenti, sia per floorings and facings, for both da sfondo a un muretto rivestito con as a background for a low wall faced
della ceramica. Le decoratrici processing of ceramics. Expert piani monolitici. Il materiale viene floor tiles, tiles and monolithic tops. interni sia per esterni. I prodotti sono interiors and exteriors. The products piccole piastrelle prodotte da with small tiles that are produced by
specializzate applicano a mano decorators apply, by hand, designs impiegato nella realizzazione di The material is used in the creation of realizzati su supporto di monocottura are made on a pale, single-fired Ceramica Mutina. In questo caso si Ceramica Mutina. Here its shown in a
disegni recuperati dalla tradizione od retrieved from tradition or originals, pavimenti e rivestimenti, in floors and facings in combination chiara, atomizzato e cotto a 1200 °C support, atomized and baked at a tratta di un ambiente pubblico, ma la public setting, but the solution might
originali, come nel caso di Onde – as in the case of Onde – single-fired combinazione con qualsiasi altro with any other product used in e sono coordinati all’interno di un temperature of 1200 ˚C. Coordinated soluzione potrebbe essere altrettanto be just as applicable to other
piastrelle in monocottura a pasta tiles in a light paste, size 20 x 10 cm, prodotto utilizzato in edilizia. La building. The raw material consists of sistema di cinque serie/finiture – within a system of five series/finishes valida anche in altri ambiti. Il muretto surroundings.
chiara, formato 20 x 10 cm, proposte in two decors – small fish and materia prima è costituita da pietre special vulcanic rock. The finished Vogue System – che hanno come – Vogue System – they have colours che fa da supporto ai lavabi è The low wall, which serves as a
in due decori, piccoli pesci e onde stylized waves, painted by hand on vulcaniche particolari; gli elementi elements, which have been elementi comuni i colori e i formati, and sizes as elements in common, rivestito con tessere (1,5 x 3 cm, pre- support for the washbasin, is faced
stilizzate, dipinti a mano a crudo, the unbaked tile and available in grey, finiti, lavorati a mano, sono leggeri e processed by hand, are lightweight tre dei quali presenti in tutte le linee: three of which are present in all the montate su moduli in rete 30 x 30 with tesserae (1.5 x 3 cm, pre-
disponibili nei colori grigio, azzurro e sky-blue and orange. Every brush sottili (spessore 6 mm), compatibili and slim (thickness: 6 mm) and 20 x 20, 10 x 10 e 5 x 5 cm. Flooring, lines – 20 x 20, 10 x 10 and 5 x 5 cm. cm) in gres porcellanato nero, assembled on mesh, 30 x 30 cm) in
arancio. Ogni pennellata distribuisce stroke distributes one of the tones con le piastrelle di produzione compatible with tiles that are qui illustrata, è una piastrella ingeliva Flooring, illustrated here, is a disponibili anche in altri colori (grigio, black porcelain stoneware, available
sul supporto una delle tonalità achieved from the mixtures of diluted industriale. Colori e brillantezza sono industrially produced. Colours and per pavimenti, con superficie opaca frostproof tile for floors, with an anti- giallo, ebano e beige). La parete sul in other tones as well (grey, yellow,
ottenute dalle miscele di ossidi diluiti. oxides. Densitsy of colour, manual invece inimitabili, come dimostra brilliance, on the other hand, are antiscivolo, disponibile in trenta colori slip opaque surface, available in fondo è invece rivestita con piastrelle ebony and beige). The wall in the
Densità del colore, abilità manuale e skill and rhythmic scanning of the l’esempio qui riportato. unmatched, as shown in the example e in altri tre formati oltre i già citati: 5 x thirty shades and three other sizes, in 10 x 30 cm color antracite. back, on the other hand, is faced
scansione ritmica dei processi sono i various processes are the secrets of printed here. 20, 10 x 10,14 e 1,2 x 20 cm. addition to the standard ones – 5 x with tiles in anthracite colour
segreti della perfetta lavorazione. flawless workmanship. 20, 10 x 10.14 and 1.2 x 20 cm. measuring 10 x 30 cm.

128 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 129
rassegna

rassegna
Hatria Laufen Keramik Ceramica Catalano Ideal Standard
Viale Virgilio, 3 Wahlenstrasse 46 Strada Prov.le Falerina Km 7,200 Via Ampère, 102
41100 Modena CH-4242 Laufen 01034 Fabrica di Roma (Viterbo) 20131 Milano
T 059384567 T +44-61-7657575 T 07615661 T 0228881
F 059384212 F +41-61-7615711 F 0761574304 F 022888200
info@hatria.com infocenter@laufen.ch segreteria@catalano.it Numero verde 800-823114
www.HATRIA.COM www.laufen.ch www.catalano.it www.idealstandard.it
in Italia: Laufen-Duravit Italia
Via Faentina, 213
48010 Fornace Zarattini (Ravenna)
T 0544509728
F 0544501694
marketing@laufen-duravit.it
www.laufen-duravit.it

Sculture Sculture Palace-Due Palace-Two Sistema Zero Zero System Verba Verba
design: Studio Dal Lago design: Studio Dal Lago design: Werber Scholpp design: Werber Scholpp design: Nilo Gioacchini design: Nilo Gioacchini design: Franco Bartoli design: Franco Bartoli
Hatria è un’azienda del Gruppo Hatria, a company in the Marazzi Costruito con materiale di ottima Made of material of the finest quality, Il Sistema Zero risolve il conflitto Zero System resolves the space- Nella serie Verba, apparecchi In the Verba series, sanitary units,
Marazzi specializzata nella Group, specializes in the production qualità, durevole e resistente, longlasting and impervious to attacks spazio-comfort che nasce quando lo comfort conflict that is born when the sanitari, accessori e mobili si accessories and furniture pieces are
produzione di apparecchi igienico- of hygienic-sanitary units, of which Palace-Due è un lavabo a doppio by acids, alkalis and heat, Palace- spazio disponibile non è sufficiente a space available does not suffice to integrano in una proposta stilistica integrated in a coordinated stylistic
sanitari in Vitreous China e Fine Fire the Sculture line is but one of the bacino, “tagliato su misura”. La Two is a “custom-cut” washbasin garantire libertà di movimento a chi guarantee freedom of movement to coordinata che trasforma la stanza offer that transforms a bathroom into
Clay, di cui la serie Sculture company’s latest examples. It has caratteristica vincente della serie with a double basin. The key usa la stanza da bagno. Speciali vasi those who use the bathroom. Special da bagno in living room. Vaso e bidet a living room. Bowl and bidet come
rappresenta uno degli esempi più now been rounded out by a system risiede infatti nella possibilità di characteristic of the series lies in the e bidet salvaspazio, di uguali space-saving bowls and bidets, with sono disponibili nelle versioni in both wall and floor versions, with
recenti, ora completata da un of coordinated furniture pieces. The tagliare il ripiano per adattarlo allo opportunity it gives the user of dimensioni (profondi 48 cm nella the same dimensions (48 cm deep in sospesa e da pavimento, con lato a their curved or rectangular sides
sistema di arredi coordinati. Il principal material is still ceramics, spazio disponibile. L’ingombro varia trimming the shelf to suit it to the versione da appoggio e 50 cm in the floor version and 50 cm for the parete curvo oppure rettilineo e con against the wall and with accessories
materiale principale rimane la combined with wood and aluminium. da un minimo di 135 centimetri (poco space available. The space occupied quella sospesa), studiati per essere wall model), designed to be installed accessori installati direttamente sulla installed right on the ceramics of the
ceramica, abbinata al legno e The vast variety of combinations più della larghezza dei due bacini) varies from a minimum of 135 cm installati in linea e a filo muro, in line and flush with the wall, ceramica dei vari pezzi; le colonne various pieces. Syphon-masking
all’alluminio. La grande varietà delle possible (guided by three stylistic fino alla sua totale lunghezza (150 o (the width of the two basins) to its garantiscono comfort e igiene anche guarantee comfort and hygiene, even coprisifone, in ceramica o in columns, in ceramics or
possibili combinazioni (guidate da tre lines – Modern, Young and Classic – 180 cm); la profondità del bacino è di total overall length (150 or 180 cm). negli ambienti più piccoli. Altrettanto in the most cramped surroundings. poliuretano, sono integrate ai piani e polyurethane, are built into tops and
linee stilistiche – Moderno, Giovane e which determine the choice of soli 33 centimetri. Il lavabo è The depth of the basin is no more curati i lavabi, disponibili in quattro Just as painstakingly crafted are alle mensole che attrezzano i lavabi; i shelves used to equip washbasins.
Classico – che determinano anche la colours and materials used) lend disponibile in sei colori brillanti e in than 33 cm. The washbasin comes in tipi (rotondo, quadrato, ovale e washbasins, available in four types mobili sottolavabo, le colonne Under-washbasin furniture pieces,
scelta di colori e materiali) sottolinea emphasis to concepts of the project, uno opaco e nelle versioni con o six vibrant shades and one dull tone rettangolare), perfettamente (round, square, oval and rectangular), portaoggetti e gli specchi sono storage units and mirrors are
i concept del progetto: arredare il which are: furnish the bathroom and senza portasciugamani cromato. and in versions with or without coordinati alle forme dei sanitari. flawlessly coordinated with the calibrati anche per quanto concerne calibrated, as far as dimensions and
bagno e valorizzare la persona. show people off to advantage. chromium-plated towel bars. shapes of sanitary items. dimensioni e materiali. materials are concerned.

Ceramica Flaminia Cesame Pozzi-Ginori Ceramica Dolomite


S.S. Flaminia km 54,630 Ceramica Sanitaria del Sanitari Pozzi - Sanitec Group Gruppo Ideal Standard
01033 Civita Castellana Mediterraneo Corso Garibaldi, 99 Via Ampère, 102
T 0761542030 Zona Industriale - 2.a Strada 20121 Milano 20131 Milano
F 0761540069 95131 Catania T 02626911 T 0228881
ceramicaflaminia@ceramicaflaminia.it T 095591044 F 0262691500 F 022888326
www.ceramicaflaminia.it F 095592613 www.pozzi-ginori.com info@ceramicadolomite.it
Direz. Com.le: Via Manin, 33 www.ceramicadolomite.com
20121 Milano
T 026599061
F 026590127
export_department@cesame-
sanitaryware.com
vendite_italia@cesame-
sanitaryware.com
www. cesame-sanitaryware.com

Twin Set Twin Set Millenium Millenium 500 500 Piano Design Piano Design
design: L. e R. Palomba design: L. and R. Palomba design: Cesame design: Cesame design: A. Citterio - S. Brioschi design: A. Citterio - S. Brioschi design: Renzo e Matteo Piano design: Renzo and Matteo Piano
L’intenzione dei progettisti era creare The designers’ intention was to La serie Millenium, pur rispondendo The Millenium series, even though Talvolta comfort e spazio sono una Comfort and space are sometimes a Funzionalità e praticità sono esaltate Functional prowess and
degli apparecchi sanitari che create a number of sanitary units that appieno alle esigenze funzionali, solving functional problems in an scelta di stile che va oltre il concetto question of style that far exceeds the nel progetto di sanitari e rubinetti practicalness are highlighted in a
potessero abbinarsi con i più diversi could be combined with the widest privilegia una ricerca formale che optimal manner, gives priority to di funzionalità. La serie 500 ne è una concept of functional performance. ideato da Renzo e Matteo Piano per project of sanitary units and faucets
tipi di arredamento, mantenendo una possible variety of decors, while parte dalla memoria di contenitori e formal research that starts with the prova: i suoi componenti sono The 500 series provides clear proof Ceramica Dolomite. I progettisti ideated by Renzo and Matteo Piano
marcata indipendenza formale. maintaining a marked formal forme collegate all’acqua. Otri, botti, memory of shapes that are linked to compatti ma non piccoli, comodi of this assertion. Its components are hanno bandito le forme eccentriche for Ceramica Dolomite.
Come accade per il lavabo Twin Set, independence, as shown by the anfore panciute concorrono water. Bottles, barrels and amphoras anche se profondi solo 500 mm. Ciò compact, but not small, and very per privilegiare l’originalità calata nei The designers banished eccentric
disegnato dai Palomba e qui Palombas’ Twin Set washbain, all’ispirazione di tonde geometrie, have contributed to the inspiration of che si sottrae alla profondità viene comfortable, even though only 500 materiali tradizionali. I sanitari shapes from their thoughts to make
illustrato, dalle linee minimali ma illustrated here. It features minimal forme ininterrotte che esercitano una rounded geometries that perform a recuperato in altezza: i sanitari sono mm deep. What has been taken sospesi appaiono una naturale room for the breed of originality
molto capiente (diametro 52 cm). lines but a very capacious basin funzione precisa: creare lo spazio per very precise function – the creation of appena più alti (440 mm) del away in terms of depth has been continuazione della parete, mentre il found in traditional materials. Wall
(diameter: 52 cm). i rubinetti e per un piano di appoggio. space for faucets and a top. The consueto e per questo più made up for in height. Sanitary units rubinetto nasce dalla forma della sanitary units are, to all appearances,
L’impianto geometrico si riscontra same geometry also shapes the flush confortevoli; il lavabo standard è are just a bit higher (440 mm) than fontanella, di cui rappresenta a natural outgrowth of the wall, while
anche nella cassetta per l’acqua di tank, unusually vertical in feeling. The largo 470 mm e profondo 440 mm, usual and are therefore more un’interpretazione in chiave the faucet was inspired by the shape
scarico, inusitatamente verticale. Il seat cover serves to enclose the mentre il modello asimmetrico (con comfortable. The standard contemporanea. of a fountain.
coprisedile serve a conchiudere whole and apply a “back to wall” piano di appoggio laterale) e lungo washbasin is 470 mm wide and 440
l’insieme e ad applicare il sistema system that hides hydraulic 700 mm. Quest’ultimo tipo è pensato mm deep, while the model with
“back to wall” che nasconde i connections.s per essere installato anche ad angolo lateral top is 700 mm long and can
raccordi idraulici. o in coppia. be installed in a corner or as a pair.

130 Domus Febbraio February 2001 Domus Febbraio February 2001 131
rassegna

rassegna
Irsap Myson Towel Warmers Faral k8
Via Nazionale Adriatica, 15/F Atchison Casting Corporation Gruppo Zehnder Marchio di Inicon
45031 Arquà Polesine (Rovigo) Emyl Street, Farnworth Via Ponte Alto, 40 Corso Milano, 31
T 0425466611 Bolton BLA 7EB 41011 Campogalliano (Modena) 20050 Veduggio con Colzano (MI)
F 0425465044 T +44-(0)1204-863200 T 059526927 T 0362915773
Numero verde 800-252246 F +44-(0)1204-86329 F 059527236 F 0362928433
info@irsap.it sales@mysontowelwarmers.co.uk Numero verde 800-857026 k8radiatori@k8radiatori.it
www.irsap.com www.mysontowelwarmers.co.uk info@faral.com www.k8radiatori.it
in Italia: CEL I www.faral.com
Via Q. Sella, 13
20094 Corsico (Milano
T 0245864129
F 0245864137
www.ceramicadolomite.com

Ala1 Ala1 Capriccio Capriccio Faral Claris Faral Claris Amalfi Amalfi
design: Irsap design: Irsap design: Myson design: Myson design: Faral design: Faral design: k8 design: k8
Fondata nel 1963, Irsap è una delle Founded in 1963, Irsap is one of Creato per ambienti di gusto Created for settings that are La specialità della Faral sono i Faral’s specialty are radiators in Da quasi quarant’anni k8 produce k8 has been producing radiators in
più grandi aziende europee per la Europe’s largest companies for the classico, Capriccio è uno keynoted to a classic taste, radiatori in alluminio, ma sfruttando aluminium but, by exploiting the radiatori in alluminio e in acciaio original and innovative aluminium
produzione di radiatori in acciaio production of radiators in tubular scaldasalviette fabbricato con Capriccio is a towel warmer that’s le sinergie scaturite dalla fusione con synergies that have been triggered originali e innovativi. La forma del and steel for roughly forty years. The
tubolare ed è stata tra le prime a steel and was one of the first to tubolari di ottone e proposto in manufactured with tubulars in brass il Gruppo Zehnder ora dispone anche by merging with the Zehnder Group, marchio deriva dal disegno in shape of the trademark comes from
introdurre in Italia il concetto del introduce into Italy the concept of diverse finiture (cromato, placcato and offered in several finishes di una linea di prodotti in acciaio: the company is now offering a line of sezione di uno dei suoi prodotti the cross-section of the design of
calore che arreda, da cui sono nati i heat as an interior decorator. From it oro, in poliestere epossidico smaltato (chromium-plated, gold-plated, in Faral Claris. I radiatori adottano products in steel as well – Faral storici, contraddistinto da un elevato one of its historic products, which is
Termoarredatori, marchio registrato were born Termoarredatori, an Irsap bianco lucido o in altri colori a glossy white enameled epoxy collettori verticali con sezione a D e Claris. New radiators make use of grado di conduttanza (k=8). Dopo distinguished for its high degree of
Irsap. Ala1, in particolare, è un registered trademark. Ala1, in scelta), anche abbinate sullo stesso polyester or any number of other tubi orizzontali circolari, così da poter vertical collectors with a D-shaped l’acquisizione da parte di Inicon nel conductance (k=8). After a buy-out
asciuga salviette elettrico, girevole, particular, is a revolving electric towel modello (per esempio, tones), even combined on the same essere installati sia secondo il lato cross-section and circular horizontal 1999, il marchio k8 identifica prodotti by Inicon in 1999, the k8 trademark
molto indicato per il bagno e la dryer, which is ideal for both cromato/bianco). Dimensioni e model. The sky’s the limit for più arrotondato sia secondo quello pipes, thus being installed the more di alta qualità. Qui è illustrato Amalfi, has continued to be identified with
cucina. I suoi tubi sono riempiti di un bathroom and kitchen. Its pipes are configurazioni possono essere scelte dimensions and configurations, più squadrato. Faral Claris è rounded side or the squarer one in acciaio, con tubi leggermente high-quality products. Illustrated here
liquido termovettore speciale. filled with a special heat-conveying a piacere, in base alle necessità di which can be chosen on the basis of proposto in altezze variabili da 70 a against the wall. Faral Claris is being sporgenti, tali da accogliere is Amalfi, in steel, featuring slightly
L’apparecchio è dotato di una fluid. The unit comes equipped with ciascuno. Capriccio è adatto a individual necessity. 180 cm e larghezze comprese fra 45 offered in heights varying from 70 to comodamente le salviette. Largo 500 projecting pipes with enough room to
resistenza elettrica da 80 W ed è an 80 W electric resistance and is qualsiasi riscaldamento centrale o Capriccio goes perfectly with any e 75 cm; la sporgenza dalla parete è 180 cm and widths ranging from 45 mm, è fornito in tre altezze (720, accommodate towels. 500 mm wide,
disponibile in più colori e nella available in several shades and the sistema di acqua calda. Sono central heating or hot water system. contenuta in soli 9 cm. Anche con to 75 cm. It juts out from the wall to a 1200 e 1800 mm) e in varie finiture, it is supplied in three heights and in
versione cromata qui illustrata. chromium-plated model illustrated disponibili anche versioni elettriche e Also available are electric and dual resistenza elettrica. distance of only 9 cm. There is also compresi il placcato cromo e l’oro. various finishes, including chromium-
Dimensioni: 535 x 530 H mm. here. Dimensions: 535 x 530 H mm. a doppio fluido riscaldante. heating fluid versions. an electric version. plated and gold.

Rhoss Tubes Radiatori Scirocco Brem


Viale Aquileia, 75 Via Boscalto, 32 Via Novara, 41