Sei sulla pagina 1di 1

Questo testo costituisce un indispensabile supporto didattico alla lezione del 20.10.

2010

IL VOCALISMO DAL LATINO ALL’ITALIANO

VOCALISMO TONICO

LATINO Ī Ĭ Ē Ĕ Ā, Ă Ŏ Ō Ŭ Ū

ITALIANO i e ɛ a ͻ o u
(jɛ) (wͻ)

SPĪNAM > spina PĂTREM > padre


PĬLUM > pelo ŎCTO > otto
TĒLAM > tela SŌLEM > sole
FĔRRUM > ferro NŬCEM > noce
MĀTREM > madre LŪNAM > luna

Ma, per il fenomeno del dittongamento toscano, Ĕ ed Ŏ in sillaba libera dittongano:

PĔDEM > piede BŎNUM > buono


SĔDET > siede NŎVUM > nuovo

VOCALISMO ATONO

LATINO Ī Ĭ Ē Ĕ Ā, Ă Ŏ Ō Ŭ Ū

ITALIANO i e a o u

Fuori d’accento viene meno l’opposizione tra vocali aperte e vocali chiuse. Non è più possibile,
limitandosi al confronto tra latino e italiano, risalire alla lunghezza di E ed O (ad es. in SOLEM >
sole, MONSTRARE > mostrare). Resta possibile per le altre vocali:

HERĪ > ieri FŪMARE > fumare


UBĬ > ove CLARŬM > chiaro
Il latino aveva dieci vocali ognuna delle quali poteva essere pronunciata in un tempo più breve o più lungo, potevano cioè essere di DURATA o QUANTITA’
BREVE o LUNGA. Questa distinzione era fondamentale, perché si basava sulla comprensione semantica, cioè di significato, di due parole uguali.

Quando il latino si diffuse in quelle zone in cui le lingue non conosceva questa distinzione fra vocale breve e lunga, la quantità diventò timbro. Questo
cambiamento ebbe un impatto fortissimo sul vocalismo latino. Da dieci vocali si passò alle cinque che conosciamo oggi.

Il vocalismo tonico latino era il seguente: la i lunga diventò i , la e breve diventò una e aperta, la i breve e la e lunga diventarono una e chiusa, la a breve e lunga
diventarono semplicemente a, la o breve diventò o aperta, la o lunga e la u breve diventarono o chiusa ed infine la u lunga diventò u.

Il vocalismo atono invece di distingueva da quello tonico perché non conosceva le vocali aperte. Per cui in virtù di ciò la i lunga diventa i, la e breve, la e lunga e
la i breve diventano e chiusa, a breve e a lunga rimangono a, o lunga o breve ed u breve diventano una o chiusa e la u lunga diventa u.