Sei sulla pagina 1di 8

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

La sequenza acquisizionale della morfologia verbale in italiano L2

Passato prossimo e imperfetto in italiano L2: significati temporali e aspettuali


Le variet pre-basiche: mezzi discorsivi e lessicali
Nelle prime variet di interlingua, le categorie di tempo, aspetto e modo non vengono codificate come nella lingua darrivo attraverso la morfologia verbale, bens mediante mezzi di natura discorsiva (ad esempio, seguendo in una narrazione il principio isomorfico dellordine naturale, ossia raccontando gli eventi nellordine in cui si sono susseguiti) o lessicale (ad esempio, utilizzando elementi con valore locativo o avverbiali di tempo): gli apprendenti tentano cio di colmare i propri deficit morfologici ricorrendo a strategie che eludano e compensino lassenza di grammatica. Tuttavia, se vero che litaliano ha un apparato morfologico complesso, anche vero che, rispetto a lingue come il francese o linglese, e analogamente allo spagnolo, una lingua morfologicamente trasparente, sia perch mantiene la pienezza fonica di tutte le sillabe e in particolare di quelle dei suffissi flessivi [] e questo favorisce fin da subito il confronto tra forme con base uguale e con desinenza diversa e la loro segmentazione e quindi il costituirsi di opposizioni (Bernini 1990, pp. 81-82), sia perch tende [] verso una codificazione pi trasparente del rapporto forma funzione, laddove il principio dellisomorfismo o one form-one meaning principle [] permette di prevedere che una forma quanto pi polisemica, tanto meno favorita (Giacalone Ramat 1990, p. 32). Considerazioni, queste, che suggeriscono, tra laltro, come siano le caratteristiche della lingua darrivo (piuttosto che le caratteristiche della lingua materna, come sostenevano i comportamentisti) a influenzare in modo importante linterlingua: apprendenti con retroterra linguistici diversi seguono tutti lo stesso percorso nellacquisizione di certe strutture, un percorso che pare essere quindi determinato dallinterazione di due fattori principali: la struttura della lingua da apprendere e lorganizzazione della mente umana (Pallotti 1998, p. 59).

Le variet basiche: la forma base


La ricostruzione vera e propria del sistema verbale da parte degli apprendenti di italiano L2 prende avvio nella variet basica, quando si impone una forma base del verbo. In genere, essa corrisponde a una forma del presente indicativo, tipicamente la 3^ persona singolare (ad esempio, mangia, scrive) - talvolta la seconda persona singolare - la quale, coincidendo con la radice verbale, funziona nella mente dellapprendente come una sorta di minimo comune denominatore delle diverse voci del verbo; pu apparire precocemente anche linfinito, generalmente in apprendenti con L1 isolante (ad esempio, il cinese) o in apprendenti esposti a input ridotto o distorto dal foreigner talk1. Caratteristica fondamentale della forma base il suo trattamento solo lessicale. A differenza della lingua darrivo, dove in ogni forma verbale si distinguono un morfema lessicale e un morfema grammaticale, a questo stadio dellinterlingua lapprendente non consapevole del valore morfologico della forma base: la sua flessione dunque solo apparente, come dimostrano anche i frequenti usi sovraestesi.
1

Il foreigner talk una variet di lingua semplificata che certe persone tendono a utilizzare quando parlano con gli stranieri.

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

Le variet post-basiche: la sequenza acquisizionale della morfologia verbale in italiano L2


La ricostruzione del sistema verbale italiano prosegue quindi secondo una precisa sequenza acquisizionale2 messa in luce dagli studiosi del Progetto di Pavia (Banfi & Bernini 2003, p. 90). Essa ha valore implicazionale e permette quindi di riconoscere il livello dellinterlingua dellapprendente nellambito del verbo3:
PRESENTE (e INFINITO) > (AUSILIARE) + PARTICIPIO PASSATO > IMPERFETTO > FUTURO > CONDIZIONALE > CONGIUNTIVO

Lo sviluppo del sistema verbale, nelle sue dimensioni nozionali e nella loro codificazione morfologica, si attua cio aggredendo e dettagliando, categoria dopo categoria, lo spazio funzionale indifferenziato che nella variet basica occupato dalla forma base. In particolare, lemersione delle opposizioni verbali di forme e funzioni, e dunque lavvicinamento del sistema verbale dellinterlingua al sistema verbale della lingua target, scandito da quattro macro-fasi (Banfi & Bernini 2003, p. 93), ciascuna della quali attiva una specifica nozione temporale (presente, passato, futuro), aspettuale (perfettivo, imperfettivo) e modale (non-fattuale).
fasi PRESENTE (PASSATO)
PERFETTIVO PASSATO FUTURO IMPERFETTIVO NON-FATTUALE

1 2 3 4

Pres./Inf. Presente Presente Presente

Pres./Inf. Participio passato (Aus.) Part. passato (Aus.) Part. passato

Pres./Inf. Presente Imperfetto Imperfetto

Pres./Inf. Presente Presente Futuro

Pres./Inf. Presente Presente Futuro

La graduale complessificazione del sistema verbale nelle quattro fasi di organizzazione dellinterlingua permette anche di individuare la sequenza implicazionale di sviluppo delle tre categorie nozionali di cui esso costituito4:
ASPETTO > TEMPO > MODO

A livello aspettuale, la prima categoria ad affermarsi quella di aspetto perfettivo, che presto diventa anche di tempo passato perfettivo, espressa con forme di participio passato, con o senza ausiliare. In questo primo stadio, caratterizzato dallopposizione funzionale forma basica/forma perfettiva, il presente continua a ricoprire tutto lo spazio funzionale della variet basica, eccetto lo
Collateralmente alla sequenza si sviluppa il gerundio, che compare innanzitutto nella perifrasi progressiva stare + gerundio e che, generalmente, emerge dopo limperfetto e prima del futuro. Rimane estraneo alla sequenza limperativo, che risulta di tarda acquisizione sia per fattori morfologici, legati allirregolarit delle forme della 2^ pers. sing., che sociopragmatici. 3 Ad esempio, luso autonomo da parte di un apprendente dellimperfetto implica luso autonomo del passato prossimo e del presente, ma non d informazioni circa luso del futuro, del condizionale o del congiuntivo. 4 Sullordine di emersione delle categorie di tempo e aspetto non c accordo unanime. Qui si riporta la posizione del Progetto di Pavia.
2

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

spazio corrispondente al perfettivo: la forma del passato prossimo dunque lunica marcata5 e la forma non marcata pu comparire al posto di quella marcata, come ci si pu aspettare, ma non viceversa (Giacalone Ramat 1990, p. 30). A livello temporale, invece, la prima distinzione a emergere quella di passato e la prima forma verbale con significato temporale limperfetto, che entra nellinterlingua tramite il verbo essere utilizzato per esprimere gli enunciati di sfondo. Con limperfetto fa il suo ingresso nelle variet dapprendimento anche la categoria dellaspetto imperfettivo, [] instaurando lopposizione di aspetto che nella lingua darrivo veicolata nel passato dallopposizione tra passato prossimo o passato remoto e imperfetto (Banfi & Bernini 2003, p. 98). Si pongono cos le basi perch linterlingua si ristrutturi e perch il participio passato, con o senza ausiliare, diventi una forma di tempo passato. In sintesi, la prima opposizione morfologica a comparire quella tra azioni passate o concluse e azioni presenti o continuate. [] A un certo punto gli apprendenti sentono la necessit di esprimere morfologicamente la distinzione tra eventi passati a carattere puntuale ed eventi (o stati) a carattere durativo (Pallotti 1998, p. 51). La marca to del participio passato e la marca va dellimperfetto vengono a svolgere precisamente queste funzioni.

Passato prossimo e imperfetto in italiano L2: significati azionali


Oltre alle categorie di tempo e aspetto, nellacquisizione del contrasto tra passato prossimo e imperfetto in italiano, un ruolo importante giocato dalla categoria dellazione verbale. Le ricerche svolte nellambito del Progetto di Pavia hanno dimostrato lesistenza di una forte correlazione tra le propriet semantiche intrinseche di un predicato e lapprendimento di differenze aspettuali. Ossia,
sembrerebbe [] che gli apprendenti, mentre da un lato imparano a legare [] i valori aspettuali dei predicati a quelli temporali e a estendere le varie combinazioni allintero lessico verbale italiano, poco alla volta si rendono anche conto che nella L2 alcuni verbi lessicalizzano determinati tratti semantici, mentre altri li acquisiscono non per natura ma solo in virt della loro combinazione con altri elementi frasali (Rastelli 2007, p. 168).

Per quanto riguarda il passato prossimo, stato notato come lintroduzione del participio passato nelle variet di apprendimento sia sensibile al carattere azionale del lessema verbale, in particolare alla sua telicit e puntualit (Banfi & Bernini 2003, p. 97): quindi, verbi come spegnere la luce, che implicano il raggiungimento di una meta e la concettualizzazione degli eventi come punti nel tempo, favoriscono lapprendimento della perfettivit. Questo fenomeno trova una spiegazione nel principle of selective association (Giacalone Ramat 2007, p. 24), che identifica il prototipo dellaspetto perfettivo nella combinazione di tre tratti congruenti: telicit del verbo, aspetto perfettivo e tempo passato. Analogamente, le prime forme di imperfetto compaiono [] con predicati durativi, come nel caso degli stativi costruiti in italiano con essere + aggettivo (Banfi & Bernini 2003, p. 98), ad esempio, essere arrabbiato. Andersen e Shiray, cercando di ricondurre tali considerazioni allinterno di una cornice teorica, hanno elaborato la Aspect Hypothesis (Andresen & Shirai 1994, cit. in Giacalone Ramat 2007 p. 25; Rastelli 2007 p. 176; Rosi 2007 p. 237), secondo cui le forme di passato sono inizialmente associate ai predicati verbali che ne condividono i tratti semantici e, solo in seguito e
Infatti, come si detto, il presente una forma base indifferenziata, da considerare come un unico morfema lessicale, non segmentabile.
5

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

gradualmente, attraverso lesposizione alla lingua darrivo, si assiste alla diffusione della marca aspettuale dalle combinazioni con i valori azionali che le sono pi prototipicamente associati, ovvero marca perfettiva e predicati telici, marca imperfettiva e predicati atelici, alle interazioni meno congruenti, in cui laspetto non guidato dalle propriet azionali del predicato, ma selezionato dal contesto, come avviene nelluso nativo (Rosi 2007, pp. 237-238). Lipotesi dellaspetto conferma il ruolo giocato dai principi di prototipicit e marcatezza nellacquisizione della lingua seconda, la quale, infatti, progredisce sempre dai tratti pi neutri e prototipici della lingua darrivo a quelli pi marcati e periferici: una gradualit che conferma anche la bont della Teoria della Processabilit di Pienemann, nella misura in cui sostiene che, per poter processare e apprendere una struttura complessa, occorre avere preliminarmente acquisito le strutture pi semplici. Lemergenza del passato prossimo prima dellimperfetto ha cio una spiegazione di natura cognitiva: se nel passato prossimo le categorie di tempo e aspetto convergono nel caratterizzare unazione come trascorsa e compiuta, nellimperfetto, invece, divergono, delineando lazione come trascorsa ma indeterminata, cio temporalmente passata ma aspettualmente presente. Adattando alla L2 una considerazione elaborata negli studi sullitaliano L1, si pu sostenere che la precocit del passato prossimo risponde alla possibilit di una sua elaborazione da parte dellapprendente: una relazione effettiva col presente (avente cio risultati visibili) rende il passato pi accessibile al bambino, in quanto lo fa diventare, in un certo modo, concreto, ed evita perci la difficolt cognitiva che gli eventi astratti rappresentano per i bambini (Zenti 1993, cit. in De Marco 2007, pp. 456-457). Ne deriva che, rispetto alle propriet semantiche dei lessemi verbali, le sequenze implicazionali relative allacquisizione della perfettivit e dellimperfettivit in italiano L2 saranno diametralmente opposte tra loro (Rosi 2007, p. 238): Aspetto perfettivo: VERBI TRASFORMATIVI > VERBI RISULTATIVI > VERBI CONTINUATIVI > VERBI STATIVI Aspetto imperfettivo: VERBI STATIVI > VERBI CONTINUATIVI > VERBI RISULTATIVI > VERBI TRASFORMATIVI

Strategie dacquisizione della morfologia verbale in italiano L2


Come si spiegato, lacquisizione del sistema verbale in italiano L2 pu essere vista come un percorso che evolve dal lessico alla morfologia. Nel corso di questo processo, le strategie attuate dagli apprendenti nella ricostruzione della morfologia del verbo sono fondamentalmente tre: la sovraestensione, lelaborazione autonoma di forme e la strategia analitica.

La sovraestensione
Inizialmente, linterlingua consiste di materiale essenzialmente lessicale: le forme base dei verbi vengono trattate come un unico morfema lessicale, sono cio solo apparentemente flesse. A questa fase risale una prima strategia di ricostruzione dei paradigmi verbali, la sovraestensione, che consiste nellimpiego di una forma verbale anche in contesti nei quali non richiesta dalla lingua darrivo: in questo modo, le forme base, inanalizzate, diventano polifunzionali.

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

La sovraestensione pu essere interparadigmatica o intraparadigmatica, a seconda che la forma in questione venga generalizzata a diversi paradigmi di tempo e modo del sistema verbale italiano o solo alle altre persone del paradigma cui pertiene (Banfi & Bernini 2003, p. 101). es. studiare italiano ( = io studio italiano): sovraestensione interparadigmatica es. fa cameriere ( = io faccio la cameriera): sovraestensione intraparadigmatica

Lelaborazione autonoma di forme


In uno stadio pi avanzato, lapprendente comincia ad analizzare le forme di cui dispone e a riutilizzarne autonomamente i morfemi legati. Si comporta cio in maniera analoga al bambino in L1, il quale a partire dalla fase protomorfologica [] individua e ricostruisce in modo creativo patterns morfologici sulla base di analogie o di prime regole: un sistema primitivo della morfologia si dissocia dai sistemi fonologico, sintattico e lessicale per far fronte alla crescente complessit morfologica (De Marco 2007, p. 459). Questa seconda strategia, di cui si gi parlato nel primo capitolo, definita elaborazione autonoma di forme, o anche regolarizzazione analogica, perch lapprendente, sulla base di ipotesi ricavate dalla lingua bersaglio e dal materiale morfologico dellinterlingua - e, nello specifico, tramite la generalizzazione degli allomorfi pi ricorrenti o basici, il livellamento delle alternanze del tema e del morfema flessivo o derivativo, la ricerca della massima trasparenza nel confine tra morfemi - ricostruisce gli elementi dei paradigmi verbali. es. presato, prenduto ( = preso) Come si gi visto, i risultati di questa strategia sono sempre preziosi, indipendentemente dal fatto che si confacciano o meno alla norma della lingua darrivo, perch attestano lo sviluppo nellapprendente della competenza linguistica.

Le formazioni analitiche
Una terza strategia, a cui in questa sede si vuole solo accennare, quella analitica. Essa consiste nel dare espressione separata al significato lessicale e a quello grammaticale (Banfi & Bernini 2003, p. 106), costruendo serie verbali di forme flesse giustapposte, di cui una codifica il significato grammaticale (generalmente attraverso una forma del verbo essere) e una il significato lessicale. es. era si chiama ( = si chiamava)

Sovraestensione e elaborazione autonoma di forme: unipotesi di continuit


La letteratura tradizionale di settore sottolinea la differenza qualitativa tra la strategia della sovraestensione e la strategia dellelaborazione autonoma di forme, perch distinte e diverse sarebbero le due forze che innescano la costruzione dei paradigmi dellinterlingua: quella della memorizzazione non analitica di grappoli di materiale lessicale (chunks) e quella dello sviluppo di regole che percorrono ed organizzano il materiale lessicale (rules) (Mammoli 2004, p. 34). Unoriginale prospettiva di ricerca, basata sul network model (Bybee 1985, cit. in Mammoli 2004, p. 34), cerca oggi di superare questimpostazione discreta per ricondurre le due strategie a una spiegazione unitaria, in un modello morfologico dinamico che non distingua un lessico fisso ed una grammatica che lo compone, ma che, assumendo la parola come unit basica, faccia emergere la grammatica dal lessico stesso (Mammoli 2004, p. 67). Secondo questo modello, tra la parola memorizzata e la regola non ci sarebbe una cesura netta, ma continuit; lanello di congiunzione tra chunks e rules sarebbe costituito dallo schema, il quale pu essere definito come il prodotto di unastrazione compiuta su elementi lessicali imparentati nella forma, poich costituisce la descrizione delle propriet fonologiche di una classe morfologica senza far derivare una forma dalla

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

modificazione della rispettiva base (Mammoli 2004, p. 50). Si tratta di unimpostazione interessante, che spiega, ad esempio, il fenomeno delladdensamento di sovraestensioni intraparadigmatiche delle 3^ persone plurali sui verbi con struttura morfo-fonemica in -anno (come vanno, hanno, fanno, danno, ecc.): pur essendo morfo-fonemicamente irregolari, e quindi dotate gi di unautonomia propria, queste forme costituiscono, infatti, una classe al suo interno regolare perch passibile di una generalizzazione (Mammoli 2004, p. 50). Questa prospettiva, sottolineando il ruolo della capacit di astrarre somiglianze e categorizzare, mette ancora una volta in luce la ricorsivit tra le dimensioni linguistica e cognitiva, la cui consapevolezza cruciale nellinsegnamento/apprendimento della lingua.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

Andersen, R.W. & Shirai, Y. (1994). Discourse Motivations for Some Cognitive Acquisition Principles. Studies in Second Language Acquisition, 16, pp. 133-156 (cit. in Giacalone Ramat 2007; Rastelli 2007; Rosi 2007). Banfi, E. & Bernini, G. (2003). Il verbo. In A. Giacalone Ramat (a cura di), Verso litaliano. Roma: Carocci, pp. 70-115. Bernini, G. (1990). Lo sviluppo di paradigmi verbali nelle variet elementari di apprendimento dellitaliano lingua seconda. In G. Bernini & A. Giacalone Ramat (a cura di), La temporalit nellacquisizione di lingue seconde (Materiali linguistici-Universit di Pavia). Milano: Franco Angeli, pp. 81-101. Bernini, G. & Giacalone Ramat, A. (a cura di) (1990). La temporalit nellacquisizione di lingue seconde (Materiali linguistici-Universit di Pavia). Milano: Franco Angeli. Bernini, G., Ferrari, G. & Pavesi, M. (a cura di) (2004). Atti del 3 congresso di studi dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Perugia, 21-22 febbraio 2002). Perugia: Guerra. Bybee, J.L. (1985). Morphology. A study of relation between meaning and form. Amsterdam: John Benjamins Publishing Company (cit. in Mammoli 2004). Chini, M., Desideri, P., Favilla, M.E. & Pallotti, G. (a cura di) (2007). Atti del 6 Congresso

Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Napoli, 9-10 febbraio 2006). Perugia: Guerra.
De Marco, A. (2007). Prime fasi dello sviluppo verbale in italiano L1. In M. Chini, P. Desideri, M.E. Favilla & G. Pallotti (a cura di), Atti del 6 Congresso Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Napoli, 9-10 febbraio 2006). Perugia: Guerra, pp. 439-462. Giacalone Ramat, A. (1990). Presentazione del progetto di Pavia sullacquisizione di lingue seconde. Lo sviluppo di strutture temporali. In G. Bernini & A. Giacalone Ramat (a cura di), La temporalit nellacquisizione di lingue seconde (Materiali linguistici-Universit di Pavia). Milano: Franco Angeli, pp. 13-38. Giacalone Ramat, A. (a cura di) (2003). Verso litaliano. Percorsi e strategie di acquisizione. Roma: Carocci. Giacalone Ramat, A. (2007). On the road: verso lacquisizione dellitaliano lingua seconda. In M. Chini, P. Desideri, M.E. Favilla & G. Pallotti (a cura di), Atti del 6 Congresso

Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Napoli, 9-10 febbraio 2006). Perugia: Guerra, pp. 13-41.
Mammoli, R. (2004). Morfologia verbale in italiano L2. Strategie di acquisizione in un approccio basato sulluso. In G. Bernini, G. Ferrari & M. Pavesi (a cura di), Atti del 3 Congresso di Studi dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Perugia, 21-22 febbraio 2002). Perugia: Guerra, pp. 31-72. Pallotti, G. (1998). La seconda lingua. Milano: Bompiani.

Estratto dalla tesi di laurea Dallitaliano L2 alleducazione linguistica nelle classi plurilingue di Silvia Cattani

Rastelli, S. (2007). Lazione verbale nei dati di un corpus di italiano scritto di americani. In M. Chini, P. Desideri, M.E. Favilla & G. Pallotti (a cura di), Atti del 6 Congresso

Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Napoli, 9- 10 febbraio 2006). Perugia: Guerra, pp. 167-186.
Rosi, F. (2007). Imparare il passato italiano in classe. In M. Chini, P. Desideri, M.E. Favilla & G. Pallotti (a cura di), Atti del 6 Congresso Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica Applicata (Napoli, 9-10 febbraio 2006). Perugia: Guerra, pp. 235-256. Zenti, E. (1993). Sviluppo della morfologia verbale in italiano L1: uso e significati delle prime forme verbali. Quaderni del Dipartimento di Linguistica e letterature comparate dellUniversit di Bergamo, 9, pp. 219-246 (cit. in De Marco 2007).