Sei sulla pagina 1di 16

GAETANO

e-mail:lattualita@yahoo.it
SALVEMINI www.movimentosalvemini.blogspot.it
una vita per la libertà

SIAMO ANCORA IN TANGENTOPOLI. GRANDE SUCCESSO DEL SITO WEB


LA REPUBBLICA VA RIFONDATA Navigando in Rete e digitando
La Storia italica è caratterizzata da una “ordinaria” e millenaria corruzione. E’ una vile www.movimentosalvemini.blogspot.it
prassi che risale a Verre, il corrottissimo governatore della Sicilia di duemila anni fa. Una potete documentarvi sulle proposte
“prassi” tenuta in vita da una così grande moltitudine di spudorati da indurre Dante a scri-
vere “Serva Italia, di dolore ostello…”. Ancora oggi, la “questione morale” è insoluta. Per- di riforma istituzionale avanzate dal
ché? Una delle probabili chiavi interpretative del fenomeno consiste nel fatto che da molti Movimento Salvemini. Il sito,
secoli la prassi corruttiva si è insinuata nella “forma mentis” di gran parte del ceto dirigente
nostrano (politico, finanziario, imprenditoriale, ecclesiastico). Andiamo a rileggere alcune quotidianamente aggiornato, è una
pagine di Storia (disciplina colpevolmente emarginata nelle Scuole medie da ministri in- mini-enciclopedia di Scienze politiche,
competenti, collocati su quelle poltrone in base al famigerato “metodo Caligola”). Pos- economiche, sociali, religiose, letterarie e
siamo facilmente constatare che già nel Medioevo è fiorentissimo il commercio delle
poltrone, specialmente quelle concernenti le cariche ecclesiastiche. Molti vescovi e ponte- artistiche: oltre 20.000 temi. Potete anche
fici acquistavano la propria elezione, convinti che tale acquisto fosse di “ordinaria” am- esprimere via e-mail le vostre opinioni.
ministrazione. Ritenevano che questo fosse l’unico modo per accedere alle poltrone del Esaurita la 1a edizione di questo Il sito ha registrato
potere. Da Bonifacio VIII a Sisto V gli abusi e la sfrenata accumulazione di ricchezze libro. Per prenotare una o più
erano diventati “sistemi di governo”. Papa Leone X giunse a decretare un Tariffario per la copie della 2a, cell. 3470333846 finora circa 140.000 contatti.
vendita delle indulgenze. Per ogni peccato da perdonare bisognava pagare ai “predicatori
pontifìci” una determinata somma di denaro. E fermiamoci qui. A buon intenditor, poche parole. L’attuale meccanismo
di selezione del ceto politico è inficiato da gravissime anomalìe. Esaminiamone qualcuna. I numerosi clan malavitosi
possono spostare una consistente quantità di voti (sporchi, ovviamente) per far eleggere sindaci, governatori e parla-
RIVISITAZIONE STORICADELVATE D’ITALIA,
mentari. Per non parlare delle campagne elettorali finanziate illecitamente, dei voti di scambio, degli appalti truccati e
dei brogli elettorali di vario genere. Come estirpare questa gramigna? Coloro che daranno avvìo alla fase costituente per
GRAZIEALL’ARMADEI CARABINIERI
Ho avuto il piacere di ricevere l’invito dall’Amico Colonnello
redigere una nuova Carta passeranno alla Storia. Avranno il merito di salvare questo Paese scombinato e di sanare que- Luigi Cortellessa alla conferenza: “D’Annunzio e il volo”, che il
sta Democrazia degenerata. Prof. Tobia Iodice ha tenuto il 28 gennaio scorso presso il Co-
Urge attuare la madre di tutte le riforme: la Demo-random-crazia, imperniata sul sorteggio delle cariche istituzionali (me- mando Carabinieri Tutela Agroalimentare, in Roma, retto, ap-
todo Pericle, adattato all’attuale era digitale e applicato mediante la Rete). In sostanza, un sistema di Democrazia diretta, punto, dal dinamico e colto Comandante Cortellessa, al quale
senza mediatori-voltagabbana, realizzato con voti rigorosamente certificati. Al futuro Albo dei Sorteggiabili (per ogni rinnovo il ringraziamento per il bellissimo e riuscito evento.. Il
livello di carica istituzionale) potranno accedere, su domanda, soltanto cittadini onesti, competenti e illuminati, che Prof. Iodice, docente di Italiano, ha tenuto in tutta Italia incontri
siano in possesso di diploma rilasciato dalla futura Alta Scuola di Formazione Etica e Politica (di durata almeno bien- dedicati all’opera di Padre Dante, Ariosto, Foscolo, Carducci, ed
nale) gestita da docenti di chiara fama e partiticamente neutrali. in particolare sul Vate d’Italia Gabriel Ariel d’Annunzio, pubbli-
I leaders che proporranno ed attueranno tale Riforma dimostreranno con i fatti di voler moralizzare la collettività, oggi cando interessanti volumi sul Suo pensiero e la Sua grande e pur-
troppo non più tanto conosciuta opera..Nella circostanza, l’illustre
devastata da fameliche canaglie senza scrupoli. Ovviamente, per illustrare dettagliatamente alla pubblica opinione i Docente ha commentato il Suo ultimo volume: “Come un sogno
contenuti di questa Riforma istituzionale, occorre che la RAI ed altre emittenti televisive riducano gli spazi dedicati a rapido e violento“, sul periodo trascorso a Napoli (1891-
programmi-spazzatura ed aumentino quelli finalizzati alla promozione di quei valori morali che da troppo tempo sono 1893)..Leggendo il testo riviviamo quel periodo aureo della vita
stati calpestati da una marea di politicanti di mestiere. Cosmo G. Sallustio Salvemini del Poeta, apprendendo..(da pag 12)..che la fortuna aveva bussato
alla sua porta nel febbraio del 1883, quando aveva incontrato la
giovanissima Maria Hardouin dei Duchi di Gallese, restando sin-
ceramente folgorato dalla sua di-
ERNESTO, UN UOMO ONESTO AAA ESORCISTA CERCASI sarmante bellezza. Sedurla a (segue a pag. 3) Raffaele Vacca

Ernesto Caselli, candidato a sindaco di Diamante (CS) nelle ele-


zioni amministrative del 26 maggio, una settimana prima di di-
Ultimamente si ha l’impressione che nel nostro Bel Paese occor-
rerebbe un esorcismo che liberi le poltrone occupate dai protago- POLEMICHE 25 APRILE...
ventare Sindaco per la quarta volta, ci ha lasciati improvvisamente
il 18 maggio scorso. Non mi rimane che un pensiero di lui, un
pensiero che racchiude la sua vita per quanto io abbia visto e con-
nisti della vita politica e le cabine elettorali occupate dagli elettori
quando, sovente, vengono chiamati alle urne. Lo so, la trovata è
bislacca, ma comprenderà il lettore che si tratta di una provoca-
CON RICORDI PERSONALI…
diviso. “Il tuo andamento era particolare quando ti incamminavi zione che vorrebbe mettere un po’ di ordine nella confusione di Con gli stessi sentimenti con i quali ho scritto recentemente su
dalla farmacia verso il centro del paese. Aspettavamo tutti di ve- idee e di notizie che girano in questo periodo nell’intero territo- “Manduria (di Taranto).. oggi…rispetto a ieri“…sento lo stimolo
derti da un momento all’altro. La tua cultura affascinava chiunque rio dello stivale, isole comprese. È veramente difficoltoso, al mo- a trattare di “Viterbo oggi…confrontata al Capoluogo della nobile
ti ascoltasse. Eri l’amico di tutti, l’amico su cui poter contare sem- mento, scrivere articoli che riguardino l’Italia degni un qualche Tuscia ..ieri..“ Andiamo con ordine.. Leggiamo nell’articolo di
pre. E ancora, quel tuo passo particolare e rassicurante, col gior- interesse, poiché si ha come l’impressione che siano vigenti e il Stefania Moretti su “Il Corriere della Sera”: “”Lunedì mattina,
nale sempre sotto il braccio pronto a leggerne ogni riga, ogni tutto e il suo perfetto contrario. Ma andiamo con ordine. Matteo durante la Messa per l’ultimo saluto a Norveo Fedeli, il ben noto
parola, perché quella era una delle tue doti principali, di entrare Renzi scrive un saggio nel quale racconta i suoi anni trascorsi a negoziante d’abbigliamento che nella città era un’istituzione con
nel dettaglio delle situazioni, delle cose, delle persone, per ac- Palazzo Chigi e la sua idea di politica del futuro; il libro diviene il suo negozio di abiti griffati, l’omelia del Vescovo Lino Fuma-
quisire ogni giorno qualcosa che ti arricchisse e che, in qualche in pochissimo tempo un best seller, che supera di gran lunga le galli suona come un appello. “Basta con la violenza dei gesti,
modo, arricchisse anche chi ti stava accanto. Quel sorriso lo por- vendite di scrittori prolifici e titolati. Forse può giocarsela sol- delle parole, degli scritti. La ferocia che c’è stata deve ricordarci
terò per sempre con me, appena ci incontravamo con dolcezza tanto con il Montalbano di Andrea Camilleri. Tale risultato fa- che siamo comunità..Ci ha lasciati un uomo buono..”A sferrargli
me ne facevi omaggio. Amico buono, sensibile, disponibile, sin- rebbe presupporre un certo riavvio del suo partito, che invece il colpo letale alla testa Michael Aaron Pang, 22 anni, sudcoreano
cero e generoso. Diamante perde tanto, molto di più di quello che tiene ma non convince, e così perde tante regioni che vanno al con cittadinanza statunitense, proveniente da Kansas City, arre-
le emozioni tragiche del momento ci stanno suggerendo. “…e a centro-destra. La ricetta di quest’ultimo pare quella vincente, tutti stato in meno di ventiquattr’ore dalle Forze dell’ordine. Le tele-
mano a mano vedrai che nel tempo lì sopra il suo viso lo stesso i giorni Forza Italia e Fratelli d’Italia tentano di riportare la Lega camere su via del Pavone lo hanno incastrato...” Su altro episodio,
sorriso che il vento crudele ti aveva rubato…” Ciao Ernesto. all’ovile, sull’onda degli entusiasmanti risultati alle elezioni re- sempre a Viterbo..diffuso dai media.. apprendiamo che Ministero
Antonio Bartalotta gionali, ma Matteo Salvini di- della Difesa indaga sul Generale Riccò che il 25 aprile lasciò la
chiara che lui e Di Maio sono (segue a pag. 2) Adalgisa Biondi festa a Piazza del Sacrario. A renderlo noto sono vari articoli di
giornali... Ma arriva subito una precisazione da “Fonti della Di-

ADERIAMOTUTTIAQUESTOAPPELLO fesa” diffusa dall’Adnkronos in


base alla quale “non è stata av- (segue a pag. 2) Salvatore Veltri

“La storia è un bene comune. La sua conoscenza è un principio di


democrazia e di uguaglianza tra i cittadini. È un sapere critico
non uniforme, non omogeneo, che rifiuta il conformismo e vive
LACULTURACONTRO ILPOTERE
La cultura, diceva un pensatore rimasto purtroppo anonimo, è
OMICIDIO VANNINI: A SPARARE FU FEDERICO
nel dialogo. Lo storico ha le proprie idee politiche ma deve sot-
toporle alle prove dei documenti e del dibattito, confrontandole
l’unica droga che crea indipendenza, oltre a essere la più efficace
“arma” di difesa della Democrazia. Con la conoscenza dei propri
CIONTOLI, IL FIGLIO DI ANTONIO ?
con le idee altrui e impegnandosi nella loro diffusione. Ci appel- diritti, delle leggi, della storia umana e di quel che ci accade C’è una novità esclusiva che potrebbe gettare una nuova luce sul
liamo a tutti i cittadini e alle loro rappresentanze politiche e isti- intorno, si possono evitare molti imbrogli e si impara a ragionare caso dell’omicidio di Marco Vannini, il 20enne ucciso con un
tuzionali per la difesa e il progresso della ricerca storica in un con la propria testa. Per questo nel corso della storia umana molti colpo di arma da fuoco la notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 men-
momento di grave pericolo per la sopravvivenza stessa della co- governi, dittature, sovrani e partiti politici hanno cercato di tre era a casa della sua fidanzata, Martina Ciontoli. Il maresciallo
noscenza critica del passato e delle esperienze che la storia for- esercitare un controllo sulla diffusione della cultura: per Roberto Izzo, l’ex comandante della stazione dei carabinieri di
nisce al presente e al futuro del nostro Paese.” Questo è l’appello governare un popolo di pecore non-pensanti. Agli inizi della storia Ladispoli con il quale Antonio Ciontoli, condannato in Appello a
che è stato lanciato dallo storico Andrea Giardina, dalla sena- umana, e ancora oggi in certe sperdute tribù, la conoscenza era 5 anni per omicidio colposo, aveva già un rapporto di conoscenza
trice a vita Liliana Segre e dallo scrittore Andrea Camilleri per limitata a poche, centrali figure che detenevano quell’insieme di prima della tragedia, sapeva che a sparare a Marco non sarebbe
ridare dignità nelle scuole, alla materia della storia e per reintro- nozioni mediche, sciamaniche, meteorologiche e “scientifiche” stato Antonio ma il figlio, Federico. Anzi, stando sempre alla di-
durla nell’esame di stato delle superiori. Il mezzo è il sito on line che agli occhi della gente semplice dovevano sembrare una forma chiarazione rilasciata dal super testimone, Davide Vannicola,
di Repubblica.it, dal 26 aprile scorso. Basta una firma, i propri di inaccessibile magia. Trascorsa poi l’epoca d’oro di romani, amico storico del maresciallo Izzo, che fino ad oggi non ha mai
dati e tanta passione civile. I bei nomi del cinema, della musica, greci, egizi, arabi, presso i quali la cultura era sacra e raggiunse parlato e che potrebbe essere sentito presto come testimone in-
del teatro italiano hanno aderito in tanti proprio in nome della l’apice della diffusione e della qualità di quel periodo, qualcuno, formato dei fatti dal procuratore di Civitavecchia, fu proprio Izzo
passione civile e dell’amore per la nostra storia. Dagli attori Pier- ai piani alti, ha iniziato a capire che la conoscenza dovesse tornare a consigliare ad Antonio Ciontoli di prendersi la colpa per pro-
francesco Favino, Claudio Santamaria, Beppe Fiorello ai registi in mano a pochi eletti. Il popolino, soprattutto, per essere meglio teggere il figlio, tanto a lui, facendo parte dei Servizi Segreti, non
Paolo Taviani e i premi Oscar Paolo Sorrentino e Gabriele Sal- controllato e guidato, doveva essere mantenuto in una sorta di gli avrebbe precluso più di tanto, mentre a Federico avrebbe cer-
vatores. Dalle cantanti Fiorella Mannoia e Levante ai grandi mu- limbo di pacata ignoranza. Basti pensare al medioevo, dove lo tamente rovinato la vita. Una circostanza questa che era già ve-
sicisti Riccardo Muti e Roberto strapotere materiale della Chiesa (segue a pag. 2) Emiliano F. Caruso nuta fuori al processo con la
De Simone. Le associazioni e le (segue a pag. 2) Lisa Biasci raggiunse il suo apice anche testimonianza resa dal brigadiere (segue a pag. 2) F. Sciorilli Borrelli
L’ATTUALITÀ, pag. 2 N. 6 - GIUGNO 2019
(segue da pag. 1) La cultura contro il potere
LETTERE AL DIRETTORE grazie al fatto che la gente comune, che per motivi anche
Caro prof. Salvemini,
non avendo io alcun titolo come gentilmente Lei mi ha attribuito,
economici era tenuta ben lontana da qualsiasi possibilità di
studiare, era inconsapevole del fatto che quel che la Chiesa
INFORMAZIONIAI LETTORI
miha quindi particolarmente lusingato il fatto che lo scritto in- andava predicando e facendo era ben lontano da quanto in realtà Quote associative annuali. Ordinaria: euro 60,00 (solo per recapito a
viatoLe giorni fa abbia trovato il Suo interesse. Il sottoscritto è fosse scritto sulla Bibbia. Nel corso della storia, poi, praticamente domicilio). Simpatizzante: euro 100,00 (per pubblicare un articolo per
solo un appassionato di buona politica, che continua tuttora a cre- tutte le dittature hanno impedito che il popolo potesse accedere numero). Benemerita: euro 180,00 (due articoli per numero). Sosteni-
dere che si possa e si debba sempre fare ogni tentativo per mi- allo studio: dai roghi dell’Inquisizione fino al Comunismo e al
nazismo, dove i libri addirittura venivano bruciati in piazza. Nel trice: euro 360,00 (quattro o più articoli per numero).
gliorare la nostra difficile società. Anche per questo un Il versamento va effettuato tramite bollettino di c/c postale n°.
Movimento come quello da Lei fondato non posso che tenerlo in nostro Paese, in particolare, per impedire al popolo di avere un
forte considerazione. Nel ringraziarLa con molta riconoscenza livello culturale tale da scatenare un risveglio di coscienza, si è 1032746719 intestato a Movimento Gaetano Salvemini, Fonte Nuova
per l'attenzione concessami, Le auguro tante cose positive e un adottata una forma di dittatura molto sottile, quasi invisibile ma (Roma).
buon lavoro. Distinti saluti. comunque efficace, tagliando di fatto i fondi alla ricerca, alla Consigli utili: 1) rileggere attentamente gli articoli prima di inviarli alla
Firenze, 22.5.2019 Luciano Masolini cultura, alle università per creare un popolo di ignoranti. Quando Direzione entro il 15 di ogni mese. 2) Gli articoli non devono superare
c’è da fare economie, a rimetterci è sempre l’istruzione italiana,
mai i fondi per la Difesa (i 389 milioni per l’acquisto degli aerei le 30 righe dattiloscritte e devono osservare la classica regola del Labo-
Caro Dott. Masolini, l’Italia ha bisogno anche e sopratutto di ratorio di Giornalismo sui cinque interrogativi: chi, come, dove, quando
persone come Lei per fermare la marea di canaglie in cui stiamo F35), mai i privilegi della casta, mai gli stipendi faraonici di
affogando, “Non mollare” è il nostro motto. Ricambio auguri e manager, banchieri, politici e dirigenti, mai gli appalti inutili. E a e perché. 3) confrontare il testo originario dei propri articoli con quello
saluti. proposito di appalti, qui citiamo solo, ché altrimenti la lista non poi pubblicato con le necessarie correzioni e abbreviazioni, al fine di
finirebbe mai, i 470 milioni per la costruzione dell’albergo alla non ripetere errori e prolissità negli articoli inviati successivamente. 4)
********** Maddalena in Sardegna, che avrebbe dovuto ospitare quel G8 poi pubblicare almeno 80 articoli in 24 mesi consecutivi per chi vuole iscri-
trasferito, più per passerella politica che per reale interesse,
all’Aquila post-terremoto, tra l’altro con l’ipocrita scusa che il versi all’Albo dei Pubblicisti. 5) rivolgersi al consulente Patrizio Ales-
Cara Prof.ssa Battiloro, chiedo cortesemente un sostegno ampio sandrini (via Monte Senario 14, Roma. Tel. 06.87195452) per far
e convinto del Movimento Salvemini contro la violenza in tv dove trasferimento avrebbe fatto risparmiare 220 milioni di euro da
botte, stragi, inseguimenti, agguati e bombe stanno diventando la destinare alla ricostruzione post-terremoto. Milioni ovviamente calcolare le ritenute d’acconto da versare ogni quadrimestre all’Agenzia
normale soluzione dei problemi della nostra società con il rischio poi svaniti nel limbo. Milioni, miliardi da sprecare quindi in delle Entrate. 6) Conservare ogni copia del giornale per poter compilare
di farci sempre più la guerra l’uno contro l'altro nella distruttiva privilegi e opere inutili, e tolti alla cultura, all’istruzione, alla l’elenco degli 80 articoli da consegnare all’Ordine. 7) Presentare al-
e crescente disgregazione sociale Grazie. ricerca. Il motivo di ciò è evidente: l’ignoranza crea pecore l’Ordine la domanda d’iscrizione all’Albo firmata dal Direttore della te-
Treviso, 23.5.20109 Eugenio Morelli ubbidienti, mentre la cultura crea leoni consapevoli. Come tutte
le dittature, anche quelle di oligarchi, lobby, multinazionali e stata. 8) Sono accettati solo testi dattiloscritti composti in RTF oppure
Caro Dott. Morelli, condivido pienamente la Sua ferma denun- classe politica non amano la cultura. Né la loro (abbiamo avuto WORD 4/5 e inviati per E-mail: lattualita@yahoo.it. Coloro che
cia contro trasmissioni televisiv che incitano alla violenza. È un ministri dell’istruzione privi, oltre che della laurea necessaria a entro il 20 di ogni mese non ricevono via mail la conferma di avve-
impegno che stiamo portando avanti da anni sul sito web movi- ricoprire un simile incarico, anche di un semplice diploma di nuta ricezione in Redazione sono tenuti a reinviare gli articoli entro
mentosalvemni.blogspot.it sotto la voce “Rai servizio pub- maturità) nè quella del popolo, che si preferisce mantenere il 21 di ogni mese.
blico...”. Siamo proponendo una riforma radicale della Rai per ignorante perchè, da sempre, le più forti voci di opposizione a Anche dopo l’iscrizione all’Albo è opportuno pubblicare almeno un ar-
trasformalla in ente educativo e presidio di valori morali. certi strapoteri sono sempre partite dagli intellettuali. Ne cito
alcuni: Benedetto Croce, Gaetano Salvemini, Alcide De Gasperi, ticolo su ogni numero e rinnovare la quota associativa annuale simpa-
Giacomo Matteotti, Gramsci, Togliatti, Pertini, senza contare tizzante.
(segue da pag. 1) AAA esorcista cercasi molti giornalisti della storia d’Italia, tra i quali mi limito a Il giornalismo non è solo arte; è anche passione vissuta con entusiasmo
legati a doppio nodo, per cui se fallisce l’uno fallisce anche l’al- ricordare Montanelli e Biagi. Si recuperi quindi a ogni costo quel e con rettitudine morale. Il piombo, più che l’oro, ha modificato la Sto-
tro. Dal canto suo, il Movimento Cinque Stelle è sempre orgo- diritto allo studio e alla cultura, sancito anche dalla nostra ria. E più che il piombo dei fucili, quello dei tipografi.
glioso dei suoi ideali, che non fanno però a tempo a rinvigorirsi Costituzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti umani,
di nuovi stimoli che un collaboratore della Sindaca di Roma Vir- per non essere più un gregge di pecore sottomesse. L’ignoranza è
ginia Raggi viene arrestato per corruzione. Se questo è un caso il peggior necrologio per la democrazia e la peggiore tomba per
di sfortuna occorrerebbe chiamare un fattucchiere che liberi dalla l’indipendenza. Emiliano Federico Caruso
fattura il Comune di Roma. Indubbiamente c’è un certo fermento
perché delle riforme, anche di una certa entità, si stanno avviando.
AVVISO AI COLLABORATORI
Ma si tratta di riforme che contraddicono continuamente se stesse, (segue da pag. 1) Omicidio Vannini:..... Gli articoli che superano le 30 righe dattiloscritte
per cui il loro stesso divenire è di difficilissima comprensione e
dissertazione. Un giorno le investigazioni riguardanti il femmi- Manlio Amadori, il sottufficiale di turno quella notte: «così metto non vengono presi in considerazione
nicidio devono avere la precedenza sugli altri carteggi delle Que- nei guai mio figlio» aveva detto Amadori di aver sentito uscire
sture, e l’altro giorno si fa la crociata contro l’aborto e il divorzio, dalla bocca di Antonio Ciontoli mentre veniva ascoltato in ca- per ovvie ragioni di spazio.
battaglia quest’ultima che vorrebbe far tornare la donna allo stato serma la notte del delitto. Non solo. Se comprovata, la testimo-
di inferiorità rispetto all’uomo, perché chi non può liberarsi di nianza di Vannicola, andrebbe anche ad avvalorare la
testimonianza rilasciata dalla vicina del piano di sotto, Maria Cri- (segue da pag. 1) Polemiche 25 aprile... Con ricordi personali...
qualcosa, è schiavo. Il matrimonio deve essere un esercizio di ri-
spetto quotidiano e non di sottomissione coercitiva. Un giorno si stina, che, ricorderete, ha sempre avuto grossi dubbi: «ho sentito viata formalmente alcuna inchiesta, esiste bensì una richiesta di
devono fare i tagli alla spesa e l’altro giorno si creano una serie le voci di tutti i Ciontoli, ma quella di Antonio, che è riconosci- accertamento dei fatti al fine di individuare quanto realmente ac-
di figure nuove che non fanno altro che complicare la già com- bilissima, non me la ricordo». Inoltre la donna notò che quella caduto”. Questi i fatti..In occasione della Festa della Liberazione
plicata macchina amministrativa. Un giorno si condivide la posi- maledetta sera l’automobile di Antonio non era parcheggiata al il Generale di Brigata Paolo Riccò ha abbandonato la cerimonia,
zione della Chiesa sulla famiglia e l’altro giorno si aborra la solito davanti al cancello ma la vide in strada poco prima dell’ar- seguito poi dagli altri militari e dalle Associazioni Combattenti-
posizione della stessa sui migranti. rivo dell’ambulanza. «Mi ha detto Izzo che quella sera Ciontoli stiche e d’Arma, lasciate libere dal Generale di scegliere; il pre-
E non che nella società le cose vadano diversamente. Io vivo nel- lo ha chiamato e gli ha detto: «Robè è successo un guaio. Qui la testo era stato il discorso del Presidente dell’Anpi Enrico Mezzetti
l’estremo sud. Qui molti elettori pentastellati sono diventati le- mia famiglia ha fatto un casino, c’è il ragazzo di mia figlia ferito che, secondo l’alto Ufficiale, avrebbe “offeso le Forze Armate”.
ghisti perché almeno Salvini ci ha liberati dai migranti. La nella vasca con un colpo di pistola. Mi devi aiutà, mi devi risol- Mezzetti è stato contestato per aver citato un report dell’Onu che,
delusione consiste nella differenza di percezione che c’è stata in vere questo problema», dichiara Vannicola ai microfoni della iena “rivela che le forze internazionali e pro-governative in Afghani-
riguardo al reddito di cittadinanza, nel senso che c’era chi pensava Giulio Golia. Il riferimento è ad una telefonata che, restando sem- stan hanno ucciso più civili dei Talebani“. Ora una mia rifles-
che fosse, non una giustissima misura per salvaguardare chi ha pre a quanto dichiarato da Davide Vannicola, parrebbe essere par- sione, asserendo in primis che la Ministra della Difesa molto bene
perso tutto nella crisi economica e ridistribuire più equamente le tita prima della chiamata al 118, comportando degli evidenti ha fatto a chiedere chiarimenti per valutare…
risorse, ma una sorta di stipendio di Stato in attesa che piova la ritardi nei soccorsi del giovane Vannini. La telefonata, che se ve- Poi, riportandomi ai tempi, anni 1991/93, in cui sono stato Co-
manna dal cielo. Alcune famiglie si erano convinte di superare al nisse confermata diverrebbe un’accusa implicita di Antonio Cion- mandante Provinciale CC, senza con questo voler sollevare cri-
mese il reddito dei primari o dei magistrati. Un’altra delusione è toli nei confronti di uno dei suoi familiari, non risulta agli atti, tiche al giovane Collega Generale Riccò, (e ai numerosi Ufficiali
stata la via della seta. Non ci si aspettava che la Cina diventasse mentre risulta quella di Ciontoli all’ex comandate partita all’1.18 in congedo e in servizio che hanno preso posizione in suo favore),
talmente ricca da potersi permettere un made in Italy fatto da ope- della notte tra il 17 e il 18 maggio 2015, in cui Antonio lo prega del quale apprendo di un eccellente trascorso operativo e profes-
rai italiani che possono permettersi soltanto il made di China. di recarsi subito al Pronto Soccorso di Ladispoli: «Robè, corri sionale, desidero fare riferimento agli Ufficiali Generali dei miei
Questo mi fa sorridere. Ma quando sono arrivati i primi cinesi e che è successa una cosa tragica, ho bisogno di te, vieni al Pronto tempi, di quell’epoca poi non eccessivamente lontana….
noi italiani ci siamo catapultati nell’acquisto di chincaglieria che Soccorso, vieni, vieni», gli dice Ciontoli. Con che telefono sa- Bene, il Comandante dell’Aviazione Leggera dell’Esercito come
ci entusiasmava per l’esiguità dei prezzi, pensavamo che i soldi rebbe stata fatta quindi la chiamata? E che ragioni aveva Roberto anche Comandante di Presidio, era il grande Generale Beniamino
finissero nelle missioni? Quello cinese è un mercato che noi ita- Izzo per aiutare Antonio Ciontoli? A tal proposito Vannicola con- Sensi, mentre quello della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, il
liani per primi abbiamo contribuito ad allargare, a nutrire, a fo- ferma un dettaglio smentito più volte da Izzo insistendo sul fatto Generale Gabriele Moglioni, peraltro orfano di Carabiniere ca-
mentare. È così che funziona l’economia. Se non fosse che siamo che Antonio Ciontoli avesse due telefoni e che verosimilmente la duto in servizio sul fronte del dovere…
tutti coinvolti, e quindi la cosa è seria, perché indubbiamente prima telefonata al maresciallo Izzo, quella più prossima allo Entrambi i Generali erano di antico e nobile stampo…Prefetto
uscire dalla crisi è più difficile di quel che pensassimo, verrebbe sparo, sarebbe partita da un secondo cellulare dato ad Antonio dai autorevole era Mario Moscatelli, divenuto poi Prefetto di Torino,
da sorridere per tanta confusione e ingenuità. Adalgisa Biondi Servizi Segreti a cui apparteneva: «io stesso avevo due numeri di mentre Questore l’ottimo dialogante e collaborante dott.
telefono di Izzo», spiega. Per quanto riguarda invece il possibile Longo…Bene, quanto accaduto il 25 aprile scorso, non si sarebbe
motivo di quell’aiuto fornito da Izzo a Ciontoli, Vannicola, chia- certamente verificato allora, essendo preminente il principio dell’
(segue da pag. 1) Aderiamo tutti a questo appello risce che Izzo durante la sua confessione, a sua discolpa, gli disse “Ordine e Disciplina”…Oggi, a cura del Comandante del Presi-
reti che si impegnano per preservare la memoria e valorizzare il di avere al tempo un rapporto speciale con Antonio Ciontoli: «ho dio Militare Generale Currò, meglio sarebbe stato valutare, a ma-
passato: dall’Ande, l’associazione nazionale donne Elettrici, che conosciuto una persona che quando andrò in pensione mi cam- nifestazione terminata, se rapportarsi o meno con l’AG…per
dal 1946 promuove la partecipazione delle donne alla politica, a bierà la vita. Entrerò finalmente in un corpo che ho sempre eventuali possibili ipotesi di reato….Mai si sarebbe dovuta inter-
Milanosifastoria che riunisce 78 soggetti collettivi. E ancora il amato, i Servizi Segreti», confessa Izzo all’amico Vannicola. Tutte rompere teatralmente una manifestazione di rilevanza nazio-
mondo delle scienze, della matematica, della medicina: chirur- accuse che però Izzo dal canto suo ha sempre respinto: «questa nale….Mai…!!
ghi, ingegneri, biologi, fisici. Si aggiungono agli storici, agli ar- storia sta diventando imbarazzante un po’ per tutti. Io ho giurato Questo il mio parere di Comandante Veterano... Viterbo quindi,
cheologi, agli psicoanalisti, ai docenti universitari e di scuola di davanti a un tribunale di dire la verità», ha detto anche in ultima dove trascorsi due anni come Comandante Provinciale
ogni ordine e grado, ai sindacalisti, agli scrittori, agli editori, ai ri- a Giulio Golia l’ex comandante dei carabinieri di Ladispoli. Ed è (1991/1993), prima di assumere analogo incarico a Catanzaro
cercatori. Senza memoria storica non possiamo formare le menti sempre Izzo che riferisce di aver saputo solo dal dottore le cause (93/97), per poi transitare per un quadriennio al comando di Ta-
e le coscienze dei nostri ragazzi che devono capire il loro ruolo nel della morte di Marco Vannini: «non l’ha saputo da Ciontoli?. As- ranto…..Viterbo, allora, non era esente da fenomeni di crimina-
mondo. Abbiamo bisogno della storia per studiare il nostro pas- solutamente no. Da Ciontoli ha avuto un racconto di quanto suc- lità come quello citato in premessa, brillantemente risolto nel giro
sato e capire il momento storico - molto complicato - che stiamo cesso? Assolutamente no». Ora spetterà agli inquirenti stabilire di poco tempo, esistevano anche allora situazioni di alta crimina-
vivendo. Senza lo studio della storia siamo destinati ad essere cit- se le dichiarazioni del testimone possano essere giudicate atten- lità, ed al riguardo ricordo alcune operazioni…quali la cattura di
tadini senza memoria, senza capacità di leggere i fatti del mondo dibili. Dal canto loro, intanto, i legali della difesa, Andrea Miroli un paio di latitanti dell’anonima sequestri sarda e della Ndran-
e capacità critica. Reagiamo tutti insieme e aderiamo all’appello e Pietro Messina, sono già ricorsi in Cassazione giudicando troppi gheta, e risolto tre casi di omicidio apparentemente inestricabili.
dei firmatari. Puoi farlo anche tu, basta una firma! Lisa Biasci i 5 anni di condanna inflitti al sottoufficiale della Marina e dei Nella nostra rete, oltremodo efficiente, finì uno dei sequestratori
Servizi Segreti. Federica Sciorilli Borrelli dell’industriale Belardinelli, preso prima che da Montefiascone,
dove era stato segnalato, facesse perdere le proprie tracce...
Poi ancora l’assassinio di Tiziano Righetti, manager del pugile
STUDIO LEGALE AVVISO AI POLITICANTI
Patrizio Oliva, rappresentante di gioielli, attirato in una trappola
a Santa Marinella e ucciso, per derubarlo di 300 milioni di lire in

INTERNAZIONALE Finchè resteranno in vigore gli attuali farraginosi mec-


gioielli, che però non furono ritrovati…; infine, l’omicidio di un
principe indiano, noto orafo di Roma, ucciso, dopo una cena a
Ronciglione, a colpi di pistola, e gettato in una cunetta lungo la
Insigni giuristi al vostro servizio. Assistenza e consulenza legale canismi elettorali, quasi sempre inquinati dal voto di Cassia, a Monterosi…A questo punto sull’onda dei
in sede giudiziale e stragiudiziale, nel settore civilistico e penali- ricordi, desidero ringraziare i brillanti collabo-
stico. Lo Studio si occupa di controversie negli ambiti del diritto scambio e dal vile mercato delle poltrone, l’Italia re- ratori dell’epoca, in pochi ancora in servizio…
di famiglia e minorile, diritto ambientale, infortunistica e con- sterà ingovernabile. Le lobby che finanziano le campa- Terminando…la società cambia…nel bene o
trattualistica, diritto fallimentare e commerrciale. gne elettorali continueranno ad influenzare i politici ed nel male..? Ai posteri….Personalmente ritengo
Sedi a Roma, Caserta, Barcellona, Londra e Doha (Qatar). che si debba andare avanti…con fiducia nei
Il team è composto dall’On. Avv. Michelangelo Abbate Trovato a condizionare la funzione legislativa. La democrazia giovani cui non può attribuirsi colpa dell’esi-
(Consigliere Diplomatico dell’Unione Mondiale degli Stati), Info: non deve degenerare in plutocrazia. stente..però con i criteri di vita morale dei nostri
cell. 3286957269, e dal Prof. Avv. Lorenzo Dimartino, info: Genitori e Nonni…Maestri di saldi principi
cell. 3341297699 etici…certamente per noi “anziani”… Salvatore Veltri
N. 6 - GIUGNO 2019 TEMATICHE INTERNAZIONALI E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 3

UNIONE MONDIALE DEGLI STATI


CANCELLA L'ODIO
L'odio è triste e ostinato/ anche se c'è una ragione per questo./
L'odio tormenta la nostra anima senza/ preoccuparsi di chi ci ha
provocato./ Per evitare l'odio nella nostra mente/ forse è un buon
Governatore: S. E. Sen. Pietro Fratantaro modo/ dimenticare i cattivi sentimenti/ e dare pace/ ai nostri
occhi stanchi,/ eliminando l'ombra/ che sta bloccando la grande/
Vice Governatore: Sen. Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini avventura della nostra vita. Teresinka Pereira
FESTA DELLA MAMMA
12 maggio 2019

ATTO COSTITUTIVO E SCOPI ISTITUZIONALI Essere una madre/ volontariamente o no/ è un fatto della/ con-
dizione umana./ Il destino della mamma/ è quello di aumentare/
i bambini/ crescerli/ rispettare/ la natura, persone/ e loro stessi/
Il giorno 28 aprile 2016, presso la Sede italiana dell’ Unione Mondiale degli Stati, via Marco Polo n° 73, Pal. F, Scala A/4, 98125 con amore per la vita. Teresinka Pereira
Messina, è stato stilato l’Atto Costitutivo, in Memoria di S.E. Sen. Viktor Busà (Lord President del Parlamento Mondiale per
la Sicurezza e la Pace) ed il relativo Regolamento dell’Unione Mondiale degli Stati. L'OCCHIO
L’U.M.S. si prefigge di rafforzare la solidarietà sociale tra i Popoli (aiutando le persone più bisognose e diversamente abili, portatori L'occhio non può nascondere/ la nostra soggetti-
HD), di promuovere la cultura e le arti, l’assistenza sanitaria, la beneficenza, l’istruzione, lo sport, la tutela dell’ambiente, la tutela vità,/ ma è un invisibile/ faro di cui/ noi perce-
dei diritti umani, nel Mondo. Tutti gli incarichi e le nomine sono onorifici ed a titolo gratuito, durano 4 anni e possono essere rinno- piamo/ la supremazia della natura,/ il mistero
vati. L’Assemblea Generale viene convocata ogni due anni e non sono consentite deleghe. Le deliberazioni sono adottate a maggio- dell'umanità/ e la bellezza dei fiori./ L'occhio ha
ranza dei presenti. L’Atto Costitutivo e lo Statuto sono stati registrati in data 11/5/2016 al n° 1003 all’Agenzia delle Entrate di Messina. il potere/ di farci sognare con la libertà/ del firma-
ORGANIGRAMMA
Governatore S. E. Sen. Pietro Fratantaro (cell.347.8875825). Vice Governatore Sen. Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini. mento. Teresinka Pereira
Sen. Cav. Francesco Aversa, Primo Ministro; Prof. Stefano Murace, ministro per i Rapporti con i Parlamenti; On. Avv. Daniele (Traduzioni di Giovanna Guzzardi)
Arrigo, ministro della Giustizia; On. Teresa Trovatello, ministra del Tesoro; On. Dr.ssa Maria Serena Nicosia, ministra dei Beni
Culturali; On. Prof. Elisabetta Laganà, ministra della Pubblica istruzione: On. Josè Orteca, ministro dello Spettacolo; Sen. Cav. Car-
melo Fratantaro, ministro degli Affari Costituzionali; On. Letteria Fratantaro, ministra dell’Economia; On. Giulia Fratantaro,
ministra degli Esteri; Sen. Dr.ssa Angela Bono, ministra del Lavoro, On. D./ssa Graziella Sanfilippo, ministra della Sanità; On.
Maria Grazia De Seta, vice ministra dello Spettacolo; Sen. Dott. Eugenio Morelli, Vice Ministro della Cultura; On. Elisabetta APPELLO DEL FRONTE CULTURALE
Isaja, sottosegretaria allo Spettacolo.
Le On.li Vittoria Previti e Carmela Aversa, interprete di inglese e spagnolo sono state nominate Segretarie Generali.
Le Senatrici: Prof. Florinda Battiloro; Dr.ssa Ilde Gamba; Edda Ghilardi e Carmela Sammartino, sono state nominate Amba-
NAZIONALE DI OPPOSIZIONE
sciatrici. L’On. Roswitha Gruber, è stata nominata Governatrice Vicaria per l’Austria. Nello spirito di non violenza e nell'esclusivo interesse del futuro
L’On. Cav. Giovanni Aversa, Sen. Prof. Giustino Setteducati; On. Prof.ssa Rita Nicotra; Sen. Giuseppe Cardella; Sen. Ing. Fran- della comunità italiana il Fronte Culturale Nazionale di Opposi-
cesco Terrone; On. Adele Affini; On. Lenuta Donosa (Romania); On.Paola Cozzubbo; Sen. Raffaella Di Benedetto; On. Carmine zione, da me istituito il 10 ottobre 2016 con tanto di motivazioni
Savastano; Sen. Maria Giovanna Marrone; Sen. Ernesto Papandrea, On. Donato Piracci; On. Rosario Siliato; On. Emanuela Ve- illustrate e divulgate a mezzo stampa e radiofonicamente, espone
nuti; On. Prof.ssa Grazia Godio; Sen. Insegn. Cettina Piccichè, On. Dott. Natale Ventrella, On. Sandro Chillemi, Sen. Jean Claude le seguenti ragioni: l'attuale ultraconservatore meccanismo elet-
Leroy, Sen. Antonella Trinchera, Sen. Maria Luisa Marcilli, Sen. Antonio Barone, On. Michelangelo Abbate Trovato sono stati torale perpetuando se stesso nelle modalità, scelta dei candidati e
nominati Consiglieri Diplomatici. Il Sen. Albino Martis è stato nominato Ambasciatore. Sen. Salah Mahameed è stato nominato contenuto programmatico ha solo l'effetto di rendere ancora piu'
Vice Segretario alla Sanità e Consigliere Diplomatico. abissale la distanza tra candidati e elettori, tra i cittadini e le isti-
Addetti Stampa sono stati nominati: On. Prof.ssa Irene Antonuccio, “Gazzetta del Sud” Messina; On. Dr.ssa Marilena Faranda “Il tuzioni,tra i vertici istituzionali e la base, tra gli abbienti e meno
cittadino di Messina” (quotidiano online); On. Dr. Andrea Italiano “Primo Piano” Milazzo (ME). abbienti. Ciò in un contesto complessivo di disgregazione sociale
Hanno aderito: gli Onorevoli Letterio Cosenza; Domenico Ambriano, Donatella Collalti. ed assenza di ogni qualsivoglia spirito riformista all'insegna di
una convivenza civile, serena e non violenta nella sopraffazione
e nel cannibalismo umano di potere e controllo dei propri simili.

83° CONGRESSO DELLA SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI Il sottoscritto ringraziando il Movimento Salvemini nel condivi-
derne i principi e l'impegno per un'Italia più italiana per gl'italiani
saluta cordialmente tutti coloro che non ammalati di vile confor-
mismo sanno rispettare la propria esclusività genetica in modo
Dal 18 al 20 luglio si terrà in Argentina, a Buenos Aires, l’83esimo congresso internazionale della Società Dante Alighieri. L’istitu- totale e secondo natura. Eugenio Morelli
zione culturale, fondata nel 1889 da un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci, celebrerà per la prima volta il suo congresso
in un paese extraeuropeo e difatti il titolo scelto per questa edizione è sicuramente emblematico: “Italia, Argentina, mondo: l’italiano
ci unisce”, titolo che fa trasparire una delle finalità statutarie dell’istituzione, ossia quella di ravvivare i legami dei connazionali al-
l’estero con la madre patria, alimentando l’amore per la cultura e la lingua italiana nel mondo. L’Argentina, paese che ospita il più
alto numero di comitati all’estero della Società Dante Alighieri, accoglierà i soci di tutto il mondo, che nel corso dei lavori potranno
NO ALLA VIOLENZA IN TV
proporre, discutere e sviluppare le linee strategiche globali da adottare negli anni avvenire. Alla manifestazione prenderanno parte Caro Direttore, oltre che nel mensile L’Attualità ho protestato
autorità argentine e italiane, nonché soci, studenti, insegnanti e docenti di italiano provenienti da tutto il mondo. Il congresso anche anche presso la Presidenza della Repubblica, tramite i canali in-
quest’anno si svolgerà sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. Mirko Riccelli formatici predisposti, riguardo l'inaudita violenza nelle proiezioni
televisive che insegna come con le botte, le sparatorie e l'omici-
(segue da pag. 1) Rivisitazione storica del Vate d’Italia... dio si può risolvere ogni problema. L'inerzia popolare ed istitu-
zionale mi fanno impressione ed angoscia perchè vuol dire che
colpi di lettere infuocate, regali folli e rime d’amore, concupirla e infine portarla all’altare con un matrimonio riparatore, era stata per con la scusa che così va il mondo nessuno reagisce più cercando
lui una inebriante corsa in discesa. Ma nonostante i tre figli che erano nati, le promesse di quel matrimonio erano durate poco. Tra il solo di adeguarsi a questo disumano andazzo di cose. Dante Ali-
3 luglio del 1883 quando era stato celebrato, e lo stesso mese del 1890 quando donna Maria aveva abbandonato il tetto coniugale, il ghieri si rivolterà nella tomba dopo aver divulgato la celebre
grande seduttore aveva infatti inanellato una lunga sequela di amanti. Nello sterminato carnet delle donne da lui sedotte, ad un certo espressione "fatti non foste per viver come bruti ma per seguir
punto, una si era fatta prepotentemente largo, riempiendo quel suo inesauribile bisogno di “esercitare lo spirito, di servire lo Spirito, virtute e conoscenza" e lo stesso Francesco d'Assisi sarebbe forse
nell’Orgia..”. Si chiamava Elvira Natalia Fraternali, ma secondo un suo consolidato verso D’Annunzio l’avrebbe ribattezzata Bar- travolto dall'ematoidrosi ossia dall'angoscia che fa sudare sangue.
bara, per la sua statura imponente, i suoi capelli del colore della notte i suoi grandi occhi scuri. La straordinaria complicità sensuale Quanto scrivo non è dettato da mero e sciatto moralismo ma pur-
e spirituale instauratasi con lei, fedelmente fotografata nelle 1090 lettere del loro epistolario amoroso, aveva ispirato al futuro Vate troppo dalla.....morte interiore degli italiani! Cordiali saluti
d’Italia molte delle poesie poi racchiuse in alcune delle sue raccolte più importanti, oltre a fornire gli spunti, modelli e materiale che Eugenio Morelli (Viceministro cultura U.M.S.)
sarebbero poi confluiti nei suoi romanzi. Primo fra tutti “Il Piacere“. Per trovare il raccoglimento necessario a “capolavorare”, D’An-
nunzio aveva scelto quella che in un certo senso considerava la sua casa dell’anima, quella dove si era formato come uomo e come
artista: l’antico convento di Francavilla al Mare (affettuosamente chiamato il “Conventino” dall’amico Francesco Paolo Michetti, “il
Signore del Pennello”, come aveva scritto una volta). Al suo apparire “Il Piacere” era stato un successo straordinario. La fama rag-
giunta non l’aveva però saziato. (Da pag 16)..Era stato solo allora che, sconsolato, senza più un soldo ma soprattutto senza più una
CAPPELLASISTINA:
prospettiva sicura né per se stesso né per il suo lavoro, il futuro Vate aveva cominciato ad accarezzare l’idea di accettare l’invito di
Michetti ad accompagnarlo a Napoli. Ciccillo (come familiarmente chiamava l’amico), avrebbe dovuto starci pochi giorni giusto il
tempo di incontrare alcuni vecchi amici e definire i particolari di alcuni suoi lavori. Per lui, invece, sarebbe stata semplicemente l’oc-
PROVASTORICADELL’ANTICRISTO
casione per vedere una città che non conosceva ma che lo aveva sempre incuriosito, e poi rientrare presto a Francavilla per decidere La meravigliosa Cappella Sistina, mirabile espressione del genio
sul da farsi. Quando la sera del 29 agosto del 1891 si sedette nel treno diretto nel capoluogo campano, Gabriele non immaginava quindi italico e meta incessante di legioni di turisti, di fatto, senza essere
nemmeno lontanamente che per la sua vita, per la sua arte, e per i destini dell’intera letteratura italiana - e forse anche Europea - quel illustri biblisti od esegeti od illuminati teologi, si pone davanti
viaggio verso il sole sarebbe stata di sola andata. (Da pag 24)..Ma la Napoli che accolse D’Annunzio non era solo la sua storia, la sua alla nostra morbosa curiosità come sconcertante se non perico-
gente, i suoi tesori. Nonostante da ormai tre decenni non fosse più la capitale di uno dei regni più vasti e importanti dell’Europa del loso quanto tenace documento storico visibile non del giudizio
XIX secolo, era ancora i vertici della cultura nazionale ed internazionale. Fu così che nella bella casa di Edoardo Scarfoglio e Ma- universale quanto della persistente presenza ed ingerenza del-
tilde Serao (grandi giornalisti che crearono “Il Mattino” nonché autorevoli critici letterari), a Corso Umberto, l’odierno viale Elena, l'Anticristo tra di noi. Non occorre una grande intelligenza o pre-
a pochi passi dal mare di Mergellina, in tre sere consecutive Gabriele lesse loro tutto “L’Innocente“.. L’esito di quella lettura è riportato parazione od intuizione per capirlo, basta ricordare la vita di
in una lettera spedita a Ciccillo martedì 8 settembre: “Il mio romanzo è parso ad Edoardo, che l’ha letto, un capolavoro”. Dopo aver Francesco D'Assisi che dormendo su uno scomodissimo giaci-
dunque annunciato che Gabriele D’Annunzio era a Napoli per riposarsi dalle dure fatiche letterarie, e dopo aver sottolineato i pregi glio di pietra e pregando intensamente di notte e nel silenzio non
de “Il Piacere“, donna Matilde fece quindi in quelle righe di suoi articoli la prima entusiastica recensione de “L’Innocente“ e da let- aveva bisogno di grandi e suggestive scenografie per mettersi in
terata finissima qual’era non mancò di cogliere nel segno, sottolineando gli elementi di novità nella forma e nei contenuti del nuovo dolce contatto con Dio. La sua fama imperitura non è quindi le-
romanzo dell’amico. Ma se quelle parole dovettero essere un balsamo per le orecchie di Gabriele, in cui certamente ancora risuona- gata a qualsivoglia contesto esteriore quanto ad una interiorità ec-
vano le accuse di immoralità e di scarsa originalità che gli aveva mosso appena due mesi prima il grande editore Emilio Treves, ciò cellente, capace di saltare a piedi pari il visibile ed il tangibile nel
che più dovette fargli piacere leggere fu l’ufficializzazione dell’acquisizione da parte del “Corriere“ del romanzo, e la notizia della suo cammino di fede e di amore a Gesù Cristo.
sua prossima pubblicazione in appendice. Con la probabile mediazione di Scarfoglio, D’Annunzio avviò quindi contatti con quello Diciamo che le grandi cattedrali hanno abbinato il genio artistico
che all’epoca era il più importante editore meridionale: il barone Ferdinando Bideri. A trattenerlo ancora a Napoli ci fu, in primis, all'ambizione umana dando forma a ciò che non appartiene in
l’arrivo di Barbara Leoni. L’amante lo raggiunse in città perché richiamata dalle sue lettere appassionate. Da grande superstizioso qual’ alcun modo al Cristianesimo.
era, certamente dovette rafforzarsi in lui la convinzione già radicata da tempo che Barbarella gli portasse fortuna. E infatti, appena Durante le guerre mondiali e nei campi di concentramento nazi-
la Leoni ripartì per Roma nel tardo pomeriggio del 9 ottobre, piombò nella sua malinconia esistenzialista che lo portò immediatamente sti, lerci e consumati santini aiutavano a vivere e morire più di
a scrivere frasi come questa: “Io non so come farò a passare la sera, la notte. Basta che io sia una settimana con te perché la vita mi quanto forse oggi possa farlo una bellissima chiesa. Per non di-
riesca poi assolutamente intollerabile”. La Napoli in cui era arrivato pochi mesi prima, e nella quale ormai si era pienamente inse- menticare Massimiliano Kolbe che in una terrificante camera a
rito, era la città alla cui intensa vita culturale Benedetto Croce dedicherà anni dopo addirittura un saggio, “La vita letteraria a Napoli gas e nell'assenza di tutto dovette essere abbattuto per morire,
tra il 1860 e il 1900”, che resta ancora oggi un pilastro della ricostruzione del dibattito letterario dell’800 italiano. Era la città nella tanto forte era la sua fede da consentire anche in condizioni
quale ancora viva e sentita era la memoria storica degli studi e della speculazione di Francesco De Sanctis, il padre della critica let-
teraria nazionale, e non solo. …(Da pag.149)..Quei versi del Vate riscossero subito grande successo, per cui furono affidati a Fran- estreme il minimo dispendio calorico e consumo d'ossigeno.
cesco Paolo Tosti affinché li musicasse. Testo poetico e partitura musicale del grande musicista apparvero l’anno dopo, nel 1904, nelle Quando magari tanti, compreso il sottoscritto, sarebbero morti
Edizioni Ricordi con questo titolo: “”A Vucchella“. Arietta di Posillipo per canto e pianoforte”. E fu subito un successo planeta- d'infarto per micidiali attacchi di panico! Eugenio Morelli
rio. Cantata da grandissimi interpreti di ogni tempo, tra i primi Enrico Caruso, la canzone è ormai una delle bandiere della melodia
napoletana nel mondo e non c’è angolo del globo dove non sia stata eseguita. (Da pag.257)..Ormai i binari della sua vita e quelli della
vita del capoluogo campano si separavano. Per quasi due anni avevano camminato paralleli, ma adesso ognuno prendeva la sua direzione. E non si sarebbero incrociati mai più. Quando
era arrivato a Napoli, 27 mesi prima, era uno scrittore reietto, abbandonato dal suo editore, su cui nessuno avrebbe puntato un soldo. Per questo si era gettato anima e corpo tra le brac-
cia della sirena Partenope, sempre pronta a offrire a chiunque una seconda possibilità. Era stato lui, con i suoi articoli apparsi sulle colonne de Il Mattino, che da Napoli aveva fatto
parlare tutta Italia dei destini della letteratura nazionale, che aveva sentenziato la fine di quel Verismo ormai agonizzante e la nascita di una sensibilità nuova che allora un nome pre-
ciso non ce l’aveva ancora. Ma non solo questo D’Annunzio ha dato a Napoli. Le sue liriche “Nel bosco (Capodimonte)”, “Nella Certosa di San Martino” avevano cantato il capo-
luogo campano con un’intensità che si trova solo nei versi di Salvatore Di Giacomo. Ma Di Giacomo era napoletano, D’Annunzio no. …E mentre il treno cominciava a muoversi,
davanti i suoi occhi 27 mesi trascorsi a Napoli dovettero avere solo l’impalpabile ma tenace consistenza di un “..sogno rapido e violento..”. Sin qui il bel libro di Tobia Iodice
che invito a leggere perché ricco di innumerevoli stimolanti vicende letterarie, storiche ed umane da non credere…Ora passo a considerazioni di carattere generale traendo spunto sia
da quanto da me in passato scritto su questa testata sul Vate, sia da quanto sopra descritto..sia dalle domande poste al conferenziere (anche dallo scrivente..) al termine della sua applau-
dita relazione. (Continua sul prossimo numero) Raffaele Vacca
L’ATTUALITÀ, pag. 4 TEMATICHE ETICO-SOCIALI N. 6 - GIUGNO 2019

BONAGURA È IL NUOVO ONORE AD AURELIO SAFFI


QUESTORE DI BENEVENTO Sono già diverse ed anche tutte molto interessanti le iniziative celebranti il bicentenario della nascita di
Aurelio Saffi. In un periodo così abbastanza singolare come questo in cui, purtroppo, certe eroiche fi-
gure vanno sempre più eclissandosi, tali ricorrenze non possono quindi che essere guardate sempre di
buon occhio. Fra le varie cose che fin qui hanno trovato attuazione in suo onore, oltre ad alcune confe-
Nella Questura di Benevento, il 2 renze, si allineano pure molteplici cicli di incontri per studenti, qualche convegno, un'ottima mostra do-
maggio 2019, si è svolta la ceri- cumentaria (curata dalla storica Flavia Bugani), uno speciale annullo filatelico ed anche la realizzazione
monia di insediamento del Que- di un'apprezzabile medaglia. Per i prossimi mesi - in attesa del momento ufficiale delle celebrazioni, che
store di Benevento dott. Giuseppe cadrà il prossimo 13 ottobre - si prevedono, comunque, altri benvenuti omaggi. Nato a Forlì il 13 ago-
Bonagura (nella foto al centro), 56 sto 1819, Saffi ebbe un ruolo assai importante per l'Unità di questo Paese, alla quale credette ferma-
anni di Palma Campania, che è alla mente. Studiò diritto all'Università di Ferrara, dove si laureò precocemente nel 1841. Divenne consigliere
prima nomina, provenendo dalla comunale della sua città e dopo altre esperienze, che però lo deluderanno, si avvicinò agli ideali mazzi-
Questura di Napoli dove ha rive- niani. Ideali a cui rimase legato fino ai suoi ultimi giorni. Fu triumviro della Repubblica romana (pro-
stito la carica di vicequestore. Nel clamata il 9 febbraio 1849), della quale venne nominato pure ministro dell'Interno. Quando questa
successivo incontro con i giornali- decadde - il 4 luglio di quello stesso anno - Saffi dopo poco esiliò in Svizzera. Qui, ritrovato Mazzini,
sti sanniti, Bonagura ha ribadito il cominciò a dirigere e a collaborare al giornale "L'Italia del Popolo" (fondato a Losanna, proprio nel 1849,
principio che lo ha sempre accom- dallo stesso Mazzini), scrivendo inoltre anche un' opera su Roma che però non riuscì a portare a termine.
pagnato nel corso della sua car- Lasciato il territorio Elvetico, troverà poi più volte riparo in Inghilterra. Nel 1861, mentre nel frattempo
riera, quello di interloquire con chi aveva fatto ritorno in Italia, viene eletto deputato, ma si dimetterà nel 1864. Aurelio Saffi, che fra i tanti
ha di fronte, dialogare, parlare, cercare il confronto. Una cosa che solitamente fa prima di tutto con altri incarichi da lui svolti, volle pure portare avanti (almeno in parte) il faticoso riordino dei cospicui
i suoi collaboratori, e poi con tutte le altre persone che incontra nel corso delle sue giornate lavo- scritti del suo Maestro, è stato un vero e grandissimo patriota repubblicano. Al quale l'Italia e noi tutti
rative. “Sono felice di essere a Benevento per diversi motivi – ha esordito - In primo luogo perché credo gli dobbiamo veramente tanto. Luciano Masolini
il Capo della Polizia ha ritenuto di non allontanarmi troppo dalla mia famiglia. Mia moglie, che fa
il mio stesso lavoro, si trova a Campobasso. In secondo luogo sono vicino alle mie tre figlie che si
trovano a Palma Campania, dove ho sempre vissuto. Inoltre ho trovato che Benevento è una città
ordinata e pulita, con degli scorci assolutamente gradevoli, con angoli veramente piacevoli da ve-
SPECIALE 2 GIUGNO. ILSENATO DELLAREPUBBLICAAPORTEAPERTE
dere e da vivere. Il lavoro fatto dalle amministrazioni locali sta dando i suoi frutti. Il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica Italiana, il Senato della Repubblica aprirà le porte
Dobbiamo metterci in scia, seguendo questo lavoro per rendere il capoluogo sannita sempre più al pubblico con l’iniziativa denominata per l’appunto “Senato a porte aperte”. I cittadini interessati po-
accogliente, sempre più bello”. Il Questore ha continuato: “Tutta la mia carriera si è svolta alla tranno visitare Palazzo Madama e Palazzo Giustiniani senza la necessità di alcuna prenotazione antici-
Digos di Napoli, dove ho lavorato 23 anni, iniziando da vice-commissario e concludendo da diri- pata, il personale del Senato accompagnerà i visitatori alla scoperta dei principali aspetti storici e artistici
gente di questo ufficio. Dopodiché ho lavorato quattro anni nel commissariato Decumani, nel cen- delle sale di rappresentanza e dei luoghi più suggestivi del Senato della Repubblica. L’orario di visita dei
Palazzi del Senato è previsto dalle ore 10.00 alle ore 18.00.
tro storico di Napoli, poi due anni da vicario del Questore De Iesu a Napoli, e successivamente c’è Per visitare Palazzo Madama sarà necessario ritirare i ticket di accesso gratuiti presentandosi presso l’in-
stata la promozione e l’assegnazione a Benevento”. Bonagura ha dichiarato: “Nella Questura ho una gresso di Piazza Madama n. 11 la mattina stessa dalle ore 8.30 in poi, mentre per visitare Palazzo Giu-
squadra assolutamente affiatata, perché il mio predecessore dott. Bellassai ha fatto un egregio la- stiniani sarà necessario ritirare, allo stesso orario, i ticket di accesso gratuiti presso l’ingresso di via della
voro. Ho pochi punti fermi nel corso della mia attività, e ci sono due frasi che mi accompagnano Dogana Vecchia n. 29. Un’occasione da non perdere per quanti volessero visitare, in maniera agevole ed
nella mia vita. Il presidente degli Stati Uniti Johnson una volta disse: “Non imparo mai parlando”, immediata, i Palazzi del Senato della Repubblica. Mirko Riccelli
mentre Aristotele affermò che “La meraviglia è il principio della conoscenza”.
Il Questore ha concluso: “Condividere i problemi significa spesso risolverli. La coo-
perazione e la condivisione sono tutti principi necessari e indispensabili per andare
avanti e per ottenere dei risultati positivi. Ho sempre pensato che nella vita biso-
gna confrontarsi e collaborare con chi ti sta accanto e con chi ti sta di fronte, cer-
DANTEALIGHIERIE POTENTI LOBBY CONTRO L’ITALIA
Basta sfogliare un quotidiano tra quelli in circolazione, vedere un TG
cando di risolvere, per esempio, questioni anche scabrose di ordine pubblico che
Benevento fortunatamente non ha mai vissuto allo stesso modo di Napoli. Per me
il manganello è l’estrema ratio”.
L'HOMOECONOMICUS alla tv, ascoltare i discorsi dei politici ed i vari componenti dei con-
sigli o comitati d'amministrazione per capire che il popolo italiano è
preso d'assalto da tutte le parti, con le buone o con le cattive, nel farsi
Mentre continua imperitura la svuotare non solo le tasche ma anche il cervello ed il cuore in modo
Al termine dell’incontro è intervenuto il presidente dell’Associazione Stampa San- fama di Dante Alighieri a diversi da costituire per il potere costituito, pubblico e privato, laico e cat-
nita dott. Giovanni Fuccio che, facendosi portavoce di tutti i suoi colleghi, ha con- secoli dalla sua morte, noi, poveri tolico, una mucca perenne da mungere senza colpo ferire se non a
segnato a Bonagura il libro di Edgardo De Rimini “La storia della stampa sannita”, e mediocri mortali, nella maggio- danno autolesionista del popolo stesso, con diagnosi varie psichia-
delle Edizioni Realtà Sannita. Vincenzo Maio (cell. 347-3173288) ranza dei casi, abbiamo bisogno di triche a proprio carico. L a medicalizzazione, ossia l'uso dei farmaci
ripetuti apporti vitaminici ed il "panem et circensem" ossia la distribuzione di emozioni gros-
solo...per tirare avanti! In altre pa- solane, effimere e sempre le stesse completano un quadro avvilente
role, mentre Dante attingeva dal- dove solo, per fortuna o grazia di Dio o chissà cosa al mattino, pos-

LO SPORT PER CONTRASTARE LALUDOPATIA l'interno per realizzare un'esistenza


tormentata ma gloriosa, noi, per
una vita piatta ed anonima, ab-
biamo spesso bisogno di attingere
siamo ancora vedere il sole senza la sovrapposizione perenne di me-
teoreopatie che costringerebbero altrimenti non a usare le lenti scure
per il sole sugli occhi ma quelle chiare per capire e distinguere ancora
qualcosa nei 4 punti cardinali. Eugenio Morelli
(Fronte Culturale Nazionale di Opposizione)
Un progetto coordinato da Adiconsum in collaborazione con A.E.C.I Lazio e Codici e finanziato dall'esterno da bravi ed adeguati
dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. contenitori gastrointestinali. Qual-
30 maggio 2019 - Si susseguono gli studi e i risultati sulla diffusione del gioco d’azzardo tra i gio- cuno obbietterà che il sommo
vani: dai dati dell’Espad Italia che riferiscono di oltre 1 milione di studenti che hanno giocato al
gioco d’azzardo almeno 1 volta (580.000 under 18) a quelli dell’Istituto Superiore di Sanità con il
focus sui 700mila minori tra i 14 e i 17 anni che giocano, di cui circa 70.000 sono giocatori pro-
poeta è vissuto poco meno di 60
anni, mentre noi, con le vitamine
ed i progressi della medicina e gli
stessi supermercati strapieni di
TRAARTE E FEDE IN CALABRIA
Si è svolto con successo il progetto sperimentale sulla conservazione
blematici. È in questo contesto che si inserisce il progetto “Non fare della tua vita un gioco”, coor- tutto, possiamo forse vivere il dop- delle opere d’arte denominato ‘Arte e Fede’ finalizzato alla salva-
dinato da Adiconsum e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. pio. Già, ma come? Forse come guardia del patrimonio artistico esistente nelle chiese e nei musei dio-
Il progetto, realizzato in partnership con le Associazioni dei Consumatori A.E.C.I. Lazio e Codici, zombi con le ossa di cemento ar- cesani della Calabria. Il Progetto è stato promosso e supportato dalla
ha l’obiettivo di sensibilizzare ed educare i consumatori in generale, ma in particolare i giovani tra mato grazie ai farmaci contro Diocesi di Locri-Gerace, in stretta sinergia con la Regioine Calabria,
i 15 e i 25 anni, al gioco responsabile, solidale e legale, promuovendo di contro l’attività sportiva l'osteoporosi e come cadaveri vi- la Soprintendenza per le belle Arti ed il paesaggio per la città metro-
venti senza la disfunzione erettile politana di Reggio Calabria, la provincia di Vibo Valentia e il Segre-
e i suoi ideali di correttezza, lealtà, sacrificio, trasparenza e rispetto delle regole del gioco, valori tariato Regionale della Calabria.
insostituibili per prevenire e contrastare il fenomeno della ludopatia e le altre forme di disagio ad con il Viagra e company! Ma
senza lasciare traccia poco dopo la L'evento espositivo ‘Tra Arte e Fede’ immagini dei Santi taumatur-
essa correlate. Tra le attività principali del progetto “Non fare della tua vita un gioco” ci sono un’in- nostra morte e rapidamente nel di- gici in Calabria dal XVI al XIX secolo, si è svolto presso il museo
dagine demoscopica nazionale di giovani dai 15 ai 25 anni, l’attivazione di un servizio di informa- menticatoio generale! della Diocesi di Locri-Gerace, dove sono state esposte opere di rile-
zioni e supporto con una helpline di prima assistenza e orientamento via telefono, chat e indirizzo Eugenio Morelli vanza internazionale. Ernesto Papandrea
mail dedicato, per i soggetti con possibili problemi di ludopatia. Ma “Non fare della tua vita è un
gioco” è soprattutto un tour itinerante con un percorso ludico-esperienziale con eventi e flashmob
nelle piazze o presso fiere, università e scuole nelle regioni italiane dal nord al sud del Paese per
stimolare i partecipanti ad una riflessione sulle implicazioni negative del gioco d’azzardo e su quelle
INTERVISTA AL PROF. PIER LUIGI LANDO
(Prima parte) Sono rimasta incuriosita di quello che scrive il Prof. Pier Luigi Lando, ed ho chiesto di poterlo
positive del gioco consapevole e moderato e soprattutto dallo sport. Il tour itinerante di “Non fare intervistare. D. Uno degli argomenti che ripete nei suoi scritti pare le stia molto a cuore è quella sulle dina-
della tua vita un gioco” si aprirà il prossimo venerdì 3 maggio con un triplice appuntamento per i miche trans personali, sottolineandone la potenzialità rivoluzionaria epocale, ma, pure di forti resistenze.
giovani: a Milano, Roma e Cagliari. Milano: presso l’Arena Civica “Gianni Brera”. Vuole spiegare i motivi di tale suo interesse e di dette resistenze? R. Uno dei motivi di fondo, lo ammetto, sarà
Roma: presso il Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti”; per le diverse esperienze di gruppo sia come facente parte per il mio training ai fini della pratica psicotera-
Cagliari: presso l’Istituto Comprensivo Statale “Porcu-Satta” di Quartu S. Elena. peutica (o, come, preferirei chiamarla con Assagioli: psicagogica) sia come co-conduttore e come conduttore.
I giovani, suddivisi in squadre, troveranno ad attenderli uno Stand allestito con un Per un altro motivo mi dovrei rifare alla mia esperienza di lavoro presso un ospedale psichiatrico di contea
percorso ludico-esperienziale in cui potranno mettersi alla prova con giochi di statunitense, dove l’incontro con i familiari (un paio d’ore due volta alla settimana) risultava per noi medici
molto più stressante di quello, 24/24 ore con gli internati. Inoltre ero rimasto colpito dal fatto che spesso ca-
logica e abilità, materiale informativo e gadget e dove potranno incontrare dei te- pitava che dopo un ritorno da casa (si era concesso un breve periodo di ritorno in famiglia perché lo squilibrio
stimonial di eccezione, campioni sportivi che si sono distinti per la loro dedi- mentale appariva abbastanza compensato) la situazione di agitazione era tale che, sia pure a malincuore, si do-
zione e i loro successi nello sport, ai quali porre domande, chiedere autografi e veva ricorrere a misure contentive (a restrains, cioè camicia di forza). Correva l’anno 1960 e venni a sapere
scattare selfie. A conclusione del tour, Adiconsum organizzerà una conferenza- che a Palo Alto in California per le malattie mentali si stavano sperimentando trattamenti del gruppo famiglia.
spettacolo finale per presentare i risultati e le attività implementate dal progetto con Le su menzionate esperienze gruppali mi hanno confermato che almeno alcune “patologie mentali” sono at-
il coinvolgimento di rappresentanti del mondo istituzionale, accademico, associativo, mediatico tribuibili a improprie dinamiche familiari, in altri termini si verificano in seno a famiglie psicoemotivamente
nonché il pubblico dei consumatori, in particolare delle giovani generazioni. Mary Mazza disturbate. D. Dai suoi scritti pare che lei non ritenga mentalmente malati né i genitori né gli altri familiari, ivi
compreso “il paziente designato” e che “colpevoli” semmai risultino i metodi di “allevamento” ritenuti edu-
cativi. Quali? R. Se leggo correttamente nel cosiddetto libro della natura, pare che questa madre (più tecni-
camente il processo evolutivo) non tolleri forzature, cioè metodi repressivi, autoritari, direttivi che non tengano
CHE FINE FANNO L’ITALIA in debito conto né i ben noti ammonimenti del profeta Kahil Gibran né quello di Giovenale: “Maxima debe-
tur puero reverentia”... D. Vuole tornare sulla differenza tra le funzioni parentali di altre specie e la nostra?
R: Si tratta che per tutte le altre specie i pulcini e i cuccioli nascono quasi perfetti e che per quel tanto che, even-
I NOSTRI DATI SENSIBILI ? NON CRESCE tualmente, i genitori possono e devono prestare a madre Natura è stata possibile una programmazione comune
per ogni specie, mentre per le differenti ed enormi differenze delle potenzialità evolutive peculiari per ogni es-
sere umano, ha dovuto affidare ai genitori le relative prestazioni accretive. D: Quindi cosa comporta tutto que-
Secondo Bruxelles il Pil ita- sto? R. I genitori umani, come educatori primari, non avendo mai avuto quelle istruzioni per l’uso che per
Sanno dove abitiamo, quanti anni abbiamo, cosa mangiamo, liano nell’anno in corso au- compiti parentali che, di gran lunga più semplici e limitati, hanno sempre per natura avuto i genitori delle altre
chi frequentiamo, tutto ciò che è stato fatto negli ultimi menterà solo dello 0,1%, specie, hanno finito per ritenere educativi metodi che consistono in espedienti nel tenere a bada i piccoli e per
anni, sono tutti dati utili e gratuiti che vengono venduti a addirittura si attesterà sopra di farli adattare oltre che alle proprie attese anche a quelle predominanti nell’assetto socio culturale. D. I termini
noi la Grecia che nel 2019 arri- educazione e disciplina sono tra quelli da lei più affrontati criticamente. R. Sia l’educazione sia la disciplina
società di marketing per poterci vendere i prodotti più di- è stata attuata in modo ben lontano dalla loro accezione originaria: il termine educazione che deriva da quello
sparati, le aziende infatti profilano le nostre preferenze di verà a toccare il 2,2 %, la Spa- latino educere, ossia l’adozione di tutto ciò che, analogamente alle cure dell’agricoltore volte a favorire lo svi-
navigazione e mostrano poi pubblicità ad hoc che, senza gna crescerà del 2,1 % mentre luppo di una pianta (quindi conoscendo le sue peculiari potenzialità ed esigenze) l’educatore umano, previa
la Germania è poco sopra di ben precisa conoscenza delle potenzialità evolutive dell’educando, dovrebbe saper guidare l’educando se-
volerlo, ci portano ad acquistare prodotti online. noi. Siamo quindi salvi dalla condo le sue congeniali tendenze del “ suo progetto persona”... D. Come potrebbe conoscere le tendenze evo-
Innanzitutto il rischio più frequente è che questi dati, cari- recessione ma si prospetta un lutive di detto progetto? R. mediante l’attenta osservazione delle attività ludiche, magari con l’aiuto di operatori
cati dagli utenti su Facebook, Google e non solo, possano incremento del debito pubblico di servizi territoriali comprendenti una ludoteca. D. Ed in seguito cosa ci dobbiamo aspettare? R. Di prelimi-
essere riutilizzati da altre applicazioni a cui l’utente non dal 133,7 % al 135,2 % nel nare importanza è raccomandabile per chi svolge mansioni educative, è il tempestivo avvio a soluzione di
aveva dato autorizzazione. 2020. suoli eventuali problemi, quasi (il quasi è d’obbligo per evitare di essere antiscientificamente apodittici) sem-
Nonostante ciò il governo ita- pre acquisiti in seno alle nostre famiglie tradizionali) che potrebbe insidiosamente interferire nel rapporto edu-
Ma il rischio maggiore è che qualcuno violi gli account e catore- educando, cioè in quel buon rapporto che il termine disciplina appunto, intende come proprio anche tra
che quindi possa entrare in possesso di tutte queste infor- liano è ottimista ed il ministro chi insegna e il discepolo. Sarà per un presunto tempestivo mancato avvio a soluzione di propri problemi in-
mazioni, persino dei conti correnti bancari, alla faccia della dell’ economia Tria non rinun- fantili che Sigmund Freud a delle madri che gli chiedevano consigli su come educare i figli, pare abbia ri-
privacy. cia alla polemica: “sia l’Istat sposto:” Comunque fate, sbagliate?” D. In proposito lei ha già altre volte affermato che l’educazione non si
che la Commissione europea insegna e che anche il buon esempio non basta. R. A difesa della specificità dell’identità di ogni singolo indi-
Sicuramente i nostri dati sono merce di scambio che hanno dicevano che l’Italia era in re- viduo, nel nostro apparato neuropsichico vige un meccanismo di rigetto di qualsiasi intervento da chi sta in
un alto valore di mercato mentre noi non riceviamo nulla cessione: ora le loro previsioni posizione up (che sul versante comportamentale si manifesta nella cosiddetta fase dell’opposizione e dei di-
in cambio, pensiamo a tutti i concorsi a premio, addirittura smentiscono le stesse. Noi spetti), specialmente se sarà in contrasto che le su menzionate tendenze progettuali. D. allora a cosa andiamo
alle tessere del supermercato che tracciano i nostri gusti. nella produzione industriale su- incontro? R. Sia per la mancata preparazione dei genitori sia per le condizioni in cui tocca loro operare (si pensi
già a quelle degli appartamenti che per lo più ignorano le esigenze dei bambini), si rischia di esasperare que-
Pensiamoci bene prima di cliccare si all’accettazione della periamo pure la Germania”. sti comportamenti oppositivi: Se i genitori per stanchezza, impegni dentro e fuori casa etc., non sono in grado
normativa della privacy sul web. Arianna Paolucci Arianna Paolucci di gestire questa fase e, addirittura reagiranno autoritariamente, sino a farsi odiare. Anna Maria Ballarati
N. 6 - GIUGNO 2019 INIZIATIVE CULTURALI L’ATTUALITÀ, pag. 5

IL Sen. Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini,


Vice Governatore dell’Unione Mondiale degli Stati,
resta alla guida dell’UN. I. A. C.
CAFFÈDELL’ARTISTA-SALERNO
(Presidente: Prof.ssa Florinda Battiloro)
Associazione Culturale aderente all’UN.I.A.C.
«Bisogna dar vita ad una Alleanza di uomini illu- Sala Convegni dell’Ente Provinciale Turismo - Via Velia, 15
minati, esperti ed onesti che si uniscano al di sopra
“Fatti non foste a viver Programma
dei partiti per accordarsi su problemi concreti e, di come bruti, ma per seguir
volta in volta, cerchino le forze necessarie per risol- virtute e conoscenza”. 3 giugno, lunedì, ore 17,30: incontro con
verli» (Gaetano Salvemini, 1953) Dante Alighieri l’Autore.

CENERENTOLA, QUANDO LE FAVOLE IL RAGGIANTE DIADEMA 17 giugno, lunedì, ore 17,30: serata conclusiva
dell’anno sociale con la pianista Valentina
DIVENTANO SPETTACOLO DI HERA LACINIA Bruno e Tenore. Segue buffet.
Al teatro Brancaccio di Negli ultimi due decenni sono stati rinvenuti, nel promontorio di
Roma protagonista d’ec-
cezione è stata Virna
Toppi, la nuova prima
Capo Colonna, nell’aria attrezzata al parco archeologico chiamato
dai greci Heraion Lakinion, gioielli digrande manifattura e rile-
vanza storica risalenti tra il VI e il IV secolo a. C.. Reperti pro-
TAMARA. ELEGANZA E TRASGRESSIONE
ballerina della Scala di venienti da questo santuario e in particolare i ritrovamenti Affascinante e misteriosa, simbolo dell’emancipazione femmi-
Milano e partner di Ro- dell’edificio B (tesoro di Hera) scavato tra il 1987 e il 1991 sono nile di un secolo rivoluzionario come il ‘900, Tamara de Lem-
berto Bolle nel ruolo di un patrimonio artistico che comprende gli anathémata, ossia i picka è l’eleganza, la trasgressione l’indipendenza e la
Cenerentola, il balletto in doni fatti alla dea, tra i quali; la sfinge alata, la gorgone, la sirena, modernità. Una donna misteriosa, un personaggio irraggiungibile
due atti andato in scena la barchetta nuragica e il famoso Diadema Aureo. e capricciosa. Icona dell’Art Decò, la pittrice racconta con il suo
dal 16 al 19 Maggio u.s.. Come testimoniano alcune serie monetali dell’antica Kroton del pennello la storia di donne del ‘900, la storia di tutte le donne. I
La Cenerentola di Can- IV secolo a.C. la corona doveva cingere la testa del simulacro suoi ritratti appaiono come una visione interiore della figura fem-
nito e Prokoviev è una della dea Hera, moglie di Zeus e madre di dei ed eroi, protettrice minile, una visione interiore, ritrae donne, ma nel contempo, ri-
pregiata rivisitazione principale della donna e di tutti gli aspetti della vita femminile: dal trae se stessa in un arcano affascinante. Nasce il 16 maggio del
creata dallo stesso Can- matrimonio alla procreazione, al parto, alla nutrizione della prole. 1898 a Varsavia, figlia di un ebreo russo a seguito della prematura
nito negli anni Novanta Non è certa la provenienza del diadema, ma può considerarsi uno scomparsa del padre, la piccola Tamara, visse con la madre e i
per il Teatro dell’Opera degli oggetti votivi di grande fattura dell’Italia meridionale. suoi fratelli e la nonna. Nel 1907 venne in Italia per accompa-
di Roma e poi ripreso per Dista a 12 km dalla città di Crotone il santuario di Hera Lacinia è gnare la nonna in occasione di una visita presso varie città d’arte
il San Carlo di Napoli e il rivolto verso il mare, quasi a ricordare il legame con l’antica ma- italiane. Successivamente si spostò in Francia e più tardi studiò
Massimo di Palermo. Ac- drepatria, era uno tra i più venerati del bacino del Mediterraneo. presso scuole in Svizzera e alla morte della nonna si trasferisce a
canto all’artista si sono Il diadema raggiante incoronava probabilmente una statua della San Pietroburgo dove sposò Tadeusz Lempicki.
esibiti i primi ballerini, i solisti, il corpo di Ballo di Roma City dea. Alto 5 cm per una lunghezza di 37 cm, per un peso di 122,5 La situazione politica in Russia divenne sempre più drammatica
Ballet Company e Nicola Del Freo nel ruolo del Principe, già pro- grammi il diadema Aureo di Hera Lacinia è una corona in lamina così decisero di trasferirsi a Parigi con la figlia Kizette. La sua
tagonista di primi ruoli di molte produzioni della Scala di Milano d’oro sulla quale si sviluppa una decorazione concentrica e cur- carriera inizia come disegnatrice di cappelli, nei suoi quadri si
e solista della compagnia. Tratto da Perrault la Cenerentola di vilinee con un andamento sinusoidale a treccia geometrica otte- evidenziano i dettagli decorativi dall’abbigliamento, dal trucco ai
Cannito e Prokoviev è diventato un grande classico della danza, nuta sul metallo battuto a stampo e rifinito con la tecnica a boccoli, alle collane, divenne un’icona dei salotti mondani del-
una favola a lieto fine che continua sempre e ad appassionare il cesello. In alto una linea di ramoscelli di mirto con foglie arric- l’epoca. Seducente, sempre elegante, attenta minuziosamente alla
pubblico di ogni età attraverso le immagini e la danza. Ceneren- chite da bacche, sostenuti da fili intrecciati in oro e foglie collo- sua immagine, non passava mai inosservata nelle feste sfarzose.
tola è la favola della favola che racconta la storia di una ragazzina cate in basso di acero e di vite. Celebre è il suo autoritratto alla guida della Bugatti verde del
povera e angustiata da due cattivissime sorellastre e da un’insop- Una lavorazione ad intreccio di qualità artigianale rilevante, per- 1932, rappresenta l’emblema dell’emancipazione femminile e
portabile matrigna, che sogna il suo Principe azzurro. E come venuto in ottimo stato di conservazione. L’amore per i gioielli dell’Indipendenza della donna che diventa potente e seducente.
tutte le favole, è grazie alla sua bontà, la sua dedizione e soprat- non cambia poi molto per la civiltà greca le donne prediligevano Ritratti come la donna con la sciarpa blu o quella con le calle o la
tutto alla sua umiltà che riesce ad incontrare davvero il Principe addobbarsi con diademi composti di foglie di finissima rete d’oro; donna di Saint Moritz e la giovane col vestito verde mosso dal
e a sposarlo. La versione di Cannito, uno dei coreografi partico- con orecchini decorati da placche e pendenti, e bracciali a spirale, vento con un libro in mano, sono un icona del bello di essere
larmente attento alla struttura narrativa del balletto, si arricchisce indossavano molte collane, di ogni genere e composte da sfe- donne fredde, malinconiche e irraggiungibili, essi sono in realtà
di un pizzico di follia, comicità e divertimento senza tralasciare rette. Gli anelli non potevano mancare, così come le spille. Furono un autoritratti della sua personalità. Tamara descrisse così bene le
la spettacolarità. proprio i Greci ad introdurre nell’oreficeria l’uso del colore, gra- donne, perché ella le amo tanto, conosciuta era la sua bisessua-
E come tutte le fiabe che hanno un lieto fine ci hanno sempre fatto zie all’inserimento delle pietre preziose: le più diffuse erano cor- lità e le relazioni con la modella Rafaela e la duchessa Marika de
ricordare che è possibile riuscire a realizzare i propri sogni, anche niole, i granati, gli smeraldi, le ametiste, le perle, insieme con le La Salle, queste sposarono più volte per lei. Tamara è la pittrice
nel momento in cui non lo speriamo più. Mary Mazza porcellane e gli smalti. Maurizio Guerra scandalosa, le sue donne sono solo vestite da sottovesti rosse o
nude in pose classiche con luce intensa, donne semplicemente li-
bere da ogni pregiudizio. La maggior parte delle sue opere sono
CARTIER E LO STILE A GHIRLANDA NEI PRIMI ANNI DEL ’900 sparse in collezioni private e questo rendono la pittrice sempre
più lontana dal grande pubblico.
La sua pittura e i nudi femminili trasmettono erotismo, ogni det-
Cartier è il nome della celebre maison di Parigi fondata nel 1847 dal capostipite Louis Francois Cartier, in Rue de la Paix nel 1899. taglio è curato e accarezzato da un pennello meticoloso. Il gusto
La via era la sede dei più grandi nomi della moda parigina dell’epoca e la maison era frequentata dalla clientela più facoltosa, com- delle linee pure e delle forme semplici trasmettono una pittura li-
posta non solo da aristocratici e banchieri ma anche da magnati della finanza e industriali che pur essendo privi di titoli nobiliari, scia, quasi come se fossero modellate, rappresentando seduzione
avevano i mezzi economici per accedere alle sfere più elevate della società. Fu proprio servendo questa ricca borghesia che Cartier e originalità. Non è una pittura fredda, ma trasmette sensibilità.
realizza i suoi trionfali successi, benché continuasse parallelamente a servire anche le corti. Tra il 1904 e il 1939 egli fu Infatti il for- Vuole, pretende una pittura chiara e pulita. Ogni suo quadro può
nitore ufficiale di vari sovrani, da re Edoardo VII d’Inghilterra, a re ChaulongKorn del Siam, al re Zogu d’Albania. Il fenomeno Car- essere riconosciuto tra tanti altri, perché il suo stile è perfetto, non
tier fu il risultato degli sforzi congiunti di tre fratelli Louis, Jacques e Pierre, nipoti del capostipite Louis Francois, insieme costituirono guarda alla pittura che le gira intorno ma va alla ri-
cerca del mestiere del pittore, per lei conta la tec-
un impero tra Parigi, Londra e New York. La figura emergente fu senza dubbio Louis il maggiore, grande esteta, uomo colto e raffi- nica, l’abilità, la sobrietà, il buon gusto, non
nato, abile tattico nella conquista dei mercati dei mercati. Fu lui a dare una vera personalità al negozio di Parigi. vuole mai copiare, crea, uno stile nuovo con
All’epoca abiti e gioielli erano ancora improntati alle tradizioni del settecento e fu proprio rivisitando questo secolo che nacquero i colori chiari e luminosi.
gioielli delicati del allo Stile a Ghirlanda che divennero il simbolo della maison Cartier tra il 1904 e il 1914. Infatti lo stile a ghir- Negli ultimi anni la sua pittura assume forme
landa che era l’equivalente francese dell’ edoardiano garland style, ha avuto in Cartier il suo interprete più tipico e raffinato. I gio- sempre più astratte, abbandona il pennello e
ielli creati in quei pochi anni si ispiravano ai merletti, agli arabeschi dei ferri battuti, ai fregi decoravano le facciate dei palazzi e usa la spatola. Le ultime opere ritraggono
avevano lavorazioni sobrie e montature leggere per non oscurare lo scintillio dei brillanti. icone sacre, questo è un periodo di grande de-
Il fiocco, la nappa, il cordoncino componenti essenziali degli abiti lussuosi sì fin dai tempi del lontano Rinascimento, furono tre mo- pressione dove una donna eccentrica ormai è anno-
tivi ripetuti con regolarità dei gioielli di Cartier insieme a molti altri ripresi del Settecento e dai fasti della corte di Versailles. Foglie iata dalla normalità. Moriva Il 18 marzo del 1980 in Messico
di acanto,tralci, volute, anfore calici di fiori si ripresentavano utilizzati sui gioielli maggiormente di moda che eran diademi, collane all’età di 82 anni. Maurizio Guerra
e ornamento da corsetto tempestati da diamanti. Lo sfondo traforato tipo pizzo leggero dei pezzi di ghirlanda, porto a lento abban-
dono dell’oro e dell’argento che si ossidava, e all’uso innovativo del platino, resistente e inalterabile accostato al Diamante. Louis
Cartier fu probabilmente il primo gioielliere a usare questo nuovo metallo, inizialmente per oggetti di dimensioni ridotte come bot-
toni, anelli e gemelli. La scoperta dei giacimenti diamantiferi Sud Africa nei primi anni del novecento e la conseguente maggior di-
sponibilità di diamanti, fece del platino il materiale più amato da accostare al diamante stesso, bianco, luminoso, leggero e robusto
che consentiva di realizzare montature e delicate nelle quali graffe che trattenevano le pietre diventa invisibili.
COORDINATORIREGIONALIDELMOVIMENTOSALVEMINI
Un posto particolare spetta, in questi anni, alla produzione dei diademi, almeno fino allo scoppio della prima guerra mondiale, fu- Lombardia: Ferruccio Ciavatta. Piemonte: Augu-
rono tra i gioielli più ambiti ed esibiti dalle donne aristocratiche. Cartier ne realizzò di stupendi, rigidi o morbidi o a fascia, in dia- sto Foglietto. Liguria: Andrea Monteverde. Tren-
manti, perle cristallo di rocca e zaffiri, acque marine e così via. Platino e diamanti anche per un altro gioiello tipico dell’epoca sebbene tino Alto Adige: Tullio Dallapiccola. Veneto:
di origine orientale, l’aigrette, l’esile coroncina che completava l’acconciatura dei capelli. Almeno fino al 1910 Louis Cartier preferì Eugenio Morelli. Toscana: Roberto Manescalchi.
rimanere legato allo Stile ghirlanda che ne aveva decretato il successo. È per carattere contrario alle sollecitazioni dei movimenti Marche: Matteo Gentili. Lazio: Emiliano Caruso.
d’avanguardia del tempo che viceversa suggestionavano molti altri gioiellieri suoi contemporanei. Maurizio Guerra Abruzzo e Molise: Leda Panzone Natale. Campa-
nia: Giovanni Nigro. Basilicata: Giustino Settedu-
cati. Puglia: Natale Ventrella. Calabria: Michele
Biafora. Sicilia: Adalgisa Biondi. Sardegna: Anna
COSÌ DANNEGGIANO LA NOSTRA Maria Chirigoni.I Soci del Movimento sono invitati
a proporre le varie forme di collaborazione ai pre-
SALUTE PSICOLOGICA detti Coordinatori scrivendo alla e-mail lattua-
lita@yahoo.it, con particolare riferimento agli
Fino al momento in cui scrivo sono piu' di 30 le personaltà, italiane ed eventi artistici e culturali del Maggio Uniacense.
estere, interpellate nella mia campagna di protesta contro la violenza in
tv. Dovrebbero farla all'unanimità i politici,maggioranza ed opposizione,
per il bene della salute psicologica e morale di noi italiani che ne ab-
biamo un gran bisogno. Oltre alla realtà quotidiana gia piena d'insi-
die,insicurezze,bassa soglia al dolore ed alle contrarietà, dulcis in fundo,
per distrarci dal cerchio dei soliti pensieri, ci distraiamo la sera con scaz-
zottate, stragi, sparatorie, torture, attentati, bombe, omicidi, pestaggi, in-
seguimenti, sequestri, imbavagliamenti e qunt'altro per andare poi a
AV V I S O U T I L E
dormire....tranquilli! Sono i politici che devono fare ciò che fa invece un Vuoi che il tuo messaggio culturale
comune cittadino, il sottoscritto! Già perchè questa classe politica ha
cose molto piu' importanti da fare, come andare in tv, dal parrucchiere,
o commerciale venga letto
sbandierare acrobazie mentali....per farsi rieleggere!
Coraggio italiani, facciamo vedere che ci siamo anche noi se non nelle
da un gran numero di persone?
nomine nei contenuti, non è necessario essere importanti o famosi per
fare ciò che è nostro diritto e dovere. Non limitiamoci a mettere solo una
Chiama il cell. 347.0333846
croce sulla scheda elettorale. Eugenio Morelli
,
L’ATTUALITÀ, pag. 6 LETTERATURA E ATTUALITA VARIE N. 6 - GIUGNO 2019

EDUCARE ALLA NON VIOLENZA EVENTI DI ATTUALITÀ


EDITO-INEDITO Scrivo questa lettera prima ancora che sia sorta l'alba, è ancora
notte fonda e come pensionato vengo a vivere ora esperienze (a cura di Alessandro Massimi)
(a cura di Gianfederico Brocco) prima impensabili come ad esempio il fatto che quando si esce
dal mondo del lavoro il normale ritmo di veglia-sonno può mo-
dificarsi notevolmente e considerato un quid indefinito di emar- Nella ricorrenza di 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci -
ginazione sociale conseguente alla quiescenza si puòmmaginare a nostro avviso l’intelletto, il genio più straordinario che la storia
Roberto Ricciardi - L’uomo che faceva volare i gabbiani- Gutem- come la vita sia ora tra le proprie mani nell'indifferenza generale. del mondo ricordi - si registreranno mostre a lui dedicate in tutta
berg Ed. Dico ciò perchè sono un medico ed ho una qualche intelligenza e Italia, ed il luogo principale di tale ricorrenza sarà Matera, capi-
L’autore ci presenta un eroe- antieroe, il Sostituto Procuratore della cultura ma chiediamoci quale opprimente quotidianità può essere tale della cultura sostenibile 2019. Si potranno ammirare “Le
Repubblica Bernardini, quasi un simbolo dei silenziosi, solerti fun- quella di chi ha una misera pensione ed è senza risorse od interessi Macchine di Leonardo da Vinci nei Sassi di Matera”, in una mo-
zionari che, senza guardare né a destra né a sinistra, fanno andare culturali? In un'Italia dispersiva e superficiale come questa e con stra allestita fino al 30 giugno presso l’Ospedale San Rocco, nella
avanti le cose. “Sono i Giusti che sorreggono il mondo”, avrebbe la nota sensazione che TEMPUS FUGIT non è da poco il rischio città dei “sassi”. Il visitatore troverà ben 50 macchine realizzate
detto un antico cabalista. Quest’uomo schivo si trova coinvolto in che con certi film si cresca e con gli stessi film si crepi chieden- in legno, cordami e metallo, sulla base dei disegni dell’inegua-
un’inchiesta con al centro un extracomunitario, Amin. Da qui inve- doci che cosa vale la propria vita in questo contesto sociale cosi' gliabile, ineguagliato genio toscano. I marchingegni sono tutti
stigherà fino alla verità, con amare conclusioni. Il tutto in uno stile vacuo e confuso? Allora prego Iddio e raccolgo le mie forze come funzionanti e possono essere manovrati dai visitatori. Vale dav-
scorrevole ma ricco di riflessioni importanti e di citazioni e richiami in una guerra anonima e solitaria in cui mi tengo stretta la consa- vero la pena una visita, combinata, alla mostra ed ai sassi di Ma-
letterari. Un giallo psicologico che attrae il lettore. pevolezza che se devo soccombere nel NULLA SOLIDO come tera, per un costo del biglietto praticamente irrisorio, soli € 12,00
lo definiva il Leopardi, ho combattuto fino alla fine contro la mia complessivi.
Lorenzo Dimartino- Giuseppe Di Micco- Michele Forte- IL ed altrui mediocrità. Nella non violenza,senza scazzottate, inse- A Firenze - Galleria degli Uffizi, giusto per rimanere in tema di
TRUST –origine, analisi e aspetti comparativi a cura di Francesco guimenti, bombe e quant'altro! Cordialmente. Eugenio Morelli ricorrenze si terrà dal 6 giugno al 29 settembre la mostra “Omag-
Cecaro- Turisa Ed. gio a Cosimo I”, nel celebrare anche qui i 500 anni dalla morte di
Il testo approfondisce in ogni suo aspetto il contratto, se contratto si Cosimo Il Grande De’ Medici.
può chiamare, del “trust”, termine inglese per una particolare forma
di rapporto giuridico che, partendo dal mondo anglosassone si è glo-
balizzata Gli autori mettone bene in chiaro i diversi ordinamenti del
CARO PAPÀ A Forlì fino al 16 giugno mostra su pittori dell’ottocento in Ita-
lia, da Hayez (celebre tra l’altro per il dipinto “Il Bacio”) a Se-
gantini. A Genova, ricordiamo, fino al 7 luglio la mostra su
trust per le diverse zone e i pericoli insiti nel possibile suo uso per Lontano nel tempo, sento la Giorgio De Chirico “Il volto della metafisica”, riferito al primo
usi terroristici e criminali. Inoltre presentano una interessante espo- tua voce lieve, le risate, periodo dell’autore.
sizione del Diritto Islamico in relazione all’istituto del trust: testo l’espressione imbronciata A Milano fino al 30 giugno ci sarà alla Cripta di San Sepolcro la
valido per uomini di legge e commercialisti. quando le cose non andavano mostra “Leonardo e Warhol. Te Genius experience”, con esposta
per il verso giusto. Io picco- anche “The Last Supper” opera dell’artista statunitense del 1986
lina sulle tue spalle al la- ispirata naturalmente all’Ultima Cena leonardesca.
RIVISTE RICEVUTE ghetto di Villa Borghese. Mi A Napoli, Chagall alla Basilica di Santa Maria Maggiore e Cara-
*Nuova Impronta, Direttore Filippo Chillemi, casella post. 7-233, dicevi: guarda le paperelle, i vaggio al Museo di Capodimonte.
- (00162) Roma. *Il Symposiacus, dir. resp. Pantaleo Mastrodo- cigni, che bei tempi! Quando Passiamo ora ai concerti e cominciamo con un argomento di punta
nato, via La Marina 51, 70052 Bisceglie (Bt) *Bacherontius, Dir. fosti licenziato dalla ditta anche qui. Se per l’arte avevamo Leonardo da Vinci, he ne di-
Marco Delpino. via Belvedere 5, 16038 S.Margherita Ligure (Ge- edile per cui lavoravi, ti rial- cono i nostri lettori, giovani e men giovani, del grande Vasco
nova) tel. 0185.286167. *Presenza, diretta da Luigi Pumpo, via zasti subito in cerca di un Rossi ?? Sarà presente per n. 6 date, il 1,2,6,7,11 e 12 allo Stadio
Palma 89, 80040 Striano (Na). *Poeti nella Società, presidente Pa- nuovo lavoro. Ricordi, mi San Siro di Milano. Altro rocker emiliano, Ligabue, sarà in giro
squale Francischetti via F. Parrillo 7, 80146 Napoli cell. chiedesti di accompagnarti a per l’Italia in varie date, da Bari (14/6) a Firenze (25/6) a Milano
347.5536446, email: francischetti@libero.it. *Verso il futuro, di- Montesacro (zona nord di (28/6). un’altra grande voce di diverso genere musicale, Anasta-
retto da Nunzio Menna, via Scandone 16, Avellino, tel. Roma), per definire gli ac- cia sarà il 14 a Grugliasco (To) ed il 15 a Valmontone (Rm).
0825.38269. *Il Convivio, diretto da A. Manitta, via Pietramarina cordi della tua nuova assun- Un’altra simpatica tournée vede insieme i presentatori, artisti to-
Verzella 66 95012 Castiglione di Sicilia. (Ct) *Fiorisce un Cena- zione, a me che studiavo da scani Panariello, Conti e Pieraccioni il 14 e 15 a Livorno (questo
colo, fondato da Carmine Manzi 84085, Mercato S. Severino (Sa). avvocato. Ti ricordi, dopo il mese la Toscana va forte … ). per tornare a nomi di portata mon-
*Primo Piano, dir. resp. Andrea Italiano, via Madonna del Lume lavoro ti riunivi con i tuoi diale, ricordiamo Ennio Morricone (plurirpemiato musicista di
5 - 98057 Milazzo (Messina). *Emozioni 15 Via Doria 5 - 18100 amici al bar per giocare a colonne sonore, Oscar alla carriera) che sarà il 15, 16, 18, 19, 21,
Imperia (cell. 329.4905854 - e.mail: gdonaudi@yahoo.it) carte e fare due chiacchiere! 22, 23 giugno alle Terme di Caracalla (Roma, ovviamente), il 28
Quando stavo male mi prepa- a Mantova (Palazzo Te - da visitare peraltro perché è splendido)
ravi il te con i biscottini, an- e il 29 al Lucca Summer Festival.
davi in farmacia a comprarmi le medicine che ti aveva prescritto Sempre a Firenze, dal 01 al 30 giugno al Museo Ferragamo ci
il medico. Eri geloso della mamma, bella donna, intelligente, la- sarà un’esposizione relativa al periodo trascorso da Salvatore Fer-
vorava per le scuole e, poi all’Università. Donna attiva su tutti i ragamo ad Hollywood.
VOLETE INVESTIRE I RISPARMI fronti, pronta ad assumere ed esplicare tutti i ruoli: madre di quat- A Roma, per concludere, ricordiamo il Giudizio Universale rap-
tro figli, moglie devota e innamoratissima di te, dei corteggiatori presentato all’Auditorium della Conciliazione; al Teatro Belli
CON BUONI RENDIMENTI ? non le importava, eri il suo baricentro. Mi ricordo quando venne
un’amica di mia sorella a casa nostra e, vide una tua foto. Do-
sempre in Roma, un bel tributo alla scomparsa e indimenticabile
Gabriella Ferri e per finire indichiamo una sala di periferia tra le
mandò chi fosse quel bell’uomo, ridendo le dicemmo: “È nostro tante che si stanno distinguendo per pregio delle rappresentazioni:
Il dott. Paolo Maria BONELLA padre”, rimase estasiata, quella ragazzina si era quasi innamo- Teatro tor Bella Monaca, con Notre Dame de Paris in LIS (lingua
rata! Quanti episodi, quanti anedoti, fotogrammi nel mio io inte- dei segni) ed anche spettacoli più leggeri come i “Torpignattori
Promoter Finanziario è a disposizione dei lettori riore! Poi il buio, la malattia, la morte, la desolazione. (parafrasando il nome del quartiere romano popolare di Torpi-
del periodico L’ATTUALITÀ per fornire Caro papà, troppo giovane te ne sei andato, ti volevo bene, avevi gnattara), da visitare con interesse, e senza pregiudizio alcuno,
carattere ed eri anche elastico mentalmente, peccato, non aver po- veramente.
* Consulenze sul modo più sicuro di investire i risparmi tuto godere di altri momenti insieme. Ora sei nell’oblio da molto
tempo, chissà se ascolti ciò che ti dico sovente: ti voglio bene,
* Consigli sulla previdenza integrativa (Piani Pensione) papà! Francesca Pagano
UN MUSEO STORICO,
Per maggiori informazioni telefonare OSSERVATORIO FILATELICO PER NON DIMENTICARE
ai seguenti numeri: 06/684341 - 06/68434360 Le Poste Italiane (Ente pubblico economico) nel marzo 1995 Il Museo Storico della Liberazione di Roma (via Tasso 145) è
stato realizzato nelle stesse stanze in cui la Gestapo creò il fami-
hanno dedicato un’emissione di quattro francobolli agli uccelli,
dall’aspetto bello e poetico. Gli uccelli appaiono lietissimi nei gerato carcere nazista, mantenendo intatte le celle di detenzione.
moti; hanno la virtù di rallegrarci. “Cantando buona parte del Qui sono passati quasi tutti i Martiri delle Fosse Ardeatine, di
tempo, si inferisce che ordinariamente stanno di buona voglia e Forte Bravetta e de “La Storta”. Si leggono ancora i messaggi dei
godono...Infine...io vorrei, per un poco di tempo, essere conver- condannati a morte, incisi con la punta di un chiodo o con le un-
CORSO DI GIORNALISMO INVESTIGATIVO tito in uccello, per provare quella contentezza e letizia della loro
vita” (Giacomo Leopardi, Elogio degli Uccelli).
ghie. Anzichè Museo sarebbe più corretto parlare di un docu-
mento storico di estremo realismo.
Ci sono documenti originali sulla lotta clandestina, manifesti e
La sua lirica “Il passero solitario” (scritta nel 1829) evidenzia il
Disponibile il corso di giornalismo investigativo sentimento drammatico dell’umana solitudine, la malinconia della giornali dell’epoca, corrispondenze di guerra, schede di prigio-
nia ritrovate negli archivi tedeschi. Annessa al Museo è stata isti-
on line a cura della Free Lance International Press, giovinezza che fugge senza portare la desiderata felicità.
Nel 1979 è stata costituita l’A.F.N.I.R., una Associazione che rac- tuita una Biblioteca che custodisce documenti sulla seconda
aperto a giornalisti, studenti, lavoratori, operatori coglie collezionisti desiderosi di partecipare a momenti di cul- guerra mondiale. Viene arricchita giorno per giorno da donazioni
effettuate da una moltutudine di persone. Per ulteriori informa-
dell’informazione e a chiunque voglia intrapren- tura, studio e divulgazione della filatelìa. Ha sede in Lungotevere
dei Tebaldi 12, Roma. Maria Luisa Marcilli zioni: tel. 067003866. Maria Luisa Marcilli
dere la strada del giornalismo d’inchiesta. Diret-
tore del corso: Emiliano Federico Caruso. INTERVISTA AL PROF. PIER LUIGI LANDO
Presidente Free Lance International Press: Virgilio (Seconda parte) D. Potrebbe fare che ci aiuti a capire il meccanismo per cui avviene tutto questo? R: Metta che il genitore bersaglio privilegiato di
Violo. Per maggiori informazioni: una tale reazione sia uno ligio, più o meno finalisticamente sostenitore di una fede, beh, il/la figlio/a sceglierà quanto di più trasgressivo e offen-
sivo, insomma l’opposto di quanto atteso da colui/colei “responsabile” della sua rabbia, ma una delle conseguenze più nefaste si mostra quella che
Cell. 324/6879903. Sito: http://mediaflip.org si potrà scatenare dal suo cervello super carico di rabbiosi risentimenti, cioè quella di non darla per vinta a qualsiasi costo... D.: Si riferisce a vit-
time di cui la storia di quasi tutti i popoli ne celebra alcune come esemplari ed eroiche? R. Per non andare troppo lontano temporalmente (per tali
orride pagine di storia, si pensi alla spietata caccia alle streghe, alle vittime dell’Inquisizione etc), all’ostinata resistenza alle torture e alle vessa-
zioni dei colonnelli greci contro di Panagulis, ma oltre a vittime di questo meccanismo annoverate storicamente tra quelle positive o da compian-
gere, tuttora ne abbiamo di paradossali ... D. ... si riferisce a leader della malavita? R.: Sì, che finiscono per privarsi perfino del godimento di una
passeggiata in una giornata di sole, di una vacanze al mare o in montagna, concesse ai comuni mortali, finendo, invece, rifugiati in un bunker! D.
PRO LOCO FONTE NUOVA Che consiglia a riguardo? R. Finché prevale la tendenza ...“eroica” ad affrontare problemi complessi, quali violenza (per quella contro le donne
sarà meglio che ne parliamo a pare), prostituzione, corruzione e via dicendo, prendendo il toro per le corna, cioè senza un’approfondita conoscenza
www.prolocofontenuova.com della natura, di condizioni e fattori determinanti quel fenomeno problematico, tempo che non ci rimarrà che l’amara con stazione delle relative vit-
time... D. Ossia di quel singolo che paga per tutti? E per cui stiamo riformulando in intervista l’articolo: “Tutti da un ventre, ma non tutti di una mente?
Tel/fax 06.90024555 R. Sì a quei fenomeni trans-personali accennati all’inizio di questa intervista. D. Insomma, come ha più volte rilevato: “Non vi sono scorciatoie!”
R. Sì, rischiano di portarci fuori dalla la Strada Maestra: “Destinazione Homo sapiens... D. e rimaniamo potenzialmente sapiens.. R. per giunta de-
PROGRAMMA naturati e alterati da impropri ancora predominanti metodi di allevamento della nostra prole. D. Perciò che far almeno per problemi di conflittuale
rivalità tra familiari? R Una volta che problemi come quelli dianzi accennati, si siano profondamente radicati, da trovarsi, ambedue le parti, come
LUNEDÌ ore 09.00 - Ginnastica: ore 11.00 - Ballo: ore in un fronte di guerra, sarà difficile che funzioni anche una specie di passo indietro del “responsabile”.. . sarebbe già tanto se le due parti accettas-
17:00. sero di beneficiare dell’opera di un operatore, sia pure di counseling. D. Quindi occorrerebbe pensarci prima? R. Non mi stancherò di ribadire l’oc-
MARTEDÌ ore 09.30 - Yoga: ore 18.00 - Computer. correnza di provvedere, tempestivamente, a svuotare la pattumiera del proprio apparato neuropsichico specialmente in vista di decisioni le cui
MERCOLEDÌ ore 09.00 - Ginnastica: ore 11.00 - Ballo: conseguenze potranno ricadere su tutti noi... D. Quali mettere su famiglia e procreare? Ricordo in proposito che lei ha più volte affermato che il più
ore 16:30 - Bigiotteria intimo dei rapporti rimane tale finché non si immette in società un nostro simile, mentre ... “concede” la possibilità che si goda, finché dura una sto-
GIOVEDÌ ore 17.00 - Corso di pittura acquarello. ria da “innamorati”... tornando alle premesse occorrenti per un rapporto educativo... R. anzitutto occorrerà instaurare un rapporto di fiducia partendo
VENERDÌ ore 16:30 - Inglese: ore 18:00 - Ginnastica: dai primi tempi di vita. Tanto più questo rapporto sarà ben fondato tanto più sarà favorito il processo educativo. D. Che la fiducia sia fondamentale
Corso di taglio e cucito. per il rapporto genitori figli, lei ne ha già parlato anche per contestare la validità di punizioni corporali e perfino di una sgridata che rischi di minare
detta fiducia ... R. Sì, quando sia pure una sgridata scuote la fiducia dell’educando tanto da dubitare che la persona che l’accudisce possa essere tra
00013 Fonte Nuova (Rm) - Via delle Mimose, 1 quelle da cui difendersi, il conseguente stato di disagio lo induce (ovviamente il bambino non lo fa in base a un ragionamento ... è il suo apparato
Tel. e Fax 06 90024555 - E-mail: prolocofontenuova@tiscali.it neuropsichico allarmato dall’amigdala che scatena dette razioni) a metterla alla prova e di solito lo fa con atteggiamenti e comportamenti provoca-
tori, come quelli che vengono considerati capricci... D. Sì, conosco quell’intervista: “Capricci come messaggi” che lei ha da qualche tempo rilasciato
e che si trova in primo piano nel suo sito (www.pierluigilando.net). A proposito delle funeste conseguenze di metodi troppo severi, autoritari, di-
Sono aperte le iscrizioni al Corso di Acquerello. Rivolgersi rettivi è giunto al punto dI affermare che conosce casi in cui figli cresciuti senza genitori, relativamente, hanno presentato meno gravi problemi ri-
alla Pro Loco di Fonte Nuova (Roma), via delle Mimose 1 spetto a quelli allevati da genitori troppo severi, direttivi e autoritari ... la colpa è sempre dei genitori? R. No. direi dei metodi adottati. Queste
(tel. 06.90024555) ogni giovedì dalle ore 17 alle ore 19. persone che appaiono come meno caratterialmente danneggiate, a parte il fatto che naturalmente abbiamo delle valide risorse, probabilmente avranno
avuto pure la fortuna di potersi identificare con figure positive. Anna Maria Ballarati
N. 6 - GIUGNO 2019 LETTERATURA E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 7

ANTONIO LERARIO, “UN GIORNO…CAPIRAI” SPONZILLI, “LA RICCHEZZA DINAMICA”


Un libro importante per le famiglie e per le scuole. La storia che è raccontata in questo libro è tutta immaginazione;
Romanzo breve e sospeso alla fine, quasi che richieda un seguito, un i personaggi che ho creato non sono mai esistiti fuori della mia
“Vent’anni dopo”. Romanzo basato sulla più vera realtà. Sulla pene- fantasia; se ho finito di conoscere la loro mente ed i loro pensieri
trazione psicologica di ogni personaggio e sui giudizi che mostrano è perché ho scritto in una convenzione universalmente accettata
impietosamente la cruda realtà. Marco, industriale facoltoso, sceglie, secondo cui chi scrive può non sapere tutto, ma cerca di fingere
dopo manifestazioni chiare di chiusura e fastidio verso i familiari, di il contrario perciò questa è una fantastica storia moderna la cui ra-
abbandonare la moglie Francesca e i figli, valerio di 17 anni e Piero,
appena più giovane. Si adattano bene a Marco gli attuali slogans “La gione è di creare «mondi» reali, quanto quello che esiste (un
vita è mia e ne faccio quello che voglio” e “Si vive una volta sola…” mondo pianificato che riveli totalmente la sua progettazione, è
che mascherano il fatto concreto:sull’infelicità altrui vuole edificare la un mondo morto); ilprin cipio ispiratore fondamentale è la li-
sua felicità, cerca una seconda giovinezza non per aiutare meglio chi bertà.
ha vicino ma per il proprio piacere egoistico. Questa antichissima I miei personaggi: Signor Capitale, il Fattorino, il nonno Calo-
aberrazione oggi è più che mai esaltata e resa facile. Oltretutto chi ha gero ed io: Venefica Duemila, continuano ad esistere perché vi-
denaro lo può usare come “Mammona d’iniquità” e cosi’ farà Marco vono in piena autonomia, l’invenzione, è intrecciata in tutti gli
per portare dalla sua il figlio maggiore Valerio, mentre il minore, che avvenimenti recente mente accaduti in Italia e nel mondo rite-
soffre orribilmente per la madre, non regge alla situazione, trascura nendo che questa realtà (o irrealtà) sia più valida desiderando che
gli studi e inizia a drogarsi, ma almeno non si fa corrompere dal padre. anche voi, giovani lettori, condivideste la mia convinzione: la
Marco, alla fine, si insedia nella sua villa con la nuova fiamma, un’ir- «Pax Romana» di Augusto fu il trionfo della saggezza sulla terra,
landese che sta per dargli un figlio, e i vecchi familiari sloggiano in costituì «il regno ideale» in cui l’educatore, il pedagogo di ogni
un’altra casa: dimenticare, nascondere, seppellire il passato. Come ac- tempo e di tutte le scuole debbono riconoscersi fratelli avendo il
cennato l’autore segna con grande precisione alcuni passaggi. Fran- dovere di far comprendere alla gioventù, in cui sono riposte le
cesca si affida alla Fede per superare questa grande prova: “…Dio speranze dell’intera umanità, i principi - etici - su cui poggia la
mio, aiutami. Dammi il coraggio di sopravvivere per me e per i miei realtà presente e futura; le «Ideologie» del volo delle aquile, del
figli, non mi abbandonare in quest’ora difficile, in questa prova
ardua…” e ancora, di fronte alla reazione dei figli “…Vuole essere popolo eletto, del principato, del Capitale sono state abbattute,
coerente con ciò che ha insegnato ad essi: il rispetto per il padre sem- permangono le Crisi e le Guerre, non una parola pertanto sugli
Per prenotare una o più copie del sciagurati cittadini che hanno osato ed osano portar le armi con-
pre e in ogni circostanza. Ma soprattutto vuole evitare la maledizione
divina sui figli che esprimono sentimenti di odio verso il padre…” libro: cell. 3683260171, oppure tro «altri» cittadini: eterno terribile castigo delle guerre civili; le
E vediamo il figlio Valerio prima di essere corrotto dal denaro del E mail: lerario.antonio@libero.it trattative di pace non si risolvono né con le «fantasie» dei go-
padre: “…il carattere e la personalità di Valerio han subito un pro- vernanti, ahimè, ignoranti di economia e di legislazione bancaria
fondo cambiamento quando nella famiglia è accaduta la vicenda dell’allontanamento del padre. E’ diventato ed assicurativa, né con l’euforia delle feste. La personalità
irriconoscibile e impenetrabile…”. Il secondo figlio, che ha sempre visto il padre come un eroe, allo scadi- umana: cellula della nuova società, è stata duramente mortificata
mento di questo ideale si lascia andare, e solo l’amore della madre lo salverà. Francesca invece reagisce a modo ed oppressa, ancor oggi strumentalizzata e perseguita, per cui la
suo, con forza e dignità: riprende gli studi interrotti per via del matrimonio con Marco, conquista la Maturità Stupidità Imperante e non il buon senso sembra essere l’Unica Forza che regge i destini dell’umanità in-
e si iscrive all’università. Questo prezioso libro fa vedere gli effetti di una separazione in maniera chiara e do- tera. (Per informazioni tel: 02.39311082) Mariannina Sponzilli
vrebbe essere raccomandato agli adolescenti di tutte le scuole e alle famiglie. Ognuno troverebbe, in situazioni
come questa, purtroppo frequenti, il modo di capirsi e reagire. L’altro grande insegnamento, l’aver ambien-
tato il romanzo in un ambiente carico di soldi, a dimostrazione che il denaro non fa la felicità.
Certo, una separazione con ancor più affanni per la spesa e le bollette è pessima, ma non fa decadere la verità
che la pace della coscienza non si ottiene dal denaro. Il libro contiene, al termine, poesie dell’autore, alcune
LA STORIA DEI POVERI NEL VANGELO
ispirate al figlio deceduto in un incidente stradale, veramente degne di attenzione come altre che toccano il L’8 maggio è stato presentato a Roma, presso la Sala Esedra della Residenza Ripetta, il saggio “Poveri
tema della vecchiaia, dello scorrere del tempo e che danno idea della limpidezza d’animo dell’autore. e capitale. La povertà nella politica”, scritto dal sociologo Paolo Sorbi e pubblicato dall’Editrice Mor-
Il libro si chiude con un’importante nota in prosa rivolta a far riflettere l’uomo d’oggi, spingerlo ad una mag- celliana. Tra i relatori: il filosofo Mario Tronti e lo storico Giuseppe Vacca. Un libro coraggioso che
gior responsabilità per evitare gli incidenti che distruggono vite e famiglie, e spingerlo al fine a cui dovrebbe rilegge la storia attraverso il paradigma della povertà: dalla ribellione di Spartaco alle insurrezioni me-
tendere: l’amore alla giustizia, alla legalità, alla solidarietà. Gianfederico Brocco dievali, dalle rivolte contadine tra Quattrocento e Cinquecento alla Rivoluzione francese e alla Rivolu-
zione russa, fino al ‘68 e ai migranti odierni. «Nella storia gli umili – scrive Mario Tronti nell’introduzione
– sono portatori della sacralità di una missione e si manifesta in loro una antichissima immagine comu-
GRANDE SUCCESSO AL “PREMIO CARLI” nitaria». Sorbi spiega che non c’è rottura, ma continuità tra i poveri, i proletari e gli operai, e sottolinea
che, insieme alle evidenti connessioni politiche, la funzione del povero assume anche una dimensione re-
Il Premio Guido Carli è giunto alla decima edizione ed ha avuto luogo presso il Senato della Re- ligiosa. E qui si pone la questione storica con cui è chiamata a confrontarsi la Chiesa di Papa France-
pubblica. E’ stato conferito a Franco Gabrielli, Toni Capuozzo, Luigi Gubitosi, Chiara Ercole, Pa- sco: un mondo dove le stime Onu calcolano che una metà della popolazione planetaria vive con
l’equivalente di due dollari al giorno. Papa Francesco, al quale Sorbi aderisce con tutto il cuore, perché
squale Terracciano, Mauro Ferrari, Remo Ruffini, Enzo Benigni, Luca Maestri e Piero Angela. Un «permette finalmente di dire tante cose per l’attuale testimonianza cristiana». Con la forza storica dei po-
Premio Speciale è stato dato alla senatrice a vita Liliana Segre dalla presidente del Senato Maria Eli- veri non s’intende l’eliminazione violenta del nemico – precisa il sociologo – ma s’intende la democra-
sabetta Alberti Casellati. La Giuria era composta dal presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, zia che cresce. Il processo di liberazione è letto secondo un paradigma evangelico dove i poveri non
Urbano Cairo, presidente di Res Mediagroup, Ornella Bava (Walgreens Boots Alliance), Antonio sono solo “classe operaia” ma sono “i poveri di Dio” quale forza redentiva. Sorbi spiega che ha deciso
Patuelli (presidente ABI), Fedele Confalonieri e Barbara Palombelli. Assente per motivi di salute di scrivere un saggio sulla questione dei poveri nella storia e nella politica perché, con la fine della so-
Gianni Letta, presidente onorario della Fondazione, a cui Romana Liuzzo, autrice del Premio, ha cietà industriale, con l’esaurirsi di tanti servizi terziari, con l’accelerazione su scala globale delle tendenze
voluto dedicare questo decennale “con un abbraccio di pronta guarigione da parte di tutti”. all’automazione tecnologica e alla crescita delle povertà sociali, siamo ad un grande tornante delle tra-
La presidente Casellati ha definito il Premio Carli come un “riconoscimento che celebra il passato, sformazioni antropologiche iniziate vari secoli fa, per lo meno dal ‘700.
il presente e il futuro di un’italianità capace, creativa, operosa e intraprendente”. Ha poi ricordato Ed esprime interesse per il fenomeno del socialismo in Cina: «Oramai siamo a più di trent’anni dalla ra-
l’ex ministro del Tesoro (Carli) come un uomo “legato all’etica e alla competenza, che ebbe l’ideale dicale autocritica di Deng Xiaoping sui limiti strategici del socialismo di Mao. L’economia di mercato
di un’Europa unita e solidale”. Romana Liuzzo ha voluto sottolineare che il decennale sia segnato è colta come antropologicamente “naturale” alla persona umana e le forme di proprietà, di lavoro pro-
non solo da una coincidenza dei luoghi (il Senato) ma anche da una coincidenza di date perchè fessionale, di creatività non possono essere “socializzate” e confuse con lo sfruttamento di classe. Tra eco-
“oggi ricorrono dieci anni dalla nascita del Premio e venti anni dall’entrata in vigore della moneta nomia e “rapina” capitalistica c’è differenza…». Silvia Iovine
unica (che Carli, ministro del Tesoro, contribuì a far nascere con la firma del Trattato di Maastricht).
Anche Boccia ha ricordato Carli definendolo “uno dei fondatori di questa Europa. E’ un gigante sulle
cui spalle possiamo vedere il futuro. La modernità del suo pensiero ci ricorda l’importanza della
competenza, della capacità di progettare a lungo termine, senza improvvisare”.
PETTEGOLEZZI N OTTURNI I N C IMITERO (racconto)
La sen. Liliana Segre ha detto: “Sono anziana e non sono stata premiata per il futuro che posso dare “Come si sta stretti in questa piccola casa, per me che ero abituata ad una casa così grande! E’ vero che
all’Italia, ma perchè da tanti anni mi sono prefissa di raccontare la storia spesso dimenticata, teatro negli ultimi anni non riuscivo più a salire al piano di sopra, a stento facevo le scale d’ingresso”. Così si
dell’odio terribile che ha attraversato l’Europa e che oggi, alla vigilia delle elezioni per il Parlamento lamentava una delle illustri inquiline di quel condominio. Tutti gli altri le avevano fatto grande festa,
Europeo, fa sentire ancora in tanti luoghi quelle parole di odio che ho combattuto nella mia vita”. quando era arrivata; soprattutto suo marito e sua cognata.
L’evento è terminato con la cena a Villa Blanc, con la partecipazione di ospiti selezionati. I brani “Però, sono contenta che quando il tempo è bello posso volare nei cieli immensi, sempre
musicali di Amedeo Minghi hanno fatto da colonna sonora alla cerimonia (una scelta non casuale più in alto, ma soprattutto di giorno vado a trovare i miei figli , a vedere come vivono,
perchè la sua canzone “La vita mia” piaceva moltissimo a Carli e a sua nipote Romana Liuzzo). a sentire le loro necessità. Prima, stavo quasi sempre seduta in poltrona; erano gli altri
Anche questa volta è da registrare una manifestazione riuscitissima. Maria Luisa Marcilli a provvedere a me. Solo da quello che mi raccontavano sapevo ciò che accadeva, ma
non mi rendevo conto delle verità di ognuno di loro. Oggi, che ho già parlato con Lui
(che mi ha detto che cosa devo fare per raggiungerlo per sempre) posso pregare per
loro, i miei figli e nipoti.
INTERVISTA AL PROF. PIER LUIGI LANDO La sera, stanca dopo aver girato e volato tanto, ritorno in questa casa silenziosa, dove
ritrovo tutti i parenti che mi fanno compagnia. Ora anche mia figlia, che credevo la più
Sul n. di luglio- agosto 2018 (pg. 13, nell’articolo:” Chi è senza droga scagli la prima pietra” avevo ripreso il distratta, ha messo in ordine questo posto e si può pregare più comodi”. Così disse l’illustre
tema della cosiddetta maschera sociale emerso nell’incontro con degli studenti di terza media raccontato nel ospite. Poi si girò e si addormentò. Angela Libertini
n. di giugno 2018 in cui risultava chiaro che in fondo ai problemi generati dalla dipendenza infantile ci fosse
un’insufficienza dell’Io, cioè quella che dà luogo alla fame di mamma. La maschera sociale che si inizia ad Conversazioni con il dott. Fausto Sartori.
adoperare specialmente dove uno dei genitori o ambedue hanno ben precise attese e faranno di tutto affinché
un/a figlio/a ci si adegui. Quindi si potrà reagire o ribellarsi (magari con scelte assolutamente opposte a dette
attese oppure con uno dei modi equivalenti di quello naturale della fuga, ossia si evita di affrontare difficoltà
anche ordinarie della vita, appunto con un’apparente condiscendenza, appunto nascondendosi dietro una ma-
FILOGENESI NEUROGNATOLOGICA ANTIGRAVITARIA: L’ALTRO
schera. D. Ricordo che in quella esperienza che lei ebbe con gli studenti venne fuori il sottostante problema (Quarta parte) Nel secondo paragrafo del saggio sulla neuropsicoanalisi dei disturbi alimentari abbiamo defi-
causa della loro massima sofferenza, cioè quello della solitudine di cui si vergognavano di mostrarla. A pro- nito l’habitat dell’umano (il suo spazio propriamente antropico), come una costruzione non semplicemente
posito del che fare per problemi infantili che in seguito ci assilleranno come problemi sociali e per contenere ipotetica che apprendiamo a realizzare a partire dalle afferenze sensoriali. Abbiamo anche specificato come tale
i quali si suole ricorrere ancora a misure in linea con il modello ecopsicosociale “contro l’altro”, ha adoperato, costruzione dello spazio si basi su singoli accertamenti, psicologico-neurosensoriali che appaiono invarianti.
criticamente la locuzione: “si leva acqua con il paniere”, argomento che ha affrontato anche nel suo articolo: A chi, appaiono? Ci siamo interrogati su questo punto, a partire dalla nostra pratica clinica, e abbiamo trovato
“Mele marce”, riportando il pensiero di Tiziano Terzani: “Il problema del terrorismo non si risolve uccidendo la risposta in ciò, ossia che lo spazio (da cui il tempo) non si configura esclusivamente sul fondamento di loops
i terroristi, ma eliminando le ragioni che li rendono tali”. R. Sopra, in proposito, ne abbiamo parlato, citando neuronali di sintesi tra svariati canali recettori afferenti. In più – in effetti - c’è il perturbamento dell’emoti-
la locuzione: “Prendere il toro per le corna”. Direi “ingenuità” per cui ci ritroviamo da secoli a doverci con- vità, e questo “in più” (l’eccedenza) è reale, cioè è altro, è l’Altro. Provavamo a dire che il perturbamento del-
frontare con i medesimi problemi. D. Lei, autoironicamente, si è “accusato” del torto di aver preso sul serio la l’altro è esperienza non semplicemente protocollabile. Assolutamente soggettiva, invece. Soggettiva e assoluta
prevenzione.. R. Tra l’altro non remunera neanche psicoemotivamente, giacché i risultati non appaiono im- dicevamo, ovvero non relativistica, specificavamo: affinché qualcosa sia relativo ad altro occorre infatti un
mediatamente, in modo da poterli riconoscere come dovuti all’operatività preventiva. D. Lei, in analogia a punto di vista terzo che registri questo rapporto, cosa che nella neurognatologia dinamica è vietato, o tenden-
funzioni escretorie di altri apparati, dell’organismo ha parlato pure di funzioni depurative dell’apparato neu- zialmente sospeso, ad ogni livello di laboratorio si consideri il problema. Avanzavamo (e avanzavamo con) “do-
ropsichico... R: Per il ricorso all’analogia tra funzioni organismiche corporee e quelle neuro-psichiche baste- mande” a tutta prima distanti dal piano più squisitamente clinico. Un’ameba potrebbe costruire una cognizione
rebbe pensare alla locuzione assimilazione adoperata per l’apprendimento cognitivo del bambino da Jean organizzata di spazio simile al nostro, orientandosi con un parametro monodirezionale fornito dalla luce, e
Piaget. Per quel riguarda la funzione di eliminazione delle scorie, essa accompagna ogni forma di vita, che va non anche da un “altro”? Il paramecio è poi davvero sensibile solo al gradiente chimico che lo circonda? Esso
da quella dei catabolitl da ogni cellula sino a quella che avviene, tramite specifici organi emuntori, in viventi gli è forse “altro”? E invece, si trova che per molti animali siano importanti spazialmente imputs olfattivi che
animali più complessi nonché, più macroscopicamente, mediante comportamenti di pulizia sia di luoghi dove per noi microsmatici rivestono ruoli secondari: il pipistrello s’orienta nel buio in uno spazio acustico, mentre
tanti animali vivono e convive sia quella corporea che attuano in proprio o reciprocamente. D. Lei ha pure par- le api percepiscono la luce in modo più esteso di noi, per frequenza e polarizzazione. Solo il bipede adattato
lato e scritto circa un’analogia tra lo sviluppo di organi specializzati determinate funzioni, quali il cuore, i pol- sembra riuscire a concepire, programmare e realizzare i propri movimenti entro uno spazio tridimensionale.
moni, i reni ecc. e strutture neuronali nel cervello, quali l’amigdala, i centri del linguaggio ecc., facendo E nondimeno, la condizione della tridimensionalità antropica è sempre il rapporto all’altro, all’ignoto. Insi-
presente che per la loro entrata in funzione necessita la loro mielinizzazione... R. Sì, perché, comunemente si stevamo su questo punto, proprio a partire dall’esperienza della cura. La costruzione neurospaziale seconda-
ritiene che basti avere la testa sia pure piena di ciò che sembra una pappa riempitiva del cranio e ci si potrebbe ria che compie l’individuo si innesta sulle pregresse esperienze primarie basate sulla locazione efferenziale di
rivolgere come se si trattasse di una persona in grado di recepire un nostro discorso ecc. D. Ricordo che lei ha ordine stomatognatico, la cavità orale, che è spazio dinamico. È possibile mettere a fuoco un plesso di problemi
citato quell’espressione colorita popolare napoletana:” Tenere ‘a capa pe’ separare ‘e recchie”. R. In effetti oc- del genere, che sembra oscillare tra la clinica e il campo evoluzionistico? L’oralità a cosa serve? Qual è la sua
corrono ben precisi stimoli affinché il processo di mielinizzazione... proceda dal livello del cervello viscerale funzione di questo buco, di questo “cavo”? Le mandibole, i denti, a cosa servono?
(secondo la terminologia della teoria dei tre cervelli di Paul McLean: cervello da rettile). D. Tornando all’ar- F. Sartori: Ripercorrendo la filogenesi dell’apparato stomatognatico ci si accorge che le grandi tappe evolu-
gomento dei fenomeni tran personali, che pare vada oltre anche alle teorie freudiane... R. con la seguente af- tive di cui è stato soggetto, risultano corrispondenti alle organizzazioni posturomotorie adottate e non alle mu-
fermazione anche Freud non va oltre l’ottica individualista: “l’Io si sente a disagio, incontra limiti al proprio tevoli esigenze alimentari. Dalla fase degli agnati (privi di mandibole) si è passati a quella degli gnatostomi,
potere nella sua stessa casa, nella psiche. Questi ospiti stranieri sembrano addirittura più potenti dei pensieri grossolanamente caratterizzati in linea generale da molteplici dentelli privi di radice (e quindi di sensibilità),
sottomessi all’Io e tengono testa ai mezzi di cui dispone la volontà”. Il rapporto conflittuale rimane intrapsi- disseminati su tutto il cavo orale, stereotipati nella forma e nelle dimensioni, continuamente rinnovabili. I denti
chico, giacché l’Io si trova controllato dal Super Io e spinto ad agire (con il rischio che ci riesca a sua insaputa!) si sono pian piano ridotti in numero e sedi d’impianto diversificandosi morfologicamente e volumetricamente
da pulsioni agite dall’Es (alias id). Gli argomenti sviluppati nell’intervista, sono molto attuali e preoccupanti. e hanno guadagnato in sensibilità, perdendo nel contempo in capacità rigenerative. Hanno cioè imboccato una
Ho chiesto al Prof. Lando di poter proseguire continuare su questo ragionamento con altre domande per cer- linea evolutiva simile alla neuronale, con la quale condividono pure, in parte, l’embriogenesi. Pure la lingua,
care di capire qualcosa di più. La complessità dell’argomento è affascinante, capire il meccanismo di quello a partire da un semplice rilievo aderente al pavimento della bocca, è andata gradualmente acquisendo in mo-
che avviene nella mente umana ci coinvolge. Il Prof. Lando con la sua notevole esperienza è in grado di di- tilità e sensorialità. Tutto ciò man mano che dal movimento ondulatorio primario dei pesci si è passati alla lo-
mostrare il motivo di tanti comportamenti che a noi sembrano solo bizzarri, ma il medico è in grado di spie- comozione quadrupede terrestre, fino al bipede. Senza soluzioni di continuità? Senza crisi? Mano a mano? Così
gare molti perché, a noi comuni mortali, che non riusciremmo mai a capirne, il motivo. Mi ha promesso che non sembra! La crescente valenza di elemento neurosensoriale dell’apparato stomatognatico è indirizzata alla
ci illustrerà anche altre situazioni che portano la gente a comportarsi male o bene a seconda del loro vissuto e discriminazione della relazione posturale testa-tronco in ambienti soggetti a gravità. Si producono alleggeri-
menti. Ma forse più interessanti per una neurognatologia dinamica sono gli appesantimenti, quelli rigorosa-
di come sono riusciti ad uscire fuori dal loro vissuto nella loro infanzia. Anna Maria Ballarati mente tardivi. Michele G. Bianchi
L’ATTUALITÀ, pag. 8 MEDICINA E ATTUALITA’ VARIE N. 6 - GIUGNO 2019

“UNA MEDICINA PER LA GENTE” “LE EMOZIONI DI MARIA,


IL NUOVO LIBRO DEL PROF. TARRO, UNA RAGAZZA DEL SUD”
PRESIDENTE DELLA NORMAN ACADEMY Concita De Gregorio, già direttore dell’Unità ed editorialista di
Leggi l’introduzione dell’ultimo libro di Giulio Tarro, “Una medicina per la gente” e già rimani folgorato. L’illustre virologo e scien- Repubblica, ha raccontato la storia di Maria Morelli ventot-
ziato scrive: il rapporto con la nostra salute è “oggi scandito da cataste di analisi e screening spesso inutili, in qualche caso contro- tenne ragazza della Calabria, di Catanzaro, emigrante culturale.
producenti. Da fiumi di acqua minerale bevuti nell’illusione che siano capaci di chissà quale effetto benefico; dai sempre più numerosi Ha raccontato soprattutto che: Cercando una lettera, tra le tante,
psicofarmaci somministrati a bambini e adolescenti considerati ‘iperattivi’ e quindi ‘malati’ . E questo mentre la progressiva priva- di una ragazza o un ragazzo che dicessero cos’è per loro il 25
tizzazione del sistema sanitario impedisce a milioni di persone l’accesso alle più elementari cure”. aprile. Che non è un derby, né una festa di estremisti ma quel
E’ un libro duro, durissimo contro i soloni della medicina, contro le baronie e l’ignoranza. Ma è anche un libro di letteratura e di fi- passaggio della storia d’Italia che fa di noi quelli che siamo, o
losofia, condito da citazioni superbe, intriso di spiritualità. Di interrogativi di un medico che si pone verso l’uomo nella sua interezza che potremmo essere. Questa di Maria che torna a casa e dopo
di corpo e di spirito. Un libro fatto di “forse”, che è, come scrive Leopardi citato dal professor Tarro, “la parola più bella del voca- tanto tempo va a teatro non c’entra con la Liberazione, ma c’en-
bolario perché apre delle possibilità, non delle certezze. Non cerca la fine, ma va verso l’infinito”. tra. I bisnipoti di quei bisnonni, eccoli.”Ho 28 anni, nata a Ca-
E questo libro sembra andare proprio verso l’infinito, si interroga sulle grandi questioni dell’uomo: vita, morte, malattia. Ti fa appa- tanzaro ed emigrata da ormai 10 anni alla ricerca di opportunità
tra il centro e il nord d’Italia. Dopo la laurea ho avuto subito la
rire la professione del virologo sotto un’altra luce, quella dell’intimo legame fra esseri viventi intravisto da Lucrezio, nel suo “De rerum fortuna di essere stata chiamata come insegnante in un liceo
natura”: “Una sorte di comunione - scrive Tarro - in cui salute e malattia sono tappe di quel percorso, di quel continuo trasfor- della Brianza, a Seregno. Tra le mie fortune ho avuto anche
marsi che chiamiamo evoluzione”. quella di avere sempre con me, nel corso di questi anni fuori
Dodici capitoli, 130 pagine. E ogni capitolo è un viaggio nella conoscenza, uno svelamento di tutte le difficili battaglie, che hanno casa, uno dei miei fratelli, Stefano, preziosissima guida e com-
visto il professore protagonista, per affermare la scienza contro l’oscurantismo, contro i luoghi comuni, contro la ricorrente frase “si pagno di viaggio. Ho altri tre fratelli che vivono sparsi per il
è sempre fatto così, perché cambiare?”. mondo tra Pisa, Lussemburgo e Boston”. “Una storia che ac-
Ecco, proprio questo atteggiamento è, spiega il professor Tarro, il più contrario alle scoperte scientifiche, perché, come diceva Ein- comuna tanti giovani come noi, del Sud d’Italia e non solo.
stein “la capacità di stupirsi, di meravigliarsi di fronte alla natura è la caratteristica fondamentale dello scienziato”. E’ fondamen- Provo una sensazione di felicità quando finalmente mi sistemo
tale nella ricerca, scrive il virologo pluricandidato al Nobel, “divertirsi”. Dal latino “divertere”, volgere altrove, in direzione opposta sull’aereo o sul treno che mi riporterà a casa. Il mio animo si al-
alla solita: “Sterilizzare la fantasia, costringere la mente entro regole consolidate per pigrizia mentale è una delle maledizioni che leggerisce nella sicurezza di trovarsi nel posto giusto. Qualche
affligge il mondo della ricerca scientifica e della cultura in generale”. E cita i quiz a risposta chiusa, sempre più utilizzati nella giorno fa sono tornata per le lunghe vacanze scolastiche e, come
scuola come “quanto di peggio esista per stimolare il pensiero creativo”. tutte le volte, mi ha accolto nella mia città la stessa triste sensa-
Fondamentale, invece, per scoprire ciò che non si sa, è il “pensiero laterale”, che prevede “l’osservazione del problema da diverse zione di sempre, come se in questo posto nulla sia fatto per cam-
angolazioni, contrapposta alla modalità che prevede concentrazione su una soluzione diretta al problema”. biare”. “Invece, passeggiando sul corso, mi ha sorpreso una
Tarro si richiama a illustri maestri, come Marie Curie, che diceva: “Uno scienziato in laboratorio non è solo un tecnico: si trova di scritta davanti uno dei pochi cinema sopravvissuti: ‘Ztl’, ‘Zona
fronte alle leggi della natura come un bambino di fronte al mondo delle fiabe”. E scrive: “L’incedere della conoscenza è motivo di Transitoriamente Libera’. Un progetto nato da alcuni ragazzi
ulteriore meraviglia, accresce la percezione del carattere inesauribile del reale”. E ancora: “Una tenace tradizione ha identificato coraggiosi, che credono nella possibilità di fare qualcosa per il
l’opera della scienza moderna con il disincanto. No, la più bella emozione è il senso del mistero. L’uomo che ha perso la facoltà di luogo che li ha cresciuti. Era uno spettacolo teatrale previsto per
meravigliarsi è morto o cieco”. quella sera. Non entravo in un teatro da un po’ e ne avevo di-
Quindi scienza e bellezza, scienza e arte sono più vicine di quanto si immagini: “Producono saperi complementari perché il mondo menticato la potenza. Appena mi sono seduta sulla poltrona
è complesso. Scaturiscono dalla struttura psicobiologica degli esseri umani immersi nel contesto sistemico della natura”. rossa, tra amici di antica data, davanti al palcoscenico ancora
Ed ecco anche Kerouac, citato nel libro: “Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati. Dove andiamo? Non lo so, ma chiuso nel teatro pieno ho improvvisamente respirato quell’aria
dobbiamo andare”. Questo è il compito di uno scienziato, di un ricercatore: andare sempre oltre, in una ricerca incessante della co- di cui sono sempre alla ricerca. Dovevo solo essere lì. Su quella
noscenza. Che non è una divinità definita una volte per tutte. poltrona”. “Due uomini. In una stanza, superstiti. Attorno a loro
Troppi i casi combattuti dal professor Tarro, in cui il rifiuto di capire unito agli interessi economici in gioco, ha prodotto catastrofi. un destino tragico ha sommerso l’umanità. Due uomini sem-
A partire dal “male oscuro”, che colpì Napoli nel 1978-1979. La causa era il virus respiratorio sinciziale, individuato presto da Tarro, plici, con addosso il senso di colpa di chi è sopravvissuto, che
ma non preso in considerazione. Tanti errori da parte delle autorità mediche, che chiedevano notizie all’Oms, invece di guardare non sanno come passare il loro tempo. Oltre a lottare contro for-
molto più vicino, a Napoli. Campioni biologici tenuti troppo a lungo negli armadi, anziché essere inviati subito ai laboratori. Solo miche che invadono il loro squallido posto. Cosa fare? Dove an-
dopo mesi si riconobbe che Tarro aveva ragione. dare? Stare insieme o separati? Cambiare, cercare, o rimanere?
Come sulla vivisezione. Già Sabin, il maestro del professor Tarro, disse che l’invenzione del vaccino antipolio fu ritardata da espe- Due uomini. Una rappresentazione che ci mette in moto, anche
rimenti animali fuorvianti. Funzionavano sulle scimmie, ma storpiarono o uccisero i pazienti. Negli anni ’80 parlare di diritti di ani- restando fermi. E poi la fine, o meglio una delle possibili fini:
mali sembrava un’eresia: “Significava litigare coi colleghi, perdere finanziamenti, progetti di ricerca. La domanda era ‘meglio che non abbiamo risposte, ma possiamo almeno tenere la nostra
muoia una scimmia o un bambino?” porta aperta. Così ho pensato: una scena assurda che sa essere
Ci sono voluti decenni di battaglie e il coraggio di un medico controcorrente come Giulio Tarro, impegnato con associazioni anima- più reale della realtà.
liste, perché si riconoscesse l’orrore e spesso l’inutilità degli esperimenti sugli animali. Apriamo tutte le nostre porte. E teniamole sempre aperte”. Il
In un altro capitolo, si affronta la questione dei test genetici, che promettono di diagnosticare l’insorgere o la predisposizione di circa treno che viene dal sud non porta soltanto Maria con le labbra
1300 patologie. Ormai ci sono persino i kit genetici fai da te su internet. Utili, ma si pone un grave problema di etica perché, sempre di corallo e gli occhi grandi. Arrivederci Maria senza amore è
più spesso, vengono impiegati in campi come assicurazioni e assunzioni. Vengono scartate quindi persone geneticamente predispo- più dura la fatica ma la notte è un sogno sempre uguale, avrò una
ste a gravi malattie. E’ giusto tutto ciò? Ed è giusto non assumere una persona perché fra decenni potrebbe ammalarsi? Quando, ma- casa per te per me. Mary Mazza
gari sarà trovata la soluzione all’ipotetica patologia.
Tarro analizza anche le varie “epidemie” che non molti anni fa hanno scatenato il panico e decisamente sopravvalutate: Sars, influenza
suina, aviaria, mucca pazza. Perché tanto catastrofismo non supportato dalla realtà? Strategie di marketing da parte di aziende far-
maceutiche? Corsa all’audience da parte dei media? Difficile rispondere, ma di sicuro certe previsioni non avverate hanno creato sfi-
ducia nella classe medica.
E qui si arriva alle vaccinazioni, all’obbligatorietà dell’immunoprofilassi. Tarro, figlioccio di Sabin, non mette certo in discussione
DAL GENIO AL CRETINO
l’importanza dei vaccini, ma la campagna terroristica scatenata contro chiunque ponga dubbi. Perché Sabin gli ha lasciato una grande La celebrazione del 500° anniversario della morte di Leonardo da
lezione di vita: mai additare come asini altri ricercatori con opinioni diverse. Il dubbio è il motore del progresso, non può essere san- parte dei media, editori etc. dimostra ancora una volta in modo
zionato fino ad arrivare alla radiazione di un medico come Roberto Gava, che ha sollevato perplessità sull’obbligo di alcuni vaccini. esasperante ed ultraconservatore che tiene banco la cultura del
Ecco a voi, dunque, Giulio Tarro, presidente, fra le sue molte cariche, della Norman Academy: uno scienziato che ha fatto della “cu- personaggio anche se preistorico quando le potenzialità attuali
riosità” e del dubbio, del suo essere sempre in direzione “ostinata e contraria”, una scelta di vita, che aborre il delirio di onnipotenza dell'uomo comune sono totalmente ignorate anzichè valorizzate
di alcuni medici e la figura del medico come terminale delle case farmaceutiche. Un ricercatore attento all’uomo e al malato, per- per il bene di tutti. Vengono dissotterrati i morti pur di individuare
ché, come disse san Giuseppe Moscati, medico napoletano morto nel 1027, citato nel libro: “Il medico si trova in una posizione di uno scampolo di guadagno piuttosto che usare gli aspetti positivi
privilegio, perché si trova spesso a cospetto di anime che stanno per capitolare e ansiose di trovare un conforto. Beato quel medico di ciascuno di noi che tutti abbiamo secondo l'esclusivo codice
che sa comprendere il mistero di questi cuori e infiammarli di nuovo”. Barbara Pavarotti genetico individuale.
Ndr. “Una medicina per la gente” è stato presentato a Roma, al caffè letterario Horafelix, il 7maggio 2019. Insieme al professor Tarro, In altre parole, meglio un fossile illustre da spremere fino all'osso
accompagnato dal Gran Priore don Riccardo Giordani di Willemburg, è intervenuto il presidente del Codacons, l’avvocato Gianluca che un essere umano vivente che possiamo conoscere e sfruttare
Di Ascenzo. per una convivenza migliore. Che non sia una tara ereditaria l'an-
dare indietro come i gamberi? Eugenio Morelli

IL RAPPORTO Q.I. E SINDROME L'ITALIA È ANTIRAZZISTA


DEPRESSIVA NEI GIOVANI Molte persone hanno dimenticato quello che il nazismo fece per
il suo spirito razzista. Non ricordano i milioni di ebrei, zingari ed
omosessuali eliminati con le note camere a gas. Queste persone
Stando alle più recenti rilevazioni un alto quoziente d'intelli- dovrebbero sapere che esiste una sola razza, la razza umana.
genza non esenta i giovani dal rischio di una grave sindrome Hanno fatto bene i 200 mila milanesi che sono scesi in piazza
depressiva con conseguenze a volte tragiche. A questo punto per manifestare contro il razzismo. Vi ha partecipato il Sindaco
tale constatazione va considerata sotto 2 punti di vista diversi Sala e l'ex Sindaco Pisapia. Ci sono delle persone che vorreb-
ruguardo il futuro della nostra società: 1) i dati riscontrati rien- bero una società selezionata, mentre la società deve essere po-
trano in dinamiche di attività corporative e separate e quindi si lietnica e policulturale. Non si additano le persone per mettere in
va avanti ciascuno con le sue verità; 2) i dati riscontrati di un evidenza il colore della pelle, come ha fatto un professore in una
ramo della ricerca si utilizzano nella pratica quotidiana oltre il scuola. La persona va giudicata dal come si comporta in società
ramo stesso la dove possono essere utilizzati positivamente e e non dal colore della sua pelle. Dio ha creato l'uomo con vari co-
lori della pelle, ma tutti hanno gli stessi organi vitali, perciò ogni
cioè a beneficio della comunità. In questo secondo e piùim- uomo, che si comporta da persona civile, va rispettata. Ci augu-
probabile caso, il Ministero della Pubblica Istruzione dovrebbe riamo che tali manifestazioni antirazziali facciano capire soprat-
muoversi velocemente da invertire radicalmente un orienta- tutto alle nuove generazioni che non si deve essere razzisti, perchè
mento scolastico dove si distiguono solo i più intelligenti nel esiste una sola razza, repetita docet, umana. Mario Coletti
profitto del programma prestabilito.Andrebbe invece fortifi-
cata a tappeto ed indistantemente la diffusa instabilità psico-
logica valutando soprattutto negli studenti fin dai primi anni di
scuola la capacità di reazione individuale alle contrarietà che
la vita pone già nelle aule o classi di vario grado. Come reagire
VETRINA LIBRARIA
ad esempio ad un fastidioso male fisico o ad un di-
spiacere imprevisto per valutarne in prospettiva
le potenzialità davanti a quegli imprevisti che
spiazzano all'improvviso qualunque certezza. In
tal modo forse avremo meno intelligentoni e
geni ma più uomini pronti ed addestrati ad af-
frontare adeguatamente le mazzate che la vita non
risparmia a nessuno. Eugenio Morelli

CAMBIARE LE REGOLE
Bisogna cambiare le regole sia nella vita politica (adot-
tando il modello ateniese) sia nel sistema sociale (rea-
lizzando l’Economia di Comunione, in virtù della quale
gli emarginati siano sempre di meno fino al punto che
non ci siano più). Confidiamo nella promessa di cam-
biamento fatta dall’attuale governo. Esaurita la prima edizione di questi libri. È in corso di stampa
la seconda edizione Per prenotazioni rivolgersi al cell. 347.0333846
N. 6 - GIUGNO 2019 ARTI FIGURATIVE E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 9

IL GENIO ARTISTICO MOSTRA AL QUIRINALE:


DI LIANA BOTTICELLI L’ARTE DI SALVARE L’ARTE
Fino al prossimo 14 luglio il Palazzo del Quirinale ospiterà
l’esposizione dal titolo “L’arte di salvare l’arte. Frammenti di
storia d’Italia.” a cura del Prof. Francesco Buranelli. La mostra
“Vaso marino” è allestita nelle sale della Palazzina Gregoriana, con ingresso
gratuito previa prenotazione, ed è visitabile dalle ore 10.00 alle
16.00 durante tutti i giorni della settimana ad eccezione di lunedì
e giovedì. La mostra è realizzata in occasione del 50esimo
Per informazioni: anniversario della creazione del Comando Carabinieri Tutela
Patrimonio Culturale, un reparto speciale dell’Arma dei
Carabinieri nato nel 1969 con lo scopo di contrastare i crimini a
Tel. 06.66200020 danno al nostro patrimonio culturale ed artistico.
I visitatori potranno apprezzare alcuni dei più importanti beni
culturali recuperati in cinquant’anni di attività investigativa. Non
Cell. 339.4934678 c’è cosa più nobile di questa: recuperare opere d’arte trafugate e
restituirle alla collettività. Mirko Riccelli

A VILLA BORGHESE: I GIARDINI


DI ROMAALL’ACQUERELLO
MOSTRE D’ARTE A ROMA Lo scorso 9 maggio, presso il Museo Pietro Canonica di Villa
Borghese a Roma, è stata inaugurata la mostra dal titolo “Verdi
Presso la prestigiosa Galleria d’Arte di corso Sempione 8, Roma, Armonie. I Giardini di Roma all’acquerello”. La mostra è curata
sono state programmate le seguenti Mostre personali: Lanfranco da Stefania Severi ed è promossa dalla Sovrintendenza Capito-
FINOCCHIOLI (inaugurazione: 14 giugno, ore 18,30. Chiusura: lina ai Beni Culturali e dall’Assessorato alla Crescita Culturale
23 giugno). Antonio GANDOSSI (inaugurazione: 28 giugno, ore di Roma Capitale. Tra i giardini immortalati dagli artisti vi sono
18,00. Chiusura: 7 luglio). quelli di Villa Carpegna, di Villa Doria Pamphilj, di Villa Sciarra
Per informazioni: Mario BORGATO, Direttore artistico della e soprattutto di Villa Borghese che è il giardino maggiormente
Galleria (cell. 3208787559). E mail: marioborgato@yahoo.it raffigurato dagli artisti. La scelta della tecnica dell’acquerello è
dovuta al proposito di rendere omaggio a quella tradizione che fu
500 ANNI FA MORIVA LEONARDO
tipica del Grand Tour, quando l’acquerello era lo strumento più Il Grande scienziato Leonardo da Vinci, nato quindi nei pressi di Fi-
veloce per ritrarre i luoghi visitati. È possibile visitare gratuita- renze nel 1452, è stimato da tutto il mondo. Era figlio del notaio Ser
ORIGINALI PITTO-SCULTURE mente la mostra fino al 30 giugno. Mirko Riccelli Piero e di Caterina, appartenente ad una buona famiglia. Leonardo fu ar-
chitetto, ingegnere, scultore, pittore, scienziato. Nel 1469 entrò nella bot-
tega artistica del Verrocchio, mentre nel 1472 entrò a far parte della

DI TULLIO DALLAPICCOLA Compagnia dei Pittore. Non si conoscono i motivi per cui Leonardo la-
sciò nel 1482 Firenze andando a Milano. Qui realizza una delle sue
grandi opere “L'Adorazione dei Magi” e va citata anche una notissima
opera “La Vergine delle rocce” Le sue opere non sono soltanto in Italia
“Il roseto” e in Francia, ma anche in tanti Paese dell'Europa, ad esempio a Cacovia,
Polonia, vi è la “Donna dell'ermellino”.Nel 1502 si recò in Romagna e
in Umbria per operarvi artisticamente. Ha operato artisticamente a Roma
fino al 1517, anno in cui si recò a Parigi su invito del Re Francesco I, che
tanto ammirava le sue opere. Il grande scienziato morì in Francia e pre-
Studio d’Arte: cisamente a Cloux nel 1519, cioè 500 anni fa. Leonardo è stato un
Grande Uomo di vasta cultura e poliadtistico, noto non solo in Italia e in
Via Due Laghi, Europa, ma in tutto il mondo. Come italiani siamo orgogliosi di avere
avuto come grande Italiano Leonardo da Vinci. Un Artista di grandis-
338042 simi valori va sempre ricordato ed amato. Mario Coletti
Baselga di Pinè Intervista a Michele G. Bianchi sulla funzione pedagogica
della giustizia nel Nuovo Processo Penale Minorile.
(TN)
CRIMINOLOGIADELDEFICITDI “CURE MATERNE”
Tel. 0461.557139 Cavalla che allatta il suo puledro, (tec. mista).
(25a parte)Tutte queste teorie psicologiche del trauma ipotizzano che il
danno distale provocato da esperienze di rifiuto continuate rappresenta
Cell. Pregevole dipinto di Mons. Amerigo Ciani il danno emotivo centrale, insieme ad una diminuita possibilità di ac-
quisire abilità sociali più sofisticate, a loro volta fattori prossimali di ri-
339.1259386 schio per comportamenti disturbati/devianti. Insieme a quelle in famiglia,
le esperienze violente con i coetanei sono una fonte di fattori di rischio,
il cui peso sembra essere particolarmente rilevante dalla pubertà anche
se, secondo alcuni, la significatività è considerevole già nella seconda
infanzia. Anche il fallimento scolastico e l’esposizione precoce alla vio-
A ROSA FREZZA
Un canto d’amore per l’amica più amica, per un’anima tutta bella Quadro dell’Artista
lenza in televisione rappresentano altri fattori di rischio per esiti antiso-
ciali. Bambini che durante la scuola elementare hanno subito
atteggiamenti di grave rifiuto per lunghi periodi (uno/due anni) sembra
che sapeva infondere (e ancora infonde) in chi l’ha conosciuta debbano presentare poi il 50% di possibilità di mostrate problemi com-
sentimenti di profonda stima e sincerità di affetti. portamentali in adolescenza, rispetto al 9% per i bambini che erano riu-
Grazie, Rosa, per quanto ci hai donato. Siamo qui con te in chiesa Anna Maria Chirigoni, sciti a trovare una forma di accettazione. Vi è anche chi sostiene che un
mentre il sacerdote benedice le tue spoglie e ti diciamo addio, tra fattore di rischio sia la esposizione del bambino prescolare a grandi quan-
il profumo di asfodeli e di rose, tante rose che testimoniano la tua tità di tempo trascorso in strutture extrafamiliari, mentre per altri il ri-
religiosità e il bene che ci hai voluto. Riposa in pace. Tu conti- schio è legato ad altre variabili, come la qualità delle cure ricevute
nuerai a vivere nei nostri cuori nella certezza che ci sei accanto, “Ragazza in costume nell’ambiente extrafamiliare, la qualità delle relazioni genitoriali e il con-
confortandoci e guidandoci nelle avversità della vita. Rosa, sor- testo sociale nel quale vengono erogate queste cure. Cosa pensa di que-
ridici ancora. ste teorie del deficit, professore?
Il tuo sorriso non può morire; è la forza del tuo amore che ci uni- sardo di Iglesias”. M. Bianchi: La Guilford Press di New York, nel 1997 mette in circola-
zione un volume curato da L. Atkinson e K.J. Zucher con il titolo “At-
sce nel ricordo di tante cose belle vissute con te, come i nostri in- tachment and Psychopathology”. All’interno di questo collettaneo c’è un
contri “Sodalitas” sempre allietati dalla tua presenza. saggio che, occupandosi di moralità, comportamento effrattivo, crimine
Grazie ancora, dolce diletta amica per tutto quello che sei stata. da disturbo borderline di personalità e relazione con la sicurezza del-
Sicuri della tua generosità, ti chiediamo benedizioni celestiali dal l’attaccamento molto significativo per noi, fin dal titolo: Morality, di-
tuo mondo di Pace e di Bene. Addio. Virginia Caiazza sruptive behaviour, borderline personality disorder crime, and their
relationship to security of attachment. Gli autori, M. Steele, H. Steele, T.
Leigh, A. Levinson e R. Kennedy, capitanati da Peter Fonagy, vi sosten-
gono che uno dei componenti cruciali dell’acquisizione della moralità, la
I PUNTI LUCE SONO SPAZI AD ALTA DENSITÀ EDUCATIVA comprensione del punto di vista dell’altro, dipende in modo cruciale da
uno sfondo di attaccamento sicuro. Essi credono di illustrare la com-
Non conoscevo “i punti Luce” di Save the Children Italia Onlus. Ero andata ad un manifestazione e li c’erano i Volontari che mi hanno chiesto se plessa relazione tra comportamento dirompente attaccamento e compor-
desideravo visionare la Stanza di Luca”. Cosa significa e a che cosa serve? I ragazzi mi hanno spiegato che sorgono in quartieri svantaggiati delle tamento delinquenziale. Questi autori suggeriscono che una sfida
città. Un loro modo per cercare di aiutare i bambini/e. Ho letto online, sono all’interno di questi spazi i bambini e le famiglie possono usufruire di evolutiva consiste nel creare un modello di lavoro interno coerente di re-
diverse attività: sostegno allo studio, laboratori artistici e musicali, gioco e attività motorie, promozione della lettura, accesso alle nuove tecnolo- lazioni senza che esso possa essere compromesso da una genitorialità
gie, educazione alla genitorialità, consulenze pedagogiche, pediatriche e legali. Mi chiedo quanto queste informazioni si riescono a divulgare. Penso subottimale, e che la difficoltà così creata per il bambino possa portare
che sia una corsa verso il tempo, affinché i bimbi/e, ragazzi/e ed i giovani possano essere aiutati in tempo, prima di subire danni psicologici e fisici. a comportamenti a rischio. Quest’ultimi suggeriscono un disturbo del-
Deve essere un lavoro costante e nulla deve essere lasciato al caso. La stanza che ho visionato, mi ha lasciato un maro in bocca. C’erano scritte sui l’attaccamento specifico per i gruppi delinquenziali. La fase di transi-
mobili, tutto era in disordine, quaderni scarabocchiati, stracciati, segni rossi sulle pagine. Tutte cose che un bambino fa per cercare aiuto. Non è in zione dell’attaccamento in adolescenza mette in luce le sue anomalie e
grado di parlare quando subisce abusi. Non capisce, perché un genitore, un nonno o persone che dovrebbero difenderlo dagli altri, si comportino provoca un’impennata evolutiva della criminalità. Il testo studia il di-
male con Lui/Lei. Non ha spiegazioni. Mi hanno fatto ascoltare anche un nastro registrato di due genitori che urlano. Certo una situazione pesante sturbo borderline di personalità, che manifesta una combinazione di at-
che un bimbo/a non è in grado di difendersi. Mi chiedo, possibile che nessuno si accorge delle cattiverie che subisce? Mi chiedo quanto tempo oc- taccamenti disordinati, maltrattamento sessuale o fisico e una ridotta
corre per ottenere la fiducia dei bambini da parte dei Volontari, per poterli aiutare ad uscire da questo labirinto. Ho anche letto che nel “Punto Luce capacità di immaginare lo stato mentale altrui. Tale modello di attacca-
i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze tra i 6 e i 16 anni possono svolgere molteplici attività gratuite: laboratori di teatro, musica, danza, at- mento del comportamento delinquenziale presuppone che gli ambienti
tività sportive e ricreative, attività di supporto scolastico e di invito alla lettura, educazione all’uso consapevole di internet, corsi di lingue. Le atti- psicosociali avversi possano minare la costruzione di modelli di lavoro
vità del Punto Luce sono svolte grazie al supporto del partner Antropos.” (è un’associazione che da 15 anni lavora nel quadrante Roma Est per offrire coerenti di relazioni di attaccamento e lo sviluppo della capacità di com-
servizi di qualità ai minori e alle famiglie attraverso specifici percorsi di sostegno alla genitorialità, di protezione e di aggregazione a favore dei bam- prendere gli altri stati psicologici. Ora, tutte queste tesi, che derivano da
bini, degli adolescenti e dei giovani). La partecipazione al centro è libera e gratuita. Non so in quanti eventi, siete presenti con uno spazio e mi quelle di Bowlby del 1944 (Quarantaquattro giovani ladri: i loro ca-
chiedo quante persone chiedono di visionare lo spazio e fanno domande ai Volontari di Save the Children, (https://www.savethechildren.it su come ratteri e la loro esperienza in famiglia) e da quella di Harvard, Scheldon
poter capire se un bimbo/a sta subendo situazioni negative. Ho visionato la “Stanza di Luca” e mi sono resa conto di come può soffrire un bimbo/a e Glueck del 1949 (Svelare la delinquenza giovanile) – in mezzo, nel
e che non sa a chi rivolgersi per essere difeso. Non sapere a chi rivolgersi. L’esperienza di vivere gli attimi che vive un bimbo/a o un ragazzo/o, mi 1947, viene stesa la Costituzione Italiana, sono messe in crisi dalla In-
ha lasciata con tanta tristezza dentro. E’ stata per me una esperienza molto forte ed ho capito molte cose. troduction théorique aux functions de la psychanalyse en criminologie,
Quando un bimbo/a o un ragazzo/a, si comporta in modo strano, prima di pensare che sono capricci, fate analizzare i suoi disegni, parlate con la conferenza che Lacan tenne per il XIII Congresso degli psicoanalisti
un/una psicologo/a della Età Evolutiva. Meglio esagerare e prendere mille informazioni che essere distratti e assenti. Non so come e quando divul- di lingua francese il 29 maggio del 1950. Un testo importante del 2001,
gheranno e se ripeteranno questa dimostrazione. Ritengo che informare, divulgare sia molto utile. Le persone sono sempre di corsa, se si soffer- con una nuova introduzione all’edizione italiana appena uscita per la
massero di più sarebbe meglio. Si così facendo potrebbero riuscire ad aiutare molti futuri giovani. Meno sofferenze, più Futuri giovani sereni. Mi Alpes di Roma, mette insieme lo studio lacaniano del 1938 sui complessi
sono posta molte domande ed ho rivolto molte quesiti agli esperti. Si dopo aver visto “I punti luce e la stanza di Luca” guarderò più attentamente familiari con lo studio criminologico, anche se in chiave critica, mo-
le situazioni che mi capiterà di vedere. Mi chiedevo e vi chiedo, se vi era mai capitato di vedere un bambino/a che per strada urlava e si compor- strando, in fondo, l’insufficienza a liberarsi da una teoria del trauma che,
tavano in modo particolare e mi chiedo cosa si può fare? Info: puntiluce@illuminiamoilfuturo.it Come aiutare chi sta in difficoltà. Gli psicologi di- oggi, va per la maggiore. Il libro è Lacan e le scienze sociali. Il declino
cono nessuno nasce cattivo, ma con le cattiverie subite possono anche diventare delle persone cattive. Questo è il meccanismo che si instaura. del padre (1938-1953), l’autore Markos Zafiropoulos. Come mai que-
Qualcuno riesce ad essere buono ed altri no. E’ un argomento molto complesso e sto preparando delle interviste. Voi “ogni giorno, dal lunedì al ve- ste teorie del trauma, che appaiono anticostituzionali sul piano del di-
nerdì, dalle 10 alle 14 è attivo uno “Spazio Mamme” con momenti di supporto alla genitorialità. La mia idea rimane che divulgare è meglio che ta- ritto, hanno vita tanto lunga nel campo delle scienze cliniche?
cere. Non ci rimane che augurare un buon lavoro a tutti di Save the Children e di ottenere sempre ottimi risultati. Ai nostri giovani serve serenità,
cultura, speranza per un futuro migliore, cerchiamo di incentivare tutto questo. Anna Maria Ballarati Michelangelo Abbate Trovato
L’ATTUALITÀ, pag. 10 CINEMA, MODA E VARIE N. 6 - GIUGNO 2019

LAURA E BIAGIO ALL’OLIMPICO


Lo avevano promesso
MODA E… NON SOLO INVADENZE ETNOPROJECT
(a cura di Lucilla Petrelli) Il 7 maggio, a Soveria Mannelli, si è tenuta la presentazione del nuovo
a noi fans! Biagio An- progetto musicale “Invadenze etnoproject”. Il gruppo si pone l’obiettivo
tonacci e Laura Pau- Lucille, style coach! di esaltare il territorio calabrese, proponendo nel proprio repertorio brani
sini hanno mantenuto di musica tradizionale del sud Italia. Sono intervenuti Leonardo Sirianni,
la promessa! I due Sindaco della Città di Soveria Mannelli, Riccardo Cristiano, Presidente
cantanti più amati del FASHION VINTAGE dell’Associazione Telematica “Liberi TV”, Mario Caligiuri, Docente
momento saranno Moda di ieri, Moda di oggi…Ovvero un bel confronto tra la se- UNICAL e presidente Fondazione “Italia Domani”, Angela Bianco, rap-
protagonisti di un im- duzione degli anni ’20-30 e la seduzione di oggi. Una grande ar- presentante del gruppo “Invadenze etnoproject”, Tonino Scordo, Esse-
perdibile tour nel- tista, Tamara de Lempicka, fissò su tela le sue donne, così Concerti srl, agenzia di organizzazione e produzione di spettacoli
l’estate del 2019. musicali, e Franco Ferlaino, Cultore di antropologia presso UNICAL.
Dieci appuntamenti seduttive, molto eleganti, vestite come la moda dell’epoca, ma La manifestazione è stata l’occasione per discutere e valorizzare il pa-
live per questa inedita coppia artistica nei principali stadi italiani. De- anche svestite con indosso solo il rossetto. La pittrice polacca, così trimonio musicale calabrese come fonte di simbolismo, come espres-
butto fissato per il 26 giugno 2019 allo Stadio San Nicola di Bari. Data scandalosa ma affascinante, sapeva conquistare tutti i salotti con sione di un’appartenenza che ritrova nelle parole e nel ritmo l’identità
dopo data, le due icone della musica pop emozioneranno il loro pubblico i suoi dipinti delle donne più belle del ‘Novecento. Il suo autori- sociale e personale di un popolo. Atanasia Fabbricatore
con duetti esilaranti, i loro grandi classici e le loro più recenti hit, senza tratto alla guida della celebre decappottabile “Bugatti verde” è un
ovviamente dimenticare il loro primo singolo insieme, “Il coraggio di
andare”, attualmente in radio. Il tour, prodotto e organizzato da
Friends&Partners. Il fischio di inizio è previsto il 26 giugno allo Stadio
manifesto di emancipazione femminile. Donne forti nella loro sen-
sualità ed eleganza, nei suoi quadri spiccano i dettagli degli abiti
ed accessori, quasi in forma maniacale. Delle sue opere, alcune
ROMA LIBERATA 75 ANNI FA
San Nicola di Bari, e il 29 giugno allo Stadio Olimpico di Roma ed sono conservate a Parigi al Centre Pompidou. Dopo lo sbarco degli Alleati ad Anzio, i tedeschi, che avevano trasfor-
altre a seguire. Laura Pausini e Biagio Antonacci scendono in campo per mato in fortino il Monastero benedettino di Montecassino, (distrutto da
rinsaldare la loro amicizia artistica inizia 25 anni fa e sfocia nella prima stolti gli Alleati), per non essere accerchiati furono costretti a ritirarsi.
collaborazione musicale2 nel 2000 per “Tra te e il mare”: hanno sempre NEWS FASHION La ritirata durò molti giorni. Papa Pacelli fece trasferire la statua della
ripromesso a sé stessi e ai fan di vivere una nuova avventura insieme. E Stagione calda alle porte. Cosa c’è di nuovo nel panorama del fa- Madonna del Divino Amore presso la Basilica di S.Ignazio di Lojola,
ora sono pronti. Sul palco insieme a Laura e Biagio una band di sette shion? Cominciamo dalla Bigiotteria. In questo caso più rock che trovasi tra Largo Chigi e piazza Venezia. Fu liberata la Valle di Co-
musicisti e cinque coristi. Alle chitarre Paolo Carta, direttore musicale non si può, con i bracciali della nuova collezione del marchio mino e così tutti i paesi delle varie colline come l'ameno Vicalvi, liberato
dello show, con Nicola Oliva; al pianoforte Fabio Coppini; alle percus- Kidut “Ligabue Official Collection”, 27 modelli per uomo e il 29 maggio. I tedeschi avevano dichiarato Roma città aperta, perciò si
sioni Ernesto Lopez; alla batteria Carlos Hercules; alle tastiere Andrea donna in acciaio 316 L, dove su ognuno sono incise le strofe di temevano battaglie in città con i tedeschi con ovvie tristi conseguenze,
Rongioletti; al basso Roberto Gallinelli. Ai cori, cinque voci straordina- alcune tra le canzoni più famose del rocker Ligabue. Sicuramente ma il Generale Kesserling, ritenendo impossibile fermare l'avanzata
rie accompagneranno quella di Laura: Gianluigi Fazio, Monica Hill, Ro- degli Alleati, diede ordini ai suoi soldati di lasciare Roma. Ci fu una pic-
berta Granà, David Blank e Claudia D’Ulisse, già sul palco di Pausini piaceranno a tutti i suoi moltissimi fans. E ancora, anelli e brac- cola battaglia nei pressi della Piramide, dove i partigiani e molti romani
Stadi 2016. La prima collaborazione tra le due star della musica italiana ciali importanti illuminati dalla luce dei diamanti di Recarlo, la aggredirono i tedeschi in ritirata. I romani furono felici nel constatare la
risale al 2000, quando Biagio Antonacci scrive per Laura Pausini il brano collezione classica Anniversary con la nuova linea “Armonica”, partenza dei tedeschi e l'arrivo delle truppe alleate, era il 4 giugno 1943.
“Tra te e il mare”, contenuto nell’omonimo album della cantante. E già caratterizzata dalle forme avvolgenti illuminate dalla luce dei dia- I romani accolsero con gioia gli Alleati e ringraziarono la Madre divina
nella tappa milanese, tenutasi il 2 dicembre 2001 al Mediolanum Forum, manti. Sia gli anelli che i bracciali a due o tre giri hanno una molla perchè Roma era stata liberata. I romani ricordano il bombardamento di
per la prima volta Laura Pausini duetta con Biagio Antonacci. Nel 2004 d’oro che rende i gioielli flessibili, mentre le pietre hanno una sem- S. Lorenzo, quartiere di Roma, dove vi furono molti morti e Papa Pa-
Biagio scrive per Laura il brano “Vivimi” contenuto nell’album “Resta plice incassatura a quattro griffe. Borse. Ispirazione tutta messi- celli sporcò di sangue il suo candido vestito. Sono trascorsi 62 anni da
in ascolto”, disco pubblicato anche nella versione spagnola “Escucha”. cana per le borse di Alviero Martini 1^ classe “Viva la Vida”, quando si è creata l'U.E. senza guerre. Auguriamoci che possa trasfor-
Con questa versione Laura Pausini nel novembre 2005 vince il Latin marsi in Stati Uniti d'Europa. Mario Coletti
Grammy Award nella categoria Miglior Album Pop Femminile e, nel una linea realizzata con l’antica tecnica decorativa messicana del-
2006, si aggiudica il Grammy Award nella categoria Miglior Album Pop l’Otomi, che mescola elementi di flora e fauna. Piante, fiori e ani-
latino dell’anno allo Staples Center di Los Angeles e il Billboard Latin
Music Award per la categoria Album Pop latino femminile dell’anno.
Sempre nel 2006 Biagio Antonacci conquista due “ASCAP Latin Music
mali stampate sulle borse shopping, lo zainetto, la tracolla e quella
a tre tasche. Tra le borse della prossima estate spicca la nuova it-
bag di Valentino Garavani, la “Vring Bag”. Si riconosce dal logo
A ROMA LA SCUOLA DELL’OLIO
Nel cuore della capitale nasce la Evoo School Italia, la scuola dell’ olio
Award” come autore di “ Viveme”, versione spagnola di “Vivimi” (testo la “V” riportato sulla chiusura grazie a un design minimale stu-
e musica di Biagio Antonacci adattato in lingua spagnola da Laura Pau- extravergine di oliva promossa da Unaprol, Coldiretti e Campagna
sini e Ignacio Ballesteros).
diato ad hoc. Le nuove borse della Maison, create da Pierpaolo Amica. Si tratta di un nuovo centro di riferimento per tutti gli operatori
Questo è stato solo l’inizio di una grande amicizia e stima reciproca che Piccioli, sono state presentate in occasione della “Paris Fashion della filiera dell’olio che intendono formarsi nella produzione, distribu-
li ha portati a collaborare varie volte negli anni. Biagio ha scritto per Week” per la collezione primavera-estate ‘2019 e sono un’espres- zione e promozione del prodotto di qualità come ristoratori, imprenditori
Laura anche “Lato destro del cuore”, “È a lei che devo l’amore” e “Tor- sione contemporanea della borsa classica da donna, tra modernità, agricoli, buyers, frantoiani. I docenti sono assaggiatori, agronomi, tec-
nerò (con calma si vedrà)”, brani contenuti nell’album “Simili” del 2015 lusso e heritage. Da Celine Dion, a Naomi Campbell, tante le ce- nici della comunicazione che baseranno le lezioni non solo sulla teoria
– e che ora li vede insieme, per la prima volta, in questo emozionante lebrity che hanno sfoggiato le diverse declinazioni della Vring Bag ma anche attraverso esperienze laboratoriali.
tour, anticipato da “Il coraggio di andare” di Laura Pausini in duetto con Valentino Garavani. Shoes. L’Azienda Stonefly propone per la La sede si trova in via Nazionale mentre sul sito si potranno consultare
Biagio Antonacci.“ Il coraggio di andare”, scrive Masiello con la stessa stagione calda una linea di calzature color argento, come i rilessi gli orari dei corsi. Arianna Paolucci
Pausini. E io vado! Ovvero ci sarò a questo straordinario appuntamento lunari. Sandali con zeppa bassa e alta realizzati con la tecnologia
ad applaudire i miei beniamini Biagio e Laura. Mary Mazza “Second Skin”, seconda pelle, che li rende morbidi e avvolgenti e Intervista a Michele G. Bianchi sulla funzione pedagogica della
le sneackers con un sottopiede traspirante e ammortizzante. T- giustizia nel Nuovo Processo Penale Minorile.
LO SPIRITO SANTO shirt. la famosa casa Lacoste lancia una capsule collection con

ED IL SIGNOR NESSUNO
Opening Ceremony, altro marchio fondato dagli stilisti Carol
Lim e Humberto Leon a New York. La collezione composta da
T-shirt, polo, felpe (uomo-donna), reinterpreta con stampe e co-
ILCONCETTODISOSTEGNOCOMEADIACENZAPRATICA
Almeno certe volte vorrei avere la certezza di sapere che quanto lori dallo stile streeet e contemporaneo quello sportivo del mar- (26a) Il quarto capitolo del suo studio del 1996 sul rapporto tra la giusti-
penso e scrivo sia secondo i dettami dello Spirito Santo che andreb- chio con il coccodrillo, ricamato per l’occasione in filo d’oro. zia minorile e i servizi socio-sanitari aveva come titolo: Il concetto di
bero ben oltre la mia soggettività e limiti. Sarebbe meraviglioso scri- Anche Pennyblack lancia “Animalia” la capsule collection sem- ‘sostegno’ come ‘adiacenza pratica’. Vi si denunciava: «L’insufficienza
di un’adeguata specificazione teorica del termine ‘sostegno’ [la quale]
vere ciò che riflette unna verità universale e non solo un'opinione pre di t-shirt, con quattro modelli che hanno come protagonisti al- fa di esso, forse meglio di altri, una una sorta di concetto-contenitore
personale anche se valida,originale ed interessante. Se ne fossi con- trettanti animali: cammelli in paillettes, giraffe in tulle, che, per la sua notevole polivalenza, ha permesso che ambiti disciplinari
vinto passerei forse da povero illuso od ingenuo secondo la menta- coloratissimi tucani ed elefanti minimal. A completare la colle- diversi (medico, psicologico, pedagogico, giuridico) trovassero un luogo
lità popolare che certi eventi li vede confinati solo nei testi sacri e zione giacche a vento trasparenti stampate. Una moda svelta che dove intersecarsi; una lavagna in cui tracciare le diverse linee di un’unica
non nella quotidianità dei comuni e mediocri mortali. Senza essere piacerà soprattutto alle giovanissime. Bigiotteria. Idea glam sulle strategia d’intervento, dove l’azione del ‘sostenere’ viene considerata
uno stinco di santo non raramente mi rivolgo allo Spirito Santo ed ai passerelle primavera-estate di Oscar de la Renta, con un’idea di- nello stesso tempo metodo e obiettivo» (M.G. Bianchi, M. Termini, Gius-
suoi 7 doni e ciò non per atteggiarmi a profeta ma solo per migliorare vertente, un solo orecchino importante che scende a sfiorare la tizia minorile e servizi socio-sanitari: ‘sostegno’ e ‘posizione’ dell’ope-
me stesso e poter vedere la realtà delle cose e delle persone in modo spalla nuda. Gli abiti sono a monospalla sia da giorno che da sera. ratore nell’intervento di Assistenza Domiciliare, op. cit., pp. 43-44, c.ns).
obbiettivo e non attraverso una lente resa opaca da limiti, difetti e Perché forse meglio di altri, professore?
cambiamenti d'umore. E se succedesse davvero, se lo Spirito Santo Assolutamente da copiare. M. Bianchi: Certo, meglio, per esempio, del termine ‘prevenzione’, o
accogliesse le mie richieste non motivate da tornaconti personali ma del termine di ‘recupero’, oppure del termine ‘osservazione’ e/o
semplicemente in nome di un qualcosa che sia il riferimento immor- NEWS BEAUTY ‘trattamento’ di cui parla di dPR 448/88, art. 28 co. 2, e dove in quel
tale ed accessibile a tutti? Allora prendo coraggio e rinnovo la mia ri- Nuovo volto per la Casa Cosmetica Lancome, la giovanissima at- punto non sembra in dubbio trattarsi di obiettivi. Ma, come avevamo
chiesta e così la traduco in breve e comprensibile poesia: Non di trice Zendaya Coleman, cantante e influencer californiana, è al visto nelle parti iniziali del nostro studio del 1996, l’esigenza di non
guardar/ lidi divers aspiro/ ma di veder/ con occhi diversi/ le stesse suo debutto nel beauty, ma c’è molto top secret sulla nuova cam- interrompere i processi educativi in atto (art. 19 co. 2) ci sembrò un
cose/ semmai c'è una verità/ oltre il mio io. Eugenio Morelli pagna pubblicitaria che comunque la vedrà prossimamente prota- obiettivo speciale. Tale esigenza la legavamo all’idea di sostegno, come
gonista. Prima di lei altre star-ambasciatrici della casa francese adiacenza pratica tra l’azione concettuale giuridica e quella educativo-
terapeutica. Andando ad analizzare il modo in cui i Servizi Sociali sono
hanno prestato la loro immagine alla Casa francese, da Isabella
IN MEMORIA DI GOVI Rossellini a Julia Roberts a Pènelope Cruz , ecc.ecc. Make up.
Il mondo della cosmetica è sempre più attenta all’ecologico e così
in genere definiti - ad esempio come «strutture preposte secondo un
mandato istituzionale ad attivare sistemi di aiuto per la prevenzione, il
sostegno e il recupero di persone, famiglie, gruppi e comunità» - appariva
Presso la sede de il Museo biblioteca dell’attore, via del Seminario, ri- anche Kiko Milano, ha lanciato la nuova collezione “Green Me” evidente anche qui come quella notazione, sostegno, non mettesse bene
troviamo ricordi di Gilberto Govi, oggetti appartenuti al più noto attore una linea di trattamento, make up e accessori che utilizza ingre- in luce la predominanza teorico-metodologica del concetto, anzi in un
degli attori Genovesi. Il suo vero nome era Amerigo Armando. Li tro- dienti bio, carte ecologiche e materiali riciclabili come la matita certo senso la occultasse, poiché poneva sullo stesso piano quelli che
verete gli arredi del suo studio, un baule con i costumi di scena, copioni, kajal con burro di karitè e la palette di ombretti all’olio d’Argan di- sono in realtà gli obiettivi d’intervento col metodo d’intervento stesso. Il
costumi di scena, fotografie, disegni. In una magnifica atmosfera che ci sponibile in due varianti di colore. Vale il motto:”Naturale è problema però è che a questo livello sociopsicopedagogico può sfuggire
riporta al suo vissuto. Un uomo dotato di un eccellente talento artistico. quell’«esigenza» di cui all’art. 19 co. 2 del decreto. Là appare chiara la
Aveva compiuto gli studi presso l’Accademia di belle arti, disegnava bello”! Rossetti. Labbra al vinile, si chiama “Vinyl Hi-Fi”, la futilità (rispetto al fine giuridico di responsabilizzare il minore) di ogni
auto caricature e si inventava i suoi personaggi. Tutto era studiato nei nuova collezione di rossetti liquidi di BellaOggi, in otto tonalità prevenzione o rieducazione, osservazione o trattamento che
minimi dettagli, il trucco, i costumi, niente era dovuto al caso. La sua ultrapigmentate a effetto lacca. Occhi. L’estate negli occhi con il interrompano «i processi educativi in atto». Chiara inoltre la futilità
fantasia e la sua creatività erano senza confini. Riusciva a coinvolgere nuovo make up estivo, la nuova palette di ombretti Riviera di violenta di un immaginario sostegno che non parta da una pratica
tutti con poco, con una sola espressione o con un ammiccamento. I suoi Anastasia Beverly Hills, 14 tonalità tra il pop e il prezioso in ver- effettiva dell’operatore, intesa come desiderio di lasciare nella sua
personaggi li prendeva dal quotidiano e raccontava storie di tutti e riu- sione opaca o scintillante. Profumi. Lanciata nel ‘2013 la prima attualità il processo soggettivo del giovane. Si può percepire meglio
sciva a coinvolgere e a far ridere il pubblico, con semplicità. Era nato il fragranza della stilista americana Tory Burch, arriva finalmente qualcosa della confusione tra metodo e obiettivo nella prima parte di
22 ottobre del 1885, nel quartiere di Oregina-Lagaccio, in via Sant’Ugo nelle boutique italiane di Roma e Milano, in contemporanea con questo capitolo, parlando dell’«adiacenza» tra «categorie giuridiche» e
13, vicino alla stazione di Genova Piazza Principe. Il padre Anselmo era «categorie sociopsicologiche». È ciò che pensa il giudice Paolo Dusi, da
un funzionario delle ferrovie di origine modenese, la madre era di Bolo- Francia e Germania. Si chiama “Tory Burch Signature” e rap- cui raccogliemmo la suggestione contenuta nel termine ‘adiacenza’.
gna. A 12 anni recitava già in una filodrammatica. Sapeva disegnare e presenta un po’ l’essenza della sua moda, elegante, raffinata con Inoltre, fu importante, per il nostro gruppo di ricerca, individuare l’errore
frequentò l’Accademia ligustica di belle arti. Terminò gli studi a 16 anni. tocchi esotici. Elegante la confezione con il tappo color oro. (che porta ad una immaginarizzazione del metodo dell’adiacenza-
Fu assunto dalle Officine Elettriche Genovesi come disegnatore; ed entrò sostegno) nel pensare una Teoria Generale del Diritto, che, proprio in
in una compagnia teatrale dilettante facente parte dell’Accademia Filo- EVENT quanto generale resta appiattita a una nozione di responsabilità dell’Io
drammatica Italiana con sede al Teatro Nazionale di Genova. Incontrò in Fino al 30 giugno, si potrà visitare alle Scuderie del Quirinale di come autonomia delle sue funzioni di sintesi (vedi Teoria
filodrammatica Caterina Franchi, in arte Rina Gaioni) che sposò il 26 Roma, in occasione del cinquecentenario della morte di Leonardo dell’Attaccamento e Teoria della Mente). Questa strada porta
settembre 1917. Formò una piccola compagnia, recitando in dialetto ge- da Vinci , in collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza all’esaurimento immaginario dell’esperienza giuridica e all’idea che,
novese. Però la sua aspirazione era di entrare nella compagnia di Virgi- fuori di essa, possano presentarsi nella loro perfetta autonomia tutti i
lio Talli. Quando Talli ebbe modo di assistere ad una sua commedia, lo e della Tecnologia di Milano, insieme alla Biblioteca Ambrosiana, campi in cui il soggetto è impegnato (sociologico, politico, morale,
consigliò di fondare un teatro dialettale genovese. Insieme a Alessandro la grande mostra, ”Leonardo da Vinci. La Scienza prima della psicologico ecc). «Cosa funziona, dunque, come legge?
Varaldo e Achille Chiarella fondò la compagnia “la dialettale” recitando Scienza”, dedicata al celebre umanista. Dalla formazione toscana “Non è la norma quale è enunciata dal testo - scrive Dusi -, ma la norma
sempre in genovese a Genova e provincia, con notevole successo. Nel al soggiorno milanese , fino al tardo periodo romano, la mostra ri- ‘detta’, quindi interpretata: è questa che costituisce il contenuto - meglio:
1917 erano a Torino. Il successo a livello nazionale arriva nel 1923 percorre l’opera di Leonardo sul fronte tecnologico e scientifico uno dei vari contenuti possibili – dell’enunciato normativo. […] Ogni
quando Govi presenta al teatro Filodrammatici di Milano la commedia per offrire una visione ampia di questa grande figura. discorso sulle categorie giuridiche che cerchi di confrontarsi con la realtà,
“I manezzi pe maja na figgia” di Nicolò Bacigalupo. La sua prima tour- evitando le astrazioni, deve fare i conti col diritto, non quale risulta dalla
née all’estero è in America Latina nel 1926. Govi presenta nel mondo 78 formulazione dei testi, ma quale emerge nel suo momento operativo;
commedie (alcune sono registrate dalla televisione italiana e incise anche deve abbandonare il terreno della ‘teoria generale del diritto’ per spostarsi
su vinile) tra le quali si ricordano “Pignasecca e Pignaverde”, “Colpi di su quello dell’’analisi dell’intervento del giudice’, […] operando affinché
timone”, “Maneggi per maritare una figliola”. Govi fa anche dei il minore possa correttamente misurarsi con quel principio di autorità il
film¸”Colpi di timone” (1942), “Che tempi! “Lui, lei e il nonno. Lavorò quale, fondamentale in ogni processo educativo, può esprimersi anche
anche per la tv e furono registrate sei sue commedie, li la sua visibilità attraverso l’impatto con la norma giuridica e con il giudice.
divenne maggiore. Ancora oggi si possono trovare le registrazioni, di al- Freud parlava di ‘mestieri impossibili’ e vi includeva - assieme a quello
cune sue commedie, di Vito Molinari e Mauro Manciottti in Tutto Govi del governare e dell’analista - quello di educare; vi si potrebbe includere
del 1979, trasmissione di rai 3 dedicata a lui. La sua ultima stagione tea- anche il mestiere di giudicare.
trale fu nel 1960, portò in scena la commedia “il porto di casa mia, che Questa ‘impossibilità’ evoca forse ciò che rimane a rappresentare
era stata scritta da Enrico Bassano poeta. Raggiunti i 75 anni decise l’adiacenza più significativa tra ‘categorie giuridiche’ e ‘categorie
che era arrivato il momento di smettere di recitare e di dedicarsi alla vita sociopsicologiche’” (Rapporti e contraddizioni tra categorie giuridiche
privata. Govi sosteneva ”Il teatro è come una bella donna, bisogna la- e categorie psico-sociologiche, in M.P. Cuomo, G. La Greca, L. Viggiani,
sciarla prima che sia lei a lasciare te” L’attore spirò il 28 aprile a Ge- (a cura di) ‘Giudici, psicologi e delinquenza minorile’, Giuffrè, Milano
nova. Anna Maria Ballarati 1982, pp. 24, 33)» (Ibidem, p. 44). Michelangelo Abbate Trovato
N. 6 - GIUGNO 2019 POESIA E VARIE L’ATTUALITÀ, pag. 11

in silenzio/ sul piano/ sul que si ode/ un fruscio, un volo/


L’ANGOLO DELLA POESIA
ti prego amore lasciati an-
monte/ e sul mare infinito,/
stelle,/ guardate e guidate/ il
solitario andare/ dell’uomo as-
un grido di speranza gioia del
cuore. L’arcobaleno in cielo
congiunge i monti nell’infinito
MAGICA NOTTE DEL PESCATORE
dare…/ io sono qui soltanto sonnato. Guidatelo verso l’au- spazio del cuore,/ per la cam- Muore il giorno ...sotto un mantello di cielo turchino, le stelle
per te. Liana Botticelli rora porgendogli fede e pagna e i boschi/ irradia il sole/ dormono. La luna scintillante, lucciola silente, si sporge dal cielo,
speranza! Voi solo lo potete/ tutto colora./ Amore mio tre- per scorgere nel mare un solitario pescatore, che spande la sua
DANZE voi solo lo sapete:/ voi siete la pido del cuore/ di tenerezza rete. Si rifugia poi, nella sua barca, chinando il viso tra le mani.
Danze di libellule vacue, leg- carità/ che spande sul nostro bella/ della natura,/ I‘acqua Cullato dalle onde, s’assopisce ... Ha spento, le lampare. Il canto
gere quasi inesistenti/ sullo sta- pianeta l’affluvio dell’uni- scorre/ silenziosa a valle/ oltre delle sirene, si confonde, tra la melodia del mare... che travolge
gno trasparente/ che fa verso,/ voi siete la mano pie- Ì miei pensieri/ sogni d’amore. il pescatore in un1estasi di poesia. Rapita dal
specchio al loro nulla./ Danze tosa di Dio!/ Chi non vi vede vi Vittorio Pesca cielo stellato, la luna echeggia raggiante il
di fenicotteri rosati, esuberanti senta, E chi vi sente è felice suo viso, Lui, comincia a sognare, quel ma-
coreografici, aerei/ sullo perché avverte Iddio! FAMIGLIA gico mondo naturale. Quando è notte fonda,
sfondo di un cielo/ che con- Maria Luisa Marcilli Legami di sangue, di parentela/ il mare dorme. Emergono Sirene misteriose,
templa/ la quiete della sera./ come un ragno che tesse/ ardi- simili a fanciulle dai lunghi capelli. Si di-
Danze rituali/ di selvagge, pri- IL GATTO E mentoso/ la sua ragnatela,/ Ge- stendono poi sopra gli scogli, cantando me-
mitive/ orge tribali./ Danze LA RONDINE nealogia/ Avi, patrimonio lodie, che si perdono nell’oblio. Fuggono
propiziatorie/ per placare terri- Una rondine vola rasoterra,/ e Genetico e culturale Ti accom- veloci...nel fondo del mare. Il pescatore, lo
ficanti sanguinarie divinità./ l’ala sfiora come carezza/ un pagnano All’altare,/ .pensa non ridesta 1’alba. Svaniscono i suoi sogni... ma-
Danze di gioia leggiadre e gatto, che gli artigli sferra/ sarai mai solo/ resterai sempre gici, irreali. Zampillante, affiora la sua rete
tenui sopra le nuvole in punta sulla preda, con prontezza./ Per con loro! Francesca Pagano dal mare, colma di piccoli pesci prigionieri,
di piedi. Danze di angeli nei l’una è solo un gioco, per l’al- che vorrebbero scappare. Felice il pescatore,
sette cieli/ con grandi aureole e tro un ghiotto pasto; mai scher- di aver sognato una magica nottata. Con la sua rete, e merce na-
immense ali/ per proteggere/ zare con il fuoco! Vola pure PIEDIMONTE turale, inizia la sua giornata. Elena Andreoli Grasso
TRA L’EBBREZZA DEL l'umanità. nell’aere vasto,/ lasciami lec- (acrostico in piedimontese)
CREATO Grazia Maria Tordi care la ferita: volare è ciò cui Paese caru!... 'Na furtuna 'e tutti
Mi creasti nella fantasia!/ Nel agogno! Per te l’immenso è i furesieri... E ‘ste tre muntagne
tempo mi inventasti/ e mi la- STATI D’ANIMO vita, per me la vita è sogno! ‘e Munticéllu, Cile e San Pascale 80 ANNI (26 MAGGIO 2019)
sciasti in vita/ tra contraddi- Stati d’animo,/ in cerca di se- Gerardo Moscariello d'aulive gli fannu "na spallera
zioni ed artifici./ Plasmasti i
sogni miei/ nel tuo amore eva-
renità,/ brancolano nel buio ag- i ncatenata ai piedi del Matese. Auguri! Buon Compleanno, Lino!
grappati alla speranza./ Il sole ZÌ MARIA Moderniimodi...evécchicurazzuni...
nescente e sublime./ Mi hai fa capolino/ ma d’improvviso Quando mi hai vista hai co- ornato da funtane e cose nove, Ottanta anni vissuti con grinta
fatta tua, giorno dopo giorno,/ si nasconde/ e affida ad un lu- minciato a piangere, mentre il nuttate chiene 'e stelle e e determinazione. Sei stato e
e ridonata alla sorgente di vita./ micino/ sprazzi di luce/ che tuo capo annuiva, nella consa- ghiorni azzurri: sei ancora un valente ed
Insieme nel Creato,/ così dal- aprono uno spiraglio/ per pevolezza dei tempi andai. Hai tessuto 'e ‘nu quadretto 'e fantasia, esperto professionista del be-
l’uomo nacque Eva!/ E so- uscire/ dalla piega grinzosa imparato la vita nei tuoi lun ghi e bella te fa 'a vita: sempe 'nfesta!... nessere, un ginnasta pronto e
spiri… e discorsi… e sogni/ della vita/ ed approdare/ dentro anni, coi i suoi affanni, le gioie Velio Cilano disponibile ad aiutare risolvere
delineati al tuo chiaror./ Nella un brandello di pace. e i dolori. Il tuo sguardo era i problemi dei tuoi allievi, che
notte la tua voce,/ melodie se- Marcella Croce de Grandis perso nel vuoto, rincorrendo ri- ALLO STUPENDO ti adorano, ti ascoltano e ti sti-
grete, inni di gioia, accecanti cordi lontani che apparivano e VICALVI mano. Io, tua moglie Anto-
colori/ negli abissi del tempo/ NUVOLE scomparivano, pri ma offu- Paese mio, quanto sei pittore- nietta, tuo figlio Ivan e sua
per noi ancora recente./ Nel sa- Una nuvola intensamente gri- scati, e, poi, chiari come scie sco e bello!/ Ammantato sei da moglie Carla, la tua amatis-
crario dell’anima/ porti infinite gia si sposta nel cielo/ e rove- luminose nel cielo dei tuoi verdi olivi/ ed incoronato da un sima nipotina Flaminia e tutta
estasi incompiute/ e il vaneg- scia il suo pianto/ sulla luce occhi velati di malinconia. Ci vetusto castello./ Hai forma la tua cara famiglia, siamo ac-
giar l’eterno. che muore./ Intravedo nella guardavamo e ci comprende- davvero conica,/ viuzze, archi canto a te in questo momento
Florinda Battiloro tempesta una mano che cerca vamo in un collo quio senza ed aria salubre,/ che rende la gioiso e augurale. Siamo tutti
la mia.../ E la trova .../ e la parole, consolandoci a vicenda salute benefica./ Chi si reca a sicuri che ancora per molti anni
L’AMORE INFINITO stringe forte. con ca rezze e baci. Mi chie- visitarti,/ ammirando il tuo bel illuminerai la nostra vita.
Se il sogno è realtà,/ questa Virginia Caiazza Di Filippo devi delle mie giornate. Mi rac- panorama,/ quasi unico,non Auguri, Auguri, ti vogliamo un
sera voglio sognare,/ sulle tue contavi della solitudine, una può che amarti./ In te giocai, mondo di bene. Un fortissimo
braccia mi lascerò andare,/ STELLE compagna assidua e caritate- soffrii, godetti e studiai,/ dopo abbraccio pieno di Amore. La tua Antonietta!
come se il mondo dovesse fi- Stelle,/ voi che brillate nel vole del le donne della nostra quattro anni di collegio in Antonietta Del-Bue Prencipe
nire,/ ma! Il mio amore non fi- cielo/ voi che vegliate la notte famiglia. Ti voglio bene Zì Sora,/ presso il liceo di Alvito,
nirà./ Esiste ancora la felicità,/ Maria. Anna Senatore cui per 4 anni a piedi andai./ Il Direttore Salvemini e i redattori di questo periodico
Quando in Roma frequentai formulano i più affettuosi auguri.
PRESENZA l'Università,/ dove brillante-
Tenue e dolce/ il ricordo ac- mente la Laurea conseguii,/
ARGUZIE POETICHE compagna/ la mia vita./ La tua
lieve presenza,/ antica,/ mista
provai sempre di te nostalgia e
felicità./ Sono, purtroppo, oltre
MANCANZA DI PAROLE
Nella Storia inumana priva di strategici capitalismi, per lo Yemen
di mistero e malinconia, non
sempre sorridente,/ fa credere/
al tuo esistere.
cinquant'anni/ che vivo lontano
da te, Vicalvi mio,/ ma quando
vo rotorno svaniscono gli af-
FLAMINIA
di Pasolini divenuto spazio industriale di guerra assicurativa-ban- Leda Panzone Natale fanni,/ perchè, poterti per Oggi 14 giugno 2019 la nostra amatissima nipotina
caria, ove il qat è narcotico quotidiano, tra decomposizione di mi- giorni ammirarti/ e rivedere i Flaminia compie 6 anni
litari e mancanza di trattative anche per il caffè Moka, spurie PRIMAVERA luoghi della della fanciullezza/
commerciali del caffè arabico, i Diritti Umani puzzano per man- Che dolce melodia di uccelli in e gioventù, sento te tanto BUON COMPLEANNO!!
canza mondiale sanitaria, con catastrofico crescente degradato e coro lungo il vallone/ già sbu- d'amare./ W Vicalvi, sei sem- I nostri baci pieni di tanto
dramma di intese psichiatriche. Mariannina Sponzilli cano/ bucaneve e Viole./ Ovun- pre nel mio cuore! amore
Mario Coletti “Grazie di esistere”
GEOGRAFIA-AMBIENTE La Madonnina
Le parole poetiche di Perception du Paesage tra quelli naturali sia sempre con te.
Mare-Terra, che è stato Psicologia ambientale tra analisi e piani-
ficazione intellettive dal nesso indissolubile, hanno un senso sul
VETRINA LIBRARIA I tuoi nonni Antonietta e Lino.
territorio collinare di proprietà personale, per testamento olografo Il Direttore Salvemini e i
in successione (notaio dott. Petrera, Bari) che permane in assenza Redattori di questo Periodico
di chi non è più (foglio 7, partita agraria2812, particelle 37,45, 46, formulano i più
47, 48). Più volte osservata in lontananza ma non sorvolata, in- affettuosi auguri.
serita tra allineamenti agrari dall’Ufficio Tecnico Comunale di Antonietta Del-Bue Prencipe
Vieste (Foggia) in forme ambientali paesistiche, priva di Piano
Regolatore Particolareggiato ed approvato dalla Giunta comu-
nale…in Ricatto Faida Catastale. Il Consorzio di Bonifica del
Gargano nulla sa. ..ed io sono ancora proprietaria in S. Salvo M.
Mariannina Sponzilli VETRINA LIBRARIA
QUANTO
“Né anche si potrà sapere a quanti siamo del mese, perché non si
stamperanno più Lunari” (Leopardi). “Frate Francesco quanto
d’aere abbraccia questa cupola bella del Vignola” (Carducci).
“Ah, quante si veggono famiglie cadute e rovinate” (Leon Bat-
tista Alberti). “Che quanto piace al mondo è breve sogno” (Pe-
trarca). “Con quanto di quel salmo è poscia scritto” (Dante). “La
fama ancora dura nel mondo e durerà quanto ‘l mondo lontana”
(Dante). “Quanto al battere, si rassomiglia a un oriuolo” (Leo-
pardi). “Chè, quanto io, non sono acconcio” (Sacchetti). “La Esaurita la prima edizione di questi libri.
vista mia …tutto prendeva il quanto e ‘l quale di quella alle- È in corso di stampa la seconda edizione
grezza” (Dante). “La teoria dei Quanti di energia di M. Planck, Per prenotazioni rivolgersi al cell. 347.0333846
dei Quanti di luce di Albert Einstein, del primo Novecento, è an-
data oltre (Sponzilli). Mariannina Sponzilli
QUANDO
“Ti prometto, quando io muoia, di lasciarti tutta la mia roba”
(Leopardi). “Quando che anticamente tu non avevi altri poderi
che fose e caverne…adesso hai terreni al sole” (Leopardi). “Ma-
lizioso son io troppo, quand’io procuro a mia maggior trestizia” Esaurita la prima edizione di questi libri.
(Dante). “Quando lo volete sapere, i religiosi dicono che vera- È in corso di stampa la seconda edizione
mente è cosa che non istà bene” (Manzoni). “Aspetto il come e Per prenotazioni rivolgersi al cell. 347.0333846
‘l quando del dire e del tacer” (Dante). Mariannina Sponzilli
ASSIOMI
*L’estensione della società ipotetica è sempre estesa verso un fu-
turo irreale. *Lo spirito dell’Europa è Friedrich Nietzsche. (Au-
LENTEZZA DEL SERVIZIO POSTALE
rora. Le ombre lasciate dal cristianesimo). *Friedrich Nietzsche: Il Movimento Salvemini denuncia energicamente l’esasperante len-
il reazionario del XIX secolo. Wagner: l’unificatore delle Arti. tezza con la quale Poste Italiane consegnano il Periodico “L’Attua-
*Società informatica con lo spirito del Tempo, non con la libertà
dell’Uomo, singolo essere, anche se questi appartiene alla mede- lità” al domicilio dei Soci. Il ritardo lamentato da mesi dai Soci di
sima tragedia della vita. (Codesti miei assiomi sono su testo di Roma e di numerose altre città è dell’ordine di 25-30 giorni! Chiede,
Friedrich Nietzsche inviato alla Biblioteca comunale di Manfre- pertanto, ai Dirigenti di Poste Italiane di spiegare al più presto le ra-
donia, in Palazzo dei Celestini, corso Manfredi 22, con segnala-
zione dell’inedito presso di loro esistente in casa). gioni di tale inammissibile ritardo.
Mariannina Sponzilli Opera della Prof. Mariannina Sponzilli, artisticamente Anna.
L’ATTUALITÀ, pag. 12 PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI N. 6 - GIUGNO 2019

DALLE GRADASSATE A BOLLATE. WALKING IN SAND DUNES VINITALY 2019 - IL VINO ITALIANO,
RECORD DOPO RECORD
LA RESISTIBILE ASCESA DEL “CELESTE” Passeggiando sulla spiaggia del litorale romano Umberto Ippo-
liti ha raccolto materiale di scarto trovato disperso su dune di sab- Dal 06 al 10 aprile 2019 si è tenuta a Verona la più famosa fiera in-
Nel mese di agosto 1990 mi trovavo a Fano per partecipare, come bia con l’intenzione di restituirlo al litorale sabbioso, da cui lo ha ternazionale del vino e del cibo, giunta ormai alla sua 53.ma edi-
negli anni precedenti, al meeting sulla laicità dello Stato che prelevato, subito dopo averlo esposto (senza metterlo in mostra – zione: il VINITALY 2019.
però!) in una “rigatteria” per lo spazio fuggevole di una sera quasi Quest’anno, tra i tanti e continui record della fiera, si è registrato un
aveva luogo presso la Rocca Malatestiana. Un giorno mi recai a restituire il più presto possibile questo “materiale povero” a quel
anche a Rimini per curiosare da vicino il meeting organizzato dai ulteriore primato con la partecipazione ben n. 4.600 aziende espo-
mare che lo aveva condotto sulla battigia. In questa semplice ope- sitive, per un salone sempre più ampio, dove arriva vino, il miglior
Ciellini, enfatizzato da quasi tutti i giornali. Casualmente incon- razione consiste “Walking in sand dunes – un gesto visionario” vino, da ogni parte dell’Italia, e sempre di più anche buon cibo e so-
trai Roberto Formigoni dopo una sua relazione in cui aveva (esposizione allestita il 25 aprile scorso presso la “Rigatteria” di prattutto buon olio italiano.
trionfalmente esaltato la grandiosità dell’organizzazione ed aveva via Monte Testaccio, 61 di Daara Alessandro d’Onofrio). L’ope- I visitatori nei quattro giorni di fiera hanno nuovamente superato la
stralodato gli insegnamenti di Don Giussani. Su mia domanda ri- razione di Ippoliti subito richiama alla mente la poetica dell’ob- soglia 125.000 persone, con incremento dei top buyer stranieri, pro-
spose sprezzantemente: “Non voglio commentare le ridicole tesi jet trouvé oppure quella operazione cosiddetta di venienti prevalentemente da: Stati Uniti, Germania, Regno Unito
sostenute da quei quattro eretici del meeting di Fano”. Ignorando “decontestualizzazione” che dovrebbe caratterizzare i ready-made (non c’è Brexit che tenga di fronte al vino italiano …); Cina e Ca-
la lezione di Voltaire (“Caro abate, non concordo con le sue tesi di Duchamp. Ma dire soltanto questo non aiuterebbe per nulla chi nada, senza dimenticare il Giappone.
ma darei la vita affinchè lei possa continuare ad esporle libera- voglia esporsi al gesto (che Ippoliti stesso definisce ‘visionario’) Altro record è stato rappresentato dalla presenza sempre crescente
mente”) egli, in sostanza, offendeva le opinioni altrui definendole dell’artista. L’operazione di Ippoliti non è quella di un artista pen- dello spazio riservato a Sol & Agrifood, salone internazionale del-
“ridicole”. sato sul modello di re Mida. l’agroalimentare di qualità, all’interno sempre del Vinitaly, perché
Sono trascorsi quasi 29 anni. E’ proprio vero che il tempo è ga- Non comprendiamo, infatti, per quale magica virtù il semplice chi vuole bere bene non vuole prescindere dal mangiare altrettanto
lantuomo. Oggi, il “Celeste”, dopo essere stato “trasferito”, per tocco dell’artista sarebbe capace di compiere questa miracolosa bene…. e anche qui l’alimento principe della cucina italiana è si-
sentenza della Magistratura, dai fastosi saloni del Pirellone ad una trasformazione in opera d’arte anche dell’oggetto più insignifi- curamente l’olio extravergine di oliva. Lo abbiamo voluto definire
cella di Bollate, farebbe bene a seguire l’esempio del “buon la- cante. Né ci sembra che Ippoliti presupponga qualcosa come una intenzionalmente quale “alimento” e non solo “condimento”, per-
drone” del Golgota che riconoscendo le proprie colpe si conqui- ‘poetica del rifiuto’ che non porterebbe ad altro che ad una este- ché l’olio è un componente fondamentale della cucina italiana, che
stò un posto in Paradiso. Oggi, farebbe bene a pentirsi degli errori tizzazione e ad una feticizzazione di questo materiale povero. tanto contribuisce alla salubrità della dieta mediterranea, essendo
commessi, a chiedere scusa dell’arroganza più volte esibita nei Inoltre qui non è tanto in gioco una ‘poetica del rifiuto’ quanto in pratica una vera e propria medicina per il nostro corpo. L’olio
salotti televisivi (memorabile il diverbio con Gad Lerner), a con- un più radicale rifiuto di ogni poetica al fine di esporre queste po- e.v.o. di qualità è ricco di grassi monoinsaturi, che sono gli unici
vertirsi all’umiltà proposta dal Vangelo come stile di vita dei cri- vere ‘cose’ (o meglio: non-cose) proprio nel loro essere scarti, grassi sani per il nostro corpo, così come di polifenoli antiossidanti,
stiani (“Chi si esalta sarà umiliato”). resti, vestigia che un naufragio senza spettatori ha lasciato sulla vitamine. La cultura dell’olio e.v.o. di qualità (soprattutto italiano),
spiaggia. Degli scarti non assimilabili a qualsiasi discorso che ne si sta diffondendo con elevata rapidità e ci auguriamo che possa ar-
Dovrebbe chiedere scusa al popolo dei ciellini che in buona fede rivare presto a livelli paragonabili a quelli del vino italiano, basti
lo ha eletto prima al Parlamento Europeo e poi al governo della voglia dar ragione – per questo “Ciò che resta lo fondano i poeti”
(Holderlin). Il gesto visionario con cui qui abbiamo a che fare è pensare che in Italia crescono ben oltre 500 varietà diverse di olive
Lombardia. Dovrebbe chiedere scusa anche e soprattutto a “quei (definite “cultivar”), contro solo 70 cultivar differenti per Spagna e
quattro eretici del meeting di Fano” che, avvalendosi della Co- una paradossale ‘allucinazione reale’, che non vuole trasfigurare
il reale aprendolo ad un campo di presunti significati inconsci, Francia, di cui tuttavia la produzione diffusa si limita a 6 o 7 varietà
stituzione, volevano esprimere liberamente le loro opinioni. Que- ma che vuole mostrarci il reale in quanto reale: ciò che il Witt- al massimo. Praticamente l’Italia combatte una battaglia di supe-
gli “eretici” non hanno mai ambìto le poltrone del potere nè sono genstein del Tractatus chiamava “il mistico”. Stefano Valente riorità senza confronti con tali paesi e con tutti gli altri al mondo.
mai stati condannati per corruzione. C.G.S.S. Analogamente sul vino, anche il 2018 è stato per l’Italia un anno da
primato assoluto, con la produzione di ben 52,9 milioni di ettolitri
(pari a ben 5.290.000.000 litri … si legge cinquemiliardi duecento-
Sulla neurognatologia dinamica. novanta milioni di litri), contro i 33 milioni della Spagna ed i 48

WHITE RADIO È UNA WEB RADIO Conversazioni con il dott. Fausto Sartori.

FILOGENESI NEUROGNATOLOGICA
della Francia. Le cifre sono spesso diverse a seconda della fonte,
tuttavia il primato italiano è confermato da ogni parte.
L’Italia produce anche vino di alta qualità e di buonissimo rapporto
qualità/prezzo, perché il vino è gioia, gusto, cultura e salute (se be-
Si può ascoltare con un personal computer ANTIGRAVITARIA: vuto nelle giuste maniere e nelle giuste dosi). Senza fare nomi, pos-
collegandosi al sito: www.whiteradio.it - siamo affermare che per avere lo stesso livello di bontà e qualità di
http://www.whiteradio.it cliccando su LA FUNZIONE DELL’IO un vino italiano, dovremmo spendere spesso quasi il doppio se vo-
lessimo rivolgerci a produzioni estere neppure troppo distanti da
“ON AIR” oppure con il proprio (5a parte)L’elemento neurosensoriale dell’apparato stomatogna- noi …
smartphone scaricando l’applicazione tico, ripercorrendone la filogenesi sembra così indirizzato, in- Il Vinitaly è la festa annuale di tutto questo successo, dove ogni
gratuita per Apple e Android “White nanzitutto, alla discriminazione della relazione posturale anello della catena produttiva è importantissimo, e dove in Italia si
Radio”. La trasmissione “TONI & motivi” testa-tronco in ambienti soggetti a gravità. Vedremo forse in se- registra davvero tanta competenza e voglia di fare, nel rispetto delle
guito meglio la questione che tu qui poni, dell’appesantimento tradizioni, misto alla voglia di progresso, il tutto con un occhio sem-
è condotta da Antonio Bartalotta posteriore. Tu, Fausto, insegni che le svariate posizioni mandi- pre più attento alle produzioni biologiche ed anche biodinamiche.
e va in onda ogni bolari in rapporto di disocclusione col cranio, sono le più idonee In questa splendida festa che è il Vinitaly c’è voglia di poter gioire
lunedì dalle 19,00 alle 21,00. al conseguimento dei diversi fini motori, mentre la posizione anche fuori dagli orari e dagli spazi fieristici, portando il clima gio-
mandibolare statica di incastro dentale diviene funzionale alla af- ioso all’interno di tutta la città di Verona e paesi limitrofi, con la
ferenzialità di allineamento corporeo antigravitario. È qui suben- manifestazione “Vinitaly and the City”.
tra il problema dell’autoappoggio. L’individuo, all’interno Vale davvero la pena andare almeno una volta nella vita al Vinitaly;
dell’esperienza speciale della statura eretta, impara sì ad appog- lo consigliamo a tutti i lettori, appassionati e non della buona cucina
e del buon bere. Lo preannunciamo, il biglietto di ingresso è appa-
giarsi, ma l’apprendimento e la corretta identificazione del punto rentemente costoso, … parliamo di € 80,00 per un ingresso gior-
d’appoggio si riferiscono entrambi, in primo luogo, alla capacità naliero ed € 150,00 per tre ingressi in differenti giornate, perché
di potersi fidare delle strutture di prossimità a cui ci si appoggia, obiettivamente in un giorno non si riesce a vedere ed assaggiare
di poterle per così dire guardare direttamente in faccia. Ecco l’al- neppure la metà dell’offerta presente in fiera. La somma diventa
tro che viene incontro! Ed è altro solo in rapporto a questa strut- davvero adeguata se si considera quanto vino, olio e cibo di altis-
tura della fiducia, dell’affidarsi a “lui” da parte del soggetto. sima qualità si può degustare gratuitamente all’interno, … basti
F. Sartori: Esatto. Ciò si deve da un lato al fatto che le variazioni pensare che nessuno di noi potrà mai acquistare singolarmente la
di inclinazione della testa si riflettono sulla relazione mandibolo- varietà di delizie assaggiate in fiera.
cranica, cambiando i denti che per primi entrano in contatto in Speriamo quindi che i lettori de l’Attualità contribuiscano anche
chiusura, per arrivare, però, ogni volta alla medesima posizione loro ai numeri del successo del prossimo Vinitaly 2020, con tre sole
finale di massima intercuspidazione. Dalla libertà di moto a bocca piccole raccomandazioni: bere in quantità giusta (non si può dire
aperta, si passa ad un moto guidato verso l’incastro dentale di ar- “moderata” in tale occasione), non guidare veicoli dopo aver be-
resto motorio. Lo scostamento e la localizzazione differenziale vuto (andare quindi in treno, autobus, oppure - se con la propria
dell’informazione sensoriale di tale percorso guidato della man- vettura - ripartire il giorno dopo la degustazione) ed infine, evitare
dibola, tra primo contatto dentale e massima intercuspidazione, l’ultimo giorno di fiera, quando già dalle primissime ore del pome-
informano sull’assetto antigravitario dell’asse testa-tronco. Fi- riggio, purtroppo, molti operatori avevano quest’anno già comin-
siologicamente, la posizione di incastro dentale dovrebbe coinci- ciato a sgomberare lo stand … E con questo finale lanciamo un
dere con l’asse testa tronco di minor sforzo antigravitario. appello agli organizzatori affinché nel 2020 il visitatore pagante
L’incastro dentale di massima intercuspidazione è tridimensio- non debba più assistere a tali spettacoli di smantellamento...
nale ed è il più stabile e preciso di tutte le relazioni intracorporee. Alessandro Massimi
Non abbiamo nessun altro esempio organismico di relazioni tra
due strutture ciascuna dotata di multipli tessuti durissimi, cia-
scuno di forma complessa e multipunte che si affrontano diretta-
mente tra loro. Il raggiungimento della costante posizione statica
della immutabile relazione intracorporea mandibolo-cranica
AVVISO UTILE PER FAMIGLIE E AZIENDE
viene a coincidere sul piano psicosomatico all’Io, che si caratte-
rizza, tra l’altro, nel bipede divenuto umano proprio per la sua * Ristrutturazione di appartamenti.
connotazione antigravitaria a sforzo ridotto. Questo da un lato, * Manutenzione straordinaria di edifici.
dicevo. Ma da un altro lato il concetto di “appoggio posturale”
non può essere in alcun modo interpretato in termini di semplici * Progetto e calcolo di strutture di nuova realizzazione.
riflessi elementari filogeneticamente appresi, ma – attenzione -
nemmeno può esserlo come acquisizione ontogenetica da parte * Valutazione della vulnerabilità di strutture esistenti.
del bambino, per esempio, d’una progressiva autonomia di ap- * Progetto di impianti fotovoltaici (pannelli solari per produrre
poggio. Non si tratta allora solo d’apprendimento, o di iperap-
prendimento di codici (affettivo-morali) come recitano la Teoria energia elettrica a basso costo, usufruendo di incentivi statali)
dell’Attaccamento e le Neuroscienze Affettive del bowlbismo.
Le nozioni d’“autoappoggio”, o di “appoggio autonomo” sono * Certificazione energetica di edifici. Per informazioni:
solo indici della fallacia teleologica che, in questo campo, spesso Ing. Valentina Cerenza e-mail: vcerenza@unisa.it
penalizza gravemente la ricerca di quell’opposizione di tempo in
tempo non antagonistica, ma epidermica, tra l’individuo e il suo Cell. 345. 8843131 - Tel.-fax: 089.2967454
altro che costruisce uno spazio, le cui forme risultano se non sem-
pre, quasi sempre, uniche e singolari. Michele G. Bianchi

Caro lettore, ricordati di rinnovare


la quota associativa a questo
periodico che, essendo“super
partes”, intende restare
un libero organo di stampa.
N. 6 - GIUGNO 2019 PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI L’ATTUALITÀ, pag. 13

Neuroscienze affettive e psicoanalisi lacaniana: Neuroscienze affettive e psicoanalisi lacaniana:


la colpa e la vergogna.

IL SOGGETTO DI VYGOTSKIJ LA TEORIA FREUDIANA DEGLI AFFETTI SUL


la colpa e la vergogna.
PER NON DIMENTICARE...
TRA FREUD E SCHOREATTRAVERSO ERIKSON FONDAMENTO DELLA TEORIA SESSUALE A DUE TEMPI DI LEGGERE !
(a cura di Vincenzo Calò)
(Prima parte) Grazie alle nuove tecnologie di diagnostica per im- (Seconda parte) A differenza di Erikson, Freud non pensa affatto lo
magini le ricerche neuropsicologiche degli ultimi trent’anni sulla sviluppo psichico e sociale del bambino secondo una progressione di
lateralizzazione emisferica delle emozioni e sulla rappresentazione costruzione dell’identità, una fase dopo l’altra verso l’adattamento e Giuseppe Di Summa - “Il ritorno del campanile”
funzionale asimmetrica avrebbero ampiamente chiarito il ruolo del- la maturazione del Sé. Per il padre della psicoanalisi la vita amorosa Questo saggio (trattasi di una pubblicazione del tutto indipen-
l’emisfero destro nell’economia dell’architettura della mente, e del soggetto si sviluppa in due tempi, e il rapporto tra pensiero e me- dente) è pensato per coloro che non se la stanno passando bene,
quindi nell’economia dell’articolazione dei pensieri e delle rap- moria include la logica del ricordo di copertura: in essa vengono mi- esseri consci che da qualsiasi comportamento di natura politica
presentazioni mentali. Oggi risulta cioè fortemente corroborata scelati ricordi del passato a ricostruzioni, ogni volta. Nel 1925, si possa trarre del beneficio. Questo testo evidenzia il signifi-
l’ipotesi che l’emisfero destro sia responsabile delle funzioni co- ricordando la tesi dello sviluppo in due tempi della vita sessuale, cato di contribuire alla rinascita di un collettivo politico, liste
municative inconscie del processo primario del pensiero. All’ipo- Freud osserva come nel periodo di latenza sorgano «le formazioni civiche incluse. Fare politica vuol dire destreggiarsi con svariati
tesi formulata nel 1934 da L.S. Vygotskij – sopravvissuta reattive della morale, del pudore e della ripugnanza» (Autobiografia, linguaggi, rientrare in una discussione senza mai ridurla, cioè
comunque in alcuni importanti approfondimenti dalla teoria freu- 1925 vol. X, p. 105). L’anno dopo parla di alcune reazioni dell’Io senza che risultino infine patetiche le follie di certi esponenti.
diana dell’inconscio – secondo la quale il soggetto parla innanzi- «destinate più tardi a fronteggiare le tempeste della pubertà e ad ar- L’annuncio sonoro a tutto spiano può rallegrare come depri-
tutto per pensare e solo in seguito per comunicare, viene dato un ginare il risorgente appetito sessuale» (Il problema dell’analisi mere; sta a chi, indefesso, punta spiritualmente su qualcosa, e
duro colpo. Quel processo predominante nell’espressione delle condotta da non medici, 1926, vol. X, p. 377, c.ns.). Nel 1929 os- avanti con gli anni, provare a responsabilizzare davvero. Lo
emozioni e nei fenomeni di transfert che viene preferibilmente at- serva che a partire dall’acquisizione della posizione eretta la società slang linguistico vivacizza tanto da riaccendere spiritualmente
tivato in condizioni di stress è un processo comunicativo-empatico umana si genera facendo perdere d’importanza agli stimoli olfattivi, pure coloro che non ce la fanno a contenersi, e che vagano ec-
Sé/Altro ad alto valore biologico, finalizzato alla sopravvivenza a vantaggio della visibilità, mentre a questo punto il pudore può na- cessivamente per dare forma a residenze moderne e strutture an-
del corpo del soggetto oltre ogni mediazione di tipo simbolico-cul- scere proprio dalla necessità di nascondere i genitali resisi visibili, tiquate. Per essere alla portata di un pensiero, quest’elemento
turale. Affrontando il fenomeno della vergogna-pudore da un tale laddove l’«erotismo anale soccombe dunque, prima di tutto, alla “ri- va sospinto a tal punto da generare azzardi vitali, nella maniera
punto di vista aggiornato sull’inconscio, tale affetto avrebbe un’ori- mozione organica” che ha spianato la via alla civiltà» (Il disagio della più giusta per sviluppare della genialità, ossia con la presenza at-
gine evolutiva precedente l’esperienza del senso di colpa: l’inda- civiltà, 1929 vol. X, p. 590, nota). Infine, in una riflessione sulla tiva. Davanti a una condizione criticissima però la moneta va
gine ontogenetica degli affetti superegoici grazie alle nuove “Femminilità”, nel 1932 Freud considera il pudore tipico della donna lucidata, con esempi d’irreprensibile saggistica. Semmai, non
tecnologie di diagnostica per immagini sembra infatti fornire prove come l’effetto di una «originaria intenzione di nascondere il difetto sarebbe concesso d’ignorare il linguaggio di un gruppo politico,
in favore della loro comparsa successiva ad una dimensione em- del genitale» (Introduzione alla psicoanalisi. Nuova serie di lezioni,
patico-automatica più originaria. L’emisfero destro sarebbe così 1932, vol. XI, p. 238, nota). intendendolo tecnicamente manco fosse una semplice melodia.
responsabile del mantenimento del controllo sulle attività autono- La lettura eriksoniana di Schore – non a caso noto come “the Ame- In maniera autentica ognuno desidererebbe cercare di raziona-
miche e sarebbe strettamente collegato con i processi subcorticali. rican Bowlby” - sembra forgiare Freud sull’incudine di un Darwin lizzare al momento giusto, nonostante sia difficoltoso venire a
Già nel 1982 Rhawn Joseph osservava come il ruolo dell’emi- che, nel saggio sulle emozioni del 1872 scriveva: «Possono essere conoscenza dei fatti per intero. L’agire diplomatico è più forte
sfero destro nel funzionamento emotivo fosse dovuto ad un mag- indicate molte ragioni a favore dell’opinione secondo cui in origine di ogni ostacolo, perché è la critica stessa su questo caso a pre-
gior numero d’interconnessioni reciproche con il sistema limbico la causa che provocava il rossore era la attenzione rivolta al nostro disporlo. Le relazioni sociali sviluppano una forma d’attrazione
(R. Joseph, “The neuropsychology of development: Hemispheric aspetto personale in rapporto all’idea che ne hanno gli altri; più tardi, generale e attualizzante, anche se il benessere sembra che non
laterality, limbic language, and the origin of thought”, J of Clinical per il meccanismo dell’associazione, lo stesso effetto fu prodotto dal- lo si ottenga stando tutti sullo stesso piano. Giuseppe aspira sem-
Psychology, 38, 1982, 4-3, p. 16). Nell’individuo sarebbero così l’attenzione rivolta alla nostra persona in rapporto al nostro com- mai a essere foriero di buoni consigli, perché secondo lui quelli
presenti due distinti sistemi cerebrali in grado di mediare gli affetti portamento morale» (C. Darwin, L’espressione delle emozioni che fanno Letteratura hanno di che capacitare in ambito comu-
situati in emisferi separati: un sistema primitivo, di base, preposto nell’uomo e negli animali, Boringhieri, Torino 1982, p. 384). Ne ri- nicativo, per esistere con passione. Per richiederne una copia
alle comunicazioni finalizzate alla sopravvivenza che scavalcano sulta un Freud distorto ad usum Delphini. contattate pure l’autore, scrivendogli a trentoex@libero.it.
nell’al di qua i simbolismi culturali e dunque le introiezioni sim- Jacques Lacan alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio degli anni
boliche, e uno secondario, specializzato per il rapporto tra pensiero Sessanta osserverà come nella teoria freudiana degli affetti non si
e linguaggio. Studi sui bambini molto piccoli hanno evidenziato tratta dell’idea, dell’opinione, del sapere che gli altri riversano sul
un precoce funzionamento autonomo sia affettivo sia cognitivo dei
due emisferi. È in generale vero che l’ontogenesi della mente
umana e del pensiero implichi qualcosa di più della semplice com-
soggetto a farlo arrossire, bensì di speciali segni linguistici che non
derivano da introiezioni, e che nondimeno funzionano come elementi
originari. Qui Lacan rilegge la tesi freudiana del desiderio edipico-
IL MORMONISMO
parsa di cognizioni sempre più complesse. I processi affettivi sem- inconscio e la triangolazione madre-padre-bambino valorizzando al (Seconda parte) Per i Mormoni si parla addirittura di ossessione ge-
brano costituire il nucleo centrale del Sé a causa della natura massimo la logica dell’angoscia di castrazione che, per Freud, con- nealogica, tanto che il loro più esteso archivio si trova addirittura in
psicobiologica intrinseca di questi fenomeni fondati sul corpo. cerne un prezioso oggetto massimamente legato all’esperienza sim- un caveu delle Granite Mountain nei pressi sempre di Salt Lake City
L’esperienza soggettiva della vergogna comunicativa ma non ver- bolica della perdita e dell’abbandono: il fallo. nello Utah e tale luogo viene definito come uno dei nove luoghi più
bale e dell’Ideale dell’io avrebbe un autonomo sviluppo narcisi- Ciò che al soggetto maggiormente importa – anche e anzi proprio in protetti e blindati di tutto il mondo, ed anche nella nuova sede di
stico rispetto alla colpa e alla coscienza verbali, e ciò rifletterebbe quanto corpo, corpo che parla -, ciò che a lui sta più a cuore non è Roma c’è un archivio genealogico storico impressionante, cui è per-
la differenziazione biologica e la comparsa funzionale di un emi- tanto ricevere e preferire di ricevere una opinione degli altri buona sul messo l’accesso del pubblico. Ci si domanda se la loro visione di
sfero destro visuo-spaziale e olistico, e solo in seguito lo sviluppo suo conto poiché ciò avrebbe un valore biologico-protettivo di so- salvezza non appaia forse più equa rispetto al limbo cattolico che di-
della capacità linguistica razionale dell’emisfero sinistro verbale- pravvivenza – al contrario del disprezzo che rischia di gettarlo nella vide obiettivamente gli uomini in due categorie a seconda della can-
analitico. solitudine e quindi, darwinianamente, nel pericolo a cui tale solitu- cellazione del peccato originale con il battesimo sui viventi. A noi
Secondo il padre della neuroscienze affettive Allan N. Schore dine lo esporrebbe -, ma è una volontà, un vero e proprio demone di non è dato di poter risolvere tale mistero. E parlando di misteri, sta-
(Projective Identification, Unconscious Communication, and the questo volere, il «demone del Pudore», volere «essere amato per se volta concludiamo con un ultimo aspetto sopra accennato relativo al
Right Brain, @2010 by Allan N. Schore), una ripartizione del ge- stesso»: «allora il soggetto designa il proprio essere solo sbarrando mormonismo, ossia la poligamia. Come detto, il primo mormone po-
nere tra colpa e vergogna-pudore sarebbe stata proposta innanzi- tutto ciò che significa» e, «il fatto che il fallo sia un significante, im- ligamo fu proprio Joseph Smith, il quale si unì ad un gruppo di
tutto da Simund Freud. Nell’Io e l’Es, che è dell’inizio degli anni pone che il soggetto vi acceda nel posto dell’Altro. donne, tra cui pare figurassero anche alcune minorenni ed altre già
Venti, Freud distinse in effetti la vergogna (associata ai primi con- Ma poiché in questo il significante non esiste che velato e come ra- sposate.
flitti narcisistici) dalla colpa (associata ai successivi conflitti mo- gione del desiderio dell’Altro, è questo desiderio dell’Altro come La poligamia era ovviamente vietata negli Stati Uniti, per cui Bri-
rali). Una lettura di questa distinzione in chiave tale che al soggetto è imposto di riconoscere, cioè l’altro in quanto gham Young, profeta mormone successore si Smith decise di spo-
evoluzionistica consente a Schore di porre Freud anch’esso è soggetto diviso dalla Spaltung significante» (J. Lacan, La starsi dal Vermont verso il West, in zone in cui tale pratica venisse
in linea con E.H. Erikson – teorico dell’infanzia significazione del fallo: “Die Bedeutung des Phallus”, 1958, in meglio sopportata, intraprendendo un lungo viaggio, e la carovana
e dell’adolescenza -, secondo cui lo stadio psi- Scritti, Torino, Einaudi 1974, p. 690). Il soggetto è originariamente mormone si fermò nei pressi del grande lago salto dello Utah, dove
cologico dell’«autonomia vs. vergogna/dubbio diviso, colpito, sotto effetto del significante, «cioè di questo potere Young fondò la città di Salt Lake City. Rapidamente i Mormoni ab-
sul Sé» viene sperimentato nel secondo anno di tutto in potenza di questa nascita della possibilità […] il tratto una- bandonarono tale pratica probabilmente proprio per poter essere ri-
vita, mentre quello della «iniziativa vs. colpa» rio che, colmando l’invisibile marchio che il soggetto riceve dal si- conosciuti dagli Stati Uniti e cessare di essere considerati fuori legge,
sarebbe più tardivo (E. Erikson, Infanzia e so- infatti nel 1896 lo Utah fu annesso proprio agli Stati Uniti. La poli-
gnificante, aliena questo soggetto nella prima identificazione, quella gamia, tuttavia, non scompare, essa verrà praticata da un punto di
cietà, 1950, Armando, Roma 1966). Schore, però, dell’ideale dell’Io» (J. Lacan, Sovversione del soggetto e dialettica vista dottrinale, nel mondo celeste, poiché le loro famiglie sono con-
così facendo sembra ignorare il fondamento della del desiderio nell’inconscio freudiano, 1960, in Scritti, Torino, Ei- siderate eterne ed i credenti praticanti ottengono il massimo grado di
teoria sessuale freudiana. Michele G. Bianchi naudi 1974, p. 810). Michele G. Bianchi esaltazione fisica e spirituale diventando veri e propri dei, non a caso
la loro chiesa si definisce Chiesa di Gesù Cristo e dei Santi degli ul-
timi giorni.
LA SPILLA. Ultimo punto da ricordare è la cessione della decima dei propri gua-
dagni alla chiesa, e il digiuno da praticare una volta al mese, con do-
nazione del costo dei pasti rinunciati ad un fondo di solidarietà a
UN GIOIELLO ECLETTICO sostegno dei più bisognosi tra gli aderenti alla loro chiesa. Ciò fa sì
che i Mormoni gestiscano solo con tale decima - di medioevale me-
moria - l’ingente cifra di oltre 5 miliardi di dollari, cui si aggiungono
La spilla è probabilmente il più versatile tra tutti i pezzi che compongono la parure femminile, nata nell’antichità per assolvere a una i guadagni derivanti dalla proprietà di ranch, fattorie, edifici, ed at-
funzione prevalentemente pratica, cioè per chiudere e fermare le vesti, i veli e i mantelli tanto femminili quanto maschili, si tra- tività varie. I Mormoni nel mondo sono stimati ad oggi nel numero
sforma ben presto in un oggetto ornamentale ed estetico molto amato e usato soprattutto dalle donne. Infilata semplicemente nei tes- di circa 12 milioni ed il loro culto è considerato tra quelli in più ra-
suti grazie all’ago che è la caratteristica principale, negli anni ‘30 in poi la spilla inizia a migrare sull’abbigliamento femminile pida espansione nel mondo se pur ancora in numero piuttosto limi-
attraverso la clip e il perno a molla, invenzioni che cambiano profondamente il suo modo di appuntarsi sui vestiti e che la trasfor- tato. A ciascun lettore il diritto e l’interesse di approfondire sia a
mano definitivamente nel dettaglio capace di valorizzare qualunque abito, giacca o scollatura. Nessun altro gioiello come la spilla livello di conoscenza che di fede o anche di giudizio circa questo
ha avuto, un uso così multiforme, eclettico, può diventare fibbia da cintura, ciondolo, motivo centrale di un grande bracciale, può es- movimento religioso che - ad avviso di chi scrive - mostra aspetti
sere divisa in un paio di orecchini, diventare una clip per ornare una borsetta da sera, può decorare cappelli, sciarpe e scialli, scarpe equitativi e di coesione di gruppo molto interessanti, uniti a rico-
e può persino impreziosire un’acconciatura elaborata. La spilla era conosciuta in Francia fin dal Medioevo con il nome di broche, struzioni storiche che in alcuni casi non sembrano aver trovato an-
cora riscontri effettivi. Alessandro Massimi
parola che designa gli aghi di uso domestico. Dalla funzione di fermare gli abiti, solitamente drappeggiati sulla spalla o chiusi sul
davanti, deriverà il nome spilla come sinonimo di ago appuntito, capace di attraversare i tessuti. Dai motivi zoomorfi del trecento
allo splendore delle arti decorative del Rinascimento, la spilla non ha mai smesso di essere rinnovata e rielaborata. Alcuni modelli
sono divenuti veri e propri classici, sì pensi alla famosa savignè del settecento, a forma di fiocco in oro, argento, diamanti con un
pendente in perle o diamanti, che praticamente non è mai passato di moda, o al devant de corsage, un importante ornamento in pie-
tre preziose, appoggiato ho appuntato sul petto delle donne. E come non ricordare le spille vittoriane, con la ciocca di capelli dell’
CAFFETTERIA
amato a loro interno, i cuoricini, le croci, le roselline, le mani giunte a profusione per vivacizzare in un certo senso la moda dei gio-
ielli che dilagò per una sessantina d’anni durante il regno della regina Vittoria, salita al trono nel 1837. Tendenza decisamente cupa,
segue poi, verso la fine dell’ottocento, la moda del gioiello in bianco, realizzato con perle, diamanti e platino, che vede spille leg-
gere, traforate con meravigliose montature quasi invisibili, prodotte da ogni grande gioielliere parigino da Cartier a Boucheron a
DANIEL’S
Vaver. La tiara, un gioiello must all’inizio del XX secolo, molto spesso era scomponibile in due o tre spille, più portabili. Bouquet
di fiori, rametti, fiocchi che sembrano mossi dal vento e ondeggiano sui vestiti, montature a giorno con le griffes per meglio dare
luce ai diamanti, la spilla inizia a diversificarsi sale sulle spalle, scende al polso, si ferma in vita, diventa raffinata, elaborata con l’Art Disco-Pub
Nouveau, si colora di smalti traslucidi, s’impreziosisce con madreperla e corno, e poco dopo vive la sua stagione di colore a profu-
sione, pietre dure di forme lisce con l’Art Déco.
Certamente, però, il periodo di maggior diffusione della spilla è quello degli anni ‘40, quando la moda femminile con le spalle im-
Happy Hour
bottite e scollature quadrate e l’invenzione della clip ne fa un gioiello più significativo, a doppio o anche triplo uso grazie all’abilità
dei gioiellieri che la rendono smontabile, sfruttabile sui risvolti delle giacche, ma anche appesa a bracciali e collane, in coppia sugli
angoli del décolleté, in un vasto assortimento di forme come animali, nodi, fiori, cristalli di neve, mazzolini e così via. Il naturali-
stico e animalier prosegue per tutti gli anni ‘50, accompagnato e migliorato da nuove tecniche d’incasso delle pietre preziose, come
Partite di Serie A in diretta TV
la semi-mysterieux di Van Cleef & Arpels, o da nuove lavorazioni dei metalli preziosi a tessuto, a tulle, a cordoncino. Ogni grande Catering a domicilio su richiesta.
maison che si rispetti ha una vasta produzione di spille raffiguranti animali e fiori di ogni genere e non è raro che qualche nome ce-
lebre della gioielleria inauguri dei filoni di soggetti particolari che diventeranno veri e propri classici inimitabili del lusso e dell’ele- Cortesia e qualità al servizio dei clienti.
ganza, come la famosa serie di pantere di Cartier, quella degli uccelli del paradiso di Van Cleef & Arpels o le spille Mauboussin, Cusi Via Nomentana 694
e Mellerio. Etnica, in argento, vistosa e alternativa negli anni ‘60, la spilla quasi scompare negli anni ‘70 e ‘80, quando la moda fem-
minile delle grandi borse a tracolla su spalla la rende probabilmente scomoda da indossare, facile da perdere. E solo negli ultimi anni Fonte Nuova (Roma)
che questo gioiello sta tornando di moda, infatti la spilla sta ricomparendo ad essere un dettaglio importante in grado di personaliz-
zare qualsiasi abbigliamento, con un tocco di colore e di gusto che diventa sempre più una fusione di stili, di tendenze che si mescolano Tel. 06.9056588
alla fantasia dei designer, senza una vera linea di confine tra gioiello da giorno o da sera. Maurizio Guerra
,
L’ATTUALITÀ, pag. 14 EVENTI DI ATTUALITA N. 6 - GIUGNO 2019

I LIVELLI DI REIKI SANTA ILDEGARDA IO E I PIANETI DELLO ZODIACO


La tecnica Reiki (stile Usui
il più diffuso nel mondo oc-
cidentale) è articolata su tre
E IL REGNO DEI CRISTALLI (a cura di Isabella M. Affinito)
livelli. Il primo si sofferma Nelle viscere della terra i flussi di magma, contenuti in enormi
sull’aspetto fisico, il se- crogioli, alimentati dal calore interno della terra, solidificando Interpretazione del tema natale di Vittorio (Nino) Martin,
condo sul mentale ed il creano, nel corso di migliaia di anni una materia distillata, densa nato il 10-8-1934 a Caneva (Udine) alle ore 12,00 circa
terzo sullo spirituale. e pura: i cristalli. Le pietre in sé, racchiudono l’energia accumu-
Durante il corso di Primo lata dalla terra nel lentissimo processo della loro formazione, La presenza massiccia dei pianeti, con due particolari stellium
Livello (Shoden) si impara un’energia primordiale che porta in sé molteplici proprietà. [Ndr] (vicinanza stretta di essi), si trova nella parte superiore della linea
a trasmettere energia sul Sin dall’antichità le modalità d’impiego dei quarzi e di tutte le d’orizzonte cosicché il soggetto ama stare in mezzo agli altri. Si
piano fisico (persone, pietre in genere, che l’uomo inventò furono le più svariate e non tratta di una persona del Segno del Leone con Ascendente in
piante, acqua, cibo, medici- sempre affini all’indole interna della pietra, ma sempre fedeli Scorpione, abbinamento ambivalente per quanto riguarda però il
nali, oggetti) le tecniche ap- specchi delle tappe evolutive della specie umana. In era preisto- modo di esporsi agli altri: non è più il leonino aperto e disinvolto
prese hanno sempre rica, coraggiosi guerrieri costruivano le taglienti punte delle loro che in maniera spavalda vive alla luce del sole, bensì il suo ca-
bisogno di un contatto fi- frecce utilizzando affilati pezzi di ossidiana nera. In Egitto, Gre- rattere è velato da qualcosa di profondo che non lo fa essere com-
sico tra chi trasmette e chi cia e nell’antica Roma la malachite veniva usata per creare camei pletamente felice e soddisfatto di sé stesso; possiede un fisico
riceve. Nel corso di primo ed amuleti, oppure frammentata per ottenere pigmenti o cosme- robusto con notevole forza interiore. Il primo pianeta che s’in-
livello che dura due giorni tici. Tra gli Egiziani, gli Etruschi e i Romani l’ametista era il contra è Saturno in Acquario in Casa Quarta, ovvero nella fami-
interi, si ricevono dal Master quattro armonizzazioni che servono a quarzo più pregiato, ma nel Medio Evo divenne “La pietra del glia d’origine probabilmente c’è stata un’aria ‘pesante’, gravata
far aumentare in maniera graduale il livello energetico del soggetto, Vescovo” e da allora le si attribuì anche il potere di proteggere da difficili intese tra i genitori circa il modo d’educare il soggetto,
allo scopo di favorire e regolare l’Energia Universale in ingresso, forse non sono stati d’accordo i genitori sulle scelte per l’avvenire
che verrà poi trasmessa al soggetto. Anche se l’operatore Reiki non dai malefici. La giadeite, invece, già usata all’epoca neolitica, fu
dovesse utilizzare la tecnica per diverso tempo (anche anni) non è assai apprezzata dai Maya e dagli Aztechi e più tardi, in Cina, di- del figlio e questo può aver causato un allontanamento, se non
necessario ripetere le armonizzazioni, in quanto dal momento in cui venne più preziosa dell’oro e fu chiamata “Yu la Pietra dell’Im- fisico forse nella coscienza, da parte del padre. Mercurio in Casa
avrà terminato il primo livello sarà per sempre in grado di utilizzare peratore”. Fu impiegata per realizzare oggetti sacri e le fu Quinta in Ariete sta ad indicare la possibilità di avere un figlio/fi-
l’Energia Universale. Non esistono prerequisiti o studi pregressi assegnato il potere di proteggere da disagi e disgrazie. Nel XVI glia del Segno dei Gemelli o della Vergine, o con l’Ascendente in
per poter accedere ai corsi, ma soltanto la voglia di imparare ad uti- secolo forti poteri magici furono attribuiti alla rodonite, conside- codesti Segni, cioè con forti valenze mercuriali. Innamoramenti
lizzare su di sé e sugli altri (se si desidera) le tecniche apprese du- rata come pietra della felicità. Attualmente il maggior impiego con persone più giovani e la mente sempre aperta ad ogni emo-
rante il primo corso di Reiki. Il Master consegna al proprio allievo dei quarzi è nel campo tecnologico dove le loro proprietà pie- zione, sussulto del passato, cambiamenti. L’individuo è una per-
una dispensa che riassume tutto ciò che si è imparato durante il zoelettriche vengono utilmente fruttate per costruire per costruire sona di cui ci si può fidare pienamente, ma deve fare attenzione
corso, in modo che l’operatore Reiki possa consultare, ripassare o parte degli orologi al quarzo, micro-chips, computer a cristalli li- agli eccessi di ogni genere che minano la sua salute. Urano in
imparare meglio, sia la teoria che la pratica. Ogni livello ha la sua quidi e persino per i laser. (Prima parte). Daisy Alessio Casa Sesta in Toro conferisce un carattere che ritarda nel prendere
dispensa di riferimento. le decisioni o a fare modificazioni esistenziali, forse problemi le-
Durante il corso di Secondo Livello (Okuden) che riguarda la parte gati a proprietà terriere, si tratta di una persona che sa adattarsi ad
mentale, si imparano delle tecniche che agiscono sul piano psichico ogni circostanza e ambiente, giacché ha una grande resistenza fi-
e che non necessitano in maniera obbligatoria il contatto tra chi
trasmette che riceve. Si impara anche ad inviare Reiki a distanza
su persone e/o situazioni. Si accede al secondo livello solo dopo
aver fatto una buona esperienza con le tecniche di primo livello e
M(‘)AGGIO RAFFREDDATO… sica. Volontà diretta subito alla concretezza, anche le improvvi-
sazioni che ha in campo artistico vanno subito al sodo. Il primo
grande stellium lo troviamo in Casa Nona con Plutone Venere e
Marte in Cancro, il che significa che ci sono stati molti viaggi al-
si abbia veramente voglia di continuare a sperimentare nuovi modi Maggio 2019, … sembra marzo.
Dopo un inverno mite e con scarse precipitazioni, un mese di l’estero (e questo è testimoniato dalle numerose esposizioni delle
di trasmettere energia. Anche durante il seminario di secondo li- sue opere pittoriche in vari posti del mondo), con l’amore per lo
vello avviene un’armonizzazione energetica durante la quale ven- aprile obiettivamente caldo, con temperature a volte anche di
10 gradi al di spora della media stagionale, ci aspettavamo di sport in generale prima vivendolo poi da spettatore; la terra stra-
gono trasmessi dal Master tre simboli Reiki necessari per poter niera e/o uno straniero ha segnato in maniera inesorabile l’esi-
eseguire le nuove tecniche. vivere un maggio con temperature di piena estate, invece, per stenza del soggetto, forse anche a livello affettivo. C’è
Sia dopo aver frequentato il corso di primo livello ed ancora di più una fantomatica legge di compensazione, dopo tanto caldo in romanticismo in amore, ma anche molte delusioni e lunaticità,
dopo il secondo livello, potrebbero ripresentarsi nella vita del- periodi anticipati, è arrivato un freddo insolito e prolungato, poiché qui Venere è fortemente influenzata dalle suggestività am-
l’operatore Reiki delle situazioni irrisolte del passato, in quanto si che ha portato il termometro stavolta al di sotto della media per bientali, tutto può contribuire a far nascere sentimenti o a spe-
verifica anche un profondo cambiamento interiore, una nuova con- 10 gradi ed oltre, neve sui rilievi anche a quota collinari e forti
sapevolezza, un nuovo modo di affrontare la vita. Chiudere defini- gnerli. Attenzione ai problemi allo stomaco. Un’altra congiuntura
tivamente situazioni passate apre la strada a nuove esperienze più
precipitazioni unite a forti venti ovunque in Italia. In alcune importante di pianeti sta sull’asse del Medio Cielo, con il Sole e
adatte alla vita presente dell’allievo Reiki. zone si sono registrati anche problemi di calamità naturali, al la Luna molto vicini tra loro a cavallo tra la Casa Nona e la Casa
Il Terzo Livello (Shinpiden) inizialmente era soltanto uno, ovvero punto che la UE ha deciso di stanziare un fondo di solidarietà Decima in pieno Segno del Leone, cioè vuol dire che il soggetto
chi accedeva a questo livello diventava anche insegnante, da qual- di € 293 milioni per Italia Austria e Romania, di cui 277 per ha amato e ama la lontananza sia in senso geografico, sia che vor-
che anno a questa parte invece si divide in due (A e B). Nel corso il nostro Paese. rebbe raggiungere di nuovo il passato se ciò fosse possibile, sia
del 3A si riceve il quarto simbolo che aiuta l’allievo a continuare il Il mese di maggio 2019 è stato il più freddo negli ultimi 30 addentrarsi nei meandri di cose ancora sconosciute, misteriose.
suo percorso di consapevolezza, diventa una vera e propria scelta di anni ed il giorno di mercoledì 15 maggio il più freddo degli ul- C’è stata una donna, la madre o la moglie o comunque una figura
vita, il processo di guarigione interiore diventa più profondo. Con timi 50. Basti pensare che a Roma in quella data la tempera- femminile che ha aiutato il soggetto nell’ascesa professionale,
il 3B invece si completa il percorso tecnico dove l’allievo impara tura massima non è andata oltre gli 11 gradi centigradi. forse lo stesso legame matrimoniale ha fatto mutare il suo status
la procedura per le armonizzazioni di primo, secondo e terzo livello Tale ritorno di freddo in periodi primaverili ha già provocato sociale, oppure sta a significare una molteplice presenza femmi-
ad altre persone. Inoltre imparerà come tenere i corsi, affiancando seri problemi all’agricoltura, proprio nel momento in cui molte nile nell’impegno professionale del soggetto e questo è ben visi-
per un certo periodo il proprio insegnante durante i seminari di ogni colture cominciavano a germogliare, colpite da forti piogge, bile dalle numerose donne-modelle apparse nei quadri di Vittorio
livello. Martin nel corso degli anni. Possibilità sicura di raggiungere una
Scegliere il Reiki è un percorso di conoscenza di sé stessi che dura gelate e grandine, e si prevede una forte riduzione dei raccolti posizione di spicco nel proprio lavoro: lui diventerà professio-
tutta la vita, a prescindere se ci si fermi ai primi due livelli o si com- nei prossimi mesi, … basti pensare al grano, alle viti, ai gira- nalmente e socialmente importante, vista la congiunzione Sole-
pleti con il Master. Il Master di Reiki ha comunque una grande re- soli, e quant’altro avrebbe avuto bisogno di temperature miti Medio Cielo! Nettuno in Casa Decima in Vergine indica che la
sponsabilità, un insegnante vive il Reiki ogni giorni della sua vita, in tale periodo. realizzazione di sé stessi passa per le valenze nettuniane, ossia
deve essere di esempio per tutti, ed è tenuto a trasmettere in ma- Non è rimasta immune (è proprio il caso di dirlo) da tale fe- bisogna passare per il sacrificio, le metamorfosi, l’elemento ma-
niera corretta tutti gli insegnamenti ricevuti. nomeno neppure la popolazione, che diffusamente ha subito rino, l’immaginazione sconfinata, l’acqua in senso lato, anche il
Angela Chiumenti – Reiki Master le conseguenze di questo clima che una volta si definiva “paz- disordine inteso in senso positivo ed una pronunciata sensibilità.
zerello” e che oggi potremmo meglio considerare con il ter- Giove in Casa Dodicesima in Bilancia configura l’individuo che

AMICI DELLA TECNOLOGIA (?) mine di imprevedibile ed a volte anche minaccioso. C’è stato
un ritorno sensibile delle influenze, soprattutto intestinali e dei
raffreddamenti in genere, ed anche ciò si ripercuote sull’eco-
nomia, con perdita di ore di lavoro e di produzione. Ecco il
sta a suo agio nelle associazioni per il suo carattere socievole,
equilibrato e saggio, per cui se la cava in ogni situazione dacché
Giove, il pianeta della fortuna e della buona riuscita per eccel-
lenza, è posizionato nel settore dove avvengono le prove della
Andando avanti con il tempo appare scontata, anche, l’evoluzione
della componente tecnologica oltre che delle know how. Ciò, perché del nostro titolo, questo sì pazzerello, dove si fa riferi- vita, dei nemici nascosti, degli attacchi alla salute, dei sacrifici e
però, comporta sia vantaggi che svantaggi. Uno degli elementi mento al mese freddo ed al fatto che ciò ha portato molte per- delle solitudini, così essi vengono superati degnamente.
che ha il doppio lato della medaglia accentuato è, certamente, la sone a subire raffreddori ed influenze, il tutto espresso con una
terminologia dialettale. (Chiunque desideri conoscere gratuitamente il proprio tema
comunicazione. Sarebbe obsoleto e poco razionale non annove- natale, può scrivere rivolgendosi a Isabella Michela Affinito,
rare i vantaggi che abbiamo avuto, tra cui la velocità e l’imme- Andiamo ora seriamente a vedere il perché di tale situazione a questo indirizzo e-mail: anastasia22n@libero.it)
diatezza dell’arrivo dei messaggi o la semplicità dei contenuti ma da un punto di vista meteorologico. Dobbiamo anzitutto se-
siamo sicuri che questo non infici in nessun modo? Tutto ciò ha gnalare che se l’Italia e la colonna centro europea (Germania,
comportato la diminuzione dei rapporti interpersonali, causati da Austria, Romania, etc …) hanno registrato temperature molto
uno sconsiderato utilizzo di questi nuovi mezzi, e la poca con-
centrazione su elementi culturali (come la lettura) che stanno
piano piano scemando verso un bruttissimo oblio scuro. L’errore
basse, d’altro canto la Spagna ad ovest e la Russia ad est hanno
raggiunto temperature davvero estive, con picchi di 38 gradi
nella penisola iberica e 30 gradi nella patria del grande freddo,
PAPA FRANCESCO
come al solito non è della mera tecnologia ma dell’utilizzo errato
ed eccessivo che l’essere umano ne fa di essa. Bruno Bertucci
con sbalzi fino a 16 gradi in più rispetto alle medie stagionali.
Tale fenomeno meteorologico è conosciuto come Final War-
ming avvenuto alla fine di aprile, ossia la sostituzione del vor-
E LE LEGGI DELL’OSPITALITÀ
tice polare (freddo) stratosferico (alta quota) con un Il cardinale Walter Kasper, 85 anni, teologo molto stimato da
anticiclone polare caldo, sempre in quota, che ha portato alla papa Francesco, ha rilasciato una intervista stupefacente al Cor-
discesa di aria fredda a bassa quota verso l’Europa. Tutto spie- riere della Sera: «Che ci siano cattolici che vorrebbero un altro
Papa mi pare evidente, purtroppo. Un atteggiamento irresponsa-
gato, quindi, … solo che tale fenomeno non si riproduce con bile». Le critiche al romano pontefice si fanno più dure quando si
la stessa intensità tutti gli anni, per ragioni che non stiamo qui entra in tema di immigrazione. Si accusa il papa di interferire in
a spiegare per non annoiare i lettori. ambiti che non gli competono come l’ambito delle politiche mi-
Desideriamo concludere ricordando che si tratta di fenomeni gratorie. Non è così e fare affermazioni del genere significa stru-
di picco episodico, e che da quanto accaduto nel mese passato mentalizzare le parole e la figura del papa a fini
non dobbiamo pensare che il riscaldamento globale sia ormai politico-ideologici. In verità o l’ospitalità è senza condizioni op-
un pericolo cessato. Nelle medie di lungo periodo, infatti, le pure può diventare qualcosa di mostruoso. Ed è questo principio
temperature medie sono purtroppo in continuo aumento, anche che il papa riafferma sulla base della stessa rivelazione cristiana:
in presenza di fenomeni di forti freddi temporanei, che non basti ricordare il vangelo secondo Matteo (25,34-35) dove Gesù
sono in grado di modificare comunque la tendenza al riscal- alla fine dei tempi afferma: “Venite benedetti del Padre mio, ri-
damento globale. cevete in eredità il Regno preparato per voi fin dalla fondazione
E allora cerchiamo da parte nostra di tenerci cara la nostra del mondo perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare;
terra, sempre più, anche nel nostro piccolo, anche con una ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete
maggiore attenzione individuale all’ambiente, perché come ospitato”. Il cristianesimo è talmente radicale da affermare che
abbiamo visto, ci sono già molti fenomeni imprevedibili ed a lo stesso Dio si è fatto straniero e non è stato accolto. Se è vero
che l’ospitalità offerta allo straniero è un principio che deve va-
volte calamitosi che sfuggono al controllo dell’uomo ed infine lere senza condizioni, ciò non solo non ci dispensa dall’elaborare
per il motivo che non abbiamo ancora un pianeta quelle che potremmo chiamare con Derrida “politiche dell’ospi-
di riserva … talità”; anzi l’assolutezza di tale assunto deve funzionare da prin-
La cura ed il rispetto per il Pianeta è sino- cipio regolativo per la discussione politica e per l’elaborazione
nimo di rispetto per le persone e per noi di leggi al riguardo. Certo la sfera della politica come quella del
stessi, ed è trasversale anche ad ogni idea po- diritto dovranno proporre sempre soluzioni determinate e condi-
litica; dovrebbe sempre far parte della nostra zionate; ma ciò non toglie che non possiamo appiattirci sul piano
cultura, senza che di volta in volta possa salire del diritto; per questo il papa ha ragione nel ricordarci il nostro in-
alla ribalta della cronaca qualche attivista calcolabile dovere d’ospitalità; mentre spetta a ognuno di noi il
spesso desideroso di successo a ricordarcelo. compito – per usare una bella espressione di Gianni Vattimo – di
Alessandro Massimi fare giustizia del diritto! Stefano Valente
,
N. 6 - GIUGNO 2019 PROBLEMATICHE RELIGIOSE E DI ATTUALITA L’ATTUALITÀ, pag. 15

DIALOGO ECUMENICO GLI ANGELI SONO L A R U B R I C A D E L PA D R E


(a cura di Pierluigi Vignola)
(a cura di Aurora Simone Massimi)
DOCUMENTO SULLA FRATELLANZA UMANA
SEMPRE CON NOI AMIAMO IL PASTORE?
Vogliamo attirare la nostra attenzione sul personaggio del Pastore.
PER LA PACE MONDIALE E LA CONVIVENZA CIVILE MAMMA, HO VOLATO.
A rievocare è una storia del signor Mario Artistico di Roma “il Bella ostinazione voler perpetuare questa immagine biblica in pieno
fatto avvenne nel 1954” avevo 5 anni e vivevo a Napoli con la tempo industriale! Ma stiamo al gioco anche se sappiamo poco delle
«La fede porta il cre- competenze del pastore di un grande gregge. Non siamo entusiasti di
dente a vedere nel- mia famiglia, ogni giorno andavo a giocare da un mio amichetto
nel mio stesso palazzo, da quale mi separavano solo due rampe essere assimilati ad un gregge belante di bestie tra le meno intelligenti
l’altro un fratello da della creazione. Perché la Bibbia ha così presentato volentieri i suoi
sostenere e da di scale. Una sera mentre ero da lui, sentii mia madre che mi chia- re sotto l’immagine del pastore? Per rispondere a questo basta pen-
amare. Dalla fede in mava, avvertendomi che era ora di cena. Fu allora che, nel pre- sare alle transumanze di questi grandi greggi che percorrono distanze
Dio, che ha creato cipitarmi giù per le scale inciampai nel primo gradino, cadendo considerevoli verso pascoli migliori e punti di acqua. Non c’è dub-
l’universo, le crea- a capofitto col viso in avanti. Proprio mentre mi trovavo in po- bio che Israele si presenta come un popolo in cammino e sempre in
ture e tutti gli esseri sizione quasi orizzontale, un secondo prima di sbattere la faccia movimento. Una storia che fa nascere nuove situazioni e incontrare
umani – uguali per la sui gradini, sentii una forza misteriosa e irresistibile mi teneva cose diverse. È esattamente il contrario di un mondo chiuso. Per que-
sollevato a mezzaria , facendomi planare dolcemente. Incredulo, sta strada una guida: Dio, che è il Pastore per eccellenza ma che si fa
Sua Misericordia –, mi accorsi lentamente di poter volare ,sempre restando sospeso,
il credente è chia- rappresentare da un personaggio regale, di cui il Messia è l’ultima
vidi passarmi sotto gli occhi la prima rampa di scale, ma la cosa espressione. Nella storia ci sono i grandi pastori nomadi, capi di tribù
mato a esprimere ancora più assurda è che a un certo punto curvai, sorvolando
questa fratellanza (Abramo, Isacco, Giacobbe) ma c’è soprattutto l’Esodo, guidato da
anche la seconda e, in un batter d’occhio, mi ritrovai in piedi di Dio e dal suo inviato Mosè. Re non come gli altri. La sovrapposi-
umana, salvaguar- fronte alla porta di casa mia, come se nulla fosse accaduto. Il tutto
dando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, spe- zione dei personaggi del re e del pastore è significativa. In effetti il
era durato non più di 15 secondi. Avevo chiaramente sentito quella Pastore è un personaggio pacifico. Il suo compito è la felicità del
cialmente le più bisognose e povere». forza, come due mani che mi tenevano per la vita. Pressappoco la gregge. La sua attenzione non è soltanto collettiva ma si occupa di
Queste sono le parole della Prefazione del Documento sulla Fra- stessa sensazione che si ha quando qualcuno cerca di insegnarci ciascun individuo. Da questo la parabola della pecorella smarrita:
tellanza Umana, testo firmato il 4 febbraio 2019, ad Abu Dhabi, a nuotare ... Suonai il campanello e dissi esultando:- Mamma “Egli chiama ciascuna pecora per nome”. Le conduce verso il luogo
da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al- mamma , ho volato .-Naturalmente non fui creduto, ma quel del riposo e dell’abbondanza. Altro tratto è quello del re-pastore: è
Tayyeb. Questa dichiarazione suggella, infatti, un’alleanza tra fatto prodigioso è rimasto impresso in tutta la mia vita. colui che riunisce. Le tribù d’Israele son sempre state centrifughe:
Cristiani e Islamici Sunniti, che si impegnano a difendere la li- (Giovetti Paola-op. cit.) creare tra di loro una unanimità non era una cosa facile. Da dove il
bertà di essere cittadini del mondo e di esercitare la libertà di tema della riunione opposto a quello della dispersione. Il capitolo de-
credo e di espressione, prendendo tuttavia atto dei mali che in- FELLINI E IL BAMBINO INGLESE cimo di San Giovanni esprime tutte le figure che descrivono a sua
combono sulla società contemporanea mettendo in crisi le reli- Gianfranco Angelucci, sceneggiatore, autore e amico fedelissimo volta il pastore, il Re, il Cristo e, finalmente, Dio stesso come si vede
gioni e i principi degli Stati. di Federico Fellini, è rimasto al capezzale del grande regista fino bene dall’ultima frase del Vangelo. Qui è l’Agnello che diventa il Pa-
Ed è proprio da qui che nasce l’esigenza, ascoltando le parole di alla fine e ne ha potuto raccogliere le ultime confidenze che, in store, che conduce alle sorgenti di acqua viva. Ma per arrivare là bi-
Papa Francesco, di riflettere e di cercare, nelle scuole, nelle uni- seguito alla sua scomparsa del 31 Ottobre 1993 ha raccontato in sogna che Dio-Pastore si metta nelle condizioni di Agnello immolato.
versità, negli istituti di educazione e formazione di divulgare e far una commovente storia da cui abbiamo tratto l’episodio che Questo passaggio si effettua in due sensi. Così salta l’immagine di un
apprendere quanto è stato scritto nero su bianco a nome della segue, riguardante l’incontro con un essere presumibilmente an- pastore che guida un gregge di pecore ignoranti. Essendo allo stesso
Chiesa cattolica e della Comunità islamica di Al-Azhar, perché le gelico, secondo la cronaca, il giorno in cui restò vittima dell’ ictus, tempo “Pastore” e “Agnello” le posizioni risultano intercambiabili.
speranze sono riposte massimamente in una maturazione cultu- Fellini aveva pranzato regolarmente ; dopo di che si era ritirato “Non temere piccolo gregge, è piaciuto al Padre di darvi il Regno”
rale di questa fratellanza tra i popoli. nella camera del Grand’Hotel di Rimini dove soggiornava. Se- (Lc 12,32) ed anche “Tu non sei più schiavo ma figlio”(Gal 4,7).
La vera forza di questo documento è che per la prima volta è stato dutosi sul bordo del letto, cercò di sfilarsi la stretta calza elastica Eredi della Regalità di Cristo, come Pietro, entriamo nella condi-
pensato e scritto insieme, rappresentando in questo modo l’unica che era obbligato ad indossare, da quando era stato operato di un zione di pastori. Ciò cosa vuol dire? Vuol dire che nella vita più
strada percorribile per un reale dialogo religioso costruttivo fra aneurisma. Nello sforzo però era scivolato e, cadendo aveva bat- diamo importanza a Cristo, più lo seguiamo più diventiamo liberi e
culture nel reciproco rispetto. Infatti, lo stesso Papa Francesco e tuto la tempia sullo spigolo del tavolino da notte. Si era accasciato padroni della nostra esistenza… Nello stesso tempo diventiamo adatti
il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyeb, all’inizio del sul pavimento, trascinandosi dietro il telefono, in un istintivo di- alla “Comunione”, atti a diventare “Una cosa sola con gli altri”. Una
Documento invocano a gran voce tutti gli esseri viventi della sperato tentativo di chiedere aiuto. unità che non distrugge la nostra particolarità, il nostro modo di es-
Terra, a partire dai poveri, dai bisognosi, dagli emarginati per poi Ciò che segue lo ha raccontato lui stesso, in seguito alla brutta av- sere personale ma lo valorizza: è quando siamo riuniti che Cristo ci
ventura: ”Avevo perduto la sensibilità di una mano ed ero inca- conosce ciascuno per nome. La folla immensa di cui parla la seconda
passare agli orfani, alle vedove, ai rifugiati per poi arrivare in- lettura non è anonima ma fatta di persone conosciute una per una.
fine alla fratellanza umana «che abbraccia tutti gli uomini, li uni- pace di fare qualsiasi movimento. Mi lamentavo, chiedevo
sce e li rende uguali». soccorso, qualcuno che venisse a rialzarmi. Mi ha sentito un
bambino inglese che passava in corridoio ( si dice sempre del- L’AMORE VERSO GESÙ
«Noi – credenti in Dio, nell’incontro finale con Lui e nel Suo Se Gesù riconduce i suoi discepoli in Galilea è per permettere, al di
Giudizio –, partendo dalla nostra responsabilità religiosa e mo- l’adulto che salva il bambino e invece nel mio caso era il bam-
bino che salva l’adulto), ha spalancato la porta con un calcio, tanto là degli scoraggiamenti della passione, di rinnovare con le meraviglie
rale, e attraverso questo Documento, chiediamo a noi stessi e ai del passato la gioia della prima chiamata, la predicazione alle folle,
Leader del mondo, agli artefici della politica internazionale e del- da farmi trasalire per il rumore, ed è entrato .- Aiutami, ho biso- la moltiplicazione dei pani, la tempesta sedata, i mille segni del suo
l’economia mondiale, di impegnarsi seriamente per diffondere la gno d’ aiuto!- gli ho gridato nella sua lingua -.Va’ a chiamare il amore quando era con loro. Così per noi, se il passato è pesante di mi-
cultura della tolleranza, della convivenza e della pace; di inter- portiere! lui si è girato ed è corso via veloce”. Passate le dieci, serie e di prove ha anche delle meraviglie che possono risvegliare la
venire, quanto prima possibile, per fermare lo spargimento di san- l’amico Angelucci, rientrando al Grand Hotel , aveva domandato sua Presenza capace di offrirci un avvenire, una inattesa speranza.
gue innocente, e di porre fine alle guerre, ai conflitti, al degrado come prima cosa chi fosse il bambino in questione. Nessuno del Osare una audacia missionaria quando Gesù è là. È alla fine di una
ambientale e al declino culturale e morale che il mondo attual- personale ne sapeva alcunché . Nessuno seppe dargli spiegazione pesca infruttuosa che Gesù con la sua sola presenza e la sua parola
mente vive». di sorta ”io descrivo il vestito alla marinara che mi aveva illu- opera il miracolo insperato della pesca miracolosa. Attraverso que-
Con queste parole Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, strato Federico con tanta precisione” racconta lo sceneggiatore “il sto miracolo Giovanni attira l’attenzione sull’audacia di Pietro. Pie-
berrettino rosso, le scarpe di vernice nera, un calzettone su e uno tro non può vivere in un ghetto, deve gettare le reti in acque profonde.
Ahmad Al-Tayyeb, chiedono, a nome di tutti i popoli del mondo, giù sulle gambe magre… Quel bambino sembra non essere mai
che i grandi esponenti mondiali si impegnino al fine di portare la Abitati dallo Spirito di Gesù risorto siamo, come Lui, inviati verso i
stato un cliente dell’albergo. Verosimilmente , non era mai esi- poveri, gli ammalati, i peccatori. Soprattutto oggi rendersi più soli-
pace in innumerevoli conflitti che si stanno consumando nel stito. Eppure Fellini era sicuro che fosse stato lui a salvarlo, ce
mondo. dali con le situazioni di precarietà in cui la vita, la dignità sono mi-
l’aveva vividissimo davanti agli occhi, ricordava perfino il grosso nacciate per aiutarle e rimettersi in piedi e a riprendere forza. La
È opportuno quindi evidenziare che il dialogo deve partire da ciò cono gelato, che teneva nella mano destra e che continuava a lec- nostra audacia rischia di essere breve se Gesù non è con noi “Senza
che accomuna e non da ciò che divide e in questo senso tutti i care meccanicamente mentre lo guardava e cercava di capire le di me non potete far nulla”. La chiesa non può consentire di essere
popoli sono chiamati a vivere in un rapporto di fratellanza e di sue parole. Chi aveva incontrato Fellini, giunto alle soglie della solo un organismo umanitario a servizio dell’uomo, è la chiesa della
aiuto reciproco con particolare riguardo per i più deboli. morte? Un angelo? Oppure suo figlio cresciuto in cielo dopo che lode e dell’annuncio della follia di Cristo Crocifisso. Mi ami vera-
Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, pur riconoscendo la sua Masina aveva perduto, il loro bambino prima che nascesse? mente? È la questione che Gesù ci pone a certi tornanti della vita. La
i passi positivi che la nostra civiltà moderna ha compiuto nei Misteri che si scoprono al momento che saremo lassù da DIO. questione è posta per tre volte, con insistenza, come una nuova chia-
campi della scienza, della tecnologia, della medicina, dell’indu- (Tratto da un articolo di Gianfranco Angelucci pubblicato dal set- mata, un nuovo “Sono io” di Gesù. Nella nostra vita, ci sono sempre,
stria e del benessere, in particolare nei Paesi sviluppati, sottoli- timanale Sette, nel 1994. Liana Botticelli in effetti, due chiamate di Cristo e due risposte da parte nostra. La ri-
neano che, insieme a tali progressi storici, grandi e apprezzati, sposta che Gesù attende non è una risposta entusiasta, un po’ pre-
«si verifica un deterioramento dell’etica, che condiziona l’agire suntuosa: “Da chi andremo tu hai parola di vita eterna”: Si tratta ora
internazionale, e un indebolimento dei valori spirituali e del senso per noi, come per Pietro, di un amore che è dovuto crescere, morire
di responsabilità. Tutto ciò contribuisce a diffondere una sensa-
zione generale di frustrazione, di solitudine e di disperazione,
LA VERGINE MARIA, attraverso le prove della Passione, la debolezza inevitabile delle in-
fedeltà, dei nostri rinnegamenti. “Mi ami tu? Fin dove mi ami tu?”
conducendo molti a cadere o nel vortice dell’estremismo ateo e
agnostico, oppure nell’integralismo religioso, nell’estremismo e PUNTO D’INCONTRO TRA LE CULTURE Qual’è questo amore più profondo che Gesù attende da noi dopo la
Pasqua? Ascoltiamo semplicemente l’ultimo e sconvolgente dialogo
nel fondamentalismo cieco, portando così altre persone ad ar- “The National Geographic”, la celebre rivista americana tradotta tra Pietro e Gesù: “Signore, tu conosci tutto, tu sai che io ti amo.” In
rendersi a forme di dipendenza e di autodistruzione individuale queste parole di Pietro abbiamo la più bella dichiarazione di amore
in 31 lingue, nel 2015 dedicò alla Madonna la copertina di di- del Vangelo. È quando si è poveri che si comincia davvero ad amare.
e collettiva». cembre definendola “La donna più potente del mondo”. Il repor-
Secondo il Documento, la crisi dell’etica degli Stati e la causa A partire da quel momento Pietro riceve una missione immensa ed
tage era a firma di Maureen Orth, una delle penne più importanti esigente, senza istinto di proprietà: “Pasci i miei agnelli. Pasci le mie
dei conflitti e delle ingiustizie sono oggi «una coscienza umana del giornalismo statunitense. Quattro anni dopo l’argomento è
anestetizzata e l’allontanamento dai valori religiosi, nonché il pecorelle.” È in effetti l’ora in cui Gesù annuncia a Pietro e a tutti noi
stato ripreso e approfondito in un convegno intitolato “I datteri di il rischio della missione sui passi del Maestro.
predominio dell’individualismo e delle filosofie materialistiche Maria: fraternità tra cattolici e musulmani”, organizzato a cura
che divinizzano l’uomo e mettono i valori mondani e materiali al della Pontificia Academia Mariana Internationalis (Pami), con la
posto dei principi supremi e trascendenti».
Per agire insieme contro questi mali della società contempora-
nea è evidente «quanto sia essenziale la famiglia, quale nucleo
fondamentale della società e dell’umanità, per dare alla luce dei
partecipazione del Coreis (Comunità Religiosa Islamica Italiana)
e di alcune ambasciate di Paesi a maggioranza musulmana.
L’evento si è svolto il 13 maggio a Roma presso la Pontificia Uni-
ESTREMISTI ISLAMICI FANNO STRAGI
figli, allevarli, educarli, fornire loro una solida morale e la pro- versità Antonianum, presieduta dal francescano padre Stefano Recentemente islamici estremisti hanno fatto stragi di cristiani
tezione familiare. Attaccare l’istituzione familiare, disprezzan- Cecchin. «Stavamo approfondendo da tempo – ha spiegato Cec- nella chiesa di S.Sebastiano di Colombo, capitale dello Srjlanka.
dola o dubitando dell’importanza del suo ruolo, rappresenta uno chin in un’intervista a firma di Antonio Gaspari pubblicata sul Sono stati uccisi 359 cristiani. Recentemente Papa Francesco
dei mali più pericolosi della nostra epoca». settimanale “Maria con te” – quanto la Vergine Maria unisse i fe- era stato a clloquiare con i Capi dell'islamismo per fare presente
Questo Documento sulla Fratellanza Umana, secondo le Parole deli delle comunità islamiche con quelle cattoliche. L’enciclica che occorre fratellanza tra cristiani, ebrei e islamici, perchè le tre
del Santo Padre e del Grande Imam di Al-Azhar, attesta dunque Laudato si’ e soprattutto il Documento sulla Fratellanza Umana religioni sono momoteistiche. Addirittura due guivani si sono fatti
«la forte convinzione che i veri insegnamenti delle religioni in- per la Pace mondiale e la Convivenza Comune, sottoscritto negli esplodere delle bombe morendo per poter uccidere dei cristiani.
vitano a restare ancorati ai valori della pace, a sostenere i valori Emirati Arabi Uniti da Papa Francesco e da Ahmad al-Tayyib, Le tre religioni vogliono la pace e non l'odio e la strage, ma pur-
della reciproca conoscenza, della fratellanza umana e della con- Grande Imam di al-Azhar, ci hanno incoraggiato a realizzare que- troppo vi sono islamici estremisti, che odiano i cristiani e sono
vivenza comune. Ecco dunque l’importanza, sottolineata nel Do- sto incontro». La figura di Maria è conosciuta, venerata, amata e disposti a morire per poterli uccidere. Si riteneva che dopo il sud-
cumento, riguardo al concetto di cittadinanza, che si basa invocata in tutti i continenti. Per questo motivo l’Università An- detto colloquio di Papa Francesco con i Capi islamici non si sa-
«sull’eguaglianza dei diritti e dei doveri sotto la cui ombra tutti tonianum ha deciso di istituire una cattedra di Mariologia che sarà rebbero più verificate stragi invece, purtroppo, si sono verificate
godono della giustizia. Per questo è necessario impegnarsi per accreditata presso l’Unesco e intitolata “Maria via di pace tra le a Colombo. Speriamo che con il tempo non ci siano più gli estre-
stabilire nelle nostre società, secondo le Parole del Santo Padre e culture”. «Maria è simbolo di accoglienza, pace, tenerezza, senza misti islamici e possa finalmente regnare la pace tra le religioni e
del Grande Imam Ahmad Al-Tayyeb, il concetto della piena cit- distinzione di etnia, religione o cultura», ha aggiunto padre Cec- fratellanza tra cristiani, ebrei e islamici. Mario Coletti
tadinanza e rinunciare all’uso discriminatorio del termine mino- chin. «Anche se non è molto noto, i musulmani sono particolar-
ranze, che porta con sé i semi del sentirsi isolati e dell’inferiorità; mente devoti a Maria. Mi è capitato in India di visitare un
esso prepara il terreno alle ostilità e alla discordia e sottrae le con- santuario mariano, con migliaia di persone che facevano la pro-
quiste e i diritti religiosi e civili di alcuni cittadini discriminan- cessione recitando il Rosario, ed erano tutti induisti e musul-
doli». Il testo si offre dunque come via per un dialogo mani». Il titolo del convegno – “I datteri di Maria” – è ispirato a Caro lettore, ricordati di rinnovare
interreligioso segnato dalla pace e dalla comune vicinanza. una scoperta archeologica nell’antichissimo santuario di Kathi-
Per concludere, Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar sma a Gerusalemme, dove gli archeologi hanno trovato sul pavi-
mento della chiesa un mosaico con una palma. Racconta il
la quota associativa a questo periodico che,
Ahmad Al-Tayyeb, auspicano dunque che questo Documento,
anche se ora solo in forma programmatica, possa essere «un sim- Vangelo apocrifo di Matteo che, di ritorno da Betlemme, Maria e
Giuseppe si fermarono in quel luogo e si sedettero sotto una
essendo “super partes”, intende restare un
bolo dell’abbraccio tra Oriente e Occidente, tra Nord e Sud e tra
tutti coloro che credono che Dio ci abbia creati per conoscerci, palma; la Madonna chiese al suo sposo di mangiare un dattero, libero organo di stampa.
per cooperare tra di noi e per vivere come fratelli che si amano, ma i frutti erano troppo in alto per poter essere raggiunti. Allora
al fine di raggiungere una pace universale». il bambino Gesù si destò e chiese alla palma di tirare giù le sue
fronde per nutrire Maria. Carmen Galoppo
L’ATTUALITÀ, pag. 16 N. 6 - GIUGNO 2019

L’ATTUALITÁ Comitato d’Onore


Editore: Movimento G. Salvemini, fondato nel 1962
Direzione: Via Lorenzo il Magnifico 25
00013 Fonte Nuova (Roma)
del periodico “L’Attualità”
(in ordine alfabetico)
Direttore responsabile Dott. Antonietta Anzalone (pubblicista); On. Alfredo Ar-
Sen. Prof. C. G. S. Salvemini paia (Presidente Lega Italiana Diritti dell’Uomo); Prof.
Giuseppe Bellisario (cardiologo); Prof. Giorgio Bosco
(Vice Governatore (Ambasciatore); Dott. Liana Botticelli (Dama Comm. S.
dell’Unione Mondiale degli Stati) Sepolcro); Dott. Filippo Chillemi (Dir. “Nuova Impronta”);
(cell. 347.0333846) Prof. Ferruccio Ciavatta (Docente universitario); Conte
Prof. Fernando Crociani Baglioni; Prof. Francesco D’Epi-
Condirettore scopo (Doc. Università Federico II, Napoli); Prof. Claudio
Sen. Prof. Florinda Battiloro De Rose (Presidente Emerito Corte dei Conti); Prof. Fran-
(Unione Mondiale degli Stati) cesca Ferragine (psichiatra-psicoterapeuta); Prof. Franco
Ferrarotti (sociologo); Sen. Pietro Fratantaro (Governatore
Vice direttori: dell’U.M.S.); Sen. Diego Gattuccio; Don Riccardo Gior-
Adalgisa Biondi, dani (Duca di Willemburg); Prof. Pierluigi Lando (psi-
Emiliano F. Caruso chiatra); Amm. Stefano Madonna; Prof. Alessandro
Paolo Macali, Massimi (Doc. Dottrine giuridico-economiche); Sen. Col.
Liliana Speranza Giancarlo Martini; Dott. Carmelo Monello di Borsod (pub-
blicista); Dott. Eugenio Morelli (scrittore); Sen. Gen. Prof.
Capo redattore: Stefano Murace (Marchese di Costaviola della Magna Gre-
Enrico Forlani cia); Gen. Enrico Muzi (Guardia di Finanza); Gen. C. A.
COMITATO DI REDAZIONE Rocco Panunzi; Comm. Dott. Rodolfo Ricottini (medico
Elena Andreoli, Antonio Bartalotta, chirurgo); Prof. Tito Lucrezio Rizzo (Consigliere Capo
Lisa Biasci, Liana Botticelli, Gianfederi- Servizi del Quirinale); Prof. Natale Santucci (neurochi-
co Brocco, Emiliano Caruso, Valentina rurgo); Comm. Giancarlo Serafini (Lions Roma Palati-
Cerenza, Mario Coletti, Antonietta Del- num); Sen. Prof. Giustino Setteducati (U.M.S.); Gen. C.A.
Bue Prencipe, Nicoletta Di Bello, Bruno Simeone; Prof. Aurora Simone Massimi (Cavaliere
Michele Forte, Diego e Ignazio Gattuc-
cio, Marina Giudicissi, Fiorella Ialongo,
Andrea Lando, Antonluca Lando, Pier
O.M.R.I. e giornalista); Prof. Giulio Tarro (Scienziato,
PhD-Md); Gen. CC. Raffaele Vacca; Dott. Salvatore Veltri
(Direttore Attualita.it).
DANIELE DE ROSSI LASCIA LA ROMA
Luigi Lando, Giovanni Maggi, Alessan- Se ne va in punta di piedi il capitano della Roma Daniele De Rossi, tra lo sbigottimento dei tifosi
dro Massimi, Eugenio Morelli, Maria e i compagni in silenzio durante la conferenza stampa. A siglarne l’addio è stato un contratto mai
Rosa Nicastri, Lucilla Petrelli, Aurora rinnovato che a capitan futuro proprio non va giù, per lui solo un’offerta da dirigente e nulla più.
Simone Massimi, Liliana Speranza,
Stefano Valente, Nico Valerio, Caterina
Zonno, Leonardo Zonno.
LA RUBRICA DELLA SALUTE ”Se fossi un dirigente della Roma a un giocatore come me l’avrei rinnovato il contratto”, a quasi
36 anni e 18 di Roma se ne va così l’ultimo simbolo del calcio italiano che pensa un futuro forse
negli Stati uniti. Grande tristezza dopo tanti anni di fedeltà assoluta alla maglia, sarà sempre lì il suo
cuore anche se lontano dalla Capitale. Arianna Paolucci
SPAGHETTI CON IL TONNO
Collaboratori Regionali In una padella mettete dell’olio e uno spicchio di aglio, che poi
Lombardia: Ferruccio Ciavatta. toglierete, appena inbiondisce aggiungete due alici pulite dal sale
Piemonte: Nino Nemo. e lavate con l’aceto, strizzatele, diliscatele e tagliatele a pezzetti Questo giornale
Valle D’Aosta: Pietro Buttiglieri. nella padella fino a farle sciogliere, versate 3 bei pomodori ma-
Trentino-Alto Adige:Tullio Dalla Piccola turi, tritati finemente aggiungete una manciata di capperi lavati non usufruisce
Friuli-Venezia Giulia: Pietro Jacono bene dal sale, due scatole di buon tonno e qualche oliva nera, cuo- di finanziamento
Veneto: Eugenio Morelli. cete il tutto insieme, potete mettere dell’origano o a sugo pronto,
Liguria:Andrea Monteverde una manciata di prezzemolo tritato, cuocete i vostri vermicelli e pubblico.
Emilia Romagna:Maurizio Bellavista mantecateli al vostro speciale sugo. I vostri vermicelli li potete È interamente
Toscana: Grazia M. Tordi; Luciano Masolini anche condire! Con spicchi di carciofini teneri cotti dolcemente
Marche: Daisy Alessio nell’olio con l’aggiunta di due scatole di tonno e capperi a piacere. autofinanziato perchè
Umbria: Cosimo Roberto Vento vuole restare un libero
Lazio: Lucilla Petrelli, Antonio Bartalotta. I CAPPERI
Campania: Florinda Battiloro. Notizie sui capperi, crescono generalmente sui muri, anche, di organo di stampa.
Abruzzo: Maria Assunta dé Frassine. pietra e su terreni, nei cibi danno un sapore spiccato e speciale
Molise: Leda Panzone Natale rendendo le pietanze e le salse molto gustose, vanno lavati molto
Puglia:Mariannina Sponzilli. bene dal loro sale, ove vengono maturati, ottimi anche i frutti,
Basilicata: Giustino Setteducati. che vengono in genere serviti come snack per gli aperitivi
Calabria:Antonio Bartalotta, Michele Biafora.
Sicilia: Giuseppe Canale.
Sardegna: Annamaria Chirigoni.
INSALATA SPECIALE
Prosciutto un solo pezzo di 150 gr a dadini, un cuore di sedano
sminuzzato, un cespo di insalata belga lavato e tagliato, a lista-
LA VERA RICCHEZZA
CORRISPONDENTI DALL’ESTERO
Albania: Aubert Cecchini relle, una mela sbucciata e fatta a dadini, 4 noci fatte a
pezzi il tutto condito, con olio sale e aceto balsa-
La vera ricchezza è di
Argentina: Rosa Cecconi
Belgio:Francis e Richard Dessart, Francoise Vercruysse mico. natura morale, non
Canada: Susan Ye
Costarica: Olga Coll SCAMORZA AL PROSCIUTTO pecuniaria.
Per 4 persone due scamorze affumicate tagliate
Croazia: Sania Mihalina
Federazione Russa e C.S.I.: Franco Pichi orizzontalmente in due, ungete una pirofila da Pertanto, meritano più
Francia: Franco Pichi, Jean Claude Leroy forno coprite il fondo con le fette di prosciutto stima i poveri Lazzari
Germania: Giancarlo Sordon adagiatevi le fette di scamorsa e passate al grill per
Gran Bretagna: E. Caprarella, C. Di Massimo 5 minuti finche il formaggio non si è sciolto. Liana Botticelli onesti che i ricchi Epuloni
Moldavia: Aubert Cecchini
Olanda: Teresa Van Der Hallen, Tosca Poggialini disonesti.
Portogallo: Maria Rego
Romania: Giovanni Maggi
Serbia: Dubravka Stegnjaic
Spagna: Maria Josè Vidal Vidal
Thailandia:Alessandro Marmello Qualità e cortesia
Ucraina: Nataliya Kudryk
Usa: Teresinka Pereira
Stampa:
al servizio
digitaledigitale srl
Via Emilio Salgari 14/16 - Roma
dei clienti
Attività editoriale di natura
non commerciale
(art. 4, D.P.R. 26/10/72,
n 633 e successive modifiche)

Gli articoli firmati e le foto, inediti ed esenti


da vincoli editoriali, esprimono le opinioni
personali degli autori che ne assumono diret-
tamente la responsabilità. La Direzione, in
base agli spazi disponibili, si riserva la facoltà
di selezionare ed abbreviare gli articoli perve-
nuti. In linea di massima la collaborazione è a
ANCHE SERVIZIO A DOMICILIO
titolo gratuito. È prevista una retribuzione
solo per i praticanti pubblicisti e per i corri-
spondenti dall’estero. Punto di distribuzione del periodico
Tiratura programmata: L’Attualità
100.000 copie

LEZIONI
PRIVATE
Paola Lamonica laureata in
lettere (indirizzo Archeolo-
gia vicino Oriente) da oltre
AVVISO UTILE
trent'anni si occupa d'arte,è Il periodico “L’Attualità”,
iscritta all'albo per l'exper- fin dal primo numero pub-
tice,che esegue da anni su blicato nel 1992, è consul-
quadri, sculture e oggetti sia tabile presso la Biblioteca
antichi che moderni .Orga-
nizza mostre, corsi e semi- Nazionale di Roma (viale
nari,insegna privatamente Castro Pretorio), presso la
materie letterarie per ra- Biblioteca Universitaria
gazzi; aiuto compiti per i Alessandrina di Roma “La
più piccoli. Scrive articoli Sapienza” e presso la Bi-
culturali.
Per contatti 340/ 8909257 blioteca Nazionale di Fi-
renze.