Sei sulla pagina 1di 182

Renzo Lambertini

Introduzione
allo studio esegetico
del diritto romano

Terza edizione
© 2006 by CLUEB
Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna

I edizione ottobre 1993


Ristampa gennaio 1996
II edizione ottobre 1997
III edizione

Tutti i diritti sono riservati. Questo volume è protetto da copyright.


Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in ogni forma e
con ogni mezzo, inclusa la fotocopia e la copia su supporti
magnetico-ottici senza il consenso scritto dei detentori dei diritti.

In copertina: Canaletto, Capriccio con rovine classiche, la Basilica di Vicenza, la Piramide di Caio
Cestio e l’Arco di Costantino, Collezione privata, olio su tela.

Lambertini, Renzo
Introduzione allo studio esegetico del diritto romano / Renzo Lambertini. – Bologna : CLUEB,
2006
191 p. ; 21 cm
(Lexis. Biblioteca di scienze umane)
ISBN 978-88-491-2643-3

CLUEB
Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna
40126 Bologna - Via Marsala 31
Tel. 051 220736 - Fax 051 237758
www.clueb.com
Finito di stampare nel mese di luglio 2006
da Legoprint - Lavis (TN)
INDICE

Premessa alla terza edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

Capitolo I - LE FONTI
1. L’esegesi delle fonti del diritto romano. Fonti di produzione e fonti
di cognizione del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2. Altre classificazioni nell’ambito delle fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

Capitolo II - CENNI SUL MATERIALE SCRITTORIO E SULLA


FORMA DEL LIBRO NELL’ANTICHITÀ
1. Premessa. Materiali epigrafici. Materiali papirologici. Forme librarie 25
2. Importanza delle fonti epigrafiche e papirologiche. Cenni sulle loro
edizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

Capitolo III - CENNI SULLE FONTI DI PRODUZIONE DEL


DIRITTO ROMANO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2. Mores (e leges regiae) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3. Lex XII tabularum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4. Leges (comitiales) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
5. Plebiscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
6. Senatus consulta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
7. Constitutiones principum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
8. Magistratuum edicta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
9. Responsa prudentium . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
10. Consuetudo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

Capitolo IV - FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO ARCAICO


1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
2. La tradizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
3. Le testimonianze epigrafiche del ‘rex’ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
6

4. Il Lapis Satricanus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
5. La palingenesi della legge delle XII tavole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

Capitolo V - FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO PRECLAS-


SICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

Capitolo VI - FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO CLASSICO


1. Linee generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2. Le Res gestae divi Augusti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
3. La Lex de imperio Vespasiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
4. Il Gnomon dell’Idios Logos . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
5. Gli Apokrimata Severi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
6. La Constitutio Antoniniana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
7. La palingenesi dell’editto perpetuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
8. Le Istituzioni di Gaio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

Capitolo VII - FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO POST-


CLASSICO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
2. La c.d. legge delle citazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3. Criteri distintivi in ordine alle compilazioni postclassiche . . . . . . . . . 76
4. Compilazioni di leges: Codex Gregorianus, Codex Hermogenianus . . 76
5. Cont.: Codex Theodosianus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
6. Cont.: Costituzioni Sirmondiane e Novelle post-teodosiane . . . . . . . 81
7. Compilazioni di ius: Pauli Sententiae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
8. Cont.: Tituli ex corpore Ulpiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
9. Cont.: Gai Institutionum Epitome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
10. Cont.: Gai interpretationis Fragmenta Augustodunensia . . . . . . . . . . 85
11. Compilazioni miste di leges e ius non ufficiali: Fragmenta Vaticana . 86
12. Cont.: Mosaicarum et Romanarum legum Collatio . . . . . . . . . . . . . . 87
13. Cont.: Consultatio veteris ciuusdam iurisconsulti . . . . . . . . . . . . . . . 89
14. Cont.: Scholia Sinaitica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
15. Cont.: Libro Siro-romano del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
16. Cont.: Trattato de actionibus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
17. Compilazioni miste di leges e ius ufficiali: premessa; Codex Euricianus 92
18. Cont.: Edictum Theodorici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
19. Cont.: Lex Romana Burgundionum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
20. Cont.: Lex Romana Wisigothorum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
21. Una fonte epigrafica: l’Edictum de pretiis rerum venalium . . . . . . . . 99
7

Capitolo VIII - FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO GIUSTI-


NIANEO
1. Premessa. Giustiniano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
2. Il primo Codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
3. Le quinquaginta decisiones . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
4. I Digesta seu Pandectae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
5. Cont.: l’Index Florentinus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6. Il metodo di compilazione dei Digesta: la teoria del Bluhme . . . . . . . 114
7. Cont.: le teorie successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
8. Le Institutiones . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
9. Stesura del manuale e apporti dei singoli commissari . . . . . . . . . . . . 123
10. Il Codex repetitae praelectionis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
11. Le Novellae . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
12. La Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
13. Il problema delle interpolazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131

Capitolo IX - CENNI SULLE FONTI DI COGNIZIONE DEL DI-


RITTO BIZANTINO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137

Capitolo X - IL PROBLEMA DEL TESTO DELLE COSTITUZIO-


NI IMPERIALI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
2. Testo delle leggi repubblicane e testo delle costituzioni imperiali . . . 141
3. Le costituzioni imperiali negli scritti dei giuristi . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
4. Le costituzioni imperiali nelle raccolte tardoromane . . . . . . . . . . . . . 146
5. L’uso del termine ‘massimazione’ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147

Capitolo XI - CENNI SULLA TRADIZIONE ROMANISTICA


1. L’alto medioevo. La Glossa. Il Commento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
2. La recezione. La Scuola Culta. Il Giusnaturalismo moderno . . . . . . . 155
3. Le codificazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
4. Ultime considerazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161

Appendice - CENNI SUI MEZZI AUSILIARI DELLA RICERCA


ROMANISTICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

Sigle e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177

Tavola cronologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183


Premessa alla terza edizione

L’attuale nuovo assetto degli studi giuridici ha assai poco in comune


con quello in cui, una ventina d’anni or sono, vide la luce la prima ste-
sura ‘archetipica’ del presente manuale. Adottato nel corso di Esegesi
delle fonti del diritto romano, riproduceva allora, con alcune ovvie va-
rianti e l’organizzazione implicata dallo scritto, le lezioni della prima
parte del corso medesimo da me tenuto nell’Università di Bologna.
Successivamente le pagine sono andate via via aumentando. Ho in-
trodotto la trattazione di ulteriori documenti e non di rado riscritto, a
varie riprese, interi paragrafi, anche in rapporto agli studi nel frattem-
po emersi in tema di fonti di cognizione, con particolare riguardo al-
l’età postclassica e giustinianea, quella, tra l’altro, su cui si è sempre
appuntato di preferenza il mio personale interesse scientifico.
Oggi in molti percorsi didattici delle Facoltà giuridiche italiane –
compresa la mia modenese – l’insegnamento di Esegesi non viene più
attivato: l’inevitabile contrazione degli spazi per le materie giusromani-
stiche prodotta dalla riforma ha sovente imposto di prescinderne per
concentrare le forze o sull’insegnamento delle Istituzioni, o anche, non
di rado, su un corso – variamente denominato – volto a fornire insieme
le prime essenziali nozioni sia del diritto pubblico sia del diritto priva-
to romano.
Il volumetto – ché, nonostante quanto premesso, l’agilità originaria
neanche adesso può dirsi rinnegata – rimane peraltro essenzialmente
un testo didattico sulle fonti di conoscenza del diritto romano, e con-
serva alcune evidenti tracce che ne rivelano il collegamento con la di-
sciplina esegetica – tracce che anche per ragioni, come dire, affettive
non mi è parso il caso di cancellare. Ma ora forse, in questa sorta di
crescita vagamente ‘alluvionale’, ha anche un poco assunto, almeno per
la mia esperienza e il mio uso, la veste di un piccolo immediato pron-
tuario, idoneo a fornire non solo allo studente agli esordi, ma anche al
10

laureando (penso ormai a quello in dirittura di titolo magistrale) un


ragguaglio anche critico sui più importanti documenti alla base delle
nostra scienza storico-giuridica. Non solo quindi meri, essenziali dati,
ma anche cenni alle problematiche e ai relativi dibattiti legati alle fonti
principali.
Proprio in questa prospettiva (l’adluvio notoriamente non si arre-
sta) ho aggiunto ora un breve capitolo sulla tradizione romanistica, fi-
nalizzato soprattutto, per quanto concerne la mia attuale attività didat-
tica, al nuovo insegnamento dei Fondamenti del diritto europeo, che –
pur tra diffuse perplessità in ordine all’approccio scientifico-didattico
e non senza qualche radicale presa di distanze – sta esercitando un
percepibile influsso sull’orientamento delle nostre discipline e la loro
collocazione nei curricula universitari.
Per le indicazioni relative ai sussidi informatici – ora sensibilmente
potenziate – sono debitore al prof. Filippo Briguglio, giovane ma già
affermato collega, che solca da tempo con invidiabile maestria un mare
per me ancora poco esplorato e come tale irrimediabilmente carico di
perigli.

Modena, marzo 2006 R.L.


Capitolo I

LE FONTI

SOMMARIO: 1. L’esegesi delle fonti del diritto romano. Fonti di produzione e fonti di
cognizione del diritto – 2. Altre classificazioni nell’ambito delle fonti.

1. L’esegesi delle fonti del diritto romano. Fonti di produzione e fonti di


cognizione del diritto. ‘Esegesi delle fonti del diritto romano’ è la deno-
minazione di un corso universitario che, secondo una tradizione non an-
cora abbandonata, si pone come complementare rispetto ai corsi di Sto-
ria del diritto romano, Istituzioni di diritto romano e Diritto romano1.
Tuttavia, esegesi delle fonti del diritto romano indica pure, anzi in-
dica in primis, una precisa attività tecnica, sottesa a ogni forma di inda-
gine e ricostruzione di quella che, mutuando una felice espressione
dell’Orestano, possiamo chiamare ‘esperienza giuridica romana’.
Può forse essere utile intraprendere un esame della denominazione
del corso in parola nei tre nuclei che la compongono, onde poi tirare la
fila dell’analisi complessiva. Esegesi. È parola del greco antico, che ha
la stessa radice del verbo œxhg◊omai. La voce verbale reca vari significa-
ti; tra questi vi è anche ‘interpreto’. Esegesi vale dunque ‘interpretazio-
ne’. La pronuncia più frequente è quella piana (esegési), alla latina; ma
anche quella sdrucciola (eségesi), di ascendenza greca, è corretta. L’ag-
gettivo che deriva da esegesi è ‘esegetico’; il sostantivo che indica chi la
pratica è ‘esegeta’. Si è detto ‘interpretazione’. Ma interpretazione di
che cosa? Delle fonti. Il termine ‘fonti’, nel campo giuridico, è qui ado-
perato in una sola delle due accezioni che questo è idoneo ad assume-
re. Si distinguono infatti fonti di produzione (del diritto o delle nome

1 Il corso di Storia si occupa tradizionalmente del diritto pubblico romano, in par-

ticolare costituzionale, amministrativo e criminale, nonché delle fonti del medesimo,


lungo tutto l’arco della sua storia. Il corso di Istituzioni fornisce al discente una pano-
ramica elementare (istituzioni = rudimenti, primi elementi) storico-dogmatica del di-
ritto privato romano. Il corso di Diritto infine tratta in modo approfondito la tematica
relativa a uno o più istituti del diritto romano, normalmente del settore privatistico.
12

giuridiche) e fonti di cognizione (del diritto o delle norme giuridiche).


Per fonti di produzione si intendono i fatti, i meccanismi, i procedi-
menti, che pongono in essere, e quindi ‘producono’, la norma giuridi-
ca. Dalla fonte di produzione la norma trae insomma la sua origine fisi-
ca. Per fonti di cognizione si intendono invece i mezzi, i documenti,
che forniscono la conoscenza della norma giuridica. Dalla fonte di co-
gnizione si attinge dunque la scienza in ordine alla norma.
La distinzione qui enunciata non è propria solo del diritto romano e
dei diritti dell’antichità in genere, ma anche degli ordinamenti positivi.
A questo proposito va tuttavia chiarito un punto di fondamentale im-
portanza per la comprensione del fenomeno. Benché valida anche per
gli ordinamenti in vigore, la dicotomia in questione ha in essi rilievo so-
prattutto teorico, perché è la norma stessa – si pensi alla nostra legge e,
con visione più ampia, al diritto legislativo – a prevedere nel proprio
iter formativo, la tappa finale della pubblicazione (cfr. l’art. 733 Cost.),
che la porta ufficialmente a conoscenza degli utenti. Per noi allora la
legge è fonte di produzione in quanto identifica un meccanismo che
crea la norma giuridica (fase genetica), ma risulta al contempo fonte di
cognizione se considerata, ormai in chiave di prodotto finale, come do-
cumento alla portata dei consociati (fase statica)2.

2 Un discorso molto diverso potrebbe d’acchito suggerire la consuetudine, o uso,

che l’art. 1 delle Disposizioni sulla legge in generale – c.d. preleggi – pure classifica tra
le fonti del diritto. Si tratta di una norma che nasce dal comportamento dei consociati
in determinati settori dell’attività umana, e che si caratterizza per la contemporanea
presenza di due elementi: uno oggettivo, cioè la prassi durevole e uniforme tenuta in
ordine a un particolare ambito di rapporti; ed uno soggettivo, ovvero la persuasione,
così facendo, di ottemperare a un comando giuridico (opinio iuris ac necessitatis). La
consuetudine è quindi norma non scritta; ne deriva che una raccolta di usi, elemento
estraneo alla fonte, può considerarsi mezzo di conoscenza della medesima. Ritengo
tuttavia che la costruzione teorica adottata per la legge possa valere, in linea di princi-
pio, anche per la norma consuetudinaria. L’uso, per esistere, ha sempre bisogno, si è
detto, di una pratica costante, che non può venire accantonata se non a prezzo della
sua scomparsa; a differenza della legge, che non può essere abrogata dalla desuetudine
(art. 15 delle citate preleggi), e che mantiene quindi la propria vincolatività malgrado
l’eventuale inosservanza da parte dei consociati. Può pertanto affermarsi che la prima-
ria fonte di cognizione dell’uso è l’uso stesso, e in particolare la consapevolezza del suo
esistere e dei suoi contenuti facente capo ai soggetti che lo praticano. Si tratterà di una
fonte di cognizione non scritta, ma nel concetto di cognizione il requisito della scrittu-
ra non è necessariamente implicato. La coscienza del suo esistere è mezzo di conoscen-
za a disposizione anche di quei consociati che, non avendo mai operato in quel deter-
minato campo, ne sono contingentemente all’oscuro.
13

Per quanto concerne i diritti antichi la prospettiva cambia notevol-


mente. Lo studioso contemporaneo che si pone alla ricostruzione sto-
riografica si trova alle prese – uso un’espressione metaforica nella spe-
ranza di rendere più direttamente l’idea – con i resti di un grande nau-
fragio. Secoli, e talora millenni, di storia hanno cancellato un incalcola-
bile numero di documenti e di testimonianze relativi alle antiche nor-
me, rendendo non di rado impossibile, se non in via congetturale, deli-
neare i caratteri di un istituto giuridico. Proprio a causa del grande
naufragio a cui alludevo, lo storico del diritto romano – per tornare a
noi – si trova costretto a utilizzare ogni tipo di testimonianza e di indi-
zio che lo aiuti, poco o molto, a penetrare i dati di quell’esperienza
giuridica. Così un papiro che conserva il testamento di un privato; una
moneta che rivela ad es. che Tizio, nel tale anno, era console sine colle-
ga; un testo letterario, ad es. di uno storico, di un filologo, di un narra-
tore, che riferisce il contenuto di una norma giuridica romana o sem-
plicemente allude alla sua esistenza in rapporto a un determinato pe-
riodo, e, addirittura, soprattutto per le età più risalenti, un monumen-
to archeologico, come una strada o una tomba, diventano vere e pro-
prie fonti di cognizione del diritto romano. Mentre nessuno, è ovvio,
considererebbe tali mezzi e documenti quali fonti di cognizione del
nostro ordinamento positivo, neppure trattandosi di testimonianze di-
rette delle sue applicazioni, quali ad es. la sentenza di un giudice o la
scheda testamentaria di un privato.
Da quanto finora esposto si comprende che le uniche fonti passibili
di esegesi, cioè di interpretazione, sono le fonti c.d. di cognizione, e
che, per quanto concerne il corso, nella sua denominazione il vocabolo
‘fonti’ va letto sottintendendo il menzionato complemento di specifica-
zione. Delle altre possibili classificazioni delle fonti in genere, e di
quelle di cognizione in particolare, si tratterà poco oltre. Del diritto ro-
mano. Diritto romano è il complesso delle norme, di varia origine, na-
tura e durata nel tempo, che ressero lo Stato romano lungo l’arco di
storia che va, secondo la corrente delimitazione convenzionale, dal 754
o 753 a.C., anno della fondazione di Roma, fino al 565 d.C., anno della
morte di Giustiniano I d’Oriente, per noi d’ora innanzi semplicemente
Giustiniano, il quale con le sue grandi compilazioni (Corpus Iuris) for-
nì la definitiva sistemazione, anche a futura memoria, della romana
sanctio. Oltre tredici secoli di storia che hanno visto il succedersi di
quattro diverse forme costituzionali: la monarchia, la repubblica, il
14

principato, il dominato; la nascita, l’apogeo, e al tempo stesso l’obsole-


scenza e il passaggio di consegne, di numerose fonti di produzione
normativa. Lo studio specifico dei due fenomeni sopra indicati è pro-
prio del già menzionato corso di Storia del diritto romano; in questa
sede (cap. III) ci si limiterà a passare brevemente in rassegna le fonti di
produzione del diritto romano, al fine di fornire quelle nozioni che si
pongono come indispensabili in rapporto all’oggetto del nostro studio.
È lecito ora trarre alcune conclusioni relative alla disciplina qui pre-
sa a parametro. Essa ha lo scopo di introdurre il discente nel mondo
delle fonti di cognizione del diritto romano: di metterlo in grado di re-
perirle, distinguerle, valutarle, interpretarle. In una parola, se mi si
consente il termine certo più efficace che aulico, il corso dovrebbe
consentirgli di ‘maneggiare’ le fonti in nostro possesso.
Nella valutazione è ricompresa una fase che merita di essere sottoli-
neata. Alludo alla critica delle fonti stesse, cioè alla determinazione del-
la loro genuinità e quindi attendibilità ai fini dell’indagine che ci si
propone. Il dato in realtà non deve stupire: il romanista è uno storico,
e da sempre uno storico, in quanto tale, non può prescindere dalla cri-
tica dei documenti che utilizza. Se ne deduce parimenti che questo
compito critico è diventato particolarmente importante con la storiciz-
zazione dello studio del diritto romano. Da quando, in altri termini, il
complesso di norme in questione ha cessato, e non è molto, di essere in
vigore, in più o meno larga misura, negli Stati del continente europeo
occidentale3. II medesimo processo ha esteso l’interesse degli studiosi
dal Corpus Iuris, in vista della sua attuazione pratica, al più ampio e va-
riegato campo dei mezzi di cognizione anche extragiuridici, a cui si ac-
cennava in precedenza.
Tornando alla critica delle fonti, e ai fini di una migliore compren-
sione del menzionato obbligo esegetico, si può osservare, a titolo di
esempio, come nel campo degli scritti della giurisprudenza classica,
cioè degli interpreti del diritto dei secoli I-III d.C., pochissime siano le
opere pervenuteci in via diretta, e come nella maggioranza dei casi si
tratti di semplici brandelli dei lavori originari. Quasi sempre invece ciò

3 La vigenza in Europa del diritto romano nella sua sistemazione finale giustinianea

(Corpus Iuris) è cessata definitivamente solo nel 1900, allorché anche l’Impero germa-
nico si è dato una propria codificazione (Bürgerliches Gesetzbuch, in sigla BGB = Codi-
ce civile). Vedi anche infra, cap. XI.3.
15

che possediamo di quegli scritti è filtrato attraverso opere di epitoma-


tori (autori di compendi) o di compilatori, autorità o privati, di epoche
successive. I primi riassumono il dettato dei giuristi, i secondi ne ‘rita-
gliano’ frammenti coi cui poi, a fini legislativi, didattici, scientifici, so-
vente insieme ad altro materiale, formano una specie di mosaico anto-
logico, ove ciascuna tessera conserva il nome dell’autore classico del-
l’opera da cui fu escerpita. Con riferimento a quest’ultimo tipo di fon-
ti, è compito dell’esegeta che si accinge alla ricostruzione storiografica
valutare quanto in quei frammenti ‘riciclati’ corrisponde all’originaria
prosa, e quindi al pensiero, del giurista di cui reca ancora formalmente
il sigillo, e quanto invece appartiene all’autore della compilazione; se
non addirittura – perché anche questo è possibile – ad epoche inter-
medie, in cui la fonte classica è stata annotata da studiosi le cui glosse
(note marginali o interlineari) sono poi scivolate nel testo lungo i vari
passaggi della tradizione manoscritta4. Nel caso di un testo epitomato,
la genuinità formale evidentemente è esclusa fin dall’inizio; resta però
sempre da accertare la genuinità di sostanza: premesso che il dettato
con cui si ha a che fare non è quello del giurista classico, bensì quello
del suo riassuntore, occorre stabilire se e fino a che punto il contenuto
dell’epitome corrisponde a quello dell’opera abbreviata. È tutt’altro
che escluso infatti che l’autore del compendio ci abbia introdotto del
suo, per tacere, è ovvio, delle solite mani intermedie, i cui interventi
sull’originale possono aver consegnato all’epitomatore un testo già in
partenza alterato.

4 Se il brano di un giurista, ad es. del II secolo d.C., che tratta dell’istituto x è inse-

rito in una compilazione realizzata ad es. nel VI secolo, come il Digesto di Giustiniano
(su cui ampiamente infra, cap. VIII.4), si tratta di stabilire se il frammento è genuino,
cioè tale e quale uscì dalla penna del giureconsulto, ed in tal caso può essere utilizzato
per la ricostruzione dell’istituto in parola nel II secolo; ovvero se è stato alterato in mo-
do sostanziale dall’autore della compilazione, e allora varrà semmai a testimoniare sui
caratteri dell’istituto nel VI secolo. Ma può anche capitare che il rimaneggiamento sia
dovuto a un glossatore ad es. del IV secolo, e che quindi il compilatore si sia trovato
fra le mani un testo già alterato e non abbia fatto che riprodurlo. In tal caso il dato
spurio, o insiticio, potrebbe testimoniare di una modifica che l’istituto ha subìto in
epoca intermedia, tra quella dell’autore classico e quella del compilatore. È spesso as-
sai difficile tuttavia determinare l’epoca di una glossa: dati più sicuri si possono ricava-
re, una volta individuata con sicurezza, dall’interpolazione, ovvero dal volontario inter-
vento del compilatore. Sul problema delle interpolazioni, in particolare nel Digesto di
Giustiniano, vedi infra, cap. VIII.13.
16

2. Altre classificazioni nell’ambito delle fonti. Della fondamentale di-


stinzione che isola da un lato le fonti di produzione e dall’altro le fonti
di cognizione si è trattato nel precedente paragrafo. Merita di essere
segnalata ora una classificazione che attiene al momento nomogeneti-
co, cioè di creazione della norma.

fonti materiali (o in senso materiale) e fonti formali


(o in senso formale)

Mentre per fonti formali si intendono generalmente le norme, è


oscillante, nel pensiero dei teorici, il dato di identificazione delle fonti
materiali. A volte con detta terminologia si qualificano gli organi che
hanno posto in essere la norma (ad es. i comizi, il senato, ecc.), altre
volte invece gli avvenimenti storici, le istanze, i bisogni scaturiti nel vi-
vere sociale, che hanno dato il via alla creazione del comando giuridi-
co, cioè il sostrato materiale della norma. Esempio. Un senatoconsulto
emanato nella seconda metà del I secolo d.C., il senatoconsulto Mace-
doniano, vietò di dare denaro a mutuo (= in prestito) ai figli di fami-
glia. Le Istituzioni di Giustiniano (infra, cap. VIII.8), 4.7.7, rivelano la
probabile motivazione pratica del provvedimento, che può definirsi ‘di
sicurezza sociale’ (trad. Nardi, B, 184): «Questo il senato dispose per-
ché spesso, aggravati dai debiti per il denaro preso a prestito, che con-
sumavano in lussi (i figli di famiglia) attentavano alla vita degli ascen-
denti»5. Secondo la prima delle due tesi delineate sopra, fonte materia-
le del provvedimento è il senatus, ovvero l’organo che lo ha prodotto;
in base alla seconda, è la reazione sociale scaturita da quella prassi pre-
occupante. Fonte formale risulta invece in entrambi i casi la norma,
cioè, nella fattispecie, il senatoconsulto Macedoniano.
Attengono alle fonti di cognizione le partizioni che seguono.

5 Dalla fusione di questo dato con il testo del senatoconsulto riportato da Ulpiano

(D.14.6.1pr.), ove si allude ai cattivi costumi di un certo Macedone, invischiato in una


storia di debiti, è probabilmente nato il racconto della Parafrasi di Teofilo (VI secolo
d.C.): Macedone, avendo contratto mutui di denaro e impossibilitato a soddisfare i
creditori, poiché l’eredità del padre appariva lontana, avrebbe pensato bene di accele-
rarne i tempi assassinando il genitore. Cfr. in particolare Lucrezi, Senatusconsultum
Macedonianum, Napoli 1992, pp. 105 ss.
17

fonti dirette e fonti indirette

Le prime forniscono una testimonianza diretta, e quindi non mediata,


non filtrata, relativa all’ordinamento giuridico, tanto sul piano delle nor-
me che lo compongono, quanto su quello delle loro applicazioni. Esem-
pi. Un’epigrafe che reca inciso il testo di una legge; il brano di un autore
che riporta testualmente, cioè riproduce parola per parola, il dettato di
una legge; un papiro su cui è redatto il testamento di un privato; ecc.
Per converso le fonti indirette forniscono una testimonianza media-
ta, e quindi in linea di principio più sfocata e indiziaria, relativa all’or-
dinamento giuridico in questione. Esempi. Il brano di un autore che ri-
porta il dettato di una legge ma con parole proprie, a livello quindi di
parafrasi o di sunto; un reperto archeologico che fornisce un indizio
relativo alla storia giuridica di un determinato periodo.
A loro volta, le fonti dirette possono distinguersi in

contemporanee e successive

È contemporanea la fonte diretta quando tra il momento di emer-


sione della norma o dell’atto giuridico e la formazione del mezzo di co-
noscenza non intercorre un’apprezzabile soluzione di continuità.
Esempi. Un’epigrafe che reca inciso il testo di una legge e coeva al-
l’emanazione della norma, di cui costituisce la forma di pubblicazione;
il papiro su cui Tizio ha vergato il proprio testamento, e quindi con-
temporaneo rispetto allo stesso negozio giuridico di cui riporta il testo.
È successiva la fonte diretta quando tra il momento nomogenetico e la
testimonianza intercorre una soluzione di continuità apprezzabile.
Esempio. Il brano di uno scrittore come Aulo Gellio (II secolo d. C.)
che riporta testualmente un versetto della legge delle XII tavole (infra,
cap. III.3), emanata nel V secolo a.C.
Le fonti indirette infine possono ulteriormente definirsi

tecniche e atecniche

Sono tecniche quelle dovute a un giurista, un ‘addetto ai lavori’, la


cui trattazione ha pertanto come oggetto la sfera del ius; atecniche le
altre fonti indirette che non possiedono questa caratteristica. Esempio
delle prime. Il brano di un giureconsulto che riporta con parole pro-
prie il contenuto di una legge. Esempi delle seconde. Il brano di un re-
18

tore, di un poeta, di un grammatico, che riporta, sempre con parole


proprie, il contenuto di una legge; e, inevitabilmente – dove inserirli,
se non tra le fonti indirette atecniche? –, i reperti archeologici a cui si
accennava in precedenza.
Va detto comunque che anche l’articolata classificazione in parola,
con due poli fondamentali, a loro volta suddivisi in due categorie, non
è approvata, o intesa in modo univoco, dalla totalità degli studiosi. Lo
schema che ho delineato sopra, e che mi è parso fra i più perspicui per
il discente, è dovuto al Cosentini. Anch’esso però, nonostante il pregio
indicato e per ammissione del suo stesso teorico, non appare del tutto
esente da mende. Per quanto mi riguarda, lo schema desta forse qual-
che perplessità a proposito delle opere dei prudentes, cioè degli inter-
preti del diritto romano. E comprensibile infatti che il brano di Gaio o
di Paolo che riporta testualmente il contenuto di una legge possa qua-
lificarsi come fonte diretta, e che, analogamente, il passo dei medesimi
autori che riporta, parafrasandolo, un dettato legislativo possa dirsi
fonte indiretta tecnica. Questo perché, nei casi esposti, si ha riguardo
alla legge citata, che funziona dunque da unico parametro per la valu-
tazione dell’immediatezza o della mediatezza della testimonianza. Ma
la giurisprudenza svolge pure, per un considerevole arco della storia
del diritto romano, una vera e propria attività creatrice di norme giuri-
diche, che vanno quindi distinte dalle mere elaborazioni (sul punto in-
fra, cap. III.9). In altri termini i giuristi esprimono nei loro scritti an-
che norme create, se non dal singolo autore, quanto meno, per inten-
derci in breve, dal corpus al quale egli appartiene. In questo senso non
convince del tutto, dicevo, l’inserzione fra le fonti dirette delle opere
giurisprudenziali solo allorché riportano testualmente una fonte auto-
ritativa (legge, senatoconsulto, costituzione imperiale, ecc.). Per le nor-
me di origine giurisprudenziale, e dunque per un preciso aspetto del-
l’ordinamento giuridico romano, nessuna fonte, in fondo, risulta più
diretta degli scritti dei giuristi stessi.
Prima di passare alle ulteriori distinzioni relative alle fonti di cogni-
zione, conviene tuttavia soffermarsi brevemente su un argomento tocca-
to finora soltanto di sfuggita. Già in più di un’occasione sono entrati in
gioco quei particolari mezzi di cognizione costituiti dai reperti archeolo-
gici, le cui testimonianze, si è spiegato, risultano particolarmente prezio-
se per quanto concerne l’età più antica. Orbene, poiché è abbastanza
probabile che al lettore un’osservazione del genere non appaia del tutto
19

perspicua, si cercherà di chiarire la sua portata con un esempio incentra-


to su uno dei monumenti archeologici più famosi tra i cultori della storia
giuridica delle origini: la tomba François, di Vulci. L’imperatore Claudio
(41-54 d.C.), noto etruscologo dell’antichità, in un’orazione pervenutaci
per via epigrafica (S.C. Claudianum de iure honorum Gallis dando: CIL.
XIII.1668 = ILS 212 = FIRA I, 281 ss.6, spiega che in base a un filone
della tradizione tirrenica, il re Servio Tullio, successore di Tarquinio Pri-
sco, era originario dell’Etruria e amico fedele del comandante Celio Vi-
benna, di cui aveva a lungo diviso le sorti (Vivennae sodalis fidelissimus
omnisque eius casus comes). Un giorno, abbandonata la patria, con i resti
dell’esercito di Vibenna egli aveva occupato il colle poi detto Celio in
onore dell’amico e in seguito ottenuto il regno di Roma, non senza tutta-
via aver mutato il proprio nome originario, Mastarna, con quello, ap-
punto, di Servio Tullio. Questo racconto, che penetra arditamente nei
nebulosi meandri dell’antica tradizione sui sette re di Roma, sembra in
buona parte corroborato dagli affreschi che originariamente ornavano le
pareti della tomba François di Vulci (IV secolo a.C.) e che ora si trovano
a Roma (Villa Albani). Vi sono raffigurate, tra l’altro, cinque scene belli-
che, e i personaggi in azione recano ciascuno il proprio nome scritto in
caratteri etruschi. Nei due quadri per noi più interessanti si vedono ri-
spettivamente un guerriero, Macstrna (Mastarna), che libera dai lacci in
cui è avvinto Caile Vipinas (Caeles Vibenna), e un guerriero, Marce Ca-
mitlnas, nell’atto di uccidere un personaggio che l’ampio e ricco paluda-
mento indica come un dinasta, Cneve Tarchu(nies) Rumach (Cneus Tar-
quinius Romanus): il re predecessore di Mastarna-Servio Tullio? È chia-
ro che in questa sede ho ridotto un po’ ai minimi termini un problema
ben più complesso e articolato, né mi sembra il caso di elencare i molte-
plici tentativi di interpretazione degli affreschi in rapporto ai dati della
tradizione conosciuti per altra via. Basti per ora aver reso un’idea più
precisa del peso che un reperto archeologico del genere può rivestire
nello studio delle origini di Roma sul piano politico e giuridico.
Una classificazione delle fonti di conoscenza in cui ci s’imbatte non
di rado, in particolare sfogliando gli indici delle moderne ricerche ro-
manistiche, è quella così formulata:

6 S. C. = Senatus consultum. Le altre abbreviazioni, relative a moderne edizioni di

fonti, saranno esplicitate in seguito.


20

fonti giuridiche, fonti letterarie, fonti epigrafiche,


fonti papirologiche

Il primo gruppo comprende le opere giurisprudenziali in originale,


nonché le compilazioni e rielaborazioni redatte con materiale fornito
dalla giurisprudenza, dalle costituzioni imperiali, ovvero insieme dal-
l’una e dalle altre. Il secondo gruppo identifica le opere degli autori
antichi non giuristi, in quanto siano rilevanti per il nostro studio. Il ter-
zo gruppo le testimonianze fornite dalle iscrizioni, ivi comprese le mo-
nete. Il quarto gruppo infine quelle tramandate da materiale scrittorio
meno durevole, come quello cartaceo (papiro, pergamena) e quello co-
stituito dai cocci di terracotta (ostraka) e dalle tavolette cerate. La
combinazione di criteri in questo tipo di classificazione è certamente
poco felice: gli aggettivi ‘giuridiche’ e ‘letterarie’ attengono infatti a un
carattere interno alla fonte stessa, cioè alla testimonianza che essa reca
vista in chiave concettuale; per converso, gli altri due aggettivi, ‘epigra-
fiche’ e ‘papirologiche’, spostano bruscamente l’angolo visuale da un
dato interno alla fonte ad uno del tutto esteriore, cioè alla natura del
supporto materiale dello scritto. Detta promiscuità di criteri non è poi
indolore, perché tale da ingenerare il dubbio – certamente infondato –
che, ad es., una fonte epigrafica che riporta il testo di una legge (fonte
diretta contemporanea, noi diremmo) non appartenga, proprio in
quanto epigrafica, alle fonti giuridiche. La classificazione, benché, lo
ripetiamo, assai diffusa, è dunque, così come formulata, ambigua e po-
co rigorosa. Eppure contiene in sé un importante sostrato concettuale
che merita in questa sede di essere esplicitato. Per fonti giuridiche e
letterarie si intendono sostanzialmente quelle opere che non ci sono
pervenute nella redazione originaria, cioè nell’esemplare uscito dalla
penna dell’autore o del suo scriba, bensì attraverso l’opera di copisti di
epoche successive. Esse quindi sono arrivate fino a noi in manoscritti
posteriori, spesso di secoli, all’epoca della loro edizione, e a volte attra-
verso più manoscritti non del tutto concordi fra loro. Vi è pertanto da
considerare per queste fonti, e ai nostri fini con particolare rilievo per
le giuridiche, il problema importantissimo della tradizione manoscrit-
ta, a cui si è già accennato, e perciò dei rimaneggiamenti, consapevoli o
involontari (interpolazioni, glosse), che le opere in parola possono aver
subito nel corso delle varie ricopiature. Mentre le fonti epigrafiche e
papirologiche di solito identificano testimonianze che sono presumibil-
21

mente da considerarsi in unico esemplare: il testamento di Tizio tra-


mandato dal papiro x non è stato oggetto di successive riproduzioni,
quello che possediamo, in altri termini è l’originale, e si potrà fare i
conti semmai con un errore materiale (ad es. una lettera per un’altra)
dell’unico estensore, o, trattandosi di un’epigrafe, del lapicida che ha
inciso le lettere. Ma sono, con tutta evidenza, problemi di portata assai
minore e di più agevole soluzione rispetto a quelli, talora insolubili,
presentati dalla tradizione manoscritta.
In definitiva direi che si presenta scevro da gravi inconvenienti
l’uso, del resto profondamente radicato, delle singole qualifiche (fonti
giuridiche, fonti letterarie, fonti epigrafiche, fonti papirologiche) avul-
se dalla meccanica combinatoria del predetto schema, che le colloca
artificiosamente in un rapporto di reciproca esclusione. In questo sen-
so, con riferimento a un’epigrafe che reca inciso il testo di una legge o
di un senatoconsulto, è possibile parlare di fonte epigrafica, senza che
nella definizione sia per ciò stesso insito un giudizio relativo al caratte-
re non giuridico della fonte medesima. Analogamente, il papiro greco-
egizio che riporta la sentenza pronunciata da un giudice in un processo
civile è senza dubbio una fonte papirologica, ma risulta pure, al con-
tempo, un mezzo di cognizione di natura giuridica, perché reca una te-
stimonianza diretta relativa all’ordinamento giuridico, che non può es-
sere considerata innanzitutto se non sub specie iuris. Poiché gli aggetti-
vi ‘giuridiche’, ‘letterarie’, ‘epigrafiche’, ‘papirologiche’ non apparten-
gono, come si è visto, a un medesimo piano logico, ma a due ambiti
ben distinti, il cumulo di due qualifiche che sottendono angolature dif-
ferenti è da ritenersi possibile. La ratio esplicitata sopra non è certo di
scarso peso, né anzi allo studioso è consentito preterirla, ma può essere
posta a fondamento di una terminologia diversa e più idonea, che non
pretenda di conculcare il significato comune delle parole.
Proseguiamo nella nostra rassegna.

Leges, Auctores, Negotia

Si tratta di una classificazione legata ad una raccolta editoriale di


fonti di cognizione elaborata da alcuni illustri studiosi moderni: Fontes
Iuris Romani Anteiustiniani (= FIRA), a cura di Riccobono, Baviera,
Ferrini, Furlani, Arangio-Ruiz, in 3 voll., 2a ed., Firenze 1968, e che
identifica in ciascuno dei tre items un tomo del trittico da cui è costi-
22

tuita la silloge. Leges sono le fonti autoritative (leggi, senatoconsulti,


costituzioni imperiali ecc.) non pervenuteci in opere di elaborazione;
Auctores sono le opere giurisprudenziali e quelle di silloge e rielabora-
zione contenenti anche o solo costituzioni imperiali; Negotia sono i do-
cumenti, epigrafici e papirologici, della prassi negoziale. Come specifi-
ca il titolo, si tratta sempre di fonti anteriori all’età giustinianea. Que-
sta classificazione non sembra aver varcato i confini, quanto all’uso,
della pur fortunata edizione di fonti che le diede il varo. Il Martini ha
proposto, sulla sua falsariga, la tricotomia fonti autoritative, fonti giuri-
sprudenziali, fonti negoziali.
L’ultima classificazione che proponiamo in questa sede è fondata
sui periodi in cui è convenzionalmente ripartito l’arco di storia del di-
ritto romano. Già sono stati indicati i termini, iniziale e finale, rispetti-
vamente nel 754-753 a.C. (fondazione della Città) e nel 565 d.C. (mor-
te di Giustiniano). Si è anche accennato in quella sede al motivo sotte-
so alla scelta del 565 quale momento di chiusura, che non coincide
pertanto né con l’anno che segna la caduta dell’impero romano d’Oc-
cidente, 476 d.C. (deposizione di Romolo Augustolo); né con quello,
notevolmente posteriore, che vede la fine dell’impero romano d’Orien-
te, 1453 (presa di Costantinopoli da parte dell’esercito turco). Secondo
una delle scansioni oggi prevalentemente adottate si isolano:
a) un periodo arcaico, che va dal 754-753 a.C.7 alla metà del IV seco-
lo a.C., più precisamente – volendo – al 367 a.C., anno di emanazione
delle leges Liciniae Sextiae (si tratta di importanti disposizioni normati-
ve della storia repubblicana, che ammettono la possibilità di una cop-
pia consolare costituita anche da un plebeo e creano le magistrature
del pretore urbano e degli edili curuli);
b) un periodo preclassico, dalla metà del IV secolo a.C. (367 a.C.) al-
la fine del I secolo a.C., che vede l’instaurazione del principato di Au-
gusto (per una data più precisa: 27 a.C.);
c) un periodo classico, dalla fine del I secolo a.C. alla fine del III se-
colo d.C., o, più in particolare, al 284 d.C., anno che segna la fine della

7 Benché d’acchito possa apparire strano, anche il momento iniziale dell’arco stori-

co qui considerato è in più o meno larga misura frutto di convenzione. Poiché infatti il
diritto romano delle origini è di natura consuetudinaria (vedi infra cap. III.2), esso va
ritenuto in misura rilevante preesistente alla civitas: in questa ottica il diritto di Roma è
anteriore alla fondazione della città stessa.
23

c.d. anarchia militare seguita alla morte di Alessandro Severo (235


d.C.) e che apre la reggenza di Diocleziano;
d) un periodo postclassico, dalla fine del III secolo d.C. (284 d.C.) al
565 d.C., che chiude l’intero arco considerato. Si isola tuttavia di soli-
to, nell’ambito dell’età postclassica, l’ultimo periodo della medesima, il
periodo giustinianeo, che va dal 527, anno in cui Giustiniano diventa
imperatore, fino al suo decesso. Il periodo che segue il 565 d.C. è tra-
dizionalmente detto bizantino. Anche qui la già accennata convenzione
è evidente, poiché risulta innegabile che ‘bizantina’ sia pure, sotto altro
aspetto, la stessa temperie culturale in cui operano Giustiniano e diver-
si suoi predecessori.
In rapporto al periodo storico cui appartengono, distinguiamo fonti
arcaiche, preclassiche, classiche, postclassiche, giustinianee e, quantun-
que non interessino direttamente il nostro settore, bizantine.
Capitolo II

CENNI SUL MATERIALE SCRITTORIO E


SULLA FORMA DEL LIBRO NELL’ANTICHITÀ

SOMMARIO: l. Premessa. Materiali epigrafici. Materiali papirologici. Forme librarie –


2. Importanza delle fonti epigrafiche e papirologiche. Cenni sulle loro edizioni.

1. Premessa. Materiali epigrafici. Materiali papirologici. Forme li-


brarie. In una delle distinzioni relative alle fonti di conoscenza deli-
neate nel capitolo che precede, si allude alla diversa natura del mate-
riale adibito a supporto dello scritto. Abbiamo menzionato infatti le
fonti epigrafiche, comprendenti secondo l’uso anche le monete, non-
ché le fonti papirologiche, di cui fanno parte più in dettaglio le fonti
su papiro (papiracee), su pergamena (pergamenacee), su coccio di
terracotta (ostracee), e infine su tavolette di legno cerate. È sufficien-
te in questa sede fornire alcune nozioni elementari, con l’avvertenza
che la trattazione specifica di tali argomenti è riservata ad altre scien-
ze antichistiche, quali la paleografia e la diplomatica, per lo studio
delle scritture; l’epigrafia in generale e l’epigrafia giuridica in partico-
lare, per lo studio delle iscrizioni e di quelle a contenuto giuridico in
ispecie; la numismatica, per lo studio delle monete; la papirologia in
generale e la papirologia giuridica in particolare, per lo studio dei
documenti papirologici e di quelli a contenuto giuridico in ispecie. È
facile arguire pertanto l’imprescindibile ausilio che lo storico del di-
ritto romano trova in altre scienze che si occupano di differenti setto-
ri della cultura antica. Occorre infine tener presente che l’esegeta
delle fonti romanistiche lavora su edizioni critiche dei testi medesimi,
realizzate da specialisti nelle discipline che abbiamo indicato. Egli
quindi non legge direttamente, e neppure in fac simile o in fotografia,
l’epigrafe o il manoscritto che l’antichità ci ha restituito, perché que-
sto compito esula dalle sue competenze. L’attuale specializzazione
nel campo scientifico fa sì che il lavoro dell’esegeta incominci dal
punto in cui termina quello del paleografo. Ciò non esclude che in
punti particolarmente problematici del manoscritto, che si prestano
26

quindi a letture diverse, la competenza del primo sul terreno giuridi-


co possa talora illuminare le scelte dello stesso editore.
Le epigrafi presuppongono un materiale scrittorio destinato a du-
rare a lungo nel tempo, come la pietra, il marmo e i metalli, in parti-
colare il bronzo. Sono destinate a conservare e tramandare gli atti più
importanti della vita civica, attinenti sia al diritto sia alla sfera religio-
sa (si pensi ad es. alle Tabulae Iguvinae, sette epigrafi scoperte a Gub-
bio nel 1444 e ivi tuttora conservate, che costituiscono probabilmente
lo statuto e il libro rituale della confraternita di quella città). Di parti-
colare rilievo la funzione dedicatoria e commemorativa, perpetuatasi
fino ai nostri giorni, svolta dalle iscrizioni funerarie. Un tipo di epi-
grafe di più sbrigativa realizzazione è costituito dal graffito, iscrizione
ottenuta graffiando con lo stilo l’intonaco di una parete: molto noti i
graffiti di Pompei, antecedenti storici delle scritte murali anche oggi
frequentissime nelle città. Per l’immediatezza di realizzazione si può
qui ravvisare un punto d’incontro tra il genere epigrafico e la scrittura
corrente. Lo stesso in certa misura può dirsi – ma stavolta per il carat-
tere portatile del documento – in ordine ai diplomata metallici, che
presentano molte analogie con le tavolette cerate (infra). I diplomi so-
no costituiti da una coppia di piccole lastre di bronzo forate da un la-
to sì da permettere a un triplice filo con sigilli di tenerle insieme. Nel-
le due facce interne è inciso il contenuto del documento, ma esso non
risulta inconoscibile, perché anche su un lato exterior ne viene indica-
to il tenore; onde la rottura dei sigilli si rende necessaria solo in caso
di contestazione. Particolarmente interessanti sono nel nostro campo i
diplomi militari recanti i privilegi concessi ai veterani dopo il congedo
per servizio onorevolmente prestato (honesta missio): ad es., conces-
sione della cittadinanza e conubium, cioè facoltà di sposare anche una
donna straniera. Il moltiplicarsi di tali concessioni rese necessario adi-
bire allo scopo una sezione apposita della cancelleria imperiale, detta
a diplomatibus.
Sempre fra i metalli, raro si presenta l’uso di quelli preziosi, che
può dirsi relegato esclusivamente al settore della monetazione e della
gioielleria. Celeberrima, in proposito, la c.d. Fibula Praenestina, spilla
d’oro recante la scritta sinistrorsa ‘Manios med fhefhaked Numasioi’
(Mi fece Manio per Numasio), in cui sono indicati rispettivamente i
nomi dell’artefice e del committente. Il gioiello è stato a lungo oggetto
di studi e dispute tra gli esperti, e si era pure creduto di ravvisarvi
27

l’iscrizione latina più risalente (VII secolo a.C.). Una penetrante inda-
gine della Guarducci1, in cui sono state messe a profitto le più raffinate
tecniche scientifiche per individuare l’età dei reperti, ha però dimo-
strato che si tratta di un falso, fabbricato forse negli ultimi decenni del
secolo XIX2.
Per quanto concerne le fonti papirologiche, occorre delineare i ca-
ratteri principali delle quattro materie che ne costituiscono il supporto.
Il papiro è innanzitutto una pianta ombrelliforme (cyperus papyrus),
dal fusto a sezione triangolare, che può alzarsi fino a cinque metri d’al-
tezza. Il suo habitat ideale era il Delta del Nilo, zona umida e limaccio-
sa, in cui la pianta prosperava in enormi quantità. Geografi e naturali-
sti antichi la indicano presente anche in Etiopia, in Palestina, in Babi-
lonia. Ve ne sono tuttora alcune macchie in Sicilia, presso Siracusa. Se-
de per antonomasia del papiro è sempre stato tuttavia l’Egitto, che
aveva il monopolio sia del vegetale sia della carta che se ne ricavava. Le
fibre della pianta – adatta invero a una molteplicità di usi – furono in-
fatti utilizzate in larghissima misura, come si è detto, quale materiale
scrittorio. Il naturalista Plinio il Vecchio (I secolo d.C.), in due celebri
luoghi della sua Naturalis Historia (13.74-77; 81-82), illustra il procedi-
mento seguito nella fabbricazione della carta. Le nozioni dell’antico
erudito sono state poi precisate dall’osservazione dei fogli papiracei
pervenutici a migliaia dal mondo greco-egizio in particolare. Il midollo
del fusto veniva sezionato in strisce nel senso della lunghezza e si for-
mava poi uno strato costituito da una serie di bande parallele sovrap-
poste un poco lungo i bordi. A questo strato se ne faceva aderire un al-
tro identico, ma in modo che le fibre del primo risultassero perpendi-
colari a quelle del secondo. Il foglio quindi veniva passato alla pressa e
fatto essiccare, la carta rifilata ai bordi e levigata. Per ottenere il corri-
spondente del nostro libro, cioè il rotolo (tÒmoj, volumen), si incollava-
no l’uno di seguito all’altro più fogli della stessa altezza e si avvolgeva il

1 M. Guarducci, La cosiddetta Fibula Praenestina. Antiquari eruditi e falsari nella

Roma dell’Ottocento, in Atti Acc. dei Lincei, Scienze mor., stor., filol., VIII.24, pp.
413 ss.
2 L’autrice, nello scritto citato nella nota 1, non si limita a sostenere con vari argo-

menti la falsità della Fibula, ma indica anche i personaggi, alcuni ben noti, al cui ope-
rato sarebbe dovuto l’apocrifo: sul punto, in senso contrario, Guarino, in Labeo, 27,
1981, pp. 247 ss. Cfr. anche lo stesso Guarino, in Labeo, 38, 1992, pp. 55 ss.
28

tutto intorno a un bastone (ÑmfalÒj, umbilicus), a cui era stata preven-


tivamente saldata l’estremità interna del tappeto cartaceo. Ne risultava,
a rotolo chiuso, un cilindro dalle cui basi spuntavano le estremità del-
l’anima lignea centrale. Su una di esse veniva appeso un listello papira-
ceo (s∂lliboj), che recava il nome dell’autore e il titolo dell’opera con-
tenuta nel rotolo: la scrittura, all’interno, si presentava su colonne ver-
ticali parallele l’una all’altra. La faccia interna del foglio arrotolato è
quella le cui strisce sono orizzontali: essa si dice convenzionalmente
recto, quella esterna è detta invece verso, e non di rado reca scrittura.
Terminologia più corretta e univoca è tuttavia quella che identifica i
due lati rispettivamente nella ‘faccia perfibrale’ e nella ‘faccia transfi-
brale’. La carta papiracea era già correntemente usata in Egitto nel III
millennio a.C.; in Grecia fu introdotta probabilmente nel VII secolo
a.C.; a Roma all’incirca nel III a.C.
La pergamena è invece una carta di origine animale. Secondo una
notizia fornita da Varrone (I secolo a.C.) e raccolta da Plinio il Vec-
chio, l’uso della pergamena sarebbe stato introdotto da Eumene II di
Pergamo, dopo che il sovrano egizio aveva posto il veto alla esportazio-
ne del papiro per impedire al primo di realizzare una biblioteca simile
a quella alessandrina. A Eumene non si deve certo comunque la sco-
perta a fini scrittori della pelle conciata degli animali, che è assai più ri-
salente – in Persia è già usata nel V secolo a.C. –, quanto piuttosto, for-
se, un nuovo trattamento della medesima. La pelle, di solito di pecora,
viene immersa in un bagno di calce, lavata, seccata, rasata e imbianca-
ta. Dicesi palinsesto (o palimpsesto) la pergamena utilizzata per una se-
conda scrittura: viene cancellata la prima, si raschia nuovamente la pel-
le (palinsesto dal greco p£lin y£w = raschio di nuovo) che va poi levi-
gata a completamento del recupero. Di questo procedimento si abusò
nel medioevo per la scarsezza di materiale scrittorio, col risultato di so-
vrapporre scritti teologici e rituali a importantissime opere classiche. Si
è tuttavia riusciti in tempi vicini a noi a recuperarle in buona quantità,
facendo emergere la scriptura prior non perfettamente abrasa. Pioniere
di quest’arte fu il cardinale Angelo Mai (1752-1854), che, facendo uso
di reagenti chimici, portò alla luce, tra le altre opere, il De republica di
Cicerone e i Fragmenta Vaticana (infra, cap. VII.11). Altra grande sco-
perta di questa natura, caposaldo dei nostri studi, è quella che, nella
prima metà dell’Ottocento, ci ha restituito le Istituzioni di Gaio (infra,
cap. VI.8). La forma corrente del libro pergamenaceo è il codex, costi-
29

tuito cioè come i nostri volumi con fogli doppi piegati in quattro e cu-
citi sul lato sinistro rispetto a chi legge, in modo da formare sedicesimi
come quelli attuali. Se il codice è la forma libraria tipica della pergame-
na e il rotolo quella del papiro, ciò non significa tuttavia che sia scono-
sciuto il codice papiraceo, la cui introduzione si ritiene anzi più risa-
lente rispetto a quello di cartapecora. È certo comunque che la forma
del libro arrivata ai nostri giorni, il codice, ha finito col sostituire gra-
dualmente nella stessa età antica quella costituita dal rotolo.
Proprio il passaggio dal volumen al codex ha costituito il perno di
una famosa teoria sostenuta dal Wieacker nella sua opera Textstufen
klassischer Juristen, Göttingen 1960. Già in precedenza la c.d. critica
interpolazionistica (su cui infra, cap. VIII.13) aveva fatto registrare una
svolta nelle proprie persuasioni di fondo, credendo di individuare la
maggior parte delle alterazioni (soprattutto formali) dei testi classici
non più nell’intervento dei commissari giustinianei, bensì nelle varie ri-
pubblicazioni implicate dal largo uso dei medesimi materiali nelle
scuole e nelle sedi giudiziarie della prima età postclassica. Il Wieacker
in particolare ha ritenuto che la maggioranza delle alterazioni sia da ri-
collegare alla nuova forma del libro che si è imposta a partire dalla fine
del III secolo d.C. anche nel settore delle opere giurisprudenziali. La
forte domanda di opere della giurisprudenza classica, le cui tecniche
sono ormai un ricordo, la conseguente necessità di approntare più edi-
zioni delle opere stesse, e per di più munite di delucidazioni tali da
renderne perspicuo il contenuto in un’epoca di marcata involuzione
della cultura giuridica, avrebbero determinato una generale revisione
del materiale classico con le conseguenze che abbiamo indicato. La tesi
di fondo del Wieacker, per quanto acuta e ben elaborata, ha incontrato
non poche perplessità nella dottrina moderna.
Gli ostraka, come si è detto, sono cocci di terracotta, in origine
spesso prelevati dai rifiuti e utilizzati come supporto scrittorio graf-
fiandone il lato convesso. Dall’Egitto ce ne sono pervenuti a migliaia,
ma noti sono anche quelli romani del monte Testaccio, che ne costitui-
va, come si arguisce dal nome (testa = pentola, vaso), la sede di grandi
ammassi. La natura del materiale non consente scritti di notevole
estensione; gli ostraka contengono per lo più brevi note e quietanze re-
lative a tasse.
Le tavolette cerate, di largo uso in Roma, erano assicelle di legno
scavate su una faccia in maniera da lasciare in rilievo la cornice esterna.
30

L’incavo veniva poi riempito di cera, successivamente appianata a livel-


lo della cornice: questo era il lato su cui si scriveva incidendo la cera
con lo stilo.
Dall’unione di due, tre o più tavolette si ottenevano rispettivamente
dittici, trittici e polittici. Essi presentavano all’esterno la faccia di legno
non cosparsa di cera; le tavole interne dei trittici e dei polittici erano in
genere cerate da ambedue le parti. Come già spiegato per i diplomi,
anche questi dittici, e così i trittici e i polittici, erano tenuti insieme da
un filo di lino che, passando da alcuni fori del lato sinistro veniva poi
sigillato sull’altro lato del blocco (codex, anch’esso, come poi il libro
fascicolato). Per l’attitudine di tale sistema a difendere il segreto e osta-
colare le alterazioni, pressoché costante lungo l’arco di secoli è l’uso in
Roma delle tavolette cerate per redigere il testamentum, tanto che per
indicare il predetto negozio mortis causa si parla spesso nelle fonti di
tabulae testamenti o anche semplicemente di tabulae. Una recente for-
tunata scoperta archeologica ha portato alla luce a Murecine, probabil-
mente la zona portuale di Pompei, un archivio contenente una notevo-
le quantità di tavolette cerate: si tratta di documenti ricompresi fra il
35 e il 61 d.C., in tema di rapporti contrattuali – alcuni alquanto inusi-
tati – e di processo civile, di estremo interesse per gli studiosi del dirit-
to privato romano.
Il legno era usato in Roma come materiale scrittorio anche fuori
dall’ambito delle tavolette cerate. Si allude in particolare alle iscrizioni
su legno imbiancato dei progetti di legge esposti al pubblico, nonché
agli editti dei magistrati, in particolare del pretore urbano, scritti pure
a vernice su tabulae dealbatae, da cui lo stesso nome di albo (letteral-
mente: bianco) dato all’editto medesimo. Di questi supporti lignei, a
differenza di quanto avvenuto per le tavolette cerate, pressoché nulla è
arrivato fino a noi.

2. Importanza delle fonti epigrafiche e papirologiche. Cenni sulle loro


edizioni. Il ruolo delle fonti epigrafiche e papirologiche nella ricostru-
zione storiografica dell’esperienza giuridica romana è di enorme rilie-
vo. Le iscrizioni più risalenti recano infatti un imprescindibile contri-
buto all’indagine relativa all’età romana arcaica, pressoché sfornita di
altri mezzi di cognizione coevi. Analogamente sono numerosi i resti
epigrafici in nostro possesso che riportano il testo di leggi, senatocon-
31

sulti e costituzioni imperiali. Si tratta di un vasto materiale documenta-


rio – e qui mi riferisco soprattutto a quello di natura papirologica – le
cui grandi scoperte nei secoli XIX e XX hanno illuminato aspetti della
vita giuridica, tali da rivelare agli studiosi delle fonti tradizionali nuove
e sorprendenti dimensioni. Alludo in particolare alla prassi negoziale,
all’applicazione del diritto romano nelle province, all’impatto e alla
convivenza del diritto ufficiale con le consuetudini locali. Nei papiri
provenienti dall’Egitto, provincia romana dal 30 a.C., è scritta in fondo
non soltanto la storia ma anche la vita, la vita quotidiana, di tutto un
popolo antico.
La più importante raccolta epigrafica latina, iniziata dal Mommsen
nel XIX secolo, è costituita dal monumentale Corpus Inscriptionum La-
tinarum (CIL), in via di continuo aggiornamento. A parte rare eccezio-
ni, le epigrafi vi sono ordinate in base al criterio geografico costituito
dal luogo di provenienza. Un ottimo florilegio di epigrafi latine è dovu-
to al Dessau, Inscriptiones Latinae Selectae (ILS). Le iscrizioni greche
sono in larga misura raccolte nel Corpus Inscriptionum Graecarum
(CIG), nel Corpus Inscriptionum Atticarum (CIA), nelle Inscriptiones
Graecae (IG), riedizione delle precedenti raccolte.
Numerosissime sono le edizioni papirologiche, il cui nome e conse-
guente modo di citazione derivano o dal luogo di provenienza dei pa-
piri (ad es., P. Oxy. = Papiri di Ossirinco; P. Eleph. = Papiri di Elefanti-
na); o dal luogo della loro attuale conservazione (ad es., P. Lond. = Pa-
piri di Londra, British Museum; P. Lips. = Papiri di Lipsia); o dal no-
me di chi, ente o privato, ne ha curato la pubblicazione (ad es., PSI =
Papiri della Società Italiana per la ricerca dei papiri greci e latini in
Egitto; P. Grenf. = Papiri [editi da B.P.] Grenfell); ovvero utilizzando
anche altri criteri: lingua, contenuto, personaggio antico a cui si riferi-
scono, ecc., per lo più in forma mista (ad es., BGU [Berliner griechi-
sche Urkunden] = Documenti greci di Berlino; BKU [Berliner kopti-
sche Urkunden] = Documenti copti di Berlino; P. Cair. Isid. = Papiri
dell’archivio di Aurelio Isidoro, conservati nel Museo Egizio del Cai-
ro).
Capitolo III

CENNI SULLE FONTI DI PRODUZIONE


DEL DIRITTO ROMANO

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Mores (e leges regiae) – 3. Lex XII tabularum – 4. Leges


(comitiales) – 5. Plebiscita – 6. Senatus consulta – 7. Constitutiones principum – 8.
Magistratuum edicta – 9. Responsa prudentium – 10. Consuetudo.

1. Premessa. Nel presente capitolo sarà delineato un excursus relati-


vo alle fonti di produzione del diritto romano, considerato nel suo
complessivo arco storico. Si è seguito nell’esposizione l’ordine adottato
dalle Istituzioni di Gaio (1.2-7; A,2-3), poi ripreso dal manuale giusti-
nianeo (1.2.3-9; B,11-12). Quest’ultimo è, sul punto, più completo, in
quanto considera anche la consuetudine (1.2.9; B,12), che noi pure in-
cluderemo. Al fine tuttavia di presentare una rassegna per quanto pos-
sibile aderente a criteri sistematici moderni, si è ritenuto di inserire,
ponendoli a capifila, due items ulteriori: mores (e leges regiae), e lex
XII tabularum. L’esposizione, volutamente concisa, ha il solo scopo di
fornire i dati necessari a una migliore comprensione di quanto sarà
esaminato nei capitoli successivi: per una più diffusa analisi del tema e
in particolare della problematica sottesa pressoché a ciascuno dei mez-
zi di produzione normativa qui elencati, si rinvia ai manuali di Storia
del diritto romano.
Ripetendo l’avvertenza che l’espressione ‘fonti’ o ‘mezzi di produzio-
ne’ è propria della dottrina giuridica recente, segnalo qui una terza elen-
cazione che figura nei testi di natura tecnica1. Essa è dovuta a Papiniano
(II-III secolo d.C.) e ci è conservata dai Digesta giustinianei (1.1.7); ri-
spetto alle due prime rivela un taglio differente, perché finalizza la suite
alla demarcazione di due grandi ordini di norme, ed è a ben guardare
soltanto per questo che la successione delle fonti indicate subisce in fine
una variante: «Il diritto civile è quello che deriva dalle leggi, dai plebisci-

1 A una delle non rarissime rassegne contenute nelle fonti letterarie avremo occa-

sione di accennare infra, al par. 6 n. 7 (vedi anche par. 9, in principio).


34

ti, dai senatoconsulti, dai decreti dei principi, dall’autorità dei competen-
ti. (1) Il diritto pretorio è quello che i pretori hanno introdotto per con-
fermare o integrare o correggere il diritto civile per l’utilità pubblica. Es-
so è detto anche onorario: così chiamato dalla magistratura dei pretori».

2. ‘Mores’ (e ‘leges regiae’) (costumi [e leggi dei re]). I mores sono le


fonti giuridiche più antiche e si identificano nelle costumanze espresse
e confermate dal primo vivere civile. Le rende degne di osservanza e di
rispetto l’essere state tramandate dagli antenati (maiores), a loro volta
venerati alla stregua di divinità. Ma non sembra si tratti di un ordina-
mento propriamente di origine teocratica, quanto piuttosto – a ele-
mentare riscontro del principio per cui non c’è società senza diritto
(ubi societas ibi ius) – di un complesso di norme ‘già dato’, emergente
dalla natura stessa delle cose, e sul quale la volontà divina non vanta in
definitiva alcun potere (Talamanca). Questo, che nella coscienza dei
consociati esiste da sempre, è ovviamente il nucleo fondamentale del-
l’ordinamento, che non esclude in progresso di tempo una stratifica-
zione dovuta a mores di origine meno remota, che germogliano su quel
tronco.
Sul piano della sostanza, ancora mores, o loro applicazioni, sono
probabilmente le c.d. leges regiae, fatte approvare secondo la tradizio-
ne dai comizi curiati su proposta dei sette re di Roma. Stando al giuri-
sta Pomponio (II secolo d.C.), a cui è dovuto un profilo di storia giuri-
dica tramandatoci dai Digesta di Giustiniano (1.2.2), queste leggi regie
sarebbero state raccolte in una sorta di testo unico da un tale Sesto Pa-
pirio, vissuto all’epoca dell’ultimo re, Tarquinio il Superbo: «Quel li-
bro – scrive Pomponio – ... è chiamato ‘diritto civile papiriano’, non
perché Papirio ci abbia aggiunto alcunché di suo, ma perché ha com-
posto in un unico nucleo leggi presentate senza ordine»2. La dottrina

2 Secondo lo storico Dionigi di Alicarnasso (3.36, in fine), il pontefice “Gaio” Pa-

pirio avrebbe invece rimesso insieme, dopo la cacciata dei re, i testo dei commentari ri-
tuali redatti da Numa Pompilio, già pubblicati da Anco Marcio su tavole lignee, poi
distrutte dal fuoco (cfr. pure Livio, 1.32.2). Della storicità delle leges regiae in generale
dubita, tra gli altri, il Carcopino, che pensa a una falsificazione operata nel I secolo
a.C., al fine di ricollegare il diritto romano ai princìpi della filosofia pitagorica, di cui
sarebbero evidenti le tracce nelle pene previste per le donne che bevono vino.
35

più recente è incline ad assimilare le c.d. leggi regie a ordinanze ema-


nate dal rex – e delle quali il monarca faceva constare le assemblee po-
polari –, che enucleano appunto cristallizzazioni o ‘precipitati’ consue-
tudinari; ovvero a disposizioni originate da esiti processuali, con parti-
colare attinenza al diritto pubblico e alla sfera sacrale. Ciò, in ultima
analisi, consente pure di tracciare fra i mores come tali e le nostre ‘leg-
gi’ una linea di demarcazione formale non del tutto impalpabile; posto
che il filtro attuato dalla pronuncia del sovrano vale se non altro a con-
notare quel preciso mos con il segno di un’ufficiale presa d’atto, e a ri-
servargli così uno spazio a parte nella coscienza giuridica collettiva.
Circa la valenza storica dei mores in generale, e per concludere, va
ricordato che ancora nel II secolo d.C., in un’epoca ormai dominata
dal diritto positivo scritto, Gaio li nomina nel primo paragrafo delle
sue Istituzioni (A,2), ma il dato di cui sopra e il pressoché totale assor-
bimento dei loro contenuti ancora vitali in altre fonti di epoca poste-
riore, fa sì che lo stesso giurista poco dopo, come si è visto, li ometta
nell’elencare i vari filoni che sostanziano il diritto del popolo romano.

3. Lex XII tabularum (legge delle dodici tavole). È un antico corpus


legislativo, rimasto per questa sua struttura un unicum nella storia giuri-
dica romana fin quasi alla metà del V secolo d.C., allorché fu pubblica-
to il Codice Teodosiano (infra, cap. VII.5); quantunque la molteplicità
dei settori toccati dalle XII tavole ne individui un adeguato contraltare
solo nel primo Codice di Giustiniano, del 529 d.C. (infra, cap. VIII.2).
Secondo l’articolato racconto tradizionale, verso la metà del V seco-
lo a.C. i plebei avanzarono la richiesta di una legislazione scritta che
mettesse il diritto alla portata di tutti i consociati, sottraendolo così al
monopolio pontificale, mitigasse la condizione dei debitori e rendesse
lecite le nozze tra patrizi e plebei. Dopo prime resistenze, la domanda
fu accolta: si inviò in Grecia un’ambasceria per studiare le leggi elleni-
che e, nel 451 a.C., sospese le magistrature ordinarie, si nominò una
commissione di dieci uomini, i decemviri legibus scribundis, con il com-
pito di redigere il predetto corpus. L’esito fu, sulle prime, positivo: ven-
nero composte in quell’anno dieci tavole di leggi, ‘eque’ e preventiva-
mente sottoposte ai comizi. Ma i decemviri, assumendo che l’opera non
era compiuta, pretesero e ottennero la proroga della magistratura spe-
ciale per l’anno successivo (450 a.C.). A questo punto la vicenda cam-
36

biò aspetto, poiché il secondo decemvirato, malgrado annoverasse nel


suo abito tre plebei, diede pessima prova di sé, non solo per la scarsa
attenzione dedicata al lavoro legislativo, ma anche per i palesi atteggia-
menti tirannici mostrati dai decemviri e in particolare dal loro capo,
Appio Claudio. L’episodio di Virginia, giovane plebea rivendicata in
schiavitù da un cliente di Appio Claudio per consegnarla al patrono e
uccisa dal padre per tutelarne l’onore, segnò l’apice dello scontento, la
cacciata dei decemviri e la restaurazione delle magistrature ordinarie.
Nel 449 a.C. i consoli pubblicarono tuttavia tanto le dieci tavole di leggi
‘eque’, quanto le ultime due ‘inique’, frutto del secondo decemvirato.
Il racconto tradizionale è stato sottoposto, specialmente a partire
dal secolo XIX, a un penetrante vaglio critico, che in taluni casi ha in-
dotto gli interpreti a negargli del tutto credito e a contestare così non
solo l’autenticità del decemvirato ma anche quella delle stesse XII ta-
vole3. Oggi si è tuttavia propensi a prestar fede nella sostanza al qua-
dro offerto dalla tradizione, sia pure sfrondato di taluni particolari di
complemento. La letteratura latina nel suo complesso, e non solo quel-
la giuridica, è infatti costellata di riferimenti anche testuali a questo
monumento legislativo (infra, cap. IV.5), che informa della propria au-
torità la stessa temperie culturale del principato. Benché il tenore del-
l’antico codice non sia stato tale da soddisfare del tutto le richieste del-
la plebe – rimasero in particolare una fiera esecuzione sulla persona
del debitore insolvente e il divieto di matrimonio fra i due ordini4 –,

3 Il Pais, seguendo una direttrice già tracciata dal Vico e dal Cornewall Lewis, riten-

ne che la legge delle XII tavole non fosse che il prodotto dell’elaborazione giuridica
svoltasi gradualmente sugli antichi mores quiritari nel IV secolo a.C., e condensata al-
l’epoca del censore Appio Claudio Cieco (312-304 a.C.) in una raccolta ufficiale. Il de-
cemvirato e le sue vicende sarebbero la duplicazione – fenomeno invero non infrequen-
te nel tessuto tradizionale (infra, cap. IV.2) – dell’episodio di Gneo Flavio, scriba del
predetto censore, che nel 304 a.C. sottrae ai pontefici e pubblica i formulari delle azioni
e il calendario: lo rivelerebbe tra l’altro la sospetta omonimia che lega il magistrato della
fine del IV secolo a.C. al leggendario capo del collegio legislativo. Il Lambert andò an-
cora oltre, radicalizzando la tesi del Pais, che, sebbene non persuasiva, risulta tuttavia
finemente elaborata e non priva di spunti fecondi. L’autore francese ha pensato a una
silloge di massime e proverbi tradizionali, operata da Sesto Elio Peto Cato (console nel
198 a.C.) utilizzando materiale consuetudinario, e a cui lo stesso giurista avrebbe appo-
sto il carisma dell’antica ascendenza decemvirale. Senza peraltro – ma questo sono i cri-
tici del Lambert a sottolinearlo – che nessuno, in un’epoca ormai tutt’altro che preisto-
rica, sia stato in grado o abbia pensato di smascherare un simile apocrifo.
4 Tali nozze furono rese lecite dalla lex Canuleia, forse del 445 a.C.
37

esso segna una tappa fondamentale verso la laicizzazione del diritto e


la certezza del medesimo sulla base di una normativa scritta. Non si
tratta pertanto del progresso esclusivo di una classe sociale, ma del-
l’ascesa di un’intera comunità civile, che acquista coscienza della pro-
pria capacità di autoregolamentazione positiva.

4. Leges (comitiales) (leggi [comiziali]). Sono le norme giuridiche


approvate formalmente dal popolo riunito nei comizi, in particolare
quelli centuriati e tributi. Il comizio centuriato, dovuto secondo la tra-
dizione al re Servio Tullio è, quanto meno in origine, l’esercito investi-
to di funzioni civili. Come l’esercito comprende tutti i cittadini maschi
atti a portare le armi (dai 17 ai 60 anni), dell’esercito ha la stessa cellu-
la, la centuria appunto, che dà nome al comizio. Nella struttura che
meglio ci è nota tuttavia tale assemblea mantiene dell’originaria natura
militare solo alcuni connotati esteriori. Le varie centurie dei cives sono,
a loro volta, raggruppate in classi sulla base del censo, in modo da rea-
lizzare contemporaneamente un duplice principio di prevalenza. Pre-
messo che: a) ogni centuria esprime un solo suffragio, determinato dal-
la maggioranza di quelli espressi dai suoi membri; b) le prime classi,
dei più abbienti, contano più centurie delle altre (la coppia di testa ne
ha già la maggior parte: 98 su un totale di 193); c) in ciascuna classe le
centurie dei seniores (dai 46 ai 60 anni) sono presenti in numero ugua-
le a quelle dei iuniores (dai 17 ai 45); si evince con facilità il peso politi-
co maggiore attribuito ai più ricchi e ai più anziani, chiamati a operare
in centurie meno dense.
Seguiamo ora brevemente l’iter di approvazione di una legge. La
proposta (rogatio, cioè interrogazione [del popolo]5), presentata da un
magistrato con facoltà di convocare l’assemblea (ius agendi cum
populo; proprio dei consoli, pretori e dittatori), rimane di solito espo-
sta al pubblico per il tempo di tre mercati (trinundinum), per consen-
tirne presa d’atto e discussione. Quindi il comizio si riunisce, i vari nu-
clei del popolo legislatore esprimono nell’ordine la propria scelta, e, a

5 Le leggi comiziali si dicono perciò anche rogatae. Di diversa natura sono le c.d.

leges datae, emanate da un magistrato su delega popolare, per lo più al fine di costitui-
re municipi o colonie.
38

maggioranza raggiunta, la votazione si interrompe. Il voto, che dopo le


leggi tabellariae (inizi del II secolo a.C.) va reso per iscritto, può essere
di approvazione (VR: uti rogas, come domandi); di rifiuto (A: antiquo
iure utor, mantengo il diritto antico); di astensione (NL: non liquet, la
cosa non è chiara). Il progetto di legge va dunque approvato o respinto
in blocco: nessun emendamento è possibile. Le leggi prendono il nome
dal magistrato proponente: di solito si tratta dei due consoli, quindi,
ad es., lex Fufia Caninia, lex Aelia Sentia, ecc., e recano sovente una
concisa indicazione dell’argomento: ad es., lex Atinia de usucapione,
lex Atilia de tutore dando, talora indispensabile onde evitare equivoci
in caso di omonimia: ad. es. lex Furia de sponsu e lex Furia testamenta-
ria. Le leges publicae, cioè ‘popolari’, contengono normalmente tre nu-
clei: la praescriptio, col nome del proponente, la data e il luogo della
votazione, la rogatio, ossia il testo vero proprio compresa l’eventuale
comminatoria di sanzioni6, e la sanctio, che regolava per lo più i rap-
porti tra la nuova legge e quelle precedenti: frequente il c.d. caput tra-
laticium de impunitate, che esentava da pena chi, in ossequio alla legge
in oggetto, trasgredisse al comando di leggi anteriori di contenuto dif-
forme.

5. Plebiscita (plebisciti). Sono le norme giuridiche approvate for-


malmente dalla plebe riunita nei concilia plebis tributa, su proposta del
tribuno. Gaio (1.3; A,2) spiega che in origine i patrizi sostenevano di
non essere tenuti all’osservanza dei plebisciti, perché approvati senza

6 A proposito della sanzione, è interessante notare come non sempre le leggi che

vietavano determinati atti di diritto privato ne fossero fornite. Dal brano iniziale, pur-
troppo mutilo, dei Tituli ex corpore Ulpiani (pr. 1,2; A,182; sulla fonte infra, cap. VII.
8) si evince che le leges imperfectae ne risultavano del tutto sprovviste. Esse dunque
non disponevano né la nullità dell’atto inibito né alcun’altra conseguenza a carico del
trasgressore: legge di tale natura era, ad es., la Cincia in tema di donazioni (204 a.C.).
In altri casi, si tratta delle leges minus quam perfectae, l’atto illecito non veniva rescisso
ma si infliggeva una pena all’autore o al destinatario: cosi, ad es., la lex Furia in tema di
riduzione dei legati (200 a.C.?). Perfectae erano evidentemente le leges che commina-
vano l’annullamento dell’atto vietato: sul punto i Tituli presentano una lacuna, ma
esempi di tali leggi sono quasi certamente da individuarsi nella Fufia Caninia (2 a.C.) e
nella Aelia Sentia (4 d.C.), limitatrici delle manomissioni. Nessun esempio sembra infi-
ne annoverare la categoria, meramente teorico-congetturale e parametrata sulle tre
predette, delle leges plus quam perfectae, e cioè al tempo stesso rescindentes e afflittive.
39

la loro partecipazione, ma che poi la lex Hortensia (287 a.C.; per pre-
cedenti segnalati dalla tradizione vedi infra, cap. IV.2) equiparò tali
statuizioni alle leggi comiziali, rendendole quindi vincolanti per tutto il
popolo. La presenza ininterrotta in Roma dei tribuni (a differenza dei
consoli, spesso impegnati in operazioni belliche), la maggiore agilità
dovuta alla struttura del concilium, le mutate condizioni di un rappor-
to di forza che ormai avrebbe visto prevalere nella stessa assemblea
centuriata l’elemento della piccola proprietà e del proletariato, non-
ché, infine, nell’ultimo secolo della repubblica, un clima politico malfi-
do che rendeva poco salutare la convocazione in campo di Marte del
popolo votante al completo, determinarono una netta preferenza ac-
cordata a questo genere di procedura. Nella pratica poi la denomina-
zione di lex attribuita anche a queste norme – si pensi alla legge Aqui-
lia sul danneggiamento (J.4.3.15; B,166) – ne fece sovente dimenticare
l’origine plebiscitaria. I plebisciti d’altronde erano del tutto strutturati
sulla falsariga delle leggi.

6. Senatus consulta (senatoconsulti). Sono le norme giuridiche ema-


nate dal senato: tale facoltà di normazione diretta è assunta dall’assem-
blea dei patres solo all’inizio dei principato. In precedenza l’organo se-
natorio forniva l’auctoritas alle leges e ai plebiscita, dava suggerimenti ai
magistrati sulle proposte di legge e, a quelli giusdicenti, sul contenuto
degli editti (infra, par. 8), infine, nell’ultimo secolo della repubblica e
nel quadro della lotta contro i democratici, si arrogava la potestà di sin-
dacare variamente sulla costituzionalità delle leggi e l’ambito dei desti-
natari vincolati alle medesime. Ma, come anticipato e malgrado la testi-
monianza di un passo di Cicerone (Top. 5.28) che molto ha fatto discu-
tere7, non si tratta finora di attività idonee a produrre norme di diritto
oggettivo, cioè di senatoconsulti nell’accezione in cui li intendiamo in
questa sede. Il primo esempio di senatus consultum normativo – stando
all’apparato testuale in nostro possesso – risale al 4 a.C., ed è precisa-

7 Vi si trova una sorta di rassegna, invero alquanto approssimativa, delle compo-

nenti del diritto romano nel suo complesso (così almeno sembra vada intesa l’espres-
sione ius civile, qui usata da Cicerone). Esse per l’oratore sono: le leggi, i senatoconsul-
ti, le sentenze giudiziali, l’auctoritas dei giuristi, gli editti dei magistrati, il costume,
l’equità.
40

mente il S. C. de pecuniis repetundis (sulle concussioni), inciso nella ste-


le che ci ha tramandato l’editto di Augusto ai Cirenei (FIRA I, 403 ss.).
Una simile prassi di normazione – poiché in effetti una formale investi-
tura del senato in tal senso non risulta – si andò via via affermando nel
I secolo d.C., favorita dalla contrazione dell’attività legislativa dei comi-
zi e dal progressivo cristallizzarsi dell’editto pretorio (infra, par. 8). A
una originaria disputa intorno al carattere vincolativo o no dei senato-
consulti allude di sfuggita Gaio in Inst. 1.4 (A,2; trad. Nardi): «Senato-
consulto è ciò che prescrive e stabilisce il senato, e tien luogo di legge,
benché se ne sia discusso». Qualche decennio più tardi, nella prosa del
giureconsulto Ulpiano (II-III secolo d.C.), di tale perplessità si è persa
ogni traccia (D.1.3.9): «non si dubita che il senato possa fare diritto».
Abbastanza rapidamente però la (in via di principio) libera determina-
zione del senato lascia il posto alla pedissequa approvazione della pro-
posta – e quindi della volontà – dell’imperatore, preventivamente ma-
nifestata all’assemblea: privilegiando la sostanza rispetto alla forma, si
parla in tal caso, propriamente, di oratio principis in senatu habita. Co-
sì, nonostante quest’ultima non sia tecnicamente autonoma, ma desti-
nata a provocare il senatus consultum, è, nella pratica, la sola a venir ci-
tata e commentata dai giuristi. Da un’iscrizione milesia del 177 d.C.8,
apprendiamo addirittura dell’esistenza di sedute senatorie ove veniva-
no presentate con un’unica oratio questioni tra loro diversissime, sulle
quali poi i patres esprimevano un’altrettanto unica, indistinta acclama-
zione. In piena età del dominato è comprovata dai testi un’ attività de-
cisionale del senato, in taluni limitati settori non del tutto priva di auto-
nomia: l’efficacia di tali atti – identificati talora col termine senatus con-
sulta – è tuttavia formalmente subordinata alla conferma imperiale.
I senatoconsulti prendono il nome dal console proponente: ad es. S.
C. Trebelliano, del 56 d.C. (in quell’anno Trebellio Massimo era colle-
ga di Anneo Seneca: Gai. 2.253; A,67), S.C. Pegasiano, del 69-70 (con-
soli Pegaso e Pusione: Gai. 2.254; A,67). In altri, ma molto rari, casi il
senatoconsulto attinge altrove la propria denominazione: il già noto
S.C. Macedoniano, ad es., ricorda nel nome il soggetto che con il pro-
prio operato ne consigliò l’approvazione (supra, cap. I.2). I senatus
consulta ebbero come prevalenti settori d’intervento il diritto crimina-

8 Per testo e commento dell’epigrafe cfr. Musca, in Labeo, 31, 1985, pp. 7 ss.
41

le, dove attrassero nell’orbita delle leges istitutive di quaestiones fatti-


specie originariamente non previste dalle stesse, e il diritto privato, ove
in più di un caso operarono profonde e incisive riforme di interi istitu-
ti: accanto ai SS. CC. Trebelliano e Pegasiano già citati, sul fedecom-
messo di eredità, da segnalare in questo ambito i SS. CC. Tertulliano e
Orfiziano (II secolo d.C.), che attribuiscono titolo civile alla successio-
ne intestata della madre al figlio e del figlio alla madre.

7. Constitutiones principum (costituzioni dei principi). Sono la di-


retta espressione della volontà imperiale. Gaio, in Inst. 1.5 (A,2), in
contrapposizione a quanto in precedenza notato per i senatus consulta
(1.4, supra, par. 6), scrive che non si è mai posto in dubbio il loro ca-
rattere vincolante. Eppure il fondamento del potere normativo in capo
al principe isola uno dei temi più ardui e dibattuti della moderna sto-
riografia non solo giuridica. Sul piano meramente formale, premesso
che Augusto si dichiarò custode e continuatore della costituzione re-
pubblicana, solo le assemblee popolari potevano emanare leggi e al
princeps spettava semmai il diritto di farsene promotore. Questa via,
della legislazione comiziale, è in effetti praticata in qualche misura per
quasi tutto il I secolo d.C. E tuttavia quel quiddam, decisivo in ambito
fattuale ancorché sfuggente nella teoria, costituito dall’auctoritas di cui
godono l’artefice del nuovo status e i suoi successori, non solo fa sì che
comitia e concilia si limitino, nella sostanza, a ratificare la volontà del
sovrano – vedi supra, par. 6, quanto accade per i senatus consulta –, ma
finisce pure per rendere inutile questa sorta di prassi ‘legalitaria’, pro-
curando vera e propria efficacia di norme giuridiche alle intenzioni del
principe manifestate entro determinati involucri formali. Stando co-
munque a un filone teorico sostanzialmente continuo, che parte dal II
secolo, ha riscontri nel III, e confluisce nella compilazione giustinianea
(Gai. 1.5, cit.; D.1.4.1.pr., Ulpiano 1 inst. [A,177], J.1.2.6 [B,11]), il
fondamento del potere normativo in parola è ricollegato alla lex de im-
perio, con cui l’imperatore si vedrebbe delegata dal popolo la propria
facoltà di far legge. Ma risulta al contempo assai significativo anche il
dato espresso da un altro nucleo di fonti, in origine probabilmente con
portata ristretta a determinati ambiti ma destinato poi ad assurgere al
rango di dogma generale, che vuole il princeps legibus solutus, cioè non
vincolato dalla legge e al di sopra della medesima.
42

La volontà dell’imperatore produttiva di norme giuridiche può assu-


mere le seguenti forme: 1) orationes, disposizioni di portata generale
proclamate dal sovrano davanti ai patres e caratteristiche dell’età del do-
minato, ora autonome anche formalmente perché non finalizzate a un
senatoconsulto (orationes non più ‘in senatu’, ma ‘ad senatum’); 2)
edicta, ordinanze sulla falsariga terminologica di quelle dei magistrati
giusdicenti (infra, par. 8), pure con portata generale che investe interi
territori (ad es. una o più province); 3) mandata, istruzioni ufficiali im-
partite ai funzionari e in particolare ai governatori provinciali, visti qui
sotto l’aspetto di mandatari (rilevanti le innovazioni apportate con tale
mezzo in alcuni settori del diritto privato: si pensi al testamentum
militis); 4) decreta, decisioni giudiziarie pronunciate dal principe in fase
di gravame o in unica istanza; 5) epistulae e rescripta, risposte fornite a
postulanti, funzionari o comunità nel primo caso, privati nel secondo,
che, in rapporto a un caso concreto, interrogano l’imperatore – e il suo
consilium di esperti – sul punto di diritto. L’epistula (lettera) consiste in
una risposta su foglio distinto da quello contenente la domanda, il re-
scriptum (scritto in risposta) appare invece, sul piano formale, come re-
sponso fornito sullo stesso foglio contenente la richiesta (supplicatio): il
privato se ne servirà in sede giudiziale, e la contestualità di domanda e
risposta garantisce al giudicante l’attinenza e la congruità della soluzione
imperiale al preciso casus dibattuto e non ad altri. Tanto i decreta quanto
le epistulae e i rescripta, se non applicano diritto in vigore, valgono in li-
nea di principio solo per il caso specifico in rapporto al quale sono stati
formulati, ma l’autorità del principe e il procedimento di astrazione
compiuto dai prudentes (infra par. 9), che distillano le varie regulae iuris
utilizzando tali fonti alla stregua di quelle propriamente autoritative, fi-
nisce gradualmente con l’imporle come vere e proprie norme generali
(vedi anche infra, cap. X.3). Il termine constitutiones sussume tutte que-
ste forme di espressione della volontà imperiale (cfr. D.1.4.1.1; A,177;
ove si amplia la rassegna gaiana [1.5, cit.]), ma in origine esso non era
dotato di questa valenza di onnicomprensività: il dato, da tempo messo
in luce in dottrina, risulta ora confermato dal testo della lex Irnitana,
legge municipale recentemente pervenutaci per via epigrafica, in cui il
termine constitutiones è affiancato a quelli di edicta e decreta9.

9 Sul punto vedi Gimenez-Candela, in RIDA, 3.30, 1984, in particolare pp. 139 ss.

Secondo l’autrice, nel testo della lex Irnitana, oltre alle epistulae, il termine ricompren-

www.torrossa.com – Uso per utenti autorizzati, licenza non commerciale e soggetta a restrizioni.
43

Cessata nel I secolo d.C., dopo un effimero revival, la legislazione


comiziale, definitivamente sclerotizzato verso la metà del II secolo d.C.
l’editto pretorio (infra, par. 9), relegati i senatus consulta a mere accla-
mazioni della volontà imperiale espressa nell’oratio (supra, par. 6), e
tramontata infine, nella seconda metà del III secolo d.C., l’attività
creativa e sistematrice della giurisprudenza (infra, par. 9), le costituzio-
ni imperiali restano – insieme con la consuetudine, ma rispetto a que-
sta su un gradino ben più alto (infra, par. 10) – l’unica fonte vitale del-
l’età postclassica e giustinianea; e il termine lex – per dirla con il Gau-
demet, resosi ormai da gran tempo disponibile – identifica adesso, sen-
za alcuna possibilità di equivoco, la fonte che ha inesorabilmente tra-
volto tutte le altre.

8. Magistratuum edicta (editti dei magistrati). Sono i programmi


emanati dai magistrati forniti di imperium e investiti di funzioni giuri-
sdizionali; in particolare, il pretore urbano (istituito, come si è visto,
nel 367 a.C.), il pretore peregrino (istituito nel 242 a.C.)10, gli edili cu-
ruli (ancora 367 a.C.), i governatori e questori provinciali (Gai. 1.6;
A,3). L’editto che in questa sede può essere considerato paradigmatico
per la sua enorme importanza storica è quello del praetor urbanus,
chiamato ad amministrare la giustizia fra i cittadini romani.
L’edictum deriva dal potere di ordinanza del magistrato e contiene
le regole e i criteri a cui egli si atterrà durante l’anno di carica nell’eser-
cizio della giurisdizione. Nel regime del processo formulare, che si so-
stituisce gradualmente a quello più antico delle legis actiones (Gai.
4.30-31; A,116), il pretore esercita una funzione di particolare impor-
tanza: nel primo stadio della causa, che si svolge davanti a lui (in iure),
egli infatti condensa in una schematica istruzione scritta, la formula, i
termini della controversia da dirimere, indicando il fatto che l’ha origi-
nata, il rapporto di cui si tratta, e quali conseguenze il giudice privato,
nell’altra fase del procedimento, che si svolge davanti a questo (in iudi-

derebbe anche (traduco) «decisioni verbali, prese dall’imperatore nel corso di una
conversazione più o meno ufficiale, ma che potevano avere l’effetto di una decisione
normativa ed essere pure l’oggetto di una propositio». Il che, a dire il vero, desta alcu-
ne perplessità.
10 Il praetor peregrinus ha giurisdizione nelle controversie tra cittadini e stranieri.
44

cio), deve trarre a seconda che gli risultino o no provate le circostanze


allegate dalle parti. Al iudex non resta così che seguire un itinerario
prestabilito e che non gli è dato mutare – non potrebbe, ad. es., quali-
ficare come locazione un rapporto che nella formula stato etichettato
come deposito –: si tratta di valutare le prove (elementi di fatto) e pro-
nunciare la sentenza sulla falsariga dell’istruzione del praetor, che è
dunque il vero signore del processo. Orbene egli può riconoscere tute-
la a situazioni già previste dal diritto civile, ma può anche tutelarne di
nuove, fino ad allora sfornite di difesa, col risultato a volte di integrare,
a volte di correggere il sistema civilistico (si ricordi il passo di Papinia-
no in D.1.1.7.1, riportato supra nel par. 1). Va però sottolineato che in
quest’ultimo caso, per così dire di attrito, non si tratta di abrogazione
del ius civile, incompatibile con i limiti costituzionali imposti alla magi-
stratura pretoria, ma di mancato riscontro in sede giurisdizionale di
una normativa che, nella sua sfera, continua a essere formalmente in
vigore, via via affiancata dall’ordinamento di origine magistratuale di
cui si sono qui accennate le connotazioni. Così, accanto al proprietario
per diritto civile (dominus ex iure Quiritium), il solo a potersi dire tale
ma che del mero titolo deve peraltro accontentarsi, potremo talora tro-
vare un soggetto diverso che, concretamente e forte della tutela preto-
ria, ha la cosa tra i suoi beni (in bonis habere); accanto a un heres, tito-
lare per diritto civile dei beni del defunto, potrà figurare un bonorum
possessor (possessore dei beni [ereditari]) che ne ha l’effettivo godi-
mento. Nei due esempi fatti tuttavia, a testimonianza di una sorta di
compenetrazione di fondo tra i due ordini, l’impasse non è in genere
destinata a protrarsi sine die, perché funge da ‘cerniera’ l’istituto del-
l’usucapione, per cui, dopo al massimo un biennio, chi ha la cosa in
bonis e il bonorum possessor ne acquistano anche la titolarità quiritaria.
L’editto è formulato in modo per cui il pretore parla in prima perso-
na all’indicativo futuro (‘iudicium dabo’, ‘iri iubebo’, ‘solvere aut iurare
cogam’, ecc.): egli dunque si autoimpegna a fornire, nelle circostanze
ipotizzate, determinati rimedi – fino alla legge Cornelia (67 a.C.) pare
anzi che il tenore dell’editto fosse vincolante per il praetor solo sul pia-
no dell’opportunità politica –, ma è evidente che i consociati, sapendo a
quali conseguenze andranno incontro specifici comportamenti nell’ am-
bito della giurisdizione pretoria, si sentiranno autorizzati o, al contrario,
diffidati in ordine ai medesimi. L’editto mantiene vigore per tutto l’an-
no di carica del pretore che lo ha stilato, e si dice edictum perpetuum.
45

Col termine, non tecnico però, di edictum repentinum si qualificano


estemporanee integrazioni apportate nel corso dell’anno. Succede tutta-
via che le clausole edittali che l’esperienza ha dimostrato frutto di scelte
felici siano riproposte con continuità dai successivi pretori nei loro edic-
ta, e vengano così a costituire un nucleo (edictum tralaticium) che di-
venta sempre più ingente, relegando a uno spazio per converso sempre
più esiguo l’attività innovativa del magistrato in carica rispetto ai prede-
cessori. Questo processo di congelamento si accentua nell’età del prin-
cipato per l’inevitabile isterilirsi a cui sono destinate le fonti che non
esprimono la diretta volontà imperiale. La fase di cristallizzazione si
chiude intorno al 130 d.C., allorché l’imperatore Adriano affida a Salvio
Giuliano, il maggiore giureconsulto dell’epoca, il compito di fornire, si-
stemandone il contenuto, la redazione finale dell’editto: l’edictum perpe-
tuum; perpetuum ora nel senso di immutabile, destinato a valere in futu-
ro soltanto in quella finale formulazione11. Ulteriori aggiunte sono pos-
sibili in forza di constitutiones imperiali, anche se, in alcuni rari casi,
sembra si siano avute integrazioni ancora di marca pretoria.
Il diritto espresso dagli editti dei magistrati si dice, come abbiamo
visto, onorario (da honos = magistratura); la parte più importante di
esso è costituita dal diritto pretorio, e lo è tanto che i due termini ‘ono-
rario’ e ‘pretorio’ finiscono con il considerarsi in questo campo quasi
sinonimi.

9. Responsa prudentium (responsi dei competenti). Questa è


l’espressione adottata da Gaio nella sua rassegna in testa al manuale
(1.2,7; A,2,3; vedi pure J.1.2.3,8; B,11,2), ma, a dire il vero, è l’attività
giurisprudenziale nel suo complesso che può qualificarsi fonte di dirit-
to (prova ne sia che di ‘auctoritas’ iurisperitorum o prudentium parlano,
come si vide, Cicerone [Top. 5.2; supra, n. 7] e Papiniano [in
D.1.1.7pr.; supra, par. 1]). Si tratta però in genere di fonte indiretta,
nel senso che l’elaborazione dei prudentes non pone norme generali e
astratte assimilabili a quelle del cosiddetto diritto legislativo (leges, ple-
biscita, senatus consulta e, in linea di massima, constitutiones

11 La finale redazione giulianea dell’editto è negata dal Guarino, ma si tratta di una

tesi pressoché priva di seguito. Qualche propensione affiora in alcuni scritti del Can-
nata.
46

principum), ma formula regole interpretative osservate dai consociati e


applicate dai giudici per l’auctoritas di cui gode il giurista sul piano so-
ciale; ovvero influisce, in forza della medesima autorevolezza, su altre
fonti, quali l’editto del pretore, a cui suggerisce l’inserzione di determi-
nati rimedi, e le costituzioni imperiali, poiché del consilium principis
fanno parte, appunto, gli esperti di diritto. Ma se, ad es., il responso
sul caso singolo, almeno in età repubblicana, non può dirsi immediata
fonte di norme giuridiche, la reiterata applicazione del principio che vi
è sotteso ad altre fattispecie di segno analogo in seguito al favorevole
riscontro da parte dei consociati (receptio moribus), e la conseguente
generalizzazione della regula operata dagli stessi giuristi nelle loro ela-
borazioni teoriche, finiscono con l’isolare una massima che si astrae dai
casus originari, imponendosi progressivamente, nella mentalità degli
utenti, come vera e propria norma. Al tempo stesso l’interpretazione
della legge delle XII tavole crea sul corpo dell’antico codice decemvi-
rale una rigogliosa fioritura ermeneutica, che non si pone mai formal-
mente come norma autonoma, perché risulta sempre sussunta sotto
l’egida del corpus legislativo del V secolo a.C., come se fosse stata la
medesima lex a fissare quelle regole, ma risulta nella sostanza profon-
damente innovativa, tanto da costituire la base fondamentale del dirit-
to civile: «diritto civile – scrive Pomponio (D.1.2.2.12) – che, non
scritto, consiste nella sola interpretazione dei competenti».
In epoca augustea sorge il ius respondendi ex auctoritate principis.
Questa sorta di ‘patente di buon giurista’, come l’ha definita il Guari-
no, fa sì che i ‘tecnici’ a cui è concessa – evidentemente non sgraditi al
principe – emettano responsi che, nel caso singolo, il giudice è tenuto a
seguire: non è più solo il prestigio del giurista a determinarne l’osser-
vanza, stavolta, quanto piuttosto il sigillo impresso dall’imperatore al-
l’attività rispondente del giureconsulto. La vincolatività non va oltre il
caso concreto che ha originato il responso, ma la concordia dei respon-
si su una determinata casistica crea una norma generale che ha valore
di legge e si pone come vincolante per qualsiasi giudice (Gai.1.7; A,3;
che attribuisce il principio a un rescritto di Adriano): in caso di opinio-
ni non allineate, il giudicante può applicare la soluzione che più lo
convince, ma non può comunque esulare dal ventaglio delle sententiae
espresse dai prudentes.
La giurisprudenza convive, per così dire, felicemente col potere im-
periale per tutta l’età del principato, toccando anzi nel cosiddetto pe-
47

riodo classico l’apice del suo rigoglio, e in definitiva può dirsi la fonte
che più a lungo delle altre procrastina la propria pur inevitabile
caduta12. Il periodo dell’anarchia militare seguito alla morte di Ales-
sandro Severo, che apre la strada al dominato, finisce col travolgerla.
Ma dalle opere dei giureconsulti classici, che custodiscono il ‘ius’ nella
nuova accezione del termine, non si potrà comunque prescindere: va-
stissimi settori in particolare del diritto privato, trovano la loro esclusi-
va regolamentazione in quel grande ‘serbatoio’ di esperienza giuridica
costituito dagli scritti degli interpreti. L’utilizzazione e la sistemazione
del ius costituisce anzi uno dei temi più affascinanti e dibattuti dell’età
postclassica e giustinianea.
È opportuno ora, per una migliore comprensione di quanto esposto
sopra e di altro che diremo in seguito, fornire alcune rapide nozioni sui
genera delle opere giurisprudenziali. In via di principio, sia pure con
qualche approssimazione, possono distinguersi opere di elaborazione
sistematica, di commento, di casistica, monografiche. Al primo tipo
appartengono il trattato di diritto civile di Quinto Mucio Scevola (II-I
secolo a.C.), in 18 libri; quello di Masurio Sabino (I secolo d.C.), in 3
libri; quello di Gaio Cassio Longino (I secolo d.C.), in almeno 10 libri.
Può pure ascriversi a questo settore la produzione legata alla didattica
elementare, che tuttavia concreta un genere minore; autori di Institu-
tiones sono Gaio (II secolo d.C.), Fiorentino (II secolo d.C.), Callistra-
to (II-III secolo d.C.), Paolo (II-III secolo d.C.), Ulpiano (II-III secolo
d.C.) e Marciano (III secolo d.C.). Le Istituzioni di Fiorentino e di
Marciano sono peraltro manuali ampi, rispettivamente in 12 e 16 libri,
per carattere e finalità diversi dagli altri, nel complesso assai più agili.
Due fondamentali archetipi per le opere di commento possono dir-
si i già citati libri di diritto civile da un lato, e gli editti magistratuali,
primo fra tutti quello del pretore urbano, dall’altro. Quantunque non
manchino opere ad Quintum Mucium e ex Cassio, è il trattato di Sabi-
no a costituire la base dei grandi commentari relativi a questa branca
del diritto, in particolare di Pomponio (II secolo d.C.), Paolo e Ulpia-
no. Le prime elaborazioni ispirate alla materia edittale sono di Servio
Sulpicio Rufo (I secolo a.C.) e Aulo Ofilio (I secolo a.C.), a cui è dovu-

12 Dell’ambito applicativo della consuetudine si è già fatto un accenno (supra, par.

7, in fine) e altro si dirà infra, al par. 10.


48

ta – scrive Pomponio (D.1.2.2.44) – una diligente compositio edicti.


Anche in questo campo tuttavia i commenti a noi più noti, sovente di
struttura monumentale, sono firmati da Pomponio, Paolo e Ulpiano;
mentre all’editto provinciale è dedicata un’opera di Gaio, in 32 libri.
Un ruolo importante occupano infine i testi di commento alla legge
delle XII tavole, nonché a un discreto numero di leges publicae e sena-
tus consulta normativi.
In una sorta di ‘zona grigia’ tra sistematica e casistica, si collocano,
nonostante il nome (digero = dispongo organicamente), i libri digesto-
rum, non vincolati allo schema di una precedente opera giurispruden-
ziale o dell’edictum (e tuttavia alla struttura di quest’ultimo in non lie-
ve misura tributari). I digesta infatti, oltre a parti di impianto lato sensu
dogmatico, contengono anche settori più propriamente di miscellanea.
E, in generale, si tratta di opere destinate a lasciare impronta scientifi-
ca di rilievo; onde i giuristi che hanno praticato questo genus, in primis
Giuliano, e poi Celso figlio, Marcello e Cervidio Scevola (tutti del II
secolo d.C., i due ultimi più prossimi al suo declinare), vengono giusta-
mente considerati tra gli autori più profondi e originali dell’intera
scientia iuris romana.
La letteratura casistica è occupata soprattutto dagli scritti di respon-
sa – ne sono autori la maggioranza dei giuristi classici – e di quaestio-
nes. Negli uni e nelle altre campeggia la figura di Papiniano (II-III se-
colo d.C.), beneficiario sia presso i contemporanei sia successivamente
per secoli di una fama non paragonabile a quella di alcun altro; fama,
va detto, tutt’altro che usurpata sul piano dei valori assoluti, viziata
forse da una punta di eccesso nel suo riflesso comparatistico. I libri di
responsa isolano raccolte di pareri forniti dal giurista nel corso della
sua attività consultiva, le quaestiones implicano pure, in genere, la
componente del principio non consolidato e quindi del gioco delle
opinioni contrapposte su cui prender partito. Quaestiones sono ancora
dovute a Africano (II secolo d.C.), a Cervidio Scevola, a Paolo. Trifoni-
no (II-III secolo d.C.) e Ulpiano scrivono propriamente disputationes,
ma la struttura è analoga.
Quanto infine al settore monografico, segnaliamo qui in breve i li-
bri de officio, su ruolo e compiti di talune magistrature; gli studi speci-
fici relativi a branche giuridiche particolari, quali il diritto militare, fi-
scale, municipale, ecc.; nonché a importanti istituti privatistici, come il
matrimonio, le manomissioni, i testamenti, e altro ancora.
49

10. Consuetudo. La consuetudine, che come i mores, appartiene


concettualmente alla formazione del diritto operata attraverso compor-
tamenti attuativi, entra nel catalogo delle fonti soltanto in epoca tardo-
romana, quando, a partire da Costantino, si delinea con chiarezza il
passaggio da un’interpretazione autorizzata dall’imperatore a un’inter-
pretazione riservata alla persona del sovrano medesimo, che si pone
quindi non solo come unico creatore, ma anche come unico interprete
delle leggi, e va in tal modo a occupare lo scarso spazio rimasto libero.
Ancorché un decisivo impulso alla sua introduzione nell’ambito dei
mezzi di produzione del diritto sia da attribuirsi alla Constitutio Anto-
niniana (infra cap. IV.6), in seguito alla quale i diritti locali non contra-
stanti con il diritto ufficiale di Roma sopravvivono in mera funzione
sussidiaria, ovvero in quanto valgano a integrare quest’ultimo sul piano
locale.
E sussidiaria rimane in fondo, per tutta l’età postclassica, la funzio-
ne della consuetudo rispetto alla legge imperiale. Lo dice chiaramente
la costituzione di Costantino del 319 d.C. accolta nel Codice giustinia-
neo (C.8.52[53].2), che ammette la consuetudine, a cui riconosce una
non vilis auctoritas, solo a condizione che non contrasti con la legge o
con la ragione, ossia se insista sopra un fondamento razionale (in un’al-
tra costituzione [ancora di Costantino o di Giuliano l’Apostata (C.Th.
5.20.1)] si richiede il non contrasto con la pubblica utilità). Non è am-
messa dunque da Costantino la consuetudo contra legem (sistematica e
durevole violazione di un precetto legislativo) – che, si badi, non va
confusa con la desuetudo, sempre operante, e che consiste nel non uti-
lizzare per lungo tempo istituti o rimedi introdotti da una legge, senza
perciò stesso violarla13 –; è ammessa invece quella praeter legem, ossia
limitatamente a ambiti non regolati dalle leggi imperiali, purché, come
si è detto, non confligga con la ratio.

13 La costituzione in C.Th.1.1.5, del 429 d. C., con la quale Teodosio II dà l’avvio

al suo primo progetto di codificazione rimasto senza esito, impone ai commissari di in-
serire nel codice delle leges generales, che ha dichiarati scopi scientifici, anche quelle
non più in vigore in quanto cadute in desuetudine (quae mandata silentio in desuetudi-
nem abierunt). Orbene, poiché come vedremo (infra cap. VII.5) questo codice doveva
raccogliere tutte le leggi generali da Costantino in poi, si evince che le leggi cadute in
desuetudine di cui là si parla sono necessariamente leggi costantiniane e degli impera-
tori fino a Teodosio II. Quindi la costituzione in C.8.52(53).2, del 319, citata nel testo,
non si riferiva alla desuetudo intesa in senso proprio.
50

Lo statuto costantiniano relativo ai rapporti tra consuetudo e lex


non è destinato a mutare sensibilmente nel VI secolo, ancorché – vedi
in particolare constitutio Tanta, 12 – sia abbastanza percepibile in Giu-
stiniano un atteggiamento più restrittivo di quello del suo predecessore
nei confronti della consuetudo praeter legem. È tuttavia dubbia, e per-
sonalmente sarei per la negativa, una aprioristica e radicale esclusione
anche di quest’ultima.
Capitolo IV

FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO ARCAICO

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La tradizione – 3. Le testimonianze epigrafiche del ‘rex’ –


4. Il Lapis Satricanus – 5. La palingenesi della legge delle XII tavole.

1. Premessa. Come si è spiegato, il periodo arcaico occupa all’incirca i


primi quattro secoli della storia di Roma (dal 754-753 a.C. al 367 a.C.). È
un’età, quanto al nostro studio, ancora innegabilmente oscura, e ciò, va
precisato, nonostante i risultati di rilievo da annotarsi nel bilancio della
recente archeologia; la quale, ad esempio, ha individuato sul Palatino, ove
secondo la tradizione (infra, par. 2) si sarebbe aggregato il primo nucleo
della Città, resti di capanne rettangolari, di fango e canne, risalenti pro-
prio all’ottavo secolo a.C.; parimenti ha messo in luce gli strati successivi
della pavimentazione del Foro, centro della vita politica; e ha restituito
nel complesso una fisionomia tutt’altro che impalpabile alla ‘grande Ro-
ma dei Tarquini’, consegnandola ormai a pieno titolo alla storia.
Non va però dimenticato che la pressoché totale carenza di fonti scrit-
te coeve funge, nel nostro specifico settore, da contrappeso negativo so-
stanzialmente inalleviabile, posto che lo studio storico del diritto non
può, per sua natura, prescindere dalla forma della testimonianza testuale.
Nei paragrafi che seguono ci occuperemo, nell’ordine, della tradi-
zione, dei reperti scritti che recano il nome del re, di un’interessante
epigrafe degli albori dell’età repubblicana (il Lapis Satricanus), e, infi-
ne, della palingenesi della legge delle XII tavole, su cui, per l’impor-
tanza che riveste la fonte e per i problemi che comporta, dovremo sof-
fermarci un poco più a lungo.

2. La tradizione. In rapporto al periodo arcaico nel suo complesso,


il generale tessuto connettivo in cui possono inserirsi le sporadiche te-
stimonianze pervenuteci direttamente, si identifica nella tradizione. Si
tratta di un lungo filone narrativo in chiave epica che segue le vicende
dello Stato romano a partire dalla fondazione di Roma e più indietro
52

ancora – fino a saldare le gesta di Romolo con quelle di Enea –, e dal


cui corso si diramano diversi rivoli minori che attengono alla storia di
questo o quel gruppo particolare. Il racconto, non di rado fornito di
varie versioni, fu dapprima tramandato oralmente, poi si cominciò ad
affidarlo alla scrittura, e così a noi è pervenuto, ma nelle opere di auto-
ri – soprattutto storici – molto tardi rispetto agli avvenimenti riportati,
e che hanno quindi operato su materiali di seconda o ulteriore mano.
Si è da tempo riconosciuto che la tradizione abbonda di falsificazio-
ni storiche, raggruppabili in parte sotto alcuni denominatori comuni;
L’anticipazione consiste nel retrodatare, talora di secoli, un determinato
evento: ad es., l’equiparazione dei plebisciti alle leggi comiziali è dovuta
alla lex Hortensia del 287 a.C. (supra, cap. III.5); ma nel racconto tradi-
zionale troviamo due leggi anteriori, una Valeria Orazia del 449 e una
Publilia del 339 a.C., di contenuto identico, onde il procronismo risul-
ta, almeno in parte, innegabile. La concentrazione fa sì che intorno a
una figura o a un evento chiave sia convogliata tutta una serie di fatti o
di conseguenze di segno analogo; ad es., a re Numa si attribuiscono tut-
ti i più importanti istituti della sfera religiosa; mentre nell’incendio galli-
co (387 a.C.?) – già dubbio di suo, posto che gli scavi non lo conferma-
no – è individuata la causa di ogni lacuna della memoria collettiva (vedi
anche infra, par. 5). La duplicazione produce di una vicenda un fac simi-
le immaginario destinato poi a una sede cronologica assai distante dal-
l’archetipo: ad es., è parsa sospetta agli studiosi l’analogia fra la fine di
Lucrezia, suicida perché violentata da Sesto Tarquinio, figlio del Super-
bo, donde poi la cacciata dell’ultimo re tiranno, e quella, già ricordata,
di Virginia, pure sacrificata per onore, che avrebbe determinato la ca-
duta del secondo collegio decemvirale (supra, cap. III.3). In tema di rac-
conti metafisici, quantunque abbondantissimi – si pensi a Romolo che
sale al cielo su un carro di fuoco, al sodalizio tra Numa e la Ninfa Ege-
ria, ecc. –, poco resta da aggiungere, dato che la loro astoricità è, come
dire, in re ipsa. Parecchie di queste falsificazioni sono dovute alla vanità
campanilistica di talune gentes impegnate a contendersi il merito di de-
terminate conquiste, e alla generale aspirazione a nobilitare con artefat-
ta risalenza le tappe più qualificanti del cammino civile1.

1 Significativo in proposito quanto scrive Livio, 8.40.3-5: «Non è facile preferire

una versione a un’altra o un autore a un altro. Ritengo che la tradizione sia viziata dagli
53

Nel corso dei secoli il racconto tradizionale è stato variamente valu-


tato: fede cieca, scetticismo, rifiuto totale, si sono alternati fra loro nel-
le diverse epoche fino i nostri giorni. Oggi il problema ha perso al-
quanto di attualità, nondimeno – pur a prudente distanza dal «Livio
che non erra» di dantesca memoria (Inf. XXVIII.12) – si tende in ge-
nere a riconoscere nella tradizione un nucleo di verità, che va letto per
così dire tra le righe, sacrificando talora tutta una serie di particolari di
puro effetto narrativo. In questo senso può parlarsi propriamente di
una grande metafora. Essa risulta in definitiva inattaccabile quando
fonti coeve, in particolare monumenti archeologici, ne confermano lo
spirito, e in qualche caso anche la lettera: si pensi ai nomi dei perso-
naggi raffigurati negli affreschi della Tomba François (supra, cap. I.2).
A corollario di quanto rilevato ora, va sottolineata la cautela da usarsi
nell’identificare presunte falsificazioni: ad es., non basta una mera
omonimia o una sorte in qualche modo simile che lega due figure a
provare il duplicato; è noto infatti che la realtà supera spesso ogni fan-
tasia: ragionando in tal modo, sarebbe lecito dubitare di tutta una serie
di vicende parallele, spesso in modo impressionante, che va, per inten-
derci, dai due Gracchi ai due Kennedy.

3. Le testimonianze epigrafiche del ‘rex’. Depennata, come si è visto,


la c.d. ‘Fibula Praenestina’ (supra, cap. II.1), un’epigrafe dell’età arcai-
ca di fascino pari al mistero è costituita dalla colonnetta a forma di pi-
ramide tronca (Cippus vetustissimus, CIL I 22, 1; FIRA I, 19 ss.) rinve-
nuta oltre un secolo fa sotto il Lapis niger, nel luogo del Foro romano
ove si riunivano le curie e ove si vuole fosse il cenotafio di Romolo. Al-
la riga 5 dell’epigrafe, assai lacunosa, in scrittura bustrofedica (a linee
recanti alternativamente scrittura destrorsa e sinistrorsa) si legge con
sicurezza la parola ‘recei’ (= regi): il signum, cioè, dell’antico monarca.
Gli ultimi studi in materia collocano l’iscrizione nel secondo quarto
del VI secolo a.C.: è così da respingersi la teoria, nel passato diffusa,
che, considerando il reperto del V secolo a.C., vedeva in quel ‘recei’ il

elogi funebri e dalle false iscrizioni apposte alle statue, mentre ogni famiglia avoca a sé
con ingannevole menzogna la gloria di imprese e onori; certo di qui si confondono le
imprese dei singoli e la documentazione pubblica degli eventi. E non c’è alcuno scrit-
tore coevo sul quale ci si possa fondare con sufficiente sicurezza».
54

rex sacrorum, larva ed epigono della precedente regalità. Il sovrano in


questione è probabilmente Servio Tullio, a cui sembra riferirsi anche
l’iscrizione graffita ‘rex’ che compare su un frammento di bùcchero ri-
trovato nella Regia (Guarducci, in Vestigia, 17, 1973, 381 ss.).
‘Re delle genti di Cere’ è inoltre chiamato un personaggio etrusco,
Thefarie Velianas, in una delle tre lamine auree di Pyrgi (Santa Severa),
scoperte una quarantina d’anni or sono nel corso degli scavi diretti dal
Pallottino. Si tratta precisamente dell’unica lamina in lingua fenicia –
le altre due recano scrittura etrusca –, la quale testimonia così della
presenza e del ricorrere del titolo di re (MLK) nella sfera politico-cul-
turale tirrenica dell’inizio del V secolo a.C., e si pone a conferma, per
la medesima epoca, degli intensi rapporti fra Etruschi e Cartaginesi, di
cui è traccia in diverse altre fonti. Edizione: AA.VV., in Arch. Class.,
16, 1964, 49 ss.

4. Il ‘Lapis Satricanus’. Questo documento venne alla luce nel 1977


negli scavi archeologici di Satrico (oggi Ferriere di Conca, nell’Agro
Pontino), in corrispondenza dell’antico santuario di Mater Matuta.
Nella base di pietra, databile intorno al 500 a.C., si legge con chiarez-
za, dopo una lacuna, ‘popliosiovalesiosio | suodales’: amici (o compa-
gni) di Publio Valerio. Forse, ma non è certo, di quel Publio Valerio
Publicola indicato dal racconto tradizionale come uno dei primi con-
soli della repubblica. Una figura in realtà abbastanza ambigua: si dice
infatti che, rimasto solo nella magistratura suprema, si era fatto co-
struire un fortilizio più simile a una reggia che a una dimora
consolare2, sì che nella sua vicenda alcuni studiosi scorgono un indizio
a favore di un passaggio graduale dal regime monarchico alla forma di
governo repubblicana. Se il Lapis di Satrico si riferisce al nostro, si po-
trebbe riconoscere in quei suodales, che fanno pensare a una specie di
consorteria, un’altra conferma della tradizione annalistica.
Edizione: Sibbe, Colonna, De Simone, Versnel, Lapis Satricanus.

2 Livio, 2.7.6: Regnum eum adfectare fama ferebat, quia nec collegam subrogaverat in

locum Bruti et aedificabat in summa Velia: ibi alto atque munito loco arcem inexpugnabi-
lem fieri (Correva voce che aspirasse al regno, poiché non aveva nominato un collega
in luogo di Bruto e faceva costruire sulla sommità della Velia: lì, in luogo elevato e di-
feso, sarebbe stata una rocca inespugnabile).
55

Archaeological, Epigraphical, Linguistic and Historical Aspects of the


New Inscription from Satricum, Gravenhage 1980.

5. La palingenesi della legge delle XII tavole. In primis, un dato: il


testo del codice decemvirale nella sua struttura unitaria non ci è perve-
nuto. Fossero di legno o di metallo – non crediamo d’avorio3 –, le ta-
bulae, stando all’annalistica, andarono perdute nella famigerata ruina
Gallica e, per una sorta di scrupolo scaramantico, non furono più rim-
piazzate: il testo venne affidato soltanto alla memoria e alla scrittura
corrente4. Ancora nell’età di Cicerone (I secolo a.C.) esso era – almeno
pro parte – carmen necessarium, di studio obbligatorio nelle scuole5.
Stante la premessa, di un testo, cioè, non sopravvissuto né per via
epigrafica né per tradizione manoscritta, è lecito domandarsi quale sia
il vero referente di tutte quelle citazioni, di cui la letteratura giusroma-
nistica è costellata – ad es.: Tab.I.3; Tab.V.7a, ecc. – che paiono d’ac-
chito presupporre un esistente testo organico dell’antica legge, dotato
o passibile di una precisa suddivisione interna, tavola per tavola. Ebbe-
ne, il predetto modus citandi si riferisce alle ricostruzioni del contenuto
normativo decemvirale operate in via di congettura dagli studiosi mo-
derni sulla base della messe di testimonianze, dirette e indirette, tecni-
che e atecniche, che ci sono pervenute attraverso la letteratura latina
nel suo complesso. In tali opere di palingenesi compare in caratteri di
stampa maiuscoletti il presumibile dettato delle tabulae – ad es.,
Tab.III.6: TERTIIS NUNDINIS PARTIS SECANTO (al terzo mercato si taglino

3 Le leggi più risalenti erano in genere scritte su legno: cfr. Dionigi di Alicarnasso,

3.36 (in fine) cit.; Orazio, Ars poet., 399. Ma lo stesso Dionigi, 10.57.7, Diodoro Sicu-
lo, 12.26, e Livio, 3.57.10, affermano che le norme decemvirali furono impresse su ta-
vole di bronzo. Pomponio, in D.1.2.2.4, parla invece di tabulas eboreas. Si è proposto
in dottrina di correggere eboreas (= d’avorio) con roboreas (= di rovere), però, a dire il
vero, si tratta di emendamento solo congetturale.
4 Cipriano di Cartagine, Epist. ad Donatum, 10, parla di leggi delle XII tavole anco-

ra alla sua epoca (III secolo d.C.) pubblicamente esposte su tavole di bronzo. Sembra
però si tratti di mera raffigurazione retorica: nonostante la precisa coscienza dell’uomo
in ordine ai precetti giuridici (e morali) – intende dire il padre della Chiesa –, la tra-
sgressione e il peccato sono sempre di attualità (inter leges ipsas delinquitur, inter iura
peccatur).
5 Cicerone, De leg., 2.23.59.
56

le parti) –, in caratteri tondi il contenuto riferito indirettamente – ad


es., Tab.V.10 (Gaius D.10.2.1pr.): Haec actio [familiae erciscundae]
proficiscitur e lege XII tabularurm (Questa azione [di divisione di ere-
dità] deriva dalla legge delle XII tavole).
Le palingenesi oggi correnti sono debitrici in larga misura alle pre-
cedenti ricostruzioni del Dirksen (1824) e, in particolare, dello Schoell
(1866). Recentemente una équipe di studiosi italiani aveva intrapreso la
composizione di una nuova palingenesi, ma il progetto si è forse arre-
stato per la prematura scomparsa dell’Amirante, che lo dirigeva. Ciò
tuttavia ha quanto meno sortito l’effetto di riaprire il dibattito circa
l’affidabilità, in rapporto ai dati di cui disponiamo, di uno strumento
di questa natura. In effetti, le fonti che citano l’una o l’altra norma so-
no, come si è detto, assai copiose, ma, quanto, ad es., alla divisione in-
terna del dettato delle singole tavole, dalla prima alla dodicesima, gli
appigli sicuri sono una manciata: quasi mai infatti di un versetto de-
cemvirale riportato si fornisce anche il dato topografico relativo alla ta-
bula di appartenenza. Per di più, il solo dei commenti giurisprudenzia-
li alla legge che può esserci d’aiuto è quello, in sei libri, di Gaio (II se-
colo d.C.), di cui il Digesto giustinianeo conserva una trentina di fram-
menti. Pressoché nessun ausilio si può invece ricavare dai commenti,
anteriori, di Labeone (I secolo a.C. - I secolo d.C.) e di Sesto Elio (con-
sole nel 198 a.C.), i cui Tripertita hanno profondamente inciso sulla vi-
talità delle XII tavole nonché sulla stessa storia della giurisprudenza
romana; ed è questione forse insolubile quella che investe la fedeltà di
fondo del commento gaiano e dei suoi tramiti rispetto all’archetipo le-
gislativo del V secolo a.C.
Ritornando ora alle palingenesi a nostra disposizione, si può dire
che, almeno sul piano quantitativo, il materiale pervenutoci ha consen-
tito una collazione di mole perlomeno non molto inferiore a quella del
contenuto originario. Depongono a favore di una simile conclusione
due elementi di un certo peso: in primis è agevole constatare che un
medesimo frammento della legge ci proviene sovente da diversi autori,
le cui testimonianze finiscono così col cumularsi6; inoltre si può porre

6 Per fare un esempio, il versetto (Tab. V. 3) Uti legassit super pecunia tutelave suae

rei, ita ius esto (Come [per testamento] avrà disposto sul patrimonio o la tutela del
suo, così sia giuridicamente fermo) è rinvenibile, sia pure con varianti, in Cicerone, De
inv., 2.50.148; Pomponio, 5 ad Quint. Mucium (D.50.16.120); Gaio, Inst. 2.224 (A,63);
57

mente al fatto che le Istituzioni di Gaio, scoperte solo nel secolo XIX
(infra, cap. VI.8) e che pure citano con frequenza l’antico codice, ben
di rado hanno apportato dati nuovi; il che significa che quanto da tem-
po possediamo non può esser poco. Per taluni aspetti non è anzi azzar-
dato ritenere – e ciò non sembri un paradosso – che le nostre palinge-
nesi siano addirittura più ampie dell’originario tessuto normativo, per
l’indubbio fenomeno di concentrazione (supra par. 2) che si è verifica-
to intorno al codice decemvirale: gli antichi erano infatti propensi ad
attribuire alle XII tavole – significativamente chiamate da Livio,
3.34.6, ‘fonte di tutto il diritto pubblico e privato’ (fons omnis publici
privatique iuris)7 – non pochi istituti risalenti di origine incerta. È certo
peraltro che i brani che riportano testualmente i versetti li presentano
in un latino assai modernizzato nei vari passaggi della tradizione orale
e manoscritta, ma i precetti conservano, nella forma imperativa ed es-
senziale, «quasi estetica», come la definì il Bonfante, un segno stilistico
che li accomuna inconfondibilmente, isolandoli dalla restante prosa le-
gislativa in nostro possesso. In quelle cadenze ritmiche oggi tanto fami-
liari agli studiosi si può forse individuare una facilitazione fornita dal-
l’antico legislatore all’apprendimento mnemonico, in un contesto – co-
m’è notorio – di alfabetizzazione tutt’altro che sparsa.
Per una palingenesi corrente: FIRA I, 21 ss. (Riccobono)8.

Paolo, 59 ad edict. (D.50.16.53pr.); nei Tituli ex corpore Ulpiani, 11.14 (A,188); nelle
Istituzioni (2.22pr; B,93) e in una Novella (22.2pr.) di Giustiniano.
7 In realtà la legge delle XII Tavole non è esaustiva nel senso comune del termine,

lo è però nella misura in cui sono ricomprese nel testo della legge tutte le situazioni su-
scettibili di ottenere tutela in via giudiziale, attraverso una legis actio: cfr. Humbert, in
Humbert (a cura di), Le Dodici Tavole dai Decemviri agli Umanisti, Pavia 2005, p. 41.
8 Sempre nel I volume dei FIRA è reperibile (pp. 1 ss.) una raccolta delle c.d. leges

regiae: a tale fine i testi utilizzati sono prevalentemente di natura atecnica (Livio, Dio-
nigi, Tacito, Macrobio, ecc.). Sembra più appropriato parlare, appunto, di raccolta an-
ziché di palingenesi, come pur talora accade, perché qui manca – per ragioni oggettive
– ogni forma di ricostruzione, e i sette re fungono solo da polo magnetico per i brani
che ne menzionano variamente l’operato giuridico.
Capitolo V

FONTI DI COGNIZIONE
DEL DIRITTO PRECLASSICO

Assai più ricca di testimonianze attendibili rispetto alla precedente,


l’epoca c.d. preclassica – in particolare nella sua seconda metà (secoli
II e I a.C.) – registra una notevole quantità di fonti epigrafiche, che ri-
portano il testo di leges – per lo più leggi municipali, come la c.d. Ru-
bria de Gallia Cisalpina (48-41 a.C.; FIRA I, 169 ss.), o relative a colo-
nie, come la Ursoniensis (44 a.C.; FIRA I,177 ss.) – e di senatus consul-
ta, tra cui il più noto è forse quello de Bacchanalibus (186 a.C.; FIRA I,
240 ss.), teso a reprimere in tutta Italia le efferate manifestazioni del
culto dionisiaco e l’associazione segreta che se ne faceva promotrice.
Le predette fonti sono edite nel CIL, già altrove citato (supra, cap.
II.2), ma lo studioso le può più agevolmente reperire nelle raccolte
specifiche operate da storici del diritto romano, che hanno estratto da
quel corpus monumentale e poi riordinato e numerato le iscrizioni che
attengono alla nostra disciplina. Tra le suddette raccolte romanistiche,
in questa sede come di consueto si segnala il I volume dei FIRA
(Leges), curato dal Riccobono. Inoltre, per quanto concerne in genere
leggi popolari (plebisciti inclusi) e senatoconsulti – a prescindere dal
tipo di fonte che ce ne ha fornito notizia –, completi repertori (non
editoriali) in cui le singole norme, in ordine cronologico, isolano altret-
tante voci enciclopediche, sono, rispettivamente, quello dovuto al Ro-
tondi, Leges publicae populi Romani, Milano 1912 (ora aggiornato da
D. Flach, Die Gesetze der frühen römischen Republik, Darmstadt
1994); e quello compilato dal Volterra, Senatus consulta, in NNDI, 16,
Torino 1969, pp. 1047 ss.
Passando alla giurisprudenza preclassica, si può rilevare come nei
Digesta giustinianei siano riportati excerpta – forse però tratti da com-
pendi successivi – del liber singularis Órwn di Quinto Mucio Scevola
(II-I secolo a.C.) e dei digesta di Alfeno Varo (I secolo a.C.), nonché un
minuscolo frammento (D.50.16.157) tratto dal De verborum quae ad
ius pertinent significatione di Elio Gallo (I secolo a.C.). Parecchie volte
inoltre nei brani classici che figurano nella grande compilazione si ri-

www.torrossa.com – Uso per utenti autorizzati, licenza non commerciale e soggetta a restrizioni.
60

portano opinioni dei veteres, cioè dei giuristi repubblicani. In questo


senso, particolarmente utile al fine di isolare quanto ci è stato traman-
dato, direttamente e indirettamente, di quegli antichi prudentes, risulta
la Palingenesia Iuris Civilis di Otto Lenel (infra, cap. VIII.4). È chiaro
che per quanto concerne questi materiali preclassici restituiti dal Cor-
pus Iuris, va sempre considerata la possibilità di interpolazioni e glos-
semi.
Della palingenesi dell’editto perpetuo si tratterà infra, al cap. VI.7.
Capitolo VI

FONTI DI COGNIZIONE DEL DIRITTO CLASSICO

SOMMARIO: 1. Linee generali – 2. Le Res gestae divi Augusti – 3. La Lex de imperio Ve-
spasiani – 4. Il Gnomon dell’Idios Logos – 5. Gli Apokrimata Severi – 6. La Constitu-
tio Antoniniana – 7. La palingenesi dell’editto perpetuo – 8. Le Istituzioni di Gaio.

1. Linee generali. I mezzi tecnici di cognizione di cui disponiamo


per questo periodo storico (27 a.C.-284 d.C.) sono molto numerosi.
Occorre però subito aggiungere che, nella maggioranza dei casi, si trat-
ta di testi restituiti da opere del periodo postclassico e giustinianeo (in
particolare dal Digesto e dal Codice di Giustiniano: infra, cap. VIII).
Delle raccolte dell’età successiva composte con materiali legislativi (co-
stituzioni imperiali), o giurisprudenziali (brani escerpiti dagli scritti di
giuristi), ovvero dagli uni e dagli altri (le c.d. compilazioni miste di le-
ges e ius), si tratterà nei capitoli seguenti. Va qui ripetuto il richiamo al-
la Palingenesia del Lenel come insostituibile strumento di indagine,
con la solita avvertenza che, in tutti i casi di testi tràditi, è sempre aper-
to il problema dei rimaneggiamenti eventualmente subiti dai medesimi.
Anche per l’età classica disponiamo di parecchi testi epigrafici rela-
tivi a leggi, senatoconsulti e costituzioni imperiali, per cui si rinvia an-
cora al I volume dei FIRA (Leges), curato dal Riccobono, nonché alle
già citate rassegne generali del Rotondi e del Volterra per quanto con-
cerne rispettivamente leges e senatus consulta. Le costituzioni pervenu-
teci al di fuori dei Codices prima del 1857 sono reperibili in Haenel,
Corpus legum ab imperatoribus Romanis ante Iustinianum latarum quae
extra constitutionum Codices supersunt, Lipsiae 1857 (rist. 1965). Inco-
minceremo l’esame specifico dei mezzi di cognizione con cinque fonti
documentali: epigrafiche le prime due (Res gestae divi Augusti, Lex de
imperio Vespasiani), papirologiche le altre (Gnomon dell’Idios Logos,
Apokrimata Severi, Constitutio Antoniniana); i due paragrafi di chiusu-
ra saranno invece dedicati a una coppia di ‘pilastri’ della scienza roma-
nistica restituiti dalla tradizione testuale: la palingenesi dell’edictum
perpetuum e il manuale elementare di Gaio.
62

2. Le ‘Res gestae divi Augusti’. Questo il titolo della autobiografia


politica stilata dallo stesso Augusto, ormai settantaseienne (13 d.C.),
perché, come riferisce Svetonio (Aug. 101), fosse incisa su lastre di
bronzo e così esposta nel mausoleo pure voluto dal primo imperatore.
Le volontà del principe furono rispettate e numerosi exemplaria – an-
che in greco, per l’Oriente – vennero affissi per ordine di Tiberio (14-
37 d.C.) nei più grandi centri dell’orbis Romanus. Ciò si è rivelato per
noi una fortuna, perché, perdute l’iscrizione originale di Roma e la re-
dazione su carta conservata negli archivi, è proprio grazie a tre di que-
gli esemplari che si è potuto ricomporre pressoché l’intero dettato del
testamento morale di Augusto. Si tratta, in primis, del Monumentum
Ancyranum, imponente epigrafe bilingue – latina e greca – scoperta nel
1555 ad Ankara da ambasciatori inviati in Turchia da Ferdinando I; e
poi del Monumentum Antiochenum, frammentaria iscrizione latina di
Antiochia, rinvenuta nel Novecento; e infine del Monumentum Apollo-
niense, con testo solo greco, originario di Apollonia di Bitinia.
Vi sono ricordate, in solenne successione, le tappe scandite nella
sua ascesa dall’erede di Cesare, che, vendicata l’uccisione del padre
adottivo, si propone come nuovo fondatore di Roma e della res publica
devastata dalle guerre civili. Si sa che la storia è scritta quasi sempre
dai vincitori: nel nostro caso, come abbiamo detto, addirittura vergata
di pugno, a perenne memoria. Questo spiega il taglio a senso unico del
resoconto, dove non compaiono che luci – nessun cenno, ad es., alle
proscrizioni, così come accuratamente taciuto è il massacro delle legio-
ni romane ad opera di Arminio nella Selva di Teutoburgo (9 d.C.) –;
nondimeno le Res gestae rimangono una testimonianza di enorme rilie-
vo per comprendere la concezione che del proprio ruolo e dello Stato
romano ebbe il carismatico rifondatore. Particolare importanza riveste
in questo senso il capo 34.3: Post id tempus auctoritate omnibus praesti-
ti, potestatis autem nihilo amplius habui quam ceteri qui mihi quoque in
magistratu conlegae fuerunt (Dopo quel tempo fui superiore a tutti in
prestigio, quanto invero a potestà non ne ebbi affatto di più degli altri
che mi furono colleghi in ciascuna magistratura). In esso è un po’con-
densato in nuce lo spirito informatore del nuovo ordine politico, che
vede non in uno specifico potere magistratuale ma in quel concetto
pressoché indefinibile di auctoritas (termine collegato, nella radice, ad
‘Augustus’) il fondamento della superiorità del principe rispetto agli al-
tri membri dello Stato, di cui egli stesso è civis. La restituzione della
63

parola ‘auctoritate’ nel brano di cui sopra è dovuta al Monumentum


Antiochenum: nella pars latina della grande epigrafe di Ankara il voca-
bolo è illeggibile e il testo greco reca ¢xièmati, che sul problema non è
di particolare aiuto. Tanto che il Mommsen, in un primo tempo, aveva
colmato la lacuna con la parola ‘dignitate’ anziché ‘auctoritate’, termine
su cui poi è nata ed è ben lungi dall’esaurirsi una letteratura che ha,
quanto meno, pochi eguali.
Edizione: Res Gestae Divi Augusti ex Monumentis Ancyrano et An-
tiocheno Latinis Ancyrano et Apolloniensi Graecis, texte établi et com-
menté par J. Gagé, Paris 1977.

3. La ‘lex de imperio Vespasiani’. Intorno alla metà del XIV secolo,


il ‘tribuno del popolo’ Cola di Rienzo scoprì in S. Giovanni in Latera-
no una epigrafe bronzea murata in modo da celare il lato recante la
scrittura che qui interessa. Restituito alla luce, il documento rivelò un
importante testo normativo, attinente ai poteri conferiti all’imperatore
Tito Flavio Vespasiano (69-79 d.C.) all’atto della sua nomina (CIL
VI.930; FIRA I,154 ss.).
Trattandosi di una fonte – tra l’altro frammentaria (sul punto infra)
– che investe il problema della derivazione delle potestà del principe, e
quindi il fondamento stesso dell’ordine politico nuovo succeduto alla
repubblica, la nostra lex de imperio è da gran tempo al centro di un
ampio e articolato dibattito, di cui non è possibile in questa sede ren-
dere conto in modo compiuto. Basti dire che, anche ad avviso di chi
scrive, non convince pienamente la tesi che considera la norma una
delle varie leggi di investitura emanate all’atto dell’insediamento di un
nuovo principe e che, per una benevolenza casuale – ma non senza
esempio – del tempo distruttore, sarebbe pervenuta, unica, alla nostra
scienza. E ciò, malgrado il tenore di alcuni testi giuridici a noi già noti
(supra, cap. III.7) nonché di un passo di Tacito (Hist.4.3.5), che parla
di attribuzione a Vespasiano dei cuncta principibus solita, cioè dei pote-
ri usualmente rimessi all’imperatore. Alcune delle facoltà riconosciute
a Vespasiano sono infatti tutt’altro che ‘solite’ e non sarebbero conce-
pibili con riferimento a un imperatore della famiglia giulio-claudia. Né
sembra privo di significato che questo atto intervenga proprio dopo
quel famigerato longus et unus annus (68-69 d.C.) che vede perire di
spada ben tre imperatori (Galba, Otone e Vitellio), sì da porsi come
64

riordinamento su basi nuove dello stesso assetto del principato, con re-
lativo sensibile accantonamento della fictio rei publicae. L’atto si quali-
fica più volte come lex – una volta come lex rogata –, ma probabilmen-
te si tratta di un senatoconsulto, il cui testo è stato poi versato nell’in-
volucro di una legge pubblica: lo stile è infatti tale da tradire in più
punti il ductus delle delibere dei patres.
Secondo la Sordi, Cola di Rienzo non avrebbe potuto valutare la
differenza tra l’uso del congiuntivo proprio dei senatoconsulti (utique
ei… liceat), che presuppone la consueta reggente ‘senatui placuit’ e
l’imperativo futuro (ei ne fraudi esto) caratteristico delle leges rogatae.
Eppure il tribuno – come si legge nella sua biografia scritta dall’Anoni-
mo Romano – «fece notare a più riprese ai suoi ascoltatori che la legge
era, insieme, emanazione del senato e del popolo». Su tali argomenti,
la citata studiosa induce la conoscenza da parte di Cola di una tavola
iniziale, a noi non pervenuta, indicante gli organi che diedero vita al-
l’atto. Il che parrebbe confermato da una testimonianza del giurista
Odofredo, il quale, anteriormente alla scoperta del nostro documento,
parrebbe aver visto nella basica lateranense una coppia di lapidi (et de
istis duabus tabulis aliquid est apud Lateranum Romae).

4. Il ‘Gnomon’ dell’‘Idios Logos’. Può definirsi una sorta di testo uni-


co fiscale. Il supporto cartaceo è costituito dalla frazione di un volumen
di papiro (BGU.V.1210, riprodotto parzialmente in FIRA I, 469 ss.);
quanto al contenuto, si tratta di una serie di mandata, i primi dei quali
di provenienza augustea, e poi di Vespasiano (69-79 d.C.), Traiano (98-
117 d.C.), Adriano (117-138 d.C.) e infine Antonino Pio (138-161
d.C.), diretti all’Idiologus, funzionario preposto in Egitto all’ammini-
strazione del patrimonio personale del principe (res privata). Il funzio-
nario in parola era designato propriamente con la perifrasi ò prÕj to§u
≥d∂ou lÒgou (cioè l’addetto al patrimonio privato [del principe]), ma
per brevità si era soliti chiamarlo semplicemente ∏dioj lÒgoj. Molto
estese erano le sue competenze: confisca e devoluzione di beni, giurisdi-
zione tributaria, provvedimenti relativi ai fondi incolti, polizia cultuale,
e altre ancora. Tornando al documento, possiamo riconoscere in questo
massimario intessuto di mandata tralaticia, una testimonianza di grande
rilievo in tema di amministrazione imperiale della provincia d’Egitto.
Frequentissime sono le istruzioni relative ai cespiti che, in base ai vari
65

presupposti di imposta, la corona si arroga il diritto di incamerare


(¢nalamb£nein). Non di rado dall’esame della fonte emergono usi locali
difficilmente coniugabili con le regole giuridiche romane, di cui tuttavia
il potere centrale sembra prendere atto senza troppi contrasti.

5. Gli ‘Apokrimata Severi’. Complesso di tredici costituzioni emana-


te da Settimio Severo tra gli ultimi mesi del 199 e i primi del 200 d.C.,
durante una visita dell’imperatore nella provincia d’Egitto, e conserva-
te in un papiro (P. Col. 123) acquistato nel 1930 e proveniente forse da
Tebtunis. Dalla medesima fonte papiracea si apprende che le disposi-
zioni di cui ivi è copia furono affisse nel portico del Ginnasio di Ales-
sandria il 14 marzo dell’anno 200.
Il termine greco apokrimata può probabilmente rendersi col vocabo-
lo latino rescripta: si ricava infatti che le pronunce in oggetto concretano
in realtà risposte fornite dal principe a postulanti di varie etnie, romani
compresi, circa quaestiones iuris a lui sottoposte. Non è improbabile
(Cosentini) che il nostro papiro contenga una copia degli originali affis-
si, redatta su commissione degli stessi destinatari delle risposte imperia-
li per loro uso personale. Si ricorda in proposito che i rescripta sollecita-
ti da suppliche private non sempre venivano inviati agli autori di que-
ste: erano in tal caso esposti per qualche tempo presso la sede del prin-
cipe e poi passati agli archivi. I postulanti dunque potevano o prender-
ne visione di persona in quei luoghi o, se a ciò impediti ad es. per ragio-
ni di distanza, commissionarne copia a scrivani di professione. È inte-
ressante notare, infine, che gli apokrimata non riguardano solo temi pri-
vatistici, ma anche questioni amministrative, fiscali, liturgiche; il che co-
stituisce elemento non secondario di riflessione nel quadro del più ge-
nerale problema circa l’ambito operativo dei rescritti imperiali.
Edizione: Westermann, Apokrimata (Decisions of Septimius Severus
on Legal Matters). Legal Commentary by Schiller, New York 1954. Si
veda inoltre la revisione operata da Youtie e Schiller, in Chronique
d’Egypte, 30, 1955, pp. 327ss.

6. La ‘Constitutio Antoniniana’. II provvedimento con cui nel 212


d.C. Antonino Caracalla concesse la cittadinanza romana a pressoché
tutti gli abitanti dell’impero, ci è giunto in un papiro geco mutilo – il cui
66

testo è probabilmente la versione del dettato imperiale originario –, pub-


blicato dal Meyer nel 1910 (P. Giessen 1.40; vedilo in FIRA I, 445ss.).
Della legge di generale estensione della civitas è ricordo più o meno
diffuso in parecchi testi, giuridici e letterari, tutti ben noti prima della
scoperta del papiro. Alcuni di questi tuttavia attribuiscono erroneamen-
te la norma a imperatori diversi da Caracalla: Aurelio Vittore, De Caes.,
16.12, a Marco Aurelio; Giovanni Crisostomo, In Acta apost. homil.,
48.1, a Adriano; la Nov. 78.5 di Giustiniano a Antonino Pio. Interessan-
te il confronto del nostro testo con il passo di Ulpiano (22 ad ed.) in D.
1.5.17: In orbe Romano qui sunt ex constitutione imperatoris Antonini ci-
ves Romani effecti sunt (Quelli che vivono in terra romana, in forza della
costituzione dell’imperatore Antonino, sono stati resi cittadini romani).
L’esclusione dal beneficio dei dediticii (cwrπj t§wn dedeitik∂wn), di cui alla
riga 9 del papiro, non compare quindi nel brano ulpianeo tramandato
dal Digesto. Si è pensato in proposito a una interpolazione privativa dei
compilatori giustinianei, che avrebbero eliminato dal testo del giurecon-
sulto classico, contemporaneo di Caracalla, l’espressione exceptis dediti-
ciis (esclusi i deditici), o altra analoga. Per quanto concerne il problema,
grave e dibattuto, della portata del provvedimento, non sembra cogliere
nel segno la tesi che vi riconnette una mera applicazione facoltativa, nel-
le province, del diritto romano in alternativa alle preesistenti consuetudi-
ni locali. Dall’esame dei documenti della prassi negoziale emerge infatti
un preciso mutamento di tendenza a favore dei princìpi giuridici romani
proprio a datare dalla pubblicazione della Constitutio (supra, cap.
III.10). Non appare invece discutibile la persistente refrattarietà alla ro-
manizzazione caratteristica delle terre d’Oriente e dell’Egitto in partico-
lare, causa per tutto il III secolo d.C. di reiterati interventi imperiali ad
opera di Alessandro Severo, Gordiano e Diocleziano.

7. La palingenesi dell’editto perpetuo. Come si è spiegato in prece-


denza (cap. III.8), in epoca adrianea l’editto pretorio, del resto già da
tempo pubblicato annualmente senza sostanziali modifiche, ricevette
la propria edizione definitiva ad opera del giurista Salvio Giuliano1. La

1 Allo stesso edicti perpetui suptilissimus conditor (cost. Tanta, 18) si deve l’aggiunta

di una clausola ulteriore in tema di bonorum possessio contra tabulas (c.d. nova clausula
Iuliani; cfr. D.37.8.3, Marcell. 9 dig.).
67

dottrina, a parte alcune voci discordanti, ammette in genere che nel-


l’occasione abbiano trovato la loro finale stesura anche gli edicta del
pretore peregrino, degli edili curuli, del governatore provinciale.
La redazione giulianea dell’editto perpetuo non ci è pervenuta nella
sua veste originaria, ma, attraverso i numerosissimi frammenti delle
opere classiche di commento all’edictum – e che quindi ne seguono
l’ordine – restituiti dal Digesto di Giustiniano, è stato possibile ai mo-
derni studiosi ricostruire in via palingenetica la struttura e il contenuto
dell’editto pretorio e del più piccolo editto degli edili pressoché nella
loro integrità. L’opera di palingenesi, tuttora insuperata e a cui si fa
sempre riferimento, è del già citato Otto Lenel: Das Edictum perpe-
tuum. Ein Versuch zu seiner Wiederhestellung (3a ed. Lipsia 1927). Si è
trattato di questa fonte nel capitolo dedicato al diritto classico, perché
nel pieno del periodo in oggetto si colloca la redazione definitiva che
l’opera del Lenel ha ricostruito. Evidentemente tuttavia la stessa palin-
genesi può considerarsi al contempo fonte del periodo preclassico, in
quanto la maggior parte delle clausole era già stata formulata nell’epo-
ca tardo repubblicana. La dottrina d’altronde ha chiaramente messo in
luce la varietà di stili presenti nella prosa edittale.
Una sorta di condensato della palingenesi del Lenel, sfrondata di
parte dei brani dei giuristi che riportano indirettamente – ossia non
con le testuali parole dell’albo – il tenore dell’editto, si trova in FIRA I,
333 ss., ed è dovuta al Riccobono.

8. Le Istituzioni di Gaio. Sono l’unica opera della giurisprudenza


classica pervenutaci direttamente nella sua quasi totale integrità, e pos-
sono dirsi testo di primaria importanza non solo con riguardo al diritto
classico, ma anche a numerosi aspetti giuridici delle due età preceden-
ti, per cui anzi si pongono in più di un caso come unico mezzo di co-
gnizione in nostro possesso.
Come altrove accennato (supra, capp. II.1, IV.5), quella relativa al
manuale di Gaio è scoperta tutt’altro che risalente. Nel 1816, Bar-
thold Georg Niebuhr, storico e diplomatico tedesco, in viaggio verso
Roma per assumervi la legazione prussiana, ebbe occasione di sostare
nella città di Verona. Qui, sfogliando nella Biblioteca Capitolare un
codice pergamenaceo recante le Epistulae di Girolamo, si accorse che
in taluni punti affiorava una scriptura prior (V secolo d.C.), abrasa al-
68

cuni secoli più tardi (IX secolo d.C.), per fare posto al dettato del pa-
dre della Chiesa. Due frammenti separati di un foglio erano stati pub-
blicati decenni prima da Scipione Maffei, ma senza condurre alla sco-
perta dell’intero trattato. Le Istituzioni di Gaio, ancorché non se ne
possedesse il testo originale, non erano comunque quel che si dice un
oggetto misterioso: l’opera è infatti citata nelle costituzioni Imperato-
riam e Omnem di Giustiniano (infra, cap. VIII); i Digesta dello stesso
imperatore ne riportano alcuni frammenti; un altro lungo brano si
trova nella Mosaicarum et Romanarum legum Collatio (infra, cap.
VII.12); un compendio postclassico, la Gai Institutionum Epitome
(infra, cap. VII.9), ne riassume parte del contenuto; senza contare di-
verse fonti letterarie che citano il manuale (Prisciano, Boezio, Isidoro,
Pseudo Asconio, Diomede, Servio). Tutti questi dati nell’Ottocento
erano da gran tempo notori. Si comprende quindi come il Savigny,
subito messo al corrente dal Niebuhr, non abbia tardato a rendersi
conto dell’identità del testo abraso e del conseguente valore della sco-
perta2.
Al 1820 risale la prima edizione dell’opera, curata dal Goeschen,
ma a una sistemazione definitiva si giunse solo nel 1874, con l’apografo
dello Studemund, su cui si fondano tutte le edizioni moderne. Gli sfor-
zi degli interpreti – particolarmente proficui quelli del Bluhme – tesi a
far emergere la scriptura prior, avevano però sortito anche l’effetto di
guastare, per via dei reagenti impiegati, una sia pur piccola parte del
codex, rendendola di impossibile lettura. Per questo motivo, nonché
per il fatto che il palinsesto veronese mancava di tre pagine, può dirsi
che oggi disponiamo all’incirca degli 11/12 del manuale di Gaio. Due
reperti papirologici, pubblicati nel 1927 e nel 1933 (P. Oxy. XVII.2103
e PSI.X.1182: vedili, in ordine inverso, in FIRA II,195 ss. e 201 ss.),
hanno tuttavia permesso di colmare alcune importanti lacune relative
al III e IV commentario. Altre integrazioni, soprattutto quanto alla so-
stanza, sono possibili giovandosi dell’Epitome Gai, dei Tituli ex corpore
Ulpiani (infra, cap. VII.8) e delle Istituzioni di Giustiniano (infra, cap.
VIII.8).

2 Per un gustoso episodio immediatamente posteriore alla scoperta del palinsesto

veronese, che bene si inserisce nell’euforia generale degli ambienti scientifici dell’epo-
ca, vedi Guarino, in Labeo, 2, 1980, pp. 288 s.
69

Se quanto ai dati biografici dei giuristi classici siamo nel complesso


assai poco informati, questa sorta di oscurità raggiunge per Gaio livelli
paradigmatici. «Nella nostra scienza Gaio segna un’aporia», scrive effi-
cacemente il Casavola, alludendo a un problema le cui possibilità di
soluzione sembrano pregiudicate in partenza non solo dall’esiguità de-
gli elementi su cui basarsi ma anche dal carattere anfibologico dei me-
desimi. L’identificazione personale dell’antico autore è limitata a quel-
lo che comunemente si considera un praenomen, e che qualche studio-
so ha ritenuto invece uno pseudonimo. Nella prima ipotesi, di preno-
me effettivo e ‘assorbente’, a fatica si può difendere la romanità di Ga-
io: deve pensarsi piuttosto a un provinciale che, stabilitosi a Roma, ha
assunto un segno onomastico conforme. A favore della congettura de-
porrebbero anche la relativa frequenza con cui il giurista – specie nel
commento alle XII tavole (supra, cap. IV.5) – cita scrittori greci (Ome-
ro, Solone, Senofonte); la conoscenza che egli nel manuale dimostra di
alcuni istituti propri di popolazioni orientali, come i Galati e i Bitini
(Gai. 1.55,193; A,9,29); l’indimostrabilità del ius respondendi in capo
al nostro; infine il suo pressoché totale isolamento tra i ‘colleghi’, di cui
diremo. Nella seconda ipotesi, Gaio come pseudonimo, può anche
pensarsi a un civis romanus, che chiama praeceptores nostri i Sabiniani
(cfr., ad es., Gai. 1.196; A,30) perché effettivamente formato alla loro
scuola; che proprio per questo dimostra spiccato interesse per il ius ci-
vile; e che magari, epitomando un trattatello elementare di Gaio Cas-
sio Longino – indicato in effetti col solo prenome da Giavoleno in D.
35.1.54pr. (2 ex Cassio) e D. 46.3.78 (11 ex Cassio)3 –, pensa di celarsi
sotto lo pseudonimo con cui è noto in omaggio al maestro rivisitato
(quest’ultima è la teoria cosiddetta dell’‘Urgaius’ [Pregàio])4. Osservia-
mo inoltre che Pomponio (II secolo d.C.), in D.45.3.39, scrive a un
certo punto ‘Gaius noster’: è l’unica volta in cui una menzione ricava-

3 Che Giavoleno Prisco si riferisca qui a Gaio Cassio Longino è acclarato da tre da-

ti: a) l’autore dei passi è un seguace della scuola sabiniana, b) i passi medesimi sono
tratti dall’opera ex Cassio (Longino), c) non è possibile che si alluda al Gaio delle Insti-
tutiones, che, come vedremo, opera circa un secolo dopo Giavoleno.
4 Poiché all’immaginazione non c’è fine, si è anche parlato di uno pseudonimo ma-

schile dietro cui si nasconderebbe una donna giurista, tradita, però, in un passo ripor-
tato dal Digesto, da una espressone di marca muliebre (!). Solo un po’ meno romanze-
sca è la congettura che vede in Gaio un romano, a un certo punto volontario esule a
Berito.
70

bile da uno scritto classico potrebbe riguardare l’autore delle Institu-


tiones. La dottrina è però di nuovo divisa tra quanti ritengono l’espres-
sione frutto di un emblema giustinianeo, quanti la ritengono genuina
ma riferita al solito Gaio Cassio Longino, e quanti infine la ritengono
sia genuina sia conferente. Se questi ultimi non hanno ragione – come
in fondo a me sembra –, il silenzio sul nostro autore, fino al V secolo
d.C., può dirsi totale. Certo è invece che Gaio morì non prima del 178
d.C., perché in quell’anno fu emanato il S.C. Orfiziano (supra, cap.
III.6), di cui egli scrisse un commento, restituito in minima parte dai
Digesta giustinianei (D.38.17.9); altrettanto certa può dirsi l’attività di-
dattica da lui esercitata in Roma nel campo del diritto, a cui le Institu-
tiones si collegano. Esse furono composte durante il regno di Antonino
Pio (138-161 d.C.) e terminate, forse, sotto quello del suo successore,
Marco Aurelio (161-180 d.C.): oltre la metà del II commentario (par.
195; A,58) al nome di (Antonino) Pio, prima chiamato imperator, viene
apposto l’attributo divus, che allude alla divinizzazione post mortem.
Anche questo però, a ben guardare, risulta poco più che un indizio,
perché la genuinità del divus Pius presuppone in fondo, come ha osser-
vato il Guarino, che l’autore non abbia riletto la propria opera.
Le Istituzioni sono divise in quattro commentari, e la materia vi è
ripartita secondo la tricotomia personae, res, actiones (1.8; A,3): il dirit-
to che attiene alle persone è esposto nel I commentario, quello che at-
tiene alle cose nel II e nel III, quello che attiene alle azioni nel IV.
Qualche glossema postclassico è da ammettersi, e risulta in genere ab-
bastanza evidente, ma si tratta di interventi limitati ben lontani dallo
snaturare l’opera, come invece da taluni autori si è ritenuto in passato.
E il manuale nel suo complesso non si pone nelle intenzioni dell’autore
come sintesi esauriente dell’intera panoramica giusprivatistica, ma co-
me profilo istituzionale che implica in più di un caso conoscenze di ba-
se e integrazioni fornite per altra via, magari dalla stessa voce del mae-
stro, agli auditores. Si tratta di un testo chiaro, elegante, di rara coeren-
za sul piano dogmatico; il che spiega la grande fortuna riservatagli dal-
la cultura giuridica dell’età postclassica, che emerge dall’inclusione di
Gaio tra i cinque ‘grandi’ della c.d. legge delle citazioni (infra, cap.
VII.2), dai sunti e dalle parafrasi delle Institutiones, dall’archetipo ga-
iano ancora ben visibile nella struttura delle Istituzioni giustinianee.
Meno invece si spiega, a sommesso parere di chi scrive, il tono nel mi-
gliore dei casi di benevola sufficienza con cui parte della dottrina mo-
71

derna giudica la levatura di Gaio giurista5, complici in qualche misura,


si direbbe, la stessa modestia con cui il nostro si propone nei suoi scrit-
ti6, nonché il già visto silenzio che ne circonda, per secoli la figura.
Per la citazione specifica di luoghi delle Gai Institutiones si ricorre
all’abbreviazione Gai. e a due numeri: il primo (romano o arabo) indi-
ca il commentario, il secondo (arabo), dopo un punto o una virgola, il
paragrafo nell’ambito del medesimo (tale divisione in paragrafi è degli
studiosi ottocenteschi). Es.: Gai. II.7; Gai. 4.126.
Edizione: FIRA II (Auctores), 3 ss. (Baviera).

5 «Ce näif de Gaius», scrive ad esempio, riferendosi al nostro, A. D’Ors, in Iura,

34, 1983 [pubbl. 1986], p. 90. È però anche vero che negli ultimi anni si assiste a una
significativa inversione di tendenza: cfr., assai di recente, Falcone, Appunti sul IV com-
mentario delle Istituzioni di Gaio, Torino 2003.
6 In proposito, scrive ancora il Casavola, in Gaio nel suo tempo (Atti del Simposio

romanistico), Napoli 1966, pp. 4-5: «Frequentissimi in altri scrittori, nelle Istituzioni di
Gaio non si troveranno mai una volta aio, arbitror, existimo, probo, non probo, puto, re-
spondi, sentio, mihi videtur, che di quella ideologia [dei giuristi creatori di diritto] so-
no i verbi espressivi. Nell’intero corpus gaiano la voce puto è adoperata soltanto quat-
tro volte e in contesti privi di ardimento: due volte nei libri ad ed. prov. (Pal. 228,
276/3), una volta nei libri de fideicomm. (392/2/pr.) e una nelle Res cottidianae (499)».
Capitolo VII

FONTI DI COGNIZIONE
DEL DIRITTO POSTCLASSICO

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. La c.d. legge delle citazioni – 3. Criteri distintivi in ordine


alle compilazioni postclassiche – 4. Compilazioni di leges: Codex Gregorianus, Codex
Hermogenianus – 5. Cont.: Codex Theodosianus – 6. Cont.: Costituzioni Sirmondiane
e Novelle post-teodosiane – 7. Compilazioni di ius: Pauli Sententiae – 8. Cont.: Tituli
ex corpore Ulpiani – 9. Cont.: Gai Institutionum Epitome – 10. Cont.: Gai interpreta-
tionis Fragmenta Augustodunensia – 11. Compilazioni miste di leges e ius non ufficia-
li: Fragmenta Vaticana – 12. Cont.: Mosaicarum et Romanarum legum Collatio – 13.
Cont.: Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti – 14. Cont.: Scholia Sinaitica – 15.
Cont.: Libro Siro-romano del diritto – 16. Cont.: Trattato de actionibus – 17. Compi-
lazioni miste di leges e ius ufficiali: premessa; Codex Euricianus – 18. Cont.: Edictum
Theodorici – 19. Cont.: Lex Romana Burgundionum – 20. Cont.: Lex Romana Wisigo-
thorum – 21. Una fonte epigrafica: l’Edictum de pretiis rerum venalium.

1. Premessa. Anche se si voglia considerare a parte l’età giustinianea,


l’arco di storia giuridica dalla fine del III secolo agli inizi del VI ci ha
restituito una notevole quantità di mezzi di cognizione1. Si tratta, nella
maggioranza dei casi, di opere di rielaborazione e di silloge composte
sella base di due grandi nuclei di materiali. Da un lato leges, cioè – nel-
la nuova già vista accezione – costituzioni imperiali, l’unica fonte tutto-
ra vitale lungo una direttrice di progressivo rinnovamento. Dall’altro
lato ius, termine il cui significato richiede qualche riga di spiegazione.
Esso indica in primis il diritto antico, in quanto non modificato dalla
normazione imperiale; e dunque il ius civile di natura autoritativa, il di-
ritto propriamente giurisprudenziale, il diritto onorario. Ormai tuttavia
non si ricorre più alla consultazione diretta del testo delle leggi comi-
ziali e dell’editto, ma ci si limita a compulsare, anche per quegli specifi-

1 Come in seguito apparirà più chiaro, l’età del dominato si segnala in particolare

per un grande complesso di fonti di tradizione manoscritta. Non mancano però, ovvia-
mente, anche le testimonianze documentali. Tra queste ultime, sarà presentata, in coda
al capitolo (par. 21), una delle più significative: l’Edictum dioclezianeo de pretiis rerum
venalium.
74

ci settori, le opere superstiti dei prudentes, che delle une e dell’altro


hanno assorbito i contenuti. Poiché però la grande giurisprudenza del
principato è adesso e da tempo del tutto priva di adeguata discenden-
za, il ius rimane una sorta di massa inerte consegnata a scritti spesso di
non facile reperimento e comunque, essi pure, ‘a numero chiuso’. Si
comprende pertanto, in questo quadro, come con un facile slittamento
semantico il termine ius (talora anche al plurale, iura) si estenda dal
contenuto al contenitore, e finisca con l’identificare il complesso delle
opere che conservano quel prodotto della tradizione giuridica.
Fatta questa precisazione, si può osservare come le opere classiche
vengano ora manipolate in varie forme, per esigenze sia pratiche sia di
scuola, e ne scaturiscano compendi, parafrasi, crestomazie, glosse in-
terpretative, che, nel quadro di una visibile tendenza alla semplificazio-
ne, bene testimoniano del livello e delle conseguenti risorse di questa
nuova temperie culturale. Quantunque il termine ‘decadenza’, spesso
usato per connotare il periodo in parola, risulti per certi aspetti ingene-
roso e condanni a priori quelle scintille e quei fermenti che talora
emergono e che la dottrina più recente non manca di sottolineare lun-
go un itinerario di cauta ma percepibile rivalutazione; è proprio nel-
l’universo del ius, ove la persistente necessità di utilizzare un simile cor-
pus si scontra con una endemica incapacità non solo creativa ma anche
organizzativa e razionalizzante in ordine a un sostrato ormai magmati-
co, che il periodo considerato rivela forse il suo limite più vistoso. E si
tratta di una impasse, come dire, immanente; a cui dunque, fatte le de-
bite proporzioni, non si sottraggono tanto «la povera attività delle
scuole occidentali» (Arangio-Ruiz), quanto la pur più felice stagione
dei maestri beritensi e costantinopolitani.

2. La c.d. legge delle citazioni. Un sintomatico scorcio del panorama


tratteggiato poc’anzi è offerto dalla c.d. legge delle citazioni – il termi-
ne (Citiergesetz) fu, a quanto sembra, coniato dallo Hugo –, emanata a
Ravenna il 7 novembre 426. La costituzione è formalmente dovuta a
Valentiniano III, ma poiché l’imperatore era a quel tempo un fanciullo
di sette anni, la vera paternità dell’oratio va ricercata altrove: si è spes-
so pensato a Galla Placidia, augusta genitrice di Valentiniano e respon-
sabile di fatto dell’indirizzo politico occidentale.
Il testo legislativo, quantunque restituito da compilazioni che lo
75

presentano in veste autonoma, si rivela in realtà brano di un più ampio


tessuto di norme circa l’applicazione in sede forense delle fonti giuridi-
che allora esistenti: constitutiones e opere giurisprudenziali2; la nostra
legge si occupa di queste ultime. Essa consente di allegare in causa sol-
tanto le opinioni tratte dal corpus di cinque giuristi classici: Gaio, Papi-
niano, Paolo3, Ulpiano, Modestino. Oltre a essere i prudentes i cui
scritti hanno da tempo più diffusa circolazione, essi incarnano pure
precise tipologie (cfr. supra, cap. III.9): Gaio è l’‘istituzionista’, e il suo
testo elementare ebbe, come si è detto (supra, cap. VI.8), enorme for-
tuna nel periodo postclassico; Papiniano è il ‘causidicus’, perspicuo
esempio di una genialità giuridica sempre pervasa di tensione morale;
Paolo e Ulpiano sono gli ‘enciclopedisti’, ultimi grandi sistematori del-
l’intero apparato giuridico; Modestino infine è il ‘grecista’, sorta di
ideale anello di congiunzione tra due mondi e due epoche. In caso di
opinioni discordi, dovrà prevalere la maggioranza numerica; in caso di
parità sui vari fronti, la sententia espressa o condivisa da Papiniano
(excellentis ingenii vir); nell’impossibilità di applicare i precedenti cri-
teri (ad es., Gaio e Paolo contro Ulpiano e Modestino), la soluzione è
affidata alla prudenza del giudicante, che abbandona così, in via prov-
visoria, il ruolo di mero contabile. La costituzione fu inserita nel Codi-
ce Teodosiano (C. Th. 1.4.3), e proprio ai compilatori di questa raccol-
ta è forse dovuta la clausola di cui non si è finora parlato e che permet-
te anche il ricorso agli altri autori citati dai cinque, purché si rechino in
tribunale sicuri manoscritti per la verifica. Se la congettura (Graden-
witz, De Visscher, Massei, e vari altri) coglie nel segno, si delinea in tal
modo un vero e proprio stravolgimento dell’originaria oratio ravenna-

2 Il nucleo originario è in parte ricostruibile attraverso cinque segmenti presentati

dalle raccolte come leggi autonome: C.Th.1.4.3; C.1.14.2; C.1.14.3; C.1.19.7; C.1.22.5.
Di essi, il primo identifica la c.d. legge delle citazioni di cui ci occupiamo nel testo; il
secondo, il quarto e il quinto trattano dei rescritti e decreti; il terzo delle leges genera-
les.
3 Una costituzione di Costantino (C.Th.1.4.2, forse del 327) aveva da tempo rico-

nosciuto piena autorità all’intero corpus paolino, con una menzione a parte per le Sen-
tentiae (sul punto, infra, par. 7). La stessa legge delle citazioni, di cui ci occupiamo nel
testo, si conclude con queste parole: Pauli quoque sententiae semper valere praecipimus
(Stabiliamo anche che le sentenze di Paolo abbiano sempre valore). Non mi sembra
tuttavia che questi dati siano bastevoli a suffragare l’ipotesi del Kunkel, Linee di storia
giuridica romana (trad. it.), Napoli 1973, pp. 210 (fine) – 211 (inizio), circa una sorta di
superiorità attribuita alle Sententiae, ove fosse possibile citarle, su ogni altra opera.
76

te, con forzoso avallo accordato ora a un numero indefinito di giuristi.


Ciò tuttavia tornerebbe a conferma dell’immagine, emergente anche su
altri piani, di una situazione orientale meno ‘drammatica’ quanto a di-
sponibilità testuale e facilità di approccio in ordine alle opere che cu-
stodiscono il ius. Nel VI secolo, la legge di Valentiniano III troverà ac-
coglimento nel Breviarium Alaricianum (Brev. C. Th. 1.4.1; infra par.
20) e nel Codice giustinianeo del 529 (infra cap. VIII.2): resta però mi-
steriosa la veste riservatale in quest’ultima sede.

3. Criteri distintivi in ordine alle compilazioni postclassiche. Nella


rassegna delle fonti che andiamo a intraprendere, distingueremo da un
lato le compilazioni omogenee, e in tale ambito quelle formate con leges
e quelle formate con ius – adottando in via generale il termine ‘compi-
lazione’ anche con riguardo ad altre tipologie di rielaborazione, quali
compendi, parafrasi, glosse di commento, ecc. –; dall’altro lato quelle
miste, sostanziate cioè da ambedue i tipi di fonti. Nell’ambito di queste
ultime isoleremo ulteriormente quelle a carattere non ufficiale da quel-
le che si identificano in specifici atti normativi.
La predetta sistemazione diairetica delle compilazioni postclassiche
è adottata con grande frequenza, non solo sul piano didattico. Pur se-
guendone il modello, ci sembra il caso in limine di avvertire che in ta-
luni casi essa, inevitabilmente, appiattisce a priori interessanti proble-
matiche. Pur nei limiti di un’opera destinata all’insegnamento, ove l’ac-
cennato inconveniente si presenta in forma a nostro avviso più sensibi-
le, ci riserviamo di darne, di volta in volta, segnalazione.

4. Compilazioni di ‘leges’: ‘Codex Gregorianus, Codex Hermogenianus’.


Si tratta di due compilazioni orientali realizzate da privati in età dioclezia-
nea. I Digesta di Giustiniano ci hanno restituito diciotto frammenti di
quello che, pur con notevoli limiti, può considerarsi un precedente classi-
co delle nostre raccolte. Nel II secolo d.C. Papirio Giusto, forse un fun-
zionario di corte più che un giurista, aveva costruito un’intera opera
esclusivamente allineando costituzioni imperiali, emanate tra il 161 e il
180. Nonostante le congetture del Lenel, non sembra potersi ravvisare un
ordine per materia, ma la coincidenza tra il ventennio preso in considera-
zione e il numero dei libri di cui consta la rassegna papiriana farebbero ri-
77

tenere una sistemazione cronologica dei materiali. Un ultimo rilievo: il


dettato originale dei principi di rado è riportato testualmente, più spesso
l’autore ricorre a una breve esposizione parafrastica (cfr. infra, cap. X.3).
La struttura del Codex Gregorianus appare molto diversa, sulla base
di un felice schema formale poi ereditato da tutti i codici posteriori.
Ogni singolo libro – nel complesso il corpus ne contava almeno 14 – è
ripartito in titoli, ciascuno fornito di una rubrica indicante l’argomen-
to, e solo nell’ambito dei titoli le costituzioni, con testo dotato di in-
scriptio e subscriptio (su tali dati infra) ma ridotto alla pura parte dispo-
sitiva (infra, cap. X.4), appaiono ordinate in successione cronologica. Il
Gregoriano raccoglie soprattutto rescripta, fonti di più arduo reperi-
mento e tuttavia di non secondaria importanza nell’uso forense per la
possibilità di interpretazione analogica, da Adriano a Diocleziano. La
compilazione può collocarsi negli anni 291-292 d.C., ed è dovuta a un
giurista altrimenti ignoto, a nome probabilmente Gregoriano (non
Gregorio), come risulta da talune fonti che con tale nome sembrano ri-
ferirsi all’artefice e non al Codex (in particolare la Collatio e l’Interpre-
tatio a C.Th.1.4.3)4. L’opera ci è pervenuta indirettamente e in scarsa
misura: la si può in parte ricostruire attraverso un’epitome contenuta
nella Lex Romana Wisigothorum e in base a estratti ricavati dai Frag-
menta Vaticana (v. però infra, par. 11), dalla Collatio, dalla Consultatio,
dalla Lex Romana Burgundionum.
Il Codex Hermogenianus nacque come completamento del primo e
fu composto, con tutta probabilità, dal giurista Ermogeniano, noto an-
che per un’opera di compendio (iuris epitomarum libri VI) escerpita dai
compilatori giustinianei, con rescritti degli anni 293-294 d.C. Secondo
il Liebs, tanto il nostro Codice quanto l’Epitome, erano destinati, nelle
intenzioni del loro autore, alla formazione tecnica della nuova burocra-
zia con funzioni giudiziarie voluta da Diocleziano. Il Codex è in un solo
libro, diviso in tituli, e, pure per il resto, congegnato come il Gregoria-
no. Fonti per una sia pur esigua ricostruzione del corpus, che non ci è
giunto in via autonoma, sono le stesse indicate sopra per il Gregoriano.

4 Secondo l’Honoré e il Liebs, autore del Codice sarebbe invece un funzionario di

nome Gregorio, già operante sotto l’imperatore Carino (283-284 d.C.) e poi mantenu-
to da Diocleziano prima come membro della cancelleria a libellis, poi come magister
dell’ufficio. Di tale personaggio è traccia in Panegyrici Latini 3.2 e 9, ma la sua identifi-
cazione con l’artefice della raccolta è frutto di una mera praesumptio.
78

Altri dati comuni alle due compilazioni, che in buona sostanza le ri-
velano partecipi di un medesimo destino, sono i seguenti. Entrambe
furono oggetto di edizioni ampliate successive, con ulteriori constitu-
tiones aggiunte al nucleo originario5. Ricevettero insieme – nel modo
che vedremo (infra, par. 5) – il crisma dell’ufficialità dall’imperatore
Teodosio II e furono largamente messe a profitto dai compilatori del
Codice giustinianeo. Infine, dato su cui torneremo, una significativa
corrente del pensiero giuridico postclassico inserisce i due Codices non
entro l’ambito concettuale delle leges, ma entro quello degli scritti che
tramandano il ius.
Edizioni: per il compendio visigotico dei due corpora vedi FIRA II,
653 ss. (Baviera); ricostruzione induttiva in Haenel, Corpus iuris ante-
iustiniani, II, Leipzig 1837; Krueger, Collectio librorum iuris anteiusti-
ninani, III, Berlin 1890.

5. Cont.: ‘Codex Theodosianus’. È, come si è già avuto modo di ac-


cennare (supra, cap. III.3), la seconda codificazione ufficiale nella sto-
ria del diritto romano, a quasi novecento anni di distanza dalla legge
delle XII tavole. Si è pure detto, poco sopra (par. 2), che nel 426 a Ra-
venna l’entourage di Valentiniano III, con un complesso normativo a
cui appartiene anche la c.d. legge delle citazioni, aveva preso in consi-
derazione nel suo insieme il quadro delle fonti del diritto: costituzioni
imperiali e opere della giurisprudenza. In un’ottica di fondo non del
tutto dissimile, ma nel quadro di un disegno al tempo stesso più origi-
nale e ambizioso, si muove tre anni dopo l’imperatore Teodosio II nel-
la pars Orientis dell’impero. Prende così avvio quello che nella recente
dottrina è in genere indicato come il primo progetto di codificazione
teodosiana.
Con una costituzione del 26 marzo 429, emanata a Costantinopoli
(C.Th.1.1.5), l’imperatore dà incarico a una commissione composta da
nove membri (otto funzionari e un docente di diritto), di comporre due
codices. Il primo, omogeneo, da realizzarsi ad similitudinem Gregoriani

5 Se dobbiamo credere a una notizia fornitaci da Sedulio, poeta cristiano del V se-

colo (Epist. ad Maced., 10-11), lo stesso Ermogeniano, definito doctissimus iurislator,


avrebbe pubblicato tre successive edizioni della propria raccolta (tres editiones sui ope-
ris confecisse).
79

atque Hermogeniani codicis, dovrà contenere tutte le leggi generali, editti


compresi, emanate da Costantino in poi. La somiglianza voluta da Teo-
dosio con i due Codici privati è da ravvisarsi in una analoga divisione in
titoli, con sistemazione in ordine cronologico delle constitutiones all’in-
terno dei medesimi. Nessuna legge dovrà essere omessa, ancorché non
più in vigore: sarà la successione emergente dalla raccolta a mostrare
quali siano le norme abrogate da quelle posteriori difformi. Ai compila-
tori non è data facoltà di interpolare i testi in senso proprio, possono tut-
tavia spezzare singole leges in vari tronconi destinati ratione materiae a
titoli diversi, eliminando al contempo i brani che, come le praefationes,
possono dirsi superflui rispetto al nucleo dispositivo. Questo codice è
destinato alla scienza, ma, a ben guardare, costituisce pure un imprescin-
dibile inventario ai fini del secondo codice, contemplato sempre nel pro-
getto in parola. Quest’ultimo, il solo designato a portare il nome dell’im-
peratore (nostro nomine nuncupatus), dovrà essere così costruito: dal pri-
mo codice di fattura teodosiana si attingeranno le leges generales e gli
edicta, dai due Codici privati i rescripta, dalle opere giurisprudenziali
(prudentium tractatus et responsa) i brani utili di tale natura. Ma dai tre
grandi nuclei indicati va scelto solo ciò che risulta funzionale alla forma-
zione di un codice – misto, dunque, quanto al contenuto – che esaurisca
l’intero panorama del diritto vigente, senza errori e ambiguità di sorta,
votato a porsi come magisterium vitae. Tuttavia questo primo progetto di
Teodosio II, per motivi che le fonti lasciano inespressi, non va in porto.
Il 20 dicembre 435 lo stesso imperatore emana una seconda costitu-
zione programmatica (C.Th.1.1.6), in cui a una commissione di sedici
membri, ove l’ambiente accademico continua a essere poco o nulla rap-
presentato, si affida il compito di redigere un solo codice, stavolta, con-
tenente le costituzioni generali e edittali da Costantino in poi, con pote-
re non solo di sfrondare ma anche di interpolare i testi, sì che il solo di-
ritto brevitate constrictum claritate luceat (riassunto nella brevità risplen-
da con chiarezza). Questo sarà il Codice Teodosiano: nelle intenzioni
imperiali e nella realtà, perché il Codice viene pubblicato il 15 febbraio
438 (Nov. Theod.1 - De Theodosiani codicis auctoritate) e se ne dispone
la vigenza a partire dal 1° gennaio 439. Lo stesso Codex, subito inviato a
Roma da Teodosio II per estenderne la vigenza alla pars Occidentis, è
acclamato dal senato romano in una celebre seduta di cui ci è giunto il
verbale (Gesta senatus Romani de Theodosiano publicando, contenuti
nel Cod. Ambrosiano C. inf., scoperto nel secolo XIX).
80

L’abbandono del primo progetto e la sua sostituzione con uno assai


più modesto, affidato per giunta a un numero di commissari pressoché
doppio, hanno in genere suscitato presso la critica moderna giudizi po-
co lusinghieri sul sostrato culturale teodosiano. Si pone in particolare
l’accento sull’inidoneità di una commissione di burocrati a muoversi
nell’universo del ius – terza componente, come si ricorderà, del codex
magisterium vitae –, rimarcando al contempo il divario qualitativo ri-
spetto all’équipe giustinianea di un secolo dopo. In effetti – il rilievo è
dell’Archi –, alla compilazione teodosiana tocca di solito l’ingrato de-
stino di essere valutata in rapporto a quello che verrà fatto dopo, da
Giustiniano, e non invece, almeno in parte, con riguardo alla tradizio-
ne precedente e quindi alla portata dell’opera nella realtà in cui si inse-
risce. Orbene, se il ridimensionamento del disegno non può essere ne-
gato, vanno pure tenute nel debito conto le notevoli difficoltà oggetti-
ve nelle quali si muoveva la compagine teodosiana; e ciò non solo nel
campo del ius, ma in quello stesso settore in cui avrebbe dovuto pren-
der forma il primo codice del 429 e si sostanziò poi il Teodosiano rea-
lizzato. Si tratta sempre della prima compiuta sistemazione delle fonti
normative nella loro gerarchia; della prima raccolta di quelle che – in
tale gerarchia – occupano il gradino più alto (leges generales); del pri-
mo tentativo di ordinare il diritto pubblico nel suo complesso, campo,
questo, in cui fra l’altro non era possibile fondarsi su modelli prece-
denti. Lo stesso Teodosio d’altra parte, e non sembra solo per motivi
di opportunità politica, non mostra mai di considerare il progetto del
435 come la presa d’atto di un fallimento: va anzi rilevato a questo pro-
posito che la costituzione del 429 è inserita nel Teodosiano (1.1.5) e
che a Roma, davanti al senato, sarà letta solo questa costituzione e non
quella successiva del 435. Mentre nella Nov. Theod. 1, del 438, pubbli-
cando il Codice, così ci si esprime: verum egimus negotium temporis
nostri et discussis tenebris compendio brevitatis lumen legibus dedimus
(abbiamo realizzato la vera impresa del nostro tempo e, dissipate le te-
nebre, dato in un compendio alle leggi la luce della brevità).
Sistemate le leges di carattere generale, rimaneva però il problema
dei rescripta da un lato, del ius dall’altro. Il primo è risolto rendendo
ufficiali i Codici Gregoriano e Ermogeniano: non lo si fa espressamen-
te, ma, inserendo nel Teodosiano la costituzione del 429 (C.Th. 1.1.5)
in cui si prendono a modello le due raccolte (ad similitudinem Grego-
riani atque Hermogeniani codicis), si finisce col legittimarle nel tessuto
81

normativo di nuovo conio6. Il problema del ius è invece affrontato con


l’inserimento della c.d. legge delle citazioni di Valentiniano, previa la
veduta interpolazione che ne dilata a dismisura i confini (supra, par. 2).
Tuttavia, anche se non è difficile rilevare ora una tendenza svalutativa
nei confronti dei testi giurisprudenziali – in questo senso si muove, a
mio avviso, la stessa ricordata interpolazione della lex di Valentiniano
–, non pare possa accettarsi la tesi del Volterra, che rappresenta un im-
peratore deciso a prescinderne tout court.
Il Codice Teodosiano consta di 16 libri; ogni libro è diviso in titoli,
forniti ciascuno di rubrica; entro i titoli le leggi, abbreviate (infra, cap.
X.4), sono ordinate cronologicamente: ogni constitutio, o frammento
autonomo della stessa, reca l’inscriptio col nome dell’imperatore o de-
gli imperatori emananti e l’indicazione del destinatario, e la subscriptio
con luogo e data di emanazione. Poiché la struttura del Codice Teodo-
siano è analoga a quella del Codice giustinianeo, tenuto presente che
Codex Theodosianus si abbrevia in C.Th. o C.T., quanto al modus citan-
di vedi infra, cap. VIII.10.
Del Teodosiano sono giunti a noi diversi manoscritti di provenienza
occidentale: il Codice infatti, una volta entrato in vigore nelle partes
imperii rette da Valentiniano, vi godette di grande fortuna per secoli,
grazie anche all’ampio estratto del medesimo contenuto nella Lex Ro-
mana Wisigothorum. Minore importanza hanno i frammenti del corpus
restituiti dalla Consultatio e dalla Lex Romana Burgundionum.
Edizione: Mommsen-Meyer, Theodosiani libri XVI cum constitutio-
nibus Sirmondianis et leges novellae ad Theodosianum pertinentes, Be-
rolini 1905, vol. I.2.

6. Cont.: Costituzioni Sirmondiane e Novelle post-teodosiane. Le pri-


me sono 16 costituzioni riportate da manoscritti originari della Gallia
ed emanate fra il 333 e il 425. Si occupano dei rapporti tra Stato e
Chiesa e non tutte sono presenti nel Codice Teodosiano. Furono per la
prima volta pubblicate dal Sirmond (1631), da cui il nome.
Edizione: Mommsen-Meyer, op. cit., ancora vol. I.2.

6 Il De Francisci, Storia del diritto romano, III.1, Milano 1943, p. 200 e n. 3, aderen-

do a un’ipotesi già prospettata dal Baudi di Vesme, non esclude l’esistenza di una costi-
tuzione oggi perduta che conferisca espresso valore legislativo alle due compilazioni.
82

Con accezione assai più ristretta di quanto possa apparire d’acchito,


il nome di Novelle post-teodosiane indica un nucleo di costituzioni
emanate da imperatori postclassici – compresi Teodosio Il e Valenti-
niano III – dopo la pubblicazione del Codex Theodosianus e pervenu-
teci attraverso raccolte occidentali, indipendentemente dalla emendatio
giustinanea, che pure, come vedremo (cap. VIII.2), prese a partito la
legislazione successiva al corpus del 438. Cercheremo di chiarire con
un esempio il concetto precedentemente espresso. Il Codice di Giusti-
niano riporta nel libro X una costituzione emanata dall’imperatore
Marciano il 18 luglio 456, in tema di quietanze dei tributi e di prova
dell’avvenuto pagamento di questi. Sarebbe inesatto tuttavia, sul piano
tecnico, qualificare questa legge come Novella Marciani: nota solo at-
traverso il Codex giustinaneo, essa, benché certo posteriore al Teodo-
siano, non è per noi che la costituzione in C.10.22.3; e d’altronde le
possibilità di equivoco scompaiono ove si ricolleghi il termine Novellae
postthedosianae a una specifica fonte di cognizione. La leges in oggetto
sono, nel complesso, 105, per lo più di sovrani occidentali (Valentinia-
no III, Maioriano, Libio Severo, Antemio); la pars Orientis è rappre-
sentata solo da Teodosio II e Marciano.
Di queste Novelle fu redatta nel 460 una raccolta forse per ordine
di Maioriano: essa è giunta fino a noi attraverso un unico manoscritto,
il Codex Vaticanus 7277. Una scelta non basata interamente sulla com-
pilazione di cui sopra, in quanto allinea alcune leggi nuove, è nella Lex
Romana Wisigothorum (infra, par. 20). E si ha notizia pure di una ter-
za, la quale utilizza, ancora in parte, le due collezioni precedenti.
Edizione: Mommsen-Meyer, op.cit., vol. II.

7. Compilazioni di ‘ius’: ‘Pauli Sententiae’. Dette anche Pauli Sen-


tentiae receptae e Pauli Sententiae ad filium. In origine opera in cinque
libri del giureconsulto Giulio Paolo, che tuttavia, se si eccettua un
frammento proveniente da Leiden (Cod. Leid. B.P.L. 2589) di recente
scoperta e relativo ai crimina repetundarum (concussione) e maiestatis
(lesa maestà), non ci è pervenuta in via diretta ma solo attraverso la
mediazione di raccolte postclassiche. Tra esse va ricordata in primis la
Lex Romana Wisigothorum, sia per l’ampiezza del testo restituitoci sia
perché unicamente in questa sede le Sentenze di Paolo si presentano
come scritto con compiuta unità formale. Nei Digesta giustinianei sono
83

infatti reperibili diversi brani del nostro testo, ma – data la struttura


della compilazione – sparsi nel grande tessuto del mosaico antologico;
lo stesso può dirsi, in linea di massima, per i Fragmenta Vaticana, la
Collatio, la Consultatio, la Lex Romana Burgundionum, con l’ulteriore
avvertenza che in queste collezioni minori le reliquie dell’opera in pa-
rola sono molto più esigue. Da quanto esposto finora si comprende pe-
raltro come le moderne edizioni delle Sententiae si concretino in rico-
struzioni palingenetiche, ove la struttura portante è costituita dall’ex-
cerptum visigotico7.
La paternità paolina dell’archetipo invero è stata posta sovente in
discussione, ma non si è mai raggiunta, a mio avviso, la prova necessa-
ria al disconoscimento. In una già citata costituzione di Costantino
(C.Th. 1.4.2, forse del 327; supra, par. 2 n. 2) sta scritto: Universa quae
scriptura Pauli continentur, recepta auctoritate firmanda sunt et omni ve-
neratione celebranda. Ideoque sententiarum libros plenissima luce et per-
fectissima elocutione et iustissima iuris ratione succinctos in iudiciis pro-
latos valere minime dubitatur (Tutto quanto è ricompreso nella scrittu-
ra di Paolo va confermato con riconosciuta autorità e celebrato con
ogni venerazione. Pertanto non si dubita affatto che, prodotti nei giu-
dizi, abbian valore i libri delle sentenze, dotati di pienissima luce e per-
fettissimo stile e rigorosissima scienza giuridica). Non è facile pensare
che Costantino, a cent’anni o forse meno dalla morte di Paolo, sia po-
tuto incorrere in errore; per tacere delle testimonianze di tutta una tra-
dizione che tra l’altro, come si evince, ha elevato la fonte a indiscusso
modello.
Rimane tuttavia il dato, questo sì inoppugnabile, di un’opera note-
volmente rimaneggiata dai compilatori che se ne sono serviti a vario ti-
tolo, e che molto risente, nell’ampia scelta offerta dal Breviarium, del-
l’influenza della prassi occidentale postclassica. Per quanto riguarda
invece le interpolazioni apportate in ambiente orientale e riscontrabili
nei brani inseriti nei Digesti di Giustiniano, si è sottolineato in dottrina
una più diretta azione di matrice scolastica. Nei titoli in cui sono divisi
i cinque libri dell’opera, oltre a quasi tutti i settori del dritto privato,
sono toccati numerosi e interessanti aspetti della repressione criminale.

7 Alcuni brani, leggibili in tali edizioni delle P.S. derivano dal c.d. Codex Vesontinus,

noto al Cuiacio (1522-1590) che lo cita nella sua opera, ma oggi irreperibile.
84

Edizione: FIRA II,317 ss. (Baviera). Per il Fragmentum Leidense ve-


di Archi, David, Levy, Marichal, Nelson, Pauli Sententiarum Fragmen-
tum Leidense, in Studia Gaiana, IV, Leiden 1956.

8. Cont.: ‘Tituli ex corpore Ulpiani’. Compendio redatto, a quanto


sembra, nella prima età postclassica (inizi del IV secolo), sulla base in
particolare di quel liber singularis regularum di Ulpiano restituitoci in
parte dalla Collatio e dai Digesta giustinianei. Il manoscritto a cui dob-
biamo la conoscenza della nostra fonte – il Codex Vaticanus Reginae
1128, recante anche, prima dei Tituli, il Breviarium Alarici – fu pubbli-
cato in Francia dal Tillio, allievo del Cuiacio, a metà del XVI secolo.
Non è ancora sopito il dibattito dottrinario relativo alla natura, al-
l’epoca e alla paternità dell’operetta. Secondo l’Arangio-Ruiz, il noc-
ciolo non sarebbe costituito da materiali ulpianei ma dalle Istituzioni
di Gaio – con le quali, in effetti, le somiglianze sono evidenti e notevoli
–, sulla base però non del dettato originale del II secolo, bensì di una
sua più tarda redazione arricchita, questa, con brani di Ulpiano.
Recentemente, sulla scia del Nelson, il Mercogliano ha creduto di
riconoscere nei Tituli parte del citato liber singularis di Ulpiano. Non
si tratterebbe quindi di un’opera pseudoepigrafa appartenente all’età
tardoantica, ma di un testo pienamente classico, dovuto, appunto, al-
l’enciclopedista dell’epoca dei Severi. È un’ipotesi stimolante e, in ef-
fetti, il contenuto dei Tituli è indiscutibilmente classico, ma ciò forse
non basta a provare la coincidenza – sia pure pro parte – con la predet-
ta monografia e, di conseguenza, la paternità ulpianea del trattatello, la
cui concisione è, almeno d’acchito, difficilmente coniugabile con quel-
la del giureconsulto di Tiro a cui si vorrebbe attribuirlo. Né, a mio av-
viso, tale brevitas, non di rado estenuata al limite di meri appunti, po-
trebbe essere giustificata in forza dell’asserita appartenenza dell’opera
al genere letterario delle regulae, per cui si possono utilmente confron-
tare, quanto a stilemi, gli omologhi trattati di Marciano (Lenel, Mar-
cian. 219-286) e di Modestino (Lenel, Modestin. 173-280), che operano
pochi decenni dopo Ulpiano.
Nel complesso l’operetta quale la possediamo si presenta come una
successione di 29 titoli, in cui sono esposte nozioni elementari relative
alle fonti del diritto, alle persone e alla famiglia (notevoli, in questo
settore, un lineare profilo della dote, assente nel manuale di Gaio, e un
85

prezioso excursus sulla legislazione caducaria di Augusto [lex Iulia de


maritandis ordinibus e lex Papia Poppaea nuptialis]), ai modi di acqui-
sto della proprietà, ai rapporti ereditari.
Edizione: FIRA II,259 ss. (Baviera).

9. Cont.: ‘Gai Institutionum Epitome’. Detta anche Liber Gai e, con


immagine più fantasiosamente icastica, ‘Gaio Visigoto’. È un compen-
dio in unico libro diviso in titoli – con rubriche – delle Istituzioni di
Gaio, databile al V secolo. La parte rielaborata corrisponde al conte-
nuto dei primi tre commentari del manuale classico, con omissione
quindi della materia processuale data l’ormai totale inattualità dell’or-
do iudiciorum.
Il testo ci è pervenuto in quanto inserito nella Lex Romana Wisigo-
thorum (infra, par. 20), ma a giudizio della dottrina ora dominante non
è dovuto ai compilatori del Breviarium. Secondo l’Archi, si tratta di
una risistemazione per uso pratico (interpretatio) di una precedente
parafrasi – redatta, questa, per uso scolastico – delle Institutiones gaia-
ne. Indizi a favore di una provenienza solo mediata dal manuale del II
secolo sono costituiti dalla presenza, anomala nell’Epitome sempre pe-
raltro estremamente concisa, di un’espressione il cui stile scolastico è
ancor più marcato e diffuso di quello del corrispondente passo classico
(Gai Ep.2.11.1; Gai.3.182); nonché dalla trattazione di almeno due ca-
sus (Gai Ep. 2.5.2, in fine; 2.9.2, in fine) non contemplati in parti inte-
gre del Manoscritto Veronese. Ci si è chiesti se i commissari di Alarico
II, includendo l’Epitome nel Breviarium, vi abbiano o no apportato
modifiche di sostanza. Per parte mia, sarei propenso a riconoscere al-
cuni tagli – uno è documentabile –, come già per il passato sostenne lo
Hitzig.
Edizione: FIRA II, 229 ss. (Baviera).

10. Cont.: ‘Gai interpretationis Fragmenta Augustodunensia’. Detti


pure ‘Gaio di Autun’. Isolati squarci di un’opera di parafrasi alle Isti-
tuzioni di Gaio, condotta nel IV o V secolo da un ignoto autore occi-
dentale. A quanto è dato capire (cfr. Frag. Aug. 4.79,80) venivano tra-
scritti in ordine e in lettere maiuscole i singoli brani del manuale classi-
co, ai quali si faceva seguire il relativo commento. L’opera dunque in
86

origine doveva risultare piuttosto ampia, ma la sua qualità, a giudicare


dai campioni in nostro possesso, lasca molto a desiderare. Quel che ci
resta è tuttavia utile in taluni casi al fine di integrare il Manoscritto Ve-
ronese ove questo presenta lacune. Il nome deriva alla fonte dalla città
di Augustodunum (oggi Autun), nella Gallia, dov’era conservato il pa-
linsesto che, sul finire del secolo scorso, fornì allo Chatelain l’occasio-
ne della scoperta. Insieme con l’Epitome visigotica costituisce un se-
gno tangibile della grande fortuna postclassica toccata al testo elemen-
tare di Gaio.
Edizione: FIRA II, 205 ss. (Baviera).

11. Compilazioni miste di ‘leges’ e ‘ius’ non ufficiali: Fragmenta Vati-


cana’. Il titolo allude al luogo in cui fu scoperto il relativo palinsesto: la
Biblioteca Vaticana. Luogo di originaria spettanza della pergamena ri-
sulta tuttavia il Monastero di Bobbio (Emilia). Il manoscritto risale al
IV o V secolo. Benemerito del reperimento è il già citato Angelo Mai,
che, nel 1821, intuì la scriptura prior del codex. Basta sfogliare una
qualsiasi edizione moderna dell’opera per rendersi conto, sulla base
delle note dei curatori, che l’inizio di quanto possediamo era precedu-
to nel codice originario – non quindi quello riutilizzato scoperto dal
Mai – da un’ottantina di pagine, e che, di tanto in tanto, il dettato si in-
terrompe a causa della mancanza di un certo numero di fogli (desunt
paginae 12; desunt paginae aliquot, ecc.). Ciò è dovuto a una circostan-
za particolare. Chi abrase il codex per sostituirvi lo scritto giuridico
con la raccolta di Cassiano, divise anche ciascun foglio doppio in tre
parti, senza peraltro utilizzarle né tutte né in ordine per la nuova scrip-
tura. Questo dato, unito al fatto che le pagine non utilizzate non ci so-
no pervenute, fa sì che del testo originario noi non possediamo che
una parte, sovente interrotta da lacune incolmabili. In tutto ci sono
stati restituiti 9 fogli originari e una frazione (1/3 o 2/3) di altri 24, di
un testo in origine assai più esteso.
Si tratta di una compilazione giuridica ad alto livello, composta cer-
to anche per esigenze teoretiche, divisa in titoli – ce ne sono pervenuti
7 attinenti al diritto privato –, all’interno dei quali i frammenti della
giurisprudenza e le costituzioni degli imperatori sono alternati secondo
una razionale sistematica di contenuti, che, come tale, non tiene conto
per le leges di alcun ordine cronologico. Se dunque per queste ultime
87

l’autore della nostra fonte si è servito dei due Codici privati – che pe-
raltro non cita – bisogna pure riconoscere che egli, con scelta del tutto
autonoma, ha modificato l’ordine dei frammenti finalizzandoli a un
proprio personale disegno, secondo un ductus stilistico-culturale già
proprio della grande giurisprudenza severiana. I giuristi citati sono Pa-
piniano, Paolo e Ulpiano. Sempre a proposito del ius compaiono, in
Frag. Vat. 90-93, brani di un’opera de interdictis in almeno quattro li-
bri, la cui paternità ha fatto e fa tuttora molto discutere: si è pensato a
Venuleio Saturnino, ad Arriano, agli stessi Paolo e Ulpiano, già qui
ampiamente rappresentati. Va anche detto che il D’Ors, ricontrollando
il manoscritto, ha appurato che in quei luoghi cruciali non si rinvengo-
no lacune, come invece segnalano tutte le edizioni critiche: dunque il
nome dell’autore anche in origine non era indicato e si tratterebbe per-
tanto di un’opera anonima, che, su simili basi, il Betancourt attribuisce
alla prima età postclassica (IV secolo). Quanto alle leges, le costituzioni
si identificano per la maggior parte in rescritti di Diocleziano e Massi-
miano; ma vi sono anche leggi costantiniane, nonché una constitutio,
assai più tarda (Frag. Vat. 37 = C.Th. 10.17.1 = C. 10.3.5), di Valenti-
niano Valente e Graziano, che, se non si ritiene aggiunta posteriormen-
te (Mommsen), impone come terminus post quem della compilazione
l’anno 372 d.C. Terminus ante quem è il 438, perché il Teodosiano vi
appare del tutto sconosciuto. Luogo di composizione è con ogni pro-
babilità l’Occidente: lo denotano le diverse costituzioni di Massimiano
che vi sono riportate, il mancato utilizzo, nel titolo sull’esenzione dalla
tutela, dell’opera specifica di Modestino de excusationibus, redatta in
lingua greca, la provenienza del codex, di cui già si è detto.
Edizione: FIRA 11,461 ss. (Baviera).

12. Cont.: ‘Mosaicarum et Romanarum legum Collatio’. Con questo


titolo, spesso per comodità ridotto a ‘Collatio’, si identifica tra gli stu-
diosi una singolare compilazione, il cui vero nome costituisce già il pri-
mo mistero. Di frammenti di opere giuridiche romane cum Moysis legi-
bus collata parlò il Pithou, nell’edizione parigina del 1573. Dal canto
loro, i manoscritti recano in apertura ‘Lex Dei quam praecepit Dominus
ad Moysen’ (Legge di Dio, che il Signore ha dettato a Mosé): di qui
‘Lex Dei’ come seconda, concisa denominazione dell’operetta.
Si tratta di una silloge dovuta a un autore sconosciuto – forse un
88

ebreo (Volterra e non molti altri), forse un cristiano (communis opinio)


–, tesa a dimostrare che esiste, in svariati settori, piena coincidenza tra
le antichissime norme bibliche e le regole giuridiche romane; ciò pro-
babilmente al fine ulteriore di enfatizzare – in modo implicito o in una
parte dell’opera non pervenutaci – la superiorità tecnica e morale delle
prime sulle seconde. Si è però anche avanzata l’ipotesi (Hohenlohe) di
uno scopo secondario opposto: trattandosi di un fervente cristiano – si
dice –, l’autore della Collatio vorrebbe indurre il legislatore di Roma a
cambiare rotta e a sostituire un nucleo di norme ancora ispirate al rigo-
re dell’antico Testamento, con altre più umane, conformi all’insegna-
mento evangelico. E vi è pure chi pensa (come di recente il Barone
Adesi) che l’autore della Lex Dei – secondo detta tesi un ebreo di Ro-
ma – intenda in tal modo affermare la lealtà del suo gruppo etnico nei
confronti dello Stato romano, difendendo al contempo i principi giuri-
dici della Bibbia, conformi, appunto, al diritto imperiale. Comunque
sia, l’impresa oggettiva del comparatista è di quelle che oggi farebbero
tremare le vene e i polsi. Nondimeno egli vi si cala con invidiabile fidu-
cia, tanto che, di regola, limita il proprio personale intervento a brevis-
sime note di presentazione e raccordo tra un testo e l’altro, ritenendo
evidentemente bastevole a ingenerare nel lettore la persuasione della
simmetria il mero, materiale accostamento della norma mosaica alle
fonti romane in argomento8. Anche il dettato biblico compare in lin-
gua latina, ma, come si è dimostrato, non deriva da una diretta versio-
ne della Torah ebraica, bensì da una traduzione latina del testo greco
dei Settanta, il che depone per la paternità occidentale della nostra rac-
colta. Le leges romane sono ricavate dai codici privati; i brani di ius dai
cinque giuristi della legge delle citazioni. Le une si alternano agli altri
senza un ordine preciso, ma l’ordine cronologico già presente entro i
singoli tituli dei Codices dioclezianei è sempre rispettato. Inoltre, anco-
ra a proposito di queste due ultime raccolte, si fa di regola riferimento,

8 Il luogo in cui, in via abbastanza eccezionale, l’ignoto autore manifesta più chiaro

il proprio intento è Coll. 7.1 pr.: Quod si duodecim tabulae nocturnum furem quoquo
modo, diurnum autem si se audeat telo defendere, interfici iubent, scitote, iuris consulti,
quia Moyses prius hoc statuit, sicut lectio manifestat. Moyses dicit: etc. (Che se le dodici
tavole autorizzano a uccidere il ladro, di notte in ogni caso, di giorno invece se osi di-
fendersi con un’arma, sappiate, giureconsulti, che Mosé questo lo ha stabilito prima,
come il passo rende palese. Dice Mosé: ecc. [seguono la norma biblica e i testi giuridi-
ci romani]).
89

nelle citazioni, ai loro autori (Gregorianus e Hermogenianus, come so-


stantivi) anziché ai corpora (cfr. supra, par. 4); ne risulta (Archi) che la
Collatio ci pone di fronte a sette autori «considerati tutti sullo stesso
piano in quanto cultori di diritto».
Dell’opera ci sono pervenuti solo 16 titoli del primo libro; temi par-
ticolarmente trattati sono il diritto criminale e le successioni legittime,
settore, quest’ultimo, in cui il perseguito intento comparatistico appare
invero disperato oltre misura. Il problema della datazione è affascinan-
te ma insolubile: potrebbe parlarsi di età dioclezianea, immediatamen-
te posteriore ai due Codici, se non fosse per una costituzione di Valen-
tiniano Teodosio e Arcadio del 390 (Coll. 5.3 = C.Th. 9.7.6, ma qui
itp., e dunque certo non tratta da tale Codex) e per un chiaro accenno
a una costituzione di Costantino in tema di plagium (= sequestro di
persona), del 315 (C.Th. 9.18.1 = itp. C.9.20.16; Coll. 14.3.6). Un simi-
le scoglio può essere superato, e molti studiosi hanno creduto di farlo,
attribuendo entrambi i passi a tardi annotatori dell’operetta anziché al
suo autore; tentativo, a mio avviso, più agevole sul primo punto che
non sul secondo, perché solo con la citata costituzione costantiniana si
ottiene la finale convergenza tra pena (di morte) mosaica e pena (di
morte) romana per i colpevoli di plagio: lo scopo perseguito appunto
dall’autore della Lex Dei. Il fatto poi che siano messi a partito solo i
cinque giuristi della legge di Valentiniano III non è per nulla indizio
sufficiente per proporre il 426 come termine post quem; termine ante
quem è certamente il 438, visto che il Teodosiano non vi appare messo
a partito.
Edizione: FIRA II, 541 ss. (Baviera).

13. Cont.: ‘Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti’. Detta anche,


più brevemente, Consultatio. Fonte che allo stato attuale ci è nota solo
attraverso edizioni a stampa, perché il manoscritto già in possesso del
Loisel (1536-1617) e inviato – è incerto se in originale o in copia – al
Cuiacio, suo maestro, non è da secoli reperibile. Una meticolosa ricer-
ca condotta dal Volterra nella prima metà del secolo scorso non fu as-
secondata dalla sorte che avrebbe meritato. La prima edizione comple-
ta risale al 1577 e la si deve al già citato Ciuacio, che la pose in testa al-
le sue Consultationes. Di qui, per attrazione, il titolo – certamente non
originario – con il quale il testo è comunemente noto tra gli studiosi.
90

Si tratta di una serie di pareri rilasciati da un giureconsulto relativa-


mente a questioni giuridiche sottopostegli, in genere da un avvocato,
in qualche caso (Cons. 4.56) – a giudizio del Cannata –, da un vescovo
chiamato a giudicare una controversia tra parti laiche nell’ambito
dell’episcopalis audientia. Sempre stando al Cannata, autore di un re-
cente approfondito saggio sulla nostra fonte, che pure dal canto suo
offre pochi solidi appigli, non si tratterebbe di un’opera in senso pro-
prio, destinata cioè a essere pubblicata in vista di una sua unitaria frui-
zione, quanto piuttosto di un nucleo di pareri di vario contenuto non
editi e presumibilmente nemmeno destinati a un’editio futura.
Il giureconsulto – che parrebbe di non irresistibile levatura, ma for-
se anche perché deve adeguarsi ai suoi interlocutori – corrobora di vol-
ta in volta la propria sententia con una serie di testi a sostegno, secon-
do l’uso della recitatio forense. Tali testi sono tratti, quanto alle leges,
dai Codici Gregoriano, Ermogeniano e Teodosiano; quanto al ius dalle
Pauli Sententiae. Va detto a questo proposito che risulta evidente la
prevalenza accordata – anche dal punto di vista quantitativo – al dirit-
to delle costituzioni imperiali rispetto a quello legato ai testi giurispru-
denziali, qui rappresentati, come si è visto, dalle sole Sentenze di Pao-
lo; e come anche per queste l’ignoto redattore tenga a specificare che
la loro autorità è stata confermata dai sacratissimi principes (Cons. 7.3;
vedi pure C.Th.1.4.2: supra, par. 2 nt. 3, supra, par. 7). Una simile im-
postazione si coniuga appieno con l’ottica teodosiana in tema di gerar-
chia delle fonti del diritto, e d’altro canto, si è acutamente osservato
(Gaudemet, Archi), circostanzia in modo sensibile lo stesso carattere
di fonte mista che si suole attribuire alla Consultatio.
Quanto alla datazione del testo, dies post quem è indubbiamente il
438, visto che si cita più volte il Teodosiano; quello ante quem, forse, il
506, perché il Breviarium Alaricianum non appare noto. Il Cannata,
che pensa a un giureconsulto ancora operante nell’impero romano
d’Occidente e non in un regno barbarico, è propenso a anticipare il
termine finale al 480.
Edizione: FIRA II,591 ss. (Baviera).

14. Cont.: ‘Scholia Sinaitica’. Passi frammentari di un’opera orienta-


le di commento, in lingua greca, ai libri 35-38 del trattato ulpianeo ad
Sabinum (supra, cap. III.9). I fogli papiracei che li conservano vennero
91

anticamente saldati tra loro per formare la copertina di un altro mano-


scritto. Fu lo studioso greco Bernardakis a scoprirli nel secolo scorso
in un convento sul Monte Sinai e a inviarli in Francia, al Dareste, per
la pubblicazione.
L’ignoto maestro – beritense, si crede – cita, quanto alle leges, i Co-
dici Gregoriano, Ermogeniano e Teodosiano – da notare che ci si rife-
risce sempre ai corpora tout court, omettendo l’indicazione degli impe-
ratori emananti –; quanto al ius, le opinioni di vari giuristi classici, qua-
li Fiorentino, Paolo, Marciano, Modestino. Si va oltre, dunque, il nu-
cleo dei cinque giuristi della legge delle citazioni, che caratterizza in
genere l’ambito da cui le compilazioni miste occidentali (Fragmenta
Vaticana [salvo il problema dell’auctor de interdictis], Collatio, Consul-
tatio, Leggi romano-barbariche [infra, parr. 17-20]) attingono il ius.
Ciò a conferma di quanto accennato sopra (par. 1 e 2), circa il differen-
te livello delle scuole orientali e la più ampia disponibilità in ordine ai
testi dei prudentes.
Per la datazione, dies post quem è il 438, rivelato dalle citazioni del
Teodosiano; dies ante quem, probabilmente, il 529, visto che, appunto,
si utilizzano i tre Codici postclassici a cui la costituzione Summa rei pu-
blicae, di quell’anno (infra, cap. VIII.2), interdisse il ricorso.
Edizione: FIRA II, 635 ss. (Baviera). Ivi anche una versione latina
del testo.

15. Cont.: Libro Siro-romano del diritto. O Leges saeculares. Opera


di cui ci sono pervenuti diversi manoscritti, in lingua siriaca, araba e
armena; traduzioni, a quanto sembra, di un originale greco del V seco-
lo. Numerose sono le questioni e le ipotesi scaturite in dottrina in se-
guito alla pubblicazione del Libro; questioni relative sia alle fonti del-
l’opera sia alla sua originaria funzione. Dopo gli approfonditi studi
compiuti in materia dal Nallino, si è inclini a escludere che si trattasse
in origine di un testo recante diritto in vigore nella Siria o in altra pro-
vincia orientale. Secondo il predetto autore, l’originale greco, poi per-
duto, non era altro che uno scritto didattico contenente diritto civile
romano, con qualche insignificante traccia, qua e là, di norme provin-
ciali. La traduzione siriaca, dell’ottavo secolo, servì ai cristiani che vi-
vevano sotto il dominio musulmano come nucleo di base per uno sta-
tuto loro peculiare, in quanto si presentava d’acchito come un com-
92

plesso di norme emanate da imperatori del loro stesso credo religioso.


Il Selb ha sostenuto, ma in modo non del tutto convincente, che il Li-
bro contiene anche norme di diritto pretorio. Lo studio specifico di ta-
luni istituti trattati nella fonte – ad es. le successioni intestate – rivela
tuttavia che l’influsso di concezioni ellenistico-orientali è assai più pe-
netrante di quanto non sia parso al Nallino. Il contenuto dei testi giuri-
sprudenziali e di quelli legislativi (costituzioni di imperatori da Costan-
tino in poi) è rifuso in un discorso continuo, senza che siano riportati,
a differenza di quanto avviene nei Fragmenta Vaticana, nella Collatio e
nella Consultatio, i dati di provenienza dei frammenti.
Edizione: in FIRA II, 751 ss. compare una traduzione latina del ma-
noscritto siriaco L, il più antico, realizzata dal Ferrini e riveduta dal
Furlani, tenendo conto dei risultati raggiunti dal Nallino nelle sue ri-
cerche specifiche sul Libro.

16. Trattato ‘de actionibus’. È un prontuario, redatto in lingua greca,


ove sono forniti nomi e caratteri delle azioni giudiziarie più rilevanti. Si
era ritenuto nel passato che ne fosse autore un certo Diatanebis; ma er-
roneamente, posto che in realtà tale nome identifica solo una malde-
stra trasposizione in greco del titolo De actionibus. La recente dottrina
riconosce nel testo un’operetta di carattere pratico connessa alla pro-
cedura per libello, la quale implicava l’immediata definizione dell’actio
intentata (vedi De act. l); e un pratico forse, piuttosto che un didatta, è
pure da ritenersi il suo sconosciuto artefice. La fonte consta di un nu-
cleo originario pregiustinianeo, ma posteriore al 476 d.C., che ha poi
subìto aggiunte in epoche diverse, in taluni casi, a quanto sembra, an-
che in seguito alla grande codificazione del VI secolo.
Edizione: Sitzia, De actionibus. Edizione e commento, Milano 1973.
Ivi anche una traduzione latina editoriale.

17. Compilazioni miste di ‘leges’ e ‘ius’ ufficiali: premessa; ‘Codex


Euricianus’. Col nome di Leggi romano-barbariche si indicano quattro
compilazioni giuridiche con efficacia normativa, realizzate in Occiden-
te subito dopo la caduta dell’impero romano (476 d.C.) o, nel caso del
Codex Euricianus, in stretta concomitanza con la medesima. Fondate
sul sostrato culturale delle scuole gallo-italiche, dette Leges furono di-
93

sposte dai sovrani di taluni regni barbarici sorti sopra le spoglie del-
l’antico impero, al fine di fornire una regolamentazione comune a tutti
i loro sudditi, di stirpe romana o germanica (principio della territoriali-
tà del diritto); ovvero di assicurare ai soli Romani una legge conforme
alla loro tradizione giuridica, provvedendo in tal caso per altra via allo
statuto per gli abitanti del regno di origine barbarica (principio della
personalità del diritto). Una compiuta distinzione tra le quattro raccol-
te sulla base dei due accennati criteri risulta però, alla stato delle ricer-
che, tutt’altro che agevole. Mentre infatti il carattere territoriale del-
l’Edictum Theodorici è provato dallo stesso tenore della fonte che, nel
preambolo, si rivolge a barbari Romanique, e il carattere personale del-
la Lex Romana Burgundionum emerge in buona misura dal dato di un
contemporaneo codice confezionato per i soli Borgognoni (Lex Bur-
gundionum), il carattere territoriale o personale delle due raccolte visi-
gotiche – Codex Eurici e Breviarium Alaricianum – è tuttora vivamente
discusso: il Garcia Gallo e il D’Ors, ad esempio, sostengono l’impron-
ta territoriale del diritto nel regno visigotico; altri autori, come il Levy
e il Kunkel, sono di parere opposto; mentre una terza corrente dottri-
naria non sembra in grado di sciogliere i propri dubbi. Ad avviso di
chi scrive, il Codice di Eurico si applicava insieme a Romani e Visigoti,
quello di Alarico invece alla sola componente romana; in questo senso
dunque sarà articolata la trattazione che segue.
Il Codex Euricianus è un corpus normativo, forse emanato in forma
di editto come il teodoriciano di cui infra, che reca il segno del sovrano
visigoto Eurico, stanziatosi col suo popolo nella Gallia occidentale e
nella Spagna. Già nel 475, Roma, conscia della potenza del re germani-
co, aveva di fatto rinunciato al governo di quei territori. L’anno dopo,
caduto l’Impero di Occidente, Eurico firma questo statuto officiale ma
non esaustivo, secondo il D’Ors sostituendosi al prefetto delle Gallie:
di qui la proposta – già in certa misura anticipata dello studioso spa-
gnolo – di chiamare la nostra fonte ‘Edictum Eurici regis’. Da quel po-
co che ci è pervenuto si evince nel Codex una traccia profonda del-
l’esperienza giuridica romana, solo in lieve misura volgarizzata da ele-
menti di matrice barbarica. Tra le fonti della compilazione sono rico-
noscibili i due Codici dioclezianei, il Teodosiano, le Gai Institutiones,
le Pauli Sententiae.
Edizione: D’Ors, El Codigo de Eurico. Edición, palingenesia, indices,
in Estud. Visig., II, Roma-Madrid 1960.
94

18. Cont.: ‘Edictum Theodorici’. Si tratta di uno dei testi più affasci-
nanti dell’Occidente barbarico, soprattutto per la molteplicità di sug-
gestioni che continua a suscitare in quanti – filologi, storici, giusroma-
nisti, studiosi del dritto intermedio – vi si accostino nel tentativo di pe-
netrarne il mistero di fondo.
Questo dettato normativo, riferibile a un sovrano germanico, fu
pubblicato per la prima volta dal Pithou nel 1579, sulla base di due co-
dices poi perduti. L’intitolazione e la formula finale dell’explicit recano
il segno di un Theodoricus (o Theodericus) rex, onde, sulla base pure di
ulteriori supporti, non si è dubitato per secoli che autore dell’Editto
fosse Teodorico il Grande, re ostrogoto della stirpe degli Amali, invia-
to in Italia dall’imperatore d’Oriente per eliminare Odoacre. Un sovra-
no, Teodorico, imbevuto di cultura romana, che – pur in una posizione
politica non priva di ambiguità – si considerava formalmente prefetto
al pretorio del basilèus di Costantinopoli (a un’emanazione magistra-
tuale allude infatti il termine edictum, che ricorre nel proemio e nel-
l’epilogo). In questo caso, che a me pare il più probabile – anche sulla
scorta di altri indizi, su cui infra –, la datazione dell’Editto va collocata
tra il 500 e il 526, ma più a ridosso del primo termine, perché in tale
fase si palesa lo sforzo di inquadrare in ordinata e pacifica convivenza
sociale l’elemento romano e quello barbarico, mentre l’‘ultimo’ Teodo-
rico su questo piano si involverà e, incline a scorgere insidie ovunque,
finirà con l’irrigidirsi in un atteggiamento sempre più ostile verso la no-
bilitas di Roma.
Senonché, nel primi anni cinquanta, il Rasi, con una concatenata se-
rie di studi, riuscì a scuotere con energia la communis opinio, revocan-
do in dubbio la predetta paternità della nostra fonte e aprendo, dal
canto suo, un vero e proprio ventaglio di alternative – non di rado, va
detto, poco più che estemporanee –: egli chiamò in causa, tra gli altri,
Teodato, Vitige, Totila, Odoacre; imperatori come Avito e Maioriano; e
giunse perfino a prospettare senza troppe perifrasi l’ipotesi di un falso
operato dal Pithou, facendo leva sull’attuale irreperibilità dei mano-
scritti (in base a un simile canone critico però anche la Consultatio –
supra, par. 13 – dovrebbe ritenersi un apocrifo). Una teoria che negli
ultimi decenni ha riscosso ampi consensi è quella del Vismara, che at-
tribuisce l’Editto a Teodorico II (m. 466), re dei Visigoti, con conse-
guente anticipazione cronologica e, pure inevitabile, spostamento logi-
stico nelle Gallie. Lo studioso in parola allinea una lunga serie di ragio-
95

ni a favore della propria dottrina, tra cui particolarmente grave, quan-


tunque non decisivo, appare l’argumentum e silentio: nessun testo coe-
vo cita infatti il nostro Editto. Va però anche rimarcato che, stando a
Isidoro di Siviglia, Hist. Goth., 35, Eurico, non Teodorico II, sarebbe
stato il primo legislatore dei Visigoti; che in due luoghi della fonte (10
e 111) si menziona la città di Roma; che vi sono consonanze precise e
ripetute, sul piano stilistico, tra le Variae di Cassiodoro Senatore, a lun-
go braccio destro di Teodorico il Grande, e la prosa dell’Editto.
Si tratta di un’opera legislativa senza pretese di esaustività – il citato
proemio fa salvo il rispetto per il ‘diritto pubblico’ e per ‘tutte le leggi’,
con evidente allusione al diritto romano –, e destinata a una compagi-
ne statuale di saldezza relativa: nella chiusa infatti il legislatore si pre-
occupa dell’eventualità che un qualche potente ostacoli l’applicazione
in giudizio delle regole edittali. Fonti della compilazione, in 154 artico-
li e sprovvista dei dati palingenetici, sono i tre Codici, le Novelle post-
teodosiane, le Pauli Sententiae, i commentari occidentali postclassici
(interpretationes).
Edizione: FIRA II,681 ss. (Baviera).

19. Cont.: ‘Lex Romana Burgundionum’. Come si è anticipato, sia-


mo di fronte a uno statuto personale riservato ai Romani viventi nel re-
gno borgognone. Nei primi anni del VI secolo, il re Gundobado aveva
emanato una legge – la Lex Burgundionum – destinata a regolare i rap-
porti tra i suoi sudditi germanici al loro interno e tra questi e i Romani.
Nella c.d. prima constitutio di tale Legge, il sovrano citato aveva pro-
messo un’agile forma et expositio legum – un prontuarietto, insomma
–, destinata ai giudici per risolvere, sulla base del diritto connaturale
alla loro stirpe, le controversie tra Romani: si allude proprio alla Lex
Romana Burgundionum, che seguirà poco dopo e che, sebbene nei ma-
noscritti in nostro possesso sia assente ogni traccia di promulgazione o
sigillo autoritativo, deve ritenersi fornita di carattere ufficiale, ancor-
ché senza pretese di esaustività. Qui pure, benché nei limiti di una di-
sputa assai meno veemente di quella incentrata sull’Edictum Theo-
dorici, si sono talora prospettate paternità diverse: si è pensato, ad es.,
a Sigismondo, figlio di Gundobado; ma è difficile che detta tesi colga
nel segno, perché la nostra Legge non mostra di conoscere il Brevia-
rium Alarici che le si affiancò in posizione di preminenza, onde si sten-
96

ta a credere che possa essere a questo posteriore. Proprio dall’uso di


scrivere le due leggi nello stesso codex e, insieme, da una svista degli
amanuensi derivò alla nostra il curioso titolo di ‘Papianus’9. Vi risulta-
no messi a partito i Codici Gregoriano, Ermogeniano e Teodosiano, le
Novelle post-teodosiane, le Istituzioni di Gaio – qui chiamate regulae
–, le Sentenze paoline. In genere le fonti utilizzate non sono riprodotte
testualmente ma in breve parafrasi, i dati palingenetici sono sovente
vaghi (es.: Lex Rom. Burg. 23.2 - secundum constitutiones Gregoriani et
Ermogeniani) e non sempre compaiono.
Edizione: FIRA II,711 ss. (Baviera).

20. Cont.: ‘Lex Romana Wisigothorum’. Il popolo dei Visigoti, che


con Eurico aveva espresso per la prima volta un codice di norme scrit-
te (supra, par. 17), si riaffaccia non molto tempo dopo all’esperienza
codificatoria, dando vita alla più ampia e celebre delle leggi romano-
barbariche, destinata a lasciare, nei suoi contenuti, una traccia profon-
da nella cultura giuridica dell’Occidente europeo. Si tratta della Lex
Romana Wisigothorum, o Breviarium Alarici, così detta da Alarico II, il
re, figlio e successore di Eurico, che ne ordinò la redazione e la pubbli-
cò a Tolosa il 2 febbraio del 506, con un’ordinanza nota col nome di
Commonitorium.
Il codice vide la luce in un’epoca tutt’altro che felice per Alarico e
la sua compagine: il sovrano era infatti alle prese con nodi politici, in-
terni ed esterni, che ne accentuavano l’isolamento e rimarcavano l’ine-
ludibilità del pericolo. L’elemento romano, cattolico, era ostile a lui e
al suo arianesimo, memore anche delle persecuzioni subite ad opera di
Eurico. Mentre il vicino e potente popolo dei Franchi si faceva sempre
più minaccioso e Clodoveo, il suo re, convertitosi con abile mossa al-

9 L’ultimo testo riportato nella Lex Romana Wisigothorum è un frammento tratto

dai responsi di Papiniano. Un amanuense evidentemente ritenne che questo brano, an-
ziché l’ultimo del Breviarium, fosse il primo della Lex Romana Burgundionum, trascrit-
ta subito dopo, onde intitolò quest’ultima ‘Papianus’. Gli errori dei librarii però si fer-
mano qui: l’omissione di due lettere nel nome del giureconsulto classico non è dovuta
a una loro ulteriore svista, come pure spesso si scrive, bensì alla corruzione del lin-
guaggio volgare. In altri testi si legge Papianus per Papinianus e, tra l’altro, la figlia del-
l’imperatore Avito, sposa del poeta Sidonio Apollinare (V secolo), porta il nome di Pa-
pianilla, come a dire una ‘Papiniana’… piccola piccola.
97

l’ortodossia, si proponeva come il liberatore degli oppressi, celando le


mire espansionistiche dietro la facciata di un’improbabile guerra santa.
Nacque così, plausibilmente, l’idea di uno statuto riservato al popolo
romano del regno di Tolosa: una sorta di mano tesa da parte di Alarico
nel tentativo estremo di ingraziarsi, o di non inimicarsi del tutto, quella
importantissima componente dei suoi sudditi. Questo spiega anche il
sigillo di esclusività che il re visigoto volle imprimere sulla sua compi-
lazione – unica ad avere tale carattere fra tutte le leggi romano-barbari-
che –: era un modo per sottolineare, pure in chiave propagandistica, lo
sforzo fatto a beneficio dei sudditi romani. E spiega inoltre, si direbbe,
l’indubbia fretta – l’‘Argument der Eile’ dei critici moderni – con cui il
lavoro compilatorio fu condotto, rivelata da alcune mende strutturali
che, tra l’altro, si porgono in insanabile contrasto, all’interno del codi-
ce, con il carattere di esclusività postulato dal Commonitorium10.
Quanto alla Lex, essa si presenta in forma assai diversa dalle altre
compilazioni miste ufficiali di cui ci siamo occupati. I materiali non vi
appaiono infatti amalgamati sotto specifici denominatori comuni – quali
ad es. i titoli per la Lex Romana Burgundionum –, ma si tratta di una se-
rie di corpora previamente sfrondati e poi accostati l’uno di seguito all’al-
tro, come, per intenderci, massi più o meno ponderosi non saldati tra lo-
ro. E io sarei propenso a vedere qui pure un indice dell’urgenza e dei
condizionamenti politici che incisero senza sosta sul lavoro compilatorio.
Il contenuto del Breviarium presenta, nell’ordine, i seguenti nuclei
testuali:
a) Codex Theodosianus, in ampio estratto: per noi la principale fon-
te di conoscenza della collectio del 438; nell’excerptum del codice figu-
ra anche, come si disse, la c.d. legge delle citazioni (Brev. C.Th.1.4.1 =
C.Th.1.4.3);
b) Novelle post-teodosiane: soprattutto di Teodosio II (11) e di Va-
lentiniano III (12);
c) Epitome Gai, presente, come si disse, solo nei manoscritti della
Lex Romana;
d) Pauli Sententiae, in una redazione alquanto estesa;
e) Codex Gregorianus, in breve estratto;

10 Del problema mi sono ampiamente occupato nella monografia La codificazione

di Alarico II 2, Torino 1991. Pressoché disperati (uno è recente) i ricorrenti tentativi di


negare l’impasse.
98

f) Codex Hermogenianus, in estratto ancor più esiguo;


g) Responsum Papiniani: un minuscolo frammento dell’insigne giu-
rista in tema di patti tra marito e moglie, presenza testuale che i compi-
latori visigoti, pur nelle angustie di cui si è detto, non vollero negare al-
l’excellentis ingenii vir.
È interessante notare che gli excerpta dei due codici dioclezianei so-
no sistemati tra i iura e non tra le leges. Il dato tuttavia, soprattutto alla
luce di quanto osservato sopra per la Collatio (par. 12), non è più in
grado di stupire: Gregoriano e Ermogeniano – come esplicitato da
Brev. Int. a C.Th.1.4.1 = Int. a C.Th.1.4.3, già menzionata – sono con-
siderati in questa corrente del pensiero postclassico come giuristi e le
loro raccolte di costituzioni sostanzialmente alla stregua delle opere
dei prudentes. Mentre però nella Collatio questo rapporto lato sensu di
equivalenza, sia per la tradizione frammentaria della raccolta, sia per
l’assenza al suo interno di una pietra di paragone quale sarebbe il Teo-
dosiano, si presenta in forma meno percepibile, il Breviarium ne forni-
sce una sorta di teorizzazione formale.
Non è il caso di soffermarsi sulle singole opere contenute nella no-
stra raccolta, perché di ognuna di esse, a parte il fragmentum Papinia-
ni, si è già trattato ex professo nelle relative sedi specifiche. È opportuno
invece occuparci di un’ulteriore componente della Lex Romana Wisigo-
thorum, che ci è ancora in buona sostanza sconosciuta: la c.d. Interpreta-
tio visigotica. Tutte le fonti, eccetto l’Epitome Gai, sono accompagnate
da un breve commento parafrastico che, in modo peraltro non sempre
fedele, enuclea il nocciolo di un dettato legislativo – ad es., una costitu-
zione del Codice Teodosiano –, o di un brano giurisprudenziale, ad es.
una sententia paolina. Che l’Epitome di Gaio ne sia sprovvista si spiega
agevolmente con la considerazione che ci troviamo già di fronte a un
modello interpretativo. Nel passato si è autorevolmente sostenuto che il
corredo testuale in parola fosse opera degli stessi autori del Breviarium,
ma ora la dottrina è pressoché concorde sulla sua origine previsigotica:
si tratta probabilmente di commenti redatti nelle Gallie o in Italia nel V
secolo, poi utilizzati dai compilatori alariciani, che talora vi hanno appo-
sto aggiunte di loro pugno, in genere, peraltro, ben riconoscibili11.

11 Di chiara matrice alariciana è, ad es., la frase finale di Brev. Int. a C. Th. 1.4.1 =

Int. a. C. Th. 1.4.3 (la c.d. legge delle citazioni): Sed ex his omnibus iuris consultoribus,
99

Edizione: Haenel, Lex Romana Visigothorum, Leipzig 1849. Per le


singole opere contenute vedi sotto le relative voci: per l’Interpretatio
del Codice Teodosiano e delle Novelle post-teodosiane vale l’indicazio-
ne relativa ai rispettivi corpora (supra p. 81 e p. 82); per l’Interpretatio
delle Pauli Sententiae cfr. ora Bianchi Fossati Vanzetti, Pauli Senten-
tiae. Testo e Interpretatio, Padova 1995; per il Fragmentum Papiniani
cfr. FIRA II,437 (Baviera).

21. Una fonte epigrafica: l’‘Edictum de pretiis rerum venalium’. Si


tratta dell’imponente, analitico calmiere varato da Diocleziano, e dagli
altri tetrarchi, sul finire del 301 d.C., nel tentativo di arginare la crisi
economica, aggravata – dopo il cinquantennio dell’anarchia militare –
dagli alti costi della riforma amministrativa e della ristrutturazione del-
l’esercito, che pure fanno capo al ‘padre’ dello Stato assoluto. Anche
se d’acchito può sembrare strano, il provvedimento ha, quanto meno
nella sua concezione, qualcosa di epocale. Siamo infatti di fronte, per
la prima volta nella storia, a una sorta di mercuriale destinata, in unica
veste, a tutto l’impero romano; in tal senso, dunque, neppure lontana-
mente paragonabile alle misure contro la lievitazione dei prezzi che in
diverse fasi furono adottate da predecessori di Diocleziano; e che testi-
monia della fiducia riposta da quest’ultimo nella potenza – per non di-
re nell’onnipotenza – dell’autorità imperiale, ritenuta capace di risolve-
re, in un tratto ed ex alto, qualunque tipo di problema, compresi quelli
– da sempre difficilmente dominabili – legati ai meccanismi economici.
Non deve dunque meravigliare la forma di diffusione – che richiama
alla mente la vicenda delle Res gestae augustee (supra, cap. VI.2) – stu-
diata per l’Editto: iscrizioni latine – e all’occorrenza greche – sparse in
tutte le sedi principali dell’orbis Romanus.
Un proemio, fortemente carico di autoesaltazione retorica da parte
del monarca, lascia il posto al tariffario vero e proprio, che allinea cen-
tinaia di prodotti merceologici minuziosamente diversificati e di servizi

ex Gregoriano, Hermogeniano, Gaio, Papiniano, et Paulo, quae necessaria causis prae-


sentium temporum videbantur, elegimus (Ma fra tutti questi giureconsulti, da Gregoria-
no Ermogeniano Gaio Papiniano e Paolo abbiamo scelto quanto pareva necessario alle
cause dei tempi attuali). Come si può osservare, si menzionano tutte le fonti di ius con-
tenute nel Breviarium.
100

resi da artigiani e prestatori di lavoro. La pena per i trasgressori – se-


condo un’equazione che diverrà tristemente stabile nel basso impero –
è la morte: per il venditore e l’operarius che pretenda oltre il dovuto,
eventualmente pure per la controparte che si presti alla collusione con-
parandi cupiditate (per avidità di acquisto).
Nondimeno, quanto all’esito pratico, il disposto dell’Editto resta
nel limbo delle intenzioni: al repentino rarefarsi dei prodotti sul mer-
cato e alla tesaurizzazione subito determinati dal suo impatto sulla re-
altà economica, seguì, com’era naturale, un’impennata dei prezzi che
travolse la tariffa relegandola in breve al ruolo di mero documento sto-
rico. Quantunque unico, come già detto.
Edizione: Edictum Diocletiani et collegarum de pretiis rerum vena-
lium (...) edidit M. Giacchero, Genova 1974.
Capitolo VIII

FONTI DI COGNIZIONE
DEL DIRITTO GIUSTINIANEO

SOMMARIO: 1. Premessa. Giustiniano – 2. Il primo Codice – 3. Le quinquaginta decisio-


nes – 4. I Digesta seu Pandectae – 5. Cont.: l’Index Florentinus – 6. Il metodo di
compilazione dei Digesta: la teoria del Bluhme – 7. Cont.: le teorie successive – 8.
Le Institutiones – 9. Stesura del manuale e apporti dei singoli commissari – 10. Il
Codex repetitae praelectionis – 11. Le Novellae – 12. La Pragmatica sanctio pro peti-
tione Vigilii – 13. Il problema delle interpolazoni.

1. Premessa. Giustiniano. In questo arco di storia, connotato dalla


figura e dall’opera dell’imperatore Giustiniano, si realizza la summa, al
tempo stesso concreta e ideale, dell’intera tradizione giuridica prece-
dente. Il Corpus Iuris è infatti una sorta di ponte che collega il distillato
dell’esperienza giuridica romana con le nostre attuali dell’Europa con-
tinentale. E sulla compilazione giustinianea si fonda inoltre larghissima
parte delle nostre conoscenze relative al diritto romano nel suo com-
plesso: si tratta quindi, per mole e portata, della fonte di cognizione
per antonomasia relativa al nostro studio. Per i motivi esposti, Giusti-
niano, in quanto figura di legislatore, è anche il dato di connotazione
di un’epoca della storia giuridica, e identifica un signum che travolge
pure la mera cronologia: le fonti appartengono al diritto giustinianeo
in quanto siano riconducibili a Giustiniano in via immediata. Anche le
più tarde Novelle dell’imperatore, ormai lontane dalla forma mentis
della compilazione, sono per noi ‘diritto romano’, non ‘bizantino’.
Mentre è senz’altro ascritta, ad esempio, al diritto bizantino la Parafra-
si dell’antecessor Teofilo alle Istituzioni imperiali, quantunque redatta
in vita di Giustiniano; perché opera fuori della legislazione di quest’ul-
timo, anzi, per l’esattezza, composta in spregio a un suo preciso divieto
(infra, par. 10).
Nato da umile famiglia romanizzata dell’Illiria (Tauresium, 482
d.C.[vedi però infra, par. 3 nt. 5], ma nipote in linea collaterale di un
potente destinato a divenire imperatore nel 518 – Giustino I –, Giusti-
niano viene adottato dallo zio e associato al trono nell’aprile del 527,
102

per restarne poi unico detentore pochi mesi dopo (1° agosto), in segui-
to alla morte del parente. È di questi anni (524 o 525) il matrimonio
con Teodora, donna di oscuri precedenti, ma dotata di forte personali-
tà e sovente ispiratrice del marito sia nel campo politico sia in quello
legislativo. Non è possibile in questa sede seguire passo a passo la bio-
grafia di Giustiniano: basti accennare in alcuni rapidi tratti alla conce-
zione sempre grandiosa e universale che ha caratterizzato le direzioni
principali della sua opera. Da un lato la riconquista dei territori che
appartennero all’impero romano d’Occidente, nel disegno, invero con-
tro la storia, della generale riunificazione: di qui le vittoriose campa-
gne, in Africa contro i Vandali in Italia contro i Goti, condotte dai ge-
nerali Belisario e Narsete. Da un altro lato l’opera di codificazione, che
riunisce in sé quanto della tradizione giuridica romana si reputa degno
di sopravvivere nei secoli, in un sistema autosufficiente su cui fondare
il vivere civile della nuova grande realtà politica assicurata dalle armi.
E infine, nel campo religioso, ancora il fondamentale intento della pa-
ce tra ortodossi e monofisiti, terzo polo, in fondo, dell’articolata opera
di riunificazione.
Il primo disegno, quello della riconquista della pars Occidentis, ra-
pidissimo nella sua parvenza di realizzazione – non si può parlare in-
fatti di ricostituzione dell’impero romano d’Occidente, quanto piutto-
sto di annessione di Africa e Italia a quello d’Oriente –, è risultato, alla
resa dei conti, altrettanto effimero nella durata. Ne permane un tangi-
bile ricordo nelle architetture ravennati, e in particolare nelle spiritua-
lizzate figure di Giustiniano e Teodora della Basilica di S.Vitale. Il ter-
zo progetto, quello della pace religiosa, ha ricevuto nella storia il segno
immediato di un’identica sconfitta. Il secondo programma, qualunque
sia stato il suo peso pratico nell’età giustinianea, tema tuttora apertissi-
mo, ha lasciato oltre ogni possibile interpretazione riduttiva, una pietra
miliare nella storia civile e giuridica dell’Occidente.
La figura di Giustiniano, pur al centro di ultramillenaria attenzione
nella sua prismatica valenza (l’uomo, il sovrano, il legislatore, il teolo-
go, l’aedificator…), resta una delle più affascinanti e insondabili del-
l’intera vicenda storica. Né l’‘enigma’ si stempera, ma acquista semmai
ulteriori implicazioni alla luce degli studi più recenti che hanno cerca-
to di focalizzare il ‘Giustiniano uomo del suo tempo’, spostando pure,
in parte, l’angolo visuale dagli anni epici, o, per dirla con l’Honoré,
‘della speranza’, alla seconda fase cronologica, dal riflesso meno cosmi-
103

co e più quotidiano, caratterizzata – sul piano giuridico – dalla legisla-


zione novellare ‘corrente’1. Inevitabile corollario di quanto premesso è
la straordinaria varietà di giudizi calamitati in ogni tempo da questo
polo di attrazione: da santo a demonio, sul piano morale; da genio a in-
capace falsario, su quello intellettuale; da illuso donchisciotte a deter-
minato realizzatore, su quello pragmatico. E se in definitiva non stupi-
scono le più contrastanti valutazioni espresse dai contemporanei di
Giustiniano, e le feroci censure stilate anche in seguito in temperie di
antistoricismo imperante; alquanto perplessi si resta talora di fronte a
divaricazioni critiche non meno accentuate nella letteratura del secolo
scorso. Non è questa la sede per valutare simili giudizi, e meno che mai
per esprimerne di nuovi: la storia d’altronde ha già stilato il proprio da
secoli, e questo, in fondo, è l’unico che conta. Credo tuttavia, con l’Ar-
chi, che la terzina dantesca (Parad. VI. 10-12) in cui l’imperatore pre-
senta se stesso contenga una profonda intuizione.
«Cesare fui e son Giustiniano,
che, per voler del primo amor ch’i’ sento,
d’entro le leggi trassi il troppo e ’l vano».2
Emerge la consapevolezza di una dimensione che supera il momen-
to contingente proprio della carica imperiale (Cesare fui) e si connota
per un ineludibile e duraturo ruolo nella storia (e son Giustiniano); e
poi il segno di una spinta profonda (per voler del primo amor ch’i’ sen-
to), che, anche se vista in chiave teologizzante, è vano catalogare, per-
ché si può solo, appunto, sentire. Un ‘amore’, un istinto, se si vuole –
con termine psicanalitico oggi di moda –, una pulsione.

2. Il primo Codice. Stando a una narrazione agiografica – la Vita di


S. Teodoro, abate del monastero di Chora (504-595) – conservata in un

1 Giustiniano uomo del suo tempo è il trasparente titolo di un noto saggio dell’Ar-

chi (vedilo, tra altre ricerche di segno analogo, in Giustiniano legislatore, Bologna
1970, pp. 119 ss.). Alla tematica della normazione giustinianea ‘corrente’ è legato un
nucleo di studi, più recenti, del Bonini (cfr. in particolare Ricerche sulla legislazione
giustinianea dell’anno 535, Bologna 1976).
2 L’opera giuridica di Giustiniano tratteggiata nel terzo verso qui riprodotto è deli-

neata in modo quasi altrettanto rapido e efficace dal longobardo Paolo Diacono (VIII
secolo), Hist. Lang. 1.25, nel quadro di un ammirato ritratto del legislatore bizantino e
delle sue gesta.
104

manoscritto del X secolo3, Giustiniano, nello stesso anno in cui sposa-


va Teodora (come si vide, 524 o 525), avrebbe composto una raccolta
di costituzioni imperiali antiche e recenti (kaπ o≤ palaioπ nÒmoi … kaπ
h̀ near\a nomoqes∂a), in un unico libro. Poiché a quell’epoca imperatore
era lo zio Giustino, né il nostro, quantunque eventuale artefice della
compilazione, si trovava ancora associato al trono, potrebbe parlarsi,
se la notizia fosse vera, di un Codex... Iustineus. Il dato però non sem-
bra attendibile, e dunque la prima realizzazione giuridica giustinianea
è costituita dal Codex primus o vetus, assai più famoso e soprattutto di
indiscussa storicità; benché non pervenutoci, in quanto sostituito po-
chi anni dopo dal Codex repetitae praelectionis, il solo che possediamo.
Il 13 febbraio 528, una costituzione giustinianea, che, come altre
che vedremo e a somiglianza della prassi invalsa per le bolle papali, si
cita con le prime parole del testo, Haec quae necessario (‘Questo, che
necessariamente…’), nomina una commissione di dieci membri presie-
duta dall’ex quaestor sacri palatii Giovanni, e in cui figurano anche Tri-
boniano e Teofilo, con l’incarico di compilare in un’unica raccolta le
costituzioni in vigore tratte dai tre ‘vecchi Codici’ (Gregoriano, Ermo-
geniano e Teodosiano), e tenendo altresì conto della successiva legisla-
zione imperiale (par. 1). L’opera, che ha eminenti e dichiarati scopi
pratici, è tesa soprattutto a snellire il lento e farraginoso procedere del-
le cause giudiziarie, da tempo ancorate a una preoccupate situazione di
stallo. I commissari si vedono attribuiti i poteri di operare variamente
sui materiali legislativi, mediante accorpamenti, frantumazioni, modifi-
che formali e sostanziali del testo, salvo soltanto il rispetto delle crono-
logie. Il lavoro è portato a termine in brevissimo tempo: la costituzione
Summa rei publicae (La suprema [difesa] dello Stato) del 7 aprile 529,
pubblica il Codice, vietando al contempo l’utilizzazione di testi al di
fuori o in veste diversa rispetto a quelli contenuti nel nuovo corpus. In
dottrina ci si è posti il problema se i compilatori, per l’arco di tempo
coperto dai tre veteres codices, abbiano tratto le costituzioni esclusiva-
mente da questi, oppure le abbiano attinte anche aliunde. Quest’ulti-
ma ipotesi appare tuttavia meno probabile, non tanto perché dalle co-
stituzioni introduttiva e conclusiva emerga un implicito divieto posto
in tal senso al collegio dei dieci, quanto piuttosto per l’assenza, nella

3
La fonte è presentata del Beneschewitz, in ZSS, 24, 1903, pp. 409 s.
105

costituzione Summa rei publicae (cfr. par. 1), di un’espressa menzione


del dato, che, tornando a onore della commissione e di riflesso del-
l’opus, Giustiniano non avrebbe probabilmente passato sotto silenzio.
Come si è anticipato, il primo Codice giustinianeo non ci è giunto;
sappiamo che constava di 12 libri (cost. Omnem pr., Tanta - D◊dwken,
1;4 il numero richiama quello delle tavole decemvirali, così come dieci
sono ancora gli artefici), ma, obiettivamente, poco altro. Un papiro
egizio (P. Oxy. XV.1814), la cui scrittura è collocata dagli editori entro i
sei anni successivi all’aprile 529, ci ha tramandato un indice delle costi-
tuzioni comprese nei titoli 11-16 del I libro del Codex. È interessante
notare che, almeno in questo piccolo campione, le differenze rispetto
al secondo Codice sono notevoli: in particolare dall’indicazione R ie de
auctoritate iuris/ prudentium/ impp. Theodosius et Valent. a. ad se. (Ru-
brica 15 ‘Sull’autorità dei giurisperiti’ Gli Imperatori Teodosio e Va-
lentiniano Augusti al senato), contenuta nel nostro papiro, si apprende
che nel testo perduto figurava, come si è pure detto (cap. VII.2), la c.d.
legge delle citazioni di Valentiniano III, già del resto inserita nel Codex
Theodosianus (1.4.3) e nel Breviarium Alarici (Brev. C.Th.1.4.1). Sulla
base di questo dato – importante però sarebbe conoscere la veste ulti-
ma del Citiergesetz –, gran parte della dottrina recente ha ritenuto che
Giustiniano all’epoca del vecchio Codice non avesse ancora concepito
il progetto della grande compilazione del ius (Digesta), intendendo
proseguire, quanto alle modalità d’impiego dei testi della giurispru-
denza classica, sulla falsariga metodologica teodosiana. Si è fatto nota-
re in senso contrario che, anche qualora Giustiniano avesse già deli-
neato nella mente il disegno del Digesto, avrebbe dovuto pur sempre
fare riferimento, fino alla sua completa realizzazione – che poteva im-
maginarsi non poco laboriosa –, a un meccanismo pratico in grado di
addentrarsi nell’universo del ius, e che la legge di Valentiniano risulta-
va a questo proposito il più sperimentato. Certa è comunque l’assenza
di ogni pur minimo segnale positivo. Nel par. 3 della Summa rei publi-
cae, ad es., si dichiara sufficiente ai fini della recitatio l’uso del Codice
che ora si pubblica ‘adiectis etiam veterum iuris interpretatorum labori-
bus’ (con l’aggiunta pure delle opere degli antichi interpreti del dirit-
to): se la loro definitiva sistemazione fosse già programmata, si com-

4 Per le due constitutiones, vedi infra, parr. 4 e 7.


106

prenderebbe poi tanto un simile riserbo? Capiterà, in seguito, che l’im-


peratore riveli progetti in forma dubitativa e, pure, che una riserva in
tal senso non sia sciolta (infra, parr. 8, 10, 11).

3. Le ‘quinquaginta decisiones’. Dal paragrafo 1 della costituzione


Cordi, che pubblica il secondo Codice (infra par. 10) si apprende che
nel torno di tempo ricompreso tra la pubblicazione del Codex vetus e
quella delle Institutiones e dei Digesta, Giustiniano aveva emanato un
nucleo di costituzioni allo scopo – sono sue parole – di emendare il di-
ritto anteriore e di sfrondarlo di quanto vi appariva inutilmente prolis-
so. Di tali decisiones, indicate in numero di cinquanta (quinquaginta) –
numero che, occorre sottolinearlo, non si identifica necessariamente
con quello delle costituzioni in senso proprio, perché una constitutio
può contenere anche più decisiones – è ricordo anche in vari luoghi del
manuale giustinianeo, ove, in aggiunta a quanto dirà la Cordi, si indica
in Triboniano il loro autorevole ispiratore (J.1.5.3; B,14: suggerente no-
bis Triboniano).
Gli scarsi dati di cui disponiamo relativamente a tale complesso
normativo ne rendono l’identificazione dei singoli componenti tanto
ardua quanto affascinante. E proprio nella direzione indicata si sono
indirizzati gli sforzi della dottrina più risalente, che tuttavia, stante la
premessa, non è riuscita a raggiungere risultati del tutto appaganti. Le
indagini successive si sono pertanto incentrate in particolare sulla fina-
lità da riconoscersi ai predetti interventi normativi, e in genere, a parti-
re dal Rotondi – che colloca le ‘decisioni’ tra il 1° agosto e il 17 novem-
bre del 530 –, si è concluso per una sorta di lavori preparatori dei Di-
gesta, la cui compilazione sarebbe stata resa più agevole grazie alla pre-
ventiva soluzione di questioni dibattute nell’ambito della giurispruden-
za classica e che ancora evidentemente si agitavano nel pensiero giuri-
dico orientale degli ultimi due secoli. Il termine decisiones, da caedere
(tagliare, troncare), sembra proprio alludere al fine precipuo di queste
prese di posizione legislative. Altri studiosi hanno invece guardato, in
certo senso, nella direzione opposta, ritenendo che le leggi in oggetto
non vadano ricollegate al Digesto, che sarà composto in futuro, ma
piuttosto al Codice del 529, già pubblicato, e che conteneva, come si è
visto, la legge delle citazioni. Le decisiones sarebbero quindi da inserir-
si nell’ottica forense e tenderebbero a superare i rigidi criteri imposti
107

dalla norma di Valentiniano III e Teodosio II. Una recente tesi, soste-
nuta dalla Russo Ruggeri – che pensa tra l’altro a una collocazione cro-
nologica un po’ diversa da quella prospettata dal Rotondi (per esem-
pio, la prima decisio [C.4.28.7] sarebbe databile al 21 luglio 530) –, in-
serisce le decisiones in una logica di lavori transitori, non finalizzati
dunque alla successiva redazione dei Digesta, ma, visto che quello della
grande emendatio appariva d’acchito un parto lungo e difficile (stando
alla costituzione Tanta, 12, si dubitava di portarlo a termine in un de-
cennio), tesi a risolvere nel frattempo una serie di problemi che, a be-
neficio della pratica forense, si riteneva opportuno sottrarre al mecca-
nismo puramente estrinseco della legge delle citazioni per affidarli, in-
vece, a criteri più equi e razionali.
È comunque sicuro che i nostri interventi decisori vennero raccolti
in una collezione, da ritenersi ufficiale, che li isolò dalla restante nor-
mativa giustinianea extra Codicem. Lo si ricava in particolare dalla cita-
ta costituzione Cordi, che toglie vigenza alla raccolta (par. 5); dalla
Glossa Torinese alle Istituzioni imperiali, 241 (sicut libro L Constitutio-
num invenies – come troverai nel libro [si noti] delle 50 costituzioni);
da una notizia, da ritenersi a mio avviso inoppugnabile, fornita dalla
Cronaca di Marcellino Comite, cancelliere di Giustiniano, che parla di
un codex … orbi promulgatus nel 531 – ricordiamo che il primo è del
529, il secondo del 534 –; infine, aggiungerei, dallo stesso numero di
50 – significativamente uguale a quello dei libri dei Digesta –, che si
colora di più precisa valenza se riferito a una serie di norme isolate, an-
che materialmente, in un nucleo conchiuso5.
Allo stato delle fonti appare invece poco produttivo cimentarsi an-
cora nella ricerca di tutti i cinquanta item normativi sparsi ora nel tes-

5 A giudizio dello Zwalve, in Subseciva Groningana, I, Groningen 1984, pp. 133 ss.;

la pubblicazione delle decisiones, avvenuta nel 531 secondo la notizia di Marcellino


Comite, celebrerebbe il 50° compleanno di Giustiniano, la cui nascita sarebbe pertan-
to avvenuta nel 481, e non, come in genere si ritiene, nel 482. Secondo il Varvaro, in
AUPA, 46, 2000, pp. 487 ss., gli elementi allineati nel testo a sostegno di una raccolta
delle decisiones non varrebbero nulla (si parla [p. 491] di “assenza di qualsiasi eco,
nelle fonti, della sua esistenza o della sua emanazione”). In particolare il dato fornito
da Marcellino Comite sarebbe frutto di un errore e andrebbe riferito al primo Codice
di Giustiniano. È sempre, alla fine, questione di punti di vista. Il mio rifugge dall’idea
di un cronista che, lodato da Cassiodoro per la sua precisione e che ha vissuto da vici-
no – di più, dall’interno del palazzo – quegli eventi, possa, sbagliando, posticipare di
ben due anni la data di emanazione di una collectio normativa ufficiale.
108

suto del secondo Codice (molti, invero, sono già identificati), anche
perché, a tacere d’altro, non è affatto sicura la presenza del ricordo di
ciascuno di essi nel dettato delle Istituzioni imperiali.

4. I ‘Digesta seu Pandectae’. L’opera di compilazione è avviata con la


constitutio ‘Deo auctore’ (‘Con l’aiuto di Dio’, anche in C.1.17.1), del
15 dicembre 530, indirizzata al già citato Triboniano, ora quaestor sacri
palatii (ministro della giustizia), e uomo di grande ingegno e cultura, in
cui da sempre si è creduto di identificare l’‘eminenza grigia’ della rea-
lizzazione. Al fine di condensare in un’unica esauriente raccolta il pro-
dotto dell’esperienza giurisprudenziale romana – impresa che, a detta
di Giustiniano qui sostanzialmente ingeneroso nei confronti di Teodo-
sio II, nessuno prima ‘aveva osato né sperare né desiderare’ (par. 1) –,
si dà incarico al quaestor di formare a propria discrezionalità la com-
missione che più ritenga idonea all’opus. Il mandato in tal senso, pur
notevolmente elastico, non è del tutto privo di contorni. A ben guarda-
re, infatti, sono indicate con chiarezza (almeno) due componenti del
futuro collegio (tam ex facundissimis antecessoribus quam ex viris diser-
tissimis togatis fori amplissimae sedis): da un lato dunque i docenti uni-
versitari, dall’altro gli avvocati del foro costantinopolitano; gli uni e gli
altri già del resto rappresentati, quantunque in esigua misura, tra gli ar-
tefici del primo Codex. Oltre al presidente, faranno parte della com-
missione sedici uomini: Costantino, comes sacrarum largitionum (mini-
stro del tesoro), Teofilo e Cratino, professori dell’università di Costan-
tinopoli, Doroteo e Anatolio, dell’università di Berito, più undici avvo-
cati. Questa notizia ci deriva dalla costituzione che pubblica il Digesto,
su cui infra. Si prescrive di utilizzare solo i testi dei prudentes ‘quibus
auctoritatem conscribendarum interpretandarumque legum sacratissimi
principes praebuerunt’ (par. 4), frase che di solito si interpreta nel senso
di una limitazione ai soli giuristi forniti di ius respondendi (supra, cap.
III.9), e che da taluni si è tentato – a mio avviso con scarso esito – di ri-
ferire ai giureconsulti della c.d. legge delle citazioni. Precisato che nes-
sun criterio preferenziale va adibito quanto alla valutazione degli anti-
chi auctores – la vigenza della legge di Valentiniano III del 426 è da ri-
tenersi a questo punto transitoria – (parr. 5 e 6), si conferisce ampia li-
bertà ai commissari per ciò che riguarda le modifiche da apportare ai
testi, onde togliere ogni contraddizione e adeguarli al diritto vigente.
109

L’opera è portata a termine in tempi brevissimi: il 16 dicembre 533,


con la costituzione bilingue latino-greca Tanta - D/edwken (Tanta = ‘Tan-
to grande’; D/edwken h̀m§in = ‘Ci ha dato’; anche in C. 1.17.2, nel testo la-
tino; tra le due vesti della legge bifronte la concordanza è ad sensum,
ma la Tanta è posteriore e più rifinita della D/edwken), indirizzata al se-
nato e a tutti i popoli, vene pubblicata l’opera di compilazione del ius,
i Digesta seu Pandectae, e si stabilisce che entri in vigore con forza di
legge il 30 dicembre dello stesso anno. Severe diffide (par. 21) investo-
no tutte le opere di rielaborazione del testo di legge, considerate cri-
men falsi con le relative conseguenze. Si ammettono, per il loro carat-
tere sostanzialmente innocuo, traduzioni letterali in lingua greca (kat\a
pÒda) – del resto da ritenersi inevitabili in un mondo grecoloquente –,
indici, richiami in calce ai singoli titoli con i testi di conferma o ai quali
si rimanda (par£titla). Sull’argomento ritorneremo anche infra (cap.
IX); pure a dati ulteriori contenuti nella Tanta - D◊dwken abbiamo avu-
to e avremo modo di accennare in altri luoghi.
Anche da un rapidissimo sguardo al Digesto di Giustiniano, ci si
rende conto che sono state escerpite pure opere di giuristi privi del ius
respondendi: il discorso vale non solo per Quinto Mucio Scevola, Alfe-
no Varo e Elio Gallo, tutti di età repubblicana (supra, cap. V), ma an-
che in particolare per Gaio (supra, cap. VI.7), pur ampiamente rappre-
sentato. Altrettanto palese la derivazione della maggior parte dei fram-
menti – nel complesso 9142 – dai corpora di Ulpiano e di Paolo, autori,
come sappiamo, di enciclopedici commentari al diritto civile e onora-
rio (ad Sabinum libri, ad edictum libri): porta la firma di Ulpiano 1/3
dell’intera compilazione, 1/6 è tratto dalle opere di Paolo, l’altra metà
è ricavata da un nucleo di 37 giuristi. Sempre per le statistiche, gli
11/12 del Digesto sono dovuti a 12 giuristi (oltre a Ulpiano e Paolo,
Gaio, Papiniano, Modestino, Cervidio Scevola, Pomponio, Giuliano,
Marciano, Giavoleno, Africano, Marcello), un solo dodicesimo spetta
ai rimanenti 27 autori, alcuni dei quali (ad es. Elio Gallo e Claudio Sa-
turnino) sono rappresentati da un unico frammento. I libri presi a par-
tito sono forse meno dei 2000 (cost. Omnem, 1) o dei ‘quasi 2000’
(cost. Tanta, 1) che l’imperatore dichiara inizialmente a disposizione
dei commissari: dall’Index Florentinus (su cui, ampiamente, al paragra-
fo successivo) ne risultano 1625, ma non è da escludersi la lettura di
opere che poi non hanno fornito excerpta; e si tratta comunque di un
numero enorme. Lo stesso imperatore volle che nei Digesta fossero ri-
110

conoscibili sette parti, in connessione soprattutto con la struttura dei


corsi universitari: pr§wta, pars de iudiciis, pars de rebus, umbilicus (per-
ché sta nel mezzo), pars de testamentis, due parti anonime.
Il Digesto o Pandette (da p§an d◊comai = comprendo tutto) si com-
pone di 50 libri; ciascun libro è diviso in titoli, di numero variabile;
ogni titolo porta una rubrica (ad es. De servitutibus = Sulle servitù; Ad
legem Aquiliam = Alla legge Aquilia), che indica l’argomento a cui il
contenuto del titolo stesso è dedicato. All’interno di ogni titolo sono
ordinati i vari frammenti escerpiti dalle opere della giurisprudenza:
ciascun frammento reca l’inscriptio, con il nome dell’autore, il titolo
dell’opera e il numero del libro, da cui i commissari hanno ‘ritagliato’
il brano (ad es. Ulpianus libro octavo decimo ad edictum = Ulpiano, nel
diciottesimo libro all’editto). In modo del tutto simile si presentano del
resto i frammenti giurisprudenziali inseriti in alcune raccolte pregiusti-
nianee di nostra conoscenza, quali i Frammenti Vaticani, la Collatio, la
Consultatio. I frammenti più lunghi sono stati divisi – non dai commis-
sari, però, bensì dagli interpreti medievali – in un principium (in realtà
1° paragrafo) e successivi paragrafi (il par. 1 è in realtà il 2°, e così via);
analogamente sono stati numerati progressivamente i frammenti nel-
l’ambito di ciascun titolo. Unica eccezione allo schema rappresentato
finora è costituita dai libri 30, 31 e 32, che non sono divisi in titoli, ma
ricompresi nell’unico titolo De legatis et fideicommissis. In rapporto ad
essi, nella citazione, non compare alcuna indicazione del titolo.
Riporto qui di seguito due frammenti consecutivi del Digesto tratti
dall’edizione in uso tra gli studiosi.
LIBER VICESIMUS SEXTUS
I
DE TUTELIS

1 Paulus libro trigesimo octavo ad


edictum Tutela est, ut Servius definit,
vis ac potestas in capite libero ad
tuendum eum, qui propter aetatem
sua sponte se defendere nequit, iure
civili data ac permissa. 1. Tutores au-
tem sunt qui eam vim ac potestatem
habent, exque re ipsa nomen cepe- (…)
runt: itaque appellantur tutores quasi
tuitores atque defensores, sicut aedi-
111

tui dicuntur qui aedes tuentur. 2.


Mutus tutor dari non potest, quo-
niam auctoritatem praebere non po-
test. 3. Surdum non posse dari tuto-
rem plerique et Pomponius libro se-
xagesimo nono ad edictum probant,
quia non tantum loqui, sed et audire
tutor debet.
2. Pomponius libro tertio ad Sabi-
num Non est exigendum a pupillo,
ut sibi tutorem petat aut ut ad tuto-
rem suum proficiscatur.

(…)

Il libro è il 26° dei 50, come indicato in alto in lettere maiuscole.


Siamo nel 1° titolo dello stesso libro: De tutelis è la rubrica, e indica
che il contenuto del nostro titolo è dedicato alle tutele. Quello di Pao-
lo è il primo frammento del titulus, e l’inscriptio lo rivela tratto dal 38°
libro del commentario all’editto composto dal giurista classico. Detto
frammento è stato diviso in un principium e successivi 3 paragrafi. Se
vogliamo citare il primo tratto, corrispondente al principium (Tutela
est-permissa): D.26.1.1pr. D. = Digesta Iustiniani, 26 = libro, 1 = titolo,
1 = frammento, pr. = principium. Se vogliamo citare il secondo tratto,
corrispondente al par. 1 (Tutores autem- tuentur): D. 26.1.1.1; e così
via. Ovviamente si può essere nella necessità di citare l’intero fram-
mento; in tal caso: D.26.1.1.
Il secondo frammento è di Pomponio, tratto dal 3° libro del com-
mentario a Sabino del giurista del II secolo: per la sua brevità, non è
poi stato diviso in paragrafi, quindi unica citazione possibile è D.
26.1.2.
Del Digesto, il manoscritto più antico e più celebre, a ridosso del-
l’età giustinianea, è il Codex Florentinus o Littera Florentina (l’unico,
tra l’altro, che reca il testo della D◊dwken); l’altro nome di Littera Pisa-
na gli deriva dalla città in cui si trovava prima che i Fiorentini lo por-
tassero via come bottino di guerra. Il Codex si conserva tuttora a Firen-
ze nella Biblioteca Laurenziana, ove abbastanza di recente si è ultimato
un accuratissimo restauro. Altri manoscritti, talora con varianti rispet-
to al primo, sono noti col nome di Littera Bononiensis – in quanto og-
112

getto di studio da parte della scuola dei glossatori di Bologna – o di


Vulgata.
L’edizione corrente del Digesto, fondata sulla precedente editio ma-
ior del Mommsen, è quella Mommsen-P.Krueger, in Corpus Iuris Civi-
lis, I, apud Weidmannos: l’opera è continuamente riedita, ma dalla 12a
edizione, curata dal Kunkel nel 1954, senza varianti. Altra pregevole
edizione è quella curata dagli studiosi italiani Bonfante, Fadda, Ferrini,
Riccobono, Scialoja (1931): il c.d. Digesto Milano.
Un lavoro in certo modo opposto rispetto a quello attuato dai com-
pilatori giustinianei è stato realizzato da Otto Lenel, con la Palingene-
sia Iuris Civils, Lipsia 1899 (rist. Roma 2002). L’autore tedesco si è
proposto di ricostruire in via congetturale le varie opere della giuri-
sprudenza classica, come potevano presentarsi prima dello smembra-
mento dovuto ai compilatori giustinianei, e, più indietro ancora, a
quelli postclassici. Evidentemente una ricostruzione totale è impossibi-
le, in quanto ora non disponiamo di tutti i pezzi occorrenti per la for-
mazione dell’originario mosaico: si tratta pertanto di sistemare le tesse-
re in nostro possesso, poche o molte che siano, nell’ordine in cui pre-
sumibilmente figuravano nelle singole opere classiche. Il Lenel dunque
ha preso a partito le raccolte contenenti iura dell’età pregiustinianea
nonché le Pandette, e, con l’ausilio dei dati palingenetici apposti ai sin-
goli frammenti (inscriptiones) e insieme valendosi delle innumerevoli
citazioni interne agli stessi (ad es. Ulpiano che riporta il pensiero di
Labeone, Paolo quello di Cassio, ecc.), ha tentato la predetta ricostru-
zione. Per le opere di cui possediamo un grande numero di concatena-
ti frammenti, le scelte del Lenel sono in genere altamente attendibili,
nei casi invece in cui di un libro, per di più magari a contenuto e finali-
tà incerti, non contiamo che pochi brani sparsi, la proposta dell’illustre
studioso è destinata comprensibilmente ad incappare nelle maglie di
una non lieve aleatorietà. Si tratta in ogni caso di un’opera da cui l’in-
dagine romanistica moderna non è in grado di prescindere.

5. Cont.: l’‘Index Florentinus’. Nel Codex Florentinus, a cui si è so-


pra accennato, compare, anteposto alle Pandette, un indice delle opere
escerpite dai compilatori. Dal paragrafo 20 della costituzione Tanta -
D/edwken si apprende che quella lista di autori e di scritti, detta comu-
nemente Index Florentinus, fu voluta dallo stesso imperatore. Al «recu-
113

pero... di un’embrionale coscienza storico-(filologica)» di cui parla a


questo proposito il Bonini, fa comunque da contrappeso un dichiarato
intento celebrativo, del resto tutt’altro che inusuale: (Tanta, loc.cit.) ut
manifestissimum sit, ex quibus legislatoribus quibusque libris eorum et
quot milibus hoc iustitiae Romanae templum aedificatum est (affinché
sia chiarissimo da quali artefici del diritto, da quali loro libri e da
quante migliaia di questi è stato costruito questo tempio della giustizia
romana).
Ciò premesso, si può notare come l’Index in questione presenti
aspetti piuttosto singolari, tanto da lasciar perplessi. Per fare qualche
esempio, più di venti opere effettivamente messe a partito – tra di esse
undici libri singulares di Paolo – non compaiono nell’Indice. In com-
penso, sono segnalati quasi altrettanti scritti di cui nei Digesti non c’è
traccia: così per i iuris civilis libri III di Masurio Sabino. Il De poenis pa-
ganorum è attribuito non a ‘Claudio’ ma a ‘Venuleio’ Saturnino, il liber
singularis regularum di Paolo è segnato due volte, mentre si parla di
un’opera paolina ad senatus consultum Libonianum seu Claudianum,
fondendo in realtà due opere distinte. Se queste ultime possono ritener-
si sviste veniali, va pure osservato che si citano in originale i Pithana e
l’opera postuma di Labeone, i quali invece nel Digesto compaiono solo
nei sunti di Paolo e Giavoleno. Salva la precedenza data a titolo d’onore
a Giuliano e Papiniano, i giureconsulti si susseguono in ordine cronolo-
gico e le opere di ciascuno sono sistemate per mole a decrescere.
È probabile che l’Index sia stato redatto piuttosto alla svelta in sede
d’apertura dei lavori o comunque da elenchi iniziali mai successiva-
mente aggiornati: proprio per questo, allora, vi si trovano incluse ope-
re di cui era previsto l’utilizzo ma che poi vennero accantonate, e, per
converso, non si menzionano altre poi giunte e messe a profitto. Non
solo, si può notare che la lista mantiene ancora l’aspetto, come dire, di
una nota inventariale per uso interno: è scritta in gran parte in greco,
intitolazione compresa6, e risulta pertanto l’unico corredo ufficiale del-

6 ’Ex Óswn ¢rca∂wn kaπ t§wn Øp’ aÙt§wn genom◊nwn bibl∂wn sÚgkeitai tÕ parÕn

t§wn digeston h”toi to§u pandekto§u to§u eÙsebest£tou basil◊wj ’Ioustiniano§u sÚntagma
(letteralmente: ‘Da quali antichi [autori] nonché libri da essi nati consta la presente
opera dei digesti o pandette del piissimo imperatore Giustiniano’). Il brano non è trat-
to dalla D/edwken (par. 20), ma si rivela, in parte e con qualche variante, la versione del
parallelo passo della Tanta, citato sopra nel testo.
114

le Pandette in tale lingua o quanto meno privo di una corrispondente


veste latina. L’ipotesi trova pure sostegno nel fatto che alcuni nomi di
giuristi (al genitivo) sono traslitterati in latino (ad es., Papinianu, Iavo-
lenu), molti altri no (ad es., ’Iouliano§u [di Giuliano], ’Alfhno§u [di Al-
feno]), il tutto senza una precisa ratio. Forse la commissione fu colta
alla sprovvista da un tardivo ordine di Giustiniano di allegare un indi-
ce e non fece in tempo a confezionare un prodotto migliore. È però
una fortuna che ci sia giunto: da esso apprendiamo l’intero numero di
libri di cui constava ogni opera, e, circa uno scritto di Gaio, il trattato
ad edictum urbicum, si ammette, in totale onestà, di aver compulsato ‘i
soli dieci libri rinvenuti’ (t\a mÒna eÙreq◊nta bibl∂a d◊ka). L’Indice in-
fine, come meglio si spiegherà nel paragrafo seguente, gioca un ruolo
molto importante in sede di elaborazione e di verifica delle teorie rela-
tive alla composizione dei Digesta.

6. Il metodo di compilazione dei ‘Digesta’: la teoria del Bluhme. Co-


me si è detto, la costituzione Deo auctore, che conferisce a Triboniano
l’incarico di avviare e dirigere la compilazione del Digesto, porta la da-
ta 15 dicembre 530. La costituzione Tanta - D◊dwken, che pubblica
l’opus perfectum, è del 16 dicembre 533. Da questi tre anni va tuttavia
detratta una tara non secondaria: certamente, ad esempio, un congruo
periodo iniziale per la ‘messa in moto’ e uno conclusivo per la stesura
delle copie ufficiali. Bisogna altresì tener conto del fatto che, nel mede-
simo lasso di tempo, tre commissari, Triboniano Teofilo e Doroteo,
compongono pure le Istituzioni imperiali; e che, infine, il collegio è
formato da funzionari, docenti, avvocati; i quali dunque non avranno
potuto trascurare in toto i rilevanti impegni connessi al loro ufficio ca-
nonico7. Orbene, considerato che per comporre il Digesto diciassette
uomini hanno dovuto operare su non meno di 1625 libri, si può con-
cludere, tralasciando i superlativi, che il tempus utile a disposizione,
comunque si consideri la cosa, non è molto. L’imperatore è prodigo di
lodi per Triboniano e la sua équipe, e ricorda che per un simile impe-
gno si erano previsti almeno dieci anni; poi, con l’aiuto divino, si è riu-

7 Quantunque, almeno per gli antecessores Doroteo e Anatolio, si sia pure ipotizza-

to un temporaneo ‘congedo’; forse non a torto, visto che una continua spola tra la ca-
pitale e Beirut doveva presentarsi poco agevole.
115

sciti ad arrivare in porto in un solo triennio (Tanta - D◊dwken, 12). Se-


nonché, questo rapporto fra tempo e mole di lavoro, e fors’anche la
sua stessa enfatica sottolineatura dovuta al sovrano, hanno talora sorti-
to presso gli studiosi moderni un risultato che Giustiniano certo sareb-
be stato ben lungi dal desiderare; e cioè il sospetto sull’attendibilità di
quanto orgogliosamente asserito circa l’aedificatio dei Digesta. Un so-
spetto grave, s’intende, e in più o meno larga misura demolitore; non
limitato, dunque, alle usuali approssimazioni per eccesso della retorica
di corte. Così si può dire che sul punto la dottrina è divisa fra quanti
sostanzialmente prestano fede alle parole dell’imperatore e quanti in-
vece sospettano, come si diceva, che, ‘dietro’, ci sia qualcosa che Giu-
stiniano tace, ma che in realtà costituisce la chiave di volta, o comun-
que un solido perno, dell’intera compilazione.
Nondimeno, fino ai primi del XIX secolo, non si è in genere dubi-
tato che i compilatori abbiano escerpito i brani giurisprudenziali e for-
mato il grande mosaico antologico operando in commissione plenaria.
Nel 1820, il Bluhme pubblicò un acutissimo saggio, che, ponendosi co-
me pietra miliare in questo genere di ricerche, ne ha condizionato tut-
to l’andamento successivo. Il citato studioso ha richiamato l’attenzione
su un dato incontestabile: osservando nei singoli titoli del Digesto le
inscriptiones in capo ai relativi frammenti, si riscontra la continua alter-
nanza di tre gruppi testuali, o masse, ben riconoscibili. Capita talora,
che, in titoli brevi, due sole masse siano rappresentate (ad es., 11.8;
41.10), o addirittura ci si limiti a una unica (ad es., 43.7); ma il succe-
dersi, sia pure in ordine e ‘dosi’ variabili, delle stesse è comunque una
realtà, anche fuori dai tre titoli tipici (45.1; 50.16; 50.17) da cui l’inda-
gine del Bluhme ha preso le mosse. Non solo: le opere ricomprese in
ogni massa e i libri entro ciascuna si succedono secondo un criterio co-
stante. Le tre masse, dalle opere di testa e più rappresentative delle
medesime, possono definirsi rispettivamente ‘sabiniana’, ‘edittale’, ‘pa-
pinianea’, legate la prima al diritto civile (commenti ad Sabinum), a
quello pretorio la seconda (commenti ad edictum), alla problematica
casistica la terza (quaestiones e responsa, in cui come è noto eccelse Pa-
piniano). Va però subito aggiunto che un simile modo di identificazio-
ne ratione materiae risulta abbastanza generico, in quanto il contenuto
dei tre gruppi non è così omogeneo come potrebbe sembrare a prima
vista: ad es., tutte le opere di Modestino, di sistematica e di casistica, si
trovano nella pars edictalis; i digesta di Alfeno e Giuliano sono nella
116

massa sabiniana, i digesta di Celso e di Marcello in quella edittale; i li-


bri di diritto militare di Paolo e di Macro sono nella sabiniana, quelli
di Tarrunteno Paterno e di Arrio Menandro nella edictalis; il de poenis
paganorum di Claudio Saturnino figura nella prima massa, il trattatello
omonimo di Paolo nella terza, e così via. In realtà, nonostante i molti
tentativi esperiti fino a oggi, una ratio coerente di suddivisione è di dif-
ficile reperimento. A queste tre masse si può aggiungere un ulteriore
nucleo di testi, la c.d. Appendix, in tutto tredici opere prive di denomi-
natore comune, che spesso si trova immediatamente posposta alla terza
massa. L’Appendix tuttavia non era per il Bluhme una massa in senso
proprio, bensì una sorta di ‘deviazione’ rispetto al sistema generale.
Solo a partire dallo Hugo si è parlato in proposito di quarta massa (pe-
raltro il Mantovani ha dimostrato che l’Appendix è un mero prosegui-
mento della massa Sabiniana).
A parere del Bluhme, divise le opere nei tre grandi nuclei e fissata
l’ossatura generale dei Digesta, la commissione si sarebbe divisa in tre
sottocommissioni, ciascuna delle quali avrebbe operato lo spoglio di
una massa, considerando l’Appendix come un di più assegnato ai revi-
sori della papinianea e costituito dai libri di ultimissimo arrivo: in ef-
fetti, la terza pars è assai più esigua delle prime due, e con l’aggiunta di
questa piccola ‘coda’ si arriverebbe a un carico equamente ripartito.
Infine, la seduta plenaria; in cui ciascuna sottocommissione avrebbe
convogliato entro ogni titolo il proprio distillato testuale e si sarebbero
apportati gli ultimi indispensabili aggiustamenti.
Della teoria del Bluhme è possibile isolare un importantissimo dato
certo e alcuni restanti dati congetturali. Sicura è l’esistenza delle masse,
dimostrata in base a risultanze oggettive. Le verifiche minuziose di una
schiera di autorevoli studiosi successivi, pur affacciando talora nuove
soluzioni su aspetti marginali, hanno confermato a più riprese la sco-
perta del Bluhme. Uno studio fondamentale ai predetti fini è dovuto al
Rotondi, il quale ha vagliato il fondamento della Massentheorie alla lu-
ce dell’Index Florentinus, di nostra conoscenza (supra, par. 5). Si è det-
to che il redattore dell’Indice si proponeva un duplice ordine: cronolo-
gico per i giuristi (fatta eccezione per Giuliano e Papiniano, capifila ad
honorem), per mole decrescente quanto alle opere di uno stesso artefi-
ce. Chiaramente, un ordine siffatto è ben diverso da quello delle masse
bluhmiane, perché in quest’ultimo opere del medesimo giurista appar-
tengono a masse differenti o si trovano nella stessa massa separate, e, al
117

contempo, scritti brevi possono venir prima di altri più estesi. Quindi,
per stilare il suo inventario sistematico, l’indiceuta avrà dovuto scom-
binare gli elenchi in suo possesso eventualmente compilati secondo
l’ordine del Bluhme. Tuttavia, quando si tratta di opere di uguale auto-
re e di uguale mole, i criteri dell’Indice fiorentino non intervengono a
innovare rispetto alle pezze d’appoggio da cui esso eventualmente at-
tinge, e l’ordine presente in queste può essere conservato. Ebbene, il
Rotondi ha dimostrato che in questi casi, le opere dello stesso autore,
della stessa mole e della stessa massa, si susseguono nell’Index – per
evidente forza inerziale – nel medesimo ordine teorizzato dal Bluhme
nelle sue tavole. È, se mai ve ne fosse bisogno, la prova definitiva, lega-
ta a un documento esterno ai Digesta: le masse bluhmiane sono ricono-
scibili anche nell’Index Florentinus, che pure segue criteri difformi.
Tutti gli altri enunciati della teoria dei Bluhme, indipendentemente
dal grado di probabilità che si voglia loro attribuire, sono ex necesse
congetturali, e non si allude solo alle sottocommissioni e ai loro movi-
menti, ma alla stessa divisione delle opere nelle tre masse, che l’autore
tedesco attribuisce ai commissari giustinianei. Ora, le masse indiscuti-
bilmente esistono, ma che siano di paternità (lato sensu) giustinianea –
e non, in ipotesi, frutto di una tradizione anteriore – è dato, a ben
guardare, indimostrabile.

7. Cont.: le teorie successive. Ottant’anni dopo l’uscita dello scritto


del Bluhme, apparve, pubblicata postuma, un’opera dell’austriaco
Hofmann, profondamente critica nei confronti della nuova teoria. Lo
studio in oggetto peraltro, anziché contestare, dati alla mano, ... l’in-
contestabile realtà delle masse, procedeva a una sorta di globale tenta-
tivo demolitore, basato in larga misura su valutazioni esteriori. In par-
ticolare, sosteneva lo Hofmann che il tempo per la compilazione si ri-
vela comunque pochissimo e nessuna divisione tra le opere e le forze
potrebbe giustificare la sua riuscita. Ricordava inoltre che nel 532 a
Costantinopoli scoppiò la rivolta Nika (N∂ka [vinci!] era il grido de-
gl’insorti), in cui il palazzo imperiale venne preso d’assalto e sia Giusti-
niano sia Triboniano rischiarono la vita: situazione – osserva il contrad-
dittore del Bluhme – tutt’altro che comoda per «un paziente lavoro di
formiche». Da questi e da altri rilievi non di rado apprezzabili, l’autore
è giunto tuttavia a una conclusione eccessiva: i compilatori avrebbero
118

compiuto lo spoglio diretto di uno sparuto gruppo di libri, inventando


false inscriptiones al fine di isolare in frammenti autonomi le tesi di al-
tri giuristi ivi citate, e, in definitiva, si sarebbero trovati fra le mani,
consegnata loro dalla scienza anteriore, una compilazione di ius già
bell’e pronta e idonea, dopo alcuni rapidi ritocchi, ad essere pubblica-
ta come Digesta Iustiniani Augusti. Il che non solo taccia di grave men-
dacio la versione fornita da Giustiniano, ma cade nell’estremo opposto
di un lavoro compiuto in tal caso con immotivata lungaggine.
Benché valutata all’epoca con notevole sfavore, la ricerca dello Hof-
mann ha aperto una nuova direttrice di teorie sul nostro tema, dette
‘del Predigesto’ o ‘dei Predigesti’, che ipotizzano in varia misura l’esi-
stenza di precedenti raccolte a cui i compilatori giustiniaei avrebbero
attinto. Va comunque precisato che gli studiosi posteriori non hanno
ripetuto l’errore dello Hofmann, di accantonare cioè la teoria delle
masse bluhmiane, ma, ritenendola giustamente un punto fermo, hanno
cercato – non sempre riuscendoci, però – di coniugarne l’esistenza con
le ipotesi di precedenti del Digesto sfruttati dai compilatori.
L’Ehrenzweig e il Peters – quest’ultimo in un saggio ampio e pene-
trante – hanno sostenuto l’esistenza di un Predigesto redatto da un pri-
vato nel V secolo e fondato sulle masse del Bluhme. In particolare –
sostiene Peters – molti dei commentari bizantini conservati negli scolii
ai Basilici (infra, cap. IX) e ivi riferiti al Digesto, non sarebbero che un
corredo di questa nota compilazione pregiustinianea, non potendosi ri-
tenere ammissibile una così diffusa inottemperanza alle diffide dell’im-
peratore (supra, par. 4). Che le Pandette siano state in parte preparate
dall’attività delle scuole orientali postclassiche è in effetti un dato cre-
dibile: basta leggere la Omnem (‘Tutta’), del 16 dicembre 533, ove si
tratta dell’ordine degli studi giuridici prima dell’uscita delle Instituto-
nes e dei Digesta giustinianei, per rendersi conto che esistevano raccol-
te, imperfette e confuse fin che si vuole, ma tuttavia correnti e larga-
mente utilizzate a scopi didattici. Si ricordano infatti, come vecchio og-
getto di studio, una prima pars, una pars de iudiciis e una terza, de re-
bus, che coincidono perfettamente con le prime tre parti del Digesto
(pr§wta, de iudiciis, de rebus [supra, par. 4]). Non sembra nel torto
l’Arangio-Ruiz quando le identifica in compilazioni scolastiche a cate-
na; che poi i giustinianei le abbiano utilizzate, come vuole l’autore, è
difficile a dimostrarsi, ancorché non improbabile. A un Predigesto ba-
sato sui corpora dei cinque giuristi della legge delle citazioni, e aperto
119

dai commentari ulpianei ad Sabinum e ad edictum, ha pensato l’Alber-


tario, ponendosi però, senza accorgersene, in contrasto con la Massen-
theorie. Tre Predigesti parziali, molto tardi e corrispondenti alle tre
masse, sono stati ipotizzati dal Guarino. Sempre su questa scia, da ulti-
mo, il Cenderelli, ricollegandosi a un’idea accennata dallo Hofmann,
ha congetturato il ritrovamento negli archivi imperiali da parte di Tri-
boniano del lavoro di spoglio del ius compiuto dalla prima commissio-
ne teodosiana (supra, cap. VII.5) e fondato sulle masse bluhmiane.
Sulle teorie del Predigesto, a prescindere dalla credibilità intrinseca
di ciascuna, valutabile caso per caso, può prospettarsi un rilievo con-
clusivo di carattere generale. Abbiamo visto che tutte, tranne la ‘capo-
stipite’, tengono conto della presenza delle masse; ma non altrettanto
può dirsi per quanto concerne i rapporti tra queste e l’Index Florenti-
nus. In particolare, le ipotesi di un solo Predigesto a masse già fuse
non paiono in grado di spiegare come mai è così evidente nell’Indice
bizantino la presenza dei tre nuclei. Se l’Index non si basasse su tre
gruppi di opere distinti e come tali pervenuti ai compilatori – oppure,
ovviamente, perché isolati da loro stessi –, le tracce dell’ordine bluh-
miano vi risulterebbero più nulle che scarse. In altre parole – e sia pure
semplificando un poco –, o si ammette l’esistenza di un Predigesto in
cui però le masse non sono ‘impastate’, attribuendo questo lavoro ai
compilatori – ma è probabile? –, o si ammette l’esistenza di tre Predi-
gesti corrispondenti ai nuclei bluhmiani, come fa il Guarino, o si attri-
buisce a Triboniano e collaboratori la divisione iniziale dei materiali,
aderendo così alla dottrina dominante.
Una menzione a parte va infine riservata all’ipotesi elaborata dal-
l’Honoré, coadiuvato dal Rodger, e che si inquadra nel filone tradizio-
nale, cercando di meglio precisare il modus operandi dei commissari
giustinianei. Vi sarebbero state, a giudizio dell’autore inglese, tre sotto-
commissioni stabili di due membri ciascuna costituite come segue (il
primo della coppia è il presidente): sottocommissione sabiniana – Tri-
boniano, Doroteo; sottocommissione edittale – Teofilo, Anatolio; sot-
tocommissione papinianea – Costantino, Cratino. Ciascun commissa-
rio stabile, per quanto concerne la scelta dei materiali e il loro nuovo
assetto, avrebbe goduto di sostanziale autonomia, e tale assenza di
controllo spiegherebbe in certo grado varie anomalie riconoscibili nel-
la struttura e nell’alternarsi delle masse bluhmiane. Gli avvocati si sa-
rebbero mossi da un gruppo all’altro con funzioni ausiliarie a seconda
120

della loro disponibilità e dei problemi contingenti da risolvere: in par-


ticolare la loro presenza sarebbe stata indispensabile quando – trattan-
dosi di opere con forti analogie –, per evitare doppioni, bisognava pro-
cedere a lettura collettiva. La tesi dell’Honoré, ingegnosa nell’ordito, si
inserisce in un tipo più ampio di metodologia scientifica, da conside-
rarsi una sorta di emblema dello stesso studioso, incentrata sull’indivi-
duazione dei segni stilistici degli operatori giustinianei, al fine di isola-
re le varie ‘mani’ presenti nel tessuto formale della compilazione. Se
fondata, essa segnerebbe un enorme passo avanti rispetto ai risultati
del Bluhme e si porrebbe come imprescindibile base per lo studio del-
l’esperienza giurisprudenziale romana, dal momento che in fondo per
ogni brano si individua il commissario che lo ha ‘gestito’ e, eventual-
mente, alterato. E però, sul piano tecnico della dimostrazione, detta te-
si appare in non lieve misura carente; onde la sua demolizione ad ope-
ra dello Osler, nella Savigny-Zeitschrift del 1985, poi condivisa dal
Mantovani, può giudicarsi, forse, più severa che inattesa.

8. Le ‘Institutiones’. Mentre era ormai avviata a termine l’opera di


compilazione dei Digesta, Giustiniano – sciogliendo così una riserva
espressa nella Deo auctore, par. 11 – diede incarico a tre dei diciassette
commissari, Triboniano, Teofilo e Doroteo, di confezionare un testo
istituzionale, destinato soprattutto alle esigenze della didattica. Non
esiste una costituzione che, a somiglianza della Haec quae necessario e
della Deo auctore, dia formalmente mandato della redazione dell’ope-
ra, e d’altronde un simile modo di procedere non resterà isolato: anche
per il secondo Codice manca infatti, come vedremo, (infra, par. 10),
una legge d’avvio. Ci è giunta invece la costituzione ‘Imperatoriam’
(‘Imperiale’), che, il 21 novembre 533, pubblica le Istituzioni e forni-
sce su di esse gli indispensabili ragguagli. La legge è indirizzata alla cu-
pida legum iuventus, cioè ai giovani desiderosi di imparare il diritto.
Oltre ai nomi dei tre artefici del manuale (ripetuti poi in Tanta - D/edw-
ken, 11, e in Omnem, 2), sono ivi indicate le fonti del testo elementare:
in primis le Istituzioni di Gaio, di cui si ripete la struttura, poi le Res
cottidianae, altra opera didattica dello stesso autore di uso assai sparso
nell’età postclassica (con conseguenti visibili tracce nella parte perve-
nutaci), gli altri manuali classici – tutti quanti, si dice nella Imperato-
riam, ma è dubbio l’apporto delle Istituzioni di Paolo e, forse, assente
121

quello del manuale di Callistrato –, infine alii multi commentarii nel


complesso di non facile identificazione (si riscontrano comunque brani
attinti da Celso, digesta; Pomponio, ad Sabinum; Gaio, ad edictum pro-
vinciale; Callistrato, de cognitionibus; Paolo, ad edictum, ad Vitellium;
Ulpiano, ad edictum, ad Sabinum, de officio proconsulis, de omnibus tri-
bunalibus, regulae). La costituzione Tanta - D/edwken conferma alle In-
stitutiones il valore di legge già loro attribuito dalla Imperatoriam, a da-
tare dal 30 dicembre 533; mentre la costituzione Omnem indica le Isti-
tuzioni come testo-base per le matricole di giurisprudenza, in sostitu-
zione dell’ormai superato manuale gaiano.
L’opera è divisa in quattro libri, come le Istituzioni di Gaio: i mate-
riali utilizzati sono soprattutto di marca giurisprudenziale, ma non
mancano i riferimenti alle innovazioni apportate dagli imperatori, e in
particolare dallo stesso Giustiniano, in via legislativa. Capita anche che
una modifica al diritto in vigore compaia direttamente nel testo istitu-
zionale, senza riscontro in altre parti del Corpus Iuris: caso tipico si ha
in J.1.6.7 (B,16), in tema di età minima richiesta per la manumissio te-
stamento. Chi scrive ha creduto di ravvisarne un’altra, in tema di eredi-
tà intestata, in J.3.1.16 (B,108). Simili interventi, quantunque eccezio-
nali, non possono tuttavia stupire, e ciò per due ordini di ragioni. In
primo luogo le Institutiones non sono solo un’opera didattica, ma an-
che, come si è visto, un testo di legge, dunque il loro contenuto ha vi-
genza autonoma senza bisogno di supporti; in secondo luogo, quello di
redazione delle Institutiones può anche considerarsi un momento di ri-
flessione e di presa di coscienza (Bonini) sull’apparato giuridico prece-
dentemente compilato (primo Codice e Digesto); ove quindi, data la
premessa, è possibile colmare ancora lacune e ripensare, in certa misu-
ra, a soluzioni di cui ora si focalizza a pieno la portata. Anche se nella
sostanza si rivela tale, il trattatello giustinianeo non si presenta formal-
mente come una compilazione, poiché le varie tessere di mosaico sono
amalgamate in un unico discorso condotto al plurale maiestatis dallo
stesso imperatore8. Sovente però, dal semplice confronto di un para-

8 Strano, a livello di curiosità, il Iustini patris ‘mei’ in J.2.12.4 (B, 70); non sembra

esservi infatti sottesa una ratio precisa: in J.2.7.3 (B, 59), lo zio adottante è (… adegua-
tamente) chiamato pater noster. Il che può deporre, forse, per un diretto intervento di
Giustiniano: cfr. sul punto Lambertini, Singulare maiestatis, in Scritti Bonfiglio, Milano
2004, pp. 257 ss.
122

grafo con quello corrispondente delle Istituzioni di Gaio, ci si accorge


che sono stati apportati solo lievi ritocchi. Il paragrafo-chiave in tema
di struttura espositiva delle Istituzioni di Gaio, il già citato 1.8 (‘Tutto
il diritto di cui ci serviamo attiene alle persone, o alle cose, o alle azio-
ni’) è in questa parte riprodotto tale e quale nel testo di Giustiniano
(1.2.12; B,12): dunque l’ordine seguito è il medesimo. Vi è solo da no-
tare che, mentre in Gaio il diritto delle obbligazioni si conclude nel III
commentario, e il IV è dedicato esclusivamente alle azioni, in Giusti-
niano i primi 5 titoli del IV libro sono dedicati ai delitti e ai quasi delit-
ti – e quindi ancora alle obligationes – e solo a partire dal 6° titolo ci si
occupa delle azioni. Ma una differenza contenutistica ben più evidente
tra i due manuali consiste nello spazio dedicato dalle Istituzioni impe-
riali al diritto criminale, che occupa l’ultimo titolo dell’intera opera
(4.18), ed è del tutto sconosciuto al testo classico: in questo i commis-
sari hanno probabilmente seguito l’esempio delle Istituzioni di Marcia-
no, ove compare un’articolata rassegna dei delitti pubblici. Pressoché
in rapporto ad ogni istituto, di cui delineano i caratteri, viene fornito
un excursus storico che tocca i punti salienti della sua evoluzione. Si
manifesta in tal modo il profondo senso della storia che connota la
concezione didattico-giuridica degli artefici delle Institutiones: il riferi-
mento alle linee evolutive ha infatti funzione scientifica autonoma, e
non può dirsi esclusivamente finalizzato a ‘drammatizzare’, in termini
fotografici, il contrasto fra situazione anteriore e assetto successivo al-
l’intervento giustinianeo; tanto è vero che l’excursus storico ricorre an-
che in settori in cui le constitutiones imperiali non hanno apportato
modifiche.
Come si è detto, le Iustiniani Institutiones sono divise in 4 libri; cia-
scun libro è diviso in titoli; ogni titolo porta una rubrica che ne segnala
l’argomento; i titoli – tranne cinque molto brevi – sono stati successi-
vamente divisi in un principium iniziale e ulteriori paragrafi, numerati
da 1 in poi. Modo di citazione: J.1.4pr. J. = Justinianus (preferibile a I.,
perché non si confonde col numero del libro, qualora questo sia indi-
cato coi caratteri romani), 1 = 1° libro, 4 = 4° titolo del medesimo, pr.
= principium (1° paragrafo effettivo).
L’edizione corrente delle Institutiones è di P. Krueger e si trova an-
teposta al Digesto nel volume del Corpus Iuris Civilis weidmanniano
citato sopra. Del manuale esiste un’affidante palingenesi del Ferrini,
pressoché inutilmente riveduta più tardi dallo Zocco-Rosa.
123

9. Stesura del manuale e apporti dei singoli commissari. Quantunque


non abbia dato luogo a una fioritura letteraria paragonabile a quella
scaturita dall’analogo problema circa il Digesto, il piano di lavoro se-
guito nella stesura delle Istituzioni imperiali isola una quaestio non me-
no vexata e affascinante da un lato, e, d’altro canto, visto il ‘microco-
smo’ in cui ci si muove – il rilievo è del Bonini –, tale da legittimare più
concrete speranze di una non lontana soluzione definitiva.
Oltre un secolo fa, lo Huschke ipotizzò un lavoro di compilazione
diretto da Triboniano, ma materialmente compiuto dagli antecessores:
due libri ciascuno. L’autore tedesco credette di poter concludere che i
rinvii interni al manuale non collegano mai le due metà dello stesso:
dal primo e dal secondo libro non si rimanderebbe al terzo e al quarto,
né da questi ai due primi9. Diverso sarebbe anche, a suo avviso, lo stile:
enfatico e paludato nella prima parte, piano e dimesso nella seconda. Il
Grupe e il Ferrini, sulla base di rilievi ulteriori, rispettivamente di stile
e di contenuto, giunsero alla medesima conclusione dello Huschke,
pur restando in disaccordo sulla coppia di libri da attribuirsi a Teofilo
e su quella dovuta a Doroteo. A una divisione per materie e non per li-
bri ha pensato invece l’Ambrosino, il quale, isolando tre nuclei esposi-
tivi – persone e successioni, diritti reali e obbligazioni, azioni – si di-
chiarava convinto di un intervento diretto ad opera di Triboniano. Una
morte prematura impedì allo studioso in parola, autore tra l’altro di un
prezioso vocabolario delle Institutiones, di attribuire una precisa pater-
nità alle singole partes. L’Honoré – sempre confidando nella ricerca
(anche informatica) dei signa stilistici dei singoli commissari e di Tribo-
niano in particolare – ne ha teorizzato il contributo in prima persona
per quanto concerne la relazione degli interventi legislativi giustinia-
nei, certo il settore più delicato del polivalente manuale-legge. Infine il
Falcone, attraverso un sistematico confronto tra il testo istituzionale e i
luoghi corrispondenti della Parafrasi di Teofilo, ha attribuito a que-
st’ultimo le parti relative alle persone e alle successiones, a Doroteo
quelle relative alla classificazione delle cose e ai modi di acquisto delle
singole res, più obbligazioni e azioni, confermando poi la tesi dell’Ho-
noré circa l’apporto di Triboniano.

9 Il rilievo peraltro appare erroneo: cfr. J. 4.10.2; B, 187, che contiene un rinvio a J.

1.14-15, 17-20, 23; B, 27 ss.


124

10. Il ‘Codex repetitae praelectionis’. Il 16 novembre 534, la costitu-


zione Cordi (Cordi nobis est – ‘Ci sta a cuore’) pubblica una nuova edi-
zione del Codex, detto perciò repetitae praelectionis, destinata a sostitui-
re la raccolta di costituzioni realizzata nel 529 (supra, par. 2). Questo se-
condo Codice si era reso nel frattempo necessario per intuibili motivi:
in particolare, andavano inserite le quinquaginta decisiones (supra, par.
3), le costituzioni destinate a spianare il cammino ai Digesta (ad commo-
dum propositi operis pertinentes) e, in genere, la normazione giustinia-
nea che, per ragioni cronologiche, non aveva potuto trovar posto nel
Codex vetus. Allo stesso modo, altre leggi esplicitamente o implicita-
mente abrogate – si pensi alla legge delle citazioni – andavano espunte.
Siccome però non risulta l’esistenza di una costituzione che abbia dato
l’avvio ai lavori – prassi del resto analoga a quella seguita per il manuale
(supra, par. 8) – è del tutto ignoto il momento di partenza. In genere si
pensa in dottrina agli inizi del 534, con Istituzioni e Pandette ormai alle
spalle, anche se, a dire il vero, ha ragione l’Albanese quando osserva
che nessun dato testuale autorizza a escludere un’epoca anteriore, ed è
obiezione di peso relativo quella volta a rimarcare, in tal caso, il con-
temporaneo impegno in due o tre collegi di alcuni artifices. Dalla costi-
tuzione Cordi apprendiamo che il nuovo opus è dovuto a cinque uomi-
ni: Triboniano, Doroteo e tre avvocati di Costantinopoli, Mena, Costan-
tino e Giovanni. Per la prima volta non compare Teofilo, forse morto,
forse – congetturano alcuni – caduto in disgrazia per aver composto
un’ampia rielaborazione parafrastica delle Istituzioni imperiali (supra,
par. 1.; infra, cap. IX). La vigenza del nuovo testo è stabilita a partire
dal 29 dicembre 534, ed è ancora dichiarato il carattere rigorosamente
esaustivo, nel suo campo, della rinnovata collectio, onde non si ammette
citazione di altro materiale legislativo che non sia nella stessa ricompre-
so. L’imperatore precisa inoltre (Cordi, 4) che, per suo espresso volere,
il Codice del 529 è stato, nella nuova edizione, completamente ristrut-
turato e trascritto, e non semplicemente emendato qua e là, tenendone
ferma la ossatura di base. Lo stesso Giustiniano, infine, si riserva di pre-
disporre (ibidem) una successiva raccolta delle proprie costituzioni (no-
vellae), che si renderanno necessarie in futuro.
Il Codex di ultimo conio, come già quello del 529, consta di 12 libri;
del valore simbolico di questo numero si è detto sopra (par. 2), qui è tutta-
via interessante notare che la storia rafforzerà il voluto simbolismo di una
valenza ulteriore. Poiché infatti la ventilata raccolta ufficiale di novellae
125

non fu realizzata, il Codex repetitae praelectionis risulta l’ultima codifica-


zione della storia giuridica romana, così come – alpha et omega – le XII ta-
vole sono, nel senso visto a suo luogo, la prima (supra, cap. III.3). Ogni li-
bro è diviso in titoli; ogni titolo porta una rubrica e comprende un nume-
ro variabile di costituzioni. Ciascuna lex – la più antica è di Adriano (C.
6.23.1, senza data) – è fornita di una inscriptio col nome dell’imperatore o
degli imperatori che l’hanno dettata, e di una subscriptio con l’indicazione
del luogo e della data di emanazione. La struttura del Codice pertanto è
identica a quella del suo predecessore giustinianeo, e, proseguendo a ri-
troso, del Teodosiano, dell’Ermogeniano, del Gregoriano. Come in tutti i
Codices anteriori, le costituzioni non compaiono nell’originario testo inte-
grale, ma risultano abbreviate in varia misura (infra, cap. X.4). Anche qui
inoltre solita divisione – successiva – in principium e paragrafi delle leges
più lunghe; solita numerazione progressiva delle costituzioni entro i titoli.
Per esemplificazione visiva, riproduco, come già fatto per il Dige-
sto, un breve stralcio del Codice, tratto dall’edizione corrente.
LIBER TERTIUS
I
DE IUDICIIS

1 Impp. Severus et Antoninus


AA. Clementi. Iudicio coepto usura-
rum stipulatio non est perempta. Su-
perest, ut debitorem eius temporis,
quod non est in iudicium deductum, (…)
convenire possis.
PP. k. April. Antonino A. II et Geta
II conss. [a.205]
2 Idem AA. Valerio. Licet iudice
accepto cum tutore tuo egisti, ipso
iure actio tutelae sublata non est: et
ideo si rursus eundem iudicem petie-
ris, contra utilem exceptionem rei iu-
dicatae, si de specie de qua agis in iu-
dicio priore tractatum non esse adle-
gas, non inutiliter replicatione doli
mali uteris.
PP. VI k. Ian. Faustino et Rufo conss.
[a. 210]
(…)
126

La prima costituzione – che si cita C. 3.1.1: C. = Codex Iustinianus


repetitae praelectionis; i numeri indicano rispettivamente libro, titolo e
legge – è stata emanata, come rivela l’inscriptio, dagli imperatori (Setti-
mio) Severo e Antonino (Caracalla): si tratta di un rescriptum, e Cle-
mente ne è il destinatario. Nella subscriptio leggiamo che la costituzio-
ne è stata pubblicata alle calende di aprile (= 1° aprile) dell’anno in cui
Antonino Augusto (il secondo degli imperatori emananti) e Geta (suo
fratello) erano consoli per la seconda volta (II conss.). L’editore indica
tra parentesi quadre l’anno: la data completa è quindi 1 aprile 205 d.C.
La seconda costituzione è ancora un rescriptum degli stessi impera-
tori (idem Augusti), indirizzato stavolta a Valerio. Essa – che, per i mo-
tivi che sappiamo, si cita C. 3.1.2 – è stata pubblicata il 6° giorno pri-
ma delle calende di gennaio (partendo dal 1° gennaio e procedendo a
ritroso per sei giorni arriva al 27 dicembre) durante il consolato di
Faustino e Rufo. Anche qui l’editore ci soccorre indicando il numero
dell’anno: dunque C. 3.1.2 reca la data 27 dicembre 210 d.C.
Poiché le inscriptiones e le subscriptiones del Codice possono riser-
vare all’interprete alle prime armi qualche difficoltà, conviene aprire
qui una breve parentesi per fornire alcune delucidazioni, che potranno
servire anche in rapporto al Codex Theodosianus e alle reliquie in no-
stro possesso dei due codici privati.

Inscriptiones

Se vi è un solo imperatore emanante: Imp. (= Imperator); se sono


due: Impp. = Imperatores); se tre: Imppp., ecc.
Vengono poi il nome o i nomi degli emananti e il titolo loro spet-
tante: A. = Augustus, C. = Caesar. Le due lettere sono eventualmente
ripetute (ad es. AAA., CC.) in caso di pluralità di soggetti a cui la qua-
lifica si riferisce e corrispondentemente a tale numero. Se l’emanante o
gli emananti non sono indicati col nome proprio ma con Idem (lo stes-
so; gli stessi), bisogna risalire alla più vicina delle costituzioni in cui il
nome proprio è indicato: esso vale anche per la nostra.
Il destinatario della legge è indicato in genere al dativo: ad es., Fau-
stinae (a Faustina), Popilio (a Popilio). Se si tratta di un magistrato, un
funzionario, un soldato, un veterano, ne è riportata, per esteso o in si-
gla, la qualifica. Frequentissime le sigle pp. = praefecto praetorio; pu. =
praefecto urbis (Romae). Non sempre tuttavia destinataria è una perso-
127

na determinata: ad es. provincialibus suis (ai propri provinciali); ad se-


natum (al senato).

Subscriptiones

Con riferimento alla costituzione: acc. = accepta (ricevuta); d. = data


o dicta (dettata); pp. = proposita (pubblicata); s. = subscripta o signata
(firmata).
Il luogo di emanazione è indicato dal relativo complemento: ad. es.,
Mediolani (a Milano); Nicomediae (a Nicomedia). Non di rado tuttavia
un simile dato manca.
La data è ricavabile sulla base del computo dei giorni secondo il calen-
dario romano e dalla coppia consolare per quanto riguarda l’anno; nelle
moderne edizioni quest’ultimo è tuttavia sempre indicato dal curatore.
Sigle frequenti, con attinenza ai consoli eponimi, sono: cons. (= con-
sule); conss. (= consulibus); dn. (= domino), riferito a Giustiniano; pp.
A. (= perpetuo Augusto, in eterno Augusto), ancora riferito a Giustinia-
no; vc. (= viro clarissimo, uomo illustrissimo); vv. cc. (= viris clarissi-
mis). Più rara la sigla np. (= nobili puero, nobile fanciullo), con riferi-
mento a Onorio (infante di due anni, ma console), nelle costituzioni
del 386. I, II (o iterum), III, ecc., indica, dopo il nome del console, che
egli sta ricoprendo la carica per la prima, seconda, terza volta e così
via.
Edizione del Codex: nel vol. II del citato Corpus Iuris Civilis weid-
manniano, a cura di P. Krueger.

11. Le ‘Novellae’. Nel par. 4 della costituzione Cordi, come già si è


accennato, Giustiniano aveva previsto una raccolta ufficiale delle consti-
tutiones che sarebbero state emanate dopo la pubblicazione del Codex
repetitae praelectionis. La predetta raccolta è rimasta in realtà sulla carta,
ma la legislazione giustinianea posteriore al 534 è nel suo complesso un
fenomeno imponente e testimonia dell’inesausta vocazione di iuris con-
ditor presente in chi ne fu l’artefice. Si tratta delle novellae constitu-
tiones, ove l’aggettivo, spesso d’altronde usato da solo in funzione di so-
stantivo (novellae), sottende una posteriorità cronologica rispetto a una
codificazione: un nesso analogo è riscontrabile, come si ricorderà, tra il
Codex Theodosianus da un lato e le Novelle post-teodosiane dall’altro.
128

Tale normazione giustinianea post Codicem si pone rispetto alle grandi


compilazioni e al Digesto in particolare come specchio più immediato e
fors’anche più affidante della coeva temperie bizantina e delle moltepli-
ci problematiche che la muovono. E pur tuttavia, allo studioso abituato
all’ottica del Codice, e ‘condizionato’ dai signa peculiari del Corpus Iuris
in senso stretto, il mondo delle Novellae si presenta d’acchito un po’ co-
me l’altra faccia della luna, mentre nello stesso iter connotato dalla figu-
ra di Giustiniano legislatore pare quasi di intravvedere una sorta di im-
provvisa cesura. La lingua è ormai quasi esclusivamente costituita dal
greco – molto poche sono le leggi redatte in lingua latina –, mentre nel
Codice il rapporto regola-eccezione può dirsi capovolto. Le tematiche
segnano una chiara predominanza del campo pubblicistico rispetto a
quello privatistico, anche qui delineando un’evidente inversione di ten-
denza rispetto al Codex. Le stesse Novelle privatistiche, alludo in parti-
colare a quelle in tema di successioni intestate, la 118 e la 127, riforma-
no in rapidi tratti interi istituti. Se dal punto di vista sostanziale il carat-
tere di rottura con la tradizione anteriore è stato e continua a essere so-
vente esagerato, resta sempre il dato di uno schema formale non solo
nuovo ma anche presentato in modo volutamente ‘asettico’ rispetto al
sostrato di cui pure si alimenta. L’elemento differenziale forse più evi-
dente per il lettore riguarda l’esclusiva tecnica compilatoria: nelle rac-
colte in cui ci sono pervenute, le Novelle si presentano in genere con te-
sto ampio e articolato, dotato di un proemio, in cui il legislatore espone
i motivi del proprio intervento – noi potremmo dire le fonti materiali –,
e non di rado con una serie di molteplici argomenti trattati in rapida
successione e scarsamente omogenei tra loro. Il fenomeno è spiegabile
in rapporto al procedimento di abbreviazione a cui sono state sottopo-
ste le constitutiones, comprese quelle di Giustiniano, inserite nei Codici
e a cui sono invece sfuggite le Novelle (infra, cap. X.4). Il proemio, nelle
leggi assunte ad es. nel Codex Iustinianus, è stato omesso, e, nel caso di
molteplicità di temi trattati, la costituzione è stata divisa in vari nuclei,
convogliati poi ciascuno nel libro e nel titolo dedicati a quell’argomento
specifico. Ciò rientrava del resto nel mandato conferito da Giustiniano
ai commissari. Le inscriptiones, però, e ancor più le subscriptiones, con
giorno mese e anno di emanazione (supra, par. 10, in fine), rendono
spesso possibile la reductio ad unum palingenetica dei vari frammenti.
Un sensibile calo, anche sul piano tecnico, della produzione norma-
tiva giustinianea si riscontra a partire dal 542-543: la morte di Tribo-
129

niano, avvenuta in quell’epoca, è da ritenersi la causa principale del fe-


nomeno, ma, probabilmente, non la sola; e suggestiva risulta in propo-
sito l’ipotesi del Bonini di un Giustiniano ora più introflesso e «forse
sempre meno convinto di poter incidere profondamente e durevol-
mente sulla realtà, così sorda e sfuggente, di una struttura statale in en-
demica crisi».
Tra le più importanti collezioni private delle Novelle, ricordiamo le
tre seguenti.
a) Epitome Iuliani: compendio latino formalmente di 124 constitu-
tiones, ma in realtà di 122 per via di un paio di duplicazioni (25 = 120,
68 = 97), redatto a Costantinopoli negli anni 555-557 da un docente
universitario di nome Giuliano. L’opinione che vi scorge un’opera de-
stinata alla didattica è forse preferibile a quella che riconnette alla sillo-
ge scopi pratici in collegamento con la Pragmatica sanctio pro petitione
Vigilii (infra, par. 12). Può considerarsi, secondo la tradizionale scan-
sione, una fonte giuridica bizantina, ancorché, come si è rilevato, com-
posta in vita di Giustiniano (vedi sopra, par. 1). Edizione: Haenel, Iu-
liani Epitome Latina Novellarum Iustiniani, Lipsiae 1873 (rist. Osna-
brück 1965).
b) Authenticum (o Authentica). Collezione latina di 134 Novelle:
quelle latine in originale, quelle greche in traduzione. La raccolta è da-
tabile intorno al 1000, ma si basa forse su un archetipo di età giustinia-
nea. Il nome deriva dalla fede riposta nella sia autenticità, dopo dubbi
iniziali, dallo studio bolognese. Il dato in questione determinò una
grande fortuna della nostra fonte in ambito occidentale, ove, a partire
dal secolo XI, si sostituì nell’uso all’Epitome Iuliani. Edizione: vedi in-
fra, sub c.
c) Collectio graeca delle 168 Novelle; compilata in vita di Tiberio II
(578-582). È la più autorevole di tutte le raccolte: vi sono riportate,
nella veste originale, 168 costituzioni (tre tuttavia duplicate: 32 = 34,
75 = 104, 143 = 150); di queste 158 sono di Giustiniano, 4 di Giustino
II (565-576), 3 di Tiberio II, e 3 – per cui tuttavia è il caso di parlare di
decreti – di prefetti al pretorio. Edizione: Schoell-Kroll, nel III volume
del citato Corpus Iuris Civilis dei Weidmann. Ivi anche l’Authenticum
e, delle Novelle greche, una versione latina editoriale.
Sempre in lingua greca possono infine segnalarsi le Epitomi delle
Novelle dovute a Atanasio di Emesa e a Teodoro di Ermopoli, entram-
be del VI secolo.
130

Le Novellae sono divise in praefatio, testo dispositivo, a sua volta


eventualmente diviso in più capita (capitoli), ed epilogo. Praefationes e
capita sono poi stati ulteriormente ripartiti in principium e ulteriori pa-
ragrafi. Modi di citazione: Nov. (o N.I.) 32.1; ci si riferisce alla Novella
Iustiniani n. 32 della collezione greca, nel 1° capo. Nov. 22.26.1: para-
grafo 1 del 26° capo della 22° Novella della collezione greca.

12. La ‘Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii’. È certamente la più


famosa nell’ambito di quelle tipologia di costituzioni – le pragmaticae
sanctiones, appunto – che emerge nell’avanzato periodo tardoromano e
che ha al contempo caratteristiche proprie dei rescripta e, per taluni
aspetti, delle leges generales. La norma in oggetto, emanata a Costanti-
nopoli il 13 agosto del 554, si inserisce in un disegno, certo più empiri-
co che ‘epocale’, di riassetto della situazione politica e economica del
territorio italico, recuperato dagli eserciti di Giustiniano alle insegne
imperiali ma piegato e sofferente in seguito alla lunga guerra di ricon-
quista, conclusasi due anni prima con la sconfitta del re ostrogoto Teia
presso il monte Lattaro ad opera di Narsete.
Su richiesta di papa Vigilio, che in un clima di difficili rapporti con
la corte bizantina si trovava allora a Costantinopoli quasi in condizione
di ostaggio, viene estesa alla Penisola la vigenza di Digesto e Codice, i
cui testi erano stati da tempo forniti alla nuova propaggine imperiale –
la prefettura d’Italia fu ricostituita nel 538 mentre ancora infuriava il
conflitto –, nonché delle Novelle fino ad allora emanate, previa pubbli-
cazione edittale in Italia. Tale ultima norma, contenuta nel capo 11 di
questa sorta di “eterogenea circolare di servizio” (Calasso), è invero la
disposizione più rilevante e celebre della Pragmatica, la quale tuttavia
reca anche una serie non sempre ben combinata di altri provvedimenti
– pure de praeterito, come ad es. la rescissione degli atti compiuti dal
‘nefandissimo’ tiranno Totila, predecessore di Teia, e, per converso, la
conferma di quelli dovuti a Atalarico, Amalasunta e Teodato, sovrani
più graditi a Giustiniano – che ne fanno un testo, quanto alla genesi,
non privo di oscurità, e quindi di costante interesse per gli studiosi.
La Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii sortì l’effetto di isolare i
destini giuridici della provincia d’Italia dalle altre terre romanizzate del-
l’antico impero d’Occidente, che, tenute ormai saldamente da sovrani
barbarici, restarono soggette al diritto teodosiano, e di porre le basi del
131

(pur ancora lontano) rinascimento giuridico che si verificherà proprio


nella nostra Penisola a partire dall’undicesimo secolo (infra, cap. XI.1).
Nondimeno, le profonde radici che saldavano il diritto teodosiano alle
stesse regioni italiche grazie anche all’apporto delle leggi romano-bar-
bariche, la conquista longobarda del 568, l’influenza della Chiesa, anco-
rata al trattamento di favore riservatole dalla legislazione pregiustinia-
nea, fecero sì che gli effetti della volontà di Giustiniano, espressa nel ci-
tato capo 11, fossero anche qui, come dire, posticipati di qualche scolo.
Edizione: nella citata edizione Schoell-Kroll delle Novelle, in Ap-
pendix constitutionum dispersarum 7.

13. Il problema delle interpolazioni. Al problema delle interpolazio-


ni, in particolare per quanto riguarda il Digesto, si è già avuto modo di
accennare brevemente in alcuni luoghi del presente manuale. Occorre
partire da un dato di fondo: le alterazioni giustinianee ai testi classici
sono una realtà storica che non può essere revocata in dubbio. Lo stes-
so imperatore, nella costituzione Tanta – D◊dwken, per tacere di altre
fonti, lo afferma esplicitamente (par. 10): multa et maxima sunt, quae
propter utilitatem rerum transformata sunt (numerose e molto impor-
tanti sono le modifiche apportate per utilità pratica). Il problema sem-
mai è di natura diversa: in che senso va intesa l’affermazione di Giusti-
niano riportata sopra? Quanto di vero e quanto di enfatico è insito in
un simile asserto? È, insomma, il Digesto costellato di un diffusissimo
stuolo di interventi compilatori, e i testi classici, che formalmente –
nelle inscriptiones – portano la firma di Gaio, Papiniano, Paolo, ecc.,
sono stati davvero alterati fino alla devastazione?
Per la critica interpolazionistica, o almeno per i più accaniti seguaci
di questa corrente metodologica, la risposta fu affermativa. Tale movi-
mento, teso con svariati criteri, di tipo formale e sostanziale, alla ‘caccia’
sistematica degli interventi giustinianei (interpolazioni) in primis sui testi
compilati nelle Pandette, ha segnato un importante momento dell’espe-
rienza romanistica contemporanea. Nell’arco di tempo in cui si è trovato
ad operare, e che comprende gli ultimi decenni dell’Ottocento e i primi
del secolo scorso, l’interpolazionismo è risultato partecipe di una matri-
ce insieme storicistica e antistoricistica. Nel primo senso ha avuto il me-
rito di scomporre in vari strati, testuali e cronologici, il contenuto della
compilazione giustinianea, sgretolandone l’unità formale lungo una se-
132

colare direttiva storica. Nel secondo senso ha finito col presupporre una
sorta di costruzione geometrica facente capo alla giurisprudenza classi-
ca: un sistema fondato sulla mera deduzione, esente da antinomie e
mende logiche, e in grado, per ciò stesso, di far quadrare sempre i pro-
pri conti. Quest’ultimo aspetto, unito a una preparazione filologica non
sempre irreprensibile, costituisce forse l’appunto più immediato che si
può muovere al metodo critico in parola, il quale tuttavia non merita
certo di essere rinnegato dall’indirizzo scientifico più recente.
Oggi si tende ad attribuire i contrasti nel pensiero giurisprudenziale
non tanto all’intervento dei compilatori giustinianei, cioè alle interpolazio-
ni, quanto piuttosto alla diversa sensibilità e alle peculiari vedute dei giuri-
sti classici, di cui si analizzano con nuovo o rinnovato interesse la personali-
tà, i condizionamenti sociali, i rapporti col potere, in un’indagine ‘totaliz-
zante’ del fenomeno giuridico, che tuttavia non sempre evita il rischio, a di-
re il vero, di contrapporre ai giuristi romani ‘tra loro gemelli’ del preceden-
te metodo critico, un’infungibilità dei medesimi un po’ troppo marcata.
Un criterio sicuro per individuare l’interpolazione è costituita dal
confronto fra un testo contenuto nelle Pandette e lo stesso testo perve-
nutoci attraverso una collezione anteriore. Apriamo a questo proposito
una parentesi esemplificativa che ci servirà anche ai fini di quanto dire-
mo in seguito, nel corso del paragrafo. Su due colonne parallele sono
riprodotti un frammento paolino conservato nei Fragmenta Vaticana e
il medesimo brano nella redazione di cui ai Digesta.

Paolo, dal libro VIII ad Sabinum


Frag. Vat. 1 (FIRA II, 464) D.18.1.27

Qui a muliere sine tutoris auctoritate (…) qui sine tutoris auctoritate a pu-
sciens rem mancipi emit vel falso tuto- pillo emit, vel falso tutore auctore,
re auctore quem sciit non esse, non vi- quem scit tutorem non esse, non vide-
detur bona fide emisse; itaque et vete- tur bona fide emere, ut et Sabinus
res putant et Sabinus et Cassius scri- scripsit. ([…] chi compra da un pu-
bunt. (Chi consapevolmente compra pillo senza l’autorizzazione del tutore
da una donna una cosa màncipi senza o con l’autorizzazione di un falso tu-
l’autorizzazione del tutore, o con tore, che egli sa non essere il tutore,
l’autorizzazione di un falso tutore, non appare comprare in buona fede,
che egli sa non essere il tutore, non come anche Sabino ha scritto).
appare aver comprato in buona fede;
e così ritengono anche gli antichi e
scrivono Sabino e Cassio).
133

Non si menziona più, nel brano compilato nel Digesto, il caso di ac-
quisto dalla donna sui iuris sotto tutela, perché la tutela muliebre è isti-
tuto da tempo scomparso; né esiste più, in diritto giustinianeo, la di-
stinzione tra cose mancipi e nec mancipi (cfr. C. 7.31.1; Giustiniano, a.
531). Ricordiamo per incidens che in età classica la donna aveva biso-
gno dell’autorizzazione del tutore solo per alienare le prime (Gai. 2.80;
A, 41): ciò spiega compiutamente il caso prospettato da Paolo. Tale ca-
sus è, nel Digesto, sostituito da quello, analogo, degli acquisti da un
pupillo (impubere sui ius), perché la tutela su questa categoria di sog-
getti sopravvive. Immutato risulta, tuttavia, il senso generale: se acqui-
sto da un pupillo senza l’autorizzazione del tutore, ovvero con l’inter-
vento di chi so non essere il vero tutore, acquisto in mala fede. E tale
principio vale sia per il diritto classico sia per il diritto giustinianeo. È
omessa, per brevità, la menzione finale dei giuristi repubblicani (vete-
res), e, dei due scolarchi del I secolo, si conserva il ricordo del solo Sa-
bino. Per concludere, il brano sembra a prima vista profondamente
modificato dai compilatori del VI secolo, ma in realtà – sul piano della
sostanza – non contiene nulla di nuovo: lo si è solo adeguato alla situa-
zione corrente, perché non sembrava opportuno, in un’opera tra l’altro
con efficacia normativa, riferirsi a istituti scomparsi.
Il metodo presentato, del confronto testuale, può tuttavia (purtrop-
po) usarsi assai di rado, perché presuppone un dato di fondo – quello
della duplice provenienza – che non sembra esagerato definire eccezio-
nale, quanto meno nel campo del ius. Gli altri criteri per isolare le in-
terpolazioni, che furono teorizzati nel passato, sono in genere o non
del tutto tranquillanti o palesemente infidi. Tale è ad esempio il crite-
rio formale, che in definitiva sottende un ideale del giurista classico
che scrive in modo semplice, chiaro, elegante; e che finisce quindi col
sospettare di ogni segno stilistico difforme. Ora, non c’è dubbio che il
latino dei bizantini sia alquanto diverso da quello, ad esempio, dei ro-
mani del II secolo, ma siamo pur sempre di fronte a indizi piuttosto la-
bili, che spesso non tengono conto delle peculiarità stilistiche, talora
anche occasionali, di un dato autore, e, perché no, di sue eventuali ca-
dute di tono. Ma il discorso relativo alla diagnosi delle interpolazioni
finisce comunque con l’essere profondamente connaturato alla perso-
nale esperienza esegetica di un determinato studioso.
La mia attuale convinzione può sintetizzarsi in una frase prima facie
un po’ anodina: nel Digesto, io credo, le interpolazioni sono molte e
134

poche al tempo stesso. Mi spiego. Vi è tutta una serie di interpolazioni,


per così dire, di routine, che, in termini numerici, è ingente, ma che ri-
veste scarso significato sul piano esegetico. I nomi degli istituti scom-
parsi nell’età postclassica e giustinianea, nei testi delle Pandette non
sono più reperibili, e al loro posto vi sono quelli degli istituti sostituti-
vi: così al posto di mancipatio troviamo traditio; al posto di fiducia, pi-
gnus; al posto di usucapio (degli immobili), longi temporis praescriptio,
ecc. Queste interpolazioni, di mero e lineare adeguamento, sono una
marea; così, anche il rimaneggiamento esplicitato dal confronto testua-
le di cui sopra può in definitiva classificarsi tra quelli di prammatica.
Ancor più numerosi, ma ancora di mero e lineare adeguamento, sono i
ritocchi formali che si sono resi necessari in rapporto alla frantumazio-
ne dei testi – che, se vogliamo, già di per sé identifica un’interpolazio-
ne –: spesso non è possibile, ad esempio, abbreviare un passo senza
modificare qua e là qualche parola.
Al di fuori di questo ambito, gli interventi giustinianei risultano,
tutto sommato, infrequenti; e non esistono mezzi aprioristici per dia-
gnosticarli. Nello studio di un determinato istituto o problema giuridi-
co, condotto analiticamente sulla base dei testi, l’esegeta si accorge che
in un frammento una determinata affermazione non è compatibile con
la struttura dell’istituto o con i termini della quaestio in quel determi-
nato periodo, e trova invece riscontro in un preciso indirizzo sicura-
mente riconducibile all’epoca e alla mentalità giustinianee. In genere,
se è vero che l’interpolazione di questa natura va rigorosamente dimo-
strata, è altrettanto vero, a mio credere, che agli occhi dello studioso
sufficientemente addentro in quella tematica, essa si presenta abba-
stanza evidente, e la predetta dimostrazione in ultima analisi non gli ri-
sulta difficile.
A chiusura del paragrafo, non sembra inutile mostrare un esempio
di interpolazione sostanziale. Un passo tratto dai libri opinionum di Ul-
piano, nella veste in cui compare nei Digesta giustinianei, recita così:

D. 5.2.29.3 (Ulp. 5 [Lenel 6] opin.)


Quoniam femina nullum adoptare filium sine iussu principis potest, nec
de inofficioso testamento eius, quam quis sibi matrem adoptivam falso
esse existimabat, agere potest.
(Poiché una femmina non può adottare alcun figlio senza decreto del
principe, chi erroneamente riteneva che una donna gli fosse madre
135

adottiva, non può nemmeno impugnare il testamento di lei come inof-


ficioso [trad. Nardi, Scritti minori, I, p. 528]).

Il sine iussu principis, che lascia aperta alla donna una possibilità di
adoptio, è chiaramente frutto di interpolazione. Ulpiano non avrebbe
potuto esprimersi in tal guisa, perché – per quanto concerne l’età clas-
sica – l’impossibilità per la donna di essere soggetto attivo di adozione
è regula iuris indiscutibile e fissata da testi sicuri e concordi, tra cui ba-
sti riportare qui Gai. 1.104 (A,16, trad. Nardi):

Feminae vero nullo modo adoptare possunt, quia ne quidem naturales li-
beros in potestate habent.
(Le femmine non possono adottare in alcun modo, perché non hanno
in potestà neanche i figli naturali).

Si veda inoltre: Tit. Ulp. 8.8a; Gai Ep. 1.5.2, J.1.11.10 (B,23) prima
parte. La breccia fu aperta da Diocleziano e Massimiano, i quali con-
sentirono in una fattispecie concreta che una donna, Sira, adottasse in
solacium amissorum filiorum, cioè per compensare la perdita dei figli
suoi defunti (C. 8.47[48].5, del 291). La norma, nata come grazioso ri-
medio ad personam, nel diritto giustinianeo muta sensibilmente la pro-
pria valenza: pure con il supporto dell’incisiva riforma dell’istituto del-
l’adoptio voluta da Giustiniano e benché non dimentica dei limiti indi-
cati dal rescritto del III secolo (donna che aveva figli e li ha perduti),
essa finisce col soccorrere anche altre madri orbate della prole, e i
compilatori in D. 5.2.29.3 inseriscono quel sine iussu principis che ade-
gua il testo di Ulpiano alla nuova situazione (le Institutiones imperiali,
1.11.10 [B,23] seconda parte, parlano in proposito di indulgentia prin-
cipis). Ma, a riprova di quanto detto sopra in generale, si tratta di inter-
polazione fondamentalmente palese, la cui diagnosi è suffragata da un
nucleo di univoche basi testuali, e che, come tale, non richiede una
lunga e elucubrata dimostrazione.
Capitolo IX

CENNI SULLE FONTI DI COGNIZIONE


DEL DIRITTO BIZANTINO

Si forniscono, in tratti necessariamente schematici, nomi epoche e


caratteri delle principali compilazioni formate in Oriente in concomi-
tanza con la grande emendatio giustinianea, ma non legate alla volontà
imperiale, ovvero nell’età posteriore, lungo un arco temporale di quasi
otto secoli.
Come si è visto (supra, cap. VIII.4), Giustiniano aveva posto un ve-
to reciso a ogni forma di commento relativo ai Digesta, ma alle oggetti-
ve e indifferibili esigenze della scuola non potevano certo bastare le
traduzioni letterali in greco, gli indici e i par£titla, che, come pure si
è accennato, la diffida aveva fatto salvi. Non deve dunque destare ec-
cessiva meraviglia il fiorire, fin dallo stesso VI secolo e vivente l’impe-
ratore, di commentari alle Pandette ad opera di antecessores, alcuni dei
quali a noi già noti, e tra cui ricordiamo Teofilo, Doroteo, Isidoro, Ci-
rillo e Stefano. È incerto in proposito se Giustiniano abbia rinunciato a
perseguire vere e proprie violazioni al suo divieto, travolto, si direbbe,
dalla forza della storia e dalla vischiosità della prassi, o se, come anche
si è creduto, quell’arcigna inibizione non riguardasse i commentari in
sé ma, per intenderci, il sorgere di quel ius controversum a cui la codifi-
cazione aveva proprio inteso porre fine. Lo studio delle fonti bizantine
che andiamo a elencare – dell’Epitome Iuliani già si è detto (supra, cap.
VIII.11), ove pure si è accennato ai due compendi greci delle Novelle,
di Atanasio e Teodoro – si presenta di notevole utilità per una più ap-
profondita conoscenza non solo del diritto giustinianeo, ma anche del
diritto postclassico e, non di rado, dell’esperienza giuridica anteriore.
Nelle fonti in parola si riscontrano infatti, in più di un caso, divergenze
rispetto al Corpus Iuris, dovute al fatto che i compilatori hanno tenuto
conto, fornendone traduzione greca, di testi classici in veste genuina, e
quindi esenti dalle alterazioni legate all’opera dei commissari giustinia-
nei. Tale rilievo vale in particolare per quanto concerne gli scolii dei
Basilici appartenenti alla fascia più antica (infra, sub e).
Direi anche che detti testi, in cui brani giurisprudenziali e costituzio-

www.torrossa.com – Uso per utenti autorizzati, licenza non commerciale e soggetta a restrizioni.
138

ni imperiali vengono sovente amalgamati in un intarsio unitario, potreb-


bero pure fornire un sintomatico indizio relativo al valore e all’efficacia
normativa da attribuirsi, per la stessa epoca giustinianea, al Digesto ri-
spetto al Codice e alle Novelle. Si è infatti sostenuto da taluni che la
grande collezione di ius operi sostanzialmente come una raccolta di ma-
teriali di convincimento per il giudice ma non possieda la stessa forza di-
rettamente vincolante delle costituzioni. Alcuni dei modelli codificatori
di cui infra depongono forse, sia pure a posteriori, per il contrario.
a) Parafrasi di Teofilo. Abbiamo già avuto occasione di citarne un
passo e di accennare in generale alla sua natura (cap. I.2 n. 5; cap.
VIII.1,10). Si tratta di un’ampia opera di spiegazione in lingua greca
delle Istituzioni imperiali, compiuta dall’antecessor Teofilo, in vita di
Giustiniano. I dubbi espressi dal Ferrini circa la paternità della fonte
non sono valsi a mutare la communis opinio, suffragata tra l’altro da
precisi dati testuali. Coglie invece nel segno la teoria dell’illustre roma-
nista circa un archetipo di matrice gaiana, Institutiones o loro interpre-
tatio postclassica, da riconoscersi alla base del citato commento; il qua-
le tuttavia, quanto allo schema formale, segue punto per punto il ma-
nuale giustinianeo. Edizione: Ferrini, Berolini (1) 1883, (II) 1897 (rist.
1967).
b) Summa del Digesto dell’Anonimo. Indice del Digesto redatto tra
il VI e il VII secolo da un autore ignoto (c.d. Anonimo recente), che ha
rielaborato un analogo Indice, pure di mano sconosciuta (c.d. Anoni-
mo antico), appartenente all’età di Giustino II. Altri indici delle Pan-
dette composti nel VI secolo, ma di cui possediamo molto meno, sono
stati segnalati all’inizio del presente paragrafo.
c) Ecloga. Compilazione redatta nel secolo VIII, sotto gli imperatori
Leone Isaurico e Costantino Coprònimo. Sue fonti sono il Corpus
Iuris, le Novelle di Giustiniano e le costituzioni dei suoi successori.
d) Prochiron e Epanàgoge. Brevi manuali composti sotto Basilio il
Macedone (IX secolo). Solo il primo è fornito di autorità legislativa.
e) Basilici. Opera in 60 libri ideata da Basilio il Macedone, ma com-
piuta da Leone il Saggio (886-911): riordina i materiali del Corpus
Iuris, tradotti in greco ed epitomati, secondo l’ordine del Codex. Più
che sugli originali, sembra basarsi sulle parafrasi e gl’indici dei maestri
giustinianei. Il testo dei Basilici fu dotato di ampio apparato di com-
mento, costituito dagli scholia, i quali possono collocarsi in due diverse
fasce cronologiche: i primi sono tratti dai testi scolastici bizantini del
139

VI e VII secolo, i secondi sono di formazione molto più tarda (X-XII


secolo). Edizione: per il testo (serie di volumi A), Scheltema e van der
Wal, Groningen 1955-1983; per gli scolii (serie di volumi B), Schelte-
ma, Holwerda e van der Wal, Groningen 1953-1988. (Superata l’edi-
zione Heimbach, Lipsiae 1833-1870, in 6 voll. con 2 Supplementa [è in
corso una ristampa anastatica], che presenta insieme testo e scolii, con
il corredo di una traduzione latina [questa invero tuttora assai compul-
sata]).
f) Novelle di Leone il Saggio. Raccolta di costituzioni emanate dal
realizzatore dei Basilici negli anni 886-910.
g) Synopsis Basilicorum. Indice alfabetico dei Basilici (XI secolo).
h) Tipucìto. Repertorio dei Basilici (XI secolo).
i) Hexabiblos (o Manuale legum). Opera di Costantino Armenopu-
lo, composta nel 1345, che si fonda su precedenti testi bizantini, e in
definiva ormai molto lontana in tutti i sensi dallo spirito della compila-
zione giustinianea. L’Hexabiblos, rimasto in vigore nella penisola elle-
nica fin quasi ai nostri giorni, costituisce comunque l’ultima summa di
parziale ascendenza romanistica. Edizione: Heimbach, Leipzig 1851
(rist. 1969).
Capitolo X

IL PROBLEMA DEL TESTO


DELLE COSTITUZIONI IMPERIALI

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. Testo delle leggi repubblicane e testo delle costituzioni


imperiali – 3. Le costituzioni imperiali negli scritti dei giuristi – 4. Le costituzioni
imperiali nelle raccolte tardoromane – 5. L’uso del termine ‘massimazione’.

1. Premessa. Il problema del testo delle costituzioni imperiali è il tito-


lo di una celebre monografia del Volterra (in La critica del testo, II, Fi-
renze 1971, pp. 821 ss.), che, nonostante le perplessità su alcuni punti
affiorate in dottrina, può dirsi tuttora fondamentale quanto alla temati-
ca di cui in questo capitolo si cerca di fornire al discente una prima vi-
sione d’insieme.
Come risulta pure dal quadro delle fonti di conoscenza che emerge
dai capitoli VII e VIII del presente manuale, quanto ci è noto del testo
o anche solo del contenuto della maggior parte delle costituzioni impe-
riali è legato alle compilazioni dell’età postclassica e giustinianea. Poi-
ché dunque tali raccolte fungono da tramite, operando una sorta di
mediazione fra le norme imperiali delle varie epoche e la nostra attuale
scienza, è lecito porsi – e in effetti, come si è anticipato, è stato posto e
ampiamente dibattuto – il problema relativo al testo delle constitutio-
nes che le collezioni tardoromane ci hanno consegnato: se esso sia – e
eventualmente fino a che punto sia – conforme all’originario dettato
uscito dalla cancelleria imperiale. Si tratta, come è facile intuire, di una
quaestio esegetica di primaria importanza, che può dirsi imprescindibi-
le per ciò che concerne la ricostruzione storiografica degli aspetti giuri-
dici relativi alle età del principato e del dominato.

2. Testo delle leggi repubblicane e testo delle costituzioni imperiali.


Innanzitutto non è sfuggita agli studiosi la differenza, per taluni aspetti
anche profonda, tra lo stile delle leges repubblicane e quello delle nor-
me la cui emanazione è legata in via diretta alla volontà imperiale. Le
142

prime presentano, di regola, un dettato conciso che può identificarsi


col precetto e, quando c’è, con la comminatoria di sanzioni. Quasi pro-
verbiale, e del resto a noi già noto (supra, cap. IV.5), è il periodare scar-
no e l’andamento essenziale degli antichissimi versetti decemvirali; ma
anche numerose leges rogatae, posteriori alle XII tavole, si caratterizza-
no per una formulazione asciutta e laconica, che quindi, fatte le debite
proporzioni, non si discosta cha quel solco. La spiegazione del feno-
meno è legata allo stesso fondamento del potere normativo in età re-
pubblicana, il quale, come sappiamo, risiede nelle assemblee popolari.
Queste, pertanto, esprimono il proprio voto solo sulle parole precise
che identificano la disposizione legislativa, escludendosi ogni conside-
razione isagogica o di contorno: d’altronde, la discussione sul disegno
di legge avveniva fuori del comizio, in concione, e non era, come tale,
collegata in alcun modo al suffragio. Anche quando, nella repubblica
avanzata, il dettato legislativo appare più minuzioso e attento al parti-
colare e l’esemplificazione si fa più insistita e pedante, non può dirsi
che il canone di fondo sia venuto meno: si vogliono evitare le frodi,
sempre più frequenti con l’affinarsi della tecnica interpretativa, opera-
te giocando sottilmente sul significato letterale delle parole. Vengono
pertanto introdotte spiegazioni e precisazioni, ma, si badi, relative allo
stesso disposto della legge, non quindi estranee concettualmente al
medesimo. In altri termini, è il testo delle disposizioni – comandi, di-
vieti, sanzioni – che si dilata, non vengono aggiunte considerazioni
estranee e ulteriori rispetto al nucleo dispositivo.
Diverso è lo stile legislativo adottato nei regimi assoluti, ove la nor-
ma non è frutto di una volontà collettiva ma si identifica sostanzial-
mente in un ordine del sovrano, che i sudditi devono eseguire. Ecco al-
lora che il legislatore, in un sistema in cui i destinatari della norma non
ne sono – nel caso dell’esperienza giuridica romana non ne sono più –
anche gli artefici, sente il dovere politico – e non di rado si compiace –
di esporre i motivi che lo hanno indotto a intervenire, spiegando che
ciò è frutto – di volta in volta o anche insieme – di preoccupazione per
il bene comune, di illuminata saggezza, di fervida devozione religiosa.
Entrano così nel testo della constitutio una serie di proposizioni ove
non si esprimono comandi né si minacciano pene, ma si pretende di
giustificare il proprio intento rivelandone moventi e finalità. E si tratta,
dal punto di vista dell’estensione, di brani tutt’altro che brevi, sia in as-
soluto sia se paragonati alla parte dispositiva, in uno stile che nel basso
143

impero si fa spesso ampolloso e ridondante, quasi sempre intriso di au-


tovalorizzazione retorica.

3. Le costituzioni imperiali negli scritti dei giuristi. Accade assai di


frequente che, nelle loro opere, i giuristi romani facciano riferimento a
costituzioni imperlali. Da una illuminante ricerca del Gualandi (Legi-
slazione imperiale e giurisprudenza, Milano 1963), si ricava che sono
circa 1350 le leges dei principi menzionate negli scritti giurisprudenzia-
li in nostro possesso. Un analitico esame di queste citazioni rivela poi
che è tutt’altro che frequente la presenza dei nomi dei destinatari delle
costituzioni – si tratta in larga misura di rescripta –, il che significa che i
giuristi, nel richiamare i singoli testi delle constitutiones, hanno ritenu-
to di ometterli, probabilmente nel quadro di quella tendenza a astrarre
la portata del disposto imperiale, che si manifesta dunque in primis
con l’eliminazione di quel trait d’union con il caso concreto rappresen-
tato dal nome del destinatario, la cui supplica – sempre parlando di re-
scritti – provocò l’intervento del principe.
È inoltre possibile, in base alla stessa indagine, pervenire a un ulte-
riore significativo risultato. Rispetto al numero delle citazioni operate,
il caso in cui il giurista fa riferimento alla costituzione imperiale ripor-
tandone, anche in parte, il testo, cioè riproducendo le parole originarie
della cancelleria, può dirsi in buona sostanza eccezionale. Si pensi, a
mero titolo di esempio, che il giureconsulto Papiniano, nei brani del
suo corpus a noi giunti, opera 103 citazioni di leges imperiali, ma, tra
queste, le riproduzioni sono soltanto 4. Per cui, di norma, il giurista,
allorché richiama nella propria opera ad es. un rescriptum, non solo ta-
ce, omettendolo, il nome del postulante-destinatario ma fornisce, dello
stesso rescriptum, un sunto piuttosto breve che isola i meri connotati
dispositivi della pronuncia imperiale.
Certo, restando nell’ambito dei rescritti, è presumibile che il loro
testo non fosse molto esteso anche in origine, onde la riduzione com-
piuta dai giuristi non deve essere in tal senso sopravvalutata – questo,
ad es., il parere dell’Amelotti per quanto concerne i rescripta dioclezia-
nei –, nondimeno il dato di fondo rimane e, tra l’altro, non va dimenti-
cato che esemplari integri di epistulae intercorse tra Plinio il Giovane,
nella sua qualità di legato pro praetore del Ponto e della Bitinia, e l’im-
peratore Traiano, fanno mostra di una consultatio e di una risposta del
144

principe, le quali, benché sicuramente non prolisse, non potrebbero


però nemmeno dirsi di essenziale concisione. A tale proposito riportia-
mo qui di seguito, per un immediato confronto, una delle citate lettere
pliniane, in tema di custodia dei carcerati, e il disposto di una epistula
adrianea sul medesimo argomento pervenutaci stavolta nella redazione
riassuntiva dovuta al giurista Callistrato.

A)
Plinio, Ep. X. 19, 20

C. PLINIUS TRAIANO IMPERATORI


1. Rogo, o domine, consilio me regas haesitantem, utrum per publicos
civitatium servos, quod usque adhuc factum, an per milites adservare cu-
stodias debeam. Vereor enim, ne et per servos publicos parum fideliter
custodiantur et non exiguum militum numerum haec cura distringat.
2. Interim publicis servis paucos milites addidi. Video tamen pericu-
lum esse, ne id ipsum utrisque neglegentiae causa sit, dum communem
culpam hi in illos, illi in hos regerere posse confidunt.

TRAIANUS PLINIO.
l. Nihil opus est, mi Secunde carissime, ad continendas custodias plu-
res commilitones converti. Perseveramus in ea consuetudine, quae isti
provinciae est, ut per publicos servos custodiantur. 2. Etenim, ut fideliter
hoc faciant in tua severitate ac diligentia positum est. In primis enim, si-
cut scribis, verendum est, ne, si permisceantur servis publicis milites, mu-
tua inter se fiducia neglegentiores sint. Sed et illud haereat nobis, quam
paucissimos a signis avocandos esse.

(Caio Plinio all’Imperatore Traiano.


1. Ti prego, o signore, di guidare con il tuo consiglio me, incerto se
debba sorvegliare le carceri per mezzo di servi pubblici delle città, co-
me si è fatto fino ad ora, oppure tramite soldati. Temo infatti da un la-
to che per mezzo di servi pubblici siano sorvegliate poco coscienziosa-
mente, dall’altro, che questo compito distolga un numero di soldati
non irrilevante.
2. Nel frattempo ho aggiunto ai servi pubblici un po’ di soldati.
Tuttavia mi rendo conto che c’è il rischio che proprio ciò risulti per gli
145

uni e gli altri motivo di negligenza, confidando di poter scaricare la


colpa comune questi su quelli e viceversa.

Traiano a Plinio.
1. Non c’è affatto bisogno, mio carissimo Secondo, di spostare più
soldati alla guardia delle carceri. Persistiamo nell’usanza, propria di co-
desta provincia, che siano sorvegliate da servi pubblici. 2. Giacché che
lo facciano coscienziosamente dipende dal tuo rigore e dal tuo zelo. In-
fatti si deve particolarmente aver paura, come scrivi, che, se ai servi
pubblici si mescolino soldati, risultino più trascurati per via del recipro-
co affidamento. Ma teniamo fermo anche il principio per cui dalle inse-
gne [= dal servizio] bisogna stornarne il minor numero possibile).

B)
D. 48. 3.12 pr. (Call. 5 de cogn.)

Milites si amiserint custodias, ipsi in periculum deducuntur. nam di-


vus Hadrianus Statilio Secundo legato rescripsit, quotiens custodia militi-
bus evaserit, exquiri oportere, utrum nimia neglegentia militum evaserit
an casu, et utrum unum ex pluribus an una plures, et ita demum adfi-
ciendos supplicio milites, quibus custodiae evaserint, si culpa eorum ni-
mia deprehendatur: alioquin pro modo culpae in eos statuendum.
(Se i soldati abbiano perso dei carcerati, essi stessi incorrono nel
pericolo, giacché il divino Adriano rescrisse al legato Statilio Secondo
che ogni volta che il carcerato si sia sottratto ai soldati, bisogna verifi-
care se sia evaso per eccessiva negligenza dei militari o per un caso, e
se uno fra più o più insieme: e allora vanno condannati i soldati alla cui
guarda siano sfuggiti se si appuri una loro colpa eccessiva, altrimenti si
deve procedere contro di loro in base al grado della colpa).

La giustapposizione delle due fonti – da un lato il testo completo di


una epistula: domanda più risposta (A), dall’altro il sunto, ancora di
una epistula, fornito da un giurista classico (B) – risulta di per sé elo-
quente e non necessita – né questa sarebbe la sede adatta – di partico-
lari considerazioni esegetiche. Basti solo rilevare che, nell’integrale re-
scritto di Traiano a Plinio, un ruolo importante per una piena com-
prensione del suo tenore è giocato dalla consultatio, cioè dall’interpel-
146

lanza rivolta all’imperatore. Il che induce a credere che il Volterra non


sia lontano dal vero quando scrive che la consultatio era tecnicamente
considerata parte integrante del rescriptum: ciò è del resto testimoniato
pure da un brano ulpianeo conservato nella Collatio (1.11.1), in cui,
caso peraltro rarissimo nell’apparato testuale in nostro possesso, il giu-
reconsulto riproduce per esteso sia i verba consultationis sia i verba re-
scripti in senso stretto.

4. Le costituzioni imperiali nelle raccolte tardoromane. Quanto ai co-


dici e alle collezioni postclassiche di leges e ius, sono numerosissime le
testimonianze, dirette e univoche, relative all’accoglimento di parti o di
brevi compendi dei testi originari delle norme imperiali. Ad es., la
Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti (supra, cap. VII. 13) fa mo-
stra di un variegato repertorio di formule compilatorie da cui si evince
la riduzione operata sul testo originario della constitutio che si riporta.
Spesso infatti, prima della subscriptio, compare la formula et cetera o et
reliqua, che indica l’omissione volontaria di tutta quanta la parte del
testo che nella genuina legge imperiale seguiva quella ora conservata.
Non meno frequenti, nella stessa operetta, appaiono le formule inter
cetera (tra altro) e ad locum (in argomento), collocate, stavolta, prima
della parte del testo inserita nella raccolta, che segnalano un taglio re-
lativo al dettato che in origine veniva prima della frazione mantenuta.
Capita anche che le due ultime formule siano fuse in quella cumulativa
inter cetera et ad locum; né, quantunque più rari, mancano esempi di
constitutiones che recano, in testa e in coda, ambedue i tipi di avver-
tenze:

Cons. 9. 13
Imp. Constantinus A. ad Maximum praefect. urb. (Inter cetera et ad
locum): Pactiones eas valere volumus, si cum legibus consentiant, et reli-
qua. Dat. VI non. Febr. Romae Sabino et Rufino conss.
(L’imperatore Costantino Augusto a Massimo prefetto alla città.
[Tra altro e in argomento] Vogliamo che valgano quelle pattuizioni che
sono in consonanza con le leggi, eccetera. Emanata il sesto giorno pri-
ma delle none di febbraio a Roma, essendo consoli Sabino e Rufino
(31 gennaio 316).
147

Parimenti, e sempre per una rapida esemplificazione, in un’altra


compilazione mista a noi nota, i Fragmenta Vaticana (supra, cap.
VII.11), si precisa, in un caso, che quella riprodotta è solo una parte di
un’oratio Severi:

Frag. Vat. 158


Pars orationis imperatoris Severi (segue il testo)

Post alia (all’inizio) e et cetera (alla fine) sono formule assai ricor-
renti anche nel Codice Teodosiano. Nel Codice giustinianeo invece
queste indicazioni non compaiono mai: ciò tuttavia non deve far crede-
re che le constitutiones figurino qui integre; da un semplice confronto
testuale è infatti facile appurare che i compilatori giustinianei, ripren-
dendo una costituzione del Codice Teodosiano nell’esatta parte offerta
in tale fonte, si sono limitati a togliere le avvertenze che invece i com-
missari di Teodosio II avevano sul punto fornito. Non è neppure infre-
quente che Triboniano e compagni, di una legge tratta dal Teodosiano
e qui già ridotta (con relativa segnalazione), ripropongano un brano
ancor più esiguo: ebbene, pure in questa circostanza nessuna formula
compilatoria compare nel nuovo Codice. E noi, tra l’altro, sappiamo
che Giustiniano aveva ordinato ai commissari nominati per il primo
Codice di eliminare le praefationes delle leggi e di resecare supervacua,
ossia eliminare il superfluo (Haec quae necessario, 2; Summa rei publi-
cae, 1), ponendosi, in tal senso, sulla stessa falsariga tracciata in prece-
denza da Teodosio (C. Th. 1.1.5).
Infine, dato su cui pure già abbiamo posto l’accento (supra, cap.
VIII.11), un semplice confronto tra il testo, ampio e articolato, delle
Novelle giustinianee e quello delle costituzioni, anche dello stesso Giu-
stiniano, conservate nel Codice rivela i tagli e le riduzioni, non di rado
significativi, operati in quest’ultima compilazione.

5. L’uso del termine ‘massimazione’. Nei precedenti paragrafi, quan-


tunque in rapido excursus, si è considerata l’opera dei giuristi e degli
autori dei codices, che, lungo la via della tradizione testuale, ha finito
per consegnarci la gran parte delle costituzioni imperiali romane nella
veste in cui oggi le conosciamo. In proposito, il Volterra parla spesso
di ‘massimazione’, e il termine, così autorevolmente introdotto in tale
148

ambito, è divenuto poi assai frequente nella letteratura giusromanistica


con allusione al fenomeno di cui ci occupiamo. Nell’esposizione forni-
ta in queste pagine, necessariamente schematica – lo ripeto – e anche
come tale non esente da mende, si è di proposito evitato il termine di
cui sopra. Non sono infatti mancati in dottrina dissensi più o meno
espliciti su tale uso, tra cui particolarmente puntuale e denso di argo-
mentazioni quello espresso vent’anni or sono dall’Archi (Sulla cosiddet-
ta ‘massimazione’ delle costituzioni imperiali, in SDHI, 52, 1986, pp.
161 ss.).
Lo studioso in questione, pur non negando ovviamente che il testo
delle constitutiones di cui oggi disponiamo differisca in più o meno lar-
ga misura da quello genuino, mette in guardia dall’adozione generaliz-
zata di questo vocabolo che, preso acriticamente, farebbe pensare a
una tradizione testuale uniforme, legata a un costante atteggiamento di
giuristi, autori di raccolte e codificatori ufficiali di fronte al testo delle
costituzioni, per tutto il periodo che va da Augusto a Giustiniano. Col
grave rischio, quindi, di perdere di vista quelli che, epoca per epoca,
sono i problemi legati all’utilizzazione nelle varie opere delle leges im-
periali, nonché i mutevoli rapporti tra giurisprudenza e potere impe-
riale, e, infine, gli scopi precipui dei singoli artefici dei corpora giuridici
in cui le leggi dei principi sono messe a partito. Il pericolo, insomma,
di un quadro tendenzialmente dogmatico che, come tale, appiattisce
una prospettiva che va invece valutata tenendo conto delle variabili
contingenti e soprattutto con la cautela e la sensibilità proprie dello
storico.
Personalmente, e nonostante quanto premesso sulla mia scelta, non
mi sentirei di escludere in toto l’opportunità – né l’Archi peraltro sem-
bra farlo – circa l’uso del termine ‘massimazione’, specialmente – ma
forse non solo – in ambito didattico. Si tratta di intendersi: se con
‘massimazione’ si allude a un risultato di adattamento testuale che si
caratterizza per l’eliminazione da un dettato (nel nostro caso) di legge
di quanto è contingente e superfluo per coglierne la portata normativa,
e, al contempo, per il mantenimento di ogni referente che valga a iso-
larne e valorizzarne il principio, credo che – indipendentemente dai ri-
sultati ottenuti nei singoli casi e che dipendono in primis dalle capacità
di chi opera tale processo – di ‘massimazione’ non sia illecito parlare.
Il linguaggio scientifico deve essere rigoroso – ci mancherebbe… – ma
non può neppure prescindere da un accettabile grado di immediatez-
149

za, per cui non sempre, parlando e scrivendo, ci si può permettere di


sostituire a una parola una più o meno lunga perifrasi. Ciò che conta,
in questi casi, è la precisa consapevolezza di chi si vale di un simile, ed
entro certi limiti inevitabile, grado di convenzione. Ma poi, l’accezione
del termine enucleata sopra mi sembra colga, nella sostanza, quella che
può dirsi una costante di fondo del fenomeno.
E però anche vero che il Volterra, con il termine ‘massimazione’,
sembra talora riferirsi a un procedimento concettualmente diverso e
più complesso. Ad esempio par di capire che il citato studioso alluda a
una via attraverso la quale i giuristi in particolare inserivano nell’ordi-
namento le costituzioni imperiali, quasi che esse necessitassero a que-
sto scopo di quel filtro e di quel canale ermeneutico che ne avallava
l’accesso nel sistema. Su questo punto le perplessità sono invero mag-
giormente giustificate ed è perciò più prudente escludere nell’uso del
termine considerato una tale possibile valenza semantica.
Capitolo XI

CENNI SULLA TRADIZIONE ROMANISTICA

SOMMARIO: 1. L’alto medioevo. La Glossa. Il Commento – 2. La recezione. La Scuola


Culta. Il Giusnaturalismo moderno – 3. Le codificazioni – 4. Ultime considerazioni.

1. L’alto medioevo. La Glossa. Il Commento. Come si è visto, con la


Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii del 554 il Corpus Iuris viene in-
trodotto in Italia (supra, cap. VIII.12), ove tuttavia in seguito alla con-
quista longobarda e alla contrazione dei domini bizantini nella Peniso-
la perdura l’egemonia del diritto romano-barbarico e delle consuetudi-
ni germaniche. D’altro canto, mentre la conoscenza di Istituzioni, Co-
dice e Novelle (nel sunto dell’Epitome Iuliani) non viene mai meno,
una caligine pressoché impenetrabile – agli occhi o alle menti, ma in
fondo è lo stesso – continua a nascondere il Digesto, rendendosi in
qualche modo specchio della scienza giuridica coeva, che per il resto
del millennio si attesta su livelli di endemica modestia. Ancorché da al-
tro versante, in questo generale quadro di “diritto senza Stato”, non
manchi il sommesso vitalismo di una spontanea e quotidiana creatività
dovuta soprattutto alla pratica notarile.
Peraltro all’inizio del IX secolo prende corpo la renovatio imperii di
Carlo Magno, fondata sull’idea di uno Stato cristiano universale onto-
logicamente refrattario alla logica dei confini: il Sacro Romano Impero
d’Occidente, al quale, pur lungo un mutevole e accidentato percorso,
sarà destinata un’esistenza millenaria. Finita l’età carolingia, si fanno in
seguito incoronare a Roma anche i sovrani della dinastia sassone degli
Ottoni, che pure (almeno come disegno politico) guardano alla solen-
ne munumentalità artistica e ideologica romana come a una sorta di
stella fissa, tendendo così verso l’antico passato imperiale il primo ca-
po di un nesso destinato dall’altra parte a congiungerlo con la nuova
dimensione feudale, lungo un tracciato inteso senza soluzione di conti-
nuità.
Nell’XI secolo, con tali favorevoli premesse politiche sullo sfondo,
ma grazie a una svolta storico-culturale che pure resta sorprendente e
152

che il Savigny secoli dopo considererà addirittura miracolosa, si apre il


c.d. rinascimento giuridico, dovuto alla ‘scoperta’ del Digesto, nella le-
zione c.d. Vulgata, e alle fortune dello Studium Iuris di Bologna, indi-
scussa radice del modello universitario, iniziato da Irnerio, originaria-
mente maestro di retorica, che affranca il diritto dalle arti liberali e lo
investe di un permanente fascio di luce.
È la scuola dei Glossatori, i quali devono il nome alla loro tecnica
letteraria per eccellenza, che consiste nell’inserimento di chiose
(glosae, glosse), interlineari e marginali, appuntate alle parole dei sin-
goli passi del Digesto – l’espressione più alta della scienza giuridica ro-
mana consegnata ai posteri –, nonché delle altre parti della compilazio-
ne, e tese a avvolgere quest’ultima in un fittissimo ordito di collega-
mento, lessicale, tematico e, soprattutto, ermeneutico. Assai praticata,
e analoga per taluni aspetti a quella dei maestri bizantini, è la disamina
delle contraddizioni, sempre considerate apparenti e come tali risolte,
nel contesto di un corpo giuridico che incarna “l’estremo limite della
saggezza” e si pone a immagine antonomastica della perfezione.
Se il ‘testo’ assurge al rango di canone infallibile, la figura del giuri-
sta rinasce proprio in quanto interprete del medesimo, dando luogo a
un’immagine destinata a attraversare pressoché tutta l’esperienza giuri-
dica dell’Europa continentale. Gli studi di diritto romano assumono
uno straordinario impulso, legato allo spiccato acume e alla inesausta
operosità di questi studiosi, la cui conoscenza delle fonti giuridiche
giustinianee, sistematica e capillare al contempo, ci sembra oggi sfiora-
re in più di un caso i limiti delle capacità mnemoniche umane.
La scuola dei Glossatori annovera, tra gli altri maggiori rappresen-
tanti, Martino, Bulgaro, Iacopo, Ugo, Rogerio, Piacentino, Odofredo,
Azone; e infine Accursio (prima metà del XIII secolo), autore della
Glossa Magna, una sorta di monumentale sintesi che racchiude un’in-
tera, secolare esperienza letteraria e di dottrina (le singole glosse reca-
no sovente la sigla dello studioso che ne fu l’autore), e considerata ben
presto depositaria, con speculari effetti di esclusione per quanto ivi
non ricompreso, dell’intero scibile giuridico.

Le edizioni a stampa della Glossa Magna, che si sostituì ai testi originari


della compilazione giustinianea, si compongono di cinque ponderosi volumi:
I) il Digestum vetus, che comprende i libri 1-24.2 dei Digesta giustinianei; II)
il Digestum infortiatum, comprensivo dei libri 24.3-38; III) il Digestum
153

novum, con la restante parte delle Pandette (libri 39-50); IV) il Codex, con i
primi 9 libri dell’omonima compilazione giustinianea; V) il Volumen, con gli
ultimi 3 libri del Codice, le Novelle, nel testo dell’Authenticum, e le Istituzio-
ni. Quest’ultimo tomo è poi destinato a dare accoglienza anche a fonti diver-
se, come i Libri Feudorum e il Trattato di Costanza (Pax Constantiae), che si-
gla la pace tra Federico Barbarossa e la Lega Lombarda (1183).
Vediamo ora un esempio, tratto dal corpus accursiano, della tecnica lette-
raria dei Glossatori.
Breve premessa: l’azione Publiciana, introdotta dal pretore nel I secolo a.
C., permette (tra l’altro) a chi, in buona fede e in base a un titolo idoneo a tra-
sferirne la proprietà, abbia ricevuto il possesso di un bene da chi non ne era
proprietario e in seguito detto possesso abbia perduto, di recuperarlo contro
l’attuale possessore, ancorché non sia ancora decorso il tempo necessario per
l’usucapione (caso nel quale della Publiciana non avrebbe bisogno, perché,
ormai reso dominus, ossia proprietario per diritto civile, potrebbe esperire
l’azione di rivendica). Lo spiega Ulpiano (16 ad ed.) in D.6.2.1 pr.: Ait praetor:
‘Si quis id, quod traditur ex iusta causa a non domino et nondum usucaptum pe-
tet, iudicium dabo’ (Dice il pretore: ‘Se uno pretenderà ciò che ha ricevuto in
base a una giusta causa da un non proprietario non avendolo ancora usucapi-
to, gli darò azione’). Questo, dunque, il passo del Digesto. Nella Glossa Ma-
gna (cito dal Digestum vetus dell’edizione lionese, apud Hugonem a Porta, del
1560) troviamo, apposta all’espressione ‘ex iusta causa’ il seguente apparato di
chiose: gl. s ex iusta causa] et utroque habente animum transferendi dominium:
alias enim non competeret haec actio: ut infra eodem, l. quaecumque § j. Azo.
Et infra, de act. et obl. l. in omnibus. Accursius. (glossa s [ogni glossa è con-
trassegnata, in successione, da una lettera dell’alfabeto] a ‘ex iusta causa’]: e
avendo entrambi l’intenzione di trasferire la proprietà [scilicet di detto bene]:
ché altrimenti questa azione non spetterebbe: come [puoi vedere] più sotto
nel medesimo luogo [ossia in questo stesso titolo del Digesto] alla legge [così i
Glossatori chiamano i frammenti del Digesto] ‘quaecumque’, paragrafo 1.
Azone. E [puoi vedere anche] più oltre [nel titolo] De actionibus et obligatio-
nibus [così nell’edizione della Vulgata, nelle nostre attuali i due sostantivi ap-
paiono in ordine inverso: De obligationibus et actionibus], alla legge ‘in omni-
bus.’ Accursio). Il giurista Azone, autore della prima glossa, specifica che oc-
corre anche la comune volontà del dante e dell’avente causa di trasferire/ac-
quistare la proprietà del bene, e cita in proposito la ‘legge’ che, nello stesso ti-
tolo del Digesto, incomincia con la parola quaecumque [ossia, per noi, nelle
attuali edizioni critiche, D.6.2.13.1, un testo di Gaio (7 ad edictum provincia-
le)], che difatti supporta il dato. Accursio conserva la paternità della prima
glossa e alla chiosa di Azone aggiunge di suo un ulteriore luogo testuale a sup-
porto, che è più lontano, e cioè D.44.7.57 (Pomponio, 7 ad Quintum
154

Mucium), nel titolo De obligationibus et actionibus, e firma a sua volta la pro-


pria glossa. Facile rilevare la straordinaria padronanza dei testi propria di
questi studiosi e la finissima rete di collegamento che essi stendono sui mede-
simi.

In questa imponente costruzione tecnica e culturale i Glossatori ap-


paiono prescindere per due diversi aspetti dalle coordinate della storia.
Ai loro occhi – come del resto già per Giustiniano – la compilazione
non solo annulla ogni interna diacronia (nel Digesto i passi dei giuristi
più antichi risalgono all’ultima età repubblicana, quelli più recenti so-
no del IV secolo [supra, cap. VIII.4]), ma è pure idonea a trovare legit-
timazione come corpus di diritto imperiale applicabile in concreto alla
società del loro tempo. E proprio in tale direzione, con marcata valen-
za politica, essi pongono le basi del diritto comune, che poggia sul ca-
posaldo testuale della Glossa accursiana, recepita nei paesi europei co-
me vera e propria fonte giuridica.
L’opera dei Glossatori trova una prosecuzione, coerente e evolutiva,
in quella dei Commentatori. In una temperie sensibilmente mutata,
per la necessità di adattare ora i contenuti e le logiche della compila-
zione a un assetto politico-sociale più variegato e refrattario, che –
complice un primo percepibile disincanto circa l’adattabilità dei pila-
stri giuridici del VI secolo alla realtà del tempo – postula un’interpre-
tazione duttile e un ardito ricorso all’analogia, si fa strada una diversa
tecnica, fondata non più sul meticoloso puntinismo delle glosse, ma sul
più ampio respiro dei commenti, e quindi sulle più libere e autonome
esposizioni di interi titoli della compilazione.
È, questo, il campo su cui si staglia, gigantesca, la figura di Bartolo
da Sassoferrato (m. 1357) e quella, poco inferiore, di Baldo degli Ubal-
di (m. 1400), attenti a conciliare gli ambiti del diritto romano e del di-
ritto canonico come ordinamenti generali nei campi rispettivamente
temporale e spirituale (utrumque ius), e veri e propri artefici di ‘moder-
ni’ filoni giuridici, quali il diritto commerciale e il diritto internazionale
privato; infine, più in generale, padri fondatori anch’essi, unanime-
mente riconosciuti, della scienza giuridica europea. Per la loro rilevan-
te e proficua attività pratica di consulenza i corifei di questa scuola so-
no anche detti Consigliatori.
La tecnica scientifica e didattica dei Glossatori e dei Commentatori,
incentrata sul Corpus Iuris inteso (sia pure con diverso atteggiamento)
155

come diritto vivo, fu detta mos italicus (costume italico) e il metodo in-
terpretativo e euristico dei suoi seguaci è scandito in un celebre distico
del XVI secolo nella successione di otto concatenate operazioni.

Praemitto, scindo, summo, casumque figuro,/ perlego, do causas, connoto et


obiicio. Premetto nozioni introduttive e di inquadramento, scompongo il testo
nelle sue parti costitutive, lo ricompongo (per considerarlo ora da angolo vi-
suale opposto al precedente), prospetto i casi pratici a cui il testo è applicabi-
le, lo rileggo, individuo i fini della norma, isolo il principio giuridico che le è
sotteso, discuto le tesi contrastanti.

2. La recezione. La Scuola Culta. Il Giusnaturalismo moderno. Men-


tre il ius commune, diritto giurisprudenziale per eccellenza (Juristen-
recht) sostanziato di diritto romano, diritto canonico e elementi con-
suetudinari, continua a svolgere con non mutata autorevolezza la pro-
pria funzione suppletiva nei confronti dei diritti particolari (iura pro-
pria) e in Germania, in virtù della recezione ufficiale avvenuta nel 1495
(rimarrà in vigore fino al 1900), viene posto a obbligatorio fondamento
delle sentenze del Supremo Tribunale dell’Impero (Reichskammerge-
richt), nel XVI secolo si sviluppa in Francia una corrente di pensiero e
di studio decisa a percorrere un cammino pressoché antitetico rispetto
a quello su cui si muovono i cultori del mos italicus.
È la Scuola Culta, o della Giurisprudenza elegante, che parte con
Andrea Alciato – da Alzate nel Comasco, ma docente di successo a
Bourges in Francia (m.1550) – e trova poi proprio Oltralpe, da cui il
nome di mos gallicus, i suoi più alti rappresentanti in Tillio (Du Tillet,
m. 1570), Cuiacio (Cujas, m. 1590), geniale e insigne sopra tutti, Do-
nello (Doneau, m. 1591), Piteo (Pithou, m. 1596), Dionigi e Jacopo
Gotofredo (Godefroy, mm. – rispettivamente – 1622, 1652), l’uno pri-
mo editore del Corpus Iuris Civilis completo e comprensivo delle No-
velle (l’Haloander [Meltzer, m. 1531], culto anch’egli, era stato il pri-
mo editore del Digesto sulla base del Codex Florentinus [supra, cap.
VIII par. 4]), l’altro artefice di un commento al Codice Teodosiano di
ineguagliata dottrina.
Il Cinquecento è anche il secolo in cui nel suo celebre Gargantua et
Pantagruel François Rabelais, scrittore non giurista (almeno di profes-
sione) dotato di rara potenza creativa e di inimitabile vena comico-sati-
156

rica, schernisce il diritto romano e i suoi ‘italici’ cultori con l’immagine


del vecchio giudice Bridoye che decide le cause ricorrendo alla sorte
dei dadi (il “dado giudiziario, tribonianeo, pretorio”), e, in antitesi pal-
mare al latinoloquente colosso accursiano, un giurista come l’Hotman
(m. 1590), seguace del medesimo cultismo francese, nel suo Antitribo-
nianus, propone di redigere in volgare un piccolo codice idoneo a ri-
solvere tutte le cause, attingendo, insieme, ai testi della compilazione, a
quelli filosofici, e infine all’esperienza negoziale degli avvocati del suo
tempo.
Figli dell’umanesimo che apre l’età moderna, i giuristi culti, benché
non del tutto allineati sul piano del metodo (Cuiacio è un analitico,
Donello un sistematico), reagiscono al mito di Giustiniano e del Cor-
pus Iuris. La loro sensibilità filologica e storiografica, non priva di idea-
listico rimpianto, li porta a cercare nella compilazione quel percorso
diacronico del tutto estraneo al dogmatismo unificante del mos italicus
e a individuare pertanto in direzione palingenetica le genuine linee
dottrinali dei giuristi classici, smascherando le interpolazioni che han-
no sortito l’effetto di corromperli senza rimedio, con grave responsabi-
lità di Giustiniano e del suo alter ego Triboniano, sovente chiamato in
causa con sdegnosa veemenza come autore di veri e propri misfatti.
Ciò peraltro sottende un rilevante risvolto politico, che si concreta
in una reazione intrisa di patriottismo giuridico-culturale alla vigenza
del diritto romano e in un chiaro, conseguente favore per le coutumes
francesi nonché, più in generale, per i diritti nazionali.
La Scuola Culta, pur rappresentata come si è detto da personalità
di altissimo rilevo, non sortisce tuttavia l’effetto connesso al proprio
‘manifesto’ scientifico-culturale e il diritto comune rimane il condiviso
retroscena giuridico dell’Europa continentale. Solo in Olanda, ove di-
versi rappresentanti del cultismo che in Francia avevano abbracciato la
dottrina calvinista riparano per sfuggire alle persecuzioni legate alla
Controriforma, attecchisce un ramo dell’umanesimo giuridico destina-
to a un’esistenza più duratura.
Per altro verso l’Inghilterra continua a rimanere scarsamente per-
meabile all’influsso del diritto comune e, anche in virtù di una classe
autoctona di giuristi assai forte e corporativamente agguerrita, rifiuta
la recezione, dando vita a quella peculiare tradizione fondata sul meto-
do casistico giurisprudenziale di stampo prettamente empirico, il Com-
mon Law, che si contrappone – almeno nelle linee di fondo, ché le di-
157

vergenze sono state a volte oggetto di tralatizia sopravvalutazione – al


sistema continentale del c.d. Civil Law a base codicistica, non senza
peraltro rivelare, dal proprio canto, evidenti affinità con il diritto ro-
mano classico. E ciò, si potrebbe aggiungere, più di quanto quest’ulti-
mo, nelle modalità di formazione dell’esperienza giuridica, si avvicini a
quelle attuali dei Paesi del continente europeo.

Quanto ai punti di contatto con la tradizione continentale, occorre ricor-


dare che, pur nella sua orgogliosa e antonomastica insularità, l’Inghilterra re-
sta inserita nell’unitaria comune esperienza della cultura occidentale (non è
mancato nell’XI secolo a Oxford l’insegnamento di un glossatore, Vacario,
che fu maestro del Glanvill, autore del celebre manuale De legibus et consue-
tudinibus regni Angliae [Delle leggi e consuetudini del regno d’Inghilterra], e
che i membri delle corti inglesi si sono in larga misura formati sui testi di radi-
ce romanistica e canonistica); infine che anche in questo Paese, sul piano sto-
rico-politico, ha vissuto il fenomeno feudale e in seguito quello di un forte
Stato nazionale, qui peraltro di nascita molto precoce, fondato su economia di
mercato.
Quanto all’ultimo rilievo, si è per esempio sottolineato in dottrina come nel
sistema di Common Law, caratterizzato dal valore vincolante dei precedenti
giudiziari, non sia tanto la sentenza pronunciata sul caso particolare a porsi co-
me vincolante, quanto piuttosto la ratio decidendi della medesima, indotta me-
diante un processo euristico che finisce quindi con l’astrarla dal caso specifico
sottoposto al giudice. Questi, estrapolata la ratio decidendi, deve quindi verifi-
care la conformità della stessa alle rationes decidendi legate a casi simili prece-
dentemente risolti e già in certo modo standardizzate, determinando se a quei
casi il suo attuale sia ‘analogo’. Ma in fondo – si rileva – anche il giurista roma-
no compie un’operazione non dissimile, allorché – formulati casi-tipo con l’iso-
lamento delle rationes decidendi – estende per analogia la soluzione adottata
per un caso a uno ulteriore, proprio in quanto sia possibile applicare a que-
st’ultimo il medesimo principio giuridico che a quello era sotteso.

Nel periodo tra il XVII e la fine del XVIII secolo si fa strada un fe-
nomeno destinato a influenzare in modo incisivo l’esperienza giuridica
europea e a porsi come una delle radici delle codificazioni nazionali. Si
tratta del moderno Giusnaturalismo (moderno, in quanto la riflessione
sul diritto naturale ha radici addirittura presocratiche), che trova origi-
ne nel pensiero filosofico e si fonda sul presupposto di un’etica natura-
le e razionale al contempo a cui quella sociale e il diritto positivo deb-
bono uniformarsi. Esso non rinnega la recezione – molto alta appare
158

anzi la considerazione dei testi giuridici romani – ma va con la stessa a


armonizzarsi in una sorta di intreccio, ponendosi nei confronti del tra-
dizionale Juristenrecht come permanente canone critico che rifiuta il
principio di autorità e il vincolo della tradizione.
Ora il diritto comune può venire disapplicato in quanto non con-
forme al diritto naturale, che è laico atemporale e universale, senza bi-
sogno di dover ricorrere per questo a interpretazioni sottilmente artifi-
ciose che mascherano in realtà l’unico scopo di eluderne norme e prin-
cipi presentati per altro verso come operativi. Fondatore di detta cor-
rente di pensiero (che annovera peraltro qualche significativo precur-
sore in Spagna) è il Grozio (De Groot, m. 1645), filosofo, teologo e
giurista olandese, che con i suoi trattati sulla libertà dei mari e dei
commerci (Mare liberum [1609]) e sul diritto della guerra e della pace
(De iure belli ac pacis [1625]) può considerarsi anche padre del moder-
no diritto internazionale pubblico.

Di particolare momento inoltre, nei suoi successivi sviluppi – rilievante in


Germania l’opera del Pufendorf (m. 1694) –, l’apporto della dottrina giusna-
turalistica alla formazione della teoria dei diritti soggettivi, con conseguente
valorizzazione della personalità individuale nei confronti del potere dello Sta-
to e del sovrano. Sintomatica, in tale contesto, la leggenda del mugnaio tede-
sco Arnold, il quale, alla minaccia di Federico II di Prussia di espropriargli il
mulino a scopo di demolizione perché non in tono con la regale eleganza del
castello di Sans Souci (Potsdam), per nulla intimidito, ribatte al sovrano: “ci
saranno dei giudici a Berlino”.

3. Le codificazioni. Insieme con il Giusnaturalismo, l’‘età dei lumi’,


che condivide l’aspirazione a un diritto razionale segnato dalla certezza
e fondato su un’eguaglianza ritenuta secondo natura, costituisce il gran-
de motore delle moderne codificazioni, che segnano al contempo la fine
nei rispettivi Stati europei dell’operatività del diritto comune e pertanto
della diretta vigenza della normativa di tradizione romanistica.
In un’epoca in cui sempre più ristretto appare il campo di applica-
zione di quest’ultima per il progressivo espandersi dei diritti particolari
e sempre più incalzante avanza la critica antiromanistica, i singoli Stati
d’Europa si danno a turno, ciascuno nella propria lingua nazionale, una
legislazione organica e tendenzialmente completa, a cui – pur nella di-
versità di mole, di spirito e di finalità – si è soliti dare il nome di codice.
159

Precedute storicamente dall’ALR (Allgemeines Landrecht für die


Preussischen Staaten [Codice generale per gli Stati prussiani]), del
1794, opera monumentale che comprendeva pressoché l’intero ambito
giuridico, due grandi codificazioni giusnaturalistiche del diritto privato
sono il Code Civil francese, del 1804; e l’ABGB (Allgemeines Bürgerli-
ches Gesetzbuch [Codice civile generale]) austriaco, del 1811.
Preparato dalla dottrina del giurista Pothier (m. 1772) nonché dal
droit intermédiaire della Rivoluzione, e voluto da Napoleone Bonapar-
te, allora Primo Console, il Codice francese è preceduto dall’emanazio-
ne di trentasei leggi che danno un nuovo assetto al diritto privato nei
suoi vari settori. A lungo chiamato Code Napoléon, è tuttora vigente in
Francia (pur con le ovvie modifiche implicate da due secoli compiuti
di vita) e ha registrato nella storia un campo di applicazione vastissimo
e tale da travalicare l’area di sovranità europea e coloniale della Fran-
cia medesima.

Il Code Civil, promulgato con la Legge 30 ventoso dell’anno XII (21 mar-
zo 1804), che all’art. 7 abroga nei settori regolati dal Codice “le leggi romane,
le ordinanze, i costumi generali locali, gli statuti, i regolamenti”, è diviso in
una concisa introduzione e successivi tre libri – I Delle persone, II Della pro-
prietà (e dei diritti reali), III Dei diversi modi con cui si acquista la proprietà
(ossia del diritto ereditario e del diritto delle obbligazioni; il Codice conosce
infatti il contratto con effetti reali, poi passato al Codice unitario italiano del
1865 e di qui a quello vigente, del 1942) – e consta di 2281 articoli. Esso si
presenta fortemente permeato dei principi rivoluzionari di legalità e di ugua-
glianza e come tale libero da ogni gerarchia legata al censo, con immunità e
privilegi connessi. La radice giusnaturalistica è esplicitata in un’affermazione,
divenuta famosissima, del Progetto al Codice: “Esiste un diritto universale e
immutabile, fonte di tutte le leggi positive; esso non è che la ragione naturale
che governa tutti gli uomini”.

L’ABGB, che pure ha riscontrato una sua estesa vigenza e che per
quanto concerne l’Italia, dopo il Congresso di Vienna (1815), ha sosti-
tuito nel Regno Lombardo Veneto il Codice napoleonico, è frutto di
un lungo lavoro di progettazione incominciato con l’illuminata impera-
trice Maria Teresa. L’ultima fase è diretta dal von Zeiller, professore di
diritto naturale di formazione kantiana, che sarà anche un autorevole
commentatore del codice medesimo. Più che l’aspirazione alla comple-
tezza (si tratta in definitiva di un testo agile), preponderante, nel meto-
160

do, appare la volontà di introdurre una legislazione unificante e dotata


di interna coerenza, mentre i contenuti rivelano una marcata radice
germanistica a scapito di quella legata al ius commune. Ne risulta una
codificazione di spiccata originalità e – si è affermato – già di stampo
mitteleuropeo.

L’ABGB, promulgato da Francesco I d’Absburgo con il Patent imperiale


dell’1 giugno 1811, è diviso in una Introduzione e in tre parti: I Del diritto
delle persone, II Del diritto sulle cose, III Delle disposizioni comuni ai diritti
delle persone e ai diritti sulle cose, e consta di 1502 paragrafi. Tuttora vigente
in Austria, è stato ampiamente novellato tra il 1914 e il 1916.

L’ultima grande codificazione è il BGB (Bürgerliches Gesetzbuch


[Codice Civile]) tedesco, del 1900, che pone fine alla vigenza del ius
commune in Europa e rende il diritto romano esclusivo appannaggio
della storia.
Benché l’esperienza europea si movesse univoca lungo tale direttri-
ce, all’idea di una codificazione si erano strenuamente opposti i rap-
presentanti della Scuola Storica tedesca, e in particolare il Savigny (m.
1861), che può considerarsi il suo fondatore e che rappresenta una del-
le figure più alte della storia giuridica moderna. Detta Scuola, mentre
rivendica con energia l’identità nazionale tedesca, valorizza la storia
quale fondamentale componente dell’esperienza giuridica di tutte le
epoche fino a identificare la scienza del diritto con la storia dello stes-
so. Nasce qui la dottrina del Volksgeist, lo spirito popolare che sta alla
base di ogni produzione normativa, sì che il diritto evolve insieme con
il popolo e la sua comune coscienza.
Si comprende dunque come partendo da tale presupposto il Savi-
gny sia irriducibilmente ostile all’idea della codificazione, che imbriglia
il libero divenire del diritto entro gli anelastici confini di un codice; al-
trettanto intuitivo appare il favore di detta corrente di pensiero nei
confronti della formazione consuetudinaria del diritto rispetto alla
norma positiva scritta e all’ipostatizzazione della medesima rappresen-
tata, appunto, dal codice.
Dalla Scuola Storica, e precisamente dallo sviluppo dell’anima siste-
matica e concettuale che pure in essa è presente, nasce la Scuola Pan-
dettistica, che trova i suoi maggiori rappresentanti nel Puchta (m.
1842), allievo del Savigny, il quale pone l’accento sull’idea di un diritto
161

scientifico-concettuale, che richiede quindi una raffinata elaborazione


teorica, e nel Windscheid (m. 1892), che, con il suo celebre Trattato di
Pandette, del prodotto di tale corrente di pensiero e di studio fornisce
la definitiva sintesi. Peraltro la Pandettistica, tendendo a una concezio-
ne razionale e coerente dell’intero sistema giuridico fondato su catego-
rie generali, sortisce inevitabilmente l’effetto di stemperare in misura
sensibile lo storicismo proprio della Scuola savigniana.
La corrente favorevole alla codificazione finisce con il prevalere e il
codice entra in vigore l’1 gennaio del 1900. Determinante, e di chiara
evidenza, risulta tuttavia il contributo culturale e tecnico della Scuola
Storica e della Pandettistica.

Il BGB è diviso in cinque libri: I Parte generale (qui la disciplina del nego-
zio giuridico), II Diritto delle obbligazioni, III Diritti reali, IV Diritto di fami-
glia, V Diritto ereditario, e consta di 2385 paragrafi. È un codice di alto livello,
a scapito forse dell’aspetto di una più immediata fruibilità. Di rilievo è stata
anche la sua influenza sui codici successivi. Il recente Codice civile greco, per
esempio, vi ha trovato decisiva ispirazione. Per concludere con l’Italia, si può
dire che mentre il Codice del 1865 appare una diretta filiazione del Code
Civil, quello vigente è debitore in eguale misura anche al modello tedesco.

4. Ultime considerazioni. È indubbio che la nuova realtà europea


non ha mancato di esercitare un influsso percepibile, quantunque non
certo univoco, sull’orientamento dell’attuale scienza giusromanistica
nonché del connesso insegnamento accademico. Basti soltanto pensa-
re, per limitarci all’ambito italiano e a fenomeni tutto sommato esterio-
ri, alla fioritura di dottorati di ricerca i cui curricula sono indirizzati, al-
cuni ab origine, altri in seguito a un significativo mutamento prospetti-
co, alla comparazione storico-giuridica o, più in generale, alla dimen-
sione europeistica, o comunque transnazionale, del diritto romano. Si
pensi ancora alla già accennata introduzione nell’ordine degli studi
delle Scuole di Specializzazione per le Professioni Legali, tappa obbli-
gata per i laureati che intendono accedere alla carriera magistratuale,
dei Fondamenti del diritto europeo, nuova disciplina assegnata – alme-
no sul piano tabellare – ai docenti di diritto romano.
Né qui mette conto ricordare le iniziative – conferenze, giornate di
studi, tavole rotonde, dibattiti, inchieste, ecc. – volte a delineare con
162

maggiore chiarezza il tipo di approccio didattico postulato da tale nuo-


vo insegnamento, entrato poi prepotentemente anche nell’ambito dei
corsi di Laurea Specialistica/Magistrale in Giurisprudenza, a cui è ri-
connessa una diretta, se non esclusiva, funzione professionalizzante.
Come pure si accennava, la novità non è stata accolta con unanime
favore e, benché con toni diversi, si è in più di un caso paventato un ri-
torno a una nuova dimensione pandettistica: un ‘neopandettismo’ che,
ancorché magari senza una precisa consapevolezza programmatica (o
magari – così pure si argomenta – proprio grazie a una confusa e vellei-
taria direttrice di fondo), muoverebbe verso una sorta di più o meno
accentuata attualizzazione del diritto romano, evocando al contempo
l’immagine del diritto comune di un tempo. Che peraltro, si rileva ul-
teriormente nella citata direzione critica, nasceva da una condivisa ra-
dice storica seguita da recezioni variamente atteggiate, e non da una
convenzione, e quindi da un fenomeno pattizio, tale da produrne
un’adozione ex alto in certo modo rivitalizzante.
Non è questa la sede per entrare in tale dibattito, che comunque già
di per sé ci sembra possa considerarsi un effetto da valutarsi positiva-
mente. Si vuole solo rilevare – ma non è che un mero esempio magari
più diretto di altri parimenti possibili – come l’attuale assetto europeo,
in una sorta di work in progress tutt’altro che lineare, abbia portato al-
l’approvazione di un testo che si è soliti chiamare Costituzione Euro-
pea, sottoscritto a Roma nell’ottobre 2004 e frutto, come tutte le costi-
tuzioni – ma qui il fenomeno è forse più marcato, non si dimentichi
che siamo di fronte a un trattato internazionale, bisognoso quindi di
ratifica (nota in proposito l’attuale impasse) –, di un intreccio di con-
cessioni e di veti reciproci, e nella cui genesi, e proprio qui sta il pun-
to-chiave, la matrice burocratica ha giocato un ruolo dominante, se
non addirittura esclusivo.
Lungo diversi binari procedono attualmente e quasi in parallelo
due rilevanti fattori di integrazione, uno nel diritto di famiglia, l’altro
nel settore dei rapporti contrattuali, mentre la tematica processualpe-
nalistica pare muoversi piuttosto su un versante di reciproca collabora-
zione.
È una situazione complessa, che, oltre ai problemi relativi alla so-
vranità dei singoli Stati membri e alla gerarchia delle fonti normative,
tocca direttamente aspetti assai delicati della libertà e della dignità
umana nonché del vivere civile, ma in cui – occorre dirlo con chiarezza
163

– il ruolo del giurista è finora rimasto nell’ombra. Non solo, tale feno-
meno venato di funzionalismo tecnocratico, ha contribuito non poco
alla crisi profonda e preoccupante in cui versa attualmente proprio la
figura del giurista.
Non si può seriamente pensare di rendere attuale il diritto romano:
è già dubbia l’incidenza normativa del Digesto in età giustinianea allor-
ché, quasi millecinquecento anni or sono, venne alla luce a Costantino-
poli; non meno discusso da parte degli studiosi è il grado di intensità
dello stesso fenomeno con riferimento al diritto comune (si va dall’im-
magine di un diritto vigente a quella di un mero seppur altissimo mo-
dello). Un’operazione di questa natura non appare in alcun modo pra-
ticabile, e lo è a maiori se riferita alla mentalità di uno storico.
D’alta parte non va nemmeno dimenticato che la grande maggioran-
za dei Paesi del mondo è legata al modello giuridico europeo romanisti-
co, e che quindi il modello giuridico anglosassone è, in fondo, il meno
diffuso. Sintomatico il caso della Cina, lo Stato più popoloso del piane-
ta e votato – nelle previsioni – a una crescita economica esponenziale,
che sta lavorando a un codice civile di marcata ispirazione romanistica.
Si tratta, a sommesso avviso di chi scrive – ma poi, per vero, non so-
lo suo, bensì anche di studiosi di tutt’altra autorevolezza – di recupera-
re la funzione ineliminabile del giurista, se non addirittura, anche que-
sto si è detto, di rifondare la stessa scienza giuridica.
In tale compito – magari destinato al fallimento, ma chi può dirlo in
anticipo? e comunque non sta qui il punto – il giusromanista può gio-
care un ruolo rilevante. Lo studio scientifico del diritto romano acco-
sta ai valori di una scienza giuridica che, in certa misura, prescinde da
coordinate temporali per l’ultravalenza di un complesso normativo e
sapienziale che sopravvive per secoli allo Stato che lo ha espresso; e
contemporaneamente, e per ciò stesso, supera anche la categoria spa-
ziale, facendo sì che in epoca di ius commune i giuristi europei si capi-
scano tutti tra loro perché, pur soggetti nelle rispettive nazioni a nor-
me specifiche diverse, partecipi di una comune scienza fondata sui me-
desimi libri, così come oggi – ricorro anch’io a una felice e usitata simi-
litudine di Wolfgang Kunkel – un italiano e uno spagnolo si intendono
a vicenda perché parlano lingue derivanti dall’unico ceppo latino. È
questa lingua culturale che va recuperata in Europa, tanto più in
un’epoca in cui soluzioni formali precostituite appaiono sempre meno
idonee alla composizione dei grandi conflitti di interessi.
164

Credo infine – lo dico senza enfasi, ma lo dico – che allo studioso di


storia giuridica sia come connaturato il senso dello strettissimo e biuni-
voco collegamento del diritto con la persona umana, per cui omne ius
constitutum ‘est’. Lo sottolineava Ermogeniano, un giurista minore con
un piede già nella decadenza, e questa, a mio avviso, è una ragione in
più per non dimenticarlo. Specialmente oggi.
Appendice

CENNI SUI MEZZI AUSILIARI


DELLA RICERCA ROMANISTICA

Delle due opere fondamentali di Otto Lenel, la Palingenesia Iuris Civilis e


l’Edictum perpetuum, già si è detto (supra, cap. VIII. 4; cap. VI. 6); ci limitere-
mo in questa sede a un excursus relativo ai vocabolari e alle rassegne biblio-
grafiche.

VOCABOLARI

I vocabolari forniscono tutti i luoghi della fonte o del gruppo di fonti a cui
sono dedicati, ove ricorrono le singole parole: ad es., actio, beneficium, ecc. Ci
occupiamo qui in breve di quelli in forma libraria, ancorché eventualmente
realizzati con l’ausilio dell’informatica: per le banche-dati elettroniche vedi in-
fra.
Vocabularium Iurisprudentiae Romanae (= VIR); edito a Berlino a partire
dal 1903 a cura di diversi studiosi tedeschi e ora completo: per quanto riguar-
da i nomi propri, qui non considerati, è segnalato un progetto relativo a
un’appendice. Si riferisce ai seguenti testi: Gai Institutiones, Pauli Sententiae,
Tituli ex corpore Ulpiani, Fragmenta Vaticana, Collatio, Consultatio (delle tre
raccolte miste è considerata solo la parte relativa al ius), Digesta Iustiniani.
Quando si tratta di fonti pregiustinianee, la citazione dei luoghi ricorre secon-
do l’usuale criterio filologico: ad es., Gai. I.195 (commentario e paragrafo del-
le Istituzioni di Gaio); allorché invece ci si riferisce al Digesto il modus citandi
cambia: compare, abbreviato, il nome del giurista, seguito da due numeri, il
secondo dei quali, a sua volta, può essere contrassegnato in alto da una lineet-
ta. Es.: Ulp. 21,22; Marcian. 865,30. Si fa riferimento all’editio maior del
Mommsen, in due tomi. Il primo numero indica la pagina di quell’edizione, il
secondo la riga. L’assenza o la presenza della lineetta sul secondo numero, in-
dicano rispettivamente che si tratta del primo o del secondo tomo. Non oc-
corre tuttavia avere a disposizione l’editio maior in parola per usare il VIR re-
lativamente alle Pandette: a partire dalla XV editio minor del Digesto sono in-
fatti indicate a margine le corrispondenze con l’edizione maggiore; inoltre, nel
I volume del VIR, si trova in apertura una tavola di corrispondenze tra i luo-
ghi dell’editio maior e i passi del Digesto.
Mezzo ausiliario recentemente predisposto di particolare utilità alla ricer-
ca incentrata sui testi giurisprudenziali restituiti dai Digesta giustinianei è la
166

ponderosa opera di M. Garcia-Garrido e F. Reinoso-Barbero, Digestorum Si-


militudines, Matriti 1994, in 11 volumi (il primo di indici). Vi sono reperibili –
se più d’uno – tutti i luoghi delle Pandette ove ricorre un’espressione formata
da almeno quattro parole (ad es.: a bonae fidei possessore): queste similitudi-
nes, intese come nuclei di passi sotto un comune denominatore lessicale, sono
ordinate secondo il criterio alfabetico e numerate (da 1 a 9810). Sono pari-
menti segnalate le espressioni che si diversificano per minime varianti (ut an-
ziché uti, ecc.); sono realizzati i collegamenti tra ogni espressione considerata
e le altre espressioni contigue nei singoli frammenti; è sempre indicata, per
ogni testo, la massa bluhmiana di appartenenza.
Tutta l’opera di Gaio è, come si è spiegato, già ricompresa nel VIR, tutta-
via essa risulta pure considerata in due specifici vocabolari di più agile consul-
tazione: per le Institutitiones, Zanzucchi, Vocabolario delle Istituzioni di Gaio,
Milano 1910 (rist. 1961); per i passi del giurista restituiti dal Digesto, Labru-
na-De Simone-Di Salvo, Lessico di Gaio, Napoli 1985 (ivi anche, inalterato, il
tomo I, edito nel 1971). Quest’ultima opera è redatta sulla base della Palinge-
nesia del Lenel e adotta il modus citandi di essa; tuttavia la tavola delle corri-
spondenze tra Palingenesia e Digesto, alle pp. XV-XXVII, consente una con-
sultazione del Lessico che prescinda dal ricorso al testo del Lenel.
Per le Istituzioni di Giustiniano: Ambrosino, Vocabularium Institutionum
Iustiniani Augusti, Mediolani 1942. Ricomprende anche la constitutio ‘Impera-
toriam’ ed è diviso in tre sezioni: la prima, e ovviamente la più ampia, dedica-
ta alle voci latine esclusi i nomi propri; la seconda ai nomi propri latini; la ter-
za alle (non molte) voci greche, compresi i nomi propri. Delle voci greche
contenute nelle Institutiones, insieme però con quelle presenti nei Digesta, si
occupa anche Bortolucci, Index verborum graecorum quae in Institutionibus et
Digestis occurrunt, in AG, 76, 1906, pp. 254 ss.
Quanto alle costituzioni imperiali pregiustinianee, vedi, per il Codice Teo-
dosiano e le successive Novelle, Gradenwitz, Heidelberger Index zum Theodo-
sianus, Berlin 1925; e, dello stesso, Ergänzungsband zum Heidelberger Index
zum Theodosianus, Berlin 1929, a complemento del primo.
Destinato a completare i vocabolari fin qui citati relativamente alle fonti
pregiustinianee nel loro complesso è l’Ergänzungsindex zu Ius und Leges, Wei-
mar 1930, curato dal Levy. Esso copre, per così dire, i settori di cui i prece-
denti non si occupano: così vi troveremo, ad es., l’Edictum Theodorici (ET), la
Lex Romana Burgundionum (RB), ecc.; ma vi troveremo anche, sempre a tito-
lo d’esempio, i Fragmenta Vaticana (FV), la Collatio (Co) e la Consultatio (Cs),
poiché qui si considerano anche le parti relative alle leges, non ricomprese nel
VIR, dedicato esclusivamente alla giurisprudenza. Dell’Edictum Theodorici e
della Lex Romana Burgundionum esistono anche due recenti pregevoli voca-
bolari: Melillo-Palma-Pennacchio, Lessico dell’‘Edictum Theoderici Regis’, Na-
167

poli 1990; Melillo-Palma-Pennacchio, Lessico della ‘Lex Romana Burgundio-


num’, Napoli 1992.
Per le costituzioni giustinianee vedi: Mayr, Vocabularium Codicis Iustiniani,
pars latina, Pragae 1923; San Nicolò, Idem, pars graeca, Pragae 1925; nonché C.
Longo, Vocabolario delle costituzioni latine di Giustiniano, in BIDR, 10, 1897-
1898. In quest’ultimo indice – che a un attento esame si rivela però incompleto
– sono ricomprese anche le costituzioni giustinianee citate nelle Istituzioni e le
Novelle latine di Giustiniano.
Circa il nucleo delle Novelle di Giustiniano, un breve e agile indice per ar-
gomenti, non quindi un vocabolario, è costituito dal Manuale Novellarum Ju-
stiniani del van der Wal, Amsterdam 1964. Il vero e proprio lessico delle No-
velle è un’opera monumentale: Florentina Studiorum Uuiversitas, Legum Iusti-
niani Imperatoris Vocabularium - Novellae - Johanne Gualberto Archi moderan-
te curavit A.M. Bartoletti Colombo: Pars latina, tt. I-X e Indices (Milano 1977-
79); Pars graeca, tt. I-VII (A-W) e Indices (Milano 1984-89). Le singole voci
compaiono per i sostantivi nella forma al nominativo singolare, per gli aggetti-
vi idem (al maschile), per i verbi alla prima persona dell’indicativo presente.
Tuttavia, sotto ciascuna voce principale sono indicate, in ordine alfabetico,
tutte le specifiche derivazioni del vocabolo che compaiono nel testo novellare,
con riproduzione del lemma in cui si trovano inserite.
Il glossario dell’Epitome Iuliani (opera di A. Augustín) è stato di recente
riprodotto in P. Fiorelli - A.M. Bartoletti Colombo, Iuliani Epitome Latina
Novellarum Iustiniani (il testo della fonte è quello stabilito da Haenel), Firen-
ze 1996.
Segnaliamo infine due importanti dizionari giuridici che si occupano, in
un impianto di sintesi, delle fonti pregiustinianee e giustinianee: Dirksen, Ma-
nuale Latinitatis fontium iuris civilis Romanorum, Berolini 1837, in latino;
Heumann-Seckel, Handlexicon zu den Quellen des Römischen Rechts10, Graz
1958, in tedesco a caratteri gotici.

REPERTORI BIBLIOGRAFICI

Un cenno a parte meritano gli indici delle interpolazioni. Essi sono legati a
un canone della metodologia romanistica oggi assai poco diffuso se non addi-
rittura respinto (supra, cap. VIII.13). Si tratta però in ogni caso di risultati con
cui, nelle singole ricerche, occorre confrontarsi, magari – come spesso accade
– per respingerli, e che quindi un’indagine scientifica non deve preterire. Per
il Digesto: Index interpolationum quae in Iustiniani Digestis inesse dicuntur, I,
II, III, Supplementum, Weimar 1929-1935. Per il Codice: Index interpolatio-
num quae in Iustiniani Codice inesse dicuntur, Köln-Wien 1969.
Tra i repertori generali, gli unici di cui ci occupiamo in questa sede, segna-
168

liamo i quattro seguenti. Caes-Henrion, Collectio bibliografica operum ad ius


romanum pertinentium; in molti volumi ma incompleta, edita a Bruxelles a par-
tire dal 1949. Intende coprire il periodo dal 1800 in poi. Berger, Encyclopedic
Dictionary of Roman Law, Philadelphia 1953, ove però la bibliografia è, per le
singole voci, ridotta all’essenziale. Sargenti (Luraschi-Piazza), Operum ad ius
romanum pertinentium quae ab anno MCMXL usque ad annum MCMLXX edi-
ta sunt Index modo et ratione ordinatus, in tre volumi: I, Ticini 1978; II, Medio-
lani 1980; III, Mediolani 1982. Si occupa delle opere pubblicate nel periodo
1940-1970. Sargenti (Luraschi-Piazza-Barberis), Operum ad ius romanum per-
tientium quae ab anno MCMLXXI usque ad annum MCMLXXX edita sunt In-
dex modo et ratione ordinatus, pure in tre volumi (Mediolani 1988-90). Si occu-
pa delle opere edite tra il 1971 e il 1980.
Di estrema utilità sono inoltre la Rassegna della rivista Iura, per settori ge-
nerali; lo Schedario della rivista Labeo (per singole voci romanistiche e per au-
tori [fino al 2004]), continuazione bibliografica del Dictionary del Berger; il
Librorum Index della rivista Index, per autori.

REPERTORI BIBLIOGRAFICI SU CD-ROM O IN RETE

BIA 2000

La banca dati BIA 2000 (Bibliotheca Iuris Antiqui), è stata realizzata da un


gruppo di ricerca diretto da N. Palazzolo e operante presso il Centro Interu-
niversitario per l’Informatica Romanistica (C.I.R.) di Catania. Essa consta di
tre archivi (Fontes, Opera e Thesaurus) memorizzati su un unico CD-Rom.
L’archivio Fontes contiene una versione elettronica a testo pieno della mag-
gior parte delle fonti giuridiche romane ad esclusione delle Novellae di Giu-
stiniano (che però compariranno nella nuova imminente edizione), delle leggi
e dei senatoconsulti contenuti in FIRA I. Il testo elettronico del Digesto si ba-
sa sulla c.d. editio minor (Mommsen-Krueger) nella sua dodicesima edizione
del 1954, privata però dell’apparato critico. Il testo elettronico delle altre fon-
ti giuridiche presenti nell’archivio è tratto dalla banca dati Romtext realizzata
presso l’Università di Linz. L’archivio Opera comprende la bibliografia (si
tratta dell’intera produzione scientifica degli anni 1940-1998) relativa al dirit-
to romano, agli altri diritti dell’antichità ed alla storia generale del mondo an-
tico. L’archivio Thesaurus, infine, comprende un insieme dei termini tecnici
(circa 8000 termini, di cui oltre 6000 descrittori e quasi 2000 non descrittori)
che sono propri del patrimonio linguistico dei diritti dell’antichità.
169

FIURIS

L’Archivio elettronico per l’interpretazione delle fonti giuridiche romane


FIURIS, la cui consultazione è possibile sia mediante CD-Rom, sia collegan-
dosi mediante il sistema Italgiure-Find agli archivi del Centro Elettronico di
Documentazione della Corte di Cassazione, è opera di un gruppo di ricerca
diretto da P. Catalano e F. Sitzia. Questa banca dati, la cui pubblicazione su
CD-Rom risale ormai al 1994, consente di individuare gli articoli pubblicati, a
partire dal 1965, sui periodici AHDE (1965-1991), BIDR (1965-1990), Iura
(1965-1989), Index (1969-1993), Labeo (1965-1993), RHDFE (1965-1992),
RIDA (1965-1992), SDHI (1965-1991), TR (1965-1993), ZSS (1965-1992), BZ
(1965-1992) e RJ (1982-1990). L’archivio consta di circa 5.000 documenti per
un totale di quasi 200.000 citazioni di fonti. Le ricerche possono essere svolte
per autore, documento, titolo del documento, rivista, anno della rivista, lin-
gua, tipo di documento, fonte, lemma latino, titolo della fonte, lemma greco,
titolo della fonte. Il programma contiene inoltre un archivio lemmi «Index
verborum quae in rubricis Corporis Iuris Civilis continentur» che contiene le ci-
tazioni dei ‘titoli’ del Corpus Iuris Civilis, i testi delle rubriche e i lemmi relati-
vi. Grazie a questo archivio è possibile individuare correttamente la fonte da
utilizzare per la ricerca nell’Archivio FIURIS.

GNOMON BIBLIOGRAPHISCHES DATENBANK

Si tratta di una banca dati bibliografica su CD-Rom che fa capo alla rivista
Gnomon (Kritische Zeitschrift für die gesamte klassische Altertumswissenschaft)
specializzata nelle antichità classiche (filologia classica, storia antica ed archeo-
logia). Tale archivio contiene schede bibliografiche di monografie, miscellanee,
articoli di riviste, recensioni e note personali ricavate dallo spoglio di oltre 250
periodici internazionali. Più di 10.000 registrazioni sono relative alle annate
1994-98. Di questo Database esiste anche una versione on-line (www.gno-
mon.ku-eichstaett.de/Gnomon/en/Gnomon.html), che contiene però solo il
15% dei dati contenuti nel CD-Rom, ma è aggiornata con cadenza settimanale.

REPERTORI BIBLIOGRAFICI IN RETE

DRANT (DROITS ANTIQUES DATABASE)

Un utile ausilio per le ricerche bibliografiche è costituito dalla banca-dati


DRANT (Droits Antiques) del Centre de Documentation des Droits Antiques
(CDDA) dell’Università di Parigi, diretto da M. Humbert. Si tratta di un canale di
170

ricerca, al quale si può accedere tramite Internet (http://argentoratum.u-


strasbg.fr/basesweb/DRANT/html/MENU.htm), che permette di ottenere infor-
mazioni bibliografiche sulle pubblicazioni concernenti le istituzioni giuridiche,
economiche, politiche e sociali del mondo mediterraneo antico, nel periodo com-
preso fra il terzo millennio a.C. e il VI secolo. d.C.; questa banca dati si pone co-
me un indispensabile complemento agli archivi BIA 2000 e FIURIS.

L’ANNÉE PHILOLOGIQUE IN INTERNET

Si tratta della versione elettronica dell’edizione a stampa dell’Année philo-


logique, pubblicata dalla Société Internationale de Bibliographie Classique, sot-
to la direzione di E. Rebillard, in collaborazione con l’American Philological
Association e il Database of Classical Bibliography. L’archivio contiene 375.000
schede bibliografiche per gli anni dal 1969 al 2001 e viene integrato ogni anno
con l’aggiunta di 12.500 nuove schede.

TOCS-IN
(TABLES OF CONTENTS OF JOURNALS OF INTEREST TO CLASSICISTS)

Creato nel 1992 da R. Morstein-Marx (Santa Barbara University) e da Ph.


Matheson (Université de Toronto), TOCS-IN è un repertorio bibliografico in
rete, comprendente gli articoli pubblicati a partire dal 1992 in riviste che si
occupano di diritti dell’antichità. Fino al 19 marzo 2004, sono stati archiviati
47.181 articoli apparsi in 160 periodici e rassegne. L’archivio è costantemente
aggiornato, e un buon numero di articoli (talora integralmente, talora in for-
ma riassunta) sono anche disponibili nella versione a testo pieno.

REPERTORI DI FONTI A TESTO COMPLETO SU CD-ROM O IN RETE

A) Fonti giuridiche

BIA 2000 – ARCHIVIO FONTES

La banca dati BIA 2000 (Bibliotheca Iuris Antiqui), oltre a costituire un


utile repertorio bibliografico comprende anche una raccolta di fonti giuridi-
che romane. L’archivio Fontes, infatti, contiene una versione elettronica a te-
sto pieno della maggior parte delle fonti giuridiche romane ad esclusione delle
Novellae di Giustiniano (vedi però supra), delle leggi e dei senatoconsulti con-
tenuti in FIRA I (per ulteriori ragguagli, si veda, supra, REPERTORI BIBLIOGRA-
FICI SU CD-ROM).
171

LEX ROMANA VISIGOTHORUM

Un CD-Rom edito da Cuem scrl Milano, contiene il testo del Breviarium


Alarici secondo l’edizione Haenel, con possibilità di ricerca per singoli voca-
boli e per frasi sia del testo della Lex sia dell’Interpretatio, e con indicazione
delle pagine della citata edizione. I prolegomeni haeneliani sono allegati an-
che in cartaceo.

IULIANI EPITOME LATINA NOVELLARUM IUSTINIANI

Si tratta di un floppy disk allegato alla ristampa dell’Epitome Latina Novel-


larum Iustiniani (secondo l’edizione di Hänel e col glossario di Antonio Au-
gustín) a cura di P. Fiorelli e di A.M. Bartoletti Colombo, in cui è contenuta
integralmente, in versione elettronica, l’Epitome Iuliani nella edizione critica
di Hänel. Il floppy disk include inoltre il programma DBT per Windows, che
consente di svolgere ricerche lessicografiche sul testo dell’Epitome.

(Progetto) DATA-BASE NOVELLAE

Il Progetto di Ricerca “L’esperienza giuridica giustinianea dopo la compila-


zione. Novelle e interpreti”, cofinanziato dal MIUR nell’ambito del PRIN- CO-
FIN 2004 e coordinato da F. Sitzia dell’Università di Cagliari (vi partecipa an-
che chi scrive), prevede la realizzazione del ‘Data-base Novellae’, in CD-Rom,
con i testi greci delle 168 Novelle, editi da Schoell e Kroll (Berlin, 1895), il testo
dell’Epitome di Atanasio, edito da Simon e Troianos (Frankfurt am Main, 1989)
e il testo dell’Epitome di Teodoro (edito da Zachariae, Lipsiae 1843). Il data-ba-
se si caratterizzerà per link ipertestuali in grado di permettere il transito dalla
lettura di una Novella giustinianea al sunto corrispondente di Atanasio o di
Teodoro e viceversa. Tale realizzazione appare destinata a colmare una grave la-
cuna nel campo dell’indagine lemmatica delle fonti giuridiche antiche in lingua
greca.

B) Fonti letterarie greche e latine

TLG (Thesaurus Linguae Grecae)

Il Thesaurus Linguae Graecae (TLG) è stato realizzato da un centro di ri-


cerca dell’University of California a Irvine. A partire dal 1972, i ricercatori del
TLG hanno raccolto e digitalizzato la quasi totalità dei testi greci da Omero
fino al 600 d.C. e anche vari testi di storiografi e scoliasti bizantini compresi
fra il 660 e il 1453. Dal 1985, il TLG è stato pubblicato in CD-Rom e la più
172

recente edizione (TLG E) è apparsa nel febbraio del 2000. Dall’aprile del
2001, il TLG è consultabile anche on-line. La versione web consente di acce-
dere ai testi di oltre 12.000 opere di circa 3.700 autori.

BIBLIOTHECA TEUBNERIANA LATINA (BTL)2

Si tratta della edizione elettronica della sezione latina della Bibliotheca


scriptorum Graecorum et Romanorum Teubneriana. Tale collezione include le
editiones maiores (prive tuttavia della prefazione e dell’apparato critico) di cir-
ca 500 opere di 300 autori classici latini da Plauto a Marziano Cappella, scrit-
te dal 300 a.C. al 500 d.C., con l’aggiunta di una selezione di opere in latino
medievale e moderno. La seconda edizione della versione digitale comprende
oltre ai testi della prima edizione (le opere di circa 200 autori classici dal seco-
lo III a.C. al II d.C., più 100 opere anonime e gli scritti di alcuni autori non
cristiani della tarda latinità) anche l’intero corpo di testi dei ‘Grammatici Lati-
ni’, di ‘Servius Grammaticus’ e una selezione di altre opere. Si arriva così a un
totale di oltre 600 testi scritti in un arco di tempo di oltre otto secoli.

PATROLOGIA LATINA DATABASE

Si tratta della versione elettronica a testo pieno della prima edizione della
monumentale Patrologia Latina in 221 volumi di J. P. Migne. Tale opera (ora
racchiusa in 4 CD-Rom completi di apparato critico, indici e illustrazioni)
comprende le opere dei Padri della Chiesa dalle origini (Tertulliano e Minu-
cio Felice) fino alla morte del papa Innocenzo III.

PACKARD HUMANITIES INSTITUTE (PHI # 5.3) [«Latin»]

Il CD-Rom (PHI # 5) [«Latin»], realizzato dal Packard Humanities Insti-


tute, comprende tutti i testi letterari latini dagli inizi fino al 200 d.C. e una se-
lezione di autori posteriori.

ACTA SANCTORUM DATABASE

Si tratta della versione elettronica, edita da Chadwyck-Healey, della celebre


collezione Acta Sanctorum, curata dalla Societé des Bollandistes. L’edizione
elettronica include, oltre ai testi antichi, anche le prefazioni, l’apparato critico
e gli indici originariamente pubblicati nell’edizione dei Bollandisti. L’Acta San-
ctorum Database è disponibile, oltre che su CD-Rom, anche on-line all’indiriz-
zo (http://acta.chadwyck.co.uk/).
Esistono, infine numerosi siti Internet che contengono testi di autori latini
o greci, consultabili a testo pieno. Segnaliamo in particolare:
173

Biblioteca Augustana. Bibliotheca latina scriptorum latinorum collectio


(http://www.fh-augsburg.de/~harsch/a_alpha.html).
Perseus Digital Library
(http://perseus.mpiwg-berlin.mpg.de/#http://perseus.mpiwg-berlin.mpg.de/).

B) Fonti epigrafiche

Meritano di essere segnalate due diverse banche dati, entrambe su CD-


Rom. Si tratta di Epigraph. A Database of Roman Inscriptions, a cura di E.J.
Jory dell’University of Western (Australia) che raccoglie le iscrizioni latine di
Roma edite nel volume VI del CIL (Corpus Inscriptionum Latinarum), e del
CD-Rom PHI #7 pubblicato dal Packard Humanities Institute (si veda, infra,
Fonti papirologiche), che contiene un’ampia raccolta di epigrafi greche di età
classica, integrata da numerose iscrizioni greche e latine di età tardo antica e
medievale.

C) Fonti papirologiche

PACKARD HUMANITIES INSTITUTE (PHI #7)

Il CD-Rom (PHI #7) del Packard Humanities Institute contiene la principale


banca dati relativa alle fonti papirologiche, la «Duke Data Bank of Documentary
Papyri» della Duke University. Il database in parola comprende la quasi totalità di
papiri ed ostraka editi fino ad oggi, oltre ad un buon numero di iscrizione greche e
latine. Il Duke Papyrus Archive è consultabile anche in rete all’indirizzo
(http://scriptorium.lib.duke.edu/papyrus/).

D) Monografie digitalizzate

BIT ROM: BIBLIOTECA INFORMATICA TASCABILE ROMANISTICA

BIT ROM nasce da un’iniziativa del C.I.R. (Centro Interuniversitario per


l’Informatica Romanistica) che ha sede presso l’Università di Catania. Il pro-
getto in parola mira alla digitalizzazione di quelle importanti opere della dottri-
na romanistica che, essendo state pubblicate in epoca risalente, risultano con-
sultabili solo nelle biblioteche universitarie di più antica tradizione. Il piano
dell’opera prevede la pubblicazione di sette CD-Rom, contenenti rispettiva-
mente: 1) Trattati e manuali di diritto pubblico e storia del diritto; 2) Opere di
storia delle fonti giuridiche romane; 3) Trattati e monografie sul processo civile
romano; 4) Trattati e monografie sul diritto e processo criminale romano; 5)
Opere istituzionali di diritto privato romano; 6) Trattati e opere generali di di-
174

ritto privato romano (I); 7) Trattati e opere generali di diritto privato romano
(II). Finora è stato pubblicato soltanto il primo CD-Rom, contenente le se-
guenti opere: F.F. ABBOTT, A History and Description of Roman Political Insti-
tutions (1911); G. BAVIERA, Lezioni di storia del diritto romano I-III (1914-
1925); A. BOUCHÉ LECLERQ, Manuel des institutions romaines (1886); E. CO-
STA, Storia del diritto romano pubblico (1920); P.F. GIRARD, Histoire de l’organi-
sation judiciaire des Romains (1901); K.W. GOETTLING, Geschichte der römi-
schen Staatsverfassung (1840); E. HERZOG, Geschichte und System der römi-
schen Staatsverfassung I-II (1884-1891); L. HOMO, Les institutions politiques
romaines de la cité à l’état (1927); O. KARLOWA, Römische Rechtsgeschichte I
(1885); L. LANGE, Römische Altertumer I-III (1876-1879); O. LENEL, Römische
Rechtsgeschichte (1915); J. MARQUARDT, L’administration romaine I-II (1889-
1892); J.B. MISPOULET, Les institutions politiques des Romains I-II (1882-
1883); T. MOMMSEN, Römischen Staatsrechts I-III (1887-1888); T. MOMMSEN,
Abriss des römischen Staatsrechts (1907); J. RUBINO, Über den Entwicklun-
gsgang der römischen Verfassung bis zum Hohenpunkte der Republik (1839); E.
SERAFINI, Il diritto pubblico romano I (1896); H. SIBER, Römisches Recht in
Grundzugen für die Vorlesung I (1925); P. WILLEMS, Le droit public romain
(1910).

RIVISTE A TESTO COMPLETO IN RETE

Si segnalano alcune riviste dedicate al diritto romano e ai diritti dell’anti-


chità, consultabili via Internet:
Diritto@Storia. Rivista internazionale di Scienze Giuridiche e Tradizione
Romana
(http://www.dirittoestoria.it)
DIKE. Rivista di Storia del Diritto Greco ed Ellenistico (http://www.lededi-
zioni.it/catalogo.html?/catalogo/dike.html)
Ius Antiquum
(http://www.dirittoestoria.it/iusantiquum/)
Pomoerium. Studia et commentarii ad orbem classicum spectantia
(http://www.pomoerium.com/pomoer.htm)
Revue Internationale des Droits de l’Antiquité
(http://www.ulg.ac.be/vinitor/rida/)
Rivista di diritto romano
(http://www.ledonline.it/rivistadirittoromano/index.html).
175

SITI INTERNET
DEDICATI AL DIRITTO ROMANO E AI DIRITTI DELL’ANTICHITÀ

Archaeogate – Iura (http://www.archeogate.it/iura/), a cura di Gianfranco


Purpura (Università di Palermo).
DROL – Diritto Romano On Line (http://web.tiscali.it/drol.it/), a cura di
Filippo Briguglio (Università di Bologna).
Projet Volterra (http://www.ucl.ac.uk/history/volterra/), a cura di Michael
Crawford, and Benet Salway and Simon Corcoran, (University College Lon-
don).
Roman Law Resources (http://iuscivile.com/), a cura di Ernest Metzger
(University of Aberdeen).

Breve nota bibliografica

Si isolano qui alcune opere recenti in vista di un quadro d’insieme, con


particolare attenzione al momento didattico.
Un posto a sé, in quanto vera e propria enciclopedia in materia, occupa il
trattato di L. Wenger, Die Quellen des römischen Rechts, Wien 1953. Tra i ma-
nuali – che risultano certo di più agevole consultazione per lo studente – se-
gnaliamo in particolare A. Guarino, L’esegesi delle fonti del diritto romano
(ed. a cura di L. Labruna) in 2 voll., Napoli 1968; O. Robleda, Introduzione
allo studio del diritto privato romano2, Roma 1979; e ancora A. Guarino, Giu-
sromanistica elementare, Napoli 1989. La tematica relativa alle fonti è delinea-
ta in modo più sintetico, ma sempre con mano sicura e in prospettiva spesso
stimolante, in B. Albanese, Premesse allo studio del diritto privato romano, Pa-
lermo 1978; e P. Voci, Manuale di diritto romano, I, Milano 1984. Validi corsi
universitari specifici sono quelli di R. Martini (dalle lezioni di A. Biscardi e M.
Amelotti), Avviamento esegetico allo studio del diritto romano, Torino 1962; di
C. Cosentini, Lezioni di esegesi delle fonti del diritto romano, nuova ed., Cata-
nia 1977; di A. Metro, Le fonti del diritto romano, Messina, 2003. Nel ramo
dei manuali di Storia, si veda in particolare AA. VV., Lineamenti di storia del
diritto romano2, sotto la direz. di M. Talamanca, Milano 1989. Va tuttavia ri-
cordata anche l’efficace rassegna dei ‘Testi conservati’ in P. Bonfante, Storia
del diritto romano4 (rist. a cura di G. Bonfante e G. Crifò), II, Milano 1959,
pp. 224 ss. Utilissima per un primo contatto con la problematica esegetico-
storiografica risulta la voce Diritto romano, in NNDI, V, Torino 1960, curata
da R. Orestano. Da segnalare anche, come interessante esperimento sul piano
didattico-introduttivo, l’antologia di scritti di vari studiosi curata da A. Corbi-
no (e F. Milazzo), Diritto e Storia, Padova 1995.
Quanto alla tradizione romanistica, con particolare riferimento alle fonti
176

per la ricostruzione delle basi del diritto privato europeo, si confrontino: C.A.
Cannata - A. Gambaro, Lineamenti di storia della giurisprudenza europea4, II,
Torino 1989; G. Wesenberg - G. Wesener, Storia del diritto privato in Europa
(trad. it.), Padova 1999; L. Solidoro Maruotti, La tradizione romanistica nel di-
ritto europeo, I. Dal crollo dell’Impero romano d’Occidente alla formazione del-
lo ‘ius commune’, Torino 2001; II, Dalla crisi dello ‘ius commune’ alle codifica-
zioni moderne, Torino 2003.
SIGLE E ABBREVIAZIONI

(bibliografiche e relative ai nomi delle fonti giuridiche)

A = E. Nardi, Istituzioni di diritto romano, A (testi 1), Miano 1973


AG = Archivio Giuridico
AHDE = Anuario Historico del Derecho Español
AUPA = Annali del Seminario Giuridico dell’Università di Palermo
B = E. Nardi, Istituzioni di diritto romano, B (testi 2), Milano 1975
BGB = Bürgerliches Gesetzbuch
BGU = Berliner griechische Urkunden (Papiri greci di Berlino)
BIA = Bibliotheca Iuris Antiqui
BIDR = Bullettino dell’Istituto di Diritto Romano
Brev. = Breviarium Alarici
BZ = Bizantinische Zeitschrift
C = Codex Iustinianus repetitae praelectionis
C.I. = Codex Iustinianus repetitae praelectionis
CIA = Corpus Inscriptionum Atticarum
CIG = Corpus Inscriptionum Graecarum
CIL = Corpus Inscriptionum Latinarum
Coll. = Mosaicarum et Romanarum legum Collatio
Cons. = Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti
Cost. = Costituzione della Repubblica Italiana
C. T. = Codex Theodosianus
C. Th. = Codex Theodosianus
D. = Digesta Iustiniani
De act. = De actionibus
DRANT = Droits Antiques (Database)
FIRA = Fontes Iuris Romani Anteiustiniani
Frag. Aug. = Gai interpretationis Fragmenta Augustodunensia
Frag. Vat. = Fragmenta Vaticana
Gai. = Gai Institutiones
Gai Ep. = Gai Institutionum Epitome
I. = Institutiones Iustiniani
J. = Institutiones Iustiniani
IG = Inscriptiones Graecae
ILS = H. Dessau, Inscriptiones Latinae Selectae
Int. = Interpretatio Wisigothica
178

(m.s) L = Manoscritto siriaco di Londra del Libro Siro-romano del diritto


Lex Rom. Burg. = Lex Romana Burgundionum
N. I. = Novellae Iustiniani
NNDI = Novissimo Digesto Italiano
Nov. = Novellae Iustiniani
Nov. Theod. = Novellae Theodosii (II)
P. Cair. Isid. = Papiri dell’archivio di A. Isidoro, conservati al Cairo
P. Col. = Papiri della Columbia University
P. Eleph. = Papiri di Elefantina
P. Grenf. = Papiri Grenfell
P.L. = J.P. Migne, Patrologia Latina
P. Lips. = Papiri di Lipsia
P. Lond. = Papiri di Londra
P. Oxy. = Papiri di Ossirinco
P. S. = Pauli Sententiae
PSI = Papiri della Società Italiana
RHDFE = Revue Historique de Droit Français et Etranger
RJ = Rechtshistorisches Journal
RIDA = Revue Internationale des Droits de l’Antiquité
S.C. = senatus consultum
SDHI = Studia et Documenta Historiae et Iuris
Tit. Ulp. = Tituli ex corpore Ulpiani
TLG = Thesaurus Linguae Graecae
TR = Tijdschrift voor Rechtsgeschiedenis
VIR = Vocabularium Iurisprudentiae Romanae
ZSS = Zeitschrift der Savigny Stiftung für Rechtsgeschichte (Rom. Abteil.)
179

TAVOLA CRONOLOGICA

Il prontuario che segue tiene conto dei dati cronologici salienti esposti nella
precedente trattazione o ivi strettamente implicati

Era precristiana

754-753(?) – Fondazione di Roma


754-753 - 510-509 (?) – Età monarchica
510-509 (?) – Instaurazione della repubblica
509-508 (?) Publio Valerio Publicola ricopre il consolato
451-450 – Decemvirato legislativo. Legge delle XII tavole
449 – Lex Valeria Horatia de plebiscitis: (secondo la tradizione) equiparazio-
ne dei plebisciti alle leggi comiziali
445 (?) – Lex Canuleia: si ammettono le nozze tra patrizi e plebei
387 (?) – Incendio gallico
367 – Leges Liciniae Sextiae: ammissione di un console plebeo; istituzione del
pretore urbano e degli edili curuli
339 – Lex Publilia de plebiscitis: (secondo la tradizione) equiparazione dei
plebisciti alle leggi comiziali
312 – Censura di Appio Claudio
304 – Gneo Flavio sottrae ai pontefici i formulari processuali e il calendario,
e li pubblica
287 – Lex Hortensia de plebiscitis: effettiva equiparazione dei plebisciti alle
leggi comiziali
264-241 – Prima guerra punica
242 – Introduzione del pretore peregrino
218-201 – Seconda guerra punica
204 – Lex Cincia de donis et muneribus
200 (?) – Lex Furia testamentaria
inizi del II secolo – Leges tabellariae: il voto comiziale si esprime per iscritto
198 – Consolato di Sesto Elio Peto Cato
186 – S. C. de Bacchanalibus
metà del II secolo – Lex Aebutia: introduzione del processo formulare; per ora
facoltativo rispetto a quello delle legis actiones
89-88 – Concessione a tutta l’Italia della cittadinanza romana
82-79 – Dittatura di Silla
180

67 – Lex Cornelia de edictis praetorum: il pretore è vincolato ai criteri fissati


nell’albo
30 – L’Egitto provincia romana
27 (a.C.) - 14 (d.C.): principato di Augusto
17 – Leges Iuliae iudiciariae: tranne alcune eccezioni, il processo formulare è
reso obbligatorio
4 – Primo senatoconsulto normativo di nostra conoscenza
2 – Lex Fufia Caninia de manumissionibus

Era volgare

4 – Lex Aelia Sentia de manumissionibus


9 – Sconfitta di Teutoburgo
13 – Stesura delle Res gestae di Augusto
14 – Morte di Augusto
14-37 – Imperatore Tiberio
41-54 – Imperatore Claudio
69-70 – Lex de imperio Vespasiani
69-79 – Imperatore Vespasiano
98-117 – Imperatore Traiano
117-138 – Imperatore Adriano
130 (?) – Redazione finale dell’Editto perpetuo
138-161 – Imperatore Antonino Pio
161-180 – Imperatore Marco Aurelio
178 – S.C. Orfiziano
193-235 – Dinastia dei Severi (Settimio Severo, Caracalla e Geta, Caracalla,
Macrino, Elagabalo, Alessandro Severo)
199-200 – Apokrimata Severi
212 – Constitutio Antoniniana: tranne i dediticii, tutti gli abitanti dell’impero
sono resi cittadini romani
235-284 – Anarchia militare
284-305 – Imperatore Diocleziano
291-292 – Codex Gregorianus
293-294 – Codex Hermogenianus
301 – Edictum dioclezianeo de pretiis rerum venalium
307-337 – Imperatore Costantino I (fino al 324 insieme o alternato ad altri)
313 – Editto di Milano: il cristianesimo è culto ammesso
326 – Costantinopoli capitale
380 – Il Cristianesimo è religione di Stato
181

395 – Definitiva divisione dell’impero in pars Occidentis (Onorio) e pars


Orientis (Arcadio)
408-450 – Imperatore Teodosio II (Or.)
425-455 – Imperatore Valentiniano III (Occ.)
426 – Legge c.d. delle citazioni, di Valentiniano III
429 – Primo progetto di codificazione teodosiana
435 – Secondo progetto di codificazione teodosiana
438 – Pubblicazione del Codex Theodosianus
457-461 – Imperatore Maioriano (Occ.)
457-474 – Imperatore Leone I (Or.)
460 – Probabile raccolta di Maioriano delle Novelle post-teodosiane
467-472 – Imperatore Antemio (Occ.)
476 – Deposizione di Romolo Augustolo ad opera di Odoacre e fine dell’Im-
pero romano d’Occidente. Codex Euricianus (?)
482 – Nascita di Giustiniano I
493 – Odoacre è fatto uccidere da Teodorico il Grande
500-526 (?) – Edictum Theodorici
(poco prima del) 506 – Lex Romana Burgundionum
506 – Lex Romana Wisigothorum (Breviarium Alarici)
507 – Battaglia di Vouillé: i Visigoti sono sconfitti dai Franchi di Clodoveo
518-527 – Imperatore Giustino I
527-565 – Imperatore Giustiniano I
528 – Cost. Haec quae necessario: incarico di compilare il primo Codice
529 – Cost. Summa rei publicae: pubblicazione del primo Codice
530 – Quinquaginta decisiones. Cost. Deo auctore: incarico di compilare il Di-
gesto
532 – Rivolta Nika
533 – Cost. Imperatoriam: pubblicazione delle Istituzioni; cost. Omnem: rifor-
ma dell’ordinamento degli studi giuridici; cost. Tanta-D◊dwken: pubblica-
zione del Digesto
534 – Cost. Cordi: pubblicazione del secondo Codice
535-565 – Novelle di Giustiniano
542 (?)– Morte di Triboniano
552 – Fine della guerra gotica in Italia: sconfitta di Totila a Gualdo Tadino,
poi di Teia presso il Monte Lattaro, sempre ad opera degli eserciti di
Giustiniano
554 – Pragmatica sanctio pro petitione Vigilii: il Corpus Iuris entra in vigore in
Italia
555-557 (?)– Epitome Iuliani
565 – Morte di Giustiniano
568 – Conquista longobarda dell’Italia
182

886-911 – Imperatore Leone il Saggio


1345 – Hexabiblos di Armenopulo
1453 – Presa di Costantinopoli ad opera dei Turchi e fine dell’Impero romano
d’Oriente
1794 – ALR prussiano
1804 – Code Civil napoleonico
1811 – ABGB austriaco
1816 – Scoperta delle Gai Institutiones nel testo integrale
1900 – L’impero germanico pubblica il BGB: cessa la vigenza del diritto roma-
no
183

INDICE ANALITICO

(non comprende i dati di cui all’Appendice e ai due prontuari,


delle sigle e cronologico)

ABGB 159 s Basilici 138 s.


Accursio 152 Belisario 102
Africano (Cecilio) 48, 109 Bernardakis 91
Alarico II 85, 93, 96 BGB 14, 160 s.
Alfeno Varo 59, 109, 114, 115 Bluhme 68
ALR 159 teoria del – 114 ss., 117 ss.
Amalasunta 130 Breviarium Alarici v. lex (Romana
anarchia militare 23, 47, 99 Wisigothorum)
Anatolio 108, 114, 119 bronzo v. materiale scrittorio
Anco Marcio 34 bùcchero della Regia 54
antecessores 123, 137, 138 bustrofedica (scrittura) 53
anticipazioni v. fonti (falsificazione
delle) Caesares 126
apocrifi 27, 36, 94 Callistrato 47, 121, 144
Apokrimata Severi 61, 65 caput tralaticium de impunitate 38
Appio Claudio (capo dei decemviri) Carino 77
36 Carlo Magno 151
Appio Claudio Cieco 36 carta v. materiale scrittorio
arianesimo 96 Cassio Longino 47, 69, 70
Armenopulo (Costantino) v. Hexabi- Cassiodoro Senatore 95, 107
blos Celso (Giuvenzio) figlio 48, 116
Arminio 62 Cere 54
Arriano 87 Chatelain 86
Arrio Menandro 116 Cicerone 28, 39, 45, 55, 56
Atalarico 130 Cippus vetustissimus 53
‘Auctores’ 21s. Cirillo 137
auctoritas principis 41, 46, 62 s. citazioni v. legge delle citazioni
Augusti 126 Clodoveo 96
Authenticum 129, 153 cocci v. fonti (ostracee, papirologi-
Avito 94, 96 che), materiale scrittorio (terra-
avorio v. materiale scrittorio cotta)
Code Civil 159
Baldo 154 codex v. libro (forma del)
Bartolo 154 Codex
184

– Euricianus 92 s., 95 – Imperatoriam 68


– Florentinus 111, 112, 155 – Omnem 68, 109, 118, 120
– Gregorianus 76 ss., 88, 89, 96, – Summa rei publicae 91, 104, 147
97, 104, 125 – Tanta-D◊dwken 50, 66, 105, 109,
– Hermogenianus 76 ss., 88, 89, 111, 112, 113, 120, 121, 131
96, 98, 104, 125 constitutiones 41 ss., 65, 73, 76 ss.
– ‘Iustineus’ 104 – ad commodum propositi operis
– Iustinianus primus 35, 76, 103 pertinentes 124
ss., 105, 106, 121, 124, 147 Constitutiones Sirmondianae 81
– Iustinianus repetitae praelectio- consuetudine v. uso
nis 49, 81, 104, 124 ss., 127, consultatio 143 ss.
130, 138, 147, 151 v. anche rescripta
– Leidensis B.P.L. 2589 v. Frag- Consultatio veteris cuiusdam iuriscon-
mentum (Leidense P.S.) sulti 77, 83, 89 s., 92, 94, 146
– ‘magisterium vitae’ 79 Corpus Iuris 13, 14, 60, 98 ss., 137,
– Theodosianus 35, 75, 78 ss., 81, 138, 151, 155
82, 87, 89, 90, 91, 93, 96, 97, 98, Costantino
104, 147, 155 – avvocato 124
– Vesontinus 83 – comes sacrarum largitionum
codice civile italiano 161 108, 119
Cola di Rienzo 63, 64 – imperatore 49, 75, 79, 83, 89,
Collectio Graeca CLXVIII Novella- 92
rum 129 Costantino Copronimo 138
comizi 16, 37, 41, 142 Costituzione della Repubblica Italia-
– centuriati 37 na 12
– curiati 34, 53 Costituzione europea 162
– tributi 37, 38 Cratino 108, 119
commenti v. rielaborazioni crestomazie v. rielaborazioni
Commento 154 s. critica v. fonti (critica delle)
Commonitorium Alarici 96, 97 critica interpolazionistica 29, 131 ss.
compilazioni v. rielaborazioni v. anche fonti (critica delle)
concentrazioni v. fonti (falsificazione Cuiacio 83, 84, 89, 155, 156
delle) Culti 155 s.
concilia plebis tributa 38 s., 41
confronto testuale 132 s. Dante 53, 103
Constitutio Dareste 91
– Antoniniana 49, 61, 65 s. De actionibus (trattato) 92
– Cordi 106, 107, 124, 127 decemvirato legislativo 35 s.
– Deo auctore 108, 120 decreta 42
– Haec quae necessario 104, 120, v. anche constitutiones
147 dediticii 66
185

desuetudine 12, 49 – provinciale 31, 66


Diatanebis 92 – pubblico 11, 57, 80, 128
Digesta – v. anche fonti
– di Alfeno Varo 59, 115 diritto (vigente) 12
– di Celso figlio 48, 116 Disposizioni sulla legge in generale
– di Cervidio Scevola 48 12
– di Giuliano 48, 115 disputationes 48
– di Giustiniano 15, 33, 34, 54, dittici 30
61, 66, 67, 69, 83, 106, 108 ss., documenti v. fonti (in partic. ‘di co-
128, 130, 131 ss., 137, 138, 151 gnizione’)
ss. dominato 14, 47
– di Marcello 48, 116 Donello 155, 156
Diocleziano 23, 66, 77, 99 s., 135 Doroteo 108, 114, 119, 124
diplomata 26 duplicazioni v. fonti (falsificazione
diplomatica 25 delle)
diritto (romano, antico)
– amministrativo 11, 65 Ecloga 138
– arcaico 18, 22, 34 ss. edicta
– bizantino 23, 101, 137 ss. – magistratuum 30, 43 ss.
– civile 33, 44, 47, 73, 115 – principum 42
– classico 22, 46 ss., 61 ss., 131 – v. anche constitutiones
ss., 156 s. edictum
– comune 154 ss. – aedicilium 43, 67
– costituzionale 11 – perpetuum 45, 66 s.
– criminale 11, 83, 89 – praetoris peregrini 43
– fiscale 48, 65 – praetoris urbani 43 ss., 66 s.
– giurisprudenziale 18, 45 ss., 71, – provinciale 43, 67
73 – repentinum 45
– giustinianeo 23, 61, 101 ss., 151 – tralaticium 45
ss. Edictum de pretiis rerum venalium 99
– legislativo 12, 45 s.
– militare 48, 116 Edictum Theodorici 93, 94 s.
– mosaico 87 ss. edizioni
– municipale 48 – delle singole fonti v. sotto le re-
– onorario 34, 43 ss. lative trattazioni, in fine
– papiriano 34 Elio Gallo 59, 109
– positivo 12 Epanàgoge 138
– postclassico 23, 61, 73 ss. epigrafi v. fonti (epigrafiche), mate-
– preclassico 22, 59 s. riale scrittorio
– pretorio 34, 43 ss., 92, 115 epigrafia 25
– privato 11, 57, 83 – giuridica 25
186

epistulae 42, 143 s. – materiali 16


– v. anche constitutiones – negoziali 18, 22
Epitome – ostracee 25, 29
– Gai 68, 85, 86, 97, 98 – papiracee 25, 27 s.
– Iuliani 129, 151 – papirologiche 25, 27 ss.
– iuris di Ermogeniano 77 – pergamenacee 25, 28 s., 64 ss.
epitomi v. rielaborazioni – postclassiche 22, 23
esegesi v. fonti (esegesi delle) – preclassiche 22, 23
esperienza giuridica romana 11 – scoperte di – 26, 28
Eumene di Pergamo 28 – successive 17
Eurico 93, 95, 96 – tecniche 17, 18
– v. anche ‘Auctores’, diritto (vi-
falsificazioni v. fonti (falsificazioni gente), ‘Leges’, ‘Negotia’, riela-
delle) borazioni
Fibula Praenestina 26 s., 53 formula 43
fonti formule compilatorie 146 s.
– arcaiche 22, 23, 51 ss. Fragmenta
– archeologiche 13, 18 s., 51, 53 – Augustodunensia 85 s.
ss. – Vaticana 28, 86 s., 147
– atecniche 175 Fragmentum
– autoritative 18, 22, 45 – Leidense (P.S.) 82
– bizantine 23, 129, 137 ss. – Papiniani Wisigothicum 98, 99
– cartacee 27 ss.
– classiche 22, 23, 61 ss. Gellio (Aulo) 17
– contemporanee 17 Gesta Senatus Romani 79
– critica delle – 14, 131 ss. Gai Institutionum Epitome v. Epito-
– di cognizione 11 ss. me (Gai)
– di produzione 11 ss., 33 ss. Gai interpretationis Fragmenta Augu-
– dirette 16 s., 18 stodunensia v. Fragmenta (Augu-
– epigrafiche 20 s., 25 s., 40, 51 stodunensia)
ss., 99 s. Gaio 47, 56, 67 ss., 73, 109, 114, 121
– esegesi delle – 11 ss. v. anche Epitome (Gai), Fragmen-
– falsificazione delle – 15, 27, 52 ta (Augustodunensia), Institutio-
s., 94, 131 ss. nes (Gai)
– formali 16 Gaio Cassio Longino v. Cassio Lon-
– giuridiche 20 s., 75 gino
– giurisprudenziali 18, 22, 45 ss., Galla Placidia 74
67 ss. genuinità v. fonti (genuinità delle)
– giustinianee 23, 101 ss. Giavoleno (Tidio Tossiano) 69, 109,
– indirette 16 s. 113
– letterarie 20 s. Giovanni (avvocato) 124
187

Giovanni (quaestor sacri palatii) 104 – v. anche opere giurisprudenziali


Giuliano (antecessor) 129 (generi delle)
Giuliano l’Apostata 49 interpolazioni v. rielaborazioni
Giuliano (Salvio) 45, 48, 66, 109, interpolazionismo v. critica interpo-
113, 114 lazionistica
giurisprudenza 18, 42, 45 ss., 67 ss., Interpretatio Wisigothica 98
74 ss., 82 ss., 108 ss., 132, 137 ss. Irnerio 152
v. anche opere giurisprudenziali, iscrizioni v. fonti (epigrafiche), mate-
ius, responsa prudentium riale scrittorio
Giusnaturalismo 157 s. Isidoro (antecessor) 137
Giustiniano 13, 15, 22, 23, 34, 35, Isidoro di Siviglia 95
61, 67, 76, 82, 101 ss., 154, 156 ius (postclassico) 47, 73 s., 78, 82 ss.,
v. anche Codex (Iustinianus pri- 98, 138
mus, Iustinianus repetitae praelec- ius respondendi 46, 69, 109
tionis), Corpus Iuris, Digesta (di
Giustiniano), Institutiones (Iusti- kat\a pÒda 109, 137
niani), Novellae (Iustiniani)
Giustino I 101, 104, 121 Labeone (Antistio) 56, 113
Giustino II 129 laicizzazione del diritto 37
Glossa Magna 152 Lamine di Pyrgi 54
Glossa Torinese alle Institutiones Iu- Lapis Satricanus 55 s.
stiniani 107 leges
glosse v. rielaborazioni – comitiales 37 s.
Gneo Flavio 36 – datae 37
Gnomon dell’Idios Logos 61, 64 s. – generales 79
graffiti 26 – imperfectae 38
Gregorio 77 – Liciniae Sextiae 22, 43
Grozio 158 – minus quam perfectae 38
Gundobado 95 – perfectae 38
– ‘plus quam perfectae’ 38
Hexabiblos 139 – publicae 38
– regiae 34 s., 57
incendio gallico 52, 55 – rogatae 37
Index Florentinus 112 ss., 116 s. – Romanae Barbarorum 92 ss.
indici 109, 137 s. – Saeculares v. Liber Syro-romanus
inscriptio 77, 111, 112, 118 – tabellariae 38
Institutiones ‘Leges’ 21 s.
– Gai 33, 35, 40, 45, 47, 56, 57, legge delle citazioni 70, 74 ss., 89,
67 ss., 85 s., 120, 121, 122 108
– Iustiniani 33, 120 ss., 138, 151, legis actiones 43
153 legno v. materiale scrittorio
188

– cerato v. materiale scrittorio Macedone 16


Lenel 67, 112 Macro 116
Leone il Saggio 138, 139 Macrobio 57
lex Mai 28
– Aelia Sentia 38 Maioriano 82
– Aquilia 39 mandata 42, 64
– Atilia de tutore dando 38 v. anche constitutiones
– Atinia de usucapione 38 manoscritto L v. Liber (Syro-romanus)
– Burgundionum 93, 95 Manuale legum 139
– Canuleia 36 Marcellino Comite 107
– Cincia 38 Marcello (Ulpio) 48, 116
– Cornelia de edictis praetorum 44 Marciano (Elio) 47, 84
– de imperio 41, 63 marmo v. materiale scrittorio
– de imperio Vespasiani 63 s. masse (bluhmiane) v. Bluhme (teoria
– Duodecim (XII) tabularum 17, del)
33, 35 s., 46, 55 ss. massimazione 147 ss.
– Fufia Caninia 38 Mastarna v. Tomba François
– Furia de sponsu 38 Mater Matuta 54
– Furia testamentaria 38 materiale scrittorio
– Hortensia 39, 52 – avorio 55
– Irnitana 42 – bronzo 26, 55, 62
– Iulia de maritandis ordinibus 85 – carta 27 ss., 62
– Papia Poppaea 85 – legno 30, 55
– Publilia de plebiscitis 52 – legno cerato 29 s.
– Romana Burgundionum 93, 95 s. – marmo 26
– Romana Wisigothorum 93, 96 ss. – metallo 26, 55
– Rubria de Gallia Cisalpina 59 – oro 26
– Ursoniensis 59 – papiro 27 s.
– Valeria Horatia de plebiscitis 52 – pergamena 28 s.
Liber – pietra 26, 54
– Gai v. Epitome (Gai) – terracotta 29
– Syro-romanus 91 s. Mena 124
libro (forma del) metallo v. materiale scrittorio
– codex 28 s. metodo di compilazione
– volumen 27, 29 – dei Digesta Iustiniani 114 ss.
Littera Bononiensis 111 – delle Institutiones Iustiniani
Littera Florentina (o Pisana) v. Codex 123
(Florentinus) MLK (fenicio: rex) 54
Livio 53, 55 Modestino (Erennio) 75, 84, 87
Loisel 89 monarchia 13, 34 s., 53 s.
Lucrezia 52 monete 13, 25
189

monofisiti 102 palimpsesto (o palinsesto) 28, 68, 86


Monumentum Palingenesi
– Ancyranum 62, 63 – dell’edictum perpetuum 59, 66 s.
– Antiochenum 62, 63 – della lex XII tabularum 55 ss.
– Apolloniense 62 – delle Iustiniani Institutiones
mores 34 s. 122
Mosaicarum et romanarum legum – delle leges regiae 57
Collatio 68, 77, 83, 84, 87 ss., 98, Palingenesia Iuris Civilis 60, 112
110 Pandettistica 160 s.
mugnaio di Sans Souci 158 Paolo Diacono 103
Paolo (Giulio) 47, 75, 82, 87, 90, 109
Narsete 102 Papianilla 96
‘Negotia’ 21 s. Papianus 96
Niebuhr 67, 68 Papiniano (Emilio) 48, 75, 87, 96,
Nika (rivolta) 117 98, 109
norme v. diritto (romano, antico, vi- Papirio Giusto 76
gente) fonti Papiro Oxy. XV 1814 105
Novellae papirologia 25
– Iustiniani 57, 101, 127 ss., 138, – giuridica 25
151, 153 parafrasi v. rielaborazioni
– Leonis Sapientis 139 Parafrasi di Teofilo 124, 138
– post-theodosianae 80, 81 s., 96, par´atitla 109, 137
97 partes Digestorum Iustiniani 110
Numa Pompilio 34, 52 Pauli Sententiae 75, 82 ss., 90, 93, 95,
numismatica 25 97
pergamene v. fonti (papirologiche,
Odoacre 94 pergamenacee), libro (forma del),
Odofredo 64 materiale scrittorio
Ofilio 47 personalità del diritto 93
ÑmfalÒj v. umbilicus (del rotolo) Pithou 87
opere giurisprudenziali plagium 89
generi delle – 47 ss., 115 s. plebiscita 38 s.
opinio iuris ac necessitatis 12 plebiscitum
oratio ad senatum 42 – Aquilianum v. lex (Aquilia)
oratio principis in senatu habita 40 Plinio il Giovane 143, 144, 145
oro v. materiale scrittorio Plinio il Vecchio 28
ortodossi 102 polittici 30
ostraka v. fonti (ostracee, papirologi- Pomponio (Sesto) 48, 69, 109, 112
che), materiale scrittorio (terra- praescriptio 38
cotta) pragmatica sanctio 130
– pro petitione Vigilii 130 s.
190

Predigesti - Predigesto 117 ss. – interlineari 15, 152


pretore – marginali 15, 152
– peregrino 43, 67 interpolazioni 79, 81, 131 ss., 137, 156
– urbano 22, 30, 43 ss., 66 s. parafrasi 76, 98
Prochiron 138 scholia 138 s.
pr§wta 110 rogatio 37, 38, 142
prudentes v. giurisprudenza, responsa Romolo 52
prudentium Romolo Augustolo 22
Publicola (Publio Valerio) 54
Pufendorf 158 Sabiniani 69
Sabino (Masurio) 47, 90
quaestiones perpetuae 41 Sacro Romano Impero 151
quinquaginta decisiones 106 ss. sanctio 38
sanzione 38
Rabelais 155 Saturnino (Claudio) 113, 116
racconti metafisici v. fonti (falsifica- Saturnino (Venuleio) 113
zione delle) Savigny 68, 152, 160
receptio moribus 46 Scevola (Cervidio) 48, 109
recezione 155 Scevola (Q. Mucio) 47, 59, 109
recitatio 75, 90 scholia v. rielaborazioni
recto 28 scholia ad Basilicorum libros 138 s.
repubblica 13, 39, 54 Scholia Sinaitica 90 s.
rescripta 42, 65 scoperte v. fonti (scoperte di)
responsa prudentium 45 ss. Scuola Culta v. Culti
v. anche giurisprudenza, ius re- Scuola Storica 160
spondendi ex auctoritate principis, Sedulio 96
opere giurisprudenziali (generi senatus consulta 39 ss.
delle) senatus consultum
rex sacrorum 54 – Claudianum 113
rielaborazioni – Claudianum de iure honorum
commenti 90, 98 Gallis dando 19
compilazioni 76 ss. – de Bacchanalibus 59
– di ius 76, 82 ss. – de pecuniis repetundis 40
– di leges 76 ss. – Libonianum 113
– miste 76, 86 ss. – Macedonianum 16, 40
– – non ufficiali 86 ss. – Orfitianum 41
– – ufficiali 92 ss. – Pegasianum 40
crestomazie 74 – Tertullianum 41
epitomi (compendi, sunti) 15, 74, – Trebellianum 40
76 Servio Sulpicio 47
glosse 15, 76, 152 Servio Tullio 19, 37, 54
191

Sesto Elio Peto Cato 36, 56 Tomba François 19, 53


Sesto Papirio 34 tomos 27
Settanta (traduzione dei) 88 Totila 94, 130
Sidonio Apollinare 96 tradizione 35, 36, 51 ss.
sillibos 28 – manoscritta 15, 20, 61
Solone 69 – orale 52
Stefano 137 Traiano 64, 144, 145
subscriptio 77, 81 Triboniano 104, 106, 108, 114, 119,
Summa del Digesto dell’Anonimo 120, 123, 124, 128, 156
138 Trifonino 48
Svetonio 62 trinundinum 37
Synopsis Basilicorum 139 Tripertita 56
trittici 30
tabulae
– ceratae 29 s. Ulpiano (Domizio) 47, 48, 75, 84, 87,
– dealbatae 30 90, 109, 112, 121, 134, 135
– Iguvinae 26 umbilicus
– testamenti 30 – del rotolo 28
Tacito 63 – parte dei Digesta Iustiniani 110
Tarquinio Prisco 19 ‘Urgaius’ 69
Tarquinio Superbo 34, 52 uso 12, 31, 33, 49 s., 151, 156, 160
Tarrunteno Paterno 116
Tauresium 101
Teia 130 Vacario 157
Teodato 94, 130 valenza normativa del Digesto 138,
Teodora 102, 104 163
Teodorico il Grande 94, 95 Vandali 102
Teodorico II 94 Varrone 28
Teofilo 104, 108, 114, 119, 120, 123, verso 28
124, 137, 138 Virginia 36
terracotta v. fonti (ostracee), materia- Vita di San Teodoro abate 103
le scrittorio Vitige 94
territorialità del diritto 93 Volksgeist 160
tetrarchi 99 volumen 27 s.
Thefarie Velianas v. Lamine di Pyrgi Vulgata v. Littera Bononiensis
Tiberio II 129
Tillio 84, 155 Wieacker (teoria del) 29
Tipucito 139 Windscheid 161
Tituli ex corpore Ulpiani 38, 84 s.