Sei sulla pagina 1di 233

APPUNTI DI FISICA 2

Pietro Donatis

Versione 3

Questa dispensa ` pubblicata sotto una licenza e

che pu` essere visionata al sito http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ o

Premessa e notazioni. Questi Appunti di sica 2 sono rivolti agli studenti del quarto anno di un liceo scientico, ma possono essere utilizzati, apportando i tagli che si riterranno opportuni, anche da studenti di altri indirizzi di studio. Lidea da cui sono nati non ` quella di aancare il libro di testo in adozione, ma di sostituirlo. Questo e principalmente per motivi economici, perch gli allievi possano disporre di un testo serio e gratuito: e scaricabile dalla rete e fotocopiabile liberamente. Al momento mancano ancora gli esercizi, quindi lemancipazione dalladozione non ` ancora completa. Abbiate pazienza. e Si ` voluto cercare di metterci dentro molte cose, molte pi di quelle normalmente svolte in un corso e u tradizionale. In particolare nella quarta parte, che tratta di sica moderna, la lettura di alcuni paragra richiede qualche conoscenza di elettromagnetismo che, normalmente uno studente del quarto anno non ha. Si ` ritenuto tuttavia utile trattare simili argomenti sia per completezza, sia per fornire al lettore un e riferimento chiaro e semplice per argomenti solitamente considerati molto ostici. Alcune parti, tralasciabili senza compromettere la comprensione del seguito (come alcune dimostrazioni un po lunghe), sono in carattere tipograco minore. Lindice analitico in fondo al volume completa lindice sommario senza per` ripeterlo. Si tratta di due o insiemi a intersezione nulla. La responsabilit` di quanto scritto, e di tutti gli eventuali errori, ` esclusivamente di Pietro Donatis; il a e quale, tuttavia, deve riconoscere che tutto il capitolo della Termodinamica ` dovuto per limpostazione e e la quasi totalit` dei testi a Fabio Acerbi. Deve inoltre ringraziare Fabio Maria Antoniali, Carlo C`ssola a a e Teodoro Natelli per le numerose discussioni, indispensabili a chiarirgli i molti punti delicati. Questo lavoro ` senzaltro da considerarsi in evoluzione; sar` grato a tutti coloro che vorranno essere e o tanto gentili da segnalare errori o fornire commenti utili al miglioramento di quanto scritto in vista di auspicabili nuove versioni. Per separare la parte decimale di un numero si ` usato il punto invece della virgola. e I simboli matematici che compaiono nelle formule e nelle gure sono riprodotti in carattere corsivo; le quantit` vettoriali sono stampatello grassetto. a Le costanti siche citate nel testo sono riportate utilizzando, se non diversamente indicato, i valori forniti dal Particle Data Group (http://pdg.lbl.gov) e dal National Insitute of Standard and Technology (http://www.nist.gov); questi valori sono riportati con il loro errore sperimentale sulle ultime cifre indicato fra parentesi tonde: per esempio, la carica dellelettrone ha valore e = 1.602176487(40) 1019 C e quindi le ultime due cifre, 87, sono incerte e lerrore commesso nella loro determinazione ` di 40; in e maniera meno compatta tale valore si scriverebbe e = (1.602176487 0.000000040) 1019 C. Le costanti senza errore, come la velocit` della luce, sono valori esatti. a Tutti i logaritmi presenti nel seguito, indicati con il simbolo log, sono logaritmi naturali in base e. A Questa dispensa ` stata scritta usando il programma di composizione tipograca L TEX; per le gure sono e stati usati i pacchetti pstricks e pgf. Roma, 22 settembre 2010

ii

Indice
I Termodinamica
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1
2 2 3 4 4 5 7 8 10 13 13 18 20 20 21 21 22 23 24 24 25 26 27 29 32 32 37 39 41 41 42 44 44

1 Termometria. 1.1 Sistema termodinamico. Stato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 Principio zero della termodinamica. . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3 Regola delle fasi Gibbs. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4 Misurazione della temperatura: termometro a mercurio. . . . . . 1.5 Dilatazione termica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.6 Trasformazioni di un sistema termodinamico. . . . . . . . . . . . 1.7 Termometri a gas. Leggi di GayLussac e temperatura assoluta. 1.8 Legge di Boyle. Equazione dei gas perfetti. . . . . . . . . . . . . 2 Modello molecolare dei gas. 2.1 Analisi del modello: relazione di Joule-Clausius. 2.2 Equazione di van der Waals. . . . . . . . . . . . 2.3 Gradi di libert`. . . . . . . . . . . . . . . . . . a 2.4 Principio di equipartizione dellenergia. . . . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

3 Calore e lavoro. 3.1 Capacit` termica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a 3.2 Misura dei calori specici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3 Cambiamenti di stato: calori latenti. . . . . . . . . . . . . 3.4 Misura delle quantit` di calore. . . . . . . . . . . . . . . . a 3.5 Evaporazione, vaporizzazione e condensazione. . . . . . . 3.6 Temperatura critica e diagramma di fase. . . . . . . . . . 3.7 Diagramma pT e punto triplo. . . . . . . . . . . . . . . . 3.8 Ancora sulle trasformazioni di un sistema termodinamico. 3.9 Lavoro di una trasformazione. . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

. . . . . . . . .

4 Primo principio della termodinamica. 4.1 Energia interna. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2 Capacit` termiche di un gas perfetto: Cp e CV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a 4.3 Equazione delle trasformazioni adiabatiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Secondo principio della termodinamica. 5.1 Rendimento di un ciclo termodinamico. 5.2 Rendimento di un ciclo di Carnot. . . . 5.3 Macchine frigorifere. . . . . . . . . . . . 5.4 Secondo principio della termodinamica.

. . . .

. . . . iii

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

iv

INDICE

5.5 5.6 5.7 5.8 5.9 5.10

Equivalenza degli enunciati di Clausius e Kelvin. . Teorema di Carnot. . . . . . . . . . . . . . . . . . . Disuguaglianza di Clausius. . . . . . . . . . . . . . Denizione operativa della temperatura assoluta. . Forma generale della disuguaglianza di Clausius. . Una conseguenza della disuguaglianza di Clausius.

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

. . . . . .

45 46 48 49 50 53 55 55 59 61 64

6 Entropia 6.1 Esistenza della funzione di stato S. . . . . . . . . . . . . 6.2 Entropia e irreversibilit` di una trasformazione. . . . . . a 6.3 Variazione di entropia per alcuni sistemi termodinamici. 6.4 Interpretazione microscopica dellentropia. . . . . . . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

. . . .

II

Oscillazioni e onde.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

67
68 68 71 72 74 75 78 78 80 82 83 84 85 85 86 88 91 92 93

1 Moti periodici. 1.1 Moto armonico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 Il moto elastico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.3 Composizione di moti armonici di ugual pulsazione. . 1.4 Composizione di moti armonici con pulsazione diversa. 1.5 Moti armonici su assi ortogonali. . . . . . . . . . . . .

2 Propagazione delle onde. 2.1 Onde su di una corda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2 Velocit` di unonda su una corda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a 2.3 Generalit` sulle onde. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a 2.4 Energia trasportata da unonda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5 Riessione delle onde. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.6 Rifrazione delle onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.7 Il principio di sovrapposizione. Interferenza. . . . . . . . . . . . . . 2.8 Onde stazionarie su di una corda ssata agli estremi. . . . . . . . . 2.9 Leetto Doppler. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.10 Il meccanismo della propagazione ondosa: il principio di Huygens. 2.11 Le onde sonore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.12 Velocit` del suono. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . .

III

Ottica
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

97
99 100 101 104 112 119 121 125 127

1 Ottica geometrica. 1.1 La propagazione della luce. . . . . . . 1.2 Riessione: caso dello specchio piano. 1.3 Specchio sferico. . . . . . . . . . . . . 1.4 La rifrazione. . . . . . . . . . . . . . . 1.5 Diottri sferici. . . . . . . . . . . . . . . 1.6 Lenti sottili. . . . . . . . . . . . . . . . 1.7 Profondit` di campo. . . . . . . . . . . a 1.8 Strumenti ottici. . . . . . . . . . . . .

INDICE

2 Ottica ondulatoria. 2.1 Interferenza. . . . . . . . . . . 2.2 Dirazione. . . . . . . . . . . 2.3 Potere risolvente di una lente. 2.4 Profondit` di campo (2). . . . a 2.5 Reticolo di dirazione. . . . . 2.6 Dispersione. . . . . . . . . . . 2.7 Polarizzazione. . . . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

130 130 136 139 140 142 144 145 150 150 152 154

3 Velocit` della luce. a 3.1 Misure astronomiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2 Misure terrestri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3 Velocit` rispetto a cosa? Il problema delletere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . a

IV

Fisica Moderna
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

157
158 158 162 166 169 170 171 174 176 178 179 184 184 186 189 191 193 195 196 199 199 202 205 209 210 212 214 217

1 Teoria della relativit`. a 1.1 I concetti di spazio e tempo. . . . . . . . . . . . . . . . 1.2 Denizione di simultaneit`. . . . . . . . . . . . . . . . a 1.3 Trasformazioni di Lorentz. . . . . . . . . . . . . . . . . 1.4 Contrazione delle lunghezze e dilatazione dei tempi. . 1.5 Trasformazione delle velocit`. . . . . . . . . . . . . . . a 1.6 Eetto Doppler relativistico. . . . . . . . . . . . . . . . 1.7 Invarianza dellintervallo. . . . . . . . . . . . . . . . . 1.8 Inversioni temporali e ubiquit`. . . . . . . . . . . . . . a 1.9 Quadrivettori e quadrivelocit`. . . . . . . . . . . . . . a 1.10 Quantit` di moto relativistica ed energia relativistica. a 2 Modelli atomici. 2.1 Storia del concetto di atomo. . . . . . . . 2.2 La natura dellelettricit`. I raggi catodici. a 2.3 La carica dellelettrone. . . . . . . . . . . 2.4 Il modello di Thomson. . . . . . . . . . . 2.5 Il modello di Rutherford. . . . . . . . . . 2.6 Spettri atomici. . . . . . . . . . . . . . . . 2.7 Modello atomico di Bohr. . . . . . . . . . 3 Meccanica quantistica. 3.1 Introduzione al problema. Il corpo nero. 3.2 Eetto fotoelettrico. . . . . . . . . . . . 3.3 Tre esperimenti. . . . . . . . . . . . . . 3.4 Il postulato di de Broglie. . . . . . . . . 3.5 Leetto Compton. . . . . . . . . . . . . 3.6 Il principio di indeterminazione. . . . . . 3.7 Linterpretazione probabilistica. . . . . . A Parametri sici di alcune sostanze

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

Parte I

Termodinamica

Capitolo 1

Termometria.
1.1 Sistema termodinamico. Stato.

Un sistema termodinamico ` usualmente denito come un insieme di corpi (o sostanze) ciascuno dei e quali ha una composizione chimica ben determinata. Questa denizione ` troppo generica, potendosi e applicare a qualunque sistema sico. Essa sottintende, gi` nella denizione delloggetto di studio, gli a scopi e le tecniche di analisi che dierenziano la termodinamica da altre branche della sica, ad esempio ` la meccanica newtoniana. E opportuno rendere espliciti questi sottointesi, indicando linsieme dei fatti sperimentali cui la termodinamica, come teoria sica, si riferisce. La termodinamica amplia il quadro fenomenologico cui ` applicabile la meccanica newtoniana in quanto e i. include i fenomeni termici introducendo enti teorici quali il calore o la temperatura, correlati a fatti sperimentali di comune esperienza; ii. prende in considerazione sistemi sici costituiti da un gran numero di unit` elementari, ad esempio a una quantit` di sostanza gassosa. a iii. introduce dierenziazioni basate su propriet` speciche di queste unit` elementari, ad esempio il a a peso molecolare o la specie chimica, e tiene conto del fatto che uno stesso elemento pu` presentarsi o in vari stati di aggregazione. La termodinamica stabilisce dunque un chiaro dualismo fra fenomeni macroscopici e microscopici, e si propone di descrivere soltanto i primi, lasciando alla teoria cinetica il compito di spiegare i fenomeni macroscopici in termini di propriet` (microscopiche) delle unit` elementari costituenti. Questo non a a avviene allinterno del quadro teorico della meccanica, in cui tutti gli oggetti di studio (per esempio le masse considerate puntiformi) sono enti privi di struttura interna. Daltra parte, la termodinamica ed a maggior ragione la teoria cinetica, utilizzano concetti sici la cui denizione si trova gi` nellambito a della meccanica: lavoro, pressione, energia. In linea di principio, il carattere deterministico (e la pretesa esaustivit` che essa ha nel descrivere i a fenomeni naturali) della meccanica newtoniana permetterebbe di calcolare, note posizione e velocit` inia ziale di ogni molecola costituente e date le forze di interazione molecolare e le forze esterne, lo stato di ogni sistema sico, per quanto complesso, in ogni istante futuro. Questo approccio risulta vanicato dal fatto che i sistemi sici macroscopici sono costituiti da un numero enorme di unit` elementari (dellordine a di 1023 )1 : vi ` dunque una ragione oggettiva (limpossibilit` materiale di svolgere i calcoli) che preclude la e a possibilit` di descrivere completamente un sistema sico macroscopico usando la meccanica newtoniana. a
1 La situazione ` ancora pi drammatica di quanto sembri; infatti a tuttoggi non ` ancora stato risolto esattamente il e u e problema dinamico di soli tre corpi mutuamente interagenti

1.2. PRINCIPIO ZERO DELLA TERMODINAMICA.

Per questo motivo, le variabili dinamiche (questa locuzione verr` sempre usata come sinonimo di grana dezze siche) atte a caratterizzare un sistema sico utilizzate in termodinamica sono dierenti da quelle introdotte nellambito della meccanica. Queste ultime (posizione, velocit`, accelerazione, ...) perdono di a senso (oppure risultano inutilizzabili, il che ` lo stesso) se applicate ad oggetti dotati di struttura interna e complessa. Vengono dunque introdotte, similmente a quanto gi` fatto nello studio della dinamica dei a uidi, delle variabili dinamiche macroscopiche, le quali non hanno la pretesa (daltronde utopistica) di fornire una descrizione completa nel senso che la meccanica darebbe a questa espressione. Avviene in questo caso uno spostamento semantico tipico delle rivoluzioni concettuali: il signicato dellespressione descrizione completa di un sistema sico in ambito termodinamico ` nettamente diverso, ed ` lunico e e compatibile con una denizione operativa delle grandezze siche in gioco. Storicamente, lo studio dei sistemi macroscopici si ` sviluppato a partire da quello dei uidi, in particolare dei gas: le variabili die namiche usate tradizionalmente rispecchiano questa impostazione. Esse sono, ad esempio, il volume V occupato da un uido, la temperatura T a cui si trova, la pressione p che esercita sulle pareti del recipiente che lo contiene. Volume e pressione sono concetti mutuati dalla meccanica dei uidi e la loro denizione viene data per nota; una denizione operativa di temperatura, strettamente correlata al dato sensoriale di esperienza comune, verr` data fra breve. a Quando un sistema sico si trova, o viene preparato, in modo che le variabili dinamiche atte a descriverlo abbiano dei valori numerici ben determinati, misurabili e costanti nel tempo, allora si parla di stato di equilibrio di quel sistema. Le variabili utilizzate per la descrizione completa dello stato sono denominate variabili di stato. Sovente si trova che esistono delle relazioni che legano fra loro le variabili di stato (equazione di stato): il numero minimo di variabili la cui specicazione sia necessaria ` determinabile e applicando una regola empirica nota come regola delle fasi di Gibbs2 (vedi sotto). La denizione appena data di stato di equilibrio comporta che il sistema sico in esame si deve trovare in i. equilibrio meccanico: non agiscono forze non equilibrate agenti su di esso dallesterno oppure allinterno di esso; ii. equilibrio chimico: non sono in atto reazioni chimiche oppure trasferimenti di materia (soluzioni, diusioni) fra i costituenti; iii. equilibrio termico: vedi il principio zero della termodinamica.

1.2

Principio zero della termodinamica.

Il principio zero della termodinamica ` una denizione implicita (ed operativa) delle nozioni di equilibrio e termico e di temperatura: Due sistemi sici posti a contatto raggiungono, se isolati dallambiente esterno e se viene fatto trascorrere un tempo sucientemente lungo, la stessa temperatura. Si dice anche che i due sistemi sici si trovano in equilibrio termico.

Osservazioni 1. Questa denizione di temperatura non costituisce un circolo vizioso: basta che uno dei due sistemi sici sia un termometro (vedi sotto), la cui temperatura, letta sulla scala graduata, ` denita in e modo convenzionale (questo ` un esempio del procedimento operativo con cui si deniscono tutte e le grandezze siche).
2 Josiah

Willard Gibbs (1839-1903), chimico-sico statunitense.

CAPITOLO 1. TERMOMETRIA.

2. Due sistemi in equilibrio con un terzo sono in equilibrio tra di loro. La nozione di equilibrio termico ` dunque una relazione di equivalenza. e 3. La possibilit` di isolamento di un sistema sico dallambiente esterno ` un argomento complesso a e che dovrebbe essere arontato in una discussione dettagliata. Grossolanamente, un sistema che si trovi in uno stato di equilibrio si dice isolato quando permane in tale stato qualsiasi modica si produca nellambiente esterno. o a 4. Pu` creare dicolt` immaginare due sistemi privi di forma propria (masse gassose) posti a contatto. In questi casi, si allarga il concetto di contatto alla possibilit` di mescolarsi, oppure i due sistemi a vengono posti in recipienti messi a contatto attraverso una membrana. 5. Stimare la lunghezza dellintervallo di tempo necessario perch sia raggiunto lequilibrio termico ` e e una questione che viene lasciata completamente non analizzata dalla termodinamica. Essa viene assunta come primitiva e si postula che tale intervallo sia nito, cio` che due sistemi raggiungano e in ogni caso, prima o poi, lequilibrio termico. Questo punto di vista ` giusticato dallosservazione e empirica che ci` avviene in tutti i casi rilevanti (questo ` un modo elegante per dire che i casi in o e cui non avviene non sono studiabili nellambito della termodinamica dellequilibrio). Allo stesso modo, come stabilire che i due sistemi hanno raggiunto la stessa temperatura, nei limiti degli errori sperimentali, ` una questione empirica che viene risolta usando dei termometri. e

1.3

Regola delle fasi Gibbs.

Si denisce fase ognuno degli stati di aggregazione in cui pu` presentarsi un costituente. A temperature o ordinarie la maggior parte delle specie chimiche si presenta in tre fasi: solida, liquida od aeriforme. Si consideri un sistema termodinamico in equilibrio composto da C costituenti di specie chimica denita, e sia F il numero delle fasi presenti nel sistema. Allora il numero N di variabili indipendenti necessarie per descrivere gli stati di equilibrio del sistema ` dato da e N =C F +2 . (1.1)

Un esempio particolarmente importante ` quello di una specie chimica pura in fase gassosa, detto uido e semplice: per essa C = F = 1 e quindi N = 2. Si noti come, fra le tre variabili di stato sopra citate, pressione, volume e temperatura, solo due di esse risultino necessarie per specicare lo stato di equilibrio in cui si trovi il sistema. Risulta infatti, come si vedr` in seguito, che unequazione lega le tre variabili, a di modo che, note due di esse, la terza ` ricavabile con un semplice calcolo. e La scelta di quali variabili indipendenti usare ` una questione di convenienza. In ogni caso ` utile rape e presentare lo stato di equilibrio sopra un piano cartesiano che porti come ascisse ed ordinate i valori delle due variabili scelte. Ad esempio, se si utilizzano pressione e volume, lo stato del sistema ` rappresentato e da un punto nel piano pV o piano di Clapeyron3 . Le altre due possibili opzioni per le variabili indipendenti danno luogo a rappresentazioni sui piani pT e V T . Ognuno di questi piani viene detto piano delle fasi.

1.4

Misurazione della temperatura: termometro a mercurio.

Per misurare la temperatura ` necessario trovare una propriet` di un qualche corpo che sia variabile, in e a modo noto, con la temperatura del corpo stesso. In questo modo, una misura di una variazione di questa propriet`, che si chiama grandezza termometrica, ci fornisce una misura della variazione di temperatua ra del corpo in questione, che si chiama sostanza termometrica. A tale proposito, lesperienza insegna
3 Beno t

Paul Emile Clapeyron (1799-1864), ingegnere francese.

1.5. DILATAZIONE TERMICA.

che il volume di un corpo varia quando la sua temperatura aumenta. In particolare, salvo rare eccezioni su cui si dovr` tornare pi avanti, il volume di un corpo ` maggiore se ` maggiore la temperatura; si a u e e veda anche la sezione successiva. Si pu` quindi scegliere il volume come grandezza termometrica e usarlo o nella determinazione delle variazioni di temperatura. Quanto alla scelta della sostanza termometrica ` e conveniente sceglierne una il cui volume vari linearmente con la temperatura, cio` tale che ad uguali e aumenti della temperatura corrispondano uguali aumenti di volume. Una sostanza, fra le molte possibili, il cui volume ha un comportamento di questo tipo ` il mercurio. e Individuata sostanza e grandezza termometriche, ` ancora necessario di tarare il termometro; si deve e dunque stabilire una convenzione su quale temperatura chiamare temperatura nulla e su quale sia la variazione di temperatura che vale un grado. Per far questo si usano due temperature di riferimento che siano facilmente riproducibili in laboratorio. Esse vengono chiamate punti ssi e sono: a. La temperatura del ghiaccio in equilibrio con acqua alla pressione di una atmosfera. b. La temperatura del vapore dacqua in equilibrio con acqua alla pressione di una atmosfera. Dati questi punti ssi, tarare un termometro signica decidere che temperatura assegnare a ciascuno dei due e quindi ssare una scala termometrica. Questa scelta ` completamente convenzionale, tanto che e nel vasto mondo si usano tarature molto diverse tra loro. Qui se ne cita solamente una che ` la scala e comunemente usata nei termometri che ci sono familiari; si tratta della scala Celsius4 o centigrada che assegna al punto sso a il valore 0 e al punto sso b il valore 100. Questo denisce implicitamente il grado Celsius o centigrado, che viene indicato con il simbolo C, come la centesima parte dellintervallo di temperatura che separa il punto a dal punto b 5 . La temperatura misurata mediante il grado Celsius viene designata con la lettera t.

1.5

Dilatazione termica.

Come detto sopra, ` un fatto sperimentale che i corpi aumentino il proprio volume allaumentare della e temperatura. In questa sezione si vuole determinare quale legge descrive questo fenomeno. Per semplicit` si comincia con lo studiare come varia, allaumentare della temperatura, la lunghezza di a un corpo unidimensionale; con ci` si intende un corpo in cui una delle dimensioni sia molto maggiore o rispetto alle altre. Si supponga quindi che un certo corpo, per ssare le idee si pensi ad una sbarra metallica, abbia una lunghezza 0 ed una temperatura t0 ; si supponga poi che la temperatura del corpo aumenti no al valore ` t e che, corrispondentemente, la lunghezza aumenti no al valore t . E molto naturale (e, per variazioni di temperatura non troppo elevate, in perfetto accordo con lesperienza) pensare che la variazione di lunghezza sia direttamente proporzionale alla variazione di temperatura t; inoltre c` da aspettarsi e che la variazione di lunghezza sia anche proporzionale alla lunghezza iniziale. Questo pu` essere capito o con il seguente ragionamento. Se una sbarra lunga un metro, per una certa variazione di temperatura, aumenta la sua lunghezza di un centimetro, una sbarra di due metri, per la stessa variazione di temperatura, deve aumentare la sua lunghezza di due centimetri, infatti ciascuno dei due metri della sua lunghezza aumenta di un centimetro. Si pu` riassumere quanto detto con la seguente equazione per la variazione di lunghezza: o = t 0 = 0 t (1.2)

ove ` una costante di proporzionalit` che dipende dal materiale di cui ` composta la sbarra e che e a e viene detto coeciente di dilatazione lineare; di tale coeciente qui basta dire che, per i pi comuni u
Celsius (1701-1744), astronomo svedese. paesi anglosassoni viene usata la scala Fahrenheit (1686-1736) che, rispetto alla scala Celsius, dierisce non solo per la scelta dello zero ma anche per lampiezza del grado; cinque gradi Celsius corrispondono infatti a nove gradi Fahrenheit.
5 Nei 4 Anders

CAPITOLO 1. TERMOMETRIA.

materiali, il suo valore ` dellordine di 105 C1 , ` quindi molto piccolo. Da questa equazione si ottiene e e facilmente [ ] t = 0 1 + (t t0 ) . (1.3) Lequazione precedente assume una forma particolarmente semplice nel caso che la temperatura iniziale sia di zero gradi, cio` se t0 = 0 C: e t = 0 (1 + t) . (1.4)

Questa semplice relazione ` ben confermata dallesperienza per valori di temperatura sucientemente e lontani dal punto di fusione dal materiale. Nel caso in cui il corpo che viene riscaldato sia tridimensionale ` possibile ripetere un ragionamento e e perfettamente analogo a quanto visto nel caso unidimensionale. Se V0 ` il volume iniziale a temperatura t0 , il volume nale Vt a temperatura t ` dato da e [ ] Vt = V0 1 + (t t0 ) (1.5)

e ove la costante , dipendente dal materiale, ` detto coeciente di dilatazione cubica. Anche in questo caso, se la temperatura iniziale ` nulla, si ottiene e Vt = V0 (1 + t) . (1.6)

` E possibile ricavare una semplice relazione fra i coecienti e per uno stesso materiale considerando un corpo cubico (nel caso di un parallelepipedo la dimostrazione ` quasi identica e viene lasciata al lettore e studioso; per un corpo di forma generica, la dimostrazione rigorosa richiede tecniche matematiche pi u complesse il cui utilizzo non modica il senso sico di quanto discusso qui). In tale semplice caso la (1.6) diviene Vt = 3 = 3 (1 + t)3 V0 (1 + 3t) = 3 , (1.7) t 0 ove ` stata usata la (1.4) e lapprossimazione (1 + x) 1 + x, valida per |x| 1 e R.6 e Osservazioni 1. Non sar` inutile osservare che le leggi che descrivono la dilatazione termica presentate in quea sta sezione sono di natura completamente fenomenologica; nonostante il loro buon accordo con lesperimento per variazioni di temperatura non troppo grandi, non si fondano su alcuna ipotesi sulla struttura della materia e, alla ne, non danno una spiegazione ma solo una descrizione della dilatazione termica. 2. Si osservi che il funzionamento del termometro a mercurio descritto nella sezione precedente si basa sul fatto che il mercurio ed il vetro hanno coecienti di dilatazione termica diversi; se cos non fosse, infatti, la colonna di mercurio e il recipiente che lo contiene si ingrandirebbero della stessa quantit` a e non si noterebbe alcun moto relativo: il mercurio dilatato occuperebbe un recipiente dilatato.
6 La dimostrazione per intero ` semplice, basta infatti sviluppare la potenza nesima del binomio e osservare che i e termini contenenti x2 , x3 , . . . sono trascurabili; si ottiene cos :

(1 + x)n 1 + nx . La dimostrazione per non intero richiede le tecniche dellanalisi matematica.

1.6. TRASFORMAZIONI DI UN SISTEMA TERMODINAMICO.

1.6

Trasformazioni di un sistema termodinamico.

Un sistema termodinamico subisce una trasformazione quando evolve da uno stato di equilibrio (stato iniziale) ad un altro (stato nale). Durante la trasformazione, i valori delle variabili di stato mutano. Nel caso in cui lo stato iniziale e nale coincidano, la trasformazione ` detta ciclica. e Particolarmente importanti, per la semplicit` dellanalisi cui si prestano, sono le trasformazioni quaa sistatiche per le quali levoluzione dallo stato di equilibrio iniziale a quello nale avviene attraverso una successione di stati di equilibrio e quindi molto lentamente. Una trasformazione quasistatica che possa essere percorsa anche in senso inverso viene detta trasformazione reversibile. Le trasformazioni reversibili sono quindi un sottoinsieme proprio delle trasformazioni quasistatiche. Osservazioni 1. Le trasformazioni quasistatiche sono ideali. Esse presuppongono che le variabili dinamiche del sistema varino in modo continuo. Una trasformazione quasistatica ` quindi pensabile come una e successione di un numero innito di trasformazioni che connettono tra di loro stati di equilibrio innitamente vicini. Ne consegue anche che queste trasformazioni siano innitamente lente. Si vedr` oltre come sia possibile approssimare ogni trasformazione quasistatica con una sequenza nita a di trasformazioni. 2. Si ` visto come uno stato di equilibrio di un sistema termodinamico sia rappresentabile con un punto e in uno spazio delle fasi opportunamente scelto. Ne consegue che ogni trasformazione quasistatica del sistema ` rappresentabile mediante una curva nello stesso spazio. Si noti che le altre trasformazioni e (cio` quelle non quasistatiche) non sono rappresentabili nello spazio delle fasi in quanto non sono e composte da una successione di stati di equilibrio. Se la trasformazione ` ciclica ne risulta una curva e chiusa. I punti estremi del tratto di curva rappresentante la trasformazione sono ovviamente lo stato iniziale e lo stato nale della trasformazione. Si ` soliti introdurre una nomenclatura specica per e alcune trasformazioni elementari di un uido semplice (si utilizza per le rappresentazioni grache il piano delle fasi pV , vedi gura 1.1).
p p p

Figura 1.1: Rappresentazione sul piano delle fasi. e i. Trasformazione a volume costante o isocora. Sul piano delle fasi ` rappresentata da un segmento verticale. ii. Trasformazione a pressione costante o isobara. Sul piano delle fasi ` rappresentata da un e segmento orizzontale. e iii. Trasformazione a temperatura costante o isoterma. Sul piano delle fasi ` rappresentata da un tratto di iperbole equilatera (cosa che sar` dimostrata alla ne della sezione 1.8). a

CAPITOLO 1. TERMOMETRIA.

3. Le trasformazioni termodinamiche reali non sono mai reversibili. Questo ` un dato empirico di e esperienza comune. Lo studio diretto delle trasformazioni irreversibili ` particolarmente complesso e ed in gran parte ancora da arontare. Per questo motivo lo studio dei fenomeni ad esse connessi viene arontato in prima istanza considerando la classe (ideale) delle trasformazioni reversibili. Si vedr` come sia possibile ottenere anche con questapproccio risultati rilevanti. Alcune cause di a irreversibilit` possono essere schematicamente classicate come segue: a i. irreversibilit` termica: passaggio spontaneo di una quantit` di calore dovuto ad una dierena a za di temperatura. Questa ` la causa studiata con maggior attenzione dalla termodinamie ca. Essa ` incorporata nella teoria, come si vedr`, sotto il nome di secondo principio della e a termodinamica; ii. irreversibilit` chimica: reazioni, soluzioni, diusione e mescolamento di due o pi gas; a u a a iii. irreversibilit` meccanica: perdita di una quantit` di calore per attrito e simili. In linea di principio, la termodinamica dellequilibrio potrebbe essere sviluppata in gran parte senza far cenno a trasformazioni reversibili. Daltro canto, lastrazione in esse contenuta si rivela ecace ed utile nello sviluppare in modo conciso e perspicuo la teoria; per questo ne verr` fatto un uso pi a u ampio del necessario.

1.7

Termometri a gas. assoluta.

Leggi di GayLussac e temperatura

In questa sezione si considera un termometro che utilizzi come sostanza termometrica un gas e come scala termometrica la scala centigrada. Si distinguono due casi a seconda della grandezza termometrica utilizzata: il volume o la pressione. 1. Termometri a pressione costante. In questo tipo di termometro a gas la pressione viene mantenuta costante e come grandezza termometrica viene utilizzato il volume. Secondo le denizioni date nella sezione 1.4, si chiama V0 il volume del gas al punto sso corrispondente alla temperatura di 0 C e V100 il volume del gas al punto sso corrispondente alla temperatura di 100 C. Assumendo che la variazione della temperatura sia proporzionale alla variazione del volume (vedi a questo proposito losservazione 1 pi sotto), al generico volume V assunto dal gas ` possibile associare la temperatura u e centigrada t tale che valga lequazione t V V0 = ; 100 V100 V0 (1.8)

da cui si ottiene facilmente la determinazione della temperatura per mezzo del termometro a pressione costante mediante la formula t = 100 Con qualche calcolo in pi, si ottiene anche u V = V0 (1 + t) , ove per la costante , cui unit` di misura ` C1 , vale lequazione a e = V100 V0 . 100 V0 (1.11) (1.10) V V0 . V100 V0 (1.9)

1.7. TERMOMETRI A GAS. LEGGI DI GAYLUSSAC E TEMPERATURA ASSOLUTA.

2. Termometri a volume costante. In questo tipo di termometro a gas, viceversa, il volume viene mantenuto costante e la pressione viene utilizzata come grandezza termometrica. Se, analogamente a quando fatto sopra, si indica con p0 e p100 rispettivamente la pressione a 0 C e a 100 C, si giunge alla determinazione della temperatura mediante il termometro a volume costante mediante la formula p p0 t = 100 . (1.12) p100 p0 Analogamente allequazione (1.10) si ottiene lequazione p = p0 (1 + t) , ove per la costante vale lequazione = p100 p0 1 C . 100 p0 (1.14) (1.13)

Non ` un caso che nelle due equazioni (1.10) e (1.13) la costante sia indicata con lo stesso simbolo: essa e ` la stessa costante nei due casi. Il fatto cruciale risiede nella constatazione che, per temperature non e troppo basse e pressioni non troppo alte, il valore di ` indipendente dal gas utilizzato. Questo valore ` e e tale che valga 1 = 273.15 C . (1.15) In questo senso le equazioni (1.10) e (1.13) sono da considerarsi universali. Esse sono note con il nome di leggi di Gay-Lussac7 . Si consideri ora lespressione (1 + t) che si trova a secondo membro nelle due formule; pu` essere riscritta o nella forma: ( ) 1 1 + t = + t = (273.15 + t) . (1.16) Se si denisce una nuova scala di temperature, il cui zero si trovi a 273.15 C, in questo modo: 1 (1.17) + t = (273.15 + t) , si ottiene la scala termometrica che utilizza la cosiddetta temperatura assoluta . Lunit` di misura in a questa scala si chiama kelvin8 , simbolo K. La temperatura misurata mediante il kelvin viene designata mediante la lettera maiuscola T . Si noti che 1 C = 1 K, cio` la scala Celsius e la scala assoluta utilizzano e lo stesso grado, dieriscono solo per la posizione dello zero. Le leggi di Gay-Lussac, in termini della temperatura assoluta si scrivono nella semplice forma T V = V0 T e p = p0 T (1.18)

Osservazioni ` 1. E un fatto sperimentale che facendo compiere ad un gas una espansione isobara, la variazione di volume ` direttamente proporzionale alla variazione della temperatura del gas. Quindi lassunzione e fatta subito sopra lequazione (1.8) trova il suo fondamento nellesperimento. e 2. In modo perfettamente analogo ` un fatto sperimentale che facendo compiere ad una gas una trasformazione isocora, la variazione di pressione ` direttamente proporzionale alla variazione di e temperatura del gas. Si pu` quindi concludere, in sintesi, che le due leggi di GayLussac sono leggi o sperimentali.
7 Joseph-Louis 8 William

Gay-Lussac (1778-1850) chimico e sico francese. Thomson, lord Kelvin, (1824-1907) sico matematico irlandese.

10

CAPITOLO 1. TERMOMETRIA.

1.8

Legge di Boyle. Equazione dei gas perfetti.

Altro risultato sperimentale, noto col nome di legge di Boyle9 , ` che se un gas compie una trasformazione e isoterma, il prodotto di pressione e volume si mantiene costante pf Vf = pi Vi (1.19)

ove pi e Vi sono la pressione ed il volume dello stato di equilibrio iniziale e pf e Vf sono la pressione ed il volume dello stato di equilibrio nale. Questi fatti sperimentali ci conducono alla seguente denizione. Si dice gas perfetto o ideale un uido che segue le leggi di Gay-Lussac e di Boyle per ogni valore di temperature e di pressione. Questa idealizzazione si rivela molto valida. In eetti a. lintervallo di temperature e pressioni per il quale le leggi di Gay-Lussac e di Boyle rispecchiano con precisione il comportamento di molti gas reali (ad esempio i gas nobili) ` ampio e comprende e interamente le condizioni normali (pressione atmosferica e temperatura di 20 C=293.15 K); b. le correzioni principali da apportare per valori di temperatura e pressione al di fuori di questintervallo sono giusticabili in modo elementare e di semplice espressione analitica (vedi pi sotto la u sezione 2.2). Dalle leggi di Gay-Lussac e di Boyle si ricava lequazione di stato di un gas perfetto pV = nRT , (1.20)

ove n ` il numero di moli di gas ed R ` una costante universale il cui valore, ottenuto sperimentalmente, e e ` e R = 8.314472(15) J K1 mol1 . (1.21)
p p0 C B

V1

V0

Figura 1.2: Collegamento mediante una isobara seguita ad unisoterma. Per dimostrare questaermazione, si consideri una massa di gas perfetto che si trovi in uno stato di
9 Robert

Boyle (1626-1691), sico e chimico inglese.

1.8. LEGGE DI BOYLE. EQUAZIONE DEI GAS PERFETTI.

11

equilibrio A, caratterizzato dai valori p, V , T . Si consideri sullo stesso piano delle fasi pV un punto sso di riferimento B, caratterizzato dai valori p0 = 1 atm, T0 = 273.15 K, V0 , per la stessa massa di ` gas. E facile mostrare che ` possibile raggiungere lo stato in esame, a partire dallo stato di riferimento, e eettuando una trasformazione composta da una isobara seguita da una isoterma (vedi gura 1.2). Siano p1 , T1 , V1 i valori assunti dalle variabili nello stato di equilibrio C raggiunto al termine della trasformazione isobara. Le leggi di Gay-Lussac applicate a questa isobara ci dicono che V1 = V0 T e p1 = p0 . (1.22)

La legge di Boyle applicata alla isoterma stabilisce che pV = p1 V1 . Combinando queste due equazioni si ottiene pV = p1 V1 = p0 V1 = p0 V0 T . (1.24) (1.23)

Dato che lo stato di riferimento ` ssato una volta per tutte, la quantit` p0 V0 che compare nellultima e a equazione assume un valore sso, per la particolare massa di gas in esame. Occorre ora richiamare la legge di Avogadro10 . Ogni mole di qualunque gas, alla temperatura di 0 C e alla pressione atmosferica occupa il volume di 22.4 litri. Quindi p0 V0 ` proporzionale al numero di moli n del sistema; chiamando R la costante di proporzionalit` e a si ottiene p0 V0 = Rn . (1.25) Questa equazione, posto V0 = 22.4 103 m3 e n = 1 mol, fornisce una determinazione teorica del valore di R. La (1.25), sostituita nella (1.24), fornisce immediatamente lequazione (1.20). Osservazioni 1. Un gas perfetto non pu` raggiungere la temperatura di 0 K: in questo limite volume e pressione o si ridurrebbero, secondo le leggi di Gay-Lussac, a valori nulli e quindi privi di senso. A maggior ragione non sono raggiungibili temperature T < 0 K. Si noti comunque che temperature cos basse sono di gran lunga fuori dal limite di validit` sperimentale delle leggi di Gay-Lussac che quindi non a sono estrapolabili sino a zero kelvin. Nonostante ci`, il fatto che T = 0 K sia per la temperatura o un valore limite inattingibile risulta sperimentalmente stabilito con grande precisione. 2. Le leggi di Boyle e Gay-Lussac utilizzano nella stessa equazione variabili dinamiche correlate a stati di equilibrio dierenti, mentre nella (1.20) compaiono soltanto variabili relative ad un solo stato del sistema (questo `, per inciso, il motivo per cui la (1.20) si chiama equazione di stato). Se il sistema e esegue una trasformazione quasistatica, lequazione (1.20) continua a valere per ognuno degli stati di equilibrio per cui passa il sistema, con lo stesso valore di n. I valori di p, V , T possono variare, ma sempre in modo tale che in ogni punto della trasformazione valga fra di essi la relazione pV = nRT . 3. Si supponga che un gas perfetto compia una trasformazione isoterma a temperatura T0 . Dato che durante la trasformazione, il membro di destra dellequazione di stato si mantiene costantemente uguale a nRT0 , i valori di p e V variano in modo tale che sia pV = nRT0 = costante .
10 Amedeo

(1.26)

Avogadro (1776-1856), giurista e sico matematico di Torino.

12

CAPITOLO 1. TERMOMETRIA.

Sul piano pV , questa ` lequazione di uniperbole equilatera (se ne prende solo il ramo situato nel e primo quadrante): una trasformazione isoterma ` quindi rappresentata sul piano delle fasi da un e tratto di iperbole equilatera. Si lascia al lettore studioso la verica che maggiore ` la temperatura e maggiore ` la distanza del ramo di iperbole dallorigine e che per ogni punto sul piano delle fasi e passa una ed una sola isoterma.

T2

T1

Figura 1.3: Due isoterme con T2 > T1 .

Capitolo 2

Modello molecolare dei gas.


La teoria cinetica dei gas si propone lobiettivo di interpretare le variabili dinamiche usate in ambito termodinamico in termini di variabili introdotte in meccanica newtoniana. A questo scopo essa propone un modello molecolare dei gas introducendo alcune assunzioni semplicative sulla natura delle molecole componenti il gas e delle interazioni fra di esse. A. Natura delle molecole. Una massa gassosa in condizioni normali contiene un numero enorme di unit` elementari (molecole), che sono distribuite uniformemente allinterno del volume del gas. Le a molecole sono rappresentate come sfere rigide indistinguibili di massa m ed il volume occupato da esse ` trascurabile rispetto al volume del gas. A tutti gli eetti le molecole possono quindi essere e considerate puntiformi. B. Natura delle interazioni fra molecole. Le molecole interagiscono solo mediante urti elastici. Le forze intermolecolari sono trascurabili: ne consegue che nellintervallo tra due urti il moto delle molecole ` rettilineo ed uniforme. Gli urti con le pareti del recipiente contenente il gas sono elastici. e C. Principio del caos molecolare. Tutte le direzioni del moto sono ugualmente probabili e ogni possibile moto ` eettivamente realizzato. e

2.1

Analisi del modello: relazione di Joule-Clausius.

Si osservi che lassunzione C e lipotesi di uniformit` della distribuzione delle molecole del gas formalizzano a la richiesta che il gas si trovi in uno stato di equilibrio. Queste assunzioni implicano che: i lenergia totale U posseduta dal gas (energia interna) ` data dalla somma delle energie cinetiche e delle singole molecole U=
N 1 i=1

2 mvi =

N 1 2 m v , 2 i=1 i

(2.1)

dove N ` il numero totale delle molecole e vi ` lintensit` del vettore velocit` della i-esima molecola. e e a a A rigore, questa formula ` valida solo per i gas monoatomici, la cui molecola sia cio` composta e e da un solo atomo. Nel caso di gas poliatomici lespressione per lenergia cinetica di ogni singola molecola non ha questa forma semplice (vedi sotto il principio di equipartizione dellenergia). 13

14 ii Vale la relazione di Joule-Clausius1

CAPITOLO 2. MODELLO MOLECOLARE DEI GAS.

pV =

m 2 v 3 i=1 i
N

(2.2)

per un gas contenuto in un recipiente di volume V e che eserciti sulle pareti una pressione p. Osservazione fondamentale: lequazione (2.2) realizza il programma di esprimere le variabili macroscopiche pressione e volume (membro di sinistra) in termini di grandezze siche microscopiche quali la massa ed il modulo della velocit` delle molecole costituenti il gas (membro di destra). Dalle equazioni a (2.1) e (2.2) segue che N N 1 2 3 m 2 3 U= m vi = v = pV . (2.3) 2 i=1 2 3 i=1 i 2 ` Si supponga ora che il nostro modello molecolare sia utilizzato per descrivere un gas ideale. E possibile allora usare lequazione di stato dei gas perfetti pV = nRT e combinarla con lequazione appena ottenuta. Ne segue 3 U = nRT . (2.4) 2 La formula, molto importante, appena ricavata `, per un intervallo sucientemente ampio di temperature, e in buon accordo con i dati sperimentali. Essa ha la stessa forma per tutti i gas ideali monoatomici, indipendentemente dalla specie chimica. Osservazioni 1. Dalle equazioni appena scritte si ricava T = 2 1 m 2 2 v . mvi = 3nR i=1 2 3nR i=1 i
N N

(2.5)

Il membro di destra ` dunque direttamente proporzionale alla somma delle energie cinetiche di tutte e le molecole del gas. Lespressione della temperatura in termini di grandezze siche microscopiche prende convenzionalmente il nome di interpretazione cinetica della temperatura e identica la temperatura come un parametro adeguato per misurare il grado di agitazione molecolare. ` 2. E importante notare come le velocit` vi delle singole molecole non siano n osservabili n misurabili a e e sperimentalmente. Il reale status di queste variabili dinamiche ` quello di entit` teoriche funzionali e a allo sviluppo dei calcoli allinterno del modello. Esse gurano, prese singolarmente, nei calcoli intermedi, come si vedr` fra breve, ma non nelle equazioni nali, suscettibili di controllo sperimentale. a In eetti, esse compaiono in ogni formula scritta soltanto a formare la grandezza macroscopica
N i=1 2 vi .

(2.6)

3. Per chiarire lultima osservazione, ` opportuna qualche riessione sulluso (e quindi sul signicato) e dei modelli in ambito sico. Un modello intende dare una spiegazione di una serie di fenomeni (dati sperimentali) deducendoli come conseguenze di una teoria sica aermata. La struttura di un modello ` dunque data dai punti seguenti. e
1 James Prescott Joule (1818-1889), sico sperimentale inglese; Rudolf Julius Emanuel Clausius (1822-1888), sico matematico tedesco.

2.1. ANALISI DEL MODELLO: RELAZIONE DI JOULE-CLAUSIUS.

15

i. Una serie di ipotesi. Le ipotesi devono avere un signicato ben determinato ed univoco allinterno di una teoria sica nota (paradigma). Nel nostro caso le ipotesi sono le assunzioni A, B e C, il paradigma cui fanno riferimento ` la meccanica newtoniana. Ognuna delle aermazioni e fatte nelle ipotesi deve quindi essere traducibile nel linguaggio matematico tipico del paradigma di riferimento. Ad esempio, laermazione che le molecole siano distribuite uniformemente viene formalizzata introducendo il concetto matematico di densit`; linteragire delle molecole a solo tramite urti elastici si traduce nellutilizzo dei concetti (matematici) di quantit` di moa to e di energia cinetica e nel postulare i relativi princ di conservazione. Le ipotesi, per`, pi o seppur dotate di contenuto sico, non sono espressione esatta di una realt` sica soggiacente, a ma ne costituiscono una immagine drasticamente semplicata (le molecole sono assimilate a sferette rigide). Questa scelta radicalmente semplicativa pu` essere causata da ragioni oggeto tive (mancanza di un modello dettagliato della struttura molecolare) oppure di convenienza (semplicazione dei calcoli). Ne risulta in ogni caso il carattere prettamente matematico delle ipotesi alla base di un modello sico: esse sono ipotesi nel senso etimologico di fondamenti sulla cui base sviluppare il formalismo matematico necessario. Questo fatto comporta lintroduzione di variabili dinamiche (ad esempio le velocit` vi delle singole molecole) funzionali allo sviluppo a dei calcoli allinterno del modello, cio` di enti teorici privi di contenuto sico eettivo: su di e essi non ` possibile esercitare un controllo sperimentale. e ii. Un apparato matematico con cui manipolare le variabili dinamiche messe in gioco dalle ipotesi. Le manipolazioni servono ad istituire delle relazioni matematiche (sotto forma di equazioni o formule) tra variabili dinamiche misurabili da sottoporre al vaglio della verica sperimentale. Il giudizio sulla bont` di un modello sico, cio` delle sue ipotesi, si esprime dunque al livello del a e controllo sperimentale delle conseguenze dedotte dalle ipotesi, oltre che dalla coerenza interna della struttura matematica. Da quanto detto emergono due conseguenze fondamentali: a) Se due modelli in conitto sono nel medesimo accordo con gli stessi risultati sperimentali, ma se uno lo lasciamo sussistere e laltro che ugualmente si accorda con il fenomeno lo rigettiamo, allora ` chiaro che scadiamo da ogni ricerca naturalistica e piombiamo nel e mito [Epicuro2 , Lettera a Pitocle in Diogene Laerzio, Vite dei loso, X, 87], introducendo dei pregiudizi di natura metasica estranei al campo di ricerca. b) Si pu` parlare di bont` di un modello, ma non ha senso dire che sia vero: esso pu` essere o a o falsicato se predice fatti non conformi alla realt` sperimentale, ma il suo accordo con a essa non lo rende vero. Nel nostro caso, per esempio, il modello molecolare dei gas ha permesso di dedurre limportante formula (2.4) per lenergia interna di un gas perfetto monoatomico, relazione in buon accordo con i dati sperimentali e di cui il paradigma della termodinamica macroscopica era incapace di rendere conto teoricamente. ` 4. E possibile riscrivere la formula (2.5) nel modo seguente: T =
N N mN 1 2 mN0 1 2 vi = v , 3nR N i=1 3R N i=1 i

(2.7)

e dove N0 = N/n ` il numero di Avogadro3 . Si denisce allora la seguente grandezza macroscopica, che riassume linformazione relativa allinsieme delle velocit` molecolari del gas in esame (vedi la a precedente osservazione 2): si dice velocit` quadratica media dellinsieme di molecole in esame a la quantit` positiva vQM tale che a N 1 2 2 vQM = v . (2.8) N i=1 i
2 Epicuro 3 Per

(341-270(1) a.C.), losofo di Samo. una determinazione del valore del numero di Avogadro si veda oltre

16

CAPITOLO 2. MODELLO MOLECOLARE DEI GAS.

Inserendo questa denizione nellultima equazione scritta si ricava mN0 2 v . (2.9) 3R QM Il valore numerico di vQM ` connesso con la velocit` media delle molecole contenute in una massa e a ` di gas ad una certa temperatura. E da notare come vQM dipenda solo dalla temperatura T del gas e non da altri parametri macroscopici come pressione o volume. In eetti, dalla formula precedente si ottiene 3RT 3RT vQM = , = mN0 M dove M ` il peso molecolare del gas espresso in kg. Ad esempio, nel caso dellelio (molecola e monoatomica con M = 2 103 kg) ad una temperatura T = 300 K, si ottiene 3 8.314 300 (2.10) vQM = 1368 m s1 . 2 103 T = 5. Si ` visto che vQM rappresenta una stima ragionevole della velocit` molecolare media. Trattandosi e a di una media, ci si potrebbe chiedere perch non utilizzare la denizione pi usuale di media, cio` e u e vQM =
N 1 vi . N i=1

(2.11)

In eetti, risulta come conseguenza dellassunzione C che vQM 0. ` 6. E ora possibile capire, almeno qualitativamente, perch il coeciente di dilatazione cubica ` lo stesso e e per tutti i gas perfetti, mentre nel caso dei solidi e dei liquidi varia a seconda della sostanza. Una sostanza solida o liquida aumenta di volume allaumentare della temperatura e quindi allorquando le venga fornita energia; tale energia si ritrova come energia cinetica delle molecole della sostanza che ` di vibrazione attorno alla posizione di equilibrio nel reticolo cristallino per i solidi e di traslazione e nel caso dei liquidi. Tale accentuata mobilit` appare macroscopicamente come un aumento di a volume. Naturalmente la maggiore mobilit` delle molecole dipende anche dallintensit` dei legami a a intermolecolari i quali, evidentemente, variano da sostanza a sostanza. Pertanto la dilatazione (e quindi il coeciente di dilatazione cubica) dipende, oltre che dallaumento di temperatura, anche dalle forze di coesione e quindi varia al variare della sostanza in esame. Nel caso dei gas perfetti, invece, non c` interazione intermolecolare e quindi la dilatazione dipende solo dallaumento di e temperatura, quindi tutti i gas hanno lo stesso coeciente di dilatazione. Si pu` concludere che o ha lo stesso valore per tutti i gas perfetti perch sono assenti le forze intermolecolari. e Dimostrazione della relazione di Joule-Clausius. Si consideri una massa di gas racchiusa in un recipiente cubico, il cui spigolo abbia lunghezza l. Si denoti con S larea della supercie di ogni faccia e con V il volume del cubo. Si supponga che il gas sia composto da molecole che vericano le assunzioni A, B, C sopra enunciate. Si vuole calcolare la pressione che il gas esercita sulle pareti del recipiente. Essa ` dovuta alla forza che le molecole esercitano in virt degli e u urti (assunzione B). Si consideri una singola molecola nel momento dellurto con la parete, supponendo per semplicit` che la parete sia perpendicolare allasse x. Dato che le molecole sono puntiformi e gli urti a con la parete sono elastici (assunzioni A e B), ad ogni urto viene trasferito un impulso (variazione della quantit` di moto) 2mvx alla parete. a e Il numero di urti, nellintervallo di tempo t, delle molecole contro la parete ` uguale a vx t/2l e quindi limpulso trasferito, nel intervallo di tempo t, da ogni molecola alla parete ` dato da e 2mvx
2 mvx t vx t = . 2l l

(2.12)

2.1. ANALISI DEL MODELLO: RELAZIONE DI JOULE-CLAUSIUS.

17

vy

vx

vy

vx

Figura 2.1: Urto di una molecola contro una parete. Limpulso totale trasferito dal moto molecolare alla parete si ottiene sommando i contributi di ogni singola molecola: N 2 mvi,x t impulso totale = . (2.13) l i=1 Il suo valore diviso per il tempo t, ` per denizione uguale al modulo della forza Fx esercitata dal gas e su una parete ortogonale allasse x: Fx =
N N N 2 2 impulso totale mvi,x t mvi,x m 2 = = = v . t lt l l i=1 i,x i=1 i=1

(2.14)

Data la denizione di pressione p = F/S ed il fatto che, per la scatola cubica in questione, si ha V = lS, ne risulta come valore per la pressione px esercitata dal gas su una parete ortogonale allasse x,
N N m 2 Fx m 2 = px = v = v . S Sl i=1 i,x V i=1 i,x

(2.15)

In denitiva si ottiene che px V = m

N i=1

2 vi,x .

(2.16)

Si noti ora come lassunzione C implichi che, in media su tempi sucientemente lunghi, le somme su tutte le molecole delle singole componenti delle velocit` siano fra loro uguali (si cerchi di riettere su a

18

CAPITOLO 2. MODELLO MOLECOLARE DEI GAS.

come motivare questa aermazione):


N i=1 2 vi,x

N i=1

2 vi,y

N i=1

2 vi,z .

(2.17)

Ricordando che il modulo della velocit` si ottiene in termini delle sue componenti secondo la formula a 2 2 2 2 vi = vi,x + vi,y + vi,z , si ricava facilmente che 1 2 2 2 2 vi = vi,x = vi,y = vi,z . 3 i=1 i=1 i=1 i=1
N N N N

(2.18)

Da questultima relazione si ottengono due risultati: 1. Se si fosse condotta la dimostrazione utilizzando una parete perpendicolare allasse y oppure z, si sarebbero ricavate le analoghe formule py V = m
N i=1 2 vi,y

pz V = m

N i=1

2 vi,z .

(2.19)

Usando lequazione (2.17) si vede subito che ne risulta px = py = pz p in accordo con il principio di Pascal4 . 2. Confrontando le equazioni (2.16) e (2.18) si ottiene pV = che ` la relazione di Joule-Clausius. e Osservazione importante. Si provi a completare la dimostrazione senza utilizzare lassunzione C (ad esempio considerando un gas composto da una sola molecola). Si commentino su questa base le asserzioni che la temperatura ` un concetto statistico e non ha senso parlare di temperatura per un e gas composto da una sola molecola. m 2 v , 3 i=1 i
N

(2.20)

2.2

Equazione di van der Waals.

Lequazione di van der Waals5 costituisce una modica allequazione di stato dei gas perfetti pV = nRT tale da renderla pi idonea a descrivere il comportamento di un gas reale. La logica che conduce a scrivere u questa equazione ` la seguente: assumendo come valide le assunzioni alla base del modello molecolare di e un gas si determina come loro conseguenza lequazione pV = nRT . Opportune modiche nelle assunzioni comportano modiche corrispondenti nellequazione di stato. Le modiche si ottengono considerando non trascurabili a. il volume occupato dalle molecole (cfr. assunzione A); b. le forze intermolecolari (cfr. assunzione B). Si vedano in dettaglio.
4 Blaise 5 Johannes

Pascal (1623-1662), losofo francese. Diderik van der Waals (1837-1923), sico olandese.

2.2. EQUAZIONE DI VAN DER WAALS.

19

a. Si supponga che ogni molecola occupi un volume nito, per quanto piccolo. La totalit` delle a molecole contenute in una mole di gas occupa pertanto un volume nito, che viene di solito indicato con b. Il valore della costante b dipende dalle dimensioni delle molecole e quindi dal gas. Se ho a disposizione n moli di gas ne risulta un volume nb. Questa porzione di volume del gas non pu` o essere utilizzata dalle molecole per i loro movimenti. Il volume eettivamente disponibile ` non pi e u V , ma V nb. La prima modica allequazione di stato si ottiene dunque sostituendo V con V nb: p(V nb) = nRT . (2.21)

b. La presenza di forze intermolecolari altera il valore della pressione presente nellequazione di stato. In eetti, scrivendo lequazione (2.21) appena ricavata nella forma nRT . (2.22) V nb Questo valore della pressione ` quello che si misurerebbe se le forze intermolecolari fossero trascure abili; in caso contrario si ragiona come segue. Le forze intermolecolari non hanno eetto su una p=

Figura 2.2: Forze intermolecolari in prossimit` di una parete ed allinterno. a molecola allinterno del volume di gas: esse si annullano reciprocamente (` una conseguenza dele lassunzione A: le molecole sono distribuite uniformemente). Se una molecola si trova invece in prossimit` di una parete, essa risente di forze (non equilibrate) a che la attraggono verso linterno (vedi gura 2.2). Ne risulta che la pressione misurata ` minore di e quella [data dallequazione (2.21)] che si misurerebbe in assenza di forze. Lespressione analitica di questa riduzione si calcola considerando che i. ogni singola molecola nei pressi della parete risente di una forza proporzionale al numero di molecole che si trovano nelle vicinanze; questo numero ` proporzionale alla concentrazione del e gas n/V ; ii. per ottenere la pressione sulla parete ` necessario considerare i contributi dovuti a tutte le e molecole vicine alla parete; il loro numero ` ancora proporzionale alla concentrazione n/V . e In denitiva, la riduzione della pressione ` proporzionale a n2 /V 2 . Se si indica a la costante di e proporzionalit` che dipende dallintensit` delle forze intermolecolari e quindi dal gas, risulta a a p= nRT n2 a 2 . V nb V (2.23)

Solitamente lequazione di van der Waals si scrive nella forma: ( ) an2 p + 2 (V nb) = nRT . V (2.24)

20

CAPITOLO 2. MODELLO MOLECOLARE DEI GAS.

2.3

Gradi di libert`. a

Si dice grado di libert` di un sistema sico ognuna delle coordinate indipendenti necessarie per specia carne completamente posizione ed orientazione nello spazio. Il numero di gradi di libert` di un sistema a sico si indica con la lettera greca . Esempi: a) Corpo puntiforme vincolato a muoversi su di una retta: = 1; infatti scelta unorigine, la distanza da essa costituisce lunica coordinata necessaria. Lo stesso risultato vale nel caso la linea sia curva. b) Corpo puntiforme vincolato a muoversi sulla supercie di una sfera: = 2; infatti scelto convenzionalmente un polo, si possono usare latitudine e longitudine; questo ` esattamente il procedie mento che si utilizza per identicare un punto sulla supercie terrestre. c) Corpo puntiforme libero nello spazio: = 3; ad esempio le tre coordinate cartesiane. Per lassunzione A della teoria cinetica, = 3 ` anche il numero di gradi di libert` di ogni molecola di un gas e a perfetto monoatomico. d) Molecola biatomica nello spazio, schematizzabile come una coppia di molecole puntiformi collegate rigidamente: = 5; infatti, per specicarne completamente posizione ed orientazione si procede come segue: si ssi la posizione di una delle due molecole; per far questo occorrono tre coordinate e quindi tre gradi di libert` (vedi sopra). Laltra molecola ` vincolata a muoversi sulla supercie a e supercie sferica avente come centro la prima essendo collegata rigidamente ad essa; la sua posizione ` univocamente determinata da due coordinate (vedi sopra). Ne risulta che occorrono 5 coordinate. e e) Molecola poliatomica: = 6.

2.4

Principio di equipartizione dellenergia.

Lesperienza mostra che lequazione (2.4) ` in buon accordo con i dati sperimentali solo per i gas monoatoe mici. Questa espressione per lenergia interna si ricava dal modello molecolare, che schematizza le molecole come sfere rigide. Tale schematizzazione ` inadeguata per i gas poliatomici (ad esempio CO2 ). Una e regola, di dimostrazione non elementare, per ricavare unespressione per lenergia interna di un gas ideale poliatomico ` il seguente principio di equipartizione dellenergia. e Lenergia interna di una mole di gas perfetto si ottiene attribuendo ad ogni grado di libert` unenergia RT /2. a Si noti: lipotesi che lenergia attribuibile sia la stessa per ogni grado di libert` deriva dallassunzione A a della teoria cinetica. Quindi, per n moli di gas vale: 3 nRT 2 5 nRT U= 2 3nRT gas monoatomico: gas biatomico: gas poliatomico: =3, =5, =6. (2.25)

Questi valori sono, per temperature non troppo alte, in discreto accordo con i dati sperimentali.

Capitolo 3

Calore e lavoro.
Si ` visto nel principio zero della termodinamica che due gas, che si trovino inizialmente a temperature e diverse, se posti a contatto raggiungono, dopo un tempo sucientemente lungo, lequilibrio termico e quindi la stessa temperatura. Ora dal modello molecolare dei gas si trova che la temperatura ` una e misura dellenergia di un gas; si deve quindi riconoscere che nel processo alla ne del quale i due gas hanno raggiunto la stessa temperatura avviene uno scambio di energia fra i gas. A tale energia scambiata viene convenzionalmente dato il nome di calore.

3.1

Capacit` termica. a

Si esaminino ora alcuni fatti sperimentali. Si supponga di disporre di due corpi della stessa sostanza aventi masse diverse m1 ed m2 e temperature t1 e t2 con t1 < t2 . Per il principio zero della termodinamica, i due corpi, se messi a contatto e isolati dallambiente esterno, raggiungono, dopo un certo tempo, la stessa temperatura di equilibrio t. Lesperienza mostra che il valore di t ` compreso fra t1 e t2 ed ` e e tale che valga la relazione m1 (t t1 ) = m2 (t2 t) . (3.1) Si supponga ora di mettere a contatto due corpi di sostanze diverse aventi masse m1 ed m2 e temperature t1 e t2 con t1 < t2 ; per il principio zero della termodinamica i due corpi, se isolati dallambiente esterno, raggiungono ancora la stessa temperatura. In questo caso per` lequazione (3.1) non ` pi valida, ma o e u deve essere sostituita dalla: m1 c1 (t t1 ) = m2 c2 (t2 t) . (3.2) Questa equazione ` la denizione di calore specico, cio`: se due corpi allequilibrio hanno entrambi e e la temperatura t che verica lequazione (3.2), i due corpi hanno rispettivamente calore specico c1 e c2 . Data la (3.2) rimane denito, per confronto, il calore specico di qualunque sostanza una volta che sia stata scelta arbitrariamente una sostanza di riferimento cui assegnare il calore specico unitario. Come sostanza di riferimento viene scelta lacqua alla pressione di una atmosfera e alla temperatura di 14.5 C. In questo modo il calore specico di ogni altro corpo ` determinato dallequazione (3.2) ponendo il corpo e in questione a contatto con lacqua e misurando le masse e variazioni di temperatura. Si osservi che il calore specico di una sostanza ` indipendente dalla massa. Il prodotto del calore specico e di un corpo per la sua massa viene detto capacit` termica e viene indicata con il simbolo C; vale quindi: a C = mc . (3.3)

Con riferimento allequazione (3.2), si deniscono quantit` di calore assorbita dal corpo a temperaa tura minore t1 e quantit` di calore ceduta dal corpo a temperatura maggiore t2 rispettivamente le a 21

22

CAPITOLO 3. CALORE E LAVORO.

espressioni Q1 = m1 c1 (t t1 ) e Q2 = m2 c2 (t t2 ) . (3.4) Si osservi che, dato che t1 < t < t2 , risulta Q1 > 0 e Q2 < 0; questa convenzione verr` adottata anche nel a seguito: si considera positiva la quantit` di calore assorbita dal sistema e negativa la quantit` di calore a a ceduta dal sistema. Cos il corpo di massa m1 assorbe la quantit` di calore Q1 , che quindi ` positiva, a e mentre il corpo di massa m2 cede la quantit` di calore Q2 , che quindi ` negativa. a e Con queste denizioni si pu` riscrivere lequazione (3.2) nella forma o Q1 + Q2 = 0 , si pu` quindi aermare che o se due corpi raggiungono lequilibrio termico la somma algebrica delle quantit` di a calore scambiate ` nulla. e Lunit` di misura per la quantit` di calore ` denita nel modo seguente. Si dice chilocaloria, simbolo a a e kcal, la quantit` di calore necessaria per aumentare da 14.5 C a 15.5 C la temperatura di 1 kg di acqua a alla pressione di una atmosfera. Unaltra unit` frequentemente usata ` la caloria, simbolo cal, denita come la quantit` di calore a e a necessaria ad aumentare da 14.5 C a 15.5 C la temperatura di un grammo dacqua. Vale la relazione 1 kcal = 103 cal . (3.6) (3.5)

Data lunit` di misura per la quantit` di calore, rimane denita lunit` di misura per il calore specico e a a a per la capacit` termica: esse sono rispettivamente kcal kg1 C1 e kcal C1 . Quindi il calore specico a dellacqua alla pressione di unatmosfera e alla temperatura di 14.5 C ` c = 1 kcal kg1 C1 . e

3.2

Misura dei calori specici.

Per la misurazione del calore specico di un corpo si usa uno strumento detto calorimetro. Un calorimetro dal semplice funzionamento ` quello detto delle mescolanze o di Regnault1 . Questo e ` un cilindro isolato termicamente dallesterno ove ` collocato un recipiente R contenente una quantit` e e a dacqua di massa mH2 O nota; nellacqua sono immersi il bulbo di un termometro a mercurio T ed un agitatore A. Si abbia quindi un corpo di massa m nota di cui si vuole determinare il calore specico c. Si porti il corpo ad una temperatura nota t1 (per esempio immergendolo per un tempo suciente in acqua bollente, cosicch t1 = 100 C) si immerge il corpo nellacqua e si chiude velocemente il coperchio e del calorimetro. Si muove lagitatore per garantire luniformit` della temperatura dellacqua. Dopo un a tempo sucientemente lungo linterno del calorimetro raggiunge lequilibrio termico a temperatura teq che viene letta sul termometro T . Il corpo, pi caldo, ha ceduto calore allacqua e tutte le altre parti del u calorimetro: il recipiente R, lagitatore A e il termometro T . Deve quindi valere la relazione mc(t1 teq ) = (mH2 O + m )cH2 O (teq t0 ) da cui si ottiene c= (mH2 O + m ) cH2 O (teq t0 ) . m(t1 teq ) (3.7)

(3.8)

La quantit` m ` detta equivalente in acqua del calorimetro e rappresenta la massa dacqua che a e ha la stessa capacit` termica del calorimetro. Nei calorimetri in commercio il valore di m ` fornito dal a e
1 Henri-Victor

Regnault (1810-1878), chimico e sico francese.

3.3. CAMBIAMENTI DI STATO: CALORI LATENTI.


T A

23

Figura 3.1: Calorimetro delle mescolanze di Regnault. costruttore; in mancanza di tale dato, m pu` essere misurata inserendo nel calorimetro, al posto del o corpo di calore specico ignoto, una quantit` dacqua di massa m1 e temperatura t1 note. In questo caso a la (3.7) diventa m1 cH2 O (t1 teq ) = (mH2 O + m )cH2 O (teq t0 ) (3.9) da cui m = m1 (t1 teq ) mH2 O (teq t0 ) . teq t0 (3.10)

3.3

Cambiamenti di stato: calori latenti.

Esistono delle situazioni particolari in natura in cui ` possibile cedere o sottrarre una quantit` di calore e a ad un corpo senza che esso aumenti di temperatura. Questo si verica quando la sostanza che scambia la quantit` di calore ha un cambiamento di stato. Una sostanza allo stato liquido pu`, sotto opportune a o condizioni di temperatura e di pressione, passare allo stato solido o allo stato aeriforme. Si dice vaporizzazione il cambiamento dallo stato liquido allo stato aeriforme, solidicazione il cambiamento dallo stato liquido allo stato solido. Si dicono, inoltre liquefazione o condensazione e fusione i cambiamenti di stato opposti (cio` da aeriforme a liquido e da solido a liquido). e In casi particolari una sostanza solida pu` passare direttamente allo stato aeriforme o viceversa senza o passare attraverso lo stato liquido intermedio: tale cambiamento di stato, presente in ogni sostanza ma molto evidente in alcune sostanze come lo iodio, la canfora e la naftalina ` detto sublimazione. Come e ` gi` stato detto, ` un fatto sperimentale che e a e durante un cambiamento di stato la temperatura si mantiene costante. Quindi, per ogni sostanza, si ha una temperatura di vaporizzazione te (uguale alla temperatura di liquefazione) e una temperatura di fusione tf (uguale alla temperatura di solidicazione). queste temperature non sono costanti, ma dipendono, come si vedr` dalla pressione. Nel caso dellacqua, come dovrebbe a essere gi` noto, si ha, alla pressione di una atmosfera, rispettivamente tf = 0 C e te = 100 C. a Sperimentalmente si verica che la quantit` di calore ceduta o assorbita dal corpo durante il cambiamento a di stato ` proporzionale alla massa del corpo in questione, vale cio` la relazione: e e Q = m , (3.11)

24

CAPITOLO 3. CALORE E LAVORO.

` detto calore latente del cambiamento di stato considerato. e Il calore latente di fusione non viene utilizzato per innalzare la temperatura ma per rompere i forti legami che tengono insieme le molecole di una sostanza in fase solida. Questo ` il motivo per cui la temperatura e rimane costante. Viceversa quando una sostanza in fase liquida solidica, riformando i legami ora citati, cede una quantit` di calore uguale a quella assorbita nel processo di fusione. a

3.4

Misura delle quantit` di calore. a

Per la misura delle quantit` di calore si usano diversi dispositivi; qui viene descritto il funzionamento a del calorimetro a ghiaccio di Bunsen2 . Una provetta di vetro ` inserita in un grosso bulbo, pure di e vetro, collegato sul fondo ad un tubo riempito di mercurio, come rappresentato in gura 3.2. Lo spazio fra la provetta ed il bulbo sia riempito dacqua ed il tutto sia inserito in un recipiente pieno di ghiaccio fondente, e quindi a temperatura di 0 C. Introducendo nella provetta un po di etere, a causa della sottrazione di calore necessario allevaporazione, si forma uno strato di ghiaccio intorno alla provetta. A questo punto si introduca nella provetta un corpo di temperatura T > 0. IL ghiaccio cede calore al

ghiaccio acqua

Figura 3.2: Calorimetro a ghiaccio di Bunsen. corpo no a che esso non raggiunge la temperatura di equilibrio di 0 C. Questo determina la fusione di una certa quantit` di ghiaccio e quindi un arretramento del mercurio nel tubo, a causa della riduzione di a volume sino. Tarando e graduando opportunamente la parte nale del tubo, si pu` leggere la quantit` o a di calore ceduta dal corpo al ghiaccio. Dalla misura del calore scambiato, conoscendo la temperatura iniziale (e quindi la variazione di temperatura) ` possibile determinare il calore specico del corpo, che e ha ceduto calore al ghiaccio.

3.5

Evaporazione, vaporizzazione e condensazione.

Si aronta in questo paragrafo, con un certo dettaglio, lesame di un particolare cambiamento di stato particolarmente importante per la ricchezza della sua fenomenologia e per la sua importanza nella vita quotidiana. Si tratta del cambiamento di stato da liquido a vapore. Lanalisi dettagliata del processo porta a mettere a fuoco la distinzione fra vapore e gas e come tale distinzione dipenda dalla temperatura e dalla pressione della sostanza in questione. Si cominci con limmaginare dellacqua, sia per esempio a temperatura ambiente, contenuta in un recipiente scoperto. Le molecole del liquido possiedono una certa velocit` media che dipende dalla temperatura a in modo analogo (sebbene non cos semplice) a come avviene per i gas. Sebbene la velocit` media sia a
2 Robert

Wilhelm von Bunsen (1811-1899), chimico e sico tedesco.

3.6. TEMPERATURA CRITICA E DIAGRAMMA DI FASE.

25

ssata dalla temperatura, esistono molecole con velocit` maggiore della media come ne esistono con a velocit` minore. Le pi veloci, quando si trovano in prossimit` della supercie del liquido, tendono a a u a ` staccarsi ed a muoversi liberamente nellatmosfera. E questo il fenomeno dellevaporazione. Esso si distingue dalla vaporizzazione poich interessa solo alcune delle molecole che si trovano sulla supercie e del liquido ed, inoltre, avviene a qualsiasi temperatura minore della temperatura di ebollizione; viceversa la vaporizzazione interessa tutto il volume del liquido ed avviene solo alla temperatura di ebollizione che, peraltro, come si vedr`, dipende dalla pressione esterna. a Per capire qualcosa di pi di quel che accade, si collochi un coperchio al recipiente e si faccia il vuoto nello u spazio fra la supercie del liquido ed il coperchio. Ancora le molecole del liquido tendono progressivamente ad evaporare ma ora non sono pi libere di andarsene: si muovono nello spazio vuoto racchiuso dal u coperchio ed alcune di esse tendono a ricadere nel liquido. Dopo un tempo sucientemente lungo si viene a creare una situazione di equilibrio fra le molecole che evaporano e quelle che ricadono nel liquido. In tale situazione ` massima la quantit` di vapore presente nello spazio racchiuso dal coperchio a quella data e a temperatura. Si dice allora che il volume disponibile tra la supercie del liquido ed il coperchio ` satura e di vapore: non ` possibile aumentare la quantit` di vapore presente. La pressione del vapore in questa e a situazione ` detta pressione del vapore saturo. Se si aumenta la temperatura del liquido aumenta la e velocit` media delle molecole e quindi aumenta il numero delle molecole che evaporano. In questo modo a la situazione di equilibrio si sposta verso una maggiore presenza di molecole di vapore. In altre parole allaumentare della temperatura aumenta la pressione del vapore saturo. Se il liquido non evapora nel vuoto, come si sta supponendo, ma in presenza di altri gas, per esempio laria, la pressione del vapore saturo ` solo una parte della pressione totale. A questo proposito si denisce e umidit` relativa dellaria il rapporto, solitamente espresso in percentuale, fra la pressione del vapore a dacqua che si trova in quel momento nellatmosfera e la pressione del vapore saturo alla temperatura dellatmosfera, cio`, in altre parole, il rapporto fra la quantit` di vapore presente e la massima quantit` e a a di vapore possibile a quella temperatura. Al diminuire della temperatura la pressione di vapore saturo diminuisce e pu` eguagliare la pressione del vapore presente nellaria, si dice, in tal caso, che laria ` o e satura di vapore e che vi ` unumidit` del 100%; unulteriore diminuzione della temperatura porta alla e a condensazione di parte del vapore in modo che la sua pressione non ecceda quella del vapore saturo. Per questo motivo, di notte, campi e strade si bagnano di quella che viene comunemente chiamata rugiada: essi sono pi freddi dellaria circostante e quindi il vapore daria a contatto con il suolo condensa. Dinverno, u se la temperatura scende sotto lo zero il vapore solidica e si forma la brina. Se invece la temperatura dellaria satura di vapore dacqua scende, il vapore condensa in goccioline detta, com` noto, nebbia. e Resta ancora da capire, in questo schema concettuale, perch lacqua alla temperatura di 100 C vaporizza e ed entra in ebollizione. Il motivo ` che a 100 C la pressione del vapore saturo eguaglia la pressione e atmosferica e quindi le microscopiche bollicine di vapore presenti nel liquido hanno una pressione interna uguale a quella del liquido esterno, quindi cominciano ad espandersi; in questo modo riducono la loro densit` e, a causa della legge di Archimede3 , sono spinti verso lalto. Quindi un liquido bolle quando a la pressione del suo vapore saturo raggiunge la pressione esterna. Ecco perch in alta montagna, ove la e pressione esterna ` minore di quella a valle, lacqua bolle a temperatura minore di 100 C. e

3.6

Temperatura critica e diagramma di fase.

La transizione di fase fra un liquido ed il suo vapore quindi dipende dalla pressione e dalla temperatura. In particolare, volendo condensare un dato vapore si deve portare la sua pressione al di sopra della pressione del vapore saturo. A tale scopo si pu` diminuire la temperatura a pressione costante in modo o da diminuire la pressione del vapore saturo mantenendo costante la pressione del vapore; oppure si pu` o aumentare la pressione del vapore a temperatura costante in modo da aumentare la pressione del vapore mantenendo costante la pressione del vapore saturo. Questo processo ha per` delle limitazioni. Infatti o
3 Archimede

(287(?)-212 a.C.) grande scienziato di Siracusa.

26

CAPITOLO 3. CALORE E LAVORO.

al di sopra di una certa temperatura detta temperatura critica, che cambia da sostanza a sostanza, non c` modo di ottenere la condensazione del vapore mediante compressione. In tale caso si abbandona e il nome di vapore per adottare quello di gas. Quindi si dice gas una sostanza aeriforme al di sopra della temperatura critica, e vapore una sostanza aeriforme al di sotto della temperatura critica. Questa distinzione pu` essere qualitativamente spiegata aermando che al di sopra della temperatura o critica lenergia cinetica delle molecole ` troppo alta perch le forze intermolecolari possano tenerle legate e e e quindi non c` pressione che valga a formare i legami molecolari necessari alla condensazione. e Tale situazione ` ben illustrata dalla seguente gura 3.3 in cui sono disegnate alcune curve isoterme a e varie temperature sopra e sotto la temperatura critica. Per capire che cosa accade, si supponga di avere una sostanza aeriforme al di sotto della temperatura critica. Se il gas viene compresso isotermicamente la
p

GAS LIQ

TC
LIQ+VAP VAP

Figura 3.3: Isoterme vicino alla temperatura critica. pressione aumenta ed il volume diminuisce no a che la pressione non raggiunge il valore della pressione del vapore saturo a quella data temperatura: ci` avviene quando lisoterma comincia il tratto orizzontale. o Allora il vapore comincia a condensare mantenendo costante la sua pressione (che, essendo quella del vapore saturo, ` la massima pressione cui pu` trovarsi il vapore a quella temperatura). e o Quando la condensazione ` completata, e tutto il vapore ` diventato liquido, lisoterma diventa quasi e e verticale: i liquidi infatti, essendo sostanzialmente incomprimibili, hanno piccole variazioni di volume anche per grandi variazioni di pressione. Oltre la temperatura critica non ` pi possibile la condensazione e u ` e lisoterma assume la familiare forma di iperbole equilatera tipica dei gas perfetti. E evidente quindi che un gas reale approssima bene un gas perfetto solo per temperature ben maggiori della temperatura critica.

3.7

Diagramma pT e punto triplo.

` E conveniente rappresentare le curve del cambiamento di stato in un diagramma ove si abbia la pressione in ordinata e la temperatura in ascissa. Ad esempio la curva che separa lo stato di vapore dallo stato liquido ` dato dalla curva mostrata nel e primo graco della gura 3.4. I punti sulla curva rappresentano gli stati di equilibrio fra liquido e vapore, cio` la curva mostra come varia la pressione del vapore saturo al variare della temperatura. Il punto C e rappresenta lo stato corrispondente alla temperatura critica oltre il quale non c` pi lo stato di vapore e u ma vi ` lo stato di gas. Laltra gura mostra la curva di fusione i cui punti rappresentano gli stati e di equilibrio fra liquido e solido, la curva quindi mostra landamento della temperatura di fusione al variare della pressione. Nel secondo graco della gura 3.4 ` rappresentata la curva di fusione dellacqua: e

3.8. ANCORA SULLE TRASFORMAZIONI DI UN SISTEMA TERMODINAMICO.


p C p

27

TC

Figura 3.4: Curve di vaporizzazione e di solidicazione. si vede che la temperatura di fusione diminuisce allaumentare della pressione; questo fatto pu` essere o qualitativamente compreso come segue. Durante la solidicazione dellacqua si ha un aumento di volume, quindi una diminuzione di pressione facilita la solidicazione dellacqua cio` al diminuire della pressione la e solidicazione avviene a temperature pi alte, come rappresentato nel graco. La situazione ovviamente u
p C LIQ SOL pT VAP TT TC T

Figura 3.5: Punto triplo. si capovolge per le sostanze che diminuiscono di volume solidicandosi; per esse la pendenza della curva ` positiva, cio` la curva pende verso il lato destro. Tracciando simultaneamente la curva della pressione e e del vapore saturo e la curva di fusione (vedi gura 3.5) si vede che esse si incontrano in un punto PT detto punto triplo. Nello stato corrispondente al punto PT vi ` equilibrio di tutte e tre le fasi: solido, e liquido e vapore. Nel caso dellacqua il punto triplo si ha per T = 0.01 C = 273.16 K e pT = 610.5 Pa: al di sotto della pressione del punto triplo esistono la fase solida e la fase di vapore separate dalla curva di sublimazione.

3.8

Ancora sulle trasformazioni di un sistema termodinamico.

Lintroduzione del concetto di calore, fatto nei paragra precedenti consente di fare le seguenti aermazioni riguardo allo scambio termico nelle trasformazioni termodinamiche.

28

CAPITOLO 3. CALORE E LAVORO.

Osservazioni 1. Linsieme di tutti i sistemi sici che interagiscono o possono interagire con un sistema termodinamico ` detto ambiente esterno. Fra le interazioni possibili, ci interessano in particolare le seguenti: e i. Scambio di lavoro fra il sistema termodinamico e lambiente esterno (vedi paragrafo successivo). Ci` pu` essere realizzato, ad esempio, se il sistema ` contenuto in un recipiente a parete o o e mobile, cui sia connesso un meccanismo che converta in lavoro meccanico eventuali espansioni e compressioni (e viceversa). Si vedr` tra poco come il lavoro eettuato da un sistema a termodinamico sia determinato da variazioni del suo volume. ii. Scambio di quantit` di calore fra il sistema termodinamico ed lambiente esterno. In questo a caso si suppone che lambiente esterno si trovi ad una temperatura T ben determinata ed invariabile e che funga da riserva inesauribile di calore. In relazione a queste caratteristiche lambiente esterno viene spesso denominato sorgente termica o serbatoio di calore. Una sorgente termica a temperatura T serve a mantenere costante sul valore T la temperatura del sistema termodinamico con cui ` a contatto (si usa qui il principio zero della termodinamica): e essa ha dunque una funzione di termostato. Questo d` un senso allaermazione precedente a che una sorgente ` una riserva inesauribile di calore. In eetti, se il sistema termodinamie co, a temperatura T1 ed avente capacit` termica C1 , ` posto a contatto con una sorgente a a e temperatura T ad avente capacit` termica C, la temperatura di equilibrio ` data da: a e Teq = C1 T1 + CT . C1 + C (3.12)

Se la sorgente ha una capacit` termica molto grande rispetto a quella del sistema termodinaa mico, cio` se C C1 , si ha che Teq T . Una sorgente termica ` quindi capace di scambiare e e grandi quantit` di calore senza che la sua temperatura vari apprezzabilmente. Ricordando a che C = mc, dove c ` il calore specico, si deduce che, per avere sorgenti con capacit` tere a miche molto elevate, ` suciente prenderle di massa molto elevata (si rietta su come questa e considerazione si applichi a spiegare leetto mitigatore del mare). Se lambiente esterno si riduce allinsieme vuoto, allora il sistema ` isolato (confronta con lossere vazione 3 della sezione 1.2). 2. Allelenco fatto nel primo capitolo delle trasformazioni elementari ` opportuno aggiungere qui la e trasformazione in cui non ci sia scambio di calore con lambiente esterno; una tale trasformazione ` e detta adiabatica. Sul piano delle fasi ` rappresentata da un tratto di curva simile ad uniperbole e equilatera, ma con una pendenza maggiore. Si noti come, durante una trasformazione isoterma, il sistema resti a contatto con una sola sorgente termica. Durante una trasformazione adiabatica il sistema non scambia calore con lesterno e quindi non ` a contatto con nessuna sorgente termica. Per ogni altra trasformazione il sistema e passa attraverso una serie di stati a temperatura dierente (idealmente, uninnit` di stati). In a ognuno di questi stati, occorre pensare il sistema in contatto con una sorgente termica dierente (vedi losservazione successiva). a o e 3. In realt`, si pu` dimostrare che ogni trasformazione quasistatica di un uido semplice ` approssimabile, con un grado di precisione arbitrario, mediante una successione di un numero nito di trasformazioni adiabatiche ed isoterme alternate (vedi gura 3.6). La possibilit` di questa approssimazione a ha una formalizzazione matematica ed un signicato sico ben precisi (vedi anche losservazione 4). Connesso con questultimo vi ` il fatto che la trasformazione approssimante (cio` la serie di adiae e batiche ed isoterme) mette a contatto il sistema con un numero nito di sorgenti termiche distinte (vedi losservazione precedente).

3.9. LAVORO DI UNA TRASFORMAZIONE.


p

29

Figura 3.6: Approssimabilit` di unisobara per mezzo di isoterme ed adiabatiche. a 4. Si ricordi (osservazione 2) che un sistema che eettua una trasformazione adiabatica non ha scambi di calore con lambiente esterno, mentre nel corso di di una trasformazione isoterma il calore viene scambiato con ununica sorgente (alla stessa temperatura del sistema termodinamico). Le possibili cause di irreversibilit` sono quindi ridotte ai casi chimico e meccanico, in linea di principio pi a u facilmente controllabili. Isoterme ed adiabatiche si trovano per ci` su un piano concettuale ed o empirico diverso rispetto a tutte le altre trasformazioni; in questo senso acquista maggior rilevanza il risultato di approssimabilit` menzionato nellosservazione 3. a

3.9

Lavoro di una trasformazione.

Si dimostra in questa sezione come, eettuando una trasformazione di un sistema termodinamico, sia possibile compiere lavoro sullambiente esterno e si determina una formula elementare per calcolare il lavoro compiuto. Si consideri a questo scopo un modello semplice: una quantit` di gas racchiusa in un recipiente di volume a V . Il recipiente ` rigido, eccettuata una parte mobile (o pistone) di area S, a tenuta stagna e perfettamente e scorrevole. Si supponga che il gas si trovi in uno stato di equilibrio: la sua pressione uguaglia la pressione esterna, p = pext , ed il pistone si trova in quiete. Se il gas viene forzato ad espandersi (ad esempio perch e riscaldato) la parete mobile si sposta sino a che non venga raggiunta una nuova situazione di equilibrio. Si indichi con x il modulo dello spostamento della parete (vedi gura 3.7): esso si compie in verso opposto alla forza di pressione esterna Fext , il cui modulo ` legato alla pressione esterna dalla relazione e Fext = pext S. Il lavoro Lext compiuto dalla forza esterna Fext ` dato da Lext = F ext x. Si noti ora e

pext

pext

Figura 3.7: Lavoro di una trasformazione.

30

CAPITOLO 3. CALORE E LAVORO.

che i vettori Fext e x sono paralleli ma hanno versi opposti. Ne risulta Lext = Fext x = pext Sx = pext V < 0 , (3.13)

dove V ` la variazione di volume del recipiente. Il lavoro compiuto dalla forza esterna sul sistema ` e e quindi negativo, ed ` in realt` il sistema a compiere lavoro sullesterno. Poich la parete scorre senza e a e attrito, e non vi ` variazione di energia cinetica, il lavoro L compiuto dal sistema risulta uguale ed opposto e a quello compiuto contro la forza esterna: L = Lext . Perci` o L = pext V . Osservazioni 1. Viene assunta la seguente convenzione: L > 0 se il lavoro ` compiuto dal sistema termodinamico e sull ambiente esterno; L < 0 in caso contrario, cio` se il lavoro viene compiuto dall ambiente esterno e sul sistema. In particolare, risulta L > 0 se si verica un incremento V > 0 del volume del sistema, inversamente L < 0 se V < 0. 2. Si pu` dimostrare che la formula (3.14) risulta vera qualunque sia la forma del recipiente. o 3. Il pregio della formula (3.14) consiste nella sua applicabilit` a qualsiasi trasformazione, anche quelle a che non siano quasistatiche (ad esempio unespansione causata dallesplosione del gas). Il suo difetto ` quello di contenere la grandezza pext , che non ` una variabile di stato del gas. Nel caso la e e trasformazione compiuta dal gas sia quasistatica ed isobara, questo difetto pu` essere eliminato in o modo immediato. In eetti, la trasformazione compiendosi attraverso una successione di stati di equilibrio, pext ` in ogni istante, e non solo agli istanti iniziale e nale, equilibrata da p: ne risulta e p = pext . Per unisobara quasistatica vale quindi L = pV . (3.15) (3.14)

4. Nel caso di un uido semplice, lesame del graco di una trasformazione isobara quasistatica sul piano pV fornisce una semplice interpretazione geometrica per il lavoro compiuto (si veda la prima delle gure 3.8). Il suo valore coincide con larea della porzione di piano compresa fra il graco della trasformazione e lasse delle ascisse. Larea ` presa con il segno positivo se la trasformazione e
p p p

L>0 L<0 L L>0 Vi Vf V L<0 V V

Figura 3.8: Interpretazione geometrica del lavoro. ha luogo nel verso dei volumi crescenti, con segno negativo in caso contrario (vedi osservazione 1).

3.9. LAVORO DI UNA TRASFORMAZIONE.

31

5. Il risultato trovato nella precedente osservazione ha validit` generale, infatti data una qualsiasi a trasformazione quasistatica, si pu` dimostrare che il valore del lavoro compiuto coincide con larea o della porzione di piano pV compresa fra il graco della trasformazione e lasse delle ascisse. (vedi la ` seconda delle gure 3.8). E questo il motivo per cui si ` soliti scegliere il piano pV per rappresentare e stati di equilibrio e trasformazioni. Si noti come questa interpretazione geometrica vada perduta nel caso di trasformazioni che non siano quasistatiche, dato che esse non sono rappresentabili sul piano pV . Se la trasformazione ` ciclica il valore del lavoro compiuto coincide con larea della porzione di e piano racchiusa dalla trasformazione. Esso ` positivo se il ciclo ` percorso in senso orario, negativo e e ` se ` percorso in senso antiorario (vedi la terza delle gure 3.8). E molto importante notare come il e lavoro compiuto durante una trasformazione non dipenda soltanto dallo stato iniziale e nale, ma anche alla particolare trasformazione che li connette (vedi gura 3.9).
p 1

2 L1 > L2 V

Figura 3.9: Il lavoro dipende dalla trasformazione. 6. In particolare per una trasformazione isocora si ha L=0. (3.16)

` 7. E possibile dimostrare che per una trasformazione isoterma quasistaica nella quale il gas passa da uno stato iniziale di volume Vi ad uno nale di volume Vf ` e L = nRT log Vf . Vi (3.17)

Ricordando le propriet` del logaritmo, si vede che questo lavoro ` positivo quando il gas si espande a e (Vf > Vi ) ed ` negativo quando il gas subisce una compressione (Vf < Vi ), in accordo con le e convenzioni scelte per il segno del lavoro.

Capitolo 4

Primo principio della termodinamica.


4.1 Energia interna.

` E un dato di esperienza comune come durante una trasformazione un sistema termodinamico possa ` scambiare calore e lavoro con lambiente esterno. E un risultato sperimentale che nel caso di trasformazioni cicliche questi sono legati dalla relazione, Q=L (4.1) esprimente il principio di equivalenza. Se un sistema materiale esegue una trasformazione ciclica durante la quale vengano scambiati con lesterno il calore Q ed il lavoro L, questi coincidono, qualunque sia il sistema considerato o la trasformazione cui ` stato sottoposto. e Questo, chiaramente, ` numericamente vero solo se Q ed L vengono misurati con la stessa unit` di misura; e a viceversa misurando il lavoro in joule ed il calore in calorie vale la relazione L = 4.186 J cal1 . Q (4.2)

La determinazione di questo numero, detto equivalente meccanico della caloria, viene fatta sperimentalmente. Il primo a fare tale misura ` stato Joule mediante lesperimento di seguito schematicamente e illustrato. Si consideri una provetta di un calorimetro di Bunsen (vedi la sezione 3.4) che contenga una certa quantit` di acqua leggermente salata per evitare la formazione di ghiaccio. Dentro lacqua si trovino a delle palette libere di ruotare attorno ad un asse verticale alla sommit` del quale si trova una carrucola; a sulla carrucola ` avvolto del lo in modo che i suoi due capi pendano ai lati del recipiente e vi siano e appesi due pesetti di massa uguale e nota m (vedi gura 4.1). Lasciandoli liberi di scendere, i due pesetti si muovono, dopo una breve fase transitoria, di moto uniforme ad una velocit` v, facilmente misurabile. a Quando i due pesetti sono scesi di un tratto h, il lo si sgancia dalla carrucola e le palette, non pi u soggette a forze, rallentano e in breve si fermano. Si consideri il moto dei due pesetti. Il lavoro fatto su di loro (dalla forza peso e dalle tensioni ai due capi del lo) va in parte in energia cinetica dei pesetti stessi, in parte, che si indica con L, viene ceduto al sistema costituito dalle palette e dellacqua; L pu` o essere facilmente calcolato quindi misurando v e h, infatti 1 L = 2mgh 2 mv 2 . 2 32 (4.3)

4.1. ENERGIA INTERNA.

33

Figura 4.1: Prima esperienza di Joule. Quando il lo si sgancia lacqua ha una temperatura maggiore di 0 C come si vede dal fatto che parte del ghiaccio si ` sciolto e il mercurio si ` ritirato; dopo qualche minuto si ristabilisce lequilibrio termico e il e e sistema costituito dallacqua e dalle palette torna alla temperatura di 0 C. Quindi il sistema acqua-palette ha subito una trasformazione ciclica nella quale ha compiuto il lavoro dato dalla (4.3), e ha scambiato con il calorimetro il calore Q che viene misurato direttamente dal calorimetro. Ripetendo questo esperimento variando le condizioni sperimentali, quali la massa dei pesi, la quantit` dacqua presente nella provetta o a il tratto h della discesa, si trova per il rapporto di L e Q sempre il valore dato dalla (4.2). Si ricordino le convenzioni sui segni: Q > 0 se il sistema assorbe una quantit` di calore dallambiente a esterno, L > 0 se il sistema compie lavoro sullambiente esterno. Nel caso di trasformazioni non cicliche si dimostra (vedi oltre) che esiste una funzione U dello stato del sistema termodinamico tale che, indicando con U la variazione dallo stato iniziale a quello nale (U Uf Ui ), vale la seguente relazione, che esprime il primo principio della termodinamica: Q = U + L . (4.4)

Osservazioni 1. Il primo principio ` lestensione ai fenomeni termici del principio di conservazione dellenergia: esso e contiene anche la quantit` di calore Q scambiata con lambiente esterno. a 2. Il primo principio trova applicazione quando si abbia una trasformazione di un sistema termodinamico. Q ed L non dipendono soltanto dallo stato iniziale e nale del sistema, ma anche dalla particolare trasformazione che li connette. U ` una funzione di stato: essa dipende dallo stato e ` iniziale e nale del sistema ma non dalla particolare trasformazione che li connette. E importante notare come U sia una funzione matematica, di signicato sico non immediatamente esperibile (vedi osservazione seguente): per alcuni sistemi sici particolarmente complessi la forma esplicita della funzione U non ` nota. e e a 3. La funzione U prende il nome di energia interna. La locuzione energia interna ` gi` stata incontrata nel corso della discussione del modello molecolare di un gas perfetto. Questa coincidenza terminologica non ` casuale: i due concetti vengono identicati. Questa ipotesi ` confortata dalla e e seguente considerazione. Si prendano due recipienti uguali accuratamente isolati termicamente dallesterno, comunicanti mediante un rubinetto R. Nel primo recipiente si trovi un gas in uno stato di equilibrio alla temperatura T , nellaltro si faccia un vuoto spinto. Quindi si apra bruscamente

34

CAPITOLO 4. PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

Figura 4.2: Seconda esperienza di Joule. il rubinetto. Si chiede come cambi la temperatura del gas in seguito a questa espansione. Se il modello nora sviluppato ` corretto, la temperatura deve rimanere costante; infatti il gas non pu` e o ricevere n cedere energia in quanto non pu` scambiare calore n compie lavoro espandendosi nel e o e vuoto. Questo esperimento di espansione libera di un gas ` stato condotto per la prima volta da e Gay-Lussac e perfezionato da Joule i risultati furono in buon accordo con le previsioni della teoria. Alla luce di quanto visto ` possibile fare quindi la seguente aermazione. e Lenergia interna di un gas perfetto dipende solo dalla sua temperatura. ` E importante notare come questo risultato sperimentale non sia esatto (n potrebbe esserlo, dato che e un gas ideale ` solo un concetto teorico). Laermazione precedente deve essere pi opportunamente e u considerata come assunzione ulteriore che denisce in modo pi completo il concetto di gas perfetto. u Dimostrazione che esiste una funzione di stato U tale che Q = U + L. Si premette una osservazione importante. Ci` che verr` ora dimostrato non ` il sussistere della relazione o a e (4.4), dove U ` lenergia interna di un gas calcolata sulla base del modello molecolare. Si dimostra ine vece, per qualsiasi sistema termodinamico (eventualmente anche un sistema per cui non valga il modello molecolare sopra discusso) sottoposto ad una trasformazione, lesistenza di una funzione di stato U tale che valga la (4.4), senza che sia possibile fornire ulteriori informazioni sulla forma eettiva di U . Nel caso in cui il sistema termodinamico in questione sia un uido semplice, tali informazioni sono desumibili solo a partire da un determinato modello microscopico del uido, ogni modello fornendo una funzione U ben precisa, ma diversa da quella ottenibile con modelli diversi. Lidenticazione di U con una di queste funzioni ` unassunzione ulteriore (vedi sopra losservazione 3). Viceversa, esistono (vedi osservazione 2) e sistemi termodinamici per i quali non ` nota la forma esplicita della funzione U . e Si venga ora alla dimostrazione, che, per semplicit`, ` riferita ad un uido semplice sottoposto a trasfora e mazioni quasistatiche. Si consideri un ciclo composto da due trasformazioni (vedi il primo graco della gura 4.3) che connettono fra loro due stati di equilibrio A e B in modo da costituire un ciclo. Si indichino le due trasformazioni con 1 e 2. Il principio di equivalenza applicato allintero ciclo (trasformazione 1 + 2) dice che (4.5) (Q L)1+2 = 0 . Dato che il lavoro e la quantit` di calore scambiati durante un ciclo sono la somma del lavoro e della a quantit` di calore scambiati nel corso delle trasformazioni componenti, ne consegue che a (Q L)1+2 = (Q L)1 + (Q L)2 = 0 , e quindi (Q L)1 = (Q L)2 . (4.7) Si connettano ora i due stati A e B con una diversa trasformazione, chiamata 3, che sostituisca la trasformazione 1 (si veda il secondo graco della gura 4.3). Il ragionamento che appena fatto porta a (4.6)

4.1. ENERGIA INTERNA.


p p 3 1 A 2 B A 2 1 B

35

Figura 4.3: Ciclo composto dalle trasformazioni 1 e 2. La trasformazione 3 sostituisce la 1. concludere, in questo caso, che (Q L)3 = (Q L)2 . Confrontando le equazioni (4.7) e (4.8) si ottiene (Q L)1 = (Q L)3 . (4.9) (4.8)

Si noti ora che le trasformazioni 1, 2, 3 sono arbitrarie, e che lultima relazione scritta non contiene alcun riferimento alla trasformazione 2. Potremmo ripetere questo argomento per qualsiasi trasformazione (anche non quasistatica) che connetta gli stati A e B, arrivando alla conclusione che il valore della quantit` Q L ` indipendente da quale trasformazione sia stata eettuata per passare dallo stato A a e allo stato B, restando inteso che questi due stati estremali vengano mantenuti ssi. Si noti inoltre come questo valore non sia identicamente uguale a zero (` un dato sperimentale!). e Se ne conclude che, ssati gli stati A e B, il valore di Q L calcolato per qualsiasi trasformazione A B che li connetta ` una funzione dei soli stati A e B. e
p
AB

B A
BA

Figura 4.4: Le trasformazioni A B e B A. Conviene denotare questo stato di cose nel modo seguente: (Q L)AB = U (A, B) , (4.10)

dove U (A, B) ` una funzione da determinare. Allo scopo di ottenere qualche ulteriore informazione sulla e funzione U (A, B), si supponga di connettere A e B mediante una trasformazione, che viene indicata con il simbolo A B, e che la trasformazione B A riporti il sistema allo stato iniziale (si veda la gura

36

CAPITOLO 4. PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

4.4) Eseguendo le due trasformazioni in successione si ottiene un ciclo, per il quale vale il principio di equivalenza: Q L = 0. Usando largomento esposto sopra si trova (Q L)AB+BA = (Q L)AB + (Q L)BA = 0 , e quindi (Q L)AB = (Q L)BA ovvero, usando lequazione (4.10), U (A, B) = U (B, A) . (4.13) Si supponga ora di far evolvere il sistema termodinamico dallo stato A allo stato B passando attraverso uno stato di riferimento intermedio, detto R. Tenendo presente lequazione (4.10), si ottiene
p R B A

(4.11) (4.12)

Figura 4.5: Lo stato di riferimento R. U (A, B) = (Q L)AB = (Q L)AR + (Q L)RB = U (A, R) + U (R, B) . Applicando ora lequazione (4.13) alla trasformazione A R si ricava U (A, R) = U (R, A) . Questultima formula, sostituita nellequazione (4.14), d` inne la relazione a U (A, B) = U (R, A) + U (R, B) = U (R, B) U (R, A) . (4.16) (4.15) (4.14)

Fissando lo stato di riferimento R una volta per tutte, ` possibile omettere di indicarlo ogni volta nella e funzione U e scrivere ad esempio U (R, A) U (A). Quindi U (A, B) = U (B) U (A) . (4.17)

Si confrontino le equazioni (4.10) e (4.17); si pu` dedurre che facendo evolvere uno stato di equilibrio A di o un sistema termodinamico in uno stato di equilibrio B per mezzo di una trasformazione arbitraria A B, ` possibile determinare una funzione U dello stato del sistema tale che, posto U U (B) U (A), valga e la relazione (4.18) (Q L)AB = U e quindi Q = U + L (4.19) che ` quanto si doveva dimostrare; alla luce di tutto ci` si enuncia il primo principio della termodinamica e o nella forma seguente.

` 4.2. CAPACITA TERMICHE DI UN GAS PERFETTO: CP E CV . La quantit` di calore scambiata durante una trasformazione ` uguale alla somma a e della variazione di energia interna e del lavoro compiuto nel corso della trasformazione. Per capire che cosa sia sicamente lo stato di riferimento arbitrario R, si osservi che vale U (A) = U (R, A) = U (A) U (R) U (R) = 0

37

(4.20)

R ` quindi lo stato termodinamico cui corrisponde energia interna nulla. Come vale per lenergia potene ziale in meccanica, anche lenergia interna U ` denita a meno di una costante additiva che viene ssata e scegliendo arbitrariamente lo stato di energia nulla. Osservazioni 1. Il primo principio della termodinamica si applica indierentemente sia a trasformazioni quasistatiche che non quasistatiche e, allinterno della prima categoria, sia a trasformazioni reversibili che irreversibili. Il suo spettro di validit` ` dunque il pi generale possibile. ae u 2. Nel caso di trasformazioni isobare quasistatiche lequazione (4.4), esprimente il primo principio si pu` scrivere [cfr. equazione (3.14)]: o Q = U + pV . (4.21)

4.2

Capacit` termiche di un gas perfetto: Cp e CV . a

Si ricordi la denizione di capacit` termica di una sostanza solida o liquida: essa ` il coeciente di a e proporzionalit` fra la quantit` di calore Q scambiata e la variazione di temperatura conseguentemente a a prodotta nella sostanza: Q = CT . (4.22) e La capacit` termica C ` quindi data dal rapporto a C= Q . T (4.23)

In stretta analogia si deniscono le capacit` termiche di un gas. Si supponga in eetti di sottoporre un a gas ad una trasformazione durante la quale risulti scambiata con lambiente esterno una certa quantit` a di calore Q. A seguito della trasformazione, la temperatura del gas subisce, in generale, una variazione T . Si noti per` come, a parit` di stato iniziale e nale, il valore di Q dipenda dalla trasformazione o a concretamente eettuata per connetterli. Ne consegue che, nel caso di un gas, esiste una pluralit` a di capacit` termiche: ssati gli stati iniziale e nale, il valore della capacit` termica dipende dalla a a trasformazione eettuata per connetterli. ` E consuetudine utilizzare due capacit` termiche per unit` di mole di base nello studio dei gas: la capacit` a a a termica a pressione costante Cp , legata alleettuazione di una trasformazione isobara e denita da ) ( Q , Cp (4.24) nT p=cost e la capacit` termica a volume costante CV , legata alleettuazione di una trasformazione isocora e a denita da ) ( Q . CV (4.25) nT V =cost

38

CAPITOLO 4. PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

Si ricordi che, nel caso di una trasformazione isocora vale la relazione L = 0. In questo caso, dal primo principio della termodinamica segue immediatamente che Q = U e quindi che ( ) Q U CV = . (4.26) nT V =cost nT A questo punto ` possibile calcolare il valore di CV per un gas perfetto usando il principio di equipartizione e dellenergia, e in particolare lequazione (2.25), ottenendo 3 R gas monoatomico, 2 5 U CV = = R gas biatomico, (4.27) 2 nT 3R gas poliatomico. Confrontando ancora queste relazioni con le (2.25), si ottiene limportante formula per lenergia interna di un gas perfetto U = nCV T . (4.28) Il calcolo di Cp per un gas perfetto ` agevolato dal sussistere della relazione di Mayer1 : e Cp = CV + R . La dimostrazione dellequazione (4.29) ` la seguente: e ( Cp ( = Q nT ) =
p=cost

(4.29)

nCV T + nRT nT

U + L nT )
p=cost

) nCV T + pV = = nT p=cost p=cost ( ) (CV + R) nT = = CV + R . nT p=cost

(4.30)

` E stato utilizzato il primo principio della termodinamica, la (4.21) ed il fatto che in una trasformazione isobara una variazione di volume del gas ` proporzionale ad una variazione di temperatura data dalla e formula pV = nRT . Ne conseguono immediatamente i seguenti valori di Cp per un gas perfetto 5 R gas monoatomico, 2 7 R gas biatomico, Cp = (4.31) 2 4R gas poliatomico. Conviene riassumere il calcolo U , L e Q per le trasformazioni termodinamiche elementari. Trasformazione isocora (V = 0): U = nCV T L = 0 Q = nCV T
1 Robert

(4.32) (4.33) (4.34)

Mayer (1814-1878), medico tedesco.

4.3. EQUAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI ADIABATICHE. Trasformazione isobara (p = 0): U = nCV T L = pV = nRT Q = nCp T Trasformazione isoterma (T = 0): U = 0 pi Vf = nRT log Vi pf Vf pi Q = L = nRT log = nRT log Vi pf L = nRT log Trasformazione adiabatica (Q = 0): U = nCV T L = U = nCV T Q =0

39

(4.35) (4.36) (4.37)

(4.38) (4.39) (4.40)

(4.41) (4.42) (4.43)

4.3

Equazione delle trasformazioni adiabatiche.

Dato uno stato termodinamico A si consideri una trasformazione adiabatica quasistatica che colleghi A con lo stato B; allora ` possibile dimostrare, purtroppo in maniera non elementare, che sussiste la e seguente equazione
pA VA = pB VB

(4.44)

dove si ` usata la denizione e

Cp CV + R R = =1+ , CV CV CV

(4.45)

si osservi che > 1. Poich per A e B vale lequazione di stato (1.20), si pu` scrivere e o pA = nRTA VA e pB = nRTB VB (4.46)

che, sostituita nella precedente equazione fornisce unequazione equivalente alla (4.44): nRTA nRTB VA = V VA VB B Analogamente, osservando che valgono VA = si trova pA ( ) = pB nRTA pA ( nRTB pB ) =
p1 TA = p1 TB . A B

1 1 TA VA = TB VB .

(4.47)

VB =

nRTB , pB

(4.48)

nRTA pA

(4.49)

La (4.44) ` lequazione del graco che rappresenta una trasformazione adiabatica sul piano delle fasi e pV . Questo graco ` una curva di andamento simile a quello di unisoterma (che, si ricordi, ` uniperbole e e

40

CAPITOLO 4. PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

equilatera), ma ha pendenza maggiore. Tale maggiore pendenza ` dovuta al fatto che > 1; confrontando e infatti le equazioni dellisoterma e delladiabatica pV = cost , pV = cost (4.50)

si vede che nella prima p ` inversamente proporzionale a V , mentre nella seconda ` inversamente e e proporzionale a V ; pertanto per lo stesso aumento di volume nel secondo caso si ha una maggiore diminuzione di pressione. La questione ` chiarita dal seguente esempio numerico. Si consideri un gas e
p pA A

pB pC

B C VA VB = VC V

Figura 4.6: Confronto fra adiabatica e isoterma. monoatomico, per il quale = 5/3, che si trovi inizialmente nello stato A con pA = 105 Pa e VA = 103 m3 e si supponga che il gas subisca unespansione in cui il suo volume raddoppi (si veda la gura 4.6); se lespansione ` isoterma il gas raggiunge lo stato B con e VB = 2VA , pB = 1 pA ; 2 (4.51)

se lespansione ` adiabatica il gas raggiunge lo stato C con e ( ) ( )5/3 VA 1 VB = 2VA , pB = = pA 0.3 pA . VB 2

(4.52)

Si vede cos che la diminuzione di pressione nel caso adiabatico ` maggiore che nel caso isotermo, per e uguali incrementi del volume, quindi il graco della trasformazione adiabatica ha un pendenza maggiore. Osservazioni 1. Un sistema la cui evoluzione ` sicuramente adiabatica ` lintero universo; questo, in una approssie e mazione un po grezza ma ragionevole per quel che riguarda la presente questione, pu` essere o considerato come un gas poliatomico e quindi con = 4/3; applicando allespansione delluniverso la legge delle trasformazioni adiabatiche nella forma (4.47), si trova T V 1/3 = cost , (4.53)

quindi durante lespansione delluniverso la temperatura varia in modo inversamente proporzionale a V 1/3 cio` alla dimensione lineare delluniverso. In altre parole se il raggio delluniverso raddoppia e la sua temperatura dimezza. Questi risultati sono in buon accordo con la misura della temperatura attuale delluniverso2 : (4.54) T = 2.725(1) K
2 J.C.

Mather et al, Astrophys. J., 512, (1999), 511.

Capitolo 5

Secondo principio della termodinamica.


5.1 Rendimento di un ciclo termodinamico.

Si consideri un sistema termodinamico che compia una trasformazione ciclica, composta da un numero nito di trasformazioni elementari, nel corso della quale viene compiuto un lavoro meccanico L a spese del calore Q scambiato con lambiente esterno. Un simile dispositivo prende il nome di macchina termica. Sia Qa la quantit` di calore complessivamente assorbita dal sistema e Qc quella ceduta. Si ricordi che, a secondo le convenzioni adottate, vale Qa > 0 e Qc < 0. Per denizione la quantit` di calore scambiata a dal sistema durante il ciclo ` data da Q = Qa + Qc . Per misurare lecacia della trasformazione nel e convertire in lavoro il calore fornito al sistema si introduce il parametro (eta) detto rendimento di un ciclo termodinamico (ovvero di una macchina termica): = L . Qa (5.1)

Ricordando principio di equivalenza per il quale, per una trasformazione ciclica vale Q = L, si trova = L Q Qa + Qc Qc = = =1+ . Qa Qa Qa Qa (5.2)

Osservazioni 1. Si noti che L e Qa sono quantit` positive, il loro rapporto ` pertanto un numero positivo: quindi a e 0. Si noti anche che Qc e Qa sono quantit` di segno discorde pertanto il loro rapporto ` a e negativo: quindi 1. Combinando questi due fatti si ottiene: 01. (5.3)

Si osservi quindi che una macchina termica ha rendimento 1 quando tutto il calore assorbito viene trasformato in lavoro; ha invece rendimento zero quando tutto il calore assorbito viene ceduto ` senza ottenere alcun lavoro. E importante osservare che per ottenere la (5.3) ` stato usato soltanto e il principio di equivalenza. e 2. Quanto detto sinora vale per qualunque ciclo composto da trasformazioni quasistatiche, cio` sia per cicli reversibili che per cicli irreversibili.

41

42

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

5.2

Rendimento di un ciclo di Carnot.

Si consideri un sistema termodinamico costituito da n moli di un gas perfetto che compia un ciclo di trasformazioni scambiando calore soltanto con due sorgenti termiche, a temperature T1 e T2 con T1 < T2 . Levoluzione del sistema ` dunque descritta da due trasformazioni isoterme (si vedano le osservazioni e 2, 3 e 4 della sezione 3.8). Durante le fasi intermedie, di passaggio da unisoterma allaltra, il sistema non deve scambiare calore con altre sorgenti; quindi la sua evoluzione ` descritta da due trasformazioni e adiabatiche. Un ciclo termodinamico cos denito prende il nome di ciclo di Carnot1 operante fra le temperature T1 e T2 (vedi gura 5.1). Se le trasformazioni del ciclo sono reversibili il ciclo ` detto ciclo e di Carnot reversibile. Si osservi, che, ssate le temperature T1 e T2 , vi ` un numero illimitato di cicli di e
p A T2 B D

T1

C V

Figura 5.1: Il ciclo di Carnot. Carnot operanti fra di esse: basta connettere le due isoterme con delle adiabatiche dierenti. Si calcoli dunque il rendimento per un ciclo di Carnot operante fra le temperature T1 e T2 : esso ` composto da e quattro trasformazioni elementari (gura 5.1), per ognuna delle quali ` facile calcolare il lavoro compiuto e ed il calore scambiato. Se il ciclo ` percorso in senso orario il lavoro ` fatto sullesterno ed ` quindi e e e positivo. AB Espansione isoterma. LAB = QAB = nRT2 log ove la disuguaglianza deriva dal fatto che VB > VA . BC Espansione adiabatica. LBC = nCV T = nCV (T1 T2 ) = nCV (T2 T1 ) > 0 (5.5) QBC = 0 , dove la disuguaglianza deriva dal fatto che T2 > T1 .
1 Sadi

VB >0, VA

(5.4)

Carnot (1796-1832), matematico e sico francese.

5.2. RENDIMENTO DI UN CICLO DI CARNOT.

43

CD Compressione isoterma. LCD = QCD = nRT1 log dove la disuguaglianza deriva dal fatto che VD < VC . DA Compressione adiabatica. LDA = nCV T = nCV (T2 T1 ) = LBC < 0 (5.7) QDA = 0 , dove la disuguaglianza deriva dal fatto che T2 > T1 . Quindi VB , (5.8) VA VB VD L = LAB + LBC + LCD + LDA = nRT2 log + nRT1 log , (5.9) VA VC dove ` stato usato il fatto che LBC + LDA = 0. Lultima relazione pu` essere resa pi semplice e e o u maneggevole utilizzando la seguente propriet` delle trasformazioni adiabatiche la cui dimostrazione viene a lasciata al lettore studioso, che si giover` dellequazione (4.47): a Qa = QAB = nRT2 log VA VD = . VC VB Sostituendo la (5.10) nella (5.9), si ottiene: L = nRT2 log VB VA VB VB + nRT1 log = nRT2 log nRT1 log = VA VB VA VA VB = nR(T2 T1 ) log . VA (5.10) VD <0 VC (5.6)

(5.11)

Confrontando questa equazione con la (5.8), si trova: L = = Qa In conclusione si ottiene =1 T1 . T2 (5.13) nR(T2 T1 ) log VB nRT2 log VA VB VA T2 T 1 T1 =1 . T2 T2

(5.12)

Osservazioni 1. Il rendimento di un ciclo di Carnot dipende solo dalle temperature T1 e T2 alle quali avvengono le trasformazioni isoterme e non da quali siano le trasformazioni adiabatiche che le collegano. e 2. Si osservi che in nessun punto del calcolo del rendimento si ` usato il concetto di trasformazione reversibile. Pertanto lequazione (5.13) vale sia per un ciclo di Carnot reversibile sia per un ciclo di Carnot irreversibile.

44

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

5.3

Macchine frigorifere.

Una macchina frigorifera pu` essere schematizzata come un sistema termodinamico che compie una o trasformazione ciclica con le seguenti caratteristiche: i. viene compiuto lavoro dallesterno sul sistema; ii. una quantit` di calore Q1 viene assorbita da una sorgente a temperatura T1 e una quantit` di calore a a Q2 viene ceduta ad una sorgente a temperatura T2 e vale T2 > T1 . Un ciclo di Carnot percorso in senso antiorario costituisce un esempio di macchina frigorifera. Si denisce ecienza di una macchina frigorifera il rapporto Q1 /L. Il segno meno viene introdotto per ottenere una quantit` positiva, dato che Q1 > 0 ed L < 0. Nel caso particolare di un ciclo di Carnot a percorso in senso inverso, tale rapporto dipende solo da T1 e da T2 . Infatti ( ) Q1 Q2 Q1 T2 T1 T1 = = = = , (5.14) L L Q2 T2 T1 T2 T2 T1 dove, nel terzo passaggio, ` stato usato il fatto che, per un ciclo di Carnot valgono: e L T1 =1 Q2 T2 e Q1 T1 = . Q2 T2 (5.15)

5.4

Secondo principio della termodinamica.

Il secondo principio della termodinamica esprime lirreversibilit` dei fenomeni termici: ` una formaliza e zazione di fatti sperimentali di cui si trova riscontro anche nella nostra esperienza comune. Tradizionalmente, viene presentato in due forme (enunciati), ognuna delle quali ` correlata ad un insieme e di fatti ben distinto dallaltro. Il primo insieme di dati sperimentali pu` essere riportato alla seguente o aermazione. Non esiste alcuna macchina termica tale da convertire in lavoro tutto il calore assorbito da ununica sorgente. Cio` non ` possibile che una macchina termica abbia rendimento = 1. Il secondo insieme di dati e e sperimentali pu` essere riportato alla seguente aermazione: o Il passaggio di calore da un corpo freddo ad un corpo caldo, non ` un processo e spontaneo. Questi fatti attestano un carattere di irreversibilit` dei fenomeni termici; ` una loro caratteristica pecua e liare: un tale carattere non compare nel quadro teorico della meccanica newtoniana, le cui leggi del moto sono esplicitamente indipendenti dal verso in cui i processi si svolgono, n allinterno della fenomenoloe ` gia cui la meccanica sia applicabile. E naturale chiedersi quindi se non sia desumibile da essi un unico principio sico. A questo scopo, ` opportuno riformulare entrambe le osservazioni riferite sopra usando e un linguaggio comune, in modo da poter confrontare il loro contenuto. Il primo insieme di dati sperimentali ` formalizzato dallenunciato di Kelvin. e Un sistema termodinamico non pu` compiere una trasformazione ciclica in cui il o calore assorbito da un unica sorgente sia interamente convertito in lavoro compiuto sullambiente esterno.

5.5. EQUIVALENZA DEGLI ENUNCIATI DI CLAUSIUS E KELVIN.

45

Il secondo insieme di dati sperimentali ` formalizzato dallenunciato di Clausius e Un sistema termodinamico non pu` compiere una trasformazione ciclica in cui il o calore assorbito da un unica sorgente a temperatura T1 sia interamente ceduto ad una sorgente a temperatura T2 > T1 .

5.5

Equivalenza degli enunciati di Clausius e Kelvin.

Lequivalenza viene stabilita mostrando che gli enunciati si implicano reciprocamente. Ognuna di queste dimostrazioni procede per assurdo: si suppone che un enunciato sia falso e si dimostra la falsit` dellaltro. a Clausius = Kelvin. Si supponga che sia falso lenunciato di Kelvin e che quindi esista una macchina termica M1 in grado di compiere una trasformazione ciclica in cui tutto il calore assorbito da ununica sorgente a temperatura T1 sia interamente convertibile in lavoro meccanico L. Tale
T2 Q+Q M1 Q T1 L M2 Q = T2 Q+Q M1 +M2 Q+Q T1

Figura 5.2: Lenunciato di Clausius implica lenunciato di Kelvin. lavoro pu` essere utilizzato per far funzionare una macchina di Carnot frigorifera M2 che operi fra o le temperature T1 e T2 con T2 > T1 (vedi gura 5.2). Linsieme delle due macchine M1 + M2 compie quindi una trasformazione ciclica in cui tutto il calore assorbito dalla sorgente a temperatura T1 ` e interamente ceduto ad una sorgente a temperatura T2 > T1 in violazione dellenunciato di Clausius.

T2 Q M1 Q T1 Q M2 Q L =

T2 Q+Q M1 +M2 L

T1

Figura 5.3: Lenunciato di Kelvin implica lenunciato di Clausius.

46

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

Kelvin = Clausius. Si supponga che sia falso lenunciato di Clausius e che quindi esista una macchina M1 in grado di compiere una trasformazione ciclica in cui tutto il calore Q assorbito da ununica sorgente a temperatura T1 sia interamente ceduto ad una sorgente a temperatura T2 > T1 . Si consideri poi una macchina termica di Carnot M2 che lavori fra le temperature T1 e T2 , in modo tale che il calore ceduto alla sorgente alla temperatura inferiore sia esattamente uguale a Q (vedi gura 5.3). Linsieme delle due trasformazioni M1 + M2 quindi compie una trasformazione ciclica tale che tutto il calore assorbito dalla sorgente a temperatura T2 viene convertito in lavoro: infatti la quantit` di calore netta scambiata con la sorgente T1 ` zero. Questo v lenunciato di Kelvin. a e ola I due enunciati di Kelvin e Clausius, bench equivalenti, sono diversi; ` quindi necessario esaminare e e quale sia il contenuto sico comune che va sotto il nome di secondo principio della termodinamica. Entrambi gli enunciati sono di tipo negativo, dicono cio` che una certo processo non pu` avvenire; e o naturalmente i processi opposti sono perfettamente leciti: ` possibile trasformare interamente il lavoro e in calore (per esempio per attrito) ed ` possibile che una certa quantit` di calore uisca da un copro pi e a u caldo a uno pi freddo. Il secondo principio quindi si pu` enunciare nel modo seguente. u o I processi sici non sono reversibili, ma avvengono spontaneamente in un solo verso. Il concetto di entropia, che verr` trattato fra qualche pagina, formalizza anche quantitativamente quanto a qui ` solo abbozzato. e

5.6

Teorema di Carnot.
Siano M ed R due macchine cicliche che scambino calore soltanto con due sorgenti a temperatura T1 e T2 con T1 < T2 . Sia R reversibile. Allora M R , e se anche M ` reversibile vale luguaglianza M = R . e

Enunciato.

Dimostrazione. Si inverta R e si regolino le due macchine in modo che tutto il lavoro prodotto da M sia utilizzato da R (vedi il primo graco in gura). Durante il ciclo, il sistema M scambia una quantit` di calore QM con a 1
T2 QM 2 M QM 1 T1 L R QR 1 QR 2 = T2 QR + QR 2 2 M +R QM + QR 1 1 T1

Figura 5.4: Il teorema di Carnot. la sorgente a temperatura T1 ed una quantit` di calore QM con la sorgente a temperatura T2 mentre il a 2 sistema R scambia una quantit` di calore QR con la sorgente a temperatura T1 ed una quantit` di calore a a 1

5.6. TEOREMA DI CARNOT.

47

QR con la sorgente a temperatura T2 . Lunione delle due macchine cicliche ` una macchina ciclica che ha e 2 come unico eetto quello di trasferire calore fra le sorgenti 1 e 2 (vedi il secondo graco della gura 5.4). Per il secondo principio della termodinamica (enunciato di Clausius) la sorgente 2, che ha una temperatura maggiore della sorgente 1, non pu` assorbire calore e quindi deve essere o QM + QR 0 , 2 2 cio` e QM QR 2 2 che si pu` anche scrivere o 1 1 . M Q2 QR 2 Si osservi inoltre che vale LM = LR 0 , (5.19) Moltiplicando (5.18) per (5.19) membro a membro (si noti che il verso della disuguaglianza non cambia e che i due segni meno nel membro di destra si semplicano) si ottiene LR LM R , QM Q2 2 quindi M = da cui segue M R (5.22) LR LM R = R , M Q2 Q2 (5.21) (5.20) (5.18) (5.17) (5.16)

che ` ci` che si doveva dimostrare. e o Se anche M ` reversibile, si usa lo stesso argomento invertendo la macchina M . Ne consegue R R e che, unita alla (5.22), d` a M = R . Osservazioni 1. Dallequazione (5.23) segue immediatamente che tutti i cicli reversibili hanno lo stesso rendimento R . 2. Si ricordi che un ciclo di Carnot reversibile, operante fra due sorgenti a temperature T1 e T2 tali che e T1 < T2 , scambia calore soltanto con queste due sorgenti. Esso ` quindi un esempio del tipo di cicli che, nel teorema del paragrafo precedente, sono stati identicati con la lettera R. Quindi visto che il rendimento di un ciclo di Carnot reversibile ` dato dallequazione (5.13), si pu` concludere, vista e o la precedente osservazione, che il rendimento di qualunque macchina termica reversibile operante fra le temperature T1 e T2 > T1 ` dato da e R = 1 T1 . T2 (5.24) (5.23)

3. Il teorema di Carnot aerma che il rendimento di un ciclo irreversibile, operante fra le temperature T1 e T2 , non pu` essere maggiore di R . Questo non signica aatto che non possa essere uguale. o Ad esempio si ` dimostrato che il rendimento di un ciclo di Carnot ` R anche nel caso irreversibile. e e Esiste quindi la possibilit` teorica di costruire cicli irreversibili il cui rendimento sia R . a

48

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

4. Si provi a commentare la seguente aermazione: gli unici cicli reversibili operanti con soltanto due sorgenti termiche sono i cicli di Carnot reversibili operanti fra le temperature delle due sorgenti.

5.7

Disuguaglianza di Clausius.

Sia data una macchina termica M , operante soltanto con due sorgenti a temperature T1 e T2 con T2 > T1 . Durante il ciclo, il sistema scambia una quantit` di calore Q1 con la sorgente a temperatura T1 ed una a quantit` di calore Q2 con la sorgente a temperatura T2 . Sia poi R un ciclo reversibile operante con le a stesse sorgenti: come vista sopra, il suo rendimento `: e R = 1 Il teorema di Carnot stabilisce che M = 1 + Q1 T1 R = 1 . Q2 T2 (5.26) T1 . T2 (5.25)

Confrontando il secondo e lultimo membro di questa equazione si ottiene T1 Q1 , Q2 T2 Da cui segue la disuguaglianza di Clausius (si noti che T1 > 0 e Q2 > 0): Q1 Q2 + 0. T1 T2 (5.28) (5.27)

In particolare, se la macchina termica M ` reversibile, nelle tre disequazioni precedenti vale il segno di e uguaglianza e quindi Q1 Q2 + =0. T1 T2 (5.29)

Lespressione che si trova a primo membro della disuguaglianza di Clausius si dice somma di Clausius. Osservazioni 1. La disuguaglianza di Clausius vale per qualsiasi ciclo termodinamico che scambi calore soltanto con due sorgenti termiche. Le temperature T1 e T2 sono misurabili cos come le quantit` di calore Q1 a e Q2 scambiate con le due sorgenti. 2. Questa disuguaglianza fornisce una condizione teorica suciente per stabilire se un ciclo termodinamico sia irreversibile. Se un ciclo termodinamico che scambi calore soltanto con due sorgenti termiche ` e reversibile la sua somma di Clausius ` nulla. Equivalentemente, se la sua somma e di Clausius ` negativa allora ` irreversibile. e e 3. Non ` sempre vero il contrario: un ciclo irreversibile, operante soltanto fra due sorgenti di calore a e temperature T1 e T2 , pu` avere somma di Clausius nulla; per esempio il ciclo di Carnot irreversibile, o il cui rendimento ` dato dallequazione (5.25), ha somma di Clausius nulla (si confronti losservazione e 3 del paragrafo 5.6).

5.8. DEFINIZIONE OPERATIVA DELLA TEMPERATURA ASSOLUTA.

49

5.8

Denizione operativa della temperatura assoluta.

Si supponga di avere una macchina termica reversibile R che lavori fra le temperature T0 e T ; dal teorema di Carnot ` noto che il rendimento di R ` dato da e e =1+ da cui si ricava facilmente Q0 T0 =1 , Q T (5.30)

Q0 Q T0 = T = T0 ; (5.31) T Q Q0 questultima relazione pu` essere interpretata come una denizione operativa della temperatura assoluta. o Data infatti una sorgente termica alla temperatura di riferimento T0 , per esempio quella del ghiaccio fondente alla pressione di una atmosfera, la temperatura T di una sorgente termica incognita si pu` o misurare per mezzo di una macchina reversibile che lavori fra le due sorgenti scambiando il calore Q0 con la sorgente a temperatura T0 ed il calore Q con la sorgente a temperatura T . La misura di tali calori fornisce, tramite la (5.31), la misura della temperatura incognita T . Osservazioni 1. La rilevanza teorica di tale denizione sta nel fatto che la sua determinazione ` indipendente dalla e sostanza termometrica usata nella macchina termica. 2. Osservazione fondamentale. Non ` possibile rareddare un corpo di capacit` termica C da una e a temperatura iniziale T1 no alla temperatura T = 0. Per convincersi di questo fatto si consideri una macchina frigorifera reversibile che lavori tra il corpo in questione e lambiente esterno supposto di capacit` termica innita e quindi a temperatura costante T0 . Allora durante il primo ciclo la a macchina frigorifera assorbe dal corpo la quantit` di calore2 Q[1] e cede allambiente esterno la a [1] quantit` di calore Q0 e vale la relazione a Q[1] = il corpo quindi passa alla nuova temperatura Q[1] T1 Q0 T 2 = T1 = T1 = C T0 C
[1]

T1 [1] Q ; T0 0 (
[1]

(5.32) ) T1 . (5.33)

Q 1 0 CT0

Nel secondo ciclo la macchina lavora fra il corpo a temperatura T2 e lesterno a temperatura T0 ; [2] assorbe il calore Q[2] dal corpo e cede allesterno il calore Q0 e vale la relazione Q[2] = T2 [2] Q ; T0 0 (5.34)

la nuova temperatura del corpo quindi ` e ( ) ( )( ) [2] [2] [1] [2] Q[2] T2 Q0 Q0 Q0 Q0 T3 = T 2 = T2 = 1 T2 = 1 1 T1 . C T0 C CT0 CT0 CT0 Dopo n cicli la temperatura del corpo diventa ) ( ) ( [n] [1] Q0 Q0 1 T1 . Tn = 1 CT0 CT0
2 Limitatamente

(5.35)

(5.36)

a questa osservazione, le quantit` di calore sono considerate in valore assoluto e quindi positive. a

50

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

Evidentemente, la temperatura allaumentare di n diventa sempre pi piccola, ma non pu` anu o nullarsi; non ` infatti possibile ottenere zero moltiplicando per un numero nito di fattori non nulli. e Quindi la temperatura dello zero assoluto non ` raggiungibile mediante una macchina frigorifera e reversibile.

5.9

Forma generale della disuguaglianza di Clausius.

La disuguaglianza di Clausius pu` essere generalizzata a trasformazioni cicliche qualsiasi (cio` tali da o e scambiare calore con un numero arbitrario di sorgenti termiche). Questa generalizzazione permette di allargare il campo di validit` della condizione di irreversibilit` appena enunciata, e costituisce un passo fona a damentale in vista dellintroduzione del concetto di entropia. Lestensione di validit` della disuguaglianza a di Clausius pu` essere fatta in due tappe. o 1. Essa resta valida nel caso in cui la trasformazione ciclica in esame scambi le quantit` di calore a indicate mediante Q1 , Q2 , . . . , Qn con un numero nito n di sorgenti termiche a temperature T1 , T2 , . . . , Tn . In questo caso la disuguaglianza di Clausius si scrive nella forma seguente Qi Q1 Q2 Qn + + + 0. T1 T2 Tn T i=1 i
n

(5.37)

2. Essa resta valida, sulla base dellosservazione 3 della sezione 3.8, nel caso in cui la trasformazione ciclica in esame sia composta da trasformazioni qualsiasi. Infatti, come osservato, una trasformazione qualsiasi pu` essere approssimata con un numero nito di trasformazioni adiabatiche ed o isoterme alternate, cio`, in altre parole, scambiando quantit` di calore solo con un numero nito di e a sorgenti. Dimostrazione del punto 1. Si consideri una trasformazione ciclica che scambi calore con un numero di sorgenti termiche nito ma maggiore di due. Come ` stato osservato in precedenza, questo implica che il ciclo in questione ` composto e e soltanto da una successione di adiabatiche ed isoterme. Per dimostrare la relazione (5.37), si completi (gura 5.6) il ciclo in esame sino ad ottenere un singolo ciclo di Carnot operante fra le temperature T1 e Tn . Si utilizzano a questo scopo di una serie di cicli di Carnot reversibili ausiliari con le seguenti
p T4

T3 T2 T1 V

Figura 5.5: Dimostrazione della disuguaglianza di Clausius (con n = 4). caratteristiche (qui e nel resto della dimostrazione si far` sempre riferimento, per semplicit`, al caso a a schematizzato nelle gure 5.5 e 5.6, con n = 4; la dimostrazione si estende al caso generale senza nessuna variazione rilevante).

5.9. FORMA GENERALE DELLA DISUGUAGLIANZA DI CLAUSIUS.

51

i. Il ciclo 2 opera fra le temperature T2 e T4 . Esso scambia con la sorgente a temperatura T2 esattamente la quantit` di calore Q2 e con la sorgente a temperatura T4 una quantit` di calore che a a [4] viene indicata Q2 . ii Il ciclo 3 opera tra le temperature T3 e T1 . Esso scambia con la sorgente a temperatura T3 esattamente la quantit` di calore Q3 e con la sorgente a temperatura T1 una quantit` di calore che a a [1] viene indicata Q3 . Si sottoponga ora il sistema alla trasformazione ciclica schematizzata in gura 5.6 che utilizza il ciclo ` di base ed i due cicli ausiliari. E fondamentale notare come ora il sistema scambi con la sorgente a temperatura T2 la quantit` di calore Q2 (ciclo di base)Q2 ( ciclo ausiliario) = 0. Similmente, esso scambia a con la sorgente a temperatura T3 la quantit` di calore Q3 ( ciclo di base) Q3 ( ciclo ausiliario) = 0. Il a ciclo composto dal ciclo di base pi` i due cicli ausiliari dunque scambia calore soltanto con le sorgenti u a temperatura T1 e T4 . In conclusione, si ottiene, utilizzando i cicli reversibili ausiliari, un singolo ciclo
p

Figura 5.6: Introduzione dei due cicli ausiliari. di Carnot, compiendo il quale il sistema termodianmico scambia una quantit` di calore Q1 + Q3 con la a [4] sorgente a temperatura T1 ed una quantit` di calore Q2 + Q4 con la sorgente a temperatura T4 . Per a questo ciclo vale quindi la disuguaglianza di Clausius (5.28) nella forma (Q1 + Q3 ) (Q2 + Q4 ) + 0. T1 T4 Si noti ora che i cicli ausiliari sono reversibili e quindi per ognuno di essi vale lequazione (5.29): Q3 Q3 =0 T1 T3 Q2 Q2 =0, T4 T2
[4] [1] [1] [4] [1]

(5.38)

(5.39)

(si noti il segno meno dovuto al fatto che i cicli ausiliari 2 e 3 scambiano le quantit` di calore Q2 e Q3 a con le rispettive sorgenti a temperature T2 e T3 ) e cio` e Q3 Q3 = T1 T3 Q2 Q2 = . T4 T2
[4] [1]

(5.40)

52

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

` E ora possibile dimostrare che vale la disequazione (5.37), ristretta al caso n = 4, e cio` e
4 Qi i=1

Ti

0.

(5.41)

Si consideri a questo scopo la somma che si trova al primo membro:


4 Qi i=1

Ti

Q1 Q2 Q3 Q4 + + + . T1 T2 T3 T4

(5.42)

Utilizzando le equazioni (5.40) si ottiene Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q Q Q4 + + + = + 2 + 3 + T1 T2 T3 T4 T1 T4 T1 T4 che, raccogliendo i denominatori comuni, si pu` scrivere: o Q1 Q2 Q3 Q4 (Q1 + Q3 ) (Q2 + Q4 ) + + + = + . T1 T2 T3 T4 T1 T4 E quindi, usando la disequazione (5.38),
4 Qi i=1 [1] [4] [4] [1]

(5.43)

(5.44)

Ti

Q1 Q2 Q3 Q4 (Q1 + Q3 ) (Q2 + Q4 ) + + + = + 0, T1 T2 T3 T4 T1 T4

[1]

[4]

(5.45)

cio` e
4 Qi i=1

Ti

(5.46)

che ` quanto si voleva dimostrare. La dimostrazione ora eettuata si estende al caso n > 4 sulle stesse e linee argomentative, aumentando il numero di trasformazioni ausiliarie necessarie.
Argomenti a favore del punto 2. Si danno qui delle indicazioni su come, sulla base della gi` citata osservazione 3 della sezione 3.8, sia possibile a estendere la validit` della forma generale della disuguaglianza di Clausius al caso in cui la trasformazione ciclica a in esame scambi calore con un numero di sorgenti termiche innito, il ciclo essendo composto da trasformazioni qualsiasi: sia il ciclo in questione. Sempre sulla base dellosservazione 3 della sezione 3.8, il ciclo pu` essere o approssimato con un ciclo composto da una successione nita di trasformazioni isoterme ed adiabatiche alternate. Se n ` il numero delle isoterme utilizzate nella trasformazione approssimante, per esso vale la disuguaglianza di e Clausius appena dimostrata, equazione (5.37). Lapprossimazione fatta pu` essere resa, aumentando il numero o n, arbitrariamente precisa: per`, si osservi, ognuno degli addendi (il cui numero aumenta) avr` in compenso un o a valore assoluto minore. Si pu` dare un senso matematico preciso allesecuzione di questa somma di un numero o arbitrariamente grande di addendi sempre pi piccoli ottenendo per la somma di Clausius un ben determinato u valore numerico che viene convenzionalmente indicato mediante il simbolo Q/T . La disuguaglianza di Clausius dunque, per larbitrario ciclo , assume la forma

Q 0. T

(5.47)

5.10. UNA CONSEGUENZA DELLA DISUGUAGLIANZA DI CLAUSIUS.

53

Osservazioni 1. Il sussistere della disuguaglianza di Clausius per un ciclo arbitrario permette di estendere la condizione teorica di irreversibilit`, visto alla sezione 5.7 per cicli operanti soltanto fra due sorgenti a termiche a temperature T1 e T2 , ad un ciclo arbitrario. Se un ciclo termodinamico che scambi calore con un numero arbitrario di sorgenti termiche ` reversibile la sua somma di Clausius ` nulla. Equivalentemente, se la e e sua somma di Clausius ` negativa, il ciclo ` irreversibile. e e

2. Continua valere qui losservazione 3 fatta nella sezione 5.7; non ` vero il contrario: un ciclo e irreversibile pu` avere somma di Clausius nulla. o

5.10

Una conseguenza della disuguaglianza di Clausius.

Come conseguenza della forma generale della disuguaglianza di Clausius (5.37) si dimostra la seguente proposizione, che estende a cicli termodinamici arbitrari il risultato del teorema di Carnot. Sia M una macchina ciclica che scambi calore con un numero arbitrario di sorgenti termiche. Sia T1 la minima fra le temperature delle sorgenti con cui la macchina ciclica viene in contatto e Tn > T1 la massima fra queste temperature. Allora T1 . Tn

M < 1

(5.48)

Si consideri un ciclo termodinamico qualsiasi (per semplicit` ci si riferisce ad un ciclo composto da a isoterme ed adiabatiche, utilizzando il risultato di approssimabilit` pi volte menzionato). Per esso vale a u la disuguaglianza di Clausius n Qi 0, (5.49) T i=1 i dove n `, il numero di isoterme presenti nel ciclo. Si scomponga la somma in due parti, la prima contenente e addendi il cui numeratore sia positivo (quelli cio` associati a trasformazioni che assorbono una quantit` di e a calore Qa dalle rispettive sorgenti), la seconda contenente addendi il cui numeratore sia negativo (quelli i cio` associati a trasformazioni che cedono una quantit` di calore Qc alle rispettive sorgenti): e a i
n Qi i=1

Ti

Qa
i

Ti

Qc
i

Ti

0.

(5.50)

La prima somma ` interamente composta di addendi positivi, la seconda di addendi negativi. Per ipotesi, e tutte le temperature Ti che compaiono a denominatore in ogni addendo sono: i. minori di Tn , cio`: Ti < Tn , e quindi vale e 1 1 > ; Ti Tn (5.51)

54

CAPITOLO 5. SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA.

ii. maggiori di T1 , cio` Ti > T1 , e quindi vale e 1 1 < . Ti T1 La condizione (5.51) implica immediatamente che Qa
i

(5.52)

Ti mentre la condizione (5.52) implica che Qc


i

>

Qa
i

Tn

(5.53)

Ti

>

Qc
i

T1

(5.54)

Sommando membro a membro le disuguaglianze (5.53) e (5.54) e usando la (5.49), si ottiene Qa


i

Tn

Qc
i

T1

<

Qa
i

Ti

Qc
i

Ti

0,

(5.55)

che, raccogliendo i denominatori comuni, si pu` scrivere o a c Qi Qi + <0. Tn T1 Da cui si ottiene immediatamente a Qc Qi i < . T1 Tn

(5.56)

(5.57)

Questa pu` essere riscritta nella forma o

c Qi T a < 1 , Tn Qi

(5.58)

e di conseguenza, sommando 1 da entrambi i termini, c Qi T1 1+ a <1 , Qi Tn che pu` essere riscritta o c a c L T1 Qi Qi + Qi a 1+ a = = a <1 . Qi Qi Qi Tn

(5.59)

(5.60)

Il membro di sinistra della disuguaglianza ` per denizione il rendimento M del ciclo M , e ne risulta ci` e o che si voleva dimostrare: T1 M < 1 = C . (5.61) Tn Questo risultato vale indipendentemente dal fatto che M sia reversibile o irreversibile.

Capitolo 6

Entropia
Si ricordi che il risultato, stabilito sopra, per cui, la somma di Clausius d` una condizione teorica ala lirreversibilit` di un ciclo: se un ciclo termodinamico che scambi calore con un numero arbitrario di a ` sorgenti termiche ` reversibile la sua somma di Clausius ` nulla. E naturale chiedersi se, a partire da e e questo fatto, sia possibile una analoga caratterizzazione per trasformazioni reversibili non cicliche. In eetti ci` ` possibile: in aggiunta, uno dei risultati intermedi di questa analisi mostra come la somma di oe Clausius associata ad una qualsiasi trasformazione reversibile sia una funzione di stato, dipenda cio` solo e dallo stato iniziale e nale del sistema e non dalla trasformazione reversibile concretamente eettuata dal sistema per passare da uno stato allaltro. Questa osservazione, formalizzata e dimostrata nel seguente teorema, permette di introdurre il concetto di entropia, funzione dello stato del sistema le cui variazioni misurano il grado di irreversibilit` di una a trasformazione: ` fondamentale tener sempre presente il fatto che lentropia ` una funzione matematica, e e un ente teorico interno al formalismo termodinamico (vedi anche la successiva osservazione 1 di questa sezione. La dimostrazione seguente quindi prova, per qualsiasi sistema termodinamico sottoposto ad una trasformazione reversibile dallo stato A allo stato B, lesistenza di una funzione di stato S, senza che sia possibile fornire ulteriori informazioni sulla forma eettiva di S. Nel caso che il sistema termodinamico in questione sia un uido semplice, tali informazioni sono desumibili, come si vedr` subito dopo, a a partire dalla conoscenza della forma esplicita dellequazione di stato e dellequazione delle adiabatiche. Per ogni sistema termodinamico ` calcolabile, a partire da un modello concreto, la funzione entropia e corrispondente.

6.1

Esistenza della funzione di stato S.


Sia A B una trasformazione reversibile arbitraria di un sistema termodinamico dallo stato A allo stato B. Allora esiste una funzione di stato S tale che Q = S , T

Vale il seguente teorema

(6.1)

AB

dove al primo membro gura la somma di Clausius della trasformazione e si denisca S S(B) S(A). 55

56

CAPITOLO 6. ENTROPIA

` E opportuno premettere unosservazione. La dimostrazione di questo teorema molto importante ` identica e a quella sviluppata per dimostrare lesistenza della funzione di stato U tale che Q = U + L. Nondimeno si ripete qui la dimostrazione, adattata a questo caso, per mettere in evidenza lunit` di tecniche e metodi a di analisi che caratterizza lindagine nella sica teorica. Dimostrazione. La dimostrazione che segue `, per semplicit`, riferita ad un uido semplice sottoposto e a a trasformazioni quasistatiche. Si considerino un ciclo composto da due trasformazioni reversibili (vedi
p

AB

A
BA

Figura 6.1: Le due trasformazioni reversibili A B e B A. gura 6.1) che connettano fra loro due stati di equilibrio A e B. Siano A B e B A le due trasformazioni e sia Q (6.2) T
AB

la somma di Clausius relativa alla trasformazione A B. Lintero ciclo (trasformazione A B+B A) ` reversibile e quindi la sua somma di Clausius ` nulla: e e Q (6.3) =0. T
AB+BA

Si scomponga la somma di Clausius relativa al ciclo in due somme parziali: la prima relativa alla trasformazione A B e la seconda relativa alla trasformazione B A: Q Q Q = + =0 (6.4) T T T
AB+BA AB BA

e quindi

AB

Q Q = . T T
BA 1

(6.5)

Si connettano ora i due stati A e B con una diversa trasformazione reversibile, chiamata A B, che sostituisca la trasformazione A B. Il ragionamento appena fatto porta a concludere, in questo caso, che Q Q = . (6.6) T T BA A B 1 Confrontando le equazioni (6.5) ed (6.6), si ottiene Q Q = . T T A B AB 1 (6.7)

6.1. ESISTENZA DELLA FUNZIONE DI STATO S.


p
AB
1

57

AB

A
BA

Figura 6.2: La trasformazione reversibile A B.


1

Si noti ora che le trasformazioni utilizzate sono arbitrarie, e che lultima relazione scritta non contiene alcun riferimento alla trasformazione B A. Si potrebbe ripetere questo argomento per qualsiasi trasformazione reversibile che connetta gli stati A e B, arrivando alla conclusione che il valore della somma di Clausius per la trasformazione in questione ` lo e stesso che nel caso della trasformazione reversibile e A B. Dunque il valore della somma di Clausius AB Q/T ` indipendente da quale trasformazione reversibile sia stata eettuata per passare dallo stato A allo stato B, restando inteso che questi due stati estremali vengano mantenuti ssi. Se ne conclude che, ssati gli stati A e B, il valore della somma di Clausius calcolata per qualsiasi trasformazione reversibile che li connetta ` una funzione dei soli stati A e B. Questo stato di cose si e scrive formalmente nel modo seguente: Q = S(A, B) , T (6.8)

AB

dove S(A, B) ` una funzione da determinare. e Per ottenere qualche informazione ulteriore sulla funzione S(A, B) si fanno le seguenti considerazioni. 1. Si supponga di connettere A e B con una trasformazione reversibile, denominata A B, e che una seconda trasformazione reversibile, denominata B A riporti il sistema allo stato iniziale. Eseguendo le due trasformazioni in successione si ottiene un ciclo reversibile la cui somma di Clausius ` uguale a zero: e Q =0. (6.9) T
AB+BA

Usando largomento sopra esposto si trova


AB+BA

Q Q Q = + =0 T T T
AB BA

(6.10)

e quindi

AB

Q Q = T T
BA

(6.11)

ovvero, usando la (6.8), S(A, B) = S(B, A) . (6.12)

58
p

CAPITOLO 6. ENTROPIA

R
RB AR

Figura 6.3: Lo stato di riferimento intermedio R. 2. Si supponga di far evolvere in modo reversibile il nostro sistema termodinamico dallo stato A allo stato B passando attraverso uno stato di riferimento intermedio R Tenendo presente lequazione (6.8), si ottiene S(A, B) =
AR+RB

Q Q Q = + = S(A, R) + S(R, B) . T T T
AR RA

(6.13)

Applicando ora lequazione (6.12) alla trasformazione A R si ricava S(A, R) = S(R, A) . Questultima formula, sostituita nellequazione (6.13), d` inne la relazione a S(A, B) = S(R, A) + S(R, B) = S(R, B) S(R, A) . (6.15) (6.14)

o Fissando lo stato di riferimento R una volta per tutte si pu` omettere di indicarlo ogni volta nella funzione S e scrivere, ad esempio, S(R, A) S(A). Quindi S(A, B) = S(B) S(A) . (6.16)

Le equazioni (6.8) e (6.16) dicono: si facci evolvere uno sistema termodinamico da uno stato di equilibrio A ad uno stato di equilibrio B per mezzo di una trasformazione reversibile arbitraria A B, allora esiste una funzione S (detta entropia) dello stato del sistema tale che, posto S S(B) S(A), valga la relazione Q = S T (6.17)

AB

che ` ci` che si doveva dimostrare. e o Osservazioni 1. Molto importante e da confrontare con losservazione 2 successiva allequazione 4.4. Come gi` a osservato, S ` una funzione matematica, e quindi calcolabile allinterno dellapparato formale della e teoria: ` un ente teorico il cui valore numerico ` dato in funzione del modello microscopico utilizzato. e e Questo fatto trova conferma in quel che segue. Si consideri lequazione (6.16) appena scritta: S(A, B) = S(B) S(A) , (6.18)

` 6.2. ENTROPIA E IRREVERSIBILITA DI UNA TRASFORMAZIONE.

59

si ` visto che S(A, B) non dipende dalla particolare trasformazione che connette gli stati A e B e e quindi neanche dallo stato di riferimento intermedio R. Le singole funzioni S(A) ed S(B), invece, dipendono dalla scelta di R. Solo ssandolo una volta per tutte ` stato deciso di trascurarlo e nellespressione di S(A) oppure di S(B). Resta per` il fatto che questa scelta ` arbitraria, e non o e c` nessun motivo per scegliere uno stato di riferimento R piuttosto che un altro. In altre parole, e la scelta di R, e quindi il valore eettivo di S non sono univocamente determinati allinterno della teoria. Come gi` visto per lenergia interna, la funzione entropia ` denita a meno di una costante a e additiva che pu` essere determinata ssando, arbitrariamente, lentropia dello stato nullo. o La scelta di un determinato valore per la costante additiva, che la nostra analisi lascia indeterminata, ` legata al modello microscopico utilizzato per il sistema in questione, ed in ultima analisi a questioni e di comodit`. Anche nel caso del uido semplice il calcolo del valore della costante dellentropia a risulta molto complesso e non pu` essere sviluppato in questa sede. Nel seguito si considereranno o soltanto al calcolo di variazioni di entropia, per il quale il valore della costante additiva risulta irrilevante. 2. Nel caso si voglia calcolare la variazione di entropia S associata ad una trasformazione reversibile, ` opportuno ricordare che S ` una funzione di stato. La sua variazione ` quindi indipendente dalla e e e trasformazione reversibile che connette lo stato iniziale con quello nale. Ne consegue che, ai ni del calcolo di S, sar` suciente utilizzare una trasformazione per la quale esso risulti pi semplice. In a u generale, comunque, ` conveniente utilizzare trasformazioni per cui valga lequazione (6.1), quindi e trasformazioni reversibili. Si user` questosservazione tra poco. a

6.2

Entropia e irreversibilit` di una trasformazione. a

Si consideri una trasformazione A B di un sistema termodinamico. La variazione S(B) S(A) di entropia ` calcolabile ed ` tale da uguagliare il valore della somma di Clausius della trasformazione, nel e e caso che questultima sia reversibile. ` E naturale chiedersi cosa accade se la trasformazione A B ` irreversibile. e e i Il valore di S(B) S(A) resta invariato, dato che S ` una funzione di stato, e dipende quindi solo dalla coppia di stati A e B e non dal fatto che la trasformazione che li congiunge sia, o meno, reversibile. ii Il valore della somma di Clausius, invece, dipende in generale dalla trasformazione A B, dato che questa non ` reversibile, e quindi non ` applicabile il teorema appena dimostrato. e e In eetti, si consideri un ciclo composto dalla trasformazione irreversibile A B e dalla trasformazione reversibile B A. Il ciclo risulta complessivamente irreversibile e quindi la somma di Clausius ad esso associata non ` pi necessariamente uguale alla variazione di entropia ma vale la disuguaglianza di e u Clausius: Q (6.19) 0. T
AB+BA

Ne risulta che

AB

Q Q + 0. T T
BA

(6.20)

Poich che la trasformazione B A ` reversibile per ipotesi, la sua somma di Clausius ` uguale alla e e e variazione di entropia: Q = S(A) S(B) . (6.21) T
BA

60

CAPITOLO 6. ENTROPIA

Utilizzando questequazione, la precedente disuguaglianza diviene Q + S(A) S(B) 0 T Q S(B) S(A) . T (6.22)

AB

e cio` e

(6.23)

AB

Ne risulta quindi che la somma di Clausius di una trasformazione irreversibile che connetta uno stato A ad uno stato B di un sistema termodinamico ` minore o uguale della dierenza di entropia fra lo stato e B e lo stato A. Si noti che, come trovato nel paragrafo precedente, la variazione di entropia uguaglia sempre la somma di Clausius nel caso di trasformazioni reversibili. Si ha quindi la seguente condizione di irreversibilit`. a Se per una certa trasformazione la somma di Clausius ` minore della variazione di e entropia, la trasformazione in questione ` certamente irreversibile. e Non ` viceversa vero che per ogni trasformazione irreversibile la somma di Clausius ` minore della e e variazione di entropia, valendo infatti il segno di minore od uguale (si confrontino le osservazioni 3 della sezione 5.6, 3 della sezione 5.7 e 2 della sezione 5.9). Il risultato ora trovato ha la seguente immediata applicazione. Si consideri un sistema termodinamico isolato: per denizione, esso non scambia calore con lambiente esterno: Q = 0. Se il sistema compie una trasformazione, la sua somma di Clausius risulta dunque uguale a zero. Se la trasformazione ` irreversibile e si ricava allora dallequazione (6.23) che 0 S(B) S(A) e quindi S(A) S(B) . Se la trasformazione ` reversibile, invece dallequazione (6.17) si ricava che e 0 = S(B) S(A) e quindi S(A) = S(B) . (6.27) (6.26) (6.25) (6.24)

Le relazioni (6.25) e (6.27) sono fondamentali : esse esprimono, in modo equivalente (il lettore studioso provi a dimostrarlo) agli enunciati di Kelvin e Clausius, il secondo principio della termodinamica sotto la forma di legge dellaumento dellentropia. Lentropia di un sistema isolato che compia una trasformazione fra due stati di equilibrio non pu` diminuire. Se la trasformazione compiuta ` reversibile, la sua o e entropia si mantiene costante. Pertanto se lentropia aumenta la trasformazione ` e certamente irreversibile.

6.3. VARIAZIONE DI ENTROPIA PER ALCUNI SISTEMI TERMODINAMICI.

61

Osservazioni 1. Le trasformazioni che avvengono in natura hanno un verso determinato e le trasformazioni inverse sono proibite; in altre parole le trasformazioni reali sono tutte irreversibili. Le trasformazioni reversibili sono un modello che ` stato usato solo perch tramite di esse il concetto di entropia viene e e introdotto ed utilizzato in maniera molto semplice. Il verso nel quale avvengono le trasformazioni ` quello dello scorrere del tempo (quello che in certa letteratura divulgativa ` noto come freccia e e del tempo). Poich lo svolgersi di una trasformazione ` accompagnato da un aumento (o quanto e e meno una non diminuzione) dellentropia, si pu` concludere aermando che il tempo scorre nel verso o in cui si svolgono i processi che implicano un aumento di entropia. Si osservi che solo il secondo principio della termodinamica, e con il concetto di entropia che ne deriva, si ha una codicazione dello scorrere del tempo in una teoria sica: nellambito della meccanica newtoniana, ad esempio, tutti i processi sono reversibili.

6.3

Variazione di entropia per alcuni sistemi termodinamici.

A. Si supponga che un gas perfetto evolva da uno stato iniziale A ad uno stato nale B. Si vuole scrivere una formula che permetta di calcolare S in tutti i casi possibili. Come visto sopra, la variazione di entropia S ` indipendente dalla trasformazione utilizzata per passare dallo stato iniziale a quello e nale. Poich per trasformazioni reversibili la variazione di entropia uguaglia la somma di Clausius, e equazione (6.1), ai ni del calcolo dellentropia ` conveniente, come gi` osservato, collegare gli stati e a A e B mediante trasformazioni reversibili. Si sottolinea ancora una volta che il risultato nale non dipende dal carattere di reversibilit` della trasformazione utilizzata nei calcoli, ma rimane valida a nel caso generale dipendendo solo da A e B. i A e B si trovino su una stessa trasformazione adiabatica. ` E il caso pi semplice: la somma di Clausius ` nulla perch una trasformazione adiabatica ` u e e e denita dal fatto che Q = 0. Utilizzando una adiabatica reversibile, per cui la variazione di entropia uguaglia la somma di Clausius, si ottiene S = 0 . (6.28)

di conseguenza, lentropia del sistema non varia; per questo motivo le trasformazioni adiabatiche sono anche dette isoentropiche. ii A e B abbiano la stessa temperatura T . Si osservi che ` possibile collegare A e B mediante una trasformazione isoterma. Scegliendo e una isoterma reversibile la variazione di entropia uguaglia la somma di Clausius. Daltra parte la somma di Clausius si riduce ad un solo addendo, Q/T , dove Q ` il calore scambiato durante e la trasformazione. Precedentemente ` stato dimostrato che per una trasformazione isoterma, e che sia o meno reversibile, vale VB . (6.29) Q = L = nRT log VA Dunque VB nRT log Q VB VA S = = = nR log (6.30) T T VA e quindi S = nR log VB . VA (6.31)

62

CAPITOLO 6. ENTROPIA

iii A e B abbiano la stessa pressione. Si sfrutta il fatto che la variazione di entropia S ` indipendente dalla trasformazione che e connette lo stato iniziale e lo stato nale: si connettano dunque A ed B mediante una trasformazione adiabatica A R seguita da una isoterma R B. Dunque S = (S)adiab. + (S)isot. = nR log VB , VR (6.32)

dove VR ` il volume dello stato R identicato dal punto dove si intersecano la adiabatica e la e isoterma. Nellequazione (6.32) appare per` lo stato R invece dello stato A. Si pu` ovviare a o o questo piccolo inconveniente con il seguente ragionamento. Gli stati A ed B si trovano sulla stessa isobara; quindi hanno la stessa pressione. Dallequazione di stato segue pertanto che TB VB = . TA VA (6.33)

Gli stati A ed R si trovano sulla stessa adiabatica. Lequazione delle adiabatiche ci dice che Ti Vi1 = TR VR che si pu` riscrivere come o TR = TA ( VA VR
1

(6.34)

)1 . (6.35)

Gli stati B ed R si trovano lungo la stessa isoterma; quindi TR = TB . Inserendo questultima relazione nella precedente risulta ( )1 TB VA = . (6.36) TA VR Sostituendo questespressione al posto del primo membro della (6.33) si ottiene VB = VA ( VA VR )1 . (6.37)

Da questa relazione si ottiene, dopo qualche calcolo, lasciato alla cura del lettore studioso, il valore di VR :

VR =

VA1
1

(6.38)

VB1 Si torni quindi allequazione (6.32): largomento del logaritmo vale VB /VR ; inserendo al posto di VR lespressione appena calcolata si ottiene, dopo alcuni calcoli lasciati come esercizio al lettore studioso: ( ) 1 VB VB (6.39) = . VR VA Dunque, ricordando che Cp Cp Cp CV CV = = , = Cp Cp CV 1 R 1 CV CV

(6.40)

6.3. VARIAZIONE DI ENTROPIA PER ALCUNI SISTEMI TERMODINAMICI.

63

si trova la seguente espressione per la variazione di entropia di una trasformazione isobara: VB S = nR log = nR log VR In denitiva S = nCp log dove si ` fatto uso della (6.33). e iv. A e B abbiano lo stesso volume. Vale S = nCV log pB TB = nCV log . TA pA (6.43) VB TB = nCp log VA TA (6.42) ( VB VA
) 1

( = nR log

VB VA

) Cp R = nR

Cp VB VB log = nCp log . R VA VA (6.41)

Il lettore studioso ne fornisca una prova lungo lelinee della dimostrazione vista per la trasformazione isobara. v. Trasformazione reversibile qualsiasi. Si connettano lo stato iniziale e nale con una isoterma seguita da unisocora. La variazione di entropia ` la somma della variazione di entropia nel corso dellisoterma con la variazione di e entropia nel corso dellisocora: usando le equazioni (6.31) ed (6.43) si ottiene subito la formula generale, S = nR log VB TB + nCV log . VA TA (6.44)

Si osservi che le equazioni (6.31), (6.42) e (6.43) si ottengono come casi particolari della precedente. B. Sostanza solida o liquida, di massa m e calore specico c, la cui temperatura varia da T1 a T2 : S = mc log T2 . T1 (6.45)

C. Raggiungimento dellequilibrio termico da parte di due sostanze, di ugual massa m e calore specico c, inizialmente a temperature T1 e T2 : S = mc log (T1 + T2 )2 . 4T1 T2 (6.46)

IL lettore studioso dimostri che questa equazione deriva dalla precedente. Si supponga che il sistema costituito dalle due sostanze sia isolato: la trasformazione ` irreversibile ed infatti la variazione di e entropia del sistema ` positiva come si pu` facilmente dimostrare. e o D. Cambiamento di stato di una massa m di una sostanza: S = m Q = . T T (6.47)

64

CAPITOLO 6. ENTROPIA

E. Scambio di una quantit` di calore Q fra due sorgenti termiche a temperature T1 e T2 > T1 . In a questo esempio una quantit` Q di calore uisce spontaneamente per conduzione dal serbatoio T2 a al serbatoio T1 , la trasformazione, per il secondo principio della termodinamica ` chiaramente e irreversibile. Per calcolare la variazione di entropia tra stato nale ed iniziale occorre trovare unequivalente trasformazione reversibile. Si immagini di interporre tra i due serbatoi la macchina M + R usata per dimostrare il teorema di Carnot (sezione 5.6); per ogni ciclo compiuto dalla macchina M + R una certa quantit` di calore passa dal serbatoio pi caldo a quello pi freddo; a u u la variazione di entropia della macchina ` nulla, essendo ciclica, la variazione totale di entropia ` e e quindi la somma della variazione di entropia dei due serbatoi, che quindi ` e S = Q Q > 0. T1 T2 (6.48)

F. Si consideri la seconda esperienza di Joule. Un gas che si trova inizialmente in uno stato di equilibrio A a temperatura TA in un recipiente di volume V viene fatto espandere in un secondo recipiente, identico al primo ed inizialmente vuoto, no a raggiungere un nuovo stato di equilibrio B. Il volume nale ` evidentemente 2V . Si supponga inoltre che le pareti dei due recipienti e del sottile tubo che e li collega siano perfettamente isolanti. In questa circostanza il lavoro compiuto del gas ` nullo e la e temperatura nale TB del gas ` uguale a quella iniziale. Per calcolare la variazione di entropia del e gas occorre innanzitutto trovare una trasformazione reversibile che li connetta. A tale scopo si pu` o considerare una trasformazione isoterma reversibile in cui il gas si espande raddoppiando il proprio volume assorbendo calore da un serbatoio a temperatura T = TA = TB . Pertanto la variazione di entropia del gas, usando la (6.31), risulta SGAS = nR log VB = nR log 2. VA (6.49)

` E immediato rendersi conto che il serbatoio fornisce, tramite unisoterma reversibile a temperatura T , un calore Q, quindi la sua variazione di entropia ` e SSERB = Q VB = nR log = nR log 2 T VA (6.50)

La variazione totale dellentropia ` nulla, come ci si deve attendere da un sistema isolato che compie e una trasformazione reversibile.1

6.4

Interpretazione microscopica dellentropia.

In molta letteratura divulgativa si usa mettere in relazione lentropia con il disordine dello stato di un sistema. Senza avere la pretesa si essere esaustivi su questo punto complesso, in quanto una trattazione completa dellargomento richiede nozioni di Termodinamica Statistica che esulano dagli scopi di questo corso, credo che sia utile dare almeno qualche cenno che consenta il formarsi di unidea, almeno vaga, di che cosa signichi disordine e perch sia in relazione con lentropia. e Per ssare le idee ci si riferisce al caso del gas perfetto gi` studiato in dettaglio. Si ` visto che lo stato a e di equilibrio di un gas perfetto pu` essere descritto da alcune grandezze macroscopiche quali pressione, o volume e temperatura, che rendono conto del comportamento medio delle molecole del gas. Si dice allora che il gas si trova in uno stato macroscopico descritto da certi valori di V , p e T . Evidentemente tale stato macroscopico pu` essere realizzato da diverse congurazioni microscopiche cio` o e esiste una grande variet` (un numero decisamente enorme) di posizioni e velocit` diverse che ciascuna a a
1 Sono

debitore di Fabio Maria Antoniali per i due esempi precedenti.

6.4. INTERPRETAZIONE MICROSCOPICA DELLENTROPIA.

65

molecola pu` assumere producendo lo stesso stato macroscopico. Uno stato macroscopico pu` cio` essere o o e realizzato mediante molti stati microscopici. Si denisce disordine di uno stato macroscopico mediante il numero degli stati microscopici che lo realizzano: uno stato macroscopico ` tanto pi disordinato quanto maggiore ` il numero di stati microscopici e u e che lo realizzano. Si consideri il seguente esempio. Si abbiano tre oggetti indicati dai numeri 1, 2, 3 e tre scatole. Si consideri lo stato in cui vi sia un oggetto in ogni scatola; ` chiaro che questo stato pu` essere realizzato e o nei seguenti modi: 1 1 2 3 3 2 2 2 3 1 1 3 3 3 1 2 2 1

ci sono quindi sei modalit` di realizzare lo stato richiesto. a Si consideri ora lo stato in cui si abbiano due oggetti nella prima scatola, uno nella seconda e nessuno nella terza. Questo stato pu` essere nei seguenti modi: o 12 3 23 1 31 2

cio` vi sono tre modi di realizzare lo stesso stato. e Inne, si consideri lo stato in cui tutti gli oggetti stanno nella prima scatola. Chiaramente ci` ` realizzato oe nellunico modo 123 Si denisce, per quanto tale denizione sia impropria dal punto di vista matematico, probabilit` di uno a stato macroscopico il numero di stati microscopici che lo realizzano. Ci` sembra ragionevole e torna con o lintuizione: uno stato ` tanto pi probabile quanto maggiori sono le modalit` con cui pu` realizzarsi. e u a o Con riferimento allesempio sopra riportato dei tre oggetti nelle tre scatole, il primo stato, che pu` venir o realizzato in sei modi diversi, ` il pi disordinato e quindi anche il pi probabile, mentre lultimo ` il pi e u u e u ordinato ed il meno probabile. Se A ` uno stato del sistema in esame si indica con il simbolo W(A) la sua probabilit` secondo la e a denizione data sopra. Boltzmann2 nella seconda met` dellOttocento ha dimostrato che lentropia S(A) a dello stato termodinamico A ` legata alla sua probabilit` mediante la relazione e a S(A) = kB log W(A) , (6.51)

ove la costante kB = 1.3806504(24) 1023 J K1 ` detta costante di Boltzmann. Il logaritmo che e compare nella precedente equazione ` un logaritmo naturale ed ` una funzione crescente del suo argoe e mento, cio` al crescere di x cresce anche log x, evidentemente allaumento dellentropia S corrisponde e un aumento della probabilit` W. Quindi, visto che levoluzione degli stati sici avviene nel senso dela laumento dellentropia, ` chiaro che un sistema sico evolve in modo da aumentare il proprio disordine, e nel senso sopra denito, e non viceversa. Il processo di diusione di una goccia di inchiostro blu in un bicchiere dacqua ` una vivida manifestazione di questa legge. e Eccone un altro esempio. Un sasso appoggiato sul pavimento ` costituito da moltissime molecole che e vibrano in ogni direzione in modo assolutamente disordinato. Lenergia di vibrazione si manifesta macroscopicamente come temperatura del sasso, che come ` noto, misura lenergia interna3 . Le vibrazioni di e
Boltzmann (1844-1906), sico matematico austriaco. relazione fra temperatura ed energia interna, nel caso del sasso, ` evidentemente pi complicata che nel caso del gas e u perfetto studiato in precedenza.
3 La 2 Ludwig

66

CAPITOLO 6. ENTROPIA

ogni molecola avvengono in direzione casuale ed indipendente dalle direzioni di vibrazione delle altre molecole, quindi, mediamente, la vibrazione totale del sasso ` nulla e infatti il sasso non si muove. Se e per` le molecole in un certo istante vibrassero tutte nella stessa direzione, per esempio verso est, evideno temente il sasso si sposterebbe verso est poich tutte le molecole da cui ` composto hanno una velocit` e e a diretta in quella direzione. Ora, lo stato macroscopico in cui tutti gli atomi si muovono in una stessa direzione ` evidentemente molto poco probabile, nel senso visto sopra, cio` sono molto pochi gli stati e e microscopici che lo realizzano. Ecco perch non ci capita di vedere sassi che, spontaneamente, si spostano e verso qualche direzione. Questo esempio mostra quindi che la legge di aumento dellentropia, e quindi del disordine ad essa collegato dalla (6.51), ` vera solo in senso probabilistico. Ma la probabilit` che avvenga un processo con e a diminuzione di disordine, e quindi di entropia, ` cos bassa che, se calcolata, mostra che per il suo verie carsi occorre aspettare un tempo maggiore dellet` delluniverso; il che ` un altro modo di dire che non a e accade mai. Osservazioni 1. Si osservi che se lo stato microscopico che realizza un dato stato macroscopico A ` uno solo, cio` se e e W(A) = 1, vale S(A) = kB log 1 = 0. Questo si verica, per esempio, in un gas perfetto quando la temperatura assoluta ` nulla, cio` quando T = 0 K; in tal caso infatti lenergia cinetica media delle e e molecole ` nulla, cosa che pu` avvenire solo se tutte le molecole del gas sono ferme e vi ` un solo e o e microstato che realizza un tale stato, quindi per questo stato vale W(A) = 1. Resta cos provato che lentropia di un gas perfetto alla temperatura T = 0 K ` nulla. e 2. Losservazione precedente pu` essere generalizzata per ogni sistema sico e prende il nome di terzo o principio della termodinamica, formulato per la prima volta da Nernst4 nel 1906: Lentropia di un sistema sico alla temperatura di zero kelvin ` nulla. e Da questo principio si pu` giungere a dimostrare che non ` possibile rareddare un sistema sico o e no alla temperatura di zero kelvin, cosicch spesso il terzo principio e enunciato in questa forma. e 3. La costante di Boltzmann kB ` legata al numero di Avogadro e alla costante dei gas dalla seguente e relazione: R kB = , (6.52) N0 ` E quindi possibile riscrivere lequazione (2.4), che esprime lenergia interna di un gas monoatomico, nella forma 3 U = nN0 kB T ; (6.53) 2 e ma nN0 ` uguale al numero totale N delle particelle costituenti il gas, quindi U= 3 N kB T , 2 (6.54)

da cui si pu` scrivere lenergia (cinetica) media di ciascuna particella del gas nella forma u = U/N o con 3 u = kB T . (6.55) 2
4 Walter

Hermann Nernst (1864-1941), chimico e sico prussiano.

Parte II

Oscillazioni e onde.

67

Capitolo 1

Moti periodici.
Esiste in natura unimportante classe di moti che hanno linteressante propriet` di ripetersi sempre uguali a nel tempo. Bench questa sia, in realt`, unastrazione e unapprossimazione, ` noto che, per esempio, il e a e moto della Luna attorno alla Terra o della Terra attorno al Sole sono moti che si ripetono sempre uguali nel tempo. O meglio, si ripetono uguali ogni volta che sia passato un certo tempo T . Si dicono periodici i moti che hanno questa caratteristica e periodo il tempo T . Pi precisamente un punto si muove di un moto periodico di periodo T se la sua legge del moto verica u la condizione x(t + T ) = x(t) (1.1) comunque si scelga listante t.

1.1

Moto armonico.

Fra tutti i moti periodici, riveste particolare importanza il moto armonico, denito come segue. Si dice armonico un moto centrale in cui laccelerazione sia un vettore proporzionale al vettore posizione, avente la stessa direzione e verso opposto. a = 2 x . (1.2)

La costante ` detta pulsazione del moto armonico ed ha le dimensioni del reciproco di un tempo: e [] = s1 . Per dedurre le propriet` e la legge del moto del moto armonico conviene partire da unanalisi del moto a circolare uniforme. Si consideri un punto materiale P in moto uniforme lungo una traiettoria circolare di raggio r con velocit` angolare e periodo T = 2/. La descrizione di questo moto pu` essere eettuata a o mediante la relazione che, con riferimento alla gura 1.1, esprime langolo in funzione del tempo; se il moto ` uniforme la velocit` angolare ` costante e vale e a e (t) = t + , (1.3)

e e ove ` langolo che descrive la posizione allistante t = 0. In termini di ` possibile esprimere le coordinate x e y del punto P in funzione del tempo come segue x(t) = r cos (t) = r cos(t + ) (1.4) y(t) = r sen (t) = r sen(t + ) . 68

1.1. MOTO ARMONICO.


y

69

Px x

Figura 1.1: Moto circolare uniforme. Queste due equazioni descrivono le leggi del moto delle proiezioni del punto P sugli assi. Si consideri ad esempio il punto Px trovato proiettando P sullasse x e se ne determinino velocit` ed accelerazione. La a velocit` di Px ` evidentemente la proiezione sullasse x della velocit` di P . Questultima ` tangente alla a e a e traiettoria, il suo modulo vale vP = r, e la sua proiezione lungo lasse x pu` essere scritta nella forma o v(t) = r sen (t) . (1.5) Similmente, laccelerazione di Px ` la proiezione sullasse x dellaccelerazione centripeta aP = 2 r del e punto P . Pu` quindi esser scritta nella forma o a(t) = aP cos (t) = 2 r cos (t) . (1.6)

I segni meno nelle precedenti equazioni si capiscono osservando i versi di r, v ed a. Quindi la componente x del moto circolare uniforme si muove di moto armonico con pulsazione uguale alla velocit` angolare del moto circolare in questione. Evidentemente, il moto armonico cos denito ha a lo stesso periodo del moto circolare. Com` ben noto, se ` la velocit` angolare, il periodo del moto e e a circolare si pu` scrivere nella forma T = 2/; tale quindi ` il periodo del moto armonico ove, nel presente o e contesto, ` la pulsazione. e ` Tutto ci` pu` essere generalizzato per qualunque moto armonico. E possibile riassumere quanto trovato o o come segue. a) Il moto armonico di pulsazione ` un moto oscillatorio simmetrico attorno ad una posizione di e equilibrio, detta centro del moto armonico in cui posizione, velocit` ed accelerazione variano nel a tempo secondo le seguenti equazioni x(t) = A cos(t + ) v(t) = A sen(t + ) (1.7) 2 a(t) = A cos(t + ) . b) Il moto armonico di pulsazione ` un moto periodico di periodo e T = 2 , (1.8)

70
y vP v P

CAPITOLO 1. MOTI PERIODICI.


y

P aP Px x

Px x

Figura 1.2: Proiezione del moto circolare. a: la velocit`, b: laccelerazione. a che rappresenta il tempo impiegato a compiere unoscillazione completa. Osservazioni e 1. La costante A, detta ampiezza, ` la massima distanza cui il punto materiale in moto armonico si possa trovare dal centro delle sue oscillazioni armoniche. 2. Si osservi che la velocit` di un moto armonico ` massima quando la sua accelerazione ` nulla e a e e viceversa ` nulla quando laccelerazione ` massima. e e 3. Ogni moto armonico ` sempre un moto periodico, in generale non ` aatto vero che un moto e e periodico sia anche armonico; ad esempio il moto circolare uniforme ` senzaltro periodico ma non e armonico. 4. La costante che appare nelle equazioni (1.7), ` anche detta fase del moto armonico; viene espressa e in radianti e d` informazioni circa la posizione delloscillatore allistante t = 0 s. Per esempio, porre a = /2, nella prima delle (1.7), corrisponde ad unoscillazione che allistante t = 0 s si trova nel centro con accelerazione nulla e velocit` massima. a 5. Il numero delle oscillazioni compiute nellunit` di tempo ` detta frequenza; viene indicata con la a e lettera greca . La frequenza ` legata al periodo del moto dalla relazione e = 1 . T (1.9)

Lunit` di misura della frequenza ` lhertz1 (simbolo Hz), e le sue dimensioni sono quelle del reciproco a e di un tempo: [] = s1 . La relazione fra pulsazione e frequenza, com` facile dimostrare ` data da e e = 2 .
1 Heinrich

(1.10)

Rudolph Hertz (1857-1894), sico tedesco.

1.2. IL MOTO ELASTICO.

71

1.2

Il moto elastico.

Lesempio pi semplice di moto armonico ` quello di un moto prodotto da una forza elastica di richiamo. u e Tale forza ` quella prodotta, per esempio, da una molla che, se allungata o compressa a partire dalla sua e posizione di equilibrio, esercita una forza di richiamo, detta forza elastica, che tende a riportare la molla nella sua posizione originaria che ` proporzionale alla deformazione subita. Ci` ` espresso dalla legge di e oe Hooke2 F = kx . (1.11) La costante k dipende dalla molla utilizzata ed ` detta costante elastica della molla, la sua dimensione ` e e quella di una forza fratto una distanza: [k] = N s1 = kg s2 . Si supponga che un corpo di massa m

Figura 1.3: La forza elastica. comprima di una distanza A una molla di costante elastica k e massa trascurabile; la molla imprime al corpo una forza e quindi unaccelerazione che pu` essere agevolmente calcolata per mezzo della seconda o legge di Newton3 : k kx = ma a= x. (1.12) m Il moto risultante ` pertanto un moto armonico di pulsazione e k = . (1.13) m Quindi le leggi di un tale moto sono: ( ) k x(t) = A cos t+ m ( ) k k v(t) = A sen t+ m m ( ) k a(t) = A k cos t+ . m m

(1.14)

Questo semplice esempio viene ora utilizzato per fare delle considerazioni energetiche da estendere poi, in tutta generalit`, ad un moto armonico arbitrario. Per far ci` si determinano le energie cinetica e a o potenziale del sistema costituito dalla molla e dalla massa oscillanti di gura 1.3. Lenergia cinetica ` data da e ( ) ( ) 1 k 1 2 k 1 2 2 k 2 2 sen t + = kA sen t+ , (1.15) EC = mv = mA 2 2 m m 2 m
2 Robert 3 Isaac

Hooke (1635-1703), sico inglese. Newton (1642-1727), scienziato inglese

72

CAPITOLO 1. MOTI PERIODICI.

mentre lenergia potenziale ` data da e 1 1 U = k x2 = kA2 cos2 2 2 ` E possibile cos calcolare lenergia totale conservata: E = EC + U = 1 2 m kA = 2 A2 . 2 2 (1.17) ( k t+ m ) . (1.16)

Questo risultato naturalmente vale solo per la forza elastica. Si pu` per` generalizzare a qualsiasi moto o o armonico la dipendenza dellenergia totale dal quadrato della pulsazione e dal quadrato dellampiezza. Osservazioni 1. Il fatto che per la forza elastica di una molla valga la legge di Hooke (1.11) ` vero solo approssimae tivamente per le molle reali, ed il comportamento reale si discosta tanto pi da quello ideale quanto u pi ` grande la deformazione della molla. ue

1.3

Composizione di moti armonici di ugual pulsazione.

Si supponga che un corpo compia contemporaneamente due moti armonici con la stessa pulsazione ma, in generale, ampiezza e fasi diverse. Si pu` per esempio pensare ad un corpo di massa m muoventesi sotto o lazione simultanea di due molle aventi la stessa costante elastica, ma tale che i due moti siano sfasati. I moti da comporre hanno le seguenti equazioni: x1 (t) = A1 cos(t + 1 ) Il moto risultante ha equazione x(t) = A1 cos(t + 1 ) + A2 cos(t + 2 ) . (1.19) , x2 (t) = A2 cos(t + 2 ) . (1.18)

Per capire che tipo di moto sia questo, se sia ancora armonico e nel caso che lo sia, quali siano la sua
y

A1

1 A1 cos 1 x

Figura 1.4: Vettore rotante. pulsazione, la sua ampiezza e la sua fase, occorre eseguire la somma. Il modo pi semplice di fare tale u somma ` di ricordare che ogni moto armonico pu` essere pensato come la proiezione di un moto circolare e o uniforme. Si pensi, pi precisamente, al moto armonico di pulsazione come alla proiezione sullasse u

1.3. COMPOSIZIONE DI MOTI ARMONICI DI UGUAL PULSAZIONE.

73

delle ascisse di un vettore rotante con velocit` angolare uniforme . In gura 1.4 ` rappresentato, a titolo a e esemplicativo, il primo moto armonico della (1.19). Si considerino quindi i due moti dellequazione (1.19) rappresentate da due diversi vettori rotanti. Dallesame attento della gura 1.5, si ottiene il moto armonico risultante A cos ove A2 [ ] = A2 + A2 2A1 A2 cos (2 1 ) = A2 + A2 + 2A1 A2 cos(2 1 ) = 1 2 1 2 = A2 + A2 + 2A1 A2 cos(2 1 ) 1 2 e tan = A1 sen 1 + A2 sen 2 . A1 cos 1 + A2 cos 2 (1.22) (1.20)

(1.21)

y A A2 2 1 2 1 x A1

Figura 1.5: Somma di due moti armonici diversi. Nel caso particolare in cui i due moti armonici abbiano la medesima ampiezza, cio` A1 = A2 , si trova e [ ] A2 = 2A2 1 + cos(2 1 ) 1 1 + 2 2 1 A = 2A1 cos (2 1 ) 2 = t + 1 + 2 2 (1.23)

tan = tan

(1.24)

Si ` cos trovato che la composizione di due moti armonici aventi la stessa pulsazione ` ancora un moto e e armonico la cui ampiezza, pulsazione e fase sono dati dalle equazioni scritte sopra. Si noti che, nel caso di medesima ampiezza, la pulsazione ` la stessa dei due moti componenti. Nel caso generale tuttavia la e situazione ` pi complessa. e u Si osservi che lampiezza del moto armonico risultante dipende oltre che dalle ampiezze dei moti compoe nenti anche dalla loro dierenza di fase 2 1 . In particolare quando la dierenza di fase ` un multiplo intero di 2 lampiezza risultante ` massima e vale A = A1 + A2 ; si dice in questo caso che i due oscillatori e sono in fase e la loro composizione viene detta interferenza costruttiva. Viceversa se la dierenza di fase ` un multiplo intero di lampiezza risultante ` minima e vale A = |A1 A2 |; si dice in questo caso che e e gli oscillatori sono in opposizione di fase e la loro composizione viene detta interferenza distruttiva.

74

CAPITOLO 1. MOTI PERIODICI.

1.4

Composizione di moti armonici con pulsazione diversa.

Il problema di comporre due moti armonici con pulsazione diversa non ammette una semplice soluzione. In generale il moto composto x(t) = x1 (t) + x2 (t) = A1 cos(1 t + 1 ) + A2 cos(2 t + 2 ) (1.25)

non ` armonico. Inoltre si pu` dimostrare, che se 1 ed 2 non sono numeri commensurabili, non ` e o e nemmeno periodico. Pi spesso si presenta il problema inverso, quello di scrivere un dato un moto periodico come somma u di moti armonici di diverse pulsazioni. Il problema ` risolto dal teorema di Fourier 4 che aerma che e qualsiasi moto periodico x(t) di periodo T pu` essere scritto come una somma di inniti termini della o forma x(t) = a0 + a1 cos(t + 1 ) + a2 cos(2t + 2 ) + a3 cos(3t + 3 ) + . (1.26) La pulsazione del primo addendo armonico ` data da = 2/T e tale primo termine ` detto armonico e e
x

Figura 1.6: Il fenomeno dei battimenti. fondamentale; i termini successivi con pulsazioni multiple di sono detti armonici superiori. Questa somma prende il nome di serie armonica di Fourier. Il teorema di Fourier fornisce anche il metodo analitico di calcolo delle ampiezze e delle fasi di ciascun armonico, su cui non ` il caso di soermarci qui. e Il caso particolare in cui i moti da comporre sono due con pulsazioni non molto diverse e uguali ampiezze, consente una semplice e molto interessante soluzione approssimata. Si considerino infatti i due moti x1 (t) = a cos(1 t + 1 ) , x2 (t) = a cos(2 t + 2 ) , (1.27)

Allora, usando le formule prostaferesi, la composizione d` a ) ( ) ( 1 2 1 + 2 1 + 2 1 2 t+ cos t+ = A(t) cos(t + ) , x(t) = 2a cos 2 2 2 2 con A(t) = 2a cos
4 Jean

(1.28)

1 1 2 t+ 2 2

) , =

1 + 2 2

1 + 2 . 2

(1.29)

Baptiste Fourier (1768-1830) sico matematico francese.

1.5. MOTI ARMONICI SU ASSI ORTOGONALI.

75

Si ` cos ottenuto un moto armonico con pulsazione uguale alla media aritmetica delle pulsazioni compoe nenti, che per pulsazioni molto simili risulta simile ad entrambe, ma con ampiezza variabile, anchessa in modo armonico con una pulsazione molto piccola rispetto alle pulsazioni componenti. Landamento del moto risultante ` rappresentato in gura 1.6, ove ` stato rappresentato il graco della composizione dei e e moti armonici di equazioni x(t) = cos 4t e x(t) = cos 5t; tratteggiato ` rappresentato il graco anche il e graco della variazione armonica dellampiezza; lintervallo di variabilit` rappresentato ` 5 t 5. a e La frequenza del graco tratteggiato di ` detta frequenza di battimento e battimenti, sono dette variae zioni periodiche dellampiezza di oscillazione. Nel caso le oscillazioni siano vibrazioni acustiche, lorecchio percepisce oltre alla frequenza principale, anche la pi bassa frequenza di battimento. u Si dice anche che loscillazione di frequenza maggiore ` modulata dalla frequenza di battimento e

1.5

Moti armonici su assi ortogonali.

Si consideri un punto materiale che compia simultaneamente due moti armonici di ugual pulsazione sugli assi cartesiani ortogonali, per esempio perch sottoposto allazione simultanea di due molle; le equazioni e cartesiane del moto del punto sono: { x = a cos t (1.30) y = b cos(t + ) , Si vuole trovare la traiettoria del moto risultante; per farlo ` necessario eliminare la variabile tempo dalle e equazioni sopra scritte. x2 x sen t = 1 2 = cos t a a (1.31) y = cos(t + ) = cos t cos sen t sen , b sostituendo la seconda nella prima y x = cos b a ed elevando al quadrato (x y )2 cos = a b ( x2 1 2 sen a )2 x2 xy y2 cos2 2 cos + 2 = a2 ab b ( ) x2 1 2 sen2 ; a (1.33) 1 x2 sen a2 (1.32)

da cui, riordinando, si ottiene facilmente xy y2 x2 2 cos + 2 = sen2 a2 ab b (1.34)

che ` lequazione di unellisse con il centro nellorigine degli assi. Il moto risultante viene detto moto e armonico ellittico. Si osservi che ` la dierenza di fase dei due oscillatori. In eetti ` possibile provare, e e e viene lasciato come esercizio al lettore studioso e paziente, che se i due moti armonici hanno entrambi una fase: (1.35) x = a cos(t + 1 ) , y = b cos(t + 2 ) , lequazione dellellisse diventa x2 y2 xy + 2 2 cos(1 2 ) = sen2 (1 2 ) . 2 a b ab (1.36)

76

CAPITOLO 1. MOTI PERIODICI.

Con il conforto di questo fatto, ` possibile in modo del tutto generale ragionare in termini di dierenza di e fase. Dalle (1.35) ` chiaro che il punto del punto materiale ` connato in un rettangolo avente il centro e e nellorigine e lati 2a e 2b.
y b y b

a x

a x

b 1 2 = 0

b 1 2 =

Figura 1.7: Ellisse degenere in un segmento. Se la dierenza di fase vale 0 o , cio` se i due oscillatori sono in fase od in opposizione di fase, lellisse e degenera nei segmenti di retta di equazione (gura 1.7) ( x y )2 b y= x (1.37) =0 a b a ed il punto materiale percorre la una diagonale del rettangolo con un moto armonico semplice di pulsazione ed ampiezza A = a2 + b2 .
y b

a x

b 1 2 = 2

Figura 1.8: Ellisse con assi paralleli agli assi cartesiani. Se la dierenza di fase ` /2 lequazione dellellisse diviene ed equazione (gura 1.8) e y2 x2 + 2 =1. (1.38) 2 a b Si tratta di unellisse con gli assi paralleli agli assi cartesiani che viene percorsa in senso antiorario od orario a seconda che la dierenza di fase sia positiva o negativa (Il lettore studioso trovi una dimostrazione

1.5. MOTI ARMONICI SU ASSI ORTOGONALI.

77

di questultima aermazione). Se, in particolare, a = b allora lellisse ` un cerchio ed il moto del punto ` circolare uniforme e la sua e e legge pu` essere ricavata dalle (1.30): o { { { x = a cos ( t x = a cos t x = a cos t ) (1.39) y = a cos t y = a sen( t) y = a sen t 2 Si osservi, per concludere, che se, come visto sopra, un moto circolare uniforme si pu` sempre scomporre o in due moti armonici ortogonali, allo stesso modo un moto armonico si pu` scomporre in due moti circolari o di verso opposto. Si considerino infatti i due moti circolari di equazioni cartesiane x = A cos t x = A cos t 2 2 , (1.40) A y = sen t y = A sen t 2 2 Si osservi che i due moti possono essere pensati come aventi pulsazione di segno opposto e quindi ruotano in versi opposti. Componendoli si ottiene facilmente: { x = A cos t (1.41) y=0 che ` evidentemente un moto armonico semplice. e

Capitolo 2

Propagazione delle onde.


` Si comincia qui ad indagare il fenomeno ondoso. E esperienza comune che certi materiali consentono attraverso di s la propagazione di onde. Un esempio ovvio ` costituito delle onde del mare. Esse sono e e tuttavia un fenomeno piuttosto complesso e conviene cominciare lo studio dei fenomeni ondosi a partire da qualcosa di pi semplice. u

2.1

Onde su di una corda.

Si consideri una corda tesa agli estremi che venga sollecitata con una forza che ne turbi la congurazione di equilibrio. Si pu` facilmente sperimentare che, in simili condizioni, la perturbazione si propaga lungo o la corda. Evidentemente non c` trasporto di materia in questa propagazione (come non c` trasporto e e di materia nelle onde del mare), si dice onda la propagazione di questa perturbazione. Per indagare in modo pi ecace il fenomeno, si supponga che la perturbazione sia costituita dal moto oscillatorio u armonico di uno degli estremi. Con riferimento alla gura 2.1, si supponga che la corda giaccia sullasse
y

Q x

Figura 2.1: Onda propagantesi su di una corda generata dal moto oscillatorio del suo estremo P . delle ascisse con lestremo P sullorigine, e che, ssato laltro estremo Q, si faccia oscillare P lungo lasse y con la legge armonica y = A cos(t + ) , (2.1) si sta cio` supponendo che loscillazione di P abbia ampiezza A, pulsazione e fase iniziale . Si e vuole descrivere la propagazione di questo moto armonico di P lungo la corda; sia v la velocit` di a tale propagazione, cio` la velocit` dellonda. Allora la perturbazione generata nellorigine ad un certo e a istante arriva nella posizione x t = x/v secondi dopo. Quindi al generico istante t nella posizione x 78

2.1. ONDE SU DI UNA CORDA.

79

la perturbazione y della corda ha lo stesso valore che aveva nellorigine t secondi prima. Ma poich la e perturbazione allorigine ` data dalla (2.1), allistante t in x si trova e [ ( ] x) y(t, x) = A cos[(t t ) + ] = A cos t + . (2.2) v Si noti che si pu` pensare alla (2.2) come ottenuta dalla (2.1) mediante una traslazione temporale di o un intervallo di tempo t . Per interpretare il senso sico di questa equazione conviene ricordare che la pulsazione del moto armonico si pu` esprimere in termini del periodo nella forma = 2/T e denire la o quantit` = 2v/ = vT . Vale allora a [ ( ) ] t x y(t, x) = A cos 2 + . T (2.3)

Lequazione (2.3) rappresenta la posizione di ogni punto della corda oscillante in ogni istante di tempo e permette quindi di ricostruire in ogni istante la forma dellonda; per questo viene detta funzione donda. ` una grandezza avente le dimensioni di una lunghezza e, per denizione, ` la distanza percorsa dallonda e e nel tempo T . Il suo signicato sico si ricava dallanalisi seguente. Allistante t = 0 nellorigine, cio` per e x = 0, il punto P si trova in y = A cos in una posizione che dipende cio` dalla fase iniziale. Dopo un e periodo, cio` allistante T , P deve trovarsi nuovamente nella medesima posizione e nello stesso tempo la e deformazione si ` propagata per una distanza vT , cio` per una distanza . Quindi a distanza dallorigine, e e in ogni istante t, la deformazione dellonda ha lo stesso valore della deformazione allorigine; quindi ` la distanza fra due punti successivi in cui londa ha la stessa deformazione, per esempio due creste o e due ventri. Per questo viene detta lunghezza donda. La lunghezza donda pu` essere considerata o
y P Q vT x

Figura 2.2: Rappresentazione della lunghezza donda. il periodo spaziale dellonda, infatti due punti che distino un numero intero di lunghezze donda hanno sempre lo stesso valore di y; per vederlo si considerino due punti di ascissa x e x + n, con n intero, vale [ ( ) ] [ ( ) ] t x + n t x y(t, x + n) = A cos 2 + = A cos 2 + + 2n = T T (2.4) [ ( ) ] t x = A cos 2 + = y(t, x) t . T Due punti che abbiano tale propriet` si dicono oscillare in fase. Similmente si pu` mostrare che due a o punti che distano un numero dispari di mezze lunghezze donda hanno in ogni istante opposto valore di y. Vale cio` e ] [ = y(t, x) t . y t, x + (2n + 1) (2.5) 2

80

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

Due punti che abbiano tale propriet` si dicono oscillare in opposizione di fase. a Si osservi che = vT v= = . (2.6) T Quindi per unonda la velocit` di propagazione ` data dal prodotto della frequenza di oscillazione e la a e lunghezza donda. Ora la velocit` dipende dal mezzo in cui londa si propaga (si veda anche il paragrafo a seguente) ed ` quindi una costante, e sono quindi inversamente proporzionali. e Osservazioni 1. Le onde che, come quelle studiate in questo paragrafo, sono generate da un moto armonico si dicono onde armoniche. Evidentemente, esistono in natura onde che non sono aatto armoniche. Queste hanno una funzione donda del tutto simile, nella struttura, alla (2.3), ma al posto della funzione coseno ` presente una diversa funzione f ; pertanto, in generale si ha: e [ ( ) ] t x y(t, x) = Af 2 (2.7) + . T In queste note verranno prese in considerazione solo le onde armoniche. 2. Ricordando che cos = sen( + /2) ` possibile, cambiando il valore della fase iniziale, scrivere la e funzione donda in termini del seno [ ( ) ] [ ( ) ] t x t x y(t, x) = A cos 2 (2.8) + = A sen 2 + , T T con = + /2.

2.2

Velocit` di unonda su una corda. a

Si consideri una corda inestensibile tesa con tensione e sia la sua densit`, che si suppone uniforme. a Si supponga inoltre che, in seguito ad una sollecitazione da parte di una forza esterna, si formi unonda che si propaga lungo la corda stessa. Si vuole determinare quale sia la velocit` si tale onda. a ` Si comincia ad indagare da che cosa tale velocit` pu` dipendere e a fare unanalisi dimensionale. E chiaro a o che pu` dipendere solo dalle grandezze in gioco, cio` la tensione e la densit` del lo. Un esperimento fatto o e a con qualsiasi fune sucientemente lunga, permette di vedere che tutte le onde prodotte si muovono alla stessa velocit` e che essa ` tanto maggiore quanto maggiore ` la tensione e tanto minore quanto maggiore a e e ` la densit`. e a Si supponga quindi, in seguito alla questa euristica sperimentale, che la velocit` cercata dipenda solo da a e da . Una semplice analisi dimensionale dice che [ ] = N = kg m s2 , [] = kg m1 (2.9)

e quindi lunica combinazione di queste grandezze che abbia le dimensioni di una velocit` ` la radice a e quadrata del rapporto di e ; si pu` quindi concludere che deve valere la seguente relazione (a meno di o costanti adimensionali): , v= (2.10) relazione che, oltre a tornare dal punto di vista dimensionale, accoglie anche le nostre osservazioni speri` mentali: infatti si vede che v aumenta con e diminuisce con . E ora necessario costruire un modello

` 2.2. VELOCITA DI UNONDA SU UNA CORDA.


v

81

r r r

Figura 2.3: Il modello di propagazione di unonda sulla corda. che permetta di dedurre la formula ora trovata ottenendone cos una conferma teorica. A tale scopo conviene mettersi nel sistema di riferimento in cui londa ` ferma e la corda si muove; in tale sistema di e riferimento cio` si vede unonda ferma lungo la quale scorre la corda verso sinistra invece di unonda che e si propaga verso destra lungo una corda ferma. Si consideri quindi una piccola porzione di questa corda, come in gura 2.3: se il tratto di corda considerato ` suciente piccolo, qualunque sia la forma dellonda, ` possibile approssimarlo mediante un arco e e di circonferenza di lunghezza data e aermare che quel tratto di corda sta percorrendo un moto circolare uniforme di raggio r uguale al raggio di curvatura della corda nel punto considerato. Tale tratto di corda ` sottoposto, da entrambi i lati, alla sola tensione del lo, quindi la forza totale agente F ` la somma e e vettoriale delle due tensioni. Osservando la similitudine dei due triangoli isosceli di identica apertura formati uno dai due raggi insistenti sugli estremi del tratto di corda in questione e laltro dalle due tensioni e dalla forza risultante, si pu` concludere (qui si sta approssimando larco di lunghezza con la o corda ad esso sottesa, cosa che ` corretta se, come qui si sta supponendo, il trattino di corda considerato e ` molto piccolo): e F = = F = . (2.11) r r Ora tale forza, per la seconda legge di Newton, deve uguagliare il prodotto della massa per laccelerazione del nostro pezzettino di corda; ma la massa pu` essere scritta come il prodotto fra la densit` lineare e la o a lunghezza, mentre laccelerazione ` quella del moto circolare uniforme. In denitiva: e ma = e quindi v2 = (2.13) r r da cui si pu` facilmente dedurre la relazione (2.10). Resta cos confermato che la velocit` di unonda lungo o a una corda non dipende n dalla forma dellonda, n della forza esterna, ma solo dalle caratteristiche siche e e della corda. Questa conclusione, qui dimostrata nel caso di unonda che si propaga lungo una corda, ` e vera in generale. La velocit` di una qualsiasi onda dipende solo dalle caratteristiche siche del mezzo a in cui londa si propaga. v2 ; r (2.12)

82

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

2.3

Generalit` sulle onde. a

Nella discussione svolta sopra si ` trovato che una corda tesa ` capace di trasportare sollecitazioni mece e caniche trasversali alla sua lunghezza con una velocit` che dipende solo dalle caratteristiche della corda; a che se la sollecitazione ` armonica con ampiezza A e pulsazione ogni porzione della corda oscilla con e la medesima ampiezza e la medesima pulsazione; che in ogni istante la forma della corda ` quella di una e cosinusoide. Onde di questo tipo, come le onde del mare, in cui la direzione delloscillazione ` perpendicolare alla e direzione di propagazione vengono dette onde trasversali. Viceversa le onde in cui la direzione di oscillazione ` parallela alla direzione di propagazione vengono dette onde longitudinali. e Esempi di onde longitudinali sono le onde sonore ed in generali tutte le onde di compressione propagantesi in materiali elastici. La situazione pu` essere visualizzata immaginando una lunga molla che venga como pressa ad una estremit` mentre tutto il resto della molla rimane a riposo: quando la parte compressa si a distende va a comprimere la porzione di molla adiacente che, a sua volta, distendendosi va a comprimere una nuova porzione di molla. Cos la deformazione della molla oscilla longitudinalmente propagandosi lungo la molla. Una cosa simile accade, per esempio, nella propagazione del suono nellaria, come si vedr` a pi sotto, e per certe onde sismiche. u Le propriet` caratteristiche di unonda si possono riassumere nelle seguenti. a periodo T lintervallo di tempo che separa due istanti in cui, in una data posizione, la deformazione ` identica; e frequenza il numero di oscillazioni compiute da un punto qualsiasi del sistema nellunit` di a tempo; ampiezza A il massimo spostamento dalla posizione di equilibrio; lunghezza donda la distanza che separa due punti in cui il sistema ha, in ogni istante, la stessa deformazione, tali punti sono detti oscillare in fase. velocit` v, ` la velocit` con cui la deformazione si propaga nel mezzo, e valgono le relazioni a e a v= = . T (2.14)

funzione donda la legge di propagazione dellonda che ` data dalla e [ ( ) ] [ ] t x 2 y(t, x) = A cos 2 + = A cos (x vt) . T

(2.15)

Nellultima espressione la funzione donda ` stata scritta esplicitando la dipendenza dalla velocit`; si e a osservi che la formula scritta ` valida per unonda che si propaghi lungo lasse delle x nel verso delle x e crescenti. Nel caso di propagazione in verso opposto ` necessario, come al solito, cambiare il segno della e velocit` e si ha a ] [ 2 (x + vt) . (2.16) y(t, x) = A cos Le onde si distinguono ulteriormente in riferimento al numero delle dimensioni spaziali coinvolte nella propagazione. Si dicono unidimensionali le onde che si propagano lungo un mezzo unidimensionale, come una corda; si dicono bidimensionali le onde che si propagano su di un mezzo bidimensionale, per esempio le onde sulla supercie di un liquido; tridimensionali le onde propagantesi nello spazio, come il suono. Nel caso di onde bi- o tridimensionali, in ogni istante c` un insieme di punti, tutti egualmente e distanti dalla sorgente delle onde, in cui la perturbazione ha lo stesso valore: `, per cos dire, linsieme e

2.4. ENERGIA TRASPORTATA DA UNONDA.

83

dei punti dove ` arrivata londa nella sua propagazione; linsieme di tutti questi punti viene detto fronte e donda. Il fronte donda ` una linea nel caso di onde bidimensionali e una supercie nel caso di onde e tridimensionali. Si considerino i seguenti esempi che forse chiariscono il punto. Un sasso buttato sulla supercie dellacqua calma di un lago produce, com` noto, delle onde circolari concentriche nel punto e in cui ` caduto il sasso; in questo caso le onde sono bidimensionali ed il fronte donda ` la circonferenza e e dellonda pi esterna. Il suono prodotto da un uccello che canta su un ramo ` costituito da un insieme di u e onde sferiche concentriche nella gola delluccello, ed il fronte donda ` la supercie della sfera pi esterna. e u Si possono cos classicare le onde anche con riferimento alla forma dei fronti donda: si dicono sferiche le onde tridimensionali il cui fronte donda ` una supercie sferica; piane le onde tridimensionali il cui fronte e donda ` una supercie piana; circolari le onde bidimensionali il cui fronte donda sia una circonferenza; e rettilinee le onde bidimensionali il cui fronte donda sia una retta.

2.4

Energia trasportata da unonda.

Unonda, come si ` detto, non trasporta materia ma energia; il procedimento che porta alla determinazione e di tale energia ` analogo a quello che, alla ne del paragrafo 1.2 della parte II, ha portato allenergia totale e di un moto elastico. Si consideri, come fatto in precedenza, la propagazione di unonda di equazione [ ] 2 y(t, x) = A cos t x (2.17) lungo una corda avente densit` ; sia x una porzione di corda, avente massa x, esso si muove di a moto armonico e quindi ha velocit`, si ricordi lequazione (1.14), a [ ] 2 v(t, x) = A sen t (2.18) x e quindi ha energia cinetica [ ] 1 1 2 2 2 2 2 EC = xv = xA sen t x . 2 2 Lenergia potenziale daltra parte ` e [ ] 1 2 1 2 2 2 U = ky = kA cos t x . 2 2 Ricordando che per un moto elastico vale k = x 2 , si trova E = EC + U = 1 x 2 A2 2 (2.21) (2.20) (2.19)

La potenza associata a questonda ` lenergia per unit` di tempo; quindi e a P = 1 x 2 2 1 E = A = v 2 A2 t 2 t 2 (2.22)

ove v ` la velocit` dellonda. e a In generale, per una qualsiasi onda, la potenza ` proporzionale al quadrato dellampiezza; si scrive in e generale 1 P = A2 , (2.23) 2 ove ` una costante che dipende dal mezzo attraverso cui londa si propaga. e

84

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

2.5

Riessione delle onde.

Per capire il problema della riessione della onde conviene riferirsi ad un esempio semplice utilizzando la corda che gi` ` stata utile sopra. Si consideri quindi una corda con lestremo P ssato ad una parete; e ae si consideri unonda che si propaga verso P . Quando londa giunge in P imprime alla parete in impulso

Figura 2.4: Riessione con punto sso. a: onda incidente; b: onda riessa. verso lalto; questa a sua volta, per la terza legge di Newton, imprime alla corda un impulso uguale ed opposto, cio` verso il basso. Questo impulso dato dalla parete si propaga allindietro, ma rovesciato. e Questonda regressiva generata dallinterazione dellonda incidente con la parete ` detta onda riessa. e Essa ha le stesse caratteristiche dellonda incidente: la stessa ampiezza, la stessa lunghezza, la stessa velocit`, per` ` rovesciata. a oe Nel caso in cui il punto P non sia ssato alla parete, ma libero di muoversi, la corda non riceve limpulso dalla parete e quindi londa riessa non ` rovesciata. e

Figura 2.5: Riessione con punto mobile. a: onda incidente; b: onda riessa.

Osservazioni 1. Nellesempio fatto per mettere in luce la propriet` di ribaltamento dellonda incidente nel caso di a riessione con punto sso si ` scelto di discutere il caso di unonda con una sola cresta, senza ventre: e ` chiaro che non si tratta di di unonda prodotta da unoscillazione armonica. Nel caso in cui londa e incidente abbia il prolo di un seno londa riessa quando P ` ssato ha esattamente lo stesso prolo e

2.6. RIFRAZIONE DELLE ONDE

85

dellonda incidente; infatti se londa incide la parete con la cresta A, questa si riette diventando un ventre, mentre il successivo ventre B in seguito alla riessione diviene cresta.
A B

B a

A b

Figura 2.6: Riessione di unonda sinusoidale. a: onda incidente; b: onda riessa.

2.6

Rifrazione delle onde

Si supponga che unonda propagandosi lungo una corda giunga ad un giunzione con una corda pi densa; u poich la tensione delle due corde collegate ` la medesima, usando lequazione (2.10), si vede che velocit` e e a diminuisce; daltra parte la frequenza delle sollecitazioni cui ` sottoposta il nuovo tratto di corda ` uguale e e alla frequenza delle onde che si propagano nel primo tratto; quindi, confrontando con lequazione (2.14), ` chiaro che la lunghezza donda deve diminuire e la corda appare come in gura 2.7 Il fenomeno, su cui e
y

Figura 2.7: La rifrazione di unonda su una corda. si dovr` tornare pi avanti, di unonda che modica la propria velocit` passando da un mezzo ad un altro a u a viene detto rifrazione

2.7

Il principio di sovrapposizione. Interferenza.

In modo simile a come si compongono i moti armonici discussi in precedenza, anche le onde si compongono a produrre unonda risultante. In generale tale composizione avviene secondo le due regole seguenti che sono note sotto il nome di principio di sovrapposizione. a) il moto di ciascuna delle onde componenti ` indipendente dalla presenza delle altre onde, cio` ogni e e onda si propaga liberamente come se fosse lunica onda presente; b) la deformazione dovuta alla presenza di pi onde ` uguale alla somma vettoriale (laggettivo vettou e riale si riferisce alla possibilit` di avere onde propagantesi in direzioni diverse) delle deformazioni a dovute indipendentemente da ciascuna delle onde componenti.

86

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

Si consideri linterferenza di due onde aventi la stessa frequenza, lunghezza, velocit` ed ampiezza, che si a propagano entrambe nel verso positivo delle ascisse con dierenza di fase . Si possono scrivere le loro funzioni donda come segue: [ ] [ ] 2 2 y1 (t, x) = A cos (x vt) , y2 (t, x) = A cos (x vt) + . (2.24) Usando le formule di prostaferesi, la loro sovrapposizione d` a ] [ ] [ [ ] 2 2 2 (x vt) + A cos (x vt) + = 2A cos cos (x vt) + y(t, x) = A cos . 2 2

(2.25)

Londa risultante quindi ` unonda che si propaga nello stesso verso, con la stessa velocit`, lunghezza, e a frequenza delle onde componenti ma con unampiezza 2A cos che dipende dalla dierenza di fase . In 2 particolare se le onde sono in fase, cio` se = 2n, londa risultante ha ampiezza doppia e si dice che si e produce interferenza costruttiva, se invece sono in opposizione di fase, cio` se = (2n+1) lampiezza e risultante ` nulla, cio` le due onde si annullano reciprocamente e si dice che si produce interferenza e e distruttiva. Si provi ora a far interagire due onde uguali a quelle ora esaminate, ma propagantesi in direzioni opposte: [ ] [ ] ( ) [ ] 2 2 2 2 y(t, x) = A cos (x vt) + A cos (x + vt) + = 2A cos x+ cos vt + . (2.26) 2 2 Come si vede londa risultante non si propaga: largomento del coseno non dipende pi dalla combinazione u x vt. Ci sono dei punti, detti nodi, che restano fermi in ogni istante. Tali punti sono nelle posizioni per le quali ( ) 2 2 cos (2.27) x+ =0 x + = + n 2 2 2 cio` per e x= ] [ (2n + 1) . 4 (2.28)

Attorno ai nodi londa cresce e decresce senza spostarsi. Per questo motivo simili onde vengono dette onde stazionarie.

2.8

Onde stazionarie su di una corda ssata agli estremi.

Come importante esempio di onde stazionarie, si consideri il problema di determinare quali onde si propaghino lungo una corda di lunghezza , i cui estremi A e B siano stati ssati. Si prenda come riferimento un sistema di assi cartesiani ortogonali in cui la corda sta sullasse x con il punto A nellorigine e le oscillazioni trasversali avvengono lungo y. Evidentemente si ha una continua sovrapposizione di onde progressive e regressive che si riettono continuamente in A ed in B dando origine, con una scelta opportuna della fase iniziale, ad onde stazionarie della forma 2 y(t, x) = A cos vt cos ( 2 x+ ) . (2.29)

Si osservi che gli estremi della corda restano fermi, quindi in ogni istante deve valere y(t, 0) = y(t, ) = 0 , (2.30)

2.8. ONDE STAZIONARIE SU DI UNA CORDA FISSATA AGLI ESTREMI.


y +2A

87

2A

Figura 2.8: Onda stazionaria e formazione dei nodi. da cui si ottiene cos = 0 Da cui: , cos ( ) =0. (2.31)

2 +

2n + 1 2 , = , (2.32) n 2 ove n ed n sono due numeri interi arbitrari. Dalla prima di queste equazioni si vede che non tutte le lunghezze donda sono possibili ma solo quelle i cui multipli interi sono uguali al doppio della lunghezza totale della corda. Usando queste relazioni, la funzione dellonda stazionaria diventa ( ) ( ) ( ) ( ) 2n + 1 y(t, x) = 2A cos (2.33) nvt cos nx + = 2A cos nvt sen nx . 2 n = Per n = 1, la lunghezza donda ` il doppio della lunghezza della corda e questa vibra in tutta la sua e lunghezza senza nodi intermedi; per n = 2 la lunghezza donda ` uguale alla lunghezza della corda e e ` quindi vi ` un nodo; per n = 3 vi sono due nodi e via di seguito. E interessante scrivere le corrispondenti e

n=1

n=2

n=3

Figura 2.9: Onde stazionarie su una corda a estremi ssi. e frequenze. La prima, per n = 1, ` detta frequenza fondamentale: v v 1 1 = = = . 1 2

(2.34)

Le altre frequenze sono tutte multiple della frequenza fondamentale e sono dette armoniche di 1 n = v = n1 . n (2.35)

88

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

In generale la vibrazione di una corda con estremi ssi pu` essere pensata come la sovrapposizione di onde o con tutte le frequenze armoniche date dalla (2.35). Lanalisi delle frequenze armoniche che compongono una data onda stazionaria pu` essere fatta mediante il teorema di Fourier citato nel capitolo precedente. o Osservazioni 1. Oltre allinterferenza qui analizzata, le onde presentano una fenomenologia molto ricca che, per evitare inutili ripetizioni verr` discussa parlando del modello ondulatorio della luce, poich per la a e luce tale fenomenologia ha le manifestazioni pi vivide. u

2.9

Leetto Doppler.

Leetto Doppler1 ` tipico della fenomenologia delle onde che si manifesta quando la sorgente delle onde e e losservatore sono in moto relativo. Si noti che il caso della sorgente in moto e dellosservatore in moto non sono sicamente equivalenti; il mezzo in cui le onde si propagano infatti gioca un ruolo essenziale esso infatti ` fermo in entrambi i casi; non si passa quindi da un caso allaltro con un semplice cambio di e sistema di riferimento. Si considerano separatamente i due casi. A. Si consideri la sorgente S in moto rispetto al mezzo e losservatore O sia fermo. Sia vS la velocit` a della sorgente e sia TS lintervallo di tempo che separa due istanti successivi in cui la sorgente emette due onde successive, tale intervallo `, evidentemente, il periodo delle onde emesse da S. Si supponga e inoltre che la sorgente emetta la prima onda allistante 0 e in quellistante si trovi in S1 a distanza r1 dallosservatore fermo. Se v ` la velocit` di propagazione delle onde nel mezzo in questione, la prima onda e a viene ricevuta da O allistante t1 = r1 /v. Dopo un tempo TS dalla prima emissione S emette una seconda onda dalla posizione S2 che si trova a distanza r2 da O; quindi questi riceve la seconda onda allistante t2 = TS + r2 /v. Pertanto lintervallo di tempo fra le due onde successive, cio` il periodo, misurato da O ` e e TO = t2 t1 = TS r1 r2 , v (2.36)

i due intervalli di tempo quindi non sono uguali, pertanto S ed O misurano periodi, e quindi frequenze e lunghezze donda, diverse. In particolare se v ha lo stesso segno di r1 r2 , cio` se S si sta avvicinando e ad O, allora il periodo misurato da O ` minore di quello dellonda emessa da S; viceversa, se S si e allontana da O il periodo misurato da O ` maggiore di quello dellonda emessa. Nel caso in cui sia e
S2 r2 r1 S1

Figura 2.10: Eetto Doppler con sorgente in movimento. r1 r2 S1 S2 (il che signica che londa si muove molto pi velocemente della sorgente, cosa quasi u sempre molto ragionevole; si veda oltre) si pu` scrivere, con riferimento alla gura 2.10 (il lettore studioso o spieghi perch) r1 r2 S1 S2 cos ; (si osservi che questa relazione ` esatta nel caso in cui S si muova e e
1 Christian

Johann Doppler (1803-1853), sico austriaco.

2.9. LEFFETTO DOPPLER.

89

proprio verso O, con = 0) ma S1 S2 ` lo spazio percorso da S nel tempo TS , cio`: S1 S2 = vS TS , quindi e e si trova ( ) vS tO = tS 1 cos ; (2.37) v Nel caso, poi, in cui sia = 0 e quindi S si muova verso O, lultima equazione si semplica ulteriormente diventando ( vS ) tO = tS 1 (2.38) ; v B. Si consideri ora la sorgente S ferma rispetto al mezzo ove invece si muove losservatore O con velocit` a vO ; sia TS il periodo di emissione della sorgente. La prima onda viene emessa da S allistante 0; O riceve questa onda nel punto O1 che dista r1 da S allistante t1 = r1 /v, ove, come nel caso A, v ` la velocit` e a della propagazione ondosa nel mezzo in questione. La seconda onda viene emessa da S allistante TS e
S

r1

r2

O1 O2

Figura 2.11: Eetto Doppler con osservatore in movimento. viene ricevuta da O nel punto O2 , che dista r2 da S allistante t2 = TS + r2 /v; cosicch O misura un e periodo r1 r2 TO = t2 t1 = TS ; (2.39) v la (2.39) ` formalmente identica alla (2.36); in realt` nel caso A la quantit` r1 r2 si riferisce allo e a a spostamento (bench non vi coincida) di S nel tempo TS , mentre in questo caso si riferisce allo spostamento e di O nel tempo TO ; si tratta quindi di due quantit` diverse indicate per comodit` con lo stesso simbolo. a a Per esplicitare tali dierenze conviene fare le stesse approssimazioni viste nel caso precedente. Queste infatti consentono di scrivere r1 r2 = vO TO cos quindi TO = TS vO TO cos v = ( ) vO TS = TO 1 + cos . v (2.40)

da cui si vede ancora che il periodo ` minore quando losservatore si avvicina alla sorgente e maggiore e quando se ne allontana, ma lespressione matematica, e quindi il valore numerico della dierenza fra le due frequenze ` diversa. Nessuna sorpresa: n dallinizio ` stato sottolineato che i due casi non sono e e sicamente equivalenti. Nel caso in cui sia = 0 quindi O si muova verso S, lultima equazione si semplica ulteriormente diventando ( vO ) tS = 1 + tO ; v (2.41)

90

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

Osservazioni 1. Nel caso delle onde sonore, che verr` discusso con qualche dettaglio nel seguito, leetto Doppler si a manifesta tramite un fenomeno familiare a tutti coloro che abbiano ascoltato la sirena di unambulanza in movimento. Finch lambulanza si avvicina alle nostre orecchie sentiamo una certa nota e che cambia non appena lambulanza ci ha oltrepassato e comincia ad allontanarsi. Questo ` dovuto e al fatto che, come si vedr` pi avanti, la nota percepita dipende dalla frequenza. E, come illustrato a u in gura (in cui le circonferenze rappresentano, per esempio, le creste delle onde successivamente emesse in punti sempre diversi), la lunghezza donda, e quindi il periodo, ` percepita minore per e losservatore O1 verso cui lambulanza S si muove, e maggiore per losservatore O2 da cui S si allontana.

O2

O1 x

Figura 2.12: Eetto Doppler per le onde sonore.

u 2. Non sempre la sorgente (o losservatore) si muovono molto pi lentamente delle onde; esempi contrari si possono trovare in certi aerei che si muovono pi veloci del suono, o nei motosca che si muovono u a velocit` maggiore delle onde del mare. Quindi, in questi casi, le approssimazioni che ci hanno a portato alla (2.37) e alla (2.40) non sono pi validi. In questi casi ` necessario attenersi alle (2.36) u e e (2.39). Nel caso = 0, invece, come osservato sopra, le (2.38) e (2.41) hanno validit` generale. a 3. Se la velocit` della sorgente ` uguale o superiore a quella dellonda sonora (ma un discorso analogo a e vale per altri tipi di onda), si verica un fenomeno detto boom sonico. Questo si verica perch e lenergia portata da molti fronti donda raggiunge simultaneamente lorecchio dellosservatore. Nel caso in cui la sorgente sia pi veloce dellonda, i fronti donda generati sono tutti tangenti alla u supercie di un cono (il lettore studioso provi a darne la non semplice dimostrazione), detto cono e di Mach,2 il cui angolo di apertura ` dato da tg = vs = Ma . v (2.42)

Ma ` il numero di Mach ed ` il rapporto fra la velocit` della sorgente e la velocit` dellonda sonora. e e a a Per unapplicazione di questi concetti ad un ambito diverso dalle onde sonore si consideri il cono di Mach nella gura a destra e lo si paragoni alla sc lasciata da un motoscafo. a

2 Ernst

Mach (1838-1916), sico e losofo austriaco.

2.10. IL MECCANISMO DELLA PROPAGAZIONE ONDOSA: IL PRINCIPIO DI HUYGENS.

91

x x

vs = v

vs > v

Figura 2.13: Sorgente con velocit` uguale e maggiore di quella dellonda. a

2.10

Il meccanismo della propagazione ondosa: il principio di Huygens.

` E il momento di prci la domanda di come sia possibile la propagazione di onde attraverso un dato mezzo. o La risposta migliore che si riesce a dare ` che ogni punto del mezzo soggetto a spostamento dalla sua e posizione di equilibrio ` causa di spostamento dei punti ad esso adiacenti. e

Figura 2.14: Il principio di Huygens. a: langolo in unonda secondaria; b: linviluppo. Questa aermazione un po intuitiva ` stata enunciata con precisione matematica da Huygens3 nel modo e seguente. Ogni porzione S di un fronte donda, originatasi da una sorgente O, `, a sua volta, e sorgente di onde sferiche elementari, con frequenza uguale alla frequenza dellonda primaria, fase iniziale coincidente con la fase dellonda primaria ed ampiezza proporzionale allarea dellelemento S considerato e al coseno dellangolo di emissione .
3 Christian

Huygens (1629-1695), scienziato olandese.

92

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

Osservazioni 1. Il principio di Huygens ha il valore di modello della propagazione ondosa; cio` di ipotesi sul meccanie smo della propagazione. Fino a che si considerano onde propagantesi in un mezzo omogeneo le onde secondarie non fanno che riprodurre londa primaria ed il principio di di Huygens non ` un e modello di grande utilit`. Di utilit` decisiva si rivela invece nellinterpretazione della fenomenologia a a ondulatoria e, in particolare di fenomeni quali quali la dirazione, linterferenza da fenditure, che verranno discussi nel seguito. a 2. Lintensit` delle onde secondarie decresce allaumentare dellangolo no ad annullarsi per /2. Le sorgenti secondarie quindi generano onde semisferiche. La sovrapposizione (che viene anche detta inviluppo) di tali onde secondarie genera il fronte donda successivo.

2.11

Le onde sonore.

Come esempio importante della propagazione ondosa, in questo paragrafo si studiano le onde sonore. Queste sono onde di compressione, quindi longitudinali, che si propagano in un mezzo; questo pu` essere o un uido (aeriforme come laria o liquido come lacqua) o solido. Queste onde sono di solito generate da corpi vibranti; esempi importanti sono tutti gli strumenti musicali (vibrazione di corde, di ance, di membrane e simili) o la faringe umana. Queste vibrazioni comprimono le porzioni del mezzo immediatamente adiacenti alla sorgente che, a loro volta, rarefacendosi comprimono porzioni adiacenti; in questo modo londa si propaga nel mezzo per successive compressioni e rarefazioni. Si osservi qui subito che londa di compressione deve muoversi in un mezzo, non ` quindi possibile la e propagazione del suono nel vuoto. Se londa di compressione raggiunge un orecchio umano, mette in movimento un complicato sistema di ricezione presente nellorecchio interno (che non ` il caso di descrivere qui) che fornisce un segnale elettrico e che viene decodicato dal cervello dando origine alla sensazione uditiva. Il sistema di ricezione dellorecchio umano ` in grado di reagire solo a onde sonore che abbiano frequenza compresa approssimativamente e fra i 20 e i 20000 Hz; al di sotto (infrasuoni) ed al di sopra (ultrasuoni) di questo intervallo di frequenze lorecchio ` completamente sordo. Lorecchio umano, entro lintervallo di frequenze detto, ` in grado di e e
y y

Figura 2.15: Due suoni diversi per laltezza. distinguere due suoni diversi per le seguenti tre caratteristiche a) altezza: che ` ci` che distingue, ad esempio, due diverse note musicali; e o b) intensit`: che nel linguaggio comune ` detto volume di un suono; a e c) timbro: che ` quel che distingue la stessa nota suonata da un violino o da un trombone. e

` 2.12. VELOCITA DEL SUONO.

93

Queste distinzioni sono familiare allesperienza quotidiana; qui per` si vuole chiarire a quali caratteristio che dellonda sonora corrispondano cio` che cosa hanno di diverso due onde che corrispondono a suoni e con altezza, intensit` e timbro diversi. a
y y

Figura 2.16: Due suoni diversi per lintensit`. a Due suoni che dieriscono per laltezza sono trasportati da onde sonore che dieriscono per la frequenza o, che ` lo stesso, per la lunghezza donda, gura 2.15. e Due suoni che dieriscono per lintensit` sono trasportati da onde sonore che dieriscono per lampiezza a gura 2.16. Due suoni che dieriscono per il timbro sono trasportati da onde sonore che dieriscono per la forma dellonda gura 2.17.
y y

Figura 2.17: Due suoni diversi per il timbro.

2.12

Velocit` del suono. a

Si vuole ora determinare la la legge che d` la velocit` del suono che si propaga in un uido. Si consideri a a un tubo di sezione costante A in cui sia presente un uido di densit` e pressione p e si supponga che a in esso si propaghi unonda di compressione con velocit` v. Similmente a come fatto nella sezione 2.2 a dove si ` determinata la velocit` dellonda su una corda, si scelga il sistema di riferimento dellonda in e a movimento: in questo modo londa ` ferma ed il uido ` in moto uniforme con velocit` v nella direzione e e a opposta. Sia p + p la pressione nella zona di compressione. Si consideri il moto di uno strato di uido di larghezza x in moto, con velocit`, v verso la zona di compressione. Quando lo strato di uido entra a nella zona di compressione il suo lato frontale incontra una zona di pressione maggiore e la sua velocit` a e diminuisce diventando v + v con v negativo. Questo rallentamento ` completo quando anche il lato posteriore raggiunge la zona di compressione, cosa che avviene dopo un tempo t = x/v. Durante il tempo t, la forza esercitata sul lato posteriore ` pA, ad essa si oppone sul lato anteriore la forza e (p + p)A, la forza totale agente sullo strato ` quindi e F = pA (p + p)A = p A (2.43)

94

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

p + p v v + v x

Figura 2.18: Londa di compressione in un uido. ove il segno meno dice che la forza ` diretta in verso opposto a quello della velocit`. La massa dello strato e a di uido ` e m = Ax = Avt (2.44) e laccelerazione ` e a= quindi, mettendo insieme questi risultati, si trova p A = Avt v t (2.46) v t (2.45)

relazione che, con semplici passaggi che si lasciano alla cura del lettore studioso, pu` essere riscritta nella o forma p . (2.47) v 2 = v/v Ora, osservando che il volume occupato dallo strato di uido pu` essere scritto V = Ax = Avt e che o la sua variazione durante la compressione pu` essere scritta nella forma V = Avt, ` chiaro che vale o e V Avt v = = , V Avt v quindi si pu` riscrivere la (2.47) nella forma o v 2 = p . V /V (2.49) (2.48)

La quantit` al secondo membro viene detta modulo di compressione del uido in questione e normala mente ` indicato dal simbolo B: e B= p . V /V (2.50)

Per la velocit` di propagazione dellonda nel uido vale allora lequazione a B v= .

(2.51)

Si noti la somiglianza formale di questa equazione con la (2.10). Si supponga ora che il uido sia un gas e si cerchi di determinare per esso il modulo di compressione. Unonda che attraversi un gas, per esempio laria, ` sucientemente veloce da impedire lo stabilirsi e dellequilibrio termico, in altre parole non avviene un signicativo scambio di calore; si pu` pertanto o

` 2.12. VELOCITA DEL SUONO.

95

ritenere che la compressione sia adiabatica; si tratta cos di calcolare il modulo di compressione adiabatico. Per unadiabatica vale la legge pV = cost. Quindi la variazioni di volume e di pressione devono essere tali da lasciare invariata questa quantit`, cos a (pV ) = 0 Vale dunque (pV ) = (p + p)(V + V ) pV = 0 (2.53) Conviene riscrivere la seconda parentesi raccogliendo a fattore V per poter utilizzare lapprossimazione descritta nella nota 6 della sezione 1.1 della parte I: ( ) ( ) V V (V + V ) = V 1+ V 1+ (2.54) V V quindi, nella detta approssimazione vale ( ) V (pV ) = (p + p)V 1+ pV = V

(2.52)

(2.55)

= pV + V p + p V 1 V + V 1 pV pV = 0 ; da cui segue, trascurando il termine proporzionale a pV , sicuramente molto piccolo rispetto agli altri, rimane: V p = p V 1 V (2.56) a questo punto, dividendo per p e per V , si trova p V = , p V e quindi B = p ; si pu` quindi scrivere lequazione per la velocit` di unonda in un gas nella forma o a v= p . (2.59) (2.58) (2.57)

Da questa relazione si pu` facilmente ricavare la velocit` in aria. o a Laria infatti ` costituita principalmente da azoto (N2 ) e ossigeno (O2 ), che sono entrambe molecole bie atomiche; quindi ` ragionevole assumere, con ottima approssimazione, = 7/5 = 1.4. La densit` dellaria e a alla pressione atmosferica e alla temperatura di 20 C ` = 1.21 kg m3 e la pressione di atmosferica ` e e p = 1.01 105 Pa. Con tali valori si trova circa v = 342 m s1 , che ` unottima approssimazione del valore e sperimentale. La relazione (2.59) pu` essere riscritta utilmente in una forma diversa mediante il seguente ragionamento. o La densit` del gas ` il rapporto fra massa e volume, e la massa ` pari alla massa molare M per il numero a e e di moli n, quindi, usando lequazione di stato dei gas perfetti, si pu` scrivere: o = nM p m = = M . V V RT (2.60)

96

CAPITOLO 2. PROPAGAZIONE DELLE ONDE.

A questo punto ` semplice riuscire a scrivere e v= RT . M (2.61)

Si noti la somiglianza formale questa equazione con quella che d` la velocit` quadratica media delle a a molecole di un gas ad una certa temperatura.

Parte III

Ottica

97

98

Lottica ` la branca della sica che studia il comportamento della luce. Si tratta di costruire un modello e entro cui rientri tutta la fenomenologia della luce. In realt` tale fenomenologia ` alquanto complessa e a e gli scienziati che si sono interessati a descrivere i fenomeni luminosi hanno costruito due diversi modelli sulla natura della luce. Il primo viene detto modello corpuscolare e tradizionalmente si fa risalire a Descartes e a Newton1 (ma fonda le sue origini nellantichit`, e pi precisamente nellOttica di Euclide2 ove viene costruito un a u modello della visione oculare in termini di raggi ottici). Tale modello postula che la luce sia costituita da corpuscoli emessi dalla sorgente luminosa e propagantesi con velocit` nita lungo traiettorie rettilinee a dette raggi luminosi. Il secondo viene detto modello ondulatorio e si fa risalire, tra gli altri, a Huygens, Young e Fresnel3 . Tale modello postula che la luce consista in una propagazione di onde attraverso un mezzo elastico, trasparente che tutto avvolge e permea, detto etere. Nonostante la ricerca di quale dei due fosse il modello corretto abbia coinvolto per alcuni secoli molti dei principali scienziati europei, che si sono divisi, spesso piuttosto polemicamente, in sostenitori delluno o dellaltro, non ` possibile qui esimersi dallosservare che un tale contrasto non ha senso. Non esiste e un modello giusto cos come la sica non fornisce teorie vere; tutto quello che ci si pu` aspettare da o un modello ` che sia pi o meno adatto a descrivere una certa fenomenologia cio` che le sue previsioni e u e siano in buon accordo con i dati sperimentali disponibili in un certo ambito fenomenologico. Di fatto nel seguito si descriveranno nel dettaglio entrambi i modelli e si useranno luno e laltro a seconda della convenienza dettata dal fenomeno sico che si vorranno descrivere.

1 Ren e

Descartes (1596-1650), losofo francese; (III sec. a.C.), grande matematico e scienziato di Alessandria (?). 3 Thomas Young (1773-1829), sico inglese; Augustin Jean Fresnel (1788-1827), ingegnere e sico francese.
2 Euclide

Capitolo 1

Ottica geometrica.
Si cominci col considerare semplici esperienze fatte per mezzo della luce, cercando di indagare quale ne sia la natura. Una delle prime esperienze che si hanno della luce ` che essa pu` attraversare certi corpi, e o che si dicono trasparenti, quali il vetro, lacqua o certi cristalli, mentre non pu` attraversare certi altri o ` corpi che vengono per questo detti opachi. E anche esperienza comune che i corpi opachi quando vengono investiti dalla luce generano unombra che pu` essere vista su uno schermo (o semplicemente sul terreno). o A seconda che la sorgente S sia puntiforme (cio` sia sucientemente lontana da essere considerata tale; e

Figura 1.1: Ombre e penombre con sorgente puntiforme ed estesa. per esempio il Sole) od estesa, lombra ` perfettamente nitida e ben delimitata oppure sfuma in una zona e di penombra verso la zona illuminata, come illustrato nella gura 1.1. Questo suggerisce che la luce, almeno in questo esperimento, si propaga in modo rettilineo, secondo linee rette dette raggi luminosi. Tutte le volte che questa descrizione della luce come raggi luminosi funziona, si adotta quello che sopra ` stato chiamato il modello corpuscolare della propagazione luminosa. La branca della sica che usa tale e modello ` nota con il nome di ottica geometrica, perch, come si vedr`, i raggi luminosi vengono trattati e e a alla stregua di segmenti di retta ed ad essi vengono applicate le regole della geometria piana. Un altro esperimento che, accanto a quello dellombra e della penombra qui descritto, porta conforto alla scelta di adottare il modello corpuscolare ` quello della camera oscura. Si prenda una camera e perfettamente buia e dotata di un foro da cui pu` ltrare la luce di una sorgente S puntiforme posta o allesterno della camera. Sulla parete opposta si forma un disco luminoso D perfettamente delineato. Questo fenomeno si spiega adeguatamente adottando il modello corpuscolare. Osservazioni 1. Un esempio molto importante della formazione di ombre grazie alla sovrapposizione di ostacoli fra la sorgente luminosa ed il corpo illuminato ` dato dalle eclissi di Sole e di Luna. Nel primo caso la e 99

100

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

Luna si viene a trovare fra la sorgente luminosa (il Sole) e la Terra proiettando su questa un cono dombra; nel secondo caso la Terra viene a trovarsi fra il Sole e la Luna proiettando sul suo satellite un cono dombra. 2. Non accade sempre che le zone dombra siano nettamente separate dalle zone illuminate; se gli ostacoli che la luce incontra sul suo cammino sono troppo piccoli cominciano, in eetti, ad apparire delle sfrangiature. Questo accade ad esempio, riducendo le dimensioni del corpo che proietta lombra sullo schermo nel primo esperimento o le dimensioni del foro nel secondo. Questi fenomeni sfuggono completamente alla descrizione in termini del modello corpuscolare e necessitano, come si vedr`, di a un modello diverso.

1.1

La propagazione della luce.

Ora che ` stato introdotto il modello corpuscolare, ` necessario fornire un meccanismo per la propagazione e e luminosa; noto che la luce si propaga in linea retta ` necessario di qualcosa che dica come la luce sceglie e le linee rette da percorrere. Il problema a prima vista pu` sembrare di ovvia soluzione: ` chiaro! La luce o e si propaga in linea retta a partire dalla sorgente in tutte le direzioni. Vero. Ci` ` ragionevole e ovvio oe no a che la luce si propaga nellaria libera. Ma che accade se passa dallaria ad un corpo trasparente, per esempio il vetro: ` certo che continuer` indisturbata, o piuttosto i corpuscoli di cui ` costituita e a e interagiscono con la supercie del vetro producendo una deviazione del raggio luminoso? E che accade quando la luce incide su uno specchio? Certo non continua in linea retta! Per rispondere a questi dubbi, si diceva, ` necessario un meccanismo che dica come la luce si propaga. e Questo meccanismo ci ` fornito dal seguente principio di Fermat1 . e Nel propagarsi da un punto A ad un punto B la luce percorre sempre la traiettoria per la quale impiega il tempo minimo. Questo principio dice chiaramente che, no a che la velocit` di propagazione della luce ` costante, la a e traiettoria ` rettilinea; in tal caso, infatti, la retta ` la traiettoria di minor tempo, o, in una sola parola, e e la brachistocrona. Ma la cosa non ` pi cos ovvia se la luce passa da un mezzo ad un altro in cui e u la velocit` della propagazione luminosa sia diversa. Per esempio dallaria allacqua. In eetti la luce si a muove pi lentamente nellacqua che nellaria, quindi percorre un tratto un po pi lungo nellaria, dove u u ` pi veloce, per minimizzare il tempo. Per capire ci`, si immagini di dover salvare una persona che sta e u o annegando in mezzo al mare. Ci si trovi in A sulla spiaggia mentre la persona in dicolt` si trova in B a tra i utti. Visto che la velocit` a nuoto ` sensibilmente minore della velocit` di corsa, e volendo arrivare a e a
A

D C

Figura 1.2: Illustrazione del principio di Fermat.


1 Pierre

de Fermat (1601-1665), magistrato e matematico francese.

1.2. RIFLESSIONE: CASO DELLO SPECCHIO PIANO.

101

al pi presto in B, la traiettoria da scegliere non ` quella rettilinea che passa per C, ma la spezzata che u e passa per D. La luce si comporta esattamente nello stesso modo. Potrebbe sembrare legittima la domanda: come fa la luce a sapere prima di percorrere le traiettorie disponibili qual ` la brachistocrona? Naturalmente non lo sa. Semplicemente il principio di Fermat e fornisce una guida operativa che ` comodo usare senza dovere per forza dotare la luce di capacit` logiche. e a Per completare lesame delle propriet` della propagazione luminosa, rimane ancora da trattare il problema a della velocit` della luce. La storia delle misurazioni della velocit` della luce ` troppo lunga per essere a a e svolta qui e viene rimandata ad un capitolo successivo. Qui ci si limita a dare i risultati. La velocit` della luce nel vuoto si indica tradizionalmente con la lettera c (dal latino celeritas e il suo a valore ` dato da e c = 299792458 m s1 , (1.1) valore che normalmente viene approssimato a 300000000 m s1 = 3 108 m s1 . Naturalmente la luce non si propaga solo nel vuoto, e i valori della velocit` sono diversi a seconda del a mezzo trasparente attraversato. Come regola generale si tenga presente che pi un mezzo trasparente ` u e denso, meno veloce la luce si propaga in esso. Cos ad esempio, la luce ` pi veloce nellaria che nellacqua , e u e pi veloce nellacqua che nel vetro e cos via. Si torner` oltre su questo punto. u a

1.2

Riessione: caso dello specchio piano.

Si consideri ora una supercie piana perfettamente riettente e una sorgente luminosa S ed un altro punto arbitrario P ; si vuole trovare la traiettoria percorsa dalla luce che unisce S con P , con il vincolo di riettersi sullo specchio; in altre parole, si deve determinare in quale punto si deve riettere la luce perch da S raggiunga P . Si consideri il punto S simmetrico di S rispetto al piano dello specchio ed si e
P S

Figura 1.3: La riessione da uno specchio piano. unisca il punto P ed il punto S con un segmento; tale segmento incontra lo specchio nel punto M . Ora M ` il punto cercato, cio` che la traiettoria percorsa dalla luce ` la spezzata SM P . La dimostrazione ` e e e e per assurdo. Si consideri sullo specchio un punto N diverso da M e si consideri la traiettoria SN P ; essa ` pi lunga della traiettoria SM P . Infatti per la simmetria di S ed S rispetto al piano dello specchio e u vale SM S M , similmente SN S N . Quindi la spezzata SM P ` lunga quanto il segmento S P e e la spezzata SN P ` lunga quanto la spezzata S N P ; ma in ogni triangolo la somma di due lati ` sempre e e maggiore del terzo lato, quindi per il triangolo P N S la spezzata S N P ` pi lunga del segmento S P e u e quindi la traiettoria SN P ` pi lunga della traiettoria SM P . Ora le due traiettorie sono entrambe e u percorse nello stesso mezzo (per esempio in aria), quindi con la stessa velocit`, pertanto per il principio a di Fermat la luce sceglier` la pi corta, che ` quanto si doveva dimostrare. a u e Da questo fatto ` possibile ricavare la legge della riessione su specchi piani. Si consideri la retta pere pendicolare allo specchio nel punto di incidenza M ; si deniscono angolo di incidenza e, rispettivamente,

102
P i i M

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

Figura 1.4: La legge della riessione. angolo di riessione gli angoli i ed i formati dal raggio incidente e dal raggio riesso con detta perpendicolare. Si dimostri ora che i due angoli sono uguali. Si osservi preliminarmente che langolo e langolo formati dai segmenti SM ed S M e lo specchio sono uguali. Ora langolo i ` complementare di e e conseguentemente i ` complementare di quindi, essendo complementari di angoli uguali, i ed i sono e uguali. Si osservi inoltre che se si vuole che la spezzata SM P abbia lunghezza minima i due segmenti SM ed M P devono stare sullo stesso piano della perpendicolare allo specchio. Si possono a questo punto enunciare le due leggi della riessione. Se un raggio luminoso incide su una supercie riettente si genera un raggio riesso in modo che 1. il raggio incidente ed il raggio riesso siano complanari alla perpendicolare nel punto di incidenza. 2. langolo di incidenza ` uguale allangolo di riessione. e Si considerino ora pi di un raggio uscente da S e se ne costruiscano i raggi riessi. Si osservi che i raggi u
P S

Figura 1.5: La formazione dellimmagine. riessi risultano tutti uscenti dal punto S . Con riferimento alla gura 1.5, se in P si trova un occhio che guarda verso lo specchio, questo vede S come sorgente dei raggi riessi, in altre parole vede S in S . Questo fatto, familiare a tutti coloro che si siano guardati allo specchio, giustica per S il nome di immagine di S. Quindi limmagine di un punto sorgente di raggi luminosi formata da uno specchio

1.2. RIFLESSIONE: CASO DELLO SPECCHIO PIANO.

103

piano ` un punto simmetrico al punto sorgente rispetto allo specchio. e Si tratta ora di costruire limmagine di un oggetto esteso. Si consideri, ad esempio, un segmento orientato P Q posto di fronte ad uno specchio piano. Poich ogni punto del segmento ha come immagine il punto e

Figura 1.6: La formazione dellimmagine di un oggetto esteso. simmetrico, evidentemente limmagine del segmento ` il segmento simmetrico P Q . Si osservi che lime magine ottenuta ha le stesse dimensioni, e lo stesso verso delloggetto che lha prodotta. Si vedr` nelle a prossime pagine che esistono dispositivi che producono immagini ingrandite, rimpicciolite e capovolte. Osservazioni 1. Gli angoli di incidenza e di riessione sono deniti rispetto alla retta per perpendicolare al piano nel punto di incidenza, e non rispetto al piano dello specchio, per poter generalizzare la validit` a delle leggi della riessione a superci curve, si veda la gura 1.7.

Figura 1.7: Riessione su una supercie curva.

2. Si osservi che i ruoli del raggio incidente e riesso sono scambiabili. Cio`, con riferimento alla gura e 1.4, se il raggio incidente fosse il segmento P M allora il raggio riesso sarebbe il segmento M S. Questo fatto ha validit` assolutamente generale e prende il nome di principio di invertibilit` a a dei cammini ottici. 3. Un fascio di raggi che passino tutti per un medesimo punto si dice omocentrico . Un fascio di raggi paralleli si dice omocentrico con centro allinnito. 4. Due raggi che siano uno incidente e laltro emergente dallo stesso dispositivo (per esempio uno specchio od una lente) si dicono raggi coniugati. Se raggi coniugati formano due fasci entrambi omocentrici i rispettivi centri sono detti punti coniugati e se uno ` sorgente del fascio incidente, e

104

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

laltro ` immagine e viceversa. I dispositivi che abbiano la propriet` di aver sempre fasci omoe a centrici coniugati di fasci omocentrici, si dice dispositivo stigmatico, per tali dispositivi, per la costruzione dellimmagine ` suciente condurre due soli raggi riessi no al loro punto di incontro, e eventualmente determinato dai prolungamenti dei raggi riessi (vedi sotto losservazione 5). Lo specchio piano studiato sopra ` un dispositivo stigmatico. e ` 5. E chiaro che solo in un dispositivo stigmatico un punto ha come immagine un punto. Pi in generale u ci si deve accontentare del fatto che limmagine di un punto sia una regione ristretta di spazio. 6. Se i raggi di un fascio omocentrico emergente si incontrano eettivamente in un punto sico reale allora limmagine che producono ` detta immagine reale; se viceversa, come accade per lo specchio e piano, si verica che i raggi emergenti sono divergenti e solo i loro prolungamenti si incontrano in un punto oltre la supercie limite del mezzo (nel nostro caso dentro lo specchio) limmagine ` detta e virtuale.

1.3

Specchio sferico.

Uno specchio sferico ` una calotta sferica riettente; a seconda di quale delle due superci sia riettente e viene detto specchio concavo o convesso Lasse di simmetria della calotta si denisce asse ottico dello specchio. Lasse ottico passa per il centro C della sfera da cui ` stata ricavata la calotta. Inoltre si dice e vertice dello specchio il punto V di intersezione fra lasse ottico e la supercie riettente. Specchio sferico concavo

M h V i i P C

Figura 1.8: Uno specchio sferico concavo Dato un punto P sullasse ottico di uno specchio concavo si vuole costruire la sua immagine riessa P . Per far ci`, con riferimento alla gura 1.8, si considerino due raggi luminosi uscenti da P ; il primo ` o e il raggio che si propaga sovrapposto allasse ottico, questo giunge sul vertice V con angolo di incidenza di 90 , quindi si riette su s stesso. Il secondo raggio incide nel generico punto M dello specchio, e distante h dallasse ottico. Il suo angolo di incidenza ` quello formato dal raggio di incidenza P M con la e perpendicolare alla supercie riettente nel punto di incidenza; tale perpendicolare ` la retta passante per e il centro C. Si indica, come duso, con i langolo di incidenza e con i langolo di riessione. Siano inoltre langolo M CV , langolo M P V e langolo M P V ; per il teorema dellangolo esterno applicato ai triangoli CM P e CM P valgono le relazioni i= , i = ; (1.2)

1.3. SPECCHIO SFERICO. per la seconda legge della rifrazione, vale i = i e quindi + = 2 . Ora, posto P V = p, P V = p , CV = r, per angoli piccoli valgono le seguenti approssimazioni tg quindi la (1.3) diventa h 2h h + = p p r e quindi 1 1 2 + = . p p r Questa equazione ` nota col nome di legge dei punti coniugati. e Osservazioni h p , tg h r , tg h p

105

(1.3)

(1.4)

(1.5)

(1.6)

1. Si noti che la (1.6) ` indipendente da ; quindi tutti i raggi che uscenti da P si riettono verso e P , nellipotesi di angoli piccoli; in tale limite quindi lo specchio sferico `, con buona approssie mazione, un dispositivo stigmatico. La validit` di questa approssimazione dipende dalla validit` a a dellapprossimazione h M V cio` dellidenticazione di h con larco M V ; questa viene meno per e specchi con concavit` molto accentuata o di apertura eccessiva. Salvo diverso avviso, in tutto quel a che segue si user` questa approssimazione. a 2. Si osservi che, coerentemente con il principio di invertibilit` dei cammini ottici, se si pone loggetto a in P limmagine si forma in P . Per questo P e P sono detti punti coniugati. 3. Se p , cio` se loggetto ` molto lontano dallo specchio, il primo addendo della (1.6) ` e e e trascurabile, rimane quindi 1 2 r = p = (1.7) p r 2 quindi limmagine di un punto molto lontano dallo specchio si forma su un punto che si trova nel punto medio del segmento CV ; tale punto ` detto fuoco dello specchio sferico concavo. I raggi e emessi da una sorgente molto lontana, si pensi per esempio al Sole, giungono allo specchio paralleli, si pu` quindi concludere che o i raggi luminosi che incidono lo specchio paralleli allasse ottico danno origine a un fascio di raggi riessi omocentrico, con centro nel fuoco. Alternativamente si pu` dire che il fuoco di uno specchio sferico concavo ` il punto coniugato o e dellinnito. La propriet` dei raggi incidenti paralleli allasse di generare raggi riessi passanti per a il fuoco ` molto utile nella costruzione delle immagini degli oggetti estesi, come si vedr` pi sotto. e a u A questo riguardo, si osserva qui che, per il principio di invertibilit` dei cammini ottici, un raggio a incidente che passi per il fuoco genera un raggio riesso passante parallelo allasse ottico. Indicando con f la distanza del fuoco da V , vale r (1.8) f= 2

106

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

e quindi la (1.6) pu` essere riscritta nella forma pi usuale o u 1 1 1 + = . p p f (1.9)

4. Se p = r allora, dalla (1.6) si ottiene p = r; quindi il centro C ` coniugato di s stesso. Si osservi che e e qualsiasi raggio proveniente dal centro C incide lo specchio perpendicolarmente e quindi langolo di incidenza e quello di riessione sono entrambi retti; tutti i raggi riessi quindi si sovrappongono ai rispettivi raggi incidenti e costituiscono quindi un fascio omocentrico con centro in C. La propriet` a dei raggi incidenti passanti per il centro di generare raggi riessi passanti anchessi per il centro ` e molto utile nella costruzione delle immagini degli oggetti estesi. Molto importante ` il caso in cui la sorgente luminosa si trova fra il fuoco e lo specchio, cio` se vale e e 0 < p < f ; in tale caso infatti risulta 1 1 1 pf = = <0 p f p pf (1.10)

la distanza dellimmagine dallo specchio ` dunque negativa; per dare un senso a questo risultato conviene e considerare un asse delle ascisse con lorigine nel vertice e orientato nel verso dal vertice al centro dello specchio, come in gura 1.9. Si vede dunque che nel caso p < f limmagine si forma, come gi` visto per a

P F x

Figura 1.9: Immagine virtuale in uno specchio sferico concavo lo specchio piano, dallincontro dei prolungamenti dei raggi riessi; i raggi riessi sono s omocentrici, ma il loro centro, e quindi limmagine P , ` virtuale. Il segno negativo di p quindi ` il segnale del fatto che e e lascissa dellimmagine ` negativa e cio` che limmagine ` virtuale. e e e Si aronta ora il problema della costruzione dellimmagine di un oggetto esteso. Occorre qui distinguere tre casi a seconda della distanza delloggetto dallo specchio. Caso p > 2f. Si consideri la situazione rappresentata in gura 1.10, ove dellestremo P di un oggetto P Q, posto a distanza p > r = 2f dallo specchio, ` stata costruita limmagine tracciando due raggi: uno parallelo e allasse ottico, che, come visto sopra (osservazione 3), si riette per il fuoco, e uno passante per il fuoco F che si riette parallelo allasse ottico (si veda ancora losservazione 3). I due raggi riessi si incontrano nel punto P che quindi ` limmagine di P (si ricordi che nella approssimazione di angoli piccoli lo specchio e sferico ` un dispositivo stigmatico, vedi sopra osservazione 1.)2 Limmagine di Q si forma sullasse ottico e
2 In gura ` stato disegnato, tratteggiato, anche il raggio incidente passante per il vertice; il suo raggio riesso ` il suo e e simmetrico rispetto allasse ottico. Si tratta di un altro raggio che ` possibile disegnare per costruire limmagine. Un altro e

1.3. SPECCHIO SFERICO.

107

P Q V F P C Q x

Figura 1.10: Immagine reale di un oggetto esteso. e quindi nel punto dellasse avente la stessa ascissa di P ; ne risulta la costruzione riportata in gura 1.10. Quindi se loggetto si trova a una distanza dallo specchio maggiore del raggio, limmagine si forma fra il fuoco ed il centro ed ` reale, rimpicciolita e capovolta. e Caso f < p < 2f. Il caso in cui loggetto si trovi fra il fuoco e il centro ` facile da trattare in quanto basta applicare il prine cipio di invertibilit` dei cammini ottici al caso precedente; in quel caso infatti limmagine di un oggetto a pi lontano del centro si forma fra il fuoco ed il centro; quindi, invertendo i cammini ottici, limmagine u di un oggetto posto fra il fuoco e il centro si forma oltre il centro ed ` reale, ingrandita e capovolta; non e viene riproposto il disegno della situazione in questione poich si tratta di ripetere esattamente il disegno e di gura 1.10 scambiando i ruoli di P Q e P Q . Caso p < f.
P

Figura 1.11: Immagine virtuale di un oggetto esteso. Come gi` visto poco sopra, in questo caso limmagine ` virtuale. Nella gura 1.11 limmagine ` costruita a e e tracciando il raggio incidente parallelo allasse ottico, il cui raggio riesso passa per il fuoco, e il raggio incidente nel vertice, il cui raggio riesso ` il simmetrico del raggio incidente rispetto allasse ottico. I due e raggi riessi, come nel caso dello specchio piano, divergono; ma sono comunque omocentrici ad un centro
esempio, il cui uso si vedr` fra poco, ` il raggio incidente passante per il centro. Il lettore studioso spieghi perch qui non ` a e e e stato possibile tracciare il raggio incidente passante per il centro.

108

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

virtuale. Quindi limmagine di un oggetto che si trovi fra lo specchio ed il fuoco ` virtuale, ingrandita e e diritta. Si esamina ora come determinare lingrandimento prodotto da uno specchio. Si denisce ingrandimento trasversale I il rapporto fra la dimensione trasversale (cio` perpendicolare allasse ottico) y dellime magine e quella y delloggetto, cio`, con riferimento alla gura 1.12. e

M Q V F P C

Figura 1.12: Ingrandimento trasversale per uno specchio concavo. y . y

I=

(1.11)

In generale, se |I| > 1 limmagine ` ingrandita rispetto alloggetto; e se |I| < 1 limmagine ` rimpicciolita rispetto alloggetto; e se |I| = 1 limmagine ` equivalente alloggetto. e Il valore assoluto ` necessario perch, come si vedr` tra poche righe, I pu` assumere valore negativo. e e a o Sia dunque P Q limmagine di P Q costruita mediante il raggio incidente parallelo allasse ottico (che d` a origine a un raggio riesso passante per il fuoco) e quello passante per il centro (che incidendo lo specchio perpendicolarmente d` origine a un raggio riesso che si sovrappone a quello incidente); osservando che i a triangoli CP Q e CP Q sono simili, e quindi hanno i lati in proporzione, si ottiene unespressione per il rapporto fra la dimensione dellimmagine e quella delloggetto. Vale: I= y CQ r p = = . y CQ pr (1.12)

Per un noto teorema di geometria piana, la bisettrice di un angolo interno di un triangolo divide il lato opposto in due parti proporzionali ai lati dellangolo; applicando questo teorema al triangolo M QQ e alla bisettrice M C si ottiene M P : M P = CP : CP . Nella solita approssimazione di piccoli angoli vale M P Q V = p e M P QV = p; si arriva quindi a p r p = p pr si pu` cos riscrivere lingrandimento trasversale nella semplice forma: o I= p . p (1.14) (1.13)

` E chiaro che limmagine ` ingrandita se p > p, mentre ` rimpicciolita se 0 < p < p. Nel caso in cui sia e e p < 0, cio` limmagine sia virtuale, lingrandimento I ` negativo, ma in valore assoluto maggiore di uno, e e

1.3. SPECCHIO SFERICO.

109

cosicch limmagine virtuale risulta sempre ingrandita. Infatti, dalla (1.9) si ottiene: e I= p p = 1 < 1 , p f (1.15)

la disuguaglianza segue dal fatto che p e f sono discordi; quindi |I| > 1. Specchio sferico convesso Lo specchio sferico convesso si comporta in modo simile a quello concavo; si pu` dimostrare, in modo o analogo a quanto visto per lo specchio concavo, che per angoli piccoli si tratta di un dispositivo stigmatico; lunica dierenza ` che i raggi incidenti paralleli allasse ottico generano raggi divergenti, si tratta cio` di e e un fascio omocentrico con centro virtuale; il fuoco ` dunque virtuale, come rappresentato in gura 1.13. e

Figura 1.13: Il fuoco di uno sferico convesso. Per un specchio convesso vale ancora la legge dei punti coniugati; in questo caso per`, essendo il fuoco o virtuale, vale f < 0; dalla (1.9) si trova 1 1 pf 1 = = <0; p f p pf (1.16)

si osservi che il secondo membro della precedente equazione ` negativo per qualsiasi valore di p, il che signie ca che limmagine generata da uno specchio convesso ` sempre virtuale, per ogni posizione delloggetto. e Si osservi inoltre che per lingrandimento I vale I= f p = p pf (1.17)

Per lingrandimento vale la relazione 1 < I < 0; ` infatti negativo perch p e p sono discordi e vale e e f > 1 pf (1.18)

infatti, moltiplicando entrambi membri di questa disequazione per la quantit` positiva p f , si ottiene a f > p + f p>0, (1.19)

110

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

che, essendo vera, garantisce la verit` della (1.18). Limmagine di un oggetto formata da uno specchio a convesso ` quindi sempre rimpicciolita. e In gura 1.14 ` mostrata la costruzione dellimmagine di un oggetto esteso per uno specchio convesso, e dove si ` utilizzato un raggio incidente parallelo allasse ottico, che viene riesso in direzione del fuoco, e e un raggio incidente diretto verso il fuoco che viene riesso parallelo allasse.

P P x

Figura 1.14: Costruzione dellimmagine per uno sferico convesso. Si osservi, confrontando le gure 1.11 e 1.14, che si ottiene una dallaltra invertendo i cammini ottici; le propriet` dello specchio convesso, qui ricavate analiticamente, si sarebbero potute ottenere utilizzando il a principio di invertibilit` dei cammini ottici a partire dalle propriet` dello specchio concavo con oggetto a a posto fra il fuoco e lo specchio. Per chiarezza, si riassumono qui di seguito le regole fondamentali per la costruzione geometrica delle immagini prodotte dagli specchi sferici. 1. Limitandosi a raggi che formano piccoli angoli con lasse ottico, uno specchio sferico ` un dispositivo e stigmatico. 2. Per costruire limmagine di un punto bastano quindi due raggi. 3. Un raggio incidente parallelo allasse ottico si riette passando per il fuoco. 4. Un raggio incidente passante per il fuoco si riette parallelo allasse ottico. 5. Un raggio incidente passante per in centro si riette su s stesso. e 6. Un raggio incidente nel vertice si riette simmetricamente allasse ottico. Osservazioni 1. Come esempio dellapplicazione del principio di Fermat alla riessione si consideri unellisse la cui supercie interna sia perfettamente riettente. Ponendo una sorgente luminosa nel fuoco F1 (si veda la gura 1.15), tutti i raggi riessi andranno a nire sullaltro fuoco F2 . Infatti, per la propriet` a focale dellellisse, qualsiasi sia il punto P di riessione, la distanza percorsa dalla luce, F1 P F2 , ` e sempre la stessa, quindi la luce pu` scegliere indierentemente qualsiasi percorso per andare da F1 o a F2 , ed infatti ` quello che accade: tutti i raggi uscenti da F1 si riettono verso F2 . e 2. Gli specchi sferici sono stigmatici solo per angoli piccoli, come detto sopra; per angoli non piccoli, ovvero per raggi incidenti lontano dallasse ottico, lo stigmatismo ` perduto. Quindi, per esempio, e raggi incidenti paralleli allasse ottico, ma da esso lontano, non producono un fascio di raggi riessi omocentrico e quindi i raggi riessi non sincontrano tutti nel fuoco ma formano una gura detta caustica di riessione. Lo specchio che ha la propriet` di far convergere sul fuoco tutti i a raggi incidenti paralleli allasse ottico indipendentemente dalla loro distanza dallasse ` ottico e lo e

1.3. SPECCHIO SFERICO.


P

111

F1

F2

Figura 1.15: Uno specchio ellittico. specchio parabolico. Il lettore studioso provi a dimostrare analiticamente che qualsiasi raggio luminoso che incida su uno specchio parabolico con direzione parallela allasse si riette in direzione del fuoco.

F C

Figura 1.16: Caustica di riessione in uno specchio sferico e uno specchio parabolico. Per concludere ` utile riassumere che tipo di immagini si formano mediante gli specchi sferici nei diversi e casi 1. Specchi sferici concavi: p > 0, f > 0; si hanno quattro sottocasi: i) se p > 2f allora f < p < 2f : limmagine ` reale, rimpicciolita, capovolta. e ii) se p = 2f allora p = p: limmagine ` reale, equivalente alloggetto, capovolta. e iii) se f < p < 2f allora p > 2f : limmagine ` reale, ingrandita, capovolta. e iv) se 0 < p < f allora p < 0: limmagine ` virtuale, ingrandita, diritta. e 2. Specchi sferici convessi: p > 0, f < 0; in ogni caso p < 0 e limmagine ` sempre virtuale, e rimpicciolita, diritta.

112

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

1.4

La rifrazione.

Si vuole ora indagare quello che accade quando un raggio luminoso passa da un mezzo in cui si propaga con velocit` v1 ad un secondo mezzo in cui si propaga con velocit` v2 ; si supponga sia v1 > v2 . Come a a visto sopra illustrando il principio di Fermat, in questo caso la traiettoria sar` una linea spezzata poich a e la luce cercher` di mantenersi il pi a lungo possibile nel mezzo in cui si muove pi veloce. Il fenomeno a u u per cui la luce devia passando da un mezzo trasparente ad un altro ` detto rifrazione ed ` regolato dalle e e seguenti leggi. Se un raggio luminoso incide su una supercie di separazione di due mezzi trasparenti esso cambia la propria direzione di propagazione in modo tale che 1. il raggio incidente ed il raggio rifratto siano complanari alla perpendicolare nel punto di incidenza. 2. il rapporto fra il seno dellangolo di incidenza ed il seno dellangolo di rifrazione ` uguale al rapporto delle due velocit` di propagazione. e a La seconda legge ` nota con il nome di legge di Snell-Descartes.3 . e
A

i 1 2 r

Figura 1.17: La seconda di Snell-Descartes. Con riferimento alla gura, si dicono angolo di incidenza e angolo di rifrazione rispettivamente gli angoli i ed r formati dal raggio incidente e dal raggio rifratto con la retta perpendicolare nel punto di incidenza. La legge di Snell-Descartes quindi si pu` scriere nel modo seguente o sen i v1 = . sen r v2 (1.20)

La dimostrazione della (1.20) richiede le tecniche dellanalisi matematica; qui si limita a vericare4 che essa sia in accordo con il principio di Fermat.
Si consideri la gura 1.18 in cui il punto C di incidenza del raggio luminoso sia il centro di un sistema di assi cartesiani e di una circonferenza di raggio unitario. Siano A e B rispettivamente i punti in qui il raggio incidente ed il raggio rifratto incontrano la circonferenza. Indicando come sopra con i langolo di incidenza e con r quello
3 Willebrod 4 Per

Snell (1591-1626), matematico olandese. questa dimostrazione sono debitore di Fabio Maria Antoniali.

1.4. LA RIFRAZIONE.

113

di rifrazione, vale la legge di Snell (1.20). Si vuole mostrare qui che se il raggio luminoso seguisse un cammino diverso il tempo di percorrenza sarebbe maggiore. Si supponga allora che il raggio luminoso incontri la supercie di separazione nel punto K diverso da C, ma ad esso molto vicino. Rispetto al sistema di assi cartesiani introdotto,le

A i C K r x

Figura 1.18: Verica della legge di Snell.


coordinate dei punti C, A, B e K sono C(0, 0) , A(sen i, cos i) , B( sen r, cos r) , K(x, 0) . (1.21)

Si possono cos determinare facilmente le distanze AK e KB: (x sen i)2 + cos2 i = 1 + x2 2x sen i KB = (x + sen r)2 + cos2 r = 1 + x2 + 2x sen r . AK = I tempi di percorrenza dei cammini ACB e AKB sono quindi tACB = tAKB AC CB 1 1 + = + v1 v2 v1 v2 AK KB 1 + x2 2x sen i 1 + x2 + 2x sen r = + = + . v1 v2 v1 v2

(1.22)

(1.23)

La condizione da vericare ` quindi e tACB < tAKB e quindi 1 1 + < v1 v2 1 + x2 2x sen i + v1 1 + x2 + 2x sen r v2 (1.24)

1 + x2 2x sen i 1 1 + x2 + 2x sen r 1 + >0 (1.25) v1 v2 A questo punto, visto che K ` molto vicino a C e quindi x 1 si usa lapprossimazione vista nella nota 6 della e sezione 1.5 con = 1/2 visto che le quantit` 2x sen i + x2 e 2x sen r + x2 , per x piccolo, sono senzaltro piccole. a Quindi, con questa approssimazione, lequazione precedente diventa ( ) ( ) x2 2x sen i x2 + 2x sen r 1 2 1 1 sen i sen r + >0 x + >x (1.26) 2v1 2v1 2 v1 v2 v1 v2

114

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

che, se vale la (1.20), ` certamente vericata, visto che il primo membro ` certamente positivo ed il secondo e e membro si annulla.

Il rapporto fra le velocit` della luce in due mezzi ` anche detto indice di rifrazione relativo dei due a e mezzi e si indica con il simbolo v1 n12 = . (1.27) v2 In questo modo la legge della rifrazione diventa sen i = n12 . (1.28) sen r Molto utile ` riferire lindice di rifrazione di ogni mezzo al vuoto, ove la velocit` della luce ` la massima e a e possibile. Si denisce quindi lindice di rifrazione assoluto di un mezzo ove la luce si propaghi con velocit` a v con il rapporto di c su v: c n= . (1.29) v Osservazioni 1. Si noti che valgono le seguenti relazioni fra indici di rifrazione relativi ed assoluti: v1 c v1 n2 n12 = = = . v2 v2 c n1

(1.30)

2. Per trovare la condizione di brachistocrona, chi conosce lanalisi innitesimale trover` che fare una a derivata ` molto pi semplice che seguire il ragionamento qui proposto; inoltre, ragionando in e u termini di innitesimi, avr` maggiormente sotto controllo le approssimazioni fatte. a 3. Nel passare da un mezzo ad un altro la luce devia in modo tale che langolo rispetto alla normale sia maggiore nel mezzo ove la velocit` ` maggiore o, che ` lo stesso, ove lindice di rifrazione assoluto ae e ` minore; quindi, per esempio, passando dallaria allacqua la velocit` diminuisce e quindi il raggio e a rifratto si avvicina alla perpendicolare. Il contrario accade nel passaggio dallacqua allaria. ` 4. E istruttivo ricavare la relazione che fornisce la deviazione del raggio luminoso a causa di una rifrazione. Si considera qui il caso di un raggio luminoso che passa dal vuoto ad un mezzo con indice di rifrazione assoluto n. Si osservi che vale = i r e la legge di Snell diventa sen i = n sen r, da
A

i n r

Figura 1.19: Deviazione dovuta alla rifrazione. cui sottraendo ad entrambi i membri sen r e usando le formule di prostaferesi, si pu` scrivere o sen i sen r = (n 1) sen r 2 sen ir i+r cos = (n 1) sen r 2 2 (1.31)

1.4. LA RIFRAZIONE.

115

quindi, con facili passaggi sen n1 = 2 2 sen r n 1 sen i = . i+r i+r 2n cos cos 2 2 (1.32)

Si ricorda che, per angoli minori di angoli retti (com` certamente il nostro caso), il seno ` funzione e e crescente dellangolo ed il coseno ` funzione decrescente dellangolo, quindi allaumentare di i, cresce e r e quindi cresce il numeratore e decresce il denominatore dellultima frazione scritta e quindi la frazione cresce. Se ne conclude che la deviazione aumenta allaumentare dellangolo di incidenza. Illusioni ottiche La rifrazione ` causa di alcune illusioni ottiche, la pi comune delle quali ` limpressione di vedere un e u e bastone spezzato se parzialmente immerso in acqua; questa illusione, come illustrato in gura 1.20, ` e

Figura 1.20: Illusione ottica del bastone spezzato. dovuta al fatto che i raggi che raggiungono locchio proveniendo dalla parte immersa del bastone sono deviati al passaggio dallacqua allaria, mentre i raggi provenienti dalla parte emersa non lo sono; da qui limpressione della spezzatura. Un altra illusione molto comune ` quella del miraggio; si verica per esempio che durante una giornata e estiva molto calda che, in lontananza lungo una strada, si veda dellacqua; questa illusione ` dovuta al e fatto che lasfalto sotto i raggi del sole raggiunge una temperatura molto elevata; lasfalto cos arroventato scalda gli strati bassi dellaria; laria scaldandosi diminuisce la sua densit`; il risultato quindi ` che laria a e si dispone a strati sempre meno densi a mano a mano che si avvicina al suolo. La luce si muove con

Figura 1.21: Illusione ottica del miraggio. velocit` maggiore negli strati pi rarefatti e quindi tende a incurvare la propria traiettoria, come in gura a u 1.21, a causa del principio di Fermat. Locchio quindi percepisce un raggio luminoso che proviene dal suolo ma che in realt` ` un raggio che viene dal cielo ed ` stato deviato: quella che sembra acqua quindi ae e ` limmagine del cielo. e Riessione totale. Non sempre il raggio luminoso pu` rifrangere e passare da un mezzo ad un altro. In eetti se un raggio o

116

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

luminoso passa da un mezzo pi denso ad uno meno denso, cio` da uno con indice di rifrazione assoluto u e n1 ad un altro con indice di rifrazione assoluto n2 < n1 , vi ` un angolo di incidenza oltre il quale non vi ` e e rifrazione. Facendo aumentare langolo di incidenza, come in gura 1.22, langolo di rifrazione aumenta di conseguenza. Osservando che langolo di rifrazione ` maggiore di quello di incidenza, si vede che quando e langolo di incidenza raggiunge un certo angolo, detto angolo limite i0 , langolo di rifrazione ` retto e e quindi il raggio rifratto si muove lungo la supercie. Se langolo di incidenza ` maggiore dellangolo limite, e
A i n1 n2 r B n1 n2 r B A A i n1 n2 r B i0

A n1 n2

Figura 1.22: La riessione totale. il raggio incidente non riesce a passare ma si riette indietro seguendo le usuali leggi della riessione. Il valore di i0 si ricava facilmente dalla condizione r = 90 , e quindi sen r = 1 per cui dalla legge di Snell-Descartes si ottiene n2 sen i0 = (1.33) n1 Questo fenomeno ` detto riessione totale. Per avere unidea qualitativa di quel che accade, si consideri e che lacqua ha indice di rifrazione assoluto n = 1.33, quindi nel passare dallacqua allaria (che ha indice di rifrazione praticamente uguale a 1) i raggio luminosi trovano un angolo limite pari a i0 = arcsin 1 = 48.75 . 1.33 (1.34)

Non sar` forse inutile sottolineare ancora che la rifrazione totale si pu` avere solo quando la luce passa a o da un mezzo pi denso ad un mezzo meno denso. u Lamina trasparente. Si studia ora che accade quando la luce incide su di una lamina trasparente di indice di rifrazione assoluto n a facce parallele come quella rappresentata in gura. Si supponga che un raggio luminoso incida sulla lamina nel punto A, che prosegua allinterno della lamina no al punto B e che quindi emerga nuovamente. Evidentemente se langolo di incidenza in A ` i risulta un angolo rifrazione r tale che sia e sen r = 1 sen i n (1.35)

1.4. LA RIFRAZIONE.

117

Poich le facce della lamina sono parallele, il raggio giunge in B con un angolo di incidenza uguale a r, e langolo di rifrazione i con cui il raggio emerge dalla lamina ` dunque tale sia e sen i = n sen r = n 1 sen i = sen i n i = i . (1.36)

Quindi il raggio incidente ed il raggio emergente formano con le due facce parallele della lamina lo stesso

i A r a r B i b

Figura 1.23: Deviazione della luce per mezzo di una lamina a facce parallele. angolo i, quindi sono paralleli. In altre parole un raggio luminoso che attraversi una lamina a facce parallele non subisce una deviazione angolare ma viene semplicemente traslato di una quantit` b che a dipende dallo spessore a della lamina e dallangolo di incidenza. Per determinare b, con riferimento alla gura 1.23, si osservi che a = AB cos r e che b = AB sen(i r) si pu` cos concludere che: o b=a sen(i r) . cos r (1.37)

Prisma. Diversa ` la situazione quando le due facce della lamina non sono parallele. Un dispositivo di questo tipo e ` detto prisma ed ` rappresentato in gura 1.24. In questa situazione il raggio luminoso subisce una e e deviazione che dipende, oltre che dallangolo di incidenza i, anche dallangolo formato dalle due facce opposte. Si osservi innanzitutto che il quadrilatero ADBC ha due angoli retti in A ed in B, quindi gli angoli in C ed in D sono supplementari; pertanto = r + r perch entrambi supplementari dello stesso e angolo ADB. Ora per il teorema dellangolo esterno vale = (i r) + (e r ) = i + e (r + r ) = i + e (1.38)

Tale deviazione ` minima quando il raggio AB ` perpendicolare alla bisettrice di ; questo si verica e e quando i = e ed r = r .
Dimostrazione. Supponendo che il prisma sia di un materiale trasparente con indice di rifrazione assoluto n e che allesterno lindice di rifrazione assoluto sia 1, si considerino le due leggi applicate alle rifrazioni nei punti A e B. sen i = n sen r , sen e = n sen r (1.39)

118
C

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

B A i r D r

Figura 1.24: La deviazione di un raggio luminoso dovuta al prisma.


Sommando queste due membro a membro e utilizzando le formule di prostaferesi, si trova sen i + sen e = n(sen r + sen r ) e quindi sen i+e ie r + r r r cos = n sen cos 2 2 2 2 (1.40)

r r cos i+e 2 sen (1.41) = n sen . ie 2 2 cos 2 Si supponga ora che sia i > e. Allora, considerando questi due angoli come angoli di incidenza (invocando, per e, linvertibilit` dei cammini ottici), la deviazione corrispondente a i deve essere maggiore della deviazione a corrispondente a e (vedi la precedente osservazione 4), quindi i r > e r da cui segue Allo stesso modo, se e > i si deduce i e > r r . e i > r r . r r ie > cos . 2 2 (1.42) (1.43) (1.44)

Visto che il coseno ` funzione decrescente dellangolo, si ottiene, in entrambi i casi, e cos (1.45)

Quindi la frazione in (1.41) ` sempre maggiore di 1 tranne che per e = i, nel qual caso anche r = r ed essa diviene e uguale a 1. Questo corrisponde evidentemente al valore minimo di sen i+e e quindi al valore minimo di i + e cio`, e 2 per ssato, al valore minimo m della deviazione.

Nel caso di deviazione minima risulta quindi i = e e quindi r = r = Inoltre si osservi che dalla (1.41) si ottiene sen + m = n sen . 2 2 (1.47) 2 , m = 2i . (1.46)

Questultima relazione pu` essere utilizzata per misurare sperimentalmente lindice di rifrazione assoluto o della sostanza di cui ` fatto il prisma. O, con un prisma cavo costruito con lastre di vetro a facce parallele e riempito di un liquido, pu` essere usato per la determinazione dellindice di rifrazione assoluto del liquido. o

1.5. DIOTTRI SFERICI.

119

1.5

Diottri sferici.

Si comincia qui lo studio delle lenti; la presente sezione getta le basi per una dimostrazione della formula delle lenti sottili; il lettore non interessato a tale dimostrazione pu` interrompere qui la lettura e ripreno derla dallequazione (1.67). Si denisce diottro sferico una calotta sferica di separazione fra due mezzi trasparenti diversi di indici di rifrazione assoluti n ed n . Si denisce asse ottico lasse di simmetria del diottro che passa per il centro di
M h P n V n i C P

Figura 1.25: Diottro sferico. curvatura C della calotta e si denisce vertice V il punto di intersezione fra lasse ottico e la calotta. Si consideri un punto P sullasse ottico dalla parte del mezzo di indice di rifrazione n; si costruisca un raggio che incida la calotta in un punto M e si rifranga no a incontrare nuovamente lasse ottico nel punto P (vedi gura 1.25, ove si ` scelto di rappresentare il caso n > n). Si ponga M P V = , M CV = , e M P V = e siano i ed i gli angoli di incidenza e di rifrazione e sia h la distanza del punto di incidenza M dallasse ottico; allora per le leggi della rifrazione vale la relazione n sen i = n sen i . (1.48)

Nellusuale approssimazione di angoli piccoli vale sen i i e sen i i , quindi la precedente relazione diventa ni = n i . (1.49) Con una approssimazione simile a quella che ci ha portato alla legge dei punti coniugati, si pu` scrivere o = h p , = h p , = h . r (1.50)

Ora, utilizzando il teorema dellangolo esterno, si pu` scrivere o i=+ che, sostituita nella (1.49), d` a n( + ) = n ( ) da cui si ricava n h h h h + n = n n p r r p (1.52) , i = (1.51)

n n n n + = . p p r

(1.53)

Poich questa relazione, detta equazione del diottro ` indipendente dal valore di , ` chiaro che tutti e e e i raggi uscenti da P vanno a nire in P che, quindi ` il punto immagine di P , cio` nella approssimazione e e

120

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

di angoli piccoli il diottro sferico ` un dispositivo stigmatico. e Conviene fare anche qui, come per gli specchi, una convenzione sui segni delle distanze degli oggetti dal vertice; una scelta molto comune ` quella di legare la convenzione al verso di propagazione della luce; e - si considera p > 0 se loggetto corrispondente si trova nel primo mezzo attraversato dalla luce, detto mezzo dincidenza, e p < 0 se si trova nel secondo mezzo, detto mezzo di trasmissione (questa seconda situazione capita quando si ha a che fare con sistema composti da pi diottri consecutivi, u si veda oltre); - si considera p > 0 se limmagine corrispondente si forma nel mezzo di trasmissione e p < 0 se si forma nel mezzo di incidenza; - si considera r > 0 se il centro di curvatura del diottro cade nel mezzo di trasmissione e r < 0 se cade nel mezzo dincidenza. Con questa convenzione lequazione (1.53) ` valida per qualunque posizione delloggetto. e Dalle prime due delle (1.50), si ottiene p = =C (1.54) p ma, evidentemente, una volta posizionato P il rapporto fra p e p resta costante; quindi il rapporto fra gli angoli e per ogni coppia di raggi coniugati ` costante. Tale costante C ` detta rapporto di e e convergenza. Se in particolare r il diottro sferico diventa un diottro piano e vale

Figura 1.26: Diottro piano. n n + =0 p p

(1.55)

da cui si vede facilmente che p < 0, cio` che limmagine P ` virtuale (si veda la gura 1.26.) e e Ma si torni allequazione (1.53). Se il punto P ` molto lontano dal diottro, cosa convenzionalmente si e indica con il simbolo p , la frazione con p al denominatore ` trascurabile e si ottiene e n n n = p r Viceversa se p , si ottiene n n n = p r p= n nr f . n (1.57) p = n r f . n n (1.56)

Le grandezze f ed f cos denite sono la distanza focale anteriore e posteriore del diottro. Si osservi che vale n f = , (1.58) f n

1.6. LENTI SOTTILI.

121

cio` il rapporto fra lindice di rifrazione di un mezzo e la distanza focale relativa ` costante; tale costante e e si indica con D ed ` detta potere diottrico del diottro; vale dunque e n n = D f f (1.59)

Lunit` di misura del potere diottrico ` detta diottria. Dividendo per (n n)/r, lequazione (1.53) si a e pu` scrivere nella forma: o f f + =1. (1.60) p p

1.6

Lenti sottili.

Una lente ` un dispositivo trasparente delimitata da due calotte sferiche. Pu` essere considerata come e o una successione di due diottri sferici di centri C1 e C2 raggi r1 = C1 V1 ed r2 = C2 V2 . Sia n lindice di

n V1 P C2 V2 C1 P P

Figura 1.27: Lente. rifrazione assoluto della lente e sia 1 quello dellesterno; allora le equazioni dei due diottri sono n1 1 n + = p1 p1 r1 , 1n n 1 + = , p2 p2 r2 (1.61)

ove p1 , p , p2 e p sono rispettivamente le distanze delloggetto e dellimmagine dai vertici della prima 2 1 e della seconda supercie diottrica. In gura 1.27, sono rappresentati tutti gli elementi di una lente. In particolare sono rappresentati il punto oggetto P , il punto immagine del primo diottro P ed il punto immagine del secondo diottro P . Si osservi che limmagine P del primo diottro funge da oggetto per il secondo, cio` p = V1 P e p2 = V2 P ; quindi se limmagine del primo diottro ` reale, cio` p > 0, questa e 1 e e 1 costituisce un oggetto virtuale per il secondo diottro e quindi p2 < 0; viceversa se limmagine del primo diottro ` virtuale, cio` p < 0, questa costituisce un oggetto reale per il secondo diottro e quindi p2 > 0; e e 1 p e p2 sono quindi sempre discordi5 . Nel caso rappresentato in gura 1.27, ad esempio, si ha p1 > 0, 1 p > 0, r1 > 0 e p2 < 0, p > 0, r2 < 0. 1 2 Se la lente ` sottile i due vertici possono essere considerati, con buona approssimazione, coincidenti e e o quindi vale, in ogni caso, p2 = p quindi la seconda delle precedenti equazioni pu` essere riscritta nella 1 forma n 1 1n + = . (1.62) p1 p2 r2
5 Si osservi che ` possibile che limmagine del primo diottro si formi dentro la lente; in questo caso sarebbero reali sia e limmagine del primo diottro che loggetto del secondo; una simile eventualit` si verica per lenti molto spesse e qui non a viene considerato.

122

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

Sommando la prima delle (1.61) e la (1.62), si ottiene lequazione dei punti coniugati di una lente sottile che ` nota anche come equazione del fabbricante di lenti . e 1 1 + = (n 1) p p ( 1 1 r1 r2 ) , (1.63)

ove si sono tralasciati gli oramai inutili pedici numerici. Si osservi che la quantit` a secondo membro non a ` nulla poich r1 ed r2 sono discordi. e e Si ricorda che, per il principio di invertibilit` dei cammini P e P sono ciascuno limmagine dellaltro. Se a il punto oggetto P viene molto allontanato dalla lente, dalla parte sinistra, cio` se p e 1/p 0 si e trova 1 r1 r2 p = . (1.64) n 1 r2 r1 Simmetricamente, se il punto oggetto P si trova a grande distanza dalla lente, dalla parte destra, cio` e se p e 1/p 0 si trova 1 r1 r2 (1.65) p= . n 1 r2 r1 La grandezza f= 1 r1 r2 n 1 r2 r1 (1.66)

` detta distanza focale della lente e, come si vede, ` la stessa dalle due parti della lente, nonostante e e questa non sia simmetrica. La lente ha quindi due fuochi uno per lato alla stessa distanza. La 1.63 pu` dunque essere riscritta nella pi familiare forma o u 1 1 1 + = . p p f La quantit` a D= 1 f (1.68) (1.67)

`, come per il diottro sferico, detto potere diottrico (o potere convergente) della lente e viene anchesso e misurato in diottrie; per esempio una lente con distanza focale f = 20 cm ha un potere diottrico D = 1/0.2 = 5 diottrie. A seconda del segno di D si d` la seguente classicazione delle lenti sottili, rappresentate nelle gure 1.28 a e 1.29. Per la convenzione dei segni, si supponga che la luce si propaghi da sinistra verso destra. 1. D > 0. Corrisponde al caso della lente convergente e si presenta nei tre sottocasi: a) r2 < 0 e r1 > 0: lente biconvessa; b) r1 > 0 e r2 : lente convesso-piana; c) 0 < r1 < r2 : lente convesso-concava.
r2 C2 r1 r2 C1 r1 C1 C2 r1 C1

Figura 1.28: I diversi tipi di lenti convergenti.

1.6. LENTI SOTTILI.

123

2. D < 0. Corrisponde al caso della lente divergente e si presenta nei tre sottocasi: a) r1 < 0 e r2 > 0: lente biconcava; b) r1 < 0 e r2 : lente piano-concava; c) r1 < r2 < 0 lente concavo-convessa.

r1 C1 r2 C2 C1 r1 C2

C1 r2

r1

Figura 1.29: I diversi tipi di lenti convergenti. Lequazione (1.67) ` formalmente identica alla (1.9); pertanto la costruzione delle immagine per le lenti ` e e completamente analoga alla costruzione delle immagini gi` vista per gli specchi; per questo qui si eviter` a a di ripetere quanto gi` detto sopra, cercando di mettere in evidenza le analogie e le dierenze a Lente convergente. Come esempio di lente convergente si consideri una lente biconvessa simmetrica, cio` tale che valga la e relazione r1 = r2 r, allora f= 1 r n1 2 , D = 2(n 1) 1 . r (1.69)

Si osservi che lindice di rifrazione di qualunque mezzo diverso dal vuoto ` maggiore di 1, quindi per la e nostra lente convergente vale f > 0 e D > 0, come previsto. Per lingrandimento trasversale ` possibile dimostrare in modo perfettamente analogo (e quindi qui non e si ripete) a quanto visto per gli specchi che vale I= quindi 1 I= p ( )1 = p p (1.70)

1 1 f p

1 pf f = . ppf pf

(1.71)

Quindi I ` maggiore di 1 se f < p < 2f , ` uguale a 1 se p = 2f ed ` minore di 1 se p < f o p > 2f . e e e Si veda ora, con qualche esempio, come costruire le immagini prodotte dalle lenti. Si consideri per

P F2 Q F1 P Q

Figura 1.30: Formazione di unimmagine reale per mezzo di una lente biconvessa.

124

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

cominciare una lente biconvessa e si consideri un oggetto posto oltre il fuoco, cio` tale che sia p > f ; in e tal caso, usando la 1.67, si ottiene p p = p fp p(p 2f ) = ; pf pf (1.72)

visto che il denominatore ` positivo per ipotesi, p risulta maggiore o minore di p a seconda che p sia e maggiore o minore di 2f . Questa, si noti, ` la stessa situazione che gi` trovata discutendo gli specchi e a sferici. La dierenza ` ora che a distanza 2f dalla lente non c` il centro, la cui posizione si pu` ricavare e e o dalla prima delle (1.69). La situazione ` rappresentata in gura 1.30, ove, si noti, il raggio che arriva e alla lente passando per il fuoco emerge parallelo allasse ottico; similmente (pi precisamente in virt del u u principio di invertibilit` dei cammini ottici) un raggio incidente parallelo allasse ottico emerge passando a per il fuoco. Poich il dispositivo ` supposto stigmatico, questi due raggi bastano a costruire limmagine e e cercata, tuttavia, per completezza, in gura ` stata riportato anche il raggio passante per il centro della e lente. Se 0 < p < f , analogamente al caso dello specchio concavo, si ottengono immagini virtuali diritte e ingrandite, come esemplicato in gura 1.31.
P P Q F1 Q F2

Figura 1.31: Formazione di unimmagine virtuale per mezzo di una lente biconvessa.

Lente divergente. Similmente al caso della lente convergente si consideri qui una lente biconcava simmetrica, per cui quindi valga r1 = r2 r. La distanza focale diventa allora f = 1 r n12 , D = 2(n 1) 1 . r (1.73)

Se la distanza focale ` negativa, lunica possibilit` consentita dalla 1.67 ` che sia p < 0 e |p | < 0, il e a e che signica che limmagine ` virtuale e rimpicciolita. Questultima aermazione ` anche confortata dal e e calcolo di I. Come per le lenti convergenti vale la relazione I= f , pf (1.74)

ma in questo caso il denominatore ` positivo ed il numeratore ` un numero negativo con valore assoluto e e e minore del denominatore, quindi la 1 < I < 0 e quindi limmagine ` rimpicciolita. Per maggior chiarezza si rappresenta la situazione con un disegno. Il raggio uscente da P parallelo allasse ottico diverge in modo che il suo prolungamento si diretto verso il fuoco (qui, come si ` visto sopra, la e distanza focale ` negativa e quindi il fuoco ` virtuale). Laltro raggio rappresentato ` diretto verso e e e laltro fuoco ed emerge parallelo allasse ottico. I raggi emergenti sono quindi divergenti; si incontrano i loro prolungamenti. Il dispositivo ` supposto stigmatico quindi questi due raggi bastano a disegnare e limmagine che risulta virtuale, diritta e rimpicciolita.

` 1.7. PROFONDITA DI CAMPO.

125

P P Q F1 Q F2

Figura 1.32: Formazione dellimmagine per mezzo di una lente biconcava. Osservazioni 1. In una lente sottile le porzioni di supercie della lente attorno al vertice sono con ottima approssimazione parallele; quindi un raggio luminoso che incida la lente sul vertice non subisce una deviazione angolare e, no a che la lente ` sottile anche b risulta trascurabile. In denitiva, un e raggio che passi per il vertice di una lente sottile la attraversa senza deviazioni di sorta. Spesso ` e utile utilizzare questa propriet` nella costruzioni delle immagini. a 2. La propriet` delle lenti convergenti (ma discorso analogo si potrebbe ripetere per le lenti divergenti) a si pu` capire anche in termini del principio Fermat. Si supponga infatti di voler costruire un o dispositivo che faccia convergere tutti i raggi uscenti da una sorgente luminosa posta in P verso un punto P . Per far ci`, visto che luce la luce sceglie sempre il percorso per il quale impiega il o tempo minimo, ` necessario che per tutti i percorsi la luce impieghi lo stesso tempo. Quindi un tale e dispositivo deve rallentare la luce sui percorsi pi brevi rispetto a quelli pi lunghi in modo adeguato u u a che il tempo di percorrenza sia eettivamente lo stesso. Una lente convergente fa proprio questo.
R Q P R Q P

Figura 1.33: Propriet` della lente convergente in termini del principio di Fermat. a Infatti, con riferimento alla gura 1.33, lungo il percorso pi breve P QQ P la luce attraversa pi u u vetro e quindi viene maggiormente rallentata che lungo il percorso P RR P e quindi, se calcolata opportunamente la forma del prolo della lente, la luce impiega esattamente lo stesso tempo per i due percorsi. Similmente accade per ogni altro possibile percorso. Quindi ogni raggio incidente la lente provenendo da P converge in P .

1.7

Profondit` di campo. a

Il problema che viene arontato in questo paragrafo ` quello di determinare quando limmagine di un e oggetto esteso longitudinalmente si formi su uno schermo, che, per ssare le idee, potrebbe essere una lastra fotograca. Si consideri una lente convergente biconvessa di distanza focale f e sia P un punto oggetto sullasse ottico

126

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

della lente ad una distanza p dal centro O della lente; la sua immagine, reale, si formi nel punto P a distanza p da O per cui vale la legge dei punti coniugati 1 1 1 + = . p p f (1.75)

Si chiede in quali condizioni limmagine di un secondo punto Q, che si trovi anchesso sullasse ottico ad una distanza p da P , si formi alla stessa distanza p da O. Evidentemente come risulta dallo studio precedente, e come ` illustrato dalla gura 1.34, limmagine Q e di Q non pu` formarsi alla stessa distanza; al contrario se loggetto si allontana dalla lente limmagine si o avvicina al fuoco (quindi alla stessa lente). Si vuole qui determinare, qual ` la massima distanza fra P e e
A

B O Q P Q P B

Figura 1.34: Profondit` di campo a Q oltre la quale le immagini dei due punti, che come detto si formano a distanze diverse, sono anche visti a distanze diverse. In altre parole, usando un linguaggio preso dalla pratica fotograca, si chiede quale sia la distanza fra P e Q oltre la quale P risulta a fuoco sullo schermo e Q no. Sia quindi p la distanza fra P e Q e sia p la distanza fra le due immagini P e Q . Come si vede dalla gura 1.34, la proiezione dellimmagine Q sullo schermo a distanza p dalla lente ` una macchia e compresa fra B e B di raggio . Per la legge dei punti coniugati applicata a Q vale 1 1 1 + = . p + p p p f Sottraendo membro a membro le (1.75) e (1.76), si ottiene 1 1 1 1 + =0 p + p p p p p p p + 2 =0 p2 + p p p + p p (1.77) (1.76)

se, come qui si suppone, p p e p p la precedente equazione si approssima in p p + 2 = 0 p2 p p = p2 p . p2 (1.78)

Si fa ora lipotesi aggiuntiva, sicuramente vera nel caso di una macchina fotograca: si suppone che P sia distante rispetto alla distanza focale, in tal caso vale con buona approssimazione p f e quindi p p2 p2 . f2 (1.80) (1.79)

1.8. STRUMENTI OTTICI. Osservando che i triangoli isosceli AA Q e BB Q sono simili, valgono le proporzioni P B OA = ; Q P OQ

127

(1.81)

indicando con h il raggio OA della lente e osservando che valgono P B = , P Q = p , OQ = f , la precedente equazione pu` essere scritta nella forma o h = p f e quindi p = p2 . fh (1.83) p = f h (1.82)

Se M ` il massimo valore tollerabile perch limmagine di Q non appaia sfocata, si possono considerare e e a fuoco tutti i punti che distano da P non pi di u pM = p2 M , fh (1.84)

e a cio` quelli compresi fra p pM e p + pM . La distanza 2pM ` detta profondit` di campo. e La valutazione del parametro M dipende dalla siologia dellocchio. La retina ` costituita da elementi e sensibili disposti in modo discreto (da cui il nome); quindi due oggetti sono percepiti come distinti se le rispettive immagini si formano su elementi sensibili diversi della retina. Risulta che appaiono distinti due punti che giungono alla retina con un angolo maggiore di = 1 3 104 rad. Quindi limmagine di Q non appare sfuocata se la macchia di diametro 2 appare cio` indistinguibile da un punto se ` vista e e dallocchio sotto un angolo minore di . Per esempio da una distanza pari a quella della visione distinta (denita nella prossima sezione) limmagine di Q appare a fuoco se M = d0 tg 1 d0 = 0.25 3 104 = 3.75 105 . 2 2 2 (1.85)

Quindi nel caso di una lente di raggio h = 0.02 m, e distanza focale f = 0.1 m per un oggetto alla distanza di p = 5 m si ha una profondit` di campo pari a a 2pM = p2 d0 0.94 m . fh (1.86)

1.8

Strumenti ottici.

Locchio umano normale, cio` non miope n ipermetrope6 , distingue con chiarezza i particolari, anche e e minimi, di un oggetto quando questo ` posto ad una distanza d0 che, in condizioni di illuminazione e suciente, ` circa di 25 cm. Tale distanza ` detta distanza della visione distinta. Per distanze minori e e di d0 la precisione della percezione cala poich non ` possibile accomodare locchio (pi precisamente non e e u ` possibile accomodare il cristallino,). Per esaminare un oggetto in condizioni pi favorevoli si utilizzano e u degli strumenti ottici, alcuni dei quali vengono descritti qui di seguito. Lente dingrandimento. Detta anche microscopio semplice, si tratta di una lente convergente biconvessa utilizzata ponendo loggetto sul fuoco F in modo che limmagine reale si formi allinnito e locchio possa percepirla senza accomodare e quindi senza fatica. Si denisce allora ingrandimento angolare o visuale il rapporto J fra
6 Disturbi

della visione per le quali si rimanda ad un testo di biologia.

128

CAPITOLO 1. OTTICA GEOMETRICA.

P Q = F1 F2

P Q d0

Figura 1.35: Visione delloggetto con e senza lente dingrandimento la tangente dellangolo sotto cui ` vista limmagine mediante luso della lente dingrandimento e la e tangente dellangolo , sotto cui loggetto sarebbe visto, senza strumento, se posto alla distanza della visione distinta d0 . Valgono le relazioni tg = AB/f e tg = AB/d0 e si ottiene J= tg d0 = . tg f (1.87)

Microscopio Detto anche microscopio composto, si tratta di un dispositivo costituito da due lenti convergenti biconvesse: lobiettivo, posto pi vicino alloggetto e loculare, posto pi vicino allocchio. Siano f1 ed f2 le u u distanze focali rispettivamente di obiettivo ed oculare e sia D la distanza fra i due fuochi interni F1 ed F2 , in modo che sia f1 + D + f2 la distanza fra le due lenti. Loggetto AB da ingrandire viene posto poco oltre il fuoco F1 dellobiettivo, e la distanza D viene regolata in modo che limmagine A B prodotta dallobiettivo si formi sul fuoco delloculare. In questo modo limmagine nale si forma allinnito e

D P Q F1 O C F1 Q = F2 F2

Figura 1.36: Microscopio. locchio la pu` vedere senza accomodare sotto un angolo dato da tg = A B /f2 . Si osservi ora che i o due triangoli COF1 e A B F1 sono simili e quindi vale la proporzione F1 B A B = OC OF1 quindi tg = D A B = AB f1 A B = D AB ; f1 (1.88)

A B D = AB . f2 f1 f2

(1.89)

1.8. STRUMENTI OTTICI.

129

Daltra parte senza microscopio langolo sotto cui ` visto loggetto a distanza della visione distinta `, e e come visto sopra, tg = AB/d0 . Quindi Dd0 J= . (1.90) f1 f2 Cannocchiale ` ` E uno strumento utilizzato vedere gli oggetti a grande distanza. E costituito, come il microscopio, da due lenti, un obiettivo e un oculare. Queste due lenti sono montate in modo che i loro due fuochi coincidano. In questo modo limmagine dellobiettivo, di un oggetto molto lontano, si forma sul fuoco; questa immagine, a sua volta, fa da oggetto per loculare che forma unimmagine allinnito in modo tale da poter essere vista dallocchio senza sforzo. Vale allora
P F1 F1 = Q = F2 F2

f1

f2

Figura 1.37: Cannocchiale. AB f1 AB f2

tg = quindi

tg =

(1.91)

J=

f1 . f2

(1.92)

Capitolo 2

Ottica ondulatoria.
Il modello corpuscolare che sta alla base dellottica geometrica sopra studiata, non basta a rendere conto di tutti i fenomeni ottici. Si rende quindi necessaria lintroduzione di un modello alternativo: questo ` il e modello ondulatorio. Tale modello prevede che la luce consista nella propagazione di unonda che si propaga a partire da una sorgente in tutte le direzioni secondo il principio di Huygens. Lenergia per unit` di tempo emessa a dalla sorgente ` detta potenza irradiata ed ` proporzionale al quadrato dellampiezza dellonda secondo e e lequazione (2.23) della parte II; si denisce intensit` luminosa la potenza irradiata per unit` di angolo a a solido1 quindi: P 1 I= = A2 (2.1) 4 8 Lintensit` luminosa quindi ` proporzionale al quadrato dellintensit` luminosa. Lunit` di misura dellina e a a tensit` luminosa ` una delle unit` fondamentali del Sistema Internazionale ed ` detta candela, simbolo a e a e cd.2 Nel seguito si analizzano i fenomeni in cui si manifesta la natura ondulatoria della luce e che non rientrano nellambito del modello dellottica geometrica. Si segnala che nelle gure, per chiarezza, si ` e scelto di disegnare le rette che indicano la direzione di propagazione delle onde, queste sono in ogni punto perpendicolari al fronte donda.

2.1

Interferenza.

Le onde luminose, come tutte le onde, interferiscono fra loro; questa propriet` pu` venir mostrata a o mediante vari esperimenti; in quel che segue se ne descrivono alcuni dei pi celebri. u Fori di Young Lesperimento che per primo ha mostrato che la luce si comporta come onde ` dovuto a Thomas Young. e
1 Si dice angolo solido di vertice V la generalizzazione nello spazio del concetto di angolo piano; pu` essere denito come o la porzione di spazio racchiusa da un cono avente il vertice in V ; lunit` di misura dellangolo solido ` detto steradiante a e (simbolo sr) ed ` il rapporto fra la supercie della calotta sferica individuata dal cono sulla supercie di una sfera con e centro in V e il quadrato del raggio della sfera; nella situazione presente ` utile determinare langolo solido corrispondente e allintera sfera, per cui vale 4r 2 = 4 sr . = r2 2 La candela ` lintensit` luminosa, in una data direzione, di una sorgente che emette radiazione di frequenza e a = 540 1012 Hz con una potenza di 1/683 W sr1 .

130

2.1. INTERFERENZA.

131

Una sorgente luminosa puntiforme S ` posta di fronte ad uno schermo opaco con due piccole fenditure e S1 ed S2 equidistanti da S. A destra dello schermo c` uno spazio non illuminato da altro se non dalla e

P1 S1 S S2 P2

Figura 2.1: I fori di Young. luce che passa da S1 ed S2 . Sulla parete di fronte non si formano due strisce luminose nei punti P1 e P2 (vedi gura 2.1) come sarebbe da aspettarsi utilizzando le regole dellottica geometrica e quindi il modello corpuscolare che le sta a fondamento. Quello che si vede ` una serie di strisce alternate luminose e scure. e IL fenomeno ` perfettamente spiegabile in termini del modello ondulatorio. Per vederlo si supponga ora e che S sia la sorgente di onde luminose sferiche; quando il fronte donda raggiunge lo schermo, per il principio di Huygens, S1 ed S2 si comportano come sorgenti secondarie di onde luminose aventi la stessa ampiezza e la frequenza dellonda primaria; se S1 ed S2 sono esattamente equidistanti da S le due onde secondarie hanno la stesa fase, altrimenti risultano sfasate per una fase costante nel tempo. Due sorgenti di onde che abbiano dierenza di fase iniziale costante nel tempo si dicono coerenti. In generale quindi le equazioni delle due onde emesse da S1 ed S2 sono [ ( [ ( ] x )] x) y1 (t, x) = A cos t (2.2) , y2 (t, x) = A cos t + , v v Per semplicit`, in quel che segue, senza diminuire la generalit` dellargomento, si suppone che la dierenza a a di fase iniziale sia nulla.

P x1 S1 S d S2 x2 0

Figura 2.2: I percorsi della luce dalle due sorgenti. Si consideri introduca un asse cartesiano sullo schermo che si suppone distante D dalle fenditure; si ora

132

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

P di coordinate (D, y) un punto sullo schermo distante rispettivamente x1 ed x2 dalle sorgenti S1 ed S2 . In P le due onde interferiscono dando origine allonda di equazione (al solito si usa la formula di prostaferesi) [ ( )] [ ( )] x1 x2 + A cos t = y1 (t, x1 ) + y2 (t, x2 ) = A cos t v v ( ) [ ( )] x2 x1 x2 + x1 = 2A cos cos t . 2v 2v Lampiezza di questonda ` e ) ( x2 x1 2A cos ; 2v

(2.3)

(2.4)

si noti che dipende dalla dierenza x = x2 x1 . Indicando con n lindice di rifrazione assoluto del mezzo in cui si propaga la luce, con c la velocit` della luce nel vuoto e notando che c/v = n, si pu` a o riscrivere largomento del coseno dellultima equazione nella forma seguente x2 x1 = n x = n x . 2v cT (2.5)

e Qui ` la lunghezza dellonda luminosa nel vuoto. Da questa discussione segue che si ha interferenza costruttiva quando n x = k n x = k ; (2.6) si ha invece interferenza distruttiva quando n x = (2k + 1) 2 n x = (2k + 1) . 2 (2.7)

Avere interferenza costruttiva o distruttiva dipende quindi dal fatto che nx sia uguale ad un numero intero di lunghezze donda o di mezze lunghezze donda. La quantit` nx ` detta dierenza dei a e cammini ottici. Si osservi che se x ` la distanza percorsa dalla luce alla velocit` v, nx ` la distanza e a e percorsa, nello stesso tempo, dalla luce nel vuoto; infatti nel tempo x/v in cui a velocit` v si percorre la a distanza x, a velocit` c si percorre la distanza cx/v = nx. Si pu` quindi fare la seguente aermazione a o di validit` generale. a Qualunque sia il mezzo in cui la luce si propaga, in tempi uguali vengono percorsi cammini ottici uguali.

Osservando ora la gura 2.3, si vede che, detta d la distanza fra i fori S1 ed S2 , e indicando con langolo di uscita della luce dai fori, la dierenza x = x2 x1 ` data dal segmento S2 H e quindi pu` essere e o scritta nella forma x = d sen e quindi si ha interferenza costruttiva, e quindi le strisce luminose, quando langolo verica la relazione (2.8) nd sen = k ; mentre si ha interferenza distruttiva, e quindi le strisce scure, quando langolo verica la relazione nd sen = (2k + 1) . 2 (2.9)

Indicando con D la distanza fra lo schermo ove si trovano i fori e quello ove si formano le gure di interferenza, si pu`, con buona approssimazione e per angoli non troppo grandi, porre sen = y/D (si o

2.1. INTERFERENZA.

133

S1 d S2 H

Figura 2.3: La dierenza dei due percorsi. veda la gura 2.2), se y ` la distanza del punto sullo schermo ove si forma la gura dinterferenza dal e punto centrale. Allora le posizioni sullo schermo ove si formano rispettivamente le strisce luminose e scure sono date dalle relazioni yM AX = D k nd , yM IN = D (2k + 1) . nd 2 (2.10)

Osservazioni 1. Si vede quindi che il modello ondulatorio diversamente da quello corpuscolare, rende conto del comportamento della luce nellesperimento di Young, proprio grazie allinterferenza. Laccordo fra le previsioni della teoria e lesperimento ` ottimo. e 2. Le relazioni (2.8), (2.9) e (2.10) vengono solitamente utilizzate per la determinazione una lunghezza donda ignota, misurando langolo o la distanza y. ` 3. E il caso di sottolineare a questo punto il ruolo fondamentale dellipotesi di coerenza della sorgenti S1 ed S2 . In mancanza di tale coerenza infatti, la dierenza di fase fra le due onde varia cos velocemente da far s che in ogni istante linterferenza costruttiva si venga a formare in punti diversi dello schermo, distruggendo completamente la gura dinterferenza. 4. Si precisa qui qualcosa che ` gi` implicito in quanto visto sopra, ma che, per maggiore chiarezza, e a conviene esplicitare: esiste una precisa relazione fra la dierenza di cammini ottici fra le onde generate da due sorgenti coerenti e la loro dierenza di fase. In particolare si supponga che sia la dierenza dei cammini ottici; questa risulta in una traslazione di di unonda rispetto allaltra. Quindi se unonda ha la funzione data, per esempio, dalla prima delle (2.2), la seconda funzione donda diviene [ ( )] [ ( ] x x ) A cos t = A cos t + ; (2.11) v v v si ha quindi uno sfasamento = /v. Ricordando che 2 2 = = , v vT (2.12)

si pu` concludere che la relazione fra la dierenza di cammini ottici e la dierenza di fase fra o le onde prodotte da due sorgenti coerenti ` data dallequazione e = 2 . (2.13)

134

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

Di seguito sono proposti, in carattere tipograco minore, alcuni dispositivi classici che usano linterferenza della luce.
Specchi di Fresnel. Due sorgenti coerenti possono essere facilmente ottenute mediante il dispositivo chiamato specchi di Fresnel. Si considerino due specchi piani, disposti in modo che i loro piani formino un angolo . Allora una sorgente S forma

O S1 d D S2 2

Figura 2.4: Gli specchi di Fresnel.


due immagini virtuali S1 ed S2 ; queste due immagini, in quanto copie identiche di S, sono due sorgenti coerenti; sia d la loro distanza, come in gura 2.4. Se di fronte ai due specchi si pone uno schermo opaco parallelo allo spigolo O formato dai due specchi e a distanza D da S1 ed S2 , su di esso si formano delle frange di interferenza. Lasciando al lettore studioso la dimostrazione che S1 OS2 = 2, si ricava d = 2h sen . (2.14)

A questo punto il dispositivo ` equivalente ai fori di Young discussi sopra ed ` possibile usare le formule (2.10). e e Lamina sottile. Si consideri una lamina a facce piane e parallele distanti h costituita da un materiale perfettamente trasparente di indice di rifrazione n. Si supponga che un raggio luminoso incida perpendicolarmente sulla supercie superiore. In gura 2.5 il raggio ` rappresentato obliquo per consentire la rappresentazione pittorica non sovrapposta di tutti e i raggi; si pu` pensare che comunque la validit` del ragionamento si mantenga per angoli di incidenza piccoli. o a Quello che si osserva guardando dallalto, se la lamina ` sucientemente sottile, ` una serie di righe luminose e e e scure: il fenomeno si spiega ancora con linterferenza. Il raggio, quando incontra la supercie della lamina in A, parte si riette e parte si trasmette. Il raggio riesso segue le normali leggi della riessione, ma utilizzando il modello ondulatorio, va considerato unonda che si riette incidendo su un mezzo pi denso; quello che succede qui ` uguale a quanto discusso per la riessione di unonda u e su una corda con lestremo ssato (si veda la sezione 2.5 della parte II); londa scambia creste con ventri, viene cio` sfasata di mezza lunghezza donda. e Londa trasmessa va a riettersi sulla seconda supercie della lamina in B; qui la riessione avviene incidendo

2.1. INTERFERENZA.
2

135

A B

Figura 2.5: Doppia riessione su una lamina sottile.


su una supercie meno densa e quindi, come per la riessione dellonda su una corda con estremo non ssato, si riette identica allonda incidente; quindi risale e va ad interferire con la prima onda riessa in C. Questa seconda viene sfasata a causa del maggiore cammino ottico percorso. Riassumendo, i cammini ottici percorsi dalle due onde dal punto A no alla loro interferenza sono quindi, nellapprossimazione AB = BC h, x1 = e quindi la dierenza di cammini ottici ` e x = x2 x1 = 2nh . 2 (2.16) 2 , x2 = 2nh (2.15)

Si ha pertanto interferenza costruttiva, e quindi strisce luminose, quando la dierenza dei cammini ottici ` pari a e un numero intero di lunghezze donda, cio` quando e 2nh = k 2 2nh = 2k + 1 2 (2.17)

e si ha interferenza distruttiva, e quindi strisce scure, quando la dierenza dei cammini ottici ` pari ad un numero e disperi di mezze lunghezze donda, cio` quando e 2nh 2k 1 = 2 2 2nh = k . (2.18)

Cuneo daria. Un dispositivo simile al precedente ` costituito da due lamine di vetro spesse aacciate e messe a contatto ad e un estremo, mentre allaltro sono mantenute distanti tramite uno spessore; basta poco per ottenere leetto desiderato: un capello. In gura sono rappresentate solo le due superci aacciantesi. Anche in questo caso si

1 2

Figura 2.6: Il cuneo daria.


vedono formarsi delle frange a causa dellinterferenza fra raggi adiacenti. Il primo raggio riesso sulla supercie superiore viene ad interferire con quello incidente nella faccia inferiore che percorre uno spazio in pi pari a due u volte lo spessore h del cuneo daria in quel punto; inoltre esso viene sfasato di mezza lunghezza donda riettendosi su una supercie che separa un mezzo meno denso da uno pi denso. La dierenza dei cammini ottici ` quindi u e x = x2 x1 = 2h + . 2 (2.19)

136

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

Si hanno quindi frange chiare per 2h + e frange scure per 2h + 2k + 1 = 2 2 h=k . 2 (2.21) = k 2 h= 2k 1 4 (2.20)

Anelli di Newton. Si consideri una calotta sferica di raggio R costituita di vetro di indice rifrazione n appoggiata su un piano orizzontale anche di vetro. Il sistema si comporta come il cuneo daria discusso sopra. Usando il secondo teorema

2R

r h

Figura 2.7: Gli anelli di Newton.


di Euclide per i triangoli rettangoli si pu` scrivere o r2 = h(2R h) = 2Rh h2 . (2.22)

Se la calotta sferica ` sucientemente piccola si pu` supporre 2Rh h2 e quindi approssimare r2 2Rh. In tal e o caso, facendo riferimento alle formule ottenute sopra per il cuneo daria si trova interferenza costruttiva per 2h = si hanno quindi circonferenze chiare di raggio r= e interferenza distruttiva per 2h = k e quindi circonferenze scure di raggio r= kR . (2.25) (2.26) 2k 1 R 2 (2.24) 2k 1 2 (2.23)

Le circonferenze chiare e scure quindi hanno raggi che crescono come la radice quadrata dei numeri naturali, quindi non sono equidistanti ma si inttiscono allaumentare del raggio

2.2

Dirazione.

Per continuare nellanalisi dei fenomeni luminosi che trovano la loro spiegazione solo nellambito del modello ondulatorio, si consideri un fascio di raggi luminosi paralleli (per esempio perch giungono da una e sorgente molto lontana, come il Sole) che, dopo essere passati attraverso una fenditura larga h terminano

2.2. DIFFRAZIONE.

137

A B

Figura 2.8: Passaggio della luce attraverso la fenditura. su di uno schermo opaco. Se il modello corpuscolare fosse adeguato si troverebbe sullo schermo una striscia luminosa netta di fronte alla fenditura, in gura 2.8 rappresentata dalla zona compresa fra i due punti A e B. Invece attorno alla striscia luminosa la striscia luminosa ` allargata oltre i punti A e B di e un angolo e vi ` la formazione di altre frange laterali, che sono tanto pi distinte quanto pi ridotte e u u sono le dimensioni della fenditura. Questo comportamento ` comprensibile solo per mezzo del modello e ondulatorio e viene tradizionalmente chiamato dirazione. In eetti, utilizzando il principio di Huygens, ` possibile pensare a tutti i punti sulla fenditura come e sorgenti secondarie coerenti. Con questo modello in testa si cerchi di costruire una matematica adatta allo scopo. Si supponga quindi di avere n sorgenti di ugual ampiezza e frequenza e fra loro sfasate di una stessa fase . La loro sovrapposizione pu` essere scritta nella forma o A [cos t + cos(t + ) + cos(t + 2) + + cos(t + n)] = R cos(t + ) . (2.27)

Per fare la somma conviene adarsi al metodo del vettore rotante imparato studiando la sovrapposizione delle oscillazioni armoniche e riferirsi alla gura 2.9. Gli n vettori rotanti sono rappresentati uno di
y

A x

Figura 2.9: Le sorgenti coerenti rappresentate come vettori rotanti. seguito allaltro come corde di una circonferenza (in gura 2.9 ` rappresentato il caso con n = 6); detto e C il centro di tale circonferenza e r il raggio, osservando il triangolo formato da due raggi e da una delle corde di lunghezza A, vale A = 2r sen (2.28) 2

138

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

A questo punto il vettore risultante R ` una corda sottesa ad un angolo al centro pari a n, quindi e R = 2r sen Confrontando le ultime due equazioni si arriva a n 2 R=A . sen 2 sen Si lascia al lettore studioso la dimostrazione che = (n 1) . 2 (2.31) (2.30) n 2 (2.29)

Dalla (2.30), ricordando che lintensit` di unonda ` proporzionale al quadrato dellampiezza, si pu` a e o scrivere lintensit` totale nella seguente forma a n 2 I = I1 sen2 2 sen2 ove I1 ` lintensit` per una sola sorgente. e a Se le sorgenti sono tutte in fase si ha = 0 e quindi3 I = n2 I1 . Il primo minimo si ha quando sen n =0 2 n = 2 = 2 n (2.33) (2.32)

il che evidentemente corrisponde alla situazione in cui i vettori della gura 2.9 compiono un giro completo tornando allorigine e dando risultante nulla. In questa situazione la prima e lultima sorgente risultano

1 d n

Figura 2.10: La dierenza di cammini fra la prima e lultima sorgente. sfasate di 2 quindi le onde generate da esse hanno una dierenza di cammini ottici pari a una lunghezza donda; ma, si veda la gura 2.10, questa dierenza di cammini ` = d sen , essendo langolo di e allargamento del fascio. Il primo minimo lo lo si ha quindi per = d sen ; in altre parole la striscia luminosa centrale si allarga di un angolo tale che sen =
3 Il

(2.34)

(2.35)

lettore studioso cerchi costruire il ragionamento che porta dalla precedente equazione a questa conclusione.

2.3. POTERE RISOLVENTE DI UNA LENTE.

139

leetto ` quindi tanto pi visibile quanto pi d ` paragonabile a ; tenendo conto del fatto che per la e u u e luce visibile i valori di sono allincirca compresi fra i 380 ed i 750 nm, si capisce che leetto diventa visibile solo per fenditure dellordine di qualche millesimo di millimetro.
I

Figura 2.11: Lintensit` della dirazione in funzione dellangolo . a Il primo massimo laterale successivo a quello per = 0 si ha quando i vettori compiono un giro e mezzo, in altre parole quando 3 3 = (2.36) n = . 2 2 n Si osservi che sostituendo questo valore in (2.32) si pu` determinare lintensit` di questo primo massimo o a laterale 3 sen2 n2 I1 1 4n2 2 I = I1 (2.37) ( )2 I1 = 3 9 2 25 3 sen2 2n 2n e a ma, come si ` visto, n2 I1 ` lintensit` del massimo centrale senza sfasamento, quindi il primo massimo e laterale ha una intensit` che un venticinquesimo di quello centrale che quindi ` di gran lunga il pi a e u intenso. In altre parole la gura di interferenza dovuta alla dirazione ha un massimo centrale molto intenso circondato da altri massimi laterali molto pi deboli e di intensit` decrescente. Un graco della u a dipendenza dellintensit` dallangolo ` rappresentata, in una scala arbitraria, nella gura 2.11. Questo a e modello quindi spiega in maniera soddisfacente, anche quantitativamente, il fenomeno osservato.

2.3

Potere risolvente di una lente.

Questa sezione e la seguente trattano argomenti un po tecnici: sono stati inseriti per completezza e possono essere ignorati senza pregiudizio per la comprensione di quel che segue. Per questo appaiono in carattere tipograco minore.

140

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

La dirazione pone dei limiti alla formazione di immagini distinte. In particolare, la dirazione causata dalla luce che attraversa uno strumento ottico, per esempio una lente, fa s che limmagine di un punto luminoso non possa mai essere esattamente un punto; piuttosto, ad un oggetto puntiforme corrisponde unimmagine che ` e una gura di dirazione le cui dimensioni sono tanto pi piccole quanto pi ` grande la sezione dello strumento u ue utilizzato. Questa gura di dirazione, come visto sopra, consiste essenzialmente di un massimo centrale di intensit` circondato da altri massimi di intensit` via via minore e, qui, trascurabili. Lampiezza angolare del a a massimo centrale ` uguale allangolo sotto cui sono visti i primi minimi laterali; usando la (2.34), tale ampiezza e angolare ` 2, con e sen = , (2.38) d ove ` la lunghezza donda della luce utilizzata e d il diametro della fenditura. Se ` piccolo, vale lapprossie e mazione sen e quindi la precedente equazione si semplica in4 2 = 2 . d (2.39)

Anch le immagini di due punti diversi siano percepite come distinte si ` soliti utilizzare il criterio di Rayleigh 5 e e che aerma che due massimi di intensit` luminosa sono distinguibili quando sono sucientemente distanti spaziala mente da far s che il massimo del secondo cada in corrispondenza del minimo del primo; altrimenti i due massimi si percepiscono sovrapposti e non sono distinguibili. La distanza angolare fra i due massimi deve quindi essere almeno uguale a mezza ampiezza del massimo centrale di una delle due gure di dirazione; la distanza angolare minima rilevabile ` quindi e 0 = . (2.40) d Il reciproco di questo angolo 1 d = (2.41) 0 ` detto potere risolvente della lente in questione. e Si noti che il potere risolvente dipende solo dallapertura della fenditura e non dalla distanza focale n, quindi, e dallingrandimento.

2.4
6

Profondit` di campo (2). a

Limitandosi allottica geometrica, vedi paragrafo 1.7, la profondit` di campo dellimmagine prodotta da una a lente dipende solo dalle dimensioni e dalla distanza focale della lente. Inoltre la formula trovata precedentemente, ` equazione (1.84), dipende da un parametro arbitrario M denito come il massimo valore tollerabile. E chiaro che questa espressione ` generica ed arbitraria. e In realt` la natura ondulatoria della luce, e precipuamente il fenomeno della dirazione che ne deriva, costituisce a il principio sico che sta alla base del concetto di profondit` di campo. a 7 Per chiarire questo punto, si considerino due sorgenti di onde luminose sferiche S1 ed S2 poste sullasse di una lente convergente di raggio h, si veda la gura 2.12. Siano p1 e p2 le rispettive distanze delle due sorgenti dalla lente. La lente ` supposta molto sottile rispetto alle altre dimensioni in gioco ed in gura ` rappresentata mediante e e il segmento AB. Le due onde, quando raggiungono la lente, sono due calotte sferiche di raggi p1 e p2 . Queste sono indistinguibili, e quindi la lente le focalizza nello stesso punto, se non danno origine a interferenza distruttiva in nessun punto; poich ci` avviene quando la dierenza dei cammini ottici ` pari a mezza lunghezza donda, si e o e
4 Se la fenditura ` circolare, per esempio una lente, occorre modicare questa relazione introducendo il coeciente e numerico 1.22, la cui origine ` troppo complessa per essere descritta in questa sede; in tal caso, quindi, lampiezza angolare e del massimo centrale diviene 2 2 = 1.22 . d Nel seguito si user` lequazione senza il coeciente qui introdotto; sar` facile inserirlo alloccorrenza. a a 5 John William Strutt, Lord Rayleigh (1842-1919), sico inglese. 6 Ringrazio Fabio Maria Antoniali che ha rivolto la mia riottosa attenzione allimportanza della trattazione dellargomento svolto in questa sezione. 7 La seguente presentazione ha un grosso debito con il testo Le onde e la luce di A. Bettini, Zanichelli.

` 2.4. PROFONDITA DI CAMPO (2).


d1 A p1 S1 S2 p2 B d2

141

Figura 2.12: Le due onde sferiche incidono sulla lente.


dicono indistinguibili le due onde se nel punto di massima separazione la loro distanza non supera un quarto di lunghezza donda. Questo criterio di indistinguibilit` ` noto come criterio del quarto donda ed ` dovuto a ae e Rayleigh. Ora, il punto di massima separazione fra le due onde si ha sui bordi della lente, ove i fronti donda distano dalla questa rispettivamente d1 e d2 . La distanza che le separa in questa situazione ` quindi d = d2 d1 . Per valutare e d1 e d2 , si consideri un solo fronte donda come in gura 2.13 che si origina in S di raggio p e una lente di raggio h. Quando il fronte donda raggiunge la lente in O, la sua massima distanza dalla lente ` e ( )2 ( ) h 1 h2 h2 d = M A = SO SN = p p2 h2 = p p 1 pp 1 = . (2.42) 2 p 2 p 2p ` E stata usata qui lapprossimazione (1 + x) 1 + x, gi` utilizzata nellequazione (1.7). Quindi, utilizzando a questo risultato il criterio del quarto donda richiede d2 d1 = h2 h2 h2 p1 p2 = < ; 2p2 2p1 2 p1 p2 4 (2.43)

Se p1 e p2 sono molto simili, il denominatore di questa equazione pu` essere approssimato in p2 , quindi, posto o p = p1 p2 si trova h2 p < . (2.44) 2 p2 4 Le sorgenti S1 ed S2 risultano quindi entrambe a fuoco se la loro distanza p soddisfa la relazione

d A

/2 N O

Figura 2.13: Il calcolo di d.

142
p2 . h2 2

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

p > Il massimo consentito per la distanza ` quindi e pM =

(2.45)

p2 . h2 2

(2.46)

Quindi se S che si trova a distanza p dalla lente ha unimmagine a fuoco, risultano altres a fuoco tutti i punti le cui distanze dalla lente siano comprese fra p pM e p + pM . La quantit` a 2pM = ` quindi la profondit` di campo. e a Si osservi che p2 h2 (2.47)

p = tg (2.48) h 2 ove ` langolo sotto cui la lente ` vista dalla sorgente S. La profondit` di campo della lente quindi dipende e e a dalla lunghezza donda della luce utilizzata e dallangolo sotto cui ` vista dalla sorgente. e Per fare un esempio numerico, si consideri una lente di raggio h = 0.02 m che forma limmagine di un oggetto posto a distanza p = 5 m; usando luce con lunghezza = 5 107 m si ottiene la profondit` di campo a 2pM = 25 5 107 0.031 m . 4 104 (2.49)

Se la sorgente S1 ` allinnito la sua immagine si forma nel fuoco. La condizione per cui anche limmagine di S2 e si formi nel fuoco si ottiene, utilizzando la (2.43) per p1 +, h2 < 2p2 4 p2 > 2h2 ; (2.50)

quindi tutti i punti che distano dalla lente pi di 2h2 / hanno limmagine sul fuoco, cio` la lente non li distingue u e da punti allinnito. La 2h2 / ` detta distanza iperfocale della lente. e Osservazioni 1. Si noti che questa trattazione della profondit` di campo, diversamente da quella vista alla sezione 1.7, si a pu` applicare non solo alle lenti ma a qualunque fenditura, anche in assenza di qualsiasi dispositivo ottico. o Quindi mentre in quelloccasione si ` analizzato un fenomeno di origine geometrica, qui se ne ` studiato e e uno la cui origine sta nel natura ondulatoria e quindi sica della luce.

2.5

Reticolo di dirazione.

La sica e la matematica sviluppate nella sezione precedente sono adeguate per spiegare il funzionamento del dispositivo descritto di seguito costituito da un numero molto grande di fenditure vicine e parallele; tale dispositivo viene detto reticolo. Pu` essere realizzato per esempio mediante una lastra di vetro su o cui siano prodotte delle sottilissime e vicinissime incisioni mediante una punta di diamante, in questo modo ciascuna parte di vetro separata da due incisioni successive costituisce una fenditura del reticolo. Si considerino quindi n sorgenti, tutte in fase e disposte su una retta a distanza d una dallaltra, di una luce di lunghezza donda . Lungo una direzione di propagazione formante un angolo con la perpendicolare, le sorgenti emettono onde luminose i cui cammini ottici dieriscono fra loro tutti per la medesima quantit` a = d sen cui corrisponde una dierenza di fase uguale a = 2 2d = sen . (2.51)

2.5. RETICOLO DI DIFFRAZIONE.

143

1 n

Figura 2.14: Il reticolo di dirazione. La situazione ` quindi esattamente la stessa arontata nella sezione precedente. Il massimo centrale si e ha quindi quando tutti le sorgenti sono in fase, cio` quando = 0 e quindi = 0; il primo minimo si ha, e coerentemente con quanto trovato sopra, quando = 2 n 2d 2 sen = n nd sen = . (2.52)

Questa la matematica. Si cerchi anche di capire cosa ci` signichi sicamente. Si osservi che vale la o relazione = nd sen ove (si veda la gura 2.14) ` la dierenza dei cammini ottici fra le onde emesse e dalla prima e dallultima sorgente; quando ` uguale a una lunghezza donda, evidentemente, la sorgente e 1 emette unonda che ha una dierenza di cammino ottico pari a /2 con londa emessa dalla n/2-esima sorgente, la sorgente 2 con la (n/2 + 1)-esima e cos via; si capisce cos che le prime n/2 sorgenti emettono onde che interferiscono distruttivamente con le altre n/2 sorgenti e questo comporta il minimo di intensit`. a Il primo massimo secondario si ha, come visto sopra, quando = 3 n 2d 3 sen = n nd sen = 3 , 2 (2.53)

e cos via segue la famiglia dei massimi e minimi secondari. Si osservi ora per` che tutto si riproduce uguale quando ` uguale ad un numero intero di 2, infatti o e avere uno sfasamento di 2m e non avere alcuno sfasamento sono situazioni indistinguibili. Vi sono quindi molti massimi principali di intensit` corrispondenti a a 2d sen = 2m d sen = m (2.54)

attorno a ciascuno di questi massimi principali si trovano, come discusso sopra, tutta la famiglia di massimi e minimi secondari. Per esempio, il minimo successivo al massimo principale di ordine m si ha quando (si tenga presente la discussione svolta nella sezione 2.2) rispetto a tale massimo vi ` un ulteriore e sfasamento di 2/n il che corrisponde ad un n-esimo di lunghezza donda: /n. Pertanto il primo minimo di ordine m si ha quando d sen = m + (2.55) n ragionando analogamente si possono trovare tutti i massimi e minimi secondari attorno a ciascun massimo principale. Il reticolo di dirazione viene spesso usato per lanalisi degli spettri in lunghezza donda della luce; ` e importante quindi determinare qual ` la minima dierenza di lunghezza donda che un reticolo riesce a e ` risolvere. Per tale risoluzione si usa il criterio di Rayleigh. E stata qui sviluppata tutta la teoria necessaria alla determinazione del potere risolvente di un reticolo di dirazione che ` denito come il rapporto e fra la lunghezza donda osservata e la minima dierenza di lunghezza donda risolvibile, cio`: e R= . (2.56)

144

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

Quindi il massimo di ordine m per una lunghezza donda e per un certo angolo ` dato dalla relazione e (2.54), la lunghezza donda viene percepita come distinta se il suo primo minimo attorno al massimo di ordine m si sovrappone al precedente, e quindi vale la (2.55) per lo stesso valore di . Insomma devono valere d sen = m e d sen = m + ; (2.57) n sottraendo queste due equazioni membro a membro, si ottiene m( ) = m = e quindi R = mn . (2.59) Pertanto il potere risolvente del reticolo aumenta allaumentare del numero di sorgenti e con lordine dei massimi. n (2.58)

2.6

Dispersione.

Un altro fenomeno per la cui descrizione ` particolarmente adatto il modello ondulatorio della luce ` la e e dispersione della luce solare: se un raggio di luce solare viene fatto passare attraverso un prisma, non emerge un solo raggio rifratto ma una banda di colori di cui il violetto ` quello maggiormente deviato ed il e rosso quello meno deviato. In eetti, per una interpretazione microscopica del fenomeno della rifrazione,

rosso arancio giallo verde blu violetto

Figura 2.15: Dispersione della luce solare per mezzo di un prisma. occorre analizzare, cosa che va ben oltre i limiti di queste note, linterazione fra londa luminosa incidente e gli elettroni presenti negli atomi del materiale, per esempio del vetro; questa interazione ` infatti la e responsabile della rifrazione. Quel che accade, detto in maniera puramente descrittiva, ` che londa e luminosa incidente mette in oscillazione gli elettroni presenti negli atomi del vetro; questi, legati ai loro nuclei, si comportano come oscillatori armonici di pulsazione 0 tipica del materiale in questione. Se la luce incidente ` unonda di pulsazione , si pu` dimostrare che lindice di rifrazione ` dato da e o e n=1+
2 0

k , 2

(2.60)

ove k ` una costante che dipende dalle propriet` siche del materiale attraversato dalla luce. e a Nella luce visibile, onde di pulsazione, e quindi frequenza, diversa corrispondono a colori diversi: si passa con continuit` per tutti i colori dellarcobaleno dal rosso al violetto aumentando la frequenza della luce a da circa 4.3 1014 Hz a circa 7.5 1014 Hz, mentre la frequenza diminuisce da circa 700 nm a circa 400 nm.

2.7. POLARIZZAZIONE.

145

Quindi la dispersione della luce solare viene interpretata supponendo che essa sia composta da molte onde con tutte le frequenze corrispondenti alla luce visibile, poich ciascuna delle onde vede il materiale con un e indice di rifrazione diverso secondo la legge scritta sopra, queste vengono deviate con angoli di rifrazione diversi. In altre parole il prisma permette unanalisi delle diverse frequenze delle onde che compongono la luce solare. La gura ottenuta mediante dispersione della luce di una sorgente, utilizzando un prisma o un reticolo, si dice spettro della sorgente. Come accennato sopra, lo spettro della luce solare ` continuo, come anche lo e spettro delle comuni lampadine a incandescenza. Le lampade a gas, per esempio a neon, presentano invece uno spettro a righe discrete. Questo accade perch gli atomi (si vedr` oltre il motivo di ci`) emettono solo e a o certe frequenze e quindi il loro spettro ` composto dalle sole righe corrispondenti alle frequenze emesse. e

2.7

Polarizzazione.

Fino ad ora ` stato supposto, alquanto implicitamente, che le onde responsabili della propagazione della e luce si muovessero in un preciso, e no ad ora imprecisato, piano di oscillazione; in aggiunta, sempre implicitamente, si ` supposto che i mezzi in cui la luce si propaga siano isotropi, cio` esibiscano le e e medesime propriet` siche in tutte le direzioni. Ma le cose non stanno esattamente cos Il primo a a . rendersi conto che le cose non vanno cos lisce fu Bartholin8 che, nel 1669, si accorse che limmagine di un oggetto risultava sdoppiato se osservato attraverso un minerale di calcite, CaCO3 , trasparente detto spato dIslanda. In eetti analizzando bene il fenomeno si vede che un sottile fascio luminoso incide su un cristallo di spato dIslanda ne fuoriescono due fasci rifratti: uno, detto raggio ordinario che segue le normali leggi della rifrazione, un secondo, detto raggio straordinario che non segue le normali leggi della rifrazione. Questo fenomoeno ` noto con il nome di doppia rifrazione. Ma il fenomeno della e
asse ottico

Figura 2.16: Un cristallo di calcite rifrazione dipende dalla dierenza di velocit` di propagazione nei diversi mezzi, quindi evidentemente, a se un materiale presenta due diverse rifrazioni deve trattarsi di un materiale non isotropo in grado di mettere in risalto le caratteristiche non isotropiche delloscillazione delle onde luminose9 .
Bartholin (1625-1698), medico danese. spato dIslanda ` un cristallo che appartiene al sistema trigonale, classe ditrigonale scalenoedrica, forma romboedrica, e avente un asse di simmetria ternario, e tre assi di simmetria binari; ` costituito da sei facce rombiche, sei spigoli laterali a e zig-zag uguali e sei spigoli che convergono verso lasse ternario, tre sopra e tre sotto; gli assi binari passano per i punti di mezzo dei lati opposti a zig-zag. Langolo fra le facce ` di 74 55 ; gli angoli ottusi dei rombi sono di 101 54 . e
9 Lo 8 Erasmus

146

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

Il primo a fare degli esperimenti a riguardo ` stato Newton che, per capirci qualcosa, ha provato a e far passare un raggio luminoso attraverso due cristalli di spato. Facendo passare attraverso il secondo cristallo solo il raggio ordinario osserv` che non si vericava la doppia rifrazione se il secondo cristallo o era orientato esattamente come il primo; facendo ruotare il secondo cristallo rispetto al primo cominciava a progressivamente comparire il raggio straordinario e a scomparire quello ordinario, nch dopo una e rotazione di 90 il raggio ordinario era completamente scomparso. Linterpretazione oggi ritenuta corretta del fenomeno descritto ` la seguente. Cristalli come lo spato e dIslanda sono fortemente anisotropi, hanno un asse di simmetria detto asse ottico e per questo motivo vengono detti cristalli uniassici. Tenuto conto di questo fatto si osserva che se il raggio incidente ` e perpendicolare allasse ottico si verica il fenomeno della doppia rifrazione come sopra descritto, mentre vi ` la rifrazione usuale se il raggio incidente ` parallelo allasse ottico. Ma se la forma allungata delle e e molecole deve avere un ruolo in tutto ` lecito aspettarsi che la direzione di oscillazione debba avvenire nella e direzione delle molecole, cio` nella direzione parallela allasse ottico; ma ancora leetto dellanisotropia e ` presente solo quando la luce si propaga perpendicolarmente allasse ottico. Questi fatti ci portano a e due conseguenze: a. Le onde luminose sono trasversali, cio` la direzione di oscillazione ` perpendicolare alla direzione di e e propagazione. b. Devono essere presenti due direzioni di oscillazione perpendicolari in modo che quando una oscilla lungo lasse ottico e ne sente leetto dando origine al raggio straordinario, laltra oscilla perpendicolarmente allasse ottico, non ne sente leetto e d` origine al raggio ordinario. a
y

s o

Figura 2.17: Il raggio ordinario ed il raggio straordinario. ` E evidente che se la direzione dellonda incidente ` parallelo allasse ottico, entrambe le direzioni di e oscillazione, trasversali, risultano perpendicolari allasse ottico e quindi nessuna delle due d` origine al a raggio straordinario. Si faccia riferimento alla gura 2.17 ove lasse ottico ` diretto lungo lasse y e la e direzione di propagazione si trova sul piano xz. Si passi ora alla matematica. Il modello che rende conto dei fenomeni sopra descritti ` il seguente. Si e suppone che londa luminosa sia composta di due onde diverse oscillanti perpendicolarmente alla direzione

2.7. POLARIZZAZIONE.

147

di propagazione aventi la stessa frequenza e lunghezza ma, in generale, ampiezza e fase dierenti. Sia pertanto x la direzione di propagazione e siano y e z le due direzioni di oscillazione. Quindi si hanno le seguenti due onde: ( ) ( ) 2 2 Ay = A1 cos t x , Az = A2 cos t x+ . (2.61) Si pu`, usando un po trigonometria che si lascia al lettore studioso, dimostrare che vale o ( )2 ( )2 Az Ay Az Ay + 2 cos = sen2 , A1 A2 A1 A2 che ` lequazione di unellisse della forma e y2 z2 yz + 2 2 c=d . 2 a b ab (2.63)

(2.62)

Insomma, tutte le volte che le due componenti perpendicolari dellonda luminosa hanno una dierenza di
z A A2 A1 y A2 A1 y z A z A2 A1 A y

Figura 2.18: Le diverse polarizzazioni. fase costante il vettore A che ha componenti Ay e Az descrive unellisse; si parla allora di polarizzazione ellittica (si veda la gura 2.18 a). Nel caso particolare in cui sen = 0 cio` = 0 o = , lellisse degenera in un segmento: e ( )2 Ay Az A2 =0 Az = Ay ; (2.64) A1 A2 A1 in questo caso si parla di polarizzazione rettilinea (si veda la gura 2.18 b). Nel caso particolare in cui = /2, A2 = A2 A, lellisse diventa una circonferenza di equazione 1 2 A2 + A2 = A2 ; y z (2.65)

si parla allora di polarizzazione circolare (si veda la gura 2.18 c). o Unonda luminosa propagantesi lungo lasse x, quindi, pu` sempre essere pensata come una sovrapposizione di due onde: una oscillante sul piano xy ed una oscillante sul piano perpendicolare xz ciascuna delle quali, trasporta unintensit` luminosa proporzionale al quadrato della sua ampiezza; quindi nel caso a della polarizzazione ellittica si ha I = Iy + Iz = k(A2 + A2 ) (2.66) 1 2 e ove k ` unopportuna costante il cui valore non rileva qui alcuna importanza. Nel caso di polarizzazione rettilinea lungo una direzione che forma un angolo con lasse ottico, che in gura 2.19 ` rappresentato e dallasse y, mentre lasse x, direzione di propagazione, ` diretto verso il lettore, lequazione (2.66) diviene e I = Iy + Iz = k(A2 + A2 ) = kA2 (cos2 + sen2 ) = kA2 1 2 (2.67)

148
z A2

CAPITOLO 2. OTTICA ONDULATORIA.

A1

Figura 2.19: Polarizzazione rettilinea. Nel caso di onde polarizzate circolarmente si ha semplicemente I = Iy + Iz = k(A2 + A2 ) = 2kA2 1 2 (2.68)

Se londa luminosa non ` polarizzata signica che le due componenti dellonda vibrano con una dierenza e di fase variabile in modo casuale, in tale caso, per simmetria, le due componenti forniscono ciascuna met` a dellintensit`. Quindi a 1 Iy = Iz = I (2.69) 2 Alla luce di quanto detto si pu` interpretare il comportamento dello spato dIslanda nel seguente modo. o Si consideri una lamina di spato con la supercie lungo il piano yz con lasse ottico disposto lungo lasse y e perpendicolare al piano dincidenza. In questo caso le due componenti dellonda incidente oscillano una perpendicolare al piano dincidenza, e quindi parallela allasse ottico, ed una sul piano di incidenza; il primo dei due risente dellanisotropia del cristallo ed ha il comportamento anomalo. Si possono quindi riassumere come segue le caratteristiche dei due raggi rifratti. - hanno la direzione di propagazione contenuta nel piano dincidenza; - sono polarizzati uno nel piano dincidenza e uno in un piano diverso passante per la direzione di propagazione e lasse ottico, i due piani di polarizzazione sono quindi perpendicolari; - si propagano nel cristallo con velocit` diversa e quindi vedono il cristallo con due indici di rifrazione a diversi nO ed nS . Quindi i due raggi si propagano in direzioni diverse dentro la lamina per poi proseguire paralleli quando ne fuoriescono. - se londa incidente non ` polarizzata, lintensit` dei due raggi rifratti ` uguale ed `, per ciascuno la e a e e met` dellintensit` dellonda incidente. a a Se londa incidente si propaga parallelamente allasse ottico, cio` lungo lasse y, non vi ` doppia rifrazione, e e infatti le due componenti sono entrambe perpendicolari allasse ottico e quindi non presentano comportamenti dierenti. Osservazioni 1. Esistono cristalli che hanno due assi privilegiati e vengono detti biassici; il loro comportamento ` e molto complesso e non viene trattato qui. e 2. Non ` stato specicato quale sia il meccanismo sico per cui la componente dellonda polarizzata nella direzione dellasse ottico abbia un comportamento anomalo; si tratta di una interazione elettromagnetica fra londa e le particelle elettricamente cariche che costituiscono le molecole del cristallo di cui qui non verr` detta neanche una parola. a

2.7. POLARIZZAZIONE.

149

3. Alcuni cristalli uniassici, come la tormalina, hanno la propriet` di assorbire in modo diverso le due a onde polarizzate che si propagano dentro di essi; tale fenomeno ` detto dicroismo. Se si dispone di e uno spessore suciente, pochi centimetri, una delle due componenti viene completamente assorbita e lunico raggio che esce dal cristallo risulta polarizzato linearmente. Con riferimento allultima osservazione si consideri cosa accade quando si faccia passare un raggio luminoso attraverso due cristalli dicroici consecutivi. Si noti preliminarmente che questo procedimento ` e perfettamente analogo a quello utilizzato da Newton e descritto allinizio. Si consideri unonda luminosa
asse ottico secondo cristallo

z I0 I0 Ie

Figura 2.20: La legge di Malus. monocromatica non polarizzata che si propaga nella direzione x e che incide su di un cristallo dicroico; si supponga inoltre che questo assorba completamente il raggio ordinario ed emetta solo il raggio straordinario polarizzato linearmente lungo lasse ottico, che qui si suppone parallelo allasse y. Sia I0 lintensit` a e A lampiezza dellonda cos ottenuta; vale quindi I0 = kA2 . (2.70)

Si supponga ora che questonda si propaghi no ad un secondo cristallo dicroico il cui asse ottico formi un angolo con lasse ottico del cristallo precedente (si veda la gura 2.20). Londa che penetra nel secondo cristallo ha una componente AS = A cos lungo lasse ottico (il raggio straordinario) ed una componente AO = A sen perpendicolare allasse ottico (il raggio ordinario); il secondo cristallo assorbe completamente la componente AO e trasmette solamente la componente AS . Quindi lintensit` Ie dellonda emessa dal secondo cristallo ` data da a e Ie = kA2 = kA2 cos2 , S quindi vale Ie = I0 cos2 . (2.72) (2.71)

Questa equazione ` detta legge di Malus.10 e Se i due assi ottici sono paralleli, cio` se = 0, lintensit` dellonda emessa coincide con quella dellonda e a incidente. Tale intensit` diminuisce progressivamente allaumentare dellangolo no ad annullarsi per a = 90 . Quanto qui descritto ` in perfetto accordo con gli esperimenti di Newton. e

10 Etienne-Louis

Malus (1775-1812), sico francese.

Capitolo 3

Velocit` della luce. a


Che si sappia il primo a porsi il problema della determinazione della velocit` della luce, e se questa a fosse nita od innita, fu Galilei1 il quale nella sua ultima opera scientica (Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze, giornata prima) illustra il suo esperimento. Questo consistette nel disporre di due osservatori dotati ciascuno di una lanterna il cui lume possa facilmente coperto e scoperto; disposti i due sperimentatori ad una distanza suciente (due o tre miglia), di notte, uno dei due scopre il proprio lume e nellistante in cui il secondo ne vede la luce scopre a sua volta il proprio lume; il primo, misurato il tempo che separa la sua scoperchiatura dal ricevimento del segnale dellamico, pu`, supponendo nota la distanza che li separa, determinare la velocit` del segnale luminoso. Non ` dato o a e sapere se Galilei abbia veramente realizzato lesperimento che descrive con tanta precisione. Certamente non pu` aver trovato il risultato che cercava. Esperimenti successivi hanno mostrato che la luce si muove o s con velocit` nita, ma troppo elevata per poter essere rilevata con un metodo cos poco preciso. a

3.1

Misure astronomiche.

Dal punto vista osservativo, le cose hanno cominciato a cambiare da quando Galilei ha guardato le stelle con il suo telescopio. E anche per la determinazione della velocit` della luce hanno cominciato ad apparire a delle osservazioni decisive. Le osservazioni di Rmer. Il primo ad avere dei risultati positivi fu Rmer2 il quale osservando i satelliti di Giove (che proprio Galilei aveva visto per primo ed annunciato nel Sidereus Nuncius) si accorse che i loro periodi di rivoluzione attorno a Giove cambiavano nel corso dellanno. Non potendo che credere che il periodo potesse variare, Rmer ipotizz` che la dierenza dipendesse dal diverso percorso della luce nei diversi periodi dellanno. o Rmer osserv` con il telescopio la sparizione di un satellite di Giove dietro il pianeta. Si supponga o che, quando Giove e la Terra sono in congiunzione nelle posizioni G1 e T1 di gura 3.1, sulla Terra tale sparizione sia vista con un ritardo di un tempo t1 , cio` sia t1 il tempo impiegato dalla luce a percorrere e la distanza G1 T1 . Dopo un tempo , il periodo di rivoluzione del satellite attorno a Giove, esso scompare nuovamente; questa seconda scomparsa ` vista sulla Terra t1 + secondi dopo la prima. Dopo circa e sei mesi, quando la Terra e Giove sono in opposizione, in G2 e T2 , ragionando analogamente si trova un periodo di rivoluzione pari a t2 + , se t2 ` il tempo impiegato dalla luce a percorrere la distanza G2 T2 . La e dierenza di tali periodi ` t2 t1 ed ` il tempo impiegato dalla luce a percorrere un diametro dellorbita e e
1 Galileo 2 Ole

Galilei (1564-1642), scienziato italiano. Rmer (1644-1710), astronomo danese.

150

3.1. MISURE ASTRONOMICHE.

151

G2 T2 S T1 G1

Figura 3.1: Il ragionamento di Rmer. terrestre allora noto con buona approssimazione. Con i dati di Rmer Huygens calcol` per la velocit` o a della luce il valore di circa 214000 km s1 . Laberrazione stellare. Unaltra importante osservazione venne fatta nel 1725 da Bradley3 che osservando la stella draconis, che si trovava allora allo zenit del suo punto di osservazione, vide che essa si muoveva lungo unorbita circolare con un diametro angolare che sottendeva un angolo 2 = 40.5 = 0.196 104 rad , (3.1)

e il periodo di un anno. Quindi, osservando altre stelle che non si trovavano allo zenit, ne osserv` o un comportamento simile anche se su orbite ellittiche. Dopo qualche tempo di sconcerto, trov` una o spiegazione del fenomeno. Esso ` dovuto al moto della Terra e al fatto che la velocit` della luce non ` e a e innita. Si noti che la velocit` della luce misurata dalla Terra va composta con la velocit` della sorgente a a della luce, cio` della stella. In eetti, rispetto ad un sistema di riferimento sulla Terra la velocit` c della e a luce ` data dalla somma della velocit` c della luce rispetto alla stella che lha emessa e della velocit` v e a a della stella rispetto allosservatore sulla Terra. Quindi la luce proveniente dalla stella, invece che apparire
v

Figura 3.2: La composizione delle velocit`. a allo zenit, appare spostata di un angolo tale che tan = v/c. Assumendo, ragionevolmente, la stella ssa, il suo moto apparente ` dovuto al moto di rivoluzione della Terra attorno al Sole (ecco il perch del e e periodo di un anno). Rifacendo le misure sei mesi dopo la velocit` apparente della stella ha cambiato verso a e quindi la deviazione appare secondo un angolo opposto. La somma di questi due angoli ` lampiezza e
3 James

Bradley (1693-1762), astronomo inglese.

152

` CAPITOLO 3. VELOCITA DELLA LUCE.

Figura 3.3: Langolo misurato da Bradley. angolare (3.1) misurata da Bradley. A quel tempo era gi` ben nota la velocit` del moto di rivoluzione a a della Terra attorno al Sole v = 3 104 m s1 ; Bradley ottenne cos per il valore della velocit` della luce il a valore: v c= = 305577 km s1 . (3.2) tan

3.2

Misure terrestri.

Per le prime determinazioni non astronomiche della velocit` della luce ` necessario attendere no alla a e met` dellOttocento ed i lavori di Fizeau e Foucault4 . a Il metodo di Fizeau.
S

R L1 L4 F2 O F3 S2 R L2 L3

S1

Figura 3.4: Lapparato sperimentale di Fizeau. Nel 1849 Fizeau ha utilizzato il seguente dispositivo. La luce emergente da una sorgente luminosa S viene fatta convergere tramite la lente L1 verso lo specchio semiriettente S1 e quindi nel fuoco F2 della lente L2 . Da questa lente emerge un fascio di raggi paralleli, questi, dopo un percorso adeguatamente lungo, vengono fatti convergere tramite la lente L3 sul suo fuoco F3 che si trova sullo specchio S2 . Il fascio quindi ritorna indietro, attraversa lo specchio semiriettente e, tramite la lente L4 viene visto dallosservatore in O. Sul fuoco F2 di L2 ` stata posta la ruota dentata R in grado di girare attorno al e proprio asse ad una frequenza controllata. Per chiarezza, in gura R ` rappresentata sia di prolo che e
4 Armand

Hippolyte Louis Fizeau (1819-1896), sico francese. Lon Jean Bernard Foucault (1819-1868), sico francese. e

3.2. MISURE TERRESTRI.

153

frontalmente. Se la ruota R ` ferma su un foro losservatore O vede la luce e altrettanto se la velocit` di e a rotazione non ` troppo elevata poich la luce riesce ad andare no a F3 , tornare e ripassare dallo stesso e e foro. Aumentando la velocit` di rotazione di R capita che la luce che passa da un foro trova al ritorno a il dente successivo; crescendo ancora con la velocit` di rotazione si rivede ancora la luce che sar` ora a a passata dal foro successivo. Si supponga che la ruota abbia n denti (n = 12 in gura 3.4) e che ruoti con una frequenza di giri al secondo quando la luce, dopo essere scomparsa ricompare allora, se ` il e tempo impiegato dalla luce a percorrere il cammino F2 F3 F2 , cio` due volte la distanza d fra i fuochi F2 e ed F3 , nel tempo la ruota percorre 1/n di giro e ci mette un tempo T /n; si pu` cos scrivere o 1 1 2d = = = ; n n c (3.3)

questa relazione, noti che siano , n e d, consente di misurare la velocit` c della luce in aria. Con questo a metodo Fizeau ottenne la velocit` c = 313300 km s1 . a Il metodo di Foucault. La principale fonte di errore del metodo di Fizeau, stava nel fatto che la sparizione e la ricomparsa della luce al variare della frequenza della ruota dentata non sono eventi esattamente deniti, non sono pertanto quantit` misurabili. A questo inconveniente rimedi` Foucault che nel 1854 esegu il seguente esperimento. a o La luce uscente dalla sorgente S viene fatta passare per la fenditura A; il fascio collimato cos ottenuto raggiunge C asse di rotazione di uno specchio piano e centro di uno specchio concavo sferico, di cui in gura ho rappresentato solo una porzione. Il raggio riesso in C percorre il raggio CB e viene riesso perpendicolarmente in B torna verso C e qui viene nuovamente riesso. Nel tempo in cui la luce ha
D

2 A

Figura 3.5: Lapparato sperimentale di Foucault. percorso due volte il raggio dello specchio sferico, lo specchio piano ` ruotato di un angolo , quindi e riette un raggio ruotato di un angolo 2 rispetto al raggio inizialmente incidente ed arriva in D dove viene rilevato. Se ora lo specchio ruota con una frequenza , langolo di cui ` ruotato lo specchio nel e tempo t in cui la luce percorre due volte la distanza r che separa C e B, ` dato da e = 2t , ma, indicando con c la velocit` della luce che si vuole misurare, vale a t= 2r c (3.5) (3.4)

154

` CAPITOLO 3. VELOCITA DELLA LUCE.

e quindi 4r . (3.6) Lapparato usato da Foucault aveva le seguenti caratteristiche: = 800 Hz, r = 20 m, e la misura della deviazione 2 ha dato il valore AD = 0.00135 rad . (3.7) 2 = arctan AC Con questi dati, come si pu` facilmente vericare, si ottiene per la velocit` della luce in aria il valore o a c= c = 2.98 105 km s1 . (3.8)

Nel 1926 Michelson5 , con ranamenti tecnici dello stesso apparato sperimentale usato da Foucault, ottenne il valore c = 299796(4) km s1 (3.9) Il valore oggi accettato ` un valore convenzionalmente dato come esatto ed ` utilizzato per denire il e e metro. Esso vale, come gi` riportato nellequazione (1.1): a c = 299792458 m s1 . (3.10)

3.3

Velocit` rispetto a cosa? Il problema delletere. a

Si aronta ora il problema di stabilire rispetto a cosa la luce ha la velocit` c sopra determinata. Analogaa mente a come le onde su una corda si muovono, rispetto alla corda, con un velocit` denita il cui valore a dipende solo dalle caratteristiche siche della corda stessa, cos ` parso naturale supporre che esistesse e un mezzo rispetto al quale la velocit` della luce fosse c. A tale mezzo fu dato il nome di etere. Questa a sostanza si trovava ad avere propriet` alquanto peculiari, come una incredibile elasticit` in grado di pera a mettere in esso la vibrazione di onde elettromagnetiche con frequenze variabili da poche unit` a miliardi di a hertz; inoltre, poich la luce si propaga in tutto luniverso, letere deve trovarsi ovunque, riempiendo ogni e angolo remoto delluniverso. Nel 1881 Michelson si propose di misurare la composizione fra la velocit` a della luce rispetto alletere e la velocit` di un osservatore che si muova rispetto alletere. Daltra parte, a letere pervade tutto lo spazio delluniverso, quindi la Terra si muove attraverso di esso. Deve quindi essere possibile rilevare tale composizione di velocit` fra la luce e la Terra rispetto alletere. Michelson a prepar` il seguente dispositivo sperimentale. La luce uscita da una sorgente viene fatta passare attraverso o la fenditura A ottenendo un fascio collimato; questo incide in B su di uno specchio semiriettente S e qui si divide in due parti. Una parte viene riessa e giunge in C su uno specchio che la rimanda verso B, qui viene in parte trasmessa e giunge al rivelatore E. Laltra parte da B viene trasmessa verso D ove viene riessa nuovamente verso B qui viene parzialmente riessa verso il rilevatore E. I due raggi luminosi coerenti giungono in E e qui interferiscono dando origine a una gura a frange chiara e scure. Si osservi che la gura di interferenza prodotta dipende dal moto dellapparato sperimentale rispetto alletere. Si supponga infatti che, come indicato in gura 3.6, lintero apparato sperimentale si muova con velocit` v a rispetto alletere (ad esempio perch lasse ABD ` stato orientato secondo il moto della Terra attorno e e al Sole). Allora il tempo impiegato dalla luce a percorrere BDB si pu` calcolare nel modo seguente: il o tempo per andare da B a D ` e (3.11) t1 = cv (qui si suppone per semplicit`, ma lipotesi non ` aatto necessaria, che siano BC = BD = ); nel tornare a e il tempo impiegato ` minore, visto che il punto B viene incontro alla luce con velocit` v; cos DB viene e a
5 Albert

Abraham Michelson (1852-1931), sico statunitense.

` 3.3. VELOCITA RISPETTO A COSA? IL PROBLEMA DELLETERE.

155

B F v

Figura 3.6: Lapparato sperimentale di Michelson. percorso nel tempo t2 = Quindi il tempo totale per il percorso BDB ` e t1 + t2 = 2 c . c2 v 2 (3.13) . c+v (3.12)

Per calcolare il tempo impiegato dallaltro fascio sul percorso BCB conviene mettersi nel sistema di riferimento delletere, rispetto al quale ci` che accade ` rappresentato in gura. Il percorso BC ` o e e
B B

ct

ct

vt

Figura 3.7: Il percorso del secondo raggio nel sistema di riferimento delletere. ct = 2 + v 2 t2 da cui, con semplice algebra, si trova t= e Il tempo totale per il percorso BCB ` quindi 2t = c2 2 . v2 (3.15) . c2 v 2 (3.14)

156

` CAPITOLO 3. VELOCITA DELLA LUCE.

la dierenza dei tempi di percorrenza dei due fasci ` quindi e ( ) c 1 2 t = 2 2 = 2 2 v2 c v c c

1 v 1 2 c
2

1
2

v 1 2 c

(3.16)

per c v lespressione ammette la seguente approssimazione [ ( )] v2 v2 v 2 2 1+ 2 1+ 2 = 3 . t c c 2c c

(3.17)

Si ` quindi trovato che il ritardo relativo dei due fasci e quindi la gura dinterferenza che producono, e dipendono dalla velocit` v della Terra rispetto alletere. a Ruotando lapparato sperimentale di 90 in modo che sia laltro braccio BCE ad essere allineato con la direzione del moto della Terra, si trova una dierenza di segno opposto e quindi fra i due casi si misura un ritardo relativo doppio; ora se la rotazione dellapparato sperimentale producesse un ritardo relativo di un periodo T si avrebbe fra i due fasci una dierenza di cammini ottici di una lunghezza donda e quindi lo spostamento di una frangia nella gura di interferenza; quindi per ogni ritardo di un periodo vi ` lo spostamento di una frangia. Si pu` cos concludere che un ritardo relativo pari a t produce uno e o spostamento di n frange con n dato da n= t 2 v 2 2v 2 2 v 2 = = = , T cT c2 T c3 c2 (3.18)

se ` la lunghezza della luce utilizzata. Nellesperimento del 1881 Michelson aveva a disposizione un e apparato con le seguenti caratteristiche = 1.2 m, = 590 nm; sapendo che la velocit` della Terra rispetto a al Sole (e quindi rispetto alletere) ` circa v = 29806 m s1 e prendendo per c il valore (3.10), si trova e uno spostamento di 0.04 frange, valore che era entro la sensibilit` dello strumento di Michelson. Nessuno a spostamento fu per` rilevato. Nel 1887 Michelson ripet lesperimento insieme a Morley6 migliorando o e ulteriormente la sensibilit` dellapparato. Ma ancora non riuscirono a rilevare alcuno spostamento. In a altre parole non ` rilevabile alcun moto della Terra rispetto ad un etere fermo7 . Daltra parte letere deve e esistere, dal momento che le vibrazioni elettromagnetiche devono essere vibrazioni di un qualche mezzo. La prima risposta che fu tentata ` che la Terra, nel suo moto in giro per il cosmo, trascina dietro di s e e letere. Questo per`, si ` subito capito, ` impossibile a causa del sopra discusso esperimento di Bradley: o e e non si avrebbe infatti aberrazione in quanto le onde luminose si propagherebbero ora in un mezzo fermo rispetto alla Terra. Il risultato di Michelson e Morley rimase quindi incompreso in termini della sica del loro tempo. Ai nostri occhi postumi appare uno degli indizi della crisi che la sica ha attraversato alla ne del XIX secolo. Osservazioni 1. Il fatto che non sia stato possibile rilevare il moto della Terra rispetto alletere, a ben guardare, ` e tuttaltro che sorprendente. In eetti letere gioca qui il ruolo di un sistema di riferimento assoluto; con questo si intende riferirsi ad un sistema assolutamente in quiete rispetto al quale sia possibile denire il moto assoluto della propagazione luminosa. Quello che hanno cercato Michelson e Morley era quindi il moto assoluto della Terra. Non ` sorprendente che non labbiano trovato. e

Williams Morley (1838-1923), sico statunitense. parole di Michelson: la conseguenza di un etere stazionario risulta contraddetta dai fatti e se ne deve necessariamente concludere che lipotesi ` falsa. e
7 Nelle

6 Edward

Parte IV

Fisica Moderna

157

Capitolo 1

Teoria della relativit`. a


1.1 I concetti di spazio e tempo.

Ogni possibile descrizione del moto di un corpo si basa, in modo pi o meno consapevole, sulla possibilit` u a di misurare tale moto. Per misura di un moto si intende la possibilit` di misurare spazi, tempi e le loro a relazioni. Cos se una bicicletta percorre un metro in un secondo si aerma che la velocit` della bicicletta , a ` di un metro al secondo. Nel fare questa aermazione si sottintende laver compiuto una misura di spazio e e tempo o, quanto meno, la possibilit` di tale misura. Pertanto per descrivere il moto di un corpo vi a ` ` bisogno di un regolo graduato per le misure dello spazio e di un orologio per le misure del tempo. E e anche necessario un punto di riferimento, unorigine, rispetto a cui eettuare le misure. Linsieme di regolo graduato, orologio e origine, viene detto sistema di riferimento. Il problema della relativit` ` capire quale sia la relazione tra le diverse descrizioni della realt` sica che si ae a ottengono da diversi sistemi di riferimento. Per esempio, ognuno sar` disposto a riconoscere che le leggi a della sica debbano essere le stesse per due sistemi di riferimento che siano diversi solo per il punto di riferimento. Questo signica che un esperimento eseguito a Udine d` necessariamente lo stesso risultato a del medesimo esperimento eseguito a Roma. Questo fatto ` unovvia conseguenza della omogeneit` dello e a spazio, cio` del fatto che tutti i punti dello spazio sono sicamente equivalenti. e Il problema di stabilire in quali sistemi di riferimento le leggi della sica fossero le stesse ` stato arontato e per la prima volta con qualche profondit` da Galilei e da Newton1 i quali arrivarono a formulare quello a che oggi viene chiamato principio di relativit`. a Le leggi della sica sono le stesse rispetto a due sistemi di riferimento che si muovano di moto rettilineo ed uniforme, cio` con velocit` costante, uno rispetto e a allaltro. Si noti che non mi sono curato di specicare quale dei due sistemi di riferimento sia in moto e quale fermo poich non ho nessun modo (cio` non posso fare nessun esperimento che mi permetta) di distinguere le e e due cose. Si consideri il seguente esempio. Si supponga che io mi trovi allinterno di una astronave e che voglia stabilire se sono in moto rispetto alle stelle; per il principio di relativit` ora enunciato, non c` a e alcun esperimento che io possa fare per determinarlo se il moto della mia astronave rispetto alle stelle ` e rettilineo ed uniforme, infatti ogni mio esperimento d` lo stesso risultato che darebbe se lastronave fosse a ferma rispetto alle stelle. Lunica cosa che mi resta da fare ` guardare dallobl`. Ma anche cos non mi e o
1 Ma gi` in epoca ellenistica sembra che sia stato capito qualcosa a riguardo; purtroppo le documentazioni rimasteci a sono troppo scarse per poter fare pi di una ipotesi. Qualche conforto a tale ipotesi viene dalla lettura dei teoremi 50-56 u dellOttica di Euclide.

158

1.1. I CONCETTI DI SPAZIO E TEMPO.


y y

159

v x, x

Figura 1.1: Due sistemi di riferimento in moto relativo.

` possibile determinare se a muoversi ` lastronave o le stelle stesse2 . Come si vede, in sica ` essenziale e e e il punto di vista empirico. Ha senso parlare solo di ci` che pu` essere misurato; o meglio: denire una o o grandezza equivale a specicare come essa possa venire misurata. Ora qui interessa trovare la relazione fra le misure di posizione fatte in due sistemi di riferimento che siano in moto relativo con velocit` costante a V . Si supponga quindi di disporre di due osservatori dotati di due regoli graduati e di due orologi identici (vedi gura 1.1); si supponga inoltre che uno di essi si trovi nel punto O e laltro nel punto O che inizialmente, allistante t = 0, coincida con O ma che si muova di moto rettilineo uniforme con velocit` V a in una direzione che viene denita asse delle x. Per semplicit`, ma lipotesi non diminuisce la generalit` a a dellargomento, si suppone inoltre che il moto avvenga in modo tale che gli assi x dei due osservatori scorrano uno sullaltro mantenendo i rimanenti assi, y e z, paralleli. In questo modo, dopo un certo tempo t1 , O si trova a una distanza x(t1 ) = V t1 da O. Naturalmente, come ` stato osservato pocanzi, dire che e O ` fermo mentre O si muove ` una aermazione priva di senso non potendosi distinguere in alcun modo e e dalla situazione in cui O sia in moto e O sia fermo. Per distinguerli verbalmente nelle considerazioni che seguono si dir`, compiendo un arbitrio (ma tutte le convenzioni lo sono), sistema stazionario, denotato a con la lettera K, quello che ha O come punto di riferimento e sistema in moto, denotato con la lettera ` K , quello che ha O come punto di riferimento. E facile rendersi conto che le coordinate delle posizioni
y y

P O Vt O x, x z z

Figura 1.2: Coordinate di P in K ed in K .

2 Una

simile considerazione si trova gi` nel Dialogo sopra i due massimi sistemi di Galilei. a

160

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

del punto P misurate nei due sistemi di riferimento sono legate dalla relazione (vedi gura 1.2) x (t) = x(t) V t y (t) = y(t) z (t) = z(t) .

(1.1)

Questa ` lequazione che mette in relazione i punti di due sistemi di riferimento in moto reciproco e rettilineo ed uniforme. Il principio di relativit` discusso sopra pu` pertanto essere enunciato aermando a o che le equazioni esprimenti le leggi della sica devono essere invarianti per la trasformazione (1.1). Si supponga ora che allistante t1 entrambi gli osservatori misurino le coordinate di un punto P . O trova ( ) P in un punto di coordinate x(t1 ), y(t1 ), z(t1 ) ; O , che si trova nella posizione (V t1 , 0, 0), trova P in ( ) un punto di coordinate x (t1 ), y (t1 ), z (t1 ) . Queste coordinate sono legate dalle relazioni (1.1) e quindi vale x (t1 ) = x(t1 ) V t1 y (t1 ) = y(t1 ) (1.2) z (t1 ) = z(t1 ) . Si supponga ora che il punto P sia in moto rispetto ad O e ad O e che ad un tempo successivo t2 i due osservatori rifacciano le loro misure. Fra le coordinate della nuova posizione di P , misurate da O e O valgono ancora le (1.1); quindi: x (t2 ) = x(t2 ) V t2 y (t2 ) = y(t2 ) (1.3) z (t2 ) = z(t2 ) . Poich la velocit` ` il rapporto fra lo spazio percorso e il tempo e ae osservatori O ed O misurano rispettivamente le velocit` a vx = x(t2 ) x(t1 ) vx = t2 t1 y(t2 ) y(t1 ) vy = v = y t2 t1 vz = z(t2 ) z(t1 ) vz = t2 t1 impiegato a percorrerlo, ` chiaro che gli e x (t2 ) x (t1 ) t2 t1 y (t2 ) y (t1 ) t2 t1 z (t2 ) z (t1 ) . t2 t1 (1.4)

Si osservi ora che, sottraendo membro a membro le equazioni (1.3) e (1.2) e dividendo il risultato per (t2 t1 ), e tenendo conto delle (1.4), si ottiene: vx = vx V v = vy (1.5) y vz = vz . Riassumendo, se due sistemi di riferimento si muovono con velocit` costante V uno rispetto allaltro, a le leggi della sica sono le stesse (per il principio di relativit`), le posizioni misurate dai due sistemi di a riferimento stanno nella relazione (1.1), mentre le velocit` stanno nella relazione (1.5). a Le relazioni (1.1) e (1.5), tanto semplici da apparire ovvie, si basano su due tacite assunzioni di importanza

1.1. I CONCETTI DI SPAZIO E TEMPO.

161

cruciale. Si assume infatti che gli osservatori in O e in O facciano le loro misure simultaneamente e che i tempi misurati dai loro orologi siano gli stessi, cio` alle equazioni (1.1) va in realt` aggiunta lequazione e a t = t , (1.6)

che indica esplicitamente che i tempi misurati da K e da K coincidono. Si vedr` nel seguito che entrambe queste assunzioni sono false. I primi segnali di tale falsit` arrivarono a a nel secolo XIX quando, grazie al lavoro di Maxwell3 sullelettromagnetismo, si scopr che la luce ` un e campo elettromagnetico propagantesi nel vuoto con velocit` costante. Per la misura della velocit` della a a ` luce si rimanda a quanto discusso sopra. E stato inoltre dimostrato sperimentalmente che tale valore ` e lo stesso in ogni sistema di riferimento e, in particolare, ` indipendente dalla velocit` della sorgente della e a luce. In altre parole due osservatori in moto relativo con velocit` costante V che misurino la velocit` a a ` della luce trovano esattamente lo stesso risultato. E chiaro che questo risultato ` in stridente contrasto e con la teoria di Galilei e di Newton e in particolare con lequazione (1.5). Per sanare questa contraddizione vi sono due possibilit`: o si rinuncia al principio di relativit` o si a a rinuncia allequazione (1.5) ed alla (1.1) di cui essa, come si ` visto, ` conseguenza. Il problema ` stato e e e risolto da Einstein4 nel 1905. Egli accolse il principio di relativit` e lo elev` al rango di primo postulato a o fondamentale della sua teoria. Come secondo postulato scelse la costanza della velocit` della luce. a La luce si propaga nel vuoto con velocit` costante c in tutti i sistemi di riferimento a inerziali. Osservazioni ` a 1. E il caso di sottolineare che il principio di relativit` sopra enunciato richiede, in particolare, che non sia possibile scoprire lo stato di quiete o di moto rettilineo ed uniforme di un osservatore mediante esperimenti. In eetti ci` implicherebbe che uno stesso esperimento fornisse risultati diversi a o seconda della quiete o del moto uniforme del sistema di riferimento in cui si trova lo sperimentatore e quindi nei due casi dovrebbe seguire leggi siche diverse, cosa proibita dal postulato di relativit`. a 2. Il fatto che la velocit` della luce non dipenda dal sistema di riferimento implica in particolare che a essa ` indipendente dalla velocit` della sorgente luminosa; infatti deve essere la stessa sia nel sistema e a di riferimento in cui tale sorgente ` ferma sia in quello in cui ` in moto. Questa propriet` dierenzia e e a radicalmente la luce da ogni altra forma di propagazione: per esempio la velocit` del suono in aria a dipende dal fatto che la sorgente delle onde sonore sia in moto o si ferma rispetto allaria. 3. Il postulato di costanza della velocit` della luce risolve il problema posto dallesperimento di Michela son e Morley; infatti se la velocit` della luce vale c in ogni sistema di riferimento le equazioni (3.11) a ed (3.12) della III parte vengono sostituite da ; (1.7) c la velocit` v della Terra rispetto alletere quindi scompare dalle equazioni e quindi il risultato a dellesperimento non ne pu` dipendere. o t1 = t2 = a a 4. Accanto al principio di relativit` e a quello di costanza della velocit` della luce, la teoria di Einstein usa implicitamente altri due postulati. Il postulato di omogeneit` e isotropia dello spazio a per il quale le leggi della sica hanno la stessa forma spostando (omogeneit`) lorigine del sistema di a riferimento utilizzato o ruotandone (isotropia) gli assi, E il postulato di omogeneit` del tempo a per il quale le leggi della sica hanno la stessa forma in ogni istante temporale.
3 James 4 Albert

Clerk Maxwell (1831-1879), sico inglese. Einstein (1879-1955), sico tedesco.

162

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

1.2
5

Denizione di simultaneit`. a

Il tempo, no ad Einstein, non ha mai ricevuto una denizione operativa; si ` sempre assunto che la e nostra esperienza quotidiana, in cui gli eventi accadono uno dopo laltro, bastasse a renderne intuitivamente chiaro il concetto. Il contributo di Einstein sta appunto nellaver messo in luce che, in sica, lintuito non ` un criterio di verit`: tutto ci` a cui si vuole attribuire un senso sico, e quindi una realt`, e a o a deve poter essere misurato e non solo intuito. Se io, di notte, vedo due fulmini cadere in due punti A e B e aermo: i due fulmini sono caduti simultaneamente che senso posso dare a questa espressione? Si badi bene. Se due eventi accadono nello stesso luogo e se io, osservatore, mi trovo in quel luogo, posso certamente testimoniare della loro contemporaneit`. Ma se i due eventi non accadono nello stesso luogo come posso essere certo che essi avvengono a simultaneamente? Per vedere quanto la situazione sia delicata, si consideri il seguente esperimento ideale che mette in luce le dicolt` nella nozione di simultaneit`. Si supponga che due osservatori vedano a a cadere due fulmini nei punti A e B; losservatore O1 sia in moto verso B mentre O2 sia fermo; si supponga inoltre che nellistante t0 in cui i due fulmini cadono O1 ed O2 si trovino entrambi nel punto medio di AB. Con riferimento alla gura 1.3, allistante t1 la luce emessa dal fulmine caduto in B raggiunge O1 ; allistante t2 le luci emesse dai due fulmini raggiungono O2 ; allistante t3 la luce emessa dal fulmine caduto in A raggiunge O1 Quindi per losservatore fermo i due fulmini cadono simultaneamente, mentre

O1 t0 A O2 B

O1 t1 A O2 B

O1 t2 A O2 B

O1 t3 A O2 B

Figura 1.3: Lesperimento ideale. per losservatore in moto no. Si vede quindi che la nozione di simultaneit` presenta dei problemi quando a la si consideri da due sistemi di riferimento in moto relativo. Per fare qualche passo avanti conviene analizzare meglio il concetto di simultaneit`. Occorre innanzi a tutto distinguere fra simultaneit` nello stesso luogo e simultaneit` di eventi spazialmente separati. Nel a a primo caso non si tratta propriamente di simultaneit` ma piuttosto di identit`: due eventi che accadono a a nello stesso luogo e nel medesimo istante sono lo stesso evento.
5 La presente esposizione segue abbastanza fedelmente lesposizione originaria del lavoro del 1905 di Einstein: Annalen ` der Physik serie 4, XVII, pagina 891. E stata tenuta presente anche la discussione sulla simultaneit` svolta da Hans a Reichenbach nel suo saggio Philosophie der Raum-Zeit-Lehre.

` 1.2. DEFINIZIONE DI SIMULTANEITA.

163

Quindi ` qui rilevante solo il caso di eventi spazialmente separati. Per rendere pi evidenti eetti che ale u trimenti risultano impercettibili (bench sempre presenti) si far` riferimento a eventi lontani; con questo e a aggettivo intendo eventi la cui separazione spaziale sia molto maggiore delle dimensioni di un corpo umano. Si chiede quindi di determinare se due eventi lontani sono simultanei. Si consideri per esempio il caso in cui il rumore di un tuono sia da me percepito nellistante in cui le lancette del mio orologio segnano le 20.50. Vi ` quindi simultaneit` fra la mia percezione e una certa posizione delle lancette. Ma questo e a istante non ` listante in cui si ` prodotto il tuono. Per conoscere listante di produzione del tuono occorre e e conoscere informazioni siche aggiuntive, segnatamente la velocit` del suono in aria e la distanza da me a a cui levento che ha dato origine al suono si ` vericato. e Si potrebbe usare il lampo, ma anche questo, bench estremamente pi veloce del suono, percorre la e u stessa distanza in un certo tempo nito. Sono cos arrivato alla seguente conclusione. Il confronto temporale fra eventi distanti ` possibile solo se un segnale unisce i due e eventi e se sono note la velocit` del segnale e i due eventi. a Supponendo di poter misurare la distanza in questione con un regolo metrico si tratta di misurare la velocit` del segnale. Si supponga che questo segnale parta dal punto A allistante tA e arrivi in B a allistante tB , allora la velocit` ` semplicemente data dal quoziente ae AB . tB tA (1.8)

Per far ci` ` necessario eseguire misure di tempo in luoghi diversi e ci` pu` essere fatto mediante orologi oe o o posti in A e in B che siano stati sincronizzati prima della misura. Questo per` presuppone la possibilit` o a di stabilire la simultaneit` di eventi distanti. a Evidentemente questo ` un ragionamento circolare: per determinare se due eventi sono simultanei ` nee e cessario conoscere la velocit` di un segnale che li collega e per misurare questa velocit` ` necessario essere a ae in grado di stabilire se due eventi sono simultanei. La soluzione trovata da Einstein ` stata di usare un solo orologio senza bisogno di stabilire la sincronize zazione di eventi lontani. Per cominciare egli decise di utilizzare come segnale la luce, in quanto, come visto sopra, la sua velocit` ` la stessa in ogni sistema di riferimento e non dipende dalla velocit` della ae a sorgente. Quindi Einstein diede la seguente denizione di simultaneit`. a Si supponga che nel punto A allistante tA1 (misurato mediante lorologio in A) venga emesso un raggio di luce verso B; il raggio di luce venga poi riesso da un specchio posto in B verso A allistante tB (misurato mediante lorologio in B) e ritorni in A allistante tA2 (misurato mediante lorologio in A). I due orologi si deniscono sincronizzati se vale 1 tB tA1 = tA2 tB = tB = (tA1 + tA2 ) . 2

(1.9)

Una tale denizione implica lassunzione che la velocit` della luce nei due versi di percorrenza sia la stessa. a Questo ` garantito dal principio di costanza della velocit` della luce (si veda in particolare losservazione e a 2 che segue lenunciato). Questa denizione di simultaneit` consente di sincronizzare orologi lontani posti in qualsiasi punto dello a spazio. In altre parole ` stato denito operativamente un tempo in ogni punto mediante orologi tutti e sincronizzati fra di loro e quindi ` stata denita operativamente la simultaneit` nel sistema di riferimento e a stazionario, che come detto sopra, viene indicato convenzionalmente con K. Si sottolinea ancora una volta che il procedimento di sincronizzazione sopra descritto pu` essere utilizzato o

164

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

per sincronizzare orologi di osservatori in movimento (vedi sotto) proprio perch la velocit` della luce, e a come osservato in precedenza, ` indipendente dallo stato di quiete o di moto dellosservatore. Questo, sia e chiaro, ` il motivo per cui viene utilizzata la luce per mandare segnali e non, ad esempio, il suono, un see gnale trasmesso lungo lo elettrico o altro: tutti questi diversi segnali hanno una velocit` di propagazione a che dipende dallo stato di moto dellosservatore (si veda anche la successiva nota 2). Si vuole ora stabilire se due eventi che, in base al criterio ora individuato, siano simultanei in un certo sistema di riferimento lo siano anche in un diverso sistema che sia in moto rettilineo ed uniforme con velocit` V rispetto al primo. A tale scopo ` necessario premettere una discussione sulla misura delle a e lunghezze. Si supponga che un vagone ferroviario fermo sulla linea ferroviaria, cio` fermo nel sistema K, venga e misurato mediante un regolo graduato e risulti avere lunghezza l0 . Si supponga poi che il vagone venga messo in movimento con velocit` V . Si chiede di determinarne nuovamente la lunghezza. Si pu` pensare a o di agire in due modi: a. stando sul vagone, e quindi nel sistema di riferimento in moto (che, come detto sopra, viene indicato convenzionalmente con K ) si eettua la misura con un regolo graduato identico al precedente; b. stando lungo la linea ferroviaria, cio` nel sistema K, per mezzo di orologi dislocati lungo il percorso e del vagone, che siano stati precedentemente sincronizzati con il metodo discusso sopra, si determina in quali punti si trovano le estremit` del vagone in un dato istante; poi, mediante il solito regolo a graduato, si misura la distanza dei punti cos trovati; si veda anche la successiva osservazione 1. Il metodo a consiste nella determinazione della lunghezza del vagone fermo in K ; per il principio di relativit` quindi la misura ottenuta deve essere l0 . a Il metodo b invece fornisce la misura della lunghezza del vagone in moto con velocit` di modulo V (per a la propriet` di isotropia dello spazio ci si aspetta che non possa dipendere dalla direzione della velocit`); a a si denoti tale lunghezza con lV . Si immagini che alle estremit` A e B del vagone in movimento siano a
A B

tA1 xA (tA1 ) A xB (tA1 ) B

tB xA (tB ) A xB (tB ) B

tA2 xA (tA2 ) xB (tA2 )

Figura 1.4: Sincronizzazione degli orologi in K . collocati due orologi sincronizzati nel sistema K, cio` tali che quando essi transitino accanto a uno degli e

` 1.2. DEFINIZIONE DI SIMULTANEITA.

165

orologi collocati lungo la linea, e tutti sincronizzati fra loro, essi segnino il medesimo tempo. In questo modo gli orologi in A e in B, essendo sincronizzati con ogni orologio del sistema K, risultano, in K, pure sincronizzati fra loro. Si chiede se, facendo uso della denizione di simultaneit` data sopra, se a questi orologi siano sincronizzati anche rispetto al sistema K (vedi gura 1.4). Sia pertanto tA1 listante (misurato in A mediante un orologio sincronizzato in K) in cui un raggio luminoso parte da A verso B e sia tB listante (misurato in B mediante un orologio sincronizzato in K) in cui esso viene riesso in B. La posizione del punto B in ogni istante a partire dallistante tA1 ` data da e xB (t) = xB (tA1 ) + V (t tA1 ) , mentre la posizione del raggio di luce ` e xL (t) = xA (tA1 ) + c(t tA1 ) . (1.11) (1.10)

Si ` indicato con tB listante in cui la luce raggiunge il punto B quindi allistante tB il punto B e il raggio e di luce si trovano nello stesso punto, cio` vale e xB (tB ) = xL (tB ) da cui si ottiene = tB tA1 = xB (tA ) + V (tB tA1 ) = xA (tA1 ) + c(tB tA1 ) , (1.12)

xB (tA1 ) xA (tA1 ) lV = , (1.13) cV cV ove lV ` la lunghezza dellasta determinata con il metodo b nellistante tA1 . Dopo la riessione in B il e raggio raggiunge nuovamente A nellistante tA2 (misurato in A mediante un orologio sincronizzato in K). La posizione del punto A in ogni istante a partire da tB ` quindi e xA (t) = xA (tB ) + V (t tB ) , mentre la posizione del raggio di luce ` e xL (t) = xB (tB ) c(t tB ) . (1.15) (1.14)

` E stato indicato con tA2 listante in cui la luce raggiunge A quindi, analogamente a quanto appena visto, vale xA (tA2 ) = xL (tA2 ) = xA (tB ) + V (tA2 tB ) = xB (tB ) c(tA2 tB ) , (1.16) da cui si ottiene xB (tB ) xA (tB ) lV = , (1.17) c+V c+V ove lV ` ancora la lunghezza dellasta determinata col metodo b, questa volta allistante tB . Confrontando e le equazioni (1.13) e (1.17) ` chiaro che non ` rispettata la condizione di sincronizzazione (1.9), quindi e e gli orologi posti alle estremit` del vagone e sincronizzati in K non sono sincronizzati in K . a tA2 tB = Osservazioni ` a 1. E bene insistere sul fatto che per il principio di relativit`, i metodi a e b descritti sopra per la misura della lunghezza del vagone, devono dare il medesimo risultato qualunque sia il sistema di riferimento dal quale la misura viene eettuata. In particolare, con riferimento al metodo a, la misura d` come a risultato l0 sia che io, da K, misuri il vagone fermo in K, sia che, da K , (e quindi sul vagone) misuri il vagone fermo in K . Allo stesso modo, con riferimento al metodo b, la lunghezza lV del vagone in moto con velocit` V (pi precisamente con il modulo della velocit` uguale a V ), deve a u a essere la stessa in K come in K , quindi sia che il vagone sia fermo in K e sia misurato da K, sia che sia fermo in K e misurato da K : in entrambi i casi infatti il vagone ` visto muoversi con la e stessa velocit` V (in modulo, e con direzioni opposte). a

166

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

2. Nello scrivere le equazioni (1.11) e (1.15) si sta implicitamente utilizzando il postulato di costanza della velocit` della luce, si sta infatti supponendo che il suo modulo sia indipendente dalla velocit` a a della sorgente. 3. Si osservi che le equazioni (1.13) e (1.17) possono essere riscritte nella forma tB tA1 = lV c 1 V 1 c tA2 tB = lV c 1 1+ V c ; (1.18)

quindi se la velocit` di K rispetto a K ` molto pi piccola della velocit` della luce, cio` se V c, e a e u a e quindi V /c 1, le due equazioni risultano coincidere e i due orologi risultano pertanto sincronizzati anche in K . Questo ` un primo esempio, e se ne vedranno altri in quel che segue, del fatto che e che le correzioni portate da Einstein alla meccanica newtoniana sono trascurabili quando le velocit` a in gioco sono piccole rispetto alla velocit` della luce. In altre parole dalle formule relativistiche a approssimate, trascurando termini contenenti potenze di V /c, si ottengono le corrispondenti formule newtoniane. Questo tipo di approssimazione ` detto limite non relativistico. e

1.3
6

Trasformazioni di Lorentz.

In questa sezione si ricava la relazione corretta fra le coordinate misurate in due sistemi di riferimento in moto relativo da sostituire alla (1.1) che, come visto sopra, contraddice al principio di relativit`. Si a consideri un segnale luminoso che parte dallorigine del sistema K allistante t = 0 e si muove, con velocit` a c, lungo una direzione individuata mediante un asse cartesiano x. Allistante generico t la sua posizione rispetto a K ` quindi data da e x = ct = x ct = 0 . (1.19) Lo stesso fenomeno viene osservato dal sistema K in moto rispetto a K con velocit` costante V nella a direzione x, in modo tale che nellistante t = 0 lorigine di K coincida con lorigine di K. Si indica convenzionalmente con apici spazi e tempi misurati nel sistema di riferimento K . Per il postulato della costanza della velocit` della luce, anche in K la velocit` del segnale luminoso ` c quindi la sua posizione a a e rispetto a K ` data da e x = ct = x ct = 0 . (1.20) Deve pertanto esistere una costante a tale che x ct = a(x ct) . (1.21)

Se ora si considera, allo stesso modo, un segnale luminoso propagantesi nella direzione opposta, devono valere x = ct e x = ct . (1.22) Quindi deve anche valere, per unopportuna costante b, x + ct = b(x + ct) . Sommando e sottraendo membro a membro le equazioni (1.21) e (1.23) si ottiene { 2x = (a + b)x (a b)ct 2ct = (a b)x + (a + b)ct .
6 La

(1.23)

(1.24)

seguente presentazione ` presa dallappendice prima del libro Relativit`: esposizione divulgativa di A. Einstein. e a

1.3. TRASFORMAZIONI DI LORENTZ.

167

Da cui

x = x ct ct = ct x ,

(1.25)

ove si ` posto = (a + b)/2 e = (a b)/2. Rimangono ancora da determinare le costanti e . Si e osservi che in un qualunque istante t, lorigine del sistema K si trova nella posizione x = 0 e rispetto al sistema K tale origine si trova nella posizione x = V t. Pertanto la trasformazione (1.25) deve collegare x e x in modo tale che quando x ` zero x sia uguale a V t. Quindi dalla prima delle (1.25) si trova e 0 = V t ct = V = . c (1.26)

Inoltre, come osservato nella precedente osservazione 1, la lunghezza misurata in K di un vagone fermo in K deve essere uguale alla lunghezza misurata in K dello stesso vagone fermo in K: in entrambi i casi, infatti, si tratta di misurare un vagone in moto con velocit` V . Di seguito si analizzano separatamente i a due casi. 1. Si comincia col misurare in K la lunghezza del vagone fermo in K . In un certo istante, per esempio listante t = 0, si segnano le posizioni xA e xB delle estremit` del vagone. Pertanto in K la lunghezza a del vagone in moto con velocit` V risulta a lV = xB xA . Ai punti xA e xB , allistante t = 0, corrispondono in K i punti x e x deniti da A B x = xB B e x = xA , A (1.28) (1.27)

pertanto in K , sistema in cui il vagone ` fermo, esso misura e l0 = x x = (xB xA ) = lV . B A (1.29)

2. Ora si rovesci la situazione. Si supponga di misurare dal sistema K un vagone fermo nel sistema K. In un certo istante, per esempio t = 0, si segnino le posizioni x e x corrispondenti agli estremi A B del vagone. Quindi in K la lunghezza del vagone in moto con velocit` V risulta a lV = x x . B A Dalla seconda delle (1.25), per t = 0, si ricava t = (1.30)

x che, sostituito nella prima delle (1.25), d` a c ( ) ( ) 2 V2 2 x= 1 2 x= 1 2 x , x = x (1.31) c

ove si ` fatto uso dellequazione (1.26). Quindi se le posizioni delle estremit` del vagone misurate e a in K sono x e x , rispetto a K, per le equazioni appena trovate, esse sono A B ) ( ) ( V2 V2 e x = 1 2 xA . (1.32) x = 1 2 xB A B c c Quindi in K , sistema in cui il vagone ` in moto con velocit` V , esso misura e a ) ( ) ( V2 V2 (xB xA ) = 1 2 l0 . lV = xB xA = 1 2 c c

(1.33)

168

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

Come visto sopra, per il principio di relativit` il caso a e il caso b devono dare lo stesso valore per a lV , quindi, confrontando le equazioni (1.29) e (1.33), si ottiene ( ) 1 V2 (1.34) l0 = 1 2 l0 , c da cui si ottiene facilmente = , V2 c2 e quindi, dallequazione (1.29), o dalla (1.33), si ottiene V2 lV = 1 2 l 0 . c 1 1 (1.35)

(1.36)

Analogamente, per determinare , ` possibile ragionare sugli intervalli di tempo. Lintervallo di tempo e che separa due battiti consecutivi di un orologio in moto con velocit` V (che viene indicato da tV ) a deve essere, per il principio di relativit` lo stesso qualunque sia il sistema di riferimento da cui viene a misurato. Quindi lintervallo di tempo, misurato da K, che separa due battiti consecutivi di un orologio che si trova in quiete nellorigine di K , deve essere uguale allintervallo di tempo, misurato da K , che separa due battiti consecutivi di un orologio, identico al precedente, che si trovi in quiete nellorigine di K: in entrambi i casi infatti lorologio muove con velocit` V . Si vedano separatamente i due casi. a 1. Siano t1 e t2 gli istanti, misurati in K, in cui avvengono due battiti consecutivi dellorologio posto nellorigine di K ; vale quindi tV = t2 t1 . (1.37) Poich x = 0, dalla prima delle (1.25) si ricava x = ct che sostituita nella seconda delle (1.25) d` e a ( ) ( ) 2 2 V2 ct = ct ct = t = 1 2 t= 1 2 t , (1.38) c e quindi 1 1 ) (t t ) = ( ) t0 , ( (1.39) 1 2 V2 V2 1 2 1 2 c c e e dove t0 = (t2 t1 ) ` il medesimo intervallo di tempo misurato dal sistema K in cui lorologio ` fermo. tV = t2 t1 = 2. Rovesciando la situazione, siano t e t gli istanti, misurati da K in cui avvengono due battiti 2 1 consecutivi di un orologio identico al precedente collocato nellorigine di K. Per il principio di relativit`, come detto, lintervallo di tempo fra t1 e t2 deve valere ancora tV , quindi, poich x = 0, a e dalla seconda delle (1.25) si ottiene (1.40) t = t , quindi tV = t t = (t2 t1 ) = t0 . 2 1 (1.41)

dove ho ancora indicato con t0 = t2 t1 il medesimo intervallo di tempo misurato dal sistema K in cui lorologio ` fermo. e Ora confrontando (1.39) e (1.41), si ottiene ancora lequazione (1.35), quindi, in particolare, tV = 1 V2 1 2 c t0 . (1.42)

1.4. CONTRAZIONE DELLE LUNGHEZZE E DILATAZIONE DEI TEMPI.

169

Mettendo insieme le equazioni (1.25), (1.26), e (1.35) si trova: xVt x = V2 1 2 c Vx t 2 t = c , V2 1 2 c

(1.43)

Le trasformazioni delle altre due coordinate spaziali y e z, che non sono cruciali qui, ma serviranno nel seguito, si ottengono semplicemente osservando che la velocit` relativa V non ha componenti lungo y e a z e quindi si pu` ripercorrere tutta la dimostrazione fatta ponendo V = 0. In tal modo si ottengono le o trasformazioni xVt x = V2 1 2 c Vx t 2 t = c . V2 1 2 c

y = y

z = z

(1.44)

Le trasformazioni cos determinate, sono dette trasformazioni di Lorentz7 . Sono le trasformazioni corrette da sostituire alle equazioni (1.1). Osservazioni 1. Nel limite nonrelativistico V /c e V x/c2 sono trascurabili, quindi, in tale limite, si ritrovano le equazioni (1.1) e (1.6). ` 2. E interessante ricavare le trasformazioni inverse delle (1.44): ` chiaro che ` possibile farlo con della e e semplice algebra; ma, ancora pi semplicemente, si osservi che per trovare le relazioni inverse basta u scambiare i ruoli di K e K , infatti se nel sistema in cui K ` fermo K si muove con velocit` V , ` e a e chiaro che nel sistema in cui K ` fermo ` K a muoversi con velocit` V , quindi le relazioni inverse e e a sono analoghe alle (1.44) ma con V al posto di V : x+Vt x = V2 1 2 c

y =y

z =z

Vx t+ 2 t = c . V2 1 2 c

(1.45)

1.4

Contrazione delle lunghezze e dilatazione dei tempi.

Si consideri ora lequazione (1.36). Essa dice la misura della lunghezza del vagone in K ` diversa dalla e misura dello stesso vagone eettuata in K e, in particolare, essendo 1 V 2 /c2 < 1, risulta che la misura del vagone in movimento ` minore della misura del vagone fermo. Si badi bene. Poich misurando il e e vagone in movimento si ottiene un valore minore, si deve concludere, seguendo il nostro criterio empirico di realt`, che il vagone in movimento ` pi corto. Si dice lunghezza propria la lunghezza l0 di un a e u oggetto nel sistema di riferimento in cui esso ` in quiete. e e Analogamente lequazione (1.42) dice che la misura di un intervallo di tempo in K ` diversa dalla misura del medesimo intervallo di tempo in K e, in particolare, risulta che un orologio in moto batte pi u lentamente dello stesso orologio fermo. Si badi bene. Poich dal nostro punto di vista empirico il tempo ` e e denito mediante i battiti di un orologio, se ne conclude che il tempo considerato da un sistema in moto passa pi lentamente. Si dice tempo proprio il tempo misurato da un orologio in quiete. Si possono u
7 Hendrick

Antoon Lorentz (1853-1928), sico olandese.

170

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

quindi riassumere i risultati ottenuti sulla contrazione delle lunghezze in moto e sulla dilatazione dei tempi misurati mediante orologi in moto mediante le equazioni xV = x0 e tV = t0 . (1.46)

Osservazioni e e e 1. Si osservi che nel limite nonrelativistico 1 e quindi non vi ` n contrazione delle lunghezze, n dilatazione dei tempi, in accordo con la meccanica newtoniana.

1.5

Trasformazione delle velocit`. a

Si veda ora, a partire dalle trasformazioni di Lorentz (1.44), qual ` la corretta relazione fra le velocit` e a misurate in due sistemi di riferimento in moto relativo, da sostituire allequazione (1.5). Si considerino quindi i soliti sistemi di riferimento K e K in moto relativo con velocit` V . E si supponga che entrambi a i sistemi di riferimento misurino il moto di un punto P . Dalle (1.44) ` facile trovare che le variazioni di e spazio e di tempo nei due sistemi di riferimento si corrispondono mediante le equazioni vx = x = x V t ( ) V x x = x V t t t 2 c y = y y y ) vy = = ( = (1.47) V x t t 2 z = z c ( ) t = t V x v = z = ( z z ) c2 V x t t 2 c Pertanto le corrette trasformazioni della velocit` sono date da a vx V V vx 1 2 c vy ) V vx 1 2 c ( vz ( ) , V vx 1 2 c

vx =

vy =

vz =

(1.48)

dove lultimo passaggio ` stato fatto dividendo numeratori e denominatori per t e riconoscendo che e x t y t z . t

vx =

vy =

vz =

(1.49)

Osservazioni 1. Nel limite nonrelativistico, in cui le velocit` in gioco sono piccole rispetto a c, i denominatori delle a tre (1.48) sono approssimabili a 1; in tale limite pertanto si ottiene la composizione newtoniana delle velocit`, equazione (1.5). a

1.6. EFFETTO DOPPLER RELATIVISTICO.

171

2. Se il corpo in movimento con velocit` v ` un raggio di luce propagantesi lungo lasse x, e quindi a e vx = c, vy = vz = 0, nel sistema di riferimento K si trova
v = vx =

cV cV cV = = =c, cV cV V 1 2 1 c c c

(1.50)

come richiesto dal postulato dellindipendenza della velocit` della luce dal sistema di riferimento. a 3. Le inverse delle (1.48) si ottengono, come gi` fatto per invertire le trasformazioni (1.44), semplicea mente scambiando i ruoli di K e K e il segno di V ; si ottiene quindi vx =
vx + V V v 1 + 2x c

vy =

vy ( ) V vx 1+ 2 c

vz =

vz ( ) . V vx 1+ 2 c

(1.51)

1.6

Eetto Doppler relativistico.

Prima di passare oltre, ` il caso di analizzare qui che ne ` delleetto Doppler alla luce della relativit`. In e e a eetti, lanalisi delleetto Doppler fatta in precedenza per le onde che si propagano in un mezzo aveva dato esiti diversi a seconda che il problema fosse analizzato nel sistema di riferimento della sorgente o in quello dellosservatore; la dierenza, come si ricorder`, emerge perch nei due sistemi di riferimento a e vengono descritti due fenomeni diversi: nel sistema dellosservatore il mezzo in cui si propagano le onde (per esempio laria, nel caso di onde sonore) ` fermo, mentre nel sistema di riferimento della sorgente e il mezzo ` in moto. Quindi nei due casi si descrive leetto Doppler di un treno di onde in moto in un e mezzo fermo od in un mezzo in movimento, ottenendo risultati diversi. Il caso delle onde luminose che interessa qui `, sotto questo aspetto, radicalmente diverso. Infatti le onde e luminose si propagano nel vuoto; quindi cambiando sistema di riferimento il fenomeno sico che viene descritto non cambia. Si tratta sempre di unonda luminosa in moto nel vuoto con velocit` costante a c. Ci si aspetta quindi che, come richiesto dal principio di relativit`, la descrizione nel sistema in cui a losservatore ` in quiete ed in quello in cui la sorgente di luce ` in quiete diano risultati identici. e e A. Si cominci a considerare il caso in cui la sorgente S delle onde luminose sia in moto con velocit` a V rispetto allosservatore O; convengo di indicare con lapice le quantit` misurate da nel sistema di a riferimento di S, qui sistema in moto. Sia pertanto TS il periodo di emissione di S. Questo tempo, visto da O, ` dilatato in e T . TS = S (1.52) V2 1 2 c Si veda ora cosa misura O. Sia t = 0 listante in cui S emette, in S1 , il primo fronte donda; esso sia ricevuto da O allistante t1 = r1 /c. Dopo un tempo TS , in S2 , S emette il fronte donda successivo che viene ricevuto da O allistante t2 = TS + r2 /c. Quindi il periodo dellonda luminosa misurato da O ` e ( ) V V r1 r2 = TS TS cos O = 1 cos O TS , (1.53) T O = t2 t1 = T S c c c ove si ` fatto uso dellapprossimazione r1 r2 S1 S2 cos O = V TS cos O . Quindi si pu` scrivere e o V 1 cos O TO = c TS . V2 1 2 c (1.54)

172

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

Si noti che sia TO che TS sono tempi propri. Si osservi che se S si muove verso O, cio` se O = 0 si ottiene e

V 1 c T = TO = S V2 1 2 c

V c T . V S 1+ c 1

(1.55)

B. Si consideri ora il sistema di riferimento in cui la sorgente S ` ferma e losservatore O ` in moto e e


O O2 S r1 r2 r1 O1

r2

O S1 S2 a S b

Figura 1.5: Eetto Doppler relativistico; a: con sorgente in moto, b: con osservatore in moto. con velocit` di modulo V . Come sopra, indico con lapice le quantit` misurate nel sistema in moto, qui a a O. Allistante 0 la sorgente S emette il primo fronte donda che viene rilevato dallosservatore in O1 allistante t1 = r1 /c; dopo un tempo TS la sorgente emette il successivo fronte donda che viene rilevato dallosservatore in O2 allistante t2 = TS + r2 /c; quindi nel sistema di riferimento S il periodo rilevato da O` e r1 r2 V TO = t 2 t 1 = TS = TS TO cos S , (1.56) c c da cui ( ) V TO 1 + cos S = tS , (1.57) c ove si ` fatto ancora uso dellapprossimazione r1 r2 O1 O2 cos S = vO TO cos S . Si osservi che TO ` e e misurato nel sistema di S; se riportato al sistema O si ha la contrazione V2 1 2 2 V c TO = 1 2 TO = TS . (1.58) V c 1 + cos S c e Anche in questo caso, se O si muove verso S, cio` se = 0, si ottiene V2 V 1 2 1 c T = c T . TO = S V V S 1+ 1+ c c

(1.59)

Confrontando le equazioni (1.55) e (1.59) si vede che le due espressioni coincidono; il periodo osservato ` e minore del periodo emesso. Nel caso S e O si allontanino occorre cambiare in tutte le equazioni precedenti il segno di V ; pertanto si osserva un periodo maggiore di quello emesso.

1.6. EFFETTO DOPPLER RELATIVISTICO.

173

Unapplicazione importante delleetto Doppler relativistico ` il red-shift; a causa dellespansione dele luniverso le stelle si allontanano le une dalle altre con velocit` proporzionale alla loro distanza; quindi a sulla Terra si riceve la luce proveniente da stelle che si allontanano dal Sistema Solare a velocit` che a possono essere anche considerevoli; il periodo delle onde ricevute ` quindi maggiore del periodo emesso. e Ragionando in termini di frequenza, come ` costume fare in astronomia, la frequenza osservata ` minore e e della frequenza emessa secondo la formula O = 1 V /c . 1 + V /c e (1.60)

Misurando il red-shift delle stelle, con tecniche spettroscopiche, ` possibile risalire alla loro velocit` e e a quindi alla loro distanza.
Per completezza qui di seguito si mostra che anche le anche le (1.54) e (1.58) coincidono; poich si tratta di un e calcolo un po noioso, bench assai istruttivo, viene proposto in carattere tipograco minore ad indicare al lettore e non interessato che pu` passare oltre. o Si noti che ` necessario trovare come trasformano gli angoli per trasformazioni di Lorentz; si osservi infatti che e in (1.54) il periodo misurato da O ` espresso in funzione del coseno dellangolo O quindi misurato da O, mentre e in (1.58) il periodo misurato da O ` espresso in funzione del coseno dellangolo misurato da S. Per trovare la e trasformazione degli angoli uso la prima delle (1.48) che, posto vx = v cos e vx = v cos , posso scrivere nella forma v cos + V v cos = (1.61) . vV 1 + 2 cos c Se si considerano raggi luminosi v = v = c e quindi c cos + V c cos = V 1 + cos c

cos = 1+

cos +

V c

V cos c

(1.62)

Nel caso presente, ` possibile identicare = S , = O , ottenendo e cos S + cos O = 1+ da cui si pu` ricavare o cos O + e quindi cos O cos S = 1 V c V cos O c . (1.65) V V cos S cos O = cos S + c c cos S V c

V cos O c

(1.63)

( 1

V cos O c

) = cos O

V c

(1.64)

Questa, sostituita nella (1.58), d` a V2 V V2 V 1 2 1 cos O 1 2 1 cos O c c c TS = TS = c TS , TO = V V2 V V2 V V2 cos O 2 1 cos O + cos O 2 1 2 c c c c c 1+ c V 1 cos O c che ` identica alla (1.54). e

(1.66)

174

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

1.7

Invarianza dellintervallo.

Nella sica newtoniana la lunghezza di un corpo e la distanza percorsa da un corpo in movimento sono grandezze invarianti. Con ci` si intende dire che sono esattamente le stesse in ogni sistema di riferimento. o Volendo dare a questa osservazione un chiaro signicato matematico si consideri che, se un corpo si sposta da un punto P1 ad un punto P2 , il quadrato della distanza percorsa, misurato nel sistema di riferimento K, dato da (r)2 = (x2 x1 )2 + (y2 y1 )2 + (z2 z1 )2 , (1.67) ` invariante per le trasformazioni (1.1)8 . e Invece si ` visto che, in relativit` la lunghezza e la distanza non sono grandezze invarianti ma sono diverse e a a seconda della velocit` del sistema di riferimento rispetto a cui viene eseguita la misura. In eetti ` a e facile vericare che lequazione (1.67) non ` invariante per le trasformazioni (1.44). e In eetti le trasformazioni di Lorentz non coinvolgono solo lo spazio ma anche il tempo; quindi ci si aspetta che una distanza invariante non possa essere semplicemente una distanza spaziale, ma una distanza spaziotemporale. Si dice evento E un punto nello spazio e nel tempo; viene individuato quindi dalle coordinate E(t, x, y, z). Si dice intervallo la distanza spazio-temporale fra due eventi denita come segue. Siano E1 ed sia E2 due eventi che, in K, abbiano coordinate (t1 , x1 , y1 , z1 ) e (t2 , x2 , y2 , z2 ) allora lintervallo s che separa i due eventi ` denito da e s2 = c2 t2 x2 y 2 z 2 . (1.68)

Si dimostra ora che questa quantit` ` invariante, cio` ` la stessa anche nel generico sistema di riferimento ae ee K in moto rispetto a K con la generica velocit` V . Per mostrare ci` basta applicare la prima delle (1.47) a o a s2 : s2 = c2 t2 x2 y 2 z 2 = ( )2 V 2 = c2 2 t 2 x 2 (x V t) y 2 z 2 = c ( ) V2 2 2 2 2 2 2 2 = c t 2V tx + 2 x x + 2V xt V t y 2 z 2 = c [( ) ( ) ] V2 V2 = 2 1 2 c2 t2 1 2 x2 y 2 z 2 = c c = c2 t2 x2 y 2 z 2 = s2 , dove si ` utilizzato il fatto che 2 (1 V 2 /c2 ) = 1. Per capire bene il signicato di questo risultato, si e consideri, per semplicit`, il caso in cui levento E1 avvenga nellorigine e allistante t1 = 0 e che levento a E2 avvenga in un qualunque punto dellasse x cosicch y = z = 0; allora lintervallo fra E1 ed E2 e assume la forma semplice s2 = c2 t2 x2 . (1.70) a Siccome s assume lo stesso valore in ogni sistema di riferimento, qualunque sia il valore della velocit` V , la precedente equazione si pu` scrivere come o c2 t2 x2 = k ,
8 Il

(1.69)

(1.71)

lettore studioso ne faccia una verica col calcolo.

1.7. INVARIANZA DELLINTERVALLO.

175

ove k ` una costante. Lequazione cos ottenuta pu` essere rappresentata su un piano cartesiano avente e o la grandezza x sullasse delle ascisse e la grandezza t sullasse delle ordinate. In tal caso il graco dellequazione (1.71) ` una iperbole equilatera avente per asintoti le rette e ct = x ; (1.72)

al variare del sistema di riferimento K che osserva levento E2 (cio` al variare del valore della velocit` e a V ) il punto che lo descrive si muove su uno dei due rami delliperbole. A questo punto, ricordando che nelle nostre convenzioni E1 si trova nellorigine, si devono discutere tre casi, corrispondenti a tre tipi di intervallo.
ct E2 E2 E1 x E1 x E1 x ct ct E2

Figura 1.6: Intervalli di tipo tempo, spazio, luce.

A. Intervallo di tipo tempo. In questo caso la costante k ` positiva, i due rami delliperbole si trovano nella parte superiore ed e inferiore del piano cartesiano (vedi gura 1.6a). I punti del ramo superiore hanno t > 0 quindi corrispondono ad eventi che avvengono dopo E1 , mentre i punti del ramo inferiore hanno t < 0 quindi corrispondono ed eventi che avvengono prima di E1 . Si osservi che esiste un sistema di riferimento in cui E1 ed E2 hanno entrambi ascissa nulla e diversa ordinata; i due eventi avvengono quindi nello stesso luogo in due istanti diversi, in tale riferimento i due eventi sono separati solamente da un intervallo temporale; viceversa non esiste alcun sistema di riferimento in cui i due eventi sono simultanei, cio` avvengono allo stesso istante (stessa ordinata) ed ` impossibile passare da un evento e e che avvenga nel passato ad un evento che avvenga nel futuro. B. Intervallo di tipo spazio. e In questo caso la costante k ` negativa, i due rami delliperbole si trovano nella parte destra e sinistra del piano cartesiano (vedi gura 1.6b). Si noti che esistono sistemi di riferimento in cui E2 avviene prima di E1 ed altri sistemi di riferimento in cui avviene dopo; pertanto non ha pi senso u aermare che i due eventi stiano in una qualche successione temporale: tale successione, infatti, non ` indipendente dal moto dellosservatore. Esiste un sistema di riferimento in cui i due eventi e accadono nello stesso istante in due luoghi diversi e quindi i due eventi sono separati solamente da una distanza spaziale. C. Intervallo di tipo luce. e In questo caso la costante k ` nulla, liperbole degenera nei suoi due asintoti per cui vale la relazione (vedi gura 1.6c) (1.73) x = ct ,

176

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

quindi in questo caso gli eventi E1 ed E2 sono collegati da un segnale che viaggia alla velocit` della a luce, ed ` cos in ogni sistema di riferimento. e Osservazioni 1. Si supponga che E2 sia separato da E1 da un intervallo di tipo spazio, vale allora
ct

E2 E1 x

Figura 1.7: Un intervallo di tipo spazio. x2 t2

c2 t2 x2 < 0

c2 <

c2 < v 2 ;

(1.74)

quindi per collegare i due eventi ` necessario inviare un segnale a una velocit` maggiore di quella e a della luce, rappresentato in gura 1.7 dalla linea tratteggiata. Ma esistono sistemi di riferimento in cui E2 ` nel passato di E1 ; quindi se fosse possibile mandare segnali a velocit` superiore a e a quella della luce si potrebbe comunicare con il passato. In questo modo si violerebbe il principio di causalit` potendo inuenzare una cosa gi` avvenuta. Ci` ` manifestamente assurdo, quindi non ` a a oe e possibile inviare segnali ad una velocit` maggiore di quella della luce. a 2. Il fatto che non sia possibile inviare segnale a velocit` maggiore di c mette in crisi il modello di a corpo rigido della meccanica classica. In un corpo rigido infatti si suppone che modicazioni di posizione di unestremit` si manifestino istantaneamente in tutto il corpo; cio` se una forza comincia a e ad agire ad unestremit` del corpo rigido, laltra estremit` comincia a muoversi istantaneamente; a a questo consentirebbe di inviare segnali istantaneamente e quindi ` impossibile. Rinunciare al corpo e rigido, in particolare mette in crisi le basi della geometria euclidea, che ` costruita sul concetto di e congruenza e quindi sulla possibilit` di confronto fra enti geometrici mediante movimenti rigidi. a 3. Linvarianza dellintervallo pu` essere dedotta immediatamente dai due postulati fondamentali della o relativit` e dai postulati di omogeneit` ed isotropia dello spazio. Poi, per mezzo dellinvarianza a a dellintervallo, ` possibile dedurre le trasformazioni di Lorentz, la contrazione delle lunghezze e la e dilatazione dei tempi9 .

1.8

Inversioni temporali e ubiquit`. a

Nel caso, per assurdo, fosse possibile inviare segnali a velocit` maggiori di c si avrebbero delle conseguenze a siche paradossali. Qui se ne vedono due.
9 Un

testo che ha questo approccio ` L.D. Landau, E.M. Lifits, Teoria dei campi, Editori Riuniti. e s

` 1.8. INVERSIONI TEMPORALI E UBIQUITA.

177

1. Si supponga che A e B siano due eventi che nel sistema di riferimento K avvengono negli istanti tA e tB nelle due diverse posizioni xA e xB dellasse x; si supponga poi che i due eventi siano collegati tramite un segnale, inviato da A, che in K, viaggia a velocit` u > c; allora il tempo impiegato dal segnale ad a andare da A a B in K ` e xB xA tB tA = . (1.75) u Rispetto ad un diverso sistema di riferimento K in moto con velocit` V rispetto a K lintervallo di tempo a si trova utilizzando le trasformazioni di Lorentz per i tempi (1.44): V V V V t B 2 xB t A 2 xA tB tA 2 (xB xA ) tB tA 2 u(tB tA ) c c c c tB tA = = = ; V2 V2 V2 V2 1 2 1 2 1 2 1 2 c c c c

(1.76)

quindi V 1 2 u c2 V u (tB tA ) = (tB tA ) . t t = c A B V2 V2 2 1 2 c 1 2 c c (1.77)

e Ora, se u > c, esiste un sistema di riferimento K per quale, bench sia V < c vale uV > c2 ; per un tale riferimento il numeratore della precedente equazione ` negativo: c2 V u < 0 quindi, essendo il e denominatore positivo, i due intervalli temporali hanno segno opposto: tB tA > 0 = t t < 0 ; A B (1.78)

quindi cambiando sistema di riferimento si pu` invertire lordine temporale di eventi collegati da un o segnale; in altre parole in K A invia il segnale nel futuro, mentre in K lo invia nel passato, violando il principio di causalit`. a 2. Nella situazione del caso precedente, si supponga che sia u > c ma V < c in modo tale che valga V u = c2 ; allora, per la (1.77), vale t = t ; (1.79) B A quindi usando la prima delle (1.44) e la (1.75), si trova V xB xA (xB xA ) xB V tB xA + V tA xB xA V (tB tA ) u xB xA = = = ; V2 V2 V2 1 2 1 2 1 2 c c c

(1.80)

quindi V 1 u (x x ) . xB xA = B A V2 1 2 c

(1.81)

Poich per ipotesi V < c < u, vale certamente 1 V /u = 0, e pertanto e xB = xA x = x . B A (1.82)

Confrontando questultima equazione con la (1.79) si vede che in K gli eventi A e B avvengono nello stesso istante ma in luoghi diversi; un caso di ubiquit`. a

178

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

1.9

Quadrivettori e quadrivelocit`. a

In generale, si denisce quadrivettore Ai linsieme di quattro grandezze A0 , A1 , A2 , A3 che, per trasformazioni del sistema di riferimento in cui (come discusso nelle sezioni precedenti) il nuovo sistema K si muove rispetto a K lungo lasse x con velocit` V , si trasformano secondo le seguenti leggi, che si dicono a trasformazioni di Lorentz per quadrivettori: A0 = V A1 c V2 1 2 c A1 = V A0 c V2 1 2 c

A 0

A 1

A = A2 2

A = A3 . 3

(1.83)

Questa denizione giustica i nomi dati alle quattro componenti del quadrivettore: A0 si trasforma come ct ed ` pertanto detto componente temporale del quadrivettore Ai ; A1 , A2 ed A3 si trasformano e rispettivamente come x, y e z e quindi sono dette componenti spaziali del quadrivettore Ai e vengono sovente denotate collettivamente con il simbolo A = (A1 , A2 , A3 ). Le quattro componenti (ct, x, y, z), che deniscono la collocazione spaziotemporale di un evento, costituiscono un quadrivettore: il quadrivettore posizione e denotato con il simbolo xi . Il quadrato di un quadrivettore ` denito come segue e A2 = A2 A2 A2 A2 . i 0 1 2 3 (1.84)

Si osservi che lintervallo fra due eventi spaziotemporali pu` essere espresso in termini del quadrato del o quadrivettore che li unisce: s2 = x2 = c2 (t2 t1 )2 (x2 x1 )2 (y2 y1 )2 (z2 z1 )2 . i (1.85)

Dalla denizione data risulta che il quadrato di ogni quadrivettore ` invariante per trasformazioni del e sistema di coordinate. La dimostrazione di questo fatto ` analoga a quella dellinvarianza dellintervallo, e vedi equazione (1.69): ( A2 i = A2 0 A =
2 2

( ) V V V2 V2 = 2 A2 2 A0 A1 + 2 A2 A2 + 2 A1 A0 2 A2 A2 A2 = 1 1 0 0 2 3 c c c c ( ) ( ) V2 V2 = 2 1 2 A2 2 1 2 A2 A2 A2 = 0 1 2 3 c c = A2 A2 A2 A2 = A2 . 0 1 2 3 i

V A0 A1 c

)2
2

V A1 A0 c

)2 A2 A2 = 3 2

(1.86)

` Si ` visto in precedenza che la velocit` relativistica di una particella non ` invariante. E possibile per` e a e o denire una quadrivelocit`, cio` una velocit` che sia un quadrivettore e che quindi abbia il quadrato a e a invariante, come segue. xi . (1.87) ui = s Si osservi che nella denizione della quadrivelocit` ` stato utilizzato, invece dellintervallo di tempo t, ae lintervallo invariante s, garantendo cos la corretta trasformazione; infatti, si noti, il numeratore della (1.87) ` un quadrivettore, mentre il denominatore ` invariante: quindi ui trasforma secondo le (1.83) e e e

` 1.10. QUANTITA DI MOTO RELATIVISTICA ED ENERGIA RELATIVISTICA.

179

quindi ` un quadrivettore. e Se ne vedano in dettaglio le componenti. Si cominci con losservare che vale ( )2 1 x v2 2 t2 x2 = c t 1 s = c = c t 1 2 , c2 t c quindi u0 = c t u2 = c t Osservazioni e o 1. ui ` un quadrivettore adimensionale e pu` essere scritto in modo compatto nella forma ( ) 1 v ui = , . 1 v 2 /c2 c 1 v 2 /c2 c t 1 y 1 v c2
2

(1.88)

1 1 v c2
2

u1 = c t

x 1 z

v c2

= c

vx v2 c2 . (1.89)

1 vz 1

v2 c2

= c

vy v2 c2

, u3 = c t

v2 c2

= c

v2 c2

(1.90)

2. Visto lo stretto legame fra ui e le componenti della velocit` della particella pare adeguato la sua a identicazione con la quadrivelocit`. a 3. Le quattro componenti di ui non sono indipendenti ma sono legate dalla relazione u 2 = ui ui = i 4. Bench la quantit` e a 1 xi xi s2 = =1. 2 s s2 (1.91)

v2 assomigli molto allinverso di , si tratta di una cosa completamente c2 diversa; infatti dove qui compare la velocit` v del corpo, in compare la velocit` V del sistema K a a rispetto al sistema K.

1.10

Quantit` di moto relativistica ed energia relativistica. a

In questo paragrafo si cerca di individuare quale sia la forma della quantit` di moto e dellenergia relaa tivistica. Si comincia con la quantit` di moto. Nella sica newtoniana la quantit` di moto di un corpo a a in moto, com` noto, ` proporzionale alla velocit` e la costante di proporzionalit` ` la massa del corpo. e e a ae Inoltre in un urto fra due corpi la quantit` di moto totale si conserva. In relativit` le cose non sono cos a a semplici in quanto la quantit` di moto newtoniana non si conserva in un urto. Si denisce quadriquantit` a a di moto la quantit`10 a pi = mcui . La componente spaziale di questo quadrivettore ` e p= mv v2 1 2 c (1.93) (1.92)

10 La

costante c ` qui necessaria per questioni dimensionali: si ricordi che ui ` adimensionale. e e

180

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

che nel limite non relativistico coincide con lespressione classica.


Si ritiene opportuno ricavare lespressione della quantit` di moto relativistica a partire da richieste di tipo sico a e, in particolare, richiedendo la conservazione della quantit` di moto; il lettore non interessato pu` passare oltre a o senza pregiudizio per la comprensione di quel che segue. Si supponga che la quantit` di moto relativistica abbia la forma a p = mv v , (1.94)

ove mv ` una funzione del modulo della velocit` v del corpo, ha le dimensioni di una massa e verr` determinata e a a in modo tale che p si conservi con lulteriore richiesta che nel limite nonrelativistico si approssimi alla massa newtoniana11 . Si consideri quindi lurto fra due particelle uguali aventi rispettivamente velocit` v1 e v2 uguali a

v1

v1

v2

v2

Figura 1.8: Urto elastico fra particelle identiche di uguale velocit`. a


in modulo (vedi gura 1.8). Si vuole studiare la conservazione della quantit` di moto di questo urto nel sistema a

v1 v1 v1

v2

v2

v2

Figura 1.9: Lurto nei due diversi sistemi di riferimento.


di riferimento K in cui la particella 2 ha solo componente della velocit` lungo y; in altre parole losservatore in a K, si muove lungo lasse delle x insieme alla particella 2 (vedi gura 1.9a). In K le variazioni delle quantit` di a moto delle due particelle sono rispettivamente (si sta supponendo che, come di consuetudine, lasse delle ascisse sia orientato verso destra e quello delle ordinate verso lalto). { { p1x = 0 p2x = 0 (1.95) p1y = 2mv1 v1y p2y = 2mv2 v2y = 2mv2y v2y .
11 Largomento

che segue ` preso da R.P. Feynman La sica di Feynman, vol. 1, cap. 16, Zanichelli. e

` 1.10. QUANTITA DI MOTO RELATIVISTICA ED ENERGIA RELATIVISTICA.

181

Quindi la componente x della quantit` di moto ` immediatamente conservata; la conservazione della componente a e y impone la relazione p1y + p2y = 0 = mv1 v1y = mv2y v2y . (1.96) Se si riuscisse a trovare una relazione che lega v1y e v2y sarebbe possibile determinare la forma della funzione mv . A tale scopo ci si metta nel riferimento K in cui ` la particella 1 ad avere solo la componente y della velocit` e a (vedi gura 1.9b); si osservi che K si muove rispetto a K con velocit` V = v1x . Data la completa simmetria a del problema, per il principio di relativit`, la velocit` della particella 1 in K deve essere uguale alla velocit` della a a a particella 2 in K, cio` deve valere e (1.97) v1y = v2y . La legge di trasformazione da K a K per la componente y della velocit` ` data dalla seconda delle (1.51) che, ae per V = v1x , diventa v2 v1y 1 1x c2 , (1.98) v1y = v1x v1x 1 c2 ma v1x = 0 quindi, usando la (1.97), si ottiene 2 v1x v2 v1y = v1y 1 2 = v2y 1 1x . (1.99) c c2 Sostituendo questo risultato nellequazione (1.96), si trova v2 mv1 v2y 1 1x = mv2y v2y = c2

mv1 =

mv2y v2 1 1x c2

(1.100)

Come ` stato detto sopra mv deve coincidere con la massa newtoniana della particella nel limite nonrelativistico, e quindi, in particolare, per v = 0; ora si osservi che valgono le seguenti implicazioni: v2y = 0 =
v1y = 0

v1y = 0

v1x = v1 ,

(1.101)

quindi, sostituendo v2y = 0 e v1x = v1 , lequazione (1.100) diventa m v1 = m0


2 v1 2 c

(1.102)

questa equazione vale qualunque sia il valore di v1 , cio` vale per una velocit` generica v, quindi identicando m0 e a con la massa newtoniana non relativistica, cio` ponendo m0 = m, si ottiene e mv = m 1 v2 c2 . (1.103)

che ` proprio il termine che sostituita nella (1.94) d` la (1.93): Si noti che, ricordando lequazione (1.88), si e a

pu` riscrivere la quantit` di moto relativistica nella forma o a p= x x = mc . t s v 1 2 c m


2

(1.104)

Rimane lesigenza di capire se sia possibile dare un senso alla componente temporale del quadrivettore pi : mc . (1.105) p0 = mcu0 = v2 1 2 c

182

` CAPITOLO 1. TEORIA DELLA RELATIVITA.

Per capire il signicato sico di p0 si calcoli il limite nonrelativistico. Si osservi che, usando la (1.105), si pu` scrivere o ( )1/2 v2 cp0 = mc2 1 2 . (1.106) c Se v c ` lecita lapprossimazione (si veda la nota 6 alla sezione 1.5 della parte I): e ( ) v2 1 2 cp0 mc 1 + 2 = mc2 + mv 2 , 2c 2

(1.107)

quindi nel limite in cui la teoria relativistica deve coincidere con la meccanica newtoniana, cp0 , a meno di una costante additiva, ` lenergia cinetica del corpo. Questo risultato induce ad identicare cp0 con e lenergia relativistica. Vale quindi E = cp0 , cio` e E= mc2 . (1.108)

v2 1 2 c

Quindi la quantit` di moto relativistica e lenergia relativistica sono componenti dello stesso quadrivettore a e, cambiando sistema di riferimento, vengono mescolate dalle trasformazioni di Lorentz per i quadrivettori (1.83); varranno quindi le seguenti trasformazioni12 : E V px E = V2 1 2 c

p x

V px 2 E c = V2 1 2 c

p = py y

p = pz z

(1.109)

Osservazioni 1. Si osservi che, come nella meccanica newtoniana, lenergia di un corpo dipende dalla sua velocit` a ed ` minima quando tale velocit` ` nulla. La cosa nuova, e certamente sorprendente, ` che nel caso e ae e relativistico questo minimo dellenergia non ` nullo. e ` 2. E possibile ottenere una diversa equazione per lenergia calcolando il quadrato del quadrivettore pi : p2 = p2 p 2 = E 2 /c2 p 2 ; infatti osservando che dalla (1.88) si ottiene 0 i 1 si pu` scrivere o E2 m2 c 2 p 2 = p2 p2 p2 p2 = p2 p2 p2 = 1 2 3 0 1 2 3 2 c v2 1 2 c ) m2 c 2 ( 2 2 ) m2 c2 ( 2 m2 c4 2 t = x + y 2 + z 2 = c t x2 y 2 z 2 = 2 2 2 s s s = m2 c2 , (1.111) quindi E 2 = m2 c4 + p2 c2 .
12 Il

v2 s2 = 2 2 c2 c t

(1.110)

(1.112)

lettore studioso ne faccia una verica col calcolo.

` 1.10. QUANTITA DI MOTO RELATIVISTICA ED ENERGIA RELATIVISTICA.

183

3. Ancora una diversa equazione si pu` ottenere osservando che la (1.93), usando la (1.108) pu` essere o o riscritta nella forma: E p = 2v , (1.113) c che elevata al quadrato diventa E2 p2 = 4 v 2 , (1.114) c da cui si ottiene p E = c2 . (1.115) v 4. Per una particella a massa nulla lequazione (1.112) diventa E 2 = p2 c2 , che, facendo uso della (1.114), diventa E2 = E2 2 2 v c c4 = v 2 = c2 = v=c; (1.117) (1.116)

quindi una particella a massa nulla si muove con la velocit` della luce. a

Capitolo 2

Modelli atomici.
2.1 Storia del concetto di atomo.

La prima idea di atomo compare nel V sec. a.C., introdotta dal losofo Leucippo1 , di cui ci rimangono scarse ed incerte notizie, e sviluppata da Democrito2 . Democrito, per sfuggire allantinomia zenoniana dellinnita divisibilit`, introdusse il concetto di atomo, a cio` di indivisibile () e lo pose alla base della struttura della materia. Gli atomi sono, per Dee mocrito, caratterizzati da grandezza e forma geometrica e sono alla base della percezione sensibile; ogni sensazione infatti ` immaginata avvenire per contatto di atomi con gli organi di senso, cos per esempio, e , la vista e lolfatto sono spiegati in termini di contatto tra atomi emessi dalloggetto percepito e locchio od il naso. I diversi atomi aggregandosi in modi diversi danno conto delle diverse propriet` delle sostanze. a Insomma, tutta la sica va spiegata in termini del moto di atomi e viene quindi condotta ad un principio puramente meccanicistico. Sar` opportuno sottolineare che con Democrito non ci trova ancora davanti ad una teoria scientica, nel a senso che non sono giunte ai nostri giorni notizie n di teoremi n di esperimenti, ma la fondamentale e e importanza della teoria democritea nella storia della scienza sta nellaver cercato di spiegare dei fenomeni per mezzo di oggetti dichiaratamente non osservabili; si tratta evidentemente di un passo importante nella direzione della costruzione di teorie scientiche basate su modelli puramente teorici. Lidealismo platonico e aristotelico, e soprattutto la loro enorme ricaduta culturale nella storia del pensiero, hanno oscurato il meccanicismo di Democrito per molti secoli, e la teoria atomica ha dovuto attendere no agli ultimi anni del XVIII secolo per riprendere vigore. Lavoisier3 cominci` per primo uno studio quantitativo, con rigore scientico, delle reazioni chimiche ed o arriv` nel 1789, a formulare il principio di conservazione della massa nelle reazioni chimiche, o che qui si enuncia nel modo seguente. La massa totale di un sistema in reazione non si modica qualunque sia la variet` a e la natura delle reazioni chimiche che si vericano. Questo principio fondamentale fa piazza pulita della chimica precedente non essendo basata su studi quantitativi; a mo di esempio, si menzioni il fatto che la formazione di un ossido di un metallo era considerata alla stregua di una decomposizione che d` origine ad una perdita di peso. Per questo motivo, a in questa brevissima ricognizione storica delle teorie che portarono al concetto moderno di atomo, viene
1 Leucippo

(?), losofo di Mileto. (460-?), losofo di Abdera. 3 Antoine Laurent Lavoisier (1743-1794), chimico francese.
2 Democrito

184

2.1. STORIA DEL CONCETTO DI ATOMO.

185

tralasciata tutta la chimica alchemica e ogistica dei secoli precedenti Lavoisier. Il passo successivo arriva nel 1799 quando Proust4 enuncia la legge delle proporzioni denite. Un determinato composto contiene gli elementi che lo costituiscono in rapporti di peso indipendenti dal modo in cui ` stato preparato. e Si tratta di un primo indizio della natura discontinua della materia; un altro importante indizio arriva nel 1803 quando Dalton5 enunci` la legge delle proporzioni multiple. o Quando due elementi si combinano per dare composti dierenti, le quantit` di un a elemento che si combinano con una quantit` ssa dellaltro elemento stanno fra loro a in rapporti esprimibili mediante numeri interi e, generalmente, piccoli. Per esempio, le masse di azoto che si combinano con 16 g di ossigeno nei composti protossido di azoto, (N2 O), ossido di azoto (NO) e biossido di azoto (NO2 ), sono rispettivamente 28, 14 e 7 che sono nel rapporto 4, 2 e 1. In verit`, le misure di Dalton non erano molto precise e la parte sperimentale del suo lavoro non ` molto a e importante qui; fondamentale ` invece linterpretazione che egli ne diede in termini di atomi. Per esempio, e egli argomentava che se lacqua ` costituita da molecole contenenti ciascuna un atomo di idrogeno e uno e di ossigeno6 e se, come risultava dalle sue errate misurazioni, ogni grammo di idrogeno si combina con 5.5 grammi di ossigeno, evidentemente ogni grammo di ossigeno pesa 5.5 volte pi di un atomo di idrogeno. u In realt` un grammo di idrogeno si combina con 8 grammi di ossigeno e, poich ogni atomo di ossigeno si a e combina con due atomi di idrogeno, ` chiaro che latomo di ossigeno deve pesare 16 volte pi dellatomo di e u ` idrogeno. E quindi chiaro che le misure di Dalton sono completamente sballate, ma la sua interpretazione delle misure ` meravigliosamente corretta. Dalton ha compilato una tabella di pesi atomici del tutto e sbagliata, ma ha capito come determinare i pesi atomici. Ma la cosa forse pi importante di questa legge ` che la combinazione di 1 g di idrogeno e di 8 g di ossigeno u e danno 9 g di acqua; ma se si cerca di combinare lo stesso grammo di idrogeno con 10 g di ossigeno non si ottiene acqua con una maggiore quantit` di ossigeno, ma ancora 9 g dacqua e avanza 2 g di ossigeno. a Successivamente Richter7 enunci` la legge delle proporzioni equivalenti. o Siano A e B due sostanze che possono reagire con la sostanza C; una data massa di C reagisce con dierenti masse di A e B ed il rapporto di tali masse ` un numero e che viene indicato con r; quando A reagisce con B il rapporto q tra le masse dei reagenti di A e B ` tale che sia q = nr ove n ` un rapporto di interi. e e Per esempio siano A azoto, B ossigeno e C idrogeno, allora 3 g di idrogeno reagiscono con 14 g di azoto per formare ammoniaca (NH3 ) e con 24 gdi ossigeno per formare acqua (H2 O), quindi r = 7/12; ma azoto e ossigeno formano ossido di azoto (NO) nel rapporto di masse q = 7/8 e quindi che vale q = nr con n = 3/2, oppure formano biossido di azoto (NO2 ) nel rapporto di masse d = 7/16 e quindi vale q = nr con n = 3/4 e via di seguito. Tutti questi fatti sono facilmente spiegabili introducendo lipotesi atomica ed assai dicili da rendere conto altrimenti. Su tali basi quindi, nel 1803, Dalton formul` la teoria atomica che pu` essere enunciata in o o tre punti. 1. Esistono atomi indivisibili.
4 Joseph-Louis 5 John

Proust (1754-1826), chimico francese. Dalton (1766-1844), scienziato inglese. 6 Cosa ovviamente falsa, ma ` ci` che allora pensava Dalton. e o 7 Jeremias Benjamin Richter (1762-1807), chimico tedesco.

186

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

2. Gli atomi di elementi diversi hanno masse diverse. 3. Gli atomi si combinano formando composti. Nel 1808 Gay-Lussac, studiando la combinazione dei gas, enunci` la seguente legge che porta il suo nome o I volumi delle sostanze che si combinano, a pressione e temperatura costanti, stanno tra loro secondo rapporti di numeri interi piccoli. Cos per esempio, due litri di idrogeno si combinano con un litro di ossigeno per formare due litri di , acqua. Le osservazioni di Gay-lussac sembrano contraddire le osservazioni precedenti che hanno portato alla teoria di Dalton: in quelle infatti si consideravano i rapporti fra i pesi (o, meglio, fra le masse) dei reagenti, mentre in queste si considerano i volumi. La soluzione dellapparente contraddizione venne nel 1811 da Avogadro il quale cap che il volume di un gas deve essere in una semplice relazione con il numero di molecole di cui ` composto il gas. Enunci` quindi la legge che porta il suo nome8 . e o Volumi uguali di gas, a parit` di pressione e di temperatura, contengono lo stesso a numero di molecole. Quindi se due litri di idrogeno si combinano sempre con un litro di ossigeno, e se un litro di ossigeno contiene lo stesso numero di atomi del litro di idrogeno, ` chiaro che ogni atomo di ossigeno deve combie narsi con due atomi di idrogeno e che quindi, diversamente da quanto pensava Dalton, la formula corretta dellacqua ` H2 O. e Avogadro rispose anche ad unaltra domanda: come mai due litri di idrogeno e uno di ossigeno danno due litri dacqua e non uno solo? Avogadro spieg` la cosa ammettendo che in condizioni ordinarie le o molecole di idrogeno e di ossigeno siano costituite da due atomi; ci` fa raddoppiare il numero di atomi o di idrogeno e di ossigeno che partecipano alla reazione e quindi il numero di molecole di acqua prodotte e quindi si ha un volume doppio. In formule, com` ben noto, tutto ci` si legge: e o 2H2 + O2 2H2 O . (2.1)

Si osservi che i numeri che compaiono davanti al simbolo, detti coecienti di reazione, oltre che il numero di molecole che partecipano alla reazione, rappresentano i volumi relativi di gas necessari alla reazione. La legge di Avogadro concluse il percorso di formazione della teoria atomica e di accettazione del concetto di atomo fra gli studiosi di chimica. Occorre per` dire che se il modello era praticamente accettato da o tutti come ipotesi di lavoro (cio` in tutti i laboratori si usavano le tabelle con i pesi atomici), vi era chi, e soprattutto in Germania ed in Austria, resisteva a considerare la teoria atomica come fondamentale perch e si riutava di accettare la validit` di teorie che prevedessero luso di oggetti che, come gli atomi, non a fossero osservabili. Questi critici si raccoglievano principalmente attorno alla gura di Mach a Vienna. Daltra parte la teoria atomica continuava ad avere nuove conferme ed applicazioni nella spiegazione fondamentale del calore e delle propriet` meccaniche e termiche dei gas. a

2.2

La natura dellelettricit`. I raggi catodici. a

In tutto lOttocento sono oriti esperimenti volti ad indagare la natura dellelettricit`. Volendone stua diare la natura intima, non ` opportuno studiare i corpi carichi perch le propriet` dellelettricit` che e e a a
8 In seguito, circa un secolo dopo, il numero citato nella legge verr` determinato; questo numero ` oggi noto come numero a e di Avogadro; per una sua determinazione vedi oltre.

` 2.2. LA NATURA DELLELETTRICITA. I RAGGI CATODICI.

187

ci interessano si confondono inestricabilmente con quelle del corpo che la ospita. Si trattava quindi di estrarre lelettricit` e di studiarla da sola; si pens` cos di studiare le scariche elettriche nei gas rarefatti; a o ` chiaro per` che anche il gas, bench rarefatto, interagisce con la scarica in esame; quindi i primi signie o e cativi esperimenti sono stati possibili quando ` stato possibile disporre di pompe da vuoto ecienti, ci` e o avvenne dal 1855 quando fu costruita una pompa che era in grado di ridurre la pressione allinterno di un tubo di vetro no a qualche decimillesimo della pressione atmosferica. Il fenomeno osservato nei tubi di vetro cos svuotati pu` essere descritto come segue. Allinterno del tubo o vennero poste due lastre metalliche collegate ad una pila elettrica, si dice anodo la lastra collegata al polo positivo e catodo quella collegata al polo negativo. Si osserv` un bagliore verdastro nei pressi del catodo. o Sembrava che qualcosa venisse emesso dal catodo, che viaggiasse attraverso lo spazio quasi vuoto del tubo, colpisse il vetro e venisse poi raccolto allanodo. Questo qualcosa venne chiamato cathodenstrahlen, cio` raggi catodici. e Per indagare la natura di questi raggi vennero fatti molti esperimenti che portarono a svariate teorie. Pl cker9 osserv` che se lanodo era fatto di platino, una pellicola sottile di platino si depositava sul vetro, u o suggerendo che i raggi catodici fossero piccoli pezzetti del materiale di cui ` costituito il catodo. Osserv` e o inoltre che il bagliore cambiava forma e posizione se al tubo veniva avvicinato un magnete; da questo fatto si poteva dedurre che raggi erano costituiti da particelle cariche. Nel 1883 Hertz trov` che i raggi catodici non erano deviati se fatti passare tra le armature di un condeno satore piano, quindi, non risentendo dellazione di un campo elettrico, non poteva trattarsi di particelle cariche, ma doveva secondo lui trattarsi di qualcosa di analogo alla luce. Nel 1891 osserv` che i raggi o potevano attraversare sottili lamine metalliche. Nel 1895 Perrin10 dimostr` che i raggi catodici erano in grado di depositare una carica negativa su di un o collettore di carica posto allinterno del tubo, contraddicendo quindi lesperimento di Hertz, il quale, si dedusse, aveva utilizzato campi elettrici poco intensi dando cos luogo ad una deviazione non osservabile. Nel 1897 Thomson11 riusc a misurare una deessione dei raggi catodici, mettendo in luce che, essendo i raggi attratti dalla armatura positiva, dovevano trasportare una carica negativa. Si trattava a questo punto di fare unanalisi quantitativa dei raggi. Uno dei tubi catodici usati da Thomson

C L A

Figura 2.1: Uno schema del tubo catodico di Thomson. ` rappresentato in gura 2.1; il catodo di platino C ` collegato tramite una batteria allanodo collimatore e e A, necessario ad ottenere un raggio ben sottile. Nella regione fra catodo e anodo i raggi vengono accelerati no a raggiungere una velocit` v; quindi si muovono di moto uniforme no ad incontrare, nella zona di a deessione, che ha lunghezza un campo elettrico, o magnetico, che ne incurva la traiettoria con una forza costante e perpendicolare, quindi i raggi si propagano nuovamente in linea retta per una lunghezza L no ad colpire lo schermo di vetro che, essendo ricoperta di un materiale fosforescente produce un punto luminoso visibile. Thomson ha misurato uno spostamento del punto luminoso sia in presenza del campo elettrico che in prePlcker (1801-1868), sico tedesco. u Baptiste Perrin (1870-1942), sico francese. 11 Joseph John Thomson (1856-1949), sico inglese.
10 Jean 9 Julius

188

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

senza del campo elettrico ed ha correttamente interpretato le sue misure supponendo che i raggi catodici siano particelle cariche di massa m, carica e e velocit` v per cui ha ricavato le seguenti espressioni (vedi a oltre per i dettagli). ( ) dM E m B 2 dE v= , = L+ , (2.2) dE B e Ed2 2 M ove, E e B sono il campo elettrico ed il campo magnetico applicati ai raggi, dE e dM sono gli spostamenti nel caso di deessione magnetica ed elettrica. Per il tubo con catodo di platino sopra descritto, le cui lunghezze sono = 0.05 m ed L = 1.1 m, Thomson ha impiegato i seguenti valori per i campi elettrico e magnetico: E = 1.0 104 N C1 e B = 3.6 104 T con i quali ha ottenuto le deviazioni dE = dM = 0.07 m. Con queste misure, tramite le equazioni (2.2), ha ricavato: v = 2.8 107 m s1 , m = 1.0 1011 kg C1 . e (2.3)

Le misure non sono molto accurate12 , probabilmente Thomson aveva commesso un errore nella valutazione delle intensit` dei campi, ma il suo risultato ` comunque importante, in modo decisivo, per i seguenti a e motivi. 1. Luniversalit`: le misure vennero ripetute variando le condizioni sperimentali, in particolare cama biando la sostanza di cui ` composto il catodo e il gas rarefatto contenuto allinterno del tubo di e vetro ottenendo diversi valori della velocit`, ma sempre lo stesso valore per il rapporto m/e. a 2. Linterpretazione: Thomson ha, n da subito, usato per interpretare i suoi dati la sica del moto dei corpi materiali, e non per esempio quella delle onde, riuscendo a ricavare teoricamente i parametri fondamentali del corpo in esame, cio` massa, carica e velocit` a partire dalla misura delle deessioni: e a ha avuto quindi ben chiaro il corretto modello interpretativo da usare. Dopo gli esperimenti di Thomson fu chiaro che i raggi catodici erano costituiti da particelle dotati di una carica negativa cui fu dato il nome di elettroni. In tutto questo non ` ancora stato spiegato il perch del bagliore verdastro. Oggi ` noto che i raggi e e e catodici sono usso di elettroni che vengono emessi dal catodo, accelerati fra catodo e anodo, percorrono il tubo quasi vuoto e colpiscono il vetro cedendo agli atomi del vetro la propria energia, che da questi viene riemessa sotto forma di luce visibile, il bagliore appunto, quindi tornano indietro attirati dallanodo; gli elettroni vengono emessi dal catodo cos violentemente da estrarre pezzetti di materiale che quindi vengono spruzzati sul vetro (il cos detto spruzzamento catodico).
Qui di seguito, per completezza, si riporta la derivazione delle formule utilizzate ricavate da Thomson e sopra utilizzate. Si segnala che si fa uso dei concetti di campo elettrico e magnetico; il lettore che non ne fosse familiare pu` passare oltre. o I raggi catodici entrano nella regione di deessione con velocit` v; in tale regione le leggi del moto sono a { { x(t) = vt vx (t) = v (2.4) 1 2 vy (t) = at y(t) = at 2 ove lasse x ` disposto lungo la direzione longitudinale del tubo, mentre y ` la direzione di deessione. Alla ne e e della deessione, cio` dopo un tempo t1 = /v, lo spostamento dovuto alla deessione ` y1 = at2 /2 = a2 /(2v 2 ) e e 1 e la velocit` vy = a/v. Nella regione successiva, lunga L, il moto ` rettilineo uniforme e le leggi del moto sono a e x(t) = vt (2.5) y(t) = a t ; v
12 Gli

esperimenti moderni misurano la quantit` inversa; il valore attuale ` e/m = 1.758820150(44) 1011 C kg1 . a e

2.3. LA CARICA DELLELETTRONE.

189

allistante t2 = L/v il raggio catodico colpisce il vetro e lulteriore spostamento ` y2 = at2 /v = aL/v 2 . La e deviazione totale ` pertanto e ( ) 1 2 L a d = y1 + y2 = a 2 + a 2 = 2 (2.6) +L . 2 v v v 2 Thomson ha usato per deettere i raggi sia un campo elettrico E che un campo magnetico B. Nei due casi laccelerazione vale evB eE , am = , ae = (2.7) m m e e ove m ` la massa della particella che costituisce i raggi catodici ed e ne ` la carica. Si noti che lassegnare ai raggi una massa e una carica signica decidere di interpretare i raggi catodici come composti da particelle: ` qui la e vera svolta interpretativa di Thomson cui si ` accennato sopra. e Quindi vi ` una deviazione elettrica pari a e ( ) eE de = +L (2.8) mv 2 2 ed una deviazione magnetica pari a dm = quindi dm Bv = de E sostituendo questa espressione per v in (2.9) si ottiene dm = da cui, inne, m B 2 de = e Ed2 m eb2 de mEdm ( v= Edm ; Bde (2.10) eB mv ( +L 2 ) , (2.9)

+L 2

) (2.11)

+L 2

) . (2.12)

2.3

La carica dellelettrone.

Dopo che Thomson ebbe misurato il rapporto fra la massa e la carica dellelettrone, si trattava di misurarli separatamente; questo ` stato fatto con un brillante esperimento, che sar` descritto in questo paragrafo, e a da Millikan13 nel 1911.14 In realt` si dar` conto dellesperimento in una versione un poco semplicata, a a ma sostanzialmente corrispondente al lavoro di Millikan, perfezionando un metodo di indagine, che qui si tralascia di descrivere15 , messo a punto da Thomson e dai suoi collaboratori. Si trattava di studiare il moto in un campo elettrico noto e costante di un corpo carico; Millikan scelse di studiare il moto di una gocciolina dolio in moto verticale tra le armature di un condensatore tra le quali era possibile creare un campo elettrico variabile ma noto. La goccia dolio poteva essere caricata tramite bombardamento di raggi ionizzanti, raggi X per esempio. Il moto della goccia fu seguito al microscopio. La prima misura ` stata con la goccia dolio in caduta libera a campo elettrico nullo nel condensatore. e In questo modo, la goccia dolio si muove sotto lazione della sua forza peso ed ` sottoposta allattrito e ` viscoso dellaria. E stata misurata la parte nale del moto della goccia quando ha gi` raggiunto la velocit` a a limite: infatti a tale velocit` la forza peso ` equilibrata dalla forza viscosa, data dalla legge di Stokes, a e vale quindi 4 3 r g = 6rv (2.13) 3
Andrews Millikan (1868-1953), sico statunitense. descrizione dellesperimento richiede conoscenze di elettromagnetismo ed in particolare lazione di un campo magnetico su di un corpo carico. 15 Per maggiori dettagli si veda, per esempio, Steven Weinberg, La scoperta delle particelle subatomiche. Zanichelli.
14 La 13 Robert

190

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

ove ` la densit` dellolio16 ; r ` il raggio della gocciolina dolio; ` la viscosit` dellaria. Si pu` cos e a e e a o , misurando la velocit` limite, determinare il valore del raggio r: a 9 v r= . (2.14) 2 g Facendo in modo che la goccia si muova in un campo elettrico noto E volto verso il basso, essa, carica negativamente, viene attratta verso lalto; a questo punto, alla velocit` limite, che in questo primo a esperimento viene indicata con v1 , la goccia, che si suppone trasportare la carica elettrica q1 , ` sottoposta e alle forze: peso, elettrica e viscosa le quali, come prima, si fanno equilibrio, cio`: e 4 3 r g + q1 E 6rv1 = 0 , 3 dal quale si ricava la velocit` a v1 = 1 6r ( ) 4 q1 + r3 g . 3 (2.15)

(2.16)

` E possibile ripetere lesperimento sulla stessa goccia dolio a cui si stata cambiata la carica tramite ulteriore bombardamento di raggi ionizzanti. Ripetendo tutto una seconda volta, sulla stessa goccia dolio, si trover` un diverso valore v2 della velocit` che corrisponde al nuovo valore q2 della carica, ma a a legate sempre dalla stessa relazione: ( ) 1 4 v2 = q2 + r3 g . (2.17) 6r 3 Ripetendo molte volte lesperimento Millikan osserv` che la dierenza fra le velocit` era sempre un o a multiplo intero della medesima quantit`, che qui si indica con V . Quindi: a v2 v1 = E (q2 q1 ) = nV , 6r (2.18)

e e ove n ` un numero intero positivo o negativo. Da qui ` immediato ricavare 6rV (2.19) ; E la dierenza fra le cariche presenti sulla goccia dolio `, si noti, sempre multiplo intero di una costante. e Millikan ha interpretato questo risultato osservando che la carica della goccia pu` cambiare solo per o multipli interi di una certa quantit` e lanalisi da lui fatti gli ha consentito di misurare con estrema a precisione questa quantit`, che adesso ` detta carica elementare ed il cui valore oggi accettato ` a e e q2 q1 = n e = 1.602176487(40) 1019 C . (2.20)

Faraday17 , sperimentando il passaggio di corrente elettrica nelle celle elettrolitiche, ha misurato la carica che passa per lelettrolito quando allelettrodo reagisce una mole di una elemento monovalente: il valore oggi accettato di tale carica ` e (2.21) F = 96485.3399(24) C mol1 , numero noto come costante di Faraday. Tale carica ` evidentemente uguale alla carica elementare per e e il numero di Avogadro NA . Quindi la misura della carica elementare ` anche una misura di del numero di Avogadro: F = eNA = NA = F = 6.02214179(30) 1023 mol1 . e (2.22)

16 Andrebbe anche considerata la spinta di Archimede dellaria sulla goccia, che porterebbe ad una correzione della densit` a dellolio che qui viene trascurata. 17 Michael Faraday (1791-1867), sico sperimentale inglese.

2.4. IL MODELLO DI THOMSON.

191

2.4

Il modello di Thomson.

Dopo la determinazione della natura corpuscolare dellelettrone, gli studiosi cominciarono a cercare un modello atomico che fosse coerente con lesistenza di una carica elementare; si trattava cio` di capire e come lelettrone si collocasse allinterno dellatomo. Il fatto ` che lelettrone, negativo, doveva prendere e posto in un atomo che, in condizioni normali, si sapeva esser neutro; nellatomo si doveva cos far posto anche ad una carica positiva. Presto due diversi tipi di teorie vennero proposte; la prima immaginava che la carica positiva fosse concentrata in uno o pi nuclei, la seconda supponeva che la carica fosse distriu buita uniformemente in tutto latomo18 . Perrin fu uno dei sostenitori del primo modello: proponeva di considerare latomo come un sistema solare in miniatura in cui gli elettroni negativi si muovevano attorno ad uno o pi nuclei positivi. Questa ipotesi sollev` due tipi di obiezioni; una di ordine teorico: infatti u o la teoria prevede che una carica accelerata emette energia elettromagnetica e quindi lelettrone avrebbe dovuto precipitare sul nucleo; la seconda obiezione era di ordine empirico: nessun fatto sperimentale allora noto richiedeva per la sua comprensione e la sua spiegazione lesistenza di un nucleo atomico. Cos i sici furono condotti ad assumere lipotesi pi semplice di una carica positiva diuso su tutto latomo, u evitando cos entrambe le obiezioni. Nel 1904, Thomson propose il suo modello atomico basato sulla presenza di una carica positiva uniformemente distribuita su tutto latomo, mentre gli elettroni erano disposti a intervalli regolari su anelli. Thomson dimostr` che in queste ipotesi esistevano delle congurazioni di equilibrio che, se gli anelli erao no posti in rotazione, consentivano di mettere grandi numeri di elettroni sugli anelli concentrici secondo strutture molto regolari che sembravano fornire uno schema interpretativo per la tabella di Mendeleev19 .
Si riporta qui, per completezza, e con lavviso che vengono usate tecniche matematiche superiori, come sia possibile, nel modello di Thomson, ottenere congurazioni di equilibrio. Si comincia con la determinazione della forza della carica positiva che agisce su di un singolo elettrone. Si indica con b il raggio dellatomo che si suppone interamente riempito da una carica positiva corrispondente ad n elettroni, sia pertanto ne tale carica positiva; evidentemente la densit` della carica positiva ` = 3ne/4b3 . Ad una distanza a dal centro dellatomo, con a e a < b si trova un elettrone di carica e. Per determinare la forza, che evidentemente ` diretta verso il centro, e si calcola lenergia elettrostatica e la si dierenzia rispetto ad a. Per determinare lenergia elettrostatica fra lelettrone ed una porzione innitesima di volume dV di carica positiva si scelgano gli assi cartesiani in modo tale che lelettrone si trovi sullasse z, cio` in modo tale che le sue coordinate siano (0, 0, a); per lelemento e innitesimo generico dV conviene usare le coordinate polari, allora la sua generica posizione ` data dalle coordinate e (r sen cos , r sen sen , r cos ) mentre il suo valore ` dV = r2 sen dddr. La distanza che separa dV e e lelettrone ` quindi data da e R= r2 sen2 cos2 + r2 sen2 sen2 + (r cos a)2 = r2 sen2 + r2 cos2 2ra cos + a2 = = r2 2ra cos + a2 .

(2.23)

Quindi lenergia elettrostatica fra lelettrone e e la porzione innitesima di carica dV ` e dU = k e ker2 sen d d dr . dV = 2 2ar cos + a2 R r (2.24)

Per trovare lenergia totale occorre integrare su tutta sfera no al raggio a, ` noto infatti (legge di Gauss) che la e porzione di raggio maggiore non esercita alcuna forza sullelettrone. Si trova cos :
2

d d
0

a dr
0

U (a) =
0

ker2 sen = 2ke 2 2ar cos + a2 r

a drr2
0

d
0

sen r2 2ar cos + a2

(2.25)

18 Per maggiori dettagli si vedano Enrico Bellone. Latomo e la radioattivit`, in Storia della scienza moderna e a contemporanea, vol. 3 tomo 1. Tea. Antonio Rostagni. Fisica generale, vol. 2, parte seconda. UTET. 19 Dimitrj Ivanovi Mendeleev (1834-1907), chimico russo. c

192
con la sostituzione 2ar cos = x, sen d = dx/2ar si ottiene a U (a) = 2ke ke = a a
0

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

drr2
0

1 2ar

2ar

2ar

]2ar drr 2 r2 x + a2

2ar

2ar a dx ke dx = drr = a r 2 x + a2 r 2 x + a2 0 2ar a a 2ke 4kea = drr(r a r a) = drr = a a 0 0

(2.26)

a2 = 2kea2 . = 4ke 2 Per trovare la forza sullelettrone a questo punto basta dierenziare rispetto ad a: F = U = 4kea ; a (2.27)

il segno meno dice che la forza ` diretta verso il centro, come era da attendersi; sostituendo il valore sopra esposto e per si trova 3ne 3kne2 a F = 4ke a= , (2.28) 3 4b b3 che la forza totale di tutta la carica positiva diusa sul singolo elettrone. Si veda ora cosa accade se sono

F16 /3 1

/6

F12

Figura 2.2: Le forze agenti sugli elettroni nel modello atomico di Thomson.
presenti n elettroni (in modo, evidentemente, che latomo sia neutro) disposti tutti alla stessa distanza a dal centro in modo simmetrico; si supponga cio` che siano disposti lungo una circonferenza con centro nel centro e dellatomo e avente raggio a ogni 2/n radianti. Nella gura ho rappresentato il caso con n = 6 a cui faccio riferimento per capire quel che succede. Si cerchi di determinare la forza totale agente sullelettrone indicato con 1. Si comincia col valutare le distanze. Usando il teorema della corda, si trova la distanza fra gli elettroni: la distanza d12 dellelettrone 1 dallelettrone 2 ` d12 = 2a sen /6; similmente d13 = 2a sen 2/6, d14 = 2a sen 3/6, e d15 2a sen 4/6 e d16 = 2a sen 5/6. Determinate cos le distanze ` possibile calcolare la forza fra due elettroni, per esempio e F12 = ke2 ; sen2 /6 (2.29)

4a2

si osservi per` che questa forza sommata con la forza F16 lascia come unico contributo una forza radiale centrifuga o il cui valore pu` essere scritto come F12 sen /6; discorso analogo dicasi per tutti gli altri elettroni accoppiati a o

2.5. IL MODELLO DI RUTHERFORD.

193

due a due (tranne, in questo caso, che per lelettrone 4 che d` da solo un contributo radiale). Quindi, alla ne il a contributo totale ` la somma di 5 contributi ad una forza centrifuga che si pu` scrivere nella forma: e o ( ) ke2 1 1 1 1 1 F = 2 + + + + . (2.30) 4a sen /6 sen 2/6 sen 3/6 sen 4/6 sen 5/6 Ricordando che il reciproco della funzione seno ` la funzione cosecante, si pu` generalizzare il risultato a n elettroni e o nella forma ke2 Fn = 2 Sn , (2.31) 4a ove si ` posto e n1 k . Sn = cosec (2.32) n
k=1

A questo punto quindi, su ciascun elettrone, vi ` una forza centripeta dovuta alla carica positiva distribuita su e tutto latomo ed una centrifuga dovuta agli altri elettroni presenti alla stessa distanza dal centro. Evidentemente la condizione di equilibrio per ciascun elettrone ` che valga la relazione e 3kne2 a ke2 = 2 Sn , b2 4a da cui si ottiene la condizione di equilibrio a3 1 (2.34) = Sn ; b3 12n quindi dato un atomo di raggio b gli elettroni sono in equilibrio solo se posti lungo una circonferenza di raggio a che ` verichi questa relazione. E possibile introdurre elettroni a diverse distanze dal centro dellatomo immaginando che la circonferenza su cui sono disposti possa ruotare attorno al centro con una velocit` angolare ; in questo a caso la condizione di equilibrio di ciascun elettrone deve tenere conto della corrispondente forza centrifuga e quindi diventa: a3 1 (2.35) = Sn + ma 2 . b3 12n Evidentemente variando il valore di ` possibile disporre di molte orbite elettroniche stabili. e (2.33)

2.5

Il modello di Rutherford.

Tra il 1909 ed il 1911 Rutherford20 , insieme con i due collaboratori Geiger e Marsden21 , mise alla prova il modello di Thomson con il seguente brillante esperimento. Delle particelle cariche di carica positiva, molto veloci e massicce22 , e quindi dotate di molta energia, chiamate particelle (che, in seguito, si sono rivelate essere nientaltro che nuclei di elio: quindi due protoni e due neutroni), emesse da un campione di radio, dopo essere state fatte passare attraverso una sottile fenditura in modo da ottenerne un fascio sottile, vennero fatte passare attraverso una sottilissima fogliolina doro. Per rilevare le particelle dopo il passaggio attraverso la foglia doro utilizzarono degli schermi di solfuro di zinco che emettono lampi di luce visibile se colpiti anche da una sola particella . Quello che gli sperimentatori si aspettavano, in accordo con il modello atomico di Thomson, era di trovare le particelle poco deviate da tantissimi urti con i piccoli elettroni fermi dentro gli atomi della foglia doro; invece, con loro grande sorpresa, trovarono che la maggior parte delle particelle subivano una deviazione pressoch nulla, alcune particelle venivano deviate con angoli anche molto grandi e che e alcune altre (poche: circa una ogni 10000, ma non nessuna, come era necessario attendersi dal modello di Thomson) venivano addirittura rimbalzate indietro. Questo esperimento mostrava quindi che il modello di Thomson non poteva esser vero. Rutherford e i suoi collaboratori interpretarono lesperimento facendo le seguenti due osservazioni.
20 Ernest 21 Hans

Rutherford, lord Nelson (1871-1937), sico inglese. Geiger (1882-1945), sico tedesco; Ernest Marsden (1889-1970), sico neozelandese. 22 Naturalmente, qui con la parola massicce si intende riferirsi alla scala atomica.

194

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

1. Se la maggior parte delle particelle attraversa la foglia doro indisturbata signica che gli atomi che costituiscono la foglia sono per lo pi vuoti. u 2. Se alcune particelle , che, si ricordi, portano una carica elettrica positiva, vengono riesse allindietro, o comunque deviate anche di un grande angolo, signica che sul loro percorso incontrano una carica positiva23 molto alta e molto massiccia che le respinge indietro per repulsione elettrica. Quindi il lavoro sperimentale di Rutherford e collaboratori smentiva il modello atomico senza nucleo e promuoveva senzaltro il modello nucleare. Restavano per` aperti alcuni problemi: primo fra tutti quello o dellinstabilit` dellatomo, ma anche alcune strane propriet` dellemissione spettrale degli atomi. a a
Prima di cominciare lanalisi degli spettri atomici dellidrogeno, conviene dare, seppure a margine, una giusticazione teorica dellinstabilit` dellatomo di Rutherford24 . Per far ci` occorre richiamare che una carica accelerata a o emette energia sotto forma di radiazione elettromagnetica ed, in particolare, la potenza irradiata da una carica e sottoposta ad unaccelerazione costante a, nellapprossimazione non relativistica (cio` per velocit` non troppo e a vicine a quella della luce) ` data da25 : e e2 a2 (2.36) P = . 60 c3 A questo punto si ricordi che la forza coulombiana fra il nucleo e lelettrone nellatomo di idrogeno ` uguale alla e massa per laccelerazione centripeta, quindi: 1 e2 v2 =m 2 40 r r da cui ` immediato ricavare e 1 e2 = mv 2 . 40 r Lenergia potenziale elettrostatica, com` ben noto, vale: e U = mentre lenergia cinetica, usando anche (2.38): EC = quindi per lenergia meccanica si pu` scrivere o E = U + EC = 1 e2 1 1 e2 1 e2 1 e2 + mv 2 = + = . 40 r 2 40 r 40 2r 40 2r (2.41) 1 1 e2 mv 2 = ; 2 40 2r (2.40) 1 e2 , 40 r (2.37)

(2.38)

(2.39)

Ora ricordando la (2.36) ed usando il fatto che a = F/m = e2 /(40 mr2 ): ( )2 e2 1 e2 e6 e 2 a2 = = . P = 3 3 2 3 3 c3 m 2 r 4 60 c 60 c 40 mr 96 0

(2.42)

Ma la potenza emessa deve essere la derivata di W rispetto al tempo cambiata di segno, perch nel tempo lenergia e diminuisce; quindi, usando (2.41), si pu` scrivere o P = dW dr 1 e2 dr dW = = , dt dr dt 40 2r2 dt (2.43)

23 La deviazione di grande angolo e la riessione indietro potrebbero, in teoria, essere dovute anche a delle cariche negative, ma gli elettroni, che sono le uniche cariche negative disponibili allinterno di un atomo, hanno una massa troppo modesta rispetto alle particelle (sono infatti circa 8000 volte pi leggeri) per poter essere responsabili di una deviazione cos u cospicua. 24 Si veda ad esempio: Antonio Rostagni, cit. 25 Per una dimostrazione di questa formula si rimanda, per esempio, a: Roberto Fieschi (a cura di). Enciclopedia della sica. vol. 1, cap. 3. ISEDI.

2.6. SPETTRI ATOMICI.

195

da cui

e2 1 e2 96 3 3 c3 m2 r4 12 2 2 c3 m2 r2 0 0 dr = dr = dr . (2.44) 80 r2 P 80 r2 e6 e4 Questo dierenziale, integrato fra gli estremi r0 , raggio dellatomo di idrogeno, e lo zero, d` il tempo impiegato a dallelettrone a collassare nel nucleo: dt = 12 2 2 c3 m2 0 = e4 0 r2 dr =
r0 3 12 2 2 c3 m2 r0 0 . 4 e

(2.45)

Usando i seguenti valori moderni per le costanti26 , si ottiene 1.56 1010 s , (2.46)

il che signica che un atomo di idrogeno secondo lelettrodinamica classica collasserebbe in un tempo innitesimo; risultato incompatibile con lo stesso risultato sperimentale di Rutherford per il quale latomo ha le dimensioni di circa 1010 m ed ` praticamente vuoto. e

2.6

Spettri atomici.

` E un fatto sperimentalmente accertato che un gas opportunamente riscaldato emette radiazione elettromagnetica. Analizzando tale radiazione per mezzo di un prisma essa risulta composta di certe righe colorate cui corrispondono ben denite lunghezze donda. Queste lunghezze donda sono caratteristiche della sostanza di cui ` composto il gas e costituiscono quello che viene detto lo spettro di emissione del gas e in questione. Daltro canto, se della radiazione elettromagnetica di luce bianca, e quindi composta di tutte le frequenze visibili, viene fatta passare attraverso il medesimo gas, e la radiazione uscente ottenuta viene analizzata con il prisma, si osservano delle righe nere in corrispondenza delle medesime frequenze osservate nello spettro di emissione; tali righe nere costituiscono lo spettro di assorbimento del gas in questione. Il gas quindi ` in grado di assorbire le stesse frequenze che ` in grado di emettere. e e Di tali spettri ` stato fatto un approfondito studio sperimentale negli ultimi decenni dellOttocento ed e ` stato possibile ricavare alcune formule empiriche per la determinazione delle lunghezze donda core rispondenti agli spettri. La prima ` stata determinata da Balmer27 il quale nel 1885 ha mostrato che le e lunghezze donda corrispondenti a certe righe dellidrogeno vericano la relazione ( ) 1 1 1 (2.47) = RH 2 , n = 3, 4, 5, 6, 7 , 22 n ove RH = 1.0973731568527(73) 107 m1 ` detta costante di Rydberg.28 , e Successivamente vennero scoperte altre serie di righe dello spettro dellatomo di idrogeno corrispondenti a lunghezze donda dellinfrarosso e dellultravioletto e date dalle relazioni 1 = RH 1 = RH ( ( 1 1 2 2 1 n 1 1 2 42 n ) , n = 2, 3, 4, 5, 6, 7 ) , n = 5, 6, 7 1 = RH 1 = RH ( ( 1 1 2 2 3 n 1 1 2 52 n ) , n = 4, 5, 6, 7 ) , n = 6, 7 , (2.48)

26 Si vedano le equazioni (1.1) della parte III e (2.20); inoltre i seguenti valori presi da C. Amsler et al. (Particle Data Group), Physics Letters B667, 1 (2008): m = 9.10938215(45) 1031 kg, r0 = 5.2917720859(36) 1011 m, ` il raggio di Bohr (si veda oltre); e = 1/(4c2 ) 107 = 8.854187817 1012 C2 J1 m1 . 27 Johann Jacob Balmer (1825-1898), sico tedesco. 28 Johannes Robert Rydberg (1854-1912), sico tedesco.

196

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

scoperte rispettivamente da Lyman, Paschen, Brackett e Pfund29 Si trattava quindi di capire perch lo e spettro dellatomo di idrogeno avesse questo comportamento regolare esprimibile con una semplice forma in termini di numeri naturali. Era evidente che una qualche caratteristica dellatomo restava ancora sconosciuta e inspiegata in termini del modello atomico di Rutherford.

2.7

Modello atomico di Bohr.

Una soluzione a questi problemi venne data nel 1913 da Bohr30 , premio Nobel nel 1922, che propose un modello atomico per latomo di idrogeno basato sui seguenti postulati. 1. Lelettrone si muove su di unorbita circolare attorno al nucleo sottoposto alla forza di attrazione coulombiana e seguendo le leggi della meccanica newtoniana. 2. Le sole orbite possibili sono quelle il cui momento angolare sia un multiplo intero positivo di31 = h . 2 (2.49)

3. In tali orbite lelettrone ` stabile: non emette radiazioni elettromagnetiche e la sua energia ` e e costante. 4. Viene emessa della radiazione se lelettrone passa da unorbita di energia E2 ad unorbita di energia inferiore E1 ; in tal caso la frequenza della radiazione emessa ` e = E2 E1 . h (2.50)

Questi postulati di fatto abbandonano per la prima volta la teoria classica: il primo accoglie lipotesi di nucleo atomico positivo introdotto da Rutherford; il secondo introduce la quantizzazione delle orbite elettroniche; il terzo rimuove a priori lostacolo dellinstabilit` per radiazione elettromagnetica delle orbite a dellatomo di Rutherford; il quarto, inne, accoglie lidea di Einstein della proporzionalit` fra energia e a frequenza di unonda elettromagnetica, per la quale si veda oltre la sezione 3.2. Si analizzino ora le conseguenze di tali postulati. Siano +e ed M la carica e la massa del nucleo dellatomo di idrogeno e siano e e m la carica e la massa dellunico elettrone orbitante. Se, come si suppone, M m, ` possibile trascurare il moto del nucleo ed occuparci esclusivamente del moto dellelettrone. e Questo procedimento ` analogo a quello adottato nello studio dei moti planetari, ove il moto del Sole e pu` essere trascurato poich la sua massa ` molto maggiore delle masse dei pianeti. A norma del primo o e e postulato, lelettrone si muove su di unorbita circolare seguendo le leggi della dinamica classica sottoposto alla forza di attrazione coulombiana, quindi, ricordando che nel moto circolare laccelerazione ` centripeta e ed ` data dalla formula a = v 2 /r, dalla legge fondamentale della dinamica newtoniana ottiene e F = ma = 1 e2 v2 =m , 2 40 r r (2.51)

essendo v il modulo della velocit` orbitale e r il raggio dellorbita. Per il secondo postulato deve valere a L = n , quindi, ricordando che nel moto circolare uniforme il momento angolare vale L = mrv ottiene mrv = n ,
29 Theodore

(2.52)

Lyman (1874-1954), sico statunitense; Louis Paschen (1865-1947), sico tedesco; Frederick Sumner Brackett (1896-1972), sico statunitense; August Hermann Pfund (1879-1949), sico statunitense. . 30 Niels Bohr (1885-1962), sico danese. 31 h ` detta costante di Planck; ` la costante fondamentale della teoria quantistica e se ne dovr` parlare ancora fra e e a qualche pagina; per il suo valore numerico si veda oltre lequazione (3.13).

2.7. MODELLO ATOMICO DI BOHR.

197

da cui

n n2 2 = v2 = 2 2 = mr m r Dal confronto di (2.51) e (2.53), si ottiene immediatamente v= 1 e2 n2 2 = . 40 r2 mr3

v2 n2 2 = . r mr3

(2.53)

(2.54)

Quindi le orbite che vericano la condizione ottenuta sono solo quelle il cui raggio e la velocit` delleleta trone vericano le relazioni 40 2 2 e2 1 rn = n , vn = , (2.55) me2 40 n ove ` stata messa in evidenza la dipendenza dal numero intero n. Quindi allaumentare di n aumenta e (quadraticamente) il raggio dellorbita e diminuisce la velocit` e quindi lenergia dellelettrone. a Per n = 1 si ottiene lorbita pi piccola cui corrisponde il raggio, detto raggio di Bohr (si veda la u prcedente nota 26). 40 2 r1 = = 5.2917720859(36) 1011 m 0.5 , A (2.56) me2 che ` in buon accordo con le stime fatte sulla dimensione degli atomi32 . Per tale orbita la velocit` vale e a v1 = e2 2.2 106 m s1 . 40 (2.57)

Si esamini ora lenergia delle orbite permesse. Essa ` data dalla somma di energia cinetica ed energia e potenziale; quindi lenergia dellorbita di raggio rn ` e En = 1 e2 e2 e2 e2 me4 2 mvn = = = 2 40 rn 80 rn 40 rn 80 rn (40 )2 2
2

1 , n2

(2.58)

ove si ` usata la relazione (2.51) e la prima delle (2.55). Si vede cos che la quantizzazione del momento e angolare postulata da Bohr ha come conseguenza la quantizzazione dellenergia dellorbita. Lenergia dellorbita pi piccola, che ` anche lenergia di legame dellelettrone al nucleo, ` u e e E1 = me4 (40 )2 2
2

= 13.60569193(34) eV ,

(2.59)

valore che corrisponde bene ai dati sperimentali33 . Il quarto postulato di Bohr a questo punto consente di determinare la frequenza emessa da un atomo quando lelettrone passa da unorbita a energia maggiore a uno ad energia minore; sia dunque E2 > E1 e quindi n1 < n2 , si ottiene ( ( ) ) me4 1 1 E2 E1 1 me4 1 = = 2 = 2 , (2.60) h (40 )2 2 2 h n2 n2 (40 )2 4 3 n2 n2 1 1 cui corrisponde, usando la relazione c = che lega frequenza, lunghezza e velocit` di unonda, a ( ) me4 1 1 1 = = 2 . c (40 )2 4 3 c n2 n2 1

(2.61)

32 ` il simbolo dell Ae angstrom, unit` di misura di lunghezza particolarmente adatta a oggetti microscopici e molto usata a in teoria atomica ed in spettroscopia; prende il nome da Anders Jonas ngstrom (1814-1974), sico danese. Vale la relazione A 1 =10 1010 m. A 33 Un elettronvolt (simbolo eV) ` il lavoro fatto su un elettrone da una dierenza di potenziale di un volt: e 1 eV=1.602176487(40) 1019 J; si tratta di una unit` di misura di energia utile su scala atomica, mentre su scala subatomica a vengono usati i suoi multipli MeVe GeV.

198

CAPITOLO 2. MODELLI ATOMICI.

Questa formula rende conto delle formule ottenute sperimentalmente da Balmer, Lyman, Paschen, Brackett e Pfund discusse nel paragrafo precedente se si identica RH = me4 (40 )2 4 . (2.62)

3c

Questa identicazione ` confortata dal confronto fra valori teorici e dati sperimentali. e Si pu` cos concludere che, nel modello atomico di Bohr, le diverse righe righe di uno spettro atomico sono o spiegate come transizioni di un elettrone da unorbita ad energia maggiore ad una ad energia minore. Il riscontro sperimentale pu` essere migliorato tenendo conto del fatto che la massa del nucleo non ` innita o e e che quindi nucleo ed elettrone si muovono entrambi attorno al comune centro di massa. Con questa correzione laccordo fra teoria e dati sperimentali ` ottimo. e

Capitolo 3

Meccanica quantistica.
3.1 Introduzione al problema. Il corpo nero.

Verso la ne del XIX secolo il modello teorico costituito dalla meccanica di Newton, sviluppata tra il XVII ed il XVIII secolo, e dalla Termodinamica, sviluppata nel XIX secolo, cominciava a mostrare i suoi punti di debolezza. Vennero scoperti infatti alcuni fenomeni che non ammettevano una spiegazione nellambito del modello allora accettato. Dallo studio e dallanalisi di questi problemi nacquero, nei primi decenni del XX secolo, la Teoria della Relativit` e la Meccanica Quantistica, le due grandi teorie che hanno cambiato a radicalmente il modo di arontare la descrizione scientica della realt`, dando inoltre la stura ad un a importantissimo dibattito epistemologico e losoco che non si pu` certo dire ancora concluso. o In questo capitolo si esaminano i fatti che hanno portato alla nascita della meccanica quantistica, cercando di dare una descrizione, necessariamente qualitativa e per cenni, della struttura teorica che ` stata creata e per dare conto di questi fatti. Uno dei problemi con cui si dibatteva la sica teorica della ne dellOttocento era quello di dare una descrizione coerente del fenomeno di radiazione del corpo nero. Il problema pu` essere illustrato secondo o le linee seguenti. ` E un fatto sperimentale che la materia condensata, solida o liquida, assorbe ed emette energia sotto forma di radiazione termica, cio`, detto in altro modo, assorbe ed emette calore nella forma di radiazioni e elettromagnetiche. Si dice potere emissivo e(, T ) di un corpo di temperatura T la potenza della radiazione di frequenza emessa dal corpo per unit` di supercie; si dice potere assorbente a(, T ) di un corpo il rapporto fra a la potenza assorbita dal corpo e quella incidente sul corpo. Le quantit` e(, T ) ed a(, T ) dipendono, oltre che dalla frequenza e dalla temperatura, anche dalle a propriet` siche del corpo e della sua supercie; esistono per` delle grandezze universali che non dipendono a o dal corpo; queste propriet` di universalit` sono stabilite dalle seguenti due leggi di Kirchho . 1 a a Prima legge di Kirchho. Lenergia per unit` di volume della radiazione di a frequenza contenuta allinterno di una cavit` in equilibrio termico a temperatura a T , non dipende dalla cavit`, ma solo da e T . a Seconda legge di Kirchho. Il rapporto fra il potere emissivo e(, T ) ed il potere assorbente a(, T ) di un corpo non dipende dal corpo, ma solo da e T . Le dimostrazioni delle due leggi di Kirchho sono riportate, per completezza, in carattere tipograco minore; il lettore non interessato pu` passare oltre senza compromettere le comprensione di quel che o
1 Gustav

Robert Kirchho (1824-1887), sico e matematico tedesco.

199

200

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

segue.
Dimostrazione della prima legge. Si considerino due cavit` A e B aventi la stessa temperatura T e si supponga per assurdo che per un certo valore a della frequenza valga uA (, T ) > uB (, T ) . (3.1) Si consideri allora un dispositivo che colleghi le due cavit` in modo tale da consentire il passaggio della sola a radiazione di frequenza ; si pensi, per esempio, ad un bra ottica. Attraverso tale dispositivo di collegamento si avr` dunque un usso di energia da A a B che tenda a ristabilire lequilibrio energetico, conseguentemente a la temperatura della cavit` B aumenta. A questo punto fra A e B vi ` una dierenza di temperatura creata a e spontaneamente da una situazione di equilibrio termico; questa dierenza di temperatura pu` essere usata per far o funzionare una macchina termica che compia un certo lavoro riportando B alla temperatura T . Questo viola il secondo principio della termodinamica nellenunciato di Kelvin poich il sistema ha compiuto una trasformazione e ciclica in cui il calore assorbito dallunica sorgente A viene interamente trasformato in lavoro; lipotesi (3.1) ` e quindi impossibile; allo stesso modo si dimostra limpossibilit` della disuguaglianza opposta, pertanto a uA (, T ) = uB (, T ) ; visto che le due cavit` sono arbitrarie, la quantit` u(, T ) non dipende dalla cavit`. a a a Dimostrazione della seconda legge.2 Si considerino due corpi A e B posti fra due specchi S individuando tre zone 1, 2 e 3 come in gura. I due corpi (3.2)

A S

B S

Figura 3.1: La seconda legge di Kirchho.


siano trasparenti a tutte le frequenze esclusa e siano in grado di assorbire ed emettere la frequenza solo lungo le due supercie aacciate, tratteggiate in gura. Si indichino, per alleggerire la notazione, (eA , aA ) ed (eB , aB ) i poteri emissivi ed assorbenti di A e B alla frequenza ed alla temperatura T . Lenergia totale emessa da A in un certo tempo ` proporzionale al potere emissivo, viene dunque indicata con e eA , e similmente per B. (1) Allequilibrio termico con temperatura T nella zona 1 lenergia D che uisce verso destra deve essere uguale (1) e e allenergia S che uisce verso sinistra; questultima ` uguale a quella che uiva nella zona 2 e che non ` stata assorbita da A; quindi (2) (1) D = (1 aA )S ; (3.3) similmente per la zona 3 vale S = (1 aB )D .
(3) (2)

(3.4)

Ora, lenergia che si propaga verso sinistra nella zona 2 ` la somma di quella emessa da B pi quella che proviene e u dalla zona 3 attraverso B, quindi S = eB + S = eB + (1 aB )D .
(2) (3) (2)

(3.5)

2 Questa dimostrazione segue sostanzialmente la dimostrazione originale fornita da Kirchho; si vedano anche M. Planck, The Theory of Heat Radiation, Dover Publications, G. Pauti, Note sulla nascita della Meccanica Quantistica, Edizioni Plus.

3.1. INTRODUZIONE AL PROBLEMA. IL CORPO NERO.

201

Similmente, per lenergia che si propaga verso destra nella zona 2 vale: D = eA + D = eA + (1 aA )S .
(2) (1) (2)

(3.6)

Allequilibrio termico i due corpi devono emettere tanta energia quanta ne assorbono, devono quindi valere le relazioni (2) (2) (3.7) eA = aA S , eB = aB D sostituendo la prima di queste equazioni nella (3.6) si trova D = a A S + S a A S da cui, usando entrambe le (3.7) si ottiene eA eB = aA aB che ` quanto si doveva dimostrare. e eA eB = aA aB (3.9)
(2) (2) (2) (2)

D = S ,

(2)

(2)

(3.8)

Si denisce corpo nero un corpo che assorbe tutta la radiazione che incide su di esso per qualsiasi valore della frequenza e della temperatura. Per un corpo nero quindi il potere assorbente vale 1. Usando il secondo teorema di Kirchho si conclude quindi che tutti i corpi neri hanno lo stesso potere emissivo. La radiazione emessa da un corpo nero, detta radiazione di corpo nero ` la stessa per tutti i corpi neri e aventi la stessa temperatura. Lo spettro di tale radiazione ` continuo3 anche se gran parte dellintensit` luminosa ` emessa ad una e a e certa frequenza che viene detta frequenza principale. Si osservi che lo spettro di emissione di un corpo nero non contiene radiazione riessa. Per ottenere un corpo che sia con ottima approssimazione un corpo nero si costruisca una cavit`, con a le pareti interne annerite in modo da favorire lassorbimento, e con un piccolo foro. La radiazione che penetra nella cavit` attraverso il foro viene riessa sulle parete interne della cavit`; ad ogni riessione a a parte della radiazione viene assorbita; in tal modo la radiazione che riesce a fuoriuscire dal piccolo foro pu` essere considerata trascurabile. A temperatura ambiente osservando dallestero il foro esso appare o nero; aumentando la temperatura appare dapprima rosso quindi il colore cambia no a diventare giallo e poi violetto. Anche a temperatura ambiente la cavit` emette radiazioni ma, essendo infrarosse, non sono a visibili allocchio umano. Utilizzando la sica classica si pu` dimostrare che tale densit` di energia ` esprimibile come dovuta ad una o a e serie di oscillatori armonici non interagenti; in termini di tali oscillatori ` possibile determinare la densit` e a di energia elettromagnetica u() contenuta nellintervallo fra le frequenze e + , ottenendo la relazione 8 2 u(, T ) = 3 kT , (3.10) c ove c ` la velocit` della luce, k la costante di Boltzmann e T la temperatura assoluta di equilibrio e a del corpo nero. Questa relazione ` detta legge di Rayleigh-Jeans.4 Il problema ` che questa legge e e non ` in accordo con i dati sperimentali. Pi precisamente, laccordo ` abbastanza buono per piccole e u e frequenze, ma diventa completamente errato per frequenze grandi; si osservi in particolare che la densit` a di energia cresce con le frequenze, quindi, dovendo considerare tutte le frequenze possibili, dentro la cavit` a dovrebbe esserci unenergia innita: risultato palesemente assurdo. Le evidenze sperimentali mostrano un comportamento del tipo illustrato qualitativamente in gura 3.2: esiste un valore della frequenza, detta frequenza principale, per cui ` massima la densit` di energia emessa. Tale frequenza aumenta con e a la temperatura. Larea sottostante la curva ` lenergia totale emessa (e, come si potrebbe dimostrare, ` e e nita). Quindi la teoria classica, bench in grado di spiegare il carattere di universalit` della radiazione e a
3 Uno spettro ` detto continuo quando le onde elettromagnetiche hanno frequenze disposte in modo continuo cio` per e e qualunque valore reale esiste unonda emessa che abbia frequenza uguale a quel valore. 4 James Hopwood Jeans (1877-1946), sico inglese.

202
u(, T ) Rayleigh-Jeans

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

T2 T1 1 2

Figura 3.2: Confronto fra la curva di Rayleigh-Jeans e le curve sperimentali. del corpo nero, risulta ` incapace di rendere conto del tipo di spettro. e La spiegazione dello spettro di emissione del corpo nero ` dovuta a Planck5 che nel 1900 fece lipotesi che e gli scambi di energia fra la radiazione e le pareti della cavit` potessero avvenire solo per multipli di una a quantit` fondamentale, proporzionale alla frequenza della radiazione. Suppose quindi che tale energia si a potesse scrivere nella forma E = nh , (3.11) e e a ove n ` un numero intero e h ` una costante di proporzionalit`, detta costante di Planck. Questipotesi gli consent di ricavare la seguente formula per la densit` di energia a u(, T ) = 8h 3 1 . c3 eh/KT 1 (3.12)

Con questa espressione laccordo con i dati sperimentali ` eccellente ove si scelga per h il valore numerico e h = 6.62606896(33) 1034 J s . Il lavoro di Planck di fatto segna linizio della sica quantistica. (3.13)

3.2

Eetto fotoelettrico.

Il successivo passo avanti venne nel 1905 ad opera di Einstein; questi infatti utilizz` ed estese lipotesi di o Planck per dare una spiegazione teorica delleetto fotoelettrico che era stato scoperto nel 1886 da Hertz e che la sica classica non era in grado di spiegare. La questione pu` essere riassunta nel modo seguente. o Allinterno di un tubo in cui sia stato praticato il vuoto si fa incidere una radiazione monocromatica (cio` e costituita da onde di ununica frequenza) sopra una lamina metallica, detta catodo. Aacciata al catodo si trova una seconda lamina, detta anodo, e fra esse un generatore mantiene una dierenza di potenziale V che pu` essere variata a piacere dello sperimentatore; si considerer` positiva la dierenza di potenziale o a quando il catodo si trova ad un potenziale minore dellanodo. In serie al generatore ` anche posto un e amperometro A per la misura della corrente eventualmente circolante nel circuito. Quando la radiazione incide sul catodo si ha unemissione di elettroni che, accelerati dalla dierenza di potenziale positiva applicata, vanno a cadere sullanodo; tali elettroni sono rilevati come corrente elettrica dallamperometro. Eseguendo lesperimento si osservano i seguenti fatti. La corrente misurata dallamperometro aumenta
5 Max

Planck (1858-1947), sico tedesco.

3.2. EFFETTO FOTOELETTRICO.

203

con il potenziale applicato no ad un certo valore, detto di saturazione, per il quale ogni singolo elettrone emesso dal catodo ` raccolto dallanodo. Il valore della corrente di saturazione dipende dallintensit` e a

Figura 3.3: Schema dellapparato sperimentale per leetto fotoelettrico. I della radiazione incidente. In gura 3.4a ` riportata la dipendenza della corrente i in funzione della e dierenza di potenziale V applicata per due diversi valori (I1 < I2 ) dellintensit`. Si osserva inoltre a che invertendo il potenziale, cio` ponendo lanodo ad un potenziale minore rispetto al catodo, si misura e ancora una certa corrente; questo ` dovuto al fatto che gli elettroni vengono emessi con una certa energia e cinetica e quindi, bench frenati dal potenziale che si oppone al loro moto, riescono a raggiungere lanodo. e Allaumentare del potenziale inverso la corrente diminuisce no a raggiungere, per un certo valore V0
i i2 I2 V0

i1

I1

V a

0 b

Figura 3.4: Illustrazione dei risultati sperimentali delleetto fotoelettrico. del potenziale detto potenziale darresto, il valore zero. Il potenziale di arresto ` quello per cui il lavoro e M frenante eV0 fatto su ciascun elettrone uguaglia lenergia cinetica massima, Ec degli elettroni emessi, vale cio` e M Ec = eV0 . (3.14) Risulta che il potenziale darresto ` indipendente dallintensit` della radiazione incidente ma cresce line a earmente con la frequenza della radiazione incidente, vedi gura 1.5b. e Inoltre si osserva una frequenza minima 0 al di sotto della quale il potenziale darresto ` nullo e quindi lenergia cinetica massima di emissione degli elettroni ` zero: cio`, in altre parole, non si ha emissione e e

204

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

di elettroni. Inne non si ` mai osservato nessun ritardo temporale fra linizio dellincidenza dellonda e e lemissione degli elettroni indipendentemente dalla intensit` della radiazione. Il modello ondulatorio a della radiazione elettromagnetica non riesce a rendere conto dei precedenti fatti sperimentali; di seguito se ne analizza il motivo punto per punto. 1. Secondo il modello ondulatorio aumentando lintensit` dovrebbe aumentare il campo elettrico agente a sugli elettroni e con esso la forza con la quale sono strappati dai loro atomi e quindi lenergia cinetica M con la quale gli elettroni sono emessi; ma, come visto, V0 , e quindi Ec , ` indipendente dallintensit` e a dellonda incidente. 2. Secondo il modello ondulatorio leetto di emissione dovrebbe vericarsi per qualunque frequenza della radiazione incidente, purch lintensit` della radiazione sia sucientemente alta; infatti, per e a ogni frequenza, aumentando I aumenta il campo elettrico, e quindi la forza di estrazione; come visto sopra, invece, esiste una frequenza minima. 3. Secondo il modello ondulatorio per una radiazione sucientemente debole dovrebbe passare un certo tempo anch un elettrone riceva lenergia suciente allestrazione; si ` invece visto che il e e processo di estrazione ` istantaneo. e Per dare una spiegazione di questi fatti, Einstein6 non solo accolse lipotesi di Planck secondo cui, come visto sopra, la radiazione scambia con la materia energia quantizzata, ma la estese postulando che la radiazione elettromagnetica consista di quantit` discrete che sono dette i quanti7 della radiazione eleta tromagnetica e sono anche noti con il nome di fotoni8 , la cui energia ` legata alla frequenza della relazione e dalla relazione detta di Planck-Einstein: E = h . (3.15) Per seguire il procedimento di Einstein si indichi con Ei lenergia di estrazione degli elettroni, detta anche energia di ionizzazione, corrispondente al lavoro che occorre fare sullelettrone per sottrarlo alla forza di attrazione del nucleo e che misura qualche elettronvolt. Lenergia portata dal fotone viene utilizzata in parte per il lavoro di estrazione, mentre lenergia rimanente si ritrova come energia cinetica K dellelettrone estratto; questa allora ` data da e Ec = h Ei . (3.16)

Si vede che ora ` semplice rendere conto della fenomenologia sopra descritta; si osservi infatti che lee nergia cinetica dellelettrone emesso non dipende dallintensit` della radiazione ma solo dalla frequenza. a Aumentando lintensit` della radiazione, aumentano i fotoni, quindi aumentano gli elettroni estratti e a quindi aumenta la corrente. Inoltre la frequenza minima ` spiegata osservando che lenergia cinetica ` e e nulla, cio` Ec = 0, quando la frequenza assume il valore 0 tale che e h0 = Ei ; (3.17)

se la frequenza ` al di sotto del valore 0 non ci pu` essere emissione poich lenergia incidente non ` e o e e suciente allestrazione. Venendo al potenziale darresto, il potenziale che annulla la corrente ` quello che fornisce un lavoro e suciente a frenare gli elettroni, cio` quello che uguaglia lenergia cinetica degli elettroni emessi; quindi e Ec = eV0
6 Non

eV0 = h Ei = h h0

V0 =

h0 h . e e

(3.18)

sar` inutile ricordare che il lavoro sulla spiegazione delleetto fotoelettrico mediante il modello a fotoni ` valso ad a e Einstein il Premio Nobel nel 1921. 7 Lorigine della parola quanto ` dallinglese quantum (pl. quanta) che signica porzione, quantit` richiesta, e che, a e a sua volta, viene dal neutro dellaggettivo latino quantus. 8 Lorigine del nome fotone ` dal greco , o che, com` noto, signica luce. e e

3.3. TRE ESPERIMENTI.

205

Si ` cos ottenuta lequazione della retta che d` la dipendenza del potenziale darresto dalla frequenza. e a Inne anche lassenza del ritardo temporale ` spiegata infatti lenergia necessaria allestrazione arriva e istantaneamente e tutta insieme con il fotone e non poco per volta come nel modello ondulatorio. Si pu` cos concludere aermando che il modello a fotoni della radiazione elettromagnetica fornisce una o completa e convincente spiegazione delleetto fotoelettrico, che era invece completamente incomprensibile in termini del modello ondulatorio classico. Questo successo ` stato particolarmente determinante a trasformare lipotesi matematica di Planck in un e modello sico. Il modello a fotoni sembra quindi aermare che la vera natura della luce ` corpuscolare; e daltra parte sembra non sia possibile, mediante il modello a fotoni, spiegare le propriet` tipicamente a ondulatorie della luce, come interferenza e dirazione. Apparentemente la luce si comporta a volte come onda, a volte come particella. Il problema quindi, invece di risolversi, si complica.

3.3
9

Tre esperimenti.

Si impara molto altro sul comportamento quantistico esaminando un esperimento eseguito, prima con proiettili, poi con onde e quindi con particelle subatomiche, per esempio elettroni. Un esperimento con proiettili. Si consideri una mitragliatrice M che spara proiettili in continuazione spargendoli in modo casuale (quindi sostanzialmente uniforme), su una regione angolare piuttosto ampia. Di fronte alla mitragliatrice c` un muro che blocca ogni proiettile che lo investe tranne quelli che riescono e a passare attraverso due piccoli fori, indicati con i numeri 1 e 2. Dietro il muro vi ` uno schermo che e assorbe i proiettili che lo colpiscono; sulla supercie dello schermo c` un rivelatore di proiettili mobile e R: pu` essere pensato come un secchio pieno di sabbia in modo tale che tutti i proiettili che vi entrano o sono accumulati. In ogni momento si pu` vuotare il secchio e contare quanti proiettili sono arrivati o
x P1 P12 P2 x R 1 M 2

Figura 3.5: Un esperimento con proiettili. nel punto dello schermo in cui era stato collocato il rivelatore. Il rivelatore pu` essere spostato su e o gi lungo lo schermo lungo una direzione che si indica con x. Con un simile apparecchio ` possibile u e
9 Il contenuto di questo capitolo ` preso in gran parte, gure incluse, dal primo capitolo di La sica di Feynman, vol. 3, e di Richard P. Feynman, Zanichelli.

206

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

rispondere alla domanda seguente: qual ` la probabilit`10 che un proiettile, che passa attraverso uno e a dei due fori praticati sul muro, arrivi sullo schermo in una certa posizione x. Per probabilit` qui si a intende il rapporto fra il numero di proiettili che arrivano sul rivelatore ed il numero totale dei proiettili sparati dalla mitragliatrice; si pu` dire pi semplicemente che la probabilit` in questione ` proporzionale o u a e al numero dei proiettili raccolti dal rivelatore. La probabilit` sar` evidentemente una funzione di x. Il a a risultato dellesperimento ` riportato in gura 3.5 ove si ` indicato con P1 la probabilit` ottenuta ottenuta e e a eseguendo lesperimento con il foro 2 chiuso e quindi con i proiettili che passano solo dal foro 1, e con P2 la probabilit` ottenuta ottenuta eseguendo lesperimento con il foro 1 chiuso e quindi con i proiettili che a passano solo dal foro 2. Con P12 ` indicata la probabilit` quando entrambi i fori sono aperti. Come si e a vede il risultato ` quello che ci si aspetterebbe intuitivamente: e P12 = P1 + P2 cio` leetto totale ` la somma degli eetti parziali. e e Un esperimento con onde. Si ripeta lesperimento precedente ponendo al posto della mitragliatrice una sorgente S di onde in acqua. In questo caso il rivelatore sar` un opportuno dispositivo in grado di misurare lampiezza dellonda a che lo raggiunge; dalla misura tramite il rivelatore sar` possibile risalire allintensit` portata dallonda a a che, com` noto, ` pari al quadrato dellampiezza. Utilizzando opportunamente un apparato cos cone e cepito ` possibile misurare lenergia che raggiunge il rivelatore nellunit` di tempo, che, come noto, ` e a e proporzionale allintensit`. Occorre notare che la situazione in questo caso ` sensibilmente diversa dal a e
x x

(3.19)

R I12 1 S 2 I2 I1

Figura 3.6: Un esperimento con onde. caso dellesperimento con proiettili. In quel caso infatti lenergia giungeva al rivelatore per quanti, cio` e non era possibile che al rivelatore arrivasse qualcosa di pi piccolo di un singolo proiettile (il quanto u appunto), e il totale rilevato ` certamente un multiplo intero di tale quanto. Qui invece vi ` unonda la e e cui ampiezza, e quindi lenergia, pu` essere facilmente ridotta anche a valori piccolissimi e non si vede o alcun motivo perch debba essere quantizzata. Facendo lesperimento si ottiene per lintensit` il graco e a rappresentato in gura 3.6. Si osservi che tenendo chiuso il foro 1 od il foro 2 si ottengono gure simili
10 E necessario parlare di probabilit` perch non ` possibile dire con precisione dove andr` a nire un proiettile che pu` ` a e e a o rimbalzare in modo imprevedibile su bordi dei fori.

3.3. TRE ESPERIMENTI.

207

a quelle ottenute nel corrispondente esperimento con i proiettili, mentre tenendo aperti entrambi i fori si ottiene la gura dinterferenza rappresentata che non `, evidentemente, la somma delle gure a foro e singolo come nel caso dei proiettili. Dallesame dei due esperimenti n qui realizzati sembra ragionevole concludere che quando la natura di ci` che si propaga attraverso i due fori ` quantizzata (caso dei proiettili) sullo schermo si osserva la o e somma di ci` che si osserva quando i fori sono aperti uno alla volta. Viceversa se cio` che si propaga ` o e e di natura continua e non quantizzata (le onde), si osserva una gura di interferenza con molti massimi e minimi. Si vedr` subito che questa conclusione ` errata. a e Un esperimento con elettroni. Si ripeta ancora lo stesso esperimento con elettroni, supponendo di poter disporre di un cannoncino elettronico C che emette elettroni tutti approssimativamente con la stessa energia; il rivelatore sar` ora a un dispositivo, di cui non interessa qui la natura, collegato ad un altoparlante che faccia click ogni volta che un elettrone raggiunge il dispositivo. In tal modo sar` possibile contare gli elettroni che, in media, a
x P12 1 C 2 P2 P1 x R

Figura 3.7: Un esperimento con elettroni. raggiungono un certo punto dello schermo in un tempo dato, per esempio in un minuto. Il numero di tali elettroni ` evidentemente proporzionale allenergia giunta in quel punto. Eseguendo la misura in e molti punti dello schermo si pu` costruire il graco riportato in gura 3.7. Riducendo lemissione degli o elettroni del cannoncino ` possibile ridurre la frequenza dei click ma il suono di ogni singolo click resta e lo stesso. Inoltre ponendo pi rivelatori in punti diversi dello schermo si osserva che essi non rivelano u mai due elettroni simultaneamente, cio` non si verica mai che due click siano contemporanei. Si pu` e o cos concludere che il rivelatore rivela qualcosa di natura granulare, quantizzata: i quanti hanno tutti le stesse dimensioni ed arrivano tutti interi, come accadeva nel primo esperimento con proiettili. In eetti tenendo aperto un solo foro si ottiene la solita gura a campana gi` osservata per i proiettili e per le a onde. Ma quando entrambi i fori sono aperti si ottiene una gura di interferenza simile a quella ottenuta con le onde; Quindi gli elettroni, pur essendo (come i proiettili) particelle indivisibili di materia hanno un comportamento ondulatorio simile a quello delle onde. Lapparente paradosso della gura dinterferenza prodotta dagli elettroni ` messo in chiara luce dalla considerazione seguente. Quando un solo foro ` e e aperto gli elettroni raggiungono punti dello schermo che non riescono a raggiungere quando entrambi i fori sono aperti. Sembrerebbe cos che aprendo un foro in pi arrivino meno elettroni, cosa evidentemente u

208

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

paradossale. Si pu` riassumere il comportamento osservato nel modo seguente. o Gli elettroni arrivano in granuli, come i proiettili, e la loro probabilit` di arrivo a varia con la distribuzione di intensit` propria di unonda. a Precisamente in questo senso si dice che gli elettroni si comportano talvolta come una particella e talvolta come unonda. Per analizzare ulteriormente il fenomeno si vuole indagare se un singolo elettrone passa attraverso il foro 1 oppure attraverso il foro 2. A questo scopo ` necessario fare un ulteriore esperimento. Si utilizza ancora lapparato sperimentale visto e in precedenza aggiungendo per` una sorgente di luce molto intensa posta fra i due fori. Gli elettroni, o come tutte le cariche elettriche, diondono la luce, quindi ci si aspetta di vedere un lampo luminoso in corrispondenza di un foro quando un elettrone ci passa attraverso. Per esempio se lelettrone in questione passa attraverso il foro 2, seguendo la traiettoria disegnata in gura, si dovrebbe vedere un lampo di luce in prossimit` del punto A. Eseguendo lesperimento si osserva che ogni volta che si ode un click dal a
x P1 P12 P2 x 1 S 2 R

Figura 3.8: Aggiungendo una sorgente di luce. rivelatore si veda anche un lampo luminoso vicino al foro 1 o vicino al foro 2 e non si vedono mai due lampi simultanei vicino ad entrambi i fori. Tutto ci` ` vericato qualunque sia la posizione del rivelatore, oe cio` ` vero indipendentemente dal punto in cui lelettrone arriva sullo schermo. In questo caso per` il ee o graco ottenuto, e riportato in gura 3.8, ` nuovamente del tipo ottenuto per i proiettili, cos si ` perso e e il comportamento ondulatorio. Pertanto si conclude con laermazione seguente La distribuzione con cui si trovano gli elettroni sullo schermo quando si osserva da quale foro sono passati ` diversa da quella con cui si trovano se non viene eseguita e tale osservazione. Evidentemente linterazione fra lelettrone e la luce modica le cose in modo radicale, cio` il fotone che e ha urtato lelettrone ne ha modicato la traiettoria in modo da distruggere la gura di interferenza. Si fa osservare che non ` possibile ridurre lintensit` luminosa sperando che si riduca linterazione fra elettrone e a e fotone; infatti in tal modo diminuisce il numero di fotoni, ma non la loro energia (che ` legata alla e

3.4. IL POSTULATO DI DE BROGLIE.

209

frequenza), quindi quel che accade agendo in tal modo ` che non tutti gli elettroni che passano saranno e visti, ma alcuni passano senza interagire con alcun fotone ed infatti si sentiranno molti click senza vedere nessun lampo. Quindi non c` modo di vedere gli elettroni senza disturbarli, o detto in altro modo, si e vedono solo gli elettroni disturbati. Non solo; facendo unanalisi dettagliata degli elettroni visti passare per uno dei due fori e di quelli che passano inosservati si pu` concludere che quelli che hanno interagito o con i fotoni vengono rivelati con una distribuzione a campana simile al caso dei proiettili, mentre quelli passati indisturbati vengono rivelati con una distribuzione che presenta la gura di interferenza tipica delle onde. Si pu` pensare di agire in un modo ancora diverso per evitare di disturbare gli elettroni. Visto che o lenergia dei fotoni dipende dalla frequenza si pu` diminuire la frequenza sperando in tal modo di avere o uninterazione pi soce fra elettrone e fotone. In questo modo per` aumenta la lunghezza donda della u o luce11 diminuendo la sua capacit` di risoluzione, in altre parole, non appena la lunghezza donda uguaglia a la distanza fra i fori, ci si vede un grande lampo che ci dice s che un elettrone ` passato, ma non ` pi e e u in grado di dirci da quale foro. Si pu` quindi dire quanto segue. Se si dispone di un dispositivo in grado di rilevare con una precisione o suciente la posizione dellelettrone allora ` possibile dire da che parte ` passato lelettrone ma cos e e facendo il suo moto viene drasticamente disturbato, altrimenti, se non si interagisce con esso non ` e possibile dire da quale foro sia passato lelettrone.

3.4

Il postulato di de Broglie.

Lanalisi del capitolo precedente ha portato ad una conclusione alquanto sorprendente: gli elettroni (ma la stessa analisi si sarebbe potuta fare con qualunque altra particella microscopica) hanno una duplice natura corpuscolare ed ondulatoria, ciascuna delle quali si manifesta o meno, escludendo laltra, dipendendo dalla condizioni sperimentali. Questo dualismo ` abbastanza fastidioso per la comune intuizione e per la e normale esperienza, ma occorre rassegnarsi al fatto che ` cos che la natura si comporta; quello che si pu` e o fare ` solamente cercare di costruire un modello teorico allinterno del quale i fatti sperimentali no qui e esaminati vengano descritti in modo coerente e che ora una base per previsioni sul risultato di futuri esperimenti. Un tale modello esiste e viene chiamato meccanica quantistica.12 Esso ` stato costruito e mediante gli sforzi congiunti delle migliori menti delle sica teorica negli anni Venti e Trenta del XX secolo ed ha avuto innumerevoli veriche sperimentali con una precisione superiore ad ogni altra teoria sica conosciuta. Occorre per` dire che sullinterpretazione losoca ed epistemologica della meccanica o quantistica il dibattito ` ancora aperto13 . Qui si cerca di delineare nel modo pi semplice possibile le e u idee fondamentali che stanno alla base del modello. La prima cosa da arontare ` il problema del come e perch un elettrone, che si s` essere una particella e e a di massa e di carica ben note, possa comportarsi come unonda. La risposta a questo quesito venne da de Broglie14 che nel 1924 postul` che a ogni particella debba venire associata unonda la cui lunghezza o donda ` legata alla quantit` di moto p della particella dalla relazione e a = h p (3.20)

ove h ` ancora la costante di Planck. Si osservi che questo postulato coinvolge tutta la materia indife ferentemente dalle dimensioni; naturalmente per` h ` un numero molto piccolo, vedi lequazione (3.13), o e
11 Si ricorda che la lunghezza donda e la frequenza della radiazione luminosa sono legate dalla relazione = c, essendo c la velocit` della luce, quindi diminuendo aumenta . a 12 Laggettivo quantistica viene normalmente usata in contrapposizione a classica o newtoniana. 13 Un eccellente e semplice resoconto del dibattito in corso si pu` trovare in: Gian Carlo Ghirardi, Unocchiata alle carte o di Dio, Il Saggiatore, 1997, dove si potr` trovare anche un chiaro e dettagliatissimo resoconto delle idee fondamentali della a meccanica quantistica, qui meno che accennate. 14 Louis Victor de Broglie (1892-1987), sico francese.

210

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

e quindi a un corpo viene associata una lunghezza donda trascurabile se la sua quantit` di moto non ` a e altrettanto piccola: quindi per tutti i corpi macroscopici la lunghezza donda ` trascurabile. Ecco perch e e tutta la fenomenologia che ci ` familiare non presenta il dualismo ondaparticella, cio` non ci capita di e e osservare fenomeni di interferenza con i proiettili del primo esperimento. Il postulato di de Broglie ` stato vericato sperimentalmente nel 1927 da Davisson e Germer15 che e utilizzando un fascio di elettroni ottennero una gura di dirazione la cui interpretazione ` ottenibile e attribuendo agli elettroni esattamente la lunghezza donda postulata da de Broglie. Quindi non solo le onde elettromagnetiche hanno una natura corpuscolare, i fotoni, ma anche le particelle hanno una natura ondulatoria. Si noti, inne, che il postulato di de Broglie ` compatibile con la relazione di Planck-Einstein e con la e condizione di quantizzazione delle orbite atomiche nel modello di Bohr. Si esaminino una alla volta. Dalla teoria della relativit` di Einstein si sa che lenergia ` legata alla quantit` di moto dalla relazione a e a p= E ; c (3.21)

Sostituendo questa relazione nella (3.20), si ottiene facilmente = hc ; E (3.22)

ma la lunghezza donda e la frequenza sono legate dalla relazione = c, quindi c hc = E = E = h (3.23)

che ` proprio la (3.15). e Per quel che riguarda la quantizzazione di Bohr, nel linguaggio ondulatorio di de Broglie essa si pu` o enunciare semplicemente con la ragionevole richiesta che londa associata allelettrone orbitante attorno al nucleo dellatomo di idrogeno sia unonda stazionaria tale che la lunghezza dellorbita sia un multiplo intero della lunghezza donda, in modo cio` che londa possa richiudersi su s stessa. Quindi risultano e e permesse solo quelle orbite il cui raggio rn verica, per qualche valore intero di n, la condizione 2rn = n ; usando il postulato di de Broglie questa relazione diventa 2rn = n ove, secondo luso, ho indicato con quantizzazione di Bohr. h p = mvrn = n , (3.25) (3.24)

la quantit` h/2. Lequazione (3.25) ` proprio la relazione di a e

3.5

Leetto Compton.

Unaltra evidenza sperimentale del comportamento corpuscolare della radiazione, o se si vuole un altro fenomeno che risulta incomprensibile in termini della sica classica, ma che invece trova una giusticazione in termini delle idee che qui si vanno sviluppando, ` leetto Compton. Nel 1923 Compton16 scopr che e facendo diondere radiazione elettromagnetica di alta energia come i raggi X di lunghezza donda nota su di un bersaglio di grate si ottengono raggi diusi con due lunghezze donda diverse: una identica alla
15 Clinton 16 Arthur

Joseph Davisson (1881-1958), sico statunitense; Lester Halbert Germer (1896-1971) sico statunitense. Holly Compton (1892-1962), sico statunitense.

3.5. LEFFETTO COMPTON.

211

lunghezza della radiazione incidente, e una maggiore. Questo fenomeno ` inspiegabile in termini della e teoria ondulatoria della luce; secondo tale teoria infatti unonda incidente con una certa frequenza mette in oscillazione gli elettroni degli atomi del bersaglio con la stessa frequenza, questi poi emettono radiazione ancora della medesima frequenza. Utilizzando lipotesi einsteinana del quanto di luce, il fenomeno ha una semplice spiegazione. Si supponga infatti che la radiazione incidente sia costituita da fotoni di lunghezza donda e frequenza = c/ e quindi aventi energia e quantit` di moto date dalle relazioni17 a E0 = h = hc , p0 = h h = . c (3.26)

Si supponga che un fotone vada ad incidere su un elettrone di un atomo del bersaglio. Visto che lenergia della radiazione incidente ` molto elevata si pu` assumere con buona approssimazione che tale elettrone e o sia fermo e quindi avente unenergia ed una quantit` di moto pari a a Ee = me c2 , pe = 0 . (3.27)

Per lo stesso motivo si pu` trascurare lenergia di legame dellelettrone e supporlo libero. A questo punto o si supponga che il fotone interagisca con lelettrone in modo elastico, in modo cio` da conservare sia e lenergia che la quantit` di moto. Indico con p1 ed E1 la quantit` di moto e lenergia del fotone dopo a a
p, E p0 , E0 p1 , E1

Figura 3.9: La diusione Compton del fotone da parte di un elettrone. linterazione e p ed E quelle dellelettrone, e siano e i rispettivi angoli di diusione. Allora per la conservazione della quantit` di moto si pu` scrivere a o p0 p1 cos = p cos e per la conservazione dellenergia E0 + me c2 = E + E1 . Elevando al quadrato le prime due e sommandole si trova p2 2p0 p1 cos + p1 cos2 = p2 cos2 0 1 p2 1 sen = p sen
2 2 2

p1 sen = p sen ;

(3.28) (3.29)

p2 2p0 p1 cos + p2 = p2 . 0 1

(3.30)

A questo punto si pu` scrivere il quadrato dellenergia dellelettrone diuso si scrive come segue o
2 2 E 2 = m2 c4 + p2 c2 = (E0 E1 + me c2 )2 = E0 + E1 + m2 c4 2E0 E1 + 2E0 me c2 2E1 me c2 e e

(3.31)

da cui, ricordando che per una particella che si muova alla velocit` della luce come il fotone valgono, a equazione (1.116), E0 = p0 c e E1 = p1 c, p2 c2 = p2 c2 + p2 c2 2p0 p1 c2 + 2me c2 (E0 E1 ) = p2 c2 + p2 c2 2p0 p1 c2 + 2me c3 (p0 p1 ) , 0 1 0 1
17 In

(3.32)

tutto il calcolo che segue vengono utilizzate le espressioni relativistiche dellenergia e della quantit` di moto. a

212

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

da cui, usando (3.30), si arriva a p0 p1 (1 cos ) = me c(p0 p1 ) p0 p1 1 = (1 cos ) p0 p1 me c 1 1 1 = (1 cos ) ; p1 p0 me c (3.33)

da cui, inne, ricordando che 1/p = /h, si ottiene 1 0 = C (1 cos ) , ove la quantit` a C = h = 4.86 1012 m me c (3.35) (3.34)

` detta lunghezza donda Compton. Si vede quindi che la la lunghezza donda del fotone diuso e ` maggiore o uguale alla lunghezza donda incidente, che la dierenza fra le lunghezza donda dipende e solo dallangolo di diusione e non dalle caratteristiche della radiazione incidente. In particolare tale dierenza ` nulla per = 0 e massima per = in ottimo accordo con i dati sperimentali raccolti e da Compton. Rimane ancora da capire perch accanto alla lunghezza donda ora trovata venga rilevata e anche radiazione con lunghezza uguale a quella incidente. In eetti, se il fotone non interagisce con un elettrone viene diuso dallintero atomo: in tal caso posso ripetere tutto le considerazioni n qui svolte sostituendo al posto della massa dellelettrone la massa dellatomo M . Questa ` molto pi grande e u della massa dellelettrone, dellordine di 105 volte pi grande; quindi la dierenza di lunghezza donda u prodotta in questo caso ` piccolissima e la lunghezza donda diusa ` praticamente indistinguibile da e e quella incidente, a meno di non usare una radiazione di energia estremamente pi intensa. u

3.6

Il principio di indeterminazione.

Un altro ingrediente fondamentale del modello che spiega il comportamento ondulatorio della materia microscopica ` il principio di indeterminazione enunciato da Heisenberg18 nel 1927. e Se per un oggetto qualsiasi si esegue la misura della componente x della sua quantit` a di moto p con lincertezza px , allora la precisione x con cui ` possibile conoscere e la componente x della posizione delloggetto in questione, ` tale che valga la relazione e px x h . 4 (3.36)

Naturalmente la stessa cosa vale per le altre due componenti x e y dei vettori quantit` di moto e posizione. a Il principio ora enunciato dice, in sostanza, che non ` possibile conoscere simultaneamente e con precisione e arbitraria sia la posizione che la quantit` di moto (e quindi la velocit`, visto che la massa si suppone a a nota) di un corpo. Ancora, vista la piccolezza di h leetto ` visibile solo su scala microscopica e quindi e non se ne ha esperienza diretta nel mondo macroscopico. Il principio di indeterminazione di Heisenberg formalizza quanto visto sopra con i nostri esperimenti con onde ed elettroni: non ` possibile misurare una grandezza senza perturbare il sistema sottoposto a e misura e quindi il valore fornito dalloperazione di misura viene inevitabilmente modicato dalla stessa operazione di misura. Non solo ma la misura perturba lo stato stesso del sistema e quindi viene turbata anche la misura di grandezze diverse da quella eettivamente misurata; ecco che negli esempi visti, una misura di posizione (come cercare di stabilire da quale foro sia passato lelettrone) modica la velocit` e a quindi la traiettoria dellelettrone che, quindi, raggiunge lo schermo in una posizione diversa. Il principio
18 Werner

Heisenberg (1901-1976), sico tedesco.

3.6. IL PRINCIPIO DI INDETERMINAZIONE.

213

di Heisenberg quindi esplicita esattamente quali sono le grandezze incompatibili cio` quelle coppie di e grandezze tali che la misura di una perturba laltra. Esistono molte altre coppie di grandezze incompatibili nel senso ora esposto. Qui se ne ricorda solo unaltra: il tempo e lenergia19 . Quindi la corrispondente relazione di indeterminazione pu` essere scritta o nella forma h Et . (3.37) 4 Il signicato sico di questa relazione ` il seguente. e Non ` possibile misurare in un certo istante lenergia di un corpo con precisione e illimitata: maggiore ` la precisione con cui viene determinata lenergia, maggiore ` e e lincertezza dellistante in cui tale valore dellenergia ` eettivamente posseduto dal e corpo. Per capire il legame tra lindeterminazione posizionequantit` di moto e lindeterminazione tempo a o energia, si consideri una particella in moto uniforme lungo lasse x; la sua energia (cinetica) pu` es2 sere scritta nella forma E = mvx /2 = p2 /2m quindi lincertezza nella determinazione di E dipende x dallindeterminazione di px ; in particolare, si pu` dimostrare che vale o E = px px = vx px ; m (3.38)

daltro canto lincertezza sulla posizione viene dal tempo t impiegato per la misura e quindi vale x = vx t, da cui si ottiene t = x/vx ; quindi Et = vx px x h = px x . vx 4 (3.39)

Il principio di indeterminazione ` illustrato meglio con un esempio. Si supponga che una particella abbia e

p d y

Figura 3.10: Una particella attraverso una fenditura. il vettore quantit` di moto p diretto lungo lasse x, in modo cio` che le sue componenti, note esattamente, a e siano (3.40) px = p , py = pz = 0 .
19 Non ` un caso che il tempo e lenergia siano legate a posizione e quantit` di moto dalle trasformazioni di Lorentz della e a relativit ristretta. a

214

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

Non si sa nulla sulla sua posizione e si vuole quindi fare una misura della coordinata y facendo passare la particella attraverso uno schermo con fenditura larga d in modo tale che, subito dopo lo schermo, la componente y della posizione della particella ` nota con unincertezza y = d (vedi gura 3.10). Si e osservi per` che per il postulato di de Broglie alla particella viene associata unonda di lunghezza = h/p, o quindi passando attraverso la fenditura londa sar` diratta; la gura di dirazione, com` noto [si veda a e lequazione (2.35) della parte terza], si allarga secondo un angolo tale che sia sen = . d (3.41)

Quindi ora la quantit` di moto ha anche una componente lungo y ma tale componente ` compresa fra a e il valore +p sen ed il valore p sen e quindi la sua indeterminazione, subito dopo la fenditura, ` e py = 2p sen . Quindi h h ypy = 2 d p sen = 2d sen = 2h > (3.42) 4 in accordo con il principio di Heisenberg. La grossa novit` introdotta dal principio di Heisenberg rispetto alla meccanica classica pu` essere vista nel a o modo seguente. Mentre per la meccanica classica gli errori di misura possono essere ridotti arbitrariamente migliorando lapparato sperimentale, ora nalmente questo pregiudizio ` rimosso: esiste un limite alla e precisione delle misure proprio a causa dellinterazione fra apparato di misura e grandezza misurata.

3.7

Linterpretazione probabilistica.

Il fatto che a ogni particella sia associata unonda fa s per esempio, che la sua posizione non sia , univocamente denita; londa infatti non ` localizzata, come lo sarebbe una particella, in un punto e denito dello spazio, ma si trova in una regione estesa; ci si aspetta quindi che una misura della posizione possa dare qualunque risultato allinterno di tale regione estesa. Il modello quindi, rispecchiando questa situazione sica, non pu` essere in grado di predire esattamente il risultato delle misure. Si supponga, o

Figura 3.11: La funzione donda di una particella libera. per semplicit`, che lo spazio sico abbia una sola dimensione e che quindi le particelle di cui si studiano le a propriet` si possano muovere lungo una retta indicata con x. A ciascuna particella libera viene associata, a come ormai ` ben noto, unonda la cui lunghezza ` legata alla quantit` di moto mediante la relazione di e e a de Broglie, e la cui frequenza ` legata allenergia dalla relazione di Planck-Einstein. e A questonda ` possibile associare una funzione donda della forma e ] [ 2 (x vt) , (3.43) (x, t) = 0 cos che si pu` riscrivere nella forma o ] [ ] [ ] [ 2 2 2 2 x 2t = 0 cos px Et = 0 cos (px Et) . (x, t) = 0 cos h h h

(3.44)

3.7. LINTERPRETAZIONE PROBABILISTICA.


(x)

215

Figura 3.12: La funzione donda di una particella non libera.

Si osservi che questonda, avendo una lunghezza donda denita, ha una quantit` di moto perfettamente ed a esattamente denita (vedi gura 3.11; daltro canto la funzione coseno ` estesa in tutto lo spazio e quindi e non vi ` alcuna informazione sulla posizione, in accordo con il principio di Heisenberg . Nel caso generale e ad una particella non libera viene associata una funzione donda costituita da una sovrapposizione di onde del tipo (3.44). Tale sovrapposizione ` tale che linterferenza fra tutte le onde che la costituiscono e sia distruttiva in tutti i punti dello spazio tranne che in una regione limitata, come nella gura 3.12. Una misura della posizione della particella d` quindi certamente come risposta una posizione allinterno di a quella regione limitata. Il fatto ` che non ` possibile conoscere tale posizione prima di compiere eettivamente la misura. Tutto ci` e e o che la teoria fornisce ` una probabilit` associata ad ogni possibile risultato della misura; la teoria quindi e a ` in grado di fare previsioni del tipo seguente: una misura della posizione della tal particella la trover` e a nellintervallo compreso fra la posizione x e la posizione x + x con una certa probabilit`20 . Quindi a il fatto che la particella si comporti come unonda fa s che, in un certo senso, essa sia delocalizzata in una certa regione di spazio e che sia la misura a localizzarla. Evidentemente quindi la natura ondulatoria ` inestricabilmente legata allindeterminazione sulla posizione e quindi non consente una e sica deterministica ma solamente una sica di tipo probabilistico. Per quanto riguarda la quantit` di moto, si pu` dire che, essendo la funzione donda della particella la a o sovrapposizione di molte onde del tipo (3.44), ` chiaro che non ha una denita lunghezza donda e quindi e nemmeno una denita quantit` di moto che risulta quindi nota solo con una ben denita indeterminazione. a Anche in questo caso ` possibile solo denire la probabilit` che una misura della quantit` di moto dia un e a a valore compreso tra p e p + p. Linterpretazione probabilistica deriva dal modello ondulatorio nel modo seguente proposto da Born21 nel 1926. Secondo Born, la probabilit` di trovare la particella fra x e x +x, con x innitesimo, ` data a e da [(x)]2 x , (3.45)

` cio` completamente calcolabile a partire dalla funzione donda. Per un intervallo non innitesimo ma e e nito, si pu` facilmente dimostrare22 che la probabilit` ` data dallarea sottostante il graco della funzione o ae [(x)]2 . La funzione donda, quindi consente di conoscere tutto ci` che ` possibile conoscere sulla posizione della o e nostra particella; si pu` quindi aermare che la funzione donda rappresenta lo stato sico della particella o
osservi che la probabilit` che una particella si trovi in un punto ben individuato ` zero infatti il numero di punti ove a e si possa trovare ` innito e quindi per ciascuno di essi la probabilit` ` nulla, pertanto viene denita la probabilit` di trovare e ae a la particella in un intervallo esteso. 21 Max Born (1882-1970), sico tedesco. 22 Chi conosce lanalisi si render` subito conto che in questo caso la probabilit` ` data da un integrale. a ae
20 Si

216

CAPITOLO 3. MECCANICA QUANTISTICA.

in un dato istante23 . Viene da chiedersi cosa sia possibile conoscere della nostra particella negli istanti successivi. Per rispondere esaurientemente a questa domanda la matematica si fa complessa, ma le idee fortunatamente restano semplici. Esiste una equazione ricavata da Schrdinger24 nel 1925 che consente, data la funzione donda in un o istante iniziale, di determinarla in ogni istante successivo e quindi di conoscere la probabilit` di trovare a la particella in ogni posizione in ogni istante. Quindi la funzione donda, se sia nota in un dato istante iniziale, rimane nota in modo univoco e deterministico in ogni istante successivo; ma dalla funzione donda ` possibile solo una conoscenza probabilistica delle grandezze siche riguardanti la particella in esame. e

23 E il caso di accennare al fatto che la teoria fornisce un modo, che va ben oltre i limiti di queste note, per ottenere ` informazioni su tutte le altre grandezze riguardanti la particella quali la quantit` di moto, lenergia, il momento angolare e a via dicendo. 24 Erwin Schrdinger (1887-1961), sico austriaco. o

Appendice A

Parametri sici di alcune sostanze


Nella tabella sottostante sono riportati i valori di alcuni parametri sici di alcune sostanze. sostanza acciaio acqua alcool etilico alcool metilico alluminio ammoniaca argento azoto benzene benzina elio etere ferro ghiaccio idrogeno invar mercurio nichel oro ossigeno ottone piombo platino quarzo rame stagno tungsteno vetro comune vetro pyrex zinco [K1 ] 13 106 [K1 ] 0.21 103 112 105 120 105 c [J kg1 K1 ] 502 4186 2428 2510 896 5148 239 1042 1758 5100 2274 452 2220 14300 503 138 452 130 920.9 380 130 134 703 385 226 132 840 780 389 tf [K] 1673 273.15 158.7 176 933 195.4 1234 63 278.57 157 1812 273.15 14 234 1728 1337 54 900 601 2042 1880 1356 505 3683 f [J kg1 ] 33.5 104 10.8 104 38.9 104 33.2 104 10.9 104 2.57 104 12.6 104 27.2 104 33.5 104 5.78 104 1.13 104 23.44 104 6.28 104 1.39 104 2.32 104 11.39 104 20 104 20.7 104 6.03 104 184.4 te [K] 373.15 351.4 337.8 2329 239.7 2485 77.6 353.3 4 308 3013 373.15 20 630 3186 2873 90 2017 4073 2868 2543 6173 e [J kg1 ] 22.6 105 10.8 105 11 105 83.72 105 13.7 105 23.65 105 2 105 3.94 105 0.25 105 3.77 105 67.81 105 22.6 105 4.47 105 2.97 105 64.55 105 17.2 105 2.13 105 8.59 105 26.20 105 47.3 105 19.38 105 4818.5

24 106 19 106

12 106 51 106 1 10
6 6

3.661 103 124 105 95 105 3.665 103 166 105 3.661 103 18.2 105 3.661 103

13 10 14 106 19 10 29 106 8.9 106 0.5 106 17 106 27 106 4.3 106 8.3 106 4 106 26 106
6

693

9.63 104

1180

17.58 105

217

218

APPENDICE A. PARAMETRI FISICI DI ALCUNE SOSTANZE

` il coeciente di dilatazione lineare dei solidi a 293 K e ` il coeciente di dilatazione cubica dei liquidi a 293 K e c ` il calore specico a 293 K (per il ghiaccio a 263 K, per elio, idrogeno e ossigeno a 273 K) e tf ` la temperatura di fusione alla pressione p = 101325 Pa e f ` il calore latente di fusione alla pressione p = 101325 Pa e te ` la temperatura di ebollizione alla pressione p = 101325 Pa e e ` il calore latente di ebollizione alla pressione p = 101325 Pa e Note: Il coeciente di dilatazione termica ha lo stesso valore per tutti i gas perfetti: = 1 K1 3.661 103 K1 . 273.15

Le sostanze non pure, come lacciaio, la benzina, il cemento, linvar lottone e il vetro non hanno una temperatura di cambiamento di fase; vi ` invece una variazione di temperatura allinterno di un dato e intervallo. Lelio non solidica per nessun valore della temperatura.

Bibliograa
Oltre a quelli citati nelle note al testo, si raccomandano, per documentazione e approfondimento, i testi seguenti - E. Fermi, Termodinamica, Boringhieri. - A. Einstein, Opere scelte, a cura di E. Bellone, Bollati Boringhieri. - A. Pais, Sottile ` il Signore..., Bollati Boringhieri. e - Storia della Scienza Moderna e Contemporanea, diretta da P. Rossi, Utet.

219

Indice analitico
ngstrom, 197n A unit` di misura atomica, 197 a Aberrazione stellare, 151 Altezza di un suono, 92 Ambiente esterno, 28 Ampiezza di un moto armonico, 70 di unonda, 82 Angolo di incidenza, 101, 112 di riessione, 102 di rifrazione, 112 limite, 116 Angolo solido, 130 Anodo, 187 Archimede, 25n, 190n Asse ottico cristalli anisotropi, 146 diottro sferico, 119 specchio sferico, 104 Avogadro, 11n legge di, 11, 186 numero di, 15, 66, 186n, 190 Balmer, 195n serie di, 195, 198 Bartholin, 145n Battimenti, 75 Bohr, 196n modello di, 210 postulati di, 196 raggio di, 195n, 197 Boltzmann, 65n costante di, 65, 66 equazione di, 65 Born, 215n Boyle, 10n legge di, 10, 11 Brachistocrona, 100 Brackett, 196n serie di, 196, 198 Bradley, 151n, 156 misura della velocit` della luce di, 151 a Bunsen, 24n calorimetro di, 24, 32 Calore, 2, 21 latente, 24 specico, 21 Caloria, 22 Calorimetro, 22 equivalente in acqua del, 22 Camera oscura, 99 Candela, 130 Cannocchiale, 129 Capacit` termica, 21 a a pressione costante, 37 a volume costante, 37 Carnot, 42n ciclo di, 4253 rendimento del ciclo di, 43 Catodo, 187 Caustica di riessione, 110 Celsius, 5n grado centigrado, 5 scala termometrica di, 5, 9 Chilocaloria, 22 Clapeyron, 4n piano di, 4 Clausius, 14n, 4554, 60 disuguaglianza di, 48, 50 somma di, 4861 Coeciente di dilatazione cubica, 6 lineare, 5 Compton, 210n diusione, 211 lunghezza donda, 212 Condensazione, 23 Corpo nero, radiazione di, 201 Corpo rigido, crisi del modello di, 176 221

222

INDICE ANALITICO

Costante universale dei gas perfetti, 10 Cristalli biassici, 148 Cristallino, 127 Criterio del quarto donda, 141 Cuneo daria, 135 Dalton, 185n, 185186 teoria atomica di, 185 Davisson, 210n Davisson e Germer, esperimento di, 210 de Broglie, 209n, 214 Democrito, 184n Descartes, 98n modello corpuscolare di, 98 Diagramma pT dellacqua, 27 Dicroismo, 149 Dierenza dei cammini ottici, 132 Diottria, 121, 122 Diottro sferico, equazione del, 119 Disordine, 65 Dispositivo stigmatico, 104 Distanza della visione distinta, 127 Distanza focale di un diottro sferico, 120 di una lente sottile, 122 Doppia rifrazione, 145 Doppler, 88n eetto, 8890 eetto relativistico, 171173 Eclisse, 99 Ecienza di una macchina frigorifera, 44 Einstein, 161, 162n, 166n, 196, 210 spiegazione delleetto fotoelettrico, 204 Elettrone, 188 carica dell, 190 Energia interna, 13, 33, 34 di un gas perfetto, 38 Entropia, 50, 55 legge dellaumento della, 60 trasformazione irreversibile, 59 Epicuro, 15n Equazione del fabbricante di lenti, 122 Equazione di stato di un gas perfetto, 10 Equilibrio termico, 3 Equipartizione dellenergia, principio di, 13, 20 Equivalente meccanico della caloria, 32 Esperimento ideale, 162 Etere, 154 Euclide, 98n, 136

ottica di, 98, 158 Evaporazione, 25 Evento, 174 Fahrenheit, scala termometrica, 5 Faraday, 190n costante di, 190 Fascio di raggi omocentrico, 103 Fase di un moto armonico, 70 Fenditura, 136 Fermat, 100n principio di, 100110, 112, 125 Fizeau, 152n misura della velocit` della luce di, 152 a Fluido semplice, 4 Fotone, 204 Foucault, 152n misura della velocit` della luce di, 153 a Fourier, 74n teorema di, 74, 88 Frequenza, 70 di unonda, 82 fondamentale, 87 Frequenze armoniche, 87 Fresnel, 98n modello ondulatorio, 98 specchi di, 134 Fronte donda, 83 Funzione donda, 79, 82 particella libera, 214 particella non libera, 215 Funzione di stato, 33 Fuoco di uno specchio sferico concavo, 105 di uno specchio sferico convesso, 109 Fusione, 23 Galilei, 150n, 161 Dialogo sopra i massimi sistemi, 159 misurazione della velocit` della luce, 150 a principio di relativit`, 158 a Gas, 26 perfetto, 10 Gay-Lussac, 9n, 34 leggi di, 911, 186 Geiger, 193n Germer, 210n Gibbs, 3n regola delle fasi, 3 Giove, satelliti di, 150

INDICE ANALITICO

223

Grado di libert`, 20 a Grandezza termometrica, 4 Grandezze invarianti, 174 Heisenberg, 212n, 212215 Hertz, 70n eetto fotoelettrico, 202 raggi catodici, 187 unit` di misura, 70, 154 a Hooke, 71n legge di, 71, 72 Huygens, 91n calcolo della velocit` della luce, 151 a modello ondulatorio, 98 principio di, 91, 137 Illusioni ottiche, 115 Immagine, 102 reale, 104 virtuale, 104 Indeterminazione posizione-quantit` di moto, 212 a tempo-energia, 213 Indice di rifrazione assoluto, 114 relativo, 114 Ingrandimento angolare, 127 Ingrandimento trasversale specchio sferico concavo, 108 specchio sferico convesso, 109 Intensit` di un suono, 92 a Intensit` luminosa, 130 a della luce polarizzata, 147 Interferenza costruttiva, 73, 86 distruttiva, 73, 86 Interpretazione cinetica della temperatura, 14 Intervallo, 174 di tipo luce, 175 di tipo spazio, 175 di tipo tempo, 175 Invertibilit` dei cammini ottici, 103 a Inviluppo, 92 Irreversibilit`, 8, 44 a condizione di, 48, 53, 60 Jeans, 201n Joule, 14n, 3234, 64 prima esperienza di, 32 seconda esperienza di, 64

unit` di misura del lavoro, 32 a Joule-Clausius, relazione di, 14, 1618 Kelvin, 9n, 4446, 60 unit` di misura della temperatura, 9 a Kirchho, 199n leggi di, 199 Lamina sottile, 134 Lamina trasparente, 116 Lavoisier, 184n Lavoro di una trasformazione, 30 isobara, 30 isocora, 31 isoterma, 31 Legge dei punti coniugati, 105 Legge delle proporzioni denite, 185 Legge delle proporzioni equivalenti, 185 Legge delle proporzioni multiple, 185 Lente, 121 convergente, 123 distanza focale della, 122 distanza iperfocale della, 142 divergente, 124 Lente dingrandimento, 127 Leucippo, 184n Limite non relativistico, 166 Liquefazione, 23 Lorentz, 169n trasformazioni di, 169183, 213n Lunghezza donda, 79, 82 Lunghezza propria, 169 Lyman, 196n serie di, 196, 198 Mach, 90n, 186 cono di, 90 numero di, 90 Malus, 149n legge di, 149 Marsden, 193n Maxwell, 161n Mayer, 38n relazione di, 38 Mendeleev, 191n Michelson, 154n, 156n misura della velocit` della luce di, 154 a Michelson e Morley, esperimento di, 154156, 161 Microscopio composto, 128

224

INDICE ANALITICO

semplice, 127 Millikan, 189n esperimento della goccia dolio, 189 Miraggio, 115 Modello, 14 Modello della propagazione ondosa, 92 Modello molecolare dei gas, 13 Modulo di compressione, 94 Morley, 156n Moto armonico ellittico, 75 Moto circolare uniforme, 68 Nernst, 66n principio di, 66 Newton, 71n, 146, 149, 161, 199 anelli di, 136 leggi di, 71, 81, 84 modello corpuscolare di, 98 principio di relativit`, 158 a Obiettivo, 128 Oculare, 128 Ombra, 99 Onda, 78 Onde armoniche, 80 coerenti, 131 longitudiali, 82 trasversali, 82 uni-, bi-, tri-dimensionali, 82 Oscillazione in fase, 79 in opposizione di fase, 80 Particelle , 193 Pascal, 18n Paschen, 196n serie di, 196, 198 Periodo di unonda, 82 Perrin, 187n, 191 Pfund, 196n serie di, 196, 198 Piano delle fasi, 4 Plcker, 187n u Planck, 202n costante di, 196, 202205, 209 Planck-Einstein, relazione di, 204, 210, 214 Polarizzazione ellittica, 147 rettilinea, 147

Potenza irradiata, 130 Potenziale darresto, 203 Potere assorbente, 199 Potere convergente, 122 Potere diottrico, 121, 122 Potere emissivo, 199 Potere risolvente di un reticolo di dirazione, 143 Pressione del vapore saturo, 25 Primo principio della termodinamica, 33, 37 Principio di conservazione della massa, 184 Principio di costanza della velocit` della luce, 161 a Principio di equivalenza, 32 Principio di Fermat, 115 Principio di omogeneit` del tempo, 161 a Principio di omogeneit` e isotropia dello spazio, 161 a Principio di relativit`, 158, 161 a Prisma, 117 Probabilit`, 65 a Propagazione luminosa modello corpuscolare della, 98 modello ondulatorio della, 98 Proust, 185n Pulsazione, 68 Punti coniugati, 103 lente sottile, 122 Punti ssi termometrici, 5 Punto triplo, 27 dellacqua, 27 Quanto, 204 Rmer, 150n misura della velocit` della luce di, 150 a Raggi coniugati, 103 Raggio rifratto ordinario, 145 straordinario, 145 Rapporto di convergenza, 120 Rayleigh, 140n criterio del quarto donda, 141 criterio di, 140, 143 Rayleigh-Jeans, legge di, 201 Red-shift, 173 Regnault, 22n calorimetro di, 22 Reichenbach, 162n Rendimento del ciclo di Carnot, 43 di una macchina reversibile, 47 di una macchina termica, 41

INDICE ANALITICO

225

Retina, 127 Richter, 185n Riessione totale, 115 Rutherford, 193n, 193196 esperimento della foglia doro, 193 instabilit` dellatomo di, 194 a Rydberg, 195n costante di, 195 Schrdinger, 216n o equazione di, 216 Seconda esperienza di Joule, 33 Secondo principio della termodinamica enunciato di Clausius, 45 enunciato di Kelvin, 44, 200 Serbatoio di calore, 28 Simultaneit` a denizione operativa della, 162163 Sistema di riferimento, 158 Sistema termodinamico, 2 isolato, 4, 28 Snell, 112n, 114 Snell-Descartes, legge di, 112 Solidicazione, 23 Sorgente esterna, 28 Sostanza termometrica, 4 Spato dIslanda, 145 Specchio ellittico, 110 parabolico, 111 sferico concavo, 104109 sferico convesso, 109111 Spettro, 145 di assorbimento, 195 di emissione, 195 Spruzzamento catodico, 188 Stato termodinamico di equilibrio, 3 Steradiante, 130n Sublimazione, 23 Temperatura, 2, 3 assoluta, 9 critica, 26 Tempo proprio, 169 Termometri a pressione costante, 8 a volume costante, 9 Terzo principio della termodinamica, 66 Thomson, 187n modello atomico, 191193

Timbro di un suono, 92 Tormalina, 149 Trasformazione termodinamica adiabatica, 28 ciclica, 7 isobara, 7 isocora, 7 isoterma, 7 quasistatica, 7 approssimabilit`, 28 a reversibile, 7 Tubo catodico, 187189 Umidit` relativa, 25 a van der Waals, 18n equazione di, 10, 19 Vapore, 26 Vaporizzazione, 23 Variazione di entropia trasformazione adiabatica, 61 trasformazione arbitraria, 63 trasformazione isobara, 62 trasformazione isocora, 63 trasformazione isoterma, 61 Velocit` a angolare, 68 del suono in aria, 95 di unonda, 81, 82 quadratica media, 15 Velocit` della luce, 101, 114, 154 a Vettore rotante, 73 Young, 98n fori di, 130, 133, 134 modello ondulatorio, 98 Zero assoluto, irragiungibilit` dello, 49 a