Sei sulla pagina 1di 6

LEZIONE N° 29

NODI INCASTRO

Questa categoria di unioni comprende i nodi che realizzano l’ipotesi di incastro è cioè quelli
che mantengono invariato l’angolo fra le aste che in essi convergono anche dopo la
deformazione dovuta ai carichi applicati.

Prima dell’applicazione del carico Dopo l’applicazione del carico

In particolare ci occuperemo dei nodi trave-colonna, colonna-colonna e colonna fondazione.

NODO INCASTRO TRAVE-COLONNA

Nella figura seguente è rappresentata l’organizzazione di un tipico nodo incastro trave-


colonna.

Le costole di irrigidimento servono a prevenire fenomeni di instabilità locale delle ali della
colonna, fenomeni che impedirebbero la conservazione dell’angolo retto tra gli assi delle aste
convergenti nel nodo.
Il loro spessore è generalmente uguale a quello delle ali della trave.
117
Talvolta è anche necessario rinforzare il pannello d’anima ABCD per evitare che si
verifichino fenomeni di imbozzamento.

L’elemento AB (costola) è sollecitato da:


1) M2/z proveniente dalla trave
2) T proveniente dalla colonna
3)   s  hc

In condizioni di rottura del pannello d’anima si ha:


M2
 ult  s  hc  T  0
z
1  M2  fy
da cui si ricava lo spessore s necessario: s    T  , con  ult 
 ult hc  z  3
Se lo spessore dell’anima della colonna è inferiore, occorre aumentarlo, aggiungendo una
lastra saldata su ambo le facce, oppure due costole inclinate, disposte come in figura.

118
VERIFICA DEI BULLONI

Consideriamo l’unione trave-colonna rappresentata in figura. Si tratta di un nodo incastro.

L’analisi rigorosa degli sforzi nei bulloni può essere condotta (caso a) considerando la flangia
infinitamente rigida e l’interfaccia flangia-colonna non resistente a trazione. Gli sforzi di
trazione sono trasmessi esclusivamente dai bulloni.
Si opera quindi come nel caso dell’analisi elastica delle sezioni di cemento armato, ponendo
però il coefficiente di omogeneizzazione “n” uguale ad uno.
Un’analisi semplificata, ma accettabile per le applicazioni, può essere condotta ipotizzando
che la posizione dell’asse neutro sia nota e cioè che esso passi in corrispondenza dell’ala
inferiore della trave (caso b).
Con questa ipotesi l’andamento delle forze è il seguente:

Per l’equilibrio alla traslazione si deve avere evidentemente:

N i R

Supponiamo ancora che i bulloni siano tutti uguali, come accade di solito nella pratica.
Per l’equilibrio alla rotazione intorno all’asse neutro si ha:

119
N y i i M

Per la congruenza (conservazione della sezione piana della flangia):


N i  C  yi
Sostituendo nell’equazione di equilibrio alla rotazione si ottiene:

 C y 2
i M

E quindi:
C  yi2  M

M
C
 yi2

Sostituendo, infine, C nella condizione di congruenza si ha:


M
Ni  yi
 yi2
Naturalmente tutti i bulloni (uguali) sono proporzionati o verificati sulla base di quello più
sollecitato.

120
NODO INCASTRO COLONNA – COLONNA

Soluzioni alternative

Soluzione (a)

Soluzione (b)

121
NODO COLONNA – FONDAZIONE

Soluzione (a) – NODO CERNIERA

Soluzione (b) – NODO INCASTRO

122