Sei sulla pagina 1di 34

Sussidi didattici per il corso di

COSTRUZIONI EDILI
Prof. Ing. Francesco Zangh

TRAVI RETICOLARI

AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011


Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate a cerniera ai
loro estremi in punti chiamati nodi secondo una disposizione geometrica ordinata in modo tale da
formare un sistema indeformabile. I carichi esterni sono quasi sempre forze concentrate ai nodi.

Nellesempio in figura, il carico agente in sommit viene trasmesso alle due cerniere a terra dalle due
aste mediante sole forze di compressione. In altre parole, le due aste sono sollecitate solo da sforzi
normali.
Questo elementare modello di struttura ispirata al principio statico della triangolazione.
Le strutture reticolari offrono una delle pi antiche soluzioni al problema delle coperture.
Limpossibilit di coprire, mediante tale schema semplice, luci sempre pi grandi ha condotto via via
allinserimento di ulteriori elementi strutturali al fine di parzializzarne la luce libera, fino ad ottenere
elementi sempre pi complessi.

2
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

3
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

4
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

5
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

6
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

STABILIT INTERNA
Internamente le aste inserite devono essere conformate in modo da formare maglie triangolari.
Il numero delle aste a, necessarie per collegare n nodi in modo stabile, cio in modo che non
presenti labilit interne, :
a = 2n 3
ESEMPI

a=4 ; 2n 3 = 2 4 3 = 8 3 = 5
verifica di stabilit interna NON soddisfatta

a = 5 ; 2n 3 = 2 4 3 = 8 3 = 5
verifica di stabilit interna soddisfatta

7
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

SFORZI NELLE ASTE


Le aste di una trave reticolare sono sollecitate esclusivamente da sforzo normale di compressione
(PUNTONI) o di trazione (TIRANTI). Si osservi che lo sforzo lazione esercitata dal nodo sullasta
pertanto esso uguale e opposto allazione esercitata dallasta sul nodo.

PUNTONE

TIRANTE

Una trave reticolare risolta se si riesce a trovare lo sforzo che sollecita ogni asta.
Poich il collegamento di estremit una cerniera, il nodo NON pu trasmettere alcun momento
allasta.
Per risolvere la struttura reticolare focalizziamo la nostra attenzione sui nodi, partendo dal
presupposto che ogni nodo sia fermo, cio in equilibrio, pertanto linsieme delle forze che agiscono
nel nodo stesso deve avere risultante nulla (metodo dei nodi).

8
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESEMPIO DI CALCOLO
Risolviamo la capriata reticolare allinglese rappresentata in figura. Le aste sono costituite da profili
metallici a L accoppiati. Le capriate sono poste ad un interasse di 4.00 m.

9
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Carpenteria metallica

0 2L 1
Pi = 30 00x1
00x8
4105 [20]
] L= L=4
8[20

4L 80x80x8[20;20]

L = 1168 Pi = 300
00x 105

1500
00x1 Pi = 30
2L 1 0
2L ]
80 [20

L = 754 Pi = 300

L = 754 Pi = 300
x8

2L 80x80x8[20]

2L 80x80x8[20]
x8
L= 0x x 80
8[2 80 0
12 0] 2L 30
28 =
Pi Pi
2L 8 = 28 0]
30 12
0x80 0 L= 0x8[2
x8[2 0x8

L = 278 Pi = 300

L = 278 Pi = 300
2L 80x80x8[20]

2L 80x80x8[20]
0] 2L 8
L=
824 300
Pi = Pi =
300 824
L=

2L 100x100x8[20] L = 3576 Pi = 300 2L 100x100x8[20] L = 3626 Pi = 300

7900

Caratteristiche dei profili adottati

y
g (kg/m) = 12.2 g (kg/m) = 9.66
h (mm) = 100 h (mm) = 80
b (mm) = 100 b (mm) = 80
t (mm) = 8 t (mm) = 8
A (cm2) = 15.51 A (cm2) = 12.3
Jx (cm4) = 144.8 Jx (cm4) = 72.25
Wx (cm3) = 19.94 Wx (cm3) = 12.58
x x x x Jy (cm4) = 72.25
Jy (cm4) = 144.8
Wy (cm3) = 19.94 Wy (cm3) = 12.58

y
y

L 100 x 100 x 8 L 80 x 80 x 8

10
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Schema statico
7

5 9

3 11
20

1 12
2 4 6 8 10

X Y
Nodo
[m] [m]
1 -4.00 0
2 -2.63 0
3 -2.63 0.51
4 -1.32 0
5 -1.32 0.98
6 0 0
7 0 1.44
8 1.32 0
9 1.32 0.98
10 2.63 0
11 2.63 0.51
12 4.00 0

11
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Analisi dei carichi

1.00 m

4.00 m 4.00 m

4.00 m

Area di influenza per i carichi sulla copertura

12
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

CARICHI PER mq DI COPERTURA

Sovraccarico accidentale (neve): 1.00 kN/mq


Impermeabilizzazione: 0.10 kN/mq
Lastre di copertura prefabbricate: 1.90 kN/mq
TOTALE 3.00 kN/mq

Carico a ml: 3.00 kN/mq x 4.00 m = 12.00 kN/m

Tutti i carichi agenti sulle aste vanno trasferiti ai nodi di estremit come carichi concentrati.

q qL/2 qL/2

F F b/L F a/L

a b
L

13
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

12 kN/m

19.5

8.40 kN

16.80 kN

17.58 kN
1.40

1.40
9.18 kN

1.53

14
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

PESO PROPRIO DELLE ASTE

Lunghezza Peso a ml.


Asta Sezione N profili Carico nodale [N]
[m] [N/m]
1-2 1.44 100x100x8 120 2 172.8
2-4 1.32 100x100x8 120 2 158.4
4-6 1.32 100x100x8 120 2 158.4
6-8 1.32 100x100x8 120 2 158.4
8-10 1.32 100x100x8 120 2 158.4
10-12 1.44 100x100x8 120 2 172.8
1-3 1.53 100x100x8 120 2 183.6
3-5 1.40 100x100x8 120 2 168
5-7 1.40 100x100x8 120 2 168
7-9 1.40 100x100x8 120 2 168
9-11 1.40 100x100x8 120 2 168
11-12 1.53 100x100x8 120 2 183.6
2-3 0.51 80x80x8 95 2 48.4
4-5 0.98 80x80x8 95 2 93
6-7 1.44 80x80x8 95 4 273.6
8-9 0.98 80x80x8 95 2 93
10-11 0.51 80x80x8 95 2 48.4
3-4 1.41 80x80x8 95 2 134
5-6 1.64 80x80x8 95 2 156
6-9 1.64 80x80x8 95 2 156
8-11 1.41 80x80x8 95 2 134

15
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh
273.6
[N.B. CARICHI IN N]

93 168 168 93

168 168
48.4 168 168 48.4
156 156

168 168
183.6 183.6
134 134

183.6 183.6
156 156
134 134

172.8 172.8 158.4 158.4 158.4 158.4 158.4 158.4 158.4 158.4 172.8 172.8

48.4 93 273.6 93 48.4

609.6 N

585 N 585 N

534 N 534 N

356.4 N 356.4 N

379.6 N 409.8 N 902.4 N 409.8 N 379.6 N

16
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Risoluzione con il metodo analitico

Calcolo delle reazioni vincolari esterne

Per la stabilit esterna della struttura deve essere:

H1 = 0
V1 + V12 = F = 110 kN

Poich la struttura simmetrica e simmetricamente caricata:

110 kN
V1 = V12 = = 55 kN
2

Calcolo degli sforzi nelle aste

Calcoleremo, per ovvi motivi di simmetria, soltanto met struttura.


E necessario individuare un nodo semplice o canonico, definito come nodo in cui convergono due
aste e scriviamo le due equazioni di equilibrio. Nel nostro caso partiamo dal nodo 1.
La figura seguente riporta lo schema statico finale con tutti i carichi nodali applicati

17
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

17.40 kN

17.40 kN
7
18.11 kN

9.54 kN 3

1
2 4 6

0.38 kN 0.41 kN 0.90 kN


55 kN

18
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

NODO 1:
9.54 kN
R13
Fx = 0 R12 + R13 cos(19.5) = 0
1 19.5
Fy = 0 55 9.54 + R13 sin (19.5) = 0 R12

Dalla seconda si ricava:


45.46 55 kN
R13 = = 136.2 kN
sin(19.5)

<0 pertanto invertiamo il verso prescelto 9.54 kN .2 kN


136

Sostituendo nella prima equazione:


1 19.5

R12 = 136.2 cos(19.5) = 128.4 kN 128.4 kN

Poich gli sforzi sullasta sono uguali e opposti


alle azioni sui nodi, lasta 1-3 sar un puntone (compressione) 55 kN
e lasta 1-2 sar un tirante (trazione).

19
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

NODO 2:

Fx = 0 R24 128.4 = 0 R24 = 128.4 kN

Fy = 0 R23 0.38 = 0 R23 = 0.38 kN


NODO 3:

Fx = 0 136.2 cos(19.52) + R35 cos(19.52) + R34 cos(19.52) = 0

Fy = 0 136.2 sin (19.52) + R35 sin (19.52) R34 sin (19.52) 18.11 0.38 = 0

0.94 (R35 + R34 ) = 128.4

0.33 (R35 R34 ) = 27.02

R35 + R34 = 136.6

R35 R34 = 81.9

Dalla seconda: R35 = R34 81.9


Sostituendo nella prima: R34 81.9 + R34 = 136.6 ; 2 R34 = 54.7 ; R34 = 27.3 kN
Pertanto: R35 = 109.2 kN
Invertiamo i versi prescelto poich le soluzioni sono entrambe negative.

20
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

R 2 -3 18.11 kN

19.52
R 35


3
2
136.2 kN

R 2 -4
1 2 8 .4 kN

21.18
R 34

0 .3 8 kN

0.38 kN

18.11 kN
0.38 kN

.2 kN
109
3
136.2 kN
27.
2 1 2 8 .4 kN 3k
N

1 2 8 .4 kN

0 .3 8 kN 0.38 kN

21
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

NODO 4:

Fx = 0 27.3 cos(21.16) + R4 6 128.4 = 0 R4 6 = 103 kN

F y = 0 R4 5 0.41 27.3 sin (21.16) = 0 R4 5 = 10.3 kN


NODO 5:

Fx = 0 109.2 cos(19.52) + R5 7 cos(19.52) + R5 6 cos(36.57) = 0

Fy = 0 109.2 sin (19.52) + R5 7 sin (19.52) R5 6 sin (36.57) 17.40 10.3 = 0

103 + R5 7 0.94 + R5 6 0.80 = 0

36.5 + R5 7 0.33 R5 6 0.60 17.40 10.3 = 0

R5 7 0.94 + R5 6 0.80 = 103

R5 7 0.33 R5 6 0.60 = 8.8


Dalla seconda: R5 7 = 1.82 R5 6 26.7
Sostituendo nella prima: 1.71 R5 6 25.1 + R5 6 0.80 = 103 ; R5 6 = 31 kN
Pertanto: R5 7 = 56.11 26.7 = 83 kN

Invertiamo i versi prescelto poich le soluzioni sono entrambe negative.


22
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

R4-5
17.40 kN
21.16

R5-7
27.3 kN

19.52
5
4
109.2 kN

57
128.4 kN R4-6 R5-6

36.
0.41 kN
10.3 kN
10.3 kN

17.40 kN

N
83 k
27.3 kN 5
4 103 kN 109.2 kN
31
128.4 kN kN

0.41 kN
10.3 kN

23
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

NODO 6:

Lequilibrio alla traslazione orizzontale del nodo 6 ovviamente garantito pertanto basta esplicitare la
sola equazione di equilibrio alla traslazione verticale:

Fy = 0 R67 0.90 2 31 sin (36.39) = 0 R67 = 38 kN

38 kN
R6-7
9

36.3
31 kN 31 kN 31 kN 31 kN
3 6 .3

9
103 kN 103 kN 103 kN 103 kN
6 6

0.90 kN 0.90 kN

24
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Tabella sollecitazioni

Asta Sezione N profili Sforzo [kN] Tipo

1-2 100x100x8 2 +128.4 TIRANTE


2-4 100x100x8 2 +128.4 TIRANTE
4-6 100x100x8 2 +103 TIRANTE
6-8 100x100x8 2 +103 TIRANTE
8-10 100x100x8 2 +128.4 TIRANTE
10-12 100x100x8 2 +128.4 TIRANTE
1-3 100x100x8 2 -136.2 PUNTONE
3-5 100x100x8 2 -109.2 PUNTONE
5-7 100x100x8 2 -83 PUNTONE
7-9 100x100x8 2 -83 PUNTONE
9-11 100x100x8 2 -109.2 PUNTONE
11-12 100x100x8 2 -136.2 PUNTONE
2-3 80x80x8 2 +0.38 TIRANTE
4-5 80x80x8 2 +10.3 TIRANTE
6-7 80x80x8 4 +38 TIRANTE
8-9 80x80x8 2 +10.3 TIRANTE
10-11 80x80x8 2 +0.38 TIRANTE
3-4 80x80x8 2 -27.3 PUNTONE
5-6 80x80x8 2 -31 PUNTONE
6-9 80x80x8 2 -31 PUNTONE
8-11 80x80x8 2 -27.3 PUNTONE

25
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

83 83

5 9
.2 109
109 .2

38
3 31
31
11

10.3
10.3
.2 27.3 136
27.3

0.38
136
0.38

.2

1 128.4 128.4 103 103 128.4 128.4 12

2 4 6 8 10

55 kN 55 kN

26
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Risoluzione con il metodo grafico cremoniano


(Prof. Cremona 1870)

Il metodo raccoglie in un unico diagramma tutti i poligoni di equilibrio ai nodi.

1. Si costruisce il poligono chiuso di tutte le forze esterne,


attive e reattive, riportando tali forze in ordine come si
trovano percorrendo il contorno della trave per esempio
in senso destrorso;
2. Partendo dal nodo canonico 1, ruotiamo in senso orario
e incontriamo la reazione nota V1=55 kN, la forza nota
pari a 9.54 kN e le aste 1-3 e 1-2. In questo stesso
ordine costruiamo il relativo poligono di equilibrio.
3. Passando al nodo 2, in senso orario, incontriamo lo
sforzo S1-2 precedentemente calcolato, pari a 128.5 kN,
gli sforzi delle aste 2-3 e 3-4 incogniti e, infine, la forza
verticale pari a 0.38 kN. Sul grafico troviamo gi
disposto lo sforzo S1-2 , da cambiare di verso, e la forza
esterna pertanto chiudiamo il poligono con le parallele
alle aste 2-3 e 2-4.
4. Si procede con la stessa logica per tutti i nodi. Per la
simmetria possiamo arrestare il procedimento al nodo 7
in quanto il diagramma risulterebbe speculare.

27
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

9.55
18.11

V1
.3
136

17.40
84
110

38.5

0.38
0.41
0.90
0.41
84
103.6

17.40
0.38

128.5
27
10

0.38
31

17.40

V12
18.11
9.54
28
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESERCIZI
Risolvere le seguenti strutture reticolari con il metodo analitico e con il metodo grafico cremoniano.

TRAVE N1

F=20 kN
L=2.00 m

TRAVE N2

F=20 kN
L=2.00 m

29
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

TRAVE N3
P=10 kN
L=2.00 m

TRAVE N4

30
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

TRAVE N5 (Polanceau a 1 contraffisso)

Schema statico
4

3 6

1 7
2 5

31
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

X Y
Nodo
[m] [m]
1 -4.12 0
2 -1.72 0
3 -2.00 0.74
4 0 1.44
5 1.72 0
6 2.00 0.74
7 4.12 0

Sovraccarico accidentale: 1.10 kN/mq


Impermeabilizzazione: 0.10 kN/mq
Peso proprio copertura : 2.90 kN/mq
Interasse capriate: 5.00 m
Si trascuri il peso proprio degli elementi strutturali

32
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Carpenteria metallica

]
8[20 t=20
00x 100x
2L 1
12 Bulloni M14 - 8.8
00
i= 3
0 09 P
L=2
- 8.8
M14 ]
B ulloni [20
9 x8
0
x8 0
80 30
t=20 2L i=
9 9P
16
L=

2L 8
]
8[20
100x

L=
00x

0x80
2L 1

522

x8[2
300

P
Pi =

i= 3
94

0]
L = 20

00
2L 100x100x8[20] t=20 2L 100x100x8[20]

t=20
6 Bulloni M14 - 8.8 L = 1902 Pi = 300 12 Bulloni M14 - 8.8 L = 3390 Pi = 300

33
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Fonti

Antonio Cirillo Acciaio Sistemi editoriali


Delio Fois Corso di costruzioni Vol.2 - Calderini

34