Sei sulla pagina 1di 9

NINNA NANNA

NINNA NANNE (Abruzzo)

Fa scì la lune e ‘ffa cuprì lu sole,


famm’addurmì, Madonne, stu fijole:
falle mette ‘nghe ‘llangele ‘ngammine
pe’ ‘lluorte de lu ciele e li ciardine.
Bella Madonne, po’ gna l’aresvije,
fajje ride dù stelle tra li cije.

Nu vèle d’ore se spanne,


è tutte fiure lu monne....
Ninna-nanne!
Pace e sonne!

CANTO DEL LAVORO

SE OTTO ORE VI SEMBRAN POCHE E noi faremo come la Russia


noi squilleremo il campanel,
(Canto delle mondariso – workers in the falce e martel,
paddy fields) e squilleremo il campanello
falce e martello trionferà.
Se otto ore vi sembran poche,
provate voi a lavorare E noi faremo come la Russia
e troverete la differenza chi non lavora non mangerà;
di lavorar e di comandar. e quei vigliacchi di quei signori
andranno loro a lavorar.
VILLOTTA
L'E' BEN VER CHE MI SLONTANI (Friuli Venezia-Giulia)

L'è ben ver che mi slontani E' vero che mi allontano


dal pais ma no dal cur; dal paese, ma non dal cuore
sta pur salde tu, ninine, stai tranquilla tu, cara,
che jo torni se no mur. che io torno se non muoio

Montagnutis ribassaisi, Oh montagne, abbassatevi


fait un fregul di splendor, fate un pò di luce
che ti viodi ancje une volte, che ti veda ancora una volta
bambinute dal Signor. bambina del Signore

MARCIA MILITARE
FLIK FLOK

Quando passano per la via gli animosi Bersaglieri,


sento affetto e simpatia pei gagliardi militari.
Vanno rapidi e leggeri quando sfilano in drappello,
quando il vento sul cappello fa le piume svolazzar.

L'Italia in mezzo secolo copertasi di gloria


fu addotta alla vittoria dal prode Bersaglier.
Lo stuolo di La Marmora sui campi di Crimea,
la foce Eridanea ritolse allo stranier.

Splende al sol d'Italia del Bersagliere la carabina,


dalle giogaie alla marina è chiuso il varco all'invasor.

Dove gemono i dolori primo accorre il Bersagliere,


che dà al misero i tesori di bontade e di fortezza.
Marcia a capo delle schiere ordinate per l'assalto,
non discende dallo spalto finché il fuoco cesserà.

Caduto in riva all'Adige, risorto a Solferino,


pugnando a San Martino, l'ingiuria vendicò.
L'Italia, come il fulmine, percorse vincitore,
spiegando il tricolore univa il Tebro al Po.

Splende al sol d'Italia del Bersagliere la carabina,


dalle giogaie alla marina è chiuso il varco all'invasor.
CANZONE NAPOLETANA
PARLAMI D’AMORE MARIU’

Come sei bella più bella stasera Mariú! Fiamme di sogno scintillano
Splende un sorriso di stella negli occhi
tuoi blu! Dimmi che illusione non é
Anche se avverso il destino domani sarà Dimmi che sei tutta per me!
Oggi ti sono vicino, perche sospirar? Qui sul tuo cuor non soffro più
Non pensar! Parlami d'amore, Mariù!

Parlami d'amore, Mariù! Parlami d'amore


Tutta la mia vita sei tu! Parlami d'amore
Gli occhi tuoi belli brillano Parlami d'amore, Mariù!

STORNELLO

LA PORTI UN BACIONE A FIRENZE


Io porto il tuo bacio a Firenze
Partivo una mattina co' vapore, che l'è la tua città
e una bella bambina gli arrivò. ed anche l'è di me.
Vedendomi la fa: Scusi signore! Porto il tuo bacio a Firenze
Perdoni, l'è di' ffiore, sì lo so. nè mai, giammai potrò scordarmi te.
Lei torna a casa lieto, ben lo vedo,
ed un favore piccolo gli chiedo. Sei figlia d'emigrante,
per questo sei distante,
La porti un bacione a Firenze, lavori perchè un giorno a' ccasa tornerai.
che l'è la mia città Porto il tuo bacio a Firenze
che in cuore ho sempre qui. e da Firenze tanti baci avrai.
La porti un bacione a Firenze,
lavoro sol per rivederla un dì. L' è vera questa storia e se la un fosse,
la può passar pe' vera, sol perchè
Son figlia d'emigrante, so bene i' lucciconi e quanta tosse
per questo son distante, gli ha chi distante dalla Patria gli è.
lavoro perché un giorno a casa tornerò. Così ogni fiorentino ch'è lontano,
La porti un bacione a Firenze, vedendoti partir ti dirà piano:
se la rivedo, glielo renderò.
La porti un bacione a Firenze,
Bella bambina! Le ho risposto allora. che l'è la mia città
A' ccasa il tuo bacione porterò. che in cuore ho sempre qui.
E per tranquillità fin da quest'ora, La porti un bacione a Firenze,
in viaggio chiuso a chiave lo terrò. lavoro sol per rivederla un dì.
Ma appena giunto a' ccasa te lo giuro,
il bacio verso i' ccielo andrà sicuro. La nostra cittadina
pettegola e carina, di tutti i fiorentini che incontrai.
la ci ha tant'anni, eppure
la un n'invecchia mai.
Io porto bacioni a Firenze

PIZZICA

PIZZICARELLA MIA (Salento – Puglia) Na letera ni fazzu alla mia amore.

Pizzicarella mia pizzicarella Portala bella bella ssutta all'ale


lu caminatu tou pare ca balla Cu nu te scappa ddhu scrittu d'amore.

A du te pizzicau ca nu se scerne E quandu rivi addhai nu ni la dare


sutta lu giru giru te la suttana. Se nu te duna la sincera amore.

Quantu t'amau t'amau lu core meu


mò nu te ama cchiui se nde scerrau.

Te l'ura ca te vitti te mmirai Pizzicarella mia pizzicarella


nu segnu figgi a mienzu a mienzu il tuo camminare sembra un ballo
all'occhi toi.
Dove ti pizzicò che non ti passa?
Ca quiddhu poi è nu segnu particulare sotto il bordo della sottana
Ca nu te sceri te l'amore toi.
Quanto ti ha amato il cuore mio
Amore amore ce m'hai fattu fare adesso non ti ama più, se ne è
e quindici anni m'hai fatta mpaccire. dimenticato

Te quindici anni m'hai fatta mpaccire Da l'ora che ti vidi ti ammirai


de matre e patre m'hai fatta scerrare. un segno feci in mezzo ai tuoi occhi

Oh rondine ci rondini lu mare Che quello è un segno particolare


Vieni chiù quai te ticu doi parole. che non ti dimentichi del tuo amore.

Cu te la tiru na pinna te l'ale Amore amore che mi hai fatto fare


dall'età di quindici anni mi hai fatta
impazzire chè ti tiro una penna dall'ala
e faccio una lettera al mio amore
Da quindici anni mi hai fatta impazzire
di madre e padre mi hai fatta Portala per bene sotto alle ali
dimenticare che non ti scappi quello scritto d'amore

O rondine se voli sul mare E quando arrivi non glielo dare


Vieni in qua chè ti dico due parole se non ti dona il sincero amore.

BARCAROLA
LA BIONDINA IN GONDOETA (Venezia)

La biondina in gondoeta Mò stufà, oh finalmente,


l’altra sera gò menà, de sto tanto so' dormir,
dal piasser la povareta e gò fato da insoente,
la s’ha in boto indormensà. no m' 'ò vudo da pentir.

La dormiva su ‘sto brasso, Perchè, Oddio, che bee cose


mì ogni tanto la svegiava, ghe go dito e ghe go fato,
mì ogni tanto la svegiava. ghe go dito e ghe go fato.

E a barca che ninava No, mai più tanto beato


la tornava a indormensar, ai me zorni no so stà.
e a barca che ninava No, mai più tanto beato
la tornava a indormensar. ai me zorni no so stà.

Contemplando fisso, fisso,


e fatesse del mio ben, La biondina in gondoletta
quel visetto cussì slisso, L’altra sera ho accompagnata,
quea bocca e quel bel sen. Dal piacere, la poveretta
S'è di botto addormentata.
Mi sentiva dentro al petto
una smania, un missiamento, Lei dormiva su 'sto braccio
una smania, un missiamento. Ma ogni tanto io la svegliava
Ma ogni tanto io la svegliava
Una specie de contento
che no' so come spiegar, Ma la barca che cullava
una specie de contento La tornava a addormentare.
che no' so come spiegar.
Ma la barca che cullava Una specie di contento
La tornava a addormentare. Che non so come spiegar!

Contemplando fisso, fisso, Poi stancato finalmente,


Le fattezze del mio bene, di 'sto tanto sol dormire,
Quel visetto così liscio, Io le ho fatto da insolente,
Quella bocca e quel bel sen. Non m'ho avuto da pentire.

Io sentivo dentro al petto Perchè, oh Dio, che belle cose


Una smania, un mancamento, che le ho detto e che le ho fatto!
Una smania, un mancamento, No, mai più tanto beato
Ai miei giorni non so star.
Una specie di contento
Che non so come spiegar!

CANTO DELLA RESISTENZA tu mi devi seppellir.

BELLA CIAO! Mi seppellirai lassù in montagna,


o bella, ciao! bella, ciao!
Una mattina mi son svegliato, bella, ciao, ciao, ciao!
o bella, ciao! bella, ciao! Mi seppellirai lassù in montagna
bella, ciao, ciao, ciao! sotto l'ombra di un bel fior.
Una mattina mi son svegliato
e ho trovato l'invasor. Tutte le genti che passeranno
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao,
O partigiano, portami via, ciao!
o bella, ciao! bella, ciao! Tutte le genti che passeranno
bella, ciao, ciao, ciao! Ti diranno «Che bel fior!»
O partigiano, portami via,
ché mi sento di morir. «È questo il fiore del partigiano»,
o bella, ciao! bella, ciao!
E se io muoio da partigiano, bella, ciao, ciao, ciao!
o bella, ciao! bella, ciao! «È questo il fiore del partigiano
bella, ciao, ciao, ciao! morto per la libertà!»
E se io muoio da partigiano,

CANTO DI GUERRA

LA TRADOTTA (the steal train – WW1)


La tradotta che parte da Torino
a Milano non si ferma più
e la va diretta al Piave,
cimitero della gioventù.

Siam partiti, siam partiti in ventinove,


ed in sette siam tornati qua,
e degli altri ventidue?
sono rimasti tutti a San Donà.

Cara suora, cara suora son ferito


a domani non arrivo più,
questo fiore per la mia mamma
te lo do' che glielo porti tu.

A Nervesa, a Nervesa c'è una croce


mio fratello è sepolto là,
io c'ho scritto su Ninetto,
che la mamma lo ritroverà.

INNO

IL CANTO DEGLI ITALIANI (inno nazionale)

Fratelli d'Italia Siam pronti alla morte


L'Italia s'è desta, L'Italia chiamò.
Dell'elmo di Scipio
S'è cinta la testa. Uniamoci, amiamoci,
Dov'è la Vittoria? l'Unione, e l'amore
Le porga la chioma, Rivelano ai Popoli
Ché schiava di Roma Le vie del Signore;
Iddio la creò. Giuriamo far libero
Stringiamoci a coorte Il suolo natìo:
Siam pronti alla morte Uniti per Dio
L'Italia chiamò. Chi vincer ci può?
Stringiamoci a coorte
Noi siamo da secoli Siam pronti alla morte
Calpesti, derisi, L'Italia chiamò.
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi. Dall'Alpi a Sicilia
Raccolgaci un'unica Dovunque è Legnano,
Bandiera, una speme: Ogn'uom di Ferruccio
Di fonderci insieme Ha il core, ha la mano,
Già l'ora suonò. I bimbi d'Italia
Stringiamoci a coorte Si chiaman Balilla,
Il suon d'ogni squilla Già l'Aquila d'Austria
I Vespri suonò. Le penne ha perdute.
Stringiamoci a coorte Il sangue d'Italia,
Siam pronti alla morte Il sangue Polacco,
L'Italia chiamò. Bevé, col cosacco,
Ma il cor le bruciò.
Son giunchi che piegano Stringiamoci a coorte
Le spade vendute: Siam pronti alla morte
L'Italia chiamò