Sei sulla pagina 1di 67

A cora ccore

Versi di Edoardo DI LORETO Musica di Pierino LIBERATI

Ugne tante mi v mmende di sc fore da stu monne e di - sapetaddonne ? add st lu sendimende... Ah, truv na casarelle, sole, mmezza na cambagne, nghi na cafunetta bbelle che facesse da cumbagne!... Chi bellezze che sarr a camb sembraccusc: notte juorne mbracce-a tte... Chi bellezze che sarr! Na casette piccerille, tonne-tonne nu ciardine; quanda cielle la matine masbjesse nghi li strille! Senz-prss tanda cose che mi fa ndruzz lAmore, pinz sola ccje rose e st sembra cora ccore! Chi bellezze che sarr a camb sembraccusc: notte juorne mbracce-a tte... Chi bellezze che sarr! Sta casette di lAmore sarr gne nu paradise: arie e sole, cande rise: Primavere dendre fore!.. Senza cruce, senza pene, na vuccuccia nnammurate che mi vasce-e mi v bbene... suonne dore e sserenate. Chi bellezze che sarr a camb sembraccusc: notte juorne mbracce-a tte... Chi bellezze che sarr!

A lu cannete
Versi di Luigi ILLUMINATI Musica di Antonio DI JORIO

Amore amore. Su, jame a braccette a lu cannete fresche che ci aspette. Lu verde charipnne, gna si smove, ci li v tesse narmunja nve. Scine scine m li canne, struscinnne fronne a fronne, fnne cnn j sunn. Accuzzte tra le canne pare stema natru monne nche li cuore annazzic. Amore amore. V ci sarimbnne, na sbarre di cillitte nfra li fronne. E ciurlijnne, ncim chi li ciuffe, m nu cuncerte je li dme a guffe. Scine scine m li canne, struscinnne fronne a fronne, fnne cnn j sunn. Accuzzte tra le canne pare stema natru monne nche li cuore annazzic. Amore amore. V, nchi na vuccnne lu vente v ffa scingil li canne. Ma dope ci st dd: niente paure, vi porte lu salute di li fiure. Scine scine m li canne, struscinnne fronne a fronne, fnne cnn j sunn. Accuzzte tra le canne pare stema natru monne nche li cuore annazzic.

A lu mole
Versi di Cesare FAGIANI Musica di Vito OLIVIERI

E vicce pure tu sopra a lu mole, chi ci spasseggie nin si stracche maje! Vicce quande ci ngrogne chi lu sole, vicce quande la notte nere assaje! Une lu vinticelle che ci tire une la passione che suspire! A lu mole, a lu mole! E vicce pure tu a stavitare se lacque chi ci ntone li canzune! Vicce quande sallume nchi lu fare pallumin li vele nginucchiune! E chi lu fare parle di stu core che brusce e tra li stelle jette Amore! A lu mole, a lu mole! Vicce quande lu mare te sigrete na passijona nove, e sta la lune! Vitte a ssitt tu pure tra sti prete gna rucilenne ve li cavallune! Cusc tu s chi larte che ncatene du core pe vulerse tanta bene! A lu mole, a lu mole! Vicce quande scumpare lu cunfine tra cele e mare e une lu culore! mmzze a stazzurre lanime camine, li scoije si ziffonne pe stamore! Si tu ci v, ssu core marisponne quande ti cerche e chiame tra lu sonne! A lu mole, a lu mole!

Amore m
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Antonio DI JORIO

Ste nuotte chiare bbille i cante nghe la lune, i cante nghe le stelle. Salze le zitelle e ssente le canzune arreta lu spurtelle. Ma tu, amore m, ma tu addove sti? Tu ne mmi fi cap se dduorme o ti ssint. Iersere na fijole jettate ma li fiure e lu vasanicole: luc come lu sole ridnne tra lu scure chelluocchie fricagnuole. Ma tu, amore m ma tu addove sti? Tu ne mmi fi cap se dduorme o ti ssint. Allalbe tante cose dic simpra le stelle lu cante suspirose; asc naria ddurose da cierte fenestrelle lu ddore de le rose. Ma tu, amore m ma tu addove sti? Tu ne mmi fi cap se dduorme o ti ssint.

Amore m! Amore m!
Versi e musica di Tommaso CIAMPELLA

Na bardasce nghe certaria sbarazzine, nghe nu sguarde penetrante, assaj carine, quande li vide che ti fa ncant, creature che nzi po scurd. Te-na voce, quande cante, cristalline, che trasporte add la vite senza spine; na bbellezze, tale rarit, che pi stu monne nen zi po truv. Vijate a te, vijate a te, tu ti nu sguarde chi ci fa sunn; a ogne core tu fi suspir: Amore m! Amore m! dilizie, a rimirarle, senza fine, che rapisce e ogni cose fa divine, che gioja maje accusc nti po d, si une nciele ni li va a cerc.. Nu cuntente tu ti siente, gne na feste larie spire, e la nature sa riveste di tutte quante che nzi po truv add stu sole si che nen ci sta. Vijate a te, vijate a te, tu ti nu sguarde chi ci fa sunn; a ogne core tu fi suspir: Amore m! Amore m!

Amore, Amore
ANONIMO

Amor Amor, acciuccheme ssa rame Amor Amor, acciuccheme ssa rame Fammele coje, fammele coje, fammele coje a me ssu bbelle fiore Fammele coje, fammele coje, fammele coje a me ssu bbelle fiore Amor Amore nin mi fa linganne Amor Amore nin mi fa linganne Damme la rose, damme la rose Damme la rose nghi tutte le fronne! Damme la rose, damme la rose Damme la rose nghi tutte le fronne! Amore Amore nin mi ni fa tante Amore Amore nin mi ni fa tante So piccirille, so piccirille So piccirille e laricconte a mamme! So piccirille, so piccirille So piccirille e laricconte a mamme!

Arv
Versi di A. MISANTONI Musica di E. VETUSCHI

Te ne jste luntane luntane e diciste: aspitte carvinghe; so tre anne che guarde lu mare, so tre anne che guarde sarv. Ma tu, Carm, mingannate, Carm, ammore, ammore ammor comanghinne lu core. E la sere maddorme pinzenne, ca dumane tabbracce cuntente, ma me sonne lu mare tremenne, e j diche: Carmele narv. Ma tu, Carm, mingannate, Carm, ammore, ammore ammor comanghinne lu core. Haj sapute ca tu nariturne, haj sapute ca natre ti te; so tre anne che guarde lu mare, so tre anne che guarde sarv. Ma tu, Carm, mingannate, Carm, ammore, ammore ammor comanghinne lu core. Arv, Carm!...

Campne a lligrezze
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Lu sole ha tramuntte a la muntagne, lu ciela ccon accone zi scurisce: da lu paese arrive a la campagne nu sone di campne che sturdisce. Suona, suona pe mme, campne, sunemi a feste, e pe le nozza mi ndrassuona lste! Campne spinzierte gni stu core, chi vi disprezze forse vi vo bene, vu sete capricciuse gne lamore: nu juorne dete gioie e ntre pene. Suona, suona pe mme, campne, sunemi a feste, e pe le nozze mi ndrassuona lste! I cante a tutte lore e sso cuntente, le spine nen chenosce de le rose; lamore me mha fatte giuramente ca prime di ntranne mi zi spose! Suona, suona pe mme, campne, sunemi a feste, e pe le nozze mi ndrassuona lste!

Caruline
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Antonio DI IORIO

Ssi capille, Caruline com nnire com fine; tutte pighe, tuttanlle, a vvedrle fa ncant. Sse ciuffette nu capricce, nen t rhule ssi ricce, mo na bbffe sareblle, mo na fzze vo scapp. Caruline, une cchi bblle nen si trova stu quartiere, na cchi scicca capelliere, Caruline, nen ci sta. Trcce luonghe, trcce piene, pnne come le catne, gne le sierpe sarrutlle, l arie ntorne fa ddur. Quande tu sse trcc-i-asciuojje, i mi more di na vjje, tra ssi ricce, tra ssanlle mi vulssannascunn. Caruline, une cchi bblle nen si trova stu quartiere na cchi scicca capelliere, Caruline, nen ci sta.

Che sci bbindette Urtone


Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Quande lu sole sponde a la marine e lUriintle pre che zi ndore, li varche nghe li vele fora fore salute lu paese e zi ne v. Li giuvinette dorme spinziirte sugnnne ca lu spose da vicine; a San Tumasse sone matutine, la gente gi cumnze a fatij. Che sci bbindette Urtone, stu mre belle e staria accusc fine, sti giuvinette rose di ciardine. Che sci bbindette Urtone. Appena ch sunte mezzijuorne la giuvinette lasse la fatijje, da la finestre guarde pe la vijje e pnze ca lu spose narv cchi. Archiude la finestre suspirnne; zarmire a lu spicchiette traditore, zi vede siempre belle pe lamore pecch nen more msta giuvent. Che sci bbindette Urtone, stu mre belle e staria accusc fine, sti giuvinette rose di ciardine. Che sci bbindette Urtone. La sere che la lune m mezz mre zi pavunegge e ride gni na spse, la giuvinetta bella e cuntignose zaffaccia a lu balcone pe cant: O luna lune arpurtimi lAmore, ardmmi lalligrijje e la spiranze, stu core pe scurd la luntananze asptte e preghe e nin zi stanche m Che sci bbindette Urtone, stu mre belle e staria accusc fine, sti giuvinette rose di ciardine. Che sci bbindette Urtone.

10

Chi v Chi v
Versi di C. R. DEVRANO Musica di Antonio DI JORIO

Sotta la casa me ci sta lu mare e la stazione de la firruvije; ci passe e ci arepasse nu vapore nghi nu fracasse che ti fa mpazzie. Nu fischie... po la tromba fa: t-t. Chi v...chi v... ogni trene i maffaccia vved; chi v...chi v... se putesse lamore turn. Chi v... chi v... ah lamore pi mme nnarriv; chi v...chi v... ogne trene mi fa suspir. Chi p scurd chi la partenza amare che mi dicieste, amore: addie, addie; sente, gna fusse m lu stesse ddore di lu fazzole che mi svintelije. Nu fischie... po la tromba fa: t-t. Chi v...chi v... ogni trene i maffaccia vved; chi v...chi v... se putesse lamore turn. Chi v... chi v... ah lamore pi mme nnarriv; chi v...chi v... ogne trene mi fa suspir. Vede, gna fusse m, chilluocchie chiare chogne speranza mi si port vije! Trene carrive, o parte...ogne rummore na spina a lu core e picundrie. Nu fischie... po la tromba fa: t-t. Chi v...chi v... ogni trene i maffaccia vved; chi v...chi v... se putesse lamore turn. 11

Chi v... chi v... ah lamore pi mme nnarriv; chi v...chi v... ogne trene mi fa suspir.

12

Ci manche allAdriatiche na perle


Versi e musica di Guido ALBANESE

Ma che sfraglle mo z scatenate? Signor Die, Ges Ges! La guerre s fermata sta cuntrate! I nen sacce piagne cchi... Ah!... Ci manche allAdriatiche na perle, ah!... (ma tutte stu dulore chi po dirle?) O Urtona, Urtona m, i tadore sempre cchi! Cantve le sirene tra le ville: mo nzi sente cchi cant. Ma cerca cerca cerca Francaville... mra nnu, n zi po truv! Ah!... Ci manche allAdriatiche na perle ah!... (ma tutte stu dulore chi po dirle?) Francavilla, Francav, spiaggia dore, dd sti tu? Oh fa rmen, Signore, lu serene, ca Tu sole le puo fa, e rnasce, dope tante e tante pene, ste ddu perle di citt! Ah!... Ci manche allAdriatiche ddu perle, ah!...(ma tutte stu dulore chi po dirle?) O Urtona,Urtona me, Francavilla, ddo sti tu?...

13

Ci stave na vote...
Versi di Italo TESTA Musica di Aniello POLSI

Ci stave na vote... che cose? Nen me raccapezze stasere! Ma ca ci stave lu vere, ci stave na vote na cose. Lavi da sap pure tu, o povera fronne de rose... Ci stave na vote na cose: na cose che m n ci sta chi!

14

Core m
Versi e musica di Guido ALBANESE

Mo nche sse storie, capricce suspiette ca ne mmi vu me vulisse fa ntnne; ma ti chensce bellezze difiette: tu sci lu vente che v pazzienne...lar lir! Quante ti vujje bbene, Carm, sempre ti stssa vai... ah! Core ccore m! Ne mmi fa cchi suspir! Dorme e mi sonne ssa bella vuccucce dorme e mi sonne ssa faccia lucente. Chi me ne fi, chi mi pre carucce: tu mi si fatte sc di sintimente...lar lir! Quante ti vujje bbene, Carm, sempre ti stssa vai... ah! Core ccore m! Ne mmi fa cchi suspir! Quanta carezzajje fatta ssa fronte, quanta vaittajje date a ssi ricce! Proprie lu vere, cu gna s'arcnte, ca pe ogne ricce tu ti nu capricce... lar lir! Quante ti vujje bbene, Carm, sempre ti stssa vai... ah! Core ccore m! Ne mmi fa cchi suspir!

15

Dammi un ricciolo dei capelli


Canto popolare rielaborato da Francesco Paolo TOSTI

Dammi un ricciolo dei capelli la gnicche la gnocche la carichic dammi un ricciolo dei capelli la gnicche la gnocche la carichic cos biondi cos belli vuoi saper che farne io v? Lavr in luogo di gioielli la gnicche la gnocche la carichic Lavr in luogo di gioielli la gnicche la gnocche la carichic Ah! Di tua mano donami un fiore la gnicche la gnocche la carichic Di tua mano donami un fiore la gnicche la gnocche la carichic da serbarlo sopra il core vuoi saper che farne io v? Un emblema dellamore la gnicche la gnocche la carichic Un emblema dellamore la gnicche la gnocche la carichic Ah! Dammi il core mio giovinetto la gnicche la gnocche la carichic Dammi il core mio giovinetto la gnicche la gnocche la carichic gran tempo che laspetto ma del cor che mai far la mia immagine ci metto la gnicche la gnocche la carichic la mia immagine ci metto la gnicche la gnocche la carichic Ah!

16

Din Don
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Antonio DI JORIO

Campanelle che suone mattutine, saresbeje nghe langele li cille, ma ci sta na fijole tante bbelle che je piace lu sonne la matine. La campanelle pe lu cile cante lamore m fa sante nen si v. Dind, dind Urnelle tu nghe sta campanelle nen ti fi sante, no! Campanelle che sune mezzejurne, dije che sete che tenghe e che ppetite chi mi po cummit n mi cummite, e maggire dejune ecche dentorne. La campanelle pe lu cile cante lamore m fa sante nen si v. Dind, dind Urnelle tu nghe sta campanelle nen ti fi sante, no! Campanelle che suone vintunore, se ne va poche a ppoche la jurnate, e chi t come m lalme piagate nu suspire jaesce da lu core. La campanelle pe lu cile cante lamore m fa sante nen si v. Dind, dind Urnelle tu nghe sta campanelle nen ti fi sante, no! Campanelle che suone vemmarie, calate lu sole e si f notte, tutte sta llegre, ma nu giuvenotte je se chiude lu core nghe la mbrie. La campanelle pe lu cile cante lamore m fa sante nen si v. Dind, dind Urnelle tu nghe sta campanelle nen ti fi sante, no! 17

E cante ca ti passe
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Che vle m lu piante e li suspire ? Lu tempe ch passte narv chi. Ricuorde ? Intravvid pe ssuocchie nire e tu pe mme mpazzivi, Mari. Ma m lu pintimente cosa troppe basse: m pienz st cuntente e cante ca ti passe! Che vle a ricurd stu core bbone, li vascia mi che tante ti piac? Che vle ca ti strujje di passione se i nen pzze rsse chi lu t? La vita nu passagge tra gioie, piante e chiasse: Mari, fatti curagge e cante ca ti passe! Che vle lu rimpiante pe lamore, m che lamore nen po cchi rfiur? Se, gna tu dice, mi vu bben ancore, cantme assieme e nen pinz a mur. Mari, chi vute vute, li vsce nen zi scasse. M pinz a la salute e cante ca ti passe.

18

Ere na vte
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Antonio DI JORIO

re na vote na ggiuvintte re nu fiore, che vv ajj a dire? Capille nire, uocchie cchi nnire, na bblla vite, nu bblle ptte, nu parl mmlle, nu passe piane, ma dde che ccore, che ccore strane! Na favultte quste nen : sta ggiuventte ccome tt. re na vote na ggiuvintte: je piac tante di rss amate, amave tante lu nnammurate. Che passone, che nnode strtte! ma nu disturbe, mam na rajje... ma re foche, foche di pajje. Na favultte quste nen : sta ggiuventte ccome tt. re na vote na ggiuvintte: mur damore, ma ogne ttante pass da une a nn atr amante pe nu capricce, pe nu desptte. Lme sparlave, nsi pij scrne, re la storie de lu cuntorne Na favultte quste nen : sta ggiuventte ccome tt. re na vote na ggiuvintte: av tenute, av lassate tr quattre cinche si nnammurate: rest po sole, sola sultte, snza nu rise, snza nu sguarde... Che ppiantallore. Ma troppe tarde!

19

Na favultte quste nen : sta ggiuventte ccome tt.

20

Fatte lu fatte te
Versi di Nino SARACENI Musica di Gioacchino RUTOLO

Vide nu ccne chi m cumminte lamice, lu cumpare e lu parente, senze che ci vajj addummann, ugnune nu cunsije mi v d. Uff! Fatte lu fatte t, nin t n caric, ca pe li cosa mi ci vuoje pinz . Nin serve a d cunzje, si vuoje fa nu sbaje li sacce fa da m; fatte lu fatte t. Vide nu ccne chi mi succede, mi piace nu partite chi ci-acrde, emb la gente mi v dice va, ti cunzijme n add di sta. Uff! Fatte lu fatte t, nin t n caric, ca pe li cosa mi ci vuoje pinz . Nin serve a d cunzje, si vuoje fa nu sbaje li sacce fa da m; fatte lu fatte t. Vide nu ccne chi m capitate: nu belle terne secche so zziccate, ma chi la gente dice: nci si fa, ti sie sbajte, quattre ve accucchia.

21

Funicul funicul
Versi di Antonio AMBROSINI Musica di Carlo MASSANGIOLI

Giuvinette de Urtone, uperaie e signurune, lligrije a une a une, ha errevete lu sta bbne! Metteteve di core a fa le feste, se cale alla marine alste alste. Nche lamore lariul, funicul, strette strette voje , funicul. Me voje divert, ce voje pazzij, funicul, funicul! Furastiere che venete, pe guderve quttre bagne, pe fa vite a la sciampagne, che delizie che truvete. Pe chi nen po sta ferme maje maje, trove lu spsse a fa lu cale e saje! Nche lamore lariul, funicul, strette strette voje , funicul. Me voje divert, ce voje pazzij, funicul, funicul! Nen ze ferme nu mumente, mo va mmnte e mo va bbasse, cente pije e cente lasse, te fa sta sempre cuntente. Gna spose facce senz la carrozze, ce facce lu vagge de le nozze! Nche lamore lariul, funicul, strette strette voje , funicul. Me voje divert, ce voje pazzij, 22

funicul, funicul!

23

J Abruzzu!
Versi di Carlo PERONE Musica di Nazzareno DE AGALIS

So sajiutu a ju Gran Sassu so remastu ammutulitu, me parea che passu passu ji sajesse a jinfinitu! Che turchinu, quantu mare, quanta luce, che bellezza, ppure Roma e jatru mare se vetea da quellardezza! Po so jitu a la Maiella, la montagna tutta n fiore quant bella, quant bella, pare fatta pe lamore! Quantu sole, quanta pace, che malia la ciarammella! Ju pastore veja e tace pe ju Dio de la Maiella. Po so jitu a la marina e le vele colorate co ju sole la matina se so tutte lluminate! Se recanta la passione ju pastore a la montagna, ji responne na canzone de ju mare a la campagna!

24

La campagnole!...
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Bella che vivi m mzz a la campagne, senza malizie e senza pretinzione, stu core ti vulesse pe cumpagne, stu coramante di simplicit. O campagnole, ti vuojje bbene ca mi spiri simpatije: i pe tte vuojje scurd lamice, li pariente e la citt. Bella che canti e rridi m bacc-i-a ssole e che soltante laria t vascte, nghe lu pinziere a tte i siempre vole e siempr accant a tte vulesse st. O campagnole, ti vuojje bbene ca mi spiri simpatije: i pe tte vuojje scurd lamice, li pariente e la citt. O bella che pazzijj nghe le rose e de le rose puorti lu prufume, tu sci lu fiore vive cchi ddurose che nen chinosce ancore ufanit. O campagnole, ti vuojje bbene ca mi spiri simpatije: i pe tte vuojje scurd lamice, li pariente e la citt.

25

La smene
Versi di Guido SIGISMONDI Musica di A. DE CECCO

Gna corre pe lu ciele - li nuvulune nire! Lu sole ntante ntante - saffacce e saritire: Bonmmene, jettte - aleste ssa sumente e ttocche a rimmantarle - porte lacque stu vente! Lu grane dorme sotta a lu terrine, fallaricresce tu, Sante Martine; tinece luocchie sopre, San Giuvanne, fa mpi la morre e n ci fa i la manne! La mane va a lu sacche - che, sta ttaccate n cnte. A lu sliche ritte - tenete bone m mente: pe ogne pnie rase - che n terre spalte chiamate la Madonne - e li sante avvuchete. Lu grane dorme sotta a lu terrine, fallaricresce tu, Sante Martine; tinece luocchie sopre, San Giuvanne, fa mpi la morre e n ci fa i la manne! Si sente nu telare - che sta ttesse lu panne, e na canzone afflitte - channzzeche na ianne. Ce pzza guard Criste - la case a tutte quente e arrnnecela stare - sti punie di sumente. Lu grane dorme sotta a lu terrine, fallaricresce tu, Sante Martine; tinece luocchie sopre, San Giuvanne, fa mpi la morre e n ci fa i la manne!

26

La smarroccature
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Una casa colonica con balcone fiorito. Dinanzi ad essa unaia dove i contadini sono intenti allopera della smarroccatura Motti, risa. LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI LE GIOVINETTE I GIOVINOTTI Arluce ste marrocche mbacci-a-ssole e di sti campe te tutte lu ddore. Vu di li campe sete le vole tenete lu prufume e lu splendore. Arluce da vicine e da luntne ca ogne vche pare dore fine. Ci zi putsse f tante cullne pe farve duvent tutte riggine. Riggine nzi duvente, ma zi nasce e nu nen seme nte pe nu regne. Tenete la bellezza da le fasce e sete di nu trone le cchi degne. Nu seme ggiuvinette di campagne che campe di lavore e daria bbone. A quille che fatijje e che guadagne lamore ha priparte gi lu trone. O ggiuvinette, ggiuvinette accorte ca lmmene na serpa traditore! Pe ccarit, nen zi faceme torte: mmejjje a vvive m pace e f lamore! Pzzav tante bbene chi fatijje pe quante vche conte sti morrocche. Pzzsse bbinidette chi zi pijje li vsce e li suspire di ssi vocche!

Il capo dei contadini invita tutti in coro a cantare LA CANZONE DE LA SMARROCCATURE

27

Smarrucchnne smarrucchnne nasce tante simpatije tra canzune e gelusije passe lore surridnne. Quandarv le prime rose chi zi mpegne e chi zi spose. Smarrucchnne smarrucchnne, tra nu sguarde e na riste, zi duvente nnammurte nghe nu motte e nghi nu ccenne. Quandarv le prime rose chi zi mpegne e chi zi spose. Smrrucchnne smarrucchnne ariv lamore antiche: tra nu giovine e namiche nen zi parle, ma zi ntnne. Quandarv le prime rose chi zi mpegne e chi zi spose. CORO Terra dore, che rrid a la Majelle, maresbijje nellanime lamore; fra le tante sci sempre la cchi bbelle, terra darte, di cante e di lavore. TERRA DORE CORO Ddije tha fatte bbelle, o campagnole, dd pssi tu fiurisce colle e prate: luce sta terra dore de le fate pe quante ragge splende mbronta tte. Terra dore! Pe mme ci sti tu sole pe lamore, pe rride e pe gud. Ddije tha fatte bbelle, o campagnole, ogne turmente passe mbracc-i- tte! Marinaretta me, marinarette, vijet a tte che vivi a la marine! Sopra ssa rena dora fina fine a piedi nudi tu cchi mejje sti. Mare bianche! Pe ddentra na barchette quante suonne nghe tte mlesse f marinaretta me, marinarette! Ogne turmente passe m bracc-i-a tte! Ddije tha fatte bbelle, o muntagnole, la gente che tti vede sannamore, dentra ssu pare duocchie rubbacore 28

tutte lu ncante di sta terra st. Terra dore! Marina tutta sole! O muntagne! Chi m vi po lass? Ddije tha fatte bbelle, o muntagnole, ogne turmente passe m bracc-i-a tte!

29

La villegne
Canto popolare

LE FANCIULLE

Manna celeste, segne di feste, ogne riccippile ariempie na ceste. Chi chha viste m se mejje di stu frutte si po d? Fiamma damore, rubbine e ore, ogne bicchiere ariscalle lu core. Chi che po truv na cose che chi mejje f cant? La campagne pe lamore gne lu ciele pe le stelle: ste ragazze tutte belle brille tutte come lore. Gna finisce la villegne ogni core te nu segne. Uva sucose, uva pastose, ogne riccippile dambra priziose. Chi mejje di cusc nisciune m lha cte e le p d. Vine frizzante, vine brillante, ogne bicchiere rinforze lu cante. La botte p fin, ma lu gran pregge te nen p mur. Capistnne a lu tinacce zincatne tanti file; tra li ceste e li varile ti lamore a faccia a facce. Gna finisce la villegne ogni core te nu segne. Dispettosa dispettose, zi p sap che vvu da me? Sci na serpa vilinose. 30

GLI UOMINI

TUTTI

LE FANCIULLE

GLI UOMINI

TUTTI

BIANCA

ADELAIDE

Fmmene j: mjj a fugg. MARIA Sete proprie du gattucce: musce di qua, musce di l. Armettmele a la cucce; nen si po cchi lasciarle n du, La campagne pe lamore gne lu ciele pe le stelle: ste ragazze tutte belle brille tutte come lore. Gna finisce la villegne ogni core t nu segne.

REGINELLA

TUTTI

ADELAIDE e ALEARDO Tu mi pu f cuntente sole nghe nu surrise: mi menni m paradise se mi vu bbene tu. Pe mme ssu core tutte, luniche cunforte; delltre nen mimporte se mi vuo bbene tu. BIANCA (a ADELAIDE) Statte zitte, dispettose, ca se vienghe a sse m bacce, vide mo che bella cose nghe ssi ciurle che ci facce. ATTILIO (a BIANCA) Sienta mme, meluccia-rose, nen d rette a chela facce; nen mi f la vruvignose, su, viencche, tra ste vracce.

CORO

Siempre, siempre, a ogne dove, damore la canzone, tante viecchie, tante nove e di tutte li stagione. BRINDISI

PASQUALE

Vine doce, che nen dice buscje, quande tu parle sincere la voce, Vine vine, che mi di lalligrije, quande tu chele la mente saffine. 31

CORO

E lu vine d lu cante e lu cante d lamore: su, bevme tutti quante, su, cantme tutti n core! Vine bone, che ristore la vite, ditti a stu core na bella canzone. Vine sante, ogge sempre gradite, fa che chi bbene mi porte lamante. E lu vine d lu cante e lu cante d lamore: su, bevme tutti quante, su, cantme tutti n core! Vine chiare, vine fatte di miele. Puorte stu cante di l da lu mare. Vine scure che c-i- dte lu ciele, parle a lu core di chi mi trascure. E lu vine d lu cante e lu cante d lamore: su, bevme tutti quante, su, cantme tutti n core!

ALEARDO

CORO

ATTILIO

CORO

32

La viuletta
(se na scingiata te putesse d)
Versi di Tommaso BRUNI Musica di Francesco Paolo TOSTI

La viulette nasce nna la fratte. Quande lu verne si ni sct pi ji; Niscuna cosa arriva a la ntrasatte Come lamore che te fa mur. La luna sajie e cale nfra lu mese Lamore pi tte sembre a cresce sct, E m ch tonne come na ciresce la bella faccia te mi vo nchiuv. Lu core m j come na pajiare Chi nghi na luccia sola sappicc. Si pija tutta lacqua di lu mare Lu foche, certi, nin si po armur. Pi te i mi ni ride di lu sctrizze Quande de Marze da lu mare v; E se la notte lu Punente frizze Volle sct core si ti p vid. Ni jesse cchi crudele calabballa Ca di fiure ti vija aricupr; Gi sinnamora lalba, e fa lu calle Fa prescte, ca caccune po vin. Sct core, chi mi sbatte tante tante, Ngh sa mane mavisse da tucc; Cuntente chiudarr sct Pasqua Santa Si na scingiata ti putesse d!...

33

LAcquabbelle
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Guido ALBANESE

Oh che ffresca funtanelle lAcquabblle! na vene di cristalle, surie e bballe: tra guajune, tra fijole, scrizze ccante mbacc-i-a ssole. Cantallgre gne na vocche che tti scrcche rise vvae vae rrise M paradise me ne vajje, Mariucce, repensnne a ssa vuccucce. Cantafflitte gne nu core pe lamore. Quante cose ti vo dire nu suspire... Mariucce, che sc ditte? LAcquabblle cantafflitte. Mo fa feste, mo si lagne. Ride ppiagne... Mariucce, te ppassate? Sbruvegnate! Mo ti fi na risatelle tu sci comme lAcquabblle.

34

Le rose de lu Vaste
Versi e musica di Guido ALBANESE

Che sole stamatine! gna sbrillucceche tutte lore! So cote a lu giardine cente rose dogne culore. Mo te le vuojje d (lu trene sta part) ste rose gioia me te le manne a te. Da lu Vaste nu fasce de rose i li manne a Urtone a la spose; E da Urtone arv e da Urtone lu riturnelle de na canzone. E vide m che mare (oh Ges ma che bella cosa) nu specchie granne pare na carezze color di rose. Mo te le vuojje d la varca st part ste rose gioia me te le manne a te! Da lu Vaste nu fasce de rose i li manne a Urtone a la spose; E da Urtone arv e da Urtone lu riturnelle de na canzone. DONNE Amore famme cenne da lu fare de punta penne UOMINI Aspietteme, mia, belle, alla fonte dellacquabelle A DUE Mo te le pozze d,nen vuojje chi sffr stu core gioia me, te le manne a te.

35

Leco dei monti dAbruzzo


Versi e musica di Guido ALBANESE

Se vie spra la Majlle tu ti sintaricre: tra jrve e fiure e mille funtanelle lalma gode e vocant. Lia lia lia oh lia lia lia oh!.... Se vie spra lu Gran Sasse tu lu ciele pu tucc. Le pene di lu monne restabbasse: mparadise tu sti qu! Lia lia lia oh lia lia lia oh!....

36

Lu pescatore
Versi di Guido SIGISMONDI Musica di Guido ALBANESE

Mi so fatte pescatore p na bella trabbuccante p puterle guard quande mbacc-i-a sole sta ppesc. Vide lamore quante ne fa nu pescatore m fatte divent! Esse n cime a lu trabbocche, i di sopra lu cannizze, tra li scoije e tra li scrizze, tutte d stame a ppesc. Vide lamore quante ne fa nu pescatore m fatte divent! Ch successe stamattine?: gna tir la reta piene, p guard chela sirene, le s fatt ariscapp. Vide lamore quante ne fa nu pescatore m fatte divent!

37

Lu piante de le fjje
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Guido ALBANESE

Lu ciel cchiuse e cchiuse la muntagne, le fjje ggialle casche a una une e ssi cjje la live, e la campagne tra la nbbie arisne di canzune... Sempre sta nebbie, amore, gna si cojje la live,e ccascha llrbere le fjje! Salza lu ciele tante e ttante scale gne ttra nu snne che nen sacce dire; sajje cantnne lneme rrecle da n ciele n trre e jjtte nu suspire... Purteme tra la nbbie, tra le rame, na scale, amore, a llneme che cchiame. N cima na scale ci sta na fijole che m mzza llatre voce fa da prime, e, gna vulss aretruv lu sole, saalzaalze e sse ne va cchi n cime... Ah cchela voce che fa da suprane, amoramore, falle cant piane! Le fjje fa nu piante pe la vie, e lu cantaresne entra lu core, gne nu salutafflitte, gne naddie di tante cose bbielle che ssi more, di tante care nuode che ssascijje, amore, tra lu piante de le fjje.

38

Lu ponte
(duetto)
Versi di Guido SIGISMONDI Musica di Guido ALBANESE

UOMO

U, la bella guardane che ti truve a esse a monte, se mi fi pass lu ponte quanta solde tjja d? Pe mmeni ecche da cape m da d quatrine assaie, se nen pu nen psse maie, ti pu belle ariturn. Tojje d na cappellanne rase rase di cavalle; nen mi fa sta ecche a balle, nen mi fa tante aspett. Li cavalle brutta rrazze, se ne vole da le mane, aritrnece dumane, ssi denare nen mi va! Mo ti denghe na jummelle colme colme di zecchine: n terra Sante, m Palestine li so jte a prucur. Li zecchine pese troppe, mi si sfonne lu zenale; a men si fatte male, ci putive aripens. Tojje d nu belle pnie zeppe zeppe di brillante m Palestine, n terra Sante, li so jte a procur, Li brillante troppe ninne, mi si perde pe la vie; fijje, va nnome di Die, di pass ti pu scurd! Tenghe allore na visacce di suspire e affanne piene, 39

DONNA

UOMO

DONNA

UOMO

DONNA

UOMO

DONNA

UOMO

di turminte amare e pene, tre chi n ti pozze d DONNA Passe, fijje, vi sicure, passe, fijje, vi cuntente; pe sta terra, finalmente, pu menirt a vventur.

(In alcuni paesi dAbruzzo rimasta ancora lusanza di far entrare lo sposo nella casa della sposa, dietro uno scambio di strofe allegoriche del suddetto genere. Nella Figlia di Jorio del dAnnunzio si accenna a qualcosa di simile.)

40

Lcenacapplle
Versi di Giulio SIGISMONDI Musica di Giuseppe GARGARELLA

Che notta calme e chiare, gna luce nche sta lune la Maielle! Vole, vole a mijare attorna te le lcenacappelle. Lcena belle, lcenacapplle, vineccha me ca ti vojje acchiapp; tjje pass nche na spinguela dore, m pett allamore ti vjj appunt. E scrizze, scrizzitille, vernice che scappe da lu foche; stelle piccirille che cale da lu ciele a poche a poche. Lcena belle, lcenacapplle, vineccha me ca ti vojje acchiapp; tjje pass nche na spinguela dore, m pett allamore ti vjj appunt. Veneta me stellucce, mi serve na cullana di bbrillante: vjje che Mariucce ariduvente fije di regnante. Lcena belle, lcenacapplle, vineccha me ca ti vojje acchiapp; tjje pass nche na spinguela dore, m pett allamore ti vjj appunt.

41

Ma Urtone sempre Urtone!


Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

ccheme, bella m, ca so rminute, li gran suspiri tuo mha richiamate: da te luntane nen so ma gudute nu jurne sole di tranquillit. Rome Rome, sissignore, stragrande Mari. Ma Urtone piccirille, tranquille, diliziose, nu nide pe li spuose, Mari: a Urtone ci sti tu! Statte cuntente, Amore, ca tarporte stu core senza macchie di peccate: fidele sempre a te fin alla morte, nen lha currotte manche la cit. Rome Rome , sissignore, strascicche, Mari. Ma Urtone nu ciardine cantarine, tante belle, tra lu mare e la Majelle Mari: a Urtone canti tu! Sole vicin a te, bellezza sante, so certe di scurd stu monne ngrate: assieme ritruvme gioie e cante, speranze e suonni di felicit. Rome Rome, sissignore, nu ncante, Mari. Ma Urtone sempre Urtone, che passione, che surrise, nu vere paradise , Mari: a Urtone ridi tu!

42

Madonna, che passione!...


Versi e musica di Guido ALBANESE

S ddurmite la Majelle e cuntente sarepose, gne na mamma prosperose m mzza li fijucce su. Ma quandallalbe si vste di rose, Marella, Mar, i pecch ripense a te? Madonna, Madonne, che passone... Se le vide a la stagione quande larie senza vele, si cunfonde nghe lu ciele e ti fa proprie ncant. E se si mette la veste turchine, Maruccia, Mar, pense a luocchie che ti tu Madonna, Madonne, che passone... Quande sta pe ntra Natale la Majella s rcagnate, gne na sposa, gne na fate, che a guardarle fa sunn. E se si mette la veste di gijje, Marella, Mare, pense a ssa bianchezza te, Madonna, Madonne, che passone...

43

Maratt
Versi di Cesare DE TITTA Musica di Antonio DI JORIO

Mariann, add vi nche ssa vsta scullate e vveline, maratt? T mmitate a lu grande festine do Mmim? Mariann, nen ci , vuo bball la valnce, scimpise? Ne le si? Quess bballe che ffa li francise... Maratt! N ppe nnu ssi balle nuove, e nti vuojje dire cchi. Tu nci ite ma ncche li ddure, tu nti messe ma li culure: Mariann,nci fa la prove, nti ci truove, nci cchi ttu. Com bbelle na saldarelle tra di nu! Carmin, a dd vi nche na majje di ste a ffascione, maratt? T mmitate a lu grande vejone don Carl? Carmin, pure tu ti mparate la ggiave, scimpise? N le si? Quss bballe che ffa li francise... maratt! N ppe nnu ssi balle nuove, e nti vuojje dire cchi. Tu nci ite ma ncche li ddure, tu nti messe ma li culure: Carmin,nci fa la prove, nti ci truove, nci cchi ttu. Com bbelle na saldarelle tra di nu! 44

Marnec, a dd vi nche sa sciarpe, nche ssbbete gialle maratt? T mmitate a la fste da balle don Tot? Marnec, mo nci vo! Bbielle pure lu tanghe, scimpise? Ne le si? Quss balle che ffa li francise... Maratt! N ppe nnu ssi balle nuove, e nti vuojje dire cchi. Tu nci ite ma ncche li ddure, tu nti messe ma li culure: Marnec,nci fa la prove, nti ci truove, nci cchi ttu. Com bbelle na saldarelle tra di nu!

45

Mare nostre
Versi di Luigi ILLUMINATI Musica di Antonio DI JORIO

Mare nostre, mare che crijj'a stu core na passione d'amore e mme f 'ncant; mare bbelle sopr'a sta bbella paranze l'aneme li luntananze se mett'a ssugn. Voga voghe, marenare; voga voghe pe stu mare che nen dorme e suspire nghe mm. Mare chiare, mare de latte e d'argente, ogne ddulore e tturmente me vujje scurd. Mare granne come nu ciele stellate, trem ssa luce 'ncantate lu core mme f. Voga voghe, marenare; voga voghe pe stu mare che nen dorme e suspire nghe mm. Mare nostre, mare de ggioje e de feste, tutta luce ssa veste, tutta chiarit. Mare bbelle, damme ssa vesta lucente, famme de luce e de vente e ffamme vul. 46

Voga voghe, marenare; voga voghe pe stu mare che nen dorme e suspire nghe mm.

47

Me fa trem lamore
Versi di Andrea DE MAIO Musica di Olindo IANNUCCI

Lu sol gi calate arreta la mundagne, amore m, n cambagne m cchi n ce se po sta. Lu sol gi calate, le stelle treme n ciele, ssa vocche t lu miele e a me me fa trem. Me fa trem lamore lu bbene chi te vje, mabbrusce e me fa struje, oil, oil, oil! notte e la menducce gnaddore, nte naddune? Lu vnde a le vallne nen sinta susper? Lu vnda le vallne nen sacce ca suspire: i sacce ssocchi nire cha mme me fa trem. Me fa trem lamore lu bbene chi te vje, mabbrusce e me fa struje, oil, oil, oil!

48

Mi t sete
Versi di Nino SARACENI Musica di Antonio DI JORIO

Solo Rusin gna vi la fonte, nchi ssa conca rilucente tutte luocchie guarda tte, E lu sole accpe ammonte, nchi li raggie cchi splindente, ca si schicche fa vid. Coro Sciabbindette chi tha fatte, gioia me! Pronta pronte piesse tu e la sete cresce a mm. Tutte lacque di la fonte charivonte, nin mi conte parmur. Pronte Pronte vi Rus, E mi sente allangan. Mi t sete di ssa vocche che nzi tocche e mattocche da bbuzz. Solo Rusin si bbelle tante ma di core nti niente si ti piace a fa suffr. Sta passiona m fucante tu li sie ca mi turmente e nin farme allangan. Coro Sciabbindette chi tha fatte, gioia me! Pronta pronte piesse tu e la sete cresce a mm. Tutte lacque di la fonte charivonte, nin mi conte parmur. Pronte Pronte vi Rus, E mi sente allangan. Mi t sete di ssa vocche che nzi tocche e mattocche da bbuzz. Solo Rusin, siente gna cante ssacqua chiare di la fonte, pe spiegh lu bbene m. Nin fa recchie da mircante, dusilije quante accnte ca i pense sole a tte. 49

Coro Sciabbindette chi tha fatte, gioia me! Pronta pronte piesse tu e la sete cresce a mm. Tutte lacque di la fonte charivonte, nin mi conte parmur. Pronte Pronte vi Rus, E mi sente allangan. Mi t sete di ssa vocche che nzi tocche e mattocche da bbuzz.

50

N cima la Majelle
Versi di Guido SIGISMONDI Musica di A. DE CECCO

Gna fere lun e stelle le fate vo ntram, e n cim a la Majelle si vann a riddun: Jette n ciele fettu-i-a mijare, che si ntrecce e va fin a lu mare: fa na tramaffatate ch a sta terre ci ve ncaten! Dargente le fettucce le fate sa fil, ci nserte le stellucce pe farle lucic: Tutte n ciele l ammn a mijare, tante forte charriv a lu mare: fa na tram affatate ch a sta terre ci ve ncaten! Trummnde nu guardme senza put parl, di bbotte ci sentme lu cor a ntriccic.... ....Quande sta pe part lu vapore e na spine ti stracce lu core.... la tram affatate che da te nen si vo striccic!

51

Ninna-nanne
Versi e musica di Cesare DE TITTA

Fa sc la lune e ffa cupr lu sole, fammaddurm, Madonne, stu fijole: falle mette nghe llangele ngammine pe lluorte de lu ciele e li ciardine. Bella Madonne, po gna laresvije, fajje ride d stelle tra li cije. Nu vle dore se spanne, tutte fiure lu monne.... Ninna-nanne! Pace e sonne!

52

Notte di lune
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Rocco MARINO

Che nnotta diliziose, che llune che nnamore! Tu durmi da quattrore e j stiemgha ccant. Tu rose nfra li rose, tu stelle fra li stelle, fra tanti cose bielle chi s si ssuonna mme. Nen siste m paradise nangiulette che t tanta virt; n ci st fra lurtinise ggiuvinette come sci bbelle tu. E quese mezzanotte, la vije sulitarie, nen fere manche narie ma i stiengh a trim. Se passe natra notte senzarsint ssa voce, nnu turment atroce che mi f dispir. Nen siste m paradise nangiulette che t tanta virt; n ci st fra lurtinise ggiuvinette come sci bbelle tu. Ann, s fatte tarde, la lune m ci lasse, lu tempe se ne passe e ttu nt affcci m. Stu core treme e arde damore e passione, zi strujj a ccon a ccone pinznne siempr a tte. Nen siste m paradise nangiulette 53

che t tanta virt; n ci st fra lurtinise ggiuvinette come sci bbelle tu.

54

Paese m
Versi di Luigi ILLUMINATI Musica di Antonio DI JORIO

Quanda sente tristezz e ddulore o na pene fa piagne stu core, baste sole che pensa su colle ca le forze dincante marv! Paese m, n te pozze ma scurda. Stamore m pe tte nen more ma! Vulesse m ven vicin a tte pe ddirte amore m n ti lasse cchi Quanda sente ssun Vemmarjje maricorde nghe na picundrjje la campane di Sante Martine e nu node a la gole me v. Paese m, n te pozze ma scurda. Stamore m pe tte nen more ma! Vulesse m ven vicin a tte pe ddirte amore m n ti lasse cchi Quanda guarde nu colle luntane maricorde lu monte Pallane e cchi sotte nu muocchie di case dd quatrare mpariv a ccant Paese m, n te pozze ma scurda. Stamore m pe tte nen more ma! Vulesse m ven vicin a tte pe ddirte amore m n ti lasse cchi

55

Paisanelle
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Nen pzze st luntne da te, curucce bbelle, o bbona paisanelle che mi fac mpazz. Paisanella me, rosa tra le rose, nen tienghe cchi ripose i pnze siempre a tte! Ripenze a le canzune che tutte le matine, nghe ssa vucetta fine lu core mariempi. Paisanella me, ssa nostra terra dore mi f trim lu core, mi chim accant a tte. I pnz a ssa funtne, ricorde ssa piazzette, rivede la chiesette add prighivi tu. Paisanella me, nghe stalma appassiunte, so siempre nnammurte di ssa faccetta te!

56

Si tu ti spuosi a me
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

O Mar, cara speranze, chi po st senza di te? Sta luntananze nu turmente che nisciune po sap. Gioia belle, fa cuntente chi tadore, e vi nghe me. Ma ne mmi d di no, nen farme chi suffr, nen farme malid ssu core te! O Mar, se tu ti spuosi a me, ti porte a vid Rome addonna sta lu Re! Rome tutte nu giardine di surrise e di belt: ciele divine e benedette sopr a tutte le citt. Gioia belle, stu prugette a stu core ride gi. Ma ne mmi d di no, nen farme chi suffr, nen farme malid ssu core te! O Mar, se tu ti spuosi a me, ti porte a vid Rome addonna sta lu Re! E ci st funtane e ville che nzi po cuntarle chi! A mille a mille le chiese dore; pu spusarte add vu tu... Gioia belle, Rom amore se ci steme tutte dd. Ma ne mmi d di no, 57

nen farme chi suffr, nen farme malid ssu core te! O Mar, se tu ti spuosi a me, ti porte a vid Rome addonna sta lu Re!

58

Serenata spassose
Versi di C. ROMAGNOLO Musica di Antonio DI JORIO

Che serate nduvenate! stelle dore e luna chiare sarrimmire mmezz a mmare, pi ssugn. Cantature e prufissure, vu a ssinistre e quille a ddestre; pronte sotta la finestre, pi ccant. Cuminceme a bassa voce, doce, doce, la canzone di Giuv... Giuv, Mo che le stelle fa lu mare suspir, ssa fenestrelle bell e ccare nin nzerr; ssa faccetelle fa vved!. L aria fine di marine coma fa ven vulije di ntrecci mo na quatrije pi bball! Su bandiste, genta triste, preparete lacciarine, lurganette e le scupine, pi ssun. Cuminceme a dd de mane piane piane a la sunate di Giuv... Giuv, Mo che le stelle fa lu mare suspir, ssa fenestrelle bell e ccare nin nzerr; ssa faccetelle fa vved!. 59

Che nuttate de le fate! Nghi li lume de la feste, gne na spose, sareveste, la cit! Ma la bbella nn cchi quelle; la finestre nz rraperte: nu canteme a lu deserte: sol mi fa. Pi ffinale m ntunate na fischiate, p ssuspette di Giuv... Giuv, Mo che le stelle fa lu mare suspir, ssa fenestrelle bell e ccare nin nzerr; ssa faccetelle fa vved!.

60

Serenatella stunate
Versi di C. R. DEVRANO Musica di Antonio DI JORIO

PE nciele tanta stelle nn s viste m, gne st serata belle, tanta stelle a luccec, Margaritella m! Na serenata scicche ti vulesse fa; ma sta chetarra vicchie nn le pozze cchi ccurd, Margaritella m! Ma tu nin siente? Tu nin taffiecce? Tu cchi mintricce sone e cante.... nfringche,nfringhe nfringhe, nfr. Le lucenacappelle a fa la spia be e sta le raganelle ntra le canne a ff: gr gr Margaritella m! Na cchi bella canzone ti vulesse fa; ma sta chetarra stone nn le sacce cchi curd, Margaritella m! Ma tu nin siente? Tu nin taffiecce? Tu cchi mintricce sone e cante.... nfringche,nfringhe nfringhe, nfr.
61

La lune a la Majelle sta pe scumpar, li grille a mille a mille ntra la jerve fa. Cr cr Margaritella m! E mo la serenate nn le pozze fa, le corde s stuccate tu nti vute aresbeija Margaritella m! Ma tu nin siente? Tu nin taffiecce? Tu cchi mintricce sone e cante.... nfringche,nfringhe nfringhe, nfr.

62

Spasime damore
Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Rocco MARINO

Vulesse pus li labbre sopra ssa vocca blle, vulesse zuppi nu vsce comme na caramlle, pe ffart av , nide di quelle che provj. Vulesse dunarte stucchie, ca certe n mmi cridi, pe ffarti vid gna simbri quande mi gurde e rridi: vuless av na grazzie di st vicin a tte. Vulesse pus la mane sopr a ssu ptte dore, vulesse sint se sbatte pe mme di veramore, addurmintarme sopre pe narsbijarme cchi.

63

Tante salute
Versi di Edoardo DI LORETO Musica di Vito OLIVIERI

Cara spusette, ti scrive n dialette p dirte ca stu core suspire e more. Suspire e more da quande st luntane e scrive litaliane piene derrore.... Tante salute...ma abbade a te, ca larie di cit nen fa p te. E po succede ca.... succede che... ti p mpar sap certe cose che mo nen si... Ti vuoie dire na cose che mi gire, p dentr a lu cervelle, gne na rutelle. Na cosa strane: che, gna rivi da fore, ti scuorde a fa lamore a la pajsane. Tante salute... ma abbade a te, di nen maripurt le nuvit, di nen marivin nche luocchie bl, di nen mi fa vasci li capille a la beb.... Ti crche scuse ma cche nen s ause sse mode furastiere a ssa maniere... Si prte sole le cose di pese: le treccetlle appese e lu fazzole.

64

Tante salute... ma abbade a te di nen ti fa cagn quelle che ti, di nen ti fa rrubb lAbruzze m... Ti manne a salut e mi firme. Lu spose t.

65

Tutte le funtanelle
Canto popolare trascritto da Guido ALBANESE

Tutte le funtanelle so seccate: pver amore me, more di sete! Tromma lar-llir, lamore belle, tromma lar-llir, viva lamor! Amore m te sete, mi te sete! Dovlle lacque che m sc purtate? Tromma lar-llir, lamore belle, tromma lar-llir, viva lamor! Tjje purtate na giarre di crete nghe dd catene dore ngatenate... Tromma lar-llir, lamore belle, tromma lar-llir, viva lamor!

66

Vola vola vola


Versi di Luigi DOMMARCO Musica di Guido ALBANESE

Vulesse f rmin pe nora sola lu tempe belle de la cuntitezze, quande pazzijjavma vola vola e ti cupr di vsce e di carezze! E vola vola vola e vola lu pavone; se tti lu core bbone mo fammic-i-arpruv. Na vte, pe spign lu fazzulette, so stte cundannte di vasciarte. Tu ti sc fatte rosce e mi sc dette di nginucchiarme prime e dabbracciarte. E vola vola vola vole la ciamarelle; pe nora ccusc belle mlesse sprufunn. Allorj na pupuccia capricciose, purt li trecc-i-appese e lu fruntine. Mo ti sc fatte serie e vruvignose, ma ssuocchie mi turmente e mi trascine. E vola vola vola vola lu hallinacce; mo se mi gurdi m bacce mi pre di sunn. Come li fiure nasce a primavere lamore nasce da la cittilanze. Mar, se mmi vu bbene accome jere, nen mi luv stu snne e sta spiranze. E vola vola vola e vola lu cardille nu vsce a pizzichille ne mmi le pu negh.

67